Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


news internazionali : Ancora sul Trattato di Lisbona
Inviato da Redazione il 3/7/2008 10:00:00 (4645 letture)

Nonostante la palese difficoltà, per il normale cittadino, di comprendere le effettive conseguenze che comporterebbe l’implementazione del trattato di Lisbona, è ormai chiaro che il rifiuto dell’Irlanda ha fatto da catalizzatore ad un malcontento inespresso, che ha trovato voce di recente anche nei presidenti di Cecoslovacchia e Polonia.

Quella che segue è la traduzione di un articolo irlandese – pubblicato prima del rifiuto referendario – che cercava di illustrare ai cittadini tali potenziali conseguenze negative. Fatto salvo per un paio di argomentazioni che riguardano l’Irlanda (la sua neutralità militare, soprattutto), il resto delle obiezioni ha lo stesso identico valore anche per noi.

20 ragioni per dire "no" al Trattato di Lisbona

1. Il Trattato di Lisbona, concordato dai leader europei nel novembre 2007, è praticamente identico alla Costituzione europea su cui si erano accordati i leader nel 2004. La Costituzione era stata respinta democraticamente dagli elettorati di Francia e Olanda, con dei referendum nell’estate del 2005.

Questi contestarono il contenuto antidemocratico e “destrorso” della Costituzione. Il fatto che i leader europei abbiano riproposto lo stesso testo in un formato differente è antidemocratico, ed è un insulto alla scelta espressa democraticamente dai popoli di Francia e Olanda.

2. L’articolo 46 del trattato di Lisbona stabilisce che “l’Unione avrà una identità legale“. Questo è un cambiamento profondo dei principi legali dell’Unione Europea, ...

... perché la trasforma da una forma di cooperazione fra stati-nazione democraticamente eletti, ad una entità legale con dei propri diritti.

Una “identità legale“ permetterebbe all’Unione Europea di operare in ambito internazionale come uno stato, cosa che attualmente non ha il potere di fare. Potrebbe avere un proprio corpo diplomatico, negoziare e firmare accordi internazionali, incorporare accordi internazionali esistenti come legge, e richiedere un seggio alle Nazioni Unite.

3. Secondo l’articolo 9 del trattato di Lisbona il Consiglio Europeo cambia da una entità intergovernativa ad una istituzione dell’Unione Europea. Invece di agire negli interessi degli stati-nazione che lo eleggono, questo cambiamento significherebbe che il Consiglio potrebbe “promuovere i propri valori [quelli dell’Unione], portare avanti i propri obiettivi e i propri interessi”. Questi valori, obiettivi e interessi non vengano determinati da alcuna elezione, ma delle attuali e future leggi europee.


4. L’articolo 9 del trattato di Lisbona toglie agli stati membri il diritto automatico ad un Commissario Europeo, e riafferma l’indipendenza della Commissione: “La Commissione non riceverà ne richiederà istruzioni da altri governi o altre istituzioni, entità governative o uffici governativi”.

Poiché la Commissione è responsabile per la stesura delle leggi europee, e possiede il cosiddetto “potere di iniziativa“, questa “indipendenza“ significa semplicemente che non dovrà più rispondere ad alcun corpo di rappresentanti eletti, sia a livello nazionale che a livello europeo.

5. L’articolo 48 del Trattato di Lisbona conferisce all’Unione Europea il potere di modificare i propri trattati, senza ricorrere ad una conferenza intergovernativa, a un nuovo trattato o a una procedura di ratifica nazionale. Fino ad oggi le modifiche ai trattati europei richiedevano questi tre passaggi, assicurando che i governi nazionali - e, nel caso dell’Irlanda, la sua popolazione - venissero coinvolti nel processo decisionale.

L’articolo 48 annulla questo processo, e permette al Consiglio Europeo di apportare modifiche all’unanimità, senza alcun processo di ratifica nazionale. Questo significa che nel futuro si potranno fare importanti cambiamenti alla struttura, alle procedure o alle competenze dell’Unione Europea senza più ricorrere a un referendum.

6. Il Trattato di Lisbona contiene altri 8 articoli che conferiscono al Consiglio Europeo poteri specifici in determinate aree di azione, compreso lo spostamento della comune politica estera e di sicurezza dall’unanimità ad un voto di “maggioranza qualificata“, l’armonizzazione del codice penale, e l’estensione dei poteri ad un Pubblico Ministero europeo.

7. In totale il Trattato di Lisbona trasferisce 105 nuove competenze dal livello nazionale a quello europeo. Queste competenze coprono una ampia gamma di interessi incluso le politiche estere, di sicurezza, della difesa, del commercio, della giustizia ed economiche. Nessuna motivazione è stata offerta per lo spostamento dal livello nazionale a quello comunitario di queste aree di competenza. E’ il più importante trasferimento di poteri che sia mai avvenuto nella storia dell’Unione Europea.

8. Vi sono altre 68 aree di interesse, attualmente di competenza dell’unione europea, che passeranno da una approvazione all’unanimità ad un voto di “maggioranza qualificata” del Consiglio Europeo. Questo aumenterà il maggioritarismo del Consiglio, e ridurrà i processi decisionali consensuali.

9. Il trattato di Lisbona cambia il modo in cui vengono prese le decisioni al Consiglio Europeo. La già complessa procedura di voto per “maggioranza qualificata” verrà cambiata, con il risultato che il peso del voto dell’Irlanda verrà ridotto di oltre il 50%.

Allo stesso tempo verrà abbassata in maniera significativa la soglia che determina la maggioranza qualificata. Unitamente, questi cambiamenti ridurranno il potere degli stati più piccoli e sostituiranno progressivamente le procedure di decisione consensuale con il Consiglio maggioritario.

10. Oltre a questi significativi cambiamenti procedurali, il nuovo Trattato contiene anche degli importanti cambiamenti operativi espressi in maniera deliberatamente opaca (una lista di complicati emendamenti ai due trattati esistenti), e questo significa che vi saranno una trasparenza e un dibattito insufficienti sulle implicazioni di questi cambiamenti.

Chiarezza e trasparenza sono essenziali affinché la gente possa comprendere appieno il Trattato. Senza questa comprensione, come può la gente prendere delle decisioni responsabili su cambiamenti così profondi che riguardano il modo in cui la nostra vita viene regolamentata?

11. Il Trattato di Lisbona rafforza la direzione “destrorsa“ della politica economica, a discapito dei servizi pubblici e dei diritti dei lavoratori.

L’Unione Europea e il Trattato di Lisbona non parlano dei pubblici servizi. Anzi, li dividono in due categorie: 1) servizi di interesse economico generale, 2) servizi di interesse generale. Mentre non vi è una definizione dei servizi di interesse generale, la casistica legale europea definisce “attività economica” come l’offerta di un qualunque bene o servizio sul mercato. Con questa definizione, qualunque attuale servizio pubblico potrebbe ricadere sotto la categoria di “servizi di interesse economico generale”, invece che di “servizi di interesse generale”. L’articolo 16 del trattato di Lisbona pone nuove “condizioni economiche e finanziarie“ sui servizi di interesse economico generale (che sono specificate negli articoli 86 e 87 del trattato esistente). Queste condizioni implicano che i servizi - compresi quello sanitario, ad esempio, oppure i servizi educativi – siano soggetti alla libera concorrenza [“competition”].

Il protocollo 6 del trattato di Lisbona impone all’Unione Europea di assicurarsi che “la concorrenza non avvenga in modo distorto“. Questo conferisce all’Unione Europea il potere di rimuovere “distorsioni“ dall’esercizio dei servizi. Queste “distorsioni“ potrebbero includere i contributi statali, i finanziamenti pubblici, i mercati protetti, la salute, i diritti ambientali, quelli dei lavoratori, o i “monopoli“ statali. Presa nel suo insieme questa complessa procedura permette lo smantellamento integrale dei sussidi statali e del modello sociale europeo, promuovendo al suo posto la deregulation e la privatizzazione.

I socialdemocratici che difendono il trattato di Lisbona indicano il protocollo 9, e sostengono che questo escluda i pubblici servizi dalle regole di cui sopra. In ogni caso, non essendovi una precisa definizione dei “servizi di interesse generale”, in questo protocollo né altrove, le loro affermazioni non hanno alcun valore.

12. L’articolo 2/2 introduce per la prima volta la “stabilità dei prezzi“ come obiettivo dell’Unione Europea. Mentre nessuno ha da obiettare contro le misure che contengano l’inflazione, se questa inclusione della stabilità dei prezzi verrà usata come strumento per limitare la spesa pubblica degli stati membri, o per limitare il deficit nazionale, questo potrebbe chiaramente avere delle ripercussioni economiche negative.

Parimenti, se la stabilità dei prezzi si trovasse in conflitto con altri obiettivi – come il pieno impiego o il progresso sociale - toccherebbe alla Corte Europea di Giustizia decidere a quale obiettivo dare la precedenza, piuttosto che non ai governi degli stati membri democraticamente eletti. Per quanto ancora poco chiara, l’inclusione nella stabilità dei prezzi potrebbe finire per imporre agli stati membri una riduzione della pubblica spesa, danneggiando ulteriormente l’offerta del pubblico servizio e gli strumenti politici intesi a combattere la povertà e la diseguaglianza.

13. Gli articoli da 10 a 28 del Trattato di Lisbona incrementano il controllo europeo sulle politiche estere, di sicurezza e di difesa, aumentando la militarizzazione dell’Unione Europea, ed erodendo ulteriormente la neutralità dell’Irlanda.

L’articolo 11 dichiara che “la competenza dell’Unione in materia di politica estera e di sicurezza comune comprirà tutte le aree che riguardano la politica estera e le questioni sulla sicurezza dell’Unione“. L’articolo 27 dice che “la progressiva impostazione di una comune politica di difesa porterà ad un sistema di difesa comune” (articolo 28 b). Mentre le decisioni che riguardano la politica estera, di sicurezza e di difesa verranno prese all’unanimità, l’articolo 17 permette al Consiglio Europeo di agire come “maggioranza qualificata“ per votare sulla politica estera e di sicurezza. Come è accaduto per il mercato interno, questo è l’inizio del trasferimento del controllo delle politiche di sicurezza, estere e di difesa all’Unione Europea.

14. L’articolo 28c dice che “gli stati membri si impegneranno per migliorare le loro capacità militari“. Unitamente al “fondo di investimento iniziale“ e alle “procedure specifiche per garantire un rapido accesso ai finanziamenti urgenti nell’ambito delle iniziative della politica estera e di sicurezza comuni“ (specificate nell’articolo 28), gli stati membri saranno obbligati ad aumentare il loro contributo finanziario verso la capacità militare dell’Europa.

15. L’articolo 28/7 riafferma che “gli impegni e la cooperazione” nell’area della sicurezza e difesa comune “saranno in armonia con gli impegni presi con la NATO“. Questo effettivo allineamento con la NATO non è controbilanciato da alcun impegno a proteggere la neutralità degli stati membri come l’Irlanda.

16. Il trattato di Lisbona dimentica di prendere in seria considerazione la questione dei cambiamenti climatici, nonostante le argomentazioni portate dal governo irlandese.

Il governo è riuscito solo ad ottenere l’inclusione di sei parole alla fine dell’attuale provvigione: “promuovere misure a livello internazionale relative ai problemi ambientali mondiali, e in particolare a combattere cambiamenti climatici”.

Questa aggiunta è puramente simbolica, senza sostanza, e – considerando l’urgenza globale del problema - non fa nulla per promuovere l’impegno europeo ad affrontare seriamente la questione, nè conferisce all’Europa alcun potere aggiuntivo rispetto a quelli già esistenti.

17. L’articolo 2a conferisce competenza esclusiva all’Unione Europea sulle politiche commerciali, incluso le trattative sugli accordi di scambio internazionali. L’articolo 10 richiede che la “abolizione progressiva delle restrizioni sul mercato internazionale“ sia uno dei principi-guida nelle interazioni dell’Unione Europea con gli stati non appartenenti. Attualmente l’Unione Europea sta cercando di imporre alle nazioni in via di sviluppo l’abolizione dei cosiddetti “controlli oltre frontiera”, come imporre restrizioni ai diritti e alle regole dei lavoratori e dell’ambiente, indipendentemente dalle conseguenze che può comportare la rimozione di questi controlli. Presi nel loro insieme, questi due elementi indicano un significativo passo indietro nell’approccio dell’Unione Europea contro la povertà e la diseguaglianza nel mondo.

18. Il protocollo 12 del trattato di Lisbona, che riguarda la Commissione Europea per l’Energia Atomica, stabilisce che il trattato “resterà pienamente in vigore“. Uno degli scopi primari di questo trattato (conosciuto come EURATOM) è la promozione dell’energia nucleare. Il popolo irlandese rifiuta l’energia nucleare. Il trattato di Lisbona, come i suoi antecedenti, impone all’Europa di promuovere l’energia nucleare.

19. I difensori del Trattato di Lisbona sostengono che questo renderà l’Unione Europea più efficiente e democratica. Sostengono che il Trattato darà maggiori poteri ai parlamenti nazionali e ai cittadini, e maggiori protezioni sui diritti umani. Dicono che l’Unione Europea del “dopo allargamento“ non può più funzionare con il sistema vigente. Tutte queste argomentazioni non sono vere.

Le provvigioni relative ai parlamenti nazionali e ai cittadini sono di natura cosmetica, e vengono interamente diluite dal massiccio trasferimento dei poteri a livello europeo descritto più sopra. La Carta dei Diritti Fondamentali non aggiunge alcuna protezione ai diritti umani, e la sua applicazione è pesantemente limitata dalle leggi nazionali ed europee. L’Unione Europea ha continuato a funzionare senza crisi o cedimenti da quando è stata allargata. Questi argomenti vengono usati per distrarre l’attenzione dai 19 punti elencati più sopra.

20. I difensori del trattato sostengono anche che rifiutare il trattato di Lisbona significherà vedere d’Irlanda isolata e messa da parte nell’Unione Europea. Questo è un tentativo di imporre all’elettorato irlandese di accettare il trattato, nonostante i pericoli che comporta. Nel 2005 i cittadini di Francia e Olanda hanno respinto lo stesso testo, e questi paesi non sono stati né isolati né messi da parte. E non lo sarà nemmeno l’Irlanda se voterà contro il Trattato.

Traduzione di luogocomune.net

Fonte

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
peppe75
Inviato: 3/7/2008 10:51  Aggiornato: 3/7/2008 10:51
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/10/2006
Da: London
Inviati: 399
 Re: Ancora sul Trattato di Lisbona
Cito:

"19. I difensori del Trattato di Lisbona sostengono che questo renderà l’Unione Europea più efficiente e democratica. Sostengono che il Trattato darà maggiori poteri ai parlamenti nazionali e ai cittadini, e maggiori protezioni sui diritti umani. Dicono che l’Unione Europea del “dopo allargamento“ non può più funzionare con il sistema vigente. Tutte queste argomentazioni non sono vere."

Io posso anche sospettare che sia vero, ma nessuno ha saputo o voluto aiutarmi fin'ora a cercare un punto della costituzione o del trattato che asseriscano che il Parlamento Europeo avra' solamente una funziona consultiva come affermano in molti.

Chi puo' aiutarmi?

gunt
Inviato: 3/7/2008 12:07  Aggiornato: 3/7/2008 12:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/10/2007
Da:
Inviati: 39
 Re: Ancora sul Trattato di Lisbona
ma, io dico che proprio in questo momento noi in Italia non possiamo parlare...con il popolo ed il governo che ci ritroviamo, se non ci salverà l'Europa...
mi immagino che con un governo europeo più efficente (ed un popolo con più senso civico) quello che sta OGGI succedendo in Italia non sarebbe successo...quanta vergogna civile ogni giorno ad ascoltare il telegiornale

insomma, la prima volta l'Italia è stata liberata dagli Americani...speriamo che adesso ci liberino gli Europei...perchè a liberarci da soli non è cosa nostra...visto che da noi, a meno che non ci faccia eliminare da una competizione calcistica, ad un leader è tutto permesso...

bigdaddy
Inviato: 3/7/2008 12:53  Aggiornato: 3/7/2008 12:53
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/1/2006
Da: roma
Inviati: 293
 Re: Ancora sul Trattato di Lisbona
Citazione:
insomma, la prima volta l'Italia è stata liberata dagli Americani...

Ossignur...che bella libertà ustica, bologna, e non ultimo calipari.


Citazione:
speriamo che adesso ci liberino gli Europei...perchè a liberarci da soli non è cosa nostra...


Allora si che saremo veramente liberi...

Votarsi alla materia Frantuma le anime

Trovarsi nello spirito Unisce gli uomini

Vedere sé nell'altro Edifica mondi
fefochip
Inviato: 3/7/2008 14:48  Aggiornato: 3/7/2008 14:48
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Ancora sul Trattato di Lisbona
Citazione:
insomma, la prima volta l'Italia è stata liberata dagli Americani...speriamo che adesso ci liberino gli Europei...perchè a liberarci da soli non è cosa nostra...visto che da noi, a meno che non ci faccia eliminare da una competizione calcistica, ad un leader è tutto permesso...


io credo gunt che ti sei fatto troppo influenzare dalla propaganda americana ...
la favola degli americani che ci hanno liberato ti prego lasciala da qualche altra parte.
gli americani sono voluti entrare in guerra per cazzi economici loro non certo per filantropia verso italiani o chicchessia ....hanno spacciato la favola dei "liberatori" in vietnam ,kuwait ,iraq ecc ...un po come noi vendiamo al pubblico il nostro contributo alla guerra in iraq come una "missione di pace"
sono venuti come conquistatori in italia ...poi che si sono spacciati per liberatori o gli abbiamo affibbiato questa idea è quindi altro discorso .

morale della favola?
teniamoci berlusconi e cerchiamo di fargli (farci) un culo cosi perche gli altri non ci regaleranno un beneamato cazzo .
il processo di democrazia (governo del popolo) non può che inevitabilmente nascere dal basso e in loco ...altro che fole che ci spacciano ..."esportare la democrazia" e cazzate simili

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Mande
Inviato: 3/7/2008 18:04  Aggiornato: 3/7/2008 18:04
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/1/2008
Da: Cologna veneta
Inviati: 1301
 Re: Ancora sul Trattato di Lisbona
peppe 75
Citazione:

"19. I difensori del Trattato di Lisbona sostengono che questo renderà l’Unione Europea più efficiente e democratica. Sostengono che il Trattato darà maggiori poteri ai parlamenti nazionali e ai cittadini, e maggiori protezioni sui diritti umani. Dicono che l’Unione Europea del “dopo allargamento“ non può più funzionare con il sistema vigente. Tutte queste argomentazioni non sono vere."

Io posso anche sospettare che sia vero, ma nessuno ha saputo o voluto aiutarmi fin'ora a cercare un punto della costituzione o del trattato che asseriscano che il Parlamento Europeo avra' solamente una funziona consultiva come affermano in molti.

Chi puo' aiutarmi?

Penso possa aiutarti il parlamento Europeo
Alle volte basta chiedere
Il parlamento europeo ha 50 anni
Citazione:

1° Novembre 1993
Entra il vigore il Trattato di Maastricht che introduce la procedura di «codecisione», che attribuisce al Parlamento un reale potere legislativo su 15 basi giuridiche. Getta le fondamenta per la futura moneta unica, la politica estera e di sicurezza comune e una cooperazione più stretta in materia di giustizia e affari interni. La denominazione «Unione europea» sostituisce ufficialmente quella di «Comunità europea». E' istituita la "cittadinanza europea".
1° Maggio 1999
Entra in vigore il trattato di Amsterdam che accresce ulteriormente i poteri legislativi del Parlamento: sono sottoposte a codecisione 32 basi giuridiche. Prevede misure per riformare le istituzioni comunitarie, rafforzare l’influenza dell’Europa nel mondo e devolvere maggiori risorse a favore dell’occupazione e dei diritti dei cittadini.
1° Febbraio 2003
Entra in vigore il trattato di Nizza: prepara l’UE all’adesione di dieci nuovi Stati membri l’anno successivo. Aumenta il ruolo legislativo del Parlamento: le basi giuridiche sottoposte a codecisione diventano 37.
13 Dicembre 2007
I Capi di Stato e di governo firmano il Trattato di Lisbona, una volta in vigore estenderà il potere legislativo del Parlamento a 86 basi giuridiche. Spetterà al Parlamento eleggere il Presidente della Commissione.

Il parlamento Europeo decide?
No, al massimo "codecide". Dopo affrontiamo il cosa "codecide" e cosa no.
La codecisione
Citazione:

* La codecisione è divenuta la procedura legislativa ordinaria: essa conferisce lo stesso peso al Parlamento europeo e al Consiglio dell'Unione in numerosi ambiti (ad esempio, trasporti, ambiente, protezione dei consumatori, ecc.). I due terzi delle leggi comunitarie sono adottati congiuntamente dal Parlamento europeo e dal Consiglio.

* La Commissione trasmette la sua proposta al Parlamento e al Consiglio.

o Essi la esaminano e ne discutono due volte di seguito.
o Se dopo la seconda lettura non riescono a trovare un accordo, la proposta viene deferita a un comitato di conciliazione, composto da un egual numero di rappresentanti del Consiglio e del Parlamento.
o Anche i rappresentanti della Commissione assistono alle riunioni del suddetto comitato, contribuendo alla discussione.
o Una volta che il comitato giunge a un accordo, il testo approvato è trasmesso al Parlamento e al Consiglio per essere sottoposto a una terza lettura, affinché possano adottarlo come testo legislativo.
o Affinché il testo possa essere adottato, è indispensabile l'accordo finale di entrambe le istituzioni.
o Anche se un testo comune è approvato dal comitato di conciliazione, il Parlamento europeo può comunque respingere l'atto proposto se si pronuncia in tal senso la maggioranza assoluta dei suoi membri.

E come ultima particolare andiamo a vedere su cosa codecide
http://www.pmli.it/storiaparlamentoeuropeo.htm
In pratica su tutto ciò che non conta...

peppe75
Inviato: 3/7/2008 18:20  Aggiornato: 3/7/2008 18:20
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/10/2006
Da: London
Inviati: 399
 Re: Ancora sul Trattato di Lisbona
grazie Mande, ti amo!

soter
Inviato: 3/7/2008 20:17  Aggiornato: 3/7/2008 20:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/9/2007
Da:
Inviati: 88
 Re: Ancora sul Trattato di Lisbona
Qui in Italia penso che l'80% della gente neppure sappia cosa sia il trattato di Lisbona e che "esista". I problemi sono altri. Per esempio DiPietro che ha dato del "magnaccia" al Berlusca. Che poi gli ha fatto un complimento, vuole dire che qualcosa ancora funziona in quell'uomo..

gunt
Inviato: 4/7/2008 2:04  Aggiornato: 4/7/2008 2:04
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/10/2007
Da:
Inviati: 39
 Re: Ancora sul Trattato di Lisbona
vabbè, la mia era una provocazione...
so come sono andate le cose e cosa ha portato la "liberazione".
Ma questo anche perchè "all'acqua di rose" come se nulla fosse in Italia ha potuto prendere piede un fenomeno come il fascismo...
allla fine (altra provocazione) la nostra dipendenza dalla Nato ha le radici nella famosa marcia su roma...

insomma, non ho fiducia di noi, del popolo italiano, quindi se c'è qualche altro organo internazionale che possa governarci non penso che possa far peggio di come sappiamo far noi...quindi, ben venga l'Europa...

bigdaddy
Inviato: 4/7/2008 7:53  Aggiornato: 4/7/2008 7:53
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/1/2006
Da: roma
Inviati: 293
 Re: Ancora sul Trattato di Lisbona
Citazione:
insomma, non ho fiducia di noi, del popolo italiano, quindi se c'è qualche altro organo internazionale che possa governarci non penso che possa far peggio di come sappiamo far noi...quindi, ben venga l'Europa...


E vabbè vorrà dire che la tessera del pane andrai a chiederla a Bruxelles piuttosto che a Roma.

Votarsi alla materia Frantuma le anime

Trovarsi nello spirito Unisce gli uomini

Vedere sé nell'altro Edifica mondi
Paulo
Inviato: 4/7/2008 16:37  Aggiornato: 4/7/2008 16:37
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/12/2005
Da:
Inviati: 507
 Re: Ancora sul Trattato di Lisbona
Credo che se ad ottobre il Trattato di Lisbona venisse riproposto a referendum in Irlanda la massima probabilità è che venga respinto nuovamente, ma con una maggioranza ancor più alta.
A farsi prendere così per il naso che che pochi siano disposti.

rconocchia
Inviato: 9/1/2009 14:29  Aggiornato: 9/1/2009 14:29
So tutto
Iscritto: 16/10/2008
Da:
Inviati: 5
 Re: Ancora sul Trattato di Lisbona
il 6 e il 7 giugno 2009 sono state indette le elezioni europee che si svolgeranno proprio secondo il trattato di lisbona


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA