Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


media : L'insostenibile leggerezza delle parole
Inviato da Redazione il 30/5/2009 1:10:00 (11581 letture)

Quando una faccenda come quella di Noemi e Berlusconi assume dimensioni mediatiche di livello mondiale, come sta accadendo in questi giorni, viene da riflettere profondamente. Non certo su Berlusconi o su Noemi, ma sul meccanismo mediatico in genere.

C’è stato infatti uno strano percorso di questa notizia, dove una illazione palesemente infondata è riuscita comunque ad arrivare sulle prime pagine di tutto il mondo, diventando nel frattempo una realtà ormai molto difficile da cancellare.

L’ultima volta che una illazione palesemente infondata era passata sui media mondiali, diventando nel frattempo un “dato di fatto”, fu con l’undici settembre.

Per tutto il mondo ormai l’ “affaire Berlusconi” esiste, e se anche per assurdo si potesse dimostrare in modo inconfutabile che non vi è mai stato nulla fra il Premier e Noemi, quella “verità” sarà sempre più forte della effettiva verità.

L’invito qui è a fare uno sforzo per dimenticare l’aspetto personale della questione - scappatella sì scappatella no - e a guardare invece il meccanismo che è entrato in funzione attorno alla vicenda.

Si tratta di un meccanismo perverso, che noi stessi conosciamo da vicino, con la frequentazione quotidiana del sito. Basta che inizi a girare una voce qualunque – diciamo, ad esempio, “il webmaster ci nasconde la verità sulle zucchine” – e man mano che se ne parla ...

... quella prende corpo, fino a diventare una realtà impossibile da confutare.

Da un certo punto in poi non servirà più che il webmaster neghi, perchè una volta superata la fase in cui le sue dichiarazioni di innocenza furono ignorate, il fatto che lui nasconda la verità sulle zucchine non è più la conclusione di un discorso aperto, ma diventa una premessa chiusa, e quindi assodata, su cui basare i discorsi futuri.

Da quel momento in poi il webmaster non si sentirà più chiedere “perchè non ci dici tutto quello che sai sulle zucchine? – cosa che già di per sè gli dava molto fastidio, poichè non vera – ma si sentirà chiedere: “visto che ci hai nascosto la verità sulle zucchine, cosa ci garantisce che tu non ci menta anche sulle patate e sui cavolfiori?”

In logica formale si chiama “Fallacia della domanda pesante”, dove una premessa mai convalidata viene data per buona, e usata come piattaforma per giungere a conclusioni successive.

- A proposito, hai smesso di rubare i soldi in chiesa?
- Ma chi ha mai iniziato, scusa?

Non a caso ho citato l’undici settembre. Una volta accettato che delle persone che non hanno mai guidato un jet siano in grado di portare un 767 in picchiata come se fosse una bicicletta, accetti anche che siano i “terroristi arabi” a sgozzare gli occidentali. E una volta accettato quello, accetti che per proteggersi dalle sgozzature si debba rinunciare a certe libertà. E così un giorno ti ritrovi a “votare democraticamente” chiuso nella tua cella di un campo di concentramento.

Ora, Berlusconi ha detto chiaramente di non aver avuto "nulla di piccante" con Noemi. Vero o non vero che sia (magari si è annoiato a morte, visto lo sguardo particolarmente acuto della ragazza), la cosa dovrebbe finire lì: chi gli crede gli crede, chi non gli crede fa un sorrisino, e si passa ad altro.

Invece Repubblica continua a pubblicare ogni giorno le sue 10 domande da inquisizione, e usa il fatto che Berlusconi non risponda per dire che ha la coda di paglia, e validare così la propria tesi. Nessuno si degna nemmeno di suggerire che magari non risponde perchè nulla lo obbliga a farlo, e perchè giustamente non ritiene di doversi abbassare al livello dei suoi accusatori. No, lui non risponde quindi è colpevole.

A loro volta i media di altre nazioni riprendono le dieci domande (che in realtà non sono "domande", ma basse insinuazioni), reiterando il fatto che il Premier non risponda, e consolidano così nell’opinione mondiale la convinzione che lui abbia qualcosa da nascondere.

Da oggi in poi anche se scendesse l’Arcangelo Gabriele in persona, a testimoniare in suo favore, Berlusconi resterà per sempre “uno che va con le minorenni”.

Tale è la forza della menzogna, quando un popolo bue accetta per buone certe illazioni infondate, invece di verificare e ragionare in proprio.

Nel caso specifico, basterebbe un cervello da 80 cc. per capire che se davvero Berlusconi avesse avuto un affaire con Noemi l’ultima cosa che farebbe sarebbe di presentarsi lucido e pimpante alla sua festa di compleanno. E ne basterebbe uno da 200 cc. per capire che casomai, nell’ipotesi suddetta, farebbe di tutto per fingere di non conoscerla, se per caso dovesse incontrarla pubblicamente. Se poi si aggiungono altri 200 cc. di volume si raggiunge il cervello di uno scimpanzè, e con quello riesci addirittura a capire che forse la festa di Noemi era solo una scusa per andare ad onorare un personaggio con il quale Berlusconi ha probabilmente avuto rapporti poco edificanti, e con il quale evidentemente non può permettersi di farsi vedere insieme dalla sera alla mattina.

Da quando in qua ti indicano la Luna, e l’oggetto da nascondere è proprio il dito?

In ogni caso, qui non si tratta di stabilire la verità sul fatto specifico, ma casomai di riconoscere che non ci sono elementi sufficienti per farlo, per cui tutto il Barnum mediatico è assolutamente infondato, sia in un caso come nell'altro.

Lo ripeto ancora una volta, a rischio di venire insultato: è chiaro che il paradosso è altrove, e sta nel fatto che Berlusconi finirebbe per cadere per una avventura erotica di troppo, e non per i milioni di miliardi di denaro pubblico che sono scomparsi intorno a lui nel corso degli anni. Come è evidente che Repubblica potrebbe occuparsi davvero di quegli scandali, invece di sventolare al mondo le mutande sporche delle ragazzine. Come è lampante che tutta la vicenda sia solo una strumentalizzazione, all’interno di una lotta fra gruppi di potere internazionali, che evidentemente hanno deciso di scomodarsi adesso per togliersi dai piedi un personaggio che fino a ieri gli andava bene. (Che cosa si voglia da lui, che lui si rifiuta di fare, lo scopriremo quando lo vedremo fare a chi verrà dopo di lui).

Ma una “strumentalizzazione” non implica solo uno strumento e un fine da raggiungere, implica anche un mezzo a cui applicare quello strumento, per raggiungere quel fine. E lo strumento in questo caso siamo noi.

Ogni volta che accettiamo per buona una qualunque affermazione, senza soppesarla e validarla di persona, diventiamo il tramite fra chi fa quella affermazione e il fine che vuole raggiungere.

Massimo Mazzucco

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
HostFat
Inviato: 30/5/2009 1:46  Aggiornato: 30/5/2009 1:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 16/8/2007
Da:
Inviati: 139
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Al di la che sia vero o meno, se sarà questo fatto di Noemi a far cadere Berlusconi e non tutto il resto, questo sicuramente è ridicolo.
Sarebbe solo un modo per dimostrare che gli italiani non avranno imparato nulla.
Nella storia si scriverà che il grande B. cadrà a causa di sta cazzatina. ( se anche fosse vera )

Non condivido quanto scritto nell'articolo, B. deve rispondere a qualsiasi domanda che gli viene fatta se è su fatti rilevanti e che possano dare una mano a capire al popolo italiano quanto possa essere la fiducia da dare a quest'uomo.

Sempre nell'articolo mi sembra di intendere che si dia per quasi impossibile un errore cosi "grossolano" da parte di B.
Per me non è detto.
Sta invecchiando, e attorno a lui è pieno di tirapiedi che sarebbero disposti a seguirlo ovunque pur di continuare a tenere lo stesso salario.
Quindi se anche si ritrovasse a fare qualche cazzata di più, che anni fa non avrebbe mai sicuramente fatto ( proprio a causa del suo invecchiamento ) ... non conterei nemmeno molto sui suoi "amici" che lo circondano.

Per quanto riguarda i mezzi di comunicazione, può anche essere che, "in buona fede", si siano rotti di ospitare in Europa quello schifo di persone che prima occupavano il parlamento.
Può anche essere che quindi vogliano dare una mano all'italia.

Se poi c'è qualche "losco" a cui tutto questo farà comodo, non lo negherei ma non la considererei per forza come la principale fonte per l'attuale situazione.

Redazione
Inviato: 30/5/2009 2:05  Aggiornato: 30/5/2009 2:10
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:
Non condivido quanto scritto nell'articolo, B. deve rispondere a qualsiasi domanda che gli viene fatta se è su fatti rilevanti e che possano dare una mano a capire al popolo italiano quanto possa essere la fiducia da dare a quest'uomo.
A parte che sul fatto di "dare una mano al popolo italiano a capire" stenderei un pietoso velo, ma teoricamente il tuo principio è giusto. Le domande però dovrebbero essere serie, argomentate, poste senza malizia o secondi fini, e possibilmente ben documentate.

Invece Repubblica “prima” lancia badilate di merda gratuita, poi promette le prove, che in ogni caso non cambierebbero più la percezione negativa ormai raggiunta a livello popolare. (Mi ricorda qualcosa, questo fetido giochino).

Anche USA e UK hanno prima attaccato l'Afghanistan, promettendo di darci dopo le prove contro bin Laden. Chi le ha viste alzi la mano. Nel frattempo l'Afghanistan è stato distrutto.

Citazione:
Sempre nell'articolo mi sembra di intendere che si dia per quasi impossibile un errore cosi "grossolano" da parte di B.
Io lo ritengo altamente improbabile, ma l’articolo dice chiaramente che non ci sono gli elementi oggettivi per decidere, e che quindi tutto il circo mediatico non è giustificato in ogni caso.

desbouvet
Inviato: 30/5/2009 2:11  Aggiornato: 30/5/2009 2:11
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da:
Inviati: 541
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Di gran lunga l'articolo migliore che ho letto sulla vicenda. Condivisibile dall'inizio alla fine.

Redazione
Inviato: 30/5/2009 2:50  Aggiornato: 30/5/2009 2:50
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Beh, non posso che dire "bentornato, Desbouvet!"

naicles
Inviato: 30/5/2009 2:52  Aggiornato: 30/5/2009 2:52
So tutto
Iscritto: 7/11/2008
Da:
Inviati: 26
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Non mi è chiaro un punto Massimo,mi pare strano che una cosa del genere,scatenata dall'estero,possa far cambiare idea agli italiani.
Mi spiego,tante altre volte all'estero B. è stato sputtanato,per cose senz'altro più gravi anche se non conosco i metodi e toni dato che non ho seguito bene la vicenda,e agli italiani non è mai importato un fico secco perchè,proprio come dicevi tu,B. è un espressione in fondo dell 'italiano medio;ed infatti è stato votato nuovamente.
Ora,quale rilevanza può avere questo avvenimento rispetto agli altri fatti,quando scommetto le palle che metà degli uomini italiani (dai 12 agli 80 anni forse haha) direbbero: "beh perchè,tu non te la faresti una gnocca del genere?"

marcocedol
Inviato: 30/5/2009 2:56  Aggiornato: 30/5/2009 2:56
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Condivido l'ottimo articolo di Massimo.

Aggiungerei il fatto che buona parte della stampa italiana che conta (Repubblica e Corriere in primis) sta appoggiando una campagna elettorale completamente incentrata sulla persona di Berlusconi, quale terminale dell'intero disastro nel quale versa l'Italia in compagnia degli altri stati occidentali.
Mancando totalmente le motivazioni politiche, dal momento che Prodi insieme al PD e alla sinistra radicale hanno governato fino ad un anno fa, portando avanti scelte in tutto e per tutto identiche a quelle dell'attuale governo, l'attacco viene portato esclusivamente a livello personale, come evidenziato da Massimo.
Anche io ho la sensazione che ormai i grandi poteri europei per l'Italia abbiano altri programmi e lo scandalo erotico/sessuale rappresenti in fondo il modo migliore per fare uscire di scena (senza colpo ferire) un personaggio diventato a questo punto inutile.

Mi colpisce (anche se giunto a questo punto avrei dovuto imparare a non stupirmi più di cose come questa) l'atteggiamento di molti italiani, completamente indifferenti rispetto al fatto di essere a bordo di un treno che sta per schiantarsi dentro una scarpata, e totalmente concentrati sulle vicende personali di Berlusconi, quasi da esse dipendessero le conseguenze del volo nel baratro.
Mi torna alla mente un signore con il quale discorrevo al termine di una conferenza ed al quale stavo spiegando che gli inceneritori, come i tumori che ne derivano, non sono di destra o di sinistra poichè li costruiscono amministrazioni pubbliche di entrambi i colori. Lui mi rispose serio, se proprio devo morire di cancro voglio almeno che sia a causa di un inceneritore costruito dalla sinistra e non da Berlusconi.

Redazione
Inviato: 30/5/2009 2:57  Aggiornato: 30/5/2009 3:01
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
NAICLES. "Mi spiego,tante altre volte all'estero B. è stato sputtanato,per cose senz'altro più gravi"

Infatti, se leggi gli articoli vedi che il "senso collettivo" dice che "gli italiani si sono finalmente stufati di Berlusconi", perchè avrebbe passato il limite.

Invece a noi non ce ne può fregare di meno. (Solo la Lario si è accorta adesso che a Berlusconi piace la gnocca).

In questo modo si sono inventati la notizia, e hanno pure dato la colpa a noi.

E' in realtà una DOPPIA domanda pesante.

Redazione
Inviato: 30/5/2009 3:04  Aggiornato: 30/5/2009 3:04
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
MARCO CEDOLIN: "Aggiungerei il fatto che buona parte della stampa italiana che conta (Repubblica e Corriere in primis) sta appoggiando una campagna elettorale completamente incentrata sulla persona di Berlusconi, quale terminale dell'intero disastro"

E ora che torni la DC. Casini è pronto, strigliato e pettinato come un bimbo alla prima comunione.

naicles
Inviato: 30/5/2009 3:07  Aggiornato: 30/5/2009 3:08
So tutto
Iscritto: 7/11/2008
Da:
Inviati: 26
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Quindi secondo te Massimo,tramite quali mezzi potrebbe passare questo cambiamento?
Quoto comunque HostFat,perchè se è questo a far cadere B. e non le altre mille cose,non è un cambiamento poi molto soddisfacente,anzi.

Mi scuso comunque per non essermi documentato prima sulla vicenda ma mi pareva veramente di scarso rilievo!

dino
Inviato: 30/5/2009 3:11  Aggiornato: 30/5/2009 3:11
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 2/11/2007
Da:
Inviati: 2315
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
...secondo me la vicenda Noemi nasconde ben altra situazione... somiglia molto a quella tra Clinton e la Lewisky... i media riescono a far scandalizzare l'opinione pubblica per un banale pompino, ma riescono con la stessa facilità a far passare per legittima difesa ripetute stragi di tanti inermi civili... ora non vorrei passare per il difensore di Berlusca, ma la guerra mediatica in atto è a mio avviso per il controllo dei media stessi... Berlusconi in Europa è forse nell'intero occidente è l'unico esempio di resistenza al monopolio assoluto dell'informazione... è l'unico editore con un certo successo a non essere ebreo, è riuscito ad accentrare il suo potere comprando ogni possibile fonte di informazione sul mercato... questa strategia non è nuova, gli Ebrei sono i grandi maestri e pur essendo un numero di persone esiguo controllano in modo sproporzionato l'intero strategico settore... c'erano degli accordi con Berlusconi, che però il suo inarrestabile potere in italia lo spinge a disattendere... la guerra si fa sporca e presto sarà più aspra... chi ci rimette siamo sempre noi costretti a sperare nella situazione meno peggio... ma qual'è il male minore? io non mi sento in grado di fare una scelta... ma la faccenda mi fa pensare molto... potenzialmente internet sarebbe l'alternativa naturale, ma di fatto sta diventando un formidabile strumento per captare in anticipo i malumori del 'gregge'... l'Italia sarà terreno di scontro di una feroce guerra per il controllo mediatico... mi auguro che non ci saranno ne vincitori ne vinti ed internet vince tra i due litiganti.... ciaodino

Red_Knight
Inviato: 30/5/2009 3:13  Aggiornato: 30/5/2009 3:14
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Condivido in toto l'articolo... andando a parlare dei fatti comunque potrei anche pensare che l'affaire Noemi possa anche essere un'operazione di marketing andata male.

Se Berlusconi dovesse cadere per una cosa del genere mi roderei veramente il fegato. Ci confermerebbe sui libri di storia come il popolo più coglione mai comparso sulla faccia della terra...

Ad ogni modo la domanda è: chi è veramente il padre di 'sta Noemi?

EDIT:
Citazione:
Berlusconi in Europa è forse nell'intero occidente è l'unico esempio di resistenza al monopolio assoluto dell'informazione...


Non ho mai riso tanto in vita mia!

Redazione
Inviato: 30/5/2009 3:17  Aggiornato: 30/5/2009 3:17
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
NAICLES: "Quindi secondo te Massimo, tramite quali mezzi potrebbe passare questo cambiamento?"

Non so l'equivalente in italiano, ma qui c'è un proverbio che dice "don't ask, unless you really want to now".

Farmi quella domanda equivale ad aprire un vespaio di almeno una settimana.

Redazione
Inviato: 30/5/2009 3:22  Aggiornato: 30/5/2009 3:23
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
guarda la vigliaccheria di Repubblica: "Il 14 maggio Repubblica ha rivolto al presidente del consiglio dieci domande che apparivano necessarie dinanzi alle incoerenze di un "caso politico". Veronica Lario, infatti, ha proposto all'opinione pubblica e alle élites dirigenti del Paese due affermazioni e una domanda che hanno rimosso dal discreto perimetro privato un "affare di famiglia" per farne "affare pubblico". Le due, allarmanti certezze della moglie del premier - lo ricordiamo - descrivono i comportamenti del presidente del Consiglio: "Mio marito frequenta minorenni"; "Mio marito non sta bene"."

E già, è stata la Lario. Se lei dice queste cose, un giornale serio ha il DOVERE di fare quelle domande al Premier, no? Soprattutto quando la Lario ha usato proprio quel giornale per dirle.

Siamo veramente alla frutta, ragazzi.

Votate, votate sempre il meno peggio... avanti coglioni che c'è posto per tutti....

naicles
Inviato: 30/5/2009 3:25  Aggiornato: 30/5/2009 3:25
So tutto
Iscritto: 7/11/2008
Da:
Inviati: 26
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Beh a me incuriosisce la cosa

dino
Inviato: 30/5/2009 3:34  Aggiornato: 30/5/2009 3:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 2/11/2007
Da:
Inviati: 2315
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
R_K dice:
[Non ho mai riso tanto in vita mia!]

...beh! quando finisci di ridire portami un esempio che smentisca la mia affermazione... sono anti Berlusconi per dna, ma ciò non mi rende cieco di fronte agli schieramenti in assetto bellicoso che minacciano di affrontarsi nell'immediato futuro e senza esclusioni di colpi... ciaodino

Juggler
Inviato: 30/5/2009 4:03  Aggiornato: 30/5/2009 4:03
So tutto
Iscritto: 18/4/2008
Da:
Inviati: 29
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Salve a tutti, come doveroso per un primo post mi vorrei presentare il più velocemente possibile. Mi chiamo Francesco, ho 30 anni, vivo a Bologna, sono un discontinuo (una sorta di precario) nei Vigili del Fuoco da una decina di anni (sic...) e mi guadagno da vivere facendo spettacoli in tutta Italia come giocoliere (da cui il "Juggler" del nick). La mia seconda vita è iniziata qualche annetto fa quando vidi per la prima volta, trattenendo a stento rabbia e lacrime, Inganno Globale. Quel documentario ha rappresentato la mia - si può già dire "proverbiale"? - pillola rossa: per questo non potrò mai ringraziare abbastanza Massimo Mazzucco e tutti coloro che lo hanno aiutato. Da allora è iniziato un percorso di ri-costruzione della realtà che probabilmente mi vedrà impegnato per il resto della vita. In questo viaggio, LC è una meta fissa: sono uno di quei tanti iscritti (dei quali si parlava nell'ultimo thread anti-debunkers) che seguono assiduamente il sito senza loggarsi. Non ho mai postato nulla perché non mi sembrava di poter aggiungere qualcosa di utile alla discussione, o di non essere abbastanza ferrato sull'argomento, ma questa vicenda l'ho seguita con attenzione fin dall'inizio, quindi è ora di rompere gli indugi.

Fermo restando il fatto che condivido in pieno l'analisi e le preoccupazioni della Redazione in merito ai media mondiali, al loro modo di manipolare l'informazione, al sistema "problema-reazione-soluzione", non sono sicuro che questo caso sia paragonabile all'undici settembre, e sono abbastanza certo che non si basi su di una "illazione palesemente infondata".

Il primo articolo apparso su Repubblica riguardo Noemi non era altro che un trafiletto a mezzo giornale nel quale si raccontava della peculiare partecipazione di Berlusconi alla festa di compleanno di una diciottenne, con a mala pena una foto dell'edificio in cui si era svolto l'evento. Contemporaneamente però si iniziava a parlare delle candidature europee per il PDL, problema sollevato dal sito dei giovani militanti di AN, con le veline, le troniste ecc... Il giorno dopo nessun TG affrontava il primo di questi argomenti, mentre la Repubblica pubblicava un altro piccolo articolo stavolta incentrato sulla ragazza, con tanto di foto, storie di "papi" e di regali da miliardario. Nei giorni seguenti invece è montata la critica sulle candidature, con tanto di modifiche alla liste dei nomi (che erano state anticipate corredate da foto delle giovani dal Giornale) e conseguente "caso", veramente poco discusso, del padre di una di queste scaricate che si dà fuoco in piazza per protesta. Ma, naturalmente, i dubbi più importanti riguardano l'intervista a Veronica Lario, sempre su Repubblica, la quale dichiara "mio marito và con le minorenni", "non sta bene", e alla domanda "pensa che Noemi possa essere una figlia illegittima?" risponde: "magari lo fosse". Non credo che queste siano illazioni, ma dichiarazioni.

Inoltre non è che i media stiano parlando così apertamente di questi fatti, certo non li trascurano del tutto, ma la campana che sentiamo è quasi sempre solo quella di Berlusconi, con tanto di battutine sulle "belle finlandesi, però maggiorenni eh..." riproposte da tutti i TG, o il solito rigiramento della frittata del tipo "se non chiede scusa chiederò il divorzio", troppo tardi Silvio, l'ha già chiesto lei. La stessa opposizione ha glissato per giorni sull'argomento (tranne l'IDV), bollandolo come gossip, "tra moglie e marito non mettere il dito", "parliamo dei veri problemi del paese"... Certo ora sembra che inizino a cavalcare l'onda (senza stile, non sia mai).

Insomma, la mia impressione è che più di un "caso mediatico", creato ad arte e supportato da tutte le testate, giornali e televisioni, sia un argomento portato avanti da pochi, del quale gli altri parlano il minimo sindale e malvolentieri. Una sorta di crociata per cercare di aggrapparsi ad un appiglio, non coperto dal lodo Alfano, e vedere se risulta possibile liberarsi in questo modo di un autentico highlander. Un po' come incastrare Al Capone per evasione fiscale.

Ciao

Grazie a tutti
edo
Inviato: 30/5/2009 5:33  Aggiornato: 30/5/2009 5:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole

zittitutti
Inviato: 30/5/2009 8:54  Aggiornato: 30/5/2009 9:00
So tutto
Iscritto: 30/5/2009
Da:
Inviati: 11
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Tanto per chiarire subito, ILLAZIONE quando l' intera Europa e America parlano del fatto mi sembra una parola fuori luogo...Forse MILLS sarebbe più appropriato.....e comunque le sue campagne mediatiche Abbruzzo compreso (dove i terremotati gli urlano fatti processare, Io ero li quindi zittitutti) hanno rafforzato la sua esposizione mediatica, i consensi se li crea con il possesso del 70% dei mezzi di "libera, pubblica e privata" disinformazione, con i suoi dipendenti che lo vanno a difendere in tutte le trasmissioni televisive /addirittura hanno ritirato fuori dal cilindro la PIVETTI ieri sera su LA 7/ manca solo PLATINETTE a radio DJ e poi siamo al max. Ora, visto che chiunque tuteli un proprio spazio sul web prima o poi gli fanno stringere il culo quando trova troppo coraggio di esprimere il proprio dissenso, ci si trova a leggere articoli del genere. CHI SBAGLIA DEVE PAGARE. IL PD...... UDC.......che si trovano finalmente a poter togliersi dalle palle TESTA DI ASFALTO con la mozione Di Di Pietro.......CHE FANNO??..........FANNO FINTA DI NIENTE COME QUANDO è stato votato il BRODO ALFANO..........ZITTITUTTI!

Redazione
Inviato: 30/5/2009 9:01  Aggiornato: 30/5/2009 9:05
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Ciao Juggler e benvenuto. Beh, vorrai riconoscere che delle dichiarazioni senza supporto di prove, fatte inoltre da una persona tutt’altro che disinteressata come la Lario (calcola che c’è di mezzo soltanto una eredità di qualche miliarduzzo) valgono meno della carta su cui sono stampate.

Tant’è vero che Repubblica aveva “promesso le prove”. (Sono poi uscite, che sappiate?)

---

Ciao Zittitutti, e benvenuto anche a te (cos'è, hanno aperto le gabbie di mattina presto ? ).

"ILLAZIONE quando l' intera Europa e America parlano del fatto mi sembra una parola fuori luogo"

E' proprio quello che vuole rimarcare l'articolo. Il fatto che "tutta Europa ne parli", come confermi tu stesso, sembra in qualche modo dare validità alla voce. Invece rimane del tutto insostanziata (oltre che intrinsecamente ridicola, a mio parere).

zittitutti
Inviato: 30/5/2009 9:05  Aggiornato: 30/5/2009 9:05
So tutto
Iscritto: 30/5/2009
Da:
Inviati: 11
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
A PROPOSITO dell' informativa sulla privacy.............Libera informazione e libero pensiero in libero Stato.........La diffamazione come la intende la legge punisce il reato di calunnia e danno all' immagine della persona.......ora il cavillo che mette al riparo da qualsiasi "Querela per tale reato" sta nel semplice fatto che......chi si espone pubblicamente con una idea, movimento o pensiero.....accetta in automatico il processo delle idee....Si possono fermare le invasioni degli eserciti....ma non le invasioni dei pensieri. V. Hugo

zittitutti
Inviato: 30/5/2009 9:10  Aggiornato: 30/5/2009 9:10
So tutto
Iscritto: 30/5/2009
Da:
Inviati: 11
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Per illazione intendo l'uso del termine quasi volesse stemperare gli attacchi che vengono mossi a Colui che è aldisopra di tutto e tutti (pensavo fosse solo Dio invece l' intera mafia politica ne ha creato un altro).
Il problema che mi fa diventare fondamentalista è che oltre agli Elohim, Buddha, Mitra, Gesù, Maometto ecc. non credo che il mondo abbia bisogno di un altro "BENEFATTORE".......in quanto alle gabbie purtroppo......magari le avessero aperte...è dal 1980 che siamo in gabbia

pialla
Inviato: 30/5/2009 9:39  Aggiornato: 30/5/2009 9:39
So tutto
Iscritto: 21/5/2009
Da: Arezzo
Inviati: 1
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Salve a tutti,
se una menzogna viene detta abbastanza volte prima o poi diverrà verità (se dici a tuo figlio "sei uno scemo" una volta, non è un gran male, ma se glielo ripeti tutti i giorni prima o poi ci crederà anche lui).
In questa vicenda viene applicato il medesimo concetto, indipendentemente se vero o no, come dice Massimo, l'affaire diventa vero, ed è il sistema con cui veniamo indottrinati tutti i giorni in ogni campo.
Poi per quando riguarda la risonanza mondiale, non credo che i giornali esteri siano meno controllati di quelli italiani, anche loro hanno un proprietario che più o meno indirizza la testata.
Se tutto ciò è il primo mattone di una strategia per togliere di mezzo B. per non aver seguito alla lettera "l'ordine del giorno", oppure un semplice avvertimento forse lo capiremo in seguito.
Ciao

marvek
Inviato: 30/5/2009 10:11  Aggiornato: 30/5/2009 10:11
So tutto
Iscritto: 19/1/2009
Da:
Inviati: 30
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Stavolta non sono d'accordo con Mazzucco.
Non mi importa un accidente della vita privata di Berlusconi e, al limite, potrebbe anche non importarmi di suoi eventuali reati, o se dice fregnacce da mattina a sera, o se mangia bambini o fa messe nere, potrebbero essere cazzi suoi e della giustizia.
Senonché lui (purtroppo) è il nostro premier. Logica ed etica vorrebbero che tale funzione fosse ricoperta solo da persone pulite e trasparenti o, se proprio tali non sono, che almeno vi tendano. Nel mio Stato v0glio onestà, pulizia, trasparenza.
I media fanno schifo e lo sappiamo, e Repubblica non fa eccezione, sebbene vi sia di molto molto peggio. Ma a mio avviso fa bene ad addentare Berlusconi almeno su questo (cioè fondamentalmente sulla sua inadeguatezza per mancanza di etica dovuta all'essere estremamente bugiardo e/o incurante delle richieste di chiarezza), visto che su tutto il resto della lista (corruzione, mafiosità, leggi ad personam, conflitto di interessi, ecc. ecc.) non se ne può più parlare nell'ambito del mainstream mediatico e della stessa pseudo-opposizione del PD. Sarà pure un cortocircuito mediatico, ma DEVE rispondere con chiarezza, non con minacce, è il ruolo che glielo impone.
Perciò, caro Mazzucco, io mi tappo il naso, e in attesa di tempi migliiori dico "forza Repubblica e Di Pietro, dateje addosso!!!"

Lezik85
Inviato: 30/5/2009 10:31  Aggiornato: 30/5/2009 10:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Stavolta nemmeno io sono d'accordo con l'articolo. Vi spiego il mio punto di vista.

Bisogna fare un distinguo tra Berlusconi e persona in generale.

Berlusconi non merita nessun rispetto. Per quanto abbia infangato gli italiani sotto una pozza di bugie e falsità si merita tale linciaggio mediatico. Sotto ogni punto di vista....il karma non sbaglia mai. Oppure per vederla in maniera meno spirituale è come la favola "Al lupo! Al lupo!" (per Berlusconi "sono innocente! sono innocente!"), dove la gente si è stancata di credere alle sue grida di innocenza e non vuole essere raggirata per l'ennesima volta...(anche se fosse la volta buona che Berlusconi fosse davvero innocente).

Se applichiamo, invece, il concetto di fondo dell'articolo alla persona in generale allora si, là mi troverete d'accordo. Un esempio sono stati i recenti assassini imputati ad extracomunitari, dove nonostante fossero stati prociolti dalle prove, la gente continuava a vederli come dei beceri killer pronti in ogni momento a placare la loro sete di sangue. Applicando tale criterio poi ad ogni immigrato. Ormai la voce era stata lanciata e i soliti pesci avevano abboccato.

Veltro_DXV
Inviato: 30/5/2009 10:57  Aggiornato: 30/5/2009 10:57
So tutto
Iscritto: 12/7/2006
Da:
Inviati: 28
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Qualcuno si è chiesto a chi appartiene "Repubblica"?

marvek
Inviato: 30/5/2009 11:11  Aggiornato: 30/5/2009 11:11
So tutto
Iscritto: 19/1/2009
Da:
Inviati: 30
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:
Qualcuno si è chiesto a chi appartiene "Repubblica"?


Sì, appartiene al Gruppo Editoriale L'Espresso, che è di sinistra.

Ma perché, una cosa giusta può non esserlo più, secondo chi la dice???

Veltro_DXV
Inviato: 30/5/2009 11:22  Aggiornato: 30/5/2009 11:22
So tutto
Iscritto: 12/7/2006
Da:
Inviati: 28
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
E il "Gruppo Editoriale L'Espresso" a chi appartiene?

Freeanimal
Inviato: 30/5/2009 11:45  Aggiornato: 30/5/2009 11:45
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/5/2009
Da: Codroipo (UD)
Inviati: 705
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
A Berlusconi piacciono le ragazzine? E a chi non piacciono? Sarebbe ipocrita negarlo. Nella rivista di Jacopo Fo, "Ecotecno", di luglio/agosto 2008, pag. 12, trovo un articolo intitolato "Non è vero che tutto va peggio", da cui ricavo il seguente brano: "Molte persone sono ingiustamente impressionate e disgustate dall'aumento esponenziale dei casi di pedofilia riportati dai giornali. Sicuramente oggi i giornali pubblicano notizie di crimini sessuali sui bambini 100 volte di più di 50 anni fa. E sui giornali di 70 anni fa non troviamo nessuna segnalazione di tali aberrazioni. Ma questo non vuol dire che una volta non ci fossero crimini pedofili. Semplicemente i giornali non ne parlavano: erano un argomento sconveniente e di scarso interesse".
Sono d'accordo con Jacopo Fo. Nelle chiese cristiane la pedofilia è stata sempre molto praticata, ma ora, grazie al clamore mediatico, sembra che l'intera Irlanda cattolica sia abitata tra preti pedofili. Nell'antica Grecia e a Roma gli efebi erano un elemento frequente e ben accetto presso i sapienti, i ricchi e chi poteva mantenerli. E anche il nostro Leonardo da Vinci, genio universale e immacolato, chissà cosa faceva con il suo Salaì. Non ho seguito la vicenda della Noemi Letizia, ma ho l'impressione che sia in atto un attacco al Premier basato su becero moralismo e senza prove. Anche questo serve a distogliere l'attenzione della gente da misfatti socioambientali ben più gravi. "Amore, amore, spaghetti e mandolino!", ci dicevano una volta gli stranieri. Ma le cose cambiano. Purtroppo per noi, quando andremo all'estero, oltre ad essere tacciati di mafiosi, d'ora in avanti ci definiranno forse anche pedofili.

TuzzoSan
Inviato: 30/5/2009 11:56  Aggiornato: 30/5/2009 11:56
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/4/2009
Da:
Inviati: 118
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
La questione centrale è:

è chiaro che il paradosso è altrove, e sta nel fatto che Berlusconi finirebbe per cadere per una avventura erotica di troppo, e non per i milioni di miliardi di denaro pubblico che sono scomparsi intorno a lui nel corso degli anni. Come è evidente che Repubblica potrebbe occuparsi davvero di quegli scandali, invece di sventolare al mondo le mutande sporche delle ragazzine

Questa gente ha gli stessi interessi e obiettivi. Informare come si deve su questi argomenti creerebbe una coscienza critica nei lettori. Ma questo non va bene, perchè prima o poi B. uscirà di scena mentre questi interessi rimanno.

Questo è il motivo per cui la canzone di Rino Gaetano "Fabbricando case" (1978) è tutt'ora attualissima

cnj
Inviato: 30/5/2009 12:01  Aggiornato: 30/5/2009 14:58
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da: Romagna
Inviati: 795
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Concordo in parte. Premetto che il caso Noemi a me non ha fatto ne caldo ne freddo. Sul personaggio Berlusoni sono vaccinato. Noto che esistono incongruenze strane sulle versioni dei fatti... poi mi fermo li e penso all'Expo' 2015 o all'ultima inchiesta di RaiNews24 sul terremoto in Abruzzo e penso che si debba perdere il minor tempo possibile sul caso Noemi e approfondire altri temi.
La mia convinzione è che Berlusconi fa quello che vuole quando gli pare. Se per caso avesse avuto rapporti particolari con Noemi e lui volesse recarsi alla festa del suo 18esimo compleanno sono convinto che ci andrebbe senza nessuna remora.
Sul fatto che ci sia qualche personaggio che si sia coalizzato contro di lui mi sembra chiaro. Nella politica marcia odierna è così che funziona a livello globale. Sul fatto che il Cavaliere possa cadere sul caso Noemi tenderei ad escluderlo.
In Italia non c'è Impeachment e se ci fosse il Cavaliere avrebbe già pronta una bella legge come se n'è fatte tante anche se non gli serve visto che col Lodo Alfano s'è portato ampiamente ben oltre la legislatura. In più il suo consenso non cala visto che la gente crede in quello che fa, crede che il problema dell'immondizia in Campania sia risolto, crede che con l'energia nucleare risolveremo ogni problema energetico e crede anche ai sette nani e all'uomo nero.
Di questa cosa ce ne dimenticheremo presto subito dopo l'europee quando il PDL assieme alla Lega prenderà oltre il 40%. Per quante stranezze ed incongruenza esistano sul caso Noemi non sarà la verità a condizionare il voto ma il voto a definire la verità. Queste parole le ho già sentite....
E di Noemi ce ne dimenticheremo tutti. Silvio invece sarà ancora li a proteggerci

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. Nikola Tesla
marvek
Inviato: 30/5/2009 12:12  Aggiornato: 30/5/2009 12:12
So tutto
Iscritto: 19/1/2009
Da:
Inviati: 30
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:
E il "Gruppo Editoriale L'Espresso" a chi appartiene?


ok, sto al gioco:
appartiene in gran parte a De Benedetti.
E allora? Un dato di fatto, pr questo non è più tale?

edo
Inviato: 30/5/2009 12:15  Aggiornato: 30/5/2009 12:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
De Benedetti, compiuti i 75 anni lascia le presidenze operative di Cofide, Cir, M&C e del gruppo l’Espresso, di cui però manterrà la presidenza onoraria e il potere di nominare i direttori delle testate... manterrà inoltre la presidenza dell’omonima fondazione e resterà nel consiglio di sorveglianza della banca d’affari Compagnie Financière Edmond de Rothschild Banque.

Ma essendo di madre non ebrea teoricamente non è considerato ebreo... teoricamente...

Secondo me vogliono far fuori quel fante-lesto di Silvio per far posto a Frattini. Silvio è il più grande ostacolo alla giudeificazione dell'economia italiota (non dimentichiamo che la fiat è ormai in mano Elkan...).

Red_Knight
Inviato: 30/5/2009 12:24  Aggiornato: 30/5/2009 12:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Capisco perfettamente chi dice che è meglio che in un modo o nell'altro l'importante è che Berlusconi se ne vada. Onestamente, anche a me non frega niente se Berlusconi patisce per qualcosa che non ha fatto... ma il problema è che in questo momento per quel farabutto sarebbe troppo facile cadere per una stronzata del genere. Il danno a questo paese lui già l'ha fatto, andarsene per una simile puttanata non insegnerebbe nulla agli italiani (ammesso che siano in grado di imparare qualcosa). Berlusconi dovrà cadere quando ci sarà la guerra civile nelle strade per un tozzo di pane (scenario che potrebbe presentarsi presto), non adesso. Altrimenti i suoi successori sarebbero perfino in grado di fare peggio.

Comunque l'articolo centra un problema non da poco. Il fenomeno è preoccupante anche se la "vittima" è un delinquente, e poi anche se magari è un po' infantile non vi infastidisce che Repubblica si svegli per una simile cazzata? Dov'era negli ultimi 15 anni? Il materiale per chiedere la cacciata immediata del tiranno non è mai mancato.

Veltro_DXV
Inviato: 30/5/2009 12:27  Aggiornato: 30/5/2009 12:27
So tutto
Iscritto: 12/7/2006
Da:
Inviati: 28
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
E De Benedetti, per dirla con Blondet, a quale gruppo etnico, di cui non si può dire il nome, appartiene?

Veltro_DXV
Inviato: 30/5/2009 12:39  Aggiornato: 30/5/2009 12:39
So tutto
Iscritto: 12/7/2006
Da:
Inviati: 28
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:

"Silvio è il più grande ostacolo alla giudeificazione dell'economia italiota (non dimentichiamo che la fiat è ormai in mano Elkan...)."


Ecco: secondo me, Edo ci ha azzeccato in pieno.

marvek
Inviato: 30/5/2009 12:46  Aggiornato: 30/5/2009 12:46
So tutto
Iscritto: 19/1/2009
Da:
Inviati: 30
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:
E De Benedetti, per dirla con Blondet, a quale gruppo etnico, di cui non si può dire il nome, appartiene?


aaah... manco lo sapevo.
va bene, però specifico due cosette.

1) la verità resta verità, chiunque la dica, e lo stesso vale per le fregnacce.

2) non ho particolare simpatia per QUEL gruppo etnico, ma questo non dovrebbe entrare in discussione, perché detto così è un chiarissimo pregiudizio.
Casomai io direi, per quanto mi riguarda, che ce l'ho (e molto) col sionismo, non col popolo di quello stato in generale (che lo subisce, come noi subiamo Berlusconi).

peonia
Inviato: 30/5/2009 13:08  Aggiornato: 30/5/2009 13:08
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Concordo con Massimo, ringrazio Edo, per la dritta di Donchisciotte che potrebbe essere in effetti una giusta lettura, e Veltro per l'allusione all'Espresso....
Ora che qualcuno voglia toglierlo di mezzo (con gran gaudio di mezzo popolo che sentitamente ringrazia!) è indubbio...però a me vengono associazioni mentali strane....risuonano nella testa parole come: repubblica+sinistra+rotschild+sionisti+massoneria......= ??
lascio a voi unire i trattini.....

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Red_Knight
Inviato: 30/5/2009 13:20  Aggiornato: 30/5/2009 13:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
...giudeificazione?

Freeman
Inviato: 30/5/2009 13:46  Aggiornato: 30/5/2009 13:46
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:
Casomai io direi, per quanto mi riguarda, che ce l'ho (e molto) col sionismo, non col popolo di quello stato in generale (che lo subisce, come noi subiamo Berlusconi).

Vuoi dire che in Israele non solo è obbligatorio votare, ma è obbligatorio votare per i sionisti (cioè, il 95% dei partiti che si sono presentati alle ultime elezioni)?...
Ovvio che esistano israeliani (e, più in generale, ebrei) pacifisti ed antisionisti, ma sono una sparuta minoranza e sfortunatamente quelli presenti nelle posizioni chiave della finanza e della politica per la stragrande maggioranza NON lo sono.

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Simplician
Inviato: 30/5/2009 13:55  Aggiornato: 30/5/2009 13:55
So tutto
Iscritto: 9/12/2008
Da:
Inviati: 16
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Mi sembra un articolo eccellente e ineccepibile, oltre che molto inquietante.
E il fatto che l'autore stia in America è un ulteriore elemento a favore della giustezza della sua analisi. Normalmente nei paese anglofoni non ci degnano più di un trafiletto, compreso il nostro Al Cafone. Tutta questa attenzione prepara qualcosa. Basterà aspettare per sapere se era vero.
Continuiamo a preoccuparci dei burattini, senza chiederci da dove scendano i fili...

Parlare a voce alta, da soli, fa l'effetto di un dialogo con il dio che si ha dentro. Era [...] l'abitudine di Socrate. [...] Anche Lutero. Si interrogava e si rispondeva, si incensava e si insultava; Hugo, L'uomo che ride
EL_GUERCIO
Inviato: 30/5/2009 14:09  Aggiornato: 30/5/2009 14:09
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/11/2006
Da:
Inviati: 177
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
quindi, seguendo il 3d: berlusconi "rischia" di cadere per una cazzata, montata ad arte dal proprietario "ebreo" (si può scrivere?)del giornale che ha sollevato il caso, che a sua volta è solo lo strumento di poteri ben più grandi che vogliono togliere di mezzo silvio facendolo cadere su una scappatella, contando anche sul fatto che gli italiani sono bigotti e voyeurs, e si scandalizzano per il sesso ma non per mafia-tangenti-inquinamento-ecc ecc. e quindi anche tolto di mezzo B. non capiranno i perchè. (sintesi grossolana, me ne scuso)

dato che dopo 11 sett non mi stupisco più di niente, e quindi nemmeno di una tesi del genere, le domanda che mi pongo sono: che deve subentrare a berlusca? che interessi ha intaccato per giustificare la sua eliminazione politica?

"Non si dicono mai tante bugie quante se ne dicono prima delle elezioni, durante una guerra e dopo la caccia". Otto von Bismarck
Simplician
Inviato: 30/5/2009 14:14  Aggiornato: 30/5/2009 14:14
So tutto
Iscritto: 9/12/2008
Da:
Inviati: 16
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
PS. A me piacciono i poscritti maliziosi.

E a proposito di 'papi' e della ragazza in questione, mi chiedo da giorni una cosa coi miei quattro amici.

Ma davvero sono il solo a trovarli così INCREDIBILMENTE SOMIGLIANTI?

Capisc' a me!?

Parlare a voce alta, da soli, fa l'effetto di un dialogo con il dio che si ha dentro. Era [...] l'abitudine di Socrate. [...] Anche Lutero. Si interrogava e si rispondeva, si incensava e si insultava; Hugo, L'uomo che ride
Lezik85
Inviato: 30/5/2009 14:14  Aggiornato: 30/5/2009 14:24
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
A proposito della presenza del sionismo in Italia ho trovato questo interessante articolo, che parla anche di Repubblica e De Benedetti. Vi consiglio di leggerlo attentamente:

Esiste la Lobby Ebraica?


Citazione:
Secondo me vogliono far fuori quel fante-lesto di Silvio per far posto a Frattini


Liberman? Chi è costui?

shevek
Inviato: 30/5/2009 14:17  Aggiornato: 30/5/2009 14:17
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/4/2005
Da: Napoli
Inviati: 1249
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Salut y Libertad Max!

Secondo me il punto centrale è quando diciCitazione:
forse la festa di Noemi era solo una scusa per andare ad onorare un personaggio con il quale Berlusconi ha probabilmente avuto rapporti poco edificanti, e con il quale evidentemente non può permettersi di farsi vedere insieme dalla sera alla mattina.


e quindi il link fornitoci da Edo è illuminante. Tra l'altro, in questi ultimi mesi il clan dei casalesi è sotto un pesante attacco - centinaia di arresti: il clan è ridotto al lumicino - da parte della magistratura ed il cognome paterno della signorina, unito alla strana ricchezza legata ad un tizio che dovrebbe essere un semplice impiegato statale, potrebbe far pensare ad un incontro per richiedere l'intervento del Berlusca a favore degli indagati dalle "toghe rosse" in cambio di appoggi elettorali. Insomma, la Noemi potrebbe anche non entrarci quasi nulla e molto d'altro potrebbe bollire in pentola. Ovviamente per lanciare accuse del genere ci vuole qualcosa di più solido di una ipotesi: per il momento, le "opposizioni" si limiterebbero, perciò, a tenere acceso l'interesse sulla faccenda giocando sul suo presunto aspetto "pedofilo" in attesa di eventuali sviluppi.


Shevek

"Il potere è l'immondizia nella storia degli umani" - F. Guccini
www.portadimassa.net - WEB-TV e non solo di Filosofia
veljanov
Inviato: 30/5/2009 14:28  Aggiornato: 30/5/2009 14:28
So tutto
Iscritto: 4/5/2009
Da:
Inviati: 13
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
al capone evadeva il fisco, quello era il problema...povera italia.

Thibault
Inviato: 30/5/2009 14:34  Aggiornato: 30/5/2009 14:34
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: Un mondo folle
Inviati: 343
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Quando successe il caso Monica Lewinsky pensai che in Italia siamo avanti anni luce... Da noi al limite gli avrebbero rinfacciato di non averne scelta una più gnocca.
Il punto è che della vita privata di un politico, finchè questo non infranga la legge, non ce ne dovrebbe fregare nulla. Se devo assumere qualcuno mi preoccupo che sia bravo nel suo lavoro, dal punto di vista morale mi interessa che non rubi e che sia puntuale sul lavoro. Se poi la notte la passa sui siti porno o va a bagasce sono affari suoi.
Mi deve interessare la sua vita pubblica e il suo programma. Se un politico cattolico è divorziato mi interessa poco (assumendo che io sia cattolico contrario al divorzio per fare un esempio) anche perchè magari è sua moglie che ha chiesto il divorzio, mi interessa di più che abbia sempre votato in parlamento in modo conforme al suo pensiero politico, così saprò che è affidabile.
Viceversa non me ne frega na mazza che un politico pacifista faccia volontariato per gli orfani di guerra, mi interessa di più sapere ad esempio che abbia partecipato a manifestazioni pro Israele durante i bombardamenti di Gaza, perchè saprò che politicamente è una puttana, e quindi inaffidabile.

E' una tranquilla notte di regime
Orwell84
Inviato: 30/5/2009 14:45  Aggiornato: 30/5/2009 14:45
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 7/3/2006
Da: Ground Zero
Inviati: 1114
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
...secondo me la vicenda Noemi nasconde ben altra situazione... somiglia molto a quella tra Clinton e la Lewisky... i media riescono a far scandalizzare l'opinione pubblica per un banale pompino, ma riescono con la stessa facilità a far passare per legittima difesa ripetute stragi di tanti inermi civili...

Quando successe il caso Monica Lewinsky pensai che in Italia siamo avanti anni luce... Da noi al limite gli avrebbero rinfacciato di non averne scelta una più gnocca.
Il punto è che della vita privata di un politico, finchè questo non infranga la legge, non ce ne dovrebbe fregare nulla.


L'impeachment di Clinton si basava sulle accuse di falsa testimonianza giurata [*] e intralcio alla giustizia. I suoi avversari politici fecero leva su questo, non tanto sulla fellatio in sè.
L'unico che ricordo che sia stato costretto a dimettersi fu il moralizzatore Spitzer, perchè beccato che andava a troie.


***

e quindi il link fornitoci da Edo è illuminante. Tra l'altro, in questi ultimi mesi il clan dei casalesi è sotto un pesante attacco - centinaia di arresti: il clan è ridotto al lumicino - da parte della magistratura ed il cognome paterno della signorina, unito alla strana ricchezza legata ad un tizio che dovrebbe essere un semplice impiegato statale, potrebbe far pensare ad un incontro per richiedere l'intervento del Berlusca a favore degli indagati dalle "toghe rosse" in cambio di appoggi elettorali.

Beh è certamente un'interpretazione più attendibile del complotto demo-pluto-giudo-massonico volto a far cadere Berlusconi.
Poi, fino a prova contraria, io rimango convinto che sia semplice satiriasi.

Pyter
Inviato: 30/5/2009 15:02  Aggiornato: 30/5/2009 22:02
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
ANCH'IO HO PROVATO AD UNIRE I FRATTINI.



IN EFFETTI...

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
baciccio
Inviato: 30/5/2009 15:08  Aggiornato: 30/5/2009 15:19
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/1/2006
Da: Genova
Inviati: 536
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione da Thibault [..]"Il punto è che della vita privata di un politico, finchè questo non infranga la legge, non ce ne dovrebbe fregare nulla. Se devo assumere qualcuno mi preoccupo che sia bravo nel suo lavoro, dal punto di vista morale mi interessa che non rubi e che sia puntuale sul lavoro. Se poi la notte la passa sui siti porno o va a bagasce sono affari suoi.
Mi deve interessare la sua vita pubblica e il suo programma. Se un politico cattolico è divorziato mi interessa poco (assumendo che io sia cattolico contrario al divorzio per fare un esempio) anche perchè magari è sua moglie che ha chiesto il divorzio, mi interessa di più che abbia sempre votato in parlamento in modo conforme al suo pensiero politico, così saprò che è affidabile.
Viceversa non me ne frega na mazza che un politico pacifista faccia volontariato per gli orfani di guerra, mi interessa di più sapere ad esempio che abbia partecipato a manifestazioni pro Israele durante i bombardamenti di Gaza, perchè saprò che politicamente è una puttana, e quindi inaffidabile".

Queste idee esprimono perfettamente anche il mio modo di vedere; praticamente un caso di telepatia.

Veltro_DXV
Inviato: 30/5/2009 15:26  Aggiornato: 30/5/2009 15:26
So tutto
Iscritto: 12/7/2006
Da:
Inviati: 28
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
L'attacco a Berlusconi, portato dai soliti noti, è la continuazione dell'operazione "Mani pulite". Un'operazione ideata dalla "Finanza internazionale" ed eseguita dal duo: Colombo (noto esponente del gruppo etnico di cui non si può dire il nome), e Di Pietro. Con tale operazione la Finanza internazionale si proponeva la privatizzazione e, di conseguenza, la gestione dell'apparato industriale italiano.

edo
Inviato: 30/5/2009 15:31  Aggiornato: 30/5/2009 15:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Grazie per i link, Lezik85.

Provate a dire: "terrorismo islamico" e vedrete, nessuno si scandalizzerà!

hendrix
Inviato: 30/5/2009 16:26  Aggiornato: 30/5/2009 16:26
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Pochi giorni fa è uscito su comedonchisciotte un altro punto di vista che ha avuto numerosi commenti e che potrei anche condividere se non fosse che poi dalla brace passiamo alla padella.

FACCIAMO ASCI' PAZZO A BERLUSCONI
di Lia Haramlik

Repubblica ha gettato lo stomaco oltre l’ostacolo ed è ormai palesemente determinata a vincere o morire nella più che meritoria impresa di spingere Berlusconi verso l’impazzimento completo.
Ed io continuo a non capire coloro che la snobbano, questa storia, quando ormai è assodato da anni che non è con argomenti di alto profilo che sconfiggi un simile avversario, e che quindi rimane da percorrere solo l’omeopatico tentativo di farlo annegare nella sua stessa melma.

Non mi sembra affatto una cattiva idea, detto sinceramente, provare a fare leva sul lampante disturbo della personalità del nostro premier per spingerlo verso una deriva psichiatrica conclamata.
Forse è l’unica cosa che possa ormai funzionare, anzi, per fermarlo. Non ci sono forze esterne che lo possano contrastare, quindi tanto vale fare leva su quelle interne, sul mostro che è dentro di lui. Vedere se fa crack, e potrebbe.

Renderne contemplabile la sessualità, le perversioni, quel corpo nudo e crudo che lui ossessivamente corregge, ritocca e maschera, mi pare l’estremo, interessantissimo tentativo prima della sconfitta totale.
Si sta difendendo male, Berlusconi, ed è la prima volta. Segno che funziona.

E comunque: non vedo come si possa considerare “gossip” il fatto che il nostro presidente del Consiglio insidi telefonicamente le ragazzine e ne stipi a decine nella villa.
Questo non è gossip, questo è infilare fino in fondo le mani nella schifezza e tirarla fuori per vedere se così si stasano, le otturate fognature politiche e morali dell’Italia.
D’altra parte non è colpa di nessuno, se la patologia del premier ha questa forma sgradevole e intoccabile da qualsiasi persona perbene sul pianeta.
Fare la guerra a nemici migliori sarebbe meno devastante sul piano estetico, ne convengo. Ma questo è il nemico che passa il convento, e non cogliere questa occasione per colpirlo sarebbe uno snobismo che nessuno si può ormai permettere.
Pazienza, quindi, e avanti così.
Nel delirio, evvabbe’.

Non ne uscirà intero, dentro di sé, comunque vada a finire sul piano pubblico.
Questi tizi, li azzoppi solo mandandogli in frantumi lo specchio in cui si guardano.

ivan
Inviato: 30/5/2009 16:28  Aggiornato: 30/5/2009 16:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole

edo
Inviato: 30/5/2009 16:35  Aggiornato: 30/5/2009 16:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
[/url][color=660000]Con tale operazione la Finanza internazionale si proponeva la privatizzazione e, di conseguenza, la gestione dell'apparato industriale italiano.[/color]

E' la prima cosa trovata a proposito del Britannia... ovviamente si tratta del solito inesistente complotto "pluto-clarabella-paperino".

Sertes
Inviato: 30/5/2009 16:36  Aggiornato: 30/5/2009 16:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:
Redazione ha scritto:
Come è lampante che tutta la vicenda sia solo una strumentalizzazione, all’interno di una lotta fra gruppi di potere internazionali, che evidentemente hanno deciso di scomodarsi adesso per togliersi dai piedi un personaggio che fino a ieri gli andava bene. (Che cosa si voglia da lui, che lui si rifiuta di fare, lo scopriremo quando lo vedremo fare a chi verrà dopo di lui).


hehe, hanno scelto di demolire Berlusconi come il WTC7: dritto sulla propria pianta, senza danneggiare nessun palazzo circostante, con l'unico attacco che colpisce lui e lui solo, ma non il sistema che lo circonda.

Speriamo invece che il crollo sia scomposto e che Berlusconi si porti dietro qualche altro pezzo grosso.

Son magre consolazioni, ma siam persone semplici...

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
edo
Inviato: 30/5/2009 16:57  Aggiornato: 30/5/2009 16:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
citaz.: Speriamo invece che il crollo sia scomposto e che Berlusconi si porti dietro qualche altro pezzo grosso

Non può, si tratta di un uomo ricattabilissimo e che in più ha famiglia... perciò osserverà la consegna del silenzio in cambio della intoccabilità degli affari affidati ai figli.
Chi spera di farlo cadere può sperare di riuscirci erodendogli il piedistallo del "consenso popolano" e, in questo senso, far leva sull' ipocrisia dell'italioto cattopopolo potrebbe rivelarsi un'asso da giocare, ma non è detto che basti a vincere la partita.

Enrico
Inviato: 30/5/2009 17:11  Aggiornato: 30/5/2009 17:11
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/1/2006
Da:
Inviati: 873
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Come hanno già rilevato Edo e Shevek, il nocciolo di tutta questa pantomima è uno solo: il rapporto tra Mr. B e Mr. Letizia e quello tra quest’ultimo e i clan camorristici. Punto.
Tutto il resto è aria fritta.

Per ora naturalmente i media mainstream si stanno concentrando solo sull’aspetto “folcloristico” della vicenda per alzare il solito polverone, anche pre-elettoralistico; ma se verrà confermato quanto s’intuisce per esempio da questo articolo e dal fatto che ogni giorno esce fuori sui media una versione diversa che smentisce quella del giorno prima in merito a quando e come si sarebbero conosciuti Mr. B e la ragazza, Mr. B e Mr. Letizia, beh allora si potranno veramente contare i giorni restanti a Mr. B per arrivare al traguardo finale della sua maratona in politica cominciata nel 1994.

D’altronde è sempre stato una persona ultra-ricattabile, già ampiamente ricattata, ma sta diventando ormai anche inutile. Si dovrà quindi fare da parte in un modo o nell’altro, con le buone o con le cattive.

snapdozier
Inviato: 30/5/2009 17:26  Aggiornato: 30/5/2009 17:26
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/2/2006
Da: Vicenza
Inviati: 75
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Io non sono molto d'accordo con il paragonare le avventure di Berlusconi con l'11 settembre. Le domande di Repubblica potevano essere ignorate, ma il problema è che Berlusconi ha risposto, ha costruito un suo alibi, è stato smentito, ne ha fatto un altro, è stato smentito e ha cambiato ancora versione.
Il fatto che in un paese dove la lotta alla pedofilia sia diventato un cavallo da battaglia dei media di regime e che il presidente del consiglio sia accusato di pedofilia e che questi cerchi più o meno improbabili giustificazioni non riguarda il gossip, riguarda la credibilità delle istituzioni, la credibilità del governo, la credibilità del paese.
Berlusconi non è un privato cittadino turbato nella sua privacy, è il presidente del consiglio di un paese di 60.000.000 di abitanti, e di fronte a delle accuse infamanti non può raccontare balle come un bambino con le dita sporche di marmellata di fronte alla mamma che lo rimprovera.

Citazione:
quello che conosci non è ancora conoscenza
Red_Knight
Inviato: 30/5/2009 17:29  Aggiornato: 30/5/2009 17:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Berlusconi non cadrà per così poco. E' uno che venderebbe la mamma al mercato, piuttosto che rinunciare al trono d'Italia dichiarerebbe guerra allo Swaziland, se potesse servire. Non dimentichiamo che i media son suoi... se non hanno minimizzato la faccenda (cosa che avrebbero tranquillamente potuto fare), probabilmente significa che sta solo seguendo una sua strategia per minimizzare i danni e ribaltare la cosa a suo vantaggio.

Guardiamo le cose come stanno:

- ha la maggioranza assoluta in parlamento;
- gode del consenso popolare;
- è oscenamente ricco;
- detiene il monopolio dell'informazione;
- non ha opposizione politica;
- è pratico di inciuci con i poteri oscuri;
- gode della fiducia del Vaticano (non lo troveranno mai più uno così);
- è indispensabile all'intera classe mangereccia per tenere in piedi l'economia di rapina;
- delinque in continuazione;
- non ha nessun progetto politico ed è pertanto disposto a fare favori a chiunque.

Uno così lo schiodi soltanto con l'Iraqi Freedom. E comunque dovendo farlo, sarebbe sempre meno conveniente che utilizzarlo, cosa alla quale si presta volentieri in cambio di qualche misero e volgare vantaggio personale. E se non si prestasse sarebbe comunque ricattabile.

E' la gallina dalle uova d'oro per tutti, secondo me (ed è il motivo per cui abbiamo 15 anni ininterrotti di suo governo).

Lezik85
Inviato: 30/5/2009 19:02  Aggiornato: 30/5/2009 19:02
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:
E' la gallina dalle uova d'oro per tutti


Si infatti, rappresenta il metodo italiano dell' "impiccia ed imbrogglia". La classica persona a cui ti puoi rivolge per un "favore". E visto che parliamo anche di clan camorristici, diciamo quindi un Padrino. La domanda è però: quando tutti avranno le loro uova d'oro ma lo stomaco vuoto, non credi che si impegneranno per spennare ed arrostire la gallina?

Freeman
Inviato: 30/5/2009 19:34  Aggiornato: 30/5/2009 19:35
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
L'attacco continua su più fronti, dopo qualche "sussurro" dietro le quinte ora si è aperto quello delle foto del "capodanno hot":

Consegnate ai carabinieri di Cagliari foto del Capodanno 'hot' di Berlusconi

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
twinge
Inviato: 30/5/2009 19:40  Aggiornato: 30/5/2009 19:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 16/3/2009
Da:
Inviati: 62
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Condivido come molti i concetti espressi in questo articolo.

Se penso ad un vecchietto di oltre 70 anni con peace-maker e senza prostata, il quale gioca a fare l'italiano casanova e rattusetto, facendosi vedere sempre tra donnine mi viene in mente una frase che viene attribuita ad Hitler:

la prima menzogna è quella che viene creduta.

Un altro paio di osservazioni sparse:
- condivido l'opinione di alcuni che la campagna elettorale così come il PD l'ha impostata è ridicola, senza argomenti. Giusto un modo per sbarazzarsi di Franceschini appena arriveranno i risultati che si pensano deludenti. Bastava farlo fuori prima e presentarsi con qualche argomento...
- quando si parla di crisi finanziaria, si dice giustamente che i media esagerano....quando si parla di influenza suina, i media esagerano...quando si parla di B. è sempre tutto vero...
Un ragionamento che non mi convince.

Tutti sul carro della notizia per rivenderla facendo profitti, quale modo migliore per usare Berlusconi a tal proposito.

Chiudo con un'altra citazione:
Vi sono pochissimi spettacoli più impressionanti delle forze mondiali dei media quando hanno perduto completamente ogni ultima parvenza di ritegno. L'appetito insaziabile, la metodologia brutale. [Frederick Forsyth - Il negoziatore]

Ciao

eBay: ai confini dell'eticamente scorretto.
Quello che non tutti sanno su eBay Italia
redna
Inviato: 30/5/2009 19:48  Aggiornato: 30/5/2009 22:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Lezik85

Citazione:
La domanda è però: quando tutti avranno le loro uova d'oro ma lo stomaco vuoto, non credi che si impegneranno per spennare ed arrostire la gallina?


e il financial times dice la sua:

Citazione:
E'grave; sorprendente che Berlusconi non sia stato giudicato il peggior amministratore dal 1945. L’Italia sarà l’unico paese eurozona con 3 anni consecutivi di recessione. Noemi o non Noemi, è questo il vero peccato di Berlusconi. Financial Times


qui

Gli inglesi individuano sempre i peccati degli italiani.
Sarà che in qualche maniera hanno dato un contributo anche loro alla situazione attuale dell'Italia?

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
dr_julius
Inviato: 30/5/2009 20:23  Aggiornato: 30/5/2009 20:23
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Molto è già stato detto. Non ho ben compreso cosa intenda l'articolo per notizia attribuita ad "una illazione palesemente infondata -vera o falsa che sia-". (a parte che non riesco a seguire la logica di tale frase: se è vera l'ilazione, non è infondata).
Al polverone hanno allegramente contribuito in tanti. Il vero e proprio "teatrino della politica".

A me stupisce *MOLTISSIMO* credere che il signor Berlusconi sia messo in difficoltà dal punto di vista mediatico per questo. La controlla lui tutta la questione!
Mi stupisce *MOLTISSIMO* considerare che il tutto sia partito proprio da sua moglie. Lei, se non erro, ha parlato proprio quando era imminente la pubblicazione delle foto della festa del 18°? Quindi mr B avrebbe comunque sbandierato la sua attività mondana...
Mi stupisce *POCHISSIMO* che in Italia si parli più di questo che di altri scandali. E non avrei neanche molta voglia di parlare di questo.

Il fatto in questione, nelle sue ilazioni più penetranti, è alquanto improbabile. Tecnicamente non credo che Mr B abbia riserve di virilità attive dopo due interventi alla prostata--- potrei anche sbagliarmi? ma non è questo che è importante, penso che se Mr B non voleva FAR SAPERE DI QUESTA STORIA di Noemi, avrebbe potuto usare più prudenza a Capodanno, a cena con il Milan e perfino al 18° compleanno (non lo ho invitato io il fotografo di Chi, giornale di famiglia di mr B). O no?!?

Tuttavia, sapendo che la pubblicità è l'anima del commercio, mi viene da ricordare con attenzione quelle particolari intercettazioni con Saccà. Così non diventa neanche troppo secondario che sulle liste previste per le elezioni circolassero dei nomi "improbabili" per esperienza politica, ma dotati di fascino seduttivo. Dopo le parole della sig.ra Lario in Berlusconi pare che molti nomi siano improvvisamente saltati.

Insomma si intrecciano molti nodi su questa faccenda. Ma tutti di "piccoli uomini" e di "affari meschini", rispetto alle esigenze di progetti di ampio respiro di cui il Paese avrebbe bisogno....


Forse si è capito un po' come la penso, ci sarebbero tantissimi altri spunti, ma diventerei noioso per tutti (me compreso).


Vi lascio con solo una domanda: ma voi fareste mai giurare Berlusconi sulla testa dei vostri figli?


_PS__ è la domanda è meno banale di quanto appare. Se facciamo la stessa domanda a tutti gli italiani prima di entrare in cabina elettorale e tiriamo le somme???

Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
trotzkij
Inviato: 30/5/2009 20:36  Aggiornato: 30/5/2009 20:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/9/2006
Da:
Inviati: 3704
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
(ANSA) - MOSCA, 29 MAG -Rientro a Mosca pochi minuti dopo il decollo per l'Airbus del servizio di stato diretto a Roma con a bordo il presidente del Senato Schifani. L'atterraggio d'emergenza si e' reso necessario per un guasto meccanico. L'aereo ha fatto rientro all'aeroporto Vnukovo di Mosca da dove era partito intorno alle 16,30. Il portavoce di Schifani ha informato i giornalisti al seguitodi una perdita di olio in uno dei tre circuiti idraulici dell'aereo.

I complotti non esistono, ... tranne quando ci sono
Redazione
Inviato: 30/5/2009 21:54  Aggiornato: 30/5/2009 21:59
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Dr_JULIUS: Citazione:
"Non ho ben compreso cosa intenda l'articolo per notizia attribuita ad "una illazione palesemente infondata -vera o falsa che sia-". (a parte che non riesco a seguire la logica di tale frase: se è vera l'ilazione, non è infondata)."
Hai ragione, ho fatto una specie di anacoluto logico: "vera o falsa" era riferito alla scappatella, ma non si capiva. Ora l'ho tolto.

Illazione invece è riferito al fatto che non ci sono prove sulla scappatella.

Citazione:
A me stupisce *MOLTISSIMO* credere che il signor Berlusconi sia messo in difficoltà dal punto di vista mediatico per questo. La controlla lui tutta la questione!
Lui controlla tutto in Italia - o meglio, tutto meno DeBenedetti. Ma il tentativo di golpe in questo caso arriva dall'estero.

Citazione:
Vi lascio con solo una domanda: ma voi fareste mai giurare Berlusconi sulla testa dei vostri figli?
Sulla testa dei MIEI figli non giura nessuno, nè Berlusconi nè Padre Pio, ci mancherebbe. Se vuole giurare sui suoi faccia pure, ma io seguo altri criteri per cercare di capire se una persona mente o no.

Redazione
Inviato: 30/5/2009 22:04  Aggiornato: 30/5/2009 22:15
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
PYTER: Ti ho corretto il codice dell'immagine.

Se metti img non c'è bisogno di mettere url. Guarda (al posto delle quadre ho messo le tonde, se no si codifica e non lo vedi):

(img)http://www.freeimagehosting.net/uploads/6bfff45871.jpg(/img)

ivan
Inviato: 30/5/2009 22:09  Aggiornato: 30/5/2009 22:09
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:

Ma il tentativo di golpe in questo caso arriva dall'estero.



Tentativo di golpe ... tutto può essere ..


Bè, non teneteci sulle spine, chi sarebbero i presunti mandanti ?

Sempre i soliti che hanno disgregato l'est ?

manneron
Inviato: 30/5/2009 22:10  Aggiornato: 30/5/2009 22:21
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
è semplicemente real politik. attaccare berlusconi su qualsiasi altro piano non è servito a nulla, perchè non scandalizza gli italiani, quindi rimane votato. l'unico modo per farlo cadere è togliergli i voti, ma per farlo serve qualcosa che faccia presa. repubblica ci prova con questo perchè si aggancia alla morale pubblica del vaticano che si vede costretto a fare molti distinguo e a cercare di non esprimere giudizi per non dire che è altamente immorale. il vaticano controlla voti e se li sposta berlusconi cade.
è un tentativo, che mi sembra stia fallendo. troppo povero di prove, troppo consenziente lei e la sua famiglia e come si fa ad credere alla pedofilia di uno che va con una strafighetta, che è già donna fatta da un pezzo che si atteggia come una puttanona di alto bordo? tra un mese berlusconi sarà vaccinato anche per queste cose e potrà spostarsi sulle 16enni. niente di male, per me finchè sono consenzienti sono cazzi loro.
l'unica cosa ignobile è il modo di fare politica tirando su donnette con aspirazioni del tipo :"show girl" o "attrice" o "ballerina" o "parlamentare", una o l'altra tanto è lo stesso. fino a 30 anni fa una che aspirava a fare l'attrice non avrebbe mai aspirato a fare anche la ballerina o la show girl o il politico e viceversa. era un mestiere più serio. in realtà la reale aspirazione di costei è diventare famosa a qualsiasi costo e fare soldi. tutta gente che sparirà quando sparirà berlusconi.
Ieri sera Rizzo, credo sia quello del duo giornalistico Rizzo e Stella, faceva notare come la destra cattolica sia piena di divorziati e puttanieri, mentre i sinistri sono tutti con un'unica famiglia bene assestata. in altre parole i puttanieri sostengono il vaticano e i comunisti con tutte le carte morali in regola (almeno nei rapporti di coppia) siano contro il vaticano. e i politici presenti ridevano. che spettacolo di merda...., con pure la pivetti alfiere del vaticano...
Ps: non ho niente contro i puttanieri, ma non quando si dicono cattolici.

Redazione
Inviato: 30/5/2009 22:19  Aggiornato: 30/5/2009 22:19
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
IVAN;: "Bè, non teneteci sulle spine, chi sarebbero i presunti mandanti ?"

- Sono stati loro.

- "Loro" chi, Jerry? Chi sono esattamente "loro"?

- Loro sono.... loro!

(Mel Gibson, Conspiracy Theory, 1997).

ivan
Inviato: 30/5/2009 22:22  Aggiornato: 30/5/2009 22:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Per gli amanti del gossip: link Oggi

Quoto il concetto dell'ottava foto.

Redazione
Inviato: 30/5/2009 22:27  Aggiornato: 30/5/2009 22:27
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Triste est omne animal post coitum, praeter mulierem gallumque.

Alberto
Inviato: 30/5/2009 23:07  Aggiornato: 30/5/2009 23:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/4/2007
Da:
Inviati: 113
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
E' proprio quello che ho pensato io su questa vicenda,
che a dire la verità non ho seguito, anzi, mi ha subito annoiato perchè la reputo una inezia in confronto alle domande che avrei posto io su altre vicende.
Ma evidentemente "quelle vicende" ormai fatte rimarranno li dove sono perchè farà comodo a tanti altri poteri.....
Quindi questa, amici miei, è la fine mooolto probabile di Silvio Berlusconi.
E' stato scaricato, come Craxi in illo tempore e come tanti prima di lui e che verranno.

Ecco, detto questo, per ritornare sull'oggetto del discorso, il problema siamo giustamente noi, quando diamo nonostante tutto credito ancora alla stampa, alla tv, come quando diamo cretido alla stampa estera....insomma come quando ci dimentichiamo la nostra totale ignoranza su tutto....
ecco perchè ci piace "cogliere in castagna" il premier....vogliamo poter dire "io lo sapevo...." ma la cosa ahimè finisce li e quindi la stampa che prima odiavamo d'un tratto diventa "vera" e il ciclo si riforma.....
ma la colpa di questo siamo noi.

Ma per scoprire il deserto dentro di noi....bisogna disimparare quanto più è possibile.
Vi e mi auguro di disimparare

Blade1960
Inviato: 30/5/2009 23:57  Aggiornato: 30/5/2009 23:57
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/11/2006
Da:
Inviati: 264
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Chi di media ferisce di media perisce!

Red_Knight
Inviato: 31/5/2009 0:16  Aggiornato: 31/5/2009 0:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Se anche l'ora di Silvio fosse giunta, cosa di cui dubito, sta sicuro che non sarebbe una cosa veloce. Uno scandalo in che modo potrebbe nuocergli seriamente? Viene costretto alle dimissioni?

Per sapere se c'è veramente un attacco intenzionale da parte di qualcuno bisogna attendere e vedere se salta magicamente fuori qualcosa di realmente grave ed efficace (imprescrivibile e indifendibile) in mano alla magistratura e se qualcuno dei suoi alleati ne approfitta cavalcando il giustizialismo (non sarà certo Di Pietro a farlo); perché è così che finirà, come nelle migliori tragedie: il cattivo tiranno, improvvisamente isolato e indebolito, sconfitto e ucciso dai suoi stessi uomini nella sala del trono senza che nemmeno capisca di essere finito.

Ma non è ancora giunto il momento a mio parere. Purtroppo per noi Silvio ha ancora tanto da dare al Paese (un ponte, una TAV, le centrali nucleari, la privatizzazione di tutti i servizi e qualche operazione militare da definire, e se tutto va bene la guerra civile).

Se la cosa invece finisce com'è iniziata, allora significherà che era la solita operazione di marketing.

Craxi fu preso a colpi di monetine e costretto a fuggire per salvarsi dalla galera. Al giorno d'oggi se arrestassero B. interverrebbe la plebaglia per liberarlo (come nell'ultima scena de Il Caimano).

Per quanto riguarda il Financial Times, quali che siano le ragioni per cui attacca Berlusconi ha ragione: è senza ombra di dubbio il peggiore dal 1945 a oggi, sotto ogni punto di vista. Non ci vuole l'intenzione di rovinarlo per dirlo.

dr_julius
Inviato: 31/5/2009 0:30  Aggiornato: 31/5/2009 0:30
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:
Non ci vuole l'intenzione di rovinarlo per dirlo.


Quoto pienamente.

Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
LoneWolf58
Inviato: 31/5/2009 1:58  Aggiornato: 31/5/2009 1:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
OT
Citazione:
Autore: Redazione Inviato: 30/5/2009 22:27:16

Triste est omne animal post coitum, praeter mulierem gallumque.

e poi hai il coraggio di chiedermi

Citazione:
M CH CZZ E' DNFTT?

/OT

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
superava
Inviato: 31/5/2009 2:00  Aggiornato: 31/5/2009 2:00
Mi sento vacillare
Iscritto: 28/8/2008
Da: Riolo Terme
Inviati: 416
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Leggete qua su www.lavocedellevoci.it per quello che ho sempre pensato sulla storia di Noemi..
Rapporti con la camorra!

superava
Inviato: 31/5/2009 2:08  Aggiornato: 31/5/2009 2:08
Mi sento vacillare
Iscritto: 28/8/2008
Da: Riolo Terme
Inviati: 416
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Forse non è il caso che io lo scriva in questo topic ma sono rimasto abbastanza inquietato per una esperienza capitata questa sera nei cieli di Faenza..altri sono sicuro che hanno visto quello che ho visto io che una ventina(credo) di oggetti erano sopra il cielo di faenza..sembravano tutte scitille che si erano fermate in cielo sol che queste emettevano luce da rosso a giallo e si muovevano lentamente. per quello che ho visto io è durato una decina di min o forse anche piu!! La cosa strana è che questa mattina come nei giorni rpecedenti stavo pensando alle schie chimiche visto che ne ho viuste di molte strane cosa "inusuale" da queste parti e altra cosa che ho pensato è stato al G8! volevo sapere se cerano altri che avevano notato questa cosa in italia!

shm
Inviato: 31/5/2009 10:34  Aggiornato: 31/5/2009 10:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/8/2007
Da: perugia
Inviati: 1802
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
redazione:

magari si è annoiato a morte, visto lo sguardo particolarmente acuto della ragazza

shm:

...lascia stare, è sempre un bel bocconcino! Come l'onorevole Carfr... Mara Carfagna!

“Se un ebreo ortodosso mi considera "immondo" o mi saluta per primo per non dover essere costretto a rispondere al mio saluto, la cosa non preoccupa più di tanto.” (John)
9/11 anomalies
Alberto
Inviato: 31/5/2009 11:17  Aggiornato: 31/5/2009 11:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/4/2007
Da:
Inviati: 113
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
come al solito sbaglio a fare inutili prefazioni...
il mio intervento precedente, il succo, era quello della consapevolezza.

Siamo noi che continuiamo a dare importanza alla parole!
e le parole ci fottono!
sono aria, che però riempie le testa e crea l'idea di consapevolezza, di giustizia, di quello che volete, perchè le parole rimangono parole.
Siamo stati abituati negli anni a ragionare di parole, tanto che ora quello che pensiamo di pensare è frutto di devianze su parole.

E va bene, continuiamo a parlare di parole, a credere che un giornale dia una notizia e non capire che il giornale è la notizia.

Se non ho capito male, l'articolo vuole farci riflettere su un problema, che non è Silvio Berlusconi, nè i pettegolezzi e le parole su questo.

cnj
Inviato: 31/5/2009 11:54  Aggiornato: 31/5/2009 11:54
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da: Romagna
Inviati: 795
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:
Triste est omne animal post coitum, praeter mulierem gallumque.

Il soggetto del post ha sempre un sorriso a 250 denti... Se stiamo a sentire i latini mi spiace per lui...

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. Nikola Tesla
Pispax
Inviato: 31/5/2009 11:56  Aggiornato: 31/5/2009 11:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
@peonia
Citazione:
Concordo con Massimo, ringrazio Edo, per la dritta di Donchisciotte che potrebbe essere in effetti una giusta lettura, e Veltro per l'allusione all'Espresso.... Ora che qualcuno voglia toglierlo di mezzo (con gran gaudio di mezzo popolo che sentitamente ringrazia!) è indubbio...però a me vengono associazioni mentali strane....risuonano nella testa parole come: repubblica+sinistra+rotschild+sionisti+massoneria......= ?? lascio a voi unire i trattini.....

A me stava venendo la figura di un bambino che correva, ma ammetto che al 34 mi sono scocciato e ho smesso di unirli

Pispax
Inviato: 31/5/2009 12:07  Aggiornato: 31/5/2009 12:07
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
A proposito di informazione.

Prima delle elezioni vi ricordate Napoli sommersa dai rifiuti?
Rifiuti che dopo le elezioni sono scomparsi.


Dopo la rivoluzione messa su da Lombardo e la sua MPA, ho appena visto un servizio al tg3 che descrive Palermo come una città talmente piena di rifiuti che gli "esasperati" cittadini sono costretti a incendiare i cassonetti.

Squadra che vince non si cambia.

zittitutti
Inviato: 31/5/2009 12:11  Aggiornato: 31/5/2009 12:11
So tutto
Iscritto: 30/5/2009
Da:
Inviati: 11
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
E' ARRIVATA LA MAZZETTA dal Web, il Messaggero.it GINO FLAMINIO :ROMA (31 maggio) - «Sono dispiaciuto per quello che si è venuto a creare, non lo avrei mai immaginato. Chiedo scusa pubblicamente a Noemi e a tutti per il clamore che ha suscitato la nostra storia d’amore e le auguro…di imparare a FARLI MEGLIO........Ecco l'Italia de "Svolto io e a Voi chi ve se incula"....bene bene

trotzkij
Inviato: 31/5/2009 12:38  Aggiornato: 31/5/2009 12:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/9/2006
Da:
Inviati: 3704
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Ecco come si suicidò la sinistra(?) antiberlusconiana
... e il bello è che i Dipietro-boys e i Grillo-men ancora non si capacitano....


Noemi, in lettera a Corsera Gino chiede scusa a lei e Berlusconi
http://it.notizie.yahoo.com/4/20090531/tts-oittp-noemi-gino-corsera-ca02f96.html

L'ex-fidanzato di Noemi Letizia -- la neo-diciottenne che ha avuto frequentazioni con il premier, scatenando una ridda di polemiche -- chiede scusa a lei e a Silvio Berlusconi in una lettera al Corriere della sera, dopo alcune dichiarazioni rese a Repubblica nei giorni scorsi. Continua a leggere questa notizia
"Sono dispiaciuto per quello che si è venuto a creare, non lo avrei mai immaginato. Chiedo scusa pubblicamente a Noemi e a tutti per il clamore che ha suscitato la nostra storia d'amore e le auguro tutto il bene di questo mondo", scrive Gino Flaminio, che esclude nella missiva che fra Berlusconi e la ragazza vi siano mai stati rapporti sessuali.
Il ragazzo assicura di non aver "preso né chiesto un centesimo da Repubblica" per l'intervista sulla sua storia con Noemi e di sentirsi "usato e strumentalizzato" in seguito a quella uscita.
Nell'articolo di Repubblica, il ragazzo aveva raccontato la sua storia con Noemi e una serie di particolari su come e quando la giovane aveva conosciuto -- e poi frequentato -- il presidente del Consiglio, cosa che aveva fatto terminare la loro relazione amorosa.
Flaminio spiega di essersi sentito "usato da qualcuno che non potendo attaccare l'uomo del popolo (così io chiamo il presidente) usa un gossip, un pettegolezzo, la mia storia d'amore con Noemi".
"Ora -- aggiunge -- stanno insinuando che lui ha avuto rapporti di sesso: cosa che escludo a priori. E' impossibile conoscendo Noemi e i suoi valori".
Poi, si chiede: "Possibile che l'uomo del popolo non possa avere una sua privata? Che male c'è ad essere amico di una famiglia normale? Questa è la cosa bella: lui è diverso dai soliti politici, lui è amico di tutti. Degli chef, operai, dipendenti, mendicanti, poveri: insomma, di tutti".

MARONI: CERTI AMBIENTI VOGLIONO BERLUSCONI MORTO
Sempre sul caso Noemi, in un'intervista a Messaggero e Giornale, il ministro dell'Interno Roberto Maroni ha detto oggi che certi ambienti "vogliono Berlusconi morto".
"Qui il problema è che ci sono ambienti che vogliono Berlusconi morto e non si vede perché lui debba fare il loro gioco", dice il titolare del Viminale, bollando come "immondizia" la polemica nata intorno al caso Noemi.
Poi punta il dito contro la stampa: "Ormai i giornali italiani stanno diventando come i tabloid inglesi, solo tette e culi: è deprimente", dice, assicurando che "quel che interessa alla Lega è che non abbia violato la legge intrattenendo rapporti non trasparenti con una minorenne. Dopodichè, tutto ciò che fa parte della sua vita privata non ci riguarda e non ci appassiona affatto".
Maroni si dice certo che "l'operazione mediatica è destinata a finire dopo le elezioni".
"Sono convinto che le elezioni spazzeranno via questi lestofanti", afferma, definendo il leader del Pd Dario Franceshini "un violento, dieci volte più violento [del capo dell'Idv Antonio] Di Pietro".

I complotti non esistono, ... tranne quando ci sono
masmor
Inviato: 31/5/2009 12:43  Aggiornato: 31/5/2009 12:43
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/10/2008
Da: pianeta verde
Inviati: 66
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Massimo! non sono d'accordo!

La vicenda di Noemi, non è infondata e non è futile. Lo schifo semmai è che i giornali non parlino d'altro, ma non che parlino di questo!
Sappiamo tramite certre intercettazioni che mr. berlosconi ha avuto bisogno che Saccà gli "sistemasse" delle ragazze che rischiavano di diventare "pericolose". Sappiamo della storia di Noemi, e che - diversamente da come dici tu- Berlusconi ha risposto innizialmente alle domande, ma mentendo spudoratamente su diversi punti!
Sappiamo che sua moglie - non un giornalista-, l'ha definito "malato" "bisognoso di aiuto" "uno che frequenta minorenni".
Sappiamo, che Mr.B., è stato più volte fotografato nelle sue ville in compagnia di giovanissime supergnocche della tv italiana. Da oggi -vedre Il Corriere-, sappiamo pure che sta facendo di tutto per censurare foto che lo ritraggono nel villone sardo in compagnia di ragazze in toppless, nonchè di Topolanek nudo.
Ma soprattutto sappiamo che spiegare ai suoi tifosi che Mr.B ha collegamenti con la mafia, che è in politica per evitare la galera, che stà disintegrando questa già pseudo democrazia, che gestisce un sistema che fotte miliardi molto meglio del sistema precedente tangentopoli, NON SERVE A NIENTE. Sarebbe come spiegare ad un milanista che sbaglia a tifare milan, non esistono argomenti razionali per farlo, perchè lo tifano.

Detto questo, mi vengono in mente i collegamenti che alcuni -tipo Icke -fanno tra massoneria, orge, pedofilia...

Interessantissima la parte finale in cui ipotizzi una "congiuntura" internazionale che punti a destabilizzarlo per chi chissà quale suo mancato piegamento. Sono d'accordo, è probabile, se è così il piegtamento mancato è a livello economico - l'economia è l'unica variabile indipendente della politica-. Interessante il battibecco tra Draghi e Tremonti su chi debba fare la politica economica...

trotzkij
Inviato: 31/5/2009 12:52  Aggiornato: 31/5/2009 12:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/9/2006
Da:
Inviati: 3704
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Ecco cos'è la sinistra(?) Antiberlusconiana...

http://www.youtube.com/watch?v=NsNR9qAMPhU

I complotti non esistono, ... tranne quando ci sono
donfrengo
Inviato: 31/5/2009 13:57  Aggiornato: 31/5/2009 13:58
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/11/2008
Da:
Inviati: 62
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
In effetti davvero non si capisce come mai si insista su una storia cosi' SCONTATA (chi non si immaginava un Berlusconi un po' PAPI), e poi tante STORTURE ben piu' INDECOROSE vengono cosi' facilmente "dimenticate" .

A meno che l'ipotesi della camorra-Letizia nn sia fondata,e stanno usando ,diciamo, un percorso PARALLELO per far uscire la VOLPE allo scoperto.
Ho pero'un dubbio.
Due rette parallele....QUANDO si incontrano ?



Certo che COMUNQUE la domanda nasce spontanea:

Papi e Sponsorizzati

Quando parli con me ti devi stare zitto
"Sani & Sponsorizzati" : contro il ceto medio
redna
Inviato: 31/5/2009 14:17  Aggiornato: 31/5/2009 16:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:
Per quanto riguarda il Financial Times, quali che siano le ragioni per cui attacca Berlusconi ha ragione: è senza ombra di dubbio il peggiore dal 1945 a oggi, sotto ogni punto di vista. Non ci vuole l'intenzione di rovinarlo per dirlo.


Red K. ...nel 1945 quale politico c'era in Italia da paragonarlo (dagli inglesi)
peggiore dell'attuale capo del governo?
Era appena finita o stava finendo la II GM....e la penisola NON aveve NESSUNO al governo...

Del Britannia nessun inglese ne parla? Il Britannia è stata la rovina della
penisola e gli inglesi pare se ne siano dimenticati e parlano di 1945 a
sproposito perchè nessuno si avventuri a guardare oltre la punta del naso.

EDIT

Da aerei militari scenevano nani e ballerine...

Citazione:
E per peculato ad esempio, finì sotto inchiesta il generale Roberto Speciale, ex comandante della Guardia di Finanza, oggi deputato del Pdl: in quel caso l'aereo di Stato era stato usato per trasportare "spigole", pesce fresco da Pratica di Mare a Verona. Negli ultimi due anni a godere del privilegio sarebbero stati le ospiti e gli ospiti di Villa Certosa.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
slump
Inviato: 31/5/2009 14:43  Aggiornato: 31/5/2009 14:43
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/6/2006
Da:
Inviati: 199
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Il gioco su Berlusconi è abbastanza chiaro: si sa di non poter far nulla
contro di lui politicamente (e ancor meno giudiziariamente) e
dunque si passa ad inventare presunti scandali para-pedofili e compagnia
bella. Insomma una bella merda, soprattutto per chi si ritiene un
avversario politico del centro-destra e non un guardone.

Molto più problematico è invece capire il Perché di questo e il Chi sta
dietro a questo (il Come lo vediamo). Domandarsi cosa si vuol
colpire colpendo Berlusconi potrebbe essere un buon inizio: l'unica cosa
che a me viene in testa è che la politica estera berlusconiana è, pur nei
suoi limiti, abbastanza spregiudicata e ricorda per certi versi quella di
Craxi (e Andreotti) e, andando più indietro, fa tornare in testa Mattei.
Gli accordi, spalleggiati da Berlusconi, di ENI ed Enel con la Russia di
Putin (in particolare per un gasdotto che sarebbe alternativo a quello che
vogliono gli americani -- quest'ultimo taglierebbe fuori la Russia) lo
mettono in chiara frizione col mondo anglosassone (e infatti il Financial
Times gli da contro) -- anche il buon rapporto con Gheddafi (dunque con
gas e petrolio annessi) probabilmente fa storcere il naso a molti in
anglosaxonia. Questa ricerca dell'autonomia e della libertà di
manovra nel settore principale per un paese, quello energetico, non può
venir gradito molto oltremanica e oltreoceano, Obama o non Obama che sia.

D'altro lato abbiamo invece la FIAT che con la benedizioen di Obama si
prende la Chrysler e poi tenta il colpo con la Opel: qui però, e
soprattutto per il puntare dei piedi dei socialdemocratici tedeschi e di
alcuni democristiani (ma non della Merkel), la vince MAGNA, cioè,
in pratica, Putin. Da notare, en passant, che l'aiuto alla FIAT di
Berlusconi e soci è stato nullo, anzi forse leggermente contrario visti i
moniti continui sui posti di lavoro in Italia ecc. da parte governativa.

Tutto ciò dovrebbe significare che l'operato complessivo dell'arcoriano è
oggettivamente in contrasto con molti interessi di area
anglosassone (lasciamo perdere stupidaggini sul giudaismo), cioè USA/GB e
stretti alleati: cioè pare come se Berlusconi, oggettivamente,
stesse portando l'Italia su posizioni un filo di maggior indipendenza
dalla tutela USA. Questo per loro può diventare poco sopportabile perché
in questo modo rischi che ti sfugga un paese in cui esportare con facilità
l'enorme crisi che hai in casa! Perché è ovvio che gli USA cercheranno di
scaricare gran parte della crisi verso l'Europa.

Se c'è un'area politica in Italia che è ormai culturalmente (e non solo)
succube dell'americanismo è quella del centro-sinistra (il kennedyano in
ottavo Uolter ne è stato l'eccesso parodico) e del suo giornale di punta:
la Repubblica.

Passata ogni sbornia ideologica sembra stia tornando una specie di
geopolitica con le sue sfere d'influenza e le sue necessità.

Che poi la peggior botta sinora a Berlusconi venga da una non-notizia
divenuta pettegolezzo universale è un bel ironico esempio di contrappasso
per il Signore dei Media.

"In powerful rain, they laid down their heads to die"
(My Dying Bride)
Lezik85
Inviato: 31/5/2009 16:29  Aggiornato: 31/5/2009 21:49
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole

Red_Knight
Inviato: 31/5/2009 16:52  Aggiornato: 31/5/2009 16:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
@redna

Tecnicamente c'era ancora Re Sciaboletta... Quindi facciamo dal '46. Il concetto è che neanche la peggio DC tra un crimine e l'altro se n'è mai sbattuta così tanto del Paese. Qualunque farabutto mafioso e fascista al potere una cosa buona, per convenienza, per far mordere meno la coscienza, o almeno per sbaglio, per la legge dei grandi numeri, l'avrebbe fatta.
Silvio no. Lui è paragonabile all'imperatore Commodo, ci manca solo che ribattezzi l'Italia come Repubblica Berlusconiana ed è uguale. Le esibizioni le fa già...

Alberto
Inviato: 31/5/2009 17:05  Aggiornato: 31/5/2009 17:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/4/2007
Da:
Inviati: 113
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
ma anche se fosse, a chi importa il nome se Italia o repubblica Berlusconiana...
cosa garantisce la democrazia che la dittatura non possa dare?
cambia cosa? la proiezione del termine (parola) con la quali si chiama...
ecco parlare di dittatura o democrazia è parlare di nulla, è parlare di parole, di termini, in tutti e due i casi ognuno di noi è comunque uno stato a se che si muove sulla terra.
niente di più niente di meno.
Quindi dov'è la paura in tutti questi discorsi?
ma poi di cosa si parla?

rekit
Inviato: 31/5/2009 19:12  Aggiornato: 31/5/2009 19:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
cit:
cosa garantisce la democrazia che la dittatura non possa dare?
..........................
ecco, gran bella domanda.
Quando faremo parte della repubblica Berlusconiana potremo chiedere ad un nord coreano come si vive in democrazia e trarre una risposta.....


e comunque la risposta seria e': DIRITTI

o siamo al punto di sdoganare anche il concetto di dittatura?

ivan
Inviato: 31/5/2009 21:09  Aggiornato: 31/5/2009 21:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
"sdoganare anche il concetto di dittatura" ...

Se non siamo già in dittatura, ci siamo molto vicino.

Nessuna meraviglia, le strisce di Disegni e Caviglia negli anni 90 prevedevano nell'innocenza della loro ironia l'arrivo dell'uomo forte, quello che ci mette tutti in divisa, quello che tira le orecchie a, quello che sparire i.

All'epoca ci si rideva sopra, oggi un pochino meno.

Alberto
Inviato: 31/5/2009 21:18  Aggiornato: 31/5/2009 21:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/4/2007
Da:
Inviati: 113
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Se per te esser obbligato a vivere in uno Stato rispettando le sue leggi sol perchè ci sei nato, o perchè ti obbliga a donare la tua vita per 1000 euro al mese orsù anche 40000euro al mese, che non ti cura, che non ti rispetta, che ti reputa un nuero ecc...è esser in democrazia va bene.
Questo invece io lo chiamo subdolo.
Io con i subdoli la sera non ci esco e quindi anche(sottolineo anche) una forma di Stato subdolo sarò libero di non accettarla.

Io non sdogano la dittatura, io sdogano le parole.
Le parole.
Le parole cambiano nel tempo, il loro valore, la loro cognizione e quindi attraverso queste è facile perseguire sogni per aria.
Ecco perchè non c'è niente di diverso.
Lo pensi solo perchè siamo ignoranti e non sappiamo nulla, ma pensiamo di sapere e quindi ci reputiamo migliori....ma non è così.

redna
Inviato: 31/5/2009 21:24  Aggiornato: 31/5/2009 21:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:
Tecnicamente c'era ancora Re Sciaboletta... Quindi facciamo dal '46

potrei fare anche il '47....ma il financial times parla esplicitamente del 1945.

Citazione:
Il concetto è che neanche la peggio DC tra un crimine e l'altro se n'è mai sbattuta così tanto del Paese.

prima di arrivare alla DC occorre passare dal dopo guerra, dal vaticano e dai politici allevati dal vaticano.La DC non se ne sbatteva del paese perchè il paese - come da disegno anglo-americano - doveva andare come LORO volevano. Esattamente come ora.

Citazione:
Qualunque farabutto mafioso e fascista al potere una cosa buona, per convenienza, per far mordere meno la coscienza, o almeno per sbaglio, per la legge dei grandi numeri, l'avrebbe fatta.

evidentemente questo lo poteva fare PRIMA del 1945...Poi DOPO c'erano altri farabutti che arrivavano da vincitori a fare di tutto e di più con l'attenuante di 'conquistatori.


Citazione:
Silvio no. Lui è paragonabile all'imperatore Commodo, ci manca solo che ribattezzi l'Italia come Repubblica Berlusconiana ed è uguale. Le esibizioni le fa già...

Silvio è solo il proseguo di quello che è stato inziato nel 1945.
E se non ce lo togliamo di torno è appunto perchè è funzionale all'Italia di Draghi, del Britannia e della tessera di iscrizione alla P2.
Silvio non ha bisogno di ribattezzare l'Italia perchè l'Italia è già stata ribattezzata nel 1945 e tutt'ora giace indisturbata e idiotamente tranquilla a far da zerbino a dei 'presunti' vincitori di più di 60anni fa.

Lezik85 hai spaginato con l'immagini postata, forse è meglio toglierla.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Red_Knight
Inviato: 1/6/2009 3:46  Aggiornato: 1/6/2009 3:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
@Redna

Citazione:
potrei fare anche il '47....ma il financial times parla esplicitamente del 1945.


Il periodo è quello, credo che ci siamo capiti.

Comunque la tua è un'interpretazione semplicistica, non puoi paragonare il panorama geopolitico del '45 con quello odierno. Lo sappiamo che l'Italia è stata subito annessa al blocco ovest e asservita alla logica dell'interesse angloamericano. L'Italia non doveva finire in mano ai comunisti (doveva servire come linea di difesa, sacrificabile, in caso di attacco sovietico) e doveva rimanere asservita ai potentati economici; ma il resto non era rilevante e anche se lo fosse stato c'è sempre un limite anche al potere dei conquistatori, o credi che la DC abbia dovuto chiedere il permesso anche per, che so, chiudere i manicomi?
Quello che io sto dicendo è che anche un governo fantoccio, e nonostante l'appartenenza dell'Italia alla sfera d'influenza ovest non definirei comunque così il quarantennale operato democristiano, ha la possibilità di fare molte cose, finché non disturba nessuno. Berlusconi non ne ha fatta una buona, tolte la patente a punti e l'antifumo, e non l'ha fatto per far contento qualcuno, se n'è semplicemente sbattuto i maroni di tutto ciò che non poteva dargli un guadagno personale. Ci devi mettere veramente tanto impegno per far cagare in maniera così plateale.

Per quanto riguarda la rinominazione del suolo patrio, ho parlato di "Repubblica Berlusconiana" perché Commodo ribattezzò Roma come "Colonia Commodiana", era solo un'osservazione. Non volevo intendere chissà che.

dino
Inviato: 1/6/2009 9:51  Aggiornato: 1/6/2009 9:51
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 2/11/2007
Da:
Inviati: 2315
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
... lo scontro è ormai chiaro, la cortina fumogena è scesa ed è visibile come non mai i contendenti che si apprestano alla battaglia.

corriere della sera, repubblica, sky da una parte, mediaset, rai, mondadori e minori testate di quotidiani dall'altra... in gioco c'è l'opinione pubblica e cioè noi... entrambi i schieramenti hanno degli orribili scheletri nell'armadio, il primo ha i più orribili visto che si è messo in testa di convincere il gregge che uccidere palestinesi che sparano stupidi mortaretti "è cosa buona e giusta" e su questo punto possiamo vedere l'impatto globale di una incredibile forza mediatica sotto l'indiscusso controllo di una piccola etnia.

poi c'è Berlusconi che con azzeccate strategie domina il gregge italiota, è lui il padrone dell'informazione qui, l'italia è l'unico caso occidentale che l'informazione non sia monopolio di ebrei... sulla questione dei palestinesi ampie rassicurazioni per seguire una condotta comune....

Berlusconi è entrato in politica per salvarsi il culo, casualmente ha scoperto la formula magica, la stessa che permette ad un gruppo etnico formato da quattro gatti un dominio mediatico ovunque gli è consentito.

l'ideale per me è sputtanare entrambi gli schieramenti, mandarli entrambi a cagare, dato che ciò che vogliono conquistare con un aspra battaglia, siamo proprio noi ed il controllo delle nostre menti... tutta questa faccenda non è di facile lettura, entrambi gli schieramenti fanno ribrezzo sono sostenuti da flussi di denaro enormi... ma mentre gli ebrei lo stampano senza problemi... berlusconi deve inventarsi tante leggi che lo favoriscono per tenere il passo.... credo che berlusca alla lunga non avrà scampo... però è incredibile da quanta merda siamo compressi!!!! Dovremmo pensare di liberarcene piuttosto che scegliere tra quella che crediamo possa puzzare meno….!!!!
ciaodino

hendrix
Inviato: 1/6/2009 10:11  Aggiornato: 1/6/2009 10:11
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole

Ghilgamesh
Inviato: 1/6/2009 10:34  Aggiornato: 1/6/2009 10:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/10/2005
Da:
Inviati: 3001
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Questo articolo non mi è piaciuto granchè, sarà che io son prevenuto, sarà che su certe cose proprio non riesco a vedere l'altra campana, figurarsi sentirla...

Ci sono vari problemi in questa vicenda, innanzitutto i media stanno cercando di far passare per "vita privata", una vicenda che se fosse vera, sarebbe un reato ... pure grave.

In Italia, se si va con una diciasettenne, avendo un tot di anni più di lei, c'è il reato di pedofilia.

Capisco si sia passati sopra alla corruzione (accertata) il ladrocinio (accertato) la strage (leggendo alcune sentenze si evince chiaramente la colpevolezza ma la non voglia di volerla dimostrare) ... mo pure sulla pedofilia?!

Capisco anche che risolverà il problema abbassando la soglia dei rappoprti consentiti alle sedicenni (sperando non voglia allargarsi troppo) e forse sarebbe anche giusto, ci son delle sedicenni che ne sanno sicuramente epiù di me ... ma dal presidente del consiglio, mi aspetto che cambi le regole, PRIMA di infrangerle, cazzo! Non che se ne fotta platealmente bullandosi con la sua impunità (scusate, un refuso, immunità) ... o che almeno venga notificato che l'Italia è un impero fondato sulla mafia, invece de na repubblica fondata sul lavoro ... che se uno è chiaro, mi può anche stare bene.

Aggiungo anche che ben noti criminali prima di lui, come Al Capone, furono arrestati e condannati per reati minori rispetto ai loro crimini principali, se fosse un modo per levarselo dalle balle e far tornare l'Italia un paese Civile, mi andrebbe bene anche un parcheggio in sosta vietata.

redna
Inviato: 1/6/2009 11:08  Aggiornato: 1/6/2009 11:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:
Berlusconi non ne ha fatta una buona, tolte la patente a punti e l'antifumo, e non l'ha fatto per far contento qualcuno, se n'è semplicemente sbattuto i maroni di tutto ciò che non poteva dargli un guadagno personale.

aspetto sempre che tu faccia il paragone fra Berlusconi e un qualsiasi altro politico. Se, a tuo avviso, parlo in maniera semplicistica tu non stai facendo nessun paragone fra berlusconi e altri politici, alla stessa maniera del FT.

Non mi interessa una cippa di berlusconi, è solo che le parole HANNO UN PESO e a te, a quanto pare, non ti interessa.
In molti se ne sono sbattuti i maroni facendo credere alla popolazione l'esatto contrario; molti hanno lucrato e fatto affari, molti hanno SEMPRE fatto quello che volevano e chi ci governa non è altro che il proseguo.


Citazione:
Per quanto riguarda la rinominazione del suolo patrio, ho parlato di "Repubblica Berlusconiana" perché Commodo ribattezzò Roma come "Colonia Commodiana", era solo un'osservazione. Non volevo intendere chissà che.

E sai che cosa me ne importa di sapere che Commodo ribbatezzò Roma?
e che cosa importa al F.T questo?

Per il resto gli insulti li considero solo una momentanea mancanza di classe.

PS

Citazione:
Lo sappiamo che l'Italia è stata subito annessa al blocco ovest e asservita alla logica dell'interesse angloamericano. L'Italia non doveva finire in mano ai comunisti (doveva servire come linea di difesa, sacrificabile, in caso di attacco sovietico) e doveva rimanere asservita ai potentati economici; ma il resto non era rilevante e anche se lo fosse stato c'è sempre un limite anche al potere dei conquistatori, o credi che la DC abbia dovuto chiedere il permesso anche per, che so, chiudere i manicomi?


Non è che sappiamo.....QUALCUNO ha scritto la storia in un certo modo e, lo sai benissimo che la storia la scrivono i vincitori.
Tanto è vero che la storia la scrivono in molti e molte volte non coincide nemmeno. Pertanto ti rimando il 'semplicistico' che mi hai dato e ti invito a leggere altri autori di storia e ti sorprenderà sapere che il tutto potrebbe essere anche l'esatto opposto.

Forse ne potrebbe uscire che la DC ...DOVEVA....chiedere il permesso per TUTTO.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
dino
Inviato: 1/6/2009 11:32  Aggiornato: 1/6/2009 11:32
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 2/11/2007
Da:
Inviati: 2315
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
@ Ghilgamesh dice:
[In Italia, se si va con una diciasettenne, avendo un tot di anni più di lei, c'è il reato di pedofilia]



...guarda che non è affatto come dici tu... pedofilia è considerata su un soggetto minore di 14 anni... a 17 anni tutti possono avere rapporti sessuali consensienti... i genitori del minore possono solo far valere la loro autorità fino al compimento dei 18 anni.... un minore che compie 15 anni può avere rapporti consensienti con chi gli pare e piace... in questo caso la pedofilia è fuori contesto.... ciaodino

cnj
Inviato: 1/6/2009 12:22  Aggiornato: 1/6/2009 18:47
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da: Romagna
Inviati: 795
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:
aspetto sempre che tu faccia il paragone fra Berlusconi e un qualsiasi altro politico. Se, a tuo avviso, parlo in maniera semplicistica tu non stai facendo nessun paragone fra berlusconi e altri politici, alla stessa maniera del FT.


Non voglio polemizzare. Vorrei solo dire quello che penso e che so già in partenza che è una posizione criticabile... ma quale idea non lo é?
In questo degrado dell'amministrazione che ci governa dal dopoguerra ad oggi si sono visti tutti gli aspetti del malaffare. Poi però ci sono stati anche degli eroi che hanno cercato di arginare tali degradi... almeno in parte. Alcuni li conosciamo (ad es.Falcone e Borsellino) altri sono rimasti dietro una scrivania. Spesso c'hanno lasciato la pelle. A volte mi chiedo se gli eroi per essere tali devono essere ammazzati. Beh, quando leggo delle vicissitudini di De Magistris che ha messo il dito nella piaga e invece di essere ucciso è stato forzatamente allontanato, penso che qualche barlume di verità tra un mare di merda c'è. Non credo che ci dispiaccia vedere la Gabanelli, Non credo che le inchieste di RaiNews24 facciano parte del sistema corrotto. Non credo che il De Magistris di turno faccia parte del sistema corrotto. Lui che lo ha combattutto. Se per caso ce lo ha solo fatto credere verrà fuori. Per questo al momento non c'è paragone che tenga tra un Cavaliere qualsiasi e un De Magistris a caso.
Ora una critica. Il Dott.De Magistris quando fu al centro dell'uragano lo abbiamo sostenuto in molti. Abbiamo pensato che fosse nel giusto a fare quello che faceva combattendo contro un drago 1000 volte più potente di lui per portare alla luce quel meccanismo perverso che portava parte delle nostre tasse in Europa che ritornavano al sud Italia e che venivano spartite tra i soliti ignoti. Ora che ci chiede il voto per cercare di far qualcosa di buono pensiamo che solo perchè mette la faccia su di un volantino e si schiera come indipendente tra le fila dell'IDV sia passato "on the other side"? La mia convinzione è che stia usando il sistema che c'è per poterlo cambiare. Io credo che gli si debba dare una possibilità. Tutto qui. La valutazione sul suo operato, come abbiamo già ampiamente fatto con altri onorevoli, facciamola dopo. Questo non vuol dire che credo ciecamente a De Magistris e a quelli come lui. Guardo i fatti e giudico gli amministratori per quello che fanno e non per il loro cognome. La verità dovrebbe determinare il voto e non il contrario.
Se uno ha una soluzione migliore la proponga. E non parlate di rivoluzione. La rivoluzione necessita di una maturità nella coscienza che in Italia non esiste. Agli italiani piacciono i pacchi, il pallone, il grande fratello...

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. Nikola Tesla
Lezik85
Inviato: 1/6/2009 13:34  Aggiornato: 1/6/2009 13:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:
la mia convinzione è che stia usando il sistema che c'è per poterlo cambiare


Chi dice di combattere la dittatura dall'interno è già complice (S. Allende)

cnj
Inviato: 1/6/2009 14:25  Aggiornato: 1/6/2009 14:25
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da: Romagna
Inviati: 795
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:
Autore: Lezik85 Inviato: 1/6/2009 13:34:56 Citazione: la mia convinzione è che stia usando il sistema che c'è per poterlo cambiare


Questa frase, erroneamente attribuita a Salvador Allende, è invenzione di Daniele Luttazzi, che gliela fa pronunciare in un suo racconto.

Daniele Luttazzi è quello che ha usato la TV del sistema (LA7) per cambiare il sistema. Ma siccome il sistema è stato più furbo, Luttazzi è stato cacciato. Così noi non lo vediamo più (in TV) e un altro virus che poteva demolire il sistema (marcio) è uscito dal suo corpo. Il sistema è contento e noi siamo messi esattamente come prima con un po' di consapevolezza in più.
Morale della favola. Non è che non si possa attaccare il sistema dal suo interno. Bisogna solo essere un po' più furbi di lui.

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. Nikola Tesla
Pispax
Inviato: 1/6/2009 14:44  Aggiornato: 1/6/2009 14:59
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Dove il premier non governa l'informazione gli articoli si stanno facendo scottanti.

TIMES:

CADE LA MASCHERA DEL CLOWN


DOVERE PUBBLICO E VENDETTA PRIVATA
(in particolare in questo si dice che la campagna mediatica su noemi, veronica e tutto il circo collegato sono orchestrate per distrarre l'opinione pubblica italiana dal fatto che la gente sta morendo di fame)


Tralascio di riportare l'articolo di Liberation, che quello è un complotto della sinistra


EDIT:
Mi ero dimenticato di questo:

GLI ALLEATI DI BERLUSCONI METTONO NEL MIRINO LA MOGLIE
E' del Daily Telegraph.

hendrix
Inviato: 1/6/2009 15:39  Aggiornato: 1/6/2009 15:39
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole


L'insostenibile leggerezza delle parole ...

Lezik85
Inviato: 1/6/2009 17:24  Aggiornato: 1/6/2009 17:24
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:
Non è che non si possa attaccare il sistema dal suo interno. Bisogna solo essere un po' più furbi di lui.


Non metto in dubbio la moralità e l'onestà di De Magistris, sono solo perplesso che scenda in politica. E soprattutto nella lista in cui accadono queste cose:

<<Giulietto Chiesa candidato alle Europee. Ma in Lettonia. L' eurodeputato Pse, eletto nel 2004 nella lista Occhetto-Di Pietro, sarà in corsa nella repubblica baltica.

COS'E' UNA FUGA DALL'ITALIA?

In un certo senso. Non mi riconosco in alcun partito, non certo nella destra berlusconiana, ma neanche in quelli che tentano di fargli opposizione. Vivo un grande disagio

PARLA IL RUSSO D'ACCORDO.MA BASTA QUELLO PER CORRERE A RIGA?

Il mio film sull' 11 settembre, "Zero", ha spopolato in tutti i paesi di lingua russa, nonostante il silenzio in Italia. La candidatura mi permetterà di sollevare il caso sulle 350 mila persone delle minoranze rom, russa, ebrea, che vivono da emarginati in Lettonia. Me lo ha proposto l' unica eurodeputata di lingua russa, la lettone Tatiana Zhanoka

PREVEDE DI ESSERE ELETTO?

No, ma sarà una bella operazione per una causa nobile

CINQUE ANNI FA CON DI PIETRO.NON SI IDENTIFICA NELL'IDV?

Mai più nella mia vita con quel personaggio. La lista era Occhetto-Di Pietro, ma si è portato via l' intero finanziamento pubblico, costringendoci a fare tutta la legislatura senza alcun sostegno. Non ci eravamo accorti di aver firmato, con l' accettazione della candidatura, una clausola con cui rinunciavamo ai soldi. Quando l' ho denunciato mi ha fatto causa per 250 mila euro. Ovviamente ha perso.>>

ed anche:

La nostra bandiera non è Di Pietro

In quanto a furbizia ne ha persa già tanta per iscriversi a questo partito. Anch'io all'inizio avrei voluto votare, ma credo che inizierò il mio digiuno elettorale.

cnj
Inviato: 1/6/2009 19:14  Aggiornato: 1/6/2009 19:14
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da: Romagna
Inviati: 795
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. Nikola Tesla
ivan
Inviato: 1/6/2009 19:40  Aggiornato: 1/6/2009 19:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Intanto in terra di Bari:

Citazione:


BARI: ARRESTATO MANIFESTANTE ANTI-BERLUSCONI
RESISTENZA E LESIONI A PUBBLICO UFFICIALE, FALSE GENERALITÀ, VILIPENDIO AD UNA CARICA COSTITUZIONALE.
SONO LE ACCUSE CONTRO PASQUALE TRICARICO, L'ALTAMURANO DI 35 ANNI CHE DOMENICA ERA TRA I PIÙ ACCESI MANIFESTANTI ANTI-BERLUSCONI.
È STATO ARRESTATO DALLA SQUADRA MOBILE: SECONDO LA RICOSTRUZIONE DELLA POLIZIA TRICARICO HA CERCATO DI AVVICINARSI AL PREMIER MENTRE ENTRAVA NELL'ALBERGO, E LO HA APOSTROFATO PESANTEMENTE.
I POLIZIOTTI LO HANNO ALLONTANATO E CARICATO IN AUTO.
NEL BREVE PERCORSO IL 35ENNE AVREBBE TENTATO LA FUGA E A QUESTO PUNTO C'È STATA UNA COLLUTTAZIONE CON DUE AGENTI.
SULLA VICENDA I DUE PARLAMENTARI DEL PD, DARIO GINEFRA E CINZIA CAPANO, HANNO CHIESTO DI FAR CHIAREZZA.
MA C'È ANCHE UN'ALTRA QUESTIONE POSTA DAI PARLAMENTARI DI SINISTRA: È STATO ACCOMPAGNATO IN QUESTURA UN INGEGNERE DI 35 ANNI, CHE STAVA FILMANDO LA SCENA IN CUI I POLIZIOTTI BLOCCAVANO L'ALTAMURANO.
SECONDO L'INGEGNERE IL FILMATO SAREBBE STATO CANCELLATO.
LA POLIZIA GARANTISCE CHE - DOPO ESSERE STATO VISIONATO - È STATO RESTITUITO.




Da Telenorba: link

Red_Knight
Inviato: 1/6/2009 19:48  Aggiornato: 1/6/2009 19:48
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
@redna

Citazione:
aspetto sempre che tu faccia il paragone fra Berlusconi e un qualsiasi altro politico.


Va bene l'odiatissimo Craxi? Ma ti posso citare anche Hitler e Stalin. Tra una deportazione e l'altra, anche questi due qualcosa per il loro paese l'hanno fatta.

Citazione:
Per il resto gli insulti li considero solo una momentanea mancanza di classe.


Perdonami, ti stai rivolgendo a me? Perché non vedo alcun insulto nel mio intervento... ma se ti ho offesa ti prego di scusarmi e soprattutto di farmelo notare.

Citazione:
Non mi interessa una cippa di berlusconi, è solo che le parole HANNO UN PESO e a te, a quanto pare, non ti interessa.


Senza polemica: non so a cosa ti stia riferendo di preciso,

Citazione:
E sai che cosa me ne importa di sapere che Commodo ribbatezzò Roma?


Ehy, scusa, non parlo più. Non era mia intenzione annoiarti.

hendrix
Inviato: 1/6/2009 20:14  Aggiornato: 1/6/2009 20:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Dalla Spagna ci fanno sapere che Berlusconi consiglia alle vittime del terremoto di “comprare da Ikea”

... “Vadano lì e comprino i loro mobili da Ikea”, ha detto Berlusconi. “Lì si possono comprare tutti i mobili per la casa con pochi soldi”, ha aggiunto. Il capo del governo ha trovato una soluzione persino per questo tipo di spesa: “Noi potremmo restituirgli i soldi, potremmo...

redna
Inviato: 1/6/2009 20:14  Aggiornato: 1/6/2009 20:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:
Va bene l'odiatissimo Craxi? Ma ti posso citare anche Hitler e Stalin. Tra una deportazione e l'altra, anche questi due qualcosa per il loro paese l'hanno fatta.


penso che il FT si riferisse ad amministratori italiani. Non è specificato ma
mi pare sia questo che vuole dire il quotidiano...


Citazione:
Senza polemica: non so a cosa ti stia riferendo di preciso,

stavo solo pensando a cosa avrebbe voluto dire il FT...e tantomeno perchè ha dichiarato ...dal 1945 non c'è stato amminstratore peggiore.
Forse il FT ce lo dirà nella prossima puntata?


Citazione:
Perdonami, ti stai rivolgendo a me? Perché non vedo alcun insulto nel mio intervento... ma se ti ho offesa ti prego di scusarmi e soprattutto di farmelo notare.


Citazione:
Ci devi mettere veramente tanto impegno per far cagare in maniera così plateale.

questa era la frase a cui mi riferivo.Forse c'è qualche errore di grammatica? Non è escluso che sia stata io a capire male

PS-magari tutti annoiassero come te Red K...magari

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Red_Knight
Inviato: 1/6/2009 20:36  Aggiornato: 1/6/2009 20:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Redna Redna Redna perdono! Era un generico tu impersonale (tu, eventuale politico, ci devi mettere veramente tanto impegno per far cagare in maniera così plateale, ovvero come Berlusconi), scusa, sono io che non ho pensato che potesse essere un sardismo (colgo l'occasione per chiederlo: lo è? Io l'ho sempre usato)!

Di nuovo le mie scuse! Figurati se mi permetto di parlarti così!

Tornando alla nostra discussione: io mi riferivo in generale al fatto che, per quanto farabutto uno possa essere, quando non ha nessun motivo particolare per essere nocivo qualcosa di buono la fa. Comunque fra gli italiani ho citato Craxi... e anche se adesso non mi viene effettivamente nulla in mente penso che perfino Andreotti e Cossiga qualcosa l'abbiano combinata.

Per quanto riguarda la faccenda del '45, allora cosa pensi che significhi quella data precisa, per il Financial?

Lezik85
Inviato: 1/6/2009 20:54  Aggiornato: 1/6/2009 20:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Ecco come Berlusconi vuole creare le centrali nucleari:

Citazione:
Il Premier Berlusconi, pochi ore fa al termine dell’assemblea annuale di Confesercenti dichiara sul nucleare:

"Sul nucleare non c’e’ tempo da perdere. Prenderemo delle decisioni assennate e, una volta che saranno prese da istituzioni democraticamente elette e con metodo democratico, anche qui dovremo usare l’esercito per la costruzione delle centrali nelle zone che verranno scelte."

E ha aggiunto:

"Paghiamo il 30% in più di energia rispetto alla media dei Paesi europei e il 50% in più rispetto ai costi della Francia che ha le centrali e che tra l’altro sono posizionate in modo che se dovesse succedere qualcosa a pagarne le conseguenze saremmo noi. Questo però non succede visto le tecniche avanzate con cui si costruiscono."

Ma noi sappiamo che l’inceneritore di Acerra non è ancora partito, che l’emergenza rifiuti in Campania non è mai finita e che le centrali nucleari francesi non sono poi così sicure.


qui il link del sito: ecoblog.it

ivan
Inviato: 1/6/2009 22:17  Aggiornato: 1/6/2009 22:19
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
La semplice verità sulle centrali nucleari spiegata da Beppe Grillo in suo comizio a Bari tempo fa:

link video

ivan
Inviato: 1/6/2009 23:01  Aggiornato: 1/6/2009 23:01
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
A proposito dell'insostenibile leggerezza delle parole, dice qui link repubblica :

Citazione:


Il presidente del Consiglio, in una nota, attacca la sinistra che, dice, "mistifica la realtà e tenta di addossare la responsabilità della crisi economico-finanziaria dell'Azienda per la raccolta dei rifiuti all'amministrazione comunale di Palermo". "La verità - sostiene Berlusconi - è che l'ex sindaco Orlando e la sinistra hanno lasciato in eredità al sindaco Cammarata un enorme bacino di precari, oltre 7.000 persone, e Cammarata ha dovuto assumersi l'onere di una stabilizzazione costosa per le casse comunali
...






Dice però qui http://it.wikipedia.org/wiki/Sindaci_di_Palermo

Citazione:


Dicembre 1993 Dicembre 2000 Leoluca Orlando Sindaco
Dicembre 2000 Dicembre 2001 Guglielmo Serio Commissario
Dicembre 2001 Maggio 2007 Diego Cammarata Sindaco
Maggio 2007 Diego Cammarata




Acc .. son passati piu' di 8 anni e la colpa è ancora di Orlando ?

viko
Inviato: 2/6/2009 3:41  Aggiornato: 2/6/2009 3:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/10/2007
Da: Bari
Inviati: 37
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Il battage mediatico più che danneggiarlo lo avvantaggia e devia l'attenzione del pubblico dal caso Mills... se non schiatta di suo ce lo troveremo tra le palle per parecchio ancora...
Dovrebbe essere già in gattabuia a pane ed acqua ed invece saltella felice e giulivo dietro alle gonnelline al vento.
Il comune cittadino al contrario rischia fino a 4 anni di carcere se scarica mp3 e video "illegalmente"...
ti adoro mondo!

O.T. da vedere assolutamente:
L'Inganno di Obama, di Alex Jones
http://www.youtube.com/watch?v=36siys9crfI

ivan
Inviato: 2/6/2009 8:13  Aggiornato: 2/6/2009 9:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
"Il comune cittadino al contrario rischia..."

Basta cambiare le leggi ed il gioco è fatto.
Da Il Messaggero link

Citazione:


Voli di Stato, ecco la direttiva che nel 2008 abolì il giro di vite di Prodi.

I voli di Stato sono regolati da una direttiva del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, emanata il 25 luglio del 2008, con la quale venivano abolite tre precedenti direttive, emanate da Romano Prodi tra settembre 2007 e gennaio 2008, che introducevano un giro di vite sui passeggeri degli "aerei blu".

...

Con Prodi costi scesi da 51 a 28 milioni. Nelle direttive Prodi si limitava l'utilizzo del volo di Stato solo ai componenti della delegazione indicata nella richiesta a palazzo Chigi. Si prevedeva anche che i cronisti al seguito dovessero pagare un biglietto. Ed i costi dei voli di Stato erano scesi, secondo quanto comunicato nella passata legislatura, dai 51 milioni di euro del 2005 a 28 milioni nel 2007.



Quoto: "ti adoro mondo!"

Vediamo che dicono oltremanica:



link

Citazione:

..

Michael Bynyon, che pensa degli ultimi sviluppi della Berlusconi-story?
"Penso che Repubblica stia facendo un lavoro magnifico. Ed è piuttosto sorprendente, per un osservatore straniero, che vi siano così scarse critiche di Berlusconi, sugli altri media italiani. Naturalmente la ragione è nota: Berlusconi controlla o almeno influenza, direttamente o indirettamente, gran parte dei media italiani, a cominciare dalle tv. Ma è un triste spettacolo, per un giornalista libero, assistere a un tale servilismo verso il potere da parte di altri giornalisti".

Che cosa sarebbe accaduto, secondo lei, se uno scandalo simile fosse scoppiato qui, nel Regno Unito?
"Se si sospettasse che il primo ministro ha una relazione con una 18enne a cui promette dei favori, e sua moglie affermasse che va con minorenni, e il premier in questione fornisse di continuo versioni contraddittorie sull'accaduto, tutti i media nazionali gli starebbero addosso 24 ore su 24. Dovrebbe dimettersi nel giro di settimane".

...


redna
Inviato: 2/6/2009 10:54  Aggiornato: 2/6/2009 11:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Nessuno parla ancora dei VOLI DI STATO .....

Noi non sappiamo chi sono. Auto blu, vetri scuri. Arrivano fin sotto la pancia dell’aereo e spariscono all’interno..». Il soldatino che incontriamo a Ciampino, non sa di più e non può sapere. Qui, al 31° stormo, si fanno poche domande. I Vip sono di casa: capi di stato, presidenti, generali ed emissari che partono per missioni riservate. Da qualche tempo il via vai è diventato frenetico. Il ministro della Difesa La Russa parte quasi tutti i giorni: il 15 maggio è a La Spezia, il 19 si reca in visita al 6° stormo, il 22 va alla festa degli Alpini a Pinerolo, il 25 a Pisa e Grosseto, il 26 a Cameri e così via.

Gli impegni del ministro, guardacaso, gli impegni del ministro sono tutti concentrati nell’Italia nord-occidentale dove La Russa, unico ministro candidato alle europee nel Pdl, figura al secondo posto nella lista subito dopo Berlusconi. La Russa è infatti un ministro «double face». Nelle basi dell’Aeronautica militare che ha recentemente visitato (Grosseto, Cameri, Ghedi) si trattiene «mezz’ora», stringe una decina di mani e poi, messi da parte i panni di responsabile della Difesa, si trasforma nel candidato Pdl e si immerge in vorticosi tour elettorali. Quando ad esempio è andato a Pinerolo ha poi raggiunto Alessandria (120 chilometri) per sostenere la candidatura di un esponente locale del Pdl alle provinciali. I voli di stato insomma servono per trasportare il ministro-candidato nel suo collegio elettorale.

Ma La Russa non ha il monopolio. Anzi, da quando, nell’agosto del 2008, il governo ha posto fine alle restrizioni imposte dal governo Prodi (che avevano ridotto le spese) e deciso il «tutti a bordo», è iniziata la caccia al posto negli aerei di Stato. Nel primo quadrimestre del 2009 i voli degli aerei di stato sono triplicati rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Si è così passati dalle 150 ore dei primi quattro mesi del 2008 alle quasi 500 ore di volo del 2009. «Il centrodestra batte il centrosinistra 3-1» scherza un addetto ai lavori. Nei suoi suoi uffici di piazza San Silvestro, a due passi da palazzo Chigi, un ufficiale dell’Aeronautica in congedo, il colonnello Di Cometo, smista le sempre più frequenti richieste di ministri e non solo.

È lui che compila le liste che il comandante dell’aereo conosce solo all’ultimo minuto. «Arriva un fax con la lista dei nomi, ma - dicono gli addetti ai lavori - noi sappiamo solo che c’è, per fare un esempio, “Schifani più dieci”, non si specifica la qualifica e la ragione della presenza di quelle persone». Se la magistratura tenterà di accertare se sulla flotta di stato sono salite anche le partecipanti alle feste di villa Certosa non sarà difficile scoprire la verità.

Ogni volo «lascia tre tracce», tutto è registrato sul libretto dell’aereo e nella torri controllo. La flotta di stato comprende cinque aerei Falcon 900, due Falcon 50, due elicotteri Sh3D e 3 Airbus A319J, che possono portare tra i 30 e i 50 passeggeri.

02 giugno 2009
Il ministro della difesa non sapeva nulla dei voli di aerei militari che portavano i nani e le ballerine a far baldoria in Sardegna?
Non è irrilevante che sono proprio i cittadini a pagare le festicciole, del tutto ignari dello sperpero di denaro pubblico in questo momento di crisi.

***
Red K...per quanto riguarda il 1945 penso che il FT si riferisse al periodo
in cui si sono succeduti Bononi, Parri e poi De Gasperi.
Erano governi di transizione prima di arrivare al referendum fra monarchia e repubblica.

EDIT

http://www.repubblica.it/2009/05/sezioni/politica/berlusconi-divorzio-4/trplicati-voli/trplicati-voli.html

Nel confronto dei primi 4 mesi del 2008 e quelli del 2009 - denuncia Roberta Pinotti, responsabile Difesa del Pd - il numero dei voli di stato è quasi triplicato: da 150 ore di volo mensili si è passati a 400".

Il trasporto di Stato è a disposizione delle più alte cariche: presidenti della Repubblica, della Camera, del Senato, presidente del Consiglio e della Corte Costituzionale. In più, gli ex presidenti della Repubblica. Nel 2007, dopo la polemica nata dall'utilizzo di un aereo di Stato per raggiungere il Gran Premio di Monza da parte degli allora ministri Francesco Rutelli e Clemente Mastella, ai "voli blu" era stata impressa un'ulteriore stretta, con l'esclusione di ministri, viceministri, sottosegretari, dirottati su aerei di linea. Con quelle misure di austerity, le ore di volo dal 2005 al 2007 avevano registrato una riduzione del 45 per cento, i costi erano scesi da 50 milioni di euro a 28.

Ad autorizzare i decolli era, con il precedente governo, l'Ufficio Voli di Stato che si trova alla presidenza del Consiglio, attraverso il segretario generale, previa la firma del sottosegretario delegato Enrico Micheli. Oggi l'ufficio è lo stesso, e la delega è stata assegnata a Gianni Letta.

Oggi, però, il regime per l'uso dei voli di Stato è cambiato. Il 25 luglio 2008 una direttiva del presidente del Consiglio abroga il giro di vite disposto dal suo predecessore e disciplina un nuovo regolamento. Estendendo l'ingresso agli aerei dell'Aeronautica militare pressoché a chiunque. L'ampliamento è talmente discrezionale che il Codacons, una delle associazioni di consumatori, ha fatto ricorso al Tar. Il Tribunale amministrativo ha respinto l'annullamento per motivi d'urgenza, riservandosi di decidere nel merito.

La svolta di Berlusconi sui voli di Stato è nel comma due dell'articolo 5, che modifica radicalmente la normativa rispetto al governo Prodi. Il titolo è "Ammissione a bordo degli aeromobili di Stato". Con questa norma si autorizza a salire sugli aerei militari "personale estraneo alla delegazione", ma accreditato su indicazione dell'Autorità "anche in relazione alla natura del viaggio, al rango rivestito dalle Personalità trasportate alle esigenze protocollari ed alle consuetudini, anche di carattere internazionale".

Questa modifica, secondo il presidente Codacons Carlo Rienzi, "permette un uso discrezionale sui modi d'uso degli aeromobili di Stato".

Qualcuno sa che il 25 luglio 2008 è stato fatto un nuovo regolamento? I giornali ne hanno parlato, forse?

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
ivan
Inviato: 2/6/2009 12:27  Aggiornato: 2/6/2009 12:35
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:


Gli impegni del ministro, guardacaso, gli impegni del ministro sono tutti concentrati nell’Italia nord-occidentale dove La Russa, unico ministro candidato alle europee nel Pdl, figura al secondo posto nella lista subito dopo Berlusconi. La Russa è infatti un ministro «double face». Nelle basi dell’Aeronautica militare che ha recentemente visitato (Grosseto, Cameri, Ghedi) si trattiene «mezz’ora», stringe una decina di mani e poi, messi da parte i panni di responsabile della Difesa, si trasforma nel candidato Pdl e si immerge in vorticosi tour elettorali. Quando ad esempio è andato a Pinerolo ha poi raggiunto Alessandria (120 chilometri) per sostenere la candidatura di un esponente locale del Pdl alle provinciali. I voli di stato insomma servono per trasportare il ministro-candidato nel suo collegio elettorale.




Nulla di nuovo sotto il sole.

Anni fa conobbi un militante di un partito della prima repubblica; era segretario citatdino e mi diceva che l'allora ministro della difesa, che era del suo partito, voleva venire a fare un comizio politico e che sarebbe arrivato quanto prima a bordo di un elicottero con l'occcasione che c'era stata un'importante festa nazionale. Non ci voleva molto ad imamggianre con che elicottero sarebbe arrivato l'allora ministro per fare il suo tour elettorale.

Nel contempo il tipo si lamentva che il governo, di cui ministro faceva parte, di cui il suo partito faceva parte, aveva abolito parzialmente gli assegni familiari .

Cambiano i tempi ma le situazioni son sempre le stesse: il conto va sempre verso il basso della scala sociale, i privilegi, le comodità e il resto sublimano sempre verso l'alto.

La nota stonata inqueste storie è sempre la stessa: l'opposizione.
Perchè l'opposizione non inchioda costoro sotto il peso delle loro responsabilità ? Perchè non pianta grane in parlamento ? Perchè non tappezza i muri di mezzo pease con filippiche moralizzatrici ?

ivan
Inviato: 2/6/2009 13:03  Aggiornato: 2/6/2009 13:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Da La stampa:


link articolo

Citazione:


I settecento scatti che molti italiani vorrebbero vedere e per i quali, ormai da giorni, la politica è in fibrillazione, raccontano la vita quotidiana di Villa Certosa, fatta di ospiti anche internazionali, di tantissime belle ragazze, di militari in tuta mimetica che proteggono la villa e i suoi abitanti.

...

Quelli del 31, che immortalano l’allora premier ceco Mirek Topolanek ai bordi della piscina. Prende il sole come mamma l’ha fatto. Sdraiato su un lettino, mentre cammina o parla al telefono ...

...

. C’è la donna con un cappotto rosso, guardata a vista da un mammasantissima armato di kalashnikov.

...

Foto innocenti, nessuna immagine «peccaminosa»

...




Non so, forse non ho letto bene ... "Foto innocenti, nessuna immagine «peccaminosa»"

L'articolo del giornale dice che c'era uno il kalashnikov, non con l'arma d'ordinaza della nostra gendarmeria , che c'era uno vestito come mamma l'ha fatto e lo stesso articolo dice "Foto innocenti, nessuna immagine «peccaminosa»"

Devo andare un attimo a riguradarmi sul vocabolario i termini " innocente" e "peccaminoso", forse non riesco a stare al passo coi tempi ...

Allora, da www.etimo .it











...

Non leggo ancora bene, devo provare con un vocabolario piu' nuovo ...

hendrix
Inviato: 2/6/2009 13:14  Aggiornato: 2/6/2009 13:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole


Ho messo insieme diversi articoli da cui sembrerebbe che tra le trame della recente riunione del Bilderberg Group in Grecia, dal 14 al 17 maggio, potrebbe esserci la prossima, imminente caduta del governo Berlusconi.

Per quali motivi?
Lucia Annunziata, che non crede ai complotti, scrive sulla Stampa:

" ... Non sarà sfuggito a molti che in queste ultime settimane alcuni quotidiani italiani riportano voci che il nostro governo teme un «complotto» appunto, che nasce negli Usa e nel mondo anglosassone in generale. E di cui i numerosi attacchi di vari quotidiani stranieri potrebbero essere, si dice, uno specchio.
Il complotto è un’ombra che tradizionalmente si avverte nella politica italiana. Vi hanno fatto ricorso Andreotti e ambienti socialisti per Mani Pulite. La sinistra vi ha attinto a piene mani per molti dei suoi problemi. Oggi però pare rispuntare anche dentro il centrodestra, sostenendo che a ledere il rapporto fra Usa e Italia sia l’eccessiva vicinanza dell’attuale premier Silvio Berlusconi al premier russo Putin. " "

E poi:
" Nei primi fatidici cento giorni l’Italia non è stata mai inclusa in nessuna delle visite ufficiali, né del Presidente Obama, né del segretario di Stato americano. "

Vado su ripensaremarx:

" ... E visto che il governo italiano è visto a Washington come la testa di ponte mediterranea della Russia di Vladimir Putin e Dmitry Medvedev, la quale oggi è ai ferri corti con gli Stati Uniti tanto quanto lo era ai tempi di George W. Bush, la voglia di tirare le somme e dire che per la Casa Bianca (e per il “circolo Bilderberg”) Berlusconi è un ostacolo da rimuovere, è forte.

... ciò che sta creando problemi agli Stati Uniti non è la Fiat, come qualcuno potrebbe pensare, ma la politica estera ed energetica italiana.

... la preoccupazione per l’amministrazione americana è il recente accordo fra Eni e Gazprom; in base a tale accordo la portata del gasdotto South Stream sarà aumentato da 31 miliardi di metri cubi l’anno a 63 miliardi, quanto basta, in teoria, per fornire all’Italia i quattro quinti del suo fabbisogno di metano.
L’enorme infrastruttura minaccia seriamente di uccidere il gasdotto rivale, ancore in fase di progettazione, Nabucco, fortemente voluto e sponsorizzato proprio dagli USA, ma in chiave del tutto anti-russa; difatti farebbe arrivare in Europa il gas di Turkmenistan, Kazakistan e paesi vicini attraverso l’Ucraina, scavalcando la Russia stessa, e ciò porterebbe ad un significativo ridimensionamento del peso politico di quest’ultima sull’intera Europa. "

E infine da Cossiga un ulteriore conferma: HO SPIEGATO AL PREMIER L'INTRIGO CONTRO DI LUI

" ... La principale riguarda l`evidente asse politico che lega Berlusconi a Putin e l`accordo miliardario appena sottoscritto dall`Eni con Gazprom per la costruzione di un colossale gasdotto che approvvigionerà l`Italia e l`Europa».

Iniziativa che intacca gli interessi americani? «Sì, perché rafforza Putin e penalizza fortemente il gasdotto che passa per l`Ucraina, sul quale gli Stati Uniti hanno una sorta di egemonia di fatto». "

. . . . .

Penso che qualcosa di grosso sta per accadere ...

redna
Inviato: 2/6/2009 14:34  Aggiornato: 2/6/2009 17:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
http://www.repubblica.it/2009/06/sezioni/politica/berlusconi-divorzio-5/replica-times/replica-times.html


Che cosa sarebbe accaduto, secondo lei, se uno scandalo simile fosse scoppiato qui, nel Regno Unito?
"Se si sospettasse che il primo ministro ha una relazione con una 18enne a cui promette dei favori, e sua moglie affermasse che va con minorenni, e il premier in questione fornisse di continuo versioni contraddittorie sull'accaduto, tutti i media nazionali gli starebbero addosso 24 ore su 24. Dovrebbe dimettersi nel giro di settimane".

Berlusconi dice che i vostri editoriali, critici nei suoi confronti, sono ispirati dalla sinistra italiana.
"Un'accusa insensata, ridicola. Sostenere che c'è una cospirazione, dietro i nostri articoli, è infantile. Una cospirazione della sinistra italiana, poi: e come farebbe, la sinistra italiana, a far scrivere quel che vuole al Times di Londra? Noi non scriviamo per fare piaceri a questo o a quello. Scriviamo quando vediamo una notizia. E il premier dei uno dei maggiori paesi d'Europa, membro della Nato, presidente di turno del G8, che si mette nei guai con le donne e poi dice cose chiaramente non vere su com'è andata, è una notizia, la che vedrebbe anche un cieco".

E la sua iniziativa per bloccare la pubblicazione delle 700 fote scattate alla festa nella sua villa in Sardegna?
"Difendere la privacy, in assoluto, è giusto. Ma in questo caso, se Berlusconi volesse mettere a tacere ogni sospetto, direbbe: pubblicatele. Non facendolo, contribuisce a lasciar credere che in quelle foto ci sia qualcosa da nascondere".

Magari gli italiani pensano che mentire su relazioni extraconiugali è lecito.
"Può darsi, ma la menzogna non può cambiare di continuo, dev'essere credibile. E le cose che dice Berlusconi non lo sono. Senza contare che la menzogna di un leader politico, per qualunque ragione, è imperdonabile. Ovunque. Anche in Italia".
(2 giugno 2009)


Bisogna che siano gli inglesi a dirci che la menzongna dovrebbe, almeno, essere credibile.?
Arrivati a questo punto Berlusconi non è considerato nemmeno capace di ...mentire! (dagli inglesi...poi) e che avrebbe già dovuto da tempo dare le dimissioni (già....ma perchè Berlusconi NON lo fa? ...E'veramente Berlusconi che non vuole dimettersi? ....)

.....e la corte del re, che fa?

Più pericolosi della kriptonite, più micidiali delle toghe rosse, più deleteri di un avviso di garanzia. I solerti amici, sodali e dipendenti che corrono alla difesa di Silvio Berlusconi rischiano di rappresentare un vero pericolo per papi: troppo zelo sconfina nel ridicolo.
Così, lo spettacolo di un premier che annaspa, costretto ad andare in tivù a dire «non frequento minorenni», è se possibile reso ancor più grottesco dalle voci di contorno. Per la fantasia, per l'impegno, per la creatività di questi difensori bisognerà presto inventare targhe, coppe, medaglie, tutte in bronzo, come le facce.

Nomination sicura per Carlo Rossella, per esempio, l'irresistibile dandy che pur di difendere il suo principale ridisegna il vocabolario: «Non userei la parola minorenne a vanvera... È un termine vecchio. Semmai, direi che la ragazza di cui si sparla aveva meno di 18 anni...». Magistrale, inarrivabile, genio puro che ci conduce al concetto di «diversamente maggiorenne». Pregevole anche Mara Carfagna, la signorina che per pura irrisione della carica papi Silvio ha voluto mettere al ministero delle Pari Opportunità. Eccola prendere carta e penna e descrivere il Parlamento popolato da «personaggi condannati per banda armata e concorso in omicidio, facinorosi violenti, condannati per detenzione e fabbricazione di ordigni esplosivi». E in questo caravanserraglio di delinquenza ve la volete prendere con «...un leader mai prepotente o arrogante, consapevole di una innata capacità seduttiva che ha usato a fini di ricerca del consenso e non per scopi morbosi»? Una buona domanda, da aggiungere forse alle famose dieci. Ma sapete com'è, una domanda tira l'altra. E già che ci siamo con le domande: si può sapere perché il presidente del Consiglio rincorre a suon di carte bollate certe foto di certe feste che non vuole veder finire sui giornali, sempre con il codazzo di avvocati e dipendenti zelanti di complemento? Che c'è in quelle foto che gli italiani non possono vedere? E quale dei solerti dipendenti ce lo spiegherà, domani, facendo l'ennesimo autogol?

Alessandro Robecchi
Fonte: www.ilmanifesto.it/il
Link: http://www.ilmanifesto.it/il-manifesto/in-edicola/numero/20090531/pagina/01/pezzo/251159/
31.05.2009

....tipico esempio di come la corte possa essere anche peggiore dello stesso re.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Lezik85
Inviato: 2/6/2009 15:33  Aggiornato: 2/6/2009 15:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:
Perchè l'opposizione non inchioda costoro sotto il peso delle loro responsabilità ? Perchè non pianta grane in parlamento ? Perchè non tappezza i muri di mezzo pease con filippiche moralizzatrici ?


Un argomento su cui attaccare può essere questo, ad esempio:


<< Soldi ai caccia o all'Abruzzo?

No F-35. Mentre a Roma si celebra la Repubblica con la parata militare, parte alle 15 dalla stazione di Novara la manifestazione nazionale contro il progetto Jsf che prevede l’assemblaggio nel vicino aeroporto di Cameri dei super cacciabombardieri Usa, targati Lockheed Martin. L’Italia ha già deciso di partecipare all’affare come partner di secondo livello. Significa che spenderà 600 milioni per costruire lo stabilimento a Cameri e 12,8 miliardi in rate da un miliardo l’anno, fino al 2026, per acquistare 131 cacciabombardieri. Alla faccia della crisi e dei terremotati dell’Abruzzo.

Per questo si tratta di una protesta che non riguarda solo Novara, ma tutti gli italiani. Prima di tutto perché è sinceramente pacifista: gli F-35 sono cacciabombardieri concepiti per attaccare paesi lontani. Perché è un esempio di sudditasnza tecnologica, militare e politica agli Usa. E perché è un enorme spreco di risorse pubbliche. L'affare F-35 occuperà al massimo 600 persone, con quella somma spropositata si potrebbero creare migliaia di posti di lavoro, per esempio evitare di tagliare le maestre nelle scuole. La Cgil però non ci sarà. Al corteo hanno invece aderito decine di associazioni, alcune forze della sinistra locale. Ci sarà il presidio No Dal Molin di Vicenza e gruppi della rete antiG-8. Naturalmente non c'è il Pd: il progetto è stato votato e approvato a partire dal 1996 sia dai governi di centrodestra che di centrosinistra.

I fabbricanti di armi non conoscono crisi. Nel 2008 le industrie armiere italiane hanno venduto per 4 miliardi e 285 milioni di euro, un vero e proprio boom che ha triplicato gli incassi: il volume d’affari è aumentato del 222%. Lo dice il rapporto sulla esportazione di armamenti della presidenza del Consiglio. Il maggior acquirente è la Turchia con oltre un miliardo di euro (per acquistare elicotteri Augusta «per ricognizione tattica e attacco»), al secondo posto la Gran Bretagna con 254 milioni di euro. Gli «imprenditori» italiani non fanno distinzioni, tra i nostri clienti ci sono Cina, India e il Pakistan, Kosovo e Serbia, Kuwait, Siria e Israele. Secondo i dati del Sipri Yearbook 2008, dopo la «crisi» post caduta del muro di Berlino, la spesa militare negli ultimi dieci anni è salita del 45%, con 1214 miliardi di dollari rappresenta il 2,5% del pil mondiale (da 184 a 202 dollari per ogni essere umano). I più spendaccioni sono gli Usa che con 547 miliardi di investimenti hanno raggiunto la maggior spesa bellica dai tempi della II guerra mondiale. Europa e Usa detengono il 92% del mercato totale. L’Italia con 33,1 miliardi di dollari nel 2008 (nel 2007 erano 29,9) è all’ottavo posto per una spesa procapite di 568 dollari (nel 2006 erano 514).>>


Intanto chi veramente ne ha le palle piene (scusate, ma passatemi il termine) di questo governo, si organizza per protestare:


La rabbia dell'Aquila: "Noi non siamo fessi!"

Cassandra
Inviato: 2/6/2009 17:00  Aggiornato: 2/6/2009 17:00
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/5/2006
Da:
Inviati: 1551
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
1) Anche a me fa schifo che debba cadere per qualche ragazzina. D'altronde, anche Al Capone lo dovettero incastrare per evasione fiscale.

2) Forse sarà anche indegno che Repubblica e la stampa tutta strombazzino i suoi scandaletti. Fatto sta, però, che quando hanno strombazzato corruzioni, amici mafiosi e leggi ad personam agli elettori non è fregata una beata mazza. Invece delle ballerine gliene frega, e quindi si usi quel che serve: d'altronde gli elettori sono il prodotto della TV berlusconiana, e quindi chi di f... ferisce, di f... perisce.

3) Sarà anche il Berlusca vittima del complottuni del Bilderberg, ma ciò non toglie che se se ne va affa siamo tutti più contenti. Che facciamo, diventiamo tutti amici suoi perché i suoi nemici sono ancora peggio? Realpolitik all'estremo, Massimo caro!

4) Non dimentichiamo mai che le faccende di letto dei politici portano con sé ricatti, corruzione, estorsioni, dossier e dossierini, foto e testimonanze piccanti da usare. Che Tizio vada a letto con Caia è irrilevante, lo diventa invece se l'amico di Caia usa tutto ciò per ricattare Tizio o costrigerlo a nominare Ministro Sempronio. Questo ci riguarda eccome, e centinaia di ragazzine in Sardegna significano decine se non centinaia di politici e pezzi grossi ricattabili.

La domanda che nessuno si pone infatti è: quali pezzi grossi sono stati visti e fotografati insieme alle ragazzine a Villa Certosa? Che uso si fa di tali testimonianze? Chi ha in mano questi dossier? Berlusconi, per quanto voi lo crediate superman, non se le tromba mica da solo le 40 ragazzine...

"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)
Lezik85
Inviato: 2/6/2009 17:09  Aggiornato: 2/6/2009 17:09
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:
Berlusconi, per quanto voi lo crediate superman, non se le tromba mica da solo le 40 ragazzine...


A quanto pare sono tornate di moda le baccanali

Lezik85
Inviato: 2/6/2009 17:14  Aggiornato: 2/6/2009 17:19
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Nonostante l'argomento sia molto OT, qualcuno ha già menzionato Obama in questo thread. Volevo che sapeste cosa ha in serbo il presidente degli Stati Uniti:


<< Il «New York Times» riferisce:

Mercoledì scorso alla Casa Bianca, il Presidente Obama avrebbe detto ad un gruppo di attivisti per i diritti umani di aver preso in considerazione l’opportunità di un sistema di “detenzione preventiva” che fornirebbe il presupposto legale agli Stati Uniti per incarcerare sospetti terroristi ritenuti una minaccia per la sicurezza nazionale ancorché non processabili …

“Deve aver rimuginato a lungo sulla necessità di una modifica dell’ordinamento legislativo per poter trattare con individui che non possono essere accusati o incarcerati”, racconta uno dei partecipanti. “Sapevamo che un’iniziativa del genere era all’orizzonte da molti anni, ma siamo stati in grado di scongiurarla con George Bush. L’idea di doverci scontrare con l’amministrazione Obama su questi poteri ci sembra veramente incredibile”.

L’altro partecipante afferma che Obama non sembrava pensare alla detenzione preventiva per i sospettati di terrorismo attualmente detenuti a Guantanamo, bensì per coloro che verranno catturati in futuro, in teatri ben diversi da campi di battaglia legalmente definiti come quelli dell’Afghanistan.

E quale possibile giustificazione potrebbe esistere per negare un processo a qualcuno? Non dimenticate, esistono procedure ben consolidate atte ad evitare che informazioni sensibili, la cui divulgazione costituirebbe un autentico rischio per la sicurezza nazionale, diventino di dominio pubblico. E’ il caso, ad esempio, dei processi “in camera” (ossia processi celebrati a porte chiuse, secondo il linguaggio legale americano).

Obama sta forse dicendo che un cittadino americano che vive negli Stati Uniti (l’America probabilmente non è un campo di battaglia regolamentare come l’Afghanistan, ma guardate qui) possa essere detenuto indefinitamente senza processo, in quanto Obama lo considera un rischio per la sicurezza nazionale?

E quale rischio per la sicurezza nazionale sarebbe tale da giustificare misure detentive? Rivelare condotte illegali dell’amministrazione Bush? Dell’amministrazione Obama? Critiche nei confronti di Obama?

L’ex docente di diritto costituzionale (Obama) utilizzerà la sua conoscenza della legge per salvaguardare la costituzione oppure – come gli autori dei memoriali della tortura – per sovvertirla? >>


Io mi domando solamente: insostenibile leggerezza delle parole o cambiamento?


link originale: washington's blog

redna
Inviato: 2/6/2009 17:38  Aggiornato: 2/6/2009 17:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:
Questo ci riguarda eccome, e centinaia di ragazzine in Sardegna significano decine se non centinaia di politici e pezzi grossi ricattabili.




e questi potrebbero essere ricattabili?



...o questi?



...e Berlusconi alla parata del 2 giugno è arrivato con 15 minuti di ritardo...



le foto sono tratte da corriere.it

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
ivan
Inviato: 2/6/2009 18:06  Aggiornato: 2/6/2009 19:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:


Io mi domando solamente: insostenibile leggerezza delle parole o cambiamento?



Entrambi, il secondo in peggio.

Questa è cronaca di oggi:

link

Citazione:


Verona, insulti e bottigliate: aggredito il Procuratore della Repubblica Schinaia

Il magistrato contuso a una spalla: «Le nostre inchieste hanno dato fastidio a qualche gruppo di giovani che usa la violenza»

...



Ancora, un altro saggio al tornasole dei tempi:




link img

Azzeccata pure la via.


Ancora: le foto sono tratte da corriere.it

E' sempre vero che un' immaggine vale mille parole.

E' successo un finimondo: situazioni che in qualuqnue altro paese avrebebro causato una crisi istituzionale, articoli pesanti dalla stampa estera, discussioni feroci sui blog ...

E le facce di quei politici sono tali che pare non sia successo niente, non uno sguardo imbarazzato, non un sguardo severo parte di chi sta in alto a dire "ma che modi ...", anzi, tutt'altro, facce sorridenti, ammiccanti .
L'unico sguardo serio e severo è quello del corazziere.

hendrix
Inviato: 2/6/2009 19:40  Aggiornato: 2/6/2009 19:40
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole


Tra nani e ballerine, veline e zoccolette, ci siamo dimenticati dei calciatori.
L'esempio l'ha dato Gianni Rivera ma tra pochi giorni l'ex portiere Giovanni Galli rischia di diventare il sindaco di Firenze per mano fatata di S.E. Re Mida Berlusconi, come ha fatto con Ugo Cappellacci (figlio del commercialista di Berlusconi negli anni '80) in Sardegna pochi mesi fa quando l'ha fatto diventare governatore.
E a giudicare dalle risse interne al centrosinistra fiorentino direi che ha discrete possibilità di riuscita.
E va pure a cercarsi i voti direttamente nelle Case del Popolo.

Taniello
Inviato: 2/6/2009 20:33  Aggiornato: 2/6/2009 20:33
So tutto
Iscritto: 1/9/2008
Da:
Inviati: 25
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Anche condividendo l'analisi sul perverso meccanismo mediatico, io sono uno di quelli convinto che Repubblica, fosse anche per fini secondi, terzi e via contando, faccia benissimo a sputtanare ogni giorno che può il Premier. Lo dico perché alla base del martellamento c'è un fatto vero e inconfutabile: il Premier ha mentito; avete dimenticato la puntata di Porta a Porta dall'eloquente titolo "Ora parlo io"? Dove l'ottimo tappeto Vespa ha lasciato dire al Re tutto ciò che voleva? E' venuto fuori che la versione del Sire avesse "qualche" incongruenza (mai smentita...) ed ecco perché secondo me si deve sputtanare il Re ogni giorno che si può. Lo stile è il suo ed è l'unico che il popolo bue capisce: lui se la prende con giudici e comunisti? Che lo si sputtani sul personale ogni giorno: magari, prendendolo sul personale si potrà ciò che la giustizia italiana non ha mai potuto, ossia lo stop. Aggiungo che nei famosi "altri Paesi d'Europa", così alla moda quando fa comodo, il governante che palesemente mente se ne deve andare...

hendrix
Inviato: 3/6/2009 9:38  Aggiornato: 3/6/2009 9:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
La spiegazione di Cossiga:

" Ma quale giornalismo? Ma quale inchiesta?
Sarebbe meglio parlare dell`editore di Repubblica, De Benedetti.
De Benedetti, come tutti gli imprenditori, punta a far quattrini, e con Berlusconi è rimasto fuori dalle fusioni bancarie, dall`affare Alitalia, dalla ricostruzione dell`Aquila e pare non intenda infilarlo neanche nella holding di Telecom in via di costituzione.
De Benedetti s`è incazzato e, secondo me, grazie a una gola profonda nell`entourage del premier ha messo su lo `scoop` sulla festa di Casoria. "

redna
Inviato: 3/6/2009 10:04  Aggiornato: 3/6/2009 10:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Ora il premier ha paura del voto

Il torcicollo, certo. Silvio Berlusconi era sofferente al ricevimento per la Repubblica. Un forte dolore costante lo tormenta e si sa che dei farmaci è bene non abusare. Anche ieri, alla parata del 2 giugno, i fotografi lo hanno colto ad occhi chiusi e con le mani sul volto. Ma non è solo il dolore fisico a dargli pena, dicevano nei saloni del Quirinale i capannelli di magistrati e banchieri, politici di lunghissimo corso e giovani sottosegretari, amici e avversari. A preoccuparlo piuttosto sono i tre ostacoli sul suo cammino, le tre mine ancora inesplose che potrebbero deflagrare all’indomani del voto: tre inchieste già avviate oltre ad una serie di atti che potrebbero presto tradursi in indagine. Le feste di villa La Certosa sono per così dire il folklore.

La sostanza è altrove: i rifiuti (Napoli prima, Palermo adesso), la gestione del terremoto in Abruzzo.

....continua....

L'inchiesta che spaventa:Bertolaso e lo scandalo ecoballe

A gennaio sono state rinviate a giudizio 25 persone con l’accusa di non aver mai lavorato le ecoballe e averle smaltite illecitamente. È il processo “Rompiballe” dove è a giudizio anche il braccio destro di Bertolaso Marta di Gennaro.

Pure ai processi danno nomi folkloristi; come dire: la sceneggiata continua...

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Lezik85
Inviato: 3/6/2009 11:21  Aggiornato: 3/6/2009 11:21
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:
Pure ai processi danno nomi folkloristi; come dire: la sceneggiata continua...


redna, questa sceneggiatura assomiglia molto a quella della STORIA INFINITA

Ma vorrei aggiungere più benzina sul fuoco:


disastro berlusconi

la scuola italiana finanziata dagli evasori

berlusconi per la stampa estera è un pericolo per l'italia


Direi che per oggi di "buone" notizie ne ho dette fin troppe

hendrix
Inviato: 3/6/2009 11:53  Aggiornato: 3/6/2009 11:53
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Lezik85
Citazione:
berlusconi per la stampa estera è un pericolo per l'italia

Questa spiegazione mi sembra più convincente, trattasi di geopolitica.

Lezik85
Inviato: 3/6/2009 13:04  Aggiornato: 3/6/2009 13:04
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Grazie per la dritta hendrix.
Comunque questa cosa bolliva in pentola già da molti anni:

Yukos-ENI, Putin-Berlusconi, uniti per la nafta


E da qui si capisce anche il risentimento, recente, degli Stati Uniti per la Serbia:

Guerra del gas: Gazprom ed ENI conquistano la Serbia

redna
Inviato: 3/6/2009 21:20  Aggiornato: 3/6/2009 21:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
FESTA DELLA REPUBBLICA - 2 giugno 2009




evviva la repubblica!!! (delle banane...)

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
actarus71
Inviato: 4/6/2009 11:00  Aggiornato: 4/6/2009 11:20
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 145
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
A volte arrivo a pensare che un uomo cosi' scafatp mediaticamente come il B. difficilmente si sarebbe esposto ad un rischio di linciaggio mediatico tale(scontato, prevedibile per uno che ne conosce i media e i "meccanismi").
Allora mi dico meno che non l'abbia fatto in un altro momento in cui preso da delirio di onnipotenza abbia voluto sfidare (sfruttando una situazione come l'invito ad una festa) il sistema informativo sicuro di riuscire a piegare anche questa magari a suo favore ri/passando o ri-proponendosi nuovamente come vittima.
- Vittima della magistratura di sinistra;
- vittima della moglie di sinistra;
- vittima della stampa di sinistra;
etc etc conosciamo le solite scuse dietro cui si nasconde il nanetto sempre e sempre e sempre.

Ma mi dico ammazza se siamo messi male allora. Conosce talmente bene i media e come essi si muovono di fronte ad una notizia di potenziale scandalo che prevede e gioca sulle possibili/sicure mosse che faranno, da sfruttarle a suo vantaggio a dimostrare l'attacco reso indiscutibile.
Allora trovo un altra ipotesi seppur la precedente non la trovi poco accattivante.
Ma a questo punto se fosse stata una strategia di distrazione di massa?
Ma sono mie congetture che non hanno ovviamente nessun fondamento sarebbe da valutare piu' in la' nel tempo cosa si stava propsettando per lui in quel periodo (periodo in cui si e' alzato o fatto alzare il polverone Noemi).
Intendo cosa sapeva (il B.) sarebbe arrivato nello stesso periodo tanto da dover distrarre l'attenzione della massa verso un suo "peccatuccio" veniale.

Magari la sentenza Mills?
O qualcosa di peggio che ancora non conosciamo?
Non essendo praticamente informati
Perche' creare una situazione di palese attacco agli occhi della massa non alla figura istituzionale che rappresenta, ma alla persona?
Avrebbe magari fatto passare anche una sentenza a suo sfavore quale quella Mills, che si sapeva sarebbe arrivata (immagino che il suo team di avvocati sapesse cosa stesse arrivandogli tra capo e recchia) come un' altra sporca mossa della "sinistra" contro il povero S.B. persona.
Ma ripeto sono mie congetture...
mie congetture...
non presumo......
mah
Aiutatemi a supportare una o l'altra o aiutatemi a capire per favore....


A volte penso che si debba lavorare di pennello per spolverare anni di merda incrostata, polverizzata e sedimentata per riesumare la verita', ma i processi razionali che ci hanno imposto con i media negli anni forse ci impediscono di ragionare obiettivamente e di procedere con le giuste tecniche. Allora purtroppo a scapito della verita', procediamo di piccone come ci ha abituati qualche alta carica del passato..

pasqualez
Inviato: 4/6/2009 12:24  Aggiornato: 4/6/2009 12:24
So tutto
Iscritto: 24/5/2009
Da: Milano
Inviati: 6
 UN ARTICOLO DELUDENTE
Cito dall'articolo di Mazzucco:

"L’invito qui è a fare uno sforzo per dimenticare l’aspetto personale della questione - scappatella sì scappatella no - e a guardare invece il meccanismo che è entrato in funzione attorno alla vicenda."

quindi è questa la questione

e poi

"Si tratta di un meccanismo perverso, che noi stessi conosciamo da vicino, con la frequentazione quotidiana del sito. Basta che inizi a girare una voce qualunque – diciamo, ad esempio, “il webmaster ci nasconde la verità sulle zucchine” – e man mano che se ne parla quella prende corpo, fino a diventare una realtà impossibile da confutare." "

non è impossibile da confutare, è semplicemente da refutare

e più sotto

"Da oggi in poi anche se scendesse l’Arcangelo Gabriele in persona, a testimoniare in suo favore, Berlusconi resterà per sempre “uno che va con le minorenni”."

Un'affermazione del genere non ha fondamento, non è verificabile di fatto, sulla base di quale indagine si riesce ad affermare che resterà tale?

e ancora

"Tale è la forza della menzogna, quando un popolo bue accetta per buone certe illazioni infondate, invece di verificare e ragionare in proprio."

e questo non lo sapremo mai

segue più avanti:

"Lo ripeto ancora una volta, a rischio di venire insultato: è chiaro che il paradosso è altrove, e sta nel fatto che Berlusconi finirebbe per cadere per una avventura erotica di troppo, e non per i milioni di miliardi di denaro pubblico che sono scomparsi intorno a lui nel corso degli anni."

non c'è alcun paradosso, le cose non si escludono necessariamente a vicenda

Concludo:

E' sfuggita la questione, che è soltanto riguardante il cattivo uso dei media.
Bastava dire questo, dire che un cattivo uso dei media, la loro strumentalizzazione non va bene, ma è come dire che l'acqua bolle sotto certe condizioni, magari si poteva evitare transfert di sorta tra il presidente del consiglio e il webmaster.


ciao ciao

hi-speed
Inviato: 4/6/2009 13:04  Aggiornato: 4/6/2009 13:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/12/2004
Da: preda lunga
Inviati: 3211
 Re: UN ARTICOLO DELUDENTE

Cosa Sta Succedendo? Madre, madre Ci sono troppi di voi che piangono Fratello, fratello, fratello Ci sono troppi di voi che stanno morendo Sai che dobbiamo trovare una maniera Per portare un pò di amore qui oggi
Lezik85
Inviato: 4/6/2009 13:30  Aggiornato: 4/6/2009 13:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: UN ARTICOLO DELUDENTE

Pispax
Inviato: 4/6/2009 13:51  Aggiornato: 4/6/2009 13:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
@Cassandra

Vero tutto quello che dici.

Citazione:
La domanda che nessuno si pone infatti è: quali pezzi grossi sono stati visti e fotografati insieme alle ragazzine a Villa Certosa? Che uso si fa di tali testimonianze? Chi ha in mano questi dossier? Berlusconi, per quanto voi lo crediate superman, non se le tromba mica da solo le 40 ragazzine...

Quei dossier in mano ce li ha Veronica Lario.
O quelli o altri.

Non si spiega altrimenti il silenzio della corte berlusconiana sull'argomento. Personalmente trovo difficile attribuirla a bon ton e a una particolare attenzione a non urtare le sensibilità.
Non è che in passato abbiano dato grandi prove di sé in questo senso, anzi.
Ripensando al trattamento riservato a tutti quelli che si sono messi di traverso deliberatamente o per caso (da Bossi a Genchi passando per Fini e Follini) in questo caso mi ha stupito molto il silenzio che giornali e tv mantengono.


Quando il solerte servo Vittorio Feltri si è scagliato in avanti e ha intervistato la solerte serva Santanché, che ha dichiarato che "veronica ha da anni una doppia vita con il capo della sicurezza" un Berlusconi preso dal panico si è affrettato a dire che queste sono "vicende personali".

E nessun altro dei suoi ha cavalcato questo cavallo.

redna
Inviato: 4/6/2009 14:24  Aggiornato: 4/6/2009 15:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Piacerebbe sapere se le festicciole della scorsa estate a Villa La Certosa con le bimbe in topless e i gonzi in fila, tipo trenino, a ammirare i cactus in fiore e il Topolonek sull’attenti e poi le risate sotto le docce e i gavettoni a casa del premier “decisore europeo” erano prima (durante) o dopo quella memorabile serie di servizi fotografici di lui mano nella mano con Veronica e figli e nuore dalle parti di Portofino. Anzi Paraggi. Con cena da Puni e discoteca Carillon “fino alle tre di notte”. Lui e lei, Veronica e Silvio, mentre i suoi rotocalchi strillavano “E’ di nuovo Luna di miele!,” “Pace fatta!”, “Lui le ha chiesto scusa, si amano!”, eccetera. E il Giornale del fratellino commentava in estasi le foto organizzate dagli sceneggiatori di casa Arcore: “piccoli scampoli di ordinario lusso e straordinaria felicità”. Era la fine di luglio del 2008, ricordate?

Perché sarebbe uno spasso scoprire adesso, confortando le date, che mentre il fido Signorini licenziava fiabe colorate per rattoppare il litigio post Carfagna, lui se la svignasse nottetempo dai radar familiari per andare a spassarsela in Sardegna e rientrasse come niente fosse, il giorno dopo, facendo il marito fedele (“te lo giuro sulla testa dei figli”). L’eterno marito italiano da commedia che alla prima occasione, mentre la moglie è distratta, strizza le labbra alla bionda che passa, butta l’occhio all’altro ombrellone, ride, alza la voce, gonfia il bicipite, e all’amico commendatore racconta particolari piccanti della sera prima, e quello zufola la sua piena ammirazione, uella, alla tua età, complimenti.

Perché infine si capirebbe come mai in quelle cento foto uscite lo scorso luglio sui rotocalchi del Regno lui avesse la faccia radiosa di chi sta perfezionando la stangata per i fessi in platea, mentre lei mai, neppure una volta riuscisse, in quelle stesse foto, a sorridere.
articolo tratto da qui

da notare che la fine di luglio del 2008 coincide anche con un decreto proprio del premier in carica circa un 'allargamento' dei voli degli aerei militari che avrebbero portato poi ad un 'ampliamento' successivo fino ad
arrivare a trasportare (pagati dai cittadini dell'intera repubblica) i nani e le ballerine a villa Certosa.
Coincidenze?

EDIT





è da notare la felicità della signora nella romantica serata a Portofino (luglio 2008).



C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
actarus71
Inviato: 4/6/2009 18:43  Aggiornato: 4/6/2009 18:47
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 145
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Ho fatto una specie di test a mia moglie per testare l'effetto delle notizie sull'immagine del sempreverde e sempreeretto B.
Le ho chiesto " Che cos' e' che ti viene in mente se ti chiedo cosa infanga o offusca l'immagine del nostro premier alla luce delle notizie giunteci a tutt' oggi?"
E Lei subito:
"Beh la frequentazione di minorenni, stando a quello che scrisse la moglie nella lettera e la partecipazione alla festa di compleanno della miss Letizia."

Mica che la sentenza del proesso a Mills abbia avuto quell'esito e dimostrato per la seconda volta l'abitudine a corROMPERE del nostro pREMIER.
Seconda volta perche' gia' nel processo a dell' Utri lo si era dimostrato .
Poi a corrompere quella magistratura cosi' arcigna che gli ha impedito anche di tenere R4 a nostre spese sulle frequenze di Di Stefano.
Che ha purtroppo fatto il proprio dovere con Mills smascherando qualche marachella di una persona cosi' al di sopra di ogni sospetto (consiglio un film che mi e' balenato per la mente "Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto" molto attuale)

Quindi sono convintissimo che questo vittimismo di cui si fa scudo lo aiutera' e addirittura favorira' anche questa volta per queste elezioni.
Devo dargli atto che almeno mediaticamente fa paura.

Forza Italia........... sprofonda ancora di piu'!

dino
Inviato: 4/6/2009 20:23  Aggiornato: 4/6/2009 20:23
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 2/11/2007
Da:
Inviati: 2315
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
...fin da giovanissimo ho imparato a non fidarmi dell'uomo chiamato Cossiga... ogni volta che racconta spontaneamente le sue 'verità', sento sempre puzza di marcio... io in questa storia son propenso più a credere alla Annunziata proprio perchè è un'acerrima nemica di Berlusca ma allergica alle grande manovre di potere occulto... lei dice che il 'bidemberg' ha deciso di preparare il trappolone al berlusca... è molto probabile visto che si svolgeva contemporaneamente all'accordo con Putin per un nuovo gasdotto diretto verso l'europa, che rende vana tutta la dispendiosa politica di isolamento della Russia... energia…energia….energia… inoltre credo che le grandi lobby hanno deciso di frammentare il potere mediatico del berlusca che usando i stessi sistemi delle lobby ebraiche si trova il potere economico e legislativo tenuto in piedi dal controllo mediatico.... Cossiga ha fatto la sua apparizione in questa storia dopo che è emerso che il trappolone venisse dall'esterno del paese, e le dichiarazioni di Cossiga sembrano un estremo tentativo di tappare le falle... addossare la colpa a de Benedetti equivale a trovare un capro espiatorio... non è la lobby ebraica a decidere la trappola, ma il singolo per ragioni di vendetta... ma Cossiga dimentica che de Benedetti è fuori dalla grande finanza, si è ritirato da tutto, e conserva solo la presidenza onoraria del gruppo espresso e dunque di repubblica....

secondo me la cortina fumogena sparata da Cossiga con le sue 'mezze verità' serve a proteggere il volto della lobby ebraica che ha deciso con ogni mezzo di ridimensionare il potere di Berlusconi qui in italia ...

...di certo per tipi come me che odiano entrambi gli schieramenti in guerra tra loro, mi auspico che la battaglia sia cruenta e con molte perdite per entrambi gli schieramenti... ma le cose non cambieranno di certo in meglio.... c'è solo un modo per rendere mansuete tutte queste bramosie di potere che rendono la vita difficile ai non eletti e dunque alla quasi totalità dell'umanità... ENERGIA GRATIS PER TUTTI... e non ci sarà più bisogno di schiavi, ne di padroni… è questa la loro paura... ciaodino

actarus71
Inviato: 4/6/2009 21:46  Aggiornato: 4/6/2009 23:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 145
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Caro Dino
avremmo bisogno di un nuovo NIKOLA TESLA e questa volta finanziato non da J.P. Morgan ma da qualcuno che non sia un magnate e quindi non interessato a mantenere il monopolio, altrimenti come il precedente il nuovo Tesla sarebbe nuovamente emarginato dal mondo scientifico.
Pensiamo solo se la Tesla car cosi' come la concepi' lui senza emissioni e senza produzione di rumore alcuno e senza scarichi emessi, potessero realizzarla nuovamente e riuscire soprattutto a renderla disponibile alla massa sai che colpo agli interessi ed "interessati".
Poi disse basterebbe infilare un palo che funga da antenna in ogni cortile/giardino per dare energia elettrica a chiunque GRATIS e su questo Morgfan decise di tagliarli i fondi per la ricerca.

Che bello sognare grazie a Dio ancora ci e' concesso gratis.
Purtroppo queste menti sono rare a venire al mondo.
Figuriamioci poi in un paese dove la ricerca diciamo risulta leggermente CASTRATA
Io lo spero ancora
Anche se in u paese dove abbiamo un certo Rubia spingiamo per il nucleare mentre gli spagnoli sfruttano la tecnologia da lui ideata il termo-dinamico.

ivan
Inviato: 5/6/2009 6:45  Aggiornato: 5/6/2009 7:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Per gli appassionati del gossip, forse l'account su Flickr c'era visto che due timide foto sono uscite fuori: link . Su sito di El Pais c'è ne sono altre, una fa rizzare i capelli (o fa ridere , non so ... ) .

Poi, per la serie la classe non è acqua e signori si nasce : link

Ma come si fa, dico io, ma cosi si fa ...

Tan'è verop che dopo la Finlndia e la Spagna, anche l'Oldanda "ce se mette": link.

Redazione
Inviato: 5/6/2009 6:49  Aggiornato: 5/6/2009 6:49
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
PASQUALEZ: La prossima volta che resti deluso, evita perfavore di cambiare il titolo del thread, altrimenti nella colonna degli aggiornamenti in home non si capisce più niente.

Grazie.

ivan
Inviato: 5/6/2009 6:52  Aggiornato: 5/6/2009 7:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
OT Tesla Coils

Citazione:


Pensiamo solo se la Tesla car cosi' come la concepi' lui senza emissioni e senza produzione di rumore alcuno e senza scarichi emessi, potessero realizzarla nuovamente e riuscire soprattutto a renderla disponibile alla massa sai che colpo agli interessi ed "interessati".
Poi disse basterebbe infilare un palo che funga da antenna in ogni cortile/giardino per dare energia elettrica a chiunque GRATIS e su questo Morgfan decise di tagliarli i fondi per la ricerca.



Su questa pagina qui viene illustrata la faccenda.

Ora il fatto che non vediamo con gli occhi le onde elettromagnetiche le quali ci permettono di " un palo che funga da antenna in ogni cortile/giardino per dare energia elettrica a chiunque GRATIS " non vuol dire che esse non abbiano poi degli effetti al pari dei fumi degli scarichi delle auto.

Tralasciando la solita storia che gli esperti dicono che non ci sono prove e statistiche tali che , basta la semplice considerazione che tutta la vita si basa sulla trasmissione di minuscoli seganli elettrici all'interno dei fluidi corporei, cosa accadrebbe se fossimo sempre imemrsi in campi elettromagnetici così intensi da far girare i motori di un'auto ? Semplice: nessuno lo sa e questo basta per dire no a stare immersi nell'elettrosmog.
La regola fondamentale della vita, ci piaccia o meno, è che non ci sono pasti gartis, ogni cosa ha un costo e ha una sua causa e una sua conseguenza.

actarus71
Inviato: 5/6/2009 9:44  Aggiornato: 5/6/2009 10:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 145
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Spero di sbagliarmi Ivan ma con questa tua visione accetteresti anche di pagare l'aria che respiri.
Personalmente deduco questo dal tuo modo di ragionare.
Certo che Tesla venisse ritenuto visionario e pazzo e' arcinoto, quindi e' facile poter pensare che quello che lui ideava potesse essere pericoloso, ma se sei al computer ad esprimere le tue opinioni e' grazie alla corrente che lui ha ideato e non e' che ogni giorno tu bruci un elefante per farlo (Edison per dimostrare che la corrente di Tesla fosse pericolosa applico' elettrodi ad u elefante e lo bruciacchio' ben bene).
Quindi questa invenzione o scoperta perche' lui si riteneva scopritore non inventore, riteneva che tutto fosse gia' disponibile in natura, non e' pericolosa per l' uomo se usata bene.
Teniamo conto che Tesla ha ideato non due cosette..
Ha rifiutato per ben due volte il premio Nobel per la fisica...
Ma a prescindere da cio' che scopri' che e' indiscutibilmente utile al giorno d'oggi e molto di quanto scopri' ancora non si capisce o non si sfrutta quello che mi interessava menzionare di lui era il carattere fiantropico che al giorno d'oggi servirebbe, e sarebe d'esempio ma la mia e' pura utopia al giorno d' oggi uno come lui verrebbe direttamente relegato nella categoria teorici folli purtroppo, perche' certi paradigmi scientifici sono intoccabili.
Vedasi anche la fusione fredda che destino ha avuto (non che sia di Tesla ma ad indicare che una scoperta fondamentale per il fatto che sconvolgerebbe certi eqilibri creatisi con finanziamenti fiume per il nucleare classico e non solo)
Spero di non risultare offensivo in alcun modo Ivan ma era per dire che non tutto si dovrebbe pagare in natura questa mentalita' e' infusa alla massa..

redna
Inviato: 5/6/2009 11:31  Aggiornato: 5/6/2009 11:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Aerei ed elicotteri finivest diventano voli di stato

La Presidenza del Consiglio dei ministri ha dato la qualifica di «volo di stato» ad aerei ed elicotteri di compagnie private che fanno capo a Fininvest. Dare la qualifica significa che quegli aeromobili devono servire «a consentire l’efficace svolgimento delle attività aeronautiche occorrenti per realizzare o supportare la cura di interessi pubblici rilevanti» come i viaggi di lavoro del premier e dei suoi ministri. Significa, soprattutto, che quegli stessi mezzi, per assolvere a questa funzione, saranno pagati con soldi pubblici. Soldi nostri, dei cittadini contribuenti, che finiscono nelle casse di un gruppo che fa capo alla famiglia del Presidente del Consiglio. Sintetizzando, pare di poter dire che lo Stato affitta da Berlusconi gli aerei che servono al presidente Berlusconi per svolgere in sicurezza le mansioni di premier. A meno che l’affitto degli aerei non avvenga a titolo gratuito, cosa in linea di principio anche possibile, siamo non solo in un evidente conflitto di interessi ma anche ben oltre il reato di peculato.

......

Ma quante persone erano al corrente di questo e fino ad ora non hanno mai parlato?

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
pasqualez
Inviato: 5/6/2009 13:08  Aggiornato: 5/6/2009 13:08
So tutto
Iscritto: 24/5/2009
Da: Milano
Inviati: 6
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Ok, non era semplice immaginare una cosa simile, in fondo il titolo è in una textbox editabile.
hai fatto un po' di ironia, vabè, ma se non ti sembra giusto che nel titolo si veda troppo evidentemente una disapprovazione o un'approvazione, dillo apertamente, se ti sembra che facendo così abbia calcato la mano, la prendo come un fatto di netiquette (come ad esempio quando si scrive in maiuscolo in chat etc.) e non ripeto la cosa in ogni caso.
Se poi è solo un fatto tecnico, meglio così, ho capito male ... allora che si fa, lascio il Re: e scrivo solo nella parte restante o cosa?
Fammi sapere.

Ciao!
Pasquale Zirpoli

Lezik85
Inviato: 5/6/2009 13:26  Aggiornato: 5/6/2009 13:26
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Ed ecco l'ennesimo esempio di servilismo da parte della RAI

Intervista di Berlusconi "manipolata" per la TV

redna
Inviato: 5/6/2009 17:14  Aggiornato: 5/6/2009 17:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
VOLI DI STATO CON SIMBOLO FININVEST



Nella foto l'elicottero Agusta-Westland AW.139 di Berlusconi pronto ad atterrare a La Certosa.
Il velivolo (uno di quelli indicati nel documento Enac come "volo di Stato") sfoggia il logo Fininvest e ha come immatricolazione civile la targa I-Cddl, voluta proprio dal premier come anagramma della Casa delle Libertà.

05 giugno 2009

qui l'articolo

E Ghedini querelasia l'Unità che El Pais (per par condicio ...pare).

Citazione:
Tutte le spese per questo tipo di voli dal 2008 al 2009 poi – assicura Ghedini - sono state sostenute da Berlusconi. Quindi si tratta di un'altra storia senza fondamento».

questo dichiara Ghedini, mentre Prodi dice:

Citazione:
Hanno cambiato la legge, non so perché: so però che i voli di Stato sono molto aumentati. E se c’è un uso improprio dei mezzi di Stato vuol dire che la legge del Principe è diversa da quella del Popolo. Sarà la magistratura a fare chiarezza Romano Prodi


qui la fonte

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Lezik85
Inviato: 5/6/2009 19:12  Aggiornato: 5/6/2009 19:12
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Spulciando un pò il web ho trovato questo succoso articolo, riassume un pò le magagne che hanno visto protagonista il premier questo ultimo mese...e scioccanti rivelazioni sull'opposizione (in teoria ce lo si aspettava vista la gente che è dento il PD):

El Pais: "Non ci preoccupa Berlusconi desnudo, ma la democrazia italiana"


Che bello il paese in cui viviamo...nevvero?

ivan
Inviato: 5/6/2009 20:58  Aggiornato: 5/6/2009 21:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
O.T. esistenziale-induttivo

Ciao actarus71,

allora, stavamo dicendo ...

ecco:

Citazione:

spero di sbagliarmi Ivan ma con questa tua visione accetteresti anche di pagare l'aria che respiri.



In realtà è così : pago anche l'aria che respiro, ahimè.
Mi spiego meglio: se voglio andare al mare "a respirare lo iodio" ( come dice il Caparezza in una sua canzone) mi tocca pagare l'obolo perchè ormai è tutto privatizzato, perlomeno da queste parti.
Se voglio respirare l'aria pulita dei boschi della montagna devo pagarmi il viaggio ed evitare d'andarci l'estate perchè a causa degli continui incendi sarebbe a quel punto fatica sprecata (fumo per fumo mi respiro i miasmi della città, che ci devo pure rimettere le spese di viaggio) .
Per non respirare lo scarico delle auto sono andato a vivere in periferia in una zona dove dopo c'è solo campagna e nulla piu', ma anche questo ha un costo.

Su Testla come uomo e come scienziato nulla da ridire per carità.

In merito alla fusione fredda o calda il problema di fondo è il fatto che protoni sono fermioni quindi dubito che siano poi tanto propensi a diventare con le buone quello che non sono, cioè bosoni.

Quanto alle correnti elettriche, se non ricordo male, gli albori risalgono al secolo dei lumi; Tesla mi pare sia stato bravissimo a implemtare in maniera efficace quanto era già noto da tempo rendendo così la corrente elttrica un bene fruibile da tutti in maniera semplice (e questo è un grande merito, sia ben chiaro).

slump
Inviato: 5/6/2009 22:15  Aggiornato: 5/6/2009 22:15
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/6/2006
Da:
Inviati: 199
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Spesso in questo sito si vedono o si cercano complotti per le cose più
strane e poi magari non si notano le cose più ovvie (da parte di molti
intendo, non di tutti): non si nota per esempio che quella contro
Berlusconi è ormai una campagna che se non è orchestrata a priori poco ci
manca. Che poi sia sceso in campo anche Murdoch contro B. è proprio
secondario?

C'è qui hendrix che cerca di sbracciarsi per segnalare
un'interpretazione alternativa ed assai plausibile a quel che sta
accadendo ma pare passare quasi inosservato: possibile che non si riesca a
lasciar perdere i personalismi, cioè i propri sentimenti viscerali,
positivi o negativi che siano, nei confronti di una persona (in questo
caso B.) per cercare invece di cogliere dei nessi più ampi e più
significativi?

Vi sono personaggi odiosi che oggettivamente e magari
inconsapevolmente assumono posizioni e decisioni che dovremmo, almeno in
parte, guardare con favore: sempre in parte questo è il caso di B. e
della sua (o dei suoi consiglieri) politica estera (che non può non
intrecciarsi con quella nazionale, vedi il caso FIAT).

Si tende poi a dar credito alla stampa anglosassone (e anche a quella
spagnola) come se fosse la bocca della verità dimenticando in un solo
colpo quanto proprio quella stampa mainstream sia stata sempre al
servizio di certi poteri: è mai venuta da quella stampa una seria analisi
sul 911? (Tanto per dirne una) O sulla guerra contro l'Iraq quando si
stava per fare?

Qualcuno ha abbastanza anni da ricordarsi la politica estera del CAF
(Craxi/Andreotti/Forlani) con caute aperture verso il mondo arabo, l'est
ecc.? Vi ricordate di Sigonella?

Ecco, che fine ha fatto il CAF nel breve volgere di pochi anni? A malapena
si è salvato Andreotti perché era di sicuro il più furbo e quello con più
santi e probabilmente con più armi di ricatto...

Vi sembra poi che la prostrazione della nostra sinistra, anche quella più
radicale, nei confronti di Obama e tutte le aspettative riposte in lui,
siano una cosa sana per un paese che si dice sovrano?

"In powerful rain, they laid down their heads to die"
(My Dying Bride)
dr_julius
Inviato: 5/6/2009 22:46  Aggiornato: 5/6/2009 22:46
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
slump ha detto Citazione:

si cercano complotti per le cose più
strane e poi magari non si notano le cose più ovvie [...] non si nota per esempio che quella contro Berlusconi è ormai una campagna che se non è orchestrata a priori poco ci manca.


Io ad esempio me ne rendo conto benissimo, però devi fare anche i nomi, non puoi lanciare accuse generiche:
orchestrata da Veronica Lario (moglie del premier), da Noemi Letizia (diciottenne di una famiglia amica del premier), dal fotografo di Chi (dipendente del giornale della famiglia del premier)....
orchestrata in... famiglia
(musiche di Apicella, naturalmente)

Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
dr_julius
Inviato: 5/6/2009 22:53  Aggiornato: 5/6/2009 22:53
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
hendrix merita una risposta appena più seria di quella che ho appena dato.
Questa volta però sono per una idea più semplice, più elementare. Considera che ormai anche i coniugi Blair stanno attaccando Mr B: se lo permettono addirittura loro (ora dal di fuori della scena politica). Possibile che Blair non tema o non calcoli eventuali incidenti diplomatici tra i due Paesi? Possibile che non venga reguardita la di lui moglie (ex first lady)?

Secondo me lo considerano ormai "decotto" e dall'estero lo stanno scaricando un po' tutti.

Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
actarus71
Inviato: 6/6/2009 4:36  Aggiornato: 6/6/2009 12:32
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 145
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
O.T.

x Ivan
il primo che ho trovato relativo ad un recente esperimento realizzato in Giappone da Yoshiaki Arata che ha dimostrato come quello effettuato anche in Italia che la fusione fredda funziona e non e' una panzana.
Il laboratorio in cui e' stato effettuato quest' ultimo e' quello di Frascati per l' ENEA e ne esiste un ampio numero di filmati tra cui uno anche di Report o sull'inchiesta di Rainews 24 su Youtube
Tra questi si trova:
http://www.youtube.com/results?search_type=&search_query=fusione+fredda&aq=f
piu' precisamente quello dell'inchiesta di rainews 24 in merito spiega ben benino sia i risultati ottenuti che lo strano comportamento delle figure piu' rappresentative della fisica (Italiana) in merito.
http://www.youtube.com/watch?v=35T-gAvaKn4&feature=PlayList&p=443EF53765AAA1B7&playnext=1&playnext_from=PL&index=1

esperimento Giapponese invece:

http://www.google.it/search?q=esperimento+giapponese+sulla+fusione+fredda&ie=utf-8&oe=utf-8&aq=t&rls=org.mozilla:it:official&client=firefox-a

Ciao

hendrix
Inviato: 6/6/2009 12:58  Aggiornato: 6/6/2009 12:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
slump
Ti ringrazio per aver risollevato la questione.

dr_julius
Che i Blair attacchino Berlusconi non è importante (lo dici te stesso - ora dal di fuori della scena politica).
Citazione:
"Secondo me lo considerano ormai "decotto" e dall'estero lo stanno scaricando un po' tutti."

Non fare la figura dell'ingenuo, dovresti sapere che dietro ogni fatto che succede c'è sempre più di una motivazione, e quasi esclusivamente di ordine economico.
Se per "decotto" intendi antipatico e puttaniere e quindi "dall'estero lo stanno scaricando un po' tutti" è come dire che gli USA hanno fatto la guerra all'Iraq perchè Saddam gli stava sulle palle, o che quei cattivoni medioevali dei talebani devono essere puniti perchè non hanno rispetto per le donne.
Se invece per "decotto" intendi che Berlusconi (e l'Italia) non fa affari (o ne fa pochi) con il sistema capitalistico occidentale e quindi "dall'estero lo stanno scaricando un po' tutti" vedi che assume tutta un'altra interpretazione.
E in questo momento i grossi affari italiani guardano più verso la Libia, la Russia e l'Iran... mi pare, non vorrei aver detto una cazzata...

slump
Inviato: 6/6/2009 13:16  Aggiornato: 6/6/2009 13:16
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/6/2006
Da:
Inviati: 199
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
@ dr_julius

Hai capito molto poco di quel che io e soprattutto hendrix andiamo
dicendo, evidentemente ci siamo espressi assai male oppure una sorta di
paraocchi antiberlusconiano t'impedisce di considerare alcuni
fatti: sta nei fatti, forse preterintenzionali, la politica estera
un tantino filo-russa, amica di Gheddafi e non troppo sprezzante (parole a
parte) verso l'Iran. Come sta nei fatti soprattutto l'accordo di ENI
spinto da B. per il gasdotto SouthStream con la Gazprom che impedirebbe
di fatto di tagliar fuori la Russia come succederebbe invece grazie ad un
altro gasdotto immaginato dagli americani ecc. Questi sono i punti
principali ma cercando verrebbero fuori tanti altri piccoli e grandi punti
di attrito (es. Georgia) tra politica italiana recente e mondo
angloamericano.

Orchestrare significa semplicemente prendere alcuni piccoli fatti
da rotocalco estivo e trasformarli in campagna scandalistica contro una
persona che è, guardacaso, l'emblema ed il referente di questa politica:
piaccia o non piaccia B. egli oggettivamente è attualmente in
contrasto con interessi angloamericani.

Quanto a scaricare B. in realtà egli non è mai stato
caricato proprio per il tipo di politica che ha effettuato: fatta
non so se per preciso calcolo o più per caso e vanità. C'è di vero che
nell'entourage di B. ci sono molti ex di Craxi e di certa DC che con gli
angloamericani hanno sempre avuto rapporti non facilissimi (aggiungo anche
con gli israeliani).

Non viene temuto B. in sé ma si teme che l'Italia sotto la sua guida (o
quella di qualcun altro) riesca a ricavarsi una propria autonomia di
manovra, autonomia dagli USA si capisce.

Lasciamo perdere Apicella e la Lario sennò facciamo il gioco di chi ci
vuole sciocchi guardoni.

"In powerful rain, they laid down their heads to die"
(My Dying Bride)
redna
Inviato: 6/6/2009 15:17  Aggiornato: 6/6/2009 15:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:
Orchestrare significa semplicemente prendere alcuni piccoli fatti da rotocalco estivo e trasformarli in campagna scandalistica contro una persona che è, guardacaso, l'emblema ed il referente di questa politica: piaccia o non piaccia B. egli oggettivamente è attualmente in contrasto con interessi angloamericani.


Orchestrare signfica orchestrare su ...TUTTO...

Citazione:
Lasciamo perdere Apicella e la Lario sennò facciamo il gioco di chi ci vuole sciocchi guardoni.


Orchestrare significa anche farlo su aspetti che sembrano privati ma a guardar bene non lo sono.I voli degli aerei militari LI PAGHIAMO NOI, e senz saperlo.
Paghiamo anche l'autostrada nel nulla promessa da Berlusconi a Gheddafi e paghiamo per quello che sta facendo in ogni momento all'Italia tutta.

Gli sciocchi guardoni sono quelli che vedono OLTRE gli scadali orchestrati?
Qui ormai non si distingue più quello che è serio o meno, quello che è politica e quello che è vita privata. Tutto si interseca e ognuno dice la sua senza pensare un momento che il tutto è intrecciato in maniera tale che è difficile trovarne il bandolo della matassa.


Citazione:
Non viene temuto B. in sé ma si teme che l'Italia sotto la sua guida (o quella di qualcun altro) riesca a ricavarsi una propria autonomia di manovra, autonomia dagli USA si capisce.

Non credo che nessuno tema questo. Gli italiani dovrebbero essere interessati a chi grida di volta in volta che BISOGNA fare il ponte sullo stretto e NON viene fatto, a chi VUOLE le centrali nucleari e sa che un referendum dice che non si faranno, a chi proclama 'sulla testa dei sui figli' la sua innocenza quando vengono fuori scandali sempre maggiori.
Più che temere una 'ipotetica' e irrealizzabile (visto le basi americane in italia) autonomia dagli USA gli italiani dovrebbero solo guardare nel cortile di casa dove hanno un premier che solo all'estero viene considerato per quello che è.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
hendrix
Inviato: 6/6/2009 20:00  Aggiornato: 6/6/2009 20:00
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
redna
Citazione:
"gli italiani dovrebbero solo guardare nel cortile di casa dove hanno un premier che solo all'estero viene considerato per quello che è."

Invito te e chiunque fosse interessato, e se hai tempo e pazienza, a leggerti questo lunghissimo articolo (sono 4 in verità) di cui faccio un minimo di sintesi, ma proprio un minimo.

Cosa cela l’attacco al Premier
di Nicoletta Forcheri
se non sbaglio utente di questo sito (nicoforca)

"... Qualcuno si è chiesto come mai questa opposizione abbia fatto così male il suo mestiere, da arrivare ad attaccare l’uomo nei suoi connotati genitali - colpi bassi solo colpi bassi - e non il Premier, mentre continuano imperterriti certi programmi - da club del Britannia? "

L’anomalia Berlusconi? Lo scenario geopolitico
di Matteo Pistilli
sottotitolo: Davvero Berlusconi è un’anomalia inconcepibile altrove? Oppure è una questione che nasconde altro?

"... Di sicuro la prima specificità del capo del PdL, quella che più gli fa piovere critiche addosso (di per sé legittime e sensate, lo diciamo subito), è il binomio CONFLITTO di INTERESSI / CONTROLLO dei MEDIA.
Ma quello che vale per Berlusconi ovviamente deve valere per tutti, e se allarghiamo lo sguardo ragionando senza farsi predare dai fumi della faziosità, ci rendiamo conto che la particolarità (la “colpa”) di Berlusconi è solo quella di rendere palese senza troppi infingimenti le sue smisurate proprietà e rendere altresì evidente il nesso che queste hanno con il potere politico. Il Presidente del Consiglio, proprietario di Mediaset, della Mondadori, del Milan, di banche, di finanziarie ecc. ha la particolarità di evidenziare come tutte queste proprietà siano nelle mani di un unico interesse.

Bene, detto questo dev’essere chiaro che questa è esattamente la prassi del vigente sistema capitalista liberal-democratico acclamato sia “da destra” che “da sinistra”.
Tutte le maggiori aziende del mondo - in questo caso, nel campo dell’informazione - sono controllate da determinati centri di potere (molto più grandi di Berlusconi) ed hanno interessi ovviamente sia politici che economici; solo che, diversamente dal caso italiano, negli altri casi ciò risulta meno chiaro e, soprattutto, occultato da chi dovrebbe portarlo a conoscenza della gente.

In tutto l’Occidente, solo quattro grandi multinazionali controllano praticamente tutto quello che viene passato sui teleschermi di televisioni e cinema. La prima di queste aziende è la AOL Time Warner ( segue un lunghissimo elenco delle sue attività ), le altre sono Disney, Viacom INC e Vivendi. (nota mia: credo che nessuno le abbia mai sentito nominare a parte Topolino).

Anche per l’Italia la situazione è più o meno la stessa, visto che oltre alle proprietà di Berlusconi soltanto due grandi aziende si dividono il controllo dei media: Il Gruppo l’Espresso, che è di proprietà di Carlo Benedetti (“La Repubblica”, 9 periodici, tra cui una rivista geopolitica (LiMes), 15 quotidiani locali, 3 radio, 2 televisioni e un portale multimediale).
L’altro terzo grande gruppo è RCS, che ha come principali azionisti MEDIOBANCA, un insieme di banche, industriali e azionisti stranieri tra cui Vincent Bolloré, che è un amico intimo di Sarkozy, e la FIAT; l’RCS possiede 2 quotidiani, tra cui il “Corriere della Sera”, 19 periodici, 11 case editrici più 3 in comproprietà, un’agenzia giornalistica, 2 radio più 4 in comproprietà, 5 canali televisivi e all’estero “El Mundo”, che è molto vicino alle posizioni del Partito Popolare Spagnolo, a sua volta molto vicino ad Israele. In più la FIAT, sempre la famiglia Elkann, controlla direttamente anche “La Stampa”.

Ora, l’unica cosa che differenzia questi due gruppi da quello guidato da Berlusconi è il fatto di non avere la stessa persona che mette la faccia sia nell’economico che nel politico, ma davvero ci si può fermare a quest’aspetto e non prendere atto di come funziona in profondità l’attuale sistema politico?

Tuttavia, la questione non riguarda solo i mass media che hanno la particolarità di pilotare la cultura mondiale, bensì anche i più grandi gruppi di potere che stanno al di sopra dei media e ne dettano la linea: ci riferiamo alle banche multinazionali e alle società finanziarie che sostengono con centinaia di miliardi i candidati alla presidenza degli USA: lo faranno senza una contropartita?
Cos’è tutto questo se non CONFLITTO di INTERESSI?
Siamo davvero convinti che l’anomalia sia Berlusconi e non sia invece soltanto una piccola ed evidente (per questo utile) conferma di come funziona il sistema in cui viviamo?
Davvero possiamo permetterci di considerare Berlusconi un’anomalia da estirpare, infilando così la testa sotto la sabbia, abdicare all’intelligenza umana, senza pervenire alle necessarie conclusioni sui temi della sovranità e della globalizzazione?

Che poi non si credano le anime belle che anche a livello più piccolo non valgano gli stessi principi che valgono per le multinazionali!
Quello che succede in ogni città e paese, in cui vediamo infilati nei vari posti comunali con contratti più o meno a termine persone fedelissime di quello o quest’altro partito, come lo chiamate voi? E gli appalti aggiudicatisi sempre da ditte di “amici degli amici”? Non è anche quello “conflitto di interessi”? O forse il fatto che non riguardi miliardi di euro fa credere che sia meno grave? Raccomandazioni, mazzette, aiutino, dentro e intorno i vari partiti politici, come li chiamiamo?

Come si pretende che una sola persona possa fungere da capro espiatorio per un intero sistema “democratico” fondato sulla truffa?

. . . . .

Sono stanco, se vuoi (volete) continuare andate qui.
Oh, sia chiaro, non sto difendendo il Re... così come Mazzucco "attaccando" Repubblica non sta difendendo il RE...

redna
Inviato: 6/6/2009 21:44  Aggiornato: 6/6/2009 21:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Hendrix
guarda che sto sostenendo che la corte E' PEGGIORE del re.
Sto dicendo che MOLTI sapevano dei voli di stato e non hanno mai parlato...
Sto dicendo che molti sapevano delle feste in sardegna e non hanno mai parlato..Sto anche dicendo che le minorenni avevano i genitori che probabilmente le 'mandavano' a certe feste....

In pratica sto dicendo quello che dicono all'estero ma che qui in Italia nessuno vuole dire.


Citazione:
Come si pretende che una sola persona possa fungere da capro espiatorio per un intero sistema “democratico” fondato sulla truffa?

e infatti è da un pò che me lo chiedo anch'io...
Mi chiedo perchè, però, gli italiani sono arrivati a questo punto.
Pur sapendo dove sta il marcio molte persone sono state attirate, come mosche nel letamaio.

Sarebbe il caso di vedere anche come mai proprio ad uno sconosciuto imprenditore del norditalia siano state date tre reti televisive senza che nessuno dica proprio nulla.
Sarebbe anche il caso di vedere come mai nessuno, finora, gli ha tolto quello che Craxi di ha allegramente dato.
Ma non è il caso di andare all'estero; il tutto è stato fatto in Italia.Sotto
gli occhi di tutti.L'anomalia non è Berlusconi, forse sono gli italiani.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
ivan
Inviato: 6/6/2009 22:15  Aggiornato: 6/6/2009 22:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
"Sto dicendo che molti sapevano delle feste in sardegna e non hanno mai parlato.."

Pare sia proprio così, almeno secondo quanto scrive il Manifesto: link

La faccenda supera la nostra immagginazione ...

Chi fa tremare il sistema stracciando via il velo che copriva il tutto ? Non l'opposizone, non la stampa nostrana, nememno Grillo ma bensì un semplice fotografo di provincia.

Altro che poteri forti e quant'altro.

slump
Inviato: 6/6/2009 23:05  Aggiornato: 6/6/2009 23:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/6/2006
Da:
Inviati: 199
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
@ redna e altri

Per favore bando ai moralismi! Il moralismo non è una categoria
politica...

Dopo 200 anni a nessuno frega se Napoleone si trombava la sorella o la
cugina o dopo 60 anni se Vittorio Emanuele era onanista o se Togliatti
faceva le corna alla Iotti oppure intascava soldi da Stalin (come quasi
certamente faceva): tutto questo può rendere una persona più o meno
spregevole ai nostri occhi individuali ma non ci dice nulla sulla sua
grandezza o piccolezza o (in)appropriatezza politica e ci dice ancor meno
sul perché i suoi avversari si muovano in un modo piuttosto che in un
altro!

Allo stesso modo: che B. sia attratto dalle minorenni (come lo era Mao
sembra) o che faccia volare amici su aerei governativi può rendercelo più
o meno antipatico e può rivelare qualcosa della sua moralità privata ma
non serve a giudicare alcunché della sua politica e tantomeno a dare un
po' più di ragione ai suoi avversari politici
!

In un mondo in cui, come avete ripetuto spesso anche voi, i media
mainstream pubblicano solo ciò che non turba l'ordine costituito perché
questa campagna contro Berlusconi dovrebbe fare eccezione ed essere
qualcosa di pulito? Avete mai visto "Repubblica", il "Financial
Times", "El Pais" o "SKY" pubblicare qualcosa di seriamente dubitativo sul
911?

Non vi viene da pensare perciò che sia proprio B. o perlomeno qualcosa che
lui fa o rappresenta, magari in parte inconsapevolemente, ad essere visto
come un rischio per questo ordine costituito? (Che poi, per quanto ci
riguarda, è che dobbiamo continuare ad essere la maggior portaerei
americana nel Mediterraneo). E dunque come tale preso di mira nei punti
ritenuti più deboli che, guardacaso, non sono politico/economici ma
strettamente personali oppure politicamente irrilevanti ma
moralisticamente iperbolici.

A nessuno viene in testa che sul caso Mills, dopo l'iniziale levata di
scudi, si sia lasciato perdere perché altrimenti si sarebbe dovuto
infilare le mani nel letamaio della finanza inglese, dei suoi trucchi e
dei suoi mille paradisi fiscali?

Che anche il guerrafondaio Blair critichi B. non può che rendermi
Berlusconi più simpatico e non meno (o ci siamo già dimenticati della
combutta Bush/Blair sull'Iraq?).

In ogni modo consiglio di rileggere con calma il post di hendrix
sui vari gruppi imprenditoriali mediatici e consiglio per l'ennesima volta
di leggere/rileggere il libro "La società dello spettacolo" di Debord
senza pensare pregiudizialmente che parli di TV...

"In powerful rain, they laid down their heads to die"
(My Dying Bride)
redna
Inviato: 6/6/2009 23:30  Aggiornato: 6/6/2009 23:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:
Per favore bando ai moralismi! Il moralismo non è una categoria politica...


guarda che NON si sta parlando di moralismi.
Si sta parlando di DENARO PUBBLICO in un momento di CRISI.

Probabilmente non hai ancora capito bene che l'insostenibile leggerezza delle parole è proprio quando NON si vuol comprendere la REALTA' delle cose e si va a concludere che si fanno moralismi.
Il moralismo non è una categoria politica come un politico non lo lo è MAI stato Berlusconi. Pertanto è meglio guardare al più presto alla sostanza delle cose.

I voli con aerei militari NON è moralismo;
i militari che presdiaino la villa NON è moralismo;
i nani e le ballerine NON è moralismo. Di questo NON se ne dovrebbe nemmeno parlare se non che in mezzo a queste cretinate si trovano le persone che reggono le sorti del paese.
QUESTA E'REALTA'.
Non tirar fuori Mao e il 9.11 che non c'entra nulla con l'argomento...

Citazione:
Non vi viene da pensare perciò che sia proprio B. o perlomeno qualcosa che lui fa o rappresenta, magari in parte inconsapevolemente, ad essere visto come un rischio per questo ordine costituito?

quale ordine costituito? Forse non hai letto bene la costituzione, che è il NOSTRO ordine costituito.
Se avesse letto la costituzione Berlusconi e i suoi non ci sarebberero nei loro posti; in europa funziona così e tutti lo sanno.Meno gli italiani.



Citazione:
In ogni modo consiglio di rileggere con calma il post di hendrix sui vari gruppi imprenditoriali mediatici e consiglio per l'ennesima volta di leggere/rileggere il libro "La società dello spettacolo" di Debord senza pensare pregiudizialmente che parli di TV...

forse sarebbe il caso che Slump si mettesse a sfogliare il grazioso libro che si chiama 'costituzione della repubblica italiana'.
Non è illustrato ma è la carta su cui si basa tutta la vita politica e sociale della nostra penisola.
Probabilmente MOLTI italiani non l'hanno letta.

EDIT

«Veronica è diventata la persona che ha denunciato con le parole più giuste lo status quo»: con queste parole Miguel Mora, corrispondente a Roma per il quotidiano spagnolo El País e autore dello scoop delle foto di Berlusconi e le veline a Villa Certosa pubblicate dal suo quotidiano, aveva commentato giovedì scorso a l'Unità la vicenda del premier e delle signorine.

«E' difficile fare opposizione quando di fronte c'è un regime presidenzialista plebiscitario, populista e demagogico cui il parlamento non interessa molto». Secondo Mora, «l'opposizione si doveva fare 15 anni fa, la sinistra è sparita. Quando le cose più di sinistra le fa la chiesa cattolica e le cose veramente dure le dice la moglie del primo ministro, qualcosa non funziona».
«Mi sembra che non ci siano dubbi - questa la conclusione di Miguel Mora - è tutto lì tutto nella sentenza Mills, lui ha fatto un impero in italia e anche all'estero tramite società offshore, era una strategia di lungo termine, lì si vede come lui (Berlusconi, ndr) ha un piano per dominare il mercato dei media italiani da anni, da tanti anni».

fonte qui

ivan
Citazione:
Chi fa tremare il sistema stracciando via il velo che copriva il tutto ? Non l'opposizone, non la stampa nostrana, nememno Grillo ma bensì un semplice fotografo di provincia. Altro che poteri forti e quant'altro.

inebetiti da tutte queste tivvù non servono nemmeno i poteri forti.
E un fotografo e i giornali stranieri non servono nemmeno a far capire agli italiani che ronzano troppe mosche attorno al letamaio.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
ivan
Inviato: 7/6/2009 1:13  Aggiornato: 7/6/2009 7:44
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:

inebetiti da tutte queste tivvù non servono nemmeno i poteri forti.
E un fotografo e i giornali stranieri non servono nemmeno a far capire agli italiani che ronzano troppe mosche attorno al letamaio.


L'elettorato nostrano è stato sempre "conservatore": in tutti questi decenni, non importa quali e quanti scandali i partiti di "governo" facessero, alle elezioni essi venivano sempre premiati; l'opposizione, invece, dopo il 1975 ha sempre avuto vita difficile: qualunque cosa facesse ha sempre perso le elezioni.

Nè in tutto questo è in qualche modo coagulato un movimento alternativo, capace di superare la vecchia logica destra-sinistra; solo adesso si vede una timida Italia dei valori, un modesto movimento dei Grillini peraltro censuratissimo.

La riforma maggioritaria, poi , ha peggiorato il tutto.

Quanto alla Tv e all'effetto terribile che ha , l'analisi di Pasolini è sempre valida. Questo paese non è stato capace di darsi delle regole per evitare il formarsi di monopoli nel campo dell'informazione e questo ci ha portato alla situazione quel che oggi vediamo e che chissà per quanto ancora durerà.

Nel frattempo El Pais ha pubblicato un'altra foto (niente di particolare) ma ha anche publicato una serie di editoriali diciamo "pesantucci" .

redna
Inviato: 7/6/2009 10:46  Aggiornato: 7/6/2009 10:48
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
El Pais pubblica un articolo (anche in italiano), oltre alle foto della sardegna

ANATOMIA DI BERLUSCOLANDIA

Decine di voli di stato e privati portano ogni fine settimana in Sardegna un esercito di bellezze che intrattengono il capo del governo italiano ed i suoi amici. Dopo le accuse della first lady e del "Noemigate", l'Italia rivela al mondo il suo clima di basso impero. Costerà caro a Berlusconi?



Giardini infiniti, laghi artificiali, organi sessuali all'aria, giochi lesbici, effetti speciali, pizza e gelato gratis... Una residenza geriatrica ricolma di corpi stupendi. Le fotografie censurate in Italia per iniziativa di Silvio Berlusconi mostrano la routine disinibita dellla villa sarda del capo del governo, nella Costa Smeralda della Sardegna.

Lunedí 1, giardini del palazzo presidenziale del Quirinale, festa della Repubblica: centinaia di personalità del regime salgono a salutare il premier, braccato dalle reazioni suscitate dalle notizie sulla sua amicizia con Noemi Letizia, una giovane di 18 anni. Un 70% di queste personalità si dirige a salutare Berlusconi con la figlia a bracetto, invece della moglie. Benvenuti in Berluscolandia, il paese in cui tutte le ragazzine vogliono diventare veline.

....l'articolo continua...

da notare: personalità del REGIME salgono a salutare il premier...Un 70%si dirige a salutare Berlusconi con la FIGLIA a braccetto...

Il ritratto di un paese da basso impero....dove il futuro non c'è e il passato non finisce mai.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
ivan
Inviato: 7/6/2009 13:04  Aggiornato: 7/6/2009 13:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:


Costerà caro a ...



No, non gli costerà caro perchè la bolletta l'hanno già girata, come al solito, a Pantalone che a quanto pare è anche ben lieto di pagarla.

Facile fare feste così.

"Il ritratto di un paese da basso impero ...": avete fatto caso agli arredi ? Tanto verde, tanto legno, poco cemento armato, insomma un'arredo che si può definire "bio". Ma a parte questo, quel che colpisce sono le statue lì presenti.

Le statue che l'antichità ci tramanda sono sempre di donne ed uomini stupendi nei loro corpi ma sempre in piedi, magari coperti da un leggero velo. Lo stesso accade nei dipinti: vengono raffigurate persone sempre in piedi.

Invece lì no, le statue raffigurano donne supine, sdraiate per terra sulla pancia.

E' sempre vero: un'immagine vale mille parole.

Citazione:


Lunedí 1, giardini del palazzo presidenziale del Quirinale, festa della Repubblica: centinaia di personalità del regime salgono a salutare il premier, braccato dalle reazioni suscitate dalle notizie sulla sua amicizia con Noemi Letizia, una giovane di 18 anni. Un 70% di queste personalità si dirige a salutare Berlusconi con la figlia a bracetto, invece della moglie ..




Che tristezza...

E' lo stesso quadro descritto dalla signora Lario.

Comunque, nulla di nuovo sotto il sole, io credevo che questa qui fosse solo satira, invece è attualità.

Che tristezza, specialmente quando poi vedi come si comportano, come appaiono altre personalità :link

E' una situazione da sconforto.

actarus71
Inviato: 8/6/2009 10:37  Aggiornato: 8/6/2009 10:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 145
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Se questo e' "liberismo" mi sembra che sia stato confuso con libertinaggio.

Quasi preferisco l'Italia della censura, bacchettona che usava il termine indecente piu' spesso per giudicare certi atteggiamenti e condotte....

ma lo hanno premiato anche al voto (almeno alle europee) quindi penso di parlare ad un' Italia di ammiratori del B. nazionale...
Poi e' proprio lui a dire di certi altri politici (Di Pietro) che inorridisce al loro pensiero...
Mah....

Forse all' Italia piace leggere piu' CHI, OGGI, CRONACA VERA etc piuttosto che giornali che fanno vera informazione, anche per questo quindi supporta con il proprio voto certe condotte politiche invece che cambiare direzione o dare un segno di stanchezza...

Auguri ITALIA

PikeBishop
Inviato: 8/6/2009 11:03  Aggiornato: 8/6/2009 11:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Citazione:
Quasi preferisco l'Italia della censura, bacchettona che usava il termine indecente piu' spesso

Sono sempre loro, gli stessi. Da una parte censurano e si indignano, dall'altra praticano il libertinaggio, quando possono, e quando non possono ammirano quelli che possono farlo.

D'altronde i censori sono quelli che vedono i film cochon che non vorrebbero che tu vedessi. E quelli che li appoggiano e comprano il giornale della parrocchia sono poi i medesimi che leggono Cronaca Vera e similia. La mentalita' cattolica e' afflitta da moltiple personalita', tutte quante unite pero' dallo stesso perbenismo e ipocrisia.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
Fenice72
Inviato: 11/6/2009 16:14  Aggiornato: 12/6/2009 10:16
So tutto
Iscritto: 21/3/2007
Da: Venezia
Inviati: 28
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Un saluto a tutti,
era da molto tempo che non venivo a dare un'occhiata al sito, sarà perché sono preso dalle mie faccende quotidiane o sarà che mi sono lasciato trasportare nella corrente dell'oblio che ha voluto nuovamente velarmi gli occhi sulla nostra realtà, ma poi come se volessi risvegliarmi da un lungo letargo apro gli occhi e vedo che tutto quello che mi circonda non è più come l'avevo lasciato prima di addormentarmi, tutto mi sembra diverso, sono steso sul mio letto, la sveglia si accende sul canale radiofonico che mi aggredisce di prima mattina bombardandomi di pubblicità che mi vogliono a tutti i costi nuovamente nella tormenta del consumismo, la spengo immediatamente e mi vesto come se volessi fuggire da ciò che mi circonda non trovandomi nella dimensione giusta, vado al bar e persino il caffè che mi bevo mi sembra mentire con il suo aroma di presso a poco, mi sento confuso le brioche non hanno più lo stesso sapore, il giornale sul bancone in prima pagina mi mostra storie inesistenti, ed io sempre più consapevole che quello che mi circonda è una gigantesca farsa faccio finta di niente per non dare troppo nell'occhio come se fossi in un mondo di alieni, meglio non farsi troppo notare, il vedere oltre può danneggiare chi non mente, mi sembra di balenare in uno spazio aperto dove l'informazione ti circonda e t'imprigiona perché non vuole informarti del vero ma solo della menzogna... E mi sento sempre più solo a rendermene conto... Ma poi mi ricordo di un luogo dove il chiaro sembra scuro, il vero sembra falso e la certezza diventa dubbio... si mi ricordo di un luogo comune a gente come noi dove il risveglio della mente e sempre presente.

actarus71
Inviato: 13/6/2009 12:04  Aggiornato: 13/6/2009 12:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 145
 Re: L'insostenibile leggerezza delle parole
Ma che in TV si parli ancora del "caso" Noemi non vi sembra un tantino strano?
Quando una politica che si rispetti almeno e dico almeno dovrebbe far notare agli italiani che ben piu' grave di una "ipotetica" condotta libertina del nostro rappresentante numero uno al governo, ci sia la dimostrata (seppur da Giudici di sinistra) abitudine a corrompere la magistratura di un esponente cosi' importante nel panorama politico?
C'e' nessuno che fa notare che quando si parlava dello "stalliere" di casa Arcore in termini mafiosi, ai tempi si sosteneva che fosse tutto da dimostrare. Poi una volta processato e condannato per triplice omicidio e dimopstrato il suo favorire una certa organizzazione criminale (vedasi Mafia che dell' Utri sostiene non esistere), per di piu' reputato eroe da B., l' Italia ha voluto girare la testa altrove e far finta di non sentire, pur di dar fiducia al bel sorriso, al buon padre di famiglia, al buon marito, all' imprenditore vincente vittima di una Sinistra infiltrata a tutti i livelli dalla magistratura alla stampa alla televisione.

Quindi mi domando ma c'e' (scusate gli apostrofial posto degli accenti ma ho la tastiera che mi si e' sconfigurata) qualcuno realmente interessato a mostrare i fatti alla gente, alla massa?
A me non pare proprio.
Ma ripeto al solito e' un mio personale punto di vista.......


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA