Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


news internazionali : IL MURO INFINITO
Inviato da Redazione il 15/4/2004 19:02:29 (2965 letture)



Dalla Palestina a Rio de Janeiro, un’ideale – e non soltanto – parete di cemento marca sempre più visibilmente la separazione fra i privilegiati e le moltitudini affamate del pianeta.

di Massimo Mazzucco

Ieri Sharon ha riportato una storica vittoria a Washington, ottenendo da George Bush sia il riconoscimento del diritto ad occupare parte dei territori in Cisgiordania, sia una sua vistosa retromarcia sul “no” al muro che il presidente aveva espresso, con teatrale fermezza, non più di due mesi fa. E’ la prima volta nella storia che un presidente americano riconosce ad Israele un qualunque diritto sui territori occupati.

Ovviamente - ha dichiarato Bush alla stampa allibita - sia il diritto a tenersi i territori, sia il via libera per completare il muro, sono solo temporanei. Il giorno in cui ci si sedesse finalmente al tavolo della pace – ha poi spiegato - tutto ciò andrebbe ridiscusso. (Certo, come no? Già Sharon non ha mai avuto nessuna fretta di sedersi nemmeno al tavolino del bar, figuriamoci ora che gli toccherebbe pure ridiscutere quello che è già riuscito ad acchiappare sottobanco, e magari anche buttare giù un pezzettino del suo amatissimo simbolo di fratellanza universale).

E già che il resto del mondo fa finta di non vedere quello che accade in Palestina, ne ha approfittato il governo brasiliano per lanciare un’idea di muro molto simile a quella di Sharon: solo che loro dentro ci vogliono rinchiudere...

... i favelados di Rio.


La guerra aperta fra polizia locale e gang di trafficanti di droga è in corso ormai da tempo, e le incursioni nel territorio assomigliano ormai sempre più a quelle degli israeliani nei vari villaggi palestinesi. Con la scusa di catturare il tal dei tali, la vita già non certo invidiabile dei 150.000 abitanti di Rocinha, una delle due favelas “storiche” di Rio (l’altra è Vidigal, con quasi altrettanti disperati), viene resa un vero e proprio inferno a ritmi ormai quotidiani.

Per cercare di risolvere il problema, la polizia ha ultimamente scatenato – in pieno stile yankee – l’ “Operazione Massima Pressione”. Ovvero, si entra negli slums, si fa un’incursione a sorpresa nel territorio di una certa gang, si spara a chiunque ti compaia nel mirino, e poi casomai, a chi rimane vivo, gli si chiedono i documenti.



Ma le gang evidentemente sono ben organizzate, ed hanno risposto con altrettanta violenza ad ogni tentativo di intrusione da patre dei poliziotti. Risultato: morti a dozzine da ambedue le parti, e problema naturalmente irrisolto.

E così, ultimamente, ha cominciato a circolare una voce che in pochi giorni si è fatta concreta proposta da parte del governo: richiudere l’intero territorio in una gabbia di cemento, anche se questa alta solo tre metri, e non dieci come in Palestina.

Inutilmente le associazioni per i diritti umani hanno gridato allo scandalo: l’occidente, come dicevamo, ormai si è abituato ai soprusi (sempre che siano contro terzi, ovviamente), e le motiìvazioni che gli ufficiali di governo offrono, pur disalvare in qualche modo la faccia, sono tanto ridicole quanto sufficienti a far passare sotto silenzio l’intera operazione: pensate, addirittura, che uno dei motivi più importanti per costruire il muro sarebbe quello di arrestare l’espansione ..... nooo, non della foresta, che da sempre incombe alle spalle della favela, ma l’espansione della favela verso la foresta, per proteggerla!!!

Ah, quando i leader l’ecologia ce l’hanno nel sangue...

Massimo Mazzucco

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA