Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


11 settembre : E se fosse diventato presidente Cheney?
Inviato da Redazione il 3/6/2006 8:26:11 (7823 letture)

Questo è l'articolo originale sul possibile fallito attentato al presidente Bush, all'alba dell'undici settembre, di cui si è parlato ieri sera a Matrix

Proviamo ad immaginare la sera dell'11 Settembre 2001, come tutti la ricordiamo, con una piccola variante: il mondo osserva allibito gli schermi del televisore, sui quali non solo scorrono le immagini dell'attacco a Torri Gemelle e Pentagono, ma anche quelle relative all'assassinio del presidente Bush. E' stato ucciso quel mattino all'alba, nell'albergo della Florida in cui si trovava, e poche ore dopo Dick Cheney, che già aveva avuto in mano la situazione per l'intera giornata, a causa della sua assenza, ha giurato ed ha preso il suo posto. Le immagini di Laura Bush piangente, accanto alla bara del marito, uniscono una nazione che ancora non ha dimenticato i terribili giorni di Dallas. L'indignazione per le torri abbattute si moltiplica ...

… e si mescola a quella del vile assassinio, e a questo punto non ci sarà nessun bisogno di un dibattito parlamentare, né di una risoluzione delle Nazioni Unite, perché Cheney si metta a capo di una nazione autorizzata dal mondo intero ad andare a cercare giustizia dove meglio le pare.

Pura fantascienza? Forse, ma non necessariamente. Scavando fra i risvolti delle mille notizie di quel giorno, si scopre che verso le sei del mattino si è presentata, all'hotel della Florida in cui soggiornava Bush, una troupe televisiva di una emittente araba, che sosteneva di avere un appuntamento per un'intervista con il presidente, al bordo della piscina, al suo ritorno dal jogging mattutino.

La notizia era stata data, un paio di settimane dopo, da un piccolo quotidiano locale, ma naturalmente andò persa fra le notizie, ben maggiori, di quello che accadeva nel mondo in seguito agli attentati. Diversi dipendenti dell'albergo riportavano di aver assistito allo scambio fra il rappresentante di questa troupe e gli uomini dei servizi segreti, avvenuto alla reception. I primi facevano il nome di un certo agente dei servizi, che però in quel momento non era reperibile. E poiché l'intervista a loro non risultava programmata, gli uomini del presidente rifiutavano l'ingresso alle telecamere, suggerendo alla strana comitiva di rivolgersi all'ufficio stampa di Washington. Dopo aver protestato per un po', la troupe di arabi si allontanava sul suo furgoncino.

Questo fatto rappresenta, come minimo, una stranissima coincidenza, che diventa ancora più curiosa se si pensa che proprio due giorni prima, il 9 Settembre, era stato assassinato in Agfhanistan il leader dell'Alleanza Nord, Massoud, con una tecnica simile. Una finta troupe televisiva era riuscita ad avere il permesso per intervistarlo, e dopo aver montato luci e cavalletti, si era allontanata solo per un attimo, non lasciandogli forse nemmeno il tempo di sospettare che la telecamera puntata su di lui fosse imbottita di esplosivo.

La morte di Massoud aveva poi reso le cose molto più facili per il Pentagono, al momento di attaccare l'Afghanistan, quando si trattò di venire a patti con un'Alleanza Nord sconvolta dalla morte del loro capo, e momentaneamente senza leadership.

Certamente, per chi vuole credere alla versione ufficiale dei fatti dell'11 Settembre, le coincidenze favorevoli ai neocons, in quel periodo, sono state davvero molte. E quella della strana troupe di una televisione arabica, che si presenta proprio quel mattino, a quell'ora, sperando di essere ammessa, pur senza autorizzazione, ad intervistare il presidente, è sicuramente la più curiosa di tutte.

Massimo Mazzucco


The Longboat Observer, il quotidiano locale con la notizia della strana visita della troupe televisiva, datata 26 Settembre..



Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
freemind
Inviato: 17/12/2005 9:32  Aggiornato: 17/12/2005 9:32
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/6/2004
Da:
Inviati: 380
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
E la questione dei codici di identificazione e di trasmissione della Presidenza violati?
Si parlava di una minaccia ANCHE all'Air Force One la mattina degli attentati ed a cagione di ciò fecero vagabondare Bush un bel po' a destra e a manca.
Su questo argomento nessuna spiegazione, nessun approfondimento ma kilometri cubi di sabbia sopra. Cosa avvenne veramente e perché?

Noi non ci realizziamo mai. Siamo due abissi: un pozzo che fissa il cielo - FERNANDO PESSOA
Kolza
Inviato: 17/12/2005 9:48  Aggiornato: 17/12/2005 9:48
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/6/2004
Da: MMMMMMonza
Inviati: 916
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Se a ciò uniamo il fatto che l'Air Force One è virtualmente inattaccabile in aria, dubito che qualcuno avrebbe potuto "tirarlo giù" da terra con uno Stinger. E' molto più logico aspettare che l'aquila diventi pollo (al suolo).
A proposito di come arte e realtà si assomigliano, qualcuno di voi ha visto la Seconda Serie di 24 (cone Kiefer Sutherland)? Ve la consiglio caldamente...

Saludos
Kolza

Redazione
Inviato: 17/12/2005 11:13  Aggiornato: 17/12/2005 11:15
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Tutte le "disattenzioni" da parte dei servizi segreti, quel mattino, basterebbero da sole a mostrare come fra di loro ci fosse qualcuno che era dentro fino al collo. (Per chi non lo sapesse, i servizi segreti sono la guardia del corpo personale del presidente, ed hanno istruzioni precise che devono poter mettere in atto in ogni momento, in maniera automatica).

Nel momento in cui viene detto a Bush che "l'America è sotto attacco" - ore 9.05 - i servizi avrebbero dovuto immediatamente sollevarlo di peso, e portarlo via da quella scuola, poiché era noto a tutti che egli si sarebbe trovato lì quella mattina, a quell'ora. C 'erano quindi moltissime probabilità che potesse essere lui la prossima vittima. Invece, se ne sono completamente "dimenticati ", e lo hanno lasciato per oltre mezz'ora a fare da bersaglio per un possibile attentato.

Inoltre, quando Cheney ha capito che Bush voleva tornare a Washington, lo ha fatto decollare in fretta e furia dall'aeroporto, al punto che i caccia di scorta non hanno fatto nemmeno in tempo a decollare con lui. Lo hanno raggiunto poi in seguito. Ma a quel punto Cheney faceva sapere che l'aereo era "in pericolo", e che non doveva assolutamente tornare a Washington.

Tutto questo, sommato alla faccia da beota - difficilissima da imitare, riconosciamolo - di Bush, quando si è sentito dire che l'America era sotto attacco, mostra con chiarezza come il ragazzo fosse completamente all'oscuro dei giochi.

Peccato che al mondo di giornalisti che amano ragionare ce ne siano molto pochi.

yarebon
Inviato: 17/12/2005 12:15  Aggiornato: 17/12/2005 12:17
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2366
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
bush jr è un pò ritardato, ma che egli non sapesse che degli attentati fossero progettati mi pare eccessivo. Nel senso se accettiamo per reale l'ipotesi del complotto interno, penso che Bush ne sia stato al corrente. Che abbia avuto mani legate e che forse non sapeva come si sarebbe svolto l'intero copione ok! è abbastanza idiota da non poter prendere decisioni indipendenti, figurarsi progettare un attentato complesso come quello dell'11 settembre. In effetti ora che mi ricordo, la faccia da beota di Bush nella scuola in Florida, in cui gli viene detto per la prima volta che l'America è sotto attacco è di sorpresa, o forse più di paura nel senso "azzo è accaduto finalmente, ora devo avere abbastanza palle...". Penso che ciò si possa accertare dal fatto che una normale persona all'oscuro di questi fatti, appena saputa una notizia del genere si sarebbe alzato dalla sua sedia e ne avrebbe voluto sapere di più, Bush invece continuò a raccontare tranquillo la storia della capretta ai bambini (con tutto il rispetto per Felice ). Poi se non ricordo male Bush fu (come giustamente qualcuno di voi ha ricordato) fatto gironzolare con il suo air force one nei momenti cruciali e forse questi continui spostamenti gli hanno impedito di prendere completamente in mano la situazione nel senso "tenete quell'idiota lontano da noi che l'attentato deve filare liscio".
Poi secondo me molti di voi non hanno riflettuto abbastanza sul volo 93, quello caduto in Pennsylvania, ebbene era diretto a Washington e secondo me doveva impattare contro il congresso, così da far assumere a bush e cheney pieni poteri ed applicare la corte marziale. Molti deputati e senatori ostili uccisi in un sol colpo, il potere annientato, ecco una dittatura momentanea e necessaria per stabilire l'ordine. Se non è impattato probabilmente ciò è dovuto al fatto che l'aereo se notate decollò in ritardo e ciò provocò appunto un ritardo inamissibile nella tabella di marcia, ossia era impossibile usare un'altra giustificazone del tipo "i caccia si sono alzati in ritardo", prima di tutto perchè l'aereo era diretto a washington e secondo perchè sia a new york che a washington era scoppiato il finimondo e quindi era inammissibile un altro attentato (qualcuno avrebbe sospettato altrimenti).

ELFLACO
Inviato: 17/12/2005 13:14  Aggiornato: 17/12/2005 13:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Salve ragazzi.
Sull volo 93 avrei qualche domanda da fare ,se qualcuno di voi può rispondere mi fa un grande piacere.

1 Sapete di qualche intervista fatta al webmaster del sito internet di quella emittente televisiva che pubblicò la notizia del atterragiio di emergenza fatto dal volo 93 a Cleveland
l'11 sett,nello stesso momento in cui lo si dava per disperso in Pennsilvania?

2 C'è qualche conferma del atterraggio d'emergenza di quest'altro volo 93?

3 Se c'è, quest'altro volo 93 è ripartito?

Mi fermo qua ma ne avrei ancora tante.Sapete sto mettendo qualche puntino sulle "i" che mi manca.
Vi ringrazio.

EL FLACO

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
hi-speed
Inviato: 17/12/2005 13:45  Aggiornato: 17/12/2005 13:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/12/2004
Da: preda lunga
Inviati: 3211
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?

Cosa Sta Succedendo? Madre, madre Ci sono troppi di voi che piangono Fratello, fratello, fratello Ci sono troppi di voi che stanno morendo Sai che dobbiamo trovare una maniera Per portare un pò di amore qui oggi
ELFLACO
Inviato: 17/12/2005 13:51  Aggiornato: 17/12/2005 13:51
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Che ne dite di questa notizia L'ho letta su rainews24.
Bush: mai detto che Saddam era legato all'11/9
"Non ho mai detto questo e mai usato questo argomento prima dell'attacco all'Iraq", ha detto il capo della casa Bianca in una intervista con il programma 'Newshour' della Pbs. Bush ha osservato d'altra parte che esisteva un collegamento tra Saddam e il terrorismo, perché Saddam "aveva legami terroristici". "Era un nemico giurato e se avesse avuto armi di distruzione di massa le avrebbe usate", ha aggiunto il presidente prendendo atto peraltro che le armi, dopo l'invasione, non sono mai state trovate.

Non ho parole!!

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
Redazione
Inviato: 17/12/2005 14:05  Aggiornato: 17/12/2005 14:06
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
EL FLACO Se avrai la pazienza di aspettare il film, c'è un intero capitolo dedicato a UA93. Se ti può servire, nel frattempo, sappi che alla fine si dovrebbe concludere, con relativa certezza, che a) l'aereo è stato colpito in aria, e b) la buca era stata approntata in precedenza, e riempita di rottami qualunque. Quindi sul Cleveland secondo me sei sulla strada giusta, perchè qui sembrerebbe proprio che hanno buttato giù un drone. (Mentre il "Delta" di Cleveland forniva il falso bleep ai radar, in andata, trasmettendo come UA93)

Abulafia
Inviato: 17/12/2005 14:19  Aggiornato: 17/12/2005 14:20
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/11/2005
Da:
Inviati: 1612
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Buongiorno,
riguardo alla figura del Presidente USA, sono vicino alle posizioni di Yarebon: il fulcro delle recenti vicende non è lui, anche se la sua posizione costringe obbligatoriamente i complottisti a dargli un minimo di rilievo decisionale. Forse è per questo che l'ipotesi di farlo fuori in piscina pareva così felice? Due piccioni con una fava?
Le dichiarazioni riportate da ElFlaco a mio parere possono essere spiegate più con un'indagine sulla psicologia (psichiatria?) del personaggio, che non altro. Non essendo molto presente a sè stesso, quel debosciato a volte le spara grosse nonostante le fide balie che gli hanno messo al fianco.
Dev'essere stato molto triste per Bush padre assistere anni fa alla riunione coi suoi NeoCon-pagni di merende, in cui si è affrontata la questione di quale burattino mettere alla Casa Bianca.... sono certo che per il figlio aveva sempre sperato una carriera migliore, con un minimo di prestigio e rispettabilità

...Ars adeo latet arte sua...
Krya
Inviato: 17/12/2005 14:48  Aggiornato: 17/12/2005 14:50
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/8/2005
Da: Toscana
Inviati: 438
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Giorgino è persona, perfettamente funzionale allo scopo.

Un'eccesso di intelligenza, poteva creare problemi e domande, tipo "ma come passo alla storia?", e limitare il controllo che i Mangiafuoco hanno sui fili.

E' Presidente, Capo dell'esercito più grande del mondo, ma deve chiedere il permesso alla Rice per andare in bagno.

In casi estremi è sacrificabile, con tutte le implicazioni del termine, se ciò fosse funzionale alla logica di chi ha chiaro il percorso da seguire.

Non credo sappia più di un tot, altrimenti, visto che parla pubblicamente, e che lo vogliate o meno, parla come uomo potente, non è il portiere della casa bianca, potrebbe, in un'eccesso di fiducia in se stesso, dire cose pericolose.

In pratica è perfetto.

Riccardo

Ci sono crimini peggiori del bruciare libri, uno di questi è non leggerli. (brodsky)
Abulafia
Inviato: 17/12/2005 15:05  Aggiornato: 17/12/2005 15:05
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/11/2005
Da:
Inviati: 1612
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
P.S.: certo che se tra tutte le foto di Cheney mettete proprio quella di quando ha avuto l'attacco di emorroidi....
La Redazione ha preso spunto da Emilio Fede con le sue gigantografie di Prodi durante il TG4?

...Ars adeo latet arte sua...
hi-speed
Inviato: 17/12/2005 15:46  Aggiornato: 17/12/2005 15:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/12/2004
Da: preda lunga
Inviati: 3211
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
qui
ci sono alcuni links sul volo 93 e Cleveland
ma non tutti funzionano.
hi-speed

Cosa Sta Succedendo? Madre, madre Ci sono troppi di voi che piangono Fratello, fratello, fratello Ci sono troppi di voi che stanno morendo Sai che dobbiamo trovare una maniera Per portare un pò di amore qui oggi
yarebon
Inviato: 17/12/2005 16:21  Aggiornato: 17/12/2005 16:21
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2366
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
ho letto gli interessanti articoli sul volo 93 atterrato a Cleveland, ma ora ho più domande di prima:
1- se il volo è atterrato a Cleveland allora l'aereo caduto in Pennsylvania è un drone senza pilota?
2-se il volo 93 è atterrato a Cleveland, che ne è stato dei passeggeri? (nell'articolo non si spiega questo punto)
3-Poi nel volo caduto in Pennsylvania hanno trovato o meno dei cadaveri dei passeggeri? Se il volo 93 è atterrato a Cleveland, i cadaveri dei passeggeri in Pennsylvania non dovrebbero trovarsi e ciò non dovrebbe scatenare dubbi?
4-a questo punto sorge la domanda che forse tutti gli aerei schiantatisi nelle due torri e quello che doveva schiantarsi nel pentagono sono stati sotituiti da aerei telecomandati a distanza senza pilota, quindi che fine hanno fatto i normali aerei con i passeggeri? non penso siano andati tutti a Cleveland perchè lì si parla di due aerei!

Trimegisto
Inviato: 17/12/2005 17:35  Aggiornato: 17/12/2005 17:42
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/11/2004
Da: San Francisco
Inviati: 119
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Carissimi,
purtroppo per i miei nervi, ho seguito quasi tutta l'intervista a bush su pbs, fino a quando, cioe', il voltastomaco non mi ha costretto a spegnere la tv.
Questo maledetto fantoccio continua, nonostante tutti gli schiaffoni (o forse sono solo buffetti) presi recentemente (non ultimo la bocciatura in Senato del rinnovo del patriot act, dopo lo "scandalo" delle intercettazioni da parte della NSA sul suolo americano... all'estero sono tranquillamente ammesse), a mentire spudoratamente di fronte alla nazione ed a giornalisti compiacenti (naturalmente le interviste sono tutte pianificate e le domande non vanno mai in profondita', si limitano a fornire lo spunto per riaffermare le consuete menzogne).

Oltre al gia' citato esempio su Saddam, dove prima conferma che non c'era relazione tra Iraq e attentati e poi afferma l'esatto contrario (ma allora sta connessione c'era o no?... si, no, cioe'... forse non c'era, ma siccome Saddam era nemico giurato degli USA ecco che la connessione e' bella che provata... [io enfatizzo, ma il ragionamento e' questo... parola di boy-scout]), il bamboccio continua a sostenere la relazione tra Iraq e Al-Queda, poi amammette che non c'era ma che come i liberatori hanno messo piede a Baghdad tutti i cattivoni della zona si sono rovesciati li'ad impedire la democratizzazione.

Alla domanda se avesse mai pensato alle conseguenze in termini di perdite umane derivanti dalla guerra, il candido, dopo una pausa di riflessione alla Homer Simpson (cosa devo dire? cosa devo dire? hmmmmmmmm... ciambella...), risponde di NO!!!, non ci ha mai pensato, non era il momento e bisognava prendere decisioni imminenti; naturalmente si sarebbe augurato (sue parole) che le vittime da ambo le parti fossero pari a zero, ma si sa... la guerra e' fatta cosi', purtroppo muoiono in tanti e le cose vengono distrutte... l'importante e' che ogni singola morte sia indirizzata al raggiungimento dell'obiettivo. Ma quale?????
Ora, come e' possibile che il commander in chief non abbia pianificato insieme allo stato maggiore il numero di perdite ammissibili da entrambe le parti? E' una procedura (ahime') standard di qualsiasi missione di guerra, giacche' da questa parte dell'oceano non la si vede come un'operazione di pace.
Non si rende conto, il burattino, di ammettere: sono solo un fallito insignificante nelle mani di Cheney?

Gli viene chiesto: ma la guerra non era vinta e la missione compiuta? Perche' siamo ancora laggiu' e i nostri uomini continuano a morire?
Ebbene, lo scimmiotto risponde portando l'esempio della seconda guerra mondiale: vi ricordate il Giappone? Ok, dopo averlo nuclearizzato la guerra era ufficialmente finita, la resa venne scritta nero su bianco, ma la nostra presenza (coloniale) e' continuata per anni in modo da garantire un processo democratico di ricostruzione (e una snaturante e devastante occidentalizzazione di una cultura millenaria). Dimentica, pero', di notare che ad oggi l'ex impero del sole e' una solida roccaforte militare americana e che sul suo suolo sono presenti migliaia di soldati statunitensi... strano, eh?

Si, e' vero, continua il gaglioffo, molti insistono che siamo andati laggiu' per il petrolio e per interessi economici; e' anche vero che abbiamo spacciato delle bufale d'intelligence per sacrosante (con tanto di slides all'ONU e polveri bianche), ma la realta' e' che siamo tanto buoni, ci interessa solo democratizzare la regione ed addestrare le truppe irachene in modo da permettergli di combattere (di morire) autonomamente e al posto nostro la guerra intestina (tra quei fanatici bastardi...ndr); nella regione lasceremo solo truppe speciali per le missioni che potrete poi ammirare nei cinema, con tanto di effetti ultra speciali e sangue a go-go.

Naturalmente, il pupazzetto riporta le cifre dei morti americani che tutti i media conoscono (o fanno finta di conoscere) e il giornalista non si sogna neanche di chiedere lumi sulle voci che corrono, di qua e di la', riguardo ad un numero assai superiore di perdite... quando poi quantifica le morti irachene... ebbene, sono solo 30.000 se, aggiunge, le cifre sono vere!!!!
Eh gia', magari ne sono morti solo un paio...

E poi via con la solita serenata di affermazioni rassicuranti, riaffermazioni di menzogne sul 9/11, ammiccatine e battutine.

L'opinione pubblica e' nuovamente servita.

Visto che ora e' di moda, vorrei raccontarvi anche io un sogno (vero) che ho fatto ieri: esco da un cinema di San Francisco e, come spesso accade qui, vengo intervistato per un commento sul film King Kong. Colgo la palla al balzo e, senza permettere all'atterrito giornalista di interrompermi ed accertatomi di essere in diretta, inizio a porre tutte le domande che noi conosciamo bene, la versione parlata del foglietto di luogocomune. Non si salva nessuno: nomi, cognomi, luoghi, date e circostanze... sembro una macchina inarrestabile, la locomotiva di Guccini. Il sogno si interrompe brutalmente; l'ultima cosa che ricordo sono quattro omaccioni occhialuti che appaiono d'improvviso al mio fianco.

A proposito, Massimo, visto che senz'altro "loro" sanno benissimo di te e di cio' che vai scrivendo, non ti e' mai venuta la paranoia da complottista?
Voglio dire, non sarebbe il momento di pubblicare sul sito un'affermazione tipo: io sottoscritto, Massimo Mazzucco, affermo, nel pieno possesso della facolta' d'intendere e volere, che qualsiasi incidente mi debba capitare non e' da attribuirsi al caso o alla fatalita'. Nel caso, invito tutte le autorita' competenti a fare ogni possibile accertamento perche' temo che le idee da me espresse abbiano suscitato rancore e volonta' di soppressione nei soggetti da me esplicitamente indicati.



Echelon docet.

Se pensi che sia un portasfiga, acconsento alla censura dell'ultima parte.

Peace and Love

Paolo

"Everything has Beauty, but not everyone sees it."
Confucius
SWE
Inviato: 17/12/2005 18:13  Aggiornato: 17/12/2005 18:13
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 744
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
****

Non capisco la domanda… Da quando in qua ci sono dubbi che il Presidente Usa NON sia Richard Cheney e che quel fesso di Bush sia stato piazzato lì solo a proteggere le terga di CHI decide per davvero ?

emanuela

Redazione
Inviato: 17/12/2005 18:53  Aggiornato: 17/12/2005 18:55
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
1- se il volo è atterrato a Cleveland allora l'aereo caduto in Pennsylvania è un drone senza pilota?

E' una possibilità. In quel caso, il volo che è atterrato a Cleveland era a sua volta una "lepre", cioò una figura fantasma usata durante le esercitazioni per inserire falsi bleep sui radar dei controllori.

2-se il volo 93 è atterrato a Cleveland, che ne è stato dei passeggeri? (nell'articolo non si spiega questo punto)

Non so di che articolo parli, ma prima di tutto bisognerebbe essere sicuri che il volo sia partito. C'è stato infatti un strano scambio di gates, all'ultimo momento, che ha creato un sacco di confusione all'aeroporto. Il volo inoltre non risultava mai arrivato da S. Francisco, la sera prima, sui database della FAA.

3-Poi nel volo caduto in Pennsylvania hanno trovato o meno dei cadaveri dei passeggeri? Se il volo 93 è atterrato a Cleveland, i cadaveri dei passeggeri in Pennsylvania non dovrebbero trovarsi e ciò non dovrebbe scatenare dubbi?

Infatti, se vedi un documentario tedesco di cui non ricordo il titolo (Goldstein lo sa) scopri che ai parenti hanno restituito delle piccole urne con dentro delle ceneri.

4-a questo punto sorge la domanda che forse tutti gli aerei schiantatisi nelle due torri e quello che doveva schiantarsi nel pentagono sono stati sotituiti da aerei telecomandati a distanza senza pilota, quindi che fine hanno fatto i normali aerei con i passeggeri? non penso siano andati tutti a Cleveland perchè lì si parla di due aerei!

In una delle ipotesi, le liste sarebbero quasi tutte finte (vedi Northwoods), i morti effettivi solo una ventina. Ad una conferenza una volta Herlen Mariani ha deto di non aver mai conosciuto un solo altro parente dei passeggeri di UA175.

In generale, diciamo che sotto c'è un mastodontico gioco delle tre carte, nel quale noi abbiamo troppo pochi elementi, in confronto alle mille variabili, per capire cosa è successo. Il succo comunque è che ci hanno preso per il culo niente male.

ELFLACO
Inviato: 17/12/2005 18:55  Aggiornato: 17/12/2005 18:55
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Redazzuco!!
A meno che il capitolo sul volo 93 del tu video non duri 3 ore ho paura che non mi basterà.
Comunque aspeterò per massacrarti i "cosidetti" con altre domande.

Uffa!!

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
Redazione
Inviato: 17/12/2005 19:05  Aggiornato: 17/12/2005 19:06
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
EL FLACO; YAREBON; ALTRI: la questione dei voli e dei passeggeri è in realtà l'ultima barriera che ancora bisogna abbattere, per avere un pò più di chiarezza sull'intera operazione. Ci stanno lavorando più o meno tutti i siti che sono attivi sul 9/11. Potremmo aprire un forum apposito, dove far confluire tutto quello che ciascuno di noi ha scoperto finora. Io ad esempio ho fatto una ricerca sul database delle morti civili, che parte dal 1962 ad oggi, e di nomi dei passeggeri ne trovo si e no uno su dieci.


ABULAFIA: La foto di Cheney tendenziosa? Dici? A me sembrava così tenero, con quel suo canino mezzo spuntato che guarda all'insù…

TRIMEGISTO: Al mio caro confratello del Nord, dico solo "tiè!" Cuorna e bicuorna tiè-tiè-tiè!!!

EL FLACO: massacra pure ora. Se posso....

yarebon
Inviato: 17/12/2005 19:06  Aggiornato: 17/12/2005 19:06
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2366
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
grazie per le risposte Massimo, riguardo all'articolo che citavo nella domanda 2, mi riferivo al link postato da hi-speed più su!
La tua risposta alla domanda 4 non mi è molto chiara invece, mi sembra strano pensare solo ad una ventina di morti per quanto riguarda i passeggeri degli aerei, nel senso gli altri nomi della lista sono inventati? Cmq è certo che i vari aerei avevano un numero insolitamente basso di passeggeri e a molti fu impedito di partire, ma cmq il dubbio rimane. Mi rileggerò attentamente il documento dell'operazione northwoods cmq!

Redazione
Inviato: 17/12/2005 19:07  Aggiornato: 17/12/2005 19:08
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
la frase chiave di Northwoods è "naturalmente bisognerebbe preparare prima una lista di passeggeri ad hoc, accuratamente falsa, da dare alla stampa dopo l'incidente", o qualcosa del genere.

yarebon
Inviato: 17/12/2005 19:08  Aggiornato: 17/12/2005 19:08
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2366
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Massimo sono d'accordo nell'aprire un forum apposito su questo argomento dove far confluire le varie ipotesi e dati a nostra disposizione!

ELFLACO
Inviato: 17/12/2005 19:16  Aggiornato: 17/12/2005 19:16
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Allora ci provo.
Che tu sappia c'è un rapporto,una comunicazione,un qualche cosa dove si parli della identificazione resti del volo 93(tramite i codici) ??
Dato che ogni parte del velivolo ha il suo codice che viene "legato" al velivolo e al suo numero di matricola ad ogni intervento di manutenzione.
Grazie

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
Redazione
Inviato: 17/12/2005 19:17  Aggiornato: 17/12/2005 19:18
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
BUSH SAPEVA?

Avendo a disposizione sul sito fior di psicologi, propongo di approfondire l'argomento "behavioristico" di Bush.

Io domando a ciascuno di voi: se tu fossi al corrente di quello che sta per accadere quel mattino, e dovessi quindi prepararti in anticipo la reazione pubblica alla notizia che "l'America è sotto attacco", come sceglieresti di comportarti?

A) Mi faccio vedere che divento improvvisamentre serio, poi dico alla classe "scusatemi un secondo bambini, sembra che ci sia una cosa importante e hanno bisogno di me."

B) Faccio la faccia da tordo, incrocio gli occhi nel vuoto davanti a me, come una pecora ubriaca, faccio la bocca a culo di gallina, accavallo la gambetta intorpidita sull'altra coscia, guardo continuamente fuori campo per vedere cosa mi dicono, e ogni tanto faccio "Hum" con gli occhi di traverso, come dire "ohibò, cosa avranno voluto dire quelle parole?"

Redazione
Inviato: 17/12/2005 19:25  Aggiornato: 17/12/2005 19:25
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Vorrei poterti dire che ti mando il capitolo del film, ma ovviamente non posso. Ti chiedi quindi di fidarti: a) nella buca non c'è un solo pezzo di aereo, b) nella foresta dietro al buco si è infilato un reporter, di cui ho trovato l'intervista, che ha aggirato il blocco degli agenti FBI. Anche lì, solo ferraglia da motorino, nessun pezzo di aereo, e "odore di terra bruciata, non di kerosene". c) tre testimonianze cruciali che hanno visto l'aereo esplodere in aria.

ELFLACO
Inviato: 17/12/2005 19:33  Aggiornato: 17/12/2005 19:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Va bene!! Aspetto il tuo video dopo aproffonderemo.
Mi sono scaricato il rapporto della comissione sull' 11 set
ho cominciato a leggerlo piano perchè il mio inglese non è alla altezza.
Ma nel rapporto si parla dei rottami e della loro identificazione??

Ci sentiamo dopo .

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
Redazione
Inviato: 17/12/2005 19:36  Aggiornato: 17/12/2005 19:40
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
FLACO: No, di rottami identificati non mi risulta che si parli, ma non l'ho letto tutto. Mentre secondo la versione ufficiale - udite udite - i resti di TUTTI i passeggeri sono stati riconosciuti grazie al DNA! Esattamente come al Pentagono: gli aerei di polverizzano, ma le carni umane non bruciano.

Se vuoi un consiglio, evita di leggere quel rapporto: ti risparmi un bell'attacco di bile garantito. Oppure, faticare per faticare (con l'inglese), leggi la critica di Griffin "9/11 report, errors and omissions"

YAREBON, OK per il forum, ma siccome vorrei seguirlo da vicino, permettimi prima di rifare la sez. 9/11, che ora sta diventando urgente

Santaruina
Inviato: 17/12/2005 19:57  Aggiornato: 17/12/2005 19:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 13/10/2004
Da: Sud Europa
Inviati: 5123
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
propongo di approfondire l'argomento "behavioristico" di Bush.

Anch’io credo che Bush non avesse piena conoscenza dei progetti della cricca per l’11/9, e la sua “reazione” è stata tutt’altro che naturale.

Obbiettivamente sembrava che stesse pensando:

“Mmm… due aerei si sono scontrati sulle torri gemelle, mmm…. a giudicare dalla faccia di Andy dovrebbe essere grave… chissà che botto che hanno fatto… eh già… e poi i ragazzi di là continuano a correre avanti e dietro… sembrano così agitati… mi sa che è davvero grave questa storia… però se fosse davvero grave mi avrebbero chiesto un parere… e che cavolo, sono il presidente io… forse dovrei andare di là a chiedere se ne sanno qualcosa di più… ma dov’è finito Andy… e cosa vogliono da me questi marmocchi… se ci fosse qua Condy lei si che saprebbe consigliarmi… e mi è pure venuta sete…”

Blessed be

-o- Ama e fa' ciò che vuoi -o-
gio-gio
Inviato: 17/12/2005 20:18  Aggiornato: 17/12/2005 20:18
So tutto
Iscritto: 1/11/2005
Da:
Inviati: 8
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
sapete se esiste una traduzione dell rapporto della commissione sull 11 sett?

F.Capretta
Inviato: 18/12/2005 1:14  Aggiornato: 18/12/2005 1:14
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/1/2005
Da: Le Felici Fattorie
Inviati: 855
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Citazione:

“Mmm… due aerei si sono scontrati sulle torri gemelle, mmm…. a giudicare dalla faccia di Andy dovrebbe essere grave… chissà che botto che hanno fatto… eh già… e poi i ragazzi di là continuano a correre avanti e dietro… sembrano così agitati… mi sa che è davvero grave questa storia… però se fosse davvero grave mi avrebbero chiesto un parere… e che cavolo, sono il presidente io… forse dovrei andare di là a chiedere se ne sanno qualcosa di più… ma dov’è finito Andy… e cosa vogliono da me questi marmocchi… se ci fosse qua Condy lei si che saprebbe consigliarmi… e mi è pure venuta sete…”

..."va beh forse dovrei fare qualcosa... ma prima voglio sentire come va a finire la favola della capretta!"

Secondo me il beota ne sapeva qualcosa.

Solo che poi le cose si sono rivelate molto ma molto più grosse di quello che gli avevano detto, ormai era in ballo e ha dovuto ballare.

Cio' spiegherebbe l'espressione di panico negli occhi del beota suddetto per i primi sei mesi. Cio' spiegherebbe anche il pensiero ricorrente del medesimo per tutto il primo anno e mezzo in ogni occasione di comizio o discorso pubblico: "ho detto bene? ho ripetuto giusto?"

Poi ha eseguito bene gli ordini e hanno deciso di riconfermarlo come fantoccio.
Anche questo spiega bene il sorrisetto da pirla che aveva il giorno delle elezioni, mentre stava beatamente seduto con il suo ingombrante padre e tutta la famigliola ad attendere il risultato. Mavaff...!


Saluti felici

Felice Capretta

hi-speed
Inviato: 18/12/2005 1:37  Aggiornato: 18/12/2005 1:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/12/2004
Da: preda lunga
Inviati: 3211
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?

Cosa Sta Succedendo? Madre, madre Ci sono troppi di voi che piangono Fratello, fratello, fratello Ci sono troppi di voi che stanno morendo Sai che dobbiamo trovare una maniera Per portare un pò di amore qui oggi
Krya
Inviato: 18/12/2005 10:38  Aggiornato: 18/12/2005 10:38
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/8/2005
Da: Toscana
Inviati: 438
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Hi-spedd io non sono certo Gil Grissom, ma quel taglio è incompatibile con una caduta da seduto, pur battendo sul bordo tavolo.

Quella è una ferita compatibile con spigolo orizzontale, serie sono sbronzo e prendo una tranvata allo spigolo della porta ed il labbro allo stipite di battuta della porta, se caschi da seduto , non potrai mai avere una traslazione di 180° capace di farti colpire lo spigolo di un tavolo in modo parallelo alla colonna, a meno che non lavoro in un circo, poteva essere orizzontale, caduta a piombo o al limite obliqua, se il tavolo era leggermente spostato, la conformazione è comunque quella tipica che si riscontra nelle donne che prendono un ceffone da un'uomo con un'anello al dito, l'anello produce l'abrasione, il palmo colpisce il labbro inferiore (in genere prefeisco usare qualcosa di contundente ) purtroppo ne ho cerottare diverse.

C'entra una mazza con il resto riconosco, ma è il ridicolo nel ridicolo, e non ho resistito.

Riccardo

Ci sono crimini peggiori del bruciare libri, uno di questi è non leggerli. (brodsky)
Krya
Inviato: 18/12/2005 10:48  Aggiornato: 18/12/2005 10:48
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/8/2005
Da: Toscana
Inviati: 438
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Tornando seri, è indubbio che oltre alle prove "fisiche" strutturali, torri-pentagono-aerei, la pista intrigante è quella sulla corrispondenza tra liste passeggeri ed effettiva esistenza degli stessi, in Italia qualcuno ha ammesso di aver attinto a conti correnti di defunti, qualcosa di simile potrebbe esserersi verificata altrove, onestamente non credo esistano possibilità concrete di verifica, a meno di un macroscopico errore di valutazione iniziale di chi ha costruito.

Riccardo.

Ci sono crimini peggiori del bruciare libri, uno di questi è non leggerli. (brodsky)
goldstein
Inviato: 22/12/2005 1:37  Aggiornato: 22/12/2005 1:37
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 4/11/2004
Da:
Inviati: 2827
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
La frase del giorno.

"Io credo in un'autorita' forte e robusta, e penso che il mondo in cui viviamo la richieda".

Dick Cheney, 21/12/2005

Mettiamoci anche una frase di ieri, che se non vincente mi sembra di sicuro piazzata:

"E' quel tipo di risorsa [spiare gli americani, ndt] che ci avrebbe permesso di evitare il 9/11".


Vi consiglio a questo proposito di fare un salto sul nostro forum, e leggere che ne pensa Alex Jones.

cnj
Inviato: 3/6/2006 10:05  Aggiornato: 3/6/2006 10:08
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da: Romagna
Inviati: 795
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Questa notizia oltre ad essere curiosa mette in evidenza una certa impreparazione di chi è preposto al controllo, FBI compresa, tutta concentrata l'11 settembre 2001. Come si può pensare di discutere con gente che non si conosce che dice di avere l'autorizzazzione verbale da un agente di intervistare Bush e lasciarla andare via senza bloccarla da qualche parte fino a che tutti gli elementi non siano chiari?
E' per questo che analizzando i fatti di quel giorno assieme a questo non mi sentirei di escludere (ce ne saranno già molti che lo faranno) che anche la troupe islamica sia una montatura....(non dico che è così ma nessuno può dimostrare il contrario!) che forse sarebbe potuta servire di appoggio in futuro.... ad esempio dicendo che l'attacco 911 era veramente terroristico ed era ben + ampio e prevedeva addirittura l'eliminazione del Presidente.... magari questo fatto non serviva a noi comuni mortali ma piuttosto x convincere qualche deputato o personaggio ai piani alti all'oscuro di tutto ma che avrebbe potuto maturare dei dubbi.... è un idea nata dall'incongruenza dei fatti di quel giorno. Sta di fatto che il capo dei servizi segreti di quel giorno dopo una cosa del genere avrebbero dovuto come minimo cambiare mestiere.... e invece no! sono tutti li al loro posto ed anche se la verità ufficiale dimostra la totale incapacità di controllo sul territorio, nessuno ha pagato per questo e nessuno ha avuto il coraggio di dirgli: "andate a casa branco di incapaci!"

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. Nikola Tesla
alexg
Inviato: 3/6/2006 10:37  Aggiornato: 3/6/2006 10:37
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/5/2006
Da: Sybar
Inviati: 179
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Penso anch'io che negli States ci sia stato un "moderno" colpo di stato. A mio modesto parere è così evidente... Vi ricordate l'antrace presente nella corrispondenza diretta al congresso, alle prime richieste di indagine da parte dei cittadini statunitensi? Vi ricordate dove quell'antrace era atata prodotta? ...ESATTO! Era un ceppo di antrace prodotto da laboratori statunitensi!
Facciamo un esercizio di memoria a favore di chi ha "dimenticato" e dimentichiamoci delle persone false o "poco sveglie" che fanno di tutto per difendere i neo-nazisti del governo statunitense.

Alessandro

Ci sono due errori che si possono fare lungo la via verso la verità...non andare fino in fondo, e non iniziare.

"Democrazia" è due lupi e una pecora che decidono ai voti cosa mangiare.
"Libertà" è la pecora ben armata che contesta il voto.
Beta
Inviato: 3/6/2006 10:38  Aggiornato: 3/6/2006 10:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/7/2005
Da:
Inviati: 230
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
C'è uno spezzone video (dovrei appena cercare il link!) di uno show elettorale di Bush, in cui, microfono in mano, racconta di "aver visto" lo schianto del primo aereo nel WTC. Ma, come tutti sanno, non c'era una diretta televisiva del primo schianto, perchè le televisioni arrivarono solo dopo. E infatti questo episodio è utilizzato da molti (mi sembra anche VonKleist, per es.,) per dimostrare come Bush sapesse già prima di essere informato nella scuola.

Beta
Inviato: 3/6/2006 10:49  Aggiornato: 3/6/2006 10:51
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/7/2005
Da:
Inviati: 230
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
<E' per questo che analizzando i fatti di quel giorno assieme a questo non mi sentirei di escludere (ce ne saranno già molti che lo faranno) che anche la troupe islamica sia una montatura....(non dico che è così ma nessuno può dimostrare il contrario!) che forse sarebbe potuta servire di appoggio in futuro.... ad esempio dicendo che l'attacco 911 era veramente terroristico ed era ben + ampio e prevedeva addirittura l'eliminazione del Presidente....>

Cnj, quoto e sottoscrivo appieno: anch'io credo che quella notizia sia una montatura. E infatti – piccola critica –, secondo me Massimo ha sbagliato a parlarne, tanto più che poi non ha più potuto aggiungere altro. Forse lui ancora non lo sa (Massimo, lo sai?), ma l'unico suo intervento trasmesso, dopo quello sugli incredibili "assi dell'aria" kamikaze, è stato soltanto quello sulla finta troupe giornalistica.

cnj
Inviato: 3/6/2006 10:53  Aggiornato: 3/6/2006 10:53
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da: Romagna
Inviati: 795
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Citazione:
di uno show elettorale di Bush, in cui, microfono in mano, racconta di "aver visto" lo schianto del primo aereo nel WTC


il fatto è molto noto ma a mio avviso non ha un grosso valore. tenendo conto di chi stiamo parlando che viene regolarmente ridicolizzato per i suoi discorsi dai media USA (Massimo probabilmente ne ha visti parecchi) non terrei conto + di tanto di quel fatto specifico.... "primo aereo" o "quarto aereo" detto da lui cambia poco.... può essere un appiglio ma non di +.... teniamo conto che gli è stato criticato il fatto che nello scontro con Kerrey aveva uno scatolotto nella schiena con cui presumibilmente riceveva informazioni su quello che doveva dire.... questo quando gli danno carta bianca fa dei danni

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. Nikola Tesla
Max_Piano
Inviato: 3/6/2006 10:58  Aggiornato: 3/6/2006 10:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
concordo al 100% con cnj

miradio
Inviato: 3/6/2006 11:14  Aggiornato: 3/6/2006 11:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 27/8/2004
Da:
Inviati: 513
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Vorrei alzare la posta, per quanto possibile....
...e se fosse diventato presidente Kerry? (o ancora prima Al Gore...)
Il nipote di Kennedy scende in campo

"...che il gregge si trasformi in branco... È questo l’incubo dei potenti"
(Ernst Junger)
javaseth
Inviato: 3/6/2006 11:20  Aggiornato: 3/6/2006 11:20
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/3/2006
Da:
Inviati: 1182
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Citazione:
Quella è una ferita compatibile con spigolo orizzontale, serie sono sbronzo e prendo una tranvata allo spigolo della porta


già...e ricordiamoci che Bush Jr. è un alcolista passivo.

Ovvero uno che non dovrebbe nemmeno mangiare un babà, pena il ritorno nel vortice.

Secondo quello che ho capito, lui ha smesso di bere grazie alla chiesa dei "born again christians" che, grazie ad un programma simile a quello degli alcolisti anonimi, asserisce di riuscire ad allontanare l'acolista dalla bottiglia.

Infatti questo programma, come quello degli alcolisti-anonimi, non promette all'alcolista di recuperare la capacità di tornare a bere normalmente. La sola cura possibile è l'astinenza totale dall'alcool sotto qualsiasi forma.
Quello che promette questo programma è di liberare l'alcolista dall'ossessione di dover bere per forza.

Una cosa importante di questi programmi, per la loro riuscita, anche psicologica, è la frequenza alle riunioni che normalmente vengono tenute da gruppi che condividono la stessa malattia.

Ovvero, per ritornare psicologicamente sani, bisogna, oltre che naturalmente evitare l'alcool, anche frequentare sistematicamente queste riunioni.

Ora Bush non credo che vada alle riunioni di alcolisti-anonimi o dei born again, non me lo immagino mentre parla dei suoi problemi ad un gruppo di alcolisti texani, quindi il suo stato psicologico, secondo l'esperienza di alcolisti anonimi, riconosciuta da tutti i medici del mondo, è ad alto rischio, come alto è il rischio di quella che viene chiamata una ricaduta.

Ecco qui un bell'articolo che parla di Bush e della sindrome della sbronza a secco, ovvero come si può essere ubriachi anche non bevendo.

http://www.counterpunch.org/wormer1011.html

Certo è che se quelle ferite sono, come sembrano, dovute ad una sbronza, la situazione è grave. Nel senso che non solo un alcolista è facilmente manovrabile e ricattabile, nella sua posizione, visto che tutto il mondo sa che non beve più. Il problema ulteriore è che potrebbe veramente fare una cazzata e non rendersene conto.

Ciao
-javaseth

"..io vi mando come pecore in mezzo ai lupi; siate dunque prudenti come serpenti e semplici come colombe"
cnj
Inviato: 3/6/2006 11:21  Aggiornato: 3/6/2006 11:21
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da: Romagna
Inviati: 795
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Da non dimenticare:

9/11 Truth: 3-day Chicago Conference
Summary:
The 9/11 truth movement has gained enormous credibility and momentum in 2006. Help us build that momentum into a political force that will carry us to success. Let us reveal to all that 9/11 truth offers the greatest opportunity in modern history for courageous, ethical people to positively influence the future of humanity.
Description:
http://911truth.org/911rtt/
In Chicago we will be offering an intensive weekend, to include workshops, presentations, strategy sessions and abundant opportunities for the growing 9/11 truth movement to come together. We are very pleased to announce our presenters, including William Pepper, Prof. Steven E. Jones, David Shayler & Annie Machan, Alex Jones, Webster Tarpley, Peter Phillips, Ian Woods, Kevin Ryan, Dr. Faiz Khan, Jim Marrs, Barrie Zwicker, Jim Fetzer, David Kubiak, Ken Jenkins, Ralph Schoenman, Carol Brouillet, and Chris Emery, with many others (see the Speakers page for full info). Media coverage is planned by INN World Report, KPFA Berkeley, KPFK of Los Angeles, TVNewsLies.org and many others. Many more important luminaries, authors, researchers, organizers and media activists can be expected. The full conference Program is now being finalized, to be posted at the Events Page shortly.
Begins
Jun 2, 2006 at 7:00 pm
Ends
Jun 4, 2006 at 5:00 pm
http://www.soapblox.net/chicago/event.do?eventId=69

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. Nikola Tesla
Ashoka
Inviato: 3/6/2006 11:24  Aggiornato: 3/6/2006 11:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Beh han pensato che un buratt.. erhm presidente così era "gestibile"
molto più facilmente...

Ecco come!

Ashoka

ELFLACO
Inviato: 3/6/2006 11:28  Aggiornato: 3/6/2006 11:28
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Buon giorno ragas.

Nel articolo del Longboat observer dice che i "reporters" scendono dal van edicono alla/al incaricato della reception di avere una intervista con il presidente e chiedono di parlare con un agente dei secret service E DANNO IL NOME.
Un altro agente dice loro che non c'è un agente con quel nome e che a loro non risulta che ci sia una intervista in programa con il presidente.
Dopo aver protestato per un pò i "reporters" se ne vanno.

Ora se erano terroristi che volevano ammazzare il presidente sono stati un pò improvisati ,per non dire altro:

1)chiunque legga i giornali sa che il presidente non concede interviste a nessuno se il Secret service non ti fa pelo e contropelo prima.

2)FORSE i "reporters"si aspettavano che "qualcuno" (mela marcia???)li faccesse passare lo stesso anche se non erano nella lista degli appuntamenti di quella mattina.

3)Forse i "reporters" si sono dimenticati il nome giusto da chiedere

4)FORSE I "piani" sono combiati a ultimo momento e chi doveva dare ai reporters il nome dal agente a dato loro un nome errato proprio per far saltare tutto.

5) o FORSE i reporters erano terroristi veri ma sono stati usati per cresre una messinscena, anche se non si spiega perchè non è stato usato ,dai media, questo episodio.


MAH

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
parsiphil
Inviato: 3/6/2006 11:46  Aggiornato: 3/6/2006 16:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/10/2005
Da: Barigi
Inviati: 121
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
L'avevamo promesso QUI
ed è arrivata l'ora di passare all'azione.

Questo mio intervento è CLAMOROSAMENTE FUORI TEMA per i motivi che potete leggere nel topic sopra linkato.

RICORDATE....al sito si può contribuire economicamente con
una donazione tramite PayPal o carta di credito , con l'acquisto del DVD "11 settembre - inganno globale" e clickando sui Google Adsense.
Si può contribuire inoltre diffondendo il più possibile la conoscenza di questo sito e dei suoi contenuti.
Si può contribuire nutrendo di nuovi contenuti e nuovi dubbi questo sito e tutte le menti.

In TV fanno di tutto per portarci a non pensare e per questo "servizio" paghiamo canone ed elettricità, qui invece non facciamo altro che pensare, porci domande e cercare risposte e non vogliamo spendere qualche spicciolo per salvaguardare questa opportunità?

Un contributo a Luogocomune non è un'offerta ma un investimento per il proprio pensiero.

AIUTA IL SITO

P.S. vi invito a non rispondere a questo messaggio, o al limite a farlo nell'apposito topic
Non è mia intenzione portare ulteriore disturbo alle discussioni in corso. Scusate e grazie

felice
Inviato: 3/6/2006 12:12  Aggiornato: 3/6/2006 12:12
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/3/2006
Da: Parma
Inviati: 759
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
x parsiphil

Immagina quanta gente come me che trema all'uso della carta di credito in internet;
Immagina quanta gente recandosi alle poste per altri motivi verserebbe anche qualche euro per il sito in tutta sicurezza;
Immagina quanta gente come me vorrebbe avere la possibilità di fare un bonifico bancario,
ecc.

Io, lo scrivo per tutti, per poter contribuire al sito, sono in attesa di sapere se é possibile o no fare il bonifico bancario.
Tenete presente anche quelli come me che sono spaventati dall'uso della crta di credito.
Fe

Solo col governo di sinistra possono passare SORDIDE e SILENTI le riforme di destra. Il SOLE é storto! Sento di navigare su una nave tarmata. Le tarme sono tante che la nave sulla quale viaggio é destinata a risolversi consumata nel fuoco delle GUERRE.
andry
Inviato: 3/6/2006 12:17  Aggiornato: 3/6/2006 12:17
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: put de zana
Inviati: 438
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
se ci fosse stato un attentato o no,non credo che la situazione alla white house sarebbe cambiata più di tanto... chi decide là non è certo il beota bush ma la triade rumsfeld cheney rice... mi sembra ovvio questo anche alla luce della posizione di questi personaggi nella cabina di comando l'11 settembre...

il baglio

the shock must go on...
fase
Inviato: 3/6/2006 12:17  Aggiornato: 3/6/2006 12:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/3/2004
Da: malpensa
Inviati: 41
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
per me quella della trouppe televisive e solo una messinscena.per quale motivo hanno messo allora una telecamera per vedere in diretta nellla scuola di Florida l'impatto del primo(?) aereo sulla torre? Tu Massimmo hai fatto anche un articolo su questo fatto, saputo da noi dalle dichiarazioni del giorgetto. E poi non dimentichiamo di chi e figlio il presidente. L'hanno organizatto per fare una cosa piu credibile tutto cio

Timor
Inviato: 3/6/2006 12:27  Aggiornato: 3/6/2006 12:27
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/11/2005
Da:
Inviati: 639
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Personalmente non credo all'intenzione, nè all'utilità da parte dei neocon (o di mele marce dentro all'amministrazione) di eliminare un utile "manchurian president" come Bush jr per favorire la presidenza di una figura molto più ingombrante come quella di Dick Cheney.
Tanto più che non è scontato che quest'ultimo sarebbe stato rieletto se fossero state indette nuove elezioni successivamente al periodo di transizione in cui avrebbe governato Cheney.....o credete che già allora si sarebbe instaurato un stato di polizia permanente?...lo credo poco credibile.
Inoltre mi fa specie l'eliminazione programmata di un membro dell'onorata famiglia Bush; mi rendo conto che forse non rappresenti il prodotto meglio riuscito dei lombi di George Herbert Walker Bush ma dubito che colui che, a ragione, può essere definito uno dei burattinai occulti dell'attuale amministrazione e che ha tessuto pazientemente le fila dell'elezione del figlio abbia deciso impietosamente di eliminarlo.
A proposito si sa che Bush padre ha ammesso di aver trascorso la notte del 10 settembre alla casa bianca per poi ripartire per Minneapolis la mattina dell'11.....certamente ha trascorso la serata con l'amico di lunga data Dick a fumare sigari cubani e a progettare insieme l'assassinio del figlio.

Alternativamente allo scetticismo verso l'idea di un omicidio presidenziale premeditato da parte dei falchi dell'amministrazione Bush ed escludento una possibile messa in scena da parte della stessa, ritengo possibile (seppure improbabile), spt per il gusto che hanno di travestirsi da arabi cattivi, un azione premeditata di agenti del Mossad forse favorita da alcuni dei neocon più vicini ad Israele.

Ritengo però che Massimo non avrebbe dovuto accennarne durante la puntata di Matrix perchè ha solo confuso le acque e reso il messaggio ancora più confuso.
L'impressione è stata che il nostro redattore cercasse, come un batterio mutante, di farsi "accettare" dal sistema immunitario del Mentana (inteso come simbolo di un certo giornalismo da salotto nutrito di Ansa e fonti governative) dandogli alcuni piccoli "contentini" che venendo accettati e riconosciuti distraessero l'entrata dal portone del Flagellum Negropontis.
Una tattica ( se intenzionale) che in quel frangente ritengo discutibile, ma non è detto che in futuro non dia i suoi frutti.....in fondo il germe prima deve superare le difese e poi prolifera .
Infatti poco dopo Mentana ha citato come classe di complottisti irriducibili e pazzoidi, da contrapporre al cercatore obiettivo verità Mazzuzzo, coloro che "addirittura" credono che un allunaggio non sia mai esistito...chissà se in futuro non ci sarà una trasmissione anche su questo tema.

"Il vero Big Bang è la nascita di una coscienza"

"Visita Interiora Terrae Rectificando Invenies Occultum Lapidem"
fase
Inviato: 3/6/2006 12:27  Aggiornato: 3/6/2006 12:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/3/2004
Da: malpensa
Inviati: 41
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
consiglio tutti quelli che fanno dei pagamenti su internet (donazioni compresi) di munirsi di una carta di creditto prepagata, come quella delle poste (postepay).si caricano di piccoli importi (quanto e necessario) e cosi il rischio della fregatura diminuisce.

Cassandra
Inviato: 3/6/2006 12:27  Aggiornato: 3/6/2006 12:27
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/5/2006
Da:
Inviati: 1551
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Ma è venuto a qualcuno il dubbio che a Bush quella mattina avessero sussurrato nell'orecchio tutt'altro?
Ovvero che il tipo gli avesse detto qualche sciocchezza inutile tanto per far vedere in TV che il presidente era stato informato?
Questo spiegherebbe la faccia beota (ovvero "normale") di Bush e il suo rimanere tranquillamente a leggere della capretta.

Mi pare sciocco credere a tutta questa storia solo perché l'hanno detto loro. Perché stiamo tutti dando per buona la loro versione?

"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)
consuelo
Inviato: 3/6/2006 12:28  Aggiornato: 3/6/2006 12:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/5/2005
Da:
Inviati: 130
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
secondo me bush era al corrente di tutto. un capo di tutte le forze armate statunitensi e presidente della nazione più potente del mondo non se ne sta lî a trastullarsi con la capretta, ma avrebbe preso immediatamente le misure del caso: avrebbe dovuto rientrare subito alla casa bianca e prendere in mano le operazioni antiterroristiche che invece non state innescate da nessuno!!!!
mi ricordo di aver letto nella ricostruzione della giornata di bush quel giorno, che il presidente avrebbe dichiarato ben 2VOLTE di aver visto lo schianto del primo aereo senza mai smentirsi in seguito.

ci sono ottimi articoli sul volo 93 (ma tutti in tedesco) qui:
http://www.operation911.de/ e il libro del redattore Gerhard Wisnewski "Mythos 911" e "Operation 911"
il libro di Andreas von Bülow (spesso intervistato da Alex Jones) "Die Cia und der 11.September"
questo autore pensa che molti misteri potrebbero essere risolti se le famiglie delle vittime provvedessero a far fare a titolo privato il test del DNA dei loro cari. e qui ci si scontra continuamente con la quanto mai strana reticenza di questi famigliari che rifiutano qualsiasi approccio con investigatori e giornalisti (vedi www.arcticbeacon.com. di Greg Szymanski )

cnj
Inviato: 3/6/2006 12:33  Aggiornato: 3/6/2006 12:33
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da: Romagna
Inviati: 795
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
@ELFLACO
http://whatreallyhappened.com/shootdown.html
qui ci sono altre notizie interessanti sul volo93 a prova che forse qualcosa ha colpito un qualche aereo....

non riesco a trovare l'articolo di quel quotidiano on-line (Gazzette...non so cosa) che scriveva che il volo 93 era stato fatto atterrare per dei problemi ai motori..... qualcuno ha il link?

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. Nikola Tesla
andry
Inviato: 3/6/2006 12:35  Aggiornato: 3/6/2006 12:35
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: put de zana
Inviati: 438
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
non sono tanto sicuro sul fatto che bush fosse informato dei fatti la mattina dell'11 settembre. è sempre stato una figura di copertura dei veri capi,un bambolotto messo lì dal padre senior per favorire copertura a personaggi ben più ingombranti e di peso...

il baglio

the shock must go on...
soulsaver
Inviato: 3/6/2006 12:36  Aggiornato: 3/6/2006 12:36
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/11/2005
Da: Roma
Inviati: 613
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Cassandra cit: Ma è venuto a qualcuno il dubbio che a Bush quella mattina avessero sussurrato nell'orecchio tutt'altro?
Si è possibile che gli abbiano fatto una "supercazzola" come quelle che faceva Mascetti-Tognazzi in amici miei... "Blindo la supercazzola con lo scappellamento a destra come se fosse antani sig: Presidente", una frase del genere giustificherebbe lo sguardo perso nel nulla di Bush

Free from the need to be free "Mommy what's a Funkadelic, George Clinton 1970"
saul
Inviato: 3/6/2006 12:38  Aggiornato: 3/6/2006 12:38
So tutto
Iscritto: 11/9/2005
Da:
Inviati: 27
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Mi permetto di cambiare per un attimo la direzione del discorso e tornare sul pericolo, già citato da molti siti internet (vedi Blondet), di un possIbile attentato in Germania per il prossimo campionato mondiale di calcio.

Siccome credo che tale evento possa realizzarsi veramente, perchè non FARE LE CASSANDRE ALLA PROSSIMA PUNTATA DI MATRIX?

Il fatto è che un altro megattentato mediatico farebbe di nuovo precipitare la gente nella paura e nel terrore, distogliendola dalla puntigliosa ricerca della verità attuata attraverso questo sito e molti altri, tornando ad appoggiare i piani belligeranti di Giorgio, Dick, Donaldo &CO

in poche parole, potrebbe FARCI PERDERE IL PRESTIGIO OTTENUTO NEL TEMPO E RIGETTARCI AL RANGO DI COMPLOTTISTI INTERNETTIANI.

Redazione
Inviato: 3/6/2006 12:39  Aggiornato: 3/6/2006 12:42
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Cassandra: Secondo me Andy Card gli ha chiesto "come ti chiami?"

Timor: Beh, veda lei... Cambiare target e non cambiare strategia non mi sembra molto astuto, no? Persino in nostri dirimpettai lo hanno capito, anche se con grande ritardo. E infatti lo spiazzamento si è visto, mi sembra. Poi certo, tutto si può fare meglio, ma è ovvio che nel "mondo dei grandi" le regole del gioco cambiano. L'importante è adattarsi al meglio alle nuove regole, senza cambiare l'obbiettivo finale.


°°°°°°°°°°°°

"perchè non FARE LE CASSANDRE ALLA PROSSIMA PUNTATA DI MATRIX?"

Cosi finisce pure che magari danno la colpa a te. Ormai viviamo col fucile puntato, teniamolo sempre presente.

Timor
Inviato: 3/6/2006 12:40  Aggiornato: 3/6/2006 12:40
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/11/2005
Da:
Inviati: 639
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Ripreso in mano l'ottimo libro - ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE E IL DISASTRO DELLE DUE TORRI - ( pieno di fonti) del discutibile ICKE leggiamo che:

- il giornalista dell'ABC John Cochran al seguito di Bush l'9/11 riferì che Bush stava per partire dall'albergo (mezz'ora prima di giungere alla scuola di Sarasota) quando giornalisti videro il Capo dello Staff della Casa Bianca che gli bisbigliava in un orecchio e Bush rimase impassibile senza rispondere.
Alla domanda rivolta da un giornalista presente al presidente: " Sa cosa sta succedendo a New York?" ques'ultimo rispose di si e che l'argomento sarebbe stato trattato più tardi.

"Il vero Big Bang è la nascita di una coscienza"

"Visita Interiora Terrae Rectificando Invenies Occultum Lapidem"
ELFLACO
Inviato: 3/6/2006 12:45  Aggiornato: 3/6/2006 12:45
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Grazie cnj.

Cmq quello che chiedevo sull volo 93 è già superato dal dicembre 2005

Rigrazie!!

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
Cassandra
Inviato: 3/6/2006 12:46  Aggiornato: 3/6/2006 12:46
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/5/2006
Da:
Inviati: 1551
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Redazzucco,
peccato che Card (non ricordavo il nome) sia girato mentre parla: una lettura labiale ci sarebbe stata a fagiolo. Tu ci scherzi, ma io sono discretamente convinta che quei sussurri siano davvero una supercazzola fatta ad uso e consumo della TV.
Bush (figlio...) non sapeva un bel piffero.

"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)
consuelo
Inviato: 3/6/2006 12:47  Aggiornato: 3/6/2006 12:47
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/5/2005
Da:
Inviati: 130
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
p.s.
wisnewski giornalista di una televisione tedesca (WDR) dopo la sua presentazione sul volo 93 (tesi nessun aereo caduto a shanksville) è stato licenziato in tronco il giorno dopo dalla direzione con il suo aiutante fotografo-giornalista.
i media in germania sono più cuciti di quelli italiani, vedi Matrix-Mentana (a proposito ho la registrazione della puntata di ieri sera, mancano i primi dieci minuti, c'è cmq la bella foto di massimo che oltre ad essere molto intelligente è anche molto molto affascinante!
consuelo

Max_Piano
Inviato: 3/6/2006 12:51  Aggiornato: 3/6/2006 12:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Citazione:
media in germania sono più cuciti di quelli italiani


l'italia è sempre terra di estremismi : prima silenzio assoluto, ora non si fa che parlare di truffe, complotti e intrighi internazionali !

di questo passo diventeremo il paradiso dei gomblottisti !

Cassandra
Inviato: 3/6/2006 12:53  Aggiornato: 3/6/2006 12:53
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/5/2006
Da:
Inviati: 1551
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
dai consuelo, postala sta foto del Mazzucco che noi utentesse non vediamo l'ora...

"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)
consuelo
Inviato: 3/6/2006 13:12  Aggiornato: 3/6/2006 13:12
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/5/2005
Da:
Inviati: 130
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
mentre guardavo Matrix-Mentana attraverso il mio computer, avrei potuto benissimo fare qualche snap pigiando l'apposito bottone (come faccio molto spesso), ma ero troppo emozionata per reagire.
ora vedrò se posso fare altrimenti tagliando dal file la sua bella faccia. appena ho un pò di tempo. sto trascurando molti impegni, anche professionali, per seguire luogocomune: una vera malattia.... piuttosto gradita questa volta.
consuelo

andry
Inviato: 3/6/2006 13:20  Aggiornato: 3/6/2006 13:20
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: put de zana
Inviati: 438
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
ehi amici... nesuno riesce a mettere on line la puntata di ieri?'....

il baglio

the shock must go on...
Tato
Inviato: 3/6/2006 13:46  Aggiornato: 3/6/2006 13:46
So tutto
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 30
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Ora va a finire che Massimo ci diventa pure un sex-symbol!

Comunque,tornando seri,vorrei che si ponesse l'attenzione su un fatto per me importante che è stato comunque già messo in evidenza.Dopo che il primo aereo sbatte contro la torre il presidente Bush viene lasciato lì,su quella sedia in quella zona... nessun procedimento IMMEDIATO di difesa viene attuato nei suoi confronti... come invece avvenne per un altro illustre personaggio che fu letteralmente preso di peso dalla sua poltrona e portato via... Viene lasciato lì,con quella faccia poco intelligente,esposto ad un eventuale pericolo.E tutto questo anche alla luce di quello che era successo la mattina con quella troupe televisiva... le cose allora possono essere due: o Bush sapeva già che ci sarebbe stato l'attentato e che non avrebbe corso rischi perchè era un attentato preparato,o non sapeva niente ed è un tale burattino che non si sono neanche preoccupati di far vedere ai media che lo mettevano immediatamente al sicuro.

consuelo
Inviato: 3/6/2006 15:01  Aggiornato: 3/6/2006 15:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/5/2005
Da:
Inviati: 130
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
qui sotto la puntata di matrix di ieri sera. non so se funziona. non l'ho mai fatto prima.
mancano i primi dieci minuti però. l'intervento di massimo c'è per intero, compresa foto!!
Matrix_Canale5_20060602_234617.mpg

consuelo
Inviato: 3/6/2006 15:07  Aggiornato: 3/6/2006 17:19
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/5/2005
Da:
Inviati: 130
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
mi dispiace non funziona. devo procurarmi un appropriato ripper. appena vedo il mio ingegnere informatico, chiederò lumi.
forse qualcuno lo potrà fare al mio posto? per chi l'ha già richiesto?
consuelo

andry
Inviato: 3/6/2006 16:11  Aggiornato: 3/6/2006 16:11
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: put de zana
Inviati: 438
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
grande consuelo per lo sbattimento!!!...

il baglio

the shock must go on...
cnj
Inviato: 3/6/2006 18:38  Aggiornato: 3/6/2006 18:40
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da: Romagna
Inviati: 795
 Il volo 93 è atterrato a Cleveland?
Ho ritrovato il link della notizia sul volo 93 dell'11/09/01 dove veniva annunciato che quel volo era stato dirottato a Cleveland per timore di un ordigno a bordo. Questo è il link ma sappiate che la notizia è stata tolta perchè dicono che non era vera (factually incorrect)
http://www.wcpo.com/specials/2001/americaattacked/news_local/story14.html

naturalmente la copia cache di google è stata rimossa

naturalmente esistono altre strade che portano alla verità. in questo caso si chiama http://web.archive.org/ che nella cache ha ancora quell'articolo:
http://web.archive.org/web/20021109040132/http://wcpo.com/specials/2001/americaattacked/news_local/story14.html

ma guarda tu che coincidenza. tutte le coincidenze della storia si sono incontrare l'11 settembre 2001 a New York e Washington.... quelle del Pentagono e della Pennsylvania hanno saltato l'appuntamento e chissà dove sono andate

ps
Massimo cosa ne dici di fare un pdf e metterlo in archivio... non vorrei mai che tutte le cache di sto mondo decidano di volatilizzarsi

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. Nikola Tesla
cnj
Inviato: 3/6/2006 18:45  Aggiornato: 3/6/2006 18:45
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da: Romagna
Inviati: 795
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
http://blogs.scripps.com/wcpo/staff/2006/02/wcpocoms_flight_93_story.html
qui c'è una fumosa spiegazione dell'accaduto ad opera del giornalista incriminato....... dice che nel 2003 qualcuno gli telefonò per chiedergli spiegazione (per me era Alex jones incazzo nero!). lui lo ha ringraziato ed ha tolto di mezzo la notizia.... ma guarda te, se n'è accorto dopo 2 anni che la notizia era falsa

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. Nikola Tesla
Fabrizio70
Inviato: 3/6/2006 22:07  Aggiornato: 3/6/2006 22:07
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/5/2006
Da: Roma
Inviati: 3721
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
E con questa sono tre le fonti di un colpo di stato quel giorno: LaRouche , Meyssan e gli arabi.
L'ultima è da studiare bene , perchè secondo me l'elemento scatenante di tutto fu l'omicidio di Moussad.
In realtà Moussad era diventato "pesante" per l'America , era un personaggio unificatore , colui che poteva diventare "capo" dell'Afganistan.
E subito dopo l'America dichiara guerra......

Il lusso non può mai essere soddisfatto perché, essendo qualcosa di falso, non esiste per esso un contrario vero e reale in grado di soddisfarlo e assorbirlo.
Wilhelm Richard Wagner-1849
Al2012
Inviato: 3/6/2006 22:48  Aggiornato: 3/6/2006 22:48
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Vorrei segnalare una domanda fatta da un giornalista durante un “Public hearing” che si alza dicendo: “Facciamo qualche domanda vera …. Che dite del rifugio .. il bunker ufficio di emergenza in fiamme .. bruciato fino alle fondamenta …….

Avete notizie in merito?

Questo pezzo si può vedere sul DVD 9-11 in plane site proprio alla fine del dvd.

In oltre sempre in questo dvd, si parla di qualcosa attaccato sotto il secondo aereo, e poi di quel lampo che appare poco prima dell’impatto e su entrambi gli aerei?

“Capire … significa trasformare quello che è"
shevek
Inviato: 4/6/2006 0:12  Aggiornato: 4/6/2006 0:12
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/4/2005
Da: Napoli
Inviati: 1249
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
Salut y Liberta a tutti!


Non so se la memoria mi aiuta davvero, ma se non mi sbaglio i caccia si levarono finalmente in volo solo quando Bush riuscì ad entrare in contatto con l'aviazione militare. Questo sarebbe in sintonia con l'idea di un Bush inconscio dell'operazione, che andava tenuto fuori il più possibile dalle leve di comando, tenute strettamente sotto controllo da Cheney. Per quanto cretino, anzi forse proprio perché cretino, avrebbe potuto dare l'ordine più ovvio: quello di far levare in volo anche le zanzare per tentare di intercettare gli aerei.

P.S. Qui a Napoli, mentre le cose erano in pieno svolgimento, la base NATO di Bagnoli era sorvolata da ogni ben di dio volante, a migliaia di chilometri di distanza dagli eventi. Evidentemente, qualcuno aveva dato gli ordini, magari solo in base alle immagini televisive...


Shevek

"Il potere è l'immondizia nella storia degli umani" - F. Guccini
www.portadimassa.net - WEB-TV e non solo di Filosofia
cnj
Inviato: 4/6/2006 1:11  Aggiornato: 4/6/2006 1:13
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da: Romagna
Inviati: 795
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
riprendo in mano il discorso sul pezzo di rottame fotografato sul prato del Pentagono e che per alcuni dovrebbere essere un pezzo del 747 dell'American Airline in quanto la sagoma della lettera sarebbe parte della "a" o della "e" o addirittura della "n" della scritta "American".Insomma si vorrebbe dimostrare che quel pezzo di latta tagliato con le cesoie (alcuni l'hanno definito una scatoletta della Siimenthal ) ed immune da qualsiasi macchia di fumo o bruciatura arrivi proprio dalla parte anteriore del Boeing 747-AA77 che ha colpito il Pentagono e si è liquefatto in una palla di fuoco
Ogni discorso su questo pezzo di rottame, sulla lettera che potrebbe intravedersi, sul colore che non è alluminio come quello dei Boeing A.A. e sul fatto che non riporti tracce di fumo o bruciatura dovrebbe decadere quando si tirano in ballo le proporzioni. Il risultato è che quel pezzo è tra la metà ed 1/3 più piccolo delle lettere presenti su tutti i Boeing 747 dell'American Airline. http://www.the7thfire.com/images/debriswheel.jpg (comparazione con la ruota del pick-up) http://www.the7thfire.com/images/letterpiececomp.jpg
Non mi chiedete chi ce lo ha messo sul prato del Pentagono. Certo è che sembra che ci ha fatto proprio un bello scherzo.... comunque se qualcuno ha da aggiungere qualcosa ben venga.

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. Nikola Tesla
Demon84
Inviato: 4/6/2006 5:03  Aggiornato: 4/6/2006 5:03
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 224
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
La mia idea su questo è che se davvero volevano togliere di mezzo Bush lo hanno fatto male.
Sarebbe bastato copiare le idee usate per gli omicidi Kennedy, piazzare un cecchino da qualche parte, o far consegnare un pacco bomba al presidente che sarebbe stato dichiarato già sicuro dalle guardie stesse di Bush.
Oppure massacrare a colpi di Ak74 le guardie dopo aver rifiutato di far passare questi giornalisti, arrivare al presidente, crivellarlo di colpi e scappare su un furgone rosso, verde, blu...
Insomma di sistemi ce ne erano, perché andarsene così? Lo trovo illogico.
Se fosse stata un idea di Cheney & Co. avrebbero potuto inserire nella scaletta di quel giorno una variazione, tra la colazione e il viaggio verso la scuola.
Vabeh, però è anche vero che se vediamo quante cagate hanno fatto per organizzare il 9/11 non c'è da stupirsi che non sappiano uccidere una persona, anche se è il presidente.
L'altra cosa illogica è che se le guardie del corpo sapevano che nella scuola il presidente non correva pericoli perché non erano informate dell'attentato al presidente?
Io credo che non volessero toglierlo di mezzo, ma quel giorno Bush doveva restare lontano dalla Casa Bianca, per questo fu spedito in una scuola sperduta dell'America, così da non correre rischi (perché come fantoccio gli serviva ancora) e cosi che non poteva intralciare il piano meticoloso non qualche sua idea.

Forse non sapeva esattamente cosa stava per succedere, magari gli hanno solo detto "l'11 stai fuori da Washington, da NY, insomma vai dove ti pare ma vai lontano che dobbiamo fare questo autoattentato, ti ricordi che ne abbiamo parlato vero?"
Forse non gli hanno nemmeno detto di che si trattava e magari nemmeno si immaginava una cosa di tali proporzioni.
Nell'aula potrebbero avergli solo detto "È cominciato, tutto ok per ora".

Andiamo a chiederlo a Bush????
Notte

Citazione:
"Il mio viaggio di scoperte non è ancora finito, sebbene io ormai sia un uomo...più cose conosco meno cose capisco e meno cose capisco più mi sembra di tornare bambino" (Demon's summons 2006)
parsiphil
Inviato: 4/6/2006 5:18  Aggiornato: 4/6/2006 5:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/10/2005
Da: Barigi
Inviati: 121
 Re: E se fosse diventato presidente Cheney?
cnj...Citazione:
quel pezzo di latta tagliato con le cesoie (alcuni l'hanno definito una scatoletta della Siimenthal )


Si vede anche la "n" di SimmeNthal! E' lei dai!


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA