Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


terrorismo : USA 2003. LE DUE FACCE DI BABELE
Inviato da Mazzucco il 10/9/2003 6:29:00 (2917 letture)

[lib align=left]babelny2.jpg[/img]
USA 2003. LE DUE FACCE DI BABELE

di Massimo Mazzucco

Sono passati due anni, ma solo ieri si è svolto il funerale dell'ultimo pompiere scomparso fra le macerie dell'11 Settembre, e mai ritrovato. Nella bara, ricoperta dalla bandiera americana, c'era semplicemente una fiala di sangue che lo scomparso aveva donato, anni prima, ad un centro trapianti.

C'è gente che ha sepolto anche solo un dito. E ci sono ancora oggi 40 persone che lavorano febbrilmente...

...nell'apposito laboratorio supermoderno, per cercare di far combaciare il DNA di uno dei mille frammenti umani, conservati in frigorifero, con quello rilevato da un pettine o dallo spazzolino da denti di una delle vittime. Circa 1500 sono state identificate così, quasi altrettante sono ormai destinate a non esserlo mai più. E questo, il non avere "qualcosa di fisico" da seppellire, getta le famiglie delle vittime nello sconforto più assoluto.

Per un popolo poco abituato alle astrazioni interiori, la simbologia, il bisogno di identificarsi in qualcosa di tangibile, sono enormi.

Dall'altro lato della medaglia, i falchi dell'amministrazione Bush imperversano su ogni fronte, ora che hanno la maggioranza assoluta in parlamento, ed hanno ormai ridotto la costituzione ad un colabrodo. La corte suprema continua a storpiare vergognosamente le sentenze a favore dell'agenda di destra, e con la scusa del terrorismo, la polizia può addirittura entrarti in casa, quando sei al lavoro, e perquisirla da cima a fondo senza nemmeno avvisarti prima. C'è gente che viene respinta agli imbarchi aerei perchè magari non ha pagato una multa sei anni prima, ed ha nel contempo un cognome arabo: il sistema, tanto cieco quanto inflessibile, somma i punti, e tu te ne torni a casa senza nemmeno potertela prendere con nessuno. La cosa strana è che ci vanno di mezzo quasi sempre solo loro. Il deficit nazionale è a livelli di record, e la disoccupazione è quadruplicata dai tempi di Clinton, mentre le case farmaceutiche, le industrie petrolifere, e le grandi corporation in generale traggono benefici impensabili dal drastico taglio alle tasse confezionato su misura per loro. Proprio ieri i "compassionate conservatives" hanno finito di rubare ai cittadini gli ultimi 87 miliardi di dollari, che il presidente-burattino ha chiesto, e certamente otterrà, dal parlamento tutto repubblicano, "per proseguire lo sforzo in Iraq finchè sia necessario".

La "passeggiata a Baghdad" si sta rivelando un biglietto di sola andata per una depressione economica destinata a durare anni.

E mentre Israele continua a travolgere vite, abitazioni e diritti umani dei palestinesi senza ormai più nessun freno, il mondo continua a pensare che le torri le abbia buttate giù uno sceicco annoiato, stupido e cattivo, che aveva talmente tanto da guadagnarci che si è persino dimenticato di rivendicare l'attentato.

Niente di male, lo hanno fatto loro per lui. Sei ore dopo il crollo, in diretta mondiale, con la gente che ancora urlava fra le macerie fumanti.

Massimo Mazzucco




IL FEROCE SALADINO E IL PRINCIPE COW-BOY. Una fiaba per i posteri.

di Massimo Mazzucco

Sono passati due anni, ed il mondo ormai si è convinto che le torri di New York le abbia buttate giù un folle sceicco che non aveva niente di meglio da fare nella sua grotta, e che è talmente brutto, stupido e cattivo da essersi persino dimenticato di rivendicare l'attentato.

Mentre quindi ce ne vorrano duecento, adesso, per scrostare la bugia e far riapparire un minimo di verità, abituiamoci a raccontare ai nostri figli quello che i media del mondo occidentale hanno voluto raccontare a noi fino ad oggi.

(NOTA: a parte ovviamente il taglio ironico, la storia è costruita esclusivamente su notizie date, nel tempo, dalle maggiori fonti mondiali: New York Times, CNN, Le Monde, Stern, ecc.. Non c'è niente di inventato!)

C'era una volta un cattivo Saladino, tale Osama bin Laden, detto anche "Barba-di-Diavolo". Egli odiava a tal punto gli Stati Uniti d'America, con tutto quel benessere, quella libertà e quell'allegria, che un bel dì - siamo a metà circa del 1999 - decise di punto in bianco di mettere in piedi la più colossale operazione terroristica che il mondo potesse immaginare. L'idea era complicata e spettacolare, e ci sarebbero voluti almeno un paio d'anni per prepararla a puntino; ma lui di tempo ne aveva da buttare, e i soldi non gli mancavano di certo.

Per prima cosa, mandò avanti una ventina dei suoi fedelissimi, presi a caso fra le centinaia che premono ogni mattina alla sua porta, chiedendo disperatamente di morire per Allah (da quando si è sparsa la voce di quelle 72 vergini che ti aspettano, lì fuori è peggio di un bordello costruito davanti a una caserma). Mandò i venti eletti direttamente in America, perchè voleva che si ambientassero un pò con la lingua, ma soprattutto che imparassero come si fa a far volare gli aeroplani. Essendo infatti figlio della più potente famiglia saudita, non pensò minimamente di farli addestrare lì, sotto mano, o in qualche paese amico, dove tra l'altro usano aerei veri, identici a quelli che lui avrebbe usato per gli attentati. No, lui preferiva che i suoi, nella lontana Florida, imparassero a far volare dei Cessna monomotore a pistoni, che in comune con gli aerei di linea hanno più o meno la maniglia del gabinetto. (Ma non crediate che sia stupido: lui dopo gli dava i manuali.)

Passa un giorno passa l'altro... e la famiglia imperiale dei Bush riesce finalmente a riprendersi il Bianco Castello di Washington, dalle cui terrazze dicono si possa abbracciare il mondo intero. L'incantesimo di otto anni è spezzato, senza trucchi e senza inganno, grazie al magico intervento dei Nove Nani della Corte Suprema, che non permettono soprusi nemmeno ai più potenti. Ci infilano svelti il rampollo prescelto - Giorgino Vidoppio, detto anche Tutto-Cappello-e-Niente-Mandria - e scacciano finalmente una volta per tutte il maleficio incarnato di Billy-the-Pig, detto anche Macchia-di-Sperma.

Barba-di-Diavolo sente che è arrivato il suo momento (nel frattempo i suoi sono sempre lì a dannarsi, in Florida, su Cessna arrugginiti con cui riescono a malapena a far manovra a terra). Egli infatti non solo odia l'America e tutti i suoi elettrodomestici, ma in particolare ce l'ha con la famiglia Bush, perchè proprio loro, ai tempi di papà, lo avevano coperto di dollari per liberare dai Russi il suo luogo di villeggiatura preferito, l'Afghanistan. E lui invece, ingrato, li aveva ricambiati facendogli saltare un paio di ambasciate in Africa, e poi addirittura bucandogli una nave da guerra che stava facendo benzina tranqilla tranquilla nel porto di Amman. A quel punto i Bush, giustamente amareggiati, lo fanno cercare da CIA ed FBI in tutto il mondo, ma più che altro per parlargli. Non si rendono invece conto che in quel modo stanno costruendo proprio la figura maligna che saranno poi obbligati ad additare, all'indomani dell'undici settembre. Comunque Barba-di-Diavolo, che è attento a tutto, deve aver saputo in qualche modo che lo cercano, e va subito a farsi una bella dialisi ad Abu Dabi, all'ospedale americano, dove tutti lo vedono ma per fortuna nessuno avvisa la CIA. E poi sotto, giù a capofitto nelle grotte di Tora-Bora, senza riscaldamento, senza TV (e senza dialisi, ma tanto lui la pipì la tiene anche per dei mesi). Da lì comincia a preparare, col suo telefonino gratta-e-vinci (di cui per fortuna gli americani non conoscono il numero), la grande debacle del capitalismo imperialista.

Siccome i futuri assi del cielo, in Florida, si stanno facendo già notare per incapacità congenita galoppante, Barba-di-Diavolo comincia anche a muoverli freneticamente da una città all'altra - cambia casa, esci dal motel, entra nel condominio, disdici il telefonino, affitta una macchina, vai a vivere dall'amico di un poliziotto - in modo da non lasciare tracce di nessun tipo alle loro spalle. Addirittura manda quelli che proprio non riescono a sollevare 'sto cazzo di Cessna in nessun modo a studiare direttamente nella base CIA di Monterey (in California). Li istruisce inoltre, sempre per confondersi meglio col tessuto sociale, di mangiare solo pizza e hamburger dal mattino alla sera: infatti uno che mangia la pizza col tovagliolo in testa invece che sul tavolo, non lo noti nemmeno se ti pagano. Dice loro inoltre di fare anche un salto a Las Vegas, ogni tanto, anche se donne, alcohol e azzardo sono espressamente proibiti dal Corano. (Ma lui ha quello modificato, a doppia turbina con scarichi laterali, nel quale il suicidio è permesso, i Romani sono tutti imperialisti e hanno l'accento americano, e la parola Jihad significa "vi ammazzo tutti a badilate perchè sono un fondamentalista e non capisco più una madonna!!!")

(Come facciamo a sapere, per esempio, che mangiavano sempre pizza e hamburger? Perchè loro, sempre attenti a non lasciare tracce, pagavano spessissimo con carte di credito, intestate rigorosamente a loro nome).

Fine prima parte

Voto: 6.00 (1 voto) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA