Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


politica italiana : E' una questione di linguaggio
Inviato da Redazione il 3/3/2013 2:40:00 (11801 letture)

A prima vista, sembrerebbe che la situazione politica italiana sia in stallo per una semplice questione matematica: con tre partiti che si sono divisi gran parte dei voti, non ci sono i numeri per formare una solida maggioranza di qualunque tipo.

In realtà, quello che sta bloccando oggi l'Italia è soprattutto un problema di linguaggio.

Questi tre grandi partiti infatti non parlano tutti la stessa lingua. Due di loro, PD e PdL, parlano ancora la lingua del passato, che si basa su affermazioni intenzionalmente vaghe, giri retorici, messaggi trasversali e codici cifrati. All'interno di quella lingua c'è tutto lo spazio per l'ipocrisia, per l'inganno, per la malafede, e per i più perfidi trabocchetti.

Il Movimento Cinque Stelle invece parla la lingua del futuro: diretta, semplice, immediata, senza fronzoli e senza retorica. Dice pane al pane, e belìn al belino. All'interno di questa lingua non ci sono ambiguità, non c'è spazio per l'ipocrisia, e la malafede è condannata già in partenza a venire smascherata.

La vecchia guardia ha imparato a parlare quando a fare da pubblico controllore c'era la televisione. Sapevano quindi benissimo di poter alludere, di poter fingere, e di poter mentire, perché tanto la televisione non li avrebbe mai messi con le spalle al muro. Al massimo avrebbe finto di farlo, ...

... con le "finte inchieste giornalistiche" del ventennio passato, che un realtà fanno anche loro parte del grande inganno.

Il Movimento Cinque Stelle invece ha imparato a parlare quando a fare da controllore c'era già Internet. In Internet nessuno può mentire, questo lo sappiamo tutti. Se vuoi sopravvivere in rete, prima di tutto devi essere onesto, diretto e trasparente.

Ecco perché oggi assistiamo a un dialogo tra sordi: Grillo dice "tutti a casa" e Bersani replica: "Fin qui hanno detto 'Tutti a casa'. Adesso sono nella casa anche loro. Quindi adesso o dicono 'Tutti a casa' ma compreso loro, o dicono come vogliono ristrutturare la casa''.

Bersani cioè finge di non capire, perchè è abituato da sempre a fare così, quando si trova in difficoltà.

Grillo dice "Voteremo solo le leggi che fanno parte del nostro programma", e Bersani replica:"Io voglio fare una legge sui partiti e sono pronto a discutere del finanziamento ai partiti''. Usa cioè la tecnica di chi finge di venirti incontro senza doversi impegnare su nulla di preciso, perchè è abituato da sempre a fare così, quando è costretto a sbilanciarsi.

Grillo dice "Vogliamo trasparenza e partecipazione", e Bersani replica: "Finanziamento ok, pero' tu adesso mi spieghi, quando facciamo la legge sui partiti, com'e' la trasparenza e la partecipazione, come si eleggono gli organismi dirigenti, com'e' il codice etico per le candidature''. Bersani cioè rimanda la palla al mittente, perchè non è assolutamente in grado di comprendere termini come "trasparenza" e "partecipazione". Non fanno parte della sua storia, non fanno parte della sua cultura, e quindi non fanno parte del suo vocabolario.

Ha ragione Grillo, quando dice che "sono tutti morti": non è solo una boutade di cattivo gusto, è una constatazione realistica dei tempi che cambiano.

Non è possibile dialogare se non si parla la stessa lingua, ed è persino da stupidi provarci.

A questo punto, bisogna solo aspettare. Se queste persone non si sbrigano ad imparare in fretta la nuova lingua, vorrà dire che dovranno farlo nella prossima reincarnazione.

Massimo Mazzucco

Voto: 8.00 (19 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Mande
Inviato: 3/3/2013 7:13  Aggiornato: 3/3/2013 7:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/1/2008
Da: Cologna veneta
Inviati: 1301
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:

Ecco perché oggi assistiamo a un dialogo tra sordi: Grillo dice "tutti a casa"

Ed una persona normale capisce:
"Ora dovete tutti uscire dal parlamento, perché non rieletti, e tornarvene ognuno a casa vostra"

Non vedo cosa ci sia di difficile nel capire un concetto del genere.

E Bersani che risponde?
Citazione:

"Fin qui hanno detto 'Tutti a casa'. Adesso sono nella casa anche loro.

L'avevo sentita anch'io questa dichiarazione.
Per non doverlo accusare di avere un quoziente intellettivo sottozero si potrebbe anche pensare:
"Ma, sai, in fondo è in parlamento da così tanto tempo che considerà quella la sua casa. Probabilmente un'altro posto da chiamare casa non c'è l'ha neppure. E' uno stacanovista tutto parlamento e gli piace vivere così"
Non ci farebbe comunque una bella figura ma ognuno è bello a mamma sua.

Ed invece? Invece continua così:
Citazione:

Quindi adesso o dicono 'Tutti a casa' ma compreso loro

Ma allora cos'è la casa per Bersani? E' il parlamento o la vita al di fuori ognuno con la sua occupazione?

Una frase del genere in bocca ad un dirigente della prima coalizione (non partito) italiana che si appresta a chiedere di formare un governo...

E poi qualcuno oserebbe veramente pensare che un comune cittadino non possa essere migliore di così?

Neanche mio nonno senza il minimo studio e con una veneranda età sarebbe in grado di elaborare un ragionamento così sconnesso.

Queste sono le persone che si candidano a governarci e si mettono a piangere se non gli dai la fiducia...

Fiducia, la fiducia vuole? Impari a fare ragionamenti di senso compiuto per iniziare e poi si può pensare di metterlo alla prova con qualche lavoro di bassa manovalanza in miniera.

osva
Inviato: 3/3/2013 7:30  Aggiornato: 3/3/2013 7:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/6/2009
Da: Milano
Inviati: 251
 Re: E' una questione di linguaggio
Scusate l'OT, ma qualquno sa che fine ha fatto la fondazione Keshe?

LoneWolf58
Inviato: 3/3/2013 7:49  Aggiornato: 3/3/2013 7:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: E' una questione di linguaggio
Credevo di essere io ad avere problemi con l'italiano... grazie Massimo... adesso so che siamo almeno due.


La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
invisibile
Inviato: 3/3/2013 7:59  Aggiornato: 3/3/2013 8:19
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
Mande

Siamo nel teatro dell'assurdo. Se guardi le facce dei giornalisti nei tg in questi giorni si può percepire uno strano disagio. Quello di dover rendere credibili dichiarazioni che sono cortocircuiti mentali.
Ieri ho visto Maroni che diceva la sua. Alla fine, alla domanda "e Grillo?" lui "Grillo sta facendo impazzire tutti"
In miniera ci vuole competenza. E' pericoloso per se stesso ma soprattutto per gli altri. Pelare le patate mi sembra più adatto per bersani.

EDIT
Per quanto riguarda la dichiarazione di bersani sul tutti a casa, secondo me é un misero tentativo di fare il grillo. Visto che gli slogan di Grillo sembrano funzionare allora li faccio pure io... Ma non avendo idea di cosa sia il linguaggio connesso alla realtà il risultato é grottesco.

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
Akane
Inviato: 3/3/2013 8:28  Aggiornato: 3/3/2013 8:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/7/2011
Da: Austria
Inviati: 135
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Dice pane al pane, e belìn al belino



aaahhahahahah standing ovation

invisibile
Inviato: 3/3/2013 9:23  Aggiornato: 3/3/2013 9:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
In merito al finanziamento ai partiti e all'ultima "proposta" di bersani.
Ok a togliere il finanziamento ma voi dovete...
Voi dovete?
Sono i partiti che devono a prescindere, visto che votammo un referendum per l'abolizione che fu aggirato con una presa per il culo.
Cioè, questo pretende qualcosa in cambio, solo promettendo di non fare più qualcosa di illegale. Come se fosse una magnanima concessione.
La dice lunga sul come considera se stesso. E questo sarebbe un partito di sinistra?

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
Tianos
Inviato: 3/3/2013 9:35  Aggiornato: 3/3/2013 9:35
Mi sento vacillare
Iscritto: 21/8/2009
Da:
Inviati: 374
 Re: E' una questione di linguaggio
speriamo solo che non siano i grillini ad imparare a zoppicare andando con lo zoppo.

Calvero
Inviato: 3/3/2013 9:39  Aggiornato: 3/3/2013 9:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: E' una questione di linguaggio
__________________________
______________________
______________


Quando non sei un venduto hai orecchie per la verità; quando sei un venduto non puoi ascoltare perché il tuo scopo è comprare, non capire.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
peonia
Inviato: 3/3/2013 9:41  Aggiornato: 3/3/2013 9:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: E' una questione di linguaggio
Condivido la tua analisi Massimo, la cosa che dispiace è che tutti coloro che hanno votato Bersani non se ne rendano minimamente conto ed abbiano imparato a parlare come lui...o perlomeno a ragionare come lui..
In questi giorni resto basita a sentire i discorsi e le motivazioni di amici che lo hanno votato, e a proposito di comunicazione linguaggio, aggiungono anche che Grillo è troppo "volgare".....
Siamo sempre alla solita, scegliere fra APPARIRE o ESSERE....
fra convenienti parole "vuote" o "sgarbate" parole con "contenuto",
per me è solo ipocrisia...

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
VIPER
Inviato: 3/3/2013 9:56  Aggiornato: 3/3/2013 9:56
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/6/2009
Da:
Inviati: 557
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Scusate l'OT, ma qualquno sa che fine ha fatto la fondazione Keshe?

Risorgerà fra 3 giorni e ce la troveremo nel presepe a Natale...

holygrail
Inviato: 3/3/2013 10:01  Aggiornato: 3/3/2013 10:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/1/2008
Da: Rennes-le-Bains
Inviati: 41
 Re: E' una questione di linguaggio
SPERIAMO che questa volta il popolino italiano NON se la beva, faranno di tutto per passare il cerino nelle mani del movimento 5 stelle, richiamandolo alla "responsabilità nazionale".....La stessa responsabilità VACANTE da decenni in questo paese......e mi preoccupa (nonostante l'inaspettato risultato positivo delle urne) il quasi silenzio del pdl......Mi preoccupa perchè sono veramente "basito" nel constatare che siano ancora in giro a piede libero personaggi come berlusconi & Co.,.......

osva
Inviato: 3/3/2013 10:04  Aggiornato: 3/3/2013 10:04
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/6/2009
Da: Milano
Inviati: 251
 Re: E' una questione di linguaggio
citaz.
Scusate l'OT, ma qualquno sa che fine ha fatto la fondazione Keshe?

Qualcuno Osva, qualcuno, non qualquno, e dai......

clausneghe
Inviato: 3/3/2013 10:10  Aggiornato: 3/3/2013 10:10
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: E' una questione di linguaggio
In questa guerra asimmetrica già in atto, la vera posta in gioco è la conquista della mente degli umani. Per fare ciò, non si esita ad usare qualsiasi tipo di arma e ognuno dei contendenti usa quelle che conosce meglio. E siccome il fine giustifica i mezzi LORO (quelli del vecchio mondo) usano a piene mani la menzogna, ma nella versione più raffinata della CONFUSIONE dialettica. NOI (quelli delle Stelle) usiamo la Rete con tutti i crismi dovuti. In mano a noi è devastante. E' una guerra anche semantica, anzi sopratutto semantica e non vuol dire che come tutte le guerre non abbia alla fine il suo carico di morti feriti prigionieri distruzioni lutti rovine e chi più ne ha più ne metta.
Bisogna essere capaci di non arrivare oltre al ciglio del fosso che oramai separa nettamente in due parti nervose il paese Italia.

Pyter
Inviato: 3/3/2013 10:12  Aggiornato: 3/3/2013 10:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: E' una questione di linguaggio
Scusate l'OT, ma qualquno sa che fine ha fatto la fondazione Keshe?

L'ultima volta che li ho visti in giro stavano vendendo smacchiatori per giaguari.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
Calvero
Inviato: 3/3/2013 10:14  Aggiornato: 3/3/2013 10:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: E' una questione di linguaggio
Altra cosa.

Non scordiamoci che il linguaggio "di" Bersani è il linguaggio di gran parte della gente, lui ne è il preciso riflesso. Soprattutto di un linguaggio figlio di una sinistra in decomposizione, dove si cerca di tenere sull'altare la forma a discapito della sostanza. Non a caso è la sinistra che vive da decadi grazie alla forma e all'etichetta.

Ne abbiamo esempi anche qui dentro, se si va nel Forum ci sono persone che lamentano si dica che qualcuno "ha la faccia come il culo". Si è perso, grazie all'etichetta di Stato e alla riverenza sacra indottrinate sin da quando si va alle elementari, la capacità di parlare la lingua degli uomini. Quindi si è disposti a negare pure la realtà. Ed è su questo circuito rappresentativo di ideali che è potuto reggersi un modello distorto politico. Una volta che una distorsione è elevata a paradigma politico, automaticamente ogni denuncia che mira a svelare la distorsione verrà considerata un segno di inciviltà.

Quel che si dovrebbe ancora meglio comprendere è che ogni frutto ha il suo albero. Proviamo con un'altra immagine. Si pensi al linguaggio dei Carcerati, fatto di allusioni in codici e di un profondo senso di abbandono e disperazione; si prenda il linguaggio mafioso: fatto e impostato secondo codici d'onore che mettono in campo uno spettro di valori e disvalori perfettamente in controluce con i valori della libertà. Quindi l'atteggiamento del mafioso, il suo additare "infame" qualcuno o educare le persone che gli sono vicino attraverso schemi legati "all'onore" .. al linguaggio, appunto, che vuole vedere le persone perseguire "geometrie mentali" legate alle logiche del sospetto e dell'appartenenza elitaria.... dicono delle loro fondamenta

.. idem, tornando alla politica, non è il linguaggio che ha fatto la politica, ma è la politica che ha forgiato/coniato il linguaggio necessario alla sua sopravvivenza.

Più nello specifico, è da ribadire, Bersani è il peggior politico mai esistito, in quanto consapevole di essere catalizzatore di un sentimento che vorrebbe vedere i prepotenti e i Potenti ridimensionati .. in un certo senso la figura della destra e più precisamente di un Berlusconi non deve giustificare nulla al suo elettorato, in quanto è una politica conclamata e spudorata, per quanto sbagliata e prevaricatrice: onesta. Indi, adesso, è proprio il linguaggio dei Grillini a mettere sotto attacco la parte più ipocrita e faccendiera, quella che più ha sfruttato il dualismo dei BAU BAU per sopravvivere, quella appunto del sordo Bersani.

Concludendo. Non è solo una questione politica, anzi, è proprio la resa dei conti che così come per l'Undici Settembre, i Grillini stanno piantando gli ultimi chiodi sulla bara della sinistra. E a farlo è proprio colui che più volte si era proposto con idee e programmi per aiutarli.

Un momento epocale dove finalmente è venuta alla luce la reale consistenza del sentimento più bastardo mai esistito, quello che si è voluto appropriare, arrogare, un sentimento cristiano e di comunione e colorarlo di rosso, distruggendolo. Figurati se ora non possono che non capire il linguaggio che li mette al muro; in questo momento neanche un Castoro che tira una striscia di Coca di un metro e si fa di LSD riuscirebbe a rosicare più velocemente dei Piddini.

edit correzioni h 10:25

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
holygrail
Inviato: 3/3/2013 10:14  Aggiornato: 3/3/2013 10:16
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/1/2008
Da: Rennes-le-Bains
Inviati: 41
 Re: E' una questione di linguaggio
cit.: L'ultima volta che li ho visti in giro stavano vendendo smacchiatori per giaguari.





LOL

cnj
Inviato: 3/3/2013 10:25  Aggiornato: 3/3/2013 10:26
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da: Romagna
Inviati: 795
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Bersani cioè finge di non capire, perchè è abituato da sempre a fare così, quando si trova in difficoltà.


Stai eccedendo sulla perspicacia di Bersani. Per me non capisce un emerito...
In quel posto, la vecchia volpe D'Alema (vecchio fuori e dentro), vuole un burattino. Altrimenti avrebbero potuto giocarsi la carta Renzi.

Mi spiace che ci sia molta gente affezionata a Grillo che non riesce a capire le cose che tu dici in questo articolo ed addirittura firma petizioni on-line per spingere Grillo ad un'intesa (fiducia) con il PD. Io arrivo anche a capirli..... ma mi rendo conto che loro non riusciranno mai a capire perchè Grillo non deve dare ai partiti politici (che ci hanno rovinato) alcuna fiducia. Sembra quasi che i vecchi partiti si stiano rendendo conto che rischiano grosso e dall'altra parte molti Grillini (ma anche molti infiltrati), assuefatti da 30 anni di mala-amministrazione, cerchino il modo per far sopravvivere questi zombi.
Non mi sono mai sentito così vivo (politicamente) nell'attesa delle prossime mosse.

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. Nikola Tesla
fefochip
Inviato: 3/3/2013 10:57  Aggiornato: 3/3/2013 11:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: E' una questione di linguaggio
sì, anche io ho la netta impressione che bersani ancora non ha capito cosa sta succedendo.

bersani può solo pensare di fare alcune leggi (quelle fondamentali che si dovevano fare da parecchio ...conflitto,elettorale,finanziamento pubblico ai partiti,ecc)e poi tornare alle urne.

se fosse lui uno "responsabile" capirebbe che non c'è altro da fare , ma non riesce proprio a concepire che è finita che è ora di tornare a casa ...lo capisco pure in fondo , adesso che tocca a lui dice :"e che fermate la giostra"?

p.s. Citazione:
Scusate l'OT, ma qualquno sa che fine ha fatto la fondazione Keshe?

chiedilo a peonia e Wewin sono loro che ci hanno creduto dal primo giorno a keshe, gli altri (me compreso) hanno sempre pensato che fosse un imbroglio.

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
winston73
Inviato: 3/3/2013 11:23  Aggiornato: 3/3/2013 11:40
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/5/2010
Da:
Inviati: 135
 Re: E' una questione di linguaggio
Soldi dell'unione europea per trollare i siti di "euroscettici"...
beware of the trolls!!!

http://www.telegraph.co.uk/news/worldnews/europe/eu/9845442/EU-to-set-up-euro-election-troll-patrol-to-tackle-Eurosceptic-surge.html

non ho messo ot perchè si sta scatenado su m5s una tempesta perfetta di incredibile portata.. con Goldman che loda Grilloe il cambiamento..

oggi si fermano le forniture del gas in Italia per uno scontro tra ribelli..

e vedremo da qui alla formazione del nuovo governo..

ieri girava su FB un passo preso da un discorso di Grillo con firma Adolf Hitler

googolando viene fuori che l'unica fonte è l'articolo stesso, ma la gente posta senza una minima verifica.. e ci sono amici che hanno votato PD o Ingroia che ci stanno cascando a piè pari... Grillo è il nuovo demone.

questo articolo del nostro Cedolin

http://ilcorrosivo.blogspot.it/2013/03/il-mainstream-e-linformazione-sul-web.html

2+2=5
Red_Max
Inviato: 3/3/2013 11:29  Aggiornato: 3/3/2013 11:29
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/7/2012
Da: in volo
Inviati: 975
 Re: E' una questione di linguaggio
Secondo me, andare in parlamento e dire: "tutti a casa" non è democratico, dopo, per carità è pur vero che quando parla Grillo tutti cercano di attaccarsi alla forma del messaggio pur di non guardare il contenuto... ma quello non è un discorso di linguaggio, ma di iddeologggia...

L'anoressia è un "orientamento" alimentare?

Non ti piacciono i crauti? allora sei crautofobo...
E' un reato gravissimo...

Aspirare gli embrioni è indice di civiltà!!!

Io non sono un complottista...
mi interesso di leggende metropolitane...
peonia
Inviato: 3/3/2013 11:30  Aggiornato: 3/3/2013 11:30
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: E' una questione di linguaggio
Scusate, parlando con mia sorella stamane, mi ha detto di essere addolorata dalla figura di merda che avrebbero fatto dei "grillini" ieri sera ad una diretta da LA7 su un programma ONDA o IN ONDA...in cui era presente anche l'ambigua Viola Tesi....
Qualcuno l'ha visto? può dirmi qualcosa in merito??
possibile che 3 scemi si siano offerti come esca agli squali?!

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
RiccardoG
Inviato: 3/3/2013 11:32  Aggiornato: 3/3/2013 11:32
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/1/2010
Da:
Inviati: 88
 Re: E' una questione di linguaggio
Giusto per ricordare cosa sia la sinistra, specie alla base che crede ancora nella sua redenzione (ammettendo di fatto di votare dei delinquenti):
Citazione:
Oggi in Italia un governo di sinistra è l'unico che possa fare politiche di destra

Gianni Agnelli, 1998, alla decisione di appoggiare il governo del mai-eletto-D'Alema.

rekit
Inviato: 3/3/2013 11:32  Aggiornato: 3/3/2013 11:32
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: E' una questione di linguaggio
cit:

Non scordiamoci che il linguaggio "di" Bersani è il linguaggio di gran parte della gente, lui ne è il preciso riflesso. Soprattutto di un linguaggio figlio di una sinistra in decomposizione, dove si cerca di tenere sull'altare la forma a discapito della sostanza. Non a caso è la sinistra che vive da decadi grazie alla forma e all'etichetta.

Ne abbiamo esempi anche qui dentro, se si va nel Forum ci sono persone che lamentano si dica che qualcuno "ha la faccia come il culo". Si è perso, grazie all'etichetta di Stato e alla riverenza sacra indottrinate sin da quando si va alle elementari, la capacità di parlare la lingua degli uomini. Quindi si è disposti a negare pure la realtà. Ed è su questo circuito rappresentativo di ideali che è potuto reggersi un modello distorto politico. Una volta che una distorsione è elevata a paradigma politico, automaticamente ogni denuncia che mira a svelare la distorsione verrà considerata un segno di inciviltà.

Quel che si dovrebbe ancora meglio comprendere è che ogni frutto ha il suo albero. Proviamo con un'altra immagine. Si pensi al linguaggio dei Carcerati, fatto di allusioni in codici e di un profondo senso di abbandono e disperazione; si prenda il linguaggio mafioso: fatto e impostato secondo codici d'onore che mettono in campo uno spettro di valori e disvalori perfettamente in controluce con i valori della libertà. Quindi l'atteggiamento del mafioso, il suo additare "infame" qualcuno o educare le persone che gli sono vicino attraverso schemi legati "all'onore" .. al linguaggio, appunto, che vuole vedere le persone perseguire "geometrie mentali" legate alle logiche del sospetto e dell'appartenenza elitaria.... dicono delle loro fondamenta

.. idem, tornando alla politica, non è il linguaggio che ha fatto la politica, ma è la politica che ha forgiato/coniato il linguaggio necessario alla sua sopravvivenza.

Più nello specifico, è da ribadire, Bersani è il peggior politico mai esistito, in quanto consapevole di essere catalizzatore di un sentimento che vorrebbe vedere i prepotenti e i Potenti ridimensionati .. in un certo senso la figura della destra e più precisamente di un Berlusconi non deve giustificare nulla al suo elettorato, in quanto è una politica conclamata e spudorata, per quanto sbagliata e prevaricatrice: onesta. Indi, adesso, è proprio il linguaggio dei Grillini a mettere sotto attacco la parte più ipocrita e faccendiera, quella che più ha sfruttato il dualismo dei BAU BAU per sopravvivere, quella appunto del sordo Bersani.

Concludendo. Non è solo una questione politica, anzi, è proprio la resa dei conti che così come per l'Undici Settembre, i Grillini stanno piantando gli ultimi chiodi sulla bara della sinistra. E a farlo è proprio colui che più volte si era proposto con idee e programmi per aiutarli.

Un momento epocale dove finalmente è venuta alla luce la reale consistenza del sentimento più bastardo mai esistito, quello che si è voluto appropriare, arrogare, un sentimento cristiano e di comunione e colorarlo di rosso, distruggendolo. Figurati se ora non possono che non capire il linguaggio che li mette al muro; in questo momento neanche un Castoro che tira una striscia di Coca di un metro e si fa di LSD riuscirebbe a rosicare più velocemente dei Piddini.

..........................
standing ovation

Paolo69
Inviato: 3/3/2013 11:33  Aggiornato: 3/3/2013 11:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/7/2004
Da:
Inviati: 1173
 Re: E' una questione di linguaggio
Ovviamente condivido
Allargherei il discorso a buona parte del popolo italiano che ho scoperto essere degli inciucioni.
Gli stessi che lamentavano la cattiva abitudine italiana dei partiti di fare accordi post elettorali per spartirsi le poltrone dopo aver fatto campagna elettorale con programmi differenti ora si scoprono in realtá essere fautori del piu grande inciucio politico che si sia mai visto.
Per un attivista 5 stelle fare un accordo col pd ha senso quanto un accordo tra pd e pdl , ma proprio sembra non vogliano accettarlo.
Le provano tutte , fino a minacciare che l italia si ritroverá come la grecia , come se giá nn ci fossimo molto vicino , e come se nn fossero stati proprio quelli che loro difendono a contribuire fortemente a portarci in questa situazione.
In realtá credo si tratti di vera e propri paura, nn dell ignoto come dicono , perche il programma 5stelle è chiarissimo e disponibile in rete da tempo , ma di se stessi , paura di accettare che le proprie convinzioni siano errate con tutto quello che ne consegue , come egregiamente analizzato da te in passato.

Buona rivoluzione a tutti

nonaligned
Inviato: 3/3/2013 12:24  Aggiornato: 3/3/2013 12:24
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/10/2011
Da:
Inviati: 247
 Re: E' una questione di linguaggio
Si, son d'accordo. Quello della sinistra è un problema di comunicazione, Grillo ha uno spin doctor migliore.

crunch
Inviato: 3/3/2013 12:28  Aggiornato: 3/3/2013 12:28
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2012
Da:
Inviati: 560
 Re: E' una questione di linguaggio
partendo dal fatto che bersani e' politicamente finito e in preda alla disperazione voglia fare un patetico quanto arrogante 'scouting' sul m5s, credo solo che grillo abbia capito perfettamente il gioco di bersani e stia tentando di costringere il pd a giocarsi la carta renzi anticipatamente, in modo da bruciarlo per la prossima campagna elettorale, anche se non credo che renzi possa comunque spostare una grossa quantita' di voti verso il pd

ad ogni modo a 6 giorni dal voto e' ancora presto per capire realmente il senso delle schermaglie tra i due, in realta grillo sembra voler mantienere fede a quanto detto nei giorni scorsi ovvero no alleanze ma si a valutare singole leggi

piu che altro c'e' da preoccuparsi del redivivo pdl resuscitato ad arte e vero avversario del m5s alle prossime vicine elezioni, B. teme che la forza di grillo in parlamento possa essere decisiva per fare leggi che lo danneggino

infatti sono proprio i giornali di centrodestra ad attaccare piu ferocemente il comico, consapevoli di avere un elettorato che poco si e' fatto convincere dal m5s

e soprattutto forte dell'onda crescente di consensi delle ultime settimane il pdl e' il partito che piu di tutti punta ad elezioni il piu presto possibile proprio perche sicuro di conquistare anche la camera

il discorso sarebbe ben diverso se invece in qualche modo pd e m5s riuscissero a fare qualche cosa di buono e governassero per un tempo raginevolmente lungo

a quel punto infatti molti elettori di centrodestra che hanno votato B. turandosi il naso gli volterebbero le spalle

ma questo non succedera' perche' a napolitano e' stato ordinato di non permettere mai un governo con un m5s forte, anche se a guida PD

InFlames
Inviato: 3/3/2013 12:38  Aggiornato: 3/3/2013 12:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/3/2008
Da:
Inviati: 300
 Re: E' una questione di linguaggio
Viola Tesi è stata silurata dopo neanche un quarto d'ora dalla rete e da Byoblu su La Cosa, era un'ex del partito pirata.
PS: non è democratico dire tutti a casa? NON è DEMOCRATICO?! E' farci fare la fame che cazzo è allora?! ma porca miseria, sappiamo di chi stiamo parlando. Nessuna pietà per chi elegge a scopo della propria vita rovinare le altrui persone.

Tutto sarà rivelato
Manfred
Inviato: 3/3/2013 12:54  Aggiornato: 3/3/2013 12:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Redazione!

Vuoi far piangere i vitelli?!

Retorica di bassa lega, o meglio di chi ha sostituito la lega.

A380
Inviato: 3/3/2013 13:04  Aggiornato: 3/3/2013 13:40
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Stai eccedendo sulla perspicacia di Bersani. Per me non capisce un emerito...
In quel posto, la vecchia volpe D'Alema (vecchio fuori e dentro), vuole un burattino. Altrimenti avrebbero potuto giocarsi la carta Renzi.


La carta renzi? renzi chi? Il sionista filomassone sindaco di Firenze? Uahuahuahuahuahuahuahuah, sicuramente si prenderebbero i voti di monti, ma di sicuro perderebbero i voti di chi a Sinistra ci vuole stare veramente!
Non si può dimenticare che Bersani ha vinto le primarie, tanto bistrattate, ma se non sono stati fatti spogli con truffa incorporata, per tutti coloro che volevano c'è stata la possibilità di dire la propria! E renzi ha perso!



Citazione:
A prima vista, sembrerebbe che la situazione politica italiana sia in stallo per una semplice questione matematica: con tre partiti che si sono divisi gran parte dei voti, non ci sono i numeri per formare una solida maggioranza di qualunque tipo.

In realtà, quello che sta bloccando oggi l'Italia è soprattutto un problema di linguaggio.


Massimo, sono vent'anni che l'Italia è bloccata da problemi di linguaggio. Linguaggio della Sinistra che non sa farsi capire, linguaggio della destra che le ha sparate sempre troppo grosse e per questo è sempre stata ascoltata dalla trappola per ingenui che il cavaliere ha messo su a suo tempo a regola d'arte prima di entrare in politica.

Citazione:
Questi tre grandi partiti infatti non parlano tutti la stessa lingua. Due di loro, PD e PdL, parlano ancora la lingua del passato, che si basa su affermazioni intenzionalmente vaghe, giri retorici, messaggi trasversali e codici cifrati. All'interno di quella lingua c'è tutto lo spazio per l'ipocrisia, per l'inganno, per la malafede, e per i più perfidi trabocchetti.


Non sono d'accordo: destra e Sinistra parlano la stessa lingua e tra di loro si riconoscono; per certi versi esiste un problema "vecchiume", ma per altri si tratta di gettare il bambino con l'acqua sporca. Semmai c'è stata una deriva verso la volgarità della destra, a partire dal secondo mandato del giaguaro di Arcore.

Citazione:
Il Movimento Cinque Stelle invece parla la lingua del futuro: diretta, semplice, immediata, senza fronzoli e senza retorica. Dice pane al pane, e belìn al belino. All'interno di questa lingua non ci sono ambiguità, non c'è spazio per l'ipocrisia, e la malafede è condannata già in partenza a venire smascherata.


Non sono d'accordo: si tratta semmai di un'esasperazione del linguaggio della destra berlusconiana, unita anche ad alcuni vaneggiamenti dell'estrema destra: quando ho sentito che una Consigliera Comunale del M5S è stata allontanata perchè in maternità, mi sono venute in mente certe figure retoriche reazionarie. E la cosa non mi è piaciuta affatto.

Citazione:
La vecchia guardia ha imparato a parlare quando a fare da pubblico controllore c'era la televisione. Sapevano quindi benissimo di poter alludere, di poter fingere, e di poter mentire, perché tanto la televisione non li avrebbe mai messi con le spalle al muro. Al massimo avrebbe finto di farlo, ...

... con le "finte inchieste giornalistiche" del ventennio passato, che un realtà fanno anche loro parte del grande inganno.


Sarà, ma io la vedo un po' come aver usato male un coltello: puoi usarlo per affettare il salame o per uccidere una persona, la Tv è uguale. Inchieste tipo le riprese "fuori onda" di alcuni personaggi (ricordo buttiglione, per esempio) che esternavano giri di potere, messe in onda da per quanto dubbie trasmissioni televisive tipo "striscia la notizia" potevano smascherare qualcuno tanto quanto lo potrebbe fare internet. Il potere, semmai, in tali casi è sempre stato fuori della portata del singolo, ma non assente, comunque.

Citazione:
Il Movimento Cinque Stelle invece ha imparato a parlare quando a fare da controllore c'era già Internet. In Internet nessuno può mentire, questo lo sappiamo tutti. Se vuoi sopravvivere in rete, prima di tutto devi essere onesto, diretto e trasparente.


E non rompere troppo le scatole, come accade altrove. Altrimenti ti oscurano o trovano la maniera di darti fastidio. Le possibilità tecniche esistono.

Citazione:
Ecco perché oggi assistiamo a un dialogo tra sordi: Grillo dice "tutti a casa" e Bersani replica: "Fin qui hanno detto 'Tutti a casa'. Adesso sono nella casa anche loro. Quindi adesso o dicono 'Tutti a casa' ma compreso loro, o dicono come vogliono ristrutturare la casa''.

Bersani cioè finge di non capire, perchè è abituato da sempre a fare così, quando si trova in difficoltà.


Guarda, non mi sembra. Finchè il M5S stava fuori dal Parlamento poteva tenere un certo comportamento. Ora vi è dentro. Non può più delegare, dire "resto dietro a verificare quel che fate voi", ma "voi" chi? Il M5S è forza parlamentare, ha il diritto/dovere di esprimersi. Non si può più nascondere.
A proposito, se si ritornerà a votare, questi parlamentari del M5S saranno al loro secondo (e ultimo!!!) mandato, poi Grillo che fa? Li cambia tutti come ha promesso? (e qui si apre un lungo e interessante dibattito sulla Forza di chi sta dietro a Grillo e al M5S... chi vuole intendere, intenda)

Citazione:
Grillo dice "Voteremo solo le leggi che fanno parte del nostro programma", e Bersani replica:"Io voglio fare una legge sui partiti e sono pronto a discutere del finanziamento ai partiti''. Usa cioè la tecnica di chi finge di venirti incontro senza doversi impegnare su nulla di preciso, perchè è abituato da sempre a fare così, quando è costretto a sbilanciarsi.

Certo che è costretto a sbilanciarsi, ha la maggioranza relativa. Cosa dovrebbe fare? Restare dietro anche lui?

Citazione:
Grillo dice "Vogliamo trasparenza e partecipazione", e Bersani replica: "Finanziamento ok, pero' tu adesso mi spieghi, quando facciamo la legge sui partiti, com'e' la trasparenza e la partecipazione, come si eleggono gli organismi dirigenti, com'e' il codice etico per le candidature''. Bersani cioè rimanda la palla al mittente, perchè non è assolutamente in grado di comprendere termini come "trasparenza" e "partecipazione". Non fanno parte della sua storia, non fanno parte della sua cultura, e quindi non fanno parte del suo vocabolario.

Grillo vuole che queste regole le decida la coalizione di CSX? Si può fare, lo dica. Non faccia come italica abitudine di mandare avanti gli altri, adesso Fa parte del Parlamento. Non può più delegare.

Citazione:
Ha ragione Grillo, quando dice che "sono tutti morti": non è solo una boutade di cattivo gusto, è una constatazione realistica dei tempi che cambiano.

Non è possibile dialogare se non si parla la stessa lingua, ed è persino da stupidi provarci.

A questo punto, bisogna solo aspettare. Se queste persone non si sbrigano ad imparare in fretta la nuova lingua, vorrà dire che dovranno farlo nella prossima reincarnazione.

Massimo Mazzucco


E torniamo a votare. Io ho votato SeL e, se non cambia nulla, rivoterò SeL. Magari qualcuno cambierà anche idea, ma se rimarremo tutti grossomodo sulle nostre scelte non credo che le percentuali delle nostre Rappresentanze Parlamentari potranno variare di molto.
A quel punto avremmo solo perso del tempo!

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
panagio
Inviato: 3/3/2013 13:19  Aggiornato: 3/3/2013 18:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/6/2011
Da:
Inviati: 232
 Re: E' una questione di linguaggio
Oltre che quotare Calvero ( tifo anche io per un tuo libro) aggiungo questo:

Il sig Bersani, per mantenere la sua onorabilità (?!?!?) ha pochissime soluzioni.

Promuovere leggi che ne sancirebbero il definitivo abbandono alla successiva tornata elettorale,
Passando quindi alla storia come colui che si ''è sacrificato' per il buon govèrno futuro.

Quante reali speranze ci sono che possa rendersi conto dell'opportunità?

Quanto è realmente conscio di poter pensare a delle soluzioni per il bene della
Società in cui vive ( allargherei ad umanità) a rischio della sua personale incolumità?

Ritengo abbia la possibilità di questa svolta, dubito peró fortemente che se ne renda conto.
Abituato come è a prendere ordini dall'alto, come d,altronde TUTTA la classe dirigente in questo sistema

( cit Calvero ... non è che i politici sono tutti uguali, è il Sistema che non può renderli differenti )

Sarebbe davveró una redenzione umana di notevole impatto, con risvolti epocali.
Lui può, potrebbe, contribuire alla svolta!
La speranza è l'ultima a morire...

DrHouse
Inviato: 3/3/2013 13:28  Aggiornato: 3/3/2013 13:31
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/11/2007
Da:
Inviati: 2394
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Mande ha scritto:

E Bersani che risponde?
Citazione:
"Fin qui hanno detto 'Tutti a casa'. Adesso sono nella casa anche loro.

L'avevo sentita anch'io questa dichiarazione.
Per non doverlo accusare di avere un quoziente intellettivo sottozero si potrebbe anche pensare:
"Ma, sai, in fondo è in parlamento da così tanto tempo che considerà quella la sua casa. Probabilmente un'altro posto da chiamare casa non c'è l'ha neppure. E' uno stacanovista tutto parlamento e gli piace vivere così"
Non ci farebbe comunque una bella figura ma ognuno è bello a mamma sua.

Bersani, una volta tanto, ha detto invece la pura e semplice verità. Grillo ha scelto consapevolmente di entrare in quella casa (Parlamento) dove vigono certe regole. Le regole possono piacere o non piacere, ma quelle sono. Si possono anche cambiare, ma solo dopo essere entrati in quella casa. Tant'è che moltissimi intellettuali, di ogni orientamento politico, per decenni hanno deciso di fare la loro battaglia politica fuori dal Parlamento proprio perché non volevano accettare quelle regole. In tanti modi: chi attraverso i libri, chi scrivendo su giornali e riviste, chi attraverso il volantinaggio, chi creando circoli intellettuali, chi proponendo la rivoluzione sociale per strada, chi, più recentemente, su Internet. Ma nel momento in cui scegli di entrare in politica, come ha fatto Grillo, poi non puoi più lamentarti delle regole della politica. L'ho già ripetuto fino alla nausea nell'altro thread: la politica è l'arte della mediazione. E da qui non si esce. No, questa non è una mia concezione della politica, come qualcuno mi ha risposto: questa è l'unica concezione di politica che esista e sia sempre esistita. I Parlamenti esistono proprio perché rappresentano idee e interessi diversi, così come i consigli di amministrazione e le assemblee di condominio. Fattene una ragione: in questi luoghi si tratta, si media. Non è un'opinione, è un fatto. Le decisioni che si prendono in questi luoghi sono sempre e senza eccezioni il risultato di un accordo, di una trattativa, di una mediazione.

Se non si accettano queste regole, allora si sta fuori. Se non si è disposti a dialogare con chi c'è dentro la casa, semplicemente non si entra in quella casa e nessuno ha mai obbligato Grillo a entrarci. E ora che ci è entrato, le regole valgono anche per lui. Mi dispiace, ma è così. E, per quanto la cosa sorprenda molto anche me, Bersani stavolta ha detto una cosa non giusta, ma sacrosanta. È tutta vostra, di Grillo e di voi grillini, la contraddizione, quella di credere di poter cambiare il sistema attraverso il sistema. Quella di credere di poter entrare in Parlamento e non sporcarvi le mani. Le mani ve le sporcherete, è solo questione di tempo, e per quanto Grillo stia palesemente cercando di rimandare il più possibile l'appuntamento, prima o poi si dovrà arrendere alla realtà.

Come molti altri qui dentro, ormai sei in loop. Sei talmente dentro la tua religione che non riesci più a vedere l'ovvio che hai sempre visto. E quando si è dentro una religione, l'unico modo per continuare a crederci è quello di ripetere all'ossessione che sono gli altri che sbagliano, che non capiscono. Stai cercando di negare un'evidente contraddizione di Grillo cercando la facile battutina su Bersani e altri politici indifendibili, ma prima o poi, credimi, questa contraddizione scoppierà. E se non scoppierà tra i neoeletti del M5S, scoppierà fatalmente nella base. Come dice quel proverbio, non si può essere incinta a metà. Ne riparliamo tra qualche mese, o forse anche prima.

E dopo 10 anni, siamo a discutere se il Volo 77 è arrivato proprio lungo questa linea, o piuttosto è arrivato due metri più a sinistra, o due metri più a destra? (Perle complottiste)
aniiccia
Inviato: 3/3/2013 13:43  Aggiornato: 3/3/2013 13:43
So tutto
Iscritto: 12/2/2013
Da:
Inviati: 1
 Re: E' una questione di linguaggio
beh, dire tutti a casa non è democratico quando quei "tutti" sono quelli che fino ad oggi hanno abusato della parola democrazia per i loro porci interessi, mi sembra fuori luogo, certo in un discorso a carattere generale uno che dice tutti a casa non è democratico, ma quì non mi sembra si possa fare un discorso generale, si parla di questo momento in italia, si parla di questi politici che per quanto riguarda la corretta organizzazione di un paese non hanno niente da dire, lo hanno dimostrato oltremodo.

e credo anch'io che il signor bersani non abbia capito ancora un accidente, non mi riesce proprio di vederlo come "uno furbo"

A380
Inviato: 3/3/2013 13:43  Aggiornato: 3/3/2013 13:43
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
DrHouse, un'autentica ovazione per questo tuo intervento.

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
JohnTitor
Inviato: 3/3/2013 13:57  Aggiornato: 3/3/2013 13:57
Mi sento vacillare
Iscritto: 27/11/2010
Da: Tampa
Inviati: 602
 Re: E' una questione di linguaggio
Il Movimento Cinque Stelle invece parla la lingua del futuro: diretta, semplice, immediata, senza fronzoli e senza retorica. Dice pane al pane, e belìn al belino. All'interno di questa lingua non ci sono ambiguità, non c'è spazio per l'ipocrisia, e la malafede è condannata già in partenza a venire smascherata.

Credo sono scemenze, il partito di Grillo è stato creato a tavolino come tanti anni fa il partito di Berlusconi
Grillo non dice niente sull'assistenzialismo al Sud e ai profughi che rimane inalterato mentre l'economia va a puttane. I dipendenti statali non si possono licenziare nemmeno se condannati in via definitiva. I commessi di camera e senato guadagno 7 mila euro netti al mese più 13ma 14ma 15ma. Per spostare sedie, secondo Grillo dovrebbero guagagnare il triplo dei deputati?
Ho notato che il programma del M5S ha molti punti in comune con i radicali. Loro vogliono togliere le pensioni di anzianità contributiva. Gli italiani che hanno iniziato a versare contributi previdenziali a 15 anni dovrebbero lavorare per 50 anni secondo Grillo per dare un reddito di cittadinanza in massima parte a immigrati.
Questo articolo di LC è veramente ridicolo.

Manfred
Inviato: 3/3/2013 13:58  Aggiornato: 3/3/2013 13:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
DrHouse

Così stai legittimando Grillo, ma Grillo finché non accetta le regole non va legittimato, altrimenti si crea un precedente, come è successo con Berlusconi, la forma nell'inizio delle mediazioni è forse più importante della sostanza stessa, anzi si può dire che la sostanza varia in relazione alla forma.

Red_Max
Inviato: 3/3/2013 14:20  Aggiornato: 3/3/2013 14:20
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/7/2012
Da: in volo
Inviati: 975
 Re: E' una questione di linguaggio
Questa è la democrazia, baby...

L'anoressia è un "orientamento" alimentare?

Non ti piacciono i crauti? allora sei crautofobo...
E' un reato gravissimo...

Aspirare gli embrioni è indice di civiltà!!!

Io non sono un complottista...
mi interesso di leggende metropolitane...
stecos
Inviato: 3/3/2013 14:27  Aggiornato: 3/3/2013 14:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/10/2009
Da: Madrid
Inviati: 111
 Re: E' una questione di linguaggio
Molto stimolante la lettura di Massimo... si vede che é diventato un gran esperto di Logica!

@drhouse

Cambiare il sistema entrando pacificamente nel sistema é nobile oltre che difficile ed estenuante per chi si sforza di farlo.

Dire che adesso devono accettare proprio le manfrine che vogliono cancellare é come prendere uno schiavo, liberarlo dalla schiavitú e poi dirgli: << beh adesso che fai parte del gruppo di uomini liberi devi accettare la responsabilitá di diventare tu uno schiavista>>


La differenza tra avere un' idea e ideare é che il primo sta fantasticando e il secondo sta creando
Morpheo70
Inviato: 3/3/2013 14:30  Aggiornato: 3/3/2013 14:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/5/2011
Da:
Inviati: 88
 Re: E' una questione di linguaggio
Infatti Massimo parlano 2 lingue diverse è perfettamente quello che pensavo anche io, ma ragionando mi viene da pensare anche che:

devono per forza comportarsi cosi', quello che sta succedendo adesso è solo TATTICA, ed ognuno fa' la sua parte, Bersano ha capito ma deve fare la sua parte e parlare la sua lingua altrimenti è fottuto.

Mi piacerebbe che intanto si osservassero meglio i media in questa guerra TECNICA, in modo che vi rendiate conto l' informazione in che mani sta' e quanto inutile sia in Italia. W Internet

Manfred
Inviato: 3/3/2013 14:38  Aggiornato: 3/3/2013 14:39
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Dire che adesso devono accettare proprio le manfrine che vogliono cancellare é come prendere uno schiavo, liberarlo dalla schiavitú e poi dirgli: << beh adesso che fai parte del gruppo di uomini liberi devi accettare la responsabilitá di diventare tu uno schiavista>>


Devono accettare le regole, non le manfrine, il ché non è la stessa cosa,
ma a confondere e fare di tutta l'erba un fascio intanto ci pensa proprio chi
con la scusa di non voler accettare le manfrine non vuole accettare nemmeno le regole.

In quanto a internet, i militari hanno aperto la rete per fare un regalo all'umanità, così come gli asini volano.

Red_Max
Inviato: 3/3/2013 14:55  Aggiornato: 3/3/2013 14:55
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/7/2012
Da: in volo
Inviati: 975
 Re: E' una questione di linguaggio
Comunque è vero, quando Grillo parlò al consiglio degli azionisti di una famosa banca, parlò di un buco di 14 miliardi, a quel punto il grande capo della banca, facendo orecchie da mercante pretese di sapere come calcolasse quella cifra (basterebbe guardare il piano industriale per capire che non navigano nell'oro), ecco, non è che non si capiscono, è che qualcuno fa orecchie da mercante...

L'anoressia è un "orientamento" alimentare?

Non ti piacciono i crauti? allora sei crautofobo...
E' un reato gravissimo...

Aspirare gli embrioni è indice di civiltà!!!

Io non sono un complottista...
mi interesso di leggende metropolitane...
Calvero
Inviato: 3/3/2013 15:02  Aggiornato: 3/3/2013 15:07
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Bersani, una volta tanto, ha detto invece la pura e semplice verità.


Bersani ha detto quello che doveva dire, perché è tra l'incudine di un Sistema colluso e omertoso e il martello del sentimento che rappresenta in vece agli Italiani. Se mettevi un calcolatore di probabilità, basterebbe anche un commodore 64, avrebbe sputato fuori la stessa "pura e semplice verità". Ormai in questa vicenda le parole che verranno fuori dalle mummie del Parlamento saranno quelle generate dal Boot di risposta che il Sistema li costringe a fornire al popolino. Il Teatrino non deve cadere nella sua rappresentatività, questa la parola d'ordine silenziosa. Nel frattempo in radio e TV continuano a martellare con la propaganda di una fantomatica etica e civiltà violata dalle logiche del Movimento 5 Stelle ...

... e quando i media soffiano tutti insieme è perché il fuoco sta bruciando sotto i culi giusti. Altrimenti non si sprecherebbero in cotanto rigurgito di dignità.

Citazione:
L'ho già ripetuto fino alla nausea nell'altro thread: la politica è l'arte della mediazione. E da qui non si esce.


La politica è l'arte di eludere la Vita. E anche da qui non si esce. Ne è comprova la tua stessa affermazione. Con il fondante approfondimento che è la Vita a monte dell'esistenza. Quindi si sta un attimo a cogliere saggiamente la priorità tra le due. Un'affermazione, la tua, costretta e che costringe ad abbracciare il linguaggio orwelliano par excellence dove la disonestà viene chiamata mediazione. L'ignoranza è forza, la guerra è pace, la libertà è schiavitù. Non fa una grinza. Ed ecco che si torna al problema del linguaggio.

Citazione:
questa è l'unica concezione di politica che esista e sia sempre esistita


E chi se ne fotte. Qualcuno potrebbe anche strabbattersene il cazzo, ad esempio. Le Tavole della Legge le può scrivere solo Dio, per il resto ogni cosa è rivoluzionabile per un semplicissimo motivo: nulla è insindacabile, perché tutto nasce dagli uomini, non da Dio. L'insindacabilità, per dirne un'altra, è la favola e il mantra recitato dai detentori del potere e ... un bel grazie al cazzo, ci va liscio come l'olio.

Citazione:
Se non si è disposti a dialogare con chi c'è dentro la casa, semplicemente non si entra in quella casa e nessuno ha mai obbligato Grillo a entrarci.


Se quella Casa è occupata illecitamente allora le regole possono andare a fare in culo. Se quella casa per sua stessa congenita conformazione strutturale è deputata ad essere soggiogata dai Poteri forti, allora le regole non sono regole ma sono abusi legittimati omertosamente. Indi l'unica soluzione è l'intransigenza fino alle estreme conseguenze. Per chi crede nella democrazia, naturalmente.

Citazione:
Come molti altri qui dentro, ormai sei in loop. Sei talmente dentro la tua religione che non riesci più a vedere l'ovvio che hai sempre visto.


Di questo risponderà Mazzucco, e siccome io non sono della stessa linea o idea di Mazzucco, comunque posso dirti che non c'è bisogno di essere religiosi per constatare quello che il crimine ha sempre fatto e cioè: non paga. Il Governo è un Governo di criminali. Questo è un fatto. E come tale va trattato.

Il grande errore di Grillo è soltanto UNO - ed è gravissimo: - aver incanalato le energie all'interno del paradigma democratico. Ma una volta fatto c'è sempre il fattore umano che deve essere calcolato. Insieme alle sue sorprese. Così come è vero che: gira e rigira il cetriolo sempre in culo all'ortolano finisce; così è vero che un attacco al modello politico corrotto, porterà alle pressioni sociali fino al momento di far rivelare l'unico linguaggio del futuro: che lo Stato è un sistema fascista.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
LoneWolf58
Inviato: 3/3/2013 15:23  Aggiornato: 3/3/2013 15:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: E' una questione di linguaggio



La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
invisibile
Inviato: 3/3/2013 15:27  Aggiornato: 3/3/2013 15:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
A380

Non per rompere ma anche tu, come tutti, se non ti informi e verifichi di persona puoi essere vittima della disinformazione
Su questa vicenda non sei il primo ad essere stato ingannato.

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
Red_Knight
Inviato: 3/3/2013 15:35  Aggiornato: 3/3/2013 15:35
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: E' una questione di linguaggio
Scusate, ma ho una domanda cui non riesco a trovare risposta in questi giorni.
Sono d'accordo che Bersani sia complessivamente un personaggio sgradevole. Ha delle colpe inelminabili, come politico: io mi sono sempre divertito amaramente a contarle.
Ma per un momento facciamo finta di niente. Facciamo semplicemente che pentito e commosso voglia redimersi almeno parziialmente agli occhi della Storia e uscire di scena con un ultimo gesto di responsabilità e Giustizia con la G maiuscola, prima di ritirarsi a vita privata e commettere seppuku.

Cosa dovrebbe fare di preciso? Va bene adottare "il nuovo linguaggio", va bene cospargersi il capo di cenere, va bene ammettere di essere "morto", ma concretamente a livello parlamentare cosa dovrebbe fare?

linfe80
Inviato: 3/3/2013 15:36  Aggiornato: 3/3/2013 15:36
So tutto
Iscritto: 13/9/2012
Da:
Inviati: 3
 Re: E' una questione di linguaggio
Da ex simpatizzante del movimento 5 stelle invito tutti a seguire e a leggere il blog di un grandissimo giornalista di inchiesta italiano (e faccio riferimento al vero giornalismo di inchiesta fatto sul campo e, non come tanti comodamente dietro la scrivania del proprio ufficio mettendo a rischio la sua stessa vita...) :Gianni Lannes.Il blog è http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/
Leggere per approfondire e capire quali sono i veri retroscena della "scalata" di Grillo al potere.Ovviamente il mio è un appello a tutti coloro che vogliono liberamente crearsi una propria opinione (ed indipendentemente dal sostenere o meno le idee ed il programma del M5S) avendo però dalla propria parte la forza dell'informazione.

Manfred
Inviato: 3/3/2013 15:37  Aggiornato: 3/3/2013 15:37
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Solo i proverbi sono di uso comune perché ormai diventati saggezza conclamata.
Invece di usare gli aforismi degli altri prova a coniarne di tuoi, forse ti accorgerai che così facendo cambia anche la tua visione delle cose.

Così per provare.

Pispax
Inviato: 3/3/2013 15:39  Aggiornato: 3/3/2013 15:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: E' una questione di linguaggio
Vedo che sta andando avanti questa riflessione apologetica su Grillo, e in particolare sul binomio Grillo-Rete, come fosse il Padre e lo Spirito Santo negli anni prima della nascita di Cristo.


Questa cosa mi incuriosisce abbastanza.

Citazione:
Il Movimento Cinque Stelle invece parla la lingua del futuro: diretta, semplice, immediata, senza fronzoli e senza retorica. Dice pane al pane, e belìn al belino. All'interno di questa lingua non ci sono ambiguità, non c'è spazio per l'ipocrisia, e la malafede è condannata già in partenza a venire smascherata.

La vecchia guardia ha imparato a parlare quando a fare da pubblico controllore c'era la televisione. Sapevano quindi benissimo di poter alludere, di poter fingere, e di poter mentire, perché tanto la televisione non li avrebbe mai messi con le spalle al muro. Al massimo avrebbe finto di farlo, ...

... con le "finte inchieste giornalistiche" del ventennio passato, che un realtà fanno anche loro parte del grande inganno.

Il Movimento Cinque Stelle invece ha imparato a parlare quando a fare da controllore c'era già Internet. In Internet nessuno può mentire, questo lo sappiamo tutti. Se vuoi sopravvivere in rete, prima di tutto devi essere onesto, diretto e trasparente.


Il Movimento 5 Stelle è Grillo.
Grillo non ha imparato a parlare tramite la rete. E' un comico. Usa un linguaggio da comico. Sa che se la gente non lo capisce la volta dopo non tornerà a pagare il biglietto.
In questo momento la Rete, proprio per il fatto che ha memoria, per i grillini eletti si sta rivelando un danno, non un vantaggio. Ce ne sono parecchi che si sono esaltati e pubblicano serie inenarrabili di stronzate.

Ma lasciamo perdere.
Siccome queste parole non entreranno nelle orecchie dei sordi, provo a farmi capire attraverso un gioco:




"I contadini, gli operai, i commercianti, la classe media, tutti sono testimoni... invece loro preferiscono non parlare di questi 13 anni passati, ma solo degli ultimi sei mesi...
chi è il responsabile? Loro! I partiti!
Per 13 anni hanno dimostrato cosa sono stati capaci di fare. Abbiamo una nazione economicamente distrutta, gli agricoltori rovinati, la classe media in ginocchio, le finanze agli sgoccioli, milioni di disoccupati.. sono loro i responsabili!
Io vengo confuso.. oggi sono socialista, domani comunista, poi sindacalista, loro ci confondono, pensano che siamo come loro.
Noi non siamo come loro!
Loro sono morti, e vogliamo vederli tutti nella tomba!
Io vedo questa sufficienza borghese nel giudicare il nostro movimento..
mi hanno proposto un'alleanza!!! Così ragionano!!!

Ancora non hanno capito di avere a che fare con un movimento completamente differente da un partito politico!
...Noi resisteremo a qualsiasi pressione che ci venga fatta. E' un movimento che non può essere fermato... non capiscono che questo movimento è tenuto insieme da una forza inarrestabile che non può essere distrutta..noi non siamo un partito, rappresentiamo l'intero popolo, un popolo nuovo"



---------------------------------------------------------

Buon esempio di lingua dl futuro:diretta, semplice, immediata, senza fronzoli e senza retorica. Dice pane al pane, e belìn al belino.


Ed ecco il gioco.
Per chi segue Grillo da tempo: sapete dirmi a quale spettacolo appartengono queste frasi?
Vi dò un suggerimento: è di un po' prima del 2005, quando Beppe Grillo aprì il suo blog.

clausneghe
Inviato: 3/3/2013 15:40  Aggiornato: 3/3/2013 15:40
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: E' una questione di linguaggio
Potrei anche starmene zitto ma mi viene da dire che Calvero avrà salva la vita,non solo, ma sarà messo in una campana di vetro e onorato come fonte di Luce.. E anche tutti quelli che saranno trovati con il marchio Calvero impresso nel polsino,avranno salva la vita prima. (scherzo,eh)

branzac
Inviato: 3/3/2013 15:48  Aggiornato: 3/3/2013 15:52
Mi sento vacillare
Iscritto: 6/8/2009
Da:
Inviati: 416
 Re: E' una questione di linguaggio
Tratto da 22passi....

<Gira su internet questo testo...

"...i contadini, gli operai, i commercianti, la classe media, tutti sono testimoni... invece loro preferiscono non parlare di questi 13 anni passati, ma solo degli ultimi sei mesi... chi è il responsabile? Loro! I partiti! Per 13 anni hanno dimostrato cosa sono stati capaci di fare. Abbiamo una nazione economicamente distrutta, gli agricoltori rovinati, la classe media in ginocchio, le finanze agli sgoccioli, milioni di disoccupati.. sono loro i responsabili! Io vengo confuso.. oggi sono socialista, domani comunista, poi sindacalista, loro ci confondono, pensano che siamo come loro. Noi non siamo come loro! Loro sono morti, e vogliamo vederli tutti nella tomba! Io vedo questa sufficienza borghese nel giudicare il nostro movimento..mi hanno proposto un'alleanza. Così ragionano! Ancora non hanno capito di avere a che fare con un movimento completamente differente da un partito politico...noi resisteremo a qualsiasi pressione che ci venga fatta. E' un movimento che non può essere fermato... non capiscono che questo movimento è tenuto insieme da una forza inarrestabile che non può essere distrutta..noi non siamo un partito, rappresentiamo l'intero popolo, un popolo nuovo..."
Il testo si conclude con questa "firma":


ADOLF HITLER - DISCORSO PER LE ELEZIONI, 1932.>

<Qualcuno mi aiuta allora a trovare dove è stato pubblicato per la prima volta? Chi lo ha tradotto? Quale è il testo originario in tedesco?
Fino a prova contraria la possibilità che si tratta di un fake mi pare altissima.>

Link alla discussione su 22passi...

Una volta è caso, due è coincidenza ma tre è voluto.
crunch
Inviato: 3/3/2013 15:59  Aggiornato: 3/3/2013 15:59
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2012
Da:
Inviati: 560
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
ma concretamente a livello parlamentare cosa dovrebbe fare?


se fosse una persona coerente e non avesse semplicemente 'studiato' da presidente del consiglio, si dimetterebbe per il bene del SUO partito e degli italiani che comunque non lo hanno voluto

era ovvio prima delle elezioni e a maggior ragione oggi che nemmeno le lobby a cui e' asservito si fidano di lui..... dunque....

vediamo se con un leader piu intelligente il pd puo fare un salto di qualita' e dimostra di aver capito la lezione da questo voto

sopravvivono solo se si dimostrano dalla parte della gente e al limite con un occhio ai padroni e non il contrario

DOPO insieme al m5s si puo ragionare concretamente

osva
Inviato: 3/3/2013 16:08  Aggiornato: 3/3/2013 16:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/6/2009
Da: Milano
Inviati: 251
 Re: E' una questione di linguaggio
@linfe80

Giusto, brava: http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/

Ammiro molto il giornalista e mi piace come scrive e conduce le inchieste.
Gli argomenti che affronta sono numerosi e tutti di urgente attualità, a cominciare da inquinamento "militare" e geoingegneria.

DrHouse
Inviato: 3/3/2013 16:11  Aggiornato: 3/3/2013 16:11
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/11/2007
Da:
Inviati: 2394
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Calvero:
Bersani ha detto quello che doveva dire, perché è tra l'incudine di un Sistema colluso e omertoso e il martello del sentimento che rappresenta in vece agli Italiani. Se mettevi un calcolatore di probabilità, basterebbe anche un commodore 64, avrebbe sputato fuori la stessa "pura e semplice verità". Ormai in questa vicenda le parole che verranno fuori dalle mummie del Parlamento saranno quelle generate dal Boot di risposta che il Sistema li costringe a fornire al popolino. Il Teatrino non deve cadere nella sua rappresentatività, questa la parola d'ordine silenziosa. Nel frattempo in radio e TV continuano a martellare con la propaganda di una fantomatica etica e civiltà violata dalle logiche del Movimento 5 Stelle ...... e quando i media soffiano tutti insieme è perché il fuoco sta bruciando sotto i culi giusti. Altrimenti non si sprecherebbero in cotanto rigurgito di dignità.

Io parlavo di quella frase specifica di Bersani. Che per me rimane vera. Quando ti prenderai il tempo per rispondere a quello che ho scritto anziché ripetere la solita fuffa, anch'io mi prenderò il tempo per ribattere. Per ora è frittura d'aria.


Citazione:
La politica è l'arte di eludere la Vita.

Ne deduco che i 160 grillini sono in Parlamento per eludere la vita.


Citazione:
E chi se ne fotte. Qualcuno potrebbe anche strabbattersene il cazzo, ad esempio. Le Tavole della Legge le può scrivere solo Dio, per il resto ogni cosa è rivoluzionabile per un semplicissimo motivo: nulla è insindacabile, perché tutto nasce dagli uomini, non da Dio. L'insindacabilità, per dirne un'altra, è la favola e il mantra recitato dai detentori del potere e ... un bel grazie al cazzo, ci va liscio come l'olio.

Ah chi se ne fotte. Bene, quindi da domani ognuno potrà entrare in un consiglio di amministrazione, in un'assemblea o in qualsiasi organo decisionale collettivo e dire "Chi se ne fotte delle regole, me ne sbatto il cazzo. Di insindacabile ci sono solo le Tavole di Dio". Presumo che lo step successivo sia "D'ora in poi le regole le faccio io".

Citazione:
Se quella Casa è occupata illecitamente allora le regole possono andare a fare in culo. Se quella casa per sua stessa congenita conformazione strutturale è deputata ad essere soggiogata dai Poteri forti, allora le regole non sono regole ma sono abusi legittimati omertosamente. Indi l'unica soluzione è l'intransigenza fino alle estreme conseguenze. Per chi crede nella democrazia, naturalmente.

Occupata illecitamente? E chi lo ha deciso, tu?
Quella casa è occupata da quelli che gli italiani hanno votato. Sì, hai capito bene, è così. E se non si ritiene legittimo quel processo (che comunemente passa sotto il nome di "democrazia"), semplicemente non si partecipa. Lo fanno in molti. Quello che non si può fare è partecipare e, al tempo stesso, fare gli schifiltosi. Ti ricordo che in quella casa ci sono oggi anche 160 grillini. Votati esattamente con le stesse regole con cui sono stati votati gli altri. Un Parlamento non può essere lecito solo per la parte occupata dai grillini e illecito per la parte occupata da tutti gli altri. O accetti il sistema in toto o non lo accetti. Fra l'altro, ti faccio presente che gli elettori del M5S sono ex elettori del PD, del PDL, della Lega, di Casini, di Fini. Questo dovrebbe farti capire, spero, quanto il tuo argomento sia fuori dalla realtà. Ed è il meglio che si possa dire.


Citazione:
Come molti altri qui dentro, ormai sei in loop. Sei talmente dentro la tua religione che non riesci più a vedere l'ovvio che hai sempre visto.

Di questo risponderà Mazzucco, e siccome io non sono della stessa linea o idea di Mazzucco, comunque posso dirti che non c'è bisogno di essere religiosi per constatare quello che il crimine ha sempre fatto e cioè: non paga. Il Governo è un Governo di criminali. Questo è un fatto. E come tale va trattato.

Mazzucco? Che c'entra Mazzucco? Io veramente stavo rispondendo a Mande, se poi vuole rispondere anche Mazzucco, sarò lieto di leggere anche lui.

Citazione:
Il grande errore di Grillo è soltanto UNO - ed è gravissimo: - aver incanalato le energie all'interno del paradigma democratico. Ma una volta fatto c'è sempre il fattore umano che deve essere calcolato.

No, una volta entrati nel sistema, si è dentro il sistema. Senza appello, non ci sono terze vie. E se qui dentro c'è uno che ha sostenuto sempre questo argomento sei proprio tu. Il "fattore umano" è una tua aggiunta dell'ultim'ora con cui cerchi di giustificare il tuo attuale appoggio al M5S dopo aver sostenuto per anni la truffa della democrazia. Capisco tu senta il bisogno di partecipare alla festa e che tu non voglia rinunciare al tuo bicchiere di spumante e alla tua fetta di torta. Ma è un problema tuo, spero che prima o poi te ne renderai conto.

E dopo 10 anni, siamo a discutere se il Volo 77 è arrivato proprio lungo questa linea, o piuttosto è arrivato due metri più a sinistra, o due metri più a destra? (Perle complottiste)
clausneghe
Inviato: 3/3/2013 16:22  Aggiornato: 3/3/2013 16:22
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: E' una questione di linguaggio
Ne deduco che i 160 grillini sono in Parlamento per eludere la vita.

Ecco,io ho appena letto da qualche parte che sono 162
Solo per amor di precisione,eh.. Quando si dice essere pre-venuti..

osva
Inviato: 3/3/2013 16:27  Aggiornato: 3/3/2013 16:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/6/2009
Da: Milano
Inviati: 251
 Re: E' una questione di linguaggio
@branzac
Non so se sia vero che questo sia stato un discorso di Hitler, ma senz'altro è verosimile. D'altronde, e te lo dice uno che si astiene da tempo alle elezioni, ma di "cultura di sinistra", ho letto ultimamente qualcosina di Hitler e anche di Mussolini, e mi sono stupito di quanto tutto sia condivisibile. Senz'altro Hitler e Mussolini non erano quello che si vede in quei cazzo di filmati cacati in bianco e nero che la RAI ci propina da tempo immemore, e senz'altro la storia non è quella che i vincitori hanno scritto per noi e poi ci hanno costretto ad imparare a scuola con la "conquista" dell'istruzione (propaganda) obbligatoria per tutti.
Certo, poi dopo ne hanno fatte di ogni. Ma appunto per questo una cosa è certa: le rivoluzioni sono SEMPRE pilotate a finanziate da poteri occulti che seguono la loro strada e quando è il momento ci offrono un illusorio cambiamento. Quindi, dove ci vogliono portare con la complicità, consapevole o meno, di Beppe Grillo?

clausneghe
Inviato: 3/3/2013 16:39  Aggiornato: 3/3/2013 16:39
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: E' una questione di linguaggio
Ammiro molto il giornalista e mi piace come scrive e conduce le inchieste.
Lo ammiravo pure io fin che non ha iniziato, furioso di gelosia, a sbavare odio massonico contro Grillo e Casaleggio. Potrebbe darsi manina con l'altro, il "Salve! Sono Paolo Barnard!" Ma qualcosa mi dice che dopo pochi passi la passeggiata, diventerebbe una furibonda scazzottata..Attenti a quei due..
Con tutto il rispetto per le sue inchieste sia Nato che Terremoti artificiali e Navi dei veleni e altro ancora, non pensate che io lo dileggi o non lo conosca,eh

Red_Knight
Inviato: 3/3/2013 16:57  Aggiornato: 3/3/2013 16:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
se fosse una persona coerente e non avesse semplicemente 'studiato' da presidente del consiglio, si dimetterebbe per il bene del SUO partito e degli italiani che comunque non lo hanno voluto


Veramente il PD, e proprio il PD di Bersani, è stato votato dal 30% degli elettori. Intendiamoci, anche io penso che il PD trarrebbe giovamento dal cestinare la sua vecchia guardia che tanti disastri ha causato (anche se poi mi ricordo che verrebbe Renzi, che probabilmente è anche peggio), ma il segretario del PD dovrebbe dimettersi per soddisfare le richieste del M5S? !? Cioè, ma veramente?

DrHouse
Inviato: 3/3/2013 17:04  Aggiornato: 3/3/2013 17:04
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/11/2007
Da:
Inviati: 2394
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Red_Knight:
ma il segretario del PD dovrebbe dimettersi per soddisfare le richieste del M5S? !? Cioè, ma veramente?

Sì, hai capito bene. Decidono loro. Prima il Parlamento dovrà diventare come dicono loro, poi forse si decideranno a fare qualcosa. Mi sembra te lo abbiano detto esplicitamente.

Benvenuto nell'era democrazia dal basso. Dove Casaleggio dà gli input a Grillo, Grillo si impara il testo a memoria e lo declama ai neoeletti del M5S e quelli, in coro rispondono: "Sìììììììì, noi siamo la democrazia dal bassoooooooooo".

E dopo 10 anni, siamo a discutere se il Volo 77 è arrivato proprio lungo questa linea, o piuttosto è arrivato due metri più a sinistra, o due metri più a destra? (Perle complottiste)
Teba
Inviato: 3/3/2013 17:20  Aggiornato: 3/3/2013 17:20
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: E' una questione di linguaggio
Era della democrazia dal basso un beneamato cazzo per ora: sono ancora li a dare addosso al movimento 5 stelle ovunque nei media tradizionali e pensare che per ben due volte Grillo supplicò il PD ad usare il loro programma, senza nessun risultato....e ora Bersani chiede l'aiuto del M5S! Incredibile.

Comunque se Casaleggio desse gli imput e gli imput fossero imput di merda, il resto del movimento se ne accorgerebbe e avrebbe qualcosa da ridire, per ora in Sicilia hanno fatto quello che dicevano, il resto sono seghe mentali.

DrHouse
Inviato: 3/3/2013 17:36  Aggiornato: 3/3/2013 17:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/11/2007
Da:
Inviati: 2394
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Teba:
Era della democrazia dal basso un beneamato cazzo per ora: sono ancora li a dare addosso al movimento 5 stelle ovunque nei media tradizionali e pensare che per ben due volte Grillo supplicò il PD ad usare il loro programma, senza nessun risultato....e ora Bersani chiede l'aiuto del M5S! Incredibile.

Comunque se Casaleggio desse gli imput e gli imput fossero imput di merda, il resto del movimento se ne accorgerebbe e avrebbe qualcosa da ridire, per ora in Sicilia hanno fatto quello che dicevano, il resto sono seghe mentali.

Sì, hai ragione. In effetti, chi all'interno del movimento si è permesso finora di sgarrare dalla linea di Grillo ha trovato notoriamente grande spazio ed ascolto.

Vabbè, va, buona domenica a tutti.

E dopo 10 anni, siamo a discutere se il Volo 77 è arrivato proprio lungo questa linea, o piuttosto è arrivato due metri più a sinistra, o due metri più a destra? (Perle complottiste)
osva
Inviato: 3/3/2013 17:39  Aggiornato: 3/3/2013 17:39
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/6/2009
Da: Milano
Inviati: 251
 Re: E' una questione di linguaggio
@clausneghe
Bè, dai, sbavare di odio massonico non è così sbagliato. Penso che ci sia una bella differenza tra lui e Barnard: il primo è piuttosto documentato e comunque risponde, il secondo è piuttosto dogmatico e non risponde.

VIPER
Inviato: 3/3/2013 17:42  Aggiornato: 3/3/2013 17:42
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/6/2009
Da:
Inviati: 557
 Re: E' una questione di linguaggio
In effetti...

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2013/02/le-menzogne-del-candidato-beppe-grillo.html

...Forse ste cose non le sapeva nemmeno Mazzucco...

osva
Inviato: 3/3/2013 17:56  Aggiornato: 3/3/2013 17:56
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/6/2009
Da: Milano
Inviati: 251
 Re: E' una questione di linguaggio

Manfred
Inviato: 3/3/2013 18:07  Aggiornato: 3/3/2013 18:07
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
...Forse ste cose non le sapeva nemmeno Mazzucco...

Ce ne sono fin troppi asini che volano di questi tempi.

Sertes
Inviato: 3/3/2013 18:32  Aggiornato: 3/3/2013 18:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: E' una questione di linguaggio
Sempre meglio, sempre meglio!

(Grande LoneWolf58... ti quoto al 100%)

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Red_Knight
Inviato: 3/3/2013 18:34  Aggiornato: 3/3/2013 18:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: E' una questione di linguaggio
L'indicazione del "candidato premier" è una formalità (assurda) imposta dal Porcellum ma, fino a prova contraria, l'Italia è una repubblica parlamentare e il Presidente del Consiglio dei Ministri - che non è un premier nel senso usuale del termine - è nominato dal Presidente della Repubblica con la fiducia delle due camere. Per cui un nominativo su un superfluo modulo ufficiale non mi sembra un gran peccato.
Inoltre, sulla faccenda dell'omicidio colposo, la giurisdizione italiana specifica sempre "non colposo" tra i reati che precludono un incarico pubblico (per esempio nei concorsi): avrebbe senso, e sarebbe coerente, se anche un'eventuale legge sull'ineleggibilità mostrasse la medesima clausola.

I rapporti con l'ambasciata statunitense sono un altro paio di maniche. Personalmente non credo che una conversazione sia una cosa significativa, e non dimentichiamo il dato fondamentale, e cioè che gli USA hanno sempre auspicato un governo Berlusconi perpetuo.

Questo giusto per precisione.
Rimangono altri elementi più inquietanti: per esempio la faccenda dell'introduzione del vincolo di mandato che Grillo ha proposto stamattina.

Io penso che abbia poco o nessun senso discutere di queste dichiarazioni propagandistiche prima che inizino le consultazioni. Grillo (giustamente, per altro) vuole tirare la corda. Ma se la direzione presa dal M5S è davvero questa e non si tratta di slogan buttati là per temporeggiare, mi sa che siamo fottuti.

ohmygod
Inviato: 3/3/2013 18:43  Aggiornato: 3/3/2013 19:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: E' una questione di linguaggio
DrHouse
L'ho già ripetuto fino alla nausea nell'altro thread: la politica è l'arte della mediazione. E da qui non si esce.

La diplomazia è l'arte della mediazione.Arte che ai politici attuali è sconosciuta.

Stai cercando di negare un'evidente contraddizione di Grillo cercando la facile battutina su Bersani e altri politici indifendibili.

E' questa politica ormai a essere indifendibile.
Tara genetica:
Giornalista:perchè il PD non è riuscito a convincere una maggioranza significativa?
Politico:perchè ha dovuto sostenere ,IN QUESTA FASE?!, politiche sbagliate.
Peccato che il giornalista abbia sorvolato su questa risposta.

Come molti altri qui dentro, ormai sei in loop.

A ciascuno il suo.

Ps perchè il PD non chiede la fiducia al PDL?
Già... l'ha già chiesto.Il PDL ha rifiutato ma per i media asserviti l'unico irresponsabile è Grillo.Anche quì.Curioso.

Giano
Inviato: 3/3/2013 18:44  Aggiornato: 3/3/2013 18:44
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 18/3/2011
Da:
Inviati: 1424
 Re: E' una questione di linguaggio
Red Knight Citazione:
Cosa dovrebbe fare di preciso? Va bene adottare "il nuovo linguaggio", va bene cospargersi il capo di cenere, va bene ammettere di essere "morto", ma concretamente a livello parlamentare cosa dovrebbe fare?

Il pallino ce l' ha in mano Bersani, spetta a lui la prima mossa.
Tra oggi e mercoledì si riuniranno il M5S e il PD e probabilmente questo delineerà la linea dei due partiti, ma ti dico cosa farei io, al posto di Bersani, se avessi autonomia decisionale.
Premessa: si da per scontata la buona fede di Grillo e la convinzione da parte di Bersani sulla gravita' della situazione e la conseguente urgenza d' azione.
Se fossi Bersani non attenderei il 15 Marzo ma agirei prima.
Al posto del candidato premier del PD prenderei carta e penna e scriverei una bella lettera aperta indirizzata al blog di Grillo, nella quale spiegherei il mio programma di governo, mostrerei i tanti punti in comune( viste le dichiarazioni degli ultimi giorni) tra i due partiti e offrirei delle aperture inserendo nel programma di governo alcuni temi cari a Grillo. Quali temi? Questo lo si discute quando Bersani va a trovare Grillo in Toscana, due giorni dopo la lettera.

Questo, ripeto, dando per scontato che ci sia una certa urgenza di avere un governo.
Con un gesto di questo tipo la mossa successiva passerebbe a Grillo che si troverebbe nella situazione di dover mostrare definitivamente le proprie intenzioni.
Insomma, Gargamella si farebbe bello e metterebbe Grillo spalle al muro.

Bersani sul blog di Grillo, non è male...

ohmygod
Inviato: 3/3/2013 18:58  Aggiornato: 3/3/2013 18:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: E' una questione di linguaggio
In ogni caso attendo all'opera il nuovo governo.
Poveri politici costretti a essere in aula tutti i giorni onde contrastare la presenza quotidiana dei politici del Movimento.

Pispax
Inviato: 3/3/2013 19:07  Aggiornato: 3/3/2013 19:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: E' una questione di linguaggio
ALT!
FERMI TUTTI!

Favorite patente e libretto!


----------------------------------------------------------


Da una parte del ring troviamo tutta una serie di utenti, con una mentalità che può essere riassunta da un intervento di clausneghe:

Citazione:
"Ammiro molto il giornalista e mi piace come scrive e conduce le inchieste."
Lo ammiravo pure io fin che non ha iniziato, furioso di gelosia, a sbavare odio massonico contro Grillo e Casaleggio.
....
Con tutto il rispetto per le sue inchieste sia Nato che Terremoti artificiali e Navi dei veleni e altro ancora, non pensate che io lo dileggi o non lo conosca,eh

(scusa clausneghe se ti prendo a esempio. E' che questa riflessione è nata dal vedere i tre interventi praticamente nella stessa schermata)


Dall'altra parte del ring troviamo UN'ALTRA serie di utenti, con una mentalità che può essere riassunta da due interventi di VIPER e osva

Citazione:
In effetti...

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2013/02/le-menzogne-del-candidato-beppe-grillo.html

...Forse ste cose non le sapeva nemmeno Mazzucco...



Citazione:

Riassumiamo le posizioni dei contendenti.
Da una parte cìè la Fede, cieca e incondizionata.
Claus dice per esempio che anche lui apprezza Lannes (mi pare si stesse parlando di lui) ma non quando "sbava odio massonico" contro Grillo. Curioso, perché le tesi di Lannes contro Grillo sono articolate ESATTAMENTE come tutte le altre cose che dice (cioè poco). Questo significa che claus ha cambiato idea su Lannes e il suo modo di tracciare collegamenti?
Certo che no: quello che dice Lannes va benissimo, ma non quando parla di Grillo.

Dall'altra parte c'è l'"Attentato Terroristico". L'insinuazione malevola.
Non importa quello che Grillo dice o fa.
Queste cose si possono tranquillamente ignorare. Viene "battezzato" a prescindere come "servo di", e di conseguenza qualunque cosa dica o faccia non va bene.
Grillo vuole uscire dall'Europa?
AHA! Lo fa per favorire il progetto mondialista / economico degli americani!

Grillo vuole restare in Europa?
AHA! Lo fa per favorire il progetto mondiialista / economico degli americani!


----------------------------------------------------------------


Io non ho una buona opinione di Grillo.
Lo dico subito, se non si fosse capito.

Questa cattiva opinione nasce da una somma algebrica di valori.
Da una parte ci sono i valori positivi: a prescindere dalle cose che dice, molte delle quali sono parecchio giuste, il merito principale e importantissimo di Grillo è che adesso gli italiani hanno smesso di pensare che la politica sia un problema di qualcun altro.
Trovo passione politica anche fra i moltissimi che fino a poco fa sproloquiavano sulla "truffa della democrazia", e questo è tutto dire.
La mia opinione su questo è nota: se le menti critiche si astengono dalla politica (di cui il voto è solo un piccolo elemento) quello che succede è che si lascia sempre più spazio ai farabutti.
Da questo punto di vista, evviva Grillo.

I valori negativi sono essenzialmente storici.
Si ci sono anche altre cose. Però il grosso è questo.
Quando all'improvviso nasce e esplode un partito di massa, che è un partito che si basa essenzialmente su una propaganda distruttiva - e sfido chiunque a dire che quella del M5S non rientri nella definizione - allora quello che è successo, SEMPRE, è stato che è nata una dittatura.
Succederà anche questa volta?
Chissà.
Il rifiuto di Grillo di parlare delle cose che vuole costruire DOPO, e persino di sottoporsi a qualunque contraddittorio, nei fatti dà a questi aspetti negativi un peso superiore di quelli positivi.


Però questa cattiva opinione che ho non basta per rendermi cieco di fronte a queste stronzate.
La Fede in Qualcuno è STUPIDA. E' stupida per CHIUNQUE, e QUALUNQUE sia quel "qualcuno".
La Fede è quella cosa che rende terribilmente concreto il pericolo di una dittatura. Esalta gli elementi negativi del problema.

L'insinuazione di bassa lega è STRONZA. E' stronza SEMPRE, e in più riduce il discorso a basarsi sulle illazioni invece che sui fatti.
L'insinuazione di bassa lega è quella che AZZERA le cose positive portate dal movimento di Grillo. O anche dalle idee di CHIUNQUE.



Entrambe queste cose rappresentano il peggio del peggio della politica.

Non possiamo parlare di Grillo e del SUO movimento senza per forza supporre che sia Figlio di Dio oppure Servo di Satana?

Pispax
Inviato: 3/3/2013 19:17  Aggiornato: 3/3/2013 19:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: E' una questione di linguaggio
branzac

Citazione:
Tratto da 22passi....
ADOLF HITLER - DISCORSO PER LE ELEZIONI, 1932.>

<Qualcuno mi aiuta allora a trovare dove è stato pubblicato per la prima volta? Chi lo ha tradotto? Quale è il testo originario in tedesco?
Fino a prova contraria la possibilità che si tratta di un fake mi pare altissima.>


Questo è il link al video:
http://www.youtube.com/watch?v=KqBEJweLV5s

E' in tedesco, sottotitolato in inglese. Credo sia in giro da 5 anni.
Dura solo 10 minuti.

La cosa paradossale è che i punti di contatto fra quel discorso e i discorsi di Grillo, dopo averlo visto, ci si accorge che sono persino DI PIU' di quelli riportati in quel breve (e inesatto) testo.
In particolare negli ultimi giorni.

E' ugualmente paradossale vedere come l'articolo di Redazione, nelle sue linee guida, pare scritto proprio avendo quel video nella mente.
Chiaramente non è così: ma è sorprendente notare come nella generazione "evoluta", quella di internet, in definitiva le vie del populismo siano le stesse che nelle generazioni "retrograde" del passato.

branzac
Inviato: 3/3/2013 19:25  Aggiornato: 3/3/2013 19:25
Mi sento vacillare
Iscritto: 6/8/2009
Da:
Inviati: 416
 Re: E' una questione di linguaggio
@Pispax, per la cronaca, la domanda non è mia....

<Qualcuno mi aiuta allora a trovare dove è stato pubblicato per la prima volta? Chi lo ha tradotto? Quale è il testo originario in tedesco?
Fino a prova contraria la possibilità che si tratta di un fake mi pare altissima.>

Come ho scritto nel post, è un estratto di una discussione su 22passi.
Tra l'altro ho inserito anche il link.

Una volta è caso, due è coincidenza ma tre è voluto.
osva
Inviato: 3/3/2013 19:30  Aggiornato: 3/3/2013 19:32
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/6/2009
Da: Milano
Inviati: 251
 Re: E' una questione di linguaggio
@Pispax
Mi avresti reso più giustizia citando questa:

@branzac
Non so se sia vero che questo sia stato un discorso di Hitler, ma senz'altro è verosimile. D'altronde, e te lo dice uno che si astiene da tempo alle elezioni, ma di "cultura di sinistra", ho letto ultimamente qualcosina di Hitler e anche di Mussolini, e mi sono stupito di quanto tutto sia condivisibile. Senz'altro Hitler e Mussolini non erano quello che si vede in quei cazzo di filmati cacati in bianco e nero che la RAI ci propina da tempo immemore, e senz'altro la storia non è quella che i vincitori hanno scritto per noi e poi ci hanno costretto ad imparare a scuola con la "conquista" dell'istruzione (propaganda) obbligatoria per tutti.
Certo, poi dopo ne hanno fatte di ogni. Ma appunto per questo una cosa è certa: le rivoluzioni sono SEMPRE pilotate a finanziate da poteri occulti che seguono la loro strada e quando è il momento ci offrono un illusorio cambiamento. Quindi, dove ci vogliono portare con la complicità, consapevole o meno, di Beppe Grillo?

Secondo il mio modesto parere, non c'è nessuna possibilità di combattere il sistema senza farne parte, quindi inevitabilmente alimentandolo. L'unicà possibilità che abbiamo e ignorarlo. Quindi, come scrive anche proprio Lannes, sciopero generale ad oltranza, sciopero fiscale ad oltranza, sciopero pagamento bollette/rate/mutui ad oltranza, disobbedienza civile.

Ma tutti pensano: e come si fa? Chi si prenderà cura di noi se il sistema non c'è più? Chi lo ha sempre fatto: noi, ma non ce ne siamo mai resi conto!!!

Jurij
Inviato: 3/3/2013 19:30  Aggiornato: 3/3/2013 19:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: E' una questione di linguaggio
A380
Citazione:
" Guarda, non mi sembra. Finchè il M5S stava fuori dal Parlamento poteva tenere un certo comportamento. Ora vi è dentro. Non può più delegare, dire "resto dietro a verificare quel che fate voi", ma "voi" chi? Il M5S è forza parlamentare, ha il diritto/dovere di esprimersi. Non si può più nascondere.

E chi si nasconde?
Qualcuno crede che ha Grillo diano l’incarico di formare il suo governo?
E allora come promesso voteranno punto per punto, niente cambiali in bianco (=fiducia)



A380
Citazione:
" A proposito, se si ritornerà a votare, questi parlamentari del M5S saranno al loro secondo (e ultimo!!!) mandato, poi Grillo che fa? Li cambia tutti come ha promesso?

Non sarà un problema trovarne dei nuovi perché è un movimento di cittadini, non di “culi di pietra”.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
Pispax
Inviato: 3/3/2013 19:33  Aggiornato: 3/3/2013 19:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: E' una questione di linguaggio
branzac

Citazione:
@Pispax, per la cronaca, la domanda non è mia....

<Qualcuno mi aiuta allora a trovare dove è stato pubblicato per la prima volta? Chi lo ha tradotto? Quale è il testo originario in tedesco?
Fino a prova contraria la possibilità che si tratta di un fake mi pare altissima.>

Come ho scritto nel post, è un estratto di una discussione su 22passi.
Tra l'altro ho inserito anche il link.


La domanda non è tua, ma l'hai riportata tu.
Siccome di un ragionamento piuttosto lungo hai riportato solo quella, mi sono immaginato che per te fosse significativa.

Quello è un VIDEO di un discorso di Hitler. Non c'è testo: basta ascoltare le parole.
Da un'altra parte (scusa se adesso non rifaccio la lunghissima ricerca che ho fatto prima di pubblicarlo) ho trovato che fa parte di una serie di 10 video di discorsi di Hitler pubblicati da una sigla, EAGLE&.... (il resto non me lo ricordo).

Nei commenti alla discussione che hai linkato c'è un utente che parla tedesco e dice che il video è proprio quello.
Poi per me il tedesco è come se fosse tedesco, quindi non saprei dire.

Lestaat
Inviato: 3/3/2013 19:35  Aggiornato: 3/3/2013 19:35
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/7/2005
Da: Perugia
Inviati: 1774
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Autore: Pispax Inviato: 3/3/2013 19:17:37

branzac

Citazione:
Tratto da 22passi....
ADOLF HITLER - DISCORSO PER LE ELEZIONI, 1932.>

<Qualcuno mi aiuta allora a trovare dove è stato pubblicato per la prima volta? Chi lo ha tradotto? Quale è il testo originario in tedesco?
Fino a prova contraria la possibilità che si tratta di un fake mi pare altissima.>


Questo è il link al video:
http://www.youtube.com/watch?v=KqBEJweLV5s

E' in tedesco, sottotitolato in inglese. Credo sia in giro da 5 anni.
Dura solo 10 minuti.

La cosa paradossale è che i punti di contatto fra quel discorso e i discorsi di Grillo, dopo averlo visto, ci si accorge che sono persino DI PIU' di quelli riportati in quel breve (e inesatto) testo.
In particolare negli ultimi giorni.

E' ugualmente paradossale vedere come l'articolo di Redazione, nelle sue linee guida, pare scritto proprio avendo quel video nella mente.
Chiaramente non è così: ma è sorprendente notare come nella generazione "evoluta", quella di internet, in definitiva le vie del populismo siano le stesse che nelle generazioni "retrograde" del passato.


Trovo il tuo parallelo superficiale.
Piuttosto è interessante notare come i problemi in realtà fossero gli stessi, tanto da essere del tutto attuali.
E populismo o meno, per il momento sono ben contento che abbia seguito quel populismo.
Vedremo che succede, ma non so te, ma fatico a comprendere cosa ci sia, almeno per ora, di male, in cio che il M5* si propone di fare.

In nomine libertatis vincula edificamus.
In nomine veritatis mendacia efferimus.
ohmygod
Inviato: 3/3/2013 19:38  Aggiornato: 3/3/2013 19:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: E' una questione di linguaggio
@Pispax
Quando all'improvviso nasce e esplode un partito di massa, che è un partito che si basa essenzialmente su una propaganda distruttiva.

Dato che la bilancia è formata da due piatti ci potrebbe anche stare.
Ora cosa c'è sull'altro piatto che riesca a controbilanciare la propaganda distruttiva di Grillo?

Tarmac
Inviato: 3/3/2013 19:38  Aggiornato: 3/3/2013 19:48
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/2/2013
Da:
Inviati: 119
 Re: E' una questione di linguaggio
Fantastico e fantastici!
C'e' da scompisciarsi dalle risate.

Ve lo do io un ulteriore assist:
Grillo=Hitler, e allora perche' non Casaleggio=Goebbels?

Maghi dell'inchiesta giornalistica, finalmente e' tutto chiaro!

Difatti non sono importanti i contenuti, ma le parole usate.
E' trascurabile che Hitler prima e dopo inneggiasse all'annientamento di intere razze, volesse lo sterminio dei bolscevichi, prevedesse di risolvere il problema della disoccupazione considerando gli ebrei non piu' cittadini e quindi togliendoli dal computo e puntasse al riarmo della Germania impedito dalla Societa' delle Nazioni.
Si, in effetti non conta, contano 4 righe estrapolate e tradotte alla carlona per partorire l'assioma definitivo.

Se interessa c'e' un'altra frase del baffetto: "Un peccato di gioventù è quando si è giovani e non lo si commette".
Bella, nevvero, siamo tutti come lui solo perche' la consideriamo tale?

Patetici e alla frutta.
E' lampante che tutta questo fuoco di fila che accomuna destra, sinistra, centro i loro sciacquini non fa altro che compattare i sostenitori del Movimento ed anzi ingrossi le fila dei sostenitori.
Indipercui: CONTINUATE IMPERTERRITI SU QUESTO CAMPO (non i riferisco agli utenti del forum ma ai mass media ed agli internauti), portate solo benefici.

Ha ragione Massimo: e' una questione di linguaggio.

Quello giusto e quello sbagliato.

P.S.: le analogie con il periodo storico che porto' alla nascita dei fascismi sono indubbie, crisi economica determinata dalla scelta di nazioni cosiddette "forti" dopo la prima guerra mondiale, popolazioni ridotte in poverta' e poca lungimiranza politica unita a governi fantoccio.

Ed e' per questo che occorrerebbe, invece che attaccarlo proditoriamente, riconoscere che Grillo ha incanalato in un movimento pacifico (e sul pacifismo conclamato del M5s non ci sono storie da inventare...) pulsioni che avrebbero potuto sfociare in chissa' cosa.

Non c'e' peggior cieco di chi non vuol vedere.

Jurij
Inviato: 3/3/2013 19:39  Aggiornato: 3/3/2013 19:39
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: E' una questione di linguaggio
A380
Citazione:
(e qui si apre un lungo e interessante dibattito sulla Forza di chi sta dietro a Grillo e al M5S... chi vuole intendere, intenda)

Apri pure il dibattito, tanto sono le solite cose di propaganda di difesa del sistema.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
Pispax
Inviato: 3/3/2013 19:39  Aggiornato: 3/3/2013 19:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: E' una questione di linguaggio
osva

Citazione:
Mi avresti reso più giustizia citando questa:


E che c'è di diverso?
L'uno vale l'altro.
In ogni caso vale per te lo stesso discorso che ho fatto a clausneghe: quella è una riflessione che è nata dal vedere proprio quei tre interventi a distanza ravvicinata.
Mica sono un "dispensatore di giustizia". Mi è venuta in mente questa cosa e l'ho detta.

Con claus ho sentito il bisogno di scusarmi sennò avrebbe avuto tutte le ragioni a pensare che gli faccio stalking, visto che l'ho chiamato in causa già altre volte.

crunch
Inviato: 3/3/2013 19:40  Aggiornato: 3/3/2013 19:40
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2012
Da:
Inviati: 560
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
allora quello che è successo, SEMPRE, è stato che è nata una dittatura. Succederà anche questa volta?


amico mio...e' gia' successo...20 anni fa mani pulite, le bombe i magistrati ammazzati.....oggi....dittatura

si certo dittatura finanziaria, mascherata da democrazia al grido di 'ce lo chiedono i mercati' o anzi meglio 'ce lo chiede l'europa'

la nostra liberta' oggi e' inversamente proporzionale a quella delle banche...e dello spread

Pispax
Inviato: 3/3/2013 19:47  Aggiornato: 3/3/2013 19:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: E' una questione di linguaggio
Tarmac

Citazione:
Fantastico e fantastici!
C'e' da scompisciarsi dalle risate.

Ve lo do io un ulteriore assist:
Grillo=Hitler, e allora perche' non Casaleggio=Goebbels?

Maghi dell'inchiesta giornalistica, finalmente e' tutto chiaro!

Difatti non sono importanti i contenuti, ma le parole usate.


In un articolo che parla di linguaggio, COGLIONE, certo che sono importanti le parole usate.

Hai un bel coraggio anche solo a immaginare che possano essere persone "patetiche" che non siano te.
Ti è chiaro che stiamo parlando di UN'ALTRA cosa, si?


(EDIT: questa risposta vale anche per leestat, che, anche se in termini più civili, dice più o meno le stesse cose. Il "parallelo" secondo lui "è superficiale"; ma solo perché si preoccupa del M5S, e questo gli impedisce una corretta capacità di leggere)

Tarmac
Inviato: 3/3/2013 19:52  Aggiornato: 3/3/2013 19:52
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/2/2013
Da:
Inviati: 119
 Re: E' una questione di linguaggio
Prendo il tuo "coglione" come una medaglia al valore.

Pispax
Inviato: 3/3/2013 19:56  Aggiornato: 3/3/2013 19:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: E' una questione di linguaggio
Tarmac

Citazione:
Prendo il tuo "coglione" come una medaglia al valore

Se continui a pubblicare stupidagginii di quel tipo allora rallegrati: presto ti faranno anche ammiraglio.



ohmygod, quello che c'è sull'altro piatto della bilancia lo dico subito prima.
Ma leggerle le cose no, eh?

Tarmac
Inviato: 3/3/2013 20:02  Aggiornato: 3/3/2013 20:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/2/2013
Da:
Inviati: 119
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Se continui a pubblicare stupidagginii di quel tipo allora rallegrati: presto ti faranno anche ammiraglio.


Non e' un problema, se ti facesse piacere puoi continuare, non mi offendo.


Potresti anche commentare il ps che ho aggiunto in seguito?

"P.S.: le analogie con il periodo storico che porto' alla nascita dei fascismi sono indubbie, crisi economica determinata dalla scelta di nazioni cosiddette "forti" dopo la prima guerra mondiale, popolazioni ridotte in poverta' e poca lungimiranza politica unita a governi fantoccio.

Ed e' per questo che occorrerebbe, invece che attaccarlo proditoriamente, riconoscere che Grillo ha incanalato in un movimento pacifico (e sul pacifismo conclamato del M5s non ci sono storie da inventare...) pulsioni che avrebbero potuto sfociare in chissa' cosa."

TAD
Inviato: 3/3/2013 20:03  Aggiornato: 3/3/2013 20:04
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/5/2011
Da: 7th planet
Inviati: 1069
 Re: E' una questione di linguaggio
Tarmac:

Citazione:

Ed e' per questo che occorrerebbe, invece che attaccarlo proditoriamente, riconoscere che Grillo ha incanalato in un movimento pacifico (e sul pacifismo conclamato del M5s non ci sono storie da inventare...) pulsioni che avrebbero potuto sfociare in chissa' cosa.


Già, è proprio così. Ed io non posso fare a meno di constatare che un movimento politico creato Ad Hoc per canalizzare la rabbia della gente nell' unica voce di un comico che sbraita da un palco...

...sia una formidabile forma di controllo delle masse.

~WÃSÐ Lifestyle~
osva
Inviato: 3/3/2013 20:08  Aggiornato: 3/3/2013 20:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/6/2009
Da: Milano
Inviati: 251
 Re: E' una questione di linguaggio
@Pispax

C'è di diverso che io non demonizzo Grillo in quanto tale, che non punto tanto su suoi "legami con i poteri forti" per quanto palesi. Voglio soltanto dire che non c'è nessuna possibilità di combattere un sitema da dentro, perchè da dentro ne farai semplicemente parte, alimentandolo. Il post (mio) a quale mi riferivo pensavo che facesse notare la differenza.

Pispax
Inviato: 3/3/2013 20:13  Aggiornato: 3/3/2013 20:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: E' una questione di linguaggio
Tarmac

Citazione:
Potresti anche commentare il ps che ho aggiunto in seguito?

"P.S.: le analogie con il periodo storico che porto' alla nascita dei fascismi sono indubbie, crisi economica determinata dalla scelta di nazioni cosiddette "forti" dopo la prima guerra mondiale, popolazioni ridotte in poverta' e poca lungimiranza politica unita a governi fantoccio.

Stai cercando la via per accelerare la promozione?

Le analogie fra l'Italia di oggi e la Repubblica di Weimar sono una clamorosa CAZZATA.
Le può definire "indubbie" solo qualcuno che, accecato dall'ambizione, mira alla carica di ammiraglio capo.

E' come dire che "fra un raffreddore e un fortissima broncopolmonite ci sono indubbie analogie".


La storia: leggerla e capirla. Non si fa leggendo una riga su tre da Wikipedia, sai.

osva
Inviato: 3/3/2013 20:22  Aggiornato: 3/3/2013 20:22
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/6/2009
Da: Milano
Inviati: 251
 Re: E' una questione di linguaggio
@Tarmac
Ve lo do io un ulteriore assist:
Grillo=Hitler, e allora perche' non Casaleggio=Goebbels?

Bè, e perchè no? Ricordo che a scuola mi hanno raccontato di una nazione in ginocchio, disperata, con un'inflazione incredibile, rinata dopo un paio d'anni di regime hitleriano. Cosa era successo veramente in Germania? E poi, chi ha voluto la deportazione degli ebrei? I loro capi sionisti o Hitler? E i bolscevichi, non sono mica stati finanziati dalle banche sioniste e americane? Si sono rivelati paladini dei diritti umani? Il punto è questo. Il vincitore fa più o meno le stesse schifezze del perdente, ma è lui cge scrive la storia (vedi torri gemelle, vedi bombe atomiche su Giappone, vedi Tonchino e mi fermo che sennò faccio due pagine di riferimenti). Questo per dirti che per me, paragonare Grillo a Hitler o a Delano Roosvelt o a Stalin o a Miterand o alla Tacher o a Tito o a Prodi o a Andreotti è ESATTAMENTE LA STESSA COSA!

osva
Inviato: 3/3/2013 20:28  Aggiornato: 3/3/2013 20:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/6/2009
Da: Milano
Inviati: 251
 Re: E' una questione di linguaggio
Tad e crunh, QUOTO!!

osva
Inviato: 3/3/2013 20:33  Aggiornato: 3/3/2013 20:33
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/6/2009
Da: Milano
Inviati: 251
 Re: E' una questione di linguaggio
Insomma, il punto è questo. Sicuramente i tedeschi non sono sadici cattivoni e quando hanno visto Hitler sono rimasti incantati da uno che voleva spazzare vi tutti e fare qualcosa di nuovo. Lo stesso i grillini, mica sono dei nazisti. Anche perchè i nazisti, i comunisti, i fascisti e tutti gli altri isti semplicemente NON ESISTONO. Come non esistono le etnie ma solo gli uomini. Ma, come dicevano tanti anni fa: divide et impera.

osva
Inviato: 3/3/2013 20:36  Aggiornato: 3/3/2013 20:36
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/6/2009
Da: Milano
Inviati: 251
 Re: E' una questione di linguaggio
prova colore

Tarmac
Inviato: 3/3/2013 20:36  Aggiornato: 3/3/2013 20:36
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/2/2013
Da:
Inviati: 119
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Questo per dirti che per me, paragonare Grillo a Hitler o a Delano Roosvelt o a Stalin o a Miterand o alla Tacher o a Tito o a Prodi o a Andreotti è ESATTAMENTE LA STESSA COSA!


Ok, se i termini sono questi che discutiamo a fare?

osva
Inviato: 3/3/2013 20:38  Aggiornato: 3/3/2013 20:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/6/2009
Da: Milano
Inviati: 251
 Re: E' una questione di linguaggio
rirrprova colore

forse ho capito come funziona

Redazione
Inviato: 3/3/2013 20:39  Aggiornato: 3/3/2013 21:38
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E' una questione di linguaggio
PISPAX: Sei stato sospeso.

Verrai riammesso fra una decina di giorni.

Una cosa è arrivare ad insultarsi scaldandosi reciprocamente, un'altra è entrare a freddo come hai fatto tu.

°°°

CRUNCH: "La nostra libertà oggi è inversamente proporzionale a quella delle banche."

L'ho messa nella "voce del sito".

LoneWolf58
Inviato: 3/3/2013 21:40  Aggiornato: 3/3/2013 21:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Autore: Sertes Inviato: 3/3/2013 18:32:13
...
(Grande LoneWolf58... ti quoto al 100%)
Bella roba... mi quoti l'unica volta che non dico "niente"

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
clausneghe
Inviato: 3/3/2013 21:54  Aggiornato: 3/3/2013 21:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: E' una questione di linguaggio
Massimo, ti chiedo se possibile di annullare il provvedimento contro Pispax.
In fin dei conti, se lo hai sospeso per la parolaccia "COGLIONE",devo confessarti che l'ho recentemente usata anch'io e non mi è successo nulla.. Per amor di uguaglianza, null'altro.

Paolo69
Inviato: 3/3/2013 21:58  Aggiornato: 3/3/2013 21:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/7/2004
Da:
Inviati: 1173
 Re: E' una questione di linguaggio
Ora il pd per convenienza elettorale dice che nn fara il governissimo.
Appena napolitano offrira l assist giocando la carta della responsabilitá nazionale si dichiaranno disponibili ad un governo tecnico per il bene del paese.
Tutti tranne il movimento 5 stelle , l unico coerente.

NiHiLaNtH
Inviato: 3/3/2013 22:01  Aggiornato: 3/3/2013 22:01
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: E' una questione di linguaggio
????
beppe grillo su obama

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=psnfXHRjdHQ

magari sbaglio ma l'ho visto più volte e non mi è sembrato per niente ironico
certo ha volutamente esagerare sulla cosa del messia ma sembra convinto di ciò che dice

la parte che mi è piaciuta meno è questa

"...sai lì deve combattere con un'ignoranza profonda nel popolo americano che non sanno nulla sono iun queste fattorie sparse..."

A380
Inviato: 3/3/2013 22:02  Aggiornato: 3/3/2013 22:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
E chi si nasconde?
Qualcuno crede che ha Grillo diano l’incarico di formare il suo governo?
E allora come promesso voteranno punto per punto, niente cambiali in bianco (=fiducia)

"a Grillo".
Correzione grammaticale a parte, non si capisce per quale motivo dovrebbe toccare a Grillo. Egli stesso sostiene che nessuno deve candidarsi se ha precedenti penali; Grillo ha precedenti penali passati in giudicato. Quindi, secondo la regola che ha messo egli stesso, non può accettare l'incarico di formare il Governo, anche se gli fosse data questa possibilità.
Democraticamente il Presidente del Consiglio Incaricato deve essere Bersani, se vogliamo ragionare non democraticamente, occorre prenderne atto.
Nessuno chiede di firmare cambiali in bianco, ma vedi, senza la fiducia al Governo non si può formare un Governo.
Pensi che lo schieramento di CSX si sia rivolto al M5S per sport?
Probabilmente si ritiene il M5S più pulito del pdl.
Ma forse è un errore.


Citazione:
Non sarà un problema trovarne dei nuovi perché è un movimento di cittadini, non di “culi di pietra”.

Si può chiamare "movimento di cittadini", ma da come stanno evolvendo le cose, sembrerebbero delle marionette telecomandate dalla Casaleggio associated. Hai ragione, è facile sostituire delle marionette!


Citazione:
Ora il pd per convenienza elettorale dice che nn fara il governissimo.
Appena napolitano offrira l assist giocando la carta della responsabilitá nazionale si dichiaranno disponibili ad un governo tecnico per il bene del paese.
Tutti tranne il movimento 5 stelle , l unico coerente.

Coerente a che cosa?
Mi auguro che il CSX non accetti, vedetevela voi con il giaguaro di Arcore, a sto giro!
Se avete le palle, dovete dimostrarlo.


Citazione:
DrHouse

Così stai legittimando Grillo, ma Grillo finché non accetta le regole non va legittimato, altrimenti si crea un precedente, come è successo con Berlusconi, la forma nell'inizio delle mediazioni è forse più importante della sostanza stessa, anzi si può dire che la sostanza varia in relazione alla forma.


Grillo è stato legittimato dal voto dei suoi elettori.
Che poi non si assuma le proprie responsabilità è un altro discorso.

Citazione:
Apri pure il dibattito, tanto sono le solite cose di propaganda di difesa del sistema.

Uahuahuahuahuahuahuah, secondo te io perdo il mio tempo a fare propaganda al $i$tema?
Ti dico solo che il "sistema Grillo", con la sostituzione dei Parlamentari ogni due tornate, ha la possibilità di tenerli in pugno con maggiore facilità che se si potessero invece radicare. Questo è un tema di dibattito, ma è anche OT, perciò qui non ne parlo e non sono neanche interessato ad aprire un topic a riguardo. Se ti preme, fallo tu!

Citazione:
Non per rompere ma anche tu, come tutti, se non ti informi e verifichi di persona puoi essere vittima della disinformazione
Su questa vicenda non sei il primo ad essere stato ingannato.


Nessuna rottura, non temere.
Non si capisce dove vuoi andare a parare, scusa.

Citazione:
Citazione:

se fosse una persona coerente e non avesse semplicemente 'studiato' da presidente del consiglio, si dimetterebbe per il bene del SUO partito e degli italiani che comunque non lo hanno voluto



Veramente il PD, e proprio il PD di Bersani, è stato votato dal 30% degli elettori. Intendiamoci, anche io penso che il PD trarrebbe giovamento dal cestinare la sua vecchia guardia che tanti disastri ha causato (anche se poi mi ricordo che verrebbe Renzi, che probabilmente è anche peggio), ma il segretario del PD dovrebbe dimettersi per soddisfare le richieste del M5S? !? Cioè, ma veramente?


Secondo i sostenitori di Grillo, quello che votano gli altri elettori non conta un cazzo, a quanto pare!
Dev'essere il nuovo concetto di Democrazia...

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
Calvero
Inviato: 3/3/2013 22:06  Aggiornato: 3/3/2013 22:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Io parlavo di quella frase specifica di Bersani. Che per me rimane vera. Quando ti prenderai il tempo per rispondere a quello che ho scritto anziché ripetere la solita fuffa, anch'io mi prenderò il tempo per ribattere. Per ora è frittura d'aria.


In questo senso, allora la solita solfa è ripetuta anche nelle tue parole. Siamo pari se la metti in una prospettiva dove si dà per scontato che il Governo non sia un Governo e uno Stato liberticida. Se non lo fosse, allora sarebbe aria fritta, altrimenti la mia risposta c'è .. eccome. Per entrare nello specifico: quella frase specifica di Bersani vale ZERO essendo una frase generata dal "boot" automatico del Sistema per preservarsi la sua sopravvivenza e garantirsi un minimo di faccia davanti al popolino che gli resta; sopravvivenza che, nel caso si prolungasse, farebbe sì che quella verità verrebbe tradita alla prima occasione, poiché in un Governo corrotto e colluso… [e si dovrebbe averlo compreso, sempre se dotati di umiltà intellettuale] come per le bugie, anche le verità hanno le gambe corte, valgono: NULLA. Ma c'è ancora bisogno di spiegarlo? mamma mia... non prendiamoci per il culo con intellettualismi da salotto.

Così come tutte le verità dette tra una bugia e l'altra nel corso di queste decadi politiche, hanno dimostrato di essere un mezzo, mai un fine. Non vederlo, questo sì!! è un atteggiamento profondamente religioso ... Te che parli di religiosità.

Una verità in bocca a un disonesto vale NULLA e certamente meno di una bugia in bocca a una persona in buona fede, che una possibilità di votarsi a qualcosa di dignitoso l'ha sempre. Quel che sinora ha garantito la democrazia è il Pizzo che abbiamo pagato allo Stato e che nulla ha a che spartire col concetto di una fantomatica sovranità popolare.

Citazione:
Presumo che lo step successivo sia "D'ora in poi le regole le faccio io".



Non girare la frittata, trovati un bimbomynkia, collega, se vuoi dialogare a questo livello, dai sù, perdinci Bacco e perdindirindina; a queste frequenze ti mangio a colazione, … please.

Comunque, nello specifico: lo stadio successivo lo basi su una falsa premessa, visto che il Governo è criminale. Tant'è. Non si tratta del "le regole le faccio io" .. questa è una tua idea non mia, idea che usi per caricare il mio concetto di disvalori che non appartengono a quanto sostengo. Invece si tratta di denunciare e, doverosamente, tenere un atteggiamento e una nuova politica intransigente verso le regole vendute alla prevaricazione accentratrice dello Stato, all'Europa e alla subordinazione del potere bancario.

Citazione:
Ne deduco che i 160 grillini sono in Parlamento per eludere la vita.


Esattamente. Certo che sì.
Se te lo scrivessi in cinese?

Citazione:
Occupata illecitamente? E chi lo ha deciso, tu?


Nel mondo dei Mini Pony è tutto lecito. Ad esempio, ma proprio terra terra, lo stipendio dei parlamentari e le pensioni che ottengono sono perfettamente a norma di Legge: lecite. Forse da qui potresti comprendere che cosa è lecito e non lecito nel grande, quando questo è nel piccolo. Sempre se parliamo tra uomini, se invece siamo corrotti in politica o nell'anima, no problem. Ci mancherebbe.

Citazione:
Votati esattamente con le stesse regole con cui sono stati votati gli altri.


E chi se ne fotte. Chi veramente crede in questa democrazia, ha solo una cosa da fare: - guerra al Sistema e usare la politica, questo come prima mossa (e non - fare politica): distruggerla e in questo senso i Grillini stanno facendo quella rivoluzione che è giusto giusto uno scalino prima di prendere le armi. Era inevitabile arrivasse. La politica, al limite, si potrà farla dopo. Non adesso. Ora si va di strategia e la stanno mettendo in atto magnificamente.

Citazione:
Questo dovrebbe farti capire, spero, quanto il tuo argomento sia fuori dalla realtà.


Certo che Sì.
Dove vuoi che firmo?
Questa "realtà" è una farsa.
Oggi dire la verità è un atto rivoluzionario, essendo il mondo basato sulla BUGIA ... ooops .. Te la chiami mediazione, pardòn. Orgoglioso di essere fuori dalla tua realtà e mai ci entrerò: tienitela/tenetevela. Non mi interessa avallare logiche mediocri e demagoghe.

Citazione:
Mazzucco? Che c'entra Mazzucco? Io veramente stavo rispondendo a Mande, se poi vuole rispondere anche Mazzucco, sarò lieto di leggere anche lui.


Ho capito male, scusa. Credevo stessi rispondendo direttamente a Mazzucco. Comunque mi sembra che quello che critichi sia la sua posizione. Se non è così, non considerare il mio intervento.

Citazione:

No, una volta entrati nel sistema, si è dentro il sistema. Senza appello, non ci sono terze vie.


Esattamente. Infatti io non ho votato e io non sono un Grillino. Non c'è una terza via per liberarsi dal fascismo ---> di Stato, adesso, in questa fase; ma esiste una terza via per preparare un terreno di consapevolezza che mostrerà nella sua essenza la farsa democratica e le logiche accentratrici di Stato. E' una questione di tempi. Un passo la volta. Soltanto che si è scelta la via più lunga. Amen.

La terza via c'è ed è quella VIA che il sistema della Zona Grigia non avrebbe - mai - permesso e non si aspettavano gli cadesse tra capo e collo. Ora si tratta soltanto di vedere se entreranno in gioco nuovi "anni di piombo" gestiti da CIA e compagnia danzante e far saltare il culo a un po di innocenti, probabilmente scuole e bambini, se decidessero per questa strategia; oppure scandali di portata tale da destabilizzare questo processo di de-strutturazione della democrazia sì intesa.

Citazione:
Il "fattore umano" è una tua aggiunta dell'ultim'ora con cui cerchi di giustificare il tuo attuale appoggio al M5S dopo aver sostenuto per anni la truffa della democrazia. Capisco tu senta il bisogno di partecipare alla festa e che tu non voglia rinunciare al tuo bicchiere di spumante e alla tua fetta di torta. Ma è un problema tuo, spero che prima o poi te ne renderai conto.


Io non parlo per me. Io ho consapevolezza che tutto è votato al disfacimento. Se io appoggiassi il M5S non solo avrei votato, ma siccome so chi sono, mi sarei candidato direttamente. Non ho mezze misure e so delle mie potenzialità. Sarei già potuto essere in politica e mi sarei anche garantito di farlo col cuore, senza contare che ora non sarei un disoccupato. Quando in una cosa ci credo anche minimamente, ho detto minimamente, allora mi metto in prima persona. Ma io non credo nel M5S ... ci sono decine di Post … già dall'anno scorso e in Homepage oltretutto (sei arrivato tardi) dove io denuncio i pericoli che porteranno i Grillini nella seconda fase di questo momento epocale. Sfondi una porta aperta. Il fatto che io sia onesto intellettualmente, non mi permette e non mi permetterà però di chiamare le cose con nomi falsi. Sono mica democratico o Piddino.

In questa fase è doveroso per me sottolineare il teatro grottesco di coloro che si stanno arrampicando sugli specchi; denunciare i Kapò e lasciare visibili i segnali del fallimento; un monito; mostrare come si può perdere la dignità per vanità intellettuale; mostrare la mediocrità di chi si è venduto alla sacralità delle sovrastrutture. Non lo faccio solo sul Sito di LC (ma sono cazzi miei se permetti). Questa "mia" sottolineatura è in linea con quello che ho compreso essere importante, cioè seminare consapevolezza. Far comprendere la ridicolaggine della politica, la bestemmia della modernità e la bestemmia delle logiche del profitto. Ragiono per il tempo che verrà, questo è già perso. In vita (e questo, popoli e civiltà prima di essere distrutte e occidentalizzate lo sapevano) non esistono i demeriti ma soltanto meriti. Questo è quello che meritiamo, quindi si deve semplicemente pagare il Fio, e non ci si può sottrarre.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Manfred
Inviato: 3/3/2013 22:12  Aggiornato: 3/3/2013 22:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Perché non sospendi anche Grillo, o perlomeno i link ai suoi video, che questi termini li usa continuamente offendendo l'intelligenza degli italiani.

peonia
Inviato: 3/3/2013 22:19  Aggiornato: 3/3/2013 22:19
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: E' una questione di linguaggio
Grillo che parla di Obama così....mi ha lasciata molto perplessa....tu dici che ti sembra serio, io spero di no!
---------------------------------------------------------------------------------------------------------

Pensando a tutte le cose dette invece su Grillo e i poteri forti dietro, da una parte mi veniva da ridere e da piangere pensando che se dovesse venir fuori che è davvero un emissario del NWO, sarebbe scacco matto per noi e per il sito considerato il più "cospirazionista! sarebbe davvero incredibile...nce posso pensà!

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Linucs
Inviato: 3/3/2013 22:23  Aggiornato: 3/3/2013 22:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: E' una questione di linguaggio

.
.
.

.
.
.

.
.
.

peonia
Inviato: 3/3/2013 22:25  Aggiornato: 3/3/2013 22:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: E' una questione di linguaggio
toh, chi si rivede!

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Redazione
Inviato: 3/3/2013 22:33  Aggiornato: 3/3/2013 22:38
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E' una questione di linguaggio
CLAUSNEGHE: Se ritieni di esserti comportato come Pispax, posso sempre sospendere anche te per una decina di giorni.

Fammi sapere.

Ma ci sono dei limiti, su questo sito, che NON POSSONO essere superati. Uno di questi è l'entrata a freddo con l'insulto, come ha fatto lui.

Redazione
Inviato: 3/3/2013 22:34  Aggiornato: 3/3/2013 22:36
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E' una questione di linguaggio
Mi rivolgo a TUTTI: Forse è il caso di smettere di inacidirsi nel discutere la "persona" Beppe Grillo, e di cominciare ad occuparci dei 160 del Movimento che sono entrati in parlamento. Che ne dite?

Sono loro che contano in questo momento. Sono tutte persone oneste - almeno fino a prova contraria - che chiedono prima di tutto trasparenza e onestà a chi ci governa.

Questo di per se dovrebbe essere un fatto di straordinaria importanza. Invece, sembra che la cosa non interessi a nessuno (fra coloro che criticano Grillo). Sono arrivati addirittura a cercare i paralleli storici con Hitler, pur di trovare qualcosa a cui aggrapparsi.

Tutto ciò è molto triste.

DjGiostra
Inviato: 3/3/2013 22:40  Aggiornato: 3/3/2013 22:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: E' una questione di linguaggio
@Redazione:
Citazione:
Questo di per se dovrebbe essere un fatto di straordinaria importanza. Invece, sembra che la cosa non interessi a nessuno (fra coloro che criticano Grillo). Sono arrivati addirittura a cercare i paralleli storici con Hitler, pur di trovare qualcosa a cui aggrapparsi.

Tutto ciò è molto triste.

Condivido..
-------------------
E' da un po' che vado dicendo che sarebbe il caso di lasciarli almeno sedere
sulla cadrega prima di criticarli !!!
Adesso la palla passa a questi 160 eletti che per coerenza dovranno seguire il programma..
Auguri M5S..

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
Manfred
Inviato: 3/3/2013 22:45  Aggiornato: 3/3/2013 22:45
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Tutto ciò è molto triste.


Li conosci di persona? Io no e non ho nemmeno potuto sentire cosa dicono dato che gli è stato vietato di parlare ai media. O devo andarli a cercare uno per uno per sapere cosa pensano?

A380
Inviato: 3/3/2013 22:50  Aggiornato: 3/3/2013 22:50
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Se seguono il programma, non possono votare la fiducia a alcun Governo, a quanto pare
Se non possono votare la fiducia, difficilmente potremo avere un Governo.
A meno che il CSX non si decida a fare una strana e inaccettabile alleanza con il giaguaro di Arcore (mi piace il "giaguaro di Arcore").
Oppure che questa alleanza la faccia il M5S (con il pdl), ma per quanto detto prima (rispetto del programma) non può fare.
Come si esce dall'enpasse, visto che Napolitano è nel "semestre bianco"?
Resteremo senza Governo fino alla elezione del nuovo Capo dello Stato, buttando all'aria altri mesi?
Qualcosa mi dice che non sarà così, ma mi auguro che dopo tanti errori imperdonabili, il CSX si faccia furbo!

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
Witt83
Inviato: 3/3/2013 22:56  Aggiornato: 3/3/2013 22:56
Mi sento vacillare
Iscritto: 3/1/2010
Da:
Inviati: 419
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Mi rivolgo a TUTTI: Forse è il caso di smettere di inacidirsi nel discutere la "persona" Beppe Grillo, e di cominciare ad occuparci dei 160 del Movimento che sono entrati in parlamento. Che ne dite?


Non sono affatto d'accordo poichè trovo molto più interessante l'argomento "Grillo si mette uno strano e misterioso cappuccio per sfuggire alle domande".

Come fai a non notare la simbologia che si nasconde in un gesto del genere?
Grillo è Darth Vader ed io voglio almeno 3 articoli sull'argomento

La terra possiede risorse sufficienti per provvedere ai bisogni di tutti, ma non all'avidità di alcuni. Gandhi
nonaligned
Inviato: 3/3/2013 22:56  Aggiornato: 3/3/2013 22:57
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/10/2011
Da:
Inviati: 247
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Mi rivolgo a TUTTI: Forse è il caso di smettere di inacidirsi nel discutere la "persona" Beppe Grillo, e di cominciare ad occuparci dei 160 del Movimento che sono entrati in parlamento. Che ne dite?

bah io dico di no: stamattina grillo ha detto che è giusto ci sia il vincolo di mandato, perciò uno vale uno, ma tutti assieme = grillo. :D


Citazione:

Invece, sembra che la cosa non interessi a nessuno (fra coloro che criticano Grillo). Sono arrivati addirittura a cercare i paralleli storici con Hitler, pur di trovare qualcosa a cui aggrapparsi.


Il parallelismo riguarda il linguaggio, che poi è il principale argomento del 3d no? Pispax ha fatto notare che quello che tu hai definito "linguaggio del futuro" era già stato utilizzato da qualcun altro 80anni fa.

Inoltre al di là del linguaggio aggressivo, dalla fine dello spoglio a oggi, Grillo si è mosso come un qualsiasi altro politico vecchio stampo ("votiamo legge per legge", "viva napolitano" ecc.)

Io personalmente mi rallegro di questo fenomeno, sicuramente ha dato una scossa che ci voleva. Ma adesso dica cosa vuole fare.

Manfred
Inviato: 3/3/2013 23:01  Aggiornato: 3/3/2013 23:06
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Sono loro che contano in questo momento. Sono tutte persone oneste - almeno fino a prova contraria - che chiedono prima di tutto trasparenza e onestà a chi ci governa.

Al momento non sta governando nessuno, poi invece di governare(ne hanno la possibilità in coalizione) devono chiedere trasparenza a chi governerà, ma non doveva essere il movimento della democrazia diretta, senza deleghe.

greensoldi
Inviato: 3/3/2013 23:04  Aggiornato: 3/3/2013 23:04
So tutto
Iscritto: 18/9/2012
Da:
Inviati: 11
 Re: E' una questione di linguaggio
Autore: Calvero Inviato: 3/3/2013 15:02:06



Quoto e...... un inchino, usi parole come "coriandoli di spine" per citare i vecchi litfiba

Citazione:
"Un uomo sulla luna non sarà mai interessante come una donna sotto il sole"
Maksi
Inviato: 3/3/2013 23:07  Aggiornato: 3/3/2013 23:07
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/10/2011
Da:
Inviati: 1219
 Re: E' una questione di linguaggio
Appunti di un revisionista

1. Non paragonare Grillo a Hitler per non offendere il Fuhrer...

2. Hitler non inneggiava allo sterminio di nessuna razza... SONO FAVOLE INVETATE! Non c'e' nessun discorso o parola che dica questo, tranne l'imparzialissima letteratura post-bellica... Scritta da chi?

3. La guerra contro l'URSS era di difesa come conferma l'esperto di strategie militari Viktor Suvorov, scappato dall'Unione Sovietica e condannato a morte per tali affermazioni: Viktor Suvorov e la ricostruzione degli eventi della Seconda Guerra Mondiale.
Pensavate che l'esercito tedesco fosse cosi' imbecille da non prepararsi all'inverno russo, se non fosse per ragioni estremamente urgenti? Non c'era quindi nessun intento di sterminare i bolscevichi per diletto, come afferma qualcuno.

4. La questione ebraica era per molto tempo accordata con varie organizzazioni sioniste, quindi anche e sopratutto ad appannaggio di ebrei

Tutto qeusto per dire cosa? Prima di tutto per l'amore della verita' storica e spero, che da ora in poi, per tentare di diffamare Grillo, usiate qualche esempio diverso... magari, che ne so, Schroeder delle Tartarughe Ninja...

Solo questo... lascio la postazione e buona prosecuzione della discussione.

Red_Knight
Inviato: 3/3/2013 23:07  Aggiornato: 3/3/2013 23:09
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: E' una questione di linguaggio
@Redazione

Citazione:
Sono loro che contano in questo momento. Sono tutte persone oneste - almeno fino a prova contraria - che chiedono prima di tutto trasparenza e onestà a chi ci governa.

Questo di per se dovrebbe essere un fatto di straordinaria importanza. Invece, sembra che la cosa non interessi a nessuno (fra coloro che criticano Grillo). Sono arrivati addirittura a cercare i paralleli storici con Hitler, pur di trovare qualcosa a cui aggrapparsi.

Tutto ciò è molto triste.


I paralleli non erano storici ma linguistici, e mi sembrano ben fondati; Grillo a parte, la parola più ricorrente, stando a quanto traspare dal summit, fra le dichiarazioni dei neoeletti è il verbo «tradire».
Certo, è assurdo giudicare tali neoeletti visto che non si sono ancora nemmeno seduti.
Ma essere preoccupati mi pare lecito: il sospetto che questi 160 possano rivelarsi cera molle nelle mani di Grillo c'è ed è grosso. Il "nuovo linguaggio" è inquietante tanto quanto era doveroso ai tempi dei V-Day. Va bene nelle piazze per chiedere la trasparenza e l'onestà che dici tu: fa gelare il sangue sentirglielo usare dall'altra parte della barricata.

ohmygod
Inviato: 3/3/2013 23:07  Aggiornato: 3/3/2013 23:07
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: E' una questione di linguaggio
@Pispax
Quando all'improvviso nasce e esplode un partito di massa, che è un partito che si basa essenzialmente su una propaganda distruttiva.

ohmygod
Dato che la bilancia è formata da due piatti ci potrebbe anche stare.
Ora cosa c'è sull'altro piatto che riesca a controbilanciare la propaganda distruttiva di Grillo?

Pispax
ohmygod, quello che c'è sull'altro piatto della bilancia lo dico subito prima.
Ma leggerle le cose no, eh?

Cioè sul piatto della bilancia c'è un partito e tu sull'altro piatto della bilanica
hai posto Lannes!
Dunque se su un piatto della bilancia vi è un partito e la sua propaganda distruttiva sull'altro piatto vi dovrebbe essere un altro partito in grado di sconfessare quella propaganda distruttiva.

Azz.Quando altri giornalisti commentavano non la propaganda distruttiva di
Monti ma il fare distruttivo di Monti volendo tacere di altro, ecco che quei giornalisti facevano propaganda:Cedolin per esempio.

ohmygod
Inviato: 3/3/2013 23:10  Aggiornato: 3/3/2013 23:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: E' una questione di linguaggio
@Linucs
che sollievo "leggere" un tuo messaggio e capirlo al volo risparmiandosi una o due riletture.

NiHiLaNtH
Inviato: 3/3/2013 23:11  Aggiornato: 3/3/2013 23:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Mi rivolgo a TUTTI: Forse è il caso di smettere di inacidirsi nel discutere la "persona" Beppe Grillo, e di cominciare ad occuparci dei 160 del Movimento che sono entrati in parlamento. Che ne dite? Sono loro che contano in questo momento. Sono tutte persone oneste - almeno fino a prova contraria - che chiedono prima di tutto trasparenza e onestà a chi ci governa.


non possiamo discutere di loro perchè ancora non hanno iniziato
ma sono pessimista perchè secondo me saranno in pochi a rimanere indipendenti e la maggior parte continuerà a seguire grillo e casaleggio

chissà forse da tutto ciò nascerà un nuovo soggetto politico

Citazione:
Come fai a non notare la simbologia che si nasconde in un gesto del genere? Grillo è Darth Vader ed io voglio almeno 3 articoli sull'argomento


siamo a questi livelli e io non dovrei preoccuparmi?

TAD
Inviato: 3/3/2013 23:17  Aggiornato: 3/3/2013 23:17
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/5/2011
Da: 7th planet
Inviati: 1069
 Re: E' una questione di linguaggio
Redazione:

Citazione:

Mi rivolgo a TUTTI: Forse è il caso di smettere di inacidirsi nel discutere la "persona" Beppe Grillo, e di cominciare ad occuparci dei 160 del Movimento che sono entrati in parlamento. Che ne dite?


Dico che i 160 in parlamento non contano una beneamata minchia perchè il capo della formazione politica M5S - a norma di legge - è Giuseppe Piero Grillo così come ufficializzato negli atti del Ministero degli Interni italiano:

Modello Unico Movimento 5 Stelle

In aggiunta, siccome sono complottista e orgoglioso di esserlo - e siccome non credo che i miliardari scendano in politica per il bene dell'umanità (soprattutto se hanno come clienti la Philip Morris o la Monsanto) - credo di avere tutto il diritto di continuare a sindacare la figura di Beppe Grillo e della Casaleggio Associati...

...e addirittura arrivare a supporre che questi ultimi paghino una commissione a tutti i partners sulla vendita del Kindle e dei prodotti Amazon.

~WÃSÐ Lifestyle~
InFlames
Inviato: 3/3/2013 23:18  Aggiornato: 3/3/2013 23:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/3/2008
Da:
Inviati: 300
 Re: E' una questione di linguaggio
mai che vada bene qualcosa... prima era bersani e silvio qua, fanno questo e quello, hanno rubato qui e la, bla bla bla...
Adesso grillo qui grillo la e c'è gente che non ha capito che la questione è: grillo non è uno dei 160. ma soprattutto continuate a parlare di lui proprio come vorrebbero i giornali, perchè lui è facilmente attaccabile mentre gli altri no, perchè son nuovi.
Si chiama distrarre ma pensavo lo sapeste, comunque continuate a guardare pure il dito che tanto la luna risplende.

Tutto sarà rivelato
Redazione
Inviato: 3/3/2013 23:20  Aggiornato: 3/3/2013 23:20
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E' una questione di linguaggio
Fate come volete. Io ho solo detto la mia.

Buon divertimento.

Ci sentiamo fra un paio di giorni.

Lestaat
Inviato: 3/3/2013 23:21  Aggiornato: 3/3/2013 23:21
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/7/2005
Da: Perugia
Inviati: 1774
 Re: E' una questione di linguaggio
A dire il vero una via d'uscita da questo impasse c'è.
incarico a bersani che NON ottiene la fiducia, nuovo giro di consultazioni, incarico super partes con primo ministro indicato dal M5* su un programma di riforme, elezione del nuovo presidente della repubblica, nuove elezioni

A prescindere dal desiderio di ognuno di noi per una cosa o per l'altra, che ne pensate, verosimile?

In nomine libertatis vincula edificamus.
In nomine veritatis mendacia efferimus.
A380
Inviato: 3/3/2013 23:25  Aggiornato: 3/3/2013 23:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Veramente Grillo parla come il Profeta. E colui dei 160 che non lo seguirà sarà immediatamente scomunicato.
Probabilmente è per questo che si critica Grillo...

Citazione:
A dire il vero una via d'uscita da questo impasse c'è.
incarico a bersani che NON ottiene la fiducia, nuovo giro di consultazioni, incarico super partes con primo ministro indicato dal M5* su un programma di riforme, elezione del nuovo presidente della repubblica, nuove elezioni

A prescindere dal desiderio di ognuno di noi per una cosa o per l'altra, che ne pensate, verosimile?


Non si comprende per quale motivo dare ad un Primo Ministro M5S la fiducia, mentre a Bersani no.
Fossi io del CSX farei un casino inaudito, molto più di quanto pare disposto a fare il M5S.
Perchè loro si e il CSX no?
Sempre il CSX a sacrificarsi per il bene del Paese e poi regolarmente essere ricompensato con dei calci nel culo (elettoralmente parlando)?

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
Lestaat
Inviato: 3/3/2013 23:28  Aggiornato: 3/3/2013 23:28
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/7/2005
Da: Perugia
Inviati: 1774
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Autore: TAD Inviato: 3/3/2013 23:17:24

Redazione:

Citazione:

Mi rivolgo a TUTTI: Forse è il caso di smettere di inacidirsi nel discutere la "persona" Beppe Grillo, e di cominciare ad occuparci dei 160 del Movimento che sono entrati in parlamento. Che ne dite?


Dico che i 160 in parlamento non contano una beneamata minchia perchè il capo della formazione politica M5S - a norma di legge - è Giuseppe Piero Grillo così come ufficializzato negli atti del Ministero degli Interni italiano:

Modello Unico Movimento 5 Stelle

In aggiunta, siccome sono complottista e orgoglioso di esserlo - e siccome non credo che i miliardari scendano in politica per il bene dell'umanità (soprattutto se hanno come clienti la Philip Morris o la Monsanto) - credo di avere tutto il diritto di continuare a sindacare la figura di Beppe Grillo e della Casaleggio Associati...

...e addirittura arrivare a supporre che questi ultimi paghino una commissione a tutti i partners sulla vendita del Kindle e dei prodotti Amazon.


E allora? Non ti va bene lo stesso?
Non sei comunque più contento ad aver a che fare col vero nemico?
Per la miseria....ma cos'è sta cavolo di paura di cambiare ragazzi?
Anche fosse il demonio, non lo so voi, ma a questo punto preferisco aver a che fare direttamente con superiore va bene?
Mettete addosso una depressione....

In nomine libertatis vincula edificamus.
In nomine veritatis mendacia efferimus.
invisibile
Inviato: 3/3/2013 23:33  Aggiornato: 3/3/2013 23:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
Lestaat

Citazione:
verosimile?

Si. Ma sul primo ministro super partes dovranno mettersi d'accordo 5* e PD.

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
invisibile
Inviato: 3/3/2013 23:39  Aggiornato: 3/3/2013 23:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
A380

Citazione:
Sempre il CSX a sacrificarsi per il bene del Paese



Tipo quando si accordarono sottobanco con berlusconi per non toccare le sue televisioni?
Potevano seccare il berlusca ma per "il bene del paese" fecero l'inciucio.
Ma per favore.

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
TAD
Inviato: 3/3/2013 23:45  Aggiornato: 3/3/2013 23:45
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/5/2011
Da: 7th planet
Inviati: 1069
 Re: E' una questione di linguaggio
Lestaat:

Citazione:

Non sei comunque più contento ad aver a che fare col vero nemico?


Me ne sbatterei altamente del M5S se non venisse percepito dai rivoluzionari del terzo millennio come cambiamento. Ma a quanto pare... Gianroberto è stato più abile del previsto...

Citazione:

Per la miseria....ma cos'è sta cavolo di paura di cambiare ragazzi?


Cambiare? Ma cambiare che? Le retribuzioni dei parlamentari? Il finanziamento pubblico ai partiti?

Ma lo conosci il MES?

Sai quanto deve versare l'Italia ogni anno per il Fondo Salva Stati?

Sai a quanto ammontano ogni anno gli interessi del debito pubblico?


Se anche riuscissimo ad azzerare i costi della politica questi sarebbero spiccioli se confrontati alle reali spese insostenibili dello Stato Italiano.


Te ne prego, non venire a parlare a me di cambiamento: il sangue è l'unico segnale di cambiamento...

...e ancora non ne ho visto: sono stati bravi a controllare le masse, davvero dei professionisti...

~WÃSÐ Lifestyle~
invisibile
Inviato: 3/3/2013 23:48  Aggiornato: 3/3/2013 23:48
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
TAD

Citazione:
il sangue è l'unico segnale di cambiamento...

Non ha mai funzionato. Almeno su questo, siamo d'accordo?
Che con il sangue si é sempre finiti come prima più di prima?

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
A380
Inviato: 3/3/2013 23:50  Aggiornato: 4/3/2013 0:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:

Sempre il CSX a sacrificarsi per il bene del Paese




Tipo quando si accordarono sottobanco con berlusconi per non toccare le sue televisioni?
Potevano seccare il berlusca ma per "il bene del paese" fecero l'inciucio.
Ma per favore.

Sei libero di pensarla (sbagliata) come preferisci, il fatto che qualcuno abbia lavorato contro nel CSX si spreca (vedi Veltroni che ha fatto fuori l'area più a sinistra, anzichè il nemico di sempre) ma non si può certo accreditare all'intera coalizione gli errori che sono stati commessi dai singoli, che peraltro in questa occasione nemmeno si sono presentati (vedi D'Alema).
Non come un certo giaguaro di Arcore che è sempre tra le balle e più le spara grosse, più raccoglie consensi.
La capacità di discernere, manca al poPollo itaGliano!

Citazione:


Per la miseria....ma cos'è sta cavolo di paura di cambiare ragazzi?



Cambiare? Ma cambiare che? Le retribuzioni dei parlamentari? Il finanziamento pubblico ai partiti?

Forse si riferisce a "Cambiare Versione". E' un po' di tempo che non sento più il caro "amico" Grillo parlare di Signoraggio, di 11 settembre, di bombe atomiche lasciate in giro sul territorio italiano da parte degli u$a.
In questo c'è stato, effettivamente, un Cambiamento.

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
TAD
Inviato: 3/3/2013 23:51  Aggiornato: 3/3/2013 23:51
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/5/2011
Da: 7th planet
Inviati: 1069
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:

Non ha mai funzionato. Almeno su questo, siamo d'accordo?


No, non sono d'accordo: occorre attendere l'evoluzione delle situazioni sociali in Grecia ed in Spagna.

Soprattutto in Grecia, la storia è attualmente in stesura...

~WÃSÐ Lifestyle~
Manfred
Inviato: 3/3/2013 23:54  Aggiornato: 3/3/2013 23:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Sertes

Sei in silenzio stampa? O le frasi preconfezionate sul programma MS5

non si adattano più alla realtà odierna?

TAD
Inviato: 3/3/2013 23:57  Aggiornato: 3/3/2013 23:57
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/5/2011
Da: 7th planet
Inviati: 1069
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:

Sei in silenzio stampa? O le frasi preconfezionate sul programma MS5

non si adattano più alla realtà odierna?


Interpretare il Messia è facile quanto sbraitare da un palco...

...Governare è difficile, molto difficile.

Adesso il M5S è nella stanza dei bottoni... non si può più procedere per slogan, dunque, non resta che attendere direttive dalla...

...Central Processing Unit

~WÃSÐ Lifestyle~
invisibile
Inviato: 3/3/2013 23:58  Aggiornato: 3/3/2013 23:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
A380

Un altro compagno che sbaglia?
E se aveva "sbagliato" salvando il nemico pubblico n° 1 perché i suoi compagni non lo hanno arrostito in piazza? Fassino seduto accanto che si mette le mani in faccia é splendido. La faccia di Casini poi...
Hanno governato, scusa mio errore, rovinato questo paese insieme. Un qualsiasi tribunale onesto lo scriverebbe nella motivazione alla sentenza.
Quello che é successo con il voto.

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
invisibile
Inviato: 4/3/2013 0:00  Aggiornato: 4/3/2013 0:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
Tad

La mia domanda era rivolta al passato.
In passato il ricorso alla violenza non ha mai funzionato.
Immagino che tu sia d'accordo.
Se é così, perché credi che in futuro possa funzionare?
Mi interessa davvero, senza polemica.

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
A380
Inviato: 4/3/2013 0:10  Aggiornato: 4/3/2013 0:10
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Un altro compagno che sbaglia?
E se aveva "sbagliato" salvando il nemico pubblico n° 1 perché i suoi compagni non lo hanno arrostito in piazza? Fassino seduto accanto che si mette le mani in faccia é splendido. La faccia di Casini poi...
Hanno governato, scusa mio errore, rovinato questo paese insieme. Un qualsiasi tribunale onesto lo scriverebbe nella motivazione alla sentenza.
Quello che é successo con il voto.


Tu sei uno di quelli che è straconvinto che Governare uno Stato sia come andare a fare un giro in bicicletta al parco, vero?

Scommetto che sei anche uno di quelli che Non si ricorda che i primi a difendere le Tv del giaguaro di Arcore furono proprio i "cittadini", "dal basso" come ama dire il tizio del "sono tutti uguali". "cittadini" così Arguti e Svegli da scendere in piazza contro la decisione di un Giudice che aveva oscurato canale 5, italia 1 e rete 4 perchè trasmettevano non rispettando la Legge.
Già, ma anche questo è colpa di Craxi, non del poPollo itaGliano...

E' curioso che si pretenda dai politici ciò che nel piccolo noi non siamo in grado di riconoscere. E poi vogliamo andare anche in giro a fare le rivoluzioni.
Ma per favore (stavolta lo scrivo io)

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
TAD
Inviato: 4/3/2013 0:19  Aggiornato: 4/3/2013 0:19
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/5/2011
Da: 7th planet
Inviati: 1069
 Re: E' una questione di linguaggio
invisibile:

Citazione:

La mia domanda era rivolta al passato.
In passato il ricorso alla violenza non ha mai funzionato.
Immagino che tu sia d'accordo.


Sono d'accordo: conosco piuttosto bene la storia delle Rivoluzioni Armate e, in ultima analisi, sono arrivato alla conclusione che, in passato, sono sempre state funzionali ad un Progetto Politico preconfezionato.

Ma oggi la situazione è diversa.

Oggi possiamo portare al fallimento le più grandi Banche d'Affari del Mondo in sole 24 ore.

Vuoi la mia ricetta? Nessun Problema, eccotela quì:


- I cittadini chiudano tutti i conti correnti aperti e chiedano la liquidazione del saldo;

- Sciopero generale ad oltranza di tutti i dipendenti pubblici;

- Occupazione ad oltranza delle Caserme di Polizia e Carabinieri;

- Occupazione ad oltranza degli Uffici Postali;

- Occupazione ad oltranza dei centri legislativi e/o attuativi (Camera, Senato, Prefetture, Regioni, Provincie, Comuni);


Il tutto al fine di realizzare la seguente istanza:


- Uscita dalla moneta unica e ritorno alla Sovranità Monetaria.



Per quanto mi riguarda non esiste possibilità di veder attuata alcuna politica economica e/o industriale se non viene raggiunto l'obiettivo sopra citato.

Il resto sono solo chiacchiere da bar e politiche di risparmio sugli spiccioli.

~WÃSÐ Lifestyle~
invisibile
Inviato: 4/3/2013 0:25  Aggiornato: 4/3/2013 0:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Tu sei uno di quelli che è straconvinto che Governare uno Stato sia come andare a fare un giro in bicicletta al parco, vero?

No.

E che c'entra il popolo itagliano. Lo conosco, ne faccio parte e ne vedo i pregi e i difetti.
Da cosa hai dedotto il contrario, dalla mia denuncia dell'inciucio?
Sei tu che stai evitando il nocciolo della questione.
Che hanno governato insieme e quando gli uni erano al governo gli altri pure. Solo con fette di torta più o meno visibili. Il popolo complice? Certamente, ma allo stesso tempo vittima e ingannato.
Il filmato che ho postato non lo commenti?
Guarda che é tutto li. Berlusconi é stato voluto dalla dirigenza del CSX.
Bastava una legge una per sbarazzarsene. Se non l'hanno fatto ci può essere solo un motivo: gli faceva comodo, sono soci. E il fatto che dicano di no esserlo non prova nulla. Se ci credi, scusa, significa che sei stato ingannato anche te.
Per cui é inutile scagliarsi contro berlusconi e il popolo bue e dipingere il CSX come "il bene" perché ci sono i fatti a dimostrare che non é la realtà.

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
ohmygod
Inviato: 4/3/2013 0:25  Aggiornato: 4/3/2013 0:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: E' una questione di linguaggio
Bersani a "che tempo che fa": una legge contro la corruzione, una contro il conflitto di interessi, una dedicata ai costi della politica; un’altra dedicata agli interventi sull’economia verde e sull’urgenza sociale.

Effetto Grillo:questi sepolcri imbiancati ora iniziano a rendersi conto della realtà.Di una parte.
Se non ci fosse stato Grillo...e le persone in ascolto lo avranno pensato.

Edit:non è che ora iniziano a rendersi conto della realtà bensì sono stati costretti a rendersene conto!

Redazione
Inviato: 4/3/2013 0:27  Aggiornato: 4/3/2013 0:27
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E' una questione di linguaggio
MANFRED: Al prossimo commento personale/OT sarai espulso.

InFlames
Inviato: 4/3/2013 0:30  Aggiornato: 4/3/2013 0:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/3/2008
Da:
Inviati: 300
 Re: E' una questione di linguaggio
Certo Tad, e l'esercito guarda senza muoversi. Anzi ci apriranno loro le porte

Tutto sarà rivelato
A380
Inviato: 4/3/2013 0:32  Aggiornato: 4/3/2013 0:47
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Oggi possiamo portare al fallimento le più grandi Banche d'Affari del Mondo in sole 24 ore.

Vuoi la mia ricetta? Nessun Problema, eccotela quì:


- I cittadini chiudano tutti i conti correnti aperti e chiedano la liquidazione del saldo;


E la banca risponderebbe con la chiusura immediata dei propri sportelli. Ergo, i soldi non te (ce) li darebbero.

Citazione:
- Sciopero generale ad oltranza di tutti i dipendenti pubblici;


Bisogna convincerli. Tutti. O quantomeno la maggior parte. Ti assicuro che attualmente di ostacoli non ne troveresti pochi (esperienza diretta)

Citazione:
- Occupazione ad oltranza delle Caserme di Polizia e Carabinieri;


Occupare il "braccio armato della Legge" significa "colpo di Stato"

Citazione:
- Occupazione ad oltranza degli Uffici Postali;


A che pro? sono una SpA.

Citazione:
- Occupazione ad oltranza dei centri legislativi e/o attuativi (Camera, Senato, Prefetture, Regioni, Provincie, Comuni);


Alla faccia del colpo si Stato

Citazione:

Il tutto al fine di realizzare la seguente istanza:


- Uscita dalla moneta unica e ritorno alla Sovranità Monetaria.


A che pro? Non è sbagliata la moneta unica, è solo sbagliato il modo in cui funziona.

Citazione:


Per quanto mi riguarda non esiste possibilità di veder attuata alcuna politica economica e/o industriale se non viene raggiunto l'obiettivo sopra citato.

Il resto sono solo chiacchiere da bar e politiche di risparmio sugli spiccioli.


Non ti offendere, ma secondo me la fai troppo facile.

Citazione:
Citazione:

Tu sei uno di quelli che è straconvinto che Governare uno Stato sia come andare a fare un giro in bicicletta al parco, vero?


No.

E che c'entra il popolo itagliano. Lo conosco, ne faccio parte e ne vedo i pregi e i difetti.
Da cosa hai dedotto il contrario, dalla mia denuncia dell'inciucio?
Sei tu che stai evitando il nocciolo della questione.
Che hanno governato insieme e quando gli uni erano al governo gli altri pure. Solo con fette di torta più o meno visibili. Il popolo complice? Certamente, ma allo stesso tempo vittima e ingannato.
Il filmato che ho postato non lo commenti?
Guarda che é tutto li. Berlusconi é stato voluto dalla dirigenza del CSX.
Bastava una legge una per sbarazzarsene. Se non l'hanno fatto ci può essere solo un motivo: gli faceva comodo, sono soci. E il fatto che dicano di no esserlo non prova nulla. Se ci credi, scusa, significa che sei stato ingannato anche te.
Per cui é inutile scagliarsi contro berlusconi e il popolo bue e dipingere il CSX come "il bene" perché ci sono i fatti a dimostrare che non é la realtà.


Tu devi portare uno straccio di prova che berlusconi fu voluto dalla Dirigenza del CSX. A me Non risulta. Nel 1994 Ochetto aveva pronta la coalizione dei Progressisti e penso proprio che pensasse di vincerle, quelle elezioni. Altro che dare da mangiare al Troll berlusconi, peraltro appena sceso in politica.
berlusconi è stato voluto dalle frange benestanti e borghesi, per non perdere i privilegi, nonchè da una grossa fetta del mondo cattolico, che cosa vieni a raccontare?
Il popolo è complice e vittima della propria ignoranza e della propria cupidigia, io posso ammettere e accettare un berlusconi 1 (anche se non sono assolutamente d'accordo) una occasione spetta a tutti. Posso anche accettare un appello (berlusconi 2). Ma chi si ostina a votarlo non è certo la Sinistra, è il poPollo itaGliano, di cui non so se tu fai parte.
Se il poPollo itaGliano vota sempre e ancora berlusconi, il politico che se lo troverà di fronte dovrà o no fare i conti con lui, secondo te?
E mi vieni a dire che è il CSX che ha voluto e vuole berlusconi? Ma non diciamo stupidaggini, per favore. Il CSX è Avverso a berlusconi, non avrebbe senso di esistere se non fosse così.
Per quanto riguarda Violante, non penso proprio di doverlo condannare perchè ha ricordato una cosa giusta. Casomai dovrei indagare per Capire come è stato possibile che il CSX abbia salvato le tre Tv del giaguaro di Arcore. A Violante per aver detto quella cosa, casomai bisogna dare un premio!

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
TAD
Inviato: 4/3/2013 0:33  Aggiornato: 4/3/2013 0:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/5/2011
Da: 7th planet
Inviati: 1069
 Re: E' una questione di linguaggio
ohmygod:

Citazione:

Bersani a "che tempo che fa": una legge contro la corruzione, una contro il conflitto di interessi, una dedicata ai costi della politica; un’altra dedicata agli interventi sull’economia verde e sull’urgenza sociale.


L'unico elemento realmente interessante dell'intervento di Bersani a Che Tempo che fa è l' assenza totale di riferimenti al cambiamento della Legge Elettorale.

Bersani non ne ha fatto cenno... e ovviamente Fazio si è preoccupato solo di lustrargli la poltrona.

Ragazzi, non è cambiato un cazzo. Niente di niente.

Il linguaggio resta lo stesso... la sodomizzazione pure...

~WÃSÐ Lifestyle~
TAD
Inviato: 4/3/2013 0:36  Aggiornato: 4/3/2013 0:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/5/2011
Da: 7th planet
Inviati: 1069
 Re: E' una questione di linguaggio
InFlames:

Citazione:

Certo Tad, e l'esercito guarda senza muoversi. Anzi ci apriranno loro le porte


No: l'esercito ti sparerà addosso e tu dovrai versare il tuo sangue. Sei disposto? Sei pronto?

~WÃSÐ Lifestyle~
invisibile
Inviato: 4/3/2013 0:38  Aggiornato: 4/3/2013 0:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
TAD

Citazione:
Sono d'accordo: conosco piuttosto bene la storia delle Rivoluzioni Armate e, in ultima analisi, sono arrivato alla conclusione che, in passato, sono sempre state funzionali ad un Progetto Politico preconfezionato.

Funzionali e manovrate. Cioè, il popolo si incazza e viene pilotato e strumentalizzato per altri fini. Ci siamo.

Ma quello che io credo, rispetto alla violenza, al sangue versato, é qualcosa che ha a che fare con l'aspetto esistenziale, spirituale della vita. Credo che cadendo nella violenza si tradisca la parte più vera di noi, si tradisce noi stessi e come conseguenza inevitabile anche le migliori intenzioni si trasformano nel loro opposto.
Anche se all'origine ci sono le migliori intenzioni.

Citazione:
- I cittadini chiudano tutti i conti correnti aperti e chiedano la liquidazione del saldo;

- Sciopero generale ad oltranza di tutti i dipendenti pubblici;

- Occupazione ad oltranza delle Caserme di Polizia e Carabinieri;

- Occupazione ad oltranza degli Uffici Postali;

- Occupazione ad oltranza dei centri legislativi e/o attuativi (Camera, Senato, Prefetture, Regioni, Provincie, Comuni);

Quando iniziamo?

Comunque per me il metodo migliore é quello più semplice.
Girare le spalle al potere, in qualsiasi forma lo si voglia intendere e in tutte le sue manifestazioni. Ma deve essere una azione collettiva e questa é la parte più difficile da realizzare.

Citazione:
Uscita dalla moneta unica e ritorno alla Sovranità Monetaria.

Su questo non so che dire. In teoria mi sembra sensato ma non sono informato a sufficienza per valutare.
Tra l'altro volevo chiedere se c'è sul sito una discussione esaustiva sull'argomento e se qualcuno me la indica.

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
InFlames
Inviato: 4/3/2013 0:46  Aggiornato: 4/3/2013 0:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/3/2008
Da:
Inviati: 300
 Re: E' una questione di linguaggio
Tad, tira fuori i cannoni e un pò di gente con le palle e vedi poi che arrivo.
Andare contro gente armata disarmati non è coraggio, è stupidità.

Tutto sarà rivelato
ohmygod
Inviato: 4/3/2013 0:47  Aggiornato: 4/3/2013 0:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: E' una questione di linguaggio
@Tad
L'unico elemento realmente interessante dell'intervento di Bersani a Che Tempo che fa è l' assenza totale di riferimenti al cambiamento della Legge Elettorale.

LoL è vero.
Non ho il televisore.La notizia l'ho letta in Internet.

TAD
Inviato: 4/3/2013 0:47  Aggiornato: 4/3/2013 0:55
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/5/2011
Da: 7th planet
Inviati: 1069
 Re: E' una questione di linguaggio
A380:

Citazione:

A che pro? Non è sbagliata la moneta unica, è solo sbagliato il modo in cui funziona.


Credo sia sufficiente replicare a questa affermazione (senza fare debunking di ogni singolo periodo) per risponderti:

E chi ci va a Bruxelles a rinegoziare i trattati di Amsterdam, Lisbona e Maastricht? Grillo? Casaleggio? Bersani? Berlusconi?

Io non la faccio facile: credo semplicemente che l'Italia sia imbrigliata dall'UE.

L' UE e l' Euro sono i problemi italiani.

La sovranità monetaria e tutto ciò che ne consegue ritengo siano gli strumenti migliori da adottare per uscire dalla spirale recessiva in cui siamo ormai avvitati da diversi anni e dalla quale...

...non si vede via d'uscita.


P.S.: Utilizzo di proposito espressioni come spirale recessiva; avvitati e via d'uscita... perchè ribadisco: il linguaggio è sempre lo stesso...

EDIT: Maastricht

~WÃSÐ Lifestyle~
A380
Inviato: 4/3/2013 0:54  Aggiornato: 4/3/2013 1:03
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
L'unico elemento realmente interessante dell'intervento di Bersani a Che Tempo che fa è l' assenza totale di riferimenti al cambiamento della Legge Elettorale.

LoL è vero.
Non ho il televisore.La notizia l'ho letta in Internet.


Giusto per l'appunto: il poPollo si incazza facilmente, ma è stato capace di punire berlusconi e la sua coalizione per avere fatto Questa Legge Elettorale?
Mi sembra di no.
Ma la colpa, ovviamente, è del CSX come sempre...

Citazione:
TAD


Tu puoi essere antieuropeista e rispetterò senz'altro la tua posizione.
Ma fare parte dell'UE non significa soltanto aspetti negativi.
Perciò io non sono favorevole all'abbandono del Progetto Comunitario.
Ma questa è la Mia posizione, e io conto solo 1.

Peraltro non posso negare che, in situazioni come la Grecia, ritornare alla Dracma, chiudere le frontiere anche e sopratutto agli speculatori internazionali, dare una sonora pedata nel sedere ai creditori stranieri (che tanto è sempre gente elitaria, già piena di soldi di per sè) sarebbe stato il sistema migliore per quel Popolo per uscire in fretta dalla grave crisi in cui sono precipitati.
Però la gente elitaria, di solito sa pilotare le masse, di solito è quella che scatena le guerre, di solito è quella che non si pone troppi scrupoli.
Sono maturi i popoli Stranieri per arrivare a capire questo e a ignorare le sirene dei propri concittadini elitari che vorrebbero attirarli nella guerra contro "la cattiva Grecia"?
Io penso di no.
Vedere Iraq, Iran, Siria, ecc...

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
ohmygod
Inviato: 4/3/2013 0:57  Aggiornato: 4/3/2013 0:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: E' una questione di linguaggio
E i cari Prodi,Ciampi etc che hanno fatto carte false pur di entrare nella UE.
Per non parlare del cambio vergognoso 1000 Lire=1 Euro.

TAD
Inviato: 4/3/2013 0:59  Aggiornato: 4/3/2013 1:00
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/5/2011
Da: 7th planet
Inviati: 1069
 Re: E' una questione di linguaggio
InFlames:

Citazione:
Tad, tira fuori i cannoni e un pò di gente con le palle e vedi poi che arrivo.


Ci ho provato compare, ti giuro che ci ho provato.

Quì, nel bel mezzo dell'entroterra siciliano... ma non ci sono riuscito.

A quanto pare le persone preferiscono alzare il mano in segno di assenso durante una votazione in assemblea... per sentirsi parte di qualcosa di grande...

Per loro è sufficiente... per me non lo è stato...


P.S.: Alludo alla mia esperienza nelle Cinque Stelle...

~WÃSÐ Lifestyle~
InFlames
Inviato: 4/3/2013 1:10  Aggiornato: 4/3/2013 1:10
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/3/2008
Da:
Inviati: 300
 Re: E' una questione di linguaggio
Tad, sfortunatamente (e forse è meglio, per ora) certa gente preferisce tentare di risolvere le cose pacificatamente con metodi civili e democratici (lasciamo stare che non siamo in democrazia ecc...) prima di cominciare a sparare.
Ringrazia che almeno conosci qualcuno che ci ha provato, io mi son sentito dire le peggio balle pur di non mettersi in gioco. Capisco la frustrazione e la voglia di ma alcune cose sai come le incominci ma non sai come vanno a finire e, onestamente, pensandola anch'io come te mi ritrovo a vedere immagini orribili che preferirei evitare.
Loro so stronzi e giocano sporco, molto sporco. Una cosa è certa c'è un limite a tutto, anche al fondo del buco del culo.

Tutto sarà rivelato
A380
Inviato: 4/3/2013 1:17  Aggiornato: 4/3/2013 1:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
E i cari Prodi,Ciampi etc che hanno fatto carte false pur di entrare nella UE.
Per non parlare del cambio vergognoso 1000 Lire=1 Euro.


Quali carte false, prego?

Parliamone dell'Euro, 1 € = 1936,27 £. Vorrei ricordare a tutti che il 1 gennaio 2002, giorno di entrata in vigore dell'Euro, al Governo non c'era di certo Prodi, nè il CSX. C'era un certo silvio berlusconi: colui che Non si è occupato di far controlli per verificare l'effettivo Valore del Cambio! Oggetti che costavano 2000£ sono passati a 2€ come se nulla fosse; i bar invece di far pagare il caffè 0,77€ lo facevano pagare 1€. Solo Una persona ha preso di punta la faccenda e ha fatto causa al bar, vincendola ovviamente. Certo, era solo una questione di Principio, ha ottenuto la restituzione di 23 centesimi di €, ma per me battiamo sempre sullo stesso punto: Chi è che ha alzato i prezzi un po' Ovunque? Il Governo? Il Presidente del Consiglio? (notare che a sto giro sto difendendo berlusconi, Presidente pro tempore) Oppure il poPollo itaGliano?
C'era gente che si ostinava persino a Non considerare le monete in rame, perchè Troppo Piccole. Eppure 5 cent di Euro valevano 100£. Gente che lasciava il resto di 50 cent di Euro (1000£) mentre il giorno prima (dicembre 2001) a mollare 1000£ manco ci avrebbe pensato, suvvia... Un po' di Responsabilità e Senso Civico non guasterebbe.

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
ohmygod
Inviato: 4/3/2013 1:25  Aggiornato: 4/3/2013 1:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: E' una questione di linguaggio
A380
Riesci a spiegarti cosa c'entra questo:L'unico elemento realmente interessante dell'intervento di Bersani a Che Tempo che fa è l' assenza totale di riferimenti al cambiamento della Legge Elettorale.

con questo:Giusto per l'appunto: il poPollo si incazza facilmente, ma è stato capace di punire berlusconi e la sua coalizione per avere fatto Questa Legge Elettorale?Ma la colpa, ovviamente, è del CSX come sempre...

In ogni caso se non ne ha parlato vuol dire che Bersani è un poPollo anche lui.

Sertes
Inviato: 4/3/2013 1:32  Aggiornato: 4/3/2013 1:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: E' una questione di linguaggio
@ A380:
Devo darti uno spoiler: il problema dell'euro non è stata nella botta di inflazione che ci ha portato, quella è la fregatura piccola, tutta italiana, che i nostri squallidi politici dell'epoca son riusciti a far passare in questo paese dopo averci tirato l'inculata grossa della cessione di sovranità.
Prodi ci ha tirato la fregatura grossa, Berlusconi quella piccola.
Giusto per mettere i puntini sulle i.
Vent'anni prima avevamo preso quella colossale...

Bon, così almeno siamo allineati.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
ohmygod
Inviato: 4/3/2013 1:33  Aggiornato: 4/3/2013 1:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: E' una questione di linguaggio
@A380
Quali carte false, prego?

Uno fra i tanti
http://www.lindipendenza.com/cronistoria-delleuro-ununione-economica-disastrosa/

Non stare troppo sull'aereo ogni tanto scendi con i piedi per terra.

Sertes
Inviato: 4/3/2013 1:35  Aggiornato: 4/3/2013 1:35
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: E' una questione di linguaggio
Questa l'opinione di Vittorio Bertola, consigliere comunale M5S Torino:

"Cara Viola di Firenze,
ti ringrazio per la tua petizione che il giornale di De Benedetti ha prontamente provveduto a rilanciare nel titolo di apertura in prima pagina, come fa regolarmente con tutte le petizioni di tutti i ventiquattrenni d’Italia.
Tu chiedi al Movimento 5 Stelle di sostenere un governo che faccia una decina di cose: la riforma elettorale, la legge sul conflitto di interessi, il reddito di cittadinanza, la cancellazione dei rimborsi elettorali… Noi le condividiamo, dunque se venissero presentate in Parlamento, seriamente e senza trucchi, le voteremmo; anzi le presenteremmo noi per primi.
Il problema, però, è che non le condivide Bersani. Ti ricordi quando gridava (vabbe’, dai: rantolava) che il reddito di cittadinanza era una promessa populista e insostenibile? E che i rimborsi elettorali sono essenziali per la democrazia? E la riforma elettorale, la legge sul conflitto di interessi, perché non le ha fatte quando governava?
Secondo te, veramente il PD dopo le elezioni ha avuto una crisi di coscienza ed è diventato buono, e ha deciso che improvvisamente voleva aiutare i “grillini” a realizzare il loro programma di stravolgimento dell’Italia, andando contro gli interessi che lo sostengono da anni? Per crederci, bisogna essere veramente ingenui o molto piddini.
Se per il Paese è necessario un governo che porti avanti il programma del M5S, una strada c’è: far fare il governo al M5S, e che siano gli altri a dargli fiducia. Ma se questa strada ti pare eccessiva, ce n’è ancora un’altra: un governo di persone super partes (ma veramente, non come Monti & c.) che si proponga con quel programma lì. Ma persino se dovessero fare il governo PD-PDL con relativa fiducia, basta che proponga quelle cose lì e noi le voteremo: non è che perché fanno il governo col PDL allora non possono più portare avanti questi punti, se veramente li vogliono fare.
Quello che non puoi pensare, invece, è che il Movimento 5 Stelle possa promuovere la nascita di un governo di Bersani e di Monti (son già talmente alleati che manco c’è bisogno di dirlo), con ministri tipo Enrico Letta e Rosy Bindi, per poi magari vedere questo governo far passare ogni genere di porcata senza nemmeno transitare dal Parlamento, a botte di decreti e di sottogoverno, costringendoci nel frattempo a tenerlo vivo per completare riforme che “casualmente” si impantanerebbero esattamente come si sono impantanati il taglio degli stipendi dei parlamentari e l’abolizione delle province durante il precedente governo Monti-Bersani.
Quindi ti ringrazio per la tua proposta e ti rassicuro che noi la porteremo avanti senz’altro, ma che non siamo così ingenui da pensare che improvvisamente gli stessi che hanno rovinato l’Italia muoiano dalla voglia di cambiarla. E per favore, dì a Pierlu Smacchiagiaguari che la smetta di dire “venite a dirmelo in Parlamento” e di rivolgersi direttamente ai nostri neoparlamentari cercando di convincerli a votare la fiducia (magari in cambio di un ministero), che magari il pirla che ci casca lo trova pure, ma in generale come tentativo di spaccarci è piuttosto patetico.
Con stima,
Vittorio Bertola, consigliere comunale M5S Torino"

---

Dopotutto, se si parla di M5S bisognerà ogni tanto sentire anche il loro parere, non solo parlarne per sentito dire o attraverso le parole dei loro detrattori, dico bene?

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
ohmygod
Inviato: 4/3/2013 1:46  Aggiornato: 4/3/2013 1:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: E' una questione di linguaggio
@Sertes
Dopotutto, se si parla di M5S bisognerà ogni tanto sentire anche il loro parere, non solo parlarne per sentito dire o attraverso le parole dei loro detrattori, dico bene?

Dici bene...sono fra quelli che non hanno votato.

hvsky
Inviato: 4/3/2013 1:56  Aggiornato: 4/3/2013 1:56
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/6/2011
Da:
Inviati: 161
 Re: E' una questione di linguaggio
per tutti quelli "contro" riporto 2 citazioni di un personagiuccio da 2 soldi:

A.Einstein

non si può risolvere un problema con la stessa mentalità che l'ha generato


La realtà è solo un'illusione, anche se molto persistente



avete avuto anche il coraggio di riportare il discorso di hitler tradotto da nonna papera....

che pena

e poi ci meravigliamo che il mondo va come va.......

PECCATO CHE I MAYA ABBIANO SBAGLIATO PREVISIONE!

sono 40 anni che ingoiate la peggio merda e ora fate gli schizzinosi con il M5S??????

ma fino a ieri (25-26/02) dove cazzo eravate?

VERGOGNA!

Questa è la danza del pensiero... puoi anche non crederci ma è tutto vero!
Redazione
Inviato: 4/3/2013 2:03  Aggiornato: 4/3/2013 2:22
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E' una questione di linguaggio
AVVISO:

Evitiamo perfavore le divisioni in "noi" e "voi".

Lo dico a tutti.

Se le cose continueranno così dovrò chiudere il thread.

Non è questo lo spirito di LC.

TAD
Inviato: 4/3/2013 2:24  Aggiornato: 4/3/2013 2:24
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/5/2011
Da: 7th planet
Inviati: 1069
 Re: E' una questione di linguaggio
Non mi pare ci siano divisioni tra noi e voi...

E' la realtà che è triste...

Questa realtà viene raccontata sulla rete...

E questa tristezza si riversa anche su LC.

~WÃSÐ Lifestyle~
dino
Inviato: 4/3/2013 3:12  Aggiornato: 4/3/2013 3:12
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 2/11/2007
Da:
Inviati: 2315
 Re: E' una questione di linguaggio
cit: ''''In Internet nessuno può mentire, questo lo sappiamo tutti. Se vuoi sopravvivere in rete, prima di tutto devi essere onesto, diretto e trasparente.''''

...lo spirito di LC... persavo di averlo in qualche modo afferrato, ma ora non sono più tanto convinto... Grillo è una bella cosa per questo disastrato paese... ma da solo non può farcela... per vincere e sradicare il vecchio sistema che ovunque collassa ma non molla quel guinzaglio che tiene per il collo l'Umanità... Grillo a bisogno di me... inutile addentrarsi in mille casini inestricabili da risolvere... bisogna puntare dritti al sodo, togliere l'energia dalle mani dei banchieri e metter fine alla schiavitù energetica... tutti i più gravi problemi dell'Umanità derivano dalla schiavitù energetica... e dunque se vinci lo schiavismo energetico fai magicamente SCACCO MATTO... Ho già scritto diverse volte al blog di Beppe negli anni passati, quando erano piccoli... non ho avuto risposta... adesso è probabile che non ha più neanche il tempo di leggere... devo arrivare a Grillo in modo diverso, ed era mia intenzione chiederti di pubblicare una mia lettera aperta a Grillo, oppure di scrivere tu un bel pezzo, sulla questione... non mi frega come lo scrivi, basta che scrivi la verità... se vuoi sono a tua completa disposizione per un intervista a cui risponderò dettagliatamente ad ogni singola domanda... del resto ho scritto molto sul tuo sito, ed anche da chiusa la mia discussione macina migliaia di visite, segno che mi stanno studiando... voglio aiutare Grillo, ho le idee chiarissime su come fare, concedimi un articolo... vedila come una sorta di liquidazione intellettuale... per carità non mi devi nulla e non ti devo nulla... però mi hai cacciato da casa tua solo per antipatia, e dunque dopo anni che scrivo su LC, con numeri elevati al seguito, penso di meritarlo, e poi sparisco, tanto quando non si è ben accolti è meglio cambiar aria... e poi Grillo ti piace anche a te, almeno è ciò che leggo tra le righe... lascia che l'aiuti... aiutami ad aiutarlo... ciaodino

Stampella
Inviato: 4/3/2013 5:05  Aggiornato: 4/3/2013 5:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/2/2013
Da: Repubblica del web
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Mi affaccio in tarda notte/inizio del giorno.

Onestamente, ve lo dico con il cuore in mano non riesco a capire tutto questo astio che alcuni hanno con il M5stelle ed i suoi neo eletti. Capirei se fossero stati loro a guidare negli ultimi 20 anni il paese ma francamente mi sembra che si stia esagerando. Neppure siedono in parlamento per adesso.
Però tutti qui a dire cose astruse, certo, argomentate con un lessico e una proprietà di parola ividiabili...ma sempre astruse sono. Ancora non hanno fatto niente! E' come commentare un gran premio prima che sia ancora partito! Scusate, io vorrei capire da dove scaturisce tutto questo astio.
Alcuni temono Grillo e Casaleggio nemmeno fossero Hitler o Pinochet, altri invocano il NWO. Ma insomma...vogliamo lasciarli lavorare? I due partiti principali di riferimento negli ultimi 20 anni cosa hanno fatto di così eccelso? Io, fra le tante cose che potrei citare ricordo un csx che quando poteva schiacciare la testa (politicamente parlando) a Berlusconi non lo ha fatto, vedasi legge sul conflitto d'interesse e la bicamerale. Dall'altra parte c'è il cdx che, fra le mille e mille nefandezze ha dalla sua tutto lo schifo parlamentare che ha introdotto varie trappole per i giudici che cercavano di inchiodare B. per tutte le nefandezze che ha fatto. Mi ricordo anche una legge Fini\Giovanardi sulle droghe, ricordate? E' stata equiparata l'eroina alla cannabis con il risultato che le patrie galere sono piene di ragazzi che andrebbero curati e non fatti incattivire fra 4 mura sovraffollate. Poi c'è anche la legge sull'immigrazione che, a parer mio, è degna dei peggiori Unni!

Ma ditemi o detrattori, dove eravate quando esponenti della Lega urlavano ai 4 venti che avremmo dovuto sparare ai barconi degli immigrati? Oppure quando un noto "intelligentone" leghista andava in giro sui treni a disinfettare i seggiolini su cui sedevano i passeggeri di colore? Quello era grottesco non l'atteggiamento dei ragazzi dell'M5stelle che giustamente non hanno voglia di avere niente a che fare con lorsignori. Però quando c'era da corteggiare la lega contro B. allora andavano bene. Quando c'era da accordarsi con chi per primo ha sdoganato una certa destra tutto ok. Vedere i bracci tesi dopo l'elezione di Alemanno a Roma era "democratico".

No ma la colpa è del M5stelle se questo paese fa schifo e se i delinquenti girano in jaguar invece di stare in galera. E' colpa dei 5 stelle se le galere sono stracolme di ragazzi che come unica colpa avevano più di 5 grammi di marijuana che è notoriamente più pericolosa dell'eroina della ketamina della cocaina della MDMA. E bè. Peccato che l'm5stelle non fosse esistito prima della seconda guerra mondiale altrimenti sarebbe colpa loro la sconfitta della 3 internazionale socialista. Magari era Grillo che soffiava nell'orecchio a Stalin i nomi delle persone da purgare. C'è una foto satellitare degli indo\giappo\calabresi che ritrae Casaleggio su una camionetta insieme a Pol Pot. Gggiuro l'hanno visto quelli di repubblica che glie l'ha raccontato l'omino della Fox. Dice anche che il mostro di Firenze non fosse altro che il locale meetup grillino. Gggiuro, me l'ha detto mio cuggino che l'ha letto su Paperinik del 19ottantasblinda.
E se poi sommate i numeri di tutti i denti che ha grillo più i capelli di casaleggio, sottraendo i capelli di Dario fò e Celentano c'è da preoccuparsi. Esche ben millemila mille! Me l'ha detto l'Ing Cane che è un collaboratore stretto di Carr Carlo Pravettoni noto puttaniere delle cascine.....

E la lira si impenna!

Timbro e vado a letto che domani si rilavora!

E per poco. Sia per il tempo che forse ci rimane da lavorare che per il denaro guadagnato.




Mi fate venire una gran voglia di bere

incredulo
Inviato: 4/3/2013 5:22  Aggiornato: 4/3/2013 5:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Il Movimento Cinque Stelle invece parla la lingua del futuro: diretta, semplice, immediata, senza fronzoli e senza retorica.
Dice pane al pane, e belìn al belino.
All'interno di questa lingua non ci sono ambiguità, non c'è spazio per l'ipocrisia, e la malafede è condannata già in partenza a venire smascherata.


Affermare che il M5* parli la lingua del futuro fa sorridere.

La Storia è tutta formata da azione-reazione e di corsi e ricorsi storici.

In parole povere la Storia si ripete nel corso del Tempo, perchè le nuove generazioni non hanno memoria della Storia passata e reagiscono alle sollecitazioni e alle ingiustizie del Presente andando nella direzione opposta a quella esistente.

Pochi si ricordano del movimento dell'"Uomo qualunque" nato in Italia nel dopoguerra e trasformato in un movimento politico grazie al successo dell'omonimo giornale.


Settimanale satirico-politico fondato a Roma nel 1944 da G. Giannini. Caratterizzato da un linguaggio colorito e popolaresco, dichiaratamente anticomunista, alimentò, facendo leva sul malessere sociale dei ceti medi, la sfiducia contro i partiti. Nel 1946, il vasto movimento di opinione pubblica suscitato, soprattutto al Sud, dalla rivista, sfociò nella formazione di un partito politico, il Fronte dell’U. , che riportò un notevole successo nelle elezioni per l’Assemblea Costituente e un successo ancora maggiore, nel novembre dello stesso anno, nelle elezioni amministrative in numerose città del Centro-Sud.
Il Fronte, tuttavia, incapace di darsi un programma definito, si avviò a un rapido declino e dopo le elezioni politiche del 1948 scomparve dalla scena politica.


Allora non esisteva internet e la sua capacità di raggiungere milioni di persone ma solo la carta stampata, eppure questo movimento raccolse un consenso inaspettato e strabiliante, soprattutto al sud.

Il linguaggio usato era quello di Grillo oggi, lo stesso linguaggio populista ed incazzato di chi si è rotto i coglioni, altrochè linguaggio del futuro.


Ma è oggi il tempo per cambiare, scriveva Giannini a fine giugno 1944: basta Capi, basta UPP. Merito della tecnologia, in fondo. Perché, scrive Lomartire, è «il progresso tecnico e scientifico» che «ha ormai messo l’uomo nella condizioni di farne a meno e di vedere con chiarezza ciò che è utile alla collettività. Solo le ideologie (il tempo delle ideologie è finito!), delle quali i Capi si servono, occultano l’evidenza: ‘La Folla di oggi non è più un branco di disorientati che aveva bisogno di Prometeo per accendere il fuoco’» (uno vale uno!). Basta professionismo della politica! I nuovi governanti verranno resi intercambiabili (democrazia liquida! parlamentarie online!), e soprattutto avranno un incarico a scadenza ben precisa (due mandati!, due mandati e poi a casa!): «questi nuovi uomini politici non godranno più degli enormi privilegi che sono sempre stati loro riservati» (abbasso la Casta!); «non saranno più degli UPP, professionisti della politica, ma semplici e onesti controllori a tempo determinato per conto della collettività» (portavoce?), così che «non ci sarà più quella terribile lotta di sempre per sostituirli che va sotto il nome di politica» (non è antipolitica, la nostra, ma buona politica!). Al suo posto i nuclei qualunquisti, i gruppi degli «amici» dell’Uomo Qualunque che ricordano i MeetUp e le prime liste ispirate a Grillo.

Quando poi arrivano quelli di "lasciamoli lavorare" poi giudicheremo, mi si accappona la pelle.

Mi ricordano tanto i berlusconiani degli ultimi vent'anni, che si sono affidati al cavaliere bandanato come messia di novità e buon governo.

Ipnotizzati, dentro il Sistema, manovrati e manipolati dall'alto, questo è il M5*altrochè governo del Popolo.

Ma stavolta sarà diverso, la rivoluzione è cominciata...

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
Stampella
Inviato: 4/3/2013 6:25  Aggiornato: 4/3/2013 6:25
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/2/2013
Da: Repubblica del web
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
@incredulo

Uguale uguale,precisi sputati,gemelli direi.....
Peccato che forza italia è nata come braccio politico della mafia a seguito della trattativa mafia-stato....

Uguale uguale,precisi sputati,gemelli direi...

Casaleggio = a Mangano Grillo= a Dell'Utri.

Uguali uguali,precisi sputati,gemelli direi...
Aspetta,sono stati clonati dalla massoneria aliena in combutta con le apparizioni Mariane ed il temibilissimo Cattivik,terrore brivido raccapriccio,il nero genio del male!

Arrendiamoci,dalle ca#@ate ci hanno stordito!

Jurij
Inviato: 4/3/2013 6:44  Aggiornato: 4/3/2013 6:45
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: E' una questione di linguaggio
Manfred
Citazione:
Al momento non sta governando nessuno, poi invece di governare(ne hanno la possibilità in coalizione) devono chiedere trasparenza a chi governerà, ma non doveva essere il movimento della democrazia diretta, senza deleghe.

Le regole non le puoi cambiare con il 25% dei voti, mi sembra chiaro.

Per ora possono solo sostenere quello che va nella direzione di quanto auspicato, in altre parole sosterranno decisione per decisione, se corrispondono al programma 5S, coerentemente come promesso.

Quando le persone politicamente attive (cioè che vanno a votare) gli daranno una maggioranza sufficiente per poter cambiare loro direttamente le cose, allora si potrà criticare ciò che non verrà mantenuto.

p.s. Visto e considerato che di notizie di forconi su Roma non vi è traccia, si può desumere che coloro che non hanno votato sono persone inattive politicamente e che delegano agli altri il proprio futuro.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
alinos
Inviato: 4/3/2013 8:13  Aggiornato: 4/3/2013 8:13
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/3/2006
Da: Livorno
Inviati: 118
 Re: E' una questione di linguaggio
Da utente che segue e che, dal basso della propria cultura, non può certamente stare al vostro livello di discussione, permettetemi una piccola osservazione:
Che deliri...

LoneWolf58
Inviato: 4/3/2013 8:36  Aggiornato: 4/3/2013 8:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Autore: Redazione Inviato: 4/3/2013 2:03:04

AVVISO:

Evitiamo perfavore le divisioni in "noi" e "voi".
...
giova a chi regna dividendo, e teme popoli avversi affratellati 'insieme

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
clausneghe
Inviato: 4/3/2013 9:00  Aggiornato: 4/3/2013 9:00
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: E' una questione di linguaggio
Buon giorno e buon inizio settimana a tutti
Provato dalla fatica di una discussione estenuante, dove nessuno riesce a cavar sangue dalle rape, ho deciso di gettare momentaneamente la spugna anche per solidarietà al buon combattente Pispax, caduto sul campo del Glossario. Tradito da un'infida mina scurrile. Riposi in Pace. Indi per cui a partire da ora mi autosospendo sine qua non.

peonia
Inviato: 4/3/2013 9:01  Aggiornato: 4/3/2013 9:01
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: E' una questione di linguaggio
IL CAMBIO DELL'EURO TI RICORDO E'
1936=1EURO

ovvero ci hanno di botto dimezzato la capacità di acquisto....
ergo, impoveriti in un batter d'occhio!
e quanti hanno osannato allo stronzo di Prodi?!
grrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
LoneWolf58
Inviato: 4/3/2013 9:29  Aggiornato: 4/3/2013 9:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Autore: peonia Inviato: 4/3/2013 9:01:58

IL CAMBIO DELL'EURO TI RICORDO E'
1936=1EURO
Non è stato il "cambio" a fregarci (o almeno non solo) 1936,27 l.it.=1euro...
ma il passaggio successivo. Quello che prima pagavi 1000 l.it... a macchia di leopardo (si può ancora usare il termine o li hanno smacchiati tutti?) te lo hanno fatto pagare 1 euro...

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
peonia
Inviato: 4/3/2013 9:33  Aggiornato: 4/3/2013 9:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: E' una questione di linguaggio
Lupo, mi sembrava uguale....ma così è più preciso....


una fiaba a 5Stelle...carina
" target="_blank">http://www.facebook.com/notes/luisa-cighetti/una-fiaba-a-5-stelle/10152449171770514

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Calvero
Inviato: 4/3/2013 10:27  Aggiornato: 4/3/2013 10:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: E' una questione di linguaggio
_____________________
_______________

@ Incredulo

Sono in linea con la tua riflessione. Ma c'è un problema che continua goffamente a ripetersi. Quello del "populismo". Qui c'è qualcosa che non torna, molto che non torna.

Siccome è indiscutibile che suddetto termine ha un accezione profondamente negativa allora sarebbe ora di capirsi un po tutti. Perché quando qualcosa si ritiene negativo a prescindere, siamo nel campo degli imperativi; che non è il campo dell'integrità e della fermezza. Quindi vediamo questi imperativi.

Se a rigor di logica e con cognizione di causa un problema si è palesato nella sua pericolosità, si è messo totalmente a nudo di fronte alle moltitudini, non è che possiamo parlare di populismo se finalmente si è compreso cosa distruggere. Ci stiamo prendendo per il culo?

Che la politica sia populista a prescindere, questo i figli dello Stato non lo ammetteranno - mai. Grazie al cazzo, gli cadrebbe il castello di carte o meglio, gli si romperebbe il giocattolo che li fa sentire importanti e partecipi al gioco dell'oca. La politica è populismo, in un modo o nell'altro lo è sempre. Quando non lo è, guarda caso, sono i diktat dei poteri forti a sganciarsi dalle logiche politiche, cioè populiste.

Quindi, una volta che si è deciso di giocare alla farsa della democrazia dove il popolo non può essere e non potrà - mai - essere sovrano, non vedo perché si dovrebbe parlare di populismo quando invece si tratta solamente di fare e usare la politica. In questo caso, nella lotta tra Gang in atto, si è arrivati al punto di non ritorno dell'insostenibilità del teatrino che ha svolto la sua funzione parassitaria e di cuscinetto. Cioè quella che viene chiamata "vecchia politica". Questo appunto è il momento epocale in cui verranno distrutte le illusioni create dal Potere stesso, poiché la destra e la sinistra hanno esaurito la loro funzione ideologica. NWO docet

Anche il discorso che fa Red_Knight è corretto, ma lo è solo in linea Teorica poiché Red dà per scontata come falsa o, al limite, come parziale, l'influenza del NWO o dei Poteri forti. Senza contare che è parte del gioco illusionistico credere che gli altri Partiti sino ad adesso non avrebbe seguito una logica dittatoriale. Tutti lo abbiamo sotto al naso ma non lo vogliono vedere che ... non è che i politici sono tutti uguali, è il sistema che non può renderli differenti. Non fosse così, non saremmo arrivati a tutto questo. Perché comunque è una dittatura quella in Atto, un imperativo silenzioso che deve garantirsi lo Status Quo secondo la tabella di marcia. Tra le altre cose che al Potere è difficile controllare è quello che loro stessi fanno sì di alimentare: la corruzione. Soltanto che fare i conti col sentimento Italiota sarebbe cosa difficile anche per Satana in persona; noi siamo tra i pochi, forse gli unici, che riusciamo a raggiungere livelli tali di degrado e mediocrità che ad un certo punto rischiamo di essere ingestibili. Questo probabilmente, antropologicamente, è dovuto alla "verticalità" geografica del territorio italiano. Siamo un popolo che fondamentalmente si auto-detesta, non a caso la propaganda ha pompato doverosamente sulla standardizzazione e l'omologazione con una televisione, che più di altri paesi, è iconograficamente lo scempio della comunicazione e dell'intrattenimento.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
invisibile
Inviato: 4/3/2013 10:47  Aggiornato: 4/3/2013 10:48
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Soltanto che fare i conti col sentimento Italiota sarebbe cosa difficile anche per Satana in persona; noi siamo tra i pochi, forse gli unici, che riusciamo a raggiungere livelli tali di degrado e mediocrità che ad un certo punto rischiamo di essere ingestibili.

Notevole. Peggio del diavolo

Infatti penso che solo in Italia un comico poteva faro tutto questo casino.

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
NiHiLaNtH
Inviato: 4/3/2013 11:10  Aggiornato: 4/3/2013 11:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Uguali uguali,precisi sputati,gemelli direi... Aspetta,sono stati clonati dalla massoneria aliena in combutta con le apparizioni Mariane ed il temibilissimo Cattivik,terrore brivido raccapriccio,il nero genio del male!


è così che pensate di convincere scettici e indecisi a votare il m5s ??


DrHouse
Inviato: 4/3/2013 11:38  Aggiornato: 4/3/2013 11:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/11/2007
Da:
Inviati: 2394
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Redazione:
Forse è il caso di smettere di inacidirsi nel discutere la "persona" Beppe Grillo, e di cominciare ad occuparci dei 160 del Movimento che sono entrati in parlamento. Che ne dite?
Sono loro che contano in questo momento. Sono tutte persone oneste - almeno fino a prova contraria - che chiedono prima di tutto trasparenza e onestà a chi ci governa.

Massimo,
è proprio questo il punto su cui la discussione verte da giorni. Tu dici: "chiedono prima di tutto trasparenza e onestà a chi ci governa".

1. Innanzitutto, una riflessione su quel "chi ci governa". Ti ricordo che ad oggi nessuno ci governa. E questo dipende in larghissima parte dal M5S, che non vuole partecipare a nessun governo nonostante abbia ottenuto più del 25% dei voti e 162 parlamentari (108 deputati + 54 senatori). Basterebbe che dessero la fiducia a qualcuno o candidassero apertamente un rappresentante del M5S chiedendo la fiducia agli altri partiti e avremmo un governo. Non vogliono farlo. Non lo dico io, lo ha detto Grillo nell'intervista a Focus (che ho anche tradotto integralmente nell'altro thread), lo ha ripetuto Pizzarotti a RepubblicaTV e CorriereTV. Quindi, iniziamo subito togliendo alcuni miti. Se non c'è un governo, è anche e soprattutto per responsabilità del M5S, che sta spingendo in tutti i modi possibili per rimanere all'opposizione forzando un governissimo PD+PDL. Fanno leva in particolare su due punti: 1) Prevedono che la comunità internazionale, l'Europa e i mercati chiederanno all'Italia di fare comunque un governo, vista la disperata situazione. 2) Sanno che non è possibile sciogliere le camere per i prossimi 6 mesi perché incombe la rielezione del Presidente della Repubblica (Pizzarotti lo dice esplicitamente con il sorrisetto compiaciuto). Il M5S si è candidato a queste elezioni pensando probabilmente che non avrebbe ottenuto tanti voti e avrebbe svolto una funzione di semplice vigilanza in Parlamento, sicuri che i numeri per un governo (probabilmente PD+Monti, se uno dava ascolto ai sondaggi) ci sarebbe stato. Le cose sono andate diversamente. Il PD ha ottenuto meno del previsto, Monti è stato cannibalizzato, il M5S è diventato il primo partito. Ciò nonostante, la strategia del M5S non è cambiata. Loro non vogliono governare, non vogliono assumersi responsabilità, vogliono solo stare a guardare limitandosi ad approvare eventualmente alcune leggi ove siano di loro gradimento. Il loro vero obiettivo è far alleare il PD con il PDL per poi raccogliere il 40% o il50% alle prossime elezioni.

2. Poi una riflessione su quel "chiedono prima di tutto trasparenza e onestà". Massimo, chi deve chiedere trasparenza e onestà siamo noi. Noi cittadini, noi elettori (indipendentemente dal fatto che abbiamo votato i candidati del M5S o meno). Loro sono stati eletti e non possono limitarsi a stare a guardare. Devono governare e legiferare. Devono assumersi le loro responsabilità. È questo che a me personalmente fa arrabbiare e su cui sto discutendo da giorni in questo e nell'altro thread. Quando si decide di entrare in politica, bisogna essere pronti ad assumersi la responsabilità di confrontarsi con altri, facendo scelte e correndo anche il rischio di sbagliare, per realizzare almeno una parte del proprio programma. Altrimenti si può anche stare a casa, nessuno li ha obbligati a candidarsi. L'ho spiegato ieri, succede in ogni CDA, in ogni assemblea di soci, in ogni assemblea di condominio di questo mondo: le decisioni che si prendono in questi luoghi, dove si rappresentano sempre interessi e visioni diverse, sono sempre e senza eccezioni il frutto di mediazioni. Ovunque, tranne che nel Parlamento italiano, dove evidentemente il M5S non ammette nessuna possibilità di dialogo con altri, salvo quasi imporre il dialogo agli altri tra di loro perché ritiene di poterne trarre un vantaggio nel lungo periodo. Come vedi, non c'è niente che coinvolga la persona di Grillo. Se mai, si discute l'atteggiamento politico del M5S.

3. C'è poi il punto della reale autonomia degli eletti del M5S. Per il momento, aspettiamo e vediamo, certo è che finora il potere di influenza di Grillo e Casaleggio lascia più di una perplessità. Comunqque, sorvolo su questo, il tempo darà la risposta.

Infine una nota conclusiva.
Non concordo con la tua decisione di sospendere Pispax, la ritengo francamente eccessiva. È vero, però, che tutti andati oltre le righe negli ultimi giorni, a cominciare da me, quindi non posso che condividere il tuo appello a moderare i toni. Non ho mai offeso nessuno, questo ci tengo a sottolinearlo, però rileggendomi ho notato nei miei post un'aggressività che in genere non mi appartiene. Forse perché, come molti, anch'io sono tornato a parlare di politica dopo moltissimi anni. Fatale quindi che certe pulsioni vengano fuori. In particolare, ritengo di essere stato esageratamente aggressivo e senza motivo nel mio ultimo post in risposta a Calvero, il quale nei miei confronti non ha mai usato quel tono finora. Per questo, vorrei scusarmi pubblicamente con lui e fare ammenda.

Mi autosospendo anch'io per qualche giorno. Mi farà solo bene.

E dopo 10 anni, siamo a discutere se il Volo 77 è arrivato proprio lungo questa linea, o piuttosto è arrivato due metri più a sinistra, o due metri più a destra? (Perle complottiste)
incredulo
Inviato: 4/3/2013 11:51  Aggiornato: 4/3/2013 11:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: E' una questione di linguaggio
@Calvero

Citazione:
Quindi, una volta che si è deciso di giocare alla farsa della democrazia dove il popolo non può essere e non potrà - mai - essere sovrano, non vedo perché si dovrebbe parlare di populismo quando invece si tratta solamente di fare e usare la politica. In questo caso, nella lotta tra Gang in atto, si è arrivati al punto di non ritorno dell'insostenibilità del teatrino che ha svolto la sua funzione parassitaria e di cuscinetto. Cioè quella che viene chiamata "vecchia politica". Questo appunto è il momento epocale in cui verranno distrutte le illusioni create dal Potere stesso, poiché la destra e la sinistra hanno esaurito la loro funzione ideologica. NWO docet


Parlo di populismo perchè è una delle caratteristiche del M5*.

Ma non è quello il punto centrale del mio ragionamento.

Quello che volevo evidenziare è la contraddizione di affermare che quello del M5* è un linguaggio NUOVO, quello del futuro.

In realtà è quello del passato, che non ha mai avuto nessun futuro.

Ma stavolta sarà diverso, le mafie SCOMPARIRANNO come neve al sole travolti da un popolo che finalmente detterà legge e i "bravi cittadini" realizzaranno il "Potere illuminato" dispensando verità e saggezza

Tutto questo, chiaramente, a casa loro, entrando nella loro casa con determinazione e coraggio.

Le mafie, impaurite, cederanno il potere, impotenti di fronte alla legalità e alla giustizia

Ciao

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
complo
Inviato: 4/3/2013 11:53  Aggiornato: 4/3/2013 11:53
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/10/2005
Da:
Inviati: 2555
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Mi autosospendo anch'io per qualche giorno.


Mi autosospendo anche io.
Se lo fa anche Red sarete nella perfetta situazione di "pensiero unico".
Roba da far riflettere spero.......

mc
Inviato: 4/3/2013 12:08  Aggiornato: 4/3/2013 12:08
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
No, questa non è una mia concezione della politica, come qualcuno mi ha risposto: questa è l'unica concezione di politica che esista e sia sempre esistita. I Parlamenti esistono proprio perché rappresentano idee e interessi diversi, così come i consigli di amministrazione e le assemblee di condominio. Fattene una ragione: in questi luoghi si tratta, si media. Non è un'opinione, è un fatto.

Ma che stronzate drHouse!
Si stratta se ci sono interessi in ballo.
Mediare non e' obbligatorio, e' obbligatorio (eticamente) portare a termine cio' che si e' "promesso" in campagna elettorale. Non c'e' scritto di venire a compromessi per forza. Non e' obbligatorio approvare una merdosissima fotocopia sbiadita di cio' che ci si e' prefisso perche' le "regole" della politica sono queste.
Il parlamento definisce delle maggioranze "lobbystiche" in base alle quali si leggifera in predeterminate direzioni.
Non c'e' maggioranza? ... non si leggifera:
non e' che si debba leggiferare per forza.

Si ritorna alle elezioni. Punto.

****************************

E questa politica della mediazione che ha fottuto la ricchezza dei ceti medi e bassi di questo paese favorendo corporazioni potenti e grossa imprenditoria.
Ha eroso anno per anno, crisi per crisi, situazione per situazione buona parte delle ricchezze a suon di MEDIAZIONI.
Fanculo alle mediazioni.
(sei riuscito a farmi perdere le staffe... )

Se ne sono dette parecchie di cose assurde, argomentazioni contro come se piovessero, ma questa e' particolarmente assurda.

mc

Calvero
Inviato: 4/3/2013 12:17  Aggiornato: 4/3/2013 12:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Mi autosospendo anche io.
Se lo fa anche Red sarete nella perfetta situazione di "pensiero unico".
Roba da far riflettere spero.......



.. e - non offendete i morti - non l'hai detto però. Pardòn, le mummie.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 4/3/2013 12:23  Aggiornato: 4/3/2013 12:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: E' una questione di linguaggio
_______________________
_________________

@ Dott. House

Non ho memoria di Te - trattare qualcuno con malafede, che è l'unica cosa che sarebbe realmente opinabile in un Sito come questo ..

.. insomma per dirti che non ho il minimo risentimento, figurarsi .. anzi, stima

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
ohmygod
Inviato: 4/3/2013 12:27  Aggiornato: 4/3/2013 12:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: E' una questione di linguaggio
@Complo
Mi autosospendo anche io.

Deo Gratias.

tonipos
Inviato: 4/3/2013 12:29  Aggiornato: 4/3/2013 12:29
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/6/2006
Da: Treviso
Inviati: 119
 Re: E' una questione di linguaggio
@osva
Citazione:
Scusate l'OT, ma qualquno sa che fine ha fatto la fondazione Keshe?

E' al suo posto ...
Keshe Foundation

Alla fine ti accorgi sempre che nulla è come sembra
Stampella
Inviato: 4/3/2013 12:42  Aggiornato: 4/3/2013 12:42
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/2/2013
Da: Repubblica del web
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Buon giorno...e speriamo che lo sia.

Io non voglio certo convincere nessuno,mics sono un Gesuita fra gli zulù. Ognuno è libero di pensarla come vuole,anche che Cristo è morto dal sonno. Quello che mi chiedo è perchè non si voglia aspettare il battesimo del fuoco di questi ragazzi. Io dal dopp elezioni ho visto un cambiamento epocale,guardate la tv per esempio: Da una parte i vecchi tromboni che se prima erano poco credibili ora sono ridicoli. Leggete i giornali,coloro che prima erano vangelo adesso come minimo sono poco credibili. In 2 sett siamo avanzati di quanto avremmo fatto con la vecchia politica in 50 anni. Ed ancora non c'è un governo,ancora non è stato fatto niente di concreto. Certo,per chi ama lo status quo è già accaduto troppo,sia mai che qualcuno provi a raccontare la verità,vera o presunta,al popolino,non ne siamo certo degni. Meglio lasciare il compito agli esperti,dottori e dottorissimi che per raccontarci la realtà guadagnano in 1mese quanto un metalmeccanico in 1 anno. Perchè noi popolino non capiremmo se lorsignori non ci spiegassero...noi popolo abbiamo bisogno dell'insegnante di sostegno,non conosciamo tante parole e poco importa se poi gli organi d'informazione diventano camerieri. Vi ricordate che per 20 anni c'è stato un certo Fede che alle ore 19.30 su rete4 ci "interpretava" la realtà? Non è che perchè ora non c'è più ce ne siamo dimenticati,almeno non tutti. Di chi è rete 4? Lo sapete che trasmettono abusivamente su una frequenza assegnata ad un altra company che nel frattempo ha vinto in tutti i tribunali Italiani ed Europei? E cosa vi aspettavate che entrassrro le teste di cuoio in sala regia per ripristinare la legalità? Ma no,si trova il compromesso,si tratta con il nemico,non è questa l'arte della politica? Misteri della nostra "sinistra" (uso improprio di termine). Ed intanto B&family continuava e continua a fare propaganda dalle proprie reti,continua ad arricchirsi con le pubblicità ma diamine,volete veramente fare uno sgarbo a nonno berlu? Sia mai,se scompare lui scompaiono anche loro,sono l'altro lato della stessa medaglia. Accordiamoci che poi non vi preoccupate,c'è mangime prr tutti,se per caso ti trombano alle elezioni puoi sempre trovare posto in tv come opinionista,male che vada fai il giudice a x-factor o la comparsa fra il pubblico di Forum.
Oggi i deputati e senatori m5stelle si riuniscono a Roma,vogliamo aspettare cosa decideranno oppure siamo già sicuri che ci stanno vendendo all'emiro del Quatar?
Guardiamo almeno cosa ne viene fuori da questa riunione che poi è la prima dopo la fine della tornata elettorale.

Esco dal tema un attimo: Ma veltroni non doveva andare in Africa a scavare pozzi per gli assetati? Io lo vedo uscire spesso da via delle botteghe oscure. E la Bindi? E franceschini? E d'alema? Ma non lo vedete che sono questi maestri della politica che hanno rovinato un partito xhe non ho mai votato ma indubbiamente ha una base elettorale onesta sincera e forse ancora un pò di sinistra. Cosa aspettate a licenziarli amici piddini? In fondo sono vostri dipendenti. E Matteino Renzi? A Firenze ha fatto più danni della grandin,mi sembra proprio adatto per guidare il PD... Vuole usare i rimborsi elettorali per l'edilizia popolare,intenzione nobilissima,bravo! Ma non sarà che poi le ditte che prenderanno gli appalti sono conniventi con una certa parte politica? Ma no,facciamo costruire dalle cooperative edili che fanno lavorare i muratori per poche monete ed a sicurezza zero . Poi per massimizzare il guadagno si fanno case di carta pesta che appena piove si sciolgono.

LoneWolf58
Inviato: 4/3/2013 13:01  Aggiornato: 4/3/2013 13:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Autore: Redazione Inviato: 3/3/2013 22:34:21
...
Mi rivolgo a TUTTI...
Tutto ciò è molto triste.
Peggio... molto peggio.
Sto vedendo in giro una reazione talmente esagerata ed esagitata da poter essere paragonata al classico "sollevare un vespaio" e questo a causa di un movimento che "non ha fatto ancora nulla"...
Ora che sappiamo chi c'è dietro Grillo e Casaleggio... mi piacerebbe sapere chi c'è dietro questo?!...

Nella notte di sabato, un ignoto provocatore ha imbrattato il monumento in bronzo dedicato a Guido Picelli, nell'omonimo piazzale di Parma, scrivendoci sopra: "sei solo un comunista come Bersani. W Grillo"

Sveglia.... (leggere firma)

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
Sertes
Inviato: 4/3/2013 13:08  Aggiornato: 4/3/2013 13:08
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
LoneWolf58 ha scritto:
Ora che sappiamo chi c'è dietro Grillo e Casaleggio... mi piacerebbe sapere chi c'è dietro questo?!...


Same old, same old... un mese fa una "pazza" ha lanciato vernice su un famoso quadro francese dicendo che lo aveva fatto a favore di "architects and engineers for 9/11 truth".

E se i colpi bassi si limitassero a questo, saremmo a cavallo...

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
trotzkij
Inviato: 4/3/2013 13:10  Aggiornato: 4/3/2013 13:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/9/2006
Da:
Inviati: 3704
 Re: E' una questione di linguaggio

I complotti non esistono, ... tranne quando ci sono
captcha
Inviato: 4/3/2013 13:21  Aggiornato: 4/3/2013 13:21
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/3/2010
Da:
Inviati: 832
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
PISPAX: Sei stato sospeso.


DrHouse
Citazione:
Mi autosospendo anch'io per qualche giorno.


complo
Citazione:
Mi autosospendo anche io.


I primi tangibili effetti positivi del successo del M5S si cominciano innegabilmente a vedere.

Sertes
Inviato: 4/3/2013 13:22  Aggiornato: 4/3/2013 13:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
NiHiLaNtH ha scritto:
è così che pensate di convincere scettici e indecisi a votare il m5s ??


Scettici e indecisi non devono votare m5s, lo dice anche Beppe Grillo.
Devono votarlo chi si mette in gioco in prima persona e con impegno si va a cercare le notizie.
Quindi sostanzialmente lo va a votare anche chi è oltre Beppe Grillo perchè lo vede come un passo utile nella direzione giusta, ben sapendo che in futuro (5-10 anni) c'è la possibilità che deluda o che emergano verità nei discorsi "complottisti" che lo definiscono servo di JP Morgan.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
perspicace
Inviato: 4/3/2013 13:45  Aggiornato: 4/3/2013 13:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/9/2011
Da: località sconosciuta
Inviati: 3281
 Re: E' una questione di linguaggio
captcha Citazione:


Citazione: PISPAX: Sei stato sospeso.

DrHouse Citazione: Mi autosospendo anch'io per qualche giorno.

complo Citazione: Mi autosospendo anche io.


I primi tangibili effetti positivi del successo del M5S si cominciano innegabilmente a vedere.



Per solidarietà verso Pispax mi autosospendo anch'io per qualche giorno.

Buon dibattito

Io non parlo come scrivo, io non scrivo come penso, io non penso come dovrei pensare, e così ogni cosa procede nella più profonda oscurità. Kepler
Lestaat
Inviato: 4/3/2013 13:48  Aggiornato: 4/3/2013 13:51
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/7/2005
Da: Perugia
Inviati: 1774
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Autore: Sertes Inviato: 4/3/2013 13:22:08

Citazione:
NiHiLaNtH ha scritto:
è così che pensate di convincere scettici e indecisi a votare il m5s ??


Scettici e indecisi non devono votare m5s, lo dice anche Beppe Grillo.
Devono votarlo chi si mette in gioco in prima persona e con impegno si va a cercare le notizie.
Quindi sostanzialmente lo va a votare anche chi è oltre Beppe Grillo perchè lo vede come un passo utile nella direzione giusta, ben sapendo che in futuro (5-10 anni) c'è la possibilità che deluda o che emergano verità nei discorsi "complottisti" che lo definiscono servo di JP Morgan.


Non potevi essere più preciso e sintetico.
Posso al massimo aggiungere che ritengo un bene anche il peggiore dei casi e che abbiano ragione i più "complottisti"...almeno aver a che fare con i capoccioni giusti invece che con gli intermediari.
Inoltre una grossa differenza rispetto a prima è che oggi c'è speranza nelle persone, cosa che mancava da qualche decennio.
E intendo una vera speranza, non la speranza del meno peggio, ma sperano in tanti che sia finito l'incubo.
Se hanno ragione siamo tutti felici, se saranno delusi...beh, la delusione per una speranza reale ha molto più effetto che essere delusi da Bersani o da Berlusconi dai quali nessuno ormai si aspettava granchè nemmeno tra chi li ha votati.

In nomine libertatis vincula edificamus.
In nomine veritatis mendacia efferimus.
mc
Inviato: 4/3/2013 13:59  Aggiornato: 4/3/2013 13:59
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Citazione: PISPAX: Sei stato sospeso.

DrHouse Citazione: Mi autosospendo anch'io per qualche giorno.

complo Citazione: Mi autosospendo anche io.


DrHouse:
ho realizzato dopo che te ne eri andato... la fatica di scrivere l'ho fatta, non ne ho voglia di cancellare il post:
e' una tua scelta non la mia quella di abbandonare la discussione.

Ciao
Buona meditazione.

mc

f_z
Inviato: 4/3/2013 14:08  Aggiornato: 4/3/2013 14:08
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/1/2012
Da: Un mondo popolato da (troppi)pezzi di merda
Inviati: 958
 Re: E' una questione di linguaggio
Che thread! C'era di tutto qui: risse, insulti e sospensioni, roba da cinema!

Mi chiedo cosa succedera' quando si discuteranno i provvedimenti del prossimo governo, chiunque ne faccia parte!

Codardo e' il soldato che "esegue gli ordini".

Eroe e' il soldato che ha il coraggio di sparare in faccia ai suoi "superiori".

Peccato che i soldati siano tutti scelti minuziosamente tra gli appartenenti alla prima categoria.
DrManhatta
Inviato: 4/3/2013 14:10  Aggiornato: 4/3/2013 14:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/3/2010
Da:
Inviati: 31
 Re: E' una questione di linguaggio
Ciao, volevo riportare questa analisi secondo me molto interessante, svolta da Marco Travaglio, (per favore vorrei evitare che si discuta di travaglio, a me interessa aggiungere questa chiave di lettura):

GRILLO E IL PAPELLO
Nessuno riesce a entrare nella testa di Grillo. Forse nemmeno Grillo. Difficile capire se prevalga la soddisfazione o la preoccupazione. Soddisfazione nel vedere i politici che l’hanno sempre schifato strisciare ai suoi piedi e implorarlo di salvarli con la fiducia. Preoccupazione per una politica allo sbando che rischia di far pagare ai cittadini l’ennesimo scotto della propria incapacità. Eppure, dai messaggi che l’ex comico invia tramite il blog e le interviste alla stampa estera, una cosa si può dire: l’Antipolitico fa politica più o meglio dei professionisti della politica. Il gioco di questi ultimi è chiarissimo: non avendo capito nulla di quanto sta accadendo, s’illudono di padroneggiare ancora la situazione ingabbiando gl’ingenui “grillini” in un governo minoritario che prometta di fare tutto ciò che chiedono, ottenendone la fiducia e poi torni alle pratiche consociative di sempre, ricattandoli con la minaccia del voto anticipato che ricadrebbe sulle loro spalle, con annesse accuse di sfascismo e irresponsabilità lanciate da stampa e tv di regime. Una trappola che somiglia al vecchio trucco del cerino: l’ultimo si brucia le dita. Solo un campione di ingenuità suicida può pensare che un movimento rivoluzionario possa votare la fiducia a un governo altrui. E, con buona pace della stampa di regime, non esiste alcuna “rivolta del web” contro i No di Grillo. Il web è una zona franca dove scrivono tutti, anche i troll dei partiti camuffati da “base di 5 Stelle”. I partiti dell’ammucchiata Monti non vedono l’ora di rimettersi insieme per evitare le urne, cioè un altro balzo di Grillo. Ma hanno un problema: i loro elettori. Il Pd finge di dialogare con M5S, per poi allargare le braccia: “Purtroppo Grillo non vuole e ci costringe alla grande coalizione per eleggere il Presidente, tranquillizzare i mercati, lo spread e l’Europa”. D’Alema ha già avviato contatti con Letta, prigioniero di quella Bicamerale mentale che lo porta a una continua coazione a ripetere. Grillo sa che lì si andrà a parare e deve evitare di restare col cerino in mano: cioè di essere additato domani come il colpevole dell’inciucione o di nuove elezioni. Perciò ricorda ossessivamente il programma di M5S e sfida i partiti a farlo proprio. Ora, per smascherare il bluff, deve fare un passo in più: presentare un papello semplice, fattibile e al contempo rivoluzionario, in cambio dell’uscita dall’aula dei senatori “grillini” che consentirebbe la nascita “condizionata” del governo. Abolire i rimborsi elettorali. Dimezzare i parlamentari e i loro compensi. Legge elettorale maggioritaria con doppio turno francese. Anti-corruzione e anti-evasione con pene doppie e prescrizione bloccata al rinvio a giudizio, nuovi reati come autoriciclaggio, falso in bilancio, collusione mafiosa. Ineleggibilità per condannati, portatori di conflitti d’interessi e concessionari pubblici. Antitrust su tv e pubblicità. Cancellazione di Tav Torino-Lione, Terzo Valico, Ponte sullo Stretto e altre opere inutili, nonché dell’acquisto degli F-35. Ritiro delle truppe dall’Afghanistan. Divieto per ex eletti o iscritti a partiti di entrare nei Cda di banche e fondazioni. Via gli aiuti di Stato a banche, imprese e scuole private. Via le esenzioni fiscali a edifici ecclesiastici e bancari. Ilva e Mps nazionalizzati. Patrimoniale. Reddito di cittadinanza o sussidio di disoccupazione. Tetto alle pensioni d’oro. Abolizione immediata delle province e potatura di consulenze e poltrone delle società miste. Sgravi fiscali alle imprese che assumono giovani. Detraibilità delle spese di sussistenza. Wi-fi libero e gratis. Più fondi a scuola pubblica, università e ricerca. A questo punto possiamo anche svegliarci dal sogno, perché un programma del genere i partiti non se lo possono permettere: si condannerebbero al suicidio. Ma almeno sarebbero costretti ad ammetterlo e tutto sarebbe finalmente chiaro.

f_z
Inviato: 4/3/2013 14:22  Aggiornato: 4/3/2013 14:22
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/1/2012
Da: Un mondo popolato da (troppi)pezzi di merda
Inviati: 958
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Autore: DrManhatta Inviato: 4/3/2013 14:10:39

Ciao, volevo riportare questa analisi secondo me molto interessante, svolta da Marco Travaglio, (per favore vorrei evitare che si discuta di travaglio, a me interessa aggiungere questa chiave di lettura):


Pur non avendo nessuna stima per Travaglio, credo che in questa analisi ci abbia azzeccato.

Codardo e' il soldato che "esegue gli ordini".

Eroe e' il soldato che ha il coraggio di sparare in faccia ai suoi "superiori".

Peccato che i soldati siano tutti scelti minuziosamente tra gli appartenenti alla prima categoria.
NiHiLaNtH
Inviato: 4/3/2013 14:26  Aggiornato: 4/3/2013 14:44
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Quindi sostanzialmente lo va a votare anche chi è oltre Beppe Grillo perchè lo vede come un passo utile nella direzione giusta


perciò solo quelli che vedono il m5s come un passo nella direzione giusta possono essere oltre beppe grillo

in un modo o nel'altro se sei evoluto se sei onesto devi per forza votare grillo

gli altri che non lo votano e non lo capiscono sono solo dei poveri ignoranti che vivono nell'oscurità

Citazione:
Devono votarlo chi si mette in gioco in prima persona


anche quelli che non votano o aderiscono al m5s si mettono in gioco in prima persona

comunque anche se sono pessimista spero davvero che questi ragazzi riescano a fare qualcosa di buono

f_z
Inviato: 4/3/2013 14:47  Aggiornato: 4/3/2013 14:47
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/1/2012
Da: Un mondo popolato da (troppi)pezzi di merda
Inviati: 958
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Autore: NiHiLaNtH Inviato: 4/3/2013 14:26:03

Citazione:

in un modo o nel'altro se sei evoluto se sei onesto devi per forza votare grillo

gli altri che non lo votano e non lo capiscono sono solo dei poveri ignoranti che vivono nell'oscurità


Tanto per tenere alto il livello!

Invece io dico che anche quelli che non vanno allo stadio e non tifano juve sono solo dei poveri ignoranti che vivono nell'oscurità!

Codardo e' il soldato che "esegue gli ordini".

Eroe e' il soldato che ha il coraggio di sparare in faccia ai suoi "superiori".

Peccato che i soldati siano tutti scelti minuziosamente tra gli appartenenti alla prima categoria.
Sertes
Inviato: 4/3/2013 14:50  Aggiornato: 4/3/2013 14:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
NiHiLaNtH ha scritto:
in un modo o nel'altro se sei evoluto se sei onesto devi per forza votare grillo


Guarda, io rispondo per quello che ho detto io, non per quello che ci vuoi leggere tu.
Io di evoluzione o di onestà non ho parlato (anche chi votava Ingroia era un onesto, e l'onestà è per definizione evoluzione perchè è sacrificio proprio in favore di altri. In Italia gli onesti cavalieri bianchi che cavalcano sereni e vengono trafitti dalle frecce del nemico sono il 2.2%... troppo pochi, troppo presto, il sistema ha messo lo sbarramento al 4% proprio per tagliarli fuori)

Citazione:
anche quelli che non votano o aderiscono al m5s si mettono in gioco in prima persona


Sì, di casi limite ne puoi trovare in qualsiasi ragionamento, fatta la regola ci sarà sempre un 1% che compone "l'eccezione che conferma la regola".

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Lestaat
Inviato: 4/3/2013 15:16  Aggiornato: 4/3/2013 15:16
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/7/2005
Da: Perugia
Inviati: 1774
 Re: E' una questione di linguaggio
Intanto su blog c'è in streaming la riunione del temutissimo!



Capigruppo a rotazione trimestrale come da manuale del nuovo potere oscuro.


In nomine libertatis vincula edificamus.
In nomine veritatis mendacia efferimus.
invisibile
Inviato: 4/3/2013 15:19  Aggiornato: 4/3/2013 15:19
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
Dai commenti in diretta della chat de "La Cosa"

"Qui c'è un problema di fondo...hanno facce pulite, non sembrano nè tossici nè puttaneri nè figli puttana. Ce la faremo a far capire agli italiani che sono politici?"

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
Calvero
Inviato: 4/3/2013 15:20  Aggiornato: 4/3/2013 15:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
perciò solo quelli che vedono il m5s come un passo nella direzione giusta possono essere oltre beppe grillo


Tra quelli che votano M5S, Sì, e quale sarebbe la nota di demerito in questo contesto?

Citazione:
in un modo o nel'altro se sei evoluto se sei onesto devi per forza votare grillo


ALT ... furbacchione. Sei entrato in zona sofisma. Un passo indietro please, se vogliamo discutere onestamente.

Adesso sei uscito ---> TE <--- dal contesto argomentato da Sertes e lo hai allargato, incoerentemente, a tutto l'elettorato. Chi te lo ha chiesto, di grazia?

"evoluto" ...mmh.. perché questi paroloni ad effetto?

Poi. Se sei Onesto allora sei obbligato a fare (rullo di tamburi) .. anche un beato cazzo. Quello che si sta dicendo è che, prove alla mano, il sistema politico che attaccano i Grillini non è onesto. Punto. E sempre per usare un eufemismo. Se il - dimmi con chi vai e ti dirò chi sei - non è una stronzata di Topolino, allora è possibile comprendere che l'evoluzione non è contemplata in un discorso moooolto più semplice.

Citazione:
gli altri che non lo votano e non lo capiscono sono solo dei poveri ignoranti che vivono nell'oscurità


Io non lo Voto e lo capisco. Com'è sta cosa? hai dimenticato una categoria nel tuo Vademecum?

"oscurità" altro parolone ad effetto (e due) .. attenzione che il politichese si sta impadronendo di Te

Citazione:
anche quelli che non votano o aderiscono al m5s si mettono in gioco in prima persona


Taluni Sì e taluni No. Comunque .. cosa comproverebbe ??

Citazione:
comunque anche se sono pessimista spero davvero che questi ragazzi riescano a fare qualcosa di buono


Il fattore umano è sempre un generatore di sorprese

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
cheddyved
Inviato: 4/3/2013 15:26  Aggiornato: 4/3/2013 15:26
Ho qualche dubbio
Iscritto: 16/2/2007
Da:
Inviati: 109
 Re: E' una questione di linguaggio
Avendo stima di Travaglio sottoscrivo il "papello" proposto al M5S poichè smaschererebbe definitivamente i furboni piddini e tutta la marmaglia giornalistico-mafiosa...poi tutto sarà compiuto

Pyter
Inviato: 4/3/2013 15:42  Aggiornato: 4/3/2013 15:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: E' una questione di linguaggio
E' sempre un problema di linguaggio.

Altrimenti perché inventarsi il titolo di "Papa Emerito" se esisteva già quello di "Senatore a vita"?

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
horselover
Inviato: 4/3/2013 16:55  Aggiornato: 4/3/2013 16:55
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/9/2012
Da:
Inviati: 1898
 Re: E' una questione di linguaggio
il corriere della sera porta l'oscurità

cinzia67
Inviato: 4/3/2013 17:33  Aggiornato: 4/3/2013 17:33
So tutto
Iscritto: 12/5/2011
Da: varese
Inviati: 12
 Re: E' una questione di linguaggio
I fatti dimostrano che il metodo comunicativo di Grillo e' estremamente efficace, ed e' supportato da una credibilita' costruita in anni ed anni in cui in piu' occasioni, e non solo nei suoi spettacoli, ha dimostrato di essere profondamente consapevole dei meccanismi che stavano governando le nostre vite.
La rete poi, sfruttata in tutte le sue potenzialita', ha elevato all'ennesima potenza i risultati. I tempi erano maturi affinche' avvenisse questo grandioso passo evolutivo da cui non si potra' piu' retrocedere, con o senza Grillo.Fantastico.

horselover
Inviato: 4/3/2013 17:46  Aggiornato: 4/3/2013 17:46
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/9/2012
Da:
Inviati: 1898
 Re: E' una questione di linguaggio
la rete cattura

A380
Inviato: 4/3/2013 18:12  Aggiornato: 4/3/2013 18:39
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Quali carte false, prego?

Uno fra i tanti
http://www.lindipendenza.com/cronistoria-delleuro-ununione-economica-disastrosa/

Non stare troppo sull'aereo ogni tanto scendi con i piedi per terra.


E allora? Questa è semplice propaganda, vecchio stile, come piace dire a qualcuno.
Non hai detto nulla.

Porta qualche esempio concreto e ne riparliamo.

P.S. prima di atterrare nella giungla, aspetto almeno che ci sia la pista. A sfracellarsi per terra lo fanno già in tanti.

Citazione:
ohmygod:

Citazione:


Bersani a "che tempo che fa": una legge contro la corruzione, una contro il conflitto di interessi, una dedicata ai costi della politica; un’altra dedicata agli interventi sull’economia verde e sull’urgenza sociale.



L'unico elemento realmente interessante dell'intervento di Bersani a Che Tempo che fa è l' assenza totale di riferimenti al cambiamento della Legge Elettorale.


Perchè? Il Grillo che si è dimenticato per strada Signoraggio e Atomiche u$a in Italia è poi tanto diverso?

Quanto mi piacciono le bilance starate!

Citazione:
Riesci a spiegarti cosa c'entra questo:L'unico elemento realmente interessante dell'intervento di Bersani a Che Tempo che fa è l' assenza totale di riferimenti al cambiamento della Legge Elettorale.

con questo:Giusto per l'appunto: il poPollo si incazza facilmente, ma è stato capace di punire berlusconi e la sua coalizione per avere fatto Questa Legge Elettorale?Ma la colpa, ovviamente, è del CSX come sempre...

In ogni caso se non ne ha parlato vuol dire che Bersani è un poPollo anche lui.

Ma che cosa c'entra?
Bersani ha parlato di quello che doveva parlare, se non ha citato la Legge elettorale avrà avuto le sue buone ragioni. Nel programma del CSX c'è, il problema è che per andare d'accordo con il M5S bisogna mettere da parte gran parte del programma del CSX. La colpa, naturalmente è del CSX, non del M5S. grandioso!
Del resto per il M5S è già chiaro che Bersani sbaglierà qualsiasi decisione prenderà (mi sembra la canzone delle pietre - se sei bello, ti tirano le pietre)
Ah, che vento di novità questo del M5S

Citazione:
Devo darti uno spoiler: il problema dell'euro non è stata nella botta di inflazione che ci ha portato, quella è la fregatura piccola, tutta italiana, che i nostri squallidi politici dell'epoca son riusciti a far passare in questo paese dopo averci tirato l'inculata grossa della cessione di sovranità.
Prodi ci ha tirato la fregatura grossa, Berlusconi quella piccola.
Giusto per mettere i puntini sulle i.
Vent'anni prima avevamo preso quella colossale...

Bon, così almeno siamo allineati.


Non penso proprio. Tu addirittura capovolgi le parti. Secondo te Prodi ci ha tirato una fregatura (quale?) grossa (perché?) e berlusconi quella piccola?
Cioè quello che doveva sorvegliare i (tanti, troppi) Furbi che si sono raddoppiati i prezzi dopo l'entrata dell'Euro ha meno responsabilità di chi ha aderito alla moneta unica?
No, ragazzi, siamo ai confini della realtà.
Pensi davvero che uno và alla Commissione Europea o da chi cazzo ha deciso il corrispettivo in Euro delle monete nazionali varie e, sempre questo qualcuno, è libero di decidere il controvalore da assegnare alla propria moneta? Pensi davvero che sia una passeggiata? Del tipo io vado lì e gli dico, aspè, cambiamo 1 € con 1000£, anzi, no, 500£, anzi, facciamo 100£ e non se ne parla più?
Te lo spiego meglio: pensi che per avere il cambio 1 € = 1000£ (per aiutare anche gli ebeti di mente a fare di conto, ebeti che in itaGlia sono tanti) Prodi schioccava le dita ed era fatta? O piuttosto sarebbero occorse misure molto drastiche sull'economia nazionale e tagli capestro di molti servizi per fare acquistare una volta e mezza il valore sul mercato della Lira!
Ma poi la Sinistra cattivona è quella che aumenta sempre le tasse...

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
peonia
Inviato: 4/3/2013 18:38  Aggiornato: 4/3/2013 18:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: E' una questione di linguaggio
intervallo.....bee bee bee


...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
A380
Inviato: 4/3/2013 18:45  Aggiornato: 4/3/2013 18:45
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Il problema è essere, non apparire.
O, che è la stessa cosa, il problema è che si guarda troppo l'apparire rispetto all'essere! -_-

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
InFlames
Inviato: 4/3/2013 18:49  Aggiornato: 4/3/2013 18:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/3/2008
Da:
Inviati: 300
 Re: E' una questione di linguaggio
Grillo come Hitler? E silvio come benito? e andato bene per vent'anni
Bush come Attila?
La kirchner come cleopatra?
La pappa come la cicia?
Il rosmarino come l'erba?
Il fumo come l'arrosto?
le sigarette come ossigeno?
Altri paragoni idioti?
Su su non siate timidi!

Tutto sarà rivelato
A380
Inviato: 4/3/2013 18:53  Aggiornato: 4/3/2013 19:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Grillo dovrebbe essere un Maestro, visto che ha inventato "Testa d'asfalto", "Gargamella" "Lurch - Ghedini", "Topo gigio - Veltroni" e via dicendo.
Finchè faceva il comico era anche divertente...

Citazione:
per tutti quelli "contro" riporto 2 citazioni di un personagiuccio da 2 soldi:

A.Einstein

non si può risolvere un problema con la stessa mentalità che l'ha generato


E' qui che ti sbagli, caro, nonostante l'illustre citazione: non si tratta di usare la stessa mentalità, ma si tratta di dover usare (per ora) le stesse regole
Le regole poi si possono anche cambiare, una volta che si ha la maggioranza o che si è d'accordo (= essere in coalizione), ma finchè non si ha la maggioranza, le regole restano queste e nessuno ha l'autorità di scavalcarle.

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
ben44
Inviato: 4/3/2013 19:04  Aggiornato: 4/3/2013 19:04
So tutto
Iscritto: 19/8/2006
Da:
Inviati: 3
 Re: E' una questione di linguaggio
io penso che grillo ha una grandissima occasione per fare qualcosa di buono per il paese... e sarà un grandissimo peccato buttare via questa occasione rimandando di nuovo il paese al voto.
non so come poter vedere diversamente le cose...

A380
Inviato: 4/3/2013 19:09  Aggiornato: 4/3/2013 19:09
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
io penso che grillo ha una grandissima occasione per fare qualcosa di buono per il paese... e sarà un grandissimo peccato buttare via questa occasione rimandando di nuovo il paese al voto.
non so come poter vedere diversamente le cose...

Straquoto.
Se poi invece vuole fare di testa sua non si dimostrerà tanto diverso da quelli che tanto critica.
E se si torna a votare, non è mica detto che di voti ne prenderà di più, può anche darsi che l'elettore punisca questa sua boria.
Secondo me deve calcolare molto bene le sue mosse.

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
Sertes
Inviato: 4/3/2013 19:13  Aggiornato: 4/3/2013 19:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
A380 ha scritto:
Non penso proprio. Tu addirittura capovolgi le parti. Secondo te Prodi ci ha tirato una fregatura (quale?) grossa (perché?) e berlusconi quella piccola?


Esattamente, Prodi ci ha privato della sovranità monetaria nazionale, sono 12 anni che la BCE produce denaro con interesse al 0,75% e lo dà alle banche private e noi lo compriamo con interesse al 7% dalle banche private.
Hai presente il 7% annuo su ogni moneta stampata? Bene.

Io non ricordo di averlo autorizzato, eppure la sovranità appartiene al popolo (o così s'era detto nel 1947)

Siccome adesso il Prodi ce lo beccheremo come presidente della repubblica, è opportuno che ci si metta in pari, e anche in fretta, sui problemi veri.

Ti do altri spunti: 1980 la banca d'italia diventa privata. 2002 l'euro può essere stampato solo dalla BCE. In questi due casi abbiamo preso, come popolo, un inculata micidiale. La curva dell'inflazione prima e dopo l'euro è identica, non è l'euro a creare il problema ma solo a consolidare un trend.
Fai un bel respiro, prova a pensare "ma se fosse vero, se ci fossero le prove, io l'accetterei che Prodi è peggio, peggio, peggio di Berlusconi?" e poi magari cerchi qualche riscontro.

Se certi discorsi non li facciamo adesso che sionisti e piddini se ne sono andati fuori dalle balle, non avremo mai più la serenità per affrontare certe tematiche.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Manfred
Inviato: 4/3/2013 19:17  Aggiornato: 4/3/2013 19:17
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Non mi auto sospendo, non lascio volontariamente lo spazio, potrebbe sembrare uno scherzo, ma non voglio restare inoperoso di fronte alla possibilità che le decisioni della vita reale vengano trasformate in opinioni virtualmente manipolabili in rete. Non combatto certamente gli esponenti e simpatizzanti di un movimento che ha dichiarato di voler abbattere qualsiasi forma di mafia partitico-bancaria a livello mondiale ma le idee e l'intento nascosto di trasformare le coscienze, che ha portato questa massa di persone ad assopire il proprio senso critico al solo udire un nome, fatti e citazioni che lo evocano nel loro immaginario.
I paragoni sono inquietanti, non vorrei che si iniziasse un Aventino virtuale, che potrebbe espandersi nel mondo reale, perciò auto sospesi vi invito a riflettere e rientrare.

panagio
Inviato: 4/3/2013 19:24  Aggiornato: 4/3/2013 19:39
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/6/2011
Da:
Inviati: 232
 Re: E' una questione di linguaggio
È OT , ed è per me un secondo post oggi, dove inserisco un link di una persona
Passata a miglior vita...ne avrei fatto volentieri a meno!



Link a il fatto: scomparso suocero di Grillo

Metto anche un secondo link, dove vi sono alcune considerazioni.
Persona stimata e rispettata, aveva informato direttamente il Beppe Grillo,
Conoscendo bene la lingua, delle errate traduzioni fatte ai discorsi
Dal suo presidente iraniano Ahmadinejad ...riportate poi da Grillo
In un'intervista ad un giornale israeliano.
Edit2: riporto il commento che scrive il giornalista in conclusione del suo articolo

CONSIGLIERE - Il riferimento al suocero, che per cinquant’anni ha commerciato in tappeti persiani, aveva fatto saltare la mosca al naso a Menachem Gantz, il giornalista di Yedioth Ahronot che lo aveva intervistato e che poi aveva concluso nel suo articolo:
Se un giorno Grillo farà parte del governo italiano – scrive il corrispondente Menachem Gantz -, il suocero avrà un ruolo fondamentale nella politica estera.




Link con indicazioni traduzioni errate

Link secolo Xix di genova

Condoglianze a Grillo e famiglia. R.I.P.

Edit: non voglio pensare male, ma come tempismo mi lascia comunque perplesso!

matteog
Inviato: 4/3/2013 19:31  Aggiornato: 4/3/2013 19:31
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/9/2009
Da: Roma
Inviati: 966
 Re: E' una questione di linguaggio
Ok parliamo degli eletti, tipo questa fascista, che adesso è capogruppo che dice:

Citazione:
Prima questione: qualcuno mi dice, finchè esistono loro il fascismo non sarà morto, quindi non mi dire che questa ideologia non rappresenta una minaccia presente. Da quello che conosco di Casapound, del fascismo hanno conservato solo la parte folcloristica (se vogliamo dire così), razzista e sprangaiola. Che non comprende l’ideologia del fascismo, che prima che degenerasse aveva una dimensione nazionale di comunità attinta a piene mani dal socialismo, un altissimo senso dello stato e la tutela della famiglia


Si può leggere sul suo blog

Sempre più contento di non aver votato questi FASCISTI RIPULITI

"Cercare il complotto è sano, trovarlo dappertutto è follia." M. Galante
A380
Inviato: 4/3/2013 19:39  Aggiornato: 4/3/2013 19:39
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Citazione:

A380 ha scritto:
Non penso proprio. Tu addirittura capovolgi le parti. Secondo te Prodi ci ha tirato una fregatura (quale?) grossa (perché?) e berlusconi quella piccola?



Esattamente, Prodi ci ha privato della sovranità monetaria nazionale, sono 12 anni che la BCE produce denaro con interesse al 0,75% e lo dà alle banche private e noi lo compriamo con interesse al 7% dalle banche private.
Hai presente il 7% annuo su ogni moneta stampata? Bene.

Io non ricordo di averlo autorizzato, eppure la sovranità appartiene al popolo (o così s'era detto nel 1947)

Siccome adesso il Prodi ce lo beccheremo come presidente della repubblica, è opportuno che ci si metta in pari, e anche in fretta, sui problemi veri.

Ti do altri spunti: 1980 la banca d'italia diventa privata. 2002 l'euro può essere stampato solo dalla BCE. In questi due casi abbiamo preso, come popolo, un inculata micidiale. La curva dell'inflazione prima e dopo l'euro è identica, non è l'euro a creare il problema ma solo a consolidare un trend.
Fai un bel respiro, prova a pensare "ma se fosse vero, se ci fossero le prove, io l'accetterei che Prodi è peggio, peggio, peggio di Berlusconi?" e poi magari cerchi qualche riscontro.

Se certi discorsi non li facciamo adesso che sionisti e piddini se ne sono andati fuori dalle balle, non avremo mai più la serenità per affrontare certe tematiche.

Insomma, lo capite o no che l'entrata nell'Euro era inevitabile? Prodi ci ha condotti nell'Euro perchè non ne poteva fare a meno.
In parole povere: o ci si trovava nelle condizioni della Svezia o dell'Inghilterra, oppure la strada percorribile era una sola.
Che poi tutto il resto sull'Euro sia perfettamente in linea con quello che sostiene Grillo, non ci piove.
Ma da lì a dire che vi erano alternative, sinceramente non ne vedo possibilità.
Si può comunque chiedere al Popolo Italiano che cosa ne pensa istituendo apposito referendum, possiamo sempre ritornare indietro, se vogliamo.
Purchè sia la Banca di Stato a battere moneta e sia il Presidente della Repubblica a firmare le banconote. Altrimenti la fregatura è 2.0!
Altra cosa: sei proprio sicuro che i sionisti si siano levati dalle balle? Io sono rimasto molto sorpreso di quell'8% preso dalla lista Monti. E i sionisti maledetti non stavano soltanto lì

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
Sertes
Inviato: 4/3/2013 19:47  Aggiornato: 4/3/2013 19:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
A380 ha scritto:
Si può comunque chiedere al Popolo Italiano che cosa ne pensa istituendo apposito referendum, possiamo sempre ritornare indietro, se vogliamo.


Non sono d'accordo con nulla della tua analisi sull'euro, però questa proposta la condivido al 100%

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
orne
Inviato: 4/3/2013 19:57  Aggiornato: 4/3/2013 19:57
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/6/2012
Da: Genova
Inviati: 104
 Re: E' una questione di linguaggio
@Sertes

Citazione:
Io non ricordo di averlo autorizzato, eppure la sovranità appartiene al popolo (o così s'era detto nel 1947)


Ricordo male io o in Inghilterra avevano fatto un referendum chiedendo ai cittadini se volevano entrare nell'Euro?

Chiunque voglia sinceramente la verità è sempre spaventosamente forte.

Fëdor Dostoevskij
horselover
Inviato: 4/3/2013 20:17  Aggiornato: 4/3/2013 20:17
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/9/2012
Da:
Inviati: 1898
 Re: E' una questione di linguaggio
fino a quando esisterà il denaro non ce ne sarà mai abbastanza, chiunque lo firmi

PadijtLee
Inviato: 4/3/2013 20:19  Aggiornato: 4/3/2013 20:19
Mi sento vacillare
Iscritto: 4/6/2010
Da:
Inviati: 447
 Re: E' una questione di linguaggio

horselover
Inviato: 4/3/2013 20:29  Aggiornato: 4/3/2013 20:29
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/9/2012
Da:
Inviati: 1898
 Re: E' una questione di linguaggio
non mi sembra così nuovo il linguaggio a base di vaffanculo, ma tanti credono al mo vi mento

A380
Inviato: 4/3/2013 20:31  Aggiornato: 4/3/2013 20:35
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
fino a quando esisterà il denaro non ce ne sarà mai abbastanza, chiunque lo firmi

Questo è un altro discorso.
Grillo dice (o diceva) che il denaro non può essere carta straccia, il denaro deve essere di proprietà dello Stato e la firma del Presidente della Repubblica ne è la garanzia.
Ha ragione!
La cartaccia dell'Euro, così come è oggi, improvvisamente potrebbe non avere più alcun controvalore. Perchè è stampata alla stessa stregua dei soldi del Monopoli.
Questo è uno dei fondamenti errati su cui si basa l'Euro.
P.S. per la cronaca, se si fa il Referendum per il ritorno alla Lira o la creazione di un'altra moneta dal valore Legale, io voto favorevolmente a quest'ipotesi!

Citazione:

Uahuahuahuahuahuahuah. Al momento non è ancora così, anzi, per fortuna Grillo pare avere intercettato le possibili derive autoritaristiche.
Per il resto, gli scettici lo aspettano al varco.

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
horselover
Inviato: 4/3/2013 20:38  Aggiornato: 4/3/2013 20:41
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/9/2012
Da:
Inviati: 1898
 Re: E' una questione di linguaggio
anche con la firma del presidente è carta straccia, il valore lo diamo noi credendoci. lo stato è il participio passato di essere, dovremmo guardare in avanti e non indietro

A380
Inviato: 4/3/2013 20:53  Aggiornato: 4/3/2013 20:53
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
anche con la firma del presidente è carta straccia, il valore lo diamo noi credendoci. lo stato è il participio passato di essere, dovremmo guardare in avanti e non indietro


Fammi capire, vorresti ritornare al baratto?

La "carta di Stato" è stata ideata stampando fogli (banconote) in proporzione alla quantità di oro posseduta dallo Stato che batte moneta, nulla più e nulla meno.
Stampare di più equivale a aumentare l'inflazione. Stampare di meno equivale a aumentare il valore del singolo foglio (banconota).
Il denaro è un pegno del pagamento, ma che valore può avere se è stampato da una banca privata? Ovvero, chi mi assicura che la banca privata stamperà e metterà in circolazione tante banconote e monete quante ne può e ne deve stampare?
O peggio, nel meccanismo dell'Euro la banca centrale (minuscolo, voluto) presta denaro (che tra l'altro per quanto detto sopra non vale niente) agli Stati, in più ci lucra gli interessi.
Capirai che il valore ballerino di questa cartaccia non può essere direttamente controllato se non da chi lo stampa e siccome chi lo stampa è un privato, ti lascio immaginare che cosa può fare!
Le banconote devono ritornare a essere fatte dallo Stato.

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
Manfred
Inviato: 4/3/2013 21:02  Aggiornato: 4/3/2013 21:02
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Abbiamo avuto soldi nostri i cinquecento lire di carta, erano firmati dal ministro del tesoro non dal governatore della banca d'Italia, strano governava la DC.

osva
Inviato: 4/3/2013 21:08  Aggiornato: 4/3/2013 21:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/6/2009
Da: Milano
Inviati: 251
 Re: E' una questione di linguaggio
@A380
In teoria non siamo mai usciti dal baratto, la moneta sarebbe nata per facilitarlo. Poi è nato l'interesse, l'usura, l'anatociscmo ecc. ecc.
Spero comunque che tu sappia che la convertibilità in oro non c'è più da 1971 per decisione unilaterale del fu presidente Nixon. Quindi ha ragione horselover: il valore lo diamo noi credendoci

Le banconote non possono ritornare a essere fatte dallo Stato semplicemente perchè questo non è mai successo. Lo stato è sempre e solo stato azionista della Banca Centrale (Banca dìItalia nel nostro caso) nella misura, cito a memoria, al massimo del 15%. Adesso ne è azionista per una percentuale ridicola tramite l'INAIL, se non erro, ma poco importa. L'azionista di maggioranza adesso è INTESA S.Paolo, (che bel nome, neolingua orwelliana, tipo Istituto Opere Religiose), con più del 30%, seguito da Unicredit e via a scendere.

Uno ci ha provato a far stampare banconote dallo stato, ha cominciato con le 500 lire, ci ha scritto sopra, invece di Banca d'Italia, Repubblica Italiana. E' durato poco. Si chiamava Aldo Moro.

osva
Inviato: 4/3/2013 21:11  Aggiornato: 4/3/2013 21:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/6/2009
Da: Milano
Inviati: 251
 Re: E' una questione di linguaggio
A380
Quello che diceva Grillo sulla proprietà della moneta era bellissimo. Allora frequentava molto il senatore Auriti. Poi ha smesso......

Manfred
Inviato: 4/3/2013 21:15  Aggiornato: 4/3/2013 21:19
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
‘Surrender! You’re surrounded!’ he bellowed over and over again at his rallies. The phrase was traditionally very popular with Italian fascists. He was referring to all Italy’s politicians, except his lot.

Non sarebbe corretto"postare" in inglese, ma pare che l'italiano sia poco compreso di questi tempi.

Jurij
Inviato: 4/3/2013 21:18  Aggiornato: 4/3/2013 21:18
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: E' una questione di linguaggio
populismo=atteggiamento o movimento politico, sociale o culturale che tende genericamente all’elevamento delle classi più povere, senza riferimento a una specifica forma di socialismo e a una precisa impostazione dottrinale.

Populismo => molto positivo, non capisco perchè la parola populismo viene utilizzata spesso in senso negativo.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
osva
Inviato: 4/3/2013 21:20  Aggiornato: 4/3/2013 21:20
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/6/2009
Da: Milano
Inviati: 251
 Re: E' una questione di linguaggio
@Jurij QUOTO!!

Nuit
Inviato: 4/3/2013 21:24  Aggiornato: 4/3/2013 21:24
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/9/2010
Da: Messina
Inviati: 346
 Re: E' una questione di linguaggio
@Sertes

Esattamente, Prodi ci ha privato della sovranità monetaria nazionale, sono 12 anni che la BCE produce denaro con interesse al 0,75% e lo dà alle banche private e noi lo compriamo con interesse al 7% dalle banche private. Hai presente il 7% annuo su ogni moneta stampata?

Aggiungerei una presidenza dell'IRI DISASTROSA e la relativa svendita!!

Sicuramente sarà un presidente (mi auguro di no) molto patriottico e con un alto senso dello stato!!

Manfred
Inviato: 4/3/2013 21:24  Aggiornato: 4/3/2013 21:24
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
populismo=atteggiamento o movimento politico, sociale o culturale che tende genericamente all’elevamento delle classi più povere, senza riferimento a una specifica forma di socialismo e a una precisa impostazione dottrinale. Populismo => molto positivo, non capisco perchè la parola populismo viene utilizzata spesso in senso negativo.

La definizione stessa è auto esplicativa: non sono le classi più povere a fare qualcosa per se stesse e dal momento che nessuno fa niente per niente....

osva
Inviato: 4/3/2013 21:34  Aggiornato: 4/3/2013 21:34
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/6/2009
Da: Milano
Inviati: 251
 Re: E' una questione di linguaggio
Ah, guardatevi questo. Com'è facile far diventare qualcuno che dice solo la verità nazista, antisemita, antifemminista e chi più ne ha più ne metta....e io, l'avrete capito, non sono "grillino"...

https://www.youtube.com/watch?v=djIx-qzSohI&feature=player_embedded

Pensoso
Inviato: 4/3/2013 21:52  Aggiornato: 4/3/2013 21:55
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/8/2009
Da:
Inviati: 436
 Re: E' una questione di linguaggio
Bersani cercherebbe l'appoggio di almeno alcuni M5S "minacciando" lo stesso movimento di fare una legge (assieme però) sui partiti. Non dimentichiamoci che la Costituzione non obbliga ad entrare in Parlamento solo se eletti in partiti. Quindi le liste elettorali saranno sempre possibili anche per aggregati di persone diversi dalle associazioni (se Bersani non si riferisce ad una riforma della Costituzione, che sappiamo tutti non essere la cosa più fattibile da una maggioranza esile e che ha secondo tutti una durata brevissima), come sono invece i partiti politici. La legislazione sui partiti serve, ma proprio per il potere abnorme che hanno acquisito queste associazioni, ed il fatto che abbiano deviato troppo dal loro scopo iniziale. Eventuali problemi per chi possa stare dietro agli altri aggregati di individui che presentano liste elettorali, pur non essendo dei veri partiti, si affrontano con la legge sul conflitto di interessi... se vogliono farla...

(uso non improprio di firma)
A380
Inviato: 4/3/2013 21:54  Aggiornato: 4/3/2013 22:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Ah, guardatevi questo. Com'è facile far diventare qualcuno che dice solo la verità nazista, antisemita, antifemminista e chi più ne ha più ne metta....e io, l'avrete capito, non sono "grillino"... https://www.youtube.com/watch?v=djIx-qzSohI&feature=player_embedded


Questo era quel qualcosa che prima di votare mi aveva fatto pensare di mettere la croce sul M5S.

A quanto pare il piddì preferisce tenere gli occhi chiusi di fronte alla shoah nei confronti del Popolo Palestinese per poi lavarsi la bocca con concetti "di sinistra".
Ecco perchè è già da molto tempo che costoro non dicono più nulla di Sinistra!


Citazione:
In teoria non siamo mai usciti dal baratto, la moneta sarebbe nata per facilitarlo. Poi è nato l'interesse, l'usura, l'anatociscmo ecc. ecc. Spero comunque che tu sappia che la convertibilità in oro non c'è più da 1971 per decisione unilaterale del fu presidente Nixon. Quindi ha ragione horselover: il valore lo diamo noi credendoci


nixon (minuscolo voluto) è stato uno dei più formidabili (merda su di loro) sionisti, lo sapevo e non mi stupisce, fu un bel colpo. Però togliendo il riferimento relativo alla contropartita (oro/carta moneta) togli anche una credibilità di tipo assoluto (a quel determinato valore) a favore di una credibilità variabile. Il che è tutto dire...

Citazione:
Le banconote non possono ritornare a essere fatte dallo Stato semplicemente perchè questo non è mai successo. Lo stato è sempre e solo stato azionista della Banca Centrale (Banca dìItalia nel nostro caso) nella misura, cito a memoria, al massimo del 15%. Adesso ne è azionista per una percentuale ridicola tramite l'INAIL, se non erro, ma poco importa. L'azionista di maggioranza adesso è INTESA S.Paolo, (che bel nome, neolingua orwelliana, tipo Istituto Opere Religiose), con più del 30%, seguito da Unicredit e via a scendere.


Una cosa era la Banca d'Italia quando stampava carta moneta, oggi poco importa perchè la carta moneta la stampa la BCE. Ma se facciamo il referendum, si ritorna al controvalore in oro e alla stampa da parte dello Stato o il mossad ci bombarda?

Citazione:
Uno ci ha provato a far stampare banconote dallo stato, ha cominciato con le 500 lire, ci ha scritto sopra, invece di Banca d'Italia, Repubblica Italiana. E' durato poco. Si chiamava Aldo Moro.


Infatti la stella che capeggiava dietro di lui anzichè avere cinque punte ne avrebbe dovuto avere sei. Le BR sono sempre state famose, oltre che per la loro violenza, per i favori fatti a (merda su di lui) israele.

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
Jurij
Inviato: 4/3/2013 22:22  Aggiornato: 4/3/2013 22:22
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: E' una questione di linguaggio
Grazie osva per il link, una simpatia in più per beppe da parte mia.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
invisibile
Inviato: 4/3/2013 22:27  Aggiornato: 4/3/2013 22:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
Un altro risultato che si può osservare in questi giorni é l'aumento notevole di stress dei giornalisti TV. Non quelli che inseguono Grillo e grillini su e giù per l'Italia ma quelli compassati dei TG. Abituati e rassicurati nel loro ruolo di deformatori sistematici della realtà ora si trovano a dover fare il triplo lavoro, per dire quello che devono dire, pena sputtanamento istantaneo grazie alla rete, ed allo stesso tempo espletare la loro funzione primaria, quella per cui li pagano, mentire.
Fino a ieri avevano una relativa tranquillità data dal fatto che lo sputtanamento in rete non avrebbe comunque raggiunto le masse dei teleipnotizzati. Ma ora devono stare molto più attenti perché ora quella stessa rete é usata anche da deputati (anzi "provengono" dalla rete) e senatori della repubblica, che un giorno potrebbero addirittura diventare primo ministro o addirittura presidente della repubblica e che non possono essere più nascosti nel getto digitale.
Quelli che fino a ieri erano i loro padroni, e che garantivano con l'omertà le menzogne, ora non sono più gli stessi, almeno in parte.
Se si aggiunge il probabile caos e panico che serpeggia nei palazzi, si può supporre che le linee di comunicazione che portano gli ordini, dal ministero della verità ai media, siano anch'esse vittime di disordine e incertezza.
Big pharma sta facendo ottimi affari con i calmanti.

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
orne
Inviato: 4/3/2013 22:28  Aggiornato: 4/3/2013 22:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/6/2012
Da: Genova
Inviati: 104
 Re: E' una questione di linguaggio
@A380

Citazione:
P.S. per la cronaca, se si fa il Referendum per il ritorno alla Lira o la creazione di un'altra moneta dal valore Legale, io voto favorevolmente a quest'ipotesi!


Premesso che anch'io propenderei per uscire dall'euro, mi viene da fare una riflessione: il ritorno alla Lira non sarebbe così facile, perché rischieremmo di dimezzare di nuovo il potere di acquisto dei nostri stipendi (che resterebbero uguali in quanto sono stati le uniche cose ad adeguarsi al cambio concordato) rispetto ai beni di consumo (i negozianti applicherebbero - stavolta sì - il cambio a 1936,27).
Cosa succederebbe, a quel punto, ai nostri portafogli?

Chiunque voglia sinceramente la verità è sempre spaventosamente forte.

Fëdor Dostoevskij
Calvero
Inviato: 4/3/2013 22:34  Aggiornato: 4/3/2013 22:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: E' una questione di linguaggio
_______________
_________

"Storiella Zen"

Quando l'asino cadde nel pozzo cominciò a ragliare disperato.
Il contadino sapeva di non poter riuscire a tirarlo fuori, sì, ok, ci aveva pensato ma infondo infondo aveva compreso che non valeva neanche la pena tentare una simile fatica; l'asino non era così importante d'altronde; poi il pozzo era secco, quindi chiamò un altro contadino, giusto per farsi aiutare a seppellirlo lì dov'era... che quel ragliare era comunque insostenibile alle sue orecchie. Allora cominciarono con i badili a buttare dentro la terra. L'asino disperato cominciava a ragliare più forte mentre la terra gli rovinava addosso. I contadini incalzavano la dose più velocemente ..e giù terra, sempre più terra. Poi, poco dopo, l'asino fece silenzio. Incuriositi, i contadini, smisero per un momento di seppellirlo e si affacciarono nel pozzo.... così poterono constatare che l'asino scrollandosi la terra di dosso poteva usarla per salirci sopra e man mano avvicinarsi sempre più all'uscita.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Manfred
Inviato: 4/3/2013 22:42  Aggiornato: 4/3/2013 22:42
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Perché tanta fatica inutile di questi tempi gli asini volano!

invisibile
Inviato: 4/3/2013 22:43  Aggiornato: 4/3/2013 22:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
Calvero

Non la conoscevo. Bella e adatta.

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
delitto
Inviato: 4/3/2013 22:43  Aggiornato: 4/3/2013 22:43
So tutto
Iscritto: 27/1/2012
Da:
Inviati: 24
 Re: E' una questione di linguaggio
Vorrei postarvi una parte del libro "Magia Applicata", della scrittrice britannica Dion Fortune, la trovo molto attuale, nonostante il libro sia stato pubblicato nel 1962. La parte dedicata, riguarda il capitolo sulle menti di gruppo e gli elementali artificiali. Tra le parentesi ci metto qualche mio pensiero:

"..Tanto più vasta è l'organizzazione da riformare (ovvero la nostra politica tradizionale), più è difficile da scuotere, rendendo necessaria una personalità molto forte pa parte di chi intraprende tale compito (B.Grillo di certo non manca di personalità e carisma). Eppure una volta che questa forte personalità inizia ad avere riscontri, si forma velocemente un gruppo sotto la sua guida, fatto che crea a sua volta un elementale (M5S) .
A questo punto sarà l'energia stessa che lui ha originato a sostenerlo e spingerlo avanti. Quando il leader avrà dei cedimenti sarà proprio il movimento da lui creato a farlo resistere. Mentre l'individuo solitario si può distaccare e prendersi una pausa nei momenti di dubbio e di scoramento, chi conduce un gruppo fortemente emotivo non lo può fare, perchè appena rallenta la sua spinta sente la pressione della mente di gruppo che lo sostiene nei momenti difficili (tsunami tour).
Può anche accadere che se egli si trova alle prese con un piano avventato, sia proprio questo che prima o poi conduca alla rovina.
Non vi è modo di fermare la spinta di un movimento che sta crescendo lungo delle linee evolutive (tutti a casa). La mente di gruppo dei partecipanti forma un canale per la sua manifestazione e l'energia che si sviluppa è irresistibile. Tuttavia, per quanto potente sia la personalità, per quanto vaste le risorse, o popolari gli slogan, se il movimento è contrario alla legge cosmica, è solo questione di tempo fino a quando non precipiterà nell'abbisso (per chi teme che ci sia la massoneria oscura dietro al M5S). In questo caso è la spinta stessa che si è andata creando la causa ultima della distruzione. Se si concede abbastanza corda a un movimento falso, questo vi si impiccherà sempre, per la semplice forza d'inerzia del proprio peso sbilanciato
"

Sicuramente molto attuale, ed è naturale che chi appartiene ad un tale movimento, non possa essere in sintonia, anche dal punto di vista linguistico, con chi appartiene al vecchio e defunto sistema.

Sertes
Inviato: 4/3/2013 22:47  Aggiornato: 4/3/2013 22:48
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: E' una questione di linguaggio
Nel frattempo, nel mondo reale...


Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Manfred
Inviato: 4/3/2013 22:49  Aggiornato: 4/3/2013 22:49
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Si impiccherà dopo aver fatto danno , riversare le proprie frustrazioni sugli altri è un elementale ben conosciuto da chi sforna i leader, basta cogliere le analogie della storia.

invisibile
Inviato: 4/3/2013 22:52  Aggiornato: 4/3/2013 22:54
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
@Sertes

Ma se distribuissero quei rimborsi elettorali in parti uguali agli italiani... quanto verrebbe a testa? 2.000 giusto?

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
Sertes
Inviato: 4/3/2013 22:55  Aggiornato: 4/3/2013 22:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
invisibile ha scritto:
Ma se distribuissero quei rimborsi elettorali in parti uguali agli italiani... quanto verrebbe a testa? 2.000 giusto?


Parlo solo per me, ma io non voglio le tasse indietro, io voglio servizi per quanto pago. I politici non sono un servizio.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
invisibile
Inviato: 4/3/2013 22:57  Aggiornato: 4/3/2013 22:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
Era solo per avere una idea. Siamo 60 milioni in Italia se non sbaglio.

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
Manfred
Inviato: 4/3/2013 23:02  Aggiornato: 4/3/2013 23:02
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Continua semplicemente la strategia in vista delle prossime elezioni, i conti si fanno dopo aver visto il reale danno provocato, che non saranno sicuramente questi spiccioli.

ohmygod
Inviato: 4/3/2013 23:10  Aggiornato: 4/3/2013 23:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: E' una questione di linguaggio
Volendo si puo scoprire quasi tutto di tutti.
Manfred sei un essere,un umano o nè l'uno nè l'altro? e il non avere basi sulle quali principiare è il mio limite.

Manfred
Inviato: 4/3/2013 23:14  Aggiornato: 4/3/2013 23:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Un asino che non vola e nemmeno vuol cadere nel pozzo.

Calvero
Inviato: 4/3/2013 23:24  Aggiornato: 4/3/2013 23:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: E' una questione di linguaggio
______________________
________________


Intanto continuo ad osservare la fotografia del teatro dell'assurdo.

Oggettivamente dove la democrazia non esiste e l'etimo è un abuso legittimato per Legge; dove di fascismo di maggioranza trattasi; dove, pure cornuti e mazziati, la partecipazione non è concessa neanche a coloro che hanno votato quel fascismo di maggioranza; dove il Governo è oggettivamente colluso, omertoso, criminale, mafioso, ladro, elitario, venduto, di casta, prevaricatore e, ciliegina sulla torta, dove la Legge non è uguale per tutti ---> per Legge ... ecco che si riesce anche a indignarsi per lesa maestà e, per magia, la mediazione diviene lo Spirito Santo e l'integrità è catalogata come cosa riprovevole.

Si depositi una richiesta all'Accademia della Crusca per mettere alla voce - ipocrisia - la nuova accezione ufficiale: idolatria rosicatrice di stampo Statale.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 4/3/2013 23:29  Aggiornato: 4/3/2013 23:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: E' una questione di linguaggio
Manfred ti voglio bene

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Manfred
Inviato: 4/3/2013 23:31  Aggiornato: 4/3/2013 23:31
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Hai dimenticato, nel teatro dell'assurdo credere a Babbo Natale, con tutto quel che comporta viene ora definito onesta sincerità!

ohmygod
Inviato: 4/3/2013 23:47  Aggiornato: 4/3/2013 23:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: E' una questione di linguaggio
@Manfred
Un asino che non vola e nemmeno vuol cadere nel pozzo.


Nella titubanza la supponenza che da qulche "parte" vi fosse stata una scissione.Almeno è una traccia:la costruzione del linguaggio.
Può persino sembrare Mytho magari Storia.

doktorenko
Inviato: 4/3/2013 23:54  Aggiornato: 4/3/2013 23:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 7/8/2009
Da:
Inviati: 2332
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Ma se distribuissero quei rimborsi elettorali in parti uguali agli italiani... quanto verrebbe a testa? 2.000 giusto?


Non 2.000 ma 4.000 lire a testa circa

Calvero
Inviato: 5/3/2013 0:14  Aggiornato: 5/3/2013 0:14
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Può persino sembrare Mytho magari Storia.


Momento_Metafore_On

La storia come vaccino necessario all'umanità.

Quando avremo perso l'esigenza di pensare storicamente saremo liberi.

Così come dal letame nascono i fiori, così si deve pagare il Fio e l'umana condizione testare tutte le sue malattie prima di dirsi sana, per questo la Libertà è una conquista e non un Diritto ...

... e, in proposito, per questo i Diritti non tutelano, ma eludono; lo dice la parola stessa, sono appunto "Diritti" e non v'è nulla di più storto dell'umana condizione. In natura non esistono linee rette, diceva qualcuno.

Lasciamo che si cerchino le scorciatoie, tutti vogliono andare diritti poi una volta fuori strada alla prima curva, chi sopravvive lascerà consapevolezza e il continuum, il divenire, la Legge causale penserà a tutto il resto ...

... non è il tempo, siamo noi che passiamo - diceva un altro qualcuno.

Il lato oscuro forte è .. Aiò .. come disse Yoda dopo una vacanza in Sardegna, tanto tempo fa in una galassia lontana lontana

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
NiHiLaNtH
Inviato: 5/3/2013 0:25  Aggiornato: 5/3/2013 0:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
In questo caso è la spinta stessa che si è andata creando la causa ultima della distruzione


sai è un pò che ci penso ma forse il m5s è nato appositamente per fallire, per creare caos e dare così la possibilità ai mondialisti di mostrare al popolo che una politica dal basso, una politica alternativa fatta da persone comuni e oneste non è possibile, che il popolo non è in grado di scegliere cosa è meglio per la nazione e che solo le guide illuminate come monti possono garantire l'ordine

una strategia del genere fa sempre parte del loro modus operandi ( problema reazione soluzione )

quali potrebbero essere gli elementi necessari a garantire il fallimento del m5s?

elementi politici

-l'inesperienza e l'ingenuità degli eletti
-le figure di grillo e casaleggio che fanno da padroni del movimento
-attacchi inganni e manipolazioni da parte dei vecchi politici e dei media

elementi esterni ( situazioni create ad arte dai soliti noi )

-ritorno del pericolo islamico o di qualche altro gruppo
-inasprimento della crisi economica
-crescita delle tensioni in medio oriente
-disastri più o meno naturali

Citazione:
In natura non esistono linee rette


e le ley lines?

Al2012
Inviato: 5/3/2013 0:40  Aggiornato: 5/3/2013 0:40
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: E' una questione di linguaggio
@ NiHiLaNtH

Citazione:
e le ley lines?


Non penserai mica che la terra è piatta ??

“Capire … significa trasformare quello che è"
hvsky
Inviato: 5/3/2013 2:18  Aggiornato: 5/3/2013 2:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/6/2011
Da:
Inviati: 161
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:

Continua semplicemente la strategia in vista delle prossime elezioni, i conti si fanno dopo aver visto il reale danno provocato, che non saranno sicuramente questi spiccioli.



SPICCIOLI..... aho ma tu che lavoro fai?


sei della scuola "a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca..?
e aspettiamo un attimo prima di dare giudizi catastrofici......

Questa è la danza del pensiero... puoi anche non crederci ma è tutto vero!
Maksi
Inviato: 5/3/2013 9:27  Aggiornato: 5/3/2013 9:27
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/10/2011
Da:
Inviati: 1219
 Re: E' una questione di linguaggio
Grillo apre ad un governo tecnico e Monti lo invita a palazzo Chigi il Prof tesse le fila nell'ombra

Pian piano sta nascendo la 3° Repubblica demo-tecnocratica, con Grillo come portatore della riforma politica verso una neo-tecnocrazia a-partitica. Per i cd poteri forti sara' questa la base delle future strategie politiche... ed ovviamente stanno spingendo dal basso tale agenda, come hanno sempre fatto.

Sertes
Inviato: 5/3/2013 9:39  Aggiornato: 5/3/2013 9:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: E' una questione di linguaggio
Leggendo certi commenti mi sembra che il digital divide qualcuno ce l'abbia a metà della fronte

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
alpignolo
Inviato: 5/3/2013 12:17  Aggiornato: 5/3/2013 12:17
So tutto
Iscritto: 5/3/2007
Da:
Inviati: 15
 Re: E' una questione di linguaggio

mc
Inviato: 5/3/2013 14:08  Aggiornato: 5/3/2013 18:09
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Pian piano sta nascendo la 3° Repubblica demo-tecnocratica, con Grillo come portatore della riforma politica verso una neo-tecnocrazia a-partitica. Per i cd poteri forti sara' questa la base delle future strategie politiche... ed ovviamente stanno spingendo dal basso tale agenda, come hanno sempre fatto.

Ma questa c... opinione e' maturata in base all'articolo del pulitzer che scrive su Libero o e' frutto di una piu' profonda analisi personale?

I cd "poteri forti" ti hanno comunicato direttamente che sara' "la base delle future strategie politiche" o e' una tua ipotesi?

Ed "ovviamente" stanno spingendo dal basso...
Quando "spingevano" dall'alto, "ovviamente" spingevano dall'alto (governo tecnocratico precedente). Ora, e' "naturale" che le spinte arrivino dall'ignaro movimento grillino.

..........
Dopotutto il Casaleggio e' "chiaramente" una manifestazione bildeberghiana. Basta leggere le informazioni che lo legano all'Aspen: qualche milione di anni fa, un socio di riferimento del gruppo di Casaleggio ne era membro (non c'e' piu' da un migliaio di anni in consocieta' con Casaleggio, ma questo non e' abbastanza folkloristico e non si ricorda di solito "per dovere di cronaca").
..........

Non possono essere queste le argomentazioni valide per dichiararsi scettici, e' un'offesa all'intelligenza. Non lo sono gia' solamente per dichiararsi scettici, figuriamoci per fare dell'ostracismo (in senso lato... per esempio propagandando lo stesso scetticismo su un blog).

...trovo tutto molto triste, sinceramente triste.

mc

Sarevok
Inviato: 5/3/2013 14:31  Aggiornato: 5/3/2013 14:31
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/4/2007
Da: Pesaro
Inviati: 191
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Grillo apre ad un governo tecnico e Monti lo invita a palazzo Chigi il Prof tesse le fila nell'ombra


Grillo dice NO al governo tecnico

LOL

Lunga vita e prosperità.
cheddyved
Inviato: 5/3/2013 15:06  Aggiornato: 5/3/2013 15:06
Ho qualche dubbio
Iscritto: 16/2/2007
Da:
Inviati: 109
 Re: E' una questione di linguaggio
Grande rispetto verso chi manifesta in buona fede il proprio dissenso o i propri dubbi nei confronti di Grillo/M5S ma massimo disprezzo nei confronti di chi continua a diffondere o sostenere i fakes sul M5S sia prima che dopo le elezioni...

LoneWolf58
Inviato: 5/3/2013 15:21  Aggiornato: 5/3/2013 15:21
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: E' una questione di linguaggio

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
Maksi
Inviato: 5/3/2013 15:52  Aggiornato: 5/3/2013 15:56
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/10/2011
Da:
Inviati: 1219
 Re: E' una questione di linguaggio
@mc

Sinceramente nemmeno mi interessava il contenuto dell'articolo (mai letto Libero... o quello che e'), ma solo riportare le affermazioni di Crimi sulla "possibilita'" di aprire prospettive ad un governo tecnico.

L'analisi e' stata fatta riguardo a certi movimenti (movimenti nel senso di processi) storici, che rispondono a certe caretteristiche: usare la volonta' popolare per fini politici. Ovviamente da dentro non si percepisce cio'.

I "poteri forti" (il quale termine nemmeno mi piace) possono essere studiati se si arriva a capire che le decisioni verso determinati processi storici (riguardo la politica, cultura, economia ecc) NON sono casuali, ma concepiti per scopi (piu' o meno oscuri: chi poteva capire all'inizio che l'accordo ecconomico europeo per il carbone e l'acciao fosse il capostipite della moneta unica?) predefiniti. Ovviamente qui bisogna avere anche una visione delle cose in generale e magari azzardare anche certe "profezie", con la conseguenza (minore, per carita') di essere tacciato come pazzo-visionario-che-spara-cazzate... Potete comunque relegarle come fanta-politica, se volete... ma vedrete che realta' superera' di gran lunga la fantasia. Il fatto e' che a molti piacera' questa "nuova" politica, perche' e' figlia di internet, come lo siamo noi. Ovviamente internet sara' la prossima fornitera della rivoluzione... programmata.

Non essere triste, comunque... fuori c'e' il sole... oh no, ora non piu'

Citazione:


Citazione:
"Il M5S non darà la fiducia a un governo tecnico, né lo ha mai detto. Non esistono governi tecnici in natura, ma solo governi politici sostenuti da maggioranze parlamentari. Il governo Monti è stato il governo più politico del dopoguerra, nessuno prima aveva mai messo in discussione l'articolo 18 a difesa dei lavoratori. Il presidente del consiglio tecnico è un'enorme foglia di fico per non fare apparire le vere responsabilità di governo da parte di pdl e pdmenoelle."
Beppe Grillo

Quindi per Grillo i governi tecnici proprio non esistono. Mi sembra che stia parlando piu' di termini, che di contenuti.
Il governo tecnico e' piu' o meno un governo a-partitico, proprio quello che propone Grillo in fin dei conti. Come detto e' la frontiera neo-tecnocratica.
Anche per questo devono smantellare il circuito partitico istituzionale (non che prima era meglio, per carita... mamma mia, mai pensato questo!) per nuove esigenze dirigenziale e strategiche. La politica sara' tecnicizzata' e informatizzata attraverso la panecea di tutti i mali: internet. Ovviamente tutti parlano di democrazia in rete senza menzionare l'enorme forma di controllo che internet possa rapresentare. Ma in fin dei conti nun ce ne frega... ci piace cosi'.

Citazione:
"Non ho mai parlato di appoggio a governo tecnico, l'unica soluzione che proponiamo è un governo del movimento 5 stelle che attui subito e senza indugio i primi 20 punti del programma e a seguire tutto il resto. Il nostro programma è chiaro ed è stato annunciato in tutte le piazze e in streaming. Le nostre parole di ieri in conferenza stampa sono state chiare e non lasciano dubbi. Abituatevi a chi dice sì per dire sì, no per dire no, senza interpretazioni. Ci aspettano alcuni giorni di lavoro e preparazione per questo tutti noi parlamentari abbiamo bisogno che ci lasciate lavorare. Garantiamo la coerenza, terremo la barra dritta: la nostra è una rivoluzione culturale pacifica e democratica e non la fermeremo, il nostro unico senso di responsabilità è verso gli elettori che ci hanno dato mandato di attuare questa rivoluzione culturale che è già in atto malgrado le resistenze di coloro che sono attaccati a poltrone e privilegi. ."
Vito Crimi, portavoce capogruppo M5S al Senato

Rivoluzione culturale alla Mao per intenderci... far demolire tutto per poi fare di internet l'unica Kultura possibile.

Che ce posso fa'? Mi vedono come un pazzo visionario fin da bambino. Anni fa parlavo di crisi (provocate) che avrebbero colpito l'UE, ma a tutti fergava, quando andavano a ubriacarsi il fine settimana, quasi fieri di essre indebiatti fino al collo. Adesso gli offro io una tazza di te'...

gnaffetto
Inviato: 5/3/2013 15:53  Aggiornato: 5/3/2013 15:53
Mi sento vacillare
Iscritto: 4/1/2008
Da:
Inviati: 336
 Re: E' una questione di linguaggio
a parte la questione del linguaggio, l'argomento di come si fa' a fare una maggiornaza con tre partiti troppo diversi è molto caldo e potrebbe essere la discriminante della 3 repubblica.

come sottolineato in un precedente articolo una cosa è governare (amministrare), un'altra è legiferare (fare le regole).

una soluzione potrebbe essere che per approvare le leggi bisogna avere la maggioranza (si potrebbe pensare ai 2/3) del parlamento mentre per governare (che significa prendere dei provvedimenti seguendo le regole, la legge attuale ) potrebbe bastare la maggioranza relativa avuta nelle elezioni.

es: fare un piano di edilizia scolastica pubblica: 6.000.000 di posti per studenti.

un governo avrebbe il compito di portare avanti l'idea, trovare e impegnare le risorse. punto. Il come farle, dove farle, spetta agli esecutori seguendo la legge, cioe' piani regolatori, impatti ambientali, contratti nazionali di lavoro.

altro esempio sulla giustizia: stanziare fondi ai tribunali, assumere giudici e personale di supporto, informatizzare sono tutte azioni che un governo potrebbe attuare senza passare per il parlamento, azioni da fare con le regole attuali.

ecco che con questa filosofia si potrebbe avere un governo stabile (Monopartito) e con una idea coerente di sviluppo (senza dover trovare accordi o mediazioni con altri). e si potrebbe ritornare a pensare ad un parlamento veramente rappresentativo con calcolo esatto tra voti e rappresentante (0,6% dei voti per un rappresentante).

vera separazione tra potere esecutivo e potere legislativo.

mc
Inviato: 5/3/2013 16:04  Aggiornato: 5/3/2013 16:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Grande rispetto verso chi manifesta in buona fede il proprio dissenso o i propri dubbi nei confronti di Grillo/M5S

Grande rispetto per chi propone il proprio dissenso con argomentazioni che non offendono l'intelligenza (sub)comune.

Io sono un sostenitore dubbioso, ma non do sfogo a paure personali e ipotesi strampalate solo perche' rispondono ai miei dubbi o semplicemente me li giustificano.
Guardare con "sospetto" la trovo una pratica saggia. Cio' che non trovo per niente saggio (o del tutto demenziale, scegliete Voi) e' "rifiutare" totalmente sino all'ostacolarlo un progetto come questo senza aspettare nemmeno un fatto (fatto singolo che non sarebbe nemmeno lontanamente sufficiente per giustificare ostracismi!... ma almeno sarebbe un qualcosa a cui riferirsi...). Riferirsi ai sospetti per legittimare i sospetti stessi sara' pure anticonformista (spirito che prevale nello scettico a mio avviso) ma non e' minimamente considerabile pratica fondata.

Il rispetto non si puo' regalare, buona fede o no. I mezzi per leggere la situazione ce li abbiamo tutti e la lucidita' e' discriminante per riceverlo quel rispetto.

Non dico che la "lucidita'" sia il non vedere ombre, dico che non ci sono fatti che possano definirsi determinanti per decidere qualcosa.

Un'altra cosa della situazione che non posso "rispettare" nel senso profondo (e' ovvio che rispetto le ipotesi di ognuno, per stupide o infondate possano essere... ma solo in quanto opinioni, non rispettandone le logiche) e' che media e la societa' delle lobby fino adesso erano le incarnazioni di questi "cd poteri forti". Ed ecco che magicamente le stesse persone che asserivano questa "indiscutibile verita'" ora sono totalmente allineate alle "veline" di regime che queste realta' sociali veicolano.
Cazzo. Qualcosa non torna nei ragionamenti.

E' pur sempre possibile che i media siano cambiati e che gli industriali (Marchionne per esempio) abbiano, tutto d'un tratto, deciso di dire "tutta la verita', nient'altro che la verita'" e io non abbia capito un cazzo... facile... (p.s.: facile che non abbia capito un cazzo, ma impossibile tutto il resto).

mc

toussaint
Inviato: 5/3/2013 17:24  Aggiornato: 5/3/2013 17:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: E' una questione di linguaggio
Un quiz per tutti i frequentatori di LC:

La Germania ha accumulato in questi anni di moneta unica 1.300 miliardi di surplus, 190 solo lo scorso anno. E’ una roba incredibile, e credete che i tedeschi vogliano mandare all’aria tutto questo? Se salta l’Euro a chi le vendono le loro auto, i loro manufatti?”.


Secondo voi, chi ha detto queste cose?
eh eh eh

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
ohmygod
Inviato: 5/3/2013 17:32  Aggiornato: 5/3/2013 17:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: E' una questione di linguaggio
@Cheddyved
ma massimo disprezzo nei confronti di chi continua a diffondere o sostenere i fakes sul M5S sia prima che dopo le elezioni...

Quali sarebbero questi fake?

@MC
Sono d'accordo con te.

mc
Inviato: 5/3/2013 17:51  Aggiornato: 5/3/2013 17:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
pazzo-visionario-che-spara-cazzate...

Io non l'ho mai detto...

Citazione:
I "poteri forti" (il quale termine nemmeno mi piace) possono essere studiati se si arriva a capire che le decisioni verso determinati processi storici (riguardo la politica, cultura, economia ecc) NON sono casuali, ma concepiti per scopi (piu' o meno oscuri: chi poteva capire all'inizio che l'accordo ecconomico europeo per il carbone e l'acciao fosse il capostipite della moneta unica?) predefiniti.

Opinione personale:
il "cd poteri forti" sono forti perche' organizzati, allineati ... ragionano e agiscono all'unisono politicamente. Secondo me, grazie a questo possono agire conseguentemente a tutte le sfide sociali che gli si parano davanti. Una minoranza della societa' della quale nemmeno tutti sono realmente consapevoli di quello di cui fanno parte (organizzativamente e politicamente parlando).

Nessuna facolta' vaticinatoria, e quindi, tantomeno, nessuna possibilita' che si fosse potuto pianificarli quegli eventi. Quindi, non solo non sono studiabili le reazioni di questi poteri perche' non v'e' una quasi mai ripetizione fedele (almeno non sempre) degli eventi, ma anche perche' a volte le ipotesi di controllo a priori su cui spesso si basano le ricostruzioni storiche hanno poco a che vedere con la realta' dei fatti successi.

E' inutile dire che e' funzionale al Sistema vigente pensarla cosi' (ovvero, ipotizzare la rassegnata teoria che "non si muova foglia che il Potere non voglia").

******************
p.s.:
A cosa e' dovuta la mia analisi?
La puntata di Southpark sull'11 settembre.



mc

mc
Inviato: 5/3/2013 18:00  Aggiornato: 5/3/2013 18:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Secondo voi, chi ha detto queste cose?


R.P.

Ho vinto quacchecosa?

mc

Maksi
Inviato: 5/3/2013 18:41  Aggiornato: 5/3/2013 18:41
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/10/2011
Da:
Inviati: 1219
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
mc:

Opinione personale: il "cd poteri forti" sono forti perche' organizzati, allineati ... ragionano e agiscono all'unisono politicamente. Secondo me, grazie a questo possono agire conseguentemente a tutte le sfide sociali che gli si parano davanti. Una minoranza della societa' della quale nemmeno tutti sono realmente consapevoli di quello di cui fanno parte (organizzativamente e politicamente parlando).

Nessuna facolta' vaticinatoria, e quindi, tantomeno, nessuna possibilita' che si fosse potuto pianificarli quegli eventi. Quindi, non solo non sono studiabili le reazioni di questi poteri perche' non v'e' una quasi mai ripetizione fedele (almeno non sempre) degli eventi, ma anche perche' a volte le ipotesi di controllo a priori su cui spesso si basano le ricostruzioni storiche hanno poco a che vedere con la realta' dei fatti successi.

E' inutile dire che e' funzionale al Sistema vigente pensarla cosi' (ovvero, ipotizzare la rassegnata teoria che "non si muova foglia che il Potere non voglia").


Gli eventi sono una conseguenza non casuale, ovvero la conseguenza di un piano. La casualita' l'ho scartata perche' offre troppi buchi e punti oscuri... quindi scientificamente parlando e' meno probabile, secondo me. Se si legge la storia in modo meno banale e superficiale si puo' anche documentare (il Piano) dettagliatamente... o almeno una parte di esso.
Uno studio in proposito.

PS: sto' parlando di un Piano plurisecolare... se non millenario. I soliti schemi mentali non sono abbastanza per capire cio' e quindi si va per vari livelli di comprensione.

Manfred
Inviato: 5/3/2013 19:17  Aggiornato: 5/3/2013 19:17
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
@ohmygod

Spiegati meglio se vuoi delle risposte? Se vuoi solo fare "psicanalisi" continua pure senza spiegarti.

Stampella
Inviato: 5/3/2013 19:49  Aggiornato: 5/3/2013 19:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/2/2013
Da: Repubblica del web
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
OT ma forse neanche troppo:

È dalle 15 che non risulta visualizzabile il Blog di Grillo e la piattaforma M5stelle,vi risulta anche a voi?

orne
Inviato: 5/3/2013 19:53  Aggiornato: 5/3/2013 19:53
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/6/2012
Da: Genova
Inviati: 104
 Re: E' una questione di linguaggio
@Stampella


Si blocca perché ci sono troppi accessi. Pare anche che ogni tanto ci sia rischio hacker.
Ora però funziona di nuovo.

Chiunque voglia sinceramente la verità è sempre spaventosamente forte.

Fëdor Dostoevskij
Maksi
Inviato: 5/3/2013 19:57  Aggiornato: 5/3/2013 19:57
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/10/2011
Da:
Inviati: 1219
 Re: E' una questione di linguaggio
Ebrei francesi: «Grillo antisemita, rischio fascismo»

Antisemiti tra i 5 Stelle: allarme degli ebrei americani

Hahaha... in questo caso Grillo ha tutto la mia simpatia
Ovviamente sono le solite idiozie isteriche degli "eletti" e del sionismo nella sua forma psicopatologica. Forse si tratta di avvertimenti preventivi...
Come solito i giornalacci riportano subito tali "affermazioni", perche' il verbo ebraico e' santo e guai non seguirlo.

Come disse uno che ci capiva:
"Chi raccoglie un giornale ebraico la mattina senza trovarsi insultato allora non s'è affatto applicato il giorno precedente, perché, qualora fosse stato così, sarebbe stato perseguitato, insultato, abusato, maledetto ed insudiciato dall'ebreo."

Bravo Grillo... un punto per te...

Stampella
Inviato: 5/3/2013 19:59  Aggiornato: 5/3/2013 20:22
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/2/2013
Da: Repubblica del web
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Grazie orne! Allora vado a riprendere da dove avevo lasciato. Mi piace la vivacità dei dibattiti ed è importante stroncare sul nascere qualche mela marcia che(è) marcia.

Edit fra parentesi,scusate scrivo.con il telefono

A380
Inviato: 5/3/2013 21:10  Aggiornato: 5/3/2013 21:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Ebrei francesi: «Grillo antisemita, rischio fascismo» Antisemiti tra i 5 Stelle: allarme degli ebrei americani Hahaha... in questo caso Grillo ha tutto la mia simpatia Ovviamente sono le solite idiozie isteriche degli "eletti" e del sionismo nella sua forma psicopatologica. Forse si tratta di avvertimenti preventivi... Come solito i giornalacci riportano subito tali "affermazioni", perche' il verbo ebraico e' santo e guai non seguirlo. Come disse uno che ci capiva: "Chi raccoglie un giornale ebraico la mattina senza trovarsi insultato allora non s'è affatto applicato il giorno precedente, perché, qualora fosse stato così, sarebbe stato perseguitato, insultato, abusato, maledetto ed insudiciato dall'ebreo." Bravo Grillo... un punto per te...


Io direi che gli ebrei hanno rotto il cazzo, parlando bene.

Se ci sono Ebrei per bene, ben che pochi che siano, hanno il Dovere Sacrosanto di Dissociarsi da questi Pazzi Paranoici e Violenti all'inverosimile, non se ne può più, davvero, non basta aver mandato a puttane l'intero sistema Mondiale, non basta la shoah nei confronti del Popolo Palestinese, non bastano le Stragi, gli Omicidi, le Calunnie, Le guerre scatenate in giro per il mondo solo per compiacere sti cialtroni. Hanno rotto il sacro cazzo, scusate lo sfogo brutale.

Ed è ora che cominciamo seriamente a pensare di fermarli!

Ripeto, i pochi Ebrei per bene si diano da fare per fermare questa marmaglia indecente.

Altrimenti essere definito "antisemita" significherà essere definito nè più, nè meno un Difensore della Libertà, della Giustizia e della Democrazia.

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
Red_Max
Inviato: 5/3/2013 22:09  Aggiornato: 5/3/2013 22:09
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/7/2012
Da: in volo
Inviati: 975
 Re: E' una questione di linguaggio
Io comunque sono perplesso sul fatto che nel
programma del M5S si siano dimenticati delle pensioni.

L'anoressia è un "orientamento" alimentare?

Non ti piacciono i crauti? allora sei crautofobo...
E' un reato gravissimo...

Aspirare gli embrioni è indice di civiltà!!!

Io non sono un complottista...
mi interesso di leggende metropolitane...
A380
Inviato: 5/3/2013 22:18  Aggiornato: 5/3/2013 22:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Io comunque sono perplesso sul fatto che nel programma del M5S si siano dimenticati delle pensioni.


Si sono dimenticati tante cose, per questo la sintesi sul "per chi votare" non è affatto semplice come possa sembrare.

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
ohmygod
Inviato: 6/3/2013 0:00  Aggiornato: 6/3/2013 0:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: E' una questione di linguaggio
@Manfred
Spiegati meglio se vuoi delle risposte? Se vuoi solo fare "psicanalisi" continua pure senza spiegarti.

Risposta-e ne hai date.
Ciao.

mc
Inviato: 6/3/2013 14:23  Aggiornato: 6/3/2013 14:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: E' una questione di linguaggio
I tuoi problemi sono i presupposti Maksi.
Dai per scontato che non abbia una visione globale degli avvenimenti o che dia una lettura banale e superficiale della storia.
Negare che esistano pianificazioni sarebbe stupido, ma, secondo me, e' piu' idiota vederle ovunque.... Idiota, ma permettimi, anche molto molto banale.
"Piove governo massone!": non proprio alta intuizione.

Questo modo di vedere le cose rientra in una tipologia di "paranoia" molto diffuso. Anche la ricerca della ricorsivita' degli eventi (quella ossessionata) e' molto frequente.
Che poi non abbia capito un cazzo, lo ripeto, e' facile, ma questo non dimostra certo, per esempio, che tu abbia capito qualcosa.

Provai anche gia', a leggere quel link e la sensazione che sto esprimendo adesso e' figlia anche di quel tentativo.

p.s.:
Avevo gia' tirato in ballo la tristezza provocatami da queste "contro-informazioni" su Grillo, ma la tua "battuta" (mamma che ridere... ) sugli ebrei" ha decuplicato la sensazione.
Studiare approfonditamente per giustificare il proprio odio (specie se diretto in maniera generica) e' roba da subumani.
Se ti senti a tuo agio a parlare di banalita' e superficialita' di analisi per poi generalizzare l'odio fai pure, ma renditi conto che e' veramente ridicolo.

mc

toussaint
Inviato: 6/3/2013 14:51  Aggiornato: 6/3/2013 14:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: E' una questione di linguaggio
Per Red_Max:
non ho controllato se è scritto sul programma, ma Grillo nei comizi ha annunciato la più meravigliosa delle riforme in campo pensionistico, ossia l'introduzione di un tetto massimo.
In altre parole, l'abolizione delle pensioni d'oro.
Infatti, se si può capire (io non sono d'accordo ma tant'è) che un magistrato o un dirigente guadagni molto durante la sua attività lavorativa perché si presuppone che produca molto per la collettività (ed è qui appunto che non sono d'accordo) non si vede perché debba continuare a guadagnare molto da pensionato.
Un vecchio è un vecchio, punto e basta.
Non è che esistono vecchi magistrati e vecchi operai. Da pensionato hai smesso di produrre dunque devi avere ciò che hanno tutti.
Le pensioni da 20, 30, 50 mila euro sono una vergogna che va eliminata. E con quei soldi puoi aumentare le pensioni a chi non ce la fa, puoi restituire la gioia di vivere agli esodati, puoi fare tante cose.

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
Stampella
Inviato: 6/3/2013 14:57  Aggiornato: 6/3/2013 14:57
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/2/2013
Da: Repubblica del web
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
A proposito di linguaggio,un interessante argomento spiegato dal sempre bravo Dario Fo

http://www.youtube.com/watch?v=Fldu6enDzdo&feature=youtube_gdata_player

Si parla dela definizione corretta di populista e demagogo ed altro ancora.

toussaint
Inviato: 6/3/2013 15:06  Aggiornato: 6/3/2013 15:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: E' una questione di linguaggio
Un'altra idea fondamentale a cui non si è dato il giusto peso è il reddito di cittadinanza. Infatti, è vero che l'attuale crisi è su base finanziaria, è vero che è in parte il prodotto di macchinazioni e speculazioni, è vero che trova la sua matrice nella globalizzazione finalizzata a diminuire i salari e gli stipendi e in definitiva a ridurre il lavoro a una variabile dipendente.
Ma, come ben argomentano i teorici della decrescita, è soprattutto una crisi sistemica dell'intero assetto capitalistico.
Di fronte a una esponenziale crescita tecnologica l'occupazione non può che diminuire e questo significa che intere generazioni sono ridotte ai margini della società.
L'attuale crisi debitoria non è una crisi di debito pubblico bensì di debito privato. In questi ultimi anni, e ancora in questi giorni negli USA, attraverso una politica di tassi d'interesse bassissimi si cerca di incentivare fittiziamente una domanda che non trova più la sua fonte naturale nel reddito da lavoro.
E questo con uno scopo ben preciso, continuare a garantire l'acquisto di prodotti in surplus.
Nel caso di noi europei c'è il caso Germania lì a dimostrarcelo, un enorme surplus di bilancia commerciale finanziato con i nostri debiti, ripeto soprattutto privati, delle singole famiglie.
Duinque, la via d'uscita è una sola, ripensare il modello di sviluppo, rivedere gli indicatori abolendo il PIL e utilizzando indici di benessere, passaggio ad attività produttive con minore contenuto di tecnologia e dunque di capitale e maggiore invece di lavoro.
Ma poiché non si potrà mai più giungere alla piena occupazione, bisogna anche pensare a lavori a rotazione con integrazione del reddito sotto forma appunto di reddito di cittadinanza.
Grillo, in questo, mi sembra più rivoluzionario di certi personaggi da operetta che fanno il pugno chiuso e poi intervistano con tanto di salamelecchi i vari Briatore di turno.

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
Maksi
Inviato: 6/3/2013 15:09  Aggiornato: 6/3/2013 15:09
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/10/2011
Da:
Inviati: 1219
 Re: E' una questione di linguaggio
@mc
Il mio percorso e' stato diversificato e variegato, dove sono passato da molti punti dio vista... e avendoli visti parecchi questi punti (10 anni fa negavo l'11 settembre come autoatentato) adesso ho un quadro generale piu' chiaro. Ovviamente, la prima gabbia, da ogni punti punto di vista lo si guardi, e' lo schema mentale indotto ed autoimposto.

Mi sono sempre chiesto, perche' (tuttora) esistono questi circoli occulti , che venerano Dei ed entita' sovranaturali, se poi gli stessi ci dicono che tali entita' non esistono. Non importa se ci crediamo noi o no... l'importante e' che ci credano loro. Chissa' come mai i piu' grandi scienziati, anche razionalisti convinti, erano affiliati a qualche circolo esoterico. Ma tutto questo e' soloun punto della questione....

Citazione:
p.s.: Avevo gia' tirato in ballo la tristezza provocatami da queste "contro-informazioni" su Grillo, ma la tua "battuta" (mamma che ridere... ) sugli ebrei" ha decuplicato la sensazione.
Studiare approfonditamente per giustificare il proprio odio (specie se diretto in maniera generica) e' roba da subumani.
Se ti senti a tuo agio a parlare di banalita' e superficialita' di analisi per poi generalizzare l'odio fai pure, ma renditi conto che e' veramente ridicolo.

No, ma quale odio. L'odio ti fa star male... mai sentito meglio io...
La mia e' antipatia, per tutte le cazzate che ho dovuto subire, a causa dei loro modi di agire.
Riguardo al mio linguaggio, riferito a loro, e' molto provocatorio, proprio perche' voglio demolire il tabu' della loro intoccabilita', dove quasi nessuna parola deve essere fuori posto. Se un ebreo dice delle stronzate, che per molti sono vangelo, e' giusto affermare che si tratta di stronzate e che pure lui probabilmente e' uno stronzo. Ma nei giorni nostri gia' questo ci sembra un sacrilegio... infatti sono alquanto eretico di proposito.

horselover
Inviato: 6/3/2013 16:52  Aggiornato: 6/3/2013 16:52
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/9/2012
Da:
Inviati: 1898
 Re: E' una questione di linguaggio
le religioni danno copertura ideologica ai crimini di stato, stati cristiani, musulmani, taoisti e anche atei hanno commesso crimini peggiori dell'israele.

toussaint
Inviato: 6/3/2013 16:56  Aggiornato: 6/3/2013 16:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: E' una questione di linguaggio
Bè, trovo difficile reperire nella storia un crimine peggiore del violentare, sgozzare, decapitare, impalare, triturare 3.000 tra donne, vecchi e bambini come a Sabra e Chatila.
Neanche i nazisti arrivarono mai a tanto...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
A380
Inviato: 6/3/2013 17:42  Aggiornato: 6/3/2013 17:42
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Sembra che tutti cavalchiate alla grande quest'onda completamente irrazionale dell'abolizione del finanziamento pubblico ai partiti.
Non c'è mazzata sulle balle peggiore che far passare una Legge del genere, specialmente per il Popolo che tanto ricco non è. Perchè? Perchè lo vediamo negli u$a = Solo Due Partiti al Potere Perché Sono Gli Unici Due Che Riescono A Farsi Sponsorizzare (e ricattare!).
A chi mi dice "Grillo ha fatto tanto senza spendere nulla" ribatto: - Grillo è un comico, molto popolare, con una discreta quantità di soldi. Con quei soldi ha potuto organizzare moltissimo (V day, V2 day, spettacoli, ecc.) in più ha Casaleggio dietro che gli regge le fila tecniche della Rete. Una serata - spettacolo - promozione del MoVimento gli costa dagli ottantamila Euro in su.
Alla faccia della gratuicità...
Vai con le critiche (che siano costruttive, però)

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
horselover
Inviato: 6/3/2013 17:55  Aggiornato: 6/3/2013 17:55
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/9/2012
Da:
Inviati: 1898
 Re: E' una questione di linguaggio
a sabra e chatila il lavoro sporco lo fecero le milizie cristiane protette dagli israeliani, ma giapponesi, russi, turchi etc di stragi così ne hanno fatte a centinaia.

Manfred
Inviato: 6/3/2013 17:56  Aggiornato: 6/3/2013 18:07
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Un vecchio è un vecchio, punto e basta.


Questa frase non perde il suo significato se estrapolata dal contesto,
per cui a questa totale mancanza di rispetto, fanatismo gretto, rispondo:


Certe frasi non devi permettertele, né tu né nessuno più in alto o basso di te.

Poi puoi farci tutti i ricamini che la rete e certa non politica ti ha insegnato a
fare.




Quindi i paralleli che vengono fatti sono tutte invenzioni della casta e dei giornalisti al soldo della casta.



PS
(ho pressapoco l'età di Mazzucco, nessuna intenzione di andare in pensione, anzi se lavoro significa che sto bene e ho ancora la forza fisica di mangiarmi i ventenni sul lavoro)

Sertes
Inviato: 6/3/2013 17:56  Aggiornato: 6/3/2013 17:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
A380 ha scritto:
Vai con le critiche (che siano costruttive, però)


Ok. Diciamo che hai "falsato" in vari modi il problema, vuoi scegliendo un singolo esempio arbitrario e non rappresentativo, vuoi spostando l'attenzione con una provocazione.
In ogni caso nessuno vuole negare ai liberi cittadini di supportare con le proprie donazioni questo o quel partito, cosa che si è sempre fatto ovunque.
Che siano zero o che siano ottantamila non cambia il fulcro della questione: parte delle nostre tasse vengono spartite tra i partiti politici, pure a quelli che ad esempio io detesto; perchè ad esempio non posso scegliere a chi darli? E se scelgo nessuno? E se semplicemente ricordo che questa pratica è in contrasto con un referendum popolare che ha abolito tale pratica?

Forse trovi maggior fortuna se vai a difendere i partiti sul blog di Repubblica.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
A380
Inviato: 6/3/2013 17:59  Aggiornato: 6/3/2013 18:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
No, ma quale odio. L'odio ti fa star male... mai sentito meglio io... La mia e' antipatia, per tutte le cazzate che ho dovuto subire, a causa dei loro modi di agire. Riguardo al mio linguaggio, riferito a loro, e' molto provocatorio, proprio perche' voglio demolire il tabu' della loro intoccabilita', dove quasi nessuna parola deve essere fuori posto. Se un ebreo dice delle stronzate, che per molti sono vangelo, e' giusto affermare che si tratta di stronzate e che pure lui probabilmente e' uno stronzo. Ma nei giorni nostri gia' questo ci sembra un sacrilegio... infatti sono alquanto eretico di proposito.


Macchè eretico, fai bene! Tranquillo.

Citazione:
Citazione: A380 ha scritto: Vai con le critiche (che siano costruttive, però) Ok. Diciamo che hai "falsato" in vari modi il problema, vuoi scegliendo un singolo esempio arbitrario e non rappresentativo, vuoi spostando l'attenzione con una provocazione. In ogni caso nessuno vuole negare ai liberi cittadini di supportare con le proprie donazioni questo o quel partito, cosa che si è sempre fatto ovunque. Che siano zero o che siano ottantamila non cambia il fulcro della questione: parte delle nostre tasse vengono spartite tra i partiti politici, pure a quelli che ad esempio io detesto; perchè ad esempio non posso scegliere a chi darli? E se scelgo nessuno? E se semplicemente ricordo che questa pratica è in contrasto con un referendum popolare che ha abolito tale pratica? Forse trovi maggior fortuna se vai a difendere i partiti sul blog di Repubblica.


Come immaginavo, nessuna critica costruttiva (per ora)
Immaginiamo per un momento che qualcuno voglia costituire un partito politico: dove trova i soldi?
Tu dici che deve crearsi i propri sostenitori: appunto la domanda è questa, come fa a trovarsi i sostenitori se non si può pubblicizzare?
Non puoi negare che molta gente è andata dietro a Grillo inizialmente (sopratutto) proprio perchè questi poteva parlare e anche attraverso le tanto bistrattate (a ragione) televisioni, che inizialmente gli davano molto spazio perchè gridava. Ma questo qualcuno, se sconosciuto (o anche semi-sconosciuto) come farebbe a promuoversi?
Senza contare il punto più importante: la ricattabilità. Se prendi i $oldi da qualcuno per farti sponsorizzare, questo qualcuno poi pensi che non ti chieda qualcosa in cambio? Gentili donatori disinteressati di milioni di Euro io non ne ho mai incontrati.
Terzo punto: per prendere finanziamenti privati devi avere una certa ideologia, una certa mentalità: abbiamo infatti l'esempio degli u$a, dove non esiste una Sinistra. Difficilmente il Ricco è Di Sinistra (e chissà come mai, eh?)
Per ultimo io non leggo repubblica, troppo $ioni$ta (a proposito di chi possiede tanti mezzi - economici anche - e può deviare l'informazione...) non pensare di avermi offeso.
Le mie sono domande lecite, inoltre non ho nulla contro il M5S, sto solo osservando!

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
Manfred
Inviato: 6/3/2013 18:06  Aggiornato: 6/3/2013 18:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Il Movimento 5 Stelle cosè?

Un partito o un movimento?

Se come si evince dal nome è un movimento, perché si è presentato alle elezioni?

O da come traspare dal vostro (del leader del movimento) pensiero puntate al partito unico? Di passata memoria.

toussaint
Inviato: 6/3/2013 18:07  Aggiornato: 6/3/2013 18:07
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: E' una questione di linguaggio
Manfred, "vecchio" è la parola più bella del mondo.
Soltanto tu puoi pensare che sia un insulto, perdonami.
Io la penso come i nativi americani...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
horselover
Inviato: 6/3/2013 18:09  Aggiornato: 6/3/2013 18:09
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/9/2012
Da:
Inviati: 1898
 Re: E' una questione di linguaggio
i politici sono dei servi ben pagati e grillo vuole abbassargli lo stipendio... io preferirei che alzasse il mio

nonaligned
Inviato: 6/3/2013 18:12  Aggiornato: 6/3/2013 18:12
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/10/2011
Da:
Inviati: 247
 Re: E' una questione di linguaggio
@A380
Anche io ho molti dubbi sulla storia dei rimborsi elettorali. Sicuramente sono cifre che vanno ridimensionate e occorre maggior controllo e trasparenza sulle spese, ma sono convinto che rappresenti un modo per garantire il pluralismo. Il rischio sarebbe rendere i partiti debitori, quindi portatori di interessi lobbistici. Senza contare che i grossi partiti diventerebbero sempre più grossi e quelli piccoli sempre più piccoli.

ah, l'ultraliberismo politico-elettorale.

Manfred
Inviato: 6/3/2013 18:12  Aggiornato: 6/3/2013 18:15
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Non devi scusarti con me che vecchio non mi sento e di conseguenza non lo sono.


Non è la parola che è un insulto.

Le parole sono importanti, hanno un valore indipendente, bisogna pensare,come, prima di usarle.

A380
Inviato: 6/3/2013 18:15  Aggiornato: 6/3/2013 18:19
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Il Movimento 5 Stelle cosè? Un partito o un movimento? Se come si evince dal nome è un movimento, perché si è presentato alle elezioni? O da come traspare dai vostro (del leader del movimento) pensiero puntate al partito unico? Di passata memoria


Indubbiamente il M5S appare pieno di contraddizioni, ma non è questo il punto. Le Regole Democratiche possono anche essere cambiate, l'importante è cercare di capire "Come".
Io sono molto di Sinistra, perciò il "partito unico" non lo disdegno di per sè. In questo modo si aggirerebbe anche il problema del finanziamento pubblico. Per esempio a Cuba per avere notizie politiche è il singolo che si deve informare nelle bacheche, dove il candidato si presenta con una foto e con un elenco del proprio programma.
Io vorrei solo che fosse Grillo a dirmi che cosa vuole fare. O chi per esso.
Specificando che, anche qualora non parlasse/ro, ovvero dicesse/ro cose che poi non corrispondessero alla realtà, lo vedremmo comunque il significato.
Come vado dicendo da tempo: ormai sono dentro, non possono più tirarsi indietro. E' fisiologico.

Citazione:
Il rischio sarebbe rendere i partiti debitori, quindi portatori di interessi lobbistici. Senza contare che i grossi partiti diventerebbero sempre più grossi e quelli piccoli sempre più piccoli.


Iperquotone.

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
Manfred
Inviato: 6/3/2013 18:19  Aggiornato: 6/3/2013 18:19
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Il partito unico esiste ed è fattibile solo nel regno animale!

Alveari, formicai, termitai.

A380
Inviato: 6/3/2013 18:22  Aggiornato: 6/3/2013 18:37
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Il partito unico esiste ed è fattibile solo nel regno animale! Alveari, formicai, termitai




Citazione:
Ma poiché non si potrà mai più giungere alla piena occupazione, bisogna anche pensare a lavori a rotazione con integrazione del reddito sotto forma appunto di reddito di cittadinanza. Grillo, in questo, mi sembra più rivoluzionario di certi personaggi da operetta che fanno il pugno chiuso e poi intervistano con tanto di salamelecchi i vari Briatore di turno.


Giustissimo. Però che cos'è questo sistema se non un modo Socialista di intendere lo Stato?
A pensarci bene una volta queste idee erano un sogno: poter alleviare l'umanità dalla schiavitù del Lavoro (che poi il Lavoro in sè non schiavizza una ceppa, casomai Libera) ma diciamo che con sti ritmi frenetici poter abbassare un po' le ore di lavoro sarebbe meglio, no? E allora, che aspettiamo a Farlo?

Sbagliato: questo non lo si vuole, non lo vuole quel $i$tema Atroce e Malato che si chiama capitali$mo!

Mi domando, non so se è capitato anche a voi, il perchè aumentano le ore di lavoro un po' a tutti, il perchè aumentano l'età pensionabile, insomma il perchè vogliono far fare di più il mazzo a tutti se alla fine manca il lavoro, com'è sta strana cosa?

La risposta è semplice: il capitali$mo sta mostrando un'altra faccia della sua brutalità. Io $i$tema faccio fare attività (non solo "produzione") sempre agli stessi, sempre a meno persone, perchè così accumulo ulteriore ricchezza senza disperderne. E' un fatto redditizio, tu fai di più visto che io ti pago uguale alla fine fai di più aggratis per me. E tante altre cose. Negative, ovviamente

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
Manfred
Inviato: 6/3/2013 18:58  Aggiornato: 6/3/2013 19:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
C'è una unica forma che al capitalismo fa paura è la vera socialdemocrazia,
perché senza spargimento di sangue comporta lentamente la sua fine.

Guardando la storia senza pregiudizi di parte questo si evince chiaramente.

ohmygod
Inviato: 6/3/2013 19:20  Aggiornato: 6/3/2013 19:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: E' una questione di linguaggio
@Manfred
Certe frasi non devi permettertele, né tu né nessuno più in alto o basso di te.

Scusa, mi trovo in un momento "estatico" fra relazione e correlaZione:le Z di
Maksi.Faccio profitto me ne approfitto in modo che la tua risposta trovi la sua corretta "domanda".

Oldemi - Re: Risultati elettorali
Maledetti vecchi di merda......!
Voterebbero PD anche se ci fosse satana dietro al partito!
Basta che facciano la festa dell'unità e si giochi a carte al circolo!

Certe frasi non devi permettertele, né tu né nessuno più in alto o basso di te.

Grazie Manfred e scusatemi per il collage.

Red_Max
Inviato: 6/3/2013 19:21  Aggiornato: 6/3/2013 19:21
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/7/2012
Da: in volo
Inviati: 975
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Autore: toussaint Inviato: 6/3/2013 14:51:42

Per Red_Max:
non ho controllato se è scritto sul programma, ma Grillo nei comizi ha annunciato la più meravigliosa delle riforme in campo pensionistico, ossia l'introduzione di un tetto massimo.
In altre parole, l'abolizione delle pensioni d'oro.


Il problema è che non hanno controllato nemmeno loro, sembra un programma scritto da un pendolare incazzato mentre aspetta il treno che è in ritardo...

Ripeto, per me è grave che uno ne dica di tutti i colori sulla Fornero e poi quando scrive il programma si dimentichi delle pensioni
(a parte quelle dei politici)

Secondariamente, il reddito di cittadinanza è diseducativo, ci sarebbe gente che lo spenderebbe al bar, tanto domani mica deve andare a lavorare...

L'anoressia è un "orientamento" alimentare?

Non ti piacciono i crauti? allora sei crautofobo...
E' un reato gravissimo...

Aspirare gli embrioni è indice di civiltà!!!

Io non sono un complottista...
mi interesso di leggende metropolitane...
Manfred
Inviato: 6/3/2013 19:40  Aggiornato: 6/3/2013 20:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
@ohmygod


Un vecchio è un vecchio, punto e basta.

Bellissimo collage indicativo, dimostra quanto è breve il passo sotto la spinta della propaganda. La pericolosità di certe espressioni che di primo acchito potrebbero sembrare innocue ma aprono la strada ad un comportamento antidemocratico e anti umano.

Maledetti vecchi di merda......! Voterebbero PD anche se ci fosse satana dietro al partito! Basta che facciano la festa dell'unità e si giochi a carte al circolo!

grazie ohmygod per il suggerimento

Maggiolino
Inviato: 6/3/2013 20:03  Aggiornato: 6/3/2013 20:03
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/5/2006
Da:
Inviati: 384
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:

Secondariamente, il reddito di cittadinanza è diseducativo, ci sarebbe gente che lo spenderebbe al bar, tanto domani mica deve andare a lavorare...


Peccato che la proposta sia un po' diversa.. se non hai il lavoro hai diritto al reddito di cittadinanza, nel frattempo ti saranno offerti 3 lavori, se li rifiuti il reddito ti sarà tolto... siamo mica nel paese delle meraviglie..

Chemtrails! Il futuro è già iniziato
Ciao
Maggiolino
invisibile
Inviato: 6/3/2013 20:05  Aggiornato: 6/3/2013 20:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Il rischio sarebbe rendere i partiti debitori, quindi portatori di interessi lobbistici.

Una cosa é la teoria, che può essere giustissima... in teoria...
Bisogna sempre verificare i fatti, la realtà:

Citazione:
Il rischio sarebbe rendere i partiti debitori, quindi portatori di interessi lobbistici.

quello che temi é già il passato e il presente. E' già così ed é sempre stato così. Senza contare il referendum già citato da Sertes.

Non é un problema di regole, é un problema di onestà.
Puoi decidere tutte le regole che ti pare ma se chi deve rispettarle é disonesto, troverà il modo di aggirarle, come é sempre stato. Inoltre va considerato che non é mai esistita nessuna vera opposizione alla disonestà che impera negli ambienti del potere ma al contrario, c'è stato sempre un accordo tra finti nemici per trarne vantaggio.
In questa situazione, reale, non dargli i nostri soldi mi sembra quantomeno molto sensato.

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
Manfred
Inviato: 6/3/2013 20:12  Aggiornato: 6/3/2013 20:20
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Non é un problema di regole, é un problema di onestà.

Infatti l'onestà è come l'intelligenza, se uno ce l'ha, non abbisogna di dimostrarlo, per cui le regole non necessitano.

Nel paese delle meraviglie

PS

Anche qui unti dal signore, non ricorda qualcuno e qualcosa di ancora recente.

A380
Inviato: 6/3/2013 20:12  Aggiornato: 6/3/2013 20:12
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Ragazzi, vi invito a leggere questa news:

http://it.notizie.yahoo.com/blog/gossip-di-palazzo/appello-anonimo-agli-onorevoli-grillini-fuori-beppe-grillo-113955280.html

Io ho detto che sto osservando, ma c'è qualcuno che si spinge molto più in là, a quanto pare.

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
Manfred
Inviato: 6/3/2013 20:27  Aggiornato: 6/3/2013 20:27
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Prima bisogna vedere chi ha aperto il sito, sarò paranoico, ma mi ricorda i "responsabili".

invisibile
Inviato: 6/3/2013 20:28  Aggiornato: 6/3/2013 20:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Infatti l'onestà è come l'intelligenza, se uno ce l'ha, non abbisogna di dimostrarlo, per cui le regole non necessitano.

Certo, ma se si vive con gli altri secondo me é giusto portare la disonestà alla luce, visto che non siamo nel paese delle meraviglie.
Per chi é onesto e generoso in genere é istintivo farlo.
E una persona onesta si nota in ogni caso in un mondo disonesto. Risalta per contrasto a meno che non la si nasconda di proposito, l'onestà, il che é assolutamente legittimo.

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
Manfred
Inviato: 6/3/2013 20:38  Aggiornato: 6/3/2013 20:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Mi pare proprio che hai sempre vissuto nel paese delle meraviglie.

E' già difficile con le regole figuriamoci senza.

Dimostrare la propria buonafede nella maggioranza dei casi risulta un'impresa ardua se non impossibile.

A380
Inviato: 6/3/2013 20:40  Aggiornato: 6/3/2013 20:40
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Prima bisogna vedere chi ha aperto il sito, sarò paranoico, ma mi ricorda i "responsabili".


Potrebbe anche essere.
Secondo me è comunque un'ingerenza.

Grillo però ne deve uscire da sta situazione, la cosa migliore che potrebbe fare è un appoggio al Governo Bersani, magari anche con l'uscita dall'aula dei Senatori M5S al momento del voto.
Non si chiede alcuna alleanza, che sia chiaro, ma il Paese non può restare senza Governo, i danni sarebbero troppo gravi e Grillo avrebbe una buona parte di Responsabilità.
Persino se Bersani dovesse fare l'alleanza (funesta) con il pdl (minuscolo voluto) Grillo avrebbe delle Responsabilità.
E queste Responsabilità le pagherebbe alla prossima tornata elettorale, senz'altro.

In cambio di questo "appoggio" (fiducia-non fiducia) al Governo Bersani, Grillo potrebbe pretendere l'approvazione di una serie di punti che sono in comune al CSX: abolizione delle province, accorpamento dei Comuni sotto i 5 mila abitanti, nuova Legge Elettorale, elezione del Presidente della Repubblica, ineleggibilità a cariche istituzionali per più di due volte, WiFi libero e gratuito per tutti, modifiche dei trasporti pubblici e eco-Leggi, magari già che ci siamo provare a buttare dentro il ritiro immediato di tutti i contingenti militari italiani all'estero impegnati tipo Afghanistan e uscita immediata dalla nato.

Dopodichè, via la fiducia e si ritorna alle urne.

Non capisco per quale motivo Grillo non è disposto a fare una cosa simile, dove il M5S non rischia nulla, ci fa bella figura, fa ripartire il sistema e ne chiede immediatamente la modifica nelle parti più malate, ottenendola. Secondo me se facesse in questo modo può darsi pure che la prossima volta lo voto anche io!


Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
invisibile
Inviato: 6/3/2013 20:50  Aggiornato: 6/3/2013 20:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Mi pare proprio che hai sempre vissuto nel paese delle meraviglie.

Certo che ci ho vissuto, é lo stesso in cui vivi tu. Ma bisogna saperlo vedere sotto la maschera umana. Una bella fatica...

Citazione:

E' già difficile con le regole figuriamoci senza.

Io non ho detto questo.

Citazione:

Dimostrare la propria buonafede nella maggioranza dei casi risulta un'impresa ardua se non impossibile.

Mi hai frainteso. Lo scopo non é dimostrare la propria buonafede. Lo scopo é far capire che vivere onesti é uno dei requisiti fondamentali per vivere da uomini. Che si ha tutto da guadagnare nell'essere onesti perché é una delle qualità che ci permettono di vivere nella realtà, nella verità.
Converrai che una delle malattie più dannose del nostro tempo é proprio la disonestà, e un po di cura male non può fare.

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
invisibile
Inviato: 6/3/2013 21:03  Aggiornato: 6/3/2013 21:07
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
A380

Citazione:
Non capisco per quale motivo Grillo non è disposto a fare una cosa simile, dove il M5S non rischia nulla, ci fa bella figura, fa ripartire il sistema e ne chiede immediatamente la modifica nelle parti più malate, ottenendola. Secondo me se facesse in questo modo può darsi pure che la prossima volta lo voto anche io!

Beata innocenza...
Se grillo accetta anche minimamente qualsiasi collaborazione con il PD il 5* é già morto.

Il PD non ha nessuna intenzione di fare del bene, che sia al paese o anche solo alle classi con più problemi, altrimenti l'avrebbe già fatto. Avrebbe anche già da un pezzo eliminato il suo più acerrimo "nemico" berlusconi.
Non hai risposto alla mia domanda sul link che ti ho postato (Violante che confessa l'inciucio).
La ragione di esistere del PD é esclusivamente quella di ottenere potere, di mantenere quello che ha e di accrescerlo. PUNTO.
Ora ha un serio problema: deve recuperare i voti che ha perso a beneficio del 5* e tutto quello che sta facendo e farà sarà esclusivamente rivolto a questa priorità. L'altra priorità é ridimensionare il più possibile il 5*, possibilmente distruggerlo.
Solo questo vogliono fare. Null'altro.
Mi dispiace A380 ma questa é la realtà. Solo quella dichiarazione di Violante alla camera ti dovrebbe fare venire seri dubbi.

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
Manfred
Inviato: 6/3/2013 21:08  Aggiornato: 6/3/2013 21:11
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Quando si parla di linguaggio non possono esistere OT, non dovrebbero esistere per nessun argomento, come non avrebbe dovuto esistere l'inquisizione.
L' OT è niente altro che non capire o non voler capire le analogie proposte perché non ortodosse rispetto alla propria linea di pensiero. Altro che wi-fi libero e gratis,va rivisto tutto il sistema falsamente libero ma occultamente manovrato dalla gerarchia in rete.

Tornando per modo di dire I T la tua è una visione religiosa non sociale dei problemi, per cui non ti rendi conto che in politica le fedi cieche sono molto pericolose.

TAD
Inviato: 6/3/2013 21:11  Aggiornato: 6/3/2013 21:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/5/2011
Da: 7th planet
Inviati: 1069
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:

Quando si parla di linguaggio non possono esistere OT, non dovrebbero esistere per nessun argomento, come non avrebbe dovuto esistere l'inquisizione.


Sono perfettamente d'accordo: il linguaggio è sempre in evoluzione dunque occorre seguirne...

...tutti gli sviluppi


C'è Cristina in TV anche staseeeraaa!
La mano si avvicina alla cernieeeraaa!
Mi siedo sul divano coi pooopcoorn!
E' forse quasi meglio di youpooorn!
youpooorn!
youpooorn!
youpooorn!
Prima o poooiii! Ti vediamooo!
Ti vediamo su youpooorn!

~WÃSÐ Lifestyle~
Sertes
Inviato: 6/3/2013 21:11  Aggiornato: 6/3/2013 21:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
A380 ha scritto:
Grillo però ne deve uscire da sta situazione, la cosa migliore che potrebbe fare è un appoggio al Governo Bersani,




Citazione:
Non capisco per quale motivo Grillo non è disposto a fare una cosa simile, dove il M5S non rischia nulla, ci fa bella figura, fa ripartire il sistema e ne chiede immediatamente la modifica nelle parti più malate, ottenendola.


Perchè il PD per contropartita voterebbe qualche altra schifezza come lo scudo fiscale o l'indulto o un altra guerra o l'abolizione di un altro pezzo dello statuto dei lavoratori, o l'ennesima cessione di sovranità alla BCE...

Davvero vogliamo essere complici di chi ha creato i problemi?

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Manfred
Inviato: 6/3/2013 21:17  Aggiornato: 6/3/2013 21:19
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Veramente vogliamo essere complici di chi vuole creare il partito unico?

Parla per slogan ti rispondo per slogan, o solo gli unti possono?

Sai dove il braccio ......

invisibile
Inviato: 6/3/2013 21:18  Aggiornato: 6/3/2013 21:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
Manfred
Ho editato perché mi sono reso conto che non era OT, per niente.

Citazione:
la tua è una visione religiosa non sociale dei problemi, per cui non ti rendi conto che in politica le fedi cieche sono molto pericolose.

La fede é cieca per definizione. altrimenti non é fede.
Detto questo la fede non c'entra niente e la politica é la cosa che più é lontana dalla realtà. Come dice qualcuno la politica é l'arte di eludere la vita. E la vita é realtà.

Al contrario. La mia é una visione pratica che ha dei contenuti filosofici, esistenziali, non religiosi.
Non esiste cosa più pratica dell'onestà. Perché funziona.
La disonestà sembra funzionare ma é una illusione, perché rende gli uomini confusi ed infelici.
Chiaramente, come hai detto prima, nel mondo umano é molto difficile, perché si basa sulla falsità.

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
A380
Inviato: 6/3/2013 21:18  Aggiornato: 6/3/2013 21:33
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Citazione: Non capisco per quale motivo Grillo non è disposto a fare una cosa simile, dove il M5S non rischia nulla, ci fa bella figura, fa ripartire il sistema e ne chiede immediatamente la modifica nelle parti più malate, ottenendola. Secondo me se facesse in questo modo può darsi pure che la prossima volta lo voto anche io! Beata innocenza... Se grillo accetta anche minimamente qualsiasi collaborazione con il PD il 5* é già morto. Il PD non ha nessuna intenzione di fare del bene, che sia al paese o anche solo alle classi con più problemi, altrimenti l'avrebbe già fatto. Avrebbe anche già da un pezzo eliminato il suo più acerrimo "nemico" berlusconi. Non hai risposto alla mia domanda sul link che ti ho postato (Violante che confessa l'inciucio). La ragione di esistere del PD é esclusivamente quella di ottenere potere, di mantenere quello che ha e di accrescerlo. PUNTO. Ora ha un serio problema: deve recuperare i voti che ha perso a beneficio del 5* e tutto quello che sta facendo e farà sarà esclusivamente rivolto a questa priorità. L'altra priorità é ridimensionare il più possibile il 5*, possibilmente distruggerlo. Solo questo vogliono fare. Null'altro. Mi dispiace A380 ma questa é la realtà. Solo quella dichiarazione di Violante alla camera ti dovrebbe farti venire seri dubbi.


Come non ti ho risposto? Ti ho risposto eccome e ti ho detto chiaramente che non è facile capire che cosa ci può essere dietro determinate decisioni. In più, ho aggiunto che Violante andrebbe premiato, non osteggiato, per la dichiarazione che ha fatto.

Ma dove stavi leggendo?

Tu sostieni che M5S e morto se accetta la collaborazione con il Pd? A parte che la collaborazione dovrebbe essere con il CSX, non con il Pd esclusivo (c'è SeL, c'è DL) non si comprende come possa rimanere "vivo" se invece si rifiuta di prendersi le proprie Responsabilità.

Ah, già. L'italica abitudine di mandare avanti gli altri?

Potrebbe essere, però il mio voto con questo comportamento non lo prenderà mai. E, mi sbaglierò, ma, sempre tenendo questo comportamento, il M5S perderà molti dei voti che ha conquistato ai danni del CSX (quegli elettori ritorneranno in buona parte a votare CSX).

E vuoi sapere perchè? Perchè il M5S è il Primo Partito, perchè il Parlamento non può essere sciolto in meno di sei mesi e occorre che ci sia un Presidente della Repubblica per poterlo sciogliere. Certamente il M5S potrà dire agli altri che sono tutti brutti e cattivi, però anche gli altri potranno dire la stessa cosa del M5S.

Invece nessuno sa ancora spiegare per quale logico e sano motivo il M5S non è disposto ad accettare i punti del CSX che sono Condivisi con il proprio programma. E questo è un punto molto pesante, dove il M5S Non Ha Proprio Scusanti.



Citazione:
Citazione: Non capisco per quale motivo Grillo non è disposto a fare una cosa simile, dove il M5S non rischia nulla, ci fa bella figura, fa ripartire il sistema e ne chiede immediatamente la modifica nelle parti più malate, ottenendola. Perchè il PD per contropartita voterebbe qualche altra schifezza come lo scudo fiscale o l'indulto o un altra guerra o l'abolizione di un altro pezzo dello statuto dei lavoratori, o l'ennesima cessione di sovranità alla BCE... Davvero vogliamo essere complici di chi ha creato i problemi?


Il Pd (il CSX, il Pd non ha la maggioranza!) non può chiedere altro che evitare di fare l'inciucio (è una parola che non mi piace per nulla, la userò per rendere l'idea) con il pdl perchè se il Pd (o il CSX tutto) fa l'accordo con il pdl, stavolta è fottuto per sempre!

Il Pd (il CSX) non può chiedere proprio nulla che vada oltre l'appoggio, anche in forma di uscita dei Senatori M5S dall'Aula, al proprio Governo, non penso sia nemmeno in grado di chiedere modifiche sostanziali al programma del M5S.

Il Pd (il CSX) alternative non ne ha. Può, se vuole, stringere l'abbraccio mortale al pdl, ma non penso che lo farà (se lo fa è kaputt). Quindi non penso proprio che tutte le teorie di condimenti vari che molti del M5S a partire dai 2 guru stanno facendo siano tanto diverse dalla vecchia politica che tanto stanno criticando.


Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
Sertes
Inviato: 6/3/2013 21:24  Aggiornato: 6/3/2013 21:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Manfred ha scritto:
Veramente vogliamo essere complici di chi vuole creare il partito unico?


CREARE?

Complimenti per la capacità d'analisi Manfred

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Manfred
Inviato: 6/3/2013 21:32  Aggiornato: 6/3/2013 21:32
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Al contrario. La mia é una visione pratica che ha dei contenuti filosofici, esistenziali, non religiosi. Non esiste cosa più pratica dell'onestà. Perché funziona. La disonestà sembra funzionare ma é una illusione, perché rende gli uomini confusi ed infelici. Chiaramente, come hai detto prima, nel mondo umano é molto difficile, perché si basa sulla falsità.


Da come hai parlato si evince che vorresti inoculare l'onestà per via sottocutanea come vaccino contro la disonestà a chi non la possiede, da questo il mio riferimento alla religione.

Calvero
Inviato: 6/3/2013 21:34  Aggiornato: 6/3/2013 21:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
fa ripartire il sistema


appunto

Citazione:
ne chiede immediatamente la modifica nelle parti più malate,


cioè tutto

Citazione:
ottenendola


.... poi la marmotta confeziona la cioccolata, i castori giocano la prossima partita della nazionale e Belen si fa suora

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Manfred
Inviato: 6/3/2013 21:35  Aggiornato: 6/3/2013 21:48
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Creare! Si attuare quello che è stato programmato di fare.
Nel caso di un salvatore mi pare un verbo appropriato.




Complimenti a te per l'acuta osservazione.

Quasi quasi mi fai rimpiangere i "compagni" forse ora si potrebbe dire "camerati" di Servire il Popolo!

A380
Inviato: 6/3/2013 21:39  Aggiornato: 6/3/2013 21:48
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Veramente vogliamo essere complici di chi vuole creare il partito unico? Parla per slogan ti rispondo per slogan, o solo gli unti possono? Sai dove il braccio ......


Non vedo alternative valide.

L'accordo con berlusconi io non lo voglio. Ci ammazzerebbe a noi lavoratori, ci rovinerebbe la vita. Oltre che annientare per sempre il Pd (che non mi sta simpatico, ma è l'unica forza di centro con la quale SeL si è potuta alleare)

Approviamo tutti i punti in comune con il M5S, eleggiamo sto Presidente della Repubblica e poi tutti di nuovo alle urne.

Deciderà il Popolo.

Citazione:
Citazione: fa ripartire il sistema appunto Citazione: ne chiede immediatamente la modifica nelle parti più malate, cioè tutto Citazione: ottenendola .... poi la marmotta confeziona la cioccolata, i castori giocano la prossima partita della nazionale e Belen si fa suora


Forse a molti di voi non è chiaro il concetto di Sistema Democratico:

1) il sistema ORA è QUESTO, che vi piaccia o no. Cercate di svegliarvi dal bel sogno e cercate di farvelo entrare in testa.

2) per cambiare il sistema OCCORRE LA MAGGIORANZA che non avete, se non quella relativa, come partito. Però avete delle carte FORMIDABILI in mano, potete condizionare TOTALMENTE le scelte di un CSX che non vuole (giustamente) l'abbraccio mortale con il pdl. Ergo, potete chiedere tutto quello che volete.

3) potete cambiare il sistema limitatamente alle parti in comune con il CSX, ce ne sono, non crediate che non ce ne siano. E essi non possono chiedervi NULLA perchè sono costretti a accettare il vostro appoggio. Dopodichè, tutti al voto.

Vi rendete conto o no di quanto potete fare per cambiare DA SUBITO tutte le cose che non funzionano in sto cesso di paese?


Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
LoneWolf58
Inviato: 6/3/2013 21:47  Aggiornato: 6/3/2013 21:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: E' una questione di linguaggio


Già... visto che il linguaggio non funziona... proviamo con gli schemini

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
Red_Max
Inviato: 6/3/2013 21:53  Aggiornato: 6/3/2013 21:53
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/7/2012
Da: in volo
Inviati: 975
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Autore: Maggiolino Inviato: 6/3/2013 20:03:24

Citazione:

Secondariamente, il reddito di cittadinanza è diseducativo, ci sarebbe gente che lo spenderebbe al bar, tanto domani mica deve andare a lavorare...

Peccato che la proposta sia un po' diversa.. se non hai il lavoro hai diritto al reddito di cittadinanza, nel frattempo ti saranno offerti 3 lavori, se li rifiuti il reddito ti sarà tolto... siamo mica nel paese delle meraviglie..


Appunto, proprio qui volevo arrivare, non siamo mica nel paese delle meraviglie... se magari mi spieghi pure dove li trovi addirittura tre lavori, quando la realtà è che non c'è abbastanza lavoro per tutti...
Immagino che ci sarà la solita graduatoria dove qualcuno ha la precedenza in base ai requisiti, e qualcunaltro non arriva mai e resta fuori, ma col reddito da cittadinanza e al bar

Siamo mica qua a smacchiare i maggiolini

L'anoressia è un "orientamento" alimentare?

Non ti piacciono i crauti? allora sei crautofobo...
E' un reato gravissimo...

Aspirare gli embrioni è indice di civiltà!!!

Io non sono un complottista...
mi interesso di leggende metropolitane...
A380
Inviato: 6/3/2013 21:54  Aggiornato: 6/3/2013 21:56
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Già... visto che il linguaggio non funziona... proviamo con gli schemini


Bella! Dove l'hai presa?

C'è ancora un po' di parte in alto da spolpare, è tutta vostra. Fate presto però (oops, lasciate scorrere il tempo, voglio dire)

Citazione:
Immagino che ci sarà la solita graduatoria dove qualcuno ha la precedenza in base ai requisiti, e qualcunaltro non arriva mai e resta fuori, ma col reddito da cittadinanza e al bar


Questa è la classica conclusione qualunquista e generalista per la quale una cosa non deve funzionare, a prescindere, perchè lo abbiamo già deciso noi a priori

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
Calvero
Inviato: 6/3/2013 22:03  Aggiornato: 6/3/2013 22:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Forse a molti di voi non è chiaro il concetto di Sistema Democratico:


Mi domando se la tua affermazione è seria o pensi di parlare con la casalinga di Voghera.

DI quale democrazia parli? quella dell'etimo o della farsa di mamma propaganda?

Forse non ti è chiaro che non gliene fotte un cazzo ai Grillini di accettarlo questo "sistema democratico" e che vogliono depauperarlo per poi distruggerlo.

Citazione:
1) il sistema ORA è QUESTO, che vi piaccia o no.


Le tavole della Legge che dicono che bisogna accettarlo, le puoi mostrare a tutti? te ne sarei grato

Citazione:
per cambiare il sistema OCCORRE LA MAGGIORANZA che non avete, se non quella relativa, come partito. Però avete delle carte FORMIDABILI in mano, potete condizionare TOTALMENTE le scelte di un CSX che non vuole (giustamente) l'abbraccio mortale con il pdl. Ergo, potete chiedere tutto quello che volete.


Per cambiare il Sistema bisogna portarlo al punto critico di collasso, altrimenti tanto valeva non si presentassero i Grillini. Bastava già PD e PD meno L a fare quello che farebbero con l'aiuto dei Grillini.

E poi finiscila, per l'amore di quel Dio, che dai per scontato che il PD avrebbe mai una qualche autorevolezza nei confronti di un PDL .. dai per favore su; i Peppone fuori dal cazzo una volta per tutte, grazie per la collaborazione

Citazione:
potete cambiare il sistema limitatamente alle parti in comune con il CSX, ce ne sono, non crediate che non ce ne siano. E essi non possono chiedervi NULLA perchè sono costretti a accettare il vostro appoggio. Dopodichè, tutti al voto.


Esattamente. Anzi ho sbagliato.

Belen confeziona la cioccolata, la marmotta gioca da sola al posto della nazionale e i Castori si ritirano in Convento.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
invisibile
Inviato: 6/3/2013 22:05  Aggiornato: 6/3/2013 22:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
A380

Citazione:
Invece nessuno sa ancora spiegare per quale logico e sano motivo il M5S non è disposto ad accettare i punti del CSX che sono Condivisi con il proprio programma. E questo è un punto molto pesante, dove il M5S Non Ha Proprio Scusanti.

Ti giuro che ci ho provato ma pare che io scriva in ostrogoto.
Se un criminale dichiarato ti propone un accordo, secondo te perché lo fa? Perché ti vuole bene, o perché vuole "il bene del paese" o per "altissimo senso di responsabilità"?
No.
Per dirla alla francese é perché te lo vuole mettere in culo.
E pare che il M5S preferirebbe un'altra soluzione. Puoi biasimarli?

Riguardo a Violante, mi era sfuggita la tua risposta. Colpa mia.

Citazione:
ti ho detto chiaramente che non è facile capire che cosa ci può essere dietro determinate decisioni.

Hai una ipotesi oltre al fatto di aver tradito il proprio elettorato, aver contribuito a mantenere un vuoto legislativo che neanche in una repubblica delle banane?

Citazione:
In più, ho aggiunto che Violante andrebbe premiato, non osteggiato, per la dichiarazione che ha fatto.

Adesso dobbiamo pure premiarlo del fatto che grazie a quell'inciucio ci siamo dovuti sorbire berlusconi e il suo bel mondo vuoto per 20 anni?
Scusa, ma premiarlo per cosa?

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
Stampella
Inviato: 6/3/2013 22:10  Aggiornato: 6/3/2013 22:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/2/2013
Da: Repubblica del web
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
@TAD

C'è Cristina in TV anche staseeeraaa!
La mano si avvicina alla cernieeeraaa!
Mi siedo sul divano coi pooopcoorn!
E' forse quasi meglio di youpooorn!
youpooorn!
youpooorn!
youpooorn!
Prima o poooiii! Ti vediamooo!
Ti vediamo su youpooorn!

Torce e bandiere,fumogeni e 2aste!

No al calcio moderno no alla pay tv!!!

Non avevo mai visto gli "Ultras" delle Iene, ne avevo sentito parlare ma sono anni ormai che la mia tv non capta più le reti mediaset.
Oltre agli sfottò i "Vips" si meriterebbero anche una bella carica

Sertes
Inviato: 6/3/2013 22:20  Aggiornato: 6/3/2013 22:21
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: E' una questione di linguaggio
Monte dei Paschi di Siena, muore suicida l’ex portavoce di Mussari

David Rossi, il 51enne capo dell’area comunicazione del Monte dei Paschi di Siena e fedelissimo dell’ex presidente della banca, Giuseppe Mussari, si è suicidato questa sera gettandosi dalla finestra del suo ufficio a Rocca Salimbeni. Il 118 è intervenuto sul posto dopo aver ricevuto una chiamata alle 20.43, ma non c’è stato più niente da fare.

Nei giorni scorsi l’abitazione e l’ufficio del manager erano state oggetto di una perquisizione della Guardia di Finanza in seguito alle quali gli organi d’informazione avevano precisato che Rossi non era indagato nell’inchiesta della Procura di Siena sull’acquisizione di Antonveneta e sui contratti derivati siglati dalla banca, ma solo una persona informata sui fatti.

Il Fatto

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Manfred
Inviato: 6/3/2013 22:26  Aggiornato: 6/3/2013 22:26
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Torniamo all'asilo di infanzia di una cinquantina di anni fa perché quello di adesso, nel mondo di internet, non è in grado di fornire ne spiegare questa informazione sotto forma di proverbio


Tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare!

Manfred
Inviato: 6/3/2013 22:32  Aggiornato: 6/3/2013 22:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Autorimosso.

invisibile
Inviato: 6/3/2013 22:34  Aggiornato: 6/3/2013 22:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Da come hai parlato si evince che vorresti inoculare l'onestà per via sottocutanea come vaccino contro la disonestà a chi non la possiede, da questo il mio riferimento alla religione.

L'onestà non si possiede. La si pratica. E' una scelta.
La religione non c'entra niente. Si tratta di capire che la disonestà é stupida, per cui si tratta di crescere. Anche se si potesse inoculare non servirebbe a niente essendo una pratica, una scelta.

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
Stampella
Inviato: 6/3/2013 22:34  Aggiornato: 6/3/2013 22:37
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/2/2013
Da: Repubblica del web
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Autore: Sertes Inviato: 6/3/2013 22:20:33

Monte dei Paschi di Siena, muore suicida l’ex portavoce di Mussari

David Rossi, il 51enne capo dell’area comunicazione del Monte dei Paschi di Siena e fedelissimo dell’ex presidente della banca, Giuseppe Mussari, si è suicidato questa sera gettandosi dalla finestra del suo ufficio a Rocca Salimbeni. Il 118 è intervenuto sul posto dopo aver ricevuto una chiamata alle 20.43, ma non c’è stato più niente da fare.

Nei giorni scorsi l’abitazione e l’ufficio del manager erano state oggetto di una perquisizione della Guardia di Finanza in seguito alle quali gli organi d’informazione avevano precisato che Rossi non era indagato nell’inchiesta della Procura di Siena sull’acquisizione di Antonveneta e sui contratti derivati siglati dalla banca, ma solo una persona informata sui fatti.

Il Fatto


Oibò,quasi in presa diretta. Accadono cose sconvolgenti in questo borgo medioevale.

Sertes, qui se viene scoperchiato il pentolone ne esce tanta di quella merda che neppure te ne puoi immaginare.
Sono tutti complici, tutti conniventi. Ti consiglio questo blog, si chiama "L'eretico di Siena",magari già lo conosci. Sono anni che impavidamente prova a raccontare lo schifo che ci attanaglia.
La cosa paradossale è che camminando per il centro storico ci sono ancora molti che riveriscono e fanno riverenze a tali loschi figuri. Intanto provo a riportarti i dati delle ultime Politiche, sono un buon inizio:
Silvio Berlusconi 6887 20.48

N° Lista/e Collegata/e Voti %
1 FRATELLI D'ITALIA CENTRODESTRA NAZIONALE 776 2.31%
2 IL POPOLO DELLA LIBERTA' - BERLUSCONI PRESIDENTE 5519 16.41%
3 LEGA NORD - MARONI 331 0.98%
4 LA DESTRA - STORACE 214 0.64%
5 MODERATI ITALIANI IN RIVOLUZIONE - ROSA TRICOLORE 47 0.14%
Totale coalizione: 6887 20.48%

Camera dei Deputati Voti %
Giuseppe Piero Grillo 7047 20.95

N° Lista/e Collegata/e Voti %
6 MOVIMENTO 5 STELLE 7047 20.95%

Camera dei Deputati Voti %
Pierluigi Bersani 13333 39.65

N° Lista/e Collegata/e Voti %
7 CENTRO DEMOCRATICO 180 0.54%
8 PARTITO DEMOCRATICO 11513 34.23%
9 SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA' 1640 4.88%
Totale coalizione: 13333 39.65%

Camera dei Deputati Voti %
Magdi Cristiano Allam 79 0.23

N° Lista/e Collegata/e Voti %
10 IO AMO L'ITALIA 79 0.23%

Camera dei Deputati Voti %
Marco Ferrando 146 0.43

N° Lista/e Collegata/e Voti %
11 PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI 146 0.43%

Camera dei Deputati Voti %
Giacinto Marco Pannella 107 0.32

N° Lista/e Collegata/e Voti %
12 LISTA AMNISTIA GIUSTIZIA LIBERTA' 107 0.32%

Camera dei Deputati Voti %
Mario Monti 4265 12.68

N° Lista/e Collegata/e Voti %
13 FUTURO E LIBERTA' PER L'ITALIA - FINI 137 0.41%
14 UNIONE DI CENTRO - CASINI 432 1.28%
15 SCELTA CIVICA - MONTI 3696 10.99%
Totale coalizione: 4265 12.68%

Camera dei Deputati Voti %
Roberto Fiore 55 0.16

N° Lista/e Collegata/e Voti %
16 FORZA NUOVA 55 0.16%

Camera dei Deputati Voti %
Simone Di Stefano 144 0.43

N° Lista/e Collegata/e Voti %
17 CASAPOUND ITALIA 144 0.43%

Camera dei Deputati Voti %
Antonio Ingroia 920 2.74

N° Lista/e Collegata/e Voti %
18 RIVOLUZIONE CIVILE - INGROIA 920 2.74%

Camera dei Deputati Voti %
Oscar Fulvio Giannino 647 1.92

N° Lista/e Collegata/e Voti %
19 FARE PER FERMARE IL DECLINO 647 1.92%

Senato della Repubblica:

_ I POLITICI
_ LE NOTIZIE
Comune di SIENA % VOTANTI
80.8%
ENTI SCRUTINATI
50 / 50
ABITANTI: 54.543ELETTORI: 39.960SEGGI: - percentuale votanti aggiornata alle: 19:06:07 del 25/02/2013
dati aggiornati alle: 19:06:07 del 25/02/2013
Lista Voti % Seggi
IL POPOLO DELLA LIBERTA' 5.424 17,2 -
FRATELLI D'ITALIA 680 2,15 -
LEGA NORD 304 0,96 -
LA DESTRA 214 0,67 -
MIR - MODERATI IN RIVOLUZIONE 55 0,17 -
TOTALE SILVIO BERLUSCONI 6.677 21,15 -
PARTITO DEMOCRATICO 11.435 36,26 -
SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA' 1.496 4,74 -
CENTRO DEMOCRATICO 163 0,51 -
TOTALE PIER LUIGI BERSANI 13.094 41,51 -
CON MONTI PER L'ITALIA 3.957 12,55 -
TOTALE MARIO MONTI 3.957 12,55 -
RIVOLUZIONE CIVILE 626 1,98 -
TOTALE ANTONIO INGROIA 626 1,98 -
MOVIMENTO 5 STELLE BEPPEGRILLO.IT 6.284 19,93 -
TOTALE GIUSEPPE PIERO GRILLO 6.284 19,93 -
FARE PER FERMARE IL DECLINO 483 1,53 -
TOTALE OSCAR FULVIO GIANNINO 483 1,53 -
PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI 141 0,44 -
CASAPOUND ITALIA 111 0,35 -
LISTA AMNISTIA GIUSTIZIA LIBERTA' 96 0,3 -
FORZA NUOVA 59 0,18 -
TOTALE altri - 1,27 -


Il blog è questo:

http://ereticodisiena.blogspot.it/

Non ci resta che piangere....eppoi io a Frittole c'andrei volentieri

Edit dati del senato

A380
Inviato: 6/3/2013 22:41  Aggiornato: 6/3/2013 23:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Le tavole della Legge che dicono che bisogna accettarlo, le puoi mostrare a tutti? te ne sarei grato


Giusto giusto sono due cosucce da niente, proprio da niente, sai?

La Costituzione della Repubblica Italiana e un centinaio di Leggi riguardo il funzionamento degli Organi Istituzionali, il sistema elettorale e un sacco di altre cosine correlate, ti bastano?

Ma voi non dovevate studiare la Costituzione per Statuto?

Sorvoliamo su tutto il resto, sarebbe come sparare a un morto.

Citazione:
Citazione: Invece nessuno sa ancora spiegare per quale logico e sano motivo il M5S non è disposto ad accettare i punti del CSX che sono Condivisi con il proprio programma. E questo è un punto molto pesante, dove il M5S Non Ha Proprio Scusanti. Ti giuro che ci ho provato ma pare che io scriva in ostrogoto. Se un criminale dichiarato ti propone un accordo, secondo te perché lo fa? Perché ti vuole bene, o perché vuole "il bene del paese" o per "altissimo senso di responsabilità"? No. Per dirla alla francese é perché te lo vuole mettere in culo.


Mi piace quando sento che la si fa facile.
Per esempio, potrebbe essere perchè non ha altra scelta. Giusto per fare un esempio a caso, eh?

Citazione:
E pare che il M5S preferirebbe un'altra soluzione. Puoi biasimarli?


No perchè non ho ancora capito dove vogliono arrivare, ma intanto perdono tempo. E se perdono tempo, lo fanno perdere anche a tutto il Paese. Inoltre a questo punto si aprono spiragli anche inquietanti: come vorrebbero, costoro, cambiare il sistema che tutti (pare) vogliamo cambiare? Con le armi? Con le bombe? con la costrizione fisica? Con la sodomizzazione cruenta?
Sono domande, sono un cittadino, fatemi capire!


Citazione:
Riguardo a Violante, mi era sfuggita la tua risposta. Colpa mia. Citazione: ti ho detto chiaramente che non è facile capire che cosa ci può essere dietro determinate decisioni. Hai una ipotesi oltre al fatto di aver tradito il proprio elettorato, aver contribuito a mantenere un vuoto legislativo che neanche in una repubblica delle banane? Citazione: In più, ho aggiunto che Violante andrebbe premiato, non osteggiato, per la dichiarazione che ha fatto. Adesso dobbiamo pure premiarlo del fatto che grazie a quell'inciucio ci siamo dovuti sorbire berlusconi e il suo bel mondo vuoto per 20 anni? Scusa, ma premiarlo per cosa?


Io non ricordo se in quel tempo nel programma del CSX c'era la risoluzione del problema legato alle televisioni di berlusconi, il fatto è vecchio, molto vecchio (c'era un certo Bettino) ma di sicuro l'asta per l'assegnazione delle frequenze riuscirono perlomeno a farla. Il problema si presentò il momento in cui rete 4 non volle lasciare le frequenze al vincitore dell'asta (Europa 7). Ammettiamo nella peggiore delle ipotesi il tradimento agli elettori, tra cui il sottoscritto, che aveva votato a SX, come sempre. Ebbene, non è che poi è così semplice governare, può darsi anche che in sede di risoluzione del problema siano stati riscontrati ostacoli non attesi. Ci sono stati problemi ben più gravi da addossare al CSX, il recupero di berlusconi per più e più volte per esempio, il caso più vergognoso fu di water veltroni che recuperò un berlusconi ormai alle corde, abbandonato pure da Fini, proprio nel momento della fondazione del Pd. Grillo giustamente disse che "Topo Gigio era il migliore amico dello Psiconano" Però io votai (sbagliando, peraltro) proprio veltroni alle primarie. Chi sbaglia non può prendersela con gli altri, anche se il fatto mi fece incazzare non poco.
Forse mi sono sempre ricordato di quando la massa informe scese in piazza contro il sacrosanto oscuramento delle reti ora mediaset per evitare di arrabbiarmi contro le scelte dei politici, come craxi allora, che poi formalizzarono l'abuso come cosa fattibile, aggirando le Leggi, intanto però il poPollo aveva agito in tale senso. Non si può accusare il politico quando si chiede allo stesso politico di agire contro la Legge. Non so se mi spiego.

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
DjGiostra
Inviato: 6/3/2013 22:45  Aggiornato: 6/3/2013 22:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: E' una questione di linguaggio
La costituzione.. Questa sconosciuta !!!!!!!!!!!!!! Dovrebbero insegnarla alle elementari !!!

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
Maggiolino
Inviato: 6/3/2013 22:54  Aggiornato: 6/3/2013 22:54
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/5/2006
Da:
Inviati: 384
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:

Appunto, proprio qui volevo arrivare, non siamo mica nel paese delle meraviglie... se magari mi spieghi pure dove li trovi addirittura tre lavori, quando la realtà è che non c'è abbastanza lavoro per tutti...
Immagino che ci sarà la solita graduatoria dove qualcuno ha la precedenza in base ai requisiti, e qualcunaltro non arriva mai e resta fuori, ma col reddito da cittadinanza e al bar


Se era quello il punto a cui volevi arrivare, avresti potuto riportare la notizia corretta al posto di una falsa, troppo semplice cercare di riparare in corner quando si viene scoperti.
Normalmente mi aspetto un minimo di onestà intellettuale nelle discussioni e una premessa del genere non è delle più confortanti.
Comunque, nulla ti vieta di immaginare altri scenari, tipo un'assegnazione sequenziale, oppure molto, ma molto semplicemente lo svolgimento di lavori socialmente utili in attesa di un impiego.
Se hai realmente necessità di un reddito fai qualunque lavoro, diversamente vuol dire che non ne hai bisogno e te lo posso togliere.

Come se in altre nazioni non lo facessero.
Ah già, ma noi siamo il paese delle meraviglie, ecco perchè..

P.S. L'ultimo che ha cercato di smacchiare è rimasto con lo smacchiatore in mano

Chemtrails! Il futuro è già iniziato
Ciao
Maggiolino
Stampella
Inviato: 6/3/2013 22:55  Aggiornato: 6/3/2013 22:55
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/2/2013
Da: Repubblica del web
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
@Manfred

Torniamo all'asilo di infanzia di una cinquantina di anni fa perché quello di adesso, nel mondo di internet, non è in grado di fornire ne spiegare questa informazione sotto forma di proverbio


Tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare!


O le camionette che fanno i caroselli

Red_Max
Inviato: 6/3/2013 23:02  Aggiornato: 6/3/2013 23:02
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/7/2012
Da: in volo
Inviati: 975
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Questa è la classica conclusione qualunquista e generalista per la quale una cosa non deve funzionare, a prescindere, perchè lo abbiamo già deciso noi a priori


Io osservo e considero quello che è la realtà, ci puo' stare al massimo un errore di percezione, ma nulla posso decidere, quella è la realtà: milioni di disoccupati, non è colpa del mio qualunquismo.

Purtroppo penso che ci sia un'epidemia di sindrome dell'azzeccagarbugli...
la cura non esiste ancora... si possono solo limitare i danni...

approfitto per un messaggio in codice:

la bicicletta non è elettrica, ripeto, la bicicletta non è elettrica!!!

L'anoressia è un "orientamento" alimentare?

Non ti piacciono i crauti? allora sei crautofobo...
E' un reato gravissimo...

Aspirare gli embrioni è indice di civiltà!!!

Io non sono un complottista...
mi interesso di leggende metropolitane...
invisibile
Inviato: 6/3/2013 23:12  Aggiornato: 6/3/2013 23:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
A380

Citazione:
Mi piace quando sento che la si fa facile. Per esempio, potrebbe essere perchè non ha altra scelta. Giusto per fare un esempio a caso, eh?

Ma guarda che é facile. Anzi semplice.
Inoltre questo non contraddice quello che ho detto io. Anzi lo conferma.

Quello che hai scritto per rispondermi su Violante si chiama nulla.
Con quella dichiarazione si capisce una cosa molto semplice: sono soci.
Il resto si chiama cercare di difendere l'indifendibile, perché se dichiari che B. é il tuo nemico n°1, e invece lo aiuti di nascosto, dimostri solo una cosa: che sei un furfante, che continui a tradire il tuo elettorato, che sei un criminale.

Aspetto ancora che mi spieghi perché tu premieresti Violante.

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
Manfred
Inviato: 6/3/2013 23:20  Aggiornato: 6/3/2013 23:29
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
O le camionette che fanno i caroselli

Con quale diritto ti appropri di un passato che non ti appartiene, io non ho visto caroselli della celere al maremoto tour ne in altre occasioni di spettacoli e comizi di Grillo, forse avrai sognato le manifestazioni degli anni settanta,
facile fare gli eroi con le botte prese dagli altri. (Era una strategia anche quella, anche se conquiste reali ci sono state, mio padre mi diceva di aprire gli occhi come sto facendo io adesso con voi, comunque questo rimane l'unico paragone)


Tra il dire e il fare rimane sempre di mezzo il mare quando si parla con dei
bambini viziati.

Stampella
Inviato: 6/3/2013 23:27  Aggiornato: 6/3/2013 23:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/2/2013
Da: Repubblica del web
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Non ti preoccupare che anche "noi" giovinotti di manganellate della celere ne abbiamo prese tante,in più contesti ed in più occasioni.

Il tuo passato è tutto tuo, io voglio il presente che ci spetta di diritto.

A buon intenditor poche parole....

Vecchietti inaciditi

Manfred
Inviato: 6/3/2013 23:29  Aggiornato: 6/3/2013 23:40
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Vorresti favorire i luoghi e le date.


Il tuo passato è tutto tuo, io voglio il presente che ci spetta di diritto.



Tutto e subito di vecchia memoria, chi ve li ha riciclati questi slogan, Casaleggio?!
O Grillo che sono degli esuberanti giovani. Nemmeno gli slogan sono originali, proprio da bamba. Volevo scrivere sbarbati ma poteva sembrare un mezzo complimento.

Stampella
Inviato: 6/3/2013 23:31  Aggiornato: 6/3/2013 23:36
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/2/2013
Da: Repubblica del web
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Ahahahah....sisi, giorno data anno luogo....vuoi anche la carta d'identità?

No dai arbitro non l'ho toccato! E' simulazione!

Edit:

Quello che tutti i difensori dicevano quando veniva fischiato un rigore a Pippo Inzaghi

Stampella
Inviato: 6/3/2013 23:48  Aggiornato: 6/3/2013 23:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/2/2013
Da: Repubblica del web
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Manfred,almeno quando editi scrivilo edit..almeno per correttezza.

Comunque m'importa una se@a

Edit:
Un cancelletto in più

A380
Inviato: 7/3/2013 8:58  Aggiornato: 7/3/2013 9:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Manfred,almeno quando editi scrivilo edit..almeno per correttezza. Comunque m'importa una se@a Edit: Un cancelletto in più


C'era un certo Nonno B. che già diceva "me ne frego", mi sembra che come stile siete sulla strada giusta

E poi vorreste anche i nostri voti?

Continua così che la dittatura è in dirittura di arrivo, io sinceramente per ora preferisco di gran lunga gli "inciuci" (orribile parola) come li chiama Grillo!

Citazione:
Citazione: Mi piace quando sento che la si fa facile. Per esempio, potrebbe essere perchè non ha altra scelta. Giusto per fare un esempio a caso, eh? Ma guarda che é facile. Anzi semplice. Inoltre questo non contraddice quello che ho detto io. Anzi lo conferma. Quello che hai scritto per rispondermi su Violante si chiama nulla. Con quella dichiarazione si capisce una cosa molto semplice: sono soci. Il resto si chiama cercare di difendere l'indifendibile, perché se dichiari che B. é il tuo nemico n°1, e invece lo aiuti di nascosto, dimostri solo una cosa: che sei un furfante, che continui a tradire il tuo elettorato, che sei un criminale. Aspetto ancora che mi spieghi perché tu premieresti Violante.


Forse non scrivo in modo fluido, ma dare del criminale a uno che tutto sommato sta facendo quello che il poPollo ha dimostrato di volere (in questo caso di non-volere, cioè non volere che le reti fininvest fossero oscurate a tempo, luogo e Legge-sopratutto) mi sembra una panzana da spot elettorale di vecchia memoria, altro che "nuovo che avanza"...

Ergo, il piddì non ha reso inoffensivo berlusconi? Sti cavoli, e perchè non ci ha pensato il poPollo elettore a rendere inoffensivo berlusconi, dandogli al massimo 2 voti (quello della mamma e quello di suo fratello)?

Sempre a delegare gli altri? E poi tutti subito pronti a dargli mazzate sulla capoccia quando sembra che siano rei di qualche azione "criminale"?



Violante andrebbe premiato perchè ha pubblicamente detto quello che ha detto, sta a vedere che uno mi dice una cosa molto importante e io per tutta ricompensa lo cazzio pure, ma in che mondo vivete?

Bello sarebbe stato, invece, aprire una commissione per accertare qualche eventuale Responsabilità per questo fatto, ovvero, capire se è stato un casus dovuto a necessità, oppure se è stata un'operazione di Scambio e se è stata un'operazione di scambio, capirne i termini.

Ma no, per voi Violante (che ha parlato) è un Criminale, mentre il piddì ha già ingannato il proprio elettorato. Come si chiamava la condanna senza processo, una volta?

In quanto a domande non risposte, sto ancora aspettando le risposte a quelle che vi ho fatto io, di domande, regolarmente evase come se non avessi mai parlato. Azz che considerazione che avete per gli elettori...

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
Sertes
Inviato: 7/3/2013 9:29  Aggiornato: 7/3/2013 9:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: E' una questione di linguaggio
Dai, coraggio, ricordo a tutti che abbiamo ancora almeno altri 2 mesi di questa solfa:

Citazione:
Elezioni: il Pd “assume volontari”. Porta a porta o sul web a zero euro
Nella sezione “comunicazione, propaganda e innovazione” il partito lancia un appello alla ricerca di giovani per combattere “la disinformatia”. Porte aperte a giovani “democratici comunicatori” e a “giovani democratici internettiani”. Posti anche per grafici junior e a ragazzi automuniti o motomuniti... “perché stare dentro un partito è una forma di contributo”
Lunedì, 11 giugno 2012 - 15:54:00

A.A.A. Volontari cercasi…E’ l’annuncio che campeggia da un po’ di giorni sul sito del Partito Democratico di Roma, nella sezione ‘Comunicazione, Propaganda e Innovazione’. Un ruolo, su base volontaria, da rivestire dal prossimo novembre ad aprile 2013. Campagna elettorale, insomma, per combattere quella che la sezione capitolina dei democratici chiama ‘disinformazione’. Lo riferisce l'agenzia di stampa Agenparl.


PD assume disinformatori

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Calvero
Inviato: 7/3/2013 9:36  Aggiornato: 7/3/2013 9:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
La Costituzione della Repubblica Italiana e un centinaio di Leggi riguardo il funzionamento degli Organi Istituzionali, il sistema elettorale e un sacco di altre cosine correlate, ti bastano?


Assolutamente No. Ho detto le Tavole della Legge .. non le leggi della Dittatura democratica.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
A380
Inviato: 7/3/2013 9:45  Aggiornato: 7/3/2013 9:45
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Citazione: La Costituzione della Repubblica Italiana e un centinaio di Leggi riguardo il funzionamento degli Organi Istituzionali, il sistema elettorale e un sacco di altre cosine correlate, ti bastano? Assolutamente No. Ho detto le Tavole della Legge .. non le leggi della Dittatura democratica.


Ma come? Avete avuto il coraggio di Candidarvi alle elezioni (che Seguono QUESTO sistema) e adesso vi tirate indietro?

Inciucioni! Inciucioni come previsto!

Attendo ancora le risposte alle Mie domande.

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
Calvero
Inviato: 7/3/2013 9:46  Aggiornato: 7/3/2013 9:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
C'era un certo Nonno B. che già diceva "me ne frego", mi sembra che come stile siete sulla strada giusta


Hai sbagliato di 20° il tuo Nick (per eccedenza).

Visto che la sinistra gira e ritorna su sé stessa, cioè la destra. Ma per levarvi la falce il martello dal Culo cosa bisognerebbe fare? .. oltre quello che ha già dimostrato la storia - of course: il fallimento.


Troppe faccine che ridono e martelletti che si battono sui coglioni; su dai, uno sforzo, è ora di mangiarseli. Ti passo il sale anche a Te se vuoi.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
LoneWolf58
Inviato: 7/3/2013 9:47  Aggiornato: 7/3/2013 9:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Autore: Sertes Inviato: 6/3/2013 22:20:33
...
Rossi non era indagato ..., ma solo una persona informata sui fatti.
Non più...

Mi ricorda qualcosa...

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
Calvero
Inviato: 7/3/2013 9:49  Aggiornato: 7/3/2013 9:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Ma come? Avete avuto il coraggio di Candidarvi alle elezioni (che Seguono QUESTO sistema) e adesso vi tirate indietro?


Quale coraggio? io non ho votato, intanto.

Infatti vogliono distruggerlo quel Sistema.

Citazione:
Attendo ancora le risposte alle Mie domande.


Quali domande? .. ti manda Complo? questa è una domanda

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
A380
Inviato: 7/3/2013 9:57  Aggiornato: 7/3/2013 9:58
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Iscritto: 4/6/2007 Da: Fleed / Umon Inviati: 8875 Online! Re: E' una questione di linguaggio Citazione: C'era un certo Nonno B. che già diceva "me ne frego", mi sembra che come stile siete sulla strada giusta Hai sbagliato di 20° il tuo Nick (per eccedenza). Visto che la sinistra gira e ritorna su sé stessa, cioè la destra. Ma per levarvi la falce il martello dal Culo cosa bisognerebbe fare? .. oltre quello che ha già dimostrato la storia - of course: il fallimento. Troppe faccine che ridono e martelletti che si battono sui coglioni; su dai, uno sforzo, è ora di mangiarseli. Ti passo il sale anche a Te se vuoi.


Dai, ci hai fatto la figura che meritavi, non ti incavolare!
Arrivare all'attacco personale non serve, è solo una dimostrazione del fallimento delle Tue argomentazioni.
Amici come prima.

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
Sertes
Inviato: 7/3/2013 9:59  Aggiornato: 7/3/2013 9:59
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
A380 ha scritto:
Arrivare all'attacco personale non serve, è solo una dimostrazione del fallimento delle Tue argomentazioni.
Amici come prima.


Anche dire questo lo è.

Se ci sono domande di cui ti preme avere la risposta, le riscrivi, non accusi gli altri.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
A380
Inviato: 7/3/2013 10:02  Aggiornato: 7/3/2013 10:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Citazione: A380 ha scritto: Arrivare all'attacco personale non serve, è solo una dimostrazione del fallimento delle Tue argomentazioni. Amici come prima. Anche dire questo lo è. Se ci sono domande di cui ti preme avere la risposta, le riscrivi, non accusi gli altri.


Sei fuorviante amico. Ergo, la fai molto fuori del vaso.
Io ho risposto al Primo messaggio.
C'è anche la citazione, bella evidenziata!

Tra l'altro ora si spiega anche questa affermazione:
Citazione:
i Peppone fuori dal cazzo una volta per tutte, grazie per la collaborazione


Fatemi vedere voi dove sono le Tavole della Legge che prescrivono ai Peppone di andare fuori dal cazzo, prego!

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
Calvero
Inviato: 7/3/2013 10:08  Aggiornato: 7/3/2013 10:08
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: E' una questione di linguaggio
_______________
__________

Non siamo amici.

Quale attacco personale??

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 7/3/2013 10:12  Aggiornato: 7/3/2013 10:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Fatemi vedere voi dove sono le Tavole della Legge che prescrivono ai Peppone di andare fuori dal cazzo, prego!


Infatti non esistono Le Tavole della Legge. È proprio questo che non vuoi vedere. E non c'è nessuna prescrizione. Altrimenti non avrei usato il termine collaborazione ma "obbedisci". Adesso che hai capito che Il Sistema non può imporre coerenza perché non è lì per Legge divina, allora hai capito che può essere attaccato come meglio si conviene. It's dittatura democratica Baby

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
A380
Inviato: 7/3/2013 10:30  Aggiornato: 7/3/2013 10:39
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Citazione: Fatemi vedere voi dove sono le Tavole della Legge che prescrivono ai Peppone di andare fuori dal cazzo, prego! Infatti non esistono Le Tavole della Legge. È proprio questo che non vuoi vedere. E non c'è nessuna prescrizione. Altrimenti non avrei usato il termine collaborazione ma "obbedisci". Adesso che hai capito che Il Sistema non può imporre coerenza perché non è lì per Legge divina, allora hai capito che può essere attaccato come meglio si conviene. It's dittatura democratica Baby


Collaborazione? Ho sentito la parola collaborazione?
E allora perchè vi rifiutate sistematicamente di COLLABORARE a formare un Governo che vada secondo le Vostre prescrizioni fino a che un benedetto Presidente della Repubblica non sarà in grado di sciogliere le Camere?

Il giro è vizioso, amico.

Scusa, dimenticavo perchè ho scritto di getto: questo sistema, per quanto marcio possa essere, ha in sè la possibilità di essere Cambiato. Non sputiamo così su delle Leggi e su una Costituzione che sono costate SANGUE e che sono tra le migliori del Mondo, per favore.

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
invisibile
Inviato: 7/3/2013 10:41  Aggiornato: 7/3/2013 10:41
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Forse non scrivo in modo fluido, ma dare del criminale a uno che tutto sommato sta facendo quello che il poPollo ha dimostrato di volere (in questo caso di non-volere, cioè non volere che le reti fininvest fossero oscurate a tempo, luogo e Legge-sopratutto) mi sembra una panzana da spot elettorale di vecchia memoria, altro che "nuovo che avanza"...

Guarda che io parlavo della legge sul conflitto di interessi mai fatta da centrosinistra. Quello era il KO a berlusca perché senza le sue reti ed editoria a fargli propaganda a tappeto oggi starebbe in esilio. Per cui é inutile che cerchi di dare la colpa al popollo. La colpa é del centrosinistra che quando poteva non lo ha fatto tradendo le promesse elettorali.
Lo hanno salvato perché é il loro socio, questo é "quello che c'è dietro" che ti piace tanto.
Il CSX ha sempre tradito il suo elettorato e chi lo ha rivotato nonostante i fatti é un traditore anche lui.

Citazione:

Violante andrebbe premiato perchè ha pubblicamente detto quello che ha detto, sta a vedere che uno mi dice una cosa molto importante e io per tutta ricompensa lo cazzio pure, ma in che mondo vivete?

In quello reale. In quello in cui se qualcuno prende un impegno ci si aspetta che lo mantenga e non che faccia l'opposto di quanto promesso.
Se tu vivi in quel mondo di menzogne mi spiace ma non c'è possibilità di dialogo.
Se un mafioso confessa un crimine (perché tu puoi anche chiamarla "una cosa importante" ma di crimine si tratta caro mio) dovremmo premiarlo? Ma ti rendi conto di quello che dici?

Citazione:
Bello sarebbe stato, invece, aprire una commissione per accertare qualche eventuale Responsabilità per questo fatto, ovvero, capire se è stato un casus dovuto a necessità, oppure se è stata un'operazione di Scambio e se è stata un'operazione di scambio, capirne i termini.

Chissà perché non é stato fatto... Forse perché così la gente avrebbe capito di che razza di mascalzoni si tratta?

Citazione:

Ma no, per voi Violante (che ha parlato) è un Criminale, mentre il piddì ha già ingannato il proprio elettorato. Come si chiamava la condanna senza processo, una volta?

Non é un processo. Ed é proprio il fatto che non ce ne sia stato uno la cosa grave. Si chiama essere impuniti.
E' inutile che continui a cercare di difendere l'indifiendibile. O porti fatti che ci mostrino la situazione in modo diverso oppure continuare a dire "si ma noi non sappiamo sotto cosa cosa ci può essere..." é solo un altro tentativo patetico di ingannare i tuoi interlocutori.

Visto che i fatti sono chiari, e cioè che la direzione del CSX é collusa, mafiosa e criminale, per quale motivo il popollo di CSX continua a votarli? Per quale motivo TU continui a votarli? Questo é importante.

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
Calvero
Inviato: 7/3/2013 10:48  Aggiornato: 7/3/2013 10:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Collaborazione? Ho sentito la parola collaborazione?
E allora perchè vi rifiutate sistematicamente di COLLABORARE a formare un Governo che vada secondo le Vostre prescrizioni fino a che un benedetto Presidente della Repubblica non sarà in grado di sciogliere le Camere?


Scusa A380 ... stai ascoltando o stai giocando con le parole? perché dopo un po ci si rompe le scatole.

Te lo dico in pace, bada che veramente su LC non puoi giocare di malizia e costringere la gente a venire dietro a giochi deficienti perché verrai automaticamente deriso. Ora te lo spiego per l'ultima volta.

Collaborare è un termine che ho usato nel preciso contesto della nostra discussione. Che a Te non stia bene che questa sia una Dittatura, va benissimo, ma non ti è concesso pretendere dagli altri che seguano una coerenza che riguarda quello che per Te è la democrazia. Così come a me non è concesso pretendere che Te ragioni sulle mie idee di cosa è democrazia. Infatti attacco la tua democrazia e non le soluzioni che proponi all'interno di quel paradigma.

Quindi collaborare è riferito precisamente al fatto che dirti che "i Peppone" "vadano fuori dal Cazzo" non può essere imposto per Legge, e che non ci sono Tavole della Legge ma è un preciso attacco ad una forma mentis degradata e onestamente patetica.

Che ora tu ti appigli con le unghie a parole slegate dalla discussione a monte ha un prezzo, ed è la derisone. Fattene una ragione. Perché inutile che gli altri te lo dicano anche in cinese e ora te lo ridico anche io ...

.. coi criminali collusi corrotti mafiosi non si collabora. Punto. Perché ogni zuccherino oggi, è un cetriolo nel culo domani. Se non hai capito questo nel gioco Italiota, cambia gli occhiali, come recita il vecchio adagio.

Quindi inutile, come ti stanno dicendo tutti, che batti su dinamiche interne ad un paradigma quando quel paradigma si sono votati per distruggerlo. Se poi a Te non sta bene che lo sfruttino attraverso le regole del Sistema stesso, sono solo cazzi tuoi, perché è evidente anche ai sassi che prima di questo stadio c'è solo una rivoluzione e che adesso tutto si gioca su una rivoluzione che rivoluziona il concetto stesso di rivoluzione. La fetta di popolo che si vuole far rappresentare dai Grillini non vuole mediazioni, vi vuole fuori dai coglioni, cos'è che non ti torna?

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 7/3/2013 10:50  Aggiornato: 7/3/2013 10:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Non sputiamo così su delle Leggi e su una Costituzione che sono costate SANGUE e che sono tra le migliori del Mondo, per favore.



Chi se ne fotte. Io personalmente ci cago anche, sopra.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Homero
Inviato: 7/3/2013 10:55  Aggiornato: 7/3/2013 10:55
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/4/2007
Da:
Inviati: 466
 Re: E' una questione di linguaggio
Calvero ha scritto:

Citazione:
. coi criminali collusi corrotti mafiosi non si collabora. Punto. Perché ogni zuccherino oggi, è un cetriolo nel culo domani.




Cetriolo globale

invisibile
Inviato: 7/3/2013 10:58  Aggiornato: 7/3/2013 10:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
Calvero

Citazione:
La fetta di popolo che si vuole far rappresentare dai Grillini non vuole mediazioni, vi vuole fuori dai coglioni, cos'è che non ti torna?

La parola "fuori".

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
A380
Inviato: 7/3/2013 10:59  Aggiornato: 7/3/2013 11:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Citazione: Collaborazione? Ho sentito la parola collaborazione? E allora perchè vi rifiutate sistematicamente di COLLABORARE a formare un Governo che vada secondo le Vostre prescrizioni fino a che un benedetto Presidente della Repubblica non sarà in grado di sciogliere le Camere? Scusa A380 ... stai ascoltando o stai giocando con le parole? perché dopo un po ci si rompe le scatole. Te lo dico in pace, bada che veramente su LC non puoi giocare di malizia e costringere la gente a venire dietro a giochi deficienti perché verrai automaticamente deriso. Ora te lo spiego per l'ultima volta. Collaborare è un termine che ho usato nel preciso contesto della nostra discussione. Che a Te non stia bene che questa sia una Dittatura, va benissimo, ma non ti è concesso pretendere dagli altri che seguano una coerenza che riguarda quello che per Te è la democrazia. Così come a me non è concesso pretendere che Te ragioni sulle mie idee di cosa è democrazia. Infatti attacco la tua democrazia e non le soluzioni che proponi all'interno di quel paradigma. Quindi collaborare è riferito precisamente al fatto che dirti che "i Peppone" "vadano fuori dal Cazzo" non può essere imposto per Legge, e che non ci sono Tavole della Legge ma è un preciso attacco ad una forma mentis degradata e onestamente patetica. Che ora tu ti appigli con le unghie a parole slegate dalla discussione a monte ha un prezzo, ed è la derisone. Fattene una ragione. Perché inutile che gli altri te lo dicano anche in cinese e ora te lo ridico anche io ... .. coi criminali collusi corrotti mafiosi non si collabora. Punto. Perché ogni zuccherino oggi, è un cetriolo nel culo domani. Se non hai capito questo nel gioco Italiota, cambia gli occhiali, come recita il vecchio adagio. Quindi inutile, come ti stanno dicendo tutti, che batti su dinamiche interne ad un paradigma quando quel paradigma si sono votati per distruggerlo. Se poi a Te non sta bene che lo sfruttino attraverso le regole del Sistema stesso, sono solo cazzi tuoi, perché è evidente anche ai sassi che prima di questo stadio c'è solo una rivoluzione e che adesso tutto si gioca su una rivoluzione che rivoluziona il concetto stesso di rivoluzione. La fetta di popolo che si vuole far rappresentare dai Grillini non vuole mediazioni, vi vuole fuori dai coglioni, cos'è che non ti torna?


Tante, troppe parole che non significano altro che quello che siete: Irresponsabili dispensatori di falsa saggezza!

E' a voi che non dovrebbe tornare il fatto che, a tutt'oggi, esiste una Consistente Fetta di Popolo a cui una parte delle vostre teorie Non Piacciono.
Tra cui il sottoscritto.

Citazione:
Citazione: Non sputiamo così su delle Leggi e su una Costituzione che sono costate SANGUE e che sono tra le migliori del Mondo, per favore. Chi se ne fotte. Io personalmente ci cago anche, sopra.


Fantastico, davvero fantastico. Un ragionamento che indubbiamente merita un profondo rispetto!

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
invisibile
Inviato: 7/3/2013 11:02  Aggiornato: 7/3/2013 11:02
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Tante, troppe parole che non significano altro che quello che siete: Irresponsabili dispensatori di falsa saggezza!

Basta non ascoltare e non sarai più disturbato.

Citazione:
E' a voi che non dovrebbe tornare il fatto che, a tutt'oggi, esiste una Consistente Fetta di Popolo a cui una parte delle vostre teorie Non Piacciono.
Tra cui il sottoscritto.

E chi l'avrebbe mai detto...
E si che Calvero ti ha avvisato.

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
Calvero
Inviato: 7/3/2013 11:05  Aggiornato: 7/3/2013 11:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Tante, troppe parole che non significano altro che quello che siete: Irresponsabili dispensatori di falsa saggezza!


E non offendete i morti!

.. la Zona Grigia con l'acqua alla gola


Citazione:
E' a voi che non dovrebbe tornare il fatto che, a tutt'oggi, esiste una Consistente Fetta di Popolo a cui una parte delle vostre teorie Non Piacciono.
Tra cui il sottoscritto.


It's Dittatura Democratica Baby


(Per notizia eh .. solo per notizia, perché credo che il marmo di travertino sia più morbido di certe sinapsi: quelle non sono le mie teorie)

Ok, ora puoi continuare a rosicare

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 7/3/2013 11:06  Aggiornato: 7/3/2013 11:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Un ragionamento che indubbiamente merita un profondo rispetto!


Non offendete i morti !

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Witt83
Inviato: 7/3/2013 11:20  Aggiornato: 7/3/2013 11:20
Mi sento vacillare
Iscritto: 3/1/2010
Da:
Inviati: 419
 Re: E' una questione di linguaggio
Breve riassunto della situazione post-elettorale:

http://www.youtube.com/watch?v=PjI4MUSWYoE


La terra possiede risorse sufficienti per provvedere ai bisogni di tutti, ma non all'avidità di alcuni. Gandhi
A380
Inviato: 7/3/2013 11:20  Aggiornato: 7/3/2013 11:31
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Citazione: Tante, troppe parole che non significano altro che quello che siete: Irresponsabili dispensatori di falsa saggezza! Basta non ascoltare e non sarai più disturbato. Citazione: E' a voi che non dovrebbe tornare il fatto che, a tutt'oggi, esiste una Consistente Fetta di Popolo a cui una parte delle vostre teorie Non Piacciono. Tra cui il sottoscritto. E chi l'avrebbe mai detto... E si che Calvero ti ha avvisato.


Se sei nel sistema che io accetto, io ho il diritto/dovere di informarmi, anche se le domande non sono accettate e le uniche risposte che arrivano portano inevitabilmente alle conclusioni che io (e altri) abbiamo tratto. E finora voi siete nel sistema che io accetto.

In quanto a Calvero, mi ha avvisato de che? Del fatto che volete prendere il Potere con ogni mezzo?
Ne prendo atto, aspettavo la dichiarazione formale.

Citazione:
.. la Zona Grigia con l'acqua alla gola


Per adesso sembra galleggiare molto meglio di Te!
Citazione:
Citazione: E' a voi che non dovrebbe tornare il fatto che, a tutt'oggi, esiste una Consistente Fetta di Popolo a cui una parte delle vostre teorie Non Piacciono. Tra cui il sottoscritto. It's Dittatura Democratica Baby (Per notizia eh .. solo per notizia, perché credo che il marmo di travertino sia più morbido di certe sinapsi: quelle non sono le mie teorie) Ok, ora puoi continuare a rosicare


It's Dittatura e basta e ve ne state facendo interpreti (pardòn, Te ne stai facendo interprete) in un modo formidabile!

Non capisco perchè dovrei rosicare, a me pare proprio che a rosicare sia la Tua Frustrazione

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
invisibile
Inviato: 7/3/2013 11:48  Aggiornato: 7/3/2013 11:48
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
A380

Citazione:
Se sei nel sistema che io accetto, io ho il diritto/dovere di informarmi, anche se le domande non sono accettate e le uniche risposte che arrivano portano inevitabilmente alle conclusioni che io (e altri) abbiamo tratto. E finora voi siete nel sistema che io accetto.

E Violante? Dimenticato chiaramente...
Ma quale parte della frase "il sistema lo vogliono distruggere" non ti é chiara?
No perché fino a quando non capisci che quando i 5* dicono tutti a casa intendono tutti a casa, é un po difficile capirsi.

Citazione:
In quanto a Calvero, mi ha avvisato de che? Del fatto che volete prendere il Potere con ogni mezzo?

No. Dai che ci arrivi, fai uno sforzo.

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
Calvero
Inviato: 7/3/2013 12:01  Aggiornato: 7/3/2013 12:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Se sei nel sistema che io accetto, io ho il diritto/dovere di informarmi, anche se le domande non sono accettate e le uniche risposte che arrivano portano inevitabilmente alle conclusioni che io (e altri) abbiamo tratto.


Complimenti per la supercazzola. Peccato che quel genio di Monicelli non ci sia più, altrimenti un euro te lo avrebbe dato per questa deriva comica.

Citazione:
E finora voi siete nel sistema che io accetto.


Cazzo, non mi dire!! ... devi aver mangiato pane e Volpe stamattina.

Citazione:
Per adesso sembra galleggiare molto meglio di Te!


È proprio quello che sostengo. Domandati cos'è che galleggia molto bene.

Citazione:
t's Dittatura e basta e ve ne state facendo interpreti (pardòn, Te ne stai facendo interprete) in un modo formidabile!


Interprete ?? di cosa?? io non li ho votati i Grillini ... l'ho detto io che il Marmo di travertino è più morbido

Citazione:
Non capisco perchè dovrei rosicare, a me pare proprio che a rosicare sia la Tua Frustrazione


Eccome se capisci. Un'altra tacca, avanti il prossimo

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
A380
Inviato: 7/3/2013 12:42  Aggiornato: 7/3/2013 12:51
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Citazione: Se sei nel sistema che io accetto, io ho il diritto/dovere di informarmi, anche se le domande non sono accettate e le uniche risposte che arrivano portano inevitabilmente alle conclusioni che io (e altri) abbiamo tratto. E finora voi siete nel sistema che io accetto. E Violante? Dimenticato chiaramente...


Ma dimenticato che?
Non delirare, sei Tu che devi dare risposte. Non puoi cavartela sempre con domande.
Violante in questo discorso c'entra come un pesce sull'Everest.

Citazione:
Ma quale parte della frase "il sistema lo vogliono distruggere" non ti é chiara? No perché fino a quando non capisci che quando i 5* dicono tutti a casa intendono tutti a casa, é un po difficile capirsi.


Stai di nuovo facendola fuori dal vaso.
Tutti a casa, significa Anche il M5S a casa.
Belle conquiste che hanno fatto: per adesso ci stanno facendo ritornare a votare. Lo avevo scritto all'inizio che Grillo era proprio una Volpe!

Citazione:
Citazione: In quanto a Calvero, mi ha avvisato de che? Del fatto che volete prendere il Potere con ogni mezzo? No. Dai che ci arrivi, fai uno sforzo.


Gli sforzi li faccio solo quando sono sul cesso, se mi va e devo dire che il "prodotto" in questo momento ce lo stai mettendo Tu.

Citazione:
Citazione: Se sei nel sistema che io accetto, io ho il diritto/dovere di informarmi, anche se le domande non sono accettate e le uniche risposte che arrivano portano inevitabilmente alle conclusioni che io (e altri) abbiamo tratto. Complimenti per la supercazzola. Peccato che quel genio di Monicelli non ci sia più, altrimenti un euro te lo avrebbe dato per questa deriva comica.


Controbatti come i bambini dell'asilo. Anzi, all'asilo ottengo risposte più consistenti.
Conserva l'Euro per la Fondazione Grilli Urlatori.

Citazione:
Citazione: E finora voi siete nel sistema che io accetto. Cazzo, non mi dire!! ... devi aver mangiato pane e Volpe stamattina.


Idem come sopra, quando avrai finito di fare inutile e stantia retorica, fai un fischio.

Citazione:
Citazione: Per adesso sembra galleggiare molto meglio di Te! È proprio quello che sostengo. Domandati cos'è che galleggia molto bene.


Un battello molto ben costruito. Ciò che intendi Tu dopo un po' si scioglie e affoga da sola; il destino di chi usa le Tue argomentazioni dell'ultima ora.

Citazione:
Citazione: It's Dittatura e basta e ve ne state facendo interpreti (pardòn, Te ne stai facendo interprete) in un modo formidabile! Interprete ?? di cosa?? io non li ho votati i Grillini ...


Ma ti comporti come se lo fossi.

Citazione:
l'ho detto io che il Marmo di travertino è più morbido Citazione: Non capisco perchè dovrei rosicare, a me pare proprio che a rosicare sia la Tua Frustrazione Eccome se capisci. Un'altra tacca, avanti il prossimo


Cambia la T con la C perchè si addice ai tuoi commenti dell'ultima ora.

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
Stampella
Inviato: 7/3/2013 12:44  Aggiornato: 7/3/2013 12:44
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/2/2013
Da: Repubblica del web
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Buon giorno...e speriamo che lo sia.

Una precisazione sola visto che un mio intervento è stato strumentalizzato ed altri commenti a cui rispondevo sono stati editati nel corso dello scambio:

Il mio "m'importa una se.ga" era riferito ai continui edit di Manfred che sono cambiati nella forma e nel contenuto. Un punto interrogativo poi si è magicamente trasformato in un punto. Quindi da una domanda si è passati ad un'affermazione.
Prima meschinità.

Decontestualizzare il mio "m'importa una sega" per poi evocare fascistissimi me ne frego e da li in poi attaccare a testa bassa il Movimento è molto triste e meschino. Ho un amico che cerca lavoro ed è veramente bravo con il pc,sapreste mica dirmi dove potrebbe mandare il c.v per aderire al piano "smacchiamo la rete"? É tutto molto brutto.
Torno sull'albero a togliermi le pulci che se per caso passa il giaguaro con relativo smacchiatore appresso lancerò la mia produzione di feci.
Che tristezza,che tristezza...ma cosa dico,che cog##oni,se li guardate sembrano uova di struzzo. Mi dovrò far cucire 2 tasce nuove nei pantaloni.

Pane e volpe...da quanto tempo non la sentivo,ho fatto una grande risata e ho rovesciato il caffè!

A380
Inviato: 7/3/2013 12:56  Aggiornato: 7/3/2013 12:56
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Buon giorno...e speriamo che lo sia. Una precisazione sola visto che un mio intervento è stato strumentalizzato ed altri commenti a cui rispondevo sono stati editati nel corso dello scambio: Il mio "m'importa una se.ga" era riferito ai continui edit di Manfred che sono cambiati nella forma e nel contenuto. Un punto interrogativo poi si è magicamente trasformato in un punto. Quindi da una domanda si è passati ad un'affermazione. Prima meschinità. Decontestualizzare il mio "m'importa una sega" per poi evocare fascistissimi me ne frego e da li in poi attaccare a testa bassa il Movimento è molto triste e meschino. Ho un amico che cerca lavoro ed è veramente bravo con il pc,sapreste mica dirmi dove potrebbe mandare il c.v per aderire al piano "smacchiamo la rete"? É tutto molto brutto. Torno sull'albero a togliermi le pulci che se per caso passa il giaguaro con relativo smacchiatore appresso lancerò la mia produzione di feci. Che tristezza,che tristezza...ma cosa dico,che cog##oni,se li guardate sembrano uova di struzzo. Mi dovrò far cucire 2 tasce nuove nei pantaloni. Pane e volpe...da quanto tempo non la sentivo,ho fatto una grande risata e ho rovesciato il caffè!


Ok, correggo il tiro.

Non avevo capito che il Tuo intervento era contestualizzato in un certo modo.

Chiedo pubblicamente scusa dell'interpretazione e annullo quella parte di messaggio.

Per il resto Ti invito chiaramente a non usare questo mio errore per strumentalizzare, a tua volta, tutto il resto.

Ciao.

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
Calvero
Inviato: 7/3/2013 12:57  Aggiornato: 7/3/2013 12:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Belle conquiste che hanno fatto: per adesso ci stanno facendo ritornare a votare. Lo avevo scritto all'inizio che Grillo era proprio una Volpe!


Dicono che si è perso l'unicorno e anche la marmotta che confeziona la cioccolata non la si vede più in giro, la propaganda pare stia finendo le scorte di fieno; cortesemente, Te che vivi nel mondo dei Mini Pony, sai darci notizie di loro? .. sai, comunque alle mascotte la gente si era un po affezionata.

Citazione:
... e devo dire che il "prodotto" in questo momento ce lo stai mettendo Tu.


Ma non eri Te che galleggiavi meglio ?? mah ... chi ti capisce

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
invisibile
Inviato: 7/3/2013 13:04  Aggiornato: 7/3/2013 13:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
A380

Ma dimenticato che?

Di portare qualcosa che abbia senso nella tua difesa di Violante. Se credi di averlo fatto siamo a posto.

Citazione:
Non delirare, sei Tu che devi dare risposte. Non puoi cavartela sempre con domande.

Non ho capito quale erano le domande... Mi illumini?
Nel frattempo Violante é sempre la che aspetta...


Citazione:
Stai di nuovo facendola fuori dal vaso.
Tutti a casa, significa Anche il M5S a casa.

E io che credevo che nella base ci fossero persone più perspicaci di bersani...
Va beh, significa che bisogna parlare come all'asilo.
Tutti a casa é rivolto alla vecchia classe politica per cui il 5* é esente, no aspetta esente é una parola troppo difficile... il 5* non essendo parte della vecchia classe politica non conta.
Ora é più chiaro?

Citazione:
Gli sforzi li faccio solo quando sono sul cesso

E si vede.

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
Calvero
Inviato: 7/3/2013 13:06  Aggiornato: 7/3/2013 13:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Ma ti comporti come se lo fossi.


Il fotografo non è lo scenografo.

Ma neanche questo sapevi? ... e l'ABC della filosofia, niente; e l'ABC della logica, niente. Poi non stupirti se non capisci che l'etimo delle parole non corrisponde alla realtà. Ah scusa ... lo dice la Costituzione

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Manfred
Inviato: 7/3/2013 13:11  Aggiornato: 7/3/2013 13:20
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: E' una questione di linguaggio
Dai figli della lupa ai figli della rete.


Passando per i figli dei fiori


Intanto i figli di mignotta godono.

A380
Inviato: 7/3/2013 13:12  Aggiornato: 7/3/2013 13:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Iscritto: 4/6/2007 Da: Fleed / Umon Inviati: 8889 Online! Re: E' una questione di linguaggio Citazione: Belle conquiste che hanno fatto: per adesso ci stanno facendo ritornare a votare. Lo avevo scritto all'inizio che Grillo era proprio una Volpe! Dicono che si è perso l'unicorno e anche la marmotta che confeziona la cioccolata non la si vede più in giro, la propaganda pare stia finendo le scorte di fieno; cortesemente, Te che vivi nel mondo dei Mini Pony, sai darci notizie di loro? .. sai, comunque alle mascotte la gente si era un po affezionata. Citazione: ... e devo dire che il "prodotto" in questo momento ce lo stai mettendo Tu. Ma non eri Te che galleggiavi meglio ?? mah ... chi ti capisce


No, dai, il geroglifico potevi risparmiarmelo!

Citazione:
Citazione: Ma ti comporti come se lo fossi. Il fotografo non è lo scenografo. Ma neanche questo sapevi? ... e l'ABC della filosofia, niente; e l'ABC della logica, niente. Poi non stupirti se non capisci che l'etimo delle parole non corrisponde alla realtà. Ah scusa ... lo dice la Costituzione


Cos'è che dice la Costituzione?

No, effettivamente Tu stesso dici che non hai votato M5S, mi sono lasciato un po' fuorviare.
In comune con Te quelli del M5S di certo hanno che non rispondono alle domande.
Forse per il resto mi sono un po' sbagliato.

Citazione:
Citazione: A380 Ma dimenticato che? Di portare qualcosa che abbia senso nella tua difesa di Violante. Se credi di averlo fatto siamo a posto. Citazione: Non delirare, sei Tu che devi dare risposte. Non puoi cavartela sempre con domande. Non ho capito quale erano le domande... Mi illumini? Nel frattempo Violante é sempre la che aspetta... Citazione: Stai di nuovo facendola fuori dal vaso. Tutti a casa, significa Anche il M5S a casa. E io che credevo che nella base ci fossero persone più perspicaci di bersani... Va beh, significa che bisogna parlare come all'asilo. Tutti a casa é rivolto alla vecchia classe politica per cui il 5* é esente, no aspetta esente é una parola troppo difficile... il 5* non essendo parte della vecchia classe politica non conta. Ora é più chiaro? Citazione: Gli sforzi li faccio solo quando sono sul cesso E si vede.


Ah, ecco, non hai capito. Neanche io ho capito Te.

Per quanto riguarda Violante, io lo Stimo anche solo per aver tirato fuori la faccenda della difesa alle reti di berlusconi. Io non ricordo, in quello stralcio di ripresa che gira in rete, che Violante abbia fatto riferimento al Conflitto di Interessi, ma solo alla difesa delle tre reti finivest. Forse mi sbaglio, ma sicuramente io apprezzo Violante per aver parlato. Che ci posso fare se mi piace chi parla chiaro? Anche se non sempre, meglio qualche volta che niente, no? E se Tu non sei d'accordo, di certo non te ne farò alcuna colpa.

Citazione:
significa che bisogna parlare come all'asilo

Almeno in questo modo si riesce a farsi capire. Perchè pensi che sia un fatto negativo?

Citazione:
Gli sforzi li faccio solo quando sono sul cesso E si vede


Se il discorso finisce in Humus ti ricordo, mal che vada, che siamo in Due.

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
invisibile
Inviato: 7/3/2013 13:34  Aggiornato: 7/3/2013 13:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
A380

Citazione:
Per quanto riguarda Violante, io lo Stimo anche solo per aver tirato fuori la faccenda della difesa alle reti di berlusconi. Io non ricordo, in quello stralcio di ripresa che gira in rete, che Violante abbia fatto riferimento al Conflitto di Interessi, ma solo alla difesa delle tre reti finivest. Forse mi sbaglio, ma sicuramente io apprezzo Violante per aver parlato. Che ci posso fare se mi piace chi parla chiaro? Anche se non sempre, meglio qualche volta che niente, no? E se Tu non sei d'accordo, di certo non te ne farò alcuna colpa.

Ma ci sei o ci fai?
Torniamo all'asilo...

Il programma del centrosinistra prevedeva la legge sul conflitto di interessi.
Quella legge non fu mai fatta nonostante che ci fosse la maggioranza per farla.
Perché non fu mai fatta? Non é dato sapere ma, perché c'è una ma, un bel giorno Violante rinfaccia apertamente al CDX il fatto che avessero definito regime il CSX, con il fatto che a berlusconi "fu data assicurazione che le sue reti non sarebbero state toccate".
Ora, a meno di non voler ammettere che i mimipony esistano davvero, questo significa che inciucio ci fu e che la controparte per il CSX ci deve essere stata per forza, cosa di cui ignoriamo totalmente la natura, ma che si può supporre sia altrettanto enorme come vantaggio politico ed economico.
Fila?
Se fila significa che sono dei criminali e che hanno preso per il culo il loro elettorato, compreso te.

Che cavolo c'entra il tuo apprezzamento per Violante?
E poi che chissene frega...

Citazione:

significa che bisogna parlare come all'asilo

Almeno in questo modo si riesce a farsi capire. Perchè pensi che sia un fatto negativo?

Non é negativo, é come dire... inaspettato, tra adulti.

EDIT
Almeno sembra che sul "tutti a casa", visto che non replichi, tu abbia finalmente capito.

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
A380
Inviato: 7/3/2013 20:38  Aggiornato: 7/3/2013 20:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
controparte per il CSX ci deve essere stata per forza, cosa di cui ignoriamo totalmente la natura, ma che si può supporre sia altrettanto enorme come vantaggio politico ed economico. Fila? Se fila significa che sono dei criminali e che hanno preso per il culo il loro elettorato, compreso te. Che cavolo c'entra il tuo apprezzamento per Violante? E poi che chissene frega... Citazione: significa che bisogna parlare come all'asilo Almeno in questo modo si riesce a farsi capire. Perchè pensi che sia un fatto negativo? Non é negativo, é come dire... inaspettato, tra adulti. EDIT Almeno sembra che sul "tutti a casa", visto che non replichi, tu abbia finalmente capito.


Tornare all'asilo? Ancora? Ma quanto sei ripetitiva!

Ora che siamo tornati all'asilo, vorrei farti capire che esiste una chiara differenza tra Conflitto di Interessi e Toccare le Televisioni.

Una cosa è il Conflitto di Interessi.

Un'altra cosa sono le televisioni.

Io non mi sento affatto preso per il culo, come dici Tu, nè dal piddì, nè da Violante, almeno in questo caso, capisci il senso di questa frase?

Io non mi aspetto che il politico intervenga dove il popolo ha già espresso la sua opinione: berlusconi deve poter trasmettere liberamente - questo ha deciso il popolo - quindi prima di intervenire sulle 3 Tv del giaguaro di Arcore, bisogna fare le cose più urgenti.

Perchè il piddì dovrebbe scegliere come primo obiettivo le 3 Tv di berlusconi? Solo perchè berlusconi è antipatico? Ma è lecito accanirsi contro qualcuno che è antipatico, solo per il fatto che è antipatico, specialmente se si occupano posizioni istituzionali? Mi sembra di no.

Con questo spero di aver chiarito una volta per tutte come la penso su Violante e pertanto ritengo in proposito la discussione chiusa.

Tanto, come dici tu, chissenefrega (ma è mezza giornata che mi sfrangiate i maroni con sto Violante, capisco che possa far rosicare qualcuno di voi...)

Bon, faccenda Violante per me Chiusa!

Passiamo al "tutti a casa", ma capito che?
Che c'è da capire? Che il "dittatorello" di Sant'Ilario (quartiere di Genova) vorrebbe decidere per tutti, anche per quelli che non la pensano come lui e che Non lo appoggiano?
O forse c'è da capire che si ritornerà, a breve, a elezioni? Che neppure questo è detto, essendo probabile che si sviluppino altri scenari dove il M5S fa la sua opposizione come tanto desidera e, come dici tu, chissenefrega del M5S?
Cosa c'è da capire sul "tutti a casa" se non che è una follia? Senza elencare che si dovranno affrontare nuovamente spese elettorali, rimborsi, ecc. ecc. tanto cari al M5S?
Non so, fammi capire Tu che sai tante cose...

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
invisibile
Inviato: 7/3/2013 20:56  Aggiornato: 7/3/2013 21:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/12/2012
Da: Sabina
Inviati: 7912
 Re: E' una questione di linguaggio
A380

Citazione:
Perchè il piddì dovrebbe scegliere come primo obiettivo le 3 Tv di berlusconi? Solo perchè berlusconi è antipatico?


Io non ho mai detto che avrebbe dovuto essere il primo obbiettivo.
Io ho detto che in campagna elettorale avevano promesso di fare la legge sul conflitto di interessi e non l'hanno fatta.
Inoltre Violante a svelato che c'è stato un accordo segreto per salvare le TV di berlusconi.
Se non ti senti preso per il culo non so cosa bisognerebbe fare per fartici sentire.
Contento tu...

Inoltre non si tratta di Violante. Si tratta della dirigenza del CSX perché quell'accordo segreto di certo non poteva farlo da solo.
Ma a te, da elettore del CSX non ti viene il bisogno di sapere almeno quale sia stata la controparte? A me sembra molto importante.
Cosa ha concesso al CSX berlusconi per far si che le sue tv non fossero toccate? Ti sembra un dettaglio?

Citazione:
Passiamo al "tutti a casa", ma capito che?
Che c'è da capire? Che il "dittatorello" di Sant'Ilario (quartiere di Genova) vorrebbe decidere per tutti, anche per quelli che non la pensano come lui e che Non lo appoggiano?

Era solo per spiegare che "tutti a casa" é riferito ai partiti tradizionali. Il 5* vuole eliminarli. Ti spaventa? A me pure. Ma visto che i partiti ormai sono solo associazioni a delinquere forse non é una idea tanto malsana...

L'utile delle cose é in quello che non c'é
Chuang Tzu
Calvero
Inviato: 7/3/2013 21:23  Aggiornato: 7/3/2013 21:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Cos'è che dice la Costituzione?


Che sei un coglione ("sei" generico, cioè la Costituzione lo dice anche a me) solo che io non sono d'accordo.

Citazione:
In comune con Te quelli del M5S di certo hanno che non rispondono alle domande.


In comune con quelli del M5S ho soltanto una cosa .. sinora: - che non sono dei criminali, omertosi, venduti, corrotti, corruttori.

Adesso pensa cos'hai in comune te coi Piddini

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
A380
Inviato: 7/3/2013 21:27  Aggiornato: 7/3/2013 21:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/2/2013
Da:
Inviati: 177
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
Era solo per spiegare che "tutti a casa" é riferito ai partiti tradizionali. Il 5* vuole eliminarli. Ti spaventa? A me pure. Ma visto che i partiti ormai sono solo associazioni a delinquere forse non é una idea tanto malsana...


No, in linea di massima non ho paura, se molti auspicano dei cambiamenti, i cambiamenti ci devono essere. Viviamo tutti insieme e si decide tutti insieme, mi sembra giusto.

Per di più, io che sono attratto dal Comunismo, non posso dimenticare che in Unione Sovietica c'era un solo partito, non è detto che, organizzandosi bene, un solo partito possa funzionare molto meglio di tanti partiti collusi. A Cuba (dove esiste un solo partito) si sta proponendo l'ineleggibilità per più di due mandati.

Non mi fa paura un partito unico, nè la voglia di cambiare. Mi fa paura, e tanta, la contraddizione che vedo nel M5S, il fatto che il M5S non consideri e non voglia considerare chi non la pensa come Grillo & Casaleggio, il fatto che il M5S, dovendo operare adesso, con questo sistema e con queste Leggi, si rifiuti ostinatamente di farlo. Che cosa farà una volta al Potere un partito siffatto? Non rispetterà le Leggi che egli stesso emanerà nel qual caso le possa ritornare utile?

E perché, ora che esistono più partiti, si rifiuta sistematicamente di accettare le cose come sono? Con che spirito si appresta al cambiamento se si rifiuta di accettare ciò che il mondo gli presenta in questo momento di fronte?

E si rifiuterà di accettare le ingiustizie? Di dare spiegazioni, come peratro sta facendo in questo momento, di usare il Buon Senso?

Tutto ciò mi fa paura.

Per il resto molti punti del programma M5S mi piacciono. Molti. Altri punti invece non mi piacciono per niente. Come la proposta di abolizione del finanziamento pubblico ai partiti: è la proposta più Sconcertante che abbia fatto il M5S!

Elezioni 2013:
- Chi ha votato Bersani ha votato di testa
- Chi ha votato Grillo ha votato di pancia
- Chi ha votato berlusconi ha votato di culo
Sertes
Inviato: 7/3/2013 21:35  Aggiornato: 7/3/2013 21:35
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: E' una questione di linguaggio
Citazione:
A380 ha scritto:
Con che spirito si appresta al cambiamento se si rifiuta di accettare ciò che il mondo gli presenta in questo momento di fronte?


HAHAHAHAHA questa è da antologia!

Grazie, grazie, grazie.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
A380
Inviato: 7/3/2013 21:39