Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


opinione : I cerchi degli alberi
Inviato da Redazione il 11/8/2013 2:20:00 (13810 letture)

(Pubblicazione originale: 5 dicembre 2012)

di Calvero

Pensavo in questi giorni ad un immagine, alla sezione di un tronco di un albero e ai suoi famosi “cerchi o anelli” che sono visibili in esso. E’ tra i mie primi ricordi di quasi ragazzo, i primi “filosofici”. Quando cominci a chiederti “chi siamo”. Alla vista di quel tronco rimasi affascinato all’idea di come le tracce circolari sembravano inseguire il presente. La cosa mi fece riflettere non poco poiché il fatto che l'anello più grande dovesse essere per forza quello più vicino alla corteccia, mi dava come la sensazione che volesse inseguire la sua fine. Sin da giovane. La "fine", la corteccia: lo strato ultimo che riveste gli anni passati e li protegge. Come ad osservare dall’alto la mia vita, feci questa sovrapposizione, questa metafora. Stavo osservando l’esistenza in sezione orizzontale, mentre fino ad allora la visualizzavo diversamente nella mia mente, come da un punto in basso voleva crescere verso l’alto. Verticale, insomma. Era il caso di dirlo, cambiai prospettiva nell’osservare me stesso e l’esistenza. Vidi me stesso come un centro, in espansione.

Però quella corteccia c’è sempre, anche quando l’albero è giovane. Non mi era facile far tornare i conti alla metafora. Più non mi tornavano, più diveniva mia. Come se la chiusura dei “cerchi” della nostra esistenza, cioè la corteccia, sia un perpetuo parallelo che ci abbraccia a prescindere. Ci tiene stretti a noi medesimi.

Mi è tornato alla mente in questi giorni, quando alla ricerca di un lavoro, mi trovo, come "curriculum", pochissimo appetibile ad essere assunto. Per una serie di fattori però paradossali: esperienze lavorative vissute, tante, ...


... quelle che non si possono incasellare nei questionari delle agenzie per il lavoro (quelle che hanno nomi di Fantozziana memoria, come “UMANA”, come “MAN-POWER”, insomma mai come oggi il linguaggio è una puttana che per soprammercato ti prende pure per il culo), poi famiglia/non-famiglia, figli/non-figli, insomma punteggi, voti, un po come su Facebook; verrà il tempo che che potrai portare le raccomandazioni dei precedenti lavori con la manina e il “pollice all’in su” di tutti i "mi piace", lì, a fianco della tua faccia beota in formato tessera.

Comunque. Risultati: 0 (zero).

Abbandonando il classico mi sono buttato sul dinamico. Come direbbe un bimbominkia in carriera. Dopo tutte le possibilità da dipendente che sfumano di cerchio in cerchio, l'altro giorno mi avvicina un’amica che conoscendo la mia situazione mi propone di andare con lei ad un convegno dove ci potrebbe, lei dice, essere qualcosa di valido per me. «Alt» gli faccio a brutto muso «porta a porta non vado a vendere, già c’ho provato e io di mentire alla gente non sono capace. Quella volta li ho mandati a fanculo il giorno stesso». Lei mi rassicura che di questo non si trattava. Ok, mi dico, facciamo anche questa. Così ci troviamo all’appuntamento e andiamo. Era un martedì come tanti. Di sera. Quaranta chilometri e siamo arrivati.

In una sala, stile Cinema confortevole per pochi eletti, ovattata, tutti giacchetta e cravatta però che fa molto casual. Ragazze in formato “tanta terra in faccia quanto profumo dietro le orecchie”; le più mature invece, in pseudo Tailleur che fa molto donna in carriera, ma peccato che, come i contadini che si vestivano la domenica, con le loro facce e il portamento tradivano la forma e più che un pugno in un occhio erano un calcio nei coglioni. Vabbé, siamo in ballo, balliamo. Ci accomodiamo e i sorrisi sono quelli dei Testimoni dei Geova ai congressi. «Piacere» ..sì come no.. «piacere». Due tipe una fila davanti mi squadrano di sottecchi facendo finta di voltarsi per qualcos'altro. Attirate dalla mia presenza, anch’io dovevo essere un pugno in un occhio. Erano in fregola, tutto qui. Con quella fauna di pseudo maschi, ci credo. Oh yeah, ragazzi ben cortesi, certo, ben pettinati o per meglio dire, spettinati alla perfezione come usa adesso. Spalle, e cosa sono le spalle?? Qualcuno si poteva farlo girare al volo in un carpiato solo con uno schiaffo.

Ma è il momento. Entra il Leader. Un quasi cinquantenne. Dinamico (come si diceva prima). Il brusio si quieta. “Vedrai quanto è in gamba” si sente sussurrare tra le fila delle poltrone in velluto beige. Azzo, e chi sarà mai?? Clooney? Prende il microfono: giacchetta aperta, panzettina leggera leggera da cummenda in erba, gli occhi in pendant coi calzini, brizzolato (sia mai non siano brizzolati i leader), voce suadente, sguardo PNL; ogni tanto manina destra nella tasca del pantalone, che se eravamo all’aperto non gli sarebbe certo mancata la giacca tenuta per il pollice, buttata dietro le spalle alla Yuppie ... APPOSTO: esco adesso o gli sparo? Meglio lasciar stare i pensieri migliori, mi dispiaceva per la mia amica. Resisto. Nel frattempo mi faccio il mio "film anti-noia", quello necessario alla sopravvivenza durante la sua auto presentazione o glorificazione; mi vedevo alzarmi dalle fila, avvicinarmi a lui, prendergli il microfono e, neanche dirlo, spaccarglielo in testa.

Però ero di Luna buona (non era piena), decido di osservare con spirito critico e distaccato la cosa. Ci provo almeno.

Ad un certo punto il suo argomento, in soldoni, consisteva in questo: ragazzi, con la voce impostata tra la beatitudine e il Generale tornato da una guarra, di quanto è stata la vincita più alta di una Lotteria in Italia? ... qualcuno dal fondo della Sala (e chissà perché quelli che parlano, parlano sempre dal fondo della Sala, mah) qualcuno osò sparando 100 milioni al Super Enalotto, qualcuno 180; “boh” pensai tra me e me, fatto sta che il Leader puntando il dito come nel manifesto di - I WANT YOU - dello Zio Sam, chiese a tutti: cosa ci faresti “Tu” con quei soldi? Shopping a Londra? (qui i sussurri femminili aumentarono a dismisura) cazzo, pensai, sono circondato. E quel viaggio alle isole Hawaii? o cosa ti compreresti? cosa daresti ai tuoi figli? e quella macchina che era sempre stato il tuo sogno? e quella Villa al mare? ma perché anche "io" non posso essere come gli altri imprenditori??

Poi .. tra alti e bassi, il tenore del discorso si spostava sul fatto che: è vero! siamo in crisi - ma che è proprio qui che nascono le opportunità! la gente ha bisogno di sentirsi felice e di comprare; e perché dobbiamo usare i nostri soldi per dargli agli altri? quando invece possiamo farli rientrare nel nostro stesso circuito! [il circuito era l'Azienda che promuove e produce i prodotti e che, in caso, ti avrebbe "assunto"].

I prodotti erano di cosmesi, integratori a base vegetale, prodotti di igiene personale e per la casa. In realtà era anche vero che la bontà di certi prodotti, che ora per motivi di tempo non spiego, c’era. Almeno in questo senso non si mirava a fregare il consumatore. Se non nella misura che può venire “fregato” quando compra al solito supermercato. Anzi meno, perché il prodotto che non funziona viene "bruciato" dal passaparola. Il concetto però traviante era che "Tu" dovevi portare dentro il circuito gli altri ospiti e che, in questa “famiglia”, sarebbe stato inevitabile puntare in alto. Che un giorno ti saresti dovuto trovare davanti anche tu a un pubblico, lì con con la tua giacchetta aperta, il sorriso durbans e convincere giovani e meno giovani di una cosa: che il mondo lì fuori vale solo quando i soldi ti portano quello che altri più bravi di Te hanno avuto prima di te. Avresti dovuto pompare sull’ego della gente e sul materialismo che, qui, veniva chiamato letteralmente Libertà. Mentre i grafici della presentazione proiettata ammiccavano con i colori della pubblicità, in un mondo dove il tempo libero era lavoro e il lavoro, tempo libero.

Sapevo che probabilmente finita tutta la pappardella, insieme agli sguardi sognanti dei più giovani attratti dalle Sirene, mi sarei dovuto sorbire il feedback degli ospitanti e dei sotto-capo-gruppi con i loro “allora come ti è sembrato? non è bello sapere che la tua libertà può darti una vita ricca?” eccetera eccetera .. e così fu. Né più né meno.

E pensare che sarebbe bastato che qualcuno dalle fila delle poltrone in velluto beige avesse risposto al domandone sul “cosa fare con tutti quei bellissimi soldi?” dicendo che quei soldi li avrebbe dati TUTTI ai poveri. Una cosa del genere e al Leader brizzolato, i denti non è che gli sarebbero caduti, ma avrebbero fatto da soli le valige lasciando le gengive a succhiare con la cannuccia la minestrina e non gli integratori.

Il Leader aveva salutato ufficialmente la serata. Ringraziò tutti con quella di "pensateci, è la vostra libertà". Ora gli ultimi convenevoli. Mi chiesero di dov’ero, dove abitavo, mi strinsero la mano e, come in un esperimento personale, li guardai tutti profondamente negli occhi mentre pensavo a quei poveri e ai soldi che non li riguardavano. Le reazioni furono interessanti. Non volli essere cattivo; tanti sguardi erano gentili, speranzosi, li incontravo man mano. Ragazze con occhi sognanti, ma anche ex idraulici che si sentivano parte del mondo degli "Agnelli" tanto ingenuamente. Quando tiravo fuori il papiro dei lavori che avevo passato, la sicurezza nella loro voce si incartava. Gli schemi e le logiche non tornavano più ai loro conti nei miei interventi, qualcun'altro si rese conto che era vestito benissimo, ma come un manichino.

L’offerta di questo tipo di lavoro in sé non era male, diciamocelo, anche perché la mia amica, con cognizione di causa, mi avrebbe dimostrato più tardi che il suo piccolo rientro e senza imbrogli c'era. Duecento euro nel suo primo mesetto. Per me sarebbero comunque soldoni. Poi, favella e presenza non mi mancava. Comunque non accettai.

Si torna a casa. Ripercorremmo i quaranta chilometri all’inverso. Mi sembrava di tornare indietro nel tempo. Bello. Mentre guidavo dissi alla tipa «cazzo, era da un po che non mi trattenevo dal non smontare la testa a qualcuno, sai?» e, con tono scherzoso: «oggi non è Luna piena». Arrivati al parcheggio mi chiese cosa volevo fare «boh, son libero» risposi. Scese dalla macchina e mentre scendeva: «vieni su da me? ho un po d'erba, ci stai? ».. «e come no, Yes» ... “ed era pure gnocca non poco” ... ci mancava che rifiutavo.

Sul divano mi riapparve il tronco dell’albero. Insieme all’erba, con lei, era ancora più magico. Cazzo però, sono ancora senza lavoro. Mi sto espandendo o sto precipitando? .. gli anelli sono tanti per sprecarli ... e non mi va più di guardare in alto. Ma che cazzo me ne frega a me.... poi l’erba era veramente buona.... ci sono cose che devono proprio andare in fumo. Altre no.

Calvero

Voto: 4.00 (7 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Bakunin
Inviato: 5/12/2012 6:15  Aggiornato: 5/12/2012 6:16
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/5/2012
Da:
Inviati: 49
 Re: I cerchi degli alberi
Facendo mia l'ovvia considerazione che prima di tutto mi spiace per la tua situazione di disoccupato, mi sfugge abbastanza il senso di questo pur a tratti divertente articolo, come "editorialino" di giornata su Luogocomune.

Qualche considerazioncina filosofica nemmeno troppo originale, l'ennesimo contesto di abbruttimento umano come se ne possono narrare e trovare a decine di centinaia di migliaia, un pronome maschile utilizzato in luogo di quello corretto femminile, canna e (almeno così si intuisce) scopatina finale.
Embè ???

Detto ciò, il mio più sincero in bocca al lupo per un positivo esito della tua ricerca (di lavoro), che spero ti porti il più possibile lontano da certi personaggi e da certi ambienti, che hai comunque chiarito di aborrire a prescindere.

VIPER
Inviato: 5/12/2012 6:39  Aggiornato: 5/12/2012 6:39
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/6/2009
Da:
Inviati: 557
 Re: I cerchi degli alberi
Sei andato a una conferenza di Keshe?

Spiderman
Inviato: 5/12/2012 7:25  Aggiornato: 5/12/2012 7:25
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 19/9/2009
Da:
Inviati: 2722
 Re: I cerchi degli alberi
Calveus, ti sei giocato l'opportunità del... "liberi di..."

"Ogni giorno racconto la favola mia, la racconto ogni giorno chiunque tu sia, e mi vesto di sogno per darti se vuoi, l'illusione di un bimbo che gioca agli eroi. (Renato Zero)
Red_Max
Inviato: 5/12/2012 10:20  Aggiornato: 5/12/2012 10:20
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/7/2012
Da: in volo
Inviati: 975
 Re: I cerchi degli alberi
Mio dio, ma esiste ancora il multilevel-Ponzi???
Comunque io rifletterei anche sul fatto che l'albero è morto

L'anoressia è un "orientamento" alimentare?

Non ti piacciono i crauti? allora sei crautofobo...
E' un reato gravissimo...

Aspirare gli embrioni è indice di civiltà!!!

Io non sono un complottista...
mi interesso di leggende metropolitane...
migZ
Inviato: 5/12/2012 10:41  Aggiornato: 5/12/2012 10:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/2/2012
Da:
Inviati: 91
 Re: I cerchi degli alberi
Venditori, ormai siamo solo più questo.

La vera rivoluzione sarà iniziare a fare le cose gratuitamente invece che in cambio di qualcosa o, peggio ancora, in cambio di carta colorata

Homero
Inviato: 5/12/2012 10:44  Aggiornato: 5/12/2012 10:44
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/4/2007
Da:
Inviati: 466
 Re: I cerchi degli alberi
Scusate, ma qui stiamo dimenticando la cosa più importante: e cioè che Calvero è un meraviglioso genio dell'ammmore

Scherzi a parte, penso che Calvero volesse solo raccontare una sua esperienza e nel contempo riflettere sul senso che diamo alla nostra esistenza...sulle priorità che abbiamo e ci diamo, sul significato che riusciamo a dare al Tempo e alle azioni che compiamo...

La cosa interessante è che se Calvero non avesse "perso del tempo" ad assistere all'incontro con il Leader, forse poi non avrebbe avuto il piacere di una bella cannetta con l'amica gnocca (e forse altro, ma siamo signori, nevvvero? )

Yin e Yang

Docnight
Inviato: 5/12/2012 11:10  Aggiornato: 5/12/2012 11:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/6/2012
Da:
Inviati: 293
 Re: I cerchi degli alberi
Calvero
Era da qualche post che non scrivevo, dopo che Massimo mi ha dato della mediocre perche' un po scurrilmente... ho commentato un suo articolo a mio parere "insipido". Va beh non tutte le ciambelle riescono col O.
Volevo dirti che la vera liberta' e' frutto di una conquista non di un diritto....
io un libro tuo lo comprerei
Ciao

Vmagic
Inviato: 5/12/2012 11:28  Aggiornato: 5/12/2012 11:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/10/2012
Da:
Inviati: 135
 Re: I cerchi degli alberi
L'articolo mi sembra abbastanza dispregevole nei confronti del multilevel market. Io lavoro da 3 anni con 2 aziende di multilevel marketing e mi trovo benissimo. L'inizio non è facile, è come un rappresentate che parte da 0 e deve trovarsi tutti i clienti, ma basta un pò d'impegno e i clienti si trovano in quanto chi fa multilevelmarketing al giorno d'oggi o ha prodotti buoni altrimenti è meglio che non faccia nulla.
Ma prima di giudicare il multilevel guardiamo 2 dati:
Crisi e calo dei consumi si ripercuotono sui piccoli esercizi al dettaglio il cui numero, pari a poco più di 757mila unità nel 2011, è in diminuzione rispetto al 2010 (-0,1%); in flessione anche il fatturato di questa tipologia distributiva (-2,6% nei primi sei mesi del 2012) Per approfondire (http://www.rainews24.rai.it/it/news.php?newsid=169687)

In controtendenza il settore delle vendite dirette, in costante espansione di addetti e di fatturato che rappresenta sempre di più il futuro della distribuzione in ogni settore merceologico.

http://www.avedisco.it/Avedisco/files/dc/dc35684e-f60d-4427-bf7f-6f98aa3dda06.pdf

Quindi in sostanza il commercio cosìcome lo conosciamo sta morendo! Perchè per avere un prodotto devo andare in un negozio e pagare di quel prodotto pubblicità, commesse, affitto, luce, tasse, distributore nazionale, forza vendita, etc? La gente se ne sta accorgendo ed inizia a spostare i suoi acquisti in prodotti di multilevelmarketing. Questa è la realtà. Chi non si adegua resta senza lavoro.

Pyter
Inviato: 5/12/2012 11:32  Aggiornato: 5/12/2012 11:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: I cerchi degli alberi
«Alt» gli faccio a brutto muso «porta a porta non vado a vendere, già c’ho provato e io di mentire alla gente non sono capace. Quella volta li ho mandati a fanculo il giorno stesso»

Mi è successo la stessa cosa parecchio tempo fa, mi pare fosse nel periodo della discesa in campo di Berlusca o gli anni seguenti.
Mi hanno proposto la vendita porta a porta e io ho detto: perchè no?
Ci sono stato solo un giorno.
Il giorno dopo sono passati a prendermi e mi sono chiuso a chiave dentro lo sgabuzzino. Mia madre mi ha cercato per qualche minuto e poi finalmente sono andati via.

E' bello essere un albero. Hai i tuoi cerchi concentrici e non li devi intersecare con nessuno.
Però l'uomo ha la possibilità di disegnarseli, volendo, perchè si può spostare.

ps:

..cazzo è il multilevel marketing?

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
illupodeicieli
Inviato: 5/12/2012 11:35  Aggiornato: 5/12/2012 11:35
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/1/2005
Da:
Inviati: 323
 Re: I cerchi degli alberi
Da tempo le persone comprano solo ciò che è proprio necessario e se uno non "vende" qualcosa di indispensabile, vende, in proporzione, meno. C'è ancora spazio per i venditori? Sì, ma anche quella è una casta dove non tutti sono ammessi, dove occorre possedere delle credenziali: diversamente, si rimane ai margini, a raccogliere le briciole. Da dire, visto che sono stato e sono nel settore, che poi occorre "farsi pagare", perchè se possono, i datori di lavoro, le aziende mandanti, ritardano i pagamenti, siano questi alla luce del sole, ovvero sostenuti da regolare fattura, siano in nero. Ho conosciuto anch'io, siccome il mio lavoro non è sufficiente e anche perchè, chi ha conosciuto e conosce la fame, la mancanza di soldi, diventa paranoico e ha necessità (o crede) di dover avere qualcosa in più, e quindi sono stato a riunioni simili. Ai miei tempi,cioè alcuni anni fa, dovevamo vendere sistemi di sicurezza personali: era il periodo (ma è mai terminato?) in cui tutti i giorni c'erano donne vittime di maniaci sessuali (una volta si chiamavano così). Noi avevamo in catalogo un aggeggio che, all'occorrenza, emetteva un suono fortissimo così da richiamare l'attenzione (ricorda il fischietto dei vigili o degli arbitri). Ovviamente, le tue vendite procuravano anche ad altri delle entrate: e così ,come tutti sappiamo, allorchè tu procuravi nuovi venditori, questi avrebbero concorso,con le loro vendite, a incrementare il tuo e anche l'altrui guadagno (quello dei capi). I migliori vivevano (ecco la favola) in una imprecisata isola nel Pacifico, insieme al capo (pare fosse un coreano, e col senno di poi ,forse l'unica notizia vera). Dulcis in fundo, le presentazioni,nei vari hotel o locali ad hoc, onde raccogliere nuovi proseliti erano a carico di chi presentava i prodotti ai nuovi possibili venditori, quindi nostro. Mi sono ritirato in tempo, restituendo tutta la documentazione (anche quella a carico di chi vuole ,in sintesi o crede, di trovare persone che lavorino per lui, sia pure dietro pagamento). Le piccole osservazioni che posso fare sono queste: personalmente vendo ciò che mi piace, nel mio caso,appunto , mobili e arredamenti. Non dò fregature, nel senso che di ciò che vendo dico vita morte e miracoli , e non millanto prestazioni, qualità, durata, che un prodotto non ha. Una mia fissa ,oltre che sapere dove viene realizzato un prodotto e da chi, è conoscerne i limiti e i punti deboli , se ne ha e presentarli a chi potrebbe comprare, ovviamente insieme alle qualità, ai pregi: in sostanza devi essere convinto nell'acquisto, e devi sapere che cosa stai comprando e che cosa ciò che usi ti può offrire. Quanto ai direttori vendite, capi area, responsabili commerciali, tutti sorridenti e compiacenti... ne ho conosciuto e conosco, ahimè, e so bene che sono ,troppo spesso, persone che è meglio perdere che trovare, anche se incontrarle può servire come esperienza, come bagaglio culturale e personale. Cercano di gasare le persone ma ,a mio parere, utilizzano metodi validi e che fanno presa (come nel mio caso, l'isola e la vicinanza col capo, allorchè fossi diventato Q1) su persone che, purtroppo, hanno bisogno di credere nei sogni. E chi sono costoro? Mi ci metto anch'io, perchè avendo bisogno di denaro (e chi ha fallito,come me, sa di che cosa parlo) ti attacchi quasi a qualsiasi speranza: in più puoi sempre dire e convincerti che "hai un lavoro". Quando poi rifletti, ti rendi conto (parlo per me, perchè non voglio far dire ad altri miei pensieri) c'è qualcosa che non quadra, che ,come si dice, le macchine possono produrre tutto ciò che serve con l'ausilio e il controllo di poche persone, e che in definitiva rimane in vita la creatività umana, il design e la ricerca, e qualche artigiano: il resto delle persone, dai venditori ai negozi, compresi i megastore e gli ipermercati o gli outlet, possono andare a farsi friggere. Ecco che ,come da tragedia, scopri, nel mio caso è avvenuto tra i 40 e i 50 anni, di essere inutile, superato, di non servire a niente: la gente, tutti familiari e amici, possono fare a meno di te. Siccome il lavoro e il denaro sono, di fatto , al centro della nostra esistenza, se tu non produci e non hai denaro, non servi a niente. Qualcuno dice che ci sono le idee: quelle, vengono copiate e migliorate. Ritengo che alcune alternative di vita possibili, siano già state copiate, un po' come le sementi dalla Monsanto, e anche per andare a fare il contadino o il pastore, servono soldi: a quelli come me , non li prestano. Ci sono anche state delle idee,e ci sono ancora se non sbaglio: ad esempio, ripopolare Sadali, paese all'interno della Sardegna. Chi non lo sa può andare su un blog (inserendo nei motori di ricerca ripopolare sadali, viene fuori il blog) e ricevere tutte le dritte: si trasferisce lì, e comincia una nuova vita. Peccato che il mare sia lontano...

Sertes
Inviato: 5/12/2012 11:36  Aggiornato: 5/12/2012 11:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: I cerchi degli alberi
Grazie Calvero pre la piacevole lettura.
Ti auguro ogni bene, e se questo comprende trovare un impiego, ti auguro anche quello


Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
VIPER
Inviato: 5/12/2012 11:42  Aggiornato: 5/12/2012 11:42
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/6/2009
Da:
Inviati: 557
 Re: I cerchi degli alberi
Citazione:
L'articolo mi sembra abbastanza dispregevole nei confronti del multilevel market...

Seguono link e amenità varie fino al gran finale:

Citazione:
...Questa è la realtà. Chi non si adegua resta senza lavoro...

Cazzo oggi ho conosciuto i debunkers del multilevel marketing...

Facciamo una colletta, prendiamo una barca e mandiamo questi a far compagnia a keshe da qualche altra parte?


Docnight
Inviato: 5/12/2012 11:48  Aggiornato: 5/12/2012 11:48
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/6/2012
Da:
Inviati: 293
 Re: I cerchi degli alberi
Pyter

Il multilevel marketing e' un "giochetto" a incularella piramidale , piu' sali verso la cima piu' ti brucia il culo...

Gisar
Inviato: 5/12/2012 11:54  Aggiornato: 5/12/2012 13:25
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/1/2010
Da: Umania
Inviati: 270
 Re: I cerchi degli alberi
Complimenti Calvero, il tuo filosofare sulla sezione del tronco mi ha toccato, la corteccia che ci accompagna già dalla tenera età? Bhé, la interpreto come il corpo che racchiude l'anima senza di essa saremmo pura energia .....

Tristezza però, pur nella tua parodiica descrizione del Network "Mirror for larks" Marketing; squali che s'ingurgitano della necessita e dell' ignoranza altrui accalappiandola con fumosi miraggi......Rema rema e non preoccuparti che lo Yacht che ti sta superando prima o poooooooooooooooiiiiiiiiiiiiiiiii!!!!! Sarà tuo...

Il finale però é un dejavù, mancava solo la famosa frase My name is Calvero ..."James Calvero"

Instauratio ab imis fundamentis
AFrayn
Inviato: 5/12/2012 12:23  Aggiornato: 5/12/2012 12:33
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/3/2009
Da: Colônia Cecília, Paraná, Brasil
Inviati: 399
 Re: I cerchi degli alberi
@ Calvero: solidarietà, e complimenti per l'epilogo

@ Viper: Con la boutade su Keshe hai tenuto fede al tuo nick!

@ VMagic: un'ottima ragione per andare al negozio, se è di piccola attività che parliamo, è il rapporto umano che si instaura col negoziante e soprattutto il fatto che vado a comprare qualcosa che realmente mi serve. Il multilevel marketing è la versione retrò delle telefonate di propaganda non sollecitate, e io DETESTO questa arroganza di volermi rifilare beni o servizi non richiesti. Immagino che per coerenza tu sia fautore dell'opt-out, sbaglio?

Molṑn labé - Quocunque Jeceris Stabit
toussaint
Inviato: 5/12/2012 12:27  Aggiornato: 5/12/2012 12:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/3/2012
Da:
Inviati: 5220
 Re: I cerchi degli alberi
fossi stato in te, calvero, non sarei salito dalla tipa.
non mi piacciono le bambole gonfiabili.
certo, mi sarebbe spiaciuto per l'erba...

"Siam del popolo le invitte schiere c'hanno sul bavero le fiamme nere ci muove un impeto che è sacro e forte morte alla morte morte al dolor. Non vogliamo più assassini non vogliamo più briganti come un dì gridiamo: avanti!" Arditi del Popolo 1921
InFlames
Inviato: 5/12/2012 12:44  Aggiornato: 5/12/2012 12:44
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/3/2008
Da:
Inviati: 300
 Re: I cerchi degli alberi
Stessa cosa anche a me tipo quattro anni fa. mentre lavoravo in una multinazionale come operaio, un mio collega mi portò a vedere una di queste riunioni. Appena arrivati mi indico il boss, un tizio calvo alla Silvio B. col jaguar dicendomi "quello installava sistemi audio per i concerti, ora gira col macchinone." Tutti in smoking e donne vestite "bene", più da puttane d'alto borgo per i miei canoni che altro. Avrei dovuto vendere contratti telefonici a parenti e amici per poi farli entrare nel giro e guadagnarci sopra. Parlando con un ragazzo che mi disse "ho speso più in benzina di quello che ho guadagnato" mi si accese il primo allarme. Telefonai al mio amico un'ora prima che passasse a prendermi dicendogli di tirar dritto. Non mi era piaciuto niente di quello che avevo visto, soldi soldi soldi. e dei discorsi... "si fanno i corsi qua e là, in posti fighissimi. pieno di figa, ho scopato quella e quell'altra del corso" disse il contatto del mio amico, un ex venditore di fumetti da cui anni prima avevo comprato i comics di alien vecchi di vent'anni (adoro lo xenomorfo) e che ora gira in bmw.

Ero sull'orlo del licenziamento e avevo un contratto di apprendista, sapevo cosavoleva dire la crisi che all'epoca era appena iniziata quindi ero alla ricerca di un lavoro. Non accettai.
Ora mi ritrovo dopo tre anni che lavoro in una piccola azienda famigliare a esser licenziato, dopo che mi hanno fatto lavorare due tre giorni massimo a settimana e ho vissuto a 500 euro al mese. Gli sto per fare un culo tanto asun di sindacati e prendergli un botto di soldi che userò per andare via da sto paese di merda pieno di gente che non ha voglia di cambiare le cose, io ci ho provato ma da solo non vai da nessuna parte.
Sono stufo di tutta sta merda, di vivere per lavorare ma anche di lavorare per vivere che trovo anche peggio

Tutto sarà rivelato
Aigor
Inviato: 5/12/2012 12:51  Aggiornato: 5/12/2012 12:51
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/7/2011
Da: GE
Inviati: 211
 Re: I cerchi degli alberi
@ Viper
No, ritengo sia Amway

@ Red-Max
No, Ponzi è tutt'altro. Studia meglio l'argomento

@ Docnight
Studia meglio anche tu. Sennò fai di tutta un erba un fascio

@ Vmagic
"La gente se ne sta accorgendo ed inizia a spostare i suoi acquisti in prodotti di multilevelmarketing. Questa è la realtà. Chi non si adegua resta senza lavoro."

Sono 16 anni (dal 1996, anno di mia entrata nel Multilevel Marketing, da cui sono uscito nel 2000) che sento ripetere la stessa manfrina. In realtà c'è molto turn-over anche fra gli acquirenti.

Diciamo che le persone sono diverse e saranno sempre diverse, quindi ci sarà sempre chi acquista dal negoziante "de visu", chi preferisce la vendita diretta a catalogo dall'amico/consocente, e chi acquista su Internet, in percentuali fra loro sempre differenti anno dopo anno, ma mai determinanti per emettere sentenze definitive...

* * * * *

Detto questo il mio parere è il seguente.

1) Esistono società che basano il loro fatturato sul MM.
2) Il piano di retribuzione delle ditte serie (quelle davvero "serie" sono molto poche e in attività da decenni) è, sinceramente, molto ben studiato e a volte, a mio parere, addirittura geniale (in senso positivo, non sto facendo sarcasmo).
3) Allora dov'è il problema?

Per vendere bisogna esserci portati. Invece l'attività viene venduta come "per tutti".
La grande menzogna è questa.
Non è *assolutamente* né un'attività per tutti né, soprattutto, un'attività facile.

Il turn-over dei venditori è *enorme*.
I pochi che avanzano guadagnano e fanno da "specchietto per le allodole" per chi, spinto da necessità di guadagni, è disposto a (quasi) tutto per arrivare a fine mese.

Che ci si possa fare sopra un guadagno è certo e dimostrato, che sia il futuro, mi permetto dissentire: lo si ripete da almeno 16 anni, nel frattempo il futuro è arrivato ed è ormai storia passata ;)

Aigor

PS: Calvero sei un grande. Non sempre ti capisco, non sempre sono d'accordo, ma sei un grande

La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci
(I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)
astars
Inviato: 5/12/2012 12:55  Aggiornato: 5/12/2012 12:55
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/5/2011
Da:
Inviati: 51
 Re: I cerchi degli alberi
Che tristezza...

La tua amica ha dovuto proporti una riunione di 'multi level marketing' per accorgessi che voleva scopare?

Quest'albero non ha imparato nulla in tanti anni mi sa :P

In ogni caso auguri per il lavoro.

Red_Max
Inviato: 5/12/2012 13:28  Aggiornato: 5/12/2012 13:28
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/7/2012
Da: in volo
Inviati: 975
 Re: I cerchi degli alberi
Autore: Aigor Inviato: 5/12/2012 12:51:27

@ Red-Max
No, Ponzi è tutt'altro. Studia meglio l'argomento

Il turn-over dei venditori è *enorme*.
I pochi che avanzano guadagnano e fanno da "specchietto per le allodole" per chi, spinto da necessità di guadagni, è disposto a (quasi) tutto per arrivare a fine mese.

Mi pare la classica levata di scudi, già che ci sei perchè non la spieghi con parole tue?

L'anoressia è un "orientamento" alimentare?

Non ti piacciono i crauti? allora sei crautofobo...
E' un reato gravissimo...

Aspirare gli embrioni è indice di civiltà!!!

Io non sono un complottista...
mi interesso di leggende metropolitane...
Calvero
Inviato: 5/12/2012 13:29  Aggiornato: 5/12/2012 13:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: I cerchi degli alberi
__________________
____________

Mortacci di Massimo, che dopo quella scritta a caldo gli ho mandato piccole correzioni che non ha inserito, nulla di grave

---==)*(==---

POI

Citazione:
Qualche considerazioncina filosofica nemmeno troppo originale, l'ennesimo contesto di abbruttimento umano come se ne possono narrare e trovare a decine di centinaia di migliaia, un pronome maschile utilizzato in luogo di quello corretto femminile, canna e (almeno così si intuisce) scopatina finale.


Sono contento che la prima obiezione sia quella del primo Post, per un "articolo" che sapevo doveva porgere il fianco per vari aspetti.

Da una parte è semplice, dall'altra è complicato. Quella semplice è che io quando racconto scrivo come le cose le vivo sia nella mente sia nell'interazione col prossimo e la realtà. Costi quel che costi. Non miro a filosofare sulla mia filosofia, miro a raccontarla come mi investe.

Avrei potuto saltare i vari passaggi riferiti alla "fregola" delle ragazze sedute davanti, come quelli ambigui di una scopata finale. Ma la verità risiede proprio nel fatto che un racconto che va dalla lettera "G" a alla "P" dell'alfabeto non deve saltare le lettere comprese tra le due scelte come ordine d'arrivo e d'inizio. Quel che posso decidere è non cominciare dalla "A" e arrivare alla "Z". Parte di quel mondo che ho raccontato è connesso alla vanità e molte di quelle persone possono ricondurre i loro moventi - più o meno consciamente - alla sessualità e a tutte le regole dell'attrazione.

La questione dell'albero e dei suoi cerchi ha una sua forza che non mi sono "abbassato" a motivarne le idee e i sentimenti che le appartengono. Bensì a trasferirla come è stata "respirata". Questo perché sono certo che a ognuno darà quel che merita, ognuno secondo le proprie orecchie. Con "merita" non si intende porre un accento che vuole intendersi come "un premio".

Citazione:
... che spero ti porti il più possibile lontano da certi personaggi e da certi ambienti, che hai comunque chiarito di aborrire a prescindere.


.. non è proprio così. Hai incasellato nei vari settori le dinamiche della vicenda. Il punto è che quel tipo di lavoro è il risultato di una spersonalizzazione che è avvenuta a Monte; la mancanza di umanità VOLUTA nelle agenzie deputate al collocamento è un processo che sta amplificando l'importanza dei Ruoli che sostituiscono quelli delle persone che ... non sono più presenti. L'articolo credo che sia più profondo di quel che hai percepito. Il percorso per cui un individuo citofonava in una azienda, aspettava che il Capo finisse di bestemmiare al telefono con un fornitore nel suo ufficio, e poi partiva un - Lo faccia entrare! -alla segretaria ... con a seguire un - lei chi è? - il guardarsi negli occhi, lo stringersi la mano e in pochi frangenti cercare di capire con chi si ha a che fare ... ora è soltanto una recita. Non c'entra chi sei, c'entra quale ruolo tu impersoni nel diagramma di uno schedario ... un punteggio che dice di Te non quel che sei, ma quel che fiscalmente rappresenti per un problema aziendale ...

.. il medesimo punteggio che quei vestiti e quelle posture in quel locale, vestivano maschi e femmine che tradivano la loro essenza. Il prodotto "umano" che man mano sta crescendo insegue un modello "verticale" che in realtà non riguarda le esigenze che riguardano il nostro Centro.

Era più importante per me si comprendesse come una sintonia maschio/femmina .. tornasse alle proprie origini, così come ritornava - da sola - la mia riflessione filosofica di un tempo. Era ed è più importante si comprendesse come non c'è un ordine di idee che ha voluto ricercare i perché di date situazioni, ma come date situazioni ti mettano nella condizione di respirare il proprio percorso.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 5/12/2012 13:46  Aggiornato: 5/12/2012 13:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: I cerchi degli alberi
Prima di rispondere agli altri, definisco meglio la situazione

Citazione:
Che tristezza...

La tua amica ha dovuto proporti una riunione di 'multi level marketing' per accorgessi che voleva scopare?

Quest'albero non ha imparato nulla in tanti anni mi sa :P

In ogni caso auguri per il lavoro.


Ciao Astars, non è così.
Non è neanche colpa tua se hai potuto percepire così la cosa. Non potevo scendere in altre analisi. Certo non sono nella sua testa ... ma mettiamo pure che io l'arrapassi, per ragioni che non devo spiegare, lei non aveva architettato nulla in questo senso. Il suo invito è certamente nato a seguito della chiaccherata avvenuta al ritorno in macchina, essendosi trovata a suo agio è rimasta affascinata da quello che avevo da dire .. il suo invito era perché poteva sentirsi libera di essere sé stessa. Non credere sia una cosa così frequente che le donne sperimentano.

Il fatto che io la consideri una gnocca, il fatto che l'ho sottolineato .. era per mettere onestamente tutto nel piatto di questa vicenda, senza falsi girotondi, compreso cosa passa per la testa a un uomo. Non sono tipo da provarci però, amo invece giocare. Mi piace la testa delle persone, mi piace studiare le ragazze, l'alchimia. Non è nato niente perché non doveva nascere niente.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 5/12/2012 13:49  Aggiornato: 5/12/2012 13:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: I cerchi degli alberi
Citazione:
Cazzo oggi ho conosciuto i debunkers del multilevel marketing...



Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Kenshiro
Inviato: 5/12/2012 14:18  Aggiornato: 5/12/2012 14:18
Mi sento vacillare
Iscritto: 21/5/2010
Da: Croce del Sud
Inviati: 318
 Re: I cerchi degli alberi
Il Network Marketing,in realtà non è male.

Se strutturato con intelligenza (e ce ne sono alcuni che lo sono) e gestito con onestà potrebbe essere una valida alternativa all'attuale sistema capitalistico-commerciale.

E' vero che si forma una struttura in cui esiste un vertice che ha maggiori privilegi,(dovuti ad un fattore cronologico,ma anche di meriti) ma in realtà lo spazio che distanzia il vertice dai livelli successivi è abbastanza equilibrato,e tutti (chi più chi meno) beneficiano di questa rete "sociale" di passaparola.

E se i "signori" al vertice si permettono di fare qualcosa che va contro gli interessi dei livelli inferiori, in poco tempo la reazione negativa dal BASSO è in grado di danneggiare in maniera sostanziale i vertici.

Molto meglio dell'attuale sistema commerciale che concentra TUTTO il guadagno su pochi e agli altri non resta nulla. Sopratutto ora che c'è la globalizzazione.

Parlo con cognizione di causa.

OT:

http://www.ecplanet.com/node/3654

fine OT.

Mondo marcio!!!
Gisar
Inviato: 5/12/2012 14:29  Aggiornato: 5/12/2012 14:29
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/1/2010
Da: Umania
Inviati: 270
 Re: I cerchi degli alberi
....Parte di quel mondo che ho raccontato è connesso alla vanità e molte di quelle persone possono ricondurre i loro moventi - più o meno consciamente - alla sessualità e a tutte le regole dell'attrazione...


Hai ragione Calvero, ma a che vanità? Alla vanità che scaturisce dall'essenza dell' individuo o alla vanità indotta per necessità?

È chiaro oramai che la sessualita conscia o inconscia é un forza irresistibile indipendentemente dal genere e l'allusione ad essa, sia pur subbliminale, é una carta oramai abusata tanto che se portata all'estremo induce al rigetto per saturazione e perché pur in modo inconscio distorce ciò che é il naturale scopo, cioé la sopravvivenza.

Tutto é in linea con il grande progetto, nuova torre di Babele che tra un po' crollerà di nuovo, il lato umano scemato ai minimi termini sostituito dall' effimero valore del materialismo, la vita umana oggi da sola vale meno del due di picche ma se accompagnata da un consistente patrimonio allora acquista l'equivalente valore di esso.....

L'accumulo sempre più grande di ricchezza in sempre meno mani mostra la diretta conseguenza dell' adozione dogmatica della teoria dell'evoluzione del pur pentito a posteriori Charles Darwin. Il periodo che stiamo assistendo é il prodotto dell'acquisita legge del più forte.
Con questo non voglio negare l'evoluzione che é comunque tangibile in molti aspetti della vita, ma dire che da sola, se acquisita come dogma assoluto, porta allo sfacelo porta ai scenari che tutti ben conosciamo.

Hai ragione Calvero quando sottendi che l'immagine é orami diventata il nostro passepatout o la nostra condanna, ci hanno istruito per diventare degli involucri e questi siamo......"PER ORA" ...


Instauratio ab imis fundamentis
totalrec
Inviato: 5/12/2012 14:33  Aggiornato: 5/12/2012 14:33
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/5/2006
Da:
Inviati: 767
 Re: I cerchi degli alberi
L'unica volta in vita mia che ho partecipato ad una delle tipiche kermesse dei cialtroni del multilevel è stato nel lontano 1999.
La sfiga fu che ad accompagnarmici non fu nemmeno una bella gnocca, ma una specie di sottoimpiegato morto di fame contattato tramite annuncio sul giornale.
La fortuna fu che ero un ragazzo sveglio e dopo 5 minuti di sorrisoni & pacche sulle spalle ininterrotti mi resi conto che scopo del raduno era quello di fottermi quattrini; così mandai in culo accompagnatore e gaudenti e me ne tornai a casa a dormire.
In vita mia posso dire di aver avuto problemi con tante cose, ma non con il lavoro. Questo perché:
1) Sono un tipo sveglio (l'ho già detto?);
2) Tengo moglie e figli fin da età relativamente acerba e per questo motivo non ho mai potuto permettermi di accettare lavori di merda pagati due lire. Ne andava della sopravvivenza di molti.

Penso a certi miei amici che aspettano di avere un lavoro redditizio per metter su famiglia, perché - dicono - mettere al mondo figli senza copertura economica è da irresponsabili.
Può darsi.
Per me è stato vero il contrario. La generazione della prole porta spesso con sé l'attitudine mentale necessaria al suo sostentamento. "Il bisogno aguzza l'ingegno", credo si dica in gergo.

"I shall be telling this with a sigh
Somewhere ages and ages hence:
Two roads diverged in a wood, and I...
I took the one less traveled by,
and that has made all the difference".

(Robert Frost, "The road not taken")
Maksi
Inviato: 5/12/2012 14:49  Aggiornato: 5/12/2012 14:51
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/10/2011
Da:
Inviati: 1219
 Re: I cerchi degli alberi
Scusate, non ho ancora capito l'italiano in maniera completa, mi sa.

Cosa significa "Erano in fregola"?
In calore?
Eccitate?
Disponibili?

Grazie.

Ciao.

VIPER
Inviato: 5/12/2012 15:19  Aggiornato: 5/12/2012 15:19
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/6/2009
Da:
Inviati: 557
 Re: I cerchi degli alberi
Citazione:
Scusate, non ho ancora capito l'italiano in maniera completa, mi sa. Cosa significa "Erano in fregola"? In calore? Eccitate? Disponibili? Grazie.


Per dettagli e faq si consiglia Playboy... In edicola il numero di dicembre...

perspicace
Inviato: 5/12/2012 15:23  Aggiornato: 5/12/2012 15:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/9/2011
Da: località sconosciuta
Inviati: 3281
 Re: I cerchi degli alberi
Citazione:
Cosa significa "Erano in fregola"?

















.

Io non parlo come scrivo, io non scrivo come penso, io non penso come dovrei pensare, e così ogni cosa procede nella più profonda oscurità. Kepler
Calvero
Inviato: 5/12/2012 15:33  Aggiornato: 5/12/2012 15:54
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: I cerchi degli alberi
Citazione:
Ecco che ,come da tragedia, scopri, nel mio caso è avvenuto tra i 40 e i 50 anni, di essere inutile, superato, di non servire a niente: la gente, tutti familiari e amici, possono fare a meno di te.


Vero, e in queste proporzioni sia benedetto Iddio. Che la cernita faccia il suo ingrato compito. Chi ti ama non ti molla mai. Chi ti amava e poi non ti ama più, mai ti ha amato.

Personalmente comprendo con una chiarezza che è vicina a quella dell'aria di montagna, che nelle nostre emergenze personali, quelle legate alla nostra posizione economica, entri in una dimensione parallela. Obiettivamente puoi renderti conto della fauna che ti circonda ma anche di quanto di te stesso era una bugia. Non voglio entrare nelle speculazioni filosofiche alla Edoardo De Filippo - che nella vita gli esami non finiscono mai - (verissimo ma non è questa la prospettiva che intendo) ... ma dire che queste situazioni, queste tragedie, danno l'opportunità di concretizzare te stesso.

Sempre personalmente, e in questa prospettiva, posso dirti che l'onestà di mettersi a nudo col prossimo e mai vergognarsi di esserlo, tira fuori il meglio dalle persone che ti circondano. Di fronte a colui - ma di più a colei - che ti snobba... ce ne sono dieci di più che mettono mano al loro cuore.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 5/12/2012 15:50  Aggiornato: 5/12/2012 15:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: I cerchi degli alberi
Citazione:
Per dettagli e faq si consiglia Playboy... In edicola il numero di dicembre...


Oggi Viper è lanciato

@ Maksi

Nella metafora - più inteso come l'essere in calore e al non poter trattenere certi segnali e, ancora meglio e nell'ottica della vicenda, di "mostrare" un desiderio perché trapela e non perché si voleva mostrarlo. Parlavo di "manichini" anche in questo senso. E ancor più di QUEL mondo femminile, lì tutto in visibilio di sposare una causa per la "libertà personale" che le faceva sentire donne in carriera; quando in realtà il desiderio dell'essere sciccosa, appetibile, gggiiovane e figa era il target irretito e solleticato dal Leader, che più apparteneva loro. Sola la presenza di un personaggio fuori dal coro .. che non era impostato, le portava ad essere attratte e a tradire questa maschera.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Aigor
Inviato: 5/12/2012 16:18  Aggiornato: 5/12/2012 16:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/7/2011
Da: GE
Inviati: 211
 Re: I cerchi degli alberi
@ Red_Max

Faccio una debita premessa:
Non me ne frega una cippa di difendere il MM.
Così come non mi fregherebbe nulla difendere aprioristicamente qualsiasi altro argomento.
Quindi lascia perdere gli scudi, grazie.

Se leggo delle inesattezze devo rispondere, e penso che questo sito sia costruito per dire pane al pane, non per arroccarsi come tifosi dietro le proprie posizioni.
Se questo però viene considerato essere "debunker" beh, è un problema vostro.

Seconda premessa: per facilità di comprensione, semplifico più che posso le descrizioni senza modificare l'essenza delle cose. Non me ne vogliate.

Lo schema Ponzi traeva la propria sussistenza dalle sostanze investite da chi entrava nel giro. Tali sostanze servivano a pagare altissimi interessi a chi era già iscritto alle scadenze concordate.
Il sistema funziona finché si trovano allocchi che si iscrivono. Nel momento in cui ciò rallenta cominciano i casini, a cascata verso l'alto e tutto crolla.

Tale schema si chiama "a catena" non a caso: si spezza un anello, finisce tutto.
Va da sé che uno schema Ponzi non dura molto, gli allocchi non sono infiniti...

Il Multilevel Marketing è una forma di commercio strutturato sull'affiliazione a "rete".
I proventi vengono pagati direttamente dalla ditta in base al fatturato.
I soldi quindi non vengono dalle iscrizioni, ma dalla vendita delle merci.
E vengono ripartiti in due modi:
1) direttamente al venditore, come guadagno dalla vendita.
2) ai vari componenti della rete in base al fatturato della rete stessa (con un preciso piano di marketing), come bonus.

Ovviamente, come in ogni altro campo della vita umana, ciò si presta ad una miriade di variazioni più o meno oneste.

Ecco quindi sorgere le moltissime organizzazioni che aggiungono all'attività di vendita una serie infinita di prodotti accessori come cassette, video, libri, conferenze, convention e chi più ne ha più ne metta.
Una sorta di rete parallela a quella "ufficiale", che fattura un sacco di soldi e che, con la scusa dell'autostima e del "ti serve per crescere nella vita oltre che nel lavoro" ti porta via un sacco di tempo e denaro.
Quello serve a tenere legati gli iscritti.
Quella è la parte che è assimilabile ad una setta.

Se vogliamo poi parlare del fatto che la ditta ne è a conoscenza e se ne sta, beh, questo è un altro discorso.
D'altronde siamo pieni di offerte del tipo: "porta un amico e ti regaliamo ecc. ecc."
Alla ditta che fa l'offerta poco importano i metodi che tu utilizzi per "portare" il tuo amico...
Ma questo, appunto, è tutto un altro discorso.

Non a caso lo schema Ponzi è fuorilegge, mentre il MM è legalmente riconosciuto e le ditte più serie sono iscritte all'Avedisco.

Spero possa essere stato di aiuto.

Aigor

La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci
(I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)
Maksi
Inviato: 5/12/2012 16:25  Aggiornato: 5/12/2012 16:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/10/2011
Da:
Inviati: 1219
 Re: I cerchi degli alberi
Grazie a tutti per la lezioncina...ina...ina. Vi sembrera' strano, ma e' una parola che non ho mai sentito ne' visto... e dato che, dalle mie parti oltreconfine, mi ritengono un Maestro () della lingua italiana, ho il dovere di apprendere ogni cosa riguardi l'italiano.
Comunque metaforicamente l'ho capita la parola, ma volevo proprio conoscere l'esatto significato da dizionario... poi ho capito che potevo chiedera via google, ma ormai ero gia' qui

@Viper
Mi erudisco andando i libreria. Ci sono taaante studentesse che preparano tesi e tesine varie... basta poco, in effetti, a noi uomini per essere in fregola...

EDIT

Volevo dire biblioteca, non libreria.
In libreria mi hanno bandito l'accesso, perche' ci potevo restare piu' ore senza comprare niente.

Calvero
Inviato: 5/12/2012 16:31  Aggiornato: 5/12/2012 16:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: I cerchi degli alberi
_________________________
______________________

HOMERO:

Citazione:
Yin e Yang


Centro!


DOCNIGHT:

Citazione:
Volevo dirti che la vera liberta' e' frutto di una conquista non di un diritto....


.. parole sante (secondo me)

TOUSSAINT:
Citazione:
fossi stato in te, calvero, non sarei salito dalla tipa.


Se ti posto la foto, prendi il treno adesso

Citazione:
@ Calvero: solidarietà, e complimenti per l'epilogo


Quale epilogo??

---==)*(==---

@ Sertes

Grazie a te e al tuo lavoro appassionato

DOCNIGHT:
Citazione:

.. io un libro tuo lo comprerei


... ho ancora un film in cantiere con Pyter prima, non credo ce la farei, comunque le bozze le farò correggere a Red ... (se non si suicida)

E poi .... abbiamo già LC che è un gran libro: - ai posteri mettere in ordine le pagine... è dal Chaos che verranno partorite le stelle danzanti (cit.)

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 5/12/2012 17:07  Aggiornato: 5/12/2012 17:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: I cerchi degli alberi
Citazione:
Tutto é in linea con il grande progetto, nuova torre di Babele che tra un po' crollerà di nuovo, il lato umano scemato ai minimi termini sostituito dall' effimero valore del materialismo, la vita umana oggi da sola vale meno del due di picche ma se accompagnata da un consistente patrimonio allora acquista l'equivalente valore di esso.....

L'accumulo sempre più grande di ricchezza in sempre meno mani mostra la diretta conseguenza dell' adozione dogmatica della teoria dell'evoluzione del pur pentito a posteriori Charles Darwin. Il periodo che stiamo assistendo é il prodotto dell'acquisita legge del più forte.
Con questo non voglio negare l'evoluzione che é comunque tangibile in molti aspetti della vita, ma dire che da sola, se acquisita come dogma assoluto, porta allo sfacelo porta ai scenari che tutti ben conosciamo.


Nella tua firma è imperterrito e concentrato il succo di tanti discorsi e confronti. Potrebbe già esserci sufficiente a inquadrare la cosa.

Un passaggio che non ho raccontato è quello dell'oratore che raccontava di quando la grande Azienda regalò ai dipendenti più fruttuosi una vacanza a Disney World, dove il mitico Parco venne per loro "affittato" e le attrazioni, già comprese nel prezzo, erano accessibili liberamente così come prendere Snacks e Bibite assortite nei punti di ristoro. Quella che stava per arrivare e che a me sembrò una terribile Gaffe, al punto che mi stavo aspettando una reazione imbarazzata e imbarazzante terribile ... sortì invece l'effetto di risate compiaciute ai più. Lui raccontò che prese un gelato gratis, lo leccò per il gusto di comprovare quanto in America sarebbero oltremodo burrosi e subito (mimando il gesto di sufficienza) lo buttò nel cestino dei rifiuti dicendo ai presenti:
- Pensate - disse sorridendo - ...potevo prendere una cosa gratis e buttarla solo per il gusto di assaggiarla - e strizzando l'occhiolino, retoricamente complice alle prime risatine del pubblico.. concluse: - pensate quando anche voi potreste essere in posti simili e permettervi il lusso di buttare quel che non vi aggrada, così come nulla fosse. -

Ora non so voi, ma a parte che il disprezzo per il Cibo, qualsiasi cosa sia cibo, mi fa prudere le mani; quel che era inquietante è che ad un certo punto della "seduta" ... i più erano assuefatti ad accettare di buon grado qualsiasi stravolgimento del buon senso. Il degrado di un opulenza e del suo linguaggio mascherato che probabilmente ci è difficile chiamare col proprio nome, sin e proprio dalle cose più piccole, a me è parso in tutta la sua bestemmia. Penso sono cose che sarà sempre più difficile cogliere nella loro importanza.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
manuel
Inviato: 5/12/2012 17:12  Aggiornato: 5/12/2012 17:12
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/5/2006
Da:
Inviati: 103
 Re: I cerchi degli alberi
I conti della serva sul multilevel marketing.

Nella versione forse più semplice, quella "binaria", chi si affilia deve cercare due persone da coinvolgere.

A loro volta queste due persone ne cercano altrettante, e così via.

Allo step "zero" abbiamo quindi una persona coinvolta, due al primo step, quattro al secondo, otto al terzo e 16 al quarto.

Facendo un rapido calcolo, che spero di non sbagliare, in 33 (trentatre) passi si esaurisce abbondantemente tutta la popolazione terrestre.

E' quindi altamente improbabile entrare nel giro ad un punto tale che ci sia ancora bastanza bacino d'utenza utile per fare soldi.

Magari pensateci se vi invitano ad uno di questi happening.

doktorenko
Inviato: 5/12/2012 17:46  Aggiornato: 5/12/2012 17:48
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 7/8/2009
Da:
Inviati: 2332
 Re: I cerchi degli alberi
@Manuel

Nello schema Ponzi penso sia sufficiente la successione di Fibonacci.

rekit
Inviato: 5/12/2012 17:47  Aggiornato: 5/12/2012 17:47
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: I cerchi degli alberi
due considerazioni:

-1. Calvero, scrivi meno commenti e piu' articoli.

-2. Se scrivete ancora una volta la parola " multi-level marketing" io su LC non ci torno piu'!

hi-speed
Inviato: 5/12/2012 18:11  Aggiornato: 5/12/2012 18:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/12/2004
Da: preda lunga
Inviati: 3211
 Re: I cerchi degli alberi
Ad un riunione simile partecipai anni ed anni ed anni fa, solo che il cannone me lo feci prima di entrare.
Praticamente scivolai sotto il sedile dopo due minuti, a ridere per altri dieci e poi uscii con la mascella quasi bloccata.

hi-speed

Cosa Sta Succedendo? Madre, madre Ci sono troppi di voi che piangono Fratello, fratello, fratello Ci sono troppi di voi che stanno morendo Sai che dobbiamo trovare una maniera Per portare un pò di amore qui oggi
Esule
Inviato: 5/12/2012 18:43  Aggiornato: 5/12/2012 18:43
Ho qualche dubbio
Iscritto: 19/4/2012
Da:
Inviati: 64
 Re: I cerchi degli alberi
Io credo che sia arrivato il tempo di smetterla di lavorare solamente per i soldi, ci vuole passione e amore per ciò che si fa. Per fare un esempio, in questo sito si parla molto di scie chimiche e poi inevitabilmente mangiamo verdura e frutta esposta a tutti questi agenti chimici e metalli pesanti.
Ma dico io, facciamo una bella colletta, un paio di centoni a testa e costruiamo la più grande serra ad ambiente controllato, con ortaggi e alberi da frutto. E' un inizio, qualcuno avrà così un lavoro dignitoso, poi da li si continua con altri progetti, finché si crea lavoro per tutto il gruppo.
Ma che ve lo dico a fare, siete una massa di soldatini senza fantasia.

Aigor
Inviato: 5/12/2012 18:56  Aggiornato: 5/12/2012 18:56
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/7/2011
Da: GE
Inviati: 211
 Re: I cerchi degli alberi
@ Manuel

Mi duole dover fare l'avvocato del diavolo, ma se fosse vero il ragionamento matematico non sarebbe possibile che una ditta che lavora esclusivamente con il MM come Amway (una delle più vecchie) abbia cominciato nel 1956 e sia tuttora fiorentemente in commercio...

La matematica mal si applica alle persone... ed è per questo motivo che il MM non è per tutti ma, nonostante tutto, continua a funzionare (non per tutti ma funziona).

Aigor

La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci
(I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)
Jurij
Inviato: 5/12/2012 19:02  Aggiornato: 5/12/2012 19:02
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: I cerchi degli alberi
Il “multilevel marketing”, ovvero la vecchia “Z” che circolava qui da noi negli anni 80’.

Com’era già?

Chi invita, paga per gli amici, se poi rimangono nel giro forniscono una percentuale e via a mo’ di piramide…

Ma girano sempre allo stesso modo questi sistemi ? Nuova generazione, altro giro, che palle.

Poi sono venuti i “periodi di proprietà” degli appartamenti di vacanza, che scena mi ricordo alle Canarie…

Il finale è un po’ da “Aldo Macione”, ma la pipata mette tutti d’accordo.

Ke tristezza però.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
Pispax
Inviato: 5/12/2012 20:02  Aggiornato: 5/12/2012 20:02
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: I cerchi degli alberi
Gran bel testo.

Complimenti.

incredulo
Inviato: 5/12/2012 20:09  Aggiornato: 5/12/2012 20:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: I cerchi degli alberi
@Calvero

Cazzo scrivi come Chuck Palahniuk, stesso stile da "psicopatico", stupendo direi.

Per quanto riguarda l'esempio dell'albero, che bisogna collegare al racconto, ho capito che tramite quella immagine hai cambiato la tua prospettiva interna di te stesso, da qualcosa che si eleva a qualcosa che si allontana dal suo centro.

E da quel centro riesci ad analizzare il mondo esteriore con grande lucidità.

Quel centro comune a tutti gli Esseri Umani, PIANTATO nel terreno come fosse un albero.

La nostra RADICE è in quel centro, fermo immobile, eterno, quella radice che sfuggiamo cercando di ESSERE diversi da ciò che siamo.

Da qui gli atteggiamenti costruiti interessati e fasulli degli addetti alla riunione di reclutamento nuovi venditori a cui hai partecipato.

Ma non è "colpa" loro, qualcuno li ha convinti che per potere ESSERE qualcuno devi RECITARE UN RUOLO.

Se lo farai avrai i SOLDI, quel lasciapassare per la felicità.

Sono lo "STESSO SCHEMA" piramidale che diamo per scontato, quel modello antagonista del modello "circolare" della Natura, quella circolarità che l'albero rende evidente con i suoi anelli, un modello, quello piramidale profondamente INNATURALE.

Il "sogno americano", quel sogno di "uno su mille ce la fà", quel sogno che, come afferma il mitico Carlin in un suo monologo, "devi essere addormentato per crederci"

E vissero tutti felici e contenti vendendo cosmetici e pentole, ma anche fondi comuni e case, ormai il mondo funziona con QUESTO MODELLO, che ci ALLONTANA dal Centro.

Lunga vita al Multi-Level-Marketinng, diventa QUALCUNO vendendo porta a porta, arriva in cima alla Piramide, scalala con ENTUSIASMO E DETERMINAZIONE, lascia perdere l'erba e la gnocca che ti distraggono dall'obiettivo e arriverai al Paradiso, ti farai i SOLDI per la coca e la escort...

Ciao

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
Aigor
Inviato: 5/12/2012 22:37  Aggiornato: 5/12/2012 22:39
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/7/2011
Da: GE
Inviati: 211
 Re: I cerchi degli alberi
@Jurij

Accidenti... sapete chi mi ricordate?

Tutti quelli che quando Massimo pubblica qualcosa di un po' fuori dai "luogoghicomuni" saltano su con le risposte di chi parla senza darsi la pena di informarsi...

Esempio: 9/11, bicarbonato, e così via.

Il problema non è se il MM è buono o cattivo.
Il problema è parlarne con cognizione di causa, altrimenti la discussione non ha senso.

Conoscete il piano di marketing di Amway o Herbalife, tanto per citare i due più conosciuti?

Se non li conoscete, perdonatemi, ma fate la figura di quelli che parlano di 9/11 senza aver mai letto nient'altro che la versione ufficiale... e quindi parlano a vanvera.

E non me ne vogliate.

Aigor

PS: sono stato associato ad Amway per 3 anni e so di cosa parlo. Nel bene e nel male.
Quindi mi sta bene una discussione, ma con cognizione di causa

La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci
(I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)
Calvero
Inviato: 5/12/2012 22:49  Aggiornato: 5/12/2012 22:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: I cerchi degli alberi
_________________
______________

Grazie di cuore Pispax

---==)*(==---

@ Incredulo

Mi è piaciuta la storia dello psicopatico

Bel contributo; e prendo spunto da questo breve passaggio:

Citazione:
Ma non è "colpa" loro, qualcuno li ha convinti che per potere ESSERE qualcuno devi RECITARE UN RUOLO.


Per l'amor di Dio, ci tengo a sottolinearlo. Ho scritto di quegli occhi sinceri e sognanti riferendomi a questo.

---==)*(==---

AIGOR:

Citazione:
Se non li conoscete, perdonatemi, ma fate la figura di quelli che parlano di 9/11 senza aver mai letto nient'altro che la versione ufficiale... e quindi parlano a vanvera.


Ci tengo a dirti, Aigor, che il mio non è un attacco spregiudicato. Innanzitutto ho scritto la verità. Ho tenuto anche a sottolineare che non ho sentito puzza di imbrogli. Ho tenuto anche a sottolineare che se di fregature dovessimo parlare, quelle è anche più facile prenderle nei normali supermercati. Il senso della riflessione credo tu l'abbia compreso. In coscienza ognuno sa cosa vive e come lo vive, io non me la sono sentita. Tutto qui.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
stecos
Inviato: 5/12/2012 22:52  Aggiornato: 5/12/2012 22:52
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/10/2009
Da: Madrid
Inviati: 111
 Re: I cerchi degli alberi
É dura accettare che molti di noi hanno un Gelindo Lindo Ferretti dentro che dai CCCP > CSI diventa cattolico papista.

Vi diró una cosa, ho passato gli anni piú belli della mia vita da universitario tra Urbino e Torino (e buona parte di ció che sono la devo interamente ai miei tre anni a Torino).

Finiti gli studi avevo anche a disposizione un capitale molto interessante. Ho inseguito per anni il sogno di avere un bar, ho viaggiato molto, ho cercato perfino il modo di vivere senza lavorare o di lavorare per scherzo a Jericocoara. Non avevo neanche bisogno di molti lussi ma alla fine ho dovuto rinunciarci. É sapete perché? Nessun Calvero ( e in quegli anni ne avevo molti intorno) ha avuto il coraggio di seguirmi e alla fine mi sono sentito solo... Oggi seleziono personale e con il capitale ho comprato casa

La differenza tra avere un' idea e ideare é che il primo sta fantasticando e il secondo sta creando
stecos
Inviato: 5/12/2012 22:54  Aggiornato: 5/12/2012 23:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/10/2009
Da: Madrid
Inviati: 111
 Re: I cerchi degli alberi
PS:

Giá che si parla di MM, e che per la prima volta non é Massimo Mazzucco... Mia moglie é un imprenditrice di Mary Kay (http://www.marykay.es/) ed é felicissima di esserlo.
Che forte... eh?!?

La differenza tra avere un' idea e ideare é che il primo sta fantasticando e il secondo sta creando
vuotorosso
Inviato: 5/12/2012 23:58  Aggiornato: 5/12/2012 23:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 7/5/2011
Da:
Inviati: 2464
 Re: I cerchi degli alberi
Credo che se ci fosse stato Groucho avrei potuto scambiarlo per un racconto bonelliano.
Considerazioni un' altra volta, pardon.


Aigor
Inviato: 6/12/2012 0:30  Aggiornato: 6/12/2012 0:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/7/2011
Da: GE
Inviati: 211
 Re: I cerchi degli alberi
Calvero, credimi, nulla di ciò che ho scritto era rivolto a te.

Ho apprezzato molto il post, sotto ogni punto di vista.
E mi trovo d'accordo con te.

Pensa che ancora ora, sento il desiderio di presenziare ad una di quelle riunioni, alzarmi in piedi al momento giusto, e dire ciò che ho da dire...
Il guaio è che non servirebbe a nulla

Ci sono strade che ognuno di noi deve percorrere da solo... fa parte della propria crescita.

Aigor

ps: nei tuoi panni sarei salito anch'io... alla grandissima

La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci
(I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)
Vmagic
Inviato: 6/12/2012 0:34  Aggiornato: 6/12/2012 0:34
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/10/2012
Da:
Inviati: 135
 Re: I cerchi degli alberi
@stecos & tutti gli altri: hai detto una parola chiave: "mia moglie è innamorata".

Infatti pur essendo un lavoratore multilevel non mi piacciono le conferenze in cui porti l'amico o cose varie com'è stato detto in alcuni commenti, io mi sono innamorato di quel che faccio perchè prima mi sono innamorato dei prodotti che vendo in quanto mi hanno dato un risultato a livello fisico veramente ottimo.
Vi racconto come ho fatto a trovare i miei clienti e come opero adesso.
I miei primi clienti erano amici che hanno notato in me un cambiamento fisico e un cambiamento sulla mia salute visibile tramite la mia vitalità. C'è chi ha voluto provare e chi no, chi poi ha provato mi ha dato ragione e queste persone sono state la mia pubblicità.
Una soddisfazione immensa.
Cosa mi ha dato un'attività di questo genere rispetto all'avere un negozio o essere un dipendente? Mi ha dato la creatività, bisogna trovare il proprio modo efficace di vendita e far si che i clienti arrivino spontaneamente a te senza andarli a cercare e senza organizzare conferenze o altro. Modi ce ne sono tanti, vi posso spiegare uno dei miei metodi sperando che possa essere profiquo a chi legge:
un giorno conobbi una cliente, di professione massoterapista la quale dopo aver notato l'efficacia di quel che vendo consiglia "me e di conseguenza i miei prodotti" ai suoi clienti, io la ricambio consigliando ai miei clienti i suoi massaggi, dopodichè io consgilio ai miei clienti di fare attività fisica e quindi consiglio loro una palestra dove il titolare consiglia ai suoi clienti i miei prodotti e i massaggi della mia cliente, e così via. (spero sia chiaro)
Perchè questo metodo: in poche parole sto dando lavoro anche ad altre attività che prima erano carenti di clienti e (sarà karma) tutto mi torna grazie alla compiacenza delle persone alle quali ho portato lavoro.
Quindi non dobbiamo più ragionare nel lavorare ogniuno per conto proprio ma creare una rete dove tutte le professioni sono connesse l'una con l'altra grazie a scambi di informazioni/indicazioni come l'esempio che ho fatto.
Ero quindi arrivato al punto che molte volte non avevo il tempo materiale per fare tutte le consegne dei prodotti ai clienti allora trovai chi lo faceva per me (lo pagavo io di tasca mia). Dopodichè la persona incuriosita dall'enorme quantitativo dei miei clienti ha voluto provare i prodotti ed è diventata venditore come me. Risultato? Ho dato 1/4 dei miei clienti al mio nuovo "assunto", ovviamente di quei clienti guadagno la percentuale come previsto dal mio piano multilevel. E così via...
Quindi dove sta l'errore che fan tutti? Iniziare a vendere senza provare e senza vedere sul campo più di una vendita.
Sinceramente prima di trovare il mio "assunto" provai più persone che volevano darmi una mano ma pretendevano di farlo senza tanta fatica e di guadagnare tanto da subito, provai a dare a questi una chance ma poco dopo si fermarono (questi fanno turn-over come è già stato detto in un'altro post qui sopra). Il loro problema è che erano pigri!
Com'è gia stato detto in un altro post qui sopra, molti non sono portati a fare un lavoro del genere perchè sono pigir! Preferiscono fare 8 ore in ufficio dove c'è chi dice loro cosa fare, preferiscono stare in catena di montaggio perchè, forse, è il lavoro che han sempre fatto ed hanno paura ad iniziare un qualcosa di diverso dove la responsabilità è tutta propria. Questi sono alcuni dei problemi. E' vero non siamo tutti portati a fare questo lavoro, ed io considero la pigrizia sia fisica che mentale un fattore determinante.

Non ho fatto pubblicità a ciò che vendo tant'è che lavoro con 2 aziende multilevel, ho voluto portare il mio esempio per rispondere a molte domande e mal interpretazioni che ho letto su questo lavoro.

Posso solo dare qualche consiglio a chi volesse intraprendere questo tipo di attività:
- ci sono tante tipologie di multilevel, va analizzato bene il piano guadagni, molti sono fatti male e si guadagna poco anche se il prodotto è buono.
- non bisogna mai iniziale a lavorare con un'azienda che tratta un solo prodotto, semmai lo si può fare più avanti quando già si è in un buon piano multilevel con un'altra azienda
- valutare e provare il prodotto prima di venderlo, senza motivazione non si vende
- valutare se il prodotto che viene venduto ha un prezzo troppo alto rispetto allo stesso prodotto venduto in commercio (ciò non rispecchia la vendita multilevel)

Adesso voglio farvi un pò ridere: in zona Treviso una signora (che conosco) faceva la sarta a casa ma aveva la passione (chiamiamola così) per la biancheria erotica. Aprì un negozio con tanto di sfilata in vetrina ma poi le vendite non decollarono. Presa dalla fissa che lei doveva produrre questa roba gli venne in mente il metodo di vendita multilevel di creme e trucchi di una sua amica. Quindi chiese al marito imprenditore artigiano di produrre sex toys made in italy e biancheria sexy sempre made in italy. Iniziò 4 mesi fa lei stessa ad andare a vendere porta a porta questa merce, ovviamente le vendite casa per casa divennero interessanti e tutti andavano per ridere, ma alla fine compravano. Iniziò poi l'assunzione di venditrici e queste decollarono con le vendite fin da subito. Ora quest'azienda sta cercando disperatamente venditori multilevel in quanto le richieste di fare "riunioni" casa per casa si stanno moltiplicando nonostante la crisi economica. C'è chi organizza la festa di compleanno con tanto di venditrice di articoli hot, chi invece fa la riunione a sorpresa per gli amici, etc...
Quando rividi questa signora un mese fa e mi spiegò il tutto gli chiesi se aveva una sera per organizzare una riunione a casa mia con amici. Mi rispose, guarda non ho più un buco libero fino al 31 dicembre.

Chissà che qualcuno di voi abbia un'ispirazione ed avvii un'azienda multilevel... Non si sa mai
A parte l'ultima storiella che vi ho detto spero di aver illuminato qualcuno.. Non tutti ma qualcuno..

Soul77
Inviato: 6/12/2012 0:43  Aggiornato: 6/12/2012 0:43
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/11/2011
Da:
Inviati: 41
 Re: I cerchi degli alberi
Citazione di Calviero :

Sempre personalmente, e in questa prospettiva, posso dirti che l'onestà di mettersi a nudo col prossimo e mai vergognarsi di esserlo, tira fuori il meglio dalle persone che ti circondano. Di fronte a colui - ma di più a colei - che ti snobba... ce ne sono dieci di più che mettono mano al loro cuore.

Sono daccordo.., forse questo avviene anche perche', comportandoci cosi' siamo noi stessi a mettere mano al nostro cuore.., cosi' facendo cresciamo..maturiamo..ci innalziamo..esattamente come gli Alberi

E l'energia intorno cambia.., le persone cambiano.., la realta' cambia.., perche' cambiamo noi stessi..

Ps : qualche giorno fa ero in un museo di geologia e guardavo un grosso minerale di cui non ricordo il nome ma molto bello di colore rosa scuro quesi arancione acceso.., questo era tagliato a meta' e al suo interno presentava una serie di cerchi concentrici di una precisione quasi geometrica per distanza e forma circolare dal piu'piccolo al piu' grande esterno...identici a quelli di un albero.., e infatti mi venne subito da pensare a questo..che strano...pensai :)

Oggi leggo questo articolo.., qualcuno la chiamerebbe : coincidenza sincronica..una bella coincidenza sincronica.. :)


In bocca al lupo per la tua Ricerca Calviero..qualunque essa sia.. ;)

Ciao

Nessuno mai potra' privarmi della Coscienza della mia Anima
Elius
Inviato: 6/12/2012 1:39  Aggiornato: 6/12/2012 1:39
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/5/2011
Da:
Inviati: 136
 Re: I cerchi degli alberi
Autore: incredulo Inviato: 5/12/2012 20:09:40
Lunga vita al Multi-Level-Marketinng, diventa QUALCUNO vendendo porta a porta, arriva in cima alla Piramide, scalala con ENTUSIASMO E DETERMINAZIONE, lascia perdere l'erba e la gnocca che ti distraggono dall'obiettivo e arriverai al Paradiso, ti farai i SOLDI per la coca e la escort...
geniale..

grazie Calvero, apprezzo e condivido il tuo pensiero

albi1098
Inviato: 6/12/2012 1:53  Aggiornato: 6/12/2012 1:53
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/10/2011
Da:
Inviati: 52
 Re: I cerchi degli alberi
"Un articolo di Calvero!!" ho pensato appena ho aperto la home page appena rientrato dal lavoro.
Già pregustando le prelibatezze filosofiche e non di uno degli utenti di luogocomune del quale ho maggior stima mi sono stappato una birretta con la gioia come se avessi una gnocca davanti seminuda.....

Interessante il fatto degli anelli degli alberi mi farà riflettere di sicuro.

Ma *zzo Calvero spari ad alzo zero su tutto e tutti e poi accetti il lavoro??
E mi dispiace il tuo preconcetto sui lavoro porta a porta dove secondo te bisogna mentire.
E' sempre il venditore che mente (una sua libertà), come ti mente il macellaio quando ti dice che la bistecchina che ti sta incartando è fresca di giornata....
Dipende sempre da come,se,quando,e che fine ha per mentire.

Ti auguro comunque di trovare un lavoro che esprima in pieno le tua potenzialità ( e non sono quelle di vendere integratori o materassi come me)


Gurdjieff quando aveva bisogno di soldi vendeva tappeti ed era abilissimo. Addirittura una volta catturò dei passeri e li dipinse con colori sgargianti per farli sembrare dei canarini per venderli alle sciure a prezzi folli.....

"Se non hai una mente critica per natura è inutile che tu rimanga qui." G.I.Gurdjieff
AFrayn
Inviato: 6/12/2012 4:00  Aggiornato: 6/12/2012 4:14
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/3/2009
Da: Colônia Cecília, Paraná, Brasil
Inviati: 399
 Re: I cerchi degli alberi
Citazione:
Sono lo "STESSO SCHEMA" piramidale che diamo per scontato, quel modello antagonista del modello "circolare" della Natura, quella circolarità che l'albero rende evidente con i suoi anelli, un modello, quello piramidale profondamente INNATURALE.

Glielo spieghi tu, o glielo spiego io, al metano?
Citazione:
Gurdjieff quando aveva bisogno di soldi vendeva tappeti ed era abilissimo. Addirittura una volta catturò dei passeri e li dipinse con colori sgargianti per farli sembrare dei canarini per venderli alle sciure a prezzi folli

Praticamente un truffatore, putacaso vendeva anche l'olio di serpente?

Molṑn labé - Quocunque Jeceris Stabit
Jurij
Inviato: 6/12/2012 6:48  Aggiornato: 6/12/2012 6:48
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: I cerchi degli alberi
Hai ragione Aigor, devo specificare.

Mi riferivo ad un certo tipo di “multilevel marketing”, in effetti vi sono ditte che lavorano da anni correttamente e con prodotti veramente particolari.

La mia idea di “multilevel marketing” era riferita a quelle imprese "spara e scappa" che periodicamente nascono e muoiono in poco tempo e che fanno dei colpi di scena la loro forza.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
VIPER
Inviato: 6/12/2012 6:56  Aggiornato: 6/12/2012 6:56
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/6/2009
Da:
Inviati: 557
 Re: I cerchi degli alberi
Citazione:
mi sono stappato una birretta con la gioia come se avessi una gnocca davanti seminuda.....

Conoscevo un tizio che si eccitava leggendo gli articoli di Mazzucco... Lo hanno ricoverato tre giorni dopo...

Citazione:
Gurdjieff quando aveva bisogno di soldi vendeva tappeti ed era abilissimo

Oggi ho anche scoperto che Gurdjeff era un leader del multilevel marketing...

perspicace
Inviato: 6/12/2012 8:01  Aggiornato: 6/12/2012 8:01
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/9/2011
Da: località sconosciuta
Inviati: 3281
 Re: I cerchi degli alberi
@Calvero

Bella la metafora dell'albero, fregolante!

Anche secondo me hai preso con un approccio sbagliato la cosa del multilevel marketing (porta a porta???) perché ci sono anche prodotti veramente seri come un mio amico che lavora per la ferrero e va per aziende, bar, ristoranti e ovunque vogliano i dolci conoscete tutti i prodotti.

Mentire è un optional un limite che ci auto-imponiamo e che spostiamo in continuazione, mentiamo a noi stessi con la stessa frequenza con cui mentiamo agli altri, a meno che noi stessi non spostiamo l'asticella verso l'onestà.

Vivere è un atto di scelta.

Auguri anche da parte mia per il lavoro

Io non parlo come scrivo, io non scrivo come penso, io non penso come dovrei pensare, e così ogni cosa procede nella più profonda oscurità. Kepler
incredulo
Inviato: 6/12/2012 8:09  Aggiornato: 6/12/2012 8:09
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: I cerchi degli alberi
@AFrayn

Citazione:
Glielo spieghi tu, o glielo spiego io, al metano?


Ho parlato di piramide non di tetraedro, che all'opposto non lo è affatto, innaturale intendo...

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
LoneWolf58
Inviato: 6/12/2012 8:17  Aggiornato: 6/12/2012 8:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: I cerchi degli alberi
Non so... ma io sento puzza di bruciato.
Conoscendo (si fa per dire) Calvero... mi pare strano si sia fatto coinvolgere in una conferenza simile.

Dai... confessalo... il tuo "target" era l'erbetta

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
Calvero
Inviato: 6/12/2012 8:52  Aggiornato: 6/12/2012 9:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: I cerchi degli alberi
________________
____________

Figurati Aigor, era bene rimanere cristallini


---==)*(==---

C'è un incomprensione di fondo, poiché non ho approfondito dei passaggi.

Io all'amica dissi che non avrei fatto "porta a porta" e infatti lei mi disse la verità in proposito, cioè che questa opportunità non lo prevedeva. Non riguardava il "porta a porta" (altrimenti non sarei andato sin dall'inizio), non l'ho sostenuta questa cosa. Il discorso si riferiva ad una mia esperienza precedente. Tutto questo, comunque, nella prospettiva umana da cui ho studiato/vissuto/osservato la vicenda, non cambia affatto il senso della mia opinione e del discorso. Tantomeno quello di Incredulo e altri colleghi di LC.

Con questo chiarimento posso rispondere meglio anche a questa di albi1098, che mi dice:

Citazione:
E mi dispiace il tuo preconcetto sui lavoro porta a porta dove secondo te bisogna mentire.


Bada che io difficilmente sostengo qualcosa del genere se non con cognizione di causa. Ti spiego meglio. Quelli che mandai a fanculo il giorno stesso riguardava un "porta a porta" ma anche di "negozio in negozio" dove si proponevano contratti telefonici di nuovi Gestori e dove nel farlo si doveva proporli imbonendo schifosamente l'offerta ai possibili firmatari. Non solo l'offerta non era vantaggiosa, ma costringeva i clienti eventuali a farsi carico di complesse modalità di pagamento e anche farle passare per innovative.

Tornando a questa vicenda, la risposta che diedi all'amica in sostanza era riferita a quella esperienza precedente, un'esperienza obiettivamente truffaldina che mi aveva fatto decidere che di quell'approccio non avrei voluto saperne più niente. Tutto qui.

Poi scrivi:
Citazione:
Ma *zzo Calvero spari ad alzo zero su tutto e tutti e poi accetti il lavoro??


Oddio ... mi sa che ti è sfuggito qualcosa .. guarda che non ho accettato il lavoro... e grazie (approfitto per dirlo a tutti) per gli auguri

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 6/12/2012 9:06  Aggiornato: 6/12/2012 9:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: I cerchi degli alberi
PERSPICACE:

Citazione:
Anche secondo me hai preso con un approccio sbagliato la cosa del multilevel marketing (porta a porta???) perché ci sono anche prodotti veramente seri come un mio amico che lavora per la ferrero e va per aziende, bar, ristoranti e ovunque vogliano i dolci conoscete tutti i prodotti.


Il post con cui ho appena risposto ad albi1098 dovrebbe averti chiarito già qualche passaggio per l'incomprensione sul "porta a porta".

Comunque, permettimi, l'approccio sbagliato non l'ho preso. Affatto. Rispiego e con una premessa. La mia riflessione non è un attacco generalizzato a questa cosa del MM .. la cosa sta vendendo fuori da discorsi che si sono connessi alla mia esperienza. Posso credere tranquillamente alla bontà di certi modelli lavorativi...

.. io stesso, se mi avevi ascoltato bene, ho tenuto a precisare la Bontà dei loro prodotti. Ma quello che ho scritto è la verità ragazzo. Poi ognuno di noi può tirarci fuori la "morale" e la critica umana che ritiene aver rilevato. Se altri modelli di MM danno la possibilità di non vendersi l'anima così come l'ho capita e come era, viva Dio. Ma nulla a me mi toglie di aver visto quello che ho visto e sentito quello che ho sentito ... diciamo che, per non essere logorroico, non ho neanche detto tutto di quello che più ci ripenso e più capisco che era un "lavaggio del cervello". Il teatrino è durato un ora e passa. Poi, nell'insieme dell'articolo, non ho voluto parlare solo di questo, anzi ... il discorso è connesso a più livelli, se ci si ragiona sopra lo si comprende bene.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 6/12/2012 9:17  Aggiornato: 6/12/2012 9:35
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: I cerchi degli alberi
Citazione:
Non so... ma io sento puzza di bruciato.
Conoscendo (si fa per dire) Calvero... mi pare strano si sia fatto coinvolgere in una conferenza simile.


Perché scusa? .. una volta appurato che di "porta a porta" non si trattava e che l'amica in buona fede mi diceva che poteva interessarmi, ho voluto darmi una possibilità. Diciamo che l'unica cosa che non è stata mel mio stile, è stata quella di non alzarmi e andare via appena capita l'antifona. Questo sì. Però non solo l'amica doveva tornare a casa che era in macchina con me, lei aveva pagato il suo ingresso e me lo aveva chiesto di cuore. Quindi sono restato.

Citazione:
Dai... confessalo... il tuo "target" era l'erbetta


ma quella è venuta fuori dopo, al limite - di logica - prima potevo essere attirato dal fattore della ragazza bella assai. Che poi è stata una serata dedicata all'erbetta. Nulla di più

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Gisar
Inviato: 6/12/2012 11:53  Aggiornato: 6/12/2012 11:53
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/1/2010
Da: Umania
Inviati: 270
 Re: I cerchi degli alberi
Nella tua firma è imperterrito e concentrato il succo di tanti discorsi e confronti. Potrebbe già esserci sufficiente a inquadrare la cosa.

Sufficiente? Forse per chi ha già inserito diversi tasselli nel mosaico ma sicuramente non esaustivo per chi si limita all'evidente indicandolo come causa del problema di turno.....
Bisogna parlarne Calvero per rendersi conto quanto devastanti siano i vari messaggi propinatici regolarmente tutti i giorni, siano essi commerciali o di propaganda politica.

Il risveglio non avviene creando sterili discussioni su futili dettagli questi come minimo creano ancora più disgregazione, bisogna ricompattarsi e per farlo bisogna creare la coscenza dell' essenziale individuando con la conoscenza il bene comune.

Non c'é bisogno di dire alla gente che siamo a due passi dalla probbabile, ora più che mai, terza guerra mondiale, basta mostrare lo sfacelo economico che avanza a grandi passi e agli spropositati e sempre in aumento spese per gl'armamenti( comprese le nuove divise da far indossare ai disoccupati che tra un po' riempiranno le strade)

Il riavvicinamento alla terra sarà d'obligo e molti si stanno già organizzando in quella direzione. I primi passi potrebbero essere quelli di un consumo più consapevole per poi avvicinarsi a gruppi che propongono un alternativa al sistema economico odierno che é decisamente da rottamare....

Però il NM é una bella pezza temporanea per tappare un' altra falla a questa barca che inesorabilmente stà colando a picco...

Buona fortuna


Instauratio ab imis fundamentis
alpignolo
Inviato: 6/12/2012 12:45  Aggiornato: 6/12/2012 12:45
So tutto
Iscritto: 5/3/2007
Da:
Inviati: 15
 Re: I cerchi degli alberi
Il multilevel marketing ha un "costo sociale" troppo alto.
Finita la lista di amici, per andare avanti devi iniziare a rompere i coglioni ai compagni del liceo poi a quelli delle medie, elementari e così via.
Anche se fosse possibile fare soldi, non avresti più un amico per andare a festeggiare.

alpignolo
Inviato: 6/12/2012 12:47  Aggiornato: 6/12/2012 12:47
So tutto
Iscritto: 5/3/2007
Da:
Inviati: 15
 Re: I cerchi degli alberi
Il multilevel marketing ha un "costo sociale" troppo alto.
Finita la lista di amici, per andare avanti devi iniziare a rompere i coglioni ai compagni del liceo poi a quelli delle medie, elementari e così via.
Anche se fosse possibile fare soldi, non avresti più un amico per andare a festeggiare.

Hi-langher
Inviato: 6/12/2012 13:32  Aggiornato: 6/12/2012 13:50
So tutto
Iscritto: 3/12/2012
Da:
Inviati: 4
 Re: I cerchi degli alberi
@ hi-speed:Idem come sopra, con la soddisfazione di aver conosciuto quella che poi e' stata per sette anni la mia compagna di avventure. Poi metto giù un post e la racconto. E' il modo più divertente per andare a questo tipo di riunioni del teatro dell'assurdo, portarsi avanti coi lavori. Hi to you too!

"L'euro nasce con due difetti macroscopici: è rarefatto e vale poco.Questi due difetti sono programmati dai vertici delle Banche Centrali, perché queste vogliono ...
Calvero
Inviato: 6/12/2012 13:33  Aggiornato: 6/12/2012 13:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: I cerchi degli alberi
Citazione:
Sono daccordo.., forse questo avviene anche perche', comportandoci cosi' siamo noi stessi a mettere mano al nostro cuore.., cosi' facendo cresciamo..maturiamo..ci innalziamo..esattamente come gli Alberi

E l'energia intorno cambia.., le persone cambiano.., la realta' cambia.., perche' cambiamo noi stessi..


Forse, anzi senza forse, questo è il punto più importante.

Posso dirti solo che la soglia di credito di solidarietà ha superato quella dei doveri fiscali. Sono andato sotto da entrambe le parti, da una parte c'è il fisco dall'altra l'amore; con l'ultima ci sono i Fidi di cui si può andare orgogliosi, quelli che mancano al nostro mondo.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Tianos
Inviato: 6/12/2012 13:57  Aggiornato: 6/12/2012 13:57
Mi sento vacillare
Iscritto: 21/8/2009
Da:
Inviati: 374
 Re: I cerchi degli alberi
lascio anchio la mia opinione del MM .
e parlo con cognizione di causa visto che per un anno ci sono stato dentro con una ditta seria (che ci credeva parecchio anche) la queenlife ,lavora con le assicurazioni (e se è ancora cosi , la mia esperienza è di 15 anni fa) cercava tra tutte le offerte quelle migliori sul mercato per poi offrile ai clienti e prendendoci una percentuale, insomma si offriva via via a certi pacchetti assicurativi o di investimento che considerava validi come alternativa all'ufficio, e cambiando di anno in anno le offerte a seconda di quelle migliori sul mercato (cercava di essere una sorta di consorzio dei consumatori nel campo finanziario).
ma....
il MM per quanto applicato ad un concetto di servizio (e non di sfruttamento) rimaneva comunque errato nel suo fondamento , perchè alla fine è ,e rimarra sempre una struttura piramidale che non premia la bravura, ma chi arriva prima , perchè in ogni modo viene premiato il giro di affari di "allocchi" (virgolettati ,perchè con societa che vendono beni di una certa importanza...come ad esempio la tupperware, sono acquirenti che comunqu erisparmiano visto che sul prezzo del prodotto non gravano le spese di ufficio e contratti lavorativi continuativi) che prima entra nel giro....allla fine nel MM il vincitore non è colui che meglio fa il proprio lavoro...ma sempre colui che lo inizia...ossia il vertice, il primo.

LoneWolf58
Inviato: 6/12/2012 14:42  Aggiornato: 6/12/2012 14:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: I cerchi degli alberi
Citazione:
Autore: Calvero Inviato: 6/12/2012 9:17:24
...
prima potevo essere attirato dal fattore della ragazza bella assai...
Ti volevo solo far notare che ho scritto erbetta... tra "virgolette"

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
Lestaat
Inviato: 6/12/2012 15:31  Aggiornato: 6/12/2012 15:31
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/7/2005
Da: Perugia
Inviati: 1774
 Re: I cerchi degli alberi
CLAP! CLAP! CLAP!

In nomine libertatis vincula edificamus.
In nomine veritatis mendacia efferimus.
matteog
Inviato: 6/12/2012 18:46  Aggiornato: 6/12/2012 18:46
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/9/2009
Da: Roma
Inviati: 966
 Re: I cerchi degli alberi
Complimenti a Calvero per il bell'articolo e divertente...
Se cerchi lavoro, siamo sulla stessa barca anche se probabilmente tu qualche esperienza l'hai già io niente e non vogliono farmela fare.

Matteo

"Cercare il complotto è sano, trovarlo dappertutto è follia." M. Galante
Giano
Inviato: 6/12/2012 19:15  Aggiornato: 6/12/2012 19:15
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 18/3/2011
Da:
Inviati: 1424
 Re: I cerchi degli alberi
M'è piaciuto, complimenti.
La prima parte è molto interessante, ieri sera "in relax" mi ha fatto viaggiare. Grazie.

Non ti risparmio una critica: la seconda parte, che credo volessi impostare anche come divertente e canzonatoria, è condida da un goccetto di livore di troppo che fa perdere un po' di leggerezza al racconto.
Cià.

rekit
Inviato: 6/12/2012 19:29  Aggiornato: 6/12/2012 19:29
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: I cerchi degli alberi
com'e' che su LC si inizia sempre con i cerchi e si finisce sempre a parare nei porco-spini?!?!?!

Pyter, questa l'avresti voluta scrivere tu di la verita!


Red_Max
Inviato: 6/12/2012 19:40  Aggiornato: 6/12/2012 19:40
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/7/2012
Da: in volo
Inviati: 975
 Re: I cerchi degli alberi
Io sono dell'idea che alle domende esistenziali ognuno debba trovare le proprie risposte.
Comunque alla prossima riunione suggerirei una citazione fantozziana tipo:
"il multilevel marketing è una c*****a pazzesca!"
(novantadue minuti di applausi)

L'anoressia è un "orientamento" alimentare?

Non ti piacciono i crauti? allora sei crautofobo...
E' un reato gravissimo...

Aspirare gli embrioni è indice di civiltà!!!

Io non sono un complottista...
mi interesso di leggende metropolitane...
cgueye
Inviato: 6/12/2012 21:08  Aggiornato: 6/12/2012 21:08
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2010
Da:
Inviati: 306
 Re: I cerchi degli alberi
Gli anelli sono un argomento molto gettonato, per un periodo seguivo certi discorsi. Ma non li porto praticamente, perchè chiudono...

citron
Inviato: 6/12/2012 22:34  Aggiornato: 6/12/2012 22:34
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/8/2008
Da: Milano
Inviati: 31
 Re: I cerchi degli alberi
Grazie Calvero per l'articolo!

Scrivi benissimo e mi hai fatto tornare con la memoria al 1996 quando per quasi un anno mi ero accostato al multlevel.
Io da quell'esperienza non ho guadagnato praticamente niente a livello economico, ma posso assicurarvi che sul piano umano è stato assolutamente interessante.
Da ingenuo e un po credulone quale ero (e sono tuttora) mi sono accorto che esistono persone molto diverse da me, persone per la quale il $$$$ costituisce il primo valore, altri che cercano disperatamente di soddisfare un ego smisurato.
Io personalmente avevo un buon lavoro, ma trovandomi in una situazione emotiva di assoluta fragilità (mi ero appena separato), sono rimasto invischiato da quell'atmosfera contagiosa di entusiasmo, di "i veri amici siamo noi", di "chi non entra in rete non ti vuole bene", ecc. ecc.
Insomma non mi interessava il guadagno ma il calore umano (un po di plastica) che ritrovavo a quelle riunioni.

La cosa amara è che nel momento in cui fuoriesci dal giro smetti immediatamente di esistere. Scopri che quella rete di "splendide" amicizie, le pacche sulle spalle, i sorrisi, erano animati solo dal miraggio del guadagno facile.

Il multilevel ti da l'illusione per una volta nella vita di poter comandare sugli altri, di essere finalmente tu la guida di chi ti circonda, di essere padrone del tuo destino.
Ma per quasi tutti è e resterà una illusione. Come già detto da qualcuno, essere padroni del proprio destino comporta delle responsabilità, e molti proprio non ci sono portati.

Ero coinvolto al punto tale che nel giro di pochi mesi ero stato isolato da gran parte dei miei amici e famigliari.
Insomma, se non sei vigile e attento ti fanno veramente il lavaggio del cervello.
Chi alla fine riesce, ce la fa perché comunque è un buon venditore.
Vige la selezione darwiniana portata all'estremo. Questa è la pura e semplice verità.


Ora, a distanza di quindici anni, sono diventato un vero imprenditore con dei veri dipendenti ed una vera società.
Quello che posso dire è che tutte le esperienze nella vita servono, anche questa mi ha aiutato moltissimo a relazionarmi con il prossimo e a capire al volo con chi ho a che fare.
Consiglio a tutti, quantomeno come esercizio antropologico di aderire per alcuni mesi ad una di queste reti. E' un po come il militare, ti ferisce ma insegna tante cose...

"Che notizie oggi?"
"Zero assoluto".
"Magnifico. Mandiamo tre inviati e titoliamo 'tragico vuoto'".

Altan
Aigor
Inviato: 7/12/2012 0:34  Aggiornato: 7/12/2012 0:34
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/7/2011
Da: GE
Inviati: 211
 Re: I cerchi degli alberi
@ citron

ti straquoto caro citron, stra-stra quoto.
Pensa che ho sempre sostenuto che lavorare alla Folletto, quindi non MM ma pura vendita diretta porta a porta, sia un'esperienza formativa che ogni persona dovrebbe fare nella vita, magari intorno ai 20 anni.
Proprio come iter formativo della persona, al di là delle vendite che in questo caso non contano nulla.

@ Tianos

Mi spiace Tianos, sbagli anche tu...

cit.:
... perché alla fine è ,e rimarrà sempre una struttura piramidale ...

La struttura è a rete, non piramidale, se non si capisce questo non si capisce nulla del MM.
Ed è dimostrabile sia graficamente e matematicamente.
Altrimenti non è MM. E' qualcos'altro.
Attenzione a non prendere fischi per fiaschi, non tutto ciò che si spaccia per MM lo è veramente.

In Amway, come in Herbalife (cito queste due perché considero il loro piano di marketing "serio" e hanno una sopravvivenze internazionale più che cinquantennale), ci sono moltissimi esempi di persone "entrate" dopo decenni rispetto ad altri e arrivate a guadagnare soldoni molto velocemente...

Il problema non la "struttura", il problema è la gente.

E' vero che una volta finita la lista dei parenti/amici/conoscenti devi cominciare a scassare le balle agli sconosciuti.
Ma bastasse solo quello... in fondo alla Folletto si fa la stessa cosa, ma si guadagna un casino se hai le caratteristiche giuste (ovvero: nessun pelo sullo stomaco).

La grande menzogna non è se pagano o no (perché pagano, e alla grande), se è piramidale (quelli seri non lo sono), ma che te lo spacciano come "facile, "per tutti" e soprattutto ti inculcano che "dipende solo da te".

Una cippa di m....chia dipende da te.

Dipende invece da moltissime componenti che vanno dalla cultura del luogo dove lavori, al tipo di carattere tuo, al momento storico che vive il paese dove lavori e, soprattutto, dalla botta di culo (perdonate il francesismo) di trovare le persone che la pensano come te.
E trovarle velocemente.
E che loro ne trovino altre come te/loro velocemente.

Altrimenti i casi sono due:
1) ti sgonfi e lasci.
2) resti associato per anni e anni accumulando frustrazione. E poi ti sgonfi e lasci.

Nonostante questo uno su mille riesce e diventa davvero ricco... ma uno su mille
E quell'uno su mille fa da traino psicologico per gli altri...

Inoltre, per essere seria una ditta di MM oltre ad avere un piano di marketing calibrato, deve anche dimostrare di essere capace di restare sul mercato almeno dieci anni.
Altrimenti sì che qualcosa non funziona davvero...

Ve lo ricordate De Giovanni?

Sembrava avesse creato il MM "italiano".
In realtà aveva davvero avuto delle intuizioni geniali...
Peccato che alla base di un MM serio ci deve essere una ditta seria e lui è stato/è tutto fuorché quello.

Cfr.:
De Giovanni

Per concludere, sublimando Calvero e Citron, è un'esperienza che senz'altro insegna qualcosa ma, alla fine della storia, è molto meglio una bella gnocca e una canna.

La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci
(I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)
Cassandra
Inviato: 7/12/2012 0:39  Aggiornato: 7/12/2012 0:39
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/5/2006
Da:
Inviati: 1551
 Re: I cerchi degli alberi
...Ancora con sto multilevel?

Me lo offrirono tanti anni fa, ero appena rimasta disoccupata. Gli risposi che non mi interessava, e l'amica mi disse in faccia che se rifiutavo allora non avevo voglia di lavorare ed ero una fannullona.
Lì ho capito la mentalità dietro a questa porcheria, e che avevo fatto benissimo a dire di no.

Un tipo come Calvero non lo porterei mai ad una conferenza del genere. Poi, certo, se ci viene solo perché gli garbo è un'altra faccenda...

"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)
Calvero
Inviato: 7/12/2012 6:43  Aggiornato: 7/12/2012 6:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: I cerchi degli alberi
__________________
______________

Lupo solitario vecchio marpione

---==)*(==---

Grazie Giano della critica sincera


@ Citron

Grazie del tuo contributo genuino e vivo. Che poi è la cosa che ha più senso quando si desidera comunicare qualcosa. Sono con te anche nelle parole che concludono il tuo Post .. molto bello

@ Cassandra


Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Tianos
Inviato: 7/12/2012 7:51  Aggiornato: 7/12/2012 7:51
Mi sento vacillare
Iscritto: 21/8/2009
Da:
Inviati: 374
 Re: I cerchi degli alberi
@aigor bene dimostrami lo schema a rete e ti darò ragione.

ma rispondi tu che lavori ancora in quel settore.
prendi una commissione per ogni persona che entra e una percentuale (seppur minima) su ciò che vendono/producono le persone che hai fatto entrare?

perche se stai cercando di supportare qualcosa con questo meccanismo vuol dire arrampicarsi sugli specchi.

non ho detto che non ci sia posibilità di diventare ricco...certo che c'e sopratutto se hai c### di trovare una zona libera in cui "cacciare" e quindi farti una base ampia che cercherà a sua volta di fare lo stesso, ma il meccanismo di sfruttamento è sempre quello che convincera te di essere migliore di altri solo perchè stai sfruttando gli altri.

ma pensa in modo verticale invece di credere che sia un metodo orrizzontale. quelli che sono sotto di te nella tua zona hanno più o meno possibilità di trovare "schiavi " quanto ne hai avuto al tempo te?
se i tuoi sottoposti producono bene tu ti puoi permettere "ferie" più lunghe per un maggior introito di soldi?
ma sopratutto colui che ha iniziato quel sistema lavorativo in quel settore quanti soldi prende? glielo hai mai chiesto? e se si qual'è stato il suo "imbarazzo"? ma sopratutto è rintracciabile o lavora alle Cayman?^^ (potrebbero anche essere più di uno al vertice anche 2 dozzine o più ma il discorso non cambia)

in definitiva il MM in alcuni campi funzione per il semplice fatto che vende qualcosa di degradabile nel tempo di cui le persone tendono ad avere bisogno nel tempo e quindi le commissioni da vendita sono sempre presenti.

Ma vedi ...seppur il mondo sia pieno di persone disposte a rendersi schiave per un lavoro , sono moltissime quelle che non sono disposte in alcun modo a rendere schiave altre persone per lo stesso motivo.
di Ghandi ne è pieno il mondo in questo senso.

Spiderman
Inviato: 7/12/2012 8:14  Aggiornato: 7/12/2012 8:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 19/9/2009
Da:
Inviati: 2722
 Re: I cerchi degli alberi

"Ogni giorno racconto la favola mia, la racconto ogni giorno chiunque tu sia, e mi vesto di sogno per darti se vuoi, l'illusione di un bimbo che gioca agli eroi. (Renato Zero)
Aigor
Inviato: 7/12/2012 12:50  Aggiornato: 7/12/2012 12:50
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/7/2011
Da: GE
Inviati: 211
 Re: I cerchi degli alberi
@ Tianos
Perdonami Tianos, ma ho detto esplicitamente in un mio post precedente "sono stato associato ad Amway per 3 anni"

Ho usato il tempo "passato prossimo" (sono stato) proprio perché è una esperienza "passata". Quindi ti prego di leggere o quanto meno "leggere meglio" (lo so che è una menata ma è il minimo della netiquette leggersi tutti gli interventi prima di scrivere).

Detto questo, stai facendo un po' di confusione, quindi ti rispondo passo-passo scusandomi per la lunghezza del post, ma meno di così non è possibile.

Ma partiamo per gradi.

Mi riferisco, ovviamente al periodo 1996 - 1999 che è quello che conosco. Da allora il piano di marketing potrebbe essere cambiato. Non credo (squadra che vince non si cambia) ma non si sa mai. Quindi parlo al presente, ma mi riferisco al 1996.

@aigor bene dimostrami lo schema a rete e ti darò ragione.
OK, ovviamente semplifico altrimenti c'è da scrivere parecchio (quindi tienilo presente):
Schema piramide: chi sta in alto guadagna di più di chi sta in basso e può essere scalzato o sostituito ma non condividerne la posizione (a meno che ciò non sia previsto, ma mi attengo allo schema base).

Schema rete Amway: ogni persona che tu fai associare rimane legata a te, cioè la ditta sa che questa persona si è iscritta grazie a te.
Quindi tutto quello che verrà fatturato a partire da quella persona in poi ti darà diritto ad un bonus calcolato su quel fatturato.
La persona che hai iscritto è il primo punto di una rete di associati (in gergo "gamba", "frontale", "sponsorizzato" ecc. ecc.) e così via.
Il piano prevede uno stop a 18 (o 19 non ricordo) gambe (di più non ne puoi avere).
Il massimo del bonus che puoi ricevere sul fatturato prodotto da una gamba è il 21% (a scalette 3%, 6%, 9%, 12%, 15% 18%).
Se hai più di una gamba il fatturato NON si cumula, il bonus viene calcolato singolarmente su ciascuna gamba.
Sono previsti bonus aggiuntivi ogni 3 gambe.
Il fatturato viene azzerato ogni mese. I pagamenti quindi sono mensili.
Ne consegue che può succedere che se tu hai una gamba e la settima generazione di questa gamba ne genera 3, lui guadagna più di te, anche se è molto distante (7 livelli). Ed è giusto perché lui ha creato un'organizzazione più ampia della tua (lui 3 gambe, tu una).
Conclusione: tutti vengono retribuiti equamente in base al tipo organizzazione che hanno creato.

prendi una commissione per ogni persona che entra
NO non è prevista una commissione per ogni persona che entra.


una percentuale (seppur minima) su ciò che vendono/producono le persone che hai fatto entrare?
SI è previsto un bonus in base al fatturato prodotto dalla rete da te generata

perche se stai cercando di supportare qualcosa con questo meccanismo vuol dire arrampicarsi sugli specchi.
Mi sembra che le due risposte soprastanti siano significative

se i tuoi sottoposti producono bene tu ti puoi permettere "ferie" più lunghe per un maggior introito di soldi?
Non esistono le ferie, sei un lavoratore autonomo non uno stipendiato.
Inoltre, se non creo una rete strutturata in orizzontale me la meno di guadagnare tanto.
Quindi: se io lavoro e creo fatturato in ORIZZONTALE (tante gambe) arrivo ai guadagni interessanti, altrimenti più di un tot (ai miei tempi il 21% era circa 1 milione al mese) non faccio. Parlo di rendita della rete non di rendita dalla vendita personale dei prodotti.
Se poi mi dici che non è giusto che una ditta riconosca un bonus in base al fatturato che creo (quelli dopo di me li ho trovati io, non si sono creati da soli), beh, allora qualsiasi rapporto lavorativo è da considerarsi sfruttamento.
Non parliamo poi delle promozioni che ti ricaricano il telefono quando qualcuno di ti chiama...

ma sopratutto colui che ha iniziato quel sistema lavorativo in quel settore quanti soldi prende?
Qui è evidente la tua ignoranza del sistema (ignoranza in senso letterale, non offensivo, vuol dire semplicemente che *ignori*, che non possiedi la conoscenza nello specifico di questo argomento)
La risposta è: chi ha iniziato questo sistema è quello che ha creato la ditta che fabbrica i prodotti. Ovvio che guadagna di più, sarebbe come chiedere se Agnelli guadagna di più di un operaio FIAT...

Glielo hai mai chiesto?
Credo che le dichiarazioni negli USA siano pubbliche. Cerca e troverai.

Se si qual'è stato il suo "imbarazzo"?
Non credo che Richard DeVos, Sr. o Jay Van Andel (i fondatori di Amway) si siano mai vergognati di raccontare ciò che hanno costruito...

ma sopratutto è rintracciabile o lavora alle Cayman?^^ (potrebbero anche essere più di uno al vertice anche 2 dozzine o più ma il discorso non cambia)
Direi che anche qui la risposta è conseguente a quella più sopra: non sai di cosa stai parlando e spari a vanvera nel mucchio.

Questo è molto umano: si pensa che la propria esperienza sia rispecchiabile in quella degli altri.
Peccato che non sia così: se una donna mi ha tradito e poi lasciato non vuol dire che tutte le donne sono troie


in definitiva il MM in alcuni campi funzione per il semplice fatto che vende qualcosa di degradabile nel tempo di cui le persone tendono ad avere bisogno nel tempo e quindi le commissioni da vendita sono sempre presenti.
Ecco qui sono perfettamente d'accordo. Un MM vincente è un MM basato su prodotti di *consumo*. Se lo basi su prodotti una tantum hai ben poca strada davanti a te... Ma non vedo cosa ci sia di negativo in tutto ciò.
Anche l'acqua Guizza (o la Ferrarelle se ti piace con le bolle) fonda la sua esistenza commerciale su questo concetto.

Ma vedi ...seppur il mondo sia pieno di persone disposte a rendersi schiave per un lavoro , sono moltissime quelle che non sono disposte in alcun modo a rendere schiave altre persone per lo stesso motivo.
Potrei dire che sono d'accordo. Ma:
Se uno ha una giusta retribuzione per il lavoro che fa non può essere ritenuto "schiavo".

Uno schiavo lavora gratis per un altro. Un lavoratore viene retribuito per il lavoro che fa.

Se poi mi vieni a dire che c'è la tendenza a "rompere le palle", "spingere a fatturare", ecc. ecc. potrei risponderti che ciò non dipende dal mezzo (MM) ma dall'essere umano e dalle sue tragiche componenti esistenziali.

E così sarà sempre, in qualsiasi ambito (lavorativo e non), fino al prossimo salto evolutivo (visione ottimista) o alla nostra estinzione (visione pessimista) o alla nostra schivitù sotto gli alieni (visione Icke )

Spero di essere stato esauriente

Aigor

La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci
(I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)
Red_Max
Inviato: 7/12/2012 23:13  Aggiornato: 7/12/2012 23:13
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/7/2012
Da: in volo
Inviati: 975
 Re: I cerchi degli alberi
Però, nella mia immensa ignoranza, resto dell'idea che a sparare nel mucchio del MLM si facciano parecchi centri.
Il fatto che ci siano aziende che lavorano diversamente non vuol dire che tutte siano così.
Resto dell'idea che l'eccezione non neghi la regola, alla faccia del solito relativismo.
Secondo me bisognerebbe capire in generale quando il commercio è equo e quando non lo è, nel senso che se l'utente finale paga 100 un qualcosa che costa 1 e il resto è speculazione, per me non è accettabile, la legge dello stato e quelle di mercato possono dire quello che vogliono.
In soldoni resto convinto che: schema Ponzi + fornitura di beni o servizi = MLM
Purtroppo non ho nessun dato a supporto di questa tesi, non ho nessun problema ad ammetterlo, chiaramente preferisco la distribuzione dal produttore al consumatore, magari puoi trovare lo stesso prodotto senza costi aggiuntivi.

L'anoressia è un "orientamento" alimentare?

Non ti piacciono i crauti? allora sei crautofobo...
E' un reato gravissimo...

Aspirare gli embrioni è indice di civiltà!!!

Io non sono un complottista...
mi interesso di leggende metropolitane...
mangog
Inviato: 7/12/2012 23:23  Aggiornato: 7/12/2012 23:23
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 5/1/2007
Da:
Inviati: 2857
 Re: I cerchi degli alberi
Calvero, sei inutilmente e fastidiosamente prolisso: una cazzata, anche quando scritta bene, rimane una cazzata.

Calvero
Inviato: 8/12/2012 1:03  Aggiornato: 8/12/2012 1:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: I cerchi degli alberi
Citazione:
Calvero, sei inutilmente e fastidiosamente prolisso: una cazzata, anche quando scritta bene, rimane una cazzata.


Mangog apprezzo la tua sincerità per la critica, d'altronde non te le ho mai risparmiate neanche io. Intellettualmente ogni giudizio è lecito. Non vederci astio se ti dico che un giudizio così severo da parte tua veramente non mi tange.

Per quanto riguarda invece la "firma" che hai messo, quella che è leggibile in ogni Post, la rimuovi e subito anche. E' vietato e specificatamente da Massimo Mazzucco che fece un intervento preciso a tal proposito. Quindi obbedisci

Per quanto riguarda invece l'offesa personale che mi hai mosso con "trovati un lavoro" ... dà la misura dello squallore che alberga in te.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Aigor
Inviato: 8/12/2012 14:03  Aggiornato: 8/12/2012 14:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/7/2011
Da: GE
Inviati: 211
 Re: I cerchi degli alberi
@ Mangog
Calvero è stato tutto fuorché prolisso o inutile.
Se hai qualcosa contro di lui hai scelto il modo e il momento sbagliato di esternarlo, anche se a lui non tange.
E poi una cazzata riferito a cosa? Alla sua esperienza con il MLM? Al suo discorso filosofico-esistenziale? Al fatto che si è fatto una canna e una gnocca?
Ma perché la miseria umana deve sempre palesarsi in modo così inequivocabile...?


@ Red_Max

Naturalmente tu hai tutti i diritti di avere le tue convinzioni, ci mancherebbe, ma quando parlo dell'irrazionalità dell'essere umano intendo proprio questo.
Ho sviscerato l'argomento in modo tale da dimostrare che lo schema Ponzi e il MLM sono due cose diverse.

Nonostante tutto, tu la risolvi con:
Ponzi + fornitura di beni e servizi = MLM.
Addirittura ammettendo di non avere dati a supporto della tesi... mah!

Capisco Massimo quando, dopo aver mostrato dati su dati, prove su prove, si vede pubblicare commenti del tipo: "si, si, ma io rimango convinto che...".

Ma non è colpa tua, Red, è proprio l'essere umano che è fatto così

Mi spiace solo che un sistema di commercio (il MLM) in sé geniale, non venga considerato per ciò che è, ma giudicato in base a chi lo applica.
Perché, alla fine della storia, tu accomuni azienda (colei che pratica MLM) e sistema (il MLM) e sono due cose ben distinte.

Peccato

Igor Biagini
contento citron?

PS: e ritengo doveroso precisarlo ancora una volta: io sono innamorato dell'idea, non delle ditte che la mettono in pratica, altrimenti sarei ancora associato ad Amway.

La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci
(I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)
Red_Max
Inviato: 8/12/2012 15:03  Aggiornato: 8/12/2012 15:03
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/7/2012
Da: in volo
Inviati: 975
 Re: I cerchi degli alberi
@ Aigor
Proviamo a riformulare in base agli elementi fin qui forniti:
schema Ponzi + apposite limitazioni + fornitura beni e servizi = MLM
E proprio conoscendo la cosiddetta natura umana sparo allegramente alla cieca contro un'intera categoria, quanti centri faccio???
Proprio nessuno? tutti onesti lavoratori???
Da parte mia ammetto che ce l'ho un po' con i commerciali, le tecniche di vendita proprio non mi vanno giù...
Ripeto, al di là di tutto questo, si impone una riflessione su cosa sia il commercio e cosa la speculazione, e quale sia il confine...
questo sarebbe importante, purtroppo per la natura umana il giusto o sbagliato dipende da cosa conviene e a chi...
ma in fondo visto che VA TUTTO BENE perchè porsi questi problemi?

L'anoressia è un "orientamento" alimentare?

Non ti piacciono i crauti? allora sei crautofobo...
E' un reato gravissimo...

Aspirare gli embrioni è indice di civiltà!!!

Io non sono un complottista...
mi interesso di leggende metropolitane...
Aigor
Inviato: 8/12/2012 15:48  Aggiornato: 8/12/2012 16:42
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/7/2011
Da: GE
Inviati: 211
 Re: I cerchi degli alberi
Premesso che non è vero che va tutto bene, in fondo sono d'accordo con te.

Perché sono un commerciale pentito... e conosco il brutto e il bello di tutto ciò.

Sai, io scindo il mezzo (MLM, ma potrebbe essere qualsiasi altro) da chi lo utilizza (la gente).
E' per quello che insisto... anche perché, come tutti i sognatori, e un po' lo sono, vorrei vedere un sistema di commercio come questo applicato nel modo giusto.
Perché possa essere sfruttato al 100%, senza che nessuno possa utlizzarlo per sfruttare gli altri.
Perché sono davvero convinto sia un concetto straordinario: premiare in modo equo chi crea mercato (mercato reale non virtuale).

E sono d'accordo sul fatto che si imporrebbe una riflessione su cosa sia il commercio, la speculazione e il confine fra le due cose...

L'informatica potrebbe rendere questo possibile: sapere chi, grazie alla tua pubblicità ha creato dal nulla un cliente ed essere premiato, per il resto della tua vita, in base a quello che hai contribuito a creare.
Ma in mano ad un essere umano questo porta, purtroppo, all'ingordigia, alla coercizione...
In questo sono d'accordo con te.

Saluti.

Aigor

La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci
(I. Asimov - Il crollo della galassia centrale)
DaemonZC
Inviato: 15/12/2012 2:14  Aggiornato: 15/12/2012 2:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/5/2012
Da:
Inviati: 428
 Re: I cerchi degli alberi
@Calvero:
Nell'articolo sei stato troppo buono con i tipi del multilevel.
Leggendo questo articolo uno magari è portato a pensare che entrando ci sono discrete possibilità di guadagno, cosa assolutamente poco vicina alla realtà.
Io ho avuto esperienza con una azienda con quel funzionamento, e ho anche guardato più da vicino la situazione, arrivando a conoscere il destino dei soldi di molti degli "investitori" che conoscevo (già perchè per entrare in questi "lavori" si pagano cifre che vanno dai 500 euro in su). Delle persone entrate il 70% ha una perdita totale, il 20 va in pareggio, e il 10 risicato guadagna qualcosina (solo l'1% riesce a cavarci qualcosa di serio), poi le offerte possono anche essere concorrenziali, ma non sono certo una cosa introvabile, un consumatore sveglio ci mette davvero poco a trovare offerte simili.

In sostanza se si guadagna lo si fa sulla pelle e i soldi degli altri, non certo in maniera onesta. (anche i soldini della tua amica quindi, in fondo, provengono molto poco dalla vendita di quei prodotti, ma mooooooolto dai soldi dei poveretti che magari passavano un brutto periodo della loro vita, e sono caduti nella trappola)

lanzo
Inviato: 18/12/2012 19:33  Aggiornato: 18/12/2012 19:33
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/10/2005
Da:
Inviati: 518
 Re: I cerchi degli alberi
Ti dovevi scegliere come genitori gente come la Fornero, Monti o alla peggio (o al meglio) esserre orfano di qualche sbirro infame morto ammazzato e ti avrebbero offerto la direzione di qualche giornale (ma perche' ? sapevano forde in famoglia cosette npn piacevoli per il potere ?) o di qualche vittiima del terrorismo (vedi Tobagi - figlia) La casta non e' limitata alla politica, oppure la moglie del grande patriota che ha salvato l'inviata del manifesto in Irak, anch'essa - sia pure molto traballante con l'italiano ma con lacrimuccia e' entrata a pieni voti nell'albo giornalisti.

P.K.89
Inviato: 14/8/2013 12:59  Aggiornato: 14/8/2013 12:59
Mi sento vacillare
Iscritto: 3/7/2013
Da:
Inviati: 601
 Re: I cerchi degli alberi
Dopo aver letto i commenti e le "note" dell'autore non sono ancora riuscito a cogliere cosa questo editoriale voglia trasmettere?

Non ho capito se voglia attaccare il MM, se spiegare come si possano concludere viaggi di "lavoro" con amiche, bho non ho ancora capito.

Ah anche io ti faccio i miei auguri per un lavoro.

Calvero
Inviato: 14/8/2013 14:32  Aggiornato: 14/8/2013 14:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: I cerchi degli alberi
Citazione:
Dopo aver letto i commenti e le "note" dell'autore non sono ancora riuscito a cogliere cosa questo editoriale voglia trasmettere?


Guarda che può essere che abbia scritto un non senso

Citazione:
Non ho capito se voglia attaccare il MM, se spiegare come si possano concludere viaggi di "lavoro" con amiche, bho non ho ancora capito.


Sono commenti in libertà, P.K.89 (figo il nick, me piace). Non c'è alcuna volontà che voglia istruire o spiegare qualcosa, fosse anche per gioco. Non è un articolo a tema.

Le esperienze, tutte le esperienze, hanno una risonanza in qualche modo. Se non ne hai trovate o percepisci disorientante la cosa, non è colpa di nessuno, potrei essere io disorientato o non ci sono risonanze in Te

Comunque certo in maniera indiretta, all'interno dell'episodio, si può ravvisare una denuncia, la chiamiamo sociale? non so, può starci. Ma non era una mia mira. Indubbio è uno spaccato patetico di come si possa irretire morbosamente la buona fede della gente, ma anche la vanità stessa della gente è generatrice di queste ipocrisie vestite di emancipazione. C'è da ragionarci. Già questo è un senso di quanto si è detto ... messo infatti tra "OPINIONI" da Mazzucco ... poi a seguire, più o meno filosofico che sia, si aggiunge il nostro percepire.

Non v'era nulla che si dovesse concludere con amiche (con o senza le virgolette) .. è quello che è stato senza vi fossero pianificazioni. Senza che volessi darne un tipo di lezione.

Probabilmente, credo, e posso sbagliarmi, per gli scritti, siamo abituati male come abituano i film più mediocri che sono la maggioranza; cioè dover individuare uno schema nelle esternazioni, qualcosa che possa gratificare secondo precisi stadi la nostra comprensione ...

.. quello che dico (che poi è la "mia" indole) è che non c'è sempre qualcosa da comprendere, né ci si deve sempre incasellare secondo le aspettative del mondo che ci circonda.

Grazie per gli auguri

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
giu42su
Inviato: 23/8/2013 20:39  Aggiornato: 23/8/2013 20:39
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/12/2006
Da:
Inviati: 50
 Re: I cerchi degli alberi
La mia vita di disoccupato è ahimè molto disersa: niente erba (oltre al tarassaco dell'orto), niente sesso (nonostante sia sposato) e, se devo fare quaranta chilometri in auto ci penso dieci volte a causa dell'assicurazione scaduta (per non parlare della paranoia di sprecare 20 euro per la benzina).
E ogni giorno che passa la corteccia protettrice (la speranza e l'ottimismo) si riduce sempre più.

ps
un albero a cui puoi contare i cerchi di crescita è un albero morto


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA