Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


Medicina : "La scienza del panico" (documentario)
Inviato da Redazione il 20/2/2012 7:20:00 (14957 letture)

Era da tempo che cercavo l’opportunità per rispondere in modo adeguato ad un servizio di Piero Angela sull’AIDS, che risale al 2009. Oggi è arrivata, nella forma di un documentario sullo stesso argomento realizzato da Isabel Otaduy e Patrizia Monzani. Consigliamo vivamente di vedere il servizio di Superquark, di soli 5 minuti, prima di passare al documentario. Il giorno e la notte. (M.M.)

La scienza del panico - di Isabel Otaduy e Patrizia Monzani



Isabel Otaduy - Diagnosticata come sieropositiva nel 1990, è venuta a conoscenza delle contraddizioni scientifiche che stanno dietro all’AIDS, ed ha dedicato gli ultimi anni della sua vita a denunciare la frode globale che ruota intorno a questa malattia. Nel 2004 ha completamente abbandonato le cure medicinali …

…che la stavano avvelenando, ha ripreso energia e vitalità, e si è lanciata in una serie di iniziative a favore dei malati di AIDS. Nel 2006 ha conosciuto Patrizia Monzani, ed insieme hanno deciso di fare questo documentario. Purtroppo i quasi 15 anni di assunzione di medicinali le hanno lasciato in eredità della complicazioni neurologiche che alla fine l’hanno sconfitta. Isabel è morta a Madrid nell’estate del 2009. Patrizia ha completato da sola il lavoro, che ha presentato nell’autunno dello stesso anno.

Patrizia Monzani , nata in Italia nel 1976, è regista e montatrice. Ha studiato cinema a Bologna e Parigi. E’ specializzata in documentari e film d’animazione.

Sito ufficiale: La ciencia del panico.

Il sito di Patrizia Monzani.

(Grazie a L.M. per la segnalazione)

*************************************************

VEDI ANCHE: La grande bufala svelata

Vai alla scheda "L'incredibile AIDS"

Scarica il documentario (in inglese): "Aids made in America"

Segnaliamo su arcoiris.tv il filmato: "L'origine del Male - Storia di una controversa teoria sull'origine dell'AIDS"

Voto: 7.00 (11 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
edo
Inviato: 20/2/2012 9:31  Aggiornato: 20/2/2012 9:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Se qualcuno non conoscesse ancora questa discussione di tesi di laurea in medicina, la riposto.
parte uan
parte ciu

SilvioDell
Inviato: 20/2/2012 9:58  Aggiornato: 20/2/2012 9:58
So tutto
Iscritto: 31/12/2010
Da:
Inviati: 20
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Ottimo lavoro!
Grazie a te, a L.M. agli autori e agli interpreti.
Comincio subito a diffonderlo...
www.silviodellaccio.it

LoneWolf58
Inviato: 20/2/2012 10:22  Aggiornato: 20/2/2012 10:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Quark... la disinformazione "scientifica"...

p.s. condiviso...

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
peonia
Inviato: 20/2/2012 10:47  Aggiornato: 20/2/2012 12:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
come si può non odiarli? io non amo coltivare questo sentimento, ma ogni volta che penso al dolore che le loro menzogne hanno causato e causano nel mondo, al di là della morte, un grido di rabbia e di dolore sale prepotentemente a chiedere vendetta: vederli sputtanati pubblicamente e resi innocui per sempre!
Grazie per questo articolo, che vado subito a condividere.

Una nota: alcuni sottotitoli si perdono perchè vanno a finire sotto.....si può rimediare?

edit: era un mio problema di puntamento del mouse....

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Dar56
Inviato: 20/2/2012 10:53  Aggiornato: 20/2/2012 10:53
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/6/2009
Da:
Inviati: 123
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Il servizio di Super Quark chiude con queste parole:

"Il virus HIV non fa più paura ed è diventato per questo ancora più insidioso. Forse è arrivato il momento di dedicargli un altro film."

Ecco, tutto il servizio poteva racchiudersi in questa frase di pochi secondi perché il messaggio che vuole veicolare si riduce semplicemente a questo.

CHE SCHIFO!!!!!

Appena ho un po' più di tempo (è "leggermente" più lunghino), mi guardo anche il documentario. Grazie
Ciao!

If it's got atoms it isn't real.
Infettato
Inviato: 20/2/2012 11:42  Aggiornato: 20/2/2012 11:42
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Bazzico lc ormai da un po di tempo, alcuni argomenti mi interessano particolarmente e li seguo, dell'AIDS non mi frega più di tanto e quindi non ho mai letto o visto nulla, ma oggi ho visto il documentario (quello di Piero A non ci penso prorpio) devo dire scioccante. Entrando nel merito per me non è solo un discorso di soldi, molti potranno guadagnarci economicamente applicando il genocidio verso individui "predisposti", ma almeno per qualcuno degli implicati ad alto livello probabilmente c'è qualcosa di più.

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard
cheddyved
Inviato: 20/2/2012 12:12  Aggiornato: 20/2/2012 12:12
Ho qualche dubbio
Iscritto: 16/2/2007
Da:
Inviati: 109
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Avendo letto il libro di Duesberg "Aids il virus inventato" qualche anno fa rimasi sconvolto..la prefazione di Kary Mullis e ciò che rivelava Duesbrg sono poi stati poi ampliati ed approfonditi da altri documentari compreso questo; lo straniamento che provoca nelle persone lo scoprire la verità su argomenti che toccano la loro quotidianità( cancro,aids,vaccini) è superiore anche alla confutazione della VU sull'11/9 proprio per la paura indotta ed instillata dall'enorme e pervasivo potere del mainstream: essere toccati in prima persona da malattie o pandemie create ad arte paralizza la razionalità e induce la massa ad abbagli clamorosi e comportamenti pavloviani..e questo è disarmante aldilà di ogni posizione e considerazione

DjGiostra
Inviato: 20/2/2012 13:01  Aggiornato: 20/2/2012 13:01
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Dire che sono sdegnato e' dire poco !!
Il minimo che posso fare e' condividere..
A mio parere si dovrebbe smettere di prendere le medicine e smettere
di dare soldi a questi "nazisti" della maedicina !!!
Disgustosi !!!

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
Decalagon
Inviato: 20/2/2012 13:56  Aggiornato: 20/2/2012 13:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Si potrebbe anche aggiungere che il test HIV è talmente poco attendibile che basta un semplice raffreddore per positivizzarlo.

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
peppe75
Inviato: 20/2/2012 14:53  Aggiornato: 20/2/2012 14:53
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/10/2006
Da: London
Inviati: 399
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
ho fatto il test 1 settimana fa. Me la sono fatta addosso dalla paura.

Rickard
Inviato: 20/2/2012 15:09  Aggiornato: 20/2/2012 15:52
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Ben fatto il documentario.

In fondo l'intera vicenda dell'AIDS, della sua nascita al suo sviluppo fino al tristo epilogo, non fa che rimarcare quello che è un dato di fatto: l'ente che definiamo realtà è una nostra creazione mentale.

L'AIDS non esiste, eppure noi l'abbiamo fatta esistere credendo alla sua esistenza.

Non vi è nessuna prova sull'effettiva esistenza del virus HIV (come anche i cosiddetti "retrovirus"), ma noi ne abbiamo avuto una paura fottuta per anni credendo alla sua esistenza.

Ancora più indietro, abbiamo inseguito il mito dei "batteri" e dei "bacilli" come causa di tutte le malattie possibili e immaginabili, e così abbiamo avuto terrore di germi e batteri, ignorando la moltitudine di malattie (scorbuto e pellagra, tanto per citare le prime due che mi vengono in mente) che non sono causate dai fantomatici "batteri".

A proposito dei "batteri" consiglio a chiunque non l'avesse già fatto di leggersi il resoconto sull'ultima resistenza di Max Von Pettenkofer, uno degli ultimi veri medici esistiti (quelli di ora trovano più somiglianza nei piazzisti).

Oggi la leggenda urbana dell'AIDS, dopo la "sbornia" degli anni '80 e dei primi anni '90, non è più "vendibile" al pubblico, bisognoso di storie sempre uguali eppure sempre diverse, così ci si è rivolti a un altro ente in buona parte immaginifico: il cancro.

"Cancro" è una parola che suscita terrore, infinite sofferenze, calvari interminabili e spesso una morte che non si augurerebbe al peggior nemico.

Eppure anche qui, un qualcosa di semisconosciuto e relegato a pochissimi casi fino a 60-70 anni fa, adesso è un'emergenza mondiale e si parla disinvoltamente di epidemie di cancro nonostante nemmeno la medicina ufficiale lo consideri causato dai tanto amati "batteri" o "virus". In realtà la medicina ufficiale non ha la benché minima idea di cosa sia o di come funzioni questo fenomeno, né ha alcun interesse a compensare la lacuna. Non è il suo scopo. Il suo scopo è diffondere paura, vendere le sue pozioni magiche degne di Wanna Marchi e mantenere la popolazione nella sempiterna ansia di una spada di Damocle sottoforma di pandemia mondiale.

A proposito del cancro che-tutu-accide-e-tuto-anienta

L'Aviaria, la Suina, l'Influenza A e l'H1N1 sono stati dei discreti successi di botteghino, ma si sono troppo presto spenti, come capita a un pò tutti i blockbuster made in USA dove la qualità è spesso sacrificata. E adesso, persino un grande classico come l'AIDS è ormai vetusto, e i suoi raffazzonati effetti speciali (un pò come gli alieni di pezza dei film anni '50) non convincono più il pubblico che, ingrato, non applica la sospensione dell'incredulità necessaria per poter fruire di queste opere.

Com'è lesto il pubblico a deridere e dimenticare un classico che ha fatto palpitare i cuori di tutti noi, per rivolgersi a una nuova produzione inferiore per qualità e recitazione, salvo essere più "nuova" e "di moda".

In questo senso, da appassionato di Cinema qual sono (bhe, almeno ci provo), non posso che unirmi anch'io al disperato e sentito appello di Superquark. Non dimentichiamo un così grande classico. Rinnoviamolo. Valorizziamolo. Ma non lasciamo che una simile pietra miliare della cinematografizzazione della realtà cada nel dimenticatoio come una scialba produzione minore. Salviamo questo mito.

Facciamolo, questo nuovo film.


La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
gelu
Inviato: 20/2/2012 15:23  Aggiornato: 20/2/2012 15:23
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/10/2008
Da:
Inviati: 191
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Rimane la frase finale del doc: ci possiamo informare, ormai, con un po' di coraggio e con un po' di rabbia. Se io non avessi scoperto Valdo Vaccaro, sarei ancora qui ad avvelenarmi con carne e latte e a farmi ancora le iniezioni di insulina rapida!

PathFinder
Inviato: 20/2/2012 16:05  Aggiornato: 20/2/2012 16:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/2/2005
Da: Napoli
Inviati: 248
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Aldilà del fatto che il virus HIV a quanto pare non provoca l'AIDS quello che mi chiedo ma sto benedetto virus è stato isolato? Il suo genoma è stato sequenziato?

Giorni fa su un gruppo FB di debunker mi hanno passato tra gli altri anche link come questo:

http://www.hiv.lanl.gov/content/sequence/HIV/mainpage.html

che dovrebbe dimostrare a dir loro l'effettivo isolamento e sequenziamento di sto benedetto retrovirus.
Ci ho capito poco. Ho visto che da più parti del mondo negli anni sono stati sequenziati dei virus e che dovrebbero essere quelli HIV.

C'è qualcuno qui che sa darmi spiegazioni più chiare?

Non è la via che è difficile, è il difficile che è la via.
fefochip
Inviato: 20/2/2012 16:30  Aggiornato: 20/2/2012 16:30
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Citazione:
C'è qualcuno qui che sa darmi spiegazioni più chiare?


la supercazzola prematura con lo scappellamento a destra per due con antani e i fuochi fatui del biologo molecolare de sto grande farmico mandelloso.


prendi il coraggio a due mani e manda affanculo FB e debunker .

ma non ti rendi conto che sono solo supercazzole quelle dei biologi molecolari?

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
nique
Inviato: 20/2/2012 17:23  Aggiornato: 20/2/2012 17:23
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/7/2005
Da: Milano
Inviati: 111
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Mi associo anche io alla richiesta di Pathfinder

qualcuno sa se il virus HIV è stato isolato? avete un link ad uno studio scientifico?

Grazie molte

Chi sa di essere profondo, si sforza di esser chiaro. Chi vuole apparire profondo alla folla, si sforza di esser oscuro. Infatti la folla ritiene profondo tutto quel di cui non riesce a vedere il fondo: è tanto timorosa e scende tanto mal volentieri ne...
PathFinder
Inviato: 20/2/2012 17:39  Aggiornato: 20/2/2012 17:39
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/2/2005
Da: Napoli
Inviati: 248
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
fefochip

Non mi trattare come l'ultimo arrivato nel mondo delle cazzate.

Io ho fatto una precisa richiesta.

Se hai qualche link da dare bene.

Altrimenti buttiamola in caciara. Basta dirlo.

Non è la via che è difficile, è il difficile che è la via.
piggaz
Inviato: 20/2/2012 17:56  Aggiornato: 20/2/2012 17:56
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/3/2009
Da:
Inviati: 167
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
"la scienza del panico" e' un documentario recente, dovrebbe essere ben informato sul virus e, fra altre informazioni, dice che:
il (retro)virus che "dovrebbe" causare l'aids e' stato trovato solo in pezzi, cioe' il sistema immunitario lo distrugge
il solo sapere di avere l'hiv abbassa le difese immunitarie
le analisi per sapere se si ha l'hiv non sono affidabili
si punta a correlare aids e hiv anche per motivi economici dato che i centri di ricerca avevano ed hanno investito molto sulla ricerca dei virus

infine non nega l'esistenza del crollo delle difese immunitarie ma afferma che le cause non siano ancora chiarite

il programma di piero angela presenta (come al solito) solo certezze e si rammarica che la paura stia diminuendo... esattamente il contrario di cio' che propone il documentario "la scienza del panico"!

Rickard
Inviato: 20/2/2012 18:00  Aggiornato: 20/2/2012 18:03
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
nique & PathFinder
Citazione:
Mi associo anche io alla richiesta di Pathfinder

qualcuno sa se il virus HIV è stato isolato? avete un link ad uno studio scientifico?

No, non è mai stato né isolato né fotografato.

Tutte le immagini che puoi trovare sul mitologico HIV sono in realtà astrazioni grafiche atte a rappresentare un qualcosa che nessuno ha mai visto. Un pò come per Dio, bisogna aver fede e non pretendere troppo.

Riguardo ai link consiglio la scheda su AIDS/HIV di Luogocomune (linkata a fondo dell'articolo), poi sulla rete si trovano molte informazioni dettagliate.

Qui per chi ha voglia di leggere.

Qui per chi apprezza la sintesi (ma non per questo di meno valore).

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
PathFinder
Inviato: 20/2/2012 18:18  Aggiornato: 20/2/2012 18:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/2/2005
Da: Napoli
Inviati: 248
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Rickard

Conoscevo già il sito del gruppo di Perth. E del premio non ancora assegnato per chi scopre per primo il virus.

Ma il gruppo di Perth fa riferimento a studi degli anni 80-90. Quelli di Gallo, Montagner, Levy.

Roba più nuova non c'è?

Non è la via che è difficile, è il difficile che è la via.
nique
Inviato: 20/2/2012 18:20  Aggiornato: 20/2/2012 18:20
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/7/2005
Da: Milano
Inviati: 111
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
@Rickard

Grazie per la risposta

Ritengo che la questione dell'isolamento del virus sia di primaria importanza, in alcuni siti debunker leggevo che negli ultimi anni si sarebbe isolato il virus dell'HIV, ma chiaramente vorrei leggere una pubblicazione scientifica peer review che confermi la cosa.

Per me il tutto si potrebbe fermare qui ovvero se non è nemmeno mai stato isolato questo fantomatico virus tutta la lotta all'aids è quantomerno allucinante.

Chi sa di essere profondo, si sforza di esser chiaro. Chi vuole apparire profondo alla folla, si sforza di esser oscuro. Infatti la folla ritiene profondo tutto quel di cui non riesce a vedere il fondo: è tanto timorosa e scende tanto mal volentieri ne...
Rickard
Inviato: 20/2/2012 18:36  Aggiornato: 20/2/2012 18:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
PathFinder
Citazione:
Ma il gruppo di Perth fa riferimento a studi degli anni 80-90. Quelli di Gallo, Montagner, Levy.

Roba più nuova non c'è?

Bhe, se ti riferisci a studi medici credo proprio di no. O meglio, credo proprio che nessuno studio medico abbia aggiunto qualcosa né possa, anche volendo, aggiungere una qualsiasi cosa.

Una volta dimostrato che si tratta di una truffa, sarebbe piuttosto ridondante e fine a se stesso dimostrarlo di nuovo, non credi?

E la "versione ufficiale" su HIV/AIDS è sempre ferma a Gallo, salvo qualche occasionale correzione per adattare la reatà alla teoria (il tempo di "incubazione" che da 18 mesi passa a 20 e più anni, per dirne una).

E poi non c'è roba nuova perché questo film non appassiona più, è visto come vecchio e stantio e solo un nostalgico come Piero Angela (che anche lui ha la sua età) prega per un remake/reboot di questa saga del passato. Nessuno guarda più questi film, anche se la qualità era senza dubbio maggiore dei kolossal sul cancro che distribuiscono adesso.

Citazione:
@Rickard

Grazie per la risposta

Ritengo che la questione dell'isolamento del virus sia di primaria importanza, in alcuni siti debunker leggevo che negli ultimi anni si sarebbe isolato il virus dell'HIV, ma chiaramente vorrei leggere una pubblicazione scientifica peer review che confermi la cosa.

Per me il tutto si potrebbe fermare qui ovvero se non è nemmeno mai stato isolato questo fantomatico virus tutta la lotta all'aids è quantomerno allucinante.

Di nulla, ma mi sa che si sta parlando di argomenti buoni solo per i "nostalgici", come ho detto già a PathFinder.

Non è la gente oggi sia più consapevole su HIV/AIDS di quanto non lo fosse ieri, è che oggi quasi a nessuno frega qualcosa di questi argomenti. Non assolvono più alla loro funzione di incutere paura e timore. Ormai si vede benissimo che il "mostro" è di cartapesta e la suspension of disbelief non è più sufficiente a farci strillare dal terrore.

Comunque dici bene quando scrivi che Per me il tutto si potrebbe fermare qui ovvero se non è nemmeno mai stato isolato questo fantomatico virus tutta la lotta all'aids è quantomerno allucinante.

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
piggaz
Inviato: 20/2/2012 18:38  Aggiornato: 20/2/2012 18:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/3/2009
Da:
Inviati: 167
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Dal sito del Perth Group:

The view of The Perth Group is that the HIV/AIDS experts have not proven:
1. The existence of a unique, exogenously acquired retrovirus, HIV.
2. The "HIV" antibody tests are specific for "HIV" infection.
3. The HIV theory of AIDS, that is, that HIV causes acquired immune deficiency (destruction of T4 lymphocytes=AID) or that AID leads to the development of the clinical syndrome AIDS.
4. The "HIV genome", (RNA or DNA) originates in a unique, exogenously acquired infectious retroviral particle.
5. HIV/AIDS is infectious, either by blood, blood products or sexual intercourse.
6. Mother to child transmission of a retrovirus HIV or its inhibition with AZT or nevirapine.


The Perth Group has argued:
1. The impossibility of haemophiliacs acquiring HIV following factor VIII infusions.
2. That AIDS and all the phenomena inferred as "HIV" are induced by changes in cellular redox brought about by the oxidative nature of substances and exposures common to all the AIDS risk groups and to the cells used in the "culture" and "isolation" of "HIV".
3. That AIDS will not spread outside the original risk groups.
4. That the cessation of exposure to oxidants and/or use of anti-oxidants will improve the outcome of AIDS patients.
5. That the pharmacological data prove AZT cannot kill "HIV" and AZT is toxic to all cells and may cause some cases of AIDS.

piggaz
Inviato: 20/2/2012 18:49  Aggiornato: 20/2/2012 18:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/3/2009
Da:
Inviati: 167
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
The Perth Group dichiara, sempre in inglese, di posizionarsi a meta' fra molti "esperti" ricercatori sull'hiv/aids e il Rethinking aids group, che invece e' molto piu' critico.
interessante, ma in inglese!

PathFinder
Inviato: 20/2/2012 18:56  Aggiornato: 20/2/2012 18:56
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/2/2005
Da: Napoli
Inviati: 248
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Rickard

Ok. Ma nel link che ho postato c'è anche roba come questa:

http://www.hiv.lanl.gov/content/sequence/HIV/COMPENDIUM/2011/sequence2011.pdf

Che poi i virus che hanno queste sequenze non c'entrino nulla con l'AIDS è un altro discorso.
Il punto è che spesso i debunker portano prove come queste per screditare l'intero discorso.

Non è la via che è difficile, è il difficile che è la via.
nique
Inviato: 20/2/2012 19:06  Aggiornato: 20/2/2012 19:06
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/7/2005
Da: Milano
Inviati: 111
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Pathfinder

anche io ho letto il link che hai postato e mi chiedevo appunto se si potesse ritenere che ci fosse stata la mappatura del'HIV dopo che lo stesso è stato isolato

Rickard, tu ne sai nulla?

Chi sa di essere profondo, si sforza di esser chiaro. Chi vuole apparire profondo alla folla, si sforza di esser oscuro. Infatti la folla ritiene profondo tutto quel di cui non riesce a vedere il fondo: è tanto timorosa e scende tanto mal volentieri ne...
marcowhite
Inviato: 20/2/2012 19:59  Aggiornato: 20/2/2012 20:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/5/2008
Da:
Inviati: 166
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
scusate la domanda banale... ma sono serio:


chi muore della malattia "inventata" dell'AIDS..in realtà perchè muore?

levitor
Inviato: 20/2/2012 20:04  Aggiornato: 20/2/2012 20:04
Ho qualche dubbio
Iscritto: 19/12/2011
Da:
Inviati: 290
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
L'Aids non è determinata dall'HIV ma dal pleiomorfismo batterico, che prende il sopravvento su un sistema immunitario non tarato al cambiamento.

stecos
Inviato: 20/2/2012 20:22  Aggiornato: 20/2/2012 20:22
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/10/2009
Da: Madrid
Inviati: 111
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Un bel documentario.
Quando ho scoperto l'enorme inganno del business dell' AIDS avevo 26 anni, quasi 11 anni fa, per giunta mi stavo laureando e potevo utilizzare la password del mio docente per accedere alle ricerche sull' AIDS, mi aveva letteralmente sconovolto.
Per due anni non potevo parlare d'altro... qui son sicuro che mi capirete quasi tutti.

Ha sido un momento di svolta nella mia vita e nella visione del mondo.
Il furto del ceppo del virus e la disputa tra l'istituto Concorde di Parigi e quel verme di Bob Gallo (risolto poi con un accordo intergovernativo USA - Francia...) la negazioni delle veritá piú ovvie, come per esempio che l'indice di mortalitá per AIDS delle prostitute é uguale a quella dei contabili (!!!) la dichiarazione di morte per AIDS nell' Africa Subsahariana senza nessun test, la nullitá della teoria HIV = AIDS erano cose ancora impensabili per me, poi Luogocomune e Mauro Biglino mi hanno dato il colpo di grazia

E vabbé, W Dusberg!

Io quest' anno ho deciso que ho bisogno di un cambio, mi do alla coltivazione dello zafferano, da qualcosa si deve pur ri-cominciare

La differenza tra avere un' idea e ideare é che il primo sta fantasticando e il secondo sta creando
hrabal
Inviato: 20/2/2012 20:34  Aggiornato: 20/2/2012 20:34
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/5/2011
Da: dublino
Inviati: 176
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
@marcowhite

Citazione:
scusate la domanda banale... ma sono serio: chi muore della malattia "inventata" dell'AIDS..in realtà perchè muore?


Guarda nel documentario e' spiegato bene, l'aids (la sindrome da immunodeficenza acquisita) esiste, ma non e' causato dal virus HIV, le cause sono molteplici, assunzione droghe, malnutrizione, stress etc, cause ambientali e o legate alle abitudini individuali. Quello che non esiste e' la relazione tra virus e malattia, questa e' la grande bugia

E il grande crimine che ne consegue e' che l'azt prima e il cocktalil di nuova formula poi, hanno ucciso e uccidono piu' della malattia stessa.
Una cura che e' un arma chimica di genocidio di massa (e scusate la tautologia).

Mullis, il citato premio nobel della chimica, racconta nella sua biografia (che vale la pena di leggere) di quando fu invitato ad una conferenza per parlare di AIDS, per un compenso di $ 1000.
Aveva appena vinto il nobel ed era una sorta di star.
Accetto', non ne sapeva molto ma si mise a studiare per preparare il suo intervento, ovviamente sulle pubblicazioni scientifiche, non su topolino, e con sua grande sorpresa non trovo' una sola ricerca scientifica che provasse la relazione tra HIV e AIDS.
Preparo' la sua relazione sulla base dei suoi studi, e la invio' al comitato organizzatore... dopo pochi giorni ricevette la risposta:
Lo invitavano cortesemente a non partecipare piu' alla conferenza allegando un assegno di $ 6000 per il disturbo.

Questo e' un genocidio ragazzi, e mi chiedo e vi chiedo, perche' stiamo tutti cosi' immobili di fronte a crimini cosi enormi...

ne sapevo abbastanza sul tema, ma il documentario lo trovo eccezionale... per ricchezza e misura.

stecos
Inviato: 20/2/2012 20:42  Aggiornato: 20/2/2012 20:44
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/10/2009
Da: Madrid
Inviati: 111
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Citazione: chi muore della malattia "inventata" dell'AIDS..in realtà perchè muore?

L' AIDS é in definitiva il crollo del sistema immunitario e per ragioni totalmente plausibili e se vogliamo banali:

1 Stato di intossicazione costante (Droghe, Alcool, Pesticidi...)

2 Denutrizione

3 Infezioni costanti ( bere acqua insalubre, vivere a contatto con escrementi, etc)


In questo quadro avere o no l' HIV in corpo e del tutto ininfluente. Una delle cose piú difficili da credere (dopo la campagna mediatica ricevuta) é che L' HIV é un virus, un retro-virus per essere esatti, totalmente inoffensivo.

Duesberg si era offerto pubblicamente per farsi iniettare sangue infetto e per dimostrare cosí al mondo che un individuo sano elimina l' HIV dal suo corpo cosí come elimina un' infezione nelle tonsille! La risposta era stata Iniettatelo tu!
La controrisposta di Dusberg fu: no iniettamelo tu, perché se me lo inietto io tu dirai que mi sono iniettato un virus debole o manomesso. Sceglila tu la colonia di virus piú aggressiva e sana che hai e mettimela in vena! Ovviamente é ancora lì che aspetta.

L'ultima volta che mi sono documentato sull'AIDS é stato nel 2003. In quella data non si poteva annoverare nemmeno un caso di morte di AIDS per contagio eterosessuale tra 2 individui precedentemente sani.

Ci sarebbe molto da dire, se vuoi aproffondire cerca pubblicazioni di Dusberg, Root Burnstain (non ricordo bene come si scrive) e se sei totalmente un "appena arrivato" cerca Sex Virus di Luca Rossi, é il libro di un giornalista, scritto in una chiave molto utile per chi si avvicina all'argomento

La differenza tra avere un' idea e ideare é che il primo sta fantasticando e il secondo sta creando
stecos
Inviato: 20/2/2012 20:51  Aggiornato: 20/2/2012 20:51
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/10/2009
Da: Madrid
Inviati: 111
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Citazione: Questo e' un genocidio ragazzi, e mi chiedo e vi chiedo, perche' stiamo tutti cosi' immobili di fronte a crimini cosi enormi...

Questa é una frase ricorrente nel sito di LC. La risposta che mi do io é che l'hanno saputo fare molto bene, é da millenni che ci fanno credere che qualcuno dovrá decidere per noi e ci hanno convinto fin nel midollo. Chi dubita poi sbatte sull'incredulitá di chi lo circonda.

Mi viene in mente una canzone di Capossela ... rannicchiati nell'imbuto non si scende dentro al buco

La differenza tra avere un' idea e ideare é che il primo sta fantasticando e il secondo sta creando
fefochip
Inviato: 20/2/2012 20:52  Aggiornato: 20/2/2012 20:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
@ PathFinder

Citazione:
Non mi trattare come l'ultimo arrivato nel mondo delle cazzate.


mi spiace che la prendi cosi sul personale a mio avviso non ce ne è motivo.

ho espresso solo un mio parere dovuto anche all'esperienza che mi sono fatto leggendo e rileggendo sul tema cancro.

te lo ripeto in maniera piu "pulita" (forse cosi non ti offendi).

i biologi molecolari fanno solo cortina fumogena ,non hanno mai visto un paziente , parlano una lingua comprensibile solo da loro per celare (a mio avviso) la completa ignoranza dell'argomento che trattano.

piu hai chiara un idea e piu è consolidata piu la spieghi in maniera semplice ,piu la fai complicata e piu non hai capito nulla ....è inversamente proporzionale.

l'unico "argomento" è l'autorità a cui si appellano attraverso i loro titoli e linguaggi da supercazzola (ho lasciato solo questo termine cosi si capisce meglio quello che volevo dire)

saluti

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
nique
Inviato: 20/2/2012 21:07  Aggiornato: 20/2/2012 21:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/7/2005
Da: Milano
Inviati: 111
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Una delle varie follie della guerra all'AIDS è stata ad esempio l'AZT, nato come veleno per topi e scartato come chemioterapico in quanto troppo tossico è stato usato come unica terapia per diversi anni ed ha causato la morte di migliaia di persone...

se senti parlare un debunker la risposta ridicola che da è che: era un tentativo della scienza di combattere una malattia mortale, era un tentativo in buona fede (?!)

certo, certo... basta non essere uno di quelli che è morto usandolo o un suo famigliare

un pò come un caso di malasanità di qualche mese fa a Palermo dove ad una paziente in cura chemioterapica hanno dato una dose, mi sembra, 10 volte superiore a quella prescritta, ed anche quando la paziente ha fatto presente la cosa le infermiere ed i medici a rassicurarla che non c'era niente di cui preoccuparsi.... purtroppo questa donna è morta.... nessuna parola da nessun debunkers, anche se per logica avrebbero dovuto trattare tutta l'equipe medica come dei cirlatani, cosa che personalmente penso siano, come quei ciarlatani che usualmente vengono sbulafati dai debunkers, ma ben sappiamo che per i debunkers la logica e la coerenza si piegano a piacere

Chi sa di essere profondo, si sforza di esser chiaro. Chi vuole apparire profondo alla folla, si sforza di esser oscuro. Infatti la folla ritiene profondo tutto quel di cui non riesce a vedere il fondo: è tanto timorosa e scende tanto mal volentieri ne...
stecos
Inviato: 20/2/2012 21:07  Aggiornato: 20/2/2012 21:31
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/10/2009
Da: Madrid
Inviati: 111
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
@ Rickard @ Nique

Dire che il virus non é stato isolato non é corretto: é stato isolato da Montagnier, si chiamava L1V... non so che, no ricordo bene il nome.

Il fatto é che il virus é stato sottoposto alla prova di Koch e si notava che non rispettava il suo principio básico e universalmente accettato:

se un virus nuovo si introduce in una comunitá deve infettare gli individui in forma esponenziale ( 1 individuo infetta 2, che infettano 4 che infettano 8 che infettano 16... cosa successa peraltro con la peste bubbonica, col vaiolo...)

Quindi se l' HIV non infettava esponenzialmente le cose erano tre:

1 -non era un virus nuovo ( e quindi perché i nostri avi non morivano come mosche?)

2 - non era un virus contagioso

3- non era un virus mortale

Le tre possibilitá erano terribili per i ricercatori e cosí é iniziata la storia del virus che muta costantemente, che si trasforma, che chissá come era ieri e come sará domani... una follia multimilionaria

La differenza tra avere un' idea e ideare é che il primo sta fantasticando e il secondo sta creando
nique
Inviato: 20/2/2012 21:17  Aggiornato: 20/2/2012 21:20
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/7/2005
Da: Milano
Inviati: 111
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
@Stecos

io ero rimasto ad un'intervista ad una ricercatrice greca, di cui non ricordo il nome, devo ricercarlo, la quale affermava che il virus HIV non sarebbe stato isolato secondo il metodo normalmente utilizzato

poi c'è la questione da te riportata ovvero che l'aids non rispetterebbe i postulati di Koch per un virus

Edit

Trovato il nome : Eleni Papadopulos

Chi sa di essere profondo, si sforza di esser chiaro. Chi vuole apparire profondo alla folla, si sforza di esser oscuro. Infatti la folla ritiene profondo tutto quel di cui non riesce a vedere il fondo: è tanto timorosa e scende tanto mal volentieri ne...
hrabal
Inviato: 20/2/2012 21:35  Aggiornato: 20/2/2012 21:35
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/5/2011
Da: dublino
Inviati: 176
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
@Stecos
Citazione:
rannicchiati nell'imbuto non si scende dentro al buco


gia' rannicchiati nell'imbuto del sistema, con la paura di uscire dalla parte larga e il conforto di quanto appare piccolo il buco.... ma ci risucchiera' uno ad uno ci risucchiera'...

si la propaganda, la propaganda della paura, le carezze del potere e l'illusione che a noi no, a noi non ci tocchera'...

f_z
Inviato: 20/2/2012 21:43  Aggiornato: 20/2/2012 21:43
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/1/2012
Da: Un mondo popolato da (troppi)pezzi di merda
Inviati: 958
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Ottimo documentario: niente di veramente nuovo dal mio punto di vista, ma sara' utile per aprire gli occhi a molti altri.

Una delle cose credo non perfettamente chiarite nel documentario, e che e' invece importante per capire che l'AIDS e' soltanto una parola usata per il marketing dellindustria farmaceutica, e' che non esiste neppure una definizione UNIVOCA di AIDS a livello mondiale.
Dalla scheda di Luogocomune, confermata da altre fonti da me consultate:

Citazione:
L'AIDS NON È UGUALE IN TUTTO IL MONDO Anche qui, come per i test di sieropositività, non esiste un criterio universalmente riconosciuto per la definizione della sindrome. La regola per stabilire cosa sia l'AIDS varia da nazione a nazione: la definizione di AIDS negli Stati Uniti è diversa da quella europea che a sua volta è diversa dalla definizione africana. La WHO, ( World Health Organization)13 in Africa utilizza per definire l'AIDS due definizioni nettamente diverse, nessuna delle quali corrisponde ai criteri utilizzati negli USA o nella UE. Generalmente in Africa non si richiede il test HIV, ma è sufficiente che un paziente presenti tre dei principali sintomi clinici (perdita di peso, febbre e tosse) più un sintomo minore (è sufficiente un prurito generalizzato) per poterlo dichiarare affetto da AIDS. E questo, come si vedrà più avanti, spiega la reale consistenza della presunta "catastrofe africana" .


Piu' truffa di cosi'...

Codardo e' il soldato che "esegue gli ordini".

Eroe e' il soldato che ha il coraggio di sparare in faccia ai suoi "superiori".

Peccato che i soldati siano tutti scelti minuziosamente tra gli appartenenti alla prima categoria.
stecos
Inviato: 20/2/2012 21:47  Aggiornato: 20/2/2012 21:47
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/10/2009
Da: Madrid
Inviati: 111
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
@ nique

Realmente diciamo tutti e due una cosa corretta, o se vogliamo Montagnier e Papadopulos le dicono

Montagnier isoló il virus LAV, lo mandó al team di Bob Gallo perché non aveva gli strumenti per farlo riprodurre in laboratorio e Gallo poche settimane dopo annunció al mondo che si era scoperto IL virus .Lo chiamó HTLV III (mi son ricordato...) poi ribatezzato HIV
Montagnier lo denunció, alla fine si misero d'accordo a suon di milioni e da lí é iniziato il trasformismo del virus HIV che giá non si sa piú se esiste se non esiste. Come dice Grillo ... é un virus strano... muta, e ogni tre mesi c'e una scoperta scientifica finta e una raccolta fondi... vera!

La differenza tra avere un' idea e ideare é che il primo sta fantasticando e il secondo sta creando
stecos
Inviato: 20/2/2012 21:51  Aggiornato: 20/2/2012 21:51
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/10/2009
Da: Madrid
Inviati: 111
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
f_z

L'AIDS NON È UGUALE IN TUTTO IL MONDO Anche qui, come per i test di sieropositività, non esiste un criterio universalmente riconosciuto per la definizione della sindrome. La regola per stabilire cosa sia l'AIDS varia da nazione a nazione: la definizione di AIDS negli Stati Uniti è diversa da quella europea che a sua volta è diversa dalla definizione africana. La WHO, ( World Health Organization)13 in Africa utilizza per definire l'AIDS due definizioni nettamente diverse, nessuna delle quali corrisponde ai criteri utilizzati negli USA o nella UE. Generalmente in Africa non si richiede il test HIV, ma è sufficiente che un paziente presenti tre dei principali sintomi clinici (perdita di peso, febbre e tosse) più un sintomo minore (è sufficiente un prurito generalizzato) per poterlo dichiarare affetto da AIDS. E questo, come si vedrà più avanti, spiega la reale consistenza della presunta "catastrofe africana" .



Piu' truffa di cosi'...


100% ben detto

La differenza tra avere un' idea e ideare é che il primo sta fantasticando e il secondo sta creando
negue72
Inviato: 20/2/2012 21:57  Aggiornato: 20/2/2012 21:57
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/3/2010
Da:
Inviati: 63
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Quello che dice Montagnier fa riflettere!!!
http://youtu.be/1-xSUZKCFY4


levitor
Inviato: 20/2/2012 23:17  Aggiornato: 20/2/2012 23:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 19/12/2011
Da:
Inviati: 290
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Contrariamente a quanto si pensa l'HIV non è un virus esogeno, ma un meccanismo di difesa del corpo umano che si attiva per potenziare il sistema immunitario che si sta deteriorando.
Gli antichi sapevano che, per combattere una malattia che prendeva il sopravvento conducendo alla morte del soggetto, bisognava contrarre un'altra malattia che serviva a stimolare nuovamente la "fabbrica" del sistema immunitario.
Simile all'HIV è il comportamento delle malattie cosiddette autoimmuni, come per esempio l'artrosi: l'artrosi stimola continuamente il sistema immunitario, così che è molto difficile che un soggetto artritico si ammali di influenza o altre malattie comuni.
Quando si sviluppa l'Aids è perchè, nonostante la continua sollecitazione del sistema immunitario da parte dell'HIV, le infezioni batteriche prendono il sopravvento perchè il sangue, che veicola gli agenti del sistema immunitario, li depotenzia a causa della sua cattiva qualità, dovuta a fattori diversi (droghe, scompensi ormonali, cattiva alimentazione, tossine, ecc.)
Se poi si ingenerano i temuti batteri pleioformi, non previsti dal sistema immunitario, il sistema collassa e con esso l'intero corpo fino alla morte.
E' noto che il malato di Aids, che non è una malattia ma uno stato fisico conclamato, muore prevalentemente per infezioni batteriche (cosiddette opportuniste).
A già, ovviamente questa è la mia opinione in merito.

Luxio
Inviato: 20/2/2012 23:50  Aggiornato: 20/2/2012 23:50
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/5/2010
Da: Ostrava
Inviati: 240
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Non ho ancora avuto il tempo per vedere il documentario, ma già diverso tempo fa avevo letto qualcosa a riguardo. Inoltre posso parlare per esperienza personale: un mio conoscente ha contratto l'HIV nei primi anni '90. Era allora ed è tutt'oggi un tossicodipendente, ma de morì no gli passa manco per l'anticamera del cervello.

Non possiamo separare i nostri pregi dai nostri difetti, essi sono collegati come la forza e la materia. Se li separiamo, l'uomo sparisce.
Nikola Tesla
Jurij
Inviato: 21/2/2012 6:33  Aggiornato: 21/2/2012 6:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Rickard
Citazione:
Eppure anche qui, un qualcosa di semisconosciuto e relegato a pochissimi casi fino a 60-70 anni fa, adesso è un'emergenza mondiale e si parla disinvoltamente di epidemie di cancro nonostante nemmeno la medicina ufficiale lo consideri causato dai tanto amati "batteri" o "virus". In realtà la medicina ufficiale non ha la benché minima idea di cosa sia o di come funzioni questo fenomeno, né ha alcun interesse a compensare la lacuna. Non è il suo scopo. Il suo scopo è diffondere paura, vendere le sue pozioni magiche degne di Wanna Marchi e mantenere la popolazione nella sempiterna ansia di una spada di Damocle sottoforma di pandemia mondiale.

Quanta ragione hai nel tuo post…

Mi ricordo che proprio negli anni in cui iniziavo le mie prime esperienze sessuali scoppiò questa notizia.

Tutti correvano a fare il test e c’era un’aria di terrore verso coloro che avevano leggermente un animo più libertino (non parlo di droghe).

Hanno rubato una parte di gioventù questi “frottivendoli” …
Pensare a quante volte mi è capitato di fare il test, un test che alla fine risulta essere uguale a sedersi in un confessionario… puà

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
Akane
Inviato: 21/2/2012 6:37  Aggiornato: 21/2/2012 6:37
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/7/2011
Da: Austria
Inviati: 135
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Veramente interessante...

ulixes
Inviato: 21/2/2012 8:48  Aggiornato: 21/2/2012 9:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/11/2011
Da:
Inviati: 65
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
"..Tutti correvano a fare il test e c’era un’aria di terrore.."

Un unico filo conduttore.
Un solo grande complotto.
Una sola 'Agenda' che va avanti almeno dal 2300 A.C..

PECORE E PASTORI

Ti hanno fatto credere di essere una bestia
per poterti addomesticare;
hanno seminato in te la paura
per non farti ribellare.
E' giunto il momento:
E' ORA CHE LE PECORE DIVENTINO LUPI!
Il primo passo,
verso il risveglio,
è rendersi conto che si stà dormendo;
il passo successivo,
verso la libertà,
è rendersi conto che si è schiavi.

ulixes

PathFinder
Inviato: 21/2/2012 9:34  Aggiornato: 21/2/2012 9:34
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/2/2005
Da: Napoli
Inviati: 248
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
@ fefochip

Non preoccuparti. Non mi offendo più da parecchio.
Specie da quando mi piace farmi del male intervenendo su siti di debunker.

Non è la via che è difficile, è il difficile che è la via.
marcowhite
Inviato: 21/2/2012 10:41  Aggiornato: 21/2/2012 10:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/5/2008
Da:
Inviati: 166
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
ecco cosa dice Wikipedia, la famosa encliclopedia "Libera", su questo argomento.




Ipotesi alternative sull'Aids.

Una piccolissima minoranza di autori ha messo in discussione, con argomentazioni che sono però state ripetutamente dimostrate essere prive di fondamento scientifico, biologico o clinico, la connessione tra HIV e AIDS, l'esistenza del virus, o la validità delle attuali metodologie diagnostiche. I cosiddetti "dissidenti" criticano l'attuale approccio all'AIDS basato su HIV, affermando che, a loro parere, avrebbe causato diagnosi inaccurate, trattamenti inadeguate e dispendio di fondi pubblici.
Queste considerazioni indimostrate, spesso vicine ad ambienti "alternativi", hanno ricevuto forti smentite dalla comunità medica internazionale e dall'evidenza scientifica oggettiva, dalla quale emerge come i cosiddetti "dissidenti" ignorino del tutto le chiare evidenze scientifiche sul ruolo causale dell'HIV nell'etiopatogenesi dell'AIDS, e di essere anzi loro a rappresentare, con le loro tesi indimostrate e palesemente incoerenti, una seria minaccia per la salute pubblica.
L'emergere di tali idee "negazioniste" ha portato quindi, da parte di oltre 5.000 tra medici e scienziati (tra cui 11 vincitori di Premio Nobel), alla sottoscrizione dell'importante documento noto come Dichiarazione di Durban, nel quale si afferma che il legame causale tra HIV e AIDS è chiaramente definito, esaustivo e univoco.
Le conseguenze pericolose del "negazionismo" si sono infatti manifestate in maniera lampante in Sudafrica, dove politiche sanitarie relative all'AIDS basate su un approccio negazionista, e sull'uso di inefficaci rimedi tradizionali, hanno portato a un'enorme diffusione del virus HIV: si stima che il 20% della popolazione adulta sia sieropositivo, contro il 6,1% medio dell'Africa subsahariana.


link originale

fefochip
Inviato: 21/2/2012 11:20  Aggiornato: 21/2/2012 11:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
che spettacolo che sono i cani da guardia dello "status quo".

le considerazioni sono "indimostrate" perche si parte dall'assunto contrario che è dogma; non ha bisogno LUI di essere provato ,no è il contrario secondo questi tomi bisogna provare che NON c'è relazione tra virus hiv e aids .
splendito

quando però si afferma che queste "pericolose politiche negazionistiche" (notare il solito aggettivo da propaganda legato all'olocausto ) si sono "manifestate in maniera lampante" allora ci si dimentica di spiegare perche mai ci sarebbe una correlazione.

fantastica poi questa "dichiarazione di durban" ....si dichiara ...a beh ...allora

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Teba
Inviato: 21/2/2012 11:30  Aggiornato: 21/2/2012 11:30
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Grande documentario, mi ha tenuto attaccato allo schermo.

TWNP
Inviato: 21/2/2012 12:28  Aggiornato: 21/2/2012 12:28
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/11/2011
Da:
Inviati: 642
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Citazione da infettato
dell'AIDS non mi frega più di tanto
-------------------------------------------

Infettato, non ho alcuna intenzione di attizzare una questione
personale, ma mi spieghi cosa vuol dire questa frase?
Come può non fregartene?
Che l'AIDS sia una bufala come ritengo io e altri o che sia un problema
genuino, ha comunque coinvolto milioni e milioni di persone.
Quindi, devo pensare che non ti frega nulla dei tuoi simili?
Sicuramente non è così, dunque se mi puoi spiegare...

TWNP
Inviato: 21/2/2012 12:33  Aggiornato: 21/2/2012 12:33
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/11/2011
Da:
Inviati: 642
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Entrando nel tema, una cosa si può dire senza ombra di dubbio,
a prescindere dall'esistenza o meno della malattia (le mie idee in merito
le ho già espresse chiaramente in passato), del suo legame o meno
con il virus HIV, dell'esistenza o meno dello stesso virus.
Ed è che l'AZT non è un farmaco per questa ipotetica malattia.
Era un chemioterapico a suo tempo scartato per la sua nocività e
riciclato da BigPharma per l'occasione, per farci un pò di soldini.
Quindi, per forza uccide più 'sta merda che l'eventuale malattia,
quand'anche essa esista e a qualsiasi cosa sia dovuta...

milestone
Inviato: 21/2/2012 12:33  Aggiornato: 21/2/2012 12:33
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/4/2005
Da:
Inviati: 64
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Sto facendo la massima opera di diffusione: è veramente ben fatto.

Infettato
Inviato: 21/2/2012 13:01  Aggiornato: 21/2/2012 13:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
@TWNP La mia fame di informazioni sui "mali" che possono distruggere e distruggono molte persone ha trascurato questa "sindrome" qunto basta per darla per vera in una certa misura.
Dopo aver visto questo documentario la mia opinione è drasticamente cambiata co0me hai potuto notare dalle parole del commento precedente.

Quindi, devo pensare che non ti frega nulla dei tuoi simili?

Mi dispiace aver dato questa impressione, in realtà quando discuto alcune volte anche con molto vigore per esempio di economia, è proprio perchè so che può causare sofferenze e anche la morte di molti individui. Il mio tempo era limitato e ho preferito studiare alcune cose in profondità tralasciando totalmente altre, ora "sfortunatamente" per me ho molto più tempo e mi sono "degnato" di vedere questo argomento, avrei dovuto farlo prima magari leggendo le schede di lc, questo si hai ragione e mi sento in colpa per non averlo fatto.

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard
Rickard
Inviato: 21/2/2012 13:51  Aggiornato: 21/2/2012 13:51
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
nique
Citazione:
anche io ho letto il link che hai postato e mi chiedevo appunto se si potesse ritenere che ci fosse stata la mappatura del'HIV dopo che lo stesso è stato isolato

Rickard, tu ne sai nulla?

A quel che ne so io, soprattutto durante le fasi più accese del dibattito, ogni tot mesi veniva fuori la notizia che finalmente l'HIV era stato efficaciemente isolato.

In realtà non si trattava mai del virus ma di "varianti" perché il virus HIV, essendo un virus estremamente mutante, variava di continuo e non c'era mai la possibilità di "beccarlo".

In realtà è tutta roba che ha l'apparenza, la consistenza e il sapore della fuffa. Comprese le "dimostrazioni" basate su lenzuolate di 500 fogli pdf. Un pò come Attivissimo che dice che tutte le risposte sono nei rapporti tecnici di 12.000 pagine, basta andarli a leggere. L'ovvio motivo in realtà è di non rispondere inondando l'oppositore di aringhe rosse e scoraggiando il tentativo di approfondire.

stecos
Citazione:
@ Rickard @ Nique

Dire che il virus non é stato isolato non é corretto: é stato isolato da Montagnier, si chiamava L1V... non so che, no ricordo bene il nome.

Il fatto é che il virus é stato sottoposto alla prova di Koch e si notava che non rispettava il suo principio básico e universalmente accettato:

se un virus nuovo si introduce in una comunitá deve infettare gli individui in forma esponenziale ( 1 individuo infetta 2, che infettano 4 che infettano 8 che infettano 16... cosa successa peraltro con la peste bubbonica, col vaiolo...)

Quindi se l' HIV non infettava esponenzialmente le cose erano tre:

1 -non era un virus nuovo ( e quindi perché i nostri avi non morivano come mosche?)

2 - non era un virus contagioso

3- non era un virus mortale

Le tre possibilitá erano terribili per i ricercatori e cosí é iniziata la storia del virus che muta costantemente, che si trasforma, che chissá come era ieri e come sará domani... una follia multimilionaria

Grazie per la precisazione, in effetti è così. Il virus "vero" non viene mai isolato perché si trasforma continuamente.

Hanno tentato di risolvere questi pastrocchi con scuse puerili come il "tempo di incubazione" (che dai 18 mesi delle stime iniziali è arrivato a più di 20 anni). E in realtà anche la contagosità per via sessuale è più teorica che provata. Senza contare il fatto che, con la mappatura dle genoma umano, il concetto stesso di Retrovirus perde di significato. Quindi fuffa all'ennesima potenza.

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
TWNP
Inviato: 21/2/2012 14:00  Aggiornato: 21/2/2012 14:00
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/11/2011
Da:
Inviati: 642
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Citazione da infettato
ora "sfortunatamente" per me ho molto più tempo
--------------------------------
Se è per sfortuna, mi dispiace.
Sinceramente...

neoste
Inviato: 21/2/2012 19:15  Aggiornato: 21/2/2012 19:39
So tutto
Iscritto: 24/5/2006
Da:
Inviati: 20
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Ne avevo già sentito parlare ma non avevo mai approfondito la questione.

Il documentario è davvero illuminante, e purtroppo non mi stupisce molto.

Chiediamoci il perchè di campagne massive di disinformazione su tale malattia.

Qual'è il vero obiettivo: solo i soldi??

Al Potere interessano anche altre cose, una fondamentale è

Il controllo demografico!!

cercate Birth Control+Rockefeller..

Tu sei uno schiavo Neo! Come tutti gli altri sei nato in catene, sei nato in una prigione che non ha sbarre, che non ha mura, che non ha odore, una prigione per la tua mente!
infosauro
Inviato: 22/2/2012 18:11  Aggiornato: 22/2/2012 18:11
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/5/2008
Da: questo mondo (credo)
Inviati: 2376
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Notizia di oggi:
Il virus dell'Hiv marchia a fuoco le cellule con cui viene a contatto, indipendentemente dal fatto che queste ultime ne escano infettate o meno. È il risultato di una ricerca italiana sugli effetti del virus nei confronti dei micro-Rna, la cui qualità e il cui comportamento vengono modificati irrimediabilmente.
La ricerca è stata coordinata da Claudio Casoli del Centro di Ricerca Medica e Diagnostica Molecolare “Gemiblab” di Parma e da Andrea Cossarizza dell'Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Si tratta di uno studio nato dall'incontro di diverse competenze sui micro-Rna, molecole che rappresentano circa l'1 per cento di tutti i trascritti genici. A causa delle loro dimensioni ridotte per molto tempo è risultato difficile studiarle.
I ricercatori hanno analizzato una serie di soggetti, alcuni affetti da Hiv con un'infezione acuta, altri il cui sistema immunitario ...

Non riesco ad accedere alla seconda pagina, provate voi: http://www.italiasalute.it/3120/h/L%27impronta-molecolare-dell%27Hiv.html

"It's just a ride"
William Melvin "Bill" Hicks, l'ultimo degli hippy, il primo dei complottisti (a comparire in TV).
Andre81
Inviato: 22/2/2012 23:49  Aggiornato: 22/2/2012 23:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/11/2011
Da:
Inviati: 53
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
@infosauro, è sbagliato il link della seconda pagina, usa questo:

http://www.italiasalute.it/news2pag.asp?ID=3120

Documentario molto molto istruttivo, non sapevo niente di tutto cio, anche se sinceramente certe informazioni iniziano a non stupirmi più...

Buonanotte

THX1138
Inviato: 23/2/2012 23:28  Aggiornato: 23/2/2012 23:28
So tutto
Iscritto: 28/2/2010
Da:
Inviati: 5
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
grazie mille del link!

Davide71
Inviato: 24/2/2012 18:12  Aggiornato: 24/2/2012 18:12
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/7/2006
Da:
Inviati: 2108
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Ciao a tutti:

per me non sono cose nuove, ma sono contento che ogni tanto le ripropongano.

Non date le perle ai cani e ai porci perchè non le mangeranno e vi si rivolteranno contro.
piggaz
Inviato: 25/2/2012 7:28  Aggiornato: 25/2/2012 7:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/3/2009
Da:
Inviati: 167
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
MOLTO INTERESSANTE E INFORMATIVO

conferenza HIV INFORMA "Hiv e Aids: Tutto quello che non vi hanno detto". Bari 16 Maggio 2011

intervento del prof. marco ruggiero
Professore Ordinario di Biologia Molecolare presso Università degli Studi di Firenze

intervento del dott. daniele mandrioli 1/3 2/3 3/3
Medico e Ricercatore presso Università della California, Berkeley


lo consiglio, conferma e complementa il documentario "la scienza del panico"

Doctor
Inviato: 4/3/2012 16:47  Aggiornato: 4/3/2012 16:47
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/10/2005
Da: Lisboa
Inviati: 108
 Re: "La scienza del panico" (documentario)
Per caso esiste una versione in inglese?

"EMANCIPATE YOURSELF FROM MENTAL SLAVERY.
NONE BUT OURSELVES CAN FREE OUR MINDS"
Bob Marley

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA