Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


politica italiana : Venezia: la cricca del super-ecomostro
Inviato da Redazione il 18/2/2012 3:00:00 (9633 letture)

Lo scorso 14 gennaio, il Gazzettino, la Nuova Venezia ed il Corriere del Veneto - di fatto, tutti i giornali locali dell'area veneziana- hanno offerto ai loro lettori un allegato di 48 pagine 21x30 tutto di foto patinate che illustrano i tre cantieri dove si sta costruendo il MoSE e in due facciate si sintetizza “che cos'è, a cosa è servito ieri, a cosa serve oggi e a cosa servirà domani”. Così tutti i lettori hanno potuto leggere un'efficace pubblicità visiva del Consorzio Venezia Nuova sui “Cantieri del MoSE”.

Con una tiratura complessiva dei 3 quotidiani di 60.000-70.000 copie ed un costo stimato di 20-25 centesimi per copia, aggiungendo il costo di inserimento per la distribuzione e gli altri costi complementari, si può realisticamente valutare in 50.000 euro il costo che dell'intera operazione pubblicitaria del Consorzio.

Ed allora? Ogni impresa non è libera di spendere per la propria pubblicità quello che ritiene utile?

Noi crediamo di no, se questi 100 milioni di vecchie lire sono pagati direttamente dai cittadini ...


... tramite lo Stato che li ha dati al Consorzio Venezia Nuova e, sopratutto, sono stati sottratti al Comune che da due anni attende ancora i 42 milioni di euro che lo stesso Stato aveva promesso alla vecchia Amministrazione. Ma sopratutto ci sembra scandaloso che le informazioni che il Consorzio Venezia Nuova fornisce con la sua pubblicità ai cittadini eludano le risposte che ancora aspettiamo.

Pur tralasciando tutti i rilievi pesantemente critici ribaditi dalla Corte dei Conti nella Delibera 25/2010 ed i problemi posti al funzionamento del porto dalle frequentissime chiusure delle paratoie, qualora fossero completate e ci fosse un innalzamento medio del mare anche di 30-35 cm (più di 180 volte in un anno), noi tutti aspettiamo di sapere quali garanzie tecniche si sono date per la sicurezza di tenuta delle cerniere, che fanno ruotare le porte sommerse, alla luce di quanto calcolato dalla Società Principia alla quale il Comune di Venezia aveva affidata la verifica di fattibilità: Principia afferma che, per particolari condizioni di mare e altezza d'onda, è impossibile non solo costruire cerniere sicure ma addirittura calcolare gli sforzi a cui devono resistere e parla di possibile collasso dell'intera struttura.

Noi tutti aspettiamo di sapere come si è deciso di procedere perché ancora Principia dimostra che in quelle stesse condizioni meteorologiche, per una ampiezza di oscillazione delle barriere mobili non prevista dal progetto, per tutto il periodo di chiusura delle bocche, l'acqua marina continua ad entrare in laguna vanificando la protezione all'innalzamento dell'acqua dovuto alla marea.

Vogliamo sapere come è possibile che un progetto “chiuso” - che ha permesso di evitare il confronto di merito tecnico-scientifico ed economico con l'affidamento diretto in Concessione Unica – possa essere passato dai 1.600 milioni di euro previsti sul progetto di massima del 1987, ai 4.271.600 del 2008 per arrivare ai 5.496 milioni del novembre 2010. Negli ultimi 2 anni l'aumento è stato di 1.200 milioni. In questi sono previsti anche 80 milioni pubblici per i servizi Informativi del Consorzio che servono, evidentemente, per opere pubblicitarie come l'allegato odierno ai quotidiani.

Vogliamo inoltre sapere, direttamente dal Ministero delle Infrastrutture visto che firma con il Magistrato alle Acque la pubblicità del consorzio Venezia Nuova, cosa ne pensi del gioco di prestigio – come lo chiama Gianfranco Turano sull'ultimo Espresso – per cui “lo Stato, che non da soldi al Comune, li da ai privati per il MoSe. ed i privati, con i profitti del MoSE, si comprano “in saldo” i beni del Comune di Venezia” riferendosi alla svendita dell'ex Ospedale al mare del Lido, con annessa darsena in mare per 1.500 barche ad uso alberghiero che coinvolge pure l'antico Forte di Malamocco, frazionato per villette e trasformato in albergo con i poteri del Commissario Speciale Spaziante che può far strame delle norme urbanistiche esistenti col metodo ormai sperimentato alla Maddalena in Sardegna detto “Grandi Eventi”.

I soggetti delle due operazioni sono gli stessi: Consorzio Venezia Nuova, Mantovani, Condotte, Fincosit Grandi Lavori, vale a dire i poteri forti che ormai hanno in mano il territorio veneziano con potere di ricatto sulla Giunta Comunale e lo avranno fino a quando verrà loro lasciato fare.

AmbienteVenezia – Assemblea Permanente NOMOSE – Medicina Democratica

Fonte: Megachip

Vedi anche "Un dinosauro di nome MOSE".

Voto: 10.00 (4 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Calvero
Inviato: 18/2/2012 3:25  Aggiornato: 18/2/2012 3:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Venezia: la cricca del super-ecomostro
_________________________________________
___________________________


Mamma mia quanto buon cuore per il nostro paese.

Non è OT se metto in coda a quest'articolo anche quest'altro TEMA caro a Venezia; per evidenziare come teniamo da conto i nostri luoghi e, in questo caso, anche, piaccia o meno, a una delle meraviglie del mondo.

In fondo in fondo (ma diciamo anche in superficie) quello che angoscia, oltre alla leggerezza con cui si possono indirizzare e "calcolare" abnormi cifre, farle pesare e forse sprecarle, in barba a questa maledetta crisi: si palesa anche (perdonate la morale) una tristissima condizione che vede trattare le nostre città con uno squallore e un cinismo da antologia.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Redazione
Inviato: 18/2/2012 4:39  Aggiornato: 18/2/2012 4:52
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Venezia: la cricca del super-ecomostro
CALVERO: "oltre alla leggerezza con cui si possono indirizzare e "calcolare" abnormi cifre, farle pesare e forse sprecarle".

Togli pure il "forse".

In realtà, le cose funzionano al contrario: andare al governo significa gestire quantità enormi di denaro pubblico, che nessuno ormai controlla più da vicino, per cui si tratta solo di inventarsi motivazioni valide per spendere quel denaro, mettendosi naturalmente d'accordo su come spartirselo.

Più grande - e più "plausibile" - è l'opera pubblica che viene lanciata, più c'è da magnare per tutti. Non c'è mai niente di casuale in questi "sprechi".

panagio
Inviato: 18/2/2012 9:00  Aggiornato: 18/2/2012 9:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/6/2011
Da:
Inviati: 232
 Re: Venezia: la cricca del super-ecomostro
rif: "Più grande - e più "plausibile" - è l'opera pubblica che viene lanciata, più c'è da magnare per tutti. Non c'è mai niente di casuale in questi "sprechi".. "

E' proprio così, ma spesso non vogliamo accettarlo e chiudiamo un occhio, per non dire tutte e due! (in parte sperando prima o poi di stare intorno a quel tavolo!)
E anche se lodevole, l'iniziativa del M5stelle lascia l'illusione che il Sistema si possa combattere dall'interno. link R-Day

Il mare è formato da singole gocce... ma ci saranno molti sacrificati sull'altare, anzi, ci sono stati, sono e saranno in molti, tra i comuni mortali, a soccombere ...
Come già più volte detto e auspicato si attenderà quell'evento in se poco significativo ma che sarà straordinario permettendo la presa di coscienza davvero collettiva e allora forse il mondo cambierà strada... io ci credo!

Perchè, per tornare al link postato, è si lodevole l'iniziativa, ma quando uno ruba miliardi di euro (dalla cassa comune), e un'altro ne restituisce poche migliaia (se pur, mi ripeto , lodevole iniziativa) ..il conto non potrà mai tornare...neanche in migliaia di anni... se non con un azzeramento tout court!

Buon sabato a tutti.

LoneWolf58
Inviato: 18/2/2012 9:53  Aggiornato: 18/2/2012 9:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Venezia: la cricca del super-ecomostro
Citazione:
Autore: Calvero Inviato: 18/2/2012 3:25:39
...
Non è OT se metto in coda a quest'articolo anche quest'altro TEMA caro a Venezia; per evidenziare come teniamo da conto i nostri luoghi e, in questo caso, anche, piaccia o meno, a una delle meraviglie del mondo.
...
Fammi fare l'avvocato del diavolo... una volta tanto
Chi decide cosa è caro a Venezia? soprattutto chi decide cosa si vuol fare di Venezia?
Venezia è "un porto" basta decidere se lo devo rimanere o meno, non ignorando tutte le conseguenze.

Venezia è inquinata? ed il problema sarebbero principalmente le "grandi" navi? Vogliamo parlare di una città dove tutto il traffico si svolge via acqua con mezzi "non catalizzati"?


Traffico veneziano... (appena posso ridimensiono l'immagine e la posto)
Taxi acquei veneziani...
Naturalmente sono tutti diesel marini...

E non dimentichiamoci di Marghera...




Qual'è il "vero" problema delle "grandi" navi?

MSC Musica a Venezia

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
perspicace
Inviato: 18/2/2012 10:01  Aggiornato: 18/2/2012 10:01
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/9/2011
Da: località sconosciuta
Inviati: 3281
 Re: Venezia: la cricca del super-ecomostro
Il "magna magna" continua. . .


L'aristocrazia Italiana si è inventata un nuovo pretesto per intascarsi soldi TANTI soldi, TANTI MA TANTI soldi che poi sotto forma di debito pubblico (2000miliardi di euro!! ) noi italiani (con la i piccola) dobbiamo risarcire.

Com'è lupo solitario la storia ciclicamente si ripete?!?! E mi sa di sì!

Mo ci ha fatto vedere il merlo che lui non spreca soldi pubblici (olimpiadi) e tutti i Fessacchiotti d'Italia adesso pensano che non si sprecano soldi pubblici.

Ma è il classico gioco delle tre carte.


P.S. Ieri sera su merdaset canale5 intervista alla figlia di Craxi e manco una monetina! ! !

Io non parlo come scrivo, io non scrivo come penso, io non penso come dovrei pensare, e così ogni cosa procede nella più profonda oscurità. Kepler
LoneWolf58
Inviato: 18/2/2012 10:10  Aggiornato: 18/2/2012 10:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Venezia: la cricca del super-ecomostro
Per quanto riguarda il MOSE non capisco come mai non si siano affidati ad una tecnologia già sperimentata... il porto di Rotterdam.


La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
rekit
Inviato: 18/2/2012 10:40  Aggiornato: 18/2/2012 10:40
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: Venezia: la cricca del super-ecomostro
cit:
Per quanto riguarda il MOSE non capisco come mai non si siano affidati ad una tecnologia già sperimentata... il porto di Rotterdam.
........................
per 2 semplicissime ragioni:
-Venezia non e' Rotterdam...bloccare il riflusso del mare mettendo una diga mobile su un fiume largo qualche centinaio di metri non e' esattamente la stessa cosa che bloccare le maree dell'adriatico...
-Gli italiani non sono olandesi

LoneWolf58
Inviato: 18/2/2012 11:35  Aggiornato: 18/2/2012 11:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Venezia: la cricca del super-ecomostro
Citazione:
Autore: rekit Inviato: 18/2/2012 10:40:22
...per 2 semplicissime ragioni:
Il fiume è largo, all'altezza della diga, 350 metri... più o meno la stessa larghezza del mose alle bocche del porto di Chioggia e di Malamocco. Il problema potrebbe essere il Lido dove la larghezza del mose dovrebbe raggiungere i 500 metri per ognuno dei due ingressi.
Ma sinceramente mi pare più affidabile il sistema Rotterdam che non dimentichiamo è il primo porto d'Europa



Ma forse hai ragione... è che non siamo olandesi

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
rekit
Inviato: 18/2/2012 12:04  Aggiornato: 18/2/2012 12:04
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: Venezia: la cricca del super-ecomostro
cit:
Ma sinceramente mi pare più affidabile il sistema Rotterdam che non dimentichiamo è il primo porto d'Europa
...........................
si lo so bene, ci vado ogni mattina a Rotterdam.
Il punto e' che, al di la' della larghezza dei canali e dei flussi di acqua, il problema di rotterdam ha una natura completamente diversa da quello di Venezia...semplicemente le due cose non si possono accostare.
Sotto Rotterdam (a sud) in un' area chiamata zeeland ci sono 3 o 4 dighe che regolano il flusso del mare e nel nord Olanda c'e' una diga lunga decine di Km a difesa di terra creata e rubata al mare dall'uomo.
Qui hanno un problema con l'acqua che e' molto diverso da quello che hanno i Veneziani.
Purtroppo hanno avuto anche la loro tragedia che ha colpito centinaia di migliaia di citadini olandesi....per loro e' una questione di sopravvivenza e sicurezza nazionale...

e si hai ragione, "è che non siamo olandesi"

chiudendo il parziale OT questo interessante documentario:
http://www.youtube.com/watch?v=oF1cJGn4CZE&feature=related
http://www.youtube.com/watch?v=crGj7COQbCE&feature=related

purtroppo l'ho trovato solo in inglese...ci sono i sottotitoli in olandese pero'...

LoneWolf58
Inviato: 18/2/2012 15:05  Aggiornato: 18/2/2012 15:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Venezia: la cricca del super-ecomostro
Citazione:
Autore: rekit Inviato: 18/2/2012 12:04:56
Non credo che siano tanto OT i filmati postati ;)
Ma li si parla di vecchia tecnologia... vuoi mettere con i sistemi attuali?!
Ponte di Rialto...

Costruito tra il 1588 e il 1591 (anni tre)

Ponte di della Costituzione (ex Calatrava)...

Costruito tra il 2003 e il 2008 (anni cinque)

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
ohmygod
Inviato: 18/2/2012 17:05  Aggiornato: 18/2/2012 17:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: Venezia: la cricca del super-ecomostro
In quel periodo guardavo ancora la TV e ricordo gli scontri a "Porta a Porta" fra i detrattori e i sostenitori del progetto.

Le cifre: finanziamento acquisito pari a 1580 milioni di euro, dei quali 1067 già spesi per i lavori fin qui realizzati. «Strutturati e dimensionati per portare a termine - nel 2012, se non vi saranno intoppi - il progetto Mose.

Fra gli articoli uno fra i tanti.

http://archiviostorico.corriere.it/2006/agosto/06/Mose_Cacciari_attacca_Fallimento_bipartisan_co_9_060806107.shtml

Jurij
Inviato: 19/2/2012 11:17  Aggiornato: 19/2/2012 11:24
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Venezia: la cricca del super-ecomostro
Grazie rekit per i documentari sull'Olanda che hai postato, molto interessanti.

Incredibile cosa ha fatto l'uomo.

È la dimostrazione che niente è impossibile.

Adesso capisco perchè per la "Costa" hanno chiamato dei tecnici olandesi ....

p.s. Con i ripari contro l'acqua, in Olanda hanno rubato la terra al mare, mentre in Italia hanno rubato i soldi agli italiani ;o)

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
locullo
Inviato: 22/2/2012 10:06  Aggiornato: 22/2/2012 10:06
So tutto
Iscritto: 23/5/2011
Da:
Inviati: 26
 Re: Venezia: la cricca del super-ecomostro
questa del MOSE è solo una delle questioni calde oggi all'ordine del giorno a Venezia. Faccio qualche altro esempio: Tessera city, Fondaco dei Tedeschi, Ponte di Calatrava, Palazzo del cinema e altro al Lido, Mercato ortofrutticolo, GRANDI NAVI e molto altro... potremmo parlarne per parecchio tempo... intanto il patrimonio artistico ed edilizio della città si sgretola, la gente si ammala, la città si spopola...E' UNA VERGOGNA!

NJB
Inviato: 29/2/2012 18:45  Aggiornato: 29/2/2012 18:45
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/1/2011
Da:
Inviati: 144
 Re: Venezia: la cricca del super-ecomostro
Mi domando come si può dare il via ad un progetto senza mettere un certo grado di conoscenza nel setore.
Chi fà le firme come al solito sono persone che non hanno nè conoscenza in merito nè coscienza ma valutano tutto in base ai benefici economici e socili propri. Un vero schifo. Quest'opera come parecchie grandi opere in Italia (ma non accade solo in Italia) si sperperano fondi utilizzabili in progetti che realmente potrebbero alleviare o risolvere i veri problemi del nostro territorio.

La storia delle cerniere del MOSE che non reggono il carico probabilmente è vera peccato che non si hanno molti dati e relativi documenti a disposizione per accertare il fatto.

La storia che l'acqua entra comunque quando il sistema è in posizione è vera e si capiva già della fase di progetto. L'oscillazione delle varie sezioni non blocca l'acqua che filtra tra le sezioni. Comunque se è vero che le maree sono sempre più alte a che serve un sistema che è già sotto misura massima al suo completamento? A nulla come al solito. Ma è meglio sperperare i soldi in castronate come questa invece che utilizzarli per opere efficenti o almeno studiate con un po' di buonsenso.

E' la solita storia del cane che si morde la coda. O del politico di turno che fà il meglio per il popolo... (sempre se non si chiede cosa faccia di buono)!


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA