Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


Economia : Sistema monetario: quali alternative?
Inviato da Redazione il 14/2/2012 6:30:00 (7063 letture)

Vorrei provare ad intervistare uno dei dirigenti di questa banca svedese, per sentire da vicino come funzionano le cose, visto che è in esistenza da più di trent’anni. Prima però mi piacerebbe raccogliere da parte degli utenti una serie di domande ed eventuali obiezioni sul loro sistema, per fare un lavoro più utile e completo.

Ovviamente, la questione di fondo è fino a che punto un sistema che può funzionare in ambito locale possa essere anche preso come modello a livello nazionale o internazionale. (M.M.)


La pagina in italiano del sito svedese Jak.
L’associazione Jak Italia.

Voto: 9.00 (4 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
superava
Inviato: 14/2/2012 7:37  Aggiornato: 14/2/2012 7:37
Mi sento vacillare
Iscritto: 28/8/2008
Da: Riolo Terme
Inviati: 416
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Se questo sistema monetario senza interesse, come questo o simile ci fosse imposto, come ci impongono "le manovre finanziarie lacrime e sangue" in ambito statale o europeo o mondiale..io credo che sarebbe la soluzione a gran parte dei problemi.

Potresti chiedergli se questo sistema funziona meglio in uno "stato o insieme di stati" che hanno il potere di stampare moneta e accreditarla una parte ai cittadini o se funziona meglio in uno "stato" dove questo potere ce l'hanno i privati dove dettano loro le condizioni.
Grazie!

g_a_b
Inviato: 14/2/2012 8:06  Aggiornato: 14/2/2012 8:06
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/1/2007
Da:
Inviati: 64
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Molto interessante.

Estremizzando il concetto di "prestito senza interessi", mi sono sempre chiesto che succederebbe se l'economia mondiale fosse basata sull'assunto:
la quantità di denaro esistente ("elettronico" incluso) è costante
D'istinto direi che potrebbe perdere senso o rilevanza il concetto di "inflazione".
Inoltre la concentrazione della maggior parte del denaro nelle mani di pochi sarebbe scoraggiata (la maggioranza di "poveri" potrebbe decidere di rinnegare, o semplicemente cessare di usare, la valuta utilizzata).

Domande interessanti che mi vengono riguardo alla banca sono:
1) che succede se un cliente non restituisce quanto la banca gli ha prestato?
2) il non avere fonti di guadagno (investimenti) non implica un automatico passivo della banca, nel caso di cui alla domanda precedente?

...come si vadia in cielo e non come vadia il cielo. (Galileo)
benitoche
Inviato: 14/2/2012 8:24  Aggiornato: 14/2/2012 8:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/9/2006
Da:
Inviati: 1941
 Re: Sistema monetario: quali alternative?

1 L’interesse sui prestiti è dannoso per l’economia
2Fare soldi dai soldi è immorale
3È necessario riportare il mondo economico nei suoi giusti binari
4Una economia sana deve essere eco-sostenibile
6Tutti devono poter decidere autonomamente e far valere le proprie opinioni democraticamente

Ekobank è parimenti una banca cooperativa svedese simile a JAK e, per certi aspetti, complementare,
sebbene entrambe desiderino il raggiungimento di un futuro finanziario etico e sostenibile. Molto piú
giovane, nata poco piú di dieci anni fa proprio con l’aiuto di JAK, Ekobank dichiara apertamente di
voler realizzare l’etica finanziaria antroposofica senza rigettare completamente il concetto di interesse.
Ekobank ritiene infatti che sia dannoso l’interesse elevato per il solo scopo di massimizzare i profitti e
non tanto il concetto in sé. Quelli di Ekobank sono infatti molto bassi e tuttavia possono essere eliminati
dal prestito qualora il richiedente ne faccia esplicita richiesta. A differenza di JAK, Ekobank è meno
indirizzata tuttavia a prestare a privati, mirando invece a finanziare progetti socialmente utili di aziende e
associazioni, utilizzando soprattutto le ampie disponibilità di denaro di alcuni soci intenzionati a metterli a
disposizione della comunità.


Bruci l'egoismo,si accenda la Compassione,che l'Altruismo linfa vitale dell'Umanità sgorghi quale sorgente della rinascita spirituale

Ovviamente, la questione di fondo è fino a che punto un sistema che può funzionare in ambito locale possa essere anche preso come modello a livello nazionale o internazionale. (M.M.)

per quanto in un triangolo possano variare le lunghezze dei lati la somma degli angoli interni rimarrà costante

la religione è indispensabile
soltanto a un’umanità rescissa dal mondo divino-spirituale.
osva
Inviato: 14/2/2012 8:49  Aggiornato: 14/2/2012 8:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/6/2009
Da: Milano
Inviati: 251
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
So dell'esistenza di questa banca da un pò. Funzione. Senza interessI.

ASHOKA, DOVE SEI?

SilvioTO
Inviato: 14/2/2012 9:38  Aggiornato: 14/2/2012 9:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/11/2011
Da:
Inviati: 61
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Non è affatto una soluzione, nemmeno un passo avanti, ma una banca un po' più umana nei confronti delle persone... ma pur sempre una banca del c...o; sempre la solita minestra, sempre la solita trappola, il solito film; la soluzione, secondo me, è ben al di là delle banche e del denaro stesso, e ci si arriverà in un modo soltanto: attraverso la fine di questa civiltà, poichè ormai è soltanto una macchina impazzita, e la rinascita di qualcosa di totalmente diverso, nuovo, senza danaro, senza banche.

dede00
Inviato: 14/2/2012 10:08  Aggiornato: 14/2/2012 10:08
So tutto
Iscritto: 5/5/2006
Da:
Inviati: 9
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Esiste anche un sito italiano di JAK:

http://www.jakitalia.it/

e anche lo stesso video con la voce in italiano:

http://www.jakitalia.it/perche-jak

Non è ancora operativa, ma da quello che leggo stanno cercando di attivarla anche qui.

<<
Il nostro progetto

L'Associazione Culturale JAK Bank Italia, condividendo lo spirito morale, etico, sociale, mutualistico e solidale della svedese JAK Medlemsbank, si prefigge essenzialmente 2 scopi:

diffondere la conoscenza del metodo finanziario economico proprio della JAK;
arrivare a costituire anche in Italia la nostra JAK.

Contemporaneamente, raccogliere adesioni di nuovi soci che vogliono sostenere l'Associazione e e sue attività e che, soprattutto, desiderano costruire la rete economico-sociale della futura JAK italiana.
>>

Polipol
Inviato: 14/2/2012 10:17  Aggiornato: 14/2/2012 10:23
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/5/2011
Da:
Inviati: 158
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Sembra interessante.
Sembra una specie di consorzio...Sarebbe utile sapere come si comportano con la riserva frazionaria. E come usano i soldi che la gente ha depositato, se possono reinvestirli ecc...
Se non fanno riserva frazionaria, allora immagino che la banca non abbia attivi ma sia solo una specie di unione solidale in cui chi ci ha a che fare riceve i propri guadagni da altre attività, come il video farebbe intendere...

edit: sul sito il Portico Dipinto c'è un illuminante post sui tassi d'interesse in un gold coin standard, dategli un'occhiata!

Ermetico
Inviato: 14/2/2012 10:17  Aggiornato: 14/2/2012 10:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/7/2011
Da:
Inviati: 66
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Ma gli stipendi e le spese di gestione della JAK come sono coperti?
Dalle quote associative?
In pratica e per semplificare, per reggere c'è bisogno di una massa critica di soci eticamente motivati nel depositare i propri risparmi senza interessi e nell'accollarsi le spese (stipendi ecc.) con le quote associative e ricompensati dalla possibilità di accedere, nel bisogno, a prestiti senza interessi?
C'è una selezione "a monte" sui candidati soci ed in seguito sulla idoneità al prestito (ev. garanzie ecc.)?
Se si, chi e con quali criteri la attua?

So tutto? No, grazie!
Il "convinto" avvelena anche te. Digli di smettere.
SilvioTO
Inviato: 14/2/2012 10:29  Aggiornato: 14/2/2012 10:29
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/11/2011
Da:
Inviati: 61
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Ma scusate, ma allora perchè non tagliamo la testa al toro... facciamo così: ogni persona emette il danaro necessario per farci quello che vuole. Esempio: mia sorella vuole comprare una mucca e una mungitrice per la sua attività; accende il computer, crea il danaro necessario e fa un bonifico al venditore e si porta a casa la merce.
Perchè deve esserci sempre quel "qualcuno" di mezzo? Quando impareranno le persone a camminare con le proprie gambe?!?!

razor
Inviato: 14/2/2012 10:41  Aggiornato: 14/2/2012 10:42
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/7/2005
Da:
Inviati: 287
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
mah.... a me sembra poco praticabile seppur l'intento sembra lodevole. Mi sa tanto che si cerchi di scervellarci per cercare una cura ad un sistema ormai moribondo per ritornare per qualche tempo agli antichi splendori in cui si sfogliavano riviste alla ricerca di sogni da realizzare con un prestito che chiunque lavorasse era in grado di onorare.......

Al giorno d'oggi basta un imprevisto come un la rottura dell'auto, per mandare in frantumi l'economia domestica di molti con conseguenze sulla solvibilità che diventano drammatiche.

la verità è che dovrebbe raddoppiare il potere d'acquisto e così ritornare a livelli
pre-euro...... impossibile....

Credo che una morte del sistema, rapida e decisa anche se non indolore sia l'unico rimedio per una rinascita.....

ciao a tutti

migZ
Inviato: 14/2/2012 10:46  Aggiornato: 14/2/2012 10:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/2/2012
Da:
Inviati: 91
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
SilvioTO

Citazione:
Ma scusate, ma allora perchè non tagliamo la testa al toro... facciamo così: ogni persona emette il danaro necessario per farci quello che vuole. Esempio: mia sorella vuole comprare una mucca e una mungitrice per la sua attività; accende il computer, crea il danaro necessario e fa un bonifico al venditore e si porta a casa la merce. Perchè deve esserci sempre quel "qualcuno" di mezzo? Quando impareranno le persone a camminare con le proprie gambe?!?!


Perché c'è bisogno di un garante.
Cosa sarebbe a dar valore ai quei pezzi di carta colorata o a quelle informazioni digitali?

E' come con le leggi: immagina se ognuno si creasse la propria legge da mettere nel grande calderone delle leggi sarebbe il caos.

gen
Inviato: 14/2/2012 10:47  Aggiornato: 14/2/2012 10:47
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2006
Da:
Inviati: 142
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Gli interessi coprono (o dovrebbero) coprire il rischio che il prestatore corre quando ti dà denaro. Quando il rating è basso l'interesse sale. Più sei inaffidabilepiù ti scoraggiano a chiedere soldi applicando interessi alti e tutelandosi dall'insolvenza. Nel caso mutuo casa il rischio dovrebbe essere compensato dal fatto che se non paghi ti prendono la casa. Poi ci sono le assicurazioni, cioé se uno si assicura contro la propria insolvenza dovrebbe pagare meno interessi perché per la banca il rischio diminuisce.
Ma alla fine il succo è che l'interesse copre il rischio del prestatore.
Nel caso della banca JAK risulta fondamentale capire come si sopperisce a questo rischio, potrebbe essere con una politica più cauta nella concessione di prestiti. E comunque il sistema funziona per persone abbienti che hanno soldi da dare, chi non ha da arrivare a fine mese o ha un bilancio 0 in che modo può pensare di affidare soldi ad altri? Diciamo che funziona come una specie di livellatore sociale. Io che ho più di quanto spendo cedo un po' dei miei soldi e li presto in giro (ci sarà una garanzia immagino per me). Qualcuno potrà beneficiarne e stando alla filosofia utopica della banca se tutti facessimo così alla fine nei trarrei beneficio dal minor costo dei beni. Altrimenti sarebbe solo beneficienza, a meno che non abbia bisogno anche io di soldi. Ma la domanda è in che modo funziona il prestito? Se io sono socio con una quota di 200 euro, posso chiederne in prestito 50.000?

gieief
Inviato: 14/2/2012 10:51  Aggiornato: 14/2/2012 10:51
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/11/2011
Da: Torino
Inviati: 174
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
all'interno di un'economia diversa potrebbe essere una soluzione.

all'interno di questa economia ho qualche dubbio in più.

a me viene da chiedere se avrebbero i mezzi per sopravvivere dentro un sistema che, ad un certo punto, potrebbe vederli come un nemico da abbattere.
in parole povere: se io sposto i miei risparmi in questa banca, che "sicurezza" ho che non fallisca (ovvero: che non la facciano fallire, portandosi dietro i miei risparmi)?

in tutto ciò, andando a monte, la domanda che faccio in generale è:
basta cambiare il sistema bancario per cambiare l'economia?
a sensazione a me verrebbe da dire di no, ma ammetto di aver sempre avuto grandi mal di testa studiando macro e microeconomia all'università.

grazie a chi avrà voglia di rispondermi

fefochip
Inviato: 14/2/2012 11:03  Aggiornato: 14/2/2012 11:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
sarebbe interessante chiedere :

1)questione figli di ignota.
per ora da quello che ho capito è una banca di "tutti" quindi "rapinarsela" ha poco senso(fino a un certo punto) ma ....non per chi è esterno alla banca.
come fa la banca a fare fronte a eventuali furti e/o truffe che inevitabilmente accadono man mano che si allarga il coinvolgimento delle persone (aumentano i soci)?
e mettiamo che qualcuno non può restituire i soldi in buona fede perche il suo investimento è sballato, che succede?
2) sono sufficenti le commissioni per pagare gli impiegati e l'infrastruttura della banca?
3) come sono riusciti a scavalcare le difficoltà che pone il sistema attuale all'apertura di nuovi istituti di credito?

una cosa del genere funziona esclusivamente a livello locale perche il beneficio ce l'ho solamente se "il latte" lo compro da chi prende in prestito da quella banca.

4) un italiano quindi (per fare un esempio concreto) che vantaggi potrebbe avere nel far parte di una banca svedese? quella di finanziare un sogno molto grande?

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
aleste85
Inviato: 14/2/2012 11:05  Aggiornato: 14/2/2012 11:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/5/2010
Da:
Inviati: 204
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
non ho chiara una cosa. senza polemica, lo chiedo perchè veramente non ho capito.
i costi della banca come vengono pagati se non applicano interessi?.
ora immagino che non abbiano filiali... ma la gestione del sito ?
lo stipendio delle persone che ci lavorano come viene pagato?

complo
Inviato: 14/2/2012 11:10  Aggiornato: 14/2/2012 11:10
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/10/2005
Da:
Inviati: 2555
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Direi che la prima domanda da fare è chi può avere accesso al credito.
Solo i soci? Chiunque ne faccia richiesta? In base a dei requistiti? Quali?
La seconda domanda è quali sono le "agevolazioni" dei soci rispetto a chi chiede credito.
Mi spiego.
Se sono socio verserò una quota di denaro che dovrò tenere nella banca per X mesi/anni.
Che "agevolazioni" ho rispetto a chi non è socio e viene a chiedere lo stesso credito che potrei chiedere io?

SilvioTO
Inviato: 14/2/2012 11:20  Aggiornato: 14/2/2012 11:20
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/11/2011
Da:
Inviati: 61
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Citazione:
Perché c'è bisogno di un garante. Cosa sarebbe a dar valore ai quei pezzi di carta colorata o a quelle informazioni digitali? E' come con le leggi: immagina se ognuno si creasse la propria legge da mettere nel grande calderone delle leggi sarebbe il caos.


Si andrebbero a risolvere entrambe le cose. Qual'è la prima causa per la quale le persone rubano e si ammazzano? I soldi; se te li produci da solo... fine dei problemi.

Il valore in se stesso del danaro non esisterebbe; anzi, potrebbe determinarlo il venditore stesso. Esempio:

Venditore 1: mucca + mungitrice = 10.000 crediti.
Venditore 2: mucca + mungitrice = 30.000 crediti.
Venditore 3: mucca + mungitrice = 15.000 crediti + un computer.

Ognuno potrebbe scegliere di dare i soldi a uno dei tre venditori, in base alle proprie preferenze e inclinazioni caratteriali / spirituali.
Allo stesso tempo il venditore 2, ad esempio, potrebbe accorgersi di avere pochi clienti, quindi rendersi conto di pretendere troppo, e rivedere alcuni aspetti di se stesso, migliorandosi.

benitoche
Inviato: 14/2/2012 11:47  Aggiornato: 14/2/2012 11:47
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/9/2006
Da:
Inviati: 1941
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
la banca senza interessi ,youtubeReport

500 volontari organizzati dedicano GRATUITAMENTE IL LORO TEMPO(in futuro il lavoro,con il reddito di cittadinanza sarà solo volontariato)

"per me rappresenta un modo per impegnarmi attivamente in questioni politiche e se io posso dare il mio contributo per portare il mondo in questa direzione per una società libera dal concetto di interesse lo farei"

OT ma non troppo,la propietà privata

la religione è indispensabile
soltanto a un’umanità rescissa dal mondo divino-spirituale.
gen
Inviato: 14/2/2012 11:47  Aggiornato: 14/2/2012 11:47
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2006
Da:
Inviati: 142
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
@ SilvioTO
credo avvenga già una cosa del genere. Uno offre il bene al prezzo che crede compatibilmente con i propri costi e il compratore decide.

paulop
Inviato: 14/2/2012 11:47  Aggiornato: 14/2/2012 11:47
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/12/2007
Da:
Inviati: 40
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Il problema centrale del sistema monetario è la moneta emessa come un DEBITO.

Se la moneta fosse emessa dallo Stato o da istituzioni private o associazioni SENZA interesse essa NON rappresenterebbe un DEBITO, ma un MEZZO di pagamento a CREDITO.

Per NON rendere la moneta INFLAZIONATA, bisogna EQUILIBRARE la produzione di RICCHEZZA e l'emissione delle moneta. Anche l'opposto all'emissione è possibile: la raccolta di moneta tramite la prestazione di servizi o produzione da parte dello Stato o istituzioni o associazioni.

RICCHEZZA (reale) = LAVORO (merce e servizi) = MONETA (misura monetaria).

La funzione dello Stato sarebbe di MISURARE la produzione di RICCHEZZA e l' EMISSIONE di MONETA.

Se possiamo NON usare moneta, la cosa è ancora meglio.

Un sistema di compensazione multilaterale (BARTER) di merci e servizi convertiti in CREDITI dentro un circuito di associati ridurrebbe l'uso della moneta. Le aziende, specialmente dentro una filiera, potrebbero scambiarsi merce e servizi SENZA l'uso di moneta. I sistemi (che esistono già) sono basti su piattaforme informatiche gestite dalle associazioni stesse anche SENZA fini di lucro.

Il BARTER è già usato tra NAZIONI nel mondo. Ci sono tantissimi accordi bilaterali tra paesi dove solo la COMPENSAZIONE viene praticata.

Ora, in Italia e nel mondo, il BARTER sta diventando sempre più importante. La restrizione del credito bancario e gli alti interessi sono i motivi principali.

In realtà, basta pensare con CUORE e con BUON SENSO per trovare le soluzioni.

Quando tutti noi supereremmo le nostre PAURE e EGOISMI, la soluzione verrà naturalmente.

Davide71
Inviato: 14/2/2012 11:50  Aggiornato: 14/2/2012 11:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/7/2006
Da:
Inviati: 2108
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Ciao a tutti:

il problema delle economie occidentali non sono affatto i prestiti, ma le pensioni. Questo è il vero cancro che distruggerà tutta la civiltà Occidentale.
Quando le pensioni non c'erano la maggior parte della gente non aveva altro modo, per assicurarsi una vecchiaia serena, che investire i frutti del proprio lavoro.
In genere l'investimento erano i figli, che venivano ISTRUITI nel mestiere dei padri e EDUCATI ad un'etica di solidarietà e rispetto degli anziani. I genitori avevano un interesse diretto e preciso affinché ciò avvenisse, perché si trattava appunto di assicurarsi una vecchiaia serena.
Quelli che potevano permettersi una pensione nel senso di accumulare un capitale non erano poi molti, e spesso ne accumulavano a sufficienza solo per finire in un monastero.
Adesso che se ne occupa lo Stato la gente perde completamente l'interesse nell'istruzione e nell'educazione dei giovani, e non mi riferisco solo ai genitori stessi, ma agli stessi insegnanti, che non si rendono conto che saranno i loro alunni a pagare le loro pensioni; ma in generale l'intero mondo economico si disinteressa delle nuove generazioni, nella convinzione che otterranno una vecchiaia serena accumulando capitale.
Per rendersene conto basta pensare all'industria dei giochi per PC, cellulari, per non parlare della televisione, delle discoteche e tralasciando completamente il discorso dei divertimenti illegali!
Perchè, intendiamoci, saranno sempre e comunque i nostri figli a pagare le nostre pensioni!
Lo Stato, gestito com'é da incompetenti e corrotti, crea un senso generalizzato di deresponsabilizzazione che corrode ogni segmento della società, e si riversa tutto sulle nuove generazioni.
Quali sono le soluzioni adottate?
1) Gli sbarchi di extracomunitari che, ricattati col ritiro dei permessi di soggiorno pagano le tasse;
P.S. non crediate che funzioni così bene...
2) le guerre, allo scopo di schiavizzare interi popoli che pagheranno le nostre pensioni;
P.S. ho i miei dubbi che questo sistema funzioni bene, soprattutto nel lungo periodo...
ma come disse Keynes, nel lungo periodo siamo tutti morti!
Se dobbiamo proprio abolire qualcosa ABOLIAMO LE PENSIONI!
Una volta la gente investiva nei figli, ma anche nella propria attività, perché ci avrebbero lavorato i figli (che avrebbero assicurato loro una serena vecchiaia). Oggi la gente è costretta a dare i soldi allo Stato (e vai di magna magna), il quale lo passa poi al Sistema finanziario (e vai di magna magna), che dopo 40 anni ti restituisce i soldi passando attraverso lo Stato e il sistema finanziario (e vai di magna magna). Nel frattempo questi soldi sono investiti dallo Stato e dal sistema finanziario (e vai di magna magna).
Su questa mostruosa assurdità si posa anche l'idiozia del sistema retributivo, che calcola la pensione su quanto guadagnato negli ultimi stipendi (con relativo codazzo di dipendenti pubblici diventati dirigenti un mese prima di andare in pensione!) che è già criminale di per sè senza aggiungere le successive perversioni. Questo significa porre sulle nuove generazioni (che sono ignoranti, pervertite e corrotte come quelle che le precedono) un macigno al quale risponderanno con un dito medio lungo un metro!
Il prestito a interesse è solo una parte del problema!
Ogni problema economico è solo un riflesso di un problema etico e questo non è mai stato sottolineato con la necessaria chiarezza.
Se è vero che il prestito a interesse genera dei problemi etici, non sono così gravi come quelli generati dal fatto di costringere le persone a delegare allo Stato ogni responsabilità della propia esistenza.

Non date le perle ai cani e ai porci perchè non le mangeranno e vi si rivolteranno contro.
albi1098
Inviato: 14/2/2012 12:04  Aggiornato: 14/2/2012 12:04
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/10/2011
Da:
Inviati: 52
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Articolo interessantissimo e lodevole iniziativa.

Anche se è presente il volontariato esistono comunque vari costi di gestione, delle eventuali strutture ecc. Possono essere ripagati investendo una parte dei depositi dei soci in titoli di stato e utilizzare un'altra parte per finanziare gli stessi a tasso ZERO.

"Se non hai una mente critica per natura è inutile che tu rimanga qui." G.I.Gurdjieff
yarebon
Inviato: 14/2/2012 12:09  Aggiornato: 14/2/2012 12:10
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2366
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Davide71 ok sul problema pensioni, ma tieni conto che tu stai parlando di una società (quella precedente al post moderno) specie in Italia per lo più contadina, meno complessa e dove erano validi i concetti da te espressi. Oggi l'autosostentamento non esiste più perchè dipendiamo da altri per i prodotti della sopravvivenza (cibo, acqua, medicinali). L'unica soluzione sarebbe appunto la fondazione di diverse comunità autogestite che appunto vanno contro la loogica del profitto e del guadagno ed in questo senso la banca svedese mi sembra un piccolo primo passo giusto.

Witt83
Inviato: 14/2/2012 12:11  Aggiornato: 14/2/2012 12:11
Mi sento vacillare
Iscritto: 3/1/2010
Da:
Inviati: 419
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Anche se so che non tutti amano Zeitgeist ed il loro movimento, credo che la spiegazione più completa sul funzionamento e sull'etica della Jak Bank si trovi qui

Massimo, visto che cerchi eventuali obiezioni, ti sollevo quelle fatte da Dusty nei commenti all'articolo "la spirale del debito pubblico" dove avevo messo un link per la Jak bank:

Citazione:
Interessante progetto, che si potrebbe sviluppare in una economia libera, quindi non in Italia: la BCE non vuole concorrenza e farebbe quanto fatto con Zopa, visto il suo successo: la chiuderebbe in modo da "adeguarsi ad una banca". Era un business di successo (gli utenti erano ben contenti di prendere soldi in prestito da altri privati invece di andare in banca) e quindi è stata fermata da quasi tre anni.Dovrebbe ripartire quest'anno ma ancora non ci sono riusciti.


Per tornare a Jak, diciamo però alcune cose che a prima vista non si notano:
- bisogna essere soci e quindi pagare una quota annuale (molto poco, ma pur sempre una cosa assimilabile ad un basso interesse)
- per poter avere prestiti bisogna immettere dei soldi nel sistema e lasciarli li: non si prendono interessi ma si prendono "punti risparmio". Bel trucchetto questo: per non chiamarli interessi ne cambiano il nome


Non vengono applicati interessi passivi, tuttavia, le spese vengono coperte principalmente con le quote sociali annue dei membri, circa 25 euro, e applicando una commissione sui finanziamenti. Attualmente l'equivalente in TAEG è del 2,9% annuale.



La terra possiede risorse sufficienti per provvedere ai bisogni di tutti, ma non all'avidità di alcuni. Gandhi
migZ
Inviato: 14/2/2012 13:07  Aggiornato: 14/2/2012 13:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/2/2012
Da:
Inviati: 91
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
@SilvioTO

Citazione:
Venditore 1: mucca + mungitrice = 10.000 crediti. Venditore 2: mucca + mungitrice = 30.000 crediti. Venditore 3: mucca + mungitrice = 15.000 crediti + un computer.


Ok, capisco il ragionamento, ma perché il venditore dovrebbe darmi una mucca + una mungitrice per i miei crediti?
Cosa può farsene dei miei crediti se può già creare i suoi a piacimento, essendo anche compratore di altro oltre che venditore delle sue cose?

Credo che paulop abbia riassunto molto bene il problema del sistema monetario moderno.
Nel momento in cui non possiamo fare a meno della moneta per commerciare, allora il tutto deve essere delegato allo Stato. (il fatto che poi i rappresentati statali siano corrotti o corruttibili sposta il problema su un altro piano, perché come lo possono essere i rappresentanti statali così possono esserlo i banchieri).
Altrimenti usare il sistema di compensazioni, credo che il Sardex nato in Sardegna si una cosa del genere.

gieief
Inviato: 14/2/2012 13:28  Aggiornato: 14/2/2012 13:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/11/2011
Da: Torino
Inviati: 174
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Citazione:
In realtà, basta pensare con CUORE e con BUON SENSO per trovare le soluzioni.

Quando tutti noi supereremmo le nostre PAURE e EGOISMI, la soluzione verrà naturalmente.
In realtà, basta pensare con CUORE e con BUON SENSO per trovare le soluzioni.


questo è innegabile

sta di fatto che non comprendo, come al solito, discorsi fatti su argomenti specifici come se fossero "scatole" indipendenti l'una dall'altra.

quale è la connessione tra questi due elementi?

a) il signor mario rossi ogni 12 mesi acquista un telefono cellulare e ogni 24 un'automobile

b) la moneta emessa come "debito"

apparentemente non c'è alcuna connessione, sembrano problemi indipendenti. (sempre che tutti li ritengano "problemi").
la nostra cultura li affronta come problemi indipendenti.
ecco dove sta l'errore.

è lo stesso discorso di quando si affronta la malattia in ambito medico.

prima ho fatto una domanda: per cambiare il sistema economico basta cambiare il sistema bancario? ma mi pare ovvio che non sia così.

snapdozier
Inviato: 14/2/2012 13:53  Aggiornato: 14/2/2012 13:53
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/2/2006
Da: Vicenza
Inviati: 75
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Mai sentito parlare di Banca Popolare Etica?
Anche la JAck ddice di non dare interesse e di richiederne il meno possibile. Per pagare sedi, impiegati ecc servono soldi che vengono dagli interessi sugli impegni. Banca Etica si basa già su questi principi più quello di non finanziare la guerra in tutti i suoi aspetti, la deturpazione e l'inquinamento dell'ambiente e di valutare la finanziabilità dei clienti no solo dal loro rating.

Citazione:
quello che conosci non è ancora conoscenza
Polipol
Inviato: 14/2/2012 14:30  Aggiornato: 14/2/2012 14:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/5/2011
Da:
Inviati: 158
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
La Banca Etica ha dei costi piuttosto alti infatti...

aleste85
Inviato: 14/2/2012 14:35  Aggiornato: 14/2/2012 14:35
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/5/2010
Da:
Inviati: 204
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
@SilvioTO
con il sistema che descrivi tu si tornerebbe al baratto.
come ti hanno già giustamente fatto notare cosa me ne frega a me ti farmi pagare in crediti se ne posso creare quanti me ne pare? quindi nessuno creerebbe più crediti per il semplice motivo che nessuno gli accetterebbe più come pagamento .
e si tornerebbe a barattare un bene con un altro bene. il che, permettimi di dire, non è più fattibile nella società moderna

andmaz
Inviato: 14/2/2012 14:43  Aggiornato: 14/2/2012 14:43
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/8/2006
Da:
Inviati: 42
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Perdonate il terribile ot ma volevo sapere se qualcuno di voi ne sà qualcosa...
grazie

http://www.youtube.com/watch?v=-tCgHv12DkQ

clausneghe
Inviato: 14/2/2012 14:52  Aggiornato: 14/2/2012 14:52
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Quali alternative?

Io proprio stamattina ne ho realizzata una moolto radicale...

Ho chiuso il mio (quel misero che restava) conto corrente in banca

Ho compiuto il mio piccolo concreto atto rivoluzionario contro il sistema delle banche, togliendomele dai cuuioni....
Hanno finito di leccarmi eurini anche sulle cartacce che mi inviavano..
Hanno finito di farmi pagare per una carta credito che non utilizzavo..
Hanno finito di leccarmi sei euro al mese di "spese conto"
Ha finito anche lo stato di leccarmi euri con i bolli.

Io li ho fanculati nel concreto,sono contento.

baalbek
Inviato: 14/2/2012 15:11  Aggiornato: 14/2/2012 15:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/6/2006
Da:
Inviati: 103
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
cit. Clausneghe

Quali alternative?

Io proprio stamattina ne ho realizzata una moolto radicale...

Ho chiuso il mio (quel misero che restava) conto corrente in banca

Ho compiuto il mio piccolo concreto atto rivoluzionario contro il sistema delle banche, togliendomele dai cuuioni....
Hanno finito di leccarmi eurini anche sulle cartacce che mi inviavano..
Hanno finito di farmi pagare per una carta credito che non utilizzavo..
Hanno finito di leccarmi sei euro al mese di "spese conto"
Ha finito anche lo stato di leccarmi euri con i bolli.

Io li ho fanculati nel concreto,sono contento.

ti quoto e ti comunico che ti ho anticipato nei fatti già da tempo.....

ho paura di non farcela..
SilvioTO
Inviato: 14/2/2012 15:12  Aggiornato: 14/2/2012 15:12
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/11/2011
Da:
Inviati: 61
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Citazione:
con il sistema che descrivi tu si tornerebbe al baratto. come ti hanno già giustamente fatto notare cosa me ne frega a me ti farmi pagare in crediti se ne posso creare quanti me ne pare? quindi nessuno creerebbe più crediti per il semplice motivo che nessuno gli accetterebbe più come pagamento . e si tornerebbe a barattare un bene con un altro bene. il che, permettimi di dire, non è più fattibile nella società moderna


Quello che intendo evidenziare è che la dipendenza dal denaro deve cessare se l'essere umano si vuole evolvere. Per far si che questo accada un sistema simile a quello che ho proposto potrebbe fare da ponte. Se si è gratificati dall'ottenere crediti vendendo un oggetto lo si potrebbe fare, ma non dovrebbe essere il motore che fa muovere la vita di una persona; la competizione per ottenere danaro non ci ha portati da nessuna parte, e la situazione attuale ne è il risultato. Forse è il momento di andare oltre al funzionamento "meccanico" del mercato, dell'economia, della competizione ecc, non so se mi sono spiegato: la banca, girala come vuoi, controllerà sempre il danaro, ci saranno sempre dei costi, come hanno giustamente evidenziato anche altri, e ci si rigirerà sempre nello stesso brodo.

Giano
Inviato: 14/2/2012 15:18  Aggiornato: 14/2/2012 16:39
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 18/3/2011
Da:
Inviati: 1424
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Dal sito Jakitalia.it:
“A garantire la liquidità del sistema è il meccanismo dei “punti risparmio”: punti che si accumulano nei periodi in cui il socio effettua depositi e si decrementano nei periodi in cui si accede al finanziamento.
Affinché il sistema sia sostenibile, è necessaria dunque l’uguaglianza tra i “punti risparmio guadagnati” e i “punti risparmio spesi”. Al momento dell’accensione del prestito, se i punti accumulati non sono sufficienti a compensare quelli che il prestito consumerà, il socio si obbliga a effettuare un deposito aggiuntivo sul proprio conto, attuando così il meccanismo del “post-risparmio” durante il periodo di rimborso e mantenendo in equilibrio il sistema.”

“Il “punto risparmio” è l’unità di misura monetaria moltiplicata per un mese (ad esempio una persona che deposita una corona per un mese ha maturato un punto risparmio; una persona che chiede 100 corone da restituire in due mesi dovrà rifondere 200 “punti risparmio”).”


Cioè per avere un prestito di 1000 euro che ripagherò in due mesi(ho bisogno di 2000punti), devo avere in deposito almeno 1000 euro da due mesi(2000punti) piu versare 60 euro di cauzione?

Se invece voglio un prestito da 1000 euro e lo voglio restituire in 12 mesi(12000punti) ma in deposito ho solo 100 euro, dovrò aspettare 10 anni(12000punti) prima di poter avere i punti necessari affinché mi venga concesso il prestito.
Oppure, volendo il prestito ma non avendo i punti necessari, dovrò ripagare la rata mensile del prestito(83euro) e contemporaneamente(anzi, il mese precedente)dovrò avere altri 83 euro da depositare sul mio conto. Ogni mese.
Cioè, se non ho punti, nell’anno in cui devo ripagare il prestito di 1000euro dovrò trovare altri 1000euro da depositare sul mio conto nel corso dell’anno(chiedo 1000 e devo trovare 2000). E’ vero che quei 1000 rimangono sul mio conto, ma li devo pur sempre “trovare”.
E’ buono per chi ha già la grana e “scoraggia” chi non ce l’ha dal fare il passo più lungo della gamba.

Correggetemi perché ho capito male di sicuro.

Domanda:
detto che chi ha un conto è anche socio, nel caso di un fallimento il correntista
ha lo stesso trattamento di un cliente di una banca tradizionale, ovvero, è coperto dal fondo interbancario di tutela dei depositi, o si prende tutti i rischi del caso?

EDIT: il calcolo di rientro con esempio 83 euro è vagamente sballato

alsecret7
Inviato: 14/2/2012 15:31  Aggiornato: 14/2/2012 15:31
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/6/2007
Da:
Inviati: 561
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
io credo che molti interesi delle banke vadano anche ai dipendenti che prendono paghe spropositate. tra premi premietti quattordicesime e sedicesime e una cosa vergognosa e anche questo che deve finire non voglio piu pagare interessi a persone che mi rovinanano.

gelu
Inviato: 14/2/2012 15:33  Aggiornato: 14/2/2012 15:33
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/10/2008
Da:
Inviati: 191
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Io ho appena finito di leggere qui

Sangermano
Inviato: 14/2/2012 15:55  Aggiornato: 14/2/2012 15:55
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/2/2012
Da:
Inviati: 55
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Mi piacerebbe leggere un qualsiasi contratto di prestito di questa banca,
leggerlo tutto,da cima a fondo.
Allora salterà fuori l'inghippo.

kickass
Inviato: 14/2/2012 16:41  Aggiornato: 14/2/2012 16:41
So tutto
Iscritto: 21/8/2011
Da:
Inviati: 13
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
il sito e' danese non svedese.

VIMS
Inviato: 14/2/2012 16:48  Aggiornato: 14/2/2012 16:48
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/11/2011
Da: Ai piedi del monte
Inviati: 334
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
@Giano

Anche io ho capito così, leggendo le FAQ.

E’ buono per chi ha già la grana e “scoraggia” chi non ce l’ha dal fare il passo più lungo della gamba.

Mi sembra una forte spinta verso il buon senso e un disincentivo alla speculazione, no?

VIMS

La Virtù sta nel mezzo
Mande
Inviato: 14/2/2012 16:51  Aggiornato: 14/2/2012 16:51
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/1/2008
Da: Cologna veneta
Inviati: 1301
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Consiglio a tutti di guardarsi anche gli altri link presentati nel corso dei commenti e soprattutto il servizio di report e l'intervento di Carlo Giordano.

Jak bank che differenze ha rispetto al sistema bancario tradizionale?

- La moneta che presta proviene fisicamente dal risparmio di altre persone. Non è creata dal nulla come un trucco di prestigio all'atto del prestito come normalmente avviene.

Visto che è stato nominato anche Zopa, che forse qualcun ha già sentito nominare, permettetemi un parere. Sostanzialmente anche Zopa prevedeva questo concetto ma con una grande differenza. L'esigenza di Zopa era puramente speculativa. Molte persone si chiedevano se fosse giusto che le banche guadagnino gli interessi invece che il "risparmiatore". Zopa rispondeva al quesito capovolgendo i termini e facendo sì che la banca trattenesse solo una commissione mentre il grosso degli interessi finisse in mano del prestatore. Ciò che ha affossato Zopa è stato il non istituirsi banca con accusa penale di "illecita raccolta di risparmio da parte di ente non autorizzato" se non ricordo male.
Jak è differente però perché non nasce per profitto ma per solidarietà.

- La banca non richiede un interesse ma solo le "spese vive".

Si è ricordato che anche Jak bank richiede un "interesse". Alle volte si è parlato di 1,7%, altre del 2,9%. Ma è un vero interesse?
Non propriamente. Semplicemente la Jak bank svedese ha una sede con dei costi di gestione e questi vengono ammortizzati nei prestiti che concede. Questa cifra viene spalmata su tutte le rate come fosse un interesse. La differenza con gli interessi tradizionali è che non viene decisa a priori per profitto ma calcolata per riuscire a sostenere le sole spese della banca. Spese che possono essere anche elevate possedendo una sede fisica ma anche quasi nulle gestendo la banca via internet.

Mande
Inviato: 14/2/2012 17:00  Aggiornato: 14/2/2012 17:00
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/1/2008
Da: Cologna veneta
Inviati: 1301
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Alcuni hanno posto l'attenzione sul sistema dei crediti per decidere se e quanto la banca possa prestare.

E' solo uno dei possibili sistemi ed è quello elaborato dalla Jak bank svedese.

Invece di affidarci alla "saggezza del governatore" come avveniva un tempo oppure ai rating matematici come avviene oggi è stato scelto quel sistema.

Si tratta praticamente di un modo certo e non arbitrario per decidere a chi vadano concessi prestiti ed a chi no.

Si può discutere se sia il migliore disponibile o se invece altri metodi sarebbero preferibili ma non inficia minimamente l'idea di banca senza speculazione ed interessi. E' semplicemente un modo oggettivo per decidere chi ha diritto o meno di ricevere un prestito.

Per ricevere un prestito intanto bisogna essere soci ovvero condividere la filosofia della banca. Poi bisogna ricordare che se una persona versa sempre senza mai richiedere nulla può concedere i suoi crediti ad un altra persona che secondo lui merita di ricevere un prestito. Il sistema dei crediti mira a garantire solo la solidità del sistema e cerca di evitare che una persona contragga debiti ai quali poi non può far fronte.

a_mensa
Inviato: 14/2/2012 17:00  Aggiornato: 14/2/2012 17:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
calma ragazzi.
già credete di aver trovato la dimostrazione delle bufale circolanti ?
attenzione che è chiaro cosa dice:
"il denaro viene imprestato A PREZZO DI COSTO".

QUI CI TROVIAMO DI FRONTE AD UNA INTERPRETAZIONE SEMANTICA DA ACCERTARE.

quanto ho sempre sostenuto è che gli interessi, ciò che paghiamo in più rispetto a quanto ricevuto, servono a far funzionare la banca, pagare i dipendenti, i locali, le bollette, e ATTENZIONE !!! I DIVIDENDI.

i dividendi , per una banca sono il guadagno del proprietario (gli azionisti).

nel filmato quanto intende con "interessi" è solo quanto da noi viene distribuito come interessi !!!

LEGGETE BENE, COSA SCRIVE NEL FILMATO !!!!

ora, non ho forse sempre sostenuto che una autorità statale che non sia dominata proprio dal capitale, ovvero da coloro infine che POSSIEDONO il sistema bancario, dovrebbe LIMITARE tale guadagno ? andate a leggere i miei interventi !
ma per avere uno stato NON dominato dal capitale, occorrerebbe una VERA democrazia, ovvero quanto ho sempre sostenuto.

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
Mande
Inviato: 14/2/2012 17:09  Aggiornato: 14/2/2012 17:09
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/1/2008
Da: Cologna veneta
Inviati: 1301
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Nei vari video si parla delle "credenze comuni" rispetto agli interessi che andrebbero sfatate come il credere che se non ci indebitiamo non paghiamo il costo degli interessi.

Queste affermazioni non sono mere ipotesi ma il frutto degli studi di Margrit Kennedy la quale ha collezionato e messo insieme il suo lavoro partendo da altri studi.

Il suoi studi sono stati pubblicati nel suo libro “La moneta libera da inflazione e da interesse” edito anche in Italiano.

Riassunti delle sue argomentazioni li si trovano nel suo sito:
http://www.margritkennedy.de/presentations.html

Ed anch'io li avevo presentati nei forum
http://www.luogocomune.net/site/modules/newbb/viewtopic.php?topic_id=4264&forum=46

Giano
Inviato: 14/2/2012 17:30  Aggiornato: 14/2/2012 17:30
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 18/3/2011
Da:
Inviati: 1424
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
VIMS Citazione:
Mi sembra una forte spinta verso il buon senso e un disincentivo alla speculazione, no?


Ciao VIMS, si, dovrebbe essere così, però le modalità del meccanismo del deposito aggiuntivo
e del meccanismo del post-risparmio non le ho comprese bene, non mi sembrano portare vantaggio
a chi non ha liquidità ma ad esempio può portare in garanzia dei beni(casa ad es.).

P.S. ti avviso che in queste materie sono scarsissimo, vacci piano.

VIMS
Inviato: 14/2/2012 17:48  Aggiornato: 14/2/2012 17:48
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/11/2011
Da: Ai piedi del monte
Inviati: 334
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
@ a_mensa

Credo che la questione si giochi proprio sulla "estensione" di tale apparato.
Mi sembra di capire che tu abbia già parlato di una soluzione simile estesa ad un numero di persone paragnabili a quelle di una nazione. Dico bene?

La democrazia funziona bene in un cerchio ridotto di individui, secondo me.

Massimo, nella sua laconicità di fine articolo, mi sembra che abbia già accennato a questa problematica.

VIMS

La Virtù sta nel mezzo
incredulo
Inviato: 14/2/2012 17:50  Aggiornato: 14/2/2012 17:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Autore: a_mensa

quanto ho sempre sostenuto è che gli interessi, ciò che paghiamo in più rispetto a quanto ricevuto, servono a far funzionare la banca, pagare i dipendenti, i locali, le bollette, e ATTENZIONE !!! I DIVIDENDI.

Già questi DIPENDENTI, ma quanto costano a questa opera caritatevole che ci aiuta nelle difficoltà?

Gli affitti, le bollette ma come cazzo faranno questi disgraziati?

Pensa, nonostante ci siano i costi per operazione, i costi sui bonifici, gli estratti conto trimestrali, la custodia titoli, percentuali occulte, commissioni di acquisto e vendita e decine di balzelli vari, SONO COSTRETTI ad usufruire degli interessi, come non giustificarli?

Poi con l'agguerrita concorrenza questi poveracci devono fare cassa per gli investimenti futuri, perchè non sono in regime di monopolio.

Vuoi privare questi disgraziati dei loro sacrosanti DIVIDENDI?

Saluti

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
VIMS
Inviato: 14/2/2012 18:05  Aggiornato: 14/2/2012 18:05
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/11/2011
Da: Ai piedi del monte
Inviati: 334
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
@Giano

ti avviso che in queste materie sono scarsissimo

Siamo in due.

Riporto dal sito:

Al momento dell’accensione del prestito, se i punti accumulati non sono sufficienti a compensare quelli che il prestito consumerà, il socio si obbliga a effettuare un deposito aggiuntivo sul proprio conto, attuando così il meccanismo del “post-risparmio” durante il periodo di rimborso e mantenendo in equilibrio il sistema.

Io l'ho intesa così. Al momento dell'accensione del prestito, se non ho abbastanza punti risparmio, vengo obbligato (firmando un contratto?) a fare un deposito aggiuntivo (non ho capito bene se) durante la restituzione o dopo che ho finito di restituire.

Mi spiace se non sono riuscito a chiarire.

VIMS

La Virtù sta nel mezzo
a_mensa
Inviato: 14/2/2012 19:00  Aggiornato: 14/2/2012 19:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
@ incredulo
hai poco da ironizzare.... setu conosci qualcuno che lavori gratis, oltre al volontariato, fammelo sapere.

hai mai provato a fare solo il conto approssimativo di quanto costi una piccola agenzia con 5 persone dentro ? dai provaci così comincerai a capire come si sta a questo mondo.

che poi gli UTILI del sistema bancario siano eccessivi, l'ho sempre sostenuto .... vattelo a leggere nei miei post ! e qui casca l'asino perchè bisognerebbe capire chi li dovrebbe limitare !!!

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
Redazione
Inviato: 14/2/2012 19:38  Aggiornato: 14/2/2012 19:47
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
ERMETICO: Citazione:
Ma gli stipendi e le spese di gestione della JAK come sono coperti? Dalle quote associative?
Presumo di sì, ma mi informo meglio. (La risposta vale anche per tutti gli altri che hanno posto questa domanda).

***

GIEIEF: Citazione:
“in tutto ciò, andando a monte, la domanda che faccio in generale è: basta cambiare il sistema bancario per cambiare l'economia?”
Non credo che loro stessi (Jak) lo sostengano. Più che altro, mi sembra una proposta di tipo “morale” (ideologico), intesa ad indicare un modo diverso di concepire il rapporto fra l’uomo e il denaro.

Solo cambiando questa concezione potrà eventualmente “cambiare l’economia”.

***

DUSTY: Citazione:
- bisogna essere soci e quindi pagare una quota annuale (molto poco, ma pur sempre una cosa assimilabile ad un basso interesse).
Non capisco. La quota annuale è una cifra fissa, che paghi in ogni caso, mentre gli interessi sono una cifra percentuale, che paghi solo se prendi un prestito. Cosa c’entra una cosa con l’altra? Adesso se mi iscrivo al “Moto club Vigevano” sto pagando degli interessi?

Spiegati meglio please.

Citazione:
- per poter avere prestiti bisogna immettere dei soldi nel sistema e lasciarli li: non si prendono interessi ma si prendono "punti risparmio". Bel trucchetto questo: per non chiamarli interessi ne cambiano il nome.
Anche qui, non capisco: lasciare i soldi a disposizione degli altri (punti attivi) permette che in futuro altri mettano i loro soldi a tua disposizione (punti passivi). Ma sono sempre gli stessi soldi, non ne introduci di nuovi (come avviene invece se paghi gli interessi).

Spiegati meglio please.

***

A_MENSA: Citazione:
nel filmato quanto intende con "interessi" è solo quanto da noi viene distribuito come interessi !!! LEGGETE BENE, COSA SCRIVE NEL FILMATO !!!!
Ho notato anch’io che parla degli interessi “interni”, fra banca e clientela. Ma dov’è la differenza, secondo te?

Citazione:
ma per avere uno stato NON dominato dal capitale, occorrerebbe una VERA democrazia, ovvero quanto ho sempre sostenuto.
Anch’io ho sempre sostenuto che ci vorrebbe più giustizia al mondo, se è solo per quello. Il problema è che non so dove andare a comperarla.

***

Rispetto alle altre domande, ho preso nota di tutto, grazie. Spero di riuscire a fare questa intervista.

LoneWolf58
Inviato: 14/2/2012 19:56  Aggiornato: 14/2/2012 19:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Chissà magari si torna alla Cassa Peota anche se stanno facendo di tutto per toglierla di mezzo... ;)

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
Mande
Inviato: 14/2/2012 19:59  Aggiornato: 14/2/2012 19:59
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/1/2008
Da: Cologna veneta
Inviati: 1301
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Aggiungerei una serie di domande per capire meglio il funzionamento della Jak bank.

Nei vari video si parla del sistema dei crediti per decidere chi e quanto possa ricevere prestiti come di sistema evoluto nel corso del tempo.

Si potrebbe avere una cronistoria a grandi punti della evoluzione del meccanismo?

Perché è stato scelto attualmente questo particolare meccanismo? Che vantaggi ha portato rispetto a quelli precedenti e sono noti dei punti critici che tale sistema non affronta?

Sapreste stimare l'uso principale che viene fatto del credito che concedete?
(Consumo, immobili, nuove imprese, modernizzazioni aziende, privati od aziende)

Un particolare non indifferente e che mi sembra sia già stato chiesto è cosa succede nel caso di insolvenza del debitore.
Capita spesso o non è mai capitato? Vi regolate come banche ordinarie oppure avete un altro approccio alla soluzione del problema?

cibernoid
Inviato: 14/2/2012 20:39  Aggiornato: 14/2/2012 20:39
Ho qualche dubbio
Iscritto: 19/9/2010
Da:
Inviati: 67
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Le banche non dovrebbero esistere e basta. Non dovrebbero esistere gli stati, la delega, la rappresentanza, le società per azioni e il danaro. Sono tutte creazioni artificiali e contronatura, strumenti di schiavizzazione spacciati come imprescindibili. E a mio avviso la controprova è data dal fatto che noi, in quanto schiavi, non pretendiamo la loro cancellazione ma chiediamo pietosamente che questi strumenti continuino ad esistere seppur modificati in strutture dotate di moralità.
Questi artifizi non appartengono al progresso in alcun modo, lo dimostra la cronaca, i fatti, lo dimostra la storia e la nostra incapacità di immaginare un mondo senza la loro esistenza è il sintomo che difficilmente qualcosa possa cambiare.

Bisognerebbe ripensare la storia in modo diverso, ovvero senza utilizzare gli strumenti che ci mette a disposizione il presente, che è corrotto, ma ripercorrendola dall'inizio partendo dalle condizioni di vita create dalla natura, prima che l'uomo mettesse in piedi un sistema sociale complesso basato sull'autorità, la gerarchia, il possesso e il danaro valutando uno per uno tutti i cambiamenti all'ordine naturale che sono stati apportati, chiedendosi perchè e a vantaggio di chi.

A margine, non ho mai approfondito più di tanto ma mi risulta che il sistema bancario musulmano sia sempre stato privo di interessi sui prestiti.

Jurij
Inviato: 14/2/2012 21:34  Aggiornato: 14/2/2012 21:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
No non ci siamo.
Quale sarebbe la molla che spingerebbe i possessori di sostanze a prestare le stesse?
“Non ricevo interessi? Allora mi tengo i miei soldi.”
No cosi non va.

Cito filmato:
“Paga di più in interessi rispetto a ciò che riceve sui risparmi” per forza , la differenza sono le prestazioni di gestione… più un po’ di soldi rubati :o)

La sostanza sono beni e ricchezza che devono rientrare nel circolo dell’economia, se non rientrano devono perdere ancora più valore rimanendo fuori, come ho già fatto l’esempio una volta con le merci/beni, i quali sono tutti deteriorabili.
Come si fa a fargli perdere valore? Con l’inflazione.

I tassi d’interesse non vanno bene perché non sono chiari (un raggiro).
Le prestazioni di gestione dei capitali, quelle si sarebbero più chiare e dimostrabili, nonché giuste perché si tratta di prestazioni/servizi.

C’è un modo più o meno facile per capire se si va nella giusta direzione.
Immaginatevi non i soldi, ma i beni corrispondenti, cioè pane o uova e poi pensate a cosa fareste se voi foste possessori di un’enorme quantità sul momento (pane appena sfornato o uova appena deposte).
Il valore dei soldi deve comportarsi come un bene qualsiasi, quindi se non lo investo mi sparisce comunque e in ogni caso ad ogni giorno che passa mi perde del valore.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
levitor
Inviato: 15/2/2012 0:20  Aggiornato: 15/2/2012 0:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 19/12/2011
Da:
Inviati: 290
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
La Jak Bank è solo un tentativo di banca etica che può funzionare solo se sono etici i suoi soci-utenti.
In un paese a bassa civilizzazione come il nostro durerebbe una settimana.
Quella della banca etica non è una soluzione praticabile su larga scala: serve solo al circuito bancario usuraio per mostrare che ha una coscienza (che non esiste).
Il paradigma deve essere invece completamente ribaltato: la moneta è un bene nazionale e non bancario.
In quanto bene primario strategico, la moneta deve essere "nazionalizzata" e gestita unicamente dallo Stato attraverso il proprio circuito bancario, secondo logiche creditizie ma anche di politica economica e sociale.
Nella mia visione le banche commerciali sparirebbero del tutto, eliminandosi radicalmente la truffa della riserva frazionaria.
Lo stesso dovrebbe avvenire per l'energia, altra risorsa strategica per una nazione.
Ah, tutto questo si chiama nazionalismo.

Pispax
Inviato: 15/2/2012 2:29  Aggiornato: 15/2/2012 2:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Se sono ancora in tempo, un paio di domande voglio proporle anch'io.

1) i soldi depositati e non ancora prestati, restano infruttiferi o vengono investiti in qualche modo?
(la domanda è meno sciocca di quello che sembra. Anche se il suo scopo non è di essere insidiosa. Si limita a definire i confini fra un modello solidaristico difensivo del credito, finanziato da una tassa del 2.5%, da una visione alternativa in termini più filosofici)

2) con il modello proposto dalla banca JAK, per una giovane coppia che vuole acquistare casa è più facile o più difficile ottenere un prestito?
(Questo problema in Svezia si pone poco, ma in Italia si pone molto. In ogni caso descrive bene l'accesso al credito, che è l'ALTRO grande problema)

3) Se all'improvviso la JAK si trovasse ad avere 10 milioni di iscritti, ovvero a dover gestire una massa monetaria migliaia di volte più grande di adesso (e con anche la parte "infruttifera" grande in conseguenza), in che modo cambierebbe - perché CAMBIEREBBE - il loro modello?

Gys
Inviato: 15/2/2012 4:21  Aggiornato: 15/2/2012 4:21
So tutto
Iscritto: 24/10/2008
Da: Cagliari
Inviati: 17
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Conferenza Giorgio Simonetti:
Jak Bank la banca interessante senza interessi
Francesca Zigliotto - Jak Italia
Giorgio Simonetti - autore e videomaker

https://www.youtube.com/watch?v=OsnaxLV4ygw

Dusty
Inviato: 15/2/2012 10:51  Aggiornato: 15/2/2012 10:51
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/10/2005
Da: Mondo
Inviati: 2248
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
@Max
A mio avviso il titolo è fuorviante ed ha ben poco a che fare con la Jak: il sistema monetario in cui opera la Jak è la corona svedese, ed eventualmente l'Euro, nel caso in cui riescano a riprodurre il modello qui da noi.
Un sistema monetario alternativo è quello del Gold Standard, o di Bitcoin: ma la politica in cui una banca presta i propri soldi non cambia il modello, anzi, ci lavora completamente all'interno.

Come ben sappiamo infatti in tema monetario le regole sono molto strette ed un cente centrale (la BCE, incarnata in Italia dalla BdI) può decidere cosa si può fare, chi lo può fare, e come.

In tal senso una delle iniziative più interessanti era quella di Zopa, secondo me anche più avanti di Jak: meno burocrazia, nessun costo di iscrizione, ognuno poteva decidere di prestare quello che voleva all'interesse che voleva, a chi voleva. Tutto il potere decisionale era in mano alle singole persone.

Ha avuto un ottimo successo, prestava soldi senza creare moneta, ed ha permesso a tante persone comuni di avere anche dei microfinanziamenti, e per questo la Banda d'Italia li ha distrutti senza pietà.

Riguardo alle domande da fare, io chiederei dettagli su questa faq, perchè non mi è affatto chiara:
Citazione:
Come si finanziano la struttura e gli stipendi degli impiegati della banca svedese JAK?

Non vengono applicati interessi passivi, tuttavia, le spese vengono coperte principalmente con le quote sociali annue dei membri, circa 25 euro, e applicando una commissione sui finanziamenti. Attualmente l'equivalente in TAEG è del 2,9% annuale.

Quello che non capisco è a chi viene applicato questo interesse del 2.9% annuo, e per cosa.

La domanda fondamentale da fare invece è: applicate la riserva frazionaria?

Questa stessa domanda sarebbe da porre alla già nominata Banca Etica: quando l'ho fatto ed ho cominciato a discuterne con uno dei ragazzi ai banchetti che pubblicizzano Banca Etica ed i suoi (sicuramente condivisibili) obiettivi, la risposta è stata poco cortese, si sono scaldati subito ed ancora un po' e mi mettono le mani addosso...

Citazione:
GIEIEF: Citazione:

“in tutto ciò, andando a monte, la domanda che faccio in generale è: basta cambiare il sistema bancario per cambiare l'economia?”

Non credo che loro stessi (Jak) lo sostengano. Più che altro, mi sembra una proposta di tipo “morale” (ideologico), intesa ad indicare un modo diverso di concepire il rapporto fra l’uomo e il denaro.

Solo cambiando questa concezione potrà eventualmente “cambiare l’economia”.

Qui ti sbagli di grosso: il sistema monetario cambia ed in parte impone un tipo di economia.
Questa è una delle critiche più importanti al sistema attuale che infatti è tutto impostato sul consumismo più sfrenato ed il delegare tutti i problemi alle generazioni future fregandosene delle conseguenze delle proprie azioni.

L'unica scuola economica che propone un'economia basata invece sulle risorse è quella austriaca, ed è per questo che è così brutalmente attaccata dall'establishment.

La moneta è lo strumento economico più importante in quanto quello su cui è costruito tutto il resto: se è marcia, marce sono le fondamenta, e tutto il castello cadrà inevitabilmente mietendo innumerevoli vittime.

In tal senso è inutile parlare di tutto il resto senza prima parlare di una moneta sana (sound), che è il presupposto appunto per tutto il resto.

Citazione:
Non capisco. La quota annuale è una cifra fissa, che paghi in ogni caso, mentre gli interessi sono una cifra percentuale, che paghi solo se prendi un prestito. Cosa c’entra una cosa con l’altra? Adesso se mi iscrivo al “Moto club Vigevano” sto pagando degli interessi?

Hai ragione, mi sono espresso male: intendevo dire che una banca deve guadagnare per poter rimanere in piedi e continuare a funzionare: la scelta se chiedere un fisso ad ogni cliente oppure una % sui prestiti è meramente economica e dipende da tante altre variabili, ad esempio quale è la cifra massima che posso prendere in prestito.

Citazione:
Citazione:
- per poter avere prestiti bisogna immettere dei soldi nel sistema e lasciarli li: non si prendono interessi ma si prendono "punti risparmio". Bel trucchetto questo: per non chiamarli interessi ne cambiano il nome.


Anche qui, non capisco: lasciare i soldi a disposizione degli altri (punti attivi) permette che in futuro altri mettano i loro soldi a tua disposizione (punti passivi). Ma sono sempre gli stessi soldi, non ne introduci di nuovi (come avviene invece se paghi gli interessi).

Mi pare di aver già dimostrato a sufficienza come pagare degli interessi non faccia necessariamente introdurre nuova moneta, del resto questo è il fondamento della scuola austriaca, che sostiene che una quantità fissa di moneta sarebbe l'ideale per l'economia (ed in tal senso è l'oro, tra varie possibilità, una delle monete che più si avvicina a questo optimum).

La tecnica di Jak mi porta a fare due considerazioni: la prima è che per i depositi, al posto di dare interessi monetari si danno dei "punti", che poi possono essere spesi solo dentro allo stesso circuito, e quindi sono assimilabili a dei "buoni sconto", come quelli di un supermercato che cerca di fidelizzare il cliente.
Cioè sono un interesse (visto che dipendono dalla somma depositata), ma di valore minore in quanto utilizzabili solo per determinate attività invece che per farci qualunque cosa.

Il secondo punto che vedo un po' critico è: come fa una persona che per ipotesi non ha da parte grosse somme, a chidere un prestito, visto che non ha la possibilità di accumulare questi famosi "punti"?

Il tipico esempio è quello del ragazzo che vuole mettere su famiglia, finalmente trova lavoro e vuole stipulare un mutuo che gli costerà una parte del suo stipendio per un (bel) po' di tempo.

Quando uno comincia a lavorare, normalmente soldi da parte ancora non ne ha, e quindi non potrebbe chiedere prestiti?

In ogni modo ottima iniziativa quella di intervistarli :)

Ciao,
Dusty

"Tu non ruberai, se non avendo la maggioranza dei voti"
-- Dal Vangelo Secondo Keynes, Capitolo 1, verso 1.
Il portico dipinto
clausneghe
Inviato: 15/2/2012 11:12  Aggiornato: 15/2/2012 11:12
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Autore: cibernoid Inviato: 14/2/2012 20:39:12 Le banche non dovrebbero esistere e basta. Non dovrebbero esistere gli stati, la delega, la rappresentanza, le società per azioni e il danaro. Sono tutte creazioni artificiali e contronatura, strumenti di schiavizzazione spacciati come imprescindibili. E a mio avviso la controprova è data dal fatto che noi, in quanto schiavi, non pretendiamo la loro cancellazione ma chiediamo pietosamente che questi strumenti continuino ad esistere seppur modificati in strutture dotate di moralità. Questi artifizi non appartengono al progresso in alcun modo, lo dimostra la cronaca, i fatti, lo dimostra la storia e la nostra incapacità di immaginare un mondo senza la loro esistenza è il sintomo che difficilmente qualcosa possa cambiare. Bisognerebbe ripensare la storia in modo diverso, ovvero senza utilizzare gli strumenti che ci mette a disposizione il presente, che è corrotto, ma ripercorrendola dall'inizio partendo dalle condizioni di vita create dalla natura, prima che l'uomo mettesse in piedi un sistema sociale complesso basato sull'autorità, la gerarchia, il possesso e il danaro valutando uno per uno tutti i cambiamenti all'ordine naturale che sono stati apportati, chiedendosi perchè e a vantaggio di chi.

Quoto tutto meno la parte islamica,lasciamola là la sharia

Finalmente uno che ha le idee chiare e non fà miserabili discorsi da ragioniere, come ultimamente vedo sempre più spesso qui su LC..

Senza troppo rispetto per i ragionieri & affini, ci mancherebbe..


peonia
Inviato: 15/2/2012 12:41  Aggiornato: 15/2/2012 12:41
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
a proposito di Banche etiche......
http://www.comedonchisciotte.org/site//modules.php?name=News&file=article&sid=9872

non sapevo esistessero anche questi DERIVATI-MORTE!



...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
a_mensa
Inviato: 15/2/2012 13:07  Aggiornato: 15/2/2012 13:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
@ redazione.
chiedo scusa , ma nel mio post ho commesso un errore, che poteva esser rilevato seguendo il senso del tutto.
infatti ho scritto :

nel filmato quanto intende con "interessi" è solo quanto da noi viene distribuito come interessi !!!

mentre doveva essere:

nel filmato quanto intende con "interessi" è solo quanto da noi viene distribuito come DIVIDENDI !!!

chiedo scusa per lo svarione.

mentre da noi gli interessi coprono il 90% delle spese vive + i dividendi e le tasse, da loro, le spese vive vengono conteggiate a parte e pagate con il contributo sia dei soci iscritti sia di chi chiede prestiti.

non ci sono quindi ne tasse ne dividendi, e questo fa la differenza, oltre al fatto che i "proprietari" anzichè essere gli azionisti, sono i soci.

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
ennedieffe
Inviato: 15/2/2012 15:42  Aggiornato: 15/2/2012 15:45
So tutto
Iscritto: 15/2/2012
Da:
Inviati: 2
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Ciao Massimo non ho potuto ritrovare il vecchio account.

Questo tipo di propaganda, a prescindere dal fatto che non è male, nel senso che il principio del prestito senza interessi è quello stesso della banca islamica pre invasione dell'impero, vedasi la legge contro l'usura della banca centrale dell'Iran, d'altro canto sembra fatto su misura per nascondere il fatto che le banche commerciali e le banche centrali creano denaro dal nulla al momento dell'emissione e dell'erogazione del mutuo.

Non era tanto tempo fa che ricordo ancora come mio padre e i suoi amici si prestavano anche ingenti somme tra di loro senza o quasi senza interessi. Perché ci sarebbe bisogno adesso di una banca? Rivendico la libertà di maneggiare tante banconote e di prestarle a chi voglio io, banconote che rappresentano appena il 2% di tutta la moneta/crediti circolanti.

Mi sembra quindi la solita scandinavata.

Siamo il paese dove è stata inventata la partita doppia - corretta non rovesciata come adesso - e la banca. Basterebbe andare a vedere il funzionamento degli inizi della Monte dei Paschi, e anche prima della sua privatizzazione, essa era una banca controllata dal pubblico in forma cooperativa, se un socio decideva di andarsene riprendeva la sua quota senza interessi, e tutti gli utili erano reinvestiti - come da vera cooperativa - sul territorio.

Trasposto il tutto al giorno d'oggi bastarebbe che il pubblico emettesse titoli pubblici a zero coupon - con valore di moneta - sulla base del nostro immenso patrimonio pubblico e immobiliare, un po' come faceva la monte dei paschi agli inizi, credito in cambio del pegno dei pascoli, su cui si presupponeva avrebbero reso un reddito.

Noi parliamo della Jak quando hanno votato il Fiscal Compact e il MES??? Cioé hanno sancito la dittatura usurodebitocratica europea??? Dobbiamo riprenderci la sovranità monetaria...

TWNP
Inviato: 15/2/2012 16:11  Aggiornato: 15/2/2012 16:11
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/11/2011
Da:
Inviati: 642
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Per Jurji:
ma se quei soldi non li hai consumati vuol dire che quello che
hai basta a soddisfare la tua utilità generale.
Se l'interesse fosse vietato per legge, perchè mai dovresti tenerti
i tuoi soldi sotto la mattonella?
Perlomeno, prestandoli avresti garantito il rientro del tuo capitale
al valore reale (questo è un punto centrale, vi deve essere una garanzia
collettiva oltre alla remunerazione dei dipendenti della banca
direttamente legata alla funzione sociale e all'utilità generale dei prestiti),
mentre mettendoli sotto la mattonella perderesti il valore eroso
dall'eventuale inflazione che non è determinata solo da cause monetarie.
In più, prestando quei soldi aiuteresti l'economia del paese in cui vivi
e dunque aumenteresti il tuo grado di sicurezza personale.
Perchè sai, a volte sei martello, ma altre sei incudine...

Redazione
Inviato: 15/2/2012 17:54  Aggiornato: 15/2/2012 17:54
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Mi sono svegliato apposta per chiamare la banca alle 16.45 locali, ma c'era già la segreteria telefonica.

Se qualcuno potesse fare una chiamata nelle ore centrali della giornata, solo per sapere che orari di lavoro hanno, lo ringrazio molto.

Dall'Italia il numero è : 00-46-(0)500-46 45 00

Mande
Inviato: 15/2/2012 18:16  Aggiornato: 15/2/2012 18:16
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/1/2008
Da: Cologna veneta
Inviati: 1301
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Redazione
Citazione:

Mi sono svegliato apposta per chiamare la banca alle 16.45 locali, ma c'era già la segreteria telefonica.

Se qualcuno potesse fare una chiamata nelle ore centrali della giornata, solo per sapere che orari di lavoro hanno, lo ringrazio molto.

Dall'Italia il numero è : 00-46-(0)500-46 45 00


Non è detto che trovi a rispondere qualcuno che conosce l'inglese. Di sicuro non parlano l'italiano. Forse ti converrebbe concordare prima una intervista via mail. Magari così potete parlarvi in maniere alternative al telefono tipo skype.

L'orario a cui rispondono al telefono è:
http://www.jak.se/kontakta-jak/adressuppgifter
Citazione:

Si può telefonare tra le 9:30-16:00 Lunedi al Giovedi dalle 9.30 alle 15:00 venerdì. Serate alle 20.00 nella dichiarazione della banca. Se vuoi arrivare per posta, il nostro indirizzo JAK Members Bank , Box 216 541 25 Skövde indirizzo è Vasagatan 14 Informazioni sull'ordine, si può fare dalla nostra parte materiale Ordine .

Fuso orario uguale a quello italiano.
Informazioni valide ovviamente salvo festività locali che non conosco.

Redazione
Inviato: 15/2/2012 18:48  Aggiornato: 15/2/2012 18:48
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
MANDE: Stort tack.

Gargamella
Inviato: 16/2/2012 10:12  Aggiornato: 16/2/2012 10:12
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/5/2010
Da:
Inviati: 53
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Gli interessi su un prestito (come ha già fatto notare qualcuno), assieme a costi di mantenimento di un conto, costi di commissione, ecc. rappresentano le entrate di una banca. Le sue uscite sono appunto affitti, stipendi, bollette, tasse, ecc. Quindi si può dedurre che una banca è un azienda come tutte le altre che fornisce un servizio ai cittadini. La differenza rispetto alle altre è che gestisce una risorsa che può essere paragonabile al sangue per il corpo umano. Ad esempio io posso scegliere se acquistare un auto oppure pagare un abbonamento al trasporto pubblico. Pagarmi una vacanza in crocera oppure farmi una semplice passeggiata in montagna.
Nel caso della banca, invece, per la quasi totalità delle persone (ora pure i pensionati), è indispensabile aprire un conto corrente se voglio partecipare a questa società civile. Oppure richiedere un prestito se voglio intrapprendere un'attività economica visto che il baratto non viene accettato.
Il problema è che si è il formarsi di cartelli che ti propongono tassi da strozzini. L'idea già proposta da molti è quello di nazionalizzare le banche, considerando il settore bancario (depositi e prestiti, non investimenti) come un settore chiave della società al pari della gestione dell'acqua, delle telecominicazioni, ecc. La gestione pubblica comporta una serie di problematicche note a molti. Nonostante ciò, a mio giudizio, la direzione da seguire e quella di puntare sul pubblico risolvendo i problemi storici che si incontrano.
Questo per ottenere un semplice obiettivo: la gente può usufruire di un servizio pagato "il giusto", ovvero quel tanto per coprire le spese ed avere un limitato margine di guadagno. Nella gestiione privata invece non si ha una filosofia filantopica, ma al contrario si cerca a tutti costi (anche a spese dell'etica) di massimizzare i profitti. Come è concebibile che una persona alla guida di una banca guadagni milioni di euro e bonus a raffica? Secondo me proprio questo tipo di cultura ha incentivato l'accumulo di denaro in mani di pochi (PROBLEMA GENERALE).
Le conseguenze sono ovvie. Da un lato abbiamo la banca centrale che controlla la massa monetaria totale (per semplificare, presumo in base alla produzione per minimizzare inflazione e fenomeni simili). Dall'altra abbiamo queste dispense dove giace una grossa quantità di denaro inutilizzato e improduttivo. Poi non bisogna lamentarsi se i negozi sono pieni di merce invenduta e la gente "non ha i soldi" per comprarla.
Ora non bisogna cadere da un eccesso all'altro (cioè tornare al comunismo), ma adottare delle strategie avendo alle spalle seri studi economici e sociali con l'obbiettivo di evitare situazioni estreme. Pensiamo ad esempio a banali politiche fiscali. Hai del denaro depositato che non fa nulla (improduttivo) o dei beni di lusso dei quali possono godere solo in pochi, verrai tassato molto di più di quello che prende il suo denaro e lo investe in attività produttive (meglio se compatibili con l'ambiente) creando posti di lavoro.
Mi rendo conto che al contorno permangono problemi non di poco conto come la fuga di capitali all'estero e uno Stato efficente e meno corrotto (o per nulla corrotto che è meglio).

Io non credo in dei, ma mi costruisco ideali. E nessuno di questi conquisterà un posto fisso!
franat
Inviato: 16/2/2012 10:12  Aggiornato: 16/2/2012 10:12
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/3/2009
Da: roma
Inviati: 93
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
OTTIMA IDEA.
seguo jak da tempo sperando che cresca anche in italia.
bravo massimo

Fuoco
Inviato: 4/3/2012 1:42  Aggiornato: 4/3/2012 1:42
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/11/2005
Da: Gaia
Inviati: 43
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
Molto interessante ... l'ho scoperta anch'io da poche settimane, proprio in seguito ad alcuni post di Economia qui su LC ... ma hai fatto prima tu a scriverci un articolo che io a postarne il link...

Comunque, avete già visto ce c'è un gruppo italiano per lo sviluppo dello stesso modello di Banca ?
JAK Italia

Inoltre ho appena scoperto questo:

Democrazia MMT
"COSTRUIRE UN’ECONOMIA SALVA VITE, SALVA STATO, SALVA DEMOCRAZIA. ... SCUOLA DI ECONOMIA DELLA MODERN MONEY THEORY (MMT)"
e
http://www.enricoberlinguer.it/qualcosadisinistra/2012/03/02/mmt-leconomia-al-servizio-della-piena-democrazia/

... sto cercando di capirci qualcosa...

"Sono le azioni che contano. I nostri pensieri, per quanto buoni possano essere, sono perle false fintanto che non vengono trasformati in azioni. Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo" (M. Gandhi)
Fuoco
Inviato: 4/3/2012 1:44  Aggiornato: 4/3/2012 1:44
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/11/2005
Da: Gaia
Inviati: 43
 Re: Sistema monetario: quali alternative?
OOOOOPSS

...scusate ...mi ero completamente perso il link di Massimo su Jak Italia nell'articolo....

"Sono le azioni che contano. I nostri pensieri, per quanto buoni possano essere, sono perle false fintanto che non vengono trasformati in azioni. Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo" (M. Gandhi)

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA