Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


news internazionali : Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Inviato da Redazione il 9/1/2012 3:10:00 (12012 letture)

Se nel prossimo futuro il mondo sarà travolto da una guerra devastante, innescata dall’attuale “questione iraniana”, la colpa sarà stata anche dell’Italia. Dell'Italia, e di tutti coloro che non avranno fatto nulla per cercare di evitarla.

Tutte le importanti guerre infatti non iniziano mai da un giorno all’altro, ma seguono una classica “escalation” di episodi sempre più gravi, che fanno crescere la tensione internazionale fino a rendere il conflitto inevitabile.

Nel corso di questa escalation è abbastanza facile capire quali delle parti in causa siano più interessate a fermarla, e quali invece vogliano farla arrivare ad ogni costo al punto di non ritorno. Di solito questa dinamica risponde alla logica del cui prodest: chi pensa di avere più da guadagnare da un conflitto armato spinge al massimo perchè questo avvenga, mentre gli altri cercano di evitarlo finchè possono, ed entrano in guerra solo se ci vengono tirati per il collo.

Nel caso dell’Iran, viene naturale pensare che i suoi immensi giacimenti di petrolio facciano talmente gola ai paesi occidentali da voler provocare un conflitto armato pur di riuscire ad impadronirsene. Mentre ovviamente gli iraniani non hanno il minimo interesse a combattere per qualcosa che già possiedono, e pensano piuttosto al modo migliore per non perderlo.

E’ da tempo infatti che gli americani continuano ad agitare la “minaccia nucleare” come strumento per accelerare l’escalation, ...



... mentre gli iraniani ripetono fino alla nausea che gli ispettori internazionali possono andare e venire a piacimento, e che finora non hanno trovato nulla che riveli un intento non pacifico nel loro programma nucleare.

Fra l’altro, è dal novembre scorso che il rapporto della commissione atomica circola liberamente, e persino i sassi sanno ormai che lì dentro non vi sia assolutamente nulla di incriminante verso l’Iran.

Ma i media occidentali fingono di non saperlo, permettendo così all’escalation di continuare.

Il problema è che l’Iran non è proprio uno staterello qualunque. Non solo dispone di alleanze importanti, ma negli ultimi anni – proprio grazie al petrolio – ha potuto acquistare armamenti di primissimo livello, che gli permetterebbero di difendersi anche da solo da un improvviso attacco militare. Non è quindi una nazione che si lasci intimidire dal primo cane che abbaia, e diventa necessario ricorrere a strumenti di ricatto più diretti e più pressanti, se si vuole farla cadere nella trappola mortale.

E’ nata così di recente una serie di sanzioni da parte dell’ONU, che vanno ad aggiungersi a quelle ormai infinite che gli Stati Uniti hanno imposto contro l’Iran negli ultimi decenni. In aggiunta, gli Stati Uniti hanno approvato una misura eccezionale che dovrebbe entrare in vigore fra sei mesi: il congelamento di tutti gli “assets” monetari internazionali della Banca Centrale iraniana. In seguito a questo annuncio, la moneta iraniana ha già perso il 10% del valore negli scambi internazionali, ma sembra che non basti ancora.

Ma ecco che un bel giorno l’Europa si sveglia e minaccia improvvisamente di rinunciare all’acquisto di tutto il petrolio che compra dall’Iran. La decisione finale verrà presa a Bruxelles il 30 gennaio, ma ormai la scelta sembra fatta. Era ormai da settimane che gli Stati Uniti premevano sull’Europa perchè annunciasse questa misura – l’unica che sia realmente in grado di mettere in ginocchio gli iraniani – ed è chiaro a questo punto che gli europei abbiano ceduto.

Questo avviene nonostante una nuova crisi petrolifera sia destinata inevitabilmente a far schizzare il prezzo del petrolio alle stelle, con conseguenze particolarmente pesanti proprio per i paesi europei, come la Grecia, che già faticano a stare a galla.

Nel frattempo l’Italia cosa fa?

Ah già, noi non possiamo fare nulla, perchè attualmente abbiamo un governo “tecnico”, che è talmente impegnato nel farci risparmiare qualche euro qui e là da non potersi minimamente occupare di quello che accade fuori dai nostri confini.

Non solo abbiamo accettato a scatola chiusa un presidente del consiglio scelto fuori dal nostro paese, ma con questo abbiamo anche rinunciato ad influire in qualunque misura su ciò che avviene là fuori.

Che decidano altri per noi, poi casomai fateci sapere.

Nel frattempo la scelta di boicottare il petrolio iraniano, non a caso caldeggiata da Sarkozy, rischia di diventare la svolta senza più ritorno nella famosa “escalation” di cui sopra.

In tutto questo, il pericolo rappresentato dal "folle" Netaniahu – che più volte ha minacciato di aggredire l’Iran senza avvisare nessuno – rischia di diventare un elemento indispensabile per scatenare un cataclisma di portata mondiale, all’interno di un progetto molto più complesso e lungimirante della “semplice” conquista dell’Iran.

Teniamo infatti presente che gli Stati Uniti non potranno mai dichiarare apertamente di voler attaccare l’Iran, per cui un “attacco senza preavviso” da parte di Israele rappresenta per loro l’unica possibilità di ”ritrovarsi” coinvolti in una guerra che non hanno mai voluto dichiarare in primo luogo. Remember Pearl Harbor?

Si chiama plausible denial, ed è ormai diventato la condizione indispensabile per mettere in piedi una qualunque operazione criminale di portata internazionale nel mondo dell'informazione onnipresente.

Quindi, provate ad immaginare se per caso nella testa malata di qualche neocons – e ce ne sono rimasti parecchi in giro - fosse maturata una balzana idea di questo tipo:

1 – Israele attacca l’Iran senza preavviso.
2 – L’Iran risponde immediatamente.
3 – Israele chiede aiuto agli Stati Uniti.
4 – Gli Stati Uniti se ne lavano le mani (“Avete agito senza consultarci. Noi non volevamo”) e salvano la faccia.
5 – Su Israele iniziano a piovere Katiusha da tutte le parti (Hezbollah e Hamas sono sempre pronti a dare una mano ai sionisti, quando serve).
6 – Le immagini strazianti dei bambini di Tel Aviv dilaniati dai Katiusha fanno il giro del mondo, e in pochi giorni la NATO (USA+Europa) è obbligata ad intervenire per “motivi umanitari”.
7 - La Cina non ci sta, capisce che stanno per fottersi l’Iran (la Cina è oggi il maggiore consumatore mondiale di petrolio iraniano), e interviene militarmente. Lo fa magari in modo limitato, per mandare un chiaro segnale agli occidentali.
8 – Nel frattempo però tutto il Medio Oriente ha preso fuoco. Diversi stati arabi attaccano Israele, che magari si lascia scappare un paio di atomiche qui e là nel tentativo di difendersi. Se poi per caso ne partisse una di troppo verso l’Iran, è chiaro che la Cina farebbe altrettanto colpendo qualche paese occidentale.
9 – A questo punto si scatenerebbe il panico dappertutto, e si arriverebbe presto ad una specie di “tregua mondiale”, invocata a gran forza dall’opinione pubblica per evitare la distruzione del pianeta. (Ma è tutto previsto, questo è solo un passaggio necessario nel piano a lungo termine).
10 – Si contano i morti, ci si leccano le ferite, e si valuta il disastro a livello globale. Specialmente grave ed inaccettabile risulta, guarda caso, proprio quello provocato dalla Cina, che ha utilizzato in modo indiscriminato le sue armi atomiche ad alto potenziale, causando danni e devastazioni ingenti, pur non essendo stata attaccata da nessuno.
11 – Quale migliore giustificazione per preparare e lanciare al più presto un attacco improvviso e devastante, a base di armi biologiche, capace di annientare in poche settimane l’intera nazione cinese, “prima che questi si riprendano e si mettano magari in testa di distruggere il mondo intero”?

Ora sì che il piano è terminato, e il vero obiettivo di questa grandiosa operazione - togliere di mezzo l'unico reale pericolo che minacci il futuro degli Stati Uniti - è stato finalmente raggiunto.

E se per caso vi sembrassero tutte fantasie “impossibili”, tenete presente che questo dipende solo dal punto di vista di chi guarda.

Massimo Mazzucco

Voto: 8.00 (14 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
PikeBishop
Inviato: 9/1/2012 7:22  Aggiornato: 9/1/2012 7:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Citazione:
Nel frattempo l’Italia cosa fa?

Italien? Italien? Italien ist expressionen geografichen! Suona suona mandolinen, ach! (Siamo tutti Austriaci & Sturmtruppen).

Citazione:
E se per caso vi sembrassero tutte fantasie “impossibili”, tenete presente che questo dipende solo dal punto di vista di chi guarda.

Sarebbe meglio astenersi persino dal pensarlo: alla fine le angosce si avverano...

Guardate cosa ha scovato Shingen (per ora per soli anglofoni, prossima traduzione, promesso):

The Bomb, Margaret Mead, Consciousness & IChing (1/1)

The Bomb, Margaret Mead, Consciousness & IChing(2/2)

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
bubu7
Inviato: 9/1/2012 8:42  Aggiornato: 9/1/2012 8:42
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/2/2007
Da: Tomania
Inviati: 528
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
12 - Speciale Porta a porta.

Lui che offrì la faccia al vento la gola al vino e mai un pensiero non al denaro, non all'amore né al cielo.

Fabrizio De Andrè
Aladar
Inviato: 9/1/2012 8:47  Aggiornato: 9/1/2012 8:47
So tutto
Iscritto: 27/6/2007
Da: Mosca
Inviati: 11
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
>noi non possiamo fare nulla, perchè attualmente abbiamo un >governo “tecnico”, che è talmente impegnato nel farci risparmiare >qualche euro
Mi permetto di correggere:
l'Italia attualmente ha governo Bilderberg, impegnato a seguire i dettami della massoneria euroatlantica (chiamiamola cosi', per semplicita').

Una domanda per Massimo e per gli altri: secondo voi la Russia a che punto della cronologia interverrebbe? intorno al punto 8, o prima?
o starebbe a guardare per fare la parte del terzo che gode mentre i due litigano?
Secondo me Usa-Israele cercherebbero di tirare dentro anche la Russia, forse persino prima della Cina.
Sarebbe per loro una storica opportunita' di togliere di mezzo Putin & Co.

Jurij
Inviato: 9/1/2012 9:13  Aggiornato: 9/1/2012 9:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Chi tace acconsente…

Provate a portare questo discorso ad un qualunque collega, cosa vi risponderà?
“Ahh, io ho gia i miei problemi da risolvere, come pagare l’auto e la casa … e poi a me questi discorsi non mi interessano, piuttosto hai visto la partita di ieri sera?”
Mi verrebbe da dire che il “consumismo” li ha addormentati :o(

E poi ci meravigliamo che accadono queste “escalation”?

Queste “escalation” sono già programmate nella mente delle persone, di quel famoso 80% che non usa il proprio pensiero per valutare quanto gli succede intorno, ma si fa trascinare dall’informazione “piatta” che gli viene infilata sotto il naso.

Io non guardo più la tele probabilmente da circa 3 anni oramai, quando lo detto ad altri sono rimasti esterrefatti.
Li capisco, anche a me se mi avessero detto 10 anni fa ti togliamo la tele, avrei reagito come se mi tagliassero “il cordone ombelicale del contatto con il mondo”.

Ma questo collegamento vale meno di niente, perché mi porta solo propaganda al mio cervello e mi impedisce poi di giudicare nel modo più corretto possibile tutto quello che accade in realtà.

Purtroppo, se la curiosità del sapere non spinge le persone ad interessarsi seriamente di quanto accade nella realtà in questo mondo, non ne usciremo fuori da queste situazioni, ci ritroveremo sempre a discutere di ingiustizie e di soprusi, ma saremo sempre quel 20% rimanente che “tende insistentemente” a fidarsi della propria testa.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
Cassandra
Inviato: 9/1/2012 9:26  Aggiornato: 9/1/2012 9:26
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/5/2006
Da:
Inviati: 1551
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Non credo proprio che ci sarà una guerra contro l'Iran. E' un "al lupo al lupo" che va avanti da anni.
Piuttosto, a chi conviene che i Paesi europei non comprino più petrolio iraniano?

Anzitutto alla Cina, che se ne ritroverà molto di più a disposizione, senza altri grossi acquirenti a fare concorrenza; e poi agli Stati Uniti, visto che saremo quindi costretti a comprare petrolio dalle compagnie private anziché dalla compagnie statali (come quella iraniana e toh, anche quella libica). Rimangono solo i russi tra gli "Stati canaglia" che vendono petrolio senza pagare il pizzo a Exxon e compari.

La sensazione è che USA, Iran e Cina stiano facendo il gioco delle tre carte a spese nostre. D'altronde, da anni si vocifera che Iran e USA recitino i ruoli del poliziotto buono e di quello cattivo, e sotto sotto siano d'accordo. E non lo dicono solo i complottisti, ma anche gente in posizioni autorevoli.

"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)
Tianos
Inviato: 9/1/2012 9:37  Aggiornato: 9/1/2012 9:37
Mi sento vacillare
Iscritto: 21/8/2009
Da:
Inviati: 374
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
credo l'analisi sia sbagliata su un punto.
i neocons sono assoluti sostenitori di israele...non permetterebbero mai un controattacco da parte di un qualsasi stato.

vado in parte ot prendendo la strada dell'esoterismo , prendendo come spunto le profezie di Alois Irlmaier, non tanto perchè descrivono precisamente un evento futuro , ma perchè sembrano un'analisi strategica di ciò che potrebbe accadere (fintanto che si è nel novero della guerra)
profezie di Alois Irlamier

infatti credo che Cina e Russia siano ben preparati ad un possibile attacco sia all'iran che alla Siria (ricordo la portaerei parcheggiata nel porto siriano da parte dei russi in veste diplomatica , propio probabilmente per evitare un attacco da parte degli americani , con scuse simili alla libia), e in caso questo attacco avvenga da parte di qualsiasi fronte agirebbero come fulmini (ricordatevi la georgia, che attacco a sorpresa ma con tanta velocità attacco , con tanta velocità fu sbaragliata dalle forze russe), e cercherebbero di accaparrarsi tutto il possibile in meno tempo possibile...fors epoi nella speranza di uno stallo e nella possibilità di barricarsi successivamente.

Israele e l'america stanno rischiando grosso a parere mio...sembra quasi che stiano giocando come non esistesse un futuro.

Doru
Inviato: 9/1/2012 9:48  Aggiornato: 9/1/2012 9:48
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 133
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Se l'Iran non vende più petrolio al Europa non è necessariamente la fine del mondo per loro. Cina è Giapone sono affamate di risorse energetiche. Certo, è probabile che il prezzo al quale riusciranno a vendere sarà più basso, essendo meno compratori ad aggiudicarsi il prodotto, ma non rimarranno con il petrolio non venduto.

La cosa assurda è che l'Iran vende il petrolio in euro, e l'Europa dovrebbe essere la prima a sostenerli dato che ha solo da guadagnare ogni volta che uno stato non-euro compra moneta per pagare il prodotto iraniano.

Si parla della terza guerra mondiale come una cosa del futuro, ma penso che sia già in atto. Che nessuno abbia tirato le bombe nucleare in testa al nemico fino adesso penso che sia pura fortuna.

Comunque, chi l'ha detto che per essere chiamata terza guerra mondiale, ci devono essere per forza missili atomici a volare da una parte al altra? Siamo già in guerra, militare ed economica e le alleanze sono difficili da definire. Russi e cinesi contro nord americani ed europei? Magari fosse cosi semplice. La realtà è ben diversa. La rete di relazioni a vari livelli tra le potenze mondiali sono complicate. La Russia e Stati Uniti mentre litigano per qualche missile impiantato vicino alla frontiera dal avversario, allo stesso tempo cooperano in programmi spaziali. Che dire degli interessi europei in Cina mentre Europa si batte per mantenere il controllo del Africa che praticamente è in mano ai cinesi? O il Giappone? Nemico storico della Cina, si mette a fare accordi con la stessa Cina per eliminare l'uso del dollaro nelle relazioni economiche tra i due paesi?

edo
Inviato: 9/1/2012 9:59  Aggiornato: 9/1/2012 9:59
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
parzialmente ot

sul corriere della collera, ho trovato questo intervento:
Ho letto qualcosa sulle armi ad impulso elettromagnetico, dove spiccava il sottotitolo ” l’illusione dell’arma finale”. Anche se è vero che la mappatura fine delle frequenze elettromagnetiche che compongono, letteralmente, l’universo; e la loro gestione di precisione, mettono nelle mani dei vertici militari il potere di Dio ( come ha dichiarato un colonnello russo); è altrettanto vero che oramai sono molti i governi che le posseggono. Il pericolo vero, invece, è che questi governi potrebbero utilizzarli internamente, sulle loro popolazioni ( senza che agli altri interessi qualcosa) civili, sfruttando le capacità di queste tecnologie a modificare inconsciamente le credenze ed il senso comune, per fini di controllo dittatoriale. ( fonte : EIR – rapporto speciale global showdown 1 & 2 )

Qualcuno ne sa??

VIMS
Inviato: 9/1/2012 10:12  Aggiornato: 9/1/2012 10:12
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/11/2011
Da: Ai piedi del monte
Inviati: 334
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Articolo alquanto inquietante.
Mi sorge solo un dubbio: è veramente necessaria l'escalation descritta oppure si possono ottenere gli stessi risultati senza i fuochi d'artificio?

Certo che se si pensa che le bombe fanno girare un po' di soldi allora la prima soluzione sembra la più plausibile ma un futuro "nuclearizzato" dovrebbe far riflettere anche il più guerrafondaio degli esseri umani, o mi sbaglio? Troppa fiducia?



VIMS

La Virtù sta nel mezzo
VIMS
Inviato: 9/1/2012 10:18  Aggiornato: 9/1/2012 10:18
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/11/2011
Da: Ai piedi del monte
Inviati: 334
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Questo potrebbe aggiungersi nel calderone per rendere la cosa più credibile?

VIMS

La Virtù sta nel mezzo
levitor
Inviato: 9/1/2012 10:34  Aggiornato: 9/1/2012 10:35
Ho qualche dubbio
Iscritto: 19/12/2011
Da:
Inviati: 290
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Non mi piace l'impostazione ideologica di questo articolo, anche se condividibilissimo sotto il profilo della oggettiva descrizione dei pericoli e del probabile innescarsi/svilupparsi degli eventi.
Sembra quasi di sentirsi accusare come i tedeschi di essere "volonterosi carnefici": ma in quel caso gli eventi erano in corso (campi di prigionia/sterminio), mentre oggi nulla si è ancora verificato.
Cosa dovrei fare per non essere considerato un pre-volonteroso (cioè un non impegnato "colpevole")?
Mettere su un chioschietto e illustrare a tutti questo articolo?
Scrivere a tutti mettendo in guardia del pericolo?
Andare a caccia di qualcuno del Buildeberg nella illusione di spaventare i "pazzi"?
Io non acconsento niente: quando faranno le schifezze che sono previste, prenderò una bella arma e farò la mia guerra personale contro tutti quegli obiettivi così ben individuati da una buona controinformazione.

PS.
La lettura macroeconomica dello scenario futuro difetta di un passaggio importante: tutte e tre le religioni abramiche sono in fibrillazione perchè attendono ciascuna, nel 2012 o giù di lì, la discesa di un proprio messia, che dovrebbe mostrare al mondo la superiorità (verità metafisica) del proprio credo.
In sostanza è in atto una faida intra-monoteismo abramico a sfondo apocalittico-messianico, che purtroppo, in quest'era materialista e priva di valori naturali, irretisce facilmente le menti, incapaci di capire che dietro si nasconde una intelligenza demoniaca (con il sionismo suo primo servitore).

NiHiLaNtH
Inviato: 9/1/2012 10:57  Aggiornato: 9/1/2012 11:14
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
probabilmente la Russia interverrebbe prima della Cina

Israele si troverebbe sotto una pioggia di missili da parte di Iran, Siria, Hezbollah e Hamas. E' uno stato piccolo e sarebbe il primo ad essere annientato

Massimo ti sei dimenticato Pakistan, India e Afghanistan

il Pakistan appoggiato dalla Cina attaccherebe l'Afghanistan e l'India approfitterebbe della situazione per prendere il controllo del Kashmir

in una situazione del genere gli USA sarebbero devastati dalla guerra civile

Citazione:
è chiaro che la Cina farebbe altrettanto colpendo qualche paese occidentale.


la distanza è troppo lunga e i missili verrebbero distrutti prima

per me gli unici che presi dalla follia potrebbero lanciare una bomba atomica sono Israele, Pakistan e India.

Citazione:
11 – Quale migliore giustificazione per preparare e lanciare al più presto un attacco improvviso e devastante, a base di armi biologiche, capace di annientare in poche settimane l’intera nazione cinese, “prima che questi si riprendano e si mettano magari in testa di distruggere il mondo intero”?


una volta che rilasci un virus molto potente è difficile isolarlo e tenerlo sotto controllo
mi sembra troppo rischioso
o forse ti riferisci a virus in grado di colpire solo certe etnie?

è molto probabile l'utilizzo di armi a impulsi elettromagnetici, sstemi di disturbo delle comunicazioni e magari anche armi tettoniche e climatiche

Giacula
Inviato: 9/1/2012 11:11  Aggiornato: 9/1/2012 11:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/11/2005
Da:
Inviati: 215
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Chiave di lettura interessante, anche se credo che l'attacco per ridimensionare la Cina verrà effettuato si con armi biologiche, ma "invisibili"; Contaminazione dell'acqua, sostanze sparse nei cieli e perchè no, terremoti...

I soliti "trucchetti" non credo possano funzionare con la Cina, che non aspetta altro di sputtanare USA &co...

Jurij
Inviato: 9/1/2012 11:33  Aggiornato: 9/1/2012 11:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
levitor
Citazione:

Cosa dovrei fare per non essere considerato un pre-volonteroso (cioè un non impegnato "colpevole")?
Mettere su un chioschietto e illustrare a tutti questo articolo?
Scrivere a tutti mettendo in guardia del pericolo?

Qualsiasi azione non violenta che svegli la coscienza della massa critica è cosa buona e giusta.

Citazione:

Io non acconsento niente: quando faranno le schifezze che sono previste, prenderò una bella arma e farò la mia guerra personale contro tutti quegli obiettivi così ben individuati da una buona controinformazione.

Quando i giochi saranno terminati ti troverai ancora da solo contro il "sistema".
È per questo che è necessario sfruttare il momento del cambiamento dove il "sistema" rimane un po’ più fragile e soprattutto un po’ più dipendente dall’opinione pubblica.

Non è una critica per nessuno, però deve essere ricordato, altrimenti tutto quello che scriviamo qui non avrebbe più senso.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
NiHiLaNtH
Inviato: 9/1/2012 11:41  Aggiornato: 9/1/2012 12:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Citazione:
9 – A questo punto si scatenerebbe il panico dappertutto, e si arriverebbe presto ad una specie di “tregua mondiale”, invocata a gran forza dall’opinione pubblica per evitare la distruzione del pianeta. (Ma è tutto previsto, questo è solo un passaggio necessario nel piano a lungo termine).


a questo punto si scatenerà il panico dappertutto e politici, banchierei e "illuminati" vari sfrutteranno il terrore della gente per invocare a gran voce il famoso Nuovo Ordine Mondiale e lo proporranno come unica soluzione per risolvere definitivamente tutti i problemi del mondo.

inizierebbero a dirci che il mondo non può piò continuare su questa strada, che l'esistenza degli stati nazionali è un pericoo per la popolazione mondiale, che questi pensano solamente ai loro interessi e non a quelli della comunità globale e finchè esisteranno ci saranno altre guerre mondiali e non e che l'unica soluzione per una pace duratura è la creazione di un governo mondiale guidato da un'organizzazione neutrale come le nazioni unite

a questo punto, come diceva Kissinger, le persone rinunceranno volentieri ai loro diritti per la garanzia del loro benessere assicurato loro dal governo mondiale

non ci credete? io sono sicuro che andrà a finire così

barracuda
Inviato: 9/1/2012 11:44  Aggiornato: 9/1/2012 11:44
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/12/2011
Da:
Inviati: 39
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Le sanzioni contro l'Iran sono una barzelletta. L'Italia ci ha già rimesso migliaia di miliardi. Il petrolio iraniano sarebbe venduto tutto alla Cina, mentre l'occidente ci rimetterebbe, perché il suo prezzo salirebbe alle stelle.
Nessuno è così stupido da credere che ci guadagnerebbe a infilarsi in una guerra nucleare.
Gli Stati membri dell'Unione Euroasiatica sono tutte potenze nucleari e non vedono l'ora di vendicarsi delle umiliazioni che hanno ricevuto per secoli dal mondo occidentale.
Da una guerra nucleare planetaria usciremmo comunque tutti distrutti. Perciò penso che non ci sarà mai.
Quello che crediamo sia un" abbaiare" è in effetti un "guaire" del cane americano, che si comporta come un toro che ha perduto le corna e cerca delle scuse per giustificare la perdita (proverbio napoletano).
Per avere un quadro più completo della situazione, cerca su Internet "spectre2012.wordpress.com".

fefochip
Inviato: 9/1/2012 12:16  Aggiornato: 9/1/2012 12:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
@ levitor

Citazione:
Cosa dovrei fare per non essere considerato un pre-volonteroso (cioè un non impegnato "colpevole")?


ovviamente tu come me sei una goccia in un mare, ma dammi retta ...non pensare che queste "gocce" non hanno nessuna importanza/influenza sul tutto .

io ti dico cosa faccio io vediamo come la vedi tu.
ho un amico che ogni volta si parla di iran mi dice "ma quel ahmadinejad è comunque un pazzo"(all'epoca della guerra in iraq diceva altrettanto di saddam ovviamente).
e io ogni volta mi incazzo e gli cerco di spiegare l'enormità della sua fallacia dietro a questa apparente e "innocente" bevuta di propaganda.

e ogni volta ci litigo e mi metto "a rischio" facendogli pensare che forse è il caso di non parlare o addirittura di non vedersi la prossima volta.

è una goccia in un mare ma importante.
quello che invece spesso viene la tentazione di fare è quello di pensare che visto non cambierà nulla (dicendo all'amico di turno che se ci sono dei "pazzi" non sono certo ahmadinejad perche i pericoli reali vengono da un altra parte )nello scenario globale allora tu non creerai contrasti intorno a te perche farebbero solo male ai tuoi rapporti interpersonali .

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
PadijtLee
Inviato: 9/1/2012 12:22  Aggiornato: 9/1/2012 12:22
Mi sento vacillare
Iscritto: 4/6/2010
Da:
Inviati: 447
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
@ Pike Bishop

Da dove cominciare per conoscere Alan Watts?

Paulo
Inviato: 9/1/2012 12:26  Aggiornato: 9/1/2012 12:26
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/12/2005
Da:
Inviati: 507
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente

TWNP
Inviato: 9/1/2012 12:44  Aggiornato: 9/1/2012 12:44
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/11/2011
Da:
Inviati: 642
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Massimo, il dominio informatico della Cina a livello mondiale
è ormai conclamato.
Non so se agli USA convenga rompere le palle a Pechino.
Rischierebbero di vedersi esplodere i contenitori di Aviaria
geneticamente modificata direttamente dentro le teche in cui le
custodiscono nei laboratori di Atlanta...

Spiderman
Inviato: 9/1/2012 12:44  Aggiornato: 9/1/2012 12:46
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 19/9/2009
Da:
Inviati: 2722
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Ho appena pescato questo video su di un altro forum (1 di 4), comincio a guardarlo. Magari ti interessa.

Edit: Mi riferisco a padijtLee

"Ogni giorno racconto la favola mia, la racconto ogni giorno chiunque tu sia, e mi vesto di sogno per darti se vuoi, l'illusione di un bimbo che gioca agli eroi. (Renato Zero)
peonia
Inviato: 9/1/2012 12:56  Aggiornato: 9/1/2012 13:13
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Massimo spero che stavolta ti sbagli di grosso.....:)
io credo che se tutti pensassimo/desiderassimo un futuro diverso, potremmo realizzarlo/concretizzarlo....
e comunque dato che non siamo soli nell'Universo, penso anche che il "peggio" non accadrà....
AUGH

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
illupodeicieli
Inviato: 9/1/2012 13:33  Aggiornato: 9/1/2012 13:33
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/1/2005
Da:
Inviati: 323
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Bisognerebbe prendere in considerazione anche le varie agenzie di spionaggio che ,per esempio, hanno sia i cinesi che altre nazioni interessate alla zona: mi pare che quando ci fu un attentato in un hotel in medio oriente (poco meno di due anni fa) rimasero coinvolti (non ricordo però se tra le vittime) anche dei cinesi (mi pare per questioni relative ad armamenti). Se hanno interessi in Iran oltre che altrove, ritengo che se non fanno il doppio gioco o vengono depistati faranno gli interessi del proprio paese. Ma a monte ci sono ,anzi, come (penso) diresti anche tu Massimo , ci siamo noi: persone, esseri umani , che proprio in virtù di essere a conoscenza,parziale, di fatti e realtà locali, potrebbero in qualche maniera attivarsi. Certo che chi cura troppo poco o peggio trascura i propri interessi in patria, è difficile che possa poi agire o essere credibile fuori: chi affiderebbe la cura delle proprie piante o crederebbe ad esempio alle parole di un giardiniere che ha le piante del proprio giardino tutte secche o malate? Non sono parole rivolte solo a me o a un nutrito numero di italiani, ma credo possano valere anche per altri popoli e nazioni: non so ma è difficile trovare o sapere cosa accade veramente oltre i confini, a meno di non credere a ciò che si legge nei media tradizionali. E' di ieri mi pare o dei giorni scorsi proprio un articolo(su l'unione sarda) sull'Iran e che riprendeva la solita sinfonia di informazioni che so essere sbagliate ma che ,chi non approfondisce, può prendere per vere ,anzi le considera vere.

NiHiLaNtH
Inviato: 9/1/2012 13:34  Aggiornato: 9/1/2012 13:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Citazione:
e comunque dato che non siamo soli nell'Universo, penso anche che il "peggio" non accadrà....


vedrai che questi eventi riuscirano a svegliare molte persone
alla fine saranno in molti a dire "allora i complottisti avevano ragione!!!"

PikeBishop
Inviato: 9/1/2012 14:05  Aggiornato: 9/1/2012 14:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Citazione:
Da dove cominciare per conoscere Alan Watts?

Tutti, per ovvi motivi, visto che e' il suo libro piu' famoso (anche se non espone idee sue originali ma e' la migliore introduzione al Buddismo Zen che sia mai stata scritta per gli occidentali), hanno in passato scoperto Alan con LA VIA DELLO ZEN.

Ci sono altri libri, credo tradotti in Italiano, che invece sono libri di Teologia Cristiana, molto interessanti per chi e' interessato all'argomento.
Alan era un teologo, e' stato prete nella Chiesa Anglicana in America per un po', ma poi si e' reso conto di essere un po' fuori posto (e' sempre stato un praticante Zen con simpatie per i Quaccheri) cosi' ha lasciato il clergyman ed ha cominciato a diffondere il suo pensiero filosofico che ha influenzato pesantemente tutti quelli che si sono avvicinati alla Rivoluzione Californiana degli anni '60, me compreso. Ancora oggi quel che dice e' attualissimo.

Egli si proclamava "Intrattenitore Spirituale" (e non Guru) e il suo stupendo, arguto, intelligente e dirompente umorismo inglese ha deliziato migliaia di persone che l'hanno ascoltato nelle sue conferenze e nelle trasmissioni radiofoniche e televisive.
Per questo la maniera migliore di conoscere il suo pensiero (e di divertirsi) e' di ascoltare le registrazioni delle sue conferenze, su Youtube, su CD (venduti da uno dei suoi sette figli, ottimi perche' c'e' anche la trascrizione) o scaricando torrents (personalmente consiglio "Out of Your Mind".

Per chi non capisce l'inglese (o l'umorismo inglese) non ci sono purtroppo molti libri in Italiano. Come assaggio, uno scritto esplicitamente dall'autore come introduzione al suo pensiero e' IL LIBRO.

Per chi legge in Inglese consiglio invece: Cloud-Hidden, Whereabouts Unknown: A Mountain Journal che e' una raccolta di pensieri sparsi messi per iscritto durante le permanenze nella sua baita in montagna, l'ultimo libro da lui pubblicato.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
PikeBishop
Inviato: 9/1/2012 14:14  Aggiornato: 9/1/2012 14:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Citazione:
Ho appena pescato questo video su di un altro forum (1 di 4), comincio a guardarlo. Magari ti interessa.Mi riferisco a padijtLee


Spiderman, quello dei video del tuo link e Alan Watt (senza la esse finale) che non ha niente a che vedere con Alan Wilson Watts (con la esse finale) !

Alan Watts, quello di cui padijLee chiedeva lumi e' QUESTO QUI

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
Spiderman
Inviato: 9/1/2012 14:21  Aggiornato: 9/1/2012 14:21
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 19/9/2009
Da:
Inviati: 2722
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Citazione:
Spiderman, quello dei video del tuo link e Alan Watt (senza la esse finale) che non ha niente a che vedere con Alan Wilson Watts (con la esse finale) !


Mi accorgo ora dell'errore, scusate l'intromissione.

"Ogni giorno racconto la favola mia, la racconto ogni giorno chiunque tu sia, e mi vesto di sogno per darti se vuoi, l'illusione di un bimbo che gioca agli eroi. (Renato Zero)
TWNP
Inviato: 9/1/2012 14:40  Aggiornato: 9/1/2012 14:40
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/11/2011
Da:
Inviati: 642
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
A proposito di Wilson a me piaceva un sacco questo:
Robert Anton Wilson


utrevolver
Inviato: 9/1/2012 14:43  Aggiornato: 9/1/2012 14:44
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da: Sandalia
Inviati: 411
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Citazione:
Autore: bubu7 Inviato: 9/1/2012 8:42:37

12 - Speciale Porta a porta.


Hahahaha!Il commento più intelligente di tutti!

Rickard
Inviato: 9/1/2012 14:54  Aggiornato: 9/1/2012 18:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Che l’Iran sia l’attuale (e futuro) punto cruciale nel quale convergono gli interessi degli USA e dei loro rivali emergenti (Cina e Russia), è fuor di ogni dubbio.

Ma… c’è un ma…

Se è vero che la Libia è stata distrutta dall’intervento “umanitario” degli USA (che hanno finanziato ed etero diretto gli scarafaggi del CNT), è anche vero che per sopraffare quello che era nient’altro che un paesello è servito lo sforzo congiunto di USA & servi. Un piccolo paese isolato e abbandonato da tutti che però ha saputo vendere cara la pelle, dando ai suoi aggressori più filo da torcere di quanto fosse lecito aspettarsi.

Se quindi gli USA sono ancora il leone, è lecito dire che sono un leone vecchio e sdentato, che sopravvive unicamente grazie al suo apparato militare, unico tronco che gli consente di stare a galla. Ma, come si è visto con la Libia, l’elefantiaco apparato è riuscito nella sua impresa solo con uno sforzo immane, un po’ come un ciccione che cerca di scopare come quando era un baldanzoso ventenne, riuscendo a malapena nel suo intento e sudando sette camice.

E l’Iran non è la Libia. Se la Libia, guardando a più ampi interessi geopolitici, poteva essere sacrificabile dal punto di vista russo e cinese (che, infatti, le hanno voltato le spalle), l’Iran non è expendable. Troppi interessi russi e cinesi sono in ballo con l’Iran, ed è illusorio pensare che Russia e Cina siano così “accondiscendenti” come lo sono stati per la Libia.

Oltretutto l’Iran ha un’unità nazionale e una potenza militare ben superiori a quelle della Libia di Gheddafi.

Queste considerazioni portano alla conclusione che una “no-fly zone” o qualche altra corbelleria da neolingua non siano così facilmente applicabili nei confronti dell’Iran. Se con la Libia “ce l’abbiamo fatta” a fatica, l’Iran potrebbe essere davvero un osso troppo duro.

Ho i miei dubbi che Israele si lanci da sola in attacchi stile cavalleria polacca contro l’Iran. Israele in realtà è uno stato debolissimo, un protettorato degli Stati Uniti perennemente schiacciato da forze ostili, che deve usare sempre la forza e la violenza per non annaspare. Gli USA controllano Israele, non il contrario. Israele, senza il flusso di soldi e influenze statunitensi crollerebbe dall’oggi al domani. Hanno le atomiche, è vero, ma si sa che l’atomica è un’arma da non usarsi mai, da mettere sul tavolo dello scacchiere internazionale per avere un po’ di peso, ma mai come concreta minaccia.

Un paese che lanci un’atomica avrebbe l’assoluta sicurezza di finire obliterato. Israele ci gioca parecchio a “fare il pazzo”, quello che “potrebbe davvero usare l’atomica” e via dicendo. Ma una decisione simile decreterebbe la sua fine.

Un assalto di Israele da solo, con o senza atomiche, all’Iran provocherebbe (a prescindere dalla fine che farebbe successivamente l’Iran) la scomparsa causa disintegrazione di Israele stessa. La ferocia e la violenza che Israele sfoggia spesso è finalizzata al nascondere la sua reale debolezza e precarietà.

Ovviamente molto dipende anche dal comportamento che Russia e Cina terranno nei prossimi eventi, ma gli USA (e quindi Israele) non sono in grado di fare una grande guerra di aggressione contro l’Iran (e quindi contro Cina e Russia) sperando di sopravvivere, dopo esser stati appena in grado di vincere contro un paese come la Libia.

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
Freeman
Inviato: 9/1/2012 15:38  Aggiornato: 9/1/2012 15:39
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Domanda: come si inseriscono le mine vaganti tipo Orbàn nella questione (in attesa che vengano fatti saltare in aria dell'ennesimo "pazzo suicida" solitario, intendo)? Hanno qualche possibilità di sovvertire l'andazzo o meglio non farci conto?

Certo che, per restare ad Orbàn, se la sta proprio cercando: mettersi contro la lobby omosessuale, va bene, ma contro Monsanto...

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Rickard
Inviato: 9/1/2012 16:20  Aggiornato: 9/1/2012 18:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Citazione:
Domanda: come si inseriscono le mine vaganti tipo Orbàn nella questione (in attesa che vengano fatti saltare in aria dell'ennesimo "pazzo suicida" solitario, intendo)? Hanno qualche possibilità di sovvertire l'andazzo o meglio non farci conto?

Certo che, per restare ad Orbàn, se la sta proprio cercando: mettersi contro la lobby omosessuale, va bene, ma contro Monsanto...

Parlando per ciò che sappiamo adesso, al netto di ciò che ha fatto e di ciò che ha dichiarato, direi che Orbàn è il sintomo di una voglia di ripresa di sovranità che alberga da tempo nei cuori di molti, e che adesso sembra cosa fattibile e non solo sogno adolescenziale.

Il fatto stesso che esista Orbàn si collega agli USA visti come leone sdentato. Solo alcuni anni fa sarebbe stato impensabile per qualsiasi colonia europea (figuriamoci per l’Ungheria) reclamare con così tanta “sfacciataggine” il diritto di fare politiche nell’interesse della propria nazione e della sua indipendenza, piuttosto che chinare il capo all’egemone statunitense.

Ma Orbàn non è “nato sotto un cavolo”, negli ultimi tempo uno spirito di divincolamento dalla stretta USA è presente e innegabile. Pensiamo solo alla Norvegia, che con le sue “sfacciate” politiche pro-palestina e pro-Russia è stata ricondotta all’ovile mediante il sanguinoso attacco perpetrato dal solito “pazzo solitario”. E questi metodi di “correzione” sono sintomo di debolezza, creano più nemici di quanti ne uccidano, sono il sintomo di chi vede sgusciare dalla propria mano i sudditi e allora stringe il pugno per trattenerli a costo di schiacciarli, con l’unico risultato di farli “schizzare fuori” ancor più velocemente.

Se l’Iran è importantissimo per gli eventi internazionali prossimi venturi, anche l’esperimento ungherese non è da sottovalutare, visto che ogni giorno di successo di Orbàn lo fa sembrare un’alternativa preferibile allo stantio dominio USA.

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
Redazione
Inviato: 9/1/2012 18:13  Aggiornato: 9/1/2012 18:20
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
TIANOS: “i neocons sono assoluti sostenitori di israele...non permetterebbero mai un controattacco da parte di un qualsasi stato.”

Questo attacco lo provocherebbero gli stressi israeliani. Figurati se i neocons “intervengono” per impedirglielo.

***

LEVITOR: “Cosa dovrei fare per non essere considerato un pre-volonteroso (cioè un non impegnato "colpevole")?

Ad esempio smettere di votare gente che non si oppone a questa escalation, e accetta di bloccare gli acquisti del petrolio iraniano (supposto che tu sia uno che vota, ovviamente).

Oppure andare sotto le finestre del parlamento a chiedere a gran voce la stessa cosa.

Dicesi “democrazia rappresentativa”, fino a prova contraria.

***

NIHILANTH: “o forse ti riferisci a virus in grado di colpire solo certe etnie?

Yes. E’ quello ormai il “name of the game”. Muoiono soltanto i cinesi alti fra 1.40 e 1.60. Tutti gli altri si salvano.

Mentre i cinesi non hanno virus capaci di selezionare in base al DNA, per cui a loro non conviene tirare in giro bidoni troppo grossi.

***

BARRACUDA: “Il petrolio iraniano sarebbe venduto tutto alla Cina, mentre l'occidente ci rimetterebbe, perché il suo prezzo salirebbe alle stelle. Nessuno è così stupido da credere che ci guadagnerebbe a infilarsi in una guerra nucleare.“

Nessuna guerra “inizia” mai come guerra nucleare. Esattamente come nessuna lite innocente nel tinello inizia mai come “strage di famiglia” che finisce sui giornali.

***

PEONIA: “Massimo spero che stavolta ti sbagli di grosso.....:)”

Non è questione di “sbagliarsi”. Questi piani esistono (mica me la sono inventata di notte questa storia). E’ questione di far sentire la propria voce perchè non si realizzino.

***

RICKARD: “Che l’Iran sia l’attuale (e futuro) punto cruciale nel quale convergono gli interessi degli USA e dei loro rivali emergenti (Cina e Russia), è fuor di ogni dubbio.”

Io temo che non sia così. Proprio ieri il “fesso” Newt Gingrich ha detto in TV che “l’unico vero problema per il futuro degli Stati Uniti è la Cina”. Del petrolio iraniano possono anche fare a meno, dello strapotere basato sul dollaro no.

desbouvet
Inviato: 9/1/2012 18:23  Aggiornato: 9/1/2012 18:23
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da:
Inviati: 541
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Massimo, mi sembra un po' una ricostruzione alla Giulietto Chiesa tutto ciò. Sti due caproni (Usa e Cina) che sgomitando di Risiko qua e là alla fine si sfidano nel duello finale per il controllo del mondo o che dir si voglia per poter liberamente mangiarselo a pranzo e a cena.

C'è una sostanziale differenza tra Napoleone e Hitler. Il primo era un coglione, il secondo era un folle. Il coglione pensa a mettersi da solo le corone in testa, ossia a dare un altro significato a qualcosa che esiste già. Il folle va molto oltre. Di solito ha già una sua realtà nella testa e la vuole vedere anche là fuori. Allora distrugge tutto ciò che esiste, per poter vedere quella cosa uscire finalmente dalla propria testa, e così liberarlo.

Ora che nella piovra del potere mondiale vi sia un posto preminente riservato all'opera dei coglioni, su questo non c'è dubbio. Gente grassa, schifosa, lercia, pedofila, che vuole per sè tutte le risorse del pianeta. E' ovvio che i follli, che sono coloro che davvero comandano, mandano avanti i coglioni. Perchè anche loro, questi bovi ingordi di siero di vacca, verranno annientati per dar sfogo alla realtà finale. Nulla di meglio che affidare proprio a questi lordi maiali, il compito di inscenare tutte le guerre, i conflitti, le inimicizie, le inseparabili differenze.

Ora mi domando, non è forse Tle Aviv la più grande città californiana del mondo? La città più nebraskiana del mondo? E non è forse Tel Aviv il più importante centro del potere mondiale, sotto le sue due ali del Pensiero e del Mercato?

O non è forse NYC la più grande città ebraica del mondo, e non è NYC la città dove si pigiano i bottoni delle dottrine della comunicazione e del denaro ?! (ed anche quelli che fondono il metallo delle torri del tempio, nella macabra prefigurazione dei tempi ultimi)?

E perchè il Mediterraneo è così importante? Perchè i musulmani tentarono di impadronirsene, dalla Spagna ai Balcani? Che segnale è il fatto che in poche settimane la sponda nord del Mare centrale del mondo, là in quei paesi dove era vitale farlo, sia stata "commissariata" e privata di ogni sua forza morale e politica, mentre la sponda sud veniva spenta nel sangue? Le spalle coperte offerte da un Mediterraneo sotto forzata bonaccia, sono incomparabili alle elucubrazioni di ciò che si può fare o non può fare violando lo stretto del cazzo di hormuz.

E' il chiarissimo segno che qualcosa si sta veramente preparando. Ma non da parte di un'America che usa il suo bambinello raccattato sul mar morto. Casomai il contrario. E poco c'entra il duello finale tra superpotenze. C'entra molto di più il duello finale tra Dio e Satana. Altro che Risiko planetario. E' proprio un orizzonte degli eventi, la strana sensazione appena prima di essere inghiottiti dal buio.

Rickard
Inviato: 9/1/2012 18:25  Aggiornato: 9/1/2012 18:28
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Redazione
Citazione:
RICKARD: “Che l’Iran sia l’attuale (e futuro) punto cruciale nel quale convergono gli interessi degli USA e dei loro rivali emergenti (Cina e Russia), è fuor di ogni dubbio.”

Io temo che non sia così. Proprio ieri il “fesso” Newt Gingrich ha detto in TV che “l’unico vero problema per il futuro degli Stati Uniti è la Cina”. Del petrolio iraniano possono anche fare a meno, dello strapotere basato sul dollaro no.

E io che ho detto ?

Ovviamente l'Iran, visto in quest'ottica, è solo il "terreno" in cui si svolgerebbe la disfida, non certo l'oppositore principale.

Chiamalo casus belli, cui prodest o come preferisci, ma il ruolo che l'Iran ha avuto e che avrà nel futuro è di primo piano (IMHO ovviamente)

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
Rickard
Inviato: 9/1/2012 18:28  Aggiornato: 9/1/2012 18:28
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Citazione:
C'è una sostanziale differenza tra Napoleone e Hitler. Il primo era un coglione, il secondo era un folle. Il coglione pensa a mettersi da solo le corone in testa, ossia a dare un altro significato a qualcosa che esiste già. Il folle va molto oltre. Di solito ha già una sua realtà nella testa e la vuole vedere anche là fuori. Allora distrugge tutto ciò che esiste, per poter vedere quella cosa uscire finalmente dalla propria testa, e così liberarlo.

Menghia, che analisi storico-politica solida e argomentata.

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
Malcico
Inviato: 9/1/2012 18:31  Aggiornato: 9/1/2012 18:31
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/1/2011
Da:
Inviati: 217
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
cit.

Cosa dovrei fare per non essere considerato un pre-volonteroso (cioè un non impegnato "colpevole")?

Quello che sto facendo io da un pò di tempo, è stampare articoli che spiegano la realtà che tv e giornali non dicono, e li lascio nei bar, nelle cassette delle poste, al lavoro. Non è molto, ma ho visto che la gente li legge e mi chiede.

“Lo strumento fondamentale per la manipolazione della realtà è la manipolazione delle parole. Se puoi controllare il significato delle parole, puoi controllare le persone che devono usare le parole.” Philip K. Dick
desbouvet
Inviato: 9/1/2012 18:33  Aggiornato: 9/1/2012 18:33
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da:
Inviati: 541
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Citazione:
Menghia, che analisi storico-politica solida e argomentata.


Prendi per il culo o cosa? Guarda che non sono in vena. Freud si sarebbe suicidato se avesse parlato con quel tizio nato a pochi chilometri da dove è nato Ratzinger.

Odio questo tipo di arroganza da segaioli di chi scambia internet per un gioco di ruolo. Ossia scrivere e relazionarsi come dei Coglioni.

Rickard
Inviato: 9/1/2012 18:40  Aggiornato: 9/1/2012 18:40
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Citazione:
Prendi per il culo o cosa? Guarda che non sono in vena. Freud si sarebbe suicidato se avesse parlato con quel tizio nato a pochi chilometri da dove è nato Ratzinger.

Odio questo tipo di arroganza da segaioli di chi scambia internet per un gioco di ruolo. Ossia scrivere e relazionarsi come dei Coglioni.

Potrei fare a te la stessa domanda, tu che hai liquidato personaggi d'immane importanza e complessità storica come Napoleone e Hitler come rispettivamente un"coglione" e un "folle".

Di cosa avrebbe fatto quel segaiolo di Freud se avesse parlato con Hitler non me ne frega una sega(tanto per rimanere in tema).

Comunque non sei l'unico a "non essere in vena" di sentire discorsi idioti che mischiano Napoleone, Hitler, New York (che è la città più ebraica del mondo) e Tel Aviv (che è la città più californiana e nebraskiana del mondo).

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
desbouvet
Inviato: 9/1/2012 18:42  Aggiornato: 9/1/2012 18:49
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da:
Inviati: 541
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Citazione:
tu che hai liquidato personaggi d'immane


"immane" ho liquidato... ma come parli

prenditelo in mano e fatti una sega davanti allo specchio, ce ne guadagna la tua serata

EDIT

Ma a parte le offese reciproche abbastanza futili (benchè piene di gusto), rimango affranto da questa stupidità -che non è solo tua, figurati-, di non voler gettare l'occhio oltre le stringate frasi che qui scriviamo.... Nessuna curiosità si accende nel tuo cervellino, provare a fare tue le parole le idee di una persona, poi rigettarle, se ti sembrano stronzate.

Non fare l'imbecille che spara la frasetta che comincia col "minchia". Un po' di autocritica. Io non ho s-minchiato nessuno.

levitor
Inviato: 9/1/2012 18:52  Aggiornato: 9/1/2012 18:52
Ho qualche dubbio
Iscritto: 19/12/2011
Da:
Inviati: 290
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Citazione:
tu che hai liquidato personaggi d'immane


"immane" ho liquidato... ma come parli

prenditelo in mano e fatti una sega davanti allo specchio, ce ne guadagna la tua serata



Menghia, che bella serata.

NeWorld
Inviato: 9/1/2012 19:21  Aggiornato: 9/1/2012 19:21
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2011
Da: Around the World
Inviati: 629
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Certo è difficile da prevedere esattamente cosa potrebbe avvenire. Questo esposto da Mazzucco potrebbe essere uno scenario comunque possibile,anche se con alcune varianti.

Vorrei fare una domanda a Massimo...

con questa frase: preparare e lanciare al più presto un attacco improvviso e devastante, a base di armi biologiche, capace di annientare in poche settimane l’intera nazione cinese

...ti riferisci ad un tipo particolare di armi di cui siano trapelate informazioni attendibili?

Ossia (come dici in seguito) hai informazioni su armi "selettive" a DNA o simili in grado di causare il decesso mirato in un breve periodo di miliardi di persone?

Levitor: ...in quest'era materialista e priva di valori naturali, irretisce facilmente le menti, incapaci di capire che dietro si nasconde una intelligenza demoniaca

Sono d'accordo con questa tua frase,anche se sostituirei il termine "valori naturali" con "valori spirituali".

Io non so esattamente cosa succederà,in questo ambito (un' altra grande guerra?) ma le profezie Bibliche in corso di adempimento parlano di "una grande tribolazione come non è accaduta dal principio del mondo"...

"perché abbiamo un combattimento non contro sangue e carne, ma contro i governi, contro le autorità, contro i governanti mondiali di queste tenebre, contro le malvage forze spirituali che sono nei luoghi celesti"
barracuda
Inviato: 9/1/2012 19:23  Aggiornato: 9/1/2012 19:23
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/12/2011
Da:
Inviati: 39
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
La penso esattamente come te, Richard.
Il mio pensiero è stato rafforzato da quello che mi hanno riferito due amici appena tornati da una lunga vacanza a Mosca e SanPietroburgo.
In TV, nei bar, nelle piazze, negli hotel, nei locali pubblici di questi paesi nessuno, ma proprio nessuno, parla degli americani, né accenna minimamente a quello che sta accadendo in Siria o in Iran. Pensano solo a ridere e divertirsi.
Il carattere ipernazionalista dei russi mi ha fatto pensare che per loro il problema non esiste, in quanto sono sicuri del fatto loro allo stesso modo degli iraniani.
Mi auguro di aver ragione, perché questo significherebbe che ci stiamo creando un problema che esiste.

Witt83
Inviato: 9/1/2012 19:24  Aggiornato: 9/1/2012 19:24
Mi sento vacillare
Iscritto: 3/1/2010
Da:
Inviati: 419
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Ma porca di quella ...... non bastava una crisi devastante ed i problemi da essa generati?
Ci mancava proprio una minaccia di guerra incombente tra Stati armati fino ai denti..
Ci attendono tempi bui, sperando che in mezzo tra i punti che vanno dall'uno all'undici ci sia tempo per rivolte popolari di dimensioni mai viste.

Intanto l'Iran condanna a morte Hekmati per spionaggio.
Aiuto!

La terra possiede risorse sufficienti per provvedere ai bisogni di tutti, ma non all'avidità di alcuni. Gandhi
NeWorld
Inviato: 9/1/2012 19:44  Aggiornato: 9/1/2012 19:44
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2011
Da: Around the World
Inviati: 629
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
desbouvet:
E' il chiarissimo segno che qualcosa si sta veramente preparando. Ma non da parte di un'America che usa il suo bambinello raccattato sul mar morto. Casomai il contrario. E poco c'entra il duello finale tra superpotenze. C'entra molto di più il duello finale tra Dio e Satana. Altro che Risiko planetario. E' proprio un orizzonte degli eventi, la strana sensazione appena prima di essere inghiottiti dal buio.


Il tuo intuito (e non sei l'unico) ti sta facendo vedere oltre quelle che sono le situazioni che noi percepiamo nel mondo materiale. E mi fa piacere sapere che c'è chi inizia a vedere oltre "ciò che i nostri occhi possono vedere".
Con la frase : "C'entra molto di più il duello finale tra Dio e Satana." hai centrato il punto.

Ma ti posso dire che anche se probabilmente vedremo con i nostri occhi il periodo più difficile della storia umana il risultato finale non sarà il buio.

"perché abbiamo un combattimento non contro sangue e carne, ma contro i governi, contro le autorità, contro i governanti mondiali di queste tenebre, contro le malvage forze spirituali che sono nei luoghi celesti"
ohmygod
Inviato: 9/1/2012 20:25  Aggiornato: 9/1/2012 20:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Debbo essere masochista guardo solo ciò che procura mal di testa.
Sul set: fra scena e attori.un po più sopra fra seghe e specchi.
Da una parte lo spregevole:tutto cambi purchè nulla cambi.
Dall'altra parte l'altrettanto spregevole tutto cambi purchè tutto cambi.

E se l'umanità non ha mai contato più di tanto come può rendersene conto?
In fondo sono geniali in quanto riescono a nascondere dietro una guerra, o altra qualsiasi azione, un loro fallimento,un loro crimine.

davlak
Inviato: 9/1/2012 20:48  Aggiornato: 9/1/2012 20:48
Mi sento vacillare
Iscritto: 3/6/2006
Da:
Inviati: 678
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
io voglio fare una previsione diversa, su come inizierà e si svilupperà il conflitto.
Israele si farà un autoattentato nucleare. immagino un aereo con le insegne iraniane ma telecomandato dal Mossad, con a bordo un mini-ordigno nucleare che verrà sganciato sulle alture del Golan.
Israele attacca immediatamente l'Iran con armi nucleari.
Gli U.S.A. appoggiano l'azione, la Cina si fa rodere il chiccherone e minaccia un intervento a sostegno dell'Iran.
Gli U.S.A. attaccano la Cina con armi nucleari, ma prima di raderla al suolo i cinesi reagiscono e riescono a sparare alcune testate su territorio statunitense.
a questo punto la Russia cerca di dare il colpo di grazia agli U.S.A. che però non si fanno cogliere impreparati.
non so chi la spunterà, ma ho una idea di massima dei numeri che ne deriveranno:
circa 2,5 miliardi di vittime e immensi territori da decontaminare con relativo colossale business della ricostruzione.

si accettano scommesse.

«Proclamare il diritto all'uguaglianza in una società che ha bisogno di una massa di schiavi salariati vuol dire aver perso la testa» (F. Nietzsche)
NiHiLaNtH
Inviato: 9/1/2012 21:31  Aggiornato: 9/1/2012 21:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Citazione:
Gli U.S.A. attaccano la Cina con armi nucleari, ma prima di raderla al suolo i cinesi reagiscono e riescono a sparare alcune testate su territorio statunitense. a questo punto la Russia cerca di dare il colpo di grazia agli U.S.A. che però non si fanno cogliere impreparati.


la distanza tra Pechino e Seattle è di 8700 Km
il missile verrebbe distrutto ancora prima di arrivare sulle coste dell'Alaska

SuperFed
Inviato: 9/1/2012 22:19  Aggiornato: 9/1/2012 22:19
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/6/2011
Da: Città stressante nord Italia
Inviati: 168
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Prima di tutto vorrei ricordare un dato molto importante infatti:

ancora oggi si parla della "Commissione Trilaterale" senza tenere presente che non è più trilaterale, ma quadrilaterale. PERCHE' VI E' ENTRATA LA CINA! Controllate pure, è vero, la commissione OGGI è di coordinamento fra Usa-Europa-Giappone E CINA.

Sapete chi sono i cinesi oggi? I più devoti adoratori del dio denaro che esistano sulla Terra. Nella Cina continentale non esiste più niente della tradizione millenaria cinese ed il maoismo di ieri ha perso nei confronti del capitalismo di oggi. Quindi gli USA hanno già vinto la battaglia coi cinesi. Sono diventati più capitalisti di loro! Non hanno ALTRO dio all'infuori del denaro. E lavorano e trottano e marciano e sopportano le pene del mercato globale meglio di tutti! Ma mi volete spiegare perchè dovrebbero ammazzarli tutti??!! Sono loro stessi LA BASE imprescindibile nel funzionamento del MERCATO GLOBALE di oggi e del futuro. Se si parla tanto di quella sigla di tre lettere secondo voi, quelle tre lettere su cosa si basano? Sul mercato globale, di cui i cinesi stanno contribuendo a delineare LO STANDARD DI RIFERIMENTO.

Certo, non è che questa realtà si possa spiattellare così in faccia all'opinione pubblica d'occidente. A chi farebbe piacere sapere che a breve si dovrà vivere tutti sempre più "alla cinese"??? Ecco allora che si gioca molto con le ombre, fingendo di battagliare su diritti umani, Dalalalai Lalalamai e guerre commerciali di pura facciata.

Tutt'altra minaccia è invece quella del conflitto con l'Iran, molto più probabile. Ma per ora mi fermo qui.

Onore a te Takuro Nakai genio incompreso dei manga[img align=right]
Jurij
Inviato: 9/1/2012 22:25  Aggiornato: 9/1/2012 22:25
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Rickard
Citazione:
Israele in realtà è uno stato debolissimo,

Israele è la 10° potenza militare al mondo e dietro ha la “sorella maggiore” che è la 1° al mondo … non direi che è poca roba, inoltre è vero che nel medio oriente è” schiacciata” dalle altre nazioni musulmane, ma le 400 testate atomiche c’è le hanno “i pinguini”, non gli Ayatollah.

Citazione:
Gli USA controllano Israele, non il contrario.

Scusa, ma sono piuttosto dell’opinione che chi comanda sono i 7 milioni di ebrei negli usa-e-getta, che a loro volta sono incollati stretti agli altri 6/7 milioni in patria.
Lo si è visto bene con il caso dei fondi ebraici, dove quando l’ebreo di turno alzava il dito, subito dopo reagiva il politico usa-e getta.

P.S. Parafrasando il famoso film direi “attenti a quei due”.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
Jurij
Inviato: 9/1/2012 22:34  Aggiornato: 9/1/2012 22:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
SuperFed
Citazione:
Sapete chi sono i cinesi oggi? I più devoti adoratori del dio denaro che esistano sulla Terra. Nella Cina continentale non esiste più niente della tradizione millenaria cinese ed il maoismo di ieri ha perso nei confronti del capitalismo di oggi. Quindi gli USA hanno già vinto la battaglia coi cinesi. Sono diventati più capitalisti di loro! Non hanno ALTRO dio all'infuori del denaro. E lavorano e trottano e marciano e sopportano le pene del mercato globale meglio di tutti! Ma mi volete spiegare perchè dovrebbero ammazzarli tutti??!! Sono loro stessi LA BASE imprescindibile nel funzionamento del MERCATO GLOBALE di oggi e del futuro. Se si parla tanto di quella sigla di tre lettere secondo voi, quelle tre lettere su cosa si basano? Sul mercato globale, di cui i cinesi stanno contribuendo a delineare LO STANDARD DI RIFERIMENTO.

Certo, non è che questa realtà si possa spiattellare così in faccia all'opinione pubblica d'occidente. A chi farebbe piacere sapere che a breve si dovrà vivere tutti sempre più "alla cinese"??? Ecco allora che si gioca molto con le ombre, fingendo di battagliare su diritti umani, Dalalalai Lalalamai e guerre commerciali di pura facciata.

Complimenti per l’analisi, io aggiungerei che comunque non passerà ancora molto perché la popolazione dell’EU si svegli dal torpore e innalzi il protezionismo più potente della storia.
O questo, o la schiavitù più dura (altro che quella passata finora …)

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
Jurij
Inviato: 9/1/2012 22:48  Aggiornato: 9/1/2012 22:48
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Nel gioco del “risiko” attuale, le nazioni con potenziale nucleare (missili atomici) non possono mai essere attaccate, possono solo attaccare.

Un bell’esempio è la Corea del Nord che, con sole c.a. 4 testate, si è messa la riparo da tutti i disturbi, quelli veri intendo.
Arma nucleare = arma dissuasiva (mica per niente si chiama così)

È comprensibile quindi che l’Iran cerchi sul filo del rasoio le sue prime testate.
Una volta ottenute, diventerà un intoccabile ed un punto di riferimento per tutti i musulmani della zona, altro che Egitto del secolo scorso.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
totalrec
Inviato: 9/1/2012 23:00  Aggiornato: 9/1/2012 23:13
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/5/2006
Da:
Inviati: 767
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Anche a me un attacco all'Iran sembra poco probabile, almeno in tempi brevi. Soprattutto in un anno di elezioni presidenziali in USA e Russia. Aggredire l'Iran adesso significherebbe imbarcarsi in un'avventura dagli esiti imprevedibili e l'élite statunitense attualmente al potere è certamente sanguinaria e criminale, ma non mi sembra scema. La Russia, nonostante i proclami, difficilmente interverrebbe in un conflitto, ma da esso avrebbe tutto da guadagnare (o almeno così sembra credere), dato l'indebolimento e l'impasse in cui esso getterebbe i suoi due avversari principali.

Inoltre le guerre nel settore asiatico/mesopotamico (attacchi di contenimento geostrategico di prossimità contro la Cina) paiono più una prerogativa dei gruppi d'interesse facenti capo ai Repubblicani che non ai Democratici, i quali tradizionalmente preferiscono scompaginare gli interessi cinesi nell'area del Mediterraneo (fomentazione di conflitti e interventi militari nei paesi della ex-Jugoslavia, rivoluzioni colorate in Africa Settentrionale, guerra alla Libia, incatenamento finanziario e politico dei paesi europei, ecc.). Dovremo iniziare a preoccuparci della concreta possibilità di un'aggressione contro l'Iran se e quando i neocon israelo-americani, non dico avranno vinto le elezioni, ma si saranno almeno piazzati in buona posizione per imporre un certo controllo sul futuro esecutivo, cosa che al momento sembra improbabile.

Oltre a ciò, la strategia USA (riprendendo saggiamente l'antica dottrina di Sun Tzu) non sferra mai l'attacco definitivo contro un obiettivo se non quando il nemico "ha già perso", cioè è stato isolato, gettato nel caos e ridotto all'impotenza militare, posizione in cui l'Iran è ben lungi dal trovarsi. E come si è già fatto notare, perfino un nemico ridotto in tali condizioni può riservare sorprese sgradite (vedi Libia).

Prima di attaccare, si cercherà di portare a compimento l'indebolimento dell'Iran, con l'eliminazione del governo siriano, suo tradizionale mediatore con Hezbollah e Hamas, nonché di portare a regime gli embarghi finanziari e commerciali, cosa che potrebbe rivelarsi più insidiosa del previsto, visto che molti paesi, anche in Europa, dipendono dall'Iran per una discreta percentuale dal loro fabbisogno energetico.

Più probabile un ennesimo tentativo di "rivoluzione colorata" in stile 2009, visto l'approssimarsi in Iran di una tornata di elezioni parlamentari. E' notizia di oggi l'arresto in Iran di un non precisato numero di "spie" americane che stavano preparandosi alle solite operazioni di destabilizzazione che si tengono in queste circostanze. Da questo punto di vista, l'Iran sta agendo con la miglior previdenza e risolutezza che sia umanamente possibile, come dimostra anche la condanna a morte di Amir Mirzaei Hekmati, ex marine americano accusato di essere una spia USA.

Le forniture petrolifere iraniane sono fondemantali non solo per la Cina, ma anche per altri stati asiatici gravitanti nell'orbita USA, quali Giappone e Corea del Sud, e nessun tentativo, non dico militare, ma anche solo di embargo energetico sarà posto in atto finché questi nodi non saranno sciolti. Proprio oggi la Cina ha fatto sapere che, in sostanza, non gliene frega niente del programma nucleare iraniano e che continuerà a comprare petrolio dall'Iran, come da accordi.

Da questo punto di vista, le prossime massicce esercitazioni congiunte USA-Israele sembrano più un ennesimo strumento di pressione (e forse per esercitare uno stretto controllo USA su possibili "colpi di testa" israeliani non autorizzati) che non il vero e proprio preludio ad un conflitto aperto.

Spero di non aver esagerato in ottimismo. Aggiungo una considerazione che è piuttosto cinica, ma a questo punto non mi sembra più il momento di fare del moralismo spicciolo. Il giorno in cui un eventuale attacco USA all'Iran dovesse diventare realtà, sarà anche il giorno in cui gli USA saranno costretti a distogliere dall'Europa buona parte delle loro attenzioni militari e finanziarie, creando così un temporaneo indebolimento della struttura carceraria continentale in cui ci hanno rinchiusi. Quello sarebbe un buon momento, per coloro che sono interessati, per muoverci anche noi in direzioni ungheresi o "argentine". Anche l'Argentina e parte dell'America Latina riuscirono a sganciarsi finalmente dagli USA, di cui erano state per decenni il cortile di casa, approfittando - dopo l'11 settembre - del rivolgersi delle attenzioni della superpotenza verso altri scenari strategici e favorendo quanto più possibile l'ingresso di capitali esteri (soprattutto cinesi). Un eventuale attacco contro l'Iran sarà ovviamente un crimine osceno, ma poiché credo - differentemente da Massimo - che possiamo fare poco su quel fronte, cerchiamo di organizzarci almeno in previsione delle possibili opportunità di restituzione alle sovranità nazionali che l'indebolimento dei dominanti potrebbe consentire all'Europa.

"I shall be telling this with a sigh
Somewhere ages and ages hence:
Two roads diverged in a wood, and I...
I took the one less traveled by,
and that has made all the difference".

(Robert Frost, "The road not taken")
SuperFed
Inviato: 9/1/2012 23:01  Aggiornato: 9/1/2012 23:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/6/2011
Da: Città stressante nord Italia
Inviati: 168
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
E' esatto, il rischio è proprio che L'Iran si guadagni "un posto al sole" tutelato dall'atomica e diventando un pericoloso interlocutore culturale per il mondo islamico. Pericoloso perchè eretico. Nel senso che al contrario dell'ortodossia sunnita, nelle moschee sciite dall'architettura complessa ed articolata, dietro elaborate geometrie e calligrafie parietali, sotto cupole dorate o turchesi si respirano ancora gli echi della mistica "diventata islamica" ma che prima era altro. E quella sopravvivenza di quel qualcos'altro da fastidio a molti, non solo ai sunniti. Sono le IDEE, le VISIONI del mondo alternative che fanno preoccupare.

E' per questo che, ripeto, siccome i cinesi non hanno nessuna idea alternativa al capitalismo e nessuna visione della realtà che non sia fare soldi, difficilmente si attireranno sulla testa le ire di Giove folgoratore, ma si trovano già al riparo all'ombra di Mercurio, patrono dei commercianti, del denaro, dei ladri, dei truffatori e furfanti di ogni risma.

Onore a te Takuro Nakai genio incompreso dei manga[img align=right]
Jurij
Inviato: 9/1/2012 23:27  Aggiornato: 9/1/2012 23:27
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Citazione:
… difficilmente si attireranno sulla testa le ire di Giove folgoratore, ma si trovano già al riparo all'ombra di Mercurio, patrono dei commercianti, del denaro, dei ladri, dei truffatori e furfanti di ogni risma.

Se c’è un punto debole nella mentalità cinese è proprio la superstizione.

Se improntano la guerra, come pianificano una nuova fabbrica …
... e girala verso lì, perché di là non è propensa alla fortuna …
... e attivala solo in quella data, perché altrimenti ci tiriamo addosso le ire di …
Hai voglia che il nemico si adegui a loro ;o)

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
totalrec
Inviato: 10/1/2012 0:31  Aggiornato: 10/1/2012 0:33
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/5/2006
Da:
Inviati: 767
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Citazione:
Sapete chi sono i cinesi oggi? I più devoti adoratori del dio denaro che esistano sulla Terra. Nella Cina continentale non esiste più niente della tradizione millenaria cinese ed il maoismo di ieri ha perso nei confronti del capitalismo di oggi.



Questa proposizione non mi pare abbia molto senso, storicamente parlando. I cinesi sono da millenni una nazione che ha costruito sulla produzione e sul commercio le proprie fortune. E' l'Europa ad avere imparato da loro, non viceversa, e presentarli al mondo come un popolo composto essenzialmente di filosofi dediti all'umanesimo religioso è una schematizzazione che lascia il tempo che trova.

Già Ottaviano Augusto riceveva presso la propria corte delegazioni di "Seri", come venivano chiamati allora i commercianti di seta e spezie provenienti dall'estremo oriente. Lo stesso spostamento in oriente del baricentro dell'impero romano fu concepito come avvicinamento strategico a quest'area cruciale dei traffici commerciali dell'antichità, traffici che avevano reso ricca non solo la Cina, ma anche l'impero persiano, che faceva da mediatore tra Europa ed estremo oriente per il trasporto e la vendita dei prodotti cinesi. Prodotti che, mentre l'Europa si assestava sul feudalesimo, continuarono a fare la ricchezza della Cina sotto ogni dinastia (e ad arricchire, parallelamente, le potenze commerciali che si inserivano nella catena produzione-trasporto-vendita, tra cui gli imperi bizantino, musulmano e poi turco). L'Europa, com'è noto, iniziò timidamente a riattivare questi traffici con l'oriente solo col decadere del sistema feudale, a partire dall'XI-XII secolo.

La rivoluzione maoista (come pure quella russa, anche se è un discorso diverso nello specifico) andrebbe inquadrata, in quest'ottica, come un riallineamento della Cina ai più moderni metodi di produzione capitalistica sviluppati in occidente dal XVII secolo in poi, non come un "tradimento" di una fantomatica predisposizione cinese all'ascesi e al distacco filosofico, che non è mai esistita se non come parte di una realtà sociale e culturale da millenni ben più complessa di quella che immaginiamo nelle nostre "reductiones ad unum".

"I shall be telling this with a sigh
Somewhere ages and ages hence:
Two roads diverged in a wood, and I...
I took the one less traveled by,
and that has made all the difference".

(Robert Frost, "The road not taken")
levitor
Inviato: 10/1/2012 0:34  Aggiornato: 10/1/2012 0:34
Ho qualche dubbio
Iscritto: 19/12/2011
Da:
Inviati: 290
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Citazione:

È comprensibile quindi che l’Iran cerchi sul filo del rasoio le sue prime testate.
Una volta ottenute, diventerà un intoccabile ed un punto di riferimento per tutti i musulmani della zona, altro che Egitto del secolo scorso.



Non è proprio così.
L'Iran dispone già di non meno di 100 testate nucleari provenienti dall'Ucraina al tempo del dissolvimento dell'URSS.
Ragion per cui il vero pericolo per Israele non è nel programma nucleare iraniano, ma in quello di sviluppo dei lanciatori (missili).
L'ultimo lancio di un missile di lunga gittata da parte dell'Iran è la conferma delle paure israeliane.
Gli americani però hanno già risposto cedendo all'Iran un loro sofisticato pattugliatore Uav, il sentinel, che non è stato certo "hackerato" e dirottato.
Il messaggio è: sono ben altre le tecnologie con cui vi possiamo annichilire.

scrapolla
Inviato: 10/1/2012 0:53  Aggiornato: 10/1/2012 0:53
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/12/2005
Da: puglia, molto puglia
Inviati: 66
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente

Citazione:
Ultimo avvertimento...
Redazione
Inviato: 10/1/2012 1:05  Aggiornato: 10/1/2012 1:19
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
DESBOUVET: Citazione:
“C'è una sostanziale differenza tra Napoleone e Hitler. Il primo era un coglione, il secondo era un folle. “
C’è comunque una cosa che i due avevano in comune, che resta al di sopra di qualunque differenza: erano ambedue manovrati dai banchieri.

Finchè guardi il burattino, e non ti domandi chi tira le fila....

Citazione:
Ora mi domando, non è forse Tel Aviv la più grande città californiana del mondo? La città più nebraskiana del mondo? E non è forse Tel Aviv il più importante centro del potere mondiale, sotto le sue due ali del Pensiero e del Mercato?
No, è Londra. Tutto il resto per “loro” non conta. I “normali” ebrei sono “expendable” come chiunque altro, dal loro punto di vista. (Se c’è una cosa che l’Olocausto ha dimostrato è proprio questa).

Citazione:
E' il chiarissimo segno che qualcosa si sta veramente preparando. Ma non da parte di un'America che usa il suo bambinello raccattato sul mar morto. Casomai il contrario. E poco c'entra il duello finale tra superpotenze. C'entra molto di più il duello finale tra Dio e Satana.
Basta decidere a quale livello vuoi guardare il problema. Una cosa non esclude necessariamente l’altra.

A meno ovviamente che tu non voglia leggere Giovanni in senso letterale. (In quel caso, se vedo passare un cavaliere con scritto sulla coscia “Re dei Re” ti avviso ).

Riguardo al tuo scontro con Rickard: “Menghia, che analisi storico-politica solida e argomentata” è un commento perfettamente legittimo (per quanto possa non piacerti), specialmente di fronte al tuo post “assolutista” di prima. Mentre la selva di insulti rabbiosi con cui hai risposto sarebbe gentilmente da evitare.

Grazie.

(Se ti fanno incazzare "quelli che non capiscono" non accanirti contro di loro. Rivolgi uno sguardo al cielo e sospira dolcemente "Padre mio perdona loro perchè non sanno ciò che dicono").

***

RICKARD: Citazione:
E io che ho detto? Ovviamente l'Iran, visto in quest'ottica, è solo il "terreno" in cui si svolgerebbe la disfida, non certo l'oppositore principale.
Allora scusami, avevo capito male.

***

NEWORLD: Citazione:
Ossia (come dici in seguito) hai informazioni su armi "selettive" a DNA o simili in grado di causare il decesso mirato in un breve periodo di miliardi di persone?
Ho solo le informazioni che tutti possono trovare in rete. Sono tutte fonti non verificabili, ovviamente, ma analizzandole nel loro insieme sembra evidente che il virus “razziale” sia ormai cosa fatta.

Rickard
Inviato: 10/1/2012 2:57  Aggiornato: 10/1/2012 3:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Jurij
Citazione:

Israele è la 10° potenza militare al mondo e dietro ha la “sorella maggiore” che è la 1° al mondo … non direi che è poca roba, inoltre è vero che nel medio oriente è” schiacciata” dalle altre nazioni musulmane, ma le 400 testate atomiche c’è le hanno “i pinguini”, non gli Ayatollah.

Se è per quello la Corea del Nord ha il 4° esercito del mondo e le atomiche ed è comunque uno stato il cui peso internazionale (per adesso) si conta in grammi (o al massimo in etti).

Le 400 testate sono uno strumento di deterrenza. Se, in un accesso di follia suicida, le lanciassero, anche se tutte quante andassero a segno, metterebbero in moto reazioni di tale magnitudine che quale che sia il loro risultato esso passerebbe ineluttabilmente per la disintegrazione di Israele fino a ridurlo a un ammasso di granelli di polvere. Questo è anche il motivo che mi porta a escludere, nell'attuale stato delle cose, improvvise "sortite" israeliane contro l'Iran (in solitaria, per giunta)

Chi passa l'esistenza a cercare dimostrare la propria forza lo fa per coprire la propria debolezza, e questo è il caso di Israele.

Citazione:
Scusa, ma sono piuttosto dell’opinione che chi comanda sono i 7 milioni di ebrei negli usa-e-getta, che a loro volta sono incollati stretti agli altri 6/7 milioni in patria.
Lo si è visto bene con il caso dei fondi ebraici, dove quando l’ebreo di turno alzava il dito, subito dopo reagiva il politico usa-e getta.

Mica ho detto che la lobby ebraica non abbia alcun peso, dico solo che Israele come stato non fa la parte del dominante nei confronti degli USA. Agli ebrei americani importa di Israele fino a un certo punto e solo finquando i vantaggi provenienti dalla sua esistenza e dalla sua funzione di controllo superano gli svantaggi e le pretese di quello che era ed è un avamposto, non il cuore pulsante.

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
baciccio
Inviato: 10/1/2012 6:39  Aggiornato: 10/1/2012 6:43
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/1/2006
Da: Genova
Inviati: 536
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Citazione:
Ora mi domando, non è forse Tel Aviv la più grande città californiana del mondo? La città più nebraskiana del mondo? E non è forse Tel Aviv il più importante centro del potere mondiale, sotto le sue due ali del Pensiero e del Mercato? No, è Londra. Tutto il resto per “loro” non conta. I “normali” ebrei sono “expendable” come chiunque altro, dal loro punto di vista. (Se c’è una cosa che l’Olocausto ha dimostrato è proprio questa).

L'esempio non è propriamente il più calzante stante che l'"olocausto" non è affatto dimostrato.
SuperFed
Inviato: 10/1/2012 9:08  Aggiornato: 10/1/2012 9:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/6/2011
Da: Città stressante nord Italia
Inviati: 168
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Ciao Totalrec,

giustissime le tue precisazioni. Anche da parte mia non c'era nessuna intenzione di insinuare un qualsiasi distacco ascetico degli antichi cinesi che non c'è mai stato. C'era pero', fra tante cose, l'etica di stato confuciana che dava ai cinesi del passato un'identità, un modus vivendi, una visione del mondo completamente autonoma e peculiare, tutte cose oggi estinte in favore del solo dio denaro. E' una scissione e una frattura del loro animo non da poco.

Adesso mi fermo perchè non posso scrivere un trattato, dico solo, purtroppo per NOI, che non esistono solo le rivoluzioni culturali violente (come quella maoista) ma anche rivoluzioni culturali SOFT e una frattura spirituale la stiamo rischiando fra capo e collo.

Onore a te Takuro Nakai genio incompreso dei manga[img align=right]
Jurij
Inviato: 10/1/2012 9:42  Aggiornato: 10/1/2012 9:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
levitor
Citazione:
L'Iran dispone già di non meno di 100 testate nucleari provenienti dall'Ucraina al tempo del dissolvimento dell'URSS.

Questa non la sapevo e spiegherebbe appunto le paure per le prove missilistiche iraniane.
Levitor hai una fonte che confermi queste testate?


Rickard
Citazione:
Le 400 testate sono uno strumento di deterrenza. Se, in un accesso di follia suicida, le lanciassero, anche se tutte quante andassero a segno, metterebbero in moto reazioni di tale magnitudine che quale che sia il loro risultato esso passerebbe ineluttabilmente per la disintegrazione di Israele fino a ridurlo a un ammasso di granelli di polvere. Questo è anche il motivo che mi porta a escludere, nell'attuale stato delle cose, improvvise "sortite" israeliane contro l'Iran (in solitaria, per giunta)

Sono completamente d’accordo con te in questo senso, mi chiedo però se la penseranno così anche i “ falchi sionisti”?
E soprattutto dove si trova il livello massimo di sopportazione permesso dalle altre potenze nel gioco delle alleanze?
Chiaro che abbordaggi e uccisioni in acque internazionali non importano molto a paesi che sono abituati a fare valere i propri interessi con metodi ugualmente brutali.


Citazione:
Mica ho detto che la lobby ebraica non abbia alcun peso, dico solo che Israele come stato non fa la parte del dominante nei confronti degli USA. Agli ebrei americani importa di Israele fino a un certo punto e solo finquando i vantaggi provenienti dalla sua esistenza e dalla sua funzione di controllo superano gli svantaggi e le pretese di quello che era ed è un avamposto, non il cuore pulsante.

Su questo ho la sensazione invece che “il cuore pulsante”, che esprime bene il concetto, si trovi piuttosto in medio oriente nel 51° stato, ma è la mia opinione personale che mi sono fatto da quando segue le vicende di questa regione (mo) disgraziata.
I circa 300 milioni di americani (esclusi gli ebrei) li ho sempre visti e continuo a vederli, come un gruppo di pecoroni … qui mi autocensuro altrimenti ...


totalrec
Citazione:
Anche a me un attacco all'Iran sembra poco probabile, almeno in tempi brevi. Soprattutto in un anno di elezioni presidenziali in USA e Russia.

Questa potrebbe essere la chiave che permette all’Iran, in questo giro di dadi, di prepararsi bene per la prossima tornata che avverrà solo dopo le prossime elezioni (2012 permettendo)

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
NiHiLaNtH
Inviato: 10/1/2012 10:41  Aggiornato: 10/1/2012 10:41
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Citazione:
2012 permettendo


quella data segna solo l'inizio di una transizione non certo la fine del mondo
a quella ci penserà la terza guerra mondiale

incredulo
Inviato: 10/1/2012 10:56  Aggiornato: 10/1/2012 10:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
@SuperFed

Citazione:
Adesso mi fermo perchè non posso scrivere un trattato, dico solo, purtroppo per NOI, che non esistono solo le rivoluzioni culturali violente (come quella maoista) ma anche rivoluzioni culturali SOFT e una frattura spirituale la stiamo rischiando fra capo e collo.


Le tue osservazioni sono MOLTO azzeccate.

La conquista principale è quella CULTURALE.

In questo senso i popoli della terra conquistati sono VERAMENTE molti.

Non importa quale nazione vincerà, perche qualunque nazione vinca avrà la stessa filosofia di vita e la stessa scala di valori di quella sconfitta.

Questo è il lavoro VERO che è stato portato avanti, la conquista è il PENSIERO non il territorio fisico.

Quando tutti i popoli della terra avranno gli stessi principi di esistenza il NWO sarà.

L'unica maniera di evitarlo è COLTIVARE un pensiero autonomo, non conformista che riesca ad andare al di là delle divisioni APPARENTI.

Di questo HANNO TIMORE, hanno paura del pensiero indipendente hanno paura delle voci fuori dal coro, hanno paura di voci che possano svegliare dal torpore altre voci, hanno paura di quelle voci che non possono comprare o soffocare.

Un autore che amo molto per la sua lucidità è Quino.




CORAGGIO, questo ci vuole ma è un sentimento che COSTA.

Il coraggio non è quello che si esprime quando si è toccato il fondo, quella è disperazione.

Saluti

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
fender207
Inviato: 10/1/2012 11:03  Aggiornato: 10/1/2012 11:03
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/10/2008
Da: Babilonia
Inviati: 169
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
e se invece decidessero per una nuova (ennesima) Pearl Harbour?
Non avrebbe più senso una cosa di questo tipo?

0 – Il mossad, come è già successo, mette una bella bomba in un grosso evento internazionale, ad esempio (per dirne proprio uno a caso) le olimpiadi di Londra 2012
1 – La colpa viene data all'Iran, che viene subito attaccato dalle potenze occidentali con alla testa Israele.
2 – L’Iran risponde immediatamente, ed al suo fianco entrano in guerra Russia e Cina.
3 – Il resto è facilmente immaginabile.

«Quando guardo la storia sono pessimista, ma quando guardo la preistoria sono ottimista.»
perspicace
Inviato: 10/1/2012 11:45  Aggiornato: 10/1/2012 11:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/9/2011
Da: località sconosciuta
Inviati: 3281
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Citazione:
Il resto è facilmente immaginabile.


Facilmente immaginabile dici? mmMh non sono sicuro comunque faccio anch'io la mia ipotesi:

1- L'Iran scopre che gli Usa vogliono il suo territorio perché situato al centro della via della seta e quindi visto lo svilupparsi dell'Impero cinese il territorio di Iran, Pakistan, Afganistan, Iraq è al di fuori delle immense riserve di idrocarburi il territorio di maggior valore al mondo come possibilità di tassazione dei traffici di merci di ogni tipo che attraversano e attraverseranno quei territori.




































2- L'Intelligence Iraniana capisce l'obbiettivo dell'Impero Usa è inizia la costruzione sul suo territorio di centrali nucleari così che nel caso di un invasione coatta come quella del kuwait avrebbero potuto comunque interrompere o rallentare di 50anni i piani dell'Usa.

3- Gli Usa tentanto di far cambiare rotta al popolo Iraniano sensibilizzandolo sulla pericolosità di avere una centrale atomica nel proprio territorio (Giappone da sempre poligono di tiro per la prova di armi Americane).

4- L'Iran capisce il trucchetto e nonostante le forti sanzioni ONU continua la costruzione della sua ultima ancora di salvezza.

5- Gli Usa provano ad incolparlo di un attentato (False flag) per muovergli guerra prima che sia tardi ma visto che come dice Sun Tzu nel "arte della guerra" muovere guerra costa al popolo di una nazione 7/10 della sua ricchezza ed in "tempi economicamente bui" non può senza prove (cosa che in Iraq è successa) convincere le nazioni unite a muovere guerra, il tentativo non va a segno.

6- L'Iran completa le sue centrali atomiche e si prepara a difendersi ma gli Usa il cui scopo non è la guerra ma l'occupazione deve demordere e opterà per la stessa strategia che sta utilizzando in Pakistan.


- - - - - - - - - - -

Complimenti Redazione per l'articolo.

Io non parlo come scrivo, io non scrivo come penso, io non penso come dovrei pensare, e così ogni cosa procede nella più profonda oscurità. Kepler
Spiderman
Inviato: 10/1/2012 12:44  Aggiornato: 10/1/2012 12:44
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 19/9/2009
Da:
Inviati: 2722
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Citazione:
Di questo HANNO TIMORE, hanno paura del pensiero indipendente hanno paura delle voci fuori dal coro, hanno paura di voci che possano svegliare dal torpore altre voci, hanno paura di quelle voci che non possono comprare o soffocare.


Ieri, ho confuso un personaggio di cui parlava Pikebishop, con questa persona qua, alla fine i video li ho visti ugualmente. Li ho trovati interessanti, dice cose note, ma uno sguardo non guasta. Se ti va...

"Ogni giorno racconto la favola mia, la racconto ogni giorno chiunque tu sia, e mi vesto di sogno per darti se vuoi, l'illusione di un bimbo che gioca agli eroi. (Renato Zero)
levitor
Inviato: 10/1/2012 17:20  Aggiornato: 10/1/2012 17:20
Ho qualche dubbio
Iscritto: 19/12/2011
Da:
Inviati: 290
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Autore: Jurij Inviato: 10/1/2012 9:42:52

levitor
Citazione:
L'Iran dispone già di non meno di 100 testate nucleari provenienti dall'Ucraina al tempo del dissolvimento dell'URSS.

Questa non la sapevo e spiegherebbe appunto le paure per le prove missilistiche iraniane.
Levitor hai una fonte che confermi queste testate?


L'avevo.

levitor
Inviato: 10/1/2012 17:29  Aggiornato: 10/1/2012 17:29
Ho qualche dubbio
Iscritto: 19/12/2011
Da:
Inviati: 290
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Citazione:

No, è Londra. Tutto il resto per “loro” non conta. I “normali” ebrei sono “expendable” come chiunque altro, dal loro punto di vista. (Se c’è una cosa che l’Olocausto ha dimostrato è proprio questa).


Ineccepibile.
L'altra cosa che invece proprio non riesce a dimostrare è quanto hanno speso.

incredulo
Inviato: 10/1/2012 17:33  Aggiornato: 10/1/2012 17:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Citazione:
Ieri, ho confuso un personaggio di cui parlava Pikebishop, con questa persona qua, alla fine i video li ho visti ugualmente. Li ho trovati interessanti, dice cose note, ma uno sguardo non guasta. Se ti va...


Visti, non lo conoscevo questo Watt, mi piace.

Ciao

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
ohmygod
Inviato: 10/1/2012 18:21  Aggiornato: 10/1/2012 18:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
@Incredulo
Quino

non conoscevo la lucidità di Quino,pensavo fosse italiana!
di conseguenza ho rapportato il !! NO A LA CENSURA !! alla "meglio gioventù" galbaniana.
Da quì il galbaniano raffronto "imperfetto" con:La conquista principale è quella CULTURALE"."
La finale ,vigneta, mi ha riportato alla mente la "tragicomica comicità" del Sud-America.

Ps
Al riguardo della cultura:Il PaPa,la tastiera ha deciso che così lo si dovesse digitare, comunque il Papa o il suo Vaticano ne fu quasi scosso e di punto in bianco ordinò la chiusura della "Scuola del Pensiero"

Pss "imperfetto" è rapportato alla cultura in quanto lo stato d'animo rapportato a questa imperfezione produce.....anche la mia mostruosità:il prodotto è nei puntini.

Al collo:da una parte lo spregevole:"tutto cambi purchè nulla cambi".
Dall'altra parte l'altrettanto spregevole: "tutto cambi purchè tutto cambi".
sono le due faccie di un lato della medaglia.

E l'umanità non si è mai contata più di tanto-a, come si può dargliene conto,nel mentre si attende nella inquietudine di: "un nulla cambi purchè tutto cambi"
questo è l'altro lato della medaglia.
A volte non fa male riscriversi.

desbouvet
Inviato: 10/1/2012 18:25  Aggiornato: 10/1/2012 18:25
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da:
Inviati: 541
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
x REDAZIONE

Disapprovo. Io sarò assolutista (ma non fesso, che mi parli a me di guardare il burattinaio anzichè il burattino??? E vuoi dire a me che Londra è questo e quello, ma io ti scrivo un libro sul vero legame tra Londra, Gerusalemme e NYC, se vuoi, entro la fine del mese, e te lo spedisco; sai nulla per esempio dell'Equatore Magico della Terra, tu? No, sicuramente no, perchè non esistono " l i n k " su internet che ne parlano....); io sarò assolutista e accuminato e farraginoso e casinista e incomprensibile e tutto il resto

ma quello che non sopporto sono questi bimbetti che usano questo "mezzo" (non un "luogo", ma un mezzo, come Tu una volta ricordasti a Santaruina, mi ricordo bene), per

prendere per il culo non appena c'è qualcosa che non è pane per i loro denti. Se non hai i denti, non fare smorfie, non dissacrare, non provarci nemmeno. Mi fanno incazzare i poveretti, i bambinetti scemi, e non è che mi passa

"rivolgendo lo sguardo al cielo e sospirando dolcemente padre mio perdona loro" eccetera

che anche questa Tua, mi sembra tra l'altro un'uscita un po' così, una sorta di presa per il culo, non so se rivolta a me, o agli scemi che avverso, ma in ogni caso inutilmente "un po' così", diciamo, o sbaglio?

sbaglio sicuramente, lo so, perdona me allora perchè non so quello che faccio

ohmygod
Inviato: 10/1/2012 18:37  Aggiornato: 10/1/2012 18:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
ma io ti scrivo un libro sul vero legame tra Londra, Gerusalemme e NYC, se vuoi, entro la fine del mese, e te lo spedisco; sai nulla per esempio dell'Equatore Magico della Terra...

Se ti faccio arrabbiare me lo scrivi?

desbouvet
Inviato: 10/1/2012 18:49  Aggiornato: 10/1/2012 18:49
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da:
Inviati: 541
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Fammi pure sorridere. Che è molto meglio.

barracuda
Inviato: 10/1/2012 19:00  Aggiornato: 10/1/2012 19:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/12/2011
Da:
Inviati: 39
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Non c'è bisogno di prove. Le armi nucleari non è indispensabile farsele in casa. Da tempo si comprano belle e pronte da altri Stati o addirittura al mercato nero.
E' solo una questione di soldi. E l'Iran, che ne ha a bizzeffe, sta acquistando armi di tutti i tipi da almeno venti anni.
Senza contare che i suoi scienziati ne hanno messo a punto di nuove, sconosciute agli altri Paesi.
Penso che l'Iran da solo sarebbe in grado di distruggere gli Stati Uniti, tanto più ieri che la Cina ha minacciato di reagire alle sue minacce con la forza delle armi, la flotta russa ha fatto una visita di una decina di giorni in un porto siriano, l'Afghanistan e il Pakistan sono passati dall'altra parte e il debito degli USA è stato definito "paragonabile a quello dei PIIGS".
E' chiaro che i tre compari si sono messi d'accordo anche sulle parole da dire e le cose da fare giorno per giorno.

hrabal
Inviato: 11/1/2012 3:48  Aggiornato: 11/1/2012 3:48
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/5/2011
Da: dublino
Inviati: 176
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
@ Totalrec

Citazione:
Prima di attaccare, si cercherà di portare a compimento l'indebolimento dell'Iran, con l'eliminazione del governo siriano, suo tradizionale mediatore con Hezbollah e Hamas, nonché di portare a regime gli embarghi finanziari e commerciali, cosa che potrebbe rivelarsi più insidiosa del previsto, visto che molti paesi, anche in Europa, dipendono dall'Iran per una discreta percentuale dal loro fabbisogno energetico.


Condivido, non mi sembrano maturi i tempi (ma le cose vanno cosi veloci e tutto puo' cambiare in un attimo, sono convinto anch'io come Massimo che i piani sono gia' pronti) per un attacco diretto, e non bisogna dimenticare la siria, e' da mesi sotto la minaccia di una rivoluzione posticcia.
Il piano non sembra funzionare, nonostante la spinta di tutti i media e della Lega Araba. Assad pare ancora saldo al potere e i "ribelli" sono ricorsi ultimamente (sempre che siano stati loro, ma sembra molto probabile visto il contesto) ad atti terroristici a Damasco, testimoniando una chiara, tragica, impotenza.
la Siria poteva e forse puo' essere ancora l'esca per costringere alla prima mossa gli Iraniani.

Citazione:
Più probabile un ennesimo tentativo di "rivoluzione colorata" in stile 2009, visto l'approssimarsi in Iran di una tornata di elezioni parlamentari.



Qui non concordo, ci hanno gia' provato a sobillare gli studenti negli anni scorsi, ricordo qualche protesta, qualche scaramuccia, ma niente di piu', ed ora sono alcuni anni che questo fronte tace.
Vorrei ricordare che l'iran di oggi e' il frutto di una rivoluzione (consiglio al riguardo il libro "shah in shah" di kapuscinsky), una rivoluzione vera, fatta da persone comuni che sono scese i piazza contro l'esercito, e sono state massacrate, ma non hanno desistito e alla fine si sono liberate dal tiranno. Credo che questo segni, oserei dire geneticamente, un popolo, e' piu' difficile usare certi trucchetti con loro, e se poi aggiungiamo il capillare sistema di intelligence interna del governo iraniano, mi sembra problematico trovare il colore giusto per una nuova, finta, rivoluzione.

un ultima notazione, in Iran vive la terza maggiore comunita' ebraica del mondo, dopo ovviamente Israele e Stati uniti, e non e' perseguitata, lo stesso komehini, il "satana Islamico", emise una fatwa a difesa delle religioni del libro per garantirgli le liberta' civili e di culto.

hrabal
Inviato: 11/1/2012 5:04  Aggiornato: 11/1/2012 5:04
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/5/2011
Da: dublino
Inviati: 176
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
E' stata messa molta carne al fuoco in questa discussione, e ho le idee un po confuse, se permettete voglio ricapitolare un po le cose, per vedere se esce fuori qualcosa di comprensibile...

Abbiamo tre attori principali, Stati uniti, Cina e Russia.

Gli Stai Uniti per alcuni sono ancora i Padroni del Mondo, per altri sono i rapida e ineluttabile decadenza. Comunque i fatti ci dicono che sono ancora la nazione piu' ricca del globo (vedi il PIL) e hanno il piu' potente esercito el mondo (non conosco tutte le loro armi, ma considerando quanto spendono in armi, e considerando che si sono accaparrati tutti i migliori sciienziati, se tanto mi da tanto...)
Hanno un problema, la loro supremazia economica, per la prima volta e', potenzialmente, messa in discussione, La Cina sta crescendo a ritmi tali che in termini di pil potra' raggiungerli e sopravanzarli, ma soprattutto la Cina possiede un mucchio di dollari, e il debito degli Us.

La Cina, e' l'astro nascente, un'economia in continua espansione, una rete di alleanze economiche, per ora, con paesi asiatici, arabi, africani, sudamericani e un rapporto si d'interesse di diffidenza con il mondo occidentale. Ha un esercito che credo potente, ha l'atomica, ha un paese grande, il che non guasta e piu' di 1 miliardo di individui, ma forse non e' pronta per una guerra militare, magari preferisce una bella guerra commerciale...

La russia, forse oramai e' un ex potenza, ha immense risorse, ma non sembra avere un peso economico confrontabile con le altre due. Pero' ha un esercito potente, e armamenti raffinati, e' l'unico attore in grado di poter "sostenere" un confronto militare con gli usa.

Domande: sono possibili alleanze tra i 3 attori? e di che tipo?

Qualcuno sa dire che rapporti ci siano tra russia e Cina?

Lo scenario, tanto per cambiare e' il medio oriente, o meglio i2 paesi piu' riottosi dell'area, Siria e Iran.

I Comprimari:

L'Europa e i paesi anglosassoni ormai sono asservita agli usa, quindi "fedeli" alleati.

Israele e' il Jolly, sempre nelle mani degli Usa.

La lega Araba, da tempo colonia compiacente degli Usa.

Il Giappone, boh, magari se deve prorpio scegliere, sceglie gli Usa.

L'India e il Pakistan, magari si fanno i fatti loro, o magari si fanno una bella guerretta tra di loro tanto per stare in tema.

Il resto delle nazioni del mondo credo stara' comunque a guardare...

Poi ci siamo noi, la gente comune, quelli che votano, nelle "democrazie", quelli che sgobbano e zitti in cina (non sempre pero', ve la ricordate tiennanmen?), gli iraniani, i siriani, gli israeliani, che saranno forse i tragici protagonisti...
da che parte stiamo? e cosa facciamo e faremo?

e poi ci sono i tutti quelli gia' fuori dai giochi in tempi di pace, ancora piu' vittime in tempi di guerre, economiche o militari.


Ma non basta, a complicare il quadro ci sono poi le corporazioni di potere, che sono sovranazionali, o meglio non gliene frega una ceppa delle nazioni,ma magari distinguono occidente da oriente (un po di razzismo non se lo fanno mai mancare) perseguono il loro obbiettivo di lunga scadenza che definiscono NWO, che cosa stanno pianificando, LORO?

Se ammettessimo per assurdo che la partita si giochi sul piano economico, e che le regole del gioco vengano rispettate, allora la Cina, che si sta costruendo una posizione di forza, avra' un grande vantaggio nei prossimi anni, si potra' letteralmente comprare il potere...

E' un ipotesi plausibile? Io credo di no, e voi?

Allora?

Il banco saltera', le regole verranno cambiate, nell'interesse di chi detiene il potere, e delle nazioni che su questo potere confidano.

E noi? Noi, gente comune? ci stanno preparando al cambiamento, quasi lo invocheremo quando ce lo offriranno, ci stanno impoverendo, schiavizzando, terrorizzando, finche' non ne potremo piu' del presente ordine delle cose e ne invocheremo un altro che guarda caso sara' gia' li pronto.
Ovviamente, dicendo questo non ho detto niente, piu' o meno tutti in parte condividiamo queste cose, e questo non aiuta a stare meglio.

Ma sarebbe interessante sapere il come lo faranno tutto questo e saperlo in anticipo, e forse fare qualcosa per impedire che il cambiamento come sempre arrivi dall'alto e magari trovare la forza npoi di spingere dal basso e rovesciare il tavolo del banco.
perche' si, un cambiamento e' necessario.

In realta' qualcosa sta accadendo, la fusione fredda e' una realta', e una realta' che viene dal basso, da gente comune, dal sig rossi, una fonte di energia pulita, facile, accessibile e interminabile, piu' democratica di questa...
c'e' una consapevolezza diffusa di quello che ci stanno facendo, la gente si ribella contro i mulini a vento (cosa sono le banche se non mulini a vento), governi si chiamano fuori dal gioco...
Tutto si accelera nel bene e nel male, e LORO hanno un po di fretta... e magari sbaglieranno qualcosa... magari!

un saluto a tutti

incredulo
Inviato: 11/1/2012 5:33  Aggiornato: 11/1/2012 5:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Citazione:
E noi? Noi, gente comune? ci stanno preparando al cambiamento, quasi lo invocheremo quando ce lo offriranno, ci stanno impoverendo, schiavizzando, terrorizzando, finche' non ne potremo piu' del presente ordine delle cose e ne invocheremo un altro che guarda caso sara' gia' li pronto.


Già e noi gente comune?

Che ruolo abbiamo noi?

Quello che siamo abituati ad avere da molto tempo, quello di spettatori, di opinionisti

Saluti

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
Rickard
Inviato: 11/1/2012 12:09  Aggiornato: 11/1/2012 12:09
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
Jurij
Inviato: 11/1/2012 16:28  Aggiornato: 11/1/2012 16:28
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Citazione:
TEHERAN - Un'autombomba è esplosa stamani nella zona nord di Teheran, uccidendo lo scienziato nucleare iraniano Mostafa Ahmadi-Roshan. L'esplosione sarebbe stata provocata da un motociclista che ha piazzato un ordigno su un'auto. Fonti locali hanno riferito che l'attentato, in cui sono rimaste ferite altre due persone, ha avuto luogo presso l'università "Allameh Tabatai" della capitale iraniana.
Ahmadi Roshan era docente di industria del petrolio e supervisionava un dipartimento nell'impianto nucleare per l'arricchimento dell'uranio a Natanz, nella provincia di Isfahan.
Diversi scienziati nucleari iraniani sono stati assassinati negli ultimi anni, con Teheran che ha sempre accusato Stati Uniti e Israele per questi omicidi. E anche stavolta le autorità hanno accusato Israele. "L'ordigno era magnetico, lo stesso tipo usato in passato per l'omicidio di altri scienziati, è opera dei sionisti", ha affermato il vice governatore di Teheran.
La commissione per la Sicurezza nazionale e la Politica estera del Parlamento iraniano terrà nel pomeriggio una riunione d'emergenza sull'attentato. Intanto gli studenti delle università di Teheran hanno indetto per sabato una manifestazione.

http://www.tio.ch/Estero/News/664551/Iran-1-morto-e-2-feriti-a-Teheran-nell-esplosione-di-una-bomba

Non penso che non abbia a che fare con le tensioni attuali. Se non le operazioni in nero come la CIA o il MOSSAD, chi altri potrebbero essere interessati a colpire?

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
redna
Inviato: 11/1/2012 17:41  Aggiornato: 11/1/2012 17:41
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
PARIGI - Porta il marchio del Mossad, il servizio segreto israeliano, l'omicidio dello scienziato nucleare iraniano ucciso da un ordigno oggi a Tehran. Lo scrive il quotidiano francese Le Figaro, sottolineando come l'esecuzione ricalchi il ''modus operandi'' degli israeliani, che anche senza mai rivendicare direttamente le proprie azioni hanno spesso eliminato persone considerate pericolose sul territorio nemico. Secondo fonti della sicurezza interpellate a Baghdad da Le Figaro, la presenza di agenti del Mossad nel kurdistan iracheno si sarebbe intensificata. La loro missione consiste nel reclutamento e nell'addestramento dei dissidenti iraniani che hanno trovato rifugio nella zona per utilizzarli contro il governo di Tehran. Ed e' probabile che l'attentato di oggi, costato la vita a Mostafa Ahmadi Roshan, docente unviversitario che lavorava al sito di arricchimento nucleare di Natanza, sia avvenuto anche grazie alle informazioni raccolte da questi agenti infiltrati. Lo scienziato viaggiava a bordo di una Peugeot 405 insieme ad altre due persone, quando due uomini in motocicletta hanno attaccato un ordigno magnetico alla vettura facendola esplodere davanti a un campus universitario nella zona est della capitale. Ahmadi Roshan, 32 anni, e' morto sul colpo. L'Iran non ha esitato ad accusare Israele. Il vice presidente Mohammad Reza Rahimi ha detto alla tv nazionale che l'assassinio dello scienziato non fermera' i programmi nucleari della Repubblica Islamica. L'episodio non e' senza precedenti. Nel 2010 due ricercatori del programma nucleare iraniano sono stati vittime di due diversi attentati-bomba e nel luglio scorso Daryoush Rezaie, fisico nucleare, e' stato ucciso a colpi d'arma da fuoco davanti alla propria abitazione. Anche la collaborazione fra il Mossad e i servizi curdi iracheni non e' una novita'. Approfittando dell'invasione americana in Iraq nel 2003, gli agenti israeliani si sono infiltrati nella zona, con l'avallo delle autorita' locali.


articolo

Contro l'Iran, il mossad ha rinforzato le sue infiltrazione dai kurdi d'Iraq

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
barracuda
Inviato: 12/1/2012 13:41  Aggiornato: 12/1/2012 13:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/12/2011
Da:
Inviati: 39
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Se le cose stanno così, perché l'Iran permette a 30.000 israeliani di vivere di vivere sul suo territorio? E perché ha concesso loro il diritto di avere un rappresentante in Parlamento? Insomma perché si mostra così democratico con dei criminali che approfittano di ogni situazione per danneggiare il mondo che odiano?
Come mai l'ONU non condanna Israele neppure in casi come questo?
E' strano altresì che gli iraniani, pur avendo a loro disposizione gli abilissimi guerriglieri Hezbollah, non li usano per ricambiare gli israeliani della stessa moneta.

baciccio
Inviato: 12/1/2012 14:16  Aggiornato: 12/1/2012 14:19
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/1/2006
Da: Genova
Inviati: 536
 Re: Verso la guerra mondiale: chi tace acconsente
Citazione:
Se le cose stanno così, perché l'Iran permette a 30.000 israeliani di vivere di vivere sul suo territorio? E perché ha concesso loro il diritto di avere un rappresentante in Parlamento? Insomma perché si mostra così democratico con dei criminali che approfittano di ogni situazione per danneggiare il mondo che odiano?


Forse il fatto che Amadinejad sia ebreo, ha una sua rilevanza.


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA