Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


11 settembre : Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Inviato da Redazione il 15/9/2011 4:50:00 (12568 letture)

Pubblicata la 2a parte

Ferdinando Imposimato, presidente onorario della Corte di Cassazione, è stato il giudice istruttore di importanti casi di terrorismo italiani come il rapimento di Aldo Moro e l'attentato a papa Giovanni Paolo II.

Ferdinando Imposimato è anche uno dei membri di “Political leaders for 9/11 Truth”, insieme a personaggi come Andreas von Bülow, Michael Meacher, Yukihisa Fujita e Giulietto Chiesa.

Questa intervista è stata realizzata prima prima che il giudice Imposimato partisse per Toronto, dove ha partecipato ai “Toronto Hearings” sui fatti dell’11 settembre. (Un resoconto completo dei Toronto Hearings verrà pubblicato al più presto). L‘intervista è stata divisa in più parti, per motivi di lunghezza.

Prima parte (11 settembre, caso Moro, infiltrazione BR da parte di CIA e Mossad):






Seconda parte (11 settembre, preconoscenza terroristi, infiltrazione Mossad nel governo americano, differenza giuridica fra prove e indizi, definizione aristotelica di "prova logica", onere della prova al WTC, mancanza di "due process", scandalo giuridico, necessità corte internazionale).



Voto: 9.00 (12 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
NeWorld
Inviato: 15/9/2011 8:10  Aggiornato: 15/9/2011 8:10
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2011
Da: Around the World
Inviati: 629
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Molto interessante.

Sopratutto il fatto che le indagini del giudice che portarono a rivelazioni sul terrorismo in Italia,avvicinarono il giudice ad una conoscenza più profonda del fenomeno (e di quello che vi era realmente implicato) che gli fece in qualche modo presagire un probabile attentato a New York.

In molti casi conoscere il passato ci lascia intuire eventi futuri. E questo potrebbe permettere di evitarne le conseguenze.

attendo 2°parte

"perché abbiamo un combattimento non contro sangue e carne, ma contro i governi, contro le autorità, contro i governanti mondiali di queste tenebre, contro le malvage forze spirituali che sono nei luoghi celesti"
peonia
Inviato: 15/9/2011 9:34  Aggiornato: 15/9/2011 9:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
una mia amica, amica della Balzerani, insiste che le BR erano indipendenti....a volte chi è dentro una situazione non riesce a vedere il tutto ma solo un pezzo....

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
bluorange
Inviato: 15/9/2011 10:00  Aggiornato: 15/9/2011 10:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/12/2009
Da: Bologna
Inviati: 65
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Buongiorno a tutti! Intervista davvero interessante, grazie. Non sapevo che il giudice Imposimato si fosse interessato dell'11 settembre a quel livello. Sono davvero felice di averlo scoperto. Aspetto la seconda parte...

Paulo
Inviato: 15/9/2011 10:32  Aggiornato: 15/9/2011 10:32
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/12/2005
Da:
Inviati: 507
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
E' pacifico che il terrorismo italiano era infiltrato da Mossad/CIA, così come è pacifico che il "Movimento per la Verità sull'11 settembre" è infiltrato da elementi della CIA.
"Toronto Hearings" compresi, direi.

Freeman
Inviato: 15/9/2011 11:08  Aggiornato: 15/9/2011 11:08
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
A proposito di decennali e di "sdoganamenti", dopo 18 anni di pesci in faccia presi da chi parlava del "complotto" del panfilo Britannia, etichettati come "complottisti", nazisti, visionari, e chi più ne ha più ne metta, oggi IlSOle24Ore si permette non solo di parlarne come di cosa assodata, ma addirittura paventa un "Britannia 2".

Devo dire che negli ultimi mesi il Sole ha cambiato lentamente rotta, tanto che è uno tra i pochissimi giornali italiani che danno notizie vere e scomode (ha parlato di recente anche di alcune verità scomode sulla guerra di Libia).

E' in atto una guerra tra bande? Come mai il Sole si sta schierando così apertamente (per chi legge tra le righe, ovviamente) contro i falchi della finanza internazionale?

Comunque, ecco il commento di Debora Billi in proposito.

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
cgueye
Inviato: 15/9/2011 11:45  Aggiornato: 15/9/2011 11:45
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2010
Da:
Inviati: 306
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Il pacifico mi interessa relativamente, l'interesse è la verità. Se un movimento persegue la morte e uno la verità, anche le infiltrazioni hanno un valore diverso e di certo non cambiano né i fatti né le leggi della fisica.
Ciò premesso, ovviamente ascolto con religiosa attenzione il giudice ,ma, a volte, mi chiedo quanto sia ciò che può rivelare. Sul caso Orlandi, per esempio, gli ho sentito dire di un passaggio della ragazza in alcuni paesi (Francia senz'altro, mi pare); ora, a noi invece di solito si fa capire che quasi certamente la Orlandi è morta subito o molto presto. La sua famiglia ovviamente si alimenta di queste speranze, ma...prove?

SlyHawk
Inviato: 15/9/2011 12:24  Aggiornato: 15/9/2011 12:24
So tutto
Iscritto: 29/8/2011
Da:
Inviati: 13
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Non conosco pienamente il background del giudice, ma mi sembra una delle poche persone che si impegnano veramente nelle cause..

Calvero
Inviato: 15/9/2011 12:51  Aggiornato: 15/9/2011 13:14
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
.................
.......

Stando alle informazioni che aveva Icke molti anni fa, e ora non ricordo le altre sue ricerche connesse che spiegavano altri perché, fu Kissinger in persona a dare telefonicamente il - nulla osta - direttamente ad Andreotti, per l'esecuzione di Moro.

Nulla di cui stupirsi. Magari questa intervista può stupire, ottime informazioni, la cosa è indubbia, però più da stupirsi è il fatto che negli anni, questa consapevolezza mostrata dal Giudice è rimasta appannaggio sempre e soltanto dei soliti "addetti ai lavori".. cosicché rimanesse nell'aura del "mistero" insondabile dei tramacci extra-governativi (che poi sono governativi).

Già come numero qualunque, quando ero nelle forze dell'Ordine, era venuto a sapere che tutta la questione GLADIO era già pronta a esplodere anni prima che esplodesse, ma fu proprio il VETO dall'alto a imporre l'Alt, poiché mediaticamente NON era ancora il momento di stupire l'opinione pubblica.

A tutto ciò si aggiungano ai concetti e alle riflessioni date da Imposimato altri fattori, e si potrà comprendere come da "sempre" il Potere Usraeliano iniziava già a stringere il cerchio (perché questa è la verità in soldoni); sapere che comunque il Sionismo è IL comune denominatore che non solo strumentalizza [quando non le crea] FORZE reazionarie nel mondo (che poi - in sé - probabilmente agirebbero con minore efferatezza); che le scadenze della grande Agenda vivono un continuum ben pianificato e cadenzato; e che la percezione di QUANDO la collettività DEVE sapere i tramacci o magari appositamente lasciarli intuire è un importante fattore gestionale del NWO...

....poiché il FEEDBACK del pensiero comune è quella "SICURA" da levare alla "Pistole" che sono in mano al Potere.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
gen
Inviato: 15/9/2011 14:20  Aggiornato: 15/9/2011 14:20
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2006
Da:
Inviati: 142
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Il Sole 24 Ore, compresa la radio è l'unico gruppo che si può consultare per quanto riguarda il mainstream. Per lo meno, per me. Il motivo potrebbe anche semplicemente essere che hanno capito che per avere successo un po' di cose bisogna raccontarle, cioé potrebbe essere solamente buona fede. E poi credo che attualmente la confindustria non voglia schierarsi con nessun partito, per cui anche la sua linea editoriale può risultare più indipendente. In più hanno consulenti di valore. E infine hanno avuto la pessima esperienza di Riotta (cacciato a pedate) che probabilmente ha fatto capire che l'incompetenza non premia.

Su ciò che dicono i giudici aleggia sempre un po' di mistero, essi sanno, ma le loro verità rimangono semre sepolte, perché in realtà non sono realtà giudiziali, ma storiche e la differenza è tanta. Poi bisogna anche capire che durante la guerra fredda l'Italia era un paese di frontiera con interessi di egemonia sul Mediterraneo. Cioé era esposto su due fronti, est-ovest e Mediterraneo, per cui molti avevano interesse a destabilizzarci. La CIA forse non tanto, aveva più interesse al controllo dello status quo, così come il KGB in fondo, credo. Col Mossad, con i francesi, con i libici, con i palestinesi e con i britannici invece era tutta una gran baruffa. Moro era filopalestinese ed è molto plausbile che il mossad avesse interesse a farlo fuori, più della CIA, anche se in realtà fu la NATO a gestire l'affare. Gli italiani erano un po' sotto.
E' interessante anche il libro del giudice Priore anche se certamente più spostato a destra di imposinato. Più attento alle infiltrazioni del Patto di Varsavia più che della Nato e di Israele.
I peggiori nemici dell'italia erano Israele, Francia e Inghilterra per gli interessi su Medio-Oriente, Nord-Africa e Mediterraneo.

peonia
Inviato: 15/9/2011 14:40  Aggiornato: 15/9/2011 14:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
E' in atto una guerra tra bande? Come mai il Sole si sta schierando così apertamente (per chi legge tra le righe, ovviamente) contro i falchi della finanza internazionale?

è antipatico dire "l'avevo detto", ma in effetti quando nell'altro thread ho detto che "ci sono lotte fra governi"...intendevo questo. La Gran Bretagna ci è contro....

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
audisio
Inviato: 15/9/2011 14:48  Aggiornato: 15/9/2011 14:48
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Attenzione, però, perchè Imposimato è un personaggio
da prendere con le molle.
Per dire, è uno che ancora insiste sulla pista bulgara per
l'attentato a Giovanni Paolo II, una cosa che dire ridicola
è poco.
I russi erano troppo intelligenti per andare ad attizzare un
fuoco simile, mentre è palese che si sia trattato di un false
flag e di autoattentato, visto che un killer professionista
come Agca che aveva già ucciso decine di politici e gionalisti
di sinistra in Turchia mai avrebbe sbagliato il bersaglio da così
vicino.
Il tutto serviva per aizzare i cattolici contro le belve comuniste
nell'Europa dell'Est.
Perciò Imposimato mi puzza di agente CIA...

gelu
Inviato: 15/9/2011 15:06  Aggiornato: 15/9/2011 15:06
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/10/2008
Da:
Inviati: 191
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
"Il Sole 24 Ore, compresa la radio è l'unico gruppo che si può consultare per quanto riguarda il mainstream".
Io ascolto sempre radio24 ma tenendo conto che: sull'11 settembre sono tutti appiattiti (da Alessandro Milan a Oscar Giannino a Cruciani) sulla VU, e in più anni fa hanno trattato Stefano Montanari veramente male. Poi fanno trasmissioni, sempre più nascoste, di Roberto Galullo (ore 6 della mattina) oppure qualcuna di Daniele Biacchessi, ma dei temi di LC non hanno MAI parlato, per esempio...

gen
Inviato: 15/9/2011 15:17  Aggiornato: 15/9/2011 15:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2006
Da:
Inviati: 142
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
@ gelu
stiamo pur sempre parlando di mainstream.
Non mi aspetto che sionisti del calibro di Giannino, Cruciani, etc. abbiano l'intenzione di discutere i dogmi. Milan... insomma. La cosa importante è che si scorga in queste persone un profilo di professionalità che manca in altri giornalisti, sempre in lizza per bataglie inutili.
Per esempio hanno avuto molta attenzione per la cosidetta fusione fredda... o per la Libia... E poi non dimentichiamoci che sono Confindustria, è comunque gente di una certa destra ultraliberale etc. etc.
Mica possiamo leggere solo Lugocomune, Blondet, Donchisciotte e compagnia bella.

settemele
Inviato: 15/9/2011 15:24  Aggiornato: 15/9/2011 15:24
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/5/2010
Da:
Inviati: 101
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
ahahahahahha !
grullo cinquestelle con stella a cinque punte
br con stella a cinque punte

chi è dietro alle punte ???

ave, oh creduloni copiaincolla da internet !

winston73
Inviato: 15/9/2011 15:33  Aggiornato: 15/9/2011 17:47
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/5/2010
Da:
Inviati: 135
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
scusate ma cosa vuol dire riporto in soldoni, non sono andato a newyork quel giorno perchè leggendo i giornali ho capito che sarebbe successo qualcosa?!!!
ma da dove l'ha capito?
proprio quel giorno e non tre gg dopo?
a me par evasivo.

c'è questo libro sulle ingerenze inglesi nella nostra impalpabile sovranità.

il golpe inglese

2+2=5
schottolo
Inviato: 15/9/2011 17:31  Aggiornato: 15/9/2011 17:31
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/7/2007
Da:
Inviati: 772
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato

fefochip
Inviato: 15/9/2011 17:51  Aggiornato: 15/9/2011 17:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
sinceramente da questa prima parte sarebbe interessante chiedere al giudice quali siano stati gli elementi che gli hanno addirittura consigliato di NON andare a new york.

perche dire dalla "stampa" in genere mi pare un po vago ...

non ci si può far dire gli elementi esatti di valutazione dell'epoca che lui vagliò?

magari è nella seconda o altre parti .....
attendo

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Fabyan
Inviato: 15/9/2011 18:44  Aggiornato: 15/9/2011 18:44
Mi sento vacillare
Iscritto: 29/7/2008
Da: nowhere
Inviati: 671
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Da come l'ha raccontata, piu' che segnali premonitori secondo me lo ha insospettito proprio quell'invito che ha ricevuto per quel giorno, comunque anche per me Imposimato ha stima per il lavoro che svolge, ma e' da prendere con le molle, e non so se per cantonate o per altri motivi sinceramente.

Il giornalista è colui che distingue il vero dal falso... E pubblica il falso. (Mark Twain)
Jurij
Inviato: 15/9/2011 19:27  Aggiornato: 15/9/2011 19:27
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Che noia, ma perché sempre cia e mossad (si, scrivo in piccolo come se scrivessi diavolo o merda) sempre dove puzza qualcosa, ma è possibile che le diramazioni di questo cancro arrivino in ogni buco?

Ma quanto spendono quelle due nazioni (=contribuenti che ignorano) in fondi neri donati a queste associazioni?

A volte mi cadono le braccia e i mi tornano in mente le parole di un collega “meno sai e meglio stai”…

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
alsecret7
Inviato: 15/9/2011 21:27  Aggiornato: 15/9/2011 21:27
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/6/2007
Da:
Inviati: 561
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
quello che da fastido a me e che queste cose che dice imposimato non fanno piu scalpore ormai. la gente e talmente addormetata che se gli metti un petardo sotto il sedere si mette a ridere. ormai e tardi non fanno piu effetto, e non so al giorno doggi se possono valere qualcosa perche cmbi qualcosa, troppo tardi mi spiace.

cagliostro
Inviato: 15/9/2011 22:31  Aggiornato: 15/9/2011 22:31
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/9/2007
Da:
Inviati: 1579
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato

«Io non sono di nessuna epoca e di nessun luogo: al di fuori del tempo e dello spazio, il mio essere spirituale vive la sua eterna esistenza.»
CCP
Inviato: 15/9/2011 23:08  Aggiornato: 15/9/2011 23:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/9/2011
Da:
Inviati: 107
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Citazione:
Autore: schottolo Inviato: 15/9/2011 17:31:13 OT Dove sono cartelli e magliette con la scritta “9/11 was an inside job”? Che fine hanno fatto i “truthers”? Possibile che nessuno abbia appeso un gagliardetto a una finestra, spruzzato uno slogan su qualche muro, attaccato un adesivo sul cofano di un taxi o alla parete di un vagone della metro, appuntato una spilletta sulla camicia? Niente. E questi?? http://www.youtube.com/watch?v=cpHUt1RzNEM&feature=feedu


Un pienone.

E come la si mette col fatto che chi ha scritto la frase da te citata non era negli USA l'11 o 10 settembre 2011, ma un paio di settimane prima - se non erro?

CCP
Inviato: 15/9/2011 23:25  Aggiornato: 15/9/2011 23:25
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/9/2011
Da:
Inviati: 107
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Citazione:
Autore: Freeman Inviato: 15/9/2011 11:08:04 A proposito di decennali e di "sdoganamenti", dopo 18 anni di pesci in faccia presi da chi parlava del "complotto" del panfilo Britannia, etichettati come "complottisti", nazisti, visionari, e chi più ne ha più ne metta, oggi IlSOle24Ore si permette non solo di parlarne come di cosa assodata, ma addirittura paventa un "Britannia 2". Devo dire che negli ultimi mesi il Sole ha cambiato lentamente rotta, tanto che è uno tra i pochissimi giornali italiani che danno notizie vere e scomode (ha parlato di recente anche di alcune verità scomode sulla guerra di Libia). E' in atto una guerra tra bande? Come mai il Sole si sta schierando così apertamente (per chi legge tra le righe, ovviamente) contro i falchi della finanza internazionale? Comunque, ecco il commento di Debora Billi in proposito.


Oh, finalmente qualcuno che ha capito tutto. A partire da Debora Billi.

Quando va bene, organi d'"informazione" (?) quali ilsole sono da buttare nel cesso, quando non va bene, sono strumenti del potere (occulto? Il sig. Calvero potrà illuminare le nostre coscienze, in merito) atti a distogliere poveri mentecatti umani dai VERI problemi che ci affliggono.

Quando va male, vai di mainstream e compagnia cantante.

Freeman, per favore, spiega meglio. Son curiosa.

CCP
Inviato: 15/9/2011 23:35  Aggiornato: 15/9/2011 23:54
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/9/2011
Da:
Inviati: 107
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Citazione:
Autore: audisio Inviato: 15/9/2011 14:48:06 Attenzione, però, perchè Imposimato è un personaggio da prendere con le molle. Per dire, è uno che ancora insiste sulla pista bulgara per l'attentato a Giovanni Paolo II, una cosa che dire ridicola è poco. I russi erano troppo intelligenti per andare ad attizzare un fuoco simile, mentre è palese che si sia trattato di un false flag e di autoattentato, visto che un killer professionista come Agca che aveva già ucciso decine di politici e gionalisti di sinistra in Turchia mai avrebbe sbagliato il bersaglio da così vicino. Il tutto serviva per aizzare i cattolici contro le belve comuniste nell'Europa dell'Est. Perciò Imposimato mi puzza di agente CIA...


Una logica stringente.

[edit] Per favore, potresti fare una lista (ma van bene anche dei numeri, non sottilizziamo) delle "decine di politici e giornalisti di sinistra in Turchia" uccisi da Agca?

Potresti spiegare perché "è palese che si sia trattato di un false flag e di autoattentato"?

phobos
Inviato: 15/9/2011 23:54  Aggiornato: 15/9/2011 23:54
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/9/2006
Da:
Inviati: 224
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Se qualcuno di voi è sufficientemente masochista, si vada a vedere il resoconto video della conferenza tenuta da Attivissimo a Lugano sull'11/9; è veramente qualcosa di osceno che dimostra la totale incompetenza di questo personaggio.

Già l'esordio è significativo: "se viene spento il transponder, l'aereo scompare dai radar"!

Il resto della conferenza è una rassegna di banalità e ovvietà esposte anche in modo infantile.

http://undicisettembre.blogspot.com/2011/09/i-video-della-conferenza-dibattito-di.html

Si può anche non credere alle tesi complottiste, ma come si fa a prendere sul serio un personaggio così ridicolo?

NiHiLaNtH
Inviato: 16/9/2011 0:09  Aggiornato: 16/9/2011 0:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
voglio proprio vedere che è il primo coglione che risponde al nuovo provocatore

x cagliostro

i flash e i rumori sono falsi

step
Inviato: 16/9/2011 0:10  Aggiornato: 16/9/2011 0:10
So tutto
Iscritto: 2/3/2010
Da:
Inviati: 17
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
credo sia fuorviante continuare a usare il verbo "credere" o "non credere" alle tesi complottiste. con la mole di documentazione scientifica e specialistica accumulata negli anni si può benissimo dire di "sapere". sapere almeno che la versione ufficiale è una fiaba, punto.

cagliostro
Inviato: 16/9/2011 0:15  Aggiornato: 16/9/2011 0:15
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/9/2007
Da:
Inviati: 1579
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
NiHiLaNtH
Citazione:


x cagliostro

i flash e i rumori sono falsi


Danke schön !

«Io non sono di nessuna epoca e di nessun luogo: al di fuori del tempo e dello spazio, il mio essere spirituale vive la sua eterna esistenza.»
nygandy
Inviato: 16/9/2011 0:35  Aggiornato: 16/9/2011 0:35
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/10/2009
Da:
Inviati: 483
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Citazione FREEMAN

Ho ascoltato giorni fa un intervento radiofonico del vicedirettore del Sole24Ore e confermo un'apertura mentale completamente nuova su mercati, crisi economica e perfino attacco alla Libia e conseguenze economiche sull'Italia...

nygandy
Inviato: 16/9/2011 0:42  Aggiornato: 16/9/2011 0:42
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/10/2009
Da:
Inviati: 483
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
cit.: gen

E infine hanno avuto la pessima esperienza di Riotta (cacciato a pedate)...


lucred
Inviato: 16/9/2011 6:32  Aggiornato: 16/9/2011 6:32
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/9/2010
Da: Milano
Inviati: 260
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Come mai il crollo del WTC7 non causò nessuna vittima?

DjGiostra
Inviato: 16/9/2011 6:48  Aggiornato: 16/9/2011 6:48
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Lucred:
Perche´e´stato fatto evacuare dai poliziotti poco prima che crollasse...

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
fefochip
Inviato: 16/9/2011 10:56  Aggiornato: 16/9/2011 10:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
veramente molto interessante il "taglio" dato agli accadimenti dal ex-giudice.

non che noialtri non si era detto che "l'onere della prova è al contrario" ma sentirlo da un giudice che ti spiega come sia allucinante che non ci sia stato un processo pubblico su quei fatti ...spazza in un colpo solo quelle ombre gettate con malizia dai soliti debunkers che fanno in quest'ottica una figura barbina di "cani da guardia" di un potere che manco è il loro .

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Giano
Inviato: 16/9/2011 11:45  Aggiornato: 16/9/2011 14:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 18/3/2011
Da:
Inviati: 1424
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Commentando la recente richiesta di processo al Papa, un giudice dell’Aja aiuta a capire con che criteri possono intervenire:

-Cuno Tarfusser, giudice alla Corte Penale internazionale dell'Aja, ha commentato a '24 Mattino' su Radio 24 la richiesta fatta da Snap, un'associazione di vittime di preti pedofili, di processare il Papa per crimini contro l'umanità. «La strada perché questa denuncia vada avanti mi sembra un po' stretta». «La notizia fa certamente scalpore», ha aggiunto Tarfusser «ieri (martedì 13 settembre) ne ho discusso a lungo coi miei collaboratori, e non posso dare il mio giudizio perché forse un giorno sarò chiamato a valutare il fatto nella veste di giudice. Posso dire questo: nella figura di crimini contro l'umanità rispetto ai quali abbiamo giurisdizione e competenza rientrano diversi tipi di condotte, tra cui i delitti a sfondo sessuale. Ma perché ci possa essere un'incriminazione non basta avere commesso uno o più di questi crimini, è necessario qualcosa in più, ciò che noi chiamiamo elemento contestuale. Questi fatti devono essere commessi in conseguenza di un attacco alla popolazione civile, devono essere sistematici e molto diffusi e soprattutto dietro a questi fatti ci deve essere una sorta di regia, una politica organizzativa superiore. Dal punto di vista tecnico serve questo, poi ognuno tragga le conclusioni che io non posso trarre per il mio ruolo molto delicato».-

http://www.lettera43.it/attualita/25811/la-denuncia-al-papa-e-una-strada-stretta.htm

Da wiki: La Corte ha una competenza complementare a quella dei singoli Stati, dunque può intervenire solo se e solo quando gli Stati non vogliono o non possono agire per punire crimini internazionali.
http://it.wikipedia.org/wiki/Corte_Penale_Internazionale

La corte ha uno statuto che non tutti i membri hanno ratificato:
-Lo Statuto di Roma della Corte Penale Internazionale, spesso chiamato anche Statuto della Corte Penale Internazionale o Statuto di Roma è il trattato internazionale istitutivo della Corte Penale Internazionale. Definisce i principi fondamentali, la giurisdizione, la composizione e le funzioni degli organi dell'organizzazione internazionale, nonché i rapporti con le Nazioni Unite, con le organizzazioni intergovernative, internazionali e non governative, l'istituzione e le funzioni dell'Assemblea degli Stati Parte.

I paesi che aderiscono allo Statuto di Roma sono 117 (settembre 2011). Altri 33 paesi hanno firmato ma non ratificato il trattato. Fra questi, Israele, Stati Uniti e Sudan hanno dichiarato di non avere intenzione di ratificarlo. Tra i cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza dell'ONU (Francia, Regno Unito, USA, Cina, Russia) Russia e Cina, oltre agli USA, non hanno aderito alla Corte Penale Internazionale.-


Sempre wiki sullo statuto:
-la Corte può intervenire quando uno stato non ha le capacità o la volontà di processare i presunti responsabili dei crimini che ricadono nella giurisdizione sovranazionale della CPI. Se la Corte ha prove sufficienti per ritenere che, nonostante la formale condanna di un tribunale nazionale, non vi sia stato un giusto processo e che quindi i responsabili effettivi non siano ancora stati processati, lo Statuto prevede che la Corte possa comunque intervenire. Questo per evitare che individui responsabili di gravi crimini, quali ad esempio capi di stato o di governo o alte cariche militari e politiche, considerati responsabili individualmente dei gravi crimini previsti dallo Statuto possano sottrarsi alla giurisdizione della Corte.-

Quindi la corte potrebbe intervenire ma:

-La CPI ha giurisdizione sovranazionale e può processare individui (non stati) responsabili di crimini di guerra, genocidio, crimini contro l'umanità, gravi violazioni delle Convenzioni di Ginevra, crimine di aggressione commessi sul territorio e/o da parte di uno o più residenti di uno Stato Parte, nel caso in cui lo stato in questione non abbia le capacità o la volontà di procedere in base alle leggi di quello stato e in armonia con il diritto internazionale.
La giurisdizione della Corte si esercita nel caso di crimini commessi sul territorio di uno Stato parte o da un cittadino di uno Stato parte alla Corte. Ne consegue che quindi anche i crimini commessi sul territorio di uno Stato parte, da parte di un cittadino di uno Stato non parte, rientrano nella giurisdizione della Corte.
Uno Stato non parte non è tenuto ad estradare propri cittadini che abbiano commesso tali crimini in un paese parte ed al giorno d'oggi non esistono mezzi di coercizione internazionali per spingere gli stati non parte a cedere alle richieste della Corte Internazionale.-

Può intervenire quindi per processare un individuo, non uno stato.
Allo stato attuale delle cose, anche volendo presentare una denuncia, chi si chiama in causa? Bush? Cheney? E quali prove ci sono a loro carico? E’ un bel casino, mi sa che se la caverebbero con al massimo una accusa di negligenza. Anche dimostrando che il WTC7 è stato demolito, chi l’ha demolito? La corte dovrebbe avere il potere di ottenere tutte le prove secretate dal governo USA, ma gli USA non mi sembrano molto disponibili a collaborare. Non mi sembrano propensi a mostrare i video del Pentagono tanto per fare un esempio.
Invece un tribunale statunitense potrebbe chiamare in causa una agenzia governativa. Potrebbe.

Speravo che nella seconda parte dell’intervista chiarisse l’intuizione di non
andare a NY l’11/9.

Complimenti alla Redazione per l’intervista, considerata anche la chiara difficoltà
avuta nel riuscire a fare le domande(interrompendo il monologo).

Paulo
Inviato: 16/9/2011 11:45  Aggiornato: 16/9/2011 11:45
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/12/2005
Da:
Inviati: 507
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Citazione:
Attenzione, però, perché Imposimato è un personaggio da prendere con le molle. Per dire, è uno che ancora insiste sulla pista bulgara per l'attentato a Giovanni Paolo II, una cosa che dire ridicola è poco. I russi erano troppo intelligenti per andare ad attizzare un fuoco simile, mentre è palese che si sia trattato di un false flag e di autoattentato, visto che un killer professionista come Agca che aveva già ucciso decine di politici e gionalisti di sinistra in Turchia mai avrebbe sbagliato il bersaglio da così vicino. Il tutto serviva per aizzare i cattolici contro le belve comuniste nell'Europa dell'Est. Perciò Imposimato mi puzza di agente CIA...


Condivisibile.
C'è un dato di fatto: è stato cooptato in un ordine laico quale l'Ultracasta.

nygandy
Inviato: 16/9/2011 12:11  Aggiornato: 16/9/2011 12:11
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/10/2009
Da:
Inviati: 483
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
@ djgiostra

Lucred:
Perche´e´stato fatto evacuare dai poliziotti poco prima che crollasse...


Scusa mi pare di aver letto che siano risultati feriti per esplosioni al WTC7. E' corretto?

nygandy
Inviato: 16/9/2011 12:23  Aggiornato: 16/9/2011 12:23
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/10/2009
Da:
Inviati: 483
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
giano,

Può intervenire quindi per processare un individuo, non uno stato.
Allo stato attuale delle cose, anche volendo presentare una denuncia, chi si chiama in causa? Bush? Cheney? E quali prove ci sono a loro carico? E’ un bel casino, mi sa che se la caverebbero con al massimo una accusa di negligenza. Anche dimostrando che il WTC7 è stato demolito, chi l’ha demolito? La corte dovrebbe avere il potere di ottenere tutte le prove secretate dal governo USA, ma gli USA non mi sembrano molto disponibili a collaborare. Non mi sembrano propensi a mostrare i video del Pentagono tanto per fare un esempio.
Invece un tribunale statunitense potrebbe chiamare in causa una agenzia governativa. Potrebbe.


Mah, l'America (e gli altri Stati-canaglia che hai elencato) non hanno ratificato nulla, quindi si trovano nella posizione ideale per eterodirigere la CPI per i propri scopi contro qualsiasi altro soggetto, ma possono sempre invocare la loro mancata ratifica e non dare estradizione quando si tratti di cittadini americani.

La legge è uguale per tutti, ma per qualcuno è più uguale di altri...


Invece un tribunale statunitense potrebbe chiamare in causa una agenzia governativa. Potrebbe.

Sì... lallero...

desbouvet
Inviato: 16/9/2011 12:25  Aggiornato: 16/9/2011 12:59
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da:
Inviati: 541
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Il suono del silenzio, o il rumore del suono del silenzio. Tutti noi lo abbiamo conosciuto, consciamente o meno, quel giorno. Nessuno può dire che quell'evento sia stato orchestrato da un manipolo di complottardi trans-nazionali (americani, pakistani, israeliani, etc) per motivi di aggregazione del consenso attorno all'Impero e alla sua fallacia sociale ed economica. Questo ha detto poche ore fa, come summa del suo pensiero, l'eurodeputato Giulietto Chiesa. Facilmente contraddetto dai suoi interlocutori, visto e considerato la "nera sorte" che l'Impero sta attraversando, sotto gli occhi di tutti.

No, il suono del silenzio è nei nostri occhi. E' successo QUALCOSA CHE VA OLTRE, quel giorno. La prima volta nella storia della civiltà che un massacro viene compiuto appositamente sotto gli occhi delle telecamere, quindi NELLE case degli esseri umani. Lo scopo NON può esaurirsi nella (dis)-trazione del "consenso", nella creazione di un humus emozionale relativo al "consenso", questo è veramente troppo enormemente semplicistico, considerata la dinamica REALE di come si sono svolti i fatti.

Chiesa rappresenta solo una parrocchia ( ! ) e considerata l'intelligenza che leggo nei suoi occhi, lui lo sa. Quindi non rappresenta tutta l'umanità, e gliene faccio una colpa. Moltiplicata per mille dalla delicatezza della faccenda di cui si occupa, con verve sanguigna, da anni, con spudoratezza e poltroncine sempre pronte per lui nei salotti del "contraddittorio" televisivo......

Quel giorno di 10 anni fa ha prodotto un'onda nella psiche degli uomini. Ha modificato per sempre la frequenza e la direzione dei loro pensieri, che come ognuno sa, costruiscono il mondo... Era questo il vero obiettivo. Gettare il seme di un terrore completamente nuovo, sconosciuto. Questo, dovrebbe dire chi va "in televisione" a straparlare del mondo in giacca e cravatta perfettamente abbinate. Da considerazioni del genere si comincia a smuovere le coscienze, non "inchiodando" A PAROLE tre o quattro criminali VISIBILI alle loro piccole stupide VOLONTARIE contraddizioni pubbliche...... C'entra un cazzo, o estremamente estremamente poco, il default americano, o le scaramucce di confine tra ebroidi e negroidi. SIAMO MOLTO MOLTO OLTRE il piano della strategia imperialista, petrolchimica o razzista-nazionalista. Un salto di livello sconosciuto. Un grimaldello poderoso per i demoni, che da quel giorno hanno cominciato a possedere lo SPAZIO-TEMPO. Chi ha vissuto esperienze particolari, particolrmente traumatiche in questi ultimi anni, può riconoscere facilmente l'inizio del proprio s-concerto, del proprio dis-allineamento, nei fatti cui fu testimone involontario, succube, quel giorno. E c'è molto da dire a questo proposito, ma non si può farlo se non guardandoci in faccia.

Dunque saluto tutti di nuovo, e vi dico che se volete DAVVERO costituire un antidoto, sollevare la vostra natura di esseri umani contro le forze STRISCIANTI del "nuovo bingo bongo", basta un semplice gesto, un coraggio lieve. Creiamo questa contraddizione, nella matrice, e la matrice sparirà. Dovete capire che un evento traumatico origina la necessità di nascondersi. Il grande sviluppo di Internet è stato estremamente facilitato, quel giorno. Non è cablando il fondale degli oceani, che si sviluppa un media di questo tipo; lo si sviluppa, rende necessario, condizionando la psiche umana, con una serie programmata di eventi specifici.

Se tutti noi usciamo allo scoperto, qua dentro, il qua dentro diventa qua. Più alla lettera di così non si può.

Eccolo qua il mio gesto, coraggio lieve. Sembra una cazzata ma cancella ogni dubbio sul chi sono e cosa voglio =

Francesco, 36 anni, Pisa, 340 84 92 668.

And the vision that was planted in my brain still remains / The words of the prophets are written on (.........qua)

L'onda che travolge, l'onda che solleva.... Pensateci.

Sono CERTO che Paul Simon ha voluto, desiderato ed OTTENUTO di creare una falla nella matrice psichica creata l'u.s.d., con questa breve apparizione... Mi arriva, chiaramente, la sua anima sconcertata, disequilibrata, ma non più ottenebrata, that's clear. Sintonizziamoci, allora, su questa FORZA, che è la nostra coscienza, il nostro residuo Amore, che tutto può, scattasse la sua scintilla anche nell'ultimo istante che abbiamo a disposizione.

http://www.youtube.com/watch?NR=1&v=3np0DMxXKzM

Ciao a tutti di nuovo. Un sorriso scoperto, come il mare.

Giano
Inviato: 16/9/2011 12:33  Aggiornato: 16/9/2011 12:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 18/3/2011
Da:
Inviati: 1424
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Nygandy:
Invece un tribunale statunitense potrebbe chiamare in causa una agenzia governativa. Potrebbe.

Sì... lallero...

Scusa, non c'è la faccina che si da i pugni in testa, l'avrei messa...

gen
Inviato: 16/9/2011 13:05  Aggiornato: 16/9/2011 13:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2006
Da:
Inviati: 142
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Massimo, oggettivamente non puoi non approfondire con un tuo intervistato la faccenda che non è partito per NY perché gli elementi portavano a dedurre che ci sarebbe stato un attentato.
Non si può attingere da Imposinato solo quello che ci fa comodo. O dice tutto oppure è fuffa.

bluorange
Inviato: 16/9/2011 13:41  Aggiornato: 16/9/2011 13:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/12/2009
Da: Bologna
Inviati: 65
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Grazie Massimo per questa seconda parte, ma mi chiedevo...chi ha potere per chiedere una corte internazionale di giustizia? L'ho sempre sentito dire anche da Giulietto Chiesa che serve stà benedette Corte, ma non ho mai capito cosa ci vuole per ottenerla. Credo tra l'altro che alcuni l'abbiano chiesta, ma non ho mai capito a chi, e se le loro richieste hanno avuto una minima risposta.

SuperFed
Inviato: 16/9/2011 15:13  Aggiornato: 16/9/2011 15:13
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/6/2011
Da: Città stressante nord Italia
Inviati: 168
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Ciao Desbouvet,

mi sento in dovere di ricambiare i tuoi saluti.
Capisco quello che vuoi dire.



E pensare......che 15 anni prima (1984) ci siamo divertiti tutti, grandi e piccini, ridendo di gusto nei cinema alla prima di Ghostbusters.

Onore a te Takuro Nakai genio incompreso dei manga[img align=right]
audisio
Inviato: 16/9/2011 15:20  Aggiornato: 16/9/2011 15:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Desbouvet, ti ho sempre ammirato e continuo a farlo per
la tua capacità di "sentire" e "vedere" oltre.
Quello che è accaduto è troppo enorme per fermarsi a quelle
che sembrano e sono motivazioni superficiali (che pure esistono
e non è una contraddizione).
Da sempre chi tira le fila di tutto opera su più campi e su più piani
contemporaneamente.
Altrimenti non avrebbero i fili in mano...

costa66
Inviato: 16/9/2011 15:46  Aggiornato: 16/9/2011 15:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/3/2010
Da:
Inviati: 125
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Salve a tutti, qualcuno mi sa dire se questo video è falso ?

http://www.youtube.com/watch?v=fW0lv3tiQgE&feature=related

cgueye
Inviato: 16/9/2011 16:57  Aggiornato: 16/9/2011 16:57
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2010
Da:
Inviati: 306
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
"Massimo, oggettivamente non puoi non approfondire con un tuo intervistato la faccenda che non è partito per NY perché gli elementi portavano a dedurre che ci sarebbe stato un attentato.
Non si può attingere da Imposinato solo quello che ci fa comodo. O dice tutto oppure è fuffa."

Condivido.

Jurij
Inviato: 16/9/2011 17:10  Aggiornato: 16/9/2011 17:10
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Citazione:
Credo tra l'altro che alcuni l'abbiano chiesta, ma non ho mai capito a chi, e se le loro richieste hanno avuto una minima risposta.

L’avranno chiesta all’onu, ma visto che la stessa non ha nulla di democratico, essendo una dittatura a 5, gli avranno risposto picche, perché l’onu è fatto per facilitare gli affari dei 5 “membri permanenti” (quelli “superdemocratici” che hanno vinto la famosa guerra) mica per perdere tempo nella giustizia…. Ehh che ….

A proposito di onu, permettetemi di dire che come svizzero provo fortemente vergogna per il fatto di avere una sede in pianta stabile a Ginevra.
È un’infamia per una nazione che si reputa neutrale.
Noi cittadini abbiamo fatto di tutto per evitarlo anche con il referendum, ma tramite la propaganda durante l’ultima votazione sono riusciti a lavare il cervello degli elvetici.

Ne è rimasta fuori solo la multinazionale del Vaticano.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
audisio
Inviato: 16/9/2011 17:15  Aggiornato: 16/9/2011 17:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Vabbè, la Svizzera vanta infamie ben più consistenti
al suo arco.
Tipo l'essere la centrale finanziaria di buona parte degli
schifosi traffici che foraggiano l'elite mondiale...

Jurij
Inviato: 16/9/2011 17:44  Aggiornato: 16/9/2011 17:44
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
audisio
Citazione:
Vabbè, la Svizzera vanta infamie ben più consistenti
al suo arco.
Tipo l'essere la centrale finanziaria di buona parte degli
schifosi traffici che foraggiano l'elite mondiale..

Ma chi è quella Svizzera di cui si parla internazionalmente?

Abbiamo pagato 50 miliardi di CHF, soldi dei contribuenti, alla banca ubs perché se falliva sarebbe fallita tutta la Svizzera, ma pensi che qualcuno qua abbia potuto imporre alla stessa banca di non regalare ricchi premi ai suoi manager?

C’è una parte di Svizzera che ne ha pieni i coglioni di queste cose, perché io devo venire a sapere da un politico italiano che siede a Bruxelles che qui da noi si riunisce la mafia del Gruppo Bilderberg?

Ecco un esempio, per dire a chi è in mano la “libera” Svizzera: all’epoca dello scandalo dei fondi ebraici ( quei soldi per intendersi che la Svizzera aveva manipolato per conto del terzo reich, soldi requisiti agli ebrei) in piena tempesta in corso con gli avvocati usa, il nostro ambasciatore dell’epoca Jagmetti spedii un rapporto strettamente confidenziale al consiglio federale dove si leggeva che la situazione era particolarmente critica e che necessitavano mosse strategiche particolari.

http://www.adnkronos.com/Archivio/AdnAgenzia/1997/01/31/Esteri/FONDI-EBRAICI-JAGMETTI-RESPINGE-ACCUSE-DI-ANTISEMITISMO_120200.php

Ecco questo rapporto usci dal governo e diventò di pubblico dominio a causa di una “quinta colonna di davide” nel CF.

Così la Svizzera pago caro la fuga di notizia e l’ambasciatore dovette farsi le valige e passare il testimone ad un “filoamericano”.

In altre parole le banche svizzere è da un pezzo che non sono più svizzere e se qualcuno non ci crede può verificare i membri delle direzioni aziendali da chi sono formate.

Scusate l’OT, ma non reggo più certe cose qui da noi.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
bluorange
Inviato: 16/9/2011 18:13  Aggiornato: 16/9/2011 18:13
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/12/2009
Da: Bologna
Inviati: 65
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Citazione:
Salve a tutti, qualcuno mi sa dire se questo video è falso ?


Non avevo ancora visto questo video, ma leggendo i commenti non ho notato niente di strano riguardo alla veridicità, anche se sembra assurdo, ci deve essere qualche spiegazione a livello di luce, ombre, ecc... Non saprei come spiegarlo altrimenti.

Redazione
Inviato: 16/9/2011 20:31  Aggiornato: 17/9/2011 1:25
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
"Massimo, oggettivamente non puoi non approfondire con un tuo intervistato la faccenda che non è partito per NY perché gli elementi portavano a dedurre che ci sarebbe stato un attentato. Non si può attingere da Imposinato solo quello che ci fa comodo. O dice tutto oppure è fuffa."

Oggettivamente questa è un' intervista, non è un INTERROGATORIO.

In un'intervista la persona intervistata dice quello che vuole lui, non quello che pretendono di sapere gli altri. E' la regola numero 1 del giornalismo.

Se poi gli altri non riescono a capire le sue risposte il problema è loro, non suo. (Io quello che ha detto Imposimato l'ho capito benissimo).

Non dimentichiamo che il 25 luglio 2001 Alex Jones aveva detto "aspettiamoci un bell'attentato da parte di bin Laden".

E io stesso, che al tempo me ne intendevo molto meno di oggi, ricordo di aver visto un servizio della CNN sull'Afghanistan, e di aver commentato a mia moglie: "Non mi stupirei che gli americani trovassero presto una scusa per saltare addosso all'Afghanistan". Era circa il 20 di agosto.

dr_julius
Inviato: 16/9/2011 20:51  Aggiornato: 16/9/2011 21:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
breve risposta OT
Citazione:

Salve a tutti, qualcuno mi sa dire se questo video è falso ?

Da quel che capisco io, la qualità (risoluzione di ripresa) è talmente bassa che qualunque stranezza si possa vedere nel movimento dell'aereo nel passaggio dietro la gru è impossibile attribuirne le cause.
Noto che anche le fiamme e i fumi presentano la stessa scarsa leggibilità.
Sapendo quale sia stato lo strumento di ripresa (un cellulare?), si potrebbe al massimo capire se il video sia stato manipolato o se sia nativo in tanta scarsa qualità.

Il video IMHO non è significativo, non può dimostrare nulla... un po' come il video "ufficiale" dell'attacco al Pentagono.

fine OT

Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
Redazione
Inviato: 16/9/2011 21:09  Aggiornato: 17/9/2011 1:20
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
"Salve a tutti, qualcuno mi sa dire se questo video è falso ?"

Secondo me manca soltanto Raffaella Carrà che balla sul WTC, e poi il video è perfetto.

bluorange
Inviato: 17/9/2011 3:09  Aggiornato: 17/9/2011 3:09
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/12/2009
Da: Bologna
Inviati: 65
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Riguardo alla Corte di Giustizia internazionale ho passato a setaccio il loro statuto e sulla procedura di richiesta ho trovato solo che, art.40. comma 1
Citazione:
Le controversie sono portate davanti alla Corte, a seconda dei casi o mediante notifica del compromesso o mediante istanza scritta, indirizzata al Cancelliere. In entrambi i casi devono essere indicati l'oggetto della controversia e le parti.
.

Volevo chiedere a qualcuno se sapeva qualcosa in più al riguardo, scusate la mia "ignoranza", ma non sò neppure se hanno provato a fare qualcosa che andasse in quella direzione. Grazie in anticipo, Ale.

dr_julius
Inviato: 17/9/2011 8:36  Aggiornato: 17/9/2011 8:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Al momento di questa intervista il giudice Imposimato non mi è sembrato molto preparato in modo specifico sulle indagini dell'11/9.

Vedo che ha scritto recentemente il libro "La grande menzogna" che tuttavia dal sottotitolo non mi sembra attaccare la ricostruzione della VU sugli accadimenti del 11/9 ma piuttosto le bugie successive (armi di distruzione di massa etc etc), almeno se bene interpreto il sottotiolo: "Il ruolo del Mossad, l'enigma del Niger gate, la minaccia atomica dell'Iran"

I limiti che ha mostrato il giudice nell'intervista a mio avviso sono stati:
-una "prudenza" nel ragionamento. Quando MM parlava del crollo del WTC7, affermando che il crollo ha tutte le caratteristiche di una demolizione controllata, è stato subito fermato per dubitarne: "io ragiono così: si fà la domanda che lei ha messo come affermazione". Ecco, questo modo di sezionare gli accadimenti, che avvennero tutti nella stessa giornata, quindi ragionare senza tenere in nessun conto ogni "coincidenza", è forse una comune deformazione professionale di un giudice, ma chi ha seguito un po' le faccende del 11/9 non può non chiedersi come sia incredibile tutta la serie di coincidenze, a partire dal ritrovamento dei documenti di Atta fino a quelle incredibili situazioni che hanno sbaragliato la difesa aerea...

-chi indaga sul 11/9 sa benissimo che un processo non si è mai svolto. Pur consapevole che "è una cosa gravissima", sà che in tribunale non si è mai andati. Il giudice non lo sa, e ancora spera nella formazione di un "collegio di esperti indipendenti e imparziali". Dopo dieci anni, dopo tante domande ancora senza risposta e tante bugie divulgate, un esperto NON PUO' essere imparziale: ha già deciso, consapevolmente o meno, se credere alla VU accettandola, o se dubitarne.

-la posizione di Imposimato mi sembra essere di "raffreddare" la ricerca della verità. Dice "senza una perizia di tale tipo non si può concludere che si tratti di questo", cioè rimanda tutto ad un processo legale, che mai sarà avviato. E quindi i casi sono due: o non è addentro ai lavori e all'argomento (quindi in perfetta buona fede, ma allora che ci và a fare a Toronto?) oppure si incarica di mettere una barriera tra noi e la verità, che può essere Vera solo se esce dalle carte vagliate da un tribunale. Io non penso, come altri, che sia un Agente CIA, ma per forma mentis potrebbe giocare lo stesso ruolo (la propaganda serve a questo: a reclutare persone alla tua causa, senza doverle/ poterle comprare e stipendiare).

-il giudice ha comunque il senso dell'umorismo: "non ci possono essere segreti di stato rispetto a fatti che sono un crimine contro l'umanità"

Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
Jurij
Inviato: 17/9/2011 12:44  Aggiornato: 17/9/2011 12:44
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
E allora, ci sarà un nuovo "Jim Garrison" per l'undici settembre?

Chi avrà i C.C. da poter sfidare il "sistema"?

Il movimento per la verità cosa in concreto è riuscito a smuovere?

Imposimato è solo uno che "tira il sasso e nasconde il braccio", oppure è anche lui un membro del "sistema" che deve "zavorrare" la spinta verso la verità, o ancora è un'anima pia che crede di poter dare un contributo "limitato" nello sprint finale della sua carriera?

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
Jurij
Inviato: 17/9/2011 12:47  Aggiornato: 17/9/2011 12:47
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
dr_julius
Citazione:
-il giudice ha comunque il senso dell'umorismo: "non ci possono essere segreti di stato rispetto a fatti che sono un crimine contro l'umanità"

Ne convengo con te dr_julius, qui la sparata veramente troppo grossa, o grassa.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
m4x
Inviato: 17/9/2011 12:54  Aggiornato: 17/9/2011 12:54
Mi sento vacillare
Iscritto: 6/6/2007
Da:
Inviati: 746
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
http://www.youtube.com/watch?v=0VcvAtmKZl8

http://www.youtube.com/watch?v=uWgBl3xciOg

Se a qualcuno potesse interessare ho inzuppato l'audio sul Tubo.

nacho82
Inviato: 17/9/2011 16:35  Aggiornato: 17/9/2011 16:35
So tutto
Iscritto: 3/9/2011
Da:
Inviati: 6
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Guarda, una indagine da parte della Corte Penale Internazionale dell'Aja è semplicemente impossibile per un motivo banale.
Gli Stati Uniti d'America non hanno mai firmato (né ovviamente ratificato) il trattato di Roma del 1999 che istituiva la Corte Penale Internazionale dell'Aja. Di conseguenza i giudici dell'Aja non hanno alcun tipo di potere giurisdizionale nei confronti degli Usa: se anche inviassero una richiesta di compimento di atti processuali necessari per accertare la realtà dei fatti (audizione di testimoni, acquisizione di documenti,ecc) gli Stati Uniti si comporterebbero né più né meno nello stesso modo in cui agiscono i paradisi fiscali quando gli giungono richieste di rogatorie da parte dell'Autorità giudiziaria italiana: non risponderebbero affatto.
Altra domanda da 1 milione di dollari: ma com'è possibile che negli Stati Uniti non sia mai stata fatta una inchiesta giudiziaria su quello che è accaduto? Perché, al contrario, in Italia (facendo ovviamente gli scongiuri, si capisce!!) avrebbe gestito tutto la magistratura senza alcuna interferenza da parte del potere politico?
La risposta è semplice.
In Italia la Costituzione definisce la magistratura come un ordine indipendente da ogni altro potere dello Stato, e siccome i titolari della pubblica accusa sono anch'essi magistrati, godono delle stesse garanzie di indipendenza che la legge assicura al giudice. Da noi i pubblici ministeri sono completamente autonomi ed indipendenti dalla politica, per avviare una indagine non hanno bisogno di chiedere il permesso a nessuno. Il Pm italiano, di fronte ad una notizia di reato (c.d. notitia criminis) iscrive la notiza medesima nel registro e parte subito con le indagini; sostanzialmente può fare quello che vuole e tutto ciò che la legge gli consente.
Negil Usa, al contrario, non esiste nulla di tutto ciò. Mi spiego meglio. Gli Stati Uniti non hanno affatto una magistratura come la intendiamo noi (giudici professionali, di carriera, selezionati per concorso) ma concepiscono, nella loro Costituzione, l'esistenza di 2 poteri distinti e separati. Da un lato c'è quello giudiziario a cui viene assegnato il compito di giudicare, di amministrare la giustizia (ma in modo molto diverso rispetto a quanto avviene nelle aule di giustizia italiane) e dall'altro lato c'è il potere esecutivo a cui viene demandato il compito di perseguire i reati e portare gli autori di un delitto di fronte al Tribunale perché questi lo giudichi.
Il problema è che i procuratori americani (siano essi statali o federali) non sono assistiti da 2 garanzie che invece assistono quelli italiani.
La prima garanzia è il principio di obbligatorietà dell'azione penale. Mentre il PM italiano è tenuto, ex art. 112 Cost., ad esercitare sempre l'azione penale quando viene a conoscenza di una fattispecie di reato (se non lo fa commette lui stesso un reato, cioè l'omissione di atti d'ufficio), il procuratore americano non ha affatto questo obbligo. Decide lui cosa perseguire come crimine e quale no, perché negli Usa vige il principio di discrezionalità dell'azione penale. In poche parole: il procuratore americano decide liberamente se perseguire per un delitto X ed Y, oppure se non perseguirli affatto.
Inoltre c'è un secondo problema, che attiene alla seconda garanzia (che in parte ho già accennato prima). Il procuratore italiano è un magistrato, gode delle stesse garanzie di indipendenza del giudice; questo significa che non c'è nessuno che può tirarlo per la giacchetta e dirgli: "Per cortesia, non fare questa indagine o non perseguire questo reato". Negli Usa non è così. I procuratori sono tutti di nomina politica. A livello statale i prosecutors sono eletti, né più né meno come avviene per il Sindaco o per il Parlamento Statale o per il governatore. A livello federale, addirittura, i prosecutors sono nominati dal Presidente degli Stati Uniti, cioè dal capo dello Stato e del governo. Questo cosa comporta? E' semplice: è assai difficile che un procuratore federale possa fare una indagine che vede coinvolti membri dell'esecutivo che lo ha nominato. Nel caso poi di un evento come quello dell'11 Settembre, è praticamente impossibile che un procuratore si azzardi ad avviare una indagine contro il governo,se non vuole perdere il prestigioso posto di lavoro che ricopre.
Ecco perché, in sintesi, negli Stati Uniti non è stata fatta alcuna indagine giudiziaria sui fatti dell'11 Settembre, mentre, al contrario (ripeto, facendo 10.000.000 di scongiuri!!), in Italia ciò sarebbe avvenuto.
A mio avviso, almeno per ciò che riguarda l'organizzazione del sistema giudiziario, dovrebbero essere gli americani a venire a lezione in Italia, e non, come si sente spesso dire da Berlusconi e dal PDL, il contrario.
Spero che la mia piccola lezione di diritto non ti abbia annoiato, e che non abbia annoiato anche gil altri frequentatori del forum. Ho deciso di intervenire con questo intervento (piuttosto lungo, me ne rendo conto) semplicemente perché ho una certa competenza in materia, e quando ritengo di poter dare un contributo serio, mi sento in dovere di farlo.

Giano
Inviato: 17/9/2011 17:08  Aggiornato: 17/9/2011 17:08
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 18/3/2011
Da:
Inviati: 1424
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Nacho82:
Ho deciso di intervenire con questo intervento (piuttosto lungo, me ne rendo conto) semplicemente perché ho una certa competenza in materia, e quando ritengo di poter dare un contributo serio, mi sento in dovere di farlo.

Io mi sento in dovere di ringraziarti. Chiarissimo.

costa66
Inviato: 17/9/2011 17:38  Aggiornato: 17/9/2011 17:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/3/2010
Da:
Inviati: 125
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
nacho82: Grazie 1000 per l'intervento, senza il quale non avrei mai capito !
Ma mi sorge spontanea una domanda° : Vale anche nel caso di un omicidio ? Intendo: La discrezionalità del Giudice è applicabile anche a reati gravi come l'omicidio ? Intendo teoricamente.


Grazie anticipatamente

Jurij
Inviato: 17/9/2011 19:40  Aggiornato: 17/9/2011 19:41
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
nacho82
Citazione:
Questo cosa comporta? E' semplice: è assai difficile che un procuratore federale possa fare una indagine che vede coinvolti membri dell'esecutivo che lo ha nominato. Nel caso poi di un evento come quello dell'11 Settembre, è praticamente impossibile che un procuratore si azzardi ad avviare una indagine contro il governo,se non vuole perdere il prestigioso posto di lavoro che ricopre.

Alla faccia, in pratica è assai impossibile che negli usa vi sia della giustizia…

P.S. complimenti per la spiegazione esaustiva :o)

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
Polonio
Inviato: 17/9/2011 20:11  Aggiornato: 17/9/2011 20:12
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/8/2009
Da:
Inviati: 797
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
"è praticamente impossibile che un procuratore si azzardi ad avviare una indagine contro il governo,se non vuole perdere il prestigioso posto di lavoro che ricopre. "


"Alla faccia, in pratica è assai impossibile che negli usa vi sia della giustizia…"


io semmai spero che non tutti i procuratori abbiano una simile fibra.

edo
Inviato: 17/9/2011 22:34  Aggiornato: 17/9/2011 22:35
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Uno dei primi articoli sull'11 sett. di luogocomune, parlavano proprio dell'avvocato delle vedove del new jersey.
Basterebbe l'evidenza della mancanza di un processo per riconoscere la nudità del "re".

A proposito della previsione di Imposimato sull'attentato, secondo me, lui sa leggere (come la Carlucci) le informazioni che passano davanti al naso di tutti ma sono destinate solo a quei pochissimi che le devono saper interpretare...

cagliostro
Inviato: 17/9/2011 23:20  Aggiornato: 17/9/2011 23:20
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/9/2007
Da:
Inviati: 1579
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Intervista impressionante, grazie !

«Io non sono di nessuna epoca e di nessun luogo: al di fuori del tempo e dello spazio, il mio essere spirituale vive la sua eterna esistenza.»
bluorange
Inviato: 18/9/2011 0:19  Aggiornato: 18/9/2011 0:19
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/12/2009
Da: Bologna
Inviati: 65
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Grazie nacho82, sei stato molto chiaro e esaustivo.

nacho82
Inviato: 18/9/2011 0:28  Aggiornato: 18/9/2011 0:28
So tutto
Iscritto: 3/9/2011
Da:
Inviati: 6
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Ti ringrazio per i complimenti!!
Per il resto ti posso confermare che il sistema giudiziario italiano (solo per quello che riguarda l'architettura delle garanzie, non certo per i tempi) è un modello studiato ed ammirato in tutto il mondo, ed esiste un movimento internazionale di giuristi che lo indicano come il modello migliore a cui ispirarsi.
Per quanto riguarda la concezione americana della giustizia essa è profondamente diversa dalla nostra. Il procuratore (sia esso statale o federale) è considerato il "lawyer of the people", l'avvocato del popolo che deve soddisfare la sete di giustizia del popolo medesimo allo scopo di ottenere il maggiore consenso elettorale possibile in vista del prosieguo della sua carriera politica. Ed infatti, fondamentalmente, il procuratore americano è un uomo politico, che si serve della sua carica per aumentare il proprio consenso e scalare tutto il cursus honorum, fino ad arrivare, perché no, alla poltrona di Presidente degli Stati Uniti. L'ex presidente Bill Clinton, per esempio, iniziò la sua folgorante ascesa politica che lo portò a diventare Presidente proprio grazie alla carica di procuratore generale dell'Arkansas. Da lì ebbe il trampolino di lancio che lo portò a diventare governatore dell'Arkansas, e via via fino ad entrare nello studio ovale di Washington.
Capisci bene, dunque, che in un sistema del genere un procuratore statale tende sempre a selezionare i reati da perseguire in funzione del consenso elettorale che può ottenere e del suo tornaconto politico, mentre il procuratore federale, se non vuole perdere il posto, non può assolutamente mettersi contro il Presidente degli Stati Uniti, perché questi, così come l'ha messo su quella poltrona, lo sbalza dalla stessa in 5 minuti mettendo un altro al suo posto.
Ti faccio un esempio concreto. Ricordi il caso di Valerie Plame, la spia della CIA, moglie dell'ambasciatore Wilson che fu costretta a lasciare l'Agenzia perché un articolo del Washington Post, il 14 Luglio del 2003, rivelò la sua copertura? L'inchiesta del procuratore federale Fitzgerald portò alla condanna di Scooter Libby, capo dello staff dell'allora Vice Presidente degli Stati Uniti Richard Cheney considerato l'autore materiale della fuga di notizie (rivelare l'identità di un agente segreto è un reato federale punito con ben 10 anni di reclusione). Ma è evidente che l'ordine è partito da Cheney, se non da Bush in persona: un sottoposto come Libby non avrebbe mai e poi mai potuto prendere da solo una decisione del genere; è evidente che il povero Libby si è limitato ad eseguire un ordine impartito dall'alto. Ma il procuratore federale non ha neanche mai pensato, non dico di incriminare, ma anche solo di sentire sotto giuramento Bush e Cheney. Ha pagato il pesce più piccolo, insomma, perché il procuratore federale non avrebbe mai avuto la forza, da solo, di incriminare il Presidente degli Stati Uniti o il suo Vice. Sarebbe stato semplicemente impensabile.
Se in questo momento fosse presente Paolo Attivissimo, o un'americano de noantri ( gli Zucconi, i Riotta, i Maurizio Molinari,ecc) ti citerebbero il caso del Watergate per dirti che invece la giustizia americana può arrivare eccome a colpire fino ai massimi livelli. Ma quella è una plateale menzogna, e ti spiego perché. Nel caso del Watergate fu la campagna di stampa e l'indignazione dell'opinione pubblica, sostanzialmente, a costringere Nixon alle dimissioni, non certo il timore di essere arrestato. E comunque, tanto per stare sicuri, prima di firmare la lettera di dimissioni, Nixon si fece promettere da Gerald Ford un "perdono presidenziale" (un atto sostanzialmente equivalente alla grazia che può concedere il Presidente della Repubblica italiana) per non correre alcun tipo di rischio. Ed infatti Nixon non mise mai piede in un aula di Tribunale.
A parte l'illogicità di un sistema giuridico che concede una grazia ancor prima che si sia accertato se un reato è stato commesso oppure no, di fatto quella decisione è la prova provata che è impossibile, per la giustizia USA, attaccare le elites del proprio paese.
I miei migliori saluti!!

Jurij
Inviato: 18/9/2011 2:51  Aggiornato: 18/9/2011 2:51
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
nacho82
Citazione:
A parte l'illogicità di un sistema giuridico che concede una grazia ancor prima che si sia accertato se un reato è stato commesso oppure no, di fatto quella decisione è la prova provata che è impossibile, per la giustizia USA, attaccare le elites del proprio paese.

Miiiiiiiiiiiiiiiiiiii,hai detto niente, praticamente hai tirato giù la statua della liberta :o)
Perché queste cose non le insegnano a scuola?
Almeno alle medie, non farebbe male capire in che mani siamo.
Comunque grazie per avere chiarito così bene la questione...guarda caso corrisponde alle sensazioni che si hanno di quella nazione.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
Redazione
Inviato: 18/9/2011 6:07  Aggiornato: 18/9/2011 6:07
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
DR_JULIUS: Ti posso confermare che Imposimato sia prima di tutto giudice, e soltanto in seguito una persona interessata al caso 9/11.

Ma è proprio questa sua impostazione, che a Toronto ha messo in difficoltà diversi "esperti" di massimo livello, a garantire una "lucidità procedurale" assoluta rispetto a eventuali passi futuri.

Abbiate pazienza, ma per ora non posso dire di più.

benitoche
Inviato: 18/9/2011 6:34  Aggiornato: 18/9/2011 6:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/9/2006
Da:
Inviati: 1941
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Imposimato è patetico,il semplice fatto che fù giudice istruttore nei più importanti casi di terrorismo (Moro,Papa)è tutto dire

Audisio
Il tutto serviva per aizzare i cattolici contro le belve comuniste

Condivido pienamente
Dal compromesso storico all'attentato al Papa giungendo fino ai giorni nostri con la strage di Oslo,come le chiama Imposimato le"cause prime"il movente è sempre lo stesso,evitare l'avvicinamento dell'Europa alla Russia
Fin quando non comprenderemo questo brancoleremo nel buio

, non sono andato a newyork quel giorno perchè leggendo i giornali ho capito che sarebbe successo qualcosa?!!!
Ma mi faccia il piacere,Mazzucco anche lei è che diamine

la religione è indispensabile
soltanto a un’umanità rescissa dal mondo divino-spirituale.
nacho82
Inviato: 18/9/2011 19:43  Aggiornato: 18/9/2011 19:43
So tutto
Iscritto: 3/9/2011
Da:
Inviati: 6
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Figurati,
per me è stato un piacere!!

dr_julius
Inviato: 18/9/2011 21:46  Aggiornato: 18/9/2011 21:47
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Redazione ha scritto Citazione:

DR_JULIUS: Ti posso confermare che Imposimato sia prima di tutto giudice, e soltanto in seguito una persona interessata al caso 9/11.


Bene. Essendo Giudice, come chi lo è veramente, probabilmente si comporta da tale in tutte le manifestazioni della propria vita. Tuttavia rispetto al "caso 9/11" Imposimato è... ?
...un semplice osservatore?
...un ricercatore della verità?
...uno studioso scettico?
di certo, parlando in una intervista e non in una aula di tribunale, non è un giudice nello svolgimento del suo lavoro!

Quindi, confermo quello che dicevo sopra, che ripeto con una Auto-Citazione:

Dopo dieci anni, dopo tante domande ancora senza risposta e tante bugie divulgate, un esperto NON PUO' essere imparziale: ha già deciso, consapevolmente o meno, se credere alla VU accettandola, o se dubitarne.


Sono convinto, come mi ha insegnato LC e Massimo Mazzucco in primis, che prima ancora di evidenziare le congetture su come siano andati realmente i fatti, sia fondamentale concordare che la VU sia clamorosamente falsa!

In sintesi: non mi è giunta nitidamente la posizione di Imposimato rispetto alla affermazione "la Versione Ufficiale è falsa".

Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
SuperFed
Inviato: 19/9/2011 22:13  Aggiornato: 19/9/2011 22:13
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/6/2011
Da: Città stressante nord Italia
Inviati: 168
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Se la mia impressione è giusta, prima cosa vorrei dare un consiglio a chi sarà protagonista del futuro colpo di teatro: occhio! E' come nei cartoon! Spostatevi in fretta! Eh sì perchè si toglie un pezzettino dall'impalcatura alta alta, ma basta quel pezzettino e vien giù tutto! Tutto il RESTO degli ultimi 100 anni...

Due note finali: una ottimistica e una pessimistica:

1 Il giorno dello sbugiardamento pubblico e definitivo potrebbe anche essere vicino Ma-

2 in questo caso purtroppo rientrerebbe nel più vasto processo di tramonto della cosiddetta civiltà occidentale. E se la fine dell'Occidente come ritengo è anch'essa una operazione di demolizione controllata (in campo finanziario, economico, sociale, geopolitico e strategico) anche l'eventuale sopravanzare della verità sull'11/9 andrebbe a collocarsi all'interno di questo contesto.

Questo comunque, già ad oggi, è il meno romantico di tutti i tramonti possibili.

Onore a te Takuro Nakai genio incompreso dei manga[img align=right]
dr_julius
Inviato: 19/9/2011 22:53  Aggiornato: 19/9/2011 22:53
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
SuperFed ha scritto Citazione:

un pezzettino dall'impalcatura alta alta, ma basta quel pezzettino e vien giù tutto!


Forse giochi troppo con AngryBirds?

E secondo te, CHI vorrebbe il tramonto della civiltà occidentale, visto che i "poteri occulti" hanno investimenti, radici del loro potere, ricchezze e appoggi organizzati proprio in occidente???

Voglio dire, a quanto ne sappiamo, il NWO è orientato da potenti che radicano il loro potere in Occidente. Che vantaggio ne avrebbero a farlo cadere?
Oppure, se a me sfugge qualcosa: cosa?

Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
SuperFed
Inviato: 19/9/2011 23:34  Aggiornato: 19/9/2011 23:34
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/6/2011
Da: Città stressante nord Italia
Inviati: 168
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
a Dott.julius:

Il fatto è che finchè esisterà una nazione più forte delle altre, ci sarà sempre qualcuno che le farà opposizione, perchè si sentirà minacciato da questa forza.

Allo stesso modo se c'è una cultura dominante, ci sarà qualche altra cultura che sentendosi schiacciata tenderà a fare RESISTENZA.

Se vogliamo invece un mondo unificato, dopo il crollo dei vecchi masters of the universe, sembrerà che il nuovo STANDARD andrà a formarsi di per sè, in modo apparentemente naturale.

Onore a te Takuro Nakai genio incompreso dei manga[img align=right]
Redazione
Inviato: 20/9/2011 0:41  Aggiornato: 20/9/2011 1:22
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
DR-JULIUS: "In sintesi: non mi è giunta nitidamente la posizione di Imposimato rispetto alla affermazione "la Versione Ufficiale è falsa".

"Nitidamente" infatti non l'ha mai espressa, quella posizione, e sarebbe un suicidio farlo, nei suoi panni.

Imposimato è però membro da molti anni di "Political leaders for 9/11 truth", che già di per se implica un rifiuto della VU.

Inoltre, la mia prima domanda, nel secondo segmento, era "Quali fatti le sembrano i più insostenibili della versione ufficiale", e lui inizia ad elencarli, dando quindi per implicito che respinge la VU.

Ma una cosa è respingere la VU, ben altra è affermare che è categoricamente falsa. La differenza sta nella possibilità di presentare prove incontrovertibili, e per un giudice questo è tutto.

ProphetOne
Inviato: 29/9/2011 4:51  Aggiornato: 29/9/2011 4:51
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/6/2006
Da: Pianeta Nibiru
Inviati: 79
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Ho letto tempo fa il libro di Imposimato, La grande menzogna. In effetti l'impressione che emerge dal sottotitolo è ampiamente confermata: il ragazzo ha un'ottima capacità di analisi, ma non fa proprio quello che lui stesso nell'intervista dice che si dovrebbe fare: controllare che i dati di fatto dai quali si parte per le indagini, siano incontrovertibilmente accertati. Altrimenti si rischia di arrivare a conclusioni sbagliate. Ecco: lui parte spessissimo da presupposti che non derivano da accurate indagini, ma dalle bugie della propaganda americana. Le deduzioni che ne conseguono sono spesso assurde.
Non mi era mai capitato di incazzarmi così tanto leggendo un libro. L'ho riempito di commenti a matita, nei quali insulto ripetutamente il povero giudice per la sua ignoranza riguardo a certe cose che noi luogocomunisti ormai ci siamo ripetuti fino alla noia.

Fondamentalmente la tesi di fondo del libro è che la guerra al terrorismo, così come la stanno facendo gli americani, non funziona: con i loro metodi la fomentano (ma và?).
Sull'11 settembre, prende per buona tutta la versione ufficiale, perdendosi quindi in un inutile percorso alla ricerca delle matrici islamiche del terrorismo internazionale.

In sostanza, si direbbe che nel 2006, quando è uscito il libro, il concetto dell'attentato "false flag" gli fosse completamente sconosciuto. Nel frattempo sono passati 5 anni, magari nel frattempo qualcuno glielo ha spiegato...

TAD
Inviato: 31/10/2011 16:22  Aggiornato: 31/10/2011 16:22
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/5/2011
Da: 7th planet
Inviati: 1069
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Vorrei segnalare questo articolo pubblicato oggi su "Il fatto quotidiano" da parte di Giulietto Chiesa

Il 3 Novembre a Roma si incontreranno Mike Gravel ex senatore dell’Alaska, Ferdinando Imposimato, Gianni Vattimo, Fernando Rossi e appunto Giulietto CHiesa.

Scopo dell'incontro: Per una nuova indagine sull’11 settembre 2001.

I dettagli nell'articolo linkato in apertura.

~WÃSÐ Lifestyle~
maryam
Inviato: 16/9/2012 14:16  Aggiornato: 16/9/2012 14:16
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/3/2010
Da:
Inviati: 137
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
Il Giudice è stato onorato..
.. è candidato al Premio Perlone 2012.

http://complottismo.blogspot.it/2012/09/ferdinando-imposimato-e-l11-settembre.html

maryam
Inviato: 16/9/2012 14:18  Aggiornato: 16/9/2012 14:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/3/2010
Da:
Inviati: 137
 Re: Intervista al giudice Ferdinando Imposimato
spero che non era un doppione..non ho letto tutte..


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA