Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


storia & cultura : Testimonianza da Hiroshima
Inviato da Redazione il 6/8/2011 7:04:05 (3960 letture)

Ricorre oggi l’anniversario della bomba atomica sganciata su Hiroshima.


Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
DjGiostra
Inviato: 6/8/2011 9:05  Aggiornato: 6/8/2011 9:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Testimonianza da Hiroshima
Me ne srtavo scordando !!!
Grazie Massimo per avermelo ricordato !!!!

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
Jurij
Inviato: 6/8/2011 9:12  Aggiornato: 6/8/2011 9:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Testimonianza da Hiroshima
Citazione:
..Sia giustificabile, anche quando sia al servizio di un giusto fine.

Per anni mi sono chiesto cosa fosse stato meglio, usare l’atomica per bloccare la guerra, anche se su persone inermi, oppure continuare con una guerra “tradizionale” con il conseguente prolungamento del logorio di due nazioni e di altri massacri?
Alla fine il mio pensiero è andato a monte, alle vere cause dello scoppio della guerra e se guardo questo mi accorgo che il Giappone ha si fatto il primo passo, ma questo fu la reazione alle continue pressioni da parte degli usa.

Allora cosa sarebbe stato più giusto?

Credo che non è stato giusto testare un ulteriore mezzo di morte su una popolazione incastrata fra gli interessi di un impero e quelli di una potenza “democratica”.
Ecco, forse la risposta alle nefandezze di Hiroshima e Nagasaki è li, nello scontro fra due gruppi di interessi scaricatosi su di una popolazione “drogata” dalla propaganda di una vita intera ed inerme.

P.S. Forse a qualcuno può essere sfuggito, ma a me, seguendo diversi documentari sul fatto, mi è apparsa molto forte la ricerca scientifica fatta dagli usa nella preparazione e nel dopo esplosione delle atomiche.
Mi è sembrato non solo un tentativo di piegare la volontà di un “regime”, ma anche quello di ricreare un esperimento alla Josef Mengele.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
fefochip
Inviato: 6/8/2011 10:32  Aggiornato: 6/8/2011 10:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Testimonianza da Hiroshima
con tutti i limiti e le ipocrisie che ha rappresentato il processo di norimberga per la prima volta si è sancito un principio :esistono anche in guerra i crimini.

ora curiosamente tali crimini sono stati attribuiti solamente alla parte che ha perso "dimenticandosi" completamente appunto di crimini come l'uso di un arma che oggi senza discussioni viene riconosciuta come un "arma di distruzione di massa".

in questo mondo ipocrita l'uso di queste armi viene giudicato a secondo chi le usa .

saddam ussein è stato prima accusato di averle usate e poi processato e "giustiziato" mentre ancora oggi gli americani usano giustificazioni di ogni tipo per scrivere la storia dello sgancio di ordigni atomici su due città densamente popolate, cercando di convincere il pubblico che "i giapponesi erano altresi pronti a resistere fino all'ultimo uomo".

quindi le cose sono semplici per la storiografia americana : hitler era cattivo e rappresentava il grande male da estirpare a ogni costo mentre i soldati americani erano i buoni pronti a sacrificarsi per la libertà e la democrazia.
questo modello è stato e viene continuamente riproposto, e in nome di tali ideali gli stati uniti continuano a guerreggiare in ogni parte del pianeta proponendosi essi stessi a faro della democrazia,civiltà e quindi libertà.

manco un po di assunzioni di responsabilità a posteriori ....


mortacci loro

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
PikeBishop
Inviato: 6/8/2011 11:19  Aggiornato: 6/8/2011 11:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Testimonianza da Hiroshima
Citazione:
esistono anche in guerra i crimini.

L'assurdita' di una postulato del genere e' cosi' palese che non mi sarei mai aspettato di doverla far notare.

Un crimine e' un infrangimento della legge penale.

Quale legge penale esiste che regoli le guerre? Nessuna.

Il perche' e' evidente: la legge penale le sono regole che il bandito che ha avuto successo (che poi si fa chiamare lo Stato da status quo cioe' le cose come sono, ovvero boccie ferme per sempre) impone a tutti gli altri per impedire che altri banditi abbiano successo nell'esautorarlo.

Ora, e' chiaro, che la CRIMINALIZZAZIONE della CONDOTTA di GUERRA e' possibile solo da parte di una potenza che abbia avuto successo (o, che meglio ancora voglia far passare cio' per un fatto compiuto con una operazione semantico/propagandistica) e che sottometta tutto il resto del Mondo per fare in modo che nessun altro possa prendere il suo posto. L'AMERICA, CON NORIMBERGA SI E' AUTONOMANENTE PROCLAMATA IL BANDITO PIU' GROSSO DEL MONDO: SE TI OPPONI SEI UN CRIMINALE.

In passato perdere le guerre era una sventura e in genere i generali o altri caporioni rischiavano di essere semplicemente annientati.
Da Napoleone in poi la cosa cambio': l'Inghilterra volle evitare di farlo apparire come un martire e per ben due volte lo condanno' all'esilio. Ma allora le principali nazioni europee trattavano da pari.

L'America non tratta con nessuno come un suo pari: sono tutti, nei loro occhi, sottoposti, in quanto sconfitti e passabili di essere processati come criminali, dove i criminali sono semplicemente i banditi che non ce l'hanno fatta.

Vediamo un po': se sei un mafioso e vendi droghe sei un criminale. Se sei Big Pharma ed hai il bollo governativo vendi le stesse droghe e sei in regola. L'industria del metadone non ha alcuna differenza da quella dell'eroina, se non l'approvazione del piu' grande mafioso, il Governo.

Il governo degli Stati Uniti d'America (ed i suoi lacche', vedi NATO ed EU) si erge unilateralmente a governante del mondo permettendosi di processare i concorrenti.

Peccato, per loro, che alcuni concorrenti aspettino solo l'occasione per saltargli al collo e, per il momento, non approvano o disapprovano questa posizione, ma si stanno armando. E' gente che sa aspettare...

In guerra, l'unico crimine e' la sconfitta.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
Red_Knight
Inviato: 6/8/2011 11:19  Aggiornato: 6/8/2011 11:19
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: Testimonianza da Hiroshima
Credo che vaporizzare 100mila persone in un lampo, senza nemmeno un preavviso, non sia giustificabile in nessun universo.

Ma il fatto che gli USA abbiano fatto il bis tre giorni dopo dovrebbe togliere ogni dubbio.

È chiaro che si è trattato di un gigantesco esperimento di morte, purtroppo ben riuscito.

DjGiostra
Inviato: 6/8/2011 11:32  Aggiornato: 6/8/2011 11:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Testimonianza da Hiroshima
La guerra e' il piu' grosso crimine che si possa fare e gli stati uniti
ne sono i piu' grandi promotori !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Tutto il resto e' fuffa !!!!!

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
PikeBishop
Inviato: 6/8/2011 11:32  Aggiornato: 6/8/2011 11:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Testimonianza da Hiroshima
Citazione:
È chiaro che si è trattato di un gigantesco esperimento di morte, purtroppo ben riuscito.

Non sapppiamo se sia riuscito, visto che non sappiamo cosa di preciso dovessero verificare.

Sappiamo pero' che il bombardamento di Dresda non aveva suscitato abbastanza preoccupazione in Russia, nel senso che ai comandi sovietici era si' preso un colpo quando le notizie arrivarono, ma si resero conto anche del fatto che un simile volume di fuoco non sarebbe stato facile da giustificare (e da finanziare) in altre occasioni. Avevano pero' sentore delle nuove armi - che anche il Giappone stava per approntare, cosi' decisero, nonostante la dimostrazione di potenza distruttiva applicata a Dresda, di attaccare il Giappone settentrionale.
Le atomiche servirono come segnale definitivo ai Russi, e, in quel senso, ebbero uno strepitoso successo. I generali Russi fecero probabilmente una relazione raccapricciante al governo nei termini di Dresda+bombe atomiche = siamo finiti.
Il passo sucessivo era vedere se gli americani fossero veramente disposti (ma soprattutto capaci) a conquistare il resto del mondo o se fosse un bluff.
Ora sappiamo che e' tutto stato un bluff.

Gli americani non sarebbero capaci di sconfiggere tutti gli altri. Ma nemmeno tutti gli altri sarebbero capaci di sconfiggere l'America.

Al momento, dopo quarant'anni di bluffs incrociati, la cosa si sta rimettendo in discussione. E gli americani continuano con il loro giochetti stile Hollywood ad impiccare dietro mandato del Dio del Vecchio Testamento figli di salumieri e nipoti di ladri di pecore. Non c'e' niente di piu' patetico dell'impotenza del bullo.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
soulsaver
Inviato: 6/8/2011 11:37  Aggiornato: 6/8/2011 11:37
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/11/2005
Da: Roma
Inviati: 613
 Re: Testimonianza da Hiroshima
Big Up a Pike, lucidissimo in questo post...

Free from the need to be free "Mommy what's a Funkadelic, George Clinton 1970"
fefochip
Inviato: 6/8/2011 11:49  Aggiornato: 6/8/2011 11:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Testimonianza da Hiroshima
Citazione:
Un crimine e' un infrangimento della legge penale.


la disconoscenza del diritto naturale insito nell'enunciazione di questa frase è una cosa che non pensavo di dover sottolineare.

un crimine non è solo l'infrangimento di una legge penale scritta ma parallelamente esistendo un "diritto naturale" è l'infragimento di un codice morale ben delineato nella storia dai romani fino a noi.

la puttanata che in "amore in guerra tutto è permesso" evidentemente alligna evidentemente nei cuori di molti.

sterminare un popolo è e rimane un crimine contro l'umanità a prescindere che storiograficamente questo venga accettato o meno .
uccidere persone inermi è e rimane un crimine ben diverso che sparare a un soldato che ti punta il fucile, questo è e sempre sarà a prescindere che sia riconosciuto e meno.
trovo anche molto difficile dover specificare una cosa del genere tuttavia evidentemente è necessario.

uccidere sistematicamente ebrei da parte dei nazisti non è giustificabile al pari di spianare intere città vaporizzando indiscriminatamente donne,bambini ,soldati e gente indifesa lasciando loro l'eredità di malformazioni e territori devastati per decini di anni. (e conseguenze radioattive difficilmente valutabili per centinaia e migliaia di anni).

comuque
se non si riconosce la criminalità di un gesto come uno stermino del genere a poco servono le argomentazioni perche evidetemente ci si è dimenticati di avere una coscienza (e da cui scaturisce il diritto naturale) che è prioritaria a qualunque pezzo di carta (codice penale) con cui pulirsi il culo all'abbisogna (in guerra).

dimenticarsi del proprio codice "morale" è proprio l'anticamera dell'apocalisse

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Paxtibi
Inviato: 6/8/2011 11:54  Aggiornato: 6/8/2011 11:54
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Testimonianza da Hiroshima
Fefochip, guarda che mica hai capito quello che ha scritto Pike. Io fo per dirtelo...

PikeBishop
Inviato: 6/8/2011 11:58  Aggiornato: 6/8/2011 11:59
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Testimonianza da Hiroshima
Citazione:
un crimine non è solo l'infrangimento di una legge penale scritta ma parallelamente esistendo un "diritto naturale" è l'infragimento di un codice morale ben delineato nella storia dai romani fino a noi.


L'ultima frase e' veramente ilare, grazie di cuore...

Se parli di CRIMINE, introduci anche il concetto di corte di giustizia.

E' chiaro che non posso esimermi dal riconoscere un "diritto naturale", ci mancherebbe. Il problema e' che quando si parla di Crimini di Guerra, la cosa e' cosi' assurda che il non accorgersene e' prova di marasma mentale.

Che corte di giustizia puo' giudicare un comportamento criminale all'interno di un altro comportamento criminale? Puoi infrangere il diritto naturale a tuo piacimento e poi ad un certo punto stabilire dei limiti?

Ma che cazzo di sragionamento, crimini di guerra me arse...

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
trotzkij
Inviato: 6/8/2011 12:30  Aggiornato: 6/8/2011 12:30
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/9/2006
Da:
Inviati: 3704
 Re: Testimonianza da Hiroshima

I complotti non esistono, ... tranne quando ci sono
cirocat
Inviato: 6/8/2011 12:30  Aggiornato: 6/8/2011 12:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 31/7/2007
Da:
Inviati: 157
 Re: Testimonianza da Hiroshima
Sicuramente l'atto più criminale di tutti i tempi,
poi un po' sorprende come un popolo così devastato dalle radiazioni della bomba negli anni che seguirono con, malformazioni ,tumori, malattie ecc.ecc. abbia poi costruito così tante centrali nucleari (sul mare con rischio tsunami in un territorio così sismico) con il risultato che probabilmente oggi l'aria del Giappone è più radioattiva di quella di allora , insomma da quella bruttissima esperienza pare abbiano imparato poco.

Paulo
Inviato: 6/8/2011 12:34  Aggiornato: 6/8/2011 12:34
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/12/2005
Da:
Inviati: 507
 Re: Testimonianza da Hiroshima
Non tutte le guerre sono state necessariamente un crimine, anche se loro durante i crimini sono stati commessi.
La 2a Guerra Mondiale è stata una guerra criminale anche se non tutte le azioni commesse durante sono stati dei crimini.
Il processo di Norimberga ha sancito che tutte le successive guerre (necessariamente intraprese dagli USA) sarebbero state delle guerre criminali.

fefochip
Inviato: 6/8/2011 13:30  Aggiornato: 6/8/2011 13:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Testimonianza da Hiroshima
Citazione:
E' chiaro che non posso esimermi dal riconoscere un "diritto naturale", ci mancherebbe. Il problema e' che quando si parla di Crimini di Guerra, la cosa e' cosi' assurda che il non accorgersene e' prova di marasma mentale.


problemi di definizioni: il marasma mentale è quello di cercar di aver ragione a tutti i costi non ammettendo l'esistenza concreta e reale di una coscienza che ci parla chiaramente e senza mezzi termini quando si hanno di fronte a eccidi cosi efferati.
che poi si usi il termini "crimine" è di secondaria importanza .
che la moralità di alcuni personaggi (che ordinano e di altri che compiono tali atti) è pari a quella di un riccio di mare non ci posso fare niente tranne che additarli alla storia come macellai e rifiuto della razza umana.

per quanto mi riguarda è stato e resterà un crimine contro l'umanità da condannare senza se e senza ma e senza soprattutto elucubrazioni mentali che servono solo a mischiare le carte in tavola quando la coscienza dice ben altre cose.


per quanto riguarda il piano "logico":momento che ammetti di riconoscere il valore di un "diritto naturale" automaticamente ti dovresti chiedere quale è la sua scaturigine.
il fondamento di principio del diritto naturale risiede nella nostra coscienza ...da null'altro.

ora come ho detto non capire che anche durante una atto aberrante come una guerra ci sono dei principi morali che possono essere violati pensando contemporaneamente che esiste un "diritto naturale" è una contraddizione in termini segno questo di "marasma mentale"

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
PikeBishop
Inviato: 6/8/2011 15:56  Aggiornato: 6/8/2011 15:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Testimonianza da Hiroshima
Citazione:
che poi si usi il termini "crimine" è di secondaria importanza

Usa sarchiapone, invece. Un discorso del tipo "Ecco, coso sarchiapone ha puffato lo smurfio, supercalifragilistichespiralidoso". Chi era che voleva aver ragione a tutti i costi????

Citazione:
quale è la sua scaturigine.

Cosa stai puffando?

Citazione:
il fondamento di principio del diritto naturale risiede nella nostra coscienza

Eeeeeeeeehhhh?????

La sorgente del "diritto naturale" e' Dio.

A meno che tu non voglia continuare a puffare sarchiaponi cosici, al che, visto che la comunicazione diviene impossibile (almeno quella scritta, prova con una sequenza di rumori corporei in un filmato, magari si giunge ad un accordo), uno sa che non vale la pena di continuare a provare questa pena. Citiamo tanto per far capire che qualcosa si e' gia' elaborato in proposito:

giusnaturalismo antico, fondato sul pensiero del filosofo Aristotele e dalla successiva scuola stoica che abbracciò anche l'antica Roma e coinvolse il celeberrimo retore, politico e avvocato romano Marco Tullio Cicerone. [...] L'attuale giusnaturalismo invece nacque nei secoli XVII e XVIII, in particolare a partire dalle riflessioni dei pensatori della Seconda Scolastica, come Francisco de Vitoria e Tommaso de Vio, il Cardinale Caetano, che ripresero il pensiero di Tommaso d'Aquino, attualizzandolo. [...] Un autore molto importante che ha approfondito il diritto naturale del '900 è stato sicuramente Murray Newton Rothbard; a differenza di molti suoi predecessori è però arrivato a conclusioni diverse: criticò fortemente la teoria del contratto sociale di Hobbes e dello stesso Jean-Jacques Rousseau; l'interpretazione del diritto naturale data dal filosofo e scrittore americano è alla base dell'anarco-capitalismo, teoria che propone la cancellazione di ogni autorità statale.

Citazione:
anche durante una atto aberrante come una guerra ci sono dei principi morali che possono essere violati

Sparare a mitraglia alzo zero sulla folla chiodi monetine e pezzi di vetro cosparsi di merda, pratica usatissima da secoli, questo va bene. Quando la coscienza di Fefochip e' urtata, invece, urliamo al crimine di guerra.
Perche' la coscienza di Fefochip, qualsiasi cosa sia, e' la scaturiggine della legge positiva, cosa vuoi che abbiano discusso a fare per secoli senza neanche interpellarla...
E andarsi a nascondere?

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
desbouvet
Inviato: 6/8/2011 16:30  Aggiornato: 6/8/2011 16:40
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da:
Inviati: 541
 Re: Testimonianza da Hiroshima
" I BAMBINI SONO NATI FELICEMENTE "

Più o meno fu questa, nella stentata traduzione italiana, la frase in codice usata subito dopo il primo test nucleare della storia, in quel di Alamogordo o giù di lì, per comunicare ai superiori l'avvenuto buon esito dell'esplosione. Il primo Sole Artificiale era sorto sulla Terra. La negazione più assoluta della vita, ottenuta proprio con lo scardinare l'energia della vita, interna alla materia.

E non fu decisa, come frase in codice, un qualunque enunciato tipo "mi sono cagato nei calzini" o "la passata di verdure è venuta bene", o "ho ritirato i panni in lavanderia", bensì: i BAMBINI sono NATI felicemente !!!

Il "bambino" era chiaramente riferito all'ordigno, non ad un umano bipede in carne ed ossa, magari japanese. No. Ancora peggio, allora. Come fai a usare questa figura retorica per un'arma che di bambini VERI ne vaporizzerà a migliaia?

Insomma, tutta questa avventura, esoterica e misterica ancor prima che militare-industriale, è connotata da pazzia puraa, è pura pazzia.

A me basta questo per individuare il claustrofobico cortile satanico di tutta la vicenda. La guerra, chi aveva cominciato prima, chi no, chi doveva perdere chi vincere, chi rimetterci più civili o aerei o navi e chi meno... Non c'entra un catz. Fu un atto di sterminio partorito molto molto a monte della guerra vera e propria. Non so se è chiaro. Una pattuglia di decenni dopo dovrebbe essere chiaro. Si sta ancora a parlare di "botto maggiore per male minore"? Ma stiamo a scherzà?

Per me se la guerra sullo scacchiere Pacifico fosse finita nel 1975, a colpi residuali di trincetto e forchettate negli occhi, i due belligeranti avrebbero certamente vissuto e sperperato fino in fondo il loro senso dell'onore e la loro triste violenza. La guerra non crea mai un vincitore. Si vince senza alzare un dito...

Ma l'atomica non è guerra e neanche un crimine di guerra. E' qualcosa d'altro...

fefochip
Inviato: 6/8/2011 16:50  Aggiornato: 6/8/2011 16:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Testimonianza da Hiroshima
Citazione:
Usa sarchiapone, invece. Un discorso del tipo "Ecco, coso sarchiapone ha puffato lo smurfio, supercalifragilistichespiralidoso". Chi era che voleva aver ragione a tutti i costi????


esempio di marasma mentale

Citazione:
Sparare a mitraglia alzo zero sulla folla chiodi monetine e pezzi di vetro cosparsi di merda, pratica usatissima da secoli, questo va bene. Quando la coscienza di Fefochip e' urtata, invece, urliamo al crimine di guerra.


fare una cosa del genere è e rimane un crimine a prescindere dal tuo sarcasmo idiota
è solo questo il punto

Citazione:
Perche' la coscienza di Fefochip, qualsiasi cosa sia, e' la scaturiggine della legge positiva, cosa vuoi che abbiano discusso a fare per secoli senza neanche interpellarla...

è un cosa semplice il concetto di coscienza tranne per chi non ce l'ha .

Citazione:
E andarsi a nascondere?


anche andare affanculo se è per questo.

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
spettatore
Inviato: 6/8/2011 19:02  Aggiornato: 6/8/2011 19:02
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da:
Inviati: 883
 Re: Testimonianza da Hiroshima
6 Agosto 1945 : l'unica data che ha veramente cambiato, purtroppo, il mondo.


Lo spettatore

Citazione:
Non metterti a discutere con un idiota. La gente potrebbe non accorgersi della differenza.
ELFLACO
Inviato: 6/8/2011 19:33  Aggiornato: 6/8/2011 19:46
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: Testimonianza da Hiroshima
Poco fa mi sono rivisto il film"War Games" quello con Matthew Broderick e verso la fine del film il computer "Joshua" si rende conto che nella guerra termonucleare la migliore mossa sia non giocare.

Secondo me anche per tutti gli altri tipi di guerra la migliore mossa sia non fare la guerra .Una volta entrati in guerra solo in pochi si ricordano della coscienza ,o si ricordano che cel'hanno o hanno il coraggio di ascoltarla.

Poi chi non ce l'ha mai avuta o chi è molto bravo a farla tacere dorme molto meglio.

PS;A proposito di coscienza in guerra credo di ricordare che durante la seconda guerra gli americani avessero fatto una statistica di quanti soldati sparano veramente per uccidere .La percentuale si agirava in torno al 5 % o il 15%.non ricordo bene .Cmq la percentuale di quelli che sparano per uccidere era bassisima.

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
Redazione
Inviato: 6/8/2011 20:56  Aggiornato: 6/8/2011 20:56
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Testimonianza da Hiroshima
ELFLACO: "la percentuale di quelli che sparano per uccidere era bassisima."

E tutti gli altri perchè sparano, scusa? Perchè gli parte per sbaglio il grilletto?

Calvero
Inviato: 6/8/2011 21:04  Aggiornato: 6/8/2011 21:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Testimonianza da Hiroshima
....................
...........
.....
.

«Si è derubati in borsa come si è uccisi in guerra: da gente che non si conosce.» disse il saggio -

La cosa che umilia e strappa lo stomaco "di fronte" al passato di questa mossa infame, scavalca e dimentica il senso stesso di cosa potrebbe almeno essere IL nemico o UN nemico.

A Hiroshima, l'Atomica, eleva a bestemmia assoluta già quello che una guerra nella sua funzione bugiarda e assassina porta con sé e oltre sé. UNA bestemmia contro la Vita, in ragione del gesto più vigliacco che la storia dell'umanità fin'ora ha vissuto.

Nell'era moderna tanto la guerra è più squallida, tanto più è alienata dal Sistema delle tecnologie "chirurgiche" con cui si operano oggigiorno le esportazioni delle democrazie. Quello di cui io sento certezza, è che di esperimento si trattava, e ora non mi interessa discuterne. Ma possiamo discutere per comprendere, che l'uomo (perché siamo uomini? ), dicevo, l'uomo ha preso le distanze dalle responsabilità e da ogni tipo di confronto.

Mi piacerebbe (scusate la sincerità - i bambini a nanna) prendere la Testa di quel tipo che ha cominciato a far circolare la "voce" che uno Stato possa mai rappresentare l'entità degli individui... il loro crescere, i loro bisogni, le loro responsabilità ... gli prenderei la testa per sbattergliela sul muro - fino all'encefalogramma piatto. Abbiamo PERSO, questa la verità e il MALE ha avuto comodamente tutte le possibilità per sublimarsi attraverso le cosiddette Patrie; attraverso la memoria di una storia che ci INCULA da dietro, ci mette la CAROTA davanti, e non ti fa vivere il presente. Tutti vogliono risolvere, tutti vogliono sapere, e pochi vogliono fermarsi e ascoltare i ritmi della natura; della Vita.


Per questa maledetta Atomica USA: - sulla coscienza di una Nazione, di uno Stato che avrebbe il minino pudore e onore e anche il senso di quella famosa e maledetta Patria, una simile macchia avrebbe dovuto all'istante eliminare - anche per Legge - la formula del "sogno americano", si doveva vietare di farla pronunciare, scrivere e, soprattutto, inseguirlo. Questo sarebbe stato un segnale, almeno a posteriori ... almeno a posteriori. Ma niente.

E questo per dire cosa? ..che lo sdegno che mi muove non è principalmente quello ormai sceso a livello di retorica, su quanto siano stati cattivi e assassini "chi e cosa" abbia permesso questa infamia....

... ma quanto a scuola, nell'infanzia, nella quotidianità, nell'idea comune di quell'orrore, ma anche negli stereotipi del cosiddetto male che la storia del mondo si porta con sé, alla fine non si è mai percepito quello sdegno che, in proporzione, si ha il coraggio di sentirlo per la malvagità quasi inumana di un "terrorismo" che mai nessuno ha effettivamente compreso cosa cazzo mai sarebbe.

Una simile vicenda se fosse considerata con le stesse proporzioni con cui si considerano comunemente quali sono i mali del mondo, avrebbe dovuto generare prese di posizioni intellettuali, sociali, etiche e popolari che l'impalcatura di questo cazzo di imperialismo moderno non si sarebbe potuto minimamente sostenere. O avrebbe avuto certo vita più dura.

Prima di comprendere l'imperialismo Americano e, sempre più cruciale quello Israeliano/Sionista, bisognerebbe comprendere di cosa siamo schiavi.

Ma visto che si è parlato di Guerra anche come riflessione in sé, allora mi permetto di chiudere con una massima, come con una massima ho iniziato.

«Finché la guerra sarà considerata una cosa malvagia,conserverà il suo fascino; quando sarà considerata volgare, cesserà di essere popolare». O.W.

In quest'ultima è il "segreto di pulcinella" che innescherebbe quel reale intento rivoluzionario, che inizierebbe a destabilizzare il senso comune che si ha su come e perché, una guerra MAI potrebbe essere giusta, sensata. Una rivoluzione, invece, .

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
PikeBishop
Inviato: 6/8/2011 21:27  Aggiornato: 6/8/2011 21:30
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Testimonianza da Hiroshima
Citazione:
E tutti gli altri perchè sparano, scusa? Perchè gli parte per sbaglio il grilletto?

Per fare rumore e spaventare gli spiriti maligni.

No, non sto scherzando. Quel che ha detto El Flaco e' un fatto ormai definitivamente provato.

Quando nell'esercito Britannico si ventilo' l'ipotesi di adottare un fucile automatico al posto del vecchio Enfield (che ha l'azione piu' dolce mai vista, con quello magari Oswald... ) la proposta venne bocciata perche' era risaputo che i soldati sprecano munizioni. Non solo per imperizia ma proprio perche' devono vincere resistenze psicologiche per tirare su qualcuno che puoi distinguere come essere umano, ma che non e' ancora minaccioso - direttamente, anche se i proiettili volano - come lo sarebbe alla distanza in cui puoi distinguere le espressioni facciali.

Ecco la spiegazione dell'attaccamento (giusto) dei militari per la baionetta: costa poco e rende moltissimo.

Dalla baionetta in poi la prossima arma efficiente in termini militari - in gradazione di distanza - e' il fucile a canna liscia per la guerriglia urbana, vietato, ed il cannone.
La piu' efficente e' La Bomba: non per niente si parla di "Etica d'alta quota".

Ma nella situazione tipica in cui si usa il moschetto o il fucile automatico cioe' ingaggiare il nemico da 50-100 metri, la stragrande maggioranza dei soldati, nonostante l'addestramento, spara prendendo Sirio come riferimento, solo per una reazione isterica.
Una minoranza di persone, come quel tale in Norvegia, invece mirano per uccidere. Questione di funzionalita' di istinti. Se VERAMENTE motivato chiunque e' una macchina per uccidere, ma si devono toccare i tasti giusti. Neanche i militari hanno trovato il sistema.

La propaganda pero' puo' fare moltissimo. In paesi in cui la propaganda funziona ed e' usata ad un livello costante nella vita degli individui come la Germania Nazista o la moderna Scandinavia, la percentuale di gente che puo' sparare all'alzo giusto e' decisamente maggiore.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
PikeBishop
Inviato: 6/8/2011 21:29  Aggiornato: 6/8/2011 21:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Testimonianza da Hiroshima
Citazione:
«Finché la guerra sarà considerata una cosa malvagia,conserverà il suo fascino; quando sarà considerata volgare, cesserà di essere popolare». O.W.

In quest'ultima è il "segreto di pulcinella" che innescherebbe quel reale intento rivoluzionario, che inizierebbe a destabilizzare il senso comune che si ha su come e perché, una guerra MAI potrebbe essere giusta, sensata. Una rivoluzione, invece, Sì.


Se fossi Figa ti bacerei, Calvero...

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
PikeBishop
Inviato: 6/8/2011 22:44  Aggiornato: 6/8/2011 22:44
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Testimonianza da Hiroshima
Citazione:
Fu un atto di sterminio partorito molto molto a monte della guerra vera e propria. Non so se è chiaro

A me e' perfettamente chiaro.

Il punto da capire, pero' (e tu lo sai benissimo) e' che questa vicenda ha piu' livelli.
Come dici tu questo atto e' stato partorito molto prima e, a mio parere e' una derivazione diretta del pensieto Prometeico.
Ad un altro livello e' stato applicato in quella particolare situazione e contingenza per motivi che e' pure lecito analizzare.

E' sempre ottimo pero' leggere i tuoi interventi, tanto per non dimenticare il livello piu' nascosto che tu riesci ad evidenziare senza farti distogliere dal pensiero automatico. I soliti, a questo punto noiosi, complimenti...

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
Redazione
Inviato: 7/8/2011 0:33  Aggiornato: 7/8/2011 0:38
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Testimonianza da Hiroshima
PIKEBISHOP: Capito. Non sapevo di questo fenomeno. Grazie per la spiegazione.

Ora capisco anche meglio perchè ai Marines e alle altre forze speciali facciano quello spaventoso lavaggio del cervello, prima di mandarli in battaglia.

PikeBishop
Inviato: 7/8/2011 1:10  Aggiornato: 7/8/2011 1:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Testimonianza da Hiroshima
Citazione:
Non sapevo di questo fenomeno

Evidentemente non hai visto un film carinissimo The Men Who Stare at Goats che consiglio, e' veramente divertente ed a suo modo pure profondo... con i limiti di Hollywood, naturalmente.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
Calvero
Inviato: 7/8/2011 1:42  Aggiornato: 7/8/2011 1:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Testimonianza da Hiroshima
Citazione:

Evidentemente non hai visto un film carinissimo The Men Who Stare at Goats che consiglio, e' veramente divertente ed a suo modo pure profondo... con i limiti di Hollywood, naturalmente.


..vero vero, una figata ... una lettura (del film intendo) in questo Topic ...
una capra per attraversare i muri ... [novembre 2009]

PS

e infatti c'è un tuo commento

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
fefochip
Inviato: 7/8/2011 10:52  Aggiornato: 7/8/2011 10:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Testimonianza da Hiroshima
Citazione:
Ora capisco anche meglio perchè ai Marines e alle altre forze speciali facciano quello spaventoso lavaggio del cervello, prima di mandarli in battaglia.


parte integrante di questo "lavaggio del cervello" sono una serie di tecniche compreso l'uso di videogiochi di simulazione di guerra.

non sparare a un altro essere umano come ampiamente detto fin qui risulta un operazione non tanto facile alla "resa dei conti".
questo accade proprio perche la nostra coscienza( che in realtà a dispetto del termine risiede nel nostro inconscio ) ha determinati istinti (o vogliamo chiamarli "leggi" o "programmazioni" )che tuttavia possono essere "violati" .
cercare di andare contro il proprio istinto non è un operazione cosi semplice e per farlo piu efficacemente bisogna "riprogrammare" l'incoscio.
una delle tecniche è la "ripetizione" (quando si dice che alla lunga ci fai "il callo") e quindi simulare con dei videogiochi(e adesso ce ne sono di veramente realistici) lo sparare a un uomo aiuta nel momento del dunque a vincere quel blocco istintivo che abbiamo.

poi come accennato precedentemente ci sono persone che non hanno nessun problema a uccidere un uomo(o migliaia) perche non hanno questa "programmazione" o semplicemente non hanno una "coscienza" a cui obbedire e quindi facilmente obbediscono alle catene di comando militare e quindi sono preziose per i militari

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
ELFLACO
Inviato: 7/8/2011 11:22  Aggiornato: 7/8/2011 11:22
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: Testimonianza da Hiroshima
Citazione:
poi come accennato precedentemente ci sono persone che non hanno nessun problema a uccidere un uomo(o migliaia) perche non hanno questa "programmazione" o semplicemente non hanno una "coscienza" a cui obbedire e quindi facilmente obbediscono alle catene di comando militare e quindi sono preziose per i militari


Infatti il "lavaggio del cervello" è esenziale.

PS : Forse OT? Abbattuto elicottero Usa. Strage di Neavy Seals che hanno ucciso Bin laden.

Cavolo! se fossi un complotardo mi verrebbero in mente delle strane ipotesi

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
Jurij
Inviato: 7/8/2011 13:22  Aggiornato: 7/8/2011 13:22
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Testimonianza da Hiroshima
Molto interessante il discorso di quanti "sparano" veramente per uccidere.
Almeno una mezza consolazione per la massa che si fa mandare alla mattanza.

Se invece che abbassare lo sguardo e partire per la guerra, con ll'idea di poi non sparare a nessuno per non sporcarsi la coscienza, la maggioranza di buon senso si rifiuterebbe di muoversi alla chiamata alle armi, non basterebbero le giurie delle corti marziali per poter giudicare tutti entro un termine ragionevole.

Pensate poi al potenziale dei bambini soldato che apprendono ad uccidere con molta facilità.

Vorrei dire anche un altro fatto che non è direttamente legato alla coscienza di uccidere.
Alcuni anni fa nell'armata CH hanno fatto in esperimento mettendo dei giubotti segnalatori alla truppa.
In altre parole i fucili proiettavano dei raggi che venivano captati dai giubotti degli altri soldati.
Ok truppa rossa contro truppa blu.
Conclusione: molti morti della truppa (rossa o blu che era) venivano uccisi dai loro stessi commilitoni molto più che dagli avversari.
Questo perchè quelli dietro tendono a sparare più per il panico che li prende che per vera convinzione.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
Redazione
Inviato: 7/8/2011 22:28  Aggiornato: 7/8/2011 22:28
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Testimonianza da Hiroshima
ELFLACO: "Cavolo! se fossi un complotardo mi verrebbero in mente delle strane ipotesi"

Anche a me è venuta in mente la stessa cosa. Ma poi ho verificato, e non sono gli stessi uomini "che hanno ucciso bin Laden", sono solo dello stesso battaglione.

Mi sa che questa volta l'hanno presa nel culo e basta.

desbouvet
Inviato: 7/8/2011 22:39  Aggiornato: 7/8/2011 22:39
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da:
Inviati: 541
 Re: Testimonianza da Hiroshima
A proposito dell'elicottero ultimo abbattuto, il presidente di Chicagoooooo ha detto qualcosa del tipo "trarremo ispirazione da questi uomini".

Proprio il Martin Luther King che aveva un sogno. Magari barakkopoli ha tratto ispirazione pure da MLK. E che ispirazione eh.

ELFLACO
Inviato: 8/8/2011 0:03  Aggiornato: 8/8/2011 0:03
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: Testimonianza da Hiroshima
Citazione:
Mi sa che questa volta l'hanno presa nel culo e basta.


Ah,ecco. Mi stavo spaventando.Meno male!!

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
alinos
Inviato: 11/8/2011 15:48  Aggiornato: 11/8/2011 15:48
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/3/2006
Da: Livorno
Inviati: 118
 Re: Testimonianza da Hiroshima
Mah....Ho letto decine di libri, da quelli di Ambrose Bierce in poi, non parla di soldati che sparano in aria, qualcuno forse, ma la maggior parte sparava perchè se la faceva sotto dalla paura e per vendetta. Dopo aver visto morire compagni e amici, il sentimento era di assoluta rivalsa, almeno questo è quello che raccontano i reduci. Anche se vero è che la maggior parte dei morti la facevano artiglieria e mortai, non i fucili, notoriamente imprecisi nel caos e nel panico della battaglia (voglio vedere a prendere la mira mentre dalla parte opposta mi sparano contro...).
Certo è che basta provare a calarsi nei panni del soldato al fronte. Ti vedi arrivare addosso un tizio scalmanato che ti vuole fare la pelle, che fai? Non spari?? MMMM, la vedo dura....


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA