Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


news internazionali : Spagna: il "Movimiento 15M"
Inviato da Redazione il 7/6/2011 1:30:00 (8609 letture)

Video realizzato da un amico italiano che vive a Barcellona:


*********************************************************************

INTERVISTA A RAFAEL PALACIOS SUL “MOVIMIENTO 15M”

Rafael Palacios è un giornalista, scrittore e ricercatore spagnolo che dirige il sito Rafapal, nel quale si occupa di Nuovo Ordine Mondiale, esopolitica, 11 settembre, finanza internazionale ed altre tematiche simili. (Rafael ha anche fatto la narrazione in spagnolo del film “Il nuovo secolo americano”, che ha poi presentato a Madrid e in altre città spagnole nel 2008).

Lo abbiamo intervistato sul “Movimiento 15M”, del quale ha seguito ogni passo fin dalla nascita.

AUDIO:





TRADUZIONE:

M.M.: Ciao Rafael, ho sentito che ultimamente stai viaggiando molto, dando conferenze. Ma fai conferenze soltanto sugli UFO, oppure su tutto?

R.P.: No, su tutto. Ormai sono otto anni… Sono stato anche in Venezuela, in Colombia, ora vado a Las Palmas, vado a Barcellona, passo metà dell’anno in viaggio. Ora sto facendo un documentario sulla libertà, da tutti i punti di vista, di come ci stanno mettendo sotto controllo. Sto intervistando scienziati, politici, insomma gente che mette a nudo la bugia di come hanno messo sotto controllo la nostra libertà, il tema dell’educazione, le vaccinazioni, un po’ tutti gli aspetti della realtà. Molte cose, molto diverse.

M.M.: Puoi raccontarci un po’ come è nato questo “Movimiento 15M”, che presumo si chiami così perché è iniziato il 15 di maggio, giusto?

R.P.: Il nome è nato dal fatto che in un certo giorno delle persone hanno deciso di accamparsi, era una domenica che precedeva le elezioni municipali, ...


... ed era stata convocata una manifestazione da parte di un movimento che è nato nella rete, chiamato “Democracia Real Ya” (“Democrazia Reale Ora”). Diciamo che la miccia iniziale è stato il discorso della libertà in Internet, la lotta da parte del Nuovo Ordine Mondiale contro i downloads. Un po’ come in tutti paesi, qui c’è una società che dice di rappresentare gli autori e gli artisti, che si chiama SGAE, che ha creato una notevole reazione nella gente che ancora si fidava del sistema. E così, uniti in questa difesa di Internet, è nato un movimento chiamato Anonymous, e da quel momento diversi gruppi come Malestar, Democracia Real Ya, uniti da Internet come ho detto, hanno iniziato ad attaccare manifesti sui muri, chiedendo certe garanzie di libertà. Stiamo parlando di persone che, rispetto al pubblico di “luoghi comuni” come il tuo sito o come il mio, si trova ad un livello basso di risveglio, stanno iniziando solo ora a rendersi conto del sistema in cui viviamo.

Insomma, è successo che questa manifestazione ha attratto molte più persone del solito, eravamo circa 20-30 mila persone, e quando siamo arrivati alla Puerta del Sol è successo qualcosa di straordinario: la gente ha iniziato ad esprimersi, ma in un modo molto diverso dalle altre manifestazioni, indirizzandosi direttamente contro le banche, intendo dire nel considerarle responsabili di tutto questo, il Banco di Santander, Emilio Botìn, che è quello che davvero governa in Spagna, e il livello di energia di questa manifestazione è stato tale che un gruppetto di persone, che appartenevano ad un movimento chiamato “Squatters”, un movimento di occupazione, rimasero accampati quella notte.

M.M.: Questo è successo alla Puerta del Sol, vero?

R.P.: Sì, alla Puerta del Sol, che è un posto fortemente emblematico, che risveglia ricordi ancestrali. E’ il punto in cui nascono tutte le strade di Spagna, è il centro focale della Spagna. Quella notte non furono mandati via, ma il giorno dopo si, come è accaduto a Barcellona, ed è stato sufficiente mandarli via perché arrivassero moltissime altre persone. A quel punto il ministro degli interni Alfredo Pérez Rubalcaba , che sta cercando di prendere il posto di Zapatero all’interno del partito socialista, si è trovato di fronte alla scelta di reprimere il movimento con la violenza, rischiando di perdere popolarità, cosa che non gli conveniva fare. E così il movimento si è ingrandito sempre di più, e a partire da quella domenica, entro il mercoledì o giovedì seguente, la gente cominciava a recarsi [in piazza] verso le 7 o le 8 di sera. Ogni giorno arrivava sempre più gente, ed è stato uno dei momenti più belli della mia vita, perché la gente si è liberata in modo assoluto dalla paura. C’erano dei manifesti fatti con moltissime grazia, con molta arte, con poesia, è stata l’espressione di uno “stufamento” generale che la gente aveva addosso, è stato come dare la stura ad un vulcano. Tutto quello che era rimasto represso per così tanti anni, nei quali la gente era stata zitta, di colpo è venuto fuori.

La domanda ora è che cosa succederà con questo movimento, e se vuoi possiamo analizzare un pò chi si trova al suo interno. Ci sono soprattutto gli anarchici, che stanno “tirando il carro“ in questo momento. Si tratta di gente molto giovane, con una preparazione molto scarsa, con pochissima conoscenza di tutti gli argomenti che noi trattiamo di solito, ma nonostante questo fra di loro c’è anche gente del mondo cosiddetto “cospirazionista”, c’è molta gente che segue il mio sito e altri siti simili, che fa parte delle diverse commissioni, e se vuoi possiamo analizzare un po’ in che direzione possono andare.

M.M.: Dimmi prima una cosa per favore: che cosa è successo esattamente con le forze dell’ordine, con la polizia? Ossia, è successa a Barcellona la stessa cosa è successa a Madrid?

R.P.: No, a Barcellona… a Madrid non hanno avuto il coraggio di entrare in azione, per il motivo che ti ho spiegato prima. Si era molto vicini alle elezioni, e quindi qualunque tipo di repressione sarebbe risultata molto negativa per il partito che avesse usato la forza, sia la polizia municipale, che dipende dal governo del PP, sia la polizia nazionale, che dipende dal PSOE. Nessuno voleva affrontare questi effetti negativi, per cui non hanno agito. A Barcellona invece sì, ma dopo le elezioni. Il giorno dopo c’era la finale di Coppa Europa, e la piazza in cui si erano accampati… guarda un pò che scusa si sono inventati: avevano paura che la gente che andava in giro a celebrare la vittoria del Barcellona potesse, come dire, scontrarsi con loro…

M.M.: Ma che carini…

R.P.: E’ stata una repressione brutale, ma per la prima volta è stata trasmessa da una catena televisiva in diretta, e questo ha generato un’ondata di antipatia… Erano cose già successe in passato, ma finché la televisione non le filmava, era come se non fossero successe.

M.M.: Io ho visto le immagini televisive, ma si trattava di una rete nazionale?

R.P.: Si, era Antena-3, una rete nazionale, che ha trasmesso tutto in diretta.

M.M.: E gli altri non hanno detto niente? Voglio dire, TVE [la TV nazionale spagnola] non ha trasmesso niente di questo?

R.P.: No, non hanno trasmesso nulla. Ma qui stiamo parlando di una rivoluzione digitale, il movimento è pieno di hackers, di gente che sa come trasmettere in diretta, per cui il tutto è stato raccontato in diretta. Siamo di fronte ad una rivoluzione generata da Internet, guidata da gente che con Internet ci è nata. Stiamo parlando di ragazzi di vent’anni, che da quando ne hanno 12 sono in Internet, per cui hanno tutti gli strumenti per diffondere le informazioni, che è una delle grandi forze di questo movimento.

M.M.: Io ho sempre sostenuto che quella di Internet sia la terza rivoluzione nella storia della comunicazione. La prima fu quella della stampa, con Gutemberg, la seconda fu quella di radio e televisione, e la terza è questa. Le prime due però erano solamente dall’alto verso il basso, la differenza di Internet è che questa è orizzontale, e viaggia in tutte le direzioni, e questa è la cosa più importante.

R.P.: Esattamente.

M.M.: Ci sono stati riflessi nella stampa nazionale di quello che è successo a Barcellona, sulla repressione?

R.P.: Sì certo. Come dici tu si tratta di una rivoluzione digitale, i giornali stanno andando molto male. So che negli Stati Uniti molti hanno chiuso, non so in Italia, ma qui stanno perdendo terreno, stanno riducendo le tirature. Quello che accade con la carta stampata è che il suo pubblico naturale pian piano va morendo, perché sono le persone più anziane, mentre i giovani non si fidano della stampa, e quindi non comprano i giornali. Man mano che la gente invecchia perdono la loro clientela. Comunque hanno dovuto rappresentare questo movimento in modo positivo, prima di tutto perché lo stesso movimento ha generato un giornalismo di cittadini, che raccontano da soli le proprie notizie, e la gente le può seguire sugli stessi siti Internet, e poi comunque i giornali non possono etichettare in modo negativo un movimento che sta chiedendo cosa molto elementari: che i soldi che vengono dati alle banche vengano impiegati invece per la gente, che ci sia una riforma elettorale, che si vada dietro ai capitali che fuggono nei paradisi fiscali, insomma una serie di cose molto logiche, per cui non si può suggerire che si tratti di un movimento violento, né niente di simile. Quindi la gente normale, i conservatori, i tradizionalisti non hanno potuto descrivere questo movimento in un’ottica negativa.

M.M.: Quello che riuscirono a fare con il black-blocs questa volta non sono riusciti a farlo.

R.P.: Esattamente.

M.M.: Un’altra domanda: normalmente nella storia accade che quando un movimento diventa abbastanza grande si inizia ad infiltrarlo, per cercare di indirizzarlo in una direzione diversa da quella originale. Tu credi che questo succederà anche con il “Movimiento 15M”?

R.P.: E’ successo, è già successo. Questo è uno degli argomenti di cui discuto di più in questo momento, con tutte le persone che conosco lì dentro. Ho appena finito di intervistare gente del movimento repubblicano spagnolo, che sta prendendo molta forza, e che sta già accennando alla possibilità di una assemblea costituente, per un cambiamento del sistema. Ho assistito alle assemblee, e ho potuto vedere tutti gli aspetti positivi e quelli negativi del movimento: la prima cosa positiva è che si è organizzato in modo splendido, il movimento “Squatters”, cioè “gli occupanti” – capisci questa parola?

M.M.: Sì, è una parola inglese.

R.P.: Sono sostanzialmente anarchici, che si sono organizzati molto bene, però hanno questa forma di agire in assemblee egualitarie, nelle quali tutte le parole valgono lo stesso. Sono assemblee che durano sei o sette ore, nelle quali alla fine si arriva soltanto ad accordi molto elementari, minimi. E quindi discorsi un po’ più profondi, come quelli che facciamo noi sull’argomento dei soldi, sul terrorismo, sull’11 settembre, sull’11 di marzo [attentati di Madrid], gli restano magari un po’ grandi, anche se come ho detto c’è anche gente lì dentro che conosce queste cose.

Un altro elemento che sta giocando un ruolo importante, in questo momento, è il movimento femminista. Per quanto la prima caratteristica del movimento è che fosse senza ideologie, a-partitico - ed è molto importante ricordarlo, la forza che ha avuto all’inizio era di non essere né di destra né di sinistra - ma alla fine questi gruppi che possiamo definire di sinistra anarchica, anche se non c’entrano molto, alla fine sembrano avere un linguaggio comune che ha finito per imporsi con questo re-indirizzo politico che si ritrova in queste persone che dovrebbero essere per la libertà.

Vorrei raccontare un aneddoto fortemente rivelatore: da tempo io dico che il movimento femminista costituisce l’infiltrazione maggiore all’interno del movimento rivoluzionario, perché non dobbiamo dimenticare che è finanziato dallo stato stesso, persino da Bruxelles, per cui è un movimento che fa parte dello stesso sistema che si vorrebbe trasformare. Ma qualche giorno fa è uscito un comunicato del movimento femminista, come mi hanno raccontato, che ha avuto i suoi scontri con gli accampati, nel senso che c’è stato un discorso di abusi sessuali all’interno dell’accampamento. Ora tu puoi immaginare, ragazzini di vent’anni che stanno dormendo insieme, e tu sai cosa succede quando si dorme insieme. Io credo che sicuramente qualcuno avrà allungato una mano, e questo ha dato origine a tutta una serie di comunicati sulla stampa, sull’argomento degli abusi sessuali, con tutta la carica negativa che questo può comportare. Alla fine le femministe stesse sono state smentite, ma è stata comunque generata una immagine negativa. Questo voglio sottolinearlo perché dimostra come, nonostante queste persone possano essere portatrici di un discorso di libertà, ci sono certi programmi, certi “software“ creati dal sistema stesso, che continuano a mantenere questa gente… è un po’ come il discorso ugualitario, che fa sì che le assemblee siano un caos assoluto, dove alla fine non si arriva a nessuna conclusione sostanziale, solamente a cose molto elementari.

M.M.: Quindi se ho capito bene questo movimento è nato come una forza realmente naturale ed egualitaria, ma ora con queste infiltrazioni non sta andando da nessuna parte?

R.P.: Il movimento è nato come a-partitico, né di destra né di sinistra, ma alla fine è stato preso in mano da elementi anarchici. Sono loro che hanno una forza maggiore all’interno della gioventù, in questo momento. A Madrid la cosa è già finita, la gente se ne vuole andare, e quelli che sono rimasti sono solo i ragazzini, i quali si trovano davanti l’opportunità di andarsene di casa da qualche giorno… Immagina cosa possa essere per loro starsene con la tenda da campeggio alla Puerta del Sol, è come un’avventura di fine settimana! Però ormai la cosa ha perso il suo senso originale, e immagino che a Barcellona stia succedendo più o meno la stessa cosa.

Quello che c’è stato di positivo, perché ci sono molte cose positive, è che sono stati organizzati moltissimi microfoni aperti, nei quali la gente si esprimeva, e raccontavano cose sul Nuovo Ordine Mondiale… La gente ha espresso il suo astio, e ora il movimento ha raggiunto i quartieri della città, quindi tutto questo fermento che si è generato è arrivato nei quartieri della città, e si è esteso moltissimo in tutta la Spagna, ci sono assemblee un po’ dappertutto. In un certo senso - immagino tu conosca la storia della Spagna - sta tornando un pò lo spirito anarchico che ci fu all’inizio del XX secolo, nel periodo dei repubblicani. E c’è un aspetto molto positivo, nel fatto che la gente sia tornata a partecipare alla propria vita politica.

Dopodiché, come ho detto, ci sono anche gli aspetti negativi, come il fatto che la gente sia poco informata, ma pretende di avere un protagonismo che non le corrisponde. È questa la discussione in corso in questo momento in altri ambienti, di come combinare questo movimento partecipativo con un discorso più profondo di cambiamento del sistema.

Fino ad ora si è dimostrato un movimento indirizzato verso la riforma della democrazia. Per questo motivo i mezzi di comunicazione lo hanno accettato, tu mi chiedevi prima perché il movimento è stato accettato dalla carta stampata. Ma come io e te sappiamo, siccome il Nuovo Ordine Mondiale prosegue nel suo programma senza minimamente curarsi di questo, io prevedo che nell’arco di sei mesi o un anno questa gente arriverà all’11 settembre, arriverà al Nuovo Ordine Mondiale, arriverà agli Illuminati, arriverà a tutte quelle informazioni che noi già stiamo trattando, e tutto questo entro un anno diventerà una cosa molto più potente. E questo è un bene. Si può vedere il bicchiere mezzo pieno, oppure mezzo vuoto.

M.M.: Io sono anni ormai che lo vedo mezzo pieno. Si riempie molto lentamente, ma non torna mai indietro. E questo è importante.

R.P.: Esattamente.

M.M.: Tu hai nominato il periodo che ha preceduto la guerra civile, e sappiamo che lì la Chiesa ebbe un ruolo molto importante nell’organizzare la repressione e le forze del franchismo. Anche in questa occasione la Chiesa si espone, o preferisce starsene più zitta?

R.P.: Ho letto un commento da parte di un vescovo, non so se fosse il presidente della conferenza episcopale, il quale diceva che “il problema stava nelle anime degli indignati” ….

M.M.: [Risate]

R.P.: Il problema era quello. No, non hanno avuto un grosso peso, si sono tenuti ai margini.

M.M.: Forse perché hanno capito che la cosa si sta spegnendo da sola…

R.P.: Si è vero, sostanzialmente la cosa sta per finire, ma la cosa migliore che può succedere a questo movimento è che tolgano le tende del campeggio e che si estenda, perché realmente raggiungerà una sua forza, se arriva a tutti gli angoli del paese. Come tu sai, ha avuto una grossa eco non solo in Spagna ma nelle stesse comunità di giovani e di emigranti - perché molta gente dalla Spagna ha dovuto emigrare a Londra, a Parigi, in Messico, a Buenos Aires – e hanno esteso il movimento. Ora non so se continueranno, ma si è esteso in alcune parti dell’America latina. In Francia si sta estendendo, anche i greci hanno imitato in parte quello che stanno succedendo qui, e anche in Italia si è esteso, per cui è un seme che si sta comunque espandendo per il mondo. E questo è un altro elemento positivo da considerare.

M.M.: In Italia non è ancora arrivata la crisi economica che ha già toccato Portogallo, Spagna e Grecia, ma probabilmente l’Italia sarà la prossima. Quando questo succederà, spero che la gente del mio paese si dia una svegliata.

R.P.: Esattamente.

M.M.: Bene, moltissime grazie Rafael, e ci sentiamo presto.

R.P.: A te. Teniamoci in contatto, e se succede qualcosa in Italia magari sarai tu a raccontarlo a me.

M.M.: Certo, come vorrai.


Intervista di Massimo Mazzucco per luogocomune.net

Voto: 9.00 (3 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Redazione
Inviato: 7/6/2011 2:16  Aggiornato: 7/6/2011 2:16
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Grazie a Peonia per la segnalazione originale del video.

NeWorld
Inviato: 7/6/2011 2:52  Aggiornato: 7/6/2011 13:05
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2011
Da: Around the World
Inviati: 629
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
L'eco inquietante delle parole di HG Wells mi torna in mente:

"...innumerevoli persone odieranno il nuovo ordine mondiale...e moriranno protestando contro di esso...
Quando tentiamo di valutare le sue promesse, dobbiamo tenere presente l'angoscia di una generazione o molto malcontento"
- H.G. Wells, The New World Order (1939)



Particolari nel video: minuto 2:48 striscione - minuto 9:43 articolo stampa

"perché abbiamo un combattimento non contro sangue e carne, ma contro i governi, contro le autorità, contro i governanti mondiali di queste tenebre, contro le malvage forze spirituali che sono nei luoghi celesti"
Jurij
Inviato: 7/6/2011 6:34  Aggiornato: 7/6/2011 6:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
C'è chi è guidato dai valori e chi è comandato dai soldi, non è facile che i primi riescano a "liberarsi" dai secondi.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
spettatore
Inviato: 7/6/2011 8:05  Aggiornato: 7/6/2011 8:05
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da:
Inviati: 883
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Grazie a Peonia e Massimo per il video: davvero interessante.
Dalle mie parti si dice che mentre si frigge il pesce, bisogna tenere d'occhio il gatto, quindi...

http://scienzamarcia.blogspot.com/2011/05/enrique-dans-luomo-che-manovra-gli.html



Lo spettatore

Citazione:
Non metterti a discutere con un idiota. La gente potrebbe non accorgersi della differenza.
hendrix
Inviato: 7/6/2011 10:04  Aggiornato: 7/6/2011 10:04
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"



Zitti che svegliamo gli italiani... parole dei greci indignati.
Parole che sono partite per prima dalla Spagna e sono arrivate in Grecia.
I greci si sono svegliati e hanno ringraziato gli spagnoli.
Sapevano che li volevano al loro fianco.
Forse ora tocca ai greci chiedere aiuto agli italiani.
Un popolo che chiede aiuto ad un altro popolo, senza violenza ma con la possibilità di manifestare i propri disaggi. La voglia di avere un paese dove tutti i cittadini hanno gli stessi diritti e gli stessi doveri.

O è una pesantissima ironia?

Se si svegliano gli italiani si sveglierà tutta Europa.
E  forse è l'ora.

peonia
Inviato: 7/6/2011 11:01  Aggiornato: 7/6/2011 12:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Video interessante sulla programmazione della pubblica opinione sul sistema debito:
http://www.youtube.com/watch?v=SvhDJbxeanE
(di Luis Sampedro)

e un video messaggio di incoraggiamento agli spagnoli dal finlandese che per primo iniziò a informare e radunare gente, arrivando a forzare il cambiamento economico nel 2008:
http://www.youtube.com/watch?v=q_GHxNXOqSk&feature=youtu.be

Per quanto riguarda il fatto che il Movimento 15M sia fatto da anarchici principalmente mi sembra ovvio e giusto, perchè chi ancora crede che Destra e Sinistra rappresentino la democrazia, ancora va a votare pensando di attuare un dovere/diritto e incidendo...non potrebbe cominciare una rivoluzione radicale.
Sull'infiltrazione, come dice anche Massimo, è normale che avvenga, ma credo che oramai la protesta, l'insoddisfazione, siano talmente allargati che anche se "infiltrano" non potranno fermare la moltitudine inarrestabile....



O è una pesantissima ironia? Se si svegliano gli italiani si sveglierà tutta Europa. E forse è l'ora.

temo che sarà così invero,ma anche quel che dice Welles nel 1939, quel che dice scienzamarcia 2011, quel che vide la mia amica in TV nel 1992 e quel che dissero anche due scrittori nel 1995, guerra civile in Europa...
Forse il tributo di sangue servirà al vero CAMBIAMENTO? vorrei tanto che si potesse evitare ma restando realisti come liberarci di così tanti criminali efferati al Potere, più o meno occulto? non di certo con il voto.....

Concludendo, auspico che si riesca a superare le differenze e le etichette, tanto care al Sistema Divide et Impera, così da essere veramente forti, uniti, inattaccabili!



edit: aggiungo questo video, che purtroppo è in inglese, perchè anche se si tratta di Israele, dimostra come oramai la gente sia stanca di stare zitta...in fondo anche
questo è un bellissimo e auspicato risveglio che va contro quella èlite del NWO....
http://www.euronews.net/2011/06/05/israelis-march-for-palestinian-state/?sms_ss=facebook&at_xt=4dede992039b8f52%2C0


ci siamo?
http://italianrevolutionblog.webuda.com/
http://napoli.indymedia.org/2011/06/06/gli-indignati-italiani/

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
rekit
Inviato: 7/6/2011 11:05  Aggiornato: 7/6/2011 11:05
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
cit:
Se si svegliano gli italiani si sveglierà tutta Europa.
...........................
gli italiani? quelli che 3/4 di europa si domanda come cazzo abbiano potuto votare ripetutamente uno come Berlusconi fino a ieri?

Da "olandese" ti dico che sopravvaluti enormemente la considerazione che hanno in Europa, specialmente in nord Europa, degli italiani e dell'Italia in generale...

ma al di la' di questa considerazione credo che sia chiaro che i movimenti di protesta dei paesi piu' traballanti come Italia Spagna Portogallo e Grecia si uniscano e si supportino reciprocamente in maniera massiccia.

Al2012
Inviato: 7/6/2011 11:10  Aggiornato: 7/6/2011 11:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
La mia speranza è che si può anche spegnere la fiamma iniziale, ma che resti viva la brace all’interno di ogni individuo.

Condivido quanto dice Josè Luis Sampedro scrittore ed economista spagnolo nei video che segnalo

José Luis Sampedro parla del movimento "Democracia real ya", altrimenti noto come Spanish Revolution, che si accampa da giorni in varie piazze spagnole, in particolare la Plaza del Sol di Madrid, per esigere un cambiamento nella vita politica, sociale ed economica del paese e la democrazia reale che il sistema partitico non può né sa dare

Il secondo è in lingua spagnola, ma è comprensibile ….

Il mercato della globalizzazione in pratica significa trasferire il potere della politica al potere dell’economia e quindi, siccome l’economia che conta è nelle mani delle multinazionali, vuol dire trasferire il potere sociale nelle mani delle multinazionali

Si parla molto della libertà di espressione però è molto più importante la libertà di pensiero, perché se consento la libertà di espressione, che quello che si chiede, però se prima ho colonizzato il pensiero inculcando le idee che al sistema conviene, non ha alcuna importanza la libertà di espressione …

Questi sono alcuni punti di riflessione che si possono recepire in questi video

José Luis Sampedro en 59 segundos / Mayo 2011

“Capire … significa trasformare quello che è"
hendrix
Inviato: 7/6/2011 13:04  Aggiornato: 7/6/2011 13:04
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Citazione:
gli italiani? quelli che 3/4 di europa si domanda come cazzo abbiano potuto votare ripetutamente uno come Berlusconi fino a ieri?

E proprio per questo che erano addormentati, altrimenti come potrebbero mai svegliarsi, non credi?
La frase (Se si svegliano gli italiani si sveglierà tutta Europa) è un auspicio, un augurio, come anche tu hai espresso.

Citazione:
ma al di la' di questa considerazione credo che sia chiaro che i movimenti di protesta dei paesi piu' traballanti come Italia Spagna Portogallo e Grecia si uniscano e si supportino reciprocamente in maniera massiccia.


Penso che in questo ultimo giro elettorale qualcosina sia successo.
Il 10% di M5 stelle a Bologna
Pisapia non era uomo del PD
Il crollo del PD e PDL a Napoli dove ha vinto De Magistris ma soprattutto... gli astensionisti del ballottaggio (50 e qualcosa %).
Massimo Zedda (SeL) il sindaco ragazzino...

Calvero
Inviato: 7/6/2011 13:06  Aggiornato: 7/6/2011 13:08
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Finalmente l'articolo

.. e così si è anche scoperto che Mazzucco [Honoris causa] ha Agenti Segreti dislocati nei punti chiave del Pianeta

.......
...


Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
InFlames
Inviato: 7/6/2011 13:13  Aggiornato: 7/6/2011 13:13
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/3/2008
Da:
Inviati: 300
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Bello vedere la gente che non fa un cacchio mentre gli distruggono quello che hanno costruito con cura

Tutto sarà rivelato
vuotorosso
Inviato: 7/6/2011 14:08  Aggiornato: 7/6/2011 14:08
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 7/5/2011
Da:
Inviati: 2464
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
A tutte le persone che nel video indossano un casco.

Citazione:
Soldati non cedete a dei bruti, uomini che vi disprezzano e vi sfruttano, che vi dicono come vivere, cosa fare, cosa dire, cosa pensare, che vi irreggimentano, vi condizionano, vi trattano come bestie, non vi consegnate a questa gente senza un’anima! Uomini macchina con macchine al posto del cervello e del cuore! Voi non siete macchine! Voi non siete bestie! Siete Uomini! Voi avete l’amore dell’umanità nel cuore, voi non odiate. Coloro che odiano sono quelli che non hanno l’amore altrui. Soldati non difendete la schiavitù ma la Libertà! Soldati nel nome della democrazia siate tutti uniti.

Calvero
Inviato: 7/6/2011 14:41  Aggiornato: 7/6/2011 14:41
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Citazione:
Soldati non cedete a dei bruti, uomini che vi disprezzano e vi sfruttano, che vi dicono come vivere, cosa fare, cosa dire, cosa pensare, che vi irreggimentano, vi condizionano, vi trattano come bestie, non vi consegnate a questa gente senza un’anima! Uomini macchina con macchine al posto del cervello e del cuore! Voi non siete macchine! Voi non siete bestie! Siete Uomini! Voi avete l’amore dell’umanità nel cuore, voi non odiate. Coloro che odiano sono quelli che non hanno l’amore altrui. Soldati non difendete la schiavitù ma la Libertà! Soldati nel nome della democrazia siate tutti uniti.


... mi sembra di conoscere chi fece questo discorso ... e non era solo il finale di un film, ma l'inizio di una storia nuova

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
vuotorosso
Inviato: 7/6/2011 14:50  Aggiornato: 7/6/2011 14:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 7/5/2011
Da:
Inviati: 2464
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Non ho messo volontariamente la citazione, talmente sono note queste parole che non hanno bisogno di presentazioni.
Se qualcuno non le conoscesse, non fara' fatica a trovarle su web .
Noi che le conosciamo gia' dovremo diffonderle, e soprattutto ricordarle (piu e piu volte nel tempo)

Juggler
Inviato: 7/6/2011 15:00  Aggiornato: 7/6/2011 15:00
So tutto
Iscritto: 18/4/2008
Da:
Inviati: 29
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Questo bellisimo video illustrato riassume la dinamica dei fatti che hanno portato al malcontento spagnolo. E' in lingua originale, ma il messaggio passa comunque alla grande:

ESPANISTAN, de la Burbuja Inmobiliaria a la Crisis

Qui la home-page del sito "ufficiale" del movimento, con gli aggiornamenti dalle piazze:

www.spanishrevolution.es

Grazie a tutti
Calvero
Inviato: 7/6/2011 15:29  Aggiornato: 7/6/2011 16:13
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
...............
.........
....

Bene, andiamo al succo allora.

Abbiamo tutti con orgoglio la certezza di condividere IL fatto prioritario nella vicenda spagnola. Sia dal Documento, sia dall'intervista, si possono comprovare le cose più belle, più importanti, quelle cruciali su cui ragionare con forza:

A) le persone si sono unite in una spontanea esigenza di rivalsa, dignità;

B) si sono unite facendo appello ad una solidarietà ATTIVA;

C) hanno sentito nel loro intimo quanto quei primi vigliacchi soprusi su quelle pochissime persone iniziali che manifestavano, fossero dei soprusi che li riguardassero DIRETTAMENTE;

D) abbiamo preso atto che anche la PIOGGIA, l'acqua scesa dal cielo, ha dato il suo contributo per mostrare la forza e il crederci di tutte quelle persone: vedere quelle mani che giocavano con gli spaghi e i teli improvvisati, vedere una collaborazione fatta di ombrelli, bottiglie racimolate alla bene e meglio per raccogliere l'acqua piovana per non far collassare i teli; vedere tutto questo ha portato alle nostre origini la nostra esistenza; cosa significhi realmente la parola «popolo»;

POI

si è preso atto, grazie all'ottima intervista, di come la questione Elezioni sia stata la lama a doppio taglio per il Governo spagnolo. Da una parte della Spagna se le Votazioni erano state compiute hanno potuto, in soldoni, manganellare...

.. e dall'altra, con le votazioni in arrivo, non hanno potuto manganellare come speravano. Hanno dovuto ridimensionare l'intervento. In poche parole, per la prima volta, il Potere è sceso a compromessi con sé stesso.

Se si aggiunge a tutto questo un altra constatazione, possiamo fare un altro passo avanti:

- gli unici DUE momenti, chissà perché, in cui da sudditi veniamo trattati (e solo in apparenza) come cittadini e diveniamo importanti, sono i seguenti:

- quando andiamo a chiudere il conto in Banca e quando ci viene chiesto il nostro PARERE (poiché di parere si tratta) per andare a Votare. Ergo se ne deduce che per attaccare il Potere, bisogna attaccare gli unici DUE elementi che risolvono l'equazione dell'anello che ci collega e ci rende complici del Sistema.

PRIMO - Si deve SPEZZARE l'anello che concede la sopravvivenza al Maligno del Sistema. Astenersi alle votazioni politiche fino a nuovo "ordine"; SECONDO - ridimensionare la nostra quotidianità con i "tessuti" Bancari...

.. conseguentemente a ciò bisogna predicare il "Verbo", cosa questa messa in luce egregiamente dalle considerazioni fatte da MASSIMO e dal suo collega RAFAEL: questo il compito della contro-informazione.

---==)*(==---

Nel frattempo, purtroppo, abbiamo preso atto di come la saggezza popolare, al solito, difficilmente sbaglia e cioè, si è preso atto di come ..

.. - piatto ricco mi ci ficco - abbia fatto gola. Più pericolose possono essere, infatti, le "intrusioni" che vogliono cavalcare l'onda della rivalsa non più attraverso una lotta coordinata sui fattori sopra menzionati con le lettere A B C e D, ma con il sentimento della frustrazione e, peggio ancora, con l'insinuare ideologie che non potendo vivere di vita propria vogliono vivere sulle spalle, ancora una volta, del Popolo. Bisogna saper dire - basta.

Non è da poco constatare che la parte "fatta" del Clero sia stata ben identificata attraverso la risata di Massimo (meglio di così non si poteva metterla all'indice) e non da poco è anche considerare come sia bastato poco per approfittare, ad esempio, della genuinità dei giovani a cui non si può [e non si deve] negargli una certa goliardia, anche quella è Vita e come scriveva Vittorio: restiamo umani...

.. Il problema però è che si è messo in luce quanto poco basti per porgere il fianco ai meccanismi denigratori e mistificatori di cui gli sciacalli (e i cani da guardia mediatici) sono pronti a nutrirsi proprio come i TROLL vigliacchi fanno sui Siti come quello del "nostro" LC.

Ha del miracoloso invece, se pur in minoranza, aver visto che una parte del Giornalismo ha messo il dito nella piaga e, a livello nazionale, ha mostrato le nefandezze di quello che era a tutti gli effetti uno Stato di Polizia. Anche da quella parte della barricata cominciano a cedere le strutture psicologiche di Regime....

... è stato inquietante e si viene feriti dentro, vedere che anche un orticello di insalata disturbi lo Status Quo, ma qualcos'altro forse, così, ci viene insegnato allora: - ... che anche l'insalata è un arma che rischia di sovvertire l'ordine costituito e questo la dice lunga su quale "fauna" di invertebrati tiri le fila del Teatrino della Politica..

... e la dice lunga anche quanto l'impossibilità di poter etichettare chi NON si schiera sotto nessuna bandiera, sotto nessun colore, ma soltanto sotto l'egida della dignità e con in mano la spada della Libera espressione .. SIA, di fatto, l'uomo [il popolo] più pericoloso.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
lysmata
Inviato: 7/6/2011 18:54  Aggiornato: 7/6/2011 18:55
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/3/2011
Da:
Inviati: 286
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Riposto per evidenziarlo il link messo da Spettatore perché mi ha fatto venire i brividi.

Citazione:
Autore: spettatore Inviato: 7/6/2011 8:05:01

Grazie a Peonia e Massimo per il video: davvero interessante.
Dalle mie parti si dice che mentre si frigge il pesce, bisogna tenere d'occhio il gatto, quindi...

http://scienzamarcia.blogspot.com/2011/05/enrique-dans-luomo-che-manovra-gli.html



La Casaleggio Associati, Enrique Dans, Wikileaks, Lo Zeitgeist Movement con Fresco amabile nonnino, azzo, non faccio in tempo a intravvedere uno spiraglio nel grigio che subito mi cadono le braccia.

LE SCONFITTE ESISTONO. VANNO ACCETTATE.
La frase é di Barnard, e in questo momento la trovo quanto mai appropriata.
Non se ne viene a capo, é finita, gente. Le masse, consapevoli o no, sono sempre strumento per gli interessi di qualcuno. Gatekeepers piú o meno travestiti da supereroi, masse di giovani pronti a seguire un leader, chiunque egli sia, scampoli di rivoluzione a suon di coca cola e il solito vecchio adagio, cambiare tutto, affinché nulla cambi.

Lavorare deve essere veramente uno schifo, se per convincerti a farlo ti devono pagare.
peonia
Inviato: 7/6/2011 20:24  Aggiornato: 7/6/2011 20:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
LYSMATA, non sarei troppo pessimista, in fondo quello che abbiamo visto è reale, gente comune, che si ribella, come un po' sta accadendo ovunque. Il processo è ormai inarrestabile e porterà al cambiamento. Ci vorranno anni? non lo so, ma è certo che avverrà!
Poi "La Casaleggio Associati, Enrique Dans, Wikileaks, Lo Zeitgeist Movement con Fresco amabile nonnino, azzo, non faccio in tempo a intravvedere uno spiraglio nel grigio che subito mi cadono le braccia", siamo nel campo delle supposizioni......se ci togliamo anche un minimo entusiasmo di fronte a certe cose, sicuramente siamo finiti!!!
Adesso anche in Italia sta iniziando, qualcuno infiltrerà, manipolerà...ma qualcosa accadrà.
Introdurranno la legge marziale? il NWO? una reazione ci sarà e sarà la fine per Loro....perchè se c'è una cosa di cui sono convinta è che IL MONDO DOMANI SARA' DIVERSO!

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
benitoche
Inviato: 7/6/2011 20:33  Aggiornato: 7/6/2011 20:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/9/2006
Da:
Inviati: 1941
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
@lysmata




Tutto ciò che accade, sia che susciti dolore o piacere, repulsione o attrazione,orrore o ammirazione, è il mezzo mediante cui sulla Terra cammina lo Spirito.
…Una volta avvenuto l’evento, occorre avere la saggezza di capire la sua necessità:non v’era altra via perché si esprimesse il contenuto interiore, su cui non si è avuto il potere di agire preventivamente. …Tutto ciò che accade è santo: ma questa santità va scoperta e realizzata, col giungere al contenuto sostanziale degli eventi.

Massimo Scaligero,
Da: Meditazione e Miracolo, Ed. Mediterranee, Roma 1977, p. 133







Il dominio dell'Impero(supercapitalismo finanziario dominato da potentissime lobby)come ben sappiamo si basa su quattro cardini: la guerra, la propaganda, la narcosi, la paura.

Tralasciando le altre
Consideriamo la paura, ovvero lo stato d’animo che inibisce ogni cambiamento evolutivo.
Paura che artatamente viene iniettata tra le popolazioni delle varie province e dello stesso Stato Guida. Paura di superare il capitalismo finanziario, paura di perdere il benessere ecc. Ma la vera paura che da lungo tempo salva l’Occidente è un’altra. E' una paura giustificata
spiritualmente, una paura legittima e del tutto spirituale.E' la paura di perdere la libertà.

Questa, riguardante il principio di libertà,è una condizione spirituale importantissima. Infatti la libertà è il cardine dell’anima cosciente e la missione stessa dei popoli anglofoni nel secolo XX.Su questo punto Rudolf Steiner era stato chiaro, spiegando che il secolo a lui posteriore sarebbe potuto diventare un secolo politicamente dominato dagli angloamericani proprio in virtú della necessità di espansione dell’anima cosciente. L’”esportazione” dell’anima cosciente è il compito degli anglofoni, la ragione stessa delle loro fortune politiche, economiche e militari

Massimo Scaligero ha dato un ulteriore elemento di chiarezza scrivendo sul perché di qualsiasi fenomeno storico,anche il piú orribile: «…Una volta avvenuto l’evento, occorre avere la saggezza di capire la sua necessità»,e l’elemento di necessità dell’Impero d’Occidente è determinato dal fatto che gli anglofoni hanno in loro stessi connaturato un principio di libertà e “contagiano” in qualche modo con questo germe gli altri popoli.E' questa la loro grande missione.

Le potenze anglofone, pur potendo controllare i movimenti individuali di tutti i loro (ed altrui) dissidenti, non possono rinunciare alla possibilità che i loro ribelli in qualche modo esprimano il loro dissenso. Certamente, ogni critica viene condizionata nella marginalità underground della
controcultura avversa al potere, ma essi non possono imbavagliare le voci dissonanti all’interno del loro mondo. Non che non ci riuscirebbero, ma proprio non possono,è piú forte di loro.
Un impero guidato da razze asiatiche o semite che avesse avuto strumenti polizieschi come la Cia o l’Fbi, avrebbe trasformato gli Stati membri in carceri di massima sicurezza. Ma non cosí gli anglofoni.

Il loro punto di collasso è proprio questo : l’Impero Occidentale cadrà imploderà propio nel momento in cui perderà contatto con determinate forze legate alla libertà. E tale punto di disequilibrio si innescherà nel tradire questo principio di libertà sancito soprattutto dalle carte costituzionali inglesi ed americane.Questo è il tallone d’Achille dell’ Impero d’Occidente.

Questa relazione con la libertà è una relazione con il pensiero cosciente.
Non è quindi un caso che sia adottato un simbolo imperiale e nel contempo giovanneo come l’aquila.Qualcosa che abbia una connessione con il pensiero libero è ben presente nell’essenza spirituale di quei popoli.Ma altrettanto presente è l’eredità imperialromana
Sappiamo che l’oscuro dominio Occidentale ha dato vita ad una crescita supercapitalistica nefasta che ha contaminato fisicamente e spiritualmente, con i suoi tentacoli, tutta laTerra. Ma questa espansione disumana ha delle forze eccezionali, dovute in primis alla libertà
imprenditoriale ed economica, e porta con sé un unico lato luminoso: il rispetto della libertà individuale.

Libertà che nel caso dell’Impero d’Occidente viene riconosciuta agli anglofoni ed estesa agli europei, ai giapponesi, agli indiani, ma negata ai nemici dell’Impero.
Sappiamo anche che la prima generazione a contatto con questa forze terribili di libertà ne fu travolta: l’espressione “sesso, droga e rock and roll” venne intesa come un ciclone liberatorio, ma investí come una folgore la vita dei piú potenti esponenti di quella generazione: i nati nel primo dopoguerra, i personaggi piú rappresentativi e piú forti, divennero i Barbari della libertà

la religione è indispensabile
soltanto a un’umanità rescissa dal mondo divino-spirituale.
THULE
Inviato: 7/6/2011 21:40  Aggiornato: 7/6/2011 21:40
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/6/2011
Da:
Inviati: 156
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Inutili e tardivi conati di insofferenza di una melassa umana che ha scoperto di avere la pancia vuota e non riceve più dal sistema le briciole di pane per riempirla.
Il fatto che la "rivolta" venga guidata da anarchici (distruzione del sistema fine a sè stessa) mostra che non c'è possibilità di futuro per questa "grillata" mediterranea.
Tempo perso.

lysmata
Inviato: 7/6/2011 21:57  Aggiornato: 7/6/2011 22:13
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/3/2011
Da:
Inviati: 286
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Benitoche, quel che tu vedi come un limite per il sistema, ossia che non possono eliminare completamente il dissenso e che anzi devono in una certa misura permetterlo, é invece il vero punto di forza. Pensateci... vale anche per noi... siamo qui a discutere da 10 anni di 11 settembre, poi le scie chimiche, Haarp, Bin Laden... se ne son viste di tutti i colori.

All'epoca dell 11/9 mi avvicinai a questo forum spinto da un dubbio, e grazie a questo stesso forum ho potuto incanalare la mia incredulitá in un sonoro "lo sapevo". Poi, la condivisione di informazioni con gli amici piú illuminati, le discussioni interminabili davanti ad una buona bottiglia di vino, filmati visti e e rivisti stile moviola coi piú scettici... A che é servito? A tenerci buoni e calmi. Che ne sarebbe stato di noi se, invece di avere questo angolino di libertá ci fossimo trovati con una pala davanti alle varie sedi delle banche?? E dico banche, non davanti al parlamento non davanti al quirinale.

A Barcelona centinaia di ragazzi hanno accettato di prendersi una sonora bastonata senza lamentarsi... un porgi l'altra guancia versione 2011. E a che é servito?? a nulla.

L'uomo della strada ne ha tratto un unico messaggio: puoi fare il casino che ti pare, dormire sotto la pioggia per settimane, patire freddo e sole, anche per un per un mese, se ti pare. Non serve a una mazza. E se provi a tirar su un pó la testa di do due belle manganellate sulle gambe o dove capita. E state certi che se, il giorno dopo le manganellate si sono presentati in un numero superiore, la grossa maggioranza ha pensato bene di propendere per una buona dose di tivvú, e che "Salvame" (versione spagnola dei programmi spazzatura della De Filippi, o, se ci penso bene, pure peggio) fosse un'ottima alternativa alle bastonate. Tutti bravi a scendere in piazza per il Barça che vince la Champions, meno bravi a scendere in piazza e a dare una sonora ostia a quei porci col caschetto e le protezioni. E non me ne frega niente che mi dicano che lo fanno perché é il loro lavoro... se domani gli dicessero di uccidere persone inermi lo farebbero perché é il loro lavoro?

E ancora... la assurda, inspiegabile, folle fuga a destra degli spagnoli alle ultime elezioni... municipi storicamente della sinistra messi in mano al PP di Rajoy e Aznar. Quasi nostalgia a quella bolla immobiliaria di cui si parlava in un video postato poco sopra.

E ancora, il Bildeberg che si riunisce a Sitges l'anno passato, e il castello di carte spagnolo che cade in 4 e 4 8. Dalle leggi perdivoti del Governo Zapatero ( l'iva dal 16 al 18 %, il limite a 110 orari, o peggio ancora i tagli drastici a istruzione e sanitá, compresa una forte riduzione degli stipendi degli statali, ovvio bacino di utenza di un partito "di sinistra", ovvero come darsi una martellata sulle palle ed esserne felici), alla crisi del cetriolo fresca fresca di questa settimana... non torna, non torna.

Se tutto questo succede in un paese protagonista di uno sprint da record negli ultimi anni, se tutto questo culmina in una ribellione fatta di fiori davanti ai mossos che ti stanno bastonando (ma fatemi il favore), se tutto questo culmina in uno spettacolare nulla di fatto beh, mi spiace ma ne prendo atto e mi dó per sconfitto.

(Edit:
Aggiungo che erano 200 poliziotti in assetto antisommossa contro migliaia e migliaia di manifestanti. Sarebbe bastato accerchiarli, e invitarli educatamente a salire sui loro furgoni e a battere in ritirata. Senza alzare una mano, ma in modo convincente. La Storia sarebbe andata diversamente.
Ma nessuno ha piú le palle di difendersi e, a volte, di attaccare, in questo mondo. Tutti con il pacifismo alias vittimismo gandiano. )

il movimento de los indignados sta sbaraccando. I giovani con l'iphone in tasca e i capelli rasta si sono rotti le palle, e la bella stagione fatta di mojito e spiagge inizia. La sessione estiva degli esami é saltata, e tutti hanno avuto una buona scusa per non dare gli esami. Genitori paganti non felici ma rassegnati, anno che viene ne riparleremo.

E quei pochi che forse, effettivamente, ci credevano, un amaro in bocca per non aver raggiunto nemmeno uno straccio dei mille e mille obiettivi che il movimento 15M si era posto durante le sue riunioni.


Scusate il meltin' pot di idee confuse, ma io non ne posso piú.

Lavorare deve essere veramente uno schifo, se per convincerti a farlo ti devono pagare.
cnj
Inviato: 7/6/2011 22:21  Aggiornato: 7/6/2011 22:21
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da: Romagna
Inviati: 795
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Leggo commenti beoti. Il documento lo reputo molto valido e da divulgare. Il succo sta in questa frase alla fine del video: <<Quando rifletteremo su questo secolo ciò che ci sembrerà più grave non saranno le azioni dei violenti ma lo scandaloso silenzio delle “brave” persone>>.
Quello che sta facendo il Movimento 15M a mio avviso è molto utile.

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. Nikola Tesla
fefochip
Inviato: 7/6/2011 23:36  Aggiornato: 7/6/2011 23:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Citazione:
LE SCONFITTE ESISTONO. VANNO ACCETTATE.
La frase é di Barnard, e in questo momento la trovo quanto mai appropriata.
Non se ne viene a capo, é finita, gente.
Le masse, consapevoli o no, sono sempre strumento per gli interessi di qualcuno. ......


bene è vero le sconfitte vanno accettate ma solo se c'è un alternativa

cosa vuol dire accettare una sconfitta?
a mio avviso significa tirare le somme e imparare dagli sbagli dall'esperienza

perche se vuol dire alzare le mani e arrendersi questa non è semplicemente un opzione.

se in uno scontro all'ultimo sangue l'unica opzione è venire uccisi per me non è semplicemente un opzione.

non ci si può arrendere di fronte allo sviluppo del nucleare o alla privatizzazione dell'acqua , ne va della nostra vita.

andremo a votare ,vinceremo e non servirà a un cazzo perche faranno altre leggi per mettercelo dove non batte il sole ...bene è una sconfitta ?
manco per niente!
è solo l'inizio di una lotta e chi vede una sconfitta non capisce che sarà dura e sarà sanguinosa ma non è proprio possibile ricevere managanellate e basta perche poteva funzionare con gandi perche come diceva lui non si possono controllare milioni di indiani con 10000 uomini.

ma qui la cosa è profondamente diversa.

prima o poi a forza di manganellate qualcuno prenderà un sasso ,un altro un bastone e il compare leverà le armi alla forza "pubblica".

se continuano cosi è inevitabile

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Al2012
Inviato: 8/6/2011 0:14  Aggiornato: 8/6/2011 0:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
@ fefo

Il punto di forza del movimento 15M è proprio che non ha ceduto ad atti di violenza ed è proprio per questo che l’opinione pubblica era dalla sua parte.

Si sono organizzati per tenere pulita la piazza facendo anche la raccolta differenziata dando dignita al loro stare in piazza.

Quello che sperano sempre le forze della polizia è che ci sia qualche testa calda che utilizzi atti di violenza per giustificare la loro violenza.

“Capire … significa trasformare quello che è"
lysmata
Inviato: 8/6/2011 1:47  Aggiornato: 8/6/2011 1:47
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/3/2011
Da:
Inviati: 286
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Fefo, é l'impotenza appresa del topo nella skinner box. Quando impari che alla"scossa"non c'é via di scampo, ti arrendi. Non é scegliere tra vivere e morire. É semplicemente prendere atto dell'ineluttabilitá del tuo destino. Azzo che poetico. Se decidiamo di continuare a vivere in un mondo "occidentale" dobbiamo adeguarci ed accettare la catena. piú o meno corta secondo la stagione, ma sempre catena. Alternativa, uscire dal sistema.

La cosa piú triste é per me sperare che prima o poi scorra il sangue. ho ripulso a dirlo perché sappiamo tutti che la gente che rimarrá a terra sará tanta. lato polizia e lato civili. Ma credo che non vi sia alternativa. I black block a genova erano serviti a seminare il panico tra i ragazzi, oggi i black block non mettono piú i passamontagna, indossano le uniformi blu.

Lavorare deve essere veramente uno schifo, se per convincerti a farlo ti devono pagare.
Santaruina
Inviato: 8/6/2011 2:04  Aggiornato: 8/6/2011 2:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 13/10/2004
Da: Sud Europa
Inviati: 5123
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Le persone che scendono in strada a protestare sono sicuramente sincere e cariche di buone intenzioni.
Muoversi e farsi sentire fa loro onore.

(ed ora il "ma però")

Quando anni e anni fa (sembra preistoria internettiana) si discuteva del NWO (e su LC lo si faceva quando ancora tale concetto era pressoché ignoto in Italia), si accennava anche all'ipotesi che sarebbero stati i cittadini stessi a richiederlo, questo nuovo ordine, e di certo non sarebbe stato "imposto".
Si parlava all'epoca, facendo "previsioni", dell'arrivo di una grande crisi che avrebbe portato la gente a protestare, ed il nuovo ordine mondiale sarebbe giunto quale "risposta" e soluzione.

Ora, non per fare il pessimista (cosa che non sono) e disfattista, ma obbiettivamente le analogie tra le previsioni e quello che sta accadendo sono a dir poco singolari.
Ovviamente il Nuovo Ordine avrà un altro nome, se vorrà essere attuato (non è detto che accada, siamo nel campo delle ipotesi), ma il meccanismo in sé rispecchia esattamente le previsioni.

Ripeto, le persone che protestano sono solo da ammirare, ma occorre porre attenzione sul dove le loro energie alla fine confluiranno, e chi ne beneficerà.

Lo stesso Palacios (sicuramente persona in buona fede, questo non è in discussione), nel suo sito non nasconde di certo i suoi interessi esoterici neospiritualisti, e fa addirittura conferenze in cui descrive con un certo entusiasmo il prossimo arrivo di una "nuova era".
Questo appare perlomeno bizzarro, in un sito come il suo in cui si denuncia il NWO.
Non si può dichiarare di essere contro il "NWO", qualsiasi cosa sia, e contemporaneamente condividere il pensiero neospiritualista da cui lo stesso concetto di Nuovo Ordine Mondiale è nato.
Mi pare che ci sia una certa contraddizione, e confusione, in questo.

A presto.

-o- Ama e fa' ciò che vuoi -o-
edo
Inviato: 8/6/2011 7:42  Aggiornato: 8/6/2011 7:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Evidente, gli aguzzini spagnoli non hanno mai avuto un gran maestro FDP come il nostro misera... ehm, volevo dire venerabile Francesco Cossiga VOILA'

gelu
Inviato: 8/6/2011 8:02  Aggiornato: 8/6/2011 8:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/10/2008
Da:
Inviati: 191
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Secondo me uno dei primi passi per fare qualcosa contro il sistema è diventare tutti vegetariani (o vegani). Sembra forse che io sia fuori tema, ma togliere danaro dalle bocche dei vari Cremonini vuol dire dare una bella spallata. Un video che può essere interessante è Vegetarian Party (tutto su youtube) e un sito molto interessante è quello di Valdo Vaccaro. Affamiamo i produttori di carne! (facendo bene alla nostra salute e migliorando l'ambiente)

fefochip
Inviato: 8/6/2011 10:38  Aggiornato: 8/6/2011 10:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
@ Al2012
Citazione:
Il punto di forza del movimento 15M è proprio che non ha ceduto ad atti di violenza ed è proprio per questo che l’opinione pubblica era dalla sua parte.


le tue parole mi fanno venire i mente alcune considerazioni.
a prescindere che la forza del movimento 15M a mio avviso non risiedeva nella "non -violenza" ma piuttosto nella determinizione che si può esprimere in vari modi.

dove sta scritto che la non-violenza è un valore a prescindere?
a me pare tanto un "messaggio-inchiappettata" veicolato dai soliti ignoti/noti che hanno le redini del potere .
fa molto comodo avere un popolo non violento

Citazione:
Si sono organizzati per tenere pulita la piazza facendo anche la raccolta differenziata dando dignita al loro stare in piazza.


la loro dignità a mio avviso non si esprimeva principalmente in quello ma nel considerare se stessi qualcosa di piu di topi di laboratorio a cui dare la scossa ,considerarsi persone che avevano dei diritti .questa la loro dignità.
purtroppo al contrario non c'è dignità nell'accettare supinamente le decisioni di altri,c'è solo rassegnazione e sconfitta ,mentre nel movimento 15M non ce n'era

Citazione:
Quello che sperano sempre le forze della polizia è che ci sia qualche testa calda che utilizzi atti di violenza per giustificare la loro violenza.


vedi quello che "spera" la polizia è ovviamente in questi casi una reazione violenta manganellando a destra e a sinistra ma in realtà lo fanno per avere la scusa per iniziare a manganellare e a ammazzare pure magari (come sappiamo ) ma consci che non lo potranno fare a tutti i manifestanti. colpiscine 1 per educarne 100 è questa la logica perche con 5 camionette non possono certe tenere a bada una eventuale folla inferocita di 200000 persone ...non è proprio pensabile.

cercano lo scontro per far vedere agli altri la paura perche una folla che ha paura la piloti mentre una che non ha paura ....non esiste modo per farlo.

probabilmente il vero punto della questione è che dobbiamo liberarci delle nostre paure di perdere ciò che abbiamo ,di perdere la vita, di perdere in definitiva il nostro modo di essere e di comportarci , è questa la vera sfida.
perche un un uomo che non ha piu paura (anche perche non ha piu nulla da perdere) è un uomo che può fare qualunque cosa e tanti di questi uomini non è nemmeno pensabile di fermarli .

comunque la mia riflessione precedente non è una "speranza" ma una previsione a mio avviso ineluttabile ,andando avanti appunto cosi.

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
NiHiLaNtH
Inviato: 8/6/2011 10:45  Aggiornato: 8/6/2011 10:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Citazione:
Non si può dichiarare di essere contro il "NWO", qualsiasi cosa sia, e contemporaneamente condividere il pensiero neospiritualista da cui lo stesso concetto di Nuovo Ordine Mondiale è nato. Mi pare che ci sia una certa contraddizione, e confusione, in questo.


sei tu che non hai le idee chiare
non hai ancora capito che esistono 2 nuove ere? una è ovviamente il nwo che non si realizzera mai e l'altra è semplicemente quella che inizierà dopo l'apocalisse quando ormai il male non esisterà più su questo pianeta

ma poi tu non sei cristiano? queste cose dovresti saperle bene

fefochip
Inviato: 8/6/2011 10:47  Aggiornato: 8/6/2011 10:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
@ lysmata

Citazione:
Se decidiamo di continuare a vivere in un mondo "occidentale" dobbiamo adeguarci ed accettare la catena. piú o meno corta secondo la stagione, ma sempre catena. Alternativa, uscire dal sistema.


bravo. secondo me hai centrato il punto .
continuare a vivere cosi è questo di cui si parla .l'unica alternativa è abbandonare questo sistema .solo che per farlo in maniera "spontanea" e "dal basso" sono necessarie una serie di condizioni a mio avviso ancora particolarmente lontane

Citazione:
La cosa piú triste é per me sperare che prima o poi scorra il sangue. ho ripulso a dirlo perché sappiamo tutti che la gente che rimarrá a terra sará tanta. lato polizia e lato civili. Ma credo che non vi sia alternativa.

e lato "banchieri" ?
temo anche io e spero che il mio pensiero sia quello di un retrogrado dinosauro

Citazione:
I black block a genova erano serviti a seminare il panico tra i ragazzi, oggi i black block non mettono piú i passamontagna, indossano le uniformi blu.

io farei un altra osservazione piu che altro che ormai chi è per il sistema deve nascondere il suo viso perche altrimenti "poi sono cazzi suoi" e lo sa.
come i politici (e il papa?)devono viaggiare con la scorta altrimenti ....

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Calvero
Inviato: 8/6/2011 11:17  Aggiornato: 8/6/2011 11:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Possiamo rimanere a discutere all'infinito tra chi dice che, in soldoni, comunque è troppo tardi e chi dice che invece il cambiamento ha intrapreso la sua strada.

La domanda rimane sempre una però. Cosa fare?

Allora analizziamo i punti fermi: - che le manifestazioni non bastano. Io ad esempio NON le ho mai predicate. Qui semplicemente prendo atto di cosa sta succedendo e muovo una critica in tal senso. Io ho sostenuto altre volte cosa si dovrebbe fare e, se come dice Santaruina, qui si parlava di NWO in tempi non sospetti ... io ne parlavo, non su internet, una dozzina d'anni fa e le mie opinioni sul da farsi non cambiano anche se sta diventando sempre più "troppo tardi" e re-incollo quel che ho scritto sopra:


PRIMO - Si deve SPEZZARE l'anello che concede la sopravvivenza al Maligno del Sistema. Astenersi alle votazioni politiche fino a nuovo "ordine"; SECONDO - ridimensionare la nostra quotidianità con i "tessuti" Bancari...

.. conseguentemente a ciò bisogna predicare il "Verbo", cosa questa messa in luce egregiamente dalle considerazioni fatte da MASSIMO e dal suo collega RAFAEL: questo il compito della contro-informazione.


Terzo, aggiungo, bisogna mettere in atto boicottaggi severi e disobbedienza civile e non prestarsi al gioco delle Piazze se non nelle fasi di forza maggiore.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
javaseth
Inviato: 8/6/2011 13:13  Aggiornato: 8/6/2011 13:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/3/2006
Da:
Inviati: 1182
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Citazione:
da tempo io dico che il movimento femminista costituisce l’infiltrazione maggiore all’interno del movimento rivoluzionario, perché non dobbiamo dimenticare che è finanziato dallo stato stesso, persino da Bruxelles, per cui è un movimento che fa parte dello stesso sistema che si vorrebbe trasformare.


Non solo le femministe...

http://www.corriere.it/esteri/11_giugno_08/sequestrata-blogger-amina-siria-mazza_abd5b900-91a1-11e0-9b49-77b721022eeb.shtml

Ciao
-javaseth

"..io vi mando come pecore in mezzo ai lupi; siate dunque prudenti come serpenti e semplici come colombe"
JohnTitor
Inviato: 8/6/2011 13:38  Aggiornato: 8/6/2011 13:38
Mi sento vacillare
Iscritto: 27/11/2010
Da: Tampa
Inviati: 602
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Citazione:

gli italiani? quelli che 3/4 di europa si domanda come cazzo abbiano potuto votare ripetutamente uno come Berlusconi fino a ieri?


E proprio per questo che erano addormentati, altrimenti come potrebbero mai svegliarsi, non credi?
La frase (Se si svegliano gli italiani si sveglierà tutta Europa) è un auspicio, un augurio, come anche tu hai espresso.

Citazione:

ma al di la' di questa considerazione credo che sia chiaro che i movimenti di protesta dei paesi piu' traballanti come Italia Spagna Portogallo e Grecia si uniscano e si supportino reciprocamente in maniera massiccia.



Penso che in questo ultimo giro elettorale qualcosina sia successo.
Il 10% di M5 stelle a Bologna
Pisapia non era uomo del PD
Il crollo del PD e PDL a Napoli dove ha vinto De Magistris ma soprattutto... gli astensionisti del ballottaggio (50 e qualcosa %).
Massimo Zedda (SeL) il sindaco ragazzino...


AHAHAH

in Italia non ci sarà mai la rivoluzione perchè da noi comandano le mafie incluso il vaticano e i sindacati che bloccano tutto.
Da noi si vuole che i dipendenti statali giurino sulla costituzione ma non si vuole mandare in galera i delinquenati. La Consulta ha stabilito che neanche gli assassini devono andare in galera. Ormai si fa un indulto una volta al mese!
Le caste criminali non consentiranno una 'primavera italiana'.

ahahah

Mi sa che i poteri forti in Italia hanno fatto male i loro calcoli!

Al2012
Inviato: 8/6/2011 15:58  Aggiornato: 8/6/2011 15:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
@ fefochip

Citazione:
le tue parole mi fanno venire i mente alcune considerazioni.
a prescindere che la forza del movimento 15M a mio avviso non risiedeva nella "non -violenza" ma piuttosto nella determinizione che si può esprimere in vari modi.


Tra questi vari modi di espressioni ci sono ovviamente quelli più giusti e quelli meno giusti e questo dipende dal risultato che ottieni.
Il risultato che vuoi ottenere è quello di attirare l’attenzione della opinione pubblica in modo tale che possa percepire in modo più corretto possibile il messaggio che vuoi trasmettere, senza che questo passi in secondo piano rispetto ad altri fatti.

Se ad un atto di violenza fisica rispondo con un altro atto di violenza fisica il messaggio che voglio trasmettere viene offuscato e l’attenzione dei media si concentra sugli atti di reciproca violenza.

Non è un caso che si utilizzi infiltrare elementi per poter innescare la violenza, in modo che si possa far degenerare una manifestazione pacifica in un fatto di guerriglia urbana dove il disagio psicologico individuale prende il sopravento sul disagio sociale del collettivo.

Citazione:
dove sta scritto che la non-violenza è un valore a prescindere?


Nel buon senso di quelli che vogliono uscire da un mondo in cui solo azioni violente possono essere l’unico mezzo per far valere i propri diritti.
Non puoi sostituire un sistema che usa la violenza per imporsi se vuoi sostituirlo con un altro che usa la violenza per imporsi, perchè alla fine hai solo cambiato i soggetti che esercitano il controllo, ma non la loro coscienza.

Citazione:
a me pare tanto un "messaggio-inchiappettata" veicolato dai soliti ignoti/noti che hanno le redini del potere .
fa molto comodo avere un popolo non violento


Mi spieghi perchè allora infiltrare elementi con il preciso scopo di innescare la violenza in manifestazioni pacifiche ? Cosa molto facile, come fare esplodere una stanza satura di gas accendendo solo un fiammifero.
O pensi che questo sia un leggenda metropolitana ??

Quelli che hanno le redini del potere temono un popolo che sia in grado di PENSARE che sia in grado di fare una analisi pacata ed equilibrata della situazione in cui vive.

Quello che temono è la LIBERA INFORMAZIONE è la consapevolezza che si possa costruire un mondo equo e solidale senza utilizzare atti violenti, perchè finchè si utilizza questo mezzo LORO saranno sempre al vertice di controllo, perchè la violenza è il loro mestiere, è quello che sanno fare meglio, perchè sanno benissimo come instradare una coscienza violenta, perchè è parte della LORO natura di essere.

QUELLO CHE TEMO È UN CAMBIAMENTO NELLA COSCIENZA COLLETTIVA.

Citazione:
la loro dignità a mio avviso non si esprimeva principalmente in quello ma nel considerare se stessi qualcosa di piu di topi di laboratorio a cui dare la scossa ,considerarsi persone che avevano dei diritti .questa la loro dignità.
purtroppo al contrario non c'è dignità nell'accettare supinamente le decisioni di altri,c'è solo rassegnazione e sconfitta ,mentre nel movimento 15M non ce n'era


Ma è proprio in questo piccolo atto di rispetto di un luogo pubblico, organizzandosi in gruppi per la pulizia e la raccolta dei rifiuti che hanno dimostrato di non essere dei “topi di laboratorio” di non essere una massa disorganizzata, ma di essere un massa capace di rispettare le più elementari regole del vivere in comune.

Citazione:
vedi quello che "spera" la polizia è ovviamente in questi casi una reazione violenta manganellando a destra e a sinistra ma in realtà lo fanno per avere la scusa per iniziare a manganellare e a ammazzare pure magari (come sappiamo ) ma consci che non lo potranno fare a tutti i manifestanti. colpiscine 1 per educarne 100 è questa la logica perche con 5 camionette non possono certe tenere a bada una eventuale folla inferocita di 200000 persone ...non è proprio pensabile.


E’ sempre la REAZIONE che permette l’utilizzo di una determinata SOLUZIONE.

Dopo aver manganellato i primi dimostranti ed averli allontanati il giorno dopo si sono presentanti in maggior numero, mantenendo sempre una linea di condotta non violenta, posando fiori ai piedi dei poliziotti senza alcuna protezione e passamontagna.
Questa è una REAZIONE che non permette che si applichi la SOLUZIONE che LORO desideravano applicare.

Citazione:
cercano lo scontro per far vedere agli altri la paura perche una folla che ha paura la piloti mentre una che non ha paura ....non esiste modo per farlo.


Penso che non cedere ad un atto di violenza, resistendo il più possibile in modo pacifico, sia una grande manifestazione di coraggio, che è stata ripresa da molti emittenti televisivi, dove appare evidente il sopruso e la violenza della polizia.

Non vedo che espressioni di coraggio ci possa essere nel vedere un gruppo di persone con caschi e passamontagna rompere vetrine di banche, rovesciare macchine ed appiccare fuoco ai cassonetti dell’immondizia, per poi svicolare via prima che la SOLUZIONE prenda a manganellate la restante folla che dimostrava pacificamente.

Tra l’altro le banche sono coperte da assicurazione contro atti di vandalismo e il danno che subiscono va a loro favore sia dal punto di vista strutturale, che dal punto di vista d’immagine perchè vittime di atti teppistici.
Mentre il proprietario di auto magari anche vecchiotta, un essere qualunque, non riuscirà ad avere nessun risarcimento e dovrà ricomprarsi l’auto a sue spese.

Citazione:
probabilmente il vero punto della questione è che dobbiamo liberarci delle nostre paure di perdere ciò che abbiamo ,di perdere la vita, di perdere in definitiva il nostro modo di essere e di comportarci , è questa la vera sfida.
perche un un uomo che non ha piu paura (anche perche non ha piu nulla da perdere) è un uomo che può fare qualunque cosa e tanti di questi uomini non è nemmeno pensabile di fermarli .


Una risposta ferma e decisa non violenta è un atto coraggioso responsabile, che una collettività può dare in risposta ad un atto violento delle istituzioni, è una reazione che non può dare giustificazioni alla soluzione che le stesse istituzioni vorrebbero applicare, perchè sanno benissimo che possono perdere il consenso dell’opinione pubblica, che è la cosa che temono di più. perchè perdendone il controllo questa può destarsi ed incominciare a pensare con la propria testa.

Come ha detto giustamente José Luis Sampedro (non so se hai guardato i video che ho segnalato nel mio primo intervento) l’opinione pubblica in realtà è “l’opinione dei media” e se i media possono solo trasmettere immagini di violenza che arrivano solo da una parte, corrono il rischico che la massa veda quello che il sistema cerca di nascondere, ovvero che è un sistema che resta in auge solo grazie alla propria violenza.

Citazione:
comunque la mia riflessione precedente non è una "speranza" ma una previsione a mio avviso ineluttabile ,andando avanti appunto cosi.


A questa tua previsione faccio seguire la mia previsione, che ho già espresso in precedenza, e che se si rovescia un sistema violento, utilizzando un altro sistema violento, quello che otteniamo è di instaurare un sistema violento sopra le ceneri di un sistema violento, in realtà si è cambiato soggetto, ma abbiamo sempre lo stesso risultato, perché la coscienza del soggetto è rimasta identica.

E’ il cambiamento della coscienza collettiva la cosa che LORO temono veramente e che cercano di evitare.

“Capire … significa trasformare quello che è"
Al2012
Inviato: 8/6/2011 16:38  Aggiornato: 8/6/2011 16:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
@ Santaruina

Citazione:
Non si può dichiarare di essere contro il "NWO", qualsiasi cosa sia, e contemporaneamente condividere il pensiero neospiritualista da cui lo stesso concetto di Nuovo Ordine Mondiale è nato.
Mi pare che ci sia una certa contraddizione, e confusione, in questo.



Da profano e superficiale quale sono posso solo farti notare quello che segue:

Dal punto di vista tecnologico esito vari strumenti che posso essere utilizzati a fin di bene o a fin di male, questa differenza di utilizzo dipende dalla “coscienza” che li utilizza.

Lo stesso si può dire per altri tipi di “strumenti” in questo caso non sono tecnologici, ma pensieri, che sono comunque “strumenti” che permetto il controllo di certe nozioni.

Anche in questo caso, il modo come determinate nozioni vengono utilizzate non sono oggettivamente male o bene, ma è il modo in cui determinate coscienze le utilizzano che ne determina il loro essere male o bene.

Se utilizzo determinate conoscenza per un beneficio personale che va a discapito di altri questo è male, se invece utilizzo determinate conoscenze per un beneficio che è a favore di una crescita collettiva allora è un bene.

Il male o il bene è una caratteristica della coscienza e non delle conoscenze che questa coscienza può acquisire.

Pesino il pensiero cristiano è stato utilizzato sia per fare del bene o per fare del male.

La spiritualità non può essere monopolio di una chiesa, di una struttura gerarchica, ma è vera e sentita quando comunica direttamente con il “cuore” dell’individuo senza intermediari e sarà sempre e comunque la coscienza individuale ad utilizzarla in bene o in male.

E’ la coscienza che determina l’esistenza del male e del bene.

“Capire … significa trasformare quello che è"
Redazione
Inviato: 8/6/2011 17:37  Aggiornato: 8/6/2011 17:37
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
SANTARUINA (ciao):

Mi unisco a NiHiLaNtH nel dire che secondo me hai male interpretato le posizioni di Rafael Palacios. La "nuova era" di cui parla lui non NIENTE a che vedere con il NWO. Anzi, è tutto l'opposto.

peonia
Inviato: 8/6/2011 19:09  Aggiornato: 8/6/2011 19:09
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
La "Nuova Era" ci sono più modi di intenderla, ma ribadisco, quel che è certo è che, non so se lo vedremo anche se me lo auguro, ci sarà una svolta, uno Shift, un cambiamento un salto quantico, nulla sarà più come prima, per fortuna!!!!
Il balzo evolutivo è alle porte, ma certo il tempo non è decifrabile...

Leggo i commenti e ci sono due posizioni: quelli che il bicchiere mezzo pieno, e quelli che...il bicchiere mezzo vuoto.
D'altronde è comprensibile, dopo anni e anni di vessazioni, ma mai buttarsi troppo giù!

Volevo segnalarvi, a chi potesse interessare, un nuovo libro di Bruce Lipton, "Evoluzione spontanea" scritto con un altro autore, dall'introduzione mi sembra molto interessante:
http://www.macrolibrarsi.org/ebooks/introduzione_evoluzione_spontanea.pdf

Buona evoluzione a tutti......


...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Polipol
Inviato: 8/6/2011 19:16  Aggiornato: 8/6/2011 19:16
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/5/2011
Da:
Inviati: 158
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Ciao a tutti, mi intrometto e mi collego a questo ultimo commento di MM per dire che anche io la vedo come Santa, per quel che sono riuscito ad afferrare dal sito di Palacios. Mi sembra il lato "buono" del nwo, non c'è solo la versione del sospetto Alex Jones per intenderci.
Secondo me volutamente si sono confuse le acque per far apparire un nwo diverso da una "nuova era", per essere generici, e in questo senso è possibile che abbia ragione NiHiLaNtH nel dire che il nwo potrebbe non realizzarsi mai.
Ma, per attenerci ai fatti, risulta anche a me evidente che la tendenza "neospiritualista" di Palacios sia del tutto simile a quella degli ispiratori del nwo...

peonia
Inviato: 8/6/2011 19:31  Aggiornato: 8/6/2011 19:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Domanda: ma "neospiritualista" sarebbe negativo?
perchè mi sembra che questa era "materialista" abbia prodotto solo danni....e tutti speriamo di affrancacene.
Forse un po' di nuova spiritualità non guasterebbe!!! e non cominciamo a mettere in mezzo le Religioni che non c'azzeccano nulla!
quando si parla di CAMBIAMENTO DI COSCIENZA, è un punto di vista spirituale, che vi piaccia o meno......uscite dai condizionamenti idelogico-politici.....

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Polipol
Inviato: 8/6/2011 20:09  Aggiornato: 8/6/2011 20:09
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/5/2011
Da:
Inviati: 158
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Ciao peonia è una domanda pertinente la tua. Non so quanto esauribile in un semplice commento... Mi limito nella risposta a dare alcune indicazioni: penso che il cosidetto neospiritualismo sia qualcosa strettamente collegato al materialismo, come una conseguenza, chissà quanto diretta o indiretta. Appunto un'epoca altamente materialista è adatta a sviluppare un approccio al sovrannaturale proprio del "neospiritualismo".
Santaruina, che è il primo ad aver accennato alla questione in questa discussione, cura un interessante blog in cui ne parla ampiamente e a più riprese...

Santaruina
Inviato: 8/6/2011 20:10  Aggiornato: 8/6/2011 20:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 13/10/2004
Da: Sud Europa
Inviati: 5123
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Un saluto anche a te, Massimo.

Per quanto riguarda Palacio, potrei essere anche un po' prevenuto, non lo nego, ma certi temi sono ricorrenti.
Non metto comunque in dubbio la sua buona fede, questo sia chiaro.

A proposito di neospiritualismo (che rispetto alla spiritualità sta agli antipodi), segnalo invece, per chi fosse interessato, una conferenza che ho tenuto a Milano qualche settimana fa:

Le derive del neospiritualismo

Chiedo scusa per la "autopromozione" poco elegante, ma l'argomento della conferenza è del tutto in tema col discorso qui affrontato.

Un saluto a tutti.

-o- Ama e fa' ciò che vuoi -o-
lysmata
Inviato: 8/6/2011 21:45  Aggiornato: 8/6/2011 21:55
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/3/2011
Da:
Inviati: 286
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Disordini nella plaza del sol a Madrid, sembra che abbiano cercato di arrivare al Parlamento.

http://www.diarioinformacion.com/nacional/2011/06/08/cientos-indignados-concentran-frente-congreso/1136233.html

Lavorare deve essere veramente uno schifo, se per convincerti a farlo ti devono pagare.
peonia
Inviato: 8/6/2011 23:18  Aggiornato: 8/6/2011 23:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Quindi Santaruina tu sei un Tradizionalista, Guenoniano, anche cattolico?
Perchè mi sembrava di sentire parlare Massimo Introvigne nella tua conferenza, però non mi pare che le cose nella New Age, che conosco io perlomeno, siano proprio così.
Intanto si parla sempre di Corpo, Mente (o Psiche), Emozioni e Spirito...
La psicologia non l'ha inventata la New Age ma Freud, ebreo.
Se poi per New Age si intende sempre la Teosofia...beh, è riduttivo.
a me ha sempre dato l'impressione che chi ne parla male: a) non la conosce di persona>; b) ha paura di perdere potere.

Se puoi spiegarmi meglio il tuo punto di vista, in due parole, senza che mi legga tante cose, te ne sarei grata.

differenza tra neo spiritualismo e spiritualità....ad esempio

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Al2012
Inviato: 9/6/2011 0:14  Aggiornato: 9/6/2011 0:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
In questo articolo (in italiano) potete leggere “Il manifesto degli Indignati spagnoli” e le loro proposte.

Toma la calle: prendi la strada, occupala.

“Capire … significa trasformare quello che è"
trotzkij
Inviato: 9/6/2011 0:36  Aggiornato: 9/6/2011 0:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/9/2006
Da:
Inviati: 3704
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Farei attenzione a prendere per oro reale ciò che luccica nel virtuale.
Le proposte sono solo vaghe, arrabbiarsi contro i maggiordomi, per non toccare i padroni. Una linea d'azione alternativa? Un buffoneggiare anomico alla spagnola, per non essere tremendamente seri alla greca. Non è un caso che ci sia un miliardario ultraliberista filo-banckster dietro al M15. Quanti ce ne saranno di beneficiati 'incazzati' contro il sistema che gli ha fatto il torto di renderli ricchi sfondati?
---------------------------
Occhio ai fantasmi che si materializzano dal web.
--------------------------
Damasco - (Adnkronos/Aki) - Una donna britannica: "Sono io quella nella foto". La blogger gay siriana, che sarebbe stata arrestata ieri, ha sempre rilasciato interviste via web e ora alcuni siti - fra cui il New York Times - avanzano dubbi sulla sua esistenza. Da Facebook a Twitter, continuano le mobilitazioni per chiedere la sua liberazione...
http://www.adnkronos.com/IGN/News/Esteri/?id=3.1.2106499171

Probabilmente non esiste, come non esistono che nel cyber-spazio tutti questi 'eroi virtuali' che spuntano sempre in previsione di una qualche aggressione USA-Nato. In Iraq ne hanno inventato alcune di queste cyber-donzelle. Womaninblues e Baghdadburning, ad esempio, che facendo finta di criticare l'occupazione USA dell'Iraq, descrivevano l'Iran quale nemico da abbattare. Non pochi fessi anti-sistemi e antagonisti riprendevano i deliri di queste invenzioni dei PR del Pantagono. Hanno visto che funzionava, e ora li replicano. Dalla Libia alla Spagna degli indignados...

Nè “rivoluzione colorata”, nè “rivoluzione araba”: “rivoluzione chip-alienata” dalla Spagna al Mondo

I complotti non esistono, ... tranne quando ci sono
peonia
Inviato: 9/6/2011 9:52  Aggiornato: 9/6/2011 9:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
a trotzkij

la tua visione è sempre molto critica e pessimistica, supponendo che la versione di Aurora sia giusta che significa? dobbiamo arrenderci all'evidenza che qualsiasi cosa facciamo è manipolata? non abbiamo più alcuna speranza di cambiare una virgola? ti sei rassegnato per sempre? oppure una qualche possibilità di cambiare lo status quo c'è? e sarei tanto felice di saperla!

Unica possibilità che io vedo è che se l'articolo di _Aurora fosse veritiero, l'èlite stia spingendo da tempo per scatenare rivolte ovunque per instaurare la legge marziale con i militari....cosa che Davide Icke ha detto nel Gennaio 2001.......

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
NiHiLaNtH
Inviato: 9/6/2011 16:25  Aggiornato: 9/6/2011 16:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Citazione:
la tua visione è sempre molto critica e pessimistica, supponendo che la versione di Aurora sia giusta che significa? dobbiamo arrenderci all'evidenza che qualsiasi cosa facciamo è manipolata? non abbiamo più alcuna speranza di cambiare una virgola? ti sei rassegnato per sempre? oppure una qualche possibilità di cambiare lo status quo c'è? e sarei tanto felice di saperla!


peonia come mai alle manifestazioni contro il gruppo bilderberg non c'è quasi nessuno? come ma gli americani non sono andati ancora a prendere a calci in culo quelli del bohemian grove?

le masse ignoranti e manipolate non possono fare nulla ( per ora ) ma i piccoli gruppi e il singolo uomo hanno fatto e faranno molto

peonia
Inviato: 9/6/2011 19:29  Aggiornato: 9/6/2011 19:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Beh se prima non facciamo in casa nostra una rivoluzione, è difficile andare in molti e di varie nazioni, a manifestare davanti al Gruppo Bilderberg riunito in pompa magna.....la massa ancora non ha capito cosa accade lì, anzi nemmeno sa che esiste quel gruppo!
A chi ti riferisci in questo caso per singolo uomo o piccoli gruppi?

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
NiHiLaNtH
Inviato: 9/6/2011 20:10  Aggiornato: 9/6/2011 20:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Citazione:
è difficile andare in molti e di varie nazioni,a manifestare davanti al Gruppo Bilderberg riunito in pompa magna.....la massa ancora non ha capito cosa accade lì, anzi nemmeno sa che esiste quel gruppo!


ma se alle runioni del g8 g7 g20 ci sono migliaia di persone

possibile che nessuno di loro sappia dell'esistenza di questa riunione annuale?


Citazione:
A chi ti riferisci in questo caso per singolo uomo o piccoli gruppi?


per esempio ai vari movimeti per la verità sull'11 settembre, ai giornalisti investigativi, ai siti come luogocomune etc.

peonia
Inviato: 9/6/2011 21:14  Aggiornato: 9/6/2011 23:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Se non erro i più numerosi che vanno ai G vari...sono ambientalisti, new global, ecc, ma non so se "complottisti"...perchè secondo me parlare di Elite, Illuminati, Bildeberg è da complottisti...ma posso anche sbagliare in quanto poco informata sono al riguardo.

Per il resto, in effetti, mi pare che nel tempo un qualche successo, se non altro nella diffusione di certe faccende e realtà alternative, si sia ottenuto.
Speriamo che i semi diano buoni frutti!!


edit: fresca fresca, ho letto questa notizia:
http://letteraviola.it/2011/06/borghezio-malmenato-e-arrestato-dalla-polizia-svizzera-lui-li-denuncio-mi-sanguina-il-naso-foto/


se dobbiamo sperare nella Lega...ahi ahi...

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
davlak
Inviato: 10/6/2011 7:06  Aggiornato: 10/6/2011 7:12
Mi sento vacillare
Iscritto: 3/6/2006
Da:
Inviati: 678
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
buongiorno a tutti.
il video, molto emozionante, mi ha "mosso" al punto che non ho resistito a uploadarlo sul mio canale youtube e linkarlo nel sito di beppe grillo (so che più di qualcuno storcerà il naso...ma pazienza).
ritengo che meritasse molta più visibilità di quella ottenibile su vimeo.
ho dovuto editarlo rimuovendo alcuni contenuti musicali a causa dei quali YT disattivava l'audio, e li ho sostituiti con alcuni brani classici di Albeniz (musicista spagnolo del secolo scorso). spero che l'ottimo autore non se ne abbia.
il link che ho messo su beppegrillo.it è dovuto anche al fatto che è stato l'unico "politico" italiano a recarsi a barcellona e parlare coi ragazzi del movimento 15M e scriverne sul suo blog.
saluti.

edit: dimenticavo il link

http://www.youtube.com/watch?v=A4IznPxYLAg

«Proclamare il diritto all'uguaglianza in una società che ha bisogno di una massa di schiavi salariati vuol dire aver perso la testa» (F. Nietzsche)
oloap
Inviato: 10/6/2011 11:47  Aggiornato: 10/6/2011 11:47
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/5/2010
Da:
Inviati: 32
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Ciao a tutti,
in tema di moderne rivoluzioni mi sembra interessante questo video. A dire il vero l'ho ascoltato al lavoro con un pessimo audio, quindi spero non sia una perdita di tempo.
http://youtu.be/lpXbA6yZY-8

epicureo99
Inviato: 10/6/2011 15:06  Aggiornato: 10/6/2011 15:06
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/1/2005
Da: Bonastre
Inviati: 150
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Hola!!!!!

Speravo di incontrare un articolo sull'argomento dopo tanto tempo che non mi connetto a internet!!!!

Da quasi 3 settimane infatti sto accampando a Barcellona!!!!

Posso confermare in gran parte quanto detto nell'articolo....

All'inizio c'é stata una carica di energia impressionante da parte di tutti!!! Io piangevo d'emozione alemno 3 volte al giorno solo passeggiando per la piazza....
Poi sono cominciate a venir fuori un po le differenze come in qualsiasi societá, la stanchezza e il maltempo che non ha aiutato per niente....

Il movimento peró non si sta dissolvendo!!!!! É l'accampata notturna che sarebbe il momento (per lo meno nelle grandi cittá) di alzare per non far sí che sia controproducente....
La notte infatti é ormai territorio di gente che si é unita un po' per simpatia (anarchici) e un po' per necessitá (indigenti) peró no realmente per portare avanti un discorso politico.
Rimangono quasi solo loro dunque a dare l'immagine della piazza e, anche se non é bello dirlo, "spaventano" il normale cittadino che all'inizio si avvicinava a partecipare vedendo nella piazza i propri simili che ora non vede piú....

"Questa é la fine!!!!" pensa il bruco che si sta per trasformare in una farfalla......

Il movimento si sta trasferendo ai quartieri, ognuno con la sua assemblea, dove sará piú facile parlare e ascoltarsi, sará piú facile controllare l'infiltrazione di elementi molesti etc. anche se si dovrá trovare il modo poi di esprimere una voce unita per farsi sentire fino ai piani alti.

Credo peró che sia un'esperienza meravigliosa dove la gente ha perso la paura!
Ora sappiamo che se vogliamo una piazza la possiamo occupare e riprendercela dopo le bastonate.
Che usando la non violenza siamo inattaccabili perché anche se possiamo subire delle cariche in poche ore ci sará il doppio della gente a darci supporto.
Che parlando e ascoltandoci con l'intenzione di metterci d'accordo possiamo andare lontano!

I pericoli vengono soprattutto da noi stessi con:
tentativi si spostare il discorso verso temi personali che anche se importanti non sono i principali in questo caso (veganismo, indipendentismo catalano, legalizzazione delle droghe leggere,.....),
con i demoni che ognuno ha dentro e che si manifestano con l'abuso di droghe e alcool (il sottoscritto fuma e beve e non vuole far prediche peró c'é sempre chi esagera....)
con la scusa della libertá personale usata quando non si vuole accettare una decisione dell'assemblea delegittimando tutto il movimento...

É un laboratorio umano interessantissimo dove la gente (e ricordo che in spagna la dittatura é finita solo nel '76) sta tornando a imparare come parlare, ascoltare e autorganizzarsi.

Spero che presto anche in Italia si cominci a muovere qualcosa!

Io presto torneró in campagna e continueró a partecipare al movimento in realtá piú piccole fuori dalla metropoli e do la mia disponibilitá per continuare a informare sul tema!!!

Un abbraccio a tutti!!!

Salut y R-Evolució!

Cuando la violencia es esclusiva del estado, tod@s somos terroristas
peonia
Inviato: 10/6/2011 17:58  Aggiornato: 10/6/2011 17:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Grazie Epicureo, in bocca al lupo e tienici informati!
el pueblo unido jamas serà vencido....

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
THULE
Inviato: 10/6/2011 21:11  Aggiornato: 10/6/2011 21:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/6/2011
Da:
Inviati: 156
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Citazione:

el pueblo unido jamas serà vencido....


Il popolo verserà il suo ciclico fiume di sangue.
I Rotschild e le altre dinastie del potere reale durano sempre: i popoli sono solo tappezzeria.

Al2012
Inviato: 11/6/2011 0:03  Aggiornato: 11/6/2011 0:03
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
@ epicureo99

Hola !

Grazie per la tua testimonianza, si sente ancora la carica che hai ricevuto, mantienila più che puoi !

Speriamo che la carica di energia che ti ha coinvolto in piazza, commuovendoti, che sicuramente è stata percepita da altri, possa continuare ad espandersi coinvolgendo sempre più persone anche se in modo meno appariscente.

Non importa se ci saranno alti e bassi, l’importante è che sempre più gente capisca che il desiderio di un mondo migliore non è utopia, ma è possibile, è realizzabile e il primo passo da compiere è all’interno di ciascun individuo, ed è anche nel modificare la propria scala dei valori non accettando più quella che gli viene imposta da chi lo vuole succube di desideri e PAURE che non gli appartengono, ma che gli sono imposte per poterla controllare, facendola sentire in eterna competizione l’uno con gli altri.

Sai, io penso che ci sia una parola che può adattarsi a quella energia che hai sperimentato, un termine spesso usato in modo improprio o strumentalizzato e che in tal caso non da alcuna sensazione, questa parola è … Amore.

Ovviamente non l’amore intrecciato con un desiderio di possesso, ma quella vibrazione che può unire i cuori di molte persone creando un “campo d’energia” in cui la condivisione da pace e serenità che nessun possesso può darti.

(Quanta strada ho ancora da fare !!)

Tienici informati se puoi.

Un abbraccio anche a te e ….. buona evoluzione ….


@ THULE

Vedo che sei un po’ scarso in ottimismo .... cerca di sentirti meno “tappezzeria”, perchè non lo sei, a meno che tu non lo voglia essere.
Loro posso dominare tutto il mondo materiale, ma non potranno mai dominare il tuo “essere” se tu non glielo permetti…

Grito mudo


“Capire … significa trasformare quello che è"
THULE
Inviato: 11/6/2011 8:41  Aggiornato: 11/6/2011 8:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/6/2011
Da:
Inviati: 156
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
@ AL2012

Caro AL, il popolo è e rimane il gregge che bruca l'erba a testa bassa perchè sarà sempre ingannato da chi è al potere o strumentalizzato da chi a quel potere aspira.
Per avere un popolo "evoluto" occorre prima far evolvere gli indivdui che lo compongono, in modo che siano quanto meno consapevoli delle scelte individuali e quindi collettive.
Bisogna perciò "istruire" gli individui a diventare uomini evoluti e solo dopo farli aggregare per una prova di forza verso il cambiamento.
Altrimenti ci sarà sempre il solito imbecille rivoluzionario che ci mette le idee (poche e raffazzonate) e il solito gregge illuso che ci mette ettolitri di sangue.
Ma quale è la via?
Nel recente passato la più efficace si è rivelata essere quella "millenarista", ma pur sempre debole perchè non svincolata da terra e sangue (cioè dai gravami della materialità).
Oggi potrebbe essere perfezionata in "cosmica", ovvero la ricerca delle nostre origini semidivine al di là dello spazio e del tempo, magari aiutati dai nostri veri fratelli maggiori (e creatori).
Ciao

Pensoso
Inviato: 11/6/2011 18:13  Aggiornato: 11/6/2011 18:13
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/8/2009
Da:
Inviati: 436
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Zitti che svegliamo gli italiani... parole dei greci indignati.
Forse ora tocca ai greci chiedere aiuto agli italiani.

O è una pesantissima ironia?

-

se aspettano noi, possono stare freschi... a meno di una grave crisi che colpisca molte famiglie, e non solo per la rinuncia ad una vacanza o per il posticipo dell'auto nuova all'anno prossimo, o al cambio di cellulare.


mi sembra più una ironia (perchè pesantissima?), ed anche piuttosto riuscita



non dimenticherei la terza ipotesi, forse la più probabile: striscione portato da un gruppo di italiani (chissà, magari in vacanza, e già che c'erano sono passati per la manifestazione; turismo dell'indignazione?)

(uso non improprio di firma)
Pensoso
Inviato: 11/6/2011 19:14  Aggiornato: 11/6/2011 19:16
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/8/2009
Da:
Inviati: 436
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Quello che temono è la LIBERA INFORMAZIONE è la consapevolezza che si possa costruire un mondo equo e solidale senza utilizzare atti violenti,

-

sicuramente temono la libera informazione,
ed anche la consapevolezza che si possa costruite un mondo equo.

in qualsiasi modo si manifesti, non-violento o violento, e sono attrezzati per attaccare in modo violento sia i non-violenti che i violenti.


il modo non-violento e più lento e graduale e molto probabilmente si adatta al (e nasce dal) contesto economico e politico, e lascia che il potere si adatti alle eventuali riforme che lui stesso concederà (o meno), in modo da non perderne i tornaconto economici che ha ("metodo della carota e del bastone").
in sintesi si risolve probabilmente in una metamorfosi del sistema precedente, un adattamento, che porta magari solo a dei "contentini", alcuni durevoli, alcuni momentanei, e chissà se in futuro non ci possa essere un ritorno indietro, quando il caldo delle manifestazioni è finito.
(esempio i "nuovi regimi" in Egitto e Tunisia)


il modo violento è potenzialmente meno graduale, dipende da quanto supportato dall'opinione pubblica popolare o comunque diffusa, e non significa che qualsiasi violenza è giustificata (anche la violenza gratuita di un rivoltoso contro un anziano o un infante è una cosa riprovevole, quanto quella di un poliziotto-robocop), bisogna vedere se è una violenza fine a se stessa o eclatante o se è rivolta ad obiettivi utili alla presa del potere di chicchessia, o per la difesa fisica e sopravvivenza di sè stessi.
è ovvio che vai a capire... se chi c'è dietro una rivolta ha fini davvero positivi ed auspicabili, o è un potente camuffato o un suo telecomandato direttamente o indirettamente, o se questo è un utile inetto, e se sarà poi lui a salire al potere o qualcun'altro di migliore o peggiore, e se mai cambierà davvero qualcosa.
l'unica cosa certa è che molta gente ci lascia le penne e, tra questi, quelli magari con buone intenzioni rischiano di averlo fatto per nulla o per un qualche nuovo regime autoritario o tecnocratico, non troppo dissimile alla fin fine a quello precedente.
il rischio è anche che la cosa si trascini per le lunghe, col peso di vittime che ne consegue.
(esempio la guerra civile in Libia)

(uso non improprio di firma)
maurixio
Inviato: 12/6/2011 22:50  Aggiornato: 12/6/2011 22:50
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/4/2007
Da:
Inviati: 333
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
ciao
ho letto l'intervista...non sapevo si chiamasse 15M....in effetti le cose cheil movimento chiede sono molte piu di 15 .
Ora non ho con me la lista, domani posso trascriverla..nella versione che ho avuto a Santiago de compostela.
Stasera mi trovo a Saragoza, non sono uscito in strada...lo faro domani.
Ma devo dire che in quanto a finito ...come dice Rafael..io ho constatato tutt'altro, non so a Barcellona e Madrid...
ma a Burgos, Logrono ..... Leon (anche se confusi e distratti dalla movida del sabato spagnolo) i ragazzi ci sono e discutono...e da quello che ho potuto capire non hanno intenzione di smettere.
Non ho guardato ne il video ne letto i commenti ...ma lo faro'...mi fermero' a Saragoza ancora un giorno anche perche' mi sento in colpa per i referendum...io ....sostenitore del non voto in questo caso non mi sento bene per il fatto di non essere in Italia. domani mettero' anche tutta la lista che i ragazzi di Santiago mi hanno dato in italiano... che io trovo assolutamente ragionevole

Al2012
Inviato: 13/6/2011 0:52  Aggiornato: 13/6/2011 0:57
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
@ THULE

Citazione:
Caro AL, il popolo è e rimane il gregge che bruca l'erba a testa bassa perchè sarà sempre ingannato da chi è al potere o strumentalizzato da chi a quel potere aspira.


E’ vero … dal mio punto di vista una delle cause principali è proprio nella gestione del potere centralizzata in poche avide mani, come è praticamente da sempre.

Citazione:
Per avere un popolo "evoluto" occorre prima far evolvere gli indivdui che lo compongono, in modo che siano quanto meno consapevoli delle scelte individuali e quindi collettive.
Bisogna perciò "istruire" gli individui a diventare uomini evoluti e solo dopo farli aggregare per una prova di forza verso il cambiamento.
.

Per permettere questa evoluzione occorre dare i mezzi che possono aiutarla ed uno dei mezzi che per primo mi viene alla mente è la “Libera Informazione” che deve essere associata ad una “Libera Educazione”

Bisogna dare a tutti la possibilità di sviluppare un proprio “senso critico”, è questo il fine a cui dovrebbe mirare l’istruzione, ovvero fornire le basi, o per meglio dire, i mezzi necessari ad uno sviluppo della capacità di analizzare il proprio comportamento e quello della collettività in modo che l’inserimento individuale sia attivo e non solo passivo, in altre parole una collettività che si è liberata dal bisogno di un guru o leader perché è formata da individualità non più egocentriche, che sanno comprendere, e di conseguenza controllare, le forze attrattive del proprio ed altrui ego.

Questo non perché sono si è santi o semidei, ma perché si è compreso che uno sviluppo individuale armonico non può essere separato da un altretanto sviluppo armonico della collettività.
L’armonia sta proprio nel fatto che non può essere unidirezionale, ma è bi-direzionale, ovvero lo sviluppo collettivo influenza quello individuale, che a sua volte influenza quello collettivo in un continuo interscambio.

Occorre una libera informazione bi-direzionale, ed internet può essere un ottimo mezzo se sostenuto da una crescente maturità di chi lo usa, maturità che può crescere con il cresce della consapevolezza che si è individualità all’interno di un “campo” collettivo che trova il suo equilibrio e la sua forza in un “ben-essere” condiviso.


Citazione:
Altrimenti ci sarà sempre il solito imbecille rivoluzionario che ci mette le idee (poche e raffazzonate) e il solito gregge illuso che ci mette ettolitri di sangue.


Appunto è proprio questo che vorrei evitare.
E' quello che può succedere se si cede alla scorciatoia della rivolta violenta che, oltre ad essere facilmente manipolata e instradata, permette l’attivazione della solita SOLUZIONE.

Occorre dar tempo alla nuova coscienza individuale di rafforzarsi, occorre che la gente impari a PENSARE a confrontarsi con gli altri in modo da poter trovare soluzioni ragionevoli, che possano essere condivise da sempre maggior persone.
Occorre che si possa dar forma ad una opinione pubblica “pensante” libera dal condizionamento dei media che con la loro propagandano di regime danno forma ad un opinione pubblica sotto ipnosi.

Citazione:
Ma quale è la via?


La via, ovviamente dal mio punto di vista, è evidenziate nel cartello che appare nel fermo immagine del video che apre l’articolo “L’essere umano come valore centrale” che, come ho detto prima, non va intesa come esaltazione dell’egoismo individuale, che è quello che stiamo vivendo.

La via è che ognuno di noi faccia una bella autoanalisi, cercando di comprendere quanto la scala dei valori che sta seguendo gli appartiene e quanto invece gli viene imposta da un sistema ipnotico che fa di tutto per mantenere la separazione e la contrapposizione tra gli individui rafforzando l’ego individuale e il suo desiderio insaziabile di possedere cose e persone.

“Capire … significa trasformare quello che è"
Al2012
Inviato: 13/6/2011 1:02  Aggiornato: 13/6/2011 1:02
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
@ maurixio

Ho precedentemente segnalato un link
(Toma la calle) che penso risalga al 27 maggio e riguarda la manifestazione di Madrid.

In questo articolo puoi trovare il manifesto degli indignados ed alcune proposte che questa volta copio e incollo per dare maggiore visibilità …

Spero comunque tu possa inviare quello che hai raccolto tu direttamente e magari più aggiornato alla situazione attuale.

Ciao ---

(…)
Il manifesto degli 'Indignati' spagnoli

Noi siamo gente comune. Siamo come te: gente che si alza ogni mattina per studiare, per lavorare o per trovare lavoro, gente che ha famiglia e amici. Gente che lavora duramente ogni giorno per vivere e dare un futuro migliore a chi ci circonda.
Alcuni di noi si considerano più progressisti, altri più conservatori. Alcuni credenti, altri no.
Alcuni di noi hanno un’ideologia ben definita, alcuni si definiscono apolitici…
Ma tutti siamo preoccupati e indignati per il panorama politico, economico e sociale che vediamo intorno a noi. Per la corruzione di politici, imprenditori, banchieri …
Per il senso di impotenza del cittadino comune.
Questa situazione fa male a tutti noi ogni giorno. Ma se tutti ci uniamo, possiamo cambiarla.
È tempo di muoversi, è ora costruire insieme una società migliore.
Perciò sosteniamo fermamente quanto segue:

Le priorità di qualsiasi società avanzata devono essere l’uguaglianza, il progresso, la solidarietà, la libertà di accesso alla cultura, la sostenibilità ecologica e lo sviluppo, il benessere e la felicità delle persone.

Ci sono diritti fondamentali che dovrebbero essere al sicuro in queste società: il diritto alla casa, al lavoro, alla cultura, alla salute, all’istruzione, alla partecipazione politica, al libero sviluppo personale, e il diritto di consumare i beni necessari a una vita sana e felice.

L’attuale funzionamento del nostro sistema economico e di governo non riesce ad affrontare queste priorità e costituisce un ostacolo al progresso dell’umanità.

La democrazia parte dal popolo (demos = popolo, cràtos = potere) in modo che il potere debba essere del popolo. Tuttavia in questo paese la maggior parte della classe politica nemmeno ci ascolta. Le sue funzioni dovrebbero consistere nel portare la nostra voce alle istituzioni, facilitando la partecipazione politica dei cittadini attraverso canali diretti e procurando i maggiori benefici alla società in generale, non per arricchirsi e prosperare a nostre spese, mentre si dà cura solo dei dettami dei grandi poteri economici e si aggrappa al potere attraverso una dittatura partitocratica capeggiata dalle inamovibili sigle del partito unico bipartitico del PPSOE.

L’ansia e l’accumulazione di potere in poche mani crea disuguaglianza, tensione e ingiustizia, il che porta alla violenza, che noi respingiamo. L’obsoleto e innaturale modello economico vigente blocca la macchina sociale in una spirale che si consuma in se stessa arricchendo i pochi e precipitando nella povertà e nella scarsità il resto. Fino al crollo.

La volontà e lo scopo del sistema è l’accumulazione del denaro, che ha la precedenza sull’efficienza e il benessere della società. Sprecando intanto le risorse, distruggendo il pianeta, creando disoccupazione e consumatori infelici.

I cittadini fanno parte dell’ingranaggio di una macchina destinata ad arricchire una minoranza che non sa nulla dei nostri bisogni. Siamo anonimi, ma senza di noi tutto questo non esisterebbe, perché noi muoviamo il mondo.

Se come società impariamo a non affidare il nostro futuro a un’astratta redditività economica che non si converte mai in un vantaggio della maggioranza, saremo in grado di eliminare gli abusi e le carenze di cui tutti soffriamo.

È necessaria una Rivoluzione Etica. Abbiamo messo il denaro al di sopra dell’Essere umano mentre dovremo metterlo al nostro servizio. Siamo persone, non prodotti sul mercato. Io non sono solo quel che compro, perché lo compro e a chi lo compro.

Per tutto quanto sopra, io sono indignato.
Credo di poterlo cambiare.
Credo di poter aiutare.
So che insieme possiamo.
Esci con noi. È un tuo diritto.

Le proposte degli 'Indignati' spagnoli

Eliminazione dei privilegi della classe politica:

Stretto controllo sull'assenteismo. Istituzioni di sanzioni specifiche per chi non onori le proprie funzioni pubbliche.

Eliminazione dei privilegi nel pagamento delle tasse, nel conteggio dei contributi lavorativi e nel calcolo degli anni per ottenere la pensione. Equiparazione dello stipendio degli eletti al salario medio spagnolo con la sola aggiunta dei rimborsi indispensabili all'esercizio delle funzioni pubbliche.

Eliminazione dell'immunità associata all'incarico. I delitti di corruzione non prescrivono.

Pubblicazione obbligatoria del patrimonio di chiunque ricopra incarichi pubblici.

Riduzione degli incarichi "a chiamata diretta".

Contro la disoccupazione:
Ridistribuzione del lavoro stimolando la riduzione della giornata lavorativa e la contrattazione fino ad abbattere la disoccupazione strutturale (sarebbe a dire raggiungere un tasso di disoccupazione inferiore al 5%)

In pensione ai 65 anni e nessun aumento dell'età pensionabile fino all'eliminazione della disoccupazione giovanile.

Vantaggi per le imprese con meno del 10% di contratti a tempo.

Sicurezza nel lavoro: divieto del licenziamento collettivi o per cause oggettive nelle grandi imprese che non siano in deficit, controlli fiscali alle grandi imprese per evitare il lavoro a tempo determinato quando invece potrebbero assumere a tempo indeterminato.

Reintroduzione dell'aiuto di 426 euro a persona/mese per i disoccupati storici.

Diritto alla casa:
Esproprio statale delle case costruite in forma massiva e che non siano state vendute: diventeranno case popolari.

Aiuti per l'affitto ai giovani e a chiunque si incontri in condizioni di bassa disponibilità economica.

Si permetta, in caso di impossibilità nel pagare l'ipoteca, la sola riconsegna della casa.

Servizi pubblici di qualità:
Eliminazione delle spese inutili delle amministrazioni pubbliche e creazione di un organo indipendente di controllo dei bilanci e delle spese.

Assunzione di tutto il personale sanitario in attesa di assunzione.

Assunzione del personale in attesa nel settore dell'educazione per garantire un giusto rapporto alunni/insegnanti, e per assicurare i docenti per i gruppi di sdoppiamento delle classi e i docenti per i gruppi di appoggio (le classi con oltre 20 alunni devono essere sdoppiate)

Riduzione delle tasse universitarie ed equiparazione dei prezzi dei master a quelli della normale carriera universitaria.

Finanziamento pubblico alla ricerca per garantirne l'indipendenza

Trasporto pubblico poco costoso, di qualità ed eco-sostenibile: reintroduzione dei treni che ora vengono eliminati per far spazio all'alta velocità ed quindi dei relativi prezzi originari. Riduzione dei prezzi degli abbonamenti al trasporto pubblico, riduzione del traffico su gomma all'interno dei centri urbani, costruzione di piste ciclabili.

Servizi sociali locali: applicazione definitiva della Ley de Dependencia (assistenza alle persone dipendenti, per malattia o vecchiaia), istituzioni delle reti di assistenza locali e municipali e dei servizi locali di mediazione e tutela.

Controllo delle banche:
Divieto di qualsiasi tipo di salvataggio o iniezione di capitale pubblico. Le banche in difficoltà dovranno fallire o essere nazionalizzate per tramutarsi in banche pubbliche sotto controllo sociale.

Aumento della tassazione alle banche in forma proporzionale alla spesa sociale provocata a conseguenza della cattiva gestione finanziaria.

Restituzione alle finanze pubbliche dei prestiti statali concessi nel tempo.

Le banche spagnole non possono investire nei paradisi fiscali.

Sanzioni nei casi di cattiva prassi bancaria e di speculazione.

Fisco:
Aumento delle imposte sui grandi capitali e le entità bancarie.

Eliminazione del Sicav (società d'investimento a capitale variabile)

Reintroduzione della tassa sul patrimonio.

Controllo reale ed effettivo sulle frodi fiscali e sulla fuga di patrimoni verso i paradisi fiscali.
Proporre la "Tobin Tax" a livello internazionale.

Libertà civili e democrazia partecipativa:
No al controllo di Internet. Abolizione della legge Sinde (che disciplina diversi aspetti del diritto d'autore in Rete e del peer to peer)

Protezione della libertà d'informazione e del giornalismo d'investigazione.

Istituzione di referendum obbligatori e vincolanti per questioni di grande importanza e che modificano le condizioni generali di vita dei cittadini.

Istituzione di referendum obbligatori prima dell'introduzione e l'applicazione delle norme europee.

Modifica della legge elettorale per garantire un sistema veramente rappresentativo e proporzionale e che non discrimini nessunn partito politico nè volontà popolare, una nuova legge elettorale che veda rappresentati anche i voti in bianco o quelli nulli.

Indipendenza del Potere Giudiziario: riforma del Ministero della Giustizia per garantirne l'indipendenza, il Potere Esecutivo non potrà nominare membri del Tribunale Costituzionale o del Consiglio Generale del Potere Giuridico (il CSM italiano).

Presenza di meccanismi effettivi che garantiscano democrazia interna ai partiti politici.

Riduzione delle spese militari.

“Capire … significa trasformare quello che è"
epicureo99
Inviato: 13/6/2011 21:27  Aggiornato: 13/6/2011 21:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/1/2005
Da: Bonastre
Inviati: 150
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Credo di sí!!!!
Si tratta proprio di Amore!!!!!!

E il movimento cresce dove deve crescere.....nei quartieri!!!
Cosí che sia in grado di coinvolgere sempre piú persone!

E domani notte accamperemo davanti al parlamento per non lasciarli entrare mercoledí mattina quando vorrebbero approvare tagli a tutto il settore del welfare.....tagli che era stato detto non sarebbero stati fatti solo 4-5 mesi fa in campagna elettorale e che si vogliono fare con una una sola votazione che andrebbe a modificare 90 leggi.....

Sicuramente caricheranno......e sicuramente perderanno la faccia!!!!

No pasaran!!!!

Peró date risonanza alla cosa!!!!!!!

Aiutiamoci!!!!!!!

Cuando la violencia es esclusiva del estado, tod@s somos terroristas
Al2012
Inviato: 13/6/2011 21:55  Aggiornato: 13/6/2011 21:56
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
No pasaran!!!!

Peró date risonanza alla cosa!!!!!!!

Aiutiamoci!!!!!!!



Grazie per le informazioni !!!

Continua se puoi .....

Ciao / Hola !!!

“Capire … significa trasformare quello che è"
maurixio
Inviato: 14/6/2011 9:55  Aggiornato: 14/6/2011 9:55
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/4/2007
Da:
Inviati: 333
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Esatto AL2012...mi hai risparmiato una faticaccia. grazie
ora visto che sono a barcellona faccio un giro nell'accampamento provo ad incontrare pensoso99.
ciao

maurixio
Inviato: 14/6/2011 9:56  Aggiornato: 14/6/2011 9:56
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/4/2007
Da:
Inviati: 333
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
...volevo dire...epicureo99.

epicureo99
Inviato: 17/6/2011 0:53  Aggiornato: 17/6/2011 0:53
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/1/2005
Da: Bonastre
Inviati: 150
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Io aggiorno nel caso che qualcuno segua ancora il tema...

Il neo eletto presidente della generalitat di catalunya, Artur Mas (destra catalanista), vuole far passare con una sola legge detta Omnibus provvedimenti che vanno a modificare piú di 80 leggi con la solita sfilza di privatizzazioni, tagli a educazione e sanitá (tra le quali spiccano l'uso delle strutture pubbliche da parte delle mutue private e la privatizzazione di interi piani degli ospedali).
Una nota a parte la meritano anche l'apertura di tutti i cammini forestali a moto da cross e quad e l'eliminazione dalla lista delle spiecie protette dalla caccia di una decina di uccelli passate come misure d'urgenza per la produttivitá di catalunya.

Per questo abbiamo cercato di circondare il parlamento e di chiudere il passo ai parlamentari per non permettergli di cominciare l'iter di questa legge che dovrebbe essere approvata in una ventina di giorni.
C'é da sapere che il parlamento di catalunya sta dentro un parco (della ciutadela per la precisione) recintato e anche se era nelle nostre intenzioni entrare dal giorno prima per accampare la notte la polizia ha sgomberato e chiuso il parco dalla mattina precedente.
Questo ha reso molto difficile circondare il parco perché di notevoli dimensioni

Non so che notizie siano arrivate in italia......peró al mattino la polizia si é aperto un varco a manganellate, ha protetto un corridoio a due delle entrate al parco proteggendo l'entrata dei disonorevoli che sono stati bombardati esclusivamente da urla e fischi dal movimento.
I pochi scontri sono stati provocati da agenti in borghese che sono stati individuati e poi scortati dai propri colleghi di ritorno nelle proprie file come documentato in questo video che "stranamente" ogni 5 minuti viene censurato per poi essere rimesso in rete da qualcuno del movimento http://www.youtube.com/watch?v=YcmvzRvsf8g&feature=youtu.be oppure http://www.megaupload.com/?d=5PH8MN5R nel caso fosse censurato su youtube.
C'é stato anche un alzamento degli animi a una chiusura delle porte peró prontamente gli infuocati che cominciavano a rispondere alle provocazioni della polizia sono stati fermati e allontanati dal movimento stesso (testimone oculare e video: http://www.youtube.com/watch?v=IgPYrs4kFKc&feature=share

Sono stato anche testimone oculare di 3 arresti completamente aleatori e ingiustificati con polizia che sono venuti in gruppi di 3 a prelevarci da seduti e portarci via.......disgustoso....

Peró si é avverata la profezia di beppe grillo!!!! Mas e altri sono dovuti entrare ed uscire in elicottero!!!!
E la mia sensazione quando ci spostiamo da una parte all'altra tagliando la circolazione é di tenere molto appoggio da parte della gente che guarda dalle finestre e c'é sempre piú gente che risponde positivamente al grido di "No nos mires, Unete!" nonostante i mezzi d'informazione.

Il 19 saremo di nuovo in strada e vedremo l'effetto che fa tutta questa disinformazione contrastata dalla nostra informazione!!!

Cuando la violencia es esclusiva del estado, tod@s somos terroristas
lysmata
Inviato: 17/6/2011 11:30  Aggiornato: 17/6/2011 11:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/3/2011
Da:
Inviati: 286
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Il metodo cossiga continua a far proseliti, anche in Spagna.

http://www.youtube.com/watch?v=28sfx5NkTBg

Lavorare deve essere veramente uno schifo, se per convincerti a farlo ti devono pagare.
Al2012
Inviato: 1/7/2011 15:55  Aggiornato: 1/7/2011 15:55
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Spagna: il "Movimiento 15M"
Segnalo questo articolo che merita di essere letto ….


“Vamos lentos porque vamos lejos”
“Andiamo piano perché andiamo lontano”

LINK

Intervista a Antonio Tanese, attivista del movimento Democracia Real Ya a cura di Eva Milan* e Patrizia Viglino* - Megachip

“Capire … significa trasformare quello che è"

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA