Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


opinione : Il popolo dei pacifinti
Inviato da Redazione il 26/3/2011 21:10:00 (7245 letture)

di Marco Cedolin

Siamo in guerra ormai da una settimana, ma dai balconi delle case italiane, anzichè le bandiere arcobaleno della pace continuano a garrire i tricolori di quella patria, riscoperta anche da tanta sinistra, proprio nel momento del suo totale asservimento al padrone a stelle e strisce ed ai suoi vassalli di Bruxelles.

Il popolo dei pacifinti, presente in massa nelle piazze e nelle strade qualche anno fa durante l'invasione dell' Iraq, quando lottare contro la guerra era esercizio prodromico alla conquista di facili consensi elettorali ed ambite poltrone "che contano" sembra essersi dissolto senza lasciare traccia ed i pochi aneliti di contestazione passano perlopiù inosservati, poichè privati della sponsorizzazione di quei partiti e quelle organizzazioni che dal dopoguerra in poi gestiscono "le piazze" a proprio piacimento.

Diventa impossibile non domandarsi dove siano finite le 150.000 persone con le quali il 18 febbraio 2007 ho condiviso la manifestazione oceanica di Vicenza contro la costruzione della nuova base militare americana Dal Molin. A rigore di logica chi si oppone con fervore alla costruzione di una base militare dovrebbe manifestarsi ben più indignato di fronte all'entrata in guerra del suo paese, ma evidentemente in questi giorni, di logica in giro se ne ravvisa davvero pochina.

Così come diventa diventa impossibile comprendere che fine abbia fatto il popolo cattolico …

… delle marce della pace Perugia-Assisi, dal momento che il mondo cattolico in questi giorni di guerra ha finora manifestato solo inanità e desistenza, in perfetta sintonia con l'assoluto disinteresse espresso dai suoi vertici, nei confronti dell'aggressione armata a Tripoli.

E altrettanto ostica si rivela la ricerca degli strenui difensori della Costituzione, che quasi settimanalmente organizzano qualche marcetta, presidio, manifestazione, protesta di piazza, ma inspiegabilmente sembrano essere caduti vittima di una dissolvenza di fronte alla palese violazione dell'art 11, che in quanto estimatori della nostra carta costituzionale dovrebbero conoscere molto bene.

Se il pacifismo e l'impegno di quelle forze politiche e sociali che per puro utilitarismo, della pace avevano fatto la propria bandiera, latitano e sembrano incapaci di proporre una qualche reazione degna di questo nome, la propaganda di guerra è invece ben presente, grazie all'impegno di una nutrita schiera di giornalisti prezzolati, animali politici di ventura ed opinionisti militari d'accatto che non mancano mai quando s'invade in armi qualche stato sovrano.

Gli inviati della TV sono come sempre embedded da una parte sola, che naturalmente è quella degli "eroici" insorti affamati di democrazia, e raccontano una pseudo realtà unilaterale che potremmo chiamare quella di Bengasi, della CNN, di Al Jazeera, della Nato e dei militari. Gheddafi ha già ucciso più di ottomila civili, bisogna fermare le sue stragi ed aiutare "gli eroi" che nonostante le bombe del dittatore stanno pian piano riconquistando tutto quel paese il cui controllo spetta loro di diritto.

I missili e le bombe degli alleati impegnati nell'operazione Odissea all'alba (sarebbe stato più onesto chiamarla "Siamo in 20 energumeni che picchiano a sangue un bimbo dell'asilo ma ci piace così") sono buoni, come lo sono gli animi degli alleati stessi. Distruggono le postazioni radar, ma anche i blindati e le jeep dell'esercito libico, ma anche le strutture aeroportuali, molte case di civile abitazione e perfino qualche ospedale. Dentro agli automezzi non ci sono uomini, così come non ci sono uomini negli aeroporti, nei porti, nelle costruzioni civili e neppure negli ospedali. Al più ci sono criminali al soldo di Gheddafi, scudi umani e malati immaginari, ai quali lo status di essere umano è stato revocato di diritto dall'Onnipotente.

La TV ed i giornali di Gheddafi raccontano una storia diversa, fatta di morti ammazzati dai bombardamenti alleati, quartieri in fiamme e stragi di varia natura. Ma quella di Gheddafi è solo propaganda, costruita ad arte per creare disinformazione e mistificare la realtà.

Lo sappiamo bene noi giornalisti italiani ed occidentali che siamo tutti a Bengasi, embedded fra gli insorti, queli buoni, ed a Tripoli ci guardiamo bene da andare. A Tripoli ci sono i cattivi che sostengono Gheddafi e quando se ne vedono sfilare in piazza a migliaia siamo certi che si tratti di un barbatrucco del Rais. A Tripoli c'è un odio (naturalmente ingiustificato) nei confronti della stampa occidentale. E soprattutto a Tripoli cadono le bombe, quelle buone degli alleati, quelle che non fanno mai alcuna vittima fra i civili, perchè li trasformano in mercenari di Gheddafi e psicopatici sanguinari, sempre un istante prima di morire.

Marco Cedolin

http://ilcorrosivo.blogspot.com/
http://marcocedolin.blogspot.com/

Voto: 9.00 (4 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Nuit
Inviato: 26/3/2011 21:45  Aggiornato: 26/3/2011 22:33
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/9/2010
Da: Messina
Inviati: 346
 Re: Il popolo dei pacifinti
Mi sembra che questa guerra sia rivolta a noi e soprattutto all'Eni, è una guerra che va a confiscare le risorse naturali di un popolo in spregio ai suoi diritti sovrani!!! Un modo per mettere le mani sul gas, petrolio ed anche sull'oro, è infatti nei primi 30 paesi con maggiori riserve d'oro.
Non so che dire tutto queste sta succedendo sotto i ns occhi non lo stiamo leggendo sui libri di storia, (e magari commentare ma che scemi quei popoli non hanno fatto nulla), è esattamente come l'Afghanistan come l'Iraq... nulla è cambiato per quanto se ne possa parlare siamo sempre ad un punto fermo la storia recente non insegna niente....siamo sempre governati da gente senza scrupoli presa dalla mania di potere o peggio ancora manovrata da non so chi!!! Sinistra e destra uquali sono, anzi Dalema ha sganciato pure le bombe!! Bombe di cui uno dei componenti è l'uranio impoverito e dicono di voler aiutare il popolo libico hanno invece messo le basi per sterminare anche le future generazioni !!!

p.s.: sono perfettamente daccordo con Marco, dove sono i pacifisti del mondo?!?

Paulo
Inviato: 26/3/2011 21:48  Aggiornato: 26/3/2011 21:48
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/12/2005
Da:
Inviati: 507
 Re: Il popolo dei pacifinti
In particolare mi chiedo dove sia la Magistratura, che la Costituzione la agita sempre, ma solo per proteggere i propri odiosi privilegi.

ivan
Inviato: 26/3/2011 22:15  Aggiornato: 26/3/2011 22:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: Il popolo dei pacifinti
Figurarsi se la colpa ancora una volta non è dei pacifisti, "dove sono adesso ? " e giu' con termini tipo "pacifinti" et similia .

Un link in merito che avevo già proposto in un 3ad di là : link articolo J. Fo .

Non ho capito poi dove sta il problema ad esporre la bandiera della propria patria, patria che è di tutti, non di una parte .

Trovo certi spunti inutilmente corrosivi. La corrosione va bene solo se toglie un pò di ruggine.

edit


Le cose nel tempo cambiano, "del doman non c'è certezza" diceva il poeta :

link titoli quotidiani

alexfaro
Inviato: 26/3/2011 22:18  Aggiornato: 26/3/2011 22:18
So tutto
Iscritto: 2/12/2008
Da: bologna
Inviati: 21
 Re: Il popolo dei pacifinti
sono perfettamente d'accordo con l'articolo postato da Marco Cedolin

alexfaro
ivan
Inviato: 26/3/2011 22:21  Aggiornato: 26/3/2011 22:21
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: Il popolo dei pacifinti
Io no .

peonia
Inviato: 26/3/2011 22:29  Aggiornato: 26/3/2011 22:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Il popolo dei pacifinti
Anche io sono d'accordo con Marco, e mi chiedo come non si possa esserlo.
Eravamo nel 2003 centinaia di milioni contro la guerra in Iraq e ora che veramente non se ne è capito il motivo, anzi forse si è capito, ma non è ufficiale, tutti zitti....
e l'amor patrio è una bella scusa....siamo tutti italiani solo per il calcio, in genere...

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=8108

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
tommasso
Inviato: 26/3/2011 22:31  Aggiornato: 26/3/2011 22:31
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/5/2006
Da: ZENA
Inviati: 722
 Re: Il popolo dei pacifinti
2 aprile, manifestazione per la pace indetta da Emergency: http://www.emergency.it/index.html a cui aderisce anche il tanto "controllato" Popolo viola.

Non mi sembra che siano "pacifinti"

salud!

"I nostri nemici sono creativi e pieni di risorse, e lo siamo anche noi. Loro non smettono mai di pensare a nuovi modi per danneggiare il nostro paese e la nostra gente, e nemmeno noi." 5 agosto 2004 G.W.Bush
peonia
Inviato: 26/3/2011 22:43  Aggiornato: 26/3/2011 22:44
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Il popolo dei pacifinti
Beh era ora, un po' tardivo ma meglio tardi che mai, ci voleva Strada per indirla!

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
phobos
Inviato: 26/3/2011 23:05  Aggiornato: 26/3/2011 23:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/9/2006
Da:
Inviati: 224
 Re: Il popolo dei pacifinti
Ma che c'entra l'Iraq con la Libia?

Nel caso dell'Iraq sono stati gli USA a scatenare unilateralmente una "guerra di occupazione" (come l'ha definita Bush) per impadronirsi del petrolio; nel caso della Libia c'è un pazzo furioso che sta massacrando il suo stesso popolo ridotto alla fame e alla miseria mentre i proventi del petrolio vanno a finire nei vari paradisi fiscali.

E' stato il popolo libico a chiedere l'intervento armato; non vedo che relazione ci possa essere con l'Iraq.

peonia
Inviato: 26/3/2011 23:09  Aggiornato: 26/3/2011 23:09
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Il popolo dei pacifinti

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
mike57
Inviato: 26/3/2011 23:13  Aggiornato: 26/3/2011 23:13
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/3/2008
Da: savoia di lucania
Inviati: 90
 Re: Il popolo dei pacifinti
Dulosi & Usurpazione
l fenomeno della dulosi, o parassitismo sociale, è comune nelle specie del genere Polyergus e in alcune di quelle appartenenti ai generi Lasius, Aphaenogaster e Formica. Nelle colonie di queste specie, le operaie usano invadere i nidi di colonie limitrofe, spesso appartenenti a specie particolari, per rubare le larve e trasportarle al proprio nido. Queste poi, vengono allevate ed entrano a far parte della colonia come operaie schiavizzate, dando così vita a una società eterogenea. Una volta acquistato l'odore della colonia schiavista, le operaie schiavizzate le rimangono "fedeli". Fra le specie di formiche che compiono la dulosi, si distinguono schiaviste obbligate (che non possono nutrirsi da sole e devono ricorrere alle operaie di altre specie), e schiaviste facoltative (che compiono il parassitismo sociale solamente per incrementare la popolazione delle operaie nella propria colonia). Un esempio - l'unico - di formiche schiaviste obbligate sono le specie appartenenti al genere Polyergus. Le femmine alate di una specie schiavista obbligata formano nuove colonie introducendosi nei nidi di altre specie e uccidendo la regina. Poi, le femmine prendono il suo posto e assumono il suo odore cospargendosi con le sue membra, in modo da non essere riconosciute dalle operaie come intruse. Esse cominciano così a deporre le uova, e a sostituire la popolazione operaia della vecchia colonia con gli esemplari della propria specie.
Le formiche sono insetti territoriali e particolarmente aggressivi. Nelle colonie di Myrmecia, le operaie usano uccidersi fra loro per il dominio del territorio controllato dalla propria colonia. Le formiche compiono inoltre guerre fra colonie o specie diverse. Esse, infatti, sono alcuni dei pochi animali che, come l'uomo, fanno la guerra fra loro. Le formiche di una stessa colonia si riconoscono grazie all'odore, e uccidono gli esemplari delle colonie limitrofe per eliminare la concorrenza nella raccolta del cibo o nel dominio del territorio.

superanima
Inviato: 27/3/2011 8:19  Aggiornato: 27/3/2011 8:19
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/8/2007
Da:
Inviati: 300
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
nel caso della Libia c'è un pazzo furioso che sta massacrando il suo stesso popolo ridotto alla fame e alla miseria mentre i proventi del petrolio vanno a finire nei vari paradisi fiscali.


Il popolo libico è tutt'altro che ridotto alla miseria ed alla fame; anche in questo conflitto è evidente che la informazione di regime ha il solo scopo di costruire l'opinione dei popoli tramite un immaginario artificiale. Il solo ed unico scopo della guerra è economico.

vedi anche l'interessantissimo MA QUALE GHEDDAFI SARKO' HA DICHIARATO GUERRA ALL' ITALIA

incredulo
Inviato: 27/3/2011 8:32  Aggiornato: 27/3/2011 8:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione: phobos

nel caso della Libia c'è un pazzo furioso che sta massacrando il suo stesso popolo ridotto alla fame e alla miseria mentre i proventi del petrolio vanno a finire nei vari paradisi fiscali.

E questo come lo sai amico?

Te lo dice la tv o cosa?

Hai esperienze personali in Libia?

Hai amici libici che te lo confermano?

Hai notizie che non conosco e se si', potresti linkarmele?

Perche' a me risulta proprio l'opposto.

Un saluto

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
Santro
Inviato: 27/3/2011 8:48  Aggiornato: 27/3/2011 8:48
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/11/2005
Da:
Inviati: 748
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
nel caso della Libia c'è un pazzo furioso che sta massacrando il suo stesso popolo ridotto alla fame e alla miseria mentre i proventi del petrolio vanno a finire nei vari paradisi fiscali.


Infatti l'italia era invasa da libici "miseri e affamati", prima dello scoppio di questo schifo, mentre la Libia non era il paese col reddito procapite più alto del continente e meta di migliaia di migranti dai paesi limitrofi dove potevano trovare pane e lavoro, no!

Non capisco chi ha la possibilità di informarsi in modo imparziale con internet e ancora scrive delle boiate del genere.... PUAH!!

ETERNAL SALVATION
(or triple your money back)
martin
Inviato: 27/3/2011 9:10  Aggiornato: 27/3/2011 9:10
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/7/2007
Da: Montpellier
Inviati: 144
 Re: Il popolo dei pacifinti
Penso che più che prendersela con i pacifisti veri, Cedolin voglia mettere l'accento su come la mobilitazione nelle grandi manifestazioni pacifiste sia l'effetto della propaganda politica interna.

Se oggi gli esponenti della destra destra antiberlusconiana, gente del calibro di D'Alema o Napolitano, così come i mass media della stessa destra ("La Repubblica" in prima fila con Vincenzo Nigro nel ruolo del "nostro uomo a Tripoli") dicono che la guerra va fatta, i pacifisti veri si conteranno in piccoli numeri.
Ovviamente si tratta di un puro calcolo politico, per poter attaccare la destra berlusconiana che è oggettivamente in difficoltà sul proprio posizionamento nell'aggressione alla Libia.

martin
Inviato: 27/3/2011 9:17  Aggiornato: 27/3/2011 9:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/7/2007
Da: Montpellier
Inviati: 144
 Re: Il popolo dei pacifinti
Ma come è possibile credere ancora alla inverosimile propaganda dei ribelli...

Siamo partiti coi 10.000 morti sui titoloni de "La Repubblica" e i bombardamenti degli aerei sui pacifici manifestanti (puntualmente rivelatisi mansueti bovidi che pascolano nei pressi di corsi d'acqua... bufale, insomma), per poi raccontare di fosse comuni immaginarie e cattivissimi mercenari.

De morti fatti dai ribelli durante la Marcia su Tripoli non se ne è mai parlato, invece.

Guarda qui uno dei possibili futuri Quisling della nuova Libia che i Francesi stanno mettendo in piedi :

http://it.peacereporter.net/articolo/27574/Il+possibile+successore+di+Gheddafi

Paulo
Inviato: 27/3/2011 9:37  Aggiornato: 27/3/2011 9:37
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/12/2005
Da:
Inviati: 507
 Re: Il popolo dei pacifinti
Condivido l'articolo di Marco Cedolin, non credo ai pacifinti, non credo ad "ivan", non credo a quanto afferma "phobos".

baciccio
Inviato: 27/3/2011 10:56  Aggiornato: 27/3/2011 11:07
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/1/2006
Da: Genova
Inviati: 536
 Re: Il popolo dei pacifinti
Il caso, artatamente creato dai francesi, della guerra alla Libia, è sotto i nostri impotenti occhi.
Il collasso dell'autorità del legittimo governo libico conduce all'invasione dell'Italia da parte di moltitudini di uomini che nella clandestinità trovano l'occasione della loro vita.
I politici italiani e le autorità religiose,sindacali e quant'atri abbiano voce sui media, complici della dissoluzione della nostra nazione, hanno stabilito che tutti i fuggitivi dall'Africa debbano fregiarsi del titolo di "profugo", con tutto ciò che ne consegue. Una colossale mistificazione dei pochi ai danni di tutto il popolo italiano.

http://www.youtube.com/watch?v=nFN14FeGVzk&feature=related

Posto a seguire alcune risultanze in base alle quali è riconosciuta la qualifica di
"profugo" così come era nel sentire comune sino a qualche giorno fa'.


Profughi ed equiparati

1. Riconoscimento della qualifica di profugo
2. Indennità di sistemazione e contributo alloggiativo
1. Riconoscimento della qualifica di profugo

La Prefettura-U.T.G. riceve ed istruisce le domande per il riconoscimento della qualifica di profugo. Il decreto di riconoscimento della qualifica di “profugo”, emesso dal Prefetto, consente agli interessati di usufruire dei benefici giuridici ed economici previsti dalla legislazione vigente.
La Prefettura-U.T.G. che ha emesso il decreto rilascia anche gli attestati di riconoscimento della qualifica di profugo
Chi può fare la richiesta

I cittadini italiani e i loro familiari a carico, possono presentare domanda per ottenere il riconoscimento della qualifica di profugo ove in possesso dei presupposti previsti dall’art. 2 della legge 26 dicembre 1981, n. 763

Presupposti della qualifica di profugo:

1. Sono considerati profughi della Libia, Eritrea, Etiopia, Somalia i cittadini italiani, già residenti prima del 10 febbraio 1947 nei predetti territori, che:
a) siano rimpatriati per motivi inerenti allo stato di guerra;
b) trovandosi in Italia, siano stati nella impossibilità di fare ritorno alla propria residenza per motivi inerenti allo stato di guerra od in conseguenza di situazioni causate dalla guerra od di avvenimenti politici determinatisi in quei territori;
c) siano rimpatriati successivamente allo stato di guerra o in conseguenza di situazioni determinatesi in quei territori in dipendenza della guerra o di avvenimenti politici.
2. sono considerati profughi dai territori sui quali è cessata la sovranità dello Stato italiano i cittadini italiani, residenti prima del 10 febbraio 1947 nei territori dai quali siano stati costretti ad allontanarsi o nei quali non abbiano potuto fare ritorno, in conseguenza di avvenimenti di carattere bellico o politico. Sono considerati profughi anche i cittadini italiani sopra indicati che si siano trasferiti o trattenuti in territori sui quali la sovranità dello stato italiana sia stata ripristinata prima dell'entrata in vigore della legge 763/81.
3. sono considerati profughi dai territori esteri in seguito agli eventi bellici i cittadini italiani che siano rimpatriati dall'estero in dipendenza della guerra o non abbiano potuto fare ritorno alla loro residenza per cause comunque determinate da avvenimenti di carattere bellico o politico.
4. sono considerati profughi da territori esteri rimpatriati per stato di necessità al rimpatrio, i cittadini italiani che siano rimpatriati dai paesi esteri o trovandosi in italia non possano farvi ritorno, a causa di situazioni di carattere eccezionale ivi determinatesi e riconosciute con formale provvedimento dichiarativo dello stato di necessità al rimpatrio.
5. sono considerati profughi i figli di profughi nati nei territori di provenienza o nati in Italia entro trecento giorni dalla partenza definitiva della madre dal paese di provenienza, purché profugo sia il genitore esercente la patria potestà.

Il riconoscimento tardivo “ora per allora” può essere richiesto da coloro che, all’epoca del rimpatrio, si trovavano nelle condizioni di fatto per ottenere la qualifica in quanto assistiti come profughi ovvero da coloro che erano minori di età e non sono stati inseriti nel decreto di concessione della qualifica rilasciato ai genitori.
Possono altresì presentare domanda di riconoscimento della qualifica di profugo i cittadini italiani e i familiari a loro carico, residenti in qualsiasi paese estero, rimpatriati a seguito dell'esistenza dello stato di necessità al rimpatrio, dichiarato con decreto del Ministro degli Affari Esteri di concerto con i Ministri dell'Interno e del Tesoro.
Cosa fare

Domanda, in carta libera, indirizzata alla Prefettura-U.T.G. nella cui circoscrizione è avvenuto il rimpatrio o a quella del luogo dove l’interessato dichiara di stabilire la propria residenza.
Documentazione richiesta

1) Domanda, in carta semplice
(scarica la modulistica)
2) Attestato di rimpatrio rilasciato dalle Autorità diplomatiche italiane dello Stato di provenienza
3) Attestato di bisogno rilasciato dalle Autorità diplomatiche italiane dello Stato di provenienza (autocertificabile con dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà)
4) Dichiarazione sostitutiva di certificazione, sottoscritta dall’interessato, attestante il luogo e la decorrenza dell’attuale residenza in Italia e lo stato di famiglia ovvero la relativa certificazione
2) Indennità di sistemazione e contributo alloggiativo

Ai profughi che versano in uno stato di bisogno, espressamente dichiarato dall’autorità consolare o diplomatica italiana per le condizioni economiche dell’interessato nel paese di provenienza e accertato dal Ministero dell’Interno per le condizioni economiche dell’interessato nel territorio della Repubblica, spetta un’indennità di sistemazione e gli ulteriori benefici previsti dalla norma.
I benefici possono essere concessi ai profughi che all’atto del rimpatrio autocertificano, sotto la propria responsabilità, di versare in stato di bisogno.
Chi può fare la richiesta

Coloro i quali hanno ottenuto il decreto di riconoscimento della qualifica di profugo
Cosa fare

Domanda, in carta libera, indirizzata alla Prefettura-U.T.G. nella cui circoscrizione è avvenuto il rimpatrio o a quella del luogo dove l’interessato dichiara di stabilire la propria residenza.
L’indennità non è dovuta nel caso in cui la residenza in Italia sia stata stabilita da oltre sei mesi dalla data di partenza dal paese di provenienza.
L’indennità di sistemazione e il contributo straordinario pro-capite giornaliero è concesso per un periodo massimo di sei mesi.
Nelle more della erogazione dell’indennità di sistemazione o del contributo straordinario, il Ministero dell’interno cura la prima sistemazione dei profughi sprovvisti dei mezzi di sostentamento.
Documentazione richiesta

1. Domanda, in carta semplice,
(scarica la modulistica)
2. Attestato di rimpatrio rilasciato dalle Autorità diplomatiche italiane dello Stato di provenienza
3. Attestato di bisogno rilasciato dalle Autorità diplomatiche italiane dello Stato di provenienza
4. Dichiarazione sostitutiva di certificazione, sottoscritta dall’interessato, attestante il luogo dell’attuale residenza in Italia ovvero la relativa certificazione
Riferimenti normativi

Circ. PCM Dica 2428/terza/19.10.6.1 del 15.3.2002
Legge 15 ottobre 1991 n. 344
Legge 26 dicembre 1981, n. 763

marvek
Inviato: 27/3/2011 12:08  Aggiornato: 27/3/2011 12:08
So tutto
Iscritto: 19/1/2009
Da:
Inviati: 30
 Re: Il popolo dei pacifinti
Non sono d'accordo con l'articolo di Cedolin.
Non sono certo guerrafondaio, anzi, però in Libia credo proprio che - a parte la motivazione "petrolifera", si dovesse proprio intervenire. Nulla a che fare con Iraq e Afghanistan.

Quelli che si sentono pacifisti sempre e comunque, dovrebbero leggersi - proprio perché si sentono tanto "giusti" e "spirituali", il celeberrimo dialogo della Bahagavad Gita, che si svolge fra Krishna e Arjuna. Dialogo nel quale Arjuna è sul campo di battaglia con uno dei due eserciti schierati pronti alla guerra, e Arjuna è tormentato, non vuole la guerra e oltre tutto dall'altra parte ci sono suoi parenti, e quindi vorrebbe lasciare, però capisce anche che è una guerra obbligata, ed è disperato... Allora Krishna gli fa capire che - in essenza in termini moderni - il vero pacifista non è chi si rifiuta di combattere, ma piuttosto colui che fa di tutto per evitare la guerra, ma poi se la guerra proprio è l'unico mezzo possibile, la fa, e che questo è un dovere dello Spirito. Chi ha orecchie per intendere, intenda (aggiungo io).

Quello di Gheddafi non era un governo legittimo, non lo è mai stato (ma c'è chi lo afferma), e male hanno fatto in nostri e altrui governanti a stipularci accordi, Gheddafi andava solo non riconosciuto ed espulso da ogni consesso internazionale. Ma così non è stato. Adesso poi che si era messo a "punire" i suoi contestatori semplicemente sterminandoli in massa nelle manifestazioni, non gliela si poteva far passare.

Molti diranno: e allora perché Gheddafi si, e la Cina no? Semplice, se si smettono i panni integralisti: perché la Cina scatenerebbe la 3a guerra mondiale nucleare. Ovvero, si fa quel che si può, dove e quando si può. E lo stesso vale per la Korea del Nord, o per altri inferni umani.

Che poi ad attaccare la Libia vi fossero grossi interessi, siamo d'accordo, ed è ovvio. Ma questo non deve cancellare il fatto che bisognava fermare Gheddafi.

Grazie per l'attenzione.

baciccio
Inviato: 27/3/2011 12:31  Aggiornato: 27/3/2011 12:31
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/1/2006
Da: Genova
Inviati: 536
 Re: Il popolo dei pacifinti
"Quello di Gheddafi non era un governo legittimo, non lo è mai stato (ma c'è chi lo afferma), e male hanno fatto in nostri e altrui governanti a stipularci accordi, Gheddafi andava solo non riconosciuto ed espulso da ogni consesso internazionale". Se così fosse, perchè la Libia ha rappresentanti riconosciuti all'Onu?

RiccardoG
Inviato: 27/3/2011 12:52  Aggiornato: 27/3/2011 12:52
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/1/2010
Da:
Inviati: 88
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Così come diventa diventa impossibile comprendere che fine abbia fatto il popolo cattolico …


Ci siamo adagiati sul benessere, senza capirne l'attuale inconsistenza.

Santro
Inviato: 27/3/2011 13:35  Aggiornato: 27/3/2011 13:35
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/11/2005
Da:
Inviati: 748
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Che poi ad attaccare la Libia vi fossero grossi interessi, siamo d'accordo, ed è ovvio. Ma questo non deve cancellare il fatto che bisognava fermare Gheddafi.

Fermare dal fare cosa?? Il bene del suo paese e del suo popolo?
Chi decide se Gheddafi è legittimo o no, Obama? Sarkozy? TU?? O forse si dovrebbe sentire il suo popolo cosa ne pensa?!
Ma quante cazzate ti bevi??
1
2
3

ETERNAL SALVATION
(or triple your money back)
NumberSix
Inviato: 27/3/2011 15:18  Aggiornato: 27/3/2011 15:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/1/2008
Da: Babylon
Inviati: 175
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Quello di Gheddafi non era un governo legittimo, non lo è mai stato (ma c'è chi lo afferma), e male hanno fatto in nostri e altrui governanti a stipularci accordi, Gheddafi andava solo non riconosciuto ed espulso da ogni consesso internazionale.


Questo lo hai deciso tu in base a quale parametro poi nessuno lo sa. In base a questo ragionamento non ce un solo governo legittimo al mondo.

Citazione:
Adesso poi che si era messo a "punire" i suoi contestatori semplicemente sterminandoli in massa nelle manifestazioni, non gliela si poteva far passare.


Non ho dubbi che i morti ci siano stati. Ma sono stra sicuro che non ci sia stato nessun sterminio di massa, come ci hanno voluto credere. Pura propaganda, stupido chi ci casca.

Citazione:
Molti diranno: e allora perché Gheddafi si, e la Cina no? Semplice, se si smettono i panni integralisti: perché la Cina scatenerebbe la 3a guerra mondiale nucleare. Ovvero, si fa quel che si può, dove e quando si può. E lo stesso vale per la Korea del Nord, o per altri inferni umani.


Si certo, i buoni che si affannano a portare la liberta, scherniti e insanguinati che liberano i popoli. Sveglia. La "rivoluzione" libica la stavano preparando da Novembre, hanno corrotto funzionari, mandato truppe speciali, addestrato gli insorti, fornito materiale e consulenza. Quando il momento era giusto - ovvero subito dopo Tunisia e Egitto - taaaaack scatta l'anelito di liberta'.
Ma perfavore. Quanto si puo essere ingenui? Di fronte a tutte le prove? Credo che qua stiamo assistendo a una sistematica rimozione dalla realta' al livello internazionale.

Citazione:
Che poi ad attaccare la Libia vi fossero grossi interessi, siamo d'accordo, ed è ovvio. Ma questo non deve cancellare il fatto che bisognava fermare Gheddafi.


Quindi due piccioni con una fava? Beh, visto che hai questa argomentazione cosi solida, rispondimi, dove sono i volenterosi in:

Bahrain
Yemen
Oman
Myanmar
Siria
Kurdistan

tanto per citarne solo una minima parte.

Poveri noi.

"Be the change that you want to see in the world." - Mohandas Gandhi
Nuit
Inviato: 27/3/2011 15:26  Aggiornato: 27/3/2011 15:26
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/9/2010
Da: Messina
Inviati: 346
 Re: Il popolo dei pacifinti
Anche se poi alla fine Gheddafi verrà ucciso questo non vorrà dire che la guerra è stata vinta si guardi all'Afghanistan e all'Iraq, tutto questo a voler essere ottimisti perche la Libia non è estranea agli attentati terroristici che si potrebbero materializzare nell'occidente!!

Rickard
Inviato: 27/3/2011 15:28  Aggiornato: 27/3/2011 15:43
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: Il popolo dei pacifinti
ivan
Citazione:
Non ho capito poi dove sta il problema ad esporre la bandiera della propria patria, patria che è di tutti, non di una parte .

Parla per te.

Il problema dei "pacifinti" è reale e sta nell'opportunismo del finto pacifismo usato solo come slogan politico.

Perché protestare contro la guerra in Iraq e non contro la guerra i Libia? Tutti e due i paesi erano/sono governati da dittatori brutti e cattivi che "opprimono" il popolo, no?

Non si può essere "contro la guerra" a targhe alterne. Se si è contrari alla guerra non si può ammettere l'esistenza di guerre giuste o necessarie o travestite da interventi umanitari. Da qui il termine "pacifinti".

E la Libia è molto più vicina a noi (per geografia e interessi) del lontano Iraq, però stranamente sembra che non freghi niente a nessuno, nonostante la evidente manipolazione propagandistica messa in atto per avere pretesti per la guerra (le finte fosse comuni, i finti bombardamenti sui civili ecc.).

Citazione:
Trovo certi spunti inutilmente corrosivi. La corrosione va bene solo se toglie un pò di ruggine.

Bhe, l'ipocrisia dei pacifinti la si può mettere tranquillamente nella categoria della "ruggine", o magari in quella delle "incrostazioni di merda". Farle sparire non può che essere un bene in ogni caso.

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
Nuit
Inviato: 27/3/2011 15:29  Aggiornato: 27/3/2011 15:29
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/9/2010
Da: Messina
Inviati: 346
 Re: Il popolo dei pacifinti
@Rickard
Condivido in toto!!

Freeman
Inviato: 27/3/2011 15:49  Aggiornato: 27/3/2011 16:09
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Molti diranno: e allora perché Gheddafi si, e la Cina no?

Beh, senza andare così (volutamente) lontano, ci sono lo Yemen e il Bahrein, dove manifestanti quelli sì pacifici e disarmati sono stati presi a fucilate dalla polizia, con centinaia di morti. Ma là il peloso umanistarismo occidentale non si è fatto vivo. Piuttosto, mi meraviglio di trovare in questo luogo tanta ingenuità, quando basta farsi due ricerche in rete per raccogliere centinaia di indizi sulla preparazione di questa guerra civile in Libia, che va avanti da diversi mesi (forze speciali britanniche ed egiziane, miliziani islamici, missioni "commerciali" francesi ogni mese, armi, munizioni e persino le bandiere fatte arrivare con gli "aiuti umanitari", omicidi mirati di capi-tribù fedeli a Gheddafi, ecc. ecc.).
E poi, se davvero l'obiettivo fosse stato quello di "proteggere la popolazione civile", i primi ad essere disarmati dovevano essere proprio i miliziani rivoltosi, che nei primi giorni si sono sfogati sui lavoratori stranieri presenti in Libia, mettendo in atto un vero e proprio pogrom: testimoni riferiscono di una "caccia al negro" messa in atto a Bengasi e dintorni, con centinaia di lavoratori immigrati uccisi sul posto senza motivo.
Qualcuno si ricorda delle immagini di lunghe file di immigrati ai confini con l'Egitto, nei primi giorni della "rivolta"? E nessuno si è chiesto il perché?

E già che ci siamo, se è vero che in Libia si stava così male, qualcuno mi spieghi come mai era il Paese africano con il maggior saldo immigratorio positivo, al punto che 1/5 della popolazione libica era costituita da immigrati, all'alba della "rivoluzione". Si parla di 1,5 milioni di lavoratori stranieri presenti in Libia, niente male per uno Stato "povero" dove i proventi del petrolio finiscono nei paradisi fiscali... è notorio, infatti, che gli immigrati si riversino in massa nei paesi poveri, dove non c'è lavoro e con un "feroce dittatore" al comando.

Un punto di vista interessante.

P.S.: in effetti il paragone con l'Irak non regge, ma tutti questi anni non sono passati invano, "loro" hanno perfezionato le tecniche di intervento nei paesi stranieri. Una guerra diretta è impopolare e molto costosa, nonché difficile da gestire sul piano delle pubbliche relazioni e della diplomazia, mentre i "disordini interni" sono molto più facili ed economici da fomentare e da gestire. Anche in Siria hanno attivato le loro quinte colonne, a quanto pare... solo in Iran gli è andata male finora. Finora.

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Stefo
Inviato: 27/3/2011 15:55  Aggiornato: 27/3/2011 15:55
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/2/2009
Da: Roma
Inviati: 324
 Re: Il popolo dei pacifinti
Il discorso è un po' più complesso di come lo fai tu, Rickard. Qui si tratta di capire se Gheddafi bombardava veramente le manifestazioni degli insorti con gli aerei o no. Non puoi equiparare questa situazione all'Iraq, non su questo sito almeno, sul quale tutte le magagne dell'11 settembre sono state messe a nudo. In Egitto, ad esempio, le insurrezioni non sono state represse con il sangue e le stragi. Ci sono quindi molti modi per affrontare questo tipo di situazione. In questo caso, è importante capire l'atteggiamento di Lega Araba e Unione Africana, perché sono queste organizzazioni a doversi ritagliare un ruolo più centrale adesso. Essere pacifisti non significa ignorare delle stragi, se queste stanno effettivamente avvenendo, soprattutto a due passi di casa tua. Il grave errore semmai è stato quello di sdoganare Gheddafi, un pazzo criminale (ricordiamoci ad esempio di Lockerbie).

Freeman
Inviato: 27/3/2011 16:08  Aggiornato: 27/3/2011 16:08
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Qui si tratta di capire se Gheddafi bombardava veramente le manifestazioni degli insorti con gli aerei o no.

No, qui si tratta di capire cosa c'è dietro realmente, cercando di raschiare forte sotto la patina della "informazione ufficiale", posto che alle mammolette dell'intervento umanitario non ci crede nessuno che sappia come va il mondo. Anche perché è ormai ben chiaro che ad armare e addestrare gli "insorti" siano state Francia e UK, che hanno letteralmente sfilato la Libia all'Italia, da sotto al naso.

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Edmondo
Inviato: 27/3/2011 16:12  Aggiornato: 27/3/2011 16:12
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/8/2010
Da: Un garage
Inviati: 149
 Re: Il popolo dei pacifinti
Per pura coincidenza ho visto oggi questo video interessante e la citazione finale mi ha fatto riflettere, il video in sé può anche essere un OT ma confido nella "buonafede" dei lettori di LC.
Ed.

http://www.youtube.com/watch?v=DpLvVI_KyLY

Quanto più ci innalziamo, tanto più piccoli sembriamo a quelli che non possono volare. Friedrich Nietzsche
incredulo
Inviato: 27/3/2011 16:16  Aggiornato: 27/3/2011 16:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:

Qui si tratta di capire se Gheddafi bombardava veramente le manifestazioni degli insorti con gli aerei o no.


Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
Rickard
Inviato: 27/3/2011 16:26  Aggiornato: 27/3/2011 16:26
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: Il popolo dei pacifinti
Stefo
Citazione:
Qui si tratta di capire se Gheddafi bombardava veramente le manifestazioni degli insorti con gli aerei o no.

La risposta è semplice: No.

Citazione:
Non puoi equiparare questa situazione all'Iraq, non su questo sito almeno, sul quale tutte le magagne dell'11 settembre sono state messe a nudo.

E non l'ho fatto. Ho detto che le fiumane di pacifisti ai tempi dell'Iraq (un paese certamente più lontano da noi della Libia in tutti i sensi) ora sono magicamente sparite e che questo non può non far pensare a un pacifismo d'accatto, a un opportunismo politico che usa grandi slogan e grandi principi morali solo per alimentare il proprio tristo teatrino.

Citazione:
Essere pacifisti non significa ignorare delle stragi, se queste stanno effettivamente avvenendo, soprattutto a due passi di casa tua.

Io sapevo che essere pacifisti significava essere contrari all'entrata in guerra dle proprio paese e alla guerra in generale, ma vabbé... magari anche qui è più complesso...

Riguardo alle stragi di civili perpetrate da Gheddafi, anche lì la risposta è semplice: Non stanno avvenendo.

In compenso ora avverranno di sicuro, con i bombardamenti umanitari e la conseguente frammentazione della Libia in perenne guerra civile fra tribù in conflitto.

Freeman
Citazione:
P.S.: in effetti il paragone con l'Irak non regge, ma tutti questi anni non sono passati invano, "loro" hanno perfezionato le tecniche di intervento nei paesi stranieri. Una guerra diretta è impopolare e molto costosa, nonché difficile da gestire sul piano delle pubbliche relazioni e della diplomazia, mentre i "disordini interni" sono molto più facili ed economici da fomentare e da gestire. Anche in Siria hanno attivato le loro quinte colonne, a quanto pare... solo in Iran gli è andata male finora. Finora.

Mha... io non la vedo tutta questa "perfezione", più che altro i polli dopo 22 anni non si sono ancora stancati della stessa brodaglia, che viene riproposta in modi sempre più pacchiani. Basti pensare agli sfondoni che hanno tirato fuori sulla Libia, alcuni così clamorosi da essersi guadagnati (timide) smentite persino su media mainstream (mi riferisco alle fosse comuni e ai 10.000 morti della repressione anti-rivoluzionaria). In ogni caso la partita è ancora tutta da giocare e non sarei così sicuro di dire che finirà a favore dei soliti noti. Credo che gli USA abbiamo voluto mordere un boccone troppo grosso per loro questa volta.

Anche se ovviamente comunque vada la Libia avrà perso. Ma avranno la loro bella democrazia d'accatto.

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
Stefo
Inviato: 27/3/2011 16:30  Aggiornato: 27/3/2011 16:35
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/2/2009
Da: Roma
Inviati: 324
 Re: Il popolo dei pacifinti
@ incredulo

...quindi mi sembra di capire che non ci credi. Visto il discorso di Gheddafi dal bunker, non ne sarei tanto sicuro. Il problema è che, allo stato attuale delle cose, non mi sembra tanto il caso di ostentare certezze, tranne quella evidente che la Francia voglia estendere la sua zona d'influenza alla Libia. Secondo voi perché la Lega Araba ha dato il suo assenso? Lo chiedo sinceramente, anche perché non è che io sia favorevole ai bombardamenti.

baciccio
Inviato: 27/3/2011 16:41  Aggiornato: 27/3/2011 16:43
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/1/2006
Da: Genova
Inviati: 536
 Re: Il popolo dei pacifinti
In Libia si pagano pochissime tasse; istruzioni e sanità sono gratuite per tutti i cittadini.
Ciò come si concilia con un dittatore sanguinario che governa da oltre quarant'anni?
Inoltre, per iniziativa di questo sanguinario dittatore, è in corso una titanica impresa per rendere la Libia-desertica al novantaconque per cento del suo territorio-autosufficente nelle neccessità idriche.

Posto uno stralcio di un articolo apparso su "ComedonChisciotte" del 25 marzo scorso:-" (Africa FONTE: RICHARD POOR’S BLOG)

"Nessuno ha notato che quel pazzo ha costruito un ENORME CONDOTTO DI ACQUA DOLCE fino alla regione di Bengasi?
Stavano aspettando che finisse?

Il Progetto Grande Fiume Artificiale Libico, 1 Settembre 2010

…Nel 1960 durante un’esplorazione petrolifera nel profondo sud del deserto Libico, vaste riserve di acqua di alta qualità furono scoperte sotto forma di falde acquifere. …

…In Libia ci sono quattro grandi bacini sotterranei, e cioè il bacino di Kufra, il bacino di Sirte, il bacino di Morzuk e quello di Hamada, di cui i primi tre messi insieme contengono una riserva di 35.000 chilometri cubi di acqua. Queste vaste riserve offrono una quantità quasi illimitata di acqua per il popolo libico.



Il 1 ° settembre segna l'anniversario della apertura della fase principale del Progetto Grande Fiume Artificiale Libico. Questo schema acquifero incredibilmente enorme e di successo e` praticamente sconosciuto in Occidente, tuttavia rivaleggia e addirittura supera tutti i nostri progetti di maggior sviluppo. Il leader dei cosiddetti paesi avanzati, gli Stati Uniti d'America si rifiuta di riconoscere il Fiume Artificiale Libico. L'Occidente si rifiuta di riconoscere che un paese piccolo, con una popolazione non più di quattro milioni di persone, possa costruire qualcosa di così grande senza prendere in prestito un solo centesimo da parte delle banche internazionali.

Il popolo della Libia, sotto la guida del loro leader, il Colonnello Muammar Gheddafi, ha avviato una serie di studi scientifici sulla possibilità di accedere a questo vasto oceano di acqua dolce. In principio si era presa in considerazione l’idea di sviluppare nuovi progetti agricoli vicino alle sorgenti d’acqua, nel deserto. Tuttavia, ci si rese conto che in scala necessaria a fornire i prodotti per l’autosufficienza, ci sarebbe voluta un’enorme organizzazione di infrastrutture. Oltre a questo, sarebbe stata necessaria una maggiore ridistribuzione della popolazione della fascia costiera. L’alternativa fu quella di “portare l’acqua alla gente”.



Nell’ottobre del 1983, fu creata l’ Autorità del Grande Fiume Artificiale e investita della responsabilità di prendere acqua dalle falde acquifere, nel sud, e convogliarla con i mezzi più economici e pratici per l’uso, prevalentemente per l’irrigazione, nella fascia costiera libica.

Nel 1996 il Progetto Grande Fiume Artificiale aveva raggiunto una delle sue fasi finali, lo sgorgare d’ acqua dolce non inquinata nelle case e nei giardini dei cittadini della capitale della Libia, Tripoli. Louis Farrakhan, che prese parte alla cerimonia di apertura di questa importante fase del progetto, descrisse il Grande Fiume Artificiale come “un altro miracolo nel deserto”. Parlando alla cerimonia di inaugurazione ad un pubblico che includeva libici e molti ospiti stranieri, il Colonnello Gheddafi disse che il progetto “ era la più grande risposta all’America…che ci accusa di avere a che fare con il terrorismo”.


Il Grande Fiume Artificiale, il più grande progetto di trasporto d’acqua mai intrapreso, e` stato descritto come “ottava meraviglia del mondo”. Trasporta più di cinque milioni di metri cubi al giorno alle aree costiere attraverso il deserto, incrementando enormemente la quantità di terra coltivabile. Il costo totale del grandioso progetto dovrebbe superare i 25 miliardi di dollari (USA).

Composto da una rete di tubi interrati per eliminare l’evaporazione, di quattro metri di diametro, il progetto si estende per 4.000 km all’interno del deserto. Tutto il materiale è progettato e prodotto localmente. Acqua sotterranea è pompata da 270 pozzi profondi centinaia di metri in serbatoi che alimentano la rete. Il costo di un metro cubo di acqua è pari a 35 centesimi. Il metro cubo di acqua desalinizzata è di $ 3,75. Gli scienziati stimano la quantità d’acqua equivalente al flusso di 200 anni di acqua del fiume Nilo.

L’obiettivo del popolo libico arabo, incarnato nel progetto del Grande Fiume Artificiale, è quello di rendere la Libia una fonte di ricchezza agricola, in grado di produrre cibo ed acqua adeguati al proprio fabbisogno e di dividerli con i Paesi confinanti. In breve, il Fiume è letteralmente il “buono pasto” per l’autosufficienza della Libia.

Autosufficienza?!? Non è assolutamente ammissibile. Ai bankster non piace per niente.[...]

Santro
Inviato: 27/3/2011 16:57  Aggiornato: 27/3/2011 16:57
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/11/2005
Da:
Inviati: 748
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Il grave errore semmai è stato quello di sdoganare Gheddafi, un pazzo criminale (ricordiamoci ad esempio di Lockerbie).

Lockerbie: un articolo di MM di qualche tempo fa.
Un'altro articolo di qualche tempo fa.

ETERNAL SALVATION
(or triple your money back)
incredulo
Inviato: 27/3/2011 18:07  Aggiornato: 27/3/2011 18:07
Sono certo di non sapere
Iscritto: 23/8/2006
Da: Asia
Inviati: 4061
 Re: Il popolo dei pacifinti
@Stefo

Scusami Stefo, ma con tutto quello che e' stato scritto sul caso Libia, SOLO su questo sito, senza andare a cercare altrove me ne esci con quell'affermazione?

Sganasciarsi dalle risate e' il minimo.....

Un saluto

Gesù Cristo è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita.
melisva1
Inviato: 27/3/2011 20:57  Aggiornato: 27/3/2011 20:57
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/10/2009
Da:
Inviati: 60
 Re: Il popolo dei pacifinti
Concordo pienamente con le affermazioni di Freeman, per poter iniziare
una rivoluzione ci vogliono le armi....;
Chi le ha fornite ai ribelli libici ?
O le hanno trovate nel deserto?...............

marcowhite
Inviato: 27/3/2011 21:01  Aggiornato: 27/3/2011 21:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/5/2008
Da:
Inviati: 166
 Re: Il popolo dei pacifinti
che articolo idiota!

quindi secondo l'autore TUTTE LE GUERRE SONO SBAGLIATE? certo..come no.. pure quella contro Hitler...


La differenza sta tra guerre giuste, e guerre ingiuste. difficilissimo il concetto da capire...

Paulo
Inviato: 27/3/2011 21:02  Aggiornato: 27/3/2011 21:02
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/12/2005
Da:
Inviati: 507
 Re: Il popolo dei pacifinti
un po' di informazione in più non guasta, vista la confusione di idee ottenuta dai mass-media:
http://www.voltairenet.org/article169104.html

marcocedol
Inviato: 27/3/2011 21:34  Aggiornato: 27/3/2011 21:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
che articolo idiota!


marcowhite, quando commenti sforzati di scrivere qualcosa d'intelligente, anche se comprendo che la cosa potrebbe costarti un grande sforzo.

Inoltre impara ad usare l'educazione e il termine "idiota" usalo esclusivamente per descriverti nel tuo curriculum, dal momento che calza a pennello.

Ritengo che questi siano concetti che sei in grado di capire perfino tu.

Grazie.

Calvero
Inviato: 27/3/2011 21:48  Aggiornato: 27/3/2011 21:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
quindi secondo l'autore TUTTE LE GUERRE SONO SBAGLIATE?


TUTTE

Poi.

Da una parte, nel Forum - dai il via a discussioni che poi effettivamente NON segui (e ti stupisci anche se te lo fanno notare ), e dall'altra vieni a enunciare condanne senza motivarne debitamente le accuse. Direi che devi ricalibrare la percezione che hai negli interventi.

Parlare poi della "guerra contro Hitler" a questi livelli infantili, stile «buoni & cattivi alla lavagna» .. la dice lunga sulla visione di insieme che hai della Storia moderna. Auguri.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Jurij
Inviato: 27/3/2011 22:09  Aggiornato: 27/3/2011 22:09
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Il popolo dei pacifinti
baccicio:

..."Quello di Gheddafi non era un governo legittimo, non lo è mai stato (ma c'è chi lo afferma), e male hanno fatto in nostri e altrui governanti a stipularci accordi, Gheddafi andava solo non riconosciuto ed espulso da ogni consesso internazionale". Se così fosse, perchè la Libia ha rappresentanti riconosciuti all'Onu?...

Pienamente d'accordo !!! E questo varrebbe anche per molti altri dittatori, ma proprio tutto questo ci svela il livello d'ipocrisia della politica internazionale.

Pensate solamente all'ONU: perchè Cina, Francia, GB, USA e Russia possono bloccare da sole delle risoluzione, mentre le altre nazioni (di serie B) no?

Ancora con questa seconda grande guerra?

ONU... ma vaf......

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
Jurij
Inviato: 27/3/2011 22:21  Aggiornato: 27/3/2011 22:21
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Il popolo dei pacifinti
ONU, proprio un bell'esempio di massoneria...

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
Blade1960
Inviato: 27/3/2011 23:18  Aggiornato: 27/3/2011 23:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/11/2006
Da:
Inviati: 264
 Re: Il popolo dei pacifinti
Ciao a tutti
Gheddafi - onu-2009
Il leader libico Muammar Gheddafi ha attaccato duramente il Consiglio di Sicurezza: "Non dovrebbe essere chiamato Consiglio di Sicurezza ma Consiglio del terrore". Gheddafi ha aggiunto che "non può esistere un Consiglio di Sicurezza con nazioni che hanno armi nucleari. Questo è terrorismo vero e proprio".

estratto da :
http://www.repubblica.it/2009/09/dirette/sezioni/esteri/onu-assemblea-generale/onu-assemblea-generale/index.html

che ce l'abbiano con lui?

desbouvet
Inviato: 28/3/2011 1:41  Aggiornato: 28/3/2011 1:41
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da:
Inviati: 541
 Re: Il popolo dei pacifinti
@ marcowhite

Citazione:
La differenza sta tra guerre giuste, e guerre ingiuste. difficilissimo il concetto da capire...


Il guerriero vero si arma da testa a piedi, completamente. Poi non le usa, mai. Ti fulmina con il solo sguardo...

Superare la paura, sconfiggere chi ti in-cute paura, lo si fa soltanto rimanendo FERMI. Vestiti di tutto punto...

Calvero
Inviato: 28/3/2011 3:35  Aggiornato: 28/3/2011 9:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Il popolo dei pacifinti
Quando al mondo si sarà compreso che la «Verità» non ha a che fare con la Patria e con l'ideale stesso di Patria, allora si comprenderà quanto non si potrà mai essere liberi nella posizione di patrioti, né si potrà sostenere di volere la libertà ...soprattutto la nostra. Figurarsi esportarla.

Quando si comprenderà che i costrutti e le sovrastrutture sono figlie di esigenze e moventi tesi sempre e comunque al «controllo» (e non all'ordine, che è altra storia), si comprenderà che ogni elemento di azione e di pensiero legato alla Patria è una bugia, poiché con le bugie si controlla; con la Verità ... si libera.

E si sa, la verità fa male. E brucia, già già. Quando oltre le apparenze si dimostra quanto è deleteria la finta appartenenza, la finta responsabilità; cullati dalla ninna nanna di un tutore, un tutore bugiardo quanto fantomatico, beh allora l'ammettere di essere occlusi da una propaganda è urticante, fastidioso. Caspita, non va giù! dopo che si è cresciuti a pane e "democrazia" ... sarebbe uno smacco, e forse anche un dolore. Ammetterlo significherebbe riconoscere che non ce ne frega niente del bene altrui, del bene di là dei confini, ma solo del giardino di casa. Un giardino di casa che in questo caso ha i colori verde/bianco/rosso. Capirai. Paese che vai: bugie di altri colori.

Ogni propaganda è sintomo di una Dittatura, di qualsiasi forma sia la Dittatura, poco conta. E anche questo è dura ammetterlo. Allora la cosa inquietante è vedere mettere in moto processi e schemi intellettuali per cui le Dittature potrebbero essere solo quelle conclamate. My God. Non si vuole neanche usare la propria testa, basterebbe poco, e ci si renderebbe conto che le manipolazioni esigono una grande "virtù": - l'adattamento ai Tempi. E' semplicemente contestuale. Si chiama strategia. E l'adattamento delle dittature, oggigiorno, ha più che mai bisogno delle mistificazioni dei concetti di Bene, Male, Democrazia e via discorrendo. E' solo strategia. Ma il succo è sempre quello.

E un governare dispotico è sempre una Dittatura poiché, che sia più o meno dispotica, per queste dittature/nascoste qualcuno deve essere sacrificato .. è una loro esigenza - e quel qualcuno (a volte popoli interi) schiatterà senza neanche sapere chi - da lontano - lo stava ammazzando e sempre in nome di una Patria, chissà perché, più giusta della sua. E i conti tornano: sempre nelle tasche e a vantaggio della forma mentis che semina i dogmi utili alla propaganda. Poiché di adorazione si parla.

Al mondo le guerre sono la comprova che le bugie governano. E' sempre la verità ad essere liberatrice, e sarà sempre la Patria ad esigere la bugia; a cercare il sacrificio e la morte della libertà, poiché con il sacrificio si può dare peso al martirio, e col martirio si può dare alibi al male da scatenare, e il male porta male. Le bugie portano bugie. Ma la verità distrugge le bugie, e in secoli di bugie i manipolatori hanno sempre capito che le bugie non si possono nascondere se si vuole farle durare a lungo, ma bisogna avvolgerle in una Astrazione a cui hanno messo nome «Patria».

«Patria» è l'eufemismo che nasconde il costrutto e la sovrastruttura del lucro della Politica, e la politica (solo i sassi non lo vogliono accettare) non esiste più.

-edit-
Il patriottico è come uno zombie, un bipede che si trascina con la bava alla bocca per appagarsi in un ideale di "Verità e Giustizia" di Stato, come se ciò potesse essere più veridico, più onorevole, magari avvalorato, legittimato, dai confini che una Bandiera rapppresenta, dai Colori e/o dagli Ideali imposti che per magia (si legga necessità, e poi bisogna vedere di chi) si sono fatti Verbo... in poche parole, il patriota, si nutre di bugie. A beh, certo: bugie belle, buone, gustose, colorate, condite alla perfezione (si veda il 150°) colorate di onore, martirio e sacrificio: martìri e sacrifici a loro volta imposti da altre dittature in tempi più remoti - è il solito serpente che si ingoia la coda - e in tempi vicinissimi (concettualmente sempre uguali): dispotismi e ipocrisie avvolti da bandiere e colori che dicevano che loro (chissà come) anche quella volta - erano nel giusto e gli altri sbagliavano, sempre. Gli altri sbagliano sempre. Tutti che andavano sempre a liberare qualcun altro.

Così, già morti, già scheletri, generazioni si incamminavano in epopee talmente distorte e grottesche che soltanto altri eufemismi potevano colorarli alla memoria di onore e sacrificio per la Libertà (medaglie, martirio, rispetto a vossìa.. e giù la testa nella sabbia) e magari perché avevano le scarpe di cartone .. « AH! mio nonno è morto per noi... mio bis-nonno invece è morto ... » eccetera eccetera eccetera

.. e così via, in una delle più grandi Bugie e invenzione della storia: - la Patria, ovunque essa si trovi.

Giovani e innamorati dell'Ideale, sbussolati, rintronati e già scheletri... che vanno a fare altri scheletri (mentre i cosiddetti padri fondatori se la ridono di quanta carta igienica hanno venduto come seta).

Buon appetito a noi scheletrini super tecnologici armati di bombe intelligenti portatrici di libertà. Buon appetito scheletri, buon appetito, per noi, noi che stiamo sempre dalla parte del giusto e, purtroppo, anche del gusto.


Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Luxio
Inviato: 28/3/2011 8:01  Aggiornato: 28/3/2011 8:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/5/2010
Da: Ostrava
Inviati: 240
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Quello di Gheddafi non era un governo legittimo, non lo è mai stato (ma c'è chi lo afferma), e male hanno fatto in nostri e altrui governanti a stipularci accordi, Gheddafi andava solo non riconosciuto ed espulso da ogni consesso internazionale. Ma così non è stato. Adesso poi che si era messo a "punire" i suoi contestatori semplicemente sterminandoli in massa nelle manifestazioni, non gliela si poteva far passare. Molti diranno: e allora perché Gheddafi si, e la Cina no? Semplice, se si smettono i panni integralisti: perché la Cina scatenerebbe la 3a guerra mondiale nucleare. Ovvero, si fa quel che si può, dove e quando si può. E lo stesso vale per la Korea del Nord, o per altri inferni umani. Che poi ad attaccare la Libia vi fossero grossi interessi, siamo d'accordo, ed è ovvio. Ma questo non deve cancellare il fatto che bisognava fermare Gheddafi.


Mi devo trattenere, mi devo davvero trattenere. E nel 1990? Ah già, il povero Kuwait...mentre in Jugoslavia hanno mandato i caschi blu a fotografare i morti e i vilaggi rasi al suolo. Ah si, però, la Yugoslavia poteva scatenare la terza guerra mondiale E potrei continuare a lungo.

Non possiamo separare i nostri pregi dai nostri difetti, essi sono collegati come la forza e la materia. Se li separiamo, l'uomo sparisce.
Nikola Tesla
Paulo
Inviato: 28/3/2011 9:13  Aggiornato: 28/3/2011 9:13
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/12/2005
Da:
Inviati: 507
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
quindi secondo l'autore TUTTE LE GUERRE SONO SBAGLIATE? certo..come no.. pure quella contro Hitler...


Eh,gia! 6.000.000 di ebrei passati per i camini. Come no?

marcowhite
Inviato: 28/3/2011 18:36  Aggiornato: 28/3/2011 18:59
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/5/2008
Da:
Inviati: 166
 Re: Il popolo dei pacifinti
Come si fa ad affermare che tutte le guerre sono sbagliate? Se non ci fosse stata una guerra saremmo ancora sotto il dominio nazi-fascista.

Inoltre la guerra in libia è giustissima, visto che il sig. gheddafi stava massacrando gli insorti che hanno l'unica colpa di voler porre fine a una dittatura che dura da 40 anni.

Poi.
Cosa c'entra parlare del fatto che dò il via a discussioni che non seguo? Ma visto che ci siamo ti faccio notare che dal mio argomento siete finiti a parlare di buchi del culo, alla faccia dell'off-topic. E con una certa disinvoltura, segno evidente che siete pratici dell'argomento.

Auguri a te

marcowhite
Inviato: 28/3/2011 18:37  Aggiornato: 28/3/2011 18:37
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/5/2008
Da:
Inviati: 166
 Re: Il popolo dei pacifinti
embe? anche se non ce ne fosse passato uno per i camini la guerra era lo stesso giusta.

martin
Inviato: 28/3/2011 18:58  Aggiornato: 28/3/2011 18:58
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/7/2007
Da: Montpellier
Inviati: 144
 Re: Il popolo dei pacifinti
Giusto una precisazione...

l'esercito libico stava respingendo i ribelli che avevano intrapreso la Marcia su Tripoli convinti di riuscire a prendere il potere... cosa avrebbe dovuto fare il governo libico ?

A meno che il tuo massacrare non sia riferito ai 10.000 morti fatti nei primi giorni con bombardamenti aerei su pacifici manifestanti inermi... un branco di bufale al pascolo insomma... ma tanto qualunque cosa dicano i ribelli è verità... avessi letto da qualche parte che hanno ammazzato qualcuno...

Ora, siccome le tribù ribelli sono minoritarie e la maggior parte della popolazione civile scappa piuttosto che aiutarli, l'esercito libico li stava respingendo senza problemi...

ed ecco che i committenti della ribellione fanno approvare all'ONU una risoluzione per proteggere i civili innocenti... e invece di limitarsi a bloccare l'avanzata dell'esercito, stanno spianando la strada all'avanzata dei ribelli che infatti avanzano facendosi fotografare sui tank dell'esercito libico distrutti dalle armi ipertecnologiche... quindi non solo la guerra non è giusta, ma la maniera con cui le potenze neocoloniali la stanno portando avanti, è pure non conforme al mandato ONU.

Tra l'altro, l'eccitazione dell'iperattivo presidente francese ha creato un predente catastrofico.
Con la scusa di proteggere i civili supposti in pericolo, altri paesi (che si sono astenuti sulla risoluzione ONU) potranno rovesciare i governi limitrofi che si stavano rendendo troppo indipendenti... e quando questo succederà, alle vibrate proteste degli occidentali gli basterà rispondere con una parola: LIBIA !!

Lezik85
Inviato: 28/3/2011 19:00  Aggiornato: 28/3/2011 19:00
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Inoltre la guerra in libia è giustissima, visto che il sig. gheddafi stava massacrando gli insorti che hanno l'unica colpa di voler porre fine a una dittatura che dura da 40 anni.


Mentre invece i Laogai sono forme evolute di lavoro ed un toccasana per l'economia. Chissà, forse quando la Cina darà una pedata nel culo agli Stati Uniti e scaricherà la sua carta da cesso qualcuno ne parlerà.

marcowhite
Inviato: 28/3/2011 19:01  Aggiornato: 28/3/2011 19:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/5/2008
Da:
Inviati: 166
 Re: Il popolo dei pacifinti
giusto appoggiare i ribelli: giusto appoggiare ed aiutare chi vuole spodestare un dittatore che è lì da 40 anni.

mi spieghi cosa non condividi?

marcowhite
Inviato: 28/3/2011 19:03  Aggiornato: 28/3/2011 19:04
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/5/2008
Da:
Inviati: 166
 Re: Il popolo dei pacifinti
Sicuramente ci sono altri dittatori nel mondo, e sicuramente l'interesse della comunità internazionale per quello che accade in Libia non riguarda solo i diritti civili, ma sopratutto economici.

Detto questo, se si interviene per aiutare una rivolta contro un dittatore è sempre giusto, anche se ci sono interessi economici dietro.

Conta il risultato, ovvero eliminare la dittatura, e non le motivazioni di intervento.

Calvero
Inviato: 28/3/2011 19:13  Aggiornato: 28/3/2011 23:59
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Cosa c'entra parlare del fatto che dò il via a discussioni che non seguo? Ma visto che ci siamo ti faccio notare che dal mio argomento siete finiti a parlare di buchi del culo, alla faccia dell'off-topic.


C'entra poiché è indice di una mentalità che butta argomenti alla cazzo di cane, se permetti: la stessa mentalità che è foriera di giudizi categorici che non hanno capo né coda .. coma hai dimostrato con il tuo «articolo idiota» con tanto di punto esclamativo. E non te ne rendi neanche conto, ma quanti anni hai? E non girare la frittata Marcowhite: -
quando l'argomento nel tuo Topic aveva esaurito la sua forza;
dopo che l'autore se ne è fottuto di intervenire;
quando cioè le argomentazioni erano in frequenza;
e soltanto dopo che l'autore si è affacciato a giochi finiti;

.. si è parlato, giustamente, di buchi di culo. E anche per colpa tua. E qualcuno te lo aveva anche spiegato meglio di me che così non si fa. Qui usi la stessa mentalità e leggerezza. Imponi giudizi ..lanci sassi, ma di rispondere e soprattutto rispettare adeguatamente le argomentazioni altrui non ce la fai.

Sul discorso che noi "siamo stati liberati", rifletti con una visione di insieme più in là del tuo naso se ce la fai. E' stata questa "liberazione" che avrebbe permesso poi la situazione odierna. E il tracollo che sta avvenendo. Ed è stato l'elemento "liberazione" a far bruciare vivi gli innocenti di Hiroshima e Nagasaki .. la seconda guerra mondiale è soltanto una parte della partita a scacchi per il dominio delle oligarchie. Il fatto che non ti renda conto che viviamo in una dittatura di nuova concezione la dice lunga sui metodi infantili con cui intervieni. Non ho tempo di giocare coi Lego, ho passato quella fase.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Pyter
Inviato: 28/3/2011 20:10  Aggiornato: 28/3/2011 20:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Il popolo dei pacifinti
Insomma, che cosa avrebbe dovuto fare questo benedetto Gheddafi, calarsi le braghe e dire: prego, accomodatevi?

Secondo me si è comportato da signore, esattamente come si sarebbe comportato se la Libia fosse stato un paese ...diverso.

La folla è scesa in piazza a protestare, dapprima gridando a voce alta, poi quando si sono accorti che non ci fosse eco (perchè lì è tutto deserto) e nessuno poteva sentirli, si sono messi a sfasciare i cassonetti.

Già lì i nostri politici avrebbero dovuto dire che certe cose non si fanno, che è segno di gente incivile. Il nostro premier avrebbe dovuto chiamarlo e dirgli: "Ma non mandi nessuno a randellarli?".

E invece non hanno fatto niente. E vabbè.

Poi i ribelli si sono messi a rompere le vetrine dei negozi.
E lì i nostri politici avrebbero dovuto dare un segnale forte per fermare questa barbarie indegna, al grido:"Gli Alqaida Black bloc!".
E invece niente. E vabbè.

Gheddafi intanto non sapeva cosa fare perchè se avesse mandato la polizia a picchiare tutti avrebbero detto : "Eccolo lì il terribile dittatore!".

Poi quando sono finite le vetrine i ribelli hanno iniziato a sparare sulle milizie.

E lì i nostri politici avrebbero dovuto dire: "Ma come mai Gheddafi non si muove? Noi abbiamo giustificato l'uccisione di un ragazzo perchè aveva in mano una bombola antincendio."

Invece niente. E vabbè.

Poi alla fine è ovvio che uno approfitta della mollezza dell'avversario, e così sono intervenuti, al grido:
"Vedete? E' un bastardo. come tutti i dittatori tortura le persone di nascosto!"

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
marcowhite
Inviato: 28/3/2011 20:39  Aggiornato: 28/3/2011 20:39
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/5/2008
Da:
Inviati: 166
 Re: Il popolo dei pacifinti
quindi voi avreste lasciato che gheddafi massacrasse gli insorti.


prendiamo atto

Calvero
Inviato: 28/3/2011 20:47  Aggiornato: 28/3/2011 20:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Il popolo dei pacifinti


Marco il Bianco, ha preso atto

(però hai sbagliato Topic per dirlo, questa era la risposta che andava data a Red dove ti ha appena spiegato perché fai confusione)

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Freeman
Inviato: 28/3/2011 20:49  Aggiornato: 28/3/2011 22:24
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
quindi voi avreste lasciato che gheddafi massacrasse gli insorti.

prendiamo atto

Ommioddio, una nuova forma di debunkero mutante con personalità multiple e visione in bianco e nero O_o' (marcoblack&white?).
Uhm, in realtà mi ricorda qualcun altro che tendeva a perdersi per strada le sfumature di grigio, guardando la realtà in b/n come un vecchio cartone di Walt Disney... naaaa, ma che vado a pensare!

P.S.: sì, fosse stato per me, avrei lasciato che Gheddafi soffocasse nel sangue la piccola guerra tribale armata e fomentata da Francia e GB denominata "rivoluzione" (pensa che qualcuno è stato così furbo da sacrificare due pedoni storici a Est e ad Ovest per lasciare spazio alla mossa del cavallo, e quasi nessuno se n'è accorto).
Lasciare ai libici di risolvere i loro problemi interni era il male minore ed anche moralmente la scelta più giusta, volendo ragionare in b/n, sempre... ma mi rendo conto che la propaganda è potente, là fuori, e il bias di conferma pure, là dentro.

Testimonianza: un giornalista ci racconta come funziona la poderosa macchina dell'informazione in questi casi (la "cooptazione" della notizia, potremmo dire: se lo dice Tizio, dobbiamo dirlo pure noi).
____________
EDIT: corretto link non funzionante

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
redna
Inviato: 28/3/2011 20:52  Aggiornato: 28/3/2011 20:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
quindi voi avreste lasciato che gheddafi massacrasse gli insorti.


o forse è meglio che gli insorti siano massacrati da una risoluzione dell'ONU?


Prendo atto che l'ONU è delegato a risolvere le controversie e lo fa mandando gli anglo-franco-americani a massacrare al posto del dittatore del momento. Oppss.... non sono massacri ma guerra umanitaria pertanto quelli che vengono ammazzati devono anche ringraziare.

Prendo atto che nessuno ci capisce una mazza di quello che significa risolvere le controversie e pertanto l'ONU potrebbe mettersi a fare qualcos'altro considerato che il suo compito non lo svolge nemmeno più.
D'altra parte nemmeno i Nobel per la pace svolgono bene il loro compito.
Sarà che proprio Nobel pacifista non lo è mai stato e quindi anche i suoi 'premiati' camminano sulle sue orme? mah...

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Calvero
Inviato: 28/3/2011 20:57  Aggiornato: 28/3/2011 20:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
una nuova forma di debunkero mutante con personalità multiple


Freeman mi hai fatto ribaltare dalla sedia per ridere

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Pyter
Inviato: 28/3/2011 21:22  Aggiornato: 28/3/2011 21:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Il popolo dei pacifinti
PRENDIAMO ATTO QUIZ:

"Stiamo quasi per assistere all'evento ...ecco ...mi pare che ci siamo ...si vedono delle luci ...sta venendo ... si ...viene ...sta venendo ....viene ... sta venendo ... lo sento ...ne sono certa ...eccolo ....le luci ...inquadra ...devi immortalare l'atto... ci siamo quasi ... ... viene ...ancora un attimo ....gira la telecamera adesso in modo da inquadrare anche il ....eccolo ....eccolo ....arriva ....avete sentito il botto ....finalmente ...eccolo...eccolo ...oooohhhhh ... "

Le parole che avete appena letto sono state pronunciate durante un particolare evento:

1) Da qualcuno nel mucchio in un film porno!!

2) Da Tito Stagno la notte dell'Apollo 11!

3) Una giornalista che descrive un caccia che atterra alla base di Trapani ...che non si sa dove è stato nè che è stato mandato a fare nè per conto di chi....
...... però in diretta!

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
marcocedol
Inviato: 28/3/2011 21:32  Aggiornato: 28/3/2011 21:32
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
"Stiamo quasi per assistere all'evento ...ecco ...mi pare che ci siamo ...si vedono delle luci ...sta venendo ... si ...viene ...sta venendo ....viene ... sta venendo ... lo sento ...ne sono certa ...eccolo ....le luci ...inquadra ...devi immortalare l'atto... ci siamo quasi ... ... viene ...ancora un attimo ....gira la telecamera adesso in modo da inquadrare anche il ....eccolo ....eccolo ....arriva ....avete sentito il botto ....finalmente ...eccolo...eccolo ...oooohhhhh ... " Le parole che avete appena letto sono state pronunciate durante un particolare evento: 1) Da qualcuno nel mucchio in un film porno!! 2) Da Tito Stagno la notte dell'Apollo 11! 3) Una giornalista che descrive un caccia che atterra alla base di Trapani ...che non si sa dove è stato nè che è stato mandato a fare nè per conto di chi.... ...... però in diretta!


La risposta esatta è.....la 3
E prendiamo atto anche di questo

Redazione
Inviato: 28/3/2011 21:45  Aggiornato: 28/3/2011 21:45
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il popolo dei pacifinti
FREEMAN: Il tuo link non funzia. Potresti ripostarlo, che mi interessa?

Grazie.

Redazione
Inviato: 28/3/2011 21:48  Aggiornato: 28/3/2011 21:49
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il popolo dei pacifinti
MARCOWHITE: Ti informo che qui vengono definiti "idioti" coloro che non sono in grado di sostentare le proprie affermazioni con argomentazioni valide.

Prendine atto.

marcowhite
Inviato: 28/3/2011 22:13  Aggiornato: 28/3/2011 22:13
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/5/2008
Da:
Inviati: 166
 Re: Il popolo dei pacifinti
Ma con che coraggio si può dire che sarebbe stato meglio lasciare massacrare chi vuole spodestare un dittatore che da quarantanni ha preso il comando di un paese con un colpo di stato ? ? ?



marcowhite
Inviato: 28/3/2011 22:15  Aggiornato: 28/3/2011 22:16
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/5/2008
Da:
Inviati: 166
 Re: Il popolo dei pacifinti
Bene, e allora prendiamo atto che in questo forum non si può dire, se uno lo pensa, che un articolo è idiota


viva la differenza di pensiero


marcowhite
Inviato: 28/3/2011 22:18  Aggiornato: 28/3/2011 22:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/5/2008
Da:
Inviati: 166
 Re: Il popolo dei pacifinti
ps.

possibile che se uno non condivide le idee di qualcuno subito viene etichettato come un debunker?

ma via... ripetitivi

Pyter
Inviato: 28/3/2011 22:24  Aggiornato: 28/3/2011 22:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Il popolo dei pacifinti
va bene, prendiamo atta

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
Freeman
Inviato: 28/3/2011 22:35  Aggiornato: 28/3/2011 22:43
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Il popolo dei pacifinti
@Mazzuccus: ho editato il link, ora dovrebbe andare.
Comunque lo riposto qui per comodità, anche a beneficio dei ciechi.

Torniamo così al nostro selettivo amico :D

Citazione:
Bene, e allora prendiamo atto che in questo forum non si può dire, se uno lo pensa, che un articolo è idiota

Non è che non si può dire, solo che prima dovresti dire perché. In altre parole, PRIMA argomenti, POI trai le conclusioni. Sennò poi uno pensa male. Tipo che sei prevenuto o, peggio, che sei qua apposta apposta per fracassare le gonadi :D
A tal proposito...

Citazione:
possibile che se uno non condivide le idee di qualcuno subito viene etichettato come un debunker?

Io non condivido le tue idee, ad esempio (anzi, la mancanza delle predette, visto che io ed altri abbiamo versato fiumi di inchiostro virtuale ma sembrano esserti scivolati addosso come "acqua sul marmo"). Sarò un "debunker"?
Comunque farò pressioni sull'ONU per farti bombardare, visto che hai appena compiuto un massacro dell'ironia.

Citazione:
ma via... ripetitivi

Guarda che io, a differenza tua, non sono abituato a darmi del "voi".
Me ne farò una ragione (io, non "NOI").

Toc, toc! Siete in tanti lì dentro?

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Freeman
Inviato: 28/3/2011 22:36  Aggiornato: 28/3/2011 22:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
va bene, prendiamo atta



"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Redazione
Inviato: 28/3/2011 22:39  Aggiornato: 28/3/2011 22:39
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il popolo dei pacifinti
MARCOWHITE: "Bene, e allora prendiamo atto che in questo forum non si può dire, se uno lo pensa, che un articolo è idiota"

Guarda che qui da noi il vittimismo non funziona (v. "Sindrome della Piccola Fiammiferaia"). Che l'articolo "è idiota" tu lo hai detto, e nessuno ti ha cancellato la frase.

Ora attendiamo che tu argomenti in modo credibilie la tua tesi, al fine di non passare per "idiota" tu stesso.

Freeman
Inviato: 28/3/2011 22:41  Aggiornato: 28/3/2011 22:42
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Ma con che coraggio si può dire che sarebbe stato meglio lasciare massacrare chi vuole spodestare un dittatore che da quarantanni ha preso il comando di un paese con un colpo di stato ? ? ?

vabbè, prendo atto del fatto che non sai leggere.
Le motivazioni sono sia nell'articolo che in molti commenti, ma siccome finiscono nelle zone di grigio che il tuo strano daltonismo b&w evidentemente non ti consente di vedere, hai super-semplificato e sei arrivato direttamente al traguardo.
Hai vinto le olimpiadi del pensiero binario, sei contento?

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Redazione
Inviato: 28/3/2011 22:46  Aggiornato: 28/3/2011 22:48
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il popolo dei pacifinti
Grazie FREEMAN. Sai per caso come fare a scaricarlo? Io non ci riesco.

marcocedol
Inviato: 29/3/2011 0:05  Aggiornato: 29/3/2011 0:05
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Bene, e allora prendiamo atto che in questo forum non si può dire, se uno lo pensa, che un articolo è idiota viva la differenza di pensiero


marcowhite, pensavo di avere già risposto una volta alla tua esternazione, tanto offensiva quanto non sostanziata da qualsivoglia argomentazione ancorata ad un minimo di logica. Ma in tutta evidenza ti avevo sopravvalutato

Nel tuo caso non si tratta di differenza di pensiero, ma della differenza fra il pensiero e la negazione del verbo pensare, che decanta nel verbo ripetere a pappagallo le cazzate dispensate dai media mainstream, fino a convincersene interiormente.

Parli di massacri inventati di sana pianta, senza nessuna documentazione che suffraghi le tue affermazioni e ti permetti di sentenziare che un articolo è idiota?
Parli della II guerra mondiale senza possedere la minima cognizione in proposito e ti permetti di ripetere che un articolo è idiota?
Fai paragoni fra Gheddafi ed Hitler, non conoscendo nulla del primo e del secondo solo quello che ti hanno insegnato alle scuole dell'obbligo e ti permetti di definire un articolo idiota?

Prendi per buone tutte le fesserie che ti dispensa la TV, fino ad arrivare a fare affermazioni per le quali qualunque persona in possesso di un minimo spirito critico si vergognerebbe per tutti i giorni a venire e ti permetti di sentenziare e giudicare????

Prendi atto del fatto che sei tu l'oggetto di quell'idiota che ti calza a pennello e tacitati!
Inizia a leggere e studiare, prima di permetterti di sentenziare, anche se nel tuo caso dovendo iniziare dall'abc si tratterà di un'erta salita di acciotolato sconnesso, di quelle che fanno scrocchiare i denti

totalrec
Inviato: 29/3/2011 0:12  Aggiornato: 29/3/2011 0:12
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/5/2006
Da:
Inviati: 767
 Re: Il popolo dei pacifinti
Marcowhite: breve crestomazia di citazioni celebri:



- Come si fa ad affermare che tutte le guerre sono sbagliate? Se non ci fosse stata una guerra saremmo ancora sotto il dominio nazi-fascista.


- embe? anche se non ce ne fosse passato uno per i camini la guerra era lo stesso giusta.


- Inoltre la guerra in libia è giustissima, visto che il sig. gheddafi stava massacrando gli insorti che hanno l'unica colpa di voler porre fine a una dittatura che dura da 40 anni.


- Detto questo, se si interviene per aiutare una rivolta contro un dittatore è sempre giusto, anche se ci sono interessi economici dietro.



Sondaggio:

secondo voi Marcowhite è:

1) Un gatekeeper (ormai li fabbricano risparmiando sul personale e sul controllo qualità);

2) Un viaggiatore temporale che ci parla con la radio a galena dal 1945, quando l’informazione lottava ancora con i mammouth (Klaatu aveva ragione);

3) Un generatore automatico di luoghi comuni operante con l’ausilio di un immenso database attinto da oltre 60 annate di “Selezione del Reader’s Digest”;

4) La mia portinaia in uno dei suoi più mefistofelici travestimenti;

5) Un brutto sogno;

6) Un araldo dell’incombente apocalisse intellettiva del genere umano;

7) Altri improperi vari ed eventuali.

Invito tutti a contribuire con i propri mezzi per fornire una spiegazione a questo fenomeno che sembra sfidare il potere della ragione umana. Non chiudiamo gli occhi di fronte all’ignoto.

"I shall be telling this with a sigh
Somewhere ages and ages hence:
Two roads diverged in a wood, and I...
I took the one less traveled by,
and that has made all the difference".

(Robert Frost, "The road not taken")
Freeman
Inviato: 29/3/2011 0:15  Aggiornato: 29/3/2011 0:26
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Sai per caso come fare a scaricarlo?


In genere uso un plugin per FireFox, si chiama DownloadHelper, ho provato anche con questo ed ha funzionato (solo che essendo la versione non a pagamento poi ti inserisce il logo del software come watermark). Credo che esistano anche altri plugin validi, solo che ora devo andare a nanna, magari domani ci guardo e ti dico.

EDIT: altro plugin che "dovrebbe" funzionare con FF è Flashgot, però te lo scarica in versione flash, ossia .flv, e poi tocca convertire.

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
marcocedol
Inviato: 29/3/2011 0:19  Aggiornato: 29/3/2011 0:19
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Sondaggio: secondo voi Marcowhite è:


Sono indeciso fra:

3) Un generatore automatico di luoghi comuni operante con l’ausilio di un immenso database attinto da oltre 60 annate di “Selezione del Reader’s Digest”;

e

6) Un araldo dell’incombente apocalisse intellettiva del genere umano;

La speranza che l'umanità possa avere comunque un futuro m'induce a propendere per l'ipotesi del generatore automatico, ma nel caso si trattasse di un araldo il destino di noi tutti sarebbe irrimediabilmente segnato

Redazione
Inviato: 29/3/2011 0:26  Aggiornato: 29/3/2011 0:27
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il popolo dei pacifinti
Ragazzi, evitiamo le discussioni sulle persone, e limitiamoci alle loro (finora scarse) argomentazioni.

Grazie.

***

FREEMAN: Scaricato, grazie.

Se non sbaglio Ranucci è quello che fece il famoso servizio in cui denunciava gli interessi dell'AGIP a Nassirya, giusto? (Oltre al famoso servizio sul fosforo bianco).

totalrec
Inviato: 29/3/2011 0:28  Aggiornato: 29/3/2011 0:28
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/5/2006
Da:
Inviati: 767
 Re: Il popolo dei pacifinti
Redazione:

Citazione:
Grazie FREEMAN. Sai per caso come fare a scaricarlo? Io non ci riesco.


Il sistema più efficace è aprire il video con Internet Explorer, lasciarlo caricare completamente e poi prelevarlo dalla cartella dei file temporanei. Funziona sempre (solo con Internet Explorer però).

"I shall be telling this with a sigh
Somewhere ages and ages hence:
Two roads diverged in a wood, and I...
I took the one less traveled by,
and that has made all the difference".

(Robert Frost, "The road not taken")
mangog
Inviato: 29/3/2011 10:44  Aggiornato: 29/3/2011 11:27
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 5/1/2007
Da:
Inviati: 2857
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:

Autore: marcowhite Inviato: 28/3/2011 18:36:31

Come si fa ad affermare che tutte le guerre sono sbagliate? Se non ci fosse stata una guerra saremmo ancora sotto il dominio nazi-fascista.



Iniziare una guerra è sempre una sconfitta uno sbaglio, è il male che prende forma che diventa azione, e non è vero, come molti pensano, che la guerra inizia dove finisce la politica.
Hitler non credeva certamente che la guerra fosse un male da evitare, perchè lui amava il male nella sua essenza, causare dolore e diffondere il male era il vero scopo della sua vita.
E questo che non hai capito.. la guerra è il male.
Spendere un 1.000.000 di euro per uno "stupido" missile è un'offesa nei confronti di tutta l'umanità.

Spiderman
Inviato: 29/3/2011 12:28  Aggiornato: 29/3/2011 12:28
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 19/9/2009
Da:
Inviati: 2722
 Re: Il popolo dei pacifinti

"Ogni giorno racconto la favola mia, la racconto ogni giorno chiunque tu sia, e mi vesto di sogno per darti se vuoi, l'illusione di un bimbo che gioca agli eroi. (Renato Zero)
Pyter
Inviato: 29/3/2011 14:31  Aggiornato: 29/3/2011 14:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Il popolo dei pacifinti
Su, ragazzi, discutiamo sulle idee, non sulla persona, anche se fosse una persona che non ha idee.
Allora...provo, non senza difficoltà, a mettermi dalla parte di Black and White ...

La guerra è utile, talvolta. Se non ci fosse stata la guerra, l'Italia oggi non esisterebbe. Se non ci fosse stata la spedizione dei mille, probabilmente saremmo rimasti sotto i Borboni, e una volta caduti i Borboni, saremmo stati conquistati dalla Germania di Hitler, oppure dal papa, e magari ancora prima dalla Francia di Napoleone Terzo, per vendicare l'occupazione della Gallia di Cesare, e avremmo Asterix presidente del consiglio e Obelix come ministro della semplificazione.
Oppure i Borboni avrebbero potuto venderci all'Inghilterra, o addirittura agli Stati Uniti, e oggi saremmo una colonia statunitense, o forse addirittura il 54esimo stato unito.
Che destino crudele sarebbe stato.
Invece anche noi abbiamo avuto le nostre giuste guerre e i nostri grandi eroi.

Pier Capponi, Masaniello, Pietro Micca, Il piccolo tamburino sardo, Enrico Toti, Francesco Baracca, La piccola vedetta lombarda, Cesare Battisti, Salvo d'aquisto, Massimo Tartaglia.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
Calvero
Inviato: 29/3/2011 14:53  Aggiornato: 29/3/2011 14:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Pier Capponi, Masaniello, Pietro Micca, Il piccolo tamburino sardo, Enrico Toti, Francesco Baracca, La piccola vedetta lombarda, Cesare Battisti, Salvo d'aquisto, Massimo Tartaglia.


.. e Pierino, direi il più importante.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
marcowhite
Inviato: 29/3/2011 15:13  Aggiornato: 29/3/2011 15:13
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/5/2008
Da:
Inviati: 166
 Re: Il popolo dei pacifinti
In effetti il termine "idiota" è duro e offensivo. Chiedo scusa all'autore dell'articolo, rimarcando il fatto che volevo solo esprimere il mio disaccordo con quanto scritto nell'articolo e, come spesso accade quando ci si fa travolgere dall'impulso, ho usato una parola sbagliata.


Poi. Mi viene detto che non conosco niente di hitler e della sua guerra, che tutto quello che ho studiato nei libri di storia e che mi è stato detto era solo uno specchietto per allodole... e allora vi dico, chi sa la vera storia su hitler e la II guerra mondiale, me la dica, anche a grosse linee, o almeno mi faccia sapere dove potermi informare.

Pyter
Inviato: 29/3/2011 15:34  Aggiornato: 29/3/2011 15:35
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Il popolo dei pacifinti
...ah, sì, Pierino, dimenticavo l'eroe nella sua quotidiana dimensionalità.

E un gradino appena sotto l'italiano medio.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
franco8
Inviato: 29/3/2011 15:35  Aggiornato: 29/3/2011 15:37
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/12/2005
Da:
Inviati: 1561
 Re: Il popolo dei pacifinti
non so se può essere utile,
io o vedo anche in questo sito

Ciao a tutti e grazie.

Comunque mi viene anche la famosa strage di Timisoara...
niente di nuovo sotto il sole...

.... ....io non mi definisco affatto volentieri ateo, non più di quanto io sia a-MickeyMouse.
..
(detto, fatto)
complo
Inviato: 29/3/2011 16:08  Aggiornato: 29/3/2011 16:08
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/10/2005
Da:
Inviati: 2555
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Il popolo dei pacifinti, presente in massa nelle piazze e nelle strade qualche anno fa durante l'invasione dell' Iraq, quando lottare contro la guerra era esercizio prodromico alla conquista di facili consensi elettorali ed ambite poltrone "che contano" sembra essersi dissolto senza lasciare traccia



Il tuo problema è che TROPPO spesso parti da presupposti TOTALMENTE FALSI.
Il popolo dei pacifisti non si è sciolto, puoi andarci a manifestare il 2 aprile.
Oppure puoi continuare a chiamarli "pacifinti" scimmiottando i media berlusconiani.
A quando la finta terremotata che ci magnifica la ricostruzione di L' Aquila?

marcocedol
Inviato: 29/3/2011 16:15  Aggiornato: 29/3/2011 16:15
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
In effetti il termine "idiota" è duro e offensivo. Chiedo scusa all'autore dell'articolo, rimarcando il fatto che volevo solo esprimere il mio disaccordo con quanto scritto nell'articolo e, come spesso accade quando ci si fa travolgere dall'impulso, ho usato una parola sbagliata.


Nessun problema marcowhite, scuse accettate ed amici come prima

Calvero
Inviato: 29/3/2011 16:16  Aggiornato: 29/3/2011 16:19
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
In effetti il termine "idiota" è duro e offensivo. Chiedo scusa all'autore dell'articolo ...


Onore al merito. Bravo ragazzo. Un passo avanti.

Citazione:
Poi. Mi viene detto che non conosco niente di hitler e della sua guerra, che tutto quello che ho studiato nei libri di storia e che mi è stato detto era solo uno specchietto per allodole...



E adesso però non fare un passo indietro. Sei in debito e i debiti si pagano. Oppure si chiede il condono e ci si ritira per tempi migliori: e non stai facendo né uno né l'altro ...

.. c'è una debita "cronologia" da rispettare nell'albero della discussione. Una diatriba che TU hai mosso senza, a tutti gli effetti, argomentarla. Non farmi incazzare (of course - parlo solo per me) ... tu ti sei fatto prendere dall'impulso e va bene (capita a tutti), ma TU ora devi dimostrare da dove cazzo partivano le tue accuse. Non chiederai mica scusa per non pagare il dazio vero? Perché scoprire se Hitler era o meno cappuccetto rosso, non ci dirà nulla di quello che Cedolin ha argomentato. E il punto è solo quello.

Quindi, se hai voglia, ti studi, come abbiamo fatto tutti, l'articolo di Cedolin, l'articolo in Home Page sulla Libia ... i commenti dei colleghi, come abbiamo fatto tutti ... ti guardi il Video che ha Postato Freeman, ci ragioni sopra, ragioni sulle risposte valide che anche Freeman ti aveva già dato ....e ci dici perché l'attacco alla Libia, secondo te sarebbe un attacco dovuto e anche eticamente accettabile. La pappa pronta la danno solo le mamme agli uccellini.

Le esternazioni che si sono susseguite dopo, in merito alla tua visione manichea della storia dei conflitti, sono state solo un contorno per mettere in luce come il tuo approccio "filosofico" stile - bianco & nero - non può essere accettabile quando si vogliono dare giudizi degni di questo nome.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
marcocedol
Inviato: 29/3/2011 16:23  Aggiornato: 29/3/2011 16:23
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Il tuo problema è che TROPPO spesso parti da presupposti TOTALMENTE FALSI.


Quali?

Citazione:
Il popolo dei pacifisti non si è sciolto, puoi andarci a manifestare il 2 aprile.


Sempre che la guerra quel dì non sia già finita, una volta volta si manifestava quando le guerre iniziavano, senza concedersi lunghe, lunghe pause di riflessione

Citazione:
Oppure puoi continuare a chiamarli "pacifinti" scimmiottando i media berlusconiani.


L'accusa di essere amico di Berlusconi in effetti non era ancora stata enucleata in merito a questo articolo

Citazione:
A quando la finta terremotata che ci magnifica la ricostruzione di L' Aquila?


Cazzo centra???????
Comunque a suo tempo l'amico di Berlusconi faceva al riguardo considerazioni di questo tenore

marcowhite
Inviato: 29/3/2011 16:24  Aggiornato: 29/3/2011 16:24
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/5/2008
Da:
Inviati: 166
 Re: Il popolo dei pacifinti
....e ci dici perché l'attacco alla Libia, secondo te sarebbe un attacco dovuto e anche eticamente accettabile.......


------------------------------------

Perchè se in un paese un gruppo di persone si rivolta contro un dittatore che detiene il potere (da 40 anni!!!) preso con un colpo di stato, è giusto aiutare queste persone.

A me questo sembra un discorso molto semplice da capire...

complo
Inviato: 29/3/2011 16:33  Aggiornato: 29/3/2011 16:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/10/2005
Da:
Inviati: 2555
 Re: Il popolo dei pacifinti
@marcocedol

Il presupposto falso è che il popolo dei pacifisti si sia sciolto.
Non si è sciolto e manifesterà il 2 aprile.
Due settimane per organizzare una manifestazione non mi sembra una lunga pausa di riflessione.
Nè le persone che organizzano hanno avuto tentennamenti nel condannare da subito.
Probabilmente lo fai solo per dare enfasi a ciò che dici, ma finisci per dire falsità.

marcocedol
Inviato: 29/3/2011 16:49  Aggiornato: 29/3/2011 16:49
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Il presupposto falso è che il popolo dei pacifisti si sia sciolto. Non si è sciolto e manifesterà il 2 aprile. Due settimane per organizzare una manifestazione non mi sembra una lunga pausa di riflessione. Nè le persone che organizzano hanno avuto tentennamenti nel condannare da subito. Probabilmente lo fai solo per dare enfasi a ciò che dici, ma finisci per dire falsità.


E' una falsità scrivere che i balconi delle case sono addobbatti in queste settimane di guerra con i tricolori e non con le bandiere della pace?
Se si, dimostramelo!

E' una falsità scrivere che non ci sono state manifestazioni oceaniche o anche solo molto partecipate contro la guerra, da parte di quei pacifisti, di sinistra e cattolici che riempivano le strade durante la guerra in Iraq?
Se le hai viste, raccontacele!

Sei tu che dici falsità, se intendi paragonare il proposito di organizzare una manifestazione, due settimane dopo l'inizio del conflitto, con la mobilitazione che partiti, sindacati e chiesa costruirono immediatamente in altre occasioni.

Ad oggi il tema guerra alla Libia è stato portato in piazza solo a margine della manifestazione per l'acqua pubblica e contro il nucleare, ma molto a margine, bada bene e tramite una protesta simbolica di Forza Nuova alla Stramilano, ti sembra che sia io ad aver scritto faslsità o tu che non ti stai orientando bene nello spazio e nel tempo?

Calvero
Inviato: 29/3/2011 17:22  Aggiornato: 29/3/2011 17:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
A me questo sembra un discorso molto semplice da capire...


vedo che, come sarebbe stato necessario in proporzione alle tue scuse (ergo non sono nemmeno credibili e ritiro anche il fatto che ti facevano onore), dicevo ... vedo che ti sei informato sui fiumi di inchiostro buttati giù con passione per la "questione Libia" ..tra articoli, video, link e commenti ...a disposizione di LC

Esco [volenitieri] da questo Topic

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
complo
Inviato: 29/3/2011 17:28  Aggiornato: 29/3/2011 17:30
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/10/2005
Da:
Inviati: 2555
 Re: Il popolo dei pacifinti
E' una falsità la frase che avevo quotato nel risponderti:

Il popolo dei pacifinti, presente in massa nelle piazze e nelle strade qualche anno fa durante l'invasione dell' Iraq, quando lottare contro la guerra era esercizio prodromico alla conquista di facili consensi elettorali ed ambite poltrone "che contano" sembra essersi dissolto senza lasciare traccia


Il fatto che tu riproponga tutte altre tue frasi MAI CONTESTATE DA ME e non quella CHE IO HO CONTESTATO chiamasi STRAWMAN.
Per chi vorrebbe fare "vera" informazione è PECCATO MORTALE.


RIPETO: Il popolo dei pacifisti, LUNGI DALL' ESSERSI DISSOLTO SENZA LASCIARE TRACCIA, manifesta il 2 Aprile.
Puoi unirtici o continuare a chiamarli "pacifinti" come fanno i media berlusconiani CHE POI METTONO FALSI TERREMOTATI A MAGNIFICARE LA RICOSTRUZIONE DI L' AQUILA.

marcocedol
Inviato: 29/3/2011 18:09  Aggiornato: 29/3/2011 18:10
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
popolo dei pacifinti, presente in massa nelle piazze e nelle strade qualche anno fa durante l'invasione dell' Iraq, quando lottare contro la guerra era esercizio prodromico alla conquista di facili consensi elettorali ed ambite poltrone "che contano" sembra essersi dissolto senza lasciare traccia


Citazione:
RIPETO: Il popolo dei pacifisti, LUNGI DALL' ESSERSI DISSOLTO SENZA LASCIARE TRACCIA, manifesta il 2 Aprile. Puoi unirtici o continuare a chiamarli "pacifinti" come fanno i media berlusconiani CHE POI METTONO FALSI TERREMOTATI A MAGNIFICARE LA RICOSTRUZIONE DI L' AQUILA.


Dal momento che io ho affermato "sembra essersi dissolto senza lasciare traccia" vedremo il 2 aprile quale traccia sarà eventualmente rimasta

Per quanto riguarda l'unirsi al ritorno del figliol prodigo ho davvero altri programmi e nella mia vita ho marciato a sufficienza a mie spese per costruire le carriere dei voltagabbana di sinistra. Almeno per i media Berlusconiani che non leggo non ho mai speso nè tempo nè denaro

Freeman
Inviato: 29/3/2011 19:31  Aggiornato: 29/3/2011 19:31
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Perchè se in un paese un gruppo di persone si rivolta contro un dittatore che detiene il potere (da 40 anni!!!) preso con un colpo di stato, è giusto aiutare queste persone.

Ti sei scordato la parte della marmotta che incartava la cioccolata, viene un po' dopo quella in cui l'occidente democratico ha usato Gheddafi in tutte le salse per gran parte di quei 40 anni, per fargli fare alcuni "lavori sporchi" quando non bisognava esporsi direttamente... come sempre, era un bastardo anche prima, ma era "il nostro bastardo"(TM), quindi niente battage sul mostro sanguinario, riflettori accesi sul despota "illuminato" (e qui...).

Citazione:
A me questo sembra un discorso molto semplice da capire...

Appunto, TROPPO semplice per essere vero. Anzi, per essere.
Visto che non ti sei peritato di studiare la lezione e che da tempo ho smesso di parlare ai muri, seguo Calvero e abbandono anch'io l'impresa disperata.
Mi raccomando, getta i fazzolettini nel secchio, quando hai finito.

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Lestaat
Inviato: 29/3/2011 20:38  Aggiornato: 29/3/2011 20:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/7/2005
Da: Perugia
Inviati: 1774
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Autore: Freeman Inviato: 29/3/2011 19:31:04

Citazione:
Perchè se in un paese un gruppo di persone si rivolta contro un dittatore che detiene il potere (da 40 anni!!!) preso con un colpo di stato, è giusto aiutare queste persone.

Ti sei scordato la parte della marmotta che incartava la cioccolata, viene un po' dopo quella in cui l'occidente democratico ha usato Gheddafi in tutte le salse per gran parte di quei 40 anni, per fargli fare alcuni "lavori sporchi" quando non bisognava esporsi direttamente... come sempre, era un bastardo anche prima, ma era "il nostro bastardo"(TM), quindi niente battage sul mostro sanguinario, riflettori accesi sul despota "illuminato" (e qui...).

Citazione:
A me questo sembra un discorso molto semplice da capire...

Appunto, TROPPO semplice per essere vero. Anzi, per essere.
Visto che non ti sei peritato di studiare la lezione e che da tempo ho smesso di parlare ai muri, seguo Calvero e abbandono anch'io l'impresa disperata.
Mi raccomando, getta i fazzolettini nel secchio, quando hai finito.


Non ti ci mettere anche tu Freeman.
"era un bastardo anche prima"
Che vuol dire?
Perchè? Cosa aveva fatto Gheddafi "prima"?
E cosa ha fatto ora?
Non ripetiamo per principio parole di propaganda senza dar loro un significato.
Non ho nulla in contrario se qualcuno lo giudica un bastardo, ma visto che di questi aggettivi sono sempre pieni i vostri post, me li motivate per favore?
Io sarò stupido ma a me Gheddafi pare più simile ad un eroe per il popolo libico piuttosto che un bastardo e la storia di quel paese, così come la qualità della vita delle persone in quel paese, le conquiste sociali e le infrastrutture di quel paese sono li a dimostrarlo.
Non è democratico? E sticazzi.
Perchè è un bastardo secondo te?

In nomine libertatis vincula edificamus.
In nomine veritatis mendacia efferimus.
Rickard
Inviato: 29/3/2011 21:45  Aggiornato: 29/3/2011 21:45
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: Il popolo dei pacifinti
Lestaat
Citazione:
Non è democratico? E sticazzi.
Perchè è un bastardo secondo te?

E ti pare poco?!? Lui non è democratico! Non favorisce la democrazia!

Non consente al popolo libico di andare a fare delle X sulle schede elettorali! Non consente la PARTECIPAZIONE POLITICA!

Non importa se ha fatto della Libia un paese ricco e moderno, se ha conseguitonumerose ocnquiste sociali (come l'afabetizzazione), se in tanti anni di immigrazione qui da noi non è mai arrivato un solo libico e nemmeno se la maggior parte della popolazione libica sostiene strenuamente Gheddafi.

Loro avranno la democrazia, e noi gliela daremo. Anche a costo di ucciderli tutti.

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
Freeman
Inviato: 29/3/2011 22:09  Aggiornato: 29/3/2011 22:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Il popolo dei pacifinti
Lestaat, se posso permettermi, ultimamente sei troppo sulla difensiva, prendi tutto alla lettera e ti perdi l'ironia, leggi tutto in chiave negativa, sei sempre più incazzato, qui come su CDC: non ti riconosco più.
Take it easy, mate, se ti mangi il fegato gli fai solo un grosso favore, a "lorsignori".

Dovresti rileggerti TUTTI i miei post sull'argomento, non solo l'ultimo che interpreti un po' troppo sull'onda della tua crescente emotività... Ad esempio, dove mai mi hai visto elogiare la "democrazia", per cui secondo te avrei criticato Gheddafi perché "non democratico"? E secondo te, gli ho dato letteralmente del "bastardo" o intendevo altro (come il senso di TUTTA la frase lascia agevolmente intendere)?

A proposito di Gheddafi, facciamo dei distinguo.
Premesso che il mio "bastardo" si riferiva alle invettive rivolte al Rais dai suoi ex-alleati-nemici-alleati-amici-nonsisa, per cui ora sembra il demonio in persona, mentre ieri era solo "un dittatore-probabilmente-illuminato"; quindi non un mio "giudizio", che così tranchant non mi sognerei mai di emettere.

Dicevo, ciò premesso, dal difenderlo da un attacco ingiusto e ingiustificato al santificarlo ce ne passa e ce ne corre. Va bene che il "my enemy's enemy...", ma cerchiamo di restare lucidi.
Si tratta pur sempre di un politico, un ex-militare che alla fin fine ha fatto sì qualcosa di buono per la Libia, ma nel farlo non è certo sceso a compromessi col suo egocentrismo. Ovvio che comunque io preferisco cento volte un Gheddafi a un Prodi o a un Berlusconi o a un D'Alema, però non è questo il punto.

Un recente articolo di Blondet ha aperto alcuni squarci sospetti sulle sue "follie", dandone un'interpretazione per cui tanto folli non sembrano, e c'è un fil rouge che "sembrerebbe" unire una serie di episodi apparentemente inspiegabili. Non condivido alcuni voli pindarici di Blondet, ascrivibili probabilmente al suo livore anti-ebraico, però nel complesso ci sono importanti spunti di riflessione sul caso, in quell'articolo.
Gheddafi non è certo né una mammoletta né un santo, né d'altro canto il "mostro sanguinario" che i nostri mezzibusti ci descrivono, ma non è questo il punto, perché se vogliamo capire la geopolitica dovremmo astenerci da giudizi di merito, e non lasciar parlare "lo stomaco", in un senso o nell'altro. Io cerco di non farlo, infatti, per cui quando sembra che lo stia facendo rileggi e cerca di cogliere l'ironia e/o lo sfottò.

Gheddafi non è stato né più né meno che un politico abile e opportunista, che ha per 40 anni tenuto a bada non senza abilità e lungimiranza, quel coacervo di tribù che era la Libia, di cui una parte, quella che parteggiava per il sovrano deposto dal suo colpo di stato, ha masticato amaro molto a lungo. I suoi nemici interni sono stati controllati con un misto di elargizioni, blandizie, minacce, omicidi mirati, corruzione. Il che nel complesso è stato efficace nel tenere insieme quello stato artificiale che era la Libia, e in questo l'abilità di Gheddafi è innegabile.
Ma è tutta farina del suo sacco?...

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Lestaat
Inviato: 29/3/2011 23:39  Aggiornato: 29/3/2011 23:39
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/7/2005
Da: Perugia
Inviati: 1774
 Re: Il popolo dei pacifinti
Ohi ohi...
Fermo Freeman.
Accidenti, devo imparare a mettere qualche faccina nei post.
Non sono così incazzato, credimi.
:)
E' verissimo che sono sempre più sicuro che il futuro, in questa, e sottolineo QUESTA, società sarà pessimo, sempre più pessimo, ma considerato il fatto che tanto me ne vado entro l'anno, non è che mi mangio poi troppo il fegato.
E sta sicuro che non mi sono perso nulla nei tuoi post.
Per quello ho iniziato dicendo "non ti ci mettere anche tu"
:)

Come già capitato in diversi altri post però, sarò matto, sarò pignolo, sarò probabilmente esasperato, ma mi sembra sempre sistematicamente presente, anche e purtroppo nelle parole di persone che ritengo intelligenti come te, o, per fare un esempio tra nomi conosciuti, Massimo Fini, o molti altri ancora che conosciamo noi qui su LC, mi sembra presente, dicevo, quell'influenza tutta occidentale nel giudizio.
Onestamente Freeman, chi è che possiamo considerare un eroe? Chi possiamo considerare bastardo?
Ci saranno pure dei principi che, ognuno a modo suo, segue per dare giudizi no?
E allora, specie quando ci si trova di fronte a discussioni come questa, parlando con persone come marcowhite, credo sia importante chiarire alcune cose.
Anche in questo tuo ultimo post ad esempio, a mio avviso, senza nemmeno rendertene conto, ripeti alcuni giudizi che, sempre secondo me, arrivano dritti dritti da quella parte di te, di noi, che ha subito propaganda per tutta la vita.
Dici: "Gheddafi non è stato né più né meno che un politico abile e opportunista"
Ma perchè?
Cosa deve fare un leader? Cosa dovrebbe fare un "governante", qualsiasi forma di governo sia?
Gheddafi ha contribuito più di qualsiasi Libico alla cacciata di un pezzente di monarca prono ai soldi occidentali, che lasciava che il popolo e la sua terra venissero usati dalla compagnie occidentali senza il benchè minimo beneficio per la popolazione locale se non per quei pochi che riuscivano a proliferare attorno alle "briciole del padrone".
E' riuscito a farlo senza spargimento di sangue.
Grazie alla sua educazione, al suo cervello.
Si è sempre onestamente posto dalla parte dell'oppresso in ogni occasione, senza scendere a compromessi per cose fondamentali che ogni persona di buonsenso riconosce come tali.
Ha usato le ricchezze della propria terra per emancipare il popolo, istruirlo quanto più possibile, proteggerlo quanto più possibile, tenendo insieme un paese che, diciamocelo, non esiste. Un paese per cui basta guardare la forma dei confini per capire che non esiste, ma che è stato imposto loro dall'occidente. Confini pensati, come per tutta l'africa, proprio per tenere nello stesso paese etnie e/o tribu diverse in modo da avere quel costante malessere in cui poter mantenere il controllo.
E come dici tu stesso, "Il che nel complesso è stato efficace nel tenere insieme quello stato artificiale che era la Libia, e in questo l'abilità di Gheddafi è innegabile.".....e allora ti chiedo:
Perchè è un bastardo, perchè è un opportunista?
Perchè nel frattempo è diventato ricco anche lui?
Sei serio?
Cosa pretendi da un "governante" più di quanto fatto da un uomo come lui?
E, qui il punto da cui sono partito, non sarebbe forse il caso di dare il peso più giusto alle parole?
Come sai, come ormai tutti sappiamo, il bias di conferma è la spinta primaria dell'ignoranza.
Una frase come "Gheddafi è stronzo come tutti gli altri" è sbagliata, è esattamente in quella frase che è presente proprio l'accusa che tu fai a me: sei tu che prendi tutto in negativo, non io.
Gheddafi è e resta un eroe che ha salvaguardato e migliorato la vita del popolo libico.
Eventuali sbagli, per quanto possano essere giudicati pessimi anche da me, diventano sciocchezze, diventa tutto trascurabile. Potremmo parlare di questo se vivessimo in un mondo diverso, se fossimo in Star Trek, con una coscienza diversa, con un livello di emancipazione sociale diverso. Ma siamo qui, e parliamo con persone che giudicano a membro di segugio, noi stessi ragioniamo a cazzo perchè occidentali, e allora, almeno usiamo meglio la bilancia del nostro senso critico, e diamo alle cose il giusto nome che non è quell'ideale che ognuno di noi ha in testa, ma è quel nome che il senso comune usa.
Gheddafi non è un santo, ma non è un bastardo, non è opportunista, è a tutti gli effetti quello che l'uomo di oggi dovrebbe definire un eroe.
Se non è quello che pensi, sei liberissimo di farlo, ovviamente, ma in questo caso, io sono libero di chiederti perchè è bastardo? perchè è opportunista? perchè non è un eroe?
E allora si discute e vediamo come si va avanti a parlare, ma non è questione di mettersi sulla difensiva, è questione di esprimere un punto di vista. Quello che mi spaventa è che sempre più spesso, un punto di vista che mi rendo conto essere radicale, viene preso come aggressivo. Come se l'aggressività dipendessa da quanto diverge dal proprio punto di vista. Ma questo è un altro discorso.
Spero di essere stato chiaro.

In nomine libertatis vincula edificamus.
In nomine veritatis mendacia efferimus.
Redazione
Inviato: 29/3/2011 23:47  Aggiornato: 29/3/2011 23:47
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il popolo dei pacifinti
MARCOWHITE: "In effetti il termine "idiota" è duro e offensivo. Chiedo scusa all'autore dell'articolo ..."

Clap clap clap!!!!

In fondo, a volte basta così poco....

Grazie Marcowhite.

berna85
Inviato: 30/3/2011 0:11  Aggiornato: 30/3/2011 0:15
Ho qualche dubbio
Iscritto: 16/1/2011
Da: Amsterdam
Inviati: 154
 Re: Il popolo dei pacifinti
Tanto per chiarire non è vero che in Libia i cittadini non possono scegliere rappresentanti, esistono i comitati popolari che sono eletti direttamente dalle popolazioni locali che a sua volta appuntano i membri del congresso generale del popolo che sono tutt'altro che marginali. Non si potranno scegliere il loro leader ma qualche possibilità di esprimersi la hanno. Se poi come modello ideale prendiamo qualsiasi paese occidentale, perchè questo è il risultato della democrazia elettiva applicata, preferisco il regime di Ghedaffi.
Ghedaffi si riconosce tutt'ora come leader della rivoluzione Libica perciò chiedere che si dimetta o quant'altro è ridicolo.

EDIT:correzioni

Freeman
Inviato: 30/3/2011 0:13  Aggiornato: 30/3/2011 0:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Il popolo dei pacifinti
Mah, mi sa che stasera non ci capiamo, riprovo domani, che è ampiamente ora di andare a nanna.

Per conciliare il sonno, un bell'articolo di Ron Paul.

_______________________

La scorsa settimana l'amministrazione Obama ha trascinato gli Stati Uniti nella guerra contro la Libia senza curarsi di informare il Congresso e ancor meno di ottenere un mandato costituzionale per la dichiarazione di guerra. Nel bel mezzo di una grave fase di contrazione economica, questa disavventura è già costata centinaia di milioni di dollari e possiamo essere certi che il prezzo finale sarà molto superiore.

Perché gli Stati Uniti intervengono in una guerra civile di un paese che non ci ha né attaccati né minacciati? Ci è stato raccontato che si tratta di un intervento umanitario, come quello della guerra contro la Serbia nel 1999, durante la presidenza Clinton. Ma come vittime civili dei continui bombardamenti della coalizione guidata dagli USA, è difficile stabilire se il problema che si sta creando sul posto sia peggiore di quello che si sta cercando di risolvere.

Anche se l'amministrazione sembra stia giocando con la semantica definendo questa una "azione militare dinamica"; cerchiamo di essere chiari: questo è un atto di guerra degli Stati Uniti contro la Libia. Imporre una 'no-fly zone' sullo spazio aereo di una nazione sovrana è un'azione di guerra, come puntualizzato dal Segretario della Difesa Robert Gates prima dell'inizio dei bombardamenti. Il fatto che l'Amministrazione esiti a chiamarla guerra, per le possibili implicazioni costituzionali, non significa che non lo sia. L'articolo 1 sezione 8 della Costituzione non potrebbe essere più chiaro: il potere e l'obbligo di dichiarare guerra spetta unicamente al Congresso degli Stati Uniti.

Si è trovato tempo ed occasioni per consultare ONU, NATO e Lega Araba prima di entrare in guerra, ma non il Congresso degli Stati Uniti.

A parte il modo in cui l'amministrazione ci ha portati in guerra, è anche preoccupante il fatto che il nostro governo abbia preso una posizione decisa per una delle parti nell'ambito di un conflitto interno di un paese sovrano. L'amministrazione afferma che gli Stati Uniti non stanno cercando di rovesciare il regime di Gheddafi mentre aiutano chiaramente i ribelli e dichiarano che Gheddafi se ne deve andare. Ha senso tutto ciò? Gheddafi può anche essere il "cattivo" che ci è stato descritto, ma chi sono i ribelli che stiamo aiutando? Abbiamo qualche indizio? In caso di vittoria, porteranno libertà e prosperità alla Libia? Possiamo sperarlo, ma il fatto è che non lo sappiamo. Michael Scheuer, ex capo dell'unità Bin Laden della CIA, spiega in un recente articolo che esiste una ragione plausibile per credere che i ribelli siano, o siano stati, mujahedin islamici, ansiosi di arruolarsi nella jihad. Al contrario, Gheddafi ha combattuto contro gli islamici libici per anni ed è considerato da questi un nemico implacabile. Incredibilmente, può essere che in questa nuova guerra stiamo aiutando al-Qaeda!

I costi di questo terribile errore non possono essere ignorati. Il Congresso è stato duramente impegnato in tagli al budget e si è tormentato nel cercare modi di risparmiare denaro. Le recenti proposte di tagli alla spesa sono state completamente spazzate via da questa nuova guerra! Tra dieci anni, ricostruiremo la Libia? Il Congresso semplicemente riconvertirà la propria politica ed approverà altre spese straordinarie per questa nuova guerra come fatto in passato? Dobbiamo fermare immediatamente la nostra partecipazione agli attacchi alla Libia ed io mi sono impegnato per una legge che stabilisca chiaramente ciò- Il Congresso deve affermare la propria autorità costituzionale e riprendere le redini di un'amministrazione chiaramente fuori controllo.

Ron Paul, senatore USA

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
complo
Inviato: 30/3/2011 10:17  Aggiornato: 30/3/2011 10:19
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/10/2005
Da:
Inviati: 2555
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Dal momento che io ho affermato "sembra essersi dissolto senza lasciare traccia" vedremo il 2 aprile quale traccia sarà eventualmente rimasta


E quale traccia rimase invece delle manifestazioni contro la guerra in Iraq?
Un milione di morti iracheni e la guerra che ancora c'è.
E' una toppa peggiore del buco.......

Citazione:
Per quanto riguarda l'unirsi al ritorno del figliol prodigo ho davvero altri programmi e nella mia vita ho marciato a sufficienza a mie spese per costruire le carriere dei voltagabbana di sinistra


E tu puoi decidere quando smettere di marciare e gli altri no?
Perchè gli altri sarebbero "pacifinti" a non manifestare contro la guerra in Libia (SE FOSSE VERO E NON LO E') E TU INVECE AVENDO FATTO LA STESSA COSA in tempi precedenti, non lo saresti?
Questo è il tipico modo di ragionare di chi vede un mondo pieno di cattivacci, mondo nel quale solitamente l'unico buono rimane (AUTOREFERENZIALMENTE) lui stesso.....

Lestaat
Inviato: 30/3/2011 10:50  Aggiornato: 30/3/2011 10:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/7/2005
Da: Perugia
Inviati: 1774
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:

Autore: complo Inviato: 30/3/2011 10:17:52

Citazione:
Dal momento che io ho affermato "sembra essersi dissolto senza lasciare traccia" vedremo il 2 aprile quale traccia sarà eventualmente rimasta


E quale traccia rimase invece delle manifestazioni contro la guerra in Iraq?
Un milione di morti iracheni e la guerra che ancora c'è.
E' una toppa peggiore del buco.......

Citazione:
Per quanto riguarda l'unirsi al ritorno del figliol prodigo ho davvero altri programmi e nella mia vita ho marciato a sufficienza a mie spese per costruire le carriere dei voltagabbana di sinistra


E tu puoi decidere quando smettere di marciare e gli altri no?
Perchè gli altri sarebbero "pacifinti" a non manifestare contro la guerra in Libia (SE FOSSE VERO E NON LO E') E TU INVECE AVENDO FATTO LA STESSA COSA in tempi precedenti, non lo saresti?
Questo è il tipico modo di ragionare di chi vede un mondo pieno di cattivacci, mondo nel quale solitamente l'unico buono rimane (AUTOREFERENZIALMENTE) lui stesso.....




Da manuale.
Le magie della retorica.
Spero per te complo, e dico sul serio, spero che tu sia in malafede.
Vorrebbe almeno dire che hai cervello.

In nomine libertatis vincula edificamus.
In nomine veritatis mendacia efferimus.
complo
Inviato: 30/3/2011 11:26  Aggiornato: 30/3/2011 12:32
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/10/2005
Da:
Inviati: 2555
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Spero per te complo, e dico sul serio, spero che tu sia in malafede.
Vorrebbe almeno dire che hai cervello.



Spero che tu abbia qualche argomentazione oltre quella sul mio cervello.
Se non ce l'hai dovresti preoccuparti DEL TUO cervello.......

marcocedol
Inviato: 30/3/2011 14:43  Aggiornato: 30/3/2011 14:56
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
tu puoi decidere quando smettere di marciare e gli altri no? Perchè gli altri sarebbero "pacifinti" a non manifestare contro la guerra in Libia (SE FOSSE VERO E NON LO E') E TU INVECE AVENDO FATTO LA STESSA COSA in tempi precedenti, non lo saresti? Questo è il tipico modo di ragionare di chi vede un mondo pieno di cattivacci, mondo nel quale solitamente l'unico buono rimane (AUTOREFERENZIALMENTE) lui stesso.....


Complo,
mi domando seriamente se tu non abbia capito una mazza dell'articolo e di quello che ho scritto o se tu stia fingendo di non aver capito, per difendere non si capisce bene cosa.

In primo luogo io non critico i pacifinti della sinistra e del mondo cattolico, osservo e constato. Posso criticare la scelta delle centrali nucleari e del TAV che pregiudica il futuro di noi tutti o la decisione di entrare in guerra e fare massacri, non gli umori della gente e dei partiti che la manovrano.
In secondo luogo per tua informazione il termine "pacifinti" io e altri sul web lo usiamo da molti anni, molto prima che i giornali di centrodestra se ne appropiassero. Vai a leggerti qualche articolo risalente ai giorni in cui i Verdi (con la bandiera della pace nel proprio simbolo) Rifondazione comunista e Comunisti italiani votavano il rifinanziamento alle missioni di guerra, durante il governo Prodi.

Io ho osservato e constatato il silenzio e l'imbarazzo di chi del pacifismo aveva fatto la propria bandiera, di fronte alla guerra contro la Libia.
Silenzio ed imbarazzo sui giornali, sui siti, nelle piazze e se ti confronti con onestà intellettuale non puoi venirmi a raccontare che non è stato così e che la manifestazione del 2 aprile, dove trascinati da Gino Strada e con una piattaforma da brividi, dove s'inneggia alle rivoluzioni per la democrazia e la libertà dei popoli (quali????), all'accoglienza e alla protezione dei migranti (cazzo centra?) e sembra quasi che la colpa della guerra sia di Gheddafi, dopo due settimane dall'inizio della guerra, dimostra che l'entusiasmo pacifista di costoro è lo stesso del passato.
Non prendiamoci per il culo complo!!!

Per quanto riguarda me ed il marciare, trattasi di decisioni personali che derivano dalla constatazione del fatto che cortei e marcette a qualsiasi titolo sono totalmente inutili al fine di ottenere qualcosa di concreto.
Se sono contro la guerra o per l'acqua pubblica posso esprimerlo in 10000 modi, senza andare a fare marcette, ma anche senza i silenzi e gli imbarazzi che hanno caratterizzato chi pacifista era e non è più o forse non lo è mai stato, o forse lo è a comando quando il partito o il sindacato chiama a raccolta

Io non sono l'unico buono, ci mancherebbe altro, ma quando porto avanti un'idea cerco di farlo con coerenza e nel caso decida di cambiarla ho l'umiltà di affermare che avevo sbagliato, non nascondo il viso nella sabbia del deserto, perchè in fondo Gheddafi è un dittatore cattivo ed era pure amico di Berlusconi

Stefo
Inviato: 30/3/2011 15:59  Aggiornato: 30/3/2011 15:59
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/2/2009
Da: Roma
Inviati: 324
 Re: Il popolo dei pacifinti
Tanto per capire...secondo voi hanno fatto bene a non impedire Srebrenica? Hanno fatto bene a non impedire il Ruanda? Hanno fatto bene a non impedire Sabra e Chatila? Chiedo questo per scindere la questione "filosofica" dalla questione "i media ci propinano cazzate". Se Gheddafi avesse o ha bombardato i manifestanti con gli aerei o i carri armati, l'ONU non avrebbe dovuto fare niente? La Libia non si può interpretare scindendola dalla generale sollevazione che sta interessando il mondo arabo, a mio parere. In Egitto non ci sono state stragi come in Libia, tantomeno in Tunisia. Perfino la Siria sta reagendo in maniera differente da Gheddafi. L'avete visto il suo discorso nel bunker? Solo per dire che ancora non mi sono fatto un'opinione definitiva in proposito e auspico commenti. Per Marco: chi andava alle marce per la pace ci credeva, non lo faceva per calcoli elettorali. Ci sono andato molte volte pure io e non mi ha eletto nessuno. Il mondo non è composto solo da cinici. Vedo molto astio da parte tua per i "voltagabbana" della sinistra. Correggimi se sbaglio. Saludos

complo
Inviato: 30/3/2011 16:26  Aggiornato: 30/3/2011 16:26
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/10/2005
Da:
Inviati: 2555
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Complo,
mi domando seriamente se tu non abbia capito una mazza dell'articolo e di quello che ho scritto o se tu stia fingendo di non aver capito, per difendere non si capisce bene cosa.


Pensa che io mi sto domandando la stessa cosa di te sulle mie risposte.
AVEVO QUOTATO UNA TUA FRASE PRECISA NELLA MIA RISPOSTA.
Quella frase è FALSA.
Il movimento pacifista NON si è "dissolto senza lasciare traccia".
IL 2 APRILE MANIFESTERA' CONTRO LA GUERRA IN LIBIA.
Poi girarci intorno quanto vuoi ma E' COSI'.

Che poi l'interesse sia meno che in occasione dell'Iraq è VERO e CONCORDO CON TE, che ci siano stati ANCHE silenzi imbarazzati è VERO e CONCORDO CON TE, che ci sia anche chi considera GIUSTO l'intervento è VERO e lo dico io visto che non l'hai detto tu.
E infatti io NON avevo MAI contraddetto questo.

Per riguarda il marciare non posso che ripetermi.
Perchè se tu hai smesso di marciare saresti "umile ad aver ammesso di aver sbagliato prima" e chi eventualmente facesse lo stesso oggi per la Libia sarebbe un pacifinto?
Deve portarti il certificato di pentimento?

baciccio
Inviato: 30/3/2011 16:47  Aggiornato: 30/3/2011 16:50
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/1/2006
Da: Genova
Inviati: 536
 Re: Il popolo dei pacifinti
Una lettera aperta, di pochi gioni fa, che alcuni medici dell'ex Unione Sovietica operanti in Libia, indirizzano in forma di supplica all'ex Madre Patria.
( poi chi vuol credere ai bombardamenti pro causa dei civili, che francesi, americani e statunitensi profondono in Libia, continui pure).

LETTERA APERTA DEI MEDICI RUSSI IN LIBIA

AL PRESIDENTE DELLA FEDERAZIONE RUSSA



24 marzo 2011, Tripoli, Libia


Al Presidente della Federazione Russa D. Medvedev

Al Primo Ministro della Federazione Russa V. Putin

dai cittadini di Ucraina, Bielorussia e Russia che lavorano in Libia

Gentili Sig. ri Medvedev e Vladimir Putin,




Ci avete spiegato che i cittadini della ex Unione Sovietica erano destinati a divenire oggi cittadini di una comunità comprendente differenti stati slavi: Ucraina, Bielorussia, Russia. Nonostante questo, noi crediamo che sia la Russia, in quanto erede dell’URSS, la nostra sola protezione per gli interessi delle nostre nazioni e per la sicurezza dei nostri cittadini. E’ per questo che ci appelliamo a voi, in cerca di aiuto e di giustizia.


Oggi assistiamo ad una plateale aggressione degli USA e della NATO contro un paese sovrano, la Libia. E se qualcuno ancora ne dubita, noi affermiamo trattarsi di un fatto ovvio e ben noto, poiché tutto sta accadendo sotto i nostri occhi e le azioni degli USA e della NATO minacciano la vita non solo dei cittadini della Libia, ma anche di noi che ci troviamo sul suo territorio. Siamo indignati per i barbari bombardamenti della Libia perpetrati in questo momento dalla coalizione USA-NATO.


Il bombardamento di Tripoli e di altre città della Libia non ha per obiettivo soltanto i sistemi di difesa aerea e i velivoli dell’aviazione libica e non è rivolto soltanto contro l’esercito, ma ha preso di mira anche le infrastrutture civili e militari. Oggi, 24 marzo 2011, gli aerei degli USA e della NATO hanno bombardato per tutta la notte e tutta la mattina un quartiere di Tripoli, Tajhura (dove si trova fra l’altro il Centro di Ricerca Nucleare libico). Le difese aeree e i velivoli situati a Tajhura erano già stati distrutti nei primi 2 giorni di attacchi e in città rimanevano altre installazioni militari in attività, ma oggi l’obiettivo dei bombardamenti sono le baracche dell’esercito libico, intorno alle quali vi sono quartieri residenziali densamente popolati; lì vicino si trova anche il più grande centro di cardiologia del paese. I civili e i medici non avrebbero mai potuto immaginare che si sarebbe arrivati a distruggere normali quartieri residenziali, perciò nessuno dei residenti o dei pazienti dell’ospedale era stato evacuato.


Le bombe e i missili hanno colpito le abitazioni civili e sono caduti vicino all’ospedale. I vetri del centro cardiologico sono andati in frantumi e nell’edificio riservato alle partorienti con problemi cardiaci sono crollati un muro e parte del tetto. Ciò ha provocato dieci aborti, la morte dei neonati e il ricovero delle madri nel reparto di cura intensiva; i medici stanno lottando per salvare loro la vita. Noi e i nostri colleghi stiamo lavorando sette giorni alla settimana nella speranza di salvare qualcuno. E tutto questo è la diretta conseguenza del lancio di bombe e di missili contro edifici residenziali, che hanno provocato dozzine di morti e di feriti che il nostro personale cerca di operare e visitare. Un numero così enorme di morti e di feriti, come quello registrato oggi, non si era avuto durante l’intera durata delle insurrezioni in Libia. E questo lo chiamano “proteggere la popolazione civile”?



Con la piena responsabilità di testimoni e di persone partecipi di quanto sta accadendo, noi dichiariamo che gli Stati Uniti e i loro alleati stanno perpetrando un genocidio contro il popolo libico, come già avvenuto in Yugoslavia, Afghanistan e Iraq. I crimini contro l’umanità compiuti dalle forze della coalizione ricordano quelli commessi in Germania, dove pure i civili venivano fatti a pezzi allo scopo di suscitare orrore e di spezzare la resistenza del popolo (la Germania lo ricorda e per questo ha deciso di non partecipare a questo nuovo massacro). Oggi essi mirano, con metodi simili, a far sì che il popolo libico rinunci al proprio capo e al proprio legittimo governo e ceda senza fiatare la propria ricchezza nazionale alle forze della coalizione.



Comprendiamo bene che appellarsi alla “comunità internazionale” per salvare il popolo della Libia e tutti coloro che vivono in Libia sarebbe perfettamente inutile. La nostra sola speranza è la Russia, che possiede diritto di veto all’ONU, e in particolare i suoi capi, il Presidente e il Primo Ministro.



Confidiamo ancora in voi, come in voi abbiamo confidato in passato, quando prendemmo la decisione di restare in Libia per aiutare il suo popolo, dedicandoci anima e corpo al dovere medico. Dopo il fallito colpo di stato alla fine di febbraio, la situazione in Libia si era calmata e il governo era riuscito a ripristinare l’ordine. Tutti in Libia sapevano che senza l’intervento americano, il paese sarebbe ben presto ritornato alla sua vita normale. Convinti che la Russia, col suo potere di veto, non avrebbe permesso l’aggressione degli Stati Uniti e dei suoi alleati, abbiamo deciso di restare in Libia, ma ci siamo sbagliati: la Russia, sfortunatamente, ha creduto alle false rassicurazioni degli americani e non si è opposta alla decisione criminale di Francia e Stati Uniti.



Noi siamo ucraini, russi e bielorussi, persone di diverse professioni (soprattutto medici) che lavorano in Libia da oltre un anno (da 2 a 20 anni). In tutto questo tempo abbiamo imparato a conoscere il modello di vita del popolo libico e dichiariamo che pochi cittadini, in altre nazioni del mondo, possiedono le comodità di cui possono godere i libici. Tutti hanno diritto a cure gratuite e i loro ospedali sono dotati del miglior equipaggiamento medico del mondo. In Libia l’istruzione è gratuita e le persone capaci hanno la possibilità di studiare all’estero a spese del governo. Ogni coppia che si sposa, riceve 60.000 dinari libici (circa 50.000 dollari USA) come assistenza economica. Lo stato concede prestiti senza interesse e spesso senza scadenza fissa. Grazie ai sussidi governativi, il prezzo delle automobili è molto più basso che in Europa e ogni famiglia può permettersi di acquistarle. Benzina e pane costano pochi centesimi, gli agricoltori non pagano tasse. Il popolo libico è tranquillo e pacifico, poco incline all’alcool e molto religioso.



Oggi questo popolo sta soffrendo. In febbraio, la vita pacifica di questa gente è stata violata da bande di criminali e da giovani pazzi e drogati, che i media occidentali hanno chiamato per qualche motivo “manifestanti pacifici”. Costoro hanno iniziato a usare armi e ad attaccare stazioni di polizia, sedi governative, reparti militari, provocando una carneficina. Coloro che li guidano, perseguono un obiettivo assai chiaro: creare il caos e impadronirsi del petrolio libico. Hanno raccontato menzogne alla comunità internazionale, dicendo che i libici stanno lottando contro il regime. Diteci, a chi non piacerebbe un “regime” del genere? Se avessimo avuto un simile “regime” in Ucraina o in Russia, non saremmo venuti qui a lavorare, ci saremmo goduti le comodità che potevano offrirci i nostri paesi e avremmo fatto ogni sforzo possibile per far sì che tale “regime” continuasse ad esistere.



Se gli USA e l’UE non hanno nulla da fare, che rivolgano la loro attenzione all’emergenza in Giappone, ai bombardamenti israeliani sulla Palestina, alla sfrontatezza e all’impunità dei pirati somali o alle condizioni degli immigrati arabi in Francia e lascino che siano gli stessi cittadini libici a risolvere i propri problemi interni. Oggi noi vediamo che vogliono trasformare la Libia in un nuovo Iraq. Perpetrare il genocidio di un intero popolo e di coloro che ad esso sono legati. Noi abbiamo prestato il GIURAMENTO MEDICO e non possiamo abbandonare i libici al loro destino, lasciandoli distruggere dalle forze della coalizione; inoltre, sappiamo che quando tutti gli stranieri se ne saranno andati e non sarà rimasto più nessuno a raccontare la verità (il piccolo staff delle missioni diplomatiche è stato ridotto al silenzio già da tempo), gli americani faranno qui una carneficina.

La nostra unica speranza di sopravvivere è una ferma presa di posizione della Russia presso il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.



Speriamo che Lei, Signor Presidente, e Lei, Signor Primo Ministro, in quanto cittadini russi e in quanto persone coscienziose, non permettiate ai fascisti americani ed europei del 21° secolo di distruggere questo popolo che ama la libertà e chi ha scelto di restare con lui.



Chiediamo perciò con urgenza che la Russia utilizzi il suo diritto di veto, un diritto conquistato con milioni di vite del popolo sovietico durante la II Guerra Mondiale, per fermare questa aggressione contro uno stato sovrano, per chiedere l’immediata cessazione dei bombardamenti degli USA e della NATO e per richiedere l’intervento delle truppe dell’Unione Africana nella zona di conflitto in Libia.



Nota: ai delegati del Consiglio per la Pace e la Sicurezza dell’Unione Africana, accettati tanto dal governo libico quanto dai capi dei ribelli per arrivare ad una soluzione pacifica del conflitto, non è stato consentito l’ingresso in Libia dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Questo atto dovrebbe essere condannato da Russia e Cina, che dovrebbero studiare le risoluzioni dell’UA e sostenere le sue sagge decisioni.



GIU’ LE MANI DALLA LIBIA!



Con rispetto e speranza

nella Vostra saggezza e onestà

i cittadini di Ucraina, Russia e Bielorussia di stanza in Libia



Bordovsky S., Vasilenko, S., Vegerkina A., Henry IV, Henry H., L. Grigorenko, DraBragg, A., Drobot V. Drobot, N., Yemets E., Kolesnikova, T., Kuzin, I., Kuzmenko, B., Kulebyakin V. Kulmenko T., Nikolaev AG, Papelyuk V. Selizar V. Selizar About . Smirnov, O. Smirnova, R., Soloviev DA, Stadnik VA, Stolpakova T. Streschalin G. Stakhovich Yu, Sukacheva L. Sukachev V. Tarakanov, T., Tikhon N. Tikhonov VI, Tkachev AV, Hadareva E., Tchaikovsky, O., Chukhno D. Chukhno O. Yakovenko D. ecc.



[L’elenco completo delle firme sotto l'appello ai capi della Russia e sotto la richiesta di un tribunale internazionale dell'Aja per i crimini di USA e NATO in Libia].



(fonte: Uruknet.info)

traduzione di Gianluca Freda

marcocedol
Inviato: 30/3/2011 16:48  Aggiornato: 30/3/2011 16:48
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Per Marco: chi andava alle marce per la pace ci credeva, non lo faceva per calcoli elettorali. Ci sono andato molte volte pure io e non mi ha eletto nessuno. Il mondo non è composto solo da cinici. Vedo molto astio da parte tua per i "voltagabbana" della sinistra. Correggimi se sbaglio. Saludos


Stefo, la stragrande maggioranza di chi ci è andato lo faceva perchè ci credeva, ci mancherebbe altro. E' chi organizzava e chiamava il popolo a raccolta ad avere costruito con le marce la propria carriera politica.
Molto astio per i voltagabbana, sempre, il fatto che in questo caso siano della sinistra è del tutto ininfluente

marcocedol
Inviato: 30/3/2011 16:56  Aggiornato: 30/3/2011 16:56
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Il popolo dei pacifinti
Complo, la mia frase era questa:
"sembra essersi dissolto senza lasciare traccia" ed affermare che una frase che inizia con SEMBRA possa essere tranciante ed indicata come vera o falsa la dice lunga sulla tua volontà di ragionare nel merito della questione.

Tu vuoi semplicemente avere ragione dove non ce l'hai, ma dal momento che davvero non ho tempo di discutere con chi finge di travisare le altrui parole, prenditi tutta la ragione che vuoi.

Il movimento pacifinto è tornato a calcare le piazze, indomito e coraggioso farà sentire la propria voce e tutti noi pludiremo con gaudio alla lieta ed imprevista novella, Complo così ha detto e guai a chi lo mette in dubbio!!!

Se sei convinto tu per me va benissimo, davvero

padegre
Inviato: 30/3/2011 17:04  Aggiornato: 30/3/2011 17:04
Mi sento vacillare
Iscritto: 28/11/2007
Da:
Inviati: 496
 Re: Il popolo dei pacifinti
La Lega Nord dice: blocco navale contro i profughi e rispetto degli accordi su gas e petrolio previsti dal trattato Italia-Libia.
Berlusconi è d’accordo, perché anche lui ha capito che l’unico fine di Francia, Inghilterra e USA è eliminare Gheddafi, al solo scopo di riscrivere i trattati che regolano lo sfruttamento delle risorse di petrolio e gas libici, a danno dell’ENI e dell’Italia.
Francamente non saprei dire chi è peggio, tra chi vuol mantenere un dittatore dispotico e sanguinario come Gheddafi e coloro che, in nome della democrazia e dell’intervento umanitario, fanno progetti tipici dei ladri colonialisti.
La esangue e moribonda sinistra italiana sta in maggioranza con gli americani e gli interventisti, mentre quella cosiddetta alternativa e i pacifisti non sanno che pesci pigliare e ondeggiano tra impotenza, velleitarismo, scoraggiamento.

Mi sento di rivolgermi soltanto a quelle numerose persone in buona fede che amano la PACE, che hanno constatato che negli ultimi 40 anni qualunque impegno nel volontariato o in manifestazioni di piazza, o nei vari Forum o Tavoli, non hanno sortito alcun effetto. Nessuna partecipazione italiana alle varie guerre è stata evitata, le spese militari sono aumentate, e oggi abbiamo addirittura una portaerei (costata 4.000 miliardi di vecchie lire) che è un mezzo di attacco e non di difesa, in totale spregio al nostro dettato costituzionale che ripudia la guerra come mezzo per risolvere le controversie internazionali.

L’impegno umanitario di Emergency e delle centinaia di varie onlus nel mondo è TOTALMENTE ininfluente e si ingannano le persone quando si sostiene che questo tipo di impegno porta verso la PACE.
Bisogna uscire da questo “donchisciottismo”, dalle illusioni, dai sogni, e fare i conti con la dura realtà, con i piedi da tenere ben saldi in Italia, perché è qui che abbiamo bisogno di tutte le persone di buona volontà per prevenire le guerre a cui partecipiamo.
E’ qui che dobbiamo mettere in piedi un movimento politico che faccia uscire l’Italia, unilateralmente, da ogni alleanza militare, dalla Nato, e che revochi ogni concessione di basi militari agli USA. Solo questi obiettivi sono in grado di dare un contributo alla PACE e al rifiuto di partecipare,direttamente o indirettamente ad aggressioni militari.
C’è bisogno di ogni uomo di PACE per lavorare su prospettive del genere e, invece degli applausi e dei soldi dei benpensanti riservati ai volontari e agli emergenziali, lo Stato “democratico” svelerà il suo vero volto con repressione, infiltrazioni, minacce, galera, come abbiamo visto con i “NO DAL MOLIN” contro la base aerea USA di Vicenza.

Se è vero che tutte le guerre recenti sono causate dal petrolio, un grande contributo alla PACE può venire da tutti coloro che si impegnano concretamente per sostituire l’energia prodotta con il petrolio con l’energia prodotta dalle rinnovabili, fotovoltaico in testa, con l’obiettivo strategico del totale abbandono dei combustibili fossili, per una vera e duratura autosufficienza energetica.
Questa strategia darebbe un colpo mortale anche ai lugubri dottor Stranamore del nucleare, che è indissolubilmente legato alle bombe.

Come si vede, niente filosofia, misticismi, eroi umanitari, leggendari volontari in Africa, ma impegni veri, possibili, concreti, a casa propria, per fare la nostra parte nel rifiuto della guerra e per fare la pace anche con l’ecosistema che non ne può più di 90 milioni di barili di petrolio bruciati OGNI GIORNO in atmosfera.
Paolo De Gregorio

complo
Inviato: 30/3/2011 17:08  Aggiornato: 30/3/2011 17:08
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/10/2005
Da:
Inviati: 2555
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Complo, la mia frase era questa:
"sembra essersi dissolto senza lasciare traccia" ed affermare che una frase che inizia con SEMBRA possa essere tranciante ed indicata come vera o falsa la dice lunga sulla tua volontà di ragionare nel merito della questione.




"SEMBRA che due + due faccia 5".
Se adesso mi rispondi che ho detto una cazzata, HAI RAGIONE TU O IO?
Fai bene o non fai bene a farmi osservare che invece fa 4?
Il 2 Aprile il popolo dei pacifisti MANIFESTA.
Ti ho fatto solo osservare che 2+2 fa 4 e non "SEMBRA faccia 5".

E' 4 volte che perdi tempo (CONCORDO) nel rispondermi assurdità al posto semplicemente di aver risposto subito: "HAI RAGIONE, non si è dissolto. Vale quanto ho aggiunto dopo."

marcocedol
Inviato: 30/3/2011 18:08  Aggiornato: 30/3/2011 18:08
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Il popolo dei pacifinti
Complo, se sei convinto tu, per me va benissimo, mi guardo bene dal tarpare le ali alle fantasie altrui

"Il ritorno dei pacifinti" potrebbe essere un ottimo titolo per un articolo, se qualcuno ha voglia di scriverlo, magari con il cappello "meglio tardi che mai"

Santro
Inviato: 30/3/2011 20:10  Aggiornato: 30/3/2011 20:10
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/11/2005
Da:
Inviati: 748
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Francamente non saprei dire chi è peggio, tra chi vuol mantenere un dittatore dispotico e sanguinario come Gheddafi

Paolo De Gregorio.... ma vaffanculo va!
Non ne posso più. Qui siamo di fronte ad una delle ingiustizie più eclatanti e manifeste, e questo continua con 'sti aggettivi a cazzo.... Dio che rabbia che ho!

ETERNAL SALVATION
(or triple your money back)
Lestaat
Inviato: 30/3/2011 20:50  Aggiornato: 30/3/2011 20:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/7/2005
Da: Perugia
Inviati: 1774
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Autore: Santro Inviato: 30/3/2011 20:10:30

Citazione:
Francamente non saprei dire chi è peggio, tra chi vuol mantenere un dittatore dispotico e sanguinario come Gheddafi

Paolo De Gregorio.... ma vaffanculo va!
Non ne posso più. Qui siamo di fronte ad una delle ingiustizie più eclatanti e manifeste, e questo continua con 'sti aggettivi a cazzo.... Dio che rabbia che ho!


E meno male.
Almeno non sono l'unico a pensarla così.

In nomine libertatis vincula edificamus.
In nomine veritatis mendacia efferimus.
Pyter
Inviato: 30/3/2011 22:11  Aggiornato: 30/3/2011 22:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Il popolo dei pacifinti
Siamo in tre.

Direi che siamo già in tanti.

Se ci procuriamo tre camionette e ci mettiamo sopra tre lavatrici accese con il cestello aperto buttiamo giù il governo Berlusconi e facciamo bombardare Arcore dalla Nato.


Ah, dimenticavo:
Lestaat, porta un telefonino per fare le riprese in alta definizione.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
complo
Inviato: 31/3/2011 13:19  Aggiornato: 31/3/2011 13:23
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/10/2005
Da:
Inviati: 2555
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Complo, se sei convinto tu, per me va benissimo, mi guardo bene dal tarpare le ali alle fantasie altrui


Il 2 Aprile C'E' la manifestazione.
Non è una mia "fantasia". Sono altri che dicono FALSITA' nascondendosi dietro un "sembra".
"Sembra", "si dice" et similia sono l'incipit DI QUALUNQUE DISINFORMATORE PROFESSIONISTA.
"Si dice Saddam abbia armi di distruzione di massa", "Sembra che al qaeda sia pronta a colpire in Italia".
Continua pure a farti del male..................


EDIT: chi vuol partecipare alla manifestazione partecipi, chi ritiene non serva non lo faccia.
L'unica cosa NON TOLLERABILE è che si offenda GRATUITAMENTE chi andrà definendoli PACIFINTI, o peggio ancora si dica che "sembra si siano dissolti nel nulla" MENTENDO PATENTEMENTE.

marcocedol
Inviato: 31/3/2011 14:36  Aggiornato: 31/3/2011 14:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Il 2 Aprile C'E' la manifestazione. Non è una mia "fantasia". Sono altri che dicono FALSITA' nascondendosi dietro un "sembra". "Sembra", "si dice" et similia sono l'incipit DI QUALUNQUE DISINFORMATORE PROFESSIONISTA. "Si dice Saddam abbia armi di distruzione di massa", "Sembra che al qaeda sia pronta a colpire in Italia". Continua pure a farti del male.................. EDIT: chi vuol partecipare alla manifestazione partecipi, chi ritiene non serva non lo faccia. L'unica cosa NON TOLLERABILE è che si offenda GRATUITAMENTE chi andrà definendoli PACIFINTI, o peggio ancora si dica che "sembra si siano dissolti nel nulla" MENTENDO PATENTEMENTE.


Complo, in primo luogo ti stai agitando troppo, in secondo luogo ti arrampichi sui vetri, per finire "disinformatore" e "bugiardo" lo vai a dire a tua sorella!!!!

Probabilmente, obnubilato dalla foga di scrivere cazzate, non ti sei neppure accorto che quando io ho scritto l'articolo non esistevano prese di posizione, nè tanto meno programmi di manifestazioni di sorta da parte di nessuno, per cui le mie parole erano più che pienamente giustificate, rappresentando l'esatta verità!!!!!!!!!!!
Prima di parlare impara a contare fino a 10 e rifletti, e prima di offendere tappati la bocca, sono stato chiaro?

complo
Inviato: 31/3/2011 15:19  Aggiornato: 31/3/2011 15:19
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/10/2005
Da:
Inviati: 2555
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Complo, in primo luogo ti stai agitando troppo..


e infatti...

Citazione:
"disinformatore" e "bugiardo" lo vai a dire a tua sorella!!!!


Citazione:
Probabilmente, obnubilato dalla foga di scrivere cazzate..


Citazione:

Prima di parlare impara a contare fino a 10 e rifletti, e prima di offendere tappati la bocca, sono stato chiaro?


Forse sei TU troppo agitato.
Ma questo è "folklore", passiamo ai fatti..

Citazione:
..non ti sei neppure accorto che quando io ho scritto l'articolo non esistevano prese di posizione, nè tanto meno programmi di manifestazioni di sorta da parte di nessuno..


Io ero stato fin troppo buono lasciandoti una onorevole porta di uscita:
Probabilmente lo fai solo per dare enfasi a ciò che dici, ma finisci per dire falsità.
Adesso sarò un pochino più brusco: sei un mentitore patologico.
Il tuo articolo è del 25 Marzo.
Il 24 Marzo Gino Strada era ad Annozero a parlare della manifestazione del 2 Aprile.
http://www.politica-news.com/2-aprile-2011-in-piazza-contro-la-guerra.htm
Cerca di entrare nell'ordine di idee che se a TE una cosa non risulta non significa che non esista.
Significa che TU non la conosci.
Vediamo quante altre ne pesti di mXXXe........

Lestaat
Inviato: 31/3/2011 15:58  Aggiornato: 31/3/2011 15:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/7/2005
Da: Perugia
Inviati: 1774
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Autore: Pyter Inviato: 30/3/2011 22:11:33

Siamo in tre.

Direi che siamo già in tanti.

Se ci procuriamo tre camionette e ci mettiamo sopra tre lavatrici accese con il cestello aperto buttiamo giù il governo Berlusconi e facciamo bombardare Arcore dalla Nato.


Ah, dimenticavo:
Lestaat, porta un telefonino per fare le riprese in alta definizione.


Naaa ma che telefonino.
Mica serve più.
Basta qualche immagine di repertorio ormai.
Ti sbattono nei titoli una cosa del genere

Prime fucilazioni dei manifestanti democratici da parte del governo Berlusconi.
E siamo a posto.

In nomine libertatis vincula edificamus.
In nomine veritatis mendacia efferimus.
Pyter
Inviato: 31/3/2011 19:26  Aggiornato: 31/3/2011 19:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Il popolo dei pacifinti
Il 24 Marzo Gino Strada era ad Annozero a parlare della manifestazione del 2 Aprile.

Beh, una lettera la poteva anche mandare a Cedolin per avvertirlo, no?
Magari anche un'e-mail.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
redna
Inviato: 31/3/2011 21:19  Aggiornato: 31/3/2011 21:28
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Prime fucilazioni dei manifestanti democratici da parte del governo Berlusconi.
E siamo a posto.


effettivamente......
proprio a Lampedusa qualcosa c'è stato....

Lampedusa, minacce fasciste

E' un ristoratore di estrema destra l'uomo che, davanti ai poliziotti, ha cercato di intimidire i manifestanti contro Berlusconi: «Buttate questi cartelli o qui ci ammazziamo come cani».(31 marzo 2011)

Si chiama Mariano Amante ed è un estremista di destra l'uomo che, davanti ai poliziotti, ha minacciato i concittadini che volevano manifestare contro Berlusconi. Già in passato Amante è stato al centro di episodi violenti ed è conosciuto sull'isola per le sue simpatie fasciste.


....di non molto democratico, se vogliamo.

(con video)


Se a qualcuno interessa il nostro eroe B per essere più lampedusano dei lampedusani e anche più profugo dei profughi si è comprato a Lampedusa una casa da qualche milione....

e IlGiornale assicura che presto sull'isola ci sarà un casinò e un campo da golf.....

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
marcocedol
Inviato: 31/3/2011 23:32  Aggiornato: 31/3/2011 23:43
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Io ero stato fin troppo buono lasciandoti una onorevole porta di uscita:


Tu eri stato troppo buono a lasciarmi una via di uscita?????
Ma chi cacchio sei complo, abbiamo mai mangiato insieme?

Citazione:
Adesso sarò un pochino più brusco: sei un mentitore patologico.


Sarò un pò più brusco anch'io, sei una testa di cazzo che si arrampica sui vetri per dimostrare le fesserie che scrive e più si arrampica, più dimostra di essere una testa di cazzo!

Citazione:
Il 24 Marzo Gino Strada era ad Annozero a parlare della manifestazione del 2 Aprile.


Il 24 marzo, quando io scrivevo l'articolo, per tua norma e regola dal momento che probabilmente non sai leggere neppure i link che posti, Gino Strada era ad Anno Zero a cercare di convincere almeno una parte della sinistra italiana ad abbandonare le proprie posizioni tanto demenziali quanto autolesioniste e schierarsi contro la guerra, firmando un appello, non a parlare di una manifestazione che non era stata ancora neppure decisa, ma solamente da lui ventilata senza avere neppure ancora identificato il luogo in cui eventualmente farla.
Almeno 15 giorni prima Massimo Fini, Maurizio Pallante e Nando Rossi del gruppo Uniti e Diversi avevano già diffuso un appello (che ricordo firmai pure io) contro qualunque aggressione armata alla Libia, ma questo significa solo che alcune persone come Strada, Fini e gli altri hanno mantenuto un minimo la schiena dritta, non che la maggior parte dei pacifisti di un tempo oggi restino voltati dall'altra parte, come vuoi continuare a rifiutarti di riconoscere, anche se sarebbe palese perfino ad un bambino di 5 anni.

Comunque ritengo sia un esercizio più intelligente chiudere qui questa diatriba, sempre che tu non preferisca si continui ad insultarsi reciprocamente, nel qual caso rimango più che disponibile

cagliostro
Inviato: 1/4/2011 0:27  Aggiornato: 1/4/2011 0:27
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/9/2007
Da:
Inviati: 1579
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:

Se a qualcuno interessa il nostro eroe B per essere più lampedusano dei lampedusani e anche più profugo dei profughi si è comprato a Lampedusa una casa da qualche milione....


Ma "sembra" che ci abbia "ripensato", "solo successivamente" infatti si è accorto poverino che la casa è molto disturbata perchè praticamente contigua ad un aeroporto ...solo gli italiani possono dare ancora credito a questo truffatore !

«Io non sono di nessuna epoca e di nessun luogo: al di fuori del tempo e dello spazio, il mio essere spirituale vive la sua eterna esistenza.»
redna
Inviato: 1/4/2011 11:49  Aggiornato: 1/4/2011 11:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Se a qualcuno interessa il nostro eroe B per essere più lampedusano dei lampedusani e anche più profugo dei profughi si è comprato a Lampedusa una casa da qualche milione....


Ma "sembra" che ci abbia "ripensato", "solo successivamente" infatti si è accorto poverino che la casa è molto disturbata perchè praticamente contigua ad un aeroporto ...solo gli italiani possono dare ancora credito a questo truffatore !



cagliò...mannaggia.....e chi dice che ci ha ripensato?Non ho trovato nessun link che dice che non compra quella casa di Lampedusa.

Ma che avete? sarà la primavera che vi fa litigare così....mah.....

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
complo
Inviato: 1/4/2011 11:51  Aggiornato: 1/4/2011 12:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/10/2005
Da:
Inviati: 2555
 Re: Il popolo dei pacifinti
Cedolin1:

...non ti sei neppure accorto che quando io ho scritto l'articolo non esistevano prese di posizione nè tanto meno programmi di manifestazioni di sorta da parte di nessuno.


Cedolin2:

Almeno 15 giorni prima Massimo Fini, Maurizio Pallante e Nando Rossi del gruppo Uniti e Diversi avevano già diffuso un appello (che ricordo firmai pure io) contro qualunque aggressione armata alla Libia, ma questo significa solo che alcune persone come Strada, Fini e gli altri hanno mantenuto un minimo la schiena dritta


Io sarò una testa di cazzo, tu sei uno che non sa scrivere/non ricorda quello che scrive/è un mentitore patente.
E non osare nominare Gino Strada, se non lo avesse citato un altro utente prima e io poi, tu lo avresti messo nel mucchio del "popolo dei pacifinti che sembra si sia dissolto".


EDIT: voglio essere costruttivo.
Il mio intervento era solo l'ENNESIMO appello a non dire TUTTI UGUALI.
Gino Strada è una cosa, l' oggi SUPER PACIFISTA Feltri è un altra cosa.
Parlare genericamente di pacifinti che sembrano dissolti, senza specificare DI CHI SI PARLA, significa insultare TUTTI.

complo
Inviato: 1/4/2011 12:59  Aggiornato: 1/4/2011 12:59
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/10/2005
Da:
Inviati: 2555
 Re: Il popolo dei pacifinti
Questa è stata appena inviata dalla CGIL ai lavoratori:


Care compagne e cari compagni,

come sapete la manifestazione di Roma di sabato 2 aprile contro la guerra si svolgerà a Roma in

Piazza Navona a partire dalle ore 15 e non più a Piazza San Giovanni, questo perché il Comune di Roma ha negato l’autorizzazione per quest’ultima.Il 2 aprile sarà una giornata di mobilitazione in tante piazze d’Italia, ma Roma ha una

caratterizzazione nazionale che deve vedere l’impegno di tutta la Fiom. Pertanto sarà necessario

che la presenza delle compagne e dei compagni sia importante e che ciascuno porti le bandiere

della Fiom e della pace.

Cari saluti.


Schiene dritte ce ne sono e ce ne saranno sempre, come ci saranno sempre i figli di puttana.........

cagliostro
Inviato: 1/4/2011 15:13  Aggiornato: 1/4/2011 15:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/9/2007
Da:
Inviati: 1579
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:

cagliò...mannaggia.....e chi dice che ci ha ripensato?Non ho trovato nessun link che dice che non compra quella casa di Lampedusa.

Ma che avete? sarà la primavera che vi fa litigare così....mah.....


Ma non volevo litigare, era per rafforzare il concetto su questo pataccaro, l'informazione che ho dato è stata tratta da annozero dove l'operatore è andato a vedere questa dannata casa di berlusconi ed ha mostrato che si trova a qualche metro dall'aeroporto, praticamente ci passano gli aerei sopra continuamente tanto che l'operatore ha asserito di sentire l'odore del kerosene, e si è quindi parlato poi del fatto che Berlusconi si sarebbe avveduto di questo fatto e ne avrebbe tratte le debite conclusioni e decisioni ...non cambia comunque nulla alla pagliacciata !

«Io non sono di nessuna epoca e di nessun luogo: al di fuori del tempo e dello spazio, il mio essere spirituale vive la sua eterna esistenza.»
marcocedol
Inviato: 1/4/2011 15:35  Aggiornato: 1/4/2011 15:35
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Il popolo dei pacifinti
Complo, ti rispondo un'ultima volta e lo faccio con l'educazione che non meriti, per rispetto dei lettori di Lc e di Massimo.

Citazione:
Io sarò una testa di cazzo, tu sei uno che non sa scrivere/non ricorda quello che scrive/è un mentitore patente. E non osare nominare Gino Strada, se non lo avesse citato un altro utente prima e io poi, tu lo avresti messo nel mucchio del "popolo dei pacifinti che sembra si sia dissolto".


Non osare nominare Gino Strada?
Ma ti stai friggendo il cervello, ragazzino?
Io Gino Strada l'ho nominato nei miei articoli svariate volte, molte delle quali quando tu probabilmente portavi ancora i calzoni corti. Quasi sempre parlandone bene, anche quando qualche anno fa in Afghanistan andò ad infilarsi in un vicolo cieco con la questione degli ostaggi.
Io avrei messo Gino Strada nel popolo dei pacifinti? Per quale ragione l'acqua Lete che alligna nella tua testolina ti suggerirebbe che avrei fatto quello che non ho fatto?
A Gino Strada si può dire bravo o anche criticarlo (il tutto senza dovere chiedere il permesso a te )ma sarebbe impossibile additarlo come pacifinto, dal momento che è una di quelle poche persone che da tanti tanti anni si prodiga contro la guerra sul campo.
Se non l'ho citato è perchè scrivevo l'articolo, anzichè guardare Annozero, ma se l'avessi citato avrei solo fatto fare una ancora più magra figura ai pacifinti nostrani.
Con svariati partiti e partitucoli che attraverso il pacifismo e gli slogan contro la guerra hanno conquistato le proprie poltrone, deve essere Gino Strada (che in merito non ha nulla dimostrare) a tirare per la giacchetta gli altri, affinchè prendano coscienza che c'è una guerra?

Citazione:
Parlare genericamente di pacifinti che sembrano dissolti, senza specificare DI CHI SI PARLA, significa insultare TUTTI.


In conclusione ti chiarisco una cosa.
Quando leggi un articolo e non condividi il pensiero dell'autore, limitati ad esprimere il tuo di pensiero, sostanziandolo con gli argomenti che ritieni giusti. Non offendere chi la pensa diversamente da te, non chiamare chi scrive cose che non compendi o non condividi bugiardo, mentitore et similia. Non è così che si fa, a meno che la tua non sia semplice provocazione per metterla in rissa ed istigare l'interlocutore ad insultarti.
Se poi ritieni di volere sviscerare più in profondità l'argomento e divulgare a spettro più ampio il tuo pensiero, scrivi un articoletto e chiedi a Massimo (che certo non ti dirà di no) di pubblicarlo.
Così, si fa, genio, e glia altri useranno lo stesso metodo per commentare quello che hai scritto tu.

Quando scrivi una frase come quella succitata ti rendi conto di quanto sei ridicolo?
Se si parla dei pacifinti di sinsitra e del mondo cattolico, secondo te bisogna citarli tutti uno per uno, altrimenti li si insulta tutti?
Ma davvero non ti rendi contro della castroneria che hai scritto? Rido

Io continuo esattamente a pensare:
Il popolo dei pacifinti, presente in massa nelle piazze e nelle strade qualche anno fa durante l'invasione dell' Iraq, quando lottare contro la guerra era esercizio prodromico alla conquista di facili consensi elettorali ed ambite poltrone "che contano" sembra essersi dissolto senza lasciare traccia ed i pochi aneliti di contestazione passano perlopiù inosservati, poichè privati della sponsorizzazione di quei partiti e quelle organizzazioni che dal dopoguerra in poi gestiscono "le piazze" a proprio piacimento.

Nè la manifestazione di domani, tardiva, da molti accettata ad obtorto collo e con piattaforme a geometria variabile, molte delle quali da paura, sposta di una virgola il mio giudizio!

Tu la pensi diversamente e ritieni che la Fiom e tutti gli altri abbiano la schiena dritta.
Scrivilo in un articolo, sostanzia il tuo pensiero e disponiti a sostenerlo contro le evntuali critiche.

E' così che si fa, Complo, impara a comportarti ed a rispettare gli altri e sarai rispettato anche tu!!!!

Con questo chiudo definitivamente l'argomento e chiedo scusa a Massimo ed ai lettori di LC per avere propinato loro questa lunga diatriba, tanto sgradevole quanto priva di costrutto.

complo
Inviato: 1/4/2011 15:36  Aggiornato: 1/4/2011 15:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/10/2005
Da:
Inviati: 2555
 Re: Il popolo dei pacifinti
L'Aquila, 11 lug. - (Adnkronos) - Agosto in Abruzzo. Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha annunciato che sta "cercando una casa ad agosto all'Aquila "per dirigere i lavori di ricostruzione post terremoto. Nella conferenza stampa finale, il premier ha detto che oggi presenziera' alla posa della prima pietra di un'opera.
''Ci tengo troppo a questo risultato di consegnare le prima case entro settembre e credo che sia opportuna la mia presenza: l'occhio del padrone, come si dice, sappiamo cosa produce'', ha sottolineato Berlusconi.

http://www.adnkronos.com/IGN/News/Cronaca/?id=3.0.3531727382

Se non ricordo male disse la stessa cosa anche a Napoli durante l'emergenza rifiuti.

complo
Inviato: 1/4/2011 15:57  Aggiornato: 1/4/2011 16:09
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/10/2005
Da:
Inviati: 2555
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:

Tu la pensi diversamente e ritieni che la Fiom e tutti gli altri abbiano la schiena dritta.
Scrivilo in un articolo, sostanzia il tuo pensiero e disponiti a sostenerlo contro le evntuali critiche.


Sei tu il giornalista mica io!
La CGIL ha già fatto quello che tu comicamente chiedi a me.
Loro e Gino Strada saranno il 2 Aprile INSIEME.
Sei TU che invece dovresti sostanziare come mai ritieni Gino Strada un grande ma la FIOM non altrettanto con la schiena dritta MENTRE FANNO LA STESSA COSA INSIEME (come hanno fatto INSIEME per l'Iraq).
Buon divertimento e non alterarti se poi risponderò ad eventuali tue incongruenze.......


P.S. se non risponderai invece avrai CALUNNIATO anche la FIOM, SENZA UNA SOLA PAROLA CHE GIUSTIFICHI LA TUA CALUNNIA.

marcocedol
Inviato: 1/4/2011 16:46  Aggiornato: 1/4/2011 16:46
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
P.S. se non risponderai invece avrai CALUNNIATO anche la FIOM, SENZA UNA SOLA PAROLA CHE GIUSTIFICHI LA TUA CALUNNIA.



Complo,
come credo sia evinca dal mio post, non ti risponderò più nè adesso, nè in futuro, dal momento che insultarti mi dispiace

complo
Inviato: 1/4/2011 17:06  Aggiornato: 1/4/2011 17:06
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/10/2005
Da:
Inviati: 2555
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Complo,
come credo sia evinca dal mio post, non ti risponderò più nè adesso, nè in futuro, dal momento che insultarti mi dispiace



Allora buon WE, non credo ci vedremo a Piazza del Popolo......

marcocedol
Inviato: 1/4/2011 20:12  Aggiornato: 1/4/2011 20:12
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:
Allora buon WE, non credo ci vedremo a Piazza del Popolo......


No di sicuro, Complo
comunque buon WE anche a te e un augurio sincero che la manifestazione sia un successo.

cagliostro
Inviato: 2/4/2011 10:42  Aggiornato: 2/4/2011 10:42
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/9/2007
Da:
Inviati: 1579
 Re: Il popolo dei pacifinti
Citazione:

Redna
Non ho trovato nessun link che dice che non compra quella casa di Lampedusa.


Qui un breve spaccato della buffonata.

«Io non sono di nessuna epoca e di nessun luogo: al di fuori del tempo e dello spazio, il mio essere spirituale vive la sua eterna esistenza.»
cagliostro
Inviato: 6/4/2011 14:54  Aggiornato: 6/4/2011 14:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/9/2007
Da:
Inviati: 1579
 Re: Il popolo dei pacifinti

«Io non sono di nessuna epoca e di nessun luogo: al di fuori del tempo e dello spazio, il mio essere spirituale vive la sua eterna esistenza.»

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA