Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


news internazionali : New Orleans - 5 anni dopo
Inviato da Redazione il 28/8/2010 1:40:00 (6628 letture)

Potete scaricare il terzo segmento ("Disastro America") in alta definizione QUI su Arcoiris.tv


Sono passati 5 anni dal disastro di Katrina, e i timori manifestati in tutti questi anni si stanno lentamente avverando. Non solo la città è ancora ampiamente da ricostruire, ma solo una minima percentuale degli sfollati ha potuto fare rientro a casa propria.

Chi ha vissuto le vicende di quei giorni ricorderà infatti la grande sollecitudine con cui centinaia di abitanti dei quartieri più poveri venivano imbarcati sugli autobus del governo, non per andare in un vicino campo di raccolta, ma per essere “ricollocati” in città distanti a volte migliaia di chilometri da New Orleans – e spesso distanti migliaia di chilometri fra di loro.

Dispersi, e divisi in piccoli gruppi in maniera del tutto irrazionale, spesso gli sfollati di New Orleans ci hanno messo dei mesi per riuscire a ricontattare i diversi membri della famiglia che erano stati spediti altrove. Tutto è stato fatto per ritardare queste riunioni, come per ritardare l’eventuale ritorno delle famiglie a New Orleans. E quelli che sono riusciti a rientrare hanno spesso trovato, al posto della loro casa, ...

... una costruzione completamente nuova, con dei nuovi proprietari che la abitavano ovviamente in modo del tutto legittimo. Sono migliaia infatti le famiglie che hanno perso la casa semplicmente per non essere state in grado di pagare “puntualmente” il mutuo, nei mesi successivi all’inondazione. Invece di facilitare la loro situazione, sospendendo momentaneamente la riscossione delle quote mensili, le banche e gli investitori privati si sono affrettati ad appropriarsene, demolendo le vecchie abitazioni e costruendone delle nuove.

Accade così che interi quartieri popolari siano stati praticamente ricostruiti da cima a fondo, innalzando naturalmente nel frattempo il “livello sociale” degli immobili: laddove un affitto medio costava, nel 2005, 600 dollari al mese, oggi costa quasi il doppio. Per chi faticava già allora, quindi, non è più pensabile tornare a vivere nella stessa zona.

Secondo lo stesso principio, sono state rase al suolo dozzine di case popolari (abitazioni riservate ai meno abbienti, che si potevano affittare con un forte contributo governativo), per fare posto ad altrettante villette – naturalmente prive di un qualunque contributo pubblico - per il nuovo “ceto medio” di New Orleans – naturalmente bianco, molto più piacevole e presentabile di quello nero.

Altrettanto è successo per i servizi sociali più essenziali: i servizi di trasporto, gli ospedali e le scuole pubbliche, sono gli ultimi ad aver ricevuto finanziamenti per la loro ricostruzione – molti li attendono ancora - rendendo ancora più difficile la sopravvivenza per quei pochi che sono riusciti a rientrare nelle loro abitazioni. Anche se hanno un tetto sopra la testa, costoro spesso non hanno i mezzi per andare a lavorare.

Insomma, il segnale da parte della città è forte e univoco: poveri e negri (due categorie che si trovano a coincidere con una regolarità stupefacente) andate via di qui, a New Orleans non vi vogliamo più. Siete un peso per la società, avete già goduto fin troppo del privilegio di vivere qui, è ora che torniate nel fango da cui siete venuti.

O nel fango da cui ci avete prelevato – bisognerebbe dire, per essere più precisi.

Massimo Mazzucco

Voto: 9.00 (3 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
DinDonDan
Inviato: 28/8/2010 6:42  Aggiornato: 28/8/2010 6:42
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/3/2010
Da:
Inviati: 80
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
Insomma, il segnale da parte della città è forte e univoco: poveri e negri (due categorie che si trovano a coincidere con una regolarità stupefacente) andate via di qui, a New Orleans non vi vogliamo più. Siete un peso per la società, avete già goduto fin troppo del privilegio di vivere qui, è ora che torniate nel fango da cui siete venuti.


La prima cosa che mi viene in mente, tralasciando momentaneamente l'incredibile situazione in cui vicini e famiglie vengono divisi e spediti a svariati km di distanza fra di loro e che il governo non sia intervenuto bloccando i mutui delle case danneggiate, e' la situazione musicale di New Orleans prima dell'uragano.

Per me, come penso per tanti altri, New Orleans era un sogno, una meta. Una citta' da raggiungere col proprio strumento in mano dove poter suonare liberamente agli angoli d'ogni strada. Cosi sembrava possibile fare dai racconti di chi c'era passato.

E se per noi New Orleans era meta musicale prediletta questo e' sicuramente appannaggio, se non totale certamente in gran parte, della comunita' nera che vi si e' stabilita nel corso degli anni.

Rimango ancora completamente stupito da certi modi d'operare.

peonia
Inviato: 28/8/2010 9:11  Aggiornato: 28/8/2010 9:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
A me sinceramente, secca dirlo, è sembrato all'epoca e ancor più dopo questo articolo, che anche l'uragano Katrina in qualche modo fosse pilotato....lo so che a forza di veder male ovunque, sembrera troppo, ma se credo che questi essere demoniaci abbiano in mano tecnologie a noi sconosciute che già un secolo fa circa erano in grado di fare cose strabilianti (vedi Tesla), e visto che, quando serve, un avvenimento stravolgente capita a popolazioni che in qualche modo danno fastidio...non riesco a non pensare che l'arma del clima, manipolato, sia un'ottima scusa da addebitare a "madre natura"....
Ho pensato la stessa cosa quando nel 2003 la Germania, che si era rifiutata di aderire alla guerra contro l'Iraq, ebbe una spaventosa alluvione.
Insomma, non mi riesce di non vedere una serie di attentati alla nostra credulità....

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Argonzillo
Inviato: 28/8/2010 10:41  Aggiornato: 28/8/2010 10:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/8/2010
Da:
Inviati: 84
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Anche io so che Katrina fu un uragano provocato (Haarp?) e queste notizie non fanno che confermare l'ipotesi.
Mi pare ci sia anche un aumento incredibile di avvistamenti di UFO e flottillas in zona, questo fenomeno dovrebbe però essere studiato meglio per capirne le motivazioni.
Grazie!

Freeanimal
Inviato: 28/8/2010 10:58  Aggiornato: 28/8/2010 10:58
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/5/2009
Da: Codroipo (UD)
Inviati: 705
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Non è possibile che il più grande paese civilizzato del mondo non riesca a portare soccorso alla sua stessa popolazione. E’ evidente che le negligenze siano state pianificate e che si sia voluto punire i neri.
Proprio ieri sera, in tivù, mostravano i casi di linciaggio da parte dei WASP verso gli immigrati italiani in America, avvenuti dalla fine dell’Ottocento fin verso il 1913. Il razzismo degli anglosassoni verso i “coloured” (e gli italiani venivano visti come tali) non è del tutto scomparso. Si può essere xenofobi positivamente, linciando italiani, o negativamente, non aiutando i neri. Ma il risultato non cambia. Dovremmo tenerne conto tutte le volte che gli americani dicono di voler esportare la….Democrazia. Non credo proprio, in base a come si comportano, che siano qualificati a farlo.
Ora Sarkozy, in Francia, sta facendo la stessa cosa con i Rom, anche loro “brutti, sporchi e cattivi”, solo che i Rom hanno una destinazione e una patria dove poter tornare (Romania e Bulgaria), mentre a quei poveri afroamericani è stato riservato un trattamento davvero vergognoso, scarrozzandoli su è giù per l’America, per poi avere la sorpresa di non trovare più la loro casa.
E poi, se raccontiamo anche solo i semplici fatti, cioè come si sono svolte le cose in Luisiana, ci chiamano antiamericani!

temponauta
Inviato: 28/8/2010 13:50  Aggiornato: 28/8/2010 13:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/4/2010
Da:
Inviati: 2040
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Le bidonville di New Orleans, così come i quartieri malandati e mal abitati delle nostre grandi città, non sono patrimoni dell'Unesco.
Se è possibile liberarsene meglio così.
Quello che bisogna evitare è l'effetto Palestina, ovvero cacciare gli originari abitanti senza invece integrarli nei miglioramenti che si andranno a realizzare.
Oggi come oggi i neri di New Orleans possono essere considerati "profughi" in patria, con la conseguenza paradossale che non godono delle stesse tutele dei profughi che giungono da altri paesi.
Comunque la situazione di New Orleans è indice dell'inizio di implosione della società americana, che vedrà la guerra civile tra poveri (periferie e province desolate) e ricchi (centri e residenze privilegiate): insomma quello che preannunciava John Titor.
Sono d'accordo invece su quanto sta facendo nicholas Sarkozy in Francia.
Neppure i romeni vogliono i ROM e hanno pensato bene di entrare in Europa per "regalarceli".
Nessuna pietà laica o cristiana: deportazione di tutti i rom in romania e ungheria.
Troppo diversi da noi e troppo pesanti da sostenere con il loro modo di vivere: se fossi io al potere non rimarrebbe un solo rom in Italia.
Finita l'opera, si dovrebbe cominciare a vedere meglio cosa fanno gli ebrei: per questo cominciano ad agitarsi preoccupati.

peonia
Inviato: 28/8/2010 13:57  Aggiornato: 28/8/2010 14:02
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Le tue affermazioni mi lasciano sbalordita Temponauta.....
dove li de-portiamo i Rom? in una discarica? che faresti, li stermineresti?
tra l'altro, non c'è una visione anche più esoterica della loro esistenza?
E che intendi per "si dovrebbe cominciare a vedere meglio cosa fanno gli ebrei: per questo cominciano ad agitarsi preoccupati"???
mah.....


http://www.sucardrom.eu/cenni.html

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Freeanimal
Inviato: 28/8/2010 16:50  Aggiornato: 28/8/2010 18:55
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/5/2009
Da: Codroipo (UD)
Inviati: 705
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Mi associo alle perplessità di Peonia, Temponauta! Tutto si può dire di te tranne che non hai coraggio. Il coraggio delle tue idee. Ti renderai conto, però, che esse sono troppo simili a quelle che settanta anni fa portarono migliaia di Rom a finire nei campi di sterminio nazisti. E non fu una cosa carina!
Queste popolazioni nomadi, Rom e Sinti, cominciarono ad arrivare in Europa intorno all’anno Mille, dall’India, come sai. Si definiscono “figli del vento”. Immagine poetica attraente, che richiama il senso di libertà, per molti di noi sedentari, ma che nella vita pratica li ha fatti oggetto di mille persecuzioni. Da parte di noi “gagi”.
In mille anni di storia avrebbero avuto il tempo di integrarsi, ma non l’hanno voluto fare, se non una minoranza di loro che si è sedentarizzata. Facendo una vita nomade, è venuta meno la possibilità di mantenere un lavoro stabile. Fino a pochi decenni fa si sostenevano commerciando cavalli e aggiustando pentole rotte, ma l’avvento del consumismo capitalistico e dell’automobile, ha tolto loro questi mezzi di sussistenza.
Deportare popolazioni è cosa da dittatori e tu non sei un dittatore. E’ anche piuttosto arrogante anche solo pensare a una cosa del genere e tu non mi sembri una persona arrogante. Sarkozy può farlo, visto che è lui che comanda in Francia, ma ciò non toglie che, in sé, la sua decisione sia estremamente discutibile.

trotzkij
Inviato: 28/8/2010 16:58  Aggiornato: 28/8/2010 16:59
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/9/2006
Da:
Inviati: 3704
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Probabilmente 'l'Operazione Katrina' è stato un test, per valutare l'impatto di una catastrofe non su una città, ma su tutta la società statunitense, e vedere fino a che punto spingersi nel disintegrare certe comunità, certe classi, certe categorie sociali. E quindi, sulla base dell'esprienza acquisita, poter pianificare future operazioni ben più articolate e ben più vaste.
La gioia delle psicosette da 'signori del mondo', dei 'club dei potenti' di cui temponauta aspira avere almeno il ruolo di garzone part time.

I complotti non esistono, ... tranne quando ci sono
Calvero
Inviato: 28/8/2010 17:05  Aggiornato: 28/8/2010 17:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
Si definiscono “figli del vento”. Immagine poetica attraente, che richiama il senso di libertà,


... e volano via alla stessa velocità che li soffia lontano, dopo aver rubato anche l'ultima collanina d'oro nell'appartamento di casa nostra.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Manfred
Inviato: 28/8/2010 17:22  Aggiornato: 28/8/2010 17:48
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Una certo ramo della fantascienza a carattere catastrofico americana degli anni 60-70 descriveva scenari simili a quelli ora verificatesi.

manneron
Inviato: 28/8/2010 17:41  Aggiornato: 28/8/2010 17:58
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
non credo sia il caso di tirare in ballo chissà quali tecnologie di controllo del clima e altre ipotesi non verificate. quando avevi a disposizione un'arma incredibile come quella della amministrazione precente, non ti servono, poi altre cose. l'arma di cui parlo, era l'incredibile stupidità del precedente presidente, un individuo fatto a posta e forse creato in laboratorio , per poter essere manipolato a discrezione. il resto che è successo è normale vampirismo economico. nel 2010 non possiamo permetterci così grandi divergenze culturali come quelle che si stanno verificando, questo non è più ammissibile. la fascia più bassa della popolazione va per forza di cose ridotta altrimenti diventa insostenibile. questo ovviamente andrebbe a vantaggio di entrambe le parti, almeno in futuro. La questione è semplice. Una parte di popolazione meno acculturata si inserisce nel contesto economico facendo i lavori di manovalanza. Ovviamente, se sono troppi, i prezzi di tale lavoro crolleranno al limite della sostenibilità creando in tale fascia enormi disagi.
E qui torniamo al nocciolo della questione: se dici ad un poveraccio chiaro ed onestamente: per favore, non fare figli se non sei in grado di assicurare una cultura ed un benessere futuro migliore, fanne al massimo uno e cerca di far si che cresca al meglio. Questo ti tira fuori i soliti suoi diritti di fare quello che gli pare. Tu gli rispondi che puoi fare quello che ti pare ma non a scapito di scaricare sui costi sociali le conseguenze delle tue scopate. Anche perchè un povero ragiona sul fatto che la sua ricchezza siano i figli, conseguentemente riprodurrà la sua povertà sui figli con una velocità di almeno tre volte superiore a quella con cui un ricco genererà figli benestanti. non c'è verso di farglielo capire.
daltr'onde la stupidità in ballo è tale per cui non vanno a votare, e sarebbero una notevole massa di voti. Sicuramente se tutte quelle persone sfollate fossero stati individui votanti, la politica avrebbe avuto un occhio di riguardo. Invece non contano niente neppure da questo punto di vista. In altre parole: fanno lavori che non servono o che migliaia di altri farebbero al loro posto, non votano, che servono? suonano tutti il sassofono a new orleans? e a che serve? certo hanno il diritto di vivere, ma non a spese degli altri. quindi hanno il diritto di vivere miseramente, questo è il punto.
Come controlli sta gente per fargli capire che non possono continuare così? semplice, gli tagli i finanziamenti: o si evolvono o si estinguono, detta papale papale, con buona pace della umana pietà. siamo troppi e stiamo aumentando. più non ci sono guerre se non locali e questo non permette riduzioni rilevanti di popolazione o grosse ricostruzioni. quindi un livello di povertà medio molto esteso sarà la norma in futuro. Perchè dopo tanti bei discorsi umanitari, bisogna fare 2 conti, e i conti, andando avanti così, non tornano per niente...
mi sembra inutile tornare sulle visioni "vogliamose tutti bene", "siamo tutti fratelli", "distribuiamoci la ricchezza" e cose visionarie di tal fatta. non funzionano. per funzionare una cosa del genere richiederebbe un altissimo livello culturale, tale che siccome io sono più bravo in certe cose, allora non devo avere la macchina più grossa, la casa più bella e la moglie più figa. un livello che da una parte elimini l'invidia, dall'altra la superbia. prova te a dare un alto stato di benessere ad un poveraccio. questo non si rende conto che gli è andata di lusso e comincerà a credersi bravo. quindi giustificherà quello che ha come un suo diritto ed una cosa che si è guadagnato. quindi sarà suo diritto lo stile di "vita americano". i diritti possono mantenersi solo se ci sono risorse in surplus per poterli mandare avanti e se questi non le generano, prima o poi bisognerà presentare il conto.
Se bisgona spendere soldi per rafforzare un diga, ma sotto quella diga ci vivono solo poveracci non votanti che pagano poche tasse, sicuramente troverò mille altre cose più urgenti da sistemare. se una fogna a new york perde, quella va sistemata immediatamente, perchè lì pagano le tasse e votano. mi sembra ovvio.

Manfred
Inviato: 28/8/2010 17:53  Aggiornato: 28/8/2010 17:53
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Un laureato oggi che le lauree sono la carta igienica del millennio a spese di chi vive?

manneron
Inviato: 28/8/2010 18:09  Aggiornato: 28/8/2010 18:13
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
Un laureato oggi che le lauree sono la carta igienica del millennio a spese di chi vive?


quando parlo di livello culturale, mica parlo di laureati. anche la storia dei laureati è una conseguenza dell'ignoranza. quando in fase di crescita in italia, per il fatto che eravamo in pochi con tutto da ricostruire, quindi in piena fase espansiva, il poveraccio italiano ha pensato bene di far studiare i suoi sei figli. non si è posto il problema che se tutti facevano allo stesso modo, la laurea non serviva ad un cazzo. avrebbe potuto servire, ma come mezzo, non come fine. cioè hai la cultura, fai qualcosa che serve, fosse anche un'impresa di pulizie, se quello serve, hai la cultura per capirlo e fai quello. Ma sei medico e applicare le tue conoscenze sui batteri per fare pulizie non ti va. vuoi mettere il camice bianco, non vuoi fare qualcosa di socialmente utile, vuoi sentirti importante tu. la tua cultura non serve ad un accidente, non ti fa vedere la realtà, esalta soltanto la tua superbia. la realtà è che sei medico e non servi ad un cazzo. adattati.
Comunque il primo punto della questione era di non fare sei figli da mandare all'università.
Su questa cosa possiamo dire molto di male sulla politica italiana che non ha saputo prevedere e spiegare le cose, ma non possiamo dire che siano stati così bastardi. in fondo tutta la gente voleva far studiare i figli, loro lo hanno consentito. Quindi spesso quando si parla male della politica, bisogna anche stare attenti a quello che si chiede alla politica, perchè potrebbe anche essere che questa te lo dia, ma che non sia alla fine un vantaggio. Attento a ciò che chiedi perchè potresti ottenerlo.
scusate se faccio sti discorsi molto brutali, ma mi son stufato di teorie assurde, complottiste e di citazioni di tesla per spiegare come va il mondo. quando si dice che se le cose vanno male la colpa è nostra e non si devono cercare scuse assure, questo è proprio quello che intendo dimostrare.

Decalagon
Inviato: 28/8/2010 18:22  Aggiornato: 28/8/2010 18:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
@Calvero:

Citazione:
... e volano via alla stessa velocità che li soffia lontano, dopo aver rubato anche l'ultima collanina d'oro nell'appartamento di casa nostra.


L'unica persona che ha rubato in casa mia è stata un italiano, un ragazzo che conoscevo da molti anni e a cui avevo dato un letto, cibo e soldi per non lasciarlo in mezzo ad una strada. Un amico, così lo chiamavo, conosciuto alle scuole medie, che un giorno ha deciso tutto da solo di non volerlo essere più portandosi via, con l'aiuto di un complice, dell'oro appartenuto ai miei bisnonni e un salvadanaio.

Con questo non significa che molti rom non rubino, ma che il bastardo si nasconde sempre dietro qualunque persona senza differenze di età, sesso, religione o etnia.

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
manneron
Inviato: 28/8/2010 18:31  Aggiornato: 28/8/2010 21:09
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
Fino a pochi decenni fa si sostenevano commerciando cavalli e aggiustando pentole rotte, ma l’avvento del consumismo capitalistico e dell’automobile, ha tolto loro questi mezzi di sussistenza.


quindi a cosa servono? il loro stile di vita è superato, i loro lavori inutili. quando gli si offre di mandare i figli a scuola, e questo me lo dicono tutte le insegnanti e assistenti sociali che conosco, il risultato è che non ci vanno. Sono nelle condizioni di qualsiasi popolazione che non serve al sistema circostante, e non si inserisce in quasi niente. Quella popolazione deve cessare. O cambia o muore. Non che il resto del sistema li mantiene perchè è bello il violino tzigano.
Ma loro chiedono di essere lasciati in pace, certo. ma infatti nessuno li vuole toccare. solo che loro ogni tanto toccano noi e siccome noi siamo di più e il nostro stile di vita prevalente, allora noi prendiamo provvedimenti. loro vogliono viaggiare? un turista oggi fa più km in 15gg che loro in tutta la loro vita. Direte che è diverso. Certo come sarebbe diverso se io mi volessi fare il giro dell'italia a cavallo. Che direste ad un poveraccio che si prende un cavallo e vuole andare in giro per tutte le strade d'italia senza la possibilità di mantenere se e il suo cavallo? è un mio diritto questo?
Ve lo spiego io a cosa servono: servono come spauracchi per vendere sistemi d'allarme, e come deterrente per le figlie quando escono la sera. Sono il lupo cattivo della nostra bassa società usati per vendere prodotti. Dovrebbero essere mantenuti dalle società che fanno antifurti per fare proprio quello: furti. se fossi una società che fa antifurti finanzierei una associazione senza scopo di lucro che fornisca assistenza legale ai meno abienti, con particolare attenzione ai rom.
però non sto dicendo che esiste un complotto da parte delle banche che in questo modo convincono a depositare soldi e gioielli in banca. spero che capiate la differenza del mio punto di vista.

Manfred
Inviato: 28/8/2010 18:45  Aggiornato: 28/8/2010 19:39
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
cit
scusate se faccio sti discorsi molto brutali, ma mi son stufato di teorie assurde, complottiste e di citazioni di tesla per spiegare come va il mondo. quando si dice che se le cose vanno male la colpa è nostra e non si devono cercare scuse assure, questo è proprio quello che intendo dimostrare.


Mio padre mi diceva : ti accorgerai che il mondo gira al contrario!
Sono d'accordo sulle nostre responsabilità, ma le manipolazioni esistono e sono sempre esistite per accelerare i fenomeni, è il corollario di vaneggiamenti e catastrofismo indotto a favore degli stessi manipolatori, che va ridimensionato.

cit
però non sto dicendo che esiste un complotto da parte delle banche che in questo modo convincono a depositare soldi e gioielli in banca. spero che capiate la differenza del mio punto di vista.


I ricettatori però esistono a quale livello non sta a me dirlo, cito unicamente un avvertimento popolare: i gioielli si comperano fuori paese, dove non ti conoscono.

Calvero
Inviato: 28/8/2010 18:52  Aggiornato: 28/8/2010 19:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:

Con questo non significa che molti rom non rubino, ma che il bastardo si nasconde sempre dietro qualunque persona senza differenze di età, sesso, religione o etnia.


...infatti è noto come tu possa tranquillamente entrare, farti una passeggiata nei campi nomadi, in totale libertà : così come loro si aggirano in totale libertà per le città, i paesi e i borghi...

Proprio così come loro chiudono la loro automobile e inseriscono l'allarme mentre è parcheggiata nei loro campi nomadi, come facciamo noi, vero?: sia mai che qualche Italiano entri nel loro borgo e gliela rubi...

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 28/8/2010 18:56  Aggiornato: 28/8/2010 18:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
scusate se faccio sti discorsi molto brutali, ma mi son stufato di teorie assurde, complottiste e di citazioni di tesla per spiegare come va il mondo. quando si dice che se le cose vanno male la colpa è nostra e non si devono cercare scuse assure, questo è proprio quello che intendo dimostrare.


Da parte mia, non sei scusato

Le cose assurde, sono assurde nella tua testa.. e le tue opinioni in merito alla cospirazione, a questo livello infantile di argomentazione dimostrano proprio che, come dici, è colpa nostra. Più che altro, "tua"

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
manneron
Inviato: 28/8/2010 19:03  Aggiornato: 28/8/2010 19:07
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
sarà anche colpa mia come dice calvero, e io ammetto la mia parte di colpa. ma noto come si bypassi facilmente le argomentazioni, mentre ci si preoccupi di salvare la teoria cospirazionista. della serie non toccatemi il mio mondo o sono costretto a rivedere tutto il mio modo di pensare la realtà. per questo che non si cambia, se tutti fanno così, moriranno prima di ammettere qualche errore e di cambiare strada. non è che le cospirazioni non esistono. se io fossi potente e comandassi qualcosa, farei dei piani per il futuro. questi piani io li chiamerei piani di sviluppo. quelli che dovranno subirli li chiameranno cospirazioni a loro carico.
poi esistono degli inganni creati per far girare le cose in un certo modo. ma prima di ricorrere a questo genere di spiegazione ci penserei molto bene e non la applicherei indiscriminatamente a tutto ciò che non capisco.

Calvero
Inviato: 28/8/2010 19:19  Aggiornato: 28/8/2010 19:19
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Manneron, ti dò un consiglio. Metti a fuoco bene di chi e cosa stai parlando. 1) Io, come molti altri, non devo salvare una beata fava. 2) i processi alle intenzioni sul perché un terreno di ricerca così vasto ha una base assolutamente fondante di plausibilità, puoi crearli a tavolino nella tua testa ma non è detto che siano come li metti tu...

Citazione:
ma prima di ricorrere a questo genere di spiegazione ci penserei molto bene e non la applicherei indiscriminatamente a tutto ciò che non capisco.


esatto, c'è gente che ci ha pensato molto bene. Quelli che le applicano indiscriminatamente è un giochetto dialettico da quattro soldi. Della serie, tu hai già deciso che è stato applicato indiscriminatamente. Il solito giochetto di creare un opinione idiota, appiccicarla in quattro e quattr'otto (come stai facendo tu) e poi, "giustamente" dire che è idiota. E il gioco è fatto..

se poi stiamo parlando dei soliti famosi quattro frustrati che, - tutto è colpa degli alieni - non riguarda la cospirazione, ma il centro di igiene mentale.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
manneron
Inviato: 28/8/2010 19:41  Aggiornato: 28/8/2010 19:46
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
caro calvero, la teoria della cospirazione l'ho vista applicata qui, più sopra in questo thread, come piano per spopolare new orleans e impadronirsi delle proprietà private rivalutando la zona.
io invece fornisco una spiegazione alternativa, altrettanto plausibile, con il vantaggio che non richiede l'accordo esplicito di nessuno, ma di seguire semplicemente gli eventi sulla base di una valutazione economica e politica e che prevede che le cose non potevano andare diversamente.
non mi sembra di dire cose tanto astratte. Restiamo in tema e rispondi alla semplice domanda: è razionale per te ricorrere ad una teoria cospirativa nel caso di new orleans o è meglio una spiegazione classica.
e se fosse meglio una spiegazione classica, perchè vieni a zittire me e non vai a zittire quelli che usano la cospirazione?

Argonzillo
Inviato: 28/8/2010 20:17  Aggiornato: 28/8/2010 20:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/8/2010
Da:
Inviati: 84
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
la teoria della cospirazione l'ho vista applicata qui, più sopra in questo thread, come piano per spopolare new orleans e impadronirsi delle proprietà private rivalutando la zona.


Questa di katrina (come di altre) non è una "teoria" di cospirazione, c'è poco di teorico e molto di reale.
C'è gente morta per l'uragano, famiglie distrutte e tutto era previsto e soprattutto è andato come doveva andare.

Come dice Massimo nell'articolo, guardacaso nei terreni dei poveri sono nate le case dei ricchi. Più "reale" di così si muore!

Piuttosto se non vedi cospirazioni in un uragano provocato mi chiedo in cosa vuoi vederlo.

manneron
Inviato: 28/8/2010 20:32  Aggiornato: 28/8/2010 20:38
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
Questa di katrina (come di altre) non è una "teoria" di cospirazione, c'è poco di teorico e molto di reale.
C'è gente morta per l'uragano, famiglie distrutte e tutto era previsto e soprattutto è andato come doveva andare.


ma da dove viene sta spiegazione? che prove hai? pochi giochetti emotivi del tipo io sono con la povera gente e tu no. Tutto è andato come doveva andare? che stai a dì?

Citazione:

Come dice Massimo nell'articolo, guardacaso nei terreni dei poveri sono nate le case dei ricchi.

è dall'inizio dell'umanità che le cose vanno così e che nelle disgrazie c'è sempre il lato lucrativo. che cosa ci trovi di strano?

Citazione:

Piuttosto se non vedi cospirazioni in un uragano provocato mi chiedo in cosa vuoi vederlo.

a questa non so proprio come rispondere, perchè mi sembra abbia poco senso.

queste sarebbero le spiegazioni del complotto? stamo a scherzà? lo devo vedere da cosa che hanno provocato un uragano? perchè fan fatica a tappare un buco in fondo all'oceano, ma se vogliono sparpagliare tutto in giro e diluire il petrolio fanno un uragano dalla sera alla mattina?
quelli che lavorano al progetto Harp si faranno chissà quante risate nelle pause pranzo andando a leggere degli strabilianti poteri che avrebbero a detta dei siti complottisti...

Manfred
Inviato: 28/8/2010 20:39  Aggiornato: 28/8/2010 21:59
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Al tempo della conquista del West, inviarono come aiuto ai pellerossa le coperte contaminate dai malati di vaiolo per finire l'opera di sterminio ed impossessarsi delle loro terre e relative ricchezze, ora con l'avanzare delle scoperte tecnologiche i metodi sono cambiati, in questo senso anch'io sono propenso per una spiegazione classica che però contempli l'aggiornamento sui sistemi usati: uno di questi il controllo climatico.


A ridere sono loro, pensando che in 11/12 anni dall'inizio dell'attività di irrorazione del cielo in Italia, in Usa hanno cominciato prima, non siamo nemmeno riusciti a conoscere l'esatta natura delle scie chimiche, mentre gli effetti sul clima, a parte volere chiudere appositamente gli occhi, sono da tempo riscontrabili.

manneron
Inviato: 28/8/2010 21:16  Aggiornato: 28/8/2010 21:24
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
A ridere sono loro, pensando che in 11/12 anni dall'inizio dell'attività di irrorazione del cielo in Italia, in Usa hanno cominciato prima, non siamo nemmeno riusciti a conoscere l'esatta natura delle scie chimiche,

esatto quindi non sappiamo a cosa servono

Citazione:

mentre gli effetti sul clima, a parte volere chiudere appositamente gli occhi, sono da tempo riscontrabili.


e questa è una stronzata. e ti spiego perchè: un paio di anni fa, non nevicava mai, non pioveva quasi mai e c'erano queste scie chimiche. allora pensavo: questi controllano il clima e fanno si di procurare siccità in modo da metterci in mutande letteralmente e poi spaccarci il culo....
cazzo, l'anno dopo continua a piovere e nevicare. non c'è più religione....
dalle mie osservazioni non sono in grado di dedurre alcun cambiamento nel clima da parte delle scie chimiche. tu ne hai fatte altre di migliori? o sono solo impressioni come le mie? perchè se sono solo impressioni, sia le tue che le mie non contano un cazzo. quindi mentre io affermo: non so che cazzo facciano ste scie, tu affermi: cambiano il clima. su che basi lo dici?
ti sei segnato su un tacquino i giorni di comparsa delle scie, e che tempo faceva quei giorni e i giorni successivi? sei in grado di trovare una relazione?
se non lo sai fare, stai facendo ragionamenti neppure all'altezza di galileo che era uno scienziato 500 anni fa segnando un progresso zero nella capacità scientifica umana. almeno dì che non sei sicuro che così ti pari il culo.

Argonzillo
Inviato: 28/8/2010 21:25  Aggiornato: 28/8/2010 21:25
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/8/2010
Da:
Inviati: 84
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
ma da dove viene sta spiegazione? che prove hai?


Prove?
Prova a chiedere ai poveri di New Orleans ormai sbattuti fuori di casa e messi in baracche in mezzo ai boschi.
Katrina fu provocato per "pulire" la città della massa dei poveri, negri e mentecatti e metterci i ricchi, bianchi e puliti al loro posto.

Anche una bella prova generale di legge marziale, sequestro di alimenti, armi, mezzi e medicine, una prova che naturalmente era fatta sulla pelle dei più poveri perchè i ricchi le auto ed il mangiare lo avevano lo stesso.

Così doveva andare e così è andata.

Tu appartieni a quelli che credono ancora che uragani e terremoti sono "naturali" eh?
Buon per te. Ma non dire che "nn ci sono prove" che poi il terremoto, prove o non prove lo senti lo stesso.

A proposito, sembra che il prossimo lo stiano annunciando per la zona di Los Angeles...e non sarà una scossetta.
Nei prossimi mesi le scene di panico ci ricorderanno quelle per l'influenza suina.
Un altro modo per ripulire una zona "sporca" ed i debunkeretti a dire che è "tutto normale", "tutto regolare"...ed a chiedere prove.


manneron
Inviato: 28/8/2010 21:31  Aggiornato: 28/8/2010 21:40
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
Prove?
Prova a chiedere ai poveri di New Orleans ormai sbattuti fuori di casa e messi in baracche in mezzo ai boschi.

classico argomento emotivo esempio di non spiegazione

Citazione:

Katrina fu provocato per "pulire" la città della massa dei poveri, negri e mentecatti e metterci i ricchi, bianchi e puliti al loro posto.

a parte che io non ci sono stato e non ho dati reali sulla composizione della popolazione prima e dopo l'uragano, quindi non affermerei mai tale cosa come legge generale per new orleans. posso credere che comunque i ricchi se ne siano approfittati. da qui a dire che hanno causato un uragano, ce ne passa.

Citazione:
A proposito, sembra che il prossimo lo stiano annunciando per la zona di Los Angeles

SORANNO MILLE ANNI CHE ASPETTANO IL BIG ONE, DA QUANDO ERO PICCOLO. PRIMA O POI SI SA CHE ARRIVAAA...

Citazione:

Un altro modo per ripulire una zona "sporca" ed i debunkeretti a dire che è "tutto normale", "tutto regolare"...ed a chiedere prove.


poi, io non voglio debunkare nessun fatto specifico in particolare.... io so chi sono, e i miei motivi. Voglio debunkare un modo scorretto di ragionare. tu che mi dici che faccio il debunker insinuando che sto lavorando per qualcuno, mi dai una prova incredibile e personale di quanto una teoria del complotto possa essere una cazzata e dei meccanismi che scattano in chi le propone. il problema che questa prova è come il cogito ergo sum, è valida solo per me. io esisto, ma te chi me lo dice? occhio che questa battuta è soffisticata da capire.

Manfred
Inviato: 28/8/2010 21:45  Aggiornato: 28/8/2010 22:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Prima del 1999 c'erano stati cambiamenti ma non così radicali come dopo quella data , per esempio, fenomeno mai riscontrato prima, ci sono stati cambiamenti a livello di caratteristiche del formarsi e svolgersi del maltempo rispetto le stagioni in determinate aree, caratteristiche immutate conosciute e tramandate dagli abitanti del luogo fino dall'antichità. Che né il cambio di culture, inquinamento,terremoto, costruzione di numerose dighe con relativi bacini, deforestazione, modifica dei rilievi per opere estrattive, operazioni ancora attuali o svoltesi in tempi abbastanza recenti, avevano modificato.

manneron
Inviato: 28/8/2010 21:51  Aggiornato: 28/8/2010 21:51
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
Prima del 1999 c'erano stati cambiamenti ma non così radicali come dopo quella data , per esempio, fenomeno mai riscontrato prima,

se per prima intendi i 50 anni precedenti forse posso crederti. mi risulta che ci sia inquinamento, effetto serra. questo i metereologi lo affermano chiaramente.

Citazione:

ci sono stati cambiamenti a livello di caratteristiche del formarsi e svolgersi del maltempo rispetto le stagioni in determinate aree, caratteristiche immutate conosciute e tramandate dagli abitanti del luogo fino dall'antichità.


la chicca sta nell'uso della parola "antichità". intanto quando è sta antichità? 1000? 6000 anni?
NON CI SONO REGISTRAZIONI, TRANNE DEI GROSSI EVENTI TRAMANDATI STORICAMENTE. NON SI PUò AFFERMARE NULLA DEL GENERE.

audisio
Inviato: 28/8/2010 21:51  Aggiornato: 28/8/2010 21:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Agghiacciante!!!
FEMA = Feccia E Maledetti Assassini

DjGiostra
Inviato: 28/8/2010 22:00  Aggiornato: 28/8/2010 22:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Bhe.. che sia il progetto HAARP , le scie chimiche o l'inquinamento, Katrina
lo abbiamo causato noi e secondo me questo e' fuori discussione..
Ciao
Damiano.

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
Manfred
Inviato: 28/8/2010 22:11  Aggiornato: 28/8/2010 22:11
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Solitamente con "antichità" nella tradizione linguistica Italiana si suol definire l'antica Grecia e l'Impero Romano.
Registrazioni a livello locale risalenti al Medioevo ci sono, non mi interessa di produrle perché anch'io sono a conoscenza di me stesso e la mia ricerca non è una ricerca scientifica.

temponauta
Inviato: 28/8/2010 22:24  Aggiornato: 28/8/2010 22:24
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/4/2010
Da:
Inviati: 2040
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Autore: trotzkij


Citazione:

Probabilmente 'l'Operazione Katrina' è stato un test, per valutare l'impatto di una catastrofe non su una città, ma su tutta la società statunitense, e vedere fino a che punto spingersi nel disintegrare certe comunità, certe classi, certe categorie sociali. E quindi, sulla base dell'esprienza acquisita, poter pianificare future operazioni ben più articolate e ben più vaste.
La gioia delle psicosette da 'signori del mondo', dei 'club dei potenti' di cui temponauta aspira avere almeno il ruolo di garzone part time.




...di cui temponauta aspira avere almeno il ruolo di garzone part time.

Riparto da questo intervento non per sottolinearne l'interesse (anzi è di una banalità senza limiti), ma solo per evidenziare il classico vizietto del comunista becero che non riesce a sostenere le proprie argomentazioni se non con gli attacchi alla persona (meglio avversario).
Probabilmente non gli stanno bene le mie idee sulla etnia rom (e quella giudea), ma preferisce nascondersi per non dirmelo in faccia: sa che perderebbe in un confronto diretto, e che l'unica sua via di fuga è la chiamata alle armi nel nome del political correct.
Ma si sa: l'eroe vive solitario, il vile nel gregge.
Ha ragione invece Peonia quando dice che gli zingari hanno tradizioni antichissime e interessantissime, visto che riferiscono al Re del Mondo e alle vicende del prete Gianni.
Ma, tranne quelli che son rimasti isolati a vivere nei Carpazi, le ultime generazioni di nomadi hanno perso tutto e si sono creati una società autoctona basata solo sulla forza e sul materialismo.
Quindi nessuna attenuante: impacchettati e portati via in quanto incompatibili e non integrabili utilmente.
Per quanto invece riguarda Katrina, sono sinceramente dubbioso che sia il frutto delle armi climatiche americane (Haarp).
Ritengo di più, come dice Manneron o Manfred o tutti e due, che sia stato sfruttato al meglio un evento disastroso che sarebbe accaduto comunque (tra l'altro era un anno di uragani violentissimi).
Questo mi viene da pensare richiamando il caso dei quattro individui arrestati (e poi sembrerebbe rilasciati senza conseguenze) mentre "lavoravano" sugli argini per indebolirli.
Tutt'al più si può dire che Haarp sia stato usato in quell'anno per portare tutti gli uragani alla massima intensità, per esempio tenendo aperta una breccia nella ionosfera (leggasi buco dell'ozono) sopra il Golfo del Messico.
Qualcosa del genere:

buchi

Comunque non potremo mai saperlo.
Scarterei invece le schie chimiche: primo perchè come dice giustamente Calvero ancora non sappiamo esattamente come vengono utilizzate e che "potenza" hanno, ma soprattutto perchè non è un fenomeno recente (compaiono anche nei cieli di film abbastanza stagionati: anzi invito a fare un'attività del genere per mappare cieli e anni).

Argonzillo
Inviato: 28/8/2010 23:08  Aggiornato: 28/8/2010 23:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/8/2010
Da:
Inviati: 84
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
sono sinceramente dubbioso che sia il frutto delle armi climatiche americane


Non avevano dubbi i responsabili governativi di New Orleans, quando ben 4 anni prima dell' "evento naturale" descrissero per filo e per segno quello che sarebbe successo.
Qualcuno disse pure che le previsioni del tempo avevano fallito.
Non potevano indovinare qualcosa che non doveva accadere e che invece è accaduto ed è accaduto come doveva accadere.
Bello il gioco di parole eh?



Manfred
Inviato: 28/8/2010 23:26  Aggiornato: 28/8/2010 23:44
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Le scie chimiche sono la parte visibile dell'attività dell' Haarp.
Personalmente giunto alle deduzioni logiche non mi interessa acquisire immediatamente le conferme scientifiche, il tempo è galantuomo.

Ps
Hai visionato i film in proiezione dalla pellicola originale o erano stati digitalizzati?

Al2012
Inviato: 28/8/2010 23:42  Aggiornato: 28/8/2010 23:47
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Katrina, solo una ghiotta occasione per sperimentare sul campo la legge marziale?
http://scienzamarcia.blogspot.com/2009/02/katrina.html

edit:

Citazione:
"Abbiamo finalmente ripulito New Orleans dagli alloggi pubblici. Noi non potevamo farlo, ma Dio sì", Richard Baker, Repubblicano, 9 settembre 2005"

“Capire … significa trasformare quello che è"
temponauta
Inviato: 29/8/2010 1:01  Aggiornato: 29/8/2010 1:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/4/2010
Da:
Inviati: 2040
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Autore: Manfred

Citazione:

Le scie chimiche sono la parte visibile dell'attività dell' Haarp.
Personalmente giunto alle deduzioni logiche non mi interessa acquisire immediatamente le conferme scientifiche, il tempo è galantuomo.


Secondo me se ne ricomincerà a parlare ora pesantemente con le inondazioni del Pakistan, che appaiono troppo "mirate".


Citazione:

Ps
Hai visionato i film in proiezione dalla pellicola originale o erano stati digitalizzati?


E chi lo sa?
Certo che se arrivano a tanto...

Pispax
Inviato: 29/8/2010 4:34  Aggiornato: 29/8/2010 4:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Non mi sembra che sia il caso di scomodare teorie più o meno "complottiste", e neppure di accapigliarsi per decidere se siano "complottiste" o no.





Alcune cose sembrano inequivocabili:

1) dopo il disastro era stato promesso aiuto e supporto. Però era stato promesso tardivamente e di malavoglia.

2) Gli sfollati invece non sono stati supportati, neanche con norme transitorie di finanziamento statale. E tutto questo perché negli USA c'è il "libero mercato" che lo vieta - concetto che poco tempo dopo però non ha impedito di finanziare pesantemente le banche in crisi.

3) Al posto del supporto agli sfollati si è preferito seguire la strada della rivalutazione economica dei terreni, togliendo ai poveri per dare ai ricchi.



Questa roba è figlia di una precisa ideologia politica.
E in effetti questa è una delle classiche merdate che la poltica ogni tanto fa: l'ideologia è una roba che si applica bene solo su chi non può difendersi.



Gli sfollati di New Orleans lo hanno preso nel culo.
Spero che si organizzino per difendersi da chi li ha inculati così bene.


E ovviamente lo faranno... astenendosi, no?

Freeanimal
Inviato: 29/8/2010 8:09  Aggiornato: 29/8/2010 8:09
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/5/2009
Da: Codroipo (UD)
Inviati: 705
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Temponauta (citazione):
“Secondo me se ne ricomincerà a parlare ora pesantemente con le inondazioni del Pakistan, che appaiono troppo "mirate"



E infatti, anche in quel caso, gli aiuti non arrivano. La negligenza è calcolata. Il modo di comportarsi dei “ricchi” nei confronti dei “poveri” bisognosi, che vengono lasciati senza aiuti nel momento del bisogno, è solo la punta dell’iceberg di un comportamento consuetudinario, nel momento in cui i cosiddetti aiuti al Terzo Mondo vengono sistematicamente dirottati verso i già ricchi e corrotti funzionari e uomini di partito e di governo delle nazioni beneficiarie, mentre la povera gente non riceve niente. Posso testimoniarlo per esperienza diretta perché da quattro anni vado regolarmente in Madagascar. I servizi giornalistici in cui si vede l’UNICEF o l’ONU distribuire cibo hanno una natura propagandistica e sono fatti solo per gettare fumo negli occhi dell’opinione pubblica occidentale.
La nostra responsabilità personale nei confronti della povertà consiste nel fatto che viviamo una vita dignitosa e agiata, in una società opulenta, cosa che è possibile proprio perché ad altri quattro quinti di esseri umani su questo pianeta non viene concesso di fare altrettanto. Tuttavia, provare sensi di colpa per questa situazione, da noi personalmente non voluta, non sarebbe corretto, giacché ognuno di noi ha diritto a vivere una vita dignitosa, ma gli sprechi che vediamo attorno a noi, voluti da politici che noi abbiamo votato, e soprattutto gli sprechi in campo militare, sono molto peggio di qualunque nostra eventuale responsabilità nell’impoverimento dei paesi del Terzo Mondo. Smascherare gli sprechi e la corruzione, nonché denunciarne gli autori, è l’unica cosa che possiamo fare. Quando ce lo lasciano fare.
I Rom sono ladri, in effetti, come fa notare Calvero, e sono anche refrattari all’integrazione, come dice Temponauta, ma deportarli resta comunque un’azione spregevole, tenuto conto che la quasi totalità dei Rom italiani è nata in Italia. Sono inoltre ferventi cattolici (molto più di noi) e quindi probabilmente godono della protezione della Chiesa. E in Italia, si sa, pochi o nessun uomo politico, che voglia rimanere tale, farebbe qualcosa di sgradito alla Chiesa. E poi, questo insistere sull’utilità sociale di quel gruppo, come fa Temponauta, che senso ha? Io, per esempio, non servo a niente alla società e però nessuno ha mai proposto di…deportarmi. Per fortuna!

temponauta
Inviato: 29/8/2010 8:59  Aggiornato: 29/8/2010 8:59
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/4/2010
Da:
Inviati: 2040
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Autore: Freeanimal

Citazione:

I Rom sono ladri, in effetti, come fa notare Calvero, e sono anche refrattari all’integrazione, come dice Temponauta, ma deportarli resta comunque un’azione spregevole, tenuto conto che la quasi totalità dei Rom italiani è nata in Italia.


La nascita in Italia da genitori non italiani NON dovrebbe assicurare automaticamente la cittadinanza italiana, più che mai quando macchiata di un reato a monte: immigrazione clandestina e senza mezzi di sostentamento.
Dovrebbe a questo punto essere revocata a tutti coloro che vivono nel conosciuto stile di vita rom.

Citazione:

Sono inoltre ferventi cattolici (molto più di noi) e quindi probabilmente godono della protezione della Chiesa. E in Italia, si sa, pochi o nessun uomo politico, che voglia rimanere tale, farebbe qualcosa di sgradito alla Chiesa.


La Chiesa cattolica è protagonista dello sfascio multiculturalista della nostra società ordinato dai signori della globalizzazione e del lavoro precario a paga da fame.
Del resto questa chiesa cattolica, che già come cristiana doveva restarsene in Palestina, senza diventare "da esportazione" come una birra, è una invenzione fatta dal potere laico dominante (Costantino, Nicea 354 d.c.) per addomesticare il metafisico ai propri interessi di potere e supremazia.
Per me Ratzinger dovrebbe essere rispedito in germania e questa chiesa dell'inganno dovrebbe essere chiusà per illegalità (è al servizio del male promettendo false compensazioni alle vittime).


Citazione:

E poi, questo insistere sull’utilità sociale di quel gruppo, come fa Temponauta, che senso ha? Io, per esempio, non servo a niente alla società e però nessuno ha mai proposto di…deportarmi. Per fortuna!


Solo perchè sei italiano e (/o se non lo sei) perchè non rapisci bambini, rubi, stupri donne.bambine, sporchi e imbratti dovunque ti trovi, ecc., ecc..

Gustav
Inviato: 29/8/2010 10:05  Aggiornato: 29/8/2010 10:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/9/2006
Da: Pisa
Inviati: 80
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Solo una domanda: se un italiano e un rom/rumeno/albanese/straniero/etc sono entrambi ubriachi/e-o/drogati e mettono sotto uno sulle strisce pedonali (chiaro, la vittima deve essere italiana eh!) e poi non si fermano, secondo te qual'è il crimine più grave?

@ Manneron: ti suggerisco di non usare i caratteri maiuscoli per postare, cosa che equivale a urlare.

"Non sempre chi ti butta la cacca addosso lo fa per farti del male, non sempre chi ti tira fuori della cacca lo fa per farti del bene, ma soprattutto, quando sei nella cacca fino al collo, stà zitto!"
temponauta
Inviato: 29/8/2010 11:07  Aggiornato: 29/8/2010 11:07
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/4/2010
Da:
Inviati: 2040
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Autore: Gustav

Citazione:

Solo una domanda: se un italiano e un rom/rumeno/albanese/straniero/etc sono entrambi ubriachi/e-o/drogati e mettono sotto uno sulle strisce pedonali (chiaro, la vittima deve essere italiana eh!) e poi non si fermano, secondo te qual'è il crimine più grave?



Il primo e più grave crimine è quello di chi (politico servo e padroni) ha lasciato un rom o uno straniero (clandestino o senza mezzi di sostentamento) a ubriacarsi e a uccidere le persone sulla strada con macchine che spesso sono rubate o che non potrebbero neanche guidare.
Poi, a parità esatta di condizioni, i crimini dell'italiano e dello straniero si equivalgono: finiscono entrambi ai lavori forzati (il mio must), poi il secondo viene cacciato dall'Italia.
Il terzo crimine è quello della gente buonista come te che pensa che tutti gli uomini sono uguali, secondo i dettami del diritto utopista e della chiesa del mondo del non si sa dove ma si sa benissimo il come (sottomissione).
Gli uomini sono tutti uguali alla nascita e a loro spettano stessi diritti e stesse possibilità di crescita: poi chi sbaglia volontariamente non è più uguale agli altri.

alfridus
Inviato: 29/8/2010 11:32  Aggiornato: 29/8/2010 11:32
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/4/2007
Da: Lugoj, Romania
Inviati: 120
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
@ Gustav
Cit.:
secondo te qual'è il crimine più grave?

Quello dell'italiano che attraversa sulle striscie?!

Vedi... si dà il caso che io viva in Romania, da diversi anni. E che quando Bossi e Fini fecero passare quella legge, dovetti aiutare un paio di romeni a scappare, di notte, come se avessero commesso chi sa quale crimine orrendo, non avendo le carte in regola.
Ed ora che, con la crisi, si è avuta la scusa buona, tutti i poveracci che si arrangiavano in Italia a fare tutti quei mestieri che i nostri acculturatissimi concittadini non intendono svolgere più, vengono cacciati via in malo modo, per essere sostituiti da chi, poi? Altri poveracci da sfruttare, ché tanto, i nostri se ne stanno a casa dei genitori, piuttosto che andare a ripulire un parco pubblico cittadino...
Ed ora che, con la crisi ed anche senza, qui in Romania in cui le leggi NON proteggono i lavoratori da serrate e falsi fallimenti, e metà della popolazione attiva è stata messa in strada da aziende straniere (per lo più italiane...) per le quali è diventato conveniente delocalizzare in Cina... Bhè, guarda caso, in un diverbio tra un romeno ed un italiano, quest'ultimo ha sempre la peggio.

Credi che la condizione di un rom sia poi tanto diversa da quella di uno straniero che vuole trovare il modo di sopravvivere in un Paese non suo?
Perché hanno tradizioni diverse, che confliggono con le nostre, perché non lavorano (ma glielo lasciano fare?), perché sono sporchi, brutti, e cattivi per definizione, e non semplicemente per miseria?

Bha...

Un vecchio proverbio degli Indiani d'America diceva press'a poco "Non giudicare l'altro, prima di aver molto camminato nei suoi mocassini".

doct.alfridus
--------------------------------------
...se il Padreterno ci ha creati a sua immagine e somiglianza... bhe', c'e' da rifletterci!

[ Andiamo sempre più giù, più giù... Qualcuno deve aver tirata la catena! ]
Gustav
Inviato: 29/8/2010 11:33  Aggiornato: 29/8/2010 11:33
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/9/2006
Da: Pisa
Inviati: 80
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
Il terzo crimine è quello della gente buonista come te che pensa che tutti gli uomini sono uguali


Come prevedevo ci sei cascato: in realtà era una domanda trabocchetto, qualsiasi risposta era "sbagliata". Hai dato per scontato che io ritenga più grave il primo caso, cioè l'italiano, ma forse è proprio l'atteggiamento più razzista...
il punto è che siamo un po' tutti più o meno razzisti, non ci sono "buonisti" o "quelli che ce l'hanno duro", non vuol dire niente affermare che tutti gli uomini sono "uguali" (come la legge). Siamo tutti diversi ( e meno male, io non mi riconosco in una razza, riconosco solo degli individui, degli "io").

"Non sempre chi ti butta la cacca addosso lo fa per farti del male, non sempre chi ti tira fuori della cacca lo fa per farti del bene, ma soprattutto, quando sei nella cacca fino al collo, stà zitto!"
Gustav
Inviato: 29/8/2010 11:38  Aggiornato: 29/8/2010 11:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/9/2006
Da: Pisa
Inviati: 80
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
Un vecchio proverbio degli Indiani d'America diceva press'a poco "Non giudicare l'altro, prima di aver molto camminato nei suoi mocassini".


Io te ne cito uno ancora più vecchio, " Non fare agli altri quello che non vorresti essere fatto a te".

"Non sempre chi ti butta la cacca addosso lo fa per farti del male, non sempre chi ti tira fuori della cacca lo fa per farti del bene, ma soprattutto, quando sei nella cacca fino al collo, stà zitto!"
Calvero
Inviato: 29/8/2010 11:48  Aggiornato: 29/8/2010 11:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
da qui a dire che hanno causato un uragano, ce ne passa.


è qui il fulcro..

inutile battibeccare, perché pare non ci capiamo comunque è proprio questo l' "oggetto" del contendere, che « a causare un uragano NON ce ne passa ». Anzi...

E non ti sto dicendo che così è stato. Non lo si può asserire, né provare. La questione è: che è plausibile. Ed è da fessi, non tenerne conto.

Il processo psicologico infantile per cui invece, questa ipotesi sarebbe dettata a monte da intenzioni di voler trovare un potente assurdo dietro a queste malefatte, è un processo alle intenzioni non applicabile a queste riflessioni... E, per tutto ciò, non c'è bisogno di scomodare alcun cospirazionista della domenica di ferragosto

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 29/8/2010 11:58  Aggiornato: 29/8/2010 11:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
E sia chiaro, nei confronti dell'etnia ROM nella sua originale accezione culturale, e non solo; nella sua filosofia esistenziale originale, ho un giudizio liberale e rispettoso. Credo inoltre che l'uomo nomade, lo "zingaro", è un uomo che mette in discussione in maniera genuina la propria esistenza in questa grama Società della fava. Il vero anarchico; il vero anticonformista.

E non anticonformista perché odia un determinato sistema, ma perché semplicemente, candidamente, non lo considera (tematica poi portata avanti dalle tematiche Chapliniane di The Trump, dal "vagabondo" che non era un barbone; ma bensì un "LIBERO" - in mezzo agli schiavi salariati)

Non è che se attacco questi zingari, significa che difendo la nostra civiltà occidentale. Sia mai. La realtà però di chiamare le cose col loro nome è altra storia, e la distorsione e quanto gli zingari stessi, appunto, si siano auto-plagiati in una collettività del sopruso e del parassitismo è ben altra storia..

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
NiHiLaNtH
Inviato: 29/8/2010 12:06  Aggiornato: 29/8/2010 12:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
Ora Sarkozy, in Francia, sta facendo la stessa cosa con i Rom, anche loro “brutti, sporchi e cattivi”, solo che i Rom hanno una destinazione e una patria dove poter tornare (Romania e Bulgaria),


ma magari lo facessero pure qua da noi, ne avremmo davvero bisogno

ogni tanto mi capita di vedere zingari in mercedes altre volte ricoperti con enormi gioielli d'oro mentre vanno a vendere il rame ai depositi di metalli

Calvero
Inviato: 29/8/2010 12:12  Aggiornato: 29/8/2010 12:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
Io, per esempio, non servo a niente alla società e però nessuno ha mai proposto di…deportarmi. Per fortuna!


Siamo in due allora. Ma io e te non apparteniamo ad una collettività che, con orgoglio, e precise manifestazioni di intenti e di azioni, ripudia e ruba in nome e per conto di un principio preciso teso a tutelare una oggettiva esistenza parassitaria: sostenuta con "codici" e una cultura infame nei confronti anche proprio di quelli come ME e TE ..che, a differenza loro, non serviamo a niente forse, ma le tasse le paghiamo e viviamo con il codice a barre sulla schiena, rendendo conto di ogni minimo passo falso e soprattutto, nel timore di non fare il minimo passo falso...

..non so se mi spiego, e cosa significa profondamente questa cosa

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
NiHiLaNtH
Inviato: 29/8/2010 12:26  Aggiornato: 29/8/2010 12:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
tu che mi dici che faccio il debunker insinuando che sto lavorando per qualcuno, mi dai una prova incredibile e personale di quanto una teoria del complotto possa essere una cazzata e dei meccanismi che scattano in chi le propone. il problema che questa prova è come il cogito ergo sum, è valida solo per me. io esisto, ma te chi me lo dice? occhio che questa battuta è soffisticata da capire.


ah perchè il debunker è automaticamete uno che viene pagato?

la logica dove l'hai lasciata?

normalmente si tratta di poveri scemi la cui mente non è in grado di acettare determinate cose

Citazione:
e questa è una stronzata. e ti spiego perchè: un paio di anni fa, non nevicava mai, non pioveva quasi mai e c'erano queste scie chimiche. allora pensavo: questi controllano il clima e fanno si di procurare siccità in modo da metterci in mutande letteralmente e poi spaccarci il culo....


la siccità e il caldo anomalo invernale lo abbiamo avuto fino al 2006
poi quando le scie si sono fatte più rare ( insieme ad un certo tipo di nubi anomale ) sono tornate le piogge e gli inverni sono diventati sempre più freddi

però di uragan così devastanti negli usa non se ne sono più visti
così hanno cambiato "global warming" con "cambiamenti climatici"

Citazione:
Prima del 1999 c'erano stati cambiamenti ma non così radicali come dopo quella data , per esempio, fenomeno mai riscontrato prima, ci sono stati cambiamenti a livello di caratteristiche del formarsi e svolgersi del maltempo rispetto le stagioni in determinate aree, caratteristiche immutate conosciute e tramandate dagli abitanti del luogo fino dall'antichità. Che né il cambio di culture, inquinamento,terremoto, costruzione di numerose dighe con relativi bacini, deforestazione, modifica dei rilievi per opere estrattive, operazioni ancora attuali o svoltesi in tempi abbastanza recenti, avevano modificato.


il nuovo secolo oltre all'11 settembre e la guerra globale al terrorismo ci ha portato una marea di sconvolgimenti climatici
e non è certo un caso

Citazione:
non intendono svolgere più


si vabbè buonanotte
tali lavori non sono più accessibili perchè chi assume preferisce prendere un immigrato che a differenza dell'Italiano non ha problemi a lavorare come uno schiavo e con un misero stipendio

temponauta
Inviato: 29/8/2010 13:51  Aggiornato: 29/8/2010 13:51
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/4/2010
Da:
Inviati: 2040
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Autore: Gustav

Citazione:

Citazione:
Il terzo crimine è quello della gente buonista come te che pensa che tutti gli uomini sono uguali


Come prevedevo ci sei cascato: in realtà era una domanda trabocchetto, qualsiasi risposta era "sbagliata". Hai dato per scontato che io ritenga più grave il primo caso, cioè l'italiano, ma forse è proprio l'atteggiamento più razzista...
il punto è che siamo un po' tutti più o meno razzisti, non ci sono "buonisti" o "quelli che ce l'hanno duro", non vuol dire niente affermare che tutti gli uomini sono "uguali" (come la legge). Siamo tutti diversi ( e meno male, io non mi riconosco in una razza, riconosco solo degli individui, degli "io").



Non sono cascato in niente: le mie risposte sono giuste per il mio modo di pensare.
Sono contento che anche per te gli uomini non sono tutti uguali: ciò significa che ragioni con la tua testa e non con una testa infarcita della propaganda di chi predica bene e poi razzola male, ovvero nel migliore dei modi per il proprio tornaconto.
Fai male però a non considerare le diseguaglianze, oltre che a livello individuale, anche a livello di gruppo, etnia e financo razza.
I rom vengono educati fin da piccoli nel modo in cui vivono da grandi, e non fanno nulla per cambiare le cose.
Lo stesso dicasi dei giudei che, tramite il Talmud e le scuole rabbiniche (integraliste), finiscono per alimentare/supportare/consentire il sionismo (e i relativi piani protocollari).
Se il gruppo/razza vive in antitesi con la società che vive in una certa nazione da sempre, quest'ultima ha tutto il diritto di liberarsene (senza troppi complimenti).
Razzismo? Io la chiamo SELEZIONE.
Razzista? No, io sono un SELEZIONATORE.
Con quale diritto? Con quello naturale e cristallino che emerge dalla fine della democrazia dell'inganno e del tradimento dei popoli e delle nazioni.

Gustav
Inviato: 29/8/2010 14:19  Aggiornato: 29/8/2010 14:19
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/9/2006
Da: Pisa
Inviati: 80
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
Fai male però a non considerare le diseguaglianze, oltre che a livello individuale, anche a livello di gruppo, etnia e financo razza.


Eh no caro mio, le razze te le lascio, "seleziona pure" (è un termine tuo, che mi fa rabbrividire...), finché non verrà (di nuovo) qualcuno che ce l'ha più duro di te e ti "seleziona" lui. Allora ne riparliamo ma temo che sarà troppo tardi.

"Non sempre chi ti butta la cacca addosso lo fa per farti del male, non sempre chi ti tira fuori della cacca lo fa per farti del bene, ma soprattutto, quando sei nella cacca fino al collo, stà zitto!"
peonia
Inviato: 29/8/2010 14:29  Aggiornato: 29/8/2010 14:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Gente che sgancia bombe atomiche su gente inerme, che uccide senza nessuna remora milioni di persone, che progetta attentati come le Twin Towers (con tutto ciò che ne consegue..)
che può fare queste azioni aberranti e criminali, che coinvolgono il pianeta intero:


http://www.youtube.com/watch?v=xahKBw0pYNs&feature=related


http://www.youtube.com/watch?v=tU6n-q_fUXc&feature=related

può preoccuparsi, di preparare un uragano su misura????

No, purtroppo no! a me ormai fanno schifo al punto tale che non metterei piede in America, malgrado sia bella, e anzi esorterei il nostro caro amico Massimo a lasciarla prima possibile...

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
temponauta
Inviato: 29/8/2010 14:39  Aggiornato: 29/8/2010 14:39
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/4/2010
Da:
Inviati: 2040
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Autore: Gustav

Citazione:


Citazione:
Fai male però a non considerare le diseguaglianze, oltre che a livello individuale, anche a livello di gruppo, etnia e financo razza.


Eh no caro mio, le razze te le lascio, "seleziona pure" (è un termine tuo, che mi fa rabbrividire...), finché non verrà (di nuovo) qualcuno che ce l'ha più duro di te e ti "seleziona" lui. Allora ne riparliamo ma temo che sarà troppo tardi.




Difficile che possa accadere, ma SE dovesse accadere, significa che è previsto nel Karma del pianeta e della specie umana ivi ospitata.
Comunque del nazismo si può dire che ha usato metodi sbagliati, ma non che non aveva chiari i problemi creati da certi gruppi etnici così come noi li abbiamo chiari oggi.
Forse sono questi gruppi che, da troppo tempo, non smettono di dare fastidio al resto dell'umanità.

Gustav
Inviato: 29/8/2010 14:48  Aggiornato: 29/8/2010 14:52
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/9/2006
Da: Pisa
Inviati: 80
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
@ Peonia
Condivido al 100%: mi piacerebbe tantissimo visitarla, New orleans e il jazz, il West (quello vero...), fare un coast to coast alla Jack Kerouac, tutta la musica moderna che amo viene da lì come anche il cinema, ma negli ultimi anni mi è caduta i basso parecchio. Solo il fatto che occorre un passaporto speciale e le valige aperte, ma scherziamo? Non metterò mai piede in America finché i responsabili dell'11 settembre non saranno finalmente in prigione: un paese che permette un crimine tanto grande e repellente per scopi guerrafondai non merita di essere visitato. E magari ti sbatte in galera allo sbarco perché hai un succo di frutta nel bagaglio a mano...

PS Forse Massimo sta lavorando "dall'interno", forse è giusto che rimanga

PS2 Peonia, filmati molto interessanti

"Non sempre chi ti butta la cacca addosso lo fa per farti del male, non sempre chi ti tira fuori della cacca lo fa per farti del bene, ma soprattutto, quando sei nella cacca fino al collo, stà zitto!"
redna
Inviato: 29/8/2010 16:05  Aggiornato: 29/8/2010 16:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
Difficile che possa accadere, ma SE dovesse accadere, significa che è previsto nel Karma del pianeta e della specie umana ivi ospitata.


risposta non attinente. Il karma del pianeta non lo conosci te e nessuno lo conosce.


Citazione:
Forse sono questi gruppi che, da troppo tempo, non smettono di dare fastidio al resto dell'umanità.

i gruppi che c'erano allora col nazismo
hanno continuato.
Tutto qui.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
gato
Inviato: 29/8/2010 17:40  Aggiornato: 29/8/2010 17:40
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/1/2006
Da: camposanto + +
Inviati: 175
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
@temponauta
Citazione:
La nascita in Italia da genitori non italiani NON dovrebbe assicurare automaticamente la cittadinanza italiana, più che mai quando macchiata di un reato a monte: immigrazione clandestina e senza mezzi di sostentamento.

Mi dici per favore da dove hai tirato fuori questo? Io sono cittadino romeno, in Italia dal 1991, regolare dal 1996, con richiesta di cittadinanza dal marzo 2007 (sto ancora aspettando), e mio figlio nato a gennaio e cittadino romeno. Non ha diritto per nascita alla cittadinanza. Se hai altre fonti rispetto a me (Ministero degli Interni) sei pregato di illuminarmi.
Mi spiace quando in un sito come Luogocomune si parli per ....luogocomune.
Questo storie che la cittadinanza si prende troppo facilmente sono tutte storie, e sfido chiunque a dimostrarmi il contrario.

Freeanimal
Inviato: 29/8/2010 17:41  Aggiornato: 29/8/2010 17:41
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/5/2009
Da: Codroipo (UD)
Inviati: 705
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
http://www.ilgazzettino.it/articolo.php?id=116621&sez=NORDEST


Come non si possono fermare le ondate migratorie che fanno parte del DNA dell’uomo, così non si possono tenere in prigione persone la cui unica colpa è quella di non avere documenti in regola (ovvero di essersi sottratte al controllo centralista dell’autorità). Andrebbe chiarito, a questo punto, se avere un passaporto serva alla società per…difendersi o è solo un modo per controllare l’individuo e i suoi spostamenti sul pianeta. Il fatto che tradizionalmente è necessario un passaporto per spostarsi da uno stato a un altro, non è una buona ragione per pensare che, di per sé, il passaporto sia cosa buona e giusta. Se, in un prossimo futuro, dovesse diventare obbligatorio il microchip sottocutaneo in sostituzione del passaporto, immagino che nessuno di voi si dichiarerebbe favorevole. Dunque, anche gli africani che cercano di scappare dai centri di accoglienza, dove – si può leggere anche nell’articolo del Gazzettino – si usa la neolingua orwelliana chiamandoli “ospiti”, si rendono conto che gli viene fatta un’ingiustizia, dato che l’aspirazione alla libertà è patrimonio nobile e inscindibile dell’animo umano. Chi non sente questo anelito è già in uno stadio di sottomissione alle autorità, che, in un prossimo futuro, potrebbero essere quelle del NWO.
L’idea, sostenuta da Temponauta, che una qualsivoglia autorità abbia il diritto di deportare popolazioni non assoggettate e integrate, nasce dal principio di dominanza e si basa sui rapporti di forza. Nella Storia abbiamo visto gente in armi che deportava gente disarmata, per soddisfare le esigenze di un’opinione pubblica manipolata, che viene indotta a vedere il nemico dove magari non c’è. Così, per difendersi dai fantasmi, si sottopongono persone reali, con famiglie, bambini, donne e vecchi, a lunghe marce, trasferte e viaggi, sradicandoli e sbattendoli lontano dagli occhi della gente manipolata e spaventata.
Alla base di tale prevaricazione interna alla nostra specie, vi è quella, più antica e mai tramontata, dei rapporti di forza in relazione alle altre specie, che non solo sono state utilizzate e sfruttate in mille modi, ma che vengono gestite da un potere autoritario secondo criteri il più delle volte nazisti. Ovvero, il nazismo non è stato un fenomeno tipicamente tedesco, ma s’insinua in ciascuno di noi, subdolamente, cripticamente, viene chiamato “buon senso” e passa per essere l’unico modo possibile di gestire le cose. Mi riferisco, per capirci, alle operazioni di eradicazione di gamberi della Luisiana, di nutrie sudamericane, di cinghiali ungheresi, di scoiattoli grigi americani e di tutte quelle specie non autoctone che vengono indicate come pericolose per la fauna indigena. Anche se c’è una bella differenza tra sfollare migliaia di Rom dalla Francia e sterminare le nutrie accusate di devastare gli argini dei canali, i meccanismi psicologici che stanno alla base di queste scelte sono identici. Dunque, ancora una volta, si vede all’opera l’antico detto che la violenza sugli animali è propedeutica alla violenza sugli uomini. Quando l’umanità smetterà di prevaricare sugli animali, smetterà forse anche di prevaricare sugli altri esseri umani, compresi i “figli del vento”, gli africani senza passaporto e i messicani che attraversano i confini degli USA.

NiHiLaNtH
Inviato: 29/8/2010 18:12  Aggiornato: 29/8/2010 18:14
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
Anche se c’è una bella differenza tra sfollare migliaia di Rom dalla Francia e sterminare le nutrie accusate di devastare gli argini dei canali, i meccanismi psicologici che stanno alla base di queste scelte sono identici. Dunque, ancora una volta, si vede all’opera l’antico detto che la violenza sugli animali è propedeutica alla violenza sugli uomini.


le nutrie sono delle povere vittime e chi le ammazza è uno stronzo
nell'altro caso le vitime sono i Francesi


e poi basta co sta storia del nazismo. pensi che tirare fuori il nazismo ci faccia sentire tutti in colpa nei confronti degli ebrei e degli alrti gruppi che venivano deportati nei campi di concentramento?

Citazione:
Quando l’umanità smetterà di prevaricare sugli animali, smetterà forse anche di prevaricare sugli altri esseri umani, compresi i “figli del vento”, gli africani senza passaporto e i messicani che attraversano i confini degli USA


ma si facciamo venire chiunque nel nostro paese, non controlliamoli e lasciamoli liberi di fare quello che cazzo vogliono così quelli che non trovano lavoro devono per forza arrangiarsi a spacciare o a rubare e così lo staro può sempre avere una scusa per installare videocamerre ovunque o mettere altri militari per le strade

problema-reazione-soluzione

Calvero
Inviato: 29/8/2010 18:40  Aggiornato: 29/8/2010 18:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
Andrebbe chiarito, a questo punto, se avere un passaporto serva alla società per…difendersi o è solo un modo per controllare l’individuo e i suoi spostamenti sul pianeta.


Freeanimal, stai sbagliando le prospettive e inserendo falsi problemi nella questione. Falsi nel senso, che non sono congruenti a dei motivi fondanti per cui si possa mettere in moto un processo di espulsione.

Senza contare che non hai risposto a quello che ti ho detto io. E ti ho anche detto come la questione ROM, nella sua accezione, non è stata messa sotto accusa. Tanto è vero che quella ormai è una fiaba d'altri tempi.

Poi. Tu parli di Passaporti e controlli "orwelliani"... or dunque:
Certo che il passaporto è un modo per controllare l'individuo. Infatti gli zingari vanno presi a calci nel culo per ben altri motivi. Questa ovviamente è una generalizzazione del problema, che comunque come tale, in maniera assolutamente realistica, individua un problema reale ed esistente di una chiamiamola etnia (anche perché è imbastardita oramai) che per sua stessa filosofia di Vita è parassitaria. Quindi - calci nel culo. Punto.

Citazione:
L’idea, sostenuta da Temponauta, che una qualsivoglia autorità abbia il diritto di deportare popolazioni non assoggettate e integrate, nasce dal principio di dominanza e si basa sui rapporti di forza.


Questo è un sofisma Freeanimal. Il principio di dominanza può nascere per una serie svariata di motivi. Può essere messo in moto da una Dittatura, quanto da un giogo Orwelliano o quanto dalla cattiveria e dal cinismo umano. Tutto vero.

Ma il punto è che tu insisti a fare orecchie da mercante (e sinceramente non capisco perché) sul fatto che il tuo paragone non solo non regge, ma che qui stiamo parlando di un sistema "Mafioso" (di quegli zingari che tutti sappiamo chi sono) riconosciuto tale, lo sanno anche i sassi, e perfettamente integrato con la vita quotidiana di cittadini che a differenza loro, stando sotto lo stesso tetto, invece devono piegare le orecchie - mentre dei parassiti fanno, fondamentalmente, quel cazzo che vogliono.

Visto poi, che quella collettività messa ora sotto accusa, si muove e prende coscienza da una filosofia di Vita che approfitta della collettività che li ospita, il discorso è assai più grave. Il loro è un dispotismo: certo di un altra fattura, ma comunque vigliacco, disonesto, usurpatore e approfittatore. Sempre di dispotismo si tratta. E sempre, non scordarlo, con la differenza che non stiamo parlando di singoli casi o singole vicende, ma di un piccolo "popolo" alimentato da una Forma-mentis parassitaria e disonesta per Principio.

Quindi, meritano di essere cacciati.

Citazione:
Quando l’umanità smetterà di prevaricare sugli animali, smetterà forse anche di prevaricare sugli altri esseri umani, compresi i “figli del vento”, gli africani senza passaporto e i messicani che attraversano i confini degli USA.


Questo è certamente sensato. Il fatto è che non centra con quello che è stato messo sotto accusa. I "figli del vento" possono andare anche a fanculo, se permetti, visto che ad approfittare e a prevaricare sul prossimo sono proprio loro

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
manneron
Inviato: 29/8/2010 18:53  Aggiornato: 29/8/2010 18:59
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
La nascita in Italia da genitori non italiani NON dovrebbe assicurare automaticamente la cittadinanza italiana, più che mai quando macchiata di un reato a monte: immigrazione clandestina e senza mezzi di sostentamento.


Mi dici per favore da dove hai tirato fuori questo?


infatti hai ragione. la nascita in italia non ti fa cittadino italiano. solo se dimostri di essere discendente da cittadino italiano emigrato ottieni automaticamente la cittadinanza italiana. infatti, a quel che vedo io, le anagrafi comunali ricevono costantemente richiesta da paesi sudamericani di avere certificati di loro presunti parenti al fine di poter poi ottenere la cittadinanza italiana. cittadinanza della quale di per se non gliene frega un cazzo, ma quando sono cittadini italiani poi possono girare per l'europa a discrezione. altra bella stortura della legge.
come sarebbe una stortura che tu vieni qui clandestino, fai un figlio, questo è cittadino italiano e tu come genitore acquisisci il diritto di insediarti. sarei più d'accordo sul fatto che se uno nasce qui sia cittadino de facto, ma i loro genitori no. quindi o lasciano qui il bambino e loro se ne vanno o si regolarizzano e restano o rinunciano alla cittadinanza in nome del bambino.
Altrimenti diventa una sagra.
non è italiano uno che nasce da genitori non italiani, ma secondo me non dovrebbe esserlo neppure chi nasce all'estero da genitori discendenti di italiani di seconda generazione. ma avere tanti italiani all'estero fa comodo alla mafia per far eleggere qualche parlamentare di loro gradimento.
tremaglia mi sembra sia morto, che dio se lo tenga là per sempre, lui e magari anche la sua legge idiota sul voto degli italiani all'estero.

manneron
Inviato: 29/8/2010 19:02  Aggiornato: 29/8/2010 19:02
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
Siamo in due allora. Ma io e te non apparteniamo ad una collettività che, con orgoglio, e precise manifestazioni di intenti e di azioni, ripudia e ruba in nome e per conto di un principio preciso teso a tutelare una oggettiva esistenza parassitaria: sostenuta con "codici" e una cultura infame nei confronti anche proprio di quelli come ME e TE ..che, a differenza loro, non serviamo a niente forse, ma le tasse le paghiamo e viviamo con il codice a barre sulla schiena, rendendo conto di ogni minimo passo falso e soprattutto, nel timore di non fare il minimo passo falso...

..non so se mi spiego, e cosa significa profondamente questa cosa

sai calvero che su questo modo di vedere siamo anche d'accordo?
solo su questo, però e mi ci metto anch'io tra voi due.

manneron
Inviato: 29/8/2010 19:07  Aggiornato: 29/8/2010 19:09
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
ah perchè il debunker è automaticamete uno che viene pagato?

ho detto che dovrei lavorare per qualcuno, non che questo qualcuno mi paga. mi sembra che se uno lavora di questi tempi, colga bene la differenza.

comunque si sono un debunker, è ovvio che se io etichetto te come complottista tu faccia lo stesso con me. è un modo relativistico di darsi del coglione usando altri termini. io vedo me come fermo e per me sei tu che giri come quello che ho detto prima. mentre tu fai la stessa cosa. per te tu sei fermo mentre io giro come un coglione. vedi einstein alle volte...

Gustav
Inviato: 29/8/2010 21:09  Aggiornato: 29/8/2010 21:09
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/9/2006
Da: Pisa
Inviati: 80
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
vedi einstein alle volte...


Mi permetto, bonariamente, di dire che Einstein non c'entra niente: quello riportato vorrebbe essere uno pseudo-esempio di principio di relatività galileiana, pseudo perché se qualcuno "gira" rispetto a un altro non costituisce più un sistema inerziale e allora si può sapere chi è fermo e chi no, quindi se il complottista è "fermo" (rispetto a un sistema di rif.inerziale) e tu debunker "giri" rispetto a lui, allora la presenza di forze non-inerziali nel tuo sist. di riferimento rivela per l'appunto che tu sei il debunker e lui il complottista.

"Non sempre chi ti butta la cacca addosso lo fa per farti del male, non sempre chi ti tira fuori della cacca lo fa per farti del bene, ma soprattutto, quando sei nella cacca fino al collo, stà zitto!"
LBruschi
Inviato: 29/8/2010 21:11  Aggiornato: 30/8/2010 5:49
So tutto
Iscritto: 29/8/2010
Da:
Inviati: 1
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Ho scritto anch'io qualcosa sull'argomento nel mio neonato blog (La città invisibile). Da un rapporto frutto di una ricerca svolta negli States risulta che in realtà molto è stato fatto per la ricostruzione.

E' vero che i problemi rimangono e non sono pochi.

Le preoccupazioni principali però, anche a seguire la stampa americana, sembrerebbero essere sull'eventualità di nuovi uragani.

Chi volesse visitare il mio blog, per approfondire e, perché no, dare il suo contributo, è il benvenuto!

L'uragano Katrina a New Orleans, 5 anni dopo: abbiamo imparato qualcosa?

Gustav
Inviato: 29/8/2010 21:47  Aggiornato: 29/8/2010 21:47
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/9/2006
Da: Pisa
Inviati: 80
 Re: New Orleans - 5 anni dopo

"Non sempre chi ti butta la cacca addosso lo fa per farti del male, non sempre chi ti tira fuori della cacca lo fa per farti del bene, ma soprattutto, quando sei nella cacca fino al collo, stà zitto!"
gato
Inviato: 29/8/2010 21:55  Aggiornato: 29/8/2010 21:55
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/1/2006
Da: camposanto + +
Inviati: 175
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
@manneron
Con la cittadinanza la storia è lunga.
Sono generalmente d'accordo con quanto scrivi con la cittadinanza per i nati all'estero da genitori o nonni o bisnonni italiani. Ma ci sono tante altre situazioni totalmente diverse in Italia.
In Italia per poter fare la richiesta di cittadinanza servono 5 anni di residenza per i cittadini comunitari, e 10 anni per i cittadini extracomunitari. (Quando l'ho fatta io ero extracomunitario ). Già per fare la richiesta adesso si paga. Poi ti chiedono una mucchio di documenti (cosa magari anche accettabile), ma una volta fatta la richiesta non c'è un termine per la risposta. L'anno scorso il tempo medio di attesa dopo la richiesta era tra 3 e 5 anni. Ma sta salendo per il numero grande di richieste. In tutta Europa una volta che hai i requisiti, fai la richiesta, nel giro di qualche mese hai la risposta. in Italia .....
In più, come giustamente dicevi, da tanti paesi sudamericani arrivano richieste per la cittadinanza da parte di gente che ha origini italiane, e se riesce a dimostrarlo, uno prende subito la cittadinanza. Dicevi che uno nato qui dovrebbe essere già cittadino, e mi trovi d'accordo, ma per esempio una mia nipote, è qui da quando aveva 2 anni, adesso ne ha 20, secondo te è ancora cittadina rumena o italiana?
Si dice che in Italia non c'è razzismo. Io dico che c'è, e anche tanto (provato sulla propria pelle) solamente che è un razzismo subdolo.

temponauta
Inviato: 29/8/2010 22:17  Aggiornato: 29/8/2010 22:20
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/4/2010
Da:
Inviati: 2040
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Autore: manneron

Citazione:

Citazione:
La nascita in Italia da genitori non italiani NON dovrebbe assicurare automaticamente la cittadinanza italiana, più che mai quando macchiata di un reato a monte: immigrazione clandestina e senza mezzi di sostentamento.


Mi dici per favore da dove hai tirato fuori questo?


infatti hai ragione. la nascita in italia non ti fa cittadino italiano.



Non del tutto vero:

La cittadinanza italiana viene acquisita di diritto (o automatico) nei seguenti casi.
Per nascita:
•chi è nato nel territorio italiano se i genitori sono ignoti o apolidi oppure se i genitori provengono da Paesi stranieri che non prevedono l’acquisto automatico della cittadinanza per i nati all’estero
•il figlio di genitori sconosciuti trovato in Italia, se non in possesso di altra cittadinanza.
Non di diritto, ma su richiesta nei seguenti casi.
•Può acquistare la cittadinanza italiana per beneficio di legge lo straniero che sia nato in Italia e vi abbia risieduto senza interruzioni fino alla maggiore età; deve però dichiarare entro il diciannovesimo anno di età di voler acquistare la cittadinanza italiana.

Quindi nascere in Italia conviene e molto per prendere la cittadinanza italiana senza passare per nessuna selezione (se poi ce ne fossero).
In ogni caso è bene dire che io non sono contrario che uno straniero valido e persona per bene diventi cittadino italiano (i rom sono esclusi).
Dico solo che chi non può sostenersi da solo (lavoro) o non vive secondo civiltà o direttamente è anche solo sospettato di delinquere deve essere allontanato dall'Italia senza mezze misure.
Da ambienti interessati al controllo del fenomeno, mi dicono che in Italia i confini sono bucati come un colabrodo e che se arrestassero gli immigrati per immigrazione clandestina le carceri, già ai limiti della capienza, esploderebbero.
Senza contare i CPT in cui associazioni di volontariato e preti ricavano un bel business che non vogliono mollare
Quindi in Italia non si fa nulla, se non procedere a periodiche regolarizzazioni di gente che bene che va, vive di parassitismo.
Io farei drettamente grandi e ariosi campi di detenzione per poi procedere al rimpatrio forzato, ma si sa che non è political correct per chi prende ventimila euro al mese per essere i campioni del parassitismo.
Meno male che Sarkozy sta mostrando la strada giusta.

peonia
Inviato: 30/8/2010 1:12  Aggiornato: 30/8/2010 1:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Sig Bruschi il suo link http://nellacittainvisibile.blogspot.com/2010/08/luragano-katrina-new-orleans-5-anni.html%22%3EL%27uragano porta a ovvero "Blogger: Pagina non trovata"


poi però se ci clikki sopra invece appare....

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Redazione
Inviato: 30/8/2010 5:50  Aggiornato: 30/8/2010 5:50
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
GUSTAV: Ho corretto il link di LBruschi, ora funziona.

Gustav
Inviato: 30/8/2010 14:06  Aggiornato: 30/8/2010 14:06
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/9/2006
Da: Pisa
Inviati: 80
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Thanx!

"Non sempre chi ti butta la cacca addosso lo fa per farti del male, non sempre chi ti tira fuori della cacca lo fa per farti del bene, ma soprattutto, quando sei nella cacca fino al collo, stà zitto!"
audisio
Inviato: 30/8/2010 15:01  Aggiornato: 30/8/2010 15:01
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Solo un chiarimento sulla questione zingari.
Si dà per scontato che siano brutti, sporchi e cattivi.
Cioè che il modo di vivere che viediamo da loro praticato nelle
strade sia indissolubile dalle loro tradizioni.
Ma, attenzione, nomade non significa barbone.
Ad esempio, non si è mai visto un tuareg elemosinare da un turista
occidentale.
E non si era mai visto neanche un aborigeno australiano o un nativo
americano prima che gli uomini bianchi diffondessero tra loro l'alcool.
Voglio dire che nomadismo non fa il paio con marginalità.
Vi sono esperimenti sociali interessantissimi in Spagna, in cui gli zingari
sono perfettamente integrati pur continuando a vivere secondo le
loro tradizioni.
Del resto, ci sono decine di migliaia di statunitensi che vivono in case
prefabbricate semovibili o in camper, basta guardare un qualsiasi film
o telefilm yankee.
Ma nessuno li caccia via dalle città a calci nel culo, purchè rispettino gli
spazi attrezzati di sosta e si procurino un lavoro.
E se si va al festival di musica gitana della Camargue, lì si potrà vedere
la vera natura della cultura zingara e constatare con i propri occhi che
zingaro non vuol dire necessariamente essere sporco e fastidioso che
chiede l'elemosina o cerca di fregarmi il portafoglio.
E' la condizione di marginalità che rende una persona pericolosa per gli
altri, non l'etnia o la cultura.
I ragazzotti in motorino nei vicoli di Napoli o per le strade di Tor Bella
Monaca non sono rom...

temponauta
Inviato: 30/8/2010 15:16  Aggiornato: 30/8/2010 15:16
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/4/2010
Da:
Inviati: 2040
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Il buonismo ha fatto il suo tempo.

audisio
Inviato: 30/8/2010 15:18  Aggiornato: 30/8/2010 15:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Temponauta, buonismo non vuol dire nulla.
E' la solita etichetta da marketing.
Se vuoi continuare a parlare per luoghi comuni, fai pure, ma
su LC mi pare alquanto contraddittorio...

temponauta
Inviato: 30/8/2010 15:28  Aggiornato: 30/8/2010 15:28
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/4/2010
Da:
Inviati: 2040
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
@ audisio

Allora parlo chiaro.
Questa etnia rom va eradicata dalla nazione italica e rispedita al mittente.
Nessuno li vuole, soprattutto gli strati poveri della popolazione che se li devono sorbire nei loro quartieri ghetto.
Sarkozy lo ha capito e per questo sta ripulendo le banlieue prima che sia troppo tardi.

Nigthmare
Inviato: 30/8/2010 15:31  Aggiornato: 30/8/2010 15:31
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/6/2006
Da:
Inviati: 73
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
L'articolo 1 della legge 205/93 dice che:

Salvo che il fatto costituisca più grave reato, anche ai fini dell'attuazione della disposizione dell'articolo 4 della convenzione, è punito: A) con la reclusione sino a tre anni chi diffonde in qualsiasi modo idee fondate sulla superiorità o sull'odio razziale o etnico, ovvero incita a commettere o commette atti di discriminazione per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi; B) con la reclusione da sei mesi a quattro anni chi, in qualsiasi modo incita a commettere o commette violenza o atti di provocazione alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi.

Il regolamento per postare su Luogocomune dice che sono rigorosamente da evitare (punto 3) i commenti che violino in qualunque modo le leggi vigenti, o che incitino a violarle. Questo include le offese rivolte ai personaggi pubblici, come a gruppi o categorie di qualunque tipo. Sarà anche rimossa qualunque frase tendenziosa, che possa eventualmente essere utilizzata da terzi contro il sito stesso.

Per amor del sito, del buon senso e (lasciatemelo dire!) dell'intelligenza, credo che in alcuni post (Temponauta) si sia esagerato con l'espressione delle proprie idee (c'è un limite a tutto) e vorrei promuovere un intervento della Redazione per le iniziative che riterrà più opportune.

temponauta
Inviato: 30/8/2010 15:48  Aggiornato: 30/8/2010 15:48
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/4/2010
Da:
Inviati: 2040
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Autore: Nigthmare

Citazione:

Per amor del sito, del buon senso e (lasciatemelo dire!) dell'intelligenza, credo che in alcuni post (Temponauta) si sia esagerato con l'espressione delle proprie idee (c'è un limite a tutto) e vorrei promuovere un intervento della Redazione per le iniziative che riterrà più opportune.





Ci mancava il soldatino del political correct.
Le mie idee non fanno altro che approvare l'operato di Sarkozy, spiegandone anche le ragioni.
Se volessi esprimere le mie idee sui vili come te farei rabbrividire anche le leggi.

Nigthmare
Inviato: 30/8/2010 15:55  Aggiornato: 30/8/2010 15:55
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/6/2006
Da:
Inviati: 73
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
Se volessi esprimere le mie idee sui vili come te farei rabbrividire anche le leggi.

Segnalo, impaurito e tremante, il secondo motivo di richiamo.

audisio
Inviato: 30/8/2010 15:59  Aggiornato: 30/8/2010 15:59
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
X Temponauta:
siccome tu ritieni che stando i rom sulle palle agli abitanti dei
quartieri ghetto sia legittimo espellerli da questo paese, potrei
chiedere se sia possibile esaudire anche il mio di desiderio o devo
ritenermi un cittadino di serie B e quindi io per primo discriminato?
Ecco il mio desiderio:
LEGHISTI FUORI DALLE PALLE!
VIA, ANDATEVENE IN BURGUNDIA!!!

Invito agli altri utenti del forum:
stilate anche voi la vostra personale lista di gruppi sociali da mandare
a fare in culo fuori dal paese.
E come disse qualcuno:
E ALLA FINE NON RIMASE NESSUNO

Calvero
Inviato: 30/8/2010 16:49  Aggiornato: 30/8/2010 16:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
chi diffonde in qualsiasi modo idee fondate sulla superiorità o sull'odio razziale o etnico,


Nightmare sei pregato, insieme ai tuoi incubi, ti prendere la tua bacchetta da maestrino elementare e di suonartela da solo sulle nocche delle tue belle manine, che probabilmente non hanno mai toccato qualche bella merda e hanno sempre vissuto nel dolce mondo delle bellissime idee costituzionali. Quelle profumate e ben disposte in ordine, per permettere allo Status Quo di mettere le mani avanti e i illudere i poveri ingenui, come te, che ci si possa appellare ad essa come se fosse dato per scontato che la Giustizia potesse mai scendere dall'alto.

Dormi tranquillo asciutto, Lines/Svelto ti protegge tutto trallalero trallalà

La costituzione dice anche che la Legge è uguale per tutti. L'hai mai sentita questa barzelletta?


Citazione:
Il regolamento per postare su Luogocomune dice che sono rigorosamente da evitare (punto 3) i commenti che violino in qualunque modo le leggi vigenti, o che incitino a violarle. Questo include le offese rivolte ai personaggi pubblici, come a gruppi o categorie di qualunque tipo. Sarà anche rimossa qualunque frase tendenziosa, che possa eventualmente essere utilizzata da terzi contro il sito stesso.


Giocare coi Puffi, potrebbe essere più serio che prendere in considerazione questo gnè gnè gnè...

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
mangog
Inviato: 30/8/2010 16:58  Aggiornato: 30/8/2010 16:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 5/1/2007
Da:
Inviati: 2857
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:

Autore: temponauta Inviato: 30/8/2010 15:48:10

Le mie idee non fanno altro che approvare l'operato di Sarkozy, spiegandone anche le ragioni.



Sarkozy non ha mandato fuori dalle palle assassini patentati di tutte le risme e si danna l'anima per mandare via gli zingari ?
Forse la puttana d'alto bordo che ha sposato non lo consiglia più ?
La considerano proprio una puttana d'alto bordo le ex-colleghe ( invidiose? )...

Calvero
Inviato: 30/8/2010 17:00  Aggiornato: 30/8/2010 17:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
Per amor del sito, del buon senso e (lasciatemelo dire!) dell'intelligenza..


Per amore del Sito, addirittura

..del buon senso;

e dell'intelligenza

..hai mai pensato di essere un vanitoso saccente da quattro soldi?

Citazione:
vorrei promuovere un intervento della Redazione


da quale uovo di pasqua sei uscito??

Anch'io promuovo un azione contro coloro che credono di avere la verità in tasca sull'amore per questo Sito, il buon senso e l'intelligenza degli altri utenti

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Nigthmare
Inviato: 30/8/2010 17:08  Aggiornato: 30/8/2010 17:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/6/2006
Da:
Inviati: 73
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
@ Calvero:

Non sai nulla di me, eppure spari giudizi a raffica. Potrei essere uomo, donna, italiano, straniero, giovane, vecchio, bianco, nero, ricco, povero eppure tu già sai come trattare quelli come me, così come sai cosa fare con "gli altri".

Da dove viene tanta rabbia? Mi chiedo cosa ti ha fatto la vita per diventare così.

temponauta
Inviato: 30/8/2010 17:15  Aggiornato: 30/8/2010 17:15
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/4/2010
Da:
Inviati: 2040
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Autore: audisio

Citazione:

X Temponauta:
siccome tu ritieni che stando i rom sulle palle agli abitanti dei
quartieri ghetto sia legittimo espellerli da questo paese, potrei
chiedere se sia possibile esaudire anche il mio di desiderio o devo
ritenermi un cittadino di serie B e quindi io per primo discriminato?
Ecco il mio desiderio:
LEGHISTI FUORI DALLE PALLE!
VIA, ANDATEVENE IN BURGUNDIA!!!




Una cosa per volta.

Calvero
Inviato: 30/8/2010 17:16  Aggiornato: 30/8/2010 17:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Tornando a parlare di cose serie.

e ripetiamo:

Citazione:
Visto poi, che quella collettività messa ora sotto accusa, si muove e prende coscienza da una filosofia di Vita che approfitta della collettività che li ospita, il discorso è assai più grave. Il loro è un dispotismo: certo di un altra fattura, ma comunque vigliacco, disonesto, usurpatore e approfittatore. Sempre di dispotismo si tratta. E sempre, non scordarlo, con la differenza che non stiamo parlando di singoli casi o singole vicende, ma di un piccolo "popolo" alimentato da una Forma-mentis parassitaria e disonesta per Principio.


Se vogliamo ragionare su idee virtuali, possiamo andare avanti a barzellette. Intanto un serio paragone non si vuole, pare, mettere in atto.

L'etnia pura dello "zingaro" intanto non esiste più e ripeto.. anche qui

Citazione:

Senza contare che non hai risposto a quello che ti ho detto io. E ti ho anche detto come la questione ROM, nella sua accezione, non è stata messa sotto accusa. Tanto è vero che quella ormai è una fiaba d'altri tempi.


e ancora... ribadiamo..

E sia chiaro, nei confronti dell'etnia ROM nella sua originale accezione culturale, e non solo; nella sua filosofia esistenziale originale, ho un giudizio liberale e rispettoso. Credo inoltre che l'uomo nomade, lo "zingaro", è un uomo che mette in discussione in maniera genuina la propria esistenza in questa grama Società della fava. Il vero anarchico; il vero anticonformista.

E non anticonformista perché odia un determinato sistema, ma perché semplicemente, candidamente, non lo considera (tematica poi portata avanti dalle tematiche Chapliniane di The Trump, dal "vagabondo" che non era un barbone; ma bensì un "LIBERO" - in mezzo agli schiavi salariati).

Qui il razzismo c'entra una fava.

Non è che se attacco questi zingari, significa che difendo la nostra civiltà occidentale. Sia mai. La realtà però di chiamare le cose col loro nome è altra storia, e la distorsione e quanto gli zingari stessi, appunto, si siano auto-plagiati in una collettività del sopruso e del parassitismo è ben altra storia..


Citazione:
Solo un chiarimento sulla questione zingari.
Si dà per scontato che siano brutti, sporchi e cattivi.


Sì dà per scontato invece che - a' ccà nisciuno e'fesso - invece.
Non solo. Anche che non sono nato ieri e che il discorso di Brutti sporchi e cattivi, sta volta, caro audisio, non riguarda assolutamente quello di cui stiamo parlando.

Anche nelle persone che si dedicano alla Malavita la loro scelta è sospinta da motivazioni individuali, e non dalla collettività cui appartengono. Entra o no nella testa questa fondante differenza?

Ora chiamate e chiamiamo pure gli zingari come volete/vogliamo: non deve interessare a nessuno da dove vengono e quale sia la loro cultura. Innegabile rimane il fatto che in quelle date collettività loro stessi si auto-ghettizzano e ripudiano i cardini civili che noi condividiamo e ne siamo perfettamente responsabili. Lo zingaro che si comporta illegalmente non si muove per scelta personale, ma perchè la sua forma mentale giustifica le sue azioni non come fossero irriprovevoli ...anzi. E' un dovere. Un dovere legato al loro Status e non ad una scelta individuale. Per quella collettività è motivo di orgoglio e di divisione intenzionale il loro stile di Vita, poiché ci considerano inferiori socialmente. Forse non lo sapete.. a quanto pare.

EDIT

E anche se lo fossimo, qui si sta dibattendo della coerenza di una situazione palesemente difesa da un perbenismo dogmatico a sua volta legato a convenienze politiche.

Espulsione, per questa gente, significa, facendo le precise proporzioni, mettere in moto un processo che paragonato agli italiani è come quando i nostri connazionali vengono messi in galera.

Poiché gli Italiani riconoscono, nel bene e nel male, questa Nazione. Gli Zingari no. Quindi, fuori.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 30/8/2010 17:20  Aggiornato: 30/8/2010 17:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
Da dove viene tanta rabbia? Mi chiedo cosa ti ha fatto la vita per diventare così.


...tu ti sei presentato sufficientemente con la tua uscita presuntuosa...

Levati quella lacrimuccia, che da presuntuoso ora passi all'essere ridicolo.

Infatti io non ti conosco, e scrivo di conseguenza a quel che scrivi tu. Per me potresti essere anche mio zio il discorso non cambia

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
aleste85
Inviato: 30/8/2010 17:20  Aggiornato: 30/8/2010 17:20
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/5/2010
Da:
Inviati: 204
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
@freeanimal
ma dici sul serio?? tu ritieni che togliere di mezzo dei cinghiali o degli scoiattoli per non distruggere l'ecosistema equivale a fare pulizia etnica?
hai le idee un pò confuse credo

Calvero
Inviato: 30/8/2010 17:27  Aggiornato: 30/8/2010 17:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
Una cosa per volta.


buona questa

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 30/8/2010 17:51  Aggiornato: 30/8/2010 17:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
Poiché gli Italiani riconoscono, nel bene e nel male, questa Nazione. Gli Zingari no. Quindi, fuori.


PS

infatti è appunto applicabile anche alla LEGA

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Freeanimal
Inviato: 30/8/2010 17:57  Aggiornato: 30/8/2010 17:57
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/5/2009
Da: Codroipo (UD)
Inviati: 705
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
La verità può essere contraddittoria e la presente discussione sembra dimostrarlo. Nel senso che hanno ragione Calvero e Temponauta a voler risolvere il fenomeno di microcriminalità messo in atto dai Rom, deportandoli, ma credo di aver ragione anch’io nel momento in cui faccio un discorso idealista, riferendomi alla condizione dell’individuo, chiunque esso sia, nel momento in cui viene prevaricato dallo Stato, tema di cui già Kafka parlava nei suoi romanzi.
Calvero e Temponauta sono pragmatici, io sono un idealista utopico, e forse anche un po’ ingenuo. E tuttavia, mi sento per istinto sempre portato a prendere le difese dei più deboli, gli animali in primis, ma quando vedo famiglie con bambini e anziani, fatte salire a forza sugli autobus e “rispedite al mittente”, mi riesce difficile vedere in quelle stesse persone gli autori di furti e rapine. Sono persone come noi, cittadini del mondo forse anche più di noi “gagi”, che siamo inchiodati tutta la vita in ufficio o in fabbrica, con un lavoro che odiamo, pronti a maledire chiunque non sia incatenato come noi alla stessa postazione da condannato ai lavori forzati. Forse, c’è un po’ d’invidia verso chi non è schiavo come noi del lavoro.
Non voglio farvi arrabbiare, né intendo irritarvi con le mie ingenuità, ma non capisco come si possa spedire al mittente una popolazione proveniente dall’India. Nemmeno la Romania e l’Ungheria sono la loro vera patria.
E ancora, se volessimo risolvere il problema della criminalità con le deportazioni, perché prendersela solo con i Rom? C’è mezza Sicilia e mezza Calabria e mezza Puglia e mezza Campania da….deportare. Dove li deportiamo i mafiosi, i camorristi e soci? C’è un evidente problema logistico. Con i Rom è facile: sappiamo dove si accampano…
Un aneddoto: i Rom, a Udine, ma credo anche in altri posti, rapiscono i cagnetti dai giardini delle abitazioni private e poi telefonano alla padrona del cane per domandare il riscatto. Qualche volta, dopo aver riscosso i soldi, non restituiscono neanche il cagnetto! Infami! Da qui si capisce che i Rom non mi sono per niente simpatici, eppure, il senso di giustizia mi dice che hanno diritto di vivere dove gli pare. Purché non delinquano, s’intende. E, soprattutto, quando sento parlare di deportazioni, non posso fare a meno di farmi venire in mente brutti ricordi storici, di eventi che pensavo non sarebbero più tornati.
Un saluto a tutti.

P.S.
Scusa Calvero, dici che non ti ho risposto. Mi puoi ripetere la domanda? Sai, l’età che avanza….

temponauta
Inviato: 30/8/2010 18:18  Aggiornato: 30/8/2010 18:18
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/4/2010
Da:
Inviati: 2040
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
@ freeanimal

Magari rubassero solo il cagnetto: rubano anche i bambini e li mandano subito in giro per i campi nomadi d'Europa per essere "svezzati", o venduti al miglior offerente (trapianti di organi?).
Poi non sono italiani: perchè ce li dobbiamo prendere per forza noi se li cacciano persino dalla Romania?
Infine, perchè non li fanno accampare nei giardini davanti al Quirinale, o nei quartieri dei benestanti, ma se li cuccano solo la povera gente?
Il problema dei rom è di facile soluzione.
Con i lavori forzati e la militarizzazione degli insediamenti economici di nuova costituzione potremmo risolvere anche il problema del meridione, ma per troppi politicanti finirebbe la pacchia del voto di scambio.
Credo fermamente che è giunto il momento di rottamare la democrazia.

Freeanimal
Inviato: 30/8/2010 18:24  Aggiornato: 30/8/2010 18:24
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/5/2009
Da: Codroipo (UD)
Inviati: 705
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Aleste85 (Citazione):
“tu ritieni che togliere di mezzo dei cinghiali o degli scoiattoli per non distruggere l'ecosistema equivale a fare pulizia etnica?”


Immaginiamo che i neri di New Orleans siano stati di proposito bombardati con armi climatiche segrete e costretti ad andarsene, per poi accaparrarsi le loro terre e case. E immaginiamo che le nutrie sudamericane siano state importate per allevarle negli allevamenti e trasformarle in pelliccia.
Cosa ha spinto gli ideatori di questo complotto ai danni delle popolazioni povere di colore, per fare in modo di renderle ancora più povere?
Cosa ha spinto gli allevatori di animali da pelliccia a rinchiuderli in piccole gabbie, a macellarli e a scuoiarli?
Anche se non si può fare un paragone tra i neri della Luisiana e le nutrie sudamericane (anche loro deportate in Europa), giacché la vita di un afroamericano è infinitamente più importante di quella di una nutria, il meccanismo che sta alla base di entrambi gli eventi è la prevaricazione. Ovvero, il carnefice di turno, che abbia mire speculative sugli immobili o che si accontenti di guadagnare con il mercato della pelliccia, ha ragionato più o meno così: “Ho i mezzi per farlo, dunque lo faccio!”. Nel primo caso, chi ha scatenato (o rinforzato) l’uragano Katrina, non aveva la legge dalla sua parte, e perciò ha dovuto agire di nascosto, facendo credere che, responsabile del disastro, sia stata la Natura, mentre nel secondo caso, chi vuole allevare animali da pelliccia, ha la legge dalla sua parte. Perché le leggi attualmente in vigore nel mondo sono leggi speciste.
Tutti noi aborriamo le leggi razziali, relative, per l’Italia, a un preciso periodo storico, ma in Sud Africa, con l’Apartheid, e negli USA, sono durate più a lungo. Però nessuno di noi si scompone di fronte alle leggi speciste, che prevaricano le altre specie per soddisfare i bisogni (veri o presunti) della nostra. E non ci scandalizziamo perché fin da piccoli siamo cresciuti in un contesto sociale che ce le fa percepire come normali. Cioè, per te, è normale sterminare cinghiali, nutrie, scoiattoli grigi e gamberi della Luisiana. Per me è frutto di razzismo specista. E come tale va combattuto.

Calvero
Inviato: 30/8/2010 18:37  Aggiornato: 30/8/2010 18:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
Calvero e Temponauta sono pragmatici, io sono un idealista utopico, e forse anche un po’ ingenuo.


Forse potresti essere ingenuo caro collega, ma so che non sei affatto stupido. E dovrebbe bastare per raggiungere quel comune denominatore da cui ragionare sulla questione.

Il fatto stesso che tu dici di essere idealista, fa chiarezza su quanto il discorso non può essere portato avanti in questi termini. E diventa un discorso tra sordi. Anche perché, come ho riportato per ben due volte, è chiara la mia posizione etica nei confronti dell'originale cultura ROM e della sua originale - in partenza (ormai solo "ancestrale"?) filosofia di vita.

Il punto è guardare in faccia alla realtà. Ho anche messo in luce come ormai non sia neanche più distinguibile l'effettiva etnia ROM. Ed è per questo che continuo a parlare di una data collettività.

Innanzitutto si continua a giocare col termine espulsione, come se ci si immaginasse di caricare la gente sui carri bestiame e risolvere la faccenda in anno. E chi lo avrebbe mai detto?? io, ad esempio, NO.

Lo Stato e le relative Leggi, potrebbero mettere in atto un processo che mira intanto, in primis, a identificare i facinorosi recidivi: quelli che sono identificabilissimi, basta solo volerlo (lo so con cognizione di causa), e sono dediti alla delinquenza come stile primario di Vita.

E perché dovrebbe esserci la galera per loro, come per noi? di grazia .. sono, queste persone, ferme sostenitrici che l'Italia (o meglio, gli Italiani) sia/siano un popolo di froci (per sintetizzare la loro visione senza troppi giri di parole) ..e sai perché? perché NOI consideriamo - il Lavoro - una sana e civile forma di collaborazione e metodo di sopravvivenza (per loro, solo questo, è già sufficiente a considerarci come depredabili).. Domanda: entra nella testolina che questa è la forma mentale, appartenente ad una fortissima maggioranza di questa collettività "zingaresca" di cui stiamo parlando?

... ora, possiamo tranquillamente aprire tutte le parentesi che vogliamo, su quanto il LAVORO (non ultimo il mio Post) sia una bufala in cui la brava gente è costretta ad arrovelarcisi in maniera, il più delle volte, impietosa e denigrante per la dignità umana. Ma tanto è: tanto consta. Nel bene e nel male, sudiamo questa pagnotta.

....e questa è la prima parte: ora mi fermo qui che devo andare...

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Homero
Inviato: 30/8/2010 18:46  Aggiornato: 30/8/2010 18:46
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/4/2007
Da:
Inviati: 466
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
è incredibile la leggerezza con cui si parla di certe cose...militarizziamo di qua, deportiamo di là, eliminiamo questi e mandiamo ai lavori forzati quelli...il giorno che saremo NOI quelli che "disturbano"?

Spiace dirlo, ma in molti commenti si nota solo paura e ignoranza, un sentimento e una condizione che hanno portato alle pagine più buie e oscure della Storia umana

p.s. spero che nessun "ignorante" si paragoni a Socrate

Calvero
Inviato: 30/8/2010 18:59  Aggiornato: 30/8/2010 19:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
è incredibile la leggerezza con cui si parla di certe cose


ti dico cosa è veramente incredibile invece:

non allarmarci nel fatto che si consideri con leggerezza che un essere umano possa essere sbattuto in carcere. Caro Homer. La verità è che sulle cose a cui siamo abituati, effettivamente, e con leggerezza, non ci ragioniamo.

E dimmi: quale differenza c'è tra considerare la possibilità di far vivere un essere umano per 30 anni in una scatola quadrata di 4x4 metri, e considerare l'espulsione qualcosa di così deprecabile tanto da trasformarla in un TABU' ..? eh!?

Il fatto è che se vogliamo fare i liberali e credere nell'amore e nell'equità tra le genti (e non tra i popoli! poiché riconoscerli tali è già un incongruenza allora), allora dobbiamo diventare dei piccoli Gesù Cristi. Dare le nostre ricchezze, amare il nostro nemico e impegnarsi per il prossimo. Ma se vogliamo ragionare a questo piano di realtà sociale, allora non veniamo (e non venire) a fare i moralismi della domenica. In questa realtà, se la vuoi mettere in discussione - nei SUOI schemi, devi prendere posizione. Punto. Quant'è vero che la notte, tu, prima di andare a dormire chiudi a chiave la tua macchina perché non te la rubino e miri a difendere la TUA famiglia con ogni tipo di Possessione e "Diritto ai tuoi Diritti" che il tuo buon Dio ti ha dato...

EDIT

Visto che le argomentazioni, se la finiamo con i preconcetti vomitevoli e preconfezionati che vanno dallo scandalizzarsi per le deportazioni ai "figli del vento", come se stessimo parlando di cose serie - mentre sono solo favole ...
..mostrano che per una questione culturale e di collettività: un etnia ci è nemica, parassitaria e predatoria ..e non c'è nulla di razzista nel ragionare in termini di espulsione da un territorio dove i MEDESIMI si ghettizzano e NON collaborano ...e ne prendono solo i privilegi. Punto.

FUORI - è una parola sensata, anzi, probabilmente la più democratica ultimamente

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Homero
Inviato: 30/8/2010 19:18  Aggiornato: 30/8/2010 19:18
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/4/2007
Da:
Inviati: 466
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Calvero, ma che dici?

Io prendo posizione e dico una cosa molto semplice: qui si sta considerando che un'intero popolo (i Rom) siano dei delinquenti...

cosa c'entra il carcere? se qualcuno commette un crimine, che sia italiano, rom o alieno ( ) merita una punizione...che poi le carceri così come sono concepite siano una barbarie per molti poveracci sono perfettamente d'accordo

Quello che io contesto in maniera ferma è l'equivalenza rom=delinquente...
come scrivo spesso, molti si scordano di quando questo tipo di equivalenza veniva fatta per gli italiani all'estero, solo perchè alcuni di loro erano mafiosi o si erano dati al crimine...
quando io parlo di ignoranza, mi riferisco alla pessima abitudine di generalizzare ("quelli sono tutti così") e alle soluzioni populiste del tipo "ti sbatto fuori"...ma davvero pensate che così si risolvano i problemi?
non mi sembra che la tolleranza zero abbia risolto alcunchè, anzi, non ha fatto altro che creare più tensione, più paura e più insicurezza (reale o immaginaria)

Decalagon
Inviato: 30/8/2010 19:21  Aggiornato: 30/8/2010 19:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Calvero:
Citazione:
...infatti è noto come tu possa tranquillamente entrare, farti una passeggiata nei campi nomadi, in totale libertà : così come loro si aggirano in totale libertà per le città, i paesi e i borghi...

Proprio così come loro chiudono la loro automobile e inseriscono l'allarme mentre è parcheggiata nei loro campi nomadi, come facciamo noi, vero?: sia mai che qualche Italiano entri nel loro borgo e gliela rubi...


Hai perfettamente ragione Calvero, il mio intervento non serviva assolutamente a difendere l'etnia zingara ma aveva lo scopo di far notare che ci sono tanti ladri bastardi anche altrove. Alla fine con la scusa degli "zingari ladri" si fa tutto un fascio anche con chi non c'entra nulla con loro.

Quante volte la mia ragazza (che è indiana) si è dovuta confrontare con vecchine razziste che le davano della ladra o con gente di merda che la trattava con disprezzo e odio solamente perché non ha la pelle bianca...

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
Freeanimal
Inviato: 30/8/2010 19:29  Aggiornato: 30/8/2010 19:29
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/5/2009
Da: Codroipo (UD)
Inviati: 705
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Calvero, mi hai dato da riflettere!
Anche a me non piacciono i parassiti umani, per i quali non trovo giustificazioni, mentre per i parassiti animali trovo almeno la giustificazione che la Natura li ha fatti così e hanno una ragion d'essere nell'economia degli ecosistemi.
La domanda di Homero va tenuta presente, alla luce di quella famosa poesia di Bertold Brecth sui sindacalisti e i comunisti. Cioè, adesso tocca ai Rom, ma a chi toccherà la prossima volta? Lo chiedo soprattutto a Temponauta, che sembra avere in mente un programma ben preciso e che ha già risposto: "Una cosa alla volta!".
Calvero, pensi che le autorità (Sarkozy ed eventuali imitatori) si fermeranno ai Rom, o passeranno ad altre categorie sociali fastidiose? Ti ricordo che nei gulag siberiani era pieno di dissidenti deportati, tanto per fare un banale esempio.

Calvero
Inviato: 30/8/2010 19:45  Aggiornato: 30/8/2010 19:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Scusa Homero, ma pare che tu non abbia letto bene i miei post. E non ho voglia di fare un altro copia incolla, per dimostrarti che quello che tu difendi ideologicamente è la stessa cosa che difendo io. Ma o la smettiamo di parlare per ideologie, o continuiamo con queste barzellette. Poiché il distinguo tra cosa sarebbe giusto nel mondo e cosa possiamo ipotizzare per dare contro ai malanni sono due cose diverse.

Non devi esasperare un opinione avversa Homero, perché nemmeno tu sai quale sia questo bene amato popolo, scommettiamo?

Hai letto i miei riferimenti per cui parlo di una data collettività?

Che molti di questa collettività, sono precisamente configurabili in un processo culturale che li accomuna per nascita e non per scelta lo hai compreso? e comprendi cosa significa? O vogliamo, ripeto, raccontarci le favole e credere che una grandissima parte di "zingari" diventi tale per scelta?

Il paragone con i carcerati, anche quello pare tu non l'abbia compreso. Il carcerato italiano è lì per sue scelte sbagliate e, oltremodo, riconosce lo Stato Italiano; ha il suo bel codice a barre sulla schiena come l'abbiamo noi. Lo zingaro, NO ... quindi, l'espulsione è la naturale controparte di quella che per l'Italiano è la galera. Entra in testa? NON solo. Siccome NON sono le scelte di Vita a farli muovere illegalmente, ma la loro CULTURA che non riconosce -di PRINCIPIO- il Lavoro come uno Status onesto di collaborazione, e non solo quello, l'espulsione è cosa sensata. Vi entra nella testa la differenza?


.... poi....

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 30/8/2010 19:52  Aggiornato: 30/8/2010 19:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Caro Deacalagon, io non mi sono mai pentito di essere andato nei burroni a raccogliere e a salvare e a curare gli albanesi che si vendevano l'anima per entrare in Italia. Così come non mi sono mai pentito e, con orgoglio, ho difeso da dei soprusi gli extracomunitari che venivano trattati male dai prepotenti - sia di Stato, che Borghesi. Per me abbiamo diritto tutti ad avere le medesime possibilità, proporzionatamente, e senza moralismi stupidi, al contesto in cui viviamo e ci adoperiamo per esistere al nostro meglio.

Ma quando si deve riflettere ed argomentare su eventuali Leggi o scelte politiche, non posso esimermi dal chiamare le cose col loro nome. Se una collettività si rifiuta, a PRESCINDERE, di collaborare e, in aggiunta, denigra e depreda la collettività che la ospita e, in aggiunta, li considera depredabili... non sto mezzo secondo a riflettere sulla possibilità che quella data collettività non può più essere mia ospite! punto. E questo può essere messo in moto con tempi congrui, ed eticamente coscienziosi.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Calvero
Inviato: 30/8/2010 20:01  Aggiornato: 30/8/2010 20:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
Calvero, mi hai dato da riflettere!


Freeanimal, eppure mi conosci.

Di cosa parliamo qui?

Secondo te perché io non vado a votare? Se stiamo mettendo alla sbarra il fenomeno ROM, mi limito a inquadrarlo nella sua realtà. Punto. Che per la maggiore, è nemica al nostro quieto vivere. Ed è nemica per principio; per filosofia esistenziale; per dinamiche avverse alla nostra cultura! Senza contare che è stata la nostra cultura ad averli accolti! E dove cazzo sta il grazie!? ..ma stiamo scherzando o casa? ... ed è enorme il movente che muove un tipo di illegalità da un altro tipo. Quindi ripeto, non raccontiamoci le favole.

ROM o meno, il processo orwelliano è in moto.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Homero
Inviato: 30/8/2010 20:03  Aggiornato: 30/8/2010 20:03
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/4/2007
Da:
Inviati: 466
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Capisco cosa intendi Calvero...ma non condivide il tuo finale: molti Rom in Italia sono cittadini italiani (70.000 circa), lavorano e pagano le tasse...alcuni di loro addirittura discendono da rom insediatesi in Italia nel '400!
Il problema semmai è la totale mancanza di integrazione dei "nuovi" rom, coloro che dopo che la Romania è entrata a far parte della Comunità Europea si sono riversati in migliaia nel resto d'Europa...
Comunque vi ringrazio per questa discussione, perchè grazie a voi mi sto facendo primi passi nella cultura rom (tra l'altro molto complessa) è sto scoprendo cose molto interessanti, come ad esempio questo : "I rom non hanno una propria religione ma adottano la religione appartenente alle popolazioni locali fra cui vivono, perché considerano la religione come un elemento culturale che deve essere acquisito per realizzare una buona integrazione sociale. Nella tradizione rom il rispetto reciproco tra le persone e i gruppi, compresi i gruppi confessionali, è più importante che l'ideologia religiosa stessa."


Decalagon
Inviato: 30/8/2010 20:03  Aggiornato: 30/8/2010 20:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Il mio "fare di tutta l'erba un fascio" non era riferito a te, ma a molte persone che ho conosciuto e visto.

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
Calvero
Inviato: 30/8/2010 20:18  Aggiornato: 30/8/2010 20:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Ultima riflessione. In un certo senso, i ROM, quelli originali - sono l'ultimo baluardo della libertà dall'oppressione dei mali occidentali. Se riflettete tra questa mia ferma convinzione e quelle precedenti, capirete che non sono così categorico...

..ma ripeto, chiamiamo le cose (intendo cosa effettivamente ci circonda) col loro nome

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
temponauta
Inviato: 30/8/2010 20:25  Aggiornato: 30/8/2010 20:25
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/4/2010
Da:
Inviati: 2040
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
E' più folle quello che sta facendo Sarkozy o quello che è successo oggi a Bratislava dove è stata sterminata una famiglia di Rom?
Se non è l'Autorità a risolvere i problemi, è la gente che li risolve da sola.
Pazzia o non pazzia: è umano e basta.
E poi non bisogna essere ipocriti.
Se sorprendete un rom (ma anche un albanese o un italiano) a rubare a casa vostra, gli fate la romanzina sul bene e sul male o gli lasciate anche un ricordino fisico?
Meglio che non vi dico cosa succederebbe a casa mia.
Se poi al 90% chi finisce male è un rom o un albanese non è razzismo: è solo un dato statistico.
Perciò meglio prevenire che arrivare all'extrema ratio.

Homero
Inviato: 30/8/2010 20:42  Aggiornato: 30/8/2010 20:42
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/4/2007
Da:
Inviati: 466
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
90 %? e dove vivi?

In generale è vero che l'immigrazione (clandestina) porta criminalità, sia per mancanza di integrazione sia perchè, come nel caso della Romania, le stesse autorità rumene "favoriscono" emigrazione criminali
http://www.blogpolitica.it/2010/08/19/emigrazione-la-romania-ringrazia/

Homero
Inviato: 30/8/2010 20:45  Aggiornato: 30/8/2010 20:45
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/4/2007
Da:
Inviati: 466
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Con questo non intendo affermare, ovviamente, che TUTTI i clandestini in Italia siano criminali, ma solo constatare come molti di loro siano "costretti" spesso a questo tipo di vita, con lodevoli eccezioni...
il problema è la Bossi - Fini, ma qui ci sarebbe da aprire un lungo discorso e andremmo più Ot di quanto non stiamo già andando

temponauta
Inviato: 30/8/2010 21:22  Aggiornato: 30/8/2010 21:22
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/4/2010
Da:
Inviati: 2040
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Autore: Homero

Citazione:

Con questo non intendo affermare, ovviamente, che TUTTI i clandestini in Italia siano criminali, ma solo constatare come molti di loro siano "costretti" spesso a questo tipo di vita, con lodevoli eccezioni...
il problema è la Bossi - Fini, ma qui ci sarebbe da aprire un lungo discorso e andremmo più Ot di quanto non stiamo già andando




Una volta in un grande magazzino ho trovato una commessa indiana o iraniana (almeno penso dal colore della carnagione): era bellissima.
Ma non bella perchè avesse le fattezze di una miss: bella perchè aveva uno sguardo sereno e profondo, una voce melodiosa, modi di una eleganza antica.
In confronto le commesse italiane erano caciarone e volgari.
Davvero si può credere che una persona così non possa vivere in Italia?
Ne abbiamo solo da guadagnare.
Però per una persona così dobbiamo subirne dieci che sono l'opposto, volgari, sporche dentro e fuori, pronte a colpire i più deboli della nostra società.
Si portano i figli con cui farsi scudo: come potete cacciarmi chè ho i bimbi piccoli?
E giù il lacrimatoio del clero pedofilo: eh sì, a loro i bimbi piacciono molto.
Insomma prendi uno e paghi dieci.
Perchè?
Bella domanda.
Perchè è la legge del contrappasso della globalizzazione.
I nostri capitalisti producono all'estero pagando salari da fame e arricchendosi come ossessi, e le società occidentali si accollano le migrazioni predatorie.
Chi viene in occidente sa che ci ricava sempre qualcosa anche senza far niente.
In Italia poi c'è il papa che tutto perdona (magari delocalizzare il Vaticano: in Israele visto che Gesù era ebreo).
Ma la festa è finita.
Gli Stati occidentali sono super indebitati e i popoli sono in sofferenza: il lavoro scarseggia e il "walfare" è limitato.
Togliamo le pensioni di invalidità al sud ma non creiamo lavoro: in pratica consegniamo la gente del sud alla mafia.
Basta.
Questa democrazia è un inganno: ora è pure morta.
Ho un programma in testa?
E' vero: si chiama superciviltà.
Rom, clandestini, delinquenti, sionisti, clero corrotto, massoni, politici di professione, invasati e teppisti ne sono fuori.
L'importante è cominciare: i rom sono i primi della lista, ma tant'è.

manneron
Inviato: 31/8/2010 3:29  Aggiornato: 31/8/2010 3:34
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 951
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
poi è arrivato anche il beduino geddafi, quello che si compra le azioni fiat coi soldi nostri. avete visto? viene a prendere soldi. cioè una cosa che non si capisce: il petrolio e il gas glielo paghiamo. ma vuole altri soldi, per danni di guerra. Ora i danni ci sono stati, ma che lui ne senta ancora le conseguenze dubito molto. Presumo che suo figlio, quando governerà verrà sempre a prendere i danni di guerra. Come gli alleati chiedessero ancora i danni di guerra alla germania e italia. Vuole soldi per fare infrastrutture che appalta a ditte italiane, lui si trattiene una parte e noi facciamo una partita di giro per finanziare le nostre spa in barba alle leggi europee? hanno avuto una quantità enorme di soldi dall'italia da quando ce ne siamo andati che è incredibile. ma è possibile avere ancora in giro un pagliaccio del genere? in effetti abbiamo anche i nostri di pagliacci. non capisco un cazzo di sta roba. qualcuno sa come si svolge? va beh, fuori tema. se qualcuno che ne capisce sa fare un articolo, ben venga. grazie.

Freeanimal
Inviato: 31/8/2010 6:47  Aggiornato: 31/8/2010 6:47
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/5/2009
Da: Codroipo (UD)
Inviati: 705
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Temponauta (citazione):
"Rom, clandestini, delinquenti, sionisti, clero corrotto, massoni, politici di professione, invasati e teppisti ne sono fuori.
L'importante è cominciare: i rom sono i primi della lista"


Scusa, ma gli animalisti, sono fuori o dentro la lista?
Devo cominciare a preoccuparmi?
A parte gli scherzi, credo che i tuoi intenti siano nobili, a prescindere dall'uso di parole inquietanti come "deportazione", giacché nascono dal sano desiderio di pulizia (etnica?), cioè dal sacrosanto desiderio di mettere i malvagi nella condizione di non nuocere. Sapessi quante volte ho sognato di....deportare cacciatori, macellai, vivisettori, pellicciai, ecc.! Ma sorge sempre il problema logistico: dove portare tutta questa spazzatura umana?

Freeanimal
Inviato: 1/9/2010 5:48  Aggiornato: 1/9/2010 5:48
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/5/2009
Da: Codroipo (UD)
Inviati: 705
 Re: New Orleans - 5 anni dopo

BRASA
Inviato: 1/9/2010 15:44  Aggiornato: 1/9/2010 16:01
Mi sento vacillare
Iscritto: 28/8/2005
Da: 1600 Pennsylvania Avenue NW Washington, DC 20500
Inviati: 442
 Re: New Orleans - 5 anni dopo
Citazione:
Una volta in un grande magazzino ho trovato una commessa indiana o iraniana (almeno penso dal colore della carnagione): era bellissima. Ma non bella perchè avesse le fattezze di una miss: bella perchè aveva uno sguardo sereno e profondo, una voce melodiosa, modi di una eleganza antica. In confronto le commesse italiane erano caciarone e volgari. Davvero si può credere che una persona così non possa vivere in Italia? Ne abbiamo solo da guadagnare. Però per una persona così dobbiamo subirne dieci che sono l'opposto, volgari, sporche dentro e fuori, pronte a colpire i più deboli della nostra società.

eh si
molto meglio che siano tutte:
- belle
- educate
- gentili
- e non caciarone.


Citazione:
Ho un programma in testa? E' vero: si chiama superciviltà. Rom, clandestini, delinquenti, sionisti, clero corrotto, massoni, politici di professione, invasati e teppisti ne sono fuori. L'importante è cominciare: i rom sono i primi della lista, ma tant'è.

figata la superciviltà.
insieme al superuomo, al supermarket, ai supermultisala, a supermario bros e al superenalotto.
ci sarà spazio anche per le superfighe?
ovvio, gentili ed educate, s'intende....



cosa mi tocca leggere.......

ispirazione e visione sono in se stesse il fine ed il risultato

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA