Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


Medicina : Prendere il toro per le corna
Inviato da Freeman il 30/7/2010 16:50:00 (12723 letture)

Questa vicenda personale rappresenta uno splendido esempio di come possiamo cambiare il corso delle cose nel momento in cui decidiamo di assumerci la responsabilità per la nostra salute. Non in modo avventato e casuale, naturalmente, ma in modo razionale e informato, coma hanno fatto i due protagonisti della vicenda.

Prendere il toro per le corna di Freeman

Evitando di ribattere ai talebani delle vaccinazioni-che-hanno-salvato-il-mondo, vorrei limitarmi a riportare la mia esperienza personale con le vaccinazioni.

Antefatto. Mia moglie in occasione della somministrazione di una vaccinazione infantile ebbe una bruttissima reazione: rash cutanei, febbre altissima, vomito, convulsioni. Il tutto durò qualche giorno, e la madre terrorizzata decise di evitarle tutte le vaccinazioni future, anche se il suo medico diceva (già allora!, li indottrinano proprio bene...) che non era certa la correlazione. Ma il suo buon senso di madre prevalse, e così niente più vaccinazioni.

Purtroppo, servì a poco: di lì a qualche anno avrebbe sviluppato il diabete di Tipo 1, a seguito di una reazione autoimmune. Qualsiasi tentativo di collegare l'insorgenza improvvisa della malattia alla reazione avuta in seguito al vaccino si è scontrata contro il muro di gomma del "non è dimostrabile", ma lei in cuor suo ha questo fortissimo sospetto, anche perché nella storia della sua famiglia non esistono casi di diabete (quindi tanti saluti per il fattore ereditario).

Oggi ho due figli, il primo nato ormai quasi 5 anni fa. Si è preso 3 dosi di esavalente, ...

... di cui due nel primo anno di vita.

Era un bambino sano, dopo il primo anno ha cominciato a manifestare di tutto (tralascio per brevità l'elenco dei malanni). Oggi soffre di adenoidi, ha accenni di sindrome dello spettro autistico, è sottopeso, mingherlino, fragile e in seguito ad esami (HLA) eseguiti su consiglio del dottore che lo ha seguito in ospedale per problemi renali, è risultato predisposto alla celiachia ed al diabete (entrambe malattie autoimmuni, faccio notare). Al dottore abbiamo chiesto se in qualche modo fosse possibile ascrivere questa predisposizione alle vaccinazioni, e lui ha fatto spallucce, ma è stato possibilista sul caso "certo, un eccesso di reazione immunitaria ai vaccini potrebbe anche essere una concausa dell'emergere di questa predisposizione, ma chi ve lo dice?". E' esattamente questo il punto, del quale si fanno forti i vaccinatori: è difficilissimo, se non impossibile, correlare le reazioni ai vaccini, almeno su base individuale, in maniera certa. Ma nell'incertezza, bisognerebbe astenersi!

A questo punto, con mia moglie incinta al sesto mese, abbiamo deciso di prendere il toro per le corna, e ci siamo messi a studiare.

Abbiamo preso anche contatti con il COMILVA e con Gava, dopo aver letto il suo splendido manuale (quante notti ci ho passato sopra, andando in ufficio la mattina come uno zombie...). Ci si è dischiuso un universo, che però non ci ha meravigliato più di tanto (avevo già avuto modo di assaggiare le mirabolanti prodezze della c.d. "medicina ufficiale" in occasione del tumore di mio padre, nella cui morte la chemioterapia e la superficialità dei medici hanno avuto un effetto determinante).

A quel punto, prendiamo la decisione: la secondongenita non la vaccineremo, costi quel che costi.
Abbiamo intrapreso la battaglia con la ASL, dopo qualche titubanza della mia compagna, terrorizzata dal potere oppressivo della burocrazia statale, ma alla fine abbiamo ottenuto ciò che volevamo.

Oggi la mia stellina ha quasi 18 mesi, e non ha fatto nessuna vaccinazione. Nessuna.
E' una bambina vispa, allegra, sorridente e, a differenza del fratello vaccinato, non si ammala mai seriamente: certo ha preso qualche raffreddore ed ha avuto episodi febbrili, ma durano una giornata dopodiché è allegra e saltellante come prima. Ed è la più forte della famiglia.

A novembre scorso, abbiamo preso tutti e 4 la c.d. "suina", in famiglia: io l'ho presa peggio di tutti, dopo due settimane ero ancora a pezzi; anche mia moglie ed il primogenito hanno dovuto combattere con il virus per una settimana circa, mentre la piccolina ha avuto la febbre solo per 1 giorno, e dopo soli 3 giorni non aveva più alcun sintomo. E' stata la più forte di tutti, insomma, contro il virus.

Ora, il mio potrebbe essere un caso isolato, senonché confrontandomi con decine di altri genitori del COMILVA in situazioni simili alla mia, con figli sia vaccinati che non, riportano la stessa esperienza: i fratelli non vaccinati sono più forti, allegri, vispi, si ammalano più raramente e superano più facilmente le malattie, rispetto ai loro germani vaccinati.

Non dimostra niente? Ci vuole la "peer-review" (che lo stesso direttore del Lancet qualche anno fa denunciò essere piene di conflitti di interessi e di falsità belle e buone)? A me non servono: io valuto la mia pur piccola esperienza, assistita dal buon senso e dall'amore per i miei figli.

Lascio che i vari "seguaci" continuino pure a credere in ciò che più gli aggrada, io sono felicissimo della mia scelta e se ho un rimpianto è di aver vaccinato mio figlio maggiore, di essere stato superficiale, fidandomi ciecamente della favola per cui le vaccinazioni sarebbero "praticamente prive di rischi".

Chiudo con un incoraggiamento agli aspiranti "obiettori": non fatevi spaventare dalla burocrazia, dalle minacce di pestilenze e anatemi vari, abbiate come unico faro la salute ed il benessere dei vostri figli, ed ogni ostacolo si scioglierà come neve al sole, se sarete adeguatamente informati, consapevoli e determinati nella vostra scelta.

Freeman

Voto: 9.00 (8 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Jacomodino
Inviato: 30/7/2010 17:43  Aggiornato: 30/7/2010 17:43
So tutto
Iscritto: 26/7/2010
Da:
Inviati: 6
 Re: Prendere il toro per le corna
Oohhh! Finalmente.
L'altro thread sui vaccini aveva finito per divagare troppo.
Posso testimoniare di nuovo anche qui che anch'io ho una figlia di 6 anni non vaccinata che è molto più forte di me e mia moglie nel superare le malattie "di stagione". La differenza con gli altri bambini dell'asilo (tutti vaccinati) quando, l'anno scorso, c'è stata una epidemia di scarlattina e varicella, è stata impressionante.
Per quanto riguarda la burocrazia e le grane giudiziarie, sono davvero poca cosa rispetto alla gioia di avere una bambina sana e forte. Se siete veneti come me, poi, ora vi risparmierete anche tutta la trafila che abbiamo subito noi, essendo ormai facoltative le vaccinazioni in questa regione.

Volevo anche portare questa esperienza.
Noi, oltre a non averle fatto fare nessun vaccino, non le abbiamo MAI somministrato antibiotici, nonostante l'opposizione del pediatra.
Inoltre anche quando ha la febbre oltre i 39 (una volta è arrivata a 40,2), ci curiamo solo di mantenere fresca la fronte e di lasciarla sfogare. Non ci pensiamo MINIMAMENTE di darle la Tachipirina o altri antipiretici. Quasi sempre, la mattina dopo, la febbre è passata e la bimba sta benissimo.
La febbre NON è una malattia, ma una reazione positiva del corpo che non deve assolutamente essere bloccata.

Ovviamente siamo così tranquilli solo perché sappiamo che il suo sistema immunitario non è mai stato alterato dai vaccini e quindi risponde perfettamente. Non sarei così tranquillo se le avessi fatto fare i vaccini.

Altra breve nota: in questo periodo l'abbiamo portata ai centri estivi in una fattoria che, tra le varie attività, prevede anche il contatto e la pulizia dei cavalli.
Qualcuno crede che siamo preoccupati per il tetano? Uah, uah!

Silver
Inviato: 30/7/2010 17:51  Aggiornato: 30/7/2010 17:51
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/9/2005
Da: Torino
Inviati: 615
 Re: Prendere il toro per le corna
Ma come avrà fatto l'uomo a vivere per migliaia di anni SENZA i vaccini?
Ma come faranno mai tutti gli animali e gli essere viventi in generale a vivere senza i vaccini?
Ma come avrà fatto la Natura a dimenticarsi di inventare i vaccini?

starchild
Inviato: 30/7/2010 18:28  Aggiornato: 30/7/2010 18:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/1/2007
Da:
Inviati: 161
 Re: Prendere il toro per le corna
Complimenti a Jacomodino e a Freeman. Ecco un coraggio degno di essere valorizzato, perché oggi purtroppo ci vuol coraggio a sfidare l'autorità ma quando è la nostra salute a esserci di mezzo non c'è prezzo.
Anch'io da anni rifiuto i vaccini.
Purtroppo mi son fatto quelli classici da ragazzo e quelli sul lavoro -antitetanica- ma poi ho finito per rifiutare pure quelli. Potessi tornare indietro... comunque le vostre testimonianze sono prove palesi della vergognosa condotta dei governi e delle multinazionali farmaceutiche.
Vogliono indebolirci, snaturarci, così saremo sempre più in balia loro e delle loro porcherie.
Tutto questo per soldi e potere, avidità e mancanza di scrupoli. Meriterebbero tutti la galera questi criminali. Altro che curarci, loro ci fanno ammalare e poi lucrano sulle loro "cure" schifose. Il caso della chemioterapia anticancro è uno dei più fetenti.
Continuate a resistere!!

utrevolver
Inviato: 30/7/2010 18:50  Aggiornato: 30/7/2010 18:50
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da: Sandalia
Inviati: 411
 Re: Prendere il toro per le corna
Beh, non negherai che il Tetano comunque esiste ed è pericoloso. Se, dico se per assurdo lei si dovesse infettare? La terapia è un calvario...

digitalkey
Inviato: 30/7/2010 19:06  Aggiornato: 30/7/2010 19:09
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/3/2008
Da: Ferrara
Inviati: 44
 Re: Prendere il toro per le corna
il tetano è pericoloso, ma non è contagioso

un bimbo di 2 mesi, se non vive in una stalla e razzola sulla nuda terra, non ha nessuna possibilità di prendersi il tetano

quindi che senso ha vaccinarlo per il tetano ?

potrà al limite avere senso se da adulto, quindi quando avrà anche un sistema immunitario maturo, farà un lavoro a rischio.
ma sarà adulto e potrà decidere di testa sua e soppesare i pro e i contro

come sempre occorre informarsi e usare il buon senso

Redazione
Inviato: 30/7/2010 19:08  Aggiornato: 30/7/2010 19:08
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Prendere il toro per le corna
JACOMODINO: "La febbre NON è una malattia, ma una reazione positiva del corpo che non deve assolutamente essere bloccata."

Io aggiungerei che la malattia stessa non è "una malattia", ma il sintomo del processo curativo da parte del nostro corpo.

Freeman
Inviato: 30/7/2010 20:28  Aggiornato: 30/7/2010 20:28
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Prendere il toro per le corna
Citazione:
Beh, non negherai che il Tetano comunque esiste ed è pericoloso. Se, dico se per assurdo lei si dovesse infettare? La terapia è un calvario...

Non mi risultano episodi di tetano in età infantile in Italia negli ultimi lustri, si tratterebbe di un caso eccezionale.
Se si dovesse far male? Disinfezione e tanta acqua ossigenata, poi al bisogno e SE del caso, antitetanica.
Di certo, praticare l'antitetano ad un infante di 3 mesi non ha senso, sia perché dovrebbe essere protetto naturalmente, sia perché le probabilità che si trovi in una situazione rischiosa sono così remote da rasentare lo zero, mentre di contro esistono dei rischi insiti nella vaccinazione, che va a scombussolare un sistema immunitario immaturo ed in formazione, che non ha senso accollarsi.
L'antitetanica ha un senso AL BISOGNO, anche perché sembra che l'immunità duri pochissimo, tanto è vero che ha bisogno di continui richiami per conservare un titolo anticorpale considerato "efficace" (ma anche su questo avrei delle riserve).

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
peonia
Inviato: 30/7/2010 23:20  Aggiornato: 30/7/2010 23:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Prendere il toro per le corna
Avevo avuto modo di scriverlo già tanto tempo fa....e lo ripeto ora che ha di nuovo senso: anni fa, mi pare nel 1999, Anne Merois Givaudan scrisse un libro, che seguiva il precedente " Dalla Sottomissione alla Libertà" e che si intitolava appunto in egual modo ma con l'aggiunta di PARTE SECONDA - i DOCUMENTI...
Nel primo lei e il suo compagno denunciavano alcune cose, che però avevano visto in "astrale"...so che reazione avrete ora ma non importa...
dopo quel libro, e dopo la separazione dei due, Anne ricevette una cospicua mole di testimonianze che avvaloravano le loro denunce...
Quella che mi colpì e che entra nel discorso fu quella di un tale, non ricordo se giornalista o medico (e purtroppo non posso appurare perchè quel libro lo prestai ed ovviamente non fece mai ritorno!) che affermava tante cose, terribili, ma soprattutto che nei vaccini venivano immesse sostanze a rilascio ritardato che avrebbero scatenato nel tempo malattie, ovviamente non riconducibili ai vaccini stessi! Lo stesso tipo, e a questo punto presumo fosse un giornalista più che un medico, avvisò anche del pericolo dei microchip sottopelle...di lui non si ebbe più traccia.
Anne lo cercò a lungo, ma nulla....

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
edo
Inviato: 31/7/2010 0:00  Aggiornato: 31/7/2010 0:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Prendere il toro per le corna
Citazione:
il tetano è pericoloso, ma non è contagioso un bimbo di 2 mesi, se non vive in una stalla e razzola sulla nuda terra, non ha nessuna possibilità di prendersi il tetano quindi che senso ha vaccinarlo per il tetano ? potrà al limite avere senso se da adulto, quindi quando avrà anche un sistema immunitario maturo, farà un lavoro a rischio. ma sarà adulto e potrà decidere di testa sua e soppesare i pro e i contro come sempre occorre informarsi e usare il buon senso


Quando avrei dovuto fare l'antitetanica, avrò avuto circa 12 anni, e qualcosa mi diceva che "non mi avrebbe fatto bene" mi presentai perciò direttamente nella stanza dei timbri" senza essere passato per quella "delle punture".
Non saprei dire quante volte (oggi) mi tagliuzzo con ferri arrugginiti con le stesse mani che poi vengono a contatto con la terra... ognuno tragga le considerazioni che preferisce.

COMILVA

Paulo
Inviato: 31/7/2010 0:30  Aggiornato: 31/7/2010 0:30
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/12/2005
Da:
Inviati: 507
 Re: Prendere il toro per le corna
Citazione:
Beh, non negherai che il Tetano comunque esiste ed è pericoloso. Se, dico se per assurdo lei si dovesse infettare? La terapia è un calvario...


D'accordo.
La vaccinazione me l'hanno fatta fare durante il servizio militare ... 40 anni or sono.
Così, essendo accidentalmetente caduto a terra su di un prato frequentato da cavalli e cosparso del loro sterco ed essendomi pure escoriato sulla pelle, ho pensato di recarmi al pronto soccorso per il siero anti tetanico.
Qui mi sono accorto che, rispetto un volta, si sono fatti furbi: occorre prima firmare una dichiarazione in cui si solleva l'organizzazione sanitaria di ogni responsabilità circa le possbili conseguenze dell'inoculazione del siero. Una volta questo non era necessario, me, evidentemente, la storia delle scimmie, della vaccinazione antipolio e dell'HIV la conoscono bene.
Colloquialmente mi hanno confermato. Il siero è materiale organico, derivato dal sangue di cavallo infettato di tetano, che ha, conseguentemente, prodotto gli anticorpi. Ma il sangue del cavallo può contenere anche dei virus. Pericolosi per l'uomo o no,. Comunque, dicono, li tolgono tutti. Tutti, ovviamente, quelli noti. E quelli non noti? Uppunto: firmi la dichiarazione!
Mi hanno anche raccomandato di praticare la vaccinazione, così, in caso di accidente, il siero non serve.
Mi aspettano ancora, ma una volta o l'altra vorrei andarci. A vedere se anche li esigono la dichiarazione di responsabilità.
Perchè, sì, fanno i tonti per non pagare dazio, ma in realtà la sanno lunga, eccome!

Calvero
Inviato: 31/7/2010 4:17  Aggiornato: 31/7/2010 4:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Prendere il toro per le corna
Citazione:
JACOMODINO: "La febbre NON è una malattia, ma una reazione positiva del corpo che non deve assolutamente essere bloccata."

Io aggiungerei che la malattia stessa non è "una malattia", ma il sintomo del processo curativo da parte del nostro corpo.


Concetti approfonditi debitamente e interessantissimamente da Hamer

.. Massimo, mi pare hai sempre sorvolato, questa questione. Posso sapere il perché? se c'è ne uno, altrimenti... come non detto

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Paulo
Inviato: 31/7/2010 9:56  Aggiornato: 31/7/2010 9:56
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/12/2005
Da:
Inviati: 507
 Re: Prendere il toro per le corna
Citazione:
La febbre NON è una malattia, ma una reazione positiva del corpo che non deve assolutamente essere bloccata.


Sì, ma se la febbre ti impedisce di lavorare, di produrre, di dare a chi ti paga per mantenerti in vita, la devi far cessare quanto prima.

gelu
Inviato: 31/7/2010 16:49  Aggiornato: 31/7/2010 16:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/10/2008
Da:
Inviati: 191
 Re: Prendere il toro per le corna
Io ho 39 anni e da 8 mi trovo il diabete di tipo1, autoimmune e nessun medico ha saputo dirmi quale ne sia la causa. Vorrei guarire, ma ho capito che nel nostro sistema è impossibile.
Aggiungo che mi cognata, medico ginecologo e omeopata, conoscendo i vaccini non ne ha mai fatti fare si suoi due figli, e li ha sempre curati con l'omeopata. Se questo significa qualcosa...

tommasso
Inviato: 31/7/2010 17:45  Aggiornato: 31/7/2010 17:45
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/5/2006
Da: ZENA
Inviati: 722
 Re: Prendere il toro per le corna
Volevo iniziare parlandovi di un caso particolare, anche se meno importante, a chiunque abbia un animale domestico viene fortemente consigliato di fare un giro di vaccinazioni (ne abbiamo dovuti cambiare 2 perchè non si offrivano di curarli se prima non facevamo le vaccinazioni necessarie).
Senza farne una ora il mio gatto ha 9 anni ed è sempre stato benissimo.

Se guardo però la mia famiglia, totalmente vaccinati, non abbiamo subito strane reazioni o malattie autoimmuni e negli ultimi anni saremo stati a casa per malattia sì e no due settimane.

Fin dalle medie quando non avevo voglia di andare a scuola dovevo fingere dei malanni inesistenti.

Siamo dei casi particolari? Siamo stati fortunati? Non tutte le vaccinazioni riescono col buco?


Salud!

"I nostri nemici sono creativi e pieni di risorse, e lo siamo anche noi. Loro non smettono mai di pensare a nuovi modi per danneggiare il nostro paese e la nostra gente, e nemmeno noi." 5 agosto 2004 G.W.Bush
kafka55
Inviato: 31/7/2010 21:43  Aggiornato: 31/7/2010 21:43
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2009
Da:
Inviati: 114
 Re: Prendere il toro per le corna
aneddoto, ma fatto vero. negli anni 50 bernard, credo,medico omeopata francese rifiuta per i suoi figli la vaccinazione antipolio. i suoi figli la contraggono, viene chiuso in casa in quarantena e cura i suoi figli con gelsemium. risultato. i suoi figli stanno bene non hanno la paralisi e non sono stati vaccinati. i miei figli sono stati vaccinati, ma hanno preso subito dopo settimane di thuya e mercurius. stanno bene. dopo le obbilgatorie nessuna vaccinazione. solo vaccinazioni su base omeopatica stagionali.

digitalkey
Inviato: 31/7/2010 22:25  Aggiornato: 31/7/2010 22:25
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/3/2008
Da: Ferrara
Inviati: 44
 Re: Prendere il toro per le corna
citazione

"Siamo dei casi particolari? Siamo stati fortunati? Non tutte le vaccinazioni riescono col buco?"

le vaccinazioni sono di massa, ma ogni individuo reagisce in modo diverso all'introduzione della bomba chimico-organica e con tempistiche molto diverse : si va da una banale allergia fino alla morte

le percentuali di conseguenze molto gravi sono basse, ma sono sempre più alte della possibilità di contrarre la malattia se non si è vaccinati

indubbiamente la vostra famiglia fa parte della categoria a cui i vaccini, ad oggi, non hanno causato nessun problema

Freeman
Inviato: 1/8/2010 7:57  Aggiornato: 1/8/2010 7:57
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Prendere il toro per le corna
(copio/incollo)
Novità sulla vaccinazione contro il papillomavirus dal forum http://losai.forumfree.it/
________________

1) Sale il bilancio delle segnalazioni delle morti e dei danni da vaccino contro il papillomavirus: 66 decessi , 17.700 segnalazioni ( di cui 1100 circa sono le reazioni avverse gravi segnalate che hanno richiesto il ricovero d''urgenza) (" Since Gardasil's launch in 2006, the vaccine has been responsible for 66 deaths and over 17,700 medical injuries of young girls, as young as 11 years old. Six percent of reported events, or 1,100 girls, were serious enough to require emergency hospitalization." Tratto da: http://www.progressiveradionetwork.com /health-headlines/2010/5/25/will-mercks-gardasil-hpv-vaccine-be-its-next-vioxx.html ).

2) India: vaccinazioni HPV sospese dopo la morte di 4 ragazze http://codenamejumper.wordpress.com/2010/04/19/india-vaccinazioni-hpv-sospese-dopo-la-morte-di-4-ragazze/

3) Il parere di una ricercatrice, HPV Expert, Diane Harper. Vaccini: Diane Harper esprime critiche alla vaccinazione contro il papillomavirus. Quali messaggi riguardo Gardasil non sono veritieri ?
"Nella comunicazione, la società produttrice, Merck & Co, ha omesso che il 95% di tutte le infezioni da virus HPV si risolvono spontaneamente grazie all'intervento del sistema immunitario della donna. Il rimanente 5% può andare incontro a lesioni pretumorali; le neoplasie intraepiteliali cervicali di grado III ( CIN 3 ) progrediscono a tumore invasivo nelle seguenti proporzioni: il 20% de lle donne sviluppa tumore invasivo della cervice entro 5 anni; nel 40% delle donne il tumore del collo dell'utero si sviluppa entro 30 anni.
Esiste pertanto un ampio intervallo di tempo per individuare una lesione precancerosa e per trattarla, e nei tumori in fase precoce la guarigione è del 100%.
Inoltre Merck & Co ha fatto asserzioni come se il vaccino fosse efficace per tutta la vita, e non ha menzionato la necessità di richiami oppure la limitata protezione offerta dal vaccino.
Non si fa alcun cenno ai dati che hanno mostrato un effetto protettivo del vaccino nei confronti delle lesioni genitali maschili per un periodo di tempo di soli 2.4 anni.
Non si può dire che Gardasil sia un vaccino contro il tumore della cervice. Il vaccino previene l'infezione da virus HPV, ma non lo sviluppo del tumore del collo dell'utero.") ( il resto dell''intervista : http://www.xagena.org/index .php?show=7292&pageNum=0 )

4) La ricercatrice Diane Harper ( vedi sopra) ha affermato che "il 95% di tutte le infezioni da virus HPV si risolvono spontaneamente grazie all'intervento del sistema immunitario della donna.". Il ruolo di questi virus nel causare il cancro della cervice uterina viene ridimensionato. E di molto. Le infezioni da HPV sono naturalmente auto-limitanti , nel senso che sono controllate naturalmente. Sarebbe un prolungato stato di cattiva salute della paziente a renderla vulnerabile alle infezioni persistenti che, non controllate, possono portare all'insorgenza di lesioni tumorali. Non solo. La FDA sarebbe stata informata dal produttore del Gardasil, un vaccino contro il papillavirus umano, che una persona, già esposta ai HPV 16 o 18, rischia ad essere vaccinata con il Gardasil. Il Gardasil aumenterebbe il rischio ( del 44,6% ) ( vedi il documento- preso dal sito della FDA- a pagina 13 in fondo a destra : -44,6% http://www.fda.gov/ohrms/dockets/ac/06/briefing/2006-4222B3.pdf ) di lesioni precancerose senza ridurre quello di cancro della cervice uterina. Consideriamo i vari sottogruppi. 1) Pazienti non sessualmente attive , non vaccinate con il Gardasil ( nessun rischio di cancro cervicale); 2) pazienti non sessualmente attive , vaccinate con il Gardasil ( nessun beneficio dal vaccino); 3) pazienti sessualmente attive, non vaccinate con il Gardasil ( la presenza di HPV virus è auto-limitante e non porta al cancro del collo dell'utero) ; 4) pazienti sessualmente attive , vaccinate con il Gardasil ( aumento del rischio di lesioni precancerose del 44,6% e nessuna riduzione del rischio del cancro ). Non vi è alcun sottogruppo che in realtà beneficia della vaccinazione. Ma c'è un sottogruppo in cui il Gardasil aumenta il rischio di malattia. Detto in altro modo, il Gardasil non aiuta nessuno, ma danneggia qualcuno. La lista dei dece ssi e dei danni provocati dal Gardasil assomiglia sempre più ad un bollettino di guerra. Non per niente le autorità sanitarie dell'India hanno sospeso la campagna di vaccinazione dopo le prime vittime del Gardasil. Anche la presenza nel vaccino di alluminio e polisorbato 80 (una sostanza correlata alla sterilità nei topi) induce ad una seria riflessione!

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
mangog
Inviato: 1/8/2010 9:27  Aggiornato: 1/8/2010 9:30
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 5/1/2007
Da:
Inviati: 2857
 Re: Prendere il toro per le corna
Caro Freeman perchè nelle tue argomentazioni citi ( ovviamente nessuno te lo può negare come nel post di cui sopra ) spesso lavori di scienziati che sono ben inseriti nel mondo scientifico ?
Con quale criterio citi un lavoro di un ricercatore scartando l'altro ? Segui l'istinto ? A fiuto ? tiri in alto la monetina ? Sei un ricercatore scientifico ?

music-band
Inviato: 1/8/2010 10:19  Aggiornato: 1/8/2010 10:19
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/10/2005
Da: Shangri-la
Inviati: 1680
 Re: Prendere il toro per le corna
Continua così mangog, stai dando un enorme contributo alla causa... Non sto scherzando, ti prego non smettere.

Freeman
Inviato: 1/8/2010 10:26  Aggiornato: 1/8/2010 10:26
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Prendere il toro per le corna
mangog, mi correggo, comincio a pensare che tu non ci faccia ma ci sia.

Se è così, non sei in malafede, ma solo un minus habens che non sa di esserlo.

Il che mi evita di argomentare con te, perché sarebbe fiato (inchiostro virtuale?) sprecato.

buon divertimento

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
medicialbe
Inviato: 1/8/2010 22:32  Aggiornato: 1/8/2010 22:32
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/2/2008
Da:
Inviati: 96
 Re: Prendere il toro per le corna
Che bello sentire MM "Hameriano"

Juggler
Inviato: 2/8/2010 20:55  Aggiornato: 2/8/2010 20:55
So tutto
Iscritto: 18/4/2008
Da:
Inviati: 29
 Re: Prendere il toro per le corna
Anche la mia compagna ed io, dopo attente valutazioni e periodi di studio abbiamo deciso di non vaccinare la nostra primogenita.

Oggi ha 16 mesi e fino ad ora non ha mai assunto un medicinale allopatico, neanche un'aspirina, una tachipirina, un antibiotico, nulla di nulla...

Le 2 o 3 volte che ha avuto episodi febbrili si sono sempre risolti nel giro di UNA giornata senza mai toccare la soglia dei 38°. Ha avuto qualche raffreddore durante l'inverno e la sua storia clinica finisce qui.

Sono stato ad una riunione del COMILVA (oltre che sul loro sito), ed ho parlato con molti genitori con figli vaccinati o no. Più informazioni, più storie di esperienze dirette raccolgo più mi convinco che la scelta di non vaccinare sia quella giusta.

E' un argomento che mi tocca moltissimo emotivamente e potrei raccontare vari episodi tristi di bambini che hanno avuto anche serissimi problemi nel post-vaccino, così come (quasi) altrettanti racconti di genitori felici e sicuri della loro scelta di non vaccinare. Ma questo genere di storie ormai su luogocomune è ben noto agli utenti, quindi vorrei solo lanciare un appello a tutti: cerchiamo di diffondere queste informazioni, ma a livello personale, parlando e discutendo direttamente con le famiglie dei nostri amici e parenti in dolce attesa. Non sempre avremo successo (...) ma dobbiamo metterci in gioco in prima persona anche nel mondo reale, su quello che possiamo cambiare, una "battaglia", anche una persona per volta.

Peace!

Grazie a tutti
audisio
Inviato: 3/8/2010 12:27  Aggiornato: 3/8/2010 12:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: Prendere il toro per le corna
X utrevolver:
ma hai presente la probabilità di prendersi il tetano?
Io mi sono tagliato mille volte (con antitetanica scaduta) anche con
legni vecchi, ferri arrugginiti ecc. e non è successo nulla.
E invece ti consigliano di farla anche se cadi in terra e ti graffi...


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA