Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


palestina : Il trucco è sempre lo stesso
Inviato da Redazione il 3/6/2010 21:20:00 (9658 letture)

Divampa sui media mondiali la discussione sull’incidente della flotilla di attivisti attaccata da Israele. Che cosa trasportavano davvero? Erano attivisti o pacifisti? Si trovavano in acque internazionali, o hanno violato quelle israeliane? Chi ha spinto per primo gli altri in acqua? Perchè i pacifisti indossavano i giubbotti di salvataggio? Ecc. Ecc.

Ricordate la faccenda di Pio XII? Tutti a discutere su quanti ebrei abbia aiutato il Papa durante la guerra, mentre il problema da nascondere era tutt’altro: si chiama Jasenovac. Ebbene, il trucco è sempre lo stesso: qui non si tratta di domandarsi “che cosa” sia successo l’altra notte nelle acque di Gaza, ma “perchè” si sia arrivati al punto in cui una flotilla di attivisti è stata costretta a sfidare un blocco navale per portare aiuti a della povera gente?

Questo è il vero problema, e naturalmente nessuno lo affronta.

Perchè della gente comune, che nella vita ha ben altro da fare, si assume un impegno del genere, ...

... e va a rischiare addirittura la vita per risolvere un certo problema, quando esiste una comunità internazionale che dovrebbe evitare la nascita di quel problema in primo luogo?

Ora, se la comunità internazionale non ha voluto evitare quel problema, significa che non ha nessun interesse a farlo. Se Francia, Italia, USA, Germania, Gran Bretagna ecc., permettono ad Israele di fare quello che fa, significa che il loro tornaconto è molto più importante di qualunque obbligo civile, politico o morale che si siano mai assunti.

E’ quindi contro i propri gioverni, complici di questa situazione inaccettabile, che dovrebbero rivolgersi le proteste degli attivisti. Costoro invece, nell’assumersi personalmente il compito di risolvere una situazione irrisolvibile, commettono due errori in uno: si espongono ad uno scontro fisico praticamente certo, e offrono ai media mondiali la scusa per spostare sui particolari di quello scontro l’attenzione del grande pubblico, allontanandola dal cuore del problema.

Lo ripeto: allontanandola dal cuore del problema. Se qualcuno cercasse il cui prodest, potrebbe anche averlo trovato.

Ecco come funziona la manipolazione mediatica a livello mondiale. Non si tratta - come pensa qualcuno - di “telefonare ogni mattina a ciascun direttore di testata nel mondo per dirgli cosa pubblicare”, ma di manipolare gli eventi stessi (chi ci dice che fra gli attivisti non ci fossero agenti infiltrati del Mossad, che hanno prima "spinto" per realizzare la missione, e poi contribuito a creare lo scontro stesso?), in modo da condizionare poi la stampa a seguire ciò che si vuole, invece di ciò che si dovrebbe.

Il trucco è sempre lo stesso, e ogni volta ci caschiamo come polli nati la scorsa settimana.

Massimo Mazzucco

Voto: 7.00 (5 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
a_mensa
Inviato: 3/6/2010 22:16  Aggiornato: 3/6/2010 22:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
bravo mazzucco.
qui non si tratta di domandarsi “che cosa” sia successo l’altra notte nelle acque di Gaza, ma “perchè”

ma non partendo dal fatto, che è troppo facilmente manipolabile ma dal cui prodest, che è poi sempre sicuramente il fine di chi i fatti li "fa accadere" o li "lascia accadere".

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
einsenheim
Inviato: 3/6/2010 23:32  Aggiornato: 3/6/2010 23:32
So tutto
Iscritto: 21/2/2009
Da: Cesena (fc)
Inviati: 5
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Sarà così ma io non sono un pollo e ormai li ho capiti i nostri "friends"....
come me ce ne sono tanti e stanno aumentando anche perchè le loro porcate iniziano ad essere un po' troppo puzzolenti!!!!!
Dai ragazzi che ancora non ci hanno cucinato per bene, si è alzatò un po di vento e la puzza di pollo si sta dissolvendo pian piano....dobbiamo reagire re!!!!
La nostra mente e la nostra coscenza possono e devono spazzare via quella cappa di fumo nella quale ci hanno rinchiusi e che nasconde la vera realtà ai nostri occhi!!!
Saluti a tutti.

Non può piovere per sempre!

edo
Inviato: 3/6/2010 23:54  Aggiornato: 3/6/2010 23:54
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
La turchia esce dalla nato ed entra nell'orbita russa e cinese (così si salva pure dalla cloaca dell'europa unita).
Spero, sicuramente invano.

alsecret7
Inviato: 4/6/2010 1:25  Aggiornato: 4/6/2010 1:25
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/6/2007
Da:
Inviati: 561
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
a ragione mazzucco io prima mi chiederei perche paesi come l'italia sopratutto, acconsentano queste cose vergognose?evidentemente ce qualcosa di grosso sotto,di cui questi paesi secondo me anno molta paura. quale questa paura? quale oscura cosa fa si che appoggino incondizionatamente israele? che cose veramente israele? perche a tutto questo potere? come mai uno stato cosi piccolissimo puo terorizzare cosi il mondo? cosa ce veramente dietro? perche il mossad e cosi potente? se si rispondesse almeno a queste domande forse capiremmo. chi di voi sa rispondere veramente?

nygandy
Inviato: 4/6/2010 1:53  Aggiornato: 4/6/2010 1:53
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/10/2009
Da:
Inviati: 483
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Ciao Massimo, innanzitutto grazie per la tua citazione al mio commento nella precedente discussione. Mi ha fatto piacere. Considero interessante il tuo punto di vista. D'altra parte alle ong si prospettano essenzialmente 2 modalità operative: la prima di denuncia e dialogo con i governi e le istituzioni (tipo Amnesty international) la seconda di interventismo al limite della violenza e dell'illegalità (tipo Greenpeace). Entrambe le maniere di esplicitare i propri argomenti ha i suoi pro e contro: da un lato si rimane simpatici ai governi, al punto da venire corteggiati con sovvenzioni e contributi pubblici, fin quando però non si tirano fuori rapporti scomodi (come il rapporto annuale di Amnesty sulla giustizia in Italia) e allora giù con le critiche e le delegittimazioni. Amnesty, a malincuore, rifiuta continuamente l'appoggio finanziario di molti governi mondiali, a differenza di altri, come Emergency ad esempio. Un modo nel quale si rimane meno simpatici è quello della Freedom Flotilla, ma anche lì si presta il fianco oltre che alle mazzate anche alle strumentalizzazioni fino al punto da farci dubitare che "fra gli attivisti non ci fossero agenti infiltrati del Mossad, che hanno prima "spinto" per realizzare la missione, e poi contribuito a creare lo scontro stesso". Un mesetto fa in Grecia qualcuno ci ha provato a manifestare contro il governo: 3 morti e un'opinione pubblica orientata a pensare che i greci siano diventati di colpo prima dei dissennati corrotti e corruttori causa della bancarotta del loro paese, e poi dei crudeli Blackblock da contenere con la forza e meritevoli di condanna internazionale. Risultato: un numero n di finanziarie lacrime e sangue per creare un fondo pro-banche e speculatori di non so quanti miliardi di euro. Faccio una domanda: cosa intendiamo per rivolgere le proteste contro i propri governi? La faccio perchè mi sa che qui il sistema di strumentalizzazione e manipolazione dell'opinione pubblica si è raffinato parecchio e non vedo più tanto spazio per reagire...

dr_julius
Inviato: 4/6/2010 2:32  Aggiornato: 4/6/2010 2:32
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
a proposito di trucchi:
QUI si sostiene che molte delle foto esibite quali prove delle armi possedute dagli "attivisti terroristi", sembrano scattate QUALCHE ANNO PRIMA!

Sinceramente, non ce li facevo così tanto dilettanti!



Detto questo, osservo che negli ultimi anni MOLTE operazioni di intelligence sono state palesemente e clamorosamente sbagliate, in vari Paesi (*).

Circola droga di pessima qualità in certi ambienti? è un effetto dei tagli alle spese? oppure tanto ormai hanno capito che i popoli non si ribellano comunque?!?

In Europa comunque, i governanti dell'Unione, pensano ancora di aver bisogno di un sistema efficiente e vietano ai Paesi membri di avere un corpo di polizia militare. O è tutto un altro discorso?!?


Per quanto riguarda più strettamente il topic: sì, il trucco è sempre lo stesso. Anche perchè sembra funzionare bene.




(*) esempi in USA..., in Italia due clamorosi esempi furono l'assalto con Duomo al PdC a Milano e la signora P.D'Addario che introduce materiale per registrare a Palazzo Grazioli.

Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
Calvero
Inviato: 4/6/2010 4:36  Aggiornato: 4/6/2010 6:02
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
rimosso

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
edo
Inviato: 4/6/2010 8:26  Aggiornato: 4/6/2010 8:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Citazione:
a proposito di trucchi: QUI si sostiene che molte delle foto esibite quali prove delle armi possedute dagli "attivisti terroristi", sembrano scattate QUALCHE ANNO PRIMA! Sinceramente, non ce li facevo così tanto dilettanti!


Vedrai che per il lerciume giornalistico che pasticcia i fogli di "corriere, repubblica, eco del travaglio e affini, o per il letame parlante alla forbice, andranno benissimo.

Freddie975
Inviato: 4/6/2010 8:42  Aggiornato: 4/6/2010 8:42
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/6/2005
Da:
Inviati: 33
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
il trucco è sempre lo stesso e si sa, ma lo sappiamo noi e quanti altri? la stragrande maggioranza delle persone ormai assorbe questo tipo di notizie senza poi approfondirle, poi però le stesse persone vanno ad accendere un cero in nome dei morti delle torri gemelle!

c'è un ipocrisia totale in questo mondo.

se la stessa cosa la faceva uno stato tipo Iran, già erano salpate le portaerei dai porti della nato!

Garrett
Inviato: 4/6/2010 8:48  Aggiornato: 4/6/2010 8:48
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Citazione:
Vedrai che per il lerciume giornalistico che pasticcia i fogli di "corriere, repubblica, eco del travaglio e affini, o per il letame parlante alla forbice, andranno benissimo.


???

Su Repubblica leggo:

Luppichini [uno degli attivisti italiani appena rientrati in Italia]:

"19 morti e molti gettati in mare". Nel blitz dell'esercito israeliano "ci sono stati almeno 19 morti e parecchi cadaveri sono stati buttati in mare" ha riferito Manolo Luppichini appena rientrato all'aeroporto di Ciampino, a Roma. Il regista italiano riferisce la testimonianza di un'infermiera australiana, Jenny Campbell, che era sulla Mavi Marmara.

Luppichini ha poi aggiunto particolari finora mai usciti da alcuna fonte presente sulla nave. Per esempio, che per convincere il comandante della nave greca '8000' a dirigersi sul porto di Ashdot, i soldati israeliani hanno preso in ostaggio, per ore, "puntandogli un arma contro un bimbo di 13 mesi, figlio del capomacchinista Ekren Oerean".

O ancora che vari testimoni in carcere gli hanno raccontato che a bordo della nave sono stati trovati "diversi morti nei bagni uccisi con un colpo alla nuca. Sono stati colpiti dagli elicotteri che hanno sparato raffiche di mitra dall'alto". L'attivista ha raccontato di essere stato picchiato nell'aeroporto dall'esercito israeliano: "Siamo stati lasciati senza acqua, trattati come bestie".

Al suo arrivo in Turchia, Fallisi ha raccontato che Luppichini è rimasto coinvolto in una "violenta discussione" con le forze di polizia israeliane. "Un ragazzo di origine palestinese di nome Osama si è messo a discutere con la polizia, sono cominciate a volare parole grosse e qualche sberla, a quel punto Manolo è intervenuto per difenderlo. I poliziotti lo hanno portato via", ha detto. "Quando stavamo per muoverci per l'aeroporto, io ho chiesto che fine avesse fatto Manolo, la polizia mi ha risposto che sarebbe arrivato di lì a poco e invece non l'ho più visto".


A parte alcuni fatti inediti (e agghiaccianti) le testimonianze sono piuttosto concordi sull'uccisione a sangue freddo di civili (i colpi alla nuca non sono mai casuali) e sull'eliminazione in mare dei cadaveri.

TzuLao
Inviato: 4/6/2010 9:20  Aggiornato: 4/6/2010 9:22
So tutto
Iscritto: 20/3/2010
Da:
Inviati: 14
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Israele non ricatta nessuno (capiamoci: delle grandi e medie potenze), Israele è una "giustificazione" utile agli "Ebrei Imperiali" che stanno tranquilli col culo al caldo e l'utilizzano per continuare il gioco "dell'accerchiamento" e del "sacrificio" ops volevo dire della "tragedia". Gli abitanti dello stato di Israele sono vittime quanto i palestinesi, stanno solo appena meglio "materialmente", ma lo stato di tensione in cui vivono non è augurabile a nessuno (forse a Silvio), sono vittime come lo sono tutti i soldati, innocenti o meno, comunque sempre pesantemente "intortati".
Oltre che agli "Ebrei Imperiali" Israele serve alle potenze mangia petrolio, serve tenere incasinato il medio oriente. Basta tutto qui, finito, sic et simpliciter, finito il petrolio finito israele, gli "Ebrei Imperiali" per quanto potenti non vincono contro i "Massoni Imperiali" e senza i "patti d'acciaio" "diasporano" che è una meraviglia.

P.S. Mazzucco vi fa parlare di questo, e sarete sprofilati di brutto, e occhio a non mostrarvi troppo pericolosi, che le polverine costano niente.

Sinder
Inviato: 4/6/2010 9:26  Aggiornato: 4/6/2010 9:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2009
Da:
Inviati: 256
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
cit.
a proposito di trucchi:
QUI si sostiene che molte delle foto esibite quali prove delle armi possedute dagli "attivisti terroristi", sembrano scattate QUALCHE ANNO PRIMA!

http://www.agoravox.it/Le-prove-false-d-Israele-sull.html

qui (nei commenti) la semplice spiegazione del "mistero"


è facile credere a tutto quello che conferma le nostre convinzioni

edo
Inviato: 4/6/2010 9:39  Aggiornato: 4/6/2010 9:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
A proposito del post di Freddie:
ho inviato questa lettera a Sergio Romano:

Egr Dott. Romano,
mi sorprende che, sull'argomento che segue, lei non abbia ancora espresso un'opinione.
Forse, invertendo i fattori sarebbe più semplice?
Pensiamo a un commando iraniano che attacca una nave mercantile israeliana. I titoli probabilmente sarebbero: «Civili israeliani si difendono eroicamente».
Medaglie d’oro sarebbero riconosciute ai sopravvissuti e alle memoria dei morti (tutti nominati uno per uno e non indicati a mazzi come i ravanelli), funerali di Stato, condoglianze dei governi, condanna degli aggressori e forse anche missili su Teheran.
L’indignazione per la violazione armata di una nave-passeggeri israeliana in acque internazionali sarebbe alle stelle.
Invece noi qui abbiamo, lei o i "Vittorio feltri" il silenzio e la propaganda.
Imbarazzante?

100 a 1 che non la pubblica.
Si accettano scommesse.

gubbo
Inviato: 4/6/2010 9:59  Aggiornato: 4/6/2010 10:04
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/6/2006
Da: Un mondo ipocrita
Inviati: 634
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Ma chi mette i banner pubblicitari su luogocomune.....
ci fa o ci è?? "La Tele Aviv senza orari,la tua vacanza anima e corpo........"

Quoto in tutto l'articolo di Mazzucco.....parola per parola

"Io giudico l'uomo, nella sua coscienza, l'essere vivente più incosciente che popoli questa terra" ; dovrebbe essere mia ma non ne sono sicuro
Ressa
Inviato: 4/6/2010 10:01  Aggiornato: 4/6/2010 10:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/1/2010
Da: San Benedetto Val Sambro BO
Inviati: 60
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Breve OT sulla riunione che inizia oggi del Bildenberg Group:

Gli Invitati

Estulin al parlamento Europeo

Sarebbe interessante poter parlare con il Sig. Romano Prodi. nonchè con Mario Draghi oppure con lo stimatissimo Bernabè... ammesso che si riesca a trovarli

jarlaxle
Inviato: 4/6/2010 10:38  Aggiornato: 4/6/2010 10:38
So tutto
Iscritto: 4/6/2010
Da:
Inviati: 6
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
ciao a tutti sono un nuovo iscritto, approfitto subito del 3d per dire la mia a riguardo.
Perchè mai Israele avrebbe agito in modo cosi scellerato e in aperta violazione di qualsiasi consuetudine del diritto internazionale? Un azione del genere ha solamente screditato Israele agli occhi di tutti, quindi siamo sicuri che invece di agenti del mossad non ci fossero altre "forze" in campo e che israele non sia caduta in una trappola?

a_mensa
Inviato: 4/6/2010 10:40  Aggiornato: 4/6/2010 12:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Caro Mazzucco
Io sono stato il primo a plaudire al tuo articolo, e continuo ad esser contento di averlo fatto.
Solo che un po’ più di tempo mi ha indotto ad altre riflessioni.
Siamo proprio sicuri, che senza un po’ di morti occidentali, il clamore sarebbe stato lo stesso ?
Cosa ha cambiato l’operazione “piombo fuso” con le sue centinaia di morti palestinesi, oltre alle distruzioni e devastazioni ?
Se non ci fossero i palestinesi, gli Israeliani li dovrebbero inventare,altrimenti come potrebbero giustificare il loro esercito, i loro armamenti, le loro continue esibizioni di forza ?
Che Israele abbia lo scopo di ricordare la forza occidentale, e soprattutto statunitense, in quell’area, mi pare evidente , un presidio che deve continuamente mostrare la sua forza e potenzialità distruttive ai governi, ma soprattutto alle popolazioni,tanto da togliere ogni velleità di riconquistare la sovranità su quell’area.
Allora il problema diventa “come suscitare audience ?
Non mi abbiano a male i fedeli, ma Cristo ha avuto più audience facendosi crocifiggere che non con tre anni di miracoli, e ancora oggi è più ricordato per quell’unica prova che per tutto il resto.
Allora il problema non è razionale, non sono il numero di morti, non è nemmeno l’enfasi dei media, ma il saper colpire l’immaginazione collettiva.
Parlare di blocco ad una popolazione di un milione e mezzo di persone è una cosa, parlare diun gruppo di pacifisti che cercano di forzare quel blocco, dove ci scappano morti e feriti per il solo intento di sfamare quei disgraziati, è tutto un altro.
È quello che in TV chiamano “bucare il video”, uscire dallo schermo ed entrare nella mente degli ascoltatori.
Chi ha organizzato quell’azione, era perfettamente consapevole degli sviluppi, visto che ormai gli Israeliani si muovono come il cane di Pavlov, e conosceva perfettamente le regole della comunicazione di massa.
Si intuiscono già i veri scopi di tale azione, che probabilmente poco hanno a che fare con i Palestinesi, e diventerà più chiara mano a mano che passa il tempo, resta il fatto che rispetto a manifestazioni diffuse, nei vari paesi, questa azione ha avuto decisamente molta ma molta più risonanza.

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
Kingu
Inviato: 4/6/2010 11:11  Aggiornato: 4/6/2010 11:11
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/11/2008
Da: Treblinka
Inviati: 302
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
X Gubbo

Quelli sono gli adsense google

http://it.wikipedia.org/wiki/AdSense

Un malefico modo di infiltrarsi tra le pagine di un post.
Tutte le volte che si discute di Israele spuntano fuori questi banner, e sinceramente fanno uscire fuori di testa.Rendono la realtà che si discute un opportunità per gli inserzionisti.
Veramente orribile.

Garrett
Inviato: 4/6/2010 11:12  Aggiornato: 4/6/2010 11:14
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Citazione:
ciao a tutti sono un nuovo iscritto, approfitto subito del 3d per dire la mia a riguardo.
Perchè mai Israele avrebbe agito in modo cosi scellerato e in aperta violazione di qualsiasi consuetudine del diritto internazionale? Un azione del genere ha solamente screditato Israele agli occhi di tutti, quindi siamo sicuri che invece di agenti del mossad non ci fossero altre "forze" in campo e che israele non sia caduta in una trappola?


Israele è certamente caduta in una trappola tesa dalla Turchia.
Ma le vere vittime sono quegli attivisti che sono finiti in mezzo a questi scellerati war-games: forse c'erano infiltrati sia tra i soldati che tra gli "attivisti"?

Ad ogni modo stanno affiorando testimonianze sempre più agghiaccianti: colpi alla nuca, cadaveri gettati in mare, neonati presi in ostaggio, ecc... crimini che sarebbero ingiustificabili persino in guerra, figuriamoci se compiuti contro una nazione "alleata", in "tempo di pace" e in acque extra-territoriali!

gubbo
Inviato: 4/6/2010 11:31  Aggiornato: 4/6/2010 11:32
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/6/2006
Da: Un mondo ipocrita
Inviati: 634
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Autore: Kingu
X Gubbo
Quelli sono gli adsense google http://it.wikipedia.org/wiki/AdSense Un malefico modo di infiltrarsi tra le pagine di un post. Tutte le volte che si discute di Israele spuntano fuori questi banner, e sinceramente fanno uscire fuori di testa.Rendono la realtà che si discute un opportunità per gli inserzionisti. Veramente orribile.


Capisco.....mi sfuggiva la funzione AdWords.....
dovrebero inventare un modo però per capire anche il contesto
di quello che c'è scritto nella pagina web....non proseguo se no si va off-topic!!!

"Io giudico l'uomo, nella sua coscienza, l'essere vivente più incosciente che popoli questa terra" ; dovrebbe essere mia ma non ne sono sicuro
Luxio
Inviato: 4/6/2010 11:47  Aggiornato: 4/6/2010 11:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/5/2010
Da: Ostrava
Inviati: 240
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Su CDC ho letto questo: http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=7123
Vengono fuori intrecci "nuovi". Non si va molto nel dettaglio, ma basta ad allargare il puzzle... ed io faccio fatica a starci dietro

Non possiamo separare i nostri pregi dai nostri difetti, essi sono collegati come la forza e la materia. Se li separiamo, l'uomo sparisce.
Nikola Tesla
divert
Inviato: 4/6/2010 11:49  Aggiornato: 4/6/2010 11:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/5/2009
Da:
Inviati: 78
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Sul fatto che fossero acque internazionali non ci sono dubbi, lo hanno ammesso gli stessi israeliani. Siccome le loro navi battevano bandiera israeliana, le assaltate turca e greca non si parla più di pirateria (come hanno minimizzato i turchi) ma di atto di guerra. Sul fatto che ci fossero agenti a bordo concordo con l'ex agente del mossad Victor Ostrovsky: probabilmente ce ne erano più d'uno ("Mossad probably had more than one man on board" the ships, Ostrovsky said, secret agents who would have been giving Israeli mission planners an accurate picture of what was happening on the vessels.)
Per quel che riguarda le armi ho visto un frullino elettrico... molto comodo contro un cecchino! dei giubbotti antiproiettile e questo spiega perché anche gli americani sparino ai giornalisti scambiandoli per terroristi, tutta colpa del giubbotto!!! coltelli ed ascia trincetti e spray al pepe: ancheio con il mio victorinox che tengo nel beauty-case quando viaggio sono un terrorista.
Cosa succederà? Niente come al solito: una nazione fascista con leggi discriminatorie basate su razza e religione, che ha un campo di concentramento in giardino, che ha armi atomiche, che uccide impunemente i civili e i militari dei propri "alleati" (vedi uss lberty, i pacifisti stranieri anche americani uccisi, il cittadino turco-americano ucciso nella flotilla) continua a giocare tramite le sue lobby sul debito morale e non solo. Ma non abbiamo tutti noi un debito morale anche nei confronti dell'africa, dell'america dei nativi, dell'oceania, dell'asia???
Riguardo il cui prodest vi rimando ad esempio a questo articolo sul sito clarissa: Turchia nel mirino di Israele: colpire uno per educarne cento e questo su global research "Operation Justified Vengeance": Israeli Strike on Freedom Flotilla to Gaza is Part of a Broader Military Agenda

Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza.
(Arthur Bloch)
joke2k
Inviato: 4/6/2010 11:53  Aggiornato: 4/6/2010 11:53
So tutto
Iscritto: 18/1/2009
Da:
Inviati: 16
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Mi spiace che dopo tutto quanto è stato detto e pensato in questo sito, legittimamente, su israele... poi si vede ciò:



hanno vinto loro?

Luxio
Inviato: 4/6/2010 12:05  Aggiornato: 4/6/2010 12:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/5/2010
Da: Ostrava
Inviati: 240
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
...azz...

Non possiamo separare i nostri pregi dai nostri difetti, essi sono collegati come la forza e la materia. Se li separiamo, l'uomo sparisce.
Nikola Tesla
Davide71
Inviato: 4/6/2010 12:28  Aggiornato: 4/6/2010 12:28
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/7/2006
Da:
Inviati: 2108
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Ciao a tutti,
le pubblicità sono "sensibili al contesto"; semplicemente notano che si parla di Israele e ti mettono il banner di un'agenzia di viaggi. A me è capitato di vedere dei banner relativi a ricerche fatte da me su Google giorni prima...

Comunque sono d'accordo con Massimo. Il problema siamo NOI!

La faccenda per me ha dei profili inquietanti.
Io la butto lì. Lo scopo attuale di Israele è provocare un conflitto generalizzato tra Cristiani e Musulmani. Ma non saranno certo gli ebrei a guadagnarci...io immagino uno scenario del tipo "Israele è stato colpito da testate nucleari iraniane" e questo richiederà la mobilitazione dell'intero Occidente. Salvo poi scoprire che magari non era vero, oppure che l'Iran non ha testate nucleari, e via discorrendo...

Non date le perle ai cani e ai porci perchè non le mangeranno e vi si rivolteranno contro.
Luxio
Inviato: 4/6/2010 12:35  Aggiornato: 4/6/2010 12:35
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/5/2010
Da: Ostrava
Inviati: 240
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Grazie della spiegazione, si vede che sono decisamente ignorante in materia net technology.
Non altrettante grazie per la tua previsione , perché spero tanto che ti possa sbagliare di grosso. A dire il vero però, anch'io nutro qualche sospetto che si voglia provocare qualcosa di grosso. Mi secca constatare cose ovvie (anche se sono bravissimo ), ma ad applicare le lezioni della storia ci sono sempre le persone sbagliate al posto sbagliato. Merda!

Non possiamo separare i nostri pregi dai nostri difetti, essi sono collegati come la forza e la materia. Se li separiamo, l'uomo sparisce.
Nikola Tesla
a_mensa
Inviato: 4/6/2010 12:43  Aggiornato: 4/6/2010 12:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
@ davide71

chiedo scusa se mi auto cito dal mio Inviato: 4/6/2010 10:40:39
Citazione:
Si intuiscono già i veri scopi di tale azione, che probabilmente poco hanno a che fare con i Palestinesi, e diventerà più chiara mano a mano che passa il tempo, resta il fatto che rispetto a manifestazioni diffuse, nei vari paesi, questa azione ha avuto decisamente molta ma molta più risonanza.


la posizione turca , che ha visto Erdogan abbracciare Ahmadinejad circa 10 giorni fa, mi pare abbia allarmato non poco gli USA.
Per esser più chiaro, Erdogan, ha sicuramente consentito , e forse organizzato, questo tentativo di sfondamento del blocco su Gaza, ben sapendo quale sarebbe stata la reazione Pavloviana di Istraele.
ora , visto che la turchia ha tutte le buone intenzioni di sganciarsi dagli USA per unirsi al BRIC, quale migliore occasione, considerato che gli USA mai abbandoneranno il supporto a Israele, per scaricare su di essi la responsabilità di tale scelta.
uniamo il fatto che l'inspessirsi del rapporto Iran-Turchia ha dei risvolti estremamente interessanti per entrambi, tra cui il non troppo velato appoggio cinese, e forse il quadro è completo.
fantapolitica ? sicuramente, solo da verificare quanto realistica ma soprattutto , in un futuro prossimo, reale.

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
Freeman
Inviato: 4/6/2010 12:47  Aggiornato: 4/6/2010 12:47
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
semi-OT:

tra gli invitati al Bilderberg:

TUR Babacan, Ali - Minister of State and Deputy Prime Minister

si prepara la successione politica di Erdogan?

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
peppe75
Inviato: 4/6/2010 12:53  Aggiornato: 4/6/2010 12:53
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/10/2006
Da: London
Inviati: 399
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
@Freeman

sai, stavo dando un'occhiata alla lista anche io, mi chiedevo cosa avranno da dirsi romano prodi, la regina d'olanda, il CEO della Coca Cola, David Rockefeller e Paul Wolfowitz (tra gli altri)...e perche' le loro riunioni sono off limits per la stampa :)

nel frattempo, @Garret , ricorderai sicuramente il nostro piccolo botta e risposta, dai un'occhiata alla lista se ti va di capire un po' perche' parlavo in quel modo.

http://www.somethingmustbreak.net/id147.html


io adoro questo LC

Freeman
Inviato: 4/6/2010 13:01  Aggiornato: 4/6/2010 13:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
@ peppe75:
Wolfowitz + Perle + il capo della NSA. Servono commenti?

Piuttosto, visto che ci saranno almeno 3 rappresentanti dell'Economist, sarà interessante leggere il giornale nelle prossime settimane, per capire la linea decisa a Sitges. Ugualmente, allo stesso fine, sarà bene tenere d'occhio i nostri TG nei mesi a venire, per ascoltare con attenzione le dichiarazioni di Elkann, Draghi, & soci.
Almeno così ci faremo un'idea di cosa hanno deciso, anche per verificare se corrisponderà con il rapporto che il solito Estulin immancabilmente propagherà a fine incontro.

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Garrett
Inviato: 4/6/2010 13:42  Aggiornato: 4/6/2010 13:42
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Citazione:
nel frattempo, @Garret , ricorderai sicuramente il nostro piccolo botta e risposta, dai un'occhiata alla lista se ti va di capire un po' perche' parlavo in quel modo.


A dire il vero sono molti anni che rileggo sempre la stessa lista... ma vedi, a me del Bilderberg interessa poco perchè:

1) Essendo segreto non si sa di che parlino
2) Essendo segreto non si sa com'è che c'è sempre (la stessa) lista nota e, quindi, quali siano le fonti che di volta in volta la popolano (per quanto ne so potrebbe esistere un vero Bilderberg che mette in giro una lista falsa per depistare)
3) Supponendo che la lista sia attendibile e gli invitati siano degli zozzi appartenenti a qualche complotto mondiale ciò non rende chi apparentemente non è invitato alle riunioni migliore
4) Critico chi, perchè al governo, attenta alla mia libertà.
5) Il botta e risposta è nato perchè per te era una mia (?) opinione che la cricca al governo abbia appartenuto alla P2 la quale organizzazione stragista non è certo lontana dalle lobby (in primis la NATO) che, stando alle liste, sono degnamente rappresentate al Bilderberg.
6) Se per assurdo Berlusconi, al contrario di Prodi che è membro fisso, fosse inviso al Bilderberg allora 'sto club evidentemente non vale un cazzo

Tianos
Inviato: 4/6/2010 15:04  Aggiornato: 4/6/2010 15:04
Mi sento vacillare
Iscritto: 21/8/2009
Da:
Inviati: 374
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
per le pubblicita adsense è un'arma a doppio taglio.
perche se si parla bene di un posto , magari si ti viene anche volgia di andarci in vacanza...ma chi gira in internet sa di cosa sono capaci ai ceck in e come si comportano...indi vedere la pubblicita ti fa venir voglia....di non andarci se non deportato (e speriamo che non avvenga in futuro, visto che se lo han fatto i nazisti...^^)

Doru
Inviato: 4/6/2010 15:08  Aggiornato: 4/6/2010 15:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 133
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
infatti, più che andare a protestare di fronte al ambasciata di Israele si dovrebbe protestare davanti alle istituzioni dello stato.

Comunque l'ipocrisia di questa cosiddetta "comunità" internazionale si vede benissimo a chi ha un po' di cervello

Non si permette neanche di fare un "inchiesta", cioè far finta che qualcuno si muove.

Certamente un inchiesta non troverebbe nessun colpevole ma non lo fanno lo stesso.

Calvero
Inviato: 4/6/2010 15:45  Aggiornato: 4/6/2010 15:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Ho lavorato per più di sei anni in una grande azienda del Nord Italia. Con molti molti dipendenti, sia a livello impiegatizio sia di manovalanza e subappalti vari, tanto il lavoro che ha da gestire. Con fatturati milionari, ovviamente. Sicuramente non posso fare i conti in tasca alle riunioni dirigenziali delle altissime sfere, ma questa esperienza, insieme a un totale di 23 anni di contributi (per una pensione che non vedrò) per questo bellissimo paese, mi ha smaliziato a dovere.

Nonché, prima di entrarci, avevo contatti con responsabili che viaggiavano ai piani alti, nonché per un lavoro di Polizia Giudiziaria che precedentemente effettuavo, in altro lavoro ancora, nei territori di competenza, mi ha fatto conoscere una buona parte della "filosofia" aziendale...

Per tornare alla metafora, che poi è un analogia più che altro della nostra società in movimento (ma ferma mentalmente), in questa Grande azienda vigono regole invisibili, impalpabili; tanto trasparenti quanto taglienti. Ci sono Direttori, dirigenti, consulenti, vice direttori, responsabili di produzione, Capi turno, assistenti, rappresentanti, settori logistici, operai con compiti di responsabilità, operai semplici, operai di passaggio a contratto, manutentori, colletti bianchi, procacciatori di appalti ...forse, ma forse, li ho detti tutti.

Questa azienda per funzionare, viste le innumerevoli problematiche che la manderebbero nei casini in un nano-secondo - se ognuno direbbe come stanno le cose veramente sugli impatti ambientali, la salute, i comportamenti antisindacali, le cose a nero, le strategie forzate sulla forza lavoro e sullo sfruttamento ... ecc. ecc. non dà ordini ai suoi gerarchi e "sottotenenti"... anzi... NON fa telefonate

Voi credete forse che per tenere a bada un Sistema che comunque è scorretto nel suo insieme, nei confronti di quel mondo operaio, vi siano ordini del giorno distribuiti gerarchicamente? che a seconda delle responsabilità o del "grado" di carriera che si ha o si vuole ottenere, qualcuno che sia sopra di voi venga a dirvi quali regole rispettare per imporre lo Status-quo? Che magari o forse un Capo Turno venga istruito per comportarsi in maniera anti-meritocratica, e che dica cosa imporre o cosa no? che sia anche orale o cartacea, nulla di tutto questo avviene. .... NIENTE DI TUTTO CIO' - NIENTE

..si chiama invece << automatismo della consapevolezza inconscia di cosa e chi comanda >> ("bello" questo termine, passatemelo ..è così, al volo).

Massimo ha scritto:

Citazione:

Non si tratta - come pensa qualcuno - di “telefonare ogni mattina a ciascun direttore di testata nel mondo per dirgli cosa pubblicare”, ma di manipolare gli eventi stessi (chi ci dice che fra gli attivisti non ci fossero agenti infiltrati del Mossad, che hanno prima "spinto" per realizzare la missione, e poi contribuito a creare lo scontro stesso?), in modo da condizionare poi la stampa a seguire ciò che si vuole, invece di ciò che si dovrebbe.



Quando si entra a far parte di una realtà lavorativa di grosso impatto, anche il più gnoccolone si accorge a pelle di come le cose deve gestirle, se non vuole trovarsi fuori dal giro. Chi più chi meno. Sia che tu sia operaio, sia che tu sia capo-turno. Nulla si esplicita dalla Direzione Aziendale, in nessuna forma. Non c'è un direttore che chiama ogni giorno un vice direttore, ma neanche ogni settimana, per imporgli di falsare la realtà a favore di una scorrettezza che porti maggiori profitti; di mettere sotto pressione questo o quell'operaio, per dirne una. Non c'è una vera realtà cospiratrice che fa da padrona per far filare gli ingranaggi come girano. Nel mondo mediatico cosa cambia in analogia? NULLA. Semplicemente sanno chi comanda, e da come gira la realtà intorno alle loro esistenze, capiscono come muoversi, dire, fare, esporre, raccontare, ecc. ecc.

Ho vissuto undici anni nelle forze di Polizia, e anche a contatto con vicende che poi andavano nel contenitore giornalistico, sapevo che la notizia doveva seguire l'onda dello Status-quo.... senza che nessun direttore facesse la telefonata misteriosa. E' un meccanismo a doppia mandata: tu raccontala come credi, e io farò sì che la prossima volta sarai il primo ad averne un altra da raccontare. Io mi faccio bello, a scapito di una piccola alterazione e tu ti fai bello per dare una certa visione. Dai oggi dai domani, il mondo ha una facciata che non lo rappresenta: alterata nella maniera "corretta". Con il beneplacito stesso delle forze dell'ordine, e semplicemente con la loro passività di "non poter" fare niente. Illeciti, tanto, non vengono commessi. E' il giogo. Mi pare che sarebbe anche ingenuo negarsi il fatto che le testate giornalistiche vengono gestite in gran parte da un potere finanziario che fa capo a una precisa "mentalità". Ma non riesco [ mi spiace ma offenderei la mia esperienza personale ], a non riconoscere che questo Giogo ha una precisa mentalità che non pochi studi riconducono a poche Elite. E che indirettamente dà ordini.

Quindi se Mazzucco ha ragione nell'identificare una mancanza di acume e sagacia nell'opera della contestazione che non sà colpire i giusti bersagli, allo stesso tempo non può minimizzare la questione "controllo mediatico" perché anche questo è un falso problema. Il controllo non è gestito dai cattivi di turno alla James Bond, che dicono cosa gli piace e cosa no; ma comunque è gestito. E alla grande. Assolutamente gestito. Non serve la telefonata a dire cosa bisogna scrivere, poiché << il come >> è scritto in un regolamento invisibile, che se non lo fai ....un'altra telefonata arriverà invece, prima o poi.

Come è innegabile che se in questa epoca moderna gli eventi sono stati manipolati alla base, è anche perché un terreno psicologico di apatico assenso è stato coltivato prima. Questo l'inizio (ed è ancora coltivato), per far sì che qualcosa potesse avvenire. Avere cioè il consenso indiretto, da un raggiro mediatico cospirativo. Cospirativo nel senso di come l'ho argomentato. Se è vero che Pearl Harbour è stata manipolata, è vero che prima ancora << un sogno Americano >> idealizzato da una falsa morale era stato montato nel tempo, altrimenti non poteva essere gestita un indignazione popolare.

Rispetto al porsi la domanda << a chi giova? >> ..quale peso ha il Sionismo/ebraico nel mondo della manipolazione televisiva/storico/giornalistica?

Forse ancora prima, l'uomo nuovo non potrà divenire tale se non butta quel telecomando. Come dice Pyter, ha identificato bene qual'è l'unica categoria che se sciopera non arreca danni alla collettività. Ora domandiamoci seriamente, quanto il giornalismo si sia insinuato sotto ogni forma e colore in molti palinsesti, salotti e pseudo-documentari.

Citazione:

Se Francia, Italia, USA, Germania, Gran Bretagna ecc., permettono ad Israele di fare quello che fa, significa che il loro tornaconto è molto più importante di qualunque obbligo civile, politico o morale che si siano mai assunti.



PAROLE SANTE.
...............
..........
.....

E' nato prima l'uovo o la gallina?

Quale volontà? quale cultura sub-umana di idioti ha fatto sì che i burattini potessero fare il loro lavoro di burattini?

Cos'è che rende la gente rincoglionita? Cos'è che la fa salire su una barca della Flottiglia e non fargli capire che hanno confuso la solidarietà con la pragmaticità di dare il giusto percorso a uno scopo sano e onesto?

E queste generazioni, generalizzando, non sono forse foriere di una visione ottusa della realtà che ci circonda? E non è forse fondante quanto, negli ultimi 50 anni, il mezzo mediatico e in primis televisivo abbia "ubriacato" le geometrie che muovono il nostro Sistema?

Che le cose, lo RI-Ri-ripeto stiano evolvendosi verso una nuova speranza è indubbio, ma di fronte a questo briciolo iniziale di imparzialità che il potere mediatico sta guadagnando in nome dell'odience e del profitto non possiamo giustificare la preponderanza totale del mezzo mediatico.

MEDIA-EVENTI-MEDIA ...gli eventi manipolati sono ancora in mezzo alle intenzioni della massa....

..e non EVENTI-MEDIA-EVENTI


...questo, Massimo, è quello che mi sento di sostenere per una parte della tua riflessione.

qual'è il vero problema?

..io credo che non vi sia soluzione

Ovviamente il problema siamo noi. << i vicini di Casa >> . E se gli attivisti si sentono spinti ad agire più in azioni "sconsiderate" ed eroiche (purtroppo), e se gli stessi sono i figli dei miraggi che i problemi si risolvono andando contro i nemici e NON SCAVANDO alla radice, è perché si ritorna sempre al solito problema. L'inganno è gestito proprio nel fomentare un Odio che pare nascere in quei posti lontani. E chi illude la massa di ciò?

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Cleaner
Inviato: 4/6/2010 15:58  Aggiornato: 4/6/2010 15:58
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/10/2006
Da:
Inviati: 402
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Se hanno buttato cadaveri di attivisti in acqua,quelli non erano attivisti.

Ovvero,prima si addestrano degli "agenti segreti" reclutati ad hoc ad infiltrarsi fra i pacifisti e a selezionare chi può essere attivista,cioè disponibile ad una reazione "violenta" per creare il caos.
Al momento giusto vengono date indicazioni dal vero agente segreto su come individuare gli "agenti segreti" nel mezzo ai pacifisti diventati attivisti (un giubbotto particolare,un casco,una fascia,un arma...).
Si abborda la nave,si fanno fuori gli "agenti segreti" facendoli passare per i più violenti e poi si fanno sparire le prove...
e il caos impera

solo così era certa la riuscita del piano:
creare i presupposti per una reazione certa,reagire alla "reazione" ripulendo lo scenario da testimoni scomodi e innescando lo sconcerto mondiale...

peppe75
Inviato: 4/6/2010 16:12  Aggiornato: 4/6/2010 16:12
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/10/2006
Da: London
Inviati: 399
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
vabbè...

alsecret7
Inviato: 4/6/2010 16:46  Aggiornato: 4/6/2010 16:46
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/6/2007
Da:
Inviati: 561
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
ancora nessuno a risposto alla mia domanda perche israele e cosi potente e fa quello che vuole? perche nessun paese a parte uno o due forse non li accusa mai? perche si a paura di uno staterello cosi piccolo? come mai a tutta questa forza tecnologica di armi che nemmeno alcuni paesi piu grandi anno? insoomo chi e israele e che cose? che potere a in mano che ci tengono tutti per le palle?

Kenshiro
Inviato: 4/6/2010 16:49  Aggiornato: 4/6/2010 16:49
Mi sento vacillare
Iscritto: 21/5/2010
Da: Croce del Sud
Inviati: 318
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
La povera gente è sempre quella che paga le conseguenze peggiori


- “perchè” si sia arrivati al punto in cui una flotilla di attivisti è stata costretta a sfidare un blocco navale per portare aiuti a della povera gente? -


Ho trovato un articolo interessante riguardo all impegno dei vari governi per aiutare i più poveri per esempio in Africa...


la comunità internazionale non ha voluto evitare quel problema, significa che non ha nessun interesse a farlo


http://www.ilsussidiario.net/News/Editoriale/2010/5/28/Il-re-degli-aiuti-e-nudo/1/89106/

Mondo marcio!!!
Sinder
Inviato: 4/6/2010 17:05  Aggiornato: 4/6/2010 17:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2009
Da:
Inviati: 256
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
cit.
perche israele e cosi potente e fa quello che vuole?

hitler lo sapeva che gli eletti si sono impossessati di tutto il capitale mondiale.

a parte quello che che faceva affari con lui...

Jurij
Inviato: 4/6/2010 18:01  Aggiornato: 4/6/2010 18:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Caro Sinder provo a rispondere io. Perché Israele è così potente? Allora in Israele vivono 5.5 milioni di ebrei. Quasi altrettanti 5.5 milioni sono presenti negli USA . Negli USA la popolazione è di 300 milioni d’abitanti circa, quindi cosa sono 5.5 milioni su 300? Il problema è che i 5.5 milioni di ebrei comandano gli USA con tutti i suoi abitanti e non ci si può sbagliare perché il governo USA prende sempre le difese d’Israele, anche quando è chiara la mancanza di ragione, come in questo caso dell’ennesimo assassinio premeditato. Gli israeliani possono tutto grazie agli USA e sono abituati ad assassinare qualsiasi persona che gli sta sulle … e questo non di certo solo sul loro territorio, ma ovunque (quanti casi che si potrebbero elencare eh?). Altra cosa il potere da dove viene? Viene dai soldi e soprattutto dalla mentalità di vivere come speculatori per tutta la vita con lo scopo di ammassare ricchezza il più possibile e morire da povero ma con il conto in banca il più alto possibile. E questa mentalità (mixata con una forte superbia e arroganza) viene trasmessa da generazione in generazione. Dove loro aspirano ricchezza si crea della povertà per la mancanza di circolazione dei soldi. Questo era stato anche uno dei fattori scatenanti della persecuzione da parte dei nazisti che ritenevano gli ebrei responsabili di aver strangolato l’economia tedesca. Il problema degli ebrei si trascina da millenni, ancora prima del famoso Gesù. Per risolverlo probabilmente bisognerebbe staccare questi individui dal resto della popolazione in maniera fisica e comunicativa. Solo così potrebbero smettere di fare danni. L’altra soluzione credo che rimarrà per alcuni solo un sogno.

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
Sertes
Inviato: 4/6/2010 18:01  Aggiornato: 4/6/2010 18:01
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Citazione:
ancora nessuno a risposto alla mia domanda perche israele e cosi potente e fa quello che vuole? perche nessun paese a parte uno o due forse non li accusa mai? perche si a paura di uno staterello cosi piccolo? come mai a tutta questa forza tecnologica di armi che nemmeno alcuni paesi piu grandi anno? insoomo chi e israele e che cose? che potere a in mano che ci tengono tutti per le palle?


Hanno tastiere con la H e con l'accento, e a molti questo fa paura.

(scusate, sto seguendo il corso di Linucs)

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Raistlin84
Inviato: 4/6/2010 18:19  Aggiornato: 4/6/2010 18:19
So tutto
Iscritto: 23/3/2010
Da:
Inviati: 16
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
"L'ufficio stampa del governo israeliano ha divulgato per errore un video-farsa proprio sul sanguinoso arrembaggio costato la vita di nove persone. Il video creato da Latma Tv si intitola "Flotilla- We con the world" (Flotilla- Noi inganniamo il mondo) ed è la parodia di "We are the world". Il governo israeliano ha inviato per e-mail il link a una serie di giornalisti, tra cui quelli di BNO News. Ci sono volute quasi tre ore perchè i funzionari israeliani si rendessero conto della gaffe"

Fonte La Repubblica
VIDEO

Ecco cosa trasmettono i media israeliani... qualcuno ha definito israele uno stato democratico... mah... una democrazia molto all'italiana allora, dove le tv difendono il potere.

Comunque in tutto questo casino ho capito perchè gli israeliani (intendo la gente comune) odiano tanto i musulmani, perchè sono esattamente uguali, rivedono in loro se stessi, il proprio fanatismo e terrorismo... e ovviamente non lo sopportano.

Sinder
Inviato: 4/6/2010 19:04  Aggiornato: 4/6/2010 19:04
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2009
Da:
Inviati: 256
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
cit.
Caro Sinder provo a rispondere io...

e io che ho detto?

che hitler aveva capito tutto!

facevo solo notare che il nazismo aveva l'appoggio economico di Standard Oil, General Motors, Ford, IBM, Du Pont, Union Carbide, Westinghouse, General Electric, Goodrich, Singer, Kodak, ITT...

insomma, esistono anche capitalisti gentili

DjGiostra
Inviato: 4/6/2010 19:18  Aggiornato: 4/6/2010 19:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Bravo Massimo !!!! hai colto nel segno !!!

Citazione:
E’ quindi contro i propri gioverni, complici di questa situazione inaccettabile, che dovrebbero rivolgersi le proteste degli attivisti. Costoro invece, nell’assumersi personalmente il compito di risolvere una situazione irrisolvibile, commettono due errori in uno: si espongono ad uno scontro fisico praticamente certo, e offrono ai media mondiali la scusa per spostare sui particolari di quello scontro l’attenzione del grande pubblico, allontanandola dal cuore del problema.


Quoto pienamente questa frase soprattutto.. Pero' non dimentichiamo
che queste persone hanno si commesso 2 errori ma sicuramente
sono da lodare per quello che fanno perche' giusto o sbagliato
almeno loro lo fanno !!!!!!!!!!!!!!!!

Ciao a tutti..
Damiano..

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
AG
Inviato: 4/6/2010 19:47  Aggiornato: 4/6/2010 19:47
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/7/2005
Da: Torino
Inviati: 194
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Citazione:
E’ quindi contro i propri gioverni, complici di questa situazione inaccettabile, che dovrebbero rivolgersi le proteste degli attivisti. Costoro invece, nell’assumersi personalmente il compito di risolvere una situazione irrisolvibile, commettono due errori in uno: si espongono ad uno scontro fisico praticamente certo, e offrono ai media mondiali la scusa per spostare sui particolari di quello scontro l’attenzione del grande pubblico, allontanandola dal cuore del problema.


...è un dubbio che mi tormenta da tempo...
Le associazioni non governative a mio avviso non fanno altro che "tappare il buco" lasciato volontariamente e colpevolmente aperto dai governi nazionali; accudendo i malati, sfamando gli affamati, dissetando gli assetati queste associazioni tamponano la falla nella diga, quella falla che i governi hanno creato...
E' grazie a loro se i malati vengono curati, se chi ha fame e sete trova ristoro...
Ma è a causa loro se quella falla non si allarga oltre il punto di non ritorno: non ci sarà l'inondanzione.
L'inondazione significherebbe rendere evidenti le contraddizioni del capitalismo, ma allo stesso tempo significherebbe il sacrificio di malati, assetati e affamati, a milioni...
Non sono pronto ad essere così cinico, quindi ringrazio le associazioni volontarie non governative che si prodigano per intervenire sempre e comunque e dovunque, ma certo è che questo tarlo non se ne va...
...
...e se nessuno -invece- si prodigasse? Se nessuno intervenisse?
Una strage umanitaria globale saprebbe risvegliare le coscienze di chi dorme?
Perchè non basta mandare un sms solidale per pensare di aver fatto beneficienza...
Occorre andare a monte dei problemi, e sul monte c'è quel "Perchè?"...

alsecret7
Inviato: 4/6/2010 19:53  Aggiornato: 4/6/2010 19:53
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/6/2007
Da:
Inviati: 561
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
ecco forse comincio a capire ecco perche a noi non anno messo ancora le bombe i terroristi, perche siamo amici di israele. ma guarda un po.

Redazione
Inviato: 4/6/2010 20:19  Aggiornato: 4/6/2010 20:23
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
CALVERO: “Mazzucco … non può minimizzare la questione "controllo mediatico" perché anche questo è un falso problema. Il controllo non è gestito dai cattivi di turno alla James Bond, che dicono cosa gli piace e cosa no; ma comunque è gestito.”

Da chi, esattamente?

Tu stesso hai scritto: “Voi credete forse che per tenere a bada un Sistema che comunque è scorretto nel suo insieme, nei confronti di quel mondo operaio, vi siano ordini del giorno distribuiti gerarchicamente? che a seconda delle responsabilità o del "grado" di carriera che si ha o si vuole ottenere, qualcuno che sia sopra di voi venga a dirvi quali regole rispettare per imporre lo Status-quo? Che magari o forse un Capo Turno venga istruito per comportarsi in maniera anti-meritocratica, e che dica cosa imporre o cosa no? che sia anche orale o cartacea, nulla di tutto questo avviene. .... NIENTE DI TUTTO CIO' – NIENTE. ..si chiama invece << automatismo della consapevolezza inconscia di cosa e chi comanda >>"

Io lo chiamo meccanismo autopoietico, ma il concetto è lo stesso.

Redazione
Inviato: 4/6/2010 20:21  Aggiornato: 4/6/2010 20:21
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Ai vari commenti sulla potenza di Israele, io aggiungerei questo: la vera potenza non sta nello stato di Israele, ma nelle lobby ebraiche in USA che lo proteggono.

Calvero
Inviato: 4/6/2010 21:09  Aggiornato: 4/6/2010 21:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
@ Massimo

Citazione:
Da chi, esattamente?


Chi ha tirato giù le Torri Gemelle? tu non me lo puoi dire, non lo puoi asserire. Io nemmeno posso asserirlo. Ma quando sappiamo che a quei livelli i vertici non possono fare finta di niente e questo prevede una certa (per dire un eufemismo) coordinazione ... inevitabile sopraggiunge, che se la versione ufficiale è accettata dal Potere Politico, quel << chi >>, esattamente, non possiamo definirlo, ma c'è.

Ho dovuto fare appello a Google per l' << autopoietico >> mannaggia a te .... ma non sono d'accordo. L'analogia che ho riportato è figlia di questo Sistema, non è parallela. A sua volta questo figlio è debitore del meccanismo piramidale. Concordo con le ricerche di Icke e Hancock/Bauval ...


... ho scritto anche altre cose però. Non solo quel che hai riportato. Per tornare anche al discorso in cui ci siamo già detti altre cose sulla << Televisione >> nell'altro Topic, io credo che si stiano creando delle crepe; e delle fazioni si stanno litigando la Torta, poiché prima potevano farcela [i Sionisti] da soli o quasi. Ora no. Complice un risveglio e la contro-informazione; si sono aggiunti a loro alleati che non hanno la stessa "purezza" e unità di intenti. Ed ecco i casini. I risultati di queste lotte interne, sono le false scelte "libertarie" all'interno della Televisione: questo il cedimento strutturale della cospirazione, a mio vedere.
Questo è il fianco che stanno porgendo alla verità.

Il meccanismo autopoietico non ha fini relegati a fanatismi particolari. Il nodo cruciale è il conflitto Israelo/Palestinese e i confini ideologici col mondo Arabo, che in un certo senso è uno degli ultimi baluardi.

Citazione:
Ai vari commenti sulla potenza di Israele, io aggiungerei questo: la vera potenza non sta nello stato di Israele, ma nelle lobby ebraiche in USA che lo proteggono.


siamo d'accordo mi pare

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Sinder
Inviato: 4/6/2010 21:11  Aggiornato: 4/6/2010 21:15
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2009
Da:
Inviati: 256
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
certo è che israele è comunque una spanna sopra gli altri

in materia di diritto internazionale ne sanno più di chiunque altro

hanno fatto quel che hanno fatto evidentemente perché sanno di non aver violato alcuna legge

guarda qui http://www.jpost.com/International/Article.aspx?id=172630 e poi ridi

questa poi:
After winning, the IDC team received a five-minute standing ovation from the other teams, including those from Iran, Lebanon and Jordan.

redna
Inviato: 4/6/2010 21:12  Aggiornato: 4/6/2010 21:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Citazione:
Ecco come funziona la manipolazione mediatica a livello mondiale. Non si tratta - come pensa qualcuno - di “telefonare ogni mattina a ciascun direttore di testata nel mondo per dirgli cosa pubblicare”, ma di manipolare gli eventi stessi (chi ci dice che fra gli attivisti non ci fossero agenti infiltrati del Mossad, che hanno prima "spinto" per realizzare la missione, e poi contribuito a creare lo scontro stesso?), in modo da condizionare poi la stampa a seguire ciò che si vuole, invece di ciò che si dovrebbe.


http://www.voltairenet.org/article165576.html


Tv turca: i commandos israeliani avevano la missione di uccidere alcune personalità

Secondo la telvisione turca TRT, i commandos della marina israeliana che hanno illegalmente attaccato delle navi civili nelle acque internazionali, il 31 maggio 2010, facendo almeno 16 morti e una cinquantina di feriti gravi, avevano una lista di persone da liquidare nel corso della loro operazione.

EDIT
http://espresso.repubblica.it/dettaglio/mavi-marmara-in-rete-tra-mezze-verita-e-falsi-scoop/2128432&ref=hpstr2

Un altro caso di notizia reperibile in Rete ma dalla scarsa attendibilità riguarda il ritrovamento di una presunta "lista della morte" sul ponte della Mavi Marmara. Si tratterebbe di un documento contenente nome, cognome e ritratto di quei civili presenti sulla flotta che andrebbero, "secondo fonti Turche", uccisi. Le stesse fonti sostengono che i soldati israeliani avrebbero avuto una copia della lista al momento dell'aggressione, che a questo punto diventerebbe un massacro premeditato. Un piano criminale che avrebbe potuto essere portato a compimento nell'ignoranza generale, prosegue la ricostruzione, se solo un soldato non avesse smarrito il documento "durante l'abbordaggio della nave". Le prove tuttavia non sono adeguate alla gravità dell'accusa. Prima di tutto le "fonti Turche" rimangono non specificate, il che dovrebbe – specie in Rete – invitare alla diffidenza. In secondo luogo, il video diffuso insieme alla "notizia", che dovrebbe testimoniare il ritrovamento della "lista della morte", non mostra in realtà che un quaderno con volti e nomi sfuocati, da cui è impossibile dedurne il contenuto. Se davvero gli attivisti fossero entrati in possesso di un documento di tale portata, siamo proprio certi che non ne avremmo saputo che questo?

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
temponauta
Inviato: 4/6/2010 22:24  Aggiornato: 4/6/2010 22:24
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/4/2010
Da:
Inviati: 2040
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Autore: Redazione Inviato: 4/6/2010 20:21:27

Ai vari commenti sulla potenza di Israele, io aggiungerei questo: la vera potenza non sta nello stato di Israele, ma nelle lobby ebraiche in USA che lo proteggono.





Non basta.
La vera potenza sta nel controllo del denaro e dell'informazione nel mondo occidentale da parte delle elites sinarchiche ebraiche, che si traduce in un sistema strutturato di manipolazione della politica e dei poteri nazionali basato sugli strumenti della corruzione, del ricatto e dell'affiliazione nelle consorterie massoniche asservite.

Tato_p2p
Inviato: 5/6/2010 10:33  Aggiornato: 5/6/2010 10:33
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/10/2006
Da: da qui a là.
Inviati: 211
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Caro Massimo,
concordo in pieno che il punto nodale della questione non debbano essere i dettagli,
eppure non vedo totalmente inutile il gesto.
Che avrebbero dovuto fare, a tuo avviso gli "attivisti"?
Mettersi con qualche cartello sotto un'anonima ambasciata, finchè, stufi, tutti a casa o finchè qualcuno non li forzi ad andarsene, magari nel silenzio mediatico?
E comunque quel che è fatto è fatto: siamo obiettivi, che si puo' fare ORA?

Non puo' questa diventare l'occasione per denunciare SERIAMENTE quanto accade, senza "consigliare" agli "attivisti" cosa fare, ma cercando invece di mostrare seriamente i veri aspetti della questione?

CIT.: "Lo ripeto: allontanandola dal cuore del problema. Se qualcuno cercasse il cui prodest, potrebbe anche averlo trovato."

Ribadisco, perchè "aspettare" questo qualcuno, quando possiamo essere "noi"? (E forse qui si ricongiungono i nostri pensieri o almeno me lo auguro... :) )

"...oggi la malattia fa passi da gigante!"
"Quella è la medicina!"
"Vabbè, diciamo che camminano di pari passo, dottore..." -dal film "La matassa" -
Imer
Inviato: 5/6/2010 12:09  Aggiornato: 5/6/2010 12:09
So tutto
Iscritto: 2/5/2008
Da:
Inviati: 21
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Te lo dico io perchè la gente va a portare "a mano" gli aiuti e non protesta: perchè le proteste non servono a niente. Non prendiamoci per il culo, a cosa è servito finora protestare? Ricordo che il movimento per la "pace" ha MISERAMENTE FALLITO gli unici che hanno guadagnato qualcosa son stati i fabbricanti di bandiere.
Almeno loro nel loro piccolo hanno tentato di portar aiuti tangibili ai palestinesi, non "proteste" che son poco commestibili e non costruiscono abitazioni. Se vogliamo "protestare" allora è meglio darsi una mossa anche rapida e cambiare l'incisività dell'azione, non sarà incatenandoci ai cancelli che li convinceremo a cambiare.

C'è bisogno di 2 cose : 1° che cambi la mentalità della gente, perchè son tutti buoni a dire che son dei bastardi ma bisogna vedere cosa farebbero loro al loro posto... diciamo che son dell'idea che gli umani stanno "raccogliendo" quello che meritano, mi spiace solo per piante ed animali.
2° se si va a protestare bisogna essere determinati e non fermarsi con 2 lacrimogeni se no è meglio andar a prender margherite e tentare di far capire alle forze dell'ordine stesse che siamo sulla stessa barca, ed al posto di scannarsi a vicenda andare tutti assieme da quelle poche migliaia di bastardi che controllano il mondo (ognuno al suo paese ovvio) e spiegargli gentilmente che hanno finito di fare quello che gli pare.

Il problema alla fine è tutto qui, parlarne solo su internet è INUTILE, bisogna avere i coglioni di far qualcosa, o almeno iniziare a parlarne, credevo che siti come questo servissero anche a questo, ma forse quelli che la pensano come me son morti poco dopo il 1848...

Raistlin84
Inviato: 5/6/2010 17:26  Aggiornato: 5/6/2010 17:26
So tutto
Iscritto: 23/3/2010
Da:
Inviati: 16
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Io ho un'ipotesi,azzardata e magari sbagliata, però vedendo un po' come si muovono le cose, mi verrebbe da dire che Israele vuole la guerra.
Mi spiego, Israele nonostante la sua forza è ormai logorato da questa guerriglia fatta nei suoi confronti, e credo non sappia nemmeno più come gestirla, poichè le azioni militari viste le palesi differenze di forza in gioco ogni volta che vengono compiute lo affossano mediaticamente (vedi Piombo Fuso). Certo hanno talmente tanti appoggi che bene o male riescono ancora a giustificarle, ma sanno di non poter andare oltre. Il popolo palestinese è ormai ridotto allo stremo e un'azione condotta per prendere gli ultimi territori sarebbe la bara mediatica israeliana. C'è solo una cosa che permetterebbe loro di prendere tutto e far cappotto in un colpo solo rimanendo illibati, una bella guerra in medio-oriente, con ben altre forze in gioco. Se altri stati come Iran, meno probabile ma anche Turchia, Libano o Siria (in verità quest'ultimi due stati non credo che da soli promuoverebbero mai un'azione contro Israele) dassero il via ad un vero e proprio scontro, Israele potrebbe sedere al tavolo dei vincitori e prendersi tutti i territori palestinesi più qualche interesse. A quel punto sarebbe solo una cosa all'interno del proprio stato e con una pulizia etnica riuscirebbero ad estinguere i palestinesi.
Certo nell'eventualità di una guerra dovrebbe vincerla, e credo che contro l'Iran avrebbe l'appoggio di quasi tutto il mondo occidentale. Contro la Turchia a due passi dai confini di eurolandia??? Che succederebbe??? Ci schieriamo contro un paese con cui confiniamo??? La Grecia potrebbe non esser troppo favorevole... Ah già ma la Grecia vuole fallire o no? Direi di no... Ok pieno supporto ad Israele.

Jurij
Inviato: 5/6/2010 17:27  Aggiornato: 5/6/2010 17:27
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Ok Imer, pienamente d'accordo con te, ma la domanda è cosa proponi di fare?
Quale azione concreta secondo te porterebbe ad un vero cambiamento?

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
Dam
Inviato: 6/6/2010 1:23  Aggiornato: 6/6/2010 1:23
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/12/2009
Da: Roma
Inviati: 78
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Massimo, sta pubblicità "Israele, un paese, un altro mondo: volo + soggiorno 699 €" fa un po' senso sopra sto post

VIPER
Inviato: 6/6/2010 9:24  Aggiornato: 6/6/2010 9:24
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/6/2009
Da:
Inviati: 557
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Gaffe di Israele

Alla faccia della gaffe...

Il video satirico

Fate Vobis...

peonia
Inviato: 6/6/2010 9:35  Aggiornato: 6/6/2010 9:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
SARA' CHE ORMAI VEDO TUTTO IN CHIAVE COMPLOTTISTICA....PERO' A ME STO ESTULIN PUZZA TANTO...
UNO CHE RIESCE AD ENTRARE NEL CLUB BILDERBERG, NE DIFFONDE LA "VERA" STORIA, NON GLI ACCADE NULLA, E' OSANNATO DA BORGHEZIO.....UHMMMMM.

QUANDO, TEMPO FA, INIZIAI E VEDERE UNA SUA INTERVISTA E DISSE CHE GLI EBREI NON C'ENTRANO NULLA.....HO SMESSO DI VEDERLA E HO SENTITO CHE MENTIVA...PER ME FA IL DOPPIO GIOCO (SE NON TRIPLO), STA' LI APPOSTA PER DIRCI QUELLO CHE DOBBIAMO PENSARE E NON A PROPOSITO DI BILDERBERG, ILLUMINATI, ECC....QUELLO CHE VOGLIONO LORO!

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
mangog
Inviato: 6/6/2010 10:32  Aggiornato: 6/6/2010 10:41
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 5/1/2007
Da:
Inviati: 2857
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Ma a chi "serve" Israele? Io vorrei capirlo una volta per tutte.. serve ai rabbini che bramano la terra promessa ? è stato un tentativo di liberare il mondo "occidentale" da una fastidiosa presenza creando artificialmente un posto dove metterli ? ( In casa di altri, anche se gli arabi mi stanno sui coglioni per il loro ossessionante modo di mercanteggiare , - ma poco importa visto che "gli altri" oltre che mercanteggiare hanno fatto dell'usura un'arte, per non dire della fine che hanno fatto fare a Gesù... ).
Cosa avevano in mente gli Inglesi Cristiani a quel tempo ?...
Una volta gli ebrei "servivano" perche qualcuno doveva pur esserci per poter fare uno sporco lavoro come l'usura ( Ogni città che si rispettava doveva avere il suo disprezzato e necessario ghetto ).. ma oggi ? (visto cosa ha combinato la finanza creativa.. è quasi una domanda retorica )

Raistlin84
Inviato: 6/6/2010 15:19  Aggiornato: 6/6/2010 15:19
So tutto
Iscritto: 23/3/2010
Da:
Inviati: 16
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
(Cipro, 6 giugno 2010) L'IDF ha ammesso oggi in un comunicato stampa che hanno modificato le registrazioni audio delle comunicazioni con la Freedom Flotilla in modo da presentare i passeggeri come antisemiti.

Però, i loro commenti sono tuttavia privi di senso anche con la spiegazione: “Questa trasmissione ha inizialmente citato la nave Mavi Marmara come fonte dei commenti, invece, a causa di un canale aperto, non è stato possibile identificare la nave o le navi specifiche della 'Freedom Flotilla' che rispondevano alla Marina israeliana.

Durante le trasmissione radio tra la Marina israeliana e le navi della “Free Gaza” Flotilla il 31 maggio 2010, una nave della Marina israeliana cerca di mettersi in contatto con la ‘Defne Y’ sul canale 16. Altre navi della flotilla rispondono sul canale, senza identificarsi. A un certo punto durante lo scambio via radio, è stato detto alla Marina israeliana da parte di una delle navi di “chiudi la bocca, torna a Auschwitz” (2:05) e “non dimenticare l'11 settembre. (5:42).”

Secondo il capitano della nave Challenger 1, Denis Healey, un uomo con 25 anni di esperienza a mare, non c'è nessuno modo in cui alcuni possono comunicare fra di loro senza che la flotta intera ascolti lo scambio. “Non c'è stato nessuno scambio di questo tipo da parte di nessuno su qualsiasi delle navi durante tutto il tempo in cui io stavo pilotando la nave,” ha detto Denis.

Huwaida Arraf, la donne che si sente sulla radio, conferma. “Il canale aperto è sempre aperto, e tutti sanno chi sta sulla radio”.

Tutte le trasmission radio a mare sono ascoltate da tutti i capitani. Ancora una volta, è stata scoperta una menzogna di Israele mentre cerca di difendersi per gli omicidi e il caos che ha causato la mattina del 31 maggio 2010.

IDF Spokesperson

Mascherano il loro crimini sfruttando il discorso dell'antisemitesmo... Sfruttano il vittimismo... In verità sono dei carnefici.

mike57
Inviato: 6/6/2010 15:19  Aggiornato: 6/6/2010 17:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/3/2008
Da: savoia di lucania
Inviati: 90
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Vado fuori tema:
L' Ecuador dichiara illegale il suo debito estero.
http://ilmuraglione.splinder.com/post/22834755/l-ecuador-e-il-debito-estero
L'Ungheria sarà la prossima?

Redazione
Inviato: 6/6/2010 17:25  Aggiornato: 6/6/2010 17:25
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
LE PUBBLICITA' SONO AUTOMATICHE. NON LE SCEGLIAMO NOI.

Imer
Inviato: 7/6/2010 1:58  Aggiornato: 7/6/2010 1:58
So tutto
Iscritto: 2/5/2008
Da:
Inviati: 21
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Citazione:
Autore: Jurij Inviato: 5/6/2010 17:27:23
Ok Imer, pienamente d'accordo con te, ma la domanda è cosa proponi di fare? Quale azione concreta secondo te porterebbe ad un vero cambiamento?


Io un'idea c'è l'ho, non è molto "convenzionale", ma ve la espongo.
Si basa sul principio che se anche le nostre azioni son gocce nel mare, il mare resta fatto di gocce...
Mi spiego meglio, la prima e più importante cosa da fare è voler cambiare noi stessi, bisogna imparare ad analizzare in modo obbiettivo come viviamo e cambiare i comportamenti negativi anche se molto spesso sono i più "comodi" con altri giusti, per esempio pensate a cosa fareste (sinceramente) se foste un politico a cui offrono alcuni milioni di € per farsi fare una legge ad hoc, resistereste alla tentzione? Questo è quello che bisogna imparare in primis, non solo rivolto alla politica ma a tutto : bisogna smettere di pensare solo a se stessi, imparere a pensare le nostre azioni in un contesto più ampio, immaginare "cosa succederebbe se facessero tutti così?" per capire se sia il caso di fare o no una determinata cosa, scegliendo secondo giustizia, dallo scegliere se rubare una macchina, buttare una cartaccia, inquinare e chi più ne ha più ne metta. Scegliere secondo coscienza & giustizia e non per profitto o pigrizia. Così pian piano diventeremo 1 goccia più "positiva", nel mare che vogliamo cambiare; nel contempo confrontarsi con chi si conosce per tentare di fargli capire quanto sia importante VOLER CAMBIARE in MEGLIO, e se anche solo 1 dei vostri conoscenti farà altrettanto avrete dato un contributo significativo (oltre al vostro) per far cambiare il "mare"...

Scusate se son stato molto generico ma è un problema generale, dalla società, all'ambiente, al nostro stile alimentare e ci vorrebbero paginate di info, vi invito a informarvi e leggere molto se già non lo fate che la rete è piena di informazioni utili a vivere secondo Natura, che è anche l'unico modo di salvarci come specie ...

desbouvet
Inviato: 7/6/2010 8:52  Aggiornato: 7/6/2010 8:52
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da:
Inviati: 541
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Porteremo una carrozzella a Napolitano, allora. E anche farmaci, riso e cemento pronto. Andiamo in treno e scendiamo a Roma Termini tra ali di folla.

desbouvet
Inviato: 7/6/2010 14:52  Aggiornato: 7/6/2010 14:52
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da:
Inviati: 541
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Inutilmente provocatorio verso Capitano Mio Capitano (muratore napoletano), sorry...

La mia vera risposta al problema sollevato da Mazzucco, nel mio commento delle 14:09 al post successivo a questo, di Cedolin (evito di ripostare qui).

Jurij
Inviato: 7/6/2010 22:37  Aggiornato: 7/6/2010 22:37
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/11/2009
Da: Galvatron
Inviati: 2359
 Re: Il trucco è sempre lo stesso
Citazione Imer:

"bisogna smettere di pensare solo a se stessi, imparere a pensare le nostre azioni in un contesto più ampio, immaginare "cosa succederebbe se facessero tutti così?" per capire se sia il caso di fare o no una determinata cosa, scegliendo secondo giustizia, dallo scegliere se rubare una macchina, buttare una cartaccia, inquinare e chi più ne ha più ne metta. Scegliere secondo coscienza & giustizia e non per profitto o pigrizia. Così pian piano diventeremo 1 goccia più "positiva", nel mare che vogliamo cambiare; nel contempo confrontarsi con chi si conosce per tentare di fargli capire quanto sia importante VOLER CAMBIARE in MEGLIO, e se anche solo 1 dei vostri conoscenti farà altrettanto avrete dato un contributo significativo (oltre al vostro) per far cambiare il "mare"..."

Penso che in fondo stia proprio tutto in quello che hai scritto. Un po' come la canzone di Tozzi "Gli altri siamo noi".

Dove ci sono attentati ci sono servizi segreti.

Non scarto mai nessuna ipotesi perché un domani potrebbe andare a sostegno di un'altra rendendola così più possibile.

Chi ha le competenze (potere di decidere) ha le responsabilità.
astro7
Inviato: 19/6/2010 0:41  Aggiornato: 19/6/2010 0:41
Mi sento vacillare
Iscritto: 27/11/2007
Da: questa sconosciuta terra di mezzo
Inviati: 472
 Re: Il trucco è sempre lo stesso


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA