Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


Commenti Liberi : Commenti liberi
Inviato da Redazione il 12/5/2010 8:29:54 (6190 letture)

Commenti liberi e segnalazioni degli utenti sulle notizie più recenti.

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Siudal
Inviato: 12/5/2010 8:36  Aggiornato: 12/5/2010 8:36
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/5/2007
Da:
Inviati: 70
 Re: Commenti liberi
http://www.pclavoratori.it/files/index.php?c3:o1759:e1

UN PIANO SALVA BANCHIERI CONTRO I SALARIATI (11 Maggio 2010)
comunicato stampa di Marco Ferrando

Il piano varato a Bruxelles ha come fine ultimo quello di proteggere le banche continentali, addossando ai salariati i costi dell’operazione. Il capitalismo europeo sa offrire solo sacrifici al mondo del lavoro. Prima per entrare nell’Euro, a vantaggio di banchieri e grandi imprese. Poi per finanziare il salvataggio pubblico di banchieri e grandi imprese, di fronte alla crisi provocata dalle loro truffe e rapine. Infine per finanziare il salvataggio pubblico di Stati indebitatisi ( per pagare le banche), e garantire loro di poter pagare.. i banchieri acquirenti dei propri titoli di Stato. Gli interessi delle Banche, a scapito dei salariati, sono l’alfa e l’omega dell’Europa capitalista. L’altare sul quale si celebra in ogni paese l’unità nazionale tra governi e “opposizioni”. L’unità nazionale che si sta celebrando in Italia tra Berlusconi, Bossi, Bersani, Casini attorno all’ennesimo programma annunciato di “lacrime e sangue” per i lavoratori italiani, deve incontrare la risposta unita e radicale delle sinistre politiche e sindacali. Attraverso la preparazione di un vero sciopero generale continuativo che blocchi, con la forza di massa, il varo del piano. In prospettiva, solo un Europa socialista che espropri i banchieri può porre fine al calvario degli operai italiani ed europei

Roma, 11 Maggio
MARCO FERRANDO- PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI (PCL)

info@pclavoratori.it

“Uno degli effetti veramente negativi della religione è che si insegna a considerare una virtù il pascersi della propria ignoranza.” Richard Dawkins, The God Delusion.
RobertoCH
Inviato: 12/5/2010 9:39  Aggiornato: 12/5/2010 9:39
So tutto
Iscritto: 8/3/2009
Da:
Inviati: 4
 Re: Commenti liberi
È mio dovere trasmettervi questa informazione

Data: 07.05.2010 10.08

La scrittrice albanese Elvira Dones ha scritto questa lettera aperta al premier Silvio Berlusconi in merito alla battuta del Cavaliere sulle "belle ragazze albanesi".
In visita a Tirana, durante l'incontro con Berisha, il premier ha attaccato gli scafisti e ha chiesto più vigilanza all'Albania. Poi ha aggiunto: "Faremo eccezioni solo per chi porta belle ragazze".

Oggetto: Lettera aperta della scrittrice albanese Elvira Dones NATA FEMMINA.

Egregio Signor Presidente del Consiglio, le scrivo su un giornale che lei non legge, eppure qualche parola gliela devo, perché venerdì il suo disinvolto senso dello humor ha toccato persone a me molto care: "le belle ragazze albanesi".
Mentre il premier del mio paese d'origine, Sali Berisha, confermava l'impegno del suo esecutivo nella lotta agli scafisti, lei ha puntualizzato che "per chi porta belle ragazze possiamo fare un'eccezione."
Io quelle "belle ragazze" le ho incontrate, ne ho incontrate a decine, di notte e di giorno, di nascosto dai loro magnaccia, le ho seguite da Garbagnate Milanese fino in Sicilia. Mi hanno raccontato sprazzi delle loro vite violate, strozzate, devastate.
A "Stella" i suoi padroni avevano inciso sullo stomaco una parola: puttana.
Era una bella ragazza con un difetto: rapita in Albania e trasportata in Italia, si rifiutava di andare sul marciapiede. Dopo un mese di stupri collettivi ad opera di magnaccia albanesi e soci italiani, le toccò piegarsi.
Conobbe i marciapiedi del Piemonte, del Lazio, della Liguria, e chissà quanti altri.
E' solo allora - tre anni più tardi - che le incisero la sua professione sulla pancia: così, per gioco o per sfizio.
Ai tempi era una bella ragazza, sì.
Oggi è solo un rifiuto della società, non si innamorerà mai più, non diventerà mai madre e nonna.
Quel puttana sulla pancia le ha cancellato ogni barlume di speranza e di fiducia nell'uomo, il massacro dei clienti e dei protettori le ha distrutto l'utero.
Sulle "belle ragazze" scrissi un romanzo, pubblicato in Italia con il titolo "Sole bruciato". Anni più tardi girai un documentario per la tivù svizzera: andai in cerca di un'altra bella ragazza, si chiamava Brunilda, suo padre mi aveva pregato in lacrime di indagare su di lei.
Era un padre come tanti altri padri albanesi ai quali erano scomparse le figlie, rapite, mutilate, appese a testa in giù in macellerie dismesse se osavano ribellarsi. Era un padre come lei, Presidente, solo meno fortunato. E ancora oggi il padre di Brunilda non accetta che sua figlia sia morta per sempre, affogata in mare o giustiziata in qualche angolo di periferia. Lui continua a sperare, sogna il miracolo.
E' una storia lunga, Presidente... Ma se sapessi di poter contare sulla sua attenzione, le invierei una copia del mio libro, o le spedirei il documentario, o farei volentieri due chiacchiere con lei.
Ma l'avviso, signor Presidente: alle battute rispondo, non le ingoio.
In nome di ogni Stella, Bianca, Brunilda e delle loro famiglie queste poche righe gliele dovevo.
In questi vent'anni di difficile transizione l'Albania s'è inflitta molte sofferenze e molte ferite con le sue stesse mani, ma nel popolo albanese cresce anche la voglia di poter finalmente camminare a spalle dritte e testa alta.
L'Albania non ha più pazienza né comprensione per le umiliazioni gratuite.
Credo che se lei la smettesse di considerare i drammi umani come materiale per battutacce da bar a tarda ora, non avrebbe che da guadagnarci.
Questa "battuta" mi sembra sia passata sottotono in questi giorni in cui infuria la polemica Bertolaso , ma si lega profondamente al pensiero e alle azioni di uomini come Berlusconi e company, pensieri e azioni in cui il rispetto per le donne é messo sotto i piedi ogni giorno, azioni che non sono meno criminali di quelli che sfruttano le ragazze albanesi, sono solo camuffate sotto gesti galanti o regali costosi.
Mi vergogno profondamente e chiedo scusa anch'io a tutte le donne albanesi.
Merid Elvira Dones

"PS.: Tutte le persone che ricevono la presente comunicazione spero sentano l'obbligo civile e morale di trasmetterla ad altre persone.
/grazie Elvira/

Sì, è vero, ne sento l'obbligo civile e morale.

RobertoCH
imike
Inviato: 12/5/2010 10:35  Aggiornato: 12/5/2010 10:35
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/1/2008
Da: Milano
Inviati: 85
 Re: Commenti liberi
in questo periodo si sta celebrando la conquista dell'Italia da parte dei Savoia, anche detta Unità d'Italia.

Qui uno stralcio da un libro che descrive questa guerra di conquista.

granma
Inviato: 12/5/2010 11:10  Aggiornato: 12/5/2010 11:10
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2009
Da:
Inviati: 34
 Re: Commenti liberi
Un airbus 300 è espoloso poco prima dell'atteraggio http://it.notizie.yahoo.com/7/20100512/twl-libia-al-arabiya-aereo-e-esploso-poc-09e26cd.html
PS. Ma della vicenda dell'aereo dell'airfrance non ci sono state più novità?

cirocat
Inviato: 12/5/2010 11:56  Aggiornato: 12/5/2010 11:56
Ho qualche dubbio
Iscritto: 31/7/2007
Da:
Inviati: 157
 Re: Commenti liberi
In questi giorni si sta consumando l'ennesimo disastro ecologico causato da incidente su una piattaforma petrolifera, la Louisiana ,il mare ,gli ecosistemi e le specie animali come al solito pagheranno cara la stupidità di chi è stato certamente (e non possiamo dubitarlo se lo dice il cicap) 40 anni fa sulla luna , ma che oggi, non riesce a chiudere neanche un rubinetto in fondo al mare.
La cosa più disarmante è il senso di impotenza ed improvvisazione che trasmettono questi criminali senza validi ed efficienti piani d'emergenza, costruendo campane per chiudere una falla o andando per tentativi con robot, ma si sa noi siamo bravi solo con lo spazio profondo non certo con il mare.

seraficus
Inviato: 12/5/2010 12:05  Aggiornato: 12/5/2010 12:05
So tutto
Iscritto: 15/5/2008
Da:
Inviati: 6
 Re: Commenti liberi
La sciagura dell' Airbus 330 volo numero 771
Che strano ... in questo caso nel video del disastro pare che ci siano i rottami dell'aereo...

granma
Inviato: 12/5/2010 12:23  Aggiornato: 12/5/2010 12:23
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2009
Da:
Inviati: 34
 Re: Commenti liberi
Citazione:
Che strano ... in questo caso nel video del disastro pare che ci siano i rottami dell'aereo...

A cosa ti riferisci?!?! All'aereo dell'airfrance? O agli aerei dell'11 settembre?

temponauta
Inviato: 12/5/2010 13:16  Aggiornato: 12/5/2010 13:16
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/4/2010
Da:
Inviati: 2040
 Re: Commenti liberi
In connessione con il disastro delle piattaforma petrolifera BP al largo della Louisiana, circola una previsione "canalizzata" che annuncia un terremoto di magnitudo > 9,4 richter in Messico (centro-nord) con notevoli danni anche per l'effetto di grandi tsunami.
Il premonitore ha fissato l'evento in data 14 maggio, ma dice che è ammissibile uno scarto di 24 H prima o dopo quella data.
Staremo a vedere.

a_mensa
Inviato: 12/5/2010 13:22  Aggiornato: 12/5/2010 13:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Commenti liberi
ho già postato questo link sul precedente 3d.
ritengo che una platea più ampia dei soli interessati alle questioni economiche debbano visionarlo.
è una questione di civiltà............ quella che manca!

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=7038&mode=&order=0&thold=0

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
a_mensa
Inviato: 12/5/2010 13:33  Aggiornato: 12/5/2010 13:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Commenti liberi
@ RobertoCH
grazie per la sentita testimonianza.

chissà cosa pensano gli "innamorati" di quella merda d'uomo che fa il presidente del consiglio, sostenuto da altrettanti suoi simili ?
certo che se non lo dice la televisione, loro "non sanno" !!!!

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
cct
Inviato: 12/5/2010 13:36  Aggiornato: 12/5/2010 13:36
Mi sento vacillare
Iscritto: 1/2/2006
Da: Lago Maggiore near Swiss
Inviati: 480
 Re: Commenti liberi
La Romania forse vicina ad un'altra rivoluzione, ma stavolta sara' fatta dal popolo.

In Romania lo stipendio medio si aggira sui 250 euro,le pensioni possono essere anche di soli 150 euro, dopo gli sbagli del governo negli ultimi anni l'FMI ha imposto misure drastiche per elargire altri finanziamenti.

Dopo varie dichiarazioni tra cui passare l'iva dal 19 al 25 per cento, Basescu ieri ha ufficialmente dichiarato che per risolvere il deficit finanziario della nazione a partire dal 1 giugno tutti gli stipendi degli statali diminuiranno del 25 per cento e tutte le pensioni e sussidi di disoccupazione del 15 per cento, le cure mediche in ospedale saranno drasticamente tagliate e indirizzate solo ai casi gravi, per il momento l'iva restera al 19 per cento.

Da quello che leggo sui vari forum romeni prevedo sommosse popolari a breve termine.

http://www.ziar.com/articol-din-ziar.php3?id_syndic_article=1904795

Proteste in Bucarest e nel paese: scontri tra polizia e pensionati.....

"chentu concasa, dughentos corros"
peppe75
Inviato: 12/5/2010 13:47  Aggiornato: 12/5/2010 13:49
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/10/2006
Da: London
Inviati: 399
 Re: Commenti liberi
@RobertoCH

cosa c'entra la battuta di Berlusconi con le donne mutilate??

smettete di bervi la stupida propaganda di Repubblica, fa male alla salute e al senso critico.


edit: era un consiglio, mica un ordine! :)

masmor
Inviato: 12/5/2010 14:24  Aggiornato: 12/5/2010 14:24
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/10/2008
Da: pianeta verde
Inviati: 66
 Re: Commenti liberi
Nuove armi sperimentate a Gaza: popolazione a rischio mutazioni genetiche
Biopsie delle vittime condotte in tre università: Roma, Chalmer (Svezia) e Beirut (Libano)
COMUNICATO STAMPA
http://www.newweapons.org/files/20100511pressrelease_ita.pdf

a_mensa
Inviato: 12/5/2010 15:15  Aggiornato: 12/5/2010 22:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Commenti liberi
@ peppe75

Citazione:
cosa c'entra la battuta di Berlusconi con le donne mutilate??


e dov'è che trovi questa relazione ?

io ho fatto un commento pesante sull'uomo Berlusconi, in un post e in un altro ho dato un link che riguarda le donne irakene.

se alludi invece alle ragazze albanesi, rapite, stuprate, mutilate e buttate sul marciapiede qui in italia, dopo esser state "contrabbandate" su gommoni o dentro gli autoarticolati, allora non sai come arrivano qui in italia.
o forse non sai che le uniche belle ragazze albanesi che vengono in italia sono quelle buttate sui marciapiedi ?

la battutaccia di >Berlusconi ha questo sapore, se non lo capisci da solo:


fermate gli uomini, tutti, lavortatori e delinquenti, ma lasciate pure venire le prostitute (di loro o non spontanea volontà)

ti pare un commento da uomo di stato ? a me pare nemmeno da "uomo" decente. ma solo da gran puttaniere, mezzo-uomo ormai frustrato dall'impotenza


questo è un 3d di "commenti liberi" per cui non ci deve essere relazione tra un post e un altro, non ti pare ? o hai messo anche tu il cervello all'ammasso

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
a_mensa
Inviato: 12/5/2010 15:38  Aggiornato: 12/5/2010 15:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Commenti liberi
avevo proposto a massimo di aprire un 3d con la seguente domanda.
ma evidentemente Massimo non è cattivo abbastanza, quindi ci provo io.

di fronte ad un tavolo, ti fornisco un metro a nastro e ti chiedo di misurarne la lunghezza.
accuratamente svolgi il metro,fissi il suo inizio a inizio tavolo, osservi bene a cosa corrisponde la fine del tavolo stesso, e rispondi "1 metro e 20".
io ti chiedo " sei certo ?" e tu affermi di si.
chi si sente di affermare, oltre ogni ragionevole dubbio, che sia una risposta esatta ?

questa risposta fa il paio con :"cosa sono gli imprevisti ?". risposta: semplicemente gli eventi spiacevoli contro i quali non abbiamo predisposto delle contromisure, che magari abbiamo anche previsto, ma ..........

vi avverto che dietro a questa banale prova, c'è tutto un modo di pensare, osservare la realtà che ci circonda, ragionare e dedurre.
chi ne è consapevole ?

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
HomSapiens
Inviato: 12/5/2010 16:52  Aggiornato: 12/5/2010 16:52
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/1/2010
Da:
Inviati: 123
 Re: Commenti liberi
salve a tutti, volevo riportare questa notizia:

http://www.ufoonline.it/2010/05/04/cerchio-nel-grano-a-bagnolo-brescia-solo-una-ragazzata/

dopo aver per caso sentita questa:

http://www.ingmattia.eu/2010/05/07/cerchi-nel-grano-a-fontana-frazione-di-rubiera-crop-circles/

la distanza temporale è vicina
qualcuno ne sa di più?

cnj
Inviato: 12/5/2010 19:44  Aggiornato: 12/5/2010 19:44
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da: Romagna
Inviati: 795
 Re: Commenti liberi
Riaperto il caso Pasolini

http://www.youtube.com/watch?v=OSdTFcf8qu0

Francesco Gatti intervista l'avvocato Guido Calvi. Su una dichiarazione di Dell'Utri si riapre il caso.(RaiNews24)

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. Nikola Tesla
epicureo99
Inviato: 12/5/2010 20:13  Aggiornato: 12/5/2010 20:13
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/1/2005
Da: Bonastre
Inviati: 150
 Re: Commenti liberi
@ HomSapiens

Dalle foto del primo link non si vede molto ma dai commenti di chi è stato sul posto si deduce di più, soprattutto se è vero che in quella notte stesse piovendo....

Sul secondo, un altro link nei commenti porta a foto dall'alto e devo dire che di così non ne avevo mai visti: completamente irregolare nel disegno ma comunque con contorni decisamente strani per essere provocati da acqua e vento.
Escluderei però l'ipotesi di un impronta di una qualsiasi cosa venuta dall'alto vista la presenza dei tralicci e dei cavi della corrente che sembrano intatti....

Cuando la violencia es esclusiva del estado, tod@s somos terroristas
Cinqui
Inviato: 12/5/2010 21:25  Aggiornato: 12/5/2010 21:25
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/3/2006
Da:
Inviati: 227
 Re: Commenti liberi
Citazione:
Autore: a_mensa Inviato: 12/5/2010 15:38:21
1- di fronte ad un tavolo, ti fornisco un metro a nastro e ti chiedo di misurarne la lunghezza. accuratamente svolgi il metro,fissi il suo inizio a inizio tavolo, osservi bene a cosa corrisponde la fine del tavolo stesso, e rispondi "1 metro e 20". io ti chiedo " sei certo ?" e tu affermi di si. chi si sente di affermare, oltre ogni ragionevole dubbio, che sia una risposta esatta ?

2- questa risposta fa il paio con :"cosa sono gli imprevisti ?". risposta: semplicemente gli eventi spiacevoli contro i quali non abbiamo predisposto delle contromisure, che magari abbiamo anche previsto, ma .......... vi avverto che dietro a questa banale prova, c'è tutto un modo di pensare, osservare la realtà che ci circonda, ragionare e dedurre. chi ne è consapevole ?


Non mi è chiaro dove te voglia arrivare.

nel primo caso direi che non sei sicuro dello strumento, e quindi di quello che misuri con esso.

nel secondo caso, boh..la cosa mi è ancora meno chiara.
Mi vien da dire che se è un imprevisto, le contromisure non le hai proprio...

però credo di non avere chiaro il discorso...

"Una bella donna non è colei di cui si lodano le gambe o le braccia, ma quella la cui bellezza complessiva è tale da togliere la possibilità di ammirare le singole parti..." - Seneca - .
temponauta
Inviato: 12/5/2010 22:34  Aggiornato: 12/5/2010 22:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/4/2010
Da:
Inviati: 2040
 Re: Commenti liberi
@ a_mensa

Il primo pesce ha abboccato.

epicureo99
Inviato: 12/5/2010 22:38  Aggiornato: 12/5/2010 22:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/1/2005
Da: Bonastre
Inviati: 150
 Re: Commenti liberi
Ricordo che qualche tempo fa, parlando di scie chimiche, qualcuno era alla ricerca di testimonianze cinematografiche.

Io ne ho appena viste ieri notte guardando "Betty Blue" o "37°2 le matin" dove in un'inquadratura si vedono chiaramente 2 scie chimiche e in un'altra ce ne è probabilmente un pezzetto...
La prima, più chiara, è nella prima parte del film....non mi sono segnato il minuto e devo riguardarlo

Cuando la violencia es esclusiva del estado, tod@s somos terroristas
redna
Inviato: 12/5/2010 22:50  Aggiornato: 12/5/2010 22:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Commenti liberi
Citazione:
In connessione con il disastro delle piattaforma petrolifera BP al largo della Louisiana, circola una previsione "canalizzata" che annuncia un terremoto di magnitudo > 9,4 richter in Messico (centro-nord) con notevoli danni anche per l'effetto di grandi tsunami.
Il premonitore ha fissato l'evento in data 14 maggio, ma dice che è ammissibile uno scarto di 24 H prima o dopo quella data.
Staremo a vedere.


sarà..... ma certi 'suggerimenti' danno da pensare....

http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=101617


Marea nera, la proposta della Russia: usate l'atomica come noi, funziona


ROMA (12 maggio) - «Come in Armageddon». Un suggerimento estremo per fermare la perdita di petrolio dalla piattaforma della Bp nel golfo del Messico viene da un articolo del quotidiano russo Komsomoloskaya Pravda, secondo cui ai tempi dell'Unione Sovietica problemi simili sono stati risolti con esplosioni nucleari controllate.

«In passato questo metodo è stato usato almeno 5 volte - scrive il quotidiano - la prima per spegnere i pozzi a gas di Urt Bulak, il 30 settembre 1966. La carica usata fu da 30 chilotoni, una volta e mezza quella di Hiroshima, ma fatta esplodere a 6 chilometri di profondità».

Secondo il quotidiano l'esplosione sotterranea spingerebbe le rocce fino a chiudere la falla. Degli altri tentativi effettuati nell'ex Urss, continua l'articolo, solo uno non ha funzionato, nel 1972, mentre gli altri hanno raggiunto l'obiettivo anche con testate di 60 chilotoni. «Il metodo non è stato testato sott'acqua - insiste il quotidiano - ma secondo alcuni calcoli di esperti in Russia le probabilità di fallimento sono solo del 20%».

«Basterebbe scavare un pozzo vicino alla perdita e far detonare la bomba. La Russia ha una grande tradizione nelle esplosioni sotterranee controllate - conclude l'articolo - che potrebbe essere messa a disposizione degli Usa».



C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
cnj
Inviato: 12/5/2010 22:58  Aggiornato: 13/5/2010 8:19
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da: Romagna
Inviati: 795
 Re: Commenti liberi
Al Salone del Libro di Torino sconsigliato nominare P2 e Vaticano

Cari amici, forse l'avete letto venerdì 7 maggio su Il Fatto quotidiano (leggi l'articolo), ma se vi è sfuggito, provo a riassumere i termini della questione, provo a spiegare come Rolando Picchioni, presidente della Fondazione che promuove il salone, non mi abbia censurato in senso stretto, ma abbia fatto in modo che la presentazione del mio romanzo Per vendetta slittasse dalla domenica alle 16.30 (orario di massimo afflusso di visitatori) a un più tranquillo lunedì alle 18.30 e soprattutto abbia cercato di cancellare dal programma il sottoltitolo dell'incontro "La dittatura argentina tra P2 e Vaticano". Non è che non si possa parlare di Argentina, ma la P2 e il Vaticano, che nella dittatura sono immersi fino al collo, non devono essere nominati. Per quali motivi? Forse perché con la nuova aria che tira in Piemonte è meglio non essere troppo irriverenti verso l'irreprensibile comportamento degli alti prelati cattolici, specie durante l'ostensione della Sindone. O forse perché l'onda lunga della P2 si sente ancora. Fate qualche ricerca su internet e ve ne accorgerete.

Per uno strano gioco del destino, è stata trasmessa proprio venerdì 6 maggio un'intervista da me rilasciata il 24 aprile a Rossana Maspero della Radio Svizzera Italiana sul tema della censura; la trovate cliccando qui e vi parrà facilmente profetica.

Domenica 9/5 è poi uscita un'intervista su La Stampa (9/5/2010)) in cui segnalo un errore (o mio o della giornalista): là dove si parla della canonizzazione di Escrivà de Balaguer, il nome del pontefice deve essere Giovanni Paolo II e non Paolo VI. Nel libro, in ogni caso, il nome è quello giusto.

Lunedì 10 maggio, La Stampa dà nuovo spazio alla vicenda: leggi.
Un caro saluto a tutti quelli che avrei voluto incontrare al salone e non incontrerò.

Home Page Alessandro Perissinotto

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. Nikola Tesla
a_mensa
Inviato: 12/5/2010 23:05  Aggiornato: 12/5/2010 23:13
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Commenti liberi
@ cinqui e temponauta.
Citazione:
nel primo caso direi che non sei sicuro dello strumento, e quindi di quello che misuri con esso.

se il tuo problema è nello strumento, sei libero di sceglierlo tu.

potrà anche sembrarvi strano, ma alla prima domanda chiedo proprio solo un si o un no.
se poi volete anche motivarli , ben venga.

alla seconda domanda basterebbe essere d'accordo oppure no alla risposta proposta, se poi lo si motivasse sarebbe anche meglio.

credo che sia il tentativo di motivarle, che dovrebbe risvegliare un certo concetto.

io sostengo, e se avrò un minimo di collaborazione da chi vorrà cimentarsi in questo facile giochetto di logica, che il ragionamento che si svilupperebbe circa la prima sarebbe perfetto,a un certo punto, anche per la seconda.

non è un trucco, non c'è un inganno e nemmeno una presa in giro, c'è solo da prendere atto che abbiamo ormai dimenticato di usare una grossa qualità, che invece può essere molto utile.

si leggono su argomenti apparentemente banali delle disquisizioni filosofiche di un certo peso, e nessuno riesce a vedere cosa c'è dietro a queste domande ? sono un pò allibito.

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
a_mensa
Inviato: 12/5/2010 23:20  Aggiornato: 13/5/2010 0:01
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Commenti liberi
@ temponauta
non ha abboccato, è semplicemente scattata la molla della curiosità verso qualcosa apparentemente illogica perchè , secondo gli schemi abituali, troppo banale.
ma non c'è nulla di banale, anzi, e forse il provare a cimentarti anche tu, potrebbe esserti utile, per uscire da un certo schema.

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
a_mensa
Inviato: 12/5/2010 23:36  Aggiornato: 12/5/2010 23:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Commenti liberi
In fisica nucleare, insegnano a misurare la quantità di particelle emesse da un certo campione di sostanza radioattiva, ovviamente non contando tutte le particelle emesse in un certo tempo.
Dato che sarebbe impossibile una simile conta, si identifica una piccola superficie ad una certa distanza e la si immagina come una porzione della sfera che include tale superficie.
Essa rappresenterà quindi (note le sue dimensioni) UNA PORZIONE NOTA DELLA SUPERFICIE SFERICA.
Dato che l’emissione non ha alcuna ragione per avvenire in una direzione piuttosto che in un’altra si considera che l’emissione copra uniformemente tutta la superficie sferica, quindi le particelle che passeranno per tale porzione staranno al totale emesso come la tale superficie, sta all’intera superficie sferica.
Si faranno diverse campionature, tutte di durata uguale e si verificherà che in numero di particelle contate ogni volta copra una distribuzione statistica simile a quella calcolabile sulla base delle probabilità.
Scartate le campionature che nell’ambito della fluttuazione statistica prestabilita sono superiori o inferiori (valutando anche se il numero di quelle scartate è prossimo a quelle che avrebbero dovuto essere secondo i calcoli), si fa la media delle restanti.
E quella la si assume come misurazione corretta.
Avreste mai pensato che si potesse fare una “misurazione” in un modo simile ?


anche tutto ciò è strettamente legato alle due domande sopra.
mi sono permesso di dare un aiutino.

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
ivan
Inviato: 12/5/2010 23:44  Aggiornato: 12/5/2010 23:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: Commenti liberi
Redna :

Citazione:


sarà..... ma certi 'suggerimenti' danno da pensare....

http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=101617


Marea nera, la proposta della Russia: usate l'atomica come noi, funziona


ROMA (12 maggio) - «Come in Armageddon». Un suggerimento estremo per fermare la perdita di petrolio dalla piattaforma della Bp nel golfo del Messico viene da un articolo del quotidiano russo Komsomoloskaya Pravda, secondo cui ai tempi dell'Unione Sovietica problemi simili sono stati risolti con esplosioni nucleari controllate.

«In passato questo metodo è stato usato almeno 5 volte - scrive il quotidiano - la prima per spegnere i pozzi a gas di Urt Bulak, il 30 settembre 1966. La carica usata fu da 30 chilotoni, una volta e mezza quella di Hiroshima, ma fatta esplodere a 6 chilometri di profondità».

Secondo il quotidiano l'esplosione sotterranea spingerebbe le rocce fino a chiudere la falla. Degli altri tentativi effettuati nell'ex Urss, continua l'articolo, solo uno non ha funzionato, nel 1972, mentre gli altri hanno raggiunto l'obiettivo anche con testate di 60 chilotoni. «Il metodo non è stato testato sott'acqua - insiste il quotidiano - ma secondo alcuni calcoli di esperti in Russia le probabilità di fallimento sono solo del 20%».

«Basterebbe scavare un pozzo vicino alla perdita e far detonare la bomba. La Russia ha una grande tradizione nelle esplosioni sotterranee controllate - conclude l'articolo - che potrebbe essere messa a disposizione degli Usa».






E' un film già visto.

Ma è per davvero un film.

Mi spiego meglio.

C'è stato un filone di film di fantascienza centrati sul disatro, sul cataclisma ("Disater movie"), link http://en.wikipedia.org/wiki/Disaster_film ) .

Tra i tanti, un vero cult è "Crack in the World" (http://en.wikipedia.org/wiki/Crack_in_the_World ).

Su Youtube c'è qualche spezzone in inglese: http://www.youtube.com/watch?v=lHtZ6Ixeqvs

In illo tempore (fine anni 60) fu anche trasmesso dalla Rai.

La storia del fim era la seguente: per sfrutatre l'energia geotermica si usò una bomba atomica per forare la crosta terrestre per attingere al calore del magma.

Ma questo causò tutta una serie di terremoti e disastri che per essere fermati richiesero a loro volta l'uso dell'atomica.

Il fim era carino e a lieto fine ed è, ripeto, un cult, vale la pena vederlo.

Ma un dubbio rimane: si sono ispirati al film o il film si è ispirato a loro ?

peonia
Inviato: 13/5/2010 0:19  Aggiornato: 13/5/2010 0:19
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Commenti liberi
A_MENSA, terribile non ho parole...
l'ho postato su FB, spero che lo guardino in molti...
mi vergogno di essere considerata una "occidentale"!

Ovunque rivolgi lo sguardo....è una desolazione..ma cambierà!

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
HomSapiens
Inviato: 13/5/2010 0:32  Aggiornato: 13/5/2010 0:32
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/1/2010
Da:
Inviati: 123
 Re: Commenti liberi
epicureo99
grazie per aver risposto, le tue considerzioni le avevo pensate anche io...bisognava andare sul posto per verificare di persona. Impressionante il tono e i contenuti dell'articolo, sembrava il cicap.

per quanto riguarda alle scie chimiche, sono pochi i film che escono oggi giorno dove non si vedono chiaramente...
amo il cinema e cerco ancora un film piu vecchio del 1992 dove nel cielo appare una scia.
se ne conosciete qualcuno avvertite, il problema sarebbe risolto!

spettatore
Inviato: 13/5/2010 0:53  Aggiornato: 13/5/2010 0:55
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da:
Inviati: 883
 Re: Commenti liberi
@ homo sapiens:

il film è :"Il mo nome è Remo Williams" del 1985.

In una scena girata sulla statua della Libertà, mentre si rompono le corna su di un ascensore da cantiere, si intravede una bella scia massiccia ed invitante.
Un altro film è "Amore e guerra " di Woody Allen del 1975 (se ricordo bene...). Durante una improbabile battaglia, in una scena si intravede per un attimo (stoppando il dvd si vede benissimo) una scia inequivocabile.

Altro film: "I ragazzi venuti dal Brasile" del 1978. In una scena su una diga si vedono sullo sfondo due scie chimiche.

Penso possa bastare per oggi.


Lo spettatore

Citazione:
Non metterti a discutere con un idiota. La gente potrebbe non accorgersi della differenza.
a_mensa
Inviato: 13/5/2010 8:24  Aggiornato: 13/5/2010 8:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Commenti liberi
cacchio, ragazzi, che delusione !!!!
solo uno che dubita di comprendere e un altro che dubita sia uno scherzo !!!
ho esposto due vesti "tecniche" e una logica per un criterio squisitamente filosofico, e nessuno se ne è accorto !
calvero è scusato perchè era via, ma tutti gli altri ? eppure di persone intelligenti , che sanno ragionare con la propria testa ce ne sono tante qui, tra i frequentatori di LC !!
eppure queste domande dovevano richiamare ad un criterio che è la logica conseguenza del 3d di Mazzucco su Napoleone.

ma vi rendete conto che non avete più un criterio con cui definire cosa intendete per "certezza" ?
talmente oscurati dal VOLER avere delle certezze che non passa nemmeno più per l'anticamera del cervello di capire cosa ciò significhi ?
ognuno di noi avrà forse , se ci arriva, una ventina di cose di cui si può dichiarare assolutamente certo, incontrovertibilmente certo, mentre su tutte le altre ha semplicemente steso un velo di "normalità" , "è scontato", "lo sanno tutti", un mucchio di luoghi comuni che però, se ci si riflette un attimo sopra, lasciano sempre un margine di ..............
qual è la parola che va messa al posto dei puntini ?

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
seraficus
Inviato: 13/5/2010 8:49  Aggiornato: 13/5/2010 8:49
So tutto
Iscritto: 15/5/2008
Da:
Inviati: 6
 Re: Commenti liberi
granma: A cosa ti riferisci?!?! All'aereo dell'airfrance? O agli aerei dell'11 settembre?

Il riferimento era all'aereo libico della Afriqiyah Airways provenente da Johannesburg precipitato alcuni giorni fa a Tripoli in parallelo con gli aerei "svaniti" dell'11/9

rafterry
Inviato: 13/5/2010 9:16  Aggiornato: 13/5/2010 9:16
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/11/2009
Da:
Inviati: 199
 Re: Commenti liberi
@a_mensa

m'ha fatto venì un............. ma il tabacco, ce lo metti??

temponauta
Inviato: 13/5/2010 10:01  Aggiornato: 13/5/2010 10:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/4/2010
Da:
Inviati: 2040
 Re: Commenti liberi
@ a_mensa

citazione:

ma vi rendete conto che non avete più un criterio con cui definire cosa intendete per "certezza" ?
talmente oscurati dal VOLER avere delle certezze che non passa nemmeno più per l'anticamera del cervello di capire cosa ciò significhi ?
ognuno di noi avrà forse , se ci arriva, una ventina di cose di cui si può dichiarare assolutamente certo, incontrovertibilmente certo, mentre su tutte le altre ha semplicemente steso un velo di "normalità" , "è scontato", "lo sanno tutti", un mucchio di luoghi comuni che però, se ci si riflette un attimo sopra, lasciano sempre un margine di ..............
qual è la parola che va messa al posto dei puntini ?


RELATIVITA'

epicureo99
Inviato: 13/5/2010 10:03  Aggiornato: 13/5/2010 10:03
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/1/2005
Da: Bonastre
Inviati: 150
 Re: Commenti liberi
Ti ho detto, ho visto "Betty Blue" anche se quando l'ho cercato in internet l'ho trovato sotto il titolo di "37°2 le matin" dove ho visto due scie parallele.
E' un film francese anche se la prima è stata negli USA nell'86

Cuando la violencia es esclusiva del estado, tod@s somos terroristas
Sertes
Inviato: 13/5/2010 11:04  Aggiornato: 13/5/2010 11:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Commenti liberi
Citazione:
a_mensa ha scritto:
ma vi rendete conto che non avete più un criterio con cui definire cosa intendete per "certezza" ?
talmente oscurati dal VOLER avere delle certezze che non passa nemmeno più per l'anticamera del cervello di capire cosa ciò significhi ?
ognuno di noi avrà forse , se ci arriva, una ventina di cose di cui si può dichiarare assolutamente certo, incontrovertibilmente certo, mentre su tutte le altre ha semplicemente steso un velo di "normalità" , "è scontato", "lo sanno tutti", un mucchio di luoghi comuni che però, se ci si riflette un attimo sopra, lasciano sempre un margine di ..............
qual è la parola che va messa al posto dei puntini ?


Veramente si vede che ti mancano basi scientifiche. Ovvio che la parola che va messa al posto dei puntini è incertezza.
Ogni misura in fisica lo è a meno di un errore dovuto all'evento della misurazione, ad esempio se il tuo metro arriva a misurare i centimetri la misura sarà 1,20 metri, più o meno 1 cm.
Se il metro arriva a misurare i millimetri la tua misura sarà 1,200 metri, più o meno 1 mm

E' già assodato che in fisica una misura NON PUO' MAI ESSERE PRECISA a meno di un margine di incertezza che decidi tu, oltre il quale onestamente non te ne frega un cazzo della precisione, sia perchè come spiegato è impossibile avere in fisica una misura esente da errore, e secondariamente perchè magari la misura non è stabile e non ti serve più nel momento in cui la devi utilizzare; es: compri un mobile da ikea, riesci in qualche modo a misurarlo al miliardesimo di metro. Arrivi a casa, lo metti nel posto che gli avevi destinato e non ci sta: il mobile infatti è in legno, quindi a diversa umidità la sua lunghezza cambia!

Quindi ognuno imposta il margine di incertezza come meglio crede di volta in volta, non vedo perchè questo ti scandalizzi tanto

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
epicureo99
Inviato: 13/5/2010 11:05  Aggiornato: 13/5/2010 11:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/1/2005
Da: Bonastre
Inviati: 150
 Re: Commenti liberi
http://www.repubblica.it/esteri/2010/05/13/news/la_nuova_paura_di_teheran_cos_il_regime_ci_spia-4026877/

Vorrei citare questo vergognoso articolo di repubblica sul regime italiano.
Mi piacerebbe chiedere al "giornalista" o "reporter" se per inspirarsi a questo articolo non abbia preso in considerazione la situazione italiana e poi cambiato i nomi.

Quando si parla di elezioni farsa, di popolazione spiata, di concetrazione della comunicazione in una sola mano e soprattutto di violenze e torture....
Non sarebbe meglio risolvere prima i problemi in casa propria che andare a guardare l'iran? Un iran che si sarà pure isolato per rifiutare di inginocchiarsi come abbiamo fatto noi e di svendere la nostra dignità allo zio sam.

Lo so, il mio commento è ridondante.....però questi articoli ancora mi fanno incazzare!!!!

Cuando la violencia es esclusiva del estado, tod@s somos terroristas
a_mensa
Inviato: 13/5/2010 11:43  Aggiornato: 13/5/2010 11:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Commenti liberi
INCERTEZZA.

Ecco la parolina magica che non solo si ha paura di pronunciare, ma anche di pensare.
Questo mondo tecnologico, pieno di “specialisti” talmente specializzati che DEVONO essere affidabili per forza.
E che soddisfano la nostra fame di certezze.
L’incertezza è una brutta bestia, vuol dire dubbi, vuol dire mettere in discussione, può anche voler dire sapersi confrontare, abbandonare i pregiudizi e ammettere possibilità diverse, e, soprattutto vuol dire prendere atto di possibilità diverse e attrezzarsi a gestirle.
Non sto elencando i mali odierni ?
Il diverso, il “non conforme” ciò che esce dal tecnicamente definito va soppresso, negato, combattuto, perché solleva dubbi. Orrore , i dubbi!
Il primo esempio è riferito alle misure.
La misura è definita come il confronto di una grandezza con una grandezza dello stesso tipo presa come campione (o unità di misura).
Peccato che sia inconcepibile una misura ESATTA. Potrà essere approssimata al millesimo, al milionesimo o anche di più, ma non sarà mai esatta.
E allora l’approssimazione è un modo per gestire tale incertezza.
Se io dico 120 cm. +/- 1 mm mi sono garantito che la misura esatta rientri in tale campo.
L’unico orologio sicuramente esatto , almeno 2 volte al giorno, è quello fermo. (peccato non si sappia quando ciò si verifichi).
Ma per gestire l’incertezza bisogna prima accettarla, accettare la nostra incapacità di definire cose certe, esatte.
Il secondo esempio è la gestione dell’incertezza mediante le probabilità.
Io posso anche immaginare che mi arrivi un aereo in testa, ma stabilisco che le probabilità sono talmente basse, ed il modo di proteggermi da esso talmente dispendioso, che preferisco accettare il rischio.
Ma qui si innesca la NON consapevolezza di questo processo mentale.
Per cui si preferisce parlare di “imprevisti” come se fossero malignità inviateci da un dio potente e dispettoso.
Per cui magari mettiamo sbarre a porte e finestre, per paura di rapine o simili , poi saliamo tranquillamente in macchina. Oppure dubitiamo di cosa ci viene proposto come cibo, poi prendiamo medicinali senza guardare alle controindicazioni.
Il dimenticare il fattore di incertezza ci porta ad agire in modo irrazionale, sospinti dalle paure via via propagandate come le più gravi, enfatizzandone gli eventi anche se statisticamente irrilevanti.
Facciamo le pulci sul prezzo delle verdure (cosa giustissima peraltro) ma poi gettiamo i soldi con biglietti di lotterie varie quando l’eventuale vincita rappresenta solo una frazione delle possibilità di vincere.
Il terzo esempio è la gestione statistica degli eventi elevato a sistema.
L’incertezza non solo c’è, ma ogni altro modo di gestirla, oltre il calcolo delle probabilità, è inapplicabile.
Ora, ditemi che era uno scherzo, il mio richiamo a questo schema mentale, ormai in disuso, che include e cerca di gestire al meglio l’incertezza.
Volere a tutti i costi certezze mette nelle mani dei più abili truffatori.
Niente di meglio che ammantarsi di “rivelazioni” o “canali di comunicazione metafisici”, o altri modi per non dover spiegare, non dover ricorrere alla logica, e così contrabbandare bufale enormi a persone che chiedono solo certezze.
La realtà è infida, sfuggente, multiforme, cangiante.
Credere in qualcosa di “rivelato” richiede fede, che è l’antitesi del dubbio, lo sovrasta e lo ricopre, lo cancella dalle nostre menti.
Peccato che è proprio e solo il dubbio che stimola il ragionamento, l’indagine approfondita per la ricerca di una verità più vera, più verosimile.
Mazzucco, mi stupisce veramente il tuo non intervento in questo mio tentativo di risvegliare l’amore per il dubbio.
Proprio tu che hai fatto del dubbio la pietra miliare della tua campagna di verità, su tanti argomenti, dall’11 settembre, alle cure contro il cancro, all’assassinio di Kennedy.
Li hai esauriti i dubbi ? ne hai finita la scorta, per cui non riesci più nemmeno a riconoscere chi ne reclama una rivalutazione del loro significato ?
Chissà se detto così, richiamerà alla mente un campanellino d’allarme ?
Credere, fidarsi, seguire, è la cosa più comoda ma atrofizza il cervello, e poi ci si lamenta di quanti lo portino all’ammasso.
Peccato.
Andrea

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
a_mensa
Inviato: 13/5/2010 11:54  Aggiornato: 13/5/2010 11:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Commenti liberi
@ Sertes
innanzitutto ti faccio i miei complimenti per aver capito di cosa parlavo.
credo tu sia stato l'unico.
probabilmente tu hai una cultura estremamente tecnica, per cui dai per scontato che fosse sottintesa l'approssimazione.
MA IO NON L'AVEVO SOTTINTESA.
NON L'AVEVO NEANCHE MENZIONATA.
QUESTO ERA CIO' CHE ANDAVA SCOPERTO.
ed è questo il grave.
prova a leggere quanto ho scritto a proposito, e poi dimmi ancora se mi devo o no scandalizzare.

ps.
Citazione:
Quindi ognuno imposta il margine di incertezza come meglio crede di volta in volta, non vedo perchè questo ti scandalizzi tanto


se tu questo processo lo fai consapevolmente, sei un fortunato, ma una bestia rara. molti lo fanno, in alcunie occasioni, ma inconsapevolmente, per abitudine o altro. La maggior parte manco ci prova.
io vorrei invece riportare all'abitudine a farlo sempre e consapevolmente.

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
redna
Inviato: 13/5/2010 11:58  Aggiornato: 13/5/2010 12:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Commenti liberi
Citazione:
http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=101617


Marea nera, la proposta della Russia: usate l'atomica come noi, funziona


ROMA (12 maggio) - «Come in Armageddon». Un suggerimento estremo per fermare la perdita di petrolio dalla piattaforma della Bp nel golfo del Messico viene da un articolo del quotidiano russo Komsomoloskaya Pravda, secondo cui ai tempi dell'Unione Sovietica problemi simili sono stati risolti con esplosioni nucleari controllate.

«In passato questo metodo è stato usato almeno 5 volte - scrive il quotidiano - la prima per spegnere i pozzi a gas di Urt Bulak, il 30 settembre 1966. La carica usata fu da 30 chilotoni, una volta e mezza quella di Hiroshima, ma fatta esplodere a 6 chilometri di profondità».

Secondo il quotidiano l'esplosione sotterranea spingerebbe le rocce fino a chiudere la falla. Degli altri tentativi effettuati nell'ex Urss, continua l'articolo, solo uno non ha funzionato, nel 1972, mentre gli altri hanno raggiunto l'obiettivo anche con testate di 60 chilotoni. «Il metodo non è stato testato sott'acqua - insiste il quotidiano - ma secondo alcuni calcoli di esperti in Russia le probabilità di fallimento sono solo del 20%».

«Basterebbe scavare un pozzo vicino alla perdita e far detonare la bomba. La Russia ha una grande tradizione nelle esplosioni sotterranee controllate - conclude l'articolo - che potrebbe essere messa a disposizione degli Usa».




Citazione:
E' un film già visto.

quando si dice guardare e non leggere. La notizia l'ha data la Pravda che non credo sia il caso pensare che sia collegata a film di Hollywood!


Citazione:
Ma è per davvero un film.

ho capito. Stai tentando di convincere gli altri e nel frattempo autoconvicnerti che quello che scrivi è vero. Peccato che dovresti andare a dirlo alla Pravda questo e non star qui a perder tempo a convincere i soliti quattro gatti.

Citazione:
La storia del fim era la seguente: per sfrutatre l'energia geotermica si usò una bomba atomica per forare la crosta terrestre per attingere al calore del magma.

è il classico esempio che quando qualcuno guarda un film ne rimane anche impressionato e di brutto.
E qui si capisce come i film nell'immaginario collettivo rechino danni ad oltranza.

Citazione:

Ma un dubbio rimane: si sono ispirati al film o il film si è ispirato a loro ?

non ho alcun dubbio. Non hai capito quello che ha scritto la Pravda e pertanto hai cercato di sminiure quello che la stessa dice. Senza pensare minimamente che (sempre la Pravda) scrive quello che gli dicono di scrivere 'quelli al governo' (russo) e se ha scritto questo NON è da collegarsi ad alcun film ma ad una realtà evidente.
Disenyland e Hollywood non hanno nulla a che fare con la realtà e il soggetto dei film non viene scritto dalla Pravda ma da qualcuno altro che ha in mano lacinematografia che TI incanta tanto.

PS-la notizia è stata data dall'ANSA ed è stata ripresa da molti giornali.Probabilmente tutti non hanno visto il film e se ne hanno dato notizia hanno reputato che il tutto sia anche un momentino 'pericoloso' considerato che proprio USA e Russia hanno stipulato poche settimane fa un patto proprio sul nucleare.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Davide71
Inviato: 13/5/2010 13:10  Aggiornato: 13/5/2010 13:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/7/2006
Da:
Inviati: 2108
 Re: Commenti liberi
Ciao a tutti:
sto appena guardando su Youtube questo articolo sulle prodezze dell'industria petrolifera.
[url=<object width="480" height="385"><param name="movie" value="http://www.youtube.com/v/ipjRGvb_pVA&hl=it_IT&fs=1&rel=0"></param><param name="allowFullScreen" value="true"></param><param name="allowscriptaccess" value="always"></param><embed src="http://www.youtube.com/v/ipjRGvb_pVA&hl=it_IT&fs=1&rel=0" type="application/x-shockwave-flash" allowscriptaccess="always" allowfullscreen="true" width="480" height="385"></embed></object>]qua[/url]

Al minuto 18, più o meno, si afferma che le famiglie degli operai accusano la Halliburton di avere effettuato pessimi lavori di manutenzione sulla piattaforma esplosa. La Halliburton, guarda caso, sembra legata a filo doppio con la famiglia Bush, e pare abbia beneficato di pingui pingui contratti con il governo durante la guerra in Iraq e in Afghanistan. Pensate anche voi quello che penso io?

PS: Scusate. non so come incorporare il filmato...

Non date le perle ai cani e ai porci perchè non le mangeranno e vi si rivolteranno contro.
cirocat
Inviato: 13/5/2010 19:38  Aggiornato: 13/5/2010 19:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 31/7/2007
Da:
Inviati: 157
 Re: Commenti liberi
@ Davide71

Grazie per il link, filmato decisamente interessante.

hendrix
Inviato: 13/5/2010 20:24  Aggiornato: 13/5/2010 20:24
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: Commenti liberi
Sempre a proposito del disastro della piattaforma petrolifera,

L'accusa di un docente di Berkeley: all'origine del disastro potrebbe esserci l'uso di cemento di scarsa qualità.
Nuova ipotesi sulle cause
Gli stessi gas potrebbero aver originato l'esplosione, almeno secondo quanto sostiene Robert Bea,  professore di Berkeley che sta conducendo una valutazione indipendente sulle cause del disastro: gli idrati avrebbero corroso una colonna realizzata utilizzando cemento di scarsa qualità, risalendola poi ad alta pressione e provocando l'esplosione.

E' probabile che noi non siamo i soli ad usare cemento impoverito.

ivan
Inviato: 13/5/2010 21:44  Aggiornato: 13/5/2010 21:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: Commenti liberi
Citazione:

ho capito. Stai tentando di convincere gli altri e nel frattempo autoconvicnerti che quello che scrivi è vero. Peccato che dovresti andare a dirlo alla Pravda questo e non star qui a perder tempo a convincere i soliti quattro gatti.





Citazione:


è il classico esempio che quando qualcuno guarda un film ne rimane anche impressionato e di brutto.
E qui si capisce come i film nell'immaginario collettivo rechino danni ad oltranza.



Già, certo, come non concordare.


Ma a parte che nessuno obbliga nessuno a guardare un dato film, i films che fanno danni all'immaginario collettivo sono quelli di quel msiterioso canale, non certo gli innocenti films della serie "disaster movies".

Citazione:


non ho alcun dubbio. Non hai capito quello che ha scritto la Pravda



Guarda che non l'ho proprio letta la pravda, ho letto il post sic et simplicter; perchè avrei dovuto leggere la pravda poi, mica me l'ha ordinato il medico.

.
Citazione:

e pertanto hai cercato di sminiure quello che la stessa dice.



Non volevo sminuire proprio un bel niente; ho semplicemente fatto un innocente commento ad un post curioso (l'uso dell'atomica per cicatrizzare la crosta terrestre, come appunto fanno nel citato film).

Citazione:

Senza pensare minimamente che (sempre la Pravda) scrive quello che gli dicono di scrivere 'quelli al governo' (russo) e se ha scritto questo NON è da collegarsi ad alcun film ma ad una realtà evidente.



Bè, si, certamente.

Citazione:


Disenyland e Hollywood non hanno nulla a che fare con la realtà e il soggetto dei film non viene scritto dalla Pravda ma da qualcuno altro che ha in mano lacinematografia che TI incanta tanto.


La realtà a volte supera la fantasia dei films, questa è la verità.

Solo in un films di fantascienza si poteva immagginare di causticare la crosta terrestre con un'atomica.


Citazione:


PS-la notizia è stata data dall'ANSA ed è stata ripresa da molti giornali.Probabilmente tutti non hanno visto il film e se ne hanno dato notizia hanno reputato che il tutto sia anche un momentino 'pericoloso' considerato che proprio USA e Russia hanno stipulato poche settimane fa un patto proprio sul nucleare.



Ci sono servizi di divulgazione scientifica che raccontano come in illo tempore volevano usare l'atomica per ogni cosa: per spianare montagne, per scavare buche, per fermare i volontari cinesi, per fare le candele delle auto, per fare bibite energetiche e via discorrendo .

superava
Inviato: 14/5/2010 4:46  Aggiornato: 14/5/2010 4:46
Mi sento vacillare
Iscritto: 28/8/2008
Da: Riolo Terme
Inviati: 416
 Re: Commenti liberi

a_mensa
Inviato: 14/5/2010 10:19  Aggiornato: 14/5/2010 10:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Commenti liberi
deleted

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
soulsaver
Inviato: 14/5/2010 11:33  Aggiornato: 14/5/2010 11:34
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/11/2005
Da: Roma
Inviati: 613
 Re: Commenti liberi
Riporto dal sito di Miguel Martinez KELEBEK e porgo alla vostra attenzione l'opera di un artista spagnolo.
Eugenio Merino ha presentato recentemente la scultura Stairway to Heaven a Madrid e ha causato l'indignazione dei soliti noti che con una lettera di protesta per i suoi contenuti hanno esplicitato il proprio sdegno.
Qui le altre immagini e opere di Merino...
Mi immagino migliaia di piccoli, infaticabili ricercatori, degli "scova-notizie-anti-israele", sparsi in tutto il mondo dall' ADL. Curvi sui pc all'interminabile ricerca di qualsiasi voce che dissenta sulla ormai storicizzata litania del povero ebreo vittima, e mi viene da ridere... Poi non rido più, perchè il sito dell'artista è prima segnalato come sito pericoloso che potrebbe "danneggiare il mio computer con il suo contenuto" e superato questo avviso, risulta irraggiungibile...
Mala tempora Currunt...

Free from the need to be free "Mommy what's a Funkadelic, George Clinton 1970"
redna
Inviato: 14/5/2010 11:46  Aggiornato: 14/5/2010 11:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Commenti liberi
«Golfo, la perdita di greggio è 12 volte superiore a quella rilevata da Bp»

In mare 70mila barili e non 5 mila: ogni quattro giorni un danno come quello della Exxon Valdez


Molto peggio di quanto si pensava: la fuoriuscita di greggio nel Golfo del Messico dal pozzo sottomarino della Bp potrebbe essere 12 volte superiore a quella finora stimata: se così fosse si passerebbe dal disastro, ormai noto, all'apocalisse. La nuova notizia è riportata dal quotidiano inglese The Guardian che ha raccolto le valutazioni di un team di ricercatori e scienziati americani, coordinati dal prof. Steve Weely della Purdue University. Hanno esaminato il primo video della fuga di petrolio, le cui immagini sono state diffuse soltanto giovedì. Bp ha spiegato di aver pubblicato le immagini in ritardo, perché prima di lunedì non aveva ricevuto nessuna richiesta in merito ma emittenti e giornali americani, tra cui ABC News, hanno ribattuto che nelle settimane scorse hanno cercato con insistenza di ottenere un filmato che documentasse il disastro in profondità.

OGNI QUATTRO GIORNI UN DISASTRO COME QUELLO DELLA EXXON VALDEZ - Dallo studio sulle immagini svolto dal team di Steve Weely si giunge alla conclusione che il limite massimo potrebbe essere di 70mila barili giornalieri, contro i 5mila stimati dalla Bp: equivalenti a un disastro come quello causato dal naufragio della Exxon Valdez ogni quattro giorni. La Bp dal canto suo non ha cambiato e ha ribattuto che le sue stime si basano sulle immagini satellitari e sull’osservazione dell’acqua, ritenendo impossibile effettuare una stima affidabile in base alle immagini sottomarine.

http://www.corriere.it/esteri/10_maggio_14/petrolio-nuovo-allarme_7e9a8182-5f2f-11df-8c6e-00144f02aabe.shtml




*****

Citazione:
Disenyland e Hollywood non hanno nulla a che fare con la realtà e il soggetto dei film non viene scritto dalla Pravda ma da qualcuno altro che ha in mano lacinematografia che TI incanta tanto.


La realtà a volte supera la fantasia dei films, questa è la verità.

Solo in un films di fantascienza si poteva immagginare di causticare la crosta terrestre con un'atomica.


non hai capito che intendevo dire che la cinematografia è in mano agli USA (leggi anche FBI,CIA)
e l'articolo è della Pravda che è un giornale russo.
Volevo sottolineare questo.

Citazione:
PS-la notizia è stata data dall'ANSA ed è stata ripresa da molti giornali.Probabilmente tutti non hanno visto il film e se ne hanno dato notizia hanno reputato che il tutto sia anche un momentino 'pericoloso' considerato che proprio USA e Russia hanno stipulato poche settimane fa un patto proprio sul nucleare.



Ci sono servizi di divulgazione scientifica che raccontano come in illo tempore volevano usare l'atomica per ogni cosa: per spianare montagne, per scavare buche, per fermare i volontari cinesi, per fare le candele delle auto, per fare bibite energetiche e via discorrendo .


che cosa c'entrano i servizi di divulgazione scientifica con una notizia data dalla Pravda che, fra l'altro, dice che la Russia ha 'consigliato' agli USA di usare l'atomica per la marea nera? Il tutto non ha nulla a che fare con lo spianar montagne, scavar buche e tutte le altre amenità che hai scritto senza alcuna fonte....

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Floh
Inviato: 14/5/2010 14:20  Aggiornato: 14/5/2010 14:20
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/12/2009
Da: Milano
Inviati: 1056
 Re: Commenti liberi
Ciao Massimo, spero te legga il post, mi chiedevo a che punto fossi con il tuo nuovo documentario "Guarda che luna".
Ciao

Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia (William Shakespeare, da Amleto)
HomSapiens
Inviato: 14/5/2010 17:31  Aggiornato: 14/5/2010 17:31
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/1/2010
Da:
Inviati: 123
 Re: Commenti liberi
@spettatore
il film è :"Il mo nome è Remo Williams" del 1985.
In una scena girata sulla statua della Libertà, mentre si rompono le corna su di un ascensore da cantiere, si intravede una bella scia massiccia ed invitante.
Un altro film è "Amore e guerra " di Woody Allen del 1975 (se ricordo bene...). Durante una improbabile battaglia, in una scena si intravede per un attimo (stoppando il dvd si vede benissimo) una scia inequivocabile.
Altro film: "I ragazzi venuti dal Brasile" del 1978. In una scena su una diga si vedono sullo sfondo due scie chimiche.


Tre film mai visti, due mai sentiti prima d'ora.
Li cercherò per guardarli, se quello che dici è vero allora la storia messa su sulle scie chimiche cambia tutta.
Anzi tu cosa ne pensi?

Polonio
Inviato: 15/5/2010 10:42  Aggiornato: 15/5/2010 10:42
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/8/2009
Da:
Inviati: 797
 Re: Commenti liberi
http://www.youtube.com/watch?v=wofjkTmVgt4&feature=player_embedded
... e seguenti.
Anche se immagino possibile che lo conosciate già.

granma
Inviato: 15/5/2010 10:49  Aggiornato: 15/5/2010 10:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2009
Da:
Inviati: 34
 Re: Commenti liberi
Bè ci sarebbe anche quest'altro di film (super fantozzi 1986).
Che dire!?!?! Seguo da parecchio la questione scie, ma ancora oggi non sono convinto al 100%. http://www.youtube.com/watch?v=ZCxCQWaVuFo

redna
Inviato: 15/5/2010 15:39  Aggiornato: 15/5/2010 15:44
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Commenti liberi
http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=102031&sez=HOME_INITALIA


Governo in caduta libera nei sondaggi: Berlusconi corre ai ripari



ROMA (15 maggio) - Una busta piena di dvd di Blockbuster varca in serata il portone di palazzo Grazioli. Silvio Berlusconi è febbricitante e ancora preda della «lieve indisposizione», come la definisce Gianni Letta per giustificare l’assenza del premier alla tradizionale festa della Polizia. Difficile sapere se quei dvd arriveranno nelle stanze del Cavaliere. Certo è che, salvo Letta e Bonaiuti ieri nessuno, nemmeno il sempre presente Niccolò Ghedini, è andato a turbare il riposo del premier.

L’umore del Cavaliere non è dei migliori. Per tutto il giorno, in tuta e vestaglia, Berlusconi si gira tra le mani le percentuali dei sondaggi che danno governo e ministri in caduta libera dopo l’affaire-Scajola e l’inchiesta G8. Al punto che ieri pomeriggio Berlusconi ha preso nuovamente carta e penna per ribadire ciò che ha già detto tre giorni fa cenando con un gruppo di imprenditori («nessuna impunità per chi ha sbagliato»). Con un’aggiunta però non da poco: «Basta con queste assurde isterie, con queste liste di proscrizione».

Cinque righe in perfetto equilibrio tra l’esigenza di dover dare risposte ferme a un elettorato insoddisfatto e che invade di email le caselle del partito, e il dna garantista che ha sempre caratterizzato il centrodestra berlusconiano, da sempre pronto a scattare contro le toghe politicizzate.

Vuoto palazzo Grazioli, deserta ormai da giorni anche l’aula di Montecitorio dove impazzano scolaresche in visita guidata. «E’ tutto fermo, siamo in attesa dei fuochi d’artificio, ma così è la paralisi», spiega desolato un deputato-Pdl che alla buvette di Montecitorio azzanna un panino.

Stretto tra inchieste e crisi economica, Berlusconi studia ormai da giorni l’exit strategy. Con un occhio alle indiscrezioni dei giornali e un altro ai mercati, prima di procedere alla sostituzione di Scajola, attende che il vento si plachi. La dovuta accelerazione sul ddl anti-corruzione lo fa masticare amaro e si innervosisce al solo pensiero che qualcuno dei suoi ministri e parlamentari possa aver abusato della sua fiducia.

La tentazione di cavalcare la voglia di pulizia che si respira nell’elettorato è però frenata dal timore che alla fine «il frullatore» possa non risparmiare anche suoi strettissimi collaboratori. Le novità dell’inchiesta-Anemone hanno spinto la sera precedente Guido Bertolaso sino a palazzo Grazioli.

Oggi il capo della Protezione Civile presenterà il suo successore, l’ex prefetto dell’Aquila Franco Gabrielli, a dirigenti e funzionari del Dipartimento. Ufficialmente Gabrielli si insedierà come vice capo dipartimento che però c’è già, ma la sovrapposizione con Vincenzo Spaziante potrebbe durare molto poco perché il tentativo di effettuare un avvicendamento soft e non per dimissioni, rischia di scontrarsi con le novità dell’inchiesta. Berlusconi vuole evitare si ripeta la traumatica uscita di Scajola e soprattutto che si assecondino dimissioni senza che vi sia stato un ben che minimo provvedimento giudiziario, ma comincia ad essere un po’ stufo dei modi di Bertolaso e delle sue esternazioni.

«Non è una nuova tangentopoli», continua a ripetere Berlusconi che viene ”salvato” e anzi, ”invocato” dal suo elettorato sul web affinché faccia pulizia dai ladri. Un elettorato che forse ricorda meglio di alcuni esponenti del Pdl i motivi attraverso i quali nel ’94 il Cavaliere spiegò il suo ingresso in politica. Un elettorato che però in questo momento potrebbe non capire la stretta sulle intercettazioni.


Protezione civile si accelera sul cambio Si insedia Gabrielli, forse a settembre sarà il capo
http://www.repubblica.it/cronaca/2010/05/15/news/protezione_civile_si_accelera_sul_cambio-4078438/

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
hendrix
Inviato: 15/5/2010 17:06  Aggiornato: 15/5/2010 17:06
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: Commenti liberi


Berlusconi depresso: non e' che l'inizio della fine.

Nuova ondata di inchieste, e per la prima volta il leader ha dubbi sugli uomini di cui s'e' circondato.
Rubano tutti, o quasi tutti.
Cade il governo?

Garrett
Inviato: 15/5/2010 17:36  Aggiornato: 15/5/2010 17:36
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: Commenti liberi
Nuova ondata di inchieste, e per la prima volta il leader ha dubbi sugli uomini di cui s'e' circondato.
Rubano tutti, o quasi tutti.


Forse è vero che è una vittima della mafia...

Comunque con il nuovo decreto la corruzione sarà solo un ricordo... anzi nemmeno quello perchè non solo non se ne potrà più parlare ma non si potranno nemmeno ricordare i curricula dei vari mariuoli.

Fra l'altro pare che secondo le nuove norme il funzionario beccato con le mani nella marmellata verrebbe allontanato dalle cariche pubbliche per "ben" cinque anni (salta un giro insomma)... ma secondo il vecchio codice penale non avrebbe dovuto avere l'esilio a vita?

Se questo è il decreto anti-corruzione figuriamoci dovessero approvare un decreto anti-mafia

hendrix
Inviato: 15/5/2010 18:13  Aggiornato: 15/5/2010 18:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: Commenti liberi
Citazione:
il funzionario beccato con le mani nella marmellata verrebbe allontanato dalle cariche pubbliche per "ben" cinque anni

Questa fa il paio con una riduzione di "ben" il 5% dello stipendio dei parlamentari, e già, i sacrifici li devono fare tutti.
Ma andassero a cagare un pò di più... diciamo del 25%...

redna
Inviato: 15/5/2010 18:51  Aggiornato: 15/5/2010 19:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Commenti liberi
Tg1, il Pd contro Minzolini "Sta cancellando l'opposizione"

http://www.repubblica.it/politica/2010/05/15/news/il_tg1_cancella_l_opposizione_insorge_il_pd_squilibrio_abnorme-4086844/


e l'opposizione ora si accorge che qualcuno la sta cancellando?

Ma se sono anni che in Italia non esiste opposizione....


"il Tg1 è riuscito a cancellare l'opposizione, guarda caso nel giorno in cui il governo annuncia lacrime e sangue"

e la presunta opposizione che dice sul tema? ....almeno avesse detto qualcosa di sinistra.....almeno...


Dati che fanno gridare nuovamente allo scandalo l'opposizione: "E' triste essere costretti pressoché ogni giorno a intervenire sulle faziosità incredibili del Tg1", dice Vita. "Del resto, essere parte della Commissione di vigilanza Rai impone, per l'appunto, di essere attenti osservatori delle infrazioni del e nel servizio pubblico". Secondo l'esponente democratico, i dati dell'Osservatorio di Pavia "evidenziano lo squilibrio abnorme tra governo, maggioranza e opposizione, con una nobilissima gara a chi è più squilibrato nei confronti di governo e maggioranza tra Tg1 e Tg5".

.... meno male che l'esponente democratrico nota uno 'squilibrio'.... l'importante è proprio questo.
Lo squilibrio è proprio un governo senza opposizione.
Speriamo se ne accorgano prima che mani pulite2 (ma B.dice che non è una nuova tangentopoli....e quindi i media si mettono a zerbino...) faccia fuori le cocuzze con tutto il cucuzzaro (poi come al solito qualcuno viene preso di mira e mandato via. Un capro espiatorio mediatico ci vuole per Vespa che avrà sedie vuote e Minzolini che dovrà inventarsi qualche altra bugia per il tg1, anzi, tg uan)


****

La reazione del Pd alle indiscrezioni sulla manovra non si fa attendere. «Il governo ha sempre detto che la crisi non c’era e che l’Italia stava meglio degli altri paesi. Adesso annuncia una manovra "lacrime e sangue" che colpisce con tagli lineari i servizi, le famiglie, i lavoratori e i pensionati», attacca Rosy Bindi, presidente dei democratici. «Non ci sono misure di lotta vera per combattere l’evasione fiscale - prosegue la Bindi - ma soprattutto non si annunciano misure strutturali per sostenere i redditi delle famiglie e per rimettere in moto l’economia». «Siamo disponibilissimi invece - concede Bindi - a discutere dei costi della politica ma non facciamo anche su questo propaganda. Il 5% di tagli agli stipendi di ministri e parlamentari non risolve i problemi dei costi della politica». E anche il segretario Bersani resta scettico: «Sono partiti i primi slogan e le prime chiacchiere sulla manovra che tutti hanno sempre detto che non ci sarebbe stata». «Il governo - ha detto Bersani - deve tirare fuori i conti. Non ci può essere una persona soltanto che sa i conti di questo paese. Il parlamento deve essere informato sulla situazione della finanza pubblica perchè da due anni non abbiamo nessuna trasparenza delle condizioni della finanza pubblica prima di parlare vogliamo vedere le tabelle».

e proprio ora la presunta opposizione si accorge che non ci sono misure di lotta per l'evasione fiscale ?
Perchè non hanno fatto qualcosa per contrastarla?
Bersani si accorge che c'è UNA SOLA PERSONA in Italia che sa dei conti del paese.
Non lo sapeva solo da oggi o l'ha saputo e ha fatto finta di nulla?

Vogliono vedere anche le tabelle? .... e perchè protestano ora se sono due anni che non gliele vogliono mostrare?
Un motivo, uno dico uno, ci sarà pur stato se non è stato mostrato nulla ma, in due anni, qualcosa avrebbero potuto almeno sospettare ....


http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/economia/201005articoli/55035girata.asp

EDIT


Inchiesta appalti, cronisti in Procura per pubblicazione verbali Bertolaso

Perquisiti giornalisti del Fatto e di Libero.

Bondi: i giornali mi diffamano in modo incivile.

Bindi: è peggio di Tangentopoli


http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=102017&sez=HOME_INITALIA

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
padegre
Inviato: 15/5/2010 19:28  Aggiornato: 15/5/2010 19:28
Mi sento vacillare
Iscritto: 28/11/2007
Da:
Inviati: 496
 Re: Commenti liberi
A 40 anni dalla firma dello “Statuto dei lavoratori”, ottenuto con anni di dure lotte, ecco aprirsi il magnifico scenario di libertà e civiltà, frutto del dilagare del liberismo e di quel famoso “mercato” che tutto dovrebbe regolare, ma che non vuole regole:
-operai da mesi all’addiaccio su tetti, autoreclusi nel supercarcere dell’Asinara, cercando una qualche visibilità per difendere il posto di lavoro, facendo a meno di un sindacato venduto e impotente
-a Napoli, una infermiera per protesta, per rivendicare il diritto a riscuotere lo stipendio, adotta la strategia disperata di farsi vampirizzare il sangue e dopo qualche giorno muore
-e qui siamo all’apoteosi delle logiche capitaliste! In un call-center i dipendenti che non raggiungevano i livelli di vendita previsti venivano derisi e fustigati di fronte agli altri dipendenti.

Questi episodi mostrano molte cose. Ma la più importante credo sia la dimostrazione del fallimento della sinistra politica e del connesso sindacato che, passo dopo passo, cedimento dopo cedimento, nel volersi porre come moderni, dialoganti, globali, si sono ritrovati a governare insieme ai padroni le stesse logiche liberiste, accettando in toto la subalternità (eterna) della classe operaia e lavoratrice.
Di fronte a questa situazione l’unico fronte serio che si può aprire è quello di fondare il sindacato unico dei lavoratori, respingere i sindacati venduti, porre obbiettivi come il salario sociale per tutti i disoccupati e chiamare alla mobilitazione e a presidi permanenti tutti i precari, i disoccupati, gli studenti senza futuro, affidandosi a lotte di massa autogestite.

Le conquiste del ’68 e dello Statuto dei lavoratori furono in gran parte frutto di lotte spontanee, spesso contro il sindacato che si era già accomodato nelle “commissioni interne” già addomesticate dai padroni, e il movimento dei lavoratori le spazzò via a favore dei “consigli di fabbrica”, che per qualche anno furono capaci di esprimere nuove avanguardie e nuovi dirigenti.
Qualche speranza ci fu fino al 1980, ma quando fallì l’occupazione della Fiat di Torino, la discesa verso la capitolazione totale fu sempre più veloce, fino agli episodi dei giorni nostri.
Non si deve più puntellare la “sinistra sparita”, né un movimento sindacale di fiancheggiatori del capitalismo e del liberismo, concludendo che è meglio avere questi che niente.

E’ ora che venga fuori una nuova generazione capace di autodifesa dei propri diritti, che non deleghi più a nessuno la direzione delle lotte, che formi e disciplini i suoi dirigenti, senza farne degli idoli inamovibili che vengono, prima o dopo, comprati.
Trovare nuovi obiettivi e nuove regole è oggi vitale per tutti coloro che vedono il proprio futuro molto incerto, nessuno gli regalerà niente ed è l’ora giusta per rimboccarsi le maniche, senza disperdersi in mille organizzazioni e partitini.
Chiedere il salario sociale di disoccupazione, imponendo il taglio delle spese militari comprese quelle relative alle basi militari americane in Italia, il taglio degli sprechi, l’abolizione dell’8 e del 5 per mille, l’abolizione del finanziamento pubblico dei partiti e dei finanziamenti all’editoria, l’abolizione delle province, è una partita tutta da giocare, se si vuole un futuro.

hendrix
Inviato: 15/5/2010 20:04  Aggiornato: 15/5/2010 20:05
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: Commenti liberi
per redna, padegre e tutti gli altri



un sorriso, please,
anche se non c'è niente da ridere...

redna
Inviato: 15/5/2010 21:58  Aggiornato: 15/5/2010 21:59
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Commenti liberi
Citazione:
un sorriso, please,
anche se non c'è niente da ridere...



detto fatto.....arriva il ricambio (sia per la destra che per la sinistra...)





.... quando si dice che il sistema è sempre uguale a se stesso, non lo si dice per nulla....

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Spiderman
Inviato: 16/5/2010 21:24  Aggiornato: 16/5/2010 21:24
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 19/9/2009
Da:
Inviati: 2722
 Re: Commenti liberi

"Ogni giorno racconto la favola mia, la racconto ogni giorno chiunque tu sia, e mi vesto di sogno per darti se vuoi, l'illusione di un bimbo che gioca agli eroi. (Renato Zero)
baciccio
Inviato: 18/5/2010 20:28  Aggiornato: 18/5/2010 20:28
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/1/2006
Da: Genova
Inviati: 536
 Re: Commenti liberi
diffondiamo.....finchè si può!!!!!!!!!!!!!


Ieri il Senato ha approvato il cosiddetto pacchetto sicurezza (D.d..L. 733) tra gli altri con un emendamento del senatore Gianpiero D'Alia (UDC) identificato dall'articolo 50-bis: /Repressione di attività di apologia o istigazione a delinquere compiuta a mezzo internet;

la prossima settimana Il testo approderà alla Camera diventando l'articolo nr. 60.

Il senatore Gianpiero D'Alia (UDC) non fa parte della maggioranza al Governo e ciò la dice lunga sulla trasversalità del disegno liberticida della"Casta".

In pratica in base a questo emendamento se un qualunque cittadino dovesse invitare attraverso un blog a disobbedire (o a criticare?) ad una legge che ritiene ingiusta, i /providers/ dovranno bloccare il blog.

Questo provvedimento può far oscurare un sito ovunque si trovi, anche se all'estero; il Ministro dell'Interno, in seguito a comunicazione dell'autorità giudiziaria, può infatti disporre con proprio decreto l'interruzione della attività del blogger, ordinando ai fornitori di connettività alla rete internet di utilizzare gli appositi strumenti di filtraggio necessari a tal fine.

L'attività di filtraggio imposta dovrebbe avvenire entro il termine di 24 ore; la violazione di tale obbligo comporta per i provider una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 50.000 a euro 250.000.

Per i blogger è invece previsto il carcere da 1 a 5 anni per l'istigazione a delinquere e per l'apologia di reato oltre ad una pena ulteriore da 6 mesi a 5 anni perl'istigazione alla disobbedienza delle leggi di ordine pubblico o all'odio fra le classi sociali.

Con questa legge verrebbero immediatamente ripuliti i motori di ricerca da tutti i link scomodi per la Casta!

In pratica il potere si sta dotando delle armi necessarie per bloccare in Italia Facebook, Youtube e *tutti i blog* che al momento rappresentano in Italia l'unica informazione non condizionata e/o censurata.

Vi ricordo che il nostro è l'unico Paese al mondo dove una /media company/ ha citato YouTube per danni chiedendo 500 milioni euro di risarcimento.

Il nome di questa /media company/, guarda caso, è Mediaset.

Quindi il Governo interviene per l'ennesima volta, in una materia che, del tutto incidentalmente, vede coinvolta un'impresa del Presidente del Consiglio in un conflitto giudiziario e d'interessi.

Dopo la proposta di legge Cassinelli e l'istituzione di una commissione contro la pirateria digitale e multimediale che tra poco meno di 60 giorni dovrà presentare al Parlamento un testo di legge su questa materia, questo emendamento al "pacchetto sicurezza" di fatto rende esplicito il progetto del Governo di /normalizzare/ con leggi di repressione internet e tutto il istema di relazioni e informazioni sempre più capillari che non si riesce a dominare.

Tra breve non dovremmo stupirci se la delazione verrà premiata con buoni spesa!

Mentre negli USA Obama ha vinto le elezioni grazie ad internet in Italia il governo si ispira per quanto riguarda la libertà di stampa alla Cina e alla Birmania.

Oggi gli unici media che hanno fatto rimbalzare questa notizia sono stati il blog Beppe Grillo e la rivista specializzata Punto Informatico.

Fate girare questa notizia il più possibile per cercare di svegliare le coscienze addormentate degli italiani perché dove non c'è libera informazione e diritto di critica il concetto di democrazia diventa un problema dialettico.

Dal Sito di Antonio Caracciolo " Civium libertas"

Floh
Inviato: 18/5/2010 21:07  Aggiornato: 18/5/2010 21:07
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/12/2009
Da: Milano
Inviati: 1056
 Re: Commenti liberi
@ Bacicco

Quindi il Governo interviene per l'ennesima volta, in una materia che, del tutto incidentalmente, vede coinvolta un'impresa del Presidente del Consiglio in un conflitto giudiziario e d'interessi.

Eh ma quando è troppo è troppo...sappiamo bene che qust'odiosa nuova legge non centra na mazza con Berlusconi.

L'antiberlusconismo è duro a morire

Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia (William Shakespeare, da Amleto)
hendrix
Inviato: 18/5/2010 21:12  Aggiornato: 18/5/2010 21:12
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: Commenti liberi
Il Re gioca sporco e fa scacco matto...

Sorpresa, Rainews c'è ma non si vede
... Centinaia le mail arrivate in redazione: "Rainews24 non si vede più". Il passaggio al digitale terrestre della Lombardia sposta le frequenze di Rainews24 anche nelle Regioni già digitalizzate. Ma non basta. Anche sul canale 506 del satellite, bouquet Sky, Rainews24 non c'è più. Presidio dei giornalisti in viale Mazzini. L'Associazione Stampa Romana denuncia la Rai. L'azienda: "solo lavori in corso". Usigrai: "Spiegazione insoddisfacente"

Santoro non è più dipendente Rai
il Consiglio di amministrazione ha approvato (7 voti a favore e 2 astenuti) su proposta del Direttore Generale Mauro Masi un accordo quadro con il giornalista Michele Santoro per la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro dipendente. Le due astensioni nel voto del Cda sono di Angelo Maria Petroni (Pdl) e Rodolfo De Laurentiis (Udc).

Ma Zavoli (Pilato) non dice niente?

Sinder
Inviato: 18/5/2010 21:52  Aggiornato: 18/5/2010 21:52
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2009
Da:
Inviati: 256
 Re: Commenti liberi
in realtà al senato è in discussione il ddl 1661 sulle intercettazioni con cui si vorrebbe riscrivere così la Legge 8 febbraio 1948, n. 47

Art. 8 - (Risposte e rettifiche)

Il direttore o, comunque, il responsabile è tenuto a fare inserire gratuitamente nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia di stampa le dichiarazioni o le rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini od ai quali siano stati attribuiti atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro dignità o contrari a verità, purché le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto suscettibile di incriminazione penale.

Per i quotidiani, le dichiarazioni o le rettifiche di cui al comma precedente sono pubblicate, non oltre due giorni da quello in cui è avvenuta la richiesta, in testa di pagina e collocate nella stessa pagina del giornale che ha riportato la notizia cui si riferiscono.
Per i periodici, le dichiarazioni o le rettifiche sono pubblicate, non oltre il secondo numero successivo alla settimana in cui è pervenuta la richiesta, nella stessa pagina che ha riportato la notizia cui si riferisce.

Per le trasmissioni radiofoniche o televisive, le dichiarazioni o le rettifiche sono effettuate ai sensi dell’articolo 32 del testo unico della radiotelevisione, di cui al decreto legislativo 31 luglio 2005, n. 177. Per i siti informatici, le dichiarazioni o le rettifiche sono pubblicate, entro quarantotto ore dalla richiesta, con le stesse caratteristiche grafiche, la stessa metodologia di accesso al sito e la stessa visibilita della notizia cui si riferiscono

Le rettifiche o dichiarazioni devono fare riferimento allo scritto che le ha determinate e devono essere pubblicate, senza commento, nella loro interezza, purché contenute entro il limite di trenta righe, con le medesime caratteristiche tipografiche, per la parte che si riferisce direttamente alle affermazioni contestate.

Per la stampa non periodica l’autore dello scritto, ovvero i soggetti di cui all’articolo 57-bis del codice penale, provvedono, su richiesta della persona offesa, alla pubblicazione, a proprie cura e spese su non piu di due quotidiani a tiratura nazionale indicati dalla stessa, delle dichiarazioni o delle rettifiche dei soggetti di cui siano state pubblicate immagini o ai quali siano stati attribuiti
atti o pensieri o affermazioni da essi ritenuti lesivi della loro reputazione o contrari a verità, purché le dichiarazioni o le rettifiche non abbiano contenuto di rilievo penale. La pubblicazione in rettifica deve essere effettuata, entro sette giorni dalla richiesta, con idonea collocazione e caratteristica grafica e deve inoltre fare chiaro riferimento allo scritto che l’ha determinata

Qualora, trascorso il termine di cui al secondo, terzo, quarto, per quanto riguarda i siti informatici,
e sesto comma, la rettifica o dichiarazione non sia stata pubblicata o lo sia stata in violazione di quanto disposto dal secondo, terzo, quarto, per quanto riguarda i siti informatici, quinto e sesto comma, l'autore della richiesta di rettifica, se non intende procedere a norma del decimo comma dell'articolo 21, può chiedere al pretore, ai sensi dell'articolo 700 del codice di procedura civile, che sia ordinata la pubblicazione.
`
Della stessa procedura puo avvalersi l’autore dell’offesa, qualora il direttore responsabile del giornale o del periodico, il responsabile della trasmissione radiofonica, televisiva o delle trasmissioni informatiche o telematiche non pubblichino la smentita o la rettifica richiesta

La mancata o incompleta ottemperanza all'obbligo di cui al presente articolo è punita con la sanzione amministrativa da lire 15.000.000 a lire 25.000.000.
La sentenza di condanna deve essere pubblicata per estratto nel quotidiano o nel periodico o nell'agenzia. Essa, ove ne sia il caso, ordina che la pubblicazione omessa sia effettuata.




poi c'è un po' di confusione, il ddl 733 è stato tramutato in Legge n. 94/09 del 15 luglio 2009
altro che ieri e l'emedamento d'alia non ha avuto molta fortuna http://www.lastampa.it/_web/CMSTP/tmplrubriche/giornalisti/grubrica.asp?ID_blog=2&ID_articolo=857&ID_sezione=&sezione

superava
Inviato: 19/5/2010 3:39  Aggiornato: 19/5/2010 3:39
Mi sento vacillare
Iscritto: 28/8/2008
Da: Riolo Terme
Inviati: 416
 Re: Commenti liberi
Una notizia dalla Puglia di Vendola

-Vendola autorizza illegalmente l’inceneritore di rifiuti Marcegaglia
http://www.italiaterranostra.it/?p=4767

Qui la risposta di Vendola..a voi le conclusioni:

In relazione all’articolo apparso oggi sul sito www.italiaterranostra.it, dal titolo ‘Vendola autorizza illegalmente l’inceneritore di rifiuti Marcegaglia’, a firma di Isa Antonacci e Maria Rosaria Fergola, il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola sta valutando la possibilità di adire le vie legali a causa della totale infondatezza delle notizie pubblicate. L’impianto, funzionale alla chiusura del ciclo dei rifiuti, nasce nel 2003 (contratto di programma tra Comune e Regione).
L’iter per l’autorizzazione è stato caratterizzato dalla più ampia trasparenza ed è stato consentito l’accesso alle conferenze dei servizi a tutti i soggetti che hanno manifestato interesse (ivi compresa l’associazione di giovani che, pur essendo stata invitata, non ha partecipato ai lavori).
Sulle conclusioni dell’iter è stato ottenuto il parere favorevole della maggioranza qualificata dei partecipanti ed anche chi ha espresso parere negativo ha apprezzato l’atteggiamento della Regione nella conduzione del procedimento e nell’adozione di numerosissime prescrizioni per la tutela dell’ambiente (è tutto riportato agli atti).

Fonte: http://www.nichivendola.it/sito/mcc/informazione/risposta-allarticolo-di-italiaterranostrait.html

E qui la controrisposta del giornalista direttore Gianni Lannes:

Mi auguro che Nichi Vendola ci quereli per “diffamazione”, così dimostreremo in tribunale quante menzogne propina all’opinione pubblica il governatore pro tempore della Puglia. Putroppo per disgrazia di Nicola V. siamo ben documentati. Nel caso dell’inceneritore targato Marcegaglia, tra l’altro l’iter autorizzativo è assolutamente illegale, eludendo la via e la vas, ignorando i vincoli ambientali, sociali, economici ed il semplice buon senso. Rammento a Vendola che nel 2005 in campagna elettorale si oppose a parole agli inceneritori; poi però lui gli ha spianato la strada. Vendola dimentica la mia lettera a lui indirizzata oltreché alla Marcegaglia per un contraddittorio pubblico nel dicembre 2009. Raccomando al parolaio di Terlizzi il silenzio, non desidero tirare sulla croce rossa.

Fonte: http://www.italiaterranostra.it/?p=4767#comment-471

Calvero
Inviato: 20/5/2010 2:46  Aggiornato: 20/5/2010 2:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Commenti liberi
a_mensa ha scritto:

Citazione:
Ecco la parolina magica che non solo si ha paura di pronunciare, ma anche di pensare.



Se la finissimo di dare per scontato che tutti sembra che sappiano cosa sia l'incertezza, sarebbe meglio. Sembra facile: << l'incertezza è una cosa non certa >>. Ma purtroppo le prospettive dei retaggi sociali si muovono (o meglio fanno muovere: si legga Marketing) attraverso la prospettiva che l'incertezza sia tale poiché qualcosa di certo è già stato deciso sia in antitesi. Sì come no. E il gioco è fatto.

In antitesi non vi è proprio nulla. Qui, il barbatrucco.

Come la famosa iconografia della pubblicità della famiglia del Mulino Bianco che con tutta la sua irrealtà nel dipingere una certezza che non esiste, muove le forme mentali a inseguire il sogno che renda sicure le nostre incertezze. Ma sarebbe proprio la consapevolezza reale di avere a fuoco che non v'è certezza a poterci far diventare più pragmatici, nonché logici.

<< non è il dubbio, è la certezza che fà impazzire >> disse qualcuno.

Ma probabilmente è l'umiltà a mancare ai nostri cuori e al nostro intelletto. Quella di accettare seriamente che non sappiamo nulla e soprattutto avere la forza di rinnegare gli escamotage che vengono usati per illudere l'uomo: la fede e l'ideale. Gli idoli. Che non sono l'utopia o i sogni. Ma sono una mancanza a cui si è data la stessa consistenza di chi è capace di scrivere sull'acqua.

Se in un mondo come il nostro capissimo seriamente quanto tutto sia fondato sull'illusione che vi sia una realtà effettiva/certa, allora si comprenderebbe che rideterminare pesi e misure NON significherebbe crearne di nuove, ma significherebbe distruggere la stupida esigenza di dover mettere nomi e distanze precise alle cose. Finiamola. Chissà.. tra mille anni forse...

Almeno, in visioni di un tempo smarrito o in ipotesi ancestrali (migliaia di anni fa), aveva senso quando nella totale ignoranza si metteva nome DIO ad un tramonto sul Mare. Il << Dio tramonto>>, perché no? Così era.. ed era bello... bellissimo...

E quel Dio era lì e lo si amava nei suoi colori. Ma quando si accorsero che quell'amore poteva essere manipolato, inventarono << la fede >> e il Dio (qualsiasi esso sia) poté cominciare a moralizzare l'operato degli uomini e a renderli faziosi e spiritualmente nazisti. Nonché colpevoli e bisognosi di espiazioni... cioé di "certezze"..

Così, in un mondo alla rovescia, dire la verità è L'ATTO rivoluzionario: e cioé che il mondo non è quel che viene creduto. Dire la verità, non significa portarne un'altra specifica, ma ricordare a tutti ... le nostre bugie.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
a_mensa
Inviato: 20/5/2010 8:10  Aggiornato: 20/5/2010 8:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Commenti liberi
@ calvero

grazie, grazie, grazie.
sono ammirato da come hai saputo esprimere quel sentimento di rivolta che provo di fronte ad ogni manifestazione di certezza, di fede cieca, di bisogno di una solidità costruita sulle sabbie mobili dell'esattezza.

il mio tentativo di risvegliare la coscienza dell'incerto, del dubbio, era fallito.

un approccio troppo tecnico, fisico, che non ha risvegliato in alcuno questa rivolta verso la finta e paranoica sicurezza.

hai scritto un "pezzo" da inquadrare.

non solo leggere ma mandare a memoria e ripeterlo come preghiera alla sera.

"dio, se ci sei, donami e mantienimi il privilegiuo del dubbio, dell'incertezza, della possibilità del diverso...... della consapevolezza della mia impossibilità di conoscere cosa sia l'ESATTO"

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
baciccio
Inviato: 21/5/2010 6:59  Aggiornato: 21/5/2010 7:01
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/1/2006
Da: Genova
Inviati: 536
 Re: Commenti liberi
Che fare? Si chiede Maurizio Blondet, a fronte di una azione lirerticida portata avanti in parlamento da elementi che antepongono gli interesi di Israele a quelli dell'Italia, dalla quale ricevono stipendio ed emolumenti vari, prima fra tutti la parlamentere F. Nirestein?
L'esistenza di siti internet, critici verso l'operato di Israele- che ogni due anni deve fare una guerra- è a serio rischio, e, con essa, case editrici vere e proprie.
Per combattere e relegare al mondo delle intenzioni questo disegno atto a censurare ogni spirito libero, credo sia utile che l'intento che avviluppa subdolamente i nostri parlamentari venga alla luce e proposto alla consapevolezza dei cittadini italiani.
Ne parla in un lilluminante articolo Maurizio Blondet, dal suo sito "Effedieffe", articolo che riporto solo parzialmente:

di Maurizio Blondet: 20 Maggio 2010 Cosa fare alla Nirestein
"Da mesi la Nirenstein si è messa alla testa di una vasta operazione israeliana per ridurre al silenzio i siti internet sgraditi. L’attacco contro la libertà di contro-informazione è potente, determinato, avviene dietro le quinte. Noi chiediamo l'uso dell’arma assoluta: un ciclo di preghiere perchè Dio converta Fiamma Nirenstein, e le doni la fede cattolica nel Messia Gesù. Ciascuno di noi offra in questi giorni per la sua conversione una piccola rinuncia, un dolore patito, un sacrificio guerriero, come insegnava Santa Teresa: «Amate fino a farvi male. Se non fa male, che amore è?».
Cosa fare alla Nirenstein
Maurizio Blondet
20 maggio 2010



Una marea di lettori mi hanno scritto: «Su RAINEWS24 c’è l’intervista alla Nirenstein in cui si etichetta EFFEDIEFFE come sito antisemita».

E' lecito tutto ciò?, mi chiede un lettore. Naturalmente tutto è lecito a lorsignori. Dovrei querelare, ma ho già abbastanza esperienza della giustizia italiota per sapere che si finisce solo a spendere soldi, per anni, e per nulla: la libertà d’espressione non è in cima ai pensieri della magistatura.

Da mesi la Nirenstein s’è messa alla testa di una vasta operazione israeliana per ridurre al silenzio i siti internet sgraditi. Invita deputati italoidi a pranzo (paga il Mossad?) per sensibilizzarli sul problema «dell’antisemitismo sul web». Convoca riunioni di tutte le commissioni parlamentari possibili (Affari Costituzionali, Interni, Affari Esteri) per arrivare ad una legge – che sarà sicuramente bipartisan – che obblighi la Polizia Postale ad accecare i siti che sono indicati come «antisemiti» dall’Osservatorio sul pregiudizio anti-ebraico, che è un ufficio del Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea (CDEC), ossia un ingranaggio nella gran macchina della nota lobby.

Ovviamente sono ben armati e ammanicati, oltrechè istruiti dall’estero: Alessandro Ruben, il «consigliere di camera» di kippà Fini, è dirigente dell’ADL, insomma garantisce il raccordo tra i centri della propaganda ebraica e il servo italiota. Ma servi sono tutti; recentemente hanno stanziato un finanziamento di 350 mila euro per una di queste centrali ebraiche, non importa quale, sono tutte collegate. La campagna è ovviamente appoggiata da Radio Radicale, sempre all’avanguardia nel sostegno del razzismo ebraico, e che non si vergogna di ospitare i deliri d’estrema destra likudnik di madame Mossad. (Sfide del XXI secolo: l'antisemitismo online)

(si noti la presenza della spia Betulla, modello di etica del giornalismo. Quanto ad Andre Oboler, è l’agente internazionale israeliano incaricato della repressione del web a livello mondiale).

L’attacco contro la libertà di contro-informazione (1) è potente, determinato, avviene dietro le quinte, ed è insidioso: la Nirenstein punta ad una chiusura dei siti «per via amministrativa», con operazione di Polizia, extragiudiziale, su semplice delazione degli ebrei likudnik (altri ebrei, come Rete Eco – Ebrei contro l’Occupazione, non hanno voce in capitolo). Ciò consente a lorsignori di evitare di definire, in sede giudiziaria, che cosa sia «antisemitismo» (2).

• E’ «antisemita», dice per esempio lo Stefano Gatti che ha parlato alla Commissione Affari costituzionali, sostenere che la maggior parte degli ebrei non sono veri semiti, ma discendono dai khazari.

Arthur Koestler
Ignorante volontario: ai khazari come futuri askenazi ha dedicato un saggio famoso Arthur Koestler, il celebre ebreo sionista, saggista e filosofo di nascita ungherese: il libro, «La tredicesima tribù», è pubblicato da UTET.

• La Nirenstein vuol censurare come «idee di cospirazione giudaico-americana» le (parole sue) «orride balle come quella che accusa gli americani di essersi autodistrutte le Twin Towers con l’aiuto del Mossad». Ebbene:

Alan Sabrosky, veterano del corpo dei marines ed ex direttore degli studi presso l’US Army War College, dichiara che «l’11 settembre è stata al 100%, un’operazione del Mossad israeliano». E Sabrosky è ebreo



• E’ antisemita sostenere che Israele commette crimini contro l’umanità?

Ma è l’accusa sostenuta e documentata dal giudice ebreo Richard Goldstone, che gode di stima mondiale.

• E’ antisemita denunciare che Israele compie pulizia etnica?

Ecco qui il saggio «La pulizia etnica della Palestina», a firma dello storico israeliano Ilan Pappe, Fazi Editore.

Norman Finkelstein
• E’ antisemita, dicono, svalutare la Shoa.

Ma ecco il saggio «L’industria dell’olocausto, lo sfruttamento della sofferenza degli ebrei», pubblicato da Rizzoli e scritto dal docente ebreo Norman Finkelstein, che per questo ha perso la cattedra dell’università (cattolica...) per cui lavorava.

• E’ antisemita evocare il delitto del sangue?

Lo conferma Ariel Toaff.

• E’ antisemita sostenere che Israele è il Quarto Reich aggressivo, super-armato, razzista e fanatico?

Si può esibire un qualunque articolo di Gilad Atzmon. E così via.

E’ facile, di fronte a qualunque accusa di «antisemitismo», esibire – in giudizio – decine di autori ebrei e israeliani che confermano, documentano, rincarano le atrocità e la deriva patologica e malvagia dello Stato razziale ebraico (3).

• E infine: è antisemita denunciare la Nirenstein come agente israeliano infiltrata nelle istituzioni nazionali?

Ma lo dice lei stessa nel suo sito: il 14 dicembre è stata premiata dalla Knesset per «il costante impegno da parte dell’onorevole Nirenstein anche all’interno delle istituzioni italiane, impegno che in questi giorni ha portato alla realizzazione di due importanti risultati alla Camera dei Deputati: è stata varata un’indagine conoscitiva sull’antisemitismo che verrà condotta congiuntamente dalle Commissioni Affari Esteri e Affari Costituzionali, a partire da gennaio; si è poi tenuta la prima riunione del Gruppo di Collaborazione tra la Camera dei Deputati e la Knesset israeliana, stabilito dal Protocollo di Collaborazione tra le due assemblee legislative, firmato a Roma dai Presidenti Fini e Rivlin il 6 ottobre scorso (...). Queste iniziative rappresentano il culmine istituzionale di tante altre iniziative di un Parlamento che nel corso di questa legislatura non ha mai fatto mancare a Israele la propria solidarietà: il Parlamento italiano è stato il primo a votare una mozione che impegnava il governo al ritiro dalla conferenza di Durban 2; ha svolto una manifestazione in piazza Montecitorio, cui è intervenuto anche il presidente Fini, in solidarietà a Israele nella guerra contro Hamas; ha fondato la sezione italiana della Coalizione Interparlamentare contro l’Antisemitismo (ICCA). Sono anche degne di nota la quantità e la qualità delle iniziative promosse dall’Associazione parlamentare di amicizia Italia Israele, che riunisce oltre 200 tra deputati e senatori (...). L’Associazione organizza per il secondo anno consecutivo il viaggio in Israele per i parlamentari». (Antisemitismo, Nirenstein premiata alla Knesset per suo impegno)

Per questo la Nirenstein non vuole giustizia, vuole un atto di Polizia. E a questo convince i deputati e i senatori servili, cioè tutti: vuole convincere a lasciare nelle mani del suo gruppo ebraico delle vere «lettres de cachet», mandati di cattura in bianco, il diritto insindacabile di perseguitare e censurare chi vogliono loro, caso per caso. E’ «diritto» talmudico della più bell’acqua, quello quotidianamente già applicato a Gaza e in Cisgiordania.

Che fare?".


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA