Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


11 settembre : September Blues. Una commedia in tre atti
Inviato da Redazione il 28/12/2010 9:30:00 (19151 letture)

(Articolo originale del 8/3/2010)

Immaginiamo una scenetta inventata, con Aldo Giovanni e Giacomo come protagonisti.

ATTO PRIMO

Si apre il sipario. L’ ambiente è scuro, tenebroso. Una sola luce centrale, bassa, illumina un tavolo rotondo attorno al quale sono seduti tre uomini. Il cono di luce permette di vedere le loro mani, ma il corpo e i volti restano parzialmente in ombra.

Aldo porta una divisa da generale, con la giacca coperta di decorazioni e la visiera del cappello calata sugli occhi. Giovanni indossa un abito scuro con il classico gilet e la camicia bianca. Porta gli occhiali da sole, e si vede il filo di un auricolare che gli esce dall’orecchio. Giacomo si presenta con una spavalda giacca viola a quadrettoni bianchi, camicia celeste elettroshock e cravatta arancione sgargiante. Inguardabile. E’ chiaramente lui il pesce fuor d’acqua.

Giovanni si rivolge ad Aldo, con tono serio e confidenziale.

GIOVANNI: Allora, mi è stato detto che la cosa si può fare.

ALDO (tira un sospiro di sollievo): Oohhhhh, finalmente, era ora! E quando?

GIOVANNI: Presto, presto. Entro settembre.

ALDO: Si potrebbe fare per l’11, già che ci siamo?

GIOVANNI: Si può provare. Ma perché proprio l’11?


ALDO: Sai com’è… E’ una data che ci ricorda tante cose…

Giacomo interviene, curioso come una faina.

GIACOMO: Tipo?

ALDO (vago, con una alzatina di spalle): Non so, tante cose….

GIOVANNI (a Giacomo): Ad esempio, gli ricorda il giorno in cui sono nate le sue gattine, Sabra e Chatila. Vero Aldo?

ALDO: Verissimo. E’ anche il compleanno di Pinocchietto, proprio quel giorno.

GIACOMO: Pinocchietto? E chi sarebbe, il figlio di Geppettino?

GIOVANNI: E’ il suo coniglio preferito. Ha le macchie sul petto, come delle medaglie. E’ un coniglio cileno, vero Aldo?

ALDO: Cileno, cileno al cento per cento. Però lo abbiamo allevato qui da noi.

GIACOMO: Scusate, ma allora perché non facciamo il 15, che in quel giorno si è sposata mia cugina?

GIOVANNI (secco, a Giacomo): Tu non devi preoccuparti di queste cose! Non ti riguardano.

Giacomo annuisce e tace.

GIOVANNI (a Aldo): Dunque, dicevamo?

ALDO: Che si può fare. In settembre, possibilmente per l’undici.

GIACOMO: Ma che cosa, esattamente, si può fare?

GIOVANNI: Niente, uno dei soliti lavoretti. C’è da buttare giù le Torri Gemelle.

GIACOMO: Ah, vabbeh… Pensavo chissà cosa…

ALDO (a Giovanni): E come lo faremmo, esattamente?

GIOVANNI: Questo dovete dircelo voi. Siete voi gli esperti, no?

ALDO: Certo, certo. Dunque, vediamo, Torri Gemelle …

GIACOMO: Esperti di che cosa? Di buttare giù torri?

GIOVANNI: Di creare incidenti militari.

ALDO: Se no in guerra come cazzo ci vai, scusa?

GIACOMO (chiaramente non ha capito): Ah, già. Certo.

GIOVANNI: Cosa credi che sia successo, a Pearl Harbour?

GIACOMO: Non lo so. Cosa è successo a Pearl Harbour? Che ci hanno affondato le navi, no?

ALDO (un sorrisetto ironico): Certo. Ci hanno affondato le navi.

GIOVANNI: Noi ci siamo incazzati come delle bestie, e abbiamo dovuto reagire.

GIACOMO: E certo che abbiamo dovuto reagire! Ci mancherebbe…

ALDO: Pure gli spagnoli ci hanno affondato una nave, davanti a Cuba.

GIACOMO: Assssì? Questa non la sapevo. E quando?

ALDO: Mah, nel 1800, o giù di lì.

GIACOMO (un sibilo di rabbia): Bastaaaardi!

GIOVANNI (con tono ripetitivo): Noi ci siamo incazzati come delle bestie, e abbiamo dovuto reagire.

ALDO: Anche nella Prima Guerra Mondiale, ci hanno affondato il Lusitania.

GIACOMO: Chi, gli spagnoli?

ALDO: No, i tedeschi.

GIACOMO: Bastaaaardi!

GIOVANNI (ormai è una cantilena): Noi ci siamo incazzati come delle bestie, e abbiamo dovuto reagire.

ALDO: Anche nel Golfo del Tonchino hanno cercato di affondarci una nave.

GIACOMO: Chi, i tedeschi?

ALDO: No, i vietnamiti.

GIACOMO: Minchia, ma ce l’hanno tutti con le nostre navi?

Giovanni gli afferra l’avambraccio, glielo stringe con forza e lo guarda dritto negli occhi.

GIOVANNI: Ascoltami bene, ciccio. Se aspettiamo che qualcuno ci attacchi davvero, noi di guerre non ne faremo mai. E’ chiaro il concetto?

GIACOMO: Chiarissimo, figurati. (Ritira il braccio, massaggiandoselo per il dolore). Però scusate, con le Torri Gemelle come facciamo? Mica possiamo tirargli contro una nave!

C’è una lunga pausa, in cui i tre uomini si scambiano sguardi interrogativi. Poi Aldo rompe il silenzio.

ALDO: Una nave no, ma un aereo sì.

GIOVANNI (entusiasta): Evvài col genio! Un aereo! Questa sì che è un’idea!

GIACOMO: Un aereo? Con su la gente?

GIOVANNI: Che cazzo te ne frega? Mica è gente che conosci.

ALDO: E poi, scusa, secondo te le Torri le buttiamo giù vuote?

GIACOMO: Ah no?

Giacomo riflette, immaginando la scena.

GIACOMO: Minchia, ma così viene fuori un casino…

ALDO: Embeh? E’ proprio quello che vogliamo, no? Loro ci attaccano…

GIOVANNI: … noi ci incazziamo come delle bestie…

GIACOMO (si illumina di colpo): … e così dobbiamo reagire!

Una doppia pacca sulla spalla, in contemporanea sui due lati, gli fa quasi sbattere la faccia sul tavolo.

GIOVANNI: E bravo il nostro Giacomino!

ALDO: Lo vedi che quando vuoi sai essere intelligente?

La luce sul tavolo si spegne. Buio.

FINE PRIMO ATTO

**************************************

SECONDO ATTO


Si apre il sipario. Il tavolo ora è coperto da documenti, cartelle, tabulati, fascicoli e cartacce di ogni genere.

ALDO e GIOVANNI stanno scartabellando, ciascuno per conto suo, alla ricerca di qualcosa di particolare. GIACOMO li osserva incuriosito, ma anche un pò annoiato, mentre ciascuno borbotta a mezza voce leggendo quello che ha davanti a sè.

ALDO (a Giovanni): Senti un pò questo… (legge a voce alta). “Si potrebbe far esplodere un aereo passeggeri sopra il cielo di Guantanamo, e poi dare la colpa ai cubani.”

GIOVANNI: Guarda che non sono i cubani questa volta, sono i talebani.

ALDO: Si vabbeh …

GIACOMO: I chi?

GIOVANNI: I talebani.

GIACOMO: E chi sono, i "talebbàni"?

GIOVANNI: I talebani sono quelli che ci attaccano stavolta, va bene?

GIACOMO: Sì sì, figurati…

ALDO (a Giovanni): Vabbeh, ma chettefrega, scusa?

GIACOMO (fra sè e sè, girando la manina come per dire “minchia che roba”): I talebbàni….

ALDO: Se fai mutatis mutandis, togli i cubani …

GIACOMO (a persone immaginarie): Ragazzi cheppaùùra…. Ci hanno attaccato i talebbàni….

GIOVANNI: Ma vuoi star zitto, che qui non si riesce nemmeno a discutere? (Ad Aldo) Dicevi?

ALDO: Dicevo… Se fai mutatis mutandis, togli i cubani e ci metti i talebani, no?

GIOVANNI: Si perchè adesso i talebani abitano a Cuba!

ALDO: Ma che c’entra? Se i talebani stanno in Pakistan, vuol dire che faremo esplodere un aereo sul Pakistan, no? Che problemi ci sono?

GIOVANNI: A parte che casomai è l’Afghanistan…

GIACOMO (ad Aldo): Ignorante!

ALDO: Tu stai zitto che manco sai dov’è l’Afghanistan.

GIACOMO: Certo che lo so! Sta in Cina! Vicino alla Cina! Vero Giova?

GIOVANNI: Vero. Adesso però taci, okay?

Soddisfatto, Giacomo guarda Aldo e gli fa il “gesto dell’introduzione”, con la manina sull’avambraccio. Aldo non raccoglie.

ALDO: Senti questo allora (legge dal fascicolo) “Potremmo far esplodere una nave americana nella baia di Guantanamo”…

GIOVANNI: E basta con ‘ste navi!

ALDO: Scusa, ho sbagliato riga. Era questo… (scorre il testo col dito, cercando il punto). Dunque… “potremmo far affondare un carico di cubani vero o simulato”… questo no… “Potremmo far esplodere un naviglio senza passeggeri”… no. Eccolo qui. “E’ anche possibile creare un incidente in cui dimostrare in maniera convincente che un aereo cubano ha attaccato un aereo civile americano che viaggiava sugli Stati Uniti”.

Giovanni sta per sbottare di nuovo, ma Aldo lo precede.

ALDO: Sostituisci “cubano” con “talebano”, naturalmente.

GIACOMO: Fai mutatis mutandis, no?

GIOVANNI: Ma che cazzo di mutatis mutandis! I talebani non hanno aerei, la vuoi capire? Quelli vanno ancora in giro col cammello!

GIACOMO: E va beh, gli faremo scoppiare un cammello! Tanto, una volta esploso non è che c’è ‘sta gran differenza…

Uno scappellotto di Giovanni sulla nuca lo rimette a tacere.

GIOVANNI (ad Aldo): Vai avanti.

ALDO (riprende a leggere): “Un aereo della base di Eglin verrebbe dipinto e numerato come una esatta copia di un aereo civile che appartiene a una società controllata dalla CIA nella zona di Miami.” (Guarda Giovanni) Toglici Miami, e mettici New York. (Torna a leggere) “Al momento prestabilito il duplicato andrebbe a sostituire l’aereo civile, e sarebbe caricato con i passeggeri prescelti, tutti imbarcati sotto falsi nomi, accuratamente preparati prima.”

Giovanni e Giacomo si fanno attenti, per non perdere il filo.

ALDO: “Il decollo dei due aerei verrebbe programmato il modo da permettere un incontro al largo della Florida.” (Guarda Giovanni) Toglici Florida, e mettici Long Island. (Torna a leggere) “Dal punto di incontro l’aereo con i passeggeri scenderebbe ad altitudine minima, ed atterrerebbe direttamente su una pista secondaria della base di Eglin, dove sarebbero stati organizzati in anticipo l’evacuazione dei passeggeri e il ritorno dell’aereo al suo stato originale.”

Giovanni e Giacomo si guardano, confusi. Giacomo fa una espressione come a dire “Ma che cosa sta dicendo?”

ALDO: “L’altro aereo proseguirebbe nel suo piano di volo, e una volta arrivato su Cuba” – toglici Cuba e mettici New York – “inizierebbe a trasmettere segnali di emergenza, dicendo di essere attaccato in volo. La trasmissione verrebbe interrotta dalla distruzione dell’aereo, che sarebbe stata provocata da un nostro missile.”

GIOVANNI: Toglici missile e mettici deficiente!

Con una sventola Giovanni gli fa volare via il fascicolo, che finisce per terra.

GIOVANNI: Ma che cazzo è sta roba? Dove l’hai presa?

GIACOMO: L’ha presa in Afghanistan! Lui parla portoghese.

Lentamente Aldo si alza, va a raccogliere il fascicolo e torna verso il tavolo, spolverandolo con delicatezza. Poi lo porge a Giovanni.

ALDO: Guarda che questa è roba vostra.

GIOVANNI: Ah sì?

ALDO: Leggi lì. Cosa c’è scritto?

GIOVANNI (guarda la copertina): Operazione Northwoods. Top Secret… Ma di quand’è sta roba?

ALDO: Una quarantina di anni fa.

GIOVANNI: Ah, ecco perchè è piena di cazzate!

ALDO: E’ il più recente che abbiamo trovato.

GIOVANNI: Ma voi non avete idee vostre? Dovete sempre venire a rubare le nostre? (Getta il fascicolo sul tavolo, seccato). Dunque, cerchiamo di ragionare.

ALDO: E cerchiamo di ragionare. (Torna a sedersi). Comincia tu, che io già c’ho mal di testa.

Non visto, Giacomo allunga una mano, prende il fascicolo e comincia a sfogliarlo.

GIOVANNI: Allora, abbiamo due torri da colpire, giusto?

ALDO: Giusto.

GIOVANNI: Con le navi non si possono colpire, quindi usiamo gli aerei.

ALDO: E fin lì ci siamo.

GIOVANNI: Il problema è, dove prendiamo gli aerei?

ALDO: Dove prendiamo gli aerei?

GIOVANNI: Si ma non è che devi farmi l’eco, ogni volta che parlo!

ALDO: Già ti ho dato l’idea principale, ora se permetti tocca un pò a te, no?

GIOVANNI: Grazie, a me sempre la parte più difficile.

ALDO: Vabbè dai, ti aiuto ancora una volta. Non è che per caso… questi aerei… si potrebbero affittare?

GIOVANNI: Affittare? Guarda che stiamo parlando di Boeing, mica di un pattino all’Idroscalo.

ALDO: E vabbè, che problema c’è? Non mi dirai che non avete i soldi per affittare un paio di Boeing.

GIOVANNI: Non è quello… Volendo i soldi ci sono anche. Ma poi chi li guida?

Con aria sorniona e divertita, Giacomo si intromette.

GIACOMO: Scusate, non è che vi voglio interrompere, però lo avete letto cosa c’è scritto qui?

Giovanni si accorge che stava leggendo il documento e cerca di toglierglielo di mano, ma non ci riesce.

GIOVANNI: Metti giù. Quella non è roba per te...

GIACOMO: Senti qua Aldo, questa è troppo bella: “Operazione caduta libera. Si potrebbero paracadutare sull’isola di Cuba migliaia di volantini, con foto che ritraggono il presidente Castro a letto con due aitanti giovanotti. In questo modo verrebbe a crollare l’immagine di leader carismatico e virile, …”

Con un guizzo Aldo gli strappa il fascicolo di mano.

GIOVANNI: Dammi questa roba ti ho detto! Se non la pianti chiamo la security e ti faccio sbattere fuori!

GIACOMO: Guarda che la security sono io.

GIOVANNI: E allora stai zitto e tieni giù le mani. (Ad Aldo) Dunque, dove eravamo arrivati?

ALDO: Che affittavamo gli aerei.

Giacomo si calma, poi estrae dalla tasca un mini-computer e comincia a battere comandi.

GIOVANNI: Cosa fai adesso? Sei il capo della security e non sai che qui è proibito usare i cellulari?

GIACOMO: Volevo ordinare un panino… E’ che siamo qui da due ore, e comincio a sentire un certo languorino…

GIOVANNI: Va beh, basta che taci…

Ubbidiente, Giacomo torna a battere comandi.

ALDO: Non è che si può avere anche un caffè, già che ci sei?

GIOVANNI: Ma insomma! E’ una riunione degli alti servizi congiunti, questa, o è la sagra del cotechino?

ALDO: Hai ragione, scusa.

GIOVANNI: Allora.

ALDO: Allora, niente. Affittiamo ‘sti cazzo di aerei, li sbattiamo contro le torri e finiamola li, no?

GIOVANNI: Si, bravo. E chi li guida?

Di nascosto da Giovanni, Giacomo guarda Aldo e gli domanda con le labbra “zucchero?”, facendo il gesto del cucchiaino che gira nella tazza.

ALDO: E chennesò chi li guida! I talebani, no?

Aldo indica “2” con le dita a Giacomo, che batte il comando sul mini-computer.

GIOVANNI: Seeee, prima che un talebano riesca a colpire una di quelle torri gli finisce la benzina tre volte, a furia di andare avanti e indietro.

Giacomo rimette in tasca il mini-computer e di nascosto torna ad afferrare il fascicolo.

ALDO: E la madonna, sai cosa ci vuole? Sono torri enormi, quelle. Saranno alte 500 metri.

GIOVANNI: Si, ma mica le devi colpire per lungo. E’ per largo che devi colpirle.

ALDO: E va bè, anche se fosse per largo, ...

GIOVANNI: Ma lo hai mai visto in faccia un talebano? Ci mette un quarto d’ora solo per metterti a fuoco, quando gli parli.

ALDO: Massì, mica sono grissini quelle torri, dài... e poi sono due, ne sbagli una e pigli l'altra.

GIOVANNI: Sbagli l'altra e come minimo mi finisci sulla 5a strada.

ALDO: Infatti, qualcosa becchi di sicuro.

Giacomo esplode in una risata incontenibile. Giovanni lo guarda gelido, ma lui continua a ridere senza nemmeno vederlo. Giovanni incrocia le braccia, aspettando che finisca, ma Giacomo ride sempre di più, finchè rotola a terra, travolto dalle convulsioni. Poi finalmente, fra singhiozzi e lacrime, riesce a dire:

GIACOMO: Giuro.. non ci credo.. questa è troppo bella… senti Aldo… (legge dal documento) “Si potrebbe infiltrare un cameriere … fra i servitori di Fidel Castro… che al momento oppurtuno fingerebbe di cadergli addosso, versandogli in faccia un liquido che gli avvelena la barba….”

Aldo sogghigna divertito.

ALDO: Pensa te! Riescono a inflitrare un cameriere, e quello invece di avvelenargli direttamente il cibo gli avvelena la barba.

GIACOMO (ad Aldo): Magari pensano che se la mangi. (A Giovanni): Ma dove le prendete queste idee? Cazzo, manco sull’Intrepido leggi delle cagate del genere!

Con un gesto deciso Giovanni gli strappa di nuovo il fascicolo, e lo chiude in una valigetta metallica.

GIOVANNI: Basta! Tu questa roba non devi più toccarla.

Continuando a ridere, Giacomo cerca un’intesa con Aldo.

GIACOMO: E’ la marchiano pure Top Secret, ‘sta roba.

ALDO: La marchiano Top Secret perchè si vergognano, secondo me.

GIACOMO (A Giovanni): Mi raccomando Giova, mettigli anche la combinazione, al tuo documento. Non si sa mai che un giorno vi rubano le idee.

Giovanni scatta in piedi, urlando con tono imperioso.

GIOVANNI: Adesso basta! Vogliamo lavorare seriamente qui o no?

I due ammutoliscono. Hanno capito che non scherza. Giovanni si risiede, con calma.

GIACOMO: Scusa Giova, posso fare una domanda seria?

GIOVANNI: Sentiamola.

GIACOMO: Ma perchè state a complicarvi la vita, con ‘sti aerei che devono andare a sbattere nelle Torri?

GIOVANNI (lo guarda di traverso): E la domanda seria quale sarebbe?

GIACOMO: Questa. Te l’ho appena fatta (separa bene le parole): Perchè-state-a-complicarvi-la-vita con-gli-aerei-che-devono-andare-a-sbattere-nelle-torri?

GIOVANNI (con lo stesso tono meccanico): Perchè-vorremmo-creare-un-incidente-per-far-spaventare-gli-americani. Credevo che almeno questo fosse chiaro.

GIACOMO: L’ho capito! Ma mica c’è bisogno di sbattere davvero gli aerei sulle torri, per spaventarli. L’importante è che loro “credano” che ci hanno sbattuto, no?

GIOVANNI: E cosa facciamo, glielo raccontiamo per radio?

ALDO: Come fece Raquel Welch, con quella trasmissione sui marziani.

GIOVANNI: Orson Welles, non Raquel Welch.

ALDO: Evabbeh, Welch, Wells…

GIACOMO: Cerca di capirmi, Giovanni. Oggi non viviamo più nel mondo reale, viviamo in un mondo virtuale. Sono le apparenze che contano. La realtà non conta più niente.

ALDO: A proposito di apparenze, arriva o no ‘sto caffè?

GIACOMO: Non lo so, ora sollecito.

Batte i tasti sul mini-computer, poi mostra a Giovanni il piccolo schermo luminoso.

GIACOMO: Lo vedi questo schermo, Giova?

GIOVANNI: Lo vedo.

GIACOMO: E’ questo il mondo. E’ questa la realtà di oggi. Quello che accade su questo schermo è reale, quello che accade là fuori non interessa più a nessuno. Lo hai visto Avatar?

GIOVANNI: Bellissimo! L’ho visto tre volte. Di seguito.

ALDO: A me sinceramente m’ha fatto una paura della madonna.

GIOVANNI: Come paura?

ALDO: Minchia, quella foresta... (rabbrividisce al pensiero) tutti quegli insetti enormi…

GIOVANNI: Va bè, ma era finto no?

GIACOMO (ad Aldo): Lo vedi? Anche tu sei un uomo del passato. Non capisci la realtà virtuale. Come dice Schopenhauer, “tutto ciò che non si capisce ci spaventa”.

ALDO: Cazzo c'entra Schopenhauer? Non è che non ho capito, ho detto che mi fanno schifo le bestie! E poi, cosa vuoi che ci sia da capire in quel film?

GIOVANNI: Veramente, ha un messaggio molto importante. Ma lasciamo perdere, sarebbero perle ai porci.

Giacomo lo guarda sdegnato.

GIACOMO: Ignorante! Vai a giocare coi talebbàni, tu… che magari fra di voi vi capite.

GIOVANNI: Allora, dicevamo?

GIACOMO: Allora: realtà… apparenza. Hai presente? Realtà da una parte, apparenza dall’altra.

GIOVANNI: Ho capito. Realtà… apparenza.

GIACOMO: Hai mai sentito parlare di sì-gì-ài?

GIOVANNI: Di che?

GIACOMO: Sì-gì-ài. Scritto C - G - I

ALDO: Cos’è, un sindacato?

GIACOMO: Computer Generated Images, ignorante!

La luce si spegne. Buio.

GIACOMO: Benvenuti nel terzo millennio, amici!

Fine II ATTO

*****************************************

TERZO ATTO


Al posto dei fascicoli di carta sul tavolo c’è ora un grande modellino di Manhattan, fatto con il Lego. È un modello molto complicato, con centinaia di piccoli pezzi di tutti i colori, fra i quali spiccano le Torri Gemelle. La città è circondata da due strisce d’acqua, accanto alle quali c’è nuovamente la terra.

Seduto dietro al modellino Giacomo illustra a Giovanni e Aldo le varie parti che lo costituiscono.

GIACOMO: Manhattan. Central Park. Empire State Building. Torri Gemelle.

ALDO: Quello sarebbe l’Empire State Building? Me lo ricordavo più alto.

GIACOMO: Il modello è in scala perfetta, Aldo. Diecimila-a-uno.

ALDO: Anche quello stuzzicadenti è in scala?

Aldo indica uno stuzzicadenti piantato in cima all’edificio.

GIACOMO: Oh ragazzi, i pezzi del Lego sono quelli che sono. Allora, dicevamo: Manhattan. Central Park. Empire State Building. Torri Gemelle. Fiume Hudson. Costa del New Jersey. Costa di Brooklyn.

ALDO: non c’è la Statua della Libertà?

GIACOMO: C’è, ma non si vede. E’ molto più in giù. E’ lì dove sei tu.

ALDO: Così lontano? Mi sembrava più vicina.

GIACOMO: Te l’ho già detto. Nella realtà le cose non sono mai quello che sembrano.

GIOVANNI (ad Aldo): Realtà… apparenze. Realtà… apparenze. Modernizzati, no?

GIACOMO: Esatto. Dunque dicevamo: Manhattan, Central Park. Empire state building, …

ALDO E GIOVANNI (si aggiungono in coro): Torri Gemelle. Fiume Hudson. Costa del New Jersey. Costa di Brooklyn. Non è che siamo deficienti. Vieni al punto.

GIACOMO: Il punto. Eccolo qua, il punto!

Giacomo mostra due pezzettini di lego rossi, di dimensioni minime.

GIACOMO: Bomba numero uno, bomba numero due. (Piazza un pezzo dentro la prima torre) Colloco la bomba numero uno nella Torre Nord, al punto di impatto previsto. Poi piazzo la bomba numero due nella Torre Sud, al punto di impatto previsto, e poi me ne torno a casa. Fine del lavoro.

GIOVANNI: E come la collochi, tanto per capire? Permesso, devo collocare una bomba nel punto di impatto?

GIACOMO (sdegnato): Giovanni! Mi meraviglio di te! Non dirmi che non avete nessun infiltrato, che già appartiene all’organizzazione?

GIOVANNI: Certo che ce l’abbiamo, certo.

Aldo lo guarda interrogativo, Giovanni gli fa il gesto della papalina in testa e del naso adunco, Aldo fa segno di aver capito.

GIACOMO: Perfetto. Ci pensa lui a farvi entrare e piazzare le bombe, no?

GIOVANNI: Certo.

GIACOMO: Quindi, una volta piazzate le bombe voi ve ne tornate a casa e vi sistemate belli comodi davanti al televisore. Cosa trasmettono il martedì mattina in TV? Alle nove meno un quarto?

GIOVANNI: Non lo so. Cosa trasmettono?

ALDO: “Il prezzo è giusto”, mi sembra.

GIOVANNI: No, quello comincia alle nove. Prima c’è Tom e Jerry.

GIACOMO: Qualunque cosa ci sia, nessuno sta ancora trasmettendo le immagini delle Torri Gemelle, giusto?

GIOVANNI: Ovvio, se ancora non è successo niente.

GIACOMO: Benissimo. A un certo punto – avvicina la mano alla bomba collocata nella torre nord - boom, questa esplode senza che nessuno se lo aspettasse. A quel punto cosa succede?

ALDO: Cosa succede? Che si sente un botto.

GIACOMO: Esatto. Ma succede che quelli in strada, quelli che stanno andando a lavorare, si voltano di colpo, e vedono un grande buco nella facciata della torre, a forma di aereo. Cosa dicono quel punto?

ALDO: Dicono “Minchia, che botto!”

GIACOMO: Sì, ma “che botto” dove?

ALDO: Beh, lì dove ha colpito l’aereo, no?

GIACOMO: Aha! Lo vedi che ci sei cascato anche tu? Non c’era nessun aereo, c’è stata solo un’esplosione, e tutti sono già convinti che la torre sia stata colpita da un aereo.

GIOVANNI: Grazie al cazzo! C’è la forma di un aereo, è chiaro che pensano tutti che è stato un aereo. Se ci fosse stata la forma di una gazzella, pensavano tutti che l’avesse colpita una gazzella, no?

Aldo e Giacomo si scambiano uno sguardo interdetto.

GIOVANNI: Va beh, ho fatto un esempio qualunque, dài…

ALDO: Dovevi dire il Vil Coyote, casomai. Quello sì che era l’esempio giusto.

GIOVANNI: E’ sì, perchè se la gente vede nelle Torri Gemelle un buco con la forma del Vil Coyote dice “Cazzo, sono state colpite dal Vil Coyote!”

ALDO (a Giacomo): Piuttosto, scusa una cosa: se l’aereo non c’era, come ha fatto il buco a venire a forma di aereo?

GIACOMO (sdegnato): Aldo! Mi stupisco di te! Non mi dirai che non avete delle bombe capaci di fare il buco con la forma che volete voi!

ALDO: Ah sì, certo che le abbiamo! Figurati, bastava dirlo.

GIACOMO: E allora, che problema c’è? Mettete una bomba che fa il buco a forma di aereo, e siamo a posto.

GIOVANNI (ad Aldo): Non sapevo che aveste bombe di quel genere.

ALDO: Uh, ne abbiamo di moltissimi tipi. Abbiamo anche le bombe che fanno il buco a forma di tortiglione, volendo.

GIOVANNI: Come, di tortiglione?

ALDO: Hai presente, le trecce del rabbino? Ecco, noi abbiamo delle bombe che fanno un buco tutto arrotolato, che sembra che ci sia passato dentro un rabbino. Le avevamo fatte preparare apposta, per dare a loro la colpa degli attentati alle olimpiadi di Monaco.

GIOVANNI: E poi, non le avete usate?

ALDO: No, perchè loro ci hanno preceduto, e hanno dato la colpa ad Arafat.

GIOVANNI: A forma di nacchere ce le avete?

ALDO: Come a forma di nacchere?

GIOVANNI: Delle bombe che lasciano la forma delle nacchere. Così fate gli attentati e poi date la colpa agli spagnoli, no?

GIACOMO: Da ragazzi siamo seri per favore.

GIOVANNI: Giusto siamo seri. Allora, dove eravamo?

GIACOMO: C’era stata l’esplosione nella prima torre. La gente guarda su e vede il buco. A quel punto cosa succede?

ALDO: Ma dillo tu cosa succede! Cazzo, tutte le volte ci devi fare l’indovinello? E’ tuo il progetto, dillo e basta.

GIACOMO: Sono domande retoriche, ignorante! Non è che devi rispondere tutte le volte.

ALDO: E tu evita di farle allora! Minchia, non è che tutte le volte che vado in bagno mi domando “Dove sto andando? Vado a fare la pipì”. Ci vado e basta.

GIOVANNI: Dài, vai avanti.

GIACOMO: Allora, succede che arrivano tutte le televisioni, e cominciano a trasmettere le immagini della torre che brucia. A questo punto io non posso più far scoppiare la seconda bomba così, all’improvviso, perché lo vedrebbero tutti che non c’è il secondo aereo.

GIOVANNI: Infatti.

GIACOMO: E’ qui che entra in gioco la realtà virtuale. (Prende un modellino di elicottero, fatto sempre con il Lego, e lo fa volare vicino alle Torri Gemelle). Questo è il Chopper Five – ricordatevelo bene.

ALDO: Cos'è, un tritacarote?

GIACOMO: E' l’elicottero n. 5, della ABC News. Sarà lui a trasmettere le immagini del secondo impatto, e lui soltanto.

GIOVANNI: E tutte le altre TV? Cosa fai, gli stacchi la corrente?

GIACOMO: Giovanni! Mi meraviglio di te! Non mi dire che non siete in grado di obbligare tutte le televisioni a trasmettere un’immagine unica.

GIOVANNI: (poco convinto) No, certo, ovvio che possiamo.

ALDO: E come fate, scusa?

GIACOMO: Ma dài, è semplicissimo! Siamo o non siamo in una emergenza nazionale? E allora? Unificate le immagini per non dare informazioni ai terroristi, no?

ALDO: Ah già, giusto.

GIOVANNI: Si va beh, sarà anche una immagine sola, ma lì comunque l’aereo non c’è.

GIACOMO (sdegnato): Giovanni!

GIOVANNI: Si lo so, ti stupisci di me. Però vai al sodo. Cosa succede?

GIACOMO: Chi c’è, secondo te, sul Chopper Five?

GIOVANNI: Boh, chi c’è?

ALDO: Il Mago Silvan?

GIACOMO: Ma ci sono io, ragazzi!

ALDO: Lo guidi tu, il Chopper Five?

GIACOMO: No, io siedo alla consolle digitale.

GIOVANNI: Lui siede alla consolle digitale, no?

GIACOMO: Io seguo le immagini della torre uno che brucia. (Si immedesima, emozionato) Le ho nel monitor. Quando è il momento di far scoppiare la bomba nella torre due, io zac, ci pianto dentro il mio sì-gi-ài, e tutto il mondo vede un Boeing che non c’è.

ALDO (a Giovanni): Cos’è che pianta dentro?

GIOVANNI: Il sì-gi-ài, no? Prendi un sì-gi-ài e lo pianti dentro. Come una freccetta, praticamente. Zac!

GIACOMO: Il sì-gi-ài, caro ignorante che ha fatto le scuole in Pakistan, è la figurina di un aereo ritagliata, che viene sovrapposta alle immagini reali, e fa sembrare che ci sia in cielo un aereo.

ALDO: Minchia. E’ come un film, praticamente. (Ci riflette sopra) Ma scusa, allora perchè non giriamo un film vero e proprio, già che ci siamo? Con gli effetti speciali….

GIACOMO: E bravo il nostro Einstein! Giovanni. Spiegagli perchè non si può girare un film vero e proprio.

GIOVANNI: No dài, spiegaglielo tu, io sono stufo di fare sempre il professore.

GIACOMO (ad Aldo): Un film non si può mandare in onda, perchè le immagini devono combaciare con la realtà di quel giorno, no?

GIOVANNI: Ovvio.

GIACOMO: Metti che noi giriamo il film in una giornata di sole, e poi quel mattino è nuvolo: la gente se ne accorge subito che non erano immagini vere.

ALDO: E va beh, girane due, uno con il nuvolo e uno con il sole.

GIOVANNI (carogna): E se poi piove?

ALDO: E che cazzo ne so? Rimandi, no?

GIOVANNI: No, aspetta, mi piace invece questa cosa del sì-gi-ài. Vai avanti Giacomo.

GIACOMO: Basta. Finito. Tu hai due torri con due buchi a forma di aereo, la gente a casa è convinta che siano stati due aerei, e tu ti risparmi tutti i casini.

GIOVANNI: E tutti quelli che sono lì cosa vedono?

GIACOMO: Come cosa vedono?

GIOVANNI: La gente per strada, a Manhattan… Minchia, con una torre che brucia ci sarà qualcuno che guarda in su ogni tanto, no?

GIACOMO: Embeh?

GIOVANNI: E quelli cosa vedono? Gli fai vedere anche a loro il sì-gi-ài, al posto dell’aereo?

GIACOMO (sdegnato): Giovanni! Mi stupisco di te! Hai mai sentito parlare della S.T.O.?

ALDO (gli fa il verso): Giovanni! Non hai mai sentito parlare della S.T.O.?

GIACOMO: S.T.O. sta per Sindrome del Testimone Oculare.

ALDO: Davvero non la conosci?

GIOVANNI (seccato): No, non la conosco, va bene? Mia sorella ha avuto una cataratta, ultimamente, però quella sindrome lì non l’avevo mai sentita. Oh!

GIACOMO: La S.T.O. funziona così: c’è un grave incidente. All’inizio la gente crede di aver visto una cosa. Poi va a casa, riguarda la tv, e si convince di averne visto un’altra.

ALDO: Realtà.. apparenza… Realtà… apparenza… no?

Giovanni non è convinto.

GIOVANNI: Scusa, non per fare il pignolo, ma … Avranno anche la sindrome, ma se per caso uno di questi “testimoni oculari” stava filmando la prima torre che brucia, quando esplode la seconda, dopo cosa fai? Convinci anche la video-cassetta che lì c’era un aereo?

GIACOMO (sdegnato): Giovanni…

ALDO: Mi stupisco di te…

GIACOMO: Cosa ci vuole a falsificare anche quei video? Una volta fatto un sì-gi-ài l’hai fatto per sempre, no?

GIOVANNI: Cioè?

GIACOMO: Cioè lo applichi dove vuoi.

ALDO (spiega a Giovanni): Praticamente, tutti quelli che si ritrovano con una video-cassetta senza l’aereo vanno da lui, e lui glielo mette.

GIOVANNI: Ah, ho capito! Certo, vanno da lui, e lui gli aggiunge l’aereo.

ALDO: Alla peggio fanno un pò di coda, se sono in tanti. Tanto, che ci vuole ad aggiungere un sì-gi-ài? Un paio di minuti, no?

GIACOMO: Beh, proprio un paio di minuti no, però con mezz’oretta al massimo te la cavi.

ALDO: D’altronde, ne vale la pena. Mica vorrai essere l’unico che si ritrova un video delle Torri Gemelle senza nessun aereo che le colpisce, no? Che video sarebbe, scusa? Non vale niente senza l’aereo.

GIOVANNI: Certo, certo, capisco… (A Giacomo) Niente male l’idea, mi piace.

ALDO: No, scusa, permettimi, ma quando ci vuole ci vuole: qui non è questione di “mi piace”, questa è un’idea ge-ni-a-le, punto e a capo.

GIOVANNI: Realtà, apparenza… realtà, apparenza. Bello, bello….

Giacomo gongola soddisfatto.

ALDO: Pensa che io nel frattempo avevo addirittura pensato di dirottarlo, un aereo.

GIOVANNI: Come dirottarlo?

ALDO: Beh, invece di affittarlo pensavo, ce ne sono già tremila in giro che volano…

GIOVANNI: Ma no, è troppo complicato, dài… poi metti che qualcosa va storto… metti che il terrorista alla fine si caga sotto…

ALDO: Beh, se è solo per quello, avevo anche pensato che l’aereo si poteva telecomandare … volendo non servivano nemmeno, i terroristi.

GIOVANNI: Si vabbè, quello lo avevo pensato anch’io, era ovvio. Ma sono idee vecchie, roba del secolo scorso… Vuoi mettere invece l’idea di Giacomo? Pianti dentro un sì-gi-ài... e zac! E’ molto più pulita, molto più elegante.

ALDO: Su questo non c’è dubbio. Non ti sporchi le mani …

GIOVANNI: E poi il risultato è garantito. Vero Giacomo, che il risultato è garantito?

GIACOMO: Certo che è garantito, perchè la realtà la inventi tu. Non puoi sbagliare. Come diceva Mac Lùhan… (Guarda Giovanni, come per lasciargli finire la frase) ... cosa diceva Mac Lùhan?

GIOVANNI (ad Aldo): Cosa diceva Mac Lùhan? Dillo tu Aldo, vediamo se almeno questa la sai.

ALDO: E che ne so cosa diceva Mac Lùhan? Ogni scarrafone è bello a mamma sua?

GIACOMO: “Il mezzo è il messaggio”. Ecco cosa diceva. Il mezzo è il messaggio.

GIOVANNI: (Ad Aldo) Ignorante!

Si alza dalla sedia, e si rivolge a Giacomo.

GIOVANNI: Senti, Giacomo, sono sinceramente ammutolito di fronte a questa tua idea.

Anche Aldo si alza, imitando il tono.

ALDO: Anch’io sono ammutolito. Non ho parole.

GIOVANNI: Va beh, quello è normale.

Imbarazzato, Giacomo li guarda da sotto in su, seduto dietro al suo modellino di Manhattan.

GIACOMO: Beh ragazzi, non esageriamo… E’ un’idea come tante… Con la realtà virtuale puoi veramente sbizzarrirti…

GIOVANNI: No no, davvero! Lo sai che io non sono uno dai complimenti facili.

ALDO: Ti posso toccare, Giacomo?

GIOVANNI: E no, scusa, veramente volevo toccarlo io.

GIACOMO: E va beh, toccatemi tutti e due. Uno per parte.

Aldo tende la mano esitante verso una spalla di Giacomo, Giovanni tende la sua verso l’altra.

La luce si spegne.

ALDO E GIOVANNI (in coro, forte): Mavaffanculo!

Si sente il tonfo pesante di un uomo che ruzzola a terra. Poi dei passi che si allontanano.

GIACOMO: Ahia, ostia…. Oh, ragazzi, dove andate? Aspettatemi!

ALDO (da lontano): Andiamo al bar, andiamo! Se stiamo qui ad aspettare il tuo cazzo di caffè virtuale qui facciamo notte.

FINE

Massimo Mazzucco

Voto: 8.00 (8 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Pyter
Inviato: 24/2/2010 10:58  Aggiornato: 24/2/2010 10:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Tutto molto plausibile.
La sceneggiatura NoPlanes però prevede la partecipazione di un altro personaggio: la Gialappa's, che SU, dalla REGIA, dia le "imbeccate".

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
Decalagon
Inviato: 24/2/2010 11:04  Aggiornato: 24/2/2010 11:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti


Sono riuscito a immaginarmi perfino le loro voci.

Però un video con una musichetta da circo e un commentatore che fa notare cose stupide tipo "ehi! ma c'è una macchina che sta parcheggiata lì vicino alle torri! non è possibile! è un trucco!", sarebbe stato più divertente

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
ayarbor
Inviato: 24/2/2010 11:39  Aggiornato: 24/2/2010 11:42
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/1/2010
Da:
Inviati: 227
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Mi pare che una rappresentazione teatrale simile è già stata messa in scena, con lo stesso stile ironico ed un trio che la interpretava.
La vidi su Arcoiris, ma non ho il link perchè adesso non ne ricordo piu il titolo.

Floh
Inviato: 24/2/2010 11:53  Aggiornato: 24/2/2010 11:53
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/12/2009
Da: Milano
Inviati: 1056
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Niente male, può far aprire gli occhi ai più scettici (o meglio idioti?) (che si vedono riflessi nella parte di Giacomo) .
Bravo Massimo

Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia (William Shakespeare, da Amleto)
ayarbor
Inviato: 24/2/2010 12:43  Aggiornato: 24/2/2010 13:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/1/2010
Da:
Inviati: 227
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Link Arcoiris trovato

(EDIT: ovviamente senza nulla togliere all'idea di Mazzucco)

Mayer
Inviato: 24/2/2010 14:59  Aggiornato: 24/2/2010 14:59
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/3/2006
Da:
Inviati: 202
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Bellissimo Massimo.. =)
Anche a me pareva di vederli in azione mentre leggevo.

AlbaKan
Inviato: 24/2/2010 15:15  Aggiornato: 24/2/2010 15:16
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/3/2009
Da:
Inviati: 117
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Credo che Mazzucco, stavolta ha fatto un casino, perchè Ahmadinejad lo ha letto e non sapendo chi fossero Aldo, Giovanni e Giacomo, ha creduto davvero che fossero agenti della CIA, quindi ha affermato che le Torri gemelle le hanno buttate giù gli Usa...
Adesso gli USA si offendono e si devono difendere da queste "infamie"!

"Ai liberali che non sono tutti usurai, chiedo: come mai gli usurai sono tutti liberali"? Ezra Pound
VIPER
Inviato: 24/2/2010 15:47  Aggiornato: 24/2/2010 15:52
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/6/2009
Da:
Inviati: 557
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
DECALAGON

Citazione:
Però un video con una musichetta da circo e un commentatore che fa notare cose stupide tipo "ehi! ma c'è una macchina che sta parcheggiata lì vicino alle torri! non è possibile! è un trucco!", sarebbe stato più divertente


Se ci fosse stata tua madre, tuo figlio o la tua donna in una di quelle torri avresti lo stesso trovato divertente il video con la musichetta da circo?

se pensassi prima di scrivere quello che ti passa per la testa, forse non avresti più di mille messaggi in pochi mesi, ma sicuramente ci sarebbe più contenuto e un vero contributo alla causa, se è questo che ti preme.

@ MAZZUCCO

Mi spiace dissentire Mazzucco, ma questa tua uscita non la ho capita; devo forse aspettare la seconda parte per comprendere il messaggio che vuoi dare?

Perchè in tutta sincerità non trovo nulla di divertente in questa scenetta nella quale, per il momento, non vedo scopi precisi. Le informazioni che da sono tutte più che conosciute da chi frequenta questo sito; qundi qual'è la motivazione nel riproporle ancora scherzandoci sopra?

A meno che ovviamente non sia necessario aspettare la seconda parte per comprendere lo scopo dell'articolo.

Decalagon
Inviato: 24/2/2010 16:37  Aggiornato: 24/2/2010 16:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Citazione:
Se ci fosse stata tua madre, tuo figlio o la tua donna in una di quelle torri avresti lo stesso trovato divertente il video con la musichetta da circo? se pensassi prima di scrivere quello che ti passa per la testa, forse non avresti più di mille messaggi in pochi mesi, ma sicuramente ci sarebbe più contenuto e un vero contributo alla causa, se è questo che ti preme.


Stai tranquillo che il cervello lo so usare anche io. Ti ringrazio comunque per il consiglio, lo conserverò gelosamente

Nel frattempo se tu avessi capito a cosa si riferiva la mia battuta, probabilmente non saresti uscito con questa sparata; beh, visto che condivido il tuo pensiero nel pieno rispetto delle vittime, ho ben pensato che un video comico per prendere in giro le ridicolaggini esposte nel film September Clues (e non le vittime, mi sembrava chiaro) sarebbe stata un'idea divertente.

Mai nemmeno per un secondo ho pensato quello che hai immaginato tu. E se ho più di mille messaggi in pochi mesi, è perché sono tutti i giorni sul sito, di sicuro non perché spammo stronzate a raffica.

Mi fa piacere che i pregiudizi e le infamie non muoiano mai.
Un po' come l'erba cattiva.

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
rekit
Inviato: 24/2/2010 17:17  Aggiornato: 24/2/2010 17:17
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
cit:
Se ci fosse stata tua madre, tuo figlio o la tua donna in una di quelle torri avresti lo stesso trovato divertente il video con la musichetta da circo?
.....................
Nel pieno rispetto delle vittime, quello che hai scritto e' PATETICA RETORICA CON SFUMATURE DI POPULISMO e a 9 anni dall'undici settembre posso dirti che NE HO PIENE LE PALLE!!!

Le hai lette tutte le discussioni sulla teoria no-plane di questi giorni? hai capito di cosa si sta'parlando qui? hai visto le ultime parti di questo articolo? in tutta evidenza NO! pero' la sparata moral-pietosa proprio non sei riuscito a trattenerla.....
come mi fanno incazzare certe cose......

Redazione
Inviato: 24/2/2010 18:02  Aggiornato: 24/2/2010 18:05
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
VIPER: "Perchè in tutta sincerità non trovo nulla di divertente in questa scenetta nella quale, per il momento, non vedo scopi precisi."

Lo scopo è di scatenare la rabbia di quelli che non la capiscono, ad esempio.

(E rilassati, cazzo... Non si può fare un melodramma ogni volta che uno scrive qualcosa. C'è chi ride e chi non ride, e basta).

Juggler
Inviato: 24/2/2010 18:20  Aggiornato: 24/2/2010 18:21
So tutto
Iscritto: 18/4/2008
Da:
Inviati: 29
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
@ aiarbor

Grazie per il link, mi sono guardato tutto lo spettacolo d'un fiato.

Non è affatto male, peccato che la gente sia obbligata a vedere Emanuele Filiberto cantare.

Il nome "unDC9", poi, è veramente geniale!

Grazie a tutti
McOrion
Inviato: 24/2/2010 20:37  Aggiornato: 24/2/2010 20:37
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2010
Da: Etna
Inviati: 97
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Citazione:
Se ci fosse stata tua madre, tuo figlio o la tua donna in una di quelle torri avresti lo stesso trovato divertente il video con la musichetta da circo? se pensassi prima di scrivere quello che ti passa per la testa, forse non avresti più di mille messaggi in pochi mesi, ma sicuramente ci sarebbe più contenuto e un vero contributo alla causa, se è questo che ti preme.


Lo scopo della satira non è "far ridere" ma mettere il dito (salato) sulla piaga e far riflettere.

Suggerisco siti irriverenti quali Spinoza.it per meglio cogliere quello che la satira voglia ottenere.

McOrion

Siudal
Inviato: 24/2/2010 21:04  Aggiornato: 24/2/2010 21:04
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/5/2007
Da:
Inviati: 70
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
X VIPER:
E' come per le barzellette sui carabinieri.
A te la spieghiamo dopo...

“Uno degli effetti veramente negativi della religione è che si insegna a considerare una virtù il pascersi della propria ignoranza.” Richard Dawkins, The God Delusion.
VIPER
Inviato: 24/2/2010 22:34  Aggiornato: 24/2/2010 22:34
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/6/2009
Da:
Inviati: 557
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
REKIT
Citazione:
Nel pieno rispetto delle vittime, quello che hai scritto e' PATETICA RETORICA CON SFUMATURE DI POPULISMO e a 9 anni dall'undici settembre posso dirti che NE HO PIENE LE PALLE!!!


Guarda rekit, risponderti vorrebbe dire accettare la rissa, e questo significa non avere rispetto per chi, in questo momento, da qualche parte, sta ancora piangendo quei morti. Il fatto che tu non colga questa piccola sfumatura nella tua grossolana invettiva non mi riguarda. Tieniti stretta questa cultura televisiva da urlatore di talk show o reality, e se hai voglia di sfogare il tuo fascismo da stadio accomodati, non perderò un secondo a risponderti su questi toni.

Citazione:
hai visto le ultime parti di questo articolo? in tutta evidenza NO! pero' la sparata moral-pietosa proprio non sei riuscito a trattenerla


No e l'ho pure detto, mi sono limitato ad esprimere la mia opinioone su quanto ho letto nella prima parte dell'articolo di Mazzucco e nel post di Decalogon, se questo ti urta i nervi non so che farci; prenditela con Mazzucco che invita sempre tutti ad esporre la propria opinione liberamente nel suo spazio.

MAZZUCCO:
Citazione:
E rilassati, cazzo... Non si può fare un melodramma ogni volta che uno scrive qualcosa. C'è chi ride e chi non ride, e basta


Ti garantisco Mazzucco che sono rilassato, e con nessuna propensione al melodramma. Ho trovato fuori luogo l'uscita di Decalagon e l'ho detto al diretto interessato; non ho compreso l'umorismo per me inopportuno del tuo articolo e ho detto pure questo con una riserva per il fatto di non conoscere il resto. E' un problema?

MCORION
Citazione:
Lo scopo della satira non è "far ridere" ma mettere il dito (salato) sulla piaga e far riflettere.


Conosco lo scopo della satira, ciò non mi ha impedito di vedere un umorismo pecoreccio che ha attirato commenti da taverna; non certo riflessioni elitarie; a meno che tu non consideri: "Però un video con una musichetta da circo e un commentatore che fa notare cose stupide tipo "ehi! ma c'è una macchina che sta parcheggiata lì vicino alle torri! non è possibile! è un trucco!", sarebbe stato più divertente" come una riflessione impegnata.

SIUDAL
Citazione:
X VIPER: E' come per le barzellette sui carabinieri. A te la spieghiamo dopo...


Anche questa è una riflessione degna di nota, complimenti; alla fine del branco resta qualche pensatore o siete solo incazzati perchè la mia uscita vi rende più difficoltoso lo sbellicarvi di grasse e inconcludenti risate?

Ah quasi dimenticavo, dopo le foto dei bambini morti e lo sdegno per gli orrori della chiesa (la sono passati più di nove anni o sbaglio?), a quando una bella barzelletta liberatrice con accusa di demagogia populismo e drammaturgia al primo che osasse metterne in dubbio il buon gusto?

rekit
Inviato: 24/2/2010 23:02  Aggiornato: 24/2/2010 23:02
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
cit:
Nel pieno rispetto delle vittime, quello che hai scritto e' PATETICA RETORICA CON SFUMATURE DI POPULISMO e a 9 anni dall'undici settembre posso dirti che NE HO PIENE LE PALLE!!!

Guarda rekit, risponderti vorrebbe dire accettare la rissa, e questo significa non avere rispetto per chi, in questo momento, da qualche parte, sta ancora piangendo quei morti. Il fatto che tu non colga questa piccola sfumatura nella tua grossolana invettiva non mi riguarda. Tieniti stretta questa cultura televisiva da urlatore di talk show o reality, e se hai voglia di sfogare il tuo fascismo da stadio accomodati, non perderò un secondo a risponderti su questi toni.
..........................
Nel pieno rispetto delle vittime, quello che hai scritto e' PATETICA RETORICA CON SFUMATURE DI POPULISMO e a 9 anni dall'undici settembre posso dirti che NE HO PIENE LE PALLE!!!

cit:
Ah quasi dimenticavo, dopo le foto dei bambini morti e lo sdegno per gli orrori della chiesa (la sono passati più di nove anni o sbaglio?), a quando una bella barzelletta liberatrice con accusa di demagogia populismo e drammaturgia al primo che osasse metterne in dubbio il buon gusto?
..........................
Nel pieno rispetto delle vittime, quello che hai scritto e' PATETICA RETORICA CON SFUMATURE DI POPULISMO e NE HO PIENE LE PALLE!!!
specialmente quando l'argomento che tiri in ballo non centra una fava.

cit:
Ho trovato fuori luogo l'uscita di Decalagon e l'ho detto al diretto interessato; non ho compreso l'umorismo per me inopportuno del tuo articolo e ho detto pure questo con una riserva per il fatto di non conoscere il resto. E' un problema?
.......................
e io ho trovato fuori luogo la tua di uscita e te l'ho fatto sapere.
Non hai capito l'umorismo "inopportuno" dell'articolo proprio perche' non conosci le ragioni di tale articolo, e non solo per il fatto che mancano ancora 2 parti esso(!)

cit:
Tieniti stretta questa cultura televisiva da urlatore di talk show o reality, e se hai voglia di sfogare il tuo fascismo da stadio accomodati, non perderò un secondo a risponderti su questi toni.
..........................
se voui giocare a fare il Travaglio preoccupati prima di non essere un Porro qualunque e leggiti i 5 o 6 thread e articoli sulla teoria no plane....che ca' nissuno e' fesso!

Decalagon
Inviato: 24/2/2010 23:09  Aggiornato: 24/2/2010 23:09
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Citazione:
Ho trovato fuori luogo l'uscita di Decalagon e l'ho detto al diretto interessato [...] E' un problema?


Non sarebbe stato un problema se ti fossi limitato a criticare solamente la mia "uscita" (tra l'altro senza nemmeno aver capito a cosa mi stavo riferendo), ma dal momento che ti sei permesso di fare il gradasso figaccione vomitando scemenze, del tipo che spammo cagate e che non penso prima di scrivere, il problema sussiste.

Prima di intervenire con questi ridicoli messaggi stile "buon samaritano che frigna quotidianamente a pensare alle 3000 vittime", dovresti collegare le dita al cervello e provare anche a riflettere. Arriveresti alla conclusione che qui NESSUNO sta prendendo per il culo i morti.

Qual'è la parte che non capisci?

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
peonia
Inviato: 24/2/2010 23:45  Aggiornato: 24/2/2010 23:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Vedendo quanto siate facili a offendervi e prendere fuoco....mi viene meno la speranza che il cambiamento sia imminente...se riuscite a litigare anche qui, fra noi, per nulla....come possiamo pretenderlo all'esterno, con ben maggiori problemini da affrontare?
Ahi ahi..

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Makk
Inviato: 25/2/2010 0:48  Aggiornato: 25/2/2010 0:48
Mi sento vacillare
Iscritto: 9/12/2009
Da:
Inviati: 933
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Citazione:
se riuscite a litigare anche qui, fra noi, per nulla....

due frasi, Peonia:
1. trovo il tuo umorismo di cattivo gusto.
2. trovo il tuo umorismo di cattivo gusto, quindi sei un deficente che posta a culo.

Se riesci a vedere differenze fra 1. e 2. puoi ripristinare la speranza.
Perché puoi capire che c'è un modo di intervenire che è confronto e uno che è nonnismo.
Dopodiché eventualmente ti chiedi se il nonnismo è accettabile "fra noi". Per inciso, il nonnismo è potere [esercizio del].
Se il nonnismo non è accettabile forse ti rispondi che è lecito e sano reagire al nonnismo. Perché forse siamo qui "fra noi" perché abbiamo una certa disistima del potere in generale e del suo [ab]uso in particolare. Inculso il nonnismo e altri piccoli soprusi un po' meschini.

E allora (sempre forse) "litigare fra noi" non è successo. E' accaduto che una mancanza di rispetto per qualcuno ritenuto inferiore ha prodotto la normale rivolta di chi invece ritiene che "fra noi" inferiori non ce ne siano.

Non ti dà speranza questo spirito libertario combattivo?

Scherzo. Ma solo nell'ultima frase.

Molto più semplicemente, se uno trova "rilassante" dare le bacchettate sulle manine ai bimbi cattivi si cerca i vaffa. E io chiedo: "perché non dovrebbe trovarli?"

HomSapiens
Inviato: 25/2/2010 1:22  Aggiornato: 25/2/2010 1:22
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/1/2010
Da:
Inviati: 123
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
ayarbor bello il link, grazie.

VIPER
Inviato: 25/2/2010 7:54  Aggiornato: 25/2/2010 7:54
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/6/2009
Da:
Inviati: 557
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
MAKK
Citazione:
Molto più semplicemente, se uno trova "rilassante" dare le bacchettate sulle manine ai bimbi cattivi si cerca i vaffa. E io chiedo: "perché non dovrebbe trovarli?"


Molto più semplicemente Makk, l'essere rilassato (nel senso della risposta data a Mazzucco) e trovare rilassante il fare qualcosa sono due cose diverse; se rispetti la grammatica non hai bisogno di inventarti nulla e puoi rispondere in modo corretto al sottoscritto anche se indirettamente come hai fatto.

Nonostante tu ritenga che io non mi sia limitato ad esprimere una mia opinione ma abbia dato del "deficiente" (parole tue) a Decalagon, posso invitarti a rileggere sempre tenendo presente la grammatica italiana; ho considerato l'uscita di Decalagon banale e mediocre, non gli ho detto: "Sei un deficiente". E purtroppo per lui e per te, i suoi mille e rotti post intrisi di insulti rivolti al prossimo e di banalità assortite stanno tutti scritti qui sul sito, non me li sono certo inventati. In questa occasione ho voluto esprimere anche la mia opinione.

Ritengo invece interessante la tua frase squadrista e un pò razzista che ho citato; assomiglia molto a qualcosa del tipo: "Se quello stronzo entra nel nostro territorio in cerca di rogne, perchè non dovrebbe trovarle?"

Frase che come usa fare chi cerca un nemico da attaccare, si storpia la libera opinione di una persona tramutandola in un pretesto: "vuole dare le bachettate ai bambini cattivi... Ergo sta rompendo i coglioni quindi cerca rogne", per giustificare la violenza della risposta.

Sopratutto trovo interessante come il mio primo post abbia improvvisamente interrotto gli: "Ahahahahah Mazzucco che divertente" per lasciare spazio a questa "caccia al nemico" e generale intolleranza di chi ha espresso un qualcosa di opposto rispetto al trend che stava prendendo la serie di commenti; negando tra l'altro la libertà a Mazzucco e Decalagon, unici chiamati in causa dal mio post, di rispondere per conto loro senza un branco attorno a ringhiare.

Redazione
Inviato: 25/2/2010 8:18  Aggiornato: 25/2/2010 8:22
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
VIPER: Se hai altro da aggiungere non fare complimenti. Anzi, se vuoi possiamo bloccare tutte le altre discussioni sul sito, e aprirne una appositamente per te in homepage, in modo che tutto il mondo possa conoscere la tua analisi di questo stupido battibecco.

Mi sembra molto più importante di qualunque altra cosa, in questo momento. Bisogna prima di tutto che il mondo sappia che tu esisti, e che senza di te difficilmente potrà sopravvivere.

E per fortuna avevi scritto ad un altro utente “risponderti vorrebbe dire accettare la rissa, e questo significa non avere rispetto per chi, in questo momento, da qualche parte, sta ancora piangendo quei morti”.

Presumo quindi che questo tuo umile ritirarsi di scena sia stato un gesto di rispetto per chi ancora piange quei morti.

La coerenza prima di tutto, vero?

°°°

Chiunque tornerà a parlare di questo triste episodio verrà immediatamente espulso.

(Mi auguro che serva almeno da lezione a tutti quelli che abboccano alle provocazioni – del tipo “se ci fosse stata la tua mamma nelle Torri” - perchè a loro volta preferiscono sacrificare un sereno proseguimento delle discussioni al protagonismo personale).

VIPER
Inviato: 25/2/2010 9:10  Aggiornato: 25/2/2010 9:10
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/6/2009
Da:
Inviati: 557
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Va bene, Mazzucco, mi permetto di risponderti e poi mi ritiro lasciando proseguire la discussione; non è mai stata mia intenzione bloccarla e se questa è l'impressione che ho dato me ne dispiace.

Citazione:
Se hai altro da aggiungere non fare complimenti. Anzi, se vuoi possiamo bloccare tutte le altre discussioni sul sito, e aprirne una appositamente per te in homepage, in modo che tutto il mondo possa conoscere la tua analisi di questo stupido battibecco


Sinceramente spero che questo tuo sarcasmo sia dovuto al fatto che ti sei infastidito perchè la discussione si è appunto bloccata e non per qualcosa che ho detto, perchè ritengo di aver espresso soltanto la mia opinione.

Citazione:
Mi sembra molto più importante di qualunque altra cosa, in questo momento. Bisogna prima di tutto che il mondo sappia che tu esisti, e che senza di te difficilmente potrà sopravvivere


Assolutamente no Mazzucco, posto talmente poco che proprio non mi interessa far sapere che esisto, normalmente preferisco leggere. Lo ripeto ancora una volta, ho soltanto espresso la mia opinione anche se contraria a tutte le altre.

Citazione:
E per fortuna avevi scritto ad un altro utente “risponderti vorrebbe dire accettare la rissa, e questo significa non avere rispetto per chi, in questo momento, da qualche parte, sta ancora piangendo quei morti”. Presumo quindi che questo tuo umile ritirarsi di scena sia stato un gesto di rispetto per chi ancora piange quei morti.


Ho cercato di evitare la rissa ma ho risposto credo coerentemente e senza insulti, a tutta una serie di invettive. Sono andato OT è vero, ma spero di non essere considerato "la causa" della deriva di questa discussione perchè tutto è partito da un mio post. Ho tirato io in ballo il rispetto è vero, ma trovo ingiusto che tu ora lo stia usando per darmi contro, non credo di essere stato incoerente nel sottolineare la violenta invettiva che si è scatenata da parte di più utenti.

Posso infine garantire che non esiste in me nessuna voglia di protagonismo. Lascio volentieri proseguire la discussione ma non sento di dovermi scusare per aver risposto in modo educato alle persone che si sono lanciate nella mischia a suon di pugni (virtuali).

Come spesso dici tu stesso Mazzucco, fortunatamente tutto è scritto e resta; grazie del chiarimento e buon proseguimento.

sitchinite
Inviato: 25/2/2010 10:24  Aggiornato: 25/2/2010 10:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/6/2007
Da: Roma - Pomezia
Inviati: 3270
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
"niente male, può far aprire gli occhi ai più scettici (o meglio idioti?) (che si vedono riflessi nella parte di Giacomo) "

ancora una volta il vizio di prendere per idioti chi non la pensa in una certa maniera...
che vomito.

sitchinite
Inviato: 25/2/2010 10:27  Aggiornato: 25/2/2010 10:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/6/2007
Da: Roma - Pomezia
Inviati: 3270
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
"Perchè in tutta sincerità non trovo nulla di divertente in questa scenetta nella quale, per il momento, non vedo scopi precisi. Le informazioni che da sono tutte più che conosciute da chi frequenta questo sito; qundi qual'è la motivazione nel riproporle ancora scherzandoci sopra?"

io ci vedo una sorta di ridicolizzazione di chi non appoggia la teoria dell' autoattentato, una caduta di stile pietosa, e un innalzarsi di molti gradini rispetto alla gente...
una cosa pietosa per un giornalista che più volte ha detto 'noi cerchiamo solo di far notare le incongruenze nella versione ufficiale' e invece adesso dipinge chi non accetta la tesi dell' autoattentato come un imbecille.
Davvero penoso, una cosa simile me la sarei aspettata da Pike et similia non da Mazzucco, paladino della libera informazione che con questa scenetta ha fatto il Fede della teoria opposta.

edit: leggo ora che potrebbe venir espulso chi blocca la 'discussione'... Massimo, ma che discussione volevi aprire con questo post satirico/sarcastico? Che discussione può generare se non soltanto un autocompiacimento di chi appoggia ciò che hai scritto e un attacco nei confronti di chi non lo appoggia?
Le discussioni son ben altro.

Pyter
Inviato: 25/2/2010 10:56  Aggiornato: 25/2/2010 10:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Consiglierei a Massimo di mettere a pagamento alcuni articoli, soprattutto quelli dove prende per il culo gli imbecilli.
Gli imbecilli infatti, notoriamente, si lasciano prendere per il culo solo dalle cose che pagano: Corriere, Repubblica, RAI, SKY, eccetera. Gli idioti invece non sono imbecilli, e si accontentano di Mediaset.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
PikeBishop
Inviato: 25/2/2010 11:04  Aggiornato: 25/2/2010 11:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Citazione:
Davvero penoso, una cosa simile me la sarei aspettata da Pike et similia

No, non e' il mio stile: io l'avrei pensata come una rivisitazione degli immortali fratelli De Rege al Cimema Teatro Reposi, con te nella parte di Bebe', quella ereditata da Carlo Campanini con il grande Walter Chiari al Teatro Alfieri (me li ricordo ancora come se fosse stato ieri sera), per capirci.

Avrei anche introdotto il personaggio di Carlo Dapporto con il caratteristico e puntuale tormentone di Ciccio a Bebe', naturalmente, perche' la sua pronuncia della parola cretin era inimitabile.

Ma che parlo a fa, passame ringhio...

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
rekit
Inviato: 25/2/2010 11:31  Aggiornato: 25/2/2010 11:31
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
cit:
una cosa pietosa per un giornalista che più volte ha detto 'noi cerchiamo solo di far notare le incongruenze nella versione ufficiale' e invece adesso dipinge chi non accetta la tesi dell' autoattentato come un imbecille.
...................
l'autoattentato non lo mette in discussione nessuno credo.
Qui si mette in discussione la teoria no-plane!casomai si vuole ridicolizzare quella...
September clues/september blues....manco troppo difficile da capire.


Mancano ancora 2 parti di articolo ma gia'i giudizi, morali per di piu', fioccano alla grande....con tanto di "calpestare il ricordo delle vittime", "metodi alla Fede" etc...etc...
e se provi a dire che di questo MORALISMO DA 4 SOLDI ne hai piene le palle ti becchi pure del "fascistello squadrista da stadio"

Massimo, forse avresti dovuto fare un'altra falsa intervista tipo quella che facesti con Bin Laden che magari qualcuno credendo siano stati Aldo,Giovanni e Giacomo a organizzare il 9/11 si risparmiava i polpettoni scritti qui sopra...

Da notare anche che il titolo dell'articolo e' "....COMMEDIA in 3 ATTI"
Il termine commedia, e'chiaro a tutti? mi sorge qualche dubbio...

Floh
Inviato: 25/2/2010 12:43  Aggiornato: 25/2/2010 12:43
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/12/2009
Da: Milano
Inviati: 1056
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
sitchinite:

io ci vedo una sorta di ridicolizzazione di chi non appoggia la teoria dell' autoattentato, una caduta di stile pietosa, e un innalzarsi di molti gradini rispetto alla gente...

Chi viene messo di fronte a fatti palesi che indicano chiaramente che c'è stato un autoattentato e non capisce merita di essere ridicolizzato (fosse per me li prenderei a bastonate altro che ridicolizzare), anche perchè bevendosi una bugia colossale che non ha neanche le gambe, oltre a dimostrare il senso crititco d un ebete, sta causando (con la sua complicità nelle guerre in medioriente) tantissime vittime.
Dunque permetti che la gente che crede alla versione ufficiale, mi sta sulle palle, perchè per non compiere lo sforzo di fare due + due causa sofferenze mostruose.
Infine quest'articolo fa aprire gli occhi ai più scettici (o coglioni), dunque ha uno scopo più che valido, perciò non si tratta di ridicolizzare le vittime, che con il lavoro di Massimo (compreso questo articolo) stanno ricevendo la giustizia dovuta.

Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia (William Shakespeare, da Amleto)
Paxtibi
Inviato: 25/2/2010 12:52  Aggiornato: 25/2/2010 12:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Qui si mette in discussione la teoria no-plane!casomai si vuole ridicolizzare quella...

Se è così, non mi pare un gran mossa, visto e considerato che i sostenitori di tale teoria fanno parte dello sparuto gruppo di chi non crede alla teoria ufficiale.

Pyter
Inviato: 25/2/2010 13:42  Aggiornato: 25/2/2010 13:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Qui si mette in discussione la teoria no-plane!casomai si vuole ridicolizzare quella....

La teoria no-plane non esiste.
Si può ridicolizzare qualcosa che non esiste?

Forse mi sono perso qualche passaggio.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
rekit
Inviato: 25/2/2010 14:15  Aggiornato: 25/2/2010 14:15
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
cit:
Qui si mette in discussione la teoria no-plane!casomai si vuole ridicolizzare quella...

Se è così, non mi pare un gran mossa, visto e considerato che i sostenitori di tale teoria fanno parte dello sparuto gruppo di chi non crede alla teoria ufficiale.
.................
infatti il punto non e' ufficialisti vs complottisti ma parlare in chiave ironica di september clues e della no-plane, quindi mi ridomando che c'azzecca il rispetto per le vittime, i fascistelli e compagnia canterina?

cit:
Qui si mette in discussione la teoria no-plane!casomai si vuole ridicolizzare quella....

La teoria no-plane non esiste.
Si può ridicolizzare qualcosa che non esiste?
...................
e' proprio per quello che la si ridicolizza (ridicolizzare forse e'un termine eccessivo).



P.S.: carino lo spettacolo teatrale linkato qualche messaggio qui sopra.

Paxtibi
Inviato: 25/2/2010 15:19  Aggiornato: 25/2/2010 15:19
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
infatti il punto non e' ufficialisti vs complottisti ma parlare in chiave ironica di september clues e della no-plane, quindi mi ridomando che c'azzecca il rispetto per le vittime, i fascistelli e compagnia canterina?

E che ne so io? Io ci tengo solo a dire che ridicolizzare le idee altrui non è un bel modo di rapportarsi con gli altri, e che mi pare controproducente quando gli altri stanno dalla tua parte in un conflitto ideologico già impari di per sé.

Se poi si vuole credere che per continuare questo conflitto sia indispensabile l'assoluta conformità di pensiero – pena lo scherno del "gruppo dominante" – io comincio anche a preoccuparmi.

rekit
Inviato: 25/2/2010 16:03  Aggiornato: 25/2/2010 16:03
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
cit:
infatti il punto non e' ufficialisti vs complottisti ma parlare in chiave ironica di september clues e della no-plane, quindi mi ridomando che c'azzecca il rispetto per le vittime, i fascistelli e compagnia canterina?

E che ne so io? Io ci tengo solo a dire che ridicolizzare le idee altrui non è un bel modo di rapportarsi con gli altri, e che mi pare controproducente quando gli altri stanno dalla tua parte in un conflitto ideologico già impari di per sé.
..........................
bho, io non ho mai pensato che ci fosse in atto un conflitto ideologico tra ufficialisti e complottisti, ho sempre pensato che chimica,fisica, logica e un pizzico di buonsenso fossero ben piu'importanti delle ideologie....almeno per quanto riguarda l'11 settembre.
Ridicolizzare le idee altrui viene naturale quando le idee altrui sono ridicole, lo so che tu dirai che la teoria no-plane non e' affatto ridicola, e' legittimo che tu lo possa pensare ed e' legittimo che tu difenda le tue idee, e mi pare anche che ci sia stato ampissimo spazio su LC per discuterle.
Massimo, dal canto suo, ha pensato di scrivere questo articolo/commedia che esprime il suo punto di vista sulla faccenda no-plane...gli si puo'rispondere o meno....ma solo in merito all'articolo e alla teoria no-plane.
Venire a fare i moralizzatori da 4 soldi con la storia del rispetto delle vittime, se permetti, non centra un cazzo ed e' una cosa degna del peggior Riotta (matrix JFK docet)
La mia incazzatura verso Viper (contro il quale personalmente non ho nulla, a parte questa infelice uscita) sta tutta li!

cit:
Se poi si vuole credere che per continuare questo conflitto sia indispensabile l'assoluta conformità di pensiero – pena lo scherno del "gruppo dominante" – io comincio anche a preoccuparmi.
.......................
Se tu avessi scritto questa cosa 2 o 3 anni fa quando riguardo alla no-plane non céra manco una riga su questo sito avrei potuto anche capirla....ma dopo le pagine e pagine e migliaia di post scritti senza riuscire nemmeno a metterla insieme sta benedetta teoria no-plane mi sembra assurdo.

Ognuno puo'tenersi le idee e le convinzioni che vuole, ma di certo io non biasimo Massimo, che poi e'quello che va ai vari Matrix mettendoci la faccia in diretta nazionale, nel prendere le distanze da certe teorie.

Paxtibi
Inviato: 25/2/2010 16:16  Aggiornato: 25/2/2010 16:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Se tu avessi scritto questa cosa 2 o 3 anni fa quando riguardo alla no-plane non céra manco una riga su questo sito avrei potuto anche capirla....ma dopo le pagine e pagine e migliaia di post scritti senza riuscire nemmeno a metterla insieme sta benedetta teoria no-plane mi sembra assurdo.

A parte il fatto che di questa teoria ne scrissi io 3 anni fa, esprimendo appunto le stesse preoccupazioni, questa controteoria per cui la teoria noplane non sarebbe stata esplicata, nel limite del possibile, è una stupidaggine. Il punto è che ce ne sono diverse versioni, come è normale che sia visto la scarsità di informazioni disponibili. Lo stesso infatti vale per le teorie che contemplano i 767 reali, quella di Massimo non è certo l'unica. Se poi lui vuole imporre la sua come "versione ufficiale di luogocomune" a me sta benissimo, il sito è suo e non sarò certo io a lamentarmi. E la voglia di discutere di queste cose m'è passata da un pezzo.

Ma ripeto, dileggiare chi la pensa diversamente per me è un grave errore, visto che non sta scritto da nessuna parte che noi si debba presentare, per dimostrare la fallacia della VU, una versione alternativa completa in tutte le sue parti. Per come la vedo io un tale approccio è un boomerang.

Comunque sia, non voglio guastarvi il divertimento, continuate pure a sghignazzare. I miei problemi sono altri.

rafterry
Inviato: 25/2/2010 17:02  Aggiornato: 25/2/2010 17:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/11/2009
Da:
Inviati: 199
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Citazione:
Comunque sia, non voglio guastarvi il divertimento, continuate pure a sghignazzare


Quest'uomo è saggio..

Ave Pax! secondo me sai qualcosa sulle altre 2 parti vero? è dall'inizio della discussione che immagino Massimo dietro il tendone che sghignazza.. smorzare VIper un pò lo ha addolorato secondo me... sono indeciso se credere che abbia pronti gli altri due atti, ma non li pubblica per vedere fino a che punto arriviamo oppure credere che abbia ancora qualche lacuna e usa i nostri post per trarre spunti divertenti.... come credere se si son schiantati sul serio degli aerei o meno: tra poco lo sapremo!

Ghilgamesh
Inviato: 25/2/2010 17:22  Aggiornato: 25/2/2010 17:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/10/2005
Da:
Inviati: 3001
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Citazione:
io ci vedo una sorta di ridicolizzazione di chi non appoggia la teoria dell' autoattentato, una caduta di stile pietosa, e un innalzarsi di molti gradini rispetto alla gente...


Veramente chi, informato dei fatti, ancora non SA (non è questione di credere o appoggiare) che si tratta di un autoattentato ... si ridicolizza da solo.


A me l'articolo è piaciuto, mi ha fatto ridere (sono cinico bastardo e non ero sulle torri, se nun ve va bene sticaxxi! ^__^), è vero che non aggiunge nulla di nuovo, ma dopo 9 anni e milioni di prove, che vuoi aggiungere?

Sertes
Inviato: 25/2/2010 17:55  Aggiornato: 25/2/2010 17:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Come sempre stiamo a parlar di nulla, se e quando un no-planer si degnerà di delineare una teoria e si assumerà l'onere della prova, allora si potrà discutere seriamente.

Per adesso resto dell'idea che la no-plane theory e september clues siano state studiate a tavolino per gettare discredito su chi nel 9/11 Truth Movement applica il metodo scientifico.

(La mia opinione, ovviamente, vale quanto quella di Pax e quanto quella di chiunque altro.)

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Fabrizio70
Inviato: 25/2/2010 19:29  Aggiornato: 25/2/2010 19:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/5/2006
Da: Roma
Inviati: 3721
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Citazione:

Come sempre stiamo a parlar di nulla, se e quando un no-planer si degnerà di delineare una teoria e si assumerà l'onere della prova, allora si potrà discutere seriamente.


Miiiiiiii , ancora con questo mantra , non è che ripetendolo diventa vero , le teorie sono state postate più e più volte e tu ogni volta che intervieni ripeti "non ci sono teorie" , sei monotono , cambia un pochino....

Citazione:

Per adesso resto dell'idea che la no-plane theory e september clues siano state studiate a tavolino per gettare discredito su chi nel 9/11 Truth Movement applica il metodo scientifico.


Metodo scientifico che viene utilizzato solo quando fà comodo , ad esempio ancora non sei riuscito a spiegare come hanno fatto due boeing lanciati a velocità impossibili per quelle quote a sparire completamente in una settantina metri di aria , è intervenuto il mago silvan?

Il lusso non può mai essere soddisfatto perché, essendo qualcosa di falso, non esiste per esso un contrario vero e reale in grado di soddisfarlo e assorbirlo.
Wilhelm Richard Wagner-1849
wireless
Inviato: 25/2/2010 20:09  Aggiornato: 25/2/2010 20:10
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/8/2007
Da:
Inviati: 228
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Non so perchè ma secondo me funzionerebbe di più "September Trues" una spy story con protagonisti Charlie Sheen e Sharon Stone ....si può fare?

McOrion
Inviato: 25/2/2010 20:10  Aggiornato: 25/2/2010 20:10
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2010
Da: Etna
Inviati: 97
 Riflessione
Azzardo una riflessione.

Seguendo questo e altri siti critici sulla versione ufficiale e altri siti che tale versione supportano mi son già fatto tante idee e tanti dubbi.

Quanto ai due schieramenti si è però formato un muro contro muro che non permette più al dialogo di crescere (dialogo, ormai si viene classificati a vista "complottisti" o "debunker").

Ci sono tantissime teorie avanzate da chi non creda alla versione ufficiale, molte plausibili, alcune piuttosto dubbie, altre vere e proprie cantonate.

Chi crede alla versione ufficiale ormai dopo nove anni si limita a guardare alle cantonate (il codice della porta della cabina di pilotaggio che dice "chiusa" ad esempio) per delegittimare tutto il resto e la discussione con questo tipo di persone è del tutto sterile.

Per contro anche tra chi non crede alla versione ufficiale si lascia spesso trascinare dal gusto del complotto (questi si, veri 'complottisti') dando credito a persone che ad un'analisi più attenta non sembrano degne di fiducia (sapere che un grande esponente del governo ha i calli alla fronte dopo anni di sperimentazione nel campo della compenetrazione dei corpi, ad esempio, apre una falla nel discorso).

La maggioranza immagino stia nel mezzo e penso di far parte di quel mezzo abbastanza silenzioso che può non credere alle scie chimiche ma può credere facilmente alla demolizione controllata, non crede che non siamo davvero andati sulla luna ma crede che la prima e solo la prima missione Apollo potrebbe essere stata uno straordinario film di Hollywood.

Nel frattempo il dialogo è ormai ridotto ad un "aspetto che l'avversario inciampi" dove la verità ha sempre meno importanza.

La verità non ne giova.

Noi una cosa possiamo farla, non abboccare alle provocazioni, da un lato e dall'altro a prescindere dalle nostre idee ma ascoltare e limitarci a rispondere solo su quello che sappiamo con sicurezza.

Quanto all'articolo di cui stiamo discutendo beh, piacerà solo ai 'complottisti' che fiutano il marcio e non avrà presa sui 'debunker' così come la satira della controparte non piacerà ai 'pacifisti' e farà ridere solo i 'creduloni' che si bevono tutto quello che dice un governo.

Personalmente preferisco gli articoli di ricerca, questo è un articolo di 'congelamento conclusioni'. Ci vuole anche, fa più presa su chi non ha tempo, voglia, capacità di leggere o di criticare e apre la strada all'approfondimento.

E'un ottimo articolo ma molti di noi semplicemente non ne hanno più bisogno. Speriamo giri e attiri nuove persone che non si son mai poste dubbi... spero giri in rete.

LoneWolf58
Inviato: 25/2/2010 21:16  Aggiornato: 25/2/2010 21:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Citazione:
Autore: Fabrizio70 Inviato: 25/2/2010 19:29:43
...
Metodo scientifico che viene utilizzato solo quando fà comodo , ad esempio ancora non sei riuscito a spiegare come hanno fatto due boeing lanciati a velocità impossibili per quelle quote a sparire completamente in una settantina metri di aria , è intervenuto il mago silvan?
O magari come dicono a Roma è...
solo questione de Core...

Il tutto naturalmente dopo esser passato attraverso una griglia di colonne di acciaio di 35 cm...

Solo per mia cultura personale... chi dice che quelle velocità erano impossibili per quelle quote? Perchè se tale affermazione può essere provata... non serve più la "smooking gun" e mi rimangio tutto quel che ho detto.

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
HomSapiens
Inviato: 25/2/2010 22:41  Aggiornato: 25/2/2010 22:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/1/2010
Da:
Inviati: 123
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
una cosa che volevo chiedere a Massimo:
ma il logo università per chi lavora con la faccia di sgarbi non pensi che sia vomitevole??

Il sito è bello e mi ha fatto aprire gli occhi su molte cose, ma sgarbi nooo!!!

brio
Inviato: 26/2/2010 0:48  Aggiornato: 26/2/2010 0:48
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/6/2009
Da:
Inviati: 189
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
LoneWolf58:
Citazione:

Il tutto naturalmente dopo esser passato attraverso una griglia di colonne di acciaio di 35 cm...

Solo per mia cultura personale... chi dice che quelle velocità erano impossibili per quelle quote? Perchè se tale affermazione può essere provata... non serve più la "smooking gun" e mi rimangio tutto quel che ho detto.

Qui lo dicono.

Pispax
Inviato: 26/2/2010 2:15  Aggiornato: 26/2/2010 2:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
NOTA MOLTISSIMO PEDANTE:

Nel Golfo del Tonchino non fu affondata nessuna nave.
La flotta statunitense reagì a un "attacco" nordvietnamita che in realtà erano solo interpretazioni di traccie radar

Dalla solita wiki
Citazione:
Il 4 agosto, un nuovo pattugliamento DESOTO sulla costa nordvietnamita venne lanciato dalla Maddox e dalla C. Turner Joy. Quest'ultima captò dei segnali radar che vennero interpretati come un altro attacco nordvietnamita. Per circa due ore le navi spararono sui bersagli radar e manovrarono vigorosamente in mezzo ad avvistamenti elettronici e visivi di siluri. È altamente improbabile che delle forze nordvietnamite fossero effettivamente in zona durante questa sparatoria. Il Capitano John J. Herrick ammise addirittura che non si trattò d'altro che di un "sonarista eccessivametne ansioso" che "stava udendo il battito dei motori della propria nave". Inoltre nel 1995, il Generale Vo Nguyen Giap, all'epoca comandante in capo delle forze nordvietnamite, sconfessò qualsiasi coinvolgimento nell'incidente del 4 agosto, anche se confermò l'attacco del 2.
...
Il comandante di squadrone James Stockdale fu uno dei piloti statunitensi che sorvolò l'area il 4 agosto. Negli anni novanta Stockdale dichiarò:

"[Io] avevo un posto in prima fila per osservare l'evento, e le nostre cacciatorpediniere stavano sparando a bersagli fantasma -- non c'erano barche nordvietnamite là ... C'era solo acqua nera e la potenza di fuoco americana".



In compenso la USS Maddox fu realmente attaccata due giorni prima, e fu "pesantemente" danneggiata da.. un singolo proiettile di mitragliatrice!


Una curiosità: a capo della flotta americana in quell'occasione c'era il padre di Jim Morrison.

Sertes
Inviato: 26/2/2010 2:17  Aggiornato: 26/2/2010 2:30
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Citazione:
Fabrizio70 ha scritto:
Miiiiiiii , ancora con questo mantra , non è che ripetendolo diventa vero , le teorie sono state postate più e più volte e tu ogni volta che intervieni ripeti "non ci sono teorie" , sei monotono , cambia un pochino....


Tu sei già a buon punto, la teoria ce l'hai, solo non ti sei (ancora) assunto l'onere della prova. Mica poco per chi sostiene che ciò che tutti hanno visto e ripreso nei cieli di manhattan in pieno giorno erano OLOGRAMMI.

Citazione:
Metodo scientifico che viene utilizzato solo quando fà comodo , ad esempio ancora non sei riuscito a spiegare come hanno fatto due boeing lanciati a velocità impossibili per quelle quote a sparire completamente in una settantina metri di aria , è intervenuto il mago silvan?


Scusa, ma che cazzo dici?

A parte che la minchiata del mago silvan te lo potevi risparmiare (ti invito a rileggere l'intervento di Pax qua sopra), basta guardare un blueprint delle twin towers per vedere che il velivolo di 100 tonnellate lanciato a 900kmh prima incontra le deboli colonne perimetrali (2cm di spessore) e poi impatta il core, composto dalle 47 massicce colonne centrali che sostengono il palazzo. Ma anche il core non è un blocco continuo, quindi qualche pezzo è passato lo stesso.
Potrai non essere d'accordo, ma la spiegazione esiste, ed è pure semplice.



Ma siccome hai sventolato il metodo scientifico, perchè non ci mostri come lo usi tu?
Prima regola: chi fa una affermazione ha l'onere di provarla
Seconda regola: affermazioni eccezionali richiedono prove eccezionali

PS: Comunque il claim è "come hanno fatto due boeing lanciati a velocità impossibili per quelle quote" a comuni 767 civili non modificati.

PPS: Peraltro la teoria degli ologrammi è l'esatto contrario della teoria no-planes tv-fakery di September Clues, giusto?

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Pispax
Inviato: 26/2/2010 5:10  Aggiornato: 26/2/2010 5:21
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
QUANDO SI DICE "LA POTENZA DELLE ASPETTATIVE".

Massimo aveva detto che prima o poi avrebbe scritto/girato qualcosa di satirico su September Clues, chiamandolo September Blues.

Ecco che arriva un articolo che si chiama September Blues che per il momento parla soltanto di un attacco false flag e non accenna neppure di sfuggita alla teoria no-planes...

ma che scatena lo stesso il dibattito sulla teoria no-planes.


I no-planers avranno un sacco di virtù, ci mancherebbe altro che fossero solo ricettacolo di difetti, ma fra queste non brilla certo la pazienza: basta che qualcuno scriva qualcosa con dentro la parola "settembre" e si scatenano subito.





Sertes


Citazione:
Prima regola: chi fa una affermazione ha l'onere di provarla Seconda regola: affermazioni eccezionali richiedono prove eccezionali

Non sono mica tanto d'accordo con la seconda regola.
La prova può essere anche banale: basta che funzioni.
No?


A proposito, potresti mettere una legenda che aiuti a capire tutti quei segnetti colorati?
Che immagino abbiano tutti il loro bravo significato, ma stento un po' a capirlo.

Grazie.



EDIT: ma le colonne del core non erano 46?

LoneWolf58
Inviato: 26/2/2010 6:10  Aggiornato: 26/2/2010 6:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Citazione:
Autore: brio Inviato: 26/2/2010 0:48:43
...
Qui lo dicono.
Sarà l'ora o sarà che sono ancora addormentato ma non lo trovo...
Mi incolli il trafiletto dove "lì" dicono che quelle velocità erano impossibili per quelle quote
Grazie...

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
brio
Inviato: 26/2/2010 10:39  Aggiornato: 26/2/2010 10:42
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/6/2009
Da:
Inviati: 189
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Per LoneWolf58.


B767 Rate Of Climb:

Below 10,000ft

max. 3800 fpm @ 250kts (fpm is Feet per minute)

* DO NOT Exceed 250kts @ or Below 10,000ft Altitude.*



Above 10,000ft to Cruise Flight Level FL

2000 - 2500fpm from 10,000 - 20,000ft @ 260 - 350kts

2000 - 1400fpm from 20,000 - 26,000ft

1400 - 400fpm from 26,000 - 35,000 ft depending on weight.




B767 Cruise Speeds:

Max Cruise Speed is 490kts @ 35,000'

Long Range Cruise is 460 - 465kts @ 35,000 - 39,000'

Cruise Speed 485 - 490 kts Cruise Altitude 30,000 - 39,000ft depending on weight.

Typical Cruise Speed is 0.78 - 0.82 Mach @ FL300 - FL390 (30,000-39,000ft)

Max Alt. 43,000'





B767 Rate Of Descent and Descent Checks:

From Cruise FL to 10,000ft hold 0.78 Mach until 290 kts, reduce thrust for 2500 fpm

* DO NOT Exceed 250kts @ or Below 10,000ft Altitude.*


E' la frase tra gli asterischi.

Skafloc
Inviato: 26/2/2010 11:00  Aggiornato: 26/2/2010 11:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/3/2006
Da: ROMA
Inviati: 188
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Citazione:
Ecco che arriva un articolo che si chiama September Blues che per il momento parla soltanto di un attacco false flag e non accenna neppure di sfuggita alla teoria no-planes...


in effetti anche io stavo cercando di capire in che modo l'articolo tratterebbe la teoria no-plane

Le cose urgenti vanno fatte con calma
rekit
Inviato: 26/2/2010 11:25  Aggiornato: 26/2/2010 11:25
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
cit:
in effetti anche io stavo cercando di capire in che modo l'articolo tratterebbe la teoria no-plane
...........................
september clues e'un (direi IL) documentario che tratta le stranezze video dell'11 settembre, September blues e'il titolo di questo articolo.
Dopo un letargo di mesi, si sono riaperti e riaccesi i thread su LC che parlano di teoria no-plane ai quali, io e molti altri (ma non tutti evidentemente) hanno preso parte, incluso Massimo che ha espresso la sua posizione in maniera chiara su quei thread.
Questo articolo, e le 2 parti ancora mancanti vogliono riassumere in chiave ironica e leggera quello che Massimo pensa riguardo questo argomento legato al 9/11.
Cosi e' come la vedo io e onestamento penso non ci siano molti altri modi per interpretare questo articolo.
Ovviamente se mi sto' sbagliando, prego Massimo di correggere la mia interpretazione.

A proposito, Redazione, lo vogliamo pubblicare il secondo atto???

LoneWolf58
Inviato: 26/2/2010 11:36  Aggiornato: 26/2/2010 11:44
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Citazione:
Autore: brio Inviato: 26/2/2010 10:39:03
...
* DO NOT Exceed 250kts @ or Below 10,000ft Altitude.*


E' la frase tra gli asterischi.

Quindi secondo te "DO NOT Exceed 250kts" significa che è "impossibile" superare i 250 kts?
Siamo messi bene... oltre a problemi di meccanica generale mi tocca darti ripetizioni di inglese?...


La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
Sertes
Inviato: 26/2/2010 12:32  Aggiornato: 26/2/2010 12:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Nel 7° thread no-plane Redazione ha scritto:

Citazione:
"In questo filmato si cerca di dimostrare, giudicate voi se ci si riesce, come il video girato dal cameraman freelance Evan Fairbanks sia stato manipolato."

Ho guardato il filmato (fra l'altro, ho l'originale dell'intervista di Peter Jennings). Al minuto 5:53 mi sono fermato, perchè ho provato lo stesso senso di nausea che avevo provato altre volte di fronte alla TOTALE IMBECILLITA' di quei ragionamenti.

Lo ripeto: TOTALE IMBECILLITA'. Non ho altre parole per descrivere la mente che ha partorito quella specie di "prove".

Il flash bianco inserito apposta, l'iride dell'occhio che non si vede, l'inquadratura dal tombino, la radio, il PARABREZZA INVERTITO INSERITO DOPO!!!!!!

Quindi secondo 'sti coglioni non solo hanno inserito l'aereo in CGI, ma poi, non contenti, si mettono pure a fare il parabrezza invertito!

Ma nemmeno Piero Angela ubriaco e fatto di candeggina riesce a raccontare delle stupidaggini del genere.

Cazzo ragazzi, se c'è una lezione utile da September Clues è il rischio che si corre a voler vedere trucchi dappertutto, anche quando non ce ne sono.

Mi viene voglia di fare un film comico, intitolato September Blues, per pigliare per il culo questi imbecilli.


Link

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
brio
Inviato: 26/2/2010 18:28  Aggiornato: 26/2/2010 18:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/6/2009
Da:
Inviati: 189
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
LoneWolf58:

Quindi secondo te "DO NOT Exceed 250kts" significa che è "impossibile" superare i 250 kts?
Siamo messi bene... oltre a problemi di meccanica generale mi tocca darti ripetizioni di inglese?...

Ah, ho capito, volevi vedere il manuale di volo con scritto "con questo aereo è impossibile superare questa velocità, inutile schiacciare l'accelleratore!".

Non superare i 250 nodi è un'istruzione che viene data perchè l'aereo altrimenti ha dei problemi dovuti alla densità dell'aria.
Se noti all'aumentare della quota aumenta anche la velocità.
A proposito, ripassa anche la meccanica applicata, la teoria è importante ma non è tutto!

Redazione
Inviato: 26/2/2010 18:29  Aggiornato: 26/2/2010 18:29
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
La discussione sulla teoria no-planes non è qui.

El debate sobre la teoría no-aviones no està aquì.

The discussion on the no-planes theory is not here.

La discussion sur la theorìe pas-des-avions n’est pas ici.

Die Diskussion über die Theorie kein-Flugzeuge wird hier nicht.

Keskustelu teoria ei-koneita ei ole täällä.

Diskussionen om den teori no-fly er ikke her.

Дискуссия по теории не самолеты не здесь.

La discusiùn su quela pirlada de ragiunament l’è minga chi.

T’e capììììì?

Decalagon
Inviato: 26/2/2010 18:31  Aggiornato: 26/2/2010 18:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Non si sa mai che arrivino no-planers di qualche altro continente!

Citazione:
La discusiùn su quela pirlada de ragiunament l’è minga chi.


Questa mi ha fatto morire!

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
Merlino
Inviato: 26/2/2010 21:31  Aggiornato: 26/2/2010 22:04
So tutto
Iscritto: 27/4/2007
Da: roma
Inviati: 25
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
In questa commedia ho ritrovato con piacere il teatro dell'assurdo con il quale dei grandi come Beckett e Ionesco denunciavano con sprezzante sarcasmo, i mali della società ... aspetto con impazienza il seguito....

Fabrizio70
Inviato: 26/2/2010 22:57  Aggiornato: 26/2/2010 22:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/5/2006
Da: Roma
Inviati: 3721
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Finisco l'OT poi chi vuol continuare a discutere lo faccia nell'apposito thread,grazie.

Citazione:

Ma anche il core non è un blocco continuo, quindi qualche pezzo è passato lo stesso.
Potrai non essere d'accordo, ma la spiegazione esiste, ed è pure semplice.



Il lusso non può mai essere soddisfatto perché, essendo qualcosa di falso, non esiste per esso un contrario vero e reale in grado di soddisfarlo e assorbirlo.
Wilhelm Richard Wagner-1849
alfridus
Inviato: 27/2/2010 17:30  Aggiornato: 27/2/2010 17:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/4/2007
Da: Lugoj, Romania
Inviati: 120
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Ciao Rekit

Per piacere... è la seconda volta che scrivi "...non centra [anziché C'ENTRA, con l'apostrofo] un cazzo..."
Ti prego, dimmi che si tratta di mera distrazione, che ti è corso il dito e ti è saltato quel piccolo segnetto in alto...

doct.alfridus
--------------------------------------
...se il Padreterno ci ha creati a sua immagine e somiglianza... bhe', c'e' da rifletterci!

[ Andiamo sempre più giù, più giù... Qualcuno deve aver tirata la catena! ]
alfridus
Inviato: 27/2/2010 17:33  Aggiornato: 27/2/2010 17:34
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/4/2007
Da: Lugoj, Romania
Inviati: 120
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Ehmm...
sto traducendo dall'inglese una teoria no-plane
Appena completata, ve la posto, con la relativa fonte...

doct.alfridus
--------------------------------------
...se il Padreterno ci ha creati a sua immagine e somiglianza... bhe', c'e' da rifletterci!

[ Andiamo sempre più giù, più giù... Qualcuno deve aver tirata la catena! ]
rekit
Inviato: 27/2/2010 21:28  Aggiornato: 27/2/2010 21:28
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Ciao Rekit

Per piacere... è la seconda volta che scrivi "...non centra [anziché C'ENTRA, con l'apostrofo] un cazzo..."
Ti prego, dimmi che si tratta di mera distrazione, che ti è corso il dito e ti è saltato quel piccolo segnetto in alto...
.....................
questione di T9 e iphone, non so se hai presente...
piuttosto, ti prego, dimmi che sei Beppe Severgnini o che sei immobilizzato a letto da un feroce raffreddore che ti impedisce di fare qualunque cosa tranne ripassare i forum in cerca di errori ortografici, se cosi non fosse, fossi in te comincerei a preoccuparmi.(oddio, anche il solo fatto di essere Beppe Severgnini qualche preoccupazione me la darebbe....)

non so nemmeno perche' sto a perdere tempo rispondendoti....vabbe' dai, hai chiesto per piacere...

REDAZIONE!!!!!! vogliamo il secondo atto!!!!!!!e occhio agli apostrofi.......

Sertes
Inviato: 27/2/2010 23:58  Aggiornato: 27/2/2010 23:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Citazione:
Fabrizio70 ha scritto:
Finisco l'OT poi chi vuol continuare a discutere lo faccia nell'apposito thread,grazie.

Citazione:
Ma anche il core non è un blocco continuo, quindi qualche pezzo è passato lo stesso.
Potrai non essere d'accordo, ma la spiegazione esiste, ed è pure semplice.




Beh Fab, vedo che la parte in cui ti chiedevo di non usare lo scherno ma di argomentare con la stessa serietà che TU richiedi, l'hai capita proprio per bene. Infatti lasci qua la vignetta, ma nel thread le famose prove ancora non ci sono.

Direi che è la miglior risposta.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
brio
Inviato: 28/2/2010 12:58  Aggiornato: 28/2/2010 12:58
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/6/2009
Da:
Inviati: 189
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
alfridus:

Ehmm...
sto traducendo dall'inglese una teoria no-plane.

Puoi mettere il link al sito inglese? Grazie

lo-chef
Inviato: 1/3/2010 2:21  Aggiornato: 1/3/2010 2:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/1/2010
Da:
Inviati: 34
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti

Redazione
Inviato: 1/3/2010 2:57  Aggiornato: 1/3/2010 2:58
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
LO-CHEF: "Mysterious Deaths of 911 Witnesses"

Minchia. Quanti....

°°°

REKIT: "A proposito, Redazione, lo vogliamo pubblicare il secondo atto???"

Agli ordini, Boss.

VIPER
Inviato: 1/3/2010 8:18  Aggiornato: 1/3/2010 8:18
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/6/2009
Da:
Inviati: 557
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
lo-chef

Citazione:

Il video è stato rimosso, non sono riuscito a vederlo.

Redazione
Inviato: 1/3/2010 9:16  Aggiornato: 1/3/2010 9:16
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
VIPER: "Il video è stato rimosso, non sono riuscito a vederlo."

Io ho fatto in tempo a scaricarlo. Però non posso metterlo sul mio account, perchè non voglio rischiare rimozioni. Se qualcuno vuole caricarlo sul suo account glielo passo.

j-bonnot
Inviato: 1/3/2010 9:21  Aggiornato: 1/3/2010 9:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/4/2009
Da: l'Oltrequando
Inviati: 47
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
@ viper

prova con questo: http://www.youtube.com/watch?v=bvay28lZiHU&feature=fvsr
a me ha funzionato.
J

Lezik85
Inviato: 1/3/2010 11:30  Aggiornato: 1/3/2010 11:30
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti

ciaruffolo
Inviato: 1/3/2010 14:11  Aggiornato: 1/3/2010 14:11
So tutto
Iscritto: 4/9/2006
Da:
Inviati: 20
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Che bella serie di commenti.
Che dire (oltre a "siete delle sotto-merde")?

Decalagon
Inviato: 1/3/2010 14:19  Aggiornato: 1/3/2010 14:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Carino.. ti sei studiato il manuale delle buone maniere prima di registrarti?
Cos'è che, di preciso, non ti è andato giù? Magari se ne può discutere senza star qui a vomitare insulti.

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
Redazione
Inviato: 1/3/2010 18:06  Aggiornato: 1/3/2010 18:08
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
CIARUFFOLO: "Che dire (oltre a "siete delle sotto-merde")?"

Potresti provare a dire qualcosa di intelligente, ad esempio.

(Capisco che la cosa comporti sforzi notevoli, ma così almeno ti distingui dalle "sottomnerde" che vorresti criticare).

NiHiLaNtH
Inviato: 2/3/2010 15:37  Aggiornato: 2/3/2010 15:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
utente ciaruffolo

Ulteriori informazioni: le cazzate di luogocomune mi fanno ridere...

Firma: luogocomune spara un sacco di cazzate

definirlo pazzo è riduttivo

Redazione
Inviato: 8/3/2010 10:27  Aggiornato: 8/3/2010 10:28
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
PISPAX: "Nel Golfo del Tonchino non fu affondata nessuna nave."

Hai ragione. Ho corretto con "... hanno cercato di affondarci una nave".

HomSapiens
Inviato: 8/3/2010 20:10  Aggiornato: 8/3/2010 20:10
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/1/2010
Da:
Inviati: 123
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
la terza parte????aspetto con pazienza....

ayarbor
Inviato: 9/3/2010 15:55  Aggiornato: 9/3/2010 15:55
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/1/2010
Da:
Inviati: 227
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Citazione:
GIACOMO: Scusa, non per fare il pignolo, ma … Avranno anche la sindrome, ma se per caso uno di questi “testimoni oculari” stava filmando la prima torre che brucia, quando esplode la seconda, dopo cosa fai? Convinci anche la video-cassetta che lì c’era un aereo?

Forse sono io che mi sbaglio ma non è che si intendesse Giovanni e non Giacomo che stesse parlando?

Merlino
Inviato: 9/3/2010 16:31  Aggiornato: 9/3/2010 16:31
So tutto
Iscritto: 27/4/2007
Da: roma
Inviati: 25
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
La commedia è proprio interessante...ma questo "sì-gi-ài" è una cosa tecnicamente fattibile? cosa dovrebbe essere/fare?
grazie

RobWise
Inviato: 9/3/2010 20:05  Aggiornato: 9/3/2010 20:05
So tutto
Iscritto: 24/12/2009
Da:
Inviati: 6
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Ciao Max, inanzitutto complimenti per l'opera, è davvero fantastica.
Però mi sorge spontanea una domanda.
Nonostante tu abbia già dimostrato di non credere assolutamente alla teoria no planes, come mai hai deciso di renderla come piano base scelto dal fantomatico trio?
In ogni caso splendido lavoro

Redazione
Inviato: 9/3/2010 22:58  Aggiornato: 9/3/2010 23:02
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
AYARBOR: "orse sono io che mi sbaglio ma non è che si intendesse Giovanni e non Giacomo che stesse parlando?"

Avevi perfettamente ragione. Ho corretto. Grazie.

°°°

MERLINO: "ma questo "sì-gi-ài" è una cosa tecnicamente fattibile?"

Tecnicamente, sì. Qui trovi la spiegazione:
http://911composites.wiki-site.com/index.php/Introduction

Che poi la cosa sia LOGICAMENTE accettabile, questo è un altro paio di maniche.

***

ROBWISE: "Nonostante tu abbia già dimostrato di non credere assolutamente alla teoria no planes, come mai hai deciso di renderla come piano base scelto dal fantomatico trio?"

In realtà io escludo categoricamente soltanto l'ipotesi "puro CGI", cioè quella in cui nel cielo non ci fosse nulla di nulla. Non posso però escludere che abbiano usato degli aerei/missile ricoperti da ologrammi, o attivi o passivi (cioè proiettati DAL velivolo, oppure VERSO IL velivolo). Non me ne intendo.

Per me la soluzione più semplice rimane usare dei tanker 767, rinforzati e telecomandati, ma io di mestiere non ho mai fatto attentati.

Perchè l'ho messa in bocca ad AGG? Perchè ogni volta che immaginavo loro tre a discuterne mi pisciavo addosso dal ridere.

***

lo-chef
Inviato: 10/3/2010 11:11  Aggiornato: 10/3/2010 11:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/1/2010
Da:
Inviati: 34
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
avete visto i ragazzi di Loose Change contro il giornalista Abc:
http://www.youtube.com/watch?v=3DqnL8Nv8jg&feature=player_embedded

guru2012
Inviato: 11/3/2010 12:46  Aggiornato: 11/3/2010 12:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/3/2009
Da:
Inviati: 47
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
"Perchè l'ho messa in bocca ad AGG? Perchè ogni volta che immaginavo loro tre a discuterne mi pisciavo addosso dal ridere."

...ma... non credo che nella realtà sia andata molto diversamente...

Dr-Jackal
Inviato: 29/12/2010 1:09  Aggiornato: 29/12/2010 1:16
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2006
Da:
Inviati: 1028
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
OT.

Massimo, per favore, appena puoi rimetti i video di Youtube delle 12 domande ai sostenitori della versione ufficiale, perché è un articolo molto importante ma senza quei video la sua efficacia è parecchio ridotta. Gli altri video possono aspettare, ma quelli no.

FINE OT.

Redazione
Inviato: 29/12/2010 3:47  Aggiornato: 29/12/2010 3:51
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
DR-JACKAL: Fatto. Grazie per avermelo ricordato.

superava
Inviato: 29/12/2010 7:03  Aggiornato: 29/12/2010 7:03
Mi sento vacillare
Iscritto: 28/8/2008
Da: Riolo Terme
Inviati: 416
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
"In realtà io escludo categoricamente soltanto l'ipotesi "puro CGI", cioè quella in cui nel cielo non ci fosse nulla di nulla. Non posso però escludere che abbiano usato degli aerei/missile ricoperti da ologrammi, o attivi o passivi (cioè proiettati DAL velivolo, oppure VERSO IL velivolo). Non me ne intendo."

Anche io mi sono fatto questa idea qui. Non ne so niente nel dettaglio, ma vedendo vari filmati e documenti che sono in rete e su youtube mi sono fatto l'ipotesi dell'aereo missile abbinato a un ologramma che poi nei studi televisivi è stato "elaborato"..è l'unica spiegazione che mi posso dare quando vedo in un video che si parla di Nose-in e Nose-out e subito dopo salta stranamente l'inquadratura...le tecniche esistono.
Un po' come l'incidente di senna a Imola poco prima dell'impatto ...che si volesse coprire qualcosa (o errore? )

Matteo84
Inviato: 29/12/2010 12:47  Aggiornato: 29/12/2010 12:47
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/12/2010
Da: Servigliano (Marche)
Inviati: 38
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
@ redazione

"GIACOMO: E’ questo il mondo. E’ questa la realtà di oggi. Quello che accade su questo schermo è reale, quello che accade là fuori non interessa più a nessuno. Lo hai visto Avatar?"

Mssimooooo....Avatar non era uscito ancora!!!!! :P

per adesso ho letto solo la notizia...nn vedo l'ora di leggere i commenti....spero di riuscirci presto! un saluto alla mia amicona Peonia :D

ciao a tuttiii!

Amo la vita! Amo la Natura! Amo i rapporti sociali! Sono una persona di successo!
audisio
Inviato: 29/12/2010 15:00  Aggiornato: 29/12/2010 15:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Rileggendo il thread, mi sono compiaciuto nel leggere come
Massimo abbia, nell'ultimo post, spiegato che secondo lui ad
essere ridicola è solo la teoria No Planes / CGI, mentre ritiene
la No Planes / Ologramma teoricamente possibile.
Bene, peccato che la cosa non sia stata chiara fin dall'inizio e
abbia così prestato il fianco a un delirio autoritario e vagamente
fascistoide nei confronti di chi legittimamente avanza la possibilità
(e dico possibilità perchè la verità su ciò che è realmente accaduto
la possiedono solo i reali mandanti ed esecutori della strage) che si
sia visto un qualcosa radicalmente diverso dalla realtà.
E questo, per un sito glorioso come LC che ha difeso la bandiera della
libera discussione (e continua a farlo, pur tra mille difficoltà) contro
TUTTI i luoghi comuni
E' STATO SENZA DUBBIO SPIACEVOLE!


P.S.: anch'io ritengo la CGI, al contrario della Ologramma, più
difficilmente eseguibile che non un vero dirottamento da parte
di "pseudoterroristi" alla Oswald, per cui illogica e priva di senso.

Prinzirob
Inviato: 29/12/2010 16:26  Aggiornato: 29/12/2010 16:40
So tutto
Iscritto: 29/12/2010
Da:
Inviati: 3
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Ricordo perfettamente, dove mi trovavo, quando si diffuse in tutto il mondo, la notizia del "presunto" attacco terroristico alle torri gemelle.

In quel momento, si stava consumando la tragedia, di quasi 3.000 persone, e non riuscivo proprio, a credere, che quello che vedessi, stesse accadendo davvero, tanto appariva irreale.

Pensavo di assistere ad un film, con uno svolgimento pressochè lineare, ed un finale tragico ed inaspettato, causato dalla caduta delle torri gemelle.

Un film è finzione, nessuno muore mai veramente. Peccato però, che quello a cui ha assistito tutto il mondo, era vero, soltanto per quanto riguardava la tragica perdita di migliaia di vite umane, ma, tutto il resto, era pura finzione al 100%.

In un primo momento, mi sono bevuto completamente, la storia dell'attentato da parte dei 19 terroristi di al qaeda.

Sono stato preso, dall'ondata di indignazione, che saliva come un fiume in piena, e che gridava a gran voce, che i responsabili ed i mandanti, di quel vile atto terroristico, fossero presi e condannati, per i crimini commessi.

Avevo ancora qualche dubbio, su quello che era accaduto al Pentagono, ma, pensavo, illudendomi, che il governo americano, non avesse alcuno scopo, per non dire la verità, e che le mie, fossero soltanto paranoie da cospirazionisti.

Dopo qualche tempo, però, a frantumare ogni mia residua certezza, è bastato, che mi giungesse per le mani, un documentario, prodotto da una società americana, la Power Hour, ed intitolato "In plane site", che, partendo dalla semplice analisi delle immagini disponibili, e dalle prove ufficiali a disposizione, è riuscito ad instillare dei seri dubbi, dentro di me, su quello che era realmente accaduto.

Sono convinto del fatto, che alcuni velivoli militari (missili cruise o tomahawk, oppure aerei teleguidati), abbiano realmente impattato con le torri del world trade center, e che la cgi, sia stata utilizzata, semmai, per sovrapporre la sagoma dei boeing della united airlines, sopra a quella dei velivoli militari. Successivamente, le torri gemelle sono precipitate, a causa di una serie di demolizioni controllate, causate da un'esplosivo denominato "termite".

Molti vigili del fuoco, oltre al custode dell'edifico, hanno riferito, di avere sentito nitidamente, il rumore di esplosioni, prima che le torri crollassero.

Che io sappia, non esiste nessun caso al mondo, in cui un grattacielo, sia mai collassato, a causa di un'incendio.

La mia incredulità, non può che aumentare, se ci mettiamo pure che, addirittura, l'edificio 7 del wtc, è crollato, senza essere stato coinvolto direttamente negli impatti.

Un'ultima considerazione su Bin Laden.

E' stato indicato, come il mandante dell'attentato, ed è ricercato da tutte le forze militari americane e straniere. Eppure, con tutto lo spiegamento bellico e di intelligence americano, in 9 anni, non sono mai riusciti a catturarlo.

Che sia ancora nel libro paga della cia ? come ai "bei" tempi della guerra fra russia ed afghanistan ?

Non è un segreto che, per anni, avesse avuto rapporti di affari, molto stretti, con Bush Senior, e sicuramente, a molti fà comodo che lui sia ancora là fuori, libero, a fare da specchietto per le allodole.

cgueye
Inviato: 29/12/2010 17:45  Aggiornato: 29/12/2010 17:45
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2010
Da:
Inviati: 306
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Ma complimenti. Sembra il seguito sapido di "La leggenda di Al, John e Jack".

E intanto, auguri di buon 2011 ( e col decennale delle Torri, Dio ce la mandi buona).

Redazione
Inviato: 29/12/2010 21:43  Aggiornato: 29/12/2010 21:44
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
MATTEO 84: Citazione:
“Avatar non era ancora uscito”
Licenza poetica...

***

AUDISIO: Citazione:
E questo, per un sito glorioso come LC che ha difeso la bandiera della libera discussione (e continua a farlo, pur tra mille difficoltà) contro TUTTI i luoghi comuni E' STATO SENZA DUBBIO SPIACEVOLE!
Guarda che da sempre io ho escluso SOLTANTO l’ipotesi CGI.

***

PRINZIROB: (Benvenuto). Io ritengo che bin Laden sia stato ucciso, nel gennaio 2002. Se fosse vivo oggi in qualche modo lo sapremmo.

InFlames
Inviato: 30/12/2010 3:02  Aggiornato: 30/12/2010 3:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/3/2008
Da:
Inviati: 300
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Tre scenette memorabili perchè dopo nove anni di battaglie per la verità e poche vittorie contro l'ignoranza globale (nel senso di ignorare, sempre citando il trio), non ci resta che ridere

Tutto sarà rivelato
InFlames
Inviato: 30/12/2010 3:04  Aggiornato: 30/12/2010 3:06
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/3/2008
Da:
Inviati: 300
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti

Tutto sarà rivelato
audisio
Inviato: 30/12/2010 12:38  Aggiornato: 30/12/2010 12:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
@ Massimo:
io lo so benissimo, ma altri pare non lo sappiano o almeno
fanno finta di non saperlo.
Altrimenti, visto che la tua opinione ha un peso considerevole
qui dentro (com'è giusto che sia, visto che il sito è tuo e dunque
il fatto che postiamo qui dentro è indice che ti rispettiamo e ti
abbiamo tutti in grande considerazione), non si permetterebbero
di trattare come un mentecatto chi semplicemente avanza una
possibilità...

Cairo
Inviato: 2/1/2011 13:12  Aggiornato: 2/1/2011 13:12
So tutto
Iscritto: 1/1/2011
Da:
Inviati: 11
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Penso sia vergognoso scrivere certe cose su una tragedia come quella dell11 settembre. Un po' di rispetto per le vittime?

Decalagon
Inviato: 2/1/2011 13:20  Aggiornato: 2/1/2011 13:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Infatti qui si sta solo ironizzando sulla "no-plane theory", non sulle vittime. Anzi, è proprio per rispetto nei loro confronti che ritengo (personalmente parlando) sia opportuno combattere queste sciocchezze.

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
Manfred
Inviato: 2/1/2011 13:38  Aggiornato: 2/1/2011 13:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrück
Inviati: 2094
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Infatti qui si sta solo ironizzando sulla "no-plane theory", non sulle vittime. Anzi, è proprio per rispetto nei loro confronti che ritengo (personalmente parlando) sia opportuno combattere queste sciocchezze.

Esattamente come chi difende la versione ufficiale.

DjGiostra
Inviato: 2/1/2011 15:03  Aggiornato: 2/1/2011 15:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Redazione dice:
Citazione:
Guarda che da sempre io ho escluso SOLTANTO l’ipotesi CGI.


Scusate la mia ignoranza, ma cos'e' l'ipotesi CGI ?

Vedevo su youtube un filmato dove si intendeva dimostrare l'impossibilita'
della traiettoria eseguita dal secondo aereo e un video che si dimostrerebbe
falso per la strana posizione del ponte che sta' a new york...
qualcuno sa dirmi qualcosa ???
Grazie mille.
Ciao a tutti.
Damiano..

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
Sertes
Inviato: 2/1/2011 20:13  Aggiornato: 2/1/2011 20:13
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Citazione:
DjGiostra ha scritto:
Scusate la mia ignoranza, ma cos'e' l'ipotesi CGI ?


E' una delle tre teorie no-plane, quelle che ipotizzano che nei cieli di new-york non ci fossero aerei.
Questa in particolare teoria (CGI = Computer Generated Image, cioè immagine generata al computer) ipotizza che le immagini degli aerei siano state sovrapposte in digitale come "effetto speciale" nelle immagini mostrate dai principali mass-media (cnn, abc, ecc...) in tempo reale, mentre i cameramen riprendevano la torre e l'esplosione (ma senza aereo)

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
anonimus
Inviato: 3/1/2011 18:40  Aggiornato: 3/1/2011 18:40
So tutto
Iscritto: 9/6/2005
Da:
Inviati: 5
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Magari l' avete gia visto ma io posto questo link lo stesso

http://www.youtube.com/watch?v=t_X0qIx1XpI

Teba
Inviato: 3/1/2011 22:00  Aggiornato: 3/1/2011 22:00
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Citazione:
Magari l' avete gia visto ma io posto questo link lo stesso http://www.youtube.com/watch?v=t_X0qIx1XpI


c'è ancora troppa gente che, invece di guardare a reali investigazioni (tipo QUESTA), è ancora ferma a 10 anni fa e commette l'errore di azzardare l'ipotesi missile.

Ci sono già molte testimonianze (stazione Citgo, National Arlington Cemetery...) oltre ai calcoli sulle forze G del banking che indicano che l'aereo che è stato visto passare al pentagono non poteva avere la traiettoria dei danni meccanici.

Comunuqe è chiaro che quel video è un fake.

ciao

DjGiostra
Inviato: 5/1/2011 19:35  Aggiornato: 5/1/2011 19:35
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/1/2009
Da: Brignano G.D'Adda
Inviati: 5481
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
X Sertes:
Grazie mille per la spiegazione.
Molto chiara.

Meglio un dubbio certo che una falsa certezza !!(Nisoli Damiano)
Da oggi chiamatemi Top Gun Su A320 !!

Il rispetto nasce dal rispetto
axoun
Inviato: 8/1/2011 16:16  Aggiornato: 8/1/2011 16:16
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/8/2008
Da:
Inviati: 47
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Teba
Citazione:
C'è ancora troppa gente che, invece di guardare a reali investigazioni è ancora ferma a 10 anni fa e commette l'errore di azzardare l'ipotesi missile.


perché l'ipotesi missile è così scandalosa? in September Clues viene riportata la registrazione audio del primo impatto catturata per caso da una radio locale; si sente chiaramente un suono che "assomiglia fortemente" a quello di un missile e poi 2 esplosioni: la prima al momento dell'impatto, la seconda ritardata di qualche secondo (proprio come avviene per alcuni tipi di missile).
Nello stesso senso c'è poi la dichiarazione di un giornalista televisivo (ex reporter di guerra) che si trovava li per caso e che descrisse il suono udito come quello di un missile. In più ci sono anche non poche testimonianze visive di persone....perché ignorare tutto ciò....
il problema da risolvere è invece capire il come hanno occultato questi "missile"...
A differenza di Massimo Mazzucco, che però è molto più preparato di me sull'argomento, l'ipotesi "aereo speciale" e rinforzato mi sembra forzata e difficile da sostenere, anche perché tale aereo (guidato senza pilota) avrebbe in ogni caso dovuto compiere manovre molto al limite....con un missile invece, a me pare tutto più facile...
aereo o non aereo, CGI od ologrammi, stiamo comunque disquisendo del sesso degli angeli, perché il 95% delle cose che contano in questa sporca storia, già si sanno...
saluti

Decalagon
Inviato: 8/1/2011 16:48  Aggiornato: 8/1/2011 17:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
Citazione:
perché l'ipotesi missile è così scandalosa?


Perché è stato visto, sentito e filmato un 767. Chi stava osservando la torre sud a visuale sgombra (vista da sud o comunque da buone angolazioni) ha visto un aereo. Gli stessi danni sulle facciate delle torri sono compatibili con un boeing 767.

Roba trita e ritrita migliaia di volte.. e come al solito bisogna ripetere tutto per chi non si prende nemmeno la briga di leggere ciò che è stato detto sull'argomento.

Citazione:
l'ipotesi "aereo speciale" e rinforzato mi sembra forzata e difficile da sostenere


Perché? Già negli anni '60 la CIA aveva in mente di modificare un aereo di linea dipingendolo con le insegne di una compagnia aerea civile mutandolo in un drone pilotato in remoto.

Ora spero che non si debba ripetere tutto dall'inizio.

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
axoun
Inviato: 9/1/2011 16:05  Aggiornato: 9/1/2011 16:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/8/2008
Da:
Inviati: 47
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
@ Decalogon
sulle testimonianze e sulla reale presenza di uno o più 767 ci sono opinioni che eufemisticamente potremmo definire discordanti.
La registrazione audio del primo impatto c'è (come si spiega?)..su questo non hai detto nulla, ne credo sia stata data spiegazione a quel suono tanto simile a quello di un missile...
quando poi dici:
Citazione:
Gli stessi danni sulle facciate delle torri sono compatibili con un boeing 767

non ti seguo più...perché i danni sulle facciate al massimo possono vagamente ricordare la forma di un aereo, ma in realtà esistono metri e metri di colonne perimetrali (con funzione strutturale nel WTC!) tagliate orizzontalmente e di netto...come si spiega tutto ciò?
una cosa ancora non trattata nell'intervista che al momento sul sito è in primo piano, è poi la "colorazione" delle riprese TV. Forse è quella la prova lampante che vi stata una manipolazione delle immagini.
Se guardiamo a tutte le vere immagini amatoriali, vedremo un magnifico e terso cielo blu...

Decalagon
Inviato: 9/1/2011 16:29  Aggiornato: 9/1/2011 16:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: September Blues. Una commedia in tre atti
@aoxun

Non si può ogni volta ricominciare DA CAPO la discussione sugli stessi punti chiariti miliardi di volte. Rileggiti ciò che è già stato scritto.
Ciao.

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA