Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


politica italiana : Yes he can
Inviato da Redazione il 21/2/2010 11:50:00 (6804 letture)

Questa notte ho avuto un incubo. È stato un incubo orribile.

Vivevo in un paese strano, circondato da gente che non aveva la faccia. Avevano solo il cappotto, oppure la giacca, e spesso anche il cappello, ma la faccia non riuscivo mai a vederla. Era sempre offuscata, poco nitida, non definita. Andavano tutti in giro pigiati in auto piccolissime, anche otto-dieci per ogni auto, e c’erano auto dappertutto. Ma anche quando i passeggeri avevano il volto appiccicato al finestrino, la loro faccia non si vedeva. Si vedeva solo una superficie chiara, una specie di palloncino tondeggiante, amorfo, del colore della pelle, con due macchie scure asimmetriche che potevano forse essere gli occhi, ma non erano mai al posto giusto. Magari uno più in alto e uno più in basso, oppure uno più vicino al centro e l’altro su di un lato, ma comunque quelle macchie scure non fissavano mai nulla di preciso, non cercavano nulla, e non ti guardavano mai.

C’erano, e basta.

Poi ogni tanto vedevo in mezzo alla gente una specie di dittatore, che rideva sempre, e urlava dalle piazze. Ma non era un vero dittatore, sembrava più un impiegato, un pensionato, o un collega d’ufficio. Si arrampicava su una cancellata, restava appeso a cavalcioni, e gridava alla folla qualcosa che non capivo. Urlava tenendo un dito teso, puntato lontano. Sembrava un maestro di scuola arrabbiato, ...

... che fa la predica ai suoi alunni. La gente senza faccia applaudiva impazzita, e quando applaudiva lui rideva. Non rideva di nascosto, ma davanti a tutti, come per mostrargli che era contento che loro applaudissero.

E appena gli applausi calavano lui si faceva serio, puntava di nuovo il dito in lontananza e tornava ad urlare come un invasato. E la gente subito lo applaudiva, più forte di prima, e lui tornava a ridere soddisfatto.

Sotto la cancellata, ai suoi piedi, c’era una specie di pantano melmoso, con erbacce e piccole radici che affondavano nell’acqua stagnante. Eravamo in città, e c’era asfalto dappertutto, ma in quel punto c’era una piccola palude di acqua lercia e torbida, nella quale si agitava impazzita ogni sorta di animale. Strani rospi con gambe da umano, che portavano in testa una specie di parrucca appiccicosa, e facevano fastidiosi versi con la bocca; topi di fogna grassi e lucidi, senza pelo e senza coda, che indossavano orgogliosi una specie di cappotto di pelle; e poi scarafaggi enormi, vermi grassi e viscidi, cani randagi con la pelle infettata, lucertole orripilanti, gatti zoppi oppure senza occhi…

Tutti questi animali lottavano fra di loro nella piccola palude, sotto la cancellata, senza mai avvicinarsi ai piedi della folla urlante, che stava a pochi metri da loro, e che a sua volta non li vedeva.

I cani azzannavano i rospi, i topi facevano a pezzi le lucertole, i gatti inseguivano gli scarafaggi, c’erano code, zampe e pezzi di interiora che volavano da tutte le parti.

Nel frattempo sulla cancellata il dittatore urlava, e la gente senza volto lo applaudiva. Io non capivo bene cosa dicesse, sentivo solo il tono della voce, forte e cadenzato, sempre uguale, senza capire le parole. Poi ad un certo punto ha detto qualcosa come “giustizia“, poi ha detto “basta“, la gente lo ha applaudito forte, e lui ha subito mostrato un grande sorriso compiaciuto. Poi è tornato a urlare cose incomprensibili, sempre più agitato, e la gente è tornata ad applaudirlo ancora più forte. Ad un certo punto ha detto “io” tre volte di seguito, poi ha detto “loro” almeno cinque volte, puntando il dito in lontananza. Poi si è fermato, di colpo, come per vedere il risultato ottenuto. C’è stata una pausa momentanea, poi è esploso il finimondo. Un boato infinito. L’apoteosi.

Nel frattempo alcuni scarafaggi si erano allontanati dallo stagno putrido, e avevano iniziato a salire lungo le gambe della gente, che però non se ne accorgeva. Topi e lucertole li stavano già raggiungendo, preparandosi anch’essi a salire.

Di fronte a quell’immagine ho avuto un sussulto di ribrezzo, e istintivamente mi sono strofinato gli occhi, come per cercare di svegliarmi. A quel punto mi sono accorto che non stavo dormendo affatto, stavo solo vedendo l’ultimo telegiornale.

Fra poco ci sono le elezioni.

Massimo Mazzucco

Voto: 9.00 (6 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
rekit
Inviato: 21/2/2010 12:00  Aggiornato: 21/2/2010 12:00
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: Yes he can
pensa se tu avessi guardato san remo.........

Decalagon
Inviato: 21/2/2010 12:04  Aggiornato: 21/2/2010 12:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Yes he can
Uno degli articoli più belli che io abbia mai letto su questo sito.
Complimenti Massimo.

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
LoneWolf58
Inviato: 21/2/2010 12:06  Aggiornato: 21/2/2010 12:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Yes he can
Non ti lamentare... che il peggio ha da venire

(editato)
Il problema è che... non è un sogno, ma neanche la realtà.
A me sembra di vivere contemporaneamente in due mondi diversi...
Non riesco a capire quale sia reale.

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
Redazione
Inviato: 21/2/2010 12:12  Aggiornato: 21/2/2010 12:14
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Yes he can
LONEWOLF: "Non ti lamentare... che il peggio ha da venire"

Infatti. Gli animali hanno appena iniziato a salire sulle gambe della gente.

°°°

(Chi vuole può cliccare l'immagine, e giocare a "scova il dettaglio", nel trittico).

Decalagon
Inviato: 21/2/2010 12:13  Aggiornato: 21/2/2010 12:13
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: Yes he can
Già.. poi arriveranno le cimici carnivore ed inizieranno a mangiarci il cervello dall'interno. Tipo nel film "La Mummia", solo in maniera più vorace.

«Goku è Verità. Io sono la Via, la Verità e la Vita. E risorgo quando mi pare.»
Paxtibi
Inviato: 21/2/2010 12:20  Aggiornato: 21/2/2010 12:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Yes he can
La bagna cauda mai di sera...

Pyter
Inviato: 21/2/2010 12:36  Aggiornato: 21/2/2010 12:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Yes he can
LoneWolf58 :
A me sembra di vivere contemporaneamente in due mondi diversi...
Non riesco a capire quale sia reale.


E' quello dove sei all'interno di cubicolo rettangolare e stai mettendo una x.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
AG
Inviato: 21/2/2010 12:53  Aggiornato: 21/2/2010 12:53
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/7/2005
Da: Torino
Inviati: 194
 Re: Yes he can
Citazione:
(Chi vuole può cliccare l'immagine, e giocare a "scova il dettaglio", nel trittico).


...trovato (nonostante la risoluzione cambiata)!
...ma nella mia ignorantitudine non conosco nè autore nè titolo...

PikeBishop
Inviato: 21/2/2010 13:09  Aggiornato: 21/2/2010 13:09
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Yes he can
Citazione:
nella mia ignorantitudine non conosco nè autore nè titolo...

Perche' non fai come quelli che si abbronzano anche la notte: viki isa yora frienda...

O, per meglio, ma molto meglio dire: wiki is your friend

Comunque e' un incubo da fonduta: in quelli da bagna cauda vi sono i vampiri che scappano.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
Kolza
Inviato: 21/2/2010 13:13  Aggiornato: 21/2/2010 13:13
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/6/2004
Da: MMMMMMonza
Inviati: 916
 Re: Yes he can
Quel particolare di fianco al titolo sarebbe andato bene per un articolo sul darwinismo :)

joke2k
Inviato: 21/2/2010 13:28  Aggiornato: 21/2/2010 13:28
So tutto
Iscritto: 18/1/2009
Da:
Inviati: 16
 Re: Yes he can
La coscienza dell'organismo che chiamiamo società si sta formando, e non sappiamo quanto ci metterà.

Tutto sembra andare verso la fine, ma ogni tanto ricordiamoci... proprio quella informe massa di gente, ha imbracciato un forcone (più avanti un fucile) e si è battuta per la "libertà".

Non voglio dire che qui, oggi, ce ne sarebbero le condizioni, ma stiamo attenti a non dare per spacciato questo organismo che muta giorno dopo giorno al cui interno ci sono cellule come noi che ci accorgiamo di questo sciacallaggio.

Calvero
Inviato: 21/2/2010 13:54  Aggiornato: 21/2/2010 13:54
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Yes he can
Interessante vedere come ogni giorno che passa, quanto le rappresentazioni artistiche stiano proprio dipingendo l'epilogo della nostra decadenza. Penso che finiremo tutti nel trovarci, guardandoci allo specchio, come in questa - più che mai sempre più reale - immagine...


Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
joke2k
Inviato: 21/2/2010 14:13  Aggiornato: 21/2/2010 14:13
So tutto
Iscritto: 18/1/2009
Da:
Inviati: 16
 Re: Yes he can
non vorrei essere preso per un inguaribile ( e ingenuo ) ottimista, ma nello stesso tempo sono nate altre rappresentazioni artistiche:


in cui la speranza non muore;


oppure dove ci si eleva ad altri stati dell'esistenza;


oppure dove addirittura si vince, avendo una rivalsa (o vendetta?)!

Spiderman
Inviato: 21/2/2010 14:17  Aggiornato: 21/2/2010 14:17
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 19/9/2009
Da:
Inviati: 2722
 Re: Yes he can
Che diamine Mazzucco!! Che TG stavi vedendo?

"Ogni giorno racconto la favola mia, la racconto ogni giorno chiunque tu sia, e mi vesto di sogno per darti se vuoi, l'illusione di un bimbo che gioca agli eroi. (Renato Zero)
Calvero
Inviato: 21/2/2010 14:40  Aggiornato: 21/2/2010 14:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Yes he can
@joke2k

..quale speranza?

RESET o PRIGIONIA

(le domande sono: cos'è il Reset, e cos'è la prigionia)

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Floh
Inviato: 21/2/2010 14:52  Aggiornato: 21/2/2010 14:53
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/12/2009
Da: Milano
Inviati: 1056
 Re: Yes he can
L'ho capito solo in parte...
L'articolo di Massimo che mi è piaciuto meno tra tutti...

Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia (William Shakespeare, da Amleto)
joke2k
Inviato: 21/2/2010 15:01  Aggiornato: 21/2/2010 15:01
So tutto
Iscritto: 18/1/2009
Da:
Inviati: 16
 Re: Yes he can
@Calvero

La speranza del rinnovamento.
Se non ci fosse, non staremmo qui a dannarci l'anima non credi?

cnj
Inviato: 21/2/2010 16:03  Aggiornato: 21/2/2010 16:03
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da: Romagna
Inviati: 795
 Re: Yes he can
Scusate, mi viene da vomitare... non per l'articolo di Massimo... per la situazione descritta dall'articolo di Massimo. Il telegiornale lo si può anche spegnere. L'aria che respiriamo invece ci tocca continuare a respirarla anche se puzza di marcio.

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. Nikola Tesla
peonia
Inviato: 21/2/2010 16:55  Aggiornato: 21/2/2010 16:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Yes he can
Il famoso quadro di Jeronimus Bosch "The Garden of Earthly Delights"
un autore molto inquietante....


In effetti il tuo sogno vivido non mi stupisce piu di tanto.....mi sa che Lone ha ragione...speriamo di sbagliarci!

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Santro
Inviato: 21/2/2010 17:46  Aggiornato: 21/2/2010 17:46
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/11/2005
Da:
Inviati: 748
 Re: Yes he can
risotto di amanita muscaria?

Gradito anche da Bosch.... pare

ETERNAL SALVATION
(or triple your money back)
Floh
Inviato: 21/2/2010 18:19  Aggiornato: 21/2/2010 18:19
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/12/2009
Da: Milano
Inviati: 1056
 Re: Yes he can
Questo è l'elettorato di cui parla massimo.
Fatevi due risate (per farlo però dimenticatevi per un momento che sono le persone che abitano il più potente stato del mondo).
(ho dei dubbi sul fatto che non siano interviste fatte apposta, almeno lo spero)http://www.youtube.com/watch?v=fJuNgBkloFE

Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia (William Shakespeare, da Amleto)
edo
Inviato: 21/2/2010 18:38  Aggiornato: 21/2/2010 18:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Yes he can
testo di Elsa Morante



>
> "Il capo del Governo si macchiò ripetutamente durante la sua carriera di
> delitti che, al cospetto di un popolo onesto, gli avrebbero meritato la
> condanna, la vergogna e la privazione di ogni autorità di governo. Perché
> il popolo tollerò e addirittura applaudì questi crimini? Una parte per
> insensibilità morale, una parte per astuzia, una parte per interesse e
> tornaconto personale. La maggioranza si rendeva naturalmente conto delle
> sue attività criminali, ma preferiva dare il suo voto al forte piuttosto
> che al giusto. Purtroppo il popolo italiano, se deve scegliere tra il
> dovere e il tornaconto, pur conoscendo quale sarebbe il suo dovere,
> sceglie sempre il tornaconto.
> Così un uomo mediocre, grossolano, di eloquenza volgare ma di facile
> effetto, è un perfetto esemplare dei suoi contemporanei. Presso un popolo
> onesto, sarebbe stato tutt'al più il leader di un partito di modesto
> seguito, un personaggio un po' ridicolo per le sue maniere, i suoi
> atteggiamenti, le sue manie di grandezza, offensivo per il buon senso
> della gente e causa del suo stile enfatico e impudico. In Italia è
> diventato il capo del governo. Ed è difficile trovare un più completo
> esempio italiano.
> Ammiratore della forza, venale, corruttibile e corrotto, cattolico senza
> credere in Dio, presuntuoso, vanitoso, fintamente bonario, buon padre di
> famiglia ma con numerose amanti, si serve di coloro che disprezza, si
> circonda di disonesti, di bugiardi, di inetti, di profittatori; mimo
> abile, e tale da fare effetto su un pubblico volgare, ma, come ogni mimo,
> senza un proprio carattere, si immagina sempre di essere il personaggio
> che vuole rappresentare."
>
Mi direte: ma come fa ad avere scritto questa pagina Elsa Morante, che è morta nel 1985?
Qualunque cosa abbiate pensato, il testo, del 1945, si riferisce a Mussolini.
( Lo scritto, del 1° maggio 1945, intitolato Il Capo del Governo è in Pagine autobiografiche postume, pubblicate in “Paragone Letteratura”, n. 456, febbraio 1988, ed è stato riproposto recentemente dalla rivista Atti Impuri),

focussino
Inviato: 21/2/2010 19:48  Aggiornato: 21/2/2010 19:48
So tutto
Iscritto: 22/9/2006
Da: (TN)
Inviati: 23
 Re: Yes he can
primo trittico a metà sulla dx

matrix23
Inviato: 21/2/2010 21:22  Aggiornato: 21/2/2010 21:22
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/6/2008
Da:
Inviati: 39
 Re: Yes he can
GRANDE EDO!
Avevo letto anni fa (nn ricordo dove ) di questo intervento di Elsa Morante, ma l'avevo colpevolmente scordato...del resto la nostra piu' grande colpa e' nn avere memoria, o vere una memoria settoriale...si impara sempre dal passato, dalla storia, sia in positivo che in negativo, tutto è un continuo "ricircolo", e cmq e'IMBARAZZANTE quanto questo intervento sia ATTUALE....
Sul pezzo di Massimo nulla da dire, lungimirante e giustamente cinico come sempre, e condivido in pieno lo scetticismo e il pessimismo di fondo....
PS: non per distruggere le speranze di qualcuno, ma l'icona della rivoluzione francese secondo me nn è proprio adatta a dar dimostrazione di una presa di coscienza nonchè di una conquista di liberta' da parte di un popolo, ma semmai conferma l'uso del popolo come di una marionetta per perseguire i soliti meno nobili scopi beceri dietro la facciata demagogica di egalite', liberte', fraternite'....(consiglio lettura David Icke, oppure il bravo Marco Pizzuti, peraltro piu' volte citato anche da MassimoM.)

Witt83
Inviato: 21/2/2010 21:58  Aggiornato: 21/2/2010 21:58
Mi sento vacillare
Iscritto: 3/1/2010
Da:
Inviati: 419
 Re: Yes he can
Massimo ma che avevi bevuto?

Non mi riferisco all'articolo che ho trovato un pò forte ma efficace, ma alla tua scelte di gardare il telegiornale.

Questo passo, invece, riesco a spiegartelo io:

Citazione:
Andavano tutti in giro pigiati in auto piccolissime, anche otto-dieci per ogni auto, e c’erano auto dappertutto. Ma anche quando i passeggeri avevano il volto appiccicato al finestrino, la loro faccia non si vedeva.


Non erano auto, Massimo, stavi avendo nostalgia dell'Italia e ti sei ricordato delle nostre Ferrovie Dello Stato.

La terra possiede risorse sufficienti per provvedere ai bisogni di tutti, ma non all'avidità di alcuni. Gandhi
peonia
Inviato: 21/2/2010 22:47  Aggiornato: 21/2/2010 22:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Yes he can
Grazie Edo di averlo postato, l'avevo letto su Aprileonline e volevo farlo anche io ma me ne sono dimenticata...
E' incredibile la somiglianza nel ritratto!

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
a_mensa
Inviato: 21/2/2010 22:57  Aggiornato: 21/2/2010 22:59
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Yes he can
nella tavola di sinistra, a metà altezza, sulla destra.
bosh ha visto il futuro !

vero edo!
la prima volta si presenta come commedia, la seconda come tragedia, la terza come farsa..... siamo alla tragedia

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
a_mensa
Inviato: 21/2/2010 23:03  Aggiornato: 21/2/2010 23:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Yes he can
....... Ed è difficile trovare un più completo esempio italiano .......
quando smetteremo di pensare a lui, come a un qualcosa di diverso, saremo finalmente sulla buona strada per cambiare....

sai massimo, quello che mi stupisce e lascia un po perplesso è "perchè solo ora" ?
è un buon segno, gli incubi intendo, ma perchè solo ora ?(ripeto)

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
Redazione
Inviato: 21/2/2010 23:54  Aggiornato: 22/2/2010 0:04
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Yes he can
SPIDERMAN: "Che diamine Mazzucco!! Che TG stavi vedendo?"

Che differenza fa? Il TG3 finge di essere di sinistra, il TG1 finge di non essere di destra, e il TG2 finge di aver capito cosa vuole essere... quindi alla fine il risultato è identico per tutti.

***

SANTRO: "risotto di amanita muscaria?"

In realtà, è bastata una pennetta ai 4 formaggi.

***

A-MENSA: "è un buon segno, gli incubi intendo, ma perchè solo ora?"

Questo l'ho scritto nel 2004:

I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ

Quando Berlusconi se ne sarà andato (prima o poi dovrà ben succedere), l'Italia inizierà a rendersi conto del disastro imperdonabile che quest'uomo, con la sua politica - ma soprattutto col suo modo di pensare - ha portato in ogni angolo del nostro paese, in ogni angolo delle nostre istituzioni, in ogni angolo delle nostre anime.

Che l'Italia non abbia mai avuto governi effettivi, non si discute nemmeno. Ma una cosa erano i governi di facciata, infinite versioni dell'eterno immobilismo democristiano, tanto inefficaci rispetto al progresso, quanto innocui rispetto al nostro quotidiano. Un'altra è Berlusconi, tanto efficace rispetto al più totale regresso, quanto deleterio rispetto alla comune scala di valori che noi tutti dovremmo preservare, se vogliamo vivere piacevolmente l'uno accanto all'altro.

Quando invece ciò che era brutto diventa "bello" per circolare ministeriale, ciò che era ingiusto diventa "giusto" per decreto legge, ciò che era proibito diventa "legale" per palese violazione costituzionale, non solo quei valori vanno a farsi benedire, ma le stesse istituzioni perdono valore agli occhi del cittadino, ed alimentano una spirale verso il basso di cui ormai non è difficile intravvedere la conclusione.

La "legge del Far West" si chiamava così proprio perchè legge non era: il più forte decretava i propri valori e la propria giustizia, e li imponeva a tutti gli altri.

Ma perchè noi permettiamo che tutto ciò accada? ... (continua)

peonia
Inviato: 22/2/2010 0:05  Aggiornato: 22/2/2010 0:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Yes he can
FLOH,mi spiace ma quelle interviste sono autentiche!
La maggior parte degli americani e' autoreferenziale e abissalmente ignorante!
Pensano di esistere solo loro al mondo.....per di piu non hanno una cultura....
Massimo puo' confermarcelo...?

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Calvero
Inviato: 22/2/2010 0:59  Aggiornato: 22/2/2010 0:59
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: Yes he can
Citazione:
La speranza del rinnovamento.
Se non ci fosse, non staremmo qui a dannarci l'anima non credi?


Non è rinnovabile. Mia opinione. Potremmo essere, e non è poco, i precursori...

Nulla si crea, nulla si distrugge. Ok. Ma comunque l'unico rinnovo avverrà dopo la distruzione. Di recuperabile non c'è nulla.

Il quadro centrale, con l'uomo che scruta le cime tra le nuvole, osserva una Natura incontrastata finalmente libera dai Virus (gli esseri umani) che la impestavano.

Una ricerca sempre più consapevole, si spera, potrà condurre a una progenie per l'uomo nuovo. Ma prima misure, valori e pesi, dovranno essere rideterminati.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
gobbo
Inviato: 22/2/2010 1:18  Aggiornato: 22/2/2010 1:20
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 19/9/2005
Da: Neverland
Inviati: 1347
 Re: Yes he can
Citazione:
Questa notte ho avuto un incubo. È stato un incubo orribile.

Vivevo in un paese strano, circondato da gente che non aveva la faccia. Avevano solo il cappotto, oppure la giacca, e spesso anche il cappello, ma la faccia non riuscivo mai a vederla. Era sempre offuscata, poco nitida, non definita. Andavano tutti in giro pigiati in auto piccolissime, anche otto-dieci per ogni auto, e c’erano auto dappertutto. Ma anche quando i passeggeri avevano il volto appiccicato al finestrino, la loro faccia non si vedeva. Si vedeva solo una superficie chiara, una specie di palloncino tondeggiante, amorfo, del colore della pelle, con due macchie scure asimmetriche che potevano forse essere gli occhi, ma non erano mai al posto giusto. Magari uno più in alto e uno più in basso, oppure uno più vicino al centro e l’altro su di un lato, ma comunque quelle macchie scure non fissavano mai nulla di preciso, non cercavano nulla, e non ti guardavano mai.


Visto il sogno posso dire senza paura di sbagliarmi che stai diventando vecchio Max.
Anche se intervengo oramai di rado ti seguo quotidianamente. Un caro saluto.
Come sempre un ottimo articolo. Chi vuol capire capisca.

il gobbo

I LINK.VOGLIO VEDERE I LINK,PLEASE.
Paxtibi
Inviato: 22/2/2010 1:18  Aggiornato: 22/2/2010 1:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Yes he can
La "legge del Far West" si chiamava così proprio perchè legge non era: il più forte decretava i propri valori e la propria giustizia, e li imponeva a tutti gli altri.

In realtà non è andata proprio così...

Il vero "Far West" è adesso.

a_mensa
Inviato: 22/2/2010 2:43  Aggiornato: 22/2/2010 2:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: Yes he can
@ redazione
bellissimo l'articolo del link.
(non ero ancora approdato a LC).
hai molta ragione ad addossare ai giornalisti una grande responsabilità di quanto oggi si sta verificando ma .....
se è vero che i maestri hanno gran responsabilità nella formazione dei giovani, a sceglierli ed accettarli sono anche i loro genitori.
io non conosco sadico che non trovi il suo masochista.
e non conosco carnefice che non trovi le sue vittime.
in altre parole, penso che fai bene a definire una grande responsabilità quella del giornalista. il suo potere è grande e lo riconosco, ma di nuovo non è il tutto.
come tu stesso dimostri, non è necessario esser dei pico della mirandola per non accettare tutto supinamente.
se ci è stata data la capacità di ragionare la responsabilità di farlo è pur sempre nostra. la natura ci ha dato una testa, ma è responsabilità di ogni individuo l'usarla.
e non occorre sapere tutto di tutto..... basta capire cosa significhi "realistico", non reale, realistico, che è il termine che dovrebbe far scattare in ogni essere senziente quello stimolo ad approfondire, apprendere, cercare, che poi lo porta a smascherare i falsi maestri.
le notizie corrette riuscivano a circolare nella russia sovietica, anche senza internet, riescono a circolare in Cina, basta volere.
ecco, quando dico che senza berlusconi, sarebbe stato un altro, forse meno arrogante, meno "populista" ma nemmeno tanto diverso, sostengo che comunque è l'espressione di un insieme al quale partecipiamo tutti a formare. e non solo i giornalisti.
non riesco mai, ma proprio mai, a non vedere in ciò che mi circonda, anche una mia responsabilità, attiva o passiva, ma comunque anche una mia partecipazione.
grazie comunque della bella risposta.

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
Redazione
Inviato: 22/2/2010 2:57  Aggiornato: 22/2/2010 2:57
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Yes he can
Saluti a te, Gobbo, un piacere risentirti.

liberta
Inviato: 22/2/2010 3:22  Aggiornato: 22/2/2010 3:22
So tutto
Iscritto: 23/8/2007
Da:
Inviati: 28
 Re: Yes he can
Davvero bello "il racconto" Mazzucco. Ti sento inspirato.

nibbio
Inviato: 22/2/2010 3:24  Aggiornato: 22/2/2010 3:24
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/1/2009
Da: vicino a Venezia
Inviati: 53
 Re: Yes he can
Hieronymus Bosch, pittore fiammingo, che di fantasia ne aveva da vendere o forse mangiava segale cornuta, chi lo sa.Certo che fare un sogno così strano vorrà dire pur qualcosa....mangiato pesante? A parte gli scherzi, bellissimo articolo.

MariMari
Inviato: 22/2/2010 4:54  Aggiornato: 22/2/2010 4:54
So tutto
Iscritto: 9/2/2010
Da:
Inviati: 10
 Re: Yes he can
« La fantasia priva della ragione produce impossibili mostri: assieme a lei è madre delle arti e origine di meraviglie. »

http://it.wikipedia.org/wiki/File:El_sue%C3%B1o_de_la_raz%C3%B3n_produce_monstruos.jpg

ciao Massimo

PS Ottimo articolo!

Freeanimal
Inviato: 22/2/2010 9:40  Aggiornato: 22/2/2010 9:40
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/5/2009
Da: Codroipo (UD)
Inviati: 705
 Re: Yes he can
Si continua con il luogo comune dei topi di fogna, delle lucertole e dei cani randagi infettati come simbolo del male e della putredine?
E' un concetto che risale al Medioevo. E anche prima.
Non è ora di voltare pagina e d'inventarsi nuove allegorie, signor Mazzucco?

Aladar995
Inviato: 22/2/2010 9:50  Aggiornato: 22/2/2010 9:50
So tutto
Iscritto: 13/2/2010
Da:
Inviati: 6
 Re: Yes he can
Citazione:

"Eravamo in città, e c’era asfalto dappertutto, ma in quel punto c’era una piccola palude di acqua lercia e torbida, nella quale si agitava impazzita ogni sorta di animale.
Strani rospi con gambe da umano, che portavano in testa una specie di parrucca appiccicosa, e facevano fastidiosi versi con la bocca; topi di fogna grassi e lucidi, senza pelo e senza coda, che indossavano orgogliosi una specie di cappotto di pelle; e poi scarafaggi enormi, vermi grassi e viscidi, cani randagi con la pelle infettata, lucertole orripilanti, gatti zoppi oppure senza occhi…"


no...no.... se questi animali fossero così ce ne accorgeremo. In realtà sono molto belli, capello fluente, pelle tirata et abbronzata, sono sicurissimi di se stessi, indossano orologi e occhiali ultimo grido. Girano con Audi RS6 e Bmw M5. Molti di noi vorrebbero essere come loro, ne sono talmente attratti che abboccano a qualsiasi cosa gli viene detta, per molti di noi sono un punto di riferimento.
Lo squallore di questi animali non si vede, non si deve vedere.

Aladar995

Fuoco
Inviato: 22/2/2010 13:08  Aggiornato: 22/2/2010 13:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/11/2005
Da: Gaia
Inviati: 43
 Re: Yes he can
@joke2k

grazie per le ispirazioni artistiche ... condivido il tuo punto di vista ...
(che a mio modo di vedere, nasce - anche se si declina con "scelte" diverse -
proprio dalla reazione di repulsione rispetto ad una realtà percepita come
inaccettabile ... )

"Sono le azioni che contano. I nostri pensieri, per quanto buoni possano essere, sono perle false fintanto che non vengono trasformati in azioni. Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo" (M. Gandhi)
Fuoco
Inviato: 22/2/2010 13:10  Aggiornato: 22/2/2010 13:10
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/11/2005
Da: Gaia
Inviati: 43
 Re: Yes he can
@edo

1000 grazie per la citazione di Elsa Morante ...
non la conoscevo ...fantastica, sinteticamente lucidissima e tristemente attuale...

"Sono le azioni che contano. I nostri pensieri, per quanto buoni possano essere, sono perle false fintanto che non vengono trasformati in azioni. Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo" (M. Gandhi)
Fuoco
Inviato: 22/2/2010 13:17  Aggiornato: 22/2/2010 13:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/11/2005
Da: Gaia
Inviati: 43
 Re: Yes he can
Bellissimo anche l'articolo linkato di Massimo
"I Krumiri delle nostre libertà"

cit.
"E' da solo che devi fare quella scelta.
Tu, di fronte alla tua coscienza di uomo, conscio delle responsabilità che ti sei assunto verso i tuoi concittadini, nel momento in cui hai scelto di fare il giornalista e non l’apicoltore.
Hai scelto un mestiere molto particolare, che implica grandi responsabilità, e ora non puoi fingere di ignorarle con la scusa della pagnotta. "



giustissimo...condivido al 100%

"Sono le azioni che contano. I nostri pensieri, per quanto buoni possano essere, sono perle false fintanto che non vengono trasformati in azioni. Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo" (M. Gandhi)
sigfrido
Inviato: 23/2/2010 0:02  Aggiornato: 23/2/2010 0:04
So tutto
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 2
 Re: Yes he can
RISERVA FRAZIONARIA ELETTORALE

A proporsito di dittatura: in genere nelle elezioni politiche esistono le liste civetta, un po' paracule come quele del Clouney dei poveri, Casini.
Immaginando e dico solo immaginando, 100 euro per ogni voto portato da tale lista, un esempio può essere, ma ripeto e solo un esempio Moderati per Bresso a Torino, o Unione Pensionati per Cota sempre aTorino, ipotizzando e ripeto sempre ipotizzando 1000 voti di una lista o di un'altra, fanno 100000 euro.
Ci potrebbero essere personaggi, che spuntano quasi sempre durante le campagne elettorali, che potrebbero vivere di 1000 voti all' anno.
Se poi i voti provengono ipoteticamente da brogli e quindi da 100 voti reali se ne contano magicamente 1000, si ottiene un moltiplicatore 10, circa il moltiplicatore della riserva frazionaria delle banche.
Ecco spiegata una Teoria, che per carità ci metto la mano sul fuoco che in Italia non è mai divenuta pratica.
Anzi, secondo me, gli italiani sono buoni per natura, come i politici che li rappresentano: guai a chi sostiene il contrario!
Bugiardi, no, diversamente sinceri.
Mafiosi, no, diversamente associati.
Dittator-pluto-oligarco-massoni, no, diversamente politici.

Vota Antonio!!

Floh
Inviato: 23/2/2010 16:28  Aggiornato: 23/2/2010 16:42
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/12/2009
Da: Milano
Inviati: 1056
 Re: Yes he can
Ho letto solo ora l'articolo sui Krumiri
Chiaro e dannatamente esatto per quanto riguarda l'analisi della società.
Questi sono gli articoli davvero belli.
Bando alle figure retoriche che storpiano la realtà (ogni riferimento a quest'articolo è puramente casuale )

Edit:
@ Peonia

Mi sembra che dicano delle cagate davvero troppo assurde per essere vere, e non solo in ambito di politica.

Ad esempio:

- Domanda:

How many sides does a triangle have?

(Quanti lati ha un triangolo?)

- Risposta:

Hmmm...(con l'espressione di chi ha scovato una domanda a trabocchetto)

No shape...

(Nessun lato...)



Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia (William Shakespeare, da Amleto)

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA