Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


opinione : L段mbecille, questo sconosciuto
Inviato da Redazione il 6/11/2009 20:20:00 (9486 letture)

Il mondo pieno di imbecilli. Luogocomune sta nel mondo. Luogocomune pieno di imbecilli.

A differenza dell段diota, che semplicemente una persona dotata di scarsa intelligenza, l段mbecille l段ntelligenza ce l檀a, ma la usa male. La usa per costruire le sue verit, che ritiene sacre ed intoccabili, per poi scagliarsi a corpo morto contro le idee altrui, dall誕lto della sua patetica arroganza.

L段mbecille compare sul sito ogni volta che sente scattare una classica diatriba muro-contro-muro, e interviene per dire la sua, senza curarsi troppo di leggere quello che stato scritto fino a quel punto dagli altri.

A lui non serve leggere cosa dicono gli altri, perch lui sa gi tutto, lui ha capito tutto, e comunque lui per principio non pu sbagliare.

Una delle tante diatribe che ormai viaggiano 妬n automatico, sul sito, ...

... quella dello 都tato buono - stato cattivo, che vede contrapporsi i cosiddetti 斗ibertari della domenica agli altrettanto patetici 都ocialisti del sabato pomeriggio.

Due squadre di imbecilli, che si combattono convinti ciascuno che tutti i mali del mondo stiano nel sistema sostenuto dall誕ltro, e non si rendono conto che il male trasversale.

Il male sta nell誕vidit di chi sta al potere, e si approfitta dell段mbecillit del popolo, che tiene saggiamente diviso con false diatribe per guadagnarci.

Questo accade ogni giorno, senza che milioni e milioni di imbecilli se ne accorgano. Accade quando uno di destra dice a uno di sinistra 砺i abbiamo battuto, riferito alle ultime elezioni. Accade quando un cristiano dice a un musulmano 砺ai fuori dai coglioni, questa casa mia, accade quando un libertario dice a un socialista 都tudia un p di economia, convinto che il problema sia nel sistema e non nell置omo.

Gi triste vedere milioni di imbecilli che si azzuffano inutilmente ogni giorno nel mondo, ma ancora pi triste vederli arrivare su LC gonfi della loro arroganza, scrivere sul muro la loro profonda verit, e volare via senza aver fatto il minimo sforzo per capire cosa dicono gli altri.

Poveri, tristi, malinconici imbecilli: siete voi, se proprio la cercate, la rovina del mondo. Ma il sistema congegnato in modo che non la troviate mai, perch siete costruiti appositamente per guardare fuori, e non per guardare dentro.

Pensa che Genio chi vi ha inventato.

Massimo Mazzucco

Voto: 6.00 (1 voto) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - タ la guerre comme la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con s stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono propriet dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
GPaolo
Inviato: 6/11/2009 20:24  Aggiornato: 6/11/2009 20:42
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/12/2005
Da:
Inviati: 76
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Gian Paolo, ho spostato il tuo commento sotto l'ultimo articolo (mai scritto) sulla suina.

QUI.

M.M.

mimik
Inviato: 6/11/2009 20:32  Aggiornato: 6/11/2009 20:32
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/9/2009
Da:
Inviati: 298
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Crudo, violento e un p arrogante: ma cazzo se vero!

A che dovuto uno sfogo cos violento?

Calvero
Inviato: 6/11/2009 20:38  Aggiornato: 6/11/2009 20:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Citazione:
A che dovuto uno sfogo cos violento?


..intanto non violento ma severo, anzi severissimo. .. forse, deluso e..

..e comunque diretto a noi. A chi se no?

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
mimik
Inviato: 6/11/2009 20:46  Aggiornato: 6/11/2009 20:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/9/2009
Da:
Inviati: 298
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
citazione:

..intanto non violento ma severo, anzi severissimo. .. forse, deluso e.. ..e comunque diretto a noi. A chi se no?

severo al limite della violenza (verbale eh)

Ho chiesto a che non a chi. Lo so che diretto agli utenti ma non ne ho capito il motivo.

Paxtibi
Inviato: 6/11/2009 20:57  Aggiornato: 6/11/2009 20:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Io sono un imbecille. Non ho problemi ad ammetterlo. Sono anzi tra i piu' imbecilli in assoluto. Ed e' il motivo pricipale per cui sostengo che un sistema che da' agli imbecilli il potere di comandare agli altri e' destinato a fallimenti epocali. Se ognuno tenesse la sua imbecillita' ben circoscritta tra i muri di casa sua eviteremmo molti problemi.

Ma non voglio divagare. Il punto e' che non sei certo tu, Massimo, a poter scagliare la prima pietra. Non prima, almeno, di aver recitato anche tu il tuo atto di dolore riconoscendo la tua imbecillita'.

E te lo dico con tutto l'affetto di cui un imbecille e' capace.

PS. Domanda per chiunque volesse rispondere: a che cazzo serve l'epigrafe "sono certo di non sapere", se poi puntualmente si corre alla cabina elettorale nella speranza di poter imporre le proprie "certezze" agli altri imbecilli? Tanto vale cambiarla in "non so un cazzo, ma ne so sicuramente di piu' dell'imbecille al mio fianco".

Redazione
Inviato: 6/11/2009 21:02  Aggiornato: 6/11/2009 21:04
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
PAXTIBI: "Non sei certo tu, Massimo, a poter scagliare la prima pietra. Non prima, almeno, di aver recitato anche tu il tuo atto di dolore riconoscendo la tua imbecillita'."

Io cerco sempre di leggere quello che scrivono gli altri, prima di postare, e raramente mi sentirai fare affermazioni tranchant tipo bianco-o-nero. In altre parole, da tempo cerco di evitare di cadere nella trappola dei falsi dualismi. Ma se mi dovesse succedere non avrai che da farmelo notare, e non avr nessun problema a riconoscere la mia imbecillit.

a_mensa
Inviato: 6/11/2009 21:03  Aggiornato: 6/11/2009 21:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
@ redazione
cit:
"Poveri, tristi, malinconici imbecilli: siete voi, ......."
va beh, ho pensato mettendo la pausa, qui, per fortuna almeno lui si tira fuori !
poi, spostando la pausa ho capito che il senso era un altro ....

penso comunque che questo sia il risultato di una riflessione sul 3d "l'invasione: un'indagine su LC"

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
Paxtibi
Inviato: 6/11/2009 21:05  Aggiornato: 6/11/2009 21:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Ma se mi dovesse succedere non avrai che da farmelo notare, e non avr nessun problema a riconoscere la mia imbecilit.

Poi ci si sente meglio. Io ormai vivo la mia condizione di imbecille con piena soddisfazione.

Una volta tanto sono anch'io uguale agli altri.

Redazione
Inviato: 6/11/2009 21:06  Aggiornato: 6/11/2009 21:07
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
A_MENSA: E' inutile cercare interpretazioni "criptiche" in quello che ho scritto.

Ce l'ho semplicemente con chi "sa tutto" e fa affermazioni dogmatiche senza leggere e senza ragionare.

Avrei piacere che LC restasse un luogo per ragionare, e non per fare proclami a senso unico.

Tutto qui.

a_mensa
Inviato: 6/11/2009 21:11  Aggiornato: 6/11/2009 21:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
@ redazione
non incazzarti ! avevo gi specificato che era un errore di "prima lettura", poi corretto dalla lettura completa di tutta la frase !
pace ??

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
Decalagon
Inviato: 6/11/2009 21:18  Aggiornato: 6/11/2009 21:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/8/2009
Da:
Inviati: 6643
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
E' esattamente quello che penso io, solamente scritto in maniera molto chiara e molto precisa. Complimenti Redazzucco ^__^

ォGoku Verit. Io sono la Via, la Verit e la Vita. E risorgo quando mi pare.サ
a_mensa
Inviato: 6/11/2009 21:22  Aggiornato: 6/11/2009 21:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
mentre se devo fare un commento pi serio, farei un distinguo.
io credo che siamo tutti, chi pi chi meno, chi pi frequentemente e chi meno, un po o un po di pi, imbecilli.
dipende dal contesto, dall'argomento, dallo stato d'animo del momento...
pertanto sarei pi propenso a parlare di "manifestazioni di imbecillit", pi che di imbecilli.
arriverei a definire un imbecille proprio e solo chi , continuamente, in ogni occasione, non sapesse dare che prove di imbecillit.
vorrebbe dire che non sa tirar fuori nulla di meglio dal proprio "sacco".
ma oltre a questi, un p di imbecillit la sconterei un po a tutti, ogni tanto, in qualche occasione.... forse su argomenti pi coinvolgenti per la persona, o perch sta vivendo momenti particolari...
non so, mi sembra brutto mettere etichette definitive.
mi sembra che con tanti etichettati, il mondo non sarebbe migliore.

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
Infettato
Inviato: 6/11/2009 21:23  Aggiornato: 6/11/2009 21:23
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Una delle tante diatribe che ormai viaggiano 妬n automatico, sul sito, quella dello 都tato buono - stato cattivo, che vede contrapporsi i cosiddetti 斗ibertari della domenica agli altrettanto patetici 都ocialisti del sabato pomeriggio.

Per me la definizione di Bastiat calza a pennello Lo Stato quella grande invenzione grazie alla quale tutti cercano di arricchirsi a scapito degli altri

Due squadre di imbecilli, che si combattono convinti ciascuno che tutti i mali del mondo stiano nel sistema sostenuto dall誕ltro, e non si rendono conto che il male trasversale.

Vero, il male trasversale, destra sinistra centro, ma per quale cazzo di motivo non si riesce a lasciare uno spazio libero dove la democrazia non vige, da libertario non ho nessuna intenzione di arrogarmi la scelta di un sistema che tu non vuoi, dovrebbe essere una libera scelta, ma tale non .

La democrazia mi costringe a rispettare alcune regole che non voglio, (le rispetto ma questo un altro discorso) se tu vuoi sono contento per te, che io sappia nessun libertario ti impone la sua dottrina, un qualcosa tipo questo.


Il male sta nell誕vidit di chi sta al potere, e si approfitta dell段mbecillit del popolo, che tiene saggiamente diviso con false diatribe per guadagnarci.

Appunto o sei imbecille o sei libertario oppure potresti essere uno dei para____ amante del potere

.. 砺ai fuori dai coglioni, questa casa mia, accade quando un libertario dice a un socialista 都tudia un p di economia, convinto che il problema sia nel sistema e non nell置omo.

Appunto le caratteristiche dell置omo si conoscono, e, se l弛ccasione fa l置omo ladro togliamogli l弛ccasione..

Gi triste vedere milioni di imbecilli che si azzuffano inutilmente ogni giorno nel mondo, ma ancora pi triste vederli arrivare su LC gonfi della loro arroganza, scrivere sul muro la loro profonda verit, e volare via senza aver fatto il minimo sforzo per capire cosa dicono gli altri.

Io milioni di imbecilli non li ho visti, tanti imbecilli si, milioni no.

Posso capire lo sfogo per scambi precedenti, non proprio all誕ltezza nei modi, la mia verit dice che lo sforzo c定 ma quando non minimamente capito un po di frustrazione esce fuori.


Poveri, tristi, malinconici imbecilli: siete voi, se proprio la cercate, la rovina del mondo.

Questa la potevi evitare, altrimenti nel gruppo ci rientri anche tu.

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard
Redazione
Inviato: 6/11/2009 21:32  Aggiornato: 6/11/2009 21:32
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
"Io milioni di imbecilli non li ho visti, tanti imbecilli si, milioni no."

A mio parere tutti quelli che votano "il meno peggio" convinti di esercitare la democrazia ricadono in questa categoria.

E' questo il vero problema, e non certo i commenti su LC.

Una volta Joseph Campbell fece una discussione di un'ora alla radio, solo per accorgersi che l'interlocutore non sapeva nemmeno cosa fosse una metafora.

Calvero
Inviato: 6/11/2009 21:42  Aggiornato: 6/11/2009 21:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Una volta, alla radio, uno discusse con un prete le differenze tra indottrinamento e insegnamento. Il prete non riscontrava differenze. Erano, indiscutibilmente, due termini diversi che dicevano la stessa cosa.

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
Infettato
Inviato: 6/11/2009 21:44  Aggiornato: 6/11/2009 21:44
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
A mio parere tutti quelli che votano "il meno peggio" convinti di esercitare la democrazia ricadono in questa categoria.

E' questo il vero problema, e non certo i commenti su LC.

Allora non ho capito la metafora,
Mi autoassolvo... l'esempio era fuorviante.

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard
Red_Knight
Inviato: 6/11/2009 22:43  Aggiornato: 6/11/2009 22:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
@a_mensa

Non credo che "L'Invasione" c'entri qualcosa. M.M. va ripetendo lo stesso identico sacrosanto monito da anni, non una grande novit.

Repetita iuvant, speriamo.


Per anche io vorrei sapere perch questo sfogo proprio adesso? Non mi pare ci siano stati grandi flame di recente.

Pyter
Inviato: 6/11/2009 22:47  Aggiornato: 6/11/2009 22:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Consiglio per le persone intelligenti del sito (che essendo intelligenti non ne avrebbero bisogno, ma qualche volta pu capitare di scordarselo ):

se non volete essere presi per imbecilli non dovete assolutamente prendere posizione nella diatriba imbecilli si-imbecilli no.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
benitoche
Inviato: 6/11/2009 22:47  Aggiornato: 6/11/2009 22:47
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/9/2006
Da:
Inviati: 1941
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Quoto a-mensa


Citazione:
L段mbecille compare sul sito ogni volta che sente scattare una classica diatriba muro-contro-muro, e interviene per dire la sua, senza curarsi troppo di leggere quello che stato scritto fino a quel punto dagli altri

A lui non serve leggere cosa dicono gli altri, perch lui sa gi tutto, lui ha capito tutto, e comunque lui per principio non pu sbagliare..




Mi ritrovo nella tipologia dell'imbecille descritto nell'articolo
Spesso e volentieri invado un forum con le mie stronzate convinto della validit del mio discorso,altre volte mi comporto pi diligentemente,giusto o sbagliato cmq la mia maniera di interagire
Fin quando non si f male a nessuno tutto concesso


..Citazione:
Una delle tante diatribe che ormai viaggiano 妬n automatico, sul sito, quella dello 都tato buono - stato cattivo, che vede contrapporsi i cosiddetti 斗ibertari della domenica agli altrettanto patetici 都ocialisti del sabato pomeriggio...


Il male la Democrazia stessa quindi
Essa permette il dividi et impera
Personalmente considero Mussolini il pi grande statista del 900 e il Che il pi grande rivoluzionario del 900
Sono imbecille?
Credo propio di si

...Citazione:
Il male sta nell誕vidit di chi sta al potere, e si approfitta dell段mbecillit del popolo, che tiene saggiamente diviso con false diatribe per guadagnarci....



E no questa propio non te la posso far passare(Vedi imbecille)
L avido non si trova in cima alla scala e il suo potere di scarza importanza, una via di mezzo utilizzata dal Re per controllare i suoi vassali,anche qu si tratta di dividi et impera
Il male vive nell'odio verso l'Umanit intera,in quell'odio viscerale che chi veramente st al potere sfoga con le follie pi assurde
Dal alimentaris alle scie dal controllo demografico ai vaccini alla medicina etc etc
Compito primario del Sito ritengo sia, oltre che opporsi con fermezza allo schifo soprascritto, diffondere diffondere diffondere
Quando fai le guerre ti servono tutti Mazzucco,anche i monchi
Quelli caricano i fucili
Organizza una rete di informazione pi capillare e presente in loco(Beppe Grillo Docet,con tutti i suoi risvolti)Meno eterica dell internet-utente per,basterebbe un bar o un locale per citt Luogocomunista
Allora si che sarebbero utili i giorni spesi a dedicarsi ad LC,avrebbero un senso,creerebbero qualcosa di reale:
La possibilit del contatto fra la gente
E lascia perdere gli Americani,tu sei italiano

la religione indispensabile
soltanto a un置manit rescissa dal mondo divino-spirituale.
dr_julius
Inviato: 6/11/2009 22:57  Aggiornato: 6/11/2009 22:57
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Antonio Gramsci ha detto
Citazione:

Occorre persuadere molta gente che anche lo studio un mestiere, e molto faticoso, con un suo speciale tirocinio, oltre che intellettuale, anche muscolare-nervoso: un processo di adattamento, un abito acquisito con lo sforzo, la noia e anche la sofferenza.

fonte

e disse anche
Citazione:

Studiate perch avremo bisogno di tutta la vostra intelligenza.



aggiornando un concetto antico quasi quanto l'Uomo
Citazione:
L'ignoranza l'origine di tutti i mali. (Socrate)


ricavo:

Dall'ignoranza di molti e dall'avidit di pochi nascono i mali peggiori del mondo...
(dr_julius)

Per rifornire di elettricit un terzo dell棚talia, un誕rea equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
Kingu
Inviato: 7/11/2009 0:52  Aggiornato: 7/11/2009 0:52
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/11/2008
Da: Treblinka
Inviati: 302
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
OT


http://www.youtube.com/watch?v=bP37pTO9wqc


una conferenza di franco caddeo di qualche tempo fa , per conoscere chi la persona scomparsa nel nulla l'agosto scorso

funky1
Inviato: 7/11/2009 1:11  Aggiornato: 7/11/2009 1:11
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/10/2008
Da:
Inviati: 708
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
"A mio parere tutti quelli che votano "il meno peggio" convinti di esercitare la democrazia ricadono in questa categoria."

E allora sar meglio non votare, come se un'affluenza del 10% non fosse sufficiente a fare un governo. Invece lo eccome.

L'alternativa? Darsi da fare anzich lamentarsi e sputare sentenze dall'altro del proprio "voto il meno peggio" o "non voto".

It's better to regret something you did than something you didn't do.
bodj
Inviato: 7/11/2009 1:11  Aggiornato: 7/11/2009 1:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 31/3/2008
Da: Germany
Inviati: 79
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Qualcuno nei commenti precedenti ha chiesto ingenuamente: "ma perch un articolo del genere e come mai?"
Augurandomi che lエutente non avesse visto i commenti allエarticolo sullエeolico di ieri, riprendo quanto scritto da MM non perch devo appoggiare qualcuno ma in quanto ho avuto un "leggerissimo" seno di fastidio quando ho visto due-quattro utenti darsele a suon di commenti per quasi la met del totale. In altre parole mi risparmio di dare un pensiero che clonerebbe pi o meno quanto di seguito.

Re: Il grande inganno dell'eolico
USEMLAB: Citazione: 登h mazzucco, ma ci sei o ci fai?? [...] ma invece da buon luogocomunista hai dovuto girare la frittata, e dare la colpa al privato! alla corporation!! quando la colpa evidentemente dello stato e di chi fa le leggi!

MM
Io veramente ho scritto che 斗o stato ovvero i politici fanno le leggi ad hoc per i privati, che li tengono sul libro paga. Vedi tu se la stessa cosa.
Comincio ad essere un p stufo di gente che viene sul sito, d una occhiata veloce a quello che stato scritto senza capire un cazzo, e poi spara la sua solita imbecillit condita di arroganza e presunzione. Ma davvero molto stufo, se volete saperlo, al punto che non scriver pi articoli finch non me ne torna la voglia.

Citazione: non mi sembra difficile, caro mazzucco, se solo tu studiassi un po' cosa l'economia,

MM
Tu impara a leggere, prima di tornare a scrivere. Poi casomai parliamo di economia. Imbecille. Anzi, far un articolo dedicato a tutti gli imbecilli come te, ecco cosa far. Cos almeno ti senti importante per qualcosa.


Ad un certo punto, non me ne vogliano, a Paxtibi e complo avrei voluto dirgli di rientrare nellエargomento invece di azzufarsi sulla democrazia, sinistra, destra, amatre e papere. Magari alcune dissertazioni erano interessanti talvolta ma mettetivi nei panni degli altri utenti che vogliono leggersi i commenti prima di intervenire per aggiungere qualcosa o lasciare un link interessante che aggiunge qualcosa allエarticolo o per confutare con argomenti seri. Uno comincia leggere poi dopo un poエ lascia perdere. Se poi un utente matricola se ne va su altri siti la prossima volta.
LC credo sia una buona palestra per il discernimento e lエapprofondimento, il confronto e lo scontro civile quando serve. Quella di parlare come se gli altri non avessero scritto nulla un poco irrispettoso se poi si trasforma in una rissa pura non ci vedo proprio il senso.
Le regole, di qualsiasi natura, non servono a nulla se serve un cane da guardia o poliziotto che ti deve dire di piantarla.
Per quanto mi riguarda mi attengo a queste regole:
- non intervengo per ripeterecose dette da altri
- non lascio commenti inutili ai fini della discussione e approfondimento, sono d當cordo con tizio e in disaccordo con caio. Non lascio neppure solitamente commenti del tipo bellエarticolo, complimenti o cos via.
- sopratutto leggo quanto stato scritto prima da altri. Scrivere porta via tempo e fatiche, giusto leggere in questa sede anche quello che allエapparenza non condividiamo basta che non vada fuori tema del tutto e che serva nel complesso.

Se Paxtibi e complo (non ce lエho con voi ma con il metodo) fossero stati in compagnia di altre decine di persone in mezzo a una piazza e avessero deviato (opinone personale) nel modo sopra descritto cosa sarebbe successo? Sarebbero rimasti da soli entro 10 secondi. Il gruppo si sarebbe portato altrove a debita distanza probabilmente. Dopo 1 minuto forse anche P. e c. si sarebbero dati una calmata poich senza una platea che ascolta le tue zuffe manca un elemtno fondamentale per continuarle.
Voglio dire che sun sito web puoi scrivere senza essere timore per il tuo ego. Qualcuno ti legger sicuramente scorrendo i commenti. Il tuo ego soddisfatto comunque. io penso che nessuna cosa gratuita e che ciascuno ci deve metter il proprio senso del limite e di responsabilit.


"Anche il silenzio degli italiani diverso. Non quello di ascolta ma di chi aspetta di prendere la parola"
(B. Severgnini)

Poi anche io ho i miei limiti belli forti. Prolisso e divago come un hyperlink text. Lエimportante credo sia non raccontarsi balle e cercare di migliorsi sapendo che i nostri limiti un pochino ce li porteremo sempre dietro. "caricare" gli altri di questo pu risultare pesante.
Per evitare equivoci ripeto. Non ce lエho con nessuno, anzi il termine imbecille mi semra un poエforzato come forse lo sono stato a leggere i commenti rissa per poter concludere il testo prima di mettere i miei commenti successivi.

imike
Inviato: 7/11/2009 1:45  Aggiornato: 7/11/2009 1:45
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/1/2008
Da: Milano
Inviati: 85
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
l'articolo di Massimo e' uno spettacolo! l'inizio e' divertentissimo il resto pura verit.

quanto a me ve lo dico sono un imbecille.

a volte mi sento cos imbecille, che se ci fosse la gara degli imbecilli arriverei secondo.

a mia (parziale) discolpa: ci sono momenti in cui non mi sento imbecille, quando dormo.

per il resto, cerco di vivere la mia imbecillit dignitosamente: tacendo il pi possibile e ricordandomi frequentemente il mio potenziale secondo posto nella graduatoria degli imbecilli.

Red_Knight
Inviato: 7/11/2009 2:08  Aggiornato: 7/11/2009 2:08
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
@bodj

Se ti riferivi a me no, ovviamente non avevo letto i commenti incriminati (strano, credevo di averlo fatto, devono essermi sfuggiti chiss come).
Il tuo intervento riporta in auge un il tanto vituperato (qui) concetto di netiquette: le regole che ti dai (non intervengo solo per ripetere, non lascio commenti sterili etc) sono a mio parere un ottimo esempio di educazione.
E soprattutto, cosa fondamentale, fai un discorso di metodo che cosa rara di questi tempi. Ci sarebbero gli estremi per riaprire il discorso moderazione...

Ma tornando in topic, ricordo che tempo addietro (2008, forse 2007), da bravo imbecille feci un commento infelice (quel genere di commenti che non migliorano n la discussione n il forum, nemmeno quando sono contenutisticamente corretti) a un articolo che parlava di 'abolizione delle banche'. Mi fu gentilmente (cosa di cui ringrazio) fatto notare da Redazione e altri utenti; non un'esperienza cos terribile, anzi molto "formativa".

In sostanza, quando qualcuno fa l'imbecille (o semplicemente il "noob" in buona fede, forumisticamente parlando), diteglielo.

hendrix
Inviato: 7/11/2009 9:24  Aggiornato: 7/11/2009 9:24
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto

feudis
Inviato: 7/11/2009 9:25  Aggiornato: 7/11/2009 9:25
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/1/2008
Da:
Inviati: 98
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Predisposizione all'ascolto e all'approfondimento.
Sobriet e cautela nelle affermazioni.
Confronto leale.

ネ un buon inizio per non essere imbecilli?

Freeanimal
Inviato: 7/11/2009 9:45  Aggiornato: 7/11/2009 9:45
Mi sento vacillare
Iscritto: 17/5/2009
Da: Codroipo (UD)
Inviati: 705
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Nella mia 田arriera di animalista, mi hanno dato del: a) pazzo lucido; b) farneticante; c) attaccabrighe; d) komeinista; e) tupamaro; f) fanatico; g) esaltato, nonch tutti gli insulti presenti nel vocabolario della lingua italiana, compreso 妬mbecille. Quindi non mi sento offeso se il signor Mazzucco mi d dell段mbecille: mi chiedo piuttosto se rientro nella categoria da lui descritta. Ebbene s, lo confesso: a volte l段dea che ho fatta mia, cio che gli animali non umani abbiano diritto alla vita, alla libert e alla non sofferenza, la propugno con tutte le mie forze, ovunque mi sia dato lo spazio per farlo, sapendo di andare incontro a incredulit, rifiuto e disprezzo. Per me un dogma, anche se con i bordi sfilacciati, ovvero quando ci sono casi eccezionali, tipo i sopravvissuti dell段ncidente aereo sulle Ande, che mangiarono carne umana. Tuttavia, a mia discolpa posso dire di non essere un imbecille al 100 %, ma con una percentuale un po pi bassa. E la cartina al tornasole la trovo nel fatto che il Gazzettino, a volte, censura le mie lettere. Quando non lo fa sento che c定 qualcosa di sbagliato, che le cose vanno troppo lisce. Quando invece i miei commenti vengono pubblicati, come in questo caso:

http://www.ilgazzettino.it/articolo.php?id=79370&sez=ITALIA

.mi sento un po imbecille anch段o.

prozak
Inviato: 7/11/2009 10:32  Aggiornato: 7/11/2009 10:32
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/6/2006
Da: Italia
Inviati: 48
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Spero di non incorrere in un O.T., Massimo in questo molto severo, ma vi iviterei a leggere qu http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=6445, dove Paolo Barnard, secondo me, fa un'analisi perfetta di ci di cui dovremmo fare attenzione e come agire di conseguenza e riprendendo un suo post di parecchio tempo fa, dove al posto di utilizzare il termine "Imbecille" utilizzava "parrocchietta", credo che Massimo esprima lo stesso concetto (con questo non voglio dire nella maniera pi assoluta,che sia arrivato secondo). Se riflettiamo un attimo sul termine di parrocchietta, scopriamo che ogni presa di posizione o quasi, dettata dal senso di appartenenza ad una categoria (politica, sportiva, professionale, economica etc.) innescando in questo modo, l'attegiamento classico dell'"imbecille". Quante volte mi capitato di assumere tale veste ed accorgermene ormai troppo tardi!!!
Forse il prenderne atto pur sempre un inizio....
Vi saluto

Ashoka
Inviato: 7/11/2009 11:02  Aggiornato: 7/11/2009 11:02
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Citazione:
Questo accade ogni giorno, senza che milioni e milioni di imbecilli se ne accorgano. Accade quando uno di destra dice a uno di sinistra 砺i abbiamo battuto, riferito alle ultime elezioni. Accade quando un cristiano dice a un musulmano 砺ai fuori dai coglioni, questa casa mia, accade quando un libertario dice a un socialista 都tudia un p di economia, convinto che il problema sia nel sistema e non nell置omo.


Per Massimo. Quando uno ti spiega le cose tu non le leggi. Se vai a vedere l'articolo sull'eolico il mio primo intervento (4/11/2009 15:37) cercava di spiegarti come mai ritenevo la tua interpretazione (che poi si riduce alla frase " colpa dell'avidit umana e della logica del profitto") profondamente sbagliata.

Il fatto che in quell'articolo tu avevi gi in mente il colpevole e quindi hai (inconsapevolmente o meno non lo posso sapere) spinto in una direzione che cozzava contro la logica, la quale mi dice che:

A) ci che muove l'investitore la ricerca del profitto
B) in un mercato libero l'eolico non genera profitti ma perdite
C) in un mercato libero dell'energia non si investe nell'eolico (in realt cos banalizzata ma diciamo che si investe meno di adesso in quanto alcune aziende eoliche possono benissimo essere profittevoli.

Invece tu hai scritto nel tuo articolo

A) ci che muove l'investitore la ricerca del profitto
B) in un mercato libero l'eolico non genera profitti ma perdite
C) L'investitore paga il politico per avere leggi e sussidi
D) I sussidi scaricano i costi sulla collettivit e permettono all'investitore di avere profitti
E) La colpa della logica del profitto

Quindi sei sicuro di poter scagliare la prima pietra e di non aver costruito anche tu le tue Citazione:
verit, che ritieni sacre ed intoccabili
?

Se poi la colpa all'interno dell'uomo che generalmente avido e ricerca il suo benessere individuale senza curarsi di quello della collettivit, vorrei capire come mai in certe realt questa avidit fa s che io al mattino trovi pane, latte e possa prendere un buon cappuccino caldo al bar (ed a Los Angeles te lo scordi il cappuccino!) mentre in altre l'avidit porta a guerre, migliaia di morti, furti su larga scala.

Basta sostituire i politici "avidi" con i panettieri ed i baristi? Evidentemente no. Allora se l'avidit un fattore comune dell'uomo forse la differenza di risultati da imputare ad altro.

Pensoso
Inviato: 7/11/2009 11:44  Aggiornato: 7/11/2009 11:44
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/8/2009
Da:
Inviati: 436
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
c' in effetti la tendenza, ovunque e in molti, a prendere una posizione molto schematica su ogni argomento seguendo la prassi del tifoso di calcio, o di ogni altro campanilismo possibile, in cui ci che conta diventa subito difendere simbolicamente la parte a cui ci si sente pi vicini, rispetto all'altra acquisita come sbagliata in toto come premesse ed assunto inamovibile.
spesso imbecillit, ma non sempre, altrettanto spesso solo superficialit, semplicit d'animo, non vorrei dire ignoranza (o almeno non nel senso pi comune del termine), per non parlare ovviamente dell'esplicita malafede.

per citare l'esempio fatto, sul "votare il meno peggio" credendo che sia democrazia. Molti lo faranno, non lo metto in dubbio, ma moltissimi sono gi disillusi, e pur "votando il meno peggio" non pensano che questo sia, per il solo fatto di votare, democrazia, o che il meno peggio sia effettivamente un milgioramento o un freno al peggioramento; per molti, anche se non lo dicono espressamente, una semplice rappresentazione simbolica della propria "squadra", che si spera sia vincente, questa ritenuta una pur minima soddisfazione (proprio come per l'esempio dei tifosi di calcio; e qui pu aprirsi il dibattito sull'imbecillit di alcuni o tutti i tifosi di calcio).

(uso non improprio di firma)
anventur
Inviato: 7/11/2009 12:32  Aggiornato: 7/11/2009 12:32
So tutto
Iscritto: 6/5/2008
Da: Bologna
Inviati: 10
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Io credo di essere un imbecille, in quanto continuo a sollecitare Massimo Mazzucco, di cui peraltro ho grandissima stima, affinch mi invii tre copie del Dvd sul cancro che ho acquistato con PayPal il 19 luglio e non ho nulla in mano: n i Dvd n uno straccio di risposta. Sono il figlio imbecille di un dio minore e minorato!

Andrea Ventura c/o Biblioteca Comunale dell'Archiginnasio, Piazza Galvani 1, 40124 Bologna BO

Pispax
Inviato: 7/11/2009 15:25  Aggiornato: 7/11/2009 15:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Sto cercando ovviamente una definizione dell'insieme degli imbecilli che mi permetta di restare fuori da questo insieme.

Anche se ho parecchi problemi a trovarla questo resta un bell'articolo.

Il richiamo a evitare la supponenza e il "tifo calcistico" un avviso sempre utile per tutti.

benitoche
Inviato: 7/11/2009 17:04  Aggiornato: 7/11/2009 17:04
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/9/2006
Da:
Inviati: 1941
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Citazione:
Il richiamo a evitare la supponenza e il "tifo calcistico" un avviso sempre utile per tutti.


quoto
http://www.resport.it/guardavideo.asp?idvideo=162&titolo=Dinamo%20Kiev-Inter:%20la%20sintesi%20di%20Sky

la religione indispensabile
soltanto a un置manit rescissa dal mondo divino-spirituale.
franat
Inviato: 7/11/2009 17:35  Aggiornato: 7/11/2009 17:35
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/3/2009
Da: roma
Inviati: 93
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
vero gli "imbecilli" siamo tanti quasi tutti, perch raramente riusciamo nei fatti a dialogare a mente aperta e non ad asserire a mente chiusa.
vero il potere trasversale, non si pu continuare dopo decenni di schifo alternato a pensare ancora "noi siamo meglio di voi" soprattutto in politica
vero che nei forum on line si discute come nella vita reale non si riesce a fare/non si ha tempo di fare, ma troppo spesso belle discussioni corali degenerano nel muro contro muro
vero che le ideologie hanno rovinato il mondo civile e sono sempre state usate, usando i popoli intontiti, per i comodi di chi sta al potere

Redazione
Inviato: 7/11/2009 18:18  Aggiornato: 7/11/2009 18:18
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
ANVENTUR: C' un forum sui DVD un ritardo

Redazione
Inviato: 7/11/2009 18:21  Aggiornato: 7/11/2009 18:23
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
ASHOKA: Un famoso scrittore inglese, di cui non ricordo il nome, ha detto: 鄭l mondo ci sono due categorie di persone: quelle che dividono la gente in due categorie, e quelle che non lo fanno. Io naturalmente faccio parte della seconda.

Come dice saggiamente Pispax, non facile trovare una definizione di "imbecille" che ti permetta di restare fuori da questo insieme.

Ma un rischio che mi andava comunque di correre.

Infettato
Inviato: 7/11/2009 19:27  Aggiornato: 7/11/2009 19:27
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Ovviamente si evita scrupolosamente di entrare nel merito.

Non mi ricordo su quale discussione, comunque mi dicesti che argomentare un determinato pensiero diventava un impresa troppo lunga, ecco, in quel caso ho apprezzato.

Mi dispiace, ma ora, metafora o non metafora, stai semplicemente rifiutando di discutere, provo ad immaginarmi il motivo, anzi, senza che lo dici, tanto anche io sono un imbecille, talmente imbecille che sono quasi sicuro di aver individuato il motivo.

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard
Ashoka
Inviato: 7/11/2009 20:33  Aggiornato: 7/11/2009 20:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Citazione:
ASHOKA: Un famoso scrittore inglese, di cui non ricordo il nome, ha detto: 鄭l mondo ci sono due categorie di persone: quelle che dividono la gente in due categorie, e quelle che non lo fanno. Io naturalmente faccio parte della seconda.

Come dice saggiamente Pispax, non facile trovare una definizione di "imbecille" che ti permetta di restare fuori da questo insieme.

Ma un rischio che mi andava comunque di correre.


Rimane il fatto che, sebbene in pi occasioni abbia commentato nell'articolo sull'energia eolica spiegando perch ritenevo che il tuo ragionamento fosse sbagliato, tu sei intervenuto solo quando intervenuto Francesco, i cui toni certamente non sono stati conviviali.

Citazione:
Comincio ad essere un p stufo di gente che viene sul sito, d una occhiata veloce a quello che stato scritto senza capire un cazzo, e poi spara la sua solita imbecillit condita di arroganza e presunzione.


Dal momento che le critiche al tuo articolo non si fondavano "su un'occhiata veloce senza capire un cazzo" (magari Francesco non ha ritenuto di doverle ripetere in quanto avevo gi scritto io), vorrei capire se almeno le hai lette, le hai capite, non le condividi e mi spieghi perch.

Invece mi trovo di colpo inserito nella categoria degli "imbecilli libertari che hanno la verit in tasca e non capiscono che bla bla bla.." ed ho una sensazione di deja vu perch in un articolo di qualche tempo fa era capitata la stessa cosa (con altri protagonisti): anche l critiche argomentate alla tesi dell'articolo seguite da risposte stizzite del tipo "tu sei libertario e vuoi la morte di tutti quindi non rompere".

Visto che nello scrivere questo articolo automaticamente ti poni come osservatore esterno e quindi ti reputi al di fuori della categoria e visto che scrivi:

Citazione:
Poveri, tristi, malinconici imbecilli: siete voi, se proprio la cercate, la rovina del mondo. Ma il sistema congegnato in modo che non la troviate mai, perch siete costruiti appositamente per guardare fuori, e non per guardare dentro.


sinceramente, scusa il francesismo, mi girano i coglioni.

Redazione
Inviato: 7/11/2009 21:18  Aggiornato: 7/11/2009 21:38
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
ashoka: "Invece mi trovo di colpo inserito nella categoria degli "imbecilli libertari"

Ti ci sei inserito tu. La mia reazione stata palesemente scatenata da Usemlab, al quale ho dato dell'imbecille per avermi aggredito dopo avermi messo in bocca cose che non avevo detto.

Io non ce l'ho con i libertari, ce l'ho con gli imbecilli. Se tu argomenti i tuoi interventi, non capisco perch ti debba sentire coinvolto.

Per il resto, in questo momento non ho nessuna voglia di discutere il mio articolo. In un altro momento, volentieri.


***
Anch'io ho un deja vu: un sacco di gente che si preoccupa di capire se "dentro" o "fuori" dalla mia definizione di "imbecille" - come se io fossi il preside di una scuola, o il "pap" di tutti gli utenti - invece di recepire il messagio generico.

Io dico queste cose esclusivamente per il bene del sito, e se faccio una critica di questo tipo non certo per mettere in croce il singolo, n per finire a discutere con lui se sia pi o meno imbecille degli altri. Sai quanto me ne pu fregare di stabilirlo.

Io parto dall'episodio del singolo, ma generalizzo subito, se vedo un problema pi esteso, che riguarda il sito. Altrimenti, per la persona singola, mi sarei accontentato di dargli dell'imbecille nei commenti, come gi avevo fatto.

Redazione
Inviato: 7/11/2009 21:36  Aggiornato: 7/11/2009 21:37
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
PROZAK: "Spero di non incorrere in un O.T., Massimo in questo molto severo,"

Sono severo quando l'OT usato palesemente per deragliare una discussione. Altrimenti non ci sono problemi: libert di pensiero significa anche poter fare le associazioni mentali pi impensabili, purch fatte in buona fede.

Redazione
Inviato: 7/11/2009 21:45  Aggiornato: 7/11/2009 21:55
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
INFETTATO: "Mi dispiace, ma ora, metafora o non metafora, stai semplicemente rifiutando di discutere, provo ad immaginarmi il motivo,..."

Non c定 bisogno di immaginare nulla, basta chiedere. In questo caso il motivo doppio: da una parte non voglio trasformare questa serie di commenti in diatribe personali, perch si perderebbe il senso dell誕rticolo. Dall誕ltra, come ho gi detto, sono di pessimo umore per quanto accaduto, e in questo momento non ne ho la minima voglia.

Spero che sia sufficiente.

Appena mi torna l'allegria te lo dico e discutiamo di tutto quello che vuoi, se ancora ne avrai voglia (idem per Ashoka).

Stefano
Inviato: 7/11/2009 22:18  Aggiornato: 7/11/2009 22:18
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/8/2004
Da:
Inviati: 344
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Buonasera, passavo di qua, e ho visto che si parla di imbecilli. Non ho potuto resistere a fermarmi per dare un saluto, magari a Massimo fa piacere e si tira un po' su ricordando i vecchi tempi, almeno vecchi per me. Ricordo il mio primo esordio su LC, col quale Massimo si divert a far trasalire i buoni e puri di allora, e il thread a seguire su cosa fosse la verit, che non certo una patacca che qualcuno si pu appuntare sul petto.

Detto bene, Mazzuccone. L'argomentazione seria l'unico bordone per discriminare. Ma a volte non basta neanche quello, e non serve Freud per spiegarlo, giacch nessuno possiede il logos fino in fondo, nessuno vero fino in fondo. Il problema successivo da affrontare sarebbe dunque "l'imbecille in ciascuno di noi", versione LC del socratico "so di non sapere", o della metanoia cristiana, o della ricerca dell'illuminazione buddista.

Come mi spiegava una simpatica e anziana signora cattolica qualche giorno fa, riferendosi proprio ai cattolici: "sono pericolosi perch sono convinti di essere buoni". Un buon prete, a sua volta commentava che ci vero (lo ancora di pi per i protestanti, un po' meno per gli ortodossi, ma questa un'altra storia), e poich parlavamo di Bush, notava come un simile atteggiamento fosse proprio dell'ex presidente, in s un vero "good guy". Simile settarismo ultimamente tuttavia diventato caratteristico degli odiatori di croci appese in classe, convinti di stare illuminando la civilt con le loro imprese. Personalmente non ho mai avuto tanta fortuna nel trovare un fanatico quanto davanti a un anticlericale o a un antiberlusconiano inferocito. Il problema credo nasca nasce dalla profonda convinzione riscaldata di calor morale, che non poi tanto diversa da quello che la vulgata atea ritiene sia la fede religiosa (non avendo affatto capito cosa sia realmente la fede, ma questo non lo hanno capito in effetti neanche molti sedicenti fedeli).

Mentre le ideologie politiche di un tempo ora sono diventate un po' scarsine al riguardo, a causa dei molti schiaffoni presi in giro, cos che si possono ascoltare cose interessanti e sensate da comunisti e fascisti, sale il rate di tante anime belle e infervorate contro il male del mondo (incarnato nel papa, nella massoneria, in Berlusconi, nell'America, in Putin, nel comunismo, ecc. ecc. - poco importa), i quali paradossalmente non si sono accorti di vivere nel mondo disegnato dal marchese De Sade. Poi arrivano i sapientoni, filosofi, e ancor meglio scienziati (da salotto) come me, fino a quando non hanno la fortuna di conoscere, e amare, persone vere, semplici, oneste. C' molta gente, l fuori, che si sforza di essere autentica e di demolire tutte le proprie menzogne. Altro che chiacchiere sul contro-debunking e summae theologiae.

Caro Massimo, se fossi qui ricambierei il favore con il camino acceso e del buon brandy (e castagne da cavare dal fuoco).

Un abbraccio,

Stefano

a_mensa
Inviato: 7/11/2009 22:25  Aggiornato: 7/11/2009 22:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
的o credo che siamo tutti, chi pi chi meno, chi pi frequentemente e chi meno, un po meno o un po pi, imbecilli.
dipende dal contesto, dall'argomento, dallo stato d'animo del momento...
pertanto sarei pi propenso a parlare di "manifestazioni di imbecillit", pi che di imbecilli.
arriverei a definire un imbecille proprio e solo chi , continuamente, in ogni occasione, non sapesse dare che prove di imbecillit.
vorrebbe dire che non sa tirar fuori nulla di meglio dal proprio "sacco".
ma oltre a questi, un p di imbecillit la sconterei un po a tutti, ogni tanto, in qualche occasione.... forse su argomenti pi coinvolgenti per la persona, o perch sta vivendo momenti particolari...
non so, mi sembra brutto mettere etichette definitive.
mi sembra che con tanti etichettati, il mondo non sarebbe migliore.
Cado nella massima prova di imbecillit, citando me stesso, ma lo faccio perch ho un approfondimento da aggiungere e quanto sopra il prologo.
Mi sono domandato cosa mi scatena la sensazione di una 杜anifestazione di imbecillit熹 e sono arrivato alla conclusione che ci sia, nei vari casi presi in considerazione, un置nica particolarit in comune:
una obiezione ad una mia asserzione, non motivata da alcuna considerazione che, facendo perno su dati condivisi, supporti logicamente l誕sserzione stessa.
Ma non basta, questo fatto al massimo mi irrita, ma per farmi pensare all段mbecillit deve venire ribadito insistentemente, ignorando i miei tentativi di supportare la mia tesi.
Purtroppo sequenze del genere hanno un forte potere coinvolgente, almeno per me, che scaturiscono nel mio tendere ad abbassarmi allo stesso livello, inverando la famosa frase di Murphy 渡on discutere con un idiota, dall弾sterno non si nota la differenza.
Di qui deduco, che tale qualifica deriva da una percezione soggettiva, in quanto occorre innanzitutto qualcuno che non la pensi come me.
Ma occorre qualcuno che tali idee le abbia radicate ma non per riflessione o ragionamento, ma per induzione dall弾sterno. Sono quelli che chiamo, impropriamente , i 杜istici, ovvero i portatori di verit rivelate. Succede sovente che quando per anni senti la stessa cosa te la imprimi tanto bene in testa che saresti disposto a sfidare chiunque la mettesse in discussione. Ha la caratteristica di rispondere ad una delle seguenti asserzioni: Quella la verit, ma non chiedermi perch, talmente ovvio !, lo dicono tutti !, come fai a non vederlo/capirlo ? ecc
Ecco, alla fine io credo che capiti a tutti, prima o poi, di sostenere qualcosa di cui siamo intimamente convinti, ma al momento di cercare di dare una origine a tale convincimento, ci perdiamo nei meandri della memoria.
Solo un grande allenamento all誕utoanalisi, credo, ci permette eventualmente di capire, a posteriori ovviamente, di aver proceduto a testa bassa sostenendo una convinzione, che, probabilmente, manco ci appartiene, ma che ci entrata in testa mentre il latte materno scendeva nello stomaco.
Poi, ovviamente , a qualcuno capita pi spesso, ad altri pi raramente.

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
Infettato
Inviato: 7/11/2009 23:02  Aggiornato: 7/11/2009 23:02
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Appena mi torna l'allegria te lo dico e discutiamo di tutto quello che vuoi, se ancora ne avrai voglia (idem per Ashoka).

----

Si comprendo, aggiungo solo questa poi magari vado a nanna. (tanto neutra)

Sono andato a vedere i commenti incriminatieffettivamente, non hai torto per come sono stati scritti, intuisco anche che dall誕ltra parte pur scrivendo in quel modo, non c弾ra la voglia di provocare, per quel che leggo nel suo sito, dove ci sono diatribe cerca di stare alla larga, quindi trovo strano che sia proprio lui a generarle (le lezioni di cui parlava sono veramente interessanti), anche se il risultato poi stato questo, magari se ne ha voglia, l段nteressato confermer o meno questa mia sensazione, almeno lo spero.

A domani buon proseguimento.

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard
audisio
Inviato: 8/11/2009 0:31  Aggiornato: 8/11/2009 0:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Checch se ne dica, credo che la diatriba di cui parla Massimo sia una delle cose pi dense di questo sito.
In fondo, assodato che l'attuale sistema (capitalismo monopolista) porter l'umanit al disastro, si parla di cosa dovrebbe sostituire questo sistema marcio.
Non mi pare una questione di poco conto.
Per cui qualche scazzo mo sembra sia nell'ordine naturale delle cose.
Dopodich, scazzarsi serve anche a capire che stupido scazzarsi.
In una ipotetica societ futura in cui non vi sia pi uno Stato egemone ed oppressore, non capisco perch non possano coesistere sistemi diversi.
Chi vuole vivere in una comunit di proprietari potr farlo, chi invece in una comune anarchica anche.
Non c' mutua esclusivit.
Ad ogni modo, non mi sembra che tale dialettica, seppur aspra, abbia mai superato i livelli di conflittualit di altre diatribe tipiche su LC.

usemlab
Inviato: 8/11/2009 18:50  Aggiornato: 8/11/2009 18:50
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/8/2006
Da:
Inviati: 156
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
grande mazzucco, si accorto che siamo tutti imbecilli!! diosanto che sacrosanta verit! mi accosto a paxtibi e alla sua santissima ammissione di colpevolezza. sono un imbecille anche io! anzi io sono L'imbecille per eccellenza, visto che sto pezzo proprio per me! come sono felice!

tu mazzucco continua a guardare i film di moore un altro incredibile imbecille!! io continuo a studiare economia, e a cercare di insegnare quel che penso di avere capito a chi non la sa, ma come il sottoscritto vuole capirla...

tu evidentemente da grandissimo imbecille sai gi tutto e non ne hai bisogno di sapere cosa il mercato, cosa il denaro, cosa la societ... tanto la colpa di tutto sempre per dogma assoluto della corporation! del privato (anche tu sei un privato o sbaglio?) e tutta colpa nostra di privati imbecilli.

lode all'imbecille!
grande mazzucco hai superato te stesso! chiss se i signori di perle complottiste segnaleranno questo fantastico articolo!

The State is the great predatory enemy of the human race, and in its very being, the organization and regularization of predation, exploitation, and robbery
usemlab
Inviato: 8/11/2009 19:01  Aggiornato: 8/11/2009 19:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/8/2006
Da:
Inviati: 156
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
"La mia reazione stata palesemente scatenata da Usemlab, al quale ho dato dell'imbecille per avermi aggredito dopo avermi messo in bocca cose che non avevo detto."

ho messo in bocca cose che non avevi detto??
ma dove? menti sapendo di mentina. che scandalo.

vedo che sei candidato al premio perlone per il 2009! vado subito a votare, e cancellami pure da sto sito, visto che questo il mio ultimo intervento.

The State is the great predatory enemy of the human race, and in its very being, the organization and regularization of predation, exploitation, and robbery
Manfred
Inviato: 8/11/2009 19:39  Aggiornato: 8/11/2009 19:39
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrck
Inviati: 2094
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Per rimanere in tema

Scusate ma se mentiva sapendo di liquirizia....

Redazione
Inviato: 9/11/2009 0:22  Aggiornato: 9/11/2009 3:58
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
USEMLAB:派o messo in bocca cose che non avevi detto?? ma dove? menti sapendo di mentina. che scandalo.

Nel thread originale avevi scritto: 登h mazzucco, ma ci sei o ci fai?? [...] ma invece da buon luogocomunista hai dovuto girare la frittata, e dare la colpa al privato! alla corporation!! quando la colpa evidentemente dello stato e di chi fa le leggi!

E io ti avevo risposto: 的o veramente ho scritto che 斗o stato ovvero i politici fanno le leggi ad hoc per i privati, che li tengono sul libro paga. Vedi tu se la stessa cosa.

Nel thread ti consigliavo anche di imparare a leggere, prima di tornare a scrivere, ma evidentemente per capire il mio consiglio..... avresti dovuto gi saper leggere. Tant pis. (Su PC ti troverai benissimo: l argomentare non mai stato un requisito).

***

Ora che mi tornato il buonumore provo a rispondere ad Ashoka e Infettato.

superava
Inviato: 9/11/2009 0:50  Aggiornato: 9/11/2009 0:50
Mi sento vacillare
Iscritto: 28/8/2008
Da: Riolo Terme
Inviati: 416
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
IO SONO IMBECILLE...avevo creduto in un progetto..che negli ultimi tempi aveva iniziato a darmi dubbi..
Stavo cercando di dare il mio contributo seppur limitato alla creazione della lista MoVimento a 5 stelle per le Regionali in Emilia Romagna...dopo aver discusso e conosciuto molti rappresentanti delle varie province(circoscrizioni) intenti a lavorare per questo progetto noto alcuni "muri" da parte di una minoranza di provincie..
E oggi con grande disapprovazione vengo a conoscenza tramite il blog di Beppe Grillo che stato scelto il candidato presidente per l'Emilia Romagna...senza nessuna consultazione..
Bene..Io pensavo (erroneamente) che questo moVimento si distinguesse dagli altri partiti...ma vedo che certe cose ALL'ITALIANA rimangono...
Giovanni Favia stato NEO ELETTO consigliere a Bologna (sul cui operato non ho nulla da rimproverare) dopo soli 5 mesi diviene candidato del moVimento per le Regionali del 2010...
Avevo voglia di darmi da fare per raccogliere firme e far conoscere questo moVimento...ma mi passata la voglia..per me l'etica e l'onesta (in questo caso verso i cittadini che l'hanno votato) viene prima di tutto.

superava
Inviato: 9/11/2009 0:51  Aggiornato: 9/11/2009 0:51
Mi sento vacillare
Iscritto: 28/8/2008
Da: Riolo Terme
Inviati: 416
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
correzione..
"per me l'etica e l'onesta (in questo caso verso i cittadini che l'hanno votato e che ha preso l'impegno di rappresentarli in comune) viene prima di tutto."

rafterry
Inviato: 9/11/2009 0:58  Aggiornato: 9/11/2009 0:58
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/11/2009
Da:
Inviati: 199
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
REDAZIONE:"Io non ce l'ho con i libertari, ce l'ho con gli imbecilli."

Ciao Massimo, scusa la sega mentale a cui ti sottoporr da "appena iscritto", ma "IO" son fatto cos e non ci posso fare niente!!!

Ti sarai sicuramente accorto che interpretare il mondo e catalogare le persone in base alla polarit di appartenenza, generare dualismo.. Lo stesso dualismo che porta l'odio fra fratelli di natura diversa, di pelle diversa, di intelligenza diversa. Vedo nella separazione tra uomini "non imbecilli" e "uomini imbecilli" un'altra possibilit di dualismo che fa segnare punti a chi ci vuole l'uno contro l'altro, in perfetta contrapposizione a quello per cui suppongo tu combatta ogni giorno.

Anche se usemlab fosse Paolo Attivissimo, penso che lui pi di ogni altro avrebbe bisogno del nostro affetto, esattamente come chi ha pi bisogno di un sorriso colui il quale non capace a darlo..

Il fatto che esistano "gli imbecilli" necessario, e a renderlo tale la volont personale di includere o meno quella persona in quel sottoinsieme.. che io sia o meno un imbecille non ha importanza, ma perch avercela con qualcuno appartenente a un sottoinsieme creato da te? per eliminare il dualismo non pensi sia auspicabile per il tuo umore accettare le persone per quello che sono? in generale, perch avercela con qualcuno per qualsivoglia motivo..?
sarei molto curioso di sapere cosa ne pensi...

Visto che spero vivamente questo sia un dialogo costruttivo, ti dico la mia: credo sia tutto un "errore di percezione"...
Siamo tutto. anche imbecilli: chi non ha mai interpretato il ruolo di imbecille per conquistare un proprio amore?? chi pi chi meno... Preferiamo per frammentarci all'infinitesimo all'interno di definizioni, solo per essere UNICI.. ancora una volta, colui che ci distrae, potrebbe essere l'Ego? che sia lui il principale artefice della trasmutazione della realt, che genera lo stesso errore di percezione per il quale, una cellula in perfetta salute riceve l'ordine di trasformarsi in un qualcosa di diverso, che noi definiamo atroce e malevolo, ma altro non che un'espressione diversa della vita? si pu accettare, non so, Hitler come un cancro asportato ma di cui rimasta la radice nell'animo umano?

In ultima analisi, accettando le ragioni di Freud, sua figlia e suo nipote Edward, non dovremmo controllare autonomamente quei carburanti esplosivi dell'Ego, violenza e sesso, grazie ai quali permettiamo e perpetuiamo inganno e sofferenza sulla nostra persona?

con affetto

Redazione
Inviato: 9/11/2009 4:13  Aggiornato: 9/11/2009 6:47
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
RAFTERRY: "Ti sarai sicuramente accorto che interpretare il mondo e catalogare le persone in base alla polarit di appartenenza, generare dualismo.. Lo stesso dualismo che porta l'odio fra fratelli di natura diversa, di pelle diversa, di intelligenza diversa."

Creare dualismo non significa necessariamente "odiare", significa prima di tutto capire.

Una volta che hai imparato a distinguere A da B puoi scegliere se odiare, fermandoti a rimarcare la differenza, oppure cercare di ricomporre il dualismo in soluzioni costruttive.

Ma analisi e sintesi rimangono due momenti separati, ambedue indispensabili e non sovrapponibili.

Illudersi di fonderli in un movimento unico appiattisce la funzione della mente e ti riduce ad una specie di "perdonismo" universale che "accetta tutto" ma in realt non porta in nessun luogo. (Era quello che Woytila criticava, a torto o a ragione, nelle religioni orientali).

Riguardo all'Ego invece ti do pienamente ragione: se al posto di "imbecille" avessi usato "dogmatico" nessuno si sarebbe accorto del mio articolo. Eppure il senso in cui ho usato il termine era esattamente quello.

Pensa che curioso.

***

Per il resto, sto preparando la risposta per Ashoka & C., che a questo punto sta diventando un vero e proprio articolo. Ma lo merita, proprio perch Ashoka, a differenza di altri, argomenta le proprie posizioni.

rafterry
Inviato: 9/11/2009 11:15  Aggiornato: 9/11/2009 11:15
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/11/2009
Da:
Inviati: 199
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
REDAZIONE:"Creare dualismo non significa necessariamente "odiare", significa prima di tutto capire"

Interessante... la tua scelta di prenderteli il mal di pancia di "avercela con qualcuno" potrebbe avere l'intenzione di scuotere le persone nella speranza che comincino a pensare da soli.

Un punto questo: una volta che ci caliamo in una parte del nostro dualismo, smettiamo di pensare e incarniamo i pensieri dei leader del movimento. Come tutti, anche tu sei un leader, un leader che pensa liberamente, ad esempio, che l'11/9 sia un "inside job". Ma siamo sempre complottisti contro non complottisti. Dualismo. Creare dualismo per me significa scegliere una parte e non accettare le ragioni dell'altro. Nel caso 11/9 la versione ufficiale non ci convince, ma le ragioni sono chiare e visibili a tutti: Petrolio, Gas, Oppio, Debito. E sappiamo anche come mai non lo dicono. In poche parole, la verit gi alla luce. Vero che capire e separare non significa per forza odiare ma la conseguenza pi grave che provoca la morte del pensiero libero, perch tanto c' il leader. il Leader parla, gli altri ascoltano. possono condividere o meno le sue idee attraverso dei pensieri, ma non un pensiero libero. Noto ci anche nell'informazione italiana, comandata gran parte da Berlusca. Tv, Giornali, forum.. persino facebook parla di berlusconi. e poi facebook va a finire in tv perch parla di berlusconi. Barnays docet. Si parla sempre di berlusconi. Essendo o meno d'accordo credi di pensare, di capire. ma non un pensiero libero. Non una comprensione libera propio perch sei schierato con una posizione, mentre pensi e argomenti. cerchi di comprendere qualcosa pensato da altri, da profondi conoscitori della mente e della natura umana.

Non mi stupisco che un Leader promulgatore della dottrina dualista, quale il Papa, critichi la natura della realt in tutte le sue forme: religione e politica sanno benissimo che attraverso i loro dogmi e le loro leggi generano odio, attraverso i loro "non fare questo e non fare quello" stimolano proprio quelle proibizioni e attraverso i loro giudizi imperanti generano separazione tra le persone, le quali saranno conseguentemente sole, impaurite, concentrate sulla sopravvivenza e sul benessere, ignoranti... ma soprattutto docili. Molto docili. Hanno dei leader, va tutto bene. "Pensa a quello che ti dico io, scegli una posizione e poi stai sereno, ci pensa il tuo leader". Perch?

E' l'ignoranza che va combattuta, insegnando alla gente soprattutto a pensare con la propria testa. In questo sento il tuo massimo sforzo, lo apprezzo e lo condivido. Ma quando ad esempio riusciremo a rendere pubblica e accettabile al mondo la verit sull'11/9, se a ci sopravviver il servizio del S ci saranno sempre gli antiverit.. mi spiego? e tutto ci distoglie l'attenzione dal fatto vero: che al mondo s' reso necessario, da parte di un gruppo di persone (chiamale come vuoi), di abbattere 2 palazzi di 100 piani con 2500 persone dentro a colpi di Boeing... Perch? Gas, Oppio... perch?? Questo dovrebbe far pensare ma invece si accetta con un " capitato, puniamo quelli che l'han fatto" reazione? Schieramento e odio verso quelli che stanno di l.. e questo un sentimento accettato da tutti. La cosa su cui incentrare l'attenzione sono i sentimenti della gente, non della strumentalizzazione del fatto in s. Parlo del fatto che per un'illusione di benessere proprio o altrui, si renda necessario tale scempio. Senza considerare l'odio generato durante la guerra: pensa ai poveri soldati che credono di sentirsi meglio mettendosi su un muretto e fare i cecchini su donne e bambini. Nel calderone del dualismo sono dei bastardi che stuprano, uccidono e bruciano biblioteche, nel "perdonismo" universale che "accetta tutto" criticato da Woytila sono dei poveri fratelli che infliggono dolore e si causano dei danni irreparabili alla psiche. Come molti, accettano quello che gli dice il leader che sta dalla sua parte, come esatto e indiscutibile. Finch ovviamente gli arriva la voce della coscienza. E allora impazziscono vittime di turbe psicologiche.

Per tali motivi non penso che generare dualismo aiuti a capire ma soprattutto non credo che fondersi in un movimento unico appiattisca la mente: impossibile non pensare. sarebbe solo volta a cose diverse, piu' costruttive, per una sorta di evoluzione umana.. Un pensiero libero (scervro per da violenza e sesso!) La mente a servizio dell'uomo e non il contrario.
Scusa Massimo, ma quello che vedo guardando l fuori : prima si comprende, poi si giudica creando dualismo poi ci si schiera e, nella maggior parte dei casi, si contrasta chi sta di l con l'odio. se creare dualismo significasse capire, saremmo in un mondo di geni. e invece siamo sommersi nel dualismo, nell'ignoranza e nella barbarie e non posso fare a meno di notare che la maggior parte delle persone non comprende ci che sta servendo.
Visto che siamo sempre in un dialogo costruttivo e che spero sempre di avere un interlocutore attivo ti dico la mia: Potrebbe servire mettersi servizio della verit con la speranza che possa aiutare tutti? per primi mi piacerebbe aiutare quelli che hanno piu bisogno di vederla, quelli che schiacciando un grilletto contro qualcuno non percepiscono la sofferenza alla quale si sottopongono.... Di cosa al servizio la tua ricerca di verit?

con affetto

Tianos
Inviato: 9/11/2009 11:34  Aggiornato: 9/11/2009 11:34
Mi sento vacillare
Iscritto: 21/8/2009
Da:
Inviati: 374
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
io credo che questi articoli ogni tanto facciano bene...e molto ...dovrebbero essere posti anche selle testate pubbliche nonch ai tg ...almeno una volta al mese.
Questo perch giustamente fa ragionare...alla fine anche se il tuo scopo non era quello di chiedersi se si era dentro la definizione di imbecille o meno , anche questo un bene al fine.
Questo permette appena passato il bollore del sentirsi offesi, nel pensare un attimo quali siano veramente le nostre convinzioni se magari siano giuste o sbagliate, del resto basta guardarsi intorno...se i sintomi ci sono tutti non si scappa , tutti imbecilli siamo , questo perch alla fine con le parole non si fa la storia, ma ci gongola del fatto di credere di essere dalla parte del giusto.

su una cosa (come buon imbecille anchio) credo pero ci sia un errore: non l'avidit a essere la chiave del male di questa societa , ma la superbia ossia il credersi superiore ad un altro .

Davide71
Inviato: 9/11/2009 12:15  Aggiornato: 9/11/2009 12:15
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/7/2006
Da:
Inviati: 2108
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Ciao a tutti:
uno dei grossi temi della filosofia scolastica era quello della predestinazione e del libero arbitrio. Il problema in s insolubile, perch ci si ostina a separare nettamente l'uomo da Dio, e non possibile.
Oggi si sostiene il dualismo pubblico-privato, ma esso altrettanto paradossale. L'uomo UNO, e nella sua testa non possono convivere anime diverse senza generare conflitti insanabili. Perci un giudice non potr mai essere "solo pubblico" e un imprenditore "solo privato".
Sono tutti problemi generati dal fatto che la mente divide ci che diviso non .
Non sono cose cos semplici.

Non date le perle ai cani e ai porci perch non le mangeranno e vi si rivolteranno contro.
Redazione
Inviato: 9/11/2009 13:09  Aggiornato: 9/11/2009 13:13
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Rafterry: fatico un p a riconoscermi nella tua definizione di 斗eader. Io infatti non dico agli altri 田osa fare, non 妬ndico la strada per nessuno, n tantomeno suggerisco soluzioni specifiche ai vari problemi. Combatto per dei principi generici, in cui credo profondamente, e dai quali dovrebbero scaturire le decisioni di ciascuno, prese in modo indipendente e ragionato.

(A volte confesso che mi viene voglia di dire 鼎azzo, prendete tutti carta e penna e scrivete al tal dei tali che un emerito deficiente, ma mi fermo subito, proprio perch non ritengo utili azioni che non nascano dall段ntimo di ciascun individuo).

Io preferisco vedermi come un punto di riferimento, nel senso che ho raggiunto determinate certezze, nella vita, che possono servire ad altri come punto di appoggio per costruire un pezzo del loro cammino.

Ma solo se loro vogliono usarle, perch nulla garantisce che siano corrette.

Manfred
Inviato: 9/11/2009 13:10  Aggiornato: 9/11/2009 13:10
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrck
Inviati: 2094
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Scusate di nuovo, il mio era un piccolo sondaggio, oltre che un ignobile tentativo
di dare pi visibilit alla "discussione" dove scrivo, che mi sembra molto poco frequentata.
Ritorno nei ranghi.

Ciao

complo
Inviato: 9/11/2009 13:34  Aggiornato: 9/11/2009 13:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/10/2005
Da:
Inviati: 2555
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Non so se sono tra gli mbecilli di Massimo (temo di si ), voglio pero' rispondere a bodj.
Premetto che mi scuso con te e con gli altri a cui la diatriba con Pax abbia disturbato la fruizione del forum.
Detto questo io avevo sia tentato di riportare la discussione in tema:

Per questo invito alla disscussione per capire se l 'eolico e' o non e' una bufala, al posto delle discussioni sui massimi sistemi.

sia di interrompere il flame:

Pax, prendo spunto dal tuo nick.
Pace a te e finiamola qui.........


Aggiungo che probabilmente in una discussione si da' l'idea di avere granitiche certezze e di voler convincere gli altri, ma personalmente posso dire di aver imparato qualcosa sia da Ashoka, sia da Tuzzo, sia da Pax stesso.

rafterry
Inviato: 9/11/2009 14:02  Aggiornato: 9/11/2009 14:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/11/2009
Da:
Inviati: 199
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Massimo: Sono sicuro che fai fatica a vederti come leader, ma sono altrettanto sicuro che, almeno qui dentro, sai di esserlo.. hai specificato che preferisci vederti come punto di riferimento e questa la tua visione di te, ma altri hanno un'altra visione: una visione di un leader che incarna ci che vorrebbero essere ma che non hanno il coraggio di essere, che pensa ci che non sanno o non vogliono pensare, che scrive ci che altri non comprendono o non hanno il coraggio di scrivere... o semplicemente perch non hanno avuto la fortuna di raggiungere le tue stesse certezze.

Per tutte queste persone tu sei un esempio, racchiuso nella dualit del "da seguire o da evitare". Per molti di questi sei un leader da appoggiare ciecamente, qualsiasi cosa tu dica.

Sto parlando di tutte quelle persone che credono nella verit e cercano di esprimela attraverso qualcuno, il leader, perch credono di aver troppo da perdere se incarnassero pienamente i tuoi pensieri.. li delegano a te, come la responsabilit di averli aspressi. qui si appoggiano e si discutono le TUE idee, non le mie n quelle di nessun altro.

ci tengo a precisare che non ti ritengo un mio leader, ma semplicemente condivido le tue argomentazioni e le tue ricerche sono state finora punti di partenza per ulteriore approfondimento. Soprattutto sul cancro. Probabilmente abbiamo intenzioni diverse ma nonostante ci mi piacerebbe mettermi al servizio della verit anche tramite te: trovo la tua mente creativa e la tua capacit illustrativa di gran lunga pi efficace alla mia, quando si tratta di parlare alle masse.

Mi chiedo 2 cose: offrendoti il mio tempo (che di sicuro tu non hai chiesto), lo accetti con un sorriso o lo prendi come una scocciatura..? Oltreci ripropongo la stessa domanda perch non sono soddisfatto della risposta: di cosa sei al servizio come punto di riferimento (o di appoggio) per gli altri? Cosa ti "muove" a cercare la verit?

scusa l'insistenza che potrebbe essere anche inopportuna, ma in questo caso sono punti essenziali per un istituire un dialogo costruttivo...

Raffaele

audisio
Inviato: 9/11/2009 15:00  Aggiornato: 9/11/2009 15:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Il nodo centrale sta nel breve botta e risposta tra MM e Rafferty.
Non ha senso l'invito di Rafferty a seppellire le logiche dualiste in favore di una "nuova religione" dell'amore cosmico e universale in cui anche gli assassini del 911 diventano vittime dei propri stessi crimini.
Per un motivo molto semplice, che la vita stessa a procedere per dualismi, per opposizioni, dunque il conflitto la legge fondamentale della realt.
Il problema, semmai, far derivare dall'opposizione dualistica, una sintesi che sia pro-vita.
E' questo il punto, come ha ben argomentato MM.
Solo che nell'affermare questa sacra verit, MM si contraddice (capita a tutti, prima o poi) unendosi all'ormai straripante invettiva contro le ideologie.
Bene, cosa sono le ideologie se non le componenti primarie di quel dualismo che serve al movimento, alla ricomposizione un passo pi in l?
Cosa sono le ideologie se non visioni del mondo, dunque il massimo della espressione sistematica del pensiero?
Le ideologie sono monadi concettuali, perfette in s, mattoni della realt che sempre pi complessa di queste, essendone sempre una sintesi.
Ma non puoi rifutare le ideologie perch senza di esse il mondo sarebbe fermo, prigioniero di una entropia anticipata.
Dunque, la sfida si pone in altri termini, collocarsi come esseri umani senzienti e coscienti dal lato della sintesi e non da quello dell'analisi.
Ossia, in termini pi semplici, cogliere (attraverso proprio lo strumento della dialettica) il meglio delle ideologie (cos come delle religioni in campo spirituale) per produrre una sintesi che elevi la condizione dell'uomo in tutti i campi, materiale, mentale e spirituale.
Ripeto quanto ho gi scritto altre volte, a me piace confrontarmi e anche scontrarmi con chi la pensa in maniera diversa dalla mia, perch ci modifica col tempo la mia visione del mondo, anche se in prima battuta pu stimolare un'atteggiamento reattivo da parte mia.
Atteggiamento reattivo che si concretizza con sparate, accuse e controaccuse, e magari anche con vaffa...
Ma alla fine, comunque, ti rendi conto che qualcosa del pensiero dell'altro in te rimasto.
E fa germogliare il seme del dubbio, che la medicina pi potente contro il dogmatismo.
Altrimenti, se non mi fossi fatto contaminare in questo modo da idee eretiche (rispetto al corpus in me cristallizzato) quando mai uno come me, cresciuto con input veterocomunisti, si sarebbe potuto affacciare a tematiche che ai pi appaiono singolari se non folli?
E se il rischio da pagare per aprire la propria mente prendersi ogni tanto dell'imbecille (non mi riferisco in particolare all'incipit di questo thread ma in generale al quotidiano svolgersi del dibattito all'interno di LC), b credo che ne valga proprio la pena.
Tra l'altro, molto utile nel limitare il proprio ego che a volte pu tendere a straripare.

rafterry
Inviato: 9/11/2009 15:14  Aggiornato: 9/11/2009 15:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/11/2009
Da:
Inviati: 199
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Citazione:
Non ha senso l'invito di Rafferty a seppellire le logiche dualiste in favore di una "nuova religione" dell'amore cosmico e universale in cui anche gli assassini del 911 diventano vittime dei propri stessi crimini


Audisio: non sono pro nessuna "nuova religione". semmai pro una "non religione".

che la vita proceda per dualismi una TUA interpretazione, che al massimo condividi con la maggior parte degli esseri umani. la vita va avanti comunque anche senza che chicchessia la comprenda o la giudichi. la dimostrazione sta negli alberi o negli animali. non la interpretano e sopravvivono benissimo lo stesso torture inflitte loro dai dualisti a parte, si intende...

A parte questo faccio fatica a comprendere le tue motivazioni e le tue idee soprattutto a causa del linguaggio.. non ho capito quasi nulla di quello che pensi o che vorresti dire.. Scusa, se cerchi un dialogo ti prego di essere pi terra-terra..

Con affetto

audisio
Inviato: 9/11/2009 15:40  Aggiornato: 9/11/2009 15:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Rafferty, il mio non voleva essere un attacco personale.
Certamente, ho semplificato il tuo pensiero per esigenze mie di comunicazione.
Avevo capito perfettamente cosa volevi dire, non intendevo "religione" in senso classico.
Per il resto, se non mi sono spiegato mi spiace.
Non volevo dire che il dualismo un bene, anzi generando conflitto causa necessariamente sofferenza, ma questa (per me) la legge del mondo (molti sanno come io sia influenzato da alcune idee gnostiche).
Non basta inveire contro il dualismo, la contrapposizione, il conflitto, perch questo scompaia dall'orizzonte del mondo.
Molto pi proficuo, a mio avviso, incanalare questo conflitto in una sintesi che faccia evolvere l'umanit.
Non basta cercare di vedere un lato umano negli assassini del 911, per renderli "buoni".
Perch essi sono votati al "male" (sto volutamente semplificando ed estremizzando), anzi ne sono i migliori rappresntanti e faranno sempre il mestiere per cui sono al mondo.
Servire e blandire il Potere.
Il nostro compito capire qual il meccanismo che li ha generati e utilizzare questa comprensione per disattivare il loro potenziale nefasto e per una crescita complessiva dell'umanit.
Rimuovere non serve, anzi deleterio...

audisio
Inviato: 9/11/2009 15:47  Aggiornato: 9/11/2009 15:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Una precisazione, Rafferty, riguardo il fatto che la vita (diciamo) non umana proceda senza essere contaminata dal conflitto e dall'opposizione.
Non sono d'accordo, basti pensare che qualsiasi specie per vivere deve difendersi dai propri predatori.
E per andare su un piano pi "alto", riprendo quanto ho gi scritto altre volte.
Se esiste la vita, se esiste l'Universo, se esiste una qualsiasi realt, proprio perch l'Uno perfetto e indivisibile si invece diviso e contrapposto in s, generando imperfezione.
Per i cattolici e per molte religioni, ci ha rappresentato l'atto d'amore pi sublime, per me si trattato solo di pura necessit.
La Potenza in s che per essere tale deve diventare necessariamente Atto.
Dunque, la Vita , in s, imperfezione perch se fosse perfetta non sarebbe Vita.
Non ho mai condiviso l'idea che la natura sia perfetta, tutt'altro, la summa di tutte le imperfezioni e, proprio, per questo meravigliosa e affascinante.
Spero di aver chiarito meglio il mio pensiero.

rafterry
Inviato: 9/11/2009 15:59  Aggiornato: 9/11/2009 15:59
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/11/2009
Da:
Inviati: 199
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Audisio, non ho preso la cosa come attacco personale. ti prego solo di non farmi dire cose che non ci sono: inveire contro il dualismo o generare odio verso i dualisti sarebbe generare dualismo. cosa che ritengo semplicemente inutile. Accetto la diversit delle cose, che siano duali una nostra suddivisione e, in qunato tale, inutile all'evoluzione umana.. niente pi. Il dualismo esiste come la nutella e come "gli imbecilli".definire queste cose significa chiuderle nei significati, senza apprezzarne l'essenza che, con tutta probabilit, l'unica cosa che darebbe loro un senso.

rafterry
Inviato: 9/11/2009 16:09  Aggiornato: 9/11/2009 16:09
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/11/2009
Da:
Inviati: 199
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Probabilmente hai una visione "filosofica" della vita.
"IO" penso che sia una questione energetica. il dualismo della "perfezione-imperfezione" non mi stimola idee quanto il vederla come mutamento continuo in reazione a forze applicate. Le cellule, che nulla sanno delle nostre seghe mentali, vanno verso i nutrienti ed evitano i veleni. La vita va verso la vita. che tu esista per giudicarla o interpretarla o meno.

"io voglio conoscere i pensieri di Dio. il resto sono dettagli.." A.Einstein

Manfred
Inviato: 9/11/2009 17:38  Aggiornato: 9/11/2009 17:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrck
Inviati: 2094
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Poteva tenerseli per se che non avrebbe fatto un soldo di danno.

Ciao

redna
Inviato: 9/11/2009 19:34  Aggiornato: 9/11/2009 19:41
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Citazione:
"io voglio conoscere i pensieri di Dio. il resto sono dettagli.." A.Einstein


peccato che il 'grande genio' sia morto anche lui...come tutti gli esseri umani senza nemmeno conoscere alcunch di Dio (ma lasciando un mondo, a causa delle sue scoperte, peggiore di prima...)

Probabilmente ha sbagliato verbo. Quando si desidera conoscere i pensieri di Dio (la natura di Dio...) il verbo 'voglio' deve essere bandito.
Desidererei, ambirei, gradirei dovrebbero sostituirsi con 'voglio'.
Per quanto un uomo 'voglia' qualcosa non lo pu otterere se non con i mezzi che Dio stesso gli ha fornito. L'attuale societ in sfacelo anche perch non conosce affatto il significato delle parole (e l'origne del linguaggio degli uomini...)

Comunque Einstein non ha compreso che i pensieri di Dio sono stati espressi nella natura stessa.
Il resto sono cose che non riguardano gli esseri umani.

PS-per quanto riguarda gli imbecilli o meno non do giudizi. E'una cosa che non mi piace fare, oltretutto una perdita di tempo!

C定 al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di s: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Manfred
Inviato: 9/11/2009 20:23  Aggiornato: 9/11/2009 20:23
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrck
Inviati: 2094
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Citazione:

Comunque Einstein non ha compreso che i pensieri di Dio sono stati espressi nella natura stessa.
Il resto sono cose che non riguardano gli esseri umani.

Infatti nella saggezza della natura l'uranio occultato dentro i blocchi di granito che ne inficiano la pericolosit e l'erba voglio non cresce nemmeno nel giardino del re. Proverbio che in passato quasi tutti i bambini conoscevano molto ma molto bene. Poi qualcuno ha inventato il consumismo.

Ciao

Linucs
Inviato: 10/11/2009 0:56  Aggiornato: 10/11/2009 0:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Poi qualcuno ha inventato il consumismo.

Curioso fenomeno per cui ogni povero imbecille con una carta di credito revolving si sente ricco.

VOLNA
Inviato: 11/11/2009 14:05  Aggiornato: 11/11/2009 14:05
So tutto
Iscritto: 23/6/2009
Da:
Inviati: 24
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
documento del pc int dopo le elezioni.

Il Comunismo non n "di destra" n "di sinistra",

Lエesito delle elezioni ha sancito la vittoria della coalizione di centro-destra, dopo che la borghesia italiana ha utilizzato i governi di centro sinistra, falsi amici dei lavoratori, per far digerire senza proteste misure antioperaie, non migliori di quelle fatte fare al 鼎avaliere. Oggi, quanto smarrito il senso di classe fra i lavoratori, a causa del sinistrismo parlamentare, ottuso ed opportunista, tutti indistintamente i partiti del regime borghese sperano che i proletari siano pronti ad accettare ulteriori peggioramenti alle loro condizioni di vita e di lavoro.

Il nuovo esecutivo di destra, esattamente come il precedente di sinistra, asseconder le esigenze di sopravvivenza dello zoppicante capitalismo italiano, stretto nella morsa della crisi del suo modo di produzione. Piaccia o no il capitalismo funziona solo per la sua infinita e mostruosa accumulazione, comunque costi alla classe operaia. Chi pensa che questo sia l置nico modo di vita possibile e che altro non possa esserci, si deve adeguare ad accettare tutte le condizioni di cui il capitale necessita per continuare a creare profitto, succhiando il sangue di ogni proletario, sia esso autoctono o immigrato, 堵arantito o precario, cattolico o musulmano, ecc ecc.

Il capitalismo impone le sue leggi ed impossibile riformarlo. ネ proprio questo punto che i falsi partiti stalinisti ed ex-stalinisti si ostinano a negare: sarebbe come ammettere la propria inconcludenza di fronte alle dinamiche imposte dalle nuove ed accresciute competizioni in un mercato sempre pi incapace di smaltire la crescente quantit di merci prodotte, siano esse utili, inutili o dannose.

Per questo, se anche la 砺ittoria elettorale fosse andata alla coalizione borghese di centro-sinistra invece che a quella borghese di centro-destra, nessuna differenza si sarebbero dovuti aspettare i lavoratori.

Solo il comunismo scientifico marxista pu fare chiarezza su tutto ci. Il comunismo non n di destra n di sinistra, non frequenta i parlamenti e non contende brandelli di potere alle classi dominanti nei palazzi delle istituzioni centrali o periferiche. Il comunismo non si pone il fine di gestire meglio il capitalismo, come pretendono di fare inevitabilmente fallendo i partiti del tradimento, ma di abbatterlo distruggendolo alla base per liberare la nuova societ di cui questa, al contrario di ci che appare, gi gravido.

Il Comunismo dismetter la produzione per cellule aziendali, finalizzata al profitto, attraverso lo sfruttamento del lavoro salariato, organizzer la produzione secondo un piano sociale regolamentato secondo grandezze fisiche e non pi economiche, con lo scopo unico del soddisfacimento dei reali bisogni della specie, ridurr drasticamente l弛rario di lavoro, dividendo il suo peso fra tutti i membri della societ, abolir insieme al lavoro salariato ogni rapporto monetario e mercantile.

Il Comunismo manterr ci che di progressivo ha creato il capitalismo l弾norme sviluppo della forza produttiva del lavoro umano associato liberandolo dalle pastoie delle leggi economiche capitalistiche che ne impediscono l置tilizzo a fini sociali invece che particolari, aziendali e borghesi.

Le idee della classe dominante sono, in ogni epoca, le idee dominanti.

K Marx
http://www.autistici.org/volna/
Linucs
Inviato: 12/11/2009 13:38  Aggiornato: 12/11/2009 13:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Solo il comunismo scientifico marxista pu fare chiarezza su tutto ci.

Fammi indovinare: questo cumulo di panzane funziona solo se realizzato a livello mondiale, per evitare i sabotaggi del capitalismo.

Ti va bene solo perch quelli dello "zeitgeist movement" sparano fandonie pi grosse...

Il Comunismo manterr ci che di progressivo ha creato il capitalismo l弾norme sviluppo della forza produttiva del lavoro umano associato liberandolo dalle pastoie delle leggi economiche capitalistiche che ne impediscono l置tilizzo a fini sociali invece che particolari, aziendali e borghesi.

Amb...

Oldboy
Inviato: 12/11/2009 15:28  Aggiornato: 12/11/2009 17:11
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/7/2007
Da:
Inviati: 411
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Esattamente come il capitalismo, secondo i liberisti alla Linucs, funzionerebbe meravigliosamente se realizzato in purezza (per evitare le pastoie e le distorsioni portate dallo Stato e dai malvagi statalisti).

Il fatto che questo capitalismo davvero liberista non si sia mai realizzato, se non forse in alcuni - brevissimi e peculiarissimi - momenti storici non turba i Linucs della situazione.

Cos come i marxisti (quorum ego) non sono turbati dal constatare che il comunismo non si mai realizzato in alcun paese.
E questo non sono solo gli "eretici" del marxismo a dirlo: n Lenin, n Stalin, n Mao hanno mai affermato di governare paesi "comunisti", ma semmai "socialisti" in transizione verso il comunismo.

In questo senso le accuse - peraltro banali e miste a spiritosaggini - dei liberisti possono molto bene ritorcersi contro loro stessi.
Se i marxisti sono utopisti (e io non lo credo) gli iperliberisti austriacanti non sono certo da meno...

Paxtibi
Inviato: 12/11/2009 15:55  Aggiornato: 12/11/2009 15:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Se i marxisti sono utopisti (e io non lo credo) gli iperliberisti austriacanti non sono certo da meno...

Un bel passo avanti rispetto ai democratici, che sono semplicemente dei coglioni.

a_mensa
Inviato: 12/11/2009 17:34  Aggiornato: 12/11/2009 17:35
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
@ paxtibi

"Un bel passo avanti rispetto ai democratici, che sono semplicemente dei coglioni."
questa la quoto. bella.
vedo che l'ironia ti si riparata perfettamente !


non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
mc
Inviato: 12/11/2009 18:55  Aggiornato: 12/11/2009 18:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Citazione:
Un bel passo avanti rispetto ai democratici, che sono semplicemente dei coglioni.

Recidivo: avevi ragione nella tua ammissione di colpa. .

E' strano come si accetti il ragionamento per giustificare e far rivendicare ai "comunisti" che "non han visto mai realizzare i propri propositi ideologici". Come si accetti per i "capitalisti" che "non han visto mai realizzare i propri propositi strutturali ed organizzativi" senza regole se non quelle "autoctone" (del mercato stesso).
I "democratici", invece no.
Quelli son coglioni.
E' notorio che questa cultura occidentale o moderna in generale sia una "pura" democrazia...

(Non mi importa piu' di tanto il discorso, ma ci trovo un vizio logico...)

Tornate pure a misurarvelo ...

Ciao

mc

a_mensa
Inviato: 13/11/2009 11:04  Aggiornato: 13/11/2009 11:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
@ mc
vorrei fare un distinguo tra "democratici" e chi "crede nella democrazia".
a mio avviso i primi sono convinti di vivere in una democrazia, i secondi sanno benissimo che cos non .
se tu pensi che quella che oggi si definisce democrazia (che significa "governo del popolo") lo sia anche solo lontanamente, scusami ma sei un povero illuso.
cos come lo stalinismo NON era comunismo , il maoismo, NON mai stato comunismo, e di comunismo applicato si ha solo alcuni esempi per un breve periodo (neanche 2 anni), dopo la rivoluzione di ottobre, cos come quello realizzato NON capitalismo, perch quando lo stato interviene nella gestione del denaro e quindi dei capitali, ne altera sia il significato che le applicazioni, cos una democrazia che si limiti a concedere un voto, che assomiglia molto pi ad un sonddaggio di opinioni, che non ad una direttiva vincolante, non pu essere chiamata democrazia.
una democrazia NON concedere carta bianca per 4 o 5 anni a persone che poi possono tranquillamente fare cosa vogliono, non permettere di esprimere una preferenza a perfetti ignoranti (nel senso che ignorano la materia) delle cose sia fatte che proposte, ottenebrati solo dalla propaganda martellante fatta di slogan stupidi quanto vuoti, una democrazia implica impegno, partecipazione, interesse soprattutto nel CONTROLLO di cosa poi effettivamente fanno gli eletti, che tra l'altro dovrebbe esserci il potere di revoca immediata del mandato, nel caso escano dai programmi prefissati, senza ulteriore approvazione.
vedi quindi qiuanto si sia distanti dalla democrazia, oggi, nonostante le pompose dighiarazioni emesse con grancasse dal potere, che cos oltre a opprimerci ci beffa pure, asserendo che loro "hanno il nostro mandato".
e ci sia anche qualcuno che pensi di "esportarla", questa buffonata.
per questa ragione, quoto chi sostiene che i nostri "democratici" sono semplicemente dei coglioni.

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
mc
Inviato: 13/11/2009 13:40  Aggiornato: 13/11/2009 13:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Citazione:
per questa ragione, quoto chi sostiene che i nostri "democratici" sono semplicemente dei coglioni.

Ehhmmm... ...

Dimmi che non ho capito cio' che hai scritto.... ti prego.

Allora ... i comunisti non sono coglioni perche' "potrebbero avere ragione" visto che non si e' mai realizzato il comunismo per un periodo sufficientemente lungo. Quello di negativo che c'e' stato non era comunismo.

I capitalisti non sono coglioni perche' "potrebbero avere ragione" visto che non si e' mai realizzato il capitalismo per un periodo sufficientemente lungo. Quello di negativo che c'e' stato, e che c'e' non era e non e', capitalismo.

I democratici (i sostenitori dell'ideologia democratica * ) sono dei coglioni. Anche se "potrebbero avere ragione" visto che non si e' mai realizzata la democrazia per un periodo sufficientemente lungo. E anche se quello di negativo che c'e' stato, e che c'e', non era e non e', una democrazia.
***

Mi permetto di farti notare l'incongruenza di cio' che affermi "molto semplicemente".
Mi permetto anche di farti notare come un "coglione di democratico" ...forse... dico forse... non sostiene questo "tipo di democrazia" che stiamo vivendo e non intende farlo. E magari cambierebbe le regole di rappresentativita' elettorale come un qualsiasi comunista eviterebbe i Gulag o un qualsiasi austriaco eliminerebbe lo stato e gli organi di controllo istituzionali dal mercato.

Dopottutto si confonde spesso corruzione con "democrazia" e non trovo siano proprio la stessa cosa, anche se molti sono pronti a giurare di si.

Non voglio certo iniziare qui questo discorso inutile, ma non voglio nemmeno che mi si spieghino cose che credo di aver capito gia' da solo e senza sentirmi troppo coglione o imbecille come qualcuno mi vorrebbe a tutti i costi (parlo in generale non di me!).

*) ... che cosi', ad occhio, troverei, in senso strettamente teorico, un buon punto di incontro tra le due ideologie (ed altro ancora!), almeno sulla carta... quindi.

mc

Paxtibi
Inviato: 13/11/2009 13:51  Aggiornato: 13/11/2009 13:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Dopottutto si confonde spesso corruzione con "democrazia" e non trovo siano proprio la stessa cosa

Prova con "legge del branco".

franco8
Inviato: 13/11/2009 13:57  Aggiornato: 13/11/2009 13:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/12/2005
Da:
Inviati: 1561
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
A me, la piega che ha preso la discussione
mi fa suppore che articoli sul tema alla fine
non servano per nulla a guarire dall' "imbecillit"...
(anche se non credo che l'intento fosse quello).

.... ....io non mi definisco affatto volentieri ateo, non pi di quanto io sia a-MickeyMouse.
..
(detto, fatto)
mc
Inviato: 13/11/2009 14:14  Aggiornato: 13/11/2009 14:14
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Corruzione e legge del branco?


>>>>
E' certamente meglio se decide UNO solo (per esempio, cosi' tanto per dire, chi domina il mercato in quel momento di un qualsivoglia prodotto ... magari essenziale ... )??
Certo...

>>>>>
Non ne voglio discutere.
Ho gia' visto in passato il tenore delle argomentazioni ed ho potuto constatare che sono tutte rivolte alle storture di quei sistemi che si intendeva "demolire" senza guardare le analogie tra quello e cio' che si stava difendendo.

Proprio come fanno gli imbecilli a cui hanno dato un compito che non han capito fino in fondo (e non te la tirare da imbecille che so che non lo sei... ).

mc

Paxtibi
Inviato: 13/11/2009 14:22  Aggiornato: 13/11/2009 14:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
E' certamente meglio se decide UNO solo (per esempio, cosi' tanto per dire, chi domina il mercato in quel momento di un qualsivoglia prodotto ... magari essenziale ... )??

Se qualcuno decide della mia vita il fatto che sia uno o siano tanti mi e' indifferente.

Anzi, per dirla tutta se a decidere e' uno c'e' la remota possibilita' che non mi danneggi piu' di tanto. Se a decidere e' la massa, invece, il disastro e' assicurato.

100 imbecilli sono peggio di uno.

mc
Inviato: 13/11/2009 14:31  Aggiornato: 13/11/2009 14:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Citazione:
100 imbecilli sono peggio di uno.


Mi dispiace ma non me la tatuero' sul culo questa. ...
Se quell'unico imbecille, lo fosse DAVVERO DAVVERO, e se per caso fosse anche potente e ricco e disponesse di quello di cui necessito per vivere, sarebbe di sicuro peggio di un milione di imbecilli... che magari non sono poi cattivi, ma solo confusi e non ci guadagnano nulla (o irrisoriamente visto che devono dividersi il ricavo... ) nel danneggiarmi ... o peggio uccidermi.
(Il venditore privato di "sustentamento primario" perderebbe un cliente ma avrebbe in pugno tutti gli altri sopravvissuti... che poi sarebbero i milioni di imbecilli rimasti sotto casa tua a spaventarti a morte ... ... guardali agitano una scheda elettorale... aiiiiiiiUUUTooooo!!! ).

mc

Paxtibi
Inviato: 13/11/2009 14:38  Aggiornato: 13/11/2009 14:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Se quell'unico imbecille, lo fosse DAVVERO DAVVERO, e se per caso fosse anche potente e ricco e disponesse di quello di cui necessito per vivere, sarebbe di sicuro peggio di un milione di imbecilli... che magari non sono poi cattivi,

Magari non e' cattivo neanche l'unico "fornitore di sostentamento", che vuol dire? Cosa vuoi che me ne freghi se uno e' buono o cattivo se all'atto pratico io vengo bastonato?

Tu rivendichi il diritto - nel caso ti trovassi a far parte della maggioranza - di impormi la tua volonta', diritto che non esiste da nessuna parte. Tutto il resto son discorsi che possiamo evitare di fare visto che partono da questo presupposto illegittimo.

audisio
Inviato: 13/11/2009 14:45  Aggiornato: 13/11/2009 14:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 29/4/2008
Da:
Inviati: 3471
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Scusate, ma cosa c'entrano comunismo e capitalismo con il concetto di democrazia?
I primi due sono teorie economiche che nella storia si sono pi o meno realizzati, molto meno che pi.
La democrazia semplicemente un sistema per regolamentare il consenso in cui si stabilisce, a priori e senza alcun appiglio "scientifico", che lasciare governare i pi sia meglio che far decidere i meno.
E 'ndo 'sta scritto?
Il fatto che Hitler e Berlusconi siano stati eletti in una consultazione "democratica" dovrebbe far nascere qualche dubbio.
Infatti, basta riuscire ad indirizzare il consenso e il gioco fatto.
Dopo di che, puoi abbandonarti alle peggiori nefandezze coperto e legittimato dal suffragio popolare.


P.S.: come fa a decidere del proprio destino uno che guarda Amici o Il Grande Fratello?
Io penso che dovrebbe essere sottoposto a tutela...

mc
Inviato: 13/11/2009 14:49  Aggiornato: 13/11/2009 14:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Citazione:
Tu rivendichi il diritto - nel caso ti trovassi a far parte della maggioranza - di impormi la tua volonta', diritto che non esiste da nessuna parte. Tutto il resto son discorsi che possiamo evitare di fare visto che partono da questo presupposto illegittimo.


Illegittimo nel momento in cui non fai parte della maggioranza, altrimenti e' corretto? ( ... no non rispondere...)

Ma questo, il non riuscire a soddisfare sempre tutti nella stessa maniera e' un "problema" di tutte le decisioni. Succede in ogni campo, e in ogni istituzione, e in ogni gruppo, in ogni coppia... sempre!!!.
Pero' solo quando si parla di societa' non e' accettabile...


Comunque, puoi ambire a farne parte della maggioranza... convincendo la maggioranza che hai ragione...

mc

mc
Inviato: 13/11/2009 14:51  Aggiornato: 13/11/2009 14:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Citazione:
Il fatto che Hitler e Berlusconi siano stati eletti in una consultazione "democratica" dovrebbe far nascere qualche dubbio.
Infatti, basta riuscire ad indirizzare il consenso e il gioco fatto.
Dopo di che, puoi abbandonarti alle peggiori nefandezze coperto e legittimato dal suffragio popolare.

Certo.
E' quella la democrazia.
Ok.

Come non detto. Mi sono sbagliato.

ciao

mc

Paxtibi
Inviato: 13/11/2009 14:53  Aggiornato: 13/11/2009 14:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Ma questo, il non riuscire a soddisfare sempre tutti nella stessa maniera e' un "problema" di tutte le decisioni.

Ragion per cui non ha senso che qualcuno decida per tutti.

Succede in ogni campo, e in ogni istituzione, e in ogni gruppo, in ogni coppia..

Immagino (spero) che la tua donna te la sia scelta.

Comunque, puoi ambire a farne parte della maggioranza... convincendo la maggioranza che hai ragione...

Tradotto: diventa il capobranco.

mc
Inviato: 13/11/2009 15:32  Aggiornato: 13/11/2009 15:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Citazione:
Ragion per cui non ha senso che qualcuno decida per tutti.

Ha senso se le decisioni sono condivisibili almeno in parte... e soprattutto alternative a molteplici decisioni contrastanti che comunque non risolvono il problema, anzi i molteplici problemi le quali risoluzioni possono essere contrastanti...

Citazione:
Immagino (spero) che la tua donna te la sia scelta.

Si ... o forse e' lei che ha scelto me... in questo caso non lo riterresti sensato da parte mia rimanervici insieme?

E se potessi scegliermi il "sistema" che piu' mi aggrada avrebbe senso vivere su un pianeta che non mi sono scelto? Su un sesso, un nome, una citta', un colore di capelli, un pisello o delle tette, che non ho scelto da me?

"Legge del Branco", "capobranco"... parole ad effetto... che non hanno effetto se solo si approfondiscono le tematiche valutando pro e contro... e soprattuto se non ci si lascia "corrompere" dalla realta' corrotta... cosi' come si parla di "sistemi di mercato" puri.
Si usa un'altra realta' (quella di questo schifo di sistema) per convincersi che una ideologia (imperfetta) non sia minimamente equa, ma queste sono forzature ideologiche esse stesse, a mio avviso.

mc

Paxtibi
Inviato: 13/11/2009 15:49  Aggiornato: 13/11/2009 15:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Ha senso se le decisioni sono condivisibili almeno in parte

Io non condivido nulla di cio' che decide lo stato.

E se potessi scegliermi il "sistema" che piu' mi aggrada avrebbe senso vivere su un pianeta che non mi sono scelto? Su un sesso, un nome, una citta', un colore di capelli, un pisello o delle tette, che non ho scelto da me?

Le decisioni degli uomini non hanno niente a che fare con le "decisioni della natura" che non potrebbero essere diverse.

"Legge del Branco", "capobranco"... parole ad effetto... che non hanno effetto se solo si approfondiscono le tematiche valutando pro e contro

Cazzate. Quali pro e contro? La realta' e' che mi vengono imposte decisioni altrui contro la mia volonta', punto.

mc
Inviato: 13/11/2009 16:11  Aggiornato: 13/11/2009 16:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Citazione:
La realta' e' che mi vengono imposte decisioni altrui contro la mia volonta', punto.

Forse valuti solo le imposizioni che non ti soddisfano? A volte le cose che si danno per scontate passano in secondo piano rispetto alle
Ma io non posso mettermi a dar retta agli incontentabili anche se ne rispetto le voglie, giusto? ...

(... e non parlo di questo "regime" attuale come tu non parli di questo capitalismo ...) quindi non confondiamo le acque ...credevo fosse chiara l'incongruenza di giudicare la democrazia valutando cio' che la propaganda chiama cosi'... ma tant'e'... e' su quello che ti stai misurando...

mc

a_mensa
Inviato: 13/11/2009 16:27  Aggiornato: 13/11/2009 16:54
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
@ mc
cit:
"Allora ... i comunisti non sono coglioni perche' "potrebbero avere ragione" ...."
forse non mi sono spiegato bene.
i comunisti non sono mai praticamente esistiti... quellli che normalmente vengono definiti tali sono in effetti stalinisti, maoisti, ecc... e pertanto lo sono doppiamente perch si fregiano di un nome che non gli spetta.
stesso discorso per i capitalisti, convinti (ma non credo perch in genere di una certa cultura) di vivere in un mondo retto da regole capitalistiche che invece, dal momento che non vi un controllo sulla moneta, puramente una illusione.

se poi vogliamo completare il conto, visto che mi rendo conto di questa realt, io lo sono all'ennesima potenza, coglione, perch accetto di vivere in un simile mondo e non mi sono ancora sparato.

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
Red_Knight
Inviato: 13/11/2009 16:36  Aggiornato: 13/11/2009 16:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Citazione:
La realta' e' che mi vengono imposte decisioni altrui contro la mia volonta', punto.


Un esempio (teorico, non pratico) di regime/organizzazione/situazione/occasione in cui le decisioni altrui non vengono imposte contro la tua volont?

a_mensa
Inviato: 13/11/2009 16:41  Aggiornato: 13/11/2009 16:41
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
@ audisio

cit:
"come fa a decidere del proprio destino uno che guarda Amici o Il Grande Fratello?
Io penso che dovrebbe essere sottoposto a tutela..."

in un altro forum, anni fa sostenni una tesi per spiegare laragione per cui non voto pi da anni....

sostenni che non accettavo che la mia scelta valesse tanto quella dello stupido che mette una croce a casaccio sulla scheda, solo perch quello votato sorride meglio dell'altro.
proponevo un test, per votare, quale condizione affinch anch'io tornassi a farlo.
un test con le crocette, con risposte prestabilite sul programma delle varie formazioni, sui risultati della passata legislazione, sui principali asserti costituzionali e funzioni dell'amministrazione pubblica.
10 domande scelte a caso su 5000.
almeno 8 giuste voti, meno annulli la scheda.
le risposte "giuste" avrebbero dovuto esser concordate, dati alla mano, da maggioranza usente e opposizione, e quindi, interessati entyrambi a non raccontar balle nella propaganda pre elettorale.

sapessi quante me ne son sentite !!!!!
razzista, antidemocratico, intellettuale del menga, ecc....
cos ho rinunciato al mio progetto,.... e a votare.

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
a_mensa
Inviato: 13/11/2009 16:51  Aggiornato: 13/11/2009 16:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
@ Red_Knigh
ciao cavaliere rosso...
cit:
"Un esempio (teorico, non pratico) di ....."

riunione di condominio, va bene ??
i nostri parlamentari, statistiche alla mano , lavorano 8 ore la settimana.

in un sistema elettivo piramidale. nel senso che una cinquantina di persone eleggono un loro rappresentante sulla base della conoscenza personale, o quasi, un centinaio di questirappresentanti ne eleggono uno che partecipa alla assemblea di livello superiore, fino all'ultima che elegge e controlla il governo.
prima regola : revoca immediata del mandato, ad ogni livello.

a questo punto illustrazione a brevi linee dei provvedimenti all'ordine del giorno (diciamo 1 volta ogni 15 giorni, e mandato per la loro votazione.

propagazione del voto ai livelli superiori.

possibile impiego delle nuove tecnologie per le votazioni ed espressione dei mandati.

e chi non partecipa, vada a farsi fottere.

troppo complicato ?



non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
mc
Inviato: 13/11/2009 18:36  Aggiornato: 13/11/2009 18:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Citazione:
e chi non partecipa, vada a farsi fottere.

Questo e' un esempio in cui non si "impone una scelta"???


...

Scusa a_mensa ... in realta' non adoro le tornate elettorali e non sono fiero di questo tipo di regime di rappresentanza elettorale. Impalerei chiunque si facesse scudo dei propri elettori per convincere che le sue decisioni siano le piu' giuste, quindi, quando si criticano questi personaggi (in ogni schieramento politico) si sfonda una porta aperta.

Ma questo non e' cio' che si dovrebbe fare e' solo quello che fanno.

Esempio pratico:
Due persone discutono di broccoli ...
Uno ne e' entusiasta e uno li odia.
Il primo sa che e' un alimento positivo.
Il secondo sa che fa male e non gli piace il gusto.

Nel corso del discorso pero' il secondo continua a sparlare di verza ... e ne disprezza il gusto, ne disprezza la fattezza, ne disprezza il colore... il fatto e' che chi gliel'ha venduta l'ha chiamata "broccolo".
Io non ho mai assaggiato il broccolo ma riesco ad apprezzarne alcune caratteristiche sulla carta, invece altri ne parlano male perche' hanno assaggiato la verza (che gli han detto che era broccolo).

Una volta chiarito che di verza si tratta e non di broccolo, sarebbe il caso di piantarla di chiamare "broccolo" la verza.

mc

a_mensa
Inviato: 13/11/2009 18:57  Aggiornato: 13/11/2009 18:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
@ mc
cit :
"Questo e' un esempio in cui non si "impone una scelta"? "
sicuramente una scelta, ma dell'individuo stesso, non certo imposta.
a chi non interessi il governo della propria "cosa pubblica", a chi preferisca dedicare il suo tempo a guardarsi la partita o il grande fratello, nessuno imporr di partecipare alle scelte comuni, ma allora "subir" le conseguenze ma potr solo dire "per causa mia".

l'esempio dei broccoli che non capisco!

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
VOLNA
Inviato: 16/11/2009 13:17  Aggiornato: 16/11/2009 13:17
So tutto
Iscritto: 23/6/2009
Da:
Inviati: 24
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Un mondo intero da conquistare

Durante la diffusione, allo sciopero del sindacalismo di base del 17 ottobre a Roma, del volantino qui sopra pubblicato, un paio di giovani, dopo aver letto nel titolo Viva la crisi!, sono tornati indietro dai nostri compagni per chiedere come si possa esser cos cinici da gioire della crisi, che ricadr pesantemente sulle spalle del proletariato mondiale. Gli abbiamo risposto in questi termini, o avremmo potuto disponendo di pi tempo.

Quella dei cinici fu un誕ntica scuola filosofica con accenti anche rivoluzionari e per niente 田inica, tanto che volentieri accettiamo l誕ccostamento e non siamo indifferenti alle sofferenze della nostra classe, delle quali anzi soli ne conosciamo la dimensione assoluta e le cause profonde.

Dovrebbe intanto esser cosa evidente che la presente catastrofica crisi economica mondiale non in alcun modo provocata dall段ntervento dei comunisti e nemmeno pensabile farla derivare, con i tempi che corrono, dalle eccessive rivendicazioni del movimento operaio. La crisi erompe incontenibile dal sottosuolo di questa societ malata. ネ la crisi del Capitale, forza sociale impersonale, tanto che nemmeno i borghesi n tutta la mondiale classe borghese n tutti i suoi potentissimi Stati, con la loro Scienza roboante, con i loro forzieri pieni d弛ro e gli arsenali di armi micidiali, riescono a differire o alleviare, tantomeno ad impedire.

ネ il Capitale, uno dei poli di un ben definito rapporto fra gli uomini, che in crisi. Questo costituito da un accumulo di ricchezza materiale, sotto forma di una enorme massa di merci, che non riesce pi a riprodursi e perde il suo valore. Questa drastica distruzione di valore reale e fondamentale, ma se tutte le classi sono, e saranno di pi domani costrette a subire la crisi del Capitale, diversi sono gli effetti su ciascuna di esse.

Il piccolo numero di grandi borghesi, gli oscuri arbitri della finanza e delle industrie e vera personificazione del Capitale, quelli non ci rimettono mai, anzi, personalmente perfino continuano ad arricchirsi, giocando 殿l ribasso.

La piccola borghesia s, vedr massacrata la sua condizione sotto il rullo della recessione e della deflazione e travolte tutte le sue misere sicurezze, materiali ed ideali. Commercianti, piccoli imprenditori e piccoli fondiari nelle truffe e nei crolli della Borsa e dei prezzi vanno perdendo risparmi e ricchezze, che le banche incamerano, e la loro condizione precipita rapidamente in quella del proletariato, e anche peggio. Va in pezzi il loro antico mito della democrazia in politica e del progresso in economia. ネ ovvio che la piccola borghesia non nella condizione di poter spiegare a se stessa le vere cause di questa improvvisa rovina e i suoi risentimenti possono facilmente essere diretti dalla viscida propaganda degli Stati nelle direzioni pi scomposte e nefande.

Resta la classe operaia. La sua massima sottomissione, come classe, al capitale raggiunta quando i profitti traboccano e se ne pu divertire una piccola parte ad elevare i salari di poco sopra al minimo.

La prova sotto gli occhi di tutti. Il proletariato, tutto quello che aveva da perdere l檀a perduto durante il 澱enessere. Il periodo di falso, insano e drogato 田onsumismo, durante l誕lternarsi dei governi della destra e della sinistra borghese, ha posto le condizioni, politiche, psicologiche, morali, legislative, normative e contrattuali perch le nuove generazioni proletarie gi oggi ed effettivamente, non abbiano pi nulla da perdere. Non solo la classe stata definitivamente privata del suo partito comunista e di ogni speranza di riscatto. Non solo i suoi sindacati di regime si sono trasformati irreversibilmente in strumenti della sua sottomissione. Per i giovani operai i salari sono gi oggi sotto la soglia della sopravvivenza e gli orari sono gi a discrezione dei capitalisti. La classe operaia non ha dovuto attendere il crollo di Wall Street per vedere il regime del capitale che le toglieva ogni minima riserva e sicurezza. La triste storia dello scorso trentennio, di euforia del capitale e di smarrimento divisione e disfatta proletaria, l a dimostrarlo. E ormai solo i proletari con i capelli bianchi possono illudersi in pochi anni di assegno di pensione.

Cresce s nella crisi la massa dei disoccupati, ma per la classe la mancata entrata in salari pu essere compensata dal suo accresciuto valore reale a causa della deflazione.

In questa societ capitalista e borghese qual定 quindi l置nica ricchezza e risorsa su cui hanno sempre potuto contare e che oggi sola resta ai lavoratori? Il fiero e incondizionato affidarsi alla lotta di classe. E quella non sar certo nessuna crisi a togliergliela.

Questo anche se il regime del capitale fosse eterno e non mai modificabile la sottomissione ad esso del lavoro in forma salariale.

Per di pi, noi comunisti siamo s orgogliosi che la dottrina sociale della classe operaia, formulata da Marx con forza di scienza esattamente 160 anni fa, trionfi e si imponga sullo sconcerto e il panico dei borghesi grandi e piccoli. Tutte le previsioni del marxismo si sono avverate e la sua predizione, che le contraddizioni interne al sistema di produzione capitalistico l誕vrebbero portato ad esplodere, oggi gridata sulle prime pagine di tutti i giornali. Il capitalismo, si deve concludere, lo stesso medesimo in tutte le metamorfosi e tempi del suo ciclo, non riformabile non esiste un suo lato benigno, altro non pu causare, sempre, se non miseria lacrime e sangue.

E poich noi comunisti lavoriamo nella certezza che i lavoratori hanno un mondo intero da conquistare, consideriamo la crisi del nostro storico e ormai secolare nemico, non solo una ineluttabile, ciclica, necessit economica ma come un momento convulsivo ed acuto nel progredire irreversibile della fase agonica del suo modo di produzione, premessa questa materiale alla possibilit e necessit della soppressione rivoluzionaria del suo potere e del superamento del suo ordinamento economico.

I lavoratori coscienti quindi non si faranno contagiare dal montante senso di apocalisse, morte e impotenza che infetta tutti gli ambienti borghesi, nell誕bbaglio che la fine del capitalismo sia anche quella dei viventi e del mondo.

Noi sappiamo che la ineluttabile crisi porter il capitalismo a nuove e crescenti convulsioni e infine ad una terza guerra mondiale. Ma le nuove generazioni proletarie, appresa la lezione tremenda della catastrofe materiale del suo nemico e la parallela catastrofe dottrinaria e politica dei partiti della collaborazione sociale e patriottica, ritrover se stessa, la sua fede comunista e certezza di vittoria in una guerra di classe che non consentir tregua fino alla definitiva distruzione del capitale in ogni regione del mondo.

Per questo, in pieno accordo con la nostra secolare tradizione di sentimenti e di ragione, torniamo ad esclamare VIVA LA CRISI DI QUESTO REGIME DI SFRUTTAMENTO E DI RAPINA!

Le idee della classe dominante sono, in ogni epoca, le idee dominanti.

K Marx
http://www.autistici.org/volna/
Manfred
Inviato: 16/11/2009 13:23  Aggiornato: 16/11/2009 13:45
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrck
Inviati: 2094
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Studiate la storia le operazioni di depistaggio sono cominciate con il cavallo di Troia.

Adam Smith e Karl Marx sono la stessa persona.

Scusate la provocazione ma l'effetto della cassa integrazione.



Ciao

Paxtibi
Inviato: 16/11/2009 14:25  Aggiornato: 16/11/2009 14:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Una volta chiarito che di verza si tratta e non di broccolo, sarebbe il caso di piantarla di chiamare "broccolo" la verza.

Non e' colpa mia se tutti lo chiamano broccolo. E del resto io contesto il fatto che in democrazia la volonta' della maggioranza sia legge, cosa che neanche nella piu' utopistica versione della democrazia viene eliminata: e' proprio il succo della democrazia.

A parte questo, io capisco che il broccolo come lo vorresti tu e come credi che potrebbe essere a te sembra la verdura migliore del mondo, ma devi anche capire che: 1) esso si trova nel regno del condizionale e 2) per me continua ad essere un prodotto vomitevole.

Quindi se ti piacciono i broccoli trova il sistema di coltivarteli senza rompere l'anima al prossimo.

Ashoka
Inviato: 16/11/2009 15:05  Aggiornato: 16/11/2009 15:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Citazione:
Per di pi, noi comunisti siamo s orgogliosi che la dottrina sociale della classe operaia, formulata da Marx con forza di scienza esattamente 160 anni fa, trionfi e si imponga sullo sconcerto e il panico dei borghesi grandi e piccoli.


Dear Engels,
From the enclosed scrawls you will partly see how bothered I am. So far, the landlord has allowed himself to be placated; he has yet to receive 」25. The piano chap, who is being paid in instalments for the piano, should already have had 」6 at the end of June, and is a most ill-mannered brute. I have rate demands in the house amounting to 」6. The wretched school fees some 」10 I have fortunately been able to pay, for I do my utmost to spare the children direct humiliation. I have paid the butcher $6 on account (the sum total of my quarterly takings from the Presse!), but I知 again being dunned by that fellow, not to mention the baker, the teagrocer, the greengrocer, and such other sons of Belial as there may be.
The Jewish nigger Lassalle who, I知 glad to say, is leaving at the end of this week, has happily lost another 5,000 talers in an ill-judged speculation. The chap would sooner throw money down the drain than lend it to a 素riend, even though his interest and capital were guaranteed. In this he bases himself on the view that he ought to live the life of a Jewish baron, or Jew created a baron (no doubt by the countess). Just imagine!

Karl Marx

Manfred
Inviato: 16/11/2009 15:18  Aggiornato: 16/11/2009 15:18
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/11/2009
Da: Osnabrck
Inviati: 2094
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Io come molti altri miei compaesani mangio ancora in dialetto, figuriamoci i piatti inglesi a parte il filetto Wellington.

Ciao

Red_Knight
Inviato: 16/11/2009 15:19  Aggiornato: 16/11/2009 15:19
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
@PaxTibi

Citazione:
E del resto io contesto il fatto che in democrazia la volonta' della maggioranza sia legge, cosa che neanche nella piu' utopistica versione della democrazia viene eliminata


Come avevo gi chiesto prima (ma non avevo specificato il destinatario): mi sapresti fare un esempio qualsiasi (di regime politico o anche solo di situazione di vita vissuta) in cui la volont della maggioranza non sia legge, macroscopicamente o microscopicamente?

a_mensa
Inviato: 16/11/2009 15:40  Aggiornato: 16/11/2009 15:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
@ Red_Knight

"Come avevo gi chiesto prima (ma non avevo specificato il destinatario): mi sapresti fare un esempio qualsiasi (di regime politico o anche solo di situazione di vita vissuta) in cui la volont della maggioranza non sia legge, macroscopicamente o microscopicamente?"

quando uno ha la pistola e gli altri 10 no, i 10 fanno quello che ordina quello con la pistola. ne micro che macro.... ma sul serio !

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
Paxtibi
Inviato: 16/11/2009 15:55  Aggiornato: 16/11/2009 15:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
mi sapresti fare un esempio qualsiasi (di regime politico o anche solo di situazione di vita vissuta) in cui la volont della maggioranza non sia legge, macroscopicamente o microscopicamente?

Potrei fartene quanti ne vuoi, ma perche' divagare? La maggioranza non ha alcun diritto di imporre la sua volonta' - sempre che questa cosa esista - alla minoranza, se non quello che si arroga con la forza del numero.

Invece dellla dittatura di uno stronzo, la dittatura di una massa di coglioni. Sai che guadagno!

Red_Knight
Inviato: 16/11/2009 17:29  Aggiornato: 16/11/2009 17:30
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Rettifico la domanda: l'esempio di a_mensa giusto. Prevale il pi forte; la maggioranza infatti prevale in quanto, intesa come unico soggetto, pi forte grazie al numero.

La domanda diventa quindi: vorrei conoscere una sola situazione in cui non prevale il pi forte (con la forza dei numeri, con la pistola, con la furbizia, quello che vi pare).
Pax, non aver timore di divagare, tanto mi sa che su questo thread siamo in pochi...

a_mensa
Inviato: 16/11/2009 17:47  Aggiornato: 16/11/2009 17:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
@ Red_Knight

cit:"La domanda diventa quindi: vorrei conoscere una sola situazione in cui non prevale il pi forte (con la forza dei numeri, con la pistola, con la furbizia, quello che vi pare)."
il pi forte, con ogni accezione possibile, prevale quando il criterio sia la competizione.
poi alla competizione si possono dare decine di motivazioni :interesse, arroganza, paura, ecc...
se il criterio invece amore (non sesso, ma parlo del sentimento) allora il bisogno, il rispetto per l'altro, la solidariet, ecc... diventano i sentimenti che determinano le situazioni.

esempi ? emergency, medici senza frontiere, varie comunit di recupero, caritas, croce rossa ?? (boh, facciamo finta di ...), ecc....

forse devi cambiare di nuovo la domanda.


non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
Orwell84
Inviato: 16/11/2009 17:54  Aggiornato: 16/11/2009 17:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 7/3/2006
Da: Ground Zero
Inviati: 1114
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Gi triste vedere milioni di imbecilli che si azzuffano inutilmente ogni giorno nel mondo, ma ancora pi triste vederli arrivare su LC gonfi della loro arroganza, scrivere sul muro la loro profonda verit, e volare via senza aver fatto il minimo sforzo per capire cosa dicono gli altri.

Un po' come quando qualcuno linkava le definizioni economiche e non c'era verso che qualcun altro ci passasse il cursore del mouse sopra.

Red_Knight
Inviato: 16/11/2009 18:06  Aggiornato: 16/11/2009 18:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
@a_mensa

Mi sembra chiaro che si possa parlare di 'prevalenza' soltanto laddove si presenti una competizione. Se non c' competizione, non che allora prevale qualcun altro, semplicemente non c' nessuno chiamato a prevalere e il discorso semplicemente non si pone.

La domanda rimane, quindi, la stessa.

a_mensa
Inviato: 16/11/2009 21:35  Aggiornato: 16/11/2009 21:35
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
@ Red_Knight
non per fare il rompiballe a tutti i costi, ma solo per chiarire il mio, e forse il tuo pensiero, ti faccio rinotare le tue parole.
"vorrei conoscere una sola situazione in cui non prevale il pi forte"

ho fatto notare come la parola "prevalere" POSSA essere legata alla competizione, ma anche NO.
vi sono ad esempio persone definite "leader naturali".
persone che molte altre persone seguono per istinto, per sicurezza, per amore, fascino o per chiss quale altra ragione, ma sicuramente NON per competizione.
ma indiscutibile che nel gruppo , tali persone prevalgano, guidino il gruppo.
e quindi si pu diventare "prevalenti" per competenza, fascino , e quante altre ragioni, ma NON per competizione.

questa la ragione per cui pensavo che avresti riformulato la domanda. perch quando si vede , in un gruppo , emergere una persona sopra le altre, che normalmente ne prende la guida, non in funzione della forza, ma dell'accordo, tacito o espresso, allora mi pare che la domanda non sia semplicemente pi applicabile.

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
LoneWolf58
Inviato: 16/11/2009 21:39  Aggiornato: 16/11/2009 21:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Citazione:
Potrei fartene quanti ne vuoi, ma perche' divagare? La maggioranza non ha alcun diritto di imporre la sua volonta'
Sai che bello... in strada la maggioranza tiene la destra e la minoranza che fa? va contromano?! o emigra in UK???

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, per, che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
rekit
Inviato: 16/11/2009 21:47  Aggiornato: 16/11/2009 21:49
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
emigra in UK!

-autorimosso-

slump
Inviato: 20/11/2009 22:19  Aggiornato: 20/11/2009 22:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/6/2006
Da:
Inviati: 199
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Finalmente un grande thread! Al quale mi dispiace, da supremo imbecille,
di non aver preso parte sin dall'inizio!

Mi spiace anche che si siano fatti pochi nomi (d'imbecilli), quasi ognuno
riservando l'epiteto a se stesso e senza coraggio d'indicare qualche
imbecille non autocosciente! Vabb, sia pure in ritardo qualcosa la dico
io e io direi che l'apice stato toccato con l'intervento di Redna
quando ha detto che Einstein morto

"lasciando un mondo, a causa delle sue scoperte, peggiore di prima..."

Capite vero!? E=mc^2 avrebbe peggiorato il mondo e assieme ad essa tutte
quelle altre formulacce con tensori e quant'altro che quell'imbecillone
andato via via producendo! (Dov' quel sapientone della gravit per
forza di rotazione che potrebbe confermare tutto?)

Se l'imbecillit ha una sostanza proprio questa: parlare tanto per dar
aria alla bocca o scrivere solo per non far arrugginire la tastiera!

Al secondo posto metterei, mi scusi ma non posso farne a meno, il prode
audisio che dice, testualmente:

"Scusate, ma cosa c'entrano comunismo e capitalismo con il concetto di
democrazia? I primi due sono teorie economiche che nella storia si sono
pi o meno realizzati, molto meno che pi."

Cio i soviet e/o Wall Street sono "teorie economiche" pi o meno
realizzate -- ma come si realizza "un po'" una teoria!? E la democrazia
no, non ci azzecca nulla, per niente con essi due -- quando mai (migliaia
di tomi sull'argomento sono passati invani -- forse era tutto un
complotto...)

Terzo posto e medaglia di bronzo al caro Redazzucco che ha avuto l'ardire
di scrivere testualmente

"Io cerco sempre di leggere quello che scrivono gli altri, prima di
postare, e raramente mi sentirai fare affermazioni tranchant tipo
bianco-o-nero. In altre parole, da tempo cerco di evitare di cadere
nella trappola dei falsi dualismi."

Non commento perch per gli attenti lettori si commenta da s -- aggiungo
solo che il secondo periodo, quello sui "falsi dualismi", non so cosa ci
azzecchi logicamente col primo -- avesse detto "dai dualismi", senza
"falsi" sarebbe stato comprensibile ma cos va tutto a puttane
(logicamente).

Ma la logica elementare imbecille, si sa, soprattutto dopo la teoria
marxista diventata solo un po' pratica e ancor di pi dopo l'equazione di
campo gravitazionale che ci riduce ogni giorno di pi a buchi neri...

Amen (e che Dio, se ce sta, abbi piet di noi -- anche di Redna e gli
altri, che diamine!).

PS Dimenticavo: consideratemi cancellato dal sito, questo il mio ultimo
messaggio. So che spiacer a tutti ma ho altri impegni -- nuove
carbonerie mi aspettano!

Avatar: http://www.ninaroberts.com

"In powerful rain, they laid down their heads to die"
(My Dying Bride)
redna
Inviato: 20/11/2009 22:30  Aggiornato: 20/11/2009 22:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
ciao slump, considerato che secondo te ho toccato l'apice copio e incollo TUTTO quello che avevo scritto io nel post e non solo quello che tu PENSI abbia scrito:

Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Citazione: "io voglio conoscere i pensieri di Dio. il resto sono dettagli.." A.Einstein peccato che il 'grande genio' sia morto anche lui...come tutti gli esseri umani senza nemmeno conoscere alcunch di Dio (ma lasciando un mondo, a causa delle sue scoperte, peggiore di prima...) Probabilmente ha sbagliato verbo. Quando si desidera conoscere i pensieri di Dio (la natura di Dio...) il verbo 'voglio' deve essere bandito. Desidererei, ambirei, gradirei dovrebbero sostituirsi con 'voglio'. Per quanto un uomo 'voglia' qualcosa non lo pu otterere se non con i mezzi che Dio stesso gli ha fornito. L'attuale societ in sfacelo anche perch non conosce affatto il significato delle parole (e l'origne del linguaggio degli uomini...) Comunque Einstein non ha compreso che i pensieri di Dio sono stati espressi nella natura stessa. Il resto sono cose che non riguardano gli esseri umani. PS-per quanto riguarda gli imbecilli o meno non do giudizi. E'una cosa che non mi piace fare, oltretutto una perdita di tempo!


infatti avevo scritto che la maggior parte delle persone non conosce il significato delle parole e tu, da quello che comprendo, ne sei un esempio.

Ribadisco che non do giudici sugli imbecilli, ci riescono benissimo da soli anche senza prestesto che 'hanno dell'altro di meglio da fare'.

Citazione:
Capite vero!? E=mc^2 avrebbe peggiorato il mondo e assieme ad essa tutte
quelle altre formulacce con tensori e quant'altro che quell'imbecillone
andato via via producendo! (Dov' quel sapientone della gravit per
forza di rotazione che potrebbe confermare tutto?)

ma non voleva conoscere i pensieri di Dio? e allora ci ha lascito E=mc al quadrato?
chissenefrega....

C定 al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di s: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
astro7
Inviato: 21/11/2009 12:06  Aggiornato: 21/11/2009 12:06
Mi sento vacillare
Iscritto: 27/11/2007
Da: questa sconosciuta terra di mezzo
Inviati: 472
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
ォLa bomba atomica... Se solo l'avessi saputo, avrei fatto l'orologiaio.サ


Albert Einstein




http://aforismi.meglio.it/aforisma.htm?id=2354


hendrix
Inviato: 21/11/2009 12:26  Aggiornato: 21/11/2009 12:27
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
edit

ho sbagliato post. sorry.

redna
Inviato: 21/11/2009 15:12  Aggiornato: 21/11/2009 15:13
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Citazione:
ォSe questa scienza che grandi vantaggi porter all'uomo, non servir all'uomo per comprendere se stesso, finir per rigirarsi contro l'uomo.サ


ォ...Verr un giorno che l'uomo si sveglier dall'oblio e finalmente comprender chi veramente e a chi ha ceduto le redini della sua esistenza, a una mente fallace, menzognera, che lo rende e lo tiene schiavo... l'uomo non ha limiti e quando un giorno se ne render conto, sar libero anche qui in questo mondo.サ

ォ...Non so quando, ma so che in tanti siamo venuti in questo secolo per sviluppare arti e scienze, porre i semi della nuova cultura che fiorir, inattesa, improvvisa, proprio quando il potere si illuder di avere vinto.サ


aforismi di Giordano Bruno
******

Se Einstein avesse fatto l'orologiaio o si fosse concentrato a capire il pensiero di Dio sarebbe stato meglio pe tutti.

C定 al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di s: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
mc
Inviato: 23/11/2009 18:18  Aggiornato: 23/11/2009 18:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: L段mbecille, questo sconosciuto
Citazione:
A parte questo, io capisco che il broccolo come lo vorresti tu e come credi che potrebbe essere a te sembra la verdura migliore del mondo, ma devi anche capire che: 1) esso si trova nel regno del condizionale e 2) per me continua ad essere un prodotto vomitevole.

Tralasciando il punto due che che non e' propriamente cio' che si dice una posizione ben argomentata (ma capisco che non se ne abbia voglia... anche io sono riluttante a rispondere ...) mi concentrero' sul punto uno.
Che poi rappresentava proprio il "succo" del mio intervento:
io contesto la presupponenza di coloro che contraddisguano la natura teorica e mai applicata su vasta scala e nei canoni adeguati di alcune "dottrine" sociali, quali anarchismo, comunismo e capitalismo libertario, e ne usino tale evidente realta' come giustificazione al proprio supporto. Le stesse persone non riconoscono le stesse prerogative alla domocrazia, mai applicata realmente e mai nel modo indicato sulla carta...

Punto.

Citazione:
Quindi se ti piacciono i broccoli trova il sistema di coltivarteli senza rompere l'anima al prossimo.

Sarebbe interessante sentire il tuo ideale sociale e capire come possa non rompere le balle agli altri...

Comunque, deve essere difficile per te evitare di ricevere almeno una delle conseguenze positive della democrazia che tanto condanni...
Quindi, direi che smettero' di "rompere le balle agli altri", quando effettivamente essi smetteranno di usufruire della democrazia fino in fondo... (provocazione... atta a sottolineare l'improbabilita' di riuscita di una convivenza di varie istituzioni o, piu' semplicemente, di strutture sociali sullo stesso territorio*).
Mi piacerebbe ci fossero piu' sistemi sociali tra cui scegliere, ma non ci sono, e non e' colpa della democrazia (idea) e tantomeno delle istituzioni (ideali).

Io comunque non impongo niente a te, semmai mi limiterei a goderne per i fatti miei. Non c'e' nessuna intenzione di imporre la mia idea e i miei ideali:
e' come se non avessi chiara la differenza tra me, un cittadino che ambisce ad una societa' democratica, ed un truffatore corrotto che usa qualcosa che non e' democrazia ma la spaccia per tale per importi il suo giogo. Eppure dici di averla....



*esempio:
La "mia" istituzione democratica costruisce una rete stradale che non tu non dovresti usare perche' non hai contribuito alle spese di costruzione.... ovviamente 'e un discorso di principio... usa i campi o le stradine sterrate se proprio devi stare nello stesso territorio...


P.s. : mi scuso per il ritardo nella risposta...
salut

mc


Powered by XOOPS 2.0 ゥ 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA