Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


politica italiana : E allora parliamo di Beppe Grillo
Inviato da Redazione il 16/7/2009 12:30:00 (8956 letture)

“Scusa Mazzucco ma non hai capito niente.”
“Spiacente Massimo ma non e' come la vedi tu”
“Anche io non sono d'accordo.”
“Non sono esattamente d'accordo”
“Stavolta ai un po toppato come dice qualcunaltro,”
“Andiamo, Massimo, va bene sentirlo dire dai farlocchi che popolano la Rete…”
“Secondo me Massimo è andato in ferie e sta scrivendo il suo domestico al posto suo.”
“Mazzucco, mi spiace dirtelo, visto che ti stimo quasi alla follia, ma ...”
“Max, leggiti con calma gli interventi di tutti, poi capisci meglio lo spirito di Grillo....”
“Articolo che non condivido.”


Questa è stata la chiave prevalente dei commenti al mio articolo di ieri su Grillo-Buffalo Bill. Per quanto siano stati tutti “buffetti affettuosi”, fatti senza la minima intenzione di offendere, devo dire che se io fossi un “pennarolo” alle prime armi avrei anche potuto pensare di suicidarmi.

Conosco però bene il meccanismo che spesso porta a scegliere di criticare il messaggero invece di affrontare seriamente i contenuti del messaggio, e mi sono ritrovato quindi a dover decidere se davvero avessi preso fischi per fiaschi, o se invece avessi per caso toccato una “vacca sacra” che non andava toccata.

Secondo la maggioranza degli utenti il mio errore di fondo (nel criticare la scelta di Grillo di proporsi come leader dei DS), starebbe nel non aver capito che quella del comico genovese fosse ”solo una geniale provocazione”.

Quando però ho chiesto come mai uno che voglia “solo provocare” si agiti come un dannato …

… per iscriversi davvero al partito, nessuno è stato in grado di fornire una risposta soddisfacente. Anzi:

Candidarsi per il PD vuol dire innanzitutto tagliare completamente le gambe al partito che è ora e rovinargli completamente i piani sia se lo accettino che no.

il fatto che lui non abbia mai creato una lista/partito personale o con forti riferimenti a lui (tipo IDV) ma voglia candidarsi al PD è un messaggio che ha lanciato ed è arrivato a bersaglio... vuol far vedere proprio agli elettori del PD cosa veramente è diventato quel partito!


Chi ha capito, onestamente, alzi la mano.

Nel frattempo gli “entusiasmi repressi” venivano lentamente in luce, e si scopriva come gli stessi sostenitori della “sola provocatio” desiderassero in realtà che ci fosse anche una solida “traditio”:

"Le [sue] idee sono le più chiare e concrete nel panorama italiano e su questo ci sono pochi dubbi."

"Poi ho capito che il suo intento non è quello di andare a governare ma di ripristinare una alternativa valida all'attuale panorama politico, cercando di ripulire e risollevare una "azienda già avviata" in termini di elettorato ma decadente in termini di idee e dirigenti come questo PD.

"Veramente bisognerebbe dire che la stragrande maggioranza delle persone che visita il suo sito chiede a gran voce e da più anni un suo impegno in prima persona ... "

"Di una cosa son certo, Grillo vuole una rivoluzione e io spero tanto che riesca ad ottenerla"

"Credo che proporsi alle primarie del PD sia molto più conveniente e visibile..."

"Se riuscisse a vincere appunto metterebbe in pratica i suoi casini e le sue idee."

"Grillo ha un programma elettorale, o almeno parla di cose che nessuno in politica ha mai osato toccare. Sai dirmi il programma del PD? no, perche' non esiste..."

"Se riuscisse ad iscriversi al PD, avrebbe tutti i meetup che andrebbero a votare per lui più esterni"


Ma allora lo volete davvero, figlioli, altro che provocazione!

Siamo forse di fronte al classico caso in cui uno butta là un’offesa un pò forte, e poi sta a vedere che cosa succede? (Se l’altro la ingoia, tanto di guadagnato, se invece protesta, tu dici “ma dài, non l’hai capito che stavo scherzando?”)

Quando infatti ho chiesto di mostrarmi la coerenza di Grillo, mi è stato risposto:

"Ma chi se ne fotte della coerenza se si parla delle sorti di un popolo???"

"La coerenza in politica non esiste."

"Lasciatelo fare a Grillo, con tutte le contraddizioni di un outsider..."


Vabbene daccordo, mi sono detto, Grillo non si tocca. Personalmente, la prima cosa che mi aspetterei da un politico, prima di dargli il mio voto, è proprio la coerenza di fondo, ma evidentemente Grillo può farne a meno. E’ giusto criticare i politici che predicano in un modo e razzolano in un altro, come ha sempre fatto grillo, ma poi se quell’errore lo commette lui non solo lo si accetta, ma lo si giustifica pure. Lui, poverino, “è un outsider”.

A supporto di questa fantomatica candidatura, inoltre, non poteva mancare la classica fiera del “minore dei mali” (che costituisce, a mio parere, proprio il peggiore dei mali possibili):

"Massì dai, affossiamo questo buffone e continuiamo a sguazzare nella m...elma!!"

"Meglio Grillo di chiunque altro..

"Certo a molti difetti pure lui ma dammi un nome che possa essere degno di candidatura pd? io non ne vedo se tu lo sai diccelo grazie."

"Dovresti finalmente cercare di capire che lui rappresenta l'ultima speranza/spiaggia per centinaia di migliaia di italiani esasperati e disperati...."


Ma la sagra dell’irrazionale non è ancora finita:

"Ma secondo te Massimo a parte Grillo ci possono essere persone in grado di fare opposizione vera in italia? e chi e veramente in grado e cosi coraggioso di parlare di certi temi? come l’11 settembre, il no al nucleare, i servizi segreti deviati, massoneria poteri occulti governi ombra ufo e chi piu ne a piu ne metta…"

"Gli va dato atto che prepotendemente accende (anche se per poco) i riflettori su argomenti che altrimenti passerebbero inosservati. e questo è il suo ruolo..."


Ma quando mai Grillo avrebbe parlato di 11 settembre? Se anzi c’è un buco nero che più nero non si può, è proprio nel calendario di Beppe Grillo, dove dal 10 di settembre si passa direttamente al 12, come se l’undici non fosse mai esistito.

Ma poi, soprattutto, “parlare di certi temi” e “fare politica” sono due cose completamente diverse, e illudersi che parlando degli uni si possa fare l’altra è a dir poco infantile.

Il tutto si conclude, come da copione, con le solite basse insinuazioni, da parte di chi ha ancora meno argomenti degli altri:

"Ebbene, io ho la vaga impressione che tu sia un poco geloso di Beppe...."

"E noto anche che tanti blogger invidiano il suo blog che zitto zitto è divenuto a livello mondiale....
"

Ora il giro è completo: argomentazioni razionali zero, cecità dogmatica che imperversa, e libero passo ai pensieri più meschini, pur di non doversi confrontare con la realtà che hanno di fronte (costoro non sanno, fra l’altro, che Grillo mi fa talmente ingelosire che nel 2003/2004 gli scrissi ripetute lettere, per invitarlo a venire al più presto in rete, dove avrebbe finalmente potuto esplodere con tutta la sua forza).

Bene, ora che abbiamo finito di parlare di altre parole, parliamo finalmente di Beppe Grillo.

Beppe Grillo ha avuto il suo momento magico, l’anno scorso, in primavera. Non ha saputo sfruttarlo a dovere, e ormai si è bruciato le sue migliori possibilità. Potrà ancora fare qualcosa, sicuramente, ma ormai il meglio è alle spalle.

Come ho scritto in precedenza: E’ avvenuto tutto nell’arco di poche settimane, l’anno scorso, quando lo scontento popolare sollevato da Grillo rischiava di raggiungere la famosa “massa critica” da cui non c’è più ritorno.

A quel punto tutti i giornalisti, i politici, gli industriali, i personaggi pubblici, e chiunque sentisse in qualche modo minacciati i propri privilegi da questa ondata di furia popolare, si sono instintivamente compattati in una muraglia d’acciaio contro la quale lo sperone di Grillo si è frantumato in mille pezzi.

In quel periodo non trovavi un'anima disposta a spendere una sola parola per lui.


Dopodichè ci fu quello che io defini il rantolo rabbioso (parla Grillo):

“Noi siamo quelli che alla catastrofe ci arrivano con ottimismo”

“Un cittadino oggi rimane escluso da qualsiasi decisione che possa influire sul suo futuro”.

“Questo paese è tutto alla rovescia”.

“Il parlamento è chiuso, il parlamento non legifera più”.

“Abbiamo al governo solo psiconani, ballerine e ruffiani”


(Sempre da “Il tramonto di Beppe Grillo?”)

A questo punto è chiaro che l’idea di entrare nel PD sia stata una semplice furbata, da parte di uno che si è stufato di raccattare un voto alla volta, quando si è accorto che c’è a disposizione un “parco buoi” privo di leadership, che di voti ne offre interi milioni. Alto che “provocazione”.

Purtroppo però per Grillo, qualcun altro è arrivato prima di lui, e in quel parco buoi non lo lasciano certo entrare.

Al di là delle sue reali intenzioni, in ogni caso, rimane il problema che Beppe Grillo non sarebbe comunque in grado di gestire una leadership di tipo politico, da qualunque parte gli venisse il mandato. Grillo è istintivo, irrazionale e testardo, mentre la politica inizia proprio dove la mente prende il posto del gesto irrazionale.

Denunciare gli inceneritori piuttosto che le centrali nucleari, inoltre, non vuol dire fare politica. La politica inizia dove finiscono le denunce di quel tipo, e si passa a cercare di risolvere i problemi.

Ed è qui che Grillo trova il suo limite, in modo palese ormai per tutti (sempre dall’articolo citato):

Grillo sa costruire una tremenda forza d’impatto, in fase critica, ma ne annulla lui stesso la potenzialità quando la inquina con la fase costruttiva, che non starebbe a lui intraprendere.

E’ un meccanismo perverso e sottile, che “noi del 9/11” conosciamo molto bene. Finchè dici “quello non poteva essere un Boeing”, sei in una botte di ferro, e tieni l’avversario sotto scacco. Ma nel momento in cui ti chiede “e allora cos’era?”, e tu rispondi “probabilmente un missile”, sei fregato per sempre. A quel punto infatti ti senti dire che “non poteva essere un missile, per questo e quell’altro motivo”, e tutta la tua forza di impatto va a dissolversi in una discussione interminabile, che avrà come unico risultato l’aver allontanato l’attenzione dal cuore del problema.

Finchè Grillo dice “governo ladro”, non può che raccogliere ovazioni e supporto, ma quando inizia a dire “vogliamo una legge che limiti a due legislature il mandato dei parlamentari”, apre la porta a chi risponde “E no, due mi sembrano poche, facciamo almeno tre”, e così si perde il senso profondo della protesta, mentre Grillo ci fa pure la figura di uno che non capisce niente. (Ricordate il coro unisono di “Grillo non è un politico”, “Grillo non sa di cosa parla”, “Grillo faccia il suo mestiere che noi facciamo il nostro”? Mica è nato per caso, quel coro. E’ stato lui a offrire il fianco perchè nascesse, e a quel punto gli altri ne hanno approfittato).

Non sta ai complottisti dire che cosa abbia colpito il Pentagono, devono dircelo quelli che ci hanno raccontato la fregnaccia del Boeing. Non sta a Grillo suggerire nuove leggi, devono farlo coloro che noi avremo eletto appositamente per quello.


C’è infine un aspetto da citare, che è forse il più importante di tutti: finchè staremo qui seduti a discutere “chi sia meglio” e “chi sia peggio”, invece di assumere ciascuno fino in fondo le proprie responsabilità di cittadino, non risolveremo mai i nostri problemi.

E assumersi le responsabilità di cittadino non significa certo usare la democrazia per mandare in parlamento comici, ladri o prostutite.

Massimo Mazzucco

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
VIPER
Inviato: 16/7/2009 13:15  Aggiornato: 16/7/2009 13:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/6/2009
Da:
Inviati: 557
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Scusa Mazzucco, però questo mi sembra giocare un pò sporco.

Dopo aver annunciato che la maggioranza degli utenti (inserendo anche citazioni varie) ha criticato il tuo articolo...

... Sei passato a illustrare le inconsistenze delle critiche e la fallacia di molte opinioni citando e rispondendo a varie affermazioni che ti sei scelto ad Hoc.

Grazie tante... In questo modo il tuo articolo è condivisibile, la tua risposta giustificata etc.

Ma in questo modo però, hai fatto passare per scemi tutti quanti, anche quelli che ti avevano risposto in modo diverso; non condividendo la tesi del tuo articolo e spiegandoti perchè era una provocazione... Come ad esempio il sottoscritto.

Questo mi sembra un pò sparare nel mucchio.

E vorrei ripetere come tu ripeti ossessivamente che non comprendi perchè per una provocazione uno si dia tanto da fare....

Grillo è sempre stato perfettamente consapevole di come è stato considerato un nemico anche della sinistra, vedasi i suoi spettacoli e le sue dichiarazioni.... Quindi non regge quello che dici e cioè che ha visto la possibilità di ottenere molti voti e ci si è fiondato... Sapeva esattamente che non lo avrebbero voluto.

E infatti ha pubblicato il rifiuto poco prima che fosse reso di dominio pubblico.

Grillo non è un cretino.

Io non sono un suo fan, cerco solo di vedere come si muovono i fatti... Che però vanno letti nel tempo, altrimenti non si capisce nulla.

Se quando leggi una dichiarazione di Berluscono ad esempio, non ti ricordi di quello che ha affermato 6 mesi prima, allora ha tutto senso, altrimenti ti rendi conto di dove sta l'inghippo.

Stessa storia qui... Se osservai le azioni e le dichiarazioni di Grillo nel tempo, questa appare come una provocazione, idea supportata tra le altre cose dal rifiuto ampiamente previsto e puntualmente verificato.

geranius
Inviato: 16/7/2009 13:17  Aggiornato: 16/7/2009 13:17
So tutto
Iscritto: 23/1/2008
Da:
Inviati: 4
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Concordo in buona parte con il punto di vista su Grillo che ha il dono di saper denunciare problemi taciuti dal media.
Ma haime.. è altrettanto vero che con la fama si è creato una parrocchia che a certi argomenti non vuole rispondere ne parlarne (vedi 11 Settembrem Signoraggio,Paolo Barnard, ecc..).

Si è creato un grandissimo seguito di persone che probabilmente gli faranno anche guadagnare un bel po di soldini comprando dvd, biglietti per spettacoli, ecc.. e di conseguenza se deve trattare argomento che potenzialmente potrebbero mettere in crisi il suo seguito o di fan e di entrate o argomenti che darebbero contro a persone importanti con le quali ha rapporti, non può permettersi il lusso di farlo (o meglio non è disposto a farlo) e cos' anche lui è costretto a chinare la testa a Dio della FAMA.

Personalmente ho trovato molto utile vedere i video di Paolo Barnard su youtube per ragionare sul Grillo.

Davide.


Cassandra
Inviato: 16/7/2009 13:20  Aggiornato: 16/7/2009 13:20
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/5/2006
Da:
Inviati: 1551
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
Quando però ho chiesto come mai uno che voglia “solo provocare” si agiti come un dannato per iscriversi davvero al partito,

Non mi pare si sia agitato come un dannato, tant'è vero che stamattina stava ancora in Sardegna a mangiarsi gli spaghetti allo scoglio. Ha solo fatto un sacco di casino, che è cosa molto diversa. Sapeva perfettamente che non l'avrebbero fatto iscrivere... è per questo che l'ha chiesto.

Citazione:
E’ avvenuto tutto nell’arco di poche settimane, l’anno scorso, quando lo scontento popolare sollevato da Grillo rischiava di raggiungere la famosa “massa critica” da cui non c’è più ritorno.

Qui ti condivido assolutamente, l'ho detto più volte anche a gente vicina a Grillo.

Citazione:
Denunciare gli inceneritori piuttosto che le centrali nucleari, inoltre, non vuol dire fare politica. La politica inizia dove finiscono le denunce di quel tipo, e si passa a cercare di risolvere i problemi.

Posso testimoniare con un certo margine di sicurezza che Grillo sta per offrire una soluzione importante a certi problemi. Scommettiamo che l'impegno generale sarà quello di dimostrare che è una stronzata? (E non lo è, ti assicuro...)

"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)
hi-speed
Inviato: 16/7/2009 13:25  Aggiornato: 16/7/2009 13:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/12/2004
Da: preda lunga
Inviati: 3211
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Io ho controllato le caratteristiche del segno zodiacale di Mazzucco.

Cosa Sta Succedendo? Madre, madre Ci sono troppi di voi che piangono Fratello, fratello, fratello Ci sono troppi di voi che stanno morendo Sai che dobbiamo trovare una maniera Per portare un pò di amore qui oggi
Redazione
Inviato: 16/7/2009 13:26  Aggiornato: 16/7/2009 13:31
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
VIPER: Anche se la sua fosse stata "solo una provocazione" (tesi che continuo a ritenere inconsistente), mi sembra che questo articolo sollevi ben altri problemi.

Visti proprio "nel tempo", come dici tu.

°°°

CASSANDRA: "Sapeva perfettamente che non l'avrebbero fatto iscrivere... è per questo che l'ha chiesto."

Nondum matura est, quindi. Come dicevo io. Se per caso lo avessero accettato, ci provava eccome. E se andava male poteva sempre dire che era solo una provocazione.

Dopodichè, quale sarebbe il risultato? Dove starebbe, la genialità di questa mossa? (Se non nel riuscire di far parlare un pò di se stesso, intendo dire).

Calvero
Inviato: 16/7/2009 13:29  Aggiornato: 16/7/2009 13:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/6/2007
Da: Fleed / Umon
Inviati: 13165
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
C'è troppa cattiva coscienza,direbbe Nietzsche, in questa ostinazione a non focalizzare il concetto che Mazzucco ha saputo interpretare. E sono contento di poter fare una parte del copia e incolla di quanto gia avevo risposto per il fatto che si dimostra che il concetto che Mazzucco tocca và al di là dei meriti che Grillo comunque ha e del fatto che la sua potrebbe, anche, essere una provocazione..

bene bene.. si sta profilando il peggio. Come se criticare Grillo adesso non potesse venire scisso, dal suo passato. ..Mi spiego. .. è noto, a chi sà leggere tra le righe della vicenda Grillo, come la sua evoluzione mediatica ha avuto molto di positivo. Molto di quello che lui ha detto e fatto è stato un insegnamento, ci mancherebbe. E per certi versi continuerà ancora ad esserlo. Ma quel che non si vuole mettere a fuoco è lo stesso problema che da tempo sta cercando di sollevare Barnard contro Travaglio. Anche Travaglio a messo a nudo il Re. Ma ecco che si torna, ancora, al solito gioco mistificatore. Ad un certo punto i Poteri Forti (e non Berlusconi e simili..) hanno messo le mani su questi "paladini" che dalla massa come tali vengono non visti, ma addirittura vissuti. Quindi, comprare personaggi come loro è la mossa più intelligente da farsi sulla scacchiera di questo gioco Orwelliano. Per parlare come si mangia loro potranno cagare fuori dal Vasino da lì a lì.. e non oltre.

Poiché i discorsi che qui si fanno - favorevoli o contrari che siano - non sono i discorsi dell'uomo medio; del gregge, di colui cioè che foraggia indirettamente lo Status Quo.


Così di fronte all'ennesima distrazione, prepariamoci al peggio del peggio. I poteri veri avevano capito (e Marcello Pamio come già ha sottolineato qualcuno, aveva intuito le manovre dei dietro le quinte di Grillo) che bisogna dare un'altra illusione anche a quelli che stanno tra il gregge e i veri personaggi scomodi - cioè la nuova fazione che bivacca nel mezzo: Grillo/Travaglio & Co... così da acquietare una fetta di nuovi e ingenui "antconformisti" in erba..

aggiungo che.. e ritengo che questi avvenimenti pseudo/politici debbano essere osservati da una prospettiva più ampia. Non si esagera a dire che il problema è contiguo alle esigenze internazionali.
Qui si tratta di un paese (l'Italia) che più degli altri ha perso, da tempo, la possibilità di identificare anche i nemici, oltre che gli "amici".. e Grillo è un tassello, qui, inevitabile e sfruttato per muovere l'opinione pubblica e illuderla comunque di cambiamenti in atto che in realtà non avvengono, non avverranno.. e andrà sempre peggio.

Grillo/Travaglio e company .. dicono, lo ripeto, e diranno sempre dalla A alla T.. fino alla Z non ci possono arrivare .. sono al guinzaglio anche loro

Che mandassero Mazzucco e Travaglio in politica
questa sarebbe una provocazione!!

Misti mi morr Z - 283 - Una volta creato il manicomio, la ragione l'ha sempre il direttore; che l'abbia o meno
PikeBishop
Inviato: 16/7/2009 13:37  Aggiornato: 16/7/2009 13:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
Siamo forse di fronte al classico caso in cui uno butta là un’offesa un pò forte, e poi sta a vedere che cosa succede?


Io ero stato un po' piu' forte di cosi', nell'apposito forum, comunque rende perfettamente l'idea.

Citazione:
E’ giusto criticare i politici che predicano in un modo e razzolano in un altro, come ha sempre fatto grillo, ma poi se quell’errore lo commette lui non solo lo si accetta, ma lo si giustifica pure. Lui, poverino, “è un outsider”.


Come ho gia' pure fatto notare, questo mi ricorda la carriera politica di un tale cantante da crociera che, poverino era "un'outsider" e lo ostacolavano per questo, i birboni. Sentiremo anche per Grillo the Mole la temibile frase "lasciatelo lavorare?

Citazione:
A questo punto è chiaro che l’idea di entrare nel PD sia stata una semplice furbata, da parte di uno che si è stufato di raccattare un voto alla volta, quando si è accorto che c’è a disposizione un “parco buoi” privo di leadership, che di voti ne offre interi milioni. Alto che “provocazione”.


Proprio cosi'.

E se non funzionasse - "che diamine, era solo una provocazione" - sarebbe comunque un danno ingentissimo per il PD (che per quanto me ne freghi potrebbe anche andare a farsi fottere all'istante senza che io sparga una lacrima), che gli sfonderebbe i cancelli e farebbe emigrare fette sostanziose di parco buoi verso lidi di amici che cantano nel coro dello stesso controller (quell'uomo pericolosissimo che parla di tutto, da Gurdjeff alla Tavola Rotonda).

Citazione:
Al di là delle sue reali intenzioni, in ogni caso, rimane il problema che Beppe Grillo non sarebbe comunque in grado di gestire una leadership di tipo politico, da qualunque parte gli venisse il mandato.


Nessun problema, lui fa lo sfondatore, poi arrivano i nostri, i probi eroi della prossima repubblica.

Citazione:
E assumersi le responsabilità di cittadino non significa certo usare la democrazia per mandare in parlamento comici, ladri o prostutite.


Teniamoci strettamente in tema e mandiamoci solo rapinatori...

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
abbidubbi
Inviato: 16/7/2009 13:43  Aggiornato: 16/7/2009 13:43
Mi sento vacillare
Iscritto: 31/8/2005
Da: roma
Inviati: 671
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
E assumersi le responsabilità di cittadino non significa certo usare la democrazia per mandare in parlamento comici, ladri o prostutite.


Quali responsabilità di cittadino devo assumere per usare la democrazia? Devo mettere crocette?

Anche Hitler salì al potere grazie alle democratiche crocette... così giusto per ricordare che nei vuoti di potere "l'uomo forte" affascina un sacco di gente.

Grillo. Sarebbe l'uomo forte? Bella forza! Io credo che quasi chiunque sarebbe moralmente ed eticamente più "forte" di quello stuolo d'inetti che chiamiamo ancora onorevoli. Ergo condivido il "situazionista" di non ricordo chi, ha affibbiato a Grillo qualche post addietro.

Chi mi sa indicare il politico italiano più ronpaulista? ....C'è?

Io sto mentendo. (Eubulide, V secolo a.C.)
cnj
Inviato: 16/7/2009 13:44  Aggiornato: 16/7/2009 13:45
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da: Romagna
Inviati: 795
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Topo Gigio Veltroni alla riscossa
Veltroni non è un uomo, è una disgrazia. Dopo aver termovalorizzato il PDmenoelle si è dedicato all'esperienza letteraria. Dice cose, vede persone, presenta libri importanti per la cultura del Paese. L'ultimo, della Fondazione Craxi, ha permesso a Topo Gigio di parlare dell'insigne statista e ladro Bottino Craxi davanti a degli ex socialisti. Ha usato parole adeguate per il Latitante di Hammamet: "innovatore", il politico che "meglio ha interpretato il cambiamento della società", più di Enrico Berlinguer che andò dagli operai a Mirafiori e "si immolò dimostrando di non aver colto appieno ciò che stava accadendo". Dicono che il PDmenoelle perda mille voti al giorno. I soliti modesti. Ogni parola di Veltroni ne vale almeno diecimila.

Questo articolo lo ha scritto oggi un "comico". Sarebbe dovuto essere scritto dalla direttrice dell'Unità. Se poi ci si accontenta dell'Unità, del Giornale o del Corriere....

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. Nikola Tesla
Redazione
Inviato: 16/7/2009 13:45  Aggiornato: 16/7/2009 13:46
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
abbidubbi: "Quali responsabilità di cittadino devo assumere per usare la democrazia? Devo mettere crocette?"

L'estatto opposto: devi pensarci molto bene, prima di farlo.

redna
Inviato: 16/7/2009 13:54  Aggiornato: 16/7/2009 13:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
aggiungo che.. e ritengo che questi avvenimenti pseudo/politici debbano essere osservati da una prospettiva più ampia. Non si esagera a dire che il problema è contiguo alle esigenze internazionali.


che in parole povere si potrebbe riassumere con: a Obama sta sulle palle SB.
Che tradotto ancora di più significa: tramiamo qualcosa per mandarlo via.
Ma il patto SB/vaticano prosegue indisturbato....

PS-il principio della medicina dice che un veleno combatte un altro veleno...in questo caso un comico potrebbe battere il comico al governo.
...non si sa mai...

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
mc
Inviato: 16/7/2009 14:03  Aggiornato: 16/7/2009 14:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
Dopodichè, quale sarebbe il risultato? Dove starebbe, la genialità di questa mossa? (Se non nel riuscire di far parlare un pò di se stesso, intendo dire).

Dire a quelli che ancora credono nel PD di risvegliarsi... e non e' poco.
Dire a quanti votino PD per andare contro il PDL che e' una cazzata, vista la natura del PD.
Dire a tutti quelli che condividono la Grillo-politica, ma che hanno votato PD "perche' non voglio disperdere il voto contro Berlusconi" che hanno fatto una gran cazzata visto che il PD avversa quasi completamente la Grillo-politica.
Dire a coloro che si considerano di sinistra in Italia come sia distante la sinistra da quella coalizione.


Io confermo la mia prima impressione sul tuo articolo:
e' prematuro ed immotivato.

Ed e' ridicolo liquidare questa posizione come frutto di "passivo leaderismo" italico.

mc

funky1
Inviato: 16/7/2009 14:04  Aggiornato: 16/7/2009 14:04
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/10/2008
Da:
Inviati: 708
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
MM: "Dopodichè, quale sarebbe il risultato? Dove starebbe, la genialità di questa mossa? (Se non nel riuscire di far parlare un pò di se stesso, intendo dire)."

Sta proprio in questo, nel far parlare di se stesso per qualche giorno da tutti i media nazionali. Un'esposizione mediatica corrispondente a quella di campagna pubblicitaria costosissima, però... gratis. E rafforzando in più la propria immagine di "anti-casta", quello che i politici non lo vogliono, quello che il partito democratico non è democratico perché non gli danno la tessera, quello che i partiti sono tutti uguali.

Beh, per uno che per vivere vende spettacoli non è male come risultato.

It's better to regret something you did than something you didn't do.
alsecret7
Inviato: 16/7/2009 14:06  Aggiornato: 16/7/2009 14:06
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/6/2007
Da:
Inviati: 561
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
questa volta sono io che non riesco a capire che cosa vuoi dire, anche le tue risposte caro massimo sono vaghe non dai concretezza, non chiarisci quello che ci vui dire. ti vuoi buttare dentro ma non ci vuoi stare, vuoi dire ma non dici, dai anche tu una bella risposta forte di quello che pensi e di quello che secondo te sia giusto fare, perche se no e aria fritta anche la tua non solo la nostra.

abbidubbi
Inviato: 16/7/2009 14:10  Aggiornato: 16/7/2009 14:10
Mi sento vacillare
Iscritto: 31/8/2005
Da: roma
Inviati: 671
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
L'ultima volta che ho messo crocette ero piccolo.

Non so quanto sia stato utile alla causa. Di certo ho considerato, finora, più dannoso metterle.

Di altrettanto certo c'è che non è cambiato nulla. Anzi.

Quindi?

Cosa deve fare il cittadino responsabile?

Shirannizziamo Ron Paul... emmekappaultriàmolo... "Vai a fare politica in Italia. Vai a fare politica in Italia. Vai a fare politica in Italia."...

Io sto mentendo. (Eubulide, V secolo a.C.)
santjago
Inviato: 16/7/2009 14:10  Aggiornato: 16/7/2009 14:10
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/7/2005
Da: Roma
Inviati: 67
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
questo è un commento da parte di un utente a questo articolo di Antonella Randazzo:

http://lanuovaenergia.blogspot.com/2009/07/il-club-dei-falsi-dissidenti.html

La Casaleggio Associati viene fondata il 22 Gennaio 2004 da Enrico Sassoon, Gianroberto Casaleggio, Luca Eleuteri, Davide Casaleggio e Mario Bucchich (I famosi "5 ragazzi" di cui spesso parla Grillo, che gli scrivono il blog, che gli preparano i testi dei suoi comizi-spettacoli -quelli gratis- e dei suoi spettacoli-comizi -quelli a pagamento).
Enrico Sassoon è stato per 26 anni nel gruppo Il Sole 24 Ore, è Direttore Responsabile della rivista Affari Internazionali, nel cui comitato di redazione troviamo: Tommaso Padoa Schioppa (Gruppo Bilderberg), Giuliano Amato, ex Ministro dell’Interno (ECFR), Innocenzo Cipolletta, Presidente di Ferrovie dello Stato; Domenico Fisichella, Ministro per i Beni Culturali ed Ambientali del governo Berlusconi, poi passato al centrosinistra; Enrico Letta, ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio; Antonio Maccanico, già Segretario Generale alla Presidenza della Repubblica con Sandro Pertini; Mario Monti, già Commissario Europeo, Presidente dell’Università Bocconi, (Bilderberg); Giorgio Napolitano, Presidente della Repubblica,; Fabrizio Saccomanni, Direttore Generale della Banca d’Italia; Sergio Siglienti, già Presidente della Banca Commerciale; Giuseppe Zadra, Direttore Generale Associazione Bancaria Italiana ABI.

Inoltre Sassoon è membro del Board of Directors dell’American Chamber of Commerce in Italia (abbreviato AmCham), insieme a Cesare Romiti.

Ma come? Grillo, che sputa fuoco e fiamme su Romiti e il Corriere della Sera, e si appoggia ad una società di marketing con un socio che siede ad un tavolo con Cesare Romiti???

La rivista Affari Internazionali è l'organo ufficiale dell'IAI (Istituto Affari Internazionali), distaccamento italiano del RIIA (Royal Institute of International Affairs). Secondo "Gerarchia dei Cospiratori" di John Coleman, il RIIA - praticamente una proprietà dei Rockefeller - è la "cupola" che decide agenda e composizione del Gruppo Bilderberg, della Commissione Trilaterale e del'CFR (con la sua sezione europea ECFR, dove siedono allegramente insieme e senza alcun pudore: Leoluca Orlando, n° 2 di Di Pietro, Gianfranco Fini, n° 2 del PDL e Massimo D'Alema).
Sopra il RIIA sta solo il Comitato dei 300.
Quindi il cerchio si chiude: al vertice della piramide ci stanno le potenti famiglie (Rockefeller, Rotschild & Co) che stanno sopra al RIIA, che sta sopra all'IAI, che sta sopra a Enrico Sasoon che sta sopra alla Casaleggio che sta sopra a Di Pietro e Grillo che sta sopra ai grillini...


ciao,
bz

La presunzione che ciò che esiste debba
necessariamente esistere,
è l'acido corrosivo
di ogni pensiero immaginativo.

Snowcrash Project
Heitz
Inviato: 16/7/2009 14:16  Aggiornato: 16/7/2009 14:16
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/11/2008
Da:
Inviati: 139
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
...E assumersi le responsabilità di cittadino non significa certo usare la democrazia per mandare in parlamento comici, ladri o prostutite...

Beh guarda se in Italia escludi comici, ladri e prostitute... chi rimane???

hi-speed
Inviato: 16/7/2009 14:19  Aggiornato: 16/7/2009 14:19
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/12/2004
Da: preda lunga
Inviati: 3211
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Come ce lo mandiamo al governo uno come Ron Paul? A spintoni o tirandolo per un orecchio?

Hi-speed

Cosa Sta Succedendo? Madre, madre Ci sono troppi di voi che piangono Fratello, fratello, fratello Ci sono troppi di voi che stanno morendo Sai che dobbiamo trovare una maniera Per portare un pò di amore qui oggi
PikeBishop
Inviato: 16/7/2009 14:25  Aggiornato: 16/7/2009 14:28
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
La Casaleggio Associati viene fondata il 22 Gennaio 2004 da Enrico Sassoon

Quando lessi questo intervento sul blog della Randazzo, giunto al cognome Sassoon gia' mi fischiavano le orecchie e mi tremavano i polsi.

I Sassoon fanno parte da tempo immemore del Gotha delle famiglie invischiate in ogni tipo di cospirazione, economica o politica. C'e' n'e' persino uno raffigurato ad Assisi fra i fondatori dell'Ordine Francescano, che, diversamente da quanto vuole la leggenda, aveva un potere politico ed economico paragonabile solo a quello dei Templari. Questi signori hanno SEMPRE successo, qualsiasi cosa decidano di fare, che siano banchieri, pubblicitari o parrucchieri per signora e conoscono dall'infanzia tutti quelli che devi conoscere se vuoi far parte dell'elite finanziaria mondiale.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
Santro
Inviato: 16/7/2009 14:27  Aggiornato: 16/7/2009 14:27
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/11/2005
Da:
Inviati: 748
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
e con questo, la noia è totale.

ETERNAL SALVATION
(or triple your money back)
figura
Inviato: 16/7/2009 14:33  Aggiornato: 16/7/2009 14:33
So tutto
Iscritto: 6/2/2008
Da:
Inviati: 22
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Sveglia Ragazzi,
Beppe è compromesso ormai.

Ha fatto il suo.

Prendete ciò che di buono ha detto qualche anno fa
e smettete di farvi le seghe mentali leggendo i suoi articoli triti e ri-triti.

Ormai dice sempre le stesse cose.

Mai un accenno sugli eventi internazionali.

Mai un accenno sulle cause.

Mai un nome vero.

Mai un cazzo. Insomma.

Sommato a quella che considero oltre che una "clamorosa incoerenza" anche una gigantesca "presa di culo" direi che posso anche togliere dai preferiti del browser il link del sito di Beppe.

Scusate se sono stato un po volgare e ho usato parole come "cazzo" e "culo",
conoscendo il target le ho messe apposta perchè so che fanno presa.

PikeBishop
Inviato: 16/7/2009 14:39  Aggiornato: 16/7/2009 14:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
ho usato parole come "cazzo" e "culo"


Aita, aita, provvedete a chiudere le tenere orecchiette della mia barboncina Virginia!!!!!

Non frequentero' piu' questo covo di cafoni, e dire che quelli di Chrono mi avevano avvertito!

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
Redazione
Inviato: 16/7/2009 14:49  Aggiornato: 16/7/2009 14:54
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
mc: "Dire a quelli che ancora credono nel PD di risvegliarsi... e non e' poco.
Dire a quanti votino PD per andare contro il PDL che e' una cazzata, vista la natura del PD.Dire a tutti quelli che condividono la Grillo-politica, ma che hanno votato PD "perche' non voglio disperdere il voto contro Berlusconi" che hanno fatto una gran cazzata visto che il PD avversa quasi completamente la Grillo-politica.Dire a coloro che si considerano di sinistra in Italia come sia distante la sinistra da quella coalizione."

Miii.... e tutto questo sarebbe contenuto nella famosa provocazione? (Forse sarà meglio spiegarlo ai destinatari, a questo punto )

°°°

FUNKY: "E rafforzando in più la propria immagine di "anti-casta",

Miiii... non sapevo che per apparire "anti-casta"ci si debba proporre alla guida di uno dei partiti della casta. (Questa sì' che è "provocazione" )

Heitz
Inviato: 16/7/2009 14:50  Aggiornato: 16/7/2009 14:50
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/11/2008
Da:
Inviati: 139
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Ormai dice sempre le stesse cose - ma la gente evidentemente non le capisce...

Mai un accenno sugli eventi internazionali - l'Italia sta a pezzi, non si e' sentita tanto la recessione perche' l'Italia e' sempre stata in recessione, il debito pubblico alle stelle, inflazione record, disoccupazione...

Mai un nome vero - ma che voul dire!!!!

Sveglia Ragazzi - basta co sta parola !!Sveglia!! - qui l'unico che dorme sei te..

figura
Inviato: 16/7/2009 14:52  Aggiornato: 16/7/2009 14:52
So tutto
Iscritto: 6/2/2008
Da:
Inviati: 22
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
PikeBishop:

Fare sarcasmo sul sarcasmo non fa ridere ;P

Redazione
Inviato: 16/7/2009 14:52  Aggiornato: 16/7/2009 14:53
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
HEITZ: "qui l'unico che dorme sei te.."


Calma, Heitz, cerchiamo di restare sulle generali.

Non credo che scannarsi fra di noi sia utile a nessuno.

florizel
Inviato: 16/7/2009 14:56  Aggiornato: 16/7/2009 14:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Pike
Citazione:
questo mi ricorda la carriera politica di un tale cantante da crociera che, poverino era "un'outsider" e lo ostacolavano per questo, i birboni. Sentiremo anche per Grillo the Mole la temibile frase "lasciatelo lavorare?

Hai fatto tombola!
Il ruolo di un'altra "forte figura carismatica" che si contrappone specularmente: quale migliore tattica per continuare a sputtanare Papisilvio, senza DOVER sputtanare il culto della personalità in sè?!

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
Ghilgamesh
Inviato: 16/7/2009 14:59  Aggiornato: 16/7/2009 14:59
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/10/2005
Da:
Inviati: 3001
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Anche io son stato chiamato in causa e sinceramente st'articolo me piace meno dell'altro.

Mi hai citato due volte, ma la semplice domanda che ti ho fatto è sparita.

Io volevo solo capire perchè, per te, Obama poteva cambiare qualcosa e Grillo no (poi si intuisce, ma non condivido la motivazione)

Ripeto, io non ci ho visto nulla di particolarmente incoerente, non voleva candidarsi, ma qualche milione di persone je lo chioede da tanto ed ha capito che se non entri in qualche struttura preesistente, non entri proprio ... che male c'è?

Di certo non si può dire che abbia tradito la fiducia di qualcuno, visto che tutti gli chiedevano un impegno "concreto".

E poi vuoi davvero convincerci che tra uno "poco coerente" e uno stragista, non ci sia differenza?


Fondamentalmente, la cosa che mi è spiaciuta di più è che qui, invece di parlare dei fatti, come i 5 punti della sua proposta, valutrare se siano realizzabili e fondamentalmente giusti ... si stia discutendo della persona.

Chiaramente Massimo, te fai e farai come te pare, ma nonostante Grillo non appoggi il movimento per l'11 settembre e derida le scie chimiche, se le sue proposte sono valide, da persona superiore quale ho sempre creduto tu sia ... mi sarei aspettato anche del supporto!

figura
Inviato: 16/7/2009 15:09  Aggiornato: 16/7/2009 15:09
So tutto
Iscritto: 6/2/2008
Da:
Inviati: 22
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Heitz,

Hai ragione.
Effettivamente ora che la rileggo non piace neanche a me la parola "sveglia ragazzi".

Quello che volevo dire è che solo se dormi non riesci a capire che l'informazione che sta facendo Beppe Grillo sia parziale, faziosa e controproducente.

Ormai tra le sue denunce e quelle che fa striscia la notizia non cè più differenza.

Redazione
Inviato: 16/7/2009 15:11  Aggiornato: 16/7/2009 15:15
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
GILGAMESH: "La semplice domanda che ti ho fatto è sparita. Io volevo solo capire perchè, per te, Obama poteva cambiare qualcosa e Grillo no"

Hai ragione, mi ero dimenticato di replicare, dopo averti chiesto di mostrarmi dove mai avessi espresso tutto questo entusiasmo per Obama.

L’ articolo che mi hai indicato però non contiene affatto quello che tu dici, anzi parla chiaramente di una “migliore lettura possibile” (del discorso inaugurale) come di quella peggiore possibile.

In ogni caso, trovo che una domanda del genere sia profondamente insensata, poichè presume tutta un serie di equivalenze che nella realtà non esistono affatto.

Citazione:
se le sue proposte sono valide, da persona superiore quale ho sempre creduto tu sia ... mi sarei aspettato anche del supporto!
E' proprio quello il problema, le sue proposte.

Non devi essere d'accordo, ovviamente, ma i miei motivi li ho spiegati a fondo.

°°°

Non sarà per caso che,molte persone leggono in Grillo quello che VORREBBERO che fosse?

osva
Inviato: 16/7/2009 15:14  Aggiornato: 16/7/2009 15:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/6/2009
Da: Milano
Inviati: 251
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
citazione
Ma quando mai Grillo avrebbe parlato di 11 settembre? Se anzi c’è un buco nero che più nero non si può, è proprio nel calendario di Beppe Grillo, dove dal 10 di settembre si passa direttamente al 12, come se l’undici non fosse mai esistito.

Hai detto tutto......

funky1
Inviato: 16/7/2009 15:15  Aggiornato: 16/7/2009 15:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/10/2008
Da:
Inviati: 708
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
MM: "Miiii... non sapevo che per apparire "anti-casta"ci si debba proporre alla guida di uno dei partiti della casta. (Questa sì' che è "provocazione")"

Messa così in effetti non ha molto senso. Diciamo che rafforza la figura di quello inviso alla casta.

Comunque ti faccio notare che non ho mai parlato di provocazione, ma di pubblicità gratuita.

Saluti!

It's better to regret something you did than something you didn't do.
Redazione
Inviato: 16/7/2009 15:16  Aggiornato: 16/7/2009 15:17
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
FUNKY: Ok, la cosa mi è chiara.

(il problema è che sono io che finisco per farmi odiare anche dai pochi che mi rispettavano, perchè non riesco a stare zitto di fronte a certe cazzate plateali).

Ghilgamesh
Inviato: 16/7/2009 15:18  Aggiornato: 16/7/2009 15:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/10/2005
Da:
Inviati: 3001
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Si si, avevo capito come la pensavi, non la vedo allo stesso modo, ma è un'idea e come tale la rispetto.

La cosa che mi auspico, è che prima o poi si trovi il tempo anche per discutere delle proposte di Grillo, della loro fattibilità, del "ma lo faranno fuori se propone questo?"

Che criticare Grillo a prescindere, contando che ci sono altri, GIA' PARLAMENTARI, che rubano corrompono e ordiano stragi, lo trovo ... boh, mettete voi una parola.

peonia
Inviato: 16/7/2009 15:25  Aggiornato: 16/7/2009 15:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
ABBIDUBBI

SITUAZIONISTA l'ha detto Cassandra, argutamente azzeccato

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
nosh1t
Inviato: 16/7/2009 15:27  Aggiornato: 16/7/2009 15:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/9/2008
Da:
Inviati: 143
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
"Questa è stata la chiave prevalente dei commenti al mio articolo di ieri su Grillo-Buffalo Bill. Per quanto siano stati tutti “buffetti affettuosi”, fatti senza la minima intenzione di offendere, devo dire che se io fossi un “pennarolo” alle prime armi avrei anche potuto pensare di suicidarmi."

cioe' ma dici davvero o e' un'iperbole?
ma poi che atteggiamento e': ti si muove in 100 una critica su una tua palese provocazione e poi ti chiudi a riccio in questa maniera qui? ma ti interessa sentire cosa pensa la gente oppure qui si fanno solo solitari esercizi di debunking? a me poi dispiace molto veder mischiare delle cose molto interressanti e ben sviluppate come gli argomenti sul famoso 11/9, Simoncini e correlati con questa risse-mediaset provocate tra l'altro da te stesso. Non entro piu' nel merito dell'argomento in quanto ho gia' scritto ieri e non ho altro d'aggiungere e perche' ormai la discussione e' talmente andata in vacca da non poterci piu' mettere le mani ma comunque non mi pare un bel servizio all'informazione chiara e obbiettiva.

peonia
Inviato: 16/7/2009 15:30  Aggiornato: 16/7/2009 15:30
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
i(il problema è che sono io che finisco per farmi odiare anche dai pochi che mi rispettavano, perchè non riesco a stare zitto di fronte a certe cazzate plateali).


Non temere Massimo, continueremo ad amarti, anche se per alcuni, stavolta avrai ... ci sara' stato....un misunderstanding...tutti almeno una volta toppano nella vita! Il tempo dira' chi....

baci baci

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Redazione
Inviato: 16/7/2009 15:39  Aggiornato: 16/7/2009 15:40
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Vorrei chiarire una cosa, prima di staccare per qualche ora.

Sono io il primo ad augurarmi di essermi sbagliato, su Grillo. Non ho assolutamente niente contro di lui (nonostante il suo deficit sul 9/11, che però capisco), e lo ritengo una persona in totale buona fede. (Manovrato o meno che sia, lo sarebbe comunque in modo inconsapevole).

E' semplicemente uno che non ha capito quali siano i suoi limiti, e quando eventualmente il cercare di oltrepassarli possa portare più danno che altro.

etrnlchild
Inviato: 16/7/2009 15:47  Aggiornato: 16/7/2009 15:47
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/10/2007
Da:
Inviati: 1200
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
A questo punto è chiaro che l’idea di entrare nel PD sia stata una semplice furbata, da parte di uno che si è stufato di raccattare un voto alla volta, quando si è accorto che c’è a disposizione un “parco buoi” privo di leadership, che di voti ne offre interi milioni. Alto che “provocazione”.


Sono confuso.
Ma perche' Grillo dovrebbe volere entrare in politica?
Piu' potere? Piu' soldi? Le sue attivita' stanno andando male? Ha fatto qualcosa per cui debba salvarsi le chiappe?
Mi pare che abbia una carriera ben avviata.

"Lo spirito del guerriero non conosce né il lasciarsi andare né il lagnarsi, né conosce il vincere o il perdere."
gioffi
Inviato: 16/7/2009 15:48  Aggiornato: 16/7/2009 15:48
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/8/2006
Da:
Inviati: 35
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Massimo, di tutte le citazioni prima della tua affermazione

"Ma allora lo volete davvero, figlioli, altro che provocazione!"

ho visto che ce ne sono due mie. Ma io ho detto che sono d'accordo con te sul fatto che non sia una provocazione (vai a rileggerti i miei commenti)


"Ma quando mai Grillo avrebbe parlato di 11 settembre?"

non ricordo quando ma so solo che ho conosciuto luogocomune attraverso il blog di grillo (forse da un commento di un utente?)


"A questo punto è chiaro che l’idea di entrare nel PD sia stata una semplice furbata, da parte di uno che si è stufato di raccattare un voto alla volta, quando si è accorto che c’è a disposizione un “parco buoi” privo di leadership, che di voti ne offre interi milioni. Alto che “provocazione”"

esattamente ciò che penso anche io. Ma non capisco cosa ci sia di male in questa "furbata",non è mica una cosa illegale ne tantomeno moralmente scorretta (parliamo di un partito che prende per il culo un sacco di gente solamente perchè ha molta visibilità e perchè campa di rendita), se ci fosse riuscito bene, altrimenti comunque ha potuto usare la SCUSA della provocazione. Per questo è un genio.


"Beppe Grillo non sarebbe comunque in grado di gestire una leadership di tipo politico, da qualunque parte gli venisse il mandato. Grillo è istintivo, irrazionale e testardo"

invece Berlusconi no? eppure mi pare che la sua leadership non sia messa in discussione da nessuno (purtroppo). Penso comunque che lo scopo non sarebbe stato la dirigenza del partito ma il fargli adottare le tematiche care a Grillo


"Finchè Grillo dice “governo ladro”, non può che raccogliere ovazioni e supporto, ma quando inizia a dire “vogliamo una legge che limiti a due legislature il mandato dei parlamentari”, apre la porta a chi risponde “E no, due mi sembrano poche, facciamo almeno tre” "

E allora? qualcuno gli dirà che è meglio tre. Magari discuteranno un pò e arriveranno a decidere che 3 legislature bastano e avremo una situazione migliore della attuale dove alcuni restano per 6 legislature a spese dei contribuenti. Questo si chiama dialogo e confrontarsi sulle proposte. Almeno il problema sarà stato posto e in parte risolto
Poi le proposte di Grillo mi sembrano tutte abbastanza fattibili, certo non è che vadano abbracciate in pieno, ma almeno prenderne spunto magari con qualche modifica


"Non sta a Grillo suggerire nuove leggi, devono farlo coloro che noi avremo eletto appositamente per quello"

se questa affermazione fosse vera la costituzione non prevederebbe la possibilità di presentare leggi popolari (ricordi le 350000 firme del v-day quando ne bastavano 50000?). Poi, certo, sappiamo tutti che nel mondo reale (italiano) sia le leggi popolari che i referendum (vedi nucleare) non contano una cippa.


"E assumersi le responsabilità di cittadino non significa certo usare la democrazia per mandare in parlamento comici, ladri o prostutite"

Massimo non sono esperto di fallacie, ma come si chiama quando si accomunano ladri e prostitute con comici? Forse l'aggregazione ladri, prostitute e fancazzisti della politica (gente che non ha fatto altro che chiacchiere nella vita a spese dello stato (veltronifassinodalema docet)) sarebbe più coerente

Saluti

P.S: scusate ma non so come si mettono le citazioni

and_zen
Inviato: 16/7/2009 15:58  Aggiornato: 16/7/2009 15:58
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/7/2006
Da: Venezia
Inviati: 45
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Io son d'accordo con Massimo: Grillo, Di Pietro, Travaglio sono fatti della stessa pasta (purtroppo), più che salvare il paese cercano il loro rendiconto personale. Come si può continuare ad attaccare gli ometti politici italiani al potere e non rendersi conto d cosa sta succedendo fuori dall'Italia. Noi siamo uno staterello coloniale ai margini dell'impero Angloamericano che può essere spazzato via in un batter d'occhi!

IL MATTINO HA L'ORO IN BOCCA.
mc
Inviato: 16/7/2009 16:04  Aggiornato: 16/7/2009 16:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
...nel progetto Grillo (blog, serate, dvd, movimenti, v-day, etc...) quello che indicavo ed altro e' scritto e spiegato tra le righe ed a volte esplicitamente indicato...

mc

Heitz
Inviato: 16/7/2009 16:04  Aggiornato: 16/7/2009 16:04
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/11/2008
Da:
Inviati: 139
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
..."Non sta a Grillo suggerire nuove leggi, devono farlo coloro che noi avremo eletto appositamente per quello"

ma perche'?? Ma chi lo ha detto???

e poi chi avremo eletto appositamente per quello???

Dice forse Grillo che bisognerebbe scegliere chi va in parlamento???

PikeBishop
Inviato: 16/7/2009 16:17  Aggiornato: 16/7/2009 16:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
Ma perche' Grillo dovrebbe volere entrare in politica? Piu' potere? Piu' soldi? Le sue attivita' stanno andando male? Ha fatto qualcosa per cui debba salvarsi le chiappe?

Perche' Control gli ha detto di fare cosi'. E con Control e' meglio non discutere, se no vedi che fine fa la carriera bene avviata.

Citazione:
Grillo, Di Pietro, Travaglio sono fatti della stessa pasta (purtroppo), più che salvare il paese cercano il loro rendiconto personale.

A questo punto non piu': fanno quel che gli viene detto di fare. E' il grande gioco e non scendi quando vuoi.

Citazione:
siamo uno staterello coloniale ai margini dell'impero Angloamericano che può essere spazzato via in un batter d'occhi!

Non proprio. Se no non ricorrerebbero a mezzi complicati come quelli che hanno adoperato da dopo la guerra in poi: non e' cosi' facile spazzare via qualcuno, vedi bene che debbono aspettare che Fidel muoia per spazzare via Cuba e per spazzare via la Jugoslavia hanno dovuto lavorare a lungo dopo la morte di Tito. Da voi se muore Andreotti...

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
Pecorella
Inviato: 16/7/2009 16:18  Aggiornato: 16/7/2009 18:35
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/11/2005
Da:
Inviati: 34
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Ma perche' Grillo dovrebbe volere entrare in politica? Piu' potere? Piu' soldi? Le sue attivita' stanno andando male? Ha fatto qualcosa per cui debba salvarsi le chiappe? Mi pare che abbia una carriera ben avviata.

Attenti che si diceva così anche di PAPI e poi si è scoperto (o meglio è venuto fuori....) che doveva salvarsi le chiappe...

hendrix
Inviato: 16/7/2009 16:19  Aggiornato: 16/7/2009 16:19
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
Ma quando mai Grillo avrebbe parlato di 11 settembre? Se anzi c’è un buco nero che più nero non si può, è proprio nel calendario di Beppe Grillo, dove dal 10 di settembre si passa direttamente al 12, come se l’undici non fosse mai esistito.

E' esatto perchè in effetti lui non ne ha mai parlato o scritto, ma ha "ospitato" una lettera di Giulietto Chiesa il 22 Maggio 2006.

a_mensa
Inviato: 16/7/2009 16:24  Aggiornato: 16/7/2009 16:41
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
@ redazione.
"nessuno è stato in grado di fornire una risposta soddisfacente. Anzi:"
su questo ti do ragione, abbiamo speso molte energie a cercare di ipotizzare il "perchè" della provocazione, ma non a parlare del "da cosa si deduce" che è una provocazione.
pertanto provo a risponderti provando a ipotizzare l'opposto al comportamento di grillo.
egli si reca buono buono , in silenzio in sezione, prende il modulo, lo compila, paga i 16 euro, e va a farsi una mangiata al ristorante.
poi tranquillo tranquillo se ne torna a casa dove attende l'invio della tessera.
questo NON sarebbe stato un comportamento provocatorio, ma il comportamento di una persona che avesse effettivamente desiderato iscriversi al partito, per poi eventualmente candidarsi alla carica di segretario.
ha fatto così ???
non mi pare. allora come fare a considerare la sua mossa una seria intenzione di iscriversi, per poi candidarsi quando sapeva, oltretutto già chiuso il termine per presentare le candidature ??
io credo che questo sia il succo del discorso, e, se poi vogliamo anche ipotizzare le ragioni per cui l'ha fatto, facciamolo pure ma non dimentichiamo che sono ipotesi, e, la migliore soluzione per capire le sue intenzioni sarebbe proprio il chiederle direttamente a lui, facendogli anche presente che, il suo comportamento, non è stato quello di chi volesse seriamente candidarsi alla carica di segretario.

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
etrnlchild
Inviato: 16/7/2009 16:55  Aggiornato: 16/7/2009 16:55
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/10/2007
Da:
Inviati: 1200
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
Perche' Control gli ha detto di fare cosi'. E con Control e' meglio non discutere, se no vedi che fine fa la carriera bene avviata.

Chi e' Control? Stiamo parlando di pressioni internazionali? O del preservativo?
Grillo e' un genovese... anche se si ritirasse dalle scene oggi per dispiacere a Control, immagino camperebbe tranquillamente senza troppo stress, secondo me. A meno che non sia minacciato di morte.


Citazione:
Attenti che si diceva così anche di PAPI e poi si è scoperto (o meglio è venuto fuori....) che doveva salvarsi le chiappe...

Ma di PAPI si sapeva da subito cosa volesse fare e perche' ed e' percio' che ho chiesto:
Grillo ha qualcosa di pendente? E' indebitato?

Sto solo cercando delle motivazioni razionali che giustifichino una sua reale volonta' di entrare in politica (col PD o con qualsiasi altro partito, idea che lui, stando a cio' che dice, ha sempre aborrito), cercando di superare la cortina fumogena simpatia/antipatia che si puo' avere per il personaggio.

Come al solito, "cui prodest?"

"Lo spirito del guerriero non conosce né il lasciarsi andare né il lagnarsi, né conosce il vincere o il perdere."
figura
Inviato: 16/7/2009 17:03  Aggiornato: 16/7/2009 17:03
So tutto
Iscritto: 6/2/2008
Da:
Inviati: 22
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Mensa:
Il tuo ragionamento non è giusto o meglio, sarebbe giusto per una persona normale.

Prova ad immaginarti se qualcuno avesse scoperto che Grillo si fosse isritto al PD di nascosto, nel frangente in cui aspettava la tessera.
Una volta sgamato avrebbe fatto una figuraccia difficilmente rimediabile e avrebbe avuto un calo di credibilità oltre ogni limite.

La verità è che lui non poteva fare diversamente di come ha fatto.
E cosi facendo ha salvato capra e cavoli.

E' proprio questo modo di fare di Grillo che mi fa capire che non è il profeta che lui dice di essere.

Alcuni dicono che è stato un grande perchè si è fatto pubblicità gratis.
Altri dicono che la sua è una tattica per intrufolarsi nel potere e portare la democrazia (lol).
Molti dicono che è solo una provocazione utile a smascherare il PD.

Tutto ciò può anche essere vero (oddio, bisogna essere parecchio ingenui per pensarlo),
ma il prezzo che ha pagato il Beppe è troppo alto e forse non se ne rendo conto neanche lui.

Lui di fatto si è "bruciato" la stima di gente come me.

Dopo tutte le menate sulla "democrazia dal basso" da un giorno all'altro per un po di pubblicità si butta a capofitto nel PD.

coerenza, coerenza, coerenza..

rekit
Inviato: 16/7/2009 17:30  Aggiornato: 16/7/2009 17:30
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
cit:
Miii.... e tutto questo sarebbe contenuto nella famosa provocazione? (Forse sarà meglio spiegarlo ai destinatari, a questo punto )
......................

o forse sei tu, Massimo, che non vuoi o non riesci a capirla.
Ed onestamente mi pare chiara e ovvia.

Poi ben vengano tutte le analisi su Grillo.......

figura
Inviato: 16/7/2009 17:39  Aggiornato: 16/7/2009 17:39
So tutto
Iscritto: 6/2/2008
Da:
Inviati: 22
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
La provocazione cè.
Ma non è rivolta ai politici o al PD.
E' rivolta a noi.
Vuol vedere fino a che punto può prenderci per il culo.

blu23
Inviato: 16/7/2009 17:54  Aggiornato: 16/7/2009 17:54
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/2/2009
Da:
Inviati: 585
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Le gente perde ancora tempo a farsi prendere per il culo da Grillo.... INCREDIBILE....

Ribellatevi al mondo corrotto di Babilonia, emancipate la vostra razza, riconquistate la vostra terra. (Bob Marley)
PikeBishop
Inviato: 16/7/2009 17:57  Aggiornato: 16/7/2009 17:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
Chi e' Control?


Quello che controlla tutti gli agenti di una particolare sezione dell'MI6.

Citazione:
anche se si ritirasse dalle scene oggi per dispiacere a Control, immagino camperebbe tranquillamente senza troppo stress, secondo me.

Non lasci il Grande gioco quando vuoi tu, ma solo quando non servi piu'. Farlo prima, specialmente se la tua carriera e' basata sul giocare al grande gioco, e' molto pericoloso.

Citazione:
Sto solo cercando delle motivazioni razionali che giustifichino una sua reale volonta'

La sua reale volonta' non esiste piu'. Ha abdicato dalla sua volonta' al tempo di Craxi. Come non esiste piu' quella di Ferrara, che e' costretto a lavorare per un controllore molto meno abile e raffinato. In confronto Fede e' un giornalista indipendente.

Citazione:
Come al solito, "cui prodest?"

Proprio cosi'. Un'analisi (non necessariamente corretta ma a grandi linee non dovrebbe essere troppo sbagliata) mi sembra di averla gia' fatta.
Questi giochi sono molto complicati, comunque. E' cosi' che il colonialismo fotte sempre gli indigeni.
Guardate Queimada per esempio. L'Italia e' ormai terreno di scontro tra servizi segreti di supposti alleati, come una qualsiasi Repubblica delle Banane.

PS
Chi ha fatto diventare la pagina delle dimensioni di un campo da tennis?

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
superava
Inviato: 16/7/2009 17:59  Aggiornato: 16/7/2009 17:59
Mi sento vacillare
Iscritto: 28/8/2008
Da: Riolo Terme
Inviati: 416
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Vedo che non hai citato a fondo il vero lavoro di Beppe Grillo. Non so dove tu abiti ora Massimo.. Sono convinto che tu non hai capito appieno quello che sta facendo
In italia si sono formate moltissime liste Civiche con o senza appoggio del Blog di Beppe. Beppe inoltre a fatto il giro di tutti i paesi e ha fatto comizi per queste Liste.

"C’è infine un aspetto da citare, che è forse il più importante di tutti: finchè staremo qui seduti a discutere “chi sia meglio” e “chi sia peggio”, invece di assumere ciascuno fino in fondo le proprie responsabilità di cittadino, non risolveremo mai i nostri problemi."

È vero. È quello che porta avanti proprio lui con queste liste. Cerchero' personalmente di candidarmi alle comunali del mio paese per portare avanti questi progetti della carta di Firenze e possibilmente di trovarne altri.

Spooky_max
Inviato: 16/7/2009 18:03  Aggiornato: 16/7/2009 18:03
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/9/2007
Da: vetrina
Inviati: 99
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Le primarie sono una buffonata colossale, una delle più grosse prese per il c**o della storia. Renzi è sindaco a Firenze perchè ha vinto le primarie PD grazie con i voti della destra.
Ma con quale logica si crea un sistema che permette al tuo avversario di scegliere il tuo leader di partito?
La candidatura di Grillo è' un colpo di genio! Non ho nulla in comune e non condivido niente di quel partito lì, ma se solo avessi avuto la popolarità di Grillo e di conseguenza una buona possibilità di giocarmela mi sarei candidato io stesso.
Si poteva candidare pure Emilio Fede o Vittorio Feltri per quanto mi riguarda. Sai quanti voti della destra avrebbero preso.
L'avrei votato pure io Fede alle primarie del PD. Quanto mi costa votare 1 euro? Per uno scherzo del genere questo ed altro.
Ma quel partito poi va a ramengo? Ah guarda sto già piangendo

Max "the spooky"

"The future is unwritten" John Graham Mellor
superava
Inviato: 16/7/2009 18:05  Aggiornato: 16/7/2009 18:05
Mi sento vacillare
Iscritto: 28/8/2008
Da: Riolo Terme
Inviati: 416
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Ahh dimenticavo..Intanto Beppe sta organizzando IL V-Day3 per raccogliere le firme contro le centrali nucleari. Sara' il 4 ottobre!

Redazione
Inviato: 16/7/2009 18:36  Aggiornato: 16/7/2009 18:36
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
PECORELLA: Non usare più il codice "code", perchè impedisce di andare accapo e allarga a dismisura la pagina.

Redazione
Inviato: 16/7/2009 18:47  Aggiornato: 16/7/2009 18:55
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
HENDRIX: "E' esatto perchè in effetti lui non ne ha mai parlato o scritto, ma ha "ospitato" una lettera di Giulietto Chiesa il 22 Maggio 2006."

Anche a me offri di ospitare un articolo sull'11 settembre, ma non è certo la stessa cosa.

Il motivo è molto chiaro: il "popolo" di Grillo lo avrebbe abbandonato en masse se avesse sposato apertamente la causa complottista.

Arrivai persino a scrivergli un pezzo comico (su Hanjour che cerca il Pentagono, alla guida del 757, nella nebbia di Washington) per dimostargli che miniera di materiale si sarebbe trovato per le mani, ma non ci fu niente da fare.

Come ho detto, non condivisi la sua scelta, ma in quel momento la capii.

°°°

SUPERAVA: "Vedo che non hai citato a fondo il vero lavoro di Beppe Grillo".

Non l'ho fatto perchò il mio non è un "processo alla carriera", nel quale, se vuoi essere obiettivo, devi prendere in considerazione tutte le cose importanti che uno ha fatto.

Io ho semplicemente criticato la sua mossa di volersi candidare - finta o vera che fosse - ma non voglio assolutamente togliergli nulla di quello di positivo che ha fatto.

Il fatto che sia bravo a raccogliere firme contro il nucleare (onore al merito, fra l'altro) non significa che vada bene come candidato politico. E viceversa, ovviamente.

Redazione
Inviato: 16/7/2009 18:57  Aggiornato: 16/7/2009 18:57
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
FIGURA: "La provocazione cè. Ma non è rivolta ai politici o al PD. E' rivolta a noi. Vuol vedere fino a che punto può prenderci per il culo.."

E dopo cosa fa? Scrive un libro?

redna
Inviato: 16/7/2009 19:07  Aggiornato: 16/7/2009 19:14
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
Ahh dimenticavo..Intanto Beppe sta organizzando IL V-Day3 per raccogliere le firme contro le centrali nucleari. Sara' il 4 ottobre!


ma non era stato fatto un referendum sul tema del nucleare nel quale era emerso che gli italiani NON lo volevano?
Pertanto raccogliere ulteriori firme contro le centrali nucleari e non 'ricordare' ciò che il referendum sanciva che senso ha?
Se il parlamente 'vorrebbe' ritornare al nucleare non sarebbe il caso di far notare a quelle personcine che il popolo è sovrano e non da prendere per il sedere una volta da uno e una volta da altro, una volta da un comico e un'altra dall'altro?

Anche perchè le centrali nucleari NESSUNA regione italiana le vuole e lo hanno già detto apertamente. Infatti hanno deciso di farle in siti militari e presidiate dai militari per cui Grillo o i grillini potrebbero pur trovar migliaia di firme ma, visto anche quello che hanno fatto del referendum, sarebbe solo tempo perso per convincere qualcuno che ha negli occhi gli 'euri' di un guadagno illecito.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Pyter
Inviato: 16/7/2009 19:42  Aggiornato: 16/7/2009 19:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
FIGURA:
"La provocazione cè. Ma non è rivolta ai politici o al PD. E' rivolta a noi. Vuol vedere fino a che punto può prenderci per il culo.."


Intendi "noi" come "noi grillini"?
No, perchè se prende qualcuno per il culo, solo i grillini possono essere.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
gio911
Inviato: 16/7/2009 19:53  Aggiornato: 16/7/2009 19:53
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/5/2006
Da: Gela
Inviati: 131
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
sull'essere coerente concordo con Massimo perchè Grillo aveva già detto: "ke nn sarebbe sceso in politica" e "ke devono andare avanti i giovani... io sono vecchio ormai". sull'11 settembre nn si è mai espresso e nemmeno Travaglio. poi una cosa è dirle le cose, un altra è metterle in pratica in politica. e poi Grillo nn ha le doti per stare alla lesdership di un partito, anke quando avrebbe bisogno di uno staff di uomini fidati. Cmq come ho detto ieri, staremo a vedere quello ke succederà, intanto la scossa la fatta sentire, e da come hanno risposto quelli del PD hanno proprio paura di lui... si vede ke nn cè un opposizione valida

dr_julius
Inviato: 16/7/2009 20:10  Aggiornato: 16/7/2009 20:11
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
a_mensa ha detto:Citazione:

io credo che questo sia il succo del discorso, e, se poi vogliamo anche ipotizzare le ragioni per cui l'ha fatto, facciamolo pure ma non dimentichiamo che sono ipotesi, e, la migliore soluzione per capire le sue intenzioni sarebbe proprio il chiederle direttamente a lui,


un certo giornalista (Gian Antonio Stella) lo ha fatto, glielo ha chiesto direttamente.
Non è che Grillo abbia VERAMENTE risposto più di tanto, comunque:
Citazione:
«Perché ci ho provato? Perché mi fa rabbia vederli così...». «Glielo dico io perché», irrompe ridendo la moglie: «Beppe era in spiaggia, si annoiava, pensava e ripensava. Era una domenica. A un certo punto fa: quasi quasi mi candido a segretario dei democratici... Così è andata». Lui ride


insomma secondo lui aveva rabbia per il loro "immobilismo burocratizzato", mentre secondo la moglie "si annoiava"

comunque l'intervista merita una lettura per intero (vedi il link sopra), se non altro per scoprire che si dichiara "non votista", quindi trova buona compagnia qui su LC (escluso il sottoscritto).

Comunque, come fu al V-Day, Grillo ha assaggiato anche stavolta per bene la reazione:
Citazione:
"Di questa sceneggiata la cosa che mi ha dato più fastidio è sentire che io sarei a capo di un movimento ostile."

e non esita a replicare
Citazione:
Il mio programma qual è? L'acqua pubblica, le energie rinnovabili, la mobilità, il Wi-Fi gratuito, la raccolta differenziata... Questa, per loro, è l'ostilità. Perché il loro programma sono le discariche, il cemento, l'acqua privatizzata, gli inceneritori che fanno venire il cancro...


dr_julius

Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
alfridus
Inviato: 16/7/2009 20:50  Aggiornato: 16/7/2009 21:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/4/2007
Da: Lugoj, Romania
Inviati: 120
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
@PikeBishop
"PS
Chi ha fatto diventare la pagina delle dimensioni di un campo da tennis?"
Ciao, PB;
è una cosa che capita anche a me, ogni tanto.
Credo che si tratti di una idiosincrasia tra il browser ed il sw del Forum.
Oggi mi sono loggato per far presente il fenomeno del quale ti lagni anche tu... e quando sono ritornato alla pagina, con il normale comando "Undo" del navigatore, come per magia, il campo da tennis si è ridotto alle dimensioni di un tavolo da ping-pong: miracoli della tecnica!?
Prova anche tu: chissà che non si riesca a trovare il bandolo della matassa! ;-D

P.S.- dopo averti risposto, ho letto una precisazione di MM a PECORELLA: non usare il codice code perché impedisce di andare a capo ed allarga a dismisura la pagina; forse sei più furbo di me, ed arrivi anche a spiegarmi che cavolo sia 'sto codice code

Ciao di nuovo,

doct.alfridus
--------------------------------------
...se il Padreterno ci ha creati a sua immagine e somiglianza... bhe', c'e' da rifletterci!

[ Andiamo sempre più giù, più giù... Qualcuno deve aver tirata la catena! ]
Garrett
Inviato: 16/7/2009 21:07  Aggiornato: 16/7/2009 21:07
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Massimo Mazzucco:
Conosco però bene il meccanismo che spesso porta a scegliere di criticare il messaggero invece di affrontare seriamente i contenuti del messaggio

Visto che continui a scrivere articoli contro Grillo anzichè discuterne le idee è evidente che tale meccanismo ti sia alquanto familiare..

florizel
Inviato: 16/7/2009 21:28  Aggiornato: 16/7/2009 21:30
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
figura
Citazione:
Lui di fatto si è "bruciato" la stima di gente come me.

E quanti ce ne sono, come te, che ritengono Grillo in contraddizione con la "democrazia dal basso" da lui tanto esaltata?

Sa benissimo di rivolgersi alla maggioranza dei suoi interlocutori, che non sono certo dei "sovversivi", cioè ad un "target" avvezzo alla logica istituzionale che, però, senza un leader al di fuori del coro (si fa per dire...) avrebbe sperperato il voto... e peggio ancora, si sarebbe chiesto se non è meglio così...

Chiedere la tessera del pd significa rendere visibile l'immobilismo della cosiddetta opposizione che attualmente riscuote ancora più voti dell'IdV...

Più coerente di così, non poteva essere.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
yarebon
Inviato: 16/7/2009 21:41  Aggiornato: 16/7/2009 21:41
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2366
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
è vero Beppe Grillo non parla mai di 11 settembre,però bisogna ricordare che ha ospitato nel suo blog l'articolo di chiesa sull'11 settembre e con quel gesto penso ha voluto dire "vorrei dire ma non posso", probabilmente ha paura di perdere la sua posizione di privilegio,c'è da dire che comunque quell'articolo avrà fatto interrogare molta gente...

Garrett
Inviato: 16/7/2009 21:58  Aggiornato: 16/7/2009 21:58
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
yarebon:
Beppe Grillo non parla mai di 11 settembre,però bisogna ricordare che ha ospitato nel suo blog l'articolo di chiesa sull'11 settembre e con quel gesto penso ha voluto dire "vorrei dire ma non posso", probabilmente ha paura di perdere la sua posizione di privilegio,c'è da dire che comunque quell'articolo avrà fatto interrogare molta gente...

Concordo.

Tanti anni or sono - comunque molto prima di quell'articolo - fu proprio grazie al blog di Grillo, ai suoi articoli ma anche ai commenti dei visitatori, che approfondii tematiche che avrebbero cambiato il mio modo di pensare negli anni a venire.

La notorietà del paladino dell'informazione che per Barnard è una minaccia TEORICA - "distruggere la società civile italiana" (la stessa che vota alle elezioni presumo) - è invece una possibilità CONCRETA di avvicinare la gente ad approfondire e discutere argomenti "estranei" al sistema.

Ancora oggi leggendo ogni tanto un post di Grillo, o un articolo di Travaglio (o addirittura il "malvagio" Blondet!), trovo notizie VERITIERE e spunti di riflessione INTERESSANTI che poi mi spingono ad approfondire l'argomento su altre fonti, giornalisti e investigatori spesso più bravi ma meno noti.

Tutto ciò non può essere un male.

MaxFico
Inviato: 16/7/2009 21:59  Aggiornato: 16/7/2009 21:59
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/6/2004
Da: Cupramontana
Inviati: 57
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Buonasera a tutti.
Premesso che non sono un fan di Beppe Grillo (non lo sono di nessuno, neanche di me stesso), pongo a tutti alcune semplici domande e riflessioni.
Grillo non vuole le centrali nucleari, guarda caso neanche io.
Non vuole pregiudicati in parlamento, cosa che condivido in pieno.
Idem per le due legislature, l'acqua pubblica, le energie rinnovabili, la raccolta differenziata etc.
Però secondo alcuni utenti del sito ciò non ha praticamente alcuna importanza. La cosa fondamentale è se ci sia dietro un qualche manovratore occulto, un fantomatico vertice della piramide del potere mondiale che lo manovrerebbe.
Da ciò cosa dovrebbe derivare, nei fatti concreti?
Ignorare le giuste e leggittime battaglie politiche sopra citate?
E con quali meravigliosi risultati? quelli che ci stà mostrando il governo farsa del nano?
Seguo la politica da ormai circa 30 anni, nei quali ho dato fiducia a diversi soggetti politici, dai radicali ai verdi, con i tristi risultati che oggi vediamo.
I cosidetti politici "seri" sono solo delle "prostitute della democrazia", pronte ad offrirsi al miglior offerente.
Non mi aspetto nulla di più da Grillo se non l'impegno a proseguire nelle sue sacrosante battaglie.
Quanto a quel verminaio umano denominato PD, credo che il suo giusto destino sia la sua totale estinzione politica.
P.S.
Avete notato la miseranda scopiazzatura da parte di Franceschini nel suo "programma" dei temi proposti da Beppe? Forse il suo candidarsi alle primarie non è stato poi così inutile.

il tragitto è sempre più interessante della meta
dr_julius
Inviato: 16/7/2009 22:32  Aggiornato: 16/7/2009 22:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Vedo che torna spesso il tema del "controllato", del "servo della piramide". E' un dubbio che avremo sempre per qualunque personaggio varchi la soglia della celebrità e dichiari di volersi impegnare in qualcosa di appena più serio di un pettegolezzo sportivo o "velinaro"...
Così ho paura che non andremo MAI da nessuna parte.
Per un capovolgimento dei poteri o per una vera rivoluzione ci vorrebbe una epidemia di consapevolezza che in Italia non vedo prossima ad arrivare. Lo stesso direi con il "non votismo": non si riesce a raggiungere una vera massa critica sufficiente a rendere il segnale abbastanza forte.

Però mi sovviene questa riflessione.

La strategia logica è quella del "attivismo politico quotidiano": parlare con tutti quelli che capitano a tiro e cercare di ri-attivare ragionamenti nelle menti pigre, in modo da iniziare a coinvolgere più persone in una vigile consapevolezza civile... insomma la strategia della propaganda per aprire gli occhi alle persone, per ri-iniettare lo spirito critico degli "itagliani". E' un po' quello che fanno o cercano di fare i grillini, più o meno efficacemente e spesso consapevolmente.
Ma anche lì, come in tutti i gruppi, ci sono "i partigiani", i "tifosi", gli "illusi" pronti a difendere il loro totem, di fronte a qualunque scivolone, o quasi e pretesto per i detrattori del movimento. E lo spettro del "Control".

Quindi c'è il rischio di scivolare sempre e comunque nel "culto della personalità". Epperò, ora riflettendoci bene, si potrebbe invece consapevolmente salire sul taxi di Grillo per spingere precisi programmi politici dentro l'agenda politica, come dice anche MaxFico, e poi.... di Grillo se entra o meno in politica.... beh chissenefrega, andremo eventualmente ad apprezzare i suoi spettacoli, ma l'importante è costringere una maggioranza parlamentare a seguire un minimo di contenuti programmatici condivisi anche dalla base. Fosse anche che la agenda politica la tenga in mano la Lega Nord+Centro+Sud!!! Insomma se a volte il fine giustifica i mezzi, spingere nella stessa direzione di una massa -anche se non tutta "consapevole"- può portare comunque ad un minimo di risultato!

I banchieri che governano il tutto.... e che ci vogliamo fare, di veramente concreto? Al massimo potremmo impoverirli un po' se diventiamo tutti noi miserrimi (eheh voglio vedere come ti rubano i soldi se non ne hai...)

Io vedo solo la possibilità dei piccoli passi, di riappropriarsi della cultura come strumento per riequilibrare un minimo di giustizia sociale. L'alternativa violenta è una strategia ancora più perdente...

Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
cct
Inviato: 16/7/2009 22:39  Aggiornato: 16/7/2009 22:39
Mi sento vacillare
Iscritto: 1/2/2006
Da: Lago Maggiore near Swiss
Inviati: 480
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
Autore: etrnlchild Inviato: 16/7/2009 15:47:57 Sono confuso. Ma perche' Grillo dovrebbe volere entrare in politica? Piu' potere? Piu' soldi? Le sue attivita' stanno andando male? Ha fatto qualcosa per cui debba salvarsi le chiappe? Mi pare che abbia una carriera ben avviata.


Uno dei miei clenti si chiama Nanni Svampa, i non piu' molto giovani forse si ricordano chi e' o i piu' giovani hanno avuto la fortuna di assistere a qualche suo cabaret recente, Nanni nonostante l'eta' e problemi seri alla salute non riesce a stare lontano dal palcoscenico, anche sua moglie mi dice sempre che il giorno che non si potra' piu' esibire in pubblico non riuscira' piu' a vivere.

Io mi ricordo ancora abbastanza bene la trasmissione che e' costata praticamente l'esilio in svizzera a Grillo, anche per Grillo il pubblico non e' mai sufficiente sopprattutto dopo un lungo semi-digiuno.

Io ripropongo Ilona Staller in arte Cicciolina per lo meno fa alzare i membri della Camera.

"chentu concasa, dughentos corros"
dr_julius
Inviato: 16/7/2009 22:43  Aggiornato: 16/7/2009 22:43
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
Io ripropongo Ilona Staller in arte Cicciolina per lo meno fa alzare i membri della Camera.


... arrivi tardi...
guarda che la ex-onorevole oggi ha quasi 60 anni!!! (appena 10-15 meno di Silvio Berlusconi)


Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
Lezik85
Inviato: 16/7/2009 22:47  Aggiornato: 16/7/2009 22:47
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
Io ripropongo Ilona Staller in arte Cicciolina per lo meno fa alzare i membri della Camera.


Per quello c'è già la Carfagna

cct
Inviato: 16/7/2009 22:51  Aggiornato: 16/7/2009 23:06
Mi sento vacillare
Iscritto: 1/2/2006
Da: Lago Maggiore near Swiss
Inviati: 480
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
Autore: dr_julius Inviato: 16/7/2009 22:43:04 Citazione: Io ripropongo Ilona Staller in arte Cicciolina per lo meno fa alzare i membri della Camera. ... arrivi tardi... guarda che la ex-onorevole oggi ha quasi 60 anni!!! (appena 10-15 meno di Silvio Berlusconi)


Si vede che sto' invecchiando, me la ricordo ancora quando faceva l'addomesticatrice di serpentelli .

Come mi ricordo Grillo che diceva e si comportava esattamente come adesso ... solo che ai tempi ridevamo sapendo che era un comico, adesso piango nel pensare che non c'e' niente di meglio di un comico che vuol fare politica e i politici che invece fanno le comiche.

"chentu concasa, dughentos corros"
etrnlchild
Inviato: 16/7/2009 22:56  Aggiornato: 16/7/2009 22:56
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/10/2007
Da:
Inviati: 1200
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
Non lasci il Grande gioco quando vuoi tu, ma solo quando non servi piu'. Farlo prima, specialmente se la tua carriera e' basata sul giocare al grande gioco, e' molto pericoloso.


Beh se questa e' l'analisi devo averlo sottovalutato di brutto. Ma se anche fosse, pensate che gli sforzi di questi grandi giocatori e gatekeepers portino tutti a conseguenze prevedibili?
Su questo ho seri dubbi.
Anche Internet era stata creata per tutt'altri scopi e guarda dove siamo arrivati...ci sono cose che una volta innescate chissa' cosa possono portare.

Quello che Grillo fa o dice, se lo fa per proprio tornaconto personale o perche' obbedisce a piu' "grandi" disegni, per come la vedo io, ha poca importanza, cosi' come pure la sua presunta coerenza o non coerenza.
Poiche' nessuno di noi ha gli elementi concreti per poter affermare una cosa o l'altra.

Quello che conta e' quello che genera, cosi' come questo sito o il pensiero di chiunque, e cioe' una auspicabile maggior consapevolezza a livello di singolo individuo.
Fare il processo alle intenzioni lo trovo ormai una inutile perdita di tempo.

Grillo viene imbeccato su cosa deve dire e cosa no?
Non parla di 9/11? Di signoraggio? (Eppure in passato ne parlo'), di scie chimiche? E per questo e' un gatekeeper per il grande burattinaio?
E il suo tentativo di iscrizione al PD entrerebbe in questo quadretto?
Facciamoci un film subito che sbanchiamo piu' di Matrix.

"Lo spirito del guerriero non conosce né il lasciarsi andare né il lagnarsi, né conosce il vincere o il perdere."
Garrett
Inviato: 16/7/2009 22:56  Aggiornato: 16/7/2009 22:56
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Per quello c'è già la Carfagna

Addrizza fave in parlamento c'è n'è finchè si vuole:
quel che manca oggi, e che la Staller aveva, sono le IDEE.

Taniello
Inviato: 16/7/2009 23:06  Aggiornato: 16/7/2009 23:06
So tutto
Iscritto: 1/9/2008
Da:
Inviati: 25
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
A me Grillo non piace: sa criticare efficaciemente e riesce anche ad essere divertente, ma io sono tra quelli che non ha gradito la sua "provocazione". Scrivo da una città dove un "incontro" tra correnti del PD è finito a pugni perché la corrente della mia città non voleva che si esprimesse la corrente dell'odiato avversario... Allora io da tutto questo (e da molto altro) vedo Grillo come uno dei tanti poveri cristi che vorrebbe tanto fare qualcosa contro questi squali da "apparato" (altro termine assai usato) ma non è squalo come loro. Con le critiche feroci (in questo Grillo è bravo), con idee intelligenti (qui è forse un pochino meno furbo) non si sconfigge un SISTEMA che da un partito all'altro cambia in maniera impercettibile. Io resto convinto che il problema di fondo sia la scarsa sensibilità democratica e la gigantesca ipocrisia del nostro Paese. Ci hanno messo insieme e ci hanno organizzati come meglio si poteva, ma i Territori sono centrifughi e l'interesse comune non esiste, né in Chiesa, figurarsi in politica.

Kingu
Inviato: 16/7/2009 23:07  Aggiornato: 16/7/2009 23:07
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/11/2008
Da: Treblinka
Inviati: 302
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
volevo semplicemente dire che è un peccato sentirvi criticare a vicenda. mi spiego:

Barnard critica Grillo e Travaglio, Mazzucco critica Grillo, Travaglio non puo parlare male di Grillo perchè lo ospita ma non apprezza Barnard. ognuno di voi scrive un bel articolo contro l'altro e il padrone marcia tranquillo. ma se ognuno di voi continuasse a scrivere articoli di denuncia ai veri poteri forti, a continuare a sensibilizzare le troppe persone che non sono al corrente di molti fatti , non sarebbe meglio? Grillo, Travaglio,Mazzucco ,Barnard etc avete avuto il pregio di informare chi non era a conoscenza di certe cose. credo sia il caso di riprendere la strada. mi sembrano delle polemiche che non porteranno a niente. la paura piu grande è che mentre ci s'impantana in questi dibattiti la gentaglia al governo marcia. forse Calderoli (mi dispiace tantissimo dirlo) aveva ragione di quelli che scuotono l'albero e loro poi vanno a raccogliere i frutti.

PikeBishop
Inviato: 16/7/2009 23:20  Aggiornato: 16/7/2009 23:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
Uno dei miei clenti si chiama Nanni Svampa, i non piu' molto giovani forse si ricordano chi e'

UN MITO!!!!!!!

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
PikeBishop
Inviato: 16/7/2009 23:28  Aggiornato: 16/7/2009 23:28
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
guarda che la ex-onorevole oggi ha quasi 60 anni!!!

Gallina vecchia fa buon brodo.

Sicuramente piu' piacevole della Carfregna, ci passerei una serata senza esitazione, se ne avessi l'opportunita' (la cena senza dopocena, cosa avete capito, perversi!).

Sara' mai perche' anch'io non sono piu' tanto giovane? Ricordo ancora le spassosissime telefonate che ci siamo scambiati quando eravamo entrambi conduttori radiofonici di radio pirata in citta' diverse: io brufoloso sfigato che conducevo una trasmissione musicale, lei gia' esperta e saggia, ma veramente simpatica, disponibile e cordiale...

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
PikeBishop
Inviato: 16/7/2009 23:35  Aggiornato: 16/7/2009 23:35
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
Ma se anche fosse, pensate che gli sforzi di questi grandi giocatori e gatekeepers portino tutti a conseguenze prevedibili?


Non sempre. Ma quando puntano su persone, prendono tutte le precauzioni del caso. Il fatto e' che non possono calcolare le reazioni di altre persone, quelle che non fanno parte del libro paga. Sta a noi mandargli i giochi per aria.
Come? Non credendo alle loro storielle ed esercitando una sana avversione per qualsiasi personalita' impostaci.

Ma credere di poter sfruttare le personalita' che ci passano e' perlomeno naive: loro li hanno in pugno, non noi. Possiamo anche andare agli spettacoli di Grillo, ridere, riflettere, ma poi la cosa si ferma li': non siamo noi che possiamo sfruttare lui, ma lui che puo' sfruttare noi, se gliene lasciamo la possibilita'.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
PikeBishop
Inviato: 16/7/2009 23:38  Aggiornato: 16/7/2009 23:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
Grillo, Travaglio,Mazzucco ,Barnard etc

Ai miei tempi c'era uno slogan ai cortei:

Gramsci, Togliatti, Longo e Berlinguer: che cosa c'entra il primo con gli altri tre?

Cosa c'entra Massimo con Grillo, Travaglio e Barnard?

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
dr_julius
Inviato: 16/7/2009 23:38  Aggiornato: 16/7/2009 23:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Pike devi promettere che un giorno apri un thread sulle tue avventure giovanili ai tempi delle radio pirata!!!

(poi magari MM ci fà pure un bel film!!)


Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
PikeBishop
Inviato: 16/7/2009 23:44  Aggiornato: 16/7/2009 23:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
avventure giovanili ai tempi delle radio pirata!!!


Meglio di no, come dovrebbe intitolarlo "Le avventure dello sfigato brufoloso"?

E poi non vorrei risvegliare ricordi nei funzionari della Digos....

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
cnj
Inviato: 16/7/2009 23:54  Aggiornato: 16/7/2009 23:54
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da: Romagna
Inviati: 795
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Di signoraggio Beppe Grillo ne ha parlato spesso.
Conosce fin troppo bene il Professor Giacinto Auriti.

http://www.youtube.com/watch?v=jaglFd7D56I
http://www.youtube.com/watch?v=CJJ9rzReXso
Criticatelo per altre cose.

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. Nikola Tesla
cct
Inviato: 16/7/2009 23:58  Aggiornato: 16/7/2009 23:59
Mi sento vacillare
Iscritto: 1/2/2006
Da: Lago Maggiore near Swiss
Inviati: 480
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
PikeBishop Citazione:
Gallina vecchia fa buon brodo.


Io la incontrai nei suoi anni d'oro a Varese in pieno inverno vestita solo con slip bianchi e un tulle, nonostante ero con una mia ex l'autografo fu obbligatorio oltre le discussioni successive ....

Tornando in discussione, come mi sembra dire anche da PikeBishop:

Attenzione giovani, passare da un ex animatore a un comico dove ci puo' portare?

E ancora possibile visto i tempi e i fatti reali di vita odierna pensare e' meglio scegliere il minor dei mali?

...

"chentu concasa, dughentos corros"
PikeBishop
Inviato: 17/7/2009 0:05  Aggiornato: 17/7/2009 0:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
come mi sembra dire anche da PikeBishop:

E non ti sbagli. Il male minore e' quello che alla lunga ti fotte del tutto.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
cnj
Inviato: 17/7/2009 0:14  Aggiornato: 17/7/2009 0:14
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da: Romagna
Inviati: 795
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
è vero Beppe Grillo non parla mai di 11 settembre,però bisogna ricordare che ha ospitato nel suo blog l'articolo di chiesa sull'11 settembre e con quel gesto penso ha voluto dire "vorrei dire ma non posso", probabilmente ha paura di perdere la sua posizione di privilegio,c'è da dire che comunque quell'articolo avrà fatto interrogare molta gente...


Beppe Grillo fa tante cose. Alcune gli riescono bene altre meno. Soprattutto non fa nulla per caso. L'articolo di Chiesa non l'ha messo per caso. Io sono dell'idea che Beppe Grillo combatte la sua "battaglia" principale per uno scopo. Quello di risvegliare la politica italiana. E vorrebbe dare un impulso a tutte le energie verdi che ci sono, che sono tante e non utilizzate. E' per questo che si circonda di esperti che lo consogliano in quel senso. Se dovesse aprire un dibattitto sull'11 settembre la sua principale battaglia si sarebbe andata a far friggere. Non credo che lo abbia fatto per paura. Forse per opportunità. E se la sua opportunità si rivela essere un genuino tentativo empirico-contadinesco di sovvertire l'ordine delle cose nella politica italiana a me sta bene. Per l'11 settembre c'è già Massimo e se non vi basta andate da Attivissimo

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. Nikola Tesla
cct
Inviato: 17/7/2009 0:26  Aggiornato: 17/7/2009 0:26
Mi sento vacillare
Iscritto: 1/2/2006
Da: Lago Maggiore near Swiss
Inviati: 480
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
Beppe Grillo fa tante cose. Alcune gli riescono bene altre meno. Soprattutto non fa nulla per caso. L'articolo di Chiesa non l'ha messo per caso. Io sono dell'idea che Beppe Grillo combatte la sua "battaglia" principale per uno scopo. Quello di risvegliare la politica italiana.


ATTENZIONE mi ripeto:

Grillo fa quello che sa fare e ha sempre fatto ... il comico, e la maggior parte dei comici che fa'?
Per far ridere e avere maggior pubblico critica i politici, questo lo fanno la maggior parte dei comici in tutto il mondo.
Non metto in dubbio che abbia presentato dei punti politici da raggiungere ... ma mi sembra si sia dimenticato come raggiungerli ...

"chentu concasa, dughentos corros"
etrnlchild
Inviato: 17/7/2009 0:34  Aggiornato: 17/7/2009 0:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/10/2007
Da:
Inviati: 1200
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
Non credendo alle loro storielle ed esercitando una sana avversione per qualsiasi personalita' impostaci.

Come non essere d'accordo.
Ma perche' buttare il bambino con l'acqua sporca?
Si condividono i programmi e le idee? Non sono quelle che contano? La coerenza andrebbe misurata sul fatto che queste vengano rispettate o meno.

Onestamente cambierei il titolo del topic in "E allora parliamo delle idee di Grillo"

Oppure se siamo nella fase del "tanto c'e' il grande gioco in atto" che ci preoccupiamo a fare delle nuove centrali nucleari o degli inceneritori? Che se uno crepa di cancro per queste o per le scie chimiche che differenza fa?
Se Grillo cominciasse a battere sul 9/11, sul NWO, cosa otterrebbe? La gente si sveglierebbe tutta d'un tratto? E come incanto la situazione cambierebbe? Non lo fa perche' la gente lo prenderebbe per pazzo e non andrebbe piu' ai suoi spettacoli?
Alla massaia gli frega di piu' che il suo orto non venga contaminato dalle radiazioni della vicina centrale nucleare o che Bush, Neocon e compagni vengano processati per alto tradimento? E scoppi lo scandalo internazionale? Tutti forconi in mano ad assaltare i palazzi del potere?
E' capace che se alla massaia gli chiedi del 9/11i ti risponde "Ma certo che se lo sono fatti da soli, solo che io voglio l'insalata pulita..."

"Lo spirito del guerriero non conosce né il lasciarsi andare né il lagnarsi, né conosce il vincere o il perdere."
PikeBishop
Inviato: 17/7/2009 0:36  Aggiornato: 17/7/2009 0:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
Ma perche' buttare il bambino con l'acqua sporca?

Perche' non c'e' nessun bambino, solo il suo simulacro: un pupazzetto.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
ELFLACO
Inviato: 17/7/2009 0:41  Aggiornato: 17/7/2009 0:42
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Salve Ragas.
Minchia quanti post!!

Cmq secondo me Il primo post di Viper credo riassuma un pò tutto.

Citazione:
Grillo è sempre stato perfettamente consapevole di come è stato considerato un nemico anche della sinistra, vedasi i suoi spettacoli e le sue dichiarazioni.... Quindi non regge quello che dici e cioè che ha visto la possibilità di ottenere molti voti e ci si è fiondato... Sapeva esattamente che non lo avrebbero voluto. E infatti ha pubblicato il rifiuto poco prima che fosse reso di dominio pubblico.

Grillo non è un cretino.


Citazione:
Se osservai le azioni e le dichiarazioni di Grillo nel tempo, questa appare come una provocazione, idea supportata tra le altre cose dal rifiuto ampiamente previsto e puntualmente verificato.




PS: ricordiamocelo sempre Grillo non è e non sarà mai un politico

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
etrnlchild
Inviato: 17/7/2009 0:51  Aggiornato: 17/7/2009 0:51
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/10/2007
Da:
Inviati: 1200
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
Non metto in dubbio che abbia presentato dei punti politici da raggiungere ... ma mi sembra si sia dimenticato come raggiungerli ...

C'e' una legge popolare in parlamento che attende di essere presa in considerazione, anche questo e' un finto tentativo? Un ben programmato depistaggio da buon gatekeeper? Naturalmente il dare della "zoccola" ad alcune esponenti e' una battuta ben studiata per sfiatare i bollenti spiriti degli italiani incazzati, che, appagati da cotanto gesto, finalmente possono dormire un'altra settimana in pace, essendosi in quel momento immedesimati, da buoni tifosi, nel grillo torero.

Mah...mi viene in mente la barzelletta di quello che non riusciva ad avere un rotolo di cartaigienica da un commesso curioso e rompicoglioni che gli chiedeva cosa dovesse farci, nonostante gli avesse portato la tazza del cesso e fatto vedere il culo...

"Lo spirito del guerriero non conosce né il lasciarsi andare né il lagnarsi, né conosce il vincere o il perdere."
Kingu
Inviato: 17/7/2009 0:51  Aggiornato: 17/7/2009 0:51
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/11/2008
Da: Treblinka
Inviati: 302
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
Cosa c'entra Massimo con Grillo, Travaglio e Barnard?


beh fino a prova contraria hanno il pregio di parlare e di discutere di cose che fino a qualche anno fa conoscevano in pochi e ci si dimentica che la popolazione italica non è cosi informata e ci sarebbe da lavorare ancora tanto. per quello mi dispiace quando nascono degli scontri.

etrnlchild
Inviato: 17/7/2009 0:54  Aggiornato: 17/7/2009 0:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 1/10/2007
Da:
Inviati: 1200
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
Perche' non c'e' nessun bambino, solo il suo simulacro: un pupazzetto.

Scusa ma in questa metafora il bambino rappresenta le idee, Grillo semmai e' l'acqua sporca.

"Lo spirito del guerriero non conosce né il lasciarsi andare né il lagnarsi, né conosce il vincere o il perdere."
Redazione
Inviato: 17/7/2009 1:02  Aggiornato: 17/7/2009 1:04
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
DR JULIUS: "Pike devi promettere che un giorno apri un thread sulle tue avventure giovanili ai tempi delle radio pirata!!! (poi magari MM ci fà pure un bel film!!)"

Ci fu un momento in cui stavo per fare un film sulla vita di Ilona Staller. L’idea naturalmente era che attraverso la sua vicenda usciva uno spaccato dell’Italia molto interessante. Forse è per quel motivo che alla fine i produttori si tirarono indietro.


***

GARRETT: “Visto che continui a scrivere articoli contro Grillo anzichè discuterne le idee è evidente che tale meccanismo ti sia alquanto familiare..”

Veramente io la mia critica a Grillo l’ho sempre argomentata. Forse sei tu che leggi i miei articoli troppo in fretta.

Se invece per “discuterne le idee” parli del nucleare piuttosto che dell’acqua potabile, allora sono proposte talmente necessarie che non vedo cosa ci sia da discutere. Ma QUELLE io non le ho mai mai criticate. Mentre l’averle elencate non le rende automaticamente un GESTO POLITICO. Come ho già detto più volte, la vera politica INIZIA dove finisce la lista delle esigenze.

***

PIKEBISHOP: “Cosa c'entra Massimo con Grillo, Travaglio e Barnard?”

Per fortuna non ho dovuto dirlo io. Grazie Pike.

epicureo99
Inviato: 17/7/2009 1:13  Aggiornato: 17/7/2009 1:13
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/1/2005
Da: Bonastre
Inviati: 150
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Io onestamente non riesco a capire perchè tanto astio verso Grillo....

Più di una volta qui si è parlato di discutere le idee e non le persone che le pronuncino e gli si da addosso perchè è incoerente, manipolato, monologhista ecc.


Lo si crocefigge perchè non affronta temi più importanti come 11 settembre, scie chimiche, macrocospirazioni ecc....

Quasi tutti voi, per lo meno quelli che frequentano il sito da tempo si saranno trovati ad affrontare questi argomenti con i propri conoscenti e chiunque lo abbia fatto sa quanto è difficile, parlando a quattr'occhi, far capir loro la "nostra" visione della cosa (per nostra intendo dire quella alternativa alla ufficiale). Quanto ci metterebbero i media ufficiali a mettere in croce Grillo, o Travaglio, o qualsiasi personaggio pubblico che andasse sventolando queste versioni? Se Grillo aprisse l'argomento 11/9 sarebbe morto in 5 minuti.....Credo che le cose vadano fatte gradualmente e la coscienza collettiva è prondamente addormentata e non pronta per shock del genere. Vi immaginate parlare dei Bildeberg, commissioni trilaterali, spiegare i collegamenti tra le famiglie potenti durante porta a porta o programmi simili? chi li starebbe a sentire? si farebbe solo la figura dei pazzi.
Ora Grillo secondo me, non so perchè.....forse per noia, forse per tirare su qualche soldo in più, forse pre altri motivi ha deciso di portare avanti una battaglia e dare una scossa alla politica italiana partendo da punti più comprensibili dalla gente: ridare un decoro al parlamento e sviluppo dei temi ambientali. Unire altre crociate a queste potrebbe diventare solo controproducente, perdere pecore distratte per la strada e non arrivare a quella massa critica che potrebbe invece rappresentare un inizio per un cambiamento.
Credo che sia anche per questo che ormai effettivamente molti dei suoi articoli sono ripetitivi e stanno effettivamente assumendo i toni di una propaganda; sta puntando quasi tutto su questi temi.


Molti dicono lo tacciano di incoerenza perchè aveva promesso di non candidarsi.....Io ancora non la vedo così perchè si sarebbe candidato alla presidenza di un partito che non porta ufficialmente a una candidatura alle politiche.......


In sono uno di quelli che vedeva in questo una mossa eccezionale (ho usato l'imperfetto)

Per me non era provocazione la sua ma uno scendere in campo vero e proprio.
Se lo avessero lasciato fare avrebbe sicuramente vinto (per come la vedo io) con conseguente uso da parte sua di una rete sul territorio già attica che gli avrebbe risparmiato un sacco di lavoro e un logo che avrebbe cmq portato qualche voto in più degli affezzionati e degli anziani che votano solo per disegno (e ce ne sono tantissimi!!!!!)
Avrebbe portato anche all conseguente scissione con fuga dell'attuale corte che mai si sarebbe prestata a rimanere con un capo di partito come lui.
Sapendo naturalmente che dal PD avremmo impedito o cercato di impedire la sua candidatura in tutti i modi, mettendo a nudo la poca democraticità del partito per poi proponere (ora non sono molto più sicuro) un proprio partito a livello nazionale e portando via comunque sia svariati voti da quei votanti PD a cui piace Grillo o a cui non fosse piaciuta la non democraticità che gli proibisce la candidatura.

Insomma win win per Beppe e lose lose per il PD
(l'unica ipotesi contraria è che lo avessero lasciato candidare e avesse perso.....così sarebbe sepolto e avrebbe ridato vita al PD dei soliti noti.....ma quest'ipotesi a mio dire sarebbe molto improbabile)

Ma! Perchè c'è un ma! C'è un perchè non sono sicuro di un suo partito a livello nazionale a breve termine come c'è un perchè abbia usato l'imperfetto in precedenza.
Io da Grillo mi sarei aspettato molto più casino nel caso più che preventivato che gli fosse stata rifiutata la tessera....
Mi sembra (anche se non ho letto tutti i commenti) che nessuno abbia fatto caso al fatto che Grillo se ne è uscito con questa storia il 12/7;
il 13 ha lasciato tempo alle reazioni e sul suo blog ha pubblicato l'articolo di Travaglio (come sempre),
il 14, dopo i primi rifiuti annuncia battaglia, sicurissimo di vincere;
ma il 15 si arrende, polemicamente, accontentandosi del vanto di essere stato definito ostile dal PD......però si arrende....
Onestamente da un personaggio come Grillo in cerca di visibilità e pubblicità mi sarei aspettato molto, ma molto più casino.

Questo è un punto che mi sembra importante e che non è stato rimarcato


Non vedo in Grillo il salvatore però anche lui sta cercando di svegliare la gente, di far organizzare le persone autonomamente senza riguardo ai colori politici ma che appoggino solo i 5 punti che indiscutibilmente (sempre a mio parere) è giusto perseguire.
Se non vuole rispondere su altri argomenti saranno anche fatti suoi.
E' un personaggio imprevedibile e trascinatore che se non tradisse quanto dichiarato negli ultimi tempi potrebbe diventare un buon virus per l'establishment. E potrebbe essere l'inzio di un cambiamento. Una speranza, forse l'ultima, prima di una rivoluzione armata....perchè altre alternaive non ne vedo.

Non vado a votare da tempo e non cambia niente....Forse per Grillo tornerei a votare.....tanto anche aspettare che i politici cambino qualcosa perchè a votare ci è andato solo il 20% della popolazione non è che porti molto lontano.

Generalmente non scrivo tanto, spero di non essermi incartato!

Cuando la violencia es esclusiva del estado, tod@s somos terroristas
trotzkij
Inviato: 17/7/2009 1:31  Aggiornato: 17/7/2009 1:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/9/2006
Da:
Inviati: 3704
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Postato su Comedonchisciotte.com:



Eh!! Si scatenano i piccoli kamikaze della trimurti travaglio-grillo-dipietro.
Così democratici e rispettosi delle regole e della democrazia (anzi Rules and Democracy, fa più fino e più Obama), che quando gli si fanno notare certe incongruenze dei loro 'beneamati e cari leaders', gli scattano i riflessi condizionati. Ringhiano, insultano e abbaiono. Tra l'altro lo dicono loro stessi, che 'altro si può fare?'
Cosa propongono questi rompicoglioni che non belano col gregge?
Intanto, ed è tanto, fanno notare il gioco delle tre carte portato avanti da questi scrocconi 'antisistema'. Già! Perchè qui c'è la prima e vera fregatura che i ciarlatani propinano ai loro gonzi: fargli credere che Berlusconi è il sistema.
E' una rotella, e neanche tanta gradita, del/dal sistema.
I veri potenti si nascondono e non si fanno vedere. Parlano sempre in codice, per raggirare il volgo-bifolco usano i mezzani al loro servizio. A ognuno il suo mestiere, a sporcarsi le mani siano gli addetti al letamaio del feudo (mediatico in questo caso).
Disisidenti Travaglio-Grillo-Dipietro? Ma dissidenti decché? Miliardari per via degli insulti versati a Berlusconi. Dissidenti con rubrica regolare in prima serata alla Rai (dico, la Rai lottizzata dai poteri forti, dal Vaticano, da Debenedetti/Scalfari, ecc.)
Il Dissidente Grillo è per caso perseguitato? Si permette pure di costruire, con cinque ragazzotti, un reame mediatico niente male, e ciò grazie al fatto che i tra i ragazzotti ci fossero il vicepresidente (mondiale) della IBM, un grosso manager come Enrico Sassoon e i fratelli Casaleggio, dei noti consulenti di marketing per multinazionali.
Ma Grillo, presso il gregge di grilli, è un povero e innocente dissidente perseguitato...
Notare che gli alabardieri della democracy now (magari nella versione export by Royal Marines che risbarcano a Marsala), mettono nel calderone dei santi martiri e vergini della democrazia italidiota, due loschi figuri come Biagi (direttore di TG nella Rai degli anni '60, immaginatevi la libertà d'espressione sul posto) e Montanelli (spione e agente angloamericano, ricordarsi dei suoi bersagli preferiti, da Mattei al Craxi di Sigonella e delle Partecipazioni Statali. Certo, per i piccoli hooligani dipietreschi, queste sono note di demerito, vuoi mettere i veri salvatori della patria, come Amato e Prodi, smantellatori dell'economia italiota?)
Le percorelle non vogliono pensare male dei loro cani-pastori; poichè l'ammettono esse stesse: Senza come faremmo? Che dovremmo fare?
Freudiano. Siamo alla psichiatria di massa (W. Reich, lo si legga.)
Come dei drogati, a porsi delle domande futili e senza senso. Se c'è un problema, lo si affronti, invece di vedere chi sbertuccia la scimmietta Travaglio, o peggio, se ne compri l'ennesimo libro-fotocopia (tra l'altro, queste povere vittime perseguitate, questi dissidenti antisistema, vengono tutti pubblicati da grandi case editrici. Legate, a loro volta, a Potentati vari. Non c'è solo Berlusconi a fare l'editore.)
Infine, inutile starnazzare su come cambiare, come mutare le cose, come trasformare la realtà e blabla; è da millenni che ci sono filosofi che concepiscono, immaginano e sognano utopie e mondi nuovi immaginari.
Senza mai coglierci. Perchè il mutamento arriva quando è il suo momento. Ma i filosofi-rivoluzionari, spesso, così presi da sè, non si accorgevano dei mutamenti reali che sopraggiungevano.
Lo stesso dicasi per i tifosi grillanti: chiedono 'Change', il mutamento, ma fanno di tutto affinchè vincano i soliti grandi vecchi: Debenedetti, Scalfari, Ciampi, Soros, perfino Murdoch, ecc. Non proprio il nuovo, non proprio il mutamento.
Anche il Pci e la sinistra varigata italiota ne sono un esempio da manuale. Non è bastato riempirsi la bocca con il concetto di egemonia elaborata da Gramsci, per sapere interpretare, non il mondo, ma questo paese di media taglia e non particolarmente progredito.
Il Pci e gli altri piccoli lider minimi, mentre sbraitavano nelle piazze, urlicchiando 'Rivoluzione' o 'Ya Basta!', si sono ritrovati col Barzellettiere di Arcore, che accompagnato dal fido scudiere Apicella, li sbatteva a pedate fuori dal palazzo, lasciandoli per soprammercato in mutande.
Solo Dipietro, che conoscendo i suoi polli ha assunto il ruolo di gemello cattivo del Berluska, ha raccolto gli osanna di quel gregge che già una volta era di lui orfano. (Ai bei tempi di Mani pulite). Allo scopo di ricominciare il lavoro sospeso 15 anni fa. Distruggerci tutti.
E si ritorna agli appelli interventisti a mother elizabeth 2 e alla 'mater alma' della City.
Ma al popolaccio dei grilli travagliati, queste sottigliezze da nemici del 'poppolo' provocono, al massimo, l'orticaria al cervello.

I complotti non esistono, ... tranne quando ci sono
marius
Inviato: 17/7/2009 3:49  Aggiornato: 17/7/2009 3:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/2/2007
Da:
Inviati: 36
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Io non escluderei il fatto che oltre ad averci provate seriamente a candidarsi nel PD cosa che credo (Grillo e' un po utopista crede profondamente nella democrazia diretta , vorrebbe fare come Obama che ha vinto anche grazie alla rete ) , o che lo abbia fatto per provocazione (cosa che non credo ..non ne vedo il senso cioe' mettersi in mostra?) , lo abbia fatto per stare col fiato sul collo ai dirigenti del PD ..non sarebbe la prima volta , lui si vede un po come quelle vecchie signore che se non ti comporti bene te la menano e te la menano e poi ti pigliano a borsettate .ce lo vedo bene , ricordate quando si e' vestito da pittima ? o quando e' andato al consiglio di amministrazione di Telecom , il senso e' anche occhio che noi vi controlliamo .Attenti dirigenti del PD non fate i cazzi vostri noi vi stiamo addosso.E? un sano pressing .
Nel merito di un suo ruolo reale in politica ..sarebbe uno smentire le sue intenzioni gia dichiarate piu volte di essere un megafono di idee e basta .quindi non lo troverei coerente oltre che adatto , poiche' non é in grado di sostenere un dialogo con chichessia , parla solo lui ..

marius
Inviato: 17/7/2009 3:55  Aggiornato: 17/7/2009 3:55
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/2/2007
Da:
Inviati: 36
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
No trozki , i veri potenti non é vero che non si vedono mai , a volte si vedono eccome specie se sono vanitosi .Berlusconi é realmente potente , anche Stalin lo era e si vedeva bene , anche il dittatore coreano KIM II Sung lo era e si vedeva eccome , anche Fidel lo era e si vedeva bene , anche Hitler lo era e si vedeva bene ...attenzione

redna
Inviato: 17/7/2009 10:15  Aggiornato: 17/7/2009 10:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
Infine, inutile starnazzare su come cambiare, come mutare le cose, come trasformare la realtà e blabla; è da millenni che ci sono filosofi che concepiscono, immaginano e sognano utopie e mondi nuovi immaginari. Senza mai coglierci. Perchè il mutamento arriva quando è il suo momento. Ma i filosofi-rivoluzionari, spesso, così presi da sè, non si accorgevano dei mutamenti reali che sopraggiungevano.


il filosofi-rivoluzionari possono manovrare solo ragazzini che non sanno ancora come stanno le cose e non si accorgono ancora fra chi fa le cose 'per se' che quelli che lo fanno perchè intuiscono il futuro.
I mutamente reali nessuno mai li ha fatti.Casomai tutti hanno solo fatto dei casini enormi durante quei mutamenti, ma nessuno ne è mai stato l'artefice.


Citazione:
No trozki , i veri potenti non é vero che non si vedono mai , a volte si vedono eccome specie se sono vanitosi .Berlusconi é realmente potente , anche Stalin lo era e si vedeva bene , anche il dittatore coreano KIM II Sung lo era e si vedeva eccome , anche Fidel lo era e si vedeva bene , anche Hitler lo era e si vedeva bene ...attenzion

attenzione... i VERI potenti sono una cosa, i PRESTANOMI sono altri....
Come si dice: metti un difetto bene in vista e nessuno se ne accorge...in questo caso si mette 'qualcuno' bene in vista e nessuno si fa domande su CHI potrebbe averlo messo a quel posto e perchè, malgrado se ne infischi di qualsiasi legge, rimane sempre allo stesso posto.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
amartya
Inviato: 17/7/2009 10:24  Aggiornato: 17/7/2009 10:24
So tutto
Iscritto: 7/1/2009
Da:
Inviati: 18
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Mi dispiace dirlo ma Grillo ha preso in giro un pò TUTTI!!.......nn è stato AFFATTO COERENTE.

Non è una provocazione sta tentando la scalata al potere!!!!!!....

Poteva fermarsi ai Meetup ed alle liste civiche...questa mosse l'ha screditato.

Se sarà candidato nn avremo uno ma due comici come leader di maggioranza ed opposizione.


NiHiLaNtH
Inviato: 17/7/2009 11:34  Aggiornato: 17/7/2009 11:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 5/12/2005
Da:
Inviati: 3225
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
L'acqua pubblica, le energie rinnovabili, la mobilità, il Wi-Fi gratuito, la raccolta differenziata... Questa, per loro, è l'ostilità.


spero non intenda inondare le nostre città con centinaia di trasmettitori wi-fi

sitchinite
Inviato: 17/7/2009 11:46  Aggiornato: 17/7/2009 11:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/6/2007
Da: Roma - Pomezia
Inviati: 3270
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Totalmente e perfettamente d' accordo con la tua analisi, Massimo.

Garrett
Inviato: 17/7/2009 12:03  Aggiornato: 17/7/2009 12:03
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
trotzkij:
Se c'è un problema, lo si affronti, invece di vedere chi sbertuccia la scimmietta Travaglio, o peggio, se ne compri l'ennesimo libro-fotocopia (tra l'altro, queste povere vittime perseguitate, questi dissidenti antisistema, vengono tutti pubblicati da grandi case editrici.

Guarda che chi segue Travaglio o Grillo è una sparuta minoranza di italiani: la maggioranza (quella che poi vota) si informa, se va bene, sui giornali mainstream i quali si guardano bene dal pubblicare realmente cosa questi dicono. I libri poi, sono per sfigati: in Italia non li legge nessuno preferendo affidarsi al TG5 di Berlusconi o al TG1 che è addirittura peggio!
Morale della favola se chiedi in giro ti diranno che Travaglio è un conta balle, Grillo un deficiente, Barnard uno sconosciuto, Blondet un antisemita, ecc...: probabilmente è lo stesso che pensi tu ma le motivazioni sono diametralmente opposte. Vista la situazione la cosa non è affatto divertente.

Già! Perchè qui c'è la prima e vera fregatura che i ciarlatani propinano ai loro gonzi: fargli credere che Berlusconi è il sistema.
E' una rotella, e neanche tanta gradita, del/dal sistema.


Ma se non è parte del sistema perchè al G8 erano tutte pacche sulle spalle?
Pensi che quelle due cagate da gossip che girano su alcuni giornali stranieri mettano in crisi un impero politico che dura da 15 (quindici!) anni?
(se bastasse il gossip, i reali inglesi sarebbero già finiti sulla ghigliottina!)

Garrett
Inviato: 17/7/2009 12:27  Aggiornato: 17/7/2009 12:27
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/7/2009
Da: The Lost City
Inviati: 685
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Massimo Mazzucco:
Veramente io la mia critica a Grillo l’ho sempre argomentata. Forse sei tu che leggi i miei articoli troppo in fretta.

Mi riferivo agli ultimi due articoli i quali mi sembravano poco orientati alle idee.

Se invece per “discuterne le idee” parli del nucleare piuttosto che dell’acqua potabile, allora sono proposte talmente necessarie che non vedo cosa ci sia da discutere. Ma QUELLE io non le ho mai mai criticate.

Senza fare una critica particolare a te, il fenomeno infatti è purtroppo MOLTO diffuso (ormai è uno "sport"), penso che ci sia una percezione strana delle priorità (altrimenti non sarebbero proposte necessarie).
Il nucleare e le leggi "ad hoc" per internet sono un problema che dovrebbe spaventare tutti perchè tocca da vicino: prendersela con chi pone delle critiche, usando ogni mezzo incluse oscure cospirazioni montate ad arte (beninteso non è il tuo caso), è a mio avviso poco saggio dal punto di vista pratico.
Inoltre alcuni argomenti non li trovo affatto "scontati" - nessun argomento lo è mai!: nel thread sul nucleare, ad esempio, è aperta la sfida a dimostrare che il nucleare sia svantaggioso (che poi è il motivo UFFICIALE per cui tra sei mesi ognuno di "noi", ma tu vivi in USA vero?, potrebbe ritrovarsi "militarizzato" con una centrale sotto casa o un deposito di scorie sotto al culo).
Ovviamente non sto dicendo che bisogna osannare questo o quello SOLO perchè dicono qualcosa di giusto però nemmeno il viceversa: le tifoserie, se esistono, sono sempre due!

Come ho già detto più volte, la vera politica INIZIA dove finisce la lista delle esigenze.

Ma queste proposte fanno parte dei programmi generali delle liste civiche quindi mi sembra una forzatura affermare che siano prive di valenza politica. Criticare chi fa proposte "necessarie" ha invece, sempre secondo il mio punto di vista, ancora meno valenza e assume un po' i contorni dell'intellettualismo fine a se stesso.

skyline
Inviato: 17/7/2009 15:04  Aggiornato: 17/7/2009 15:04
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/4/2009
Da:
Inviati: 36
 per la cronaca
sempra che Grillo abbia ottenuto la tessera del PD, fonti "la Repubblica" ed "il Giornale".

http://www.repubblica.it/2009/07/sezioni/politica/partito-democratico-30/grillo-tessera/grillo-tessera.html

http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=367312

chissà che fine farà il segretario del circolo locale che ha firmato la tessera..

Santro
Inviato: 17/7/2009 15:15  Aggiornato: 17/7/2009 15:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/11/2005
Da:
Inviati: 748
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
Non è una provocazione sta tentando la scalata al potere!!!!!!....

....e poi si autoincoronerà MARCHESE!!!!!!!!!

ETERNAL SALVATION
(or triple your money back)
Awaydays
Inviato: 17/7/2009 19:44  Aggiornato: 17/7/2009 19:44
So tutto
Iscritto: 9/11/2008
Da:
Inviati: 2
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Grillo ma chi è costui ? Uno che ha tra i suoi più stretti collaboratori Marco Travaglio (vergognosamente ipocrita e Sionista con la S Maiuscola). E poi secondo me per cambiare questo Paese occorrerebbero persone straniere altro che Grillo con i suoi vaffa day e trovate da saltimbanco simili. Ci vorrebbero amministratori, politici, tecnici di altri Paesi. Ahime non dall'Italia vengono i modelli da seguire ma dalla Svezia, dall'Irlanda, dalla Norvegia, dalla Neozelanda....

slump
Inviato: 17/7/2009 21:54  Aggiornato: 17/7/2009 21:54
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/6/2006
Da:
Inviati: 199
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Secondo me Mazz tu perdi tempo a correr dietro a Grillo: è come una moda e
allora vai tu a convincere del contrario la gente che quest'anno pensa che
vada il color senape per gli slip!

Abbiamo una sola speranza: di vedere Grillo primo ministro di un governo
monocolore IDV con l'astensione costruttiva del PD. Dopodiché ne potremo
riparlare coi suoi fan, sia delle sue idee chiare sia di come abbiano
rimesso a posto il paese (ammesso che non ci tocchi scappare prima in
Libia a chiedere asilo politico).

"In powerful rain, they laid down their heads to die"
(My Dying Bride)
marius
Inviato: 18/7/2009 1:38  Aggiornato: 18/7/2009 1:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/2/2007
Da:
Inviati: 36
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
CItazione :attenzione... i VERI potenti sono una cosa, i PRESTANOMI sono altri....
Come si dice: metti un difetto bene in vista e nessuno se ne accorge...in questo caso si mette 'qualcuno' bene in vista e nessuno si fa domande su CHI potrebbe averlo messo a quel posto e perchè, malgrado se ne infischi di qualsiasi legge, rimane sempre allo stesso posto.


Non definirei Stalin un prestanome e neanche Hitler , quelli il potere ce lo avevano davvero e lo hanno cercato , che poi qualcuno potente abbia avvallato la loro ascesa non toglie che anche loro avevano il loro bel potere .Non sempre c'e' qualcuno nell'ombra che spinge su un prestanome , le cose a volte nascono dalla rabbia dall'impegno dalla lotta anche dietro a un ideale sbagliato , e si forma un gruppo di potere , non sempre necessariamente legato al denaro . magari si emerge grazie allla violenza di gruppi organizzati nel disordine generale , alla demagogia , con la sorte dalla propria parte , con l'abilitá con la strategia con la follia .e poi dopo gli altri potenti patteggiano calcolano e avvallano o si contrappongono.Le cose sono piu complicate.i potenti non sono tutti daccordo molti si fronteggiano hanno interessi contrapposti , altri emergono , laltri decadono , non sono tutti uguali ..per etnia per stirpe , per classe . le carte si mescolano e poi si viene a patti.

mangog
Inviato: 18/7/2009 8:05  Aggiornato: 18/7/2009 8:15
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 5/1/2007
Da:
Inviati: 2857
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:

Autore: Awaydays Inviato: 17/7/2009 19:44:21

Grillo ma chi è costui ? Uno che ha tra i suoi più stretti collaboratori Marco Travaglio (vergognosamente ipocrita e Sionista con la S Maiuscola). E poi secondo me per cambiare questo Paese occorrerebbero persone straniere altro che Grillo con i suoi vaffa day e trovate da saltimbanco simili. Ci vorrebbero amministratori, politici, tecnici di altri Paesi. Ahime non dall'Italia vengono i modelli da seguire ma dalla Svezia, dall'Irlanda, dalla Norvegia, dalla Neozelanda....


Scusa ma io gli amministratori da paesi dove si mangia da CANE ( sulla NZ.... non ho esperienze personali.. ma essendo un paese mezzo-anglosassone ci metto la mano sul fuoco che tirate via le bistecche di pecora il resto fa schifo.. ), nonostante che non siano poveri, proprio non li voglio. Vuoi mettere un qualsiasi ristorante o pizzeria di Napoli ? Non esiste confronto .. non sanno far da mangiare e non sanno nemmeno fare il resto. La Svezia poi... disabitata e ricca di materie prime.. dovrebbe avere un tenore di vita 10 volte quello che hanno.. invece il cittadino medio tira a campare come un qualsiasi cittadino dell'Italia del nord.... (solamente con qualche servizio in più.. così dicono loro.. io non ci credo più di tanto.. sanno mostrarsi e vendersi molto beni i nordici.... invidiosi come non mai.. sfido io.... i loro avi erano i barbari primitivi che hanno mandato in rovina l'europa per secoli dopo gli sfarzi dell'epoca classica romana...... i secoli bui del medioevo...tutta colpa dei barbari del nord.. erano e sono ancora dei barbari...le famose scimmie bionde come dicevano gli antichi cinesi...)
A parte gli scherzi ( mica tanto).. non andrei ad abitare in Svezia nemmeno dopo morto ( si dice proprio così ).

PS... Un paese si misura anche dalla qualità e dalla bontà del mangiare.
Per me mangiare ottime pizze.. e quelle di Napoli sono qualcosa di indescrivibile..lo considero un segno di civiltà... nè più nè meno come i treni in orario.

Ghilgamesh
Inviato: 18/7/2009 11:45  Aggiornato: 18/7/2009 11:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/10/2005
Da:
Inviati: 3001
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Autore: mangog Inviato: 18/7/2009 8:05:11

PS... Un paese si misura anche dalla qualità e dalla bontà del mangiare.
Per me mangiare ottime pizze.. e quelle di Napoli sono qualcosa di indescrivibile..lo considero un segno di civiltà... nè più nè meno come i treni in orario.


Minchia chi sei? Quello di Johnny Stecchino?
Il problema in Italia è il tiaffico?

Tu a Napoli ti mangi la pizza caa mozzarella radioattiva in coppa, grazie ai politici mafiosi che abbiamo!
E in paesi come la Svezia, è la mafia a non attecchire!

Io quello lo considero segno di civiltà ... sai, i punti di vista.

rekit
Inviato: 18/7/2009 11:49  Aggiornato: 18/7/2009 11:49
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
cit:
PS... Un paese si misura anche dalla qualità e dalla bontà del mangiare.
Per me mangiare ottime pizze.. e quelle di Napoli sono qualcosa di indescrivibile..lo considero un segno di civiltà... nè più nè meno come i treni in orario....
............................
fino a quando puoi ancora pagartela una pizza!
dopodiche' scoprirai che Mario in Javastraat a Amsterdam fa pizze incredibili e che a pagartele e' il governo Olandese che ti stipendia per dipingere ritratti cubisti per sviluppare arte e cultura.
In Italia, paese dove si mangia da Dio e quindi civilissimo secondo te, oltre al pomodoro e la mozzarella ti tocca pagare il coperto e il pizzo che Gennaro 'o pizzaiolo deve versare ai casalesi.E magari sei pure disoccupato!
oltretutto le scimmie bionde svedesi hanno una cucina di alto livello....e treni in orario.

Lezik85
Inviato: 18/7/2009 12:32  Aggiornato: 18/7/2009 12:32
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Citazione:
Per me mangiare ottime pizze.. e quelle di Napoli sono qualcosa di indescrivibile


Questa poi...Ti assicuro che a Malmö ho mangiato una delle migliori pizze mai provate. Conosci il detto "quello è un altro mondo"? Bene la Svezia lo è. Il livello di organizzazione nei paesi scandinavi è fenomenale, un mondo idilliaco uscito da una fiaba di Andersen. Ops, lui è danese...fa lo stesso, la Danimarca non è da meno. Per non parlare poi del livello scolastico e della valorizzazione degli studenti...oper la serie, anche questo pezzo l'Italia se l'è perso per strada.

slump
Inviato: 18/7/2009 14:42  Aggiornato: 18/7/2009 14:42
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/6/2006
Da:
Inviati: 199
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Direi incoraggiante che in un thread su Grillo si finisca a parlare della
pizza e delle bionde bestie (non scimmie) svedesi! Vuol dire che non
tutto è perduto..

Quanto al sugo (della pizza) direi questo: bravi gli svedesi e in genere
tutti gli scandinavi ma resta che il tasso dei suicidi è sempre troppo
alto (basta ascoltare i Katatonia per capire perché!). Comunque ogni
posto ha le sue peculiarietà: mafia, suicidi o pubbliche fustigazioni che
siano. L'importante è non credere che esista un "meglio" e ricordarsi che
in fondo, da un punto di vista neurofisiologico, siamo gli stessi di
100mila anni fa, quando si cacciava nelle jungle: come tali abbiamo
bisogno di stimoli, anche stressanti, per non atrofizzarci -- senza paura
non saremmo umani, così come senza piacere. Ogni posto ha la sua
paura, è solo il complotto mondialista a voler imporre una sola
paura eguale per tutti -- magari proprio la paura del complotto
mondialista?

"In powerful rain, they laid down their heads to die"
(My Dying Bride)
Freeman
Inviato: 18/7/2009 17:20  Aggiornato: 18/7/2009 17:25
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
mc dice:
Citazione:
Dire a quelli che ancora credono nel PD di risvegliarsi... e non e' poco.
Dire a quanti votino PD per andare contro il PDL che e' una cazzata, vista la natura del PD.

Mi sa che ci sei andato vicino, visti gli ultimi sviluppi:

1. Beppe Grillo è il tesserato numero 40 del circolo Martin Luther King di Paternopoli. Il tesseramento è stato autorizzato dal segretario del circolo locale, Andrea Forgione, che ha voluto così lanciare «una forte provocazione» alla dirigenza nazionale del partito: «Il caso Grillo costituisce un precedente molto grave - afferma Forgione - Chi ha infatti la legittimazione a decidere chi tesserare e chi no? Beppe Grillo non è iscritto a nessun altro partito e ha una fedina penale pulita, quindi perché negargli la tessera? Non vogliamo - aggiunge - che il Partito democratico si trasformi in un partito burocratico».

2. Subito è arrivato lo stop di Tino Iannuzzi, segretario regionale della Campania del Pd.«L’iscrizione al Partito democratico di Beppe Grillo è da considerarsi priva di ogni valore. Infatti la Commissione nazionale di Garanzia del nostro partito, con una decisione che produce i suoi effetti sull’intero territorio nazionale, ha giustamente stabilito che Grillo con il suo movimento politico ha ispirato posizioni totalmente contrarie e ostili alla linea e all’azione politica del Pd».

3. Grillo replica: Chi garantisce il Comitato di Garanzia del PDmenoelle? Chi lo ha nominato? Chi suggerisce le sentenze ai Garanti? Chi sono questi Garanti della Rivoluzione degli Ayatollah della Poltrona? [...] Invito il PD a comunicare le motivazioni della nomina dei membri di questa fantomatica Commissione e di chi li ha eletti.
Le sezioni, i circoli, gli iscritti che non sono d'accordo con la decisione del Comitato dovrebbero chiederne subito ragione al PD.


Ecco dove punta: fomentare il dissenso interno al PD, onde concludere l'opera di sgretolamento di un non-partito nato morto.
Cui prodest? Ah, boh...

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Pyter
Inviato: 18/7/2009 17:27  Aggiornato: 18/7/2009 17:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Paternopoli.






"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
Pyter
Inviato: 18/7/2009 17:33  Aggiornato: 18/7/2009 17:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
C'è una cosa che non capisco. Ma se io lavorassi ad Amsterdam e volessi prendere la tessera del PD dovrei per forza tornare al mio paese natale?

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
reby
Inviato: 18/7/2009 20:29  Aggiornato: 18/7/2009 20:29
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/8/2006
Da:
Inviati: 135
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Massimo sono con te..

Le lobbies usano mezzi alquanto sottili e chi si occupa di smascherare complotti dovrebbe essere avvezzo ai sotterfugi ai quali ricorrono..evidentemente il trappolone Grillo/Travaglio/DI pietro come salvatori della patria oltraggiata piace proprio tanto e dimostra quanto questi burattinai abbiano visto giusto e lungo....

La Randazzo spiega queste cose molto ma molto bene, si occupa di massoneria e ne sa parecchio, vi lascio a quest'ottimo articolo, poi si può anche credere che Grillo ci libererà dal male...

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=6102&mode=&order=0&thold=0

EL_GUERCIO
Inviato: 19/7/2009 12:08  Aggiornato: 19/7/2009 12:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/11/2006
Da:
Inviati: 177
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Autore: and_zen Inviato: 16/7/2009 15:58:18

Io son d'accordo con Massimo: Grillo, Di Pietro, Travaglio sono fatti della stessa pasta (purtroppo), più che salvare il paese cercano il loro rendiconto personale. Come si può continuare ad attaccare gli ometti politici italiani al potere e non rendersi conto d cosa sta succedendo fuori dall'Italia. Noi siamo uno staterello coloniale ai margini dell'impero Angloamericano che può essere spazzato via in un batter d'occhi!

___________________________________

straquoto tutto il tuo intervento

"Non si dicono mai tante bugie quante se ne dicono prima delle elezioni, durante una guerra e dopo la caccia". Otto von Bismarck
ReBaS
Inviato: 20/7/2009 0:56  Aggiornato: 20/7/2009 0:56
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/1/2006
Da: TORINO
Inviati: 64
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Beppe si o Beppe no? la coerenza dice no la speranza dice si... l'Italia non conosce un lider politico serio ormai da decenni... io personalmente ormai mi affido alla legge dei grandi numeri... "avanti il prossimo"...

...Non è vero ciò che è vero, ma è vero ciò che piace...
ulivinico
Inviato: 20/7/2009 17:15  Aggiornato: 20/7/2009 17:15
Ho qualche dubbio
Iscritto: 19/10/2006
Da:
Inviati: 38
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Il miglior articolo sulla candidatura di Grillo è questo:

http://eccocosavedo.blogspot.com/2009/07/la-mia-opinione-sullentrata-di-grillo.html

j-bonnot
Inviato: 21/7/2009 20:50  Aggiornato: 21/7/2009 20:50
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/4/2009
Da: l'Oltrequando
Inviati: 47
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Anche se in ritardo, vorrei pubblicare una piccola e umile considerazione personale su Grillo:
l'ho stimato da sempre (forse ingenuamente?) e ho avuto modo di vederlo 2 volte dal vivo, a Firenze nel 2007 e a Siena (dove vivo) nel 2008. Nello spettacolo del 2007 si era scagliato con una veemenza incredibile contro Novartis, sia perché nata dalla fusione di 2 colossi chimico-farmaceutici di cui uno era la Ciba-Geigy (spero di non sbagliarmi!) rea di aver prodotto lo Zyklon-B durante la 2a guerra mondiale, sia perché insieme al cartello delle industrie farmaceutiche si proponeva non di guarire la gente ma di creare nuovi malati dal nulla.
Mi sembrò un'accusa molto coraggiosa oltre che ben dettagliata.
Quando perciò l'anno successivo ho saputo che sarebbe venuto a Siena, sede di uno dei principali centri di produzione Novartis in Europa, mi aspettavo fuoco e fiamme, visto che era nella tana del lupo.
Invece, con mia somma delusione, non una parola che fosse una, neanche per sbaglio.
In compenso ha dato addosso al monte dei paschi in quanto non era più la banca dei cittadini ma una s.p.a. al servizio degli azionisti. E già che l'argomento erano le banche, una parolina sul signoraggio ci si poteva anche aspettare. Nulla, calma piatta.
Ora, vederlo agitarsi per cercare di intrufolarsi proprio in quel porcile da lui tanto denigrato, ad esser sincero un pò mi rattrista.
Senza voler trarre conclusioni o avere la pretesa di conoscere la verità suprema.
J.

artemis
Inviato: 23/7/2009 14:59  Aggiornato: 23/7/2009 14:59
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/10/2007
Da:
Inviati: 60
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
come risposta a quesa tua analisi,dico solo questo:non so se a te,di solito,è dato sapere da dove spuntaNo i candidati alle varie cariche politiche.A me no.
A parte casi clamorosi di personaggi che ne hanno combinate di cotte e di crude,io vedo sempre delle facce nuove,scintillanti,bellissime,di gente che non ho idea di chi sia.A partire dal candidato sindaco del mio paese per finire agli attuali ministri.Ma sta gente chi è?Da dove viene ?Che studi ha fatto?Quali attività ha sv olto prima o durante il suo impegno politico?
Forse qualcuno parla di questo durante la campagna?Pochissimi...ma chi?!Forse si trovano notizie su giornali e giornaletti di parte,su qualche volantino..
La campagna elettorale è da tempo solo una gara a chi trova più finanziamenti,a chi fa il manifesto migliore,a chi tappezza di più,a chi riesce a dire due o tre parole dopo la parola PROGRAMMA...ma delle persone,delle loro intenzioni della loro etica e della loro preparazione non parla mai nessuno.
Quel giorno che le iene hanno chiesto a un manipolo di politici le date di:rivoluzione francese,russa,scoperta dell'america ecc ecc ho sudato freddo e ho immaginato quanta ignoranza ci sia..se lì stanno a quei livelli.(gente che a preso migliaia,migliaia,migliaia di voti!!)
Per cui,a parità di candidati,io non mi scandalizzo di un comico,con tutte le sue contraddizioni.
Benvenga chiunque,anzi meglio ancora se prima faceva tutt'altro,almeno il suo passato non è immerso nell'ombra e nella menzogna propagandistica.

"Se c'è un qualche cosa che vogliamo cambiare nel bambino, prima dovremmo esaminarlo bene e vedere se non è un qualche cosa che faremmo meglio a cambiare in noi stessi" C G Jung
Redazione
Inviato: 23/7/2009 15:23  Aggiornato: 23/7/2009 15:24
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
J-BONNOT: benvenuto, anche se in ritardo.

°°°

ARTEMIS: "Per cui,a parità di candidati,io non mi scandalizzo di un comico,con tutte le sue contraddizioni."

Il problema è proprio quello: a parità di candidati. Se accetti di giocare a quel livello hai già perso la partita.

Lezik85
Inviato: 3/9/2009 22:04  Aggiornato: 3/9/2009 22:04
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Certe connessioni danno da pensare....

L'ASSE POLITICO GRILLO - DI PIETRO - CASALEGGIO

desbouvet
Inviato: 26/8/2011 23:40  Aggiornato: 26/8/2011 23:40
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da:
Inviati: 541
 Re: E allora parliamo di Beppe Grillo
Grillo dice che c'è gente che non sa che cazzo fare. Gente che deve trovare una cospirazione cosmica, una "strategia globale", dietro ad ogni cosa. Per esempio dietro al suo Movimento.

Questo è il suo pensiero. Risponde alle critiche su di lui, ma è come se parlasse in termini più ampi, o sbaglio? Pochi giorni fa:

http://www.youtube.com/watch?v=Cxj7lrE-LnI


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA