Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


politica italiana : In 8 e in 14 vissero tutti felici e contenti
Inviato da Redazione il 11/7/2009 23:20:00 (4673 letture)

di Marco Cedolin

Finalmente si è chiuso il G8 dell'Aquila, patetica kermesse a metà fra una rivista di gossip e un rotocalco televisivo di propaganda politica.

La congrega di marionette lautamente stipendiata attraverso il denaro pubblico ed impropriamente etichettata come "grandi della terra" da uno stuolo di giornalisti sussiegosi, abituati a suggere la propria mancia dalla stessa fonte, si è profusa durante questi giorni in una rappresentazione tutto sommato mediocre.

Proclami generalisti privi di fondamento, buonismo di facciata dispensato a pioggia, vagonate di banalità spacciate come il risultato di complessi studi analitici, ottimismo fuori luogo sempre presente, al fine di dimostrare all'opinione pubblica che i mestieranti della politica continuano a tenere in pugno la situazione,a prescindere da quanto grave essa sia.

La crisi economica? Uno spauracchio, vero e proprio incidente di percorso, che ormai i "grandi" si sono lasciati alle spalle, per approdare a breve nella verde vallata della ripresa e dello sviluppo.

I mutamenti climatici? Un problema tangibile che fortunatamente i "grandi" ...

... dall'alto della propria lungimiranza sono riusciti a risolvere in quel di Coppito, attraverso proclami e proponimenti privi di qualsiasi valenza scientifica ma pregni di buona volontà, che rimetteranno sicuramente a posto le cose entro il 2050.

La fame nel mondo? Una piaga da lenire attraverso l'elargizione di una ventina di miliardi di denaro pubblico a quegli stessi soggetti che nel tempo hanno contribuito a rendere i paesi africani sempre più poveri e indebitati.

Poco importa se la fame sta iniziando a farsi strada anche nell'ex opulento occidente, dove le fabbriche chiudono, le code alle mense della Caritas s'ingrossano a dismisura e negli USA iniziano a proliferare tendopoli simili a quelle dell'Aquila ma destinate ad ospitare i poveri anziché i terremotati. Così come poco importa se il deterioramento dell'ambiente a livello globale continua a peggiorare in maniera esponenziale, mentre la malattia della biosfera, violentata dalla tecnosfera si fa ogni giorno più grave, infischiandosene delle rappresentazioni teatrali di un manipolo di cantastorie.

Una rappresentazione che nonostante la sua assoluta inutilità, al contribuente italiano è costata parecchio, senza ricevere nulla in cambio. Sempre che non abbiate trovato il modo per entusiasmarvi di fronte al nuovo vestito di Michelle, alla capacità di andare a canestro di Obama, al quadretto commovente costituito da Sarkò e Carlà mano nella mano o ai tanti complimenti che tutti gli ospiti si sono sentiti in dovere di rivolgere al nostro Presidente del Consiglio per l'impeccabile ospitalità, gentilmente offerta da tutti gli italiani che pagano le tasse e continueranno a pagarle fino a quando la crisi economica (quella che ormai ci siamo lasciati alle spalle) non li costringerà a prendere posto anche loro sotto ad una tenda, purtroppo molto meno lussuosa ed accessoriata rispetto a quella di Gheddafi.

Marco Cedolin

http://ilcorrosivo.blogspot.com/
http://marcocedolin.blogspot.com/

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
illupodeicieli
Inviato: 11/7/2009 23:28  Aggiornato: 11/7/2009 23:28
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/1/2005
Da:
Inviati: 323
 Re: In 8 e in 14 vissero tutti felici e contenti
un altro mondo senza questa gentaglia è possibile? pensavo di emigrare in qualche posto disabitato dove non ci siano persone così false e fastidiose come questi pupazzi del g8. agli africani gli danno dei soldi che ,sono solo promessi ma materialmente non so se li riceveranno:di solito li promettono ma poi...

Linucs
Inviato: 11/7/2009 23:31  Aggiornato: 11/7/2009 23:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: In 8 e in 14 vissero tutti felici e contenti
...gentilmente offerta da tutti gli italiani che pagano le tasse e continueranno a pagarle fino a quando la crisi economica (quella che ormai ci siamo lasciati alle spalle) non li costringerà a prendere posto anche loro sotto ad una tenda, purtroppo molto meno lussuosa ed accessoriata rispetto a quella di Gheddafi.

Perché tu pensi che una volta arrivati in tenda smetteranno di pagarle? Suvvia, non sia mai: ciascuno deve fare la propria parte. Eventualmente si riuscirà ad arruolarli in qualche "servizio civile" in cambio di un piatto di minestra, magari con la scusa del "lavoro gomito a gomito che crea coesione sociale".

E guardiamo il lato positivo: mentre il pupazzo Obama gioca a palla, almeno non combina altri guai ispirati dalla cricca Krugman & C. Sempre meglio che sbagli un canestro piuttosto che una farsa da un trilione di dollari.

peonia
Inviato: 12/7/2009 0:27  Aggiornato: 12/7/2009 0:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: In 8 e in 14 vissero tutti felici e contenti
In effetti la pochezza dei personaggi l'ho sentita anche io che non guardo la TV...se non fosse stato per il clamore negativo su Berlusconi su FB,e le nefandezze a lui legate per il luogo dell'incontro, l'Aquila, questo G8, hai ragione, sembrava piu' uno show...

Oggi mi hanno raccontato una cosa che non riesco a credere: Michelle Obama sarebbe andata in un ristorante di Trastevere e alla fine avrebbe chiesto di incartarle gli avanzi per il cane...possibile?!

Comunque, a parte le banalita' retoriche sugli impegni presi per il futuro, tutto si risolve sempre in gossip....che palle! Come se non ci fossero veri e urgenti seri problemi da affrontare, ma i "Grandi" sono lillipuziani...

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
a_mensa
Inviato: 12/7/2009 2:41  Aggiornato: 12/7/2009 2:41
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/6/2009
Da: roncello (mi)
Inviati: 3180
 Re: In 8 e in 14 vissero tutti felici e contenti
banchetti con tovaglie ricamate, mentre discutono di fame nel mondo....
che tristezza....
abbiamo permesso che ci abituassero a guardare solo più la confezione, l'involucro, invece del contenuto.
ma ci rendiamo o no conto di cosa tutto ciò rappresenta ?
1) i capi di governo decidono. credo che questa sia la prima menzogna in dimensione ed importanza.
2) i capi di governo rappresentano. chi ? cosa ? la totalità dei loro popoli ? ma va là, al meglio rappresentano la maggioranza di chi gioca al finto gioco democratico, sempre che non siano già pentiti.
3) la "corte" è necessaria. a chi ? se ai capi, significa che da soli non sono in grado di capire, figuriamoci di decidere. se alla corte stessa penso che potremmo benissimo farne a meno. 1 interprete e 1 segretario per prendere nota dovrebbe bastare.
4) cosa fanno oltre a discutere ? e chi se ne frega, anzi, meglio sarebbe non vedere come vengono sprecati i nostri soldi.
smetto per voltastomaco....

non vorrei mai appartenere ad un club che avesse me come socio.
Lezik85
Inviato: 12/7/2009 3:13  Aggiornato: 12/7/2009 3:15
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: In 8 e in 14 vissero tutti felici e contenti
Citazione:
sembrava piu' uno show..


Già infatti, otto sotto un tetto

A parte gli scherzi, la pagliacciata continua comunque...infatti il circo apre le tende: Coppito, folla per visitare le sede del G8


Ma che fai? Inviti degli ospiti a "casa" tua e non gli fai un regalo?

Regalo ai capi del G8


150 mila euro l'uno Che gli frega, tanto paghiamo noi...

Le cadeau de Berlusconi


E i terremotati?

lettera da: byoblu.com

Citazione:
TESTIMONIANZA DI UN VOLONTARIO CHE HA PRESTATO SERVIZIO PRESSO ALCUNE TENDOPOLI DI L’AQUILA.
di Carla Liberatore

Serata dei primi di maggio all'entrata del campo gestito dai Parà della Folgore. Pochi attendati + volontari. Discorso generale con un militare del suddetto corpo: "Cercate di non andare troppo in giro la sera perchè c'è l'allerta no global. Ci sono state già alcune avvisaglie del tipo furti di divise, atti di vandalismo, e noi per il G8 possiamo difenderci come vogliamo, una specie di licenza di uccidere. Per difesa, certo, ma è così! E comunque eseguiamo ordini dall'alto".

Quasi una giustificazione. In effetti uno dei crucci dei campi è proprio la scomparsa di alcune divise. Sulle prime l'attenzione era ricaduta su ladri d'arte che in una città come L’Aquila hanno tutte le convenienze a appropriarsi di ogni tipo di beni culturali. Divise comprese? Invece ora si pensa ad uno stratagemma dei NO GLOBAL per infiltrarsi tra la popolazione civile, il che autorizza i militari ad abusare del privilegio sopraccitato. Nei campi la popolazione è stremata anche per colpa dei volontari che Sulle prime hanno pensato ad offrire esageratamente il loro aiuto, creando un esagerato senso di sicurezza, di agiatezza , tipo "no faccio io, ma lascia stare ci siamo noi". Ora che tutto questo è finito, ora che i volontari sono meno numerosi e la popolazione deve iniziare a rimboccarsi le maniche, iniziano le azioni incontrollabili.

Un'altro errore fatto dalle varie associazioni che gestiscono i campi è stato quello di tenere quanto più possibile separate le etnie, creando divisioni razziali all'interno. Se avessero agito diversamente forse si sarebbero avuti meno problemi. La mescolanza etnica dall'inizio avrebbe creato un tacito rispetto condominiale fatto anche solo di buongiorno e buonasera, ma era un modo per riconoscersi. Un aquilano avrebbe avuto la possibilità di scambiare due chiacchiere in più, avrebbe potuto prendere tranquillamente un caffé nella tenda di un rumeno e viceversa, notando anche le differenze culturali che ci sono tra etnie per comprendere meglio cosa fare e cosa non fare. Anche se devo ammettere che questa cosa in qualche campo già avviene, e cioè in poche delle tendopoli aquilane sia le popolazioni del posto sia quelle straniere riescono a convivere pacificamente senza scontri né conflitti. Ma purtroppo sono solo poche le situazioni come questa.

Mi giunge voce che per la durata del G8 i lavoratori assunti per rimettere in sesto la guardia di finanza, verranno segregati all'interno. A ben ragione dico io: sono tutti extracomunitari e persone poco raccomandabili della popolazione indigena, e nei migliori casi persone che hanno perso il lavoro in tarda età, licenziati prima e dopo il terremoto. Insomma, tutta gente da non mostrare ad Obama e ai grandi della Terra. A me sembra una pubblicità azzeccatissima per uno stato fatto di effimero e fiction, basato su quanto sono bello e bravo. Ma retoriche politiche a parte, c’è chi afferma che la segregazione all’interno della caserma della Finanza a L’Aquila sia parziale. Sta di fatto che qualcuno si è già preparato la borsa per soggiornare 4 giorni presso la caserma di Coppito.

Un altro cruccio degli aquilani sono le spese folli affrontate per la messa in scena, perchè di questo si tratta. Mobilia lussuosa ed iper galattica che dopo il G8 non si sa bene che fine farà. Strade che si costruiscono in mezza giornata. Rotonde favolose fatte di giardini che invogliano i botanici, o artistiche a più colori. Ricami fatti con sampietrini tanto cari a chi all'Aquila ci è nato e ci è vissuto. Si parla di milioni di euro. Ma il malessere cresce, le casette di legno tranne nel caso di Onna comprate tra l'altro dalla Croce Rossa non si vedono. Gli attendati più fortunati le comprano da soli sperando nel rimborso ma rassegnati a non averlo. La casetta di 30 metri quadri allo stato grezzo costa una media di 5000 euro. Se poi la coibenti - e tutti conoscono il freddo invernale all'Aquila - arrivi anche a 8/10mila euro. Con un buon impianto di riscaldamento 15/18mila euro da pagare subito. Ora io mi chiedo: se percepisco una pensione di 600 euro, ci metto anche il sussidio d'accompagnamento, se sono fortunato ad avere un disabile da accudire arrivo a 1200, come la pago? E' ovvio che sono incazzato nero, tanto da voler rinchiudere i pezzi grossi nelle tendopoli, ma a vita. Per non parlare del supporto psicologico, assente tranne in casi estremi, perché mi son sentito dire che gli sporadici psicologi che girano per i campi sono psicologi per l'emergenza, ma i campi hanno bisogno di psicologi fissi 24 ore al giorno, che riescano a sedare le risse e le violenze che si verificano costantemente, compresi quei fenomeni di bullismo adolescenziale presenti ovunque nei riguardi sia della figura femminile sia della diversa etnia.

Per quanto riguarda invece la conduzione di alcuni campi, sono stato testimone di scene di subordinazione totale da parte dei volontari e degli, per così dire, ospiti delle tendopoli. Purtroppo si ravvisano situazioni in cui i Capi Campo si comportano come Feudatari, tutto il resto è loro corte e pertanto passibile delle misure di disciplina che intendono far rispettare. Un esempio? Un determinato Vice campo che chiamerò ‘Sig. Pancione’, per tutto il tempo che è stato in servizio come volontario si è sentito autorizzato a molestare, a volte anche pesantemente, tutte le più belle ragazze che dopo soli pochi giorni iniziarono ad essere terrorizzate dalla sua presenza. Così come quelle persone che non esprimono opinioni pubbliche davanti alle telecamere e ai giornalisti in genere poiché essendo loro stesse sfollate nelle tendopoli, con pochissimi benefici, si rifiutano di denunciare tutte le angherie dirette e indirette che sono costrette a sopportare per paura di chissà quali ritorsioni. Inoltre, tanto per coronare il tutto, la città di L’Aquila è diventata ormai una città militarizzata. Per entrare nei campi a visitare i propri cari e i propri amici bisogna esibire un documento, l’accesso ai giornalisti viene sempre di più negato a meno che non siano accreditati da qualche redazione istituzionale. Infine ci sono episodi di aggressioni sessuali che vengono taciuti e volontarie traumatizzate, ma di questo non si fa menzione, siamo tutti belli e bravi.

edo
Inviato: 12/7/2009 8:10  Aggiornato: 12/7/2009 8:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: In 8 e in 14 vissero tutti felici e contenti
Quando c'è da fare il rendiconto (minuto per minuto) di una carnevalata, i "giornalisti" hanno sempre da dire.
Mai che li si senta parlare di "bilderberg" o "commissione trilaterale"... e già, se lo facessero non sarebbero i giornalisti d'avanspettacolo che sono.

PikeBishop
Inviato: 12/7/2009 14:03  Aggiornato: 12/7/2009 14:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: In 8 e in 14 vissero tutti felici e contenti
Citazione:
Una rappresentazione che nonostante la sua assoluta inutilità, al contribuente italiano è costata parecchio, senza ricevere nulla in cambio.

Da quando e' necessario (o persino auspicabile) avere qualcosa in cambio dal bandito che assale il treno e rapina i viaggiatori? Il bandito ti potrebbe fare il piacere di lasciarti la pelle, cosi' magari viaggierai di nuovo su quel treno e sarai rapinato di nuovo, ma questo e' tutto quel che ti puoi aspettare.
Certa gente non impara mai e si stupisce pure di non avere niente in cambio!!!

Se non pensi a loro, se non parli delle loro riunioni dementi (quelle di cui vogliono che tu parli, non quelle altre), se non te ne curi e se cerchi di fregarli tu tutte le volte che hai una mezza occasione, si sgonfieranno come palloni gonfiati a scorregge che debbano viaggiare nella stratosfera.

Tutto qui. Una risata li seppellira': non sono piu' invulnerabili di fucking Michael The Skull Jackson.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
hendrix
Inviato: 12/7/2009 19:07  Aggiornato: 12/7/2009 19:07
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: In 8 e in 14 vissero tutti felici e contenti
Citazione:
Tutto qui. Una risata li seppellira'


Ne sta arrivando una bella grossa...

Lestaat
Inviato: 12/7/2009 19:08  Aggiornato: 12/7/2009 19:10
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/7/2005
Da: Perugia
Inviati: 1774
 Re: In 8 e in 14 vissero tutti felici e contenti
Citazione:
Autore: PikeBishop Inviato: 12/7/2009 14:03:12

Tutto qui. Una risata li seppellira': non sono piu' invulnerabili di fucking Michael The Skull Jackson.


Insomma si può solo stare ad aspettare?

Citazione:
Autore: hendrix

Ne sta arrivando una bella grossa...


O sperare che qualche predicatore ci salvi.


Siam messi bene.

In nomine libertatis vincula edificamus.
In nomine veritatis mendacia efferimus.
hendrix
Inviato: 12/7/2009 19:48  Aggiornato: 12/7/2009 19:48
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: In 8 e in 14 vissero tutti felici e contenti
Citazione:
Siam messi bene.

Ma proprio bene...
Riporto un commento di Franco:

>>> Sono rientrato da poco; anche questo mese ho gia fatto quasi 4000 km, in giro per l' italia.
Posso assicuare che l'economia è sempre peggio.
la maggior parte delle aziende del nord est, chiudono per ferie dal 20/07 alla fine di agosto.
Tanti non riapriranno nel centro nord, tra settembre ed ottobre, la media azienda non avra la forza per andare avanti.
Ad onore del vero, gli accordi fatti da berlusconi e putin, sul nuovo gasdotto, ha portato un pò di lavoro a tre aziende italiane.
Una è di padova, una di bergamo, una in friuli.
Queste commesse garantiscono un programma di lavoro a queste aziende per alcuni mesi.
Queste sono commesse che non possono portare vantaggi a tanti.
Parlare oggi, con il senno del poi, è vedere che tutto ciò di cui abbiamo parlato, da dicembre da oggi, purtroppo si è verificato.
Pertanto, alla luce di quanto sopra, posso affermare che i prossimi mesi, la situazione economica non migliorerà.
Non dico che tutto si ferma, ma il 70% delle aziende sarà costretto a ridimensionarsi; ossia, tagliare dipendenti, limitare investimenti.
A chi ha la forza morale, ma sopratutto economica, riuscirà a resistere anche dopo la primavera del 2010.
Una considerazione da fare; il g8, senza cina, si chiuderà con tante belle parole, preparate in anteprima.
La politica si scontrerà con i veri padroni dei soldi.
Tutto andrà verso una fase di appiattimento e mancanza di forze.
In quel momento, si alzerà una voce, che indicherà la necessaria ed inevitabile creazione di un organismo unico per la gestione delle monete e delle finanze.
Nel frattempo, vedremo la fine del dollaro.
un abbraccio
franco <<<

Nella sua semplicità questo utente anonimo vede molto lungo...

Pyter
Inviato: 12/7/2009 20:07  Aggiornato: 12/7/2009 20:07
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: In 8 e in 14 vissero tutti felici e contenti
Anch'io lo vedo molto lungo...

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
Nieuport
Inviato: 12/7/2009 20:34  Aggiornato: 12/7/2009 20:34
Ho qualche dubbio
Iscritto: 16/12/2007
Da: Firenze
Inviati: 189
 Re: In 8 e in 14 vissero tutti felici e contenti
Risposta per Peonia (banalità, ma non priva di significato)
“Oggi mi hanno raccontato una cosa che non riesco a credere: Michelle Obama sarebbe andata in un ristorante di Trastevere e alla fine avrebbe chiesto di incartarle gli avanzi per il cane...possibile?!”
Possibile, e se vero ha fatto bene. In America nei ristoranti buoni portano bistecche di un chilo, che una persona normale non finisce. È comune allora chiedere una “doggie bag” che è una bustina di cartone in cui uno si porta via la mezza bistecca, pagata ma non finita, per poi a casa mangiarsela il giorno dopo. Che prendere gli avanzi per il cane sia un eufemismo credo lo dimostri il fatto che si può portare via anche la bottiglia di vino con quello che resta.
Ho letto da qualche parte che anche in Francia si comincia a portare via le bottiglie lasciate a metà. Michelle avrà (simpaticamente, secondo il mio punto di vista) voluto far conoscere in Europa una pratica americana che è rispettabile. Anche chi va in un ristorante di lusso non è detto che debba buttar via i soldi, e in un mondo in cui tanta gente muore di fame, sviluppare anche simbolicamente il rispetto per il cibo e il rifiuto dello spreco ha un suo valore.
Dubito però che la pratica avrà successo in Italia, noi se non facciamo gli sboroni non siamo contenti.
Nieuport

Kingu
Inviato: 12/7/2009 20:36  Aggiornato: 12/7/2009 20:36
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/11/2008
Da: Treblinka
Inviati: 302
 Re: In 8 e in 14 vissero tutti felici e contenti
tutte le volte che si parla di aiuti all'africa succede sempre qualcosa. nel 2005 si tocco l'interesse maggiore grazie al concerto in diretta mondiale live8. pochi giorni dopo ci fu il multiattentato londinese. intanto si sa che l'africa è la spazzatura del mondo. vengono stoccate li le migliaia di tonnelate di rifiuti occidentali.mi sembra strano dare soldi al continente piu ricco di risorse naturali al mondo. che ci sia qualcosa dietro??????????

florizel
Inviato: 12/7/2009 20:40  Aggiornato: 12/7/2009 20:41
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: In 8 e in 14 vissero tutti felici e contenti
hendrix
Citazione:
Ne sta arrivando una bella grossa...


Ma non aveva detto che non si sarebbe MAI candidato?
E per giunta a segretario di un partito... Mah.

Considerando che uno degli oggetti delle critiche di Grillo è la Serracchiani, ci sarebbe da credere che questo ennesimo "favore" che farebbe al PD se lo fa pagare profumatamente...

Non si capisce ancora se è perchè la Serracchiani, in futuro, POTREBBE raccogliere molti consensi e passare ad una politica più "ferma" e radicale (per modo di dire...), o perchè davvero NON rappresenta alcuna "novità"...

In ogni caso, non si muove foglia che il vertice non voglia, si sa...

Replica della Serracchiani.

Ri-replica di Grillo.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
hendrix
Inviato: 13/7/2009 8:56  Aggiornato: 13/7/2009 8:56
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: In 8 e in 14 vissero tutti felici e contenti
Citazione:
In ogni caso, non si muove foglia che il vertice non voglia, si sa...

Hai ragione, ma premesso che il vertice pressoché inesistente ha altro da risolvere, spero che la discesa in campo di Grillo faccia esplodere TUTTE le contraddizioni di un partito che di sinistra non ha più niente da dire.

E a giudicare dalle prime reazioni sarà il tormentone politico di questa estate.

" Siam messi proprio bene " come scriveva poco sopra Lestaat...


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA