Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


Medicina : Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Inviato da Redazione il 9/6/2009 2:20:00 (20808 letture)

Una nuova intervista ad un paziente che ha fatto la terapia Simoncini.


Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
edo
Inviato: 9/6/2009 7:40  Aggiornato: 9/6/2009 7:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Domani su l'inserto salute del corriere? Si... saluti!

Link inviato alla mailing list!

Lezik85
Inviato: 9/6/2009 9:44  Aggiornato: 9/6/2009 9:44
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
La cosa interessante è che sia stato un altro medico ad indirizzare il signor Giordano verso la cura Simoncini

spettatore
Inviato: 9/6/2009 9:58  Aggiornato: 9/6/2009 9:58
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da:
Inviati: 883
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Due buone notizie.

La prima: il signore malato, dopo il suo personalissimo calvario, è guarito.

La seconda: è un medico che lo ha seguito e sostenuto durante la terapia col bicarbonato.


Lo spettatore

Citazione:
Non metterti a discutere con un idiota. La gente potrebbe non accorgersi della differenza.
amartya
Inviato: 9/6/2009 9:59  Aggiornato: 9/6/2009 10:04
So tutto
Iscritto: 7/1/2009
Da:
Inviati: 18
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Potrebbe essere un punto di svolta questo.
La volta precedente era stato un medico a farsi curare da Simoncini, adesso un medico dice esplicitamente che la cura tradizionale nn ha mai curato nessuno, solo gli interventi chirurgici sn stati alle volte efficaci.
Dobbiamo diffondere questo materiale in tutta la rete come un virus.
Molte vite potrebbero essere salvate.

Daemon
Inviato: 9/6/2009 11:16  Aggiornato: 10/6/2009 1:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/9/2005
Da:
Inviati: 255
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Una duplice testimonianza molto interessante.
Dopo aver ascoltato in sintesi la storia di questa persona, emerge un'ipotesi che sarebbe importantissimo riuscire a verificare: ovvero se la "terapia Simoncini" possa aver provocato, facilitato o infuenzato in qualche modo la guarigione del paziente.

Dal momento che tutti noi ci auguriamo, per la vita di milioni di persone in tutto il mondo, che questa ipotesi sia vera, credo sia fondamentale riuscire ad avere, innanzitutto, tutte le possibili informazioni cliniche su questo particolare caso.

In questo modo, se noi riusciamo a provare che la guarigione del paziente è stata causata, al di là di ogni ragionevole dubbio, direttamente dalla terapia Simoncini, allora questo verrebbe a costituire un precedente estremamente importante, che magari potrebbe dare il via ad una ricerca nella quale, analizzando una casistica sufficentemente ampia, si possa sperimentare l'efficacia della "terapia Simoncini" ed iniziare a mettere a punto uno specifico protocollo di trattamento per i vari tipi di tumore.

Al lavoro, allora!
Cosa ci servirebbe per rendere questo caso qualcosa di più di una singola testimonianza aneddotica come tante?
Abbozzo una prima lista:

- elenco, data e descrizione di tutti gli interventi o trattamenti, di qualsiasi tipo (intanto ci sarebbero sette operazioni, sembra) fatti al paziente o eseguiti dal paziente in autonomia (compresa ovviamente la "terapia Simoncini").

- elenco, data e copia di tutti i referti e dei risultati degli esami fatti al paziente dall'inizio della sua storia di ammalato di tumore, come il referto dell'esame istologico che si vede in parte, anche se molto sgranato, all'inizio del video.


Solo in questo modo, infatti, diventa possibile iniziare a collegare la "terapia Simoncini" con la guarigione del paziente:
1 - escludendo ogni altra causa, ragionevolmente possibile, di tale guarigione
2 - attribuendo il merito della guarigione, in modo ragionevolmente univoco, alla "terapia Simoncini"


Massimo, a questo punto sarebbe fondamentale avere tutte queste informazioni, così possiamo avere qualcosa su cui lavorare insieme (ovviamente in forma rispettosa della privacy del paziente).

Grazie!

Cassandra
Inviato: 9/6/2009 12:33  Aggiornato: 9/6/2009 12:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/5/2006
Da:
Inviati: 1551
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Temo per le sorti di questo medico.
Hanno radiato Simoncini, ci mettono 2 minuti a radiare anche lui che consiglia "terapie non approvate e inefficaci"...

"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)
fefochip
Inviato: 9/6/2009 13:17  Aggiornato: 9/6/2009 13:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
rimosso ...da me...

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
Redazione
Inviato: 9/6/2009 13:40  Aggiornato: 9/6/2009 13:41
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
DAEMON: "Massimo, a questo punto sarebbe fondamentale avere tutte queste informazioni, così possiamo avere qualcosa su cui lavorare insieme"

Mi dispiace raffreddare i tuoi entusiasmi, ma non c'è nulla su cui lavorare insieme. Non siamo qui per dimostrare niente, ma solo per informare.

Le informazioni che abbiamo su quel paziente sono quelle che abbiamo dato.

Ognuno si faccia l'opinione che crede.

utrevolver
Inviato: 9/6/2009 13:57  Aggiornato: 9/6/2009 13:57
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da: Sandalia
Inviati: 411
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Testimonianza preziosa e chiara.

Solo un consiglio: migliorare l'audio, all'inizio pensavo parlassero russo!

Comunque complimenti a Massimo che conferma la sua estrema competenza quando si astiene dal silurare il Vaticano :P

Redazione
Inviato: 9/6/2009 14:02  Aggiornato: 9/6/2009 14:02
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
UTREVOLVER: Ti ringrazio, ma l'intervista l'ha fatta Fefochip.

(Quindi, se vuole portarsi a casa i complimenti, deve anche beccarsi il cazziatone per l'audio )

goldstein
Inviato: 9/6/2009 14:23  Aggiornato: 9/6/2009 14:23
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 4/11/2004
Da:
Inviati: 2827
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
E' un peccato che non sia stata considerata la richiesta di Daemon, visti gli auspici per una discussione costruttiva ce ne erano tutti i presupposti.
Anche in questo caso, quindi, tanto fumo e niente arrosto.

totalrec
Inviato: 9/6/2009 17:22  Aggiornato: 9/6/2009 17:22
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/5/2006
Da:
Inviati: 767
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
Mi dispiace raffreddare i tuoi entusiasmi, ma non c'è nulla su cui lavorare insieme. Non siamo qui per dimostrare niente, ma solo per informare.


Sì, ma informare, esattamente, su che cosa?
Se la notizia è: si può guarire dal cancro anche - meglio ancora: soprattutto - senza farsi affettare e intossicare dalle cure ufficiali, allora si tratta di una notizia vecchia (almeno per me) quanto l'invenzione della ruota, già metabolizzata e tesaurizzata nella vita quotidiana, grazie a letture e interventi (anche su questo sito) di ben altro spessore. Ringrazio il Sig. Giordano per aver condiviso, pur senza introdurre nuovi elementi in merito, una mia antica opinione.

Se invece la notizia è: la cura Simoncini funziona (oppure: funziona meglio di mille altri metodi alternativi), allora l'annuncio andrebbe corredato di qualche elemento che non sia la mera testimonianza di due illustri sconosciuti. In mancanza di ciò, non vedo quale opinione potrei formarmi e/o consolidare.

"I shall be telling this with a sigh
Somewhere ages and ages hence:
Two roads diverged in a wood, and I...
I took the one less traveled by,
and that has made all the difference".

(Robert Frost, "The road not taken")
Redazione
Inviato: 9/6/2009 17:48  Aggiornato: 9/6/2009 17:48
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
TOTALREC: Purtroppo siamo in grado di fornire solamente la testimonianza di due illustri sconosciuti.

Quando guarirà Napoleone Bonaparte te lo farò sapere.

hendrix
Inviato: 9/6/2009 17:50  Aggiornato: 9/6/2009 17:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Il dottore: Io mi sono sentito in dovere di approvare questa loro richiesta...
Se tutti i medici fossero così.

Redazione
Inviato: 9/6/2009 17:53  Aggiornato: 9/6/2009 17:54
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
GOLDSTEIN: "E' un peccato che non sia stata considerata la richiesta di Daemon, visti gli auspici per una discussione costruttiva ce ne erano tutti i presupposti."

Nessuno ha mai detto che la discussione costruttiva debba avvenire sulla storia clinica del signore intervistato.

Se tu credi a quello che dicono le due persone intervistate, da discutere ce n'è in abbondanza.

Se tu non ci credi, semplicemente non partecipare.

totalrec
Inviato: 9/6/2009 18:12  Aggiornato: 9/6/2009 18:12
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/5/2006
Da:
Inviati: 767
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
Se tu credi a quello che dicono le due persone intervistate, da discutere ce n'è in abbondanza.


Non direi. Io dò per scontata la buona fede del sig. Giordano e del suo simpatico medico curante. Credo - per atto di fideistica devozione - a tutto ciò che hanno affermato. Credo che il sig. Giordano abbia avuto un tumore alla vescica, che si sia sottoposto alle cure tradizionali senza ottenere risultati, che abbia poi sperimentato la cura Simoncini e che sia guarito.
Anche partendo da tutti questi assiomi, il massimo che posso affermare è:

"Il sig. Giordano è guarito dal cancro E ha fatto la cura Simoncini".

"E" è congiunzione copulativa, non causale.

Per stabilire tra le due proposizioni un rapporto di causa/effetto (ovvero per trasformarle da gossip in informazione) occorrerebbero i dati aggiuntivi che Daemon richiede.

Nell'attesa, veniamo allo sport...

"I shall be telling this with a sigh
Somewhere ages and ages hence:
Two roads diverged in a wood, and I...
I took the one less traveled by,
and that has made all the difference".

(Robert Frost, "The road not taken")
ELFLACO
Inviato: 9/6/2009 18:15  Aggiornato: 9/6/2009 18:15
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Ritengo che questo video sia importantissimo!! dato che paziente e sopratutto medico curante mettono la loro faccia.
Un complimentone grandissimo a Fefo,sopratutto per la tenacia e la voglia di fare.

Tempo fa non sarei stato d'accordo con Redazione sul presentare SOLO la testimonianza,ma ho capito come la pensa.
Lui ci informa che c'è questa cosa stà a noi muovere il culo dal divano e andarci a cercare le risposte alle nostre domande.

Allora approfitto per chiedere a Fefo se è possibile contattare queste persone,dato che hanno messo la faccia, e se sarebbero disposte a produrre della documentazione più dettagliata. Sempre tramite lo stesso Fefochip se per loro è più, per così dire," sicuro".

Grazie

P.S.:Gran bel lavoro ancora Fefo.

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
Redazione
Inviato: 9/6/2009 18:24  Aggiornato: 9/6/2009 18:33
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
TOTAL REC: Citazione:
Se tu credi a quello che dicono le due persone intervistate, da discutere ce n'è in abbondanza.

Non direi.


E allora non discutere. Mica sei obbligato.

°°°

FLACO: "Allora approfitto per chiedere a Fefo se è possibile contattare queste persone,dato che hanno messo la faccia, e se sarebbero disposte a produrre della documentazione più dettagliata. Sempre tramite lo stesso Fefochip se per loro è più, per così dire," sicuro"."

Forse non mi sono spiegato bene, ma qui non si "produce" nessuna documentazione*, poichè non si intende dimostrare nulla.

Io ho pubblicato una testimonianza: se ti interessa la guardi, se no non farlo. Punto.

* Nel video ci sono la diagnosi di malattia e quella di assenza di cancro. A me per supportare quella testimonianza paiono più che sufficienti.

***

Avviso per tutti: è la terza volta che ripeto questo concetto. Spero davvero che sia l'ultima. Chi non è interessato vada altrove, nessuno lo trattiene.

ELFLACO
Inviato: 9/6/2009 18:41  Aggiornato: 9/6/2009 18:41
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
Io ho pubblicato una testimonianza: se ti interessa la guardi, se no non farlo. Punto.


Guarda che ho capito. Volevo solo sapere da Fefochip se i testimoni erano disposti produrre quei dati.
Ma forse avrei dovuto chiedere tramite PM.

Sorry.

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
totalrec
Inviato: 9/6/2009 18:42  Aggiornato: 9/6/2009 18:42
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/5/2006
Da:
Inviati: 767
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
E allora non discutere. Mica sei obbligato.


No. Ma confesso che in presenza di qualcosa da discutere, sarebbe stato bello.



Citazione:
Avviso per tutti: è la terza volta che ripeto questo concetto. Spero davvero che sia l'ultima. Chi non è interessato vada altrove, nessuno lo trattiene.


Capito. Prendo moglie e prole e vado a fare un giro al parco. Ogni volta che si parla di Simoncini su questo sito, mi accorgo sempre che fuori c'è una bellissima giornata.

"I shall be telling this with a sigh
Somewhere ages and ages hence:
Two roads diverged in a wood, and I...
I took the one less traveled by,
and that has made all the difference".

(Robert Frost, "The road not taken")
tiburon
Inviato: 9/6/2009 19:10  Aggiornato: 9/6/2009 19:10
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2007
Da:
Inviati: 150
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Massimo my Friend: non capisco...

informare su un fatto secondo me implicherebbe qualche approfondimento...

voler evitare lo scontro duro ringhiando... non mi sembra utile. Non credo siano tutti debunker mannari, che restano in latenza fino al post su questo argomento... vedo molta gente curiosa e desiderosa di APPROFONDIRE.

Mi rendo conto che la cosa ti costi molte energie, ti consiglio di estrometterti dal ruolo di sostenitore e lasciar lievitare la documentazione a favore o contro che sia.


Il tuo parere poi resta il tuo...come il loro resta il loro...ma i fatti no: i fatti debbono essere gli stessi per tutti...o sbaglio?

Alla buona informazione, lo scopo primo ed ultimo di questa congrega

Alberto
Inviato: 9/6/2009 19:13  Aggiornato: 9/6/2009 19:13
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/4/2007
Da:
Inviati: 113
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
vi darei un consiglio, la rete se usata bene offre grandi possibilità.
Preso atto del video, mostrato su questo sito, potete approfondire l'argomento cercando in rete (per comodità) quello che vi interessa sapere e capire.
E' noioso, pesante..ma un minimo di sforzo se interessa davvero si può anche fare.

Come i dati tecnici della vostra automobile non l'andate a chiedere al vostro giardiniere, allo stesso modo, è inutile chiedere "quì" maggiori informazioni.

Contattate Simoncini, medici che ne praticano la cura (ci sono...),
guardate come funziona il sistema dei farmaci nel mondo, la chimica, la medicina, il sistema (ricattatorio) televisivo (vale la pena ricordare che Striscia prima di Simoncini aveva parlato a lungo e per anni di medici che prescrivevano farmaci per assicurarsi viaggi esotici, favori ecc...mentre oggi Striscia continua a "sponsorizzare" la medicina ufficiale. Ora parla della chimica nei cibi...)

e fate le conclusioni

Doru
Inviato: 9/6/2009 19:18  Aggiornato: 9/6/2009 19:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 133
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
sottoscrivo tiburon,

edo
Inviato: 9/6/2009 19:24  Aggiornato: 9/6/2009 19:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
totalrec: Per stabilire tra le due proposizioni un rapporto di causa/effetto (ovvero per trasformarle da gossip in informazione) occorrerebbero i dati aggiuntivi che Daemon richiede.

Il punto è che non è LC che può dare un'attribuzione di ufficialità alla cura, (purtroppo) solo un ministero della salute può farlo.
LC porta un'informazione che può sensibilizzare chi ha la possibilità di "cambiare il sistema dall'interno" e cioè i medici.
Il medico che si è fatto intervistare (insieme al Dr. Lombardo del documento postato in passato) sono un esempio di ciò che si può fare "dal basso".
Per chi volesse contattarli direttamente dovrebbe essere semplice ricercarli tramite la banca dati del SSN.

Redazione
Inviato: 9/6/2009 19:41  Aggiornato: 9/6/2009 19:41
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
"vedo molta gente curiosa e desiderosa di APPROFONDIRE."

Non comprendo cosa intendi dire: hai una persona che racconta di aver fatto sette interventi per un tumore che continuava a recidivare. Poi racconta che gli hanno detto che doveva togliere la vescica. Poi racconta che ha fatto la cura con bicarbonato, e che ora non ha più nulla. I documenti li hai visti, e accanto hai il medico curante che conferma tutto.

Cos’altro c’è da “approfondire”?

O mi dici che non credi a quello che dicono quei signori, oppure non comprendo la richiesta.

soleluna
Inviato: 9/6/2009 20:02  Aggiornato: 9/6/2009 20:02
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/3/2005
Da: orbita di Anarres
Inviati: 1309
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Direi che sarebbe doveroso approfondire, se non altro perché di umanità dolorante si parla.

Informare, informarsi, tenendo alta sempre la coscienza critica verso chicchessia, senza sposare, perchè sarebbe auspicabile e desiderabile farlo, una teoria.

Perdona Redazzucco, SE, ripeto sottolineandolo ed escludendolo dal caso specifico di questa intervista, SE una persona X volesse lucrare costruendo documenti fittizzi e facendo affermazioni che su quei documenti si basano, toccando un tasto così sensibile per tutti, la malattia, la decadenza del corpo nostra o di chi amiamo, la morte, , non trovi che sarebbe quanto meno etico non basare la propria idea su delle affermazioni?

Critica-mente
Pat

"perche' ballate e vi fate l'acconciatura, visto che qua e' impossibile anche comprare da mangiare?"
"perche' magari oggi e' l'ultimo giorno che viviamo, e vogliamo amarlo quanto piu' possibile"
Grozny
tiburon
Inviato: 9/6/2009 20:07  Aggiornato: 9/6/2009 20:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2007
Da:
Inviati: 150
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
beh... quando mi sono rotto il piede molta gente ha voluto sapere come, quando, cosa mi sono rotto del piede, come l'ho scoperto, il medico che me lo ha detto...

C'è chi ha voluto vedere le lastre, chi mi ha detto dei tempi di guarigione, chi mi ha consigliato metodi, fisioterapisti...

Non credo che nessuno dei miei amici mettesse in dubbio il fatto che mi fossi rotto il piede,od il fatto che il piede si rompa o possa guarire... mi sembrava scortese attaccare loro in faccia subito dopo la notizia. O non rispondere alle loro domande...


Credo nella sana curiosità verso le cose...

Inoltre, visto che fino ad oggi le spiegazioni del fenomeno di guarigione per bicarbonato risultano -magari solo a me- nebbiose...

insomma hai visto mai che riusciamo a bucare 'sto muro di gomma e sapere qualcosa di più. Alla fine credo che più del fatto in se il gusto sia nello scoprire il meccanismo, altrimenti Zeus mi deve spiegare cos'ha contro gli alberi isolati...

Alla conoscenza, fino al limite in cui inizia la fede

Redazione
Inviato: 9/6/2009 20:28  Aggiornato: 9/6/2009 20:40
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
SOLELUNA: "SE, ripeto sottolineandolo ed escludendolo dal caso specifico di questa intervista, SE una persona X volesse lucrare costruendo documenti fittizzi e facendo affermazioni che su quei documenti si basano, "

Se questa persona X volesse lucrare ecc. ecc. …. falsificherebbe anche gli approfondimenti, mi pare ovvio. Tu stessa hai parlati di documenti fittizi.

Quindi, o sei disposta ad andare fisicamente nei vari ospedali e ambulatori in cui si trovano i documenti ORIGINALI di ciascun caso, oppure qualunque cosa potessi procurarti io, via internet, lascerebbe il tempo che trova.

Peraltro, tu stessa hai detto di escludere la possibilità per questa intervista, per cui non capisco che cosa stiamo discutendo.

°°°

TIBURON: "quando mi sono rotto il piede molta gente ha voluto sapere come, quando, cosa mi sono rotto del piede, come l'ho scoperto, il medico che me lo ha detto..."

Io invece mi sono rotto più volte una gamba, ma nessuno mi ha mai cagato di striscio. Si vede che tu sei molto più amato di me.

In ogni caso, se io dovessi rispondere a tutto quello che "vuole sapere la gente" dovrei passare 48 ore al giorno a parlare.

"Insomma hai visto mai che riusciamo a bucare 'sto muro di gomma e sapere qualcosa di più."

Non capisco che cosa ci sia da "bucare". Io ho già detto - più di una volta, mi sembra - che non voglio convincere nessuno. Ho anche scritto un articolo apposta, impegnandomi proprio a non prendere posizione.

Continuo quindi a non comprendere cosa si voglia da me.

soleluna
Inviato: 9/6/2009 20:43  Aggiornato: 9/6/2009 20:43
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/3/2005
Da: orbita di Anarres
Inviati: 1309
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Cominciamo per punti:

1) il video così come è, a mio avviso, equivale all'affermazione che siccome ero malato e sono andato a Fatima poi sono guarito perchè ho pregato. Conseguenza "Dio esiste".

2) Una cosa è scrivere su un bel pc una diagnosi ed una prognosi altra è farlo con date, nomi, enti e medici che le hanno rilasciate, magari anche questi ultimi con dati anagrafici e titoli presi dove quando, magari sono tutte cose che nella stessa misura possono essere contraffatte però comincia a diventare più difficile e un possibile controllo probabile.

3) Milioni di variabili intervenienti o spurie non sono così considerate, ammesso sia tutto così come dichiarato, cosa ci implica che dato A allora B, in breve che la causalità della guarigione sia da imputare a questo fattore e non ad altri, magari concorrenti o magari del tutto ignoti?

4) Non era una protesta, solo un punto di vista, perchè qui non si parla di cavoli o radiatori, ma di esseri umani, deboli oltretutto nel corpo e nello spirito, con tutte le conseguenze del caso.

Critica-mente
Pat

"perche' ballate e vi fate l'acconciatura, visto che qua e' impossibile anche comprare da mangiare?"
"perche' magari oggi e' l'ultimo giorno che viviamo, e vogliamo amarlo quanto piu' possibile"
Grozny
Redazione
Inviato: 9/6/2009 20:56  Aggiornato: 9/6/2009 20:58
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
1) il video così come è, a mio avviso, equivale all'affermazione che siccome ero malato e sono andato a Fatima poi sono guarito perchè ho pregato. Conseguenza "Dio esiste".
Sei liberissima di crederlo.

Citazione:
2) Una cosa è scrivere su un bel pc una diagnosi ed una prognosi altra è farlo con date, nomi, enti e medici che le hanno rilasciate, magari anche questi ultimi con dati anagrafici e titoli presi dove quando, magari sono tutte cose che nella stessa misura possono essere contraffatte però comincia a diventare più difficile e un possibile controllo probabile.
Non ritengo di dover sprecare del tempo per dimostrarti il contrario.

In ogni caso, se un medico chiede di non far sapere il proprio nome, la sua richiesta va rispettata (già mi stupisce che si sia fatto vedere in faccia, in questo caso). Sta a te decidere se mente o meno.

Citazione:
3) Milioni di variabili intervenienti o spurie non sono così considerate, ammesso sia tutto così come dichiarato, cosa ci implica che dato A allora B, in breve che la causalità della guarigione sia da imputare a questo fattore e non ad altri, magari concorrenti o magari del tutto ignoti?

Nulla. Sono tutte “implicazioni” che stanno solo nel tuo cervello, infatti. Io non ho mai affermato nulla di simile.

Io continuo solo a ripetere che non voglio dimostrare nulla, ma evidentemente non mi esprimo bene in italiano.

Lezik85
Inviato: 9/6/2009 20:58  Aggiornato: 9/6/2009 20:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
1) il video così come è, a mio avviso, equivale all'affermazione che siccome ero malato e sono andato a Fatima poi sono guarito perchè ho pregato. Conseguenza "Dio esiste".


...si, ed anche san tommaso allora.

Citazione:
2) Una cosa è scrivere su un bel pc una diagnosi ed una prognosi altra è farlo con date, nomi, enti e medici che le hanno rilasciate


Non capisco la pretesa selvaggia di tali dati. Non credo ci troviamo ad uno sportello dell'ASL.

Citazione:
ammesso sia tutto così come dichiarato


Sono i diretti interessati che parlano e di conseguenza i meglio informati.

Citazione:
deboli oltretutto nel corpo e nello spirito, con tutte le conseguenze del caso


come se la medicina ufficiale non si prendesse gioco di loro.

divert
Inviato: 9/6/2009 21:48  Aggiornato: 9/6/2009 21:48
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/5/2009
Da:
Inviati: 78
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
La guarigione, molti guariscono anche di solo placebo o di mente... Ho conosciuto persone che si sono autoguarite facendo meditazione vipassana (uno studente di artrite alle ginocchia , una studentessa l'occhio sinistro,un tumore l'insegnante, ecc.). Un mio amico non ha più bisogno di prendere farmaci per la pressione alta di cui faceva uso da anni dopo che ha fatto un trattamento omeopatico, gli si è regolarizzata.... Ecc. ecc. ecc.
Simoncini si Simoncini no... non lo so... qui sembrano mostrare la mendacità di alcuni casi del dottore... [ http://medbunker.blogspot.com/2009/06/simoncini-astrocitoma-guarito-dal.html#links ]
Di furfanti ce ne son molti, da entrambe gli schieramenti... schieramenti perché qui sembra una tifoseria e non scienza!
Ovvio che serve una documentazione ampia e certa.

Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza.
(Arthur Bloch)
manox66
Inviato: 9/6/2009 21:59  Aggiornato: 9/6/2009 21:59
So tutto
Iscritto: 4/12/2005
Da:
Inviati: 12
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica

Dusty
Inviato: 9/6/2009 22:09  Aggiornato: 9/6/2009 22:09
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/10/2005
Da: Mondo
Inviati: 2248
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
Mi dispiace raffreddare i tuoi entusiasmi, ma non c'è nulla su cui lavorare insieme. Non siamo qui per dimostrare niente, ma solo per informare.

Informare lo si può fare a diversi livelli: anche quelli che vanno al bar sotto casa a parlare delle veline si "informano", però in genere ci fanno poco di costruttivo con quelle informazioni.

Citazione:
Le informazioni che abbiamo su quel paziente sono quelle che abbiamo dato.

Peccato, se fossero state un po' più approfondite, ad esempio con i dati che chiedeva Daemon, si sarebbe potuto creare una interessante discussione.

Citazione:
Ognuno si faccia l'opinione che crede.

Ci sono opinioni che valgono qualcosa ed altre che valgono meno, tutto dipende dalle basi sulle quali le si è costruite, ed avere basi solide di solito aiuta :)

"Tu non ruberai, se non avendo la maggioranza dei voti"
-- Dal Vangelo Secondo Keynes, Capitolo 1, verso 1.
Il portico dipinto
totalrec
Inviato: 9/6/2009 22:33  Aggiornato: 9/6/2009 22:33
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/5/2006
Da:
Inviati: 767
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
hai una persona che racconta di aver fatto sette interventi per un tumore che continuava a recidivare. Poi racconta che gli hanno detto che doveva togliere la vescica. Poi racconta che ha fatto la cura con bicarbonato, e che ora non ha più nulla. I documenti li hai visti, e accanto hai il medico curante che conferma tutto. Cos’altro c’è da “approfondire”?


Beh, ad esempio (e mi limito solo a ciò che interesserebbe a me): prendendo per buono tutto ciò che dice il sig. Giordano (non ho ragione di mettere in dubbio la sua parola e i referti medici), come faccio a sapere che è guarito grazie al bicarbonato e non - per dirne una - grazie alla semplice interruzione della tortura chirurgica?
Mi spiego meglio, così forse riusciamo a capirci.
E' cosa nota a tutti che ogni cura "alternativa" del cancro può vantare le sue testimonianze di guarigione. Esistono persone che dicono di essere guarite grazie all'Essiac, alle cure nutrizionali, all'uva, alla salvia nera, a Padre Pio, ecc. Molte di loro possono vantare testimonianze e referti medici, e non ho ragione di mettere in dubbio la veridicità di quanto affermano più di quanta ne abbia di dubitare del sig. Giordano. Conosco una signora di Parma che mi ha raccontato di essere guarita da un cancro alle ossa della gamba senza fare assolutamente nulla, semplicemente ignorando ciò che i medici le avevano detto e occupandosi d'altro. La conosco bene e non la definirei una mitomane. Per avere un'idea della vastità del fenomeno, a questo indirizzo si può trovare un piccolo (si fa per dire) elenco di guariti dal cancro con gli intrugli più vari.
E' da molto tempo che mi chiedo se esista un minimo comun denominatore a tutti questi casi di guarigione. Avevo pensato che esso potesse consistere nelle seguenti circostanze:

a) Sospensione, da parte dei "miracolati", delle mortifere cure ufficiali.
b) Determinazione a superare la malattia.
c) Capacità di concentrarsi su qualcosa che non sia la propria malattia
(Essiac, bicarbonato, salvia nera, campionato di Risiko, ecc.).

Trovai un interessante libro di Andreas Moritz ("Cancer is not a disease", di cui tradussi anche un brano) che confermò parzialmente questa ipotesi di lavoro. Moritz sostiene che il cancro non sia una malattia, bensì un estremo meccanismo di guarigione che entra in funzione in un organismo debilitato (da cause diverse) quando ogni altra difesa ha fallito.
Poiché non mi affeziono alle mie ipotesi di lavoro, né sono solito inveire contro coloro che le smontano, andai alla ricerca di altre testimonianze di guarigione, ed è qui che mi imbattei nella ormai celebre diatriba su Simoncini in questo loco. Ero incuriosito. Davvero esisteva un legame DIRETTO tra il bicarbonato e le guarigioni o si trattava, anche in questo caso, di remissioni della malattia riconducibili ai tre punti a, b e c di cui sopra? Fino ad ora (a causa della mancata prova di un legame diretto, delle risposte a dir poco superficiali di Simoncini, dei dogmatismi fideistici che accompagnano sempre queste discussioni) sono rimasto molto legato all'ipotesi di Moritz. Potrei naturalmente sbagliarmi e non lo considererei un dramma o un affronto. Ma non lo saprò mai - o almeno non lo saprò mai in virtù del contributo di Luogocomune - se le discussioni continueranno a essere impostate sulla direttiva "munitevi di fede cieca o siate cacciati dal tempio".
Se l'impostazione è questa, non vedo come una discussione possa non dico essere utile alla comprensione, ma anche solo definirsi tale.

"I shall be telling this with a sigh
Somewhere ages and ages hence:
Two roads diverged in a wood, and I...
I took the one less traveled by,
and that has made all the difference".

(Robert Frost, "The road not taken")
cnj
Inviato: 9/6/2009 22:36  Aggiornato: 9/6/2009 22:37
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da: Romagna
Inviati: 795
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Tiburon, penso sia lecita la tua richiesta ma Massimo credo ti abbia risposto in maniera chiara e condivisibile.
C'è chi vuole ulteriore documentazione (cartelle cliniche del prima e del dopo) perchè questa dichiarazione video, con tanto di faccia di paziente e medico curante, non basta.
Se questa ulteriore documentazione viene fornita da chi ha fatto il video, il cerchio non si chiuderà mai perchè qualcuno avrà sempre da ridire.
Io penso che chi necessita in maniera legittima di ulteriore documentazione dovrebbe cercare la strada di contattare direttamente i soggetti del video (il cui indirizzo e telefono non possono essere messi su di un blog).
Fefochip penso si sia dovuto dare piuttosto da fare per ottenere queste testimonianze.
Per ottenere altre informazioni, chi le vuole, credo debba sbattersi un po' proprio come Fefochip.

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. Nikola Tesla
dr_julius
Inviato: 9/6/2009 22:38  Aggiornato: 9/6/2009 22:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Consiglio di lettura: Hans il cavallo che sapeva contare.

Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
slump
Inviato: 9/6/2009 23:01  Aggiornato: 9/6/2009 23:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/6/2006
Da:
Inviati: 199
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Ne hanno già accennato altri ma vale la pena sottolinearlo bene: una
testimonianza, dato per scontato che sia veritiera, non significa nulla
nel senso che mostra solo una persona guarita da un cancro, non dimostra
che cosa l'abbia fatta guarire e tantomeno perché. La
terapia usata, (il bicarbonato o the verde o Chianti o altro) non può in
alcun modo venir posta in relazione alla guarigione: e questo a meno che
non si faccia un serio lavoro clinico di confronto con gruppi di
controllo, in doppio cieco ecc. Un caso, ma anche 100 casi, non
significano nulla se non si attua un procedimento scientifico
standardizzato per valutare l'eventuale efficacia di una terapia nei
confronti di altre e/o di un placebo.

Qualunque cosa si possa dire in proposito e qualunque complotto si voglia
tirare in ballo (dei medici, delle industrie o di chicchessia) non si
sfugge a questa necessità. Al di là di questo ognuno è poi libero di
credere a ciò che vuole e di curarsi come vuole: ci sono già tante
religioni nel mondo che una in più non crea problemi.

Nessuno nega che la medicina ed i farmaci tradizionali siano un grande
business ma è un business ad esempio anche l'omeopatia come lo è, per chi
la pratica con un minimo di seguito, ogni presunta attività terapeutica
alternativa: la gente malata si rivolge, giustamente dal suo punto di
vista, ad ogni porta oltre la quale pare intravedere una speranza. E il
business non è sempre un giro d'affari e di denaro ma, per alcuni casi,
anche la ricerca di una specie di gloria personale e di fama, magari per
soddisfare una qualche specie di vanità personale (medico/terapeutica).

Ci sono poi tante persone guarite dal cancro sia con terapie tradizionali
sia addirittura senza alcuna terapia: questo perché il cancro non è
una malattia ma una infinità di tipi diversi di malattie con
decorsi in parte standardizzati ma spesso imprevedibili -- così come assai
complesso e lungi dall'essere ben compreso è sia il nostro sistema
immunitario che i suoi rapporti con quella sfera che chiamiamo
"psicologica".

Spero di essere stato abbastanza civile...

"In powerful rain, they laid down their heads to die"
(My Dying Bride)
Pispax
Inviato: 9/6/2009 23:17  Aggiornato: 9/6/2009 23:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/3/2009
Da:
Inviati: 4685
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
@cassandra

Citazione:
Temo per le sorti di questo medico. Hanno radiato Simoncini, ci mettono 2 minuti a radiare anche lui che consiglia "terapie non approvate e inefficaci"...

L'ultimo caso di minaccia di radiazione dall'Ordine dei Medici che ricordo è stato per quella ragazza che aveva partecipato al Grande Fratello.

Poi ci sono medici prestanome che fingono di fare i dentisti e che firmano ricettari in bianco ai meccanci odontotecnici, che poi soni quelli che davvero prescrivono i farmaci, e non succede niente. Medici che operano inutilmente solo per avere i rimborsi della regione, e non succede niente..

Mi è rimasta questa curiosità: qualcuno sa dove trovare un elenco dei medici radiati negli ultimi 10 anni, e la motivazione di questo provvedimento?

Io non sono stato capace di trovarla.

vulcan
Inviato: 9/6/2009 23:19  Aggiornato: 10/6/2009 1:00
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
Totalrec / due illustri sconosciuti./ simpatico medico curante


Complimenti a fefo! Sei sempre in prima linea e non molli!!

Poi ho trovato l’intervistatore molto simpatico.. anche perché è molto importante se è simpatico.. meglio se è simpatico anche il medico curante ( si .. perché esistono anche medici incuranti .. ) … peccato però … sono sconosciuti ( o meglio lo erano!)

Molto ben equilibrato il video , mirata l’intervista ; essenziale direi !
Una testimonianza va presa per quella che è ; il Sig Giordano esprime in modo trasparente la sua esperienza.

Il medico( curante e simpatico) esprime in modo trasparente la sua esperienza clinica … e per quanto riguarda quel medico và tutta la mia ammirazione .. perché porgere il capo spontaneamente ad una possibile decapitazione non è da tutti!

La cosa più importante che vorrei far notare e che non è affatto la più ovvia è …
quando il medico dice …” dopo che le terapie convenzionali hanno fallito mi sono sentito in dovere di approvare questo loro desiderio” ….. cioè lui “rinuncia” temporaneamente o in tale occasione agli schemi prefissati della mente e della conoscenza per ...

… per mettere in primo piano l’interesse esclusivo per il paziente.
è ovvio … Questa esperienza clinica specie se aggiunte a tante altre ben documentate andrebbero prese seriamente in considerazione e verificate …
Ci sarebbe poi da controllare tutti i passaggi etc etc … ma si sa quando un sasso cade nello stagno si sente un tonfo …

Il movimento dell’acqua segue dopo!
…………
OT
Ciao solelunaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!!!

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
tibberio
Inviato: 9/6/2009 23:29  Aggiornato: 9/6/2009 23:29
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/12/2007
Da: Qui
Inviati: 450
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica

La storia inizia e si ferma, va avanti e poi si perde e, in mezzo a ogni parola, quanti silenzi, quante parole sfuggono e svaniscono per non essere mai piu' ritrovate. (P. Auster)
Redazione
Inviato: 9/6/2009 23:37  Aggiornato: 9/6/2009 23:37
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
DUSTY: “Peccato, se fossero state un po' più approfondite, ad esempio con i dati che chiedeva Daemon, si sarebbe potuto creare una interessante discussione.”

E’ davvero un peccato che ciò non possa essere successo. Un maledettissimo peccato. Pensa che sfiga: se avessimo avuto i dati che chiedeva Daemon, potevamo fare una bella discussione.

Invece così ci è toccato buttarne via un'altra. Maledetta sfiga!

°°°

Ti ringrazio, Vulcan. Sei una persona davvero ammirevole.

peonia
Inviato: 9/6/2009 23:44  Aggiornato: 9/6/2009 23:44
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
"vedo molta gente curiosa e desiderosa di APPROFONDIRE."

Io ho l'impressione che nemmeno davanti ai referti e i vari documenti che richiedete per approfondimento...riuscireste a togliere quel velo di incredulità che vi impedisce di vedere l'evidenza....
e siamo alle solite....non vedo via d'uscita, a meno che non siate folgorati sulla via di Damasco...

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
edo
Inviato: 9/6/2009 23:55  Aggiornato: 9/6/2009 23:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
citaz.: una testimonianza, dato per scontato che sia veritiera, non significa nulla nel senso che mostra solo una persona guarita da un cancro, non dimostra che cosa l'abbia fatta guarire e tantomeno perché. La terapia usata, (il bicarbonato o the verde o Chianti o altro) non può in alcun modo venir posta in relazione alla guarigione

Ok, quindi nemmeno le terapie "ufficiali" precedenti dimostrano di aver avuto una qualche influenza sul fatto che non sia guarito.

tiburon
Inviato: 10/6/2009 0:12  Aggiornato: 10/6/2009 0:12
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2007
Da:
Inviati: 150
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Attenzione: vi parlo da uomo della strada.

Per quel poco che so la chemio è basata sul principio che essendo un cancro -in massima semplificazione- una colonia particolarmente prolifica, bombardando a tappeto la prolificazione cellulare con un avvelenamento controllato si spera di agire ANCHE sul cancro.

E' una strategia, come lo è spararsi un colpo in testa magari (arrestando l'organismo il cancro non ha speranza), ma ha un meccanismo causa effetto più o meno verosimile. In teoria diciamo che potrebbe aver senso.

che poi la cura sia peggio del male è quasi assodato...


Il bicarbonato? su cosa agisce e perchè?

E se trovo qualcosa che mi instrada su quella direzione, posso magari migliorare la cura, riducendo i rapporti di squilibrio fra la guarigione e gli effetti collaterali...

Non mi sembra un ragionamento così strano...che c'entra la fede?

In antichità masticando corteccia di salice ci si sentiva meglio...vero...poi qualcuno si è chiesto perchè, ed i salici ringraziano.

Oggi mi si dice che il bicarbonato cura il cancro; se chiedo 'come?' mi si dice 'abbi fede'...

In più mi sono documentato sulla rete, ed i dubbi per quella che si propone non come UN MIRACOLO ma come UNA CURA in effetti non mi si chiariscono.

Voi che credete, la domanda che rivolgerei anche a DIo è:

PERCHE'?


Alle fedi che iniziano dove la ragione trova il limite, non prima



totalrec
Inviato: 10/6/2009 0:13  Aggiornato: 10/6/2009 0:13
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/5/2006
Da:
Inviati: 767
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
nemmeno davanti ai referti e i vari documenti che richiedete per approfondimento...riuscireste a togliere quel velo di incredulità che vi impedisce di vedere l'evidenza....


A costo di essere ripetitivo:
evidenza di cosa, esattamente?

Un tale dice di essere guarito dal cancro rifiutando o abbandonando le cure ufficiali per seguirne altre. E fin qui ci può stare, essendo il tremilionesimo che dice la stessa cosa. Velo d'incredulità sollevato, evidenza accettabile.

Un tale dice di essere guarito dal cancro grazie al bicarbonato. E qui per sollevare il velo occorrerebbe chiarire (cosa che Simoncini non fa) quali siano le virtù taumaturgiche del bicarbonato e quali i meccanismi chimico-fisici che le giustificano. Altrimenti il numero dei miracolati a Lourdes, provvisti anch'essi di abbondanti referti medici, rappresenta percentualmente un'evidenza ben più notevole.

"I shall be telling this with a sigh
Somewhere ages and ages hence:
Two roads diverged in a wood, and I...
I took the one less traveled by,
and that has made all the difference".

(Robert Frost, "The road not taken")
Daemon
Inviato: 10/6/2009 0:34  Aggiornato: 10/6/2009 0:34
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/9/2005
Da:
Inviati: 255
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
DAEMON: "Massimo, a questo punto sarebbe fondamentale avere tutte queste informazioni, così possiamo avere qualcosa su cui lavorare insieme"


REDAZIONE: "Mi dispiace raffreddare i tuoi entusiasmi, ma non c'è nulla su cui lavorare insieme."



Viste tutte le risposte che hai dato finora, temo proprio che tu abbia ragione, quando dici:


"non c'è nulla."

Lezik85
Inviato: 10/6/2009 0:40  Aggiornato: 10/6/2009 0:41
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
...bombardando a tappeto la prolificazione...ma ha un meccanismo causa effetto più o meno verosimile


il bombordare tutto e a caso non lo trovo verosimile e sensato. Mi sa di soluzione sommaria, di chi non sa cosa si trova davanti.

Citazione:
che poi la cura sia peggio del male è quasi assodato...


talmente assodato che quando i medici ti mettono davanti la necessità della chemioterapia, spesso si dimenticano di illustrarti gli effetti a lunga distanza.

Citazione:
Il bicarbonato? su cosa agisce e perchè?


Citazione:
Un tale dice di essere guarito dal cancro grazie al bicarbonato. E qui per sollevare il velo occorrerebbe chiarire (cosa che Simoncini non fa) quali siano le virtù taumaturgiche del bicarbonato e quali i meccanismi chimico-fisici che le giustificano


intervista Simoncini

vulcan
Inviato: 10/6/2009 0:42  Aggiornato: 10/6/2009 0:42
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
totalrec / Ma non lo saprò mai - o almeno non lo saprò mai in virtù del contributo di Luogocomune


Si sono fatte delle scelte a monte e naturalmente L.C. ha un solo ed unico ruolo.. (che già questo è un peso notevole!) … cioè quello di informazione confronto e diffusione delle idee su temi che […] … e credo che posti come questo non ce ne siano molti sul web …

Necessariamente non può essere un “laboratorio scientifico” dove alcune cose vengono o no certificate …

Un percorso è fatto di molte tappe e LC potrebbe essere una delle possibili “chiavi” .

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
vulcan
Inviato: 10/6/2009 1:00  Aggiornato: 10/6/2009 1:00
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
totalrec - Un tale dice di essere guarito dal cancro grazie al bicarbonato. E qui per sollevare il velo occorrerebbe chiarire (cosa che Simoncini non fa) quali siano le virtù taumaturgiche del bicarbonato e quali i meccanismi chimico-fisici che le giustificano.


Scusa totalrec ...

io capisco bene le tue perplessità ( e come se le capisco!) .. però non si può ogni volta ricominciare da capo ... nel senso che se parliamo dell'era napoleonica non è che si può ogni volta riprendere il discorso daglii uomini primitvi che si organizzavano in tribù!

In pratica:

La tua domanda è stata posta, sviscerata ricomposta e smontata decine e decine di volte a partire dal primo primo tread in assoluto (gennaio 06 -850 post ) ... e poi ci sono tutti i treadi successivi !

C'è tanto di quel materiale che è più che sufficente per farsi una idea precisa ...non solo dell'insieme dell'argomento ma dei particolari inerenti alla tua legittima domanda ..

E' necessario però leggere quello che già è stato scritto da molti altri!


"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
Daemon
Inviato: 10/6/2009 1:14  Aggiornato: 10/6/2009 1:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/9/2005
Da:
Inviati: 255
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
Necessariamente non può essere un “laboratorio scientifico” dove alcune cose vengono o no certificate


LC non è un un “laboratorio scientifico”, su questo siamo più che d'accordo.


Ho soltanto chiesto alcune minime informazioni in più per potermi fare un'idea decente sul caso presentato..

..ma purtroppo sembra che qui queste informazioni non le si voglia o non le si possa dare.

Qui abbiamo una possibile cura per il cancro ed io, ricercatore, non posso avere informazioni in più perchè Massimo Mazzucco ha deciso così.


Va bene. Non posso mica costringerlo. Me ne farò una ragione.

A patto che d'ora in poi Massimo Mazzucco la smetta di dire che "la scienza ufficiale è pilotata e corrotta perchè non studia le cure alternative", se alla prova dei fatti è lui il primo che non vuole fornire gli unici dati potenzialmente utili.


A questo punto la mia umile ipotesi "da complottista" è: "se in un caso così importante non si vogliono dare nemmeno delle minime informazioni di base, forse allora c'è qualcosa sotto..."


Se vuoi informare (anche senza voler dimostrare nulla) allora fallo sul serio, evitando di tirare il sasso per poi nascondere la mano.

Altrimenti questo, più che "informazione", sembra solo uno spot pubblicitario.



In ogni caso, se la "notizia" è tutta qui e non verrà portato nessun'altro documento, ve lo do io un probabile referto:



Polidoro
Inviato: 10/6/2009 1:15  Aggiornato: 10/6/2009 1:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 9/4/2005
Da:
Inviati: 488
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
E’ impressione dello scrivente (io) che il più ampio, dettagliato, scientifico corredo di prove, referti, analisi, su questo caso o su qualsiasi altro caso di guarigione non “ortodossa” (diciamo), sarebbe velocemente e scientificamente smontato dalla Scienza, la quale, giustamente, chiederebbe sperimentazione scientifica che metta in relazione causale il bicarbonato (olio di canapa o altro) con la guarigione.

Eguale sperimentazione sarà (ovviamente, sicurissimamente) stata fatta per medicamenti come il Vioxx che però ha prodotto 100/150 mila (mila !) morti.
Eguali serissime sperimentazioni avranno subito le sementi create dalle sofisticate tecniche genetiche dell’Uomo del Monte che purtroppo hanno ammazzato svariati milioni di api, sembra.

Questa è la scienza (d’oggi): il Tempio è invaso dai mercanti.

La Scienza vera, quella che amavo (amo), andrebbe subito a controllare, verificare una guarigione “impossibile”, di sua “spontanea volonta” (diciamo), no ?
Perché …. non si sa mai, chissà, oddio, certo è impossibile (il bicarbonato: ah, ah, un intruglio di erbe, pfui !: siamo qui a smontare il DNA e questi vogliono guarire …. Ah ah ! con il bicarbonato)

Vuoi mettere le due lire del Bicarbonato (buono per lavare le verdure !) con un bel trattamento di:
1. Costo 6 cicli di chemioterapia (Paclitaxel e Cisplatino) + “somministrazione”, “premedicazione” e “reazioni avverse” per 100 pazienti: 452.096,00 euro
2. Costo 6 cicli di chemioterapia (Vinolrelbina e Cisplatino) + “etc.” per 100 pazienti: 814.366,00 euro
3. Costo 6 cicli di chemioterapia (Paclitaxel e Carboplatino) + “etc.” per 100 pazienti: 467.550,00 euro
4. Costo 6 cicli di chemioterapia (Gemcitabina e Cisplatino) + “etc.” per 100 pazienti: 703.251,00 euro
5. Costo 6 cicli di chemioterapia (Docetaxel e Cisplatino) per 100 pazienti: 841.978,00 euro
6. Costo 6 cicli di chemioterapia (Docetaxel e Carboplatino) + “etc.” per 100 pazienti: 825.887,00 euro

OVVERO sei cicli di chemioterapia costano per OGNI paziente una cifra che va da 4.520 euro a 8.420 euro.

Già la grossa cifra è una garanzia no ? (una medicina da 4/8000 euro sarà pur migliore di una da Uno Euro, no ?).

Consiglio di leggere il recentissimo e documentatissimo (il superlativo era necessario) http://www.disinformazione.it/Chemioterapia_nacci.pdf

Le statistiche ufficiali di Guarigione e Sopravvivenza

"Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuovi orizzonti ma nell'avere nuovi occhi." Marcel Proust
Redazione
Inviato: 10/6/2009 1:29  Aggiornato: 10/6/2009 1:36
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
TIBURON, TOTALREC: Ora capisco meglio certe vostre perplessità. Io credevo che chi partecipasse ad una discussione su Simoncini conoscesse già la basi della sua teoria, invece vedo che non per tutti è così.

Confesso che anch’io inizialmente storsi il naso, quando mi dissero che “c’è uno che dice di curare il cancro col bicarbonato”. Chi prenderebbe per buona una affermazione del genere al primo colpo?

A mia volta, sarei un folle a giocarmi la reputazione dandogli lo spazio che gli ho dato, oltre che un irresponsabile nei confronti di chi ci legge.

Prima di prendere posizione infatti mi sono informato, e pur non essendo medico credo di aver capito almeno le cose fondamentali, che cerco ora di spiegare, con beneficio di inventario.

La presenza del fungo nel tumore, al momento dell’autopsia, è un fatto altamente ricorrente, che nessuno mi pare metta in discussione. Le immagini dei tumori presentano peraltro una alta percentuale di colorazione biancastra.

Essendo però un organismo di tipo “opportunista”, l’oncologia ufficiale ha sempre considerato la presenza del fungo un post-hoc, e non se n’è mai curata più di tanto.

Simoncini invece suggerisce che sia il fungo a causare il tumore, e non viceversa.

In sintesi, l’oncologia ufficiale ritiene che il tumore (inteso come replicazione cellulare anomala e fuori controllo) parta da un “danno” genetico di qualunque tipo (già presente a livello ereditario, oppure causato da fattori contingenti), e che poi il fungo arrivi e “faccia festa” nell’organismo già debilitato.

Simoncini invece sostiene che sia il fungo, in condizioni particolari (alterazione PH, deficienza immunitaria, fattori psichici, altro…), a penetrare il tessuto e aggredire un organo, formando una colonia permanente contro la quale il sistema immunitario non può più fare nulla. A quel punto l’organo reagisce di suo, costruendo una barriera fisica per respingere l’intruso. (Un pò come quando ti pungi con un riccio, che ti viene "er ditone").

Quello che noi chiamiamo tumore non è quindi, secondo Simoncini, una degenerazione impazzita delle cellule, ma una reazione lucida e disperata dell’organismo.

A loro volta, le metastasi non sarebbero cellule cancerogene che si spostano in un altro organo, ma gruppetti di funghi che finiscono nel flusso sanguigno durate le biopsie, o durante le operazioni vere e proprie, e si parcheggiano altrove, in attesa di formare una nuova colonia.

Come vedi quindi Simoncini non introduce nulla di nuovo nè di sconvolgente; cambia semplicemente “l’ordine dei fattori” nella catena causa-effetto.

A questo punto il “ridicolo” bicarbonato diventa la soluzione ideale per combattere la colonia, visto che il bicarbonato di sodio è uno dei peggiori nemici dei funghi in natura. E’ la sua semplicità strutturale – dice Simoncini – a renderlo un’arma micidiale, poichè il fungo non è in grado di decodificarlo in tempo, prima di esserne aggredito. Con gli antifungini più complessi invece riesci al massimo ad uccidere il primo o il secondo strato della colonia, ma nall’arco di qualche giorno il resto della colonia si adatta, lo riconosce, e alla fine si mangia pure quello.

(Infatti Simoncini - che non è affatto un “alternativo”, ma il più allopatico di tutti - suggerisce di progettare degli antifungini “variabili”, da usare in sequenza man mano che il fungo si adatta alla molecola precedente).

Vi sono ancora alcune domande di cui non ho chiara la risposta, ma nel suo insieme la teoria mi pare sensata, e visti i risultati – per quanto empirici – mi pare come minimo degna di essere presa in seria considerazione.

Redazione
Inviato: 10/6/2009 1:40  Aggiornato: 10/6/2009 1:40
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
DAEMON: "Altrimenti questo, più che "informazione", sembra solo uno spot pubblicitario".

Negli spot pubblicitari vengono decantate le qualità di un prodotto.

Io questo non l'ho fatto.

Se vuoi criticare, cerca almeno un parallelo che stia in piedi.

goldstein
Inviato: 10/6/2009 1:49  Aggiornato: 10/6/2009 2:04
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 4/11/2004
Da:
Inviati: 2827
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Anche io per prendere posizione mi sono informato e su questo stesso sito, dove si continua come se niente fosse, nel thread "Domande a Tullio Simoncini", ho letto, tra le molte cose rivelatrici, il seguente messaggio di Balihora.
Visto che c'è qualcuno che sembra sostenere, che se Simoncini non documenta abbastanza i suoi casi è perchè non lo crederebbero, e questo è già di per sè piuttosto preoccupante, vediamo come Simoncini, in realtà, i dati li utilizza, per provare l'assunto fondante di tutto il suo onorabile lavoro.

Dal suo libro:

Citazione:
La Candida è sempre Presente nel Cancro
Esiste un elevato numero di lavori che attesta la costante presenza del micete nei tessuti dei malati di cancro, specialmente in quelli terminali.
Negli ultimi anni si è infatti assistito ad un crescendo di voci che hanno puntato il dito contro questo terribile fungo, tanto da definirlo “il problema più importante e più urgente da risolvere per l’oncologia”.
Questi sono i dati riguardanti la coesistenza della candida e del cancro riscontrati da alcuni autori: (53)
R.L. Hopfer: 79%
U. Kaben: 80%
W.T. Hughes: 91%
T.E. Kiehn: 97%
Le percentuali rilevate sono impressionanti, considerando la difficoltà di visualizzare le candide nei materiali organici da esaminare, come riportato anche da R.S. Escuro, Z.O. Karaev e T.J. Walsh. (54)

53. Hopfer, R.L., “J. Clin. Microbio.l“, 1980 Sep;12(3):329-31;
Kaben, U., “Z Gesamte Inn Med”, 1977 Nov 15;32(22):618-22;
Hughes, W.T., “Pediatr. Infect. Dis.”, 1982 Jan-Feb;1(1):11-8;
Kiehn, T.E., “Am. J. Clin. Pathol.”, 1980 Apr;73(4):518-21.
54. Escuro, R.S., “Am. J. Med.”, 1989 Dec;87(6):621-7; Karaev,
Z.O., “Zh Microbiol Epidemiol Immunobiol”, 1992;(5-6):41-3;
Walsh, T.J., N. Engl. J. Med., 1991 Apr 11;324(15):1026 31.


invece

Hopfer nel suo studio trova 78 pazienti con presenza di miceti nel sangue su 19457.
Il 79% è riferito a quei 78 che hanno Candida di varie speci
http://www.pubmedcentral.nih.gov/picrender.fcgi?artid=273585&blobtype=pdf

Hughes fa uno studio sulla candidosi sistemica. Quel 91% non si sa a cosa si riferisce.
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/7177889?ordinalpos=6&itool=EntrezSystem2.PEntrez.Pubmed.Pubmed_ResultsPanel.Pubmed_RVDocSum

Kiehn si occupa fa uno studio su pazienti oncologici E affetti da una qualche micosi. Osserva che il 97% delle micosi è amputabile a 5 specie tra le quali la C. albicans.
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/7369176

Daemon
Inviato: 10/6/2009 1:53  Aggiornato: 10/6/2009 2:06
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/9/2005
Da:
Inviati: 255
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
Negli spot pubblicitari vengono decantate le qualità di un prodotto.


Ma questo tu ormai non lo puoi più fare..


E comunque non è affatto vero: negli spot più subdoli, ad esempio, il prodotto viene semplicemente "mostrato".

Si chiama "product placement", e si usa molto nel mondo del cinema.

Ma questo non c'è bisogno che te lo dica: lo sai sicuramente meglio di me.

SENTIERO
Inviato: 10/6/2009 2:36  Aggiornato: 10/6/2009 2:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 24/4/2006
Da: ROMA
Inviati: 1110
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
A questo punto la mia umile ipotesi "da complottista" è: "se in un caso così importante non si vogliono dare nemmeno delle minime informazioni di base, forse allora c'è qualcosa sotto

Pure i sono complottista.....o forse no...

Io non capiscocome facciano i medici in casi come quelli del signor Giordano a non far provare una "cura" semplice e di breve durata, senza effetti collaterali e a zero costo. In fondo e' risaputo che in Italia se ti devi operare devi metterti in fila. E allora mentre uno aspetta che si faccia l'ennesimo tentativo di curarti asportandoti l'organo malato, tanto vale provare una via alternativa.......FORSE ALLORA C'E' QUALCOSA SOTTO.


p.s. Sento da molti parlare di effetto PLACEBO, mi spiegate scientificamente come funziona? Sono gniurante....

Roberto

vedetevi questo.........ILLUMINANTE

http://www.youtube.com/watch?v=18BfgLbmMBY&feature=PlayList&p=057AA24EDF45EF72&index=0

La mente intuitiva è un dono sacro e la mente razionale è un fedele
servo. Noi abbiamo creato una società che onora il servo e ha
dimenticato il dono

A.Einstein
gobbo
Inviato: 10/6/2009 5:18  Aggiornato: 10/6/2009 5:18
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 19/9/2005
Da: Neverland
Inviati: 1347
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Buongiorno a tutti.
Ciao Massimo, qualcuno prima di me aveva scritto che : “Informare lo si può fare a diversi livelli” ed io questo lo trovo giusto.
Tu hai scelto il tuo livello,una presentazione di un video con una testimonianza diretta del paziente e del suo medico curante. Ovvio,che questa è una tua libera scelta ed io volente o nolente dovrò essere d’accordo con essa.
Questo livello non è l’unico però,esiste anche un altro come per esempio quello di pubblicare un video con aggiunta di una documentazione medica comprovante lo stato di malattia e il successivo stato di guarigione. A mio modesto parere questo non potrebbe equivalere una tua presa ti posizione per il semplice motivo che la pubblicazione di una documentazione clinica riguardante il paziente in questione non farebbe di te ne un fan di “medicina ufficiale” ne un fan di “terapia Simoncini”.
In povere parole il tuo ruolo superpartes non viene intaccato per il fatto che tu pubblichi la documentazione a corredo di questo caso, quello che ti farebbe diventare di parte è una tua partecipazione attiva nelle discussioni a favore di una delle due parti.
Lo so bene che anche se tu pubblichi questa documentazione ci saranno sempre uno,due,cinque, di più o di menò che romperanno le scatole cercando “il pelo nell’occhio” ma credo,spero, che il tuo desiderio di informare l’utenza di LC non deve essere fermato solo perché ci sono delle pianta grane in giro. Quelli ci saranno sempre.
In definitiva credo che in una materia importante e delicata come questa, l’informazione,perché è di questa che parliamo,deve essere multistrato,con video,documenti,analisi,e chi più ne ha più ne metta,proprio per dare la possibilità a tutti di guardare e ragionare con la propria testa. Questo modo di fare mi piacerebbe vedere su LC.
I miei complimenti a Fefo per l’intervista. Grande Fefo,continua cosi.
Un caro saluto a Soleluna,Vulcan,Goldstein,Daemon,Dusty e Flaco.


il gobbo

I LINK.VOGLIO VEDERE I LINK,PLEASE.
tiburon
Inviato: 10/6/2009 9:25  Aggiornato: 10/6/2009 9:26
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2007
Da:
Inviati: 150
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Una buona esposizione riepilogativa Massimo, ti ringrazio.

La candida come causa del tumore è un'ipotesi, ma la compresenza delle due patologie (mi sembra di capire che Simoncini non abbia mai cercato tracce di candida nel tumore ma si sia limitato a constatare la coesistenza delle due forme) non è comprovante...

come dire che sicuramente mezzi di soccorso ed incidenti sono correlati, potrebbe succedere che siano i mezzi di soccorso a creare gli incidenti?

Non voglio schierarmi, ma ci sono dei parametri per cui una teoria diventa scientifica, e sono parametri 'oggettivi' per il livello di conoscenza comune. Non mi pare che la candida esuli dalla rilevabilità agli strumenti. Apriamo un tumore e vediamo se ci sono spore:


VOILA' i signori scettici sono serviti.


Un normale esame citologico(?) istologico(?)dovrebbe bastare...

Assodato il giogo delle farmaceutiche che speculano su morte e sofferenza con la compiacenza di molte corporazioni anche governative, costituire un nucleo informativo ben dettagliato potrebbe essere un inizio, una scintilla...in fondo non era questo lo scopo originale di quella che poi è diventata la sezione 11/9? mi pare che la cosa abbia avuto senso...

Non capisco perchè qui si trasformi la normale documentazione giornalistica in tifoseria da stadio. Dovrebbero temere LORO la verità, non noi.

Al coraggio di capire fino in fondo




edo
Inviato: 10/6/2009 9:27  Aggiornato: 10/6/2009 9:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
citaz.: Un tale dice di essere guarito dal cancro grazie al bicarbonato. E qui per sollevare il velo occorrerebbe chiarire (cosa che Simoncini non fa) quali siano le virtù taumaturgiche del bicarbonato e quali i meccanismi chimico-fisici che le giustificano. Altrimenti il numero dei miracolati a Lourdes, provvisti anch'essi di abbondanti referti medici, rappresenta percentualmente un'evidenza ben più notevole.

... e anche meglio pubblicizzata!

In condizioni (haime') normali, Simoncini sarebbe un tizio radiato dall'ordine dei medici per aver sostenuto che il cancro si può curare con il bicarbonato, e in questa normalità tutto ciò che "passerebbe" è la sua criminalizzazione mediatica.

Invece, grazie a internet è possibile sapere e dicutere di un argomento di cui nessuno parla... nemmeno la chiesa, (perchè si occupa di anime... mica di corpi ) o "le iene" e affini, se ne occupa, e meno che mai si trovano informazioni sugli inserti "salute" dei programmi o giornali mainstream.
Ma nonostante questo è possibile sapere che esiste una possibilità di cura altrimenti inesistente , invisibile al nostro panorama mentale, al quale ora si offre la possibilità (fondamentale) di una scelta che prima non c'era, anche perchè l'esigenza razionale di supportare l'accettabilità di una teoria, dipende dall' irrazionale diffidenza che la formazione culturale induce... spontaneamente.

Sarebbe interessante, se, a sollevare il problema della necessaria verificabilità scientifica dell teoria Simoncini, fossero i suoi colleghi medici (a partire dai documenti e testimonianze presenti anche nel dvd di prossima uscita), creassero un movimento di base per sollecitare un'indagine adeguata.

Radiare un medico è semplice, radiarne cento o mille, potrebbe essere un problema.... tanto più che prima d'esporsi, i medici potrebbero scambiarsi le opinioni su internet, anonimamente.

Redazione
Inviato: 10/6/2009 11:16  Aggiornato: 10/6/2009 11:38
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Siete veramente delle persone curiose (mi rivolgo a quelli che “protestano”, ovviamente): quando cercavo di convincere gli altri che Simoncini aveva ragione non vi andava bene, perchè "non è il mio ruolo quello di perorare cause altrui".

Ora che mi sono impegnato a non farlo dovrei mettermi a cercare persino il certificato di nascita del bisnonno del paziente intervistato, “così sfondiamo il muro di gomma”, “così facciamo una cosa come il 9/11“, “così facciamo l’informazione corretta,” “così finalmente avremo le prove”, ecc. ecc.

Nemmeno mio nipote usa delle scuse cosi ridicole quando vuole qualcosa di diverso da quello che sostiene di volere.

Lo ripeto per l'ultima volta: o uno mi dice chiaro e tondo che non crede a quello che raccontano i due intervistati, oppure lì di informazioni ce ne sono fin troppe.

Saluti a tutti.

**

TIBURON: “Simoncini non abbia mai cercato tracce di candida nel tumore “

Questa sua frase è stata distorta fino all’inverosimile, da chi non ama Simoncini, e ormai la utilizzano tutti per dire che “uno che nemmeno cerca la Candida, figuriamoci se bla bla bla…”

Se uno tornasse momentaneamente ad utilizzare il proprio cervello, invece di ricorrere ai comodi scivoli mentali, capirebbe immediatamente il senso in cui ha detto quella frase.

Ma non sta a me spiegarlo, visto che io non difendo Simoncini.

peonia
Inviato: 10/6/2009 11:27  Aggiornato: 10/6/2009 11:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
totalrec

L'evidenza è che più persone hanno testimoniato la guarigione, non trovo altrettanta evidenza che la chemioterapia guarisca il cancro, anzi, da quando ricordo io, quando ancora "imboccavo" e davo un mio piccolo contributo all'AIRC, tanto tempo fa, i tumori non solo non sono diminuiti, ma sono aumentati e pure nell'infanzia; hanno preso una cifra strabiliante di soldi per la ricerca ma ancora non hanno trovato nulla di risolutivo, ed io aggiungo, sotto la mia piena responsabilità dell'affermazione: manco troveranno mai nulla poichè non conviene assolutamente trovarla!
e non ditemi la solita frase scontata: "ma ti pare che se trovassero una soluzione non si precipiterebbero a diffonderla, non sai quanti soldi farebbero...." cosa totalmente sbagliata!

comunque se tu, e gli altri, vi foste dati la briga di leggere la teoria di Simoncini, non sembrerebbe così "miracoloso" sconfiggere il cancro, se fosse derivato da funghi e il bicarbonato li distrugge...La cosa è talmente semplice che sembra inverosimile. siamo talmente avvitati su noi stessi nella contorsione mentale che proprio non riusciamo a ragionare in modo elementare...

Per conoscere la verità bisogna ridiventare come bambini, buttare via tutto il ciarpame che ci hanno messo nel cervello e ricominciare a pensare con la nostra testa...


...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
Cassandra
Inviato: 10/6/2009 11:35  Aggiornato: 10/6/2009 11:35
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/5/2006
Da:
Inviati: 1551
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
Già la grossa cifra è una garanzia no ? (una medicina da 4/8000 euro sarà pur migliore di una da Uno Euro, no ?).


Parole sante, Polidoro.
Per tanti scettici la questione è proprio questa: non è possibile che una cosetta da un euro possa guarire il mostro del secolo, sicuramente ci vuole qualcosa di preziosissimo e costosissimo.

E' un automatismo psicologico condizionato anche dalla pubblicità. La maglia da 100 euro è migliore di quella da 20 euro, i biscotti da 10 euro migliori di quelli da 3 euro. Se ti vendono una cosa a poco c'è sicuramente la fregatura.

Non compriamo due fustini al prezzo di uno, perché di certo lavano peggio. Mentre il Dixan...

"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)
Lezik85
Inviato: 10/6/2009 11:59  Aggiornato: 10/6/2009 12:16
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
E' un automatismo psicologico condizionato anche dalla pubblicità. La maglia da 100 euro è migliore di quella da 20 euro, i biscotti da 10 euro migliori di quelli da 3 euro


Stesso meccanismo nei farmaci, anche. La "fetecchia" da 5 euro ha lo stesso principio attivo (che è quello che conta in fin dei conti) del farmaco da 30 euro. Ma il farmacista tende sempre a propinarci il più costoso se non glielo ricordiamo, mentre il consumatore va via felice credendo di avere acquistato per il meglio.


Citazione:
Per tanti scettici la questione è proprio questa: non è possibile che una cosetta da un euro possa guarire il mostro del secolo, sicuramente ci vuole qualcosa di preziosissimo e costosissimo.


E' la società del consumismo. Attribuire un valore (anche astratto) a qualsiasi cosa circonda il consumatore. I parametri sono stabiliti, poi noi facciamo il resto.

tiburon
Inviato: 10/6/2009 12:19  Aggiornato: 10/6/2009 12:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2007
Da:
Inviati: 150
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Il più grande rispetto a tuo nipote che mostra una vispa inclinazione alla trattativa ed alla strategia per ottenere il suo scopo, un bimbo -se di bimbo si tratta- che in età adulta si troverà benissimo nella società, almeno quella italiana.

Mi permetto di prendere le distanze però: la mia posizione è leggermente stata 'filtrata'.

provo a spiegare con un esempio:

Nelle macerie dell'11/9 sono state trovate tracce di esplosivo da demolizione, non si capisce perchè siano lì e chi ce le ha messe, ma chi sostiene la teoria complottista ha ben di che gongolare, sapendo che le stesse tracce -un fatto incontrovertibile- sono adesso per forza conficcate ben bene nelle strutture logiche di chi sostiene la fragilità delle torri e la naturalità del crollo. Ognuno continua a sostenere la propria, ma il fatto è evidente.

Nei tumori ci sono tracce di candida?


indipendentemente dalle fazioni, indipendentemente dagli scetticismi indipendentemente dalla mia stessa opinione, che nonostante trapeli da quello che scrivo vorrei non fosse la discriminante per un 'report' il più possibile obiettivo.

Insomma, volendo spingersi un pò oltre il 'fatto' che questi due signori sicuramente integerrimi affermano come testimonianza, e di cui non ho motivo di dubitare. La domanda dopo è: 'come è successo?' come si fa? lo sa solo Simoncini?

Non nutro stima nè odio nei confronti di Simoncini, per quel che mi riguarda il fatto è separato dalla sua teoria.

Io credo che questo signore sia guarito, io credo che il bicarbonato potrebbe essere il motivo. Ma voglio sapere come. Altrimenti non mi serve a nulla, e non serve a nulla neppure come diffusione.

Me ne impipo di convincere. IO VOGLIO SAPERE. ed oltre alla mia ricerca personale vorrei poter condividere la mia sete con i presenti

Alla più sana di tutte le arsure




EDit:

onde evitare risposte ridondanti mi permetto di 'pigiare' sul focus del mio intervento:


Nei tumori ci sono tracce di candida?

Redazione
Inviato: 10/6/2009 12:26  Aggiornato: 10/6/2009 12:26
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
TIBURON: “Nei tumori ci sono tracce di candida? “

Sopra ho scritto: “La presenza del fungo nel tumore, al momento dell’autopsia, è un fatto altamente ricorrente, che nessuno mi pare metta in discussione. Le immagini dei tumori presentano peraltro una alta percentuale di colorazione biancastra”.

La questione casomai è se il fungo sia presente in TUTTI i tumori. Io lì non sono ancora riuscito ad arrivare ad una risposta certa.

Comunque se aspetti un attimo ti metto su un pezzetto del film.

Redazione
Inviato: 10/6/2009 13:28  Aggiornato: 10/6/2009 13:28
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Scusa, ma il filmato non ce la faccio a prepararlo (sono le 4.30 del mattino). Ti metto intanto questo screengrab



A stasera.

skyline
Inviato: 10/6/2009 14:42  Aggiornato: 10/6/2009 14:44
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/4/2009
Da:
Inviati: 36
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
quoto Cassandra!

lo scettico inoltre aggiunge sempre:
"ma è scientificamente provato?"

in questo caso chi sta sollevando dubbi non s'è nemmeno preso la briga di cercare qualcosa a riguardo di Simoncini e la sua teoria. dubito quindi che sia al corrente del sistema che conduce ad avere l'approvazione della "comunità scientifica"..

Sinder
Inviato: 10/6/2009 15:32  Aggiornato: 10/6/2009 15:32
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2009
Da:
Inviati: 256
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Qui parlano di leucemia, linfomi e carcinomi http://www.jstor.org/pss/4458280 e pare che in questi casi sia possibile dire che la candida abbia qualche relazione con la chemioterapia: «... fungal infection had rarely been observed in untreated patients...»

tiburon
Inviato: 10/6/2009 16:19  Aggiornato: 10/6/2009 16:19
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2007
Da:
Inviati: 150
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Si continua a confondermi con il nipotino di Massimo vedo...

sia chiaro che posto questa roba solo per fare mucchio, i link a favore della teoria di Simoncini hanno tonnellate di documenti e nessuna foto del tipo che cerco...

ok...le uniche immagini di candida relazionata ai tumori le ho trovate qui, Ahime è un link di detrattori di Simoncini e me ne sono accorto solo dopo.

e -per toglierci subito il dente e giocare a carte scoperte- malauguratamente fra le testimonianze cercate sono incappato in questa che non definisce niente sicuramente, così come non fanno le testimonianze a favore per gli scettici.

Vi ripeto che io me ne impipo della figura del medico, mi interessa solo vedere il fungo nel tumore. e giuro che lo sto cercando alacremente, e sono felice di avere aiuto in questo senso.


Grazie mille per il tuo impegno Massimo, Apprezzo davvero.
perdona l'insonnia indotta.


Alle buone cooperazioni

vulcan
Inviato: 10/6/2009 16:39  Aggiornato: 10/6/2009 16:40
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
Slump- [… ]non significa nulla nel senso che mostra solo una persona guarita da un cancro, non dimostra che cosa l'abbia fatta guarire e tantomeno perché…. e questo a meno chenon si faccia un serio lavoro clinico con procedimento scientificostandardizzato Qualunque cosa si possa dire in proposito e qualunque complotto si vogliatirare in ballo (dei medici, delle industrie o di chicchessia) non si sfugge a questa necessità.


Concordo con il post! particolarmente importante la possibilità di verifica con metodo scientifico standardizzato … a tal proposito vi è da notare che lo stesso Simoncini a questa legittima osservazione fatta da me nel 2006 rispondeva nel seguente modo:

Citazione:
GIUGNO 2006 dr. Simoncini rispondeva: <.. .concordo nel fatto che se avessi potuto esibire un’ampia sperimentazione secondo le consuetudini scientifiche sarebbe stato meglio. Purtroppo però le sperimentazioni canoniche si possono fare o se si è nel sistema (università ecc.) o se si ha a disposizione ingenti risorse economiche (ad esempio come le case farmaceutiche). In questo modo, chi la pensa in maniera diversa è tagliato fuori.


Dunque ….non si pretende dal dr. Simoncini questo rigore .. che a detta sua gli è impedito … ma possiamo porre in evidenza questa lacuna molto importante.. …( non come accusa)...indipendentemente dalle cause che lo hanno impedito… che è soprattutto di questo che lui giustamente va lamentandosi , poiché consapevole che il linguaggio scientifico per tutti coloro che ne sono intrisi procede solo attraverso parametri fissi, e tra questi la verifica sperimentale.

In definitiva essendo Dr. Simoncini “sponsor” di se stesso, è evidente che lui stesso sia convinto della validità della teorizzazione(Candida = cancro- e questo aspetto credo sia comprensibile a tutti) , ciò può dare legittimamente origine ad una controversia scientifica a seconda dei propri orientamenti e questo è infatti avvenuto …

… a mio avviso però il cuore del problema si sposta nella necessità di sottoporre a valutazione scientifica una teoria che appare supportata in modo sospetto ( in senso positivo) da casi clinici con “apparente” esito favorevole.

Questo è in realtà ciò che Simoncini chiede e non che la sua teoria venga acclamata all’unanimità , a priori e a furor di popolo come cura rivoluzione del cancro del secondo millennio.

Per quanto mi riguarda avendo sufficientemente macinato il problema fin dalle origini ritengo di trovarmi d’accordo pur con tutte le discordanze e contrapposizioni teoriche con la seguente affermazione del dr. Simoncini e fefochip.

Citazione:
Giugno 2006; fefoichip[…]io sono dell'opinione che invece di una persecuzione[…]sia necessaria una sperimentazione seria.


Citazione:
Giugno 2006 dott. Simoncini < Io credo che le varie posizioni presenti nel tread abbiano tutte una loro logica e una verità[…]dal canto mio ribadisco che i casi che ho mostrato sono veri (altrimenti, dopo tutte le indagini, sarei stato annientato in un attimo) potendo esibire gli originali a chi me lo chiedesse>.

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
vulcan
Inviato: 10/6/2009 16:41  Aggiornato: 10/6/2009 16:41
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
SENTIERO-Io non capisco come facciano i medici in casi come quelli del signor Giordano a non far provare una "cura" semplice e di breve durata


Non credo sia cosi semplice come indicato da te sentiero non per chi esercita la professione … e capisco la tua perplessità … … oggi chi è d’accordo nel fare una cosa per qualsiasi ragione ti si può rivolgere contro … ci sono mille imprevisti e a quel punto ne devi rispondere con il mondo intero!

E’ una strada che si può intraprendere, ma in conto bisogna anche mettere le cose che ho accennato.

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
vulcan
Inviato: 10/6/2009 16:45  Aggiornato: 10/6/2009 16:45
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
Tiburon - Possibilità taumaturgiche del bicarbonato e quali i meccanismi chimico-fisici che le giustificano. /Il bicarbonato? su cosa agisce e perchè?


In effetti il bic di sodio è una sale, e che un sale possa avere queste capacità anticancerose, c’è sicuramente da rimanere perplessi …al principio, quando ne senti parlare è vero…stride !

Ma se si va alla ricerca della letteratura scientifica ci si rende anche conto che esistono studi su variazioni del ph nei tumori fin dai primi del 900, e il bic di sodio produce un ambiente alcalino etc etc
In ogni caso, basterebbe eseguire uno studio con un gruppo di controllo e verificare, invece di perdere tempo ad incazzarsi a morte, tirarsi dei libri uno con l’altro oppure cercare accoltellamenti vari come nel passato o più recenti.

Forse però il bic di sodio fa anche ridere o suscita ilarità del lettore, perche magari lo teniamo in cucina, oppure nel bagno..fà sempre comodo; evita il puzzo del sudore, rende in denti bianchissimi, corrode la ruggine o ripulisce oggetti metallici come se fosse un laser.

Sembro un OT…ma in realtà non lo sono vorrei dire:
il bic di sodio è un aggregato molecolare semplicissimo .. forse anche banale ed è per questo che probabilmente siamo portati a non credere che abbia delle possibili potenzialità..
ma pensiamo semplicemenete all'acqua:H2O ... più semplice e banale di cosi?

Ma non credo che nessuno si azzardi a mettere in discussione l’ enorme potenza del H2o per gli esseri viventi e per lo stesso pianeta .

Semplice no !! due atomi di idrogeno ed uno di Ossigeno

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
alexbell64
Inviato: 10/6/2009 16:49  Aggiornato: 10/6/2009 16:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/9/2007
Da:
Inviati: 238
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
L'ho già detto altre volte, ma sembra che nessuno mi stia a leggere.
Ci sono persone che ripetono come un disco solo le medesime domande.
Quindi, proverò a ripetermi anch'io, e cediamo se qualcuno si degna di provare a vedere le cose anche dal MIO punto di vista.
Allora, Simoncini dice che il cancro è causato dalla Candida, tu "bruci" il tumore (dove ci sarebbero le spore incistate della Candida a causare l'accrescimento) con il bicarbonato, uccidi il fungo, l'organismo non deve più lottare contro questo parassita, il tumore piano pèiano se ne va' da se', viene riassorbito, come un'infezione che viene aperta e si risolve.
Più o meno, in parole molto povere, dovrebbe funzionare così, giusto??
Ok, può darsi che Simoncini abbia ragione.
Può darsi che abbia ragione solo in determinati casi.
Può darsi che abbia torto, e la Candida c'entri come i cavoli a merenda, con il cancro.
Ma il punto è: se facendo delle irrigazioni/infiltrazioni locali con del bicarbonato, risce ad ottenere buoni rislutati, regressioni ecc, PERCHE' QUELLI CHE HANNO I MEZZI E LE STRUTTURE PER TESTARLO COME SI DEVE, e quindi avanti tutta con il doppio cieco e quant'altro richiede sto' cazzo di metodo scientifico che i medici ed i sostenitori ad oltranza della MU sbandierano a piè sospinto, perchè non fanno LORO i test, invece di richiederli a chi ne è propugnatore???
Abbiamo già detto che una sperimentazione fatta con tutti i crismi che richiede la Scienza è possibile solo in strutture pubbliche e con largo dispiego di mezzi e di personale.
Come possono pretendere coloro che continuano a chiedere maggiori dati, maggiori casi e via discorrendo, che un medico solo, radiato e ion condizioni di semi-clandestinità come è costretto a lavorare, abbia la possibilità di raccogliere dati in abbondanza, o di condurre IN PROPRIO una perimentazione esauriente???
Perchè, invece di radiarlo e metterlo alla berlina, QUALCUNO CHE POTEVA E POTREBBE verificare la validità del metodo di Simoncini non l'ha testato su molti casi ed effettuato una sperimentazione come richiesto dalla Scienza???
Simoncini e il bicarbonato sarebbero una bufala??
Ok, prima però lo proviamo.
E bene, e con Simoncini in prima persona a dire cosa, come e dove usarlo.
Non come è stato fatto con Di Bella, che hanno usato dei moribondi e i farmaci erano scaduti, inquinati da acetone e così via.
Se qualcuno vuole rispondermi a questa domanda, per cortesia, invece di continuare a menarlo con i dati, la documentazione, le cartelle, i casi, sarei ben lieto di proseguire il discorso.

Inoltre: ho già detto più di una volta che, forse, la Candida può non c'entrare un emerito "belino" (come si dice qui da me, in Liguria) con l'eziologia cancerosa, MA
- in praticamente TUTTE le terapie alternative, sopratutto quelle basate su cambiamenti dietetici, fisiologici, una costante è sempre quella di ELIMINARE L'ACIDITà IN ECCESSO DALL'ORGANISMO MALATO.
Il bicarbonato cos'è, dal punto di vista chimico??
Una BASE, una cosidetta BASE DEBOLE, vuol dire che è una sostanza che ha un pH debolmente basico.
Le sostanze basiche, se mescolate a sostanze acide, reagiscono con esse, formano dei sali per doppio scambio (reazione elementarissima a livello di 1° anno di Superiori) e neutralizzano l'acidità presente, se in quantità sufficiente, cmq sia TOLGONO ALMENO UNA PARTE DELL'ACIDITà AMBIENTE.
Le varie diete e terapie che disintossicano, ripuliscono, rigenerano il Sistema Immunitario conducono, SEMPRE, ad un ristabilimento ottimale del Ph del sangue, della linfa e dell'organismo in toto, e un pH ottimale dell'organismo è quello DEBOLMENTE ALCALINO.
Non potrebbe essere semplicemente che Simoncini, ALCALINIZZANDO il distretto organico dove il tumore si è insediato, crei le condizioni adatte affinchè l'organismo stesso reagisca, con i suoi mezzi, a questa massa anomale in espansione????
Candida o meno presente???
Qualcuno per favore risponda a queste mie due domande, senza la solita tiritera della serie "sì, ma i test in vitro.....le pubblicazioni dicono.....non ci sono dati sperimentali" e via su questa linea....PER FAVORE!


vulcan
Inviato: 10/6/2009 16:49  Aggiornato: 10/6/2009 16:49
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
TIBURON -Nei tumori ci sono tracce di candida?[…] LA coesistenza delle due forme non è comprovante...

REDAZIONELa presenza del fungo nel tumore, al momento dell’autopsia, è un fatto altamente ricorrente, che nessuno mi pare metta in discussione. Le immagini dei tumori presentano peraltro una alta percentuale di colorazione biancastra”. La questione casomai è se il fungo sia presente in TUTTI i tumori. Io lì non sono ancora riuscito ad arrivare ad una risposta certa.

Simoncini 2006-Ci sono numerosi studi che attestano la costante presenza della candida nei reperti autoptici di deceduti per cancro… non esiste una sperimentazione che avalli la tesi che il fungo è la causa del cancro; esistono però molti studi che si pongono domande sulla possibile eziologia fungina del cancro.


Perché l’anatomia istologica non ci ha mai descritto una unica lesione tipica da candida in tutte le lesioni neoplastiche? Cio avrebbe consentito di ipotizzare una etiologia unica ed omogenea.

Le aggressioni fungine opportunistiche sono pressoché riscontrabili in modo certo come si sostiene solo nelle fasi terminali o preterminali di una lesione neoplastica, allorquando, crollate le difese immunitarie, l’organismo è aggredito dalla candida,( circolazione ematica) e nota bene .. non necessariamente all’interno della lesione neoplastica.

Ma gli anatomo patologi hanno sbagliato tutto?.. cosa hanno impappucchiato fino ad oggi?! Hanno confuso un aggregato miceliale con un proliferazione cellulare inconcludente? E’ possibile che sia da riscrivere una parte della istologia patologica?

…il fatto che che si riscontri il fungo all’esame istologico non comprova la relazione a meno che questa correlazione non venga sottoposta a….

Questo è in realtà uno dei tanti aspetti teorici di scontro con la teoria Simoncini … e su questi si può discutere all’infinito …

Io penso che se si affronta il problema simoncini:

1. Bisogna tenere separate le diverse concettualizzazioni, e dice bene slump; possiamo fare tutte le critiche che vogliamo sulla medicina ufficiale incazzarci a morte con i medici convenzionali, esaltare tutte le medicine alternative che vogliamo… però se vogliamo validare la tesi simoncini , dalla sperimentazione dobbiamo sempre passare.

Questo dunque, è l’errore più comune che viene fatto da chi , magari in buona fede, per confutare concettualmente la teoria simoncini affossa la medicina ufficiale oppure esalta quella alternativa .. come se da queste due cose dipendessero le sorti della teoria stessa.

2. Sciegliere se affrontare in termini concettuali di confronto la teoria stessa e qui indugiare al giusto scontro secondo orientamenti diversi ..ma in questo caso bisogna anche tener conto che le sorti della terapia non dipendono dall’esito di questo scontro confronto .Quindi forse la vera valutazione concettuale è quella di giungere o no a conclusione sul fatto che questa teoria vada o non vada sottoposta ad uno studio standardizzato ( che certo non dipende da noi) .

Personalmente sono giunto a questa conclusione , nonostante le profonde divergenze teoriche sulla questione candida coma causa unica del cancro.

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
vulcan
Inviato: 10/6/2009 17:07  Aggiornato: 10/6/2009 17:08
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
alexbell64---Ma il punto è: se facendo delle irrigazioni/infiltrazioni locali con del bicarbonato, risce ad ottenere buoni rislutati, regressioni ecc, PERCHE' QUELLI CHE HANNO I MEZZI E LE STRUTTURE PER TESTARLO COME SI DEVE, e quindi avanti tutta con il doppio cieco e quant'altro richiede sto' cazzo di metodo scientifico che i medici ed i sostenitori ad oltranza della MU sbandierano a piè sospinto, perchè non fanno LORO i test, invece di richiederli a chi ne è propugnatore???--------Non potrebbe essere semplicemente che Simoncini, ALCALINIZZANDO il distretto organico dove il tumore si è insediato, crei le condizioni adatte affinchè l'organismo stesso reagisca, con i suoi mezzi, a questa massa anomale in espansione????


Se avessimo una risposta!!!

Forse questa sperimentazione è scomoda per qualcuno? Questa è la risposta che è stata data da chi in passato o più recentemente poneva l'accento sul sistema ..

un'altra questione è quella teorica

cioè il fatto che la teoria simoncini se fosse vera demolirebbe diversi capitoli della medicina .. anatomia patologica-genetica molecolare-farmacologia-clinica medica- biochimica e altre cattedrali … dunque scontra fortemente con l’indirizzo etiologico della medicina che vede come base al contrario i concetti di causa ed effetto che erano appannaggio della medicina dell’ottocento …

… tutto questo per dire che forse le resistenze scientifiche sono anche ancorate al fatto che “date tutte le premesse di queste discipline la teoria simoncini non è considerata valida neanche sul piano preliminare teorico per un eventuale studio sperimentale…
MI sono limitato a descrivere i possibili meccanismi …

Le questioni sulla alcalinizzazione delle masse tumorali ( non ne conosco i dettagli) so che è oggetto di attenzione scientifica .. come d’altra parte la stessa candida come possibile causa di tumore in determinate sedi anatomiche …

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
tiburon
Inviato: 10/6/2009 17:13  Aggiornato: 10/6/2009 17:13
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2007
Da:
Inviati: 150
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
oh...a me 'sto Vulcan me piace

alla sua

Lezik85
Inviato: 10/6/2009 17:14  Aggiornato: 10/6/2009 17:17
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
Non potrebbe essere semplicemente che Simoncini, ALCALINIZZANDO il distretto organico dove il tumore si è insediato, crei le condizioni adatte affinchè l'organismo stesso reagisca, con i suoi mezzi, a questa massa anomale in espansione????


...anche se fosse come dici, ti parrebbe poco?


EDIT:

Citazione:
cioè il fatto che la teoria simoncini se fosse vera demolirebbe diversi capitoli della medicina .. anatomia patologica-genetica molecolare-farmacologia-clinica medica- biochimica e altre cattedrali


Forse dobbiamo smettere di pensare che scienza=certezza...e cambiare con scienza=possibilità.

peonia
Inviato: 10/6/2009 18:14  Aggiornato: 10/6/2009 18:14
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
dr. Simoncini rispondeva: <.. .concordo nel fatto che se avessi potuto esibire un’ampia sperimentazione secondo le consuetudini scientifiche sarebbe stato meglio. Purtroppo però le sperimentazioni canoniche si possono fare o se si è nel sistema (università ecc.) o se si ha a disposizione ingenti risorse economiche (ad esempio come le case farmaceutiche). In questo modo, chi la pensa in maniera diversa è tagliato fuori.


Posso dire che penserei/farei io se fossi Simoncini? in questo caso, viste le guarigioni, me ne sbatterei di produrre prove "scientifiche", visto che mi hanno radiato dall'Albo, continuerei a guarire e basta!
Non è il massimo di comportamento, ma i colleghi se lo meriterebbero davvero, meno i poveracci che hanno a disposizione solo la "scientificamente" (????) provata chemioterapia! ma si sa che le voci girano, le menzogne prima o poi cadono e la verità (se sbrigasse!) prima o poi esce.....

Non apporto granchè lo so, ma la sopportazione è finita da lungoooo tempo....
almeno mi sfogo!

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
peonia
Inviato: 10/6/2009 18:18  Aggiornato: 10/6/2009 18:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Per VULCAN,
l'acidità o alcalinità del sangue nella medicina "alternativa" è fondamentale!
Sarebbe ora che la medicina cosiddetta ufficiale ne prendesse atto! a tutti i livelli!!! siete rimasti indietro.....

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
peonia
Inviato: 10/6/2009 18:19  Aggiornato: 10/6/2009 18:19
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Forse dobbiamo smettere di pensare che scienza=certezza...e cambiare con scienza=possibilità.

FORSEEEEEEEEEEEEEEEEE???????????????????????????????????????

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
ELFLACO
Inviato: 10/6/2009 19:34  Aggiornato: 10/6/2009 19:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
GIUGNO 2006 dr. Simoncini rispondeva: <.. .concordo nel fatto che se avessi potuto esibire un’ampia sperimentazione secondo le consuetudini scientifiche sarebbe stato meglio. Purtroppo però le sperimentazioni canoniche si possono fare o se si è nel sistema (università ecc.) o se si ha a disposizione ingenti risorse economiche (ad esempio come le case farmaceutiche). In questo modo, chi la pensa in maniera diversa è tagliato fuori.


Vulcan:

Citazione:
Giugno 2006 dott. Simoncini < Io credo che le varie posizioni presenti nel tread abbiano tutte una loro logica e una verità[…]dal canto mio ribadisco che i casi che ho mostrato sono veri (altrimenti, dopo tutte le indagini, sarei stato annientato in un attimo) potendo esibire gli originali a chi me lo chiedesse>.

Citazione:
Dunque ….non si pretende dal dr. Simoncini questo rigore .. che a detta sua gli è impedito … ma possiamo porre in evidenza questa lacuna molto importante.. …( non come accusa)...indipendentemente dalle cause che lo hanno impedito… che è soprattutto di questo che lui giustamente va lamentandosi , poiché consapevole che il linguaggio scientifico per tutti coloro che ne sono intrisi procede solo attraverso parametri fissi, e tra questi la verifica sperimentale.

In definitiva essendo Dr. Simoncini “sponsor” di se stesso, è evidente che lui stesso sia convinto della validità della teorizzazione(Candida = cancro- e questo aspetto credo sia comprensibile a tutti) , ciò può dare legittimamente origine ad una controversia scientifica a seconda dei propri orientamenti e questo è infatti avvenuto … … a mio avviso però il cuore del problema si sposta nella necessità di sottoporre a valutazione scientifica una teoria che appare supportata in modo sospetto ( in senso positivo) da casi clinici con “apparente” esito favorevole.




Sono d' accordissimo con te,ma dato che è chiaro che "quelli" la valutazione scientifica non te la faranno fare mai perchè non rendere più chiara e disponibile quel poco di documentazione che c'è già?




Citazione:
Giugno 2006 dott. Simoncini < Io credo che le varie posizioni presenti nel tread abbiano tutte una loro logica e una verità[…]dal canto mio ribadisco che i casi che ho mostrato sono veri (altrimenti, dopo tutte le indagini, sarei stato annientato in un attimo) potendo esibire gli originali a chi me lo chiedesse>.


Capisco che c'è il problema della privacy dei testimoni e quant'altro ma secondo me bisognerebbe rafforzare ancora di più questo aspetto della vicenda.
Ma tutto questo per sottoponerlo a chi?? penso sopratutto ai medici di famiglia !!! Come questo del filmato che è abbastanza preparato da dar un parere serio sulla possibile veridicità delle testimonianze.

Penso che alla fine questa cura dovrà venir fuori ANCHE a furor di popolo.
La strada della valutazione scientifica istituzionalizzata,secondo me ,è chiusa.

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
vulcan
Inviato: 10/6/2009 20:13  Aggiornato: 10/6/2009 20:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
oh...a me 'sto Vulcan me piace


bene ..

allora beviamo insieme!
alla nostra..

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
vulcan
Inviato: 10/6/2009 20:15  Aggiornato: 10/6/2009 20:15
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
Per VULCAN, l'acidità o alcalinità del sangue nella medicina "alternativa" è fondamentale! Sarebbe ora che la medicina cosiddetta ufficiale ne prendesse atto! a tutti i livelli!!! siete rimasti indietro.....


Si è vero ... purtroppo però non ci sono alternative neanche con il bicarbonato all'acidità di molte persone...

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
dr_julius
Inviato: 10/6/2009 21:21  Aggiornato: 10/6/2009 21:21
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
mamma mia che confusione che state facendo! troppi discorsi uno sull'altro.
Adesso contribuisco anch'io, così aumentiamo gli intrecci

Sarò schematico nel tentativo di sintetizzare al massimo.

1- il filmato: il paziente è guarito. Siamo tutti contenti per lui (e anche per noi in caso di "malaugurata" necessità: mi tocco scusate)...
.... e mi sembra del resto che nessuno si è mostrato incredulo o scettico su questo punto. (del resto chi non ci crede può e deve astenersi dal commentare il thread)

2- la Candida come causa del cancro: tornate a parlarne tutti e a scornarvi: la questione è controversa ma...... soprattutto è molto preliminare. Prima occorre sviscerare e capire gli altri punti.

3- il bicarbonato "sconfigge" la Candida. Questa asserzione è non dimostrata ma soprattutto inifluente. L'importante PRIMA è capire se il bicarbonato cura o meno il tumore. E se sì quali tumori cura e quali (eventualmente) non cura. E in che modo vada usato il bicarbonato e se funziona sempre. Concordo che sarebbe utile e auspicabile una sperimentazione numerosa "controllata e randomizzata".

4- l'acidità e la formazione di metastasi: questo è forse più interessante e documentato. Esistono diversi studi al riguardo e quando un "fatto scientifico" viene visto e misurato da più persone, e in modo indipendente, è più verosimile che sia reale e confermabile in modo definitivo. Se si dovranno smontare le cattedrali... si smonteranno!

5- l'acidità e il bicarbonato: ma siamo sicuri che il bicarbonato riesca a modificare la misura di acidità (il pH) dei tessuti colpiti dal tumore? e quanto ce ne vuole? questo fenomeno mi sembra che sia dato un po' troppo per scontato! Infatti tutti i distretti dell'organismo, perfino il sangue che attraversa tutti i tessuti, tendono a mantenere un pH costante. Esistono tutta una serie di meccanismi regolatori (sistemi tampone) che vanno in crisi solo in casi "estremi". E, quando "sballano", con altrettanta difficoltà si correggono.


Premio la pazienza di chi mi ha seguito fin qui con un po' di fonti informative: ricercando un po' di argomenti e di aspetti sulle cure antitumorali ho constatato che esistono recenti articoli sull'argomento pH bicarbonato e tumori. Mi sembra pertinente segnalare due articoli, tratti dalla stessa rivista, Cancer Research:

[Cancer Res 2009;69(6):2260–8]
Bicarbonate Increases Tumor pH and Inhibits Spontaneous Metastases
Ian F. Robey1, Brenda K. Baggett1, Nathaniel D. Kirkpatrick1, Denise J. Roe1, Julie Dosescu2, Bonnie F. Sloane2, Arig Ibrahim Hashim3, David L. Morse3, Natarajan Raghunand1, Robert A. Gatenby3 and Robert J. Gillies3
Nelle conclusioni si legge Citazione:

In tail vein injections of alternative cancer models, bicarbonate had mixed results, inhibiting the formation of metastases from PC3M prostate cancer cells, but not those of B16 melanoma. Although the mechanism of this therapy is not known with certainty, low pH was shown to increase the release of active cathepsin B, an important matrix remodeling protease.


[Cancer Res 2009;69(6):2677–84]
The Potential Role of Systemic Buffers in Reducing Intratumoral Extracellular pH and Acid-Mediated Invasion
Ariosto S. Silva1, Jose A. Yunes1, Robert J. Gillies2 and Robert A. Gatenby2
Qui invece si legge Citazione:

We show that increased serum concentrations of the sodium bicarbonate (NaHCO3) can be achieved by ingesting amounts that have been used in published clinical trials. Furthermore, we find that consequent reduction of tumor acid concentrations significantly reduces tumor growth and invasion without altering the pH of blood or normal tissues. The simulations also show that the critical parameter governing buffer effectiveness is its pKa. This indicates that NaHCO3, with a pKa of 6.1, is not an ideal intratumoral buffer and that greater intratumoral pHe changes could be obtained using a buffer with a pKa of ~7. The simulations support the hypothesis that systemic pH buffers can be used to increase the tumor pHe and inhibit tumor invasion.




Purtroppo in questo periodo sono molto busy con il lavoro, ma sto preparando un articolo sui lavori di uno studioso USA, la cui stesura mi è stata stimolata dall'articolo in home su BigPharma. Appena pronto lo invierò a redazione per l'eventuale pubblicazione e condivisione.

saluti e salute a tutti

dr_julius

Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
Daemon
Inviato: 10/6/2009 21:21  Aggiornato: 10/6/2009 21:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/9/2005
Da:
Inviati: 255
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
ELFLACO:
perchè non rendere più chiara e disponibile quel poco di documentazione che c'è già?


Ottima domanda, ELFACO: "..perchè?"

Del resto, realizzare un'intervista, filmarla e montarla è molto più impegnativo che non linkare dei semplici documenti..



In ogni caso, a questo punto, massimo rispetto per le scelte di Mazzucco:

Secondo me ed altri, per "parlare in modo civile e costruttivo" della terapia Simoncini occorrerebbe qualcosa di più di un video (di quelli ce ne sono fin troppi in giro per la rete, e sui temi più disparati).

Secondo lui, invece, un intervista di 4 minuti è più che sufficente.


Ne prendiamo atto.

P.S.:
Non sto criticando l'intervista (che è ben fatta) ma solo l'idea che possa essere sufficente nella trattazione di una questione così complessa.
Sarebbe invece un'ottimo punto di partenza..

fefochip
Inviato: 10/6/2009 21:56  Aggiornato: 10/6/2009 21:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
@ Daemon
mi pare che alla fine sei arrivato a capire il nocciolo della questione
Citazione:
Non sto criticando l'intervista (che è ben fatta) ma solo l'idea che possa essere sufficente nella trattazione di una questione così complessa.

non credo ne massimo ne io pensavamo con un telecamera canon da 200 euro , un po di benza e automobile per fare circa 250 km da roma e ritorno , computer e internet di risolvere il problema tumore .

però come giustamente hai detto tu ci piacerebbe tanto, e alla fine è il nostro scopo, che questa ricerca giornalistica possa stimolare la curiosità di medici e ricercatori ....
noi quindi speriamo proprio che sia Citazione:
un'ottimo punto di partenza..

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
fefochip
Inviato: 10/6/2009 22:14  Aggiornato: 10/6/2009 22:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
io vorrei riproporre un tread qui su luogo comune che parla di un recentissimo studio che mette in relazione bicarbonato con metastasi .

Il bicarbonato incrementa il PH dei tumore ed inibisce le metastasi spontanee

dunque lo studio è "ufficialissimo" fatto con tutti i crismi.

questo studio PROVA una diminuzione di metastasi in cavie trattate con bicarbonato e acqua rispetto al gruppo di controllo.

nei particolari dello studio troviamo cose molto interessanti.
ai topi per cominciare viene somministrato ORALMENTE acqua e bicarbonato la cui percentuale dopo un po di conti tra unità di grandezza è al 1,68%

se avete presente la terapia di simoncini le percentuali sono minimo il 5% altrimenti l' l'8,4% (se non addirittura superiori nel caso di lavaggi interni con soluzioni prodotte autonomamente con acqua di rubinetto e bicarbonato di sodio)
la soministrazione nel caso della fattispecie per seguire il metodo di simoncini sarebbe dovuta avvenire endovena e questo riduce ulteriormente quel "1,68%" che se ingerito oralmente viene in parte tamponato dall'acidità dello stomaco.

detto tutto questo a mio avviso questo studio è un importantissimo tassello se si vuole capire il ruolo del bicarbonato nei tumori .

caldeggio allo scettico in buona fede di turno(e chiunque interessato) di tenere ben presente questo studio perche è assolutamente e indiscutibilmente legato alla discussione sulla terapia di simoncini.


ciao a tutti
fefochip

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
vulcan
Inviato: 10/6/2009 22:24  Aggiornato: 10/6/2009 22:25
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
Punto 1 dr Julius ; mi tocco scusate …

Anche io!!

Citazione:
Punto 2 l---la Candida come causa del cancro … soprattutto è molto preliminare. Prima occorre sviscerare e capire gli altri punti. l bicarbonato "sconfigge" la Candida. Questa asserzione è non dimostrata ma soprattutto inifluente.


A volte individuare una terapia è già un successo anche se in realtà non si è capita la causa ( etiologia) del problema , però questo è un metodo a mio avviso “poco scientifico”.. è più razionale individuare e circoscrivere il problema , stabilire l’etiologia e poi procedere alla ricerca della cura ….almeno concettualmente.

Il primo passo sarebbe dunque quello di verificare a tappeto la correlazione anatomopatologica tra i cosi detti tumori e la presenza della candida, questo passaggio anche se non dimostra l’etiologia si presenta obbligatorio… solo successivamente andrebbe verificata l’azione del bic sulla massa con casi selezionati e a confronto.

Io penso che l’anello debole della questione è proprio poter convincere gli anatomopatologi che quello che vedono non è un tessuto alterato ma solo una ammasso miceliale … il tumore sarebbe in questo senso una reazione dell’organismo alla candida! .. “no guarda che ciò che vedi non è rosso è verde!”

Gli anatomopatologi con cui mi è capitato di parlare hanno escluso categoricamente il fatto in questione…in questo caso io penso che non ci troviamo di fronte a gente “comprata” ma semplicemente ci troveremmo
( ammesso l’errore) di fronte ad una prima bufala della medicina scientifica … dalla quale poi a catena ne derivano altre anche peggiori …

.. tanti premi nobel da togliere a qualcuno … tanti premi nobel da attribuire giustamente al Dr. Simoncini.. con una montagna di scuse della comunità scientifica nazionale ed internazionale.. e anche di L.C.

In questo senso con fefochip abbiamo una bella cena in sospeso!!

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
vulcan
Inviato: 10/6/2009 22:24  Aggiornato: 10/6/2009 22:24
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
Dr.Julius--Bicarbonate Increases Tumor pH and Inhibits Spontaneous Metastases


Se non sbaglio esiste addirittura un tread attivo dedicato a questo argomento proprio qui su L.C…ma non saprei indicare dove .. comunque penso che non serva a niente infognarsi nei dettagli di ph alcalosi acidosi e cosi via dicendo .. ma semplicemente ragionare sul significato più ampio di questo aspetto in relazione al metodo simoncini.

In realtà Dr. Simoncini sostiene che l’azione del bicarbonato sulla massa tumorale a suo avviso non è mediata dalla variazione del ph, bensi è semplicemente una azione fungicida diretta!!

Cosi scriveva Simoncini nel gennaio 2006;

Citazione:
simoncini 2006-- Riguardo al bicarbonato di sodio invece, esistono numerosi studi e sperimentazioni che attestano il suo potere antitumorale[…] la terapia con soluzioni di bicarbonato di sodio riesce a prolungare la vita e a ridurre quasi totalmente i sintomi più penosi .[…]secondo me la candida si sviluppa in un tessuto già indebolito, degenerato e quindi più acido e credo che l'acidosi sia un fattore condizionante[…]il bicarbonato di sodio è semplicemente un potente fungicida[…]

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
vulcan
Inviato: 10/6/2009 22:28  Aggiornato: 10/6/2009 22:28
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
io vorrei riproporre un tread qui su luogo comune che parla di un recentissimo studio che mette in relazione bicarbonato con metastasi . Il bicarbonato incrementa il PH dei tumore ed inibisce le metastasi spontanee



Giusto ... allora ricordavo bene!!!

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
fefochip
Inviato: 10/6/2009 22:55  Aggiornato: 10/6/2009 22:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
@ vulcan


il titolo potrebbe essere fuorviante nel senso che il bicarbonato aumenta il ph e si è visto che fa diminuire le metastasi .
però anche altre sostanze aumentano il ph e secondo quel ragionamento potrebbero far diminuire anche loro le metastasi .
ma da quel che ho capito dello studio la conclusione è semplicemente che una soluzione al 1,68% somministrata per via orale a dei topi ha come risultato la notevole diminuzione di metastasi e quindi NON si può concludere che sia l'aumento di ph perche potrebbe essere benissimo come dice appunto simoncini che è qualche peculiarità o reazione ancora non perfettamente nota del bicarbonato di sodio nei confronti dei miceti .
lui ha anche detto che usando sostanze anche piu alcalinizzanti del bicarbonato non si ottengono gli stessi risultati .

insomma quello studio mette in relazione bicarbonato e metastasi e di questo bisogna prenderne atto una volta per tutte.....o no?


un salutone
fefo

p.s. non vedo l'ora di riscuotere il premio di quella cena ...temo ci voglia un altro po di tempo però

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
fefochip
Inviato: 10/6/2009 22:58  Aggiornato: 10/6/2009 22:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
@ vulcan

queste alternanze di post miei e tuoi ...mi ricorda qualcosa ...

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
NOCHEMIO
Inviato: 10/6/2009 23:27  Aggiornato: 10/6/2009 23:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/5/2009
Da:
Inviati: 118
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Che dire? E' vera? La responsabilità di quanto dichiarato è enorme, alla medicina alternativa si chiede sempre l'onere della prova, questi due signori cartelle cliniche alla mano stanno dichiarando che più di 50 anni di ricerca e cura del cancro con la velenosa chemioterapia sono serviti solamente ad arricchire le industrie farmaceutiche e qua non si può stare fermi! qua occorre prendere questi 2 signori e rivoltarli come i guanti, qua bisogna fare intervenire quelli di Striscia che hanno una pesantissima responsabilità per aver sponsorizzato la chemioterapia, lasciamo stare quelli di RAI3 che manco sono buoni per loro stessi. Non si può far finta di nulla e continuare a dichiarare che la terapia di Simoncini è valida e poi non portare avanti queste testimonianze. Io proporrei di inondare la redazione di Striscia con le nostre email. Che ne dice il responsabile del sito?

Redazione
Inviato: 10/6/2009 23:37  Aggiornato: 11/6/2009 0:09
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
DAEMON: “Secondo me ed altri, per "parlare in modo civile e costruttivo" della terapia Simoncini occorrerebbe qualcosa di più di un video (di quelli ce ne sono fin troppi in giro per la rete, e sui temi più disparati).

Ho tolto dall’articolo l’augurio per una discussione costruttiva, così “tu e altri” ora potete dormire in pace.

La cosa più importante è che il lettore non provi nessuno scompenso psicologico.

***

Come ampiamente dimostrato da DR_Julius, Tiburòn, Vulcan “e altri” invece, è perfettamente possibile discutere su Simoncini anche senza il certificato di nascita del bisnonnno del Sig. Giordano. Basta non “dimenticarsi”, ad esempio, che questa non è la prima intervista che pubblichiamo di pazienti che hanno fatto la sua terapia.

Ma quando il cervello si rifiuta di apparire intelligente, la prima cosa ad andarsene è proprio la memoria.

I debunkers del 9/11 dicevano “un filmatino in cui un signore sconosciuto parla di una esplosione sentita chissà dove non significa niente, è solo aria fritta”. E noi li criticavamo – anzi, li compativamo, in realtà - per questo metodo palesemente falsato, e gli ricordavamo che i “filmatini” erano almeno una cinquantina.

Ma quando il non-metodo viene comodo, allora scendono le tenebre della memoria, e di colpo la vista si accorcia fino a vedere solo un filmato alla volta.

Spero davvero che non mi accada mai una cosa del genere, perchè sarebbe una cosa molto triste.

°°°

VULCAN: vedo che ti hanno dato altri tre giorni, quindi approfittiamone!

Io propongo di dimenticare per un momento tutta l’accademia appresa fino ad oggi, e di tornare al sano metodo analitico, che parte dai fatti osservabili, e non dalle idee ad dimostrandum (o peggio ancora, ad negandum).

1 - Indipendentemente dal fatto che “si cerchi la Candida” piuttosto che le chiavi di casa, la correlazione fra fungo e cancro è nota da oltre 100 anni. Senza bisogno di andare tanto lontano, mi pare che oltre un terzo dei malati di cancro oggi muoia per candidemia.

2 - L’oncologia ufficiale ha sempre ritenuto la presenza del fungo un post hoc, e quindi non lo ha mai cagato più di tanto.

3 - Simoncini dice che è invece un propter hoc, e quindi lo caga violentemente, attaccandolo con il suo peggiore nemico, il bicarbonato.

4 - Il bicarbonato sembra funzionare.

5 - Forse Simoncini ha visto giusto. Come minimo merita di essere preso seriamente in considerazione.

Troppo semplice?

Certo, tutto dipende dal punto 4.

Sappiamo tutti che le testimonianze non possono dare garanzie assolute, nel senso che anche se un paziente non mente - e qualcuno mi deve ancora spiegare perchè dovrebbe mai farlo, fra le altre cose – non avremo mai la certezza che sia guarito per un motivo piuttosto che per l’altro. (Non a caso, da quando c'è Simoncini la gente ha cominciato a guarire con le semplici cistoscopie).

Solo il famoso “doppio cieco” (che non è un padre-fondatore di LC con il fratello gemello, ma un metodo di sperimentazione clinica) può dare queste certezze.

Di fatto però noi - normali cittadini - non possiamo fare nè un doppio cieco nè un triplo carpiato. Possiamo solo intervistare pazienti.

Sappiamo anche che nessuno farà MAI una seria sperimentazione sul bicarbonato.

Di fronte a tutto questo cosa facciamo? Buttiamo via tutto – interviste, ipotesi, e possibilità implicite per milioni di malati – solo perchè “non è scientificamente provato”?

Non dimentichiamo che nei “4 minutini scarsi di aria fritta” visti più sopra c’è un medico che dice: visto il fallimento sistematico delle cure ufficiali, mi sono sentito in dovere di consigliare questo trattamento, che oltretutto non ha effetti collaterali.

Credo che sia questo il punto dolens, e non Simoncini.

dr_julius
Inviato: 11/6/2009 0:22  Aggiornato: 11/6/2009 0:22
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Vulcan ha detto
Citazione:

In realtà Dr. Simoncini sostiene che l’azione del bicarbonato sulla massa tumorale a suo avviso non è mediata dalla variazione del ph, bensi è semplicemente una azione fungicida diretta!!


E allora il bicarbonato dovrebbe risultare utile anche nella cura delle micosi! E questo uso sarebbe anche molto più facile da studiare e sperimentare di una azione antitumorale. O sbaglio?

Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
Redazione
Inviato: 11/6/2009 1:11  Aggiornato: 11/6/2009 1:41
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Dr_JULIUS: Teoricamente non sbagli. Il problema è che non puoi brevettare la formula NaCO3, perchè ti dicono che l'ha già inventata qualcun altro, e quindi nessuno farà mai nemmeno quella sperimentazione..

Nel frattempo ti tocca comprare l'antifungino da 15 euro a confezione.

Eccolo qua, dov'è il trucco.

Redazione
Inviato: 11/6/2009 1:44  Aggiornato: 11/6/2009 1:45
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
NOCHEMIO: "Io proporrei di inondare la redazione di Striscia con le nostre email. Che ne dice il responsabile del sito?"

Il responsabile dice che:

1 - "inondare redazioni" non è la nostra missione. Ogni tanto consigliamo ai lettori di farlo, ma la scelta rimane a loro.

2 - "Striscia", come "Mi manda RAI 3", sono solo il sintomo. Il problema è altrove.

Cercando di "curare il sintomo" non faremmo che replicare il problema di cui siamo vittime.

alexbell64
Inviato: 11/6/2009 1:49  Aggiornato: 11/6/2009 1:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/9/2007
Da:
Inviati: 238
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Un po' di tempo fa', in uno dei miei (rari) interventi in questo forum, scrissi che in questa querelle tra difensori e detrattori di Simoncini e della sua terapia ( ma potremmo parlare anche di molti altri, prima di Simoncini) inveriabilmente ci si arenava in un circolo vizioso che potrei riassumere in un discorso di questo genere, avuto realmente con un medico amico di mia conoscenza:

- Senti Dottore....c'è un medico, a Roma, che utilizza delle soluzioni di bicarbonato di sodio per curare i tumori maligni. Ne parlano molto sopratutto in Rete, ci sono dei blogs dedicati a questo argomento, su cui impazzano polemiche feroci, senza fine...

-Eh? Cosa? Chi è?? Com'è sta' storia???

- Sì, è un tuo collega, si chiama Simoncini, lui afferma che la causa del cancro e delle proliferazioni maligne sia un fungo comunemente diffuso, la Candida albicans e, forse, altre sottospecie correlate. Il bicarbonato uccide il fungo, ed elimina la causa della proliferazione che, a suo dire, è una specie di reazione flogistica dei tessuti attaccati dal fungo, non ha un'eziologia genetica come tutti pensano. Uccidi le colonie di Candida presenti nel tumore, e questo regredisce perchè gli viene a mancare il fattore irritativo scatenante.

- Bella teoria! E da quali studi è supportata, se si può sapere? Su quali basi può affermare tutto ciò?

- Be', in questo il tuo collega è un po' nebuloso, lo riconosco. Diciamo che ci sono degli studi non specifici, nei quali si riscontra con una certa percentuale di frequenza, la presenzza di Candida in tessuti tumorali. Solitamente viene considerata una sorta di conseguenza della malattia tumorale, come dire che su quella schifezza lì si installa qualsiasi cosa, anche funghi come la Candida. Questo medico, invece, dice che è la Candida ad essere la causa scatenante della crescita tumorale, ma dato che nei tumori esaminati si trova di tutto, vista la loro tendenza a degenerare, a marcire ecc, nessuno ci fa' caso. Come dire che qualcuno andasse a cercare il battere che causa la trasformazione dei cascami in letame, nel letame stesso.

- Ha effettuato qualche studio mirato? Ha fatto delle ricerche particolareggiate? Ha effettuato dei test sperimentali? Ha pubblicato qualcosa che si possa leggere, questo medico?

- A dire il vero ci ha provato, ma pare che nessuno di coloro che contano, nella Comunità Medica, gli ha dato credito. Ha provato a curare alcune personemalate di cancro con irrigazioni e infiltrazioni in loco d isoluzione di bicarbonato, ma è stato prima diffidato poi sottoposto a procedimento disciplinare e radiato dall'Ordine, in Italia.

-Ah, quindi non è più un Medico, ufficialmente??

-Diciamo di no, dal punto di vista legale. Lui continua ad esercitare, a livello semi-clandestino, ma pare incontri molte avversioni, da parte della Comunità ed è stato anche oggetto di inchieste televisive e cose del genere, in rapporto a queste sue cure non accettate...

-Scusa, ma perchè non ha effettuato qualche studio randomizzato, quando poteva? Magari rivolgendosi a Cliniche Universitarie o ditte Farmaceutiche, che possiedono i mezzi per effettuarli?

-Non è stato ritenuto necessario effettuarli, questi studi, hanno sempre rifiutato di dargli credito. Anzi, è stato osteggiato e denigrato in tutti i modi.

-Ma qualche pubblicazione l'ha fatta? Qualcosa che possa essere giudicato da tutti ed eventualmente ripreso e provato da altri ricercatori interessati??

-Hanno sempre rifiutato di pubblicare i suoi studi perchè giudicati senza fondamento o insufficienti per una pubblicazione sulle riviste scientifiche.

-Mmmh....mi hai detto che un po' di persone le ha curate, no? Ha ottenuto dei risultati verificabili, miglioramenti, remissioni, riduzioni di masse tumorali...?

-Sì, esiste una documentazione, peraltro abbastanza frammentaria e non molto completa, di parecchi casi trattati con la sua terapia, che hanno ottenuto notevoli miglioramenti, diverse remissioni totali durature, anche di forme ribelli ai trattamenti convenzionali o recidive di interventi ripetuti.

-Eh, ma non ti puoi presentare con queste cose ad una Commissione. Con tutta la buona volontà possibile, occorre presentare almeno dieci, venti casi ben documentati, esaurientemente, per poter prendere in considerazione la possibilità di effettuare uno studio randomizzato, capisci??

-Sì, ma capisci che questo medico al momento è solo, non ha la possibilità di effettuare un lavoro di raccolta e documentazione come chiedi tu, che assorbirebbe buona parte del suo tempo per il quale preferisce dedicarsi a curare le persone? Tieni inoltre conto che è molto sfiduciato dell'ambiente medico in cui si è trovato ad operare, quindi ha ancor meno voglia di raccogliere dati che sa' quasi per certo che non verranno presi in considerazione e trattati come fuffa bella e buona.

-Be'....che posso dirti? Così non si va' da nessuna parte, temo, indipendentemente dalla bontà vera o presunta della sua terapia...

-Ma scusami, una domanda molto semplice, per tu che sei medico vedi giornalmente persone ammalate di questa roba....converrai che è uno dei problemi principali della Medicina, vero?

-Certo, una larga parte delle risorse della Medicina sono rivolte a curare le affezioni neoplastiche. E' uno dei problemi maggiori e principali della Medicina odierna. Se risolvessimo il problema del cancro, avremmo tolto almeno un 40% buono degli ammalati dagli ospedali. Senza contare le sofferenze che risparmieremmo all'Umanità intera.

-Ok, allora, se il cancro è un problema di tal portata, è giustificato o no tentare tutto e di più per trovare una cura valida, almeno per una parte delle forme, non lasciare intentata nessuna possibilità, esplorare qualsiasi alternativa a delle cure che, almeno per molte forme, in tutta onestà, non si dimostrano quasi mai risolutive, e quando lo sono, a prezzo di mutilazioni, interventi pesanti, grandi problemi postumi per l'uso di radiazioni e chemioterapici e via dicendo??

-Si, in linea di principio sì, ma capisci che non si può correre dietro a tutti quelli che dicono di avere scoperto la cura per il cancro, altrimenti disperderemmo inutilmente tempo, mezzi e fondi. Occorre scremare e rivolgersi a quelle strade praticabili che abbiano già dato qualche buon risultato e siano promettenti in tal senso....

-E chi decide quali siano le strade promettenti e quali da scartare, a priori, senza nemmeno tentare una sperimentazione? Sai, mi vengono in mente Di Bella, Bonifacio e molti altri che hanno avuto percorsi simili, nella storia della Medicina moderna....

-Sì, capisco quello che dici, però funziona così: tu sei un medico che scopre qualcosa, io sono quello che deve dire "sì, ok, proviamolo e facciamo una sperimentazione" oppure"no, guarda, lascia perdere, non ne vale la pena"...se mi porti un numero di casi sufficiente, ben documentato e con molti riscontri, è diverso che portyarmi un po' di documentazione raffazzonata e qualche testimonianza di pazienti...se devo giustificare un investimento per effettuare uno studio randomizzato su, poniamo, 200 pazienti, devo avere qualcosa di concreto da cui partire.

-Ma come può un medico che, dopo i primi casi che ha curato, è stato oggetto di una sorta di persecuzione giudiziaria e legale, con espulsione finale e procedimenti penali a suo carico, aver raccolto una massa di dati, in maniera ordinata, completa e accurata? Queste sono cose che può fare una persona messa nelle condizioni di poter lavorare serenamente, aiutato ed assistito da collaboratori, non osteggiato, minacciato continuamente!

-E' vero anche questo....non so' che dire...il sistema funziona così.....ha provato a rivolgersi all'estero, per curiosità?

-Sì, recentemente era negli USA per presentare e cercare supporto per la sua terapia e i suoi studi. Non so' se abbia ricevuto aiuto, fino a questo momento.

-Capisco. Be', se la sua terapia è davvero valida, vedrai che qualcuno che gli concederà fiducia lo trova senz'altro.

-Sì, ma....se si ricomincia come in Italia? So' che anche all'estero i ricercatori indipendenti spesso e volentieri non hanno trovato molto appoggio d aparte della Comunità Medico-Scientifica...

-Non so' risponderti con precisione, non sono a conoscenza di come funzionino le cose in tal senso negli USA.

-Senti, ma....in coscienza.....se veramente esistesse la volontà di trovare una cura risolutiva per questa malattia.....TU, non proveresti ad approfondire un po' questa sua, chiamiamola, intuizione???

-Guarda, il compito, anzi, diciamo la "missione" del medico è quella di aiutare le persone che soffrono e di cercare continuamente le soluzioni per guarire le malattie che affliggono le persone e gli animali. Sono d'accordo con te per quanto riguarda la linea di principio, e ti dico che, vedendo tutti i giorni persone ammalate spegnersi sotto i miei occhi, nonostante le imbottiamo di chemio e di radioterapie, mi farebbe venire voglia di provare qualsiasi cosa, anche le pozioni degli sciamani congolesi.
Ma la Medicina ha delle regole e non si può andare contro di esse, esite un codice di comportamento da rispettare.

-Ok, quindi? Che facciamo, con quest'uomo che dice di aver trovato qualcosa di valido? Gli diamo un po' di fiducia e proviamo la sua cura, o la scartiamo in partenza perchè a livello di principio non viene accettata??

-Come ti ho detto.....dipendesse da me farei la sperimentazione su questi ed altri metodi, ma.....ci sono altri "livelli di competenza" che decidono in base a ciò....non so' dirti altro.


Quindi, recapitolando.....senza casi da presentare, Simoncini non può chiedere la sperimentazione. Ma per avere i casi documentati, dovrebbe aver potuto lavorare, con tranquillità e fiducia, per un tempo sufficientemente lungo, invecegli è stato dato quasi subito l'ostracismo, trattandolo come un ciarlatano delinquente.
Gli è stato cioè impedito di poter continuare e raccogliere un numero di casi sufficiente da presentare ad una ipotetica Commissione per valutare la possibiulità di una sperimentazione del suo metodo di cura.
Ma nonostante ciò, molti, anche qui, continuano a chiedere a gran voce studi, documentazione approfondita, ridondanza di dati, ecc...
Perchè non provano coloro che criticano tanto, a lavorare nelle condizioni in cui si è trovato questo medico e molti altri prima di lui (vedi , solo in Italia, tanto per fare qualche nome, Liborio Bonifacio, Giuseppe Zora, Saverio Imperato, Luigi Di Bella, ecc..), a produrre tutta la documentazione e le scartoffie richieste, prima di dire certe cose??
PROVATECI!

Redazione
Inviato: 11/6/2009 2:00  Aggiornato: 11/6/2009 2:13
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
ALEX: La tua mi sembra un'ottima sintesi (ricordo bene il tuo intervento), con un paio di precisazioni da fare:

1 - Simoncini rimane un medico. La radiazione non toglie il titolo, toglie solo la facoltà di praticare. Tant'è vero che in molti paesi Simoncini potrebbe fare un semplice esame di equiparazione, e riprendere a praticare in qualunque momento. (Se "non fosse più medico" dovrebbe invece laurearsi daccapo).

- Nel 1997 fece richiesta di presentare la sua casistica, al fine di chiedere la sperimentazione. Ma fu ignorato.

Non so dirti quanto completa e "rigorosa" potesse essere, visto il personaggio molto "colorito", ma la casistica l'aveva preparata. Poi è chiaro che ti passa anche la voglia di tenere i biglietti del tram.

Quando l'ho conosciuto io, Simoncini non aveva più nemmeno gli indirizzi dei pazienti guariti. Abbiamo dovuto metterci Fefo ed io a fare i detectives per tutta Italia, per recuperare quei pochi che siamo riusciti a trovare.

Ora è diverso, e cerchiamo di tenere tutto sotto controllo. Ma il passato ormai è andato...


***

Il problema comunque rimane esterno a Simoncini. Anche se avesse cento cartelle cliniche corredate di tutto quello che serve, non le vorrebbe vedere nessuno. La storia insegna. (Ecco perchè mi fanno sorridere le richieste di "approfondimento" sui pazienti; chi le avanza da una parte spera solo di trovarci il "bug" della settimana, dall'altra sa benissimo che non servirà comunque a niente).

NOCHEMIO
Inviato: 11/6/2009 9:18  Aggiornato: 11/6/2009 9:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/5/2009
Da:
Inviati: 118
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
X TUTTI
Probabilmente conoscete questa notizia e mi piacerebbe che fosse commentata da chi è a favore della chemio. Una persona a me cara ha SUBITO il trattamento con la chemio ed ha SUBITO questo farmaco che è stato presentato dall'oncologo primario come ultimo ritrovato che ha dato ottimi risultati nella lotta ai tumori. Dopo il trattamento la patologia è diventata galoppante distruggendo l'eccezionale fisico del paziente. Invito a tutti, e di questo mi prendo la responsabilità, a valutare bene anzi benissimo la possibilità di procedere con terapie alternative prima di sottoporsi alla chemioterapia, state più che sicuri che non avete nulla da perdere. Il farmaco in questione è l'AVASTIN, l'oncologo ha somministrato questo farmaco quando la notizia era già nota e si tratta di un primario quindi di colui che dirige il centro oncologico. Questa è la notizia apparsa sul Sole 24 Ore ai lettori la capacità di saper leggere tra le righe:

Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano, 22 apr - Brutte notizie per il colosso farmaceutico Roche. L’Avastin, uno dei medicinali piu’ importanti portati in dote dalla Genentech, acquistata nella sua totalita’ il mese scorso dal gruppo svizzero per 46,8 miliardi di dollari, si e’ infatti dimostrato inefficace nell’impedire il riemergere del cancro al colon in pazienti gia’ sottoposti a intervento chirurgico. Le vendite annuali dell’Avastin sono pari oggi a 5,2 miliardi di franchi svizzeri l’anno (3,5 miliardi di euro) e gli analisti puntavano su un raddoppio di tale cifra se lo studio avesse dimostrato l’efficacia del farmaco nel frenare la progressione della malattia nei pazienti allo stadio iniziale. Secondo Bill Burns, responsabile dei farmaci per la Roche, le vendite di Avastin continueranno comunque a salire fino a 8-9 miliardi di franchi entro il 2009 trattando esclusivamente i malati di cancri metastatici avanzati. Lo studio che ha bocciato l’Avastin, noto come C-08, mirava a valutare l’efficacia dell’Avastin associato a chemioterapia nel trattare un cancro al colon subito dopo l’operazione. L’approccio combinato non si e’ mostrato superiore alla sola chemioterapia. In avvio di scambi alla borsa di Zurigo il titolo Roche perde oltre il 10% rispetto alla chiusura di ieri. cop (RADIOCOR) 22-04-09 09:40:30 (0051) 5 NNNN

Per la cronaca la persona che è stata trattata con la chemio e Avastin è morta come non si dovrebbe morire e che adesso posso aggiugere ai milioni di omicidi voluti da Big Pharma. Dopo il trattamento dell'Avastin la patologia cancro era passata in seconda linea perchè l'effetto dell'AVASTIN è stato devastante, creando effetti collaterali irreversibili che hanno permesso al cancro di accellerare la sua corsa e riducendo il paziente a finire gli ultimi mesi di vita in ospedale, da premettere che la chemioterapia era stata sospesa dopo gli effetti collaterali sopraggiunti, insomma che c***o di prove volete ancora per convincervi che con la chemioterapia non si risolve il problema! Mi auguro che la vera prova non dobbiamo viverla su noi stessi per poi dire Mazzucco e gli altri avevano ragione. Se anche fosse un impostore Simoncini e gli altri alternativi mi fate capire perchè devo assumere la chemioterapia che sicuramente uccide?

tiburon
Inviato: 11/6/2009 10:57  Aggiornato: 11/6/2009 10:57
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2007
Da:
Inviati: 150
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
il contributo di Nochemio è importante, ma parte da un presupposto a mio parere assurdo, così come assurdo mi pare il concetto di messia perseguitato che a volte aleggia intorno alla figura di Simoncini.

Nessuno -mi pare- pone per assioma che la medicina 'ufficiale' sia la sola risorsa, e mi pare si confonda spesso il discorso della medicina ufficiale con quello della sperimentazione scientifica: in questo debbo dire il buon Vulcan (prosit ) mi sembra di gran lunga il più equilibrato.

Nessuno vuole imporre la chemio a nessun altro, così come nessuno vuole fare la figura del babalone con filtri magici e 'fatti' inspiegabili.

Il discorso è: premesso che la teoria della candida scricchiola su molti punti, parrebbe invece che il bicarbonato qualcosa gli fa, come si può fare a 'perfezionare' l'utilizzo dello strumento?

Per il buon Bonifacio (raccontano i dossier) la sperimentazione ad esempio è stata fatta-con pochi mezzi e mooolta buona volontà-, e con quella ci si è presentati al ministero della salute scontrandosi col muro di gomma delle eminenze grigie della medicina ufficiale; ma siamo un passo avanti rispetto alle testimonianze per quanto filmate bene e ben proposte.

Per Di Bella addirittura c'è stato un malcelato boicottaggio, palese su tutti i mezzi di diffusione, che è riuscito grazie alla malacreanza dell'opinione pubblica in genere e di quella italiana in particolare , che segue i sensazionalismi e dimentica presto le notizie documentali.

Per quel che vedo -fatte alcune eclatanti eccezioni- si è tutti bei cervelli, mantenere la lucidità evitando le tifoserie finora ha portato ad un confronto buono e costruttivo, che riconosce delle rilevanze ma non accoglie tout court le teorie -a mio modestissimo parere abbastanza 'vaghe' - del fungo cancerogeno.

Manteniamo le distanze dalla medicina ufficiale e focalizziamo il problema della sperimentazione, che mi pare un buon punto...

all'olismo ed alla capacità, individuale e collettiva

edo
Inviato: 11/6/2009 12:24  Aggiornato: 11/6/2009 12:41
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Se esiste un sito di preti sposati potrà ben esistere un forum di (soli) medici che discutono di terapie alternative... magari Vulcan, volendolo, potrebbe moderarlo?
Sarebbe un bell'esempio di "rivoluzione".



le vendite di Avastin continueranno comunque a salire fino a 8-9 miliardi di franchi entro il 2009
Non possono raggiungere questo risultato da soli, hanno bisogno di complici in camice.

Daemon
Inviato: 11/6/2009 12:53  Aggiornato: 11/6/2009 17:53
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/9/2005
Da:
Inviati: 255
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
REDAZIONE
Il problema comunque rimane esterno a Simoncini. Anche se avesse cento cartelle cliniche corredate di tutto quello che serve, non le vorrebbe vedere nessuno.


Ma se ho appena detto che ci sono IO che le vorrei proprio vedere.
E non ci sono solo io. Mi sembra anche di essere in buona compagnia, su questo sito.




Citazione:
mi fanno sorridere le richieste di "approfondimento" sui pazienti; chi le avanza da una parte spera solo di trovarci il "bug" della settimana, dall'altra sa benissimo che non servirà comunque a niente.



E' del tutto fuori luogo parlare di "bug".
Soltanto con la documentazione in mano possiamo cominciare a vedere se può sussistere o meno una relazione ragionevolmente causale tra la cura al bicarbonato e la guarigione del paziente.

Per quanto mi riguarda, se c'è una speranza, è quella di trovare una cura. E se c'è uno scopo, è quello di trovare la verità.

E che caspita vuol dire "sa benissimo che non servirà comunque a niente"?
O si prova a lottare per la verità oppure no.

Se posti un video è perchè pensi che a qualcosa servirà, no? Allora fai lo stesso con i documenti, che ci servono molto di più.*


Pensi davvero che se si riuscisse a documentare in modo ragionevole una cura per il cancro, tra tutti i ricercatori in cerca di gloria che ci sono in Italia nessuno faccia nulla? Non pensi che qualcuno si muoverebbe allo scopo di provare a legare per sempre il suo nome ad una ricerca così importante?

Perciò a me questa sembra solo una scusa.. Se secondo te il bicarbonato funziona, di cosa hai paura?

O forse anche tu hai dei dubbi? Sarebbe umano, ma "lavoriamoci insieme", almeno..



A Napoli hanno un'espressione per definire un tale comportamento: "chiagni e fotti".



EDIT:
* = a meno che lo scopo non sia davvero solo quello di fare pubblicità..
Ma mi auguro sinceramente di no, perchè questa sì che "sarebbe una cosa molto triste", come dici tu..

In questo caso però ti capirei meglio: mettere solo il video e lasciare noi a discutere sulle briciole come dei fessi sarebbe davvero la scelta più sensata. E anche la più furba.
Qua però i dubbi aumentano, invece di diminuire..

ELFLACO
Inviato: 11/6/2009 13:43  Aggiornato: 11/6/2009 13:43
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
Il problema comunque rimane esterno a Simoncini. Anche se avesse cento cartelle cliniche corredate di tutto quello che serve, non le vorrebbe vedere nessuno. La storia insegna. (Ecco perchè mi fanno sorridere le richieste di "approfondimento" sui pazienti; chi le avanza da una parte spera solo di trovarci il "bug" della settimana, dall'altra sa benissimo che non servirà comunque a niente).


Per quanto mi riguarda io non spero di trovare nessun bug,se non c'è.A me interessa avere più certezze su questa cura ma sopratutto mi interessa molto di più che dei professionisti qualificati (in buona fede e con le palle) trovino tutti i dati per poter farsi un'idea più chiara su questa teoria.

Citazione:
Anche se avesse cento cartelle cliniche corredate di tutto quello che serve, non le vorrebbe vedere nessuno.


E allora mi faccio la stessa domanda che ti facevi tu prima.

E allora che si fa???

Anche Hosey aveva preparato tutti i casi dei pazienti e alla fine è andata com'è andata.

E allora perchè lo fai?? Perchè fai vedere dei filmati di testimonianze se sai che neanche con le documentazioni non succederebbe niente???
Perchè ti rompi i coglioni tutti i giorni a postare fimati che non serviranno a niente??
(io la risposta la so ma forse qualche utente capirebbe meglio il tuo lavoro)

Non pensi che se la documentazione fosse più approfondita forse qualche medico generico in più rischierebbe di più per i suoi pazienti??

Lo scetticismo o i dubbi che sembrano venir fuori dai i miei interventi non sono sulla cura o su la tua buona fede o su quella di Simoncini,io sono ancora quà a discuttere su Simoncini sopratutto perchè io mi fido di te Massimo e di conseguenza credo nella buona fede di Simoncini. Ma non credo che il fimati bastino.

Ha ragione Fefo che questo è un grandissimo inizio,cio'è presentare il filmati,ma purtroppo saranno le persone come te o Fefochip quelle che dovrano ancora rompersi i coglioni per trovare e convincere dei medici a farsi avanti ,uno alla volta,per portar avanti questa cura.

E un lavoraccio di merda alla ennesima potenza!!!! Lo so!!! Così impari...ad avere una coscienza

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
utrevolver
Inviato: 11/6/2009 17:03  Aggiornato: 11/6/2009 17:03
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da: Sandalia
Inviati: 411
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Purtroppo il punto debole di questa intervista o di interviste come questa è che il malato ha subito precedentemente un ciclo di chemioterapia.
Basta questo precedente a mettere in dubbio qualsiasi terapia successiva ed alternativa applicata al paziante. Infatti chiunque potrebbe obiettare: "è guarito grazie alla chemio". E non è possibile smentire questa affermazione perchè di fatto coesistono sullo stesso paziente due trattamenti.

Sarebbe davvero risolutivo portare testimoni "incontaminati", cioè curati solo con un metodo alternativo.

NOCHEMIO
Inviato: 11/6/2009 17:40  Aggiornato: 11/6/2009 17:40
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/5/2009
Da:
Inviati: 118
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Non so fino a che punto la chemioterapia potrebbe aggiudicarsi il merito della supposta guarigione, un attento studio delle cartelle cliniche può dare una risposta e poi se la chemio stava offrendo risultati (figurati!) perchè mai questo signore e il suo medico avrebbero tentato una strada piene di incognite? Evidentemente le condizioni di salute stavano peggiorando! Il signore che si è qualificato come medico ha fatto delle affermazioni molto serie e responsabili, quindi non ha attribuito alla chemioterapia alcun merito, anche perchè le cure con la chemio non hanno mai risolto i problemi del suo assistito, semmai la patologia stava naturalmente degenerando.

NOCHEMIO
Inviato: 11/6/2009 18:00  Aggiornato: 11/6/2009 18:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/5/2009
Da:
Inviati: 118
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Piccola e doverosa testimonianza a favore di Simoncini.
Il fatto è accaduto a me.
Un bel giorno mi trovo nella parte che noi maschietti reputiamo sacra o quantomeno preziosa degli ospiti non molto graditi o gradevoli. tre piccole protuberanze che in cuor mio speravo fossero palline di grasso. Con il passar del tempo una delle tre assume un aspetto ancor più sgradevole, mettetevi nei miei panni e pensate un pò quale può essere lo stato d'animo. Già conoscevo in maniera molto superficiale le varie terapie alternative, anche perchè una persona a me cara era affetta dalla patologia, quindi cercavo strade alternative che purtroppo la persona non ha neanche cercato di applicare. Cosa vado a fare da buon proprugnatore di medicina alternativa? Vado in ospedale! Il dottore visita e dà la sua diagnosi: Condiloma; credetemi tutto quello che finisce per -oma ha il potere di far gelare il sangue. Natura benigna ma non troppa se trascurata, dice il dottore.

Ho praticato presso un Ospedale Pubblico il trattamento con elettrocoaugulazione. Mi hanno lasciato con tre piccole cavità dopo l’asportazione (non si dovrebbe applicare un disinfettante dopo?), a casa ho messo dapprima del Cicatrene a pomata e poi della tintura di Iodio. Sono rimaste delle piccole macchie chiare come ricordo dell’intervento. Mi accorgo quasi subito che ne hanno trascurato uno piccolo. Decido di rivolgermi a loro nel caso in cui dopo qualche mese dovrebbero rispuntare (dicono probabile una recidiva in altre parti del corpo), io dico invece perchè non fate un’analisi accurata per vedere se sono presenti fin dall’inizio? Con il passar del tempo il piccolo condiloma prende coraggio e vorrebbe ingrandirsi. Leggo tra le indicazioni di Simoncini che la tintura di Iodio risulta efficace nel trattamento del melanoma. Io penso, se lo è sul melanoma a maggior ragione dovrebbe esserlo sul condiloma, quindi provo. In meno di tre giorni e senza nemmeno calcare la mano, quindi con poche applicazioni il condiloma sparisce senza lasciare traccia. Leggo in un altro sito che lo stesso problema e con condiloma più grosso è stato risolto con il bicarbonato applicato come se fosse una pastetta. Attualmente non si presentano recidive, da premettere che ho trattato con Tintura di Iodio anche le ferite lasciate dall’intervento. Posso dichiarare che fino ad oggi il trattamento consigliato da Simoncini, che non conosco e che di conseguenza non ha preso un cent da parte mia, ha funzionato. Ho evitato: perdita di tempo nel richiedere visita ospedaliera; altra iniezione di anestetico sul pene; tracce postoperatorie tra l’altro curate da me stesso in quanto in ospedale non mi hanno detto cosa fare. E' passato circa un anno.

Sinder
Inviato: 11/6/2009 18:11  Aggiornato: 11/6/2009 18:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2009
Da:
Inviati: 256
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Si può ipotizzare che sia la chemioterapia a provocare la candida?

Daemon
Inviato: 11/6/2009 18:48  Aggiornato: 11/6/2009 18:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/9/2005
Da:
Inviati: 255
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
Si può ipotizzare che sia la chemioterapia a provocare la candida?


No.


P.S.:
La candida è un fungo, ed è ovunque. Anche dentro di me e te, proprio in questo momento, in forma latente.

La chemioterapia quindi non "provoca" la candida, che è già praticamente dappertutto, basti pensare che normalmente si può trovare sulla pelle umana e nel cavo orale.

Inoltre, la chemioterapia la fai solo se hai un tumore grave, per cui se il tumore lo provoca la candida come dice Simoncini, questa dovrebbe essere precedente la chemioterapia, e non una sua conseguenza.

Lezik85
Inviato: 11/6/2009 18:57  Aggiornato: 11/6/2009 19:02
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
Si può ipotizzare che sia la chemioterapia a provocare la candida?


No, ma se può essere illuminante ho trovato un'inchiesta di Vincenzo Brancatisano sulla chemioterapia:


"La chemio è tossica, fa cadere i capelli, fa venire la nausea. Ma sappiamo davvero tutto sulla tossicità dei farmaci chemioterapici antiblastici (CA), quelli cioè che vengono usati per curare il cancro? Per approfondire il problema della pericolosità di questi farmaci per la salute del personale sanitario addetto alla loro manipolazione, abbiamo condotto un’inchiesta grazie alla quale viene fuori, forse per la prima volta, un quadro impressionante circa il grado di tossicità dei più diffusi farmaci antiblastici, che documenti ufficiali prodotti dalle più prestigiose agenzie scientifiche, definiscono addirittura "cancerogeni per l’uomo".

Che si possa curare il cancro con farmaci che rischiano addirittura di causarlo può sembrare paradossale ai profani, e non spetta a noi mettere in dubbio l’utilità terapeutica della chemioterapia, cui molti pazienti sanno di dovere la vita. Il problema è recente. Fino al 1980 non esistevano informazioni sul grado di rischio corso da medici, infermieri, ausiliari dei reparti oncologici. Ma scandagliando le 104 pagine del Rapporto Istisan n. 02/16 dell’Istituto Superiore di Sanità, intitolato "Esposizione professionale a chemioterapici antiblastici: rischi per la riproduzione e strategie per la prevenzione", si scopre che ancora oggi gli "incidenti che si rilevano tra gli operatori sanitari contribuiscono ad aumentare il livello di attenzione della comunità scientifica, delle istituzioni e dei lavoratori stessi". Solo nel 1993 si scopriva che l’Italia e altri paesi della Cee erano sprovvisti di indicazioni per il personale sanitario, ad eccezione del Portogallo che raccomandava di incenerire i farmaci antiblastici a 1000 gradi.

Oggi, in Australia, Danimarca e Irlanda è vietato alla lavoratrice incinta di manipolare questi farmaci. In Danimarca le donne gravide non possono neppure occuparsi di pazienti che li assumono. Altri organismi raccomandano di evitare la manipolazione di antiblastici alle gravide, alle donne che allattano e addirittura al personale maschile e femminile che sta tentando di concepire. Per avere un’idea della pericolosità dei CA basta pensare che, riferendosi allo smaltimento delle urine dei pazienti trattati, uno studio presentato a Modena, recita che "queste ultime possono anche essere causa di inquinamento ambientale par contaminazione del sistema fognario".mL’impiego dei chemioterapici, sui quali per decenni s’è arenata la ricerca contro il cancro, risale agli anni ‘40 quando venne utilizzata per la prima volta la mostarda azotata per curare la leucemia.

Sono farmaci caratterizzati da una tossicità molto elevata ma non selettiva e dunque agiscono pure sui tessuti sani e vitali quali, tra gli altri, il midollo osseo, le mucose e l’apparato riproduttivo. Non solo: "Proprio a causa delle loro proprietà citotossiche e immunosoppressive – si legge nel Rapporto – gli antiblastici possono paradossalmente causare tumori secondari. Infatti, non solo sono in grado di innescare la trasformazione di cellule normali in maligne , ma tendono a ridurre le difese endogene contro l’insorgenza di neoplasie". Ma veniamo a un punto cruciale. Nel documento si legge che "mentre per i pazienti tali effetti tossici sono considerati ‘accettabili’ in vista dei possibili benefici terapeutici, essi non dovrebbero mai colpire i medici, i farmacisti, gli infermieri e gli altri operatori.

Invece, a partire dalla fine degli ’70 numerosi studi hanno dimostrato la pericolosità dei CA per gli operatori sanitari". Mielodepressione, nausea, vomito, mucositi, disturbi gastrointestinali, alopecia, amenorrea, azoospermia, sterilità, neurotossicità, epatotossicità e nefrotossocità, sono i principali effetti tossici che colpiscono i pazienti. Ma "alcuni di essi – si legge nel documento dell’Iss – sono stati osservati anche in operatori sanitari e in particolare in infermieri dei reparti oncologici" prima che venissero introdotte le linee guida per la manipolazione degli antiblastici.

Nonostante tutto, anche di recente sono stati rilevati, vi si legge, disturbi a livello oculare, cutaneo, respiratorio causati dai CA vescicanti; reazioni allergiche da composti del platino e da altri CA; possibili tumori causati dai CA cancerogeni; effetti sull’apparato riproduttivo maschile e femminile con riduzione della fertilità, aumento del numero degli aborti spontanei e delle malformazioni congenite. Ma non basta: "Ulteriori studi sperimentali – è la conclusione dello studio – sarebbero auspicabili per valutare gli effetti acuti e cronici di miscele complesse di CA a basse dosi", cui gli operatori sono maggiormente esposti.


Aberrazioni cromosomiche

"Alcuni chemioterapici, a fronte di rilevanti benefici terapeutici, costituiscono un importante fattore di rischio per effetti collaterali, non solo immediati, ma anche a lungo termine, aumentando il rischio per tumori e per danni all’apparato riproduttivo", osserva la biologa Irene Figà-Talamanca, in uno dei documenti che compongono il Rapporto dell’Iss. Solo vent’anni fa, dopo alcuni incidenti sul lavoro, "ci si è chiesto se esisteva un rischio a lungo termine per la salute degli operatori addetti alla preparazione e somministrazione dei chemioterapici".

E dunque? "La preoccupazione era ben fondata, dato che gli studi successivi hanno confermato effetti mutageni (ad esempio aberrazioni cromosomiche, ndr.) e cancerogeni, oltre a danni alla salute riproduttiva del personale femminile". Anche se in questi ultimi anni si è fatto tanto, il problema, insiste Figà-Talamanca, "non può essere considerato superato" sia perché si è visto che dove le esposizioni sono tuttora presenti, "il rischio di patologia riproduttiva è rilevante, non solo per esposizioni femminili, ma anche maschili", sia per la scarsa efficacia degli studi fin qui condotti. Come se non bastasse, i danni possono essere addirittura trasmessi all’apparato riproduttivo dei figli degli operatori sanitari.

Da un’indagine epidemiologica emerge poi che questi lavoratori, essendo esposti a un rischio poco conosciuto e i cui effetti sulla salute sono difficilmente evidenziabili, "tendono a disinteressarsi della specifica problematica sanitaria". Eppure, "ripetute esposizioni accidentali possono causare accumulo e indurre, nel lungo periodo, un effetto cronico nel lavoratore". Il tutto deve fare riflettere, spiega il Rapporto, "considerando che i nuovi farmaci di cui ancora non è ben nota la tossicità vengono continuamente introdotti nei protocolli terapeutici", specie se si considera che i chemioterapici sono usati per malattie anche non tumorali e "che l’esposizione lavorativa coinvolge un rilevante numero di infermieri". Ma i problemi non mancano, visto che "il recente uso dei farmaci antiblastici non ha consentito, a tutt’oggi, di avere a disposizione sufficienti dati epidemiologici che consentano di poter definire con certezza gli eventuali effetti sulla salute". L’ing. Giancarlo Salsi, responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione del Policlinico di Modena è convinto dell’esigenza di realizzare un monitoraggio dei rischi.

Dice: "Siamo estremamente convinti di essere all’interno delle previsioni normative, che da noi vengono controllate in maniera spasmodica dalla farmacista Benedetta Petocchi, farmacista del Centro oncologico modenese, dove opera l’unità centralizzata per la preparazione degli antiblastici. Ma varrebbe sempre la pena avere dei dati oggettivi sull’esposizione dei lavoratori".

Dati che per ora non ci sono. Il prof. Fabriziomaria Gobba, ricercatore in Medicina del Lavoro presso l’Università di Modena e Reggio, è autore di "Rischi professionali in ambito ospedaliero", un autorevole manuale in materia, edito da Mc Graw-Hill. Spiega: "E’ stato ampiamente dimostrato che solo attraverso una conoscenza dei rischi è possibile offrire una prevenzione efficace e che la prevenzione parte in primo luogo dai comportamenti individuali dei soggetti esposti". Le operazioni, assicura Salsi, vengono svolte da personale dedicato, debitamente formato, equipaggiato e, tra l’altro, dentro le cappe protettive previste dalla legge."

Lezik85
Inviato: 11/6/2009 18:59  Aggiornato: 11/6/2009 19:05
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Ma gli infermieri sono consapevoli dei rischi?

Molti chemioterapici anticancro pur essendo riconosciuti dalla International Agency for Research On Cancer (IARC) e da altre autorevoli agenzie, come cancerogeni per l’uomo, non rientrano, essendo farmaci, nel DL.vo 626/94 sulla sicurezza del lavoro. Neppure la Ue ha ancora preso provvedimenti per farli rientrare negli elenchi contrassegnati con le sigle R45 ("può provocare il cancro") ed R49 ("può provocare il cancro per inalazione"). Da qui una dura presa di posizione: "Se da un punto di vista scientifico assimilare i farmaci antiblastici agli agenti cancerogeni e mutageni è più che lecito, anzi doveroso, in base alla normativa vigente non sembra altrettanto scontato", hanno protestato Stefania Bertoldo e Antonio Bressan del Servizio di Prevenzione e Protezione di Legnago in occasione del convegno "Prevenzione e protezione da agenti chimici pericolosi", tenuto dall’Ausl di Modena il 27 settembre 2002. Fatto sta che ci si deve accontentare di decreti che concernono la classificazione, l’etichettatura, l’imballaggio di sostanze chimiche pericolose.

Ma "tali decreti escludono di fatto dal loro ambito e in maniera esplicita le ‘specialità medicinali ad uso umano’". Essendo farmaci, dunque, non è neppure previsto di incollare sulle confezioni il segnale di pericolo. La Commissione Consultiva Tossicologica Nazionale nel 1995 raccomandava di includere nell’Allegato VIII del citato decreto 626 tutte le attività che coinvolgono i farmaci antiblastici, ma, insistono Bertoldo e Bressan, "a tutt’oggi tale esortazione non risulta essere stata recepita". Rimangono dunque soltanto linee guida e raccomandazioni che, essendo prive di sanzioni, perdono la propria efficacia. Da parte sua, l'Ispesl (Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro) ha suggerito nel 1999 alcune "linee guida" per una corretta manipolazione dei chemioterapici. Secondo l’Ispesl, intervenuto nel citato convegno dell’Ausl di Modena, anche "l’ambiente può essere contaminato in ogni fase della manipolazione dei farmaci, in particolare durante lo stoccaggio, la preparazione, la somministrazione e l'eliminazione dei residui".

Stefania Pisa, rappresentante sicurezza per la Cgil presso il Policlinico di Modena, spiega: "Noi lavoratori avvertiamo il problema della sicurezza. Forse siamo inascoltati e tante volte ci sentiamo dire che siamo esagerati. Quanto ai chemioterapici, lavoriamo con metodologie avanzate contrariamente ad altri periodi in cui gli antitumorali venivano preparati in vari reparti non idonei". Quanto alle sanzioni, " in caso di violazione dovrebbero essere inflitte dal personale di vigilanza Usl e raramente le ho viste applicare".

Ma siete consapevoli di quello che si legge nei report circa la tossicità degli antitumorali? Fate corsi di formazione specifici? "Ne facciamo tanti, tuttavia a noi rappresentanti non arriva il contenuto specifico, ma solo il titolo delle lezioni". Secondo Davide Ferrari, medico, responsabile del Servizio di Medicina del Lavoro dell’Ausl di Modena, negli ultimi dieci anni s’è verificato un solo caso di neoplasia denunciata da un lavoratore della sanità come addebitabile a causa di servizio. Ma "queste malattie – ammette – hanno lunghi tempi di latenza ed è difficile provare il nesso di causa. I rischi sono molto gravi ma i lavoratori sono a conoscenza del problema".


Balle statistiche

Secondo l’oncologo Umberto Tirelli, intervenuto in un convegno, "i giornali e i programmi televisivi danno notevole risalto agli aspetti negativi dei trattamenti terapeutici e ne ingigantiscono gli effetti collaterali". Ma i risultati della nostra inchiesta dimostrano, semmai, una disattenzione dei media in materia. D’altra parte, è difficile ottenere dall’oncologia informazioni univoche circa l’effettiva utilità della chemio nella cura del cancro. Le statistiche sanitarie, poi, non sono sempre trasparenti anche perché spesso i dati della chirurgia vengono mischiati con quelli della medicina. Ma se per capire di più utilizzassimo le dichiarazioni ufficiali, il quadro non sarebbe molto positivo.

Circa l’efficacia delle terapie convenzionali in un diffuso tipo di cancro, ecco cosa si legge negli atti ministeriali della sperimentazione Di Bella, al Protocollo n. 3, diretto da Pier Franco Conte, direttore del Dipartimento di Oncologia e Ematologia dell’Università di Modena: "La sopravvivenza mediana attesa dalle pazienti con carcinoma mammario metastatico trattate con una prima linea chemioterapia e/ormonoterapica è superiore ai 24 mesi e circa il 15-20 per cento delle pazienti è viva a 5 anni dalla diagnosi di metastasi. [...] La sopravvivenza mediana delle pazienti trattate con chemioterapia di seconda linea per la malattia metastatica varia nei vari studi clinici dai 6 agli 11 mesi".

Il farmacologo Silvio Garattini ha ammesso, sulla rivista Le Scienze: "Nonostante la mole di ricerche e i conseguenti impegni economici, si deve riconoscere che i risultati nel trattamento del cancro sono ancora relativamente modesti. Il miglior trattamento, quando sia possibile, rimane ancora la chirurgia, mentre tutto l’insieme dei trattamenti antitumorali (chemioterapia, immunologici e radianti) arriva a malapena a determinare una guarigione (più di cinque anni di sopravvivenza) in circa il 10 per cento dei pazienti trattati". Paul Goss, direttore del Breast Cancer Prevention and Research di Toronto, a giugno 2004 presso lo IEO di Umberto Veronesi, ha ammesso una verità sconsolante.

E cioè che la comunità scientifica ha sottostimato il rischio di ricaduta cui sono sottoposte le donne considerate “guarite” dalal scienza medica. In un’intervista a Daniela Minerva sull’Espresso del 26 giugno 2004, Gross ha spiegato che “sia le donne che i clinici non sembrano volerci fare attenzione. Quindi noi viviamo nel mito che dopo un certo periodo di follow up, la paziente sia salva. Ma non è così”. In genere i pazienti vengono considerati guariti dopo cinque anni liberi da malattia.

Continua Goss: “Il nostro studio ha seguito le donne oltre i cinque anni canonici e dimostrato questa terrribile realtà”. Il professor Vittorio Staudacher, membro del Comitato Etico dell’Istituto Nazionale dei Tumori, già chirurgo e clinico all’Università di Milano e membro del Consiglio direttivo della Scuola Europea di Oncologia, ha affermato sul Corriere della sera: "La chemioterapia, con l’eccezione delle leucemie e dei linfomi, è incapace di guarire i tumori. E mette l’inferno in corpo ai malati". Poi si è chiesto: "La chemioterapia ha mai guarito qualcuno da un tumore come quello all’esofago, dell’intestino, del colon, del cervello? La chemioterapia, che ha dimostrato di poter colpire il bersaglio nei tumori di origine ematica (leucemie e linfomi), negli altri tumori controlla la proliferazione per un po’ in misura maggiore o minore, ma non guarisce".

Ma i pazienti conoscono la vera portata degli effetti collaterali cui vanno incontro? "Il consenso informato dovrebbe essere una prassi consolidata", assicura il dottor Davide Ferrari.

Sinder
Inviato: 11/6/2009 21:11  Aggiornato: 11/6/2009 21:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2009
Da:
Inviati: 256
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
@Daemon
http://www.jstor.org/pss/4458280
ma qui non dice che da quando sono iniziati i trattamenti è diventata evidente la correlazione con la candida?

Daemon
Inviato: 11/6/2009 22:06  Aggiornato: 11/6/2009 22:57
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/9/2005
Da:
Inviati: 255
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Solo dalla prima pagina non è chiarissimo..

Magari mi leggo l'articolo per intero e poi ti dico..

Comunque sarebbe interessante questo collegamento: spiegherebbe come mai nei malati di cancro si trova spesso la candida..
ovvero a causa della chemioterapia.

[EDIT]
Che scemo! La candida è un fungo, e come tale causa un'infezione.
Cosa ci protegge dalle infezioni? Il sistema immunitario!
E su cosa la chemioterapia può avere un effetto negativo, tra le altre cose?
Proprio sul sistema immunitario!

Per cui, anche se indirettamente, questo collegamento ci può stare eccome!
La chemioterapia può causare un'immunosoppressione, e questa rende più facile l'attacco della candida.

Questo spiega bene il collegamento di cui parlavi tu, e forse anche quello tra cancro e candida, in fin dei conti..

La candida è stata riscontrata in percentuali notevoli, infatti, in tutti quei casi in cui, per un motivo o per un altro, il sistema immunitario viene messo a dura prova, ovvero:
- pazienti in chemioterapia
- malati di AIDS
- pazienti ricoverati nelle unità di cura intensiva
- pazienti con ferite gravi
- pazienti sottoposti a chirurgia
- pazienti con bruciature
- bambini nati prematuri
- ..

Insomma: tutto mooooolto interessante! Grazie mille del contributo, Sinder!

Redazione
Inviato: 11/6/2009 22:24  Aggiornato: 11/6/2009 22:47
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
NOCHEMIO: “Nessuno vuole imporre la chemio a nessun altro”

Peccato che in America, prima di operarti per rimuovere un tumore, sia necessario FIRMARE un impegno ad assumere in seguito I CHEMIOTERAPICI. Se non firmi non ti operano.

Peccato che un certo Daniel Hauser abbia dovuto fuggire di casa, per evitare che GLI VENISSE IMPOSTA una chemio che lui non voleva fare.

Sei sicuro di esserti informato a dovere, prima di assumere un nick così “impegnativo”?

Redazione
Inviato: 11/6/2009 22:35  Aggiornato: 11/6/2009 22:36
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
DEAMON: “Ma se ho appena detto che ci sono IO che le vorrei proprio vedere. E non ci sono solo io. Mi sembra anche di essere in buona compagnia, su questo sito”.

Pare che tu e la “buona compagnia”, per quanto molto simpatici, non siate abbastanza importanti ai fini del riconoscimento ufficiale di una cura. Siete anche particolarmente ottusi nel non voler recepire il fatto che qui nessuno intende dimostare nulla.

Facciamo che se uno mi obbliga a ripetere la cose oltre dieci volte viene espulso per manifesta intenzione di deragliare una discussione?

Perchè se devo essere solo io a metterci la buona volontà, potete andare tutti a quel paese. Ci metto trenta secondi scarsi a farvi il biglietto per sola andata.

Citazione:
Pensi davvero che se si riuscisse a documentare in modo ragionevole una cura per il cancro, …
Certo. Ma finchè il ”modo ragionevole“ lo stabilisci tu, mi risparmio volentieri la fatica. Ho una età sufficiente per evitare di venir preso in giro dal primo che passa.

Redazione
Inviato: 11/6/2009 22:40  Aggiornato: 11/6/2009 22:46
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
UTREVOLVER: "Purtroppo il punto debole di questa intervista o di interviste come questa è che il malato ha subito precedentemente un ciclo di chemioterapia."

Dimentichi che il tumore ha recidivato, dopo l'ultimo ciclo di chemioterapia. Questo dimostra quindi che la chemio NON HA funzionato, e depone FORTEMENTE a favore del bicarbonato (visto che ora il tumore non c'è più).

L'unico modo di spiegare la guarigione SENZA il bicarbonato è quello di attribuirla ad una remissione spontanea.

Chi conosce un caso di remissione spontanea dopo la settima recidiva è pregato di farcelo sapere.

Ecco in cosa consiste "l'aria fritta" di questo filmato: a meno di mettere in dubbio l'onestà di chi parla, il filmato porta a concludere che il bicarbonato ha curato il cancro.

LoneWolf58
Inviato: 11/6/2009 22:53  Aggiornato: 11/6/2009 22:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
Autore: Redazione Inviato: 11/6/2009 22:40:19
...
L'unico modo di spiegare la guarigione SENZA il bicarbonato è quello di attribuirla ad una remissione spontanea.
Credo sia più facile dimostrare che è stato un miracolo... più che il bicarbonato

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
Daemon
Inviato: 11/6/2009 22:55  Aggiornato: 11/6/2009 22:55
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/9/2005
Da:
Inviati: 255
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
Pare che tu e la “buona compagnia”, per quanto molto simpatici, non siate abbastanza importanti ai fini del riconoscimento ufficiale di una cura.


Questa è una delle scuse più patetiche che abbia mai sentito.
Dillo chiaramente se non vuoi dare le informazioni che chiediamo perchè hai paura che ti si ritorcano contro. Sarebbe molto più comprensibile.



Citazione:
qui nessuno intende dimostare nulla.


Bravo. "Io e gli altri" invece siamo sono curiosi e desiderosi di sapere, conoscere, informarci, come abbiamo sempre potuto fare grazie a te e a LC. Adesso come mai ce lo impedisci?
Ci fai assaggiare un'appetitosa cura per il cancro e poi ci dici: mi spiace, il ristorante è chiuso. Sapete, non siete clienti abbastanza importanti.



Citazione:
Facciamo che se uno mi obbliga a ripetere la cose oltre dieci volte viene espulso per manifesta intenzione di deragliare una discussione?

Provaci.
Perchè qua l'hanno capito tutti ormai che sono IO che chiedo di approfondire il video con altro materiale, e TU che deragli e tenti di chiudere con l'ultimatum "o credete alla gente del video oppure no, e basta".



Citazione:
finchè il ”modo ragionevole“ lo stabilisci tu, mi risparmio volentieri la fatica

Ho forse detto che lo avrei stabilito io?
Qui siamo in tanti mi pare, e ogni volta che c'è del materiale su cui discutere viene sempre fuori qualcosa di interessante.
Fidati di noi e dacci ancora una volta questa opportunità.

Grazie.

Daemon
Inviato: 11/6/2009 23:20  Aggiornato: 11/6/2009 23:20
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/9/2005
Da:
Inviati: 255
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
a meno di mettere in dubbio l'onestà di chi parla, il filmato porta a concludere che il bicarbonato ha curato il cancro.


Questo modo di ragionare è profondamente scorretto.

Vuoi dire che se uno è onesto ed è convinto di dire la verità, allora automaticamente tutto ciò che dice è vero?

Se fosse così come dici tu, allora sarebbero vere tutte le testimonianze di persone in buona fede che dicono di essere guarite da malattie incurabili grazie alla preghiera, alle magie del santone di turno, alla voce registrata di Berlusconi e alle supposte di mango e papaya.

..per cui ne dovremmo dedurre che Dio esiste e fa i miracoli a chi lo prega, che i santoni sono veri e fanno le magie come Harry Potter e che Berlusconi guarisce la gente come faceva Gesù.

Mi dispiace, ma io non ci casco.

Voglio almeno qualche pezzo di carta in più, prima di affermare come fai tu che "il bicarbonato ha curato il cancro."

SENTIERO
Inviato: 11/6/2009 23:33  Aggiornato: 11/6/2009 23:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 24/4/2006
Da: ROMA
Inviati: 1110
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
@Daemon

Ma se il medico vuole rimanere anonimo, e' ovvio che altre informazioni servono a tutelare la sua riservatezza.
Li hai visti nel filmato i certificati e le analisi con gli omissis sui nomi?
Se non sei soddisfatto vatti a guardare i video vecchi senza omissis.
Che altro vuoi sapere?

E comunque, la cosa che mi da fastidio e' che a quelli che si comportano come te e fanno il bastiancontrario a tutti i costi, pare che tutto vada bene e che le cose stanno bene come stanno. E invece dovremmo essere tutti incazzati per il fatto che un medico non possa curare in modo alternativo neanche con il consenso del paziente.
E INTANTO SE DEVI FARE CURE OD OPERAZIONI PERICOLOSE TI FANNO FIRMARE UNA LIBERATORIA DA RESPONSABILITA'.........

MI DOVETE SPIEGARE PERCHE' NON POSSO CHIEDERE DI ESSERE CURATO COL BICARBONATO IN UN OSPEDALE SOTTO CONTROLLO MEDICO O A DOMICILIO, SENZA METTERE A REPENTAGLIO IL FUTURO PROFESSIONALE DEL MEDICO CURANTE?

Roberto

La mente intuitiva è un dono sacro e la mente razionale è un fedele
servo. Noi abbiamo creato una società che onora il servo e ha
dimenticato il dono

A.Einstein
edo
Inviato: 11/6/2009 23:45  Aggiornato: 11/6/2009 23:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Voglio almeno qualche pezzo di carta in più, prima di affermare come fai tu che "il bicarbonato ha curato il cancro."

Daemon, se sei un medico, nessuno meglio di te può prodursi la documentazione necessaria a valutare l'ipotesi che il bicarbonato possa avere effetti risolutivi in caso di cancro: proponi la terapia Simoncini ai tuoi pazienti, quando riterrai che non ci sia altra soluzione terapeutica.

Redazione
Inviato: 12/6/2009 0:47  Aggiornato: 12/6/2009 0:50
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
DAEMON: Ho detto "porta a concludere", non ho detto che "il bicarbonato ha curato il cancro", come tu mi metti in bocca.

Leggi, prima di scrivere.

Pare che sia utile farlo, per avere delle "discussioni costruttive". Per distruggerle invece basta continuare a fingere di non capire, come fai tu.

tiburon
Inviato: 12/6/2009 0:49  Aggiornato: 12/6/2009 0:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2007
Da:
Inviati: 150
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
in riferimento a

Autore: Redazione Inviato: 11/6/2009 22:24:37


mi sento di esimere nochemio; ho detto io che nessuno vuole imporre la chemio a nessuno, ed intendevo concettualmente ed in questo forum.

potremmo aprire un 'side' sui fascismi, ma preferirei insistere sul sano confronto come sta venendo... in fondo non mi pare ci siano intemperanze offensive...

Se continuiamo a mantenere netta la distinzione fra sperimentazione ed anti istituzionalità secondo me si stanno facendo enormi progressi verso una buona inchiesta... indipendentemente dagli esiti a favore o contro...

ai bravi ragazzi, bravi davvero

Redazione
Inviato: 12/6/2009 0:51  Aggiornato: 12/6/2009 0:51
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Allora mi scuso con nochemio, per aver attribuito a lui l'affermazione.

Manthrax
Inviato: 12/6/2009 0:53  Aggiornato: 12/6/2009 0:56
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/9/2005
Da: Somewhere Far Beyond..
Inviati: 556
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
DAEMON: LC non è un un “laboratorio scientifico”, su questo siamo più che d'accordo.


Ho soltanto chiesto alcune minime informazioni in più per potermi fare un'idea decente sul caso presentato..

..ma purtroppo sembra che qui queste informazioni non le si voglia o non le si possa dare.

Qui abbiamo una possibile cura per il cancro ed io, ricercatore, non posso avere informazioni in più perchè Massimo Mazzucco ha deciso così.


Va bene. Non posso mica costringerlo. Me ne farò una ragione.

A patto che d'ora in poi Massimo Mazzucco la smetta di dire che "la scienza ufficiale è pilotata e corrotta perchè non studia le cure alternative", se alla prova dei fatti è lui il primo che non vuole fornire gli unici dati potenzialmente utili.


A questo punto la mia umile ipotesi "da complottista" è: "se in un caso così importante non si vogliono dare nemmeno delle minime informazioni di base, forse allora c'è qualcosa sotto..."


Se vuoi informare (anche senza voler dimostrare nulla) allora fallo sul serio, evitando di tirare il sasso per poi nascondere la mano.

Altrimenti questo, più che "informazione", sembra solo uno spot pubblicitario.


Perchè non provi a metterti in contatto con Simoncini o/e con i suoi pazienti, in qualità di ricercatore, invece di lamentarti?

Se fossi al posto tuo e volessi informazioni su Simoncini le chiederei a Simoncini, non a Massimo Mazzucco.

Facile lamentarsi.

Turn to the light, don't be frightened of the shadows it creates..
vulcan
Inviato: 12/6/2009 0:56  Aggiornato: 12/6/2009 0:56
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
redazione-------Ecco in cosa consiste "l'aria fritta" di questo filmato: a meno di mettere in dubbio l'onestà di chi parla, il filmato porta a concludere che il bicarbonato ha curato il cancro.


Citazione:
Daemon------Questo modo di ragionare è profondamente scorretto.
Vuoi dire che se uno è onesto ed è convinto di dire la verità, allora automaticamente tutto ciò che dice è vero?Citazione:


Ciao Daemom

Io ritengo che l’osservazione di Massimo si riferisca al seguente concetto :

… ci sono due testimonianze, una di un paziente x che può sostenere di essere soggettivamente e oggettivamente guarito.. e quella di un medico che si spinge a sostenere che questa guarigione sia da imputare a ..
… poiché comunque le terapie convenzionali non hanno sortito efficacia…

L’effetto della testimonianza ( voluta da massimo) è quello semplicemente di informare del fatto e indurre a riflessione ed eventuale divulgazione di …

Ovviamente qui su Lg nessuno di noi è effettivamente in grado di affrontare il problema , per cui entrare nel dettaglio del caso … o lo si fa in un certo modo oppure penso sia inutile..

Intendo:

partiamo dall’idea che sia il paziente che il medico ci dicano la verità ! A questo punto verificare le caratteristiche dei setti interventi chirurgici o altri dati istologici e altri passaggi etc etc .. mi sembra poco utile…

naturalmente è ovvia la riserva mentale che ci impone anche di pensare che questi passaggi andrebbero prima o poi verificati.. personalmente mi è bastato vedere la diagnosi istologica di papillomatosi..

Questo video testimonianza in definitiva è una ulteriore coda ad altri video divulgati su L.C. è che nella intenzione di max “dovrebbero” agire come da cassa di risonanza..

Il vero salto su l.c. sarebbe se ….

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
vulcan
Inviato: 12/6/2009 1:14  Aggiornato: 12/6/2009 1:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
...Il vero salto su l.c. sarebbe se …. Ricercatori medici o chi altro , potesse recepire questo messaggio di L.C. per far fare un salto di qualità a questa situazione concettuale … per uscire dalla condizione di stallo ..

M a chi può far fare un salto a questa situazione?


Citazione:
Redazione---Di fatto però noi - normali cittadini - non possiamo fare nè un doppio cieco nè un triplo carpiato. Possiamo solo intervistare pazienti. Di fronte a tutto questo cosa facciamo? Buttiamo via tutto – interviste, ipotesi, e possibilità implicite per milioni di malati – solo perchè “non è scientificamente provato”? Credo che sia questo il punto dolens.


E sono d’accordo ..basterebbe procedere per giungere ad una conclusione!
In definitiva; quanti medici ci sono su L.C. … 7? 8?... siamo tutti d’accordo?
Esponiamoci … insieme .. in gruppo .. portiamo avanti uno studio , dopo aver selezionato i pazienti .. con specifiche caratteristiche … esami istologici , casi omogenei , documentati con tac, ben stadiati.. raccogliamo i dati .. e a quel punto pubblichiamo o tentiamo di pubblicare lo studio.

E' fattibile tutto questo? E con quali prospettive?

E’ possibile che un solo medico ( ha già provato Simoncini!!)possa da solo pensare di riuscire a spuntarla su questa questione cosi spinosa ..

... oppure è più ragionevole pensare che ci sarebbe un simoncini bis?

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
Redazione
Inviato: 12/6/2009 1:18  Aggiornato: 12/6/2009 1:19
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Se ci sono 7 o 8 medici disponibili la cosa si può anche valutare.

1 o 2 non bastano di certo.

Ma resterà sempre un risultato ottenuto in modo empirico (loro lo chiamano "annedottico", per comodità), e non valido scientificamente. Serve?

Redazione
Inviato: 12/6/2009 1:22  Aggiornato: 12/6/2009 1:22
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Ohilà Manthrax, bentornato! So che normalmente leggi ma non posti messaggi, ma ora vedo che le ripetute contraddizioni di Daemon ti hanno obbligato a farlo.

Io da tempo ho rinunciato a sottolinearle.

vulcan
Inviato: 12/6/2009 1:25  Aggiornato: 12/6/2009 1:26
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
L’unica possibilità realistica è forse di usare le stesse armi con le quali tutti i giorni si “soccombe” …

Basterebbe forse convincere una frazione piccolissima di big farma .. a fare lo studio..

quanto meno finanziarlo e coordinarlo …. ( penso che simoncini però ci abbia già provato!) …

… certo non può essere chi produce chemioterapici … ma la questione alla fine non mi sembra impossibile anche perché oggi pur di guadagnar qualcosa ti inventano persino che la polvere della mimosa ha magari, un effetto strabiliante su ….

Oppure:

fondiamo noi una casa farmaceutica,c i autofinanziamo .. nominiamo un responsabile .. facciamo la ricerca… e poi sapete come finiremmo?
Esattamente come quando i proletari incazzati contro i borghesi , alla fine diventano borghesi a loro volta

( parlo del tempo attuale)…

.. cioè diventeremmo anche noi Big.pharma…amen

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
ZIOTONI69
Inviato: 12/6/2009 2:12  Aggiornato: 12/6/2009 2:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/4/2009
Da:
Inviati: 41
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
CIAO MASSIMO fatalità arrivo ora dal sito disinformazione il quale ha pubblicato un documento del dottor giuseppe nacci in pdf circa i risultati di studi statistici sulla chemioterapia, ben documentati e chiari leggeteveli sono illuminanti, e sconvolgenti per chi avesse riposto più fede che fiducia in tutto l'apparato medico, grazie massimo
http://www.disinformazione.it/Chemioterapia_nacci.pdf

Redazione
Inviato: 12/6/2009 3:55  Aggiornato: 12/6/2009 3:55
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
ZIOTONI: Abbiamo già discusso a fondo su quel documento, ma grazie comunque, ovviamente.

Redazione
Inviato: 12/6/2009 3:59  Aggiornato: 12/6/2009 4:01
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
VULCAN: Non è affatto indispensabile "fare la ricerca". Il metodo empirico ha sempre funzionato, fino all'arrivo di quello "scientifico". Se hai davanti migliaia di testimonianze che l'Essiac funziona, sai benissimo che funziona, senza bisogno che te lo confermi Veronesi.

Se vuoi lo pigli, e buonanotte ai suonatori.

Il sistema in questo caso lo batti sul terreno dell'informazione, non su quello della sperimentazione, che ormai è totalmente sotto il loro controllo.

edo
Inviato: 12/6/2009 8:02  Aggiornato: 12/6/2009 8:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Se ci sono 7 o 8 medici disponibili la cosa si può anche valutare. 1 o 2 non bastano di certo. Ma resterà sempre un risultato ottenuto in modo empirico (loro lo chiamano "annedottico", per comodità), e non valido scientificamente. Serve?

Lo chiamino come preferiscono, l'importante è FARE ciò che può consentire di affrancarsi mentalmente (il resto verrà da se) da chi usa il termine "annedotico" in modo abile ma pericoloso (per noi).
Il fatto che Vulcan sia disponibile a creare un primo "punto di aggregazione", vale oro.

vulcan
Inviato: 12/6/2009 8:22  Aggiornato: 12/6/2009 8:23
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
Il sistema in questo caso lo batti sul terreno dell'informazione, non su quello della sperimentazione, che ormai è totalmente sotto il loro controllo.


Penso che se solo sul terreno informativo ... sarà destinato a rimanere emarginato ...

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
Manthrax
Inviato: 12/6/2009 12:40  Aggiornato: 12/6/2009 13:40
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/9/2005
Da: Somewhere Far Beyond..
Inviati: 556
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
REDAZIONE: Ohilà Manthrax, bentornato! So che normalmente leggi ma non posti messaggi, ma ora vedo che le ripetute contraddizioni di Daemon ti hanno obbligato a farlo.

Io da tempo ho rinunciato a sottolinearle.


Quel che mi ha scoraggiato a scrivere è l'impossibilità di effettuare ragionamenti costruttivi con molte persone. E' una situazione ricorrente:

Scie chimiche: "Esistono precise leggi fisiche che ci portano e dedurre che quelli siano fenomeni artificiali" - "Si ma se non mi dici cosa stanno facendo non ti credo", e vanno avanti a votare Berlusconi.

9/11: "Tre edifici non possono collassare in quel modo, a quella velocità, senza una demolizione controllata" - "Si ma se non mi dici chi è stato (e me ne convinci) non ti credo", e vanno avanti a votare Lega.

Cancro: "Ehi, c'è qualcosa che sembra funzionare, guarda" - "Si ma se non mi provi carte alla mano che funziona allora vuoi solo fargli pubblicità"

Ormai è tutto ridotto a tifoserie. Milan-Inter come Destra-Sinistra, Ho ragione io tu hai torto. Il livello del "dialogo" è ridotto a dinamiche bullistiche da seconda elementare, classe politica in primis.

Viviamo in un paese in cui c'è gente che vota lega "per la sicurezza", e poi rischia quotidianamente di essere ammazzazata per strada dal camionista di turno che è costretto dal datore di lavoro a farsi 16-18 ore in strada (sotto l'effetto di cocaina per poter restar sveglio) al volante con mezzi sull'orlo del collasso.

Onestamente mi son stancato di parlare alla "gente".

Ma probabilmente è solo una fase.

Turn to the light, don't be frightened of the shadows it creates..
Sinder
Inviato: 12/6/2009 15:20  Aggiornato: 12/6/2009 15:20
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2009
Da:
Inviati: 256
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
http://www.springerlink.com/content/lv278l863h574p73/fulltext.pdf

Qui ci sono delle statistiche sulla presenza di funghi rilevati durante l'autopsia di persone col cancro.

«cancer patients, especially those with acute leukemia, represent one of the groups at greatest risk for fungal infection»

«no cases of fungal infection discovered at autopsy examination of leukemic patients prior to 1946»

«The emergence of fungal infection as an increasingly frequent complication in cancer patients began with the introduction of effective antitumor chemotherapy»

vulcan
Inviato: 12/6/2009 16:27  Aggiornato: 12/6/2009 16:27
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
http://www.springerlink.com/content/lv278l863h574p73/fulltext.pdf Qui ci sono delle statistiche sulla presenza di funghi rilevati durante l'autopsia di persone col cancro.


Mi sembra di capire che questo studio analizza l'entità in percentuale della infezione da fungo in persone affetta da cancro, giungendo a conclusione che queste infezioni sono più frequenti in persone affetta da leucemia piuttosto che da tumore solido.

Del ruolo dei funghi ( e non solo della candida) nei pazienti afffetti da tumore esistono molti studi ...ma questo elemento non modifica di una virgola il problema di fondo della teoria unica del candica .. cancro.

Questo stesso studio, se ci si fà caso è intrapreso per verificare l'entità ed il ruolo di una infezione cosidetta opportunistica in pazienti neoplastici sottoposti o non a chemio ..

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
peonia
Inviato: 12/6/2009 16:28  Aggiornato: 12/6/2009 16:28
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Onestamente mi son stancato di parlare alla "gente". Ma probabilmente è solo una fase.

come ti capisco Manthrax, io fra poco divento eremita,mio malgrado, ma non ne posso più di constatare la chiusura mentale della gente, anche davanti all'evidenza e mi riferisco in questo caso a tutti gli aspetti della vita odierna...
so che così dicendo sembro presuntuosa..ma chissenefrega visto che lo sono tanto gli altri! e pure un po' acida.....nonostante il bicarbonato!
Abbiamo subito tutti chi in un modo e chi in un altro un "lavaggio del cervello", ma credo che ormai adulti e istruiti dovremmo/possiamo accorgercene e cambiare modalità di funzionamento ....o no?

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
peonia
Inviato: 12/6/2009 16:33  Aggiornato: 12/6/2009 16:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Come i dati tecnici della vostra automobile non l'andate a chiedere al vostro giardiniere, allo stesso modo, è inutile chiedere "quì" maggiori informazioni. Contattate Simoncini, medici che ne praticano la cura (ci sono...),

Il problema è che c'è gente capace solo di criticare, prendere, prendere e poco dare....alzate le chiappe e cercatevele da soli le prove. Massimo e Luogocomune sono solo come un giornale, ok??? Chiedereste a un direttore di testata di fornirvi le prove di qualsiasi notizia desse??????? E' difficile rimanere nel "civile e ...."
sempre più acida Peonia

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
tiburon
Inviato: 12/6/2009 18:02  Aggiornato: 12/6/2009 18:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2007
Da:
Inviati: 150
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
...

al buon giornalismo

fefochip
Inviato: 12/6/2009 18:05  Aggiornato: 12/6/2009 18:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
Il problema è che c'è gente capace solo di criticare, prendere, prendere e poco dare....alzate le chiappe e cercatevele da soli le prove.


ti posso garantire che chi si da parecchio da fare è perche ha un problema e allora vedi come trottano.
poi c'è chi si chiude perche non "regge" la responsabilità di prendere una scelta per la propria vita-morte che coinvolge tutta la cerchia familiare-amicale. allora vedi la persona che ti recita a menadito come se fosse un mantra la favoletta della cellula impazzita come se gli fosse stato detto dalla madonna in persona.

gli altri facciano pure che ti devo dire.
sono veramente poche le persone che mettono in discussione il proprio "sapere" se non coinvolte piu o meno in prima persona da questo male.
io stesso me ne sono occupato all'inizio per un mio parente ...poi non ho smesso ma con il passare degli anni mi sono ritrovato ad essere una mosca bianca ....ho dovuto constatare che la coscienza non è una dote cosi diffusa .

io però mi rivolgo a queste poche....sarà sempre meglio un rimorso nel fallimento di un tentativo a considerare questa storia di simoncini come reale piuttosto che un rimpianto a non averla considerata possibile.

@ peonia

Citazione:
Massimo e Luogocomune sono solo come un giornale, ok???

non è mai stato cosi (ti prego di non fraintendere nell'ottica dualista che allora per questo tutti si devono sentire autorizzati a scassare la minchia)
perche luogocomune titola cosi:

luogocomune -le notizie commentate -

credo nel bene e nel male sia un'altra cosa da un giornale

ciao a tutti
fefo

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
NOCHEMIO
Inviato: 12/6/2009 18:30  Aggiornato: 12/6/2009 18:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/5/2009
Da:
Inviati: 118
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
X la redazione
alla fine la verità viene sempre a galla. Ringrazio Tiburion per la precisazione ed accetto le scuse della distratta Redazione (io a favore della Chemio?) LA CHEMIO UCCIDE!!!! Va bene così? Mettiamoci tutti in testa una semplicissima realtà. il problema cancro è un fattore esclusivamente personale, non si tratta di una semplice operazione chirurgica. Cosa significa questo? Che abbiamo di fronte una triste realtà e cioè che tutti quelli da noi conosciuti e che sono stati veramente affetti dalla patologia sono morti, non credete alle cazzate sulla sopravvivenza a 5 anni dovuti ai trattamenti chemioterapeutici, se qualcuno sopravvive al cancro è semplicemente perchè il suo sistema immunitario ha ripreso il controllo e magari una lancia a favore bisogna spezzarla all'intervento del chirurgo (stranamente la categoria più bistrattata dagli oncologi, li definiscono macellai). A contrastare questa triste realtà abbiamo alcuni pazzi che ritengono di aver trovato la cura o quantomeno un sistema sicuramente più efficace per contrastare il male. Ci stanno prendendo in giro? Perchè dalla medicina ufficiale vi sentite protetti? Questo filmato realizzato dai responsabili del sito, e che secondo me non è che siano tanto normali, senza che qualcuno li costringa in questa impari lotta non può non lasciare indifferenti. Credo che già è un bel rischio diffondere questi filmati che sicuramente i vari Medbunker cercheranno di smantellare e che all'interno di questo sito saranno mascherati per lasciare sottili insinuazioni per creare dubbi in chi comincia a dubitare sulla validità della M.U. Non si può pretendere in maniera categorica che i responsabili possano rilasciare informazioni che vadano al di là del semplice filmato (ed è già una grossa responsabilità). Il motivo è semplicissimo e già lo conosce Simoncini che ha subito la radiazione dall'albo e dei processi, basta che un malato terminale lasci la cura(?!?) per ricorrere alla terapia Simoncini secondo eventuali indicazioni dalla Redazione e i cosa può accadere? che la Redazione a distolto un malato dalle cure affettuose dell'Oncologo e magari si beccano l'onore della cronaca con un intervento di Striscia la Chemioterapia. Chi ha ha questa patologia deve rendersi conto che non ha molto da scegliere, il risultato finale affidandosi alla chemioterapia è unico e basti pensare solamente agli Agnelli compreso il giovane che sono morti per cancro. Io sono del parere che avendo questa patologia mi metterei a brucare erba peggio di una pecora, con il bicarbonato ci farei pure il bagno e farei del mio corpo la base per gli esperimenti della medicina alternativa. Il decorso di questa patologia l'ho vista in persone della famiglia sia vicinissimi che lontani, in amici ed in conoscenti, tutti hanno avuto in comune la patologia e la chemioterapia, nessuno è sopravissuto, conosco solo una persona che si è operato di cancro allo stomaco 15 anni fa, ha fatto solamente due sedute di chemioterapia li ha mandati a quel paese perchè si stava riducendo ad uno straccio, ha tracannato dell'ottimo vino rosso in attesa della morte e dopo 15 anni è ancora vivo ed arzillo. I medici che lo avevano in cura nemmeno si sono degnati di sapere che fine aveva fatto ed alcuni di loro sono morti per cancro naturalmente con chemioterapia.

Daemon
Inviato: 12/6/2009 20:41  Aggiornato: 12/6/2009 20:42
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/9/2005
Da:
Inviati: 255
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
Manthrax:

Perchè non provi a metterti in contatto con Simoncini o/e con i suoi pazienti, in qualità di ricercatore, invece di lamentarti? Se fossi al posto tuo e volessi informazioni su Simoncini le chiederei a Simoncini, non a Massimo Mazzucco. Facile lamentarsi.


Già fatto.
Sono in attesa di risposta..



Caro Manthrax, come avrai di certo capito, la mia critica a Massimo non era finalizzata semplicemente all'avere delle informazioni in più.

Era finalizzata a mostrare l'implicita contraddizione contenuta nel:

1 - mostrare una video intervista che da sola, purtroppo, non dimostra nulla..

2 - negare gli unici dati che possano spingere le persone che lavorano in campo medico ad interessarsi di questo caso..

3 - infine lamentarsi allo stesso tempo della scarsa considerazione da parte di medici e ricercatori seri!


Spero che ora sia più chiaro il senso dei miei interventi.
E' la critica ad un metodo a mio avviso poco trasparente e poco completo di fare contro-informazione.

Ed è una critica che non avrebbe senso muovere ai giornalisti di Repubblica, ad esempio, dal momento che loro non accusano la medicina ufficiale di avere uno scarso interesse nei confronti delle terapie cosiddette alternative.


Il punto è: non si può accusare qualcuno di scarso interesse se non si ha in mano qualcosa che sia allo stesso tempo interessante ed anche (minimamente) documentato.

Se ci si vuole lamentare di non avere attenzione, allora si deve far vedere qualcosa che sia un pò diverso dalle migliaia di video di guarigioni miracolose (non documentate) che si trovano un pò ovunque nella rete e a cui nessuno ormai fa più caso..


Questo è il mio parere sulla questione.
Spero che la mia opinione ti sia più chiara, adesso. Tu che ne pensi, Manthrax?

Daemon
Inviato: 12/6/2009 20:47  Aggiornato: 12/6/2009 20:53
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/9/2005
Da:
Inviati: 255
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
Vulcan:

Esponiamoci … insieme .. in gruppo .. portiamo avanti uno studio , dopo aver selezionato i pazienti .. con specifiche caratteristiche … esami istologici , casi omogenei , documentati con tac, ben stadiati.. raccogliamo i dati .. e a quel punto pubblichiamo o tentiamo di pubblicare lo studio.


Grazie Vulcan! QUESTO è esattamente il tipo di approccio che ritengo più utile e costruttivo!


E la parola chiave secondo me, ancora una volta, è.. "documentati"!


P.S.:
invece avrei qualche dubbio sul "selezionare i pazienti".. forse non ho capito bene cosa intendi, in ogni caso non sarebbe proprio il massimo in termini di correttezza statistica..
Non dico di fare un RCT, che in questo caso non sarebbe applicabile, però magari si dovrebbero prendere TUTTI i pazienti trattati con bicarbonato e magari confrontarli con un gruppone di controllo che sia il più possibile simile al nostro..

Daemon
Inviato: 12/6/2009 21:08  Aggiornato: 12/6/2009 21:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/9/2005
Da:
Inviati: 255
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
REDAZIONE:

Il metodo empirico ha sempre funzionato, fino all'arrivo di quello "scientifico".


Parli come se questi metodi fossero diversi ed in contraddizione tra loro..

Scusa ma questa poi è veramente madornale!


Il metodo scientifico ha proprio le sue fondamenta sull'osservazione empirica della realtà!



Citazione:
Se hai davanti migliaia di testimonianze che l'Essiac funziona, sai benissimo che funziona


Dipende. Se hai davanti migliaia di testimonianze che il pene di foca funziona, allora sai benissimo che funziona?

Ma neanche per sogno!

vulcan
Inviato: 12/6/2009 21:41  Aggiornato: 12/6/2009 21:47
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Ciao Nochemio …

Strano, ero convinto che l’argomento vertesse più sul ; terapia simoncini nel tumore alla vescica e non su:affidabilità della medicina ufficiale etc.

Perché ,

se questo è l’argomento, allora si parla di tutt’altro e soprattutto cambia l’approccio al confronto delle idee. D’altra parte sappiamo tutti che la veridicità dell’argomento presentato da Massimo e la validità della teoria del Dr. Simoncini, non è direttamente proporzionale all’inefficacia della chemioterapia sui tumori a alla inaffidabilità della medicina ufficiale.

Tutt’altro!

Mescolare le due cose, in un certo modo, rende deleterio e danneggia vistosamente agli occhi del lettore in generale la tesi della teoria unica del cancro e della sua terapia, nonché la stessa immagine del dr. Simoncini .
Dunque, “non capisco” la tua animosità..

Queste osservazioni, nochemio, solo per semplice confronto sul piano delle idee …

Ciao
vulcan

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
vulcan
Inviato: 12/6/2009 21:46  Aggiornato: 12/6/2009 21:46
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
"selezionare i pazienti".


Intendevo precisare, che vengono selezionati casi omogenei.. con casi controllo ..ad esempio...

se si fa uno studio sui tumori della vescica, la diagnosi istologica deve essere eguale per tutti ( ad esempio papillomatosi), deve essere allo stesso stadio di svilupppo e deve esssere trattata in modo standard .( rispetto al controllo)

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
Daemon
Inviato: 12/6/2009 22:03  Aggiornato: 12/6/2009 22:03
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/9/2005
Da:
Inviati: 255
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Perfetto, direi.

peonia
Inviato: 12/6/2009 22:35  Aggiornato: 12/6/2009 22:35
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
luogocomune -le notizie commentate - credo nel bene e nel male sia un'altra cosa da un giornale


Fefo, mi rendo conto che è difficile comunicare e molto facile essere fraintesi...non volevo sminuire il sito, relegandolo a ruolo di mero giornale...ma intendevo dire che oltre a dare e commentare notizie, non DEVE fare tutto quello che si chiede a Massimo, specie dopo reiterati commenti a ciò!
insomma spero tu capisca, io odio scrivere a lungo...
ciao

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
NOCHEMIO
Inviato: 13/6/2009 1:44  Aggiornato: 13/6/2009 1:44
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/5/2009
Da:
Inviati: 118
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
E’ veramente singolare che si vengano a chiedere sperimentazioni e prove di laboratorio ad un medico radiato dall’albo e per giunta condannato per omicidio colposo.
E’ veramente singolare che si vengano a chiedere documentazioni ai responsabili del sito.
E’ veramente singolare che si voglia togliere dalla discussione la pratica assassina della chemioterapia.
E’ veramente singolare far finta di non sapere che il “problema” Simoncini nasce in virtù del problema chemioterapia.
Il messaggio che deve giungere ai non addetti ai lavori o a chi si sta affacciando per la prima volta in questo funereo argomento è quello che la chemioterapia è assassina e che personaggi come Simoncini sono perseguitati perché hanno cercato di trovare delle cure alternative.
Non c’è nulla da discutere ne da poter chiedere ai responsabili del sito. Hanno inserito questo filmato e sta ad ognuno di noi percepirne il senso. La terapia di Simoncini è fin troppo nota i protagonisti del filmato sostengono che seguendo questa terapia hanno avuto risultati inimmaginabili con la chemioterapia. Si tratta di un altro caso pratico della teoria di Simoncini. Al paziente che ha avuto benefici credo che non gli ne freghi nulla se il bicarbonato ha distrutto la candida o delle molecole impazzite. Lui sapeva solo che con la chemioterapia stava morendo!
Che documentazioni andate cercando? Simoncini ha esposto una teoria ha portato delle testimonianze che agli occhi di ognuno di noi possono essere credibili o meno. Il fatto che andiate chiedendo sperimentazioni sapendo benissimo che nessuno le permetterà fanno apparire i vostri interventi quantomeno tendenziosi. Prima di apprezzare qualsiasi terapia alternativa bisogna convincersi che la chemioterapia uccide!
A chiunque voglia avvicinarsi a questo argomento deve valutare semplicemente che l’unico che sta subendo attacchi a livello persecutorio è proprio Simoncini e questo già deve essere una garanzia che qualcosa di vero nelle sue teorie ci sia.
Vi posso nominare l’MMS diossido di cloro che promette effetti miracolosi tali da far impallidire Simoncini, lo stanno sperimentando come associazione intanto contro costoro non c’è nessun atteggiamento persecutorio da parte dei sostenitori della chemio. L’aloe arborescens è stato assorbito dalla M.U. e viene sottoclassificato come integratore di supporto alla chemioterapia. Di Bella nonostante i promettenti inizi ricorre anch’egli a preparati chemio terapeutici e non sembra preoccupare più di tanto. Pantellini è anch’essa ridotta a presentare l’ascorbato di potassio come integratore (da lui prende l’avvio lo studio di Simoncini) . Bonifacio e Vieri oramai sono seppelliti dal tempo. Nacci viene osteggiato in maniera simile a Simoncini.
L’unico che sostiene di aver individuato la causa nel cancro in una banale e temibile infezione è Simoncini. L’unico che sostiene di eliminare questa causa con un prodotto non brevettabile è Simoncini.
Simoncini è l’unico che non guadagnerebbe nulla da questo risultato perché qualsiasi medico può applicarla con preparati acquistabili in farmacia o che addirittura si possono fare da sé.
Cosa possiamo fare noi o i responsabili del sito? Assolutamente nulla! La terapia di Simoncini è assolutamente priva di effetti collaterali, perché non somministrarla come placebo? Perche non somministrarla come placebo secondo lo schema di Simoncini e da personale di fiducia di Simoncini stesso? Perché non somministrala come placebo nelle fasi in cui il fisico non è completamente devastato da trattamenti radio o chemio? Sono quelli della M.U. che dovrebbero spiegare perché non è possibile somministrare la terapia Simoncini come placebo!

Al2012
Inviato: 13/6/2009 1:55  Aggiornato: 13/6/2009 2:30
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
@ Daemon

Che cosa c’entra “il pene di foca” ???

Non sarai mica compare di quello del basilico e della nutella ??



edit :

Parzialmente OT:

Cannabis Terapeutica made in Italy
http://www.youtube.com/watch?v=YkuCYEFc0EE

C’è il farmaco-cannabis per la sclerosi multipla. Ma l’Asl lo fa pagare 540 €
SATIVEX

“Capire … significa trasformare quello che è"
fefochip
Inviato: 13/6/2009 2:24  Aggiornato: 13/6/2009 2:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
sai cosa vulcan ....durantre il mio percorso di pensiero mi sono trovato d'accordo con questo tua affermazione
Citazione:
Mescolare le due cose, in un certo modo, rende deleterio e danneggia vistosamente agli occhi del lettore in generale la tesi della teoria unica del cancro e della sua terapia, nonché la stessa immagine del dr. Simoncini


oggi mi sono ricreduto perche le cose sono legate da un laccio che ora cerco di esporre.

se tutti fossero dei medici modello sarei d'accordo con te .
se bigpharma non esistesse sarei d'accordo con te
se tutti i medici che hanno studiato, studiano e studieranno lo hanno fatto/fanno/faranno su dei testi indipendenti dai soliti poli di potere ....se tutte queste cose sarei d'accordo con te

e infatti mi trovo d'accordo con te ....se....

ma qui il punto è cambiare "paradigma scientifico" (parole tue ricordi?) e questo non si può fare se non si "abbatte"( trovandolo fallimentare) il paradigma precedente

in altre parole finche si guarderà in una direzione (quella intracellulare) non si guarderà dall'altra (extracellulare) e non si riuscirà a capire il problema (ovviamente posto che sia il secondo quello giusto).

c'è un condizionamento mentale che è tangibile perche lo vedo chiaramente nella gente con cui parlo ... mi spiegano che le loro "cellule impazzite" devono essere colpite dalla chemio con dei prodotti "intelligenti" ...mi spiegano che nel loro caso ci sono il 58,876% di casi di successo (che i tapini di solito ignorano tanto per cominciare essere a 5 anni)
finchè passano queste informazioni tutto è falsato perche sono bugie ....

vai a dire a un malato di cancro al retto con metastasi al fegato che la chemio non serve a una sega(visto che i sacri testi riportano che si hanno forti dubbi sul suo uso visto che non prolungano significativamente la vita a fronte di terribili effetti collaterali)
e poi mi dirai se la fa....

no sergio non sono completamente due problemi distinti ....è un unico ragionamento.
finche ci sarà un modo precostituito di pensare e finche come dici giustamente tu i medici saranno costretti (pena la denucia e procedimenti giudiziari) a suggerire al paziente non quello che ritengono meglio per lui ma quello che è meglio per le società farmaceutiche (che in estrema sintesi sono quelle che dettano le "terapie ufficiali" ) non potremo mai considerare simoncini come chiunque altro .

in altre parole ancora non si può pensare diversamente se non c'è motivo per farlo .
ci imboniscono continuamente con nuove speranze (messaggi spot qui e là) e statistiche addomesticate....come puoi pensare che siano due problemi ?
sarebbe bello che lo fossero ma nella nostra realtà non lo sono .

perche mai devo stravolgere la mia vita se mi piace?solo perche me lo dice un altro ?
giammai!
allora il percorso che mi porta a farmi capire che questa vita è una merda mi può portare a pensare diversamente ...è inevitabilmente umano sergio ...
nessuno si stravolge una vita (di pensieri e lavoro) se va tutto bene ....
tocca cominciare a capire che non va per niente bene

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
tiburon
Inviato: 13/6/2009 2:37  Aggiornato: 13/6/2009 2:37
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2007
Da:
Inviati: 150
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
@nochemio

il tuo ultimo intervento non è lucido e mi sembra faccia dei passi indietro rispetto alle conclusioni raggiunte qui.

Il tuo astio verso la medicina ufficiale è sicuramente giustificato da esperienze personali,ma l'idea che Simoncini sia un perseguitato è inaccettabile.

In questo modo è compromessa la tua capacità di vedere le evidenti limitazioni della sua teoria, di conseguenza ti riallontani dall'obiettivo vero della discussione: cercare di capire come può il bicarbonato aiutare la cura dei tumori.
Quanto alle sperimentazioni già in passato se ne era parlato -quando wee wee frequentava questo forum addirittura- e si era giunti al punto che i sorcetti ed un laboratorio sono accessibili con qualche sforzo, ma mi pare ci sia gente ben volenterosa e capace,oltre ai tifosi.

Sappi che per tutti mi pare di capire che l'obiettivo è raggiungere un punto per cui le testimonianze siano accompagnate da documenti che le rendano dei fatti inoppugnabili, in un verso o nell'altro. E solo a quel punto la diffusione massiccia delle verifiche potrebbe acquisire senso e forza; Il buono della rete è che è difficile da arginare, ad andamento esponenziale.

SE manteniamo l'equilibrio -premessa la daevastante realtà della chemio- riusciamo a farne qualcosa; i dubbi sono una forma di intelligenza critica. teniamolo a mente TUTTI.


Ai dubbi

edo
Inviato: 13/6/2009 10:04  Aggiornato: 13/6/2009 10:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Vulcan: Penso che se solo sul terreno informativo ... sarà destinato a rimanere emarginato ...

Cosa pensi di fare?

Daemon
Inviato: 13/6/2009 11:11  Aggiornato: 13/6/2009 11:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/9/2005
Da:
Inviati: 255
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Al2012 :

E' un'esempio di un prodotto naturale considerato un farmaco efficace da svariate centinaia di migliaia di persone, che quindi potrebbero fare centinaia di migliaia di video in suo favore.

Non per questo vuol dire che funziona..

NOCHEMIO
Inviato: 13/6/2009 11:40  Aggiornato: 13/6/2009 11:40
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/5/2009
Da:
Inviati: 118
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
X Tiburon
Condivido in toto quanto esposto da fefo. La mia impressione è che il filmato presentato dalla redazione è troppo recente e che vi state trovando spiazzati.

Simoncini non è un perseguitato? Sai benissimo che in siti diversi da questo è considerato in maniera diffamante assassino. Come è mai possibile usare un termine simile per Simoncini e non per i medici ufficiali che sanno di applicare una terapia assassina?

Il mio astio non è con la medicina ufficiale ma solamente con l’approccio monopolista sull’affare cancro. Ho la massima stima per i medici che lottano contro gli effetti collaterali della chemio e conosco i loro sguardi impotenti quando si vedono scaricare i relitti umani generati dalla chemioterapia. Sanno ma non possono parlare, ho incontrato medici coraggiosi che hanno dichiarato e negato nello stesso tempo “tentate tutte le strade possibili anche Lourdes” non conosci come funziona un ospedale o forse lo conosci benissimo. Nessuno osa contrastare il potere assoluto del primario oncologo, lui è quello che decide per tutti ed è una sola persona, quindi togliti dall’immaginario comune che si tratti di migliaia di medici coinvolti.

L’oncologo tratta con disprezzo i colleghi medici perché lui ha il potere di ucciderti legalmente.

Sai cosa ti dicono nei reparti di medicina generale? Dopo che lo hanno distrutto (il paziente) lo scaricano a noi (gli oncologi).

Ci sono e ci saranno quelli onesti, ma guarda caso appena osano soltanto pensarla diversamente da Big Pharma vengono radiati e perseguitati.

E’ inutile che cerchi di coinvolgere la redazione nella stesura di documenti o prove cliniche. Lo hanno dichiarato, questo non è il loro compito. Il loro compito è visualizzare il più possibile questi messaggi e se poi ci saranno dei semplici medici generici che vogliono attuare questa terapia (sicuramente in maniera clandestina) ben vengano. Questo è quello che ho capito io nel loro messaggio.

Avere le documentazioni cosa può cambiare? Cosa vi sta facendo dubitare in questo ultimo messaggio video? Sicuramente la presenza di un altro medico che sta rischiando la radiazione dall’albo! Avete ragione a dubitare, l’unico fatto importante per il paziente è la speranza della guarigione. L’unico fatto importante della M.U. è il calvario e la morte!

Noi potenziali cavie destinati al macello dobbiamo cercare di capire come il bicarbonato uccide il cancro? Cosa è questa una favola? Forse ho sbagliato sito e sono entrato in una discussione tra medici. Stai parlando di cancro, forse non lo hai capito! Sai sicuramente che la chemio uccide, quindi se io fossi un medico generico ed il mio paziente fosse affetto da questa patologia gli direi questo:

Sei un morto che per ora cammina. La chemioterapia ti ucciderà in maniera devastante. Il tuo è soltanto un appuntamento con la morte dove l’unico fattore incerto è la data. Dai miei testi e dai convegni ai quali partecipo non si parla di guarigioni. Adesso internet ha dato voce a parecchi personaggi che dicono di aver trovato una cura. Io dalla mia esperienza e dai miei studi ti posso garantire che il cancro non uccide in pochi mesi se non viene praticata la chemioterapia. Hai il tempo di provare una delle terapie alternative. Hai il tempo di verificare se stai ottenendo risultati positivi. Devi scegliere tu. A riprova di ciò ti posso fornire le cartelle cliniche non di chi usa queste terapie alternative, ma di chi ha usato la chemioterapia. Adesso decidi tu! Io posso solamente rischiare la mia posizione professionale, ma non dirmi di approvare l’uso della chemioterapia.

ELFLACO
Inviato: 13/6/2009 17:15  Aggiornato: 13/6/2009 17:15
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
NONCHEMIO
Non me ne volere !!,ma faccio un pò l'avvocato del diavolo per vedere dove mi può portare il tuo ragionamento


Citazione:
A riprova di ciò ti posso fornire le cartelle cliniche non di chi usa queste terapie alternative, ma di chi ha usato la chemioterapia. Adesso decidi tu! Io posso solamente rischiare la mia posizione professionale, ma non dirmi di approvare l’uso della chemioterapia.


Il paziente risponde:

-Sisi ,vedo ,le cartelle fanno schifo,è una strage!!! Ma mi fai vedere anche le cartelle di quelli che hanno usato le terapie alternative.Cio,'è quel poco che hai
esami istologici prima e dopo ,ecc.

Per fare un confronto ,sai. Grazie.

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
totalrec
Inviato: 13/6/2009 17:32  Aggiornato: 13/6/2009 17:32
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/5/2006
Da:
Inviati: 767
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
@ NOCHEMIO

Citazione:
Prima di apprezzare qualsiasi terapia alternativa bisogna convincersi che la chemioterapia uccide!


E fin qui non ci piove. Ne sono convinto e sono interessato alle terapie alternative.

Citazione:
A chiunque voglia avvicinarsi a questo argomento deve valutare semplicemente che l’unico che sta subendo attacchi a livello persecutorio è proprio Simoncini


E' molto probabile. Ammettiamo pure che sia così.

Citazione:
e questo già deve essere una garanzia che qualcosa di vero nelle sue teorie ci sia.


E qui si compie il salto logico che manda in vacca queste discussioni. Tanto per cominciare, Simoncini sarebbe, in ogni caso, solo l'ultimo perseguitato di una lunga serie (Di Bella, Rene Caisse, Hamer, ecc.). Se la persecuzione subita è indice della validità di una teoria o di un metodo, perché quelle di Di Bella, Caisse, Hamer non dovrebbero essere altrettanto valide?
Il fatto è che l'assioma "perseguitato = propugnatore di verità" è logicamente inaccettabile. La persecuzione mediatica che ha colpito il Pres del Cons in questi giorni mi disgusta, ma non mi spinge certo a considerare il suo bersaglio come un modello di affidabilità politica.

L'interesse dell'argomento Simoncini per me non sta nel suo contrapporsi alle teorie ufficiali, della cui criminalità sono già ampiamente convinto. L'interesse sta nel suo contrapporsi ad altre teorie alternative, che possono vantare guarigioni tanto "eclatanti" quanto quella descritta dal sig. Giordano. O esiste, forse - come io penso - un minimo comun denominatore a tutte queste guarigioni che potrebbe rappresentare la vera chiave dell'enigma-cancro?

E' in questo senso che mi interesserebbe sapere qualcosa di più del sig. Giordano e del suo percorso terapeutico, non certo per andare a pescare "bug" nella sua testimonianza a favore di Big Pharma.

"I shall be telling this with a sigh
Somewhere ages and ages hence:
Two roads diverged in a wood, and I...
I took the one less traveled by,
and that has made all the difference".

(Robert Frost, "The road not taken")
vulcan
Inviato: 13/6/2009 18:15  Aggiornato: 13/6/2009 18:15
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
Fefochip/no sergio non sono completamente due problemi distinti ....è un unico ragionamento.


Certo che non sono problemi completamente distinti , da una parte c’è un monopolio , dall’altra qualcosa che potrebbe avere un valore e che pare essere osteggiato dal monopolio!

Questo aspetto come tanti altri nell’ambito del confronto sono stati posti in evidenza, nel passato e nel presente etc etc …
Io intendo dire che se discutiamo di un aspetto del problema
discutiamone !
Perché non è che nel ragionamento la forza di uno determina la debolezza dell’altro e viceversa. Sono cose unite ma anche concettualmente separate.

Quello che non capisco è che un certo punto salta fuori qualcuno che ci fa il comizio, l’ennesimo comizio.. (non discussione e ragionamento..) … con proclami che inneggiano alla ghigliottina, qualcuno che ci propina ancora una volta arringando la folla la solita salsa della chemio e la inaffidabilità della medicina Ufficiale etc etc

Sinceramente , come verrebbe accolto su L. C. un proclama di tal fatta al contrario? Come è stato accolto qualcuno che ha tentato ragionamenti al contrario?

Sono sincero fino in fondo…
A me sorge anche il dubbio che nochemio in realtà non sia …

forse è qualcuno che intende alzare oltremodo il tono della discussione?

Un qualcuno che vuole “provocare” ?

Questo mi dice la mia sensibilità!

Prima vengono scritti i post come una persona che non ha mai scritto su luogo comune .. una intera pagina con riga su riga appiccicata una all’altra ( esattamente come fa uno appena entra in L.C. ) e poi improvvisamente scrive un post come un esperto ed evoluto di L.C. ben separando per una agevole lettura le parti del discorso..

Se cosi non è, chiedo scusa a nohemio del cattivo pensiero…

Ma se questa fosse l’intenzione della modalità di confronto, ebbene,

allora che dal dialogo si passi pure al monologo …

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
Daemon
Inviato: 13/6/2009 18:21  Aggiornato: 13/6/2009 18:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/9/2005
Da:
Inviati: 255
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
totalrec:

O esiste, forse - come io penso - un minimo comun denominatore a tutte queste guarigioni che potrebbe rappresentare la vera chiave dell'enigma-cancro?


Se esiste, come anch'io sono tentato di pensare, questo minimo comun denominatore, allora potrebbe benissimo trattarsi del tanto potente quanto famoso "effetto placebo".

Un'effetto che spiega una larga parte delle guarigioni spesso univocamente attribuite ai farmaci tradizionali.

Un'effetto che solo una sperimentazione accurata potrebbe controllare ed escludere..

..sarà mica per questo che molti propugnatori delle terapie alternative spesso si tengono lontani dalla "scienza ufficiale"?

..e si guardano bene dal fornire dati che temono potrebbero sbugiardarli?

Chissà..

fefochip
Inviato: 13/6/2009 19:16  Aggiornato: 13/6/2009 19:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
Perché non è che nel ragionamento la forza di uno determina la debolezza dell’altro e viceversa. Sono cose unite ma anche concettualmente separate.


e invece come ho cercato di dire le cose sono non sono concettualmente separate.

al di là di interessi che riassumi con
Citazione:
da una parte c’è un monopolio , dall’altra qualcosa che potrebbe avere un valore e che pare essere osteggiato dal monopolio!

dall'altra ci sono i concetti.

i concetti sono antitetici...non possono coesistere nella realtà.
ci potrebbe pure stare che sia la candida che l'alterazione genetica abbiano entrambi dei ruoli causali in quello che oggi chiamiamo tumore ma attualmente concettualmente i due paradigmi sono in conflitto ideologico.

ti dirò di piu ...esaminare il sistema e le sue fallacie fanno apparire il simoncini di turno in un altra luce.
facciamo un esempio .... tutti a scandalizzarsi perche simoncini ha guai con la giustizia .
se come perfettamente sai guardiamo in maniera disincantata alla classe medica scopriamo tante deunuce ,tante condanne e tanti procedimenti ....talemente tanti che parrebbe la classe medica una associazione di poco di buono ..
è cosi ? ovviamente no perche esistono anche chi denuncia un altro solo per soldi o per stupidità o per vattela a pesca ...perche se i medici sono infami non è che i pazienti solo perche tali hanno l'aureola in testa

relazionarsi insomma aiuta a percepire la realtà e a comprenderla non esiste solo la visione "oggettiva" che tra le altre cose concettualmente si sta capendo che non esiste una visione "oggettiva" e quindi assoluta.

per quanto rigurda nochemio a mio avviso è solo uno incazzato e stai completamente fuori tiro .
arriva qui da un altro blog
http://www.j3njy.it/2008/09/17/tullio-simoncini-cancro-e-cura-alternativa-truffa-o-verita/
in cui tra l'altro si chiama con lo stesso nick ...in cui dice le stesse cose piu o meno

non ha proprio l'aspetto di quello che cerchi di dipingere ...è incazzato e sinceramente lo capisco.

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
fefochip
Inviato: 13/6/2009 19:22  Aggiornato: 13/6/2009 19:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/11/2005
Da: roma
Inviati: 7005
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
Un'effetto che spiega una larga parte delle guarigioni spesso univocamente attribuite ai farmaci tradizionali.


quindi dai risultati positivi della chemio dobbiamo anche levare quelli che sono guariti perche si sono convinti che gli faceva bene ....ovvero la quota di effetto placebo pure li?
andiamo bene

allora a sto punto è davvero meglio il bicarbonato almeno quello non ti distrugge e magari sempre da convinto guarisci meglio

più che "scoprirla" la verità si "capisce", inutile quindi insistere piu di tanto
vulcan
Inviato: 13/6/2009 19:23  Aggiornato: 13/6/2009 19:24
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
edo-Cosa pensi di fare?



Edo,
ma non è che tu sarai di quelli:

armatevi e partite?!

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
vulcan
Inviato: 13/6/2009 19:40  Aggiornato: 13/6/2009 19:40
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Ciao federico
Va bene, ritiro quello che ho pensato su nohemio, era solo un dubbio !

Ok allora per esprimere meglio i concetti del mio penultimo post , propongo questo testo ponendo il seguente quesito:

Potrebbe andar bene questo tipo di esternazione, ( ai partecipanti, alla redazione, a nohemio, a fefochip )se portasse a proprio vantaggio esattamente concetti di segno opposto ed in modo esattamente opposto allo scritto di nohemio?

A voi l’arduo peso e bilancia!

[Alla fine emerge sempre la verità; la chemio non uccide affatto! Vi va bene cosi? Il cancro non si affronta con una semplice operazione chirurgica, mettetevi in testa che la Chemio è fatta di sostanze chimiche anche tossiche e che se guarisce anche poche persone vale forse la pena di percorrerla. Un per cento due quattro per cento… che ben vengano in ogni caso . La triste realtà che non volete capire è che non tutti quelli che fanno la chemio muoiono, molti si sono salvati! Volete vedere le cartelle cliniche? Volete sentire le loro testimonianze? Non date retta a coloro che inneggiano alla falsità dei sati epidemiologici e che contestano quelle che loro definiscono le cazzare sulla sopravvivenza ai 5 anni! SE qualcuno sopravvive al cancro, non è certo per l’intervento del sistema immunitario, che se fosse cosi il cancro stesso non esisterebbe proprio. Stronzate!

A contrastare questa situazione ci sono dei pazzi che ritengono di aver trovato la cura o quantomeno un sistema sicuramente più efficace per contrastare il male, aloe, bicarbonato essiac o cose di questo genere. Non prendete in giro la gente! Vi sentite protetti dalle medicine alternative? Bene, fate pure! E’ già un bel rischio diffondere questi filmati ed idee contrapposte alla conoscenza consolidata. Naturalmente mi si verrà a dire che sono un de bunker o un provocatore che cerca di smantellare, che lancio sottili insinuazioni, per far emergere seri dubbi sulla fondatezza di tutte le medicine alternative.

Troppo comodo pubblicare un filmato senza portare uno straccio di evidenza scientifica e distogliendo invece un malato dalle cure oncologiche della med uff. Chi ha il cancro deve rassegnarsi, la MU non fà miracoli e neanche con i denari, perché pure il giovane Agi. è morto per questa patologia. Sono del parere che avendo questa patologia, con tutte le storture della chemio curarsi con il bicarbonato, con l’aloe o con l’essiac sarebbe semplicemente come andare a brucare l’erba in un campo a primavera! Non sono cosi stupido avendo il cancro a sottopormi a esperimenti da cavia utilizzando le medicine alternative tipo bicarbonato.

Ho visto questa malattia in persone della famiglia sia vicinissimi che lontani, in amici ed in conoscenti, tutti hanno avuto in comune la patologia e la chemioterapia,molti sono sopravissuti.
Ed infine non date retta a coloro che sostengono che vi potete curare con un bel bicchiere di vino rosso alleato del sistema immunitario. Mandateli a quel paese!]


N.B. questo è un testo,scritto in modo speculare a quello di nohemio a solo ed esclusivo esempio.Altri, infatti, i potrebbero essere incazzati, e non solo i sostenitori delle medicine alternative!

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
edo
Inviato: 13/6/2009 19:56  Aggiornato: 13/6/2009 19:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Edo, ma non è che tu sarai di quelli: armatevi e partite?!

In questo caso si. Purtroppo posso solo guardare...
Mi spiego meglio: se sorge la necessità di sviluppare il problema medico secondo una metodologia scientifica, è necessario che alla discussione dei documenti oggettivi partecipino solo i medici.
Gl'interventi dei "non medici" devono essere limitati a precise e puntuali osservazioni che i medici non fanno.
A questo punto bisogna trovare lo spazio adatto in cui i medici possano incontrarsi: un thread specifico nell'area forum?

vulcan
Inviato: 13/6/2009 20:26  Aggiornato: 13/6/2009 20:26
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
edo --- se sorge la necessità di sviluppare il problema medico secondo una metodologia scientifica, è necessario che alla discussione dei documenti oggettivi partecipino solo i medici. Gl'interventi dei "non medici" devono essere limitati a precise e puntuali osservazioni che i medici non fanno. A questo punto bisogna trovare lo spazio adatto in cui i medici possano incontrarsi: un thread specifico nell'area forum?


Però!...
furbacchione!!!
MI era parso che fino ad oggi alla discussione dei dati oggettivi partecipassero tutti!Indipendenetemente dal titolo di dottore in medicina. Come mai adesso nasce questa cosa della metodologia scientifica!!

OK ho capito ...però c'è un piccolo problema !

Mi risulta che non ci siano altri medici qui su LC!!!

ciao Edo

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
edo
Inviato: 13/6/2009 20:33  Aggiornato: 13/6/2009 20:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Mi risulta che non ci siano altri medici qui su LC!!!

Magari, poi arrivano?

MI era parso che fino ad oggi alla discussione dei dati oggettivi partecipassero tutti!

Si, e non sono mancati gl'interventi interessanti (lo dico con il mio metro eh!), ma credo che sia necessario rendere più preciso e definito lo spazio di una discussione che ha bisogno di elementi aggiuntivi (non so quali, ma quelli che possono essere utili a dei medici per capire che ruolo può avere l'alternativa alla prassi ufficiale medica); può darsi che a questa vogliano partecipare almeno il Dr. Lombardo e chissà, magari anche il medico intervistato da Fefochip, poi...?

NOCHEMIO
Inviato: 13/6/2009 22:43  Aggiornato: 13/6/2009 22:43
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/5/2009
Da:
Inviati: 118
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Ringrazio fefo per aver chiarito la mia posizione .

Carissimo Vulcan, un bellissimo esempio il tuo e meno male che lo hai definito così perché non saprei veramente quale mente malata potrebbe partorire delle considerazioni simili.

La differenza con le mie considerazioni sta semplicemente nel fatto che le mie sono verità!

Siete sicuri di cercare dei medici che possano confutare il filmato?

Parecchi di voi conosceranno per intero il giuramento professionale, ma questi sono solo due piccoli trafiletti che lo compongono.

Questa è la realtà da combattere o quantomeno da modificare, pensate che sia una lotta facile per chi è al di fuori del settore medico?

IL CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA E' UN CORPUS DI REGOLE DI AUTODISCIPLINA PREDETERMINATE DALLA PROFESSIONE, VINCOLANTI PER GLI ISCRITTI ALL'ORDINE CHE A QUELLE NORME DEVONO QUINDI ADEGUARE LA LORO CONDOTTA PROFESSIONALE

GIURAMENTO PROFESSIONALE

Sono vietate l'adozione e la diffusione di terapie e di presidi diagnostici non provati scientificamente o non supportati da adeguata sperimentazione e documentazione clinico-scientifica, nonché di terapie segrete.

Le prescrizioni e i trattamenti devono essere ispirati ad aggiornate e sperimentate acquisizioni scientifiche anche al fine dell'uso appropriato delle risorse, sempre perseguendo il beneficio del paziente.

vulcan
Inviato: 13/6/2009 23:26  Aggiornato: 13/6/2009 23:26
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
nohemio--Ringrazio fefo per aver chiarito la mia posizione .


Va bene .. nessun problema nohemio .. è tutto chiarito

ciao

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
dr_julius
Inviato: 14/6/2009 0:01  Aggiornato: 14/6/2009 0:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Vi allego questa notizia esemplare dei danni della burocrazia e degli interessi economici di tutto quanto ruota intorno al farmaco: agenzie nazionali, aziende produttrici e aziende ASL.... A rimetterci sempre i pazienti tra l'incudine (e la forbice) e il martello dei costi (e dei tagli).

La riassumo, nel modo più semplice, per come la ho capita io:
A Vicenza curavano con un farmaco per la maculopatia degenerativa senile. Lo usavano. Ora, per via dei costi, non curano più.

Tale farmaco è all'avanguardia e porta risultati notevoli, ma non era prima del 2007 disponibile in Italia. Prima quella malattia semplicemente risultava non curabile, giungendo quindi alla cecità del paziente.
Quando arriva per la prima volta in Italia quel farmaco è registrato per i tumori al colon (con il nome di Avastin). L'uso del farmaco per gli occhi è però "off-label", cioé fuori dalle indicazioni autorizzate, anche se già dimostrato efficace contro la maculopatia negli studi condotti in USA. Quindi in Italia in tal senso non si potrebbe usare.
Invece l'AIFA a maggio 2007 ne autorizza l'uso "off-label", solo in ospedale e a carico della USl, ma... nel contempo arrivano altri due marchi della stessa sostanza, registrati per l'uso oculistico. Che costano 800 euro. Tenete presente questo costo.
(e nelle pubblicazioni appaiono anche effetti gravi del farmaco nelle sperimentazioni su alcune forme di tumori del polmone)

Tuttavia la farmacia della ASL, confrontando costi e dosaggi, trova conveniente comprare le fiale per l'uso antitumorale e ricavare, da ognuna, circa 20 dosi per le punture agli occhi (costo 10 euro circa per iniezione).
Con questo lavoro di "conversione" da un uso all'altro, la ASL acquisice la capacità di trattare i molti pazienti, che numerosi arrivano da tutta Italia.

Poche settimane fa, da Roma, l'Agenzia del Farmaco blocca la possibilità di un uso "off-label": quindi se si vuole usare quella sostanza occorre comprare i marchi registrati per l'uso oculistico (=800 euro). La ASL a quel punto non può più sostenere i costi della cura.

E i malati restano tali.

NON E' TUTTA ORRENDA E ODIOSA BURO-CRAZIA?!?

Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
Redazione
Inviato: 14/6/2009 2:33  Aggiornato: 14/6/2009 2:37
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Grazie DRJ.

La faccenda sembra davvero pesante, su tutti i fronti. In confronto a Big Pharma, la questione 11 settembre è più o meno una barzelletta.

edo
Inviato: 14/6/2009 9:04  Aggiornato: 14/6/2009 9:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Ricordiamo ciò che è già stato detto (forse da nochemio) a proposito di AVASTIN riguardo alla cura dei tumori:

Probabilmente conoscete questa notizia e mi piacerebbe che fosse commentata da chi è a favore della chemio. Una persona a me cara ha SUBITO il trattamento con la chemio ed ha SUBITO questo farmaco che è stato presentato dall'oncologo primario come ultimo ritrovato che ha dato ottimi risultati nella lotta ai tumori. Dopo il trattamento la patologia è diventata galoppante distruggendo l'eccezionale fisico del paziente. Invito a tutti, e di questo mi prendo la responsabilità, a valutare bene anzi benissimo la possibilità di procedere con terapie alternative prima di sottoporsi alla chemioterapia, state più che sicuri che non avete nulla da perdere. Il farmaco in questione è l'AVASTIN, l'oncologo ha somministrato questo farmaco quando la notizia era già nota e si tratta di un primario quindi di colui che dirige il centro oncologico. Questa è la notizia apparsa sul Sole 24 Ore ai lettori la capacità di saper leggere tra le righe:

Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano, 22 apr - Brutte notizie per il colosso farmaceutico Roche. L’Avastin, uno dei medicinali piu’ importanti portati in dote dalla Genentech, acquistata nella sua totalita’ il mese scorso dal gruppo svizzero per 46,8 miliardi di dollari, si e’ infatti dimostrato inefficace nell’impedire il riemergere del cancro al colon in pazienti gia’ sottoposti a intervento chirurgico. Le vendite annuali dell’Avastin sono pari oggi a 5,2 miliardi di franchi svizzeri l’anno (3,5 miliardi di euro) e gli analisti puntavano su un raddoppio di tale cifra se lo studio avesse dimostrato l’efficacia del farmaco nel frenare la progressione della malattia nei pazienti allo stadio iniziale. Secondo Bill Burns, responsabile dei farmaci per la Roche, le vendite di Avastin continueranno comunque a salire fino a 8-9 miliardi di franchi entro il 2009 trattando esclusivamente i malati di cancri metastatici avanzati. Lo studio che ha bocciato l’Avastin, noto come C-08, mirava a valutare l’efficacia dell’Avastin associato a chemioterapia nel trattare un cancro al colon subito dopo l’operazione. L’approccio combinato non si e’ mostrato superiore alla sola chemioterapia. In avvio di scambi alla borsa di Zurigo il titolo Roche perde oltre il 10% rispetto alla chiusura di ieri. cop (RADIOCOR) 22-04-09 09:40:30 (0051) 5 NNNN

Per la cronaca la persona che è stata trattata con la chemio e Avastin è morta come non si dovrebbe morire e che adesso posso aggiugere ai milioni di omicidi voluti da Big Pharma. Dopo il trattamento dell'Avastin la patologia cancro era passata in seconda linea perchè l'effetto dell'AVASTIN è stato devastante, creando effetti collaterali irreversibili che hanno permesso al cancro di accellerare la sua corsa e riducendo il paziente a finire gli ultimi mesi di vita in ospedale, da premettere che la chemioterapia era stata sospesa dopo gli effetti collaterali sopraggiunti, insomma che c***o di prove volete ancora per convincervi che con la chemioterapia non si risolve il problema! Mi auguro che la vera prova non dobbiamo viverla su noi stessi per poi dire Mazzucco e gli altri avevano ragione. Se anche fosse un impostore Simoncini e gli altri alternativi mi fate capire perchè devo assumere la chemioterapia che sicuramente uccide?

ELFLACO
Inviato: 14/6/2009 11:12  Aggiornato: 14/6/2009 11:16
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
La notizia di Dr_julius fa incazzare!!!

MI sorprende sempre la capacità che ha la gente di non incazzarsi ,nemeno quando le tocchi la salute.

MA COME CAZZO SI FA??????

ps:magari i pazienti potrebbero comprarlo per i cavoli loro e dividerselo sto farmaco.
Ma hush hush hush!!!

PS 2:Se è vero che funziona .ovviamente!!

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
Dar56
Inviato: 14/6/2009 23:27  Aggiornato: 14/6/2009 23:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/6/2009
Da:
Inviati: 123
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Ciao a tutti. sono una new entry...e infatti avevo già scritto un papiro di domande relative al caso Simoncini ma per qualche oscura ragione il mio post non è stato caricato e si è perso tutto
Ora la faccio più breve: qualcuno mi sà spiegare cosa è successo con strisca la notizia? Lo chiedo perchè tendenzialmente ero propenso a credere alla buona fede di questo medico, specialmente dopo aver visto le video-testimonianze e dopo aver letto i commenti di Massimo (spero di poterti dare del tu/lo faccio solo con le persone che mi sono simpatiche ), ma poi sono incappato in quei servizi e non ci ho capito più niente!!!
Grazie e ciaooooo

If it's got atoms it isn't real.
Mande
Inviato: 14/6/2009 23:38  Aggiornato: 14/6/2009 23:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/1/2008
Da: Cologna veneta
Inviati: 1301
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Edo
Citazione:

Le vendite annuali dell’Avastin sono pari oggi a 5,2 miliardi di franchi svizzeri l’anno (3,5 miliardi di euro) e gli analisti puntavano su un raddoppio di tale cifra se lo studio avesse dimostrato l’efficacia del farmaco nel frenare la progressione della malattia nei pazienti allo stadio iniziale.

Pare una barzelletta ma non lo è.
Un farmaco già in uso come medicamento senza che ci sia uno straccio di studio a dimostrarne l'efficacia.

Un'altra piccola curiosità.

Fefochip ha riportato uno studio che indica come il bicarbonato sia efficace nel ridurre la formazione di metastasi in alcuni tipi di tumore.

Studio che di per se non conferma in nessun modo la tesi candida-tumore ma si limita ad osservare l'efficacia del bicarbonato di sodio nella riduzione del numero di metastasi ma non della massa tumorale originaria.

Alla richiesta di studi equivalenti sull'azione della chemioterapia su cavie nessuno è stato in grado di reperire nulla.

Può essere anche un caso ma...

Invito chiunque fosse in grado di scovare uno studio sull'efficacia della chemioterapia su delle cavie di mostrarcelo.
Non vorrei pensare male ma probabilmente non esistono.

E' un palese controsenso chiedere documentazione scientificamente probante alle medicine alternative quando i farmaci possono entrare nel mercato senza ne sia dimostrata l'efficacia.

Nel caso dell'Avastin comunque pare realmente confermato.

NOCHEMIO
Inviato: 15/6/2009 8:32  Aggiornato: 15/6/2009 8:32
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/5/2009
Da:
Inviati: 118
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
Ciao a tutti. sono una new entry...e infatti avevo già scritto un papiro di domande relative al caso Simoncini ma per qualche oscura ragione il mio post non è stato caricato e si è perso tutto Ora la faccio più breve: qualcuno mi sà spiegare cosa è successo con strisca la notizia? Lo chiedo perchè tendenzialmente ero propenso a credere alla buona fede di questo medico, specialmente dopo aver visto le video-testimonianze e dopo aver letto i commenti di Massimo (spero di poterti dare del tu/lo faccio solo con le persone che mi sono simpatiche ), ma poi sono incappato in quei servizi e non ci ho capito più niente!!! Grazie e ciaooooo


Vorrei avere il piacere di risponderti perché quando vedo delle domande così formulate in maniera molto chiara e senza alcuna presa di posizione scatta in me la consapevolezza che al mondo esistono ancora persone che vogliono vederci chiaro in ciò che accade intorno a noi.

Cosa è accaduto a striscia? Praticamente quel burlone di Simoncini ha ucciso una persona che aveva un piccolo problema: il cancro!

Come ha fatto ad ucciderlo? Semplice lo ha tolto dalle cure mediche ufficiali e dalla chemioterapia,quindi lo ha tolto dalla sicura salvezza!

Quale è stato l’invito di Striscia (perché non è il Ghione che può permettersi certe affermazioni!) di non andare dietro quel criminale di Simoncini che attua terapie pericolosissime per la salute con il velenoso bicarbonato e di non abbandonare gli efficaci trattamenti a base di chemioterapia (terapia somministrata con prodotti a base chimica!).

Di cosa si lamentava la persona interessata? Che Simoncini si è fottuto dei soldi per una cura che non ha funzionato.

Chi sei tu? Uno sprovveduto che ancora rimescola fatti accaduti anni fa! Il tuo quoziente intellettivo da quella data ha subito un doloroso arresto e regresso.

Questa notizia sconvolgente non ti avrà fatto dormire tutti questi anni, un furfante come Simoncini circola liberamente e nessuno fa nulla per fermarlo.

Quello che non sai e penso siano pochi a saperlo è che non esiste una cura contro il cancro da parte della Medicina Ufficiale, ripeto e non fraintendete,non sto dicendo che la chemioterapia è inutile, sto dicendo che allo stato attuale non esiste una cura per il cancro e se volete posso descriverlo in maniera più chiara ma come nel caso di Mazzucco non pretendete nomi o fonti, fate finta che quello che leggete sia una semplice discussione fatta al bar seduti al tavolino con una dozzina di botigli di birra doppio malto già scolate tra una persona (io) ed un signore che è infarinato nelle ricerche e che appartiene alla M.U. ma che non è a favore della medicina alternativa.

Mi dispiace dover rompere le poche illusioni dei vari e semplici medici che aprono siti su internet, una cosa è dire che il cancro è una brutta malattia a volte incurabile, altra cosa è dire non esiste alcuna terapia.

P.S. Comincio ad acquisire maggior pratica nell'uso dei tasti per scrivere

NOCHEMIO
Inviato: 15/6/2009 8:38  Aggiornato: 15/6/2009 8:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/5/2009
Da:
Inviati: 118
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
X Mande
non me ne voglia Edo ma la citazione è mia ed invito tutti a ricopiarla integralmente e tenerla sempre attuale. Non è facile trovare certi boomerang per la M.U. che pretende sperimentazioni e poi immette sul mercato un prodotto che non solo non cura. ma che accellera il decorso della malattia creando effetti collaterali sconvolgendi ed annullando quella che resta della qualità della vita.

Citazione:
Le vendite annuali dell’Avastin sono pari oggi a 5,2 miliardi di franchi svizzeri l’anno (3,5 miliardi di euro) e gli analisti puntavano su un raddoppio di tale cifra se lo studio avesse dimostrato l’efficacia del farmaco nel frenare la progressione della malattia nei pazienti allo stadio iniziale.


versione integrale:

Il Sole 24 Ore Radiocor) - Milano, 22 apr - Brutte notizie per il colosso farmaceutico Roche. L’Avastin, uno dei medicinali piu’ importanti portati in dote dalla Genentech, acquistata nella sua totalita’ il mese scorso dal gruppo svizzero per 46,8 miliardi di dollari, si e’ infatti dimostrato inefficace nell’impedire il riemergere del cancro al colon in pazienti gia’ sottoposti a intervento chirurgico. Le vendite annuali dell’Avastin sono pari oggi a 5,2 miliardi di franchi svizzeri l’anno (3,5 miliardi di euro) e gli analisti puntavano su un raddoppio di tale cifra se lo studio avesse dimostrato l’efficacia del farmaco nel frenare la progressione della malattia nei pazienti allo stadio iniziale. Secondo Bill Burns, responsabile dei farmaci per la Roche, le vendite di Avastin continueranno comunque a salire fino a 8-9 miliardi di franchi entro il 2009 trattando esclusivamente i malati di cancri metastatici avanzati. Lo studio che ha bocciato l’Avastin, noto come C-08, mirava a valutare l’efficacia dell’Avastin associato a chemioterapia nel trattare un cancro al colon subito dopo l’operazione. L’approccio combinato non si e’ mostrato superiore alla sola chemioterapia. In avvio di scambi alla borsa di Zurigo il titolo Roche perde oltre il 10% rispetto alla chiusura di ieri. cop (RADIOCOR) 22-04-09 09:40:30 (0051) 5 NNNN

tiburon
Inviato: 15/6/2009 9:02  Aggiornato: 15/6/2009 9:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2007
Da:
Inviati: 150
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
no chemio;

perdonami se insisto, Abbiamo ben capito che la chemio ti sta sulle palle perchè uccide: assodato, giusto, vero, ci sono in giro degli assassini nella medicina ufficiale, e se si mettono di mezzo i soldi la gente perde dignità. ASSodato. Giusto. Va bene.


Ma il thread non era sulla terapia simoncini?

O meglio: non stavamo discutendo GIA' delle terapie alternative, ed in particolare di come il bicarbonato possa creare dei casi di guarigione indipendentemente dai presupposti apparentemente fallaci della teoria Simoncini?

si era arrivati ad un buon punto mi pare...

a cosa si deve questa salita sul pulpito con 'ste derive populiste?

niente di personale, è che - come con il bicarbonato- a me piace capire...

Alla persistenza dei dubbi.

NOCHEMIO
Inviato: 15/6/2009 9:46  Aggiornato: 15/6/2009 9:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/5/2009
Da:
Inviati: 118
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
X Tiburion,

non capisco perché ogni volta che si tocca il tasto chemioterapia salti in aria.

Non ho ripreso io l’argomento.

In un messaggio ho risposto al nuovo entrato che ha tirato in ballo la storia di Striscia.

Nel secondo ho chiarito l’appartenenza della citazione riguardo l’Avastin.

Su Simoncini non ho capito cosa vuoi ancora chiedere e sperare di avere chissà quale conferma da parte di chi?

Il tema è dibattuto fino alla nausea e quello che occorrono sono solo nuovi “eroi” che hanno il coraggio di provare su di sé la terapia, quindi sempre più nuove testimonianze.

Se il tuo intento è la diffusione della terapia Simoncini, non puoi scindere le due cose, tu sostieni che la chemioterapia è dannosa però è quella che si pratica quotidianamente a differenza di Simoncini e mi sembra giusto per come è facile nei confronti di Simoncini portare testi ufficiali e non di parte sui danni da chemio.

Il nuovo entrato avrebbe voluto disturbare la discussione portando l’argomento Striscia e dobbiamo tacere che la bufala Avastin è responsabile di milioni di morti premature e strazianti.

Ma poi se leggi tutti i messaggi precedenti non sono solo io che sta reclamando il diritto alla verità ed alla diffusione della stessa.

Infine da parte mia non credo che si possa aggiungere altro riguardo Simoncini, le sperimentazioni non interessano se di fronte abbiamo persone che sicuramente hanno ottenuto benefici (non voglio parlare di guarigioni) e sempre riguardo le sperimentazioni non far nutrire illusioni a nessuno perché non saranno mai permesse, di conseguenza l’esperienza Simoncini si riduce semplicemente ci credo o non ci credo.

Riguardo i meccanismi teorizzati da Simoncini dall’azione del bicarbonato sul tumore lui non ha fatto un mistero è alla portata di tutti. Noi profani possiamo usare solamente la logica e l’intuizione.

Io da parte mia ho dedotto che se da almeno cento anni la medicina ufficiale non è riuscita nemmeno a trovare la causa è semplicemente perché si sta battendo la strada sbagliata.

Dal mio ignorante punto di vista il cancro ha tutte le caratteristiche di una infezione.

Questo lo penso a prescindere Simoncini, i fattori prettamente tecnici non sono alla mia portata, cosa comporta il Ph o un fungo sono studi che avrà fatto Simoncini e questi sembrano convalidare una ipotesi infettiva.

Ti ricordo che le uniche sperimentazioni ottenute su campi diversi dalla M.U. sono state praticate in maniera più o meno limpida solamente dietro ondate emotive e popolari, e Simoncini sa anche questo.

Detto questo auguro a tutti un buon proseguimento di giornata.

Dar56
Inviato: 15/6/2009 10:28  Aggiornato: 15/6/2009 10:32
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/6/2009
Da:
Inviati: 123
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:

Il nuovo entrato avrebbe voluto disturbare la discussione portando l’argomento Striscia

Alla faccia del "benvenuto"!!! Ma voi li trattate così i nuovi arrivati?
Io mi voglio scusare se ho "disturbato" una discussione già in corso, ma giuro che non era mia intenzione fare il provocatore...mi sto documentando e ho pensato di avvalermi del vostro aiuto (che siete i "senatori" di questo forum) per capire meglio la faccenda.
Io non sono a favore nè della medicina ufficiale nè della chemio, e conoscendo il lavoro di Mazzucco sull'11/09 sono portato a credere che se riporta le testimonianze del Dott. Simoncini lo fa perchè sa di cosa parla...io non volevo rimescolare fatti accaduti anni fa, ma quando alla fine del filmato sono comparsi in basso gli altri video, volendo più informazioni li ho visionati e sono incappato in quei servizi di striscia (che non conoscevo e del quale non mi fido), e volevo saperne di più...come è potuto accadere che ci cascasse così? Se qualcuno di voi volesse essere così gentile da farmi capire come si sono svolti effettivamente i fatti, gliene sarei davvero grato, grazie!!!

If it's got atoms it isn't real.
Redazione
Inviato: 15/6/2009 10:52  Aggiornato: 15/6/2009 10:56
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
DAR56: Sei stato espulso.

Ritenta, sarai più fortunato.

°°°

NOCHEMIO: Ai provocatori non si risponde. Ricordatelo.

tiburon
Inviato: 15/6/2009 12:08  Aggiornato: 15/6/2009 12:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2007
Da:
Inviati: 150
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
ok...probabilmente non rendo sullo scritto...


il topic è - o dovrebbe essere, da quel che ho capito- la cura del cancro col bicarbonato, non l'ulteriore processo alla medicina ufficiale od alle pubblicizzate vicende legali del Simoncini.

quel che ho capito io:"Il cancro si cura col bicarbonato? è possibile, non si esclude. E come funziona?"
e bla bla bla...

Rispetto per il nuovo arrivato (ahilui) schiacciato dai meccanismi del forum; ma purtroppo -specie su questo argomento- i sensori anti troll sono sensibilissimi... si cammina sulle uova e con un tiro raffinatissimo, l'irruzione spensierata porta solo ad un rovinoso rimbalzo...

Stay focused and keep up, ai bei confronti.

NOCHEMIO
Inviato: 15/6/2009 16:25  Aggiornato: 15/6/2009 16:25
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/5/2009
Da:
Inviati: 118
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
X Tiburon

A costo di farmi cacciare via dal sito devo proprio dirti che non mi convinci nelle tue affermazioni.

Capisco che risulti iscritto da quasi 2 anni, quindi hai passato gli esami per restare qui.

La tua richiesta praticamente è avere delle prove documentali sulla guarigione del personaggio del filmato.

Quindi cosa veniamo a fare noi al di fuori di questo contesto?

Come scritto dal buon Edo:

Citazione:
In questo caso si. Purtroppo posso solo guardare... Mi spiego meglio: se sorge la necessità di sviluppare il problema medico secondo una metodologia scientifica, è necessario che alla discussione dei documenti oggettivi partecipino solo i medici. Gl'interventi dei "non medici" devono essere limitati a precise e puntuali osservazioni che i medici non fanno. A questo punto bisogna trovare lo spazio adatto in cui i medici possano incontrarsi: un thread specifico nell'area forum?


Quindi questa discussione può benissimo finire qui e concludere che siccome non ci sono prove documentate siamo di fronte all’ennesima bufala e poiché non tocchiamo l’argomento chemioterapia questa rimane l’unica risorsa disponibile contro il cancro!

tiburon
Inviato: 15/6/2009 18:14  Aggiornato: 15/6/2009 18:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2007
Da:
Inviati: 150
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
no chemio, my friend...

Mi spiace che tu la prenda sul piano personale, non ho alcuna intenzione di tapparti la bocca, e spero non sia trapelata questa orribile impressione da quello che ho scritto... inoltre non mi sognerei mai di mostrare 'i gradi' per far valere le mie opinioni... semplicemente credo che il fatto stesso che si stia discutendo su questo forum implichi una certa sfiducia per le verità preconfezionate, ivi compresa l'efficacia di qualunque trattamento chemioterapico.

Le tue evidenze sono senz'altro puntuali e motivatissime, ma nessuno qui si è mai schierato in difesa della medicina ufficiale, da che ho memoria mai nella storia del sito...

Il problema grande è che si trascina da tempo una disputa sul Simoncini (che -seppur avvalendosi dell'ottimo supporto del buon Fefo- risulta sfuggente e controverso sulla verifica scientifico-sperimentale delle sue teorie) al punto da aver creato in passato tensioni assurde... una rabbiosa supernova da cui -narrano le leggende- si è originato il Medbunker...

Per questo mi trovo a stemperare la tua accalorata requisitoria sui danni della chemio: non perchè non sia daccordo, piuttosto intravedo il rischio di ulteriori esplosioni di off topics che inevitabilmente spezzano la congrega in tifoserie da stadio...

A prova della sottile tensione che aleggia ti porto il corpicino esanime del nuovo arrivato...fucilato da troll a causa un gioioso e malaccorto ingresso...

per questo ti dico...è bene mantenere quanto più possibile il discorso sul fattivo, ed in particolare sul FATTO. In questo modo magari evitiamo cori da stadio ed insulti reciproci, e magari il buon Massimo ci guadagna in salute, ed il forum in presenze: non essere della stessa opinione non vuol dire per forza essere avversari...

Spero di essere stato efficace.

Alle parole ben spese

vulcan
Inviato: 15/6/2009 18:31  Aggiornato: 15/6/2009 18:31
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
1 Ciao nochemio

Si capisce bene che sei incazzato ok … però se questo è lo stato di tensione con cui progredisce questo tread ,questo tread morirà presto .. e molti altri sulla teoria unica del cancro, moriranno presto ; o forse saranno solo dei monologhi.

Rischiamo tutti di perdere di vista l’argomento, sostituendolo con emozioni e “impulsi”..

E se mescoliamo di continuo i mille aspetti del problema Simoncini sostenendo che alla fine sono tutti in relazione, a questo punto allora non siamo capaci di analizzare razionalmente le questioni, singolarmente, per poi ricomporle nel contesto globale all’interno del quale sono, giustamente, inserite.

In questo senso mi permetto di dissentire da Fefochip (si che mi permetti fè! ) in relazione alla definizione di questo ultimo concetto.

Luogocomune; le notizie commentate. Bene! Allora commentiamole.. ma se qualcuno di noi si schiera dalla pare della verità assoluta, quella dogmatica intendo ( sono “io” dalla parte della verità,e gli altri possono dire solo stronzate) è ovvio che alla fine si può commentare poco, anzi non serve né il confronto, né la discussione né L.C. ha ragione alcuna di esistere!!

O meglio sarebbe solo informazione-controinformazione… ma allora che c’entra il commento?

Ragionare del contenuto della questione ; Terapia Simoncini nel tumore alla vescica, non appare disgiunto da un momento di riflessione sulla precisazione del metodo di discussione e confronto , visto che potrei apparire anche OT. Agli occhi della redazione .. e si sa che Massimo non si mette i guanti ( neanche con le espulsioni o puntualizzazioni ) anche se uno ha 5.000 post.

In ogni caso voglio dire che alla fine, all’interno di una discussione i vari tipi sottintesi per quanto raffinati di “ vaffanculo” non arricchiscono affatto la conoscenza dell’argomento!

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
dr_julius
Inviato: 15/6/2009 18:35  Aggiornato: 15/6/2009 18:35
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
Citazione:
Pare una barzelletta ma non lo è. Un farmaco già in uso come medicamento senza che ci sia uno straccio di studio a dimostrarne l'efficacia.


Io ho capito invece un po' diversamente da come lo hai capito tu. In pratica il farmaco è indicato per UN tipo di tumore a UN PRECISO stadio di evoluzione, ma si pensa (immagino da studi "preliminari" su animali da laboratorio) che possa essere utile anche nella forma iniziale del tumore. E per questo che gli analisti (quelli economici, operatori di borsa, etc) STIMANO che con un maggiore utilizzo si poteva raddoppiare il fatturato.
Poi invece la sperimentazione non mantiene i risultati promessi (o in laboratorio o nello studio clinico, non so dirlo) e crolla la previsione di far crescere le vendite.
I "5,2 miliardi di franchi svizzeri l’anno" rimangono comunque confermati.

Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
vulcan
Inviato: 15/6/2009 18:36  Aggiornato: 15/6/2009 18:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
2. ciao nochemio

Torno al cuore per sostenere alcune cose;
non condivido i seguenti concetti ;


Citazione:
l’esperienza Simoncini si riduce semplicemente a… ci credo o non ci credo. Una sperimentazione non serve.. Redazione; Tutto si gioca sul piano della informazione etc


A questo punto , scusatemi, che stiamo a fare qui!?
Personalemente il credere a priori non mi interessa,
Massimo fa la sua informazione.. chi ci crede ci crede e non c’è niente da discutere!


Io la vedo in un altro modo.:

La teoria unica del cancro, in termini teorici e di concettualizzazione, come modello di malattia infettiva a mio avviso non è sostenibile. Come modello teorico, ripeto! Sia in funzione delle conoscenze generali, sia in relazione agli stessi paradigmi della malattia infettiva.
Tuttavia c’è qualcosa che non quadra; dall’altra, infatti, esistono testimonianze che sostengono se non il modello della teoria unica almeno il trattamento con Bicarbonato in quelle patologie che noi definiamo cancro.

Non ho motivo di pensare che la gente si sia volontariamente inventata tutto , né che dr. Simoncini pensi e agisca in malafede, per questo ritengo che non ci si può basare sul l … ci credo o no, o della semplice informazione...

a meno che non ci si voglia accontentare.

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
NOCHEMIO
Inviato: 15/6/2009 19:36  Aggiornato: 15/6/2009 19:36
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/5/2009
Da:
Inviati: 118
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
X Tutti
OK! Non voglio certo attirarmi le ire di Mazzucco, figuriamoci! Ed è chiaro che il topic è Simoncini.

Ho già dato una mia personale testimonianza sulle sue teorie e sulla mia pelle.

La ripeto in maniera sintetica, oltre che al bicarbonato lui attribuisce alla tintura di iodio un effetto addirittura superiore se spennellato nel particolar caso del melanoma.

Nel mio caso l’ho spennellato su un piccolo condiloma con il risultato che con poche applicazioni e nell’arco di un paio di giorni è sparito. Non è una grande cosa però ha funzionato.

Quindi a dispetto di tanti denigratori , Simoncini può anche avere ragione e sul mio condiloma l’ha avuta.

Penso che se ci sono altre testimonianze anche minime è giusto che vengano fuori. Sicuramente altri stanno sperando in questa terapia ed il tempo darà una risposta, io purtroppo non ho potuto applicarla (non su di me!).

tiburon
Inviato: 15/6/2009 19:44  Aggiornato: 15/6/2009 19:44
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2007
Da:
Inviati: 150
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
ti assicuro che è un 'per fortuna' non un 'purtroppo'; indipendentemente dall'efficacia e dalla validità

Alle sperimentazioni sui topi

NOCHEMIO
Inviato: 15/6/2009 22:08  Aggiornato: 15/6/2009 22:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/5/2009
Da:
Inviati: 118
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
X Tiburon

Citazione:
ti assicuro che è un 'per fortuna' non un 'purtroppo'; indipendentemente dall'efficacia e dalla validità


mi suona un po’ sibillina questa frase.

Il signore del filmato non avrebbe dovuto praticare la terapia Simoncini in attesa dell’improbabile sperimentazione sui topi e lui per fortuna sarebbe già morto!

Naturalmente facendo salva la considerazione che la presunta guarigione sia dovuta alla somministrazione del bicarbonato!

tiburon
Inviato: 15/6/2009 23:33  Aggiornato: 15/6/2009 23:33
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2007
Da:
Inviati: 150
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
@nochemio:

il mio intento era augurare con molta fortuna che tu non abbia mai a che sperimentare terapie per la guarigione da questo male...mi sembrava buona...ma invecchiando mi opacizzo evidentemente...

Alla patina degli anni

Redazione
Inviato: 16/6/2009 1:54  Aggiornato: 16/6/2009 1:55
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
NOCHEMIO: "Quindi questa discussione può benissimo finire qui e concludere che siccome non ci sono prove documentate siamo di fronte all’ennesima bufala."

Questo lo concludi tu.

NOCHEMIO
Inviato: 16/6/2009 7:52  Aggiornato: 16/6/2009 7:52
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/5/2009
Da:
Inviati: 118
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
X La Redazione

Leggere questa frase fa di me un sostenitore della M.U. e un denigratore di Simoncini

Citazione:
Quindi questa discussione può benissimo finire qui e concludere che siccome non ci sono prove documentate siamo di fronte all’ennesima bufala


Leggere questa da dove è stata estrapolata la prima addirittura mi fa reclamizzare la chemioterapia.

Citazione:
Quindi questa discussione può benissimo finire qui e concludere che siccome non ci sono prove documentate siamo di fronte all’ennesima bufala e poiché non tocchiamo l’argomento chemioterapia questa rimane l’unica risorsa disponibile contro il cancro!


Leggendo il contesto e mi scuso se può apparire nebuloso (cosa impossibile dato lo scrivente) , bastava leggere i precedenti messaggi ed in particolare quello imputato per verificare il giusto senso, e cioè che la richiesta di documentazione negata può essere addotta dai “dubbiosi” sul bicarbonato come prova indiretta di mancata attendibilità e di conseguenza lasciando fuori dalla discussione gli interventi inevitabili sulla chemioterapia, questa agli occhi di un nuovo entrato può sembrare la sola terapia utile, mentre io sostengo che vada condannata sempre ed implacabilmente.

X Tiburon

lo ringrazio per la correttezza mostrata nei miei confronti ed il tempo speso per cercare di sapere quel qualcosa in più sulla vicenda, dalla sua posizione è giusto che lo pretenda e secondo me non sarebbe dispiaciuto a nessuno, ma come ha spiegato il buon Mazzucco non sarebbe cambiato nulla e sicuramente mettere troppa carne sul fuoco avrebbe determinato delle reazioni forse più accese.


XX la Redazione

per avermi permesso di soggiornare qui ed avermi dato la possibilità (più volte fuori tema) di dare un minimo sfogo alla rabbia ed allo sconforto in cui può vivere una persona che si è vista frantumare dentro un meccanismo pazzesco quali è la chemioterapia.

Non posso non fare i complimenti per la riuscita di questa discussione e per la civiltà riscontrata in tutti i partecipanti data la delicatezza dell'argomento ed all'eccezionale Vulcan che si muove in una posizione non facile data la sua professione.

in egual maniera ed uso del buonTiburon brindiamo alla Salute di Simoncini e peste lo colga se ci sta prendendo per .....

Cassandra
Inviato: 16/6/2009 14:14  Aggiornato: 16/6/2009 14:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/5/2006
Da:
Inviati: 1551
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
1) A proposito di farmaci off-label. Sapevate che il FLUIMUCIL è un fantastico stimolatore del sistema immunitario?? L'ho scoperto quando il mio medico (tipo risparmioso e per niente prescrittore) mi appioppò una cura di DUE mesi col Fluimucil in pasticche in seguito a malanni vari. Mi rimise al mondo. Cercai in rete, e scoprii che il NAC è un precursore del glutatione e tantissima gente lo usa per il sistema immunitario.
Inutile dire che in Italia questo uso è vietato.

2) Un parete, persona di cultura, è morto per tumore al cervello. Non gli avevano dato più speranze, dopo 2 operazioni e 2 cicli di chemio. Con garbo, provai a suggerire a sua moglie di tentare le terapie alternative... cosa avevano da perdere? Il marito reagì dicendo che non credeva ai ciarlatani, e che si fidava dei suoi medici. (Che infatti correttamente lo avevano dato per spacciato...)

"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)
alexbell64
Inviato: 16/6/2009 23:29  Aggiornato: 16/6/2009 23:29
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/9/2007
Da:
Inviati: 238
 Re: Terapia Simoncini nel tumore alla vescica
A proposito di glutatione....qualcuno ha mai sentito parlare del metodo di cura di Giovanni Puccio, un ricercatore "autodidatta" siciliano, credo non sia un laureato in medicina, che ha messo a punto una terapia bastata su glutatione ed altre sostanze?
Ho trovato in Rete un filmato di Rai Tre dove si parla di lui e della sua cura, per chi volesse vederlo, questo il link:

http://www.youtube.com/watch?v=TRtSLfJRNy0


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA