Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


news internazionali : Il lusso a Kabul
Inviato da Redazione il 2/5/2009 22:30:00 (6068 letture)

di Marco Cedolin

Molti sicuramente ricorderanno Buskashì, il libro all’interno del quale Gino Strada raccontava i giorni dell’invasione americana dell’Afghanistan, ritrovandosi ad essere uno dei pochissimi testimoni occidentali ad avere assistito alla presa di Kabul.

Proprio negli ultimi capitoli di Buskashì, Gino Strada descriveva il nuovo volto della Kabul “liberata”, dove si moltiplicava la presenza delle ONG (fuggite nelle settimane dei bombardamenti), dei grandi network televisivi, dei diplomatici e sedicenti tali, tutti con grande disponibilità di denaro. “Centinaia di jeep nuove fiammanti fanno la spola fra i ministeri. L’aeroporto è ancora più trafficato del bazar, aerei ed elicotteri in continuazione volano così basso da far tremare i vetri”. Con queste parole Strada tentava di rendere il senso della situazione, aggiungendo che tutto lo staff dell’ospedale di Emergency era stato sfrattato dalla casa in affitto in cui viveva da tempo, poiché una ONG molto “ricca” aveva offerto 5000 dollari al mese contro i 300 pagati dal personale fino a quel momento.

Oggi, a molti anni di distanza da quei giorni, un articolo comparso sul quotidiano inglese The Indipendent offre un interessante spaccato sulla “realtà dorata” nella quale vive la nuova elite di Kabul, mentre in tutto l’Afghanistan stragi e massacri di civili continuano a susseguirsi senza sosta.

L’inchiesta del quotidiano inglese mette in evidenza come i consulenti stranieri a Kabul siano retribuiti sontuosamente con stipendi che vanno dai 250.000 ai 500.000 dollari l’anno, ...




... mentre la popolazione locale si dibatte nella miseria più nera. Al tempo stesso sottolinea il fatto che larga parte degli aiuti economici stanziati a livello mondiale in favore dell’Afghanistan in questi anni, anziché contribuire al sostegno del paese hanno finito per rimpinguare le casse delle società private occidentali e mantenere l’alto tenore di vita dei loro funzionari.

A questo riguardo è interessante notare come interi quartieri di Kabul siano stati ricostruiti in maniera sfarzosa per ospitare le sedi di ambasciate ed ONG occidentali, mentre il 77% dei cittadini afgani ancora oggi non ha accesso all’acqua potabile. Altissimi sono anche gli esborsi economici destinati a salvaguardare l’incolumità dei funzionari occidentali, dal momento che ogni abitazione deputata ad ospitarli è stata convertita in una vera e propria fortezza ed i loro spostamenti avvengono sotto scorta, molte volte con l’ausilio di mezzi blindati ed elicotteri. Le imprese occidentali deputate alla ricostruzione delle infrastrutture (molte delle quali statunitensi) continuano ad ottenere enormi profitti, incassando cifre molto superiori a quelle necessarie per eseguire i lavori, che vengono poi sub appaltati ad imprese afgane mal retribuite. Tutto ciò ha finora fatto si che il grande sforzo economico messo in atto dall’occidente per la ricostruzione, non si sia tradotto in una riduzione della disoccupazione fra i giovani afgani (come sarebbe stato auspicabile) indispensabile per evitare loro un futuro di guerriglia e feroce repressione militare, ma abbia semplicemente contribuito ad incrementare gli utili delle grandi imprese di costruzione occidentali.

Sfarzose ambasciate e lussuose sedi di ONG ed imprese private occidentali, con il loro corredo di guardie del corpo, jeep blindate nuove fiammanti ed hotel extralusso, alimentano il contrasto stridente fra il business dell’Occidente in Afghanistan e la penosa situazione nella quale la popolazione afgana continua ad essere costretta a vivere. Dopo 7 anni dalla “liberazione” oltre 25 milioni di afgani sono costretti a sopravvivere con meno di un dollaro al giorno, l’aspettativa di vita è di 45 anni, il tasso di alfabetizzazione risulta del 34% e oltre il 55% della popolazione vive senza elettricità, nonostante durante questi 7 anni un considerevole fiume di denaro pubblico abbia continuato a scorrere dai paesi occidentali in direzione Kabul. Senza dubbio non mancano gli elementi sui quali è imperativo riflettere.

Marco Cedolin

http://ilcorrosivo.blogspot.com/
http://marcocedolin.blogspot.com/

SCARICA IL VIDEO Afghanistan Missing Millions, sullo scandalo della ONG italiana INTERSOS denunciato dal Guardian. La INTERSOS ha fatto rimuovere il nostro video da Youtube, e poi ha obbligato anche Arcoiris a toglierlo, senza mai aver fornito i dati chiarificatori che diceva esistessero. Qui il nostro articolo originale.

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
alsecret7
Inviato: 2/5/2009 22:39  Aggiornato: 2/5/2009 22:39
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/6/2007
Da:
Inviati: 561
 Re: Il lusso a Kabul
come sivede purtroppo il denaro vionce sempre figuriamoci dove la gente muore di fame.

peonia
Inviato: 2/5/2009 22:57  Aggiornato: 2/5/2009 23:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Il lusso a Kabul
Prima ancora di capire se ho ben capito....fankulo le ONG e tutti coloro che speculano su queste cose, ne ho (abbiamo??) le tasche piene!!!
Se sto cosi' io (noi?), immaginiamo quei poveracci che hanno nelle loro terre gli invasori dichiarati e quelli non.......
Avvoltoi, sciacalli, Ong, Intermediatori di pace, Ricostruttori.......insomma mi fanno tutti abbastanza schifo!
Sono arrivata al punto che non medio piu', il mio linguaggio, fin quando ancora per poco servira' ad esprimermi, prima della grande ritirata in un eremo lontana dalla pazza folla, sara' cosi' come me la sento!!!
Quanti soldi sprecati, quanta falsita', quante "calle" che si raccontano costoro!
basta, e' ora di dire NO, come non lo so, ma un po' di rigore, di etica, non guasterebbe!


edit: mi faccio quasi tenerezza da sola, non so piu' come esprimere il dissenso, lo schifo, la rabbia davanti a tanta ipocrisia del nostro mondo occidentale...nemmeno mi vengono le parole giuste!!!!!
Eppure sono convinta che quelli che lavorano per le Ong, per lo piu' sono convinti di fare pure del bene!!!Arghh

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
illupodeicieli
Inviato: 2/5/2009 23:05  Aggiornato: 2/5/2009 23:05
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/1/2005
Da:
Inviati: 323
 Re: Il lusso a Kabul
Per quanti vanno in buona fede e convinti che ciò che andranno a fare è per il bene di altri esseri umani in serie difficoltà, in tanti lo fanno per mera professione, e a quanto pare alcuni sono anche superstipendiati: un po' come accade anche da noi, nella nostra Italia. Certo che nella mia ignoranza non so quanto sia "grande Kabul", ma posso immaginare le difficoltà della gran parte degli afgani: il giornale inglese conferma ciò che da tempo si sospettava e cioè che c'è speculazione sulla pelle altrui e che, non sarebbe strano che questi insistano e procurino situazioni di disagio,pericolo e ...di attentati.

clausneghe
Inviato: 2/5/2009 23:08  Aggiornato: 2/5/2009 23:08
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: Il lusso a Kabul
Ciao Marco , così và il mondo, questo mondo in mano ai degenerati
Questa vicenda di ovvio malcostume in vicende di "aiuti a mano armata"
mi ricorda quello che si dice o si diceva, a proposito della FAO l'organismo deputato a risolvere la fame nel mondo, che fagogita o fagocitava tutti gli introiti, frutto di donazioni, per pagare i funzionari e tutti gli ingranaggi della mastodontica macchina burocratica, lasciando a secco e senza un ghello, coloro che nelle intenzioni dovevano essere i beneficiari...
Così và questo marcio mondo, verso un sempre più improbabile "sol dell'avvenir"

Redazione
Inviato: 2/5/2009 23:14  Aggiornato: 2/5/2009 23:14
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il lusso a Kabul
Il bello è che li votiamo noi.

Chissà se un giorno qualcuno riuscirà a vedere....

andmaz
Inviato: 2/5/2009 23:49  Aggiornato: 2/5/2009 23:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/8/2006
Da:
Inviati: 42
 Re: Il lusso a Kabul
Il denaro è l'unica variabile sempre presente in tutte le discussioni,ed è sempre costantemente il motivo/causa di ingiustizie truffe e corruzzione a ogni livello.
o si trova il modo di ridurre l'importanza del denaro o l'uomo non ha speranze..
perchè non cominciamo a studiare un modo per levarceli dai co......i! questi "signori" che noi paradossalmente votiamo,ci deve essere un modo
sono stufo di vedere questi buffoni in tv blaterare cose senza senso e ritirare stipendi incredibili a nostre spese,senza contare il denaro pubblico che "gestiscono" ma che in realtà fanno sparire..
ho sentito che mastella si ripresenterà,mi viene il vomito ma come si fa in un paese civile a permettere ciò?????????
scusate il tono ma ne ho pieni vermanete i c......non è accettabile andare aventi così.
a volte penso che l'unica speranza per l'uomo di migliorare sia tramite una intelligenza superiore che ci costringa in qualche modo sulla retta via,oggi come oggi non ha speranze da solo.
davvero spesso spero che "extra terrestri buoni" ci insegnino cosa è veramente una civiltà che meriti di essere definita tale.
saluti.

Redazione
Inviato: 2/5/2009 23:53  Aggiornato: 2/5/2009 23:53
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il lusso a Kabul
ANDMAZ: "a volte penso che l'unica speranza per l'uomo di migliorare sia tramite una intelligenza superiore che ci costringa in qualche modo sulla retta via,oggi come oggi non ha speranze da solo."

In America dicono "be careful at what you wish..." (se hai espresso quella "speranza" sai bene a cosa mi riferisco )

andmaz
Inviato: 3/5/2009 0:07  Aggiornato: 3/5/2009 0:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/8/2006
Da:
Inviati: 42
 Re: Il lusso a Kabul
Ciao Massimo,diciamo che non ho nulla a sotegno di questo,anche se dopo la visione del tuo film i padroni del mondo ora nutro qualche speranza in piu,personalmente mi auguro che se esite qualche forma di vita intelligente possa in qualche modo interagire un giorno con la civilta umana e dare un nuovo senso all'essere che oggi popola la terra..
è un sogno ricorrenete il mio ma devo dire che mi spaventa anche molto..

nibbio
Inviato: 3/5/2009 3:20  Aggiornato: 3/5/2009 3:20
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/1/2009
Da: vicino a Venezia
Inviati: 53
 Re: Il lusso a Kabul
Non c'è ne uno da salvare, sono tutti criminali incalliti, meritano di fare una brutta fine. Boia!

Io vi mando come pecore in mezzo ai lupi, siate dunque prudenti come serpenti e feroci come belve

La citazione è un pò modificata, ma ad essere troppo buoni, si passa da coglioni!

Lezik85
Inviato: 3/5/2009 10:25  Aggiornato: 3/5/2009 10:26
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/4/2009
Da: Freedonia
Inviati: 1463
 Re: Il lusso a Kabul
Citazione:
mentre il 77% dei cittadini afgani ancora oggi non ha accesso all’acqua potabile


Questo problema mi ricorda molto il sud Italia..mmm...fatemi pensare...si ecco lo scandalo Poseidon. Ma tu gaurda quante cose in comune abbiamo con l'Afghanistan: acqua privatizzata e scarsamente distribuita, corruzione ad ogni livello amministrativo, truffe d'appalti, alta disoccupazione...bè spero solo che ora non ci tocchi la guerra

Citazione:
Il bello è che li votiamo noi


Il bello è che siamo "costretti" a votare loro.

Citazione:
edit: mi faccio quasi tenerezza da sola, non so piu' come esprimere il dissenso, lo schifo, la rabbia davanti a tanta ipocrisia del nostro mondo occidentale...nemmeno mi vengono le parole giuste!!!!! Eppure sono convinta che quelli che lavorano per le Ong, per lo piu' sono convinti di fare pure del bene!!!Arghh


Consolati, non sei la sola.

peonia
Inviato: 3/5/2009 10:44  Aggiornato: 3/5/2009 10:44
Sono certo di non sapere
Iscritto: 26/3/2008
Da: Roma
Inviati: 6677
 Re: Il lusso a Kabul
SCUSATE SE N0N C'ENTRA

scusate l'OT ma e' per richiamare la vostra attenzione su una testimonianza interessante che riguarda sia la febbre suina che i vaccini e che ho postato in Commenti liberi...
Thanks

...Non temete nuotare contro il torrente. E' di un'anima sordida pensare come il volgo, solo perche' il volgo e' in maggioranza... (Giordano Bruno)
IzidorAQ
Inviato: 3/5/2009 10:47  Aggiornato: 3/5/2009 10:47
So tutto
Iscritto: 29/10/2008
Da:
Inviati: 7
 Re: Il lusso a Kabul
ANDMAZ: "Il denaro è l'unica variabile sempre presente in tutte le discussioni,ed è sempre costantemente il motivo/causa di ingiustizie truffe e corruzzione a ogni livello.
o si trova il modo di ridurre l'importanza del denaro o l'uomo non ha speranze.."

Allora dobbiamo sbarazzarci del denaro. Questa e l'unica speranza.

Sono convinto che un giorno lo faremo, creando un abbondanza di energia e cose materie.

La technologia e l'unica cosa che migliora la nostra vita. Il sviluppo di essa si puo ostacolare, ma mai fermare.

Per chi non ha ancora guardato Zeitgeist: Addendum, gli consiglio di guardarlo. (per i sottotitoli in italiano cliccate "subtitles here" sotto l'occhio)

aulegu
Inviato: 3/5/2009 11:41  Aggiornato: 3/5/2009 11:41
So tutto
Iscritto: 6/12/2008
Da:
Inviati: 22
 Re: Il lusso a Kabul
IzidorAQ: "La technologia e l'unica cosa che migliora la nostra vita."

mah, non ne sono così convinto, e poi cos'è questo migliorare? Fare in modo che tutti gli abitanti del pianeta vivano "all'occidentale"? E' il modello occidentale, quello dell'usa e getta e dei continui sprechi il migliore stile di vita? Ho i miei dubbi.

aspro
Inviato: 3/5/2009 13:28  Aggiornato: 3/5/2009 13:28
So tutto
Iscritto: 13/4/2007
Da:
Inviati: 24
 Re: Il lusso a Kabul
Leggo questo post di corsa mentre sto per uscire, non posso trattenermi dal commentare sebbene non abbia potuto leggere tutti i commenti. Me ne scuso.
Ho lavorato per e con Gino Strada in missione a Freetown (Sierra Leone) e Khartoum (Sudan). L'ho fatto perché ci ho creduto e non vedo l'ora di poter partire di nuovo. Ho fatto questa scelta da circa tre anni e la rifarei.
E' vero, non sono stato a Kabul sebbene siano numerosi i racconti che ho raccolto dai miei colleghi che ci sono stati e che me ne hanno parlato, tuttavia mi sono fatto la mia opinione sulle ONG e su quello che ci gira intorno per quella che è stata la mia esperienza. Devo anche testimoniare il fatto che Emergency sia una realtà a se, seppure non l'unica, in termini di etica del servizio.
E' vero che la guerra crea situazioni dorate per alcuni mentre riduce la popolazione locale alla fame, è esattamente questo il suo scopo. Non capisco perché ci si meravigli se qualcuno diventa ricco affamando qualcun'altro, è orribile ma è "normale". E' proprio questo il motivo per cui le guerre andrebbero SEMPRE condannate, esse non hanno altra ragione di esistere se non quella economica. Bisogna semmai meravigliarsi del fatto che tanta gente, che non esito a definire priva di cervello, continui ad approvare gli interventi armati nei paesi "non democratici", invece di meravigliarsi degli effetti nefasti che ne conseguono.
Ma torniamo a noi. Ho avuto modo di lavorare nei due ospedali nelle città che ho indicato sopra. Sono due ospedali diversi con obiettivi diversi.
Cominciamo dalla Sierra Leone. L'ospedale di Emergency è l'unica possibilità per la popolazione locale di poter accedere a cure gratuite e di livello occidentale. L'ospedale civico è una realtà quasi inesistente, tutte le altre cliniche presenti in città sono private e a pagamento. Poi ci sono gli stregoni, quelli con le piume e gli unguenti viola. Molta gente muore per infezioni banalissime, magari per una piccola ferita che rapidamente si infetta trasformandosi in cancrena. Provate ad immaginare una vita che sia sempre così, dove devi stare attento a non farti minimamente male (bambini compresi) sennò muori. Bene, lì c'è un posto dove ti curano gratis e guarisci. Provate ad immaginare che vostro figlio venga punto da una zanzara e prenda la malaria. Se vostro figlio ha meno di cinque anni sarà probabile la sua morte. Oppure fate attenzione a non rompervi qualcosa, perché niente ve la metterà a posto. Be', li c'è una ONG che vi cura e vi salva la pelle.
In Sudan, invece, la realtà è diversa. Lì c'è un centro di cardiochirurgia che Strada ha creato in mezzo ad un villaggio di fango. E' un capolavoro, mai visto un ospedale così manco in Svizzera. Questa struttura serve metà Africa e opera soprattutto bambini le cui valvole cardiache malfunzionano a causa di infezioni batteriche banalissime che, se non curate con antibiotici, vanno ad annidarsi proprio nel cuore. Patologie sconosciute in occidente. Be', li c'è una ONG che ti opera al cuore gratuitamente, che ospita i tuoi familiari in un appartamento all'interno dell'ospedale e che ti segue dopo l'intervento vicino a casa tua con delle cliniche satellite. Ho chiesto a Gino di spiegarmi perché tale dispendio di risorse per una clinica di cardiochirurgia in Africa e lui mi ha dato due risposte:
1) in Africa se non ci hai la malaria sei un uomo morto. Tutti curano ormai la malaria, anche noi, ma le patologie cardiache (diffusissime in Africa) non le cura nessuno.
2) L'ospedale di Emergency è e deve essere uno scandalo. La gente viene qui, vede quello che si può fare, poi torna a casa e si incazza e comincia a pretendere.
Quest'ultima risposta è stata, per me, fulminante. L'unione dell'utilità con il ribaltamento completo del concetto di "pietà" verso un concetto di "diritto" partendo dall'esempio mi ha fatto adorare quell'uomo.

Bene, mi scuso per il post un po' lungo, ma questa cosa mi ha toccato personalmente e posso solo dire che fate bene a denunciare gli abusi che danneggiano soprattutto quello che c'è di buono nelle ONG, lo stesso Strada li ha denunciati. Ma io continuerò a fare quel che posso per questa gente e vorrei invitarvi ad imparare a distinguere, ad informarvi, ad essere consapevolmente informati e a fare delle scelte, invece di gridare "basta, non ne posso più", perché c'è gente che dei vostri soldi ne fa commercio e ne abusa, ci sono altri che invece salvano davvero la vita alla gente e insegnano loro cosa sia il diritto alla salute.
Ciao
Stefano

IzidorAQ
Inviato: 3/5/2009 14:28  Aggiornato: 3/5/2009 14:28
So tutto
Iscritto: 29/10/2008
Da:
Inviati: 7
 Re: Il lusso a Kabul
IzidorAQ: "La technologia e l'unica cosa che migliora la nostra vita."

aulegu: "mah, non ne sono così convinto, e poi cos'è questo migliorare? Fare in modo che tutti gli abitanti del pianeta vivano "all'occidentale"?"

Cosa centra questo con la technologia?

aulegu: "E' il modello occidentale, quello dell'usa e getta e dei continui sprechi il migliore stile di vita? Ho i miei dubbi."

Se sul mondo non ci sarebbe denaro, l'usa e getta non esisterebbe.

Mi sembra che quando tu pensi alla technologia, ti vengono in mente solo iPod, GSM, ...
La technologia e anche una matita, la carta, ...

trotzkij
Inviato: 3/5/2009 18:22  Aggiornato: 3/5/2009 18:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/9/2006
Da:
Inviati: 3704
 Re: Il lusso a Kabul
Sono cose che succedono....

Afghanistan, militari italiani sparano su auto: muore bambina di 13 anni



Una bambina afgana di 13 anni è morta oggi in un incidente che ha visto coinvolta una pattuglia di militari italiani. Lo ha reso noto il comandante del contingente, il generale Rosario Castellano. Anche tre persone sono rimaste ferite nell'incidente con una pattuglia di militari italiani in seguito al quale oggi, alle 8:30 italiane, le 11 locali, è morta una bambina di 13 anni. Si tratta della madre, del padre e di un'altra persona che si trovavano a bordo dell'automobile civile. La pattuglia di militari italiani coinvolta nell'incidente fa parte dei cosiddetti Omlt, le squadre di addestramento dell'esercito afghano che opera nella zona di Herat.
La vettura coinvolta è invece una Toyota Corolla bianca. Il generale Castellano ha ribadito, parlando con i giornalisti al seguito di una delegazione parlamentare giunta ad Herat proprio nel momento in cui si stava accertando la dinamica l'incidente, che i militari hanno attuato tutte le procedure di segnalazione previste, a cominciare dai segnali luminosi e proseguendo con colpi di avvertimento. Infine, hanno fatto fuoco sul vano motore. Dal comando del contingente viene, inoltre, sottolineato che il tipo di vettura Toyota Corolla è uno di quelle maggiormente segnalate come autobombe. Il generale Castellano ha detto che sull'incidente sono in corso indagini ed egli stesso incontrerà i familiari della bambina e il Governatore di Herat.

03 maggio 2009 L'Unità

I complotti non esistono, ... tranne quando ci sono
soter
Inviato: 4/5/2009 12:31  Aggiornato: 4/5/2009 12:31
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/9/2007
Da:
Inviati: 88
 Re: Il lusso a Kabul
Un volontario senza eccesso di zelo fa gratis quel che può e gli par zero..


PGR

Freeman
Inviato: 4/5/2009 12:33  Aggiornato: 4/5/2009 12:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Il lusso a Kabul
Citazione:
... Infine, hanno fatto fuoco sul vano motore.




Incredibile, ma tu guarda un po' questi talebbani dove mettono il motore...

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Pyter
Inviato: 4/5/2009 13:27  Aggiornato: 4/5/2009 13:28
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Il lusso a Kabul
E' anche vero che questi talebani un pò disattenti lo sono...
...altrimenti, se fossero informati, userebbero un altro tipo di macchina.

Lo sanno tutti ormai che i soldati di pace italiani hanno l'ordine di sparare su tutti i veicoli tranne le chrysler.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
florizel
Inviato: 4/5/2009 13:35  Aggiornato: 4/5/2009 13:35
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Il lusso a Kabul
Freeman
Citazione:
Incredibile, ma tu guarda un po' questi talebbani dove mettono il motore...

Già... E guarda un po' se non veniva fuori un altro attentato kamikaze, che ha causato sette morti.

"IL kamikaze aveva appena 14 anni."

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
CiEmme
Inviato: 4/5/2009 23:43  Aggiornato: 4/5/2009 23:43
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/2/2008
Da: Roma
Inviati: 446
 Re: Il lusso a Kabul
Il fatto lo condanno.

Noi li, non ci dovremmo essere.

Non sto cercando di giustificare niente, OK?

...pero' a me sembra un foro d'uscita (il metallo non e' piegato verso l'interno dell'auto ma verso l'esterno e poi un colpo...dietro???)

Una bussola non dispensa dal remare.

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA