Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


palestina : Verso lo scontro finale?
Inviato da Redazione il 9/2/2009 23:50:00 (7031 letture)

Continuano ad emergere segni di nervosismo da parte di Israele, per la sua chiara perdita di credibilità di fronte al mondo dopo i fatti di Gaza.

La scorsa settimana Jimmy Carter si è fatto intervistare da Larry King, presentando per l'occasione il suo ultimo libro intitolato "Si può avere la pace in Terrasanta. Un piano che può funzionare".

Carter è colui che fece siglare gli accordi di Camp David fra Egitto e Israele, e non è certo un autore che vada in TV solo per vendere qualche migliaio di libri in più.

King infatti "ne ha approfittato" per fargli alcune interessanti domande, e Carter ha esposto la sua posizione con grande chiarezza, condita da momenti di raffinata ironia. Quando ad esempio King gli ha chiesto:

- Se lanciassero dei razzi contro casa sua, lei reagirebbe con la forza?

Carter ha risposto:

- Sì, ma solo dopo aver fatto tutto il possibile per evitare quella situazione.

- E cosa avrebbe potuto fare Israele, in questo caso?

- Avrebbe potuto evitare di chiudere l’unico passaggio da cui transitano tutti i rifornimenti di Gaza, dal cibo all’acqua ai medicinali.

Carter ha parlato chiaramente di una soluzione “a due stati”, e King gli ha chiesto cosa potrebbe succedere se per caso Israele rifiutasse di accettarla.

Fra una decina d’anni – ha spiegato Carter - ci saranno più palestinesi che israeliani in quella terra, …

… e credo che sia nel loro interesse arrivare al più presto alla precisa definizione dei propri confini. Inoltre, in Israele moltissima gente è stufa della violenza, e vuole arrivare ad un accordo definitivo con i palestinesi. Ma soprattutto, non dimentichiamo che chi mantiene vivo Israele, economicamente, sono gli Stati Uniti. Ci sono quindi le condizioni, in questo momento, per cercare di portare tutti ad un accordo duraturo, e la scelta di Mitchell come inviato in Medio Oriente è sicuramente un ottimo segnale.

Mitchell conosce molto bene ambedue le parti – ha proseguito Carter - e se c’è una persona che può riuscire a mettere tutti d’accordo è lui. In fondo, c’è riuscito con irlandesi e inglesi, e la cosa non era meno difficile.

Carter infine ha ricordato che lui aveva già ottenuto da Hamas, l’anno scorso, l’impegno a riconoscere Israele (e quindi a mettere fine alle azioni armate), se si fosse raggiunto un accordo approvato in via preliminare dai palestinesi con un referendum.

Ma naturalmente l’anno scorso Israele non aveva alcun interesse a fare accordi, protetto com’era dal simpatico George Bush, mentre ora pare che l’atmosfera intorno a loro stia cambiando.

E l’errore madornale di Gaza, che denunciava il nervosismo di Israele per questo cambiamento, non l’ha certo aiutato a prolungare l’idillio con il resto del mondo.

Col passare dei giorni, a loro volta, i segnali di quel nervosismo continuano ad aumentare.

L’autoattentato alla sinagoga di Caracas, pubblicamente sbugiardato da Chavez, è stato qualcosa di indegno per gente abituata a gestire il ricatto morale in modo estremamente raffinato e cinico. Sembra quasi che a Caracas abbiano mandato i pulcini del Mossad, mentre la prima squadra era impegnata in altre zone del mondo.

C’è poi la dichiarazione di una certa Tzipora Menache, che il Daily Pakistan descrive come una “portavoce di Israele”, che curiosamente annuncia al mondo qualcosa che tutti sanno, ma che nessuno dovrebbe mai dire: “'Voi sapete bene, e lo sanno gli stupidi americani, che noi controlliamo il loro governo, indipendentemente da chi stia alla Casa Bianca. Io so e voi sapete che nessun presidente americano è nella posizione di poterci criticare, anche se facessimo l’impensabile. Che cosa possono farci gli americani? Controlliamo il loro parlamento, controlliamo i media, controlliamo lo spettacolo, controlliamo tutto in America. In America puoi criticare Dio, ma non puoi criticare Israele”.

Non è stato possibile verificare l’autenticità di questo personaggio, ma proprio questo fa pensare che il messaggio arrivi da ben altra fonte: il linguaggio usato infatti è talmente provocatorio da voler chiaramente arrivare almeno fino alla Casa Bianca, tradendo in quel modo una profonda insicurezza da parte di chi lo ha mandato.

In fondo, era stato Moshe Dayan a suggerire che per sopravvivere Israele debba essere “come un cane rabbioso, troppo pericoloso per avvicinarsi”.

Sta a vedere che il vero Armageddon finirà per vedere Israele schierato contro tutto l’occidente cristiano, rivelando che era la loro, e non quella musulmana, la religione da eliminare prima di tutte le altre.

Massimo Mazzucco

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
ohmygod
Inviato: 10/2/2009 0:59  Aggiornato: 10/2/2009 0:59
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: Verso lo scontro finale?
Portavoce di Israele: "Controlliamo quegli stupidi di Americani" (parte I)
http://www.effedieffe.com/content/view/6296/183/

Portavoce di Israele: "Controlliamo quegli stupidi di Americani" (parte II)
http://www.effedieffe.com/content/view/6302/183/

kirillov81
Inviato: 10/2/2009 1:01  Aggiornato: 10/2/2009 1:01
Mi sento vacillare
Iscritto: 6/3/2007
Da: Milano
Inviati: 451
 Re: Verso lo scontro finale?
Citazione:
Sull’onda di questo principio il professor Martin van Creveld, un ebreo che insegna storia militare all’università di Geusalemme, di recente ha dichiarato: “Israele possiede diverse centinaia di testate atomiche e di missili, che possiamo lanciare in qualunque direzione, magari anche fino a Roma.”

Sarebbe interessante risalire a questa "pubblicazione avvenuta a Gerusalemme" di cui l'articolo pakistano parla. Se è stata pubblicata, perché il giornalista non fornisce informazioni più precise?

Ut Veritas Patefiat
ELFLACO
Inviato: 10/2/2009 1:03  Aggiornato: 10/2/2009 1:03
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: Verso lo scontro finale?
" Sta a vedere che il vero Armageddon finirà per vedere Israele schierato contro tutto l’occidente cristiano, rivelando che era la loro, e non quella musulmana, la religione da eliminare prima di tutte le altre.""

Massimo,ti sei appena guadagnato un'altra accusa di antisemitismo!!,la n+1!!

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
Paxtibi
Inviato: 10/2/2009 1:23  Aggiornato: 10/2/2009 1:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Verso lo scontro finale?
Sarebbe interessante risalire a questa "pubblicazione avvenuta a Gerusalemme" di cui l'articolo pakistano parla. Se è stata pubblicata, perché il giornalista non fornisce informazioni più precise?

Si tratta di una dichiarazione del 2003, abbastanza diffusa nel web. Qui è citata dal Guardian:


Iran can never be threatened in its very existence. Israel can. Indeed, such a threat could even grow out of the current intifada. That, at least, is the pessimistic opinion of Martin van Creveld, professor of military history at the Hebrew University in Jerusalem. 'If it went on much longer,' he said, 'the Israeli government [would] lose control of the people. In campaigns like this, the anti-terror forces lose, because they don't win, and the rebels win by not losing. I regard a total Israeli defeat as unavoidable. That will mean the collapse of the Israeli state and society. We'll destroy ourselves.'

In this situation, he went on, more and more Israelis were coming to regard the 'transfer' of the Palestinians as the only salvation; resort to it was growing 'more probable' with each passing day. Sharon 'wants to escalate the conflict and knows that nothing else will succeed'.

But would the world permit such ethnic cleansing? 'That depends on who does it and how quickly it happens. We possess several hundred atomic warheads and rockets and can launch them at targets in all directions, perhaps even at Rome. Most European capitals are targets for our air force. Let me quote General Moshe Dayan: "Israel must be like a mad dog, too dangerous to bother." I consider it all hopeless at this point. We shall have to try to prevent things from coming to that, if at all possible. Our armed forces, however, are not the thirtieth strongest in the world, but rather the second or third. We have the capability to take the world down with us. And I can assure you that that will happen before Israel goes under.'

ohmygod
Inviato: 10/2/2009 1:24  Aggiornato: 10/2/2009 1:28
Sono certo di non sapere
Iscritto: 16/10/2007
Da:
Inviati: 3652
 Re: Verso lo scontro finale?
Minaccia atomica contro Roma
http://www.valianti.it/cgi-bin/bp.pl?pagina=mostra&articolo=4738

anche se molti affermano che Van Crefeld sia un ciiarlatano,in genere questi molti mi vedono come un antisemita.

Redazione
Inviato: 10/2/2009 1:25  Aggiornato: 10/2/2009 1:25
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Verso lo scontro finale?
KIRILLOV: "Sarebbe interessante risalire a questa "pubblicazione avvenuta a Gerusalemme" di cui l'articolo pakistano parla. Se è stata pubblicata, perché il giornalista non fornisce informazioni più precise?"

Non lo so, l'ho cercata anch'io, ma immagino che sia in ebraico.

Comunque, ho guardato chi è Van Creveld, e la sua dichiarazione mi pare assolutamente in linea con il personaggio:

http://www.martinvancreveld.com/

Redazione
Inviato: 10/2/2009 1:28  Aggiornato: 10/2/2009 1:50
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Verso lo scontro finale?
PAX: "Si tratta di una dichiarazione del 2003, "

allora per l'articolo non conta, devo correggerlo.

Descartes
Inviato: 10/2/2009 5:50  Aggiornato: 10/2/2009 5:52
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 21/6/2006
Da: Christ = Sun God
Inviati: 1087
 Re: Verso lo scontro finale?
Citazione:

Redazione scrive:

Sta a vedere che il vero Armageddon finirà per vedere Israele schierato contro tutto l’occidente cristiano, rivelando che era la loro, e non quella musulmana, la religione da eliminare prima di tutte le altre.


Non vedo perchè dare la priorità ad una religione piuttosto che ad un altra... ebraismo ed islamismo sono due favole raccontate alle masse di poveracci fin da piccoli per controllarli ed eventualmente farli scontrare ed ammazzare tra loro per espandere i loro domini. Tra le monarchie islamiche e le false democrazie israeliane non vedo alcuna differenza. Sono tutti popoli usati come bestie da soma in nome di libri "sacri" scritti da oligarchi assetati di potere. Non esiste elite militare laica. Il lavaggio del cervello richiede la religione, come ben avevano capito i nazisti che per le SS reintrodussero in germania il culto di Odino, e come ben sapevano i Giapponesi che ai loro militari insegnavano che il re giapponese era figlio di Shinto, dio del sole. Perfino Stalin fu costretto a fare pace con la chiesa Ortodossa quando vide che i suoi militari erano meno uniti e motivati di quelli Tedeschi.

Attaccare i popoli fa il loro gioco, perchè spinge solo quei popoli ad unirsi ancora di più sotto il mantello della loro chiesa, che li manipolerà ancora più facilmente e li userà come carne da macello. Non bisogna combattere i popoli, ma l'elite sacerdotale che li incanta e li sfrutta per conto dell'oligarchia. Se dopo tanti secoli di storia non si è ancora capito questo, non si è capito nulla.

Redazione
Inviato: 10/2/2009 7:41  Aggiornato: 10/2/2009 7:43
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Verso lo scontro finale?
DESCARTES: Citazione:
ebraismo ed islamismo sono due favole raccontate alle masse di poveracci [...] Il lavaggio del cervello richiede la religione, come ben avevano capito i nazisti che per le SS reintrodussero in germania il culto di Odino, e come ben sapevano i Giapponesi che ai loro militari insegnavano che il re giapponese era figlio di Shinto, dio del sole. Perfino Stalin fu costretto a fare pace con la chiesa Ortodossa quando vide che i suoi militari erano meno uniti e motivati di quelli Tedeschi."
Mentre l'Italia dalla chiesa di Roma è stata risparmiata?

Mi stupisce infatti che tu dica "Non vedo perchè dare la priorità ad una religione piuttosto che ad un altra... " (nel cercare di liberarsene), ma poi non citi quella cristiana.

Tollani
Inviato: 10/2/2009 9:49  Aggiornato: 10/2/2009 9:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/1/2009
Da: NowhereLand
Inviati: 212
 Re: Verso lo scontro finale?
Il Papa incontra gli ebrei USA
Forse stanno solo facendo il gioco delle tre carte o magari stanno cercando un accordo per ridurre all'impotenza i mussulmani, cosi' poi da potersela giocare fra loro. Certo è che il Papa che va a prostrarsi in Terra Santa la dice lunga... d'altronde il libro è sempre e solo uno, e quello "originale" ce l'hanno loro... intanto pero' qualcuno all'interno della Chiesa Cattolica continua a dissentire...
Williamson... "Camere a gas.? Dimostratemi che sono esistite davvero"

Il coraggio intellettuale della verità e la pratica politica sono due cose inconciliabili in Italia. Pier Paolo Pasolini
nosh1t
Inviato: 10/2/2009 9:54  Aggiornato: 10/2/2009 9:54
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/9/2008
Da:
Inviati: 143
 Re: Verso lo scontro finale?
io non ho capito bene quest'ultima frase:
Citazione:
Sta a vedere che il vero Armageddon finirà per vedere Israele schierato contro tutto l’occidente cristiano, rivelando che era la loro, e non quella musulmana, la religione da eliminare prima di tutte le altre.
perche' chi sarebbe a voler eliminare queste religioni? il Papa?

per quanto ne capisca le religioni sono oggi uno strumento sempre piu' debole di controllo, musulmana compresa, e per questo io non metterei il peso della questione tutto sulle religioni perche' porta fuori strada. Il nocciolo e' sempre il denaro, vera religione moderna e a quanto pare il popolo ebraico (se ha senso definirlo cosi') ne ha sempre mosso parecchio e per questo s'e' sempre attirato le 'simpatie' di tutti. La proposta di Carter a me pare pura fantascienza perche' Israele non accetterebbe mai di spartire il proprio denaro coi palestinesi, altrimenti credo che un accordo lo avrebbero trovato gia' da mo'. Comunque in un mondo ideale sarebbe la cosa piu' logica da fare e se cooperassero insieme per l'obbiettivo comune di creare un paese prospero e pacifico (tipo la Svizzera) potrebbe anche funzionare.

Tollani
Inviato: 10/2/2009 10:02  Aggiornato: 10/2/2009 10:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/1/2009
Da: NowhereLand
Inviati: 212
 Re: Verso lo scontro finale?
Citazione:
Sta a vedere che il vero Armageddon finirà per vedere Israele schierato contro tutto l’occidente cristiano, rivelando che era la loro, e non quella musulmana, la religione da eliminare prima di tutte le altre
Forse un giorno... per ora mi sembra che i buoni cristiani siano schierati dalla parte di Israele, anche perchè nazioni come la Germania non si lasciano scappare occasione per dimostrare il loro sostegno a Sion...
Vescovo negazionista. La Merkel attacca: "Il Papa chiarisca"
Forse è solo perchè ancora per molti anni i tedeschi sono debitori di Israele per l'olocausto, o forse è solo perchè gli ebrei non controllano solamente gli stupidi americani, ma anche gli stupidi europei...???

Il coraggio intellettuale della verità e la pratica politica sono due cose inconciliabili in Italia. Pier Paolo Pasolini
Redazione
Inviato: 10/2/2009 10:44  Aggiornato: 10/2/2009 11:15
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Verso lo scontro finale?
NO_SH1T: "Io non ho capito bene quest'ultima frase"

E' solo una battuta, riferita al fatto che negli ultimi otto anni i neocons ci hanno insegnato che i musulmani sono cattivi e tagliano la gola a tutti, mentre il vero nemico era il loro alleato.

Che poi le religioni siano TUTTE strumenti di controllo non ci piove.

Io_sono
Inviato: 10/2/2009 11:46  Aggiornato: 10/2/2009 11:47
Mi sento vacillare
Iscritto: 16/4/2008
Da: Nürnberg
Inviati: 373
 Re: Verso lo scontro finale?
Citazione:
Che poi le religioni siano TUTTE strumenti di controllo non ci piove.


OT
mmm quanto odio queste generalizzazioni...
Sono così controllato che leggo e partecipo spesso alle discussioni qui su LC e su altri siti, sarei da considerare un "negazionista", "antisionista" o "antidolomitico" (com´era? ), e condivido moltissimi degli argomenti e delle idee portate avanti da questo sito...Non da ultimo la questione di Eluana... Maledetta istruzione cattolica...
FINE OT


In ogni caso avevo scordato che oggi questi votano pure!!!!
Chissà che risate se vince la destra di Netanyahu (come sembra...) e va a governare con l´estrema destra di Lieberman...
Il tono è ovviamente sarcastico, ma sarà certamente interessante capire cosa succederà dopo...

Lestaat
Inviato: 10/2/2009 11:50  Aggiornato: 10/2/2009 11:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/7/2005
Da: Perugia
Inviati: 1774
 Re: Verso lo scontro finale?
Bell'articolo.
Essenziale ma con un sacco di spunti interessanti.
Io però non insisterei troppo con "in Israele moltissima gente è stufa della violenza" perchè purtroppo, 50 anni di propaganda (termine usato nel suo senso peggiore) hanno fatto bene il loro effetto, come del resto l'hanno fatto ovunque.
E' infatti Nethaniau ad essere largamente in testa nei sondaggi per le elezioni, come del resto tutti i predecessori di Omert dimostrano.
Purtroppo gran parte degli Israeliani VUOLE la fine di questa guerra ad OGNI COSTO perchè terrorizzati, e sono dalla parte di chi più li rassicura con l'uso della forza "per la loro sicurezza".
Ovvio che, come da noi, si tratta di un falsa fotografia del reale, ma è indicativo di quanto distorta sia la realtà per la popolazione israeliana che si trova ormai a non essere più in grado di comprendere, tantomeno accettare, le motivazioni palestinesi.
La soluzione è di la dal venire, i due stati, se mai si faranno, potrebbero essere un male ancor peggiore perchè eternamente nemici.
L'unica soluzione possibile è lo smanellamento completo del sogno sionista di uno stato razziale ebraico e la formazione di un unico stato per tutti gli abitanti della palestina, ma perchè si giunga a questo bisognerebbe fermare i sionisti, anche con la forza (visto che non sembra intendano da qualsivoglia altro orecchio), cosa che probabilmente non accadrà mai.
E sarà forse il tempo a fornire la soluzione, il tempo e la demografia.

nosh1t
Citazione:
per quanto ne capisca le religioni sono oggi uno strumento sempre piu' debole di controllo, musulmana compresa, e per questo io non metterei il peso della questione tutto sulle religioni perche' porta fuori strada.


Non ne sarei così convinto.
O meglio.
E' vero che non sono più strumento di controllo dell'attività politica (italia a parte ovviamente) come era un tempo e che i politicanti sempre meno soffrono dell'influenza delle religioni, ed è anche vero che, in Europa e nei paesi dell'Est, non c'è nemmeno più un potente controllo diretto sulla popolazione da parte delle chiese, ma credo sia altrettanto vero che, sebbene non direttamente dalle gerarchie clericali nelle americhe e in alcuni stati arabi (in altri è direttamente il clero a dettar legge, e sono numerosissimi, altro che poco controllo), sono ancora i dettami religiosi ad essere utilizzati dai vari governi per "muovere" l'opinione pubblica.
Voglio dire, se il papa dicesse alla finestra "Non votate per TALE" è chiaro che il suo peso, anche se parliamo comunque di qualche milione di voti (mica cotica), non è equiparabile all'insieme delle ideologie politiche e ai movimenti sociali (tutti, dai sindacati alle associazioni), ma è comunque in base ANCHE alle parole del papa, e non in modo marginale ma bello pesante, che i politicanti USANO la religione per dettare "regole" etiche e morali.
Insomma è vero che la maggior parte delle chiese (sempre Italia a parte LOL) non ha più il potere temporale, ma è ancora in base ai loro dettami che tale potere si espleta nella stragrandissima parte dei casi.

In nomine libertatis vincula edificamus.
In nomine veritatis mendacia efferimus.
Redazione
Inviato: 10/2/2009 13:15  Aggiornato: 10/2/2009 13:15
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Verso lo scontro finale?
LESTAAT: "Voglio dire, se il papa dicesse alla finestra "Non votate per TALE", ..."

Alle prime elezioni, nel dopoguerra, la chiesa consigliava apertamente di non votare i comunisti.

Avevano addirittura uno slogan del tipo "nelle urne non ti vedo io, ma ti vede Iddio", o qualcosa del genere.

(Oh, Lestaat, cosa succede? Una volta tanto io e te siamo d'accordo! )

florizel
Inviato: 10/2/2009 13:27  Aggiornato: 10/2/2009 13:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Verso lo scontro finale?
Redazzucco
Citazione:
Alle prime elezioni, nel dopoguerra, la chiesa consigliava apertamente di non votare i comunisti.

Perchè in quel caso le "masse" erano TROPPO mature anche per i "comunisti", e quindi era più conveniente lasciare che il "contraddittorio" si manifestasse nelle piazze, piuttosto che nei "palazzi"...?

Pensa che passi avanti avrebbe fatto il "popolo sovrano" SE le contraddizioni della sinistra istituzionale fossero emerse già nel dopoguerra.....

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
nosh1t
Inviato: 10/2/2009 14:26  Aggiornato: 10/2/2009 14:26
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/9/2008
Da:
Inviati: 143
 Re: Verso lo scontro finale?
Citazione:
Non ne sarei così convinto. O meglio. E' vero che non sono più strumento di controllo dell'attività politica (italia a parte ovviamente) come era un tempo e che i politicanti sempre meno soffrono dell'influenza delle religioni, ed è anche vero che, in Europa e nei paesi dell'Est, non c'è nemmeno più un potente controllo diretto sulla popolazione da parte delle chiese, ma credo sia altrettanto vero che, sebbene non direttamente dalle gerarchie clericali nelle americhe e in alcuni stati arabi (in altri è direttamente il clero a dettar legge, e sono numerosissimi, altro che poco controllo), sono ancora i dettami religiosi ad essere utilizzati dai vari governi per "muovere" l'opinione pubblica. Voglio dire, se il papa dicesse alla finestra "Non votate per TALE" è chiaro che il suo peso, anche se parliamo comunque di qualche milione di voti (mica cotica), non è equiparabile all'insieme delle ideologie politiche e ai movimenti sociali (tutti, dai sindacati alle associazioni), ma è comunque in base ANCHE alle parole del papa, e non in modo marginale ma bello pesante, che i politicanti USANO la religione per dettare "regole" etiche e morali. Insomma è vero che la maggior parte delle chiese (sempre Italia a parte LOL) non ha più il potere temporale, ma è ancora in base ai loro dettami che tale potere si espleta nella stragrandissima parte dei casi.


Lestaat parliamoci chiaro: l'unico modo in cui le religioni possono influire oggi, e' coi soldi, o meglio con le ricchezze accumulate in secoli di non sto a ricordare cosa, comprando i politici che di volta in volta sono alla console di governo. Per il resto puoi dire quello che vuoi ma oggigiorno, vuoi per la difficolta' di applicare oggi, colle possibilita' di informarsi che ci sono, l'oscurantismo e vuoi per il fatto non trascurabile che per la maggior parte, le religioni non sono riuscite a rinnovarsi ma si basano ancora su dogmi e favolette antichi di 2000 anni e che percio' hanno subito e subiranno inevitabilmente un emorragia sempre piu' grande di fedeli, la RELIGIONE in se', in quanto insieme di precetti e dogmi, non conta una sega da nessuna parte ma contano I SOLDI.

Descartes
Inviato: 10/2/2009 14:46  Aggiornato: 10/2/2009 20:25
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 21/6/2006
Da: Christ = Sun God
Inviati: 1087
 Re: Verso lo scontro finale?
Citazione:

Autore: Redazione Inviato: 10/2/2009 7:41:11

Mentre l'Italia dalla chiesa di Roma è stata risparmiata?

Mi stupisce infatti che tu dica "Non vedo perchè dare la priorità ad una religione piuttosto che ad un altra... " (nel cercare di liberarsene), ma poi non citi quella cristiana.


Non l'ho citata perchè la davo per assodata. Il cattolicesimo è stato storicamente il principale mezzo con cui le masse venivano spinte alle guerre. L'imperatore Costantino mise la croce cristiana di labaro sugli stendardi e i vessilli dell'esercito Romano dicendo ai suoi soldati che "in hoc signo vinces" ("in quel segno vincerai"). Durante il medioevo il Sacro Romano Impero nacque quando la notte di Natale nell’anno 800 Carlo Magno fu incoronato imperatore in S. Pietro, da papa Leone III, e i cavalieri e guerrieri cristiani furono autorizzati ad esibire la Croce cristiana e la croce di Lorena sugli scudi e ad essere chiamati "militia christi". Perfino la loro spada era fatta a forma di croce, nonostante questo la rendesse meno efficiente e più ingombrante in battaglia del classico gladio romano, perchè era molto più importante instillare nei cervelli ingenui dei soldati mandati a morire una motivazione ed una fedeltà cieca che proteggerli dalla morte.
I massoni con la prima guerra mondiale spazzarono via quel che restava dell'impero degli asburgo, ma ancora oggi l'imperatore Otto von Habsburg, membro del club pan-europeo di ultra destra "le Circle", ottiene riconoscimento dai giovani movimenti ultra nazionalisti grazie al suo titolo di "Re di Gerusalemme", e perfino un ordine militare mercenario modernissimo come i "Blackwater", onnipresente in qualsiasi conflitto, è collegato all'ordine cattolico dei Cavalieri di Malta, nella cui isola i soldati vengono iniziati e giurano fedeltà, come un recente documento presentato al Parlamento Europeo ha rivelato.

Nonostante in Europa l'influenza della religione cattolica sia stata molto ridotta dal conflitto con la massoneria rispetto ad altre regioni del mondo come ad esempio il medio oriente, dove di fatto si vive ancora l'inferno di un medioevo tecnologico, questo non significa che il potere, anche se massonico, possa fare a meno di questo strumento di controllo, e il recente vergognoso caso di Eluana in italia lo ha dimostrato. Gli stessi massoni vorrebbero un domani sostituire alle religioni attuali una religione universale di stampo new age basata sul fondamentalismo del paganesimo-ambientalista, ma non gli passa neanche per il cervello di abolirla del tutto. Loro mirano al potere quanto e più di tutti gli altri, e sanno benissimo che il vero potere non si ottiene con il denaro ma con la fede.

Gli ebrei rimasero uniti e compatti in tutto il mondo grazie alla loro fortissima tradizione religiosa, così come gli islamici resistettero all'inflitrazione massonica (con la sola eccezione della Turchia laicizzata da Ataturk e dal movimento massonico Young Turk, comunque oggi di nuovo in bilico) grazie all'uso del Corano per sopprimere ogni libertà di pensiero. Togli a rabbini ed imam i loro libri sacri, e non avrai più bisogno di combattere l'imperialismo islamico ed ebraico perchè saranno quegli stessi popoli a ribellarsi ai loro oligarchi.

CiEmme
Inviato: 10/2/2009 14:55  Aggiornato: 10/2/2009 14:55
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/2/2008
Da: Roma
Inviati: 446
 Re: Verso lo scontro finale?
NEVER ATTIBUTE TO CONSPIRACY

THAT WHICH CAN BE EXPLAINED BY GREED AND INCOMPETENCE

BUT NEVER ASSUME THAT THE GREEDY AND INCOMPETENT

- THROUGH STUPIDITY AND WILLFUL IGNORANCE -

ARE NOT UNKNOWINGLY PART OF A DEEPER CONSPIRACY*.


Siamo alle soglie di una terza guerra mondiale? E' questo che si vuole sostenere?


* Citaz. da Dan Sewell Ward.

Una bussola non dispensa dal remare.
Lestaat
Inviato: 10/2/2009 14:57  Aggiornato: 10/2/2009 15:10
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/7/2005
Da: Perugia
Inviati: 1774
 Re: Verso lo scontro finale?
nosh1t

Non sono affatto daccordo.
Non è per nulla una questione di soldi.
E' ancora attraverso il potere di controllo dell'etica che impongono alle masse.
Sono VOTI in sostanza.
Milioni di voti.
Che possono far vincere o perdere le elezioni a una parte piuttosto che a un'altra.
E bada bene, non intendo far vincere i buoni o i cattivi, visto che i primi non esistono, ma far vincere tizio piuttosto che caio il quale potra, dalla sua poltrona elargire favori ai SUOI di amichetti piuttosto che agli amichetti dell'altro.
Quel che dici di "oggigiorno" vale per me, te e qualche misero milione di utente, se va bene si arriva a un centinaio di milioni, per il resto, ci sono miliardi di persone in tutto il mondo che pendono letteralmente dalle labbra del clericale di turno che gli dice cosa è giusto e cosa è sbagliato e in base a quei dettami prende le sue decisioni nella vita.
Le religioni solo nel nostro piccolo mondo "intellettual-borghese" cominciano a contare meno (non niente) mentre per quasi l'intero pianeta NON E' AFFATTO COSI'.
L'unica differenza rispetto al passato è che, eccetto pochi casi (tipo l'Iran, ma ce ne sono altri), il clero non ha più potere temporale ma solo quello spirituale, che è si, di facciata, ma è quello che conta per spostare le masse da una parte o dall'altra.
I soldi sono solo una piccola parte del potere clericale, e solo nei paesi più sviluppati dove comunque il ruolo della chiesa più importante è nel controllo dell'ETICA grazie al quale la religione ha ancora la capacità di creare, distruggere e modificare gli archetipi, le fondamenta stesse del pensiero nella società.
Prendi l'Italia, per quanto vogliamo negarlo è e resta un paese CATTOLICO, che seppur solo di facciata, segue nonostante tutto ancora oggi il perbenismo cattolico, ed è in base a quell'etica, quella declamata da quella stramaledetta finestra ogni domenica, non ai soldi, che il mondo "pubblico", quella facciata ipocrita che trovi in TV tutti i giorni, si comporta.
E, come dici tu stesso, qui va ancora bene, perchè è di facciata, è ipocrisia, perbenismo, quindi è poi l'interesse personale che conta di più, ma è in quella dialettica ipocrita che si muovono gli elettori, che ci piaccia o meno, ma in Sud-america, negli states, nel mondo arabo, nell'eurasia, nel sud est asiatico e in africa (che escludendo la Cina sono il 99% dell'umanità) è ancora il CREDO vero che muove le cose.
E non importa nemmeno lo status politico dei paesi.
Dal dittatore al presidente democraticamente eletto, passando per il re/regina tutti devono adeguare la propria etica alla religione che domina nel loro paese.
Le religioni basano il loro potere sul controllo della morale e del corpo umano, sono loro che decidono cosa è giusto e cosa è sbagliato e cosa puoi fare con il tuo corpo e cosa non puoi.
Altro che soldi.
I soldi dominano il mondo e la vita delle persone, la religione ne domina le mente e persino il cuore.

Mazzucco:
Citazione:

Alle prime elezioni, nel dopoguerra, la chiesa consigliava apertamente di non votare i comunisti.

Non solo alle prime elezioni, fidati. :)
Citazione:

Avevano addirittura uno slogan del tipo "nelle urne non ti vedo io, ma ti vede Iddio", o qualcosa del genere.

Beh, ma è anche peggio.
Non era solo propaganda.....era una vera imposizione, c'era la scomunica per chi era comunista Massimo. Altro che slogan.
Citazione:

(Oh, Lestaat, cosa succede? Una volta tanto io e te siamo d'accordo! )


LOL
Beh dai, non una volta tanto, capita spessissimo.
E' il diverso atteggiamento sul funzionamento democratico e sulla parola "FARE" sul quale siamo sempre in disaccordo e purtroppo (per chi si deve sorbire i nostri post incazzosi) ultimamente se ne è parlato spesso.

Descartes
Citazione:
Togli a rabbini ed imam i loro libri sacri, e non avrai più bisogno di combattere l'imperialismo islamico ed ebraico perchè saranno quegli stessi popoli a ribellarsi ai loro oligarchi.

Parole.......ehm.....sante.


In nomine libertatis vincula edificamus.
In nomine veritatis mendacia efferimus.
CiEmme
Inviato: 10/2/2009 15:30  Aggiornato: 10/2/2009 15:33
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/2/2008
Da: Roma
Inviati: 446
 Re: Verso lo scontro finale?
La religione conforta quelli che hanno terrore dell'inferno (...e li asservisce)

La coscienza conforta quelli che si sono stati..... (rimosso)

Una bussola non dispensa dal remare.
soulsaver
Inviato: 10/2/2009 15:52  Aggiornato: 10/2/2009 15:52
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/11/2005
Da: Roma
Inviati: 613
 Re: Verso lo scontro finale?
Descartes, Lestaat, è un piacere leggere i vostri commenti...
Fine OT adulatorio...

Free from the need to be free "Mommy what's a Funkadelic, George Clinton 1970"
winston
Inviato: 10/2/2009 16:12  Aggiornato: 10/2/2009 16:20
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/10/2005
Da: Eurasia
Inviati: 392
 Re: Verso lo scontro finale?
Il re è nudo?

Dellele religioni come guanto al nerbo del potere si è detto e ridetto...
Ciò non toglie che le possibili accoppiate siano tante per calibro e funzione naturale come per callosità d’impronta, nel dare vita a rapporti assai diversi: un conto sono i Lari, Baccanali e miti; più diverso quel che cerca il Karma ed altro ancora quel che celebra l’Ashura...

Ma sopratutto, d'altro genere è il Sabba con bacio d’offizio e olocausto di rito: dogma con sacro all’osso: i capri cornuti Eletti e cazzuti, le altre genti(li) pecore matte create per essere munte e per il diletto della monta. Qui il mazzo è tutt’uno col guanto molle.., sempre d’effetto bruto su altre folle.

NB, per divino appalto la licenza non ha limiti nè confini. Sta scritto nel contratto

Deut 7.2~ Allora dovrete sterminare tutti questi popoli: non farete alleanza con loro e non ne avrete pietà... (.6)Tu infatti sei un popolo consacrato al Signore tuo Dio; il Signore tuo Dio ti ha scelto per essere il suo popolo privilegiato fra tutti i popoli che sono sulla terra.

20.10~ Quando vi avvicinerete a una città per attaccarla , offrirete prima agli abitanti trattative di pace.Se accetteranno e vi apriranno le porte, saranno costretti a lavorare per voi.

Ma se non accetteranno le condizioni di pace e preferiranno combattere, allora assedierete quella città. Quando il Signore, vostro Dio, ve la darà nelle mani, ucciderete tutti gli uomini. Terrete come bottino di guerra le donne, i bambini, il bestiame e quel che c'è nella città (.) Queste norme riguardano le città lontane, che non appartengono ai popoli dove voi vi stabilirete. 16

"Ma nelle città di questi popoli, che il Signore, vostro Dio, sta per darvi in proprietà, non lascerete in vita nessuno. Li sterminerete tutti: Ittiti, Amorrei, Cananei, Perizziti, Evei e Gebusei, come il Signore vi ha ordinato.

Numeri: 31.7~ Essi attaccarono i Madianiti, come il Signore aveva ordinato per mezzo di Mosè. Ammazzarono tutti gli uomini di Madian (.) Allora Mosè andò in collera con i comandanti dei reparti e delle squadre tornati dalla battaglia. 15Egli disse loro: "Come? Avete lasciato in vita le donne? Ora uccidete tutti i ragazzi e anche tutte le donne che sono appartenute a un uomo, 18ma conserverete in vita per voi le ragazze ancora vergini.


PS: come d’uso fra i suoi, Israele (colui che lotta con dio) è alias di Giacobbe, debutta in carriera come cocco di mamma, defraudando prima il fratello, poi il padre moribondo, e quindi il suocero... Nella famiglia odierna vige il motto “farai guerra copn l’inganno” L’Eletto non può cambiare, se lo facesse non sarebbe pù tale. Per clausole e penali: Israel Shahak

"Chi controlla il presente controlla il passato, chi controlla il passato controlla il futuro" Orwell, 1984
clausneghe
Inviato: 10/2/2009 18:45  Aggiornato: 10/2/2009 18:45
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: Verso lo scontro finale?
In queste ore nell'"unico paese democratico mediorientale"
stanno terminando le votazioni che probabilmente vedranno vincitore il fascistoide Netanyahu con la crescita dell'altro nazistoide Liebermann, a sottolineare come quel popolo, sotto Olmert e Livni, non abbia bevuto abbastanza sangue palestinese per placare la propria sete.
Infatti costoro ambedue predicano il pugno di ferro e la pulizia etnica oltre che un aperto apartheid.
Con l'elezione di codesti il pericolo di un conflitto esteso all'Iran si fà più concreto, essi hanno mire espansioniste, vorrebbero creare il grande israele dal Nilo all'Eufrate e riedificare il Tempio di Salomone..
Sono disposti a trascinare il mondo in un conflitto spaventoso pur di ottenere quel che vogliono.
Questo staterello, israele, che conta solo 7 milioni di abitanti, più o meno uno per mille della popolazione mondiale, cioè uno contro mille, è nella sua forma sociale come un pazzo pervaso da paranoia ed errata percezione armato e con propositi maniacali omicidi-suicidi.
Bisogna fermarlo e dissolverlo prima che sia troppo tardi.
Danni ne ha già fatti a sufficienza, pensiamo solo alle ultime bombardate che a parte tutto il resto, hanno sollevato enormi quantità di polveri venefiche che magari hanno già iniziato a depositare sulle colture e acque oltre che nei nostri corpi il loro carico di morte sotto forma di particelle cancerogene.
Qualche giorno fà pioveva misto a sabbia rossa, vi dice niente questo?
Non è che la sabbia rossa il vento la pesca nelle torbiere di Iseo, sia chiaro
E' facile che vengano proprio da lì, quelle nuvole viaggiatrici..
Loro, quelli del piccolo stato democratico, oltre che ladro e assassino, ci stanno già procurando danni venefici, basterebbe questo motivo per esigere che siano fermati,arrestati e processati.
Ma quì casca il solito asino

Redazione
Inviato: 10/2/2009 19:32  Aggiornato: 10/2/2009 19:32
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Verso lo scontro finale?
DESCARTES: Ora mi è tutto chiaro, grazie.

Sai com'è, la cosa era scontata, ma è sempre meglio confermare .

SoulTrance
Inviato: 11/2/2009 0:49  Aggiornato: 11/2/2009 0:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/6/2006
Da: somewhere
Inviati: 93
 Re: Verso lo scontro finale?
E nel mentre....

TEL AVIV - Il partito centrista Kadima, guidato da Tzipi Livni, è in vantaggio sul Likud (destra nazionalista) di Benyamin Netanyahu, secondo gli exit poll delle elezioni politiche israeliane diffusi da Canale 10. Netanyahu tuttavia sembra il più indicato per la formazione del governo.
Secondo il primo e secondo canale tv, il partito Kadima è in vantaggio di due seggi sul Likud. Il primo canale tv attribuisce 30 seggi a Kadima e 28 al Likud.

Il partito di ultradestra Israel Beitenu di Avigdor Lieberman è il terzo partito d'Israele, secondo gli exit poll, avendo scavalcato di un paio di seggi i Laburisti dell'ex premier Ehud Barak, al peggior risultato della loro storia.

ATS

Vediamo un po cosa succede in questo pazzo "stato"...

aeremita
Inviato: 14/2/2009 23:41  Aggiornato: 14/2/2009 23:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/12/2007
Da: Dolceacqua
Inviati: 211
 Re: Verso lo scontro finale?
Descartes: Non vedo perchè dare la priorità ad una religione piuttosto che ad un altra... ebraismo ed islamismo sono due favole raccontate alle masse di poveracci...

Continuo ad invidiare la velocita' e risolitezza con cui fai scienza, storia, sociopolitica.


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA