Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


media : I krumiri delle nostre libertà
Inviato da Redazione il 13/11/2011 0:10:00 (10333 letture)
media

(Questo articolo è stato scritto più di sette anni fa)

06.07.04 - Quando Berlusconi se ne sarà andato (prima o poi dovrà ben succedere), l'Italia inizierà a rendersi conto del disastro imperdonabile che quest'uomo, con la sua politica - ma soprattutto col suo modo di pensare - ha portato in ogni angolo del nostro paese, in ogni angolo delle nostre istituzioni, in ogni angolo delle nostre anime.

Che l'Italia non abbia mai avuto governi effettivi, non si discute nemmeno. Ma una cosa erano i governi di facciata, infinite versioni dell'eterno immobilismo democristiano, tanto inefficaci rispetto al progresso, quanto innocui rispetto al nostro quotidiano. Un'altra è Berlusconi, tanto efficace rispetto al più totale regresso, quando deleterio rispetto alla comune scala di valori...


... che noi tutti dovremmo preservare, se vogliamo vivere piacevolmente l'uno accanto all'altro.

Quando invece ciò che era brutto diventa "bello" per circolare ministeriale, ciò che era ingiusto diventa "giusto" per decreto legge, ciò che era proibito diventa "legale" per palese violazione costituzionale, non solo quei valori vanno a farsi benedire, ma le stesse istituzioni perdono valore agli occhi del cittadino, ed alimentano una spirale verso il basso di cui ormai non è difficile intravvedere la conclusione.

La "legge del Far West" si chiamava così proprio perchè legge non era: il più forte decretava i propri valori e la propria giustizia, e li imponeva poi a tutti gli altri.

Ma perchè noi permettiamo che tutto ciò accada? Saremo forse un popolo di menefreghisti, che si preoccupano ciascuno del proprio orto e basta, ma stupidi non lo siamo, e ciechi nemmeno. E che i danni di cui già soffrono in molti oggi verranno prima o poi a detrimento di tutti, dovremmo arrivare a comprenderlo senza tanta fatica. Che cosa può averci mai intontito, al punto da non preoccuparci più nemmeno di difendere quei valori a cui dovremmo tenere sopra ogni altra cosa?

Sono stati i mezzi di informazione.

E' li che l'erosione dei valori è iniziata, già nei primi anni '80, con le TV locali di un imprenditore edile che sognava di "arrivare in tutte le case d'Italia". Oggi lo abbiamo capito fin troppo bene, perchè volesse arrivarci.

E fu da quel giorno che i nostri valori fondamentali - quei parametri di riferimento, belli o brutti che siano, che tengono insieme una qualunque struttura siociale - hanno cominciato a sgretolarsi di fronte alla valanga inarrestabile di tette, goal e formaggini che ci veniva propinata ad ogni ora, e che sembra ormai in grado di nutrirsi da sola.

Magari non particolarmente colto, ma di certo non stupido, l'uomo delle TV ha poi pensato di mettere sotto controllo anche la carta stampata, per non avere più nessuna fonte da cui potesse nascere un reale contraddittorio. E con le dimissioni dell'ultimo direttore del Corriere, avvenute più di un anno e mezzo fa, la partita si è chiusa senza possibilità di rivincita. Nel panorama nazionale resta solo un'isola, rossa ormai forse più di rabbia che di effettiva valenza politica.

Per quel che riguarda la stragrande maggioranza degli italiani - tutti quelli che ancora non fanno uso di Internet - siamo quindi da tempo disinformati in maniera univoca da uno squadrone compatto di TV e quotidiani, che fanno capo a chi vende all'Italia tutto quello che ha da comperare, e che nel frattempo ne guida anche il governo.

Forse in fondo aveva ragione lui: il conflitto di interessi in realtà non c'è, o comunque oggi non c'è più.

Ammettiamolo, è stata un'operazione grandiosa e lungimirante, di fronte alla quale non si può non levare tanto di cappello. Ma è anche un'operazione che sarebbe stata impossibile senza la complicità di un elemento indispensabile: i giornalisti.

Sono loro i krumiri delle nostre libertà.

Ricattabile direttamente alla radice - il posto stesso di lavoro - il giornalista infatti ha progressivamente accettato di far parte di un gioco che non può, assolutamente, non aver riconosciuto prima o poi lungo la strada: nel momento infatti in cui inizi a modificare la tua voce, per compiacere chi ti paga, non puoi che farlo in modo cosciente e razionale.

Diciamoci subito una cosa, a scanso di perdite di tempo: il giornalista "sa". Rispetto a quello che accade dietro le quinte, egli "sa" quale sia, almeno a grandi linee, la vera verità. Egli sa benissimo, ad esempio, che non può essere stato uno sceicco annoiato a buttare giù le torri di New York, solo per fare un dispetto alla felicità dell'occidente. E se per caso non lo sapesse, ha il sacrosanto dovere di informarsi fino in fondo: il mezzo per farlo oggi c'è, e si chiama Internet. E' un mare vasto ed infido, non si discute, ma per chi vuole davvero trovarli, gli approdi giusti sono tutti raggiungibili. Se bene o male riusciamo ad arrivarci noi comuni cittadini, che lottiamo quotidianamente per non affogare nel mare di bugie che ci circonda, il giornalista non può non arrivarci in tempi e modi almeno pari ai nostri.

Ma evidentemente, al di là dei motivi di ciascuno, egli sceglie invece di tacere o preferisce non sapere.

E così, piano piano, abbiamo accettato che dei disperati senza nemmeno la licenza per un Cessna scorrazzino per ore con dei Boeing nei cieli della difesa più impenetrabile del mondo. Che i palestinesi, gli afghani, gli iracheni, ed ormai chiunque si metta per un momento un tovagliolo in testa, siano soltanto "terroristi" che aspettano impazienti di morire per Allah. Che quindi l'Islam sia una religione violenta e vada estirpata ad ogni costo. Che Sharon possa travolgere vite e villaggi altrui a piacimento, perchè tanto lui sta dalla parte dei buoni. Che fondamentali scelte che riguardano l'ambiente, la salute, e la stessa vita in comune, debbano sottostare a criteri puramente economici, sotto la falsa pretesa che guidare uno stato equivalga a condurre una fabbrica di pomodori. Che guerra si dice missione umanitaria, che libero mercato si dice democrazia, che invadere si dice aiutare, che eccetera eccetera eccetera.

Senza nemmeno accorgercene, stiamo accettando che il brutto è bello, l'ingiusto è giusto, l'illegale è legale.

Ma mentre gli ingredienti, in quel minestrone di valori odierno, li butta il politico di turno, chi gira il mestolo - come dicevamo - è sempre il giornalista. Senza di lui, la cena non può comunque essere servita.

Viene allora legittimo porre una domanda: è davvero così ingiusto chiedere a ciascuno di loro - individualmente, come singoli - di rischiare apertamente il proprio pane, pur di non contribuire più a questo crimine ideologico?

Sia ben chiaro, non gli si chiede di lottare coi mulini a vento per far passare notizie sgradite alla direzione. Il diritto alla linea editoriale esiste da sempre, e rimane sacrosanto. Gli si chiede solo di non scrivere ciò che sappia essere, con relativa certezza, una bugia. Nient'altro. Se sei convinto, ad esempio, che non sia stato bin Laden a buttare giù le torri (ed hai fondati motivi per crederlo), rifiutati di firmare articoli in cui ciò sia invece dato per scontato, per implicito, per sotteso, onde evitare di diventare tustesso complice della più grossa menzogna della storia umana. Piuttosto scrivili, se proprio devi, ma offri al tuo direttore di firmarli lui stesso. Perchè dovrebbe rifiutarsi, dopotutto?

"Certo - sento già dire - se lo facessero tutti, sarei io il primo..."

E bravo, grazie! Anch'io in quel caso sarei il primo, cosa ci vuole? Anzi, sarei proprio un fetente a non farlo, a quel punto. Ma tu lo sai e io lo so che una cosa del genere, come "categoria", non avverrà mai: ed è proprio su questo che conta chi ti paga per mentire!

C'è poi l'altra obiezione: ma tanto, se non li scrivo io, quegli articoli li scriverà qualcun altro. Ebbene: che differenza c'è, fra il giornalista che risponde così, ed il krumiro che va in fabbrica, giustificandosi con un "tanto se non vado io, prendono qualcun altro al mio posto?"

E' da solo che devi fare quella scelta. Tu, di fronte alla tua coscienza di uomo, conscio delle responsabilità che ti sei assunto verso i tuoi simili, nel momento in cui hai scelto di fare quel mestiere e non un altro. E senza stare a guardare cosa fa il collega accanto, nè aspettare che altri si muovano per te, sperando magari di ritrovarti la pappa pronta. Non esiste un "luogo deputato" - un partito, una corporazione, quello che vuoi tu - a cui fare riferimento per iniziare questa rivoluzione. Questa è una rivoluzione di valori, non di entità fisiche, e come tale non può che avvenire all'interno di ciascuno di noi.

Anche se magari ti costa il pane, o anche solo ti obbliga per un pò a quello di crusca.

Massimo Mazzucco

I commenti alla nuova pubblicazione (Nov. 2011) iniziano qui.

Voto: 7.00 (9 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Redazione
Inviato: 25/7/2004 1:55  Aggiornato: 25/7/2004 1:55
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
I commenti iniziali a questo articolo purtroppo sono andati persi durante l'attacco al sito. [ Modificato da Redazione Attivo 8/3/2005 9:27 ]

Linucs
Inviato: 25/7/2004 19:32  Aggiornato: 25/7/2004 19:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
In questo momento sto guardando Studio Aperto. Sì, sono masochista, ma chi è senza peccato scagli la prima pietra. Tanto ormai i TG son fatto con lo stampino. Notizie: il meteo, il caldo, le interviste sul meteo, il grande fratello, la spiaggia, le interviste sulla spiaggia, la "canzone" tormentone dell'estate, la faccia di "Costantino", l'elezione di "miss cicciona", le suonerie dei cellulari. Almeno al TG non passano ancora la pubblicità dei vari "prestiti ai dipendenti" e "compro oro", che se ci fate caso si sono moltiplicate come gli scarafaggi. Un caso? Ma certamente! Aumentare i debiti e far sparire l'oro sono due cose assolutamente scollegate tra loro. Circolare, circolare, non c'è niente da vedere. Una volta guardavo Brachino (avete presente?) con fastidio, oggi lo guardo con terrore. Vi ricordate quando per fare i giornalisti bisognava dare un esame? Com'è che oggi i cosiddetti "giornalisti" hanno tutti lo stesso cognome, così come gli "esperti" del meteo? Com'è che quando vedo i Giuliacci ormai mi vengono in mente Dune e la Casa Atreides? E' appena finito il maledetto "telegiornale". Meno male. Andiamo allora a vedere le notizie che sono uscite su Reuters, senza scomodare fonti di informazione "alternative": "Israeli Missile Strike on Gaza Adds to Tension", altro elicottero, altri missili, altri morti. "Kerry Tells Black Voters He Shares Their Dreams", "Bush Tells Blacks, 'I'm Here to Ask for Your Vote'", e bravi babbei, entrambi: cominciate a mettere in piedi un servizio sanitario degno di tale nome. Com'è che i "blacks" vi stanno simpatici solo quando vi devono votare, e quando bisogna sbattere qualcuno in galera (qualche milione di persone) per gli interessi di chi costruisce carceri per campare? "Army Finds 94 Cases of Iraq, Afghan Prisoner Abuse" - ma veramente? davvero? Solo 94? "U.S. MPs Fear Being Tarred with Abu Ghraib Brush" - per la serie, "abbiamo fatto un bel lavoro, cosa state ancora a rompere le scatole per le torture?" Bel lavoro davvero. "Gunmen Storm Gaza Govt Office, Challenge Arafat" - business as usual! Altri morti! "U.S. Soldier Killed, Another Wounded in Iraq Attack" "Iraq Hostage Crisis Spirals; Clashes North of Baghdad" "Iraqi Forces Kill 13 Insurgents - U.S. Military" "U.S. Air Raid Goes Astray, Hurts 8 Afghan Soldiers" Il Sudan ormai se lo sono dimenticato tutti... Chi Sudan? Sudan sulla spiaggia no? "Europe Adds to U.S. Pressure on Sudan Over Darfur" "Sudan Rebels Blocking Darfur Peace, Observers Say" Iran? Giornalisti ammazzati? Notizie da un mondo parallelo: "Iran Clears Agent Accused of Journalist Killing" "Iran's Nobel Winner Vows to Find Journalist Killer" "Iran Says U.S. Senators 'Daydream' of Regime Change" Una cosa da niente, Iran e Corea del Nord ti sbattono in faccia il nucleare due volte a settimana! "N.Korea Rejects U.S. Nuclear Proposal, Libya Solution" Infine... rullo di tamburi... "Al Qaeda Bent on Causing Mass Death in U.S. -- Kean" Ma veramente? La mirabile commissione sull'11/9 ci dice che Bush e Clinton sono due babbei, ma che "la minaccia di AlQueeeda è reale e concreta"? Ah davvero? http://joevialls.altermedia.info/wtc/clueless.html Questi pericolosi terroristi, i cui passaporti escono miracolosamente da un inferno di fuoco e fiamme che "ha fatto crollare" le torri... certo, buonanotte. Questa è dall'Australia: "Bush signs new biological weapons vaccine law", ovvero una legge per distribuire vaccini non ancora approvati dalle autorità sanitarie in caso di "emergenza". Saranno contenti i soldati con la "sindrome del golfo", si troveranno in buona compagnia. Quale sarà l'emergenza di turno, due stupide buste con l'antrace rubato a qualche loro stesso laboratorio? E queste sono le notizie che passano sulle agenzie, che vengono lette ed ignorate dai giornalisti. POI ci sono le notizie che NON passano dalle agenzie... e io devo vedere una manica di imbecilli che inquadrano tette e culi sulla spiaggia, e fanno domande sulle suonerie dei cellulari. Altro che l'albo dei giornalisti, ci vorrebbe la corte marziale per alto tradimento. E non fatevi prendere per il sedere dal prossimo vaccino per l'influenza, "non si sa mai che alQueeeda ci metta dentro qualcosa" (e chi ha orecchie per intendere...) [ Modificato da Linucs Attivo 25/7/2004 18:57 ]

Linucs
Inviato: 25/7/2004 23:15  Aggiornato: 25/7/2004 23:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ

vincenzo
Inviato: 11/10/2004 9:41  Aggiornato: 11/10/2004 9:41
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/6/2004
Da: u-oy-topos middle Oceania
Inviati: 1304
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ

1 - Non fanno caso, costoro, che quando in Internet compare qualcosa di veramente scottante, scompare nell’arco di pochi minuti? Se invece qualcosa ci rimane per sempre – e pure in bella vista - vuole dire che lì da nascondere c’è ben poco.
mc
Inviato: 18/10/2004 13:44  Aggiornato: 18/10/2004 13:44
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
Visto che la categoria e' stata fin qui abbastanza (aggiungo anche giustamente) vituperata, perche' non segnalare quando invece il lavoro del giornalista viene svolto alla grande (come dovrebbe essere per tutte le categorie che agiscono nel mondo dell'informazione...). Bisognerebbe clonarli per ripopolare le tv italiane di esseri autonomamente pensanti, ma ancora non e' consentito dalla tecnologia moderna ... peccato. E' la puntata di Report del 15-10-2004 che parlava di risparmi e di frodi in borsa. L'ho spezzettata perche' e' lunghina... se non ce la fate a leggere tutto, fatti vostri ... la cosa dovrebbe interessare (quasi) tutti... mc O LA BORSA O LA VITA di Giovanna Corsetti "O la borsa o la vita" venerdì 15 ottobre 2004 ore 21:00 - Rai 3 ANONIMO A tutto il gruppo Monte Paschi e a tutte le filiali del gruppo… CAP Sono 4 anni di soprusi che uno ha sullo stomaco UOMO 2 Grazie da parte di tutti i risparmiatori coinvolti… UOMO 1 Ho perso fiducia. UOMO 2 Ho chiuso con la banca. UOMO 1 Come il toro quando vede il rosso là carica, quando io vedo la 121 ANONIMO Grazie da parte di tutti gli imprenditori coinvolti… UOMO 1 No, no, mai più UOMO 2 Preferisco metterli sotto la mattonella i soldi ANONIMO Grazie da tutta Italia per quello che avete ideato e commercializzato. UOMO 3 La banca praticamente prende con 7-8 mani dalle tasche del povero disgraziato che c'è capitato. ANONIMO MPS per primo. ENRICO BATTAGLIA - ex dipendente banca 121 Sono stato preso alla gola da uno che si era reso conto di aver perso 30 milioni su 100 milioni. ANONIMO Banca 121, banca Toscana e Banca Popolare di Spoleto, Banca Agricola Mantovana. MOGLIE di ENRICO BATTAGLIA Cioè ha proprio questo rigetto… ANONIMO Grazie dal sottoscritto per i felici anni che mi avete regalato. ENRICO BATTAGLIA - ex dipendente banca 121 Oggi, a distanza di 3 anni, porto ancora il segno. MOGLIE di ENRICO BATTAGLIA Lui da allora non si è più ripreso ANONIMO Grazie a tutte le autorità da parte di tutti gli italiani. Con il vostro impegno gli italiani oggi vedono le banche e le compagnie assicurative per quello che effettivamente sono. DIPENDENTE CREDITO EMILIANO Il successo commerciale conseguito negli anni passati ha spinto a riproporre la formula di Capitale Subito. Allora, le spiego come funziona, per chi oggi dice "voglio investire 20 mila euro sul mercato perché credo che da qui a 10 anni i mercati possano migliorare, raddoppiare, triplicare. Bene, ma non ho questi soldi, allora bisogna fare un finanziamento per ottenerli, okay? VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Ciò che il signore del Credito emiliano ci ha appena proposto è un tipo di investimento creato per chi, in realtà i soldi da investire non ce li ha la banca anticipa il capitale e lo investe subito, tutto, e il cliente lo restituisce poco per volta. Ma cosa compriamo? STEFANO NORA - Consulente Finanziario Capitale Subito è una polizza Vita a premio unico collegata a un fondo interno chiuso Azuritalia, che è la loro compagnia assicurativa collegata. La durata è di 10 anni, cioè il premio che il contraente versa alla società viene investito in un fondo comune e alla scadenza del periodo di differimento viene percepito un capitale. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Una banca il credito emiliano e la sua compagnia di assicurazione azuritalia, la compagnia di assicurazione ha confezionato la nostra polizza vita e il credito emiliano da' una mano a venderla, come dire uno ci mette il prodotto, l'altro il cliente e tutto resta in famiglia. Usciamo dal Credem e senza mai spegnere la telecamera cambiamo porta entriamo in un'assicurazione, in alleanza. PROMOTRICE FINANZIARIO ALLEANZA ASSICURAZIONI Cioè, l'importante è cercare di prendere dimestichezza con la cliente, farsi voler bene in poche parole. "ma lei non ci ha nessuno che la stima particolarmente, che lei potrebbe…", la butti sul discorso stima, nessuno ti nega, perché sennò dimostri "allora io non ci ho nessuno che mi stima!" MILENA GABANELLI Tu mi dici chi si fida di te e io a nome tuo vado a proporre una polizza. La fiducia però è una cosa seria come diceva J.Dorelli in un noto carosello. Per mesi sono arrivate nella nostra redazione mail di promotori finanziari, qualche volta l'inchiesta comincia proprio così, con una segnalazione. Cosa scriveva per esempio un promotore: "se voglio guadagnare devo vendere un prodotto che è una fregatura". Sono passati tre anni dallo scandalo my way e 4 you, due da quello Cirio e bond Argentina, uno da quello Parmalat e dal famoso proclama: "faremo una legge sul risparmio che farà passare la voglia di fregare la gente". Siamo ancora alle chiacchiere. La nostra Giovanna Corsetti ha passato 4 mesi in giro per banche e assicurazioni per vedere cosa propongono ai risparmiatori e in che modo. Ma come fa uno che non è del mestiere a capire se lo stanno truffando o no? Ricostruiamo il caso più noto, peraltro ancora aperto, che ha coinvolto circa 200.000 risparmiatori: la vendita dei My way e 4 you. UOMO 1 Un giorno vado in banca e il mio promotore mi propone questo affare… UOMO 2 Me l'avevano presentato sotto forma di una polizza vita. UOMO 1 Una forma di risparmio per poter mettere da parte 300mila £ al mese per i miei bambini. EX PROMOTORE BANCA 121 Non disponi attualmente di un capitale e vorresti costituirlo nel tempo?ti piacerebbe pianificare senza affanni le scadenze…? UOMO 3 Mi dicevano che era un piano previdenziale UOMO 2 Un accumulo… La banca avrebbe anticipato la cifra e noi dovevamo restituirla con una rata mensile. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Piano previdenziale, accumulo di capitale, polizza vita, fondo pensione, la risposta è sempre la stessa my way o 4you. Due prodotti confezionati e collocati da banca 121 o, più correttamente, banca one to one, la banca fatta a posta per te. ALESSANDRO PEDONE - Presidente ADUC Le persone andavano lì, aprivano il c/c e dicevano "perché non ti metti da parte dei soldi?". ENRICO BATTAGLIA - licenziatosi da Banca 121 Noi dicevamo in questo modo: "la banca ti mette a disposizione dei soldi tramite un finanziamento, cioè ti presta dei soldi; questi soldi non vanno a te ma la banca stessa li investe in un fondo azionario e in una obbligazione… VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Ciò che in sostanza veniva proposto era un investimento misto: una parte del capitale veniva investito in azioni, con il resto la banca comperava obbligazioni, meno redditizie, ma più sicure, con il vantaggio che... ALESSANDRO PEDONE - Presidente ADUC La banca ti presta i soldi quindi investi tutto subito e guadagni sulla differenza. Veniva proposto fondamentalmente come un piano d'accumulo. UOMO 1 Io avevo chiesto il piano di accumulo ed ero sicuro di fare un piano d'accumulo tant'è…che la mia domanda precisa fu "guarda, per me l'importante è che non ci siano costi d'ingresso e d'uscita, che mi posso fermare senza problemi in qualsiasi momento!", e lui mi disse "guarda, non ci sono problemi, quando lo vuoi fermare lo fermi. UOMO 3 Visto che era così appetibile ne ho fatto un altro anche per mia moglie ALESSANDRO PEDONE - Presidente ADUC Uno, firmando il contratto, invece di mettere da parte dei soldi aveva preso un finanziamento, un mutuo, e attraverso questo mutuo faceva degli investimenti. Si trovava poi con l'obbligo mensile - non la facoltà ma l'obbligo - di dover pagare queste rate del mutuo per 15 o 30 anni. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE E infatti, per tutti, poco dopo l'amara sorpresa. UOMO 2 Mi arriva a casa per lettera una decina di giorni dopo un mutuo di 49 milioni, un mutuo di 49 milioni quando io a quella data - qui siamo al 21/12 - avevo come liquidità 32 milioni su una banca e 27 milioni su un'altra, quindi avevo 55 milioni liquidi e loro mi hanno fatto un mutuo di 49 milioni. Io non l'avrei mai chiesto un mutuo avendo dei soldi sul c/c, quindi non investiti in qualcosa, ce li avevo proprio liquidi in quel momento VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE E avere un mutuo cosa comportava? ALESSANDRO PEDONE - Presidente ADUC Il cliente è obbligato a mettere da parte tutti i mesi dei soldi; se non ce la fa a pagare la rata si prende una segnalazione in centrale rischi come cattivo creditore. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Cioè come se si venisse protestati? ALESSANDRO PEDONE - Presidente ADUC Sì, ha la stessa funzione perché è un finanziamento a tutti gli effetti. AUTRICE E questo veniva spiegato ai clienti? ALESSANDRO PEDONE - Presidente ADUC No, certamente che no UOMO 2 Era un mutuo e non si è mai parlato di mutuo ALESSANDRO PEDONE - Presidente ADUC Qualunque cliente che fosse stato a conoscenza di una cosa del genere nessuno ovviamente accetterebbe. UOMO 3 Io ho 54 anni, le pare che potevo mai accendere un mutuo per arrivare a 84 anni? È una cosa assurda. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Assurdo, sì. Ma perché banca 121 aveva tutto questo interesse ad accollare dei mutui camuffati? ENRICO BATTAGLIA - licenziatosi da Banca 121 La banca ha guadagnato tantissimi soldi; su una singola operazione la banca guadagnava tantissimi soldi. AUTRICE In che modo? ALESSANDRO PEDONE - Presidente ADUC La differenza che c'è tra l'interesse che paga fra i soldi che riceve e i soldi che presta. AUTRICE Che era? ALESSANDRO PEDONE - Presidente ADUC Quella voce era circa 1, 1.5% per 30 anni. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Equivale a dire che per i prossimi 30 anni io ti faccio guadagnare 3, ma tu mi dai 4 e ½! Questo veniva spiegato ai clienti? ENRICO BATTAGLIA - licenziatosi da Banca 121 No, non l'ho mai detto perché non c'è mai stato riferito di dire questo alla clientela. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Effettivamente le informazioni a disposizione della clientela e confezionate direttamente dalla banca dicevano ben altro! EX PROMOTORE BANCA 121 Vuoi cogliere l'opportunità sui mercati finanziari anche con piccoli versamenti mensili? Vuoi costruire nel tempo un capitale per garantire un futuro sereno a tutta la famiglia? 4You "l'innovazione nella previdenza": ovviamente questi punti non sono veri perché non è un accumulo di risparmio, non è previdenza. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE E neppure a basso rischio come invece indica questo bollino verde! Informazioni distorte e pubblicità ingannevole, condannata dall'antitrust . Però, certo, quando si firma un contratto sarebbe buona norma prima leggere UOMO 2 La prima cosa che ti dicono, specialmente nelle filiali, "ma lei ha letto?" Cosa ho letto? Tra parentesi, io ho avuto una proposta di adesione; in un secondo momento io ho avuto il contratto. ENRICO BATTAGLIA - licenziatosi da Banca 121 Questi facevano firmare quasi a occhi chiusi perché, diciamocelo chiaramente, il My Way e il 4 You è stato firmato senza leggere le carte, glielo posso garantire perché il frontespizio del My Way e del 4 You è stampato ex post dalla macchina; il corpo del contratto è prestampato, ma dove ci sono tutte le caratteristiche e i dati identificativi della persona è un foglio applicato successivamente, ma successivamente parlo di una settimana, 2 settimane, 3 mesi, c'è qualcuno che ha avuto il contratto dopo 6 mesi, c'è gente che non sapeva cosa ha firmato. UOMO 2 Io in realtà non ero proprio per niente informato su quello che avevo sottoscritto. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE La banca faceva i suoi interessi, e vendeva al buio. ma chi tutti i giorni era a contatto con i clienti perché non ha detto la verità e ha invece continuato a vendere? ENRICO BATTAGLIA - licenziatosi da Banaca121 Noi si lavorava col budget, questo chiariamolo subito. AUTRICE Cosa vuol dire? ENRICO BATTAGLIA - licenziatosi da Banaca121 Quindi c'era un budget da raggiungere; la filiale di Trani, per esempio, doveva vendere tot My Way, quindi ognuno di noi aveva la sua percentuale di prodotti da collocare. … VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Vuol dire che, se arriva l'ordine di vendere un prodotto, bisogna farlo e non importa che sia un buon prodotto o no perché chi non è d'accordo non ha vita facile. ALESSANDRO PEDONE - Presidente ADUC Al limite del mobbing, quindi minacce di essere trasferiti, dover riportare ogni giorno quanto vendevano, c'erano delle musiche di sottofondo nelle agenzie del My Way che ricordavano questo fatto che bisognava vendere i My Way, quindi… ENRICO BATTAGLIA - licenziatosi da Banca 121 Tutti i settori erano coinvolti nella vendita, "vuoi un prestito personale? My Way. Vuoi un mutuo? My Way. Vuoi un fido? My Way". Certo, un dubbio ci è venuto, ma questi perché? Ma cosa vuoi fare? Ma lo sa cosa mi disse una volta una persona quando io dissi ci dobbiamo ribellare a questo stato di cose? "Enrico, ma tu sei pazzo. Noi ci abbiamo una famiglia!". SIGNORA BATTAGLIA In effetti tu hai subito tante pressioni, maltrattamenti, pressioni, non dormiva la notte, aveva gli incubi, stati d'ansia, tornava a casa e sfogava sui nostri figli, su di me, e noi non abbiamo vissuto più. ENRICO BATTAGLIA - licenziatosi da Banca 121 La banca viveva solo per collocare questi prodotti, mutui, prestiti, non le interessava più niente, fidi: bisognava vendere, vendere, vendere …quanti My Way? Hai fatto le telefonate? Quanti 4You hai venduto? …Vedi, quella filiale ha venduto di più, noi stiamo indietro, ci dobbiamo dare da fare; cioè, non si andava più in banca a fare il bancario… SIGNORA BATTAGLIA Diceva che non era più possibile lavorare in banca, che non ce la faceva più e che…voleva andar via. E un giorno ha dato le dimissioni, e quindi adesso è senza lavoro. Noi, stiamo soffrendo AUTRICE Quanti figli ha lei? SIGNORA BATTAGLIA Tre. AUTRICE E adesso con cosa vivete? SIGNORA BATTAGLIA Con un mezzo stipendio mio, perché mezzo è impegnato per il mutuo. AUTRICE Anche per gli altri è stato così? ENRICO BATTAGLIA - licenziatosi da banca 121 Ce n'era qualcuno che invece viveva per questo, ne aveva fatto un motivo di esistenza; aveva dimenticato la famiglia, aveva dimenticato tutto perché era un arrivista, voleva assolutamente primeggiare nei budget, e per fare questo ha usato tutte le maniere. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE E perché tutto questo impegno? Si guadagnava, si faceva carriera, perché? EX PROMOTORE FINANZIARIO BANCA 121 Tutti erano incentivati alla vendita di questi prodotti perché, oltre al promotore normale, che è la figura base, tutti gli altri livelli manageriali guadagnano delle % sul guadagno del promotore, tra virgolette, senza fare nulla. EX PROMOTORE FINANZIARIO BANCA 121 La cosa è ancora più scandalosa perché i direttori di banca che percepivano tangenti o sotto forma di viaggi o sotto forma di qualsiasi altra cosa, per raggiungere il budget, lo hanno venduto anche a persone che non avevano capacità reddituale….. ALESSANDRO PERRONE - presidente ADUC È stato venduto a persone disoccupate, è stato venduto a persone in pensione. UOMO 3 Io avevo intorno ai 180 milioni di mutuo siglato da loro; mia moglie casalinga e io pensionato. AUTRICE Quanto ha di pensione? UOMO 3 Mille e 100 euro al mese AUTRICE E ne spendevate tra lei e sua moglie? UOMO 3 500 euro al mese. AUTRICE E siete monoreddito? UOMO 3 Mia moglie è casalinga, non ha reddito ANONIMO "A chi proporla?" qui finalmente lo espone in maniera chiara: a "persone che hanno capitali formati e non risparmiano"; a "persone che hanno capitali formati e risparmiano"; a "persone che non hanno capitali ma risparmiano". Quindi, venderla a tutti. UOMO 2 Ero disoccupato, non avevo forma di reddito. AUTRICE Le hanno chiesto a garanzia qualcosa? UOMO 2 Nulla, mi hanno solo fatto sottoscrivere il contratto. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Vendere a tutti perché la banca ci guadagna, ma da quando in qua una banca che non fa mutui neppure a morire, li elargisce senza nessuna garanzia? E se uno poi smetteva di pagare il rischio valeva il guadagno? ALESSANDRO PEDONE - Presidente ADUC In questo caso li elargivano perché la banca non aveva nessun rischio da questa operazione. AUTRICE Perché? ALESSANDRO PEDONE - Presidente ADUC Perché il finanziamento veniva concesso a fronte di investimenti nella stessa banca, quindi la banca sostanzialmente non rischiava assolutamente niente, perché da una parte prestava dei soldi, dall'altra, con quegli stessi soldi… AUTRICE Comprava se stessa. ALESSANDRO PEDONE - Presidente ADUC Comprava se stessa, quindi non aveva nessun tipo di rischio. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Comprava se stessa perché lei stessa aveva emesso l'obbligazione che stava vendendo e che veniva gestita da una sua società di gestione, per cui banca 121 guadagnava nel vendere i suoi prodotti e nell'incassare le commissioni: commissioni d'ingresso quando si compra, commissioni di gestione e di uscita se si voleva smettere prima, il tutto dava un conto finale di... ENRICO BATTAGLIA - licenziatosi da Banca 121 10 milioni, o se vogliamo essere attuali, 5mila euro per prodotto di 300mila lire al mese a 30 anni. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Vale a dire che per i primi tre anni, con i tassi attuali di mercato si versa e si paga solo per il disturbo della banca! Cioè ci si rimette e non poco. AUTRICE Quindi lei ne aveva persi? UOMO 3 22 mila. UOMO 2 ...28 milioni UOMO 1 …61 milioni, che sono gli interessi che devo pagare per un mutuo che non mi serve. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Migliaia di euro di perdite, certo la sfortuna c'ha messo del suo, nessuno poteva prevedere un andamento dei mercati tanto basso e tanto a lungo, ma è stata davvero solo sfortuna? EX PROMOTORORE BANCA 121 Non è stata solo sfortuna, non c'è dubbio, perché si presume che vi sia sotto un illecito profitto, nel senso che la parte obbligazione non era un'obbligazione normale, era un'obbligazione che la banca aveva acquistato e aveva rivenduto al cliente ad un prezzo non in linea con il prezzo di mercato. UOMO 1 Dopo 2-3 mesi ho scoperto che la mia obbligazione c'era un piccolo particolare che no…ed era quello lì che mi era stata venduta con circa il 25% in più di quello che era il suo reale valore al momento dell'acquisto da parte della banca. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Cioè, che vuol dire? EX PROMOTORE FINANZIARIO BANCA 121 Allora, nel pacchetto My Way, si vede benissimo, questo è il prospetto informativo dove sono descritte le caratteristiche, anche se in lingua inglese, alla pagina… AUTRICE Perché in lingua inglese? EX PROMOTORE BANCA 121 Perché così la gente non capisce, è meglio, però i numeri si capiscono... Andando avanti, alla pagina 6, il prezzo reale che si doveva pagare facendo questi calcoli con semplici formule di questo tipo è 17,18%, UOMO 1 Però io l'ho pagata e questo io lo posso garantire, 22,32 ALESSANDRO PEDONE Presidente ADUC I casi più frequenti erano, nel caso dell'obbligazione a 30 anni, il titolo valeva 17,11 e veniva venduto al cliente a 23. EX PROMOTORE FINANZIARIO BANCA 121 La banca,vendendo 10 milioni di questa obbligazione, ha guadagnato il 30%, cioè 3 milioni di lire, questo è business, per la banca. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE E che business! Ma si può? Può davvero una banca vendere prodotti finanziari con margini di guadagno tanto alti e senza dover informarne in alcun modo il cliente? Ma siamo ai mercati generali? EX PROMOTORE BANCA 121 Non hanno fatto gli interessi dei clienti che impone la legge, di operare con trasparenza, facendo le operazioni al miglior prezzo possibile, che si chiama best execution, questo sicuramente non si può dire. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE No, però questo è quello che dice la legge, art. 21, testo unico della finanza: "nei servizi finanziari comportarsi sempre con diligenza, correttezza e trasparenza, evitare conflitti di interesse e se proprio ci sono: agire in modo da assicurare al cliente trasparenza ed equo trattamento". Quello che invece banca 121 avrebbe fatto, secondo questa legge… UOMO 2 …per le leggi italiane queste cose andrebbero spiegate così: io vengo da lei, "guardi, tu vuoi investire 200 mila euro al mese? Bene, allora ti spiego io questo contratto che abbiamo. Il contratto prevede questo: io ti do 50 milioni e tu mi paghi a me il 7%. Poi questi 50 milioni io me ne piglio 3 0 4 perché io te li ho dati, permetti che qualcosa mi tocca. Dopodiché, di quello che rimane ne prendiamo una parte e li investiamo in qualcosa che ti rende un poco di meno, però stai sicuro che ti rende, e il resto lo mettiamo in azioni, quello che prendi, prendi." VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Ma perché una banca dovrebbe ingannare i clienti, forzare i dipendenti e violare le leggi? Guadagnerà pur bene, ma rendere tutti scontenti non è mai un buon affare, soprattutto quando il giorno dopo si è ancora lì. ALESSANDRO PEDONE - Presidente ADUC Lo scopo era quello di vendere Banca 121 al gruppo bancario Monti dei Paschi di Siena, era quindi necessario in tempi molto rapidi aumentare drasticamente i principali indici di bilancio. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Maquillage finanziario. Una banca sta per essere acquistata e vuol far brillare i suoi bilanci, e allora cosa c'è di meglio che vendere e vendere un prodotto che è tutto un guadagno? EX PROMOTORE BANCA 121 È vero fino ad un certo punto, perché la banca che ha acquisito l'altra ha collocato sul mercato molto di più della banca precedente. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE Monte Paschi acquista Banca 121 nel 2000 per 2 mila 500 miliardi di lire. Nei 2 anni successivi il gruppo Monte paschi ovvero Monte dei paschi di Siena, Banca 121, Banca toscana, Banca di Spoleto e Banca agricola mantovana, hanno continuato a vendere prodotti come my way e four you, in versione originale e nelle loro varianti, per un totale di 2 milioni di euro, 4 mila miliardi di lire, una finanziaria. ALESSANDRO PEDONE - Presidente ADUC È interessante il fatto che il capo della banca acquistata è diventato capo della banca acquirente e questo è un caso assolutamente incredibile. MILENA GABANELLI Monte dei Paschi da noi interpellata non ha ritenuto opportuno replicare. Nella lettera che ci ha inviato scrive : abbiamo ammesso da tempo irregolarità nella vendita. È in corso una conciliazione con le associazioni dei consumatori e nel 21% dei casi è stato proposto un rimborso fra l'80 e il 100% . Perché l'80 se di truffa si tratterebbe? Nel 51% dei casi si è proposto di ridurre la rata, oppure di abbandonare il piano dopo 6 anni senza oneri (ci mancherebbe) . Il 28 % dei casi non è stato accolto. Ricordiamo che veniva venduto come prodotto previdenziale a basso rischio un investimento. Per questa ragione l'ADUC, che è una delle più importanti associazioni di consumatori non ha accettato la conciliazione pretendendo una soluzione giusta ed uguale per tutti. Ma come si fa? Basterebbe copiare dal paese pilota: leader nelle truffe e nelle leggi per difendersi. fine prima parte CONTINUA>>>>>

mc
Inviato: 18/10/2004 13:46  Aggiornato: 18/10/2004 13:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
parte seconda STANLEY GROSSMAN - Avvocato Class Action In caso di frode finanziaria, l'unico mezzo a disposizione dei piccoli investitori contro il potere delle grandi compagnie, è la class action. Grazie alla class action infatti, si possono mettere insieme centinaia, migliaia di risparmiatori per dar luogo ad un'unica grande azione legale di categoria. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Ma esattamente cosa sono le class action? STANLEY GROSSMAN - Avvocato Class Action Invece di tante, singole azioni legali, se ne ha soltanto una, in nome di moltissimi cittadini, ecco cos'è esattamente la class action e se si vince, vincono tutti , se si perde, perdono tutti. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Negli Stati Uniti funziona così se un cittadino sospetta di essere stato ingannato o truffato finanziariamente, si rivolge ad un'associazione di categoria e questa solleva legalmente il problema. Se inganno c'è stato i responsabili finiscono in tribunale. STANLEY GROSSMAN - Avvocato Class Action La class action è davvero l'unica possibilità che hanno i piccoli investitori di riottenere i loro soldi. L'avvocato della difesa, presenta la class action, porta avanti la causa presso le corti federali e anticipa tutte le spese legali. In caso di vittoria, se c'è un risarcimento, un giorno il piccolo investitore si trova nella cassetta delle lettere un assegno e va ad incassarlo, questo è tutto ciò che deve fare, nient'altro. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Anzi ti inseguono fino in Italia per ridarti i maltolto, come è successo al signor Giovanni Ponzetto di Torino GIOVANNI PONZETTO - gestore fondi finanziari Indipendentemente dal fatto che lo sappia, perché a me è successo di aver avuto un'azione USA che era stata sottoposta dalla Class Action, un giorno arriva l'assegno. Dicono "dobbiamo accreditarvi x soldi", perché cera stata una Class Action e nell'elenco di chi aveva l'azione c'era la società per cui lavoravo. Avente diritto significa avente diritto, che lo sappia oppure no. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Che lo sappia o no, che abbia i soldi o no, ogni cittadino americano viene difeso dalla class action, senza dover tirare fuori un centesimo per avvocati e spese legali, perché ogni piccolo investitore americano ha diritto a trasparenza e correttezza. E sapete perché? STANLEY GROSSMAN - Avvocato Class Action Non bisogna mai dimenticare che il denaro che entra in Borsa appartiene ai piccoli investitori: gente comune, impiegati, vigili del fuoco, insegnanti… Sono queste persone, con i loro soldi che comprando le azioni e finanziano gran parte dell'economia degli Stati Uniti e sono loro i primi a rimetterci in caso di frode. Ed è una vergogna per chi ha lavorato e risparmiato tutta la vita, che, alla fine di una giornata di lavoro, non gli rimanga neppure la pensione. GIOVANNI PONZETTO - gestore fondi finanziari Gli anglosassoni si preoccupano del consumatore, gli europei si preoccupano del produttore e questa è una differenziazione fondamentale perché qua si protegge chi produce. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE E non chi compra e ci mette risparmi e soldi, preziosi per le aziende, che altrimenti devono chiedere liquidità alle banche con costi molto più alti. In America questo lo hanno capito molto bene e fanno in modo che… GIOVANNI PONZETTO - gestore fondi finanziari La fiducia finale, dell'ultima delle persone, della vecchina, sia la parte su cui è imperniato il sistema, a livello proprio di filosofia. DARIO TREVISAN - avvocato civilista Oggi il cittadino privato deve rivolgersi ad un avvocato con un certo tipo di costi, effettuare lui un'azione legale, con degli esiti molto lunghi, incerti e un costo possibile in caso di soccombenza. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Davide contro Golia, il risparmiatore solo, contro il sistema finanziario, quasi inutile chiedersi come vada a finire. Diverso se si è tutti insieme, prendiamo per esempio il caso delle obbligazioni Parmalat. STANLEY GROSSMAN - Avvocato Class Action Qui negli Stati Uniti sono state vendute molte obbligazioni Parmalat e ora questi investitori, hanno presentato numerose Class Action qui a New York, presso la Corte Federale. AUTRICE Cosa chiedono? STANLEY GROSSMAN - Avvocato Class Action Chiedono di recuperare i loro soldi, vogliono i loro soldi. AUTRICE Vogliono i loro soldi, anche noi. Loro però stanno già portando le banche in tribunale. Ecco qui una delle class action Parmalat, depositata presso la corte federale di New York . E se poi non vincono devono rimetterci altri soldi per le spese legali? STANLEY GROSSMAN - Avvocato Class Action Il mio lavoro viene pagato solo in caso di vittoria. Noi avvocati anticipiamo tutte le spese e, a volte, possono essere somme molto alte, centinaia di migliaia di dollari e solo alla fine della causa, se abbiamo vinto veniamo pagati, è il giudice stesso a stabilire il nostro compenso. Se non vinciamo, se perdiamo la causa, nessuno ci paga e perdiamo tutti i soldi. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Pertanto è nell'interesse degli avvocati far vincere il cliente, fosse anche l'ultimo dei poveracci, poiché a pagare è chi perde. JOHN BALESTRIERE - avvocato Il più grande risultato delle class action è nel cambiamento. Non solo risarcire le perdite dei cittadini - che è sicuramente importante - ma guardare avanti. Le compagnie si rendono conto che devono comportarsi correttamente, devono rispettare le regole e l'etica, sanno che non possono più agire sporco e chi comanda ha chiaro che non deve neppure provare a fare il furbo perché verrebbe di sicuro incriminato, perderebbe il lavoro, la compagnia ci rimetterebbe un sacco di soldi e le azioni crollerebbero. Hanno compreso che conviene agire correttamente e nell'interesse degli azionisti. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Certo che se invece di doversela vedere con un singolo cittadino si ha contro, in un momento, un'intera schiera di risparmiatori a cui dovere scuse e soldi, chiunque, anche un colosso finanziario prima di violare le leggi due conti se li fa! A New York come a Roma, perché anche da noi è stata approvata dalla camera una legge per introdurre le class action. MARIO LETTIERI- Margherita Il Parlamento italiano tutela i più deboli, che sono appunto i consumatori, i risparmiatori, gli utenti. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Ora la legge è ferma in Senato. Quando sarà approvata anche in Italia saranno possibili class action come quelle statunitensi, ma fino ad allora chi dovrebbe tutelare il risparmiatore e garantire il rispetto delle regole di trasparenza e correttezza stabilite dalla legge, e la Consob su casi come quelli del my way e 4you cosa dovrebbe fare? ALESSANDRO PEDONE - Presidente ADUC Pronunciarsi chiaramente sulla illegittimità di questi piani finanziari. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Fabrizio Tedeschi, che ha per anni svolto, proprio per la Consob, il controllo di chi vendeva i prodotti, in un parere pro veritate ecco cosa scrive: "riteniamo che tutti i contratti e gli atti compiuti, siano affetti da nullità assoluta e quindi insanabile" ALESSANDRO PEDONE Presidente ADUC Nullo significa che, di fronte a un giudice che accoglie queste tesi, il contratto non può produrre effetti, quindi tutte le somme indebitamente percepite dalla banca dovranno essere restituite al cliente con gli interessi, la rivalutazione monetaria, le spese sostenute per l'azione, e questo è l'effetto della nullità del contratto. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE È la soluzione di una brutta vicenda per migliaia di risparmiatori, ma perché la Consob tace? ENRICO BATTAGLIA - licenziatosi da Banca 121 Qualcosa l'ha detta ma sono quelle cose che si dicono e non si dicono; cioè ha bacchettato le banche. È come se io ad un criminale gli dessi un buffetto. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Il signor Battaglia si riferisce a quanto detto dal presidente della Consob, Lamberto Cardia, lo scorso 8 giugno nella relazione annuale: "Cirio, tango bond e 121 venduti a risparmiatori inconsapevoli e con gravi lacune informative".Dice quel che può dire, perché secondo l'articolo 100 del testo unico della finanza, la Consob, sui prodotti come May way e For you, non ha alcun potere di verifica come su tutto quello che emettono banche e assicurazioni da tempo si discute su un progetto di legge che unifichi le regole, ma nessuno sembra aver fretta. E così al presidente della Consob non resta che raccomandarsi alle coscienze e chiedere più etica nei mercati, ma che vuol dire? Il presidente Cardia non ha voluto rilasciare interviste, abbiamo girato la domanda al professor Padoa Schioppa che della Consob ne è stato presidente, cos'è l'etica nella finanza? TOMMASO PADOA SCHIOPPA - Comitato Esecutivo BCE Settimo: Non rubare. AUTRICE Ma si ruba? TOMMASO PADOA SCHIOPPA - Comitato Esecutivo BCE Sì, ma bisogna che chi ruba ne paghi le conseguenze. MILENA GABANELLI Pagare le conseguenze significa almeno una cosa: la cattiva gestione dei soldi dei risparmiatori a vantaggio delle banche non deve fare curriculum. Allora ci poniamo una domanda: può il direttore di Banca 121, Signor Vincenzo De Bustis diventare direttore generale del Monte dei Paschi e a da lì Amministratore delegato di Deutch Bank? Nessuno mette in discussione le qualità manageriali del Signor De Bustis, ma è lecito porsi almeno la domanda? I truffatori sono sempre esistiti e nessun sistema moderno può pensare di sradicarli. Però può dotarsi di strumenti che consentono la scoperta veloce dell'imbroglio. E ritorniamo nel paese dove il denaro è un valore assoluto e non è il modello di ogni virtù. Negli Stati Uniti l'equivalente della nostra Consob è la Security Exchange Commission. Cosa fa quando un'azienda o una banca si comportano in modo non trasparente? GIOVANNI PREZIOSO - Procuratore Generale SEC La Security exchange commission, è un'agenzia indipendente istituita nel 1934 per controllare i mercati finanziari degli Stati Uniti. Ha il potere di punire coloro i quali commettono una frode. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE La Security exchange commission fu voluta dal presidente Roosvelt, per controllare la borsa dopo la crisi del 29. Fu lui a nominarne primo presidente Joseph Kennedy. Le sue felicitazioni al neo eletto furono le seguenti: "Per prendere un ladro ci vuole un altro ladro". GIOVANNI PREZIOSO - Procuratore Generale SEC Abbiamo ampi poteri di verifica, disponiamo di ispettori che controllano i bilanci e le procedure aziendali nell'attività finanziaria e usiamo molto le soffiate dei whistlblowers. AUTRICE Cosa sono i whistlblowers? STANLEY GROSSMAN - Avvocato Class Action Sono persone che si sentono in colpa per quello che hanno fatto, per i soldi che i risparmiatori perderanno per colpa loro e per questo decidono di parlare e denunciare le truffe delle loro compagnia. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE I whistleblowers letteralmente suonatori di fischietto sono dipendenti, manager o dirigenti che fischiano le cattive azioni della loro compagnia, della borsa e dei mercati, come ha fatto.. Repertorio Tg3 Sharon Watkins vice presidente di Enron, il colosso energetico, ha denunciato le incredibili manipolazioni contabili del gruppo 4 mesi prima dello scoppio dello scandalo e del successivo fallimento. o come… Repertorio Tg3 Cynthia Cooper, manager di Worldcom, gigante delle Telecomunicazioni, ha fatto scoprire come erano stati falsati i bilanci della società. STANLEY GROSSMAN - Avvocato Class Action Ci sono delle persone onorevoli in questo Paese che si fanno avanti e "fischiano", come diciamo noi. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Sono di certo brave persone, ma lo fanno anche perché possono farlo! STANLEY GROSSMAN - Avvocato Class Action I whistleblowers godono di ampia protezione. Possono rivolgersi alla SEC e se le loro informazioni sono fondate e utili nel recuperare il denaro dei cittadini, anche loro verranno ricompensati profumatamente. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE In che modo la Sec utilizza le rivelazioni dei whistblowers? GIOVANNI PREZIOSO - Procuratore Generale SEC Nelle azioni legali, perché La SEC ha il potere di condurre in prima persona le cause civili per i risarcimenti. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Vuol dire che non solo hanno il potere di fare indagini, ma anche di processare e condannare in sede civile i responsabili di eventuali truffe per risarcire il prima possibile i risparmiatori senza dover attendere i tempi della magistratura e della giustizia ordinaria , la Consob non ha questo potere. E non solo. GIOVANNI PREZIOSO - Procuratore Generale SEC Abbiamo il potere di far condannare i responsabili delle truffe e di impedire che in futuro continuino ad avere ruoli dirigenziali. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE E lo fanno. Nel caso Enron, 30 altissimi dirigenti sono finiti in manette e con loro Kenny Lay, strapotente, miliardario, uomo d'affari, presidente e fondatore di Enron, il colosso energetico crollato il 2 dicembre 2001 per falso in bilancio e un buco di 15 miliardi di dollari. Nell'anno orribile degli Stati Uniti, 20 mila dipendenti hanno perso il lavoro, migliaia di piccoli risparmiatori sono finiti sul lastrico e per Kenny boy, come lo chiamano i suoi più cari amici, Barbara e George Bush, non c'è stato nulla da fare: incriminato. GIOVANNI PREZIOSO - Procuratore Generale SEC Vogliamo che tutti sappiano che ci siamo, controlliamo e indaghiamo e, ove vi sia, troveremo l'illecito, in modo che chiunque abbia la tentazione di commettere delle violazioni sappia che noi lo scopriremo e non ci limiteremo soltanto a togliergli i soldi rubati, ma imporremo delle sanzioni e i costi saranno maggiori dei benefici. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Anche la Consob, come la Sec, ha il potere di dare sanzioni, ma per un massimo di… MANLIO PISU - Responsabile Relazioni Esterne CONSOB 101 mila euro. AUTRICE Posso pagarla anch'io volendo. MANLIO PISU - Responsabile Relazioni Esterne CONSOB Allora, il discorso è questo: queste sanzioni hanno qualche effetto di deterrenza per istituti bancari che fanno operazioni… VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Ci scuserà il dott. Manlio Pisu, responsabile delle relazioni esterne della Consob, se abbiamo rubato questa dichiarazione, ma ci sembrava utile, perciò andiamo avanti: massima sanzione 101 mila euro. Volete sapere a quanto ammontava la sanzione della Sec nel caso Worldcom? GIOVANNI PREZIOSO - Procuratore Generale SEC La sanzione imposta a Worldcom ammontava a 750 milioni di dollari, 500 milioni in contante e 250 in azioni della nuova Worldcom e ora questo denaro, anziché finire nelle casse del tesoro, grazie alla nuova legge, la Sarbanes Oxley, potrà esser utilizzato per risarcire le vittime. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Multa pensata e fatta: 750 milioni di dollari a disposizione dei risparmiatori perché anche qui, le leggi e i controlli non evitano comunque le truffe colossali, ma solo 6 mesi dopo Enron, era già pronta e in vigore una nuova legge, la Sarbanes Oxley, ovvero: più potere alla Sec e multe più alle compagnie perché il messaggio fosse chiaro a tutti. DARIO TREVISAN - Avvocato civilista La sanzione economica è ciò che spaventa il soggetto che commette la frode o che chiude un occhio su una frode perché è quello che gli colpisce ciò a cui lui mira. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE La sanzione è l'unica cosa che serve. E sapete cosa deve fare la Consob per far pagare 100 mila euro a una banca? MANLIO PISU - responsabile relazioni esterne CONSOB Una procedura che il legislatore ha voluto lunga, lunghissima e ipergarantista per il soggetto vigilato, la Consob formula al Ministero dell'Economia una proposta di sanzione. Se il ministero decide che effettivamente la proposta è sensata, si commina. Okay, finalmente parte la sanzione. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE E se non è d'accordo non parte. Ma non è tutto MANLIO PISU - responsabile relazioni esterne CONSOB Nota bene: le sanzioni possono essere comminate solo alle persone fisiche e non alle persone giuridiche. Questa è una assurdità pazzesca. Cioè, è un ordinamento fatto per non tutelare il risparmio, ecco. Però purtroppo questa è stata la volontà del legislatore, incazziamoci con… MILENA GABANELLI Con chi ce la dovremmo prendere se da noi è più grave masterizzare un cd che falsificare un bilancio o un prospetto informativo? Oggi sull'attività delle banche vigila, poco, la Banca d'Italia.. La Consob deve invece vigilare sul modo in cui i prodotti vengono venduti. Ma per essere efficace dovrebbe avere più uomini e più potere. Quel poco che ha però nessuno gli impedirebbe di usarlo. Infatti è appena stata multata per omessa vigilanza. E poi potrebbe esprimere un parere sul may way e 4 you . In una causa quel parere sarebbe importante. E le denunce alle banche per mancanza di trasparenza ormai intasano le procure. Nell'attesa che anche da noi ci sia questa benedetta legge sulla class action e sul risparmio tutti invocano l'etica negli affari, ma intanto libera volpe in libero pollaio. E puntuali rispuntano i mutui travestiti... DIPENDENTE CREDITO EMILIANO Allora, le spiego come funziona, per chi oggi dice "voglio oggi investire 20 mila euro sul mercato perché credo che da qui a 10 anni credo che i mercati possano migliorare, possano raddoppiare, triplicare. Bene, ma non ho questi soldi. Aderendo a questa forma di investimento noi le mettiamo a disposizione 19mila euro che adesso lei non ha. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Ricapitoliamo, la banca ci fa un prestito per investire subito in una polizza emessa da una sua assicurazione. Non essendo esperti in investimenti, prestiti e prodotti finanziari chiediamo aiuto ad un consulente per capire esattamente cosa ci stanno proponendo. STEFANO NORA - Consulente Finanziario In sostanza si contrae un mutuo per mezzo del quale si compra un investimento il quale viene poi come dire rimborsato in 10 anni da parte del contraente. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE In banca però di mutuo non si era parlato e leggendo il prospetto non abbiamo trovato riferimenti ad eventuali mutui. STEFANO NORA - Consulente Finanziario No, dal prospetto non si capisce, in realtà è un mutuo vero e proprio. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Torniamo al Credem, ma prima ci facciamo spiegare dal nostro consulente quali domande fare per sapere tutto quel che c'è da sapere. Insistendo molto anche in banca, alla fine, ci confermano che si tratta di un mutuo, e per i 19 mila euro avuti, ogni mese dobbiamo versare? DIPENDENTE CREDITO EMILIANO 221 euro per 10 anni perché la durata dell'investimento è di 10 anni AUTRICE Seguendo le indicazioni del nostro consulente chiediamo quanto verseremo in totale? DIPENDENTE CREDITO EMILIANO 221 per 120 sono 26 mila euro, 26500 euro. AUTRICE E che vantaggio ho? DIPENDENTE CREDITO EMILIANO Cioè 7500 euro sono gli interessi pagati per aver potuto investire una somma di 19 mila euro oggi. Il tasso al quale vi viene di fatto prestato questo denaro è il 7%. AUTRICE Ma non è un po' alto? Oggi la banca mi investe 19mila euro e io, in 10 anni, gliene restituisco 26 mila 500, non ci sembra un grosso affare! DIPENDENTE CREDITO EMILIANO Sull'investimento che viene fatto oggi la vostra aspettativa è che il finanziamento raddoppi, allora se avete investito 20 mila e vi è costato 26 mila, se avete l'aspettativa che raddoppi avrete fra 10 anni 40 mila. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Secondo questo signore io posso raddoppiare il mio investimento! Forse. Intanto con il nostro esperto, siamo andati a vedere come si è comportato negli anni precedenti il nostro investimento. STEFANO NORA - Consulente Finanziario Un contraente che ha acceso l'operazione nel 2001, parte in perdita secca. Qua è zero, in questo punto c'è il rendimento, quindi io vado in negativo fino all'8% per poi recuperare, cioè andare a rendimento zero dopo praticamente 3 anni e guadagnare qualcosina nel corso del quarto anno. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Cioè finora chi ha comperato capitale subito, sta pagando più di quel che rende, difficile pensare di raddoppiare come ci era stato suggerito, chiediamo, e dobbiamo chiedere, perché nulla ci viene detto direttamente, ma solo in risposta alle nostre domande, quali sono gli interessi minimi garantiti. DIPENDENTE CREDITO EMILIANO Un minimo garantito non c'è, c'è solo il capitale garantito. AUTRICE Cosa mi garantisce dalla inflazione, cioè…? DIPENDENTE CREDITO EMILIANO Niente, lei ha la garanzia del capitale. La banca le garantisce alla scadenza almeno i 19 mila euro iniziali. Poi è ovvio che un 30% di 19 mila euro viene investito sui mercati azionari, quindi se ci sarà un miglioramento migliorerà anche tutto l'investimento. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Lui non ha dubbi e io non devo preoccuparmi, perché, come continua a ripetermi, il 30% della mia polizza, investita in azioni potrà farmi guadagnare bene. Di fatto però non ho nessun interesse minimo garantito e nessuna difesa del capitale dall'inflazione. Si versano 26 mila 500 euro e se ne rianno di sicuro 19 mila, che tra 10 anni varranno quel che varranno. Questo almeno viene detto chiaramente nel prospetto? STEFANO NORA - Consulente Finanziario No, anche qui la trasparenza non è così trasparente, nel senso che una circolare Isvap disciplina anche come una compagnia deve dare pubblicità e dice "al fine di fornire adeguata e tempestiva informativa ai consumatori le imprese pubblicano nel proprio sito Internet le condizioni di assicurazione e la nota informativa delle polizze". VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE A differenza dei prodotti finanziari controllati dalla Consob, sui prodotti assicurativi e sulle compagnie di assicurazione chi detta le norme e vigila è l'istituto di vigilanza assicurazioni e previdenza, ISVAP. Si scarica? STEFANO NORA - Consulente Finanziario Se si va sul sito di Azuritalia non si scarica la nota informativa, questo per un problema procedurale; se si contatta il call center al numero verde, loro dicono che ci sono dei problemi tecnici. Può anche essere, però provando più volte io non sono mai riuscito a scaricarla; si scarica solo la locandina. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE No, non si scarica, ma poi alla fine a furia di provare una cosa la notiamo, qui, in fondo e scritta in caratteri molto più piccoli avvertenze: prima dell'adesione leggere la nota informative che il proponente deve consegnare. Andiamo in banca a chiederla. DIPENDENTE CREDITO EMILIANO Non c'è la nota informativa stampabile. Bisogna che ci risentiamo… VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Cerchiamo di avere qualcosa subito, ma… DIPENDENTE CREDITO EMILIANO Mi segnerei il vostro numero di telefono così da potervi richiamare non appena l'assicurazione mi dà una risposta. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Mentre aspettiamo abbiamo tutto il tempo di vedere cosa accade se chiediamo le stesse informazioni ad un call center di New York. Lo fa per noi un avvocato esperto in class action, il mastino della trasparenza. JOHN BALESTIERE - Avvocato Può dirmi l'ammontare delle spese per il fondo SNP500? OPERATORE Il costo è dello 0.35%. JOHN BALESTIERE - Avvocato Okay. OPERATRICE 18,14 dollari. JOHN BALESTIERE - Avvocato Okay, grazie, arrivederci. Questo è solo un esempio di come ottenere informazioni anche se non abbiamo una connessione Internet, basta una semplice telefonata. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE In Italia le cose non sono altrettanto semplici, ma alla fine, anche se non dalla banca, riusciamo ad avere la nostra nota informativa. STEFANO NORA - Consulente Finanziario Dice: "Azuritalia non garantisce alcun rendimento minimo né alcun capitale minimo". VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Risentiamo cosa ci hanno detto in banca… DIPENDENTE CREDITO EMILIANO Il 100% del capitale. Il 100% garantito. Lei ha la garanzia del capitale.. STEFANO NORA - Consulente Finanziario Cosa che viene più volte smentita dalla nota informativa. Azuritalia non garantisce né un rendimento minimo del fondo né la restituzione delle somme versate. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE E quindi alla fine cosa ho? STEFANO NORA - Consulente Finanziario Alcun rendimento minimo e neanche la restituzione delle somme versate. Viene da dire: quale è il vantaggio del contraente qui? Quale è? MILENA GABANELLI Il Credito emiliano non ha accettato il confronto e ci ha spedito questa lettera. Con la quale spiega che il contratto comporta l'assunzione di rischi finanziari per il contraente, non esiste garanzia contrattuale, non esistono garanzie di rendimento minimo. Potrebbe anche dare meraviglie ma è un investimento rischioso, che viene venduto come polizza vita il cui capitale sicuro è destinabile e figli e nipoti, e si chiama appunto "capitale subito". E adesso facciamoci un giro in posta. Fine parte seconda CONTINUA>>>>>>>>>>>

mc
Inviato: 18/10/2004 13:49  Aggiornato: 18/10/2004 13:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
parte terza PROMOTRICE FINANZIARIA Le Poste, per vendere prodotti finanziari e investimenti, fanno un corso di 2 giorni, 2 giorni di full immersion e gli basta per venirti a dire a te come investire i tuoi soldi: è una cosa gravissima, ma veramente grave! VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Da qualche tempo anche le poste, divenuta dal Maggio 2000 banco posta, oltre ai tradizionali buoni fruttiferi postali vendono obbligazioni e prodotti finanziari, proprio come le banche. PROMOTRICE FINANZIARIA La gente che vende alle poste non sa quello che vende. DIPENDENTE POSTE ITALIANE Noi abbiamo delle obbligazioni…Mi garantisce il capitale alla scadenza che io ho investito… AUTRICE Che vuol dire "le obbligazioni non sono coperte dalla garanzia del fondo interbancario di tutela dei depositi"? DIPENDENTE POSTE ITALIANE Cioè teoricamente vuol dire… cioè… cioè… non sono coperte. Per quello che ne so io sono tranquille. Questa qui forse è una novità della nuova trasparenza. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Lasciamo stare. Reload banco posta è una obbligazione della Bnl venduta da banco posta e legata a 4 indici azionari, lo Standard & Poors americano, l'Eurostok, il Nikkei giapponese e quello svizzero. In base a come si comportano questi indici avremo interessi più o meno alti, ovvero più o meno soldi. PROMOTORE FINANZIARIO Vaglielo a chiedere agli impiegati della posta come calcoleranno gli interessi su queste obbligazioni strutturate. Tu vaglielo a chiedere a quelli delle Poste, "senta, lei mi propone questa obbligazione, questo tipo di investimento, mi dice poi quali saranno gli interessi alla fine?" E loro ti dicono… DIPENDENTE POSTE ITALIANE Se gli indici stanno sempre oltre il -10 sotto prendiamo il minimo… Cioè il 4,40% perché c'è una cedola fissa, iniziale, del 2,70 e un minimo dello 0,85 per il secondo e terzo anno. AUTRICE Quindi riprendo tutto il capitale più il 4,40 sul capitale intero. DIPENDENTE POSTE ITALIANE Questo se le cose vanno male. Poi, se le cose vanno bene, gli indici sono cresciuti o sono rimasti uguali, ci dà il 2,70 il primo anno; il secondo anno rimangono lì, 3,50 e 3,50 anno per anno, e quindi prendiamo l'11,40. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE No, un momento 2,70 + 3,50 e 3,50 non fa 11,40, ma 9,70 come ci arriva all'11,40? Però anche sul depliant che troviamo negli uffici postali c'è scritta la stessa cosa anzi c'è addirittura la possibilità di arrivare alla fine del terzo anno al 12,25. Ma come lo calcolano? DIPENDENTE POSTE ITALIANE C'è un effetto medio. Che cosa succede? Che abbiamo preso il primo anno la cedola… VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE Risparmiamo ai telespettatori ore di calcoli ma per avere un'idea dell'empase nella quale ci siamo trovati, ecco qua DIPENDENTE POSTE ITALIANE Cioè somma il tutto; per fare il 7,85 dobbiamo prendere il 2,70, il 3,50 del secondo anno e fa 9,75… però ho fatto un casino, ne ho fatto uno in più. 7,05…è lo 0,80 dopo che aggiunge. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE E non arriviamo ancora all'11,40. Ci riproviamo ancora e ancora in questo e in altri uffici postali e poi alla fine la conclusione: DIPENDENTE POSTE ITALIANE Allora, sui 5 anni mi veniva, sui 3 anni perdo qualche voce, qualche centesimo, non riesco a capire perché. Allora, 3,50 dell'ultimo anno più 0,85 mi fa 7,90. Non vorrei che ci fosse un errore di stampa perché secondo me deve fare il primo anno… VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE Un errore di stampa, forse no, o forse si perché poi guarda un po'… BEPPE SCIENZA - Docente Matematica Università di Torino Guarda un po', nel documento ufficiale di sintesi, redatto anche in base alle norme del Testo Unico sulle leggi in materia bancaria e creditizia, non è indicato questo tasso complessivo pluriennale. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Se infatti invece del depliant pubblicitario si va a leggere il prospetto redatto in base alla norma di legge il totale di 11,40 non compare. BEPPE SCIENZA - Docente Matematica Università di Torino Ma non viene fatto nemmeno quello che in questi casi bisogna fare, dare comunque quello che è il tasso annuo effettivo. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Che è un po' diverso, perché di sicuro quello che ci rendono ogni anno è l'1,46 lordo, meno dell'1,30 netto. Certo, si può guadagnare anche di più, fino al famoso 12, ma con quali probabilità? BEPPE SCIENZA - Docente Matematica Università di Torino Si può fare un ragionamento, che chi lo ha messo in vendita ha fatto il conto che non fossero tanto alte, sennò non lo avrebbe fatto, ecco, tenendo conto che chi emette questi Titoli, in particolare qui è la Banca Nazionale del Lavoro, lo fa per approvvigionarsi di denaro a un prezzo per lei conveniente. STEFANO NORA - Consulente Finanziario C'è uno studio fatto da No Risk, dove si evidenzia che ho il 4% di probabilità di prendere la performance massima indicata. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE Il 4%, piuttosto bassa. Ma non c'è niente di meglio? BEPPE SCIENZA - Docente Matematica Università di Torino Le Poste continuano ad offrire uno dei prodotti migliori per chi non abbia grandi, ma ripeto, grandi, grandi competenze finanziarie. Sono i Buoni Postali Fruttiferi ordinari. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE E a noi perché non li hanno proposti? BEPPE SCIENZA - Docente Matematica Università di Torino Credo che guadagnino di più a vendere gli altri prodotti, fare un'offerta a tutto campo di roba invero tutta da scartare, anche se non bidoni ma da scartare. MILENA GABANELLI Cosa ci guadagna un risparmiatore a comprare in posta un prodotto della BNL? Nulla, e in compenso ci deve anche pagare una commissione in più. Dovrebbero consigliare i buoni fruttiferi, sarebbe un buon investimento per noi, ma le Poste ci guadagnano poco! E poi bisogna allargare il mercato delle banche e arrivare al portafogli del pensionato, e a lui si racconta che le obbligazioni danno sempre un rendimento massimo, quando invece le probabilità non superano il 4%. Ma oltre alle banche e le poste ci sono anche le grandi reti di vendita, come Fideuram, Ras, Unicredito, e Mediolanum. Gestiscono il nostro denaro e anche loro ci devono guadagnare qualcosina, e il personale deve trovare i clienti suonando il campanello. Quindi deve essere molto motivato. Caricato diciamo. Video redazionale Mediolanum ENNIO DORIS - Presidente Banca Mediolanum Un saluto agli eroi, siete degli eroi! Nessuno è come voi ENNIO DORIS - Presidente Banca Mediolanum Noi siamo i numeri uno, nessuno è stato capace in quello che abbiamo fatto noi. Voi siete i veri highlander, indistruttibili. AUTRICE A che cosa serve? Cos'è? ENNIO DORIS - Presidente Banca Mediolanum Vede, l'atteggiamento mentale delle persone in tutte le attività è determinante sulla capacità della persona di dare il meglio di sé. Video redazionale Mediolanum ENNIO DORIS - Presidente Banca Mediolanum Sapete io, presidente di una banca, come reagisco a bandiera bianca su banca Mediolanum? Volete saperlo? ENNIO DORIS - Presidente Banca Mediolanum Una persona triste, sfiduciata, è una creatura straordinaria in potenza senza benzina, che non può essere messa in moto. Video redazionale Mediolanum ENNIO DORIS - Presidente Banca Mediolanum Con una pernacchia! avete capito ragazzi? Con una pernacchia reagisco! Noi siamo diversi, sappiamo ridere di noi stessi, abbiamo i valori in mano!! AUTRICE Quella come ce la spiega? ENNIO DORIS - Presidente Banca Mediolanum Una persona che ha un atteggiamento nei confronti della vita positivo allora è in grado di usare quella creatura straordinaria che è dentro di lui. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE E Ennio Doris il meglio di sé lo ha sicuramente dato. Ha cominciato vendendo polizze più 30 anni fa con la moglie come segretaria e oggi possiede il 37% di tutto l'affaire Mediolanum, che solo l'anno scorso ha dato 129 milioni di euro di utili che al gruppo Doris hanno fruttato. ENNIO DORIS - Presidente Banca Mediolanum Abbiamo incassato dividendi io e la mia famiglia per 25 milioni di euro. AUTRICE Ha anche uno stipendio? ENNIO DORIS - Presidente Banca Mediolanum In realtà io prendo un 500 mila euro di emolumenti per le varie cariche che ho. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE Rende bene il risparmio gestito, ossia polizze, fondi pensione, piani di accumulo azioni o obbligazioni, ma per gli esperti questo è vero solo per chi li vende perché chi se li compra, ogni anno ci rimetterebbe niente meno che... BEPPE SCIENZA - Docente Matematica Università di Torino Studi tipo quelli di Mediobanca mostrano che la perdita spesso è anche del 4%-5% l'anno. BEPPE SCIENZA - Docente Matematica Università di Torino Nei costi che in qualche modo vengono addebitati ai clienti. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Sono finiti nelle commissioni che paghiamo a chi ci gestisce i soldi anziché nel capitale investito, cioè in quello che il risparmiatore paga, perciò alla fine tutto un paese avrà risparmiato meno, ma qualcuno è diventato più ricco. ENNIO DORIS - presidente Banca Mediolanum Beh, io credo che siano affermazioni non corrette. AUTRICE Perché, i prodotti Mediolanum non hanno costi? ENNIO DORIS - Presidente Banca Mediolanum Guardi… c'è stato un grande quotidiano finanziario italiano che ha fatto una indagine su tutte le più importanti società italiane, su tutto quello che chiamano TIA, che è il costo totale che il cliente paga per tutti i fondi di quella società. Il costo dell'industria italiana annuo: 2%; nel nostro caso: 1,9%, leggermente sotto la media ma molto vicino; e questi li comprende tutti - azionari, obbligazionari, monetari, costi d'ingresso, costi di gestione, costi di performance etc. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Ne prendiamo atto, meno cari degli altri, ma volete sapere quanto fa quel 2%, anzi l'1, solo l'1%? BEPPE SCIENZA - Docente Matematica Università di Torino Sono, e sono anche di più, 10 miliardi di euro, il che vuol dire che ogni anno il danno procurato dal risparmio gestito è molto maggiore delle perdite di Argentina, Cirio, Parmalat, Giacomelli, My Way e 4 You tutte messe insieme. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE 10 miliardi, in realtà 20, tutti sottratti ai risparmi di un paese. Vogliamo risentire quanto costava negli Stati Uniti? OPERATORE 0.35% VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE 0,35%, meno di un quinto e magari non è nemmeno il più economico, il fatto è che negli Stati Uniti pensano che i soldi siano di chi ce li mette, del risparmiatore, in Italia invece l'ottica è un'altra. LOREDANA RAUCCI - promotrice finanziaria Nell'ottica di fare del bene al promotore e alla società naturalmente. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE La signora... è una promotrice finanziaria, ha lavorato sia in banca che per una rete finanziaria e questa la sua conclusione. LOREDANA RAUCCI promotrice finanziaria I due mondi sono estremamente simili, in quanto il promotore è un venditore, ma anche il bancario non è un consulente bensì si limita a vendere i prodotti imposti dal budget. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Ciò che importa non è il cliente e il suo risparmio, ma il profitto dell'azienda, stufa di questo la signora Raucci ha deciso di dare una bella fischiata al sistema e come fa qualche americano, ha raccontato come lavorano le compagnie, quello che di solito non si dice. LOREDANA RAUCCI - promotrice finanziaria Vengono prediletti i prodotti caratterizzati dall'essere abbastanza costosi rispetto alla gamma dei prodotti finanziari in generale, dall'essere poco trasparenti ed estremamente sofisticati. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Roba cara e di cui si capisce poco, ma il cliente non avrebbe, per legge diritto alla trasparenza e alla correttezza? LOREDANA RAUCCI - promotrice finanziaria Di fatto non è così, perché secondo uno dei detti più famosi il prodotto meno si conosce e più è facile venderlo. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Le insegnavano questo? LOREDANA RAUCCI - promotrice finanziaria È esatto. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Lei dice che per le compagnie il cliente va spremuto e ingannato, vediamo cosa ne pensa il presidente di Assoreti, l'associazione di categoria. PRESIDENTE ASSORETI Non posso, non posso assolutamente invitare i promotori a violare la legge, non dirò mai a un mio promotore "colloca un prodotto inadeguato". VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE Questo lei e gli altri? PRESIDENTE ASSORETI I provvedimenti repressivi sono pochi, il che significa che sostanzialmente il sistema regge e vi è una sostanziale osservanza delle disposizioni. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE Certo può voler dir questo o può voler dire che i controlli sono pochi. MANLIO PISU - Responsabile Relazioni Esterne CONSOB Io ti dico, alla vigilanza degli intermediari sono, credo, 18, questo ordine di grandezza, per 1000 intermediari. Sai che significa? Alla vigilanza sui promotori - 66mila promotori - sono, boh? Una quindicina. Questi sono i numeri. La questione del rafforzamento della Consob è prioritaria, cioè se non c'è quella ma di che stiamo a parlare? MILENA GABANELLI A controllare che 66 mila promotori si comportino bene e non diano fregature ci sono i 15 uomini della Consob, cioè ognuno ne dovrebbe tenere d'occhio 4 mila 500. Missione impossibile! È chiaro che non tutti i promotori sono dei disonesti, infatti le segnalazioni dalle quali è partita la puntata di questa sera lo dimostra. Franco, Maria, Luisa ci hanno scritto che dopo anni passati a cercare di portare a casa lo stipendio senza troppi danni per il cliente , adesso non ce la facevano più a salvare capra e cavoli. La loro compagnia Alleanza Assicurazioni chiede troppo. Cosa vuol dire? L'unica modo per saperlo è quella di diventare agenti e Giovanna Corsetti l'ha fatto. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Una mattina partiamo e andiamo a trovare chi ci aveva scritto: Maria, la incontriamo nel suo ufficio e comincia a raccontarci. MARIA Io questo coso non l'ho venduto perché a me mi fa schifo, perché me lo sono andato a studiare, ma questa sono io, gli altri 10 mila collaboratori, dice "sì, quanto guadagno? Vabbé, vado" VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Invece di andare subito dal capo a chiedere che cosa fa tanto schifo a Maria, decido di entrare dalla porta di servizio e di mettermi a fare l'agente assicurativo per vedere come si vive nelle agenzie. Molte delle cose anticipateci da Maria, come vedremo, risulteranno essere vere. MARIA Tu ti trovi lì che questi stanno con la bava alla bocca perché non gli pare vero che gli arriva un collaboratore sveglio, perché poi vedono che chiacchieri, fai, dicono "abbiamo vinto al Totocalcio." AUTRICE Volevamo sapere, signora, se cercate gente Promotrice Alleanza. ALLEANZA ASSICURAZIONI Si perché noi ci avvaliamo di collaboratori esterni, tutti quanti siamo partiti come collaboratori esterni e poi piano, piano… MARIA Tu entri, pigliano a te, a lui, a chiunque, ti fanno "ah lei può fare carriera, noi la potremo assumere"; invece poi ti assumono dopo 2-3 anni perché nel frattempo ti sfruttano… PROMOTORE FINANZIARIO Cioè voglio dire da noi esiste realmente l'assunzione, la tredicesima, la quattordicesima, le ferie pagate, però, l'Alleanza prima di assumere un dipendente che poi gli deve dare uno stipendio fisso, la persona o vale o... MARIA Allora, tu ti impegni i primi mesi, poi ti accorgi che i soldi non sono quelli che ti avevano promesso, la carriera richiede tempi lunghissimi, ti alzi e te ne vai. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Per anch'io me ne vado, ma prima di congedarmi. PROMOTORE FINANZIARIO Gli dai una lettera di nomina per uno, così dopo se la leggono. Poi gli dai anche un TuttoProdotti e loro incominciano a leggere, gli dico io quello che devono leggere. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Torno il giorno dopo per iniziare la formazione PROMOTORE FINANZIARIO Allora avete studiato un po'? AUTRICE Un po' si. MARIA Se ci hai culo ti fanno fare un corso di formazione di tre giorni, tre mattine, AUTRICE Se no niente, a digiuno? MARIA Altrimenti te li spiega il responsabile, il capo settore che ti seguirà, ti spiega, ti dà una infarinatura, tu non ci capirai quasi niente perché un'infarinatura è un'infarinatura. PROMOTORE ALLEANZA Qui da noi, non facciamo tre mesi di stage pe poi incomincià a lavorà, perché se no i soldi li vediamo dopo 6 mesi, qui da noi cerchiamo di fare tutto in contemporanea, la mattina se fa un po' di formazione, secondo me dovete incomincià a provà. AUTRICE Come? PROMOTORE ALLEANZA L'importante se io ho un contatto, cioè conosco delle persone che hanno anche possibilità, "guarda, sto in una società che offre anche servizi finanziari, te posso venì a trovare?".Punto, Di che si tratta? Preferisco venirte a trovare. AUTRICE Farlo sentire assistito. PROMOTORE ALLEANZA Ma più che assistito, noi ci dobbiamo fa i contratti. MARIA T'ammollano lì una zona di 50 clienti e ti portano a fare le trattative. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Però prima qualcosa me la spiegano. PROMOTORE ALLEANZA Anche nella semplice telefonata, nel semplice appuntamento, ci sono delle strategie. AUTRICE che faccio spiego che ho appena cominciato? PROMOTORE ALLEANZA No, no tu gli devi dire che sta a fa l'esame, non c'hai ancora il mandato dalla CONSOB, non è vero, una bugia a fin de bene, no? VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Ma per il bene di chi? Del cliente che si becca una un po' bugiarda e molto incompetente su prodotto e vendita, perché di fatto la formazione non l'ho fatta. MARCO CASU - Direttore generale Alleanza assicurazioni Non abbiamo mai detto, né ci sogniamo di dire che la formazione non si deve fare, anzi è un momento costitutivo del rapporto con i nostri neocollaboratori. AUTRICE Certo si farà pure, però a me danno subito a lavorare AUTRICE Pronto buongiorno la chiamo da Alleanza e volevo sapere quando era possibile passare per sistemare il mese di agosto? E se le dicessi che io sono stata da alcuni suoi clienti da alcuni risparmiatori. SIGNORA Quanto abbiamo detto? AUTRICE 384 e 76 centesimi SIGNORA Mo speriamo che c'ho i centesimi, mo vado a vedere. AUTRICE Ho ritirato i soldi e non avevo nemmeno dato i documenti alla sua agenzia. MARCO CASU - Direttore generale Alleanza assicurazioni Mi spiace sentirlo, non è previsto ed è quindi un'attività questa, che, se verificata dai noi controlli è sanzionabile. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Quella volta lì non hanno controllato, andiamo avanti. AUTRICE Siamo di Alleanza PROMOTORE ALLEANZA Alleanza è fa polizze a pagamento mensile con incasso a domicilio. Dice perché questa rottura? Perché questo ci permette di tenere caldo il rapporto con il cliente, ripetutamente nel tempo e ovviamente noi non andiamo a casa sua per fare un servizio gratis, andiamo a casa sua per fare un servizio di consulenza. PROMOTRICE ALLEANZA Ogni volta che gli stacchi la ricevuta al cliente, il cliente ha un costo. PROMOTORE ALLEANZA Il prodotto meno costi ha per il cliente, più guadagni ha per il cliente, meno vantaggi ha per noi è?! AUTRICE Quindi praticamente il cliente dà 100 euro, da questi 100 euro vengono decurtati i costi a secondo delle varie voci. PROMOTORE ALLEANZA Però noi non gliele dobbiamo spiegare tutte queste cose al cliente, perché non è questo che il cliente vuole sapere. CLIENTE Io gliene ho dati 50?! MARIA In questo settore è così, quello che più paga, più viene venduto. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Quello che ho capito è che bisogna vendere il prodotto che è interessante per la compagnia e le mie provvigioni, il cliente deve solo mettere mano al portafogli, per il resto meno sa, meno capisce e meglio è. Nelle convenction di alleanza la considerazione per il cliente però è un'altra. Video redazionale Alleanza assicurazioni Hanno successo solo le organizzazioni che sanno puntare fortemente sull'etica e l'integrità SANDRO SALVATI - Presidente Alleanza Assicurazioni Mi sgolerò, fino all'ultimo della forza delle mie corde vocali per dire ancora che considero il mestiere di Agente, di Agente Generale, in assicurazioni uno dei mestieri più belli del mondo. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE E secondo il presidente di Alleanza Sandro Salvati la bellezza sta tutta nel rapporto con il cliente! SANDRO SALVATI - Presidente Alleanza Assicurazioni Un rapporto tra 2 persone chi deve scegliere consapevolmente e chi, il consulente deve mettere in condizione consapevole il cittadino, attraverso una consulenza chiara e trasparente. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Nelle agenzie dove sono stata io però, tutta questa trasparenza non si è vista e la trattativa a cui un amico si è gentilmente prestato è andata così. CLIENTE Volevo capire di quei 300 euro che vi do, li investite tutti? PROMOTRICE ALLEANZA Certo! VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Ha detto certo rifacciamo la domanda. CLIENTE Volevo capire che costi ho, dai 300 euro non vanno tolti dei costi? PROMOTRICE ALLEANZA No, considera che ci sta uno 0,50 euro sui diritti di incasso. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Ora qualcosa ha tolto, il mio amico, adeguatamente addestrato, rifà la domanda. CLIENTE È tutto, solo lo 0,50 di costi? PROMOTRICE ALLEANZA Ci sta un altro 3% di costi, poi il resto viene investito tutto. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Ci fermiamo qui, ma chissà, continuando a chiedere a quanto sarebbero arrivati i costi, ma il cliente non deve sapere, ormai lo ho imparato anch'io! Nei giorni trascorsi nelle agenzie di Alleanza si parlava molto di un obbiettivo aziendale, per il quale si promettevano premi alle agenzie, il progetto partner. AUTRICE Cos'è il progetto partner? MARCO CASU - Direttore generale Alleanza assicurazioni Il progetto partner è un progetto attraverso il quale noi abbiamo chiesto in assoluta trasparenza, ad alcuni clienti del nostro portafoglio, di trasformare le polizze, utilizzando la nuova gestione separata che è l'euro San Giorgio, più dinamica, più flessibile che ha investimenti più remunerativi. AUTRICE Il cliente quindi avrebbe tutto da guadagnarci, ma chi l'euro San Giorgio lo deve vendere dice altre cose. MARIA Io, se tu mi dai 100 mila euro, non te la vendo, a me! Però quegli altri…cioè, tu immagina di essere uno che guadagna solo da questa cazzo di Alleanza ti vengono a dire "vendi questo prodotto perché è buono". Tu magari, non sei neanche tanto esperto di finanziaria etc. Mi hanno detto che lo pagano bene, perché non lo devo vendere? Se tu sei un professionista e lo fai come si deve tu arrivi dal cliente e gli vendi quello che gli si addice. Se tu invece pensi solo come arrivare alla fine del mese e hai le pressioni dall'alto che ti dico deve vendere devi vendere, tu vai a vendere questa. Questo è il cavallo di battaglia. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Ma Maria non è la sola a vedere le cose così, un giorno in una chiacchierata tra colleghi qualcuno comincia a sfogarsi. GIORGIO Loro fanno questo ragionamento: tu hai un fondo, il vecchio fondo, che ti garantiva il 4%; male che andava tu dovevi avere per forza il 4%, rischiavi poco. MARIA Siccome il fondo nel quale l'azienda sta investendo 'sti soldi dei clienti sta dando meno, allora non vuole rischiare di dovergli pagare di più di quello che il fondo effettivamente gli renderà. GIORGIO Ora, loro dicono "c'è un altro fondo", si inventano, "nel futuro andremo benissimo, prenderemo il 7%, il 10%, il 15%" a parole, "però c'è un altro fondo; non ti possiamo dare più il 4%, ti possiamo garantire il 2%, però questo fondo è legato all'euro, all'Euro San Giorgio, non più al fondo San Giorgio che era una garanzia. Cioè la possibilità di prendere il 4% ci metti proprio una croce nera, finito, non lo prendi più. AUTRICE È comprensibile però che una compagnia non voglia rimetterci? MARIA Tieni conto che lei comunque non ci rimette, perché comunque si è tenuta i costi, vuole guadagnarci di più. AUTRICE E come fa? MARIA Si deve sbolognare dal groppone queste polizze che se arrivano in scadenza e i tassi continuano ad essere questi non gli sta bene. AUTRICE Paga troppo. MARIA Paga troppo al cliente, quindi si deve sbolognare questa rogna prima possibile. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Secondo alcuni promotori e agenti di Alleanza la compagnia vorrebbe che loro convincessero chi ha una polizza che rende il 4% sicuro a farne una che rende il 2, cioè la metà, ma come pensano di convincerli? GIORGIO Quale vuoi? La consulenza spicciola o la consulenza proprio precisa, formativa, per farti fessa? Quale delle due consulenze vuoi? Quella là al 90% stracciata che fanno tutti quanti o vuoi quella del consulente che ti dice tante belle cose ma ti fa fessa? VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Consapevoli dei nostri limiti scegliamo la consulenza per ignoranti? GIORGIO Signora, senta, ora c'è un nuovo fondo che è meraviglioso; il vecchio ormai - l'ignorante - state a sentire a me, questo è un contratto buonissimo perché ora attingete gli interessi su un fondo europeo. Ottimo, infatti vedete, sta scritto 2% qui. Il cliente mica va a ricordare che il suo tasso tecnico era il 4%, mica va a ricordare altre cose; e questo sicuramente ve lo diamo. AUTRICE Ma se io ti dico "mi pare di ricordare che una volta io ci avevo il 4%? GIORGIO Sì signora, ma il 4% che voi avete avuto è fisso, mentre questo qua è flessibile, il 2% è garantito e può arrivare pure al 7-8 perché l'euro, lei saprà…e tante altre cose che si sciorinano. VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Parole che tornano durante una reale trattativa di Alleanza sul progetto partner. PROMOTRICE ALLEANZA Il progetto Partner è una cosa molto buona perché quello che il cliente ha maturato, tolte le spese, viene poggiato su un fondo Euro San Giorgio a maturare interessi, macina interessi su interessi, gli interessi, poi vengono reinvestiti e quindi è una cosa… VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTRICE Lo stesso ci ripetono in Alleanza. MARCO CASU - Direttore generale Alleanza assicurazioni C'è la ragionevole presunzione che, a scadenza, possa consentire al cliente di ottenere un capitale superiore. AUTRICE Mi faccia capire voi ad una persona che ha un rendimento minimo garantito del 4% oggi proponete un rendimento minimo garantito del 2% dicendo che comunque la flessibilità gli farà avere più del 4. MARCO CASU - Direttore generale Alleanza assicurazioni Certo, certo, non c'è garanzia e questo è chiaramente scritto. MARIA C'è scritto, ma, se io te l'ho impastrocchiata talmente che una firma in più non cambia nulla ma quella firma in più, servirà poi a loro per dire al cliente "hai firmato, hai messo una firma in più… che vuoi?". MILENA GABANELLI Il contratto non bara , e questo vale per le banche e per le compagnie di assicurazioni, ma nessuno di noi capisce granché e quindi quello che fa La differenza è come ti viene raccontato. E qui siamo nelle mani di chi ce lo vende. Ogni contratto è una commissione, che sarà tanto più alta quanto più sarà conveniente per la compagnia. E la compagnia o la banca indipendentemente da quel che vende si accaparra in media il 2% di costi, il 500% in più rispetto a Stati Uniti ed anche alla Svizzera. Su questo fatto che si mangia ogni anno 20 miliardi di euro dai nostri risparmi nessuna legge e nessuna discussione ha mai messo il dito. L'avidità è senza fine, chissà se Giovanna Corsetti continuerà a lavorare per noi o cambierà mestiere. Se volete dare un occhio ai vecchi argomenti e ai prossimi trattati... www.report.rai.it mc

miradio
Inviato: 8/3/2005 23:11  Aggiornato: 8/3/2005 23:11
Mi sento vacillare
Iscritto: 27/8/2004
Da:
Inviati: 513
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
E' bello tenere caldi certi argomenti, fa bene alla civiltà. Detto questo vorrei apportare l'esperienza diretta relativamente a pratiche giornalistiche. Un giornalista veramente libero non esiste. Se un giornalista vuole cambiare il mondo probabilmente è di sinistra e probabilmente deve arrivare a fine mese di conseguenza non si sputtana il posto. Se un giornalista può permettersi di restare disoccupato probabilmente è ricco sfondato e non ha interesse a cambiare il mondo(e tipicamente non è di sinistra). Conosco tanti giornalisti (anche la Gabanelli) e quelli veramente con le palle e senza timore di alcuno in questo momento stanno penando a guadagnare qualche centesimo. La Gabanelli stessa vive nel dubbio che ogni edizione sia l'ultima, non essendo assunta. Ciò non toglie che se un giornalista non rischia sia (necessariamente) una persona schifosa. Semplicemente non è un grande eroe. [ Modificato da miradio Attivo 9/3/2005 9:07 ]

"...che il gregge si trasformi in branco... È questo l’incubo dei potenti"
(Ernst Junger)
Lillina
Inviato: 9/3/2005 1:14  Aggiornato: 9/3/2005 1:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/2/2005
Da:
Inviati: 36
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
Visto e considerato che si sta discutendo di giornalisti vorrei farvi notare che non tutti sono uguali. C'è chi scrive faziosamente, chi continua a seguire la linea dl giornale e ciò è comprensibile per un giornalista professionista, altrimenti perde il posto.E chi scrive per passione, come nel mio caso, ma io non sono mai stata faziosa e difatti sono stata elegantemente licenziata da un paio di quotidiani nazionali. Ho avuto tre aggressioni da parte di alcuni angioletti che non hanno gradito i miei articoli, però ho continuato a scrivere ciò che penso e sono sotto la protezione della Digos, perchè le catene fanno molto male sulla pelle. Indi, Miradio, io non sono una giornalista schifosa perchè oso sempre e non ci penso neppure a passare per un eroe. Ho scelto questo lavoro e lo faccio con passione, costi quel che costi. Lillina

Redazione
Inviato: 9/3/2005 6:49  Aggiornato: 9/3/2005 6:49
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
LILLINA: Tutto il mio discorso parte dalla bugia dell'11 Settembre. Io sostengo che chiunque voglia davvero informarsi sui fatti di quel giorno NON PUO' continuare a sostenere che stiano stati i 19 scagnozzi di bin Laden, ma deve ammettere che si è trattato di un vero e proprio delitto di stato. Senza se e senza ma. A questo punto, qualunque giornalista scriva un articolo che conferma in qualche misura quella bugia, validandola, se ne rende complice. Conoscendoti, però, io sono certo che se tu hai per caso confermato implicitamente quella bugia, nei tuoi articoli, lo hai fatto senza aver approfondito la faccenda. Altrimenti - come credo - per te il caso non si pone proprio. Io non ti ho mai chiesto cosa tu pensi delle responsabilità dell'11 Settembre, ma forse a questo punto è il caso che lo faccia. (Nel caso, sappi che avrai a disposizione un "cicerone" particolare, che sarà onorato di illustrarti i veri aspetti della faccenda che magari non conosci ancora). Massimo

miradio
Inviato: 9/3/2005 9:03  Aggiornato: 9/3/2005 9:03
Mi sento vacillare
Iscritto: 27/8/2004
Da:
Inviati: 513
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
Opps vorrei scongiurare altri disastri ambientali: Il mio giro di parole in effetti era contorto: Se un giornalista non rischia non significa che sia una persona schifosa, questo è il pensiero, scritto ad ora tarda... Ci mancherebbe. Lei comunque, Signora, mi conferma che se un giornalista non ha una base economica solida alle spalle non può farsi licenziare così allegramente? Queste riflessioni, poi, conducono ad una considerazione futuristica. Possibile che tanti giornalisti bravi e licenziati non trovino un' editore, fosse anche sul web? Cosa ci vorrebbe ad aprire un mini giornale informatico sul web sostenuto da un abbonamento popular? Ci sono problemi tecnici o solo carenze di intraprendenza e coraggio?

"...che il gregge si trasformi in branco... È questo l’incubo dei potenti"
(Ernst Junger)
fiammifero
Inviato: 10/3/2005 9:54  Aggiornato: 10/3/2005 9:54
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/2/2005
Da: ROMA
Inviati: 5691
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
Cosè questa favola della libertà di stampa e dei media? Ammesso e non concesso che esita,dove mettiamo il condizionamento individuale ricevuto dall'educazione,dal contesto socio-culturale e religioso vissuto? Nessuno ne è indenne e se lo porta appresso,e consapevolmente o inconsapevolmente ed agisce di conseguenza perchè è in grado di fornire solo la sua verità,le sue certezze. Non si è mai visto in un articolo la sua smentita insieme!!!!!!!!!!!! Ognuno diventa vittima e carnefice del proprio pensiero. So di fare della spicciola filosofia,comunque quello che è evidente ai miei occhi mi fa dubitare di tutto e di tutti e mi tiene perennemente in crisi ,perchè è bello avere delle certezze!!!!!!!!!Sono una spece di San Tommaso!!

Citazione:
le cose di cui ci sentiamo assolutamente certi non sono mai vere (Oscar Wilde)
Leopold
Inviato: 14/3/2005 0:09  Aggiornato: 14/3/2005 0:09
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/7/2004
Da:
Inviati: 207
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
Miradio's Citazione:
Se un giornalista vuole cambiare il mondo probabilmente è di sinistra
Due domande: 1.Io voglio cambiare il mondo e non sono di sinistra nè di destra, come facciamo? 2.Se è vero quello che dici perché NESSUN giornale di sinistra ha mai parlato di signoraggio o del colpo di stato dell'11/9? Paura di perdere lo sponsor? Citazione:
Conosco tanti giornalisti (anche la Gabanelli) e quelli veramente con le palle
Se davvero conosci la Gabanelli e altri giornalisti con le palle e con gli uteri chiedigli una cosa: Ci fate o ci siete? Ti faccio un esempio: Il 14/10/2003 è andata in onda una memorabile puntata di Report intitolata Il Ballo dell'Indebitato, lo scopo della puntata è spiegarci a noi ignorantoni le origini del debito pubblico, ecco le conclusioni: ReportCitazione:
AUTRICE Ma se guardiamo bene, alla fine di tutto questo discorso cosa c'è? MARCELLO DE CECCO - economista Alla fine di tutto questo discorso c'è un buco fiscale. Quindi noi abbiamo questo gap di evasione, che più o meno è stato calcolato conservativamente essere equivalente al debito pubblico.
Aaaaah! Avete capito! Il problema non è che le banche centrali (che sono private) stampano denaro dal nulla e ce li prestano indebitandoci all'infinito ma che gli italiani non pagano le tasse! Che giornalisti d'assalto! Che lavoro approfondito!Loro si che hanno le palle! Sentite che belle frasi: Citazione:
- Se italiani fossero meno cialtroni, avemmo anche meno problemi di debito pubblico? MARCELLO DE CECCO - economista Eh lo so, ma se gli italiani sono cialtroni che vogliamo fare? Come si fa a non farceli essere? AUTRICE Come si fa a convincere il popolo a pagare le tasse?
Ma che domande sono? Facciamo intervenire i caschi blu! Ma sentiamo la perla finale di Milena(quella con le palle, giusto?):Citazione:
Quindi se il cittadino per primo non ha il senso dello Stato, il politico che ha votato non potrà essere diverso. Kennedy diceva “prima di chiedere cosa può fare il Paese per te, chiediti cosa puoi fare tu per il tuo Paese”, a quel punto potrai pretendere una classe politica credibile.
Poesia! Poesia per le mie orecchie tassate, capito la soluzione: BISOGNA AVERE IL SENSO DELLO STATO Purtroppo la Milena si è dimenticata di dirci quale dei cinque sensi: L'udito? Per sentire meglio le bugie sul debito? La vista? Per vedere meglio le loro belle faccie mentre ci prendono per il c***? Ah! Forse intendeva il Tatto, per sentire meglio le bastonate! "Si!Si!Picchia sodo!Sono un cittadino modello!!UUHH che bel senso dello stato!!" Non ti offendere MIRADIO, in realtà continuo a pensare che i giornalisti di REPORT sono persone oneste e coraggiose solamente IGNORANTI e quindi non dei bravi giornalisti. Quando tutte queste Verità verranno fuori saranno chiamati a dare delle spiegazioni anche loro. E ne vedremo delle belle... [ Modificato da Leopold Attivo 14/3/2005 12:17 ]

il fatto che la versione ufficiale dell'11/9 non regge ormai è un noioso luogo comune
--
Buonanotte, io m'azzucco.
Leopold
Inviato: 14/3/2005 0:17  Aggiornato: 14/3/2005 0:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/7/2004
Da:
Inviati: 207
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
Dimenticavo: *sdeng!*

il fatto che la versione ufficiale dell'11/9 non regge ormai è un noioso luogo comune
--
Buonanotte, io m'azzucco.
Linucs
Inviato: 14/3/2005 11:16  Aggiornato: 14/3/2005 11:16
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
Quando tutte queste Verità verranno fuori saranno chiamati a dare delle spiegazioni anche loro. Ma nel frattempo sara scoppiata una guerra contro l'Islam e avremo altro a cui pensare (casualmente.)

Leopold
Inviato: 14/3/2005 12:15  Aggiornato: 14/3/2005 12:15
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/7/2004
Da:
Inviati: 207
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
Citazione:
Ma nel frattempo sara scoppiata una guerra contro l'Islam
quando butteranno l'atomica in America e spegneranno internet? Anche lì ci sarà da divertirsi...

il fatto che la versione ufficiale dell'11/9 non regge ormai è un noioso luogo comune
--
Buonanotte, io m'azzucco.
Linucs
Inviato: 14/3/2005 12:21  Aggiornato: 14/3/2005 12:21
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
A che serve l'atomica quando i sistemi della Fed sono finiti su web?

miradio
Inviato: 14/3/2005 12:40  Aggiornato: 14/3/2005 12:40
Mi sento vacillare
Iscritto: 27/8/2004
Da:
Inviati: 513
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
Leopold mi pare di capire che la tua critica verta sul non aver sposato la causa signoraggio da parte di report. Può essere. Ma rimane il fatto che l'osservazione della Gabanelli sul pagare le tasse sia sacrosanta. Ti ha detto semplicemente che nel DNA dell'italiano c'è l'evasione fiscale, nella maggioranza dei casi. Non ti ha detto che il signoraggio non esiste e che è una teoria idiota mi pare. Se poi mi dici che ha paura di perdere il posto e non alza la posta in gioco allora ti posso dare ragione. Ma come biasimarla? Per la mia esperienza la Gabanelli ha generalmente buon senso, intelligenza molto arguta e un genuino odio verso i mariuoli incapaci e truffaldini che popolano l'apparato amministrativo italiano. E' molto informata ed è una fan della rete della prima ora. Circa la ignoranza dei collaboratori (che in taluni casi non sono nemmeno giornalisti) non credo sia più grande della media delle redazioni nazionali e locali italiane. Probabilmente non siamo in presenza di mostri di giornalismo, ma di gente che fa il proprio "dovere" con una marcia in più, protetti anche tra mille difficoltà da coraggiosi responsabili di rete. Non vorrei che ti avesse preso la "sindrome di Spectral" ove se assisti ad un calo della performance che tanto ti esalta, cominci a sparare a zero...

"...che il gregge si trasformi in branco... È questo l’incubo dei potenti"
(Ernst Junger)
miradio
Inviato: 14/3/2005 12:50  Aggiornato: 14/3/2005 12:50
Mi sento vacillare
Iscritto: 27/8/2004
Da:
Inviati: 513
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
Riguardo ad un ipotetico blackout di internet ci penso spesso anch'io, prima o poi succederà. Tutti gli aspetti più importanti della vita stanno confluendo su internet, banking, dating, voting, fucking (manca pissing, credo si stiano attrezzando) ma la vulnerabilità dei nodi internet e delle infrastrutture non credo sia diminuita negli anni. MAnca solo una bella fiction tragica che stimoli qualche malintenzionato (non necessariamente islamico) a fare un macello globale sulla rete. A quel punto in italia potrà pure ristabilirsi la monarchia che nessuno se ne accorge... Avanti Savoia!!

"...che il gregge si trasformi in branco... È questo l’incubo dei potenti"
(Ernst Junger)
Linucs
Inviato: 14/3/2005 13:01  Aggiornato: 14/3/2005 13:01
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
Ti ha detto semplicemente che nel DNA dell'italiano c'è l'evasione fiscale, nella maggioranza dei casi. Chissa' per quale motivo si usa lo stesso termine anche per il carcere.

Leopold
Inviato: 14/3/2005 15:00  Aggiornato: 14/3/2005 15:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/7/2004
Da:
Inviati: 207
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
Citazione:
Non ti ha detto che il signoraggio non esiste e che è una teoria idiota mi pare.
Lo ha fatto implicitamente. È come parlare dell'11/9 dando per scontato che l'abbia fatto Bin Laden. Citazione:
Se poi mi dici che ha paura di perdere il posto e non alza la posta in gioco allora ti posso dare ragione. Ma come biasimarla?
Ho detto che sono IGNORANTI. Se uno sa che il debito pubblico è causato dal meccanismo del signoraggio ma non può dire le cose come stanno realmente non fa nessuna puntata punto e basta. Non fa una puntata dove dice che il debito è colpa di quelli che non pagano le tasse. Non so se mi capisci. Ha partecipato alla perpetuazione di una menzogna, in poche parole: se stava zitta era meglio per tutti. Naturalmente anch'io apprezzo molto Report ma quando sbagliano bisogna ammetterlo, senza se e senza ma. [ Modificato da Leopold Attivo 14/3/2005 15:02 ]

il fatto che la versione ufficiale dell'11/9 non regge ormai è un noioso luogo comune
--
Buonanotte, io m'azzucco.
miradio
Inviato: 14/3/2005 15:15  Aggiornato: 14/3/2005 15:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 27/8/2004
Da:
Inviati: 513
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
Ho capito ho capito Leopold, sarebbe interessante comunque parlare con la diretta interessata. Certo è che se l'IGNORANZA fosse un reato ci sarebbero 4 gatti in circolazione...

"...che il gregge si trasformi in branco... È questo l’incubo dei potenti"
(Ernst Junger)
Leopold
Inviato: 14/3/2005 15:50  Aggiornato: 14/3/2005 15:50
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/7/2004
Da:
Inviati: 207
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
Citazione:
Certo è che se l'IGNORANZA fosse un reato ci sarebbero 4 gatti in circolazione...
LinucsCitazione:
A che serve l'atomica quando i sistemi della Fed sono finiti su web?
I sistemi della (non)Federal (non)Reseve sul Web? Potresti essere più chiaro (in altre parole: meno Linucs )??

il fatto che la versione ufficiale dell'11/9 non regge ormai è un noioso luogo comune
--
Buonanotte, io m'azzucco.
Santaruina
Inviato: 14/3/2005 15:53  Aggiornato: 14/3/2005 15:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 13/10/2004
Da: Sud Europa
Inviati: 5123
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
Sono d’accordo con Leopold al 100%. Quando parliamo di ignoranza poi un conto è quella dei cittadini comuni che non sono certo tenuti a sapere tutto di tutto e un conto è quella dei giornalisti che su un certo argomento dovrebbero fare “informazione”. Se poi si fa qualche appunto alla Gabanelli è proprio perché è una delle poche giornaliste che si distingue nel panorama attuale, e nel caso del debito pubblico ha perso un’occasione enorme. Se fosse stata a conoscenza della truffa del signoraggio e non ne avesse parlato perché “non si può”, faceva davvero meglio a trattare un altro argomento. Se invece non conosce l’argomento è grave, proprio perché è la Gabanelli e informarsi dovrebbe essere il suo mestiere. Io ho scoperto la truffa del signoraggio circa un anno fa e da allora ne sono ossessionato. E’ una truffa talmente grande che dovrebbe avere la priorità su qualsiasi altro argomento, una truffa talmente ben celata che se non fosse che i mega banchieri centrali ogni tanto si lasciano sfuggire qualche indiscrezione si potrebbe addirittura dubitare della sua esistenza. Blessed be

-o- Ama e fa' ciò che vuoi -o-
Leopold
Inviato: 14/3/2005 17:35  Aggiornato: 14/3/2005 17:35
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/7/2004
Da:
Inviati: 207
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
Santaruina concordiamo al 100% + il 5% Adesso però esco a fare una passeggiata che qui c'è un sole spettacolare e mi sono rotto di stare davanti al pc... ps Secondo voi come si esce dal meccanismo del signoraggio? Sono molto curioso delle vostre opinioni...

il fatto che la versione ufficiale dell'11/9 non regge ormai è un noioso luogo comune
--
Buonanotte, io m'azzucco.
miradio
Inviato: 14/3/2005 23:00  Aggiornato: 14/3/2005 23:00
Mi sento vacillare
Iscritto: 27/8/2004
Da:
Inviati: 513
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
Citazione:
Io ho scoperto la truffa del signoraggio circa un anno fa e da allora ne sono ossessionato.
Spero vivamente che REport possa affrontare anche questa truffa prima di venire centrata da qualche provvedimento censorio. Del fenomeno signoraggio personalmente so ben poco: è una pratica dichiarata o è una teoria sospettata? Immagino che la Gabanelli sia a conoscenza del fenomeno, ma forse non ha elementi schiaccianti per farci una inchiesta sopra o probabilmente è ossessionata da altre cose al momento che valuta con priorità e fattibilità più alta. Un conto poi è fare un post su un forum, un conto è fare una inchiesta sulla tv di stato.

"...che il gregge si trasformi in branco... È questo l’incubo dei potenti"
(Ernst Junger)
miradio
Inviato: 14/3/2005 23:56  Aggiornato: 14/3/2005 23:56
Mi sento vacillare
Iscritto: 27/8/2004
Da:
Inviati: 513
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
Ragazzi comunque se avete la CONOSCENZA dovete condividerla e diffonderla a più non posso piuttosto che puntare il dito su chi ignora. Citazione:
Secondo voi come si esce dal meccanismo del signoraggio?
(vedi sopra)

"...che il gregge si trasformi in branco... È questo l’incubo dei potenti"
(Ernst Junger)
Leopold
Inviato: 15/3/2005 1:59  Aggiornato: 15/3/2005 1:59
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/7/2004
Da:
Inviati: 207
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
Citazione:
Spero vivamente che REport possa affrontare anche questa truffa prima di venire centrata da qualche provvedimento censorio.
Lo spero anch'io. Sarebbe l'equivalente mediatico di una bomba H. Basta pensare che la stessa parola signoraggio è stata pronunciata in tv SOLO UNA volta. Indovina da CHI? (da notare anche in che programmino...) Citazione:
è una pratica dichiarata o è una teoria sospettata?
La Banca Centrale Europea è attendibile? Citazione:
Immagino che la Gabanelli sia a conoscenza del fenomeno,
Dubito, dopo che lo sai tutta la Realtà assume un significato diverso. Come se dopo che Neo avesse capito Matrix continuasse a lamentarsi che al lavoro lo pagano poco...semplicemente non più ha senso. Citazione:
ma forse non ha elementi schiaccianti per farci una inchiesta sopra
Per trovare gli elementi schiaccianti basta uno scimpanzé, Google e un paio di banane (mi raccomando belle mature).

il fatto che la versione ufficiale dell'11/9 non regge ormai è un noioso luogo comune
--
Buonanotte, io m'azzucco.
Linucs
Inviato: 15/3/2005 13:07  Aggiornato: 15/3/2005 13:07
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
Secondo voi come si esce dal meccanismo del signoraggio? Con il voto democratico in Parlamento? (si?)

Santaruina
Inviato: 15/3/2005 13:42  Aggiornato: 15/3/2005 13:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 13/10/2004
Da: Sud Europa
Inviati: 5123
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
Leopold mi sono letto la simpatica storiella di Bankenstein, è totalmente fuori dalla realtà.. Molto educativa... Citazione:
Secondo voi come si esce dal meccanismo del signoraggio?
Basta non cliccare Signoraggio su google, evitare i blog di Linucs di Leopold e di Scrofinà e il Signoraggio scompare. Questa la sapevo Blessed Be [ Modificato da Santaruina Attivo 15/3/2005 13:57 ]

-o- Ama e fa' ciò che vuoi -o-
Leopold
Inviato: 16/3/2005 16:39  Aggiornato: 16/3/2005 16:39
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/7/2004
Da:
Inviati: 207
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
Citazione:
Con il voto democratico in Parlamento?
Nella vasta gamma di persone che in qualche modo si sono interessate al problema del signoraggio, molti la pensano come te. Sono spesso chiamati: Statalisti. Cioè persone che non metto in discussione il concetto di Stato di per sé* ma solo nella misura di complice nella Truffa del signoraggio. È così? * mi spiego meglio: io credo che la liberizzazione della moneta porterà alla luce che lo Stato è semplicemente un modo inefficente di gestire i rapporti tra le persone e una comunità senza Stato è semplicemente una comunità più competitiva. Da ogni punto di vista, sopratutto economico. Non so se mi capite... Tu dici con il voto democratico (rappresentativo=democratico?) in parlamento. Non capisco però cosa tu cosa desideri, il signoraggio non può essere semplicemente abolito, deve essere sostituito con qualcos'altro. Tu cosa intenti? Che lo Stato stampi da solo il suo denaro, giusto? Basandosi su cosa? Sull'oro? Sul nulla (come attualmente accade)? sulla nascita di nuove imprese?.... E il Reddito d'Esistenza? Desideri anche quello? E le tasse? Il voto democratico in parlamento vuol dire tante cose... [ Modificato da Leopold Attivo 16/3/2005 18:42 ]

il fatto che la versione ufficiale dell'11/9 non regge ormai è un noioso luogo comune
--
Buonanotte, io m'azzucco.
Santaruina
Inviato: 16/3/2005 21:23  Aggiornato: 16/3/2005 21:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 13/10/2004
Da: Sud Europa
Inviati: 5123
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
Leopold, ho scritto una risposta al tuo ultimo post sotto l’articolo vuoto, arrivare fino qua ogni volta era un po’ un casino. Se hai tempo dacci un occhiata, mi interesserebbe se questa discussione continuasse, anche se a ritmi blandi… Blessed be

-o- Ama e fa' ciò che vuoi -o-
Linucs
Inviato: 23/3/2005 23:58  Aggiornato: 23/3/2005 23:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
Nella vasta gamma di persone che in qualche modo si sono interessate al problema del signoraggio, molti la pensano come te. Sono spesso chiamati: Statalisti. Cioè persone che non metto in discussione il concetto di Stato di per sé* ma solo nella misura di complice nella Truffa del signoraggio. È così? Tu non devi aver esaminato i link sul blog con particolare attenzione * mi spiego meglio: io credo che la liberizzazione della moneta porterà alla luce che lo Stato è semplicemente un modo inefficente di gestire i rapporti tra le persone e una comunità senza Stato è semplicemente una comunità più competitiva. Da ogni punto di vista, sopratutto economico. Non so se mi capite... Mi ricorda vagamente qualcosa... Tu dici con il voto democratico (rappresentativo=democratico?) in parlamento. Non capisco però cosa tu cosa desideri, il signoraggio non può essere semplicemente abolito, deve essere sostituito con qualcos'altro. Tu cosa intenti? Sostituito? Che lo Stato stampi da solo il suo denaro, giusto? Stampi il denaro? Lo Stato? Basandosi su cosa? Sull'oro? Ma lo Stato non ha un grammo d'oro... Sul nulla (come attualmente accade)? Questo sembra il manifesto del partito comunista... inflazione e miseria? sulla nascita di nuove imprese?.... E come fa a decidere quanto denaro stampare? Questo è socialismo e pianificazione centrale dell'economia... E il Reddito d'Esistenza? Desideri anche quello? Reddito-di-che? E le tasse? Le tasse sono ovviamente illegali. Tasse = assenza di proprietà private = socialismo. Il voto democratico in parlamento vuol dire tante cose... E buona parte sono panzane

Leopold
Inviato: 25/3/2005 11:39  Aggiornato: 25/3/2005 11:39
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/7/2004
Da:
Inviati: 207
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
Citazione:
Ma lo Stato non ha un grammo d'oro...
Che facciamo? Chiudiamo il 90% delle imprese perché non ci sono abbastanza pezzi di carta stampati in giro? Citazione:
Questo sembra il manifesto del partito comunista... inflazione e miseria?
Non mi avrai mica preso per un Comunista-Nuovo-Umanista-Globale? Inflazione??? Miseria??? Tu non devi aver esaminato i link sul blog con particolare attenzione Citazione:
E come fa a decidere quanto denaro stampare? Questo è socialismo e pianificazione centrale dell'economia...
Legge di mercato no eh? Troppo socialiste...

il fatto che la versione ufficiale dell'11/9 non regge ormai è un noioso luogo comune
--
Buonanotte, io m'azzucco.
shevek
Inviato: 7/5/2005 15:40  Aggiornato: 7/5/2005 15:40
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/4/2005
Da: Napoli
Inviati: 1249
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
Tra "leggi" di mercato e statalismo non ci sarebbe anche l'idea - a me assai simpatica - di una pianificazione comunista dal basso, deputata alla soddisfazione dei bisogni umani con il solo limite del non sfruttamento al limite delle limitate risorse umane e naturali? In merito, Leopold, perchè non dai un occhio alle scene di autogestione politico/economica presenti nel film "Terra e Libertà" di Ken Loach? Magari ti aiuterebbero a sfuggire ad una "illusione di alternative" (o "Falso Dilemma", come lo chiama Mazzucco ne "Le Fallacie più Comuni")... Shevek

"Il potere è l'immondizia nella storia degli umani" - F. Guccini
www.portadimassa.net - WEB-TV e non solo di Filosofia
UncasO
Inviato: 2/10/2005 1:25  Aggiornato: 2/10/2005 1:25
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/7/2005
Da: ss11 "Rivoltana"
Inviati: 267
 Re: I KRUMIRI DELLE NOSTRE LIBERTÀ
Parole di Silvio Berlusconi,davanti al palazzo dell ONU a New York riferito ai media italiani:
"...sembra che il loro mestiere non sia informare, ma disinformare."

Avvisando che inizierà a parlare direttamente con i cittadini:
"c'è malizia nella stragrande maggioranza dei media, quindi avviso i miei concittadini di non credere più ai principali organi stampa."

Io penso che in un mondo parallelo, palesemente irreale, ci si può muovere su una piattaforma di notizie inattendibili, su fatti avvenuti di cui non si è stati direttamente testimoni, senza accorgersene si basa tutta la visione degli argomenti di cui si scrive su menzogne.
Molti giornalisti secondo me entrano in contatto con argomentazioni solide come quelle attualmente proposte da siti come questo o affetti da morbo di Ashcroft, li vedono come un mondo parallelo, irreale e basato su notizie inattendibili.

Sono comunque una minoranza di persone, la maggior parte dei posti di potere è occupata da persone convintissime che Andreotti sia stato assolto, quelli che prima di scrivere le notizie riportano i commenti dei politici a riguardo e si godono i 4-5000 euro di stipendio mensile.

Non vorrei mai morire per le mie idee, perchè potrebbero essere sbagliate.
Bertrand Russell
Redazione
Inviato: 14/11/2011 4:42  Aggiornato: 14/11/2011 4:42
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: I krumiri delle nostre libertà
I commenti alla nuova pubblicazione (Nov. 2011) iniziano qui

VIMS
Inviato: 14/11/2011 8:48  Aggiornato: 14/11/2011 8:56
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/11/2011
Da: Ai piedi del monte
Inviati: 334
 Re: I krumiri delle nostre libertà
Secondo me la Redazione ha una sfera di cristallo...

A parte gli scherzi oggi più di ieri è evidente che quelli che si autocelebrano come "giornalisti" hanno veramente poco di quella che è la vera natura di giornalista. Da tempo ormai, complice LC, guardo con occhi diversi quei manichini, privi di PALLE (tanto per citare Calvero), probabilmente un riflesso del grosso della società.
Proprio in questi giorni mi trovo a scontrarmi con gente che ha paura di staccarsi da una certa immagine del mondo (l'immagine che esce naturalmente dal tubo catodico). Questo ventennio ha calcificato una visione distorta del mondo.
Di certo Internet aiuta a farsi quantomeno idee diverse, a cercare un contraddittorio insomma.

Credo sia arrivato il momento di mettere da parte la voglia di ottenere da alcune "classi" (politici, giornalisti in primis) i cambiamenti necessari ed invece industriarsi per portare anche il minimo contributo affinchè il domani sia più sano dell'oggi. In questo la Redazione ci riesce egregiamente (imho). L'uomo ricattabile (vuoi per il posto di lavoro o per qualsiasi altro motivo) purtroppo non arriva lontano.

VIMS

La Virtù sta nel mezzo
illupodeicieli
Inviato: 14/11/2011 10:02  Aggiornato: 14/11/2011 10:02
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/1/2005
Da:
Inviati: 323
 Re: I krumiri delle nostre libertà
Ricordo l'articolo e l'ho riletto con dis-piacere, nel senso che è cambiato poco o nulla, se non che per argomenti come l'11/9 o come le banche , si permette di parlarne in stile Cicap o Santoro o Zucconi: per deridere l'interlocutore e screditarlo. Per contro posso dire che ritengo ci sia chi aspetta "una chiamata alle armi": ovvero spera ,forse, che altri facciano la prima mossa. Tuttavia cose in stile V per vendetta rimangono speranze e sogni e frasi alla Kennedy slogan o aforismi. La realtà è che tanti non possono perdere oltre la dignità anche il pane. Forse mancano in questa nazione le persone "impegnate", gli intellettuali o i filosofi: da non vedere e non seguire come guru ma solo come persone che possono dire ciò che pensano correndo meno rischi che corre un blogger che, per le stesse parole verrebbe perseguitato vita natural durante. Che poi sempre in merito al post parole scritte da Pasolini a inizio anni 70 fossero profetiche, può indurre le persone come me a leggere libri e a farmi dire che le indicazioni o i suggerimenti ,almeno sul perchè la nazione è così,oggi, ci sono già state dette e spiegate. Rimane da capire se occorre scendere in piazza sperando non ci siano già i blindati che ci aspettano, oppure se come ha scritto qualcuno si può agire anche da dietro uno schermo e con l'utilizzo di una tastiera. In questo non aiutano di certo i giornalisti,o la maggior parte di essi, se escludiamo alcuni e tra questi cito Blondet, Chiesa,Barnard, Fini e ...Massimo Mazzucco.
Ps.: Non so se sei giornalista ma se l'albo fosse stato abolito...

JohnTitor
Inviato: 14/11/2011 10:13  Aggiornato: 14/11/2011 10:13
Mi sento vacillare
Iscritto: 27/11/2010
Da: Tampa
Inviati: 602
 Re: I krumiri delle nostre libertà
Io la vedrei molto più in grasnde-
Per duemila anni siamo stati governati da Gesù Cristo e dai suoi insegnamenti, bene applicati o meno.
Dal 2012, come correttamente profetizzato dai Maya sareme governati dal suo Antagonista di sempre. Il governo Monti sarà solo l'inizio.

MATITA
Inviato: 14/11/2011 10:45  Aggiornato: 14/11/2011 10:45
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/5/2010
Da:
Inviati: 46
 Re: I krumiri delle nostre libertà
oppure per duemila anni non abbiamo applicato gli insegnamenti di Cristo e dal dicembre 2012 cominceremo a farlo meglio.....
è l'ultima speranza che ci resta

gilbert76
Inviato: 14/11/2011 11:00  Aggiornato: 14/11/2011 11:00
So tutto
Iscritto: 16/10/2011
Da:
Inviati: 3
 Re: I krumiri delle nostre libertà
Sottoscrivo al 100% ! Ci siamo arrivati finalmente...e come si dice meglio tardi che mai ! Ci risolleveremo!

SilvioTO
Inviato: 14/11/2011 11:03  Aggiornato: 14/11/2011 11:03
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/11/2011
Da:
Inviati: 61
 Re: I krumiri delle nostre libertà
Penso anche io che per millenni siamo stati siamo stati presi per il naso e schiavizzati mentalmente e non in vari modi, ma ho la sensazione che ora stiano davvero tirando troppo la corda, e molta gente si sta accorgendo che qualcosa di grosso non va.
A livello di speranze, la cosa migliore che potrebbe accadere sarebbe un risveglio in massa delle coscienze, e un inversione di rotta totale, in modo da lasciare il NWO in mutande, di colpo (una bella utopia).
E poi i tempi necessari... ok, magari molta gente che prima dormiva ora sente puzza di marcio e inizia a chiedersi qualcosa, ma quanto tempo sarà necessario per una seria presa di posizione? Chi conduce il gioco conosce bene il branco di pecore, quindi sa ben calibrare le mosse.

Narwain
Inviato: 14/11/2011 11:07  Aggiornato: 14/11/2011 11:07
So tutto
Iscritto: 8/11/2011
Da: Asti
Inviati: 16
 Re: I krumiri delle nostre libertà
Articolo lungimirante all'epoca ero un giovine credulone che seguiva ancora i TG e tifava per l'aviazione americana in Medioriente il potere di certa propaganda è veramente devastante, e quando ripenso a quel periodo capisco le difficoltà di chi ancora oggi non vede al di là del tubo catodico

Per quanto riguarda il Grande Silvio, per anni ho sperato che se ne andasse tra i fischi, per gli stessi motivi esposti nell'articolo... Penso che sia riuscito a peggiorare le condizioni del nostro paese (già debilitato nel '94), in così tanti modi che non riesco a ricordarli tutti... Se penso anche soltanto agli individui che è riuscito a mettere a capo dei Ministeri mi vengono i brividi

In sostanza, è un personaggio talmente contrario alla mia natura che MAI avrei pensato di poter preferire lui a qualcun'altro... ma il fatto che sia praticamente stato cacciato dai suoi, che risulti ormai inutile e dannoso prima di tutto per chi 18 anni fa l'ha messo alla Presidenza del Consiglio, e che sia allontanato per far posto direttamente ai banchieri mi preoccupa non poco.
Forse in questi anni è stato talmente impegnato nei propri affari, nella fuga dai processi e nelle leggi "ad personas", da non essere più in grado di eseguire i compiti per i quali era stato pensato su quella poltrona...

Penso che le banche la facessero da padrone anche prima, rimanendo però sempre "dietro le quinte"... Vedere un personaggio del calibro di Berlusconi (in quanto a carisma e potere economico) escluso per far ufficialmente posto ad un banchiere come Monti, mi fa drizzare le antenne!

Sono proprio curioso di vedere cosa succederà nei prossimi mesi, perchè anch'io ritengo che siamo ormai ad un punto di svolta della nostra epoca... nel bene o nel male

martian
Inviato: 14/11/2011 11:34  Aggiornato: 14/11/2011 11:34
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/6/2011
Da:
Inviati: 52
 Re: I krumiri delle nostre libertà
Appunto, la libertà di stampa italiana, a causa di Mister B., è a livello del Sudan... mentre nel resto d'Europa e USA la libertà di stampa è senza confini!! -- BinLaden sepolto in mare saluta tutti

Ma la cosidetta erosione dei valori non è forse una cosa pianificata a livello un po' più... globale, da ben prima degli anni Ottanta? Lo stesso 68 con le sue "rivoluzioni sociali", non era un pochino pilotato?

La direzione trash in cui è andata la TV dagli anni 80 in poi, non mi risulta sia un caso solo italiano. O forse Mister B. possedeva canali anche in USA? Gli USA ci hanno copiati? I producer dei video musicali orgia-style sono fan di Striscia la Notizia?

Premetto che le scene da bordello su Striscia sono sì fastidiose e diseducative, ma la glorificazione anglosassone di crimine, sangue e violenza... quella invece va bene?
Un paio di tette: terribile, orrore!
Cadaveri sgozzati, sangue, omicidi: bello! Portatene di più per tutti, anche per i più piccini! Anzi, facciamo pure vedere le operazioni chirurgiche live in prima serata*_*
...C'e' qualcosa che non mi quadra.

VIMS
Inviato: 14/11/2011 11:48  Aggiornato: 14/11/2011 11:48
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/11/2011
Da: Ai piedi del monte
Inviati: 334
 Re: I krumiri delle nostre libertà
Penso che il concetto di libertà di stampa sia stato enormemente superato.
Nel senso che non ci si pone più il problema "c'è una censura, oddio non posso parlare di quell'argomento" piuttosto si pensa: "per emergere dalla massa di giornalisti anonimi e diventare un giornalista di punta/star/vip" è meglio che non parli di certi argomenti, tappandomi tutti gli orifizi che ho e mettendomi 2 fette di prosciutto davanti agli occhi e proponendo la versione comunemente accettata, indorando la pillola.
Diversamente sei "un pochino complottista/insano/scemo del villaggio".

Troppa mania di protagonismo, forse...

VIMS

La Virtù sta nel mezzo
albi1098
Inviato: 14/11/2011 13:23  Aggiornato: 14/11/2011 13:23
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/10/2011
Da:
Inviati: 52
 Re: I krumiri delle nostre libertà
Difficilmente gli italiani scenderanno in piazza fino a quando non mancherà loro il pane sulla tavola ( anche se di crusca). Ma c'è sempre la polenta OGM in ogni caso....
La politica di repressione della libertà di parola è stata ben calibrata da tempo per farci vivere in uno stato di paura perenne di codice 3 ( in una scala di 1-4).Quindi pover'uomo italiano resta immobile, lavora riproduciti dormi e obbedisci,segui gli eventi come se non ti coinvolgessero direttamente ma pagane ( con soldoni e la tua casa) le conseguenze....

Quando sento Monti dire convinto che l'Euro è un bene e che la Grecia è stata una dei primi paesi a trarne beneficio( anche allo stato attuale) mi sembra di sentire il Papa..... andiamo bene.

"Se non hai una mente critica per natura è inutile che tu rimanga qui." G.I.Gurdjieff
LUSSU
Inviato: 14/11/2011 13:51  Aggiornato: 14/11/2011 13:51
Ho qualche dubbio
Iscritto: 18/6/2011
Da: Sardegna
Inviati: 32
 Re: I krumiri delle nostre libertà

PikeBishop
Inviato: 14/11/2011 13:54  Aggiornato: 14/11/2011 13:54
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: I krumiri delle nostre libertà
Citazione:
Cadaveri sgozzati, sangue, omicidi: bello! Portatene di più per tutti, anche per i più piccini! Anzi, facciamo pure vedere le operazioni chirurgiche live in prima serata*_*

Quella ormai e' storia antica: dissezioni di cadaveri live, chirurgia plastica live ed ora pure CORPI IMBARAZZANTI e la relativa chirurgia da godersi a cena.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
NeWorld
Inviato: 14/11/2011 14:12  Aggiornato: 14/11/2011 14:39
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2011
Da: Around the World
Inviati: 629
 Re: I krumiri delle nostre libertà
Redazione:
I commenti iniziali a questo articolo purtroppo sono andati persi durante l'attacco al sito.


Attacco al sito ???

Concordo con quanto scritto sul giornalismo attuale.
Riguardo al significato di "krumiri" Link in particolare: "...il termine cominciò ad essere impiegato in un'accezione generica di sottoproletari non sindacalizzati e disposti a qualunque compromesso..."

Io sinceramente preferisco i biscotti...

JohnTitor:
Per duemila anni siamo stati governati da Gesù Cristo e dai suoi insegnamenti, bene applicati o meno.


Non credo proprio.
Cristo stesso disse:  "Non parlerò più molto con voi, perché viene il governante del mondo. Ed egli non ha presa su di me" (Giovanni 14:29-30)

successivamente il suo apostolo Giovanni disse:
"Noi sappiamo che abbiamo origine da Dio, ma tutto il mondo giace nel potere del malvagio." (1 Giovanni 5:19)

a dimostrazione che anche dopo la sua morte e risurrezione il governante di questo mondo era rimasto tale.

Ma è interessante cosa dice il verso successivo:
"Ma sappiamo che il Figlio di Dio è venuto e ci ha dato la capacità intellettuale di acquistare conoscenza del Vero." (1 Giovanni 5:20)

"perché abbiamo un combattimento non contro sangue e carne, ma contro i governi, contro le autorità, contro i governanti mondiali di queste tenebre, contro le malvage forze spirituali che sono nei luoghi celesti"
Davide71
Inviato: 14/11/2011 15:25  Aggiornato: 14/11/2011 15:25
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 8/7/2006
Da:
Inviati: 2108
 Re: I krumiri delle nostre libertà
Ciao a tutti:

purtroppo non possiamo che constatare che l'informazione fornita dai mass media sia tutta "politically correct" perciò superficiale, allineata e orientata al sensazionalismo morboso.
Tuttavia non saprei neanche dire "cosa si può fare". Un giornale intelligente non lo compra nessuno e una TV intelligente non la vede nessuno!
Perciò vediamoci pure su LC.
In ogni caso io ho l'impressione che comunque la TV oggi sia meno allineata di quella di 20 o 30 anni fa. Magari però è solo un'impressione...

Non date le perle ai cani e ai porci perchè non le mangeranno e vi si rivolteranno contro.
NeWorld
Inviato: 14/11/2011 18:57  Aggiornato: 14/11/2011 18:57
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2011
Da: Around the World
Inviati: 629
 Re: I krumiri delle nostre libertà
Il risultato del lavoro dei giornalisti krumiri :
Le opinioni della gente.


"perché abbiamo un combattimento non contro sangue e carne, ma contro i governi, contro le autorità, contro i governanti mondiali di queste tenebre, contro le malvage forze spirituali che sono nei luoghi celesti"
maurixio
Inviato: 14/11/2011 23:06  Aggiornato: 14/11/2011 23:06
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/4/2007
Da:
Inviati: 333
 Re: I krumiri delle nostre libertà
Ci voleva proprio un bel taglio ai tagli sull'editoria...tanto per uscire tra gli applausi con il ddl stabilita2011.

Pensoso
Inviato: 14/11/2011 23:32  Aggiornato: 14/11/2011 23:32
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/8/2009
Da:
Inviati: 436
 Re: I krumiri delle nostre libertà
I giornalisti oramai devono confrontarsi con quanto viene scritto in rete, che siano bufale o che siano cose reali, sono alla portata di sempre più gente e non possono essere ignorate, per lo meno quando si affrontano argomenti attinenti.
In questi giorni spesso capita di sentire atteggiamenti di chi, distanziandosi da tutto, ma in realtà solo dalla forma considerata bizzarra, o esagerata, in sostanza supporta esattamente i concetti principali che le discussioni in rete portano avanti...

(uso non improprio di firma)
furion2012
Inviato: 14/11/2011 23:47  Aggiornato: 14/11/2011 23:47
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/8/2009
Da:
Inviati: 174
 Re: I krumiri delle nostre libertà
salve

cosa è stato rubato dopo l attacco informatico ????

cgueye
Inviato: 15/11/2011 8:26  Aggiornato: 15/11/2011 8:26
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/1/2010
Da:
Inviati: 306
 Re: I krumiri delle nostre libertà
Non ritengo di essere stata disinformata in questi anni. L'informazione, va cercata, come ogni cosa preziosa della vita. C'è chi non ne ha voglia. Ciò che è passato in questi anni non cosa sia, intrattenimento forse, ma di norma non mi ha interessato.

akul67
Inviato: 15/11/2011 22:57  Aggiornato: 15/11/2011 22:57
So tutto
Iscritto: 18/10/2011
Da: roma
Inviati: 29
 Re: I krumiri delle nostre libertà
beh, e' innegabile la lungimiranza di questo articolo.
e' grazie a siti come questo e a questo tipo di informazione, in rete, che mi son ritrovato a criticare, e a dubitare di persone come Santoro, che fino a qualche giorno fa avevo sempre giudicato in maniera positiva.............piano piano i dubbi aumentano, un po' di pazienza, sto imparando.
se uno vuole aprire spiragli e informarsi, non in maniera ortodossa e politicamente corretta, grazie alla rete, al giorno d'oggi puo' farlo, e' solo questione di volonta'.

il colore della pelle, non cambia il senso di quello che una persona dice o pensa.........

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA