Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


11 settembre : La madre di Moussaui chiede clemenza alla perestroika di Obama
Inviato da Redazione il 16/12/2008 4:20:00 (4986 letture)

di Giulietto Chiesa

Leggo che Barack Obama ha in programma di chiudere Guantanamo. Sarà – sarebbe - uno degli atti più significativi della sua presidenza. Paragonabile alla decisione di Gorbaciov, all’inizio della perestroika, di liberare tutti i prigionieri politici che ancora stavano in carcere o esiliati da qualche parte dell’immensa Unione Sovietica.

Sarà, sarebbe, un gesto di rottura con la catastrofica discesa agli inferi della cultura giuridica americana durante la presidenza di George Bush. Quando, sull’onda dell’11 settembre, con l’accompagnamento del Patriot Act, i diritti individuali dei cittadini americani sono stati lesionati pesantemente, i controlli senza autorizzazione delle relazioni personali sono stati di fatto legalizzati,  la tortura è stata di fatto e di diritto reintrodotta nella pratica degli interrogatori dei prigionieri, e perfino è entrata nel dibattito politico, giuridico, costituzionale come cosa ammissibile, tollerabile, addirittura auspicabile, in ogni caso utile per strappare confessioni.

Ma Obama dovrebbe anche dare un’occhiata alle carceri “normali”. Ho incontrato Aicha El-Wafi, la madre di Zacarias Moussaoui, l’unico “terrorista” (in verità aspirante terrorista perché fu arrestato nell’agosto 2001, due settimane prima dell’attentato al World Trade Center e al Pentagono, e dunque non poté prendervi parte, dato e non concesso che fosse tra quelli che erano stati designati a prendervi parte).

Zacarias Moussaoui è stato condannato al carcere a vita, presentato dal mainstream informativo come “il ventesimo dirottatore”, ...



... mancato, dell’11 settembre. È emerso, qualche tempo fa, dopo la conclusione del processo, che il “ventesimo” era un altro, tale Tourki ben Fheid al-Mouteiri-Faouaz al-Nachmi, saudita, ucciso nel 2004. La fonte è Al-Qa‘ida. Forse non gli si può credere, come non si può credere allo stesso Osama bin Laden, o chi per lui, che lo ha scagionato con un comunicato ufficiale, addirittura. E non si può certo credere nemmeno a Khaled Sheikh Mohammed, la “mente” dell’11 settembre per sua stessa ammissione, che ha detronizzato Osama bin Laden dal ruolo di ideatore dell’intera operazione. Tutte le fonti provenienti da Al-Qa‘ida hanno fatto a gara a scaricare Zacarias.


A quanto pare con suo grande disappunto, perché la sua condotta processuale è stata tutta all’insegna del voler dimostrare la propria colpevolezza. Recentemente è apparso negli atti processuali di un altro presunto terrorista imprigionato a Guantanamo, che il “ventesimo” era un altro ancora.

Resta il fatto che Zacarias Moussaoui è l’unico che sia stato processato pubblicamente, e condannato, da un tribunale normale (cioè non militare e non speciale), in connessione all’11 settembre.

La storia di sua madre, Aicha El-Wafi, è anch’essa una storia straordinaria. L’ha messa per iscritto in un libro che ha avuto grande risonanza in Francia, dove abitava Zacarias e dove ancora abita lei, e che è recentemente stato pubblicato in Italia da Piemme, con il titolo “Mio figlio perduto” . Una donna indomabile, che ha allevato da sola quattro figli, sfuggendo di continuo a un marito padrone e violento.

E che non ha abbandonato suo figlio, pur non condividendo nulla delle sue idee. Una madre che non proclama l’innocenza del figlio, ma che chiede che egli sia condannato per quello che ha fatto e non per un’azione che non ha commesso e che non era in condizione di commettere.

Incontrandola ho potuto misurare la sua tenacia indomabile, la sua fortissima coscienza di sé, dei suoi diritti umani, di donna, di madre. Ovvio che ciò che dice è anche figlio del suo affetto inestinguibile, della sua materna pietà. Ma la sua descrizione del sistema processuale e carcerario degli Stati Uniti di George Bush è tale da far accapponare la pelle anche in un paese come l’Italia, in cui la condizione dei carcerati è tra le più indecenti del mondo intero.

Zacarias, anche lasciando da parte la descrizione che la madre fa degl’interrogatori cui Zacarias Moussaoui è stato sottoposto, vive ora la sua detenzione di carcerato a vita in condizioni di isolamento totale: nessuna possibilità di incontrare altri detenuti, permanenza in una cella di tre metri per due per 23 ore al giorno. Un’ora di movimento isolato e sotto sorveglianza a vista. Nella cella la luce rimane sempre accesa. Non può leggere giornali o libri. Non può guardare la televisione esterna: la sua scelta è limitata a programmi di educazione religiosa.  I pasti gli vengono serviti facendo scivolare il vassoio attraverso un’apertura. Non può ricevere visite.

È la descrizione  allucinante di una vendetta più che quella dello sconto di una pena, già di per se tremenda e senza redenzione. Aicha chiede solo che vengano mitigate le condizioni estreme. Barack Obama dovrebbe ascoltare la sua preghiera.

Giulietto Chiesa

Fonte Megachip


Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Redazione
Inviato: 16/12/2008 4:30  Aggiornato: 16/12/2008 4:30
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: La madre di Moussaui chiede clemenza alla perestroika...
Vorrei aggiungere che Guantanamo fu proprio il simbolo - fortemente voluto, e rumorosamente propagandato, dai neocons - della loro arroganza politica e militare. Se Obama parla di chiuderlo vuole dire che in qualche modo si è già accordato con i militari, e questo confermerebbe che il cambio della guardia, a livello top brass del Pentagono, sia già stato completato. (Non credo che Obama si arrischierebbe ad annunciare un gesto del genere, profondamente significativo, se sapesse che questo rischia di sollevare un polverone da parte dei militari).

dangp
Inviato: 16/12/2008 11:57  Aggiornato: 16/12/2008 11:57
So tutto
Iscritto: 28/5/2008
Da:
Inviati: 20
 Re: La madre di Moussaui chiede clemenza alla perestroika...
Speriamo che la chiusura di Guantanamo sia solo l'inizio di un cambiamento e non un'operazione di facciata.

Atque ubi solitudinem faciunt pacem appellant.
Ladri di marmellate
gnaffetto
Inviato: 16/12/2008 14:20  Aggiornato: 16/12/2008 14:20
Mi sento vacillare
Iscritto: 4/1/2008
Da:
Inviati: 336
 Re: La madre di Moussaui chiede clemenza alla perestroika...
secondo me la possibilita' di poter comunicare con gli altri dovrebbe essere un principio fondante di qualsiasi accordo tra uomini, piu' importante della stessa liberta' di movimento (per esempio un sistema di giustizia potrebbe prevedere di rinchiudere un delinquente ma MAI dovrebbe impedire che chiunque possa avere contatti con chi lo desidera.. magari senza privacy).
liberta' di poter essere contattato come secondo PRINCIPIO assoluto (il primo è quello di non usare violenza fisica e come estrama conseguenza non uccidere).

alsecret7
Inviato: 16/12/2008 15:47  Aggiornato: 16/12/2008 15:47
Mi sento vacillare
Iscritto: 11/6/2007
Da:
Inviati: 561
 Re: La madre di Moussaui chiede clemenza alla perestroika...
la mia domanda invece e siamo sicuri che dentro gli aerei cerano dei dirottatori? a mio parere credo di no secondo le indagini di mazzucco e tanti altri a ragione la madre di questo ragazzo non si puo accusare uno supponendo che sia un dirottatore se quel giorno nemmeno cera, in piu gli si poteva chiedre se a mai imparato a guidare un aereo oppure farlo provare se era cosi capace di mandare un boing contro una torre a quella altezza tante cose si possono fare ma come sapete gli americani non stanno tanto a disquisire. devono dimostrare che qualcuno anno preso per giustificare le loro malefatte oppure drogare persone innocenti plagiarle fino allo sfinimento facendogli confessare anche quello che non avrebbero mai fatto in vita loro ci sono purtropp agnelli sacrificabili nel mondo che devono pagare colpe non loro ma obbligate a mentire per non morire subito ma lentamente meditate gente. meditate. PS\ OBAMA NON POTRA MAI AIUTARE QUESTA PERSONA NEMMENO SE LO VOLESSE PERCHE SMENTIREBBE LA LORO VERITA SU CHI A COMMESSO VERAMENTE GLI ATTENTATI. CHIUDERE GUANTANAMO E GIUSTO MA NON E LA SOLUZIONE CE NE SARANNO ALTRI, IN PIU A GIA COMINCIATO MALE PERCHE NEL SUO STAFF A MESSO PERSONE CHE SE NON SONO PEGGIO DI QUELLE DI PRIMA POCO CI MANCA CONOSCIETELE BENE VEDRETE COSA VOGLIO DIRE CIAO

MrTheFly
Inviato: 16/12/2008 20:46  Aggiornato: 16/12/2008 20:46
So tutto
Iscritto: 23/10/2008
Da:
Inviati: 3
 Re: La madre di Moussaui chiede clemenza alla perestroika...
H.

Non entro nel merito della vicenda perché non la conosco a fondo.
In ogni caso, l'annuncio di Obama (presupponendo che, anche se non dovesse avere esito, almeno ci sia una sua reale intenzione in questo senso) credo sia significativo. Se un altro carcere simile non viene aperto dopo la chiusura di Guantanamo, si tratta di un cambiamento importante.

tiburon
Inviato: 17/12/2008 10:36  Aggiornato: 17/12/2008 10:36
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2007
Da:
Inviati: 150
 Re: La madre di Moussaui chiede clemenza alla perestroika...
Beh, questa mossa non è male per gli entusiasti del nuovo presidente...

Quello che mi domando è: il problema non è a monte? se dei tribunali con prove pretestuose riescono a mandare in isolamento a vita un uomo fattivamente innocente sul fatto contestatogli in virtu' della fanatica dottrina, che garanzie ci sono che la situazione migliori?il sistema giudiziario è almeno opinabile...

o meglio. se ci fosse un riflusso delle correnti opposte allora sarebbe possibile appendere i neocons per i piedi? in caso fatemi sapere...io parteciperei...

Alla giustizia degli uomini, che porta ad invocare Allah

blackhawk
Inviato: 17/12/2008 13:57  Aggiornato: 17/12/2008 13:57
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/8/2007
Da:
Inviati: 305
 Re: La madre di Moussaui chiede clemenza alla perestroika...
"Ma la sua descrizione del sistema processuale e carcerario degli Stati Uniti di George Bush è tale da far accapponare la pelle anche in un paese come l’Italia, in cui la condizione dei carcerati è tra le più indecenti del mondo intero."

Già! Avere tre pasti al giorno e non fare un cazzo dal mattino alla sera, magari con una tv in camera.... è proprio un trattamento indecente. Bisognerebbe dare ai signori detenuti servizi come: idromassaggio e massaggiatrici. Il tutto, ovviamente, pagato dalla Stato...cioè noi.

Non so come sia il tutto negli Usa, ma qualcuno che definisce "indecente" il trattamento dei detenuti in Italia, ha già definito la sua mentalità.

edo
Inviato: 17/12/2008 21:24  Aggiornato: 17/12/2008 21:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: La madre di Moussaui chiede clemenza alla perestroika...
Il coraggio di questa madre, mette a nudo l'ipocrisia del mondo con cui si scontra. Tutti i tg dell'italiota patria hanno sempre dato risalto al Mussaoui-oggetto, ma neanche un minuto alla sua mamma che avrebbe potuto spiegare (almeno lei può comunicare, se mai qualcuno volesse ascoltarla), alcune cose a proposito del figlio.


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA