Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


Commenti Liberi : Commenti liberi
Inviato da Redazione il 2/12/2008 11:32:07 (4115 letture)

Gli utenti possono commentare o segnalare le notizie più recenti.

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Laughter
Inviato: 2/12/2008 11:53  Aggiornato: 2/12/2008 11:53
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/8/2008
Da:
Inviati: 50
 Re: Commenti liberi
Mi piacerebbe sapere se qualcuno ha sentito la notizia secondo la quale Bush avrebbe ammesso che l'invasione dell'Iraq è stata un errore; ci sono commenti in proposito?

gubbo
Inviato: 2/12/2008 12:14  Aggiornato: 2/12/2008 12:14
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/6/2006
Da: Un mondo ipocrita
Inviati: 634
 Re: Commenti liberi
Mah.....a me fa quasi pena sto Bush......sembra un ingenuotto
che ha scoperto di essere stato ingannato per 8 lunghi
anni ed ora cerca di dire al mondo che la colpa non è sua!
Non riesco ancora a capire se c'è o ci fa....

"Io giudico l'uomo, nella sua coscienza, l'essere vivente più incosciente che popoli questa terra" ; dovrebbe essere mia ma non ne sono sicuro
menphisx
Inviato: 2/12/2008 12:35  Aggiornato: 2/12/2008 12:35
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2008
Da: Everywhere
Inviati: 463
 Re: Commenti liberi
Quando mangiafuoco decise di trasformare Pinocchio in legna da ardere; Pinocchio lo supplico, riuscendo addirittura a farsi dare delle monete doro.
Purtroppo il nome Bush, e molto amico delle fiamme.

« Tramuta tutto in ciò che è veramente: l’Astratto, lo Spirito, il Nagual. Non c’è stregoneria, né il male, né il diavolo. C’è solo la percezione. »
Don Juan Matus
donfrengo
Inviato: 2/12/2008 13:01  Aggiornato: 2/12/2008 13:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/11/2008
Da:
Inviati: 62
 Re: Commenti liberi
Il Tempo 29/11/08

Al Qaeda costretta a cambiare obiettivi
Se qualcuno si era illuso che il terrorismo islamista fosse passato, la tragedia di Mumbai gli ricorda che i gruppi terroristi-fondamentalisti sono più che mai vivi, potenti e capaci di mettere in atto azioni di larga portata che provocano morte, distruzione e orrore.

Ma sarebbe errato affermare che oggi siamo allo stesso punto dell’11 settembre 2001, o che è in corso una guerra contro l’Islam, come qualche superficiale osservatore ha scritto in questi giorni.
Molto è cambiato negli ultimi anni. L’Occidente europeo e americano è stato capace di affrontare con l’intelligence e la prevenzione il mostruoso fenomeno che aveva ferito il territorio statunitense. Se si riflette sulla sequenza dei fatti senza ricorrere alle facili teorie o alle illusorie ideologie, si deve concludere che dopo la strage delle torri-gemelle, e quelle della stazione di Madrid (2003) e della metropolitana di Londra (2005), nei paesi europei e americani non v’è più stato alcun significativo attacco, segno che qualcosa ha funzionato.

Il rilievo che l’Occidente, al momento, ha contenuto il terrorismo salvaguardando i propri territori e le proprie popolazioni non deve però metterci tranquilli. I terroristi islamisti (e non gli islamici in quanto tali) restano un pericoloso protagonista della scena internazionale che deve essere affrontato ovunque si manifesti, anche se non riesce più a colpire le nostre città. Perché lo scontro globale tra democrazia e diritti della persona da un lato, e integralismo e violenza terroristica dall’altro, rimane il conflitto decisivo del nostro tempo.
L'articolo non è firmato


In foto due che se la bevono


Sani & Sponsorizzati

Quando parli con me ti devi stare zitto
"Sani & Sponsorizzati" : contro il ceto medio
spettatore
Inviato: 2/12/2008 14:15  Aggiornato: 2/12/2008 14:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da:
Inviati: 883
 Re: Commenti liberi
http://www.disinformazione.it/riprendersi_anima.htm

ma tu guarda... e poi dicono che Sitchin ha "lavorato di fantasia" !!!!


Lo spettatore

Citazione:
Non metterti a discutere con un idiota. La gente potrebbe non accorgersi della differenza.
baciccio
Inviato: 2/12/2008 14:38  Aggiornato: 2/12/2008 19:54
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/1/2006
Da: Genova
Inviati: 536
 Re: Commenti liberi
Dopo il caso Abel Smith, musulmano, che si è battuto affinchè venisse tolto il crocifisso dalle aule scolastiche italiane;crocifisso che urtava e offendeva la sua sensibilità di fedele della giusta religione:l'Islam. Ritengo utile segnalare una battaglia civile dello stesso tenore : togliere dalle aule di tutti i tribunali italiani ancora il crocifisso, che a quanto è dato di capire, con la sua presenza urta il senso civico fino a turbare la facoltà di giudicare del giudice italiano di estrazione ebraica che si è fatto portatore di questo innovativo progetto. Il quale giudice, con una battaglia cominciata alcuni anni fa, considera di "derattizzare" (così il suo termine ) il simbolo cristiano-fascista ( così lo definisce ) che ancora alberga nei tribunali italiani . Di seguito un recente arrticolo tratto da : http://www.abruzzo24ore.tv/news.php?id=8254.
Mah, mi sa che, presto o tardi, l'italialità se ne andrà a ramengo, con buona pace di coloro che concorrono a che ciò accada, nell'ignavia collettiva.


Il giudice Tosti non molla
Via il crocifisso o rinvio udienza

Il giudice del tribunale di Camerino Luigi Tosti, conosciuto per la sua battaglia contro il crocifisso nelle aule giudiziarie per la quale ha subito anche condanne e sanzioni dal Csm, non molla: ora chiede il rinvio dell' udienza che lo riguarda in Cassazione, il 18 novembre, se non saranno tolti dalle aule i crocifissi a meno che non siano esposti allo stesso modo anche i simboli delle altre religioni. Martedì prossimo Tosti dovrebbe comparire davanti ai giudici della sesta sezione penale per l' esame del suo ricorso contro la prima condanna a 7 mesi e a un anno di interdizione dai pubblici uffici per omissione di atti di ufficio e interruzione di pubblico servizio inflittagli nel febbraio 2008 dal tribunale dell'Aquila e confermata in appello per essersi rifiutato di tenere udienze nelle aule con il crocifisso. Il giudice, sospeso in passato dal Csm dalle funzioni e dallo stipendio, ha scritto ai magistrati della Suprema Corte e per conoscenza al ministro della Giustizia Angelino Alfano spiegando che "la presenza dei crocifissi, imposta dalla dittatura confessionale fascista del 1926 e tuttora condivisa dall' attuale regime repubblicano, pregiudica e lede in modo eclatante il principio di laicità delineato dalla Carta Costituzionale, cioé l' obbligo costituzionale dei giudici di essere e di apparire imparziali". Tosti, che è ebreo, sollecita la 'derattizzazione generalizzata' di tutte le aule dai simboli religiosi, e in particolare di quello della religione cattolica. "Mi rifiuterò di farmi processare da giudici partigiani - sottolinea - che si identificano platealmente nei crocifissi appesi sopra la loro testa" e che tra l' altro dovrebbero giudicarlo proprio per aver contestato quel simbolo. Al ministro il giudice chiede di essere sottoposto ad un nuovo procedimento disciplinare dopo quello avviato dal suo predecessore Clemente Mastella, e finito con la condanna.
15/11/2008 07:13

ivan
Inviato: 2/12/2008 14:45  Aggiornato: 2/12/2008 14:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: Commenti liberi
La Pravda riporta un articoletto simpatico.

Si, son cose dette e ridette su questo ed altri siti, però si sa: Repetita iuvant.

Citazione:


What is Al Qaeda?

During the 1980s, when Russian troops occupied Afghanistan, the USA's Central Intelligence Agency was sending arms and war material to the Afghani Mujahideen. The CIA also provided military training and logistical support to the Afghani Mujahideen. US arms dealers, CIA agents, and covert US military Special Operations troops were deeply involved in assisting the Afghan resistance to Russian occupation. The Stinger shoulder-launched anti-aircraft missiles which the USA gave to the Mujahideen enabled the Mujahideen to turn the tide of battle and to eventually defeat and expel the Russian Army from Afghanistan.

Afghanistan is a major opium-growing center, and during the Russian/Afghan conflict, heroin trafficking out of Afghanistan became a major enterprise for the CIA, which used its own fleet of difficult-to- trace aircraft to ship the drug into Europe. When I was in New Delhi in 1980, I met young Afghans who were eager to sell heroin and AK-47 automatic assault rifles to almost anyone, including random tourists.

War material from the USA for the Afghani Mujahideen was channeled through Pakistan, and during the Russian occupation of Afghanistan the US government and the Pakistani government formed a deep alliance. The arms, training, and logistical support that the USA provided to the Afghan Mujahideen was also channeled to Terrorists who are trained and supported by the Pakistani government and military to infiltrate into Indian Kashmir in an ongoing effort to destabilize the Indian control of Kashmir.

After the Russians left Afghanistan, the Pakistani-based Taleban, which had always received its primary support from the Pakistani government, seized power in Afghanistan and formed the ruling government there until the US invasion of Afghanistan in late 2001. The Pakistani government and military abandoned their open support for the Taleban when the USA bribed Pakistan with many billions of dollars in US military and economic aid just prior to the US invasion of Afghanistan.

Al Qaeda, which in Arabic means 'the Base', was originally the name that the CIA station chiefs in Saudi Arabia gave to the database that they created to keep track of the individuals and groups to which the US government was providing funds for the Afghani Mujahideen during the Russian occupation of Afghanistan.

During the Russian occupation of Afghanistan, Osama bin Laden was an organizer for the Afghani Mujahideen. Bin Laden worked to help funnel US arms and supplies to the Mujahideen, and bin Laden helped bring Saudi and other foreign fighters to Afghanistan to assist the Mujahideen. In these roles, Osama bin Laden was constantly in close communication with the CIA, and bin Laden was functioning as an agent, asset, ally, or employee of the CIA. Osama bin Laden later assisted the USA's divide-and-conquer agenda in the Balkans by recruiting Saudis and other foreign fighters for the Kosovo Liberation Army during the 1990s. The Balkans are an entry-point for heroin trafficking into Europe, and the CIA, assisted by the Al Qeada volunteers recruited by Osama bin Laden, engaged in heroin, arms, and human trafficking there.


Ex-US President George H. Bush and his son, the current US President George Walker Bush, have been close friends with the bin Laden family of Saudi Arabia since the 1980s. The bin Laden family business involves major construction projects throughout the Middle East, and the US government and US corporations have been frequent customers of the bin Ladens. On the day after the 9/11/2001 attacks on the World Trade Center Twin Towers in New York City and on the Pentagon in Washington D.C., President George W. Bush authorized the departure of members of the bin Laden family for flights back to Saudi Arabia without any of the bin Ladens being subject to any questioning by the US intelligence agents or law enforcement.

Osama bin Laden has never claimed responsibility for the 9/11 attacks on the WTC and the Pentagon, and officials at the USA's Federal Bureau of Investigation have stated that they do not list Osama bin Laden as a suspect in the 9/11 attacks because they "do not have sufficient evidence that Osama bin Laden was involved in the 9/11 attacks." Since 9/11, several videos and audiotapes have been posted on the Internet that purport to show Osama bin Laden, but all of them have been proven to be forgeries. President George W. Bush has publicly stated, "I don't care about Osama bin Laden" and Bush has also publicly dismissed any need to find or capture Osama bin Laden.

Al Qaeda is nothing more than a bogey man, an invented ghost to frighten children and the ignorant. Al Qaeda is the invisible and nonexistent enemy that the US government has manufactured to provide an excuse for its never-ending 'War on Terrorism', which is in reality a war of US aggression for US domination of the world and its resources. The US government commits 'false flag' attacks such as the 9/11 attacks; the Bali, Madrid, and London bombings; and the recent bombings and attacks in India as a way to create a false threat where no real threat exists, providing an excuse for the USA to step in to 'rescue' and 'protect' other nations from 'Terrorist' attacks that were actually perpetrated by the USA itself.






link

SoulTrance
Inviato: 2/12/2008 15:00  Aggiornato: 2/12/2008 15:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/6/2006
Da: somewhere
Inviati: 93
 Re: Commenti liberi
Laughter ho visto un breve video in merito all'intervista di Bush all'NBC, qui:

Breve video: 'Non ero pronto ad affrontare la guerra in Iraq'

Ho cercato svelto il video intero ma ancora niente, non ho molto tempo per cercare bene...

Aspettiamo i traduttori per poter vedere/sentire meglio quanto da lui espresso..

In tutti i casi dice, "Penso che in realta fossi impreparato, il mio piu grande rimpianto sono state le informazioni sbagliate raccolte sulle armi di distruzione di massa, mi sono fidato delle persone sbagliate..." Glissando quando gli è stato chiesto se avrebbe fatto lo stesso la guerra...

Vorrei sentire l'intera intervista per capirne di piu... Sia su questa storierra dell'Iraq che per la crisi finanziaria, che come ovvio che sia lui sostiene per "Salvare Il Sistema"....

W il Sistema quindi.. chi trova qualche link, sarebbe top lo postasse.

:)

redna
Inviato: 2/12/2008 16:29  Aggiornato: 2/12/2008 16:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Commenti liberi
Perquisiti gli uffici della Procura della Repubblica e della Procura generale calabrese
Sospetti di illecito nelle procedure che sottrassero le indagini all'ex pm
De Magistris, avvisi di garanzia
ai magistrati di Catanzaro

Luigi De Magistris, ex pm a Catanzaro, oggi al Tribunale di Napoli
CATANZARO - Perquisizioni e avvisi di garanzia ai magistrati di Catanzaro. La procura di Salerno sospetta che i colleghi calabresi abbiamo commesso degli illeciti nel sottrarre all'indagine dell'ex pm De Magistris l'inchiesta Why not in cui erano coinvolti l'ex premier Romano Prodi e l'ex Guardasigilli Clemente Mastella.

E' più di un anno che l'ex sostituto di Catanzaro Luigi De Magistris va ripetendo di essere stato vittima di un piano architettato per delegittimare il suo lavoro e screditare la sua immagine. Ma il Csm aveva accolto la richiesta di trasferimento presentata dall'allora ministro della giustizia Clementa Mastella, il magistrato era stato spostato al tribunale di Napoli, e il caso sembrava chiuso.

Stamane invece il procuratore capo di Salerno e due sostituti, insieme ad una squadra di agenti e carabinieri, sono entranti nel Palazzo di giustizia di Catanzaro per perquisire i colleghi della Procura e della Procura generale. I magistrati sospettano che fu un illecito sottrarre all'ex pm le inchieste "Poseidone", sulla presunta cattiva gestione in Calabria dei processi di depurazione, e "Why not", sul sospetto uso improprio di finanziamenti pubblici, inchiesta in cui erano rimasti coinvolti anche l'ex premier Romano Prodi e l'ex Guardasigilli Mastella.

repubblica.it


--------
I carabinieri hanno perquisito gli uffici del procuratore generale Enzo Jannelli; dell'avvocato generale dello Stato Dolcino Favi; dei sostituti procuratori generali Alfredo Garbati e Domenico De Lorenzo e del pm Salvatore Curcio; dell'ex procuratore di Catanzaro Mariano Lombardi; del procuratore aggiunto vicario di Catanzaro Salvatore Murone. Le perquisizioni hanno riguardato anche le abitazioni di alcuni indagati dalle quali sono stati prelevati anche computer.

corriere.it


C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Red_Knight
Inviato: 2/12/2008 16:30  Aggiornato: 2/12/2008 16:30
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: Commenti liberi
@Baciccio
E quindi?

Sertes
Inviato: 2/12/2008 16:37  Aggiornato: 2/12/2008 16:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Commenti liberi
Vi segnalo che la Xerox vi permette di spedire cartoline di auguri natalizi, per dare supporto alle truppe in Iraq tramite il sito www.LetsSayThanks.com , con immagini disegnate dai bambini americani.

Quindi da oggi inizio a boicottare qualsiasi prodotto Xerox, informando della mia scelta all'indirizzo info@LetsSayThanks.com

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
gubbo
Inviato: 2/12/2008 17:04  Aggiornato: 2/12/2008 17:07
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/6/2006
Da: Un mondo ipocrita
Inviati: 634
 Re: Commenti liberi
Ci risiamo......non ne posso più!
Ma tutte in questo momento? Cosa bolle in pentola?

Progettavano attentati, arrestai due marocchini a Milano

EDIT: dal titolo "I due marocchini, sedicenti legati ad AlQaeda....."
Come gli piace vantarsi a sti terroristi del XXI secolo!

"Io giudico l'uomo, nella sua coscienza, l'essere vivente più incosciente che popoli questa terra" ; dovrebbe essere mia ma non ne sono sicuro
trotzkij
Inviato: 2/12/2008 19:02  Aggiornato: 2/12/2008 19:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/9/2006
Da:
Inviati: 3704
 Re: Commenti liberi
Pakistan è il nuovo Nemico, lo dice anche il Congresso USA


James Talent

WASHINGTON (Reuters) - Le possibilità di un attacco terroristico in una grande città del mondo con l'impiego di armi di distruzione di massa (Wmd) sono superiori rispetto al passato, secondo uno studio realizzato da una specifica commissione incaricata dal Congresso americano.
Lo scrive oggi il quotidiano statunitense The Washington Post. Una bozza dello studio avverte della minaccia crescente che proviene dai cosiddetti "stati canaglia", dal contrabbando di elementi atomici e dalla diffusione di informazioni concernenti il nucleare nei paesi in via di sviluppo, scrive il quotidiano.La Commissione sulla Prevenzione della Proliferazione delle Armi di Distruzione di Massa e del Terrorismo, indica il Pakistan come oggetto di grave preoccupazione a causa della sua rete di gruppi terroristici, della sua storia di instabilità politica e delle sue capacità nucleari.
"A nostro giudizio, il margine di sicurezza dell'America si sta assottigliando, non sta aumentando", scrive il giornale citando il rapporto. La commissione afferma che un attacco terroristico, per il quale potrebbero essere utilizzate armi biologiche, avverrà probabilmente entro la fine del 2013.
L'ex senatore democratico Bob Graham, ha presieduto la commissione, mentre l'ex deputato repubblicano James Talent era il suo vice. La commissione ha raccomandato una revisione dei trattati internazionali di non proliferazione, con accurate ispezioni condotte dall'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica, dice il rapporto, e ha invitato il presidente eletto Barack Obama a mantenere la linea dura con Iran e Corea del Nord.

Notizie Yahoo

Beh, gggente, prepariamoci....

I complotti non esistono, ... tranne quando ci sono
alex68
Inviato: 2/12/2008 19:43  Aggiornato: 2/12/2008 19:43
So tutto
Iscritto: 15/7/2005
Da:
Inviati: 7
 Re: Commenti liberi
Ragazzi ma com'è la storia del presunto terrorista arrestato a Milano? Dicono che facesse proselitismo in un centro culturale a Macherio praticamente fuori alla villa di Berlusconi...

baciccio
Inviato: 2/12/2008 19:58  Aggiornato: 2/12/2008 19:58
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/1/2006
Da: Genova
Inviati: 536
 Re: Commenti liberi
Red_Knight :
@Baciccio
E quindi?

Quindi niente...è il Nuovo che avanza.

redna
Inviato: 2/12/2008 20:44  Aggiornato: 2/12/2008 21:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Commenti liberi
corriere.it
Tra gli obiettivi di cui si sente parlare nelle intercettazioni telefoniche e ambientali c'erano il supermercato Esselunga di Seregno e i parcheggi di un locale notturno adiacente, oltre alla caserma Perrucchetti, quella dei carabinieri di Giussano e l'Ufficio immigrazione della questura. In carcere sono stati portati Raphid Ilhami, 31 anni, uno dei predicatori del centro culturale Pace di Macherio, e Ghafir Abdelkader, 42 anni. Sono accusati di terrorismo internazionale (articolo 270 bis del codice penale). Dalle intercettazioni si evince che gli indagati, complessivamente una decina e che nei loro dialoghi rivendicavano la propria appartenenza ad Al Qaeda, avrebbero avuto inizialmente intenzione di utilizzare un camion di esplosivo. Resisi conto delle difficoltà, avrebbero ripiegato su alcune bombole a ossigeno il cui uso era stato tratto da Internet.

Anche il centro culturale Pace di Macherio è stato perquisito. Nell'edificio, dopo i sermoni ufficiali, dal tenore moderato, si tenevano riunioni serali a cui partecipavano cinque-sei persone in cui i toni erano decisamente fondamentalisti. Le conversazioni sono proseguite fino a pochi giorni fa. Ilhami, secondo l'accusa, indottrinava il figlio di appena due anni sollecitandolo a riconoscere l'immagine di Osama Bin Laden e a chiamarlo "zio Osama". Il proselitismo era tale che un altro figlio, ancora più piccolo, era stato chiamato proprio Osama.

-----
insomma: su internet hanno trovato come usare le bombole ad ossigeno,
i toni delle riunioni erano deisamente fondamentaliste e ...udite ...udite...anche un figlio veniva 'indottrinato' ad appena due anni per giunta, e veniva 'obbligato' a chiamare 'zio Osama' il famigerato Bin Laden...
Uno dei bambini si chiamava (anche lui) Osama.
E'altamente improbabile che il nome Osama sia stato dato solo a Binladen
pertanto perchè stupirsi tanto?
Non sarà che i 'vicini' invece, non li volevano (tra i piedi...)?


Citazione:
Roma, 2 dic. (Apcom) - Non solo la sinistra. Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, critica duramente anche i direttori dei quotidiani italiani per come hanno gestito l'informazione sul caso Iva-Sky. Conversando con i giornalisti durante una passeggiata per il centro di Roma, il premier ha infatti criticato sia la 'Stampa' che il 'Corriere della Sera'. "I vostri giornali, il tuo giornale - ha detto rivolgendosi al cronista del quotidiano di Torino - ha titolato 'Berlusconi contro Sky'. Invece di chiedersi come mai c'è un rapporto privilegiato di questo tipo nei confronti di Sky, attaccano me. Ma che vergogna. Le vignette del Corriere della Sera, che vergogna! Che vergogna! Ma dovrebbero tutti andare a fare un altro mestiere, politici e direttori di questi giornali".


Non sarebbe il caso di sistemare una volta per tutte il conflitto di interessi?

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
wireless
Inviato: 2/12/2008 22:51  Aggiornato: 2/12/2008 22:51
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/8/2007
Da:
Inviati: 228
 Re: Commenti liberi
Allarme degli Stati Uniti: possibile
un attacco biologico entro il 2013

WASHINGTON
Entro il 2013 in America o in qualche altra parte del mondo può avvenire un attentato con armi di distruzione di massa, in particolare biologiche, e gli Usa devono per questo aumentare le difese contro l’uso di dispositivi nucleari o biochimici da parte di terroristi.

http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/esteri/200812articoli/38766girata.asp

Mi sembra abbastanza vago come avvertimento;come dire attenzione nei prossimi 5 anni un vulcano o un terremoto potrebbero causare grandi distruzioni non si sa dove..non si sa quando ...cercate di evitarli!!

Stefano
Inviato: 2/12/2008 23:39  Aggiornato: 2/12/2008 23:41
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/8/2004
Da:
Inviati: 344
 Re: Commenti liberi
Ero all'inaugurazione della mostra fotografica sullla distruzione di Tskhinvali che si sta tenendo a Roma, a Trastevere (ingresso libero, fino al 6 dicembre, ne ho scritto un breve report, dove ripercorro anche la storia della guerra di questa estate qui: http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=22662 Arianna si è mangiata la parola Europa dal titolo, "L’incubo planetario bussa ancora alle porte dell’Ossezia, e sta cercando l'Europa", ma fa niente).

Lì si è dettto chiaro e tondo che l'Ossezia rischia ancora colpi di coda, e quasi ogni giorno ci sono sparatorie, mentre gli osservatori UE se ne stanno ben bene rintanati a scaldarsi le chiappe.

Saakashvili ormai è finito, come ha dimostrato la sua ultima uscita "da pazzo": farsi sparare addosso a comando, da presunti e invisibili "soldati russi" senza mira, mentre scarrozzava il presidente polacco Kaczynsky al confine con l'Ossezia, non senza essersi portato appresso un nugolo di giornalisti - i quali però hanno mangiato la foglia. I servizi segreti polacchi hanno aperto un'inchiesta, dichiarando apertamente che il Saka ha un po' troppo preso gusto alle messe in scena.

Ma poiché si tratta solo di un burattino, non è affatto detto che quel fronte sia fermo. E anche se non ci scappasse la guerra mondiale, un altro massacro etnico non è che sia una bella cosa.

peppe75
Inviato: 3/12/2008 0:15  Aggiornato: 3/12/2008 0:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/10/2006
Da: London
Inviati: 399
 Re: Commenti liberi
Rainews24:
La polizia indiana ha identificato il mandante della carneficina di Mumbai. Secondo il Wall Street
Journal si tratta di uno dei leader dell'organizzazione terrorista pachistana Lashkar-e-Taiba, Yusuf Muzammil, capo delle operazioni terroristiche contro l'India.
A identificarlo sia le tracce lasciate sui telefoni satellitari dei terroisti sia la confessione dell'unico sopravvissuto del commando, il 21enne pachistano Amir Kasab. Quest'ultimo ha anche puntato il dito contro i due vice di Muzammil, che come il loro capo sono sulla lista di 20 ricercati di cui l'India ha chiesto al Pakistan l'estradizione.

vatti a fidare di questi terroristi...2 giorni fa questo era pronto a morire, e ora si canta anche la mamma. bravi bravi..ai terroristi

Cassandra
Inviato: 3/12/2008 0:58  Aggiornato: 3/12/2008 0:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/5/2006
Da:
Inviati: 1551
 Re: Commenti liberi

"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)
donfrengo
Inviato: 3/12/2008 2:37  Aggiornato: 3/12/2008 2:37
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/11/2008
Da:
Inviati: 62
 Re: Commenti liberi
Vittorio Arrigoni: rapito in acque palestinesi
02/12/2008

Il mare era un coltre liquida impassibile, priva d'increspature, liscio come olio;
martedì scorso quando io, Darlene e Andrew, attivisti per i diritti umani dell'ISM ( http://www.palsolidarity.org/ ), siamo salpati dal porto di Gaza a bordo di tre pescherecci palestinesi. Il sole era tiepido, il cielo limpido, totale assenza di vento, si prospettava una giornata generosa di pesce per i nostri amici pescatori. All'incirca verso le 11 am., siamo stati intercettati e accerchiati da 8 imbarcazioni militari israeliane, che hanno aperto il fuoco attorno ai pescherecci, ci hanno bloccato, dopodichè hanno proceduto al nostro rapimento, noi 3 internazionali e 15 pescatori palestinesi. Hanno rapito noi e rubato i pescherecci, e condotto noi e la barche dalla Palestina sin dentro i confini d'Israele. Ci trovavamo circa a 6 miglia dalla costa di Gaza, secondo le leggi internazionali in piene acque palestinesi (il trattato di Oslo conferisce sovranità ai palestinesi sino a 20 miglia dalle coste delle Striscia), per questa ragione non di arresto si tratta, ma di vero e proprio sequestro di persona, e non di confisca dei pescherecci, bensì di furto. Un blitz terroristico in piena regola. Corpi speciali della marina militare israeliana, teste di cuoio, incappucciati, armati all'inverosimile, per bloccare tre barchette di legno che a malapena stanno a galla.

Ho provato a interloquire con quello che mi pareva essere l'ufficiale israeliano di più alto grado, gli ho domandato se avessero intenzione di uccidermi, visto che più di una decina fra pistole, fucili, canne di cannone, erano rivolte verso di me seguendo ogni mio minimo movimento. Prima che i soldati israeliani saltassero a bordo del mio peschereccio, ho chiesto a lui, a loro, che ossesso timore provasse Israele, quale estremo pericolo per la sua sicurezza interna rappresentasse il fatto che dei semplici pescatori palestinesi andassero al largo del loro mare per procacciarsi il minimo sufficiente a sfamare le loro famiglie.

L'ufficiale israeliano, così ferreo e autoritario nell'impartire ordini in ebraico ai suoi soldati, e a me in un inglese dallo spiccato accento australiano, non ha saputo rispondere a questo mio semplice quesito. E' evidente che questi super soldati, tutti muscoli e agghiacciante freddezza, sono addestrati ad uccidere un uomo in meno di un secondo ( e quando si tratta di uccidere un palestinese anche meno), senza batter ciglio, ma non sono in grado di comprendere autonomamente il significato di termini elementari come diritto di esistenza, diritto di sopravvivenza.

In quanto ben distanti dai confini israeliani, ho dichiarato all'ufficiale che non riconoscevo la sua autorità, ne tantomeno il diritto di rapire me e i pescatori miei amici. Ho deciso allora di resistere passivamente, in maniera non violenta. Mi sono arrampicato sul tetto del peschereccio, e da lì sull'impalcatura di ferro che funge da gru, a poppa, per issare le reti. Mi hanno inseguito tre soldati, puntandomi le pistole al viso. I loro occhi, dietro i passamontagna neri, mi sono parsi la migliore rappresentazione dell'odio che mai mi è capitato di vedere, un odio impartito in anni di lezioni rimandate a memoria, su come annientare il nemico, anche quando il nemico non esiste. Niente affatto intimorito, ho domandato che se era loro intenzione uccidermi, allora si accomodassero, adempissero in pieno al loro dovere. Uccidere un civile, italiano, disarmato, su di un peschereccio palestinese, a pesca con amici palestinesi, su acque palestinesi. Un quarto soldato allora è sopraggiunto, e ho riconosciuto l'arma che teneva in pugno, una pistola taser. A quest'ultimo ho detto la verità, che sono cardiopatico, che quell'arma avrebbe potuto provocarmi un arresto cardiaco. Il soldato allora si è avvicinato, l'ufficiale ha impartito l'ordine, io ho voltato le spalle a entrambi, per non provare troppa compassione per loro. Il soldato mi ha sparato sulla schiena, una scarica elettrica mi ha mandato sottoschock, tutti e 4 i soldati hanno cercato allora di spingermi di sotto, un salto da tre metri sulla superficie di acciaio della poppa del peschereccio, mi avrebbe sicuramente comportato serie fratture. Con un colpi di reni mi sono gettato in mare, e con le ultime forze vi sono rimasto, in acqua, nuotando lentamente, verso la riva all'orizzonte, verso Gaza, verso casa. Indifferente ai proiettili intimidatori che colpivano l'acqua a pochi centimetri dalla mia testa, ho nuotato per una buona mezz'ora, seguito a breve distanza dalle 8 navi da guerra, quando i miei denti hanno iniziato a battere senza sosta, e le palmi delle mie mani si sono fatte blu, ho dovuto desistere nella fuga, e lasciare che i soldati mi trassero fuori dall'acqua, malmenandomi. Per poco ho scampato l'ipotermia.

Arrivati al porto di Ashkelon, io Darlene e Andrew, siamo stati condotti fuori dalla nave da guerra israeliana, e lì ci è apparsa dinnanzi una scena da olocausto. Qualcosa che a me a ricordato il film Schindler's list, o le prose intrise di orrore di Primo Levi. Tutti e quanti i pescatori stavano inginocchiati ignudi, incatenati alle caviglie e coi polsi ammanettati dietro la schiena, bendati. Loro il viaggio, di circa 50 chilometri nautici, se l'erano fatto così, all'aperto in quelle condizioni.

Perchè? Per quale motivo Israele nelle veci del suo esercito, dei suoi governi, si macchia quotidianamente di crimini di guerra contro i civili di Gaza? perchè li punisce collettivamente? Impedire a degli innocui pescatori di pescare a poche a miglia dalla costa, nelle loro acque, più in generale affamare la popolazione civile di Gaza imprigionata nel suo assedio, non favorisce certo ne un processo di pace, ne ottiene più sicurezza per Israele. E' vero invece esattamente il contrario.

Condotti in un carcere a Ben Gurion, eppoi a nella prigione di Ramle, noi tre internazionali abbiamo iniziato immediatamente uno sciopero della fame, con la richiesta di rilascio immediato dei pescatori palestinesi. Cosa che è poi avvenuta.

Io sono stato 6 giorni nelle prigioni israeliane, in condizioni pessime, celle anguste e luride, popolate da insetti e parassiti che hanno banchettato allegramente sulla mia epidermide. Ma vengo da Gaza, a essere incarcerato in fin dei conti ci ero abituato. Gaza è la più grande prigione a cielo aperto del mondo, per volontà israeliana. Tutte le industrie hanno dovuto chiudere, più dell' 80 percento della popolazione vive sotto la soglia di povertà, a Gaza si registra il più alto tasso di disoccupazione del mondo, non c'è corrente elettrica, ne carburante. Gli ospedali necessitano di medicinali, la stragrande parte della popolazione di viveri, e beni di prima necessita. I soldati israeliani mi hanno prelevato dalla prigione a cielo aperto di Gaza solo per condurmi in una delle loro prigioni più piccole, dove quantomeno, a differenza di Gaza, servivano puntualmente un rancio, e c'era per quasi tutto il giorno energia elettrica e acqua potabile. Sono però stato privato dei mie fondamentali diritti, come quella di poter contattare il mio avvocato, o il mio consolato, a mia discrezione, non a volontà dei miei carcerieri. Inoltre ci tengo qui qui a denunciare che nella prigione di Ramle, a venti chilometri da Tel Aviv, sono sepolti vivi centinaia di rifugiati africani, per lo più etiopi, eritrei e sudanesi. Hanno un visto UN in perfetta regola, e in qualsiasi paese che si definisce civile sarebbe stato affidato loro un alloggio ed un minimo per vivere, scappano dalla guerra, non sono mica terroristi. Ma Israele dimostra ancora una volta, che i diritti umani, e più in generale la legge internazionale, è cartastraccia fuori dai suoi confini come pure dentro. Io farò di tutto affinché la condizione disumana di sepolti vivi dei miei compagni di prigionia venga alla luce. L'ho promesso loro. Io, Andrew e Darlene, alla fine siamo stati deportati, non ci siamo appellati alla corte israeliana per non legittimare come arresto quello che la legge internazionale ritiene essere rapimento.

I nostri avvocati si batteranno comunque per la restituzione dei pescherecci rubati dalla marina israeliana. Oltre che la perdita economica per i proprietari delle imbarcazioni, ciò che più ci sta a cuore sono la cinquantina di pescatori disoccupati, la trentina di famiglie palestinesi che da una settimana non ha più di che sostenersi.

Quelle barche rapinate da Israele sono il simbolo dell'assedio a cui è costretta Gaza, dell'illegalità al limite del terrorismo con cui opera l'esercito israeliano al di fuori del suo territorio. Personalmente, io, Vittorio Arrigoni, dichiaro che sono un leone.

Che più mi bastonano, più mi incarcerano, più rafforzano la mia determinazione nella lotta per la difesa dei diritti umani. Non è stato un gioco per Gandhi e i suoi scrollarsi di dosso l'occupazione inglese, ne per Mandela sconfiggere l'apartheid che imperava in Sud Africa. Non saranno per me le ferite che ho riportato in questi mesi a Gaza, ne la mia ultima detenzione, a farmi indietreggiare di un solo passo verso il percorso di lotta civile e non violenta che ho intrapreso, una questione morale che significa libertà per i palestinesi, e contemporaneamente pace e sicurezza per gli israeliani.



Restiamo Umani.



Vittorio Arrigoni

blog: http://guerrillaradio.iobloggo.com/

contatto: guerrillaradio(at)gmail.com

Quando parli con me ti devi stare zitto
"Sani & Sponsorizzati" : contro il ceto medio
Orwell84
Inviato: 3/12/2008 12:05  Aggiornato: 3/12/2008 12:05
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 7/3/2006
Da: Ground Zero
Inviati: 1114
 Re: Commenti liberi
*Cynthia McKinney Prevented From Leaving U.S.

Former Congresswoman and presidential candidate Cynthia McKinney has been prevented from leaving the country after she planned to give a speech in Damascus Syria at a Conference being held to commemorate the 60th Anniversary of the Universal Declaration of Human Rights.

SoulTrance
Inviato: 3/12/2008 13:13  Aggiornato: 3/12/2008 13:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/6/2006
Da: somewhere
Inviati: 93
 Re: Commenti liberi
NEW DELHI - Il segretario di stato americano Condoleezza Rice ha detto oggi a New Delhi che è necessaria un´azione urgente per rispondere agli attentati di Mumbai. La Rice ha aggiunto che è necessario che il Pakistan collabori a questo.

La Rice, incontrando i giornalisti all´ambasciata americana di New Delhi poche ore dopo il suo arrivo nella capitale indiana e prima di incontrare i vertici del governo indiano, ha ribadito che "é necessario che il Pakistan collabori con l´India", e per questo ha sottolineato che il governo americano ha già chiesto a quello pachistano un aiuto in tal senso. Nel ribadire che "gli Stati Uniti sono con l´India", la Rice ha chiesto che i colpevoli degli attacchi terroristici di Mumbai vengano assicurati alla giustizia e che questi atti vengano prevenuti.

Per la Rice inoltre, non si può escludere il coinvolgimento di Al Qaeda negli attentati di Mumbai perché, ha detto il segretario di stato americano, "questo è un tipo di terrorismo nel quale partecipa Al Qaeda". La Rice infine ha ribadito l´aiuto americano nelle indagini, per evitare che "ci sia un altro undici settembre".

Fonte articolo

"questo è un tipo di terrorismo nel quale partecipa Al Qaeda" Avete capito??? è Ovvio scusa....

nessuno
Inviato: 3/12/2008 15:58  Aggiornato: 3/12/2008 15:58
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/7/2005
Da: Albino (BG) - Bassa Valle Seriana
Inviati: 501
 Re: Commenti liberi
Riprendo da "Il Corriere della Sera", di oggi 3 dicembre 2008

Citazione:
Berlusconi: «Internet va regolamentata»
La proposta per il prossimo G8: «Serve una prospettiva internazionale, in cui l'Italia possa essere avanguardia»

ROMA - Regolamentare internet. Silvio Berlusconi, dopo la visita al polo tecnologico di Poste italiane a Roma, lancia una proposta italiana che il governo s'impegna a portare sul tavolo del prossimo G8, che sarà presieduto dall'Italia. «Da gennaio sarò per la terza volta presidente del G8, che sarà un G20 - spiega il premier - e rappresenterà l'80% dell'economia mondiale e il 72% della popolazione mondiale. Il G8 ha già come compito la regolazione dei mercati finanziari in tutte le nazioni; ho visto che per quanto riguarda internet manca una regolamentazione comune». Quindi annuncia: «Porteremo sul tavolo una proposta internazionale, essendo internet un forum aperto a tutto il mondo». L'argomento secondo Berlusconi deve essere affrontato, ma non dalle Nazioni Unite (definite dal premier «pletoriche»). Nel g8 «invece si discute, ci si interfaccia e si arriva a soluzioni concrete che poi tutti i paesi si impegnano ad accettare». Secondo il premier l'Italia potrebbe rappresentare l'avanguardia per un intervento nel settore. «Queste tecnologie - ha concluso - sono il futuro per tutto il mondo».




mi sa che chiedo ospitalità a Massimo in quel di LA.

Buona vita

Guglielmo

"Quieremos organizar lo entusiasmo, no la obediencia" - Buenaventura Durruti
Nieuport
Inviato: 3/12/2008 17:19  Aggiornato: 3/12/2008 17:19
Ho qualche dubbio
Iscritto: 16/12/2007
Da: Firenze
Inviati: 189
 Re: Commenti liberi
Cari amici,
andando fuori tema, nei commenti liberi, vorrei portare all?attenzione il problema della rapidissima scomparsa della libertà. Per inciso, gli articoli come quello del sig. Arrigoni sulle sue disavventure con i pescherecci palestinesi a Ghaza leggiamoceli ora perché fra poco diventeranno reato, ossia incitamento all?odio razziale.
Vorrei parlare di limitazioni alla libertà rispetto ad un fenomeno che certo suscita il vostro corale biasimo, quello della prostituzione, facendo però rilevare una strana contraddizione.
Dunque, il governo e le amministrazioni locali hanno lanciato diverse iniziative per allontanare la prostituzione dalle strade, per far cessare l?indecoroso spettacolo delle donne che si prostituiscono e anche, limitando la visibilità dell?offerta, per diminuire la domanda di meretricio, che genera sfruttamento delle donne, che in molti casi sono addirittura ridotte in schiavitù dagli sfruttatori.
Ci è stato detto, però, che maggiore tolleranza sarebbe stata esercitata nei confronti delle donne che liberamente si prostituiscono in ambienti privati, senza dare scandalo.
In contraddizione con questo assunto però, si moltiplicano i casi, riportati dalla stampa, di interventi delle forze dell?ordine contro forme di prostituzione non generatrici di scandalo.
Alcuni esempi degli ultimi giorni: Firenze, arrestata una dominicana di 24 anni, incinta, perché nel suo appartamento alloggiava una sua concittadina che si prostituiva. La padrona di casa, avendo tollerato la sua attività, è responsabile di sfruttamento della prostituzione.
Toscana, arrestato il gestore di un locale di estetica e massaggi, perchè le ragazze offrivano servizi sessuali ai clienti. Questi, dice la televisione, pagavano 100 euro, di cui metà andavano al gestore.
In questi giorni, Roma, arrestato un barista e le due proprietarie di un albergo all?EUR, perché era frequentato da prostitute coi loro clienti. Il barista facilitava i contatti, e le due donne lucravano dall?attività di meretricio.
Addirittura, ci informa la TV, nell?albergo non registravano, come prescritto, i nominativi dei clienti, per poi trasmetterli alla questura.
Ora, vi posso dire che in Italia una percentuale grandissima di alberghi non ha difficoltà ad affittare una camera per qualche ora, anche nel pomeriggio, a coppie che vogliono intimità. Potrebbe essere un uomo qualunque, come me, con una prostituta, oppure potrebbe essere con un?amante clandestina, o magari anche con la fidanzata, perché gli scoccia appartarsi in macchina. Potrebbe essere, senza offesa, anche una delle lettrici di LC, con un uomo che le piace.
Certo, il Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza del 1931 impone che ogni presenza in albergo sia segnalata alla questura. Ma io mi domando: quanto è rispettata questa norma? Quanto senso ha ancora? Se in un albergo da 700 euro per notte un VIP si fa salire in camera una ragazza, questa viene schedata e la scheda trasmessa in questura?
Ha senso applicare una norma del 1931 su cui per decenni si è andati di manica larga, e vantarsene con servizi mandati ai telegiornali, e ovviamente realizzati secondo gli intendimenti della Polizia, non certo presentando anche, per dire, un parere dell?avvocato delle arrestate, nello stesso momento in cui si dice che la prostituzione deve andare via dalle strade e trovarsi forme di esercizio meno scandalose?
Questo accanirsi contro ogni forma di vizio e di devianza, questo bigottismo sempre più diffuso, ovviamente non ci rende più liberi, ma ci rende forse più sicuri?
Certo, si potrà dire, con tutti i problemi che ci sono, perché preoccuparsi di chi va con prostitute? Perché preoccuparsi di quei disgraziati, magari con mogli e bambini che vivono in baracche se arrivano le ruspe e gliele spianano? Perché preoccuparsi della libertà degli altri, quando (salvo le giuste limitazioni a tutela dei mostri che ci minacciano: terrorismo, razzismo, antisemitismo, pedofilia, droga, violenza sulle donne, violenza negli stadi, tabagismo, omofobia) rimane la mia vera ed essenziale libertà, quella di fare zapping fra RAI, Mediaset e La7?
Nieuport

Sandman
Inviato: 4/12/2008 10:16  Aggiornato: 4/12/2008 10:16
Mi sento vacillare
Iscritto: 29/5/2006
Da:
Inviati: 666
 Re: Commenti liberi
La parola d''ordine è cambiamento

gubbo
Inviato: 4/12/2008 11:36  Aggiornato: 4/12/2008 11:37
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/6/2006
Da: Un mondo ipocrita
Inviati: 634
 Re: Commenti liberi
Le gemelline dell'Isola dei famosi ricevute
a palazzo Grazioli stamane dal premier.....

Notizia

Non è che alla prossima legislatura ce le ritroviamo
ministre??? Carfagna docet!

"Io giudico l'uomo, nella sua coscienza, l'essere vivente più incosciente che popoli questa terra" ; dovrebbe essere mia ma non ne sono sicuro
totonno
Inviato: 4/12/2008 22:46  Aggiornato: 4/12/2008 22:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/3/2007
Da:
Inviati: 93
 Re: Commenti liberi
Salve gente vi invito a leggere un'articolo apparso oggi su Comedonchisciotte il link è questo ......


http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=5316&mode=thread&order=0&thold=0

gubbo
Inviato: 5/12/2008 12:40  Aggiornato: 5/12/2008 12:40
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/6/2006
Da: Un mondo ipocrita
Inviati: 634
 Re: Commenti liberi

"Io giudico l'uomo, nella sua coscienza, l'essere vivente più incosciente che popoli questa terra" ; dovrebbe essere mia ma non ne sono sicuro
Halo1367
Inviato: 5/12/2008 12:45  Aggiornato: 5/12/2008 12:45
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/6/2006
Da: Bengodi
Inviati: 174
 Re: Commenti liberi
Oltre all'articolo segnalato da Totonno qui sopra, segnalo questo:

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=5320


Una visione complicata (alla Blondet) o artefatta?
A me non sembra, almeno in tante sue parti.

E se per ipotesi la si accetta, tanti mattoncini della cospirazione 11 settembre vanno a posto.


"Voi lasciatemi battere e controllare la moneta di una nazione e a me non interesserà chi ne faccia le leggi".
Nathan Rothschild, 1791
redna
Inviato: 5/12/2008 18:28  Aggiornato: 5/12/2008 18:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Commenti liberi

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
SoulTrance
Inviato: 5/12/2008 19:35  Aggiornato: 5/12/2008 19:35
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/6/2006
Da: somewhere
Inviati: 93
 Re: Commenti liberi
Notizia del 05/12/2008 - 19:12

PAKISTAN: Attentato nel nord ovest, torna il terrore

NEW DELHI - Torna il terrore in Pakistan: una potente bomba è esplosa oggi a Peshawar, nel nord ovest del paese, nei pressi di una moschea e di un mercato molto affollato, facendo almeno 20 morti e 90 feriti, secondo la televisione pachistana Geo Tv. Obiettivo dell'attentato, che è stato realizzato con oltre 20 chilogrammi di esplosivo, è stata la comunità sciita di Koocha Risaldar, alle spalle del Qisa Khawani Bazar.

Secondo la televisione, l'esplosione ha lasciato un ampio cratere sulla strada, ha fatto crollare un paio di palazzi e lanciato intorno pezzi di vetrine e di auto. Al momento non c'è stata nessuna rivendicazione, ma la polizia della Provincia di Frontiera di Nord Ovest (NWFP), il distretto del quale è capitale Peshawar, punta il dito contro la comunità sunnita.

Gli sciiti rappresentano meno del 20% della popolazione pachistana e sono migliaia i militanti uccisi nelle due fazioni in oltre dieci anni di guerra. L'attentato di oggi è solo l'ultimo di una lunga serie che vede contrapposte fazioni tribali locali. Ma l'area al confine con l'Afghanistan nei giorni scorsi è stata anche al centro di possenti attacchi dell'esercito pachistano nei confronti dei militanti taleban, vicini ad al Qaeda, che nella zona vogliono instaurare la sharia, la legge islamica.

In serata ci sono stati anche tre morti nel sud Waziristan, altra zona frontaliera tra Pakistan e Afghanistan, probabilmente a seguito di un attacco di un drone americano. E oggi il primo ministro Yousuf Raza Gilani ha ricevuto nei suoi uffici, nonostante le proteste indiane, il capo del potentissimo servizio segreto di Islamabad, l'ISI. Durante l'incontro, il generale Ahmed Shujaa Pasha, al vertice del servizio segreto pachistano, ha aggiornato il primo ministro sui problemi di sicurezza nel paese. L'India ritiene che l'ISI e suoi esponenti abbiano aiutato e addestrato i terroristi che hanno realizzato l'attentato di Mumbai.

-----

Mi sembra una storia gia vista...

Fonte + Foto

redna
Inviato: 6/12/2008 14:19  Aggiornato: 6/12/2008 14:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Commenti liberi
Inviato: Sab Dic 06, 2008 12:19 pm Oggetto: La scala delle cose
Forse l'avrete già sentito dire.

Non abbiamo un orecchio assoluto .

Praticamente nessuno, nemmeno tra i musicisti, ha un orecchio "assoluto" ovvero è in grado di riconoscere una singola nota ( ad esempio un la bemolle) se non mettendola a confronto con altre note.

Analogamente anche il nostro occhio percepisce i colori anche in situazioni dove domina la monocromia grazie ad una capacità "differenziale" di cogliere le sfumature.

Funzionamo allo stesso modo con la spazialità il tempo e gli altri aspetti della realtà.

Per CAPIRE come stanno le cose le dobbiamo confrontare con qualcosa la cui magnitudo possiamo comprendere, avendone visto gli effetti all'opera.

Per capire l'enorme sarabanda di miliardi e biliardi e triliardi di dollari che viene fagocitata ogni giorno dal Moloch finanziario da noi stessi evocato bisogna confrontarla con qualcosa che possiamo comprendere bene.

C'e' chi l'ha fatto, Barry Ritholtz, in particolar modo prendendo in considerazione il costo presunto AGGIORNATO del "Bail Out", del salvataggio del sistema finanziario da parte della Federal Reserve.

Il risultato è che il suo costo batte già qualunque altra cosa abbia mai intrapreso il paese, facendone, probabilmente, la singola iniziativa più costosa (e probabimente rovinosa) della storia.

A tutti gli effetti è la mamma, il babbo e il Dio di tutti i Potlatch concepiti o concepibili.

Le cifre parlano da sole:

• Il Piano Marshall: Cost: $12.7 billion, Inflation Adjusted Cost: $115.3 billion
• L'acquisto della Louisiana da Napoleone: Cost: $15 million, Inflation Adjusted Cost: $217 billion
• La corsa alla Luna: Cost: $36.4 billion, Inflation Adjusted Cost: $237 billion
• La crisi delle casse di risparmio (anni '80): Cost: $153 billion, Inflation adjusted Cost: $256 billion
• Guerra di Corea: Cost: $54 billion, Inflation Adjusted Cost: $454 billion
• IL New Deal: Cost: $32 billion (Est), Inflation Adjusted Cost: $500 billion (Est)
• L'invasione dell'Iraq: Cost: $551b, Inflation Adjusted Cost: $597 billion
• La guerra del Vietnam: Cost: $111 billion, Inflation Adjusted Cost: $698 billion
• La NASA, dalla sua fondazione: Cost: $416.7 billion, Inflation Adjusted Cost: $851.2 billion

TOTALE: $3.92 trillion (3920 MILIARDI di dollari)

Ovvero 686 miliardi meno del costo stimato della Crisi attuale, 4616 MILIARDI DI DOLLARI, compreso il bailout di Citicorp FINO A QUESTO MOMENTO.

L'UNICO evento che si avvicina, ma senza superarlo, a questo costo è la SECONDA GUERRA MONDIALE, i cui 288 miliardi di costo complessivo, se corretti per l'inflazione, equivalgono a 3600 miliardi di dollari.

Conoscete bene gli ENORMI effetti, anche come conseguenze economiche di quella guerra.

Credete ancora che questa Crisi sia passeggera, poco duratura, effimera?

Credete che basteranno i soliti pannicelli caldi, le solite rassicurazioni?

No, cari miei.

Siamo solo all'inizio.

Sperare il contrario sarebbe come sperare di vedere ballare la danza dei cigni ad un elefante in mezzo all'outlet della RCR, senza che nemmeno un pezzo finisca male.

Piertro Cambi
Fonte: http://crisis.blogosfere.it/
Link: http://crisis.blogosfere.it/2008/12/la-scala-delle-cose.html
6.12.08
(tratto da: comedonchisciotte)

siamo solo all'inizio di una crisi che nessuno conosce

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
tibberio
Inviato: 6/12/2008 18:00  Aggiornato: 6/12/2008 18:00
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/12/2007
Da: Qui
Inviati: 450
 Re: Commenti liberi
Germania: operativi satelliti spia
Il Paese si sgancia cosi' dal sistema Usa
(ANSA) - BERLINO, 5 DIC - Le Forze Armate tedesche hanno da questa settimana il sistema di satelliti spia autonomo.Cio' consentira' alla Germania di sganciarsi da quello Usa finora usato per la raccolta di informazioni di intelligence militare. Il nuovo sistema tedesco, costato 350 mln e realizzato dalla Ohb System, si basa su una rete di 5 radar ad apertura sintetica (Sar) che permettono di rilevare oggetti larghi fino a 50 cm anche di notte e attraverso le nubi.

La storia inizia e si ferma, va avanti e poi si perde e, in mezzo a ogni parola, quanti silenzi, quante parole sfuggono e svaniscono per non essere mai piu' ritrovate. (P. Auster)
entronauta
Inviato: 6/12/2008 18:26  Aggiornato: 6/12/2008 18:26
So tutto
Iscritto: 3/12/2008
Da: 11 09 2013
Inviati: 18
 Re: Commenti liberi
..... che ne dici drll'inizio della deflazione ?... al peggio non c'è mai fine .... non ci rimane che confidare negli asteroidi .....

entronauta
Inviato: 6/12/2008 18:35  Aggiornato: 6/12/2008 18:35
So tutto
Iscritto: 3/12/2008
Da: 11 09 2013
Inviati: 18
 Re: Commenti liberi
mi scuso... il commento era per REDNA

Linucs
Inviato: 8/12/2008 13:05  Aggiornato: 8/12/2008 13:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: Commenti liberi
..... che ne dici drll'inizio della deflazione ?... al peggio non c'è mai fine .... non ci rimane che confidare negli asteroidi .....

Con la deflazione moriremo tutti, perché se nessuno compra più nulla allora non c'è stimolo all'economia.

Stesso identico ragionamento di Berlusconi, solo che di Berlusconi si può dire che sia un babbeo, mentre parlare di deflazione è molto in voga.


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA