Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


politica italiana : Non è Francesco
Inviato da marcocedol il 31/1/2008 23:10:00 (3920 letture)

di Marco Cedolin

Non è Francesco ma Franco Marini il nome scritto sul pizzino dal Presidente Napolitano per designare colui che avrà il compito di creare un nuovo governo in grado di farsi carico di tutte quelle riforme che gli italiani si dice invochino come s’invoca l’acqua nel deserto.

La democrazia rappresentativa sta cercando con ogni mezzo di mascherare il proprio totale fallimento e diventa ogni giorno che passa più autoreferenziale, aggrappandosi allo stereotipo secondo il quale ogni azione viene intrapresa per il “bene dei cittadini”.

In realtà il ruolo del cittadino è circoscritto al momento in cui gli si chiede di mettere una crocetta sulla scheda elettorale e delegare a rappresentarlo una consorteria di soggetti politici che lo hanno imbonito attraverso una lunga serie di promesse che si guarderanno bene dal mantenere. Dal giorno dopo sarà la consorteria a decidere quello che è meglio per il Paese e per i cittadini, quasi sempre in completa antitesi con le necessità e le aspirazioni dei cittadini stessi.

La maggior parte degli italiani è contraria alla guerra, ma nel nome dei cittadini e per il bene del Paese i soldi delle loro tasse sono stati usati per finanziare le guerre in Iraq, nella ex-Yugoslavia e in Afghanistan, cui vanno aggiunte le svariate missioni di pace/guerra in giro per il mondo. La maggior parte dei cittadini giudica una calamità la legge 30 e il proliferare del precariato, ...

...ma nel nome dei cittadini e per il bene del Paese i governi di centrodestra come quelli di centrosinistra continuano ad operare affinché il precariato si diffonda sempre più. La maggior parte degli italiani è contraria all’incenerimento dei rifiuti, non fosse altro perché in possesso di un minimo istinto di sopravvivenza, ma nel nome dei cittadini e per il bene del Paese il denaro dei contribuenti viene usato per sovvenzionare la costruzione e la gestione degli inceneritori. La maggior parte degli italiani era contraria all’indulto, ma meno di 2 anni fa il governo Prodi varò l’indulto nel nome dei cittadini e per il bene del Paese. La lista potrebbe continuare all’infinito e ciascuno di noi, se il suo fegato non è a rischio, può dilettarsi ad allungarla a dismisura come si trattasse di un rotolo di carta igienica.

Tornando al buon Franco, che Francesco lo è stato solo per poche ore nel corso dei mai chiariti inciuci che hanno fatto da corollario alla sua elezione alla presidenza del Senato, anche la sua designazione rientra nel novero delle occasioni in cui la politica interpreta la volontà dei cittadini in maniera davvero singolare. Dopo quasi 2 anni di governo Prodi, così disastrosi da adombrare perfino la fama di quel Berlusconi che in materia di disastri si supponeva non potesse essere superato da nessuno, la maggioranza degli italiani auspicava (come molti sondaggi stanno a dimostrare) che si tornasse al voto. Non si trattava di una scelta carica di speranza e neppure d’illusioni, in quanto la maggior parte dei cittadini hanno ormai imparato ad accettare le regole della democrazia rappresentativa come si trattasse di una medicina cattiva alla quale purtroppo si ritiene non esistano alternative, ma si trattava comunque di una scelta.

Il Presidente Giorgio Napolitano, nel nome del popolo italiano - che non lo ha mai eletto - e per il bene del Paese, ha ritenuto più giusto non sciogliere le camere ed affidare a Franco Marini il compito di tentare la costruzione di un governo tecnico il cui scopo precipuo sia quello di portare a termine le riforme che più necessitano ai cittadini, cosa che Romano Prodi (lui sì eletto dai cittadini sulla base di un programma dettagliato) in quasi 2 anni di governo non è stato in grado di fare.

L’abolizione della riforma Biagi? Nuove misure affinché le famiglie possano aspirare ad arrivare alla fine del mese? L’abolizione degli odiati Cip6? Provvedimenti per venire incontro alle famiglie in difficoltà? Un piano di edilizia popolare per chi è senza una casa? Una riforma che consenta la redistribuzione dei redditi? La ristrutturazione del sistema ferroviario? Una riforma del sistema pensionistico che consenta ai pensionati di oggi la sopravvivenza (che non c’è) ed ai pensionati di domani la speranza di arrivare a percepire una pensione? Misure per il rilancio dell’economia? Un piano di tutela dell’ambiente volto a ridurre gli effetti dell’inquinamento?

Nulla di tutto ciò. Franco Marini sarà chiamato, con la benedizione di Confindustria e della CEI e di fronte all’ostilità di tutto il centrodestra che già pregustava una probabile rivincita, a mettere in atto l’unica riforma della quale i cittadini italiani mai potrebbero fare a meno, quella della legge elettorale. Perché proprio fra le pieghe della legge elettorale si gioca il futuro del popolo italiano il cui unico pensiero è rivolto alle alchimie fatte di sbarramenti, percentuali, modelli tedeschi, francesi, spagnoli e perché no marziani, visto che sul pianeta rosso possiedono leggi elettorali che garantiscono salari sostanziosi, cieli tersi e puliti, equità fiscale, sanità e giustizia che funzionano a meraviglia e mutui a tasso così basso che non devi neppure preoccuparti di restituire il capitale.

Forse Confindustria, il sistema bancario e perfino la Chiesa, ormai stufi di mantenere dipendenti inetti come Prodi e Berlusconi, hanno fatto proprio il detto secondo cui “se vuoi un lavoro fatto bene devi fartelo personalmente”.

Dove con tutta probabilità Franco fallirà e neppure Francesco riuscirà nell’impresa, potrebbero invece emergere Draghi o Montezemolo, per varare il primo governo veramente ecologico. Dal produttore al consumatore, eliminando le filiere e le pastoie burocratiche, per il voto c’è tempo e ci vorranno anni perché i partiti politici trovino un accordo sulla riforma più importante per gli italiani.

Marco Cedolin

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
LoneWolf58
Inviato: 1/2/2008 0:38  Aggiornato: 1/2/2008 0:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Non è Francesco
Condivisibile quasi completamente... solo una richiesta dove hai preso i dati relativi a:Citazione:
La maggior parte degli italiani è contraria alla guerra, ma nel nome dei cittadini e per il bene del Paese i soldi delle loro tasse sono stati usati per finanziare le guerre in Iraq, nella ex-Yugoslavia e in Afghanistan, cui vanno aggiunte le svariate missioni di pace/guerra in giro per il mondo. La maggior parte dei cittadini giudica una calamità la legge 30 e il proliferare del precariato, ... ...ma nel nome dei cittadini e per il bene del Paese i governi di centrodestra come quelli di centrosinistra continuano ad operare affinché il precariato si diffonda sempre più. La maggior parte degli italiani è contraria all’incenerimento dei rifiuti, non fosse altro perché in possesso di un minimo istinto di sopravvivenza, ma nel nome dei cittadini e per il bene del Paese il denaro dei contribuenti viene usato per sovvenzionare la costruzione e la gestione degli inceneritori. La maggior parte degli italiani era contraria all’indulto, ma meno di 2 anni fa il governo Prodi varò l’indulto nel nome dei cittadini e per il bene del Paese. La lista potrebbe continuare all’infinito e ciascuno di noi, se il suo fegato non è a rischio, può dilettarsi ad allungarla a dismisura come si trattasse di un rotolo di carta igienica.

mi sai dire se ci sono stati sondaggi a tal riguardo. Per l'indulto a sensazione sembrerebbe palese ma per il resto sarei meno categorico...
Sugli inceneritori la maggior parte degli italiani non sa neanche di cosa parliamo, anche grazie alla stampa che informa correttamente. Sulle azioni militari all'estero neanche mi sembra tanto evidente codesta maggioranza...
Insomma sono dati presi da qualche studio o si tratta di una tua sensazione.
Per il resto... hai fotografato la situazione attuale e prossima ventura...
Prepariamoci al voto

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
tomlamm
Inviato: 1/2/2008 1:12  Aggiornato: 1/2/2008 1:13
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/5/2005
Da:
Inviati: 94
 Re: Non è Francesco
Io ho una domanda...chi vuole può rispondermi...
A chi veramente governa questo paese e questo mondo, cosa conviene adesso? Che davvero si torni al voto? Che ritorni Berlusconi? Che Marini e forse qualcun'altro dopo di lui portino avanti un certo discorso fino alla scadenza istituzionale della legislatura?...Insomma, visto che noi sicuramente non contiamo niente, e quasi sicuramente neanche i parlamentari di questo ignobile teatrino...che cosa vogliono...I MASSONI della cerchia più potente? Che cosa conviene loro in questo momento? Per favore chi di voi sa qualcosa in più o ha più conoscenze e fantasia per immaginarlo, può rispondermi? Anche per evitare della dietrologia a cose fatte...qui almeno rimane tutto scritto con la data antecedente ai fatti...
Grazie...non per niente...solo per curiosità...come dice il burino all'avvocato: "Per regolarmi!"

Daniele
Inviato: 1/2/2008 1:19  Aggiornato: 1/2/2008 1:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/12/2005
Da: Trentino
Inviati: 128
 Re: Non è Francesco
Una mia amica conosce bene un senatore.
L'ho incontrata a metà novembre; già c'era aria di crisi ma mi ha detto di aver notizie "che fino a metà gennaio non sarebbe successo niente", che poi ci sarebbe stato un governo "tecnico" probabilmente di sinistradestracentro e solo un po' più avanti si sarebbe andati alle elezioni.
Beh... non c'è che dire... fa proprio pensare che TUTTO è già deciso a tavolino.
Ciao
Daniele

PS: forse non si andrà al voto finché non saranno maturate le pensioni di lorsignori?

Redazione
Inviato: 1/2/2008 1:24  Aggiornato: 1/2/2008 5:50
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Non è Francesco
LONEWOLF: Non voglio rispondere per Cedolin, ma credo che con "la maggior parte degli italiani" Marco intenda "se glielo chiedi".

Ovvero, a parole sono tutti contro gli inceneritori, sono tutti contro la guerra, ecc. Poi nei fatti se ne fottono, ed è forse qui che scatta l'autorizzazione che i governi si concedono a fare comunque quello che vogliono loro.

Torna cioè il discorso che ho aperto qualche giorno fa, sulla responsabilità del cittadino di dare lui per primo un mandato chiaro e preciso.

Già in quel caso "ciurlerebbero nel manico" non poco, figuriamoci così...

tomlamm
Inviato: 1/2/2008 1:27  Aggiornato: 1/2/2008 1:33
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/5/2005
Da:
Inviati: 94
 Re: Non è Francesco
E' solo una questione delle loro pensioni? Eppure già due anni fa, quando prodi vinse e berlusconi perse appositamnete per pochi voti, ero convinto che entrambi fossero ormai considerati bruciati, inutili per i veri poteri...solo questione di al massimo un paio di anni. E adesso di nuovo berlusconi? ...la cosa non mi convince...oppure in questo modo berlusca è ancora più ricattabile?...non so se mi sono spiegato...

marcocedol
Inviato: 1/2/2008 4:47  Aggiornato: 1/2/2008 4:47
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Non è Francesco
Ciao LoneWolf,
Massimo è bravo come avvocato quasi come scrittore e regista, per cui mi resta poco da aggiungere al suo intervento che condivido

A parte gli scherzi provo a rispondere alla tua domanda in maniera dettagliata.

La contrarietà dei cittadini all'indulto è stata testimoniata ai tempi in cui fu varata la legge da molti sondaggi diffusi sia in TV che sui giornali e la percentuale dei contrari si avvicinava perfino all'80%

La contrarietà della stragrande maggioranza degli italiani alla guerra è emersa molte volte in periodi differenti (Yugoslavia - Afghanistan - Iraq) tramite sondaggi ed inchieste. Il rifiuto della guerra come strumento di risoluzione delle controversie internazionali è oltretutto sancito dalla Costituzione che quasi tutti gli italiani affermano di approvare e condividere. Per quanto riguarda le missioni di pace/guerra sondaggi ed inchieste sono stati nel numero molto minori ma mi sembra di ricordare non ci sia stato mai un grande consenso.

I sondaggi sulla cosidetta riforma Biagi sono stati molti nel corso degli anni e la maggior parte dei cittadini si sono sempre detti scontenti della stessa, aggiungerei che la percentuale di contrari è aumentata con il passare del tempo.

Riguardo alla scelta fra tornare a votare o affidarsi ad un governo tecnico, il mio riferimento era ad un sondaggio presentato un paio di sere fa da Mannheimer a porta a porta che accreditava come favorevoli al voto il 61% degli italiani.

Riguardo agli inceneritori in effetti non ho mai visto alcun sondaggio a livello nazionale e oltretutto, come dici giustamente tu, la maggior parte degli italiani non avrebbe la conoscenza dell'argomento sufficiente per potersi esprimere. La mia affermazione perciò trae spunto semplicemente dal fatto che in tutti i luoghi dove è prevista la costruzione di un inceneritore, i cittadini quando buona parte di loro è informata adeguatamente sull'argomento esprimono contrarietà in percentuali altissime nell'ordine del 70%.

LoneWolf58
Inviato: 1/2/2008 7:19  Aggiornato: 1/2/2008 7:22
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Non è Francesco
Grazie Marco della risposta...
In parte credo che anche Massimo abbia centrato l'obiettivo.
Il problema nella comunicazione è quello di dare un messaggio chiaro e sincero a chi legge.
Affermazioni come quelle fatte sminuiscono il significato reale dell'articolo se non basate su dati certi e si prestano ad interpretazioni ed attacchi di parte.
Gli italiani non sono informati perchè come dico spesso non li interessa/riguarda... e quando vengono coinvolti reagiscono emotivamente più che motivatamente facendosi trainare dal capobranco del momento.
Credo che se facessero dei sondaggi reali sul territorio nazionale potremmo rimanere sbalorditi (in negativo) della risposta.

Ciao

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
Mario860
Inviato: 1/2/2008 8:44  Aggiornato: 1/2/2008 8:44
So tutto
Iscritto: 17/7/2007
Da:
Inviati: 11
 Re: Non è Francesco
I politici (in Italia soprattutto, ma non solo) hanno sempre fatto quello che gli andava più a genio, infischiandosene del parere dei cittadini.

Prendiamo gli stipendi dei politici: sempre in aumento nonostante le continue proteste..

Questo video da Youtube ripropone perfettamente la situazione politica italiana, complimenti all'autore.

http://it.youtube.com/watch?v=GOD0S4viNuk

(decidete voi se ridere o piangere)


tomlamm
Inviato: 1/2/2008 10:38  Aggiornato: 1/2/2008 10:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/5/2005
Da:
Inviati: 94
 Re: Non è Francesco

hendrix
Inviato: 1/2/2008 10:47  Aggiornato: 1/2/2008 10:47
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: Non è Francesco
tomlamm, mi hai preceduto.

http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2008/01/29/si-vota-300-milioni-di-euro-in-piu-ai-partiti/

Si vota, 300 milioni di euro in più ai partiti

" C’è un motivo per il quale il voto anticipato conviene a tutti i leader nessuno escluso: se si andasse alle urne i partiti incasserebbero fino al 2011 rimborsi elettorali doppi. Sia quelli maturati per la quindicesima legislatura che quelli relativi alla sedicesima.

Per le forze politiche la fine anticipata della legislatura si trasformerebbe in un business finanziario, per lo Stato in un aggravio di costi pari a circa 300 milioni di euro. E a poco vale a questo punto il taglio del 10% al fondo annuale per i rimborsi scattato con la Finanziaria: l’aggravio per lo Stato sarà di 270 milioni anziché di 300 ".

Ellroy82
Inviato: 1/2/2008 11:21  Aggiornato: 1/2/2008 11:21
So tutto
Iscritto: 28/1/2008
Da:
Inviati: 19
 Re: Non è Francesco
Non è possibile aggiungere niente a quanto detto da Marco, riassume in poche parole tutta l'indignazione presente nel paese (e in me personalmente).
MI chiedo solo una cosa: ha senso assumersi ancora il diritto/dovere di andare a votare (presumibilmente il famoso MENO PEGGIO, visto che di persone convinte di cosa votare ne vedo ben poche in giro) oppure un astensionismo polemico può essere una soluzione?
In una nazione come l'Italia, dove l'astensionismo al voto ha percentuali molto basse rispetto ad altri paesi, quale quota si può sperare di raggiungere per far sì che il nostro sdegno porti ad un segnale tangibile di insofferenza?

tomlamm
Inviato: 1/2/2008 11:35  Aggiornato: 1/2/2008 11:35
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/5/2005
Da:
Inviati: 94
 Re: Non è Francesco
Io ho deciso di non andare più a votare fin dalle prossime politiche, regionali, comunali, provinciali, europee, referendum...ho deciso, ho scelto...di non farmi più prendere in giro...IL MENO PEGGO NON ESISTE!...e poi nella mia vita, e nella vostra, non è cambiato niente chiunque sia andato su...prima ce ne convinciamo tutti, prima forse si potrà fare qualcosa...

Rugito
Inviato: 1/2/2008 11:49  Aggiornato: 1/2/2008 11:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/4/2007
Da: Napoli
Inviati: 105
 Re: Non è Francesco
Una volta sciolto il dubbio che LoneWolf ha presentato, commento il resto dell'articolo. Sulla decisione di Napolitano di affidare un governo istituzionale a Franco Marini non sento di poter dissentire, perché è compito del presidente della Repubblica di fare in modo di fare tutto il possibile affinché non si debba andare alle elezioni anticipate ("decisione grave prima dei due anni di legislatura"). Che la riforma elettorale non si riuscirà a fare, poi, praticamente non ho alcun dubbio.

E poi non posso che esprimere il mio schifo sempre maggiore per quello che è stato segnalato a proposito del doppio compenso ai partiti in caso di elezioni anticipate.

"How can the wicked smile while the world is burning?"
Orwell84
Inviato: 1/2/2008 12:34  Aggiornato: 1/2/2008 12:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 7/3/2006
Da: Ground Zero
Inviati: 1114
 Re: Non è Francesco
Citazione:
C’è un motivo per il quale il voto anticipato conviene a tutti i leader nessuno escluso: se si andasse alle urne i partiti incasserebbero fino al 2011 rimborsi elettorali doppi. Sia quelli maturati per la quindicesima legislatura che quelli relativi alla sedicesima


Provo a fornire una chiave di lettura differente.
Non penso che la motivazione dietro la scelta di un voto anticipato sia di carattere economico (o almeno non penso sia quella preponderante). Dopotutto visto che sono in Parlamento non gli risulterebbe troppo difficile aumentarsi gli emolumenti senza rischiare la poltrona (sono stati votati e mo' possono fare quello che gli pare).

In realtà una nuova riforma elettorale molto probabilmente porterebbe all'esclusione di tutti quei partitini (compreso l'Udeur che ha causato la crisi di Governo) grazie allo sbarramento.
Quindi Comunisti Italiani, Socialisti, Lega Nord, Udeur,... non hanno il minimo interesse ad approvare una riforma che li escluderebbe da 5 anni di party a mortadella e spumante (rigorosamente pagato dal contribuente).

fiammifero
Inviato: 1/2/2008 14:18  Aggiornato: 1/2/2008 14:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/2/2005
Da: ROMA
Inviati: 5691
 Re: Non è Francesco
Art. 92. della Costituzione
Il Governo della Repubblica è composto del Presidente del Consiglio e dei ministri, che costituiscono insieme il Consiglio dei ministri.Il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei ministri e, su proposta di questo, i ministri.
perciò la costituzione non dice nulla del mandato "esplorativo", ma soprattutto non prevede la nomina del Presidente del Consiglio sottoposta a vincolo di mandato per fare questa o quella legge,quindi a quale articolo della Costituzione si attaccano questi grandi figli di....?

Citazione:
le cose di cui ci sentiamo assolutamente certi non sono mai vere (Oscar Wilde)
bigdaddy
Inviato: 1/2/2008 14:29  Aggiornato: 1/2/2008 14:34
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/1/2006
Da: roma
Inviati: 293
 Re: Non è Francesco
Citazione:
Io ho deciso di non andare più a votare fin dalle prossime politiche, regionali, comunali, provinciali, europee, referendum...ho deciso, ho scelto...di non farmi più prendere in giro...IL MENO PEGGO NON ESISTE!...e poi nella mia vita, e nella vostra, non è cambiato niente chiunque sia andato su...prima ce ne convinciamo tutti, prima forse si potrà fare qualcosa...


Io la scheda bianca, per farne ciò che vogliono, non gliela lascio.

Pennarello indelebile ho deciso anche io di VOTARLI TUTTI

Votarsi alla materia Frantuma le anime

Trovarsi nello spirito Unisce gli uomini

Vedere sé nell'altro Edifica mondi
Pyter
Inviato: 1/2/2008 15:44  Aggiornato: 1/2/2008 15:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Non è Francesco
D:
"On. Gasparri, si parla tanto in questi giorni di un problema che colpisce gli
Italiani...sembra che abbiano difficoltà per arrivare alla fine del mese".

R:
"Me ne rendo completamente conto...proprio per questo abbiamo deciso
di intervenire in maniera perentoria e abbiamo in mente un decreto legge
per riformare il calendario e abolire l'ultima settimana del mese, saltandola
e passando direttamente al mese successivo."

D:
"Pensate che possa funzionare?

R:
"Stiamo studiando con un centinaio di assistenti i pro e i contro.
Se la legge viene approvata ci sarà difficoltà a correggerla e a varare altre leggi...

D:
"E perchè mai?

R:
"Perchè di solito le correzioni si fanno alla fine del mese".

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
tomlamm
Inviato: 1/2/2008 16:39  Aggiornato: 1/2/2008 16:39
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/5/2005
Da:
Inviati: 94
 Re: Non è Francesco
L'idea di annullare la scheda con un pennarello indelebile in effetti mi sembra migliore...la migliore...diffondete il link e l'idea...

http://firmiamo.it/vt

Spanna
Inviato: 1/2/2008 16:44  Aggiornato: 1/2/2008 17:12
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/11/2005
Da:
Inviati: 35
 Re: Non è Francesco
Che Prodi abbia fatto peggio di Berlusconi,non mi sembra un osservazione veritiera.
Prodi non mi piaceva ma peggio di Silvio non credo proprio....

LINK


***
EDIT: Spanna controlla sempre, dopo aver inserito una url estesa, che la sua lunghezza non allarghi la pagina: il rischio è che renda più difficoltosa la lettura a tutti gli utenti. Piuttosto usa sempre una url indiretta, come ho fatto io.

Grazie,
Abulafia.

Daniele
Inviato: 1/2/2008 17:18  Aggiornato: 1/2/2008 17:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/12/2005
Da: Trentino
Inviati: 128
 Re: Non è Francesco
Per le eventuali votazioni concordo sulla X su tutti i partiti ma non sull'uso del pennarello.
Se non ricordo male (ormai sono passati molti anni da quando facevo il presidente di seggio) le schede sarebbero nulle in quanto non è stata usata la matita copiativa che viene consegnata con la scheda.
Se qualcuno ha notizie più recenti... prego.

cocis
Inviato: 1/2/2008 18:13  Aggiornato: 1/2/2008 18:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/1/2006
Da: V
Inviati: 1430
 Re: Non è Francesco
ce la farà o non ce la farà ???


http://dementemastella.blogspot.com/

20:26 Mastella: "Se si vota almeno non finisco in galera"

"Rischiando io pure la galera, forse prima si va al voto e forse c'è qualche garanzia di evitare pure la galera". Sono le parole con cui il leader dell'Udeur ha chiuso il breve incontro con i cronisti al termine del colloquio con il premier incaricato.

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/Caro-Mastella-dacci-la-spintarella/1981109//0

http://www.ansa.it/site/notizie/awnplus/topnews/news/2008-01-31_131100848.html


Mastella querela l'Espresso
Per aver anticipato ipotesi Pm su arresto ex ministro
(ANSA) - ROMA, 31 GEN - L'ex ministro della Giustizia, Clemente Mastella, ha dato mandato ai suoi legali di querelare il settimanale l'Espresso. La querela e' stata motivata in merito ai contenuti delle anticipazioni del numero in edicola domani. Lo rende noto un comunicato dell'Udeur. ''In particolare - spiega la nota - il leader del Campanile precisa di non essersi mai occupato di appalti''.

Spanna
Inviato: 1/2/2008 18:14  Aggiornato: 1/2/2008 18:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/11/2005
Da:
Inviati: 35
 Re: Non è Francesco
Per il link:
Capito,scusate

Blade1960
Inviato: 1/2/2008 18:21  Aggiornato: 1/2/2008 18:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/11/2006
Da:
Inviati: 264
 Re: Non è Francesco
Ciao a tutti
Ho esaurito tutti gli aggettivi peggiori per definire questa casta di parassiti che secondo il mio parere faranno di tutto per arrivare al famoso 2anni6mesi e 1 giorno per beccasri una ulteriore pensioncina da tot mila euro poveracci.
Ho notato in TV che fa scalpore se un dirigente di fabbrica ,di sua iniziativa aumenta lo stipendio dei suoi operai ,il sindacato si indigna ,ma proprio il sindacato dall'anno 2000 ad oggi dove era?la crescita degli stipendi dal 2000 ad oggi e' salita dello 0,3% una miseria ma loro si indignano,secondo me piu' che quei parassiti a Roma , bisognerebbe mandare a c....... questi di parassiti ,intenti solo a farti fare la tessera e poi chi se' visto se' visto esattamente come i cerca voti politici.

francesco7
Inviato: 1/2/2008 18:22  Aggiornato: 1/2/2008 18:22
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: Tarentum
Inviati: 886
 Re: Non è Francesco
Capisco tutto il senso di frustrazione che aleggia in parecchi vostri commenti, ma ricordatevi che se per voi andare a votare non ha più alcun significato, per alcuni le elezioni anticipate hanno un significato molto nobile che oramai non hanno più alcun pudore a manifestare apertamente.
Quoto in toto il commento di questo blogger:<<Signori viviamo in un Paese ove poche persone sono al di sopra delle leggi, sono fuori legge e ci governano. Signori viviamo in un Paese che è divenuto ormai la fattoria di Orwell, ove tutti gli animali sono uguali, ma alcuni di essi sono più uguali degli altri>>.
Alla luce di tutto questo qualcuno di voi dovrebbe spiegarmi che senso ha annullare la scheda, votando tutti i simboli.

La mente non è un vaso da riempire ma un legno da far ardere perché s'infuochi il gusto della ricerca e l'amore della verità. (Plutarco)
marcocedol
Inviato: 1/2/2008 18:27  Aggiornato: 1/2/2008 18:27
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Non è Francesco
Vorrei suggerire una chiave di lettura del mio articolo che mi sembra non sia stata colta appieno, probabilmente perchè alcuni concetti potevano prestarsi ad essere equivocati.

Questo articolo non intendeva proporre confronti fra Prodi e Berlusconi, stilando una classifica su chi fosse stato più bravo e chi più cattivo. Che il governo Prodi sia riuscito a fare addirittura peggio di quello del nano è un'opinione personale (letta dal medesimo migliaia di volte anche su siti dichiaratamente di sinistra) ma non si tratta di una considerazione pregnante. Se a qualcuno fa piacere sono pronto a sottoscrivere che il più cattivo sia stato Berlusconi in quanto la cosa ritengo sia del tutto irrilevante.

Questo articolo non ha l'ambizione di affermare che bisogna andare a votare perchè con il voto si risolverà qualcosa. Io non voto da 18 anni e considero la democrazia rappresentativa semplicemente una farsa.

Questo articolo voleva semplicemente fare riflettere su quanto in questa situazione si manifesti in maniera palese il completo fallimento della democrazia rappresentativa poichè ci si è venuti a trovare in una situazione dove l'alternativa è costituita dal fatto che non esistono alternative.
Berlusconi ha fallito miseramente e gli italiani hanno scelto Prodi sulla base di un mare di promesse, ora Prodi ha fallito altrettanto miseramente venendo meno a tutte le promesse e gli italiani si trovano nella condizione di dovere riconfermare lui stesso o Veltroni che ne faccia le veci o rimettere sullo scranno quel Berlusconi che aveva fallito miseramente in precedenza.
Zero alternative e allora si potrebbe scegliere l'alternativa di non andare a votare ed accettare un governo (Marini, Draghi, Montezemolo) che nessuno ha votato ma il Presidente della Repubblica ha scelto facendo le veci di tutti.

Ha ancora un senso votare? Permettere che i grandi poteri governino direttamente senza l'intercessione dei partiti politici sarebbe un'alternativa preferibile ed è quindi giusto non chiedere di andare al voto? E' forse giunta l'ora di decretare la morte per sfinimento della democrazia rappresentativa e del bipolarismo monopartitico e cercare qualcosa di diverso? Anzichè una inutile riforma elettorale non si dovrebbe pensare a riformare un intero sistema, dal momento che l'Italia sta di nuovo dividendosi fra coloro che non vogliono si voti perchè temono che il centrosinistra (meno peggio) perda le elezioni e coloro che vogliono si voti perchè sperano che il centrodestra (meno peggio) riesca a vincerle? Ha ancora senso una democrazia di questo tipo e contiene davvero in sè qualcosa di democratico?

Queste erano alcune fra le molte domande che mi piacerebbe l'articolo riuscisse ad ispirare.

Rickard
Inviato: 1/2/2008 19:20  Aggiornato: 1/2/2008 19:23
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: Non è Francesco
Citazione:
Ha ancora un senso votare?

La domanda è posta in un'ottica errata, poiché implica che ora non abbia più senso andare a votare mentre prima questa azione aveva un serio significato.
Votare non ha mai avuto nessun senso pratico se non su questioni puramente marginali e secondarie, le grandi decisioni sono sempre state prese da una ristretta cerchia di individui per alzata di mano (illuminati docet) e non decise dall'informe massa degli "aventi diritto".
Aventi diritto a cosa, poi? A decidere del proprio destino? Magari!
Qui la scelta che viene prospettata è:
Vuoi la prima busta, la busta n.1 o la busta con un 1 disegnato sopra?
Cioè finte alternative presentate come vere scelte.
La questione, come ha giustamente puntualizzato Cedolin non è nello scegliere tra il mortadella e il nano, dato che questa non è una vera scelta, un pò come se vi chiedessero:
Preferisci prendere la peste o il colera?
La cosiddetta democrazia rappresentativa paradossalmente è riuscita a ridurre tutte le alternative a questa finta scelta, a questioni ridicole, come "meglio Prodi o Berlusconi?" annullando alla radice la possibilità che esistano altre strade.
Citazione:
Questo articolo voleva semplicemente fare riflettere su quanto in questa situazione si manifesti in maniera palese il completo fallimento della democrazia rappresentativa poichè ci si è venuti a trovare in una situazione dove l'alternativa è costituita dal fatto che non esistono alternative.

Quoto in pieno questa frase (purtroppo )
Qualcuno (credo Jorge Luis Borges) disse: La democrazia è una superstizione basata sulle statistiche
La democrazia è qualcosa che funziona solo sulla carta, nella sua reale applicazione si rivela per quello che è: una maschera rattoppata atta a nascondere il suo vero aspetto, l'oligarchia.

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
LoneWolf58
Inviato: 1/2/2008 19:45  Aggiornato: 1/2/2008 19:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Non è Francesco
Citazione:
La democrazia è qualcosa che funziona solo sulla carta, nella sua reale applicazione si rivela per quello che è: una maschera rattoppata atta a nascondere il suo vero aspetto, l'oligarchia.
Vedo che piano piano prende coscienza il fatto che la democrazia non funziona... che ci rimane di realistico da poter fare??!...
Ma certo... risolviamo la situazione una volta per tutte... referendum popolare, facciamo tornare i Savoia.

Come qualcuno mi disse... chiodo scaccia chiodo... monarchia vs oligarchia...

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
hendrix
Inviato: 1/2/2008 19:55  Aggiornato: 1/2/2008 19:55
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 12/9/2006
Da:
Inviati: 1048
 Re: Non è Francesco
cit. >>> Ha ancora senso una democrazia di questo tipo e contiene davvero in sè qualcosa di democratico?

Grande Cedolin,
penso che conoscerai il PNAC e il GRUPPO BILDERBERG che a sua volta del PNAC ne saprà vita, morte e miracoli.
Mi preme far conoscere quanta bella gente italiana e assolutamente bipartisan abbia partecipato alle varie riunioni dei potenti euro-americani.

Franco Bernabè
John Elkann
Mario Monti
Paolo Scaroni
Giulio Tremonti
Tommaso Padoa-Schioppa
Romano Prodi
Umberto e Gianni Agnelli
Renato Ruggiero
Paolo Zannoni
Stefano Silvestri
Alfredo Ambrosetti
Emma Bonino
Giampiero Cantoni
Innocenzo Cipolletta
Paolo Fresco
Rainer Masera
Marco Tronchetti Provera
Ferruccio De Bortoli
Gianni De Michelis
Gabriele Galateri
Giorgio La Malfa
Claudio Martelli
Corrado Passera
Alessandro Profumo
Gianni Riotta
Virginio Rognoni
Sergio Romano
Carlo Rossella
Domenico Siniscalco
Barbara Spinelli
Ugo Stille
Walter Veltroni
http://beppegrillo.meetup.com/boards/view/viewthread?thread=3746044

Da notare l'assenza del Berlusca, probabilmente non lo vogliono; invece in Italia...

Che poi il Telegraph ci dice che l'Italia è governata dalla Goldman Sachs
http://www.telegraph.co.uk/money/main.jhtml?xml=/money/2007/05/29/cnitaly29.xml
per me e per molti navigatori on the web non è una novità, ma penso che sarebbe una amara sorpresa per chi ancora spera che la sinistra sia meno peggio della destra.

E per chi avesse il fegato di leggere un articolo (orrore) della Padania a firma Blondet,
http://www.disinformazione.it/bilderberg6.htm
scoprirebbe strane analogie tra gli invitati al Bilderberg group e le rapide carriere anche politiche di personaggi tipo Prodi, Bonino, Bill Clinton, Tony Blair, Paul Wolfowitz.

Tutto questo si chiama Oligarchia, quella che noi chiamiamo Democrazia mi sa tanto che è roba degli antichi greci e romani.

totonno
Inviato: 1/2/2008 20:20  Aggiornato: 1/2/2008 20:20
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/3/2007
Da:
Inviati: 93
 Re: Non è Francesco
Per cortesia qualunque sia la legge elettorale che vareranno la prossima volta ANNULLATE LA SCHEDA!!!!! ANNULLATE LA SCHEDA!!!!! ANNULLATE LA SCHEDA!!!! Spazziamoli via una volta per tutte,reagiamo,facciamo qualcosa,tiriamo fuori qualche faccia nuova,scendiamo nelle piazze a reclamare giustizia,scrolliamoci di dosso questa apatia che ci attanaglia,oscuriamo i televisori,vi prego non li sopporto più,aiutatemi,aiutamoci.....Basta!!!!!!!!!!!

bigdaddy
Inviato: 1/2/2008 20:28  Aggiornato: 1/2/2008 20:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/1/2006
Da: roma
Inviati: 293
 Re: Non è Francesco
Citazione:
Per le eventuali votazioni concordo sulla X su tutti i partiti ma non sull'uso del pennarello.
Se non ricordo male (ormai sono passati molti anni da quando facevo il presidente di seggio) le schede sarebbero nulle in quanto non è stata usata la matita copiativa che viene consegnata con la scheda.


Perchè, scusa, con la matita invece crociando tutti i simboli la scheda non sarebbe nulla lo stesso ??
L'uso del pennrello invece è garanzia di non riusabilità della scheda per brogli.

Votarsi alla materia Frantuma le anime

Trovarsi nello spirito Unisce gli uomini

Vedere sé nell'altro Edifica mondi
utrevolver
Inviato: 1/2/2008 20:46  Aggiornato: 1/2/2008 20:46
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da: Sandalia
Inviati: 411
 Re: Non è Francesco
La maggior parte degli italiani, è il LORO pensiero.
Gli italiani veri, una massa di decrebrati.

cocis
Inviato: 1/2/2008 21:06  Aggiornato: 1/2/2008 21:06
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/1/2006
Da: V
Inviati: 1430
 Re: Non è Francesco

Blade1960
Inviato: 1/2/2008 22:27  Aggiornato: 1/2/2008 22:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/11/2006
Da:
Inviati: 264
 Re: Non è Francesco
Cocis grazie per il supporto video.
E' esattamente cio' che c'e' ancora oggi.Di che anno era?
Mi convinco sempre di piu' che siamo un popolo di coglioni,io per primo cosi' non faccio torto a nessuno.


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA