Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


elezioni Usa : Hello Rudy, addio Rudy
Inviato da Redazione il 30/1/2008 9:40:00 (4222 letture)



E’ durata 24 ore la candidatura di Rudy Giuliani alla presidenza degli Stati Uniti d’America.

Come avevamo scritto pochi giorni fa, a meno di una sua sonante vittoria su John McCain, nella consultazione tenutasi ieri in Florida, l’ex-sindaco di New York avrebbe potuto tranquillamente fare le valigie e tornare a godersi la dorata pensione dalle parti di casa sua.

E ieri Giuliani non solo non ha vinto su McCain, ma ha anche preso un tale distacco dal secondo arrivato, Mitt Romney, che la sua mancata vittoria si trasforma in una delle più brucianti sconfitte di tutta la sua carriera.

Talmente bruciante che l’astuto Rudy ha cercato di evitare l’umiliante momento della “concession” (il tradizionale discorso in cui si riconosce pubblicamente la vittoria dell’avversario), per passare direttamente all’“endorsement”, cioè il generoso trasferimento dei propri voti futuri ...

... sulle spalle di uno dei candidati rimasti in corsa. (In questo caso Giuliani ha scelto proprio John McCain, nella probabile speranza di vedersi ripagare con l’offerta di una vicepresidenza. Ma McCain questa vicepresidenza deve averla già promessa a Huckabee, il quale rimane in corsa, nonostante le possibilità ormai ridotte al minimo, con l’evidente scopo di toglere voti a Mitt Romney sul fronte religioso, favorendo così lo stesso McCain).

Partito come grande favorito, grazie alla popolarità acquisita durante i giorni dell’11 settembre, Rudy Giuliani ha commesso l’errore fondamentale di puntare tutto su quella, dimenticandosi che una candidatura alla presidenza non è un Oscar alla Carriera, dove si incassano i frutti del lavoro svolto in passato, ma una promessa basata su una visione del futuro.

Non basta dire “vi saprò assistere e proteggere, come già feci in passato a casa mia”, perchè sulla porta dell’Ufficio Ovale non c’è scritto “cercasi esperto nel settore della protezione civile”, ma c’è scritto ”cercasi mago illusionista, in grado di incantare 300 milioni di persone con la promessa di trasformare i loro sogni in realtà”.

E Rudy, come tale, non si è mai nemmeno proposto, preferendo restare ancorato alla popolarità del passato.

A quel punto John McCain ha capito che per sconfiggerlo bastava erodere di un poco il piedestallo di argilla della “sicurezza nazionale” su cui Giuliani era salito, e si è messo a urlare ai quattro venti che “il maggior pericolo nel mondo è il fanatismo islamico”, e che combatterlo sarebbe stata la sua assoluta priorità, appena messo piede alla Casa Bianca.

E’ infatti il terreno sotto i piedi di Giuliani è venuto a mancare in misura tale da vederlo superato nettamente anche dall’outsider Mitt Romney.

Torna quindi a casa, bastonato e infelice, l’uomo che si era cinicamente prestato a fare da “manovratore“ durante gli attentati dell’11 settembre, convinto di incassare poi la ricompensa della destra repubblicana in forma di nomination. Non aveva invece capito che era proprio lui il capro espiatorio destinato ad affondare con la barca, se mai il dibattito sull’undici settembre fosse emerso a livello nazionale.

Nel giugno dello scorso anno, quando Giuliani era il grande favorito, avevamo scritto: “A questo punto ci conviene metterci a pregare che Rudy Giuliani vinca la nomination del partito repubblicano. Se Giuliani diventasse il candidato repubblicano alla Casa Bianca, è molto difficile che non salti fuori qualcuno, in zona democratica, che non sappia resistere alla tentazione di far sapere al mondo quello che ora sanno solo i ricercatori e gli esperti di undici settembre”. E questo avrebbe probabilmente aperto il Vaso di Pandora che avrebbe portato a conoscenza del mondo intero il mare di bugie, complicità e connivenze che stanno dietro agli attentati dell’undici settembre.

“Volete come presidente un uomo - avrei chiesto io, se mi fossi trovato di fronte a Giuliani nella gara per la presidenza – che viene a sapere che il World Trade Center sta per crollare, ma si preoccupa solo di mettersi in salvo, senza nemmeno avvisare i suoi pompieri, che stanno combattendo le fiamme al suo interno?”

Oppure avrei chiesto: “Vorreste come presidente una persona che ha palesemente mentito ai suoi concittadini, dicendo loro che l’aria di Downtown era respirabile, quando sapeva benissimo che avrebbe condannato migliaia di loro ad una lenta morte per malattia, come infatti sta accadendo?”

Oppure ancora: “Vorreste come presidente una persona che ha raccomandato alla dirigenza della Homeland Security il suo ex-capo della polizia, amico e protégé Bernard Kerik, quando quest’ultimo è risultato talmente legato al mondo della malavita da rendere difficile che lo stesso Giuliani potesse non saperlo?”

Insomma, c’era solo da scegliere: Rudy a questo punto era diventato un “walking target”, un bersaglio ambulante, di tali dimensioni che sarebbe bastato un qualunque iscritto a luogocomune, con un minimo di conoscenza dei fatti sull’11 settembre, per centrarlo al primo colpo da cento metri di distanza.

Ma di questa sua debolezza devono essersi accorti anche i poteri forti della destra repubblicana, ed ecco che un candidato che passa più di un mese a propagandare in uno stato come la Florida, e vi spende la maggior parte del suo budget elettorale, finisce per portare a casa una ridicola manciata di voti soltanto.

Ora quindi se ne torna a casa, e con lui se ne vanno purtroppo le speranze di sentir discutere di WTC7 e di Torri Gemelle su tutti i network americani.

Hello Rudy, addio Rudy: che i fantasmi dei morti sotto quelle macerie ti tengano sempre in buona compagnia, e che a questo punto sia qualcun altro, là dove si puote ciò che si vuole, a stabilire la giusta pena per delle colpe che noi possiamo soltanto sospettare, ma che tu conosci molto bene da vicino.

Massimo Mazzucco

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
berbero
Inviato: 30/1/2008 10:24  Aggiornato: 30/1/2008 10:25
So tutto
Iscritto: 26/1/2008
Da:
Inviati: 18
 Re: Hello Rudy, addio Rudy
L'Italia sta andando a puttane e tu ce la meni col Rude bandito Giuliani e i Porc Circens!?

Allora che si fa!? Si vota Mazzucco (perchè non ti candidi Max! io ti voterei a occhi chiusi), non si vota, si vota Vaffanculo ! ?

I have a drink!
Redazione
Inviato: 30/1/2008 10:46  Aggiornato: 30/1/2008 10:46
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Hello Rudy, addio Rudy
BERBERO: "perchè non ti candidi Max!"

Perchè voglio restare "candido" (nei limiti del possibile, si intende).

Inoltre, l'Italia sta andando a puttane ANCHE a causa di Rudy. Finchè il problema 9/11 non sarà rimosso, non lo saranno nemmeno i problemi che ne derivano.

alberto78
Inviato: 30/1/2008 12:19  Aggiornato: 30/1/2008 12:19
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/11/2007
Da: miLano
Inviati: 81
 Re: Hello Rudy, addio Rudy
Citazione:
”cercasi mago illusionista, in grado di incantare 300 milioni di persone con la promessa di trasformare i loro sogni in realtà”


dove ha fallito Giuliani, credo che stia riuscendo molto bene Obama...

"Non credere a niente o credere a tutto, sono qualità estreme che non valgono nulla." P. Bayle
hi-speed
Inviato: 30/1/2008 12:52  Aggiornato: 30/1/2008 12:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/12/2004
Da: preda lunga
Inviati: 3211
 Re: Hello Rudy, addio Rudy
Citazione:
In questo caso Giuliani ha scelto proprio John McCain, nella probabile speranza di vedersi ripagare con l’offerta di una vicepresidenza


Ultimamente in USA contano più i vice dei presidenti, in particolare se prendono il loro posto un domani.


Hi-speed

Cosa Sta Succedendo? Madre, madre Ci sono troppi di voi che piangono Fratello, fratello, fratello Ci sono troppi di voi che stanno morendo Sai che dobbiamo trovare una maniera Per portare un pò di amore qui oggi
Sertes
Inviato: 30/1/2008 16:36  Aggiornato: 30/1/2008 16:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Hello Rudy, addio Rudy
Citazione:
Se Giuliani diventasse il candidato repubblicano alla Casa Bianca, è molto difficile che non salti fuori qualcuno, in zona democratica, che non sappia resistere alla tentazione di far sapere al mondo quello che ora sanno solo i ricercatori e gli esperti di undici settembre”.


Scenario davvero poco realistico: pure Ron Paul su domanda diretta se l'è fatta nella mutanda piuttosto che parlare in maniera critica di undici settembre:

http://youtube.com/watch?v=t-lxZmrqLxU

quindi ben venga l'esclusione del macellaio dalla gara per la presidenza. Se si arriverà al processo per i danni che ha causato almeno non avrà una carica politica che lo protegge.

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Redazione
Inviato: 30/1/2008 19:06  Aggiornato: 30/1/2008 19:06
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Hello Rudy, addio Rudy
SERTES: “Scenario davvero poco realistico: pure Ron Paul su domanda diretta se l'è fatta nella mutanda piuttosto che parlare in maniera critica di undici settembre”

Forse l’articolo originale non era chiaro, ma per “qualcuno in aerea democratica” io non intendevo certo uno dei candidati, nè comunque un personaggio di primo piano, che giustamente non vorrebbe mai bruciarsi in quel modo.

Io intendevo semplicemente qualche “perfetto anonimo” (amico ovviamente di qualche candidato, ma questo non lo sa nessuno), che scopre un giorno per caso “questo curioso filmato in Internet, nel quale si dice che Giuliani sapesse del crollo del WTC”, e a sua volta, sempre per caso, questo amico si imbatte in un reporter della CNN che quel giorno non aveva niente di meglio da fare, e porta la notizia in redazione....e quel giorno stranamente la CNN decide che la notizia è interessante, e invece di cassarla si domanda nel teloegiornale di mezzanotte come mai Giuliani abbia detto quella frase...... mentre la nostra Hillary Clinton, Barak Obama o chi per essi naturalmente rimangono allibiti a guardare il putiferio che si scatena, perchè loro ovviamente non ne sapevano nulla.

Così si fa il cinema.

Ricordate quando venne fuori la storia della multa di Bush per guida in stato di ubriachezza? La notizia ha fatto il giro del mondo, ma chi sia stato a scovarla non si è mai saputo.

voller07
Inviato: 30/1/2008 21:14  Aggiornato: 30/1/2008 21:19
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/2/2007
Da: pavia
Inviati: 43
 Re: Hello Rudy, addio Rudy
per me Giuliani era partito troppo male per poter sperare di arrivare fino in fondo,credo che anche il puntare tutto sulla florida sia stato un altro suo errore,cmq se dovessi fare una previsione adesso punterei su McCain e Obama come candidati alla presidenza.
Per te Massimo quale dei due consideri il migliore o il meno peggio dal punto di vista dell'11-9,e quali potrebbero essere gli stati decisivi per determinare le due candidature finali

Solo i piccoli segreti hanno bisogno di essere tenuti nascosti perché quelli grandi sono protetti dall'incredulità della gente.
Marshal McLuhan
Ashoka
Inviato: 30/1/2008 21:50  Aggiornato: 30/1/2008 21:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: Hello Rudy, addio Rudy
McCain ha scritto la prefazione del libro di Popular Mechanics... fai un po' tu :)

Redazione
Inviato: 30/1/2008 22:00  Aggiornato: 4/2/2008 3:49
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Hello Rudy, addio Rudy
VOLLER: "Per te Massimo quale dei due consideri il migliore o il meno peggio dal punto di vista dell'11-9,e quali potrebbero essere gli stati decisivi per determinare le due candidature finali"

Nessuno dei due. Su McCain ti ha già risposto Ashoka, ma anche Obama non farà mai nulla di sua iniziativa. Troppo rischio, e poi per cosa?

Nessuno personaggio di alto liìvello, in realtà, rischierà mai di farsi etichettare da antiamericano, sono tutti troppo preoccupati per la loro carriera per farlo.

Bisognerà aspettare il "detonatore anonimo", che mette in moto un meccanismo simile a quello che ho descritto sopra.

Per quel che riguarda gli stati decisivi, martedi 5 con tutta probabilità avrai i due candidati alla presidenza: lo hanno già sopranominato "Supertuesday", perchè votano una ventina di stati, fra cui California e New York, che sono i due più importanti di tutti.

Poco fa Edwards ha annunciato il ritiro della sua candidatura.

Freeman
Inviato: 30/1/2008 22:53  Aggiornato: 4/2/2008 3:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Hello Rudy, addio Rudy
Citazione:
Per quel che riguarda gli stati decisivi, martedi 5 con tutta probabilità avrai i due candidati alla presidenza: lo hanno già sopranominato "Supertuesday", perchè votano una ventina di stati, fra cui California e New York, che sono i due più importanti di tutti.

Poco fa Edwards ha annunciato il ritiro della sua candidatura.

Volata finale per Hillary, allora.
Addio Obama, è stato bello finché è durato

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Orwell84
Inviato: 30/1/2008 23:22  Aggiornato: 30/1/2008 23:22
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 7/3/2006
Da: Ground Zero
Inviati: 1114
 Re: Hello Rudy, addio Rudy
Citazione:
se dovessi fare una previsione adesso punterei su McCain


Tantovale votare l'Halliburton.

"Ci saranno altre guerre. Mi dispiace dirvelo... ci saranno altre guerre. Non ci arrenderemo mai, ma ci saranno altre guerre."

holygrail
Inviato: 30/1/2008 23:32  Aggiornato: 30/1/2008 23:32
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/1/2008
Da: Rennes-le-Bains
Inviati: 41
 Re: Hello Rudy, addio Rudy
...Va bene cosi.....Giuliani....adesso tornatene a casa....si sa mai che un giorno qualcuno verrà a bussarti seriamente chiedendoti il conto sull'11/9.....


Scusatemi, sono nuovo....cioa a tutti... ma è da pochi giorni che ho conosciuto LUOGOCOMUNE.NET e soprattutto che ho visto i video "alternativi" sull'11/9....nn ne sapevo nulla....manco che il Pentagono nn era stato colpito da un Boeing....inutile dirvi che parte della mia esistenza ne è rimasta sconvolta...nn ho parole e dubito fortemente che siano tutte coincidenze.....Quindi grazie a persone come te Massimo che dai la possibilità di conoscere certi avvenimenti....andate avanti cosi, vi appoggio in pieno!!!!!

Ciao

Massimo

MrDay
Inviato: 31/1/2008 0:02  Aggiornato: 31/1/2008 0:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/9/2007
Da:
Inviati: 117
 Re: Hello Rudy, addio Rudy
M.M. : " Nessuno personaggio di alto liìvello, in realtà, rischierà mai di farsi etichettare da antiamericano, sono tutti troppo preoccupati per la loro carriera per farlo. "

Certo è buffo , un ipotetico Obama che diventa presidente degli stati uniti avrebbe tutto il potere e l'autorità per chiudere il "teatrino" sull'11 settembre e diventare così il presidente più patriottico della storia... xche mai dovrebbe temere di passare x antiamericano...
Io credo che i fili del burattinaio siano ben stretti anche su di lui.

Teba
Inviato: 31/1/2008 0:37  Aggiornato: 31/1/2008 0:37
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: Hello Rudy, addio Rudy
E questo? qualcuno lo ha visitato?
http://www.vietnamveteransagainstjohnmccain.com/

Redazione
Inviato: 31/1/2008 8:46  Aggiornato: 31/1/2008 8:46
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Hello Rudy, addio Rudy
Bel colpo, Teba! Mi metto subito all'opera.

(E' questo che mi piace di luogocomune: indagini a 360°, con il contributo di tutti).

edo
Inviato: 31/1/2008 9:04  Aggiornato: 31/1/2008 9:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Hello Rudy, addio Rudy
Certo è buffo , un ipotetico Obama che diventa presidente degli stati uniti avrebbe tutto il potere e l'autorità per chiudere il "teatrino" sull'11 settembre e diventare così il presidente più patriottico della storia

vorrei che fosse vero, ma ritengo che oggi l'ipotesi "morte del terzo presidente americano" avrebbe qualche chances in più.
Ma se i tempi cambiano...

Sertes
Inviato: 31/1/2008 19:57  Aggiornato: 31/1/2008 19:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/6/2006
Da: Bologna
Inviati: 9236
 Re: Hello Rudy, addio Rudy
Citazione:
Bisognerà aspettare il "detonatore anonimo", che mette in moto un meccanismo simile a quello che ho descritto sopra.


Bill Clinton durante un comizio pro Hilary, alla richiesta di una nuova indagine risponde "9/11 was not an inside job"

Video: http://abcnews.go.com/Video/playerIndex?id=4221699&affil=ktnv

Quando dici le cose come stanno, stai sulle palle a tanta gente
Teba
Inviato: 3/2/2008 18:26  Aggiornato: 3/2/2008 18:26
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/9/2007
Da:
Inviati: 1846
 Re: Hello Rudy, addio Rudy
Forse qualcuno l'aveva giò segnalata questa interessante paginetta:
http://oilmoney.priceofoil.org/federalRaceGraph.php
...non si sa mai.


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA