Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


politica italiana : Arriva il governo destrasinistra
Inviato da marcocedol il 21/1/2008 21:10:00 (9525 letture)

di Marco Cedolin

Il governo Prodi sembra ormai giunto al capolinea. Dopo la fuoriuscita di Mastella e l’allontanamento di Dini per il Premier non sarà probabilmente possibile costruire nuovi scampoli di sopravvivenza fra le pieghe di un dodecalogo, come accaduto lo scorso anno.

Non si tratta di una buona notizia e neppure di una notizia cattiva, non si tratta di un colpo di scena ma semplicemente del concretarsi di tante decisioni prese a tavolino nella penombra dei bugigattoli del potere.

Una sola domanda si appresta a rimbalzare nell’universo mediatico, destinata a tradursi in tirature di giornali e audience TV, cosa accadrà adesso? Si andrà alle elezioni anticipate con la vecchia legge? Verrà creato un governo di larghe intese che realizzi una nuova legge elettorale prima di andare al voto? Nascerà un governo di larghe intese che con l’alibi di riformare le riforme tenterà di sopravvivere fino alla fine della legislatura?

Sicuramente nei salotti chic e fra la rosa intellettuale del giornalismo che conta, ipotesi e nomi inizieranno ad invorticarsi preconizzando tutto ed il contrario di tutto, ...

... mentre in quella porcilaia che è la politica dei nostri giorni gli attori grufolanti fingeranno come sempre di cambiare ogni cosa per riuscire nell’unico intento di non cambiare nulla.

Non ci saranno svolte epocali, in Italia il lavoro continuerà ad essere poco e mal retribuito e continueranno aumentare tanto le morti bianche quanto la precarietà. Continueranno ad aumentare le tasse, così come la benzina, le bollette ed i prodotti alimentari. Continuerà a peggiorare la qualità della vita così come quella dell’ambiente e non cesseranno di restringersi le nostre libertà. Continueranno a mancare i soldi per gli ospedali, la giustizia e l’istruzione, mentre finanziamenti sempre più miliardari saranno destinati alle missioni di guerra e alla costruzione di grandi infrastrutture sempre più invasive e devastanti.

Il nuovo governo di destrasinistra che sembra ormai di prossima creazione, almeno un elemento positivo in sé però lo conterrà. Ridimensionerà almeno un poco l’ipocrisia di questa porcilaia eterodiretta dai grandi poteri finanziari ed industriali che pur dovendo rispondere ad un unico padrone, continua a fingere improbabili antagonismi ideologici, differenti sensibilità etiche, multicolori posizioni politiche.

Il nuovo governo di destrasinistra dimostrerà in maniera incontrovertibile che i partiti politici sono semplicemente ricche aziende private, sovvenzionate tramite il denaro pubblico, per rispondere agli interessi delle grandi corporation e dei maggiori istituti bancari. Smussati gli angoli fittizi, i retaggi ideologici ormai inesistenti e le peculiarità immaginarie, la porcilaia apparirà finalmente così com’è, uniforme nella sua colorazione grigio fango, senza sfumature e senza “eroi” che si dicono costretti ad immolarsi, sacrificando con sofferenza le proprie idee per il bene del governo.

Prepariamoci dunque a dare il benvenuto al nuovo, governo indipendentemente dal fatto che lo si voglia chiamare destrasinistra, sinistradestra o semplicemente centro. Quando si propongono di raffigurare il nulla le parole in fondo valgono così poco.

Marco Cedolin

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Skabrego
Inviato: 21/1/2008 21:24  Aggiornato: 21/1/2008 21:24
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/12/2006
Da:
Inviati: 178
 Re: Caduta governo Prodi
Cossiga ha rilasciato questa dichiarazione alle 19:

"L'uscita dalla maggioranza dell'Udeur è da un punto di vista costituzionale irrilevante ai fini della sopravvivenza del governo. Secondo la Costituzione, il governo può essere rovesciato solo da un'apposita mozione di sfiducia, collettiva e non individuale". Lo rileva l'ex presidente della Repubblica Francesco Cossiga. "D'altronde - osserva ancora Cossiga - l'uscita dalla maggioranza non comporta neanche il rimpasto di governo, perché l'Udeur al governo non ha più nessuno. D'altronde, per presentare una mozione di sfiducia al Senato occorrerebbe un numero di firme che i senatori dell'Udeur, essendo tre, non hanno, e certamente non saranno né Forza Italia, né l'Udc, che ormai è a un passo dall'entrare nella maggioranza, né An a firmare detta mozione". "Il consiglio che posso dare al presidente del Consiglio Romano Prodi - conclude Cossiga - è 'resistere, resistere, resistere', e a tal fine nominare come ministro della Giustizia colui che ha inventato questo slogan, l'ex procuratore capo di Milano Francesco Saverio Borrelli"

Le elezioni mi sa che sono un miraggio...

utrevolver
Inviato: 21/1/2008 21:30  Aggiornato: 21/1/2008 21:30
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da: Sandalia
Inviati: 411
 Re: Caduta governo Prodi
Beh, Cossiga ha parlato da un punto di vista Costituzionale... ma sappiamo tutti che l'Italia vive su una politica che della Costituzone se ne frega.

ivan
Inviato: 21/1/2008 21:47  Aggiornato: 21/1/2008 21:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: Caduta governo Prodi
"Le elezioni mi sa che sono un miraggio..."


Deo Grazia ...

bigdaddy
Inviato: 21/1/2008 21:48  Aggiornato: 21/1/2008 21:48
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/1/2006
Da: roma
Inviati: 293
 Re: Caduta governo Prodi
Citazione:
e a tal fine nominare come ministro della Giustizia colui che ha inventato questo slogan, l'ex procuratore capo di Milano Francesco Saverio Borrelli


Massoneria dixit.

Votarsi alla materia Frantuma le anime

Trovarsi nello spirito Unisce gli uomini

Vedere sé nell'altro Edifica mondi
clausneghe
Inviato: 21/1/2008 21:49  Aggiornato: 21/1/2008 21:49
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: Caduta governo Prodi
Spero e mi auguro che questo governo si sciolga,come anche la legislatura
Anche se una vocina mi dice che i nostri rappresentanti di ambo le parti
e pure di centro faranno di tutto per tenerla in piedi codesta legislatura,almeno per i 280 giorni che ancora mancano per raggiungere
l'agognato diritto di godere del lauto vitalizio.

Pensano al futuro (il loro) i nostri onorevoli...

Questo governo ha fatto poco e peggio.

Ha tradito le aspettative di tanti votanti che furono...

Non ha realizzato nulla di quel che prometteva.

Non voterò più,credo,ma se lo farò non sarà certo per costoro.

Gabbato una volta e mai più.

alexg
Inviato: 21/1/2008 21:52  Aggiornato: 21/1/2008 21:52
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/5/2006
Da: Sybar
Inviati: 179
 Re: Caduta governo Prodi
Salve a tutti,
a parte cio' che ha detto il Gran Maestro Cossiga al suo confratello Prodi, c'e' da considerare una sola cosa, secondo il mio modesto parere:

i componenti dell'attuale maggioranza devono ripulirsi la faccia per presentarsi alle prossime elezioni (aprile-maggio) come delle candide verginelle, sicuri che nel frattempo gli italiani avranno dimenticato tutto.

Solo per questo l'attuale governo (rappresentante della massoneria e delle banche) cadra'.

Saluti
Alessandro Grandolfo

Ci sono due errori che si possono fare lungo la via verso la verità...non andare fino in fondo, e non iniziare.

"Democrazia" è due lupi e una pecora che decidono ai voti cosa mangiare.
"Libertà" è la pecora ben armata che contesta il voto.
rumenta
Inviato: 21/1/2008 21:53  Aggiornato: 21/1/2008 21:53
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2006
Da: Repubblica di Genova
Inviati: 801
 Re: Caduta governo Prodi
Skabrego:

Le elezioni mi sa che sono un miraggio...

perchè, pensi DAVVERO che dopo potrebbe cambiare qualcosa???



"La verità dev'essere brutale, violenta, armata ed arrabbiata. Altrimenti soccombe."
vincenzo
Inviato: 21/1/2008 22:03  Aggiornato: 21/1/2008 22:03
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/6/2004
Da: u-oy-topos middle Oceania
Inviati: 1304
 Re: Caduta governo Prodi
Citazione:
Ha tradito le aspettative di tanti votanti che furono...


...?

1 - Non fanno caso, costoro, che quando in Internet compare qualcosa di veramente scottante, scompare nell’arco di pochi minuti? Se invece qualcosa ci rimane per sempre – e pure in bella vista - vuole dire che lì da nascondere c’è ben poco.
marcocedol
Inviato: 21/1/2008 22:07  Aggiornato: 21/1/2008 22:07
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Caduta governo Prodi
Quasi sicuramente il governo cadrà, se non stanotte domani o al massimo mercoledì.
Si profila un governo tecnico capitanato da Draghi, Montezemolo, Dini o qualche altro personaggio di questo genere, affinchè i "politici" possano ripulirsi il viso in vista delle elezioni.

Con tutta probabilità durante questo interludio potranno essere messe in atto le peggiori repressioni verso i cittadini, Dal Molin, TAV, rifiuti di Napoli, senza che nessun partito politico paghi pegno.

Pausania
Inviato: 21/1/2008 22:32  Aggiornato: 21/1/2008 22:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: Caduta governo Prodi
Scusate, ma qui povero emigrante con valigia di cartone non capisce molto bene...

Il governo è caduto, cadrà, sta per cadere?!? Che caspita succede? E se cade, non è che magari si può approffittare e fare senza per un po', tanto per vedere come va?

clausneghe
Inviato: 21/1/2008 22:35  Aggiornato: 21/1/2008 22:35
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: Caduta governo Prodi
<<Ha tradito le aspettative di tanti votanti che furono>>...


Furono nel senso di morti al voto (non lo daranno più)

Bisogna tagliarla a fettine eh?

Ciao

marcocedol
Inviato: 21/1/2008 22:36  Aggiornato: 21/1/2008 22:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Caduta governo Prodi
Giorgio, qualche mese di "disintossicazione" non potrebbe fare che bene

Orwell84
Inviato: 21/1/2008 22:37  Aggiornato: 21/1/2008 22:37
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 7/3/2006
Da: Ground Zero
Inviati: 1114
 Re: Caduta governo Prodi
*GOVERNO: VERTICE PD DA PRODI A PALAZZO CHIGI
Roma, 21 gen. (Adnkronos) - E' in corso a palazzo Chigi un vertice dello stato maggiore del Pd con il premier Romano Prodi. Al momento sono presenti il segretario del Pd Walter, il suo vice Dario Franceschini e il capogruppo alla Camera, Antonello Soro. Sono arrivati a palazzo Chigi anche i vicepremier Massimo D'Alema e Francesco Rutelli, insieme al ministro della Difesa Arturo Parisi, e a quello della Pubblica istruzione, Giuseppe Fioroni. A palazzo Chigi c'e' anche il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Enrico Letta. (Mon/Opr/Adnkronos)

21-GEN-08 19:38



Citazione:
E se cade, non è che magari si può approffittare e fare senza per un po', tanto per vedere come va?



clausneghe
Inviato: 21/1/2008 22:45  Aggiornato: 21/1/2008 22:45
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: Caduta governo Prodi
Condivido l'analisi pessimista di Marco...ciao Marco

Stà a noi impedire che i topi possano ballare impunemente in mancanza del gatto...

Il prossimo V-day (piaccia o meno Grillo) si manifesterà il 25 aprile...

Una data magica e propizia per liberarci di questa canea che è di moda chiamare "Casta"

O almeno tentare

marcocedol
Inviato: 21/1/2008 22:48  Aggiornato: 21/1/2008 22:48
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Caduta governo Prodi
Ciao Claus
Ho l'impressione che ne vedremo delle belle.

Red_Knight
Inviato: 21/1/2008 22:50  Aggiornato: 21/1/2008 22:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 31/10/2005
Da:
Inviati: 3121
 Re: Caduta governo Prodi
mmm io lascerei da parte i commenti pessimisti e anche quelli ottimisti... non è cambiato assolutamente nulla, questa cosa non è certo un fulme a ciel sereno per quella gentaglia, o se l'aspettavano o l'avevano addirittura concordato anticipatamente. Signori, possiamo solo stare a guardare per questa prossima settimana, il vento che spira potrebbe generare nuove, improbabili alleanze. Si accettano scommesse: il Partito Democratico si fonderà con Forza Italia?

Rickard
Inviato: 21/1/2008 22:55  Aggiornato: 21/1/2008 22:55
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: Caduta governo Prodi
Citazione:
qualche mese di "disintossicazione" non potrebbe fare che bene

Farebbe bene anche agli occupanti abusivi del parlamento, un bel trasferimento di sede a San Patrignano, giusot per stare in un ambiente più consono a loro.

Elezioni? Per eleggere chi? Con questa legge elettorale non si elegge nessuno, un motivo in più perché questo governo deve cadere, è un governo abusivo e coloro che dovrebbero essere i rappresentanti del popolo elettore non rappresentano nessuno poiché non sono stati eletti da nessuno.

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
clausneghe
Inviato: 21/1/2008 23:00  Aggiornato: 21/1/2008 23:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: Caduta governo Prodi
Sì. Marco. certo

Due conti:

La borsa crolla

Napoli affoga nel pattume

Si accendono le micce in M.O.

Il Kosovo ritorna più lugubre che mai

Non c'è lavoro

Crescono le tensioni anti-immigrati

Non abbiamo governo

Restano però i poteri forti,quelli del manganello.

Manca solo di intravedere nell'orizzonte cosmico

profilarsi l'ombra minacciosa di Nibirù (pensaci tù)

Freeman
Inviato: 21/1/2008 23:08  Aggiornato: 21/1/2008 23:08
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Caduta governo Prodi
Citazione:
Giorgio, qualche mese di "disintossicazione" non potrebbe fare che bene

Giusto per saggiare la durata della crisi d'astinenza, intendi?... :D

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
marcocedol
Inviato: 21/1/2008 23:14  Aggiornato: 21/1/2008 23:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Caduta governo Prodi
No Freeman, intendevo fare bene a noi cittadini nel caso fosse accaduto quello che auspicava Pausania.

I politici sono ormai irrecuperabili chi li disintossica più?

Piero79
Inviato: 21/1/2008 23:25  Aggiornato: 21/1/2008 23:25
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/5/2006
Da:
Inviati: 781
 Re: Caduta governo Prodi
Tranquilli la soluzione c'è, andiamo a votare... Ron Paul
anzi i libertari de' noantri

florizel
Inviato: 21/1/2008 23:35  Aggiornato: 21/1/2008 23:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Caduta governo Prodi
"E se cade, non è che magari si può approffittare e fare senza per un po', tanto per vedere come va?"

Geniale.

Considerando che si dovrà mettere mano ad operazioni pianificate da molto tempo, quale migliore occasione del rischio "caduta" per giustificare altri tempi durissimi?

In ogni caso, se dovesse cadere, spero si faccia mooolto male.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
LoneWolf58
Inviato: 21/1/2008 23:41  Aggiornato: 21/1/2008 23:41
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Caduta governo Prodi
Citazione:
Autore: florizel Inviato: 21/1/2008 23:35:39

"E se cade, non è che magari si può approffittare e fare senza per un po', tanto per vedere come va?"

Geniale.
Chessete matti.... lì è capace ch'er papa (sempre minuscolo) approfitta della portrona vota e ce se piazza... e chi lo toje più dopo...

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
DrHouse
Inviato: 21/1/2008 23:41  Aggiornato: 21/1/2008 23:41
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/11/2007
Da:
Inviati: 2394
 Re: Caduta governo Prodi
GUZZANTI PENSA GIÀ AL FUTURO...

Citazione:
GUZZANTI: SI VOTI CON VECCHIA LEGGE
Roma, 21 gen. (Adnkronos) - "Chi se ne frega della riforma elettorale: si vada a votare immediatamente col vecchio porcellum. A questo punto occorre presentare immediatamente una mozione di sfiducia al governo e varare un esecutivo di garanzia per votare subito, perche' non si puo' permettere a Prodi di gestire le elezioni. Se esiste la volonta' politica di un rinnovamento radicale anche da parte del partito democratico, si possono tagliare i tempi morti e regalare agli italiani il ritorno alla legittimazione democratica dell'esecutivo". Lo dice Paolo Guzzanti, senatore di Forza Italia.


Un "esecutivo di garanzia" per non permettere a Prodi di "gestire le elezioni" e poi andare al voto con la stessa legge? Faceva prima a dire che vuole mettere gente di fiducia al Viminale per truccare di nuovo le elezioni.

E dopo 10 anni, siamo a discutere se il Volo 77 è arrivato proprio lungo questa linea, o piuttosto è arrivato due metri più a sinistra, o due metri più a destra? (Perle complottiste)
trotzkij
Inviato: 21/1/2008 23:46  Aggiornato: 21/1/2008 23:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/9/2006
Da:
Inviati: 3704
 Re: Caduta governo Prodi
La serie di rese dei conti (mastella, cuffaro) erano un segnale. I poteri reali hanno deciso che si può procedere a un governo Prodi-bis o tecnico. Senza più i finti lacciuoli dei fintissimi 'comunisti' rifondati o itagliani. I verdi sono alla frutta... Casini è un bambolotto di Cuffaro (oramai un padrino avvertito e scomunicato), PierCasino, senza più padrone nè partito, ora dovrà solo baciare il culo a prodi, se lo fa entrare nel governo.
Tutto è pronto per lanciare a lider minimo quel Uolter Cialtroni, mefitico garzone del CFR/RIIA. Con lui al governo, c'è da scommetterci, vedremo ministro delle comunicazioni o della cultura (la rubrica libraria del Tg1!), quell'altro gigetto di Riotta, ospite fisso delle riunioni del Bilderberg...
Con simili individui al potere, saremo gli ultimi ascari delle guerre imperiali US, guerre nelle quali verremo scagliati allegramente.
Berlusconi ha ormai, il peso storico-politico di una scoreggina.

saluti
A.Lattanzio

I complotti non esistono, ... tranne quando ci sono
vincenzo
Inviato: 21/1/2008 23:47  Aggiornato: 21/1/2008 23:47
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/6/2004
Da: u-oy-topos middle Oceania
Inviati: 1304
 Re: Caduta governo Prodi
Citazione:
Bisogna tagliarla a fettine eh?


Eh bè. Chi ha votato il meno peggio deve sentire una strana sensazione nello stomaco. Ora che non ci sono più i meno peggio chi altro voteremo?

E' divertente dire "ne vedremo delle belle", nel caso dovessimo vederle però...

Ora che tutti abbiamo paura perché potrebbe arrivare qualcosa di brutto dobbiamo tutti stringerci intorno alle istituzioni. In questo momento hanno bisogno di noi, dobbiamo prepararci per le prossime elezioni, trovare nuovi volti nella politica e correre a votare. Magari le liste civiche aiuteranno a risolvere il problema.

1 - Non fanno caso, costoro, che quando in Internet compare qualcosa di veramente scottante, scompare nell’arco di pochi minuti? Se invece qualcosa ci rimane per sempre – e pure in bella vista - vuole dire che lì da nascondere c’è ben poco.
LoneWolf58
Inviato: 21/1/2008 23:52  Aggiornato: 21/1/2008 23:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Caduta governo Prodi
Citazione:
Autore: vincenzo Inviato: 21/1/2008 23:47:19
...
Ora che tutti abbiamo paura perché potrebbe arrivare qualcosa di brutto dobbiamo tutti stringerci intorno alle istituzioni. In questo momento hanno bisogno di noi, dobbiamo prepararci per le prossime elezioni, trovare nuovi volti nella politica e correre a votare. Magari le liste civiche aiuteranno a risolvere il problema.
Io sono sempre stato un sostenitore del meno peggio... alle ultime elezioni (con 'sta schifosa legge elettorale) mi sono ancor più tappato il naso con la promessa che non l'avrei fatto più... se si torna a votare con 'sta legge prendo la mia tessera elettorale e gliela rispedisco indietro...

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
dr_julius
Inviato: 21/1/2008 23:57  Aggiornato: 21/1/2008 23:57
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: Caduta governo Prodi
Pausania:
Il governo è caduto, cadrà, sta per cadere?!? Che caspita succede? E se cade, non è che magari si può approffittare e fare senza per un po', tanto per vedere come va?

bella pensata

In realtà la situazione è:
-il Governo è "formalmente" solido
-la maggioranza è "sostanzialmente" assente
-PD e FI sono, ora come ora, impreparati a fondersi e l'accelerata sarebbe troppo rapida
-la mamma di Berlusconi non stà molto bene e .... questo impedisce di iniziare ora una intensa campagna elettorale (siamo in Italia)
-è già stato detto: i parlamentari (tutti) aspirano alla pensione, mancano 280 giorni... (tutti) vogliono comunque arrivarci, con un governicchio o meno, istituzionale o meno, tecnico o meno...

(e tutto questo anche da prima delle dimissioni di Mastella da ministro della giustizia)


Cadrà: solo se perde al voto di fiducia (al Senato). Prima di allora mi sembra che abbia ragione Cossiga (non c'è la forza né l'interesse di sfiduciarlo attivamente)

Cadrà? I politici italiani com'è noto sono molto ma molto altruisti e faranno di tutto per non rifarci votare con questa "pessima legge elettorale" (la cosiddetta "porcata"). Siccome non si vuole il referendum sulla legge elettorale (ormai molto vicino), si potrebbe fare un bel governo "tecnico", in modo da far sedere tutti a tavola, portare avanti progetti "impopolari" (Da Molin, TAV, etc etc poiché tanto non è il governo di nessuno: è governo istituzionale)

Quindi Prodi giocherà sulla paura per la sinistra della "catastrofe elettorale"...
Berlusconi cercherà un "inciucio"...
Casini sempre in mezzo ma in fondo in fondo conta quanto Mastella (=al massimo può ottenere un ministero e dimettersi senza che nessuno si stracci le vesta)
Fini attendista e i Bossiani non vedono l'ora di andare a contare nelle urne...
I comunisti e tutti gli "antagonisti" contano più o meno quanto Pannella, mentre Di Pietro avrà la colpa di non aver "sufficientemente espresso solidarietò a Mastella" e di aver causato il precipitare della crisi....

Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
clausneghe
Inviato: 22/1/2008 0:03  Aggiornato: 22/1/2008 0:03
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: Caduta governo Prodi
Vincenzo,ti rispondo e poi me ne vado a nanna che è tardi

Fosse per mè,mi stringerei sì alle istituzioni,ma per soffocarle,tipo boa constrictor,hai presente?

Il peso sullo stomaco è vero ,lo sento..

Rifondazione mi ha estorto con destrezza il voto,lo ammetto,non che mi fidassi molto già allora,ma mi premeva contribuire nel mandare a casa lo psiconano e fascisti vari.

Votai r.c. perchè a parole mi prometteva quello che volevo sentirmi promettere...

Sappiamo poi come è finita..

Le liste civiche Grilline non mi attraggono gran che,se ti riferivi a loro..

Semplicemente credo che tornerò a NON votare come già facevo prima dell'ultima sciagurata volta...(un pò come lo sfigato che scopa una volta sola e la mette incinta)
ciao

ziomao
Inviato: 22/1/2008 0:03  Aggiornato: 22/1/2008 0:03
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/10/2005
Da:
Inviati: 339
 Re: Caduta governo Prodi
avanti il prossimo...

l'importante e' andare a votare, giusto per sentirsi dire dai politicanti : "ci hanno scelto gli italiani"

nicoforca
Inviato: 22/1/2008 0:07  Aggiornato: 22/1/2008 0:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/4/2007
Da:
Inviati: 161
 Re: Caduta governo Prodi
@marcocedol
Per una volta concordo in pieno. MI hai tolto la parola di bocca...

DrHouse
Inviato: 22/1/2008 0:11  Aggiornato: 22/1/2008 0:11
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/11/2007
Da:
Inviati: 2394
 Re: Caduta governo Prodi
Citazione:
Ora che tutti abbiamo paura perché potrebbe arrivare qualcosa di brutto dobbiamo tutti stringerci intorno alle istituzioni. In questo momento hanno bisogno di noi, dobbiamo prepararci per le prossime elezioni, trovare nuovi volti nella politica e correre a votare. Magari le liste civiche aiuteranno a risolvere il problema.

Vincenzo, il problema è che non c'è nulla di nuovo. E il motivo è presto detto: il livello di consapevolezza della maggioranza dei cittadini è ancora troppo basso. Sì, c'è indignazione, insofferenza, sfiducia nelle istituzioni. Ma manca ancora completamente o quasi il momento della proposta. Quello che si muove è ancora a livelli embrionali (un po' come il 4% di proiezione nazionale che raccoglierebbe oggi Ron Paul negli USA). I movimenti che cambiano veramente la politica hanno una gestazione lunga e necessitano di un largo consenso. Non si improvvisano dall'oggi al domani, tanto meno alla vigilia di elezioni.

Sono sulla stessa linea di LoneWolf58 e clausneghe: oggi come oggi, purtroppo, l'alternativa è tra ritapparsi il naso e non votare. È una bella prospettiva.

E dopo 10 anni, siamo a discutere se il Volo 77 è arrivato proprio lungo questa linea, o piuttosto è arrivato due metri più a sinistra, o due metri più a destra? (Perle complottiste)
vincenzo
Inviato: 22/1/2008 0:21  Aggiornato: 22/1/2008 0:23
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/6/2004
Da: u-oy-topos middle Oceania
Inviati: 1304
 Re: Caduta governo Prodi
Citazione:
l'importante e' andare a votare, giusto per sentirsi dire dai politicanti : "ci hanno scelto gli italiani"


Magari si potesse avere solo uno al comando,

Citazione:
Semplicemente credo che tornerò a NON votare come già facevo prima dell'ultima sciagurata volta


Allelujia fratello geremia.

1 - Non fanno caso, costoro, che quando in Internet compare qualcosa di veramente scottante, scompare nell’arco di pochi minuti? Se invece qualcosa ci rimane per sempre – e pure in bella vista - vuole dire che lì da nascondere c’è ben poco.
dr_julius
Inviato: 22/1/2008 0:24  Aggiornato: 22/1/2008 0:24
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: Caduta governo Prodi
oggi, purtroppo, l'alternativa è tra ritapparsi il naso e non votare.

Con una legge elettorale "normale" si potrebbe presentare qualche volto nuovo... (non a caso NON c'è una legge elettorale normale)

Che non ci sia alternativa democratica un po' mi preoccupa...

Do you remember "banlieues" a Parigi?

Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
Freeman
Inviato: 22/1/2008 0:35  Aggiornato: 22/1/2008 0:35
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Caduta governo Prodi
@ marcocedol

Marco, quando scrivevo
Citazione:
Giusto per saggiare la durata della crisi d'astinenza, intendi?...

non mi riferivo ai politici, ma ai votanti: quelli che "ah, no, la prossima volta a votare non ci vado!" ma poi, dopo sei mesi di governicchio tecnico, gli viene la prurigine e la crisi di astinenza da "legittimazione democratica".

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Fabrysound
Inviato: 22/1/2008 0:41  Aggiornato: 22/1/2008 0:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/8/2006
Da: dal Delta Del Pò
Inviati: 76
 Re: Caduta governo Prodi
Io ho votato il meno peggio ed una cosa è certa non voto più...

Penso che saremo in tanti a non andare a votare al prossimo giro mi auguro almeno un paio di milioni, ora si viene proprio il bello..

Io non so che succederà ma la storia ormai la sappiamo..
Il tempo di mettersi d'accordo sulla legge elettorale e si va a votare (vanno)
Però che faccia tosta che hanno già mi immagino..il teatrino continua

Allora il partito di mastella sembra decimato
Il Partito di Casini non se la passa bene (vedi ciuffaro) che poi sembra che tra i due partiti della famiglia udeur e udc dai grandi valori cattolici siano proprio infognati bene con la mafia ma non sono i soli...
I Verdi? booo
Berlusconi parlerà ancora di comunisti? Si ma deve dire quali io non ne vedo più
Montezemolo guiderà il governo tecnico? probabile
La cosa Rossa? la cosa bianca? The King
I giornalisti? hanno rotto (non tutti qualcuno bravo cè ancora)
I sindacalisti? quali? forse stanno cercando anche loro i comunisti
La lega? ha già ora inizia roma ladrona si solito slogan peccato che ci ha magnato fino adesso con roma

Unica speranza il 25 aprile dare un segnale forte al v-day

Ma intanto la borsa sprofonda siamo in piena recessione
le guerre continuano..
Aumenterà ancora inflazione l'energia disoccupazione

penso proprio che si sarà una primavera calda
ma nonostante tutto qualcosa si muove eppur si muove perchè noi nonstante tutto siamo un popolo allegro chi lo sa magari l'italia fa bene agli europei e torniamo tutti fratelli...
saluti

Alla guerra rispondiamo con la guerra
Alla guerra su tutti i fronti con la guerra su tutti i fronti
Alla repressione armata con la guerriglia
Mordi e fuggi!
Niente resterà impunito!
Tutto il potere al popolo che si ribella!
desbouvet
Inviato: 22/1/2008 1:28  Aggiornato: 22/1/2008 1:29
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da:
Inviati: 541
 Re: Caduta governo Prodi
E' possibile che la sorte di un paese di decine di milioni di persone sia decisa da una cricca di congiurati proveniente da un paesino del beneventano ?

E' possibile tollerare la bava di lamberto dini in attesa di riaffidare il suddetto paese al fondo monetario internazionale ?

Le cose sono due. O siamo tutti ceppalonici (ud-europa, ricordatevelo, è l'unico partito che menziona l'europa nel suo nome, e sono tre gatti attaccati a un campanile); o siamo tutti ceppalonici, o siamo tutti sinarchici.

E sono curioso di vedere dove andrà a posare l'infausto culo il caro bertinotti, ad esempio. Ed ho il terrore di vedere che in parlamento entrerà la brambilla, mentre cicciolina resterà a casa a fare i frappè.

Fassino dov'è? E' il suo paese che sta morendo. D'Alema dov'è? E' la sua barca che va a fondo.

Cossiga, corri, il senato ti aspetta per votare. Smetti di intrattenere le badanti teledipendenti coi tuoi aneddoti sul mirto e la pistola. Anche tu, divo giulio, inarca la schiena e pedala. Correre, correre... Anche tu, icona delle neuro-scienze, occhio che ti si sfà la crocchia.

Ah, la prossima volta il vostro programma dell'unione scrivetelo su un francobollo. E speditecelo a casa. Grazie.

Halo1367
Inviato: 22/1/2008 6:55  Aggiornato: 22/1/2008 7:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/6/2006
Da: Bengodi
Inviati: 174
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Grazie di esistere, ragazzi.
Il mio cervello e il mio cuore, sicuramente tra i più vecchi e usurati tra i lettori di LC, ricevono continuo alimento nel leggere ciò che scrivete.
Davvero, mi ritrovo ad essere daccordo anche con chi la pensa diversamente da...me! Giuro.
Anche io penso, come quasi tutti voi, che la politica italiana è ormai una sbobba indecente ed immangiabile. Preparata da uno chef che cercare di riconoscere con la vecchia e poetica visione destra/sinistra è a dir poco illusorio (se non colpevole).
Ma qui la bestia del dubbio mi morde con cattiveria.
Se ciò che più o meno diciamo tutti sul nostro paese è vero, soprattutto circa la scontata presenza di un potere superiore che tutto decide, e che a questo punto fa sì che le aspettative di un vero cambiamento futuro che tenga finalmente conto della gente (del popolo, di noi tutti) NON esistano più neanche per ipotesi,

se tutto questo è vero, perchè ci ostiniamo a seguire le elezioni primarie USA distinguendo tra le caratteristiche reali e presunte dei diversi candidati?
Persino negli USA, dove da tanto tempo si è ottimizzato lo sfruttamento della dabbenaggine popolare, può capitare che un singolo individuo al posto di un altro possa davvero cambiare l'anima delle cose? Quando il vero potere che decide è lo stesso...qui e ovunque?
Non sarà che in questo, per non fare tanti retropensieri, usiamo un pizzico di ottimismo esterofilo davvero inopportuno?

Nei fatti, qui in Italia,rimane che la prossima volta sarà impossibile pensare ad un voto dato a chiunque che equivalga a tirare per la giacchetta "il presidente del consiglio designato prossimo venturo" che (e a me basta per capire) ha definito gli imprenditori dei semplici lavoratori che non vanno contrapposti ad altri che prestano solo la loro opera...

"Voi lasciatemi battere e controllare la moneta di una nazione e a me non interesserà chi ne faccia le leggi".
Nathan Rothschild, 1791
LoneWolf58
Inviato: 22/1/2008 8:49  Aggiornato: 22/1/2008 8:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Non basta non votare... o consegnare la scheda bianca (altamente sconsigliato..) oppure annullare la scheda...
Il messaggio deve essere forte e di protesta "civile" io da parte mia (me la sto ancora studiando) restituirò la tessera elettorale al "Presidente Napolitano"...
Immaginatevi l'effetto se si dovessero vedere restituite un bel po di t.e.?!...
e la figura a livello internazionale???

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
cocis
Inviato: 22/1/2008 9:11  Aggiornato: 22/1/2008 9:11
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/1/2006
Da: V
Inviati: 1430
 Re: Arriva il governo destrasinistra
io mi preoccuperei + di questo


berluisconi" spero di avere una grande maggioranza x poter riformare questa magiustratura in modo che non possa + inquisire" ..

francesco7
Inviato: 22/1/2008 9:43  Aggiornato: 22/1/2008 9:43
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: Tarentum
Inviati: 886
 Re: Arriva il governo destrasinistra
A questo punto una domanda sorge spontanea: ma una volta che il Cavaliere ritornerà a governare questo sciagurato Paese, riproporrà in Parlamento tutte le leggi ad personam votate dalla sua coalizione nella scorsa legislatura che il governo Prodi ha prontamente abrogato? Sono stato troppo sarcastico? Mastella come ministro della Giustizia sarebbe stato duro da digerire persino per un governo berlusconiano figuriamoci per un governo pseudo-sinistrorso.

La mente non è un vaso da riempire ma un legno da far ardere perché s'infuochi il gusto della ricerca e l'amore della verità. (Plutarco)
yarebon
Inviato: 22/1/2008 9:47  Aggiornato: 22/1/2008 9:47
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2366
 Re: Arriva il governo destrasinistra
le cose cambieranno quando cominceremo a capire che senza di loro (le caste, i politici ecc.) stiamo meglio e che possiamo gestirci le cose da solo.
Non mi fido troppo di Grillo, ma il suo movimento è un passo incerto e ambiguo verso l'autopolitica.
L'unica alternativa a destra e sinistra siamo noi,non abbiamo bisogno di loro.

Infettato
Inviato: 22/1/2008 9:48  Aggiornato: 22/1/2008 9:48
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: Arriva il governo destrasinistra
cocis

io mi preoccuperei + di questo

Dopo il "nuovo secolo americano"

il "nuovo ventennio italiano"

A pensarci bene, non è che la magistratura faccia così paura ai vari capò...

Se quel poco vuole essere eliminato allora son veramente dolori..

Non sono convinto che, senza "governo" le cose possano andare meglio, sono curiosamente preoccupato nel caso si affermi questa ipotesi....

credo comunque che molto dipenda da come ci si arrivi.....parlo di "partecipazione popolare"

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard
mc
Inviato: 22/1/2008 9:58  Aggiornato: 22/1/2008 9:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Ma va... !?

Ma guarda che sfiga, il governo cade proprio quando stavano per mettere in atto l'abbassamento delle aliquote promesso...


Vorrei anche far notare la mobilitazione preventiva del mondo cattolico (forse un motivo in piu' per montar tutte quella pantomima alla Sapienza era quella di contarsi in piazza, e di far vedere il proprio peso politico ) che forse (anzi senza dubbio!!) gia' sapeva.

...e io mi vado a leggere la Costituzione : avranno previsto situazioni in cui un governo non e' capace di amministrare il paese, no...???

mc

blackbart
Inviato: 22/1/2008 10:05  Aggiornato: 22/1/2008 10:05
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 13/10/2007
Da:
Inviati: 1224
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Citazione:
io mi preoccuperei + di questo
berluisconi" spero di avere una grande maggioranza x poter riformare questa magiustratura in modo che non possa + inquisire" ..


"Cazzo! Lo sapevo che mi ero dimenticato di fare una cosa.."
esclamò dopo aver riletto attentamente Coup for dummies di Licio Gelli

Skafloc
Inviato: 22/1/2008 10:09  Aggiornato: 22/1/2008 10:09
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/3/2006
Da: ROMA
Inviati: 188
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Anche io avevo votato quello che consideravo, e che considero tuttora, il meno peggio (Di Pietro, se a qualcuno interessa saperlo).
Però avevo già deciso che sarebbe stata l'ultima volta, almeno finché continueremo a vedere le stesse facce e sentire le stesse frottole.
O le stesse farneticazioni.
Riapriamo il dibattito su votare o non votare?
Io non voterò nessuno, quanto a riconsegnare la scheda forse non conviene, ci priveremmo di uno strumento che potrebbe essere utile nel futuro.

Le cose urgenti vanno fatte con calma
fiammifero
Inviato: 22/1/2008 10:36  Aggiornato: 22/1/2008 10:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/2/2005
Da: ROMA
Inviati: 5691
 Re: Arriva il governo destrasinistra

Citazione:
le cose di cui ci sentiamo assolutamente certi non sono mai vere (Oscar Wilde)
Gilliam
Inviato: 22/1/2008 10:43  Aggiornato: 22/1/2008 10:43
So tutto
Iscritto: 16/1/2008
Da:
Inviati: 17
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Citazione:

Autore: fiammifero Inviato: 22/1/2008 10:36:54

Giusto per rinfrescare la memoria ed unire i puntini


Nel link di Fiammy : 58 governi in 55 anni, secondo gli amanti del libero mercato anarchico (Lunics, Ashus, Paxus, e Pausys) non si tratta altro che delle normali dinamiche di assestamento del mercato che trova da se il suo equilibrio, correggendo, velocemente e automaticamente ogni minima disarmonia ...

E' un mietitore, il signor La Morte!
BlSabbatH
Inviato: 22/1/2008 11:04  Aggiornato: 22/1/2008 11:04
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/9/2005
Da: Bergamo
Inviati: 837
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Citazione:
secondo gli amanti del libero mercato anarchico (Lunics, Ashus, Paxus, e Pausys) non si tratta altro che delle normali dinamiche di assestamento del mercato che trova da se il suo equilibrio, correggendo, velocemente e automaticamente ogni minima disarmonia

Gilliam.. come direbbe Ken Shiro, "sei già morto e non lo sai"

-- Under capitalism, man exploits man. Under communism, it's just the opposite. -- J.K. Galbraith
Calvin
Inviato: 22/1/2008 11:06  Aggiornato: 22/1/2008 11:06
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/3/2007
Da:
Inviati: 61
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Come cantava Cocciante in una sua nota canzone:
...Era già tutto previsto...
Del resto sembrava chiaro da un pò qual'era lo scopo finale...ricreare il Grande Centro, la vecchia cara amata dC (con d maiuscola e C maiuscola ovviamente).
L'inizio del 2008 è stato promettente:
Al papa "è stato impedito" di parlare, il Ceppalonico si dimette e lancia i suoi proclami contro la magistratura, Cuffaro non sconterà un solo giorno di carcere...che volevate di più?...che Napolitano si "infilasse una scopa in culo e vi ramazzasse la stanza"? (pardon per la volgarità, stavo solo citando Elio e le storie tese).

Non sono ignorante.E' solo che ho la padronanza di informazioni assolutamente inutili.
Calvin & Hobbes
Gilliam
Inviato: 22/1/2008 11:10  Aggiornato: 22/1/2008 11:10
So tutto
Iscritto: 16/1/2008
Da:
Inviati: 17
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Citazione:

Autore: BlSabbatH Inviato: 22/1/2008 11:04:19

Gilliam.. come direbbe Ken Shiro, "sei già morto e non lo sai"



Si che lo so, ma egli, i terzo giorno risorgerà!

E' un mietitore, il signor La Morte!
sigmatau
Inviato: 22/1/2008 11:27  Aggiornato: 22/1/2008 13:25
Mi sento vacillare
Iscritto: 18/9/2007
Da: Provincia di Piacenza
Inviati: 705
 Re: Arriva il governo destrasinistra
E' assai singolare che nessuno [o quasi...] si sia accorto della vera natura del pericolo che ci sovrasta. Esattamente come accadde nell'ormai 'lontano' 1994 anche in questa circostanza un governo è stato messo in crisi non già per via 'democratica' bensì dall'inziativa di un ristretto numero di magistrati. Per quanro riguarda il 1994, i fatti successivi hanno ampiamente dimostrato che le 'prove' a sostegno delle accuse erano totalmente inconsistenti... intanto però l'obiettivo di abbattere il governo era stato pienamante conseguito. Sono profondamente convinto che anche in questa circostanza le 'prove' a carico di Mastella e della moglie risulteranno essere 'aria fritta' e il tutto finirà in una 'bolla di sapone'. Non c'è dubbio tuttavia che, stando così le cose, certa parte della magistratura rappresenta un vero e proprio pericolo per la Democrazia e sono convinto che obiettivo primario del prossimo governo [quale che sia...] dovrà essere quello di impedire una volta per tutte l'intromissione della magistratura nella politica...

saluti!...

--------------

... chè perder tempo a chi più sa più spiace... Dante Alighieri, Divina Commedia, Purgatorio, III, 78

… men of few words are the best men… William Shakespeare King Henry V
BlSabbatH
Inviato: 22/1/2008 11:31  Aggiornato: 22/1/2008 11:31
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/9/2005
Da: Bergamo
Inviati: 837
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Citazione:
Sono profondamente convinto che anche in quesata circostanza le 'prove' a carico di Mastella e della moglie risulteranno essere 'aria fritta' e il tutto finirà in una 'bolla di sapone'. Non c'è dubbio tuttavia che, stando così le cose, certa parte della magistratura rappresenta un vero e proprio pericolo per la Democrazia e sono convionto che obiettivo primario del prossimo governo [quale che sia...] dovrà essere quello di impedire una volta per tutte l'intromissione della magistratura nella politica...

ottima analisi imparziale! che visione soave della realtà che ci circonda..
[sarcastic mode off]

-- Under capitalism, man exploits man. Under communism, it's just the opposite. -- J.K. Galbraith
Infettato
Inviato: 22/1/2008 11:35  Aggiornato: 22/1/2008 11:35
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Sono profondamente convinto che anche in quesata circostanza le 'prove' a carico di Mastella e della moglie risulteranno essere 'aria fritta' e il tutto finirà in una 'bolla di sapone'.

Penalmente è molto probabile moralmente a dimenticavo le loro facce....


Non c'è dubbio tuttavia che, stando così le cose, certa parte della magistratura rappresenta un vero e proprio pericolo per la Democrazia e sono convionto che obiettivo primario del prossimo governo [quale che sia...] dovrà essere quello di impedire una volta per tutte l'intromissione della magistratura nella politica...

De Magistris Forleo in primis....una volta le toghe erano "rosse" ora di che colore sono?

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard
PikeBishop
Inviato: 22/1/2008 11:37  Aggiornato: 22/1/2008 11:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Citazione:
certa parte della magistratura rappresenta un vero e proprio pericolo per la Democrazia

Magari fosse cosi, non servono neanche a quello, i magistrati...

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
Fabrysound
Inviato: 22/1/2008 12:10  Aggiornato: 22/1/2008 12:10
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/8/2006
Da: dal Delta Del Pò
Inviati: 76
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Io invece vorrei che de magistris e la forleso si trasformassero nel film di alberto sordi in "Tutti Dentro" ma per davvero (il finale non me lo ricordo ma non finiva bene per sordi ) altro che mancano prove se si mettono a svelare gli altarini vedi che casino peggio di tangentopoli.

Solo in italia un ministro della giustizia è stato testimone di nozze di un certo Campanella vicino alla banda di Bernardo Provenzano.. va be anche in america non scherzano poi una volta cera andreotti, però dai qui hanno rotto.

Sigmatau altro che bolla di sapone qua se scoppia la bolla saltano tutti in aria .
Le tessere elettorali andrebbero bruciate in piazza davanti a monteccitorio.

eppur qualcosa si muove


Alla guerra rispondiamo con la guerra
Alla guerra su tutti i fronti con la guerra su tutti i fronti
Alla repressione armata con la guerriglia
Mordi e fuggi!
Niente resterà impunito!
Tutto il potere al popolo che si ribella!
francesco7
Inviato: 22/1/2008 12:18  Aggiornato: 22/1/2008 12:20
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: Tarentum
Inviati: 886
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Non condivido l'analisi di sigmatau, altrimenti Mastella avrebbe lasciato l'esecutivo subito dopo l'arresto della consorte, perchè ha aspettato qualche giorno prima di decidere di farlo? Semplice: non è stato Mastella a far cadere Prodi ma Uolter Veltroni con la sua dichiarazione che il Partito Democratico avrebbe partecipato da solo alle prossime elezioni, sancendo ufficialmente la fine dell'Unione e quindi di quella esperienza politica.
Poi, naturalmente, è un caso che la dichiarazione di Mastella sia avvenuta quasi contemporanenamente a quella del presidente della CEI Bagnasco
Ma poi chi lo dice che Prodi cadrà veramente? Questo governo ha dimostrato di avere sette vite, proprio come quelle dei senatori a vita che finora l'hanno sostenuto, il partito di Mastella ha solo 3 senatori e pare che Mastella non riesca nemmeno a metterli d'accordo perchè sarebbero contrari a sfiduciare questo esecutivo, non a caso Berlusconi che la sa lunga, ha subito dichiarato: "Mi aspetto qualche trucco".

La mente non è un vaso da riempire ma un legno da far ardere perché s'infuochi il gusto della ricerca e l'amore della verità. (Plutarco)
florizel
Inviato: 22/1/2008 12:33  Aggiornato: 22/1/2008 12:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Halo1367Citazione:
cercare di riconoscere con la vecchia e poetica visione destra/sinistra è a dir poco illusorio


Non è che voglio innescare la solita polemica, ma considerando la deriva della "sinistra" istituzionale, non ti viene il dubbio circa il suo effettivo ruolo nel corso dei decenni? Soprattutto dalla nascita della "repubblica" ad oggi?

Non ti viene il dubbio circa la funzione che ha avuto, presso quei settori sociali che potevano essere in grado di mettere in discussione il "sistema"?
E che il suo ruolo era quello di garantire il passaggio dalla gestione "politica" della società a quella puramente "amministrativa"?

Della destra manco ne parlo...era solo lì ad attendere che a "sinistra" si facesse un buon lavoro...

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
bigdaddy
Inviato: 22/1/2008 13:20  Aggiornato: 22/1/2008 13:20
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/1/2006
Da: roma
Inviati: 293
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Consiglio a tutti la visione dell'illuminante conferenza di Lyndon Larouche tenuta lo scorso 17 gennaio

Video della conferenza

Votarsi alla materia Frantuma le anime

Trovarsi nello spirito Unisce gli uomini

Vedere sé nell'altro Edifica mondi
desbouvet
Inviato: 22/1/2008 13:21  Aggiornato: 22/1/2008 13:21
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da:
Inviati: 541
 Re: Arriva il governo destrasinistra
@ Voglio rispondere a Halo1367:

Citazione:
se tutto questo è vero, perchè ci ostiniamo a seguire le elezioni primarie USA distinguendo tra le caratteristiche reali e presunte dei diversi candidati?
Citazione:
Quando il vero potere che decide è lo stesso...qui e ovunque?
Citazione:
Non sarà che in questo usiamo un pizzico di ottimismo esterofilo davvero inopportuno?


E' vero, forse abbiamo voglia di guardare altrove, e di giocare coi pupazzi che ci infilano nella nursery in cui abitiamo. E' vero, il sistema è il medesimo, qua e laggiù.

Nessuno di noi ha il potere di emendare le architetture della nostra civilizzazione. Abbiamo delegato qualunque cosa a protettori troppo scaltri, che adesso ci tengono avvolti in un incantesimo brutale in quanto silenzioso. Guardiamoci intorno. Guardiamo le nostre facce. Siamo robot. Le rughe ci salgono attorno agli occhi. I nostri gesti quotidiani sono adattamenti involontari a una catena di istruzioni non resettabili. Siamo profondamente infelici, specie quando ci fanno salire il sangue al cervello.

Sul piano dell'organizzazione umana comune, non possiamo fare nulla. Ci hanno strappato una ad una le nostre dita. Noi non contiamo più fino a dieci. Loro, contano fino a undici.

Ma il potere che abbiamo singolarmente, in quanto essere umani, questo ce lo abbiamo ancora, solo che stanno convincendoci del contrario.

Io comincio a stare molto attento a quei piccoli, grandi gesti di rottura, di minaccia, nei confronti dell'incantesimo in cui siamo avvolti. Per esempio, lanciare migliaia di palline colorate giù dalla scalinata di Trinità dei Monti, tra i piedi dei robot che fanno shopping. Un atto "inutile", estetico, profondamente rivoluzionario.

Oppure, il candidato Ron Paul. Ho letto da qualche parte che egli, medico ginecologo, da quando è senatore del Texas non intasca personalmente lo stipendio di senatore. Qui da noi, il mastelloide coi soldi pubblici fa il pieno di benzina arabica al porsche cayenne di suo figlio... Ecco perchè vale la pena, adesso, interessarsi alle primarie Usa. Perchè c'è una persona, non importa se è una sola, che vuole rompere l'incantesimo dell'odio e della truffa reciproca.

Ho voglia di vedere gesti di rottura, atti creativi, quali che siano, attorno a me. Là dove accadono, io vado: col cuore, con la mente, con tutta l'attenzione. Con la voglia di creare anch'io.

A questo punto, lo dico a noi che condividiamo lo stesso consumato disgusto e la stessa disperazione delle cose, a questo punto dovrebbe diventare, quello, il nostro pensiero fisso, la nostra rivincita positiva, assolutamente positiva e non distruttiva. Fare dei gesti di vera rivoluzione. La forza della vera rivoluzione è immensa, perchè è individuale. Nessuno può controllare uno a uno e nello stesso istante sei miliardi di persone.

winston
Inviato: 22/1/2008 13:32  Aggiornato: 22/1/2008 13:32
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/10/2005
Da: Eurasia
Inviati: 392
 Re: Arriva il governo destrasinistra
<<Prepariamoci dunque a dare il benvenuto al nuovo governo indipendentemente dal fatto che lo si voglia chiamare destrasinistra, sinistradestra o semplicemente centro>>

"Chi controlla il presente controlla il passato, chi controlla il passato controlla il futuro" Orwell, 1984
Rickard
Inviato: 22/1/2008 14:04  Aggiornato: 22/1/2008 14:04
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Citazione:
Autore: winston Inviato: 22/1/2008 13:32:08



Senza dimenticre un bel sorriso d'accoglienza

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
Andoram
Inviato: 22/1/2008 15:00  Aggiornato: 22/1/2008 15:00
So tutto
Iscritto: 24/3/2007
Da:
Inviati: 18
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Mancano ancora 279 giorni alla pensione dei parlamentari, ho l'impressione che loro resisteranno, resisteranno e resisteranno fino alla fine.

marcocedol
Inviato: 22/1/2008 15:12  Aggiornato: 22/1/2008 15:12
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Arriva il governo destrasinistra
In effetti dopo stamattina l'impressione è che l'attaccamento alla poltrona sia così commovente da poter riuscire a ribaltare perfino la matematica.

E pensare che Freeman ed io già ci preoccupavamo di dover curare la crisi d'astinenza

cocis
Inviato: 22/1/2008 15:34  Aggiornato: 22/1/2008 15:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/1/2006
Da: V
Inviati: 1430
 Re: Arriva il governo destrasinistra
UN UOMO MORTO

MCCAIN vs CHUCK NORRIS

McCain a Chuck Norris: «Ti faro pulire la bocca col sapone da mia madre 95enne»


Il candidato repubblicano replica all'attore che lo aveva definito troppo vecchio per la presidenza



florizel
Inviato: 22/1/2008 15:34  Aggiornato: 22/1/2008 15:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Caduta governo Prodi
Citazione:
Mancano ancora 279 giorni alla pensione dei parlamentari


Ciao, Andoram. Benvenuto.

In effetti, mi pare di cogliere più un cambiamento di "costumi" e delle modalità "governative", che un'effettiva crisi.

Bisogna che il "popolo elettore" percepisca che le questioni interne si risolvono esclusivamente nell'ambito del "palazzo". E che la loro risoluzione può anche prescindere dalle "regole" istituzionali, o da una prassi seguita fino ad ora.
Lo stipendio è troppo importante...

E' in atto un cambio di strategie, più che un cambio di governo.
Ed ho la sensazione che stiano cercando di tastare il polso al paese in vista dell'entrata in campo della nuova coalizione "destra/sinistra".

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
Siudal
Inviato: 22/1/2008 15:50  Aggiornato: 22/1/2008 15:50
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/5/2007
Da:
Inviati: 70
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Leggo in alcuni commenti (trotzkij, dr_julius, Fabrysound) che "i comunisti" non ci sono o sarebbe difficile trovarli o, se trovati, sarebbero finti. Per chi non lo sapesse ora esiste il Pcl (Partito Comunista dei Lavoratori), che ha avuto il suo congresso costituitivo a Rimini dal 4 al 6 gennaio scorsi, nella pressochè totale indifferenza dei mezzi di comunicazione.
A parziale rimedio vi passo una breve rassega stampa dell'evento:

FONDAZIONE PCL, FERRANDO: "Governo Prodi totalmente conforme a Confindustria"
Si è svolto a Rimini il congresso fondativo del Partito Comunista dei Lavoratori. Un anno e mezzo fa la rottura con Rifondazione Comunista, colpevole di essere entrata al Governo e soprattutto si sostenerlo in Parlamento. Dal podio dell'Hotel Royal, il portavoce nazionale Marco Ferrando non risparmia proprio nessuno dai suoi strali: Governo e maggioranza, ovviamente, ma anche tutta la sinistra. Si salvano i movimenti e i sindacati di base. E più che altro si salvano milioni di lavoratori, di disoccupati e di pensionati, a cui qualcuno dovrà pur seriamente cominciare a pensare, da sinistra. Ferrando avoca a sé e al suo partito (e sottolinea "partito) questa capacità di farlo. "Il programma del Governo Prodi -premette Ferrando- è totalmente conforme a Confindustria , come dimostrò, ad esempio, l'anno scorso il cuneo fiscale che portò 6 mld di euro di sgravi alle imprese". E giù duro anche contro Diliberto e Bertinotti. "Quando vediamo il presidente del Consiglio, alla conferenza stampa di Natale, ostentare i propri doni agli industriali senza che nessuno, nemmeno da sinistra, alzi un dito, quando vediamo un Oliviero Diliberto che evoca la salma di Lenin mentre continua a votare le missioni di guerra, quando vediamo Fausto Bertinotti che negozia con Berlusconi leggi elettorali e presenta le encicliche di Papa Ratzinger proprio mentre l'alleata Binetti vota contro i diritti degli omosessuali su ispirazione divina, abbiamo la conferma della nostra distanza politica e morale dall'Unione".



FONDAZIONE PCL, FERRANDO /2: Grande industria teme rottura sociale



"Le ragioni del nostro nuovo partito non stanno solo nell'opposizione" spiega Ferrando dal podio dell'Hotel Royal di Rimini "ma in vent'anni di storia italiana. L'obiettivo principe è quello di "ricostruire un nuovo movimento operaio". Il PCL nasce oggi, "ma ha una sua storia, quella di quasi 20 anni di battaglia politica contro la deriva della sinistra italiana. Il capitalismo italiano migliora le proprie posizioni sulla pelle di milioni di operai e di giovani precari. La nuova concertazione tra Prodi, Epifani e Montezomolo significa subordinare ancora di più i salari al profitto. Le missioni di guerra, utili al posizionamento del capitalismo italiano nel mondo, in Libano, nei Balcani, in Afghanistan, ricevono miliardi su miliardi a scapito della spesa sociale e contro i diritti di autodeterminazione dei popoli".

E guai a diffidare dei moniti "buonisti" di quella borghesia che "domina più di prima e che domina più di prima, e che tuttavia ha un consenso sempre più ridotto nel resto della società. Se addirittura il governatore Draghi e Montezemolo, nel mentre rapinano i salari, ne riconoscono la pochezza, lo fanno non per buon animo, ma perché temono la rottura sociale. Per il centro-sinistra, tenere insieme Montezemolo e i suoi operai, le banche e le famiglie indebitate, è impresa alquanto ardua.

Proprio le peggiori misure anti-operaie e anti-lavoro hanno avuto il determinante sostegno delle forze della sinistra. E' stato un sostegno decisivo per far passare nella società italiana queste misure che altrimenti avrebbero incontrato più opposizione e minor rassegnazione".



FONDAZIONE PCL, FERRANDO / 3: Sinistra Arcobaleno? Sinistra Arlecchino.



Tante e gravissime le colpe della Sinistra, compreso il suo rapporto con i movimenti: "e' una Sinistra che usato i movimenti per una scalata istituzionale e burocratica contro i movimenti stessi". E la Sinistra Arcobaleno? "La Sinistra Arcobaleno non è altro che la nuova veste Arlecchino. La sua cancellazione di falce e martello non è altro che la cancellazione delle ragioni del lavoro". La Sinistra Arcobaleno avrebbe "il compito di ridare vita "ad una nuova socialdemocrazia come canale di integrazione e subordinazione del potere operaio". Ma non ci riuscirà: "questo progetto strategico si scontra con limiti e contraddizioni profonde, quale la massa critica modesta della nuova sinistra arcobaleno, nella sua debolezza di radicamento sociale all'interno del movimento operaio. Di certo la socialdemocrazia della seconda repubblica appare infinitamente lontana dalla forza che il PCI aveva nella prima. Da qui la difficoltà ad alimentare entusiasmo nel nuovo soggetto e nel produrre nella base un effetto di trascinamento e di identificazione in esso. La bastonata inferta al popolo del 20 ottobre e alle sue speranze col voto a favore del protocollo sul welfare è indicativa, e, anzi, il parto della Sinistra Arcobaleno coincide con la crisi profondissima di Rifondazione".

Le parole più dure sono forse quelle sulla guerra in Iraq: "non c'è risposta reale alla domanda di pace senza aperta rottura con l'imperialismo e senza chiamare in causa gli interessi delle nostre classi dominanti e i crimini delle loro truppe tricolori come quelli compiuti in Iraq nella battaglia dei ponti con l'assassinio impunito di decine di irakeni. Tutti ricordano gli italiani uccisi a Nassiriya nessuno ricorda bimbi e donne gravide colpiti dal piombo delle truppe italiane."

Nasce il Partito comunista dei lavoratori: sarà mica l'unico coerentemente anticlericale a sinistra?
Marco Bazzichi - resistenzalaica@gmail.com
(4 gennaio 2008)

Al secondo giorno di congresso un'intervista a Ferrando approfondisce il tema della funzione sociale ed economica del Vaticano e le ragioni della conseguente coerente scelta anticlericale del PCL

Rimini, 4 gennaio 2008.
"Per essere coerentemente anticapitalisti, dobbiamo essere coerentemente anticlericali". Così recita uno dei punti programmatici del nuovo partito nato nell'estrema sinistra, il Partito Comunista dei Lavoratori, di cui si è appena svolto il congresso fondativo, a Rimini. Un anno e mezzo fa la rottura con Rifondazione Comunista, colpevole di essere entrata al Governo e soprattutto si sostenerlo in Parlamento.

Dal podio dell'Hotel Royal, il portavoce nazionale Marco Ferrando non risparmia proprio nessuno dai suoi strali: Governo e maggioranza, ovviamente, ma anche tutta la sinistra. Si salvano i movimenti e i sindacati di base. E più che altro si salvano milioni di lavoratori, di disoccupati e di pensionati, a cui qualcuno dovrà pur seriamente cominciare a pensare, da sinistra.

Dietro il linguaggio che a molti può far sorridere, dietro ai richiami a Trotzky o Marx, dietro la falce e il martello, si svela un'analisi della società italiana che è assai difficilmente aggredibile. Se oggi l'anticapitalismo non vuol dire impegnarsi nell'abolizione della proprietà privata, ma impegnarsi per salari più dignitosi, vuol dire anche riconoscere le roccaforti di una società palesemente ingiusta. Palesemente ingiusta verso i più deboli, leggi pensionati e operai, ma palesemente ingiusta verso tutto ciò che esce dal solco della sacra famiglia cattolica. E in questa rivendicazione di una coerenza anticlericale, per Marco Ferrando e i suoi si tratta di riconoscere il Vaticano come una di queste roccaforti.

Non solo Fiat insomma, non solo spesa militare, ma anche Vaticano, vero e proprio intermediario della spesa pubblica e fonte di ingiustizia sociale. Binetti e finanze vaticane insomma, a braccetto: da una parte si negano le unioni civili, dall'altra si alimenta un sempre più vasto oceano fatto di potere finanziario e di hotel che, grazie a una cappella, non pagano l'Ici. E per ogni euro non pagato da qualcosa, in questo caso la Chiesa o il ristoratore, ce n'è uno in più da pagare per l'operaio. Non fa una grinza.

"A differenza della Sinistra Arcobaleno - tuona Ferrando dal podio dell'Hotel Royal di Rimini - il partito che vogliamo costruire non piegherà mai la verità ai codici della convenienza, del silenzio e della complicità". Per rispondere realmente alla "domanda laica ed anticlericale, così presente in tanta parte della società italiana" è necessario "ricondurre le lotte importanti per i diritti civili e le conquiste democratiche come la 194 alla connessione col potere materiale della Chiesa e alla sua profonda connessione col capitalismo italiano e mondiale".

Non vi è autentica risposta alla domanda laica ed anticlericale "senza rivendicare ad esempio non solo la soppressione dei finanziamenti pubblici oggi elargiti a scuole e sanità private, ma l'esproprio del gigantesco patrimonio immobiliare della Chiesa che va devoluto alle esigenze sociali di milioni di lavoratori e di diseredati". Non c'è Pd né Sinistra Arcobaleno che tenga: "Il Cardinal Bertone rivendichi pure il Togliatti dell'articolo 7 come modello per Walter Veltroni, noi all'opposto vogliamo rompere con la lunga e ossequiosa sudditanza storica della sinistra italiana al Vaticano. Quando diciamo che siamo coerentemente anticlericali perché siamo coerentemente anticapitalisti, diciamo questo".

Seguendo il filo del suo intervento, abbiamo chiesto a Marco Ferrando, portavoce del Partito Comunista dei Lavoratori:

Si può dire che c'è un rapporto tra la mancanza di laicità in Italia e il capitalismo italiano?

"C'è una costante di lungo corso, anche qui, della storia della sinistra italiana. Tutte le sinistre trasformiste che hanno cercato una propria ricollocazione sul terreno di un governo ben accetto dalle classi dominanti hanno dovuto subordinarsi al Vaticano. Il Vaticano è un pezzo materiale del blocco dominante. Non è semplicemente un'ideologia, una somma di valori, è una componente organica di quello che oggi è il capitale finanziario, spesso il capitale industriale. per questo diciamo solo essendo coerentemente anticapitalisti si può essere coerentemente anticlericali. Solo da una sinistra che rompa col trasformismo e quindi col compromesso storico con la classe dominante, incluso il Vaticano, si può fare una battaglia di fondo sulla laicità. Le sinistre di governo da un anno e mezzo, persino sul terreno dei diritti civili, sono a capo chino nei confronti della Chiesa. Persino sui Dico! Voglio dire.sull'unica parvenza, persino simbolica, di politica progressista, persino su quello si chinano ai diktat della Binetti, alle compatibilità col Vaticano".

Però la Binetti fa comodo...

"Eh sì, perché ognuno si sceglie la sua parte in commedia. Il problema non è la parte che ognuno si sceglie nella commedia, ma la commedia. Questa è la tragedia del popolo della sinistra in Italia".

La Binetti non ha avuto lo stesso trattamento di Turigliatto

"No, decisamente, no".



Dal sito di controcorrentesatirica.com

ARGOMENTO DELLA SETTIMANA:
POLITICA

Finalmente qualcosa si muove : è nato il Partito comunista
dei lavoratori

ROMA - Debutto a Rimini per il Partito comunista dei
lavoratori, guidato da Marco Ferrando con «l'obiettivo di ricostruire,
a 40 anni dal '68, una sinistra che non tradisca: una Sinistra che non
utilizzi i movimenti per chiedere ministri, ma che difenda l'autonomia
delle loro ragioni e lotti realmente per un'alternativa di società».
Il congresso di fondazione del Partito comunista dei lavoratori è
stato aperto dallo stesso Ferrando che ha lanciato «la proposta di una
Sinistra di opposizione alternativa a Centrodestra e Centrosinistra».
Partendo dalla proposta di una grande vertenza generale del mondo del
lavoro attorno alla richiesta di un forte aumento dei salari e
dell'abolizione di tutte le leggi di precarizzazione del lavoro, il Pcl
avanza «rivendicazioni programmatiche apertamente anticapitalistiche»
come la nazionalizzione delle banche e l'esproprio delle grandi
proprietà immobiliari della Chiesa.
La prospettiva rivendicata da Ferrando «è quella di un governo dei lavoratori - spiega il Pcl - che liberi la società italiana dall'attuale "dittatura degli industriali e delle banche" per riorganizzare la società su basi socialiste».

Da Libertà del 04 gennaio 2008


Per chi volesse saperne di più:


http://www.pclavoratori.it/files/index.php

“Uno degli effetti veramente negativi della religione è che si insegna a considerare una virtù il pascersi della propria ignoranza.” Richard Dawkins, The God Delusion.
vincenzo
Inviato: 22/1/2008 16:36  Aggiornato: 22/1/2008 16:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/6/2004
Da: u-oy-topos middle Oceania
Inviati: 1304
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Ha rimesso in piedi un paese sull'orlo del baratro? Ora, per forza di cose uno di loro ci sta pigliando per il culo. Ma la domanda è : "due anni e qualcosa bastano per portare un paese sull'orlo del baratro"?

Prodi: “Questo Governo ha rimesso in piedi il Paese, chiedo fiducia per continuare”

Casini:"l'Italia è sull'orlo del baratro"

-----

Andreotti: "C'è una vecchia regola che di che ogni Governo è peggiore di quello precedente"

Dai? Se non venissero pagati per dire/fare questo ci sarebbe da ridere a crepapelle.

1 - Non fanno caso, costoro, che quando in Internet compare qualcosa di veramente scottante, scompare nell’arco di pochi minuti? Se invece qualcosa ci rimane per sempre – e pure in bella vista - vuole dire che lì da nascondere c’è ben poco.
Infettato
Inviato: 22/1/2008 16:46  Aggiornato: 22/1/2008 16:46
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: Arriva il governo destrasinistra
vincenzo

Ha rimesso in piedi un paese sull'orlo del baratro? Ora, per forza di cose uno di loro ci sta pigliando per il culo. Ma la domanda è : "due anni e qualcosa bastano per portare un paese sull'orlo del baratro"?

Entrambi!

la verità è nel mezzo, il paese era in crisi grazie al governo precedente, mentre questo ha continuato se non addirittura peggiorato la situazione.

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard
vincenzo
Inviato: 22/1/2008 16:57  Aggiornato: 22/1/2008 16:57
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/6/2004
Da: u-oy-topos middle Oceania
Inviati: 1304
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Citazione:
Entrambi!


O nessuno dei due! Mio nonno ha detto "la gente si è divertita a mettere per 50 anni la croce sulla Croce". Lui li manderebbe tutti in siberia a soffrire la fame. Sottoscrivo e rilancio.

Secondo me qualunquisticamente la crisi è dovuta dal troppo "altruismo" :D

1 - Non fanno caso, costoro, che quando in Internet compare qualcosa di veramente scottante, scompare nell’arco di pochi minuti? Se invece qualcosa ci rimane per sempre – e pure in bella vista - vuole dire che lì da nascondere c’è ben poco.
Infettato
Inviato: 22/1/2008 17:02  Aggiornato: 22/1/2008 17:02
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: Arriva il governo destrasinistra
O nessuno dei due!

mmmmm hanno messo del loro...


Mio nonno ha detto "la gente si è divertita a mettere per 50 anni la croce sulla Croce". Lui li manderebbe tutti in siberia a soffrire la fame. Sottoscrivo e rilancio.

Conseguentemente si andrà sempre peggio?

Ciao a domani

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard
mangog
Inviato: 22/1/2008 18:15  Aggiornato: 22/1/2008 18:15
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 5/1/2007
Da:
Inviati: 2857
 Re: Arriva il governo destrasinistra
E' crollato il governo e tenerlo su ancora artificialmente sarebbe solamente ridicolo, ma ho il timore che la caduta del governo sia l'ultimo dei problemi.
Il futuro economico sarà ancora più orrendo per la nostra cara vecchia e stravecchia Europa, l'India o la Cina ci venderanno a 2000 euro le loro automobile e per la nostra FIAT sarà molto dura, senza contare quello che arriverà a ruota.
Meglio cominciare a tirare fuori zappa e rastrello, ci toccherà arrangiarsi con l'orticello sotto casa.
A proposito, visto che toccare il Papa porta alla caduta del governo, quasi quasi sarebbe meglio una teocrazia tanto da eliminare parlamento, regioni, province e comuni. Almeno ci governerà una sola persona e non una catena infinità di politici.

Redazione
Inviato: 22/1/2008 18:52  Aggiornato: 22/1/2008 18:52
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Mi rivolgo a tutti:

Da tempo ormai ho rinunciato a convincere gli altri che l’unica alternativa possibile – al di là del rifiuto qualunquistico di stare a casa - è quella di “votare nessuno” (votare cioè scheda bianca, però annullandola). Ho scritto articoli chilometrici, descrivendo la legittimizzazione che noi stessi perpetriamo votando, mentre argomentavo dettagliatamente come l’unico meccanismo che tiene ancora in pedi il sistema è quello che fa dire agli individui “tanto non votare non serve a niente”. Ma mi sono solo sentito rispondere che “tanto non serve a niente”, da persone che evidentemente l’articolo lo avevano letto male, oppure che avevano già deciso in partenza di non cambiare idea su certe cose. (I famosi preconcetti su cui si basa il sistema).

Ora quindi capovolgo il teorema, e chiedo semplicemente: esiste un solo motivo valido per continuare a votare?

(La risposta “io spero sempre che cambi qualcosa” è esclusa in partenza, e se qualcuno ha bisogno di sentirsi spiegare il perchè sappia che si trova nel posto sbagliato all’ora sbagliata: non garantisco per l’incolumità di nessuno, in quel caso).

Pyter
Inviato: 22/1/2008 19:19  Aggiornato: 22/1/2008 19:19
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Redazione:
Ora quindi capovolgo il teorema, e chiedo semplicemente: esiste un solo motivo valido per continuare a votare?


Aborro questo disfattismo...se il governo cade chi ci guiderà?
Perchè questo ingiustificato e continuo inveire contro le
istituzioni che ci rappresentano?
Questo governo è stato eletto dal popolo...i politici ci rappresentano,
anzi sono la diretta espressione dell'italiano, sono come noi.
Se il governo cade, cadiamo anche noi.
Se mastella cade, cade sul governo, che cade a sua volta sul parlamento
e sul senato, che a loro volta con effetto domino cadono sul popolo.
Ma se noi stiamo fermi, diritti, possiamo fermare la valanga che
tenta di trascinarci, e possiamo farlo solo se ci facciamo carico
del nostro senso di responsabilità verso il paese e le istituzioni.
Cerchiamo le risposte ognuno all'interno di noi stessi, nel nostro
io nascosto, ognuno con la sua piccola responsabilità, senza dare sempre la colpa ai soliti politici. Aiutiamoli, questi politici, a fare in modo che non debbano soccombere quando lottano contro i Forti.
Senza di loro c'è solo il caos, sarebbe come se improvvisamente sparisse
la religione...davanti a noi ci sarebbe solo il suicidio.
Chi ci troverà il posto di lavoro? Il ministro!
Chi ci risolverà in modo veloce il problema dell'immondizia? Il ministro!
Chi ci farà la recensione del libro di Harry Potter? Riotta, nell'angolo della CULTURA.
Chi intervisterà un esperto del WallStreetJournal per dirci che la crisi delle borse è dovuta alle banche che hanno deciso di non fare prestiti ai piccoli e medi imprenditori?Riotta!
Sussù...un pò di ottimismo! Appoggiamo il Partito Ambidestro!!
Il partito Ambidestro non è ipocrtita...che dà con la destra e prende con la sinistra.
Il partito ambidestro prende sia con la destra che con la sinistra, senza favoritismi!
Facciamoci carico dei nostri doveri, ogni tanto, invece di cercare sempre diritti.
Facciamoci una buona volta un'autocritica a 360 gradi, invece di farla a 90 gradi come siamo soliti! Guardiamo nel nostro cuore, uniamoci al coro del popolo tutto,formiamo una specie di catena simbolica e cerchiamo di essere uniti finalmente da un forte senso dello stato e delle istituzioni, per una morale a senso unico
... solo allora potremo gridare:

A_ _ _ _ _E A_ _ _ _ _ _ _o!!!!!

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
desbouvet
Inviato: 22/1/2008 19:35  Aggiornato: 22/1/2008 19:35
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da:
Inviati: 541
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Citazione:
Ora quindi capovolgo il teorema, e chiedo semplicemente: esiste un solo motivo valido per continuare a votare?


No, non esiste. Italiani, ci siete? Lo capite che la legge elettorale vigente non permette di indicare la preferenza per un candidato, mentre potete tranquillamente indicare le vostre "nomination" per i concorrenti del grande fratello ???

Italiani, svegliamoci. Votare VAFFANCULO (con pennarello nero indelebile).

Pausania
Inviato: 22/1/2008 19:51  Aggiornato: 22/1/2008 19:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: Caduta governo Prodi
Florizel Citazione:
Bisogna che il "popolo elettore" percepisca che le questioni interne si risolvono esclusivamente nell'ambito del "palazzo"

Ma è giusto che sia così. In verità vi dico: votiamoli tutti e mandiamoli a palazzo. Poi chiudiamo a chiave dall'esterno. Chiudiamo acqua, gas e scorte di cibo. Piazziamo telecamere dappertutto e mettiamo Rai 1 a trasmettere in diretta 24 ore al giorno per tutta la legislatura quello che succede dentro.

Chiunque può uscire in qualsiasi momento (non c'è obbligo di mandato), ma così facendo non può più rientrare e deve andare a trovarsi un lavoro vero.

Chi invece rimane dentro, può tranquillamente continuare a legiferare come gli aggrada.

LoneWolf58
Inviato: 22/1/2008 19:57  Aggiornato: 22/1/2008 19:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Citazione:
Autore: desbouvet Inviato: 22/1/2008 19:35:25

Citazione:

Ora quindi capovolgo il teorema, e chiedo semplicemente: esiste un solo motivo valido per continuare a votare?



No, non esiste. Italiani, ci siete? Lo capite che la legge elettorale vigente non permette di indicare la preferenza per un candidato, mentre potete tranquillamente indicare le vostre "nomination" per i concorrenti del grande fratello ???

Italiani, svegliamoci. Votare VAFFANCULO (con pennarello nero indelebile).
Questi sono i due punti fondamentali...
1) esiste un solo motivo valido per continuare a votare?
2) la legge elettorale vigente non permette di indicare la preferenza...
Come spesso ho fatto presente in vari post sono sempre stato uno di quelli che hanno optato per il "meno peggio"... ma da quando hanno tolto il diritto costituzionale di nominare DIRETTAMENTE il proprio rappresentante non mi viene nemmeno data la possibilità di fare la scelta del "meno peggio"...
Quindi la mia protesta è ben oltre "il motivo valido per votare" ma dovrà essere un rimprovero (eclatante!) a questa casta per avermi privato dei miei diritti COSTITUZIONALI... e quindi rifiuto il voto. Sarei orientato per la restituzione della tessera elettorale nelle mani di colui che dovrebbe fare da garante (sic!) per il rispetto della Costituzione... ma sto ancora studiando come.

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
DrHouse
Inviato: 22/1/2008 20:57  Aggiornato: 22/1/2008 20:57
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/11/2007
Da:
Inviati: 2394
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Citazione:
Da tempo ormai ho rinunciato a convincere gli altri che l’unica alternativa possibile – al di là del rifiuto qualunquistico di stare a casa - è quella di “votare nessuno” (votare cioè scheda bianca, però annullandola). Ho scritto articoli chilometrici, descrivendo la legittimizzazione che noi stessi perpetriamo votando, mentre argomentavo dettagliatamente come l’unico meccanismo che tiene ancora in pedi il sistema è quello che fa dire agli individui “tanto non votare non serve a niente”, da persone che evidentemente l’articolo lo avevano letto male, oppure che avevano già deciso in partenza di non cambiare idea su certe cose. (I famosi preconcetti su cui si basa il sistema).?

So di andare un po' controcorrente e già mi preparo alle inevitabili conseguenze di questo mio intervento, ma voglio comunque dirlo apertamente: non votare non serve a niente. Io la penso così e non mi vergogno affatto. Scusami Massimo, ma stavolta sono in totale disaccordo con te. Ti dico subito che, se davvero ci saranno elezioni anticipate, questa volta anch'io sono veramente orientato a non votare. Per il semplice fatto che non saprei proprio per chi votare. Semplicemente perché non riesco più a intravedere neppure "un meno peggio". Ma sono anche convinto che, appunto, non servirà assolutamente a niente. Neppure se la stessa scelta venisse seguita da diversi milioni di persone. Il sistema si regge benissimo anche con alte percentuali di astensionismo o di impopolarità. Immaginare che la casta arrossisca di vergogna di fronte a un'affluenza bassissima o a un'altissima percentuale di bianche o nulle è una puerile illusione. Chi gestisce il potere lo molla solo quando è costretto a farlo e non è certo non votando che questa condizione si verifica. E se, per qualche motivo, dovesse venire a mancare il quorum, basta cambiare la legge per abbassarlo ed ecco fatto: tutto legittimo, tutto costituzionale. Del resto, in moltissime democrazie, a cominciare dagli USA, solo una percentuale bassa della popolazione si reca tradizionalmente alle urne e non per questo qualcuno si sogna di considerare i loro governi illegittimi. No, il non voto non cambia proprio niente. È una forma di protesta, legittima e comprensibile quanto si vuole, talvolta forse anche inevitabile, ma che serve solo a lavarsi le mani e la coscienza per poi poter dire a chi ha votato: "Hai visto? Te lo avevo detto che sono tutti uguali! Visto che sono più intelligente di te e lo avevo capito prima?". Splendido. E così tutti i problemi sono risolti di colpo, magicamente. E così la casta si dissolve perché, come dici tu, non si sente più legittimata. Non scherziamo. Il meglio che si possa dire del non voto è che vale quanto il voto: ossia un bel niente.
Citazione:
Ora quindi capovolgo il teorema, e chiedo semplicemente: esiste un solo motivo valido per continuare a votare?

La domanda è sbagliata. Dovresti piuttosto chiederti: che cosa possiamo fare per cambiare veramente la situazione? Qual è il cammino che dobbiamo intreprendere affinché i cittadini diventino finalmente i protagonisti della politica e la democrazia sia finalmente un valore reale e non solo fittizio? Le soluzioni possono essere tante: creare nuovi partiti, creare nuovi movimenti di base, creare associazioni di cittadini, elaborare proposte, unirsi attorno a obiettivi comuni, ricominciare a discutere insomma. Anche creare un blog come questo è una soluzione, certo, ma bisogna andare oltre. Dividersi, anche litigare quando è necessario, ma comunque discutere. Il V-day non è la soluzione. Non basta dire semplicemente no, non basta inveire contro i politici. La rottura, al massimo, può essere l'inizio di una nuova fase. Ma poi ci vuole la proposta e l'aggregazione. La soluzione è fare politica costruttivamente, lavorare attorno a idee, convincere gli altri. I volti nuovi verranno, non preoccupatevi. Ma senza idee nuove, senza un largo consenso di base, senza la volontà e la consapevolezza della maggioranza, tutto ciò è impensabile. Quando la maggioranza dei cittadini sa quello che vuole ed è disposta a lottare per ottenerlo, non c'è casta, né classe politica che resista a lungo. La storia ci insegna che neppure le dittature resistono. È questa l'unica condizione che obbliga la casta a scendere di sella. Purtroppo, come dicevo ieri, il cammino per arrivare a questa consapevolezza generalizzata è lungo e richiede una gestazione di decenni. E, purtroppo, siamo ancora molto indietro. Ma non esistono altre strade. Non serve cambiare la legge elettorale. Non serve astenersi. Serve partecipazione, serve discussione, serve capacità di aggregazione e, ovviamente, anche capacità di lottare per arrivare ai propri obiettivi.

Ripeto: mi riservo anch'io di non votare per assoluta mancanza di alternative. Ma non ne vado affatto orgoglioso, né tanto meno mi faccio illusioni che ciò possa servire a qualcosa. Le cose inizieranno a cambiare quando la gente si unirà non solo per dire no, come accade per ora ai comizi di Grillo, ma anche per dire sì a nuove proposte. Come diceva Gaber, libertà è partecipazione. Non certo astensione.

E dopo 10 anni, siamo a discutere se il Volo 77 è arrivato proprio lungo questa linea, o piuttosto è arrivato due metri più a sinistra, o due metri più a destra? (Perle complottiste)
Redazione
Inviato: 22/1/2008 21:23  Aggiornato: 22/1/2008 21:23
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Scusami, DrHouse, ma permetti che almeno le mie domande le faccia io?

Obrigado.

clausneghe
Inviato: 22/1/2008 21:26  Aggiornato: 22/1/2008 21:26
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: Arriva il governo destrasinistra
<<esiste un solo motivo valido per continuare a votare?>>

No. Se però qualcuno proponesse che sò, un referendum popolare

tipo:

A) Volete voi che "la Casta" al potere e che ci ha governato per 60 anni continui a farlo ?

B) Volete voi che "la Casta" al potere e che ci ha governato per 60 anni
sia giustiziata?

La partecipazione al voto sarebbe, sorprendentemente, alta e motivata

carloooooo
Inviato: 22/1/2008 21:27  Aggiornato: 22/1/2008 21:27
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/7/2006
Da: marca gioiosa et amorosa
Inviati: 1386
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Riporto dal Gongoro la pragmatica (e da me condivisa in ogni parola) opinione di un anarchico moderno riguardo al voto.

Carlo

_____

La posizione classica dell'anarchico è che nessuno dovrebbe votare, perché se votate state partecipando ad un'apparato di stato. O che se votate dovreste scrivere il vostro nome, e non penso che ci sia qualche cosa di male in questa tattica se ci fosse realmente un movimento nazionale – se cinque milione di persone, diciamo, si impegnassero a non votare. Penso che sarebbe molto utile. D'altra parte, non penso che votare sia un problema reale. Non penso che sia immorale votare, contrariamente agli anti-voto.

Lysander Spooner, il santo patrono dell'anarchismo e dell'individualismo, ha fatto un attacco molto efficace a questa idea. Il fatto è che se realmente credete che votandoli stiate dando la vostra approvazione allo stato, allora, vedete, state realmente adottando la posizione del teorico democratico. Adottereste la posizione del nemico democratico, per modo di dire, che dice che lo stato è davvero volontario perché le masse lo sostenengono partecipando alle elezioni. In altre parole siete in realtà l'altra faccia della medaglia del sostenere la politica della democrazia: che il pubblico è realmente alle spalle dello stato e che tutto è volontario. E così gli anti-voto stanno in realtà dicendo la stessa cosa.

Non penso che questo sia vero, perché come Spooner ha detto, la gente è stata messa in una posizione coercitiva. Sono circondati da un sistema coercitivo; sono circondati dallo stato. Lo stato, tuttavia, gli concede una scelta limitata – non c'è dubbio sul fatto che la scelta è limitata. Poiché siete in questa situazione coercitiva, non c'è ragione per la quale non dovreste provare ad usarla se pensate che possa fare una differenza per la vostra libertà o proprietà. Così votando non potete dire che questa è una scelta morale, una scelta completamente volontaria da parte del pubblico. Non è una situazione completamente volontaria. È una situazione dove siete circondati dall'intero stato che non potete votare via dall'esistenza. Per esempio, non possiamo votare l'eliminazione della presidenza – purtroppo, sarebbe una gran cosa se potessimo, ma poiché non possiamo perchè non usare il voto se c'è una differenza qualsiasi fra due persone. Ed è quasi inevitabile che ci sia una differenza, incidentalmente, perché appena prasseologicamente o nel senso della legge naturale, in ogni due persone o in ogni due gruppi di persone c'è almeno un po' di differenza. Quindi, in tal caso perchè non usarlo. Non penso che sia immorale partecipare alle elezioni a condizione che lo facciate con gli occhi aperti – a condizione che non pensate che Nixon o Muskie siano il più grande libertario da Richard Cobden! – che, naturalmente, comunichiate con voi stessi prima di uscire e votare.

La seconda parte della mia risposta è che non penso che votare sia realmente la questione. Davvero non mi preoccupo se la gente vota oppure no. Per me la cosa importante è chi sostenete. Chi sperate che vinca le elezioni? Potete essere un non-elettore e dire “non voglio approvare lo stato” e non votare, ma la notte delle elezioni chi sperate che il resto degli elettori, il resto dei fessi là fuori votino, chi sperate che eleggeranno. Ed è importante, perché penso che ci sia una differenza. La presidenza, purtroppo, è di importanza estrema. Farà funzionare e dirigerà grandemente le nostre vite per quattro anni. Così, non vedo ragione per la quale non dovremmo appoggiare, o sostenere, o attaccare un candidato più dell'altro candidato. Davvero, non sono affatto d'accordo con la posizione del non voto in quel senso, perché il non-elettore non sta solo dicendo che non dovremmo votare: sta anche dicendo che non dovremmo appoggiare nessuno. La notte delle elezioni Robert LeFevre, uno dei portavoci dell'approccio non-voto, avrà nelle profondità nel suo cuore un qualunque genere di preferenza mentre i voti vengono contati. Avrà un po' di piacere o gemerà di più mentre qualcuno vince? Non vedo come qualcuno potrebbe riuscire a non avere una preferenza, perché interesserà tutti noi.


Murray N. Rothbard

florizel
Inviato: 22/1/2008 22:08  Aggiornato: 22/1/2008 22:09
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Carlo, il ragionamento di Rothbard fa acqua da tutte le parti.

Innanzitutto, quella del non-voto non è una questione di immoralità, è sbagliato analizzarla da questo punto di vista; è una questione LOGICA.

Prendendo ad esempio questa legislatura, è stato assodato che la possibilità di scelta tra diverse opzioni equivale praticamente a zero, poichè esse NON DIFFERISCONO, nei fatti, tra loro, in termini di scelte amministrative, politiche, economiche, ecc. Quindi, col voto, non si legittima una SCELTA piuttosto che un'altra. Quello che dovrebbe essere uno STRUMENTO, il voto, diventa la legittimazione stessa dell'atto di votare, quindi la legittimazione del meccanismo elettorale.

Tra l'altro, la teoria di Spooner appare come una trappola diabolica:

Il fatto è che se realmente credete che votandoli stiate dando la vostra approvazione allo stato, allora, vedete, state realmente adottando la posizione del teorico democratico.

Quindi, per non adottare la posizione del teorico democratico, e sfuggire alla stessa logica statalista che individua nell'elettorato l'elemento determinante al suo sostegno, gli individui dovrebbero lasciarsi la "libertà" di ipotizzare anche di andare al voto.

Il che, meccanicamente, produce l'inevitabile sostegno allo stato.

Fatemi capire.

Secondo Rothbard, poichè saremmo circondati dallo stato, provare ad usare i suoi mezzi, NONOSTANTE SIA UNA SCELTA OBBLIGATA, potrebbe portare ad un qualche risultato. Meglio ancora se questo avviene sulla base di una "differenza qualsiasi fra due persone", o due entità politiche.
Ma allora sta parlando del MENO PEGGIO!

Fatemi capire.

Riporto un altro stralcio dell'articolo dal Gongoro, e mi risparmio il resto:

"Penso che se ci fosse un partito libertario – e non desidero farla apparire come una cosa realistica allo stato attuale – se mai ci fosse un partito libertario forte potrebbe fare parecchie cose. Tatticamente, potremmo avere un equilibrio di forze. Meglio ancora come arma educativa."

Senza offesa, ma questo si chiama DELIRIO.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
LoneWolf58
Inviato: 22/1/2008 22:17  Aggiornato: 22/1/2008 22:28
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Perchè limitarsi alle due sole ipotesi?
Voto e Non Voto...
Se si vota si mantiene lo status quo... (per voto intendo anche la scheda bianca o annullata)...
Se non si vota si aumenta l'astensionismo... ma come verrà interpretato?!
È vero che non votare non cambia nulla, teoricamente è sufficiente 1 voto per avvalorare le elezioni (nelle politiche non c'è il quorum) e allora?
che famo?...
Delegittimiamoli nell'unico modo che abbiamo... rinunciando al voto.

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
Al2012
Inviato: 22/1/2008 22:33  Aggiornato: 22/1/2008 22:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Scusate la mia ignoranza, ma che differenza c’è tra scheda bianca, scheda nulla e non voto, dal punto di vista istituzionale ?

Ovviamente so la differenza tra scheda bianca (da evitare perché qualcuno la può trasformare in voto) e scheda nulla.


“Capire … significa trasformare quello che è"
carloooooo
Inviato: 22/1/2008 22:36  Aggiornato: 22/1/2008 22:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/7/2006
Da: marca gioiosa et amorosa
Inviati: 1386
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Ciao Flo,

(ma guarda te se mi tocca pure difendere Rothbard! )

certo che Rothbard sta parlando del "meno peggio", e lo dice apertamente poco prima o poco dopo il passo che ho citato, non ricordo. Se vuoi lo possiamo chiamare "pragmatismo", ma quello è il discorso.

Nel momento in cui si rifiuta il "meno peggio" unicamente per una questione di principio ("io non voto perché così facendo legittimerei lo Stato, e ciò è contrario ai miei principi"), dovremmo chiederci quanto questo possa essere realmente utile a cambiare le cose.

Non sto dicendo che dobbiamo andare a votare sempre e comunque (anche perché in questo momento non saprei dove cercare il "meno peggio"), e penso che nemmeno Rothbard lo intendesse.

Ritengo però che - pragmaticamente - nel momento in cui ci si trovi davanti ad un soggetto convincente, o, all'opposto, si corra il pericolo che vada al governo una persona realmente pericolosa, forse potrebbe anche essere il caso di mettere da parte i nostri principi e entrare nell'urna con la molletta sul naso.

Infine, dare tutta questa importanza, in senso negativo intendo, al voto significa secondo me reggere il gioco di chi vuole invece fare di esso un feticcio, ossia mira a farci credere che sia l'unico strumento di partecipazione politica che abbiamo a disposizione. Noi sappiamo che non è vero, e per questo la nostra coscienza ci perdonerà.

Ripeto, ora come ora non voterei, ma votare licet, basta tenere come massima una frase di Travaglio riferita al governo Prodi, ma che può andare bene sempre: 'Li abbiamo votati, ma ce la pagheranno.'

Pragmatica-mente,

Carlo

Marco M
Inviato: 22/1/2008 22:41  Aggiornato: 22/1/2008 22:41
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/8/2006
Da:
Inviati: 826
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Ormai, andare a votare può a mio parere configurarsi a tutti gli effetti come reato di favoreggiamento. Senza escludere l'aggravante mafiosa.

rekit
Inviato: 22/1/2008 23:01  Aggiornato: 22/1/2008 23:03
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 1151
 Re: Arriva il governo destrasinistra
in caso di elezioni anticipate, giuro che rientrero' in Italia appositamente per entrare nella cabina elettorale, impugnare quella orrenda matita del cazzo e la scheda, e scriverci sopra: "ANDATE AFFANCULO".

Servira'?Non servira'?utile?inutile?.....
non lo so! so solo che mi sentiro' contento......
o forse solo "non triste".....

e poi il voto non e' l'espressione delle proprie preferenze?
ecco, appunto!
io "preferisco" vederli li, che a Roma

{UrbanJungle_MODE off}

marcocedol
Inviato: 22/1/2008 23:02  Aggiornato: 22/1/2008 23:02
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Credo sarebbe bene che ciascuno di noi tenesse bene a mente il fatto che votando delega una persona ad agire in sua rappresentanza. Ha forse un senso delegare il meno peggio ad agire in nostra vece?

Con questa così come con le altre leggi elettorali i cittadini non hanno mai scelto da chi farsi rappresentare. Anche quando era possibile esprimere le preferenze, i candidati venivano unicamente scelti dai partiti e non dai cittadini che al massimo potevano scegliere il meno peggio fra la ristretta rosa dei rubagalline oggetto degli inciuci di palazzo.

Paxtibi
Inviato: 22/1/2008 23:05  Aggiornato: 22/1/2008 23:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Io sono pronto a votare un governo tecnico Cedolin/Bollettin!

Per il risanamento dei conti pubblici!

carloooooo
Inviato: 22/1/2008 23:07  Aggiornato: 22/1/2008 23:08
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/7/2006
Da: marca gioiosa et amorosa
Inviati: 1386
 Re: Arriva il governo destrasinistra
...e Linucs alla Solidarietà sociale!

vincenzo
Inviato: 22/1/2008 23:12  Aggiornato: 22/1/2008 23:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/6/2004
Da: u-oy-topos middle Oceania
Inviati: 1304
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Citazione:
io non voto perché così facendo legittimerei lo Stato


Ed io che avevo pensato al non voto come una scelta nel non farsi rappresentare. Lo stato, che c'azzecca? Che cosa è? Dio? Ma perché non scompare per un pò vediamo se funziona meglio?

Forse senza "sto coso" non avremmo tonnellate di munnezza in strada. Bè, sarebbe difficile fare peggio. Senza costrizioni la gente avrebbe smaltito i rifiuti in un modo diverso.

Citazione:
"Penso che se ci fosse un partito libertario – e non desidero farla apparire come una cosa realistica allo stato attuale – se mai ci fosse un partito libertario forte potrebbe fare parecchie cose. Tatticamente, potremmo avere un equilibrio di forze. Meglio ancora come arma educativa."


Perché, si sa, i libertari hanno una marcia in più.

Citazione:
Infine, dare tutta questa importanza, in senso negativo intendo, al voto significa secondo me reggere il gioco di chi vuole invece fare di esso un feticcio, ossia mira a farci credere che sia l'unico strumento di partecipazione politica che abbiamo a disposizione.


E chi è ateo afferma la sua esistenza. Fuffa gnè gnè! Perché dargli tutta questa importanza, anche in questo caso è una questione di libertà, chi vuol votare lo faccia, chi no stia tranquillamente a casa. Se poi si tira troppo la corda e la gente scende in strada a mangiarli vivi, non bisogna lamentarsi.

---

Citazione:
Io sono pronto a votare un governo tecnico Cedolin/Bollettin!


Solo se te fai il ministro degli esteri

1 - Non fanno caso, costoro, che quando in Internet compare qualcosa di veramente scottante, scompare nell’arco di pochi minuti? Se invece qualcosa ci rimane per sempre – e pure in bella vista - vuole dire che lì da nascondere c’è ben poco.
Pausania
Inviato: 22/1/2008 23:15  Aggiornato: 22/1/2008 23:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: Arriva il governo destrasinistra
DrHouse Citazione:
non votare non serve a niente.

Vedi, DrHouse, sei tu che dovresti cambiare il tuo punto di vista. Primariamente devi considerare la differenza tra "sufficiente" e "necessario". Cioè, per ottenere una qualsiasi cosa, bisogna avere sia delle considizioni necessarie, sia quelle sufficienti. Che non sono le stesse.

Esempio: per combattere la mafia non è sufficiente non essere mafiosi, giusto? Anzi, non essere mafioso potrebbe anche essere considerato una considizione normale dell'esistenza, giusto? Giusto, perché allora l'avremmo già sconfitta da tempo. Però in base a questo non puoi dire che "non essere mafioso non serve a niente". Anzi! E' la conditio sine qua non, l'elemento fondamentale per combattere la mafia, così scontato che non lo si nomina nemmeno.

Ugualmente per il non voto. Nessuno pensa – credo – che il non votare porti di per sé a qualche cambiamento. Non è condizione sufficiente per cambiare, ma è una delle condizioni necessarie per farlo. Non avallare un sistema, anche se magari dal solo punto di vista morale (come se poi agire secondo morale fosse una cosa da sciocchi...) è necessario come punto di partenza.

Non si cambierà mai niente, finché si da credito ad un meccanismo propagandistico fondamentale.


Rothbard Citazione:
Davvero non mi preoccupo se la gente vota oppure no. Per me la cosa importante è chi sostenete.

Dov'è che l'ho già sentita questa? Vaghi ricordi...


Florizel Citazione:
Quindi, per non adottare la posizione del teorico democratico, e sfuggire alla stessa logica statalista che individua nell'elettorato l'elemento determinante al suo sostegno, gli individui dovrebbero lasciarsi la "libertà" di ipotizzare anche di andare al voto.

Certo, è come quando i sinistri, per non fare andare i Berlusconi, vanno loro al governo: se non votate per me, torna Berlusconi che fa le guerre cattive e le leggi ad personam. Paura!


Al2012 Citazione:
Scusate la mia ignoranza, ma che differenza c’è tra scheda bianca, scheda nulla e non voto, dal punto di vista istituzionale ?

Non votare non influisce nel risultato finale delle elezioni, che si base sulle percentuali dei votanti.
Scheda nulla/voto nullo vengono scartati e non appartengono a nessuno.
La scheda bianca invece ha un suo percorso particolare, che non è quello di non dare il voto a nessuno, ma – secondo dei calcoli a me ignoti – di andare a sommarsi ai voti di maggioranza ottenuta al voto (mi pare, non ne sono più così sicuro).


Citazione:
una frase di Travaglio riferita al governo Prodi, ma che può andare bene sempre: 'Li abbiamo votati, ma ce la pagheranno.'

Oh, come no?

carloooooo
Inviato: 22/1/2008 23:26  Aggiornato: 22/1/2008 23:26
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/7/2006
Da: marca gioiosa et amorosa
Inviati: 1386
 Re: Arriva il governo destrasinistra
@ Pausania

Citazione:
Oh, come no?


Beh, non sto dicendo che Travaglio abbia fatto seguire i fatti a quella sua affermazione. Mi piaceva la frase di per sé.

@ Vincenzo

Citazione:
Ed io che avevo pensato al non voto come una scelta nel non farsi rappresentare. Lo stato, che c'azzecca?


Mi sembrava che tanti qui non andassero a votare proprio per non legittimare lo Stato. Avrò capito male.

Citazione:
E chi è ateo afferma la sua esistenza.


Uh?

Citazione:
Fuffa gnè gnè!


Interessante!

Citazione:
Perché dargli tutta questa importanza, anche in questo caso è una questione di libertà, chi vuol votare lo faccia, chi no stia tranquillamente a casa.


Chi ha mai detto il contrario?

Carlo

shevek
Inviato: 22/1/2008 23:35  Aggiornato: 22/1/2008 23:35
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/4/2005
Da: Napoli
Inviati: 1249
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Salut y Libertad a todos...


Se Murray N. Rothbard può essere considerato da qualcuno un anarchico - sia pure "moderno" - è uno dei tanti segnali della riuscita delle azioni psyop, volte, tra l'altro, a far sì che le parole perdano ogni senso. Non a caso, qui può essere invocato a favore dell'integrazione ad oltranza nel gioco democratico ed a favore della costituzione dell'ennesimo partito.


Shevek

"Il potere è l'immondizia nella storia degli umani" - F. Guccini
www.portadimassa.net - WEB-TV e non solo di Filosofia
vincenzo
Inviato: 22/1/2008 23:35  Aggiornato: 22/1/2008 23:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/6/2004
Da: u-oy-topos middle Oceania
Inviati: 1304
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Citazione:
Uh?


Non mi sono spiegato. Qualcuno dice che l'ateismo sia l'altra faccia del teismo. Non si puà essere atei senza necessariamente essere credenti.

Citazione:
Interessante!


Anche l'astensione gioca a favore del "potere-sistema-cospirazione-stato-quellochevuoi" ? Domanda a risposta secca.

Citazione:
Chi ha mai detto il contrario?


Non lo so.

1 - Non fanno caso, costoro, che quando in Internet compare qualcosa di veramente scottante, scompare nell’arco di pochi minuti? Se invece qualcosa ci rimane per sempre – e pure in bella vista - vuole dire che lì da nascondere c’è ben poco.
fiammifero
Inviato: 22/1/2008 23:36  Aggiornato: 22/1/2008 23:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/2/2005
Da: ROMA
Inviati: 5691
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Secondo il mio punto di vista,ormai per dare un segnale forte c'è solo di restituire la scheda elettorale a Napolitano e lì non c'è niente da interpretare come per l'astenzione fisiologica e quella di protesta

Citazione:
le cose di cui ci sentiamo assolutamente certi non sono mai vere (Oscar Wilde)
vincenzo
Inviato: 22/1/2008 23:40  Aggiornato: 22/1/2008 23:40
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/6/2004
Da: u-oy-topos middle Oceania
Inviati: 1304
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Salute e libertà

Citazione:
è uno dei tanti segnali della riuscita delle azioni psyop


E' l'astensione un'azione psyop? Se nessuno vota non c'è il rischio che ci arriva l'esercito addosso, oppure qualche marcia su roma!? Lo so, già c'è, però pensavo ad una repressione in stile sudamericano. In una situazione difficile potrebbe essere la via più facile per l'amico Fritz risolvere tutto facilmente.

1 - Non fanno caso, costoro, che quando in Internet compare qualcosa di veramente scottante, scompare nell’arco di pochi minuti? Se invece qualcosa ci rimane per sempre – e pure in bella vista - vuole dire che lì da nascondere c’è ben poco.
Al2012
Inviato: 22/1/2008 23:46  Aggiornato: 22/1/2008 23:46
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2158
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Grazie Pausania

Per la risposta



“Capire … significa trasformare quello che è"
flombs
Inviato: 22/1/2008 23:49  Aggiornato: 22/1/2008 23:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/9/2006
Da: Nibiru
Inviati: 49
 Re: Arriva il governo destrasinistra
A quanto mi risulta, le schede bianche vengono attribuite ai partiti con gli scrutatori più veloci

Per quanto riguarda l'ottimo Murray, ho imparato a diffidare di chiunque abbia il cognome che inizi con "Roth".

Ultima parentesi sulla riconsegna delle tessere elettorali da qualcuno suggerita: se da un lato potrebbe risultare un gesto simbolico di portata non indifferente, su un piano molto più pragmatico e complottistico mi parrebbe equivalente a scrivere una bella raccomandata che recitasse "Salve, sono un potenziale anarco-insurrezionalista che ha capito tutto dei vostri giochetti e ha deciso di farvela pagare in qualche modo. Peraltro, data la mia proverbiale scaltrezza, ho pensato di fornirvi un po' di vantaggio autosegnalandomi alle autorità con questo gesto altamente emblematico. Distinti saluti, Nome e Cognome"
Il che, unito alla recente proroga della data-retention, non mi parrebbe una mossa furbissima. Anzi, da bravo complottista, prevedo una bella retata degli utenti di LC entro un paio di anni, e chi s'è visto s'è visto.
D'altronde i contributi statali per l'ADSL li avranno erogati per un motivo, no?

Disapprovo quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a startene zitto.
florizel
Inviato: 23/1/2008 0:05  Aggiornato: 23/1/2008 0:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Arriva il governo destrasinistra
carlooooooCitazione:
Nel momento in cui si rifiuta il "meno peggio" unicamente per una questione di principio ("io non voto perché così facendo legittimerei lo Stato, e ciò è contrario ai miei principi")


Solo un piccolo appunto: rifiutare il meno peggio per principio è DIVERSO dal rifiutare il VOTO per principio.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
vincenzo
Inviato: 23/1/2008 0:20  Aggiornato: 23/1/2008 0:22
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/6/2004
Da: u-oy-topos middle Oceania
Inviati: 1304
 Re: Arriva il governo destrasinistra

1 - Non fanno caso, costoro, che quando in Internet compare qualcosa di veramente scottante, scompare nell’arco di pochi minuti? Se invece qualcosa ci rimane per sempre – e pure in bella vista - vuole dire che lì da nascondere c’è ben poco.
LoneWolf58
Inviato: 23/1/2008 0:34  Aggiornato: 23/1/2008 0:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Citazione:
Autore: flombs Inviato: 22/1/2008 23:49:17
A quanto mi risulta, le schede bianche vengono attribuite ai partiti con gli scrutatori più veloci
Per quanto riguarda l'ottimo Murray, ho imparato a diffidare di chiunque abbia il cognome che inizi con "Roth".
Ultima parentesi sulla riconsegna delle tessere elettorali da qualcuno suggerita: se da un lato potrebbe risultare un gesto simbolico di portata non indifferente, su un piano molto più pragmatico e complottistico mi parrebbe equivalente a scrivere una bella raccomandata che recitasse "Salve, sono un potenziale anarco-insurrezionalista che ha capito tutto dei vostri giochetti e ha deciso di farvela pagare in qualche modo. Peraltro, data la mia proverbiale scaltrezza, ho pensato di fornirvi un po' di vantaggio autosegnalandomi alle autorità con questo gesto altamente emblematico. Distinti saluti, Nome e Cognome"
Il che, unito alla recente proroga della data-retention, non mi parrebbe una mossa furbissima. Anzi, da bravo complottista, prevedo una bella retata degli utenti di LC entro un paio di anni, e chi s'è visto s'è visto.
D'altronde i contributi statali per l'ADSL li avranno erogati per un motivo, no?


Che senso ha lamentarsi se non si ha il coraggio di protestare?!
Io la mia scelta l'ho fatta... e credo che sia l'unica che possa dare un segnale di protesta fortemente recepibile e non strumentalizzabile dagli schieramenti...
Dopo avremo sempre un governo... ma voglio vedere come giustificheranno le tessere restituite...
Naturalmente chi vorrà potrà continuare a scrivere i soliti vaffa... anonimi sulle schede ma non credo che siano mai serviti a qualcosa...

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
flombs
Inviato: 23/1/2008 0:56  Aggiornato: 23/1/2008 1:15
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/9/2006
Da: Nibiru
Inviati: 49
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Ciao Wolf (per caso risolvi problemi?),
come ho scritto, non credo affatto che la restituzione da te prospettata sia un atto senza senso, anzi. In caso di una restituzione di massa, la vicenda potrebbe addirittura raggiungere l'onore delle cronache, salvo poi essere inserita nel neoclassico calderone dell'antipolitica.
Personalmente, se ritengo che un'azione sia giusta la compio anche se "non serve a niente" e sono sicuro che farai lo stesso. Solo, mi sembrava opportuno riflettere sui possibili esiti a livello personale, vista la piega da stato di polizia che si sta prendendo. Non credo si tratti di mancanza di coraggio o di fiducia nelle proprie idee, ma di una ponderazione pragmatica delle alternative a disposizione.

Disapprovo quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a startene zitto.
DrHouse
Inviato: 23/1/2008 7:04  Aggiornato: 23/1/2008 7:04
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/11/2007
Da:
Inviati: 2394
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Citazione:
Che senso ha lamentarsi se non si ha il coraggio di protestare?!


È proprio questo il punto. Che senso ha non votare se poi non protestiamo in piazza quando ci sarebbe da protestare? Che senso ha astenersi, votare nullo o bianco, se poi non ci impegniamo per creare qualcosa di diverso, di nuovo e veramente alternativo in cui valga la pena credere e, magari, anche votare? Qual è l'obiettivo? Qual è il fine ultimo del non voto? Semplicemente sentirci diversi dalla massa? Consolarci con l'idea che affondiamo insieme agli altri, ma almeno eravamo i più intelligenti a bordo del Titanic? È davvero questo tutto ciò che ci rimane? Una protesta morale, puramente formale e fine a se stessa?

Davvero abbiamo rinunciato per sempre a cambiare la realtà o, quanto meno, quel poco che si può cambiare e migliorare? Vorrei capire.

E dopo 10 anni, siamo a discutere se il Volo 77 è arrivato proprio lungo questa linea, o piuttosto è arrivato due metri più a sinistra, o due metri più a destra? (Perle complottiste)
LoneWolf58
Inviato: 23/1/2008 8:18  Aggiornato: 23/1/2008 8:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Citazione:
Autore: DrHouse Inviato: 23/1/2008 7:04:50
...
Che senso ha non votare se poi non protestiamo in piazza quando ci sarebbe da protestare? Che senso ha astenersi, votare nullo o bianco, se poi non ci impegniamo per creare qualcosa di diverso, di nuovo e veramente alternativo in cui valga la pena credere e, magari, anche votare? Qual è l'obiettivo? Qual è il fine ultimo del non voto? Semplicemente sentirci diversi dalla massa? Consolarci con l'idea che affondiamo insieme agli altri, ma almeno eravamo i più intelligenti a bordo del Titanic? È davvero questo tutto ciò che ci rimane? Una protesta morale, puramente formale e fine a se stessa?
...
Anche la protesta di piazza ormai è un'arma spuntata.
Facilmente strumentalizzabile dall'uno o dall'altro schieramento... o se nell'ipotesi fosse organizzata da un terzo (chessò, un comico magari) criminalizzabile...
Come fai a costruire qualcosa se ti tolgono anche la parvenza di scelta che si aveva?
Non credo sia mai stato fatto uno "sciopero degli elettori"

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
trotzkij
Inviato: 23/1/2008 13:01  Aggiornato: 23/1/2008 13:13
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/9/2006
Da:
Inviati: 3704
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Leggo in alcuni commenti (trotzkij, dr_julius, Fabrysound) che "i comunisti" non ci sono o sarebbe difficile trovarli o, se trovati, sarebbero finti. Per chi non lo sapesse ora esiste il Pcl (Partito Comunista dei Lavoratori), che ha avuto il suo congresso costituitivo a Rimini dal 4 al 6 gennaio scorsi, nella pressochè totale indifferenza dei mezzi di comunicazione.

Siudal, commovente ed esilarante. Ho conosciuto personalmente la trimurti di progetto comunista: Ferrando, Grisolia e Ricci. Ho rispetto soprattutto per i primi due. Sono persone, al contrario di bertynot, istruite, teoricamente salde e che sanno analizzare la realtà; conoscono la storia del movimento operaio e la teoria marxista la masticano. (Tranne nel caso della guerra d'aggressione alla Jugoslavia, dove hanno 'toppato alla grande'; le loro posizioni mi hanno fatto rompere con Progetto Comunista).
Ma, c'è un ma. Sono affetti dalle vecchie tare della sinistra 68/77: il settarismo congenito e ottuso. Appena entra qualcuno estraneo o nuovo alle esperienze di partito/politiche, è già visto con sospetto. Peggio, poi, se ragioni con la testa tua. Ne sanno qualcosa quei delegati, che un anno e mezzo fa, alla costituente del Movimento PCL, avevano osato avanzare un documento autonomo, che chiedeva solo di discutere con le altre 'anime' del residuale movimento comunista.
Risultato: la loro epsulsione, e la conseguente eliminazione di un quarto, almeno, degli aderenti.
Ora raccolgono ciò che gli serve, l'ottimo Lucio Manisco, che li fa entrare nel salotto della Rai. Inusitatamente rai 3 riferisce dei loro congressi. Cosa abbastanza strana. Serviranno come sherpa elettorali per la prossima tornata ai voti. In cambio di un paio di collegi elettorali sicuri.
Sorvoliamo e stendiamo un velo pietoso sulle cifre riguardanti gli aderenti al PCL. Semplicemnte fantastiche. Come sempre, quando erano dentro il PRC, sbandieravano cifre a tre zeri. Nei fatti erano e sono poche decine.
A Valverde, paesone vicino Catania, il povero Ferrando è riuscito a mobilitare cinque, diconsi cinque, persone. Certo, anche Lenin e Mao, all'inizio delle loro carriere, convogliavano pochi militanti. Ma Ferrando non è Lenin, e nemmeno Trotzkij; e l'Italia di oggi non è la Russia o la Cina di cento anni fa.
I proclami che riporti servono a reclutare e attrarre voti; Ferrando e il PCL forse ci credono, ma da qui ad attuarli, non c'è un mare, ma l'oceano.

saluti (Comunisti?)
A.Lattanzio

Ps. Dimenticavo, oggi è l'anniversario della fondazione dell'Armata Rossa degli Operai e dei Contadini.


I complotti non esistono, ... tranne quando ci sono
florizel
Inviato: 23/1/2008 16:55  Aggiornato: 23/1/2008 16:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Arriva il governo destrasinistra
DrHouseCitazione:
Qual è il fine ultimo del non voto? Semplicemente sentirci diversi dalla massa?


Sbagli a vederla così. Se non partissi dalla buona fede della tua osservazione, penserei che fai parte del nutrito gruppo di quanti tendono a demonizzare l'astensionismo attribuendogli natura elitaria, facendo (anche involontariamente) il gioco di chi vuole esattamente che le "masse" continuino ad esistere in funzione di un'elite che le "governi".

Così come ne è stato alimentato il mito, e l'utilità del loro bisogno di riscatto, esaltato senza mai porvi rimedio, funzionale solo a garantire sostegno e continuità a chi se ne faceva "rappresentante", con tutto quello che oggi è sotto i nostri occhi.

Citazione:
ma almeno eravamo i più intelligenti a bordo del Titanic?


Se dài un'occhiata ai thread in discussione intorno alle elezioni dell'attuale governo, ti renderai conto che quell'intelligenza aveva tutte le sue ragioni di esprimersi...

Citazione:
Davvero abbiamo rinunciato per sempre a cambiare la realtà


Non credo che la domanda giusta sia questa, ma: davvero si può cambiare la realtà attraverso l'uso dei meccanismi imposti dallo stesso sistema che si vuole combattere?

Io mi sto ancora dando delle risposte, oltre a quelle che già ritengo valide.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
Merimange
Inviato: 23/1/2008 18:16  Aggiornato: 23/1/2008 18:16
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/6/2006
Da: Roma
Inviati: 117
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Il pazzo del villaggio ( Kossiga ) in un’intervista allo “speciale” di La7, poco fa:

Il giornalista: “Lei senatore, cosa voterà?”

E lui: “Voterò la ffidduccia, così faccio un favore a Romano Prodi, che è mio amico e cattolico come me, e faccio anche un favore a Silvio Berlusconi…”

Qualche attimo di gelo, dalla selva di microfoni emerge una voce titubante: “ Come fa un favore anche a Silvio Berlusconi?”

E K.: “Ah, non l’ha capito? Ah, beh….” E se ne va.

Rientro in studio,un giornalista del Messaggero: "Mica ho capito cosa voleva dire Cossiga..."



Il pazzo del villaggio spesso dice la verità, probabilmente il centrodestra sbraita per far contenti gli elettori, ma mi sa che ci aspetta un governo "tecnico"...


LoneWolf58
Inviato: 23/1/2008 18:56  Aggiornato: 23/1/2008 18:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Citazione:
Il pazzo del villaggio spesso dice la verità, probabilmente il centrodestra sbraita per far contenti gli elettori, ma mi sa che ci aspetta un governo "tecnico"...
Credi che berlusconi voglia vincere le elezioni con questa legge elettorale per poi avere gli stessi problemi di prodi?...

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
Merimange
Inviato: 23/1/2008 19:17  Aggiornato: 23/1/2008 19:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/6/2006
Da: Roma
Inviati: 117
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Lonewolf, mi sembra di averlo scritto in maniera chiara:

“il centrodestra sbraita per far contenti gli elettori”

Dunque non credo affatto che Berlusconi voglia le elezioni, ognuno fa le sue mosse per far contenti i propri elettori. Credo, come ho già scritto ed hanno scritto altri, che si approderà ad un governo cosiddetto “tecnico”.

Mi interessava sottolineare che Cossiga, forse perché rimbambito, pazzo o entrambe le cose, ogni tanto se ne esce con delle verità, oggi su questi finti litigi, ieri sull’11/9, ecc. che tutti sanno ma che solo lui fra i “potenti” si azzarda a dire. Occhio, ovviamente reputo il personaggio nel suo complesso disgustoso, ma è divertente vedere un certo suo autocompiacimento mentre fa “outing”e dice cose che per chi frequenta LC sono ovvie, ma nell’ambito dell’informazione unidirezionale “mainstream” sono dirompenti, ed essendo impossibile "debunkarlo" o cavarsela dicendo che è pazzo vista la statura del personaggio, viene ignorato. Tutto qui.


LoneWolf58
Inviato: 23/1/2008 19:27  Aggiornato: 23/1/2008 19:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Citazione:
Lonewolf, mi sembra di averlo scritto in maniera chiara:
Anche a me è parso di esser stato chiaro... a conferma di quanto detto dal "picconatore"... berlusconi non vuole le elezioni con questa legge elettorale...

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
fiammifero
Inviato: 23/1/2008 19:37  Aggiornato: 23/1/2008 19:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/2/2005
Da: ROMA
Inviati: 5691
 Re: Arriva il governo destrasinistra

Citazione:
le cose di cui ci sentiamo assolutamente certi non sono mai vere (Oscar Wilde)
viko
Inviato: 28/1/2008 12:06  Aggiornato: 28/1/2008 12:06
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/10/2007
Da: Bari
Inviati: 37
 Re: Arriva il governo destrasinistra
Personalmente non andro' + a votare, tanto i volti sono sempre gli stessi e di semplici promesse ne ho già sentite troppe (vedi il "contratto con gli italiani" del berlusca tanto per fare un esempio, ma tra sinistra e destra alla fine non cambia poi molto).
Dal dopoguerra ad oggi invece di vivere meglio stiamo vivendo peggio.

Ricordo nei lontani anni 80 che Piero Angela prevedeva un futuro con meno problemi... dove al massimo avremmo lavorato 4 ore (ma vi rendete conto?)... a tutto il resto ci avrebbero pensato i nuovi schiavi: le macchine.
Col senno di poi, la tecnologia c'è ed è avanzatissima, le risorse produttive pure, l'euro è + forte del dollaro... ma come mai io mi ritrovo a lavorare 10 ore al giorno e a dover faticare non poco per tirare avanti? C'è qualcosa di diabolico in cio'.

Sentii dire tempo fa che "anche un operaio puo' salire in parlamento" (credo sia una semplice cazzata ma adoro credere che sia possibile).

A breve avviero' un sito web con le cose che mi piacerebbe cambiare in Italia... vediamo se riesco ad ottenere qualche consenso...

Se siamo in tanti a volere qualcosa, possiamo ottenerla.
Sento il bisogno di agire.


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA