Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


11 settembre : L’Italia non vuole sapere
Inviato da Redazione il 19/12/2007 8:15:23 (9675 letture)

Dai primi indizi sembra di capire che non sarà facile diffondere “Il Nuovo Secolo Americano“ in Italia.

Il primo segnale in questo senso è arrivato lo scorso agosto, quando il film, presentato in forma ancora incompleta alla selezione del Festival di Venezia, è stato respinto con una motivazione, firmata dallo stesso Direttore Marco Mueller, dalla quale si capiva chiaramente che il film non era stato nemmeno visto.

Si è trattato chiaramente di una decisione presa a priori, che era peraltro comprensibile in quel caso: mai come quest’anno il Festival di Venezia si era trasformato in una specie di supermercato al servizio dei film americani, e “Il Nuovo Secolo Americano” non avrebbe certo fatto piacere accanto ai grossi titoli commerciali sostenuti dalle majors a suon di dollari.

Ancora peggio le cose sono andate con il Festival di Torino, in calendario lo scorso novembre, diretto da Nanni Moretti: in questo caso abbiamo ricevuto un lapidario “il film non interessa” quando, per un disguido postale, non eravamo nemmeno riusciti a far arrivare in tempo una copia ...

... per la visione della giuria. In altre parole, hanno visto il modulo di iscrizione, e hanno risposto “il film non interessa”, non sapendo che nel frattempo ci eravamo accorti del disguido, per cui abbiamo la certezza matematica che il film non l’abbiano nemmeno visto. L’Italia sa essere grande, anche nel fare figuracce come questa.

Veniamo ora ai giorni nostri: per giovedì 20 dicembre (domani) l’amico e collaboratore Federico Povoleri (in arte Musicband), insieme al direttore del Cineforum Blob-Giudecca, Giancarlo Ghigi, hanno organizzato una proiezione che ha avuto il sostegno completo e incondizionato della stessa municipalità di Venezia. A questo punto gli organizzatori hanno pensato bene di convocare prima una conferenza stampa (lunedì 17), in modo da dare la possibilità ai giornali locali di parlare del film, prima della presentazione al pubblico. Il sottoscritto era disponibile a rispondere allo loro domande in collegamento via skype. Sono stati mandati oltre cento inviti, anche da parte della stessa municipalità, che si è attivata in maniera particolare per questa proiezione.

Alla conferenza stampa di lunedì 17 non si è presentato un solo giornalista.

L’unico a confortare Povoleri e Ghigi, che hanno passato due ore a guardarsi in faccia esterrefatti, è stato Tom Bosco di Nexus, che era venuto appositamente da Padova, pur conoscendo già il film molto bene. (Speriamo che alla proiezione di domani venga comunque un numero di persone sufficiente, a ripagare almeno lo sforzo organizzativo fatto dai nostri amici).

Questa totale “assenza in correo” può significare soltanto due cose. O a Venezia hanno così tante cose importanti di cui parlare, oltre all’acqua alta e alla laguna bassa, per cui una notizia del genere “non ci stava“ proprio, oppure il film di Mazzucco suona chiaramente scomodo, e l’unico modo per evitare di parlarne e quello di non vederlo del tutto.

Per fortuna nel resto del mondo il film sta seguendo la sua normalissima trafila: ha esordito - con notevole successo, fra l’altro - al festival di San Paolo in Brasile, e nello stesso paese verrà presto programmato in un circuito di 150 sale digitali. E’ già in lizza per un altro paio di Festival internazionali, e negli stessi Stati Uniti qualcuno si è fatto avanti per una eventuale distribuzione cinematografica (sempre in circuito digitale, ovviamente).

Sembra quindi evidente che il fuoco di sbarramento scatenato in Italia dai benpensanti alla Teodori ha avuto gli effetti desiderati.

Starà nuovamente ai singoli individui, iscritti a luogocomune e non, di rimboccarsi le maniche per far circolare in qualche modo questo film anche in Italia, almeno finchè non avremo affrontato lo scoglio di una eventuale distribuzione nella sale. Le proiezioni sono libere, come per Inganno Globale, e il nostro totale supporto è garantito già in partenza.

Massimo Mazzucco

(Il grosso degli ordini DVD è partito lo scorso giovedì 13. I primi sono già arrivati, gli altri dovrebbero arrivare fra oggi e la fine della settimana. Per tutte le questioni riguardanti le spedizioni abbiamo aperto questo forum).

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Lateralus
Inviato: 19/12/2007 8:55  Aggiornato: 19/12/2007 8:55
So tutto
Iscritto: 9/11/2007
Da:
Inviati: 6
 Re: L’Italia non vuole sapere
Non ho ancora avuto tempo di guardarlo tutto ma non ho potuto fare a meno di notare che seppure i contenuti siano estremamente interessanti sia difficile seguire il film in quanto spesso le immagini non hanno alcuna diretta attinenza con ciò che sta dicendo il narratore, spesso mancano i sottotitoli o sono incompleti. In sostanza apprezzo i contenuti, gli obiettivi e il messaggio di denuncia del film ma non come è stato montato. Non sono certo un critico cinematografico ma non ci vuole un genio a notare che se si sta parlando della prima guerra mondiale e scorrono le immagini di Regan si rimane un attimo disorientati.

Willo
Inviato: 19/12/2007 9:17  Aggiornato: 19/12/2007 9:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/5/2007
Da: Olanda
Inviati: 62
 Re: L’Italia non vuole sapere
é un gran peccato! ma questo disinteresse non mi sorprende...
il film é davvero importante, un documento che non puoi non prendere in considerazione.
l'ignoranza é una comoda poltrona...
...davanti a un flat screen da 37 pollici...

epicureo99
Inviato: 19/12/2007 9:18  Aggiornato: 19/12/2007 9:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/1/2005
Da: Bonastre
Inviati: 150
 Re: L’Italia non vuole sapere
Solo cambierei il titolo del post in "In Italia non si vuole che si sappia", per lo meno aspettando di vedere in quanti verranno alla proiezione....

Buona Fortuna!!!!

Cuando la violencia es esclusiva del estado, tod@s somos terroristas
gubbo
Inviato: 19/12/2007 9:19  Aggiornato: 19/12/2007 9:20
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/6/2006
Da: Un mondo ipocrita
Inviati: 634
 Re: L’Italia non vuole sapere
Purtroppo è così in Italia Massimo, è triste
notarlo ogni volta, ma quando si toccano determinati
temi si vuol far finta di non voler capire.
Forse, comunque, può confortare il fatto che questo assenteismo
conferma che i contenuti del fim sono quell giusti.
Perciò "non ti curar di loro ma guarda e passa"!

"Io giudico l'uomo, nella sua coscienza, l'essere vivente più incosciente che popoli questa terra" ; dovrebbe essere mia ma non ne sono sicuro
Redazione
Inviato: 19/12/2007 9:22  Aggiornato: 19/12/2007 9:23
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’Italia non vuole sapere
LATERALUS: Sei sicuro di quello che dici? Non so che copia tu abbia in mano, ma di sicuro c'è qualcosa che non funziona. Nel film che ho fatto io quando si parla di Reagan si vede Reagan, e così per tutto il resto. E i sottotitoli mi sembra proprio che ci siano tutti.

Lateralus
Inviato: 19/12/2007 9:37  Aggiornato: 19/12/2007 9:37
So tutto
Iscritto: 9/11/2007
Da:
Inviati: 6
 Re: L’Italia non vuole sapere
Hai ragione. Ho provato a riguardarlo. Ho io un problema di sincronizzazione video-audio. Scusatemi tutti. Che figura...

Redazione
Inviato: 19/12/2007 9:45  Aggiornato: 19/12/2007 9:45
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’Italia non vuole sapere
No problem, grazie a te.

Massimo

Piuma
Inviato: 19/12/2007 10:03  Aggiornato: 19/12/2007 10:03
So tutto
Iscritto: 11/7/2005
Da: Napoli
Inviati: 9
 Re: L’Italia non vuole sapere
Io ho visto il film, molto bello e denso di argomenti che non coincidono con le "linee" comuni dei giornalisti. Pone interrogativi scomodi quindi è ovvio che non si voglia vedere. Oramai il nostro giornalismo è paragonabile allo struzzo che infila la testa sotto la sabbia.
Che tristezza.

Consiglio a tutti di vedere un altro film in digitale, se già non lo sapete, Zeitgeist. E' possibile vederlo anche con sottotitoli in italiano si http://www.zeitgeistmovie.com/

A tutti Auguri di Buon Natale

emiliano
Inviato: 19/12/2007 10:12  Aggiornato: 19/12/2007 10:12
So tutto
Iscritto: 4/4/2007
Da: Parigi
Inviati: 6
 Re: L’Italia non vuole sapere
Nel mio ateneo (l'Università della Calabria a Cosenza) è nata una radio. Ci sono entrato, e ora ho l'incarico della conduzione di un contenitore settimanale. So già che mi metteranno i bastoni tra le ruote, ma (ma) farò del mio meglio per diffondere la voce.

Saluti

Silver
Inviato: 19/12/2007 10:24  Aggiornato: 19/12/2007 10:24
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/9/2005
Da: Torino
Inviati: 615
 Re: L’Italia non vuole sapere
Sono in trepidante attesa di ricevere il film.

Speriamo i corrieri siano precisi e puntuali...

LoneWolf58
Inviato: 19/12/2007 10:42  Aggiornato: 19/12/2007 10:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: L’Italia non vuole sapere
Citazione:
Alla conferenza stampa di lunedì 17 non si è presentato un solo giornalista.
Ma che cavolo pretendi non si sono filati Beppe che ha portato in piazza 300000 persone....
Mi dispiace solamente che l'ho saputo oggi... vedo di mandare qualcuno io...

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
PikeBishop
Inviato: 19/12/2007 10:51  Aggiornato: 19/12/2007 10:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: L’Italia non vuole sapere
Ogni giorno c'e' qualcuno che mi ricorda la ragione per cui sono emigrato: che paese di cialtroni...

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
mrn
Inviato: 19/12/2007 12:05  Aggiornato: 19/12/2007 12:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/12/2004
Da: Roma
Inviati: 92
 Re: L’Italia non vuole sapere
Citazione:
...diretto da Nanni Moretti: in questo caso abbiamo ricevuto un lapidario “il film non interessa” quando, per un disguido postale, non eravamo nemmeno riusciti a far arrivare in tempo una copia

Il film non l'hanno visto perchè lo conoscevano già;
le informazioni circolano, alla faccia delle presunte "autorità competenti"!


Le notizie sono come i formaggini. Le informazioni no!
cocis
Inviato: 19/12/2007 12:07  Aggiornato: 19/12/2007 12:07
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/1/2006
Da: V
Inviati: 1430
 Re: L’Italia non vuole sapere
curiosità .. quando arrivano i dvd .. sono + di 2 settimane che li ho ordinati ..

Redazione
Inviato: 19/12/2007 12:10  Aggiornato: 19/12/2007 12:10
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’Italia non vuole sapere
COCIS: Hai letto TUTTO l'articolo? Compreso la nota in fondo?

AlexMai
Inviato: 19/12/2007 12:38  Aggiornato: 19/12/2007 12:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 19/9/2005
Da: Roma
Inviati: 74
 Re: L’Italia non vuole sapere
Interessante notizia.
Intendo il fatto che sembra ci sia un "ordine di scuderia".

Sto proponendo a vari agenti ed editori il mio nuovo romanzo: un agente di primissimo piano mi ha scritto nella scheda che ci sono un sacco di pregi ("che non ti sto a elencare", ma a me avrebbe fatto piacere leggerli!) ma alcuni difetti enormi: il peggiore dei quali è la parte finale. Che casualmente riguarda il 9/11. Hanno detto "il finale, invece, dove il grottesco e la parodia la fanno invece da padroni, finisce per apparire troppo sopra le righe".
Quando mi arrivò questa risposta me la presi... ora invece capisco.
Credo che dovrò cambiare il finale

Alessandro
www.alexmai.it
Alby-LatoB
Inviato: 19/12/2007 12:40  Aggiornato: 19/12/2007 12:40
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/5/2006
Da: Marostica
Inviati: 124
 Re: L’Italia non vuole sapere
A me il pacchetto col film è arrivato ancora Venerdì scorso. Il film è davvero interessante, anche mio padre che è di "antiche vedute" l'ha definito un capolavoro.
Mi darò da fare personalmente per proporlo presto per i vari cineforum dell'associazione Salute e Ambiente del circuito Radio Gamma5.
Grazie per questo splendido film a tutti coloro che vi hanno contribuito.

Sono incazzato, ma con garbo
jerimum
Inviato: 19/12/2007 13:13  Aggiornato: 19/12/2007 13:13
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/1/2006
Da: Modena
Inviati: 249
 Re: L’Italia non vuole sapere
Io il DVD me lo tengo per Natale per guardarlo con i miei cari, e dall'anno nuovo lo faro' girare a tutti i colleghi che ho in ufficio, amici etc etc : dal trailer sembra davvero un film forte fatto per svegliare la gente.
Si e' gia provveduto a mandarlo ad alcuni contestatori italiani come Grillo? Ho sentito che prossimamente dedicherà i suoi sforzi ai problemi dell'informazione in Italia: e siccome questo articolo ne e' un ottimo esempio ...

"Accominzamo, con nova promissa, sta gran sulenni pigliata pi fissa!"
La paura di Montalbano, Camilleri
Linucs
Inviato: 19/12/2007 13:54  Aggiornato: 19/12/2007 13:54
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: L’Italia non vuole sapere
Dai primi indizi sembra di capire che non sarà facile diffondere “Il Nuovo Secolo Americano“ in Italia.

Bo-ho-ho, che sorpresa inaudita!

Ma c'è una brillante soluzione: produrre una versione in bianco e nero, spacciarla per Schindler's List ed inviarla a Rete 4.

Se funziona ti spedisco la parcella per la consulenza

Lestaat
Inviato: 19/12/2007 14:44  Aggiornato: 19/12/2007 14:44
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/7/2005
Da: Perugia
Inviati: 1774
 Re: L’Italia non vuole sapere
Citazione:
Autore: Linucs Inviato: 19/12/2007 13:54:35
Ma c'è una brillante soluzione: produrre una versione in bianco e nero, spacciarla per Schindler's List ed inviarla a Rete 4.




LOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOL

Oddio me manca il fiato

In nomine libertatis vincula edificamus.
In nomine veritatis mendacia efferimus.
Rickard
Inviato: 19/12/2007 15:13  Aggiornato: 19/12/2007 15:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: L’Italia non vuole sapere
Citazione:
Bo-ho-ho, che sorpresa inaudita!

Ma c'è una brillante soluzione: produrre una versione in bianco e nero, spacciarla per Schindler's List ed inviarla a Rete 4.



Se Mazzucco facesse davvero così farebbero vedere Il nuovo secolo americano Una volta a settimana su tutta mediaset.

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
nike
Inviato: 19/12/2007 15:35  Aggiornato: 19/12/2007 15:35
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/3/2006
Da:
Inviati: 845
 Re: L’Italia non vuole sapere
Citazione:
Ma c'è una brillante soluzione: produrre una versione in bianco e nero, spacciarla per Schindler's List ed inviarla a Rete 4.


Stai perdendo colpi Linucs!? Mi sarei aspettata : ..”inviarla a Rai 3”

Citazione:
Quelli che creano sono duri di cuore. Nietzsche, Friedrich. Così parlò Zarathustra: II, Dei compassionevoli
nike
Inviato: 19/12/2007 15:43  Aggiornato: 19/12/2007 15:43
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/3/2006
Da:
Inviati: 845
 Re: L’Italia non vuole sapere
Citazione:
LOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOL

Oddio me manca il fiato


Mi sto piegando in due. Se non fosse che la battutta ha veramente rotto i maroni.
Ciao ciao.

Citazione:
Quelli che creano sono duri di cuore. Nietzsche, Friedrich. Così parlò Zarathustra: II, Dei compassionevoli
rox
Inviato: 19/12/2007 17:16  Aggiornato: 19/12/2007 17:16
So tutto
Iscritto: 24/7/2006
Da:
Inviati: 11
 Re: L’Italia non vuole sapere
Francamente non mi sarei aspettato comportamenti diversi.
Però mi preoccuperei poco se certi circuiti si dimostrano poco interessati, in fondo il film non deve puntare a velleità cinematografiche, pur non mancandogli nulla.
Anzitutto è importante che giri e si diffonda il più possibile. La rete fa tanto ma non basta, occorre smuovere le piccole realtà, cineforum di paese, centri sociali, coinvolgere le realtà municipali locali e darsi da fare in quella direzione. In fondo portarlo a una diffusione capillare dal basso eviterebbe di farlo finire prematuramente nel tritacarne del sistema televisivo, prima ancora che la gente lo abbia visto …immaginiamoci i soliti noti, puntatone Mentana-Vespa , complottisti da una parte, americanisti dall’altra, …mangiato e digerito e il giorno dopo non se ne parla più…
L’amarezza maggiore è che di fronte a documenti e prove sempre più schiaccianti su quello che sta succedendo in questi anni sembra esserci un velato rifiuto di aprire gli occhi (non credo solo italiano), vuoi per indifferenza, forse più per impotenza di fare qualcosa per arrestare questo processo.
Guardando il film ho avuto una sensazione strana…sembra un viaggio in avanti nel tempo. Oggi noi guardiamo i documentari sul nazi-fascismo, li proiettiamo nelle scuole come documenti storici riportanti fatti assodati che pochi osano mettere in discussione e ci chiediamo anche come sia stato possibile che un genocidio come l’olocausto sia potuto accadere sotto gli occhi di tutti. E in quegli anni di regime chi osava denunciare non aveva la vita facile.
Questa pseudo democrazia globalizzata che ci ritroviamo, è forse più docile, non perseguita, semplicemente riesce a fare cadere nell’oblio tutto ciò che non è conforme al comune sentire..
Quello che temo è che ci vorranno un paio di decenni perché documentari come quello di Massimo possano essere considerati e apprezzati come documenti storici a tutti gli effetti con piena dignità di proiezione e condivisione.

Descartes
Inviato: 19/12/2007 17:16  Aggiornato: 19/12/2007 17:16
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 21/6/2006
Da: Christ = Sun God
Inviati: 1087
 Re: L’Italia non vuole sapere
Comoda scusa per far sparire scomode prove dall'ufficio di Cheney?

ESTERI
Allarme incendio alla Casa Bianca
A fuoco gli uffici di Cheney

Le fiamme sono divampate all'Eisenhower Executive Office Building
Il personale è stato evacuato, non ci sarebbe alcun ferito

http://www.repubblica.it/2007/12/sezioni/esteri/incendio-casa-bianca/incendio-casa-bianca/incendio-casa-bianca.html

zerozeta
Inviato: 19/12/2007 18:23  Aggiornato: 19/12/2007 18:23
So tutto
Iscritto: 8/5/2006
Da:
Inviati: 10
 Re: L’Italia non vuole sapere
Ormai le persone, e già provo una certe repulsione nel chiamarle così,
vogliono essere complici del sistema...perhè è quello vincente...ed in fondo
assicura tutto ciò che è necessario alla massa di pecore...
Viviamo in un mondo profondamente corrotto dal materialismo...ed in cui quasi tutto è stato mercificato...dunque acquistabile...
Il denaro è lo strumento e lo stesso fine...
Aggiungiamo che il sentimento più diffuso, la vigliaccheria, è uno dei requisiti fondamentali se si hanno ambizioni di successo...
Fingere di non vedere, non capire, volgersi altrove...perchè occorre essere produttivi..e lavorare, lavorare....comodo alibi per i più..
Si riesce così a giustificare la propria indifferenza con l'esigenza di portare a casa la pagnotta...
Probabimente gli ultimi segnali di un sistema che realmente sta collassando...
Se si analizza il tutto in prospettiva storica, direi nulla di nuovo.....
Ma con le tecnologie attuali, e quelle che a breve ci verranno 'rivelate', c'è
veramente poco spazio per la speranza.......
E quelli che verranno, le nuove generazioni...i bambini di oggi, come credete che possano mai crescere?
Con quali certezze, con quale visione del mondo, CON QUALI VALORI ???
E già i segnali si vedono......

Linucs
Inviato: 19/12/2007 18:33  Aggiornato: 19/12/2007 18:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: L’Italia non vuole sapere
Fingere di non vedere, non capire, volgersi altrove...perchè occorre essere produttivi..e lavorare, lavorare....comodo alibi per i più..

Panzane. Io lavoro & produco, ma se mi racconti che un "arabo" ha scoperchiato una strada con il fertilizzante ti sotterro di risate senza esitare.

Si riesce così a giustificare la propria indifferenza con l'esigenza di portare a casa la pagnotta...

Questo casomai vale per i "giornalisti".

E quelli che verranno, le nuove generazioni...i bambini di oggi, come credete che possano mai crescere?

Con quelli inculcati a scuola. Quali altri?

Con quali certezze, con quale visione del mondo, CON QUALI VALORI ???

Mamma e papà dove stavano?

zerozeta
Inviato: 19/12/2007 18:38  Aggiornato: 19/12/2007 18:38
So tutto
Iscritto: 8/5/2006
Da:
Inviati: 10
 Re: L’Italia non vuole sapere
un buon genitore desidera sempre che un figlio gli assomigli.......
e con questo si chiude il cerchio....
o no?

Stefano
Inviato: 19/12/2007 18:51  Aggiornato: 19/12/2007 18:51
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/8/2004
Da:
Inviati: 344
 Re: L’Italia non vuole sapere
Credo che il problema sia più generico (e più grave).

Secondo me non c'è nessun complotto, nessuna "velina" che dice ai giornalisti o agli organizzatori dei festival di boicottare Mazzucco. La cosa è più sottile.

Giornalisti, direttori e addetti vanno direttamente dove tira il vento, hanno la capacità autonoma di annusare l'aria, come i cani.

Ma soprattutto, in Italia le cose giuste si sa che si fanno per finta. Ad es. le commissioni d'esame, i concorsi, ecc. Dietro le quinte già tutto è deciso fra gli amici.

Siamo un paese cinico e, di conseguenza, mafioso.

Ma ultimamente il cinismo ha raggiunto livelli parossistici, agghiaccianti. E' vero che l'Italia è un paese triste, e che non ha più voglia di andare da nessuna parte.

Quante sono le cose da cambiare...

Redazione
Inviato: 19/12/2007 19:14  Aggiornato: 19/12/2007 19:14
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’Italia non vuole sapere
Sono d'accordo con Stefano, non esistono ordini di scuderia. Come avevo scritto nel bin Laden III, non ce n'è alcun bisogno:

"Questo era il vero problema, e di fronte a questo rischio penso che chiunque si sarebbe fermato. Chi invece ha osato andare avanti, ha capito che non c’era nessun bisogno di controllare individualmente le mille testate mondiali potenzialmente pericolose: lo avrebbero fatto da sole. Alla loro guida c’erano infatti – e ci sono tuttora – persone che provenivano, ovviamente, dal secolo scorso. Persone abituate a fidarsi ciecamente del verbo ufficiale, persone che ragionavano partendo da presupposti che rendono “impossibile a priori” un gesto la cui difficoltà maggiore stava proprio nel concepirlo, e non certo nel metterlo in atto."

Kolza
Inviato: 19/12/2007 19:45  Aggiornato: 19/12/2007 19:45
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/6/2004
Da: MMMMMMonza
Inviati: 916
 Re: L’Italia non vuole sapere
Non ti preoccupare Massimo... Appena il film girerà tra la gente comune, vedrai i giornalisti diventare "tutti partigiani", in pieno stile 26 Aprile 1945!
Speriamo solo di non venire condannati noi in stile SPQR (il film)

A presto
Kolza

PS Non vedo l'ora di poter ordinare il DVD dopo Natale

Doctor
Inviato: 19/12/2007 19:57  Aggiornato: 19/12/2007 19:57
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/10/2005
Da: Lisboa
Inviati: 108
 Re: L’Italia non vuole sapere
Finalmente sono riuscito a scaricare e a vedere il film. Ottimo. I miei sinceri complimenti Massimo. E soprattutto un grazie di cuore. Considerati i pochi mezzi tecnici ed economici a disposizione il messaggio che da é comunque forte, potente. Un pugno nello stomaco, una stretta al cuore, una luce per la mente.
L'ultima parte é molto buona. La falsa ricostruzione, gli interessi economici, gli sprechi disgustosi della Halliburton, la follia ideologica degli invasori sono molto ben trattati. Per me questo film é molto più importante del primo che hai fatto. I fatti qui sono incontrovertibili. Questo film non lascia spazio a nessun tipo di debunking. Semplicemente non ci sono argomenti che un debunker potrebbe usare a meno che non si barrichi dietro la stessa ideologia dei massacratori (e sarebbe anche più onesto se lo facesse).
Purtroppo la realtà di un paese devastato in questo modo mi lascia devastato dentro. Pieno di rabbia. Pieno di vergogna di appartenere a questa razza umana selvaggia, selvaggia non nel senso bello e naturale degli animali, selvaggia dentro, meschina, ridicolmente inferiore al più elementare degli esseri viventi. Vermi. Magari fossimo come i vermi.
Dobbiamo continuare a diffondere queste tristi Verità su questa sudicia guerra e questo sudicio impero che non ha rispetto nemmeno dei suoi stessi soldati e cittadini. Dobbiamo continuare ad appoggiare la resistenza di un popolo che sta combattendo per tutti noi, il popolo iracheno.
Quanto all'indifferenza italica molto ci sarebbe da dire. Solo il giorno in cui la gente proverà sulla propria pelle la frusta dell'impero capirà (potrebbe succedere perchè nulla è impossibile). Purtroppo la razza umana non brilla in fraternité. Personalmente sono convinto che diffondere la verità non basti affatto, ci vuole di più, molto di più, ci vuole la forza e il coraggio di rimetterci la pelle. E mi fermo qui, tanto avete già capito. Rimane comunque una mia personalissima opinione.
Ancora complimenti a Massimo e un abbraccio a tutte le menti libere che vagano su questo prezioso sito.

"EMANCIPATE YOURSELF FROM MENTAL SLAVERY.
NONE BUT OURSELVES CAN FREE OUR MINDS"
Bob Marley
Mick
Inviato: 19/12/2007 21:44  Aggiornato: 19/12/2007 21:44
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/8/2006
Da: Dublin
Inviati: 46
 Re: L’Italia non vuole sapere
citazione:
<Ogni giorno c'e' qualcuno che mi ricorda la ragione per cui sono emigrato: che paese di cialtroni...>

quoto in pieno ... purtroppo
il peggio è quando tutti gli stranieri ti dicono : "aaaaahhh l'Italia, che bella, mi piace, l'adoro...il sole, il buon cibo, i paesaggi, la storia ... "

siamo un popolo con poche speranze ...


Mick

"Se non mi preoccupo non sto tranquillo"
edo
Inviato: 19/12/2007 21:46  Aggiornato: 19/12/2007 21:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: L’Italia non vuole sapere
Sembra quindi evidente che il fuoco di sbarramento scatenato in Italia dai benpensanti alla Teodori ha avuto gli effetti desiderati.

per ora, solo per ora. E' questione di tempo

l'idea di Linucs è strepitosa e merita almeno un tentativo da "primo aprile"

MrDay
Inviato: 20/12/2007 1:19  Aggiornato: 20/12/2007 1:20
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/9/2007
Da:
Inviati: 117
 Re: L’Italia non vuole sapere
Continuando a leggere su luogocomune non dormo piu' la notte...
vado ad iscrivermi in qualche sito debunker , che è tutto + semplice !
.....Notte !

desbouvet
Inviato: 20/12/2007 4:12  Aggiornato: 20/12/2007 4:12
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da:
Inviati: 541
 Re: L’Italia non vuole sapere
Siamo ridotti al livello dei carbonari, sapete ?
Una condizione, tra l'altro, che non ci piace per niente. Certe cose vorremmo dirle e farle alla luce del sole.

Nel bel paese che, dicono, abbia tanto sole.

E invece no. O ciucci l'ano, o diventi una zecca, oppure nulla. Ti lasciano la Rete, ma è insufficiente, e per molti versi (dai lo sappiamo tutti) è autoingannevole.

Siamo come i cristiani nelle catacombe. E ancora una volta, non ci piace per niente.

Fateci caso. Tra tutti i paesi "civili", il nostro soffre della più scioccante, disumana, disarticolazione fra gli esseri umani e l'informazione. E aggiungerei, fra gli esseri umani e la cultura, l'arte, la comunicazione.

C'è un progetto che sta vincendo. Quello di abbassare sotto i piedi la coscienza di stare al mondo a 57 milioni di persone. E' un progetto globale, attuato anche nelle Americhe e sul Continente, ma da noi è attuato in maniera speciale.

Perchè ? Forse lo stivale non deve camminare. In nessuna direzione. Siamo proprietà di qualcun'altro, di qualcos'altro. Noi non siamo nostri. Questa brutta (perchè ormai è diventata brutta) penisola, serve a qualcosa, e noi non dobbiamo metterci il becco.

L'ultimo post del ministro Gentiloni sul suo pseudo-blog: "Super Mike". Vedere per credere.

spettatore
Inviato: 20/12/2007 7:57  Aggiornato: 20/12/2007 7:57
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da:
Inviati: 883
 Re: L’Italia non vuole sapere
Tranquillo Massimo, come al solito penseremo noi a far conoscere il film. In passato ho squagliato un masterizzatore per copiare e diffondere IG, penso ne sia valsa la pena.

@ desbouvet

Quoto in pieno la tua analisi: anch'io sono convinto che in Italia sia in atto un grande esperimento di carattere sociale altrimenti non si spiegherebbe la deriva cui assistiamo. Ma "noi" siamo un'anomalia od una parte già abbondantemente prevista?


Lo spettatore

Citazione:
Non metterti a discutere con un idiota. La gente potrebbe non accorgersi della differenza.
AlexMai
Inviato: 20/12/2007 9:10  Aggiornato: 20/12/2007 9:10
Ho qualche dubbio
Iscritto: 19/9/2005
Da: Roma
Inviati: 74
 Re: L’Italia non vuole sapere
Ho usato il termine "ordine di scuderia" ma anche io non sono convinto che sia esplicito. Anche se essendo molti giornalisti iscritti a varie consorterie, non mi stupirei che qualche indirizzo preciso venga dato ad alcuni di loro... o no?
Quanto all'Italia calpestata... a mio avviso non bisogna chiedersi SE, ma PERCHE'.
Sarebbe un ottimo spunto per una nuova discussione...

Alessandro
www.alexmai.it
Redazione
Inviato: 20/12/2007 9:36  Aggiornato: 20/12/2007 9:36
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’Italia non vuole sapere
"l'idea di Linucs è strepitosa e merita almeno un tentativo da "primo aprile"

Il problema è che questa E' GIA' la versione soft ("in bianco e nero"). La verità vera NESSUNO vuole vederla in faccia.

desbouvet
Inviato: 20/12/2007 9:48  Aggiornato: 20/12/2007 9:48
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da:
Inviati: 541
 Re: L’Italia non vuole sapere
@ spettatore

previstissimi

sono convinto anche che ci venga offerta la materia prima per il nostro 'anomalo' ribellismo e la nostra spudorata curiosità

ovviamente si tratta di materiale che conduce a un vicolo cieco

pensateci un attimino: è così

e tutto ciò che esce da ciò che è ampiamente previsto, non fa una bella fine; se ci pensate bene, è così

Redazione
Inviato: 20/12/2007 10:54  Aggiornato: 20/12/2007 10:54
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’Italia non vuole sapere
DESBOUVET: Se non ci fosse stato il 9/11 Truth Movement, tu pensi che oggi le probabilità di un secondo mega-attentato sarebbero uguali, maggiori o minori?

LoneWolf58
Inviato: 20/12/2007 11:11  Aggiornato: 20/12/2007 11:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: L’Italia non vuole sapere
Citazione:
Se non ci fosse stato il 9/11 Truth Movement, tu pensi che oggi le probabilità di un secondo mega-attentato sarebbero uguali, maggiori o minori?
Io credo uguali... se devono farlo lo fanno in barba a tutti/tutto... certo aumenta la consapevolezza della gente, ma è sufficiente?
Per uno che dubita della verità ufficiale ce n'è almeno uno che la difende a spada tratta e tre o quattro che rinunciano alla fatica di pensare e di schierarsi... sono quest'ultimi che fanno più danno degli altri... sono quest'ultimi che poi si chiedono perchè quando vengono toccati/sfiorati in prima persona dagli eventi...

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
desbouvet
Inviato: 20/12/2007 11:59  Aggiornato: 20/12/2007 11:59
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da:
Inviati: 541
 Re: L’Italia non vuole sapere
Citazione:
Se non ci fosse stato il 9/11 Truth Movement, tu pensi che oggi le probabilità di un secondo mega-attentato sarebbero uguali, maggiori o minori?


La storia non è fatta da tutti coloro che cercano di sventare le nefandezze, ma da quelli che propongono le nefandezze da sventare; in altre parole, c'è chi pone dei problemi, e chi si mette a risolverli. Quand'è che diventeremo noi, un problema, se siamo impegnati a risolvere i rompicapo che ci vengono offerti?

Noi costituiamo un problema irrisolvibile, ed allora ci tengono impegnati, a risolvere problemi risolvibilissimi, in modo che il puzzle non finisca mai e che nessuno di noi si annoi troppo.

Io mi limito solo a fare un ragionamento estremo. Non sminuisco il lavoro di nessuno, anche perchè sminuirei me stesso in primo luogo. Voglio solo invitare a vedere il contesto più ampio.

Seminare scie stranissime proprio davanti ai nostri occhi. Demolire tre edifici in modo così plateale. (Quel tele-giornalista americano non dovette aspettare il Truth Movement, per capirlo, e per dirlo in diretta). Ingaggiare il perfetto capro espiatorio e poi però sparare contro la macchina del presidente una selva di colpi da tutte le direzioni...

Pensate che siano scemi?

PikeBishop
Inviato: 20/12/2007 14:09  Aggiornato: 20/12/2007 14:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: L’Italia non vuole sapere
Citazione:
Se non ci fosse stato il 9/11 Truth Movement, tu pensi che oggi le probabilità di un secondo mega-attentato sarebbero uguali, maggiori o minori?

Lo avrebbero gia' eseguito da tempo.

PS
Per quanto riguarda gli ordini di scuderia, concordo che non ce n'e' bisogno, ma non per le ragioni addotte fin qui.

Se mandi un film a QUALSIASI mostra, critico, giornale ecc. in Italia, non lo guarderanno, non hanno tempo ed inclinazione per quello: debbono pensare a chi passare o da chi farsi passare quelle troie che a volte fanno le attrici [edit: a volte anche attori particolari].

Cio' che guardano e' chi lo manda.

Massimo Mazzucco, da Hollywood, non fa parte della cerchia dei furbettini del quartieruccio, sta appunto a Hollywood: che minghia vuole?

Ho pure l'impressione (sicuramente mi sbagliero', ma anche lui in fondo e' italiano) che neanche Mentana avesse visto i filmati, ma piuttosto che Massimo e lo Svizzerissimo fossero gli unici che avessero prodotto materiale in italiano, e cosi'.....

PS2
Beccatevi anche qui la telefonata gia' segnalata altrove da Enrico in cui l'unico, eterno, PRESIDENTE ci spiega quali siano i metodi italici.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
Redazione
Inviato: 20/12/2007 20:14  Aggiornato: 20/12/2007 20:14
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’Italia non vuole sapere
PIKE: Miiiiiiii....... (la telefonata). Che ssscccchifo!!!!!

Fabrizio70
Inviato: 20/12/2007 21:19  Aggiornato: 20/12/2007 21:19
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/5/2006
Da: Roma
Inviati: 3721
 Re: L’Italia non vuole sapere
Piccolo OT,ma non troppo....

Sondaggio corriere

Citazione:
Lotta al doping: un chip sottopelle per tracciare la posizione degli atleti e aiutare i controlli a sorpresi. Sei d'accordo con questa proposta?


In questo momento con 1632 votanti il si é al 65 % , urge massiccia campagna informativa,oggi gli atleti , domani a chi tocca ?

N.B:non é una scelta , é un obbligo il chip....

Il lusso non può mai essere soddisfatto perché, essendo qualcosa di falso, non esiste per esso un contrario vero e reale in grado di soddisfarlo e assorbirlo.
Wilhelm Richard Wagner-1849
Descartes
Inviato: 21/12/2007 1:24  Aggiornato: 21/12/2007 1:25
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 21/6/2006
Da: Christ = Sun God
Inviati: 1087
 Re: L’Italia non vuole sapere
Comincio a pensare che la sola differenza tra il medioevo ed il mondo moderno sta nel fatto che mentre nel medioevo i regnanti decidevano una cosa e la facevano direttamente, fregandosene del popolo se era contrario, adesso prima di farla pianificano una attenta campagna mediatica per persuadere il popolo che quella è la cosa giusta da fare.

desbouvet
Inviato: 21/12/2007 2:57  Aggiornato: 21/12/2007 2:57
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da:
Inviati: 541
 Re: L’Italia non vuole sapere
Citazione:
Comincio a pensare che la sola differenza tra il medioevo ed il mondo moderno sta nel fatto che mentre nel medioevo i regnanti decidevano una cosa e la facevano direttamente, fregandosene del popolo se era contrario, adesso prima di farla pianificano una attenta campagna mediatica per persuadere il popolo che quella è la cosa giusta da fare.




già... e perchè ?

Redazione
Inviato: 21/12/2007 6:31  Aggiornato: 21/12/2007 6:31
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’Italia non vuole sapere
"Già, perchè?"

My two cents: "Nell'ambito dell'assioma "informazione = potere", ciascuna delle tre rivoluzioni, allargando la base "informata", ha ridotto di altrettanto la "disinvoltura" con cui l'elite poteva permettersi di abusare a piacimento del potere. Se nel basso medioevo il principe poteva mettere a morte il servo senza doverne rispondere a nessuno, durante l'illuminismo questo già comportava per lui una qualche complicazione in più. Ed ai giorni nostri, per l'equivalente di quell'omicidio, bisogna o rifugiarsi nella pena di morte (con la complicità del giudice, caso frequente negli USA), oppure contare sull'impunità che comunque ti offre il sistema democratico, se ne sei un esponente di vertice. Ma bene o male, Andreotti i tre gradi di magistratura se li è fatti tutti, e ne è uscito "non colpevole" più che altro sulla carta. (Nota bene: non "innocente")"

(Internet, la terza rivoluzione)

desbouvet
Inviato: 21/12/2007 6:57  Aggiornato: 21/12/2007 6:58
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/6/2007
Da:
Inviati: 541
 Re: L’Italia non vuole sapere
perchè bisogna conquistare il cuore delle persone, per poterle stuprare fino in fondo

perchè questo potere che vuole fare della terra il suo regno, ha bisogno del nostro consenso

perchè il nostro consenso deve credere di essere illuminato, ma è solo il risultato di una seduzione

perchè ieri andavi a versailles, ed oggi ti fermi all'assessore comunale

e tutto questo accellera il progresso del potere, che ti ingloba ti digerisce e ti defeca

fiammifero
Inviato: 21/12/2007 8:36  Aggiornato: 21/12/2007 8:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/2/2005
Da: ROMA
Inviati: 5691
 Re: L’Italia non vuole sapere
L'Italia,ma non solo lei,è uno struzzo che digerisce tutto


Citazione:
le cose di cui ci sentiamo assolutamente certi non sono mai vere (Oscar Wilde)
astro7
Inviato: 21/12/2007 10:47  Aggiornato: 21/12/2007 10:47
Mi sento vacillare
Iscritto: 27/11/2007
Da: questa sconosciuta terra di mezzo
Inviati: 472
 Re: L’Italia non vuole sapere
ache se anch'io vado un po' OT vorrei dire la mia :
per Fabrizio70
nel settembre 2006 mi sono operata per un aneurisma celebrale al S.Raffaele di Milano, il dottore che doveve effettuare l'intervento mi disse che era necessario impiantare 2 mollette(clip) al titanio per bloccare il flusso sanguigno in una certa "zona"...non sto qui a spiegare i dettagli, ma alla fine gli risposi: dottore faccia cio' che e' meglio per la mia salute,l'importante e' che in quelle clip non ci siano microchip!
forse tra le due cose non c'era legame, ma la paura era tanta!
il dottore rispose che non avrei dovuto preoccuparmi e che non mi avrebbe impiantato nessun chip, chissa' magari avra' pensato che deliravo, oppure "toh, pure una cittadina qualunque, per di piu' abruzzese,sa qualcosa?"Il resto, per me, è storia in quanto ora sto bene,
ma ogni tanto, alle clip che mi porto in testa , ci penso.....

Fabrizio70
Inviato: 21/12/2007 21:23  Aggiornato: 21/12/2007 21:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/5/2006
Da: Roma
Inviati: 3721
 Re: L’Italia non vuole sapere
Citazione:
Il resto, per me, è storia in quanto ora sto bene,
ma ogni tanto, alle clip che mi porto in testa , ci penso.....


Ciao astro e benvenuta su LC , pur non avendo impianti estranei nel corpo , tipo chiodi piastre et simili ritengo che sia normale,il corpo riconosce oggetti estranei , anche perché è passato poco tempo , sicuramente più in là non ci penserai con la stessa frequenza.Riciao

Il lusso non può mai essere soddisfatto perché, essendo qualcosa di falso, non esiste per esso un contrario vero e reale in grado di soddisfarlo e assorbirlo.
Wilhelm Richard Wagner-1849
Gil
Inviato: 23/12/2007 3:10  Aggiornato: 23/12/2007 3:12
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/5/2006
Da:
Inviati: 80
 Re: L’Italia non vuole sapere
Posto solo per fare i complimenti a Massimo per il nuovo film..lo guarderò tra poco e possibilmente acquisterò anche il dvd, come per IG.
Era un pò che non visitavo più LC, forse un pò sfiduciato per i troppi pochi passi avanti verso la verità sull'11\9.
Certo che l'importante è informare quanta più gente possibile, in modo che in futuro i malati di mente che "dirigono le marionette" nel retroscena ci pensino 20 volte prima di ricorrere a quel tipo di mezzi, in qualsivoglia nazione..

Cercando in rete il filmato mi son fermato a rispondere per le rime a uno che farfugliava di "bufale di Mazzucco" o "bufale sulle teorie alternative alla (ridicola) vers. ufficile"..certo che leggere ancora di questi commenti alle soglie del 2008 mi cascano veramente le p@lle..vabbè che siamo in Italia, paese semi-libero come "press freedom", però.. -_-

Redazione
Inviato: 25/12/2007 21:15  Aggiornato: 25/12/2007 21:15
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’Italia non vuole sapere
GIL: "Cercando in rete il filmato mi son fermato a rispondere per le rime a uno che farfugliava di "bufale di Mazzucco"

Avranno tutti le risposte che si meritano. E' solo una questione di mancanza di tempo: a seminare merda si fa in fretta, a ripulirla ci vuole molto di più. Ma ci stiamo arrivando.

wagner
Inviato: 26/12/2007 20:53  Aggiornato: 26/12/2007 20:53
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/11/2005
Da: New Orleans
Inviati: 67
 Re: L’Italia non vuole sapere
Io il film non l'ho ancora visto spero mi arrivi al più presto il dvd....

"La musica è diventata così intellettuale.La musica deve essere divertimento,un piacere.Soprattutto la musica rock." Duane Allman
wagner
Inviato: 26/12/2007 21:00  Aggiornato: 26/12/2007 21:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/11/2005
Da: New Orleans
Inviati: 67
 Re: L’Italia non vuole sapere
Ho scaricato l'avi e l'ho messo in condivisione.....e c'è tantissima gente oltre che dall'italia dagli usa e dalla spagna che lo richiede....massimo spero che questo sistema di diffusione ti faccia piacere e che sia soprattutto legale.....

"La musica è diventata così intellettuale.La musica deve essere divertimento,un piacere.Soprattutto la musica rock." Duane Allman
Redazione
Inviato: 27/12/2007 1:07  Aggiornato: 27/12/2007 1:07
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’Italia non vuole sapere
WAGNER: "c'è tantissima gente oltre che dall'italia dagli usa e dalla spagna che lo richiede....massimo spero che questo sistema di diffusione ti faccia piacere e che sia soprattutto legale"

Certo che è legale, e certo che mi fa piacere. Mi incuriosisce piuttosto tutta 'sta gente che lo chiede, dalla Spagna e dagli Usa soprattutto.... In base a che cosa lo dici?

wagner
Inviato: 27/12/2007 14:02  Aggiornato: 27/12/2007 14:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/11/2005
Da: New Orleans
Inviati: 67
 Re: L’Italia non vuole sapere
Presto detto massimo io uso un software di condivisione file sharing o meglio conosciuto come P2P ...di cui ovviamente non faccio il nome......che nella sua ultimissima versione rileva l'id ..e fino a qui nulla di strano...ma ora certifica pure la nazionalità di chi richiede il file...suppongo che i richiedenti dagli usa e dalla spagna siano nostri connazionali residenti all'estero e ti assicuro che sono un buon numero....poi quelli dall'italia sono una marea.....vedi che il sommerso in internet prima o poi emerge sempre....hasta la vista...

"La musica è diventata così intellettuale.La musica deve essere divertimento,un piacere.Soprattutto la musica rock." Duane Allman
wagner
Inviato: 27/12/2007 14:24  Aggiornato: 27/12/2007 14:24
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/11/2005
Da: New Orleans
Inviati: 67
 Re: L’Italia non vuole sapere
A proposito quando arriva la versione torrent....il download con questo sistema sarebbe straveloce...

"La musica è diventata così intellettuale.La musica deve essere divertimento,un piacere.Soprattutto la musica rock." Duane Allman
Redazione
Inviato: 27/12/2007 22:28  Aggiornato: 27/12/2007 22:28
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: L’Italia non vuole sapere
A proposito quando arriva la versione torrent..

Pensavo l'avessi già fatta tu. Invece a quel che ho capito l'hai messo sul mulo...

wagner
Inviato: 28/12/2007 22:42  Aggiornato: 28/12/2007 22:51
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/11/2005
Da: New Orleans
Inviati: 67
 Re: L’Italia non vuole sapere
A quanto pare il torrent lo stanno già preparando altri utenti....

"La musica è diventata così intellettuale.La musica deve essere divertimento,un piacere.Soprattutto la musica rock." Duane Allman

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA