Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


11 settembre : Risvegling for dummies
Inviato da Redazione il 15/12/2007 10:40:00 (3705 letture)

In una recente discussione si parlava della difficoltà di far arrivare alla maggioranza delle persone le informazioni che noi conosciamo grazie a Internet, e che portano ad una lettura dell’undici settembre - e di tutto quello che ci sta intorno - molto diversa da quella ufficiale. A questo proposito un utente chiedeva: “Esiste un "risvegling for dummies" [Come risvegliare i tonti]? Un decalogo... le istruzioni...In realtà sono io che mi sento ottuso o più probabilmente lo sono, viste le sistematiche derisioni che mi procuro”.

Secondo me il problema fondamentale sta nel capire che le diverse conclusioni a cui giungono le persone non dipendono mai da un “errato” ragionamento, ma da un diverso punto di vista iniziale. Partono cioè da premesse diverse dalle nostre. Chi ha visto Rashomon sa bene quanto diversa possa essere la percezione dello stesso evento, visto da angolazioni diverse. (E chi non l’ha mai visto corra ad affittarlo, e si faccia un regalo prezioso).

E’ quindi inutile insistere nelle discussioni, se a un certo punto ci si accorge che l’altro non ci segue fino in fondo. Questo significa infatti che lui parte da premesse diverse dalle nostre, ed è prima a quelle che bisogna rivolgere l’attenzione.

Se uno parte dal presupposto, ad esempio, che i negri siano una razza inferiore, non potrai mai convincerlo che lo schiavismo è ingiusto. Lo schiavismo diventa “ingiusto” solo se parti dal presupposto ...


... che le razze siano tutte uguali.

Se uno parte dal presupposto che la medicina ufficiale cerca in ogni modo di alleviare le umane sofferenze, non potrai mai convincerlo che la cartilagine di squalo funziona, perchè quello subito ti risponderebbe: “Ma figurati, se funzionasse lo si saprebbe di sicuro!”

Solo se gli instilli prima il dubbio che non necessariamente la medicina moderna abbia come priorità la cura dell’uomo, ma magari il profitto economico – e che abbia quindi interesse a tacere le proprietà della cartilagine, e non di divulgarle - allora potrai sperare di essere preso seriamente. Ma finchè non rimuovi quel macigno rapprentato dalla premessa sbagliata, anche la conclusione sarà sempre sbagliata.

Per il 9/11 è la stessa cosa: finchè uno parte dal presupposto che quello che dice la TV è vero, tu puoi presentargli tutte le prove di questo mondo, ma non crederà mai che gli islamici con le Torri Gemelle non abbiano nulla a che fare. E ha pure ragione, poveraccio: sono sei anni che i mass-media ci martellano quotidianamente con il “terrorismo islamico”. “Ma non li leggi i giornali? - ti direbbe scandalizzato – Non hai visto cosa hanno fatto l’altro giorno in Algeria! Vuoi forse dirmi che quelli non erano islamici?”

Finchè non gli suggerisci che quelli erano certamente islamici, ma chi li aizza e li manda al martirio può benissimo essere di un’altra religione, non potrai mai sostenere che le Torri Gemelle non le hanno buttate giù loro.

In altre parole, l’elemento che porta a “litigare”– anche fra persone assolutamente civili e ben diposte – sta nel dare per scontato che l’altro parta dagli stessi presupposti dai quali parti tu. Siamo quindi noi stessi a cadere vittime di una premessa sbagliata.

E’ per quello che nelle discussioni “ci si incazza”: perchè dopo un pò, a furia di ripetere le stesse cose, ti sembra impossibile che l’altro non le veda come le vedi tu. E a quel punto ti ritrovi a chiederti se la persona che hai davanti sia in malafede, oppure se sia soltanto un emerito deficiente. (Da cui il famoso “ma ci fai o ci sei?”)

Nessuna delle due, in realtà, è la risposta giusta. La cosa paradossale, infatti, è che in quel momento lui si sta ponendo le stesse identiche domande su di te.

Ognuno, dal proprio punto di vista, ha sempre perfettamente ragione. Persino il serial killer, che deve essersi costruito una valida motivazione – conscia o inconscia, in quel caso - per poter continuare tranquillamente ad uccidere senza provare il minimo rimorso.

A loro volta quindi non esistono “dummies” in assoluto, ma soltanto dummies poco informati, che partono cioè da premesse errate.

Ma nessuno può permettersi di riposare sugli allori, e non basta “sapere” qualcosa di più dell’altro per pensare di avere ragione: noi stessi infatti rischiamo di non essere informati su strati ancora più sottili di quello che ci appare come palese e scontato.

Dobbiamo quindi accontentarci di “avere ragione “ in termini relativi, e questo lo si ottiene portando l’altro ad avere almeno il nostro stesso livello di conoscenza.

Ma da qui in poi si apre, per tutti, il baratro filosofico che porta a domandarsi se esista una verità oggettiva o meno. I cartesiani sostenevano di si, le nuove generazioni di noetici sostengono di no.

Ciascuno di loro, naturalmente, parte da una premessa differente.

Massimo Mazzucco

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Rickard
Inviato: 15/12/2007 10:52  Aggiornato: 15/12/2007 10:52
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: Risvegling for dummies
Analisi corretta Mazzucco (grande che hai citato Rashomon) Dell'incomprensione che spesso porta a litigi e incazzature parlando del 9/11 e scontrandosi puntualmente col muro dei presupposti che la gente si è costruita su quell'evento.
La questione potrebbe anche porsi in un'altro modo: è possibile analizzare un fatto, un contesto, una circostanza senza partire da presupposti?
Alcuni risponderebbero di Si ma che è molto difficile (quasi un nirvana).
Altri direbberso di No in quanto partire da presupposti (e quindi essere sempre un pò parziali) è inevitabile.
Probabilmente anche qui c'è una terza risposta, in quanto molte persone non sono in malafede pur avendo presupposti e altre li hanno essendo in buona fede; credo che, a livello incoscio, primordiali meccanismi di difesa psicologici facciano preferire alla gente non sapere piuttosot che sapere in quanto c'è il sentore che sapere provocherebbe dolore, angoscia, incredulità, essere incompresi dalla multitudine che "non sa" e, dato che l'organismo stesso non vuole provare dolore, angoscia ecc. spesso si ricorre al celeberrimo metodo del:
Preferisco non sapere

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
shm
Inviato: 15/12/2007 11:07  Aggiornato: 15/12/2007 11:07
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/8/2007
Da: perugia
Inviati: 1802
 Re: Risvegling for dummies
Più che da una premessa differente, secondo me è il punto di vista generale dell'individuo nei confronti del "mondo sensibile" che detta necessariamente l'influenza ad una determinata conclusione...

Poi c'è la gente che dice il falso...

“Se un ebreo ortodosso mi considera "immondo" o mi saluta per primo per non dover essere costretto a rispondere al mio saluto, la cosa non preoccupa più di tanto.” (John)
9/11 anomalies
alexg
Inviato: 15/12/2007 11:21  Aggiornato: 15/12/2007 11:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/5/2006
Da: Sybar
Inviati: 179
 Re: Risvegling for dummies
Se consideriamo la verita' come una sequenza di eventi, come si puo' anche solo pensare che sia soggettiva?
Solo la "percezione" della verita' puo' essere parziale o distorta.
I "fatti" sono li, che si scoprano o che rimangano nascosti.

Sacrosanto, poi, dare tanta importanza alle premesse, ai pregiudizi.
Ma una persona ragionevole proprio in assenza di pregiudizi e' in grado di analizzare un avvenimento. Ella non sa da dove parte e accetta qualsiasi conclusione.
Si potrebbe citare la celeberrima frase di Sherlock Holmes quando dice "Una volta eliminato l'impossibile ciò che rimane, per quanto improbabile, dev'essere la verità".

Sacrosanto anche constatare che la stragrande maggioranza delle persone preferisce non sapere, per non vedere cadere i propri punti di riferimento.

I punti di riferimento.

Sono le colonne portanti della vita di ogni persona, ragionevole od ottusa che sia.

Nel metterne in crisi uno o piu' credo sia logico aspettarsi le reazioni piu' aspre.
Minare le credenze di una persona significa aggredire il significato della sua stessa vita.
E' sono sicuro di non esagerare.

Proprio in questo contesto come non citare:
"La verita' vi rendera' liberi"

(e a che alto prezzo!)

Alessandro

Ci sono due errori che si possono fare lungo la via verso la verità...non andare fino in fondo, e non iniziare.

"Democrazia" è due lupi e una pecora che decidono ai voti cosa mangiare.
"Libertà" è la pecora ben armata che contesta il voto.
Haiku
Inviato: 15/12/2007 11:31  Aggiornato: 15/12/2007 11:41
So tutto
Iscritto: 4/12/2007
Da:
Inviati: 11
 Re: Risvegling for dummies
E se a uno gli instilli il dubbio che dittatura (seppur soavemente del sito stesso) non potrà mai essere un'anarchia perfetta e tanto meno una democrazia ... cosa potrebbe succedere!?

Non oso pensare ovviamente a cosa potrebbe succedere poi, se a uno gli instilli il dubbio che una persona con diciamo particolari inclinazioni alla dittatura, contrasti giusto un pelino con la figura di paladino della libera informazione.

Citazione:

... dummies poco informati, che partono cioè da premesse errate.
... noi stessi infatti rischiamo di non essere informati su strati ancora più sottili di quello che ci appare come palese e scontato.


A volte anche la dittatura puà essere anarchica.

Non sfigurerebbe nel riquadro delle grandi frasi in Home

Per non andare OT al tizio sotto (o sopra): APPROFONDIRE!

alexg
Inviato: 15/12/2007 11:39  Aggiornato: 15/12/2007 11:52
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/5/2006
Da: Sybar
Inviati: 179
 Re: Risvegling for dummies
Haiku, leggo e rileggo il tuo intervento, ma non riesco ad afferrarne in maniera inequivocabile il senso.

Potresti approfondire?

Grazie

Alessandro

OK, ho letto il link per il chiarimento.
Personalmente non capisco cosa c'entra la democrazia con la liberta', ma
considero l'argomento fuori tema e, quindi, chiudo qui.

Alessandro

Ci sono due errori che si possono fare lungo la via verso la verità...non andare fino in fondo, e non iniziare.

"Democrazia" è due lupi e una pecora che decidono ai voti cosa mangiare.
"Libertà" è la pecora ben armata che contesta il voto.
Haiku
Inviato: 15/12/2007 12:34  Aggiornato: 15/12/2007 12:39
So tutto
Iscritto: 4/12/2007
Da:
Inviati: 11
 Re: Risvegling for dummies
Citazione:

Personalmente non capisco cosa c'entra la democrazia con la liberta', ma
considero l'argomento fuori tema e, quindi, chiudo qui.

Alessandro

leggi bene è scritto: particolari inclinazioni alla dittatura, contrasti giusto un pelino con la figura di paladino della libera informazione.


Non capisci cosa c'entri la dittatura con la libera informazione!?

Urge Risvegling!

solo m'informo
gocce perse nel mare
acqua nell'acqua

shevek
Inviato: 15/12/2007 13:09  Aggiornato: 15/12/2007 13:09
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/4/2005
Da: Napoli
Inviati: 1249
 Re: Risvegling for dummies
Salut y Libertad a todos!


Rick dice:Citazione:
è possibile analizzare un fatto, un contesto, una circostanza senza partire da presupposti?


Certamente sì - si chiama "metodo scientifico" o "oggettività": basta porre l'argomentazione in maniera tale che la risposta in un senso o nell'altro non dipenda dalle proprie convinzioni soggettive. Per esempio, di fronte al problema delle pretese "razze" umane, si può porre la questione in termini di analisi del DNA. La cosa è stata fatta e le pretese "razze umane" sono risultate, semplicemente, non esistere affatto. Detto questo, però, il razzista potrebbe reimpostare la questione in termini soggettivi - p. e., come è di moda oggi tra neo e teocons, facendo appello alla maggiore o minore validità delle culture. In tal caso, il discorso diventa un dialogo tra sordi. L'unica cosa che si può fare è far notare la mancanza di oggettività delle conclusioni in un tale campo.


Shevek

"Il potere è l'immondizia nella storia degli umani" - F. Guccini
www.portadimassa.net - WEB-TV e non solo di Filosofia
Rickard
Inviato: 15/12/2007 14:15  Aggiornato: 15/12/2007 20:39
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/9/2007
Da: Un mondo pervaso di follia
Inviati: 1609
 Re: Risvegling for dummies
Vero Shevek, abbiamo il metodo scientifico (che molti sminuiscono come demodé o stiracchiato ai giorni nostri)
Ma è anche vero ciò che dice Murphy riguardo alle ricerche:

Una ricerca abbastanza lunga tenderà a confermare qualsiasi teoria

Proprio riferito all'intrinseca parzialità non del metodo usato per la ricerca ma di chi la ricerca la compie.
Oggi ciò è vero più che mai con ricerche prezzolate e altre ignorate e così ci ritroviamo con la cartilagine di squalo ignorata dalla comunità medica ufficiale e alcune ricerche americane che dicono come la pena di morte faccia diminuire i crimini...
Citazione:
L'unica cosa che si può fare è far notare la mancanza di oggettività delle conclusioni in un tale campo.

Allora siamo messi male in quanto questi qua (tipo i razzisti da te citati) non basano il proprio ragionamento sull'oggettività percui fargli notare la loro mancanza di oggettività diviene pressoché inutile.
Quando il presupposto è così assoluto da divenire un dogma fanatico il metodo scientifico può anche andare a farsi friggere.
Ci sono alcuni integralisti cattolici (indovinate dove? ) che, alla seguente domanda:
Ma se, come dite voi, il mondo esiste da 12000 anni come spiegate tutti i reperti fossili datati milioni e milioni di anni? Come spiegate le migliaia di ritrovamenti?
Rispondono
Quelli sono una prova che dio ha messo per testare la nostra fede
In questi casi anche parlare di dialogo fra sordi sembra ottimistico.

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. - Nikola Tesla
Aladar
Inviato: 15/12/2007 15:14  Aggiornato: 15/12/2007 15:14
So tutto
Iscritto: 27/6/2007
Da: Mosca
Inviati: 11
 Re: Risvegling for dummies
Bravo Massimo, con questo post zeppo di saggezza hai messo i puntini sulle i.
Leggo sia te che Attivissimo e altri blog ufficialisti, perche' mi piace sentire l'altra campana, e dal momento che...sono latamente masochista mi diverto a leggere le palate di melma che ci buttano addosso.
Cosi' che a un certo punto mi son chiesto: non e' che la grande maggioranza degli ufficialisti (che sono molto spesso persone acute, intelligenti, ironiche) sia in buona fede? Gia', sono in buona fede e GIUNGONO a conclusioni opposte alle mie perche' PARTONO da premesse opposte alle mie.
Il tuo post di oggi mi invita a credere che nel prossimo futuro troveremo un terreno comune di dialogo e di crescita, tutti insieme cicappini e mazzucchiani.

Linucs
Inviato: 15/12/2007 15:30  Aggiornato: 15/12/2007 15:30
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: Risvegling for dummies
Se uno parte dal presupposto, ad esempio, che i negri siano una razza inferiore, non potrai mai convincerlo che lo schiavismo è ingiusto. Lo schiavismo diventa “ingiusto” solo se parti dal presupposto che le razze siano tutte uguali.

Ma infatti: non erano sufficienti le panzane sulle libertà individuali, che intralciano il progresso e il welfare della collettività.

theMatrix
Inviato: 15/12/2007 17:29  Aggiornato: 15/12/2007 17:29
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/4/2007
Da:
Inviati: 86
 Re: Risvegling for dummies
Via via che i miei occhi scorrevano lettera dopo lettera mi si accendeva sempre di più la lampadina nella mia testa. ARTICOLO SACROSANTO (per me )

edo
Inviato: 15/12/2007 17:41  Aggiornato: 15/12/2007 17:41
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Risvegling for dummies
quoto Rick

wagner
Inviato: 16/12/2007 13:10  Aggiornato: 16/12/2007 13:10
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/11/2005
Da: New Orleans
Inviati: 67
 Re: Risvegling for dummies
Erigere muri e palizzate tra diverse culture da sempre porta a incomprensioni e malintesi insuperabili.....fino a sfociare in guerre politiche,economiche e religiose...i tonti non si sveglieranno mai perchè c'è la libertà di pensiero e di parola e per fortuna l'uomo non è un robot altrimenti verrebbe indottrinato in maniera univoca e centralizzata

"La musica è diventata così intellettuale.La musica deve essere divertimento,un piacere.Soprattutto la musica rock." Duane Allman
BlSabbatH
Inviato: 16/12/2007 13:26  Aggiornato: 16/12/2007 13:28
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/9/2005
Da: Bergamo
Inviati: 837
 Re: Risvegling for dummies
Citazione:
In una recente discussione si parlava della difficoltà di far arrivare alla maggioranza delle persone le informazioni che noi conosciamo grazie a Internet, e che portano ad una lettura dell’undici settembre - e di tutto quello che ci sta intorno - molto diversa da quella ufficiale. A questo proposito un utente chiedeva: “Esiste un "risvegling for dummies" [Come risvegliare i tonti]? Un decalogo... le istruzioni...In realtà sono io che mi sento ottuso o più probabilmente lo sono, viste le sistematiche derisioni che mi procuro”.

un metodo alternativo (e migliore) al bombardamento mediatico a tappeto non esiste.. è per quello che i media ufficiali vincono, in termine di numeri. I dummies saranno sempre la maggiornaza, c'è poco da fare..
D'istinto ci si batte per la propagazione delle informazioni "alternative", razionalmente però si è ben consci che la "verità assoluta" sarà sempre per pochissimi eletti, quella semi-assoluta per pochi e la verità-balla per i molti.

Ciò che importa è offrire un appiglio per il potenziale "risvegliato"..
e questo sito lo offre.

-- Under capitalism, man exploits man. Under communism, it's just the opposite. -- J.K. Galbraith
abbidubbi
Inviato: 16/12/2007 15:38  Aggiornato: 16/12/2007 15:38
Mi sento vacillare
Iscritto: 31/8/2005
Da: roma
Inviati: 671
 Re: Risvegling for dummies
Citazione:
Ciò che importa è offrire un appiglio per il potenziale "risvegliato"..
e questo sito lo offre.

Magari bastasse un semplice "leggi qui!".
Su LC ci viene chi i dubbi li ha già, non chi è graniticamente convinto della "bontà" della VU.
Ho un fratello pilota, quasi 50enne, due lauree, vola da una vita, ha un incredibiliardo di ore di volo (dopo l'esperienza di elicotterista nella guerra del golfo si dimise da militare e da allora è pilota alitalia) e nonostante tutto ciò, ritiene la manovra del boeing sul pentagono fattibilissima per un aereo di linea. Cosa devo fare? Quali sono le eventuali premesse sulle quali dovrei "lavorare" per istillargli qualche dubbio? La sua linea è, per sommi capi, questa: gli stati uniti non avevano bisogno di alcun pretesto per muovere guerra a chicchessia, avrebbero attaccato afghanistan e iraq anche senza 11/9.
Hai voglia a sottoporgli link, fonti, ricerche e quant'altro: il risultato è un sistematico rifiuto di prendere in esame anche gli elementi più oggettivi della questione. Tutto poi sfocia in una
fallacia ad hominem "globale", una miopia che gl'impedisce di approfondire qualsiasi aspetto
che non venga da fonti diciamo non ufficiali
La situazione non mi sembra molto diversa dai fossili messi lì da dio per testare la fede.

Sconforto... sconforto totale...

Io sto mentendo. (Eubulide, V secolo a.C.)
Tubo
Inviato: 16/12/2007 17:28  Aggiornato: 16/12/2007 17:28
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 16/6/2006
Da:
Inviati: 1663
 Re: Risvegling for dummies
Citazione:
Ho un fratello pilota, quasi 50enne, due lauree, vola da una vita, ha un incredibiliardo di ore di volo (dopo l'esperienza di elicotterista nella guerra del golfo si dimise da militare e da allora è pilota alitalia) e nonostante tutto ciò, ritiene la manovra del boeing sul pentagono fattibilissima per un aereo di linea. Cosa devo fare? Quali sono le eventuali premesse sulle quali dovrei "lavorare" per istillargli qualche dubbio? La sua linea è, per sommi capi, questa: gli stati uniti non avevano bisogno di alcun pretesto per muovere guerra a chicchessia, avrebbero attaccato afghanistan e iraq anche senza 11/9.


No, non è nonostante tutto ciò è proprio a seguito di tutto ciò.

Vuoi che non lo sappia dire lui che è pilota, incrediliardo di ore di volo ecc ecc?

Saluti.

Ashoka
Inviato: 16/12/2007 17:42  Aggiornato: 16/12/2007 17:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: Risvegling for dummies
Quale manovra?

La traiettoria "ufficiale" del "presunto volo 77" dall'hotel Sheraton in poi non esiste. Quindi?

abbidubbi
Inviato: 16/12/2007 19:19  Aggiornato: 16/12/2007 19:19
Mi sento vacillare
Iscritto: 31/8/2005
Da: roma
Inviati: 671
 Re: Risvegling for dummies
Citazione:
No, non è nonostante tutto ciò è proprio a seguito di tutto ciò.
Ecco, questa potrebbe essere la diversa premessa di cui parlava Massimo. Come affrontarla?

Citazione:
Quale manovra?
Quella rappresentata in Inganno globale, definita 'estremamente difficile' dai due piloti presenti nella trasmissione televisiva riportata.

Io sto mentendo. (Eubulide, V secolo a.C.)
Redazione
Inviato: 18/12/2007 5:55  Aggiornato: 18/12/2007 5:55
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Risvegling for dummies
TUBO: la domanda che devi porre, se proprio vuoi continuare a crederci, non è se "la manovra sia fattibile per un aereo di linea", ma se possa effettuarla uno CHE NON HA MAI GUIDATO PRIMA UN JET NELLA SUA VITA.

Curioso come certi "particolari" continuino a venire "dimenticati" da chi vuole credere alla VU.

LoneWolf58
Inviato: 18/12/2007 8:00  Aggiornato: 18/12/2007 8:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Risvegling for dummies
Citazione:
Ho un fratello pilota, quasi 50enne, due lauree, vola da una vita, ha un incredibiliardo di ore di volo (dopo l'esperienza di elicotterista nella guerra del golfo si dimise da militare e da allora è pilota alitalia) e nonostante tutto ciò, ritiene la manovra del boeing sul pentagono fattibilissima per un aereo di linea.
Come sempre ci sono tante opinioni... un suo collega in "rai" ha detto qualcosa di diverso. Comunque chiedigli eventualmente se nei panni del pilota-kamikaze, interessato ad infliggere danni al pentagono, avrebbe fatto la stessa manovra?!...

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
edo
Inviato: 18/12/2007 8:47  Aggiornato: 18/12/2007 8:48
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Risvegling for dummies
citaz. abbidubbi: gli stati uniti non avevano bisogno di alcun pretesto per muovere guerra a chicchessia, avrebbero attaccato afghanistan e iraq anche senza 11/9.

puoi chiedere a tuo fratello se lui è disposto a svolgere azioni di guerra su popolazioni civili sulla base di giustificazioni esclusivamente economiche e debolmente politiche. Chiedigli per quanto tempo potrebbe giustificare a se stesso in quel contesto, la correttezza della propria azione.
Le persone sono tendenzialmente orientate verso la convivenza relativamente pacifica; l'aggressine reciproca che porti con se l'intenzione di uccidere viene comunemente accettata solo se all'avversario si può attribuire una condizione non umana e/o intenzioni estremamente aggressive nei confronti del tuo gruppo culturale; ciò che è accaduto l'11 sett. è servito a creare queste condizioni necessarie a dare energia ad un progetto a lungo termine, volto a criminalizzare il genere umano per almeno un secolo.
E' compito di ogniuno di noi, compreso tuo fratello, scegliere che strada far percorrere al futuro nostro e dei nostri figli; perciò credo che il tuo, apparentemente inutile, sforzo di proporgli una visione diversa da quella che lui ha struttarato in se, non sia assolutamente inutile; a questo proposito ti citerò un esempio: una persona alla quale parlai circa un anno fa, di alcuni siti di controinformazione, e che mostrò totale indifferenza, la settimana scorsa mi ha chiesto di mandargli qualche link.

Insisti e dai tempo al tempo, i frutti maturano lentamente!

abbidubbi
Inviato: 18/12/2007 19:17  Aggiornato: 18/12/2007 19:17
Mi sento vacillare
Iscritto: 31/8/2005
Da: roma
Inviati: 671
 Re: Risvegling for dummies
grazie Edo, per l'incoraggiamento. Anche se non esistesse LC, anche se tutto il mondo fosse come mio fratello (non credo sia in malafede, è solo un po' de coccio ), continuerei a esporre le mie/nostre tesi comunque. Il mio sconforto, per quanto grande non mi farà desistere, almeno non con le persone a cui tengo di più.

Io sto mentendo. (Eubulide, V secolo a.C.)
edo
Inviato: 18/12/2007 21:05  Aggiornato: 18/12/2007 21:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Risvegling for dummies
leggete un po' QUESTO


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA