Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


media : Vent’anni senza il condizionale
Inviato da Redazione il 4/10/2007 23:20:00 (7624 letture)

Se c’è una nuova legge che bisogna introdurre con urgenza non è quella dei due turni ministeriali, ma quella della “Violazione dei Principi Fondamentali della Logica e della Ragione”, senza i quali regrediremmo tutti allo stato animalesco.

Chi viola questi principi - in un qualunque scritto o discorso pubblico - deve essere immediatamente isolato dalla comunità, e incapacitato ad esprimersi con le parole per un determinato periodo di tempo. E durante la riabilitazione gli saranno permesse solo frasi molto brevi, con una sola congiunzione e al massimo due verbi transitivi. Rigorosamente proibiti gli aggettivi qualificativi e i superlativi di ogni tipo, che saranno autorizzati solo dopo aver scontato la pena per intero.

Prendiete ad esempio questo articolo, usciti ieri su TGCOm, e ditemi se riuscite a trovare un solo passaggio logico nella vertiginosa sequenza di MUTAZIONI GENETICHE da cui è costituito.

M.O.,mito bimbo-martire era falso - Dopo 7 anni: filmato costruito ad hoc

Sette anni dopo la diffusione delle immagini della sua fucilazione col padre sotto una pioggia di proiettili, il mito del bambino palestinese martire crolla. E si scopre che il filmato, mandato in onda su France 2, di Mohammed Al-Dura, fu costruito ad hoc per incolpare gli israeliani.


Benissimo, accettiamo la premessa. Il filmato fu costruito ad hoc per incolpare gli israeliani. Vediamo come:

La verità emerge da un tribunale francese per il quale l'operazione servì a giustificare l'inizio della 2° Intifada. Il bimbo pare ancora vivo.

1a MUTAZIONE: Secondo la “verità” che emerge dal tribunale francese, quindi “l’operazione” del “filmato costruito ad hoc” sarebbe servita non più a incolpare gli israeliani, ma a giustificare l’Intifada.

Come rivela sul Giornale, la corrispondente Fiamma Nierestein, che all'epoca si occupò della vicenda, i 59 secondi dell'episodio, mandati in onda dalla tv pubblica francese France2, furono un'operazione di taglia e cuci studiata a tavolino sotto un'abile regia politica.

2a MUTAZIONE: Non è più dal tribunale che emerge la verità, ma è Fiamma Nierenstein a rivelarci che il filmato fu ”studiato a tavolino sotto un'abile regia politica.”

Ma poiché le bugie hanno le gambe corte, sette anni dopo, in nome della correttezza dell'informazione, un tribunale francese ritorna sul caso e intima all'emittente di consegnare tutto il materiale, il filmato completo.

3a MUTAZIONE: il tribunale non aveva appena fatto emergere la verità? Come mai torna sul caso e intima di consegnare tutto? (Ci ha ripensato, forse, o non ha ancora deciso?)

E, dopo questa mossa, Dani Seaman, il direttore del Press Office israeliano, colui che accredita i giornalisti in Terra Santa, esce allo scoperto e dichiara che il video fu un falso.

4a MUTAZIONE: Non è più il tribunale, non è più Fiamma Nierestein, ma ora è Dani Seaman a dichiarare che il video è un falso.

Così ora France 2, che finora si era sempre rifiutata di farlo, dovrà consegnare alle autorità tutto il filmato (27 minuti complessivi), girato dal cameraman arabo Abu Rahman.

MUTAZIONE CON SALTO QUANTICO: Se abbiamo ben capito, per sette anni France2 si è rifiutata di consegnare il filmato, ma ora che “Danni Seaman è uscito allo scoperto” dovrà rassegnarsi a farlo. E questo, ovviamente, perchè glielo hanno chiesto in nome della correttezza di informazione.

Quasi quasi domani vado alla sede dell’IDF, e in nome della correttezza di informazione chiedo di vedere i filmati degli Apache che hanno raso al suolo Jenin. (E poi già che ci sono passo anche dall’FBI e mi faccio dare quelli delle 51 telecamere di sicurezza attorno al Pentagono. Tanto, per prendermi del pirla una volta....).

Nel video si assisteva allo scontro a Netzarim, dove da una parte alcune migliaia di palestinesi assaltarono un posto di guardia israeliano e, dall'altra, la risposta dei soldati dello stato ebraico.

MUTAZIONE TRONCA: Qui non manca solo la logica, manca proprio il verbo!!!!!!! “Da una parte migliaia di palestinesi assaltarono.... e dall’altra la risposta dello stato ebraico PUNTO.” (Anche a me non piace completare le frasi, se prima non le).

Nelle immagini si vedevano addossati ad un muro padre e figlio investiti da una vera e propria fucilazione [SPV]*. Il bimbo, che sembrava fosse stato ucciso, divenne proprio grazie al quel filmato, il simbolo del martire innocente.

MUTAZIONE IN PARALLELO (Falso dilemma in versione ipotetica): Ora possiamo invece affermare con tranquillità che il bimbo, “che sembrava fosse stato ucciso”, “pare ancora vivo” [sta nel 2° paragrafo].

Ma una foto, per vedere quanto grandicello e robusto è diventato... no, eh?

Il suo nome venne invocato in varie altre circostanze: quando fu assassinato il giornalista Daniel Pearl, in un video in cui Bin Laden reclutava combattenti e nel video-testamento della terrorista suicida Wafa al-Samir.

MUTAZIONE CON ESTINZIONE DELLA SPECIE (Non sequitur): Dal che dovremmo dedurre che a) Abbiano invocato un falso mito? b) Le uccisioni non fossero legittime? c) Combattano per la causa sbagliata? d) L’Inter debba giocare a quattro punte?

Ma ora si scopre che gli israeliani non potevano aver colpito il bambino perché erano in posizione laterale, mentre i colpi sono stati sparati frontalmente (quindi forse dagli stessi palestinesi).

Ora, lo si scopre. Dopo sette anni di inutili richieste a France2, e dopo aver scomodato gente importante come Dani Seaman (”colui che accredita i giornalisti in Terra Santa”), bastava ricordarsi che gli israeliani erano in posizione laterale per scagionarli definitivamente. Che stupidi siamo stati. (Anche loro, però, a non dirlo subito...)

Ma non basta:

(quindi forse dagli stessi palestinesi).

Questo vuole dire che più o meno sparavano tutti nella stessa direzione? E con chi ce l’avevano, scusate?

Il padre: “Ti ho visto bastardo, sei stato tu!”

Soldato israeliano: “No, giuro! E’ stato lui (punta il dito verso il palestinese). Non vedi che lui è in posizione frontale, mentre io sono laterale?”

Il padre: “Anche questo è vero. (Rivolto al palestinese) Ma tu perchè mi spari, scusa?”

“Shhht, zitto, è tutto un trucco studiato a tavolino! Non vedi che vogliamo giustificare l’Intifada?”

“Ahhh, ho capito! (Al figlio) Metti giù la testa, cretino, e fingiti morto! Dài che questa volta li freghiamo davvero”

“Ma papi, questi sparano!”

“Macchè sparano e sparano.... E’ tutto costruito ad hoc, non lo vedi?”

“Ok papi, faccio come dici tu. (Dopo un po’) Però tu fai la faccia spaventata, allora! Se io sono morto...”

“Giusto, giusto.... ”

(Il padre spalanca la bocca a “O” e guarda verso la telecamera, fingendosi terrorizzato. In realtà sta ridendo come un pazzo, mentre dice al figlio: “Pensa che quel cretino di Sharon è convinto di averla provocata lui, l’Intifada, venendo a passeggiare sulla nostra spianata”).

Ma i due furbacchioni in realtà si erano dimenticati una cosa importantissima: il ketchup. E infatti, l’attento articolista se n’è accorto:

E poi, in tutto il filmato, non si vede una goccia di sangue.

Più lampante di così.

Quindi, riassumendo: Un tribunale, ma in realtà Dani Seaman che si era travestito da Fiamma Nerenstein, ci ha rivelato che il bambino che “sembrava morto pare vivo”, e che probabilmente lo hanno ucciso i palestinesi perchè infatti non c’era sangue nel video. Che France2 deve ancora consegnare per intero.

Possiamo quindi concordare che:

Ora, dopo sette anni di indagine, la verità sta finalmente venendo a galla.

Sia benedetta la correttezza dell'informazione, sempre sia benedetta.

Vent’anni a pane e indicativi, senza il condizionale. Frasi di dieci parole al massimo, argomento ristretto a Britney Spears e Paris Hilton, uso del congiuntivo limitato a mezz’ora settimanale. Rigoroso isolamento verbale.

Massimo Mazzucco

SPV= Stendiamo Pietoso Velo. (Chi è mai stato “investito da una fucilazione” alzi la mano).

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Pyter
Inviato: 5/10/2007 0:47  Aggiornato: 5/10/2007 0:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Salve, Massimo.

L'articolo da te citato del TGCom è tremendamente "complottista".
Sono andato nel link da te indicato e ho trovato un articolo completamente diverso da quello che hai riportato tu.

L'articolo ha subito un'altra MUTAZIONE.

Sette anni dopo la diffusione delle immagini dell'IMPATTO col
Pentagono sotto una pioggia di detriti microscopici, il mito dell'aereo crolla. E si scopre che il filmato, mandato in onda su Fox 2, di John Doe, fu costruito ad hoc per incolpare i musulmani.
La verità emerge da un tribunale francese per il quale l'operazione servì a giustificare l'inizio della guerra in Afghanistan e in Iraq. Bin Laden pare ancora vivo.

Come rivela sul Giornale, la corrispondente Fiamma Nierestein, che all'epoca si occupò della vicenda, i 59 secondi dell'episodio, mandati in onda dalla tv pubblica americana, furono un'operazione
di taglia e cuci studiata a tavolino sotto un'abile regia politica.

Ma poiché le bugie hanno le gambe corte, sette anni dopo, in nome della correttezza dell'informazione, un tribunale americano ritorna sul caso e intima al Pentagono di consegnare tutto il materiale, il
filmato completo. E, dopo questa mossa, Massimo Mazzucco, il direttore del Press Office Luogocomunensis, colui che accredita i giornalisti in tutto il mondo, esce allo scoperto e dichiara che il video fu un falso.

Così ora il Pentagono, che finora si era sempre rifiutata di farlo, dovrà consegnare alle autorità tutto il filmato (27 minuti complessivi), girato dal cameraman John Doe.

Nel video si assisteva allo scontro di un 757 invisibile, che alcuni terroristi
assaltarono in volo e , dall'altra, la risposta dei soldati dello stato ebraico, gli eroici passeggeri.
Nelle immagini si vedevano addossati ad un muro i rulli intatti investiti da una vera e propria ecatombe.
L'aereo, che sembrava fosse stato evaporato, divenne invisibile proprio grazie a quel filmato, il simbolo del martirio innocente dell'America ferita.

Il suo nome venne invocato in varie altre circostanze: quando fu assassinato il capo di stato Saddam Hussein, in un video in cui G.W.Bush reclutava combattenti e nel video-testa-di-mentula della terrorista genocida naturalizzata occidentale Wafa-n Cool.

Ma ora si scopre che i terroristi non potevano aver colpito il Pentagono perché erano in posizione laterale, mentre l'aereo è arrivato frontalmente (quindi forse dagli stessi americani).
E poi, in tutto il filmato, non si vede una goccia di sangue.

Ora, dopo sette anni di indagine, la verità sta finalmente venendo a galla.


La mutazione segue un ritmo accelerato.
Tutti quelli che linkeranno rischiano di trovarselo sempre diverso.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
Arcadia
Inviato: 5/10/2007 0:53  Aggiornato: 5/10/2007 0:53
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/5/2007
Da:
Inviati: 122
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Leggendo l'articolo, Massimo, mi e' venuta in mente, chissa' perche', la Tosca.
Quella scena in cui lei spiega a Mario che la sua fucilazione sara' una finta e che lui, appena i soldati sparano (a salve), deve cadere e fingersi morto...
Poi pero', la farsa si rivela tragedia.

Qui la sequenza sembra invertita, da tragedia a farsa.
Naturalmente, tutta la faccenda puzza di bruciato da qui alla luna. Intendo la farsa della FN, del tribunale francese, ecc. ecc. Mi sembra un'operazione come farsi il segno della croce col piede sinistro. Troppo arzigogolato. Forse proprio per questo hanno usato un linguaggio cosi' "scarno"? Per far sembrare la spiegazione un po' piu' logica?

Devo riflettere, c'e' qualche pezzo del puzzle che manca.

Marco M
Inviato: 5/10/2007 0:56  Aggiornato: 5/10/2007 0:56
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/8/2006
Da:
Inviati: 826
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Citazione:
Frasi di dieci parole al massimo, argomento ristretto a Britney Spears e Paris Hilton


Tu scherzi, ma questo gli basta a fare mezzo tg.

Due-tre sere fa il tg1 ha mandato in onda un servizio in cui ci informava di come l'ex di Paris Hilton sposerà Pamela Anderson. Emozionato per aver dato all'italico popolo televisivo la fondamentale notizia, il giornalista faceva notare come entrambe abbiano un nome che comincia per P.

Arcadia
Inviato: 5/10/2007 0:57  Aggiornato: 5/10/2007 0:57
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/5/2007
Da:
Inviati: 122
 Re: Vent’anni senza il condizionale
@ Pyter

Esilarante!

Cassandra
Inviato: 5/10/2007 1:01  Aggiornato: 5/10/2007 1:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/5/2006
Da:
Inviati: 1551
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Per me è una bella notizia e ci credo con tutte le mie forze.
Quella scena mi ha torturato, ogni volta che vedo la foto (il filmato mi rifiuto di rivederlo) mi sento male fisicamente.
Quasi non volevo leggere l'articolo per non dover rivederla ancora.

Mi auguro che i vari TGCOM e Fiamme Nirestein abbiano ragione e il bambino sia oggi grande e tiri sassi.

Tutti gli altri, che hanno fatto la fine peggiore, li immagino e mi basta e avanza.

"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)
dr_julius
Inviato: 5/10/2007 1:52  Aggiornato: 5/10/2007 2:08
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Ti ringrazio Massimo per l'articolo, di tono più leggero.
Oggi ero troppo stanco per approfondimenti più impegnativi.
Con l'ironia e il taglio mi hai fatto sorridere. (ma altrove non ti rimproveravano per il "taglio"? e tu continui a fare i "pezzi a pezzetti"? Proprio non impari mai!! )

Sinceramente spero che l'unica cosa vera sia che il bimbo ora sia bello grande e sano e... che predichi per la mediazione di pace (!).

L'argomento di per sé, invece non è affatto "leggero". E conosciamo tanti esempi... anzi, solo poche eccezioni di giornalismo "come si deve".

Proprio oggi riflettevo ulteriormente, tra me e me e con qualche esempio davanti, sulla il-logica di alcuni articoli (incoerenti anche con sè stessi) e sulle "mode" delle notizie ad ondate e auto-replicanti, capaci di contagiare tutti media (almeno in Italia).

Sono in verità tristissimi argomenti: che democrazia puoi costruire con tale assenza di qualità nell'informazione??.
La riflessione più divertente mi è capitatai qualche settimana fà: pare che da 4-5 anni sia di moda dare, con grande evidenza, la non-notizia dell'arrivo dell'autunno. Evvabé che qualche giorno notizie ce ne sono poche (?!), e dev'essere che ultimamente và così ogni 21 settembre... ma la mia signora maestra Vanna, quand'ero alla scuola elementare, mi insegnò come l'equinozio di estate fosse il 22-23 settembre.
Non mi risulta che sia stato cambiato

Questa mania dei giornalisti di anticipare sempre la concorrenza...

Grazie di avermi ospitato: mi perdonerete (con il condizionale) l'uso dei congiuntivi.




P.S.: Devo proprio dire che non penso che esistano "regie" coordinate, con la loggia segreta dei direttori giornalisti italiani.
...
..
.
Forse
.
.
Tuttavia se la notizia è bella che confezionata, la pigrizia prevarrà e consentirà di non andare a cercarne di nuove. Se non basta, si inventa o si "ricama", come fanno talvolta (spesso) al TGCOM.
(es. tipo di domanda scomoda: cosa succede ora in Myanmar? Silenzio, tutti zittiti su questo argomento.... ma nelle redazioni tutti pronti a disquisire se aprire sui "bamboccioni" di Padoa-Schioppa o su fatto che "le risorse per gli statali ci saranno", sempre secondo TPS).

Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
edo
Inviato: 5/10/2007 8:01  Aggiornato: 5/10/2007 8:01
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Vent’anni senza il condizionale
date un'occhiata a questo VERO FALSO

Willo
Inviato: 5/10/2007 9:03  Aggiornato: 5/10/2007 9:03
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/5/2007
Da: Olanda
Inviati: 62
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Ottimo il link di Edo.
Grazie!

calmino
Inviato: 5/10/2007 10:04  Aggiornato: 5/10/2007 10:04
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/9/2006
Da: bionda Sardegna
Inviati: 79
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Mi associo. Grande link di Edo. Grazie


Secoli e secoli di pensiero razionale e ancora siamo inclini all'atto di fede
Wintermute
Inviato: 5/10/2007 10:31  Aggiornato: 5/10/2007 10:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/1/2006
Da: aree riservate e protette
Inviati: 1096
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Citazione:
Due-tre sere fa il tg1 ha mandato in onda un servizio in cui ci informava di come l'ex di Paris Hilton sposerà Pamela Anderson. Emozionato per aver dato all'italico popolo televisivo la fondamentale notizia, il giornalista faceva notare come entrambe abbiano un nome che comincia per P.


il tg1 sta prendendo lezioni da personaggi di bel altro calibro e levatura.
guarda:


http://odiostudioaperto.blogspot.com/

in una recente intervista (di alta qualità, of course):

bagasciaditurno: "Voglio fare l'attrice"
giornalista: "L'attrice di cosa?"
bagasciaditurno: "Dei film"

geniale!



---edit---
ho letto ora il link proposto.
penso non ci sia nulla da commentare,
grazie per questi importanti documenti (salvateveli in locale, non si sa mai)

Salvo il mondo...
ma con quale estensione?
Freeman
Inviato: 5/10/2007 10:35  Aggiornato: 5/10/2007 10:35
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Vent’anni senza il condizionale
edo, grazie per aver postato il link.

Mi ha interessato la parte del "servizio antibufala", che guarda caso si occupa ancora una volta di un caso controverso, da cui Israele non esce bene.
Chissà il servizio anti-bufala cosa avrebbe da dire su questo articolo di TGCom...

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Redazione
Inviato: 5/10/2007 10:36  Aggiornato: 5/10/2007 10:36
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Vent’anni senza il condizionale
PYTER: Come minimo da te ci aspettiamo ora un articolo....

L'argomento sceglilo tu.

BlSabbatH
Inviato: 5/10/2007 11:21  Aggiornato: 5/10/2007 11:21
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/9/2005
Da: Bergamo
Inviati: 837
 Re: Vent’anni senza il condizionale
un pò di sano umorismo per rallegrare la giornata

-- Under capitalism, man exploits man. Under communism, it's just the opposite. -- J.K. Galbraith
Ghilgamesh
Inviato: 5/10/2007 11:23  Aggiornato: 5/10/2007 11:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/10/2005
Da:
Inviati: 3001
 Re: Vent’anni senza il condizionale
"MUTAZIONE IN PARALLELO (Falso dilemma in versione ipotetica): Ora possiamo invece affermare con tranquillità che il bimbo, “che sembrava fosse stato ucciso”, “pare ancora vivo” [sta nel 2° paragrafo]. "

Bwahahahahahahahahahaha

E' mezz'ora che ce rido!

pask
Inviato: 5/10/2007 11:55  Aggiornato: 5/10/2007 11:55
So tutto
Iscritto: 3/6/2006
Da: Napoli
Inviati: 19
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Citazione:
Vent’anni a pane e indicativi, senza il condizionale. Frasi di dieci parole al massimo, argomento ristretto a Britney Spears e Paris Hilton, uso del congiuntivo limitato a mezz’ora settimanale. Rigoroso isolamento verbale.


Parli di Studio Aperto?

"La violenza è l'ultimo rifugio degli incapaci" Salvor Hardin...
Pyter
Inviato: 5/10/2007 12:17  Aggiornato: 5/10/2007 12:30
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Vent’anni senza il condizionale
PYTER: Come minimo da te ci aspettiamo ora un articolo....

L'argomento sceglilo tu.


Come minimo .... un articolo.
E come ... Massimo ?

Accidenti, Massimo, mi prendi di sorpresa.
Non pensavo di arrivare al bonus dopo solo 23 post!!

Ma davvero posso veramente davvero veramente posso ?

A parte gli scherzi, parli sul serio?

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
SMU
Inviato: 5/10/2007 12:19  Aggiornato: 5/10/2007 12:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/1/2007
Da:
Inviati: 158
 Re: Vent’anni senza il condizionale
sull'argomento se ne era discusso già in un recentissimo tread...
se massimo consente...riposto la stesa risposta

"La verità emerge da un tribunale francese per il quale l'operazione servì a giustificare l'inizio della 2° Intifada."

...in verità la seconda intifada comincia diversamente...cito e linko wikipedia..
http://it.wikipedia.org/wiki/Seconda_intifada

La Seconda Intifada iniziò il 28 settembre del 2000, dopo una visita dell'allora capo del Likud Ariel Sharon che compì una passeggiata sulla spianata delle moschee, luogo sacro per i musulmani, situato nelle vicinanze della città vecchia di Gerusalemme. Questo è un luogo da sempre reclamato sia dagli Ebrei, perché insistente sul preteso Tempio di Salomone, sia dai musulmani, essendo il luogo dal quale Maometto sarebbe asceso al Paradiso nel suo miʿrāj. La palese provocazione, con cui Sharon intendeva sottolineare la piena sovranità israeliana, scatenò quella che è passata alla storia come "Seconda Intifada".
...e più sotto...
"Questo fu il casus belli, ma i veri motivi vanno ricercati nei fallimenti dei trattati di pace di Oslo del 1993, a causa della morte violenta dell'allora Primo Ministro israeliano Yitzhak Rabin da parte di un oltranzista israeliano, nella svolta a destra dei governi israeliani e nella crescita esponenziale dei gruppi estremistici in Palestina (Ḥamās, Jihād Islamica, etc.).
Con il fallimento degli accordi di Sharm al-Shaykh del 1999, la situazione si è deteriorata in maniera ulteriore.....

per quanto attiene Fiamma Nierstein...quoto Massimo ed Enrico e vi riporto il link di un articolo del 2004 di M. Blondet che si occupa proprio della giornalista filo-israeliana (http://www.aljazira.it/index.php?option=content&task=view&id=376)...e vi linko anche questo articolo http://clubtiberino.blogspot.com/2007/06/fiamma-nirenstein-3-euro-anzich-2050.html in cui Antonio Caracciolo esamina e critica il libro della Fiammetta "L'abbandono, come l'occidente ha tradito gli ebrei"...tanto per dire che la sua è un opinione del tutto di parte...e per dirla come Francesco7 "..la storia di Martin Luter King.E' davvero indicativa di un certo modo di fare giornalismo militante che pur di far valere le proprie tesi "storiche" non esita a ricorrere al falso d'autore."

...sul video della morte del bambino c'è comunque una attenta disanima (ritengo di parte)..su you tube http://www.youtube.com/watch?v=pOwZ8wgV7I4 ...ma fondamentalmente una speculazione dato che Al-Durah non è che solo uno delle migliaia di bambini e civili vittime del conflitto arabo-israeliano sia da una parte che dall'altra...

...a buon intenditor, poche parole...
Freeman
Inviato: 5/10/2007 12:23  Aggiornato: 5/10/2007 12:27
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Vent’anni senza il condizionale
@ BlSabbatH

"Dal problema dell’alfabetizzazione multimediale, alla difficoltà per il fruitore di riconoscere l’autorevolezza di una notizia. Il giornalista è la guida sicura."

Muahahahahaha, certo che come umorismo è valido, per ridere fa ridere.
Perlomeno finché non ti coglie il sospetto che lo dicano seriamente O_O

Infatti, sempre dallo stesso link:

"Il Tgcom non vuole essere solo un sito ma è arricchito dai video, dai messaggi, dalla telefonia, dalla televisione. Il portale interagisce contemporaneamente su campi differenti. Noi trasferiamo, attualmente, i contenuti del portale in televisione, la prossima scommessa è, invece, realizzare attraverso internet una vera e propria televisione su banda larga."

L'assalto alla diligenza è in corso.

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Giacula
Inviato: 5/10/2007 12:45  Aggiornato: 5/10/2007 12:48
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/11/2005
Da:
Inviati: 215
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Citazione:
citazione-

Vent’anni a pane e indicativi, senza il condizionale. Frasi di dieci parole al massimo, argomento ristretto a Britney Spears e Paris Hilton, uso del congiuntivo limitato a mezz’ora settimanale. Rigoroso isolamento verbale.



Parli di Studio Aperto?

Purtroppo credo si riferisse a TUTTA la televisione e a TUTTI i giornali.....

Saluti.

Linucs
Inviato: 5/10/2007 13:36  Aggiornato: 5/10/2007 13:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Domanda di carattere generale: sono tenuto a farmi prendere per il culo da tutti gli -stein, i -witz, i -berg e i -man per legge, oppure è ancora un'attività facoltativa?

Perché se sono autorizzato a dubitare del bambino palestinese massacrato per finta, magari posso anche dubitare del vecchio rincoglionito che racconta di aver vissuto da solo nei boschi, all'età di quattro anni, dopo aver accoppato quaranta SS a mani nude dopo essere stato addestrato da un monaco Shaolin. "Mio figlio ha casualmente raccolto le mie memorie in un best-seller", certo, e la Madonna è vergine.

Altra domanda di carattere generale: di fronte alla massa coesa di pagliacci che difendono i loro porci e laidi interessi a forza di menzogne, spacciate dagli stessi "media" che fino all'altro ieri erano "filo-arabi" (!), prima o poi ci possiamo anche incazzare e chiamare le cose con i loro rispettivi porci nomi oppure dobbiamo far finta di niente perché "siamo ancora in debito?"

Me lo chiedo perché sarei stanco di essere in debito con la feccia e gradirei ogni tanto poter mandare affanculo qualcuno utilizzando i termini più appropriati alla circostanza, senza il consueto giro di parole.

A mio modesto avviso qualcuno dovrebbe darsi una robusta calmata, altrimenti non c'è Mastella che tenga.

Ora, dopo sette anni di indagine, la verità sta finalmente venendo a galla.

E io dovrei farmi fare la morale da una manica di carogne che ha come occupazione principale lo svuotare caricatori sui pargoli di tre anni?

Dobbiamo far finta di essere cretini ancora per molto?

Devo ancora scrivermi IMBECILLE sulla fronte col pennarello per far contenti informazionecorretta.com e l'Allegra Compagnia Katzinkulenberg?

Pyter
Inviato: 5/10/2007 14:38  Aggiornato: 5/10/2007 14:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Linucs:
"...oppure dobbiamo far finta di niente perché "siamo ancora in debito?"


Siamo ancora in debito?
Qui ci vuole qualcuno che faccia i conti e tiri le somme.

Mmmm...vediamo un pò...a chi lo possiamo far fare...potrei farlo io,
basta una piccola inversione di ruoli.
Ammettiamo che io sia un contabile... troppo poco?... un banchiere và,
e magari ebreo...in modo da acquisire subitaneamente autorevolezza...

E adesso facciamo i conti...
mmm...mumble...mumble...cazz...sei milioni sono sei milioni...magari
non tutti potrebbero essere d'accordo sulla cifra, ma d'altronde abbiamo già stabilito la mia autorevolezza, quindi procediamo...

...vediamo...i morti in afghanistan son ...ventimila...
...e poi con tutti i campi di oppio che ci sono come si fa a rimanere lucidi
mentre si conta...

...gli iracheni accertati sono...aggiungo questo-riporto cinque...questo non l'abbiamo trovato...questo è morto di spavento quando è arrivato Bush..., fanno in tutto 796....che sommati agli altri fanno...

Cazz...Linucs, siamo in debito!

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
redna
Inviato: 5/10/2007 16:06  Aggiornato: 5/10/2007 16:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Pyter
cito-
Cazz...Linics,siamo in debito!
---
Dipernde da dove si guarda.
Se per sei milioni di (cosiddetti) ebrei si è fatta una guerra con complesssive perdite umane di 50 milioni e passa di persone, mi sembra che il conto torni...eccome...
Se invece si guarda a quello che succede ora nelle varie parti del mondo dove ci sono i conflitti, è vero, si sta ancora pagando.
La rubrica 'cessate il fuoco' su www.peacereporter.net, ogni settimana mette i morti suddivisi nelle varie guerre.
Questa settimana sono complessivamente 998.
Stiamo pagando anche gli interessi?
E allora vai...facciamo guerra come c...zo ci pare!!!!

PS-l'raq con 24.586 ha pagato sufficientemente,o dobiamo aspettare il contabile????

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
ambra
Inviato: 5/10/2007 16:22  Aggiornato: 5/10/2007 16:22
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/11/2006
Da: cagliari
Inviati: 246
 Re: Vent’anni senza il condizionale
MM permettimi una sciocchezza linguistica a proposito dell'articolo, almeno è dichiarata:

Troppu togu!!!

To' , ci voleva.


Il resto non lo commento nemmeno, hai già detto benissimo.




P.S.: Un solo piccolo appunto in tema grammaticale, per nessuno in particolare, ma che ricorre spesso :

Un altro

Un'altra


Qualcun altro

Qualcun'altra

Ok?



Chiedo scusa, ma quando ci inciampo mentre leggo divento idrofoba


ambra
--------------------------------------------------------------------------------------------------

Saludi e Trigu!
Pyter
Inviato: 5/10/2007 16:43  Aggiornato: 5/10/2007 16:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Pyter
cito-
Cazz...Linics,siamo in debito!
---
Dipernde da dove si guarda.
Se per sei milioni di (cosiddetti) ebrei si è fatta una guerra con complesssive perdite umane di 50 milioni e passa di persone, mi sembra che il conto torni...eccome...
Se invece si guarda a quello che succede ora nelle varie parti del mondo dove ci sono i conflitti, è vero, si sta ancora pagando.
La rubrica 'cessate il fuoco' su www.peacereporter.net, ogni settimana mette i morti suddivisi nelle varie guerre.
Questa settimana sono complessivamente 998.
Stiamo pagando anche gli interessi?
E allora vai...facciamo guerra come c...zo ci pare!!!!

PS-l'raq con 24.586 ha pagato sufficientemente,o dobiamo aspettare il contabile????



Scusa,Redna, io sono d'accordo con te.
La mia era soltanto una risposta retorica a Linucs
tesa a dimostrare attraverso l'ironia le stesse cose che dici tu.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
cirocat
Inviato: 5/10/2007 16:43  Aggiornato: 5/10/2007 16:43
Ho qualche dubbio
Iscritto: 31/7/2007
Da:
Inviati: 157
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Pyter, nel conteggio che stai facendo, il milione di tutsi e hutu , uno dei peggiori genocidi compiuto nella più totale indifferenza di tutti i governi e specialmente di quelli esportatori di democrazia dove li metti ? a debito o a credito?

Chiedo il tuo parere in quanto , da oggi , sei banchiere , ebreo e giornalista ,quindi il tuo giudizio sarà comunque insindacabile.

Purtroppo il bambino palestinese è morto ,la mia convinzione si basa solo su un fatto, NESSUNO PUO' RECITARE IN QUEL MODO.

Pyter
Inviato: 5/10/2007 16:51  Aggiornato: 5/10/2007 16:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Pyter, nel conteggio che stai facendo, il milione di tutsi e hutu , uno dei peggiori genocidi compiuto nella più totale indifferenza di tutti i governi e specialmente di quelli esportatori di democrazia dove li metti ? a debito o a credito?

Ma ce l' avete con me, oggi ?

Il mio post non era serio ! E' IRONICO!
Do you understand questa parola: IRONIC, BUFFONATA,
JUST A JOKE !!?

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
calmino
Inviato: 5/10/2007 16:52  Aggiornato: 5/10/2007 16:52
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/9/2006
Da: bionda Sardegna
Inviati: 79
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Citazione:
P.S.: Un solo piccolo appunto in tema grammaticale, per nessuno in particolare, ma che ricorre spesso :
Un altro
Un'altra
Qualcun altro
Qualcun'altra


... scusa ambra hai ragione... ma hai notato il 3d? "Vent'anni senza il condizionale".... figurati gli apostrofi!
Scusa la freddura!
ciau cumpangia


Secoli e secoli di pensiero razionale e ancora siamo inclini all'atto di fede
dr_julius
Inviato: 5/10/2007 17:14  Aggiornato: 5/10/2007 17:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: Vent’anni senza il condizionale
@Ambra

E come fai a leggere/reggere l'Unione e la Nuova?!?

ciau!

Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
erik
Inviato: 5/10/2007 17:19  Aggiornato: 5/10/2007 17:19
Mi sento vacillare
Iscritto: 1/10/2007
Da:
Inviati: 430
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Se provo a vedere il link di Edo mi esce questo:

"Your Attention please

You have been blocked from entering this site.

You have attempted to bypass the Filter System on this site.

All of the following information has been gathered to assist the webmaster should this need to be reported to local or federal law enforcement.

If you think this is a mistake you can contact the site webmaster at amministratore (at)infopino(dot)ch."

Mi sono un po' offeso.

ambra
Inviato: 5/10/2007 17:22  Aggiornato: 5/10/2007 17:22
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/11/2006
Da: cagliari
Inviati: 246
 Re: Vent’anni senza il condizionale
dr_julius
E come fai a leggere/reggere l'Unione e la Nuova?!?

Cosa ti fa pensare che riesca a reggerli?
Se proprio è necessario li subisco


@calmino
ma hai notato il 3d? "Vent'anni senza il condizionale".... figurati gli apostroffi!


E infatti, proprio un 3d come questo aspettavo!!

A si biri a tottus

ambra
--------------------------------------------------------------------------------------------------

Saludi e Trigu!
ambra
Inviato: 5/10/2007 17:24  Aggiornato: 5/10/2007 17:24
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/11/2006
Da: cagliari
Inviati: 246
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Ooops, naturalmente intendevo "apostrofi", ..........

ambra
--------------------------------------------------------------------------------------------------

Saludi e Trigu!
cocis
Inviato: 5/10/2007 17:33  Aggiornato: 5/10/2007 17:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/1/2006
Da: V
Inviati: 1430
 Re: Vent’anni senza il condizionale
fra un pò diranno che la famiglia di palestinesi uccisi da un missire sparato da un elicottero di israele .. in realtà si erano tolti la vita da soli...

florizel
Inviato: 5/10/2007 18:12  Aggiornato: 6/10/2007 2:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Citazione:
ditemi se riuscite a trovare un solo passaggio logico nella vertiginosa sequenza di MUTAZIONI GENETICHE da cui è costituito.


Un'operazione "chirurgica" grossolana e spicciativa che ci si può permettere solo grazie al fatto di avere le spalle ben coperte dal potere che si sostiene e a cui ci si è venduti.

Volendo fare un parallelo con la "propaganda bellica" nazista, ricordano gli orrori ai danni degli stessi ebrei; cose degne solo della più putrida gentaglia.

Ovviamente, la sequela di stronzate scritte rientra nella strategia del "nemico" sempre pronto a fottere, guarda caso, non solo il SIONISTA, all'occasione magicamente ri-epitetato l'EBREO, ma l'OCCIDENTALE in genere.

Le mutazioni genetiche le applicano all'informazione come le applicano alla realtà.
E' quanto risulta dalla lettura di questo capolavoro di demagogia salottiera da quattro soldi:

Israele Occidente, destini intrecciati.

"In mezzo a tutti gli “ ismi “ criminali che hanno marchiato a sangue il secolo passato, solo uno ha lasciato una eredità di valori democratici, il sionismo, il movimento risorgimentale che ha portato alla rinascita dello Stato ebraico. Che però ci viene presentato dalla disinformazione dilagante come un insieme di errori e di illegittimità, con lo scopo dichiarato, persino spudoratamente, di arrivare alla cancellazione di Israele dalle carte geografiche."

Ditemi se si può autorizzare gente simile a scrivere robe del genere,
con tutta la terra irachena da sminare e bonificare, e le case dei palestinesi da ricostruire.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
redna
Inviato: 5/10/2007 18:32  Aggiornato: 5/10/2007 18:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Vent’anni senza il condizionale
C'è d consolarci che la recensione del libro della fiamma (....) è stata fatta su "libero".
Libero con la fiamma c'è sempre andato d'accordo...

Quello che ci sta dicendo la fiamma è che israele siamo noi.
Ma che sia lei, israele.
Perchè mi devo scomodare io o gli altri europei?

cito-
Ditemi se si può atuorizzare gente simile a scrivere robe del genere.
---
Ma io penso che gente simile non l'autorizza nessuno.
Si è già lei auto-autorizzata e questo basta.E la stampa pubblica anche str....te.
Strano però, il dio degli eserciti non è che va molto d'accordo con le donne.
Non capisco questo schieramento....Qualche estintore in arrivo, anche per la fiamma?
Anche perchè uno "stato"grande quanto la toscana che da "istruzioni"ad un continente (l'europa) di come deve fare....

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
cirocat
Inviato: 5/10/2007 22:21  Aggiornato: 5/10/2007 22:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 31/7/2007
Da:
Inviati: 157
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Pyter, nessuno c'è l'ha con te , il tono ironico dei tuoi commenti è chiaro (fra l'altro divertenti) , ma pure io non scrivevo seriamente, capirai se mi fido del parere di unBANCARIO, EBREO,aspirante GIORNALISTA

Freeman
Inviato: 5/10/2007 22:31  Aggiornato: 5/10/2007 23:16
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Flo, te possino, la lettura di quell'articolo mi ha costretto a prendere una pila di antiemetico...

"In mezzo a tutti gli “ ismi “ criminali che hanno marchiato a sangue il secolo passato, solo uno ha lasciato una eredità di valori democratici, il sionismo, il movimento risorgimentale che ha portato alla rinascita dello Stato ebraico. Che però ci viene presentato dalla disinformazione dilagante come un insieme di errori e di illegittimità, con lo scopo dichiarato, persino spudoratamente, di arrivare alla cancellazione di Israele dalle carte geografiche."

[autorimosso]

"Israele siamo noi, ci dice, noi europei che in questi anni abbiamo costruito i nostri paesi sulla pace e sul progresso economico, difendendo diritti umani e civili. Proprio come ha fatto Israele."

Indubbiamente, siete "voi", e credo di potere affermare che vi meritate a vicenda, quando si parla di paladini di diritti umani riferendosi ad uno stato razzista e basato sulla xenofobia.

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Paulo
Inviato: 5/10/2007 23:06  Aggiornato: 5/10/2007 23:06
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/12/2005
Da:
Inviati: 507
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Complotto, complotto!



Trattasi di una mutazione della Nirenstein, una messa in scena a scopo propagandistico.
Mi pare evidente che non c'è proprio traccia di sangue!

Pyter
Inviato: 5/10/2007 23:32  Aggiornato: 5/10/2007 23:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 15/9/2006
Da: Sidonia Novordo
Inviati: 6250
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Pyter, nessuno c'è l'ha con te , il tono ironico dei tuoi commenti è chiaro (fra l'altro divertenti) , ma pure io non scrivevo seriamente, capirai se mi fido del parere di un BANCARIO, EBREO,aspirante GIORNALISTA

BANCHIERE, cirocat, BANCHIERE.
Rinuncio a fare... l'aspirante giornalista, se non ti fidi.
Faccio solo... il giornalista.

"Nessuno ha il diritto di fare quel che desidera, ma tutto è organizzato per il meglio." (Antico decreto reale tolemaico)
redna
Inviato: 5/10/2007 23:35  Aggiornato: 5/10/2007 23:41
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Vent’anni senza il condizionale
anche qui su www.dagospia.com, potete vedere che non ci sono tracce di sangue. Ma il titolo è giusto quello che sta bene, ad un personaggio simile.Altra trasformazione?

PS-Pyter ho capito che tutto era ironico...ma si parlava di morti.
E continuano anche ....ciao

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
florizel
Inviato: 6/10/2007 2:23  Aggiornato: 6/10/2007 13:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Citazione:
la lettura di quell'articolo mi ha costretto a prendere una pila di antiemetico...


Turbonegro, io sto vomitando ancora...

Antiemetico ne hai ancora? Questo è peggio del primo, se è possibile.

Il nuovo antisemitismo.

In questo articolo, l’autrice dichiara di essere stata definita una persona crudele e insensibile, che nega i diritti umani e alla quale non importa nulla della vita dei bambini palestinesi.

E dovendo rispondere ad uno scrittore israeliano molto famoso che le chiedeva se fosse diventata “di destra”, la stessa si stupisce di tale domanda, affermando che una vecchia femminista come lei, attivista dei diritti umani, addirittura comunista in gioventù, viene dichiarata di destra solo perché racconta il conflitto arabo-israeliano” più accuratamente” possibile e per la sua identificazione con Israele, attaccato dal terrorismo “continuamente”.

Poverella.

Notare il "passaggio", o meglio la fusione, dal concetto di "ebraismo" a quello di "sionismo", quasi automatico:

"Quando parlo di antisemitismo, non mi riferisco alle legittime critiche rivolte contro lo Stato di Israele, bensì all’antisemitismo puro e semplice, talvolta accompagnato anche da critiche: criminalizzazione, stereotipi e menzogne specifiche o generiche, che da menzogne sugli ebrei (cospiratori, assetati di sangue, dominatori del mondo) hanno ampliato il loro raggio e sono diventate menzogne su Israele (Stato cospiratore e sfrenatamente violento), in modo addirittura brutale soprattutto a partire dalla seconda Intifada, nel settembre del 2000, e assumendo una ferocia sempre maggiore dall’inizio dell’operazione Chomat Magen, «Muro difensivo», quando l’esercito israeliano è rientrato nelle città palestinesi per rispondere agli attacchi terroristici."

La loquace giornalista (!), pur asserendo che le critiche contro lo stato di israele sono "legittime", le delegittima facendo esattamente ciò che fa lo stato sionista: identifica le sofferenze del popolo ebraico con il sionismo.
Ossia: prima perseguitavano gli ebrei in quanto tali, oggi li perseguitano in quanto sionisti. Quindi, secondo questa tesi: tutti gli ebrei NON sionisti, non sarebbero ebrei...

La prima grande mutazione genetica è avvenuta ai danni dello stesso popolo ebraico, costretti ad un martirio propagandistico senza fine, affinchè il sionismo possa continuare il suo laido compito.

Tenetevi forte, questa è tremenda:

l'autrice dell'articolo afferma che sè vero che Israele è l’obiettivo principale degli attacchi antisemiti, è proprio su israele che andrebbe concentrata la "nostra" attenzione, e che ad essere giudicato dev'essere il carattere morale della persona che se mente su Israele, ricoprendo lo stato sionista di pregiudizi, quella persona è un antisemita. Se si è "prevenuti" nei confronti di israele, si è "contro gli ebrei". Poi afferma che tutto questo non implica che sia proibito criticare israele e la sua politiche, ma che molto poco di quello che si afferma su israele rappresenta una critica lucida nei suoi confronti (di israele).

Infine, aggiunge che chi, a sinistra, definisce gli eventi di Jenin un massacro, corre il rischio di essere un antisemita, proprio come gli antisemiti che si "finge" di criticare (anzi, di "odiare", nel testo).

L'articolo sopra citato è un vero e proprio "saggio" su come si manipolano non solo le notizie, ma anche la "politica". E sulle "mutazioni genetiche" dello stesso sionismo alle sue vere origini.
Come la Fallaci (Allah l'abbia in gloria) anche la Nirenstein ha avuto i suoi trascorsi a "sinistra", verso la quale oggi si colloca in maniera "critica". E la cosa è perfettamente coerente, se inquadrata nell'ottica utilitaristica della strumentalizzazione politica prima degli ebrei ed oggi dei palestinesi.

E non è finita.

Qui, un'altra "bufala" scoperta dall' attivissima giornalista.

"Ha fatto il giro del mondo la foto del palestinese che ha dovuto suonare il violino al posto di blocco israeliano. Bene: ora sappiamo che chi ha diffuso questa foto, o l’ha anche solo guardata, è un antisemita. I giornali (antisemiti) non hanno detto tutto: “il palestinese ha suonato di sua spontanea volontà”.

Dobbiamo la rivelazione a Fiamma Nirenstein, corrispondente da Israele per La Stampa. L’ha fatto al convegno “Antisemitismo – minaccia per la democrazia” organizzato a Roma dal Ministero degli Esteri di Fini, dal Foglio di Wolfowitz-Ferrara e dall’Anti-Defamation League. Il convegno non ha avuto solo lo scopo di smascherare gli antisemiti annidati nei media, ma di prepararsi a processarli per delitto di pensiero (“psicoreato”, in neolingua orwelliana). Il convegno romano infatti è parte di una vasta operazione di lobby, promossa dal governo Sharon, per far tacere in Europa ogni critica al suo modus operandi.

(...)

Il 12 dicembre scorso è morta Rana Syiam, bambina palestinese di 7 anni. Mentre era a tavola coi suoi, l’ha uccisa un cecchino israeliano che ha mirato alla testa. Questo genere di notizie sta per essere vietato: antisemitismo. L’informazione corretta, autorizzata dal colonnello Nirenstein, è: la bambina è morta di sua spontanea volontà. Del resto, era già di salute cagionevole."


La firma è di Blondet.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
Freeman
Inviato: 6/10/2007 8:42  Aggiornato: 6/10/2007 8:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Beh, il passaggio "automatico", l'identificazione tra antisemitismo ed antisionismo è la nuova frontiera del sovvertimento della logica.
Del resto, "se l'ha detto anche Napolitano sarà vero".

Questo passaggio è una perla da incorniciare:

"Quando parlo di antisemitismo, non mi riferisco alle legittime critiche rivolte contro lo Stato di Israele, bensì all’antisemitismo puro e semplice, [...] da menzogne sugli ebrei (cospiratori, assetati di sangue, dominatori del mondo) hanno ampliato il loro raggio e sono diventate menzogne su Israele (Stato cospiratore e sfrenatamente violento), in modo addirittura brutale soprattutto a partire dalla seconda Intifada, nel settembre del 2000, e assumendo una ferocia sempre maggiore dall’inizio dell’operazione Chomat Magen, «Muro difensivo», quando l’esercito israeliano è rientrato nelle città palestinesi per rispondere agli attacchi terroristici."

Quindi, se ho capito bene:
1. le critiche rivolte ad Israele possono anche essere legittime;
2. tuttavia, le critiche principalmente rivolte ad Israele, e basate sui fatti, cioè di essere uno "Stato cospiratore e sfrenatamente violento", vengono bollate a monte come "menzogne" dalla insigne giornalista (senza peraltro motivare questa sua convinzione, ma in un mondo in cui le opinioni prevaricano i fatti, dovremmo esserci abituati);
3. si evince che ogni critica rivolta ad Israele è una menzogna, e quindi ogni persona critica verso Israele è un antisemita.

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
calmino
Inviato: 6/10/2007 10:15  Aggiornato: 6/10/2007 10:15
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/9/2006
Da: bionda Sardegna
Inviati: 79
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Turbonegro:
Citazione:
3. si evince che ogni critica rivolta ad Israele è una menzogna, e quindi ogni persona critica verso Israele è un antisemita.


E' proprio così turbo... e la signora Nirenstein dovrebbe arricchire la sua lista nera degli "antisemiti" con questi due bei nomi: Amira Hass e Gideon Levy, entrambi cittadini israeliani nonché columnist del quotidiano Haaretz (ma ce ne sarebbero un'infinità di altri di nomi così).

Ecco alcune perle antisemite di Levy che mi è capitato di tradurre nell'ultimo anno:

«Ci vorranno dagli 8 ai 14 mesi per riparare la centrale elettrica della striscia di Gaza, distrutta da un raid aereo israeliano il 28 giugno e per riportare l'energia elettrica a pieno servizio in tutta la regione. L'organizzazione per i diritti umani israeliana B'Tselem ha accusato l'esercito israeliano di crimini di
guerra per il bombardamento della centrale. B'Tselem afferma che il bombardamento era illegale e rientra fra i crimini di guerra secondo i trattati
internazionali umanitari, dato che l'attacco era diretto a colpire obiettivi esclusivamente civili. Non c'era alcun motivo militare che gustificasse un'azione che sembra invece mirata a soddisfare un desiderio di vendetta.»

«Come chiamare una nazione che non si vuole neppure sedere al tavolo delle trattative con un capo di stato che propone pubblicamente un piano di pace? Come definire il rifiuto di Israele di considerare le proposte di pace del presidente della Siria?» si domanda Gideon Levy sul quotidiano di Tel Aviv HAARETZ. «Israele non vuole la pace con la Siria: non ci sono giri di parole o artifici verbali che possano negare questa inequivocabile verità. Si è formato un asse dell'intransigenza in Medioriente: Israele ed Usa che dicono “no” e basta alla Siria. Non è solo l'Iran a nuocere alla pace nel Medioriente, c'è anche Israele, sarebbe meglio per noi se lo ammettessimo.»

E ancora l'articolo "Piccoli Ahmadinejad" (ovvero certi suoi compatrioti) dell'11 giugno, troppo lungo per riportarlo qui, lo tradussi per donchisciotte:
http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=3455
e in originale:
http://www.haaretz.com/hasen/spages/868829.html

E quell'altra antisemita di Amira Hass il 26 aprile, ancora su Haaretz, scrive:
«Parlare pro o contro il cessate il fuoco serve a quel quadro della realtà distorto messo su da Israele fin dal settembre 2000 secondo il quale i palestinesi sono gli aggressori e Israele, attaccato, si difende e risponde» scrive in un'editoriale sul quotidiano di Tel Aviv HAARETZ Amira Hass. «Sabato e domenica, prima che i palestinesi "rompessero la tregua", i soldati dell'esercito israeliano hanno ucciso nove palestinesi. Fra loro una ragazza di 17 anni, un ragazzino di 15 e un poliziotto, Mohamed Abed, 23 anni, che osservava dal tetto della sua casa e che non era coinvolto in nessuna "battaglia". Secondo i resoconti dei media, l'esercito, che cercava un militante della Jihad, sostiene che i militari avrebbero ingiunto agli abitanti della casa assaltata di uscire mentre la ragazza sarebbe inspiegabilmente rimasta dentro. Ma questo non è vero, dicono i residenti del campo profughi. Sia i genitori che la figlia Bushra erano in casa quando quest'ultima è stata sparata alla testa. Il fratello ricercato non è stato trovato. Nel raid di domenica a Deir Abu Masha'al, villaggio a nord di Ramallah, le forze israeliane chiudono gli ingressi al villaggio e impongono il coprifuoco. I più giovani, fra cui Khaled Zahran, 15 anni, tirano pietre. L'esercito spara, Zahran è colpito a morte. Cinque delle vittime erano miliziani della Jihad o di Fatah, uccisi a Jenin e Nablus in raid routinari. A nessuno importa sapere se si intendeva davvero arrestarli o se si voleva condannarli a morte senza processo.»

Questi individui sono antisemiti, secondo la fiamma tricolore stellata?
Ecco, per contro, un bell'esempio di una scrittura equilibrata da contrapporre a Hass e Levy:

“Se non le travi dei tetti,
distruggi le fondamenta...
Attacca il Libano e Gaza
coll’aratro e col sale,
distruggili così che non rimanga nessuno.
Trasformali in sterile deserto,
in un ammasso di macerie...
uccidili, spilla il loro sangue,
terrorizza i vivi”

Così scrive il poeta Ilan Scheinfeld, "che di recente ha pubblicato un romanzo il cui boicottaggio non è stato invocato da nessuno" come lamentava Gideon Levy.
... mi vengono in mente le parole di quella canzone di De Gregori "i poeti, che brutte creature"... come le fiamme, aggiungo io, brutte creature pure loro.


Secoli e secoli di pensiero razionale e ancora siamo inclini all'atto di fede
Freeman
Inviato: 6/10/2007 10:57  Aggiornato: 6/10/2007 11:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Calmino,
non vorrai mica insinuare che "l'unico baluardo di democrazia in medio-oriente" operi la censura a senso unico?
;)

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
redna
Inviato: 6/10/2007 11:15  Aggiornato: 6/10/2007 11:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Vent’anni senza il condizionale
calmino
cito-
Così scrive il paeta Ilan Scheinfeld....
---
Ma prima del poeta c'è stato qualcun altro che ha "ispirato" i popoli nomadi di ceppo asiatico, stanziatisi in medioriente: il dio degli eserciti .
Se andate a leggervi, nella bibbia. in che modo aizza il popolo e cosa promette in cambio resterete meravigliati....
Allora dovevamo vomitare anni fa, prendere emetici molto tempo fa...
Ora dobbiamo solo constatare a che punto hanno portate certe credenze, ispiratesi a dei libri di cui non si conosce l'autore, dalle quali nessuno sa uscirne.Anche se storicamente, e in molti lo sanno, quello che dicono è pura menzogna.
Ma è meglio fare musei all'olocausto piuttosto che fare ricerche delle "vere orgini dei popoli nomadi" che poi hanno dato l nome di israele.
Vedere se l'esodo è stato veramente come è descritto e anche la conquista di canaan (motivi principali per reclamare un loro stato ebraico) è stata storicamente documentata.
La menzogna che si perpetua va avanti.E le varie fiamme continuano integerrime a pensare che il loro dio porebbe tornare.
Fantasmi che ritornano, fiamme che qualcuno vuole ancora vive, mentre attorno seminano morte perche il loro dio ritorni col terzo tempio.
Nelle città europee quando prendevano il potere i giudei venivano allontanati.Ora probabilmente la fiamma si auspica che avvenga il contrario...
E qui da noi,in posti istituzionalmente elevati, qualcuno da anche corda...

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
edo
Inviato: 6/10/2007 21:32  Aggiornato: 6/10/2007 21:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Vent’anni senza il condizionale
vi anticipo una notizia di cui sentirete ampiamente parlare sia sulle tv che sui giornaletti di questa penosissima parte d'occidente.


Gruppi di ebrei estremisti israeliani hanno invaso la moschea al-Aqsa e hanno tentato di praticare riti religiosi.
Agenzia Stampa Infopal.it



Gerusalemme occupata, 4 oootbre 2007

Ieri, gruppi di coloni israeliani hanno invaso la moschea di al-Aqsa (la terza moschea per importanza in tutto il mondo) e hanno girato per la piazza tenendo in mano cartine del presunto antico tempio e hanno tentato di praticare riti talmudici. La polizia israeliana ha invaso l'area per garantire la protezione di questi gruppi.

Tuttavia, i palestinesi in preghiera dentro la moschea sono riusciti a spingere i coloni fuori dai cancelli della moschea.

Nella moschea si è diffuso un clima di tensione e di rabbia per l'intrusione.

Dalle prime ore del mattino, questi gruppi di estremisti avevano invaso la moschea dalla porta dei Magrebini, "una delle porte della moschea al-Aqsa", di cui le forze di occupazione hanno sottratto la chiave a seguito della guerra del 1967.

Da allora, la moschea è obiettivo continuo di coloni ultra-ortodossi.

Testimoni oculari hanno aggiunto che membri delle forze israeliane hanno invaso la moschea di al-Aqsa per proteggere gli estremisti ebrei, ma l’opposizione dei palestinesi in preghiera ha costretto gli estremisti ebrei ad uscire subito dalla moschea attraverso la porta dei Maghrebini.

Dopo aver appreso la notizia dell’invasione, molti cittadini palestinesi di Gerusalemme si sono recati in moschea per la preghiera di mezzogiorno e si sono riuniti nel piazzale per respingere qualsiasi altro tentativo di invasione.







:: Article nr. s7399 sent on 06-oct-2007 18:11 ECT


www.uruknet.info?p=s7399

Link: www.infopal.it/testidet.php?id=6445

:: The views expressed in this article are the sole responsibility of the author and do not necessarily reflect those of Uruknet .

florizel
Inviato: 6/10/2007 21:51  Aggiornato: 6/10/2007 21:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Edo, allo stesso sito da cui uruknet ha ripreso la notizia, il 2 maggio veniva riportato questo articolo:

"Israele ha anche isolato la Città Santa dal suo ambiente palestinese attraverso il Muro di separazione razziale e sta tentando di trasformarla in una città ebraica, cercando anche di nascondere i resti della civiltà arabo-islamica; sta lavorando per demolire la moschea di Al-Aqsa per edificarvi al suo posto il presunto tempio ebraico."

"Gli scavi su larga scala sono iniziati dopo la guerra del 1967: è stata costruita una rete di gallerie sotto la base della moschea."

Vedrai, qualcuno prima o poi scoprirà e renderà noto che quelli sono lavori di restauro e consolidamento gentilmente offerti dallo stato israeliano ai palestinesi, e che il gruppo di coloni, con quelle cartine, intendevano solo verificare quali modifiche apportare per ottimizzare l'acustica della moschea.

"Dopo aver appreso la notizia dell’invasione, molti cittadini palestinesi di Gerusalemme si sono recati in moschea per la preghiera di mezzogiorno e si sono riuniti nel piazzale per respingere qualsiasi altro tentativo di invasione."

Ingrati.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
Enrico
Inviato: 6/10/2007 22:18  Aggiornato: 6/10/2007 22:18
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/1/2006
Da:
Inviati: 873
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Pubblicità Progresso.

Un interessante libro da consigliare alla Nirenstein: “Israel lobby” di Stephen Walt e John J. Mearsheimer.

Manwe
Inviato: 7/10/2007 9:54  Aggiornato: 7/10/2007 9:54
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/6/2004
Da: Cagliari
Inviati: 39
 Re: Vent’anni senza il condizionale
AHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHA

grandioso .... studioaperto è la reale alternativa al tg4 che non fa più ridere come un tempo.

trotzkij
Inviato: 7/10/2007 16:45  Aggiornato: 7/10/2007 16:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/9/2006
Da:
Inviati: 3704
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Non è un caso che certe notizie filosioniste provengano dal TgCom (Tg5). Il telegiornale di berlusconi è una concessionaria del Mossad. Pensate a questi nomi: Rossella fu il responsabile dell'intermediazione tra Cia e Sismi relativo al famoso dossier dell'Uranio giallo nigerino. Il giornalista che materialmente fece da tramite tra spioni italidioti e spioni yankees era un subordinato di Rossella, all'epoca direttore di panorama.
E questo è uno.
Il suo vice è un tale Mimun, exdirettore del tg-2 ultrasionista, nonchè eroico combattente di Tzahal, presso cui ha prestato il servizio militare.
E due.
Il terzo è un vecchio frequentatore di postriboli sbirreschi e spionistici. Confidente di questura nelle manifestazioni di sinistra in Italia; all'estero diventa corrispondente di Tg5 e TgSismi-Sisde (e qualcos'altro). Capuozzo, che fa il paio con l'altro ceffo panella, è il solito refluo, avanzo lottacontinuista che si è riciclato come cantore e corifeo dei potenti. Lessi la autobiografia di un celerino della PS; era presente a genova e alla vista di capuozzo, lui e i suoi colleghi blindati divennero dei micetti che facevano le fusa. Sorrisi e abbracci. Era arrivato l'amico dei picchiatori; e probabilmente loro 'spifferatore' autorizzato.
Infine non manca il 'sinsitro per israele' sandro provvisionato, impiegato del tg5 del nano brianzolo, e cantore dell'Israele 'patria del sovialismo kibbutznik', quello vero e unico. Il sandrone vede solo i morti fatti dai palestinesi; queli fatti dai sionisti sono delle 'tristi' statistiche, e nulla più.
Il sionistra si è distinto, recentemente, nella nobile arte di resuscitare le vecchie farneticazioni di mastro Licio: ovvero che la strage di Bologna è opera di carlos/palestinesi/comunisti tedeschi; ovviamente sostenuti, afferma in modo velenoso il sionistra in eskimo, dall'ala filoaraba dei serivzi segreti. Mentre i nostri si battono dalla parte giusta, ovvero l'ala filosionista dei servizi segreti. Se poi andiamo a vedere che i fascisti di cui è innamorato il nostro sionistra, è gente che spesso e volentieri frequentava sionisti e amici dei sionisti (la falange libanese, alleata di Israele, addestrava i terroristi neofascisti, come i simpatici coniugi Mambro/Fioravanti, verso cui batte il tenero cuore del nostro 'sionistro' berlusconide.)
Inutile dire che cosa siano le varia fiamma nazistein, magdi allam, oriana fallaci, olimpio, battista, betulla di farina, introvigne e panella; se non sono dichiramante disturbati mentali, come i primi tre, sono delle spie in piena fede e dei 'giornalisti' in malafede.

saluti

I complotti non esistono, ... tranne quando ci sono
redna
Inviato: 7/10/2007 17:35  Aggiornato: 7/10/2007 17:35
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Vent’anni senza il condizionale
il terzo tempio sarà eterno

Solo il terzo santuario, che non avrà nessuna mancanza, rappresenterà la verità assoluta, indiscutibile, ed è per questo che non solo Israel la riceverà, ma coinvolgerà 'tutta l'umanità'.

fonte: www.Moshiach.it
----
Insomma, volenti o nolenti saremo coinvolti.
Siamo tutti avvertiti.
Le varie fiamme, betulle e sottobosco....ce lo dicono ...che brave persone!!!!

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Freeman
Inviato: 7/10/2007 18:20  Aggiornato: 7/10/2007 18:27
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Citazione:
Un interessante libro da consigliare alla Nirenstein: “Israel lobby” di Stephen Walt e John J. Mearsheimer.


Ovviamente, opera citata, indovinate un po', a pag. 198 del libro:

The Resurgence of Anti-Semitism di Bernard Harrison

e in decine di altre pubblicazioni sull'anti-semitismo.
La solita canzone, insomma.

Sono passati vent'anni dall'uscita di "The Lobby: Jewish Political Power and American Foreign Policy" di Edward Tivnan, e poco è cambiato, se non in peggio. Il ricatto dell'antisemitismo anzi si è fatto più forte, così come la presa della lobby sui media e sui politici.

P.S.: mi sembra che il titolo completo del libro nella sua ultima revisione appena uscita sia:
John J. Mearsheimer / Stephen M. Walt, "The Israel lobby and US Foreign Policy", di cui ho letto una recensione molto sobria ed equilibrata sul Times (una delle poche).

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
edo
Inviato: 7/10/2007 20:41  Aggiornato: 7/10/2007 20:41
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Vent’anni senza il condizionale

Freeman
Inviato: 11/10/2007 15:38  Aggiornato: 11/10/2007 15:45
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Vent’anni senza il condizionale
Aggiornamento sulla nuova edizione del libro di Mearsheimer e Walt (La "Israel lobby" e la politica estera USA), ora dovrebbe essere disponibile anche in italiano, edito, udite udite, da Mondadori o_O

Il condizionale deriva dal fatto che il libro esiste (lo si trova qui, ad esempio) ma non si capisce di quale edizione sia la traduzione, se della vecchia o della nuova (sebbene il titolo, identico a quello della nuova edizione, farebbe propendere per la seconda ipotesi).
Intanto l'ho ordinato in italiano, quando mi arriva avviso, e magari spostiamo la discussione in un thread apposito del forum.

Nell'attesa, vorrei far notare che è già uscita la risposta della lobby, ad opera di Abraham Foxman (un nome, un programma), dal titolo in stile debunker "The Deadliest Lies: The Israel Lobby and the Myth of Jewish Control ".
Le peggiori menzogne... il mito del controllo... ricorda qualcosa?


Il direttore della ADL, emanazione del BB, in tutto il suo splendore.

Su Amazon, le recensioni a questo libraccio, risposta debole e goffa all'opera dei due professori universitari, sono una lettura impagabile: lo hanno fatto a pezzi, e con fior di argomenti, andate a leggere per credere.
Basti guardare al gradimento medio che ha riscosso su Amazon:

I commenti negativi a queste recensioni? Facile immaginare: "antisemiti"!
Eccheppalle, ma mai portare uno straccio di contro-argomentazione fattuale, eh?

Tra le recensioni, estraggo questo frammento:

[...] Moreover, the book itself is evidence of the existence of the Israel lobby. Just look who is the author and who are the people who praise the book; they all belong to the Israel Lobby. Israel Lobby activists who deny the Lobby's existence are an equivalent to Descartes's declaring: "I think therefore I am not".
Simply brilliant.

Tra l'altro, questo Foxman è al contempo un accanito negazionista del genocidio degli armeni (a proposito di Anti Defamartioin League, non è diffamazione questa?...), magari perché pensa che di Olocausto ce ne debba essere solo uno... se tutti si mettono a piangere sui loro milioni di morti, addio monopolio delle "sofferenze di un intero popolo", addio ricatto sulla persecuzione,...
Guarda caso, anche Giorgino Bushino è della stessa idea sulla questione, infatti aveva ammonito la Commissione del Congresso a non approvare la mozione che definisce "genocidio" i massacri degli armeni da parte dell'Impero Ottomano durante la Prima guerra mondiale. Il motivo dell'ammonimento? Ma la sicurezza dei militari USA in Iraq, of course (il nesso, ovviamente, lo coglie solo lui, e la "nota lobby che non esiste", ovviamente, ed anche il "fedelle alleato" turco,, che della lobby è un'estensione più o meno consapevole).
Ma la mozione, ahimé, è passata (che per quanto inutile, demagogica e ipocrita, nonché fuori tempo massimo, è pure importante dal punto di vista simbolico). Perlomeno, indica che la "nota lobby che non esiste" non è sola nell'influenzare la politica USA, ma stanno spuntando dei concorrenti :D

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
edo
Inviato: 11/10/2007 23:48  Aggiornato: 11/10/2007 23:48
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Vent’anni senza il condizionale
un'altro articolo di Blondet sul genocidio palestinese

Tra l'altro, questo Foxman è al contempo un accanito negazionista del genocidio degli armeni (a proposito di Anti Defamartioin League, non è diffamazione questa?

...no, è concorrenza.

è di oggi una notizia che riguarda il fatto che il genocidio armeno sia considerato tale anche negli USA.
Non ho il link alla notizia, appena lo trovo lo inserisco.

Freeman
Inviato: 13/10/2007 12:44  Aggiornato: 13/10/2007 12:44
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Vent’anni senza il condizionale
edo, il link di cui parli era nel mio post, leggi bene ^_^

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA