Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


politica italiana : Una vergogna nazionale
Inviato da Redazione il 19/6/2007 5:10:00 (4427 letture)

Nicola Calipari continua a morire. La prima volta è stato ucciso in Iraq, da proiettili alleati (dire “fuoco amico” sarebbe troppo offensivo per chiunque). La seconda volta è stato ucciso quando nessuno fra i nostri governanti ha saputo imporre agli Stati Uniti una seria presa di responsabilità, con un riconoscimento di colpa che era palesemente dovuto. E ieri è morto per la terza volta, con la notizia, peraltro già scontata, che il Dipartimento della Difesa USA (Pentagono) si rifiuta di comparire come responsabile civile nel processo contro Mario Lozano, il soldato americano che ha sparato a Calipari.

Il suo avvocato difensore, Alberto Biffani, ha detto che "il rifiuto del Dipartimento della Difesa Usa ad essere presente come responsabile civile nel processo non avrà per noi alcuna conseguenza", aggiungendo che "se la motivazione con la quale il Dipartimento ha rifiutato la citazione è che, essendo uno 'Stato sovrano', non possono essere processati, è una motivazione che trova riscontro anche nelle decisioni della Corte europea per i diritti dell'uomo".

Anche l'avvocato Franco Coppi, legale di parte civile di Rosa Calipari, dichiara "nessuna meraviglia per la decisione del Dipartimento della Difesa americano che ritiene di non poter essere citato come responsabile civile nel processo".

E allora? Chi paga per la morte di Calipari? Nessuno, a quanto pare, e non basta certo la soddisfazione ...

... di processare Lozano in absentia per fare davvero giustizia. Anzi, la scelta stessa di perseguire una strada come questa, che avrebbe sicuramente portato a un nulla di fatto, legittima i sospetti che in realtà non si sia voluto andare davvero a fondo della faccenda: non è infatti prendendosela con Lozano che verremo a conoscere i veri motivi che hanno portato alla morte di Calipari, e solo un cieco di professione può non vedere, sotto le pleateali bugie raccontate dal soldato americano, e la loro sistematica copertura da parte del Pentagono, un disegno ben più ampio le cui responsabilità vanno fatte risalire molto più in alto.

Sgrena è stata liberata senza l’assenso degli americani, o forse addirittura contro la loro volontà (abbiamo già analizzato in passato i motivi per cui il “gruppo islamico” che aveva rapito la nostra giornalista era decisamente poco credibile), e gliel’hanno fatta pagare. Chi dei due dovesse morire non si sa, ma l’ordine chiaramente era quello di non farli arrivare a casa sani e salvi.

E il fatto che il Pentagono continui a sostenere che Lozano ha rispettato le regole di ingaggio, mentre è stato smentito chiaramente sia dall’indagine tecnica, sia dal video che lui stesso ha girato, sta a indicare che gli americani si sentono perfettamente a posto con la realtà dei fatti, che evidentemente è molto diversa da quella apparente.

Sostenere che “Lozano ha agito secondo le regole”, quando la cosa è chiaramente falsa, equivale a dirci in faccia “lo sapete benissimo perchè ve l’abbiamo ammazzato, quindi non rompeteci le scatole”.

Benissimo. Ma allora, non è forse il caso di rivedere da cima a fondo il nostro palese stato di sudditanza verso gli Stati Uniti, in un momento storico in cui un distacco dalla loro politica criminale potrebbe anche significare un ribaltamento degli equilibri sufficiente a fermare una volta per tutte questa loro follia assassina?

Massimo Mazzucco


Il video girato da Lozano dopo l’incidente



 Vedi anche:

Notizie Luciana Sgrena racconta LA "SUA" VERITA'

Notizie DIETRO LE QUINTE Sul tragico epilogo del caso Sgrena, Berlusconi ha commentato "L'operazione si e' conclusa positivamente, ma poi e' calato il lutto''. Ci permettiamo di rifiutare una spiegazione così semplicistica dei fatti, che fra l'altro fa a cazzotti con la rabbia innegabile verso gli americani che il Premier non ha saputo nascondere nell'apprendere la notizia della sparatoria.

Notizie NON SARA' CHE L'HANNO FATTO FESSO? Berlusconi non piace a tutti, ma una cosa gli va certo riconosciuta: non sa essere ipocrita. [...] Questa sua trasparenza psicologica ci è stata utile, ad esempio, nel tentativo di decifrare in qualche modo il caso Sgrena-Calipari.

Notizie CASO CALIPARI - SE LORO HANNO IL SATELLITE, NOI NON SIAMO DA MENO Il "fesso", giustamente, non ha firmato, e così Rumsfeld decide di giocarsi il jolly della tecnologia avanzata. Adesso lui ha il satellite che ha visto tutto, ma che naturalmente nessuno può verificare. Rumsfeld ci rifila l'esperto di turno, il quale "ricostruisce" con un grafico quello che avrebbe visto sulle immagini del satellite:


Nota: Chiedo scusa, mi è stato segnalato che avevo pubblicato una foto sbagliata dell'auto, accanto al titolo. Quella che compare ora è un fotogramma tratto dal video di Lozano.

Voto: 9.00 (3 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Baco
Inviato: 19/6/2007 5:32  Aggiornato: 19/6/2007 5:32
So tutto
Iscritto: 1/6/2006
Da:
Inviati: 14
 Re: Una vergogna nazionale
niente di nuovo dal fronte americano...........
retorica????
No!!!!!!
Porca Puttana è la realtà.
Che galleggia come la merda dopo aver espulso tutta l'aria che contiene..
d'altra parte già sappiamo che gli stronzi galleggiano.
è che purtroppo qualcuno cerca di negare l'evidenza.
come da routine.
let the great eagle fly.......
and die....
come la storia prevede.
male!!!!anzi bene......

se il colosso non riuscirà ad essere pilotato da uomini retti, dal retto ininculabile dalle multinazionali....
vivremo una vita di cereali transgenici e bibite al poliuretano espanso in tutta allegria e con delle auto veloci che ci porteranno in capo al mondo rispondendo al telefono e imprecando dio che non ha ancora inventato il modo di spostarsi senza passare dal via.........
farsi prendere per il culo è semre una delle pratiche in cui si deve usare più frizione...
per cui gli yankee fanno gas.
yeah

Polidoro
Inviato: 19/6/2007 8:57  Aggiornato: 19/6/2007 8:57
Mi sento vacillare
Iscritto: 9/4/2005
Da:
Inviati: 488
 Re: Una vergogna nazionale
Nulla di nuovo, no ?

Mario Lozano, il soldato che spara e filma, 24 foto-grammi di piombo al secondo ?

Ma la colpa è di Adobe, perbacco !

Il famoso pdf che non si doveva leggere ma poi ..... si !

Mario, Mario, SuperMario:


"Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuovi orizzonti ma nell'avere nuovi occhi." Marcel Proust
puck
Inviato: 19/6/2007 9:02  Aggiornato: 19/6/2007 9:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/11/2006
Da:
Inviati: 71
 Re: Una vergogna nazionale
si occorre prendere atto al più presto della nostra sudditanza nei confronti degli stati uniti e porvi fine; e sarebbe bello che lo facesse tutta l'europa: ci hanno trasformato in un deposito delle loro armi, convenzionali e non, e di correi nelle loro azioni criminali.

apocalisse
Inviato: 19/6/2007 9:20  Aggiornato: 19/6/2007 9:20
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/6/2007
Da:
Inviati: 47
 Re: Una vergogna nazionale
possiamo prendercela con i giudici perchè non fanno il lavoro dei giornalisti?

pensa intergalattico, agisci interplanetario
redna
Inviato: 19/6/2007 9:49  Aggiornato: 19/6/2007 9:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Una vergogna nazionale
cito-occore prendere atto al più presto della nostra sudditanza nei confronti degli stati uniti e porvi fine...

---
Quando incominciamo? Sarebbe già ora di esserne consapevoli, invece mi sembra che neanche la consapevolezza esista.
Si potrebbe incominciare a capire perchè siamo sempre stati subalterni agli stati uniti. O magari perchè la nostra politica estera è tutt'ora inesistente se non è pilotata oltreoceano.
La sovranità nazionale è tale solo nella forma, in sostanza gli USA si prendono quello che gradiscono del territorio e lo trattano come se fosse un loro pied-a-terre.
Il Cermis è stato il momento clou in cui si è toccato per mano questo.
Fortunatamente c'erano di mezzo diversi altri stati, oltre l'italia, per cui dopo immani sforzi a qualcosa si è arrivati, non certamente a trovae i colpevoli che invece in patria sono stati premiati (per dire...).
Per Calipari, solo un italiano ucciso, in zona di guerra, a quando la verità?

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Thibault
Inviato: 19/6/2007 11:22  Aggiornato: 19/6/2007 11:22
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: Un mondo folle
Inviati: 343
 Re: Una vergogna nazionale
Poveri americani in fondo ci hanno liberato 60 anni fa (che poi eravamo due stati in guerra e uno ha invaso l'altro è un altro discorso)
Per il caso del Cermis mi ricordo che Marco Berry delle Iene era andato vestito da premio oscar davanti alla casa del pilota che ha compiuto la strage, era stato addirittura promosso.
Addirittura sto soldato super mario si lamenta perchè gli si rompe le scatole e non può più andare in giro a sparare... verrebbe da ridere se non ci fosse da piangere.

E' una tranquilla notte di regime
bigdaddy
Inviato: 19/6/2007 11:34  Aggiornato: 19/6/2007 11:34
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/1/2006
Da: roma
Inviati: 293
 Re: Una vergogna nazionale
Citazione:
Sgrena è stata liberata senza l’assenso degli americani, o forse addirittura contro la loro volontà (abbiamo già analizzato in passato i motivi per cui il “gruppo islamico” che aveva rapito la nostra giornalista era decisamente poco credibile), e gliel’hanno fatta pagare


Ma...sbaglio o Calipari aveva anche seguito da molto vicino il caso Abu Omar ??

Votarsi alla materia Frantuma le anime

Trovarsi nello spirito Unisce gli uomini

Vedere sé nell'altro Edifica mondi
cocis
Inviato: 19/6/2007 11:38  Aggiornato: 19/6/2007 11:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/1/2006
Da: V
Inviati: 1430
 Re: Una vergogna nazionale
ustica ..
cermis ..
calipari..
abu omar..
raddoppio della base di vicenza ..
iraq..
afganistan..
somalia...
palestina..
libano..
sudan..
missili in polonia ...
ecc..

tutti esempi di democrazia americana..

Kolza
Inviato: 19/6/2007 12:55  Aggiornato: 19/6/2007 13:04
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/6/2004
Da: MMMMMMonza
Inviati: 916
 Re: Una vergogna nazionale
Salve a tutti,
Il soldato deve tenere a mente due cose:
1. Gli ordini dei superiori
2. Il proprio culo


Le Convenzioni, le regole di ingaggio vengono molto dopo... Figuriamoci le responsabilità dei supereroi... pardon soldati americani.

Per far capire questo tipo di atteggiamento, basti vedere cosa propina la propaganda: per esempio, su un sito di neoco(glio)ns italiani c'era una vignetta in cui un arbitro divideva due contendenti: alla sinistra il soldato americano veniva avvertito di non colpire ovunque, al "terrorista di AQ" si consentiva qualunque cosa... Santa pazienza, quanta ignoranza...

Saludos
Kolza

beppi
Inviato: 19/6/2007 13:08  Aggiornato: 19/6/2007 13:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/10/2006
Da:
Inviati: 49
 Re: Una vergogna nazionale
Diciamoglielo a Prodi e compagnia, quando verranno a richiederci il voto, che prima ci spieghino, fatti e non parole alla mano il quì citato elenco :
ustica ..
cermis ..
calipari..
abu omar..
raddoppio della base di vicenza ..
iraq..
afganistan..
somalia...
palestina..
libano..
sudan..
missili in polonia ...
ecc..
e poi lì mandiamo tutti lì dove si meritano !!!

javaseth
Inviato: 19/6/2007 13:12  Aggiornato: 19/6/2007 13:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/3/2006
Da:
Inviati: 1182
 Re: Una vergogna nazionale
Citazione:
tutti esempi di democrazia americana..


Diciamo che di queste democrazie ce ne sono altre, e operano anche in Italia...

Ciao
-javaseth

"..io vi mando come pecore in mezzo ai lupi; siate dunque prudenti come serpenti e semplici come colombe"
goldstein
Inviato: 19/6/2007 13:17  Aggiornato: 19/6/2007 13:19
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 4/11/2004
Da:
Inviati: 2827
 Re: Una vergogna nazionale
Anche questo fatto mi pare signficativo...

Enrico
Inviato: 19/6/2007 13:42  Aggiornato: 19/6/2007 13:42
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/1/2006
Da:
Inviati: 873
 Re: Una vergogna nazionale
A proposito di vergogne nazionali, segnalo questo.
Così, giusto per rinfrescare un po' la memoria.

winston
Inviato: 19/6/2007 17:11  Aggiornato: 19/6/2007 22:37
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/10/2005
Da: Eurasia
Inviati: 392
 Re: Una vergogna nazionale
---...----...--- si fa senza frontiere
Prima l’eco di “centinaia di colpi” a disegnare un’auto fantasma..,

quindi scoop del TG1 che mostra la vera Toyota fatta preciso bersaglio davanti a sinistra;

Sgrena Smentisce “iniziarono a sparare dalla destra e continuarono da dietro (..) Calipari fu colpito da destra e io fui colpita alla spalla da dietro...” e Tele-Mimun è sputtanata.

Poi il rapporto riservato è banalmente decriptato (?!?): lo sparatore Lozano individuato, imputato e processato. Il tutto virtualmente... La mano moscia della Giustizia domestica che si fa artiglio da preda? Il magistrato abbaia alla luna e le stelle stanno a guardare...

QUESTA un’ipotesi verosimile:
guazzabuglio quale lavoro di intelligence sotto il manto di ignorance...

"Chi controlla il presente controlla il passato, chi controlla il passato controlla il futuro" Orwell, 1984
Kolza
Inviato: 19/6/2007 18:27  Aggiornato: 19/6/2007 18:28
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/6/2004
Da: MMMMMMonza
Inviati: 916
 Re: Una vergogna nazionale
Citazione:
guazzabuglio quale lavoro di intelligence sotto il manto di ignorance...


O molto più banalmente , un messaggio trasversale... del genere "chi ha orecchi per intendere, intenda"...
Molto mafioso, molto USraeliano...

K

lamefarmer
Inviato: 19/6/2007 18:49  Aggiornato: 19/6/2007 18:51
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/9/2005
Da: vacu°u(m)
Inviati: 334
 Re: Una vergogna nazionale
Citazione:
Benissimo. Ma allora, non è forse il caso di rivedere da cima a fondo il nostro palese stato di sudditanza verso gli Stati Uniti, in un momento storico in cui un distacco dalla loro politica criminale potrebbe anche significare un ribaltamento degli equilibri sufficiente a fermare una volta per tutte questa loro follia assassina?


... e lo possiamo pretendere da Mastella? O da Amato?
... forse possiamo attendere che Ratzinger faccia pressione ...
... tutti in piazza assieme alla TAV all'acqua potabile alle banche assassine alla base di aviano alla alla alla ...
... no aspetta, me ne viene una migliore: preghiamo dell'Utri che intervenga tra un la fondazione di un cirlcolo e l'altro ...

Ad ogni modo fra poco torna su Berlusconi e il problema non si porrà più ...


Ognuno parla di se stesso, sempre e comunque
Enrico
Inviato: 19/6/2007 18:50  Aggiornato: 19/6/2007 18:50
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/1/2006
Da:
Inviati: 873
 Re: Una vergogna nazionale
Un altro caso di vergogna nazionale è questo personaggio che si è tolto anni fa il fez e adesso indossa tranquillamente la kippah.

Almirante gli avrebbe da tempo sputato in faccia se fosse ancora vivo.

redna
Inviato: 19/6/2007 20:52  Aggiornato: 19/6/2007 20:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 4/4/2007
Da:
Inviati: 8095
 Re: Una vergogna nazionale
cito->Un altro caso di vergogna nazionale...
---
Adesso il quadro è completo: Berlusconi con gli USA, Calderoli con la Libia, e Fini con la kippah.
Si può andare a votare tranquillamente.

C’è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sé: il non far parlare di se (Oscar Wilde)
Lenny
Inviato: 19/6/2007 23:29  Aggiornato: 19/6/2007 23:29
So tutto
Iscritto: 19/6/2007
Da:
Inviati: 6
 Re: Una vergogna nazionale
Scusa Massimo ma sei sicuro che quella nella foto sia la macchina di Calipari? a me quella sembra diversa, una Panda. Mentre Calipari aveva una Toyota

Ciao

Linucs
Inviato: 20/6/2007 0:52  Aggiornato: 20/6/2007 0:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: Una vergogna nazionale
Benissimo. Ma allora, non è forse il caso di rivedere da cima a fondo il nostro palese stato di sudditanza verso gli Stati Uniti, in un momento storico in cui un distacco dalla loro politica criminale potrebbe anche significare un ribaltamento degli equilibri sufficiente a fermare una volta per tutte questa loro follia assassina?

La parola all'esperto.

Badombe> Non riescono loro a levarsi dai coglioni il governo parallelo delle scodelle, figuriamoci se riusciamo noi a toglierci loro dai coglioni! Accontentiamoci di arrivare a sera senza essere denunciati da Mastella e condannati senza processo, e domani si vedrà.

Lenny
Inviato: 20/6/2007 17:34  Aggiornato: 20/6/2007 17:34
So tutto
Iscritto: 19/6/2007
Da:
Inviati: 6
 Re: Una vergogna nazionale
Vedo che la foto è stata cambiata, allora c'avevo azzeccato!

Redazione
Inviato: 21/6/2007 8:49  Aggiornato: 21/6/2007 8:49
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Una vergogna nazionale
Sì, ho aggiunto la nota in fondo all'articolo. L'avevo presa da un link dell'ANSA, e non ci avevo fatto caso.

Grazie per la segnalazione.

Lenny
Inviato: 21/6/2007 18:11  Aggiornato: 21/6/2007 18:11
So tutto
Iscritto: 19/6/2007
Da:
Inviati: 6
 Re: Una vergogna nazionale
Potresti darmi il link alla notizia ansa per favore? sono un lettore abituale dell'agenzia e vorrei riportargli l'errore. Grazie

Redazione
Inviato: 21/6/2007 22:11  Aggiornato: 21/6/2007 22:18
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Una vergogna nazionale
Non era una pagina dell'Ansa. Era una pagina linkata DALL'Ansa, o comunque sono partito da lì. L'ho cercata anch'io, ma ora non la ritrovo più. Ricordo che era uno dei vari siti su Lozano che ho visitato,ma non so come ci sono arrivato. Se vuoi cercarla, l'immagine originale si chiamava sgrena.jpg.

vuk17
Inviato: 29/6/2007 13:27  Aggiornato: 29/6/2007 13:27
So tutto
Iscritto: 24/5/2007
Da:
Inviati: 6
 Re: Una vergogna nazionale
buongiorno a tutti.
articolo interessante, che non tiene conto di un'evidenza macroscopica.
quella è zona di guerra.
nonostante tutti i discorsi tesi a far passare l'operazione in iraq come atta a riportare la pace, aiuti umanitari, etc etc, ottica bipartisan da parte dei due schieramenti italiani,da più parti, nei paesi leaders della coalizione si è parlato senza mezzi termini di guerra.
certamente asimmetrica, di guerriglia, insomma, non convenzionale nè combattuta con wmd, ma sempre di attività bellica si tratta.
da noi, in italia, tale termine è certaente non gradito, in quanto se si usasse, si andrebbe contro il dettato costituzionale, per cui si ignora bellamente, come lo si è ignorato per il kosovo-methoja, per l'fghanistane e così via dicendo.
in tale quadro realista, come ben sanno i militari, i processi del jus in bello, lasciano il tempo che trovano. le convenzioni di ginevra altrettanto.
e non bisogna essere storici per ricordarsi quale sia stata la ricetta britannica nei confronti di mau mau o delle rivolte in aden od in estremo oriente.
la stessa guerra d'algeria, di cui si parla poco e male, ha dimostrato cosa significhi una guerra di quel tipo, e le memorie del generale ausseress pubblicate recentemente lo indicano.
last but not least, ricordiamoci la guerra partigiana in italia e particolarmentre nel nord est italiano.
noi italiani poi siamo espertissimi in questo settore essedno stati i primi ad usare i gas contro i libici ed a creare i campi di concentramento e la pulizia etnica di determinate zone della libia; al mukhtar non è un'invenzione, è esistito veramente, come lo sono esistiti i campi di concentraemnto per i civili sloveni o croati ed altro.
in tale quadro una missione delicata come la liberazione di un ostaggio, dietro pagamento di un riscatto, viene condotta come se fossimo in italia od in un paese normale, al massimo con l'intervento dei nocs o dei gis.
ciò non è plausibile, come la versione fornita dagli stessi italiani non è plausibile. guardiamo le varie testimonianze, nei tempi successivi e ci si accorge che probabilmente v'è un'altro uomo nell'auto, che ad un certo punto non c'è più. quanti erano effettivamnete nell'auto? e chi erano?
comunque siano andati i fatti, in un ambiente del genere non si può portare a termine un'operazione se non coordinata con il maggior attore, ovverosia le forze armate usa.
cosa imputiamo a lozano? di aver sparato non rispettando le procedure di ingaggio, o di aver sparato per ammazzare la sgrena, colpendo poi calipari?
nel primo caso , come detto, siamo fuori dalla realtà; basti parlare con chi abbia prestato servizio da qeulla parti,e ci si renderà conto che le regole d'ingaggio servono solo a coprire politicamente certe situazioni; provate a parlare con gli italiani che erano da quelle parti e vedete cosa succedeva se un'autovettura provava a pasare una autocolonna militare o scortata da militari.L'uomo "annichilito" a nassirya, in che condizioni era? armato o meno? con intenzioni aggressive o no? non possiamo fare i due pesi e le due misure perchè si tratta di un americano
nel secondo caso, poco si comprende come la sgrena sia uscita viva dall'incidente, con l'uomo che era alla guida neanche ferito.
avete idea di cosa faccia una mitragliatrice leggera?
ipotesi non considerata: onori per tutti, tanto le volte precedenti è andata bene; lotte di poter all'interno dei vari servizi o strutture per cui si cerca di raggiungere l'obiettivo sopratutto per fregare qualche altro.
mi sembra un quadro di lettura poco dietrologico ma più serio, sopratutto considerato che il caso calipari è arrivato in tribunale, ma non altrettanto le decine e decine di casi simili in cui le vittime erano poveracci iraqeni, quindi di serie b, posti di fronte a gente che aveva come unico obiettivo quello di portare la pelle a casa, e di non rimetterci la vita o la gestione della vita(prego controllare il numero di militari rimasti paralizzati o con amputazioni varie) ad opera di persone che anche noi nella stragrande maggioranza, consideiamo di serie b.( non guardiamo la situazione della guerra, ma chiediamoci perchè quando li vediamo da qualche parte che non seguono le nostre regole di vita o di cultura, scatta un razzismo assoluto e totalizzante).
forse dovremmo riappropriarci del parlamento ed evitare che in nostro nome vengano dette assurdità tali da creare queste situazioni.
grazie.
vuk 17

gobbo
Inviato: 25/10/2007 14:21  Aggiornato: 25/10/2007 16:09
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 19/9/2005
Da: Neverland
Inviati: 1347
 Re: Una vergogna nazionale
Come si dice Giustizia è fatta.

il gobbo

I LINK.VOGLIO VEDERE I LINK,PLEASE.
gobbo
Inviato: 26/10/2007 13:54  Aggiornato: 26/10/2007 14:11
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 19/9/2005
Da: Neverland
Inviati: 1347
 Re: Una vergogna nazionale
Come da copione arriva la telefonata.

il gobbo

I LINK.VOGLIO VEDERE I LINK,PLEASE.

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA