Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


storia & cultura : Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "patsy" nella storia americana
Inviato da Redazione il 22/11/2006 9:18:13 (15697 letture)


Sono molte le analogie riscontrabili in quelle che si possono tranquillamente definire le due "cospirazioni" più note e dibattute dell'intera storia moderna: l'omicidio Kennedy (di cui ricorre oggi il 43° anniversario), e gli attentati dell'undici settembre. E in certi casi gli elementi in comune sono talmente eclatanti da arrivare a suggerire che si sia trattato, in realtà, di un'unica lunghissima "cospirazione", durata oltre quarant'anni, di cui i due episodi citati non sarebbero che l'Alfa e l'Omega.

Un esempio per tutti dovrebbe bastare: la stessa persona che si trovava a Dallas il 22 novembre 1963 - per sua stessa ammissione in ambo i casi - ha dormito alla Casa Bianca la sera del 10 settembre 2001.

Le radici di questa vicenda affondano nei lontani anni '20, proprio in quella Downtown Manhattan che cinque anni fa fu interamente ricoperta dalla polvere delle Torri Gemelle. In questo caso però la coincidenza è solo apparente, …

… in quanto è il distretto finanziario - la cosiddetta City, o Wall Street - a fare da sfondo comune ai due poli della vicenda.

Ma sempre di soldi, evidentemente, si trattava, e quando si parla di Wall Street non si parla certo dei soldi per fare la spesa. Si parla dei soldi che controllano il mondo.

Alle quattro del pomeriggio del 22 novembre 1963, a nemmeno tre ore dalla morte di John Kennedy, il direttore dell'FBI Hoover passava ai giornalisti una vera e propria biografia di un certo Lee Harvey Oswald, il cui nome stranamente non compariva nemmeno sulla lista dei mille ricercati più pericolosi che ogni agente FBI porta sempre con sè. Solo più tardi avremmo capito che Oswald lavorava proprio per l'FBI.

Alle nove e 5 dell'undici settembre 2001, con gli attentati ancora in corso, il direttore della CIA Tenet dichiarava senza esitazioni: "questa ha tutta l'aria di essere bin Laden". Solo in seguito ci saremmo ricordati che bin Laden aveva lavorato per la CIA per lunghissimi anni.

Essendo stato ucciso due giorni dopo Kennedy, Lee Harvey Oswald non ha mai potuto essere processato, e pur essendo passato alla storia come "l'uomo che ha ucciso Kennedy", rimane a tutti gli effetti da considerarsi "innocente".

Entro due giorni, Osama bin Laden è stato additato come responsabile degli attentati dell'11 settembre, senza che sia mai stato regolarmente processato, nè sia stato mostrato pubblicamente uno straccio di prova nei suoi confronti. Pur essendo ormai passato alla storia come "l'uomo che ha buttato giù le Torrri", bin Laden rimane a tutti gli effetti da considerarsi "innocente".

Il Rapporto della Commissione Warren, che avrebbe dovuto fare luce sull'omicidio Kennedy, parte già dal presupposto che sia stato Oswald ad uccidere il Presidente. Mentre non riesce in alcun modo a dimostrarlo, dedica tutte le proprie energie a difendere strenuamente questa ipotesi dalla marea di indizi che suggeriscono una ben diversa spiegazione.

Il rapporto della Commissione Indipendente per il 9/11, che avrebbe dovuto fare luce sugli attentati a Torri e Pentagono, parte già dal presupposto che fosse bin Laden il colpevole. Mentre non riesce in alcun modo a dimostrarlo, dedica tutte le sue 500 pagine a cercare di coprire ogni possibile indizio che punti il dito in direzione opposta.

La sera prima dell'omicidio, quando il Presidente Kennedy si trovava in Texas, fu messo sulla sua scrivania a Washington un memo che di fatto annullava il suo piano di ritiro graduale delle truppe dal Vietnam, e ne aumentava invece il contingente in maniera sostanziale. Il memo sarebbe poi stato firmato dal nuovo presidente, Lindon Johnson, tre giorni dopo l'attentato.

La sera del 10 settembre 2001, quando il Presidente Bush si trovava in Florida, fu messo sulla sua scrivania a Washington un memo che prevedeva un attacco militare all'Afghanistan, inteso a rovesciare il governo dei Talebani. Dopo aver scampato un probabile attentato, all'alba del giorno undici, fu lo stesso Bush a firmare il memo, tre giorni dopo. Se fosse morto nel frattempo, il nuovo Presidente Dick Cheney non si sarebbe certo fatto pregare per firmarlo.

Fra le prove che sarebbero poi emerse contro Oswald, ricordiamo ad esempio il fatto che avesse avuto la precauzione di conservare la ricevuta con cui aveva acquistato il fucile che sarebbe servito per assassinare Kennedy. Oppure che ebbe l'accortezza di farsi fotografare con quel (tipo di) fucile in mano, mentre nell'altra reggeva bene in vista una pubblicazione di chiara ispirazione sovversiva.

Fra le prove che poi sarebbero emerse contro Mohammed Atta, ricordiamo ad esempio il fatto che si fosse portato dietro una valigia con dentro il suo passaporto, oltre a dei manuali di volo del tipo di Boeing che stava per dirottare, e delle divise della American Airlines che sarebbero poi risultate rubate.

Dopo essere rientrato a casa senza problemi, e mentre in città si scatenava una mastodontica caccia all'uomo, Oswald non trovava di meglio che mettersi una pistola in tasca, e uscire di nuovo per andare a passeggio. Destava così i sospetti di un giovane agente di nome Tippitt, che a quel punto era obbligato ad ammazzare, mentre purtroppo sul selciato gli cadeva il portafoglio (con il documento di identità al suo interno).

Trovandosi già a Boston il giorno precedente l'attentato, Atta non trovava di meglio che affittare una macchina e raggiungere Portland nel Maine, a tre ore di distanza. Riusciva così a farsi fotografare al supermercato, dal benzinaio, e al Bancomat, prima di infilarsi a dormire in un motel per poche ore, e poi partire di gran corsa ad acchiappare un volo di coincidenza con quello in partenza da Boston che doveva dirottare. E' in questo modo che la valigia non ha fatto in tempo a seguirlo, restando a terra e finendo dritta nelle mani degli agenti dell'FBI.

Nel tempo sarebbe emerso che Mohammed Atta, nel periodo precedente gli attentati, era stato in stretto contatto con un grosso personaggio dei servizi segreti pachistani, che gli aveva anche mandato dei soldi.

Nel tempo sarebbe emerso che Lee Harvey Oswald, nel periodo precedente l'attentato, era stato in stretto contatto con un grosso personaggio della CIA, la cui moglie casualmente gli avrebbe procurato il posto di lavoro al Book Depository di Dallas, solo sei settimane prima degli attentati.

A tutt'oggi la stessa FBI riconosce di non avere nessuna certezza sull'identità dei 19 terroristi, e cita al proposito una serie sconcertante di alias, di doppioni e di possibili omonimi, che avrebbero lasciato tracce per tutta l'America "firmandole" così a nome dei terroristi.

Anche Oswald avrebbe lasciato una lunga serie di tracce, che in molti casi però sembrano essere state lasciate da un suo misterioso sosia-doppione.

La sera stessa dell'undici settembre, Osama bin Laden faceva pubblicamente sapere di non avere nulla a che fare con gli attentati di quel giorno.

Mentre lo trasportavano in questura, Oswald dichiarava agli agenti che lo avevano arrestato "I'm just the patsy" [sono soltanto il capro espiatorio], e più tardi, sotto le telecamere, si dichiarava innocente per la morte di John Kennedy.

Eccetera, eccetera, eccetera.

A questo punto non può non venire in mente un certo Timothy McVeigh, il presunto bombarolo che nel 1995 avrebbe sventrato il Murray Building di Oklahoma City con una bomba fatta in casa, a base di semplice letame e di ammoniaca (un semplicissimo Mannlicher-Carcano per Owsald… dei semplicissimi tagliacarte per i 19 dirottatori arabi….)

Anche McVeigh, curiosamente, si sarebbe premurato di conservare nel cassetto della scrivania la ricevuta con cui aveva acquistato letame e ammoniaca. Anche McVeigh, curiosamente, si era premurato di ordinare più di una volta la pizza con la propria carta di credito, e proprio davanti al noleggio di autoveicoli dove avrebbe affittato il furgone servito per l'attentato.

E subito dopo l'attentato McVeigh non trovava di meglio che mettersi a guidare a folle velocità in autostrada, su una macchina priva di targa, mentre teneva bene in vista sul sedile posteriore un romanzo, nel quale si descriveva per filo e per segno come fabbricare le bombe a base di letame e ammoniaca.

L'unica differenza è che Timothy McVeigh non ha mai negato di essere colpevole, nè si è mai lamentato di essere il patsy: ha anzi voluto a tutti i costi essere giustiziato. E stato l'unico uomo al mondo a rinunciare a qualunque possibilità di appello, e a pretendere a tutti i costi che la sua esecuzione avvenisse al più presto. All'esecuzione non ha voluto che fossero presenti i suoi genitori, ha chiesto che il suo corpo venisse cremato, e che le sue ceneri venissero disperse in un luogo segreto. A praticare l'iniezione letale, diversamente dalle normali procedure, erano presenti soltanto un medico e un coroner dell'FBI, mentre tutte le corrispondenti autorità locali erano state gentilmente pregate di tenersi in disparte. Prima di "spirare" McVeigh ha dichiarato "sono io il fautore della mia stessa tragedia". E alla conferenza stampa, subito dopo che furono tirate le tendine, una delle giornaliste presenti disse: eppure a me sembrava che respirasse ancora.

Un altro anniversario è passato. Lo spettacolo continua.

Massimo Mazzucco

Da Dallas alle Torri Gemelle. La dinastia Bush e la svastica di famiglia

JFK: UN CASO INESISTENTE?

Anche le querce cominciano da piccole. Una dimostrazione dell' "impossibilità" dell'assassino unico

****************

Approfittiamo per segnalare l'apertura del primo sito italiano veramente serio e completo sul caso Kennedy, JFKennedy.it ad opera di Giuseppe Sabatino, con il contributo di Simone Colzani (Kolza) e Ignazio Freschi.

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
orkid
Inviato: 22/11/2006 9:33  Aggiornato: 22/11/2006 9:33
Mi sento vacillare
Iscritto: 3/2/2006
Da: La Beverly Hills italiana
Inviati: 786
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
I soliti sospetti...
Penso che quando un condannato a morte non chiede appello e chiede con urgenza di essere giustiziato... bè... sembra chiaro che chi gli ha ordinato di mettere quegli ordigni gli ha concesso una via d'uscita in cambio del silenzio...
Ma non vorrei sembrare troppo paranoico...

"L'essenziale è invisibile agli occhi"


Autodidatta Bonsai


"Quando l'uomo comune capisce diventa saggio, quando il saggio capisce diventa un uomo comune."
cocis
Inviato: 22/11/2006 9:52  Aggiornato: 22/11/2006 9:52
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/1/2006
Da: V
Inviati: 1430
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
e che dire di quello della enrom morto per infarto al cui funerale c'era solo la moglie ??

Ashoka
Inviato: 22/11/2006 10:18  Aggiornato: 22/11/2006 10:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Cavolo se era messo male il Murray Federal Building...

...sarà sicuramente poi crollato da solo

Ashoka

sick-boy
Inviato: 22/11/2006 10:56  Aggiornato: 22/11/2006 10:56
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 18/10/2006
Da: Leith
Inviati: 2710
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Che speranze per l'unidici settembre?? Se non ci sono riusciti con Kennedy perchè dovremmo farcela noi ora??Le cose sono in uno stallo pauroso

drew
Inviato: 22/11/2006 11:05  Aggiornato: 22/11/2006 11:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 31/8/2004
Da:
Inviati: 166
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Citazione:
A tutt'oggi la stessa FBI riconosce di non avere nessuna certezza sull'identità dei 19 terroristi, e cita al proposito una serie sconcertante di alias, di doppioni e di possibili omonimi, che avrebbero lasciato tracce per tutta l'America "firmandole" così a nome dei terroristi.


Non sapevo che si fossero rimangiati la parola data 48 ore dopo l'11/9.
Si può sapere la fonte di questa affermazione? Mi verrebbe utile per una maggior diffusione del morbo....
Grazie mille e ciao!

Drew.

_gaia_
Inviato: 22/11/2006 11:31  Aggiornato: 22/11/2006 11:31
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/2/2006
Da:
Inviati: 1460
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Complimenti per l'articolo, un ottimo modo per ricordare l'assassinio Kennedy ponendolo in un quadro più ampio.
Credo che siano contenuti molti spunti in grado di stuzzicare la curiosità anche di chi non è molto "addentro" a questo tipo di ricerche.

Ne approfitto per fare i complimenti anche ai curatori del sito JFKennedy.it, che sto trovando molto interessante e davvero ben fatto.

artax
Inviato: 22/11/2006 12:02  Aggiornato: 22/11/2006 12:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/11/2006
Da:
Inviati: 41
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Ciao Massimo,
mi complimento davvero per i vostri lavori che ci tengono sempre informati e ci forniscono nuovi elementi per sviluppare teorie che finalmente sono frutto della nostra mente e del nostro sospetto e non più semplici dati che incameriamo come sacramenti imprescendibili..

DOMANDA:
da un articolo di blondet si legge che nel volo AA 77 "schiantatosi" sul pentagono attraverso l'autopsia dei vari resti dei cadaveri non si è trovato niente appartenente al corpo di un arabo..ovvero non vi è mai stato nessun arabo a bordo..
E' vero? oppure sono tra quelle notizie da prendere con le pinze?

Se dovesse essere vero non capisco come ancora si possa parlare di dirottamento..

Ho provato a fare varie ricerche ma ho trovato ben poco..

SoulTrance
Inviato: 22/11/2006 12:11  Aggiornato: 22/11/2006 12:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/6/2006
Da: somewhere
Inviati: 93
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
artax: Se non hanno trovato nemmeno i resti dell'aereo come hanno fatto a fare dei test simli?

è come dire non c'è niente simile ad un boing ma non hanno trovato "resti arabi" sull'aereo... cioè non complichiamoci la vita, è talmente eclatante che in un minuscolo buco non puo esserci entrato niente di cosi grande che tutto il resto è "fuffa", non mi perderei via a cercar info del genere sinceramente...


Linucs
Inviato: 22/11/2006 12:11  Aggiornato: 22/11/2006 12:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
E' vero? oppure sono tra quelle notizie da prendere con le pinze?

Sarà certamente una balla, mica puoi prendere un micro-frammento di arabo e distinguerlo dal micro-frammento di olandese...

Tifoso
Inviato: 22/11/2006 12:11  Aggiornato: 22/11/2006 12:11
Mi sento vacillare
Iscritto: 28/12/2005
Da: Academia Chute Boxe
Inviati: 780
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Stamattina su Rai 1 hanno parlato dell'omicidio Kennedy, e hanno mostrato le foto di altri 2 che hanno sparato ed erano stati ripresi nelle foto scattate a causa della nuvoletta di fumo sfuocata che fuoriusciva dalla presunta canna dei fucili. Si distinguevano a mala pena, le foto erano ovviamente in B/N .
E' presa in considerazione questa ipotesi o è una "bufala" quella dei killer ripresi ? lo chiedo perchè la televisione prende ancora più granchi del web ed è più indietro, quindi ne sapete di più voi.

Ciao.

? ?
artax
Inviato: 22/11/2006 13:05  Aggiornato: 22/11/2006 13:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/11/2006
Da:
Inviati: 41
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
SOULTRANCE e LINUCS:

Certo! anche io la penso come voi..sicuramente non mi sono spiegata bene..

dato che anche io non credo asssolutamente alla balla dell'aereo che abbia provacato quel buco e tantomeno al ritrovamento dei cadaveri...non capisco una cosa sola:

PERCHE' se volevano farci credere alla farsa dell'aereo è uscita la notizia che tra i vari "resti" non c'era nessun arabo?

Bastava anche solo far trovare un minimo dettaglio come con i voli contro le torri per farci almeno illudere che davvero l'AA 77 fosse stato dirottato...che so..magari anche un documento di riconoscimento..o qualsiasi altra cosa.

Perchè è uscita una notizia del genere che non fa altro che dare ragione a coloro che non credono nella versione ufficiale invece di fare uscire qualche balla come da copione?

se mi è sfuggito qualche passaggio ditemelo..così capisco un po' di più..
grazie

Ciao
artax

Cassandra
Inviato: 22/11/2006 13:16  Aggiornato: 22/11/2006 13:16
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/5/2006
Da:
Inviati: 1551
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Perché una tale notizia, artax, fa pensare a scienziati e ricercatori seri, e quindi alla presenza di corpi, di rottami su cui investigare... quando non c'era proprio un bel niente.

Volevo aggiungere che una buona responsabilità, nel nostro immaginario, ce l'ha Hollywood. Prendiamo per buoni i manuali di volo e i romanzi per fabbricare bombe sui sedili posteriori perché queste robe ce le hanno fatte vedere mille volte nei film. Così come il pazzo solitario che vuol distruggere il mondo tutto da solo, eccetera. Tutta roba da cinematografo.
Ma siamo talmente assuefatti che ci siamo abituati a prenderla per buona senza porci domande... anzi, ci sembra persino più plausibile, proprio perché "suona quella campanella" che ci hanno inculcato da sempre.

"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)
Demon84
Inviato: 22/11/2006 13:25  Aggiornato: 22/11/2006 13:25
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 224
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Guardiamo un altro punto.. perché ogni volta che l'America subisce un attacco di qualsiasi genere, i colpevoli sono sempre persone che provengono da paesi con cui l'America fa già fatica a tenere una linea diplomatica??

Ad ogni modo posso dire che quest'articolo è interessante, però credo che si stia diventando troppo complottisti.
Si è vero che ci sono delle analogie, ma potrebbero essere solo coincidenze all'occhio di chi è ancora in dubbio sulle 2 versioni 9/11 (o 11/9 ).
Secondo me è inutile andare a cercare misteri vecchi di quasi 50 anni, soffermiamoci sui fatti che abbiamo realmente visto e che ricordiamo.

Formulare teorie è giusto, ma non è il nostro obbiettivo, il nostro obbiettivo è quello di fare in modo che si arrivi alla verità qualunque essa sia.
Le teorie potremmo farle dopo.

p.s. Un mio amico mi ha fatto notare che ultimamente questo sito sta diventando troppo complottista e come ho notato pure io si continuano a fare gli stessi commenti, raramente ormai i commenti lasciati completano o arricchiscono l'articolo di fondo.
Caro Massimo ormai questo sito o parla di 11/9 o di Bush&Co. o di politica italiana.
È vero che non è un giornale online come altri siti, però credo che arricchire il campo d'azione potrebbe portare altri utenti ad avvicinarsi a luogocomune.net.

Citazione:
"Il mio viaggio di scoperte non è ancora finito, sebbene io ormai sia un uomo...più cose conosco meno cose capisco e meno cose capisco più mi sembra di tornare bambino" (Demon's summons 2006)
Demon84
Inviato: 22/11/2006 13:33  Aggiornato: 22/11/2006 13:33
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 224
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Artax, il punto è che i corpi che dicono di aver trovato sono pezzi di carbone.
Come fai a distinguere carbone arabo da carbone americano e da carbone messicano, ecc ecc...??
È vero che nel DNA ci sono tantissime informazioni ma non credo che possano arrivare a tale conclusioni semplicemente dal DNA.

Io di mio dubito che quei pezzi di carbone appartengano veramente alle persone del volo 77 anche perché come si è visto l'incendio non è stato così terribile, quindi almeno qualche cadavere in buono stato ci dovrebbe essere stato! O no?

Ad ogni modo condivido il tuo pensiero Soul-Trance, come ho già detto nel commento sopra, stiamo perdendo tempo secondo me, invece di darci da fare. Questo sito sta diventando sempre più un magazzino di informazioni che non vengono utilizzate seriamente.

Citazione:
"Il mio viaggio di scoperte non è ancora finito, sebbene io ormai sia un uomo...più cose conosco meno cose capisco e meno cose capisco più mi sembra di tornare bambino" (Demon's summons 2006)
Nemrod
Inviato: 22/11/2006 13:34  Aggiornato: 22/11/2006 13:34
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/6/2006
Da:
Inviati: 48
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Il nitrato d'ammonio (polvere o granuli bianchi), capace di esplodere se innescato, è usato come fertilizzante.
Il letame è usato come fertilizzante.
QUINDI il letame è un esplosivo.

I tagliacarte tagliano la carta (ne avevo uno, di plastica, nell'astuccio di prima elementare)
Gli affilatissimi taglierini tagliano tante cose, anche le dita se non si fa attenzione, ma anche la carta.
QUINDI i taglierini sono tagliacarte.

Il Mannlicher-Carcano è semplicissimo,
Arco e frecce, ancora più semplici, possono ammazzare le persone.
QUINDI non ho capito dove si voglia arrivare.

Prima devo riuscire a capire questi semplici ragionamenti, che si basano su pochi dati.
Poi, forse, potrò cimentarmi con quelli più complessi.

Ashoka
Inviato: 22/11/2006 13:50  Aggiornato: 22/11/2006 13:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Citazione:
Prima devo riuscire a capire questi semplici ragionamenti, che si basano su pochi dati.
Poi, forse, potrò cimentarmi con quelli più complessi.


Stanno a significare che tutti i potenziali "terroristi" ed "assassini" possono facilmente trovare tutto ciò che serve loro per mettere in atto i loro diabolici piani.

Per dirottare un aereo bastano dei taglierini, per far saltare in aria un palazzo del letame. Per ammazzare Kennedy è servito qualcosa di più sofisticato.. addirittura un fucile.. ma negli USA dove ogni cittadino può comprarsi un arma anche questo è qualcosa di semplice da trovare.

Ma c'è di più! I terroristi si stanno perfezionando ed ora hanno scoperto come utilizzare anche acetone ed acqua ossigenata per far saltare aerei, perché su Internet lo impari a fare in 15 minuti, magari utilizzando un cellulare come innesco. Col videofonino ed una macchina fotografica poi, puoi anche immortalare i tuoi obiettivi!

Letame, acqua ossigenata, acetone, un taglierino, un telefonino, una macchina fotografica, non sono quindi normali oggetti che uno può avere in casa ma [b]dei potenziali strumenti da terrorista...

Hai qualche "strumento da terrorista" come quelli in casa tua?

Ashoka

goldstein
Inviato: 22/11/2006 15:05  Aggiornato: 22/11/2006 15:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 4/11/2004
Da:
Inviati: 2827
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
E non dimentichiamoci degli strumenti terroristici più pericolosi di tutti: i libri.

La polizia giovedi ha accusato una donna di terrorismo per il possesso di un hard disk contenente manuali per pistole, veleni, mine e munizioni.

Qua non c'è ancora l'enabling act, ma forse è meglio evitare ugualmente di comprarli o scaricarli.
Per la cronaca, questo tipo di manuali sono condivisissimi nei programmi p2p, ormai il terrorismo dilaga..

Vi consiglio di leggere questo discorso, di fine anni '80, di un ex agente Cia di alto livello che si era dimesso dall'agenzia per denunciare come lo spauracchio della minaccia comunista fosse in realtà una scusa per sferrare guerra ai paesi del terzo mondo.
Ovviamente adesso è storia ma è molto interessante e molto attuale se rapportato alla situazione odierna, peraltro io non lo avevo mai letto.

lesath
Inviato: 22/11/2006 15:31  Aggiornato: 22/11/2006 15:33
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/9/2005
Da:
Inviati: 62
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
PER DREW

In rete ci sono tutte le informazioni che cerchi al riguardo.
Eccotene un esempio

http://xoomer.alice.it/911_subito/dirottatori_vivi.htm

Però è un fatto che nessuno cita nei dibattiti televisivi.
In ogni modo ad oggi non si sa con certezza chi fossero i 19 attentatori, sempre che ci siano stati.

Nessuno però ha notato una cosa: pochi giorni dopo l'attentato, Bin Laden se n'è uscito con un filmato nel quale cita i nomi dei 19 martiri. Benissimo, solo che DI SICURO almeno 5 sono estranei all'attentato,hanno adirittura presentato reclamo formale presso un'ambasciata USA. Però Bin Laden li ha citati lo stesso utiizzando di fatto l'elenco dell'FBI. Quindi o il filmato è falso (probabile) o Bin Laden è totalmente estraneo all'attentato (anche questo è probabile).
Ad ogni modo è un grave autogol dell FBI

---------------------------------
Siamo già tra di voi. Guardatevi bene intorno e ci vedrete.
lesath
Inviato: 22/11/2006 15:52  Aggiornato: 22/11/2006 15:52
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/9/2005
Da:
Inviati: 62
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Citazione:
Stamattina su Rai 1 hanno parlato dell'omicidio Kennedy, e hanno mostrato le foto di altri 2 che hanno sparato ed erano stati ripresi nelle foto scattate a causa della nuvoletta di fumo sfuocata che fuoriusciva dalla presunta canna dei fucili. Si distinguevano a mala pena, le foto erano ovviamente in B/N .


Si, le avevo viste anch'io in una trasmissione-inchiesta di molti anni fa sul caso JFK. Erano foto o film presi da persone comuni presenti al passaggio di JFK. Mi ricordo che si vedeva chiaramente un uomo sopra una collinetta che sparava indisturbato con un fucile, riponeva il fucile nella custodia e se ne andava. Questo filmato non è mai stato preso in considerazione da alcuna commissione.

---------------------------------
Siamo già tra di voi. Guardatevi bene intorno e ci vedrete.
Wintermute
Inviato: 22/11/2006 16:03  Aggiornato: 22/11/2006 16:03
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/1/2006
Da: aree riservate e protette
Inviati: 1096
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Citazione:
Mi ricordo che si vedeva chiaramente un uomo sopra una collinetta che sparava indisturbato con un fucile, riponeva il fucile nella custodia e se ne andava. Questo filmato non è mai stato preso in considerazione da alcuna commissione.


gasp!
qualcuno ha il link?

Salvo il mondo...
ma con quale estensione?
Santaruina
Inviato: 22/11/2006 16:38  Aggiornato: 22/11/2006 16:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 13/10/2004
Da: Sud Europa
Inviati: 5123
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...

Il Rapporto della Commissione Warren, che avrebbe dovuto fare luce sull'omicidio Kennedy, parte già dal presupposto che sia stato Oswald ad uccidere il Presidente. Mentre non riesce in alcun modo a dimostrarlo, dedica tutte le proprie energie a difendere strenuamente questa ipotesi dalla marea di indizi che suggeriscono una ben diversa spiegazione.

Il rapporto della Commissione Indipendente per il 9/11, che avrebbe dovuto fare luce sugli attentati a Torri e Pentagono, parte già dal presupposto che fosse bin Laden il colpevole. Mentre non riesce in alcun modo a dimostrarlo, dedica tutte le sue 500 pagine a cercare di coprire ogni possibile indizio che punti il dito in direzione opposta.


Questa è proprio la "fallacia di base" delle due versioni ufficiali.
Non tentano di analizzare la situazione partendo dai fatti, cercando attraverso le evidenze lo svolgimento degli eventi e i possibili colpevoli.

Le versioni ufficiali partono da un dato acquisito e indimostrato, e si dedicano a confutare le prove oggettive che lo smentiscono.

Un procedimento sbagliato in partenza, ovviamente.

Blessed be

-o- Ama e fa' ciò che vuoi -o-
lesath
Inviato: 22/11/2006 16:44  Aggiornato: 22/11/2006 16:44
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/9/2005
Da:
Inviati: 62
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Citazione:
qualcuno ha il link?


Era un'inchiesta di diversi anni fa trasmessa mi pare su RAI2.

ci sono alcuni video qui
http://www.johnkennedy.it/multivideo.htm

---------------------------------
Siamo già tra di voi. Guardatevi bene intorno e ci vedrete.
lesath
Inviato: 22/11/2006 17:34  Aggiornato: 22/11/2006 17:34
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/9/2005
Da:
Inviati: 62
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Comunque più vedo Google Earth e più mi convinco che se lo volessero veramente, ci metterebbero poco a prendere Bin Laden.....
ma avete visto i caccia USA e i C 130 parcheggiati nell'areoporto di Kabul ?

---------------------------------
Siamo già tra di voi. Guardatevi bene intorno e ci vedrete.
ivan
Inviato: 22/11/2006 18:10  Aggiornato: 22/11/2006 18:13
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Citazione:


Fra le prove che sarebbero poi emerse contro Oswald, ricordiamo ad esempio il fatto che avesse avuto la precauzione di conservare la ricevuta con cui aveva acquistato il fucile che sarebbe servito per assassinare Kennedy. Oppure che ebbe l'accortezza di farsi fotografare con quel (tipo di) fucile in mano, mentre nell'altra reggeva bene in vista una pubblicazione di chiara ispirazione sovversiva.













Nella sucitata foto, la testa del tipo sembra un pò sproporzionata rispetto al corpo, anzi, non sembra proprio la testa di quel corpo ....

Redazione
Inviato: 22/11/2006 20:11  Aggiornato: 22/11/2006 20:14
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
ARTAX:

"Al vistoso "paradosso narrativo" del volo di Hani Hanjour, va aggiunta una notizia che risulterebbe ben difficile da credere, se non fosse stata pubblicata dalla stessa rivista ufficiale dell'Istituto di Patologia che ne è stato protagonista: nonostante la quasi totale scomparsa di un intero Boeing, secondo quanto descritto in "Operation Noble Eagle" [Operazione Aquila Nobile], i resti dei suoi passeggeri sarebbero stati "tutti" recuperati e positivamente identificati tramite le analisi del DNA.

"Tutti", per la precisione, "meno cinque".

Lasciando al lettore di indovinare a chi possano corrispondere i resti di quei cinque, ci si domanda come sia possibile determinare che una certa quantità di resti umani "non identificati" debba necessariamente appartenere a un numero preciso di persone: a meno di ritrovarsi con cinque mascelle contate, e con quelle soltanto, come si può stabilire che quei resti appartengano a "cinque" individui, piuttosto che non a sette, a undici, oppure a tre soltanto? Se questi resti "non sono identificati", non solo non si sa a chi appartengano, ma non si può nemmeno stabilire a chi "non appartengano", giusto? Nè si può pensare che i patologi abbiano fatto riferimento alle liste passeggeri per stabilirlo, visto che nessun nome arabo vi è mai comparso sin dal momento in cui sono state rese pubbliche dalle compagnie aeree, il giorno stesso degli attentati. In altre parole, le liste passeggeri hanno contenuto fin dal primo momento soltanto i nomi dei "buoni", mentre quelli dei "cattivi" ci sono stati forniti direttamente dall'FBI, che fino ad oggi non ha ancora chiarito come abbia potuto risalire alle loro identità."

(Tratto da "Inganno Globale" - di prossima pubblicazione)

**************

TIFOSO: La questione dello "sbuffo di fumo" dalla collinetta è l'esatto equivalente del lampo sul muso del Boeing, con la differenza che noi abbiamo 5 inquadrature TV da cui si vede fin troppo bene, mentre lo sbuffo era un particolare microscopico di una microscopica Polaroid, e quindi ha buon gioco chi vuole dire che "non si nota nulla di anomalo". La foto credo fosse a colori.

************

LESATH: Attenzione però, non è vero che "si vede anche il killer che ripone il fucile e si allontana". Mica è un film, è sempre una Polaroid. (Quello che hai fatto è di "mescolare" la testimonianza dell'uomo che stava sulla cabina di osservazione della ferrovia con la storia dello sbuffo).

**************

DEMON: Citazione:
"credo che si stia diventando troppo complottisti. Si è vero che ci sono delle analogie, ma potrebbero essere solo coincidenze all'occhio di chi è ancora in dubbio sulle 2 versioni 9/11 (o 11/9 ).
In questo caso bisogna aspettare che l'occhio di custui si svezzi, non si può non mostrargli le cose perchè "non è in grado di vederle"- Altrimenti di questo passo facciamo "L'Espresso" o " Panorama".

Citazione:
Secondo me è inutile andare a cercare misteri vecchi di quasi 50 anni, soffermiamoci sui fatti che abbiamo realmente visto e che ricordiamo."
"Tutti lo abbiamo visto accadere, in diretta TV. Tutti abbiamo assistito, nello stesso momento, a questo incubo collettivo di dimensioni planetarie. Ma quello che abbiamo visto è davvero quello che è successo?"

(Tratto da "Inganno Globale" - di prossima pubblicazione)

Citazione:
E' vero che non è un giornale online come altri siti, però credo che arricchire il campo d'azione potrebbe portare altri utenti ad avvicinarsi a luogocomune.net
Tipo parlare anche di AIDS, o di Global Warming, ad esempio? A parte le battute, è vero che nel caso del 9/11 i commenti aggiungono poco, ma questo è anche un merito di tutti noi che la materia l'abbiamo sviscerata a dovere. Ma chi arriva soltanto oggi ha diritto di fare il suo percorso come lo abbiamo fatto tutti noi.

*************

NIMROD: Citazione:
QUINDI i taglierini sono tagliacarte.Il Mannlicher-Carcano è semplicissimo, Arco e frecce, ancora più semplici, possono ammazzare le persone.QUINDI non ho capito dove si voglia arrivare. Prima devo riuscire a capire questi semplici ragionamenti, che si basano su pochi dati. Poi, forse, potrò cimentarmi con quelli più complessi.
In questo caso non ci sono ragionamenti particolari, citavo semplicemente una serie di analogie. Ognuno vi legge dentro quello che vuole.

*************

IVAN: Citazione:
Nella sucitata foto, la testa del tipo sembra un pò sproporzionata rispetto al corpo, anzi, non sembra proprio la testa di quel corpo ....
Tu provochi, figliolo….

lesath
Inviato: 22/11/2006 23:17  Aggiornato: 22/11/2006 23:19
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/9/2005
Da:
Inviati: 62
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Citazione:
LESATH: Attenzione però, non è vero che "si vede anche il killer che ripone il fucile e si allontana". Mica è un film, è sempre una Polaroid. (Quello che hai fatto è di "mescolare" la testimonianza dell'uomo che stava sulla cabina di osservazione della ferrovia con la storia dello sbuffo).


Hai ragione, ma tieni conto che quel servizio l'avevo visto parecchi anni fa (caro Zuc, già allora c'erano i COMBLOTTISTI!!!!).
Non si vede che lo ripone, ma mi ricordo che vi erano 2 scene: 1a lui che sparava con un fucile, 2a lui che si allontanava con un astuccio in mano (la scena di mezzo l'ho aggiunta io, chiedo scusa).

Non mi giudicare male ma non voglio dire che mi pare di ricordare che nel filmato si vedeva vestito da polizziotto.

Sono passati tanti anni, però ne sono abbastanza sicuro. Bisognerebbe riuscire a fare delle ricerche. Mi viene da dire che la trasmissione poteva essere condotta da Minoli o da Augias.

Era molto interessante, andava ad analizzar gli angoli di fuoco (almeno 3) e il presunto angolo di entrata dei proiettili. Mi pare di ricordare che la collinetta si trovasse alla destra della macchina di JFK e che un movimento di JFK colpito coincidesse con un ipotetico colpo partito da quella direzione.

La cosa che mi aveva colpito di più è che costui avesse delle persone intorno, non immediatamente accanto a lui ma non distanti, che l'hanno visto sparare ed allontanarsi. E che lo guardavano.....
(dietro la collinetta c'era forse una sopraelevata o un ponte ?)

---------------------------------
Siamo già tra di voi. Guardatevi bene intorno e ci vedrete.
lesath
Inviato: 22/11/2006 23:23  Aggiornato: 22/11/2006 23:23
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/9/2005
Da:
Inviati: 62
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Citazione:
"Tutti", per la precisione, "meno cinque".


Caro Marzucco, te l'ho già scritto più volte (compresa la prova che o il filmato di Bin Laden è un falso o che è solo una comparsa --> vedi sotto) e te l'ho già chiesto più volte: ma perchè non si dice che sicuramente 5 dei 19 attentatori sono vivi ???

Non riesco a capirlo ! E l'FBI mai che si sia corretto sui nomi dei dirottatori !!!

Spiegamelo, please !

---------------------------------
Siamo già tra di voi. Guardatevi bene intorno e ci vedrete.
Demon84
Inviato: 23/11/2006 1:21  Aggiornato: 23/11/2006 1:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 224
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Massimo ognuno ha diritto a pensarla come vuole no? Anche per me a volte è assurdo pensare che viviamo in un mondo che è peggio di Matrix stesso, dove non siamo usati come batterie ma come pedine. È una cosa inimmaginabile per chiunque e prendere confidenza con questo pensiero può essere molto arduo.
Pensare che una persona non sia in grado di capire ciò vuol dire condannarla a se stessa per un tempo indeterminato, forse per sempre.

Questo sito dovrebbe servive ad aprire gli occhi agli utenti che lo visitano, quindi credo che come pagina iniziale ci voglia un introduzione con articoli più soft.

Forse alcune righe che spieghino perché questo sito esiste e qual'è il suo scopo. Altrimenti molti rifiutano palesemente di prendere in considerazione ciò che ci sta scritto.

"Chi se ne frega mi risponderete"... beh ricordate che anche una sola persona che sceglie di fare 'quit' è un canale di informazione perso.

Riflettete su ciò..


Ad ogni modo IVAN: si dovrebbe vedere la foto più in grande per giudicare e cmq, se sono riusciti veramente a fare false foto della Luna, figuriamoci di un imbecille con il fucile.

Citazione:
"Il mio viaggio di scoperte non è ancora finito, sebbene io ormai sia un uomo...più cose conosco meno cose capisco e meno cose capisco più mi sembra di tornare bambino" (Demon's summons 2006)
ivanvox
Inviato: 23/11/2006 8:33  Aggiornato: 23/11/2006 10:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/4/2006
Da:
Inviati: 269
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Citazione:
Lesath: Mi viene da dire che la trasmissione poteva essere condotta da Minoli o da Augias.

Era di Minoli,nello speciale su JFK di metà anni 90 in cui partecipò in studio O.Stone.
Non ho buona memoria, è che l'hanno rifatto l'altro ieri mattina alla "storia siamo noi".
Confermo che si vede un fotogramma (o una foto non so) con uomo che imbraccia un fucile posto frontalmente all'auto presidenziale.
L'uomo che si vede (secondo Minoli) è David Ferrie ,pilota al soldo di mafia e cia, ( in jfk di Stone è interpretato da Joe Pesci) che per nascondere il suo essere glabro indossava una parrucca "rossa" e si disegnava le sopracciglia con una matita.Testimonianze di quel giorno segnalano un uomo con faccia da "clown triste" sul luogo dell'attentato.
ciao
foto ferrie

spettatore
Inviato: 23/11/2006 9:13  Aggiornato: 23/11/2006 9:13
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da:
Inviati: 883
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Due cosette soltanto.
La prima: nel filmato di Zapruder si vede benissimo che Kennedy viene colpito una prima volta e reclina il capo in avanti. Qualche istante dopo si vede la testa che quasi esplode, perchè colpita nella zona latero frontale, e si reclina all'indietro e, veramente raccapricciante, la moglie Jacqueline che cerca di recuperare i pezzi di cervello sul cofano posteriore dell'auto. Se Oswald sparava da un solo punto, chi sparava da un punto diverso?

La seconda: un esperto di esplosivi dell'esercito americano ha testimoniato a David Icke (e questi lo ha riportato su un suo libro) che il danno subìto dall'edificio di Oklahoma City è il chiaro risultato di quello provocato dalla cosiddetta "bomba di pressione". Questa bomba agisce più o meno nel seguente modo: c'è una prima esplosione, molto ridotta, che emette una nube finissima di materiale esplodente, poi una successiva detonazione innesca questa nube che esplode investendo e distruggendo tutta la superficie interessata dalla nube stessa. Infatti l'edificio appare come schiaffeggiato dal basso verso l'alto. Altro che letame, gasolio e fertilizzante.


Lo spettatore

P.S. Sapevate che i fertilizzanti chimici furono introdotti in maniera massiccia in agricoltura, dopo la fine della prima guerra mondiale? Essi infatti costituivano la materia prima per la costruzione di bombe, di qualsisi tipo, e per questo, finita la guerra, si ritrovarono con enormi quantità di nitrati e solfati ammonici da smaltire. Da allora si è passati dalla rotazione delle colture alle monocolture, con il risultato di impoverire i terreni e i prodotti della terra, di preziose sostanze nutritive, e di arricchire l'uomo di sostanze chimiche che.....bhe...i risultati li vediamo ogni giorno.
VIVA IL BIOLOGICO, VIVA IL BIODINAMICO!!!!

Citazione:
Non metterti a discutere con un idiota. La gente potrebbe non accorgersi della differenza.
Riccardo73
Inviato: 23/11/2006 12:39  Aggiornato: 23/11/2006 12:39
So tutto
Iscritto: 2/5/2005
Da:
Inviati: 8
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Caro Mazzucco,

capisco esattamente quando dici "..del primo sito italiano veramente serio e completo sul caso Kennedy".
Ho avuto l'occasione di leggerti proprio relativamente al caso kennedy.

"Un esempio per tutti dovrebbe bastare: la stessa persona che si trovava a Dallas il 22 novembre 1963 - per sua stessa ammissione in ambo i casi - ha dormito alla Casa Bianca la sera del 10 settembre 2001."
Questa è la frase che mi ha più impressionato, e mi piacerebbe avere maggiori informazioni.
Saluti

AlexMai
Inviato: 23/11/2006 13:11  Aggiornato: 23/11/2006 13:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 19/9/2005
Da: Roma
Inviati: 74
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Come Massimo ben sa, lo dico da anni che LHO e OBL sono legati a filo doppio... mi fa piacere che l'idea si diffonda
Grande Mazzucco!!!

Alessandro
www.alexmai.it
Redazione
Inviato: 23/11/2006 13:52  Aggiornato: 23/11/2006 13:52
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
LESATH:

L'FBI ha sempre risposto a queste concertanti notizie in modo vago e imprecisato, citando a volte delle possibili omonimie, altre volte dei furti di passaporto, altre ancora la possibilità che si trattasse di mitomani. Invece di chiarire una volta per tutte la faccenda, lo stesso direttore Muller ha più volte dichiarato, con candore stupefacente, di "non poter essere certo dell'identità di tutti i terroristi", che la stessa FBI ha infatti presentato sin dall'inizio con una tale quantità di variabili da tenersi la porta aperta per qualunque rettifica si rendesse necessaria.

Vediamo più da vicino la lista "definitiva" dei 19 resa pubblica dall' FBI il 26 settembre 2001, con accanto a ciascun nome le informazioni aggiuntive riguardo alla sua identità.

Mohamed Atta, 33, possibly an Egyptian national.

Mohamed Atta, 33 anni, potrebbe essere un cittadino egiziano.

Waleed M Alshehri, believed to be from Saudi Arabia, has used birth dates from 1974 to 1979 on various documents. Identity may be false.

Waleed M Alshehri, si pensa che venisse dall'Arabia Saudita, e ha usato in documenti diversi date di nascita che vanno dal 1974 al 1979 . La sua identità potrebbe essere falsa.

Wail M Alshehri, 33, may have lived in Hollywood, Florida, and Newton, Massachusetts.

Wail M Alshehri, 33 anni, potrebbe aver vissuto a Hollywood, in Florida, e a Newton, nel Massachusetts.

Satam M A Al Suqami, 26, is possibly a Saudi national whose last known address was the United Arab Emirates.

Satam M A Al Suqami, 26 anni, potrebbe essere un cittadino saudita il cui ultimo indirizzo conosciuto era negli Emirati Arabi Uniti.

Abdulaziz Alomari, believed to be a Saudi national, has used birth dates in 1972 and 1979 on various documents. Saudi Embassy officials in Washington have challenged his identity.

Abdulaziz Alomari: si pensa che fosse un cittadino saudita, ha usato in documenti diversi date di nascita che vanno dal 1972 al 1979. I responsabili dell'ambasciata saudita a Washington contestano la sua identità.

Marwan Al-Shehhi, 23, is a cousin or nephew of Atta and is believed to have been the pilot of Flight 175.

Marwan Al-Shehhi, 23 anni, è cugino o nipote di Attà e si pensa che fosse alla guida del volo 175.

Fayez Rashid Ahmed Hassan Al Qadi Banihammad used a half-dozen different aliases.

Fayez Rashid Ahmed Hassan Al Qadi Banihammad ha usato una mezza dozzina di cognomi diversi.

Ahmed Alghamdi: US officials say Alghamdi and three other hijackers have links to Bin Laden's al-Qaida network.

Ahmed Alghamdi: le autorità americane [non meglio identificate] dicono che Alghamdi e altri tre dirottatori siano in collegamento con la rete di al-Qaida di Osama bin Laden.

Hamza Alghamdi has used at least four aliases.

Hamza Alghamdi ha usato almeno 4 cognomi diversi.

Mohand Alshehri: The FBI lists three aliases he may have used.

Mohand Alshehri: L'FBI elenca almeno tre cognomi diversi che può aver usato.

Saeed Alghamdi is one of three hijackers that US officials have said are linked to Osama bin Laden's al-Qaida network

Saeed Alghamdi è uno dei tre dirottatori [prima erano quattro] che le autorità americane [non meglio identificate] hanno detto essere collegati alla rete al-Qaida di Osama bin Laden.

Ziad Samir Jarrah, believed to be the pilot aboard Flight 93, was part of the terrorist cell in Hamburg, Germany, that also included Atta and Al-Shehhi.

Ziad Samir Jarrah, che si crede fosse il pilota a bordo del volo 93, faceva parte di una cellula terroristica di Amburgo, in Germania, a cui appartenevano anche Atta e Al-Shehhi.

Majed Moqed, 24, is possibly a Saudi national.

Majed Moqed, 24 anni, potrebbe essere di nazionalità saudita.

Nawaf Alhazmi, believed to be from Saudi Arabia.

Nawaf Alhazmi: si pensa che fosse di origine Saudita.

Hani Hanjour 29 believed to have been the pilot of Flight 77

Hani Hanjour, 29 anni: si crede che fosse il pilota del volo 77

Salem Alhazmi, 20, is believed to have been from Saudi Arabia.

Salem Alhazmi, 20 anni: si pensa che venisse dall' Arabia Saudita.

Khalid Almihdhar, 26, from Saudi Arabia, is one of two hijackers placed on a watch list this summer [..]

Khalid Almihdhar, 26 anni, è uno dei due dirottatori messi sotto osservazione l'estate scorsa [...]

Ahmed Ibrahim A. Al Haznawi, 20, may have been from Saudi Arabia and may have lived in Delray Beach, Florida.

Ahmed Ibrahim A. Al Haznawi, 20 anni, potrebbe essere stato un saudita, è può aver vissuto a Delray Beach, in Florida.

Ahmed Alnami used several aliases and may have lived in Delray Beach, Florida.

Ahmed Alnami ha usato svariati cognomi, e potrebbe aver vissuto a Delray Beach in Florida.

Come si può vedere, grazie a quei mille "potrebbe", "si pensa" e "dicono che", gli uomini di Mueller si sono lasciati tanto di quel margine, da poter includere o escludere da quella lista praticamente l'intera guida telefonica di un qualunque paese arabo.

+++++

Riccardo 73

Segui il link a fine articolo: Da Dallas alle Torri Gemelle

Nemrod
Inviato: 23/11/2006 14:07  Aggiornato: 23/11/2006 14:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/6/2006
Da:
Inviati: 48
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Citazione:
ci si domanda come sia possibile determinare che una certa quantità di resti umani "non identificati" debba necessariamente appartenere a un numero preciso di persone: a meno di ritrovarsi con cinque mascelle contate, e con quelle soltanto, come si può stabilire che quei resti appartengano a "cinque" individui, piuttosto che non a sette, a undici, oppure a tre soltanto?

Visto che "ci si domanda", perché non rispondersi con "hanno trovato cinque tipi diversi di DNA non attribuibili ad altre persone"?

Citazione:
In questo caso non ci sono ragionamenti particolari,
...
Ognuno vi legge dentro quello che vuole

Allora mi consolo.
Mi chiedevo che ragionamenti avessero condotto a chiamare "letame" il nitrato d'ammonio, ma non avevo pensato che si dovesse leggere il tutto come una poesia. Parole in libertà, insomma

lesath
Inviato: 23/11/2006 14:36  Aggiornato: 23/11/2006 14:36
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/9/2005
Da:
Inviati: 62
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Citazione:
L'FBI ha sempre risposto a queste concertanti notizie in modo vago e imprecisato, citando a volte delle possibili omonimie, altre volte dei furti di passaporto, altre ancora la possibilità che si trattasse di mitomani. Invece di chiarire una volta per tutte la faccenda, lo stesso direttore Muller ha più volte dichiarato, con candore stupefacente, di "non poter essere certo dell'identità di tutti i terroristi", che la stessa FBI ha infatti presentato sin dall'inizio con una tale quantità di variabili da tenersi la porta aperta per qualunque rettifica si rendesse necessaria.[...]


Benissimo. Fin qui tutto chiaro.

Nell'ultima puntata di Matrix sull'11/9 Mentana ha mandato in onda un filmato di Bin Laden che cita uno ad uno questi nomi e loda il loro martirio.

Se OBL fosse il vero mandante, presumo che conoscerebbe la vera identità di ciascun dirottatore. Allora, perchè far loro il torto di citarli con il nome sbagliato ?

Questa è una grossa incongruenza. Lo so che non è la pietra miliare su cui si basa la teoria complottista, però può dimostrare essenzialmente 2 cose:
1) se il filmato di lode ai martiri è veramente di OBL e dal momento che OBL non conosce la vera identità dei "martiri", sta facendo il favore alla CIA prendendosi la colpa di tutto
2) il filmato è un falso. e quindi c'è qualche bontempone che semina filmati falsi per il mondo...

Giustamente Attivissimo ribatte che nessuno dei "vivi" si è presentato in tv a dire <<sono qui vivo e vegeto>>, però mi sarei comunque aspettato da parte di OBL precisare il nome corretto, proprio perchè siano "venerati" i martiri giusti e non altri...

---------------------------------
Siamo già tra di voi. Guardatevi bene intorno e ci vedrete.
Ashoka
Inviato: 23/11/2006 16:11  Aggiornato: 23/11/2006 16:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Citazione:
Giustamente Attivissimo ribatte che nessuno dei "vivi" si è presentato in tv a dire <<sono qui vivo e vegeto>>, però mi sarei comunque aspettato da parte di OBL precisare il nome corretto, proprio perchè siano "venerati" i martiri giusti e non altri..


Li han intervistati i giornali.. ma poi dopo aver detto che gli avevano rubato l'identità, non si son preoccupati di fare 2 + 2.

Dal telegraph (23/09/2001)

Il pilota della Saudi Airlines, Saeed Al-Ghamdi, 25, e Abdulaziz Al-Omari, un ingegnere di Ryadh, sono furiosi che i “dettagli personali” dei dirottatori – incluso nome, data e luogo di nascita ed occupazione – corrispondano ai loro.

Mr Al Ghamdi è stato nominato come uno dei terroristi che ha fatto schiantare il Volo Ua93 in Pennsylvania – un volo che gli esperti dicono diretto verso la Casa Bianca.

Si è accorto di essere nella lista dell'FBI quando un collega lo ha avvertito. Parlando dalla Tunisia, ha detto: “Ero completamente scioccato. Per gli scorsi 10 mesi sono stato qui a Tunisi con altri 22 piloti imparando a pilotare un Airbus 320. L'FBI non ha fornito nessuna prova del mio presunto coinvolgimento negli attacchi.”

“Non potete immagina che cosa voglia dire essere descritto come un terrorista – ed un morto – quando sei vivo ed innocente.” Mr Al-Ghamdi ha dovuto sopportare un ulteriore imbarazzo quando la CNN, il network televisivo Americano, ha mostrato una sua fotografia a tutto il mondo, indicandolo come uno dei sospetti dirottatori.

L'FBI ha pubblicato i suoi dati personali ma con la fotografia di qualcun'altro, presumibilmente il dirottatore che gli ha rubato l'identità.


***

Da dove le avrà presi questi dettagli l'FBI?

Ma dal passaporto di Al Ghamdi ritrovato a Shanksville ovviamente!


zuldan
Inviato: 23/11/2006 17:26  Aggiornato: 23/11/2006 17:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/7/2006
Da: 4 angoli
Inviati: 115
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Io ricorderei anche l'assassinio"preventivo" del fratello di John,Robert che probabilmente sarebbe stato eletto presidente degli U.S.A,ed aveva
l'intenzione di continuare il programma politico
iniziato da John,che tanto "piaceva"ai predecessori
degli attuali neocon.
Tra le altre cose,mi ricordo di aver letto un libro di Lucia Annunziata (Bassa tensione) in cui si riportava
che avuta la notizia della sua morte,i latifondisti sudamericani( e penso anche la United fruit company, loro alleata e ispiratrice dei massacri
dei campesinos) abbiano brindato a champagne.
Comunque questi omicidi mi ricordano molto le guerre di mafia.

Vi linko
un interessante articolo su l'assassinio di jfk
scritto da jerry Mazza,un giornalista free-lance.

tommasso
Inviato: 23/11/2006 19:33  Aggiornato: 23/11/2006 19:33
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/5/2006
Da: ZENA
Inviati: 722
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...

"I nostri nemici sono creativi e pieni di risorse, e lo siamo anche noi. Loro non smettono mai di pensare a nuovi modi per danneggiare il nostro paese e la nostra gente, e nemmeno noi." 5 agosto 2004 G.W.Bush
Piero79
Inviato: 23/11/2006 21:14  Aggiornato: 23/11/2006 21:16
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/5/2006
Da:
Inviati: 781
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
ottima segnalazione Tommasso


scrive Blondet:

Era il 21 novembre 1963, il presidente Lyndon B. Johnson uscì da una riunione che si teneva a Dallas, afferrò per le braccia la sua amante Madeleine Duncan Brown, e le disse: «Quei figli di puttana non mi creeranno più guai». Il giorno dopo fu ucciso a Dallas John F. Kennedy, il presidente degli Stati Uniti….

Ora, quarant’anni dopo, nell’anniversario dell’assassinio, viene fuori la verità. La dice la stessa amante di Johnson, Madeleine Duncan Brown. La donna è morta nel 2002, il 22 giugno; ma la sua immagine e il suo racconto emergono nitidi da una video-intervista di 80 minuti, che le fece un ricercatore indipendente di nome Robert Gaylon Ross….


Il video di prisonplanet è visionabile anche su videogoogle

Paxtibi
Inviato: 23/11/2006 23:54  Aggiornato: 23/11/2006 23:54
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Non so se l'ha già segnalato qualcuno, comunque:


CIA Operatives at Scene of RFK’s Assassination


New video and photographic evidence that puts three senior CIA operatives at the scene of Robert Kennedy’s assassination has been brought to light.

The evidence was shown in a report by Shane O’Sullivan, broadcast on BBC Newsnight.

It reveals that the operatives and four unidentified associates were at the Ambassador Hotel, Los Angeles in the moments before and after the shooting on 5 June, 1968.

The CIA had no domestic jurisdiction and some of the officers were based in South-East Asia at the time, with no reason to be in Los Angeles.

Wolfgang
Inviato: 24/11/2006 12:22  Aggiornato: 24/11/2006 12:22
So tutto
Iscritto: 2/11/2006
Da:
Inviati: 26
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Ci sono sempre strane coincidenze nella storia, ed è difficile distinguere fre quelle che sono realmente coincidenze e quelle che vengono "costruite" apposta.
Comunque nel sito ho trovato l'articolo su JFK e le querce che crescono. Se posso fare un commento tecnico, è pieno di inesattezze dal punto di vista fisico. Si danno numeri a caso e pure i calcoli sono grossolanamente errati.
Questa non vuole essere una critica all'idea del complotto anche perchè a dallas è successo qualcosa di poco chiaro, ma soltanto un richiamo al fornire dati esatti soprattutto se si parla di numeri.
ciau

nichilista
Inviato: 24/11/2006 15:42  Aggiornato: 24/11/2006 15:42
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/9/2006
Da:
Inviati: 955
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
wolfang, ptresti "corregere " velocissimamente tu i dati che ritieni siano sbagliati sull'articolo in modo tale che anche noi possiamo farcene un'idea ?

ciao

"Questa istanza può tuttavia dar luogo ad un’altra
convinzione ERRONEA, la seconda e più rilevante
opinione di cui occorre sbarazzarsi. Essa può
denominarsi TEORIA SOCIALE DELLA COSPIRAZIONE." K.POPPER
Wolfgang
Inviato: 24/11/2006 16:27  Aggiornato: 24/11/2006 16:27
So tutto
Iscritto: 2/11/2006
Da:
Inviati: 26
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Io non ho nessun problema a fornire il risultato dei calcoli, che ritengo esatti secondo le leggi della fisica e i dati presentati. Ma preferirei confrontarmi con l'autore dell'articolo, e quindi avere il suo indirizzo e-mail per notificare a lui le incongruenze che ho riscontrato così che possano essere corrette direttamente sul sito. Io considero il lavoro svolto non corretto dal punto di vista della fisica e non dal punto di vista "politico".
Comunque per chi conosce i rudimenti della fisica basta fare un'analisi dimensionale per capire le inesattezze.
Andando al concreto: vorrei che fossero corrette certe cose senza farne un caso da complottisti o anticomplottisti.
ciau

ivan
Inviato: 26/11/2006 8:58  Aggiornato: 26/11/2006 8:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Citazione:


Autore: Wolfgang Inviato: 24/11/2006 16:27:24

Io non ho nessun problema a fornire il risultato dei calcoli, che ritengo esatti secondo le leggi della fisica e i dati presentati. Ma preferirei confrontarmi con l'autore dell'articolo, e quindi avere il suo indirizzo e-mail per notificare a lui le incongruenze che ho riscontrato così che possano essere corrette direttamente sul sito. Io considero il lavoro svolto non corretto dal punto di vista della fisica e non dal punto di vista "politico".
Comunque per chi conosce i rudimenti della fisica basta fare un'analisi dimensionale per capire le inesattezze.
Andando al concreto: vorrei che fossero corrette certe cose senza farne un caso da complottisti o anticomplottisti.
ciau



Stando alle ultime news di questo qua emerge una verità sconcertante e scomoda per i gomblottisti domenicali: JFK si è sparato da solo.

Wolfgang
Inviato: 29/11/2006 16:15  Aggiornato: 29/11/2006 16:17
So tutto
Iscritto: 2/11/2006
Da:
Inviati: 26
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Ho forse espresso un punto di vista sulla vicenda? Non mi pare, ho solo detto che nell'articolo in questioni ci sono errori dal punto di vista matemetico e fisico.
Un esempio: provate a fare i conti che portano ad affermare che era in gioco un'energia cinetica di 18 Joule al momento dell'impatto, spero che la matematica non sia ancora diventata un'opinione.

francesco7
Inviato: 14/12/2006 16:24  Aggiornato: 14/12/2006 16:24
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: Tarentum
Inviati: 886
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...

La mente non è un vaso da riempire ma un legno da far ardere perché s'infuochi il gusto della ricerca e l'amore della verità. (Plutarco)
PikeBishop
Inviato: 8/1/2007 23:39  Aggiornato: 8/1/2007 23:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Stasera accendo la TV sul mio canale preferito, BBC 4, ed eccoti un concerto dei Byrds, di cui sono sempre stato un fan, con Crosby conciato come Billy di Easy Rider, quindi doveva esere durante il 1966.

Prima di suonare "He Was a Friend of Mine" Crosby comincia a fare un piccolo discorsetto su come Kennedy non fosse stato ucciso da Oswald, ma da diversi cecchini che facevano parte di un complotto.

Quindi, come ho sempre sostenuto, la notizia era gia' diffusa ben prima dell'investigazione di Garrison, e senza traccia di internet!!!
Chi aveva piu' di un paio di cellule cerebrali funzionanti e comunicanti lo sapeva gia' da subito, come per il WTC.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
Kirbmarc
Inviato: 8/1/2007 23:52  Aggiornato: 8/1/2007 23:52
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/5/2006
Da: Arkadia-spazio profondo
Inviati: 1665
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Citazione:
Chi aveva piu' di un paio di cellule cerebrali funzionanti e comunicanti lo sapeva gia' da subito, come per il WTC.
Per Kennedy anche più facilmente che per il WTC , visto che il WTC era "senza precedenti" mentre l'assassinio di Kennedy era (dal punto di vista tecnico) puro "tiro al bersaglio", con pallottole vaganti come moscerini.
OT: Bentornato Pike!

Freeman
Inviato: 21/2/2007 20:39  Aggiornato: 21/2/2007 20:39
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Da Oswald a bin Laden, l'evoluzione del "pa...
Stasera un idiota di giornalista (lo dico senza tema di smentita né di querela, visto che oggettivamente ha dimostrato di essere tale, sempre che non fosse in malafede) ci ha illuminato sulla verità sull'omicidio Kennedy.

TG1, ore 20,20, parte un filmato con strombazzi che dicono "finalmente una prova decisiva a favore della versione ufficiale", cioè quella del proiettile unico (sic!, lo ha detto lui, dimostrando di non sapere neanche in cosa consista la versione ufficiale, che non ha mai parlato di un unico proiettile, ma semmai di un unico assassino). E questa gente farebbe giornalismo?

Comunque , la notiziona, quale sarebbe? Che da un filmato che inquadra il presidente di spalle si vede che la giacca era raggrinzita e spostata verso l'alto, quindi diventa compatibile con il proiettile magico sparato da dietro.
Peccato che proprio mentre comunichi queste preziose novità, gongolando per aver messo a tacere "i fanatici delle teorie dei complotti", il ""giornalista"" (doppio virgolettato obbligatorio) faccia scorrere le immagini del noto filmato di Zapruder, in cui si vede prima il presidente spostarsi in avanti afferrandosi la gola (primo proiettile) e poi la testa del presidente che schizza all'indietro, bello ingrandito con tanto di pezzi di cranio che volano.
Ci vuole davvero una laurea in fisica per capire che non è possibile che un solo proiettile abbia causato questo? O che anche in caso di due proiettili, quello che gli ha fatto schizzare la testa all'indietro era incompatibile con la posizione di Oswald? Chi glielo spiega al nostro "giornalista", che crede che la gente abbia l'anello al naso (e forse ha ragione)?.
Bravo, giornalista dei miei stivali. Ma vaffanculo.
Viene davvero voglia di buttare la TV dalla finestra, sperando di colpire un "giornalista", magari.

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA