Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


Iraq : Lo spettro di Norimberga
Inviato da Redazione il 5/11/2006 18:50:25 (4630 letture)

L'ultimo atto è sempre il più ributtante. Sacrificare la tua stessa creazione, affinchè il mondo non possa addossarti la colpa degli orrori che lui ha scatenato, è il gesto più vile e ripugnante di un intero ciclo di gestazione del Male marcio fin dalla radice. Ma è anche la catarsi, la liberazione dall'incubo, l'illusione di una nuova purezza destinata a durare quanto basti per liberarsi del fantasma del passato, per rinchiuderlo in una bara della memoria dalla quale non potrà mai più liberarsi.

La vera prigionia di Saddam Hussein inizia oggi, con il primo giorno che scandisce il conto alla rovescia che lo porterà al capestro. In quel momento diventerà prigioniero per sempre ...

... della menzogna che lo farà passare alla storia come il diabolico, malvagio, perfido dittatore venuto a contagiare il mondo del Bene in cui tutti crediamo di vivere. Esattamente come Hitler, ricorderemo di lui solo la perfidia, la crudeltà, la follia incontrollabile che solo una morte cruenta per mano della Giustiza Collettiva avrebbe potuto arrestare.

E così non verrà mai a nessuno il sospetto che quell'oggetto di Male incarnato lo abbiano creato le stesse persone che crearono la sua precedente incarnazione. Fu in nonno dell'attuale presidente americano a costruire la figura di Hitler, fu suo figlio, il padre dell'attuale presidente, a creare quella di Saddam. Esattamente come Hitler, Saddam è stato messo al potere dai Paladini del Bene, per fronteggiare un Male assoluto che nessuno di loro si sentiva di fronteggiare: Stalin, per il burattino viennese che non sapeva nemmeno disegnare, l'Iran, per il burattino iracheno che non sapeva nemmeno pregare.

Due animali perfettamente inutili, perfetti proprio perchè inutili, e quindi spendibili in qualunque momento, senza costi aggiuntivi, nell'istante stesso in cui avessero portato a termine il loro becero compito di devastazione. Bloccare l'avanzata del comunismo, fino all'arrivo ufficiale delle forze del Bene, che hanno aspettato che Hitler mandasse al massacro anche i ragazzini di quindici anni prima di "salvare l'Occidente dalla dittatura". Bloccare gli Ayatollah intrattabili, fino all'arrivo ufficiale delle forze del Bene, che hanno aspettato che migliaia di bambini iracheni morissero letteralmente di sete, prima di intervenire e salvare l'Occidente dalle "armi di distruzione di massa".

Ambedue ricacciati come topi di fogna, al momento della fine, nel sottosuolo da cui erano venuti: Hitler nel suo tragicomico bunker, Saddam nel suo misero tombino di campagna.

Stesso meccanismo, stessa menzogna, stessa prassi. E ora, l'atto finale. Il capestro, la catarsi, con la cancellazione istantanea di tutte le colpe reali, le colpe profonde, le colpe vere: le colpe del mandante, non quelle dell'assassino.

Massimo Mazzucco

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Marco M
Inviato: 5/11/2006 18:59  Aggiornato: 5/11/2006 18:59
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/8/2006
Da:
Inviati: 826
 Re: Lo spettro di Norimberga
E avanti il prossimo: Osama.

marcocedol
Inviato: 5/11/2006 19:30  Aggiornato: 5/11/2006 19:30
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Lo spettro di Norimberga
Condivido pienamente ogni parola!

Aggiungerei che alcuni personaggi come Bush, Sharon, Olmert, Blair e molti altri sono o sono stati al contempo mandanti ed artefici e nonostante questa prerogativa li renda "doppiamente" colpevoli di crimini contro l'umanità nessuno li condurrà mai davanti a un giudice, ma continueranno invece ad essere considerati stimati rappresentanti della democrazia.

shevek
Inviato: 5/11/2006 19:32  Aggiornato: 5/11/2006 19:32
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/4/2005
Da: Napoli
Inviati: 1249
 Re: Lo spettro di Norimberga
Salut y Libertad, Massimo!


C'è anche qualcosa d'altro che accomuna la vicenda di questi due personaggi.

Innanzitutto, il loro rapporto con l'esercito ed i servi segreti, interni ed esteri: entrambi sono stati portati al potere da questi ambienti, che ora gioiscono di una Norimberga iraqena che li trasforma da mandanti a vittime ("eravamo costretti ad obbedire al pazzo sanguinario").

Inoltre, entrambi hanno osato giocare il ruolo di "scheggia impazzita": dopo essere stati portati al potere dagli ambienti di cui sopra, hanno provato a "mettersi in proprio", a gestire direttamente l'area d'influenza viciniora.

Processi come questi sono la spettacolarizzazione della punizione del boss locale ribelle. Come in tutte le Norimberga, chi condanna dovrebbe anche essere condannato. Chi compie il reato in grande, uccide chi ha commesso il reato in piccolo, ma senza suo ordine.


Shevek

"Il potere è l'immondizia nella storia degli umani" - F. Guccini
www.portadimassa.net - WEB-TV e non solo di Filosofia
Marco M
Inviato: 5/11/2006 19:38  Aggiornato: 5/11/2006 19:38
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/8/2006
Da:
Inviati: 826
 Re: Lo spettro di Norimberga
marcocedolCitazione:
Bush, Sharon, Olmert, Blair e molti altri sono o sono stati al contempo mandanti ed artefici e nonostante questa prerogativa li renda "doppiamente" colpevoli di crimini contro l'umanità nessuno li condurrà mai davanti a un giudice, ma continueranno invece ad essere considerati stimati rappresentanti della democrazia.


Di più: baluardi.
Ed esportatori, ovviamente.

tomlamm
Inviato: 5/11/2006 20:11  Aggiornato: 5/11/2006 20:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/5/2005
Da:
Inviati: 94
 Re: Lo spettro di Norimberga
Adolfino però gli stava scappando di mano...stava sterminando quei poveracci di ebrei...o sbaglio? o faceva parte del piano pure questo?...forse sì...così hanno potuto giustificare l'esistenza di israele...

Marco M
Inviato: 5/11/2006 20:15  Aggiornato: 5/11/2006 20:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/8/2006
Da:
Inviati: 826
 Re: Lo spettro di Norimberga
Il tg1 ci ha appena informati (è la sua missione, no?) che Saddam, quando andò al potere, era un leader estremamente moderato e democratico che voleva un Iraq moderno e libero, ed è per questo che l'Occidente lo appoggiò nella guerra per la libertà contro quei cattivoni degli Ayatollah.
Poi nel 1991 fece l'errore di invadere il Kuwait al quale gli Usa e gli alleati posero prontamente rimedio. A quel punto, Saddam si vendicò sterminando chi aveva dato appoggio all'Occidente.

Grazie per la lezione, Riotta.

francesco7
Inviato: 5/11/2006 20:27  Aggiornato: 5/11/2006 20:27
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: Tarentum
Inviati: 886
 Re: Lo spettro di Norimberga
Saddam Hussein (come giustamente argomenta Fulvio Grimaldi in una conferenza tenuta nel 2003) dagli USA è stato fatto passare come un "doppiogiochista", un amico ingrato che ha tradito la sua gente ed i suoi "protettori" a stelle e strisce. In realtà Saddam è stato sempre un nemico giurato degli USA fin da quando nazionalizzò il petrolio (l'unico che ci sia riuscito) ed un nemico giurato di Israele perchè ha sempre appoggiato la causa palestinese. <<Israele ha sostenuto l’Iran nella guerra Iraq-Iran con piloti e istruttori e con lo scandalo Iran-Contras (quando vendeva armi all’Iran e col ricavato gli americani finanziavano i banditi Contras in Nicaragua). Documenti ufficiali del Congresso rivelano che gli USA hanno armato l’Iran, non l’Iraq, dal 1981 al 1988. Potrei dire tante altre cose. Ma, un amico della CIA, installato dalla CIA, non lo si fa finire così e non se ne distrugge il paese distruggendone le basi, sradicando ed epurando tutto il suo partito>>.

La mente non è un vaso da riempire ma un legno da far ardere perché s'infuochi il gusto della ricerca e l'amore della verità. (Plutarco)
Wolfgang
Inviato: 5/11/2006 22:34  Aggiornato: 5/11/2006 22:34
So tutto
Iscritto: 2/11/2006
Da:
Inviati: 26
 Re: Lo spettro di Norimberga
Saluto tutti, io sono novizio di questo sito.
I fatti di oggi dicono che Saddam sarà appeso al cappio. Non ne piangerò la dipartita, anche se non condivido il modo di fare giustizia. Questa a me sembra una bella manovra elettorale e che farà guadagnare alla presidenza un bel pò di voti nelle midterm. Sarà un caso ma certe cose saltano sempre fuori al momento giusto...
Non mi va di polemizzare su questo aspetto, almeno per ora, ma una domanda me la pongo: sono più ipocriti gli americani, che hanno sempre sostenuto Saddam e ora che non serve più se lo tolgono letteralmente dai piedi, o sono più ipocriti gli europei, che hanno sostenuto Saddam se lo sono voluti sempre togliere dai piedi, ma ora riescono ancora a criticare il modo in cui lo si fa uscire di scena?
Almeno in USA forse riconoscono che business is busines, senza ipocrisia.

Yossarian
Inviato: 5/11/2006 22:47  Aggiornato: 5/11/2006 22:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/12/2005
Da: La bocca del lupo
Inviati: 42
 Re: Lo spettro di Norimberga
La manovra elettorale non sara' l'esecuzione di Saddam Hussein, lo sara' una inaspettatta clemenza sollecitata dalla amministrazone americana.
Allo stato attuale le sorti della guerra guerriglia sempre piu' perduta potrebbero per lo meno ammorbidirsi se la parte piu' manipolabile dei Sunniti cadra' ancora una volta nella trappola di Bush e Co.
E poi un MARTIRE da celebrare perpetuamente non lo si puo' davvero consegnare ad un popolo che ha ben capito cosa sta succedendo

" Questa coda non è di questa mucca !"
- Il bisnonno; Complottista dei primi del 1800-
Wolfgang
Inviato: 5/11/2006 23:01  Aggiornato: 5/11/2006 23:01
So tutto
Iscritto: 2/11/2006
Da:
Inviati: 26
 Re: Lo spettro di Norimberga
Sarà anche un mero dato statistico ma tre americani su quattro pensano che Saddam debba essere ipiccato (dati tg1 se non ricordo male)...Inoltre la presidenza si è dichiarata felice per questo primo passo dell'Iraq verso la democrazia.
In più non penso che un paese che ritiene la pena di morte una pena civile possa tornare sui suoi passi con la paura di aver detto una cazzata. Se poi Saddam sarà un martire ben venga, tanto hanno parlato pure di guerra permanente, vorrà dire che le industrie di armi foraggeranno la campagna elettorale del prossimo presidente che garantirà loro dei profitti.

ptimolla
Inviato: 5/11/2006 23:55  Aggiornato: 5/11/2006 23:55
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/7/2006
Da: Taranto
Inviati: 353
 Re: Lo spettro di Norimberga
Min...
Massimo,
m'hai fatto venire la pelle d'oca!

Legge di Murphy sulla ricerca
Una ricerca abbastanza lunga tendera' a confermare ogni teoria.


Legge di Maier
Se i dati non corrispondono alla teoria, vanno eliminati.
dr_julius
Inviato: 5/11/2006 23:55  Aggiornato: 5/11/2006 23:55
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/8/2006
Da:
Inviati: 1637
 Re: Lo spettro di Norimberga
Ho una domanda, per chi sa aiutarmi a capire: come mai Gheddafi si è salvato da questo destino di "bersaglio" ?

Grazie

Per rifornire di elettricità un terzo dell’Italia, un’area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma. (Carlo Rubbia)
ptimolla
Inviato: 6/11/2006 0:03  Aggiornato: 6/11/2006 0:03
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/7/2006
Da: Taranto
Inviati: 353
 Re: Lo spettro di Norimberga
Perche' Gheddafi si e prostrato al piu' forte ,
ammettendo le colpe,
e addirittura risarcendo le vittime delle stragi aeree imputategli !

E comunque il colonnello e' un volpone..

Legge di Murphy sulla ricerca
Una ricerca abbastanza lunga tendera' a confermare ogni teoria.


Legge di Maier
Se i dati non corrispondono alla teoria, vanno eliminati.
Thibault
Inviato: 6/11/2006 0:06  Aggiornato: 6/11/2006 0:06
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: Un mondo folle
Inviati: 343
 Re: Lo spettro di Norimberga
Che schifo...
Ovviamente se fosse stato processato all'Aja sarebbe stato un po più complicato ucciderlo.
P.S. Gheddafi si è salvato perchè dopo che i caccia americani lo hanno mancato centrando un velivolo commerciale italiano (vedi Ustica) ha saggiamente abbassato il tiro.

E' una tranquilla notte di regime
spettatore
Inviato: 6/11/2006 0:09  Aggiornato: 6/11/2006 0:09
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da:
Inviati: 883
 Re: Lo spettro di Norimberga
@ tomlamm :

guarda che mentre poveri ebrei disgraziati di mezza europa schiattavano nei "campi di lavoro", Himmler andava e veniva da una sontuosa residenza dei Rotschild, con una lussuosissima vettura messa a disposizione da questa "nobile casata". Cosa c'è di strano? I Rotschild erano ebrei e lo sapevano tutti! Se sai fare 2+2 è inutile che ti riveli il risultato.


Lo spettatore

Citazione:
Non metterti a discutere con un idiota. La gente potrebbe non accorgersi della differenza.
ptimolla
Inviato: 6/11/2006 0:10  Aggiornato: 6/11/2006 0:10
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/7/2006
Da: Taranto
Inviati: 353
 Re: Lo spettro di Norimberga
Ecco uno stralcio di articolo che ne parla:

Le vicende che hanno coinvolto la Libia negli anni 80 avevano già determinato progressive attenuazioni e aggiustamenti nella pretesa del leader libico di condurre la politica estera secondo le sue regole. La svolta nella sua modulazione dei rapporti internazionali si è avuta, più per necessità che per virtù, quando la Libia ha dovuto fronteggiare gli effetti dell’embargo UE ed Usa conseguente alla serie di azioni terroristiche culminate nel 1988 con la strage di Lockerbie.

Tale svolta fu ufficialmente formalizzata dalla rinuncia ai programmi di sviluppo di armi di distruzione di massa ed alla conseguente apertura alle ispezioni di Stati Uniti e Gran Bretagna. In un documento del 15 agosto 2004 la Libia, oltre a prevedere un risarcimento per le vittime di Lockerbie, ammise le sue responsabilità nella strage e si impegnò a non appoggiare il terrorismo in futuro. La revoca dell’Embargo sembrava essere indicativa di un effettivo impegno da parte della Libia verso la distensione con le potenze occidentali.

Legge di Murphy sulla ricerca
Una ricerca abbastanza lunga tendera' a confermare ogni teoria.


Legge di Maier
Se i dati non corrispondono alla teoria, vanno eliminati.
Wolfgang
Inviato: 6/11/2006 0:14  Aggiornato: 6/11/2006 0:14
So tutto
Iscritto: 2/11/2006
Da:
Inviati: 26
 Re: Lo spettro di Norimberga
Gheddafi ha sempre governato un pò borderline. La sua famiglia ha investito parecchio in europa e soprattutto in Italia, in particolare in un'industria piemontese che produce automobili, ma di cui non ricordo il nome...(e ci sono varie "leggende metropolitane" che lo accreditano di avere spazi liberi nei cieli italiani per i suoi spostamenti)

Wolfgang
Inviato: 6/11/2006 0:18  Aggiornato: 6/11/2006 0:18
So tutto
Iscritto: 2/11/2006
Da:
Inviati: 26
 Re: Lo spettro di Norimberga
Inoltre Gheddafi ha capito che per governare bisogna dare un colpo al cerchio e uno alla botte. Nel suo paese si preoccupa di farsi vedere duro con gli invasori e poi, come detto prima, investe un sacco di soldi in europa, e particolarmente in Italia...
Business is business

Curioso86
Inviato: 6/11/2006 0:23  Aggiornato: 6/11/2006 0:23
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/6/2006
Da: La terra che non c'è...Sicilia
Inviati: 162
 Re: Lo spettro di Norimberga
Non so cosa dire!!! Mi fa schifo la pena di morte anche per chi se lo merita, non serve, noi non siamo nessuno per strappare la vita a qualcuno perchè ha commesso errori. Il governo made in Bush appena saputo della notizia(che sicuramente già sapevano da un bel po di tempo come sarebbe andata a finire.... )è rimasto soddisfatto dalla sentenza!!! Sono i primi a dire pace di qua e di la e poi.....MORTE. O Dio mio..................no comment Le parole citate da Mazzucco sono molto VERE va ha finire sempre così, cioè che qualcuno la prende su per il c....o dopo avere magari fatto del bene. Incastrato di brutto.
Finirà così anche per Bin Laden e company??? PPer ora non credo proprio visto che Bin e company come ha affermato la stessa Loredana Bertè(è giusto??? )che la famiglia Bin laden sia di casa in White house!!! Ste voci sono molto forti ultimamente... che schifiuuuuuuu.

Il mio sogno è che i miei quattro bambini possano vivere un giorno in una nazione dove non saranno giudicati dal colore della loro pelle ma dal contenuto del loro carattere.
Se un uomo non ha ancora scoperto qualcosa per cui morire non ha ancora inizi...
Max_Piano
Inviato: 6/11/2006 0:39  Aggiornato: 6/11/2006 0:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: Lo spettro di Norimberga
Era evidente che il processo-farsa sarebbe finito con la morte di Saddam: come per Milosevic prima, il suo assassinio, non servirà a nulla se non ad insabbiare la verità riscrivendo una storia di cui, nel bene e soprattutto nel male, è stato protagonista.

Wolfgang
Inviato: 6/11/2006 0:41  Aggiornato: 6/11/2006 0:41
So tutto
Iscritto: 2/11/2006
Da:
Inviati: 26
 Re: Lo spettro di Norimberga
Bin Laden è il nirvana (e non me ne vogliano i buddisti) a cui tendere per rendere il mondo migliore e per sentirsi in pace con se stessi, uno dei tanti Hitler, Ho Chi Min o Saddam da eliminare per scaricare la coscienza (e la concorrenza) e nello stesso tempo fare affari...E ci siarà sempre un Bin Laden nemico da far fuori e per cui valga la pena mobilitare l'esercito...

hi-speed
Inviato: 6/11/2006 1:12  Aggiornato: 6/11/2006 1:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/12/2004
Da: preda lunga
Inviati: 3211
 Re: Lo spettro di Norimberga
Citazione:
Himmler andava e veniva da una sontuosa residenza


con sottobraccio qualcun'altro


Mi è parso di sentire su radiouno che la pena di Saddam non verrà eseguita. Ma forse avrò capito male.

Vorrei vedere Riotta parlare in Tv sulla figlia dell'ambasciatore del Kuwait (incubatrici del 1991).

Hi-speed

Cosa Sta Succedendo? Madre, madre Ci sono troppi di voi che piangono Fratello, fratello, fratello Ci sono troppi di voi che stanno morendo Sai che dobbiamo trovare una maniera Per portare un pò di amore qui oggi
Enrico
Inviato: 6/11/2006 1:44  Aggiornato: 6/11/2006 1:44
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/1/2006
Da:
Inviati: 873
 Re: Lo spettro di Norimberga
Waco, 20:29 SADDAM: BUSH, "UNA PIETRA MILIARE" PER LA DEMOCRAZIA
La condanna a morte inflitta a Saddam Hussein rappresenta per l'Iraq "una pietra miliare" sulla strada della democrazia. Sono le parole con cui il presidente degli Stati Uniti, George W. Bush, impegnato con la campagna per le elezioni di midterm, ha commentato la sentenza emessa oggi a Baghdad al termine del processo all'ex dittatore e a sette coimputati per la rappresaglia che nel 1982 costo' la vita a 148 abitanti sciiti della comunita' di Dujail.

05 nov 20:25 Saddam: Bush, "Grosso risultato per democrazia irachena"
WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti George Bush ha dichiarato che la condanna a morte di Saddam Hussein e' "un grosso risultato per la giovane democrazia irachena e per il suo governo costituzionale". Bush, che ha pronunciato il suo breve discorso all'aeroporto di Waco, in Texas, ha anche ringraziato i militari americani, poiche' questo "importante risultato" e' frutto del loro sacrificio.
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Ora il fatto che Bush dichiari che la condanna a morte emessa contro Saddam "rappresenta per l'Iraq una pietra miliare sulla strada della democrazia" e che "questo importante risultato è frutto del sacrificio dei soldati USA" evidenzia ancora una volta la completa e devastante distorsione del significato delle parole che è avallata in toto dai mainstream media di tutto il mondo.

sagada
Inviato: 6/11/2006 2:14  Aggiornato: 6/11/2006 2:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/8/2006
Da:
Inviati: 114
 Re: Lo spettro di Norimberga
<<Ho una domanda, per chi sa aiutarmi a capire: come mai Gheddafi si è salvato da questo destino di "bersaglio" ?>>

c erano un giorno tre simpatici ragazzi mussolini ,hitler e franco stavano giocando alla guerra ma a un certo punto franco nel suo accento spagnolo ha detto ok io mi fermo qui

generalissimo franco =Gheddafi

-"Pillola azzurra: fine della storia, domani ti sveglierai in camera tua e crederai a quello che vorrai; pillola rossa: resti nel paese delle meraviglie e vedrai quant'è profonda la tana del bianconiglio" .
kraken71
Inviato: 6/11/2006 7:45  Aggiornato: 6/11/2006 7:45
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 36
 Re: Lo spettro di Norimberga
...e quando mai! l'annuncio della condanna (del democratico "giustizia sia fatta!") arriva nel momento elettoralmente più indicato.
Oh, nun se ne fann scappà una!

cocis
Inviato: 6/11/2006 8:52  Aggiornato: 6/11/2006 8:52
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/1/2006
Da: V
Inviati: 1430
 Re: Lo spettro di Norimberga
bush ha bisogno di voti...

prozak
Inviato: 6/11/2006 9:08  Aggiornato: 6/11/2006 9:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/6/2006
Da: Italia
Inviati: 48
 Re: Lo spettro di Norimberga
La strategia della creazione del satana di turno sembra ormai la costante della politica Americana....creando lo spauracchio di turno, si ha la possibilità di tenere la gente sotto controllo mediante la paura!
Andrea

hi-speed
Inviato: 6/11/2006 10:25  Aggiornato: 6/11/2006 10:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/12/2004
Da: preda lunga
Inviati: 3211
 Re: Lo spettro di Norimberga
E la strage di Curdi iracheni (5.000) ad Halabja del 1988 causa della nomea sanguinaria del dittatore Saddam?
Il tribunale ha trovato il vero colpevole o scagionato il dittatore?

Così tanto per sapere ( e far sapere)

Hi-speed

Cosa Sta Succedendo? Madre, madre Ci sono troppi di voi che piangono Fratello, fratello, fratello Ci sono troppi di voi che stanno morendo Sai che dobbiamo trovare una maniera Per portare un pò di amore qui oggi
cocis
Inviato: 6/11/2006 11:02  Aggiornato: 6/11/2006 11:35
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/1/2006
Da: V
Inviati: 1430
 Re: Lo spettro di Norimberga
non perdetevi il prossimo numero di focus..


(alta risoluzione qui)

EDIT: ridimensionata e relinkata l'immagine perchè era enorme.

La Redazione

cocis
Inviato: 6/11/2006 11:08  Aggiornato: 6/11/2006 11:31
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/1/2006
Da: V
Inviati: 1430
 Re: Lo spettro di Norimberga
RIMOSSO perchè OT e già postato qua, oltre che faceva allargare la pagina.

La Redazione

Krya
Inviato: 6/11/2006 11:14  Aggiornato: 6/11/2006 11:14
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/8/2005
Da: Toscana
Inviati: 438
 Re: Lo spettro di Norimberga
Parlare di pena di morte o di pene di vita non credo abbia senso più di tanto, che Saddam muoia è solo funzionale a qualcosa che travalica la persona o i reati commessi.
Tutte le volte che facciamo processi alla cronaca, perché parlare di storia è semplicemente ridicolo, parlo anche di Norimberga, significa solo mettere punteggiatura ad un copione di cui non sappiamo quante repliche potranno essere ancora fatte e senza conoscere a fondo i protagonisti della commedia né i veri motivi.
Forse il processo và fatto alla guerra ed alla prevaricazione e non a chi diventa carnefice e vittima allo stesso tempo.
Forse alla forca dovevano andare tutti, anche il sergente tedesco che ha passato per le armi i 10 civili, o l’equipaggio della fortezza volante che ha ucciso gli stessi 10 civili, vero lui mica li ha visti, questo non è cosa di poco conto, però ha ripetuto e qui il discorso cambia.
Esistono, secondo il mio parere, responsabilità storiche e poi a scendere personali, non per questo meno passibili di condanna, ma forse arriveremmo addirittura a noi stessi.
Bene uccidono Saddam, possiamo metterla come attaccare la testa del cervo sul camino, un modo mediatico di affermare al mondo, ma soprattutto al proprio popolo di aver vinto, poi che la cosa stia diventando un pantano incredibile poco importa, forse anche peggio, ammazziamo Saddam così avremo una recrudescenza della già cruenta guerra civile, potremo giustificare, come se non bastassero le attuali prevaricazioni, un maggior rigore un’ulteriore stretta, se serve facciano pure, noi continueremo a produrre e vendere le nostre armi, (mai sentito di uno sciopero in quel settore), qualcuno dirà giustizia è fatta, e tanto per rimanere nelle frasi fatte, i bambini le donne i vecchi etc etc etc.
Insomma dov’è il problema in questo copione già scritto e ormai vecchio?

Riccardo

Ci sono crimini peggiori del bruciare libri, uno di questi è non leggerli. (brodsky)
Kirbmarc
Inviato: 6/11/2006 11:46  Aggiornato: 6/11/2006 11:46
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/5/2006
Da: Arkadia-spazio profondo
Inviati: 1665
 Re: Lo spettro di Norimberga
Se Saddam Hussein se ne andrà ,non credo che lo rimpiangeremo.
Ma un vero processo vedrebe,in questo specifico caso,sul banco dehli impuati almeno (per coinvolgimento diretto) il paparino di George W.

francesco7
Inviato: 6/11/2006 12:45  Aggiornato: 6/11/2006 12:45
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: Tarentum
Inviati: 886
 Re: Lo spettro di Norimberga
Vi invito a leggere questo articolo molto interessante di Antonio Cassese il quale risponde indirettamente anche alla domanda di Hi-speed:"L'appello che subito interporranno i condannati non potrà che rinviare l'esecuzione capitale, anche in attesa che vengano celebrati contro l'ex dittatore altri processi, per fatti, tra cui il genocidio dei Curdi negli anni '80, che appaiono obiettivamente molto più gravi del massacro di Dujail. In breve, in Iraq anche sul versante della giustizia è stata imboccata una strada radicalmente sbagliata, e appare assai probabile che si arriverà alla peggiore soluzione possibile".

La mente non è un vaso da riempire ma un legno da far ardere perché s'infuochi il gusto della ricerca e l'amore della verità. (Plutarco)
bigdaddy
Inviato: 6/11/2006 12:46  Aggiornato: 6/11/2006 12:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/1/2006
Da: roma
Inviati: 293
 Re: Lo spettro di Norimberga
Secondo il mio modesto parere non lo ammazzeranno.
E questa sarà la farsa della farsa.

Votarsi alla materia Frantuma le anime

Trovarsi nello spirito Unisce gli uomini

Vedere sé nell'altro Edifica mondi
Ghilgamesh
Inviato: 6/11/2006 12:55  Aggiornato: 6/11/2006 12:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/10/2005
Da:
Inviati: 3001
 Re: Lo spettro di Norimberga
Ma se Saddam è stato condannato per 148 morti, a Bush che sulla coscienza ne ha almeno 650 mila che je famo?

Risposta spoiler: je damo Il nobel per la pace!

Kirbmarc
Inviato: 6/11/2006 13:12  Aggiornato: 6/11/2006 13:12
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/5/2006
Da: Arkadia-spazio profondo
Inviati: 1665
 Re: Lo spettro di Norimberga
Citazione:
Secondo il mio modesto parere non lo ammazzeranno.

O ,peggio,farà la fine di Milosevic: incarcerato,poi una "malattia" miracolosa ce lo leverà di torno.

Forgil
Inviato: 6/11/2006 14:09  Aggiornato: 6/11/2006 14:09
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/8/2006
Da: Villa Bacilla
Inviati: 211
 Re: Lo spettro di Norimberga
Citazione:
Ma se Saddam è stato condannato per 148 morti, a Bush che sulla coscienza ne ha almeno 650 mila che je famo?

"Pochi morti sono una trgedia, migliaia di morti sono una statistica"
-Stalin, risposta a Churchill durante la Conferenza di Postdam,1945-

"Le uniche idee a cui abbiamo diritto sono quelle che mettiamo in pratica" informazione alternativa peacereporter
Max_Piano
Inviato: 6/11/2006 14:41  Aggiornato: 6/11/2006 14:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: Lo spettro di Norimberga
Citazione:
Secondo il mio modesto parere non lo ammazzeranno.


Sempre che non sia uno delle decine di sosia votato alla morte pur di proteggere il leader...

SoulTrance
Inviato: 6/11/2006 14:43  Aggiornato: 6/11/2006 14:43
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/6/2006
Da: somewhere
Inviati: 93
 Re: Lo spettro di Norimberga
Bush secondo uomo più pericoloso, primo Osama Bin Laden

Bush più pericoloso di Kim Jong-Il e dell'iraniano Mahmoud Ahmadinejad. Ecco i risultati di un sondaggio in Gran Bretagna.

LONDRA - Piu' pericoloso dei leader degli stati dell'asse del male, l'iraniano Mahmoud Ahmadinejad ed il nordcoreano Kim Jong-Il, secondo solo ad Osama bin Laden nella lista dei personaggi piu' dannosi per la pace mondiale. E' questa l'immagine di George Bush che ha l'opinione pubblica di quattro alleati degli Stati Uniti, secondo un sondaggio realizzato dal Guardian ed altri importanti giornali in Israele, Canada e Messico. I risultati confermano, a pochi giorni dal voto per il rinnovo del Congresso negli Stati Uniti, quello che in realta' si sapeva da tempo, cioe' che all'estero non piace e preoccupa la politica estera ''da cowboy'' di Bush. Il fatto e' che ora la rilevazione e' stata ristretta solo in paesi alleati chiave di Washington, schierati come nel caso della Gran Bretagna in prima linea in Iraq ed Afghanistan. Guerre che solo per il 7 per cento degli intervistati britannici hanno migliorato la sicurezza globale, mentre per il 69 per cento degli intervistati la politica americana dal 2001 ha reso il mondo meno sicuro.

Convinzione condivisa anche dalla opinione pubblica dei paesi confinanti a nord e sud con gli Stati Uniti, dal 62 per cento dei canadesi ed il 57 dei messicani. Ma la cosa piu' clamorosa e' che anche in Israele, che da sempre ha negli Stati Uniti il baluardo principale per la sua sicurezza, sta diminuendo il numero dei sostenitori della politica Bush. Solo il 25 per cento crede che questa aiuti la sicurezza, mentre il 36 pensa che la danneggi ed il 30 per cento considera che nella migliore delle ipotesi Bush non ha fatto alcuna differenza.

Per quanto riguarda il quesito specifico riguardo alla minaccia per la pace, bin Laden e' risultato essere la prima in tutti e quattro i paesi. Ma in Gran Bretagna il leader terrorista, all'87 per cento, e' seguito a breve distanza dal presidente statunitense considerato ''una grande o moderata minaccia per la pace'' dal 75 per cento degli intervistati. Piu' dannoso del presidente dell'Iran che ha lanciato il paese nella corsa al nucleare, al 62 per cento, e del leader nordcoreano che ha realizzato il mese scorso il primo test atomico di Pyngyang. E Bush preoccupa i britannici ancora di piu' del leader di Hezbollah, Hassan Nasrallah, al 65 per cento.

Solo il 10 per cento dei britannici pensa che Bush non sia un pericolo, mentre solo gli israeliani considerano concedono ancora fiducia al presidente statunitense, con il 61 per cento che non vede in lui una minaccia. Come solo in Israele la maggioranza degli intervistati, il 59 per cento contro il 34 per cento, appoggia la guerra in Iraq. Negli altri tre paesi invece e' massiccia l'opposizione all'invasione del 2003: il 71 per cento in Gran Bretagna, il 73 per cento in Canada ed l'87 per cento in Messico. Ma gli israeliani condividono lo scetticismo degli altri riguardo alla realizzazione di quello che gli americani hanno indicato come uno dei principali obiettivi della guerra, l'esportazione della democrazia: solo il 28 per cento degli intervistati da Haaretz ritiene che sia stato un successo, ed appena l'11 per cento dei britannici.

---------------

Bush come rappresentante dei terroristi Americani è in grande vantaggio..

L'arma piu pericolosa per questi uomini di potere è la Conoscenza, la conoscenza è cresciuta in tutti gl'aspetti con Internet mettendo il turbo con l'avvento delle linee a banda larga...

Fino a qualche anno si faceva un gran baccano per le strade, ero presente a Londra quando milioni di persone sfilavano per le vie con cartelli "Blair make tea not War", ora queste persone che fine hanno fatto? Si stanno preparando? Stanno studiando? Si sono uniti in sordina come i 6000 di luogocomune?

Bush e Blair a processo, altro che norinberga e Iraq... bha... che spazzatura di giustizia, che decifilizazione che è in atto!


Kirbmarc
Inviato: 6/11/2006 14:54  Aggiornato: 6/11/2006 14:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/5/2006
Da: Arkadia-spazio profondo
Inviati: 1665
 Re: Lo spettro di Norimberga
Citazione:
solo gli israeliani considerano concedono ancora fiducia al presidente statunitense, con il 61 per cento che non vede in lui una minaccia. Come solo in Israele la maggioranza degli intervistati, il 59 per cento contro il 34 per cento, appoggia la guerra in Iraq.

C'era da aspettarselo.
Citazione:
Ma gli israeliani condividono lo scetticismo degli altri riguardo alla realizzazione di quello che gli americani hanno indicato come uno dei principali obiettivi della guerra, l'esportazione della democrazia: solo il 28 per cento degli intervistati da Haaretz ritiene che sia stato un successo, ed appena l'11 per cento dei britannici.

Scandalo! L'11% dei britannici crede che si sia realizzata "l'esportazione della democrazia"!
( Ma nel campione erano compresi anche Blair e famiglia? )

BlSabbatH
Inviato: 6/11/2006 15:13  Aggiornato: 6/11/2006 15:13
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/9/2005
Da: Bergamo
Inviati: 837
 Re: Lo spettro di Norimberga
ora mi tirerò addosso valanghe di ortaggi marci ma.. hitler creatura degli usa mi sembra una cosa un pò azzardata.. certo, la presa di potere viene l'anno dopo della crisi del 29, ed è coseguenza proprio di tale crisi in europa..

gli usa non hanno previsto la crisi del 29, la situazione interna è di totale confusione e prevedono pure una rivoluzione.. dopo 3 anni organizzano il new deal con roosvelt.. e nello stesso tempo già pensano a stalin!? mah... x me è un pò troppo forzato..

e per l'iran è lo stesso: gli usa sono con lo scià di persia.. e spingono x la rivoluzione del 79 per contrastare saddam?? boh.. qualcosa non mi torna

-- Under capitalism, man exploits man. Under communism, it's just the opposite. -- J.K. Galbraith
cocis
Inviato: 6/11/2006 15:27  Aggiornato: 6/11/2006 15:27
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/1/2006
Da: V
Inviati: 1430
 Re: Lo spettro di Norimberga
B.U.S.H.=Bisogna Uccidere Saddam Hussein

cocis
Inviato: 6/11/2006 15:29  Aggiornato: 6/11/2006 15:29
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/1/2006
Da: V
Inviati: 1430
 Re: Lo spettro di Norimberga
Autore: BlSabbatH Inviato: 6/11/2006 15:13:05

ora mi tirerò addosso valanghe di ortaggi marci ma.. hitler creatura degli usa mi sembra una cosa un pò azzardata.. certo, la presa di potere viene l'anno dopo della crisi del 29, ed è coseguenza proprio di tale crisi in europa..

gli usa non hanno previsto la crisi del 29, la situazione interna è di totale confusione e prevedono pure una rivoluzione.. dopo 3 anni organizzano il new deal con roosvelt.. e nello stesso tempo già pensano a stalin!? mah... x me è un pò troppo forzato..

e per l'iran è lo stesso: gli usa sono con lo scià di persia.. e spingono x la rivoluzione del 79 per contrastare saddam?? boh.. qualcosa non mi torna

------------------------------
quando le banche bloccarono iconti della germania.. la famiglia bush finanzio hitler...

zuldan
Inviato: 6/11/2006 16:18  Aggiornato: 6/11/2006 16:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/7/2006
Da: 4 angoli
Inviati: 115
 Re: Lo spettro di Norimberga
"Lei è un assassino?". "Sono un soldato,signore". "Né l' uno nè l' altro. Lei è un garzone di bottega che è stato mandato dal droghiere a incassare i debiti sospesi".

Chissa' chi è il droghiere?
Comunque per chi vuole aproffondire,perchè l'Iraq di Saddam è stato attaccato, e la Libia di Gheddafi no,puo leggersi iraq
e Libia

Marco M
Inviato: 6/11/2006 16:33  Aggiornato: 6/11/2006 16:33
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/8/2006
Da:
Inviati: 826
 Re: Lo spettro di Norimberga
cocisCitazione:
B.U.S.H.=Bisogna Uccidere Saddam Hussein


e per la precisione, Sadda' mpiccà

Comunque, non so se sapete, ma
"I militari Usa morti in Iraq sono un'inezia"

I quasi tremila morti americani nella guerra in Iraq sono "un'inezia", se considerati in una prospettiva storica. Il commento, destinato a far infuriare vedove e madri, e' di Rupert Murdoch, magnate della tv e alleato di ferro dell'amministrazione Bush. "Il bilancio delle vittime, nello specifico di quelle americane, e' un'inezia, se lo paragoniamo a quello di qualunque altra guerra sia stata combattuta in precedenza" ha detto Murdoch a Tokyo, "ovviamente a nessuno fa piacere che ci sia un qualunque bilancio delle vittime, ma il conflitto, allo stato attuale, ha lo scopo di scongiurare una guerra civile e che gli iracheni si ammazzino tra di loro".

Il patron di testate come il 'New York Post' e il britannico 'Sun' ha riconosciuto che gli Stati Uniti hanno commesso degli errori in Iraq, ma ha sottolineato che le intenzioni erano buone. [...]
"Sono certo che anche in passato siano stati compiuti gravi errori e si dimentica che nel secolo scorso, per tre volte, gli Stati Uniti hanno salvato il mondo senza che nessuno li ringraziasse e senza che avessero ambizioni imperialiste".

lamefarmer
Inviato: 6/11/2006 16:43  Aggiornato: 6/11/2006 16:43
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/9/2005
Da: vacu°u(m)
Inviati: 334
 Re: Lo spettro di Norimberga
In realtà qualcosa sullo scacchiere mondiale dei contrappesi politici é cambiato.
E non é poco.

Intanto non c'era all'epoca di Hitler un corrispettivo della Cina, cioé un competitors a livello economico, ce ne era uno a livello militare: la russia.
La russia scelse di affrontare l'America "dall'alto" (contrapponendo di fatto un modello economico), mentre la Cina sta di fatto togliendo ossigeno sociale dal basso sfruttando le debolezze dello stesso modello. Mentre tutto l'occidente "perde" diritti, un cinese medio ha solo da guadagnare nel suo minuscolo mondo: da una prospettiva di fame e senza futuro a una più sicura e con qualche possibilità futura. Chiaro, é un miraggio del vuoto miracolo economico ocidentale di cui stiamo pagando lo scotto e comprendendo il vero male solo ora. Ma questo nella disinformatissima cina é invisibile più che da noi dove il tema é affrontato da troppo poco tempo.

Il fattore tempo infatti é determinante. Oggi é già tardi. Anche se tutto il mondo si riconvertisse ora a un ritmo di crescita più sostenibile, vi sarebbero da rivedere gli equilibri politici, prima interni e poi esterni ad ogni paese, nonché una questione questione strutturale e sociale: rifondare l'economia su concetti non concorreziali. Cioé sull'idea di equilibrio economico e non di competizione.

In un idea competitiva la positività é data solo da una crescita (segno positivo continuo) in una di equilibrio positivo da un intervallo stabile di crescita e di perdita (sinusoide).

Ognuno parla di se stesso, sempre e comunque
simone81
Inviato: 6/11/2006 17:14  Aggiornato: 6/11/2006 17:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/8/2006
Da:
Inviati: 33
 Re: Lo spettro di Norimberga
CIAO RAGAZZI....MA SIAMO SICURI CHE QUELLO SIA IL VERO SADDAM ???...IN UN SITO INTERNET LESSI CHE L'EX RAIS PARE AVESSE 1000 E PASSA SOSIA IN TUTTO L'IRAQ..!!!...E CHE IL SADDAM CHE CI HANNO FATTO VEDERE NON è LO STESSO DEL SADDAM DEL PRIMO MASSACRO DEL GOLFO DEL 1991....MA ..SAPENDO TUTTE LE BALLE DETTE DAL GOVERNO USA, NON MI STUPIREI SE TUTTO CIO CHE RIGUARDA LA SUA CATTURA, DEL PROCESSO ED ORA L'IMPICAGGIONE DI SADDAM HESSEIN FOSSE TUTTA UNA FARSA PER OTTENERE VOTI.....TUTTO è POSSIBILE..

francesco7
Inviato: 6/11/2006 17:36  Aggiornato: 6/11/2006 17:36
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: Tarentum
Inviati: 886
 Re: Lo spettro di Norimberga
Come volevasi dimostrare: I Repubblicani recuperano nei sondaggi dopo la condanna di Saddam. Non mi meraviglierei affatto se poco prima delle elezioni presidenziali del 2008 venisse catturato Osama Bin Laden (o per meglio dire uno dei suoi sosia)....

La mente non è un vaso da riempire ma un legno da far ardere perché s'infuochi il gusto della ricerca e l'amore della verità. (Plutarco)
Stephano
Inviato: 6/11/2006 18:21  Aggiornato: 6/11/2006 18:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/9/2006
Da: Novara
Inviati: 63
 Re: Lo spettro di Norimberga
Per il 2008 verrà pronta anche la taroccatura ufficiale dei video secretati al Pentagono, che quindi potranno essere rilasciati in campagna elettorale

[0:39:05] Loading AttiBunker2006, please wait...

Processing file: DoDAnalysis_ITA_Rel1.3_2006.pdf...

Fast scan enabled, applying gisting & skimming technology...

[1:41:50] Process complete. AttiBunker2006 returned "Letto e debunkato,grazie"
nonno
Inviato: 6/11/2006 19:02  Aggiornato: 6/11/2006 19:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/7/2006
Da:
Inviati: 183
 Re: Lo spettro di Norimberga
Saddam non è mai stato uno strumento (o una creazione) degli USA. Nonostante questa sia l'opinione dominante a "sinistra" gli USA hanno sempre sostenuto l'Iran in funzone anti-irachena e non il contrario. Basta pensare al caso Iran-contras o ai finanziamenti elargiti dagli USA all'Iran tra 1980 e 1988, come pure all'aiuto streategico dato da USA ed israele all'Iran durante la guerra tra Iran ed Iraq.Le stesse rivolte dei curdi iracheni furono promosse congiuntamente da Iran Usa ed Israele. e questo triplice asse anti-iracheno è attivo ancora oggi nonostante le apparenze.L'Iran collabora attivamente all'occupazione,alla destabilizzazione ed alla spartizione dell'iraq. sono diretti dall'iran gli stessi squadroni della morte che fanno strage di uomini della resistenza, di sunniti, di militanti di sinistra e di patrioti iracheni.

Redazione
Inviato: 6/11/2006 21:45  Aggiornato: 6/11/2006 21:53
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Lo spettro di Norimberga
NONNO: "gli USA hanno sempre sostenuto l'Iran in funzone anti-irachena e non il contrario"

In realtà, i due "opposti" in questo caso non si escludono affatto. Se solo provi a immaginare che la politica estera americana, negli ultimi decenni, sia ormai esclusivamente dettata dal "complesso militare-industriale" (leggi: necessità assoluta di fomentare più guerre possibile), diventa subito chiara la curiosa abitudine che gli americani mostrano nel sostenere in segreto ambo le parti, scegliendo poi di momento in momento con chi e contro chi schierarsi pubblicamente. Se l'esempio di Hitler non è sufficiente, aggiungici, tanto per dirne un paio, gente come Fidel Castro e Ho-chi-min, che inizialmente sono stati appoggiati dalla CIA. Poi volendo ci sono i Manuel Noriega, i Talebani, (altri...?)

Vedrai che prima o poi troveranno anche il modo di mettere contro gli Eschimesi e gli Zulù.

rumenta
Inviato: 6/11/2006 22:55  Aggiornato: 6/11/2006 22:55
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2006
Da: Repubblica di Genova
Inviati: 801
 Re: Lo spettro di Norimberga
una cosa è certa.
di hitler e saddam si ricorderanno tutti per millenni, dei loro giudici, invece......



"La verità dev'essere brutale, violenta, armata ed arrabbiata. Altrimenti soccombe."
cocis
Inviato: 6/11/2006 23:13  Aggiornato: 7/11/2006 10:25
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/1/2006
Da: V
Inviati: 1430
 Re: Lo spettro di Norimberga
Autore: rumenta Inviato: 6/11/2006 22:55:08

una cosa è certa.
di hitler e saddam si ricorderanno tutti per millenni, dei loro giudici, invece
---------------------------------------------------------


bush - saddam - hitler .. amici ?
sono tutti sulla stessa barca ??

prima amici e poi nemici ?

Il nonno di Bush decorato dai nazionalsocialisti
Citazione:
Nel 1937 Adolf Hitler istituì l’ordine dell’Aquila Tedesca per decorare gli «stranieri meritevoli». Uno degli americani decorati fu il nonno dell’attuale presidente USA: il senatore Prescott Sh. Bush.
La motivazione: avere fortemente finanziato, con la sua banca, il NDSAP, il partito nazionalsocialista.
Il certificato di conferimento dell’onorificenza è firmato da Hitler e dal suo segretario di Stato Otto Meissner, e datato 7 marzo 1938.
Il tutto è conservato negli archivi del Dipartimento della Giustizia USA, insieme a un’ingiunzione delle autorità americane a nonno Bush, datata


Merry Christmas, Mr. George W. Bush!
Citazione:
Non sono accettabili però le faziose e inconcludenti allusioni ai suoi presunti interessi petroliferi nella guerra in Afghanistan prima, e in quella dell’Iraq poi. Addirittura arrivando a criticare suo padre, Bush senior, reo di aver spalleggiato e armato Saddam per contrastare l’ascesa al potere degli scià iraniani. Nessuno nega il collegamento politico-economico tra l’amministrazione statunitense e Saddam Hussein nel periodo in cui gli iraniani erano considerati un pericolo per l’occidente, ma tranne qualche piccola scaramuccia tra il dittatore e il popolo kurdo, sistemata definitivamente anche con l’aiuto proprio del presidente statunitense, in fin dei conti Saddam non si comportava proprio male. E’ stato quando Saddam, preso da delirio di onnipotenza, ha invaso il Kuwait, che la risposta ferma e responsabile di Bush senior si è fatta sentire: l’ultima ratio, la guerra in Iraq

nonno
Inviato: 7/11/2006 9:37  Aggiornato: 7/11/2006 9:37
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/7/2006
Da:
Inviati: 183
 Re: Lo spettro di Norimberga
Si, è probabile che gli USA abbiano fatto il doppio gioco con Iran ed Iraq. Divide et impera è la strategia più seguita dagli americani ed ha sempre portato loro buoni frutti. Quello che mi premeva sottolineare è che una parte della sinistra, tra cui anche alcuni giornalisti di solito ben informati, esagera e molto nell'attribuire un passato da strumento deigli USA a Saddam. In questo modo passano in secondo piano tutti i meriti del suo regime: il progresso economico dell'Iraq, i programmi sociali equi ed efficienti, sanità e scuola garantiti a tutti (come nella Serbia di quel cattivone di Milosevic), nazionalizzazioni delle risorse energetiche e rifiuto di svendere le risorse del paese agli avvoltoi delle multinazionali, l'impegno contro l'integralismo islamico, il sostegno alla causa palestinese (riconosciuto in questi giorni anche dai politici di Hamas). Le posizioni tipo centrosinistra: "la pena di morte no ma comunque...." sono per me fuorvianti, tanto più che la storia la strage di migliaia di curdi di cui tanto si parlava nei giorni dell'invasione è sparita appena è incominciato il processo (le stesse fonti CIA hanno confermato che la strage è stata opera dell'Iran) e si è condannato Saddam per un crimine (strage di sciiti, in realtà condannati a morte dopo un regolare processo per aver attentato alla vita di Saddam in un piano organizzato insieme all'Iran) inesistente

SoulTrance
Inviato: 7/11/2006 11:11  Aggiornato: 7/11/2006 11:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/6/2006
Da: somewhere
Inviati: 93
 Re: Lo spettro di Norimberga
Saddam: per l'esperto dell'Onu, il tribunale non era indipendente

GINEVRA - Leandro Despouy, relatore speciale sull'indipendenza dei giudici per l'Alto commissariato Onu per i diritti umani, ha affermato che l'ex presidente iracheno Saddam Hussein è stato processato da un tribunale né indipendente né imparziale.

Despouy ha auspicato, in un comunicato diffuso a Ginevra, che Saddam possa essere giudicato in appello da un "tribunale internazionale indipendente e imparziale, che goda di tutte le garanzie che gli permettano di ricevere l'appoggio delle Nazioni Unite".

ATS

Redazione
Inviato: 7/11/2006 17:47  Aggiornato: 7/11/2006 17:47
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Lo spettro di Norimberga
NONNO: mi sembra che alla fine ci ritroviamo su tutto:

Il processo di Saddam Hussein

[…] Sarà forse per quello che l'accusa ha scelto di puntare tutto sul "semplice" massacro di 143 abitanti di Dujail, un sobborgo a maggioranza sciita, poco distante da Baghdad, per cercare di far condannare a morte l'ex-dittatore senza dover sollevare tappeti troppo ingombranti.[…]

Per la donna irachena, e’ arrivato il medioevo a stelle e strisce.

[…]Fino a ieri, sotto il ”perfido” Saddam, la donna irachena godeva – a parole e di fatto – di piena parità di diritti con l’uomo, per tutto quello che riguarda matrimonio, divorzio, affidamento dei figli, eredità, eccetera. Tali regole erano state da tempo scorporate dalla legge del Corano, e avevano dato vita a interi capitoli di modernissimo codice civile, senza che nessuno avesse mai avuto da ridire.[..]

edantes
Inviato: 9/11/2006 14:41  Aggiornato: 9/11/2006 14:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 16/7/2005
Da: Sassari
Inviati: 87
 Re: Lo spettro di Norimberga
Verrà fatto credere ad un suicidio in cella, poi il nostro Saddam verrà trasferito in qualche sontuosa villa in Florida.

Marcello

Al fianco degli Stati '' canaglia '' contro la vera CANAGLIA, ossia: il nuovo impero sionista americano, erede dei massacratori di Hiroshima e Nagasaki, di Dresda e di Sabra e Chatila.

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA