Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


opinione : Oscenità e censura
Inviato da Redazione il 13/10/2006 8:25:57 (8709 letture)

Nell'arco di poche ore si sono verificati sul sito due casi simili - o meglio, speculari - che offrono l'oppurtunità di mettere a fuoco un termine tanto ambiguo quanto fondamentale per tutti: la parola "censura".

Da una parte, una vignetta di dubbio gusto è stata rimossa, dall'altra c'è stata una levata di scudi per la pubblicazione di un comunicato stampa da parte di un gruppo che su questo sito trova poche simpatie.

Nel primo caso, la vittima della rimozione ha gridato alla "censura", aprendo un forum apposito per reclamare giustizia (quale paradosso, fra l'altro!). Nel secondo, nessuno ha voluto notare che nell'osteggiare la pubblicazione del comunicato stampa, si invocava di fatto un atto di censura almeno equivalente.

La questione è particolarmente interessante, perché siamo su un sito che intende dichiaratamente offrire la massima libertà di espressione a chiunque. Si tratta quindi di stabilire i parametri ...

...secondo i quali possano essere fatte le dovute eccezioni.

Il primo caso, ovviamente, rimanda alla persona che ha il compito di decidere che cosa sia effettivamente "osceno" e cosa no. Il problema è eterno, la storia ci insegna che il cosiddetto "buon gusto" cambia con i tempi, e che quello che ieri era osceno oggi può essere considerato divertente, o viceversa. Colui che deve decidere, quindi, deve cercare di sintonizzarsi sul "feeling" della maggioranza, e poi agire di conseguenza.

Il secondo caso invece rimanda a coloro che osteggiano una certa pubblicazione: sono loro che hanno l'onere di dimostrarne l'equivalente "oscenità ideologica" che legittimi la soppressione della notizia.

A prima vista, quindi, la risposta sembra facile: togliere un culo peloso non è "censura", è soltanto un atto di buon gusto, mentre il reprimere una qualunque idea è censura vera e propria, e va evitata in maniera categorica. Ed è infatti secondo questi parametri, "cotti e mangiati", che io ho operato le due scelte: togliere la vignetta da un lato, pubblicare il pezzo dall'altro. D'altronde, che quel culo fosse schifoso troverebbe d'accordo una decisa maggioranza di persone, mentre proprio su luogocomune fece epoca la battaglia da cui risultò che "persino i fascisti" qui possono parlare. Figuriamoci quindi se un qualunque "gruppo umanista" non dovrebbe poterlo fare.

Ad una più attenta analisi, però, è possibile che io abbia commesso un errore. Sottile, ma innegabile. Dove sta scritto, infatti, che lo stesso "ribrezzo" che provoca in alcuni il culo peloso, non lo provochi in altri l'idea di umanesimo? [Sia chiaro che di qui in poi non parliamo più di "quella" vignetta, o di "quel" movimento, ma li usiamo solo come esempio pratico].

Perchè una si e l'altra no?

Forse perchè "sono le maggioranze a stabilirlo"? In altre parole, a una buona maggioranza il culo darebbe fastidio, per cui lo togliamo, mentre quelli a cui "dà fastidio" l'umanesimo sono una minoranza, per cui lo lasciamo?

No, la risposta non sembra soddisfacente, perchè in quel caso si tratterebbe di fare una valutazione numerica - quanti i pro e quanti o contro, in ciascuno caso - che io di certo non ho fatto, e che non credo altri farebbero in una situazione simile. Ci deve essere qualcos'altro, di più profondo, che ti fa dire con immediata certezza "il culo no, l'ideologia si".

Va notato a questo punto che da un lato stiamo parlando di un'immagine, dall'altro di un'idea. E' possibile quindi che la differenza stia nel fatto che la prima è concreta, tangibile, e quindi "univoca" nella sua interpretazione ultima, mentre la seconda è astratta, indefinita, quindi "aperta a interpretazione"?

Se così fosse, avremmo un paradosso eccezionale, in cui è il fatto stesso che l'immagine, nella sua "fattualità", ti tolga la libertà di interpretazione, a renderla oscena, e quindi a causare la propria censura. In altre parole, questa non sarebbe che un "atto liberatorio" nel quale, rifiutando l'immagine, riacquistiamo la nostra libertà di non essere obbligati a vedere ciò che ci mostra.

E' dunque la sua violenza, ciò che in realtà rifiutiamo? Se è vero che "un'immagine vale più di mille parole" quando si tratta di favorire la comucazione, ciò deve valere anche nei casi in cui la cominicazione non sia affatto desiderata.

Un'immagine è la rappresentazione di un'idea, è la sua cristallizzazione, la sua "discesa nel mondo materiale". E' come l'Angelo Caduto, che perde la sua perfezione passando dalla stato puro dell'astrazione a quello concreto della materia.

Serafim di Sarov, un grande mistico della religione ortodossa, diceva che per raggiungere Dio - quindi la perfezione - l'uomo deve prima di tutto liberarsi dalle immagini, che lo incatenano ad una concezione limitata dell'universo, imponendo forme definite a idee che vorrebbero invece innalzarsi verso stadi ancora più sottili e puri, verso l'Infinito.

Quando combattiamo strenuamente per la libertà delle idee, mentre rifiutiamo con relativa disinvoltura certe immagini spiacevoli, stiamo forse facendo anche noi, nel nostro piccolo, la stessa cosa?

Massimo Mazzucco

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Satirus
Inviato: 13/10/2006 8:32  Aggiornato: 13/10/2006 10:18
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/4/2006
Da: Luogocomune
Inviati: 511
 Re: Oscenità e censura
Il COMMENTO E' STATO SPOSTATO QUI

LA REDAZIONE

Max_Piano
Inviato: 13/10/2006 8:36  Aggiornato: 13/10/2006 8:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: Oscenità e censura
Citazione:
Colui che deve decidere, quindi, deve cercare di sintonizzarsi sul "feeling" della maggioranza, e poi agire di conseguenza.


La butto lì: visto che il sito è tuo - oneri compresi - magari è la maggioranza a doversi adeguare.

XSD
Inviato: 13/10/2006 9:12  Aggiornato: 13/10/2006 10:03
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/2/2006
Da: Roma
Inviati: 279
 Re: Oscenità e censura
edited

Satirus
Inviato: 13/10/2006 9:18  Aggiornato: 13/10/2006 10:19
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/4/2006
Da: Luogocomune
Inviati: 511
 Re: Oscenità e censura
Il COMMENTO E' STATO SPOSTATO QUI

LA REDAZIONE

francesco7
Inviato: 13/10/2006 9:19  Aggiornato: 13/10/2006 10:22
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: Tarentum
Inviati: 886
 Re: Oscenità e censura
Il COMMENTO E' STATO SPOSTATO QUI

LA REDAZIONE

La mente non è un vaso da riempire ma un legno da far ardere perché s'infuochi il gusto della ricerca e l'amore della verità. (Plutarco)
orkid
Inviato: 13/10/2006 9:23  Aggiornato: 13/10/2006 10:06
Mi sento vacillare
Iscritto: 3/2/2006
Da: La Beverly Hills italiana
Inviati: 786
 Re: Oscenità e censura
Scusate, devo dire che condivido il pensiero di massimo...

COMMENTI IRONICI AUTORIMOSSI


Autodidatta Bonsai


"Quando l'uomo comune capisce diventa saggio, quando il saggio capisce diventa un uomo comune."
music-band
Inviato: 13/10/2006 9:34  Aggiornato: 13/10/2006 9:49
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/10/2005
Da: Shangri-la
Inviati: 1680
 Re: Oscenità e censura
[RIMOSSO DALL'AUTORE]

NOTA: il mio commento non era affatto OT anche se considerato tale. Non avendo preso parte alla polemica non ho intenzione di cominciare adesso spostando il mio commento in quella sede. Per questo l'ho rimosso.

Redazione
Inviato: 13/10/2006 9:35  Aggiornato: 13/10/2006 9:46
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Oscenità e censura
L'articolo dice esplicitamente che qui non si parla del caso Satirus o dal caso Umanesimo, ma che questi sono stati presi solo ad esempio, per discutere dei principi generali che governano queste cose.

TUTTI i commenti finora espressi, eccetto quello di MAXPIANO, sono quindi Off Topic, e prego i rispettivi autori di spostarli al più presto nell'apposito forum dove gia si discute del caso Satirus.


MAXPIANO: Citazione:
La butto lì: visto che il sito è tuo magari è la maggioranza a doversi adeguare.
E' la stessa cosa, dai due lati della medaglia: visto che qualcuno alla fine deve decidere - non si può certo fare un referendum ogni volta che c'è da cancellare un post - è automatico che quell'uno qui debba essere io, o comunque qualcuno che rappresenta al meglio il mio modo di vedere le cose.

Ma questo non significa che io imponga condizioni che alla maggioranza non vanno bene, o almeno non credo. Nei pochi casi in cui è capitato - ad esempio, sulla chiusura degli avvisi per i forum - sono stato io ad adattarmi al volere della maggioranza.

Ramingo
Inviato: 13/10/2006 9:55  Aggiornato: 13/10/2006 9:59
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/10/2005
Da: Puglia
Inviati: 657
 Re: Oscenità e censura
SPOSTATO!

La storia insegna che quando si diventa indifferenti e si perde la volontà di combattere, qualcuno che ha la volontà di combattere prenderà il sopravvento. Colonel Arthur "Bull" Simons
Redazione
Inviato: 13/10/2006 9:57  Aggiornato: 13/10/2006 9:57
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Oscenità e censura
RAMINGO: Sorry, ma l'annuncio vale anche per te.

Se presto i messaggi non saranno spostati, lo farò io personalmente. Avviso che in quel caso dovrò momentaneamente chiudere il sito, per evitare sovrapposizioni di post.

Satirus
Inviato: 13/10/2006 10:47  Aggiornato: 13/10/2006 10:52
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/4/2006
Da: Luogocomune
Inviati: 511
 Re: Oscenità e censura
Spostamento in 14^ = censura mascherata

Ma sorvoliamo ... veniamo al dunque...

Citazione:

E' dunque la sua violenza, ciò che in realtà rifiutiamo? Se è vero che "un'immagine vale più di mille parole" quando si tratta di favorire la comucazione, ciò deve valere anche nei casi in cui la cominicazione non sia affatto desiderata.

Diversi errori ortografici sei nervoso Massimo?
Difficile molto difficile in una moltitudine pensante stabilire cosa è/sarà desiderato e cosa no, a chi spetta giudicarlo? Al più forte? Al padrone di casa? Agli artisti? Ai poeti? Ai satiri?
E' inoltre lecito forzare i costumi? Non è forse una spinta evolutiva ... soprattutto dopo che ci si è involuti al punto da considerare ad esempio ... ... ... un culo! ... un qualcosa di terrificante, mai visto un Papua o un Boscimane considerare un culo diversamente da quel che è .... una parte del panorama visivo.
Citazione:

Un'immagine è la rappresentazione di un'idea, è la sua cristallizzazione, la sua "discesa nel mondo materiale". E' come l'Angelo Caduto, che perde la sua perfezione passando dalla stato puro dell'astrazione a quello concreto della materia.

Molto teologico e poetico questo costrutto, un'immagine scelta, prodotta o elaborata da un artista o da un qualsiasi altro essere pensante che abbia intenzioni comunicative, introdotta in un ben preciso contesto, è quanto di più lontano ci sia da una "cristallizzazione", assume la ricchezza di un componimento poetico, non definito e con infiniti piani interpretativi.
Citazione:

Serafim di Sarov, un grande mistico della religione ortodossa, diceva che per raggiungere Dio - quindi la perfezione - l'uomo deve prima di tutto liberarsi dalle immagini, che lo incatenano ad una concezione limitata dell'universo, imponendo forme definite a idee che vorrebbero invece innalzarsi verso stadi ancora più sottili e puri, verso l'Infinito.

Ahhh! ma che belle parole, peccato che il divino centri poco, a meno che non abbiate notizia di qualche intervento diretto, l'avversione per la libertà d'immagne (grafiche e non) di tutte le religioni (fino al radicalismo estremo) è una cosa molto terrena, discende dalla sua potenza e ricchezza espressiva, e quindi dalla sua potenziale pericolosità ... come qualsiasi altro media.
Citazione:

Quando combattiamo strenuamente per la libertà delle idee, mentre rifiutiamo con relativa disinvoltura certe immagini spiacevoli, stiamo forse facendo anche noi, nel nostro piccolo, la stessa cosa?

Un pochino

Neo
Inviato: 13/10/2006 10:47  Aggiornato: 13/10/2006 10:47
So tutto
Iscritto: 11/10/2006
Da:
Inviati: 8
 Re: Oscenità e censura
Penso che sia anche importante valutare il messaggio che la vignetta o immagine che sia porta con se. Es. se è attinente o meno all'argomento.
Sono un sostenitore della libertà di espressione, ma capisco pienamente Massimo e comprendo che alcune volte le scelte fatte possono essere contestate.

Ogni volta che esprimiamo un giudizio compiamo un'azione soggettiva e questa verrà sempre contestata da qualcuno, che inevitabilmente la vede diversamente da noi.

Santaruina
Inviato: 13/10/2006 10:47  Aggiornato: 13/10/2006 10:50
Sono certo di non sapere
Iscritto: 13/10/2004
Da: Sud Europa
Inviati: 5123
 Re: Oscenità e censura
Solo una cosa: non bisogna mai sottovalutare la forza delle immagini.

Le idee possono sempre essere spunto per una discussione, come in effetti è stato nell'altro caso, mentre una immagine agisce anche ad un livello "superiore".

Una immagine non si può "smontare", poichè è in grado di comunicare ad un livello più elevato.
Una immagine può diventare una freccia che colpisce e te la tieni nel fianco.

Una idea l'accogli, la elabori, e la restituisci ampliata o ridimensionata.
L'immagine te la tieni così come ti arriva.
Una immagine può essere violenza fisica.

Blessed be

-o- Ama e fa' ciò che vuoi -o-
roberto55
Inviato: 13/10/2006 10:52  Aggiornato: 13/10/2006 11:03
Mi sento vacillare
Iscritto: 6/9/2006
Da:
Inviati: 327
 Re: Oscenità e censura
Cerco di essere telegrafico e di non andare Off Topic.

Per me il ragionamento è semplice e si compone di due aspetti contrapposti.

Il sito Luogocomune è di Massimo, che l’ha fondato, lo dirige, e – se un giorno gli girasse così – potrebbe benissimo decidere di chiuderlo. A sua totale discrezione.
Massimo si comporta come il direttore di una qualsiasi testata giornalistica. E ha pieno diritto di farlo.
Ha – da una parte – responsabilità legali, oggettive, e – dall’altra – responsabilità morali nei confronti di tutti gli utenti e della “mission” stessa del suo sito.

L’altro aspetto della questione è però diverso.
Luogocomune ormai si configura più come una community che un blog vero e proprio.

Tutti noi – e persino io che su molte cose la penso in maniera diametralmente opposta – trovo in Luogocomune uno spazio dove le idee possono liberamente circolare e contrapporsi.
Luogocomune, per intenderci, è anche e forse soprattutto degli utenti.

E la circolazione delle idee non può e non deve esser regolata da alcun vigile che sanziona Tizio o indica cartelli di divieto d’accesso a Caio.

Oggi Satirus e il Partito Umanista.
E domani?...

Idee e pensieri a confutazione delle tesi prevalenti su Luogocomune circa l’11 settembre, ad esempio, potrebbero venir giudicati “offensivi” e per questo sanzionati.

Allora io in sintesi mi domando: Luogocomune si pone come un sito “per la ricerca della verità” o – al contrario - come un canale attraverso il quale diffondere una certa, precisa, idea della “verità”?

Il primo caso ha una valenza indubbiamente positiva.
Nel secondo diventerebbe propaganda, di segno opposto ma di uguale valenza rispetto a tutta la propaganda – ufficiale o meno – della quale siamo quotidianamente bombardati.

roberto

Nell' avatar: Hans Hartung, Composition T49. Frammento.
Neo
Inviato: 13/10/2006 10:55  Aggiornato: 13/10/2006 10:55
So tutto
Iscritto: 11/10/2006
Da:
Inviati: 8
 Re: Oscenità e censura
Sono daccordo con Santaruina,
L'immagine è in grado di portare il proprio messaggio all'inconscio, un'immagine una volta vista è impressa in una parte della mente anche contro la volonta della persona che la sta guardando.
Inoltre può portare con se oltre al messaggio voluto altri messaggi a livelli più sottili.

Una cosa è discutere su qualsiasi cosa limitandosi ad usare la parola come espressione delle proprie idee, cosa ben diversa è secondo me l'utilizzo delle immagini.

Paxtibi
Inviato: 13/10/2006 11:05  Aggiornato: 13/10/2006 11:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Oscenità e censura
Secondo me i due casi non sono accomunabili: da una parte c'è la preoccupazione di vedersi assimilati ad una parte politica, dall'altra la necessità di eliminare dalla discussione l'equivalente di un insulto, sebbene molto elaborato. Non vedo infatti grandi differenze tra la vignetta in questione e certi post – anche miei – scritti in risposta a provocazioni di vari debunker: c'è vaffanculo e vaffanculo, infatti, me se un "vaffa" ben elaborato ha sempre anche una sua valenza artistica, non cessa tuttavia di essere offensivo. Accettato quindi il concetto secondo cui l'offesa va evitata non ci si deve lamentare se, talvolta, la scure della redazione interviene. Semmai, come ho già scritto in altra sede, si può discutere dell'opportunità di cancellare anche la provocazione, del resto la classica argomentazione che parte da "voi complottisti qui, voi cospirazionisti là" si può tranquillamente considerare un insulto a tutti gli effetti. Ma non si può sollevare un caso ogni qual volta un post viene rimosso come se venisse con quella azione negato all'umanità una quota di genio.

Diversa è la questione quando si vorrebbe evitare l'apparentamento con una parte politica, il vedersi schierati sotto una bandiera, ma in fondo anche questo è un falso problema finché lo spazio di critica in calce all'articolo rimane, perché a quel punto l'articolo in home page diventa un'ottima occasione per rispolverare considerazioni già fatte in passato.

Insomma, forse è consigliabile da parte di tutti un minimo di riflessione in più sulle ragioni del nostro lavoro, sul perché del nostro contributo, rinunciando magari ad un poco del nostro egoismo: se ci pensate bene lo facciamo quotidianamente per obbligo, accettando supinamente la logica collettivista dello stato, dovrebbe essere motivo di orgoglio il farlo volontariamente a fronte di problemi che vanno molto oltre la nostra dimensione personale.

Redazione
Inviato: 13/10/2006 11:10  Aggiornato: 13/10/2006 11:10
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Oscenità e censura
NEO, SANTA: se quello che dite è vero - e io concordo - si spiegherebbe anche perchè abbiamo lo stesso atteggiamento di rifiuto per le immagini dei bambini straziati dalle bombe a grappolo.

La "censura", o almeno il caveat, servono quindi paradossalmente a restituirci quella libertà di non guardare che la presenza ingombrante della foto ti toglie.

vernavideo
Inviato: 13/10/2006 11:10  Aggiornato: 13/10/2006 11:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/3/2006
Da: Lussemburgo
Inviati: 1200
 Re: Oscenità e censura
Citazione:
A prima vista, quindi, la risposta sembra facile: togliere un culo peloso non è "censura", è soltanto un atto di buon gusto


Nel modo in cui si sono svolti i fatti non capisco come si puo' solo pensare che non sia stato un caso eclatante di censura.

Non perche' un immagine offenda la TUA sensibilita' puoi pensare di aver agito per difendere il buon gusto.

Citazione:
Forse perchè "sono le maggioranze a stabilirlo"? In altre parole, a una buona maggioranza il culo darebbe fastidio, per cui lo togliamo, mentre quelli a cui "dà fastidio" l'umanesimo sono una minoranza, per cui lo lasciamo?


Come dice il proverbio moneta buona scaccia moneta cattiva. Un concetto che ho gia' espresso in altre occasioni, e' che se il sito ha una buona guida, non servono le censure, che anzi rischiano di allontanare anche le monete buone.

Pensa a henri62, non hai avuto bisogno di censurarlo per faro sparire (per quanto personalmente io senta la mancanza di una voce - prevenuta quanto vuoi- ma pur sempre critica).
Sono bastati gli interventi intelligenti di max e ashoska a disinnescarlo.

Ciao,
Stefano

Ogni critica circostanziata e tecnicamente pertinente sarà utile a tutti per capire meglio i termini della questione
Redazione
Inviato: 13/10/2006 11:13  Aggiornato: 13/10/2006 11:14
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Oscenità e censura
PAX: "ma in fondo anche questo è un falso problema finché lo spazio di critica in calce all'articolo rimane, perché a quel punto l'articolo in home page diventa un'ottima occasione per rispolverare considerazioni già fatte in passato."

Infatti, resta alla fine da valutare se la "promozione " del partito umanista c'è stata davvero. Pubblicare non significa sottoscrivere.

Freeman
Inviato: 13/10/2006 11:31  Aggiornato: 13/10/2006 11:31
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Oscenità e censura
Citazione:
Solo una cosa: non bisogna mai sottovalutare la forza delle immagini.

Le idee possono sempre essere spunto per una discussione, come in effetti è stato nell'altro caso, mentre una immagine agisce anche ad un livello "superiore".

Io direi piuttosto che agisce ad un livello "emotivo", in maniera velocissima e diretta, al contrario di un testo scritto...
In altre parole, siamo poco "educati" ad interpretare le immagini con il raziocinio, direi che siamo biologicamente inclini a farlo con lo "stomaco". Mentre forse il contenuto di un testo può essere metabolizzato più facilmente, e più "lentamente".
Magari dico fesserie...

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Ashoka
Inviato: 13/10/2006 11:35  Aggiornato: 13/10/2006 11:35
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: Oscenità e censura
Come dice il proverbio moneta buona scaccia moneta cattiva.

In realtà è la legge di Gresham e funziona al contrario -) lool

Ashoka

vernavideo
Inviato: 13/10/2006 12:02  Aggiornato: 13/10/2006 12:02
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/3/2006
Da: Lussemburgo
Inviati: 1200
 Re: Oscenità e censura
Citazione:
In realtà è la legge di Gresham e funziona al contrario -) lool


Vero AH, AH, AH!

ma dopo 200 post nelle discussioni delle droghe mi sento un po', come dire, stordito

Ciao e graqzie per avermi corretto,
Stefano

Ogni critica circostanziata e tecnicamente pertinente sarà utile a tutti per capire meglio i termini della questione
Neo
Inviato: 13/10/2006 12:02  Aggiornato: 13/10/2006 12:02
So tutto
Iscritto: 11/10/2006
Da:
Inviati: 8
 Re: Oscenità e censura
d'accordo con te Turbonegro,

mentre per le parole sia scritte che dette la nostra mente, il nostro essere deve prima fare una "codifica", la parola non esiste in natura e non ha un vero significato oggettivo dipende da nostre associazioni interiori, le quali dipendono da molti fattori (cultura, società, religione, ecc...)

Per le immagini, il processo è differente, molto più rapido. Ed è per questo che la loro gestione emotiva risulta molto più complessa.

E poi è sotto gli occhi di tutti il modo in cui molte persone, vedi televisione, sfruttano queste conoscenze.

hi-speed
Inviato: 13/10/2006 12:05  Aggiornato: 13/10/2006 12:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/12/2004
Da: preda lunga
Inviati: 3211
 Re: Oscenità e censura
Personalmente disapprovo qualsiasi tipo di comportamento che non può essere di aiuto al sito e ritengo fondamentale la considerazione che si ha e che gode LC:
Un immagine cattura subito l’attenzione del lettore mentre vari post, altrettanto criticabili, possono passare inosservati.
Il lavoro di giudicare è un intervento sicuramente non è facile, ed in particolare quando colpisce iscritti che hanno combattuto con le loro idee alla disinformazione totale.
Accetterei una critica nei miei confronti, e l’ho già fatto, prima di tutto con il dimenticare in fretta il fatto poi eviterei di ripetere l’errore.
Spesse volte (sempre direi) non mi azzardo neppure a postare su certi argomenti.
Primo perché non ne ho il tempo e secondo perché so già dove andrebbe a parare: discussioni infinite, con risultati sfuggenti e relativi scambi di contumelie. E’ una mia scelta e se decidessi il contrario non farei altro che aggiungere poco al discorso, scontrami con qualche iscritto o la Redazione.
Quindi prima di intervenire mi censuro da solo.

Hi-speed
PS: e chi sono io Babbo Natale?

Cosa Sta Succedendo? Madre, madre Ci sono troppi di voi che piangono Fratello, fratello, fratello Ci sono troppi di voi che stanno morendo Sai che dobbiamo trovare una maniera Per portare un pò di amore qui oggi
Satirus
Inviato: 13/10/2006 12:10  Aggiornato: 13/10/2006 12:56
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/4/2006
Da: Luogocomune
Inviati: 511
 Re: Oscenità e censura
COMMENTO RIMOSSO

LA REDAZIONE

Satirus, insisti a postare fuori luogo, sarò costretto a sospenderti. Hai già aperto un forum per parlare di un caso che non esiste, direi che è più che sufficiente.

hi-speed
Inviato: 13/10/2006 12:27  Aggiornato: 13/10/2006 12:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/12/2004
Da: preda lunga
Inviati: 3211
 Re: Oscenità e censura
COMMENTO RIMOSSO

LA REDAZIONE

Cosa Sta Succedendo? Madre, madre Ci sono troppi di voi che piangono Fratello, fratello, fratello Ci sono troppi di voi che stanno morendo Sai che dobbiamo trovare una maniera Per portare un pò di amore qui oggi
Linucs
Inviato: 13/10/2006 12:31  Aggiornato: 13/10/2006 12:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: Oscenità e censura
SPOSTATO: QUESTO COMMENTO È EMIGRATO IN AFRICA IN CERCA DI FORTUNA.

Satirus
Inviato: 13/10/2006 12:38  Aggiornato: 13/10/2006 12:57
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/4/2006
Da: Luogocomune
Inviati: 511
 Re: Oscenità e censura
COMMENTO RIMOSSO

LA REDAZIONE

Redazione
Inviato: 13/10/2006 12:59  Aggiornato: 13/10/2006 13:02
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Oscenità e censura
A me sembra di parlare l'italiano abbastanza correttamente. Nei commenti agli articoli si commenta l'articolo, e basta. Per tutto il resto, esistono i forum.

Andare in OT non è mai stato un problema, purchè accada in forma naturale, nel corso della discussione. Chi crede invece di usare i commenti per motivi personali ha sbagliato decisamente sito.

taz
Inviato: 13/10/2006 13:28  Aggiornato: 13/10/2006 13:43
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 58
 Re: Oscenità e censura
basta vi prego papa´,mamma,non litigate piu´..



mi sento un po´ come un bambino con i genitori vicini al divorzio

EDIT
con tutti i problemi importantissimi che vorremmo risolvere,cerchiamo veramente di non perdere tempo in quisquiglie (si scrive cosi? ).

HAVEADREAM
Inviato: 13/10/2006 14:20  Aggiornato: 13/10/2006 14:20
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/8/2005
Da:
Inviati: 209
 Re: Oscenità e censura
Buongiorno a tutti.
Non ho seguito a pieno la dinamica di questa "censura", comunque il mio parere è che ogni elemento considerato di turbativa, di offesa o di espressione visiva poco attinente al tema, non debbano essere postati.
Questa non è censura.

Da romano, per esempio, amo la parolaccia "con il trasporto" nel senso che detta in contesto coerente a chiusura di un discorso , un concetto serio, semi-serio, o ironico, ha una sua logica.
Il "mavedinannà a f...lo detto a chiusura di una critica o di una "rivisitazione" da Albertone, ha più senso.

Quello che invece non tollero è l'utlizzo fondamentale dell'insulto per esprimere le proprie opinioni, dove la parolaccia rimbomba e dove diventa soggetto del discorso.

Ora non so cosa intendesse dire Satirus con la sua vignetta, stà di fatto che vedersi postare da lui un sedere ci può star tutto: è abituato alla vignetta-commento.
Ma, come dicevo, non è censura secondo me eliminare immagini nude e crude: se fuorvianti o poco attinenti al vero commento visivo/scritto del tema trattato, è giusto rimuoverle.

Ciò non toglie, (e mi rivolgo anche ai moderatori) che anche alcuni commenti poco ortodossi letti qua e la su questo sito andrebbero allora rimossi, perchè poco hanno a che vedere con il "libero scambio di opinioni in libero sito".

Un discutibile sedere peloso (che può offendere il buon gusto, ma solo quello) vale quanto una dscutible considerazione personale nei confronti del prossimo.

Detto nel pieno rispetto del sito, degli iscritti e di Massimo Mazzucco e soprattutto della libera ma corretta opinione.

Redazione
Inviato: 13/10/2006 14:25  Aggiornato: 13/10/2006 14:25
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Oscenità e censura
HAVEADREAM: "Ciò non toglie, (e mi rivolgo anche ai moderatori) che anche alcuni commenti poco ortodossi letti qua e la su questo sito andrebbero allora rimossi, perchè poco hanno a che vedere con il "libero scambio di opinioni in libero sito"."

Infatti, pian piano ci arriveremo. Non è facile, quando un sito è aperto a tutti, e ci sono cento nuovi iscritti alla settimana, ma ci arriveremo.

roberto__
Inviato: 13/10/2006 14:33  Aggiornato: 13/10/2006 14:35
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/8/2006
Da: FIRENZE
Inviati: 289
 Re: Oscenità e censura
I blogger e le responsabilità per quanto pubblicano

Una questione che ha messo in allarme parte dei blogger è stata la problematica sulla responsabilità di quanto scrivono. BlogGoverno, una comunità di blogghisti che controllano e discutono l’agenda del governo italiano, ne discusse internamente ed espose i propri timori in un post nel giugno scorso (cfr.“BlogGoverno a rischio chiusura” ,“La paura dei bloggers”).

Tentiamo dunque di dare un’interpretazione che tenga conto dei diversi aspetti giuridici che interagiscono nella blogsfera. Errori interpretativi e diffusione di questi reca inutile allarmismo tra gli utenti.




Responsabilità penale. E’ sempre “personale”, pertanto ognuno è responsabile personalmente di quanto scrive. Anche nel caso di blog collettivi è il singolo autore a rispondere dei propri scritti, non già la Web Community di cui fa parte. Non serve precisarlo in apposite note legali.
Ciò vale anche per i commenti inseriti dai terzi – anche se elaborati in forma anonima – poiché la responsabilità penale è, appunto, personale e non può essere direttamente perseguito il proprietario di un blog per un commento inserito da un visitatore: la Polizia Postale è in grado di risalire il mittente per il tramite di (complesse) indagini. Il proprietario del blog sui cui il commento viene inserito sarà, caso mai, responsabile della negligenza di controllo ovvero per la mancata rimozione del commento (ma di questo aspetto si veda oltre).

Responsabilità per negligenza. Nel caso di post su blog collettivi o di commenti che ledono diritti o immagine e dignità di terzi, il proprietario del blog non è responsabile personalmente dello scritto/commento lesivo – come dicevamo nel precedente paragrafo – ma può essere giudicato per il mancato controllo (negligenza) e/o la mancata rimozione di tale testo. Ad esempio, qualora un blogger trovi un commento offensivo (nei confronti di chiunque) sul proprio spazio web, è tenuto alla rimuoverlo tempestivamente per limitare i danni altrui. In tal senso, e non per la specifica responsabilità penale dello scritto offensivo, può essere avviata un’azione legale nei confronti del titolare del weblog.

Direttore del blog. Come di recente ha espresso il Tribunale di Aosta (sentenza del 26/05/2006), il titolare del blog assume le vesti di “direttore” delle proprie pagine web. A causa di errori interpretativi, forse dovuti a letture frettolose della sentenza citata, è stato frainteso il significato della chiave della sentenza: il blogger è il direttore del blog. Ragion per cui egli deve prontamente eliminare i contenuti offensivi, ovvero lesivi di diritti altrui, in quanto egli ne ha i pieni poteri d’intervento (di moderazione).
Questa raccomandazione non è tesa ad escludere i blog dalla cerchia di soggetti a cui è rivolta la legge 7 marzo 2001, n. 62, che molti bloggisti citano. La legge in esame è rivolta ai “prodotti editoriali” (si legga innanzitutto il titolo della normativa: “Nuove norme sull’editoria e sui prodotti editoriali e modifiche alla legge 5 agosto 1981, n. 416”), dove dovremmo ricondurre il termine “editoriale” al significato linguistico di “editoria” che riguarda l’industria di pubblicazione (in originale del libro), l’insieme degli editori e della loro attività, dove editore è chi stampa e pubblica a “scopo commerciale”. E il blogger è sempre a scopo commerciale? La risposta è negativa.
L’equiparazione del blog ad una testata giornalistica può adoperarsi solo per chiarire che il blogger, avendo il controllo del blog, è come se ne fosse il direttore. E al discorso si aggiunge, ancorché ormai esclusa l’applicazione, che il weblog non può essere soggetto alla normativa sulla stampa poiché non sussiste alcuna periodicità di aggiornamento (art. 1, comma 3 della L. 62/2001).

Efficacia del disclaimer. E’ ormai consuetudine deresponsabilizzare i weblog (anzi, i blogger) con l’ausilio di disclaimer. Questi sono utili al lettore per comprendere agevolmente l’ambito delle responsabilità, eventualmente esterne al sito. Dichiarare di “non essere responsabili” non serve: la legge vige indipendentemente dai nostri tentativi di dissuadere i lettori dall’agire in giudizio. E se, per esempio, declinassimo ogni responsabilità per i commenti inseriti dovremmo ricordare l’inefficacia parziale di questa clausola poiché il “direttore del blog” è responsabile per il mancato controllo e/o rimozione dei commenti offensivi o lesivi di diritto altrui (cfr. secondo paragrafo).
Disclaimer inutile? Ancora una volta la risposta è negativa, seppur parzialmente, in quanto possiamo utilizzarlo per chiarire ai lettori alcuni aspetti, come l’indicazione chiara dei nominativi di “chi fa che cosa” in un blog collettivo (es. moderatore, amministratore, ecc.), secondo un lecito valido accordo interno.

Accordi tra le parti. L’autonomia contrattuale è valida. In un weblog collettivo i membri che ne prendono parte possono stipulare contratti per la divisione dei compiti e responsabilità tra loro, ai sensi degli artt. 1321 e ss. del codice civile. Questi accordi potranno essere eccepiti in giudizio per escludere taluni soggetti da determinate responsabilità (salvo quella personale di tipo penale) ovvero come elemento probatorio nell’ambito di procedimenti legali.


Ringrazio l’avv. Daniele Minotti per la gentile collaborazione prestata discutendo e condividendo le tesi alla base di questo articolo.
Luca Lodi



Bibliografia:

· I blogger? Sono diretti responsabili, a cura di Daniele Minotti, http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1526869&r=PI

· La pretesa estensione alla telematica del regime della stampa, a cura di Vincenzo Zeno-Zencovich, http://www.beta.it/edit/zencovich.html

· Tribunale di Aosta, sentenza del 26 maggio 2006, procedimento penale contro Mancini R., http://www.penale.it/doc/Trib_Aosta_Sent_26_05_2006_10_6_2006.pdf

LA GUERRA E' PACE
LA LIBERTA' E' SCHIAVITU'
L'IGNORANZA E' FORZA

1984 - Orwell
lamefarmer
Inviato: 13/10/2006 14:43  Aggiornato: 13/10/2006 14:43
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/9/2005
Da: vacu°u(m)
Inviati: 334
 Re: Oscenità e censura
Sai massimo,
in un luogo dove i parametri di valutabilità sono tutti saltati, per esempio perché accendi la TV, e vedi facce da c..o che si ripresentano come bebé innocenti, vedi il tuo vicino che sai colpevole di stupro, raggiro, reciclaggio, spaccio, furto e magari anche strozzinaggio, perché condannato, libero uccel di bosco, sai che é uscito per commettere altre porcate e sai pure che le commette nella certezza dell'impunibilità.
In un luogo dove ogni giorno che passa diventa sempre più difficile comprendere perché fai quello che fai, e se é bene o male sbattere tua madre in un pensionato, al posto che occuparti dei suoi eterni acciacchi. In un luogo dove la vita di comunità é quella che fanno i drogati, i malviventi e i bambini abbandonati nelle favelas sud-americane, cioé realtà d'abbandono e di povertà prossime ai film dell'orrore. In una realtà dove tutti viviamo per amore o per forza in una fiction RAI, ma non lo dicamo troppo forte perché c'é anche chi poi si offende e dice che non é vero.
Dove viene coltivato con costanza e continuità, l'odio e la divisione di classe, la persecuzione delle idee e l'intolleranza persino medica, persino dell'aria che si respira.
In un mondo dove tutto questo non fa altro che crescere in un moto che (per ora) appare inarrestabile, anche se sappiamo tutti che dovrà prima o poi cessare di crescere sotto il suo stesso peso.

In questo bell'ambientino, in cui comunque luogocomune é immerso, te ne esci con una morale sulla censura di un culo peloso.

Come dire: onore a te, o prode e bianco cavaliere della bòn tòn.
Ma personalmente avrei preferito vedere soltanto una tua immediata e personale presa di posizione. Il resto credo l'avrebbe fatto con migliore efficacia il blog.

Ricodo infatti che ci fu un tempo in cui, nel pieno dello tsunami dei film trash accessibili ad un pubblico di tutte le età, ci fu qualcuno che decise di censurare la povera "bianca neve" del vecchio disney, perché la frase "STRAPPALE IL CUORE E PORTAMELO" risultava sicuramente troppo forte per il "delicato" pubblico infantile...

Se penso a McDonald, a Barbie, agli stessi Pockemon o a molti altri "strumenti educativi moderni", che di sicuro sono adatti per quello stesso pubblico, mi viene da sorridere...



D'altro canto comprendo poco anche Satirus, che grida alla censura. A me viene solo da ridere per tutta la faccenda...

Ognuno parla di se stesso, sempre e comunque
HAVEADREAM
Inviato: 13/10/2006 14:50  Aggiornato: 13/10/2006 14:50
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/8/2005
Da:
Inviati: 209
 Re: Oscenità e censura
Scusate, ma è difficile lavorare & postare....
Quindi qualche commento lo debbo per forza di cose frammentare.

Volevo solo far notare che ho si è usato impropriamente(pure io) il termine "censura".
In fin dei conti, stiamo discutendo liberamente sulla rimozione di una immagine/commento, e lo stesso Satirus ha avuto la possibilità di aprire un forum.

La censura è ben altra cosa. Come è forse più censura parlare e notiziare ampiamente dei bagni di "lusso"dei nostri Parlamentari,mentre ad un chilometro di distanza dentro un altro bagno l'ennessimo caso di stupro.

Det.Conan
Inviato: 13/10/2006 14:58  Aggiornato: 13/10/2006 14:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/6/2006
Da:
Inviati: 1754
 Re: Oscenità e censura
Queste ultime dispute e beghe interne mi fanno sempre piu' pendere verso Megachip.
Il nostro futuro e' nelle loro mani,ormai.
Forza Chiesa,sei l'unico che puo' riuscirci!


Neo
Inviato: 13/10/2006 15:00  Aggiornato: 13/10/2006 15:00
So tutto
Iscritto: 11/10/2006
Da:
Inviati: 8
 Re: Oscenità e censura
A me sembra chi si stia parlando molto di un fatto di per se innocuo.

La cosa mi preoccupa un pò, forse è perchè si sono esauriti gli argomenti sui quali discutere e scambiarsi le proprie opinioni porta ad una crescita personale e di LC.

La censura dal mio punto di vista è ben altra cosa! Mi sembra più un problema di ego, mi spiego meglio,
ma se Satirus aveva una opinione SERIA da esprimere quando si è visto il culo "censurato", non avrebbe potuto esprimerla in un altro modo?

In questo modo ho forse alimentato altri commenti su questo tema! Anche se preferirei discutere su altri temi

Pausania
Inviato: 13/10/2006 15:01  Aggiornato: 13/10/2006 15:01
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: Oscenità e censura
Appuntato Conan, vai a postare su Megachip allora, vedrai che ti accoglieranno a braccia aperte e ti lasceranno scrivere tutto quello che ti pare.

Kirbmarc
Inviato: 13/10/2006 15:05  Aggiornato: 13/10/2006 15:05
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/5/2006
Da: Arkadia-spazio profondo
Inviati: 1665
 Re: Oscenità e censura
Citazione:
Appuntato Conan, vai a postare su Megachip allora, vedrai che ti accoglieranno a braccia aperte e ti lasceranno scrivere tutto quello che ti pare.

Scusatemi ma non ho resistito.

Det.Conan
Inviato: 13/10/2006 15:09  Aggiornato: 13/10/2006 15:09
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/6/2006
Da:
Inviati: 1754
 Re: Oscenità e censura
Che c'e' Pausania,la verita' ti fa male?
Sapere di non far parte del gruppo principale di rivelatori delle bufale ufficiali non e' di tuo gradimento?

E' la triste verita',non ci posso fare niente io.
E' stato Chiesa a coinvolgere personalita' di un certo rilievo come Dario Fo e Cardini in tutto questo.

Solo loro possono farcela e voi tutti lo sapete bene!!

Questo non vuol dire che LC non potra' dare il suo contributo,ovviamente!


nike
Inviato: 13/10/2006 15:11  Aggiornato: 13/10/2006 16:30
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/3/2006
Da:
Inviati: 845
 Re: Oscenità e censura
Massimo Mazzucco:
ctz
Citazione:
A prima vista, quindi, la risposta sembra facile: togliere un culo peloso non è "censura", è soltanto un atto di buon gusto, mentre il reprimere una qualunque idea è censura vera e propria, e va evitata in maniera categorica.

Ed è infatti secondo questi parametri, "cotti e mangiati", che io ho operato le due scelte: togliere la vignetta da un lato, pubblicare il pezzo dall'altro.

D'altronde, che quel culo fosse schifoso troverebbe d'accordo una decisa maggioranza di persone, mentre proprio su luogocomune fece epoca la battaglia da cui risultò che "persino i fascisti" qui possono parlare.

Figuriamoci quindi se un qualunque "gruppo umanista" non dovrebbe poterlo fare.

-----
Non ne farei "una questione di buon gusto", ma è ovvio che quella vignetta di Satirus era un po’ troppo esplicita. Personalmente non mi dava fastidio, ma se M.M. riteneva che andasse tolta a me sta bene.
Per quanto riguarda la pubblicazione dell’articolo Comunicato Stampa non ci trovo niente di strano.
E’ un po’ che frequento questo sito e se c’è una cosa che ho apprezzato nel corso di questa esperienza è la coerenza di Mazzucco che non è mai venuta meno.

All’inizio facevo fatica a capire il perché di "certi sposalizi "- che sposalizi non erano- , ma con il tempo ho imparato a comprendere quale tolleranza e filosofia Massimo Mazzucco abbia da insegnare.
------------
Un esempio di qualche tempo fa è questo:

Massimo M.
ctz

Ciao Nike, ……… Solo una precisazione: io - e lo faccio anche come luogocomune - non "faccio una riunione con il Sig. Blondet", ma partecipo a una riunione sull'11 Settembre a cui partecipa anche Blondet. La differenza è minima ma sostanziale.

E anche quando gli ho fatto i complimenti per il coraggio di cantare fuori dal coro, ho tenuto a sottolineare "al di là dei contenuti".


Quello che criticavo io in quella sede erano i contenuti di alcuni articoli nel sito www.effedieffe.com/ e nemmeno a firma di M. Blondet, ma articoli che lui ospita a firma di altri su il suo sito.
---------
Con il tempo ho imparato che Mazzucco non è uno sprovveduto e che anzi la tolleranza del suo sito www.luogocomune.net/ è a volte stucchevole.

Per altro quello che ho pensato nel corso di questa frequentazione del sito luogocomune.net è che il merito non è precisamente tutto di Mazzucco.
Ognuno degli utenti registrati fa del suo meglio per portare contributi al sito, ma a monte esiste pur sempre questa filosofia di Massimo che accomuna tutti, e che il sito luogocomune.net non sarebbe il sito che è se M.M. non fosse quello che è.
----------
Massimo M.
ctz

Quello che infatti mi rattrista un pò è di ritrovarmi ogni volta costretto a dare della garanzie partendo da zero, come se tutto quello fatto finora non contasse nulla. Davvero non esiste un minimo di linearità, nella mia condotta fino ad oggi, per capire da soli dove voglio andare e dove invece non andrò MAI a parare?

Questa frase di Massimo ha tutta la mia solidarietà. Siamo 6000 iscritti, qualche equivoco è ovvio che avvenga, ma potrebbero essercene molti di più e di peggiori.
---------
Per concludere: Massimo Mazzucco è umano, ( almeno così sembrava in TV) e se ci sono piccoli dettagli che ritiene non siano adatti ai suoi "parametri di buon gusto" non ne farei una tragedia.

Mi riferisco ovviamente alla
vignetta di Satirus
"incriminata".

Per quanto invece riguarda:
la pubblicazione dell'articolo del "gruppo umanista" sono stati gli utenti a rispondere; e, proprio grazie a "questa filosofia" di Mazzucco, hanno già espresso in piena libertà la loro opinione.

------

Citazione:
Quelli che creano sono duri di cuore. Nietzsche, Friedrich. Così parlò Zarathustra: II, Dei compassionevoli
Paxtibi
Inviato: 13/10/2006 15:19  Aggiornato: 13/10/2006 15:19
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Oscenità e censura
Questo non vuol dire che LC non potra' dare il suo contributo,ovviamente!

Siii, che bello! Io ci metto le uova e i pomodori marci per Chiesa, Fo e compagnia cantante!

Il mio piccolo contributo!

Pausania
Inviato: 13/10/2006 15:21  Aggiornato: 13/10/2006 15:21
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: Oscenità e censura
Citazione:
Che c'e' Pausania,la verita' ti fa male?
Sapere di non far parte del gruppo principale di rivelatori delle bufale ufficiali non e' di tuo gradimento?

E' la triste verita',non ci posso fare niente io.
E' stato Chiesa a coinvolgere personalita' di un certo rilievo come Dario Fo e Cardini in tutto questo.

Solo loro possono farcela e voi tutti lo sapete bene!!

Questo non vuol dire che LC non potra' dare il suo contributo,ovviamente!


Il giorno in cui faro' parte di un gruppo sara' anche il giorno in cui mia madre non mi riconoscera' piu' come figlio...

Comunque vedo con sempre maggiore soddisfazione che almeno una persona qui in LC ha sempre la verita' pronta da schiaffare in faccia agli altri utenti

Det.Conan
Inviato: 13/10/2006 15:24  Aggiornato: 13/10/2006 15:24
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/6/2006
Da:
Inviati: 1754
 Re: Oscenità e censura
Citazione:
Il giorno in cui faro' parte di un gruppo sara' anche il giorno in cui mia madre non mi riconoscera' piu' come figlio...



Ehm,secondo te come e' stato possibile per l'uomo uscire dalle caverne?


Citazione:
Comunque vedo con sempre maggiore soddisfazione che almeno una persona qui in LC ha sempre la verita' pronta da schiaffare in faccia agli altri utenti


Ti sbagli.
Per tutto il resto sono miei opinioni ma per questo NO e tu lo sai meglio di me.


Kirbmarc
Inviato: 13/10/2006 15:28  Aggiornato: 13/10/2006 15:28
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/5/2006
Da: Arkadia-spazio profondo
Inviati: 1665
 Re: Oscenità e censura
Citazione:
Ehm,secondo te come e' stato possibile per l'uomo uscire dalle caverne?

Ha guradato da dove veniva la luce, e passo passo è arrivato all'uscita.
Se no ha seguito gli spifferi.

Pausania
Inviato: 13/10/2006 15:29  Aggiornato: 13/10/2006 15:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: Oscenità e censura
Citazione:
secondo te come e' stato possibile per l'uomo uscire dalle caverne?


Ma non era sceso dagli alberi?

Comunque... direi facendo il percorso che ha fatto per entrarci, ma in direzione opposta

Santaruina
Inviato: 13/10/2006 15:31  Aggiornato: 13/10/2006 15:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 13/10/2004
Da: Sud Europa
Inviati: 5123
 Re: Oscenità e censura
Se riusciamo rientriamo in topic
Nike 13 ha fatto delle considerazioni interessanti.

Blessed be

-o- Ama e fa' ciò che vuoi -o-
mc
Inviato: 13/10/2006 15:33  Aggiornato: 13/10/2006 15:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: Oscenità e censura
prova

florizel
Inviato: 13/10/2006 15:37  Aggiornato: 13/10/2006 15:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Oscenità e censura
Citazione:
Nel primo caso, la vittima della rimozione ha gridato alla "censura", aprendo un forum apposito per reclamare giustizia (quale paradosso, fra l'altro!). Nel secondo, nessuno ha
voluto notare che nell'osteggiare la pubblicazione del comunicato stampa, si invocava di fatto un atto di censura almeno equivalente.

Credo che le due cose non siano accomunabili.
Nel primo caso, si tratta della reazione PERSONALE rispetto ad un'immagine che limita i suoi effetti alle pagine del sito.
Nel secondo, l'alzata di scudi riguarda un'ideologia che produce i suoi effetti su di un pubblico che va ben al di là delle pagine di LC.

Personalmente, non mi è parso che si gridasse alla censura, circa la pubblicazione del comunicato stampa umanista. Piuttosto, ci si è interrogati circa la scelta di averlo pubblicato, e mi sembra una reazione legittima e prevedibile, da parte di un'utenza che non si accontenta di quello che "passa il convento", in materia di informazione.

Per quanto mi riguarda, ritengo che quella vignetta non andasse molto al di là della stessa logica culturale che qui si intende criticare; quindi non condivido tutto il baccano che si sta facendo per legittimarne la valenza.
Ancora una volta, resta da stabilire QUALE funzione vuole darsi il sito, domandarsi se è possibile criticare il "sistema" usando i suoi stessi strumenti.

Credo che su luogocomune nulla avvenga senza produrre una "crescita" sia da parte degli utenti che da parte di chi ne è proprietario.
Come credo che sia necessario capire che non è il caso di paragonare la decisione soggettiva di rimuovere un'immagine non certamente molto elaborata, dal punto di vista critico, alla "critica" di un'ideologia politica da parte dell'utenza.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
Ivy
Inviato: 13/10/2006 15:43  Aggiornato: 13/10/2006 15:43
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/7/2005
Da: Cantù [VAAAAAAAAAAAAAAA BENE!]
Inviati: 335
 Re: Oscenità e censura
Citazione:
In realtà è la legge di Gresham e funziona al contrario -) lool - Ashoka

Io adoro i commenti di questo ragazzo...

-------------------------------------------------
Entrando nel merito della notizia, io credo che si possa dire che un sito come luogocomune.net rispetti l'opinione di tutti se pubblica qualsiasi cosa, non credo sia questo il criterio... Pubblicare tutto = libertà... No.

Io credo che una foto, un'immagine, ponga problemi sul piano della scelta se pubblicare o meno, molto più di quando non sia per le parole...

Un articolo, una volta letto il titolo, si può scegliere se l'argomento interessa o meno, lo si legge o non lo si legge.
Un'immagine invece ti toglie la libertà di scelta, che quindi deve essere fatta a monte...
Nel caso di un sito chi lo fa se ne prende le responsabilità, ed è ovvio che applichi il suo concetto di "buon gusto".

We live in the age of the overworked, and the under-educated; the age in which people are so industrious that they become absolutely stupid. Oscar Wilde
florizel
Inviato: 13/10/2006 15:44  Aggiornato: 13/10/2006 15:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Oscenità e censura
Det.ConanCitazione:
Queste ultime dispute e beghe interne mi fanno sempre piu' pendere verso Megachip.

Capace che invece sei ancora qui perchè su Megachip un forum come quello che hai aperto te lo sognavi?

Mi associo all'invito di Pausania: vai, e poi facci sapere.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
mc
Inviato: 13/10/2006 15:45  Aggiornato: 13/10/2006 15:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: Oscenità e censura
Ciao Massimo,
e' un piacere di nuovo ritrovarti alle prese con questi argomenti...

Una premessa. Io l'immagine non l'ho vista:
come faccio a farmi un idea di quello che contesti se aprioristicamente e' stato deciso che io, come molti altri, saremmo stati risultati offesi dall'immagine su cui adesso siamo invitati a dare un opinione?

Quindi il problema e' sempre quello:
la "censura" non da possibilita' di confronto.

Se si fosse lasciata la possibilita' di un confronto...

(continua)

mc
Inviato: 13/10/2006 15:47  Aggiornato: 13/10/2006 15:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: Oscenità e censura
(continua)
...aperto si sarebbero offesi alcuni (oh, ma quante offese ci pervengono ogni qualvolta si parla di questo o quel'argomento...), alcuni altri si sarebbero schierati al fianco della vignetta, altri ancora si sarebbero schierati a favore della rimozione immediata, ma entrambi (ed anche quelli indecisi) avrebbero potuto dire la propria consapevolmente, avendo maturato direttamente una opinione in merito.
Con questo atto hai precluso la possibilita' di "crescere" in maniera diretta (cioe' ragionando con la propria interpretazione dei fatti) ed e' questo che e', sostanzialmente, ingiusto.
D'altronde, tu parli di "feeling" e sembri non chiederti se questo feeling possa essere in una qualche maniera "ingiusto": perche' non lasciarlo decidere alla maggioranza evitandone la pubblicazione?

Una scelta redazionale?
Tutto qui?
Allora non cerchiamo di ....

(continua)

mc
Inviato: 13/10/2006 15:47  Aggiornato: 13/10/2006 15:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: Oscenità e censura
(continua)

...incipriare il grugno di una scrofa per farcelo sembrare una soubrette, e parliamo di "credibilita'" ... credibilita' di intenti, credibilita' del sito, credibilita' dei contenuti, e atti per la salvaguardia di immagine (reputazione).
Un post del tipo:"...so che e' sbagliato, ma per evitare fastidi di stampo reazionario, per evitare offese del comune senso del pudore, per evitare di mostrare il fianco ai detrattori del blog, si procedera' alla rimozione del "corpo del reato" (che e' sacrificabile: di un utente su seimila). Non accettate altrove questo tipo di filosofia, ma io devo agire cosi'... tornate a clickarci, clickate sugli adsense, etc. etc.. bla, bla... saluti".

...saluti


(ovviamente avevo dei problemi a spedirlo intero... si puo' fare qualcosa in merito...?)

mc

Pausania
Inviato: 13/10/2006 16:06  Aggiornato: 13/10/2006 16:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: Oscenità e censura
Chiedo scusa a Santaruina ma ha ragione.

Io non posso che portare la mia esperienza personale, senza voler insegnare niente a nessuno.

Come sapete io scrivo qui su Lc, fondamentalmente perche' Massimo me ne da' la possibilita' e perche' ci sono tante altre persone che tengono in piedi il sito. Nessuno mi ha mai detto niente su cosa scrivere ne' su come scriverlo. Ne' io mi sono mai fatto problemi in questo senso.

Pero' quando scrivo cerco di non lasciarmi andare, per rispetto del sito, dei lettori, di Massimo e della Redazione.

E se Massimo mi dicesse che un articolo non va, mai mi metterei a gridare alla censura.

Linucs
Inviato: 13/10/2006 17:29  Aggiornato: 13/10/2006 17:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: Oscenità e censura
Come dice il proverbio moneta buona scaccia moneta cattiva.

Cioè hai capito tutto dei misteri dell'economia, però al contrario, quindi puoi provare a scrivere a testa in giù e magari esce fuori qualcosa stile Reisman.

Fabrizio70
Inviato: 13/10/2006 17:29  Aggiornato: 13/10/2006 17:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/5/2006
Da: Roma
Inviati: 3721
 Re: Oscenità e censura
Citazione:
E se Massimo mi dicesse che un articolo non va, mai mi metterei a gridare alla censura.


Uno dei problemi posti da Satirus infatti è che non è stato avvisato via pm.
Non è la prima volta che i messaggi vengono cancellati , ma fino ad oggi non si è mai parlato di censura , questo caso lo vedo più come un fatto personale che generale.
Anche le immagini vengo interpretate ed elaborate come le idee , quindi non ci vedo differenza tra le due situazioni da questo punto di vista,quindi la soluzione al problema è unica.
Il problema è che alcune idee feriscono , sia come immagine sia come parole (ne uccide più la penna che la spada ) , quindi il problema si sposta se una qualche forma di censura sia giusta.
Personalmente ritengo la censura giusta , non tutte le idee sono buone , se venisse qui qualcuno per affermare idee che a me feriscono sarei ben felice che tali idee vengano cancellate, quindi non ci vedo nessun problema.
Il problema casomai si sposta sul censore , ovvero colui che decide per noi quali idee ci possano ferire , e fino ad oggi non mi sembra che Massimo ed i moderatori abbiano agito con spirito repressivo , ma correttivo , quindi finora nessun problema.
A questo punto rimane il problema dell'avviso , e qui ha ragione Satirus secondo me , una persona che diffonda idee ritenute sbagliate deve essere anche avvisata,del resto non mi sembra che le sue vignette siano "normalmente" cancellate ,quindi posso immaginare la sua "sorpresa" nello scoprirsi "censurato".

P.S:
Det.Conan hai cambiato l'abito prima di entrare su megachip ?
Mi eri più simpatico come ANTICRISTO

Il lusso non può mai essere soddisfatto perché, essendo qualcosa di falso, non esiste per esso un contrario vero e reale in grado di soddisfarlo e assorbirlo.
Wilhelm Richard Wagner-1849
Det.Conan
Inviato: 13/10/2006 17:33  Aggiornato: 13/10/2006 17:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/6/2006
Da:
Inviati: 1754
 Re: Oscenità e censura
Citazione:
Mi eri più simpatico come ANTICRISTO


Potresti spiegarti meglio?

P.S:allora,per quanto riguarda Visoko?
Mandami un pm!

Pausania
Inviato: 13/10/2006 17:48  Aggiornato: 13/10/2006 17:48
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: Oscenità e censura
Fabrizio70: (spezzetto per semplificare)

Uno dei problemi posti da Satirus infatti è che non è stato avvisato via pm.
Non è la prima volta che i messaggi vengono cancellati , ma fino ad oggi non si è mai parlato di censura , questo caso lo vedo più come un fatto personale che generale.


Infatti l'articolo non parla della questione Satirus, mi pare....

Personalmente ritengo la censura giusta , non tutte le idee sono buone , se venisse qui qualcuno per affermare idee che a me feriscono sarei ben felice che tali idee vengano cancellate, quindi non ci vedo nessun problema.

Devo dire che forse non hai capito. Mi pare che qui tutte le idee, ma proprio tutte, hanno spazio e liberta' di essere espresse.

Se fosse come dici tu, allora si' che ci sarebbe censura. Il problema dell'articolo era definire cosa vada filtrato o meno...

Fabrizio70
Inviato: 13/10/2006 18:52  Aggiornato: 13/10/2006 18:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/5/2006
Da: Roma
Inviati: 3721
 Re: Oscenità e censura
Citazione:

Se fosse come dici tu, allora si' che ci sarebbe censura. Il problema dell'articolo era definire cosa vada filtrato o meno...


Ciao Pausania , come vedi dalla tua risposta anche per te "censurare" è normale , hai utilizzato il termine filtro , ma il significato è lo stesso.
Una definizione "fissa" della censura non mi pare possibile , si possono dare delle regole generali ma in realtà ogni post è un caso a se.
Se aprissi una discussione per favorire il consumo della carne anche se i ferisco i vegetariani non credo che qualche moderatore intervenga per censurarmi.
Cosa succederebbe se spostassi il discorso sul consumo della carne umana ?
In questo caso sarebbe giusto permettere il continuare questa discussione ?
Ovviamente se ne può parlare come fatti storici , ma credo che se cercassi di favorire tale idea ed i moderatori non intervengano rimarebbero poche persone a discutere , sempre che prima qualcuno non segnali la cosa alle pubbliche autorità.

Il lusso non può mai essere soddisfatto perché, essendo qualcosa di falso, non esiste per esso un contrario vero e reale in grado di soddisfarlo e assorbirlo.
Wilhelm Richard Wagner-1849
Nigthmare
Inviato: 13/10/2006 19:03  Aggiornato: 13/10/2006 19:03
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/6/2006
Da:
Inviati: 73
 Re: Oscenità e censura
Scusate, ma non si può pensare a una posizione intermedia? Se i contenuti di alcuni post possono essere "sopra le righe" perche non politically correct, perchè non creare un'area specifica del forum in cui dirottare i post che - a giudizio dei moderatori - possono urtare qualche sensibilità?

Così chi vuole, potrebbe comunque prenderne visione, e gli altri verrebbero salvaguardati...

mc
Inviato: 13/10/2006 19:05  Aggiornato: 13/10/2006 19:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: Oscenità e censura
Gia' come sarebbe bastato postare un link alla foto (invece della foto stessa) con un avviso...

mc

pierone
Inviato: 13/10/2006 20:20  Aggiornato: 13/10/2006 20:20
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/10/2005
Da:
Inviati: 299
 Re: Oscenità e censura
"mc Inviato: 13/10/2006 19:05:18

Gia' come sarebbe bastato postare un link alla foto (invece della foto stessa) con un avviso...

mc"



soulsaver
Inviato: 13/10/2006 20:34  Aggiornato: 13/10/2006 20:34
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/11/2005
Da: Roma
Inviati: 613
 Re: Oscenità e censura
Citazione:
Gia' come sarebbe bastato postare un link alla foto (invece della foto stessa) con un avviso...

mi associo a questa soluzione del problema con un "link" preventivo in relazione ai contenuti delll'immagine in questione...
Se ritenuto offensivo il contenuto di una fotografia si può mettere un link con un alert, d'altronde lo facciamo già con le foto di corpi dilaniati e carbonizzati non vedo perchè usare un due pesi due misure... d'altronde vista la soggettività riguardo tutto questo, questa proposta potrebbe essere una soluzione che tutela gli utenti da una parte (che magari non gradiscono un bel culo in primo piano magari mentre si è in un luogo pubblico) e garantisce al sito di non doversi esprimere in termini di giudizio censorio.

Free from the need to be free "Mommy what's a Funkadelic, George Clinton 1970"
hombre
Inviato: 13/10/2006 21:04  Aggiornato: 13/10/2006 21:04
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/12/2005
Da: sud
Inviati: 100
 Re: Oscenità e censura
Uahu, sto assistendo ad una mutazione genetica in diretta.
Non so se offendermi per la vignetta o perché ci si preoccupa che si possa ritenere offensiva la vignetta.
Nel primo caso decido, nel secondo “mi lascio decidere”.
Paradossi della democrazia.
L’alert mi ricorda,poi, i libri del Club degli Editori con il pallino rosso (un secolo fa).
Mia madre li nascondeva e io li leggevo sotto il letto di nascosto. Sa di pruderie.
La censura mi sembra una scelta più coraggiosa. Ma tanto mi sembra che Satirus non sarà, comunque, più lo stesso.
Forse è questa la cosa che più mi incuriosisce: avrà l’ardire il nostro eroe di postare ancora i suoi disegni irriverenti?

nike
Inviato: 13/10/2006 21:25  Aggiornato: 13/10/2006 21:39
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/3/2006
Da:
Inviati: 845
 Re: Oscenità e censura

Citazione:
Se ritenuto offensivo il contenuto di una fotografia si può mettere un link con un alert, d'altronde lo facciamo già con le foto di corpi dilaniati e carbonizzati non vedo perchè usare un due pesi due misure... d'altronde vista la soggettività riguardo tutto questo, questa proposta potrebbe essere una soluzione che tutela gli utenti da una parte (che magari non gradiscono un bel culo in primo piano magari mentre si è in un luogo pubblico) e garantisce al sito di non doversi esprimere in termini di giudizio censorio.


Al prossimo che: paragona le foto che non mostriamo direttamente, dei corpi dilaniati delle vittime di guerra …..a una vignetta di dubbio gusto.. la pubblicazione di un comunicato stampa da parte di un gruppo che su questo sito trova poche simpatie...

Beh, mi dissocerò!
Aprirò un forum: per dire che: “mi dissocio”. E lo prolungherò tanto quanto mi daranno corda….

E poi: “ farò l’ultima scena madre” . Dove spiegherò quali siano i motivi per i quali “mi sto dissociando”; e se non basterà ne aprirò un altro di forum: dove spiegherò “perché mi sto dissociando da luogocomune.net”.
E forse ne aprirò un altro ancora di forum dal titolo: “perché mi dissocio da me stessa..!?” E forse…Aprirò pure un clone dello stesso forum, dove esprimerò quello che sarà una specie di appendice del suddetto forum, dello stesso argomento che avrà per titolo:

“Non approvo la censura: luogocomune.net, nella persona di Mazzucco, offese me e i miei compagni luogo-comunensi! ”

E se non bastasse ancora accuserò Massimo Mazzucco con appellativi come: “comunista, fascista, razzista, antisemita, smandrappato….”

E se non bastasse: prima di andarmene aprirò un altro forum …Dove…E… Dal titolo…
..E dove dirò….

..Che: “ M.M. e il suo sito luogocomune.net limitano “ LA MIA LIBERTA’ DI ESPRESSIONE”…

E, se non bastasse……

Citazione:
Quelli che creano sono duri di cuore. Nietzsche, Friedrich. Così parlò Zarathustra: II, Dei compassionevoli
nike
Inviato: 13/10/2006 21:29  Aggiornato: 13/10/2006 21:29
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/3/2006
Da:
Inviati: 845
 Re: Oscenità e censura
Straquoto Hombre:

Citazione:
Uahu, sto assistendo ad una mutazione genetica in diretta.
Non so se offendermi per la vignetta o perché ci si preoccupa che si possa ritenere offensiva la vignetta.
Nel primo caso decido, nel secondo “mi lascio decidere”.
Paradossi della democrazia.
L’alert mi ricorda,poi, i libri del Club degli Editori con il pallino rosso (un secolo fa).
Mia madre li nascondeva e io li leggevo sotto il letto di nascosto. Sa di pruderie.
La censura mi sembra una scelta più coraggiosa. Ma tanto mi sembra che Satirus non sarà, comunque, più lo stesso.
Forse è questa la cosa che più mi incuriosisce: avrà l’ardire il nostro eroe di postare ancora i suoi disegni irriverenti?

(...)

Citazione:
Quelli che creano sono duri di cuore. Nietzsche, Friedrich. Così parlò Zarathustra: II, Dei compassionevoli
nike
Inviato: 13/10/2006 21:40  Aggiornato: 13/10/2006 21:40
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/3/2006
Da:
Inviati: 845
 Re: Oscenità e censura
Mi dissocio.

Citazione:
Quelli che creano sono duri di cuore. Nietzsche, Friedrich. Così parlò Zarathustra: II, Dei compassionevoli
Koroner
Inviato: 13/10/2006 22:08  Aggiornato: 13/10/2006 22:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/9/2006
Da:
Inviati: 36
 Re: Oscenità e censura
Trovo che ognuno abbia il diritto di sentirsi offeso da qualsiasi cosa (grazie al caz*o, disse quello... ).
Per "ogni cosa" però intendo proprio tutto, da un paio di tette alle 9 di sera sulle reti pubbliche a ipotetiche scene ben più forti che tutti possiamo immaginarci nella nostra mente.

Ritengo tuttavia che il livello di censura di uno Stato sia l'esatto rappresentativo dell'evoluzione dei suoi cittadini, o meglio del suo cittadino medio.

Secondo me il grado di "accettabilità morale" di un evento, di un'immagine, di un giudizio, ecc è direttamente proporzionale al livello di raziocinio (tanto per non usare il termine "intelligenza") dell'individuo offeso.

Perchè tanto più uno capisce che ciò che è realmente importante è quello che pensa LUI riguardo ad X, e non quello che gli altri pensano di X, tanto è più, a parer mio, saggio.

Ad esempio, se volessimo analizzare i motivi di fondo per cui un credente si è sentito offeso da una vignetta satirica che abbia per tema la sua religione, le possibilità che si prospettano sono per me due:
1. La fede di quest'individuo non è poi così salda, e la vignetta mette in luce punti deboli del suo dogma che lui non vorrebbe mai affrontare con la sua testolina. Ma "punti deboli" per chi? Ovviamente per chi la vignetta la fatta, ma altrettanto ovviamente per la persona offesa, che vede chiaramente tali punti deboli espressi nella satira e si sente perciò minacciato (stessa reazione di autodifesa dei debunker riguardo alle questioni "piccanti" come l'11 Settembre).
2. L'individuo non sopporta quella satira non perchè essa lo fa vacillare nella sua fede, ma perchè fa nascere in lui un odio profondo per il "non credente", che ritiene implicitamente tanto immaturo e stolto da meritare una punizione per quel suo mancato rispetto/dimostrazione di miscredenza.

Ovviamente il caso dev'essere valutato attentamente, e tutto dipende da cosa la vignetta ritrae. Se ritraggo, che so io, Gesù che si fa uno spinello con gli occhi arrossati, non c'è nulla che possa minare il dogma di un Cristiano. Non c'è un messaggio subdolo, è una semplice "puttanata", e non si fa dell'ironia su un rito o un precetto della religione cristiana che io ritengo illogico e voglio canzonare. Quindi anche chi la fede non ce l'ha proprio di ferro, se si offende è per il secondo motivo, non per il primo.

Inoltre direi che, in linea di massima, un Cristiano ha più probabilità di avere il primo tipo di "problema", mentre un musulmano il secondo.
Cioè in generale io ritengo che il musulmano medio sia più "sicuro" in ciò che crede ripsetto al Cristiano medio (tanto da portare a una marcata diffusione dei fondamentalismi nell'Islam), ma questo è una nota di margine al mio discorso.

vulcan
Inviato: 13/10/2006 23:38  Aggiornato: 13/10/2006 23:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: Oscenità e censura
Il limite di esposizione di una immagine e del suo messaggio intrinseco è determinato spesso e soprattutto da un fattore non razionale bensi emotivo, specie quando l’immagine in particolare ci colpisce personalmente, non accettarlo quando è percepito con questo “meccanismo” non è censura, è solo un rifiuto istintivo.
Soltanto chi lo propone ha l’impegno di valutare l’emotività e sensibilità dell’interlocutore/i.

Fui ripreso da un interlocutore di L.C. per aver postato una immagine di un bambino deforme,ed effettivamente in quel momento mi resi conto di non aver tenuto conto di questa variabile, riferibile esclusivamente al buon senso e all’opportunità di proporre o di evitare, in funzione di ….
Se non fosse cosi potremmo anche iniziare a postare senza alcun limite immagini di qualsiasi voglia natura senza porci problema alcuno.

Un insieme di idee , sono invece innanzitutto un costrutto razionale
anche se sgradevoli sul piano concettuale, o anche emotivo, ma le idee ed i concetti fino a prova contraria sono soggettivi e aperti a interpretazioni .
Non accettarle può rappresentare un atto di chiusura mentale, oppure un rifiuto intellettuale , in altri vera e propria censura, semplicemente per scelta, ma anche quest’ultimo caso può essere legittimo per chi decide in proprio sull’indirizzo di qualcosa.

Sostanzialmente credo che i due esempi portati da Massimo, siano difficilmente valutabili o paragonabili, poiché ogni caso è un caso a se stante e generalizzare all’interno di una regola complessiva penso sia improponibile.

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
Descartes
Inviato: 14/10/2006 4:21  Aggiornato: 14/10/2006 4:22
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 21/6/2006
Da: Christ = Sun God
Inviati: 1087
 Re: Oscenità e censura
Dico la mia anche se in ritardo:

La censura non dovrebbe essere mai intesa come "distruzione dell'informazione".

Ogni distruzione dell'informazione, sia pure quella di un bambino straziato dalle bombe, può essere utile alla ricerca della verità, ad esempio per un medico. Anche la più disgustosa ed oscena delle immagini, la più chiara opera di propaganda massonica, devono essere preservate e messe a disposizione di chi vi vuole accedervi.

La censura dovrebbe essere intesa come "tagging", ovvero come meccanismo per cui una persona può essere messa in grado di decidere se vedere o meno qualcosa in base alla classificazione che se ne fa.

Si spostano i film porno in una saletta con su scritto "film per adulti", mica li si danno alle fiamme come nell'800 i libri di de sade.

Allo stesso modo un sito che combatte per la verità come questo dovrebbe avere un sistema di moderazione per cui l'eventuale post di qualcosa che sia considerato "osceno" o "propaganda" (a giudizio soggettivo del moderatore, che sarà sempre relativo) venga spostato in un area apposita, ,ma vi si lasci il link con su scritto "contenuto spostato nell'area dei contenuti censurati, cliccare qui se si vuole vederlo comunque".

Che poi ovviamente un simile sistema possa essere sfruttato per diminuire la visibilità di eventuali verità scomode, questo è certo. Ma essendo la cosa inevitabile per motivi inerenti alla psicologia umana, è necessario perlomeno che venga preservata la possibilità di accedere comunque a quella verità. Che quella informazione o opinione, per quanto scomoda o fastidiosa, non venga mai distrutta, è il principio fondamentale per cui dovremmo combattere.

neno
Inviato: 14/10/2006 10:12  Aggiornato: 14/10/2006 10:15
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/10/2005
Da:
Inviati: 80
 Re: Oscenità e censura
Det:Conan
"Che c'è Pausania,la verità ti fà male ?"
Ogni volta che qualcuno scambia le proprie opinioni per verità mi viene in mente :
a - se sono triste La Pravda ;
b - se sono allegro Caterina Caselli

Personalmente condivido quasi tutto di quello che scrive Mazzucco e , da un pò di tempo gran parte dei suoi collaboratori .

Questo non esclude la possibilità che possa anche leggere quello che viene scritto su Megachip o su altri siti di informazione e/o "controinformazione"

Quello che ancora una volta vorrei sottolineare è la particolarità,la specificità e la peculiarità di questo sito rispetto ad altri .

Non ho conoscenza ( e semmai è un mio limite) di altri siti dove accanto al pregevole lavoro di informazione,di citazione di fonti,di documenti,di video e di approfondimento esiste anche la possibilità per ognuno di noi di esprimere le prioprio opinioni ed anche di suggerire delle ipotesi di lavoro,delle proposte ,spesso delle critiche costruttive ecc...,.
Ma quì interviene la pecularietà di Luoigo Comune :
si istaura una sorta di piazza virtuale dove il responsabile del sito ( e sempre più spesso i collaboratori) interviene , confuta , suggerisce , critica a sua volta ecc....
e qualche volta rimuove .
Personalmente sono d'accordo .

Mi dispiace che di fronte a questa situazione te ne esci in maniera poco "carina" dicendo di trasferirti sul sito di Chiesa ecc..
Nessuno ti trattiene .... anzi !!!!

Chiesa è più bravo ecccc... sono contento anche se non condivido questa tua opinione.
Ho fatto tanta fatica a liberarmi dalle catene degli "illuminati" e "possessori di vertà" della
SINISTRA ufficiale e non che , pur apprezzando il lavoro fatto da Chiesa e c. preferisco frequentare altre parrocchie : sempre parrocchie ma altre .
Mi sembra di respirare aria più pulita,più genuina,più ingenua forse ma che mi piace di più .
Potendo scegliere penso questo.

lixuxis
Inviato: 14/10/2006 10:20  Aggiornato: 14/10/2006 10:20
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/9/2005
Da:
Inviati: 715
 Re: Oscenità e censura
Precisazioni importanti:
1. avevo linkato la vigneta,
2. avevo messo le avvertenze (pure quelle sanitarie … …),
3. Per quanto riguarda la vigneta, il suo contenuto, il significato o i significati, la satira, la comicità, la volgarità, la…etc, etc… Ciascuno può essere spettatore, quindi applaudire o fischiare. Punto.

lixuxis

felice
Inviato: 14/10/2006 10:27  Aggiornato: 14/10/2006 10:30
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/3/2006
Da: Parma
Inviati: 759
 Re: Oscenità e censura
quando c'é altra persona a decidere se cancellarmi allora si entra in meandri di oscurità.

Tutti siamo liberi di leggere e non leggere e chi prova fastidio, semplicemente non legge ma, il terzo professore, sapiente e capace che straccia e cuce non mi va assolutamente.

Se proprio si vogliono cassare allora li si sposti e basta!
fe

Solo col governo di sinistra possono passare SORDIDE e SILENTI le riforme di destra. Il SOLE é storto! Sento di navigare su una nave tarmata. Le tarme sono tante che la nave sulla quale viaggio é destinata a risolversi consumata nel fuoco delle GUERRE.
yarebon
Inviato: 14/10/2006 10:30  Aggiornato: 14/10/2006 10:30
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2366
 Re: Oscenità e censura
OT:
det. Conan,
Vai su megachip, li ti censurerebbero già dal primo giorno, non penso infatti possano essere interessati alle tue profezie , agli ufo o agli alieni.
Hai detto una gran cavolata con tutto il rispetto.
Fine OT

Riguardo al problema censura, secondo me l'errore di Massimo è stato di non avvertire Satirus per PM, in effetti così è sembrato un gesto fin troppo autoritario, infatti non discuto la rimozione dell'immagine, ma il modo in cui è stato fatto.
Dall'altra parte anche Satirus poteva chiamare Massimo in PM e chiedere spiegazioni, invece di agire platealmente, così facendo ci ha perso in immagine anche lui e ha ingrandito un problema che per me non sussisteva.

felice
Inviato: 14/10/2006 10:32  Aggiornato: 14/10/2006 10:37
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/3/2006
Da: Parma
Inviati: 759
 Re: Oscenità e censura
.. e no! Caro Coordinatore lixuxis, come vedi esistono sempre persone che t'impongono di NON dico NON leggere e di NON dico NON scrivere sotto mentite spogle di becero e vetusto puritanesimo!

Non disperare e teniamoci forti per l'Operazione "QUIRINALE".
fe

Solo col governo di sinistra possono passare SORDIDE e SILENTI le riforme di destra. Il SOLE é storto! Sento di navigare su una nave tarmata. Le tarme sono tante che la nave sulla quale viaggio é destinata a risolversi consumata nel fuoco delle GUERRE.
lixuxis
Inviato: 14/10/2006 11:04  Aggiornato: 14/10/2006 11:04
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/9/2005
Da:
Inviati: 715
 Re: Oscenità e censura
L'Operazione "QUIRINALE": nessun problema!
Già recuperato le forze perse, anzi ho aggiunto altre forze.
Teniamoci pronti!

lixuxis

Fabrizio70
Inviato: 14/10/2006 11:27  Aggiornato: 14/10/2006 11:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/5/2006
Da: Roma
Inviati: 3721
 Re: Oscenità e censura

Il lusso non può mai essere soddisfatto perché, essendo qualcosa di falso, non esiste per esso un contrario vero e reale in grado di soddisfarlo e assorbirlo.
Wilhelm Richard Wagner-1849
hombre
Inviato: 14/10/2006 12:04  Aggiornato: 14/10/2006 12:04
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/12/2005
Da: sud
Inviati: 100
 Re: Oscenità e censura
Il tema che si sta trattando è di estremo interesse e di impossibile risoluzione.
Ecco perché ho detto che la censura è la scelta più coraggiosa. Non ho detto la più giusta.
Nel momento in cui si inizia a discutere delle immagini che potrebbero ferire il comune sentire, il sigillo della censura è già stato posto. Si tratta solo di trovare il metodo di adozione che salvi capra e cavoli.

Io non sono favorevole ad alcuna forma di censura.
Bambini deformi: è un messaggio molto più efficace di mille discussioni sull’uranio impoverito.
Cani torturati: solo così capisci cosa sia la sofferenza imposta agli animali.
Vignetta satirica: ti lancia un messaggio che, a parole, potrebbe risultare meno incisivo.
La foto a cui accenna Vulcan era liberamente visionabile, senza link ed alert, sul sito di Uruqnet.
Le foto di un giornalista che ha recentemente vinto un premio (non mi ricordo altro) ti sbattevano sotto il naso le deformità atroci dei bimbi di Chernobyl.
Le foto dei reduci della I° guerra del Golfo ritraevano il loro primo figlio, “normale”, ed il secondo “anormale”.
Sono su Internet perché tutti le guardino, sono un grido che non trova altre eco. L’immagine, a differenza dello scritto, è e deve essere violenza fisica. Ti dice: guarda bastardo, tu che hai avuto la fortuna di nascere dalla parte giusta del mondo. Guarda e sognami la notte, perché non ho altro modo per farti sentire in colpa.
E noi ci mettiamo un link?
Allora fanno bene in Rai a parlarci genericamente di guerre, senza mostrarci le immagini.

A me la vignetta incriminata non ha creato problemi.
Non ho pensato che culo peloso, ma che culo cellulitico. Ammesso che la cellulite offenda realmente il mio sentire, chi ha il diritto di decidere che il mio senso estetico abbia meno diritto di tutela di altre situazioni?
Chi aveva il diritto di decidere che la cacca di Luttazzi andava censurata?
Però c’è il problema dei 6000 iscritti. Si sta passando da una società familiare ad una spa, con responsabilità verso gli azionisti.
E’ questo il vero problema?

Sono una specie di esterna di LC: posto poco, non mando PM, non ho mai sentito le vostre voci.
Sapete cosa da più fastidio ad un’esterna?
Cercare su LC informazioni e trovare ripicche, tipo ma tu non ti chiamavi con un altro nome, tipo vai vai là e vediamo come ti trovi, e cose simili.

florizel
Inviato: 14/10/2006 12:26  Aggiornato: 14/10/2006 12:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Oscenità e censura
Cerchiamo di essere coerenti, per favore.
La "censura" è servita sempre e solo al POTERE per scongiurare effetti tali da metterlo in discussione.
Per favore, fatemi capire quale "denuncia" si celava dietro ad un culo, che non potesse essere espressa anche a voce.
E quale valenza "critica" avesse quella cazzo di vignetta.
Nessuna.Era solo di pessimo gusto, nauseante e scontata come una rapa bollita.

Stiamo scherzando, o abbiamo perso tutta la lucidità?
Trovo tra l'altro aberrante l'uso che è stato fatto della foto di Massimo, chiaro segno di codardia e di slealtà. Verso di lui e verso tutta l'utenza.

E finiamola, stiamo davvero scadendo nel ridicolo, porca miseria.
hombreCitazione:
Sapete cosa da più fastidio ad un’esterna?

Figurati come può dare fastidio, ad un "interno" sentirsi ripetere gratuitamente le consuete scempiaggini da cui rifugge.
Scusa, hombre: qui c'è gente che ammette chiaramente che "altri siti" siano più democratici, più liberi, più fattivi, eppure stanno sempre qui, continuano a postare, continuano a seguire.

Che si fa? Si porge l'altra guancia all'infinito?
Si apre un forum per utenti mossi da problemi di "conflittualità" o coerenza?

Se non trovi informazioni, ma ripicche e stupidaggini, lo devi a questi individui, non certo a chi cerca di difendere LuogoComune.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
Gianna
Inviato: 14/10/2006 12:42  Aggiornato: 14/10/2006 13:39
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/6/2006
Da:
Inviati: 77
 Re: Oscenità e censura
Non capisco davvero il problema.

[Cancellato dalla Redazione]

Non vedo proprio cosa ci sia da scandalizzarsi per gli umanisti, ma forse a far tanto casino sono proprio i camerati presenti in forza su questo sito.


Secondo me Mazzucco dovrebbe rendere conto più della presenza di Galoppini e altri, che di un misero comunicato stampa degli umanisti.

La presenza in forza di fascisti conclamati è la cosa che mi infastidisce di più di questo sito, ma d'altronde Mazzucco non è certo un antifascista e nessuno lo pretende da lui, certo che gente del genere andrebbe tenuta lontano da qualunque abito, poichè in poco tempo lo riducono a una fogna, basta vedere le centinaia di messaggi chiaramente razzisti e tutte le storie sul complotto ebraico che girano qui per capire che aria tira....

E pensare che alcuni giornali parlano del "complottismo" come di un fenomeno di sinistra, sarà forse che così si chiude il cerchio disinformazione conferma mainstream?

-----------------------------------------------------------
[Edit]
Cara Gianna
quello che tu hai affermato rasentava la diffamazione pertanto è stata cancellata.
La Redazione

eco3
Inviato: 14/10/2006 12:52  Aggiornato: 14/10/2006 12:52
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/10/2006
Da:
Inviati: 229
 Re: Oscenità e censura
Citazione:
L’immagine, a differenza dello scritto, è e deve essere violenza fisica


Ma non si ha il diritto di imporla a chicchessia.

Ci si dovrebbe sforzare di evitare che l'esercizio del diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero su un certo argomento comporti la violazione della sfera delle libertà altrui, quali per esempio, quella al rispetto del senso del pudore o dei sentimenti religiosi, o non tenesse conto della sensibilità di alcuni rispetto a immagini raccapriccianti.

Altrimenti è violenza. Gratuita per giunta, perché qualsiasi concetto può essere espresso per mezzo delle parole o, se proprio si ritiene di non potere fare a meno di immagini, a queste immagini si può fare un link specificando ovviamente di che si tratta in modo da consentire a chi ritenga di poterne essere disturbato di non guardarle.

Insomma, buona educazione.

motus in fine velocior
Satirus
Inviato: 14/10/2006 12:55  Aggiornato: 14/10/2006 12:59
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/4/2006
Da: Luogocomune
Inviati: 511
 Re: Oscenità e censura
Peccato volevo fermarmi a 500 messaggi.
Anche se credo che pure questo messaggio verrà censurato per presunto off topic ... un pò random questo modo di censurare... Ecco il vero problema.

Ma tantè che l'astio e il travisare mi irritano.

Florizel ti ho sempre stimato ed abbiamo piacevomente incrociato più volte qualche commento, ora ti ritrovo piena di astio nei miei confronti ... mah!

Citazione:

Cerchiamo di essere coerenti, per favore.
La "censura" è servita sempre e solo al POTERE per scongiurare effetti tali da metterlo in discussione.

Qui c'è un esempio, tu non puoi chiamare un posto Luogocomune e poi gestirlo come Luogodimassimo.
Citazione:

Per favore, fatemi capire quale "denuncia" si celava dietro ad un culo, che non potesse essere espressa anche a voce.

Non si celava proprio niente era una misera e mal riuscita vignettaccia di un perditempo, che poteva far sorridere qualche stanco e annoiato internettiano paraculone, sai funziona un pò come a scuola quando ci si spalla si ride per ogni cazzata ... non credevo fosse necessario spiegare queste cose qui.
Citazione:

E quale valenza "critica" avesse quella cazzo di vignetta.
Nessuna.Era solo di pessimo gusto, nauseante e scontata come una rapa bollita.

De gustibus, d'ora in poi ragazzi prima di postare alcunchè chiedete a Florizel se quello che intendete postare ha più sapore di una rapa bollita.
Citazione:

Stiamo scherzando, o abbiamo perso tutta la lucidità?

Già me lo domando anch'io ...
Citazione:

Trovo tra l'altro aberrante l'uso che è stato fatto della foto di Massimo, chiaro segno di codardia e di slealtà. Verso di lui e verso tutta l'utenza.

Mah! a me sembra che il padrone del sito abbia il coltello dalla parte del manico e possa in qualsiasi momento censurare ciò che gli dispiace ... più che di codardia parlerei di goliardia mi sembra più azzeccata come parola
Citazione:

E finiamola, stiamo davvero scadendo nel ridicolo, porca miseria.

Sembra una tecnica da debuker ...
Citazione:

hombre-citazione-
Sapete cosa da più fastidio ad un’esterna?
Figurati come può dare fastidio, ad un "interno" sentirsi ripetere gratuitamente le consuete scempiaggini da cui rifugge.
Scusa, hombre: qui c'è gente che ammette chiaramente che "altri siti" siano più democratici, più liberi, più fattivi, eppure stanno sempre qui, continuano a postare, continuano a seguire.

Personalmente no!
Citazione:

Che si fa? Si porge l'altra guancia all'infinito?
Si apre un forum per utenti mossi da problemi di "conflittualità" o coerenza?
Se non trovi informazioni, ma ripicche e stupidaggini, lo devi a questi individui, non certo a chi cerca di difendere LuogoComune.

Questo è un nobile intento ... non bisogna farne un'assoluto .. sempre rimanere critici ... i satiri ci aiutano a rimanerlo... difendersi anche dalle pulsioni interne ... i saggi ci insegnano che il successo da alla testa ...

Ma sbaglio o c'era un'altra parte ancora più astiosa?

gobbo
Inviato: 14/10/2006 13:49  Aggiornato: 14/10/2006 13:52
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 19/9/2005
Da: Neverland
Inviati: 1347
 Re: Oscenità e censura
Gianna ha scritto:

Citazione:
La presenza in forza di fascisti conclamati è la cosa che mi infastidisce di più di questo sito, ma d'altronde Mazzucco non è certo un antifascista e nessuno lo pretende da lui, certo che gente del genere andrebbe tenuta lontano da qualunque abito, poichè in poco tempo lo riducono a una fogna, basta vedere le centinaia di messaggi chiaramente razzisti e tutte le storie sul complotto ebraico che girano qui per capire che aria tira....


Quello che tu hai scritto si puo riscrivere cambiando la parola fascisti con i comunisti,i neri,i catolici,i musulmani ecc,ecc e come tu puoi capire questo ci porterebbe alle liste di prescrizione.

Su questo sito come Tu ben sai non si discutte la persona ma le sue idee.

il gobbo

I LINK.VOGLIO VEDERE I LINK,PLEASE.
shevek
Inviato: 14/10/2006 13:58  Aggiornato: 14/10/2006 13:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/4/2005
Da: Napoli
Inviati: 1249
 Re: Oscenità e censura
Salut y Libertad Gianna!


Dici:Citazione:
Questo sito ha pubblicato robacce di gentaglia come Enrico Galoppini e Maurizio Blondet, che oltre ad essere fascisti sono anche noti mestatori e inventori di balle e disinformazione. Non vedo proprio cosa ci sia da scandalizzarsi per gli umanisti, ma forse a far tanto casino sono proprio i camerati presenti in forza su questo sito. (...) La presenza in forza di fascisti conclamati è la cosa che mi infastidisce di più di questo sito, ma d'altronde Mazzucco non è certo un antifascista e nessuno lo pretende da lui, certo che gente del genere andrebbe tenuta lontano da qualunque abito, poichè in poco tempo lo riducono a una fogna, basta vedere le centinaia di messaggi chiaramente razzisti e tutte le storie sul complotto ebraico che girano qui per capire che aria tira....


Gianna, la mia antipatia per la destra credo sia ovvia, anche se tu, in buona compagnia, mi includi tra i "camerati presenti in forza su questo sito" che sarebbero stati tra i protagonisti delle lamentele sugli umanisti.

Non so quanto navighi in altri siti/blog della rete: a me sembra che su LC i "camerati" abbiano ben poco spazio, proprio perché verso di loro non c'è censura aprioristica e loro nella censura ci sguazzano. Vedi Indymedia italia: in teoria vige la pregiudiziale antifascista, gli admin lasciano correre pressoché qualunque insulto contro di loro. Risultato: è letteralmente invaso da fasci, forze dell'ordine (si fa per dire), ecc. Insomma, è diventata, per usare il tuo linguaggio, una fogna: molti di noi che lo visitavamo regolarmente se ne sono allontanati per questo. Io sono parte attiva della cosidetta sinistra antagonista e ti garantisco che quanto ti ho detto è sentire comune di quest'area.

Non so se Massimo l'abbia fatto apposta o in base al principio libertario della libera discussione: sta di fatto che, nonostante quello che ti sembra, il risultato è assai positivo: qui chi è di destra (fascista o neocons) deve argomentare le proprie idee e, dopo un po', chissà perché, quasi sempre sparisce. Ne arrivano altri e la dinamica è sempre la stessa. Io, onestamente, le centinaia di messaggi razzisti/antiebraici non li vedo affatto - a meno che anche tu confonda "antisionismo" con "antisemitismo" (il che, tra l'altro, è un modo di pensare destrorso).


Shevek

"Il potere è l'immondizia nella storia degli umani" - F. Guccini
www.portadimassa.net - WEB-TV e non solo di Filosofia
Pausania
Inviato: 14/10/2006 14:01  Aggiornato: 14/10/2006 14:01
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: Oscenità e censura
Citazione:
Sono una specie di esterna di LC: posto poco, non mando PM, non ho mai sentito le vostre voci.
Sapete cosa da più fastidio ad un’esterna?
Cercare su LC informazioni e trovare ripicche, tipo ma tu non ti chiamavi con un altro nome, tipo vai vai là e vediamo come ti trovi, e cose simili.


Sai invece a me cosa da fastidio? Che ci sia gente che ci mette nome e cognome, cioe' la faccia (che personalmente e' l'unica cosa che mi e' rimasta), per questo sito... e poi ci siano altri che, nascosti dietro ad un nickname, vengono qui a dire che nell'altro sito X (uno qualunque) si' che fanno le cose per bene; allora io gli dico di andare li', visto che ci si trova tanto bene. Non ci vedo niente di strano ne' di offensivo.

Se tu non segui tanto il sito non e' un problema. Ma dovresti sapere che qui non si parla tanto per parlare. E che se certe cose vengono dette c'e' un motivo.


Citazione:
La presenza in forza di fascisti conclamati è la cosa che mi infastidisce di più di questo sito, ma d'altronde Mazzucco non è certo un antifascista e nessuno lo pretende da lui, certo che gente del genere andrebbe tenuta lontano da qualunque abito, poichè in poco tempo lo riducono a una fogna, basta vedere le centinaia di messaggi chiaramente razzisti e tutte le storie sul complotto ebraico che girano qui per capire che aria tira....

Cos'e' il fascismo, una malattia? Che si conclama? E dopo quanto tempo di incubazione?

Apprezzo molto anche il fatto che certi personagig vadano tenuti lontano da qualsiasi ambito... mi chiedo come... Magari facendoli vestire in fogge strane e facilmente riconoscibili per essere additati al pubblico ludibrio e magari alla pubblica lapidazione.

O magari che so? Rinchiudendoli tutti da qualche parte, in modo che ci sia una sola grande fogna, modello Bombay, dove riunirli tutti...

Ottimo! Fammi capire: e' abbastanza di sinistra quello che ho detto?

hombre
Inviato: 14/10/2006 14:12  Aggiornato: 14/10/2006 14:12
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/12/2005
Da: sud
Inviati: 100
 Re: Oscenità e censura
Flo, non mi interessa il caso Satirus.
Non voglio esprimere giudizi sulle sue vignette, se sono belle, brutte, bollite.
Cercavo di dire la mia sull’impossibilità di evitare la censura quando si diventa tanti. Non c’è niente da fare, anche se non sono d’accordo in via di principio. Mettere un link, o depositarle in un luogo a parte è un compromesso, sa di pruderie, per questo è più coraggioso dire “no, te le censuro”.
Sulle foto no, secondo me ha un senso renderle visibili a tutti.
Eco3, la foto di denuncia chiede di essere imposta. Credo che sia nella sua stessa natura. Altrimenti non sarebbe una denuncia. Non parliamo di sentimenti religiosi o di pudore, ma di denuncia.
Guarda, la differenza è tutta in queste due foto sullo stesso argomento, questa che fa schifo e questa che denuncia.
Attenzione, sono immagini crude.

Mai pensato di paragonare la rimozione della vignetta ad una qualche forma di potere. Ma l’ho accostata alla responsabilità che insorge quando ci si rende conto di rivolgersi ad un vasto pubblico.
Vuoi diventare un sito di informazione “autorevole”, che si sgancia dall’11/9 per occuparsi di molti altri argomenti in maniera non embedded? Sei costretto ad eliminare, a prevenire quasi, tutto quello che potrebbe offendere visivamente un vasto pubblico.
Scegli di rimanere un sito solo “alternativo”, per quanto valido, attendibile, ma privo di quel qualcosa in più che gli permetta di trasformarsi? Allora sei libero di inserire tutto.
Da esterna, ho la sensazione che questa sia la vera domanda, il piccolo travaglio in gestazione.
Va da sé che la decisione che si prenderà non mi interessa, non cambierà la mia abitudine di aprire LC, ma è interessante seguire la vicenda in diretta.

Gianna, il pensiero fascista mi lascia a dir poco perplessa, mi sconvolge ancora di più il pensiero teocratico, ma di fronte ad alcuni articoli di Blondet, a malincuore, mi sono dovuta togliere il cappello.
Pausania, è giusto quello che dici. Ho già detto altrove che questo per LC secondo me è un momento delicato, perché Mazzucco ci ha messo la faccia. Non volevo recriminare, volevo solo evidenziare come sia soggettivo il “senso di fastidio”. A me da fastidio questo aspetto, e non mi accorgo invece di altre cose. Allora da esterna (sempre con il significato che ho voluto dare a questo termine) dico che non me ne frega niente di quelli che postano solo per parlare bene degli altri siti. Le loro parole non mutano i miei giudizi, non mi fanno pendere da un’altra parte. E’ così difficile ignorarli?

hombre
Inviato: 14/10/2006 14:15  Aggiornato: 14/10/2006 14:15
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/12/2005
Da: sud
Inviati: 100
 Re: Oscenità e censura
Come al solito non sono riuscita ad inserire i link. Eppure faccio come sempre quando scrivo un testo. Iinserisco i link ipertestuali sulla parola.
Al diavolo la tecnologia.

Piero79
Inviato: 14/10/2006 14:36  Aggiornato: 14/10/2006 14:44
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/5/2006
Da:
Inviati: 781
 Re: Oscenità e censura
Gianna, cosa dai a questo sito, oltre alle tue sentenze e alle tue infime generalizzazioni?

Ho preso come esempio te, per sottolineare l'atteggiamento di cerca solamente di trovare le contraddizioni e il "male" in luogocomune, senza badare a quanto c'è di buono e a cercare di renderlo sempre migliore...

La domanda che mi faccio e che credo ogni utente debba farsi è: "cosa do io a luogocomune?". Se la risposta è: solo critiche distruttive, sentenze, generalizzazioni... faccio prima a non partercipare.

Anche perché partecipazione presuppone una messa in discussione o comunque un confronto sulle proprie certezze e convinzioni. Ma soprattutto implica un atteggiamento costruttivo.

_gaia_
Inviato: 14/10/2006 15:50  Aggiornato: 14/10/2006 15:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/2/2006
Da:
Inviati: 1460
 Re: Oscenità e censura
Che il sito sia "comune" non significa che ognuno può sentirsi in diritto di scriverci ogni cazzata gli passi per la testa, o ogni frustrazione psicologica che si senta addosso, o ogni frase più o meno sconclusionata/fuori luogo/provocatoria che gli si accalchi nel cervello.
Per questo, il web è strapieno di spazi "adatti".

Leggevo da tempo LC quando decisi di iscrivermi: e l'ho fatto perché vi avevo trovato articoli interessanti, informazioni introvabili altrove, serietà (che non sottintende mancanza di ironia, anzi).
Se arrivo su un sito dove una ristretta minoranza si sente in diritto di poter intromettersi in ogni dove senza un valido motivo, mi passa anche la voglia di seguire quel sito...
Vogliamo far fare a LC questa triste fine?


Libertà e responsabilità sono due concetti indissolubili.

Libertà di postare su un sito come questo non significa "ognuno posti quel cappero che gli pare, ovunque gli capiti".
Significa postare in libertà ogni informazione e/o opinione che si ritenga utile, assumendosi la responsabilità di quanto postato di fronte agli altri.

Non credo che LC possa continuare a essere un sito di libera informazione e scambio di idee, se qualcuno istiga beghe spammando sistematicamente tutti i thread e i commenti agli articoli con post inutili o provocatori, o se qualcuno ha scambiato questo sito per una vetrina dove esternare i propri piagnucolamenti e sentirsi meno solo.

Che un sito serio come LC possa divenire l'ennesimo esempio di contenitore d'ogni umana scempiaggine, è una possibilità che mi fa veramente arrabbiare.
Abbiamo la libertà di scrivere qui, ma "libertà senza responsabilità" non rientra fra le opzioni che reputo adeguate a un sito come questo.

Paxtibi
Inviato: 14/10/2006 16:20  Aggiornato: 14/10/2006 16:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Oscenità e censura
Quoto tutto il tuo intervento, Gaia. E aggiungo che non sarebbe male rendersi conto di cosa deve avere la precedenza tra il nostro orgoglio personale e la libera informazione.

Se ogni commento cancellato deve diventare un dramma, il luogo da frequentare non è questo, ma il lettino di uno psicanalista.

felice
Inviato: 14/10/2006 17:37  Aggiornato: 14/10/2006 17:40
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/3/2006
Da: Parma
Inviati: 759
 Re: Oscenità e censura
x hombre Inviato: 14/10/2006 12:04:37
Citazione:
Sapete cosa da più fastidio ad un’esterna?
Citazione:
Cercare su LC informazioni e trovare ripicche, tipo ma tu non ti chiamavi con un altro nome, tipo vai vai là e vediamo come ti trovi, e cose simili.


hombre, ti stimo per ogni tuo post e per questo mi é doveroso dirti che quando é il bue a dare del cornuto all'asino, in questo caso deve tollerare chi capisce di più. Si. qui ci sono taluni sergenti col frustino che non sanno ciò che dicono e ciò che fanno! Dai, fingiamo perché capiamo più di questi. Lasciamo che s'impiccono con la loro stessa corda e tolleriamoli.
Un abbraccio.
fe

Solo col governo di sinistra possono passare SORDIDE e SILENTI le riforme di destra. Il SOLE é storto! Sento di navigare su una nave tarmata. Le tarme sono tante che la nave sulla quale viaggio é destinata a risolversi consumata nel fuoco delle GUERRE.
mc
Inviato: 14/10/2006 17:38  Aggiornato: 14/10/2006 17:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: Oscenità e censura
Scusa gaia, ma mi sembra che il sito scongiuri "da solo" l'eventualita' di una "triste fine".
E' questo il vero motore, la consapevolezza di confrontarsi con persone interessate a rimanere in un tale livello di "civilta'". Non e' certo la pulizia attuata dai moderatori... mi sembra molto "snob" la tua posizione.
Innanzitutto, non siamo nelle condizioni da te paventate, quindi, cos'e' un'azione preventiva?
E poi, cosi' sei cosi' spaventata dalle "sciempiaggini" (come le chiama pax) che potresti leggere?
Male che vada le snobbi, no?...
Se va bene, invece, le si liquida come sciempiaggini, motivando... come si e' sempre fatto.
Un culo peloso (messo in link, e non visibile a tutti), restera' un culo peloso per te e per altri, per qualcuno sara' genialita' artistica.
E Cosi' per ogni stupidaggine o meno scritta.

Togliere visibilita' con un link e' un modo di preservare la "reputazione", ed, a mio avviso, e' la soluzione migliore si possa ottenere a meta' tra le due posizioni.
Se fosse possibile creare un "box in a new window" per tutte le frasi scomode, offensive, maleducate, considerate censurabili, sarebbe il massimo, secondo me...

mc

felice
Inviato: 14/10/2006 17:42  Aggiornato: 14/10/2006 17:42
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/3/2006
Da: Parma
Inviati: 759
 Re: Oscenità e censura
Citazione:
Se fosse possibile creare un "box in a new window" per tutte le frasi scomode, offensive, maleducate, considerate censurabili, sarebbe il massimo, secondo me...


..anche secondo me.
fe

Solo col governo di sinistra possono passare SORDIDE e SILENTI le riforme di destra. Il SOLE é storto! Sento di navigare su una nave tarmata. Le tarme sono tante che la nave sulla quale viaggio é destinata a risolversi consumata nel fuoco delle GUERRE.
_gaia_
Inviato: 14/10/2006 17:55  Aggiornato: 14/10/2006 17:56
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/2/2006
Da:
Inviati: 1460
 Re: Oscenità e censura
Ciao mc
Vorrei puntualizzare solo che il punto del mio discorso non era quello.
In ogni caso, non ho scritto che giustifico la censura o che invoco la "pulizia attuata dai moderatori".
Se tutti pensassero prima di schiacciare il tasto "invia", il lavoro dei moderatori diverrebbe oltremodo superfluo.

Anche secondo me un link con un avviso è meglio, ma non è questo il punto, il mio voleva essere un discorso più generale.

E' questo il vero motore, la consapevolezza di confrontarsi con persone interessate a rimanere in un tale livello di "civilta'"
Infatti qui ti quoto.
Ma ultimamente sembra che si debba ricordare troppo spesso questo lapalissiano concetto...

Piero79
Inviato: 14/10/2006 18:05  Aggiornato: 14/10/2006 18:05
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/5/2006
Da:
Inviati: 781
 Re: Oscenità e censura
Ciao mc

snob = sine nobilitate (d'animo)

La posizione di Gaia, che sento di condividere, mi sembra tutt'altro che "snob". Al contrario credo sia molto "profonda" e vada oltre la questione "censura". Tutti siamo contro la censura imposta ma alcuni si mettono nelle condizioni di volersi far censurare perché hanno solamente "scopi" distruttivi o sterilmente provocatori.


Citazione:
Se fosse possibile creare un "box in a new window" per tutte le frasi scomode, offensive, maleducate, considerate censurabili, sarebbe il massimo, secondo me...


sì, facciamo come quelle aziende giapponesi in cui ci sono le "aule urlo" o si possono tirare le freccette sulle foto del capo... ci disprezziamo fino a questo punto?

Libertà e responsabilità, "basta" questo per creare un clima sereno di confronto... chi non ci sta vada in altri luoghi.

fiammifero
Inviato: 14/10/2006 18:18  Aggiornato: 14/10/2006 18:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/2/2005
Da: ROMA
Inviati: 5691
 Re: Oscenità e censura
Citazione:
Se tutti pensassero prima di schiacciare il tasto "invia", il lavoro dei moderatori diverrebbe oltremodo superfluo.

Ti straquoto Gaia,però è evidente che ognuno ha la sua personale concezione di libertà,di maleducazione,di buon gusto,di moralità,di oscenità,ecco perchè mi ero permessa di suggerire una specie di memorandum su questo forum avendo notato che anche il suggerimento di mettere dei link è stato dimostrato inutile.
Non esprimo giudizi di merito sulla censura proprio per non offendere la sensibilità altrui ,ma ormai dobbiamo affrontare questo che in molti ritengono un problema in quanto il sito si è ingradito e,vuoi o non vuoi stà prendendo i connotati di quello che è la ns.società. Praticamente quando ci sono troppi galli a cantare non si fà mai giorno

Citazione:
le cose di cui ci sentiamo assolutamente certi non sono mai vere (Oscar Wilde)
Paxtibi
Inviato: 14/10/2006 18:24  Aggiornato: 14/10/2006 18:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Oscenità e censura
E poi, cosi' sei cosi' spaventata dalle "sciempiaggini" (come le chiama pax)

Io?

Potrei averlo pensato, non lo nego, ma non l'ho scritto!

nike
Inviato: 14/10/2006 18:30  Aggiornato: 14/10/2006 18:32
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/3/2006
Da:
Inviati: 845
 Re: Oscenità e censura
Citazione:
ma ormai dobbiamo affrontare questo che in molti ritengono un problema in quanto il sito si è ingradito e,vuoi o non vuoi stà prendendo i connotati di quello che è la ns.società. Praticamente quando ci sono troppi galli a cantare non si fà mai giorno

Quoto Fiammifero: in effetti è questo che M.M. sarà costretto ad affrontare. Prendere una via piuttosto che un'altra. Quale delle due? Non vorrei avere questa "gatta da pelare"..

Citazione:
Quelli che creano sono duri di cuore. Nietzsche, Friedrich. Così parlò Zarathustra: II, Dei compassionevoli
mc
Inviato: 14/10/2006 18:32  Aggiornato: 14/10/2006 18:34
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: Oscenità e censura
Citazione:
Se tutti pensassero prima di schiacciare il tasto "invia", il lavoro dei moderatori diverrebbe oltremodo superfluo.

Ok, ma la scomparsa delle argomentazioni "incriminate" indica si, un monito ed una direzione da prendere, ma non ne argomenta le motivazioni.
Non chiedo alla Redazione di rilasciare un comunicato stampa ogni qualvolta, PER CARITA', chiedo semplicemente che sia l'utenza stessa a trovarle, capirle e farle sue. Naturalmente, l'intento e di imparare tutti, tramite un contributo critico interno ed esterno, ad evitare questo tipo di situazioni in maniera piu' naturale.
Come si fa a non avere fiducia in una splendida "comunita'" (cosi' sembra un circolo di tossici in via di recupero... eheheh) come questa?

Molti di quelli che seguono il blog hanno fatto un percorso per arrivare a capire che ci sono modi diversi di comunicare le proprie idee. Un percorso che si vorrebbe evitare ai nuovi?
Facendo cadere dall'alto le nuove direttive? ... puah... e' quanto di peggio posso immaginare per il sito...


Pax: scusa... era un termine di gaia...

saluti

mc

felice
Inviato: 14/10/2006 18:46  Aggiornato: 14/10/2006 18:46
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/3/2006
Da: Parma
Inviati: 759
 Re: Oscenità e censura
x Piero79 Inviato: 14/10/2006 18:05:44
Citazione:
Libertà e responsabilità, "basta" questo per creare un clima sereno di confronto... chi non ci sta vada in altri luoghi.


Io sono stato censurato per aver scritto sesso.it e ancora perché dicevo che i due litiganti erano troppo nervosi ma, cacellato!

Voi parlate di censura ma qual'é la censura giusta e chi censura il censuratore?

Scrivi che chi non ci sta vada in altri luoghi ma dimentichi che i bambini appena iniziano a parlare dico vaffanculo alla mamma perché non sanno che significa. Vedi, anche i bambini sanno dire andate in altri luoghi ma il problema della censura mi fa venire l'orticaria perché si comincia col cappello a punta e la fascia sul braccio e poi si arriva ai forni!
fe

Solo col governo di sinistra possono passare SORDIDE e SILENTI le riforme di destra. Il SOLE é storto! Sento di navigare su una nave tarmata. Le tarme sono tante che la nave sulla quale viaggio é destinata a risolversi consumata nel fuoco delle GUERRE.
Piero79
Inviato: 14/10/2006 19:29  Aggiornato: 14/10/2006 19:29
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/5/2006
Da:
Inviati: 781
 Re: Oscenità e censura
Ciao Felice, quello che avevo da dire l'ho detto.. per il resto (sesso.it, cappelli, fascie sul braccio, forni...) forse ha ragione Pax: c'è il lettino dello psicanalista

carloooooo
Inviato: 14/10/2006 19:32  Aggiornato: 14/10/2006 19:32
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/7/2006
Da: marca gioiosa et amorosa
Inviati: 1386
 Re: Oscenità e censura
OT

Ma che è successo al sito? Per un po' non sono riuscito a entrare...già pensavo a qualche provvedimento straordinario.

Gianna
Inviato: 15/10/2006 1:13  Aggiornato: 15/10/2006 1:13
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/6/2006
Da:
Inviati: 77
 Re: Oscenità e censura
veramente me sembra che Blondet sia zero-attendibile
e con lui Galoppini, i trascorsi del quale dovrebbero diffidare chiunque dal farsi partner delle sue attività, figurimoci poi a sceglierlo per discettare di politica.

Blondet si è coperto di ridicolo e non solo trattando di 9/11, inoltre è evidentemente un fanatico religioso, il che lo esclude alla radice dal novero dei cercatori di verità, lui la sua fede la esibisce, ed è anche la fede in una chiesa oscurantista e impresentabile al giorno d'oggi.

Prima di allontanare Chiesa, bisognava sputare in faccia a Blondet e tenerlo molto lontano, se si avevano a cuore la qualità del sito e delle proprie argomentazioni

Gianna
Inviato: 15/10/2006 1:22  Aggiornato: 15/10/2006 1:35
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/6/2006
Da:
Inviati: 77
 Re: Oscenità e censura
A proposito di censura

Ho chiesto al moderatore se devo dimostrare se Blondet menta spesso o se i Galoppini sia un fascista.
In ogni caso sono agevolmente in grado di dimostrare il contenuto del post se interessa (cioè che siano entrambi facili alla menzogna e fascisti, ma non mi pare che sia stato richiesto nel caso di accuse analoghe verso altri personaggi.

Blondet è anche un razzista conclamato, omofobico e di balle ne scrive parecchie, non capisco come/chi possa difenderlo in buona fede...

La censura per difendere i fascisti la dovevo ancor vedere :D


Intervento sul Tuo commento.

Ciao Gianna
La tua frase
-citazione-

Questo sito ha pubblicato robacce di gentaglia come Enrico Galoppini e Maurizio Blondet, che oltre ad essere fascisti sono anche noti mestatori e inventori di balle e disinformazione

.
Se non sopportata da prove è un accusa molto grave ed entra in merito alla persona e non delle idee pertanto è stata cancellata.
Sei pregata nei prossimi post di confutare le idee,dando cosi il via a una vera discussione su quello che a te interessa.

Il gobbo

gobbo
Inviato: 15/10/2006 1:49  Aggiornato: 15/10/2006 1:53
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 19/9/2005
Da: Neverland
Inviati: 1347
 Re: Oscenità e censura
Gianna
visto che chiedi una spiegazione publica ti accontetero:

Citazione:
In ogni caso sono agevolmente in grado di dimostrare il contenuto del post se interessa (cioè che siano entrambi facili alla menzogna e fascisti,)
Blondet è anche un razzista conclamato, omofobico e di balle ne scrive parecchie, non capisco come/chi possa difenderlo in buona fede...


Si continua ancora con la propaganda e parole a vuoto
Cara Gianna io di fatti qua non ne vedo.
Ti ho gia scritto in PM che non basta dire di uno che è fascista,comunista o altro per accusarlo che dice buggie e fa disinformazione.

Citazione:
non mi pare che sia stato richiesto nel caso di accuse analoghe verso altri personaggi.


Ce sempre una prima volta Cara Gianna,e per di piu lo capisci da sola che questa non è una scusante per accusare le persone.

Citazione:
La censura per difendere i fascisti la dovevo ancor vedere


Qua non si trata di censura si trata solamente di difendere due persone da accuse gratuite e senza nessuna prova a supporto.
Ti ricordo l'espressione di uno che sapeva sicuramente piu di me e di te in materia di Libertà e Censura :

"Non approvo ciò che dici
ma lotterò fino alla morte per difendere il tuo diritto di dirlo. ".


il gobbo

PS Ovviamente per parlare dei due personagi in questione ,se mai ti interessasse, dovresti aprire un forum a parte perche qua saresti OT.

I LINK.VOGLIO VEDERE I LINK,PLEASE.
ptimolla
Inviato: 15/10/2006 2:35  Aggiornato: 15/10/2006 2:35
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/7/2006
Da: Taranto
Inviati: 353
 Re: Oscenità e censura
Sono allibito nel constatare il caos che si e' scatenato nel sito appena si e ' usciti fuori dall'argomento 11 settembre!

E' lo stesso caos che c'e' nel sito di Beppe Grillo e anche in altri...questo dimostra che la gente che discute nei blog e' bianca o nera...comunista o fascista..laica o cattolica...cannabinomane o puritana...

in definitiva siamo spaccati a meta'!
non riusciamo a comunicare con l'altra parte!

EPPURE AVEVO SEMPRE PENSATO CHE LUOGOCOMUNE SIA IL MIGLIORE DI TUTTI I BLOG IN CIRCOLAZIONE...PROPRIO PERCHE' QUESTE DIATRIBE "TRA ME E TE",NON LE AVEVO MAI VISTE!

Penavo che luogocomune fosse superiore a questa malattia tutta italiana...pensavo che il contagio di internet come strumento di informazione di "verita'"potesse cancellare le differenze che ci sono tra di noi!

Sognavo che si stesse formando un "cosienza " nuova, capace di sbattere in faccia ai potenti due semplici parole: IO SO !

Invece no!


anche LC ha la stessa malattia e di questo ne sono profondamente dispiaciuto!

-a Gianna dico...che vista la mole di stronzate e di deformazione delle notizie che ci sono in giro ,preferisco leggere Blondet,nonostante sono di sinistra...Basta sapere prima chi si sta leggendo...e' molto piu' facile capire le cose buone che dice e le cose cattive!

Per il resto...chi fa scalpore con una vignetta schifosa,ha fatto bene M.M. a toglierla di mezzo...a me piace leggere un bel post con dei link interessanti e non vedere immagini da Rotten.com!

Per chi usa il Blog per fini politici o per altri fini...ha sbagliato casa.Si fa il suo Blog e parla delle sue idee con i suoi adepti...Non qua! che e' un sito di un M.M. e' che ha tutto il diritto di non vederlo usare come mezzo di diffusione di ideologie che magari non sono le sue!

Spero che il Sabato e la Domenica vi portino consiglio e che ritorniate presto in voi...


Spero che ritorniate presto a :

DISCUTERE LE IDEE E NON LE PERSONE

E VI RENDIATE CONTO CHE CHI COMANDA HA TUTTO L'INTERESSE AD AVERCI DIVISI E CONTRAPPOSTI!

Legge di Murphy sulla ricerca
Una ricerca abbastanza lunga tendera' a confermare ogni teoria.


Legge di Maier
Se i dati non corrispondono alla teoria, vanno eliminati.
ptimolla
Inviato: 15/10/2006 2:58  Aggiornato: 15/10/2006 2:58
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/7/2006
Da: Taranto
Inviati: 353
 Re: Oscenità e censura
....AH DIMENTICAVO

Non c'e' bisogno di censurare un bel niente !

Tutti post che non rientrano nei semplici parametri delle regole di LC ,dovrebbero essere spostati in un altro luogo...chiamato "cestino"!.

Cosi' nessuno si offende...a chi piace l'immondizia va a rovistare nei rifiuti del cestino ...chi vien qua per scambiarsi qualche idea intelligente e aprirsi la mente ,continua liberamente a dialogare nei post!

Questa cosa l'ho gia' sperimentata in un blog per videogame! Tutti i post politici ,offensivi o che davano informazioni per piratare su internet vengono spostati in un altra zona...lasciando la liberta' ai blogghers di poterseli andare a leggere o meno!

LIBERTE' EGALITE' FRATERNITE'!

Se sto dicendo cavolate fatemelo sapere... Ho cenato col vino e ho bevuto 4 "assenzio"!!!


Legge di Murphy sulla ricerca
Una ricerca abbastanza lunga tendera' a confermare ogni teoria.


Legge di Maier
Se i dati non corrispondono alla teoria, vanno eliminati.
Redazione
Inviato: 15/10/2006 4:48  Aggiornato: 15/10/2006 4:55
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Oscenità e censura
Averi tanto piacere che leggessero tutti questo post con un pò di attenzione.

Mi sono concesso una giornata di assenza dal sito, e questo ha prodotto in me un risultato a cui non sono abituato:

Invece di seguire i post nel loro evolversi, ritrovarseli davanti tutti insieme mi ha dato un'immagine trasversale, complessiva, di quello che possiamo definire il "pensiero medio" di coloro che attualmente postano sul sito.

Non è una gran bella immagine, lo riconosco, ma non è nemmeno pessima, come alcuni vorrebbero.

Se è vero quello che diceva Eleonor Roosevelt - "grandi menti discutono le idee, quelle mediocri discutono gli eventi, le menti piccole discutono le persone" - possiamo almeno dire di aver brillantemente superato il primo scalino. Nessuno ha offeso nessuno, e c'è una forma di sostanziale rispetto e di tolleranza verso gli altri, che spero sia ormai irreversibile.

Io con l'articolo avevo proposto di elevarsi addirittura al di sopra del caso Satirus/umanesimo per cercare di parlare, appunto, delle "idee" implicate in quegli episodi. Io proponevo un possibile conflitto tra parola e immagine, domandandomi perché siamo tutti molto più aperti verso una libertà assoluta delle idee, mentre per le immagini in qualche modo sentiamo il bisogno di restrizioni.

D'accordo, non ci siamo riusciti, e siamo comunque rimasti a parlare del singolo evento.

Nel fare questo però ho notato una buona dose di rigidità, di cecità individuale, nel modo in cui ciascuno è entrato in questo thread semplicemente per dire la sua, e niente affatto disposto a confrontarsi con le opinioni altrui. Ognuno è passato di qui, ha scritto qualcosa sul muro, e poi se ne è andato. E coloro che hanno commentato i post altrui lo hanno fatto con la stessa rigidità mentale di chi li aveva scritti.

Tutti hanno parlato, nessuno ha cambiato la propria posizione di una virgola.

C'è stato poi chi ha sparato sentenze senza nemmeno aver letto il forum aperto da Satirus: "come faccio a farmi un idea di quello che contesti se aprioristicamente e' stato deciso che io, come molti altri, saremmo stati risultati offesi dall'immagine su cui adesso siamo invitati a dare un opinione? Quindi il problema e' sempre quello: la "censura" non da possibilita' di confronto."

Se tu avessi letto il forum - rispondo io - ti saresti accorto che non era assolutamemnte la mia intenzione "seppellire" l'immagine incriminata. Io l'ho tolta perchè pensavo che avrebbe dato fastidio, ma nel momento in cui satirus ha aperto un forun apposta, l'ho RIPETUTAMENTE invitato a postare là la sua vignetta, perchè se ne discutesse. Prenditela quindi con lui se non hai potuto farlo.

Mentre non ha più postato la vognette, Satirus ha voluto comunque trascinare una polemica - a quel punto del tutto inutile - trasformandola in una chiara battaglia personale, che è però risultata sterile, visto che a me non interessa minimamente confrontarmi con lui.

In compenso, mentre lamentava la mia presunta scorrettezza per aver tolto l'immagine (ho già risposto al "potevi avvisarmi", dicendo che al momento non credevo che ce ne fosse bisogno, lo schifo era ovvio è l'ho detto direttamente nel post stesso) ne compiva una ben più grave, pubblicando la mia faccia al posto del culo della vignetta.



Guardate però che cosa succede a questo punto: mentre il culo peloso è stato tolto perchè può dare fastidio e basta, la mia faccia al posto del culo rappresenta - per quanto grossolana - una ideologia, e quindi l'ho lasciata.

Quando dico che qui TUTTE le idee trovano albergo, intendo dire tutte.

Certo, avrei potuto togliere l'immagine con la mia faccia appellandomi al fatto che qui non si attaccano le persone, ma abbiamo già detto più volte che io, essendo quello che deve decidere per conto di tutti chi attacca chi, non posso avvalermi di questa protezione. (Sarebbe un conflitto di interessi).

Sta quindi a voi attaccarmi correttamente o meno, ma io in quei casi devo subire e basta.

E l'ho fatto, dimostrando - almeno lo spero - che qui le regole sono molto precise, e che io le rispetto anche se vanno contro il mio interesse.

Siete quindi voi che dovete adeguarvi. Se non vi piacciono andatevene - ma fatelo davvero, però - ma le regole qui sono sempre state chiare fin all'inizio, e non sono mai cambiate di una virgola.

Massimo

mc
Inviato: 15/10/2006 6:36  Aggiornato: 15/10/2006 7:19
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: Oscenità e censura
Citazione:
....sentenze.... Prenditela quindi con lui se non hai potuto farlo....

Non me la prendo con nessuno, e non sentenzio nulla: ho colto l'occasione per discutere di metodi di "censura".
Proponevo scelte piu' soft che abituassero a non evitare il confronto anche se viziato da insensibilita' dell'autore.

"Tutti hanno parlato, nessuno ha cambiato la propria posizione di una virgola"... io l'ho cambiata la mia idea, che sarebbe contraria del tutto alla censura, ma non gestisco io il sito e mi sono limitato ad una proposta. Mi fa piacere che tu fossi d'accordo a discuterne... pero' ... io mi riferivo alla vicenda satirus per parlarne in generale, seguendo la proposizione dell'articolo che voleva discuterne in linea di principio.
L'esempio che portavo prendeva spunto da quest'ultima, ma non voleva entrare nel merito.

"Se non vi piaciono andatevene"... sembra di ritornare bambini al campetto di calcetto della chiesa quando il padrone del pallone decideva per tutti... se clicko qualche adsense mi fai restare? ...dai!?

Massimo non voglio attaccar briga, mi piacerebbe discuterne... tutto qui...
Poi fai quel che devi : chiudi, discutine, bannami... a mme c' me ne fott'?

(marcuzzo)

mc

mc
Inviato: 15/10/2006 6:42  Aggiornato: 15/10/2006 6:42
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: Oscenità e censura
La domanda vera e':
Segui queste regole perche' ti sembra "giusto", e cioe', per preservare la sensibilita' dell'utenza piu' suscettibile, o per salvaguardare l'immagine del sito?

Nel primo caso non ti seguo nel ragionamento. Nel secondo si... a malincuore, ma almeno la spiegazione e' ragionevole.

mc

Redazione
Inviato: 15/10/2006 6:49  Aggiornato: 15/10/2006 6:50
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Oscenità e censura
Sono la stessa cosa, Marco. Le scelte che io considero "giuste" SONO l'immagine del sito, visto che l'ho messo su io.

(Adesso cosa fai? Mi segui a metà? )

GAROUN
Inviato: 15/10/2006 6:51  Aggiornato: 15/10/2006 6:51
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 43
 Re: Oscenità e censura
salve a tutti
in primis voglio fare i miei complimenti a Massimo per la sua tolleranza , civiltà , educazione e buon senso .
non passa un giorno senza che io visiti questo formidabile luogo comune , sono Arabo e Musulmano e vengo da una altra realtà e Cultura e malgrado ciò non mi sono mai sentito escluso o segregato nel commentare , replicare o nel scrivere qualsivoglia Notizia in questa sito .
Ritengo che sia giusto continuare a coltivare e accrescere la nostra cultura , confrontandosi civilmente senza turbare l'armonia della nostra piccola efficiente comunità dentro a questo sito .
e come in qualsiasi società che si rispetti ci sono delle regole che tendono ad organizzare e a ordinare la vita di tutti i giorni . Dico che se ci sono regole giuste e coerenti vanno rispettate da tutti per non mandare in disordine l'armonia del sistema e per non rischiare il Caos .
Cito un grande sapiente Musulmano IBN KHALDOUN che diceva in un saggio :" Dove comincia la libertà dell'altro finisce la tua di libertà "

Personalmente non guardo la Televisione e non leggo Giornali di sinistra o di destra che siano , mi affido ai Libri e a Internet e ci tengo affinchè questo Sito rimanga un luogo di informazione seria e ricercata dove la notizia va CERCATA , COMMENTATA , ANALIZZATA e non consumata .


Vi ringrazio a tutti

Jean Jaurès: «È coraggio cercare la verità e dirla».
mc
Inviato: 15/10/2006 7:17  Aggiornato: 15/10/2006 7:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: Oscenità e censura
Citazione:
Adesso cosa fai? Mi segui a metà?

Se rispondi a meta'... non posso fare altro.

...pm...

mARCO

(mc)

Fabrizio70
Inviato: 15/10/2006 9:50  Aggiornato: 15/10/2006 19:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 18/5/2006
Da: Roma
Inviati: 3721
 Re: Oscenità e censura
Parliamo di censura ed ecco che sul marciapiede del Binario 21/22 della Stazione Centrale di Milano fanno una mostra: «Pubblicità con giudizio», dal 26 ottobre al 26 novembre.Corriere
I pubblicitari dal 1966 usano l'IAP , Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria , ovvero prima di lanciare una campagna la sottopongono al giudizio di tale organismo per vedere se può creare problemi.Ovviamente alcune delle immagini o frasi che sono state nel tempo "cassate" viste nella morale attuale sono innocenti , celeberrimo l'esempio dei jeans Jesus



Altre immagini qui mostrano vari cartelli pubblicitari , e non è che siano passati secoli , stiamo parlando di qualche anno fà.
Emblematica secondo me è l'immagine N° 6 , una pubblicità di un whisky con una donna vestita normalmente che scrive "io godo",tale idea a quanto sembra a qualcuno ha dato fastidio ed è stata bloccata , ma dà un'idea della difficoltà di distinguere tra messaggi da censurare e non , infatti per me non ci vedo nessun problema , anzi sono contento per lei

Il lusso non può mai essere soddisfatto perché, essendo qualcosa di falso, non esiste per esso un contrario vero e reale in grado di soddisfarlo e assorbirlo.
Wilhelm Richard Wagner-1849
yarebon
Inviato: 15/10/2006 10:16  Aggiornato: 15/10/2006 10:16
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2366
 Re: Oscenità e censura
sono d'accordo Massimo con il tuo discorso sulle idee, in effetti l'immagine (che a me personalmente non dava fastidio), andava ad offendere alcune persone più che le idee. Non lo vedo insomma come un gesto di censura, anche perchè come hai detto tu, non hai oscurato l'immagine, semplicemente hai permesso a Satirus di pubblicarla altrove.
Però hai sbagliato nei metodi, dovresti conoscere come è fatta la persona umana. Togliendo l'immagine senza avvertire il diretto interessato, hai trattato Satirus come un bambino capriccioso a cui si da una sberla per farlo smettere di fare il capriccio, insomma chi più e chi meno tutti abbiamo un pò d'orgoglio personale, insomma hai capito cosa voglio dire.
Quello che è mancato è il dialogo. Il problema è anche dalla parte di Satirus che invece di agire platealmente poteva chiedere spiegazioni.
Sono d'accordo anche con Mc riguardo i messaggi Ot cancellati è un pò brusco.
Comunque a mio parere il problema è di natura personale è mancato semplicemente dialogo, a mio parere non c'è stata censura.
Poi ci sono i soliti avvoltoi che vogliono ingigantire il problema e che intervengono su luogocomune solo quando si scatenano le "risse", in questo caso è meglio l'indifferenza.

illupodeicieli
Inviato: 15/10/2006 10:51  Aggiornato: 15/10/2006 10:51
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/1/2005
Da:
Inviati: 323
 Re: Oscenità e censura
non è che dia fastidio il fatto che certe idee possano prendere piede ed essere accettate? e che quindi attraverso uno scritto o una vignetta o una musica o un film ,che a noi o al censore non piacciono,idee che non condividiamo ,diventando accattivanti, possano trovare spazio? un po' come certa pubblicità, che non ci piace ma fa vendere.
non condanno nè Massimo nè vignettisti o articolisti, dal mio punto di vista auspico la massima libertà di espressione, per cui non avrei tolto niente.
avrei detto, come nell'inferno di Dante, non ti curar di loro ma guarda e passa.
cosa che faccio quando vedo qualcosa che non gradisco o che non mi piace.

shevek
Inviato: 15/10/2006 11:40  Aggiornato: 15/10/2006 11:40
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/4/2005
Da: Napoli
Inviati: 1249
 Re: Oscenità e censura
Salut y Libertad Gianna!


Dici:Citazione:
veramente me sembra che Blondet sia zero-attendibile e con lui Galoppini, i trascorsi del quale dovrebbero diffidare chiunque dal farsi partner delle sue attività, figurimoci poi a sceglierlo per discettare di politica. Blondet si è coperto di ridicolo e non solo trattando di 9/11, inoltre è evidentemente un fanatico religioso, il che lo esclude alla radice dal novero dei cercatori di verità, lui la sua fede la esibisce, ed è anche la fede in una chiesa oscurantista e impresentabile al giorno d'oggi.


Blondet è sicuramente un cattolico integralista (ma non un fascista: vedi le sue analisi sul IV Reich), il che non implica, però, che sia "zero-attendibile". Su molti argomenti (tipo le analisi sul movimento "no-global" e quelle concernenti argomenti che toccano da vicino la morale cattolica) dice spesso cose molti discutibili e che non vengono certo passate sotto silenzio nella discussione di LC. Ma non bisogna buttare via il bambino con l'acqua sporca: le sue analisi politologiche su 11/9 e dintorni sono quasi sempre ottime. Accettare queste non implica accettare tutto il resto, rifiutare il resto non implica rifiutare quelle: altrimenti si cade nella fallacia logica nel primo caso, del principio di autorità, nel secondo caso, della denigrazione della fonte al posto della confutazione delle idee. Galoppini, invece, non mi trova quasi mai d'accordo: trovo in generale i suoi articoli molto scadenti e logicamente inconsistenti. Rifiuto però la logica di non pubblicarlo perché fascista (gli faremmo un favore, vedi il mio post precedente cui non hai risposto).


Dici anche: Citazione:
Ho chiesto al moderatore se devo dimostrare se Blondet menta spesso...


Direi proprio di sì. Se io dicessi: "Gianna è, evidentemente, una seguace del Dalai Lama, un'integralista buddhista neocons, ecc." senza altra argomentazione, come la prenderesti? Ti ripeto: Blondet non è la fonte della verità universale e non mi sembra per nulla che non sia oggetto di attacchi quando il suo aspetto di cattolico integralista viene alla luce. Io stesso l'ho attaccato in più di un'occasione. Ricordo, agli inizi di LC, una serie di miei interventi tesi a smontare le sue tesi sul movimento "no-global": ma, in quel caso, ho argomentato punto per punto le inconsistenze dei suoi scritti in merito.


Dici anche: Citazione:
La censura per difendere i fascisti la dovevo ancor vedere


Infatti: non c'è. Su LC non esiste censura preventiva sulla questione: si discutono le idee non le persone. Ti ripeto però: va a vedere quanto spazio hanno i fascisti in siti di discussione dove tale censura esiste e quanto spazio hanno qua.


Shevek

"Il potere è l'immondizia nella storia degli umani" - F. Guccini
www.portadimassa.net - WEB-TV e non solo di Filosofia
spettatore
Inviato: 15/10/2006 12:34  Aggiornato: 15/10/2006 12:34
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da:
Inviati: 883
 Re: Oscenità e censura
".....quante stupide galline che si azzuffano per niente...." (Bandiera bianca - Battiato).

Nel frattempo qualcuno gongola nel vedere tanta passione ed impegno avvitarsi su questioni di elevata banalità.

"Siamo nati per soffrire e lo facciamo benissimo" E. Flaiano (...mi sembra)


Lo spettatore

Citazione:
Non metterti a discutere con un idiota. La gente potrebbe non accorgersi della differenza.
SWE
Inviato: 15/10/2006 12:59  Aggiornato: 15/10/2006 12:59
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 744
 Re: Oscenità e censura
****
Scusate, (non è che l’argomento mi appassioni in modo particolare, ma così… tanto per curiosità…) : è’ normale prendere la foto di una persona e utilizzarla a proprio piacimento senza il consenso della persona stessa ? ( mi riferisco, nella fattispecie, ai fotomontaggi con l’immagine di Mazzucco pubblicati nel forum ...)

L'articolo 10 del codice civile disciplina l'abuso dell'immagine altrui, imponendo il risarcimento dei danni e la cessazione dell'abuso da parte di colui che espone o pubblica l'immagine, fuori dei casi in cui l'esposizione o la pubblicazione sono consentite dalla legge o con pregiudizio al decoro e alla reputazione della persona stessa o dei congiunti."

em.

Redazione
Inviato: 15/10/2006 13:36  Aggiornato: 15/10/2006 13:43
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Oscenità e censura
SWE: Grazie Emanuela. Evidentemente questo è un problema che non tocca gli utenti, e quindi quasi nessuno ne parla. Qui l'importante è mettere in croce il mazzucco appena se ne trova l'occasione.

Criticare, non costruire.

----------

SHEVEK. Concordo con te su Blondet, rispetto al IV Reich. E' un concetto da non sottovalutare affatto.

Le uniche cose "zero-attendibili" qui sono proprio le definizioni a tutto campo come quella. Sono etichette che non significano nulla, e lasciano - probabilmente nell'interesse stesso di chi le utilizza - il tempo che trovano.

------------

SPETTATORE: "Galline...", "banalità...".

Certo che lo siamo, e certo che lo sono. Ma se non si passa di lì, da dove si passa per crescere?

bandit
Inviato: 15/10/2006 14:53  Aggiornato: 15/10/2006 15:06
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/11/2005
Da:
Inviati: 1649
 Re: Oscenità e censura
non ho letto tutti gli interventi, vorrei solo fare un commento veloce.
mi pare che LC abbia dimostrato la più ampia apertura ad idee di ogni tipo, in tante occasioni.
se un commento qualche volta è stato rimosso o spostato, lo è stato, mi pare, sempre per ragioni diverse dalla volontà di togliere visibilità ad una idea "scomoda". e mi pare sia questa la cosa più importante. anche se capisco che chi subisce una "rimozione" possa a caldo sentirsene irritato...ma a freddo la cosa andrebbe valutata tenendo conto di quanto sopra.
mia modesta opinione.

Gianna
Inviato: 15/10/2006 16:17  Aggiornato: 15/10/2006 16:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/6/2006
Da:
Inviati: 77
 Re: Oscenità e censura
a gentile richiesta:
dimostrazione che Enrico Galoppini è un fascista:
mettere il suo nome su Google

prego ciascuno di leggere i siti che lo ospitano o la sua biografia che si può trarre da numerosi link e giudicare in proprio se sia o no un fascista


quanto sia razzista Blondet si ricava agevolmente aggiungendo "ebrei" al suo nome, non a caso i suoi contributi alle storie sul 9/11 si autocentrano sugli ebrei, non a caso ancor nel 2004 scriveva della storia dell'assenza degli ebrei nelle torri senza dire che si trattava di una bufala.

mettere Maurizio blondet ebrei su Google

In ogni caso il suo sito è pieno di balle autoevidenti (non ultime le "nubi piroclastiche" per stare in tema).
Inoltre è un antiscientista conclamato, robustamente razzista e collabora esclusivamente con fascisti conclamati (Lc escluso)

Come si faccia a non considerare -fascisti- questi due (per non parlare di come si possa considerare "attendibile" Blondet ) è per me un mistero, a meno di non negare verità autoevidenti a chiunque abbia la possibilità di usare Google.

Noto inoltre che il direttore svicola sulla questione, anche se i miei dubbi concernevano proprio le -sue- scelte editoriali.
Quando si parla di fascismo non si può dire "siamo aperti a tutto", perchè è un0ipocrisia, o al limite un tattica suicida.

La presenza di Blondet a sostegno delle passioni di tanti sul sito è autolesionismo puro, ospitare le sue palle insieme al resto non aggiunge un sostegno, ma un interventi di segno negativo.
la cifra del fascismo italiano è quella dell'ipocrisia (si dichiarano quasi tutti "apolitici" e poi si ritrovano tra camerati a fare cose da camerati), della menzogna e della sopraffazione.
Questi cercno soprattutto agibilità politica e ascolto, la cercano negli stadi, ma anche sulla rete.

Lasciare loro spazio per me è sintomo di scarsa intelligenza (intesa come capacità di discernere l'utile dalle cose fatte in malafede a nostro danno o a vantggio di altri) o di connivenza.

Mazzucco ha diritto di avere le sue amicizie o simpatie di destra e questo non si discute, ma ha il dovere di spiegare perchè tra migliaia di commentatori sta agevolando questo genere di personaggi dando loro visibilità.
Ho letto che anche la manifestazione di Bologna è stata frequentatissima da noti fascisti e che addirittura è stato permesso loro di volntinare.

Progetti come Eurasia, persone come Mutti e Galoppini, non sono altro che progetti neofascisti ormai vecchi che ancor perseguono il terzoposizionismo; un obiettivo che, prima di dover essere rifiutato per i motivi di cui sopra, è assolutamente stupido, posto che formula la sostituzione del cd imperialismo atlantico con un impero dalle caratteristiche tardo-medioevali e da una economia comunque capitalista che cmbia semplicemente padrone.

Giochetti dialettici, un impero al posto di un altro e una balla dietro l'altra per attirare qualche sprovveduto in più.

Scusate, ma non fa per me e non approvo che si lasci loro spazio e agibilità, chi lo fa deve avere le palle di rivendicarsela o di provvedere perchè non succeda in futuro.

*************
CORRETTI LINK CHE ALLARGAVANO LA PAGINA
la redazione

Abulafia
Inviato: 15/10/2006 16:20  Aggiornato: 15/10/2006 16:20
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/11/2005
Da:
Inviati: 1612
 Re: Oscenità e censura
Buonasera Gianna,
i Tuoi link allargano la pagina, per favore usa un link indiretto, così il thread potrà risultare più leggibile a tutti.

...Ars adeo latet arte sua...
Gianna
Inviato: 15/10/2006 16:29  Aggiornato: 15/10/2006 16:29
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/6/2006
Da:
Inviati: 77
 Re: Oscenità e censura
Infatti: non c'è. Su LC non esiste censura preventiva sulla questione: si discutono le idee non le persone. Ti ripeto però: va a vedere quanto spazio hanno i fascisti in siti di discussione dove tale censura esiste e quanto spazio hanno qua.

---

Però non si può dire che un fascista è un fascista?
Si può dirlo di Bush e non di un fascista nostrano?
Why?

bandit
Inviato: 15/10/2006 16:35  Aggiornato: 15/10/2006 16:37
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/11/2005
Da:
Inviati: 1649
 Re: Oscenità e censura
"un obiettivo che...è assolutamente stupido, posto che formula la sostituzione del cd imperialismo atlantico con un impero dalle caratteristiche tardo-medioevali e da una economia comunque capitalista che cmbia semplicemente padrone."
++++++++++
oplà!
pare che l'obiettivo non stupido si intraveda nella sostituzione dell'economia capitalista con qualcosa di diverso e alternativo...
sorry per l'OT, ma non poteva mancare - e non potevo mancare nemmeno io.

Gianna
Inviato: 15/10/2006 17:10  Aggiornato: 15/10/2006 17:10
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/6/2006
Da:
Inviati: 77
 Re: Oscenità e censura
"pare che l'obiettivo non stupido si intraveda nella sostituzione dell'economia capitalista con qualcosa di diverso e alternativo..."
----

già, al capitalismo liberista serve un'alternativa che non può essere il capitalismo fascista e nemmeno il comunismo.

una alternativa che non potrà essere che diversa dal capitalismo così come è stato fino ad ora, il che non significa abolizione della proprietà privata e nemmeno altri rimedi clamorosi, semplicemente occorre rimuovere l'ssurdità per la quale il potere spetta ai controllori di capitali e non alle maggioranze popolari.

Penso che sia sotto gli occhi di tutti che l'accesso al potere è regolamentato dai potentati economici e che questa sia una stortura da correggere anteponendo l'interesse collettivo a quello personale. Ragionamenti semplici, ma alieni di questi tempi nei quali sembra non esistere alcun alternativa al capitalismo di rapina semplicemente perchè a gestire i medi e a costruire l'immginario globale sono i rapinatori stessi.

Abulafia
Inviato: 15/10/2006 17:19  Aggiornato: 15/10/2006 17:19
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/11/2005
Da:
Inviati: 1612
 Re: Oscenità e censura
Gianna, più che semplici questi Tuoi ragionamenti mi sembrano superficiali.... può darsi la colpa sia dovuta ad esigenze di sintesi, comunque nel caso Tu abbia a cuore il discuterne invito tutti ad usare il Forum apposito giacchè questa discussione verte su altri temi.

...Ars adeo latet arte sua...
Redazione
Inviato: 15/10/2006 17:41  Aggiornato: 15/10/2006 17:41
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Oscenità e censura
GIANNA: Io decido cosa pubblicare in base a quanto di interessante uno ha da dire, non guardo minimamente se è fascista o comunista.

Se tu quindi trovi una preponderanza di testi "fascisti" su questo sito, vorrà dire che loro sono più intelligenti di quanto tu pensi.

shevek
Inviato: 15/10/2006 17:45  Aggiornato: 15/10/2006 18:05
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/4/2005
Da: Napoli
Inviati: 1249
 Re: Oscenità e censura
Salut y Libertad Massimo!


Va bene che hai messo le virgolette a "fascisti", ma Gianna, nel suo primo intervento, ha considerato in massa tali anche tutti noi che avevamo espresso dubbi sul partito umanista.

Ora, se la gran parte - o anche solo una buona fetta - degli interventi su LC fosse di matrice fascista, è evidente che almeno il 90% degli iscritti non ci sarebbe. LC è apprezzato da tutti noi per il fatto di essere un luogo di discussione libero, il che implica, come fai notare, che anche il fascista che accetta di mettere in discussione le proprie tesi può avere spazio. Ovviamente, chi lo fa, ha un minimo di capacità dialettica per entrare in questa fossa dei leoni...

Ma Gianna sostiene, arbitrariamente, che la gran parte degli articoli sono di marca fascista: il problema non è, allora, sull'intelligenza o meno di chi qui si definisce di destra. Qui è tutta LC che viene definita tale.


Shevek

"Il potere è l'immondizia nella storia degli umani" - F. Guccini
www.portadimassa.net - WEB-TV e non solo di Filosofia
Santaruina
Inviato: 15/10/2006 17:49  Aggiornato: 15/10/2006 17:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 13/10/2004
Da: Sud Europa
Inviati: 5123
 Re: Oscenità e censura
Blondet antisemita?

Non ci siamo propio...

-o- Ama e fa' ciò che vuoi -o-
frnglt
Inviato: 15/10/2006 17:54  Aggiornato: 15/10/2006 17:54
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/5/2006
Da: la Rete
Inviati: 132
 Re: Oscenità e censura
Abulafia:
Visto che questo 3d parla di censura. Saberebbe interessante sapere se c'è un metro di giudizio uniforme nelle scelta della Redazione o delle Redazioni di LC. Me lo chiedo visto la diversità di atteggiamento nei due casi di censura capitati a Satirus e Lixuxis. Nel primo la Redazione (Mazzucco) ha tolto la vignetta dalla prima pagina di LC ma ha permesso l'apertura di un 3d di protesta da parte di Satirus invitandolo a postare la vignetta in questione. Mentre nel 3d di Lixuxis (non nella prima pagina di LC), che non aveva postato la vignetta ma il link corredandolo di indicazioni adeguate, sia stato cancellato IL TESTO del post tacciandolo di volgarità e provocazione. In questo secondo caso la cansura è stata totale coinvolgendo anche chi come me aveva espresso apprezzamento per la vignetta, sono state censuarte anche le opinioni.

grazie a dio sono ateo
l.bunuel
non sono io a dovermi giustificare di fronte a te per non avere fede, sei tu che ti devi giustificare con me per non avermela data
i.montanelli
non sono ateo nè agnostico, definizioni assurde che implicano la privazi...
Satirus
Inviato: 15/10/2006 18:03  Aggiornato: 15/10/2006 18:27
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/4/2006
Da: Luogocomune
Inviati: 511
 Re: Oscenità e censura
Citazione:
Redazione scrive:
Sono la stessa cosa, Marco. Le scelte che io considero "giuste" SONO l'immagine del sito, visto che l'ho messo su io.


Basta dirlo chiaro.

Luogocomune - Il sito di Massimo M. più un pò di gregge!


Satirus
Inviato: 15/10/2006 18:10  Aggiornato: 15/10/2006 18:10
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/4/2006
Da: Luogocomune
Inviati: 511
 Re: Oscenità e censura

Redazione
Inviato: 15/10/2006 19:13  Aggiornato: 15/10/2006 19:15
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Oscenità e censura
FRNGLT: Vorrei poterti rispondere, ma purtroppo non ho seguito da vicino il caso lixuxis di cui parli. E' chiaro che come redazione siamo agli inizi, e le giornate sono particolarmente "tempestose", specialmente per me dietro le quinte, per cui non abbiamo ancora avuto il tempo si "sincronizzarci" tutti a dovere. Lo faremo, ovviamente, perchè la cosa è assolutamente indispensabile. Se nel frattempo qualcuno si sente trattato "fuori dai parametri", può sempre contattarmi per chiedere un mio intervento.

Ma finora nessuno lo ha fatto. Per cui lamentarsi dopo serve a ben poco.

Linucs
Inviato: 15/10/2006 19:53  Aggiornato: 15/10/2006 19:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: Oscenità e censura
Non vedo proprio cosa ci sia da scandalizzarsi per gli umanisti, ma forse a far tanto casino sono proprio i camerati presenti in forza su questo sito.
...
La presenza in forza di fascisti conclamati è la cosa che mi infastidisce di più di questo sito,

La banalità del tuo pensiero rende Gesell un faro splendente per l'umanità intera.

ma d'altronde Mazzucco non è certo un antifascista e nessuno lo pretende da lui, certo che gente del genere andrebbe tenuta lontano da qualunque abito, poichè in poco tempo lo riducono a una fogna, basta vedere le centinaia di messaggi chiaramente razzisti e tutte le storie sul complotto ebraico che girano qui per capire che aria tira....

Certo, molto meglio le facezie vittimiste di Guzzanti e soci, oppure i messaggi di pace sul curioso sito "ebraismoedintorni.it".

===

Cos'e' il fascismo, una malattia? Che si conclama? E dopo quanto tempo di incubazione?

Tempo paragonabile ad altre forme di collettivismo.

===

Gianna, cosa dai a questo sito, oltre alle tue sentenze e alle tue infime generalizzazioni?

Perché, non è sufficiente?

===

Blondet si è coperto di ridicolo e non solo trattando di 9/11, inoltre è evidentemente un fanatico religioso, il che lo esclude alla radice dal novero dei cercatori di verità, lui la sua fede la esibisce, ed è anche la fede in una chiesa oscurantista e impresentabile al giorno d'oggi.

Ti rinnovo l'invito a farti un giro su "www.ebraismoedintorni.it", poi vediamo chi dei due è più impresentabile, e se ti va di commentare anche i brillanti interventi della Fait.

===

Blondet è anche un razzista conclamato, omofobico e di balle ne scrive parecchie, non capisco come/chi possa difenderlo in buona fede...

In particolare, leggi l'articolo (nel sito di cui sopra) in cui si parla delle "bestie" e della "genia immonda".

===

quanto sia razzista Blondet si ricava agevolmente aggiungendo "ebrei" al suo nome, non a caso i suoi contributi alle storie sul 9/11 si autocentrano sugli ebrei, non a caso ancor nel 2004 scriveva della storia dell'assenza degli ebrei nelle torri senza dire che si trattava di una bufala.

Meno male che la bufala su Odigo è ancora su Haaretz, insieme a quella di Amman.

===

Progetti come Eurasia, persone come Mutti e Galoppini, non sono altro che progetti neofascisti ormai vecchi che ancor perseguono il terzoposizionismo; un obiettivo che, prima di dover essere rifiutato per i motivi di cui sopra, è assolutamente stupido, posto che formula la sostituzione del cd imperialismo atlantico con un impero dalle caratteristiche tardo-medioevali e da una economia comunque capitalista che cmbia semplicemente padrone.

Non oso immaginare la tua "proposta."

===

una alternativa che non potrà essere che diversa dal capitalismo così come è stato fino ad ora, il che non significa abolizione della proprietà privata e nemmeno altri rimedi clamorosi, semplicemente occorre rimuovere l'ssurdità per la quale il potere spetta ai controllori di capitali e non alle maggioranze popolari.

Il potere di far cosa, e per quale misteriosa autorità?

Penso che sia sotto gli occhi di tutti che l'accesso al potere è regolamentato dai potentati economici e che questa sia una stortura da correggere anteponendo l'interesse collettivo a quello personale.

Di che vai parlando? L'interesse collettivo non esiste, non esistendo il collettivo.

Ragionamenti semplici (oltre che stupidi), ma alieni di questi tempi nei quali sembra non esistere alcun alternativa al capitalismo di rapina semplicemente perchè a gestire i medi e a costruire l'immginario globale sono i rapinatori stessi.

Fammi indovinare: è il famoso "capitalismo" che va avanti a forza di carta straccia e deficit, ho indovinato?

(sempre più in basso...)

felice
Inviato: 15/10/2006 21:00  Aggiornato: 15/10/2006 21:01
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/3/2006
Da: Parma
Inviati: 759
 Re: Oscenità e censura
Buona sera Lincus, sicuramente tu non trovi coretto e neanche italiano i miei post e lo per primo e non ho ragione, solo che affiché mi leggano, cancello una parola ogni tre per essere breve e farmi leggere anche senza farmi capire ma, tu, sono certo che conosci e scrivi cose molto forbite e correte in italiano ma, per la tual lunghezza, non sono amai riuscito aleggert del tutto a nessun tuo post.
Mi dispiace. E la mia non vuol'essere che una critica COSTRUTTIVA e se ti senti offeso fin da ora ti domando scusa.
fe

Solo col governo di sinistra possono passare SORDIDE e SILENTI le riforme di destra. Il SOLE é storto! Sento di navigare su una nave tarmata. Le tarme sono tante che la nave sulla quale viaggio é destinata a risolversi consumata nel fuoco delle GUERRE.
Tubo
Inviato: 15/10/2006 21:08  Aggiornato: 15/10/2006 21:08
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 16/6/2006
Da:
Inviati: 1663
 Re: Oscenità e censura
Conclamo l'OT:

Se Linucs non fosse il quasi imperscrutabile " Linucs", Linucs sarebbe...

Fine OT.

chopperman
Inviato: 15/10/2006 21:21  Aggiornato: 15/10/2006 21:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/9/2005
Da: PLONKER CITY
Inviati: 269
 Re: Oscenità e censura
ciao Gianna premettendo il fatto che io non ritengo assolutamente Blondet un antisemita e considero sempre le sue osservazioni e i suoi ragionamenti Altamente verificati e saturi d'informazioni desidero sottoporre alla tua visione questo filmato di circa 20 MB in cui si vede chiaramente a che punto sono arrivati gli israelianii.
Ipotizzando, inoltre la tua piena buona fede nell'affermazioni che tu fai, riconsidererei la mia opinione in modo tale da evitare appellativi come quelli da te enunciati privi di fondamento (vedasi link Santaruina).
Ritornare sui propri passi è sempre sintomo di estrema maturità autocritica.
grazie.
<< articolo con link al video >>

neno
Inviato: 16/10/2006 17:37  Aggiornato: 16/10/2006 17:37
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/10/2005
Da:
Inviati: 80
 Re: Oscenità e censura
Non ho nessuna autorità per darti consigli o suggerimenti ma permettimi di esprimere la mia opinione liberamente .
Ogni giorno leggo quasi tutto quello che viene scritto su questo sito e le vignette che tu facevi erano una spruzzata di allegria e ,spesso tra il serio ed il faceto, erano da me considerate utilissime .
Le ultime vicende mi rattristano e dispiacciono molto,non tanto per me, per tutti coloro che ogni giorno con sacrificio ed abnegazione contribuiscono alla crescita del sito stesso .
A volte un pò di umiltà ( non ti offendere ) aiuta .
Fai quello che ti pare ma secondo me non meritiamo questo tuo atteggiamento e men che meno Mazzucco !!!!

florizel
Inviato: 17/10/2006 19:00  Aggiornato: 17/10/2006 19:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Oscenità e censura
SatirusCitazione:
Florizel ti ho sempre stimato ed abbiamo piacevomente incrociato più volte qualche commento, ora ti ritrovo piena di astio nei miei confronti ... mah!

Senza voler scadere nel "personalistico", satirus, incrociarsi non implica necessariamente "stimarsi".

Questa è una cosa che non si realizza solo per aver condiviso insieme quattro risate su una vignetta.

Non do per scontato che mi si stimi, tu non dare per scontato che altri stimino te.

Citazione:
Qui c'è un esempio, tu non puoi chiamare un posto Luogocomune e poi gestirlo come Luogodimassimo.

Come più acutamente di me ha fatto _gaia_, un "Luogocomune" è tale se "comune" è anche il senso di responsabilità.
In mancanza di questo, ognuno ha il "capo" che si merita.

Citazione:
Non si celava proprio niente era una misera e mal riuscita vignettaccia di un perditempo, che poteva far sorridere qualche stanco e annoiato internettiano paraculone,


Si dà il caso che quanti hanno postato su quel thread abbiano fatto qualcosa di diverso che non menarsi pacche sulle spalle e perdere tempo, e che di "stanchi ed annoiati paraculoni" qui ne girano davvero troppo pochi per poter ricevere un unanime consenso per quella misera e mal riuscita vignettaccia .

Avanti, Satirus, sappiamo bene sei dietro al monitor, e che ci leggi.
Sta accadendo troppo spesso che utenti allontanatisi con l'amaro in bocca, si rifanno vivi solo in occasioni "particolari", giusto per gettare fango su LC, sull'utenza e su Mazzucco.

Non voorrai fare lo stesso, spero?
Il tuo senso "critico" e la tua "originilaità" ne uscirebbero sviliti.

Citazione:
i saggi ci insegnano che il successo da alla testa ...

Ecco: mettete in campo questo argomento , che mi sembra quello che covate dentro (te e qualcun'altro) più del presunto "piacere" stesso di scrivere su queste pagine e conseguenti delusioni.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
Krya
Inviato: 17/10/2006 19:59  Aggiornato: 17/10/2006 19:59
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/8/2005
Da: Toscana
Inviati: 438
 Re: Oscenità e censura
Che dire, forse sarebbe meglio reiniziare una discussione, piuttosto che farla scadere,
il problema della Censura è cosa delicata e particolarissima, al di là delle belle parole vessillo di immaginarie libertà, credo che mai si dovrebbe, fuori dalle proprie mura domestiche, travalicare il buon gusto, giusto chi decide il buon gusto?
Lo decide chi frequenta il forum, la piazza, il teatro la strada, quando il livello di ripulsa o di fastidio è motivatamente raggiunto, credo che siamo oggettivamente alle soglie del buon gusto, oltre meglio ostentare nel privato e non nel pubblico, non possiamo partire dal presupposto che il nostro buongusto sia misura universale, se un “culo peloso” a me fa ridere ed ad altri 100 no, si toglie senza drammi né levate di scudi, sarebbe diverso se la censura colpisse le idee, fino a che colpisce atti di singoli per palese cattivogusto non vedo nulla di male, del resto non dimentichiamoci che ci sono anche minorenni su questo forum ed un minimo di riguardo và osservato.
Satirus le tue vignette sono simpaticissime, ma questo non implica un conseguente ed incondizionato plauso ad ognuna, alcune vengono bene altre sono “insomma”, non puoi pretendere che tutti le accettino di default, capisco che è il tuo linguaggio ma il fatto in sé mi sembra poca cosa in fondo.
Qualcuno ha detto che siamo divisi in due e se ne dispiace, io ne prendo atto se ci pensate è una situazione creata deliberatamente, quando mancano i mezzi è facile controllare gli estremi e noi non credo ne siamo immuni, e ci dividiamo in bianchi e neri - neri e rossi - votanti non votanti – mamma li turchi mamma i normanni- alcune volte diventa divisione addirittura uomini e donne, quest’ultima è quasi sempre stata ricchezza ora diventa scontro, insomma superiamo queste cose e cerchiamo di vedere cosa ci unisce piuttosto quanto ci divide, quello lo vediamo tutti i giorni ed onestamente mi ha stufato.


Riccardo

Ci sono crimini peggiori del bruciare libri, uno di questi è non leggerli. (brodsky)
florizel
Inviato: 18/10/2006 6:27  Aggiornato: 18/10/2006 6:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Oscenità e censura
"sarebbe diverso se la censura colpisse le idee"

Ciao, Riccardo.

Purtroppo, questo è avvenuto. Giusto ieri sera.
Ora si può dire che è avvenuto.
A causa di qualche irresponsabile, ci hanno rimesso in molti.
E a causa di una visione della "democrazia" che pretende che tutti siano allo stesso livello, generando "mostri".
Non indugio qui su criteri, contenuti e metodi, spero solo che almeno questo commento non venga rimosso.

Sarebbe grave, e definitivamente dimostrativo di cose a cui molti non vorrebbero mai credere.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
Krya
Inviato: 18/10/2006 8:19  Aggiornato: 18/10/2006 8:19
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/8/2005
Da: Toscana
Inviati: 438
 Re: Oscenità e censura
Citazione:
Purtroppo, questo è avvenuto. Giusto ieri sera.


Che è successo, la cosa detta così è solo inquietante.

Ciao

Riccardo

Ci sono crimini peggiori del bruciare libri, uno di questi è non leggerli. (brodsky)
Tubo
Inviato: 18/10/2006 8:35  Aggiornato: 18/10/2006 8:35
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 16/6/2006
Da:
Inviati: 1663
 Re: Oscenità e censura
Ciao Riccardo, ieri sera, come giustamente è stato fatto notare, qualche utente con manie di onnipotenza ha calcato la mano e ha scatenato la reazione di un altro utente, stanco di farsi prendere in giro.

A seguito di questo, il moderatore ha chiuso la discussione per evitare la rissa, ma l'utente generatore del caos si è lamentato, piacendogli ( le) e cercando di alimentare la bisboccia-rissa, cosa che va alimentando da tempo sotto mentite spoglie.

Questo succede quando le manie di onnipotenza-onnipresenza si vanno a sommare a complessi di superiorità e visioni dittatoriali.
Dittatoriali, perchè chi emana sentenze classiste basate sulla discriminazione per partito preso, chi va dicendo e rimarcando in continuazione chenon siamo tutti uguali
(cosa sacrosanta), e a conferma della verità assoluta di queste parole si pone esso stesso come esempio, insomma...

Finisco qua, spero...

vernavideo
Inviato: 18/10/2006 9:46  Aggiornato: 18/10/2006 9:46
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/3/2006
Da: Lussemburgo
Inviati: 1200
 Re: Oscenità e censura
Citazione:
E a causa di una visione della "democrazia" che pretende che tutti siano allo stesso livello, generando "mostri".


Evidentemente hai un idea molto distorta della democrazia......
ciao,
Stefano

Ogni critica circostanziata e tecnicamente pertinente sarà utile a tutti per capire meglio i termini della questione
florizel
Inviato: 18/10/2006 16:47  Aggiornato: 18/10/2006 16:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Oscenità e censura
Che è successo, la cosa detta così è solo inquietante.

Te lo spiego per altre "vie", Riccardo.
Rischierei di essere "rimossa" immediatamente.

Citazione:
A seguito di questo, il moderatore ha chiuso la discussione per evitare la rissa, ma l'utente generatore del caos si è lamentato, piacendogli ( le) e cercando di alimentare la bisboccia-rissa, cosa che va alimentando da tempo sotto mentite spoglie.

Massimo, ti chiedo pubblicamente di poterti contattare in privato: ho fatto il copiaincolla di tutte le porcherie e le menzogne scritte da qualche millantatore.
Lo faccio per me stessa, e per la coerenza che tu stesso hai fin qui dimostrato.

Se ci viene chiesto, invece, di "rinunciare" alla nostra dignità personale e "tacere", credo che verrebbe meno anche la dignità del sito stesso.
Dovresti accettare la mia "proposta", poichè è l'ultima cosa che farei prima di lasciare questo sito conservandone un buon ricordo.

A tale proposito, voglio lasciare parte della lettera che ti ho spedito, è un gesto di stima che devo a tutti quelli che hanno fatto "bello" e "speciale" LuogoComune.

**********
Credo che tu sappia cosa significa dedicare passione e tempo a qualcosa in cui si crede. Qualcosa che, però, riguarda il bene della “comunità”, non il vantaggio personale.
Come credo che tu sappia anche che il limite tra ciò che è “personale” e “collettivo”, in questo caso, è estremamente labile.
Forse stai commettendo l’errore di credere che sacrificando il “personale” alla collettività sia l’unico modo per salvaguardare quest’ultima.
Allora chiedo: esiste una dimensione umana in cui il prevalere della “ragione collettiva” non implichi la demonizzazione del singolo?
A mio avviso questo può concretizzarsi solo se si opera un distinguo tra i vari individui.
Gli esseri umani NON sono tutti uguali, anche se hanno bisogno delle stesse opportunità, per autosuperarsi.

Nel mio caso, ripeto, non potrei continuare a scrivere senza prima aver fatto piazza pulita di alcune inesattezze che MI isolano dal contesto discorsivo “comune”, e quello che starei rivendicando è proprio il diritto di appartenere alla comunità di LC.

Ho una certa perplessità anche su qualcos’altro: le volte che hai pubblicato un articolo su qualcuno che criticava il tuo agire circa l’11/9, hai trovato un’utenza pronta a sostenerti, e parlare di quei contenuti era ANCHE parlare per te, difendere le tue convinzioni, il tuo impegno.
Che tu voglia vederlo o no.

Che si trattasse di debunker o di squallidi scribacchini strapagati dal mainstream.

Avresti potuto, di fronte a qualcosa che riguarda la comunità di LC, “permetterti di ignorarli”?
Credo di no, ed hai fatto bene a rivendicare il tuo diritto di smontarli.
Credo che quanto più alto sia il “livello interiore”, tanto più si senta il bisogno di chiarire le proprie convinzioni.

Questo, se vale per te, deve valere per tutti.
Altrimenti, avrai un sito di “fedelissimi” senza cervello e senza carattere.
Piccola contraddizione: quando affermi che non bisognerebbe “confrontarsi” con certe persone sembra che venga meno la stessa regola secondo cui su LC TUTTE le idee trovano ospitalità e sono degne di essere prese in considerazione.
L’ambito in cui muoversi, da parte dell’utente, diventa davvero molto ristretto, a questo punto.
E le stesse regole che dovrebbero dare una direttiva al sito, disorientano gli utenti.

Dove sono andate le belle discussioni piene di vigore e di spunti, di grande sinergia tra gli utenti?
Quelle iniziate con tale proposito son finite stile “grillo blog”.
Vai a dare un’occhiata ai forum, e la cosa sta prendendo la stessa piega nei thread.

Chi ha dato al sito le sue forze migliori sta scrivendo per inerzia, o se ne sta chiamando fuori.

Massimo, ti scrivo senza rancore.
Ma non me la sento di “sacrificare” la mia dignità a qualcosa che invece fa parte di essa.
Spero che tu capisca.

Un caro saluto.
F.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
Tubo
Inviato: 18/10/2006 17:01  Aggiornato: 18/10/2006 17:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 16/6/2006
Da:
Inviati: 1663
 Re: Oscenità e censura
Scusa florizel, ma perchè tu puoi rispondere male alle persone, trattandole con aria di sufficienza o addirittura tacciandole di "sparare cazzate" e uno non ti può rispondere ad armi pari?

Vogliamo andare a controllare il post sul Thread del "fattaccio" di Satirus e vedere chi aveva provocato?

Vogliamo vedere chi non è in grado di cogliere l'ironia tesa a stemperare i toni, e risponde male?

Vogliamo almeno ammettere chi è stato il provocatore e chi il provocato?

Boh, non capisco...

Per me il capitolo è chiuso.

florizel
Inviato: 18/10/2006 18:39  Aggiornato: 18/10/2006 18:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Oscenità e censura
Aggiorno la notizia data sopra: il forum inizialmente chiuso è stato riattivato.

Qui.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
goldstein
Inviato: 21/10/2006 13:47  Aggiornato: 21/10/2006 16:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 4/11/2004
Da:
Inviati: 2827
 Re: Oscenità e censura
Intervengo come richiestomi da Florizel tramite pm: Tubo è andato effettivamente contro la regola del sito tante volte ripetuta, Avrebbe dovuto criticare solo i concetti espressi da Florizel, e non accusarla di "alimentare risse sotto mentite spoglie".
Prego dunque lui e tutti gli altri di evitare sempe giudizi personali, specie ovviamente se speculatori.


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA