Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


politica italiana : Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Inviato da Enrico il 9/10/2006 7:19:26 (4364 letture)

di Enrico Sabatino

Il governo dell’Unione ha solo pochi mesi di vita ma brancolando nel buio, arrancando e procedendo per inerzia sembra già vecchio. Di certo una legge elettorale sciagurata costruita ad arte dalla precedente maggioranza per creare una situazione tale da rendere la vita difficile se non impossibile a qualsiasi governo successivo è un dato di fatto da cui non si può prescindere. Con un Senato in quelle condizioni, in cui il governo deve assolutamente fare affidamento sui senatori a vita, sperando nella buona salute di costoro e a volte anche in qualche voto dell’opposizione, obiettivamente è dura andare avanti.

Ed è per questo che già dopo qualche mese il governo avrebbe dovuto presentare una nuova legge elettorale, e invece ancora niente.

Ora premesso questo, e sorvolando sul fatto che il governo precedente si è mangiato tutto l’avanzo primario ...

... e che per la prima volta dopo anni il debito pubblico ha ricominciato a crescere – e non sono proprio due cosettine da niente – il governo Prodi sta effettivamente mostrando ampi segnali di stanchezza.

Si sapeva già che tutti i membri di questa “variegata” coalizione, una volta arrivati al governo, avrebbero cominciato a tirarsi gomitate ma, con quell’esigua maggioranza al senato - che con la fuoriuscita dell’ex-senatore dell’Italia dei Valori e qualche prostata mal funzionante forse non è già più maggioranza - la situazione sta diventando difficilissima da sostenere già a breve termine.

Come se questo non bastasse, il governo poi si è mosso veramente in maniera dilettantesca e autolesionista. Per esempio nella questione Telecom, Prodi avrebbe dovuto chiaramente dire:” Certo che sapevo, ci mancherebbe altro, visto che Tronchetti Provera ha voluto incontrarmi per dirmi quali erano i suoi piani aziendali futuri; noi però non eravamo d’accordo sulla vendita di TIM a Murdoch e gli abbiamo anche consigliato per iscritto quali fossero secondo noi le mosse che avrebbe dovuto fare. Certo il governo di un paese in cui vige il libero mercato non dovrebbe comportarsi così, ma quando si tratta di un asse strategico per l’Italia, come quello delle Telecomunicazioni, il governo ha il dovere di dire la sua; poi la Telecom faccia pure come creda e decida autonomamente perché noi non possiamo fare altro che consigliare. E comunque appena torno dalla Cina e dall’Assemblea Generale dell’ONU vado immediatamente in Parlamento a riferire della questione.”

Questo avrebbe dovuto dire Prodi, ma non lo ha fatto. E abbiamo dovuto assistere all’ennesima patetica commedia all’italiana.

Poi è arrivata la presentazione della Finanziaria e apriti cielo…..tutti scontenti – e uso un eufemismo - chi per un motivo, chi per un altro. Il governo ha ancora una volta preso la strada sbagliata mentre invece, anche con quella sottilissima maggioranza al Senato - che ripeto forse ormai non ha già più - e con l’obbligo di rimettere a posto i conti, avrebbe dovuto armarsi di coraggio e tirare dritto pur con il rischio di cadere, puntando però sul fatto che nessuno in Parlamento vuole andare subito a nuove elezioni, in primis il centrodestra.

Come? Presentando una Finanziaria che tagliasse i dipendenti pubblici inutili, razionalizzando quindi le spese dei vari ministeri, tagliasse drasticamente i costi della politica – partendo dagli stipendi degli oltre 900 parlamentari, non basta infatti diminuire del 30% gli stipendi dei membri del governo, la cifra è risibile – liberalizzasse veramente i servizi e le professioni, sfidando l’eventuale scesa in piazza non solo dei tassisti e dei farmacisti ma anche tutti di membri di alcune caste professionali chiuse ermeticamente a riccio.

Affrontando in Finanziaria anche il nodo pesante delle pensioni – a partire da quelle dei parlamentari - con l’obiettivo di pensare al futuro dei lavoratori precari e alla loro impossibilità di avere una pensione decente, nel migliore dei casi. Così come i precari dovevano essere l’obiettivo privilegiato di una nuova legge sul lavoro.

Ma tutto questo, oltre a comportare uno scontro sia con Confindustria sia con quei sindacati che privilegiano ormai solo una parte dei lavoratori - e cioè i dipendenti a tempo indeterminato - avrebbe significato anche un vero gioco di squadra da parte di ogni membro della coalizione di governo, senza personali interessi di bottega; un evento che in Italia costituirebbe una vera e propria rivoluzione.

E che dire poi della legge sul conflitto d’interessi, della riforma della legge Gasparri, dell’abolizione della legge sulle droghe Fini-Giovanardi, della legge sulle unioni civili delle coppie di fatto etero e omosessuali, ecc. ecc.? Che fine hanno fatto?

La lista dei provvedimenti che il governo avrebbe dovuto prendere sarebbe veramente lunga, ma se si doveva scontentare tutti che almeno lo si fosse fatto per dei provvedimenti “rivoluzionari” e non mediocri come quelli invece presentati.

Insomma per l’ennesima volta l’Italia si conferma un paese vecchio, con un DNA conservatore, immobile in tutti i settori; e la sua classe politica, imprenditoriale e sindacale ne sono lo specchio più evidente.

Enrico Sabatino

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
giampirm
Inviato: 9/10/2006 7:58  Aggiornato: 9/10/2006 7:58
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/12/2005
Da:
Inviati: 33
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Articolo sicuramente condivisibile, ma........sembra certo un discorso di politica liberale e non certo un discorso da leader di Centro Sx. In realtà le posizioni (ed anche i fatti) elencate da Sabatino, me le sarei aspettate dal governo di centro Dx, che non è stato in grado di fare nemmeno una delle cose innovative che i suoi elettori si sarebbero aspettate.

Cio non toglie che l'attuale governo ha già dimostrato di non prendere posizioni certe nemmeno nei campi in cui dovrebbe certamente essere più bendisposto (come da promesse elettorali..): le regole della cosidetta "democrazia" ed una certa ridistribuzione del reddito. Voglio comunque prendere ancora un pò di tempo per delle considerazioni finali, ma se il buon giorno si vede dal mattino!!!

Giampirm

ivan
Inviato: 9/10/2006 8:19  Aggiornato: 9/10/2006 8:19
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Citazione:


Come? Presentando una Finanziaria che tagliasse i dipendenti pubblici inutili, razionalizzando quindi le spese dei vari ministeri, tagliasse drasticamente i costi della politica – partendo dagli stipendi degli oltre 900 parlamentari, non basta infatti diminuire del 30% gli stipendi dei membri del governo, la cifra è risibile – liberalizzasse veramente i servizi e le professioni, sfidando l’eventuale scesa in piazza non solo dei tassisti e dei farmacisti ma anche tutti di membri di alcune caste professionali chiuse ermeticamente a riccio.

Affrontando in Finanziaria anche il nodo pesante delle pensioni – a partire da quelle dei parlamentari - con l’obiettivo di pensare al futuro dei lavoratori precari e alla loro impossibilità di avere una pensione decente, nel migliore dei casi. Così come i precari dovevano essere l’obiettivo privilegiato di una nuova legge sul lavoro



Notare:

Prima: "tagliasse i dipendenti pubblici inutili".

Dopo: "Così come i precari dovevano essere l’obiettivo privilegiato di una nuova legge sul lavoro".

Come si diceva una volta: "un colpo al cerchio ed uno alla botte" o anche "tutto e il contrario di tutto".

In parole povere: licenziare senza pietà ma al contempo aiutare i precari (come ?).

Niente di nuovo sotto il sole: solo l'atavico odio verso il lavoro dipendente.

Non condivido nememno una virgola di questo articolo.

Statemi bene e continuate pure a sognare un mondo senza operari e senza impiegati, un mondo senza poveri e fatto solo di ricchi, senza quella rottura di scatole del welfare, così noiso e improduttivo.

HAVEADREAM
Inviato: 9/10/2006 8:19  Aggiornato: 9/10/2006 8:19
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/8/2005
Da:
Inviati: 209
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Buon giorno a tutti.
Al commento "liberale" di Enrico Sabatino aggiungerei anche un altro argomento: si è parlato nuovamente di tassa di successione e sulle donazioni.

Al di la delle decisioni da prendere per reintrodurre questa gabella
che il governo Berlusconi di fatto aveva eliminato con decreto legge dell'ottobre 2001, sarebbe cosa giusta, secondo me, distinguire i beni derivanti dalla donazione da quelli di una successione.
Qui non si discute se lo Stato utilizza legittimamente o meno delle autostrade fiscali oppure stradine sterrate che pochi conoscono ma che comunque consentono di arrivare a destinazione, per ottenere maggiori entrate.
Quello che è discutibile è tassare un evento luttuoso,come quello della morte.
Come è anche discutibile imporre tasse su risparmi o capitali accumulati con anni di duro lavoro dipendente o di attività imprenditoriali
che hanno investito e pagato nel contempo quello che lo Stato esigeva con i tributi, a meno che non si dimostri il contrario, e cioè che
il danaro era frutto di attività illecita o comunque non documentato fiscalmente.
Nel qual caso il dubbio è lecito e spontaneo: chi deve dimostrarlo, il vivo o il morto?

Non c'è altro modo per colpire la cosidetta ricchezza?

gioffi
Inviato: 9/10/2006 8:47  Aggiornato: 9/10/2006 8:47
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/8/2006
Da:
Inviati: 35
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Schifo il centro destra, peggio il centro sinistra.
Però guardiamo il lato positivo...
ancora non ci hanno lanciato addosso nessun aereo

chi voteremo la prossima volta (tra qualche mese )???

M. Mazzucco for president!!
(è anche telegenico )

ivan
Inviato: 9/10/2006 8:47  Aggiornato: 9/10/2006 8:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Mi era sfuggito:
"Ma tutto questo, oltre a comportare uno scontro sia con Confindustria sia con quei sindacati che privilegiano ormai solo una parte dei lavoratori - e cioè i dipendenti a tempo indeterminato - avrebbe significato anche un vero gioco di squadra da parte di ogni membro della coalizione di governo, senza personali interessi di bottega; un evento che in Italia costituirebbe una vera e propria rivoluzione."

Notare: "sia con quei sindacati che privilegiano ormai solo una parte dei lavoratori - e cioè i dipendenti a tempo indeterminato - ".

Ecco di nuovo, ci risiamo: è il lavoratore con contratto a tempo indeterminato il vero nemico, colui da colpire senza pietà. E meschini i sindacati che lo difendo.

Come dicevo prima, nulla di nuovo sotto il sole: solo l'atavico odio verso i laaoratori, verso chi non ha la fortuna di nascere figlio di papà e osa sperare in un lavoro sicuro che gli garantisca un minimo di tranquillità.

Redazione
Inviato: 9/10/2006 8:57  Aggiornato: 9/10/2006 8:57
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
IVAN: Quella di Sabatino, di destra o sinistra che sia, è un'opinione coerente, "che sta in piedi". E io pubblico un articolo solo in base alla sua coerenza interna, non alla sua valenza assoluta.

Che ne dici quindi di provare a "smontarla" in maniera costruttiva, mostrando cioè un'alternativa, invece di puntare soltanto il dito su quello che può sicuramente non piacere?

francesco7
Inviato: 9/10/2006 9:08  Aggiornato: 9/10/2006 9:08
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: Tarentum
Inviati: 886
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Citazione:
Come dicevo prima, nulla di nuovo sotto il sole: solo l'atavico odio verso i laaoratori, verso chi non ha la fortuna di nascere figlio di papà e osa sperare in un lavoro sicuro che gli garantisca un minimo di tranquillità.

Enrico Sabatino ha scritto anche:
Citazione:
Presentando una Finanziaria che...
...liberalizzasse veramente i servizi e le professioni, sfidando l’eventuale scesa in piazza non solo dei tassisti e dei farmacisti ma anche tutti di membri di alcune caste professionali chiuse ermeticamente a riccio.

Secondo te, Ivan, dove si annidano i figli di papà se non nelle professioni che come quelle dei farmacisti, dei notai, degli avvocati, dei medici, dei giornalisti sono da sempre delle professioni che si ereditano come fossero dei beni materiali?

La mente non è un vaso da riempire ma un legno da far ardere perché s'infuochi il gusto della ricerca e l'amore della verità. (Plutarco)
Freeman
Inviato: 9/10/2006 10:03  Aggiornato: 9/10/2006 10:03
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Citazione:
La lista dei provvedimenti che il governo avrebbe dovuto prendere sarebbe veramente lunga, ma se si doveva scontentare tutti che almeno lo si fosse fatto per dei provvedimenti “rivoluzionari” e non mediocri come quelli invece presentati.


E' lo stesso identico commento che feci qualche giorno fa con un mio parente, commentando questa proposta di legge finanziaria: provvedimento pavido e incolore, che perlappunto riesce nel difficile compito di scontentare molti senza risolvere nessun problema strutturale.

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Max_Piano
Inviato: 9/10/2006 10:15  Aggiornato: 9/10/2006 10:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Non esistono governi di sinistra o di destra ma solo fregature più o meno peggiori: l'affare telecom potrebbe essere un'altra fregatura. E delle peggiori.
Ieri sera a Report si diceva che se la rete Telecom, come in effetti sembra, venisse rivenduta alle casse dello stato si erediterebbero parte delle decine di miliardi di debiti dell'azienda.
Ironico perchè già la privatizzazione aveva bruciato un sacco di soldi (e l'affare Telecom Serbia pure): praticamente si volatilizzano miliardi di euro a ogni passaggio e non sappiamo dove caxxo vadano a finire!
La solita storia: se le aziende vanno bene (leggere: fanno finta di andare bene) siamo tutti libberisti, quando le aziende vanno male si rifila la fregatura allo stato (che poi quando si tratta di pagare "lo stato siamo noi", ma proprio noi davvero).

ivan
Inviato: 9/10/2006 10:37  Aggiornato: 9/10/2006 10:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Citazione:


La solita storia: se le aziende vanno bene (leggere: fanno finta di andare bene) siamo tutti libberisti, quando le aziende vanno male si rifila la fregatura allo stato (che poi quando si tratta di pagare "lo stato siamo noi", ma proprio noi davvero).



"Quoto in toto".

Una volta si diceva:" privatizzare i profitti, socializare le perdite".

Questo è il tipo gestione di governo che tanto piace ai nostri liberali: "" privatizzare i profitti, socializare le perdite".

In un film di Renato Pozzetto, veniva recitata questa scenetta.

ivan
Inviato: 9/10/2006 10:43  Aggiornato: 9/10/2006 10:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Per la spettabile direzione:

"Grazie del pensiero, abbiamo già dato": sono quasi vent'anni che il pubblico impiego è nel mirino delle finanziarie, ogni anno lo stesso film: blocco delle assunzioni, precarizzazione, esternalizzazione dei servizi.

Se dopo vent'anni di cura, il malato non guarisce, ci sarà qualche altra ragione, non trova?

La rivista Avvenimenti (diretta all'epoca da Fracassi) aveva pubblicato cosa si poteva fare in termini di welfare (ospedali, scuole, etc, etc) con i soldi di alcuni episodi di tangentopoli. Ciò che ne veniva fuori era semplciemente raccapricciante.

Ma tangentopoli, ci dicono certi liberali, era un capriccio dei magistrati, , mica era una rivolta contro una situazione insostenibile.

Mani pulite ... è già stata posta nel dimenticatoio ...

bandit
Inviato: 9/10/2006 11:56  Aggiornato: 9/10/2006 11:56
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/11/2005
Da:
Inviati: 1649
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
"Questo è il tipo gestione di governo che tanto piace ai nostri liberali: "" privatizzare i profitti, socializare le perdite"."
++++++++++++++
utile specificare "nostri" prima di "liberali", e forse liberali andrebbe sempre messo tra virgolette, se ci si riferisce a "loro".

socializzare le perdite è criticabile; privatizzare i profitti non dovrebbe essere nemmeno necessario, a meno che essi non si ritengano pubblici all'origine.
di fatto, se la metà dei profitti se ne va in tasse, si può anche parlare di socializzazione dei profitti.

luke14477
Inviato: 9/10/2006 12:31  Aggiornato: 9/10/2006 12:31
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/3/2006
Da: Imola
Inviati: 120
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Scusate ragazzi, ma cosa pretendavate da questi signori?
Romano Prodi, attuale Premier, è stato uno dei consulenti di punta della Goldman Sachs. Voglio sottolineare il fatto, di primo acchito poco rilevante, che Prodi ha percepito ben 100.000 euro per la sua campagna elettorale da Linda Costamagna, moglie di un altro capitano di lungo corso della Goldman Sachs, Claudio Costamagna. Ha partecipato ad incontri del gruppo Bilderberg, l'ultima volta nel 2005.



Massimo Tononi ha fatto esperienza alla banca d'affari americana. E dire che la sua affinità con il presidente del Consiglio sia soltanto «tecnica», non sarebbe giusto. Negli ambienti politici, fino a qualche mese fa, del nuovo sottosegretario al Tesoro non si sapeva praticamente nulla. Soltanto i più curiosi avevano notato che il suo nome compariva nella lista dei finanziatori della campagna elettorale di Prodi. Con una cifra nemmeno da buttare via: 100 mila euro, che lo colloca in prima fila fra i sostenitori di Prodi.



Mario Draghi, era vicepresidente della Goldman Sachs per l'Europa. Proprio il professor Draghi è stato dal 1991 al 2001 Direttore Generale del Tesoro e presiede dal 1993 il Comitato per le Privatizzazioni, egli infatti è l'artefice delle grandi privatizzazioni statali dall'IRI alla Telecom, Enel, Eni e altre grandi aziende dello Stato. Ricordo che fu uno dei privilegiati ospiti a bordo del panfilo reale della regina Elisabetta, il "Britannia". Siamo nel 1992, e ci troviamo al largo di Civitavecchia, non su territorio italiano ma inglese. Qui vennero decise le sorti economiche dell'Italia per gli anni a venire, oggi come è noto, è a capo di Bankitalia.



Tommaso Padoa Schioppa, Ministro delle Finanze, facente parte dell'Aspen Institut, ha partecipato assieme a Franco Bernabè, Vice presidente Rothschild Europe, John Elkann , Vice presidente Fiat S.p.A., Mario Monti, Presidente Università Commerciale Luigi Bocconi, Paolo Scaroni, CEO, Eni S.p.A. e Giulio Tremonti, Vice presidente della Camera dei Deputati, alla riunione del 2006 del gruppo Bilderberg, ma per dirla tutta è praticamente un invitato permanente. Padoa Schioppa, tra le altre cose, fa parte anche della Trilaterale. Cos'è la Trilaterale? La Trilateral Commission è una filiazione del Council on Foreign Relations (CFR), nata nel 1921 con il finanziamento di potenti banchieri quali John Davison Rockefeller, Paul Warburg, J.P. Morgan, Jacob Schiff, Bernard Baruch allo scopo di contrastare l'isolazionismo in cui gli Usa minacciavano di chiudersi dopo la Grande Guerra. Tutti i grandi ministri degli esteri americani sono stati assunti prima da Rockefeller per lavorare in questo gruppo che elabora progetti storici politici economici per disegnare gli scenari futuri in cui si muoverà l'America.
Clamoroso il caso del 1939 in cui il CFR fece uno studio interessantissimo che spiegava perché l'America doveva entrare in guerra: se la Germania avesse occupato la Russia, si sarebbe formato un insieme economico autosufficiente a cui gli Stati Uniti non avrebbero più potuto vendere niente. La stessa cosa se il Giappone avesse occupato la Cina. Questo progetto fu poi presentato alla Casa Bianca e la convinse a far entrare in guerra gli Stati Uniti, per un fatto puramente economico, non c'era nessun giudizio morale sul nazismo, c'era solo la convenienza per l'America a mantenere il mondo aperto alle sue merci.
La cosa strana fu che tutto il CFR fu assunto dalla Segreteria di Stato Usa (ministero degli esteri) durante tutta la guerra; tutto il personale politico del presidente Franklin D. Roosevelt proveniva dal CFR. Da allora nulla è mai cambiato perché quasi tutti i presidenti americani hanno avuto un ministro degli esteri che veniva dal CFR cioè da un ente privato, una fondazione culturale che non paga le tasse, pagato dalla famiglia Rockefeller ossia la Chase Manhattan Bank e la Standard Oil.
Non vedete che chi cerca di uscire un attimo dal coro (fusione albertis-autostrade) viene preso a pesci in faccia....crediamo veramente che le decisioni per l'italia siano prese in italia?

...the matrix è già qui....
tccom
Inviato: 9/10/2006 12:36  Aggiornato: 9/10/2006 12:36
Mi sento vacillare
Iscritto: 3/11/2005
Da: civitavecchia
Inviati: 903
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Citazione:
Ed è per questo che già dopo qualche mese il governo avrebbe dovuto presentare una nuova legge elettorale, e invece ancora niente.


io non penso che lo faranno mai...daltronde il berlusca ha trovato la formula magica, per cui, anche in seconda repubblica (non ridete prego che sto parlando e mi coprite!) il giorno dopo le elezioni avremo di nuovo un'unico stuolo di vincitori

Citazione:
Poi è arrivata la presentazione della Finanziaria e apriti cielo…..tutti scontenti


si, ma quando si fanno queste considerazioni, bisogna ricordarsi che in italia qualcuno che si lamenta lo trovi sempre...non è che noi si brilli per virtù civica, senso dello stato o (addirittura!!!) del bene comune
Citazione:
E che dire poi della legge sul conflitto d’interessi, della riforma della legge Gasparri, dell’abolizione della legge sulle droghe Fini-Giovanardi, della legge sulle unioni civili delle coppie di fatto etero e omosessuali, ecc. ecc.? Che fine hanno fatto?

che le useranno come merce di scambio appena si abbisognerà il prossimo indultino

Citazione:
La lista dei provvedimenti che il governo avrebbe dovuto prendere sarebbe veramente lunga, ma se si doveva scontentare tutti che almeno lo si fosse fatto per dei provvedimenti “rivoluzionari” e non mediocri come quelli invece presentati.

e dire che la soglia del rivoluzionarismo è talmente bassa dalle noste parti che sarebbe bastato veramente poco...

per quanto riguarda la diatriba sui dipendenti pubblici cui faceva riferimento IVAN poco più su, sono daccordo con lui sul fatto che diventino spesso e volentieri (ovviamente A TORTO) il capro espiatorio per un paese che va a rotoli; è anche vero che se un lavoratore non serve, non serve...a questo punto come risolvi il problema? secondo me l'unica è aspettare che il laoratore vada in pensione e...non si assume nessuno per rimpiazzarlo.
Assistenzialista?
si...ma c'è un'altra soluzione che non metta un poveraccio in mezzo alla strada rendendolo unica vittima di errori di altri?

...gli Stati Uniti non ci hanno guadagnato nulla dall'11 settembre (c'è bisogno di dirlo?)...[].... Ragioniamo: chi ci guadagna quando piove? i produttori di ombrelli. Da questo si deduce che i produttori di ombrelli controllano la pioggia.
bandit
Inviato: 9/10/2006 12:41  Aggiornato: 9/10/2006 12:41
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/11/2005
Da:
Inviati: 1649
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
"si...ma c'è un'altra soluzione che non metta un poveraccio in mezzo alla strada rendendolo unica vittima di errori di altri?"
+++++++++++
tanto per cominciare bisognerebbe che lavoratori e sindacati non si impuntassero quando viene proposto una cambiamento di mansione pur mantenendo stipendio-livello ecc.

tccom
Inviato: 9/10/2006 12:42  Aggiornato: 9/10/2006 12:44
Mi sento vacillare
Iscritto: 3/11/2005
Da: civitavecchia
Inviati: 903
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
ciao luke

Citazione:
Non vedete che chi cerca di uscire un attimo dal coro (fusione albertis-autostrade) viene preso a pesci in faccia

ma quindi, secondo te, sarebbe stato bene cedere un'infrastruttura del paese ad un'azienda straniera?
secondo me le infrastrutture portanti del paese dovrebbero IMHO rimanere di proprietà dello stato
Già la formula della concessione mi infastidisce assai!

ciao bandit:
Citazione:
tanto per cominciare bisognerebbe che lavoratori e sindacati non si impuntassero quando viene proposto una cambiamento di mansione pur mantenendo stipendio-livello ecc

sono daccordo...sempre che la mansione si almeno compatibile con quella che avevi prima, nel senso che non sconvolge il tuo modo di vivere..mi spiego: se io fino a ieri stavo dietro una scrivania e domani mi mandi a cogliere pummarole...(estremizzando ovviamente).
la cosa è un pò soggettiva

...gli Stati Uniti non ci hanno guadagnato nulla dall'11 settembre (c'è bisogno di dirlo?)...[].... Ragioniamo: chi ci guadagna quando piove? i produttori di ombrelli. Da questo si deduce che i produttori di ombrelli controllano la pioggia.
padma
Inviato: 9/10/2006 13:13  Aggiornato: 9/10/2006 13:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/3/2005
Da: torino
Inviati: 416
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Come? Presentando una Finanziaria che tagliasse i dipendenti pubblici inutili,..

Suggerimento: creiamo un gruppo di figure lautamente stipendiate dallo stato che decidano quali sono i dipendenti pubblici utili e quelli inutili, nonché come e dove e con che cosa tagliarli?

The assumption that what currently exists must necessarily exist is the acid that corrodes all visionary thinking.
M.Bookchin
Freeman
Inviato: 9/10/2006 13:28  Aggiornato: 9/10/2006 13:32
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Citazione:
tanto per cominciare bisognerebbe che lavoratori e sindacati non si impuntassero quando viene proposto una cambiamento di mansione pur mantenendo stipendio-livello ecc.

Come in tutte le affermazioni "generiche", c'è spazio per le eccezioni.
Esempio: i precari A.T.A. della scuola.
Pochi sanno, ed ancor meno sono interessati a sapere, che gli Assistenti Amministrativi sono quelli che reggono le segreterie delle scuole pubbliche.

Sono inquadrati economicamente come categoria "B", al pari di guardarobieri e cuochi, poco più che bidelli, ma di fatto svolgono PER CONTRATTO mansioni superiori, equiparabili a quelle svolte da categorie C negli altri comparti ministeriali.
Inoltre, costituiscono la categoria più "precarizzata" del pubblico impiego, con punte di precariato del 70%. In pratica, in molte scuole tutti gli assistenti amministrativi sono "precari".
A ciò va aggiunto un blocco del turn-over che opera ormai da anni, in quanto le nuove assunzioni sono sempre inferiori ai pensionamenti, determinando di fatto un saldo negativo di assunzioni. Non solo, ma le ultime finanziarie hanno determinato tagli negli organici ATA, e Padoa Schioppa sembra determinato a proseguire su questa linea.
Così, mentre da un lato aumentano ogni anno gli adempimenti scaricati sulle segreterie scolastiche (tutti fuori dalle mansioni di una categoria B), dall'altro si tagliano i posti nelle segreterie.
Il contratto poi, è scaduto già 10 mesi, e di rinnovo neanche se ne parla.
Domanda: è lecito lottare e protestare, in queste condizioni? A cosa altro ci si dovrebbe "piegare", in nome del bene comune? Come ha detto qualcuno, gli assistenti amministrativi delle scuole "hanno già dato". Anzi, attendono qualcosa in cmabio di anni di sacrifici.
Col che, ovviamente, non voglio automaticamente sposare la causa della "difesa del pubblico impiego" a prescindere. Le inefficienze vanno rimosse, ma scaricare sempre e comunque la maggior colpa delle inefficienze sugli "impiegati sovrabbondanti e nullafacenti", non è per niente corretto.

Scusate l'intervento di stampo "sindacale", ma è roba che tratto per lavoro, ed ho parecchi peli sullo stomaco, specie contro i sindacati della "triplice", che lottano sul serio solo per la conservazione dei privilegi di metalmeccanici e docenti, e per poche altre nicchie di privilegio del lavoro a tempo indeterminato.
I precari, si attaccano.

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
sygno
Inviato: 9/10/2006 13:59  Aggiornato: 9/10/2006 13:59
So tutto
Iscritto: 5/10/2006
Da: Darkwood
Inviati: 11
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Ciao a tutti

-bandit-
tanto per cominciare bisognerebbe che lavoratori e sindacati non si impuntassero quando viene proposto una cambiamento di mansione pur mantenendo stipendio-livello ecc.

Dove ?
mi fai qualche esempio ?
nel mondo del lavoro in cui vivo io con la legge 223 l’azienda mette in mobilità il personale ed il sindacato l’unica cosa che può fare è “obbligare” l’azienda ad integrare economicamente la quota dell’Inps…….nota che parlo di aziende che chiudono i bilanci in attivo e, nonostante ciò, sfruttano questa legge per mandar a casa delle persone (le più fortunate accompagnate alla pensione) ed assumerne poi altre più giovani e quindi più flessibili…(cioè più facili da mettere a 90 !!!)

Questo è il mio presente mentre per capire il “mio” mondo del lavoro passato leggi un po’ qui nel testo integrale alla voce Tecnosistemi…. http://www.report.rai.it

bandit
Inviato: 9/10/2006 14:04  Aggiornato: 9/10/2006 14:04
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/11/2005
Da:
Inviati: 1649
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
sygno,
mi riferivo al pubblico impiego.
capisco bene (credo) a cosa ti riferisci tu e condivido.

sygno
Inviato: 9/10/2006 14:21  Aggiornato: 9/10/2006 14:21
So tutto
Iscritto: 5/10/2006
Da: Darkwood
Inviati: 11
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Ok, sorry….è che certi argomenti mi toccano un nervo scoperto….

Non conosco la realtà del pubblico impiego e quindi non mi esprimo……

ciao

HAVEADREAM
Inviato: 9/10/2006 15:05  Aggiornato: 9/10/2006 15:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/8/2005
Da:
Inviati: 209
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
luke
hai dimenticato che il nostro capo di Governo partecipò alla seduta spiritica dove venne fuori il nome di Gradoli, il luogo dove era imprigionato Aldo Moro.
Basta questo, non credi ?, per farci capire chi ci governa...

ivanvox
Inviato: 9/10/2006 16:33  Aggiornato: 9/10/2006 17:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/4/2006
Da:
Inviati: 269
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
lukeCitazione:
Non vedete che chi cerca di uscire un attimo dal coro (fusione albertis-autostrade) viene preso a pesci in faccia


sarebbe A. Di Pietro? Considerando la storia dell'indulto e la mancata abolizione della legge Castelli siamo ormai ad un trattamento pesci in faccia quotidiano per Tonino..
ma la poltrona rimane incollata...

nonno
Inviato: 9/10/2006 18:55  Aggiornato: 9/10/2006 18:55
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/7/2006
Da:
Inviati: 183
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
"... liberalizzasse veramente i servizi e le professioni, sfidando l’eventuale scesa in piazza non solo dei tassisti e dei farmacisti ma anche tutti di membri di alcune caste professionali chiuse ermeticamente a riccio
".
Liberalizzare ancora? a favore di chi?


"Questa riforma va nel senso esattamente opposto, sostituendo l'individuo con il capitale. Domani, grazie all'onorevole Bersani, io, traduttore di manuali tecnici, avrò il diritto di comparmi un taxi. Con la stessa libertà, però, una finanziaria potrà acquistarne diecimila, farli guidare da cooperative di senegalesi precari, e mandare in rovina non solo me, ma anche i tassisti storici, oltretutto indebitati a vita per l'acquisto di licenze ormai inutili.

Non sto cercando di dire che questa particolare riforma sia sbagliata. Né intendo difendere l'esistenza di quei particolari privilegi (spesso ereditari) di cui godono figure sociali come i tassisti e i farmacisti.

Quello che è interessante è che il loro status privilegiato è legato a condizioni che hanno qualcosa di poco capitalistico.


E' difficile diventare farmacista o tassista, ma una volta che lo si è diventati, si gode di una forma particolare di protezione; non è permessa l'accumulazione di mezzi di produzione - nessuno può possedere una catena di farmacia o una flotta di taxi; e si è obbligati a fornire una serie di servizi in maniera anche antieconomica: nel caso specifico dei farmacisti, ad esempio, la competenza, una diffusione regolata sul territorio, la detenzione obbligatoria di almeno il 90% delle specialità in commercio.

Margaret Thatcher e Reagan si sono fatti un nome, combattendo contro i privilegi corporativi o sindacali, in nome del libero flusso del capitale.


Questa, da allora, è l'idea forte della destra: mobilitare i non garantiti contro i garantiti, i pony express contro i minatori sindacalizzati, i viaggiatori contro i controllori di volo, i consumatori contro i negozianti, e trasformare così l'egalitarismo di massa in una forza a sostegno della delocalizzazione o dei centri commerciali.

Ma in Italia, la destra non può osare nulla del genere. Perché la sua forza elettorale sta nella "gente che lavora", cioè proprio nei tassisti, nei farmacisti, nei piccolissimi imprenditori, nei corporativi insomma, che nessun candidato si giocherà mai per realizzare grandi riforme.

Il centrosinistra, invece, non ha questo problema. Il suo elettorato è sostanzialmente diverso. La parte intellettuale ha un istintivo disprezzo per i bottegai. La parte popolare ritiene di avere tutto da guadagnare da un mondo con più centri commerciali e meno negozietti di quartiere. " Miguel Martinez

Paxtibi
Inviato: 9/10/2006 18:57  Aggiornato: 9/10/2006 18:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Secondo me siamo all'ammazzacaffè.

soleluna
Inviato: 9/10/2006 18:59  Aggiornato: 9/10/2006 18:59
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/3/2005
Da: orbita di Anarres
Inviati: 1309
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Citazione:
Nei loro occhi, sfuggenti, nessun lampo di rivolta. Amari dalla nascita. Avrebbero nutrito odio solo per i più poveri. E per chi avrebbe tolto loro il pane. Arabi, neri, ebrei, gialli. Mai per i ricchi.


Izzo

"perche' ballate e vi fate l'acconciatura, visto che qua e' impossibile anche comprare da mangiare?"
"perche' magari oggi e' l'ultimo giorno che viviamo, e vogliamo amarlo quanto piu' possibile"
Grozny
felice
Inviato: 9/10/2006 19:01  Aggiornato: 9/10/2006 19:02
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/3/2006
Da: Parma
Inviati: 759
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
pensate che Caruso molli prima di maturare la pensione?
pensate che mastella molli il ministero della giustizia che gli sta a pennello per l'ingiustizia?
pensate che berlusconi voglia che cada questo governo?

Bene, se pensate almeno queste tre cose, allora fate la domanda per l'accompagnamento perché siete pericolosi a girare da soli!
fe

Solo col governo di sinistra possono passare SORDIDE e SILENTI le riforme di destra. Il SOLE é storto! Sento di navigare su una nave tarmata. Le tarme sono tante che la nave sulla quale viaggio é destinata a risolversi consumata nel fuoco delle GUERRE.
Tifoso
Inviato: 9/10/2006 19:15  Aggiornato: 9/10/2006 19:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 28/12/2005
Da: Academia Chute Boxe
Inviati: 780
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
http://www.tgcom.mediaset.it/televisione/articoli/articolo330916.shtml
http://www.repubblica.it/interstitial/interstitial673396.html

questa è bella. Scusate l'OT ma non sapevo dove postare questa notizia.
Citazione:

"Il test - spiega sempre Parenti - è infallibile al 100% se si sono assunte sostanze stupefacenti nelle ultime 36 ore. Il che vuole dire che basta averne fatto uso più di due giorni prima per risultare negativi. L'errore, piuttosto, può essere fatto per difetto: può succedere che il test non rilevi chi ha fatto uso di cannabis coca o altro ma non che risulti positivo se qualcuno è pulito".


Quindi almeno un deputato su 3 fa uso di droghe.

? ?
Bimbodeoro
Inviato: 9/10/2006 19:19  Aggiornato: 9/10/2006 19:19
Mi sento vacillare
Iscritto: 6/6/2006
Da: Amicoland
Inviati: 388
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Alla frutta ma da un pezzo.

"Non è il popolo che deve aver paura del proprio governo, ma è il governo che deve avere paura del proprio POPOLO."

"Sotto questa maschera non c'è solo carne, sotto questa maschera c'è un idea e le idee sono a prova di proiettile."
Tubo
Inviato: 9/10/2006 19:28  Aggiornato: 9/10/2006 19:28
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 16/6/2006
Da:
Inviati: 1663
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Questo governo, avendo tra i suoi "crediti" personalità di "spicco" della "finanza" a livello globale è senza dubbio più "volenteroso" nel perpetrare azioni recanti i noti "vantaggi" al "popolo".

Detto questo...

enribass82
Inviato: 9/10/2006 21:59  Aggiornato: 9/10/2006 21:59
So tutto
Iscritto: 4/10/2006
Da: Ferrara
Inviati: 6
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Che questo non sarebbe stato il migliore dei governi possibili era nelle premesse...tuttavia io noto un'abisso dallo schifo che mi toccava digerire giorno dopo giorno fino a qualche mese fa.
Criticare è facile, prendere decisioni che riguardano una nazionei un paese è giusto un pelino più complicato...i margini di miglioramento sono evidenti, ma dò fiducia a queste persone.
A tutti quelli che si lamentano schifati ricordo quale sia l'alternativa a questo governo...non credo ci sia bisogno di aggiungere altro. Saluti

Frenk87
Inviato: 9/10/2006 22:41  Aggiornato: 9/10/2006 22:41
So tutto
Iscritto: 4/10/2006
Da: Il Borgo
Inviati: 9
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Bene...molto bene...è decisamente incoraggiante sapere che un buon numero dei nostri cari deputati fa uso di stupefacenti...eh sì...perchè non so se ve ne siete accorti, ma non siamo proprio più alla frutta, tra poco pagheremo il conto........NOI purtroppo, non loro......

Paxtibi
Inviato: 9/10/2006 23:29  Aggiornato: 9/10/2006 23:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
A tutti quelli che si lamentano schifati ricordo quale sia l'alternativa a questo governo.

Triste il destino di chi ha come uniche alternative lo sprofondare nella merda e l'annegare nel letame.

Frenk87
Inviato: 9/10/2006 23:56  Aggiornato: 9/10/2006 23:56
So tutto
Iscritto: 4/10/2006
Da: Il Borgo
Inviati: 9
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Citazione:
Triste il destino di chi ha come uniche alternative lo sprofondare nella merda e l'annegare nel letame.


Quoto

Ashoka
Inviato: 10/10/2006 0:02  Aggiornato: 10/10/2006 0:02
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
C'è una frase che mi frulla nella testa... come un ritornello...

”Adesso dobbiamo turarci il naso e mandare a casa S.B... ma staremo loro addosso... etc. etc.”

Son passati sei mesi.. qualche notizia?

Ashoka

spettatore
Inviato: 10/10/2006 0:44  Aggiornato: 10/10/2006 0:56
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da:
Inviati: 883
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Da "Essi vivono" :

"....dormite...... dormite....... dormite....... dormite....... dormite....... dormite....... dormite....... dormite....... dormite....... dormite....... dormite........ dormite...."

Ecco io aggiungerei a dormite quel termine riguardante le gonadi maschili...ma poi qualche liturgico dell'urna si arrabbia.


Lo spettatore

Citazione:
Non metterti a discutere con un idiota. La gente potrebbe non accorgersi della differenza.
Demon84
Inviato: 10/10/2006 3:39  Aggiornato: 10/10/2006 3:39
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 224
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Sapete cosa accomuna il Senato di oggi con il Senato della Roma Imperiale????

LA CORRUZIONE!!

Dico solo questo..

Citazione:
"Il mio viaggio di scoperte non è ancora finito, sebbene io ormai sia un uomo...più cose conosco meno cose capisco e meno cose capisco più mi sembra di tornare bambino" (Demon's summons 2006)
gafirm
Inviato: 10/10/2006 9:03  Aggiornato: 10/10/2006 9:03
So tutto
Iscritto: 14/12/2005
Da:
Inviati: 5
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Non sarà il governo dei nostri sogni (d'altronde da una coalizione di 12 partiti con dentro mastella e diliberto cosa ti volevi aspettare) ma resta comunque infinitamente migliore del governo precedente che in 5 anni, eccetto legge antifumo e patente a punti, ha pensato esclusivamente agli interessi del suo leader: stop alla tassa di successione (quello di Berlusconi è il patrimonio pià grande della storia della Repubblica), divieto delle rogatorie internazionali, legge sulla depenalizzazione sul falso in bilancio (sfruttata da chi? da mediaset), legge Gasparri per aumentare la pubblicità di Mediaset, incentivi di 150€ per il digitale terrestre (per la gioia di mediaset premium), legge sul legittimo sospetto, accorciamento dei tempi di prescrizione, chi più ne ha più ne metta..

Davvero per qualcuno di voi è indifferente tornare a tutto questo, compreso l'essere lo zerbino fedele di Bush?

Personalmente, per ora mi accontento della nuova stagione di vera lotta all'evasione e del decreto bersani che ha già eliminato le tariffe minime degli avvocati, e il divieto di aprire negozi uno accanto all'altro.

Ripeto, niente di eccezionale, ma comunque un netto cambio di tendenza

ilberneri
Inviato: 10/10/2006 9:23  Aggiornato: 10/10/2006 9:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 16/3/2006
Da: Coimbra
Inviati: 238
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
bravo garfim,
condivido.

senza contare che non mi devo più sorbire i vari castelli, fini, storace, alemanno, maroni, gasparri, bondi ecc. che quando aprivano bocca in veste di rappresentati del governo mi facevano venire l'orticaria.

senza contare che non mi devo più sentire i vari pera e casini e le loro cagate cattoliche.

senza poi pensare al pericolo del berlusca presidente della repubblica

meglio questi
anche se non sono un granchè e speriamo di averne di migliori
anzi speriamo di non averne più

"l'utopia esiste, è radicata nello spirito degli uomini.Credo che sempre di più il capitalismo le sue logiche appaiano inutili.Il mio cervello,il mio sapere,i miei desideri non hanno più bisogno di un padrone:io, individuo lavoro nella mia autonomia
ilberneri
Inviato: 10/10/2006 9:38  Aggiornato: 10/10/2006 9:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 16/3/2006
Da: Coimbra
Inviati: 238
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
è si bandit,
la colpa è sempre dei lavoratori,
mai di chi li dirige, che è spesso un inetto e paraculo.
già già

"l'utopia esiste, è radicata nello spirito degli uomini.Credo che sempre di più il capitalismo le sue logiche appaiano inutili.Il mio cervello,il mio sapere,i miei desideri non hanno più bisogno di un padrone:io, individuo lavoro nella mia autonomia
VELENO
Inviato: 10/10/2006 9:41  Aggiornato: 10/10/2006 9:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 73
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Questo governo è la prosecuzione di quello precedente, si veda nelle leggiuccole varate fin’ora, ultimo in arrivo…la “controriforma” della giustizia.
pensare che quando la votò il cdx fecero un casino gridando allo scandalo ed invocando la mobilitazione di piazza…poi una volta arrivati al governo cambiano solo 1 punto su 10 di questa legge e subito dopo la bloccano fino al luglio 2007…sicuramente finirà come nel 96-01 con la legge sul conf.interessi…il nulla assoluto.
potrebbero dircelo subito tranquillamente…”non vi preoccupate, faremo di tutto per mettervela nel c**o, riusciremo a portare vantaggi ai nostri amici., ma soprattutto Agli amici degli amici, con leggi truffe, in barba a voi gonzi che continuate a crede in una politica fatta PER il cittadino” almeno sarebbe più onesto, tanto i voti li prenderebbero ugualmente!!!
Prima dell’elezioni c’era qualcuno che giustamente scriveva sul sito:
“l’elettore diventa importante SOLO 6 mesi prima delle elezioni”
non ci fu frase più azzecata!!!
Saluti

Ps: vorrei far notare come lo sciopero dei giornalisti riesca a coprire sempre le porcherie dei vari governi e amici, vedi appunto la riforma della giustizia, la finanza creativa della finanziaria (questione inps) e la denuncia intrapresa da fininvest a Giuffrida.

ivanvox
Inviato: 10/10/2006 9:48  Aggiornato: 10/10/2006 9:55
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/4/2006
Da:
Inviati: 269
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?

fiammifero
Inviato: 10/10/2006 9:59  Aggiornato: 10/10/2006 9:59
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/2/2005
Da: ROMA
Inviati: 5691
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?



Citazione:
le cose di cui ci sentiamo assolutamente certi non sono mai vere (Oscar Wilde)
bandit
Inviato: 10/10/2006 10:01  Aggiornato: 10/10/2006 10:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/11/2005
Da:
Inviati: 1649
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
"è si bandit,
la colpa è sempre dei lavoratori,
mai di chi li dirige, che è spesso un inetto e paraculo.
già già"
++++++++++
sono i postumi della tua orticaria ?
non ho distribuito colpe, ho indicato uno degli ostacoli. vi sono attività/lavori che non servono più, non sempre è colpa di qualcuno (a volte invece sì ma non ho parlato di questo). se non servono bisogna pensare a come correggere.
fine.
ti ricordo poi che anche i dirigenti sono lavoratori e nel mio commento non ho fatto distinzioni al riguardo.

Anarca
Inviato: 10/10/2006 10:07  Aggiornato: 10/10/2006 10:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 19/7/2006
Da:
Inviati: 41
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
fiammifero...senza parole hai detto tutto...straquoto.

ilberneri
Inviato: 10/10/2006 10:11  Aggiornato: 10/10/2006 10:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 16/3/2006
Da: Coimbra
Inviati: 238
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
ecco bandit,

io una distinzione tra lavoratori e dirigenti la farei. mi sembra ci sia una bella differenza.

Penso soprattutto a report, dove sono sempre i lavoratori "semplici" a spiegarci le cose come stanno e la dirigenza è quella che si arrampica sugli specchi per spiegare le proprie inefficienze.

-----------------------------------------

ringraziamo poi il polo per averci regalato una splendida legge elettorale che ha reso il governo dipendente dal barzottismo di mastella.
ricordo che il governo di dx aveva invece una maggiroanza iperassoluta nelle 2 camere

"l'utopia esiste, è radicata nello spirito degli uomini.Credo che sempre di più il capitalismo le sue logiche appaiano inutili.Il mio cervello,il mio sapere,i miei desideri non hanno più bisogno di un padrone:io, individuo lavoro nella mia autonomia
bandit
Inviato: 10/10/2006 10:16  Aggiornato: 10/10/2006 10:18
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/11/2005
Da:
Inviati: 1649
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
"io una distinzione tra lavoratori e dirigenti la farei. mi sembra ci sia una bella differenza."
+++++++++++
certo che c'è, da molti punti di vista.
non ho fatto la distinzione perchè non necessaria da quel punto di vista, ovvero quello di avere la disponibilità di riconvertirsi a funzioni diverse quando necessario.

ilberneri
Inviato: 10/10/2006 10:41  Aggiornato: 10/10/2006 10:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 16/3/2006
Da: Coimbra
Inviati: 238
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
già,
ma non ho mai visto un dirigente riconvertirsi in qualcosa di diverso.

"l'utopia esiste, è radicata nello spirito degli uomini.Credo che sempre di più il capitalismo le sue logiche appaiano inutili.Il mio cervello,il mio sapere,i miei desideri non hanno più bisogno di un padrone:io, individuo lavoro nella mia autonomia
bandit
Inviato: 10/10/2006 10:56  Aggiornato: 10/10/2006 11:05
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/11/2005
Da:
Inviati: 1649
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
se vuoi possiamo parlare del rapporto dirigenti e non, nel pubblico e nel privato, ma non sono sicuro che c'entri molto col tema.

Ashoka
Inviato: 10/10/2006 11:09  Aggiornato: 10/10/2006 16:14
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Citazione:
Non sarà il governo dei nostri sogni (d'altronde da una coalizione di 12 partiti con dentro mastella e diliberto cosa ti volevi aspettare) ma resta comunque infinitamente migliore del governo precedente che in 5 anni, eccetto legge antifumo e patente a punti, ha pensato esclusivamente agli interessi del suo leader


Questo ragionamento mi fa preoccupare perché ad una ipotetica prossima votazione si riproporrà la solita questione ideologica del “votare questo per non avere l'altro”. E' una spaccatura manichea, puramente ideologica e distorta (il cdx non è liberista così come il csx non è comunista) ed è molto utile per mantenere le cose come stanno.

Non parlo solo di tutelare i privilegi di alcuni ed applicare la redistribuzione del reddito, parola usata sempre in modo puramente propagandistico, attingendo da tutti (o quasi) e destinando ai soliti noti, con la scusa di portare la pace qui, costruire le infrastrutture necessarie là, e così via.

Parlo anche, e soprattutto, della chiusura del sistema politico verso l'emergere di realtà, o anche solo personaggi, nuovi. Ci sono molte persone che, all'interno dell'una ma anche dell'altra coalizione, vorrebbero dare il loro contributo, e non solo per partecipare alla spartizione del furto mi auguro, e che sono bene o male impegnati in diverse alternative.

Hanno spazio costoro per emergere nella realtà politica odierna? No.

Devono farsi tutto il cursus honorum al'interno del partito, raccogliere fondi, finanziarsi la campagna elettorale (almeno in parte) e, dulcis in fundo, sperare di essere inclusi nelle liste del partito.

Accontentandosi quindi della realtà odierna, sulle poltrone continueranno ad esserci i soliti noti ed il voto continuerà ad essere dato “per evitare il peggio”. Ovviamente questo è fatto sperando che in futuro le cose cambino ma quanto sono incentivati i politici a farle cambiare quando questo sarebbe soltanto a loro svantaggio?

Avete sentito parlare di cambiamenti alla legge elettorale in vigore? Anche solo reintroducendo la preferenza del candidato? Nada.

Intanto ve le ricordate le primarie? Secondo voi a cosa sono servite?

Ashoka

hi-speed
Inviato: 10/10/2006 12:56  Aggiornato: 10/10/2006 12:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/12/2004
Da: preda lunga
Inviati: 3211
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Interessante

qui



hi-speed

Cosa Sta Succedendo? Madre, madre Ci sono troppi di voi che piangono Fratello, fratello, fratello Ci sono troppi di voi che stanno morendo Sai che dobbiamo trovare una maniera Per portare un pò di amore qui oggi
Daniele
Inviato: 10/10/2006 16:05  Aggiornato: 10/10/2006 16:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/12/2005
Da: Trentino
Inviati: 128
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Creso che se ci fosse un movimento popolare per far valere le schede bianche come voto ne vedremmo delle belle... (con il rischio comunque che molte non risulterebbero più bianche dopo lo spoglio...)
Quoto in pieno l'ultimo intervento di Ashoka.
Ciao
Daniele

Enrico
Inviato: 10/10/2006 16:15  Aggiornato: 10/10/2006 16:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/1/2006
Da:
Inviati: 873
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Citazione:
Creso che se ci fosse un movimento popolare per far valere le schede bianche come voto ne vedremmo delle belle... (con il rischio comunque che molte non risulterebbero più bianche dopo lo spoglio...)


A tal proposito è molto interessante la lettura di "Saggio sulla lucidità" di Josè Saramago.

illupodeicieli
Inviato: 10/10/2006 21:34  Aggiornato: 10/10/2006 21:34
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/1/2005
Da:
Inviati: 323
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
il governo precedente ha cambiato anche la legge sul fallimento:ma questa interessa poco, è più importante i pacs o altro. quando ci sarebbe da intervenire anche sui "protesti" .
penso che in Italia si viaggia sempre su binari diversi (a livello mentale intendo dire).
progressi,in positivo, a mio parere non ne ho visto.

Confuso
Inviato: 11/10/2006 23:37  Aggiornato: 11/10/2006 23:37
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/9/2006
Da: Milano
Inviati: 36
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
Renato Brunetta ha appena detto di essere figlio di un venditore ambulante. Pensa che Berlusconi sia suo padre.

"basta aggiungere confucio a fine frase per fingere di aver detto una cosa geniale" Confucio
seguro
Inviato: 13/10/2006 12:09  Aggiornato: 13/10/2006 12:09
So tutto
Iscritto: 26/5/2006
Da: roma
Inviati: 30
 Re: Governo Prodi: siamo all’antipasto, o già alla frutta?
E siamo alle solite!!! la domanda che vi pongo è la stessa che pongo da prima delle elezioni "Ma cosa vi aspettavate da Prodi,Visco, Padoa Schioppa(magari),fassino,rutelli e compagnia cantante?
Vi devo ricordare chi sono questi personaggi o ci pensate da soli?
Sveglia ragazzi

Seguro

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA