Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


opinione : Perché l’Occidente merita di morire
Inviato da Redazione il 28/9/2006 1:28:01 (7287 letture)

Perché l’Occidente merita di morire



Si apprende che l’occupante americano ha finanziato nell’Iraq occupato una campagna anti-fumo (1).
Pubblicità televisiva e pacchetti con le note scritte «Il fumo uccide», «Fumare in gravidanza nuoce al bambino»: nel Paese che gli americani hanno coperto di uranio impoverito, che fa nascere feti mostruosi, e ammalare di cancri plurimi famiglie intere.
E dove la truppaglia americana ammazza a casaccio ai posti di blocco, violenta ragazzine in casa, incarcera e tortura in massa, arbitrariamente; dove migliaia di esseri umani vengono trucidati da indecifrabili attentati e milizie private, da una violenza che l’occupante avrebbe il dovere di sedare, e che non vuole controllare affatto.
La notizia non vuole far ridere; al contrario, segnala il parodistico, il grottesco -ossia  il satanico - che reca con sé la civiltà occidentale terminale.
Nessun Oriente è stato mai pari a questo Occidente in ipocrisia omicida.




L’orda di Gengis Khan e Tamerlano massacrò a milioni, ma senza pretendere di preoccuparsi della salute delle sue vittime.
L’America ha speso per la «ricostruzione» dell’Iraq 22 miliardi di dollari: senza riuscire a garantire nemmeno l’elettricità.
I soldi sono finiti nelle tasche dei profittatori amici del regime statunitense, Halliburton in prima fila.
I guerrieri della civiltà superiore hanno lasciato saccheggiare il Museo Nazionale di Baghdad nel 2003, partecipando al saccheggio: «Cose che capitano», commentò Rumsfeld.
Mancano tuttora 14 mila opere d’arte.
In compenso, soldi venivano dati a «consulenti» americani per esperimenti demenziali e falliti: come fornire l’Iraq, che affondava nel sangue, di una Borsa-valori moderna, tipo Wall Street, ovviamente mai aperta.

Milioni di dollari sono stati pagati alle più celebri agenzie di PR per «conquistare i cuorie le menti» degli oppressi, avvelenati e senza luce: tutta una serie di video pubblicitari dove «testimonials» musulmani dicevano il loro amore per l’America, e «testimonials» americani il loro amore per l’Islam.

Ha presieduto a lungo questa operazione-simpatia il giornalista (del Reader’s Digest)  Kenneth Tomlinson, un raccomandato di Karl Rove (lo «spin doctor» di Bush) che lo ha messo a dirigere la Voice of America.
Fino al 30 agosto 2006, quando il raccomandato è finito sotto inchiesta per essersi intascato i fondi stanziati alla bisogna; si è scoperto che questo individuo aveva messo su, dal suo ufficio al Dipartimento di Stato, un business di cavalli da corsa.
Ora a presiedere alla propaganda verso l’Iraq è Karen Hughes, figlia dell’ultimo gestore americano del Canale di Panama, adulatrice di Bush in articoli e video, ciò che le ha valso la carica ministeriale di sottosegretario per la «Public Diplomacy and Public Affaire»: in questa veste, nel 2005, la signora ha intrapreso un giro nel Medio Oriente dove ha impartito lezioni sui diritti delle donne conculcati dalle società arabe maschiliste.
Suscitando più che derisione, sgomento.
I risultati di questi sforzi di relazioni pubbliche sono davanti agli occhi: nel 2003, solo 14 iracheni su 100 sostenevano i ribelli; oggi, 75 su cento.
Ciò risulta da un sondaggio confidenziale del Pentagono.
Perché gli occupanti non hanno mancato di portare agli iracheni anche questa gioia preziosa della modernità occidentale: i sondaggi delle loro opinioni, mentre sono massacrati.
E proprio sulla base di uno di questi sondaggi David Brooks, neocon ed ebreo, editorialista del New York Times, rimprovera gli iracheni per la loro «chiusura mentale». (2)
Il 93 % degli iracheni ritengono che è meglio avere per leader degli uomini anziché delle donne: «La più alta proporzione nel mondo», deplora Brooks, «gli iracheni resistono visceralmente alle riforme sociali».

Vi disturberebbe avere un vicino di casa straniero?, hanno chiesto ineffabili i sondaggisti: chissà perchè, il 90% degli iracheni ha risposto sì, contro solo il 9 % degli americani e il 16 % di ogni altra nazione.

Gli iracheni sono xenofobi, dice Brooks.
E quali sono i valori che vorreste trasmettere ai vostri figli (beninteso se sopravvivono all’uranio impoverito)?
Ebbene: gli iracheni rispondono «l’obbedienza» e «la fede religiosa» in proporzione maggiore rispetto alle altre 80 nazioni sondate.
Lamenta Brooks: troppo pochi iracheni indicano «l’indipendenza» come utile ai loro figli.
Il sondaggio rivela anche che gli iracheni tendono a fidarsi solo dei membri del loro gruppo etnico-religioso - gli sciiti degli sciiti, i curdi dei curdi, i sunniti dei sunniti.
«Questa solidarietà interna al gruppo sociale è senza precedenti, si vede qui l’effetto corrosivo della dittatura di Saddam», commenta Brooks.
Aggiunge il giudeo-con: scandalosamente dopo la «liberazione» gli iracheni, anziché più secolarizzati, sono diventati «più religiosi, in modo sorprendente».
Conclusione di Brooks: «Gli iracheni sono come tartarughe ritiratesi nella loro corazza. Sospettosi verso gli estranei, intolleranti, attaccati ferocemente alla famiglia e alla tradizione».
Questa tirata moralista ovviamente serve a preparare lo scarico di coscienza inevitabile, e radicalmente americano: il disastro è colpa degli iracheni.
Non sono aperti al nuovo

E’ un vero peccato che Benedetto XVI legga più Manuele Paleologo che le notizie d’attualità come queste, che i suoi servizi interni potrebbero fornirgli: sentirebbe l’alito dell’Anticristo dei nostri tempi, che oggi si riconosce meglio sull’informazione quotidiana.
E potrebbe constatare che questo alito ha un odore «cristiano»: vi si sente l’ipocrisia dei devoti protestanti USA, quella dei devoti lettori della Bibbia che vendettero coperte infettate di vaiolo ai pellerossa.
E’ uno stato della coscienza che è quasi impossibile tradurre - self-righteousness, «il sentirsi dalla parte della ragione» - che oggi continua ancor più velenoso nei seguaci dei telepredicatori, nei milioni di «cristiani rinati» che seguono Bush gioiosi nell’Armageddon.
A loro, a questi estremi occidentali che parlano di «Jesus» e agitano la Torah, il Papa potrebbe applicare la parte migliore della sua lezione di Regensburg,e che ha in qualche modo diretto ai musulmani: «Non agire secondo ragione è contrario alla natura di Dio».
E’ a loro, ai cristiani rinati, che va diretto il rimprovero.
A questi occidentali che lanciano campagne anti-fumo nel Paese che hanno condannato alla morte radioattiva, che allestiscono la Borsa sulla loro rovine.
E questo Occidente idiota è inemendabile. Un generale americano di cui non ricordo il nome, quando gli Usa entrarono in Vietnam, rifiutò il consiglio di studiare le strategie militari dei francesi in Indocina: adducendo che i francesi avendo perso, non avevano niente da insegnare agli americani.
Il risultato è agli atti della storia.

Questo Occidente irrazionale, stupido e malvagio merita di morire.

Lo dico a quei lettori che ancora e ancora - offensivamente, infine -mi tacciano di filo-islamismo. Ripercorro alcune delle loro offensive obiezioni.
C’è un piano dell’Islam per convertirci in massa, noi occidentali, e «con la spada».
Non può esserci un «piano», perché non c’è una guida unitaria dell’Islam che lo abbia concepito, anzi non c’è «un» Islam ma tanti, nazionali, in lotta tra loro.
Ma se anche fosse - e certo gli immigrati quando saranno molti e troppi proveranno, loro credenti, a convertire alla loro fede noi kafir - «da che cosa» ci convertiranno?
Non «dal» cristianesimo, non dalla vera fede.
Pretenderanno di convertirci dalle discoteche dove i nostri ragazzi bevono in una sera 300 euro di vodka e le nostre figlie sedicenni «fanno gare di sesso orale» nei cessi (come ha rivelato un’inchiesta de La Padania, giustamente titolata «I nostri figli sono dei mostri»), senza contare le «paste» (pasticche di ecstasys) consumate, e l’Lsd. 
Uno dei «nostri ragazzi» spiega come avviene: una ragazza sconosciuta, nel buio, ti bacia in bocca e ti mette in bocca una «pasta»; la sera dopo la cerchi, e lei non ti bacia più, ti porta dal suo ragazzo spacciatore.
Da questo ci convertiranno gli islamici?
Perderemo queste vette della nostra civiltà?
Ci vieteranno «L’isola dei famosi», la pubblicità sporca e ignobile, la strumentalizzazione sessuale delle donne?
No, per Gesù, dobbiamo lottare: andiamo a morire per la globalizzazione, il Fondo Monetario, il livello dei consumi edonistici da quattro soldi!
E il telefonino, non dimentichiamo!

Ma sento l’altra domanda offensiva di quei miei lettori: Blondet non ammette che l’Islam sia una religione falsa.

Blondet non è cristiano.
Provo, offeso, a rispondere ancora una volta.
Falsa è una religione che chiude i canali della grazia: in questo senso, è radicalmente falso il protestantesimo, il luterano «Sola Scriptura» e «sola fide», fede (self-righteous) senza le opere: pecca fortiter sed crede fortius, come predicava Lutero.
Ancor più falsa la sua ultima incarnazione, il protestantesimo americanista demente e feroce.
Queste sì chiudono i canali di grazia, perdono l’uomo e la sua anima.
E questa religione falsa e omicida, satanica, è «nostra», è «occidentale», si proclama perfino cristiana.
E ne abbiamo anche un’altra, di falsa: la religione pubblica della Shoah, a cui anche il Papa ha bruciato il grano d’incenso.

Quanto all’Islam, non riconosce la divinità di Cristo, né la sua resurrezione.

Come non la riconosce né conosce il buddhismo.
Esiterei a concluderne che per questo chiudano i canali della grazia, vista la testimonianza millenaria di asceti e santi uomini - la cui assenza brilla invece nelle pseudoreligioni luterane, che produce solo ipocriti e Rockefeller.
Sarebbe come dire che Gesù, il Salvatore, inganna e condanna persone che onestamente obbediscono alla fede che hanno conosciuto dai genitori - persone che digiunano, che fanno l’elemosina, che vivono la rinuncia e la generosità.
Ne ho conosciuti.
Non posso credere che la Misericordia li abbia tratti in una trappola eterna.
L’Islam, del resto, non considera la fede cristiana né quella ebraica false: le considera incomplete e corrotte, fedele alla comune radice di Abramo.
Per questo ebrei e cristiani hanno potuto vivere nelle società islamiche per secoli, indisturbati, prima della presente polarizzazione di cui noi occidentali siamo responsabili.
Stranamente, l’Islam è in questo meno «integralista» di molti miei lettori cattolici: cattolici schematici, che estraggono una precettistica di pronto intervento anzichè la ragione consigliata da Papa Benedetto a Regensburg.
A mio parere, questi cattolici con lo shema in testa sorvolano su (ha detto il Papa) «quel Dio che si è mostrato come logos, e come logos ha agito ed agisce pieno di amore in nostro favore».
In quanto credenti nel Dio-logos, siamo obbligati a «pensare», e a pensare anche l’Islam - ora che lo abbiamo a contatto - in modo non schematico.
Come lo ha pensato Dio.

Perché Dio l’ha pensato.

E’ nella Scrittura, nell’episodio in cui Abramo scaccia nel deserto Ismaele, suo figlio legittimo e primogenito, con la sua madre, Agar la schiava.
Un angelo appare ai due, che stanno morendo di sete, e promette a nome di Dio: «Anche di te farò un grande popolo, perché anche tu sei seme di Abramo».
Molti secoli dovevano passare, ma la promessa è stata mantenuta: Maometto e il suo Corano hanno fatto dei discendenti di Ismaele, gli arabi, un grande popolo.
«Tu sarai come onagro nella steppa, le mani tue contro tutti i tuoi fratelli, le mani dei fratelli contro di te».
Destino di guerra perpetua, ostinata, un popolo di testa dura ed ossa forti come l’onagro, l’asino selvatico, che morde.
«A voi è prescritta la guerra, sia che vi piaccia, sia che vi dispiaccia», ripetè Maometto.
Ecco, l’hai detto: la guerra santa è il nucleo dell’Islam, l’Islam ci aggredisce…
Ma questo è cedere alla propaganda, alla «guerra di percezione», che hanno scatenato contro di noi i malvagi occidentali: la propaganda di cui siamo vittime in parte volontarie, perché non ci chiude così totalmente da impedirci di vedere la realtà.
E la realtà è che l’Islam è aggredito.
In questo momento storico, è la sola religione che sia sotto attacco bellico «in quanto religione», da parte delle sataniche armi americane.
Due nazioni sono sotto occupazione militare, una terza - il Libano - è distrutta, altre due - Siria e Iran - sono minacciati ogni giorno, dalla Casa Bianca e da Israele, di bombardamento atomico.
«Ma l’Indonesia ha condannato a morte tre cattolici, nonostante l’appello del Papa».

Vogliamo provare, con la ragione, a metterci per un attimo nei loro panni?

Facciamo un esperimento mentale, come il logos consente: poniamo che un regno cristiano condanni tre musulmani per aver partecipato a disordini e omicidi inter-religiosi; e immaginiamo che il Gran Muftì, o l’ayatollah Kathami (3), ne chieda, ne esiga l’assoluzione non in quanto «innocenti» (non lo sono) ma in quanto «musulmani».
Non protesteremmo?
Non diremmo che questi musulmani integralisti si impicciano degli affari nostri?
Che pretendono di essere esentati dalle nostre leggi? (4)
Gli esercizi mentali potrebbero continuare.
Non so se fino al punto di pensare dell’Islam quel che ogni islamico - se non è in malafede - è tenuto a pensare di noi cristiani: non idolatri, ma popolo del Libro, aderente a una fede forse imperfetta, solo parzialmente vera, ma non falsa.
Forse è troppo, lo so, ma sarebbe un passo avanti.
La storia di Agar e Ismaele però sembra suggerirmi che Dio ha voluto l’Islam, che gli abbia dato una missione.
Che ci sia in questa faccenda di sangue un compito misterioso - tre religioni, ciascuna delle quali ha al centro una pietra sacramentale (la nostra è di carne); ciascuna discendente da Abramo e dalla rivelazione che ricevette - e storicamente nemiche.
C’è qui una volontà di Dio, misteriosa, da comprendere?
Non so.
Ma forse, troppo facilmente pensiamo che Cristo sia cristiano.
Una cosa è certa: che non lo è al modo di Bush e dei suoi pentecostali rinati, self-righteous, che diffondono il vaiolo vendendo coperte a coloro che perseguitano, che dedicano campagne anti-fumo a coloro che sterminano.

Solo il sospetto che i musulmani stiano soffrendo oggi per un compito affidato loro da Dio, che versino il sangue per impedire che la prima «roccia» - la roccia di Abramo, protetta dalla Moschea d’Oro in Gerusalemme - venga profanata dal rinnovato rito ebraico dell’agnello (l’ultimo Agnello è stato sacrificato, per noi) dovrebbe almeno farci esitare nei giudizi di condanna.

Ma anche se rifiutiamo l’idea che i musulmani abbiano un compito - spina e mistero nella storia - non ci basta, come cattolici, che i loro bambini siano ammazzati?
Bruciati col fosforo, senza alcuna pietà, in quanto credenti alla loro fede, da un potere invincibilmente superiore in armi, insensato e stupido e senza scrupoli?
Non ci pare un segnale abbastanza evidente?
Negare loro solidarietà e aiuto, siamo sicuri che sia ciò che Cristo ci ha imposto?

Maurizio Blondet


Note
1) Frank Rich, «Stuff happens again in Baghdad», Herald Tribune, 25 settembre 2005.
2) David Brooks, «The closing of a nation», New York times, 25 settembre 2006.
3) A proposito: pochi sanno, nella civiltà superiore dell’Occidente, che l’ayatollah Kathami è uno studioso di Alexis de Tocqueville, ed ha tradotto in pharsi «La democrazia in America». non si sa perchè non si deve sapere. Israele ci ha addestrato a vedere in ogni musulmano un bruto ignorante e irrazionale, che capisce solo il bastone.
4) Il problema dell’Indonesia non è l’Islam. E’ il problema di un arcipelago di 18 mila isole, abitate da 210 milioni di uomini di centinaia di etnie, religioni e razze diverse, che parlano 300 lingue e che non sono una nazione; tenute insieme con la forza da una casta militare senza scrupoli, che utilizza gli odii razziali e religiosi per mantenere il potere di Giakarta. Così, almeno, dovrebbe riflettere un cattolico se ascoltasse il Papa e usasse la ragione, anziché i clichè della propaganda chiamata giornalismo.

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
roberto__
Inviato: 28/9/2006 2:45  Aggiornato: 28/9/2006 3:09
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/8/2006
Da: FIRENZE
Inviati: 289
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire
bel carattere che avete (riferito a quello della tastiera ;) )

bè comunque confermo che anche su linux si vede bene seguendo le istruzioni della home page

ottimo articolo, veramente, ma veramente deprimente vedere un qualunque telegiornale quando si apprendono queste notizie.

LA GUERRA E' PACE
LA LIBERTA' E' SCHIAVITU'
L'IGNORANZA E' FORZA

1984 - Orwell
_gaia_
Inviato: 28/9/2006 6:44  Aggiornato: 28/9/2006 6:44
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/2/2006
Da:
Inviati: 1460
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire
In velocità...
Citazione:
«Questa solidarietà interna al gruppo sociale è senza precedenti, si vede qui l’effetto corrosivo della dittatura di Saddam»

Toh, una frase che potrebbe stare comoda comoda in bocca a un qualunque mondialista (per es. al nostrano Padoa Schioppa), basta cambiare qualche termine ma il senso è sempre lo stesso:
"Questa solidarietà interna al gruppo sociale è senza precedenti, si vede qui l’effetto corrosivo di decenni di nazionalismo!"
(nel thread Buzzword Bingo maggiori informazioni )

Demon84
Inviato: 28/9/2006 8:21  Aggiornato: 28/9/2006 8:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 224
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire
Citazione:
bel carattere che avete (riferito a quello della tastiera ;) )


Voglio la mappa caratteri di Mazzucco Senomiarrabbioavetecapito?

Citazione:
"Il mio viaggio di scoperte non è ancora finito, sebbene io ormai sia un uomo...più cose conosco meno cose capisco e meno cose capisco più mi sembra di tornare bambino" (Demon's summons 2006)
Satirus
Inviato: 28/9/2006 9:01  Aggiornato: 28/9/2006 9:02
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/4/2006
Da: Luogocomune
Inviati: 511
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire

fab
Inviato: 28/9/2006 9:24  Aggiornato: 28/9/2006 9:24
So tutto
Iscritto: 12/6/2006
Da:
Inviati: 2
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire
Penso che questo articolo tratto dal numero di Diario in edicola in questi giorni sia interessante a capire quanto la distorsione della visione di uno o dell'altro credo sia facile:

L'Islam spiegato a papa Ratzinger

Un esperto americano ha scovato errori e omissioni nel controverso discorso del pontefice a Ratisbona.

Il discorso di papa Benedetto XVI all'Università di Ratisbona, a proposito di islam e jihad, ha provocato una polemica infuocata. Il discorso è molto più complesso e sottile di come la stampa lo ha riportato. Permettemi però di segnalare soltanto la cosa più preoccupante di tutte, e cioé che il papa ha commesso degli errori di fatto sull'islam.
Afferma che il testo citato, la polemica contro l'islam dell'imperatore bizantino, cita il Corano 2.256
“nessuna costrizione nelle cose di fede”. Benedetto sostiene che questo è un verso del primo periodo, quando Maometto era senza potere. La sua considerazione è scorretta. La sura 2 è una sura della Medina, rivelata quando Maometto era già stato nominato capo della città di Yathrb (conosciuta dopo come Medina o “la città” del Profeta). (nel suo discorso a Ratisbona il papa dice “è una delle sure del periodo iniziale, dicono gli esperti, in cui Maometto stesso era ancora senza potere e mincacciato” n.d.r.).
il papa immagina che il giovane Maometto alla Mecca prima del 622 (non avendo potere) concedesse libertà di coscienza e che soltanto dopo abbia ordinato che la sua religione dovesse essere diffusa attraverso la spada. Ma siccome la sura 2 risale al periodo della Medina, quando Maometto aveva già preso il potere, questa teoria fa acqua.
Di fatto il Corano, in nessun punto esorta a imporre la fede religiosa con la forza. Ecco cosa dice a proposito delle religioni, nella sura 2:62: “quelli che credono (nel Corano n.d.r.), quelli che sono Yahud (ebrei, n.d.r.), Nasara (cristiani, nd.r.), Sabei (antico popolo della penisola araba, n.d.r.), quelli che sono fedeli al dio e sperano nel giorno finale, quelli che praticano il bene.. ecco, avranno il premio del Signore: non ci sarà per loro timore né tristezza”.
L'idea della guerra santa o del jihad (che ha a che fare con le difese delle comunità o al massimo con l'introduzione della legge dei musulmani, non con l'imposizione forzosa della fede agli individui) non è neanche una dottrina coranica. Venne elaborata molto dopo, alla frontiera omayyade-bizantina, quando il profeta era morto da lungo tempo. Infatti, nel primo islam era difficile convertirsi, e i cristiani che chiedevano di diventare musulmani venivano respinti. Notoriamente il tiranno dell'Iraq al Hajjaj respingeva gli aspiranti musulmani perché dai non musulmani prendeva tasse più alte. Gli arabi musulmani conquistarono l'Iraq, che era in larga parte pagano, zoroastriano, cristiano ed ebreo. Ma non stavano andando in cerca di convertiti e non stavano tentando di imporre la loro fede.
Il papa tentava di sostenere che la coercizione della coscienza è incompatibile con fede genuina e ragionata. Ha usato l'islam come il simbolo della richiesta coercitiva di una fede irragionevole. Ma è stato fuorviato dalla polemica medioevale da cui è partito. In realtà il Corano esorta alla fede ragionata e proibisce la coercizione religiosa. L'unica violenza incoraggiata dal Corano è l'autodifesa della comunità musulmana contro i tentativi dei pagani della Mecca di spazzarla via.
Il Papa sostiene che nell'islam Dio è così trascendente che è oltre la ragione e perciò non è tenuto ad agire ragionevolmente. Contrappone questa concezione a quella del Dio di Giovanni, dove Dio è Logos, la Ragione intima dell'universo. Ma ci sono state molte scuole di teologia e filosofia islamica. La scuola mutalizia, per esempio, ha sviluppato ciò che il papa va dicendo, ossia che Dio deve agire in conformità alla ragione e al buono così come gli esseri umani li conoscono. L'approccio mutazilita è ancora popolare tra gli zaiditi e gli sciiti seguaci del dodicesimo imam iracheni e iraniani. La scuola di Ashari, invece sosteneva che Dio fosse oltre la ragione umana e perciò non potesse essere giudicato razionalmente (penso che il papa, all'interno della cristianità, potrebbe scoprire che Tertulliano e forse anche Calvino sono più vicini di lui a questa concezione). Il Corano fa costantemente appello alla ragione per la conoscenza di Dio e per la confutazione dell'idolatria ed del paganesimo, e chiede: “Non ragioni?”; “Non comprendi?”. Naturalmente, il cristianesimo stesso ha una storia lunga di imposizione della fede a partire dai pagani del tardo impero romano, che sono stati convertiti con la forza. Poi ci furono le crociate.
Un'atra ironia è che la razionale scolastica cristiana ha un importante retaggio nell'islam stesso. Nel decimo secolo c'era poco scolasticismo nella teologia cristiana. L'influenza dei pensatori musulmani quali Averroè (Ibn Rushd) e Avicenna (Ibn Sina) diede una nuova enfasi all'uso di Aristotele e Platone nella teologia cristiana. Ci fu un momento in cui i teologi cristiani parigini si divisero tra i sostenitori di Averroè o di Avicenna, scatenando vigorose polemiche gli uni contro gli altri.
Per concludere, che dire di quell'imperatore bizantino che il papa ha citato, Manuele II? I bizantini erano stati indeboliti dai saccheggi dei latini durante la quarta crociata. Quindi in un certo senso era stata Roma la prima ad aver cercato la coercizione. E Manuele II concluse i suoi giorni come un vassallo dell'impero ottomano.
Il papa ha avuto torto nei fatti. Dovrebbe chiedere scusa ai musulmani e prendersi consiglieri migliori sui rapporti cristiano-musulmani

(tratto da www.juancole.com Juan Cole è uno storico dell'Università del Michigan, esperto di Medio Oriente e Islam. Il suo blog, Informed comment, è una preziosa fonte di informazione approfondita e ragionata su quello che avviene in Iraq e nel mondo islamico)

Det.Conan
Inviato: 28/9/2006 9:42  Aggiornato: 28/9/2006 9:42
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/6/2006
Da:
Inviati: 1754
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire
Citazione:
Presentiamo qui il diario di viaggio in Cina di Prodi. Lo battezzammo, il giorno prima della partenza, Romao Tse Tung, causa una certa inclinazione a prosternarsi al comunismo sia in casa nostra sia dalle parti di Shangai dove la falce e il martello hanno sparso il sangue di milioni. Ha mantenuto le promesse. Le cronache che proponiamo sono state scritte da un insospettabile dello staff, l'Anonimo Governativo. Non diremo di più sulla sua identità: il Mandarino capo è vendicativo, e non sapremmo dove sistemare il disoccupato.


E poi Libero dice di non avere contatti con i servizi!!!

Det.Conan
Inviato: 28/9/2006 10:03  Aggiornato: 28/9/2006 10:03
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/6/2006
Da:
Inviati: 1754
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire
Dedicato a tutti gli Attivissimi,cavalieri e mosconi:

Un uomo che ha denunciato pubblicamente le polveri tossiche dell'11 Settembre, eroe di ground zero e uno dei responsabili del rilascio di documenti comprovanti l'insabbiamento governativo che mise deliberatamente a rischio la vita di poliziotti, pompieri e soccorritori, è stato assalito da una squadra SWAT [Corpi scelti di polizia spesso usati nei raid anti-terrorismo, la sigla un tempo significava Special Weapons Assault Team ed è poi stata mutata in un più pacifico Special Weapons and Tactics n.d.t.] di New York – che ha messo a soqquadro la sua abitazione per tre ore dopo averlo arrestato.

Il Maggiore Mike McCormack è un tecnico ospedaliero e un pilota da ricognizione civile che ha lavorato a ground zero per otto giorni dopo il crollo delle torri gemelle. E' uno dei veri eroi dell'11 Settembre ed è stato colui che trovò la bandiera Americana che venne poi mostrata come un simbolo di unità alla sommità delle macerie.

Nel giro di ore McCormack stava tossendo muco e dopo alcuni giorni iniziò a tossire sangue dopo che le polveri tossiche che furono deliberatamente insabbiate dall'EPA avvelenarono i suoi polmoni insieme a tutti gli altri soccorritori, poliziotti e pompieri che stavano venendo sfruttati in photo-ops [le opportunità per i personaggi noti per essere fotografati in pubblico, n.d.t.] da Bush e dalla sua cricca mentre le loro stesse esistenze venivano messe a rischio da un insabbiamento governativo.

McCormack soffre ora di un'estrema sensibilità respiratoria, ha un nodulo metallico di 5 millimetri in un polmone ed ha dovuto forzatamente abbandonare la sua passione di immersione subacquea.

McCormack fa parte di una organizzazione che sta facendo pressione sul Congresso per richiedere una risposta dal governo federale in merito all'insabbiamento delle polveri tossiche e solamente il compenso per gli eroi dell'11 Settembre che furono abbandonati dal loro stesso governo mentre l'amministrazione Bush ebbe l'audacia di usare gli attacchi per perseguire una agenda politica prestabilita sfruttando l'unità venutasi a creare dopo gli eventi di quel giorno.

McCormack ora si descrive come un “malato inguaribile” come risultato della “sentenza di morte” che gli fu imposta attraverso l'insabbiamento delle polveri tossiche e crede che sia solo una questione di tempo prima del suo “ultimo sonno,” proprio come è già capitato ad alcuni dei suoi amici che lavorarono insieme a lui a ground zero.

McCormack occupa ora una posizione di rilievo nel settore della sicurezza con il governo federale che al momento preferisce non rendere pubblica. Ha molti amici colpiti dalle polveri tossiche di ground zero, inclusi poliziotti della Città di New York e agenti statali.

McCormack ha partecipato alle cerimonie dell'anniversario l'11 Settembre 2006 ed ha avuto molte strette di mano con numerosi politici per photo-ops, prima di fare ritorno dalla sua famiglia in Pennsylvania quella notte. McCormack è ritornato alla sua casa di New York la mattina dopo per prepararsi ad una nuova visita a ground zero.

La mattina del 12 Settembre, il proprietario dell'abitazione di McCormack aprì la porta e vide fuori una mezza dozzina di detective che iniziarono a fare domande e richiedere di ispezionare l'edificio. I detective non avevano un permesso e necessitavano della firma di McCormack per condurre la perquisizione.

Non avendo niente da nascondere e volendo aiutare la polizia, McCormack firmò il foglio ed i detective entrarono in casa.

“Tre minuti dopo, non appena sto uscendo dal mio ufficio con uno dei detective, vedo arrivare una squadra federale SWAT... uomini vestiti di nero che all'improvviso mi puntano alla testa pistole da 9mm e mitra MP5,” ha dichiarato McCormack all'Alex Jones Show.

A McCormack fu ordinato di abbandonare l'edificio dopo che i membri della squadra SWAT lo insultarono ed iniziarono a mettere a soqquadro la sua abitazione per quasi tre ore “come un ciclone.”

La ragione del raid fu detta essere il risultato di una lamentela che dall'abitazione stesse proveniendo l'odore di sostanze chimiche. McCormack stava praticamente venendo considerato un potenziale terrorista.

McCormack aveva dimenticato per errore nel portabagagli della sua auto prima di ripartire dalla Pennsylvania una pistola scarica legalmente posseduta. Pensando che era in vigore la legge delle “48 ore fuori dallo Stato” [una legge Statale che impone un limite di 48 ore per vendere armi da fuoco allo scopo di controllare precedenti criminali, n.d.t.] pensò di riportare la pistola in Pennsylvania il giorno dopo. Non volendo portarla a ground zero pensò che il posto più tranquillo per lasciarla fosse l'abitazione. La pistola è stata poi scoperta dalla squadra SWAT. Grazie ad una scappatoia imposta per l'occasione McCormack è ora accusato di possesso illegale di arma da fuoco perchè l'ha portata fuori da uno Stato.

“Il detective che mi ha arrestato mi ha detto che aveva veramente visto la mia foto nel New York Newsday lo scorso giovedì – sapeva che ero un eroe di ground zero e che il punto fondamentale è che trovando la pistola scarica – facendo i dovuti conti – e sapendo che la pistola era legale, se egli si fosse comportato come un essere umano ragionevole avrebbe detto “dammi 24 ore e la spedirò nella tua casa in Pennsylvania dove è legale – hai la licenza” ha detto McCormack.

Durante la perquisizione, gli agenti SWAT e i detectives hanno interrogato McCormack riguardo il suo possesso di maschere antigas e tute protettive biochimiche, nonostante questi fossero scorte normali per un individuo nella posizione lavorativa di McCormack e nonostante i diplomi appesi ai muro comprovanti l'addestramento governativo in programmi di disastri biochimici.

La squadra SWAT ha anche accusato McCormack di fabbricare agenti chimici nella sua griglia per il barbecue.

Il padrone di casa di McCormack, che ha messo in discussione il comportamento degli ufficiali durante il raid, è stato “portato alla prigione federale e nessuno lo ha più sentito da allora,” secondo McCormack.

McCormack crede che quella situazione ed il raid siano una diretta reazione al suo attivismo nell'aver partecipato al rilascio dei documenti dell'EPA che hanno provato l'insabbiamento delle polveri tossiche

“Ho detto che devono essere coperti di vergogna... ieri ero visto come un eroe nazionale.. hanno scelto di umiliarmi.. hanno praticamente gettato la mia vita nella toilet per assolutamente nessuna ragione....”, ha detto McCormack – che è ora evitato dai vicini e trattato come un pericoloso criminale, con le autorità locali arrivate al punto di spostare la locazione di una fermata dello scuolabus che era fuori da casa sua.

Un altra ragione per il raid potrebbe essere stata l'aumentata consapevolezza di McCormack degli aspetti che non reggono della storia ufficiale dell'11 Settembre. McCormack ha descritto i commenti delle persone che erano a ground zero quando Bush ha fatto visita nei giorni successivi l'attacco.

“Molti pompieri mi andavano dicendo che sentirono numerose esplosioni secondarie per tutto l'edificio – questi ragazzi sono professionisti con grande esperienza – molti hanno una formazione militare e non sono sciocchi.”

“Chiunque sul pianeta sa che il World Trade Center non è stato solo colpito – è stato totalmente spazzato via,” ha detto McCormack.

McCormack ha sostenuto che circa il 75% dei poliziotti, dei pompieri e dei soccorritori con cui ha parlato personalmente credono ora che ci sia un insabbiamento relativo all'11 Settembre e che molti sono stati minacciati che “se aprono bocca dicono addio alla loro pensione.”

McCormack ha detto che alcuni suoi amici sono anche stati personalmente coinvolti nella costruzione di campi di internamento della FEMA a Washington DC e New York. Il giornalista investigativo Greg Palast è stato accusato di recente per aver “violato infrastrutture” dopo aver ripreso un campo per le vittime di Katrina in Louisiana e una raffineria della Exxon Mobil di Baton Rouge – ora l'accusa è stata fortunatamente ritrattata.

McCormack ha detto che il governo ha “abbandonato” gli eroi dell'11 Settembre e che “quando Alex vi dice che questa è la Germania Nazista, fareste bene a credergli,” descrivendo gli eventi come “parte del nuovo ordine mondiale.”

Mike McCormack apprezza qualsiasi aiuto e supporto legale per combattere l'accusa contro di lui. Il suo numero di casa è 631-886-1622.

Cliccate qui per ascoltare l'intervista di McCormack all'Alex Jones Show.

Paul Joseph Watson
Fonte: http://www.prisonplanet.com/
Link: http://www.prisonplanet.com/articles/september2006/150906whistleblowerraided.htm
15.09.2006

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=2555

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da GOLDSTEIN

Det.Conan
Inviato: 28/9/2006 10:06  Aggiornato: 28/9/2006 10:06
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/6/2006
Da:
Inviati: 1754
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire
Citazione:
sentirebbe l?alito dell?Anticristo dei nostri tempi


Ehi,bada come parli!!!!!!

Io la querelo e lei non puo' fare niente perche' non ha soldi!

LoneWolf58
Inviato: 28/9/2006 10:09  Aggiornato: 28/9/2006 10:09
Sono certo di non sapere
Iscritto: 12/11/2005
Da: Padova
Inviati: 4861
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire
"Negare loro solidarietà e aiuto, siamo sicuri che sia ciò che Cristo ci ha imposto?"

Non so tutto... ma non credo assolutamente che Cristo abbia imposto alcuna cosa ad alcuno...
Caso mai sarà stato chi dice di parlare in suo nome che lo fa...
"Allora Pietro gli si avvicinò e gli disse: «Signore, quante volte dovrò perdonare al mio fratello, se pecca contro di me? Fino a sette volte?». E Gesù gli rispose: «Non ti dico fino a sette, ma fino a settanta volte sette."

La storia, come un'idiota, meccanicamente si ripete. (Paul Morand)
Il problema, però, è che ci sono degli idioti che continuano a credere che la storia non si ripeta. (LoneWolf58)
francesco7
Inviato: 28/9/2006 10:18  Aggiornato: 28/9/2006 10:18
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: Tarentum
Inviati: 886
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire
Se la gerarchia ecclesiastica seguisse alla lettera il Vangelo la Città del Vaticano non esisterebbe più......Gesù nel Vangelo ha detto:"Il mio Regno non è di questo mondo". Vi confesso che da cattolico mi viene il voltastomaco quando in certe trasmissioni televisive appaiono sacerdoti con i gemelli d'oro ai polsi delle camicie.

La mente non è un vaso da riempire ma un legno da far ardere perché s'infuochi il gusto della ricerca e l'amore della verità. (Plutarco)
vernavideo
Inviato: 28/9/2006 11:43  Aggiornato: 28/9/2006 11:43
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/3/2006
Da: Lussemburgo
Inviati: 1200
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire
Ma perche' blondet ce l'ha tanto con il sesso orale praticato dai "ciofani d'oggi"?

Anche se ogni tanto scrive cose guiuste, poi deve sempre condirle con la sua morale cattolica...

Un prete mancato?

Ciao,
Stefano

Ogni critica circostanziata e tecnicamente pertinente sarà utile a tutti per capire meglio i termini della questione
Freeman
Inviato: 28/9/2006 11:47  Aggiornato: 28/9/2006 11:49
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire
Bella la tirata difensiva di Blondet.
Se non fosse però che fa uno slalom spericolato per evitare di coinvolgere il papa e la religione cattolica. Vere e proprie acrobazie logico/lessicali, per tirare in ballo tutti tranne le gerarchie cattoliche, non meno colpevoli delle altre religioni cristiane, rispetto a molte delle accuse mosse loro.
Scoprendosì così molto poco obbiettivo, e togliendo un po' di credibilità all'indignazione delle sue parole.
Suggerisco la lettura dei libri di Yallop, in materia, ottimo antidoto all'ipocrisia filo-cattolica.

My 2 cents, ovviamente.

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Thibault
Inviato: 28/9/2006 11:55  Aggiornato: 28/9/2006 11:55
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: Un mondo folle
Inviati: 343
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire
Scusate la mia ignoranza in tema, ma corregetemi se sbaglio, avevo sentito che la tanto vituperata Jihad non centri una beata mazza con la guerra contro le altre civiltà.
Da quel che ho sentito la Jihad si divide in Grande Jhiad e Piccola Jihad.
La Grande Jihad è la guerra spirituale combattuta all'interno di ogni uomo tra il bene e il male (non molto dissimile da una visione cristiana per altro) mentre la Piccola Jihad impone delle regole e dei limiti nei conflitti tra le persone, e impone di sottostare sempre alla regola della Grande Jihad. Quindi la Piccola Jihad mi suona come una sorta di convezione di Ginevra.
Mi ritengo abbastanza aperto di mentalità ma visto che non ho mai visto un corano e che quello che ho detto è solo quello che mi è stato detto chiedo conferma.

E' una tranquilla notte di regime
Max_Piano
Inviato: 28/9/2006 12:03  Aggiornato: 28/9/2006 12:03
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire
Citazione:
Pretenderanno di convertirci dalle discoteche dove i nostri ragazzi bevono in una sera 300 euro


Come dicono dalle mie parti:
"gente così è meglio caricarla che riempirla!"


Freeman
Inviato: 28/9/2006 12:06  Aggiornato: 28/9/2006 12:11
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire
Citazione:
Ma perche' blondet ce l'ha tanto con il sesso orale praticato dai "ciofani d'oggi"?

Semplificazione grossolana... non ce l'ha con il sesso orale in sé, e credo si capisca benissimo leggendo appena un po' meno che superficialmente quello che ha scritto, e non decontestualizzando.
Diamo a Cesare quel che è di Cesare (le pugnalate?...)

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
Det.Conan
Inviato: 28/9/2006 12:09  Aggiornato: 28/9/2006 12:09
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/6/2006
Da:
Inviati: 1754
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire
Ma Blondet e' contro il sesso orale nei cessi o contro il sesso orale?

vernavideo
Inviato: 28/9/2006 12:14  Aggiornato: 28/9/2006 12:17
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/3/2006
Da: Lussemburgo
Inviati: 1200
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire
Citazione:
Semplificazione grossolana...

Assoutamente!
Il mio pensiero rispecchia esattamente i tuoi 2 cents di prima.

Ciao,
Stefano

Ogni critica circostanziata e tecnicamente pertinente sarà utile a tutti per capire meglio i termini della questione
vernavideo
Inviato: 28/9/2006 12:16  Aggiornato: 28/9/2006 12:16
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/3/2006
Da: Lussemburgo
Inviati: 1200
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire
Citazione:
Come dicono dalle mie parti:
"gente così è meglio caricarla che riempirla!"


Dalle mie parti invece dicono che e' meglio servirla e tenere il bar aperto fino a tardi.

Ciao,
Stefano

Ogni critica circostanziata e tecnicamente pertinente sarà utile a tutti per capire meglio i termini della questione
matelda
Inviato: 28/9/2006 12:39  Aggiornato: 28/9/2006 12:39
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 209
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire
Ciao Thibault,

non ti sbaglia, o almeno non di molto !

In effetti la traduzione corretta di jihad sarebbe "sforzo", e la parola non implica assolutamente il famigerato scontro di civiltà.

per grande jihad si intende lo sforzo interiore, ovvero la lotta con i propri demoni, con le proprie paure eccetera. secondo il Corano questa grande jihad é obbligatoria per tutti gli uomini,(ovvimente anche le donne!), musulmani e non.

per piccolo jihad invece si intende la guerra vera e propria, fisica, che alcuni uomini, e quindi non tutta la popolazione, deve combattere contro i nemici, che non sono necessariamente gli infedeli (ai tempi di maometto poteva anche essere la tribu islamica che viveva accanto a te ma che ti rubava le pecore) . Il piccolo jihad ha tutta una serie di regole assai complesse, ora paragonarlo alla convenzione di ginevra é un po' eccessivo, ma comunque diciamo che é una sorta di "tutela" per evitare massacri e eccessivi spargimenti di sangue.

Tra l'altro nel piccolo jihad non é affatto contemplata la missione suicid, essendo il suicidio nell'islam tanto grave e negativo quanto lo é nel cristianesimo.

E' per questo che non mi convicono Bin Lidan e soci... suonano cosi occidentali le loro parole, il loro islam é esattamente quello che noi ci immaginiamo che sia, e non il vero islam coranico... (tra l'altro i nostri cari organi di informazioni sbagliano anche a dire la parola, perché jihad é maschile, il jihad, non la jihad, ma ovvio, LA jihad... LA guerra santa!!!)

Ciao

m.

Una donna soletta che si gia, danzando e scegliendo fior da fiore, ond'era pinta tutta la sua via...Pg XXVIII
Gozzilla
Inviato: 28/9/2006 12:48  Aggiornato: 28/9/2006 12:48
So tutto
Iscritto: 30/3/2006
Da:
Inviati: 21
 Re: Perché ¬?Occidente merita di morire
Grandissimo articolo di Blondet. Il terrore generale per la supposta “colonizzazione islamica”, che se mai avverrà sarà causata soltanto dalla sterilità della nostra popolazione che teme, figliando, di perdersi i piaceri della nostra società, mi ha sempre fatto ridere.
Prima di tutto perché è l’ideologia di mercato, la nostra vera religione, che sta colonizzando i loro paesi. Inoltre mi chiedo le truppe di quali teocrazie stanno occupando illegalmente paesi occidentali e minacciandone altri. Infine non mi pare di essermi mai accorto di una massiccia campagna di proselitismo messa in atto dai musulmani; a me e alle persone che conosca, nessuno ha mai cercato di convertirci all’Islam, mentre i testimoni di Geova lo fanno ogni giorno.
Non vorremo mica dire i giovani, comportandosi come quelli descritti dal dossier del Padania, hanno abbandonato la morale cristiana perché vanno a scuola con compagni arabi?

Det.Conan
Inviato: 28/9/2006 12:50  Aggiornato: 28/9/2006 12:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/6/2006
Da:
Inviati: 1754
 Re: Perché ¬?Occidente merita di morire
Zucconi spara a zero su Report:

Purtroppo quella diffusa da Report non era un'inchiesta giornalistica, era un collage, un comizio, un montaggio propagandistico di presunte "prove" senza contraddittorion prodotto da chi vuole sostenere la "verità alternativa" e il sinistro complotto dei Bushistas. Mi dispiace davvero molto che una delle poche, superstiti trasmissioni giornalistiche della Rai sia caduta in una trappola cosò grossolana e abbia indotto spettatori in buona fede a caderci. Il "gomblottismo" vende bene, come dimostrò Mentana a Matrix e prima o poi tutti soccombono alla sirena dei numeri.

SirEdward
Inviato: 28/9/2006 13:06  Aggiornato: 28/9/2006 13:06
Mi sento vacillare
Iscritto: 26/6/2006
Da:
Inviati: 611
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire
Citazione:
Non so tutto... ma non credo assolutamente che Cristo abbia imposto alcuna cosa ad alcuno...
Caso mai sarà stato chi dice di parlare in suo nome che lo fa...


quoto LoneWolf58

Tra l'altro, nessuno si è ancora accorto che questo articolo di Blondet è un pappone estremista? è scritto da una persona che categorizza "l'occidente" e "l'islam", i "protestanti", i "cattolici", i "giovani", gli "iracheni".

Ma il modno non è fatto di "americani" e "iracheni", da "occidentali" e "islamici"; il mondo è fatto di persone, e le persone si comportano tutte secondo gli stessi comportamenti di base.

Gli scontri tra i "popoli" nascono proprio da chi attribuisce ad un Dio, ad una religione, ad una ideologia, delle costrizioni, degli obblighi, delle necessità che in realtà gli uomini non hanno se non nel loro piccolo, chiuso schema mentale fatto solo di loro stessi e delle loro paure, convenienze, voglie.

Gli uomini non sono diversi da una parte all'altra del mondo. Gli uomini sono quelli che si preoccupano dei poveracci che rimangono sotto le bombe all'uranio o al fosforo. E se non sbaglio ce ne sono anche nell'"occidente" che deve morire. Almeno è quello che sembra...

Così come nello stesso Islam che Blondet sembra teorizzare come "purificatore" e "difensore della giustizia" sono presenti i matti che si divertono a decapitare al gente.

e la cosa più interessante è che queste divisioni "bianco-nero", semplicistiche e pigre, sono fatte per lo più proprio da quelle stesse persone che Blondet rimprovera così tanto: dalle cricche estremistiche cristiane e islamiche, dai poteri forti, da chi nasconde il proprio tornaconto dietro ad un fiume di parole e di denaro.

Perché Blondet, che accusa i vari Bush, compie lo stesso errore semplicistico che commettono le persone che sta accusando?

-------------------

Inoltre, Blondet sta teorizzando un Dio malvagio, capace di prendere lgi uomini e di metterli uno contro l'altro a difesa di qualche cazzata. Un Dio che, fingendosi pace e giustizia, da millenni ha progettato stragi di milioni di persone, morte per difendere delle fedi intrinsecamente distorte e false. Un dio che definire padre è una bestemmia. Un dio che sembra più quello che nella tradizione cristiana viene chiamato diavolo.

A questo punto abbiamo due scelte: o crediamo a Blondet, e lasciamo perdere Dio e tutti i suoi cascami di falsità e di inganno, le sue schifezze, le sue false verità da difendere e lottiamo per andare tutti avanti insieme senza il giogo delle sue bugie, oppure crediamo alla vita, agli uomini, alla loro natura, alla realtà che tutti i giorni ci si mostra, chiara come il sole per la semplicità con cui è esposta e osticamente criptica per le risicate capacità delle nostre menti. Evitiamo i pregiudizi e i valori di comodo e scopriamo che forse sì, forse davvero in qualche luogo esiste un Dio che può avere davvero creato tutto questo senza alcuna predestinazione alle guerre e alle mattanze, con un disegno molto più complesso e a lungo termine che non una acritica e atemporale arena di buffoni tragici.

tommy79
Inviato: 28/9/2006 13:45  Aggiornato: 28/9/2006 13:45
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/6/2004
Da:
Inviati: 1131
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire
Scusate, il signor Blondet che discoteche frequenta? Sapete....mi piacerebbe farci un salto, visto quello che fanno le signorine!!

taz
Inviato: 28/9/2006 13:53  Aggiornato: 28/9/2006 13:53
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 58
 Re: Perché ¬?Occidente merita di morire
lo scrivo anche qui anche se e´ OT.
andate su arcoiris.it.
deaglio fa una tristezza assurda.
cito il titolo IL COMPLOTTO DELL'11/9?UNA BOIATA PAZZESCA.
andrebbe punito
Ciao a tutti

Bimbodeoro
Inviato: 28/9/2006 13:55  Aggiornato: 28/9/2006 13:55
Mi sento vacillare
Iscritto: 6/6/2006
Da: Amicoland
Inviati: 388
 Re: Perché ¬?Occidente merita di morire
Ma chi è Deaglio?

"Non è il popolo che deve aver paura del proprio governo, ma è il governo che deve avere paura del proprio POPOLO."

"Sotto questa maschera non c'è solo carne, sotto questa maschera c'è un idea e le idee sono a prova di proiettile."
Det.Conan
Inviato: 28/9/2006 13:58  Aggiornato: 28/9/2006 13:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/6/2006
Da:
Inviati: 1754
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire
Blondet-mode on

Tommy sei solo un anticattolico protestante liberista dei miei stivali!!!!
Come ti permetti di dire certe cose,perche' non ti vai a leggere Gesell,cosi' impari qualcosa di interessante!!!!
Il tuo pensiero mi ricorda quello di Leo Strauss,stessa scuola,eh?
Anche tu non hai capito il discorso del Papa,inoltre non ti ci vedo la domenica a sorbirti la messa in latino!!!
Cerca di imparare qualcosa,occidentale malvagio che non sei altro!!!
Viva Gengis Khan,viva Tamerlano!!!

Blondet-mode off


taz
Inviato: 28/9/2006 14:00  Aggiornato: 28/9/2006 14:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 58
 Re: Perché ¬?Occidente merita di morire
x Bimbodeoro

bella domanda!
a giudicare dall'inchiesta e dal giornale direi....un Giornalista?
cmq e´ famoso.mi pare abbia anche fatto un film inchiesta su berlusconi.

Cassandra
Inviato: 28/9/2006 14:42  Aggiornato: 28/9/2006 14:44
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/5/2006
Da:
Inviati: 1551
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire
Citazione:
Così come nello stesso Islam (...) sono presenti i matti che si divertono a decapitare al gente.


Io non sarei così sicura che siano islamici quelli che decapitano la gente...

PS Ma veramente non sapete chi è Deaglio? Mazzu, io comicerei a mettere un filtro per chi si iscrive a Luogocomune... che so, una serie di domandine basic in stile domanda di permesso di soggiorno...

"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)
Santaruina
Inviato: 28/9/2006 14:43  Aggiornato: 28/9/2006 14:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 13/10/2004
Da: Sud Europa
Inviati: 5123
 Re: Perché ¬?Occidente merita di morire
Trovo questo articolo di Blondet molto acuto.
Davanti ad una analisi del genere, le argomentazioni con cui ci hanno abituato i media mainstream dimostrano tutta la loro miseria.

La verita’ e’ che la maggior parte degli occidentali non ha la minima idea di cosa sia il “mondo musulmano”, senza contare il fatto che un “mondo musulmano” per come ci viene presentato nemmeno esiste.

La disinformazione ha ormai raggiunto il suo obbiettivo, scatenare quello “scontro di civilta’” a cui i soliti amici di sempre lavorano da molto tempo.

Matelda ha inoltre colto un aspetto essenziale: l’islam che ci viene presentato giorno dopo giorno dai telegiornali e’ molto “occidentale”, non e’ altro che la rappresentazione distorta dell’immaginario occidentale.

Gli islamici sempre con il turbante in testa, che parlano da mattina a sera del grande satana occidentale, che invocano il martirio, selvaggi, sempre pronti a scendere in strada a bruciare fantocci e bandiere.

Tutto cio’ non e’ falso, ma e’ una infinitesima parte della realta’, spacciata per la realta’ nel suo complesso.

Sarebbe come nel descrivere un elefante dire che e’ freddo, duro, appuntito, ricurvo.
La sua zanna e’ cosi’, ma l’elefante e’ ben altro della sua zanna.
Lo stesso accade con l’islam.

Blessed be

-o- Ama e fa' ciò che vuoi -o-
vernavideo
Inviato: 28/9/2006 14:55  Aggiornato: 28/9/2006 14:55
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/3/2006
Da: Lussemburgo
Inviati: 1200
 Re: Perché ¬?Occidente merita di morire
Citazione:
Trovo questo articolo di Blondet molto acuto


Vero, peccato solo che lo abbia scritto blondet, tralasciando completamente le colpe della chiesa cattolica, come quelle che a suo tempo ebbe nella perseguizione degli ebrei.
Fateci caso: i piu' convinti antimussulmamni sono prorpio quelli che vanno regolarmente in chiesa.....

Ciao,
Stefano

Ogni critica circostanziata e tecnicamente pertinente sarà utile a tutti per capire meglio i termini della questione
taz
Inviato: 28/9/2006 15:05  Aggiornato: 28/9/2006 15:06
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 58
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire
x cassandra

effettivamente devo ammettere di non conoscere perfettamente il curriculum vitea di deaglio,ma dal poco che ho visto negli ultimi giorni deve essere caduto un po' in basso come giornalista,non trovi?
da quello che dice nel video la sua inchiestona e´ basata su prove assolutamente inattaccabili .

per quanto riguarda il filtro sarebbe contrario alle piu normali regole della nostra evoluta democrazia occidentale (cosi´ non sono del tutto OT )
ciao

ptimolla
Inviato: 28/9/2006 15:10  Aggiornato: 28/9/2006 15:10
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/7/2006
Da: Taranto
Inviati: 353
 Re: Perché ¬?Occidente merita di morire
IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ROMANO PRODI,
IN DIRETTA SU RAI 3.

OPPURE SU http://www.camera.it/

Legge di Murphy sulla ricerca
Una ricerca abbastanza lunga tendera' a confermare ogni teoria.


Legge di Maier
Se i dati non corrispondono alla teoria, vanno eliminati.
Santaruina
Inviato: 28/9/2006 15:11  Aggiornato: 28/9/2006 15:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 13/10/2004
Da: Sud Europa
Inviati: 5123
 Re: Perché ¬?Occidente merita di morire
Ciao Vernavideo

forse è un po' eccessivo pretendere che ogni volta che un "cattolico" che scrive un articolo debba fare anche un mea culpa per le colpe della sua chiesa di qualche centinaio di anni fa.

Inoltre, Blondet, nonostante sia cattolico, non ha mai lesinato critiche al vaticano.
Non a caso è stato licenziato dall'avvenire per volontà di ruini in persona.

Fateci caso: i piu' convinti antimussulmamni sono prorpio quelli che vanno regolarmente in chiesa.....

Se ci fai caso, questo splendido articolo che tenta di descrivere l'Islam per quello che è togliendoli gli stereotipi a cui la stampa mainstram ci ha abituato è scritto da un "cattolico".

Perchè a quanto pare, di "cattolici" ce ne sono tanti, e anche diversi tra loro.
Non bisogna mai generalizzare.

Blessed be

-o- Ama e fa' ciò che vuoi -o-
ptimolla
Inviato: 28/9/2006 15:16  Aggiornato: 28/9/2006 15:16
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/7/2006
Da: Taranto
Inviati: 353
 Re: Perché ¬?Occidente merita di morire
GUARDETE I NOSTRI DIPENDENTI...

ESEMPIO DI RAPPRESENTANZA DEMOCRATICA ULTRAPAGATA

NEANCHE I CANI RANDAGI CHE GIRANO DI NOTTE NELLE STRADE A ROVISTARE NEI RIFIUTI SONO ORGOGLIOSI DI LORO !!!

Legge di Murphy sulla ricerca
Una ricerca abbastanza lunga tendera' a confermare ogni teoria.


Legge di Maier
Se i dati non corrispondono alla teoria, vanno eliminati.
Forgil
Inviato: 28/9/2006 15:54  Aggiornato: 28/9/2006 15:55
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/8/2006
Da: Villa Bacilla
Inviati: 211
 Re: Perché ¬?Occidente merita di morire
Riguardo alla tortura in Iraq...

Oggi i morti in Iraq non sono piu' notizia, ci limitiamo ad ascoltare distrattamente la conta giornaliera. Eppure la situazione sta degenerando a tal punto che molti ormai pensano che era meglio con Saddam...
A questo link:
www.osservatorioiraq.it/modules/wfsection/article.php?articleid=3049
Un articolo che spiega come oggi e' impossibile anche solo farsi curare.
Di seguito Un articolo su dati delle Nazioni Unite.

Da www.megachip.info


Il nuovo terrore avanza in Iraq


La repubblica della paura è rinata. Lo stato di terrore che attanaglia ora l'Iraq è tanto forte come lo era sotto Saddam Hussein. Ieri l'investigatore speciale sulla tortura delle Nazioni Unite ha detto che la tortura nel paese può essere persino peggiore di come era durante il suo regime.
“La situazione riguardo alla tortura ora in Iraq è completamente fuori da ogni controllo,” ha dichiarato Manfred Nowak. “La situazione è talmente critica che molti sostengono che è peggiore di come era ai tempi di Saddam Hussein.”


Il rapporto, redatto da un imparziale funzionario senior dell'Onu, è in stridente contrasto con le speranze di Gorge Bush e di Tony Blair, quando nel 2003 promisero di portare la democrazia e il rispetto dei diritti umani al popolo iracheno. Le brutali torture commesse nelle prigioni del regime rovesciato nel 2003 sono attualmente emulate e superate nei centri di detenzione del governo iracheno appoggiato dal presidente Usa e dalla Gran Bretagna. “I corpi dei detenuti mostrano segni di maltrattamenti effettuati utilizzando cavi elettrici, ferite in differenti parti del loro corpo, comprese la testa e i genitali, ossa rotte nelle gambe e nelle mani, bruciature elettriche e di sigaretta,” afferma in un nuovo rapporto l'ufficio dei diritti umani della Missione di Assistenza Onu in Iraq.


Gli orrori della camera delle torture che hanno portato l'Iraq di Saddam Hussein ad essere etichettato “La repubblica della paura”, dal libro di Kanan Makiya così intitolato, sono nuovamente tornati una realtà. I corpi nell'obitorio di Baghdad “spesso portano i segni di atroci torture tra cui ferite causate dall'acido e bruciature ad opera di sostanze chimiche, zone del corpo in cui manca la pelle, ossa rotte (schiena, mani e gambe), corpi senza occhi e ferite causate dal trapano a motore o da chiodi”, dice il rapporto dell'Onu. Coloro che non sono uccisi da tali abusi sono uccisi da un proiettile alla testa.


I gruppi per i diritti umani dicono che la tortura è praticata sia nelle prigioni gestite dagli Usa che in quelle gestite dai ministeri degli Interni e della Difesa e dalle numerose milizie sunnite e sciite.


Il dilagante uso della tortura è soltanto un aspetto del profondo sfacelo del governo nel territorio iracheno al di fuori delle tre province curde del nord. Secondo l'Onu nei soli mesi di luglio e agosto sono stati uccisi 6.599 civili.


Un maggiore dell'esercito Usa ha detto che Baghdad attualmente è un mondo hobbesiano dove tutti sono in guerra con tutti è l'unica protezione è l'auto-protezione.


L'Iraq è in uno stato di anarchia primitiva. Paradossalmente il collasso definitivo della sicurezza di questa estate rimane nascosto al mondo esterno perché il paese è troppo pericoloso e ciò impedisce ai giornalisti di denunciare cosa sta avvenendo. Dalla caduta di Saddam Hussein nel 2003, sono stati uccisi circa 134 giornalisti, la maggior parte dei quali iracheni.


Il continuo aumento del numero dei civili uccisi violentemente sottolinea il fallimento del nuovo governo iracheno del Primo Ministro Nouri al-Maliki insediatosi a maggio dopo le intense pressioni statunitensi e britanniche. Il nuovo governo non mostra di essere più efficace del vecchio. “È soltanto un governo della Zona Verde,” ha affermato un funzionario iracheno, riferendosi all'area fortificata nel centro di Baghdad che ospita il governo iracheno, l'ambasciata statunitense e quella britannica.


Nel tentativo di riprendere il controllo della capitale e di ridurre la violenza settaria, a metà del mese di luglio il governo e l'esercito statunitense hanno varato l' “Operazione Avanti Insieme”, ma sembra che essa abbia avuto soltanto un impatto marginale per un paio di settimane. Il numero di civili uccisi a luglio ammontava a 3.590 ed è sceso a 3.009 ad agosto, ma ha ripreso nuovamente a crescere alla fine del mese.


Il rapporto Onu bimensile sull'Iraq è quasi l'unica indagine neutrale e obiettiva sulle condizioni del paese. Il vero numero di civili uccisi in Iraq è probabilmente molto superiore perché, al di fuori di Baghdad, le morti non sono registrate. Per esempio il Ministero della Salute sostiene che a luglio non c'è stata nessuna morte violenta nella provincia di al-Anbar nell'Iraq occidentale, tradizionalmente la regione più violenta, ma probabilmente questo vuol dire che la violenza è stata così intensa che non è stato possibile ottenere dagli ospedali il numero delle vittime.


In Iraq nessuno è al sicuro. Gli autobus e le macchine vengono fermate ai posti di blocco e i sunniti e gli sciiti sono uccisi dopo un'occhiata alle loro carte d'identità. Molti ora portano con sé due tipi di documenti di identità, uno sciita e uno sunnita. Una targa automobilistica sunnita può essere sufficiente per uccidere un automobilista in un quartiere sciita. La guerra civile settaria dilaga a Baghdad e nel centro dell'Iraq. Le processioni religiose subiscono frequenti attacchi. Il 19 e il 20 agosto un pellegrinaggio religioso sciita è stato attaccato con una violenza tale da fare registrare 20 morti e 300 feriti.


Lo stato iracheno e gran parte della società sono stati criminalizzati. Gruppi di banditi sono spesso descritti nella televisione di stato “con addosso uniformi della polizia”. Un ministro iracheno rideva quando ha dichiarato a The Independent: “Certo che indossano uniformi della polizia. Sono poliziotti veri.”


Il 31 luglio, per esempio, uomini armati che indossavano l'uniforme della polizia e guidavano 15 veicoli della polizia hanno rapito 26 persone in una zona di Baghdad chiamata Arasat, che un tempo ospitava molti tra i migliori ristoranti della città. Banditi con uniformi della polizia hanno inoltre rapito il capo del Comitato Olimpico Iracheno, Ammar Jabbar al-Saadi, insieme ad altre 12 persone, nel centro di Baghdad. Sono state avanzate delle richieste di riscatto. Le truppe Usa hanno concentrato i loro sospetti sulla squadra anticrimine della polizia di Baghdad e hanno preso d'assalto il suo quartier generale per cercare, invano, le vittime del sequestro nel suo seminterrato.


In Iraq ha spesso generato divertimento e allo stesso tempo sdegno il fatto che i ministri viaggino all'estero per tenere conferenze stampa in cui affermano che l'insurrezione è ormai in ginocchio. Un ex ministro ha dichiarato: “Conosco ministri che non sono mai stati nei loro ministeri ma mandano là i loro funzionari affinché prendano i documenti e li portino nella Zona Verde dove loro li firmano.”


Al di là della Zona Verde, l'Iraq è sprofondato in un'anarchia omicida. Questo mese per molti giorni, la strada principale che collega Baghdad e Bassora è rimasta chiusa perché due famiglie erano in guerra per il possesso di un campo petrolifero.


I ministri del governo sono sia sciiti che sunniti. Questo mese a Baghdad una troupe televisiva che filmava un obitorio è stata costretta a ripararsi dietro a un muro perché era in corso una sparatoria tra le guardie sciite e quelle sannite del vicino Ministero dell'Elettricità.


Allora… e adesso


1998 “La Commissione per i Diritti Umani ha riscontrato… gravi e notevoli violazioni dei diritti umani e della legge umanitaria internazionale ad opera del Governo dell'Iraq… centinaia di esecuzioni, alcune delle quali avrebbero potuto essere esecuzioni extragiudiziali… La tortura e i maltrattamenti continuavano ad essere ampiamente diffusi.”


2006 “La situazione inerente alla tortura sfugge ad ogni controllo… molti sostengono che è peggio di quanto fosse ai tempi di Saddam Hussein. Si possono trovare corpi con seri e gravi segni di tortura.”


1998 A luglio un gruppo di sei persone, tra cui una donna, sono stati condannati a morte per impiccagione con l'accusa di prostituzione organizzata, coinvolgimento nella tratta delle bianche e contrabbando di alcool in Arabia Saudita.


2006 Il 7 settembre, le autorità irachene hanno annunciato l'esecuzione per impiccagione nella prigione di Abu Ghraib di 27 prigionieri, tra cui una donna, condannati per terrorismo e reati penali. Si tratta della prima esecuzione di massa dal regime di Saddam Hussein.


di Patrick Cockburn
da The Independent
traduzione per Megachip di Eleonora Iacono

"Le uniche idee a cui abbiamo diritto sono quelle che mettiamo in pratica" informazione alternativa peacereporter
shevek
Inviato: 28/9/2006 16:04  Aggiornato: 28/9/2006 16:04
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/4/2005
Da: Napoli
Inviati: 1249
 Re: Perché ¬?Occidente merita di morire
Salut y Libertad a todos...


L'articolo di Blondet, anche condividendone alcune pars destruens nei confronti dell'amministrazione americana, mi pare correre il rischio di un'eccessiva semplificazione: i "cattolici", i "protestanti", gli "islamici", gli "ebrei", ecc. Una tale impostazione, credo, corre il rischio di appoggiare la logica dello "scontro di civiltà", semplicemente invertendo i termini valutativi dell'una o dell'altra.

Sono invece convintissimo che tale logica sia funzionale al potere e che andrebbe depotenziata il più possibile. Per far ciò, occorre dire a chiare lettere che in tutte le nazioni esistono i potenti ed i senza potere, i ricchi ed i poveri, e che occorre che quest'ultimi si alleino tra di loro, mandando a quel paese i padroni della terra locali e non.

Da questo punto di vista, sono stato molto contento dell'intervista di Mazzucco alla radio iraniana: certo, ci sarà chi ne approfitterà per dipingerci come filoislamici, ma è un primo tentativo, dopo la traduzione in arabo di Confronting the Evidence, di contatto diretto con le masse arabe, nella speranza che capiscano che "gli occidentali" non esistono e che i popoli che vivono nei paesi maggiormente industrializzati non condividono le scelte guerrafondaie dei loro governi e che ne sono a loro volta vittime.


Shevek

"Il potere è l'immondizia nella storia degli umani" - F. Guccini
www.portadimassa.net - WEB-TV e non solo di Filosofia
Forgil
Inviato: 28/9/2006 16:08  Aggiornato: 28/9/2006 16:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/8/2006
Da: Villa Bacilla
Inviati: 211
 Re: Perché l’Occidente merita di morire
Citazione:
Ma anche se rifiutiamo l’idea che i musulmani abbiano un compito - spina e mistero nella storia - non ci basta, come cattolici, che i loro bambini siano ammazzati?


Giusto.Ma non scordiamoci che la cattolicissima Italia è quella che permette alle leggi diplomatiche di rimandare una bambina che ha trovato una famiglia in un orfanatrofio Bielorusso,che permette che i genitori (perchè tali vanno considerati) siano incriminati di sottrazione di minore...

"Le uniche idee a cui abbiamo diritto sono quelle che mettiamo in pratica" informazione alternativa peacereporter
Beta
Inviato: 28/9/2006 16:18  Aggiornato: 28/9/2006 16:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/7/2005
Da:
Inviati: 230
 Re: Perché ¬?Occidente merita di morire
Citazione:
andate su arcoiris.it.
deaglio fa una tristezza assurda.
cito il titolo IL COMPLOTTO DELL'11/9?UNA BOIATA PAZZESCA.
andrebbe punito


Speriamo che sia punito da un vertiginoso e rapido calo delle tirature.
Che schifo... Massimo, non è che era forse proprio "Diario", quella famosa rivista "di sinistra" che si era tirata indietro un anno fa?! Eh eh..
... come si diceva una volta: "dagli amici ti guardi Iddio"...!

vernavideo
Inviato: 28/9/2006 16:24  Aggiornato: 28/9/2006 16:29
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/3/2006
Da: Lussemburgo
Inviati: 1200
 Re: Perché ¬?Occidente merita di morire
Ciao Santaruina
Citazione:

forse è un po' eccessivo pretendere che ogni volta che un "cattolico" che scrive un articolo debba fare anche un mea culpa per le colpe della sua chiesa di qualche centinaio di anni fa.

Io veramente mi riferivo alle colpe odierne della chiesa cattolica, come ad esempio quella del papa di aver rimosso l'esperto vaticano dell' islam michael fizgerard (presidente della commissione per il dialogo interreligioso) per esiliarlo come nunzio apolstolico in egitto. Oppure la "finta" gaffe di qualche giorno fa' quando cito la frase di manuele II (Se proprio voleva dimostrare che la fede non si propaga con la spada, di esempi "occidentali ne trovava a iosa, non vi pare?).
Di esempi del genere ce ne sono a bizzeffe, e, con tutto il rispetto per i cattolici, credo che il vaticano stia attivamente contribuendo a creare lo "scontro di civilta" che a parole dice di respingere, per contrastare l'espansione dell'islam (si pensi alla cecenia e ai molti stati africani da poco convertiti all'islam).
Citazione:

Perchè a quanto pare, di "cattolici" ce ne sono tanti, e anche diversi tra loro.
Non bisogna mai generalizzare.

Sono d'accordo al 100% (come per i mussulmani, daltronde)

Ciao,
Stefano

Ogni critica circostanziata e tecnicamente pertinente sarà utile a tutti per capire meglio i termini della questione
Freeman
Inviato: 28/9/2006 16:49  Aggiornato: 28/9/2006 16:53
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Perché ¬?Occidente merita di morire
Citazione:
forse è un po' eccessivo pretendere che ogni volta che un "cattolico" che scrive un articolo debba fare anche un mea culpa per le colpe della sua chiesa di qualche centinaio di anni fa.

Certo, ma è un po' diverso dallo scrivere in punta di penna, evitando accuratamente di calpestare qualche "cacca" cattolica.
Il miope e meschino integralismo "cristiano" che Blondet attribuisce ai "protestanti" (e già generalizzare...), in realtà potrebbe essere pari pari addossato a tanti gruppi cattolici di oggi (e senza scomodarsi ad andare troppo lontano).
La sola questione dello IOR, affossata da Wojtyla ed ignorata anche dal suo successore, basterebbe come esempio di ipocrisia di una chiesa cattolica moderna, che alla fin fine vive di e per il secolarismo nelle sue alte sfere, e che è troppo vicina a certi ambienti "neocon" (o almeno i suoi "capi" lo sono), per poter giocare a fare la verginella.
Per questo Blondet non è credibile quando si mette a sputare bile sul neoconservatorismo di matrice "cristiana protestante", ignorando la trave che alberga in vaticano.
E se te lo dice un "ammiratore" di San Pio (non ho scritto "devoto" per ovvi motivi)...

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
bandit
Inviato: 28/9/2006 16:56  Aggiornato: 28/9/2006 17:05
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/11/2005
Da:
Inviati: 1649
 Re: Perché ¬?Occidente merita di morire
"Ma se anche fosse - e certo gli immigrati quando saranno molti e troppi proveranno, loro credenti, a convertire alla loro fede noi kafir - �da che cosa� ci convertiranno?
Non �dal� cristianesimo, non dalla vera fede.
Pretenderanno di convertirci dalle discoteche dove i nostri ragazzi bevono in una sera 300 euro di vodka e le nostre figlie sedicenni �fanno gare di sesso orale� nei cessi (come ha rivelato un�inchiesta de La Padania, giustamente titolata �I nostri figli sono dei mostri�), senza contare le �paste� (pasticche di ecstasys) consumate, e l�Lsd.
Uno dei �nostri ragazzi� spiega come avviene: una ragazza sconosciuta, nel buio, ti bacia in bocca e ti mette in bocca una �pasta�; la sera dopo la cerchi, e lei non ti bacia pi�, ti porta dal suo ragazzo spacciatore.
Da questo ci convertiranno gli islamici?
Perderemo queste vette della nostra civilt�?
Ci vieteranno �L�isola dei famosi�, la pubblicit� sporca e ignobile, la strumentalizzazione sessuale delle donne?"
+++++++++++++++++++++++++
e che razza di argomenti sono questi ? dico, ma che razza di argomenti sono mai questi ?
sinceramente non mi aspettavo una tale superficialità di analisi.
a questo punto se dico che NON SI VIETA UN BEL CAZZO DI NIENTE, non credo di abbassare un gran chè il livello.

vernavideo
Inviato: 28/9/2006 17:22  Aggiornato: 28/9/2006 17:47
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/3/2006
Da: Lussemburgo
Inviati: 1200
 Re: Perchè l'Occidente merita di morire
Dicci la verita' bandit, a cosa non potresti rinuncuiare:
a) i pompini
b) la "pasta"
c) l'lsd
d) l'isola dei famosi

Ciao,
Stefano

Ogni critica circostanziata e tecnicamente pertinente sarà utile a tutti per capire meglio i termini della questione
bandit
Inviato: 28/9/2006 17:45  Aggiornato: 28/9/2006 17:48
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/11/2005
Da:
Inviati: 1649
 Re: Perchè l'Occidente merita di morire
Verna, direi cha a parte a) [possibilmente non nei bagni di una discoteca], le altre sono tutte idiozie, ma ciò a cui non rinuncerei mai è l'idea che chi la pensi e si comporti diversamente, senza ledere i miei diritti, non vada per questo preso a sassate in faccia.

vernavideo
Inviato: 28/9/2006 17:51  Aggiornato: 28/9/2006 17:51
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/3/2006
Da: Lussemburgo
Inviati: 1200
 Re: Perchè l'Occidente merita di morire
Bandit,
Avevo/amo capito.
Era solo una battuta, rilassati......prendi una "pasta"......

P.S.
Se ti sei scandalizzato per quello che hai citato prima, prova a leggere quello che pensa blondet di aborto e eutanasia....

Ciao,
Stefano

Ogni critica circostanziata e tecnicamente pertinente sarà utile a tutti per capire meglio i termini della questione
nike
Inviato: 28/9/2006 18:01  Aggiornato: 28/9/2006 18:03
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/3/2006
Da:
Inviati: 845
 Re: Perché ¬?Occidente merita di morire
Maurizio Blondet mi ricorda Sigmund Freud . Non chiedetemi perchè....(?)

Lo leggo tutti i giorni! Ed è come una droga, non riesco a non leggerlo tutti i giorni.

E' un grande!
Bisogna però comprendere il genio che è in lui.
Non sto scherzando!

Ci vogliono anni di "terapia" per dargli una chanche :

Un grande professionista.

Ricordiamoci però di : .."lasciar fluire l'anima".. quando lo leggiamo!

"Cristo è il nostro salvatore".. almeno così ci hanno insegnato..

L'articolo è pregnante: bisogna sapere però, (attenzione!) interpretare i segni. Anch' io mi facevo fuorviare da preconcetti stile: Liberté, egalité, fraternité. Sbagliavo.

------------

OT : Mi è tanto piaciuta la intervista a Massimo Mazzucco alla radio di Tehran
Congratulations!

Citazione:
Quelli che creano sono duri di cuore. Nietzsche, Friedrich. Così parlò Zarathustra: II, Dei compassionevoli
Linucs
Inviato: 28/9/2006 18:18  Aggiornato: 28/9/2006 18:21
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire
Questo Occidente irrazionale, stupido e malvagio merita di morire.

Io vi avevo avvertito: chi vuol capire, capisca.

Blondet apparentemente dice una cosa, ma l'attento lettore ne capirà un'altra.

Come ti permetti di dire certe cose,perche' non ti vai a leggere Gesell,cosi' impari qualcosa di interessante!!!!

Metti il caso che nel cesso finisca la carta igienica...

nike
Inviato: 28/9/2006 18:48  Aggiornato: 28/9/2006 18:53
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/3/2006
Da:
Inviati: 845
 Re: Perché ¬?Occidente merita di morire
Spero vivamente che si sia capito che stavo scherzando..
Ma non certamente su " il genio" di Blondet.

Le sue conclusioni sono oltremodo originali.....talmente originali che sono strumentalizzabili....

Vado.... anch'io..... in "terapia"!

Non abbiate dubbi....

Citazione:
Quelli che creano sono duri di cuore. Nietzsche, Friedrich. Così parlò Zarathustra: II, Dei compassionevoli
javaseth
Inviato: 28/9/2006 18:53  Aggiornato: 29/9/2006 15:52
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/3/2006
Da:
Inviati: 1182
 Re: Perchè l'Occidente merita di morire
Citazione:
le nostre figlie sedicenni fanno gare di sesso orale nei cessi


Gare in che senso? Com'è che si vince?

Citazione:
una ragazza sconosciuta, nel buio, ti bacia in bocca e ti mette in bocca una "pasta"


Immagina se incontri la stessa ragazza, quella con la pasta in bocca*, al cesso....

O, peggio, se quella che ti ha passato la pasta col bacio aveva appena vinto una gara

Ciao
-javaseth

P.S. just a joke, girls
PP.SS. *Monica "sayanim" Lewinsky usava le mentine..

"..io vi mando come pecore in mezzo ai lupi; siate dunque prudenti come serpenti e semplici come colombe"
mavri
Inviato: 28/9/2006 19:08  Aggiornato: 28/9/2006 19:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/8/2006
Da:
Inviati: 71
 Re: Perchè l'Occidente merita di morire
Scusate vado anch'io fuoriargomento.
Ho appena ascoltato l'intervista di Massimo che trovo in buona parte condivisibile;
a proposito dei neo-cons vorrei pero' far presente che la loro ideologia e' molto piu'
raffinata e pericolosa dell'obiettivo gia' di per se' preoccupante di conquistare il mondo.
Consiglio a tutti la lettura della migliore studiosa,a mio avviso,di Leo Strauss;si chiama
Shadia Drury e insegna in Canada.

Ramingo
Inviato: 28/9/2006 19:25  Aggiornato: 28/9/2006 19:25
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/10/2005
Da: Puglia
Inviati: 657
 Re: Perchè l'Occidente merita di morire
Citazione:
*Monica "sayanim" Lewinsky usava le mentine..

Piccolo OT pure io...
avete mai notato che l'israeliano "sayan" (agente dormiente) è molto simile al termine Sayan del cartone animato di DragonBall!?
Lì i Sayan,popolo bellicoso di un altro pianeta,vengono inviati nello spazio a cercare e distruggere mondi.Il piccolo Goku è inviato sulla terra e non sà di essere una "quinta colonna"...
OK,piccola pippa mentale,non lo faccio più....

La storia insegna che quando si diventa indifferenti e si perde la volontà di combattere, qualcuno che ha la volontà di combattere prenderà il sopravvento. Colonel Arthur "Bull" Simons
Zret
Inviato: 28/9/2006 19:43  Aggiornato: 28/9/2006 19:43
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/11/2005
Da: Inferno
Inviati: 184
 Re: Perchè l'Occidente merita di morire
Un testo torrenziale per affermare che i cristiani sono cattivi, tranne i cattolici integralisti, per biasimare un papa un po' distratto. Non è distratto: è... Blondet dovrebbe imparare a leggere i simboli. Egli combatte per chi combatte contro di lui e non lo sa (?)

Un poì più di Sitchin e meno esegeti ortodossi.
Saluti.

bandit
Inviato: 28/9/2006 19:51  Aggiornato: 28/9/2006 19:51
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/11/2005
Da:
Inviati: 1649
 Re: Perchè l'Occidente merita di morire
"O, peggio, se quella che ti ha passato la pasta col bacio aveva appena vinto una gara"
+++++++++++
oppure non aveva vinto ma si era comunque impegnata al massimo

iowa
Inviato: 28/9/2006 21:04  Aggiornato: 28/9/2006 21:04
Ho qualche dubbio
Iscritto: 21/5/2006
Da:
Inviati: 63
 Re: Perché ¬?Occidente merita di morire
l'articole si legge con tanti punti9di domanda e quadrarini rimettetelo apposto...
cmq...
sono daccorso sul protestantesimo americano che porta lontano dal cammino spirituale...
diaciamocelo
molte religioni americane le hanno fatte appositamente a questo scopo...

in quanto alle gare di sosso orale nei bagni delle discoteche dobbiamo ringraziare i film delle disney, infatti alcuni dei quali sono pieni di messaggi subliminali a sfondo sessuale... si sò i mesaggi subliminali rimangono lì e poi agiscono sul cervello...
non dimentichiamo anche le pubblicità sempre più nude e la cultura fallocentrica occidentale che mette il maschilismo al centro e le donne come ogetti solo per... 8se ne volete un esempio lampande guardate BULLI E PUPE il nuovo reality... e sconvolgente quello che la società propone ai ragazzi come me...
sesso sesso sesso...
nulla contro il sesso però bisognerebbe anche sapere il perchè lo si fa e tutto il resto... basta acdendere la tv o internet per capirlo...

Forgil
Inviato: 28/9/2006 21:27  Aggiornato: 28/9/2006 21:37
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/8/2006
Da: Villa Bacilla
Inviati: 211
 Re: Perché ¬?Occidente merita di morire
Citazione:
in quanto alle gare di sosso orale nei bagni delle discoteche dobbiamo ringraziare i film delle disney, infatti alcuni dei quali sono pieni di messaggi subliminali a sfondo sessuale... si sò i mesaggi subliminali rimangono lì e poi agiscono sul cervello...

Su questo non sono d'accordo iowa, personalmente ho guardato Disney fino alla nausea da piccola e non ho avuto effetti collaterali...
Citazione:
non dimentichiamo anche le pubblicità sempre più nude e la cultura fallocentrica occidentale che mette il maschilismo al centro e le donne come ogetti solo per... 8se ne volete un esempio lampande guardate BULLI E PUPE il nuovo reality... e sconvolgente quello che la società propone ai ragazzi come me...

Su questo sono perfettamente d'accordo. Comunque non credo che la tv da sola possa influenzare fino a quel punto: la famiglia dov'è?Dov'è chi ti controlla un po', chi ti spiega le cose e ti fa riflettere?E soprattutto, cosa succede se gli stessi genitori non vedono più in là dei figli?

"Le uniche idee a cui abbiamo diritto sono quelle che mettiamo in pratica" informazione alternativa peacereporter
Freeman
Inviato: 28/9/2006 21:33  Aggiornato: 28/9/2006 21:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 31/7/2006
Da: NiggahCity
Inviati: 2092
 Re: Perché ¬?Occidente merita di morire
Citazione:
l'articole si legge con tanti punti9di domanda e quadrarini rimettetelo apposto...

Ti sei scordato gli ideogrammi cinesi.
Cmq, leggi in homepage per la risoluzione temporanea del problema.

"Non siamo noi a trovare la Verità. È la Verità a trovare noi. Dobbiamo solo prepararci. Si può invitare un ospite che non si conosce? No. Ma si può mettere la casa in ordine, così che, quando l'ospite arriva, si è pronti a riceverlo e a conoscerlo".
tiziano
Inviato: 28/9/2006 21:39  Aggiornato: 28/9/2006 21:58
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/2/2006
Da:
Inviati: 31
 Re: Perchè l'Occidente merita di morire
Scusate se esco fuori tema. Ma perche' da un paio di giorni continuo a vedere tutti i caratteri accentati in maniera sbagliata ?

( non credo sia un problema del mio sistema operativo, dal momento che e' la stessa cosa dal computer dell'ufficio... )

esempio... L?orda di Gengis Khan e Tamerlano massacrò ¡ milioni, ma senza pretendere di preoccuparsi della salute delle sue vittime.
L?America ha speso per la ?ricostruzione? dell?Iraq 22 miliardi di dollari: senza riuscire a garantire nemmeno l?elettricit஼br>I soldi sono finiti nelle tasche dei profittatori amici del regime statunitense, Halliburton in prima fila.

bandit
Inviato: 28/9/2006 21:41  Aggiornato: 28/9/2006 21:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/11/2005
Da:
Inviati: 1649
 Re: Perchè l'Occidente merita di morire
"in quanto alle gare di sosso orale nei bagni delle discoteche dobbiamo ringraziare i film delle disney, infatti alcuni dei quali sono pieni di messaggi subliminali a sfondo sessuale... si sò i mesaggi subliminali rimangono lì e poi agiscono sul cervello..."
+++++++++++++
sì fanno meglio del viagra, anche Rocco ha una intera collezione di paperino

"Su questo non sono d'accordo iowa, personalmente ho guardato Disney fino alla nausea da piccola e non ho avuto effetti collaterali..."
+++++++++
aspetta ancora un paio di mesi e vedrai.

"non dimentichiamo anche le pubblicità sempre più nude e la cultura fallocentrica occidentale che mette il maschilismo al centro e le donne come ogetti solo per... "
+++++++++
è solo una fase del ciclo, ora pare che i maschietti siano "oggetti" a loro volta, e si sta cercando una parola da sostituire alla "fallocentrica" (cultura).
speriamo di non fermarci a metà dello scambio dei ruoli, che ci ritroviamo solo "oggetti" tutti e due, e mancando il soggetto, nessuno sa più cosa fare.

"8se ne volete un esempio lampande guardate BULLI E PUPE il nuovo reality... e sconvolgente quello che la società propone ai ragazzi come me...
sesso sesso sesso..."
++++++++++
mai visto bulli e pupe, comunque se senti parlare il Papa e compagnia devi piuttosto sentirti un peccatore perchè hai avuto pensieri impuri. a quel punto puoi tentare di difenderti dicendo che hai solo visto un film di Walt Disney.

lamefarmer
Inviato: 28/9/2006 22:39  Aggiornato: 28/9/2006 22:39
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/9/2005
Da: vacu°u(m)
Inviati: 334
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire
Sono un lettore accanito di Diario,
e apprendo che il prossimo numero sar� completamente dedicato
all'11 settembre...

Apprendo inoltre che sar� espressamente dedicato a smontare le teorie complottiste
aprendo con il titolo: "il complotto dell'11/9? una boiata pazzesca".

Cita anche espressamene il video di MM.
Sono curioso di vedere cosa viene scritto...
Magari ci trovo qualche spunto pi� intelligente dell'intelligence U.S.A.

Diario cita l'inchiesta Popular mecanics (http://www.popularmechanics.com/)
di un anno e mezzo fa e i 300 esperti chiamati a "smontare i miti" sull'11/9.

Sono curioso, voglio proprio vedere cosa hanno colcuso questi 300 esperti.
Un numero ragguardevole, indubbiamente...
Qualuno di voi pu� gi� anticiparmi qualcosa??
Potete illuminarmi?


Ognuno parla di se stesso, sempre e comunque
lamefarmer
Inviato: 28/9/2006 22:45  Aggiornato: 28/9/2006 22:57
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/9/2005
Da: vacu°u(m)
Inviati: 334
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire
Qualcuno mi sa commentare questa?


L'ho trovata QUI

**********
RIDIMENSIONATA LA FOTO CHE ALLARGAVA LA PAGINA
Santaruina

Ognuno parla di se stesso, sempre e comunque
shevek
Inviato: 28/9/2006 23:45  Aggiornato: 28/9/2006 23:45
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/4/2005
Da: Napoli
Inviati: 1249
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire
Salut y Libertad lamefarmer...


credo che la cosa vada discussa nei forum appositi... comunque c'è poco da commentare, la parte di sopra ha iniziato a piegarsi lateralmente ed il resto è sceso in perfetta verticale... l'interpretazione è molto facile...


Shevek

"Il potere è l'immondizia nella storia degli umani" - F. Guccini
www.portadimassa.net - WEB-TV e non solo di Filosofia
Cassandra
Inviato: 29/9/2006 0:14  Aggiornato: 29/9/2006 0:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/5/2006
Da:
Inviati: 1551
 Re: Perchè l'Occidente merita di morire
Citazione:
Un poì più di Sitchin e meno esegeti ortodossi.

HA! Questa mi è piaciuta assai Zret!!!

"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)
Max_Piano
Inviato: 29/9/2006 1:27  Aggiornato: 29/9/2006 1:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: Perché ¬?Occidente merita di morire
Citazione:
Su questo non sono d'accordo iowa, personalmente ho guardato Disney fino alla nausea da piccola e non ho avuto effetti collaterali...


Non usare nè fermo immagine nè rallentatore allora...

bluelake
Inviato: 29/9/2006 1:47  Aggiornato: 29/9/2006 2:04
So tutto
Iscritto: 23/8/2006
Da:
Inviati: 18
 Re: Perché ¬?Occidente merita di morire
Salve a tutti,

Il 16 giugno 2003 veniva pubblicato un articolo molto interessante sulle vere ragioni delle campagne antifumo.

Sarà forse per quelle ragioni che gli USA ora indicono una campagna antifumo in Iraq?

Per maggiori informazioni leggere:

http://www.vialls.com/transpositions/smoking.html

Grazie.
Bluelake

Santaruina
Inviato: 29/9/2006 1:55  Aggiornato: 29/9/2006 13:54
Sono certo di non sapere
Iscritto: 13/10/2004
Da: Sud Europa
Inviati: 5123
 Re: Perché l'Occidente merita di morire
Lo zio Joe era un grande, ogni tanto "si lasciava andare", ma era veramente un fuoriclasse.

La campagna antifumo come copertura dei danni dell'uranio impoverito è tutt'altro che fantasiosa, secondo me Vialls ci aveva visto giusto.

Blessed be

-o- Ama e fa' ciò che vuoi -o-
cocis
Inviato: 29/9/2006 10:54  Aggiornato: 29/9/2006 10:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/1/2006
Da: V
Inviati: 1430
 Re: Perché ¬?Occidente merita di morire
piccolo out .. perchè i politici italiani meritano di morire..

Deputati, presto più soldi in busta
Nonostante una Finanziaria dura
Eccola, la solita stridente contraddizione. Mentre tutto fa pensare che il governo varerà una manovra di lacrime e sangue per molti, gli onorevoli deputati si aumentano lo stipendio.

Nel 2006 l'indennità parlamentare era stata di 92 milioni di euro, quasi 4 in meno rispetto al 2005, ma nel 2007 si arriverà a 96 milioni per balzare ben oltre i 99 nel 2008. Un bel "premio" che i parlamentari si autoconcedono grazie al solito meccansimo che vede le loro buste-paga agganciate con quelle dei giudici della Cassazione.

Lo denuncia un articolo del "Giornale" dove si precisa che, proprio mentre gli stipendi stanno per salire, i parlamentari mettono invece in luce i tagli alle spese che stanno (lodevolmente) realizzando nella loro gestione della Camera. Si legge nell'articolo: "A far l'elogio dei sacrifici e delle virtù sfoderate dalla camera dei deputati è proprio il collegio dei questori - i custodi dell'autodichìa materiale - per voce di Gabriele Albonetti, diessino emiliano, che snocciola tagli esemplari: 'ulteriori riduzioni' della dotazione finanziaria - le risorse dei contribuenti che il Tesoro fornisce al palazzo - 7 milioni d'euro in meno di qua, 8,8 di là, e udite udito persino un taglio alle onorevoli buste paga".

Peccato, si fa notare nell'articolo, che Albonetti si dimentichi di dire che, seppur quest'anno lo stipendio i deputati se lo sono ridotto (ma solo del 4%), nel 2007 e nel 2008 questi tagli li recupereranno in busta paga con gli interessi. E nel 2008 l'aumento sarà dell'8,2%, più del doppio rispetto all'inflazione programmata

ladri e morti di fame come al solito..


tommy79
Inviato: 29/9/2006 12:22  Aggiornato: 29/9/2006 14:59
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/6/2004
Da:
Inviati: 1131
 Re: Perché ¬?Occidente merita di morire
RIMOSSO dalla redazione.

bandit
Inviato: 29/9/2006 14:14  Aggiornato: 29/9/2006 14:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/11/2005
Da:
Inviati: 1649
 Re: Perché l'Occidente merita di morire
"Il 16 giugno 2003 veniva pubblicato un articolo molto interessante sulle vere ragioni delle campagne antifumo."
++++++++
fumo sì, fumo no, il punto chiave è che col fumo (diversamente dall'alcol) si costringe a fumare anche chi sta di fianco e non lo vuole.
chi vuole fumare (e credere a quelle puttanate tipo che il fumo fa bene) è libero di farlo DOVE non da fastidio agli altri.
prova magari ad inviarlo agli avvocati di qualche big tobacco, quell'articolo, visto che a quanto pare non ci avevano ancora pensato. poteva saltarci fuori che le vittime del fumo, anzichè essere risarcite, dovevano pagare loro un contributo aggiuntivo per i benefici ottenuti fumando.
tra l'altro, noto che austria e germania non sono affatto in prima linea nelle campagne antifumo. in austria fanno ancora pubblicità per le sigarette come forsennati. chiaramente è perchè sono più avanti. avranno capito che se davvero convincono lo gente a non fumare, poi non hanno più ragioni di comodo per spiegare le malattie. in america, stranamente, non ci sono ancora arrivati.

florizel
Inviato: 29/9/2006 14:40  Aggiornato: 29/9/2006 14:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Perché l'Occidente merita di morire
Appello ai moderatori:

in passato qualcuno è finito nel bidone delle "dispute personali" per aver risposto come si doveva a certe affermazioni davvero nauseanti.
Oggi leggo commenti che oltre a costituire un elemento di rischio per il sito, e a fare da richiamo per allegri avventori, sono un'offesa all'intelligenza di tutti quelli che vi scrivono ed uno schiaffo tirato in pieno viso a chi si pone il problema dei mali del mondo e delle sofferenze umane.

Chiedo gentilmente che il post di tommy79 venga rimosso.
Grazie.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
HAVEADREAM
Inviato: 29/9/2006 16:37  Aggiornato: 29/9/2006 17:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/8/2005
Da:
Inviati: 209
 RE: Perché l’Occidente merita di morire
Buon giorno a tutti,
ecco questo interessante articolo, a conferma del fallimento delle democrazie occidentali ..."esportate".
Morale: è meglio andare in Afgahnistan, per vincere la guerra. (Così dicono e credono..)


Le truppe inglesi vogliono andare via dall'Irak

tommy79
Inviato: 29/9/2006 16:51  Aggiornato: 29/9/2006 17:08
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/6/2004
Da:
Inviati: 1131
 RE: Perché l’Occidente merita di morire
Florizel parla redazione ubbidisce.......ahaiaiai!
Cazzo mica l'ho scritto io........l'ha scritto Blondet! Ai miei tempi non avevo certe fortune........devo vedere se posso recuperare.

Max_Piano
Inviato: 29/9/2006 17:15  Aggiornato: 29/9/2006 17:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 RE: Perché l’Occidente merita di morire
Anche Blondet però...

L'Occidente deve morire perchè i ragazzi sono beoni (300 euro a sera? sì come no?) e le ragazze delle bagasce

la trovo molto molto offensiva e purtroppo per tommy, poco aderente alla realtà.

tommy79
Inviato: 29/9/2006 17:26  Aggiornato: 29/9/2006 17:26
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 14/6/2004
Da:
Inviati: 1131
 RE: Perché l’Occidente merita di morire
"Anche Blondet però...

L'Occidente deve morire perchè i ragazzi sono beoni (300 euro a sera? sì come no?) e le ragazze delle bagasce

la trovo molto molto offensiva e purtroppo per tommy, poco aderente alla realtà."

Sì davvero.....Blondet è fuori! Chi ha i soldi per spendersi 300 E. di vodka? I Vip forse...ma non certo la gente comune!
Per le ragazze bagasce, invece, pare qualcosa di vero ci sia.....da un film inchiesta di Marco Pozzi. Se poi la cosa sia cosi frequente non so....di sicuro si vede una "bagascizzazione" delle adolescenti odierne, rispetto solo a quelle di 10 anni fa. Alcune vanno in giro praticamente in mutande.........quindi non mi stupisco più di tanto a sentire certe cose!
Parlando a livello generale dell'articolo, non è che la solita autofustigazione dell'Occidentale che soffre di crisi di identità e vorrebbe eliminare la propria stirpe........
Perche non comincia a dare l'esempio lui e sparire?

HAVEADREAM
Inviato: 29/9/2006 17:51  Aggiornato: 29/9/2006 17:51
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/8/2005
Da:
Inviati: 209
 Re: Perché l’Occidente merita di morire
L'articolo di Blondet (non me ne voglia, è solo un parere personale) contiene dei concetti condivisibili ed alcune verità "paradossali" del comune pensare e fare di noi occidentali.
Ma bastava semplicemente dire: è il nostro mondo, la nostra cultura(per modo di dire) che niente ha a che fare con il mondo islamico.
Rappresentare le ragazze di oggi che in qualche modo vivono la loro sessualità discutibile, ma libera e consapevole, come un elemento da soppesare mi sembra molto azzardato ed estremista.
Avrei portato ad esempi ben altro, ma tant'è.

Apprezzabile il coraggio che non gli è mai mancato di esprimere quello che pensa.
...però, mi dispiace dirlo, solamente quello.
Almeno per me.

felice
Inviato: 29/9/2006 19:10  Aggiornato: 29/9/2006 19:22
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/3/2006
Da: Parma
Inviati: 759
 RE: Perché l’Occidente merita di morire
x tommy79 Inviato: 29/9/2006 16:51:22
Citazione:
Florizel parla redazione ubbidisce.......ahaiaiai


consolati a me ha fatto scattare il moderatore a rimuovere un mio post per aver scritto sesso.it

Dalla bocca di una signora può uscire vaffanculo, hai rotto le palle, stanno mettendocela nel culo etc ma, non può uscire da nessun'altri la parola sesso anche se, feci notare che alla prima comunione, il prete parla di sesso dall'altare ma, a nulla é servito. Coraggio! Qui siamo per la libertà d'espressione tutta partigiana.
fe

Solo col governo di sinistra possono passare SORDIDE e SILENTI le riforme di destra. Il SOLE é storto! Sento di navigare su una nave tarmata. Le tarme sono tante che la nave sulla quale viaggio é destinata a risolversi consumata nel fuoco delle GUERRE.
rascalcitizen
Inviato: 29/9/2006 20:24  Aggiornato: 29/9/2006 20:24
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/7/2005
Da: napoli
Inviati: 249
 RE: Perché l’Occidente merita di morire
Citazione:
consolati a me ha fatto scattare il moderatore a rimuovere un mio post per aver scritto sesso.it


Cerchiamo di non dire sciocchezze.Ad onor del vero, quello era il link di un sito pornografico, e bene ha fatto il moderatore a rimuoverlo!

Credo che spazzatura di quel tipo non debba avere alcun diritto di cittadinanza su LC...

Max_Piano
Inviato: 29/9/2006 20:39  Aggiornato: 29/9/2006 20:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: Perché l’Occidente merita di morire
Citazione:
Rappresentare le ragazze di oggi che in qualche modo vivono la loro sessualità discutibile, ma libera e consapevole, come un elemento da soppesare mi sembra molto azzardato ed estremista.


Quelle ragazze delle fantasie di Blondet, che farebbero "gare orali in bagno", praticano tutto tranne che sesso... sarebbe come chiamare amanti della buona tavola quelli che cercano di battere il record di hot-dog ingurgitati...

Davvero è una cosa abominevole a pensarlo... è avvenuto ok... ma si è trattato di casi unici... poveracce cmq.

bandit
Inviato: 29/9/2006 20:54  Aggiornato: 29/9/2006 20:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/11/2005
Da:
Inviati: 1649
 Re: Perché l’Occidente merita di morire
"sarebbe come chiamare amanti della buona tavola quelli che cercano di battere il record di hot-dog ingurgitati..."
++++++++++
gare di hot-dog ingurgitati: ecco un altro valido motivo perchè la civiltà occidentale deve morire.

reaven
Inviato: 29/9/2006 21:03  Aggiornato: 29/9/2006 21:04
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/11/2005
Da:
Inviati: 341
 Re: Perché l’Occidente merita di morire
cannato thread

Zret
Inviato: 29/9/2006 21:05  Aggiornato: 29/9/2006 21:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/11/2005
Da: Inferno
Inviati: 184
 Re: Perché l’Occidente merita di morire
Sono rimasti ancora nell'aria gli echi dello scandalo internazionale sulle provocatorie parole di Benedetto XVI. Ma quello che pronunciò e quello che ne seguì non sarà forse stato accuratamente calcolato?+
Cerchiamo di farci un'idea.

“…For many centuries, the Muslims ruled Greece. Did the Greeks become Muslims? Did anyone even try to Islamize them? On the contrary, Christian Greeks held the highest positions in the Ottoman administration. The Bulgarians, Serbs, Romanians, Hungarians and other European nations lived at one time or another under Ottoman rule and clung to their Christian faith. Nobody compelled them to become Muslims and all of them remained devoutly Christian….”

“…Per secoli i Musulmani governarono la Grecia. Divennero i Greci Musulmani? Ci fu qualcuno che tentò di islamizzarli? Al contrario, I Greci Cristiani ebbero le più alte posizioni nella amministrazione Ottomana. I Bulgari, Serbi, Rumeni, Ungheresi ed altre nazioni Europee vissero in certi momenti sotto il governo Ottomano e rimasero aggrappati alla fede Cristiana. Nessuno li spinse a diventare Mussulmani e tutti rimasero devotamente Cristiani…”

Bastano queste parole tratte dal sito
http://www.globalresearch.ca/index.php?con...&articleId=3338
il cui articolo è stato citato in
http://z13.invisionfree.com/THE_UNHIVED_MIND/index.php?showtopic=14936
per sbugiardare definitivamente la politica Massonica di aggressione del SataVaticano.

Certo, non dobbiamo dimenticarci che anche l’Islam, come il Vaticano, è un derivato della religione Babilonese e le sue divinità, anche se di nome cambiato, sono quelle del nucleo Satanista e Luciferino della Sacra Chiesa Cattolica Romana.
Ma a parte questo discorso, a parte le doverose considerazioni sulla calcolata “sponda” che i fratelli Framassonici Islamici hanno gentilmente offerto collaborando in perfetta sincronia con il furbo discorso del Pontefice, è doveroso riandare con la memoria a fatti storici che sbugiardano la pretesa Papalina per la quale “cristiani boni” - “musulmani cativi”.

In realtà i “musulmani” sono stati un poco più sinceri nella loro brutalità Satanista.
“La fede di Maometto si propaga con la spada”. Ecco, sì, bravo, un applauso per la sincerità.
I Cristiani più ipocriti, hanno maggiormente usato scappatoie e prestanomi per attuare i peggiori bagni di sangue che l’umanità ricordi, nascondendo l’assassina mano Vaticana con il guanto della Retorica Evangelica.
E poi dicono che sono i Giudei ad intontire il mondo per conquistarlo… Andate a chiederglielo ai Catari! O i Giudei che “ammazzarono Dio”!


“…But there were times when Emperors and Popes lived in peace with each other. We are witnessing such a period today. Between the present Pope, Benedict XVI, and the present Emperor, George Bush II, there exists a wonderful harmony. Last week's speech by the Pope, which aroused a world-wide storm, went well with Bush's crusade against "Islamofascism", in the context of the "Clash of Civilizations"….”

“…C’erano tempi nei quail il Papa e l’Imperatore vissero in pace tra loro. Oggi possiamo essere testimoni di un simile periodo di tempo. Per farla corta, il Monarca Universale in Roma Benedetto XVI e l’imperatore attuale George Bush II, se la intendono perfettamente. L’uscita del Ponteficie sui Musulmani è in perfetta sintonia con la crociata di Bush contro l’”IslamoFascismo” nel contesto dello scontro di civiltà…”

D’accordo, ma farei una rettifica. Bush è Imperatore quanto l’ultimo scemo di Venezia era Doge durante il giorno di Carnevale. Bush Junior (o Boy George, come volete), è soltanto una marionetta controllata dal padre che è appartenente al Sovrano Ordine Militare di Malta dipendente dal Pontefice (leggi Papa Nero). Inoltre è controllato dal Council for Foreign Relations il cui boss-presidente è tal O’Hare (adesso non ho memoria precisa per i nomi, ma per le cariche si) che è Gesuita uscito dalla Fordham (quella università che aveva fino alla II guerra mondiale locali nel Woolworth Building) ed è anche lui appartenente all’Ordine dei Cavalieri di Malta, cioè un corpo SOVRANO E MILITARE alle dipendenze del Ponteficie. Tra l’altro parrebbe che il Council for Foreign Relations sia stato fondato proprio da questo ordine. Non si spiegherebbe altrimenti la presenza di un loro esponente con la carica di presidente.

Ma oramai penso che queste cose le saprete anche voi. Quello che però voglio dire con quella citazione, è che il Signor Pontefice va in sintonia con la “battaglia di civiltà” di neoconservatrice memoria. Il problema per il popolo “contestatore” è che non vuole (o non ce la fa) a capire che questa della “clash of civilization” non è una teoria o un piano“Ebraico”, oppure di fantomatiche “multinazionali”, caso mai gli Ebrei di Corte e le multinazionali a loro volta vengono usati per spargerla ai quattro venti, ma la fonte di questa strategia si trova a Roma, in particolar modo nelle intelligenze Gesuite le quali sembrano possedere anche una buona fetta del mondo del web e dell’informazione.

E se non bastasse anche del mondo del nucleare.

[A member of our group petitioned the Nuclear Regulatory Commission to forbid the Vatican from proceeding with its plans to build further Nuclear plants in Illinois, already site of the most in the nation. Federal law prohibits a foreign power, such as the Vatican, from owning nuclear facilities in the U.S. The Vatican-owned Edison arbitrarily cut off the electricity to her home, as a reprisal. She won a damage suit against the Vatican after sixteen local judges disqualified themselves, some not even Catholics, but beholden to the Church Hierarchy. [Visit www.skolnicksreport.com, scroll way down to story "Electric Scandal".]

Riassumendo, “….un gruppo in USA ha fatto una petizione alla Nuclear Regulatory Commission per impedire al Vaticano di procedure ulteriormente con la costruzione di impianti nucleari in Illinois…”!!!!
Ma senti un po’ sto gruppo! Ma nessuno gli ha detto che il Vaticano possiede (owns) il suolo degli States almeno dal 3 oct. 1213?? E che sul suo suolo ci può fare quello che vuole?
Ma per favore, che Blondet gli dica qualcosa!
A parte l’ironia, deve trattarsi proprio di una sporca faccenda che ora cito soltanto fugacemente. Meriterebbe di approfondire quel “taglio di corrente che la ditta Edison POSSEDUTA dal Vaticano ha fatto a una certa signora….” Che è riuscita a vincere una citazione in giudizio della Vatican-Edison dopo che sedici giudici si sono squalificati da se, in quanto o cattolici o meno ma comunque, da quello che si capisce, pro-VAtican-Edison….
Per favore, continuate voi che a me viene da ridere…
Ecco perché poi Blondet fa la propaganda al nucleare! Anche l’essere più scemo della Terra a questo punto avrebbe capito tutto.
Il “povero” ed “indifeso” Vaticano…. In realtà il CUORE E LA TESTA PENSANTE DEGLI ILLUMINATI.

Fonte: http://avlesbeluskesexposed.blogspot.com/

nike
Inviato: 29/9/2006 21:26  Aggiornato: 29/9/2006 21:41
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/3/2006
Da:
Inviati: 845
 Re: Perché l’Occidente merita di morire
Citazione:
Il “povero” ed “indifeso” Vaticano…. In realtà il CUORE E LA TESTA PENSANTE DEGLI ILLUMINATI.


Mai avuto dubbi di sorta!

Fattevi sotto Gesuiti...faremo polpette anche di Voi!

Sempre che anche con questo sito non si stia prendendo un granchio...........

Citazione:
Quelli che creano sono duri di cuore. Nietzsche, Friedrich. Così parlò Zarathustra: II, Dei compassionevoli
HAVEADREAM
Inviato: 30/9/2006 15:05  Aggiornato: 30/9/2006 15:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/8/2005
Da:
Inviati: 209
 Re: Perché l’Occidente merita di morire
Caro Max, la tua citazione

sarebbe come chiamare amanti della buona tavola quelli che cercano di battere il record di hot-dog ingurgitati...

con paragoni gastronomici è ancora troppo categorica.
Anche a me, come a tanti piace la buona tavola, ....ma ciò non toglie che ogni tanto pure io vado a farmi una bella scorpacciata di porchetta e bucatini alla matriciana gonfiandomi di vino ai Castelli Romani, su un tavolaccio zuppo di umidità notturno, sotto gli alberi e in un ambiente dove è consentito anche il rutto libero.
Io c'ho quarant'anni.
Sono un libero professionista.
Credo di essere una persona normale,ma non per questo devo sembrarlo solo nello stare seduto in un locale del Centro romano in giacca & cravatta, a lume di candela con una bella donna, e gustarmi un piatto con 3 olive ascolane e 2 fette di prosciutto.

Suvvia, Blondet ha esagerato, ha riportato una inchiesta de La Padania, parla di ragazzi che spendono 300 euro a sera...Tu ne conosci qualcuno? Sicuramente ci sono, io qualcuno ne conosco, come conosco donne e ragazze disinibite....ma da qui a denigrare e infierire sull'adolescenza femminile è troppo.

Ripeto: il mio modo di pensare mi porta ad essere d'accordo su quanto scive Blondet nel suo sito. In linea generale.
Nello specifico, s'è sbagliato.

Stiamo parlando di adolescenti che giocano con la loro superficialità, ma a buon bisogno poi se ne vanno a casa e stanno tranquilli.
O preferiamo la consapevolezza di coloro che vivono tranquillamente la loro fanciullezza, e poi magari se ne vanno a casa e sparano ai propri genitori perchè il loro mondo fatto di rigide regole li fa scoppiare di follia?

Pausania
Inviato: 30/9/2006 16:15  Aggiornato: 30/9/2006 16:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: Perché l’Occidente merita di morire
L'articolo di Blondet ha dimenticato alcuni passaggi fondamentali per capire la civiltà occidentale moderna:

1. non ci sono più le mezze stagioni

2. i treni non arrivano in orario

3. si stava meglio quando si stava peggio.

HAVEADREAM
Inviato: 30/9/2006 16:56  Aggiornato: 30/9/2006 16:56
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/8/2005
Da:
Inviati: 209
 Re: Perché l’Occidente merita di morire
Ho riletto per l'ennesima volta l'articolo di Blondet.
Al di là delle estremizzazioni, la rilettura del concetto Questo Occidente irrazionale, stupido e malvagio merita di morire. mi rivela anche un improprio utilizzo dell'Islam in chiave anti-Usa.

Non credo ci sia bisogno di sollevare l'Islam o qualsiasi altra religione per scagliarla contro i mali dell'occidente.
Non è certo colpe delle sedicenni "hard" se i bambini dell'Irak e del Libano muoiono o sotto il fosforo o sotto i bombardamenti.
Non è certo colpa dei ragazzi-bene se i loro coetanei in Irak e in terra di Palestina si vestono di ordigni e muoiono in nome di Allah.

Tutto sommato, è complesso collegare uranio impoverito, fellatio, vita notturna,..e arrivare alla condanne delle "democrazie esportate".
I nostri problemi sociali e quotidiani, i nostri costumi, sono ben altra cosa da Falluja, Abu Ghraib, Afgahnistan e Libano.

bandit
Inviato: 30/9/2006 18:01  Aggiornato: 30/9/2006 18:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/11/2005
Da:
Inviati: 1649
 Re: Perché l’Occidente merita di morire
abitudini e i gusti sessuali vanno considerati come un fatto del tutto privato e che in ogni caso non deve suscitare giudizi di sorta (finchè non si fa male ad altri).

evidentemente Blondet è di diverso avviso.
qualcuno secondo lui ha il diritto di giudicare la sessualità altrui e di condannarla. anzi, di condannare non solo l'atto ma anche la persona.
bel progresso davvero.

Pausania
Inviato: 30/9/2006 18:27  Aggiornato: 30/9/2006 18:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: Perché l’Occidente merita di morire
Citazione:
qualcuno secondo lui ha il diritto di giudicare la sessualità altrui e di condannarla. anzi, di condannare non solo l'atto ma anche la persona.


e punirla per mezzo di pietre né troppo piccole perché non uccidono né troppo grandi perché uccidono troppo presto

felice
Inviato: 30/9/2006 19:10  Aggiornato: 30/9/2006 19:13
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/3/2006
Da: Parma
Inviati: 759
 Re: Perché l’Occidente merita di morire
l'occidente merita di morire perché tra berlusconi, d'alema, prodi continu a rimanerci e a votarli. fe

Solo col governo di sinistra possono passare SORDIDE e SILENTI le riforme di destra. Il SOLE é storto! Sento di navigare su una nave tarmata. Le tarme sono tante che la nave sulla quale viaggio é destinata a risolversi consumata nel fuoco delle GUERRE.
FraDiavolo
Inviato: 15/10/2006 22:43  Aggiornato: 15/10/2006 22:43
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/9/2005
Da: Principato Citeriore
Inviati: 32
 Re: Perché l’Occidente merita di morire
secondo me Blondet crede pure alla befana, ma vi rendete conto delle SCEMENZE che scrive:
"Uno dei «nostri ragazzi» spiega come avviene: una ragazza sconosciuta, nel buio, ti bacia in bocca e ti mette in bocca una «pasta»; la sera dopo la cerchi, e lei non ti bacia più, ti porta dal suo ragazzo spacciatore"

"Non vi lasceranno nemmeno gli occhi per piangere!"
Francesco di Borbone
ESSERRE
Inviato: 17/10/2006 3:11  Aggiornato: 17/10/2006 3:11
So tutto
Iscritto: 3/3/2006
Da:
Inviati: 17
 Crociati del piffero di Cavallo Pazzo
Crociati del piffero

Ottimo articolo di Massimo Mazzucco, intitolato “Benedetto Stranamore”, che mette in evidendenza l’ipocrisia del “Santo Padre” e gli orrendi crimini dell’occidente. In un blog ho letto le ire del lettore che interviene con una lucida e rigorosa analisi spiegandoci che Mazzucco “non sa una sega” dell’islam, religione che “non ha trasmesso UN CAZZO di nuovo” apprendendo tutto da ebrei, greci, indiani, persiani; cionostante ammette che ‘sti caproni di beduini scopiazzatori del genio altrui riuscirono addirittura a “favorire il nostro rinascimento”, perchè mentre essi almeno imparavano da altri, noi vivevamo “nell’ignoranza e nella superstizione”.

Quel che infastidisce non sono tanto i soliti luoghi comuni da subcultura occidentoide, ma piuttosto la sicumera e la maleducazione, la voglia evidente di dar sfogo alla propria agressività sputazzando odio e pregiudizi. Costui conclude apostrofando con insolenza Mazzucco: «se ti va di difendere gli islamici perchè poverini si offendono se si dice loro la verità sul loro profeta assassino e pedofilo, fatti pure crescere la barba e vattene in Iraq a fare il mujaheddin, magari è la volta buona che ti becchi una bomba al fosforo.»

In genere limito gli attacchi personali a personaggi pubblici, e comunque preferisco opporre agli argomenti altrui migliori argomenti, invece di insulti. Ma ci sono individui che una risposta a tono se la cercano, e pertanto dico quanto segue: in un’epoca in cui migliaia di disgraziati col fosforo ci finiscono carbonizzati davvero, o marciranno per decenni di cancri e leucemie in zone spianate con l’uranio impoverito, discorsi come il tuo caratterizzano emeriti cialtroni che dan prova della loro straripante imbecillità e irreversibile atrofia morale.

Oltretutto straparli a vanvera, giacchè Mazzucco non esalta l’islam, ma bensì ci ricorda un fatto evidente (per i non-coglioni): il papa non è affatto un intellettuale con la testa fra le nuvole che non comprende le conseguenze delle sue parole. È il capo del Vaticano SpA: una delle più potenti multinazionali occidentali, che oltre a possedere una cospicua percentuale delle ricchezze esistenti su questo pianeta, e controllare uno segmento non indifferente del circuito finanziario internazionale, esercita un potere notevole sulle menti e sui cuori di molti milioni di persone (le altre multinazionali ottengono lo stesso risultato grazie alla pubblicità e al controllo dei media).

Pertanto il Vaticano è inserito pienamente nel sistema capitalista, e cointeressato in tutti i suoi affari, compresi i più sordidi (vedi Paolo VI e i suoi amici finanzieri e mafiosi; Wojtyla che protesse il buon Marcinkus, fu grande amico di Reagan e della Thatcher, ed accettò pure un’onorificenza da quell’altro criminale di Bush. L’unica eccezione forse fu Albino Luciani, al quale infatti servirono un caffé un pó troppo carico…).

Ratzinger dunque, nella sua veste di presidente del CdA del Vaticano, non spara (cazzate) a casaccio come fai tu, ma in quanto azionista (e dunque complice) del cosiddetto “Conflitto di Civiltà”: concetto creato dal nulla alcuni anni or sono, per vendere alle masse dei tele-deficienti occidentali le nuove Guerre Imperiali, finalizzate a una specie di restaurazione coloniale con dominio diretto sulle aree petrolifere, per saccheggiarle alla grande e crearsi inoltre basi strategiche per destabilizzare i territori caucasici e centroasiatici, provvisti di immensi giacimenti di gas e petrolio che si vuole sottrarre a russi e cinesi. Il tutto, semplificando al massimo un tema complesso. Ma ci vuol tanto a capirlo? Siamo proprio degli idioti senza speranza?

È così difficile capire che tutte ‘ste menate sull’islam sono un mero pretesto per coprire un assalto a mano armata perpetrato da gangsters internazionali? Ma ammettiamo pure che siano proprio tanto brutti e cattivi, ‘sti islamici. Noi saremmo per caso migliori?!?

Ma ce l’hai un’idea del numero di assassini e pedofili che hanno occupato per duemila anni i più altri scranni della Chiesa? Ce l’hai un’idea della perversione e della ferocia delle caste dominanti occidentali, le stesse che fanno oggi le prediche agli altri? Hai sentito del deputato repubblicano Foley, che si occupava dell’ “infanzia abbandonata” ed è appena stato travolto da uno scandalo di pedofilia? Perchè non ti leggi l’articolo di Blondet sulla mafia di omosessuali e pedofili che gestisce il potere negli USA? (“Un Reich pedofilo” http://www.effedieffe.com/interventizeta.php?id=1472¶metro=esteri)

Ce l’hai un’idea dell’odore di carne bruciata che ristagnò per secoli nelle città europee, grazie ai roghi sui quali bruciavano i “nemici della fede”, cosa senza riscontri nel mondo musulmano? Ce l’hai un idea degli orrori perpetrati nelle Americhe? Milioni di indios “pagani” vennero massacrati durante la Conquista, o ammazzati di fatica nell’inferno delle miniere e delle piantagioni. E quelli che si ribellavano finivano arsi sui roghi, squartati, sbranati dai cani o arrostiti a fuoco lento su artigianali graticole. Magari gli ficcavano pure in bocca dei pezzi di legno, perchè el señor alguacil (lo sbirro) voleva dormire, e le urla gli disturbavano il riposo…

Ce l’hai un’idea di cosa fu la tratta degli schiavi africani? Si calcola che in 3 secoli ne morirono 150 milioni, tra quelli uccisi nella cattura, quelli che morivano durante l’allucinante traversata nelle stive delle navi negriere, e quelli che sputarono l’anima nel Nuovo Mondo, per alimentare la produzione coloniale ed arricchire stati e privati.

Ce l’hai un’idea di come vennero sterminati i nativi negli USA? Metodicamente, deliberatamente, in quanto “sporchi selvaggi che ostacolavano il progresso”? Tutto faceva brodo: dai cannoni all’alcol adulterato, alle sorgenti avvelenate, alla morte per fame nelle “riserve”, la deportazione in zone paludose di tribù abituate a climi desertici, e viceversa. Si distribuivano persino coperte infettate con malattie varie! La pratica di scalpare i nemici la impararono dai bianchi, che pagavano un tanto per ogni scalpo “indiano” (la metà per gli scalpi dei bambini…). Il lavoretto era affidato a tagliagole detti “comancheros”, ma anche i prodi cavalleggeri non scherzavano: un ufficiale venne radiato dall’esercito per aver denunciato le atrocità commesse dai militari, che devastavano inermi accampamenti, descrivendo come i soldati mutilavano le donne ancora vive, o scorrazzavano urlanti, in preda a bestiale frenesia, sollevando le sciabole in cui avevano infilzato per divertimento anche 2 o 3 bambini alla volta…

Insomma, più o meno le stesse cose che gli yankees faranno in serie, attraverso tutta la loro storia, nelle Filippine, in Centroamerica, in Vietnam, in Irak. È la superiore “civiltà occidentale”, sempre uguale a se stessa da almeno 5 secoli. Hai mai letto dei civili di Okinawa, che cercavano scampo nelle grotte e venivano braccati e massacrati coi lanciafiamme e le granate? Intere famiglie si gettavano dalle rupi piuttosto di cadere vivi in mano agli americani! I quali usavano tornare dal Vietnam portandosi a casa “souvenirs” come orecchie, clitoridi, scroti (borse dei testicoli) tagliati a qualche contadino/a del delta del Mekong… Poi magari la domenica frequentavano la Chiesa cantando i salmi assieme al Reverendo!

Cari aspiranti crociati che odiate l’islam sanguinario e fanatico, volete che ricordiamo gli orrori della rivoluzione francese, o di quella russa? O preferite che restiamo fra noi “italiani brava gente”, rispolverando magari il censurato capitolo delle atrocità della “liberazione” del 1945? Menzioniamo le decine di migliaia di morti massacrati a guerra finita, le cui ossa marciscono tuttora in fosse comuni, un genocidio di cui nessuno parla? O accenniamo alle torture efferate, degne di orde mongoliche, perpetrate dagli eroici partigiani a innumerevoli donne, colpevoli di essere madri / mogli / sorelle / figlie di qualche fascista, o di qualche povero cristo qualunque? Successe poco tempo fa, non nel Medio Evo, e chissà che qualcuno dei nostri babbi o nonnini non sia stato uno di quei prodi!

* * *

Secondo me di tutte queste cose monti non ne sanno proprio una sega: appunto per questo ce l’ha col profeta “assassino e pedofilo”, unendosi ai tanti che oggi applaudono l’impero giudaico-americano in una miscela di servilismo verso i potenti e sordido razzismo inconfessato. Al contrario di lui non li invito ad andare tutti a farsi calcinare dal fosforo, perchè la mera coglionaggine non credo che meriti la pena di morte. Li invito semmai ad andare negli USA, ad unirsi ai mentecatti che attendono “l’Armageddon” (l’Apocalisse) votando per Bush e facendosi catechizzare da demenziali telepredicatori miliardari assetati di sangue. Oppure, più semplicemente, li invito ad andare a… mangiare molto pesce, nella (debole) speranza che il fosforo in questo caso faccia del bene ai loro stressati neuroni.

Cavallo Pazzo

CAVALLO PAZZO
clausneghe
Inviato: 28/1/2007 19:25  Aggiornato: 28/1/2007 19:25
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: Perch� l�Occidente merita di morire
Ecco quì
l'aggiornato seguito di questo Topic..

Mi raccomando: smettete di fumare che fà male alla salute ... i nostri amorevoli governanti
sono preoccupati per noi...

Clicca su:Cari governanti,no future


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA