Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


politica italiana : Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
Inviato da marcocedol il 27/8/2006 9:38:20 (3826 letture)

di Marco Cedolin

Da sempre mi vengono i brividi quando mi accingo a leggere “il mondo secondo Mercedes Bresso”, pessimo libro infarcito di visionaria lucidità che ogni mese si arricchisce di qualche nuovo capitolo.

La visione della realtà che il Governatore Bresso e la maggioranza che la sostiene in seno alla Regione Piemonte tentano di portare avanti è tanto bizzarra quanto agghiacciante poiché in grado di stravolgere tutto e tutti a loro esclusivo uso e consumo.

In questa sorta di realtà parallela il Piemonte giace isolato dal resto del continente europeo, pur transitando attraverso la sola Valle di Susa ben un terzo di tutto il traffico merci che valica l’arco alpino.

Il TAV è talmente indispensabile da trasmutare a questione di vita o di morte, poiché ritenuto l’unico mezzo idoneo a trasportare quelle merci che mai sono esistite nella nostra realtà ...

... mentre invece abbondano e s’incrementano in maniera esponenziale in quella del Governatore.

La colpa dell’inquinamento è tutta di coloro che irrispettosi dell’ambiente e talvolta pure colpevoli di essere poveri, si ostinano a possedere un’auto di vecchia generazione con la quale osano transitare su quelle strade per usare le quali pagano annualmente un salatissimo bollo di circolazione.

Gli inceneritori, come quello che sorgerà al Gerbido, s’integrano perfettamente con l’ambiente, anzi finiscono per costituire un valore aggiunto poiché carichi di messaggi architettonici, così come architettonicamente gradevoli saranno i nuovi depositi che la Sogin costruirà per le scorie radioattive di Saluggia.

Nella realtà di Mercedes Bresso perfino le acciaierie Beltrame di San Didero, un mostro in grado d’inquinare quanto 20 megainceneritori immerso nel bel mezzo di una valle alpina, sono in sintonia con l’ambiente circostante e la vocazione agricolo/turistica che ad una valle alpina dovrebbe per forza appartenere.

Autostrade, tunnel, ferrovie (possibilmente ad alta velocità) ponti, centrali idroelettriche, viadotti, mega centri commerciali ed ogni altro manufatto di derivazione cementizia sono dunque in “Mercedes nel paese delle meraviglie” gli unici strumenti in grado di permettere una sana integrazione dell’uomo con la natura e l’ambiente, un’integrazione rispettosa degli animali, delle piante, dell’uomo e soprattutto del cemento che serve a “legarli” insieme in un quadretto cosmico intriso di felicità.

Ma i caprioli no!

I caprioli nel mondo di Mercedes Bresso proprio non ci devono stare, o meglio non ci possono stare tante sono le loro colpe imperdonabili ed inqualificabili.

I caprioli danneggiano l’ambiente peggio di quanto non lo faccia un cementificio o un’acciaieria, mangiano ed in quanto mangiatori devastano (novelle locuste) i raccolti rovinando la fiorente agricoltura piemontese e come se non bastasse ogni giorno si gettano contro le auto in corsa sulle strade di montagna, occupando un ambiente che non è il loro, osando ribellarsi come novelli attentatori suicidi, all’occupazione che il cemento e l’asfalto devono fare della montagna, affinché l’integrazione con la città non risulti solamente utopia.

I caprioli non hanno scusanti, sono tanti, troppi perché l’ambiente possa sostenerli, probabilmente le loro emissioni di diossine e pcb sforano di molto le norme europee e anche il loro respiro affannoso (perché corrono, corrono troppo) contribuisce ad impedirci di rispettare gli accordi di Kyoto.

E allora avanti con la mattanza, ne verranno uccisi circa 5000, nonostante il dissenso del Ministro per l’Ambiente Pecoraio Scanio, nonostante le proteste degli animalisti e degli ambientalisti, nonostante la logica più elementare avrebbe imposto almeno un ripensamento.

Fuori i caprioli dal mondo di Mercedes Bresso, per far spazio a nuovi tunnel, ponti, viadotti, strade, autostrade, ferrovie, centrali elettriche, inceneritori.

Una volta eliminati i caprioli poco rispettosi dell’ambiente, veri usurpatori di aria e spazio, sorge spontaneo domandarsi a chi toccherà la prossima volta.

Le rondini? I cani? i gatti? Le lepri? Le marmotte? Gli scoiattoli? Oppure qualche specie umana come i valsusini incazzati e sfaccendati impenitenti?

Marco Cedolin


Di Marco Cedolin vedi anche: "INCUBO TAV"

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
orkid
Inviato: 27/8/2006 10:12  Aggiornato: 27/8/2006 10:12
Mi sento vacillare
Iscritto: 3/2/2006
Da: La Beverly Hills italiana
Inviati: 786
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
La giunta Bresso in piemonte sta facendo tanti di quei danni che era veramente meglio quel forzaitaliota di Ghigo... (Oh mamma mia cosa ho detto!?!?!).

Ma chi è questa professoressa dalle idee destrorse ??? Un Rettiliano???

Quando (ahimè) l'ho votata, qualcosa in quel nome non mi convinceva...
Una candidata di sinistra che si chiama Mercedes... mmmm almendo si fosse chiamata Skoda, o Iveco....


Autodidatta Bonsai


"Quando l'uomo comune capisce diventa saggio, quando il saggio capisce diventa un uomo comune."
spettatore
Inviato: 27/8/2006 10:12  Aggiornato: 27/8/2006 10:12
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da:
Inviati: 883
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
Articolo asciutto ed efficace....bravo Marco!!
Devo però farti presente che se il numero di caprioli è aumentato in maniera esponenziale, è perchè non hanno un predatore naturale: il lupo.
Ho lavorato alcuni anni nel settore avifaunistico della Forestale e ti dico che molte volte quest'ultima si è arresa a logiche sciocche di reinserimento di selvatici, per pura pressione politica.
Avresti dovuto vedere quanti falsi ambientalisti ( per intenderci, di quelli che in montagna arrivano fin dove arranca il SUV) e politicanti da strapazzo si mettevano in bella posa, per la gioia dei media locali e non, davanti alle gabbie dalle quali schizzavano dei poveri animali terrorizzati da tutto quel bailamme. I selvatici vanno reintrodotti nell'ambiente seguendo strategie precise, lungimiranti, in stagioni idonee, in orari idonei (non alle 11.00 di mattina perchè l'assessore dei Verdi arriva dopo aver fatto i suoi "...porci comodi..." stando alle affermazioni dell'autista dell'auto blu. Non conosco la situazione piemontese ma mi sembra di capire che se si è dovuti ricorrere all'abbattimento, al quale sono fermamente contrario, è solo perchè non vi è stato un ponderato programma di reinserimento.


Lo spettatore (rattristito dalle immagini di "caccia selettiva" che ricorda i "missili intelligenti". Che bella la neolingua!!!)

Citazione:
Non metterti a discutere con un idiota. La gente potrebbe non accorgersi della differenza.
ziomao
Inviato: 27/8/2006 11:16  Aggiornato: 27/8/2006 11:16
Mi sento vacillare
Iscritto: 10/10/2005
Da:
Inviati: 339
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
Oltre al discorso caprioli di cui a molta gente non potrebbe fregarne di meno...
Questa mercedes sta' dando uno spettacolo veramente indegno.

Se fassino avesse le pere ( non dico le palle, quelle le ha gia' perse nella culla ) sarebbe proprio indistinguibile dalla cara mercedes.

Comunque gli ital-masochisti che continuano imperterriti a votare certa monnezza converebbe che inizino a pensare ai rispettivi fondoschiena e ai cetrioloni firmati prodi; altro che caprioli qui va' finire alla pecorina....

Mao

Bimbodeoro
Inviato: 27/8/2006 12:50  Aggiornato: 27/8/2006 12:50
Mi sento vacillare
Iscritto: 6/6/2006
Da: Amicoland
Inviati: 388
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
Ottimo articolo.
Ma da uno che si chiama Mercedes che volete?

"Non è il popolo che deve aver paura del proprio governo, ma è il governo che deve avere paura del proprio POPOLO."

"Sotto questa maschera non c'è solo carne, sotto questa maschera c'è un idea e le idee sono a prova di proiettile."
shevek
Inviato: 27/8/2006 12:52  Aggiornato: 27/8/2006 12:52
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/4/2005
Da: Napoli
Inviati: 1249
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
Salut y Libertad a todos...


La questione dei caprioli mi sembra l'abbia ben impostata spettatore. Piuttosto, sarebbe interessante cercare di capire perché, invece di un riequilibrio dell'ambiente (sicuramente meno costoso, specie a lungo termine, delle politiche attuali di spostamento altrove dei caprioli cui saranno costretti per salvare un minimo la faccia), si sia scelta la strada del libero abbattimento. Qualche accordo preelettorale con il mondo dei cacciatori?


Shevek

"Il potere è l'immondizia nella storia degli umani" - F. Guccini
www.portadimassa.net - WEB-TV e non solo di Filosofia
ivan
Inviato: 27/8/2006 13:34  Aggiornato: 27/8/2006 13:35
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
"Quoto in toto " con l'articolo di Cedolin.

Aggiungo solo che questo è un paese dove i politici, al qualuqnue livello, non danno mai un buon esempio.

Questi dei caprioli, che secondo me si potevano salvare in qualche modo, è solo uno dei tanti non proprio buoni esempi a cui assistiamo da sempre.

Ovviamente, spero di essere smentito e di vedere dei caprioli messi in salvo in primis da chi deve dare il buon esempio e ha i mezzi per farlo: i politici.

Demon84
Inviato: 27/8/2006 17:44  Aggiornato: 27/8/2006 17:44
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 224
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
La mia domanda invece è:

Perché quell'innetto del vostro capo di stato (non faccio nomi è ) non piglia sta Audi...no sta Bmw... no Mercedes e le dice "Piantala di distruggermi la nazione, psicopatica" ????

Qua in Svizzera prima di poter costruire una strada devono mandar l'avviso di sfratto anche alle talpe...e da voi no? O.o Strano paese l'Italia... strano paese davvero!

Merdeces, caprioli e buoi dei paesi tuoi??

Buona domenica a tutit!

Citazione:
"Il mio viaggio di scoperte non è ancora finito, sebbene io ormai sia un uomo...più cose conosco meno cose capisco e meno cose capisco più mi sembra di tornare bambino" (Demon's summons 2006)
sentenza
Inviato: 27/8/2006 18:09  Aggiornato: 27/8/2006 18:09
So tutto
Iscritto: 17/8/2006
Da: Roma
Inviati: 15
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
ahahaha!! bell'articolo,molto ironico,quasi alla grillo o alla luttazzi.
Mercedes bresso sarebbe da massacrare di botte

"sai cosa mi sembra l'Italia? Un tugurio i cui proprietari sono riusciti a comprarsi la televisione" P.P.P. '63
marcocedol
Inviato: 27/8/2006 18:20  Aggiornato: 27/8/2006 18:20
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
L'inizio della mattanza è stato piuttosto controverso nei numeri e condito da qualche momento di tensione, purtroppo è anche mancato quel "buon esempio" che auspicava Ivan.
Di seguito una breve raccolta degli eventi tratta dal sito dell'ENPA.

CAPRIOLI IN PIEMONTE: E’ COMINCIATA LA MATTANZA. L’ENPA NEI BOSCHI. DENUNCIA DELLE GUARDIE ZOOFILE (aggiornamento delle 16,00)

E’ cominciata in Piemonte, questa mattina all’alba, la mattanza dei caprioli voluta dalla Regione Piemonte nella zona di Acqui Terme. Oltre cento cacciatori sono nei boschi dell’Alessandrino pronti a uccidere i caprioli. Il piano di contenimento è stato approvato dalla Regione – e strenuamente difeso anche con toni sprezzanti dalla sua presidente, Mercedes Bresso – nonostante il parere contrario di cittadini e associazioni animaliste, dell’Istituto Nazionale di Fauna Selvatica e del Ministro dell’Ambiente. Come denunciato nelle ultime settimane dall’Enpa, nessun metodo alternativo all’uccisione dei caprioli è stato valutato dalla Regione. Per gli amministratori regionali, i caprioli causerebbe seri danni alle colture e provocherebbero incidenti stradali, ma come ha più volte ribadito il coordinatore regionale Enpa in Piemonte, Giovanni Pallotti, supportato dall’Ufficio Nazionale Fauna Selvatica dell’Enpa, la Regione avrebbe potuto adottare provvedimenti alternativi per proteggere le colture, gli automobilisti senza uccidere un solo capriolo.
E da questa mattina, oltre ai cacciatori, sono in attività anche gli animalisti, con l’Enpa in testa. I volontari si sono radunati alle 6 dinanzi alla sede del Comune di Acqui Terme e successivamente sono andati nei boschi per tentare di disturbare la battuta. I cacciatori si sono così spostati dai boschi di Acqui Terme a quelli di Ovada, sempre nell’Alessandrino; stessa cosa hanno fatto gli animalisti, armati solo di fischietti e di altoparlanti.
C’è molta tensione tra animalisti e cacciatori: ovunque sono presenti anche Carabinieri e uomini della Polizia di Stato e del Corpo Forestale. Intanto questa mattina alle Guardie Zoofile dell’Enpa è stato vietato l’ingresso nel punto di raccolta degli animali uccisi: per questo diniego, le Guardie presenteranno una denuncia alla Procura della Repubblica competente. (24 agosto, aggiornamento delle 11,37)

:: AGGIORNAMENTO DELLE ORE 12,16. RASSEGNA STAMPA E TITOLI DEI GIORNALI
COMINCIATO ABBATTIMENTO CAPRIOLI NELL'ALESSANDRINO
Contestazioni al cacciatore che ha colpito il primo animale
(ANSA) - ALESSANDRIA, 24 AGO - E' stato abbattuto stamattina il primo dei 150 caprioli che e' previsto siano eliminati nell'Alessandrino, tra Acqui e Ovada. Il cacciatore che lo ha colpito e' stato oggetto di contestazioni da parte di un folto gruppo di manifestanti, controllati da un imponente schieramento di forze dell'ordine. La prima fase di abbattimenti si chiudera' il 6 settembre, nella seconda e' prevista l'uccisione di altri 350 caprioli.
ANSA, 24 Agosto 2006 10:26

La Stampa
- Caprioli, da oggi si spara E' giallo sul ricorso al Tar
- I difensori: nei boschi fin dall'alba I nostri corpi tra gli animali e i fucili. (Intervista con Giovanni Pallotti, coordinatore regionale Enpa del Piemonte)

La Repubblica
- Caprioli, niente stop da oggi via alla caccia

La Repubblica – Edizione di Torino
- "Fucilarli non è la soluzione scegliamo sistemi scientifici". (Intervista con il Ministro dell’Ambiente, Alfonso Pecoraro Scanio)

Il Manifesto
- Via alla strage dei bambi piemontesi. Il Tar respinge il ricorso degli ambientalisti per bloccare la caccia ai cerbiatti. L’Enpa organizza una ronda salva-bambi.

Il Giornale
- Sui caprioli il Tar decide a meta' Da oggi ne saranno abbattuti 150.

:: AGGIORNAMENTO DELLE ORE 12,33. SONO TREDICI I CAPRIOLI UCCISI A OVADA
Le Guardie Zoofile dell’Ente Nazionale Protezione Animali sono entrate alle ore 12 circa nel centro di raccolta allestito dall’Atc a Ovada. I volontari Enpa hanno contato 13 caprioli uccisi, già sezionati. Quello di Ovada non è l’unico centro di raccolta.
Intanto il Coordinatore regionale Enpa del Piemonte, Giovanni Pallotti, ha chiesto un incontro urgente con il presidente della Provincia di Alessandria.
Ricordiamo che, secondo quanto previsto dalla Regione, entro questa sera i cacciatori possono uccidere 150 caprioli.

:: AGGIORNAMENTO DELLE ORE 12,54. ANCHE A PARMA LA MATTANZA DI CAPRIOLI. AL VIA PETIZIONE ENPA
Anche a Parma è in corso l’uccisione di caprioli da parte dei cacciatori. Il prelievo è stato autorizzato dalla Provincia e prevede l’uccisione di 1.579 esemplari. L’Enpa, che ha immediatamente contestato la scelta di affidare agli stessi cacciatori la determinazione del numero di animali da abbattere, ha organizzato una petizione indirizzata alla Provincia di Parma. A differenza del Piemonte, purtroppo in Emilia l’Istituto Nazionale di Fauna Selvatica ha autorizzato il prelievo. Sulla decisione, ha protestato la presidente della Sezione parmense dell’Enpa, Lella Gialdi, che ha ribadito: “Bisogna smettere di fare immissioni di fauna selvatica nel nostro territorio, l’unico risultato è riempire i carnieri dei cacciatori e le tasche di chi lucra sul business dell’attività venatoria. E gli animali pagano il conto, con il loro sangue”.

:: AGGIORNAMENTO DELLE ORE 13,29. LA CRONACA DELL’AGENZIA ANSA: “ANIMALI: INIZIATO ABBATTIMENTO DEI CAPRIOLI NELL'ALESSANDRINO”
ALESSANDRIA - E' stato abbattuto stamattina, attorno alle 6.30 il primo dei 150 caprioli che da oggi al 6 settembre e' previsto siano eliminati nell' ambito territoriale di caccia Atc 14, nell' alessandrino. Il cacciatore che lo ha colpito e' stato oggetto di contestazioni da parte di un gruppo di manifestanti che stanno presidiando il centro di controllo veterinario allestito alla periferia di Acqui.
Imponente lo schieramento delle forze dell' ordine per impedire che le azioni di protesta possano degenerare. Il centro di controllo ha la funzione di verificare che siano abbattuti soltanto gli esemplari selezionati e non altri. Il primo e' stato ucciso in localita' Ponzone,ma l' intero piano di abbattimento nelle zone di Acqui e Ovada e' diviso in due fasi: la prima terminera' il 6 settembre, la seconda a fine dicembre con l' eliminazione di altri 350 caprioli. Nel frattempo proseguono le manifestazioni di dissenso.
Stamattina, alle prime luci dell' alba, sulle alture una quarantina di ambientalisti armati di fischietti, campanacci, pentole, hanno cercato di mettere in fuga gli animali. Tra loro anche il coordinatore regionale dell' Enpa, Giovanni Pallotti che su un' auto trasmetteva da un cd,tramite un altoparlante, l' abbaiare di cani e il rumore degli spari. Quanto siano riusciti ad essere efficaci, si sapra' soltanto a fine giornata quando i cacciatori stileranno il loro bilancio. A ognuno di loro e' consentito abbattere un solo esemplare tra coloro selezionati.
ANSA - 24/08/2006 12:48
Tratto dal sito www.ansa.it

:: AGGIORNAMENTO DELLE ORE 15,23. IL QUOTIDIANO “LA STAMPA”: ARRIVATI A QUOTA 150 CAPRIOLI ABBATTUTI
Secondo quanto scrive il quotidiano torinese “La Stampa” sul suo sito web (www.lastampa.it), sarebbe già stata raggiunta la quota di 150 caprioli uccisi dai cacciatori. Se la notizia dovesse essere confermata dall’Ambito Territoriale di Caccia competente, i cacciatori non sarebbero più autorizzati ad abbattere animali. Ma si attende una conferma ufficiale.

:: AGGIORNAMENTO DELLE ORE 16,00. NON CONFERMATO IL DATO DEI 150 CAPRIOLI ABBATTUTI
Non trova conferme la notizia secondo la quale sarebbero già stati abbattuti 150 caprioli nei boschi dell’Alessandrino. Non è stato ancora fornito un dato ufficiale sul numero di animali uccisi oggi dai cacciatori. La quota di 150 capi rappresenta il limite autorizzato dalla Regione Piemonte nel piano di prelievo selettivo fino al 9 settembre prossimo.

zuldan
Inviato: 27/8/2006 19:10  Aggiornato: 27/8/2006 19:10
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/7/2006
Da: 4 angoli
Inviati: 115
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
Manderei Mercedes Bresso e i suoi "eroici"cacciatori ad estrarre i corpi delle vittime libanesi dalle macerie di Beirut,Tiro ecc...
Forse perderebbero la voglia di "morte" che gli scorre nel sangue.

Marco M
Inviato: 27/8/2006 19:15  Aggiornato: 27/8/2006 19:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/8/2006
Da:
Inviati: 826
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
Avevo scritto ad inizio agosto un articolo a riguardo, lo ricopio:

La Regione Piemonte della governatrice Mercedes Bresso ha deliberato di uccidere seicento caprioli in provincia di Alessandria perchè sono troppi.
In fondo ve la siete cercata, cari caprioli: come avete osato riprodurvi? Non sapete che il mondo è degli esseri (dis)umani? Adesso lo sapete, 600 di voi la pagheranno, quindi magari fateci il favore: suicidatevi e risparmiateci la fatica.
Avete tempo fino al 24 agosto, quando partirà il piano di abbattimento: in questo periodo, i tecnici metteranno a punto la cattura di 100 capi da consegnare alla Regione Calabria che si è resa disponibile ad ospitarli nei propri parchi.

In seguito, a voi la scelta animalacci: o la smettete di riprodurvi, o i vostri cuccioli li mette sotto una Mercedes. Bresso.
E quella mica scherza: riesce pure a bucare montagne piene d'amianto.

marcocedol
Inviato: 27/8/2006 19:47  Aggiornato: 27/8/2006 19:47
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
Dal momento che per mia colpa (difficilmente espiabile) ci siamo ritrovati a parlare di Mercedes Bresso, vi propongo una chicca che testimonia quanta e quale coerenza appartenga a questa donna tanto amica del cemento e dei treni ad alta velocità quanto ricca di sprezzante avversione nei confronti della natura.

Ecco qualche estratto dal libro "Per un'economia ecologica" di Mercedes Bresso edizione Carrocci, Roma, 1993.

«L'economia, che ha contribuito a costruire il mito della crescita infinita, della infinita disponibilità di risorse, dell'onnipotenza della tecnologia umana nel trovare soluzioni ai continui ed evidenti problemi che essa crea, deve ora dare un forte contributo a trovare una via d'uscita dall'impasse reale in cui ci troviamo». (p. 23).

«La sfida della complessità non può essere raccolta a livello della singola disciplina: i problemi ambientali devono essere affrontati in modo interdisciplinare, evitando le semplificazioni pericolose». (p. 36).

«L'ansia da velocità colpisce ormai tutti gli individui, creando l'impressione di una società in cui nessuno riesce più a fare nulla: la velocità impedisce il pensiero, produce un aumento degli errori e della congestione, riduce la qualità delle attività intellettuali, ma anche di quelle che richiedono più semplicemente un po' di attenzione. La corsa è la
negazione dell'attenzione e della concentrazione, per cui gli errori si moltiplicano, creando a volte situazioni drammatiche». (p. 344).


«Lo status symbol della fine del [secondo] millennio sarà probabilmente la disponibilità di tempo: la lotta con il computer non si vince accelerando il tempo dell'uomo ma negando valore alla velocità, sottraendosi a un confronto. (p.345).

«Qualità, lentezza, contemplazione: le parole d'ordine dello sviluppo sostenibile». (p.345).

«La velocità è d'altronde una delle principali origini dei danni all'ambiente e dello spreco delle risorse. Per risparmiare tempo umano si spreca sovente il tempo della natura...» (p. 345).

«Le parole chiave che dovranno caratterizzare lo sviluppo sostenibile, sul piano sociale, mi sembrano, allora, essere almeno tre: qualità, lentezza, contemplazione». (p. 346).

«E' corretto domandare all'economia di ritirarsi, di farsi da parte? La risposta è che dovrebbe proprio esserlo». (p. 348).



E' evidente come dopo avere messo in atto la propria ascensione prima alla presidenza della provincia di Torino poi alla presidenza della regione Piemonte la nostra Mercedes abbia cambiato in larga misura la propria visione delle cose, fino ad arroccarsi su posizioni praticamente antitetiche a quelle che si evincono dalle sue scritture imperniate sulla "contemplazione" e la "lentezza".

geromix
Inviato: 27/8/2006 21:31  Aggiornato: 27/8/2006 21:31
So tutto
Iscritto: 2/6/2006
Da: Cuneo
Inviati: 11
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
Mi chiedo perché ci si debba sconvolgere tanto per una pratica normale, attuata dovunque, verso molte specie da lungo tempo.
Ossia: non ritengo che l'abbattimento degli animali in libertà sia una bella cosa, certo che no, ma perché sconvolgersi per i caprioli e non per i cinghiali? O per le volpi? O per i corvi?
E quelli allevati in cattività? Quelli non sono animali come gli altri? Cosa sono, licheni?
Un pollo, per esempio, viene allevato in una minuscola gabbietta e muore molto male.

Il sistema è squilibrato, si deve ricorrere anche (sootolineo "anche") a sistemi come l'abbattimento.
Non ne sono contento, lo ripeto, ma che diamine! Un minimo di coerenza! La critica dura e pura la accetto solo da un vegetariano puro, non da chi borbotta, con la bocca piena di crocchette di pollo "che vergogna..burp!.. uccidere i caprioli!".

Ognuno la pensi come vuole, io non sparerò mai ad un animale, ma ci sono cose ben più serie per cui affannarsi.

Redazione
Inviato: 27/8/2006 22:05  Aggiornato: 27/8/2006 22:05
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
Invece di spercare energie su Carnivor, dovrebbero mettere a punto un software per gli editori di libri, che riconosca e blocchi automaticamente sia gli ossimori ("un'economia ecologica"), sia le ridondanze ("La sfida della complessità non può essere raccolta a livello della singola disciplina"). Mentre dovrebbe riconoscere a distanza certe frasi fatte ("l'elogio della lentezza"), e impedire che vadano a imbrattare carta che non sia rigorosamente di stagnola blu a stelle argentate.

Quest'ultima "offesa alla ragion pura" mi ha fatto venire in mente un altro elogio, leggermente diverso, pubblicato l'anno scorso. Ora vado a cercarlo.

mc
Inviato: 27/8/2006 22:10  Aggiornato: 27/8/2006 23:19
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
Citazione:
Ognuno la pensi come vuole, io non sparerò mai ad un animale, ma ci sono cose ben più serie per cui affannarsi.


...tipo "che razza di presidente si ritrova il piemonte"?... gia'....ma forse si parlava dei caprioli proprio per quello???

p.s.: bell'articolo.

mc

ivan
Inviato: 27/8/2006 22:40  Aggiornato: 27/8/2006 22:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
Citazione:

Ossia: non ritengo che l'abbattimento degli animali in libertà sia una bella cosa, certo che no, ma perché sconvolgersi per i caprioli e non per i cinghiali? O per le volpi? O per i corvi?



Semplice: perchè sono tutte creature viventi, perchè sono anch'esse delle meraviglie del creato ( davanti alla cui bellezza mi inchino), perchè tutte le creature hanno diritto a vivere.

marcocedol
Inviato: 28/8/2006 0:35  Aggiornato: 28/8/2006 0:35
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
Geromix,
esattamente come ha detto Ivan penso che tutte le creature viventi siano meravigliose (figlie di quella meraviglia che è la vita stessa) ed abbiano pertanto diritto a vivere.
Questo naturalmente, come sottolinei tu, vale per tutti gli esseri viventi e non solo per i caprioli.

Fatta questa debita premessa sono consapevole delle storture che il nostro sistema "moderno" comporta, a partire dagli allevamenti intensivi, dalla vivisezione, dallo sterminio dele foche e degli animali da pelliccia, per finire con i caprioli oggetto del mio articolo.
Il mio articolo, come qualcuno ha colto, non ha ambizioni di critica dura e pura ma si limita ad evidenziare alcuni aspetti di queste storture che più di altri stridono con la condizione di essere senziente che dovrebbe appartenere al genere umano.
Quando Mercedes Bresso afferma che i caprioli rappresentano un grave pericolo per la circolazione e un suo assessore dichiara in TV che i caprioli danneggiano l'ambiente ecco che ritengo si sia passato il segno della decenza.

Sicuramente ci sono cose ben più serie per le quali affannarsi, ma credo che tutte le "cose" (il Libano, l'11 settembre, l'Iraq, l'Afghanistan, la Palestina, le scie chimiche, la luna, il TAV, il PNAC, i caprioli ecc.) non siano entità a sè stanti scollegate le une dalle altre.
La Bresso fa parte di queste "cose" così come ne fanno parte Bush, Berlusconi, Prodi, Draghi e tutti gli attori del mondo che ci ritroviamo intorno, riguardo ai quali credo sia giusto scrivere per cercare di coglierne ogni riflesso.

Luigino
Inviato: 28/8/2006 0:45  Aggiornato: 28/8/2006 0:45
So tutto
Iscritto: 15/7/2006
Da:
Inviati: 10
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
La questione dei caprioli è iniziata quando un signore di nome Sgarbi, che nell'arte ci capisce, anche se è discutibile come personaggio, si è messo a chiedere di salvare bambi, dimostrando ignoranza nel caso perchè bambi non centra.
Detto questo mi assale una domanda: come mai in altre parti, in Emilia mi pare, ne hanno eliminati un 7000 senza proteste, mentre invece gli animalisti di quella regione sono venuti a protestare in Piemonte? A casa propria è diverso che in casa d'altri? I motivi dell'eliminazione sono gli stessi da una parte e dall'altra: il numero eccessivo che crea problemi alle culture ed altro. Penso che chi avesse la ventura di prendere sotto con la macchina un capriolo, ma questo vale anche per altri animali, mentre gli attraversa la strada, si verrebbe a trovare in una situazione alquanto poco simpatica, magari maledicendo il simpatico animale.
Personalmente sono contrario alla caccia, ma realisticamente approvo l'operazione. Certo, come ha detto Spettatore, ci vorrebbe il predatore, il lupo. In mancanza rimane, purtroppo, l'uomo. Sarei però curioso di conoscere il metodo scentifico di Pegoraro Scanio. Il trasferimento dei caprioli, poi, potrebbe essere deleterio per gli animali. Mi pare che siano in diversi a dirlo. Si vuole allora la botte piena e la moglie ubriaca?

Tubo
Inviato: 28/8/2006 1:14  Aggiornato: 28/8/2006 1:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 16/6/2006
Da:
Inviati: 1663
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
A presto l'abbattimento anche in Lombardia...

geromix
Inviato: 28/8/2006 1:19  Aggiornato: 28/8/2006 1:19
So tutto
Iscritto: 2/6/2006
Da: Cuneo
Inviati: 11
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
In effetti il lupo e la lince sono due predatori che "bilancerebbero" in parte un ecosistema già di per sè sfasato. Il lupo, nelle nostre valli, è stato reintrodotto da qualche anno. Più precisamente ci è ritornato dal parco del Mercantour (che istintivamente uno collega alla TAV...).
Io ne sono contento, ma diversi pastori no. Pare che sbrani le pecore, oltre ai caprioli. So di pastori che, con un certo grado di rischio, lo hanno allontanato dal gregge a bastonate. Altra gente scontenta!
Nonostante la loro bellezza ed eleganza (bisogna vedere con che leggerezza salgono i pendii scoscesi) i caprioli fanno dei lavori nel sottobosco sconcertanti. Non fatico a credere ai danni alle colture.
E vi assicuro, per quel che riguarda la sicurezza stradale, che in diversi episodi (tra cui una volta in moto) mi hanno "proditoriamente" tagliato la strada.

Allora li strerminiamo? Fosse per me no. Io mi accollerei pure il rischio di un incidente, ma un amministratore, con una visione più antropocentrica, che decida per il "si" non ha nè il mio plauso, nè la mia disapprovazione.

Non viviamo mica in un McDonald's, intorno a noi c'è un mondo che manco sappiamo che esiste. E di tanto in tanto bisogna farci i conti. Ma sarebbe meglio fare queste cose seriamente. Come per tante altre: alla radice del problema.

Il fatto che la questione sia saltata fuori per un personaggio da copertina che aveva bisogno di pubblicità deve far riflettere.

Demon84
Inviato: 28/8/2006 1:34  Aggiornato: 28/8/2006 1:34
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 224
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
Mandano i caprioli nei parchi naturali così possono eliminarli da tutto il resto dell'italia per sempre???? Sarebbe meno problematico reintrodurre il Lupo, visto che lui alle cose dell'uomo non si avvicina a meno che non abbia proprio fame.

Oggi ho sentito alla radio un biologo, di cui non ricordo assolutamente il nome (era tedesco, perdonatemi) in cui spiegava una cosa abbastanza ovvia: "La natura ha un delicato equilibro tra le specie animali e vegetali", che sarebbe la catena alimentare, ci sono animali che dipendono dalle piante, e animali che dipendono da altri animali.
Erba, Piante - Capriolo - Lupo
Ognuno di questi regola lo sviluppo di chi sta sotto di lui. Non è difficile da capire!

Ma questi politici, le elementari le hanno fatte?

Citazione:
"Il mio viaggio di scoperte non è ancora finito, sebbene io ormai sia un uomo...più cose conosco meno cose capisco e meno cose capisco più mi sembra di tornare bambino" (Demon's summons 2006)
geromix
Inviato: 28/8/2006 1:48  Aggiornato: 28/8/2006 1:48
So tutto
Iscritto: 2/6/2006
Da: Cuneo
Inviati: 11
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
Marcocedol,
grazie della garbata risposta. In linea di massima sono d'accordo.

E dici bene quando sostieni che quando un problema è meno grave di altri, non lo si debba solo per questo accantonare.

Certo che quando vado in montagna e, dopo un po' che cammino, mi supera una famiglia con il fuoristrada (e i figli immancabilmente obesi...), quando vedo in mezzo alle nostre belle montagne dei "casermoni" in costruzione mi chiedo: a chi si potrà mai chiedere un sacrificio (anche economico) per salvaguardare l'ambiente?

marcocedol
Inviato: 28/8/2006 2:20  Aggiornato: 28/8/2006 2:20
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
Geromix,
concordo con le tue parole

Citazione:
Certo che quando vado in montagna e, dopo un po' che cammino, mi supera una famiglia con il fuoristrada (e i figli immancabilmente obesi...), quando vedo in mezzo alle nostre belle montagne dei "casermoni" in costruzione mi chiedo: a chi si potrà mai chiedere un sacrificio (anche economico) per salvaguardare l'ambiente?


Ciò che più mi turba profondamente (a parte il mondo della Bresso che purtroppo conosco bene) è proprio il modo sempre più disarmonico nel quale l'uomo intende rapportarsi con l'ambiente.
Gli animali, così come gli alberi, i fiumi, i laghi, le montagne vengono considerati alla stregua di "nemici" da abbattere, tagliare, modellare, bucare a piacimento.
Anzichè un'integrazione armonica (sia pur funzionale alla nostra esistenza) perseguiamo un obiettivo di dominio nei confronti dell'ambiente che ci circonda, dimenticando che ne siamo parte integrante e che dall'ambiente dipendiamo e non viceversa.
Alla luce di questo approccio sbagliato (e nel lungo periodo suicida) ogni tipo di sacrificio, sia esso economico o no, sarà automaticamente rifiutato. Perchè mai sacrificarsi per foraggiare il nemico?

Demon84
Inviato: 28/8/2006 8:57  Aggiornato: 28/8/2006 8:57
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 224
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
Mix... non si può parlare di montagne è argomento tabù non lo sapevi???? INFORMATI

Perché le montagne esistono ancora?? Pensavo che i ricchi ci avessero fatto dentro i loro bunker anti-atomici.


Scherzi a parte, quoto te e cedol.
Cmq io in Montagna è un pezzo che non ci vado, tanta gente qua la considera una cosa da svizzerotti andare a fare un escursione la domenica, ad esempio farsi il valico Tamaro-Lema. Però se gli proponi di fare 1 festa di 2 giorni in una cascina in montagna, subito, al volo.
Strana la gente

Citazione:
Gli animali, così come gli alberi, i fiumi, i laghi, le montagne vengono considerati alla stregua di "nemici" da abbattere, tagliare, modellare, bucare a piacimento.


Se parliamo di alberi, l'esempio più famoso è lo scempio della foresta Amazzonica, patrimonio naturale che il governo del Brasile e i suoi vicini non si preoccupano di proteggere perché semplicemente li rende un bel po' di soldi, intanto gli ultimi indigeni, del luogo, gli animali (li speculatori non li distinguono nemmeno) e le piante vengono costretti ogni giorno a cacciarsi sempre più in fondo, fino al giorno che saremo tutti morti per mancanza di ossigeno o fino a quando tutte le nazioni dovranno provveddere al proprio fabbisogno d'aria, piantando kilometri di foreste distrutte anni prima massacrando le persone perché non si sa più dove metterle!

Già.. tanto questi bas...sono convinti che i soldi se li porteranno all'inferno!

Citazione:
"Il mio viaggio di scoperte non è ancora finito, sebbene io ormai sia un uomo...più cose conosco meno cose capisco e meno cose capisco più mi sembra di tornare bambino" (Demon's summons 2006)
mc
Inviato: 28/8/2006 17:49  Aggiornato: 28/8/2006 17:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
Ma sbaglio, o nella zona di Ovada, prima dei caprioli c'erano le lepri che rovinavano le colture?

Evidentemente i cacciatori, anzi i "tutori del controllo di esistenza animale", degli dei col fucile, praticamente, si sono rotti le "pallottole" di sparare alle lepri, pardon, "selezionare i candidati da abbattere", ed avevano il bisogno di cambiare (la noia e' una brutta cosa da sopportare...!!!) il piano di "tutele".

Gia' da quest'anno ci sono meno anatre e fagiani nei corsi d'acqua dell'alessandrino: che abbiano mangiato la foglia? (...la foglia del contadino che chiamera' i cacciatori... merda ...volevo dire gli I.A.A, Ispettori Ambientali Armati, che subito, ma con la tristezza nel cuore, daranno il loro dispiaciuto contributo.



P.s.:
-Puuuumm!... Oopps.. "Ho beccato una mucca..."...
-"Vabbe' ... dopotutto stava rovinando il Pascolo : se lo stava mangiando...!!"
-"Io sparo alle pecore allora!!!". "TaratatttartatttatrararatttA!... anche per quest'anno i pomodori della signora Gianna sono salvi".
"Ma la sign. Gianna non si era trasferita in Friuli?".
"Ah, si... allora si parteeeeeeee...".

Morale: se qualcuno si avvicina a Voi dicendo che vi vuole salvaguardare, sparate per primi... mi raccomando...


mc

MoNkeYfIsH
Inviato: 30/8/2006 10:56  Aggiornato: 30/8/2006 10:56
So tutto
Iscritto: 21/8/2006
Da: Al largo del Madagascar
Inviati: 28
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
Ma qui si ritorna al punto iniziale...voglio dire, qualche anno fa abbiamo votato Silvio che ha fatto danni su danni, ora abbiamo votato Romano che sta facendo danni su danni...aprire gli occhi no? Questi ci pigliano solo per i fondelli.
Noi perdiamo tempo a parlare di caprioli che vengono ammazzati (che poi questo accade da sempre in molte regioni italiane, solo che questa volta Sgarbi ha fatto focalizzare l'attenzione sul Piemonte) quando i problemi sono altri! Da troppo tempo la calsse politica italiana ci prende in giro in ogni modo e noi discutiamo solo di cio' che a noi appare (e sottolineo appare) importante: i caprioli, la TAV, la Juve... MA cavoli, non ci siamo accorti che la cosa piu' importante e' dare un calcio nel fondoschiena questi mangiapane a tradimento? Non fanno altro che fare cazzate a destra e a sinistra, a dirci che c'e' un buco nero nelle casse dello stato intanto loro vanno in giro a mangiare, bere e pirlare alle nostre spese e ci inebetiscono con la TV spazzatura! Forse prima di salvare i caprioli dovremmo salvare noi stessi....una volta che la classe politica potra' essere definita tale e il popolo italiano potra' essere libero di prendere le proprie iniziative potremo discutere su come salvare i caprioli e la Val di Susa, ma fino ad allora questi discorsi sono futili proprio perche' non apportano alcun cambiamento alla situazione.

Inutile parlare per non agire! Non siamo un mucchio di schiavi al servizio di chi sta al potere. Io sono un uomo e basta!
florizel
Inviato: 31/8/2006 15:08  Aggiornato: 31/8/2006 15:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
ziomaoCitazione:
Oltre al discorso caprioli di cui a molta gente non potrebbe fregarne di meno...

Questa è una tua opinione, zio mao.
Esiste una valanga di gente a cui dei caprioli, invece, interessa moltissimo. Ed un mare di persone a cui invece sarebbe opportuno dimostrare come l'abbattimento dei caprioli ed il progetto TAV vadano di pari passo.
Indi per cui (e non solo per questo) mi sembra più che legittimo andare a ficcare il naso nei cazzacci di chi si occupa quotidianamente dei nostri, anche si dovesse partire dai "caprioli" (esseri che amo moltissimo, tra l'altro).
Sento di voler condividere questa affermazione di marcocedol
Citazione:
credo che tutte le "cose" (il Libano, l'11 settembre, l'Iraq, l'Afghanistan, la Palestina, le scie chimiche, la luna, il TAV, il PNAC, i caprioli ecc.) non siano entità a sè stanti scollegate le une dalle altre.

che ritengo utile ad evidenziare il solito giochino, da parte della politica, di voler frammentare in mille piccolissimi pezzetti un unico progetto di "distruzione globale".

Soprattutto quando eventi drammatici e disumani vengono strumentalmente (e spudoratamente) collegati tra loro per giustificarne di altrettanto ignobili.
Queste, le parole di questa sottospecie di "donna libera ed emancipata", fulgido esempio di quello che ha prodotto la SUA politica sinistrorsa in fatto di "presenza femminile in politica"(!), sempre più simile al "modello Rice" versione prét à porter:

«La gente assiste indifferente alla morte dei bambini in Libano e poi si scatena il putiferio per i caprioli». E’ il giorno di Mercedes Bresso, presidente del Piemonte, perché ormai la «strage dei Bambi» è diventata un caso diplomatico Europeo.

Strafottersene di ogni regola sull'attività venatoria è solo l'epilogo allo strafottersene della volontà delle comunità della Val di Susa riguardo alla TAV.
marcocedolCitazione:
E' evidente come dopo avere messo in atto la propria ascensione prima alla presidenza della provincia di Torino poi alla presidenza della regione Piemonte la nostra Mercedes abbia cambiato in larga misura la propria visione delle cose, fino ad arroccarsi su posizioni praticamente antitetiche a quelle che si evincono dalle sue scritture imperniate sulla "contemplazione" e la "lentezza".

Aggiungerei qualcosa, a questa analisi.
Non credo che la Bresso abbia "cambiato" la propria visione delle cose. E lungi dall'essere "fuori di testa", sembrerebbe aver espresso in pieno la logica politichese dell'utilizzo opportunistico di problematiche che interessano al potenziale elettorato a cui ci si rivolge. Quando fa comodo, ovviamente.
Cosa dire?
Le auguro una solenne "incornata", nella migliore delle ipotesi.
Nella peggiore (ma forse anche la più "efficace") di reincarnarsi subitaneamente in un capriolo, e provare a sfuggire ai pallettoni di qualche allegro cacciatore, nonchè futuro elettore del centrosinistra.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
florizel
Inviato: 31/8/2006 15:25  Aggiornato: 31/8/2006 15:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
geromixCitazione:
Il sistema è squilibrato, si deve ricorrere anche (sootolineo "anche") a sistemi come l'abbattimento.

Ciao, geromix, e benvenuto.
Una domanda:DOVE sta scritto che il "sistema è squilibrato"?
Chi stabilisce cosa, in natura, abbia o meno un suo equilibrio?
Ci andrei molto ma molto cauta con questo tipo di affermazioni, in primo luogo perchè omettono di ricordare che gli "squilibri" sono causati dagli stessi che poi vorrebbero risolverli... Il male e la cura...e giù voti, e giù cazzate del tipo "il bene comune"...
Citazione:
Io mi accollerei pure il rischio di un incidente, ma un amministratore, con una visione più antropocentrica, che decida per il "si" non ha nè il mio plauso, nè la mia disapprovazione.

Ed intanto, insieme ai caprioli, ti fa fuori anche qualche chilometro di territorio per costruirti la TAV...

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
marcocedol
Inviato: 3/9/2006 3:52  Aggiornato: 3/9/2006 3:52
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
Ciao Florizel,
la tua affermazione che condivido in pieno:

Citazione:
Non credo che la Bresso abbia "cambiato" la propria visione delle cose. E lungi dall'essere "fuori di testa", sembrerebbe aver espresso in pieno la logica politichese dell'utilizzo opportunistico di problematiche che interessano al potenziale elettorato a cui ci si rivolge. Quando fa comodo, ovviamente.


mi ricorda le parole che spesso ho sentito dire da una persona che andava a scuola con lei.
Questo signore afferma che si tratta di una persona scaltra e intelligente la cui visione dele cose è eslusivamente funzionale agli obiettivi che intende perseguire, in virtù dei quali è disponibile a passare sopra alle persone e agli animali come un rullo compressore senza farsene il minimo scrupolo.

PikeBishop
Inviato: 3/9/2006 9:55  Aggiornato: 3/9/2006 9:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
Citazione:
persona scaltra e intelligente la cui visione dele cose è eslusivamente funzionale agli obiettivi che intende perseguire, in virtù dei quali è disponibile a passare sopra alle persone e agli animali come un rullo compressore senza farsene il minimo scrupolo.

Fantastica definizione di politico di professione.

Se non fossero cosi', non si spiegherebbe perche' altri figli di puttana (francesismo poetico e percio' consentito) investirebbero su questi esseri ignobili alcune milionate di Euro per procurare loro un comodo cadreghino dal quale fare i loro interessi.

Criminali che usano gentaglia. Dov'e' la novita'? I leghisti almeno facevano folklore.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
marcocedol
Inviato: 7/9/2006 14:01  Aggiornato: 7/9/2006 14:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 30/6/2006
Da: Torino
Inviati: 1340
 Re: Quando i caprioli danneggiano l'ambiente
Mercedes Bresso sembra dovrà fermarsi per un poco a quota 200.

Cronache
07 set 13:06
Animali: abbattimento caprioli sospeso da Tar Piemonte
TORINO - Stop all'abbattimento selettivo dei caprioli fino al 4 ottobre. Lo ha deciso il tar del Piemonte, accogliendo il ricorso delle associazioni animaliste, secondo i quali la Regione avrebbe concesso legittimamente ai cacciatori un anticipo della stagione venatoria. Finora in Piemonte sono stati uccisi circa 200 esemplari. (Agr)


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA