Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


news internazionali : Il circolo vizioso
Inviato da Redazione il 22/7/2006 8:24:11 (19575 letture)

Che faccia fareste se vi dicessero che fra una decina d'anni potremmo ricordare questa estate come "relativamente fresca", rispetto a quello che ci ritroveremo ad affrontare allora?

Se il trend continua cosi - e non si vede per ora che cosa possa cambiarlo - quella descritta sopra non è affatto una possibilità remota, anzi.

Per ben dodici volte, a partire dal 1990, in Europa è stato battuto il record dell'anno più caldo nella storia, e dal 1997 in poi questo è avvenuto regolarmente ogni singolo anno. Sarebbe come se un saltatore con l'asta ci mettesse una vita intera per battere il record mondiale, e poi ad ogni singolo tentativo, ...

... ininterrottamente, continuasse a migliorarlo ogni volta che ci riprova. E ogni volta con margini enormi rispetto al salto precedente.

Quanto sono due gradi in più, per chi fa il bagno nell'acqua del mediterraneo? Niente, quasi la differenza non la sente nemmeno. Ma quanto sono due gradi in più rispetto all'anno scorso, per un ecosistema che è abituato a mantenersi in equilibrio stabile da diecimila anni a questa parte? Sono una mostruosità.

Diventano a questo punto ridicole le mille discussioni "scientifiche", finte o vere che siano, per capire quanto influisca l'aumento di anidride carbonica, e quanto lo facciano invece i raggi cosmici. Se è solo per quello, gli scienziati hanno già dato da tempo il loro responso, e la condanna è stata pressochè unanime: qui ormai non è più questione di decidere se la Terra si stia surriscaldando per colpa nostra, ma siamo già arrivati a discutere quando avremo oltrepassato la famosa soglia di non ritorno. La soglia oltre la quale, anche se si interrompesse di colpo, in tutto il mondo, l'emissione di anidride carbonica, il sistema non sarebbe più in grado di riequilibrarsi da solo. E molti sostengono che a questa soglia siamo già arrivati.

E' chiaro quindi che il problema non è più solo scientifico, ma risiede prima di tutto nella natura umana: è quella natura che, da un parte, fa vedere al politico il vantaggio immediato di una corposa remunerazione, contro il danno a lungo termine che si perpetra all'ecosistema, non intervenendo. E dall'altra fa scendere in piazza il farmacista o il taxista, se minacci di togliergli mille lire a fine mese, ma gli fa fare un'alzata di spalle se minacci di rendergli ogni estate più infernale e insopportabile della precedente. "Tanto che ci vuoi fare - pensa il piccolo farmacista - queste sono cose più grandi di me. Che ci pensino i politici, a risolvere questi problemi".

Peccato appunto che i politici - di tutto il mondo, in tutte le "democrazie" moderne - non pensino affatto a risolvere certi problemi, ma a rubare tutti i miliardi pubblici che possono, dai quali poi detrarre, con gesto di grande generosità, la tua famosa mille lire che reclamavi a fine mese, e che ti porterà contento alle urne, a votare nuovamente per loro la prossima volta.

E' proprio un circolo vizioso, come la Corrente del Golfo, che porta acque tiepide al nord, e scioglie i ghiacci che poi evaporano e tornano a precipitare.

Ma se l'uomo è riuscito a interrompere un "circolo vizioso" potente e millenario come quello della Corrente del Golfo, è mai possibile che non riesca a rompere quello di una schiavitù che lo sottomette al proprio simile per propria scelta e volontà?

Continuare a farsi fregare all'infinito già non è un'impresa da poco, per l'essere umano, ma riuscire a farlo dando ogni volta tu la delega a chi poi regolarmente verrà a fregarti, è decisamente troppo.

Forse alla fine l'uomo si merita gran parte dei mali di cui soffre.

Massimo Mazzucco

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
PikeBishop
Inviato: 22/7/2006 9:44  Aggiornato: 22/7/2006 9:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Il circolo vizioso
Mi sbagliero', ma con gli anni mi e' venuto il sospetto - che oramai si avvicina alla certezza - che questo discorso sulle emissioni sia una puttanata amministrataci ad arte per giustificare il famoso governo mondiale dei saggi e la spedizione al mittente di quella parte di umanita' cattiva ed egoista che non vuole i saggi al governo.

Basta riflettere un attimo per capire che il tempo e' pazzo e che livelli di caldo ancora superiori erano stati registrati nell'antichita' greco-romana, quando si coltivava la vite in Scandinavia e la Terra Verde era l'ammasso di giaccio che ora si chiama Groenlandia. L'unica differenza che l'uomo ha provocata e' stata il disboscamento dell'Europa e dei paesi del Mediterraneo. Questo fattore ha probabilmente influito sul clima europeo, a scoppio ritardato, piu' di qualsiasi emissione, ed e' lui la vera causa dello scioglimento dei ghiacciai alpini e del caldo estivo in aumento.

Sarebbero state sufficienti un paio di eruzioni vulcaniche appena decenti per superare l'attuale livello di anidride carbonica. Il fatto dei 2 gradi di differenza e' ridicolo, se si sta parlando di equilibri non vuol dire che i valori debbano rimanere costanti. La vita e' cosi', le cose cambiano: in peggio o in meglio e' questione di punti di vista.

Ma l'estate io me la ricordo calda da quand'ero bambino nei primi anni sessanta ed i titoli sui giornali erano gia' gli stessi, tanto che ogni tanto riciclano vecchie foto di bellezze al bagno nelle fontane.

E non ci sono piu' le mezze stagioni.....

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
Abulafia
Inviato: 22/7/2006 9:47  Aggiornato: 22/7/2006 9:47
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/11/2005
Da:
Inviati: 1612
 Re: Il circolo vizioso
Buongiorno,
la cosa che maggiormente mi stupisce, ascoltando alcune discussioni sui danni del cambiamento climatico, è la viva preoccupazione per i destini della Natura.... la quale, invece, secondo me non corre alcun pericolo di sorta. Anzi: non se ne accorgerà nemmeno.
Questo, per il semplice fatto che ogni evento, rapido o graduale, catastrofico o meno, per essa sarà sempre e solo un cambiamento: nel giro di qualche Era si formerebbero nuove specie, nuovi tipi di vita. Un batter d'occhio, quindi... con o senza di noi.

Il peggio, invece, sarà per l'uomo che più di un secolo non vive, e proprio per questo non può avere la pazienza di Madre Natura. E' a noi che tutto questo sta facendo male, e i "danni alla Natura" sono tali proprio perchè alterano l'ecosistema in cui noi viviamo e cui siamo abituati.


Due link sull'argomento:
- intervista con Sir. David King, capo dei consiglieri scientifici del Governo Britannico;
- Articolo sul Rapporto Marshall, per l'Office of Net Assessment del Pentagono.

...Ars adeo latet arte sua...
Satirus
Inviato: 22/7/2006 9:47  Aggiornato: 22/7/2006 12:32
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/4/2006
Da: Luogocomune
Inviati: 511
 Re: Il circolo vizioso

TAZMIN
Inviato: 22/7/2006 9:48  Aggiornato: 22/7/2006 9:48
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/6/2004
Da:
Inviati: 56
 Re: Il circolo vizioso
Lo scioglimento dei ghiacci potrerebbe disastri inimmaginabili;
dall'alzamento del livelllo dei mari con relativa sommersione di molte terre merse, al raffreddamento delle correnti marine, alla liberazione di virus presenti nei ghiacci..
La tempertatura di qui a 50 anni aumenterà, c'è chi dice 1, chi 2 gradi, chi meno, insomma, se non è possibile dare una quantificazione certa, è comunque certo che essa aumenterà, così come ha fatto finora, portando così "disastri" ambientali, e quindi sociali, inimmaginabili.
E' ora di agire, di cambaire il nostro modus vivendi, perchè siamo arrivati proprio all'ultima chiamata...
Il pianeta non è un nostro giocattolo con cui farci ciò che vogliamo!
Anzi, il pianeta non è proprio nostro, visto che ce l hanno dato i nsotri antenati in prestito, così come noi dovremmo consegnarlo ai posteri..
Penso che. continuando così, questi rimarranno con un pugno di mosche in mano..

Redazione
Inviato: 22/7/2006 10:09  Aggiornato: 22/7/2006 10:14
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il circolo vizioso
PIKEBISHOP: Quando parlavo dei due gradi di differenza, mi riferivo a questo:

MEDITERRANEO BOLLENTE, ACQUA A 29 GRADI - Il caldo si fa sentire anche in mare. Secondo le rilevazioni dell' Istituto Scienza dell' atmosfera e del clima del Cnr di Roma, le acque Mediterraneo fanno registrare temperature di due gradi superiori alla media, con picchi di 29 gradi. (ANSA)

°°°°°°°°°°°°

ABULAFIA: Concordo in pieno con te, la Terra non ha mai avuto problemi, basta pensare a "come stava" - magmaticamente parlando - solo un paio di miliardi di anni fa, per dedurre che si è ripresa abbastanza benino. E' al nostro habitat che mi riferivo, ovviamente. L' estate atroce che sta passando l'Europa pare ormai destinata a diventare la regola.

Abulafia
Inviato: 22/7/2006 10:17  Aggiornato: 22/7/2006 10:17
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/11/2005
Da:
Inviati: 1612
 Re: Il circolo vizioso
Sono in parte d'accordo con quanto affermato da PikeBishop: uno dei maggiori problemi nella comprensione di cosa stia veramente accadendo, incluso l'accertamento di quale percentuale di responsabilità spetti davvero alla presenza umana rispetto ad un trend naturale, sta proprio negli influssi politici o di corrente che spingono ad esagerare o modificare i dati.

Cosa che rende d'obbligo il leggere i vari articoli usando le debite "pinze". A proposito, ecco la ragione per cui persino quello postato poco fa merita lo stesso trattamento:

Citazione:
As if to prove that his nerve has gone, on Friday Sir David made his clearest statement yet that he sees nuclear power as the answer to climate change. With the right carbon taxes, he said, nuclear power would become cheaper than coal. “It’s important we do take the public with us on the environmental debate,” he said. “That is why I’m trying to sell it”


Tratto da: The Guardian

...Ars adeo latet arte sua...
frankad
Inviato: 22/7/2006 10:25  Aggiornato: 22/7/2006 10:25
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
a cosa che maggiormente mi stupisce, ascoltando alcune discussioni sui danni del cambiamento climatico, è la viva preoccupazione per i destini della Natura.... la quale, invece, secondo me non corre alcun pericolo di sorta.

Tradotto, Abulafia e correggimi se sbaglio, poco importa se l'arresto della Corrente del Golfo provocherà, così si paventa, una glaciazione, uno stravolgimento planetario talmente ampio che sarebbe inopportuno spiegare postando qualche Mb in questo thread?

Tanto la Natura riprenderà il suo ciclo....certo come la glaciazione di 8200 anni fa e la Piccola Era Glaciale che ebbe inizio nel 1300 d.C. circa. Scontato. La Natura prosegue il suo corso sempre, su una scala temporale che non è a portata di esseri umani normali, staminali permettendo.

Pertanto, esistono dubbi sul fatto che la Natura farà il suo corso comunque, su larga scala? Ma no.

Ma il problema riguarda noi, appunto, come esseri umani che vivono in questo secolo. I nostri figli, i nostri cari. La "gente" in generale.

Il definire "genericamente" alteriamo l'ecosistema della Natura non aiuta ad adempiere ad un obbligo, almeno quello: combattere per correggere gli errori dell'uomo in generale, di una parte, il peggio, nei dettagli.

Perchè se non sentiamo l'obbligo di trasmettere alle generazioni future il giusto messaggio che abbia lo scopo di evitare il ripetersi di "errori" che, alterando l'Ecositema, hanno portato a questa situazione, dove sta il nostro ruolo?

La stessa intervista a Sir David King, che ho da anni nei miei documenti, parla chiaro.

Riassumiamola: King era il capo dei consulenti scientifici di Tony Blair. Al rendersi conto, dati alla mano, che la Corrente del Golfo, tra le altre cose, stava passando dal rallentamento all'arresto, consapevole delle conseguenze chiese a Blair di comunicare al Mondo questa notizia. Col risultato di essere zittito. Allora rilasciò questa intervista che, peraltro, gli costò la diffida del governo Inglese, azione che avrebbe portato al suo arresto in caso di ulteriore publicazione di sue opinioni su quest'argomento.

In sintesi: che la Natura, su lungo termine, non corre pericoli è ovvio. Che l'Umanità li corre e serissimi in questo preciso istante è ben altra cosa.

Io preferisco lottare perchè adesso si prenda coscienza della situazione, sia per rispetto alla Natura, sia per rispetto nei confronti delle persone che vivono e vivranno in questi anni che poco di buono promettono e, per concludere, per rispetto delle generazioni future le quali dovranno trarre insegnamenti dagli errori del passato. Compito che spetta a noi, trasmettendo ciò che dobbiamo.

frankad

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
Piero79
Inviato: 22/7/2006 10:26  Aggiornato: 22/7/2006 10:26
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/5/2006
Da:
Inviati: 781
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
Mi sbagliero', ma con gli anni mi e' venuto il sospetto - che oramai si avvicina alla certezza - che questo discorso sulle emissioni sia una puttanata...


senza polemica non potrebbe essere questa una controputtanata per non rispettare il protocollo di kyoto e continuare nel consumismo illimitato a inquinare all'infinito?

Il buco dell'ozono si sta allargando o no?

yarebon
Inviato: 22/7/2006 10:32  Aggiornato: 22/7/2006 10:32
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2366
 Re: Il circolo vizioso
i cambiamenti climatici sono evidenti e non si può paragonare la nostra situazione a quella degli anni 60. Certo i record c'erano anche a quel tempo, ma il fatto è che come mostrato anche nell'articolo, i record climatici attualmente sono annuali e spesso anche mensili. E' da stolti affermare che tutto va bene. D'accordo con il discoso di Abulafia, il problema è soprattutto di noi umani e non di certo della natura che tende comunque a rigenerasi, ma le alterazioni irreversibili potrebbero daneggiare anche la natura ed il nostro pianeta. L'uomo con la sua civiltà ha accellerato cicli che richiedono migliaia di anni e fatto estinguere diverse specie. Una guerra nucleare totale distruggerebbe anche la natura e non solo l'uomo. Che il pianeta possa diventare un deserto non è una stupidaggine. L'unica cosa secondo me di cui ci si deve interrogare è la causa di questi cambiamenti: Ma davvero le emissioni di anidride carbonica, insomma l'inquinameno atmosferico, stanno provocando questi cambiamenti? O magari questi cambiamenti sono dovuti a qualcos'altro?
Negare il problema è da stolti, interrogarsi perchè avviene è' un'ottima domanda.
L'aumento della temperatura dei mari, lo scioglimento dei ghiacciai e la variazione della corrente del golfo non sono cambiamenti anormali , lo diventano per il fatto che stanno avvenendo contemporaneamente e velocemente.
Uragani nella parte dell'oceano atlantico che bagna le coste brasiliane, diversi uragani che si abbattono sulle coste del golfo del messico con una violenza mai vista. 40 gradi a Londra ed estati londinesi che da qualche anno superano sempre i 30 gradi. Inondazioni che annualmente si abbattono nell'Europa centrale da qualche anno a questa parte. La Francia che da qualche anno ha sempre pronto il bollettino per i morti del caldo. E' normale tutto ciò? non proprio! Nel passato si sono verificati questi eventi? Si! Con questa frequenza? No

PikeBishop
Inviato: 22/7/2006 10:37  Aggiornato: 22/7/2006 10:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Il circolo vizioso
Redazzucco

Citazione:
MEDITERRANEO BOLLENTE, ACQUA A 29 GRADI


Ecco, e' esattamente quel che intendevo dire. MEDITERRANEO BOLLENTE (che vuol dire a 100 gradi celsius) ACQUA A 29 GRADI (che il disattento lettore - praticamente tutti eccetto Linucs - scambiera' immediatamente per 100 gradi, essendo la premessa appunto "BOLLENTE").

Poi leggi il trafiletto e risulta che ci sono picchi (??? che vor di', ner secchiello de Ciro che sta' a fa' li castelli de sabbia?) di 29 gradi, non dice qual e' la minima, ne qual e' la media ma che le temperature sono di due gradi superiori alla media (??? media de che?). Anche Sarchiaponex (marchio registrato) nuova formula lava fino al 50% piu' bianco, abbiamo anche la prova massaia binge-drinker a confermarlo.

Fino a che punto sia allarmismo giornalistico e fino a quale sia il solito "gomblotto" lascio ad altri il commentare, ma personalmente ho pochi dubbi.

E il governo Sinistro di Tony the Clown ci costruisce le centrali nucleari perche' sono preoccupati per noi (e per il futuro dell'industria della lana britannica, che col caldo....), meno male...

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
redoctober
Inviato: 22/7/2006 10:40  Aggiornato: 22/7/2006 10:43
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/2/2006
Da: Capitale
Inviati: 99
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
Perchè se non sentiamo l'obbligo di trasmettere alle generazioni future il giusto messaggio che abbia lo scopo di evitare il ripetersi di "errori" che, alterando l'Ecositema, hanno portato a questa situazione, dove sta il nostro ruolo?

una frase degna di rispetto, veramente, e personalmente credo che se l'uomo interferisce con la natura, sarà compito suo cercare anche di salvaguardare la terra dove vive, infondo anche io credo che la natura alla fine avrà il suo corso, a prescindere dall'uomo o meno ma cavolo, ai nostri eredi lasciamogli un minimo di terra decente dove vivere.
quindi io non credo siano puttanate le tesi ambientalistiche sulle emissioni ecc...e
seppur io non lo stimi molto consiglio "An Inconvenient Truth" di Al Gore, cose folli non le dice....

dimenticavo:crimecrisis.net

«Lo Stato è una istituzione necessaria e indispensabile. Lo Stato è il fondamento della società, della cooperazione e della civiltà umane. Esso è lo strumento più benefico e utile per promuovere la felicità e il benessere umani. <Ludwig von Mises>
cct
Inviato: 22/7/2006 10:42  Aggiornato: 22/7/2006 10:42
Mi sento vacillare
Iscritto: 1/2/2006
Da: Lago Maggiore near Swiss
Inviati: 480
 Re: Il circolo vizioso
I record c'erano, ci sono sempre stati e sempre ci saranno, ma erano record .... picchi momentanei, non consuetudini durature.

TEMPERATURA ALLE 24 DI QUESTA NOTTE A MILANO LINATE

PRES HGHT TEMP
hPa m C
-----------------------------------------------------------------------------
1004.0 103 27.0
1000.0 136 29.2
999.0 145 29.6
960.0 498 28.5
930.0 780 27.6
925.0 828 27.2
899.0 1080 25.4
850.0 1569 20.8
799.0 2092 16.4
775.0 2349 14.2
700.0 3209 7.0
699.0 3221 6.8
677.0 3484 5.2
672.0 3544 5.4
663.0 3655 4.6
641.0 3929 2.4
636.0 3992 2.4
618.0 4222 0.5
608.0 4353 -0.5

Seconda colonna-> altezza in metri
Terza colonna -> temperatura


Fate ciao agli ultimi ghiacciai.

"chentu concasa, dughentos corros"
Piero79
Inviato: 22/7/2006 10:43  Aggiornato: 22/7/2006 10:43
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/5/2006
Da:
Inviati: 781
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
Fino a che punto sia allarmismo giornalistico e fino a quale sia il solito "gomblotto" lascio ad altri il commentare, ma personalmente ho pochi dubbi.


quindi il problema, se esiste, non è nella misura in cui viene rappresentato. posso dedurre che si può non rispettare il protocollo di kyoto e continuare nel consumismo illimitato a inquinare all'infinito?

yarebon
Inviato: 22/7/2006 10:48  Aggiornato: 22/7/2006 10:48
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2366
 Re: Il circolo vizioso
d'accordo con il discorso di cct, anche se alla fine bisogna tenere conto anche del fatto che è dall'ottocento che ci sono queste misurazioni e che quindi non abbiamo dati certi per quanto riguarda un passato più remoto o sbaglio?

frankad
Inviato: 22/7/2006 10:51  Aggiornato: 22/7/2006 19:48
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
quindi il problema, se esiste, non è nella misura in cui viene rappresentato. posso dedurre che si può non rispettare il protocollo di kyoto e continuare nel consumismo illimitato a inquinare all'infinito?

Piero,

il protocollo di Kyoto era e si è dimostrato una bufala. Qualcuno avrà pure creduto nella sua "bontà" al momento di partorirlo, ma dallo stesso giorno della sua rattifica, mancando alla firma nazioni come USA e Russia, a prescindere dalla REALE portata dell'intervento in se stesso, tanto per fare un esempio, era già morto.

Se considerio che la stessa Italia, ad oggi, ha ottemperato allo stesso in una percentuale risibile, il suddetto protocollo è stato ed è una bufala.

Come se aprissi un'ombrello mentre ti cade un masso di 20 tonnellate in testa.

Ciao

frankad

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
PikeBishop
Inviato: 22/7/2006 10:52  Aggiornato: 22/7/2006 10:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Il circolo vizioso
Piero79

Questa proprio non la capisco:
Citazione:
non potrebbe essere questa una controputtanata per non rispettare il protocollo di kyoto


Da parte di chi? Sono un agitprop neocon involontario? Ma dai.....

Essendo il protocollo di Kyoto una puttanata, sarebbe una contro-contro-contro-contro puttanata con retrofiamma esplosiva.

Ora mi aspetto solo piu' che qualcuno punti l'indice contro l'OCCIDENTALE CATTIVO ed il suo stile di vita iniquo, lui si che merita l'estinzione in favore di un mondo equo e solidale. Riducete i consumi mentre la fiamma olimpica si brucia il riscaldamento dei pensionati che non possono permetterselo e l'aria condizionata ronza nei ministeri, bianchi stupidi e scellerati! Boh!

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
Piero79
Inviato: 22/7/2006 10:56  Aggiornato: 22/7/2006 10:56
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/5/2006
Da:
Inviati: 781
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
il protocollo di Kyoto era e si è dimostrato una bufala. Qualcuno avrà pure creduto nella sua "bontà" al momento di partorirlo, ma dallo steso giorno della sua rattifica, Mancando nazioni come USA e Russi tanto per fare un esempio, era già morto.


ho citato il protocollo di kyoto come emblema del principio secondo il quale si riconosce che il problema emissioni/inquinamento esiste.

tommasso
Inviato: 22/7/2006 10:57  Aggiornato: 22/7/2006 10:57
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/5/2006
Da: ZENA
Inviati: 722
 Re: Il circolo vizioso
teniamo anche conto che quello di cui si parla nel film "the day after tomorrow" non è un invenzione, più scaldiamo il nostro mondo, più la corrente del golfo diminuisce, e se sparisse avremmo una nuova, enorme era glaciale che colpirebbe tutti i paesi dell'emisfero nord che si affacciano sull'atlantico, e di sicuro il mediterraneo diminuirà la sua temperatura di una dozzina di gradi, e allora non ci preoccuperemo più del caldo, ma del gelo a cui il nostro paese (da qualche migliaia di anni) non è abituato.


salud!

"I nostri nemici sono creativi e pieni di risorse, e lo siamo anche noi. Loro non smettono mai di pensare a nuovi modi per danneggiare il nostro paese e la nostra gente, e nemmeno noi." 5 agosto 2004 G.W.Bush
Piero79
Inviato: 22/7/2006 11:02  Aggiornato: 22/7/2006 11:02
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/5/2006
Da:
Inviati: 781
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
Ora mi aspetto solo piu' che qualcuno punti l'indice contro l'OCCIDENTALE CATTIVO ed il suo stile di vita iniquo, lui si che merita l'estinzione in favore di un mondo equo e solidale


mi sto già estinguendo

Citazione:
Riducete i consumi mentre la fiamma olimpica si brucia il riscaldamento dei pensionati che non possono permetterselo e l'aria condizionata ronza nei ministeri, bianchi stupidi e scellerati! Boh!


questo fa parte dello stile di vita occidentale. ingiusto fuori e dentro

frankad
Inviato: 22/7/2006 11:11  Aggiornato: 22/7/2006 11:12
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Dal seguimento del fenomeno delle scie chimiche, degli argomenti ad esso correlati e delle situazioni climatiche, che definire anomali è uno scherzo, si traggono molte e preoccupanti indicazioni.

Ne parleremo quando la ristrutturazione della sezione "Scie chimiche" sarà completata.

Vorrei solo sottolineare una "certa" situazione: assieme a qualche altro ( ), abbiamo monitorato i maggiori portali meteorologici italiani.

Lo sgomento è, oramai, diventato abitudine. Da fine maggio si parla dell'arrivo del mitico Anticiclone delle Azzorre, come consuetudine del periodo.

Tra un arriva si...arriva no...(se questo è fare le previsioni...ci riesce anche mia figlia)..non demordono!!

Dopo aver cannato svariate volte, alcuni giorni fa sono apparsi, in uno dei siti, con questo pomposo annuncio:



Peccato..che L'Anticiclone delle Azzorre sia in vacanza...sulle Isole Britanniche....

Un dubbio "feroce": cosa mai avranno fatto centinaia e centinaia di aerei..i quali in questi mesi hanno massacrato le zone pertinenti l'Anticiclone rilasciando scie chimiche?

frankad

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
nartek
Inviato: 22/7/2006 11:23  Aggiornato: 22/7/2006 11:23
So tutto
Iscritto: 22/7/2006
Da:
Inviati: 9
 Re: Il circolo vizioso
Buongiorno,
Ammiro Massimo per il lavoro 911 e per gli interventi nelle varie trasmissioni che ho seguito con estremo interesse.
Seguo luogocomune e gli amici apprendendo sempre molto.
Ma l'ultimo post mi ha spinto a iscrivermi per inviare un commento che ritengo
degno di attenzione.

Mi dispiace ma questa volta dissento fortemente dato che del "RISCALDAMENTO GLOBALE" non si può parlare riportando dati su una scala estremamente ridotta.
Modelli climatici attuali ancora non sono all'altezza di descrivere fenomeni relativi al clima, così randomici ,e anche semplici occorenze climatiche ancora non possono esser spiegate del tutto , dato che in meteorologia la scienza è ancora molto indietro.
Il Clima và visto su scala molto ampia e non ci si puo' riferire solo all'era umana per cercar di dare una dato attendibile.
Dati relativi solo agli anni '90 sono solo un fuscello nella scala dei tempi climatici .
In realtà esaminando anche solo i grafici delle località EUROPEE negli ultimi 100 anni ( ancora scala molto ridotta ...ma 10 volte maggiore rispetto solo agli anni 90) si nota un sostanziale stabilità media attorno ai 7-13 °C (in alcune località addirittura una diminuzione!!)
vedere giss.nasa.gov.
Dirò di piu' essendo il riscaldamento o il raffreddamento un fenomeno mondiale non si possono prendere in considerazione solo determinate località.
E' vero i ghiacci della "PENISOLA" antartica si stanno sciogliendo ( ma l'antartide non è solo la cosi' detta penisola!!) è altresi' vero che all'interno del continente polare gli stessi ghiacci si stanno inspessendo!!!! e allora come la mettiamo ?????

In realtà su una scala di 26 mila anni la terra si avvia ad una nuova glaciazione non verso un riscaldamento.
Col clima io ci andrei molto cauto con le affermazioni e i movimenti cosi' detti Global ECOLOGISTI.

E' risaputo che i dati si possono interpretare e manifestare per i prorpri comodi.
Riportarli integralmente in tema CLIMATICO è un opera improba essendo tali dati un volume enorme!!!!

Dai dati relativi all'ultimo millennio (e non decina di anni) evidenzia un innalzamento di 0.812436 °C nei prossimi 100 anni !!!!

Allora di cosa stiamo parlando ?????

MA chi vuole, come per il tema 911, puo' trovare documentazione ad ampio respiro
E in tema di Clima niente c'è di più vero che dire : la fenomenologia climatica è in continua evoluzione, e cambiamento, il voler solo fissare cicli e ricorrenze e schemi è solo un atto di presunzione pura allo stato attuale delle conoscenze.

Saluti a tutti

PikeBishop
Inviato: 22/7/2006 11:25  Aggiornato: 22/7/2006 11:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
questo fa parte dello stile di vita occidentale. ingiusto fuori e dentro


Come Wuollewassi Demonstrarette (lingua equa e solidale).

E tutti lo vogliono questo stile di vita, a costo di estinguerci, a noi. E quando saremo tutti misti, meterosexuals analfabeti grandefratellizzati, chissa le elites cosa faranno? Lo spengneranno il cacchio di condizionatore a propulsione nucleare?

I metereologi non sanno una mazza per definizione. Non hanno la boccia di vetro (che sarebbe piu' seria, per tirare ad indovinare) cosi', come tutti gli scienziati, danno buffi nomi a cose e avvenimenti, nomi di cui hanno il copyright e che solo loro possono ritualmente pronunciare. Raccolgono anche numeri che possono, come il nome di Dio usare in innumerevoli permutazioni per darci annunci su eventi catastrofici se non righiamo dritti e facciamo quello che i capi ci dicono di fare (ed i capi danno istruzioni contraddittorie, come la recluta di Full Metal Jacket non c'e' scampo, qualsiasi cosa si faccia verra' usata contro di noi). Cosi' giustificano il loro stipendio che gli consente, fra l'altro, di dare quell'euro al lavavetri che ecologicamente svolge una mansione che gli italiani non vogliono piiu' svolgere, pulire il parabrezza con acqua ecologicamente lurida.

Dei giornalisti e' inutile che parli, si e' gia' detto a profusione.

Sta facendo piu' caldo. E' vero. Qualcuno sa dirmi la media della temperatura del Mediterraneo quando la lupa allattava Romolo e Remo?
Sarebbe stato meglio avere una mini-epoca glaciale come nel medioevo?

Non ci sono piu' le mezze stagioni......

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
rumenta
Inviato: 22/7/2006 11:32  Aggiornato: 22/7/2006 12:09
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2006
Da: Repubblica di Genova
Inviati: 801
 Re: Il circolo vizioso
oltre a quotare al 101% il primo post di Pike, vorrei far notare che non sono solo gli occidentali cattivi a non aver firmato o non onorare la firma sul trattato di kioto, ma anche india e cina, che sono i paesi a maggior crescita economica, proprio perchè oltre ad avere una mano d'opera a bassissimo costo, non devono sostenere gli oneri imposti da un qualsiasi controllo delle emissioni inquinanti.... ma a loro non si può dire nulla, ci mancherebbe, solo noi occidentali cattivi siamo la causa del "surriscaldamento" del pianeta..... però mi viene un piccolissimi dubbio..... che faccia tutto parte di un ciclo NATURALE di riscaldamento/raffreddamento del pianeta??
perchè se è così allora tirate fuori le coperte, a prescindere dal "taglio" delle emissioni le cose cambiano, e noi non possiamo farci nulla.

-------------- EDIT:
ed a quotare altrettanto al 101% il post di Nartek....



"La verità dev'essere brutale, violenta, armata ed arrabbiata. Altrimenti soccombe."
PikeBishop
Inviato: 22/7/2006 11:32  Aggiornato: 22/7/2006 11:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Il circolo vizioso
PS

nartek, che e' un po' meno brontolone di me, ha espresso brillantemente in maniera coerente quello che avrei potuto dire io, solo che in piu' l'ha fatto meglio

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
frankad
Inviato: 22/7/2006 11:34  Aggiornato: 22/7/2006 11:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Cioa nartek, piacere di averti tra noi.

Modelli climatici attuali ancora non sono all'altezza di descrivere fenomeni relativi al clima, così randomici ,e anche semplici occorenze climatiche ancora non possono esser spiegate del tutto , dato che in meteorologia la scienza è ancora molto indietro.

Di questo ci siamo pienamente resi conto, soprattutto da parte di chi segue determinati fenomeni da circa 15 anni, con un'ottica differente dallo standard scolastico il quale, a fronte di una pianificazione temporale di certe azioni, può essere...diciamo "pilotato".

vedere giss.nasa.gov.

Non posso certo fare affidamento in un ente quale la NASA che ha le mani in pasta, come non potrebbe d'altronde, su tanti "misteri e controversie", che manipola in maiera lampante rilievi sat, che fa calendarietti per i bambini delle scuole proponendo scie chimiche come normale consuetudine e tanto altro.

Sta a noi ragionare con la nostra testa e con i mezzi possibili, anche se ovviamente limitati.

Ciao

frankad

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
cct
Inviato: 22/7/2006 11:38  Aggiornato: 22/7/2006 11:38
Mi sento vacillare
Iscritto: 1/2/2006
Da: Lago Maggiore near Swiss
Inviati: 480
 Re: Il circolo vizioso
X Nartek.

e questi sono pure ottimistici






"chentu concasa, dughentos corros"
Paxtibi
Inviato: 22/7/2006 11:38  Aggiornato: 22/7/2006 11:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Il circolo vizioso
Quoto l'intervento di Nartek (benvenuto!) e ovviamente anche quelli di PikeBishop.

Per inciso, qui in Grecia è l'estate più fresca da almeno una decina d'anni...

What complicates the human-induced global warming question is the fact that some of the glaciers in Alaska began their retreat more than 250 years ago, before the human population expanded and the industrial revolution. Some of Alaska's glaciers began their retreat only in the last 25 years.

"The popular perception of global warming is that the entire Earth is warming everywhere. The record doesn't show that," said Molnia. Alaska's temperature changes are far more dramatic than in other regions of the world, and the retreat of Alaska's glaciers is quite significant, concludes Molnia. But there are many regions that show very little temperature change or none at all, and not all the glaciers in the world are melting.

(National Geographic)

Pandora
Inviato: 22/7/2006 11:41  Aggiornato: 22/7/2006 11:41
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/11/2005
Da: fra 45°15'N, 9°00'E e 45°10'N, 9°15'E
Inviati: 338
 Re: Il circolo vizioso
Al discorso delle temperature medie che si innalzano costantemente non ho mai creduto cecamente.
Con questo non voglio assolutamente dire che non esista un cambiamento climatico.
Però teniamo presente che quando certe notizie vengono date costantemente ed in maniera martellante dai principali telegiornali (o forse sarebbe meglio chiamarli rotocalchi) penso che sia per dire qualcosa in maniera sensazionale ed immediatamente riscontrabile. Chi non prova caldo in questi giorni? Se a qusto punto viene detto che questo è il mese di luglio più caldo degli ultimi 500 anni, molte persone si lasciano suggestionare dalla notizia (anche perchè è data dal tiggì).

Così, per pura curiosità ho provato a ricercare le temperature medie di una qualunque città. Ho trovato Udine.

Udine: temperature medie (in gradi centigradi) nel mese di giugno dal 2001 al 2006

2001: 20,2
2002: 22,9
2003: 26
2004: 20,6
2005: 21,6
2006: 22,1

Fonte: http://www.meteomin.it/Dati_Meteo/Medie_Estremi.asp

Più che temperature medie in costante salita io ci vedo una bella "altalena"


Franco: Citazione:
se questo è fare le previsioni...ci riesce anche mia figlia.


Condivido quello che dici. Spesso senti parlare vari metereologi che ti dicono che le previsioni possono arrivare anche a una settimana.
Però ti sottolineano anche che la probabilità che siano corrette diminuisce all'aumentare dei giorni di previsione.
A questo punto che senso ha dichiarare alla fine di aprile che "quest'anno sarà l'estate più torrida degli ultimi 150 anni"?

La pura e semplice verita' è raramente pura e non è mai semplice.
PikeBishop
Inviato: 22/7/2006 11:50  Aggiornato: 22/7/2006 11:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Il circolo vizioso
cct

Dati "ottimistici" per nartek, Fonti:

IPCC

WMO

UNEP

Tanto vale chiedere direttamente a costoro:

Illuminati

Chiedi sempre al pescivendolo se il pesce e' fresco.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
frankad
Inviato: 22/7/2006 11:50  Aggiornato: 22/7/2006 11:50
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
Però ti sottolineano anche che la probabilità che siano corrette diminuisce all'aumentare dei giorni di previsione.
A questo punto che senso ha dichiarare alla fine di aprile che "quest'anno sarà l'estate più torrida degli ultimi 150 anni"?


Ciao Pandora

Non credo che ti riferisca a qualcosa che ho scritto io, no? Ho parlato non di previsioni ma di Anticiclone delle Azzorre.

Scusami un appunto: se continuiamo a dare per scontati dati, tratti da siti come quelli che hai indicato, rischiamo di fare ciò che hai scritto prima, ossia un qualcosa assolutamente paragonabile all'azione di telegiornali o roba del genere, da una parte sensazionalismo, dall'altra allineamento corroborato da dati attinti presso istituti governativi o pseudo governativi o allineati a chi, tra altre cose, manipola il tempo...dichiarandolo apertamente.

frankad

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
Linucs
Inviato: 22/7/2006 11:51  Aggiornato: 22/7/2006 11:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: Il circolo vizioso
Oh raga pensate che c'è un posto chiamato Greenland che secondo gli scienziati tornerà ad essere tutto verde no ma veramente!

Mi risparmio la pigna di link, oggi siamo di turno col Libano.

Ve lo ricordate il Libano, quello di Aïta al-Chaab... sì?

PikeBishop
Inviato: 22/7/2006 11:55  Aggiornato: 22/7/2006 11:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Il circolo vizioso
Linucs,

La battuta della Groenlandia l'avevo gia' fatta io, ma che, non leggi tutto? Vabbe', sei scusato per via del tuo fantastico intervento sul Libano, che mi preoccupa MOLTO, ma MOLTO di piu'......

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
cct
Inviato: 22/7/2006 11:57  Aggiornato: 22/7/2006 11:57
Mi sento vacillare
Iscritto: 1/2/2006
Da: Lago Maggiore near Swiss
Inviati: 480
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
Autore: PikeBishop Inviato: 22/7/2006 11:50:07 Chiedi sempre al pescivendolo se il pesce e' fresco.


No ma mi ricordo che da me nevicava tutti gli inverni, anche con metri di neve e le prime nevicate a volte erano a ottobre, a 200 metri sul livello del mare e con tanto di lago adiacente, adesso se nevica e' un evento straordinario.

"chentu concasa, dughentos corros"
frankad
Inviato: 22/7/2006 11:57  Aggiornato: 22/7/2006 11:57
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
Oh raga pensate che c'è un posto chiamato Greenland che secondo gli scienziati tornerà ad essere tutto verde no ma veramente!



La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
Pandora
Inviato: 22/7/2006 12:05  Aggiornato: 22/7/2006 12:05
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/11/2005
Da: fra 45°15'N, 9°00'E e 45°10'N, 9°15'E
Inviati: 338
 Re: Il circolo vizioso
Ciao Frankad,

Citazione:
Non credo che ti riferisca a qualcosa che ho scritto io, no?


Certo che no. Mi riferivo semplicemente al fatto che certe notizie date dai telegiornali non sono nemmeno compatibili con quanto le stesse fonti (i metereologi) dichiarano.

I dati che ho riportato erano semplicemente per "sottolineare" che è facile dire che "questa è l'estate più calda del secolo", ma che basta guardare un qualunque sito di metereologia per capire la falsità della dichiarazione. Tutto qui.

Che poi ci siano cambiamenti climatici in corso è un altro discorso, completamente slegato da quanto i telegiornali dichiarano.

La pura e semplice verita' è raramente pura e non è mai semplice.
ma
Inviato: 22/7/2006 12:06  Aggiornato: 22/7/2006 12:06
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/1/2005
Da:
Inviati: 37
 Re: Il circolo vizioso
c'e' un grossso probblema che attanaglia questa bellissima terra.....il traffico....un'altro grosso probblema e' .......l'inquinamento.......un'altro grosso probblema e' vero...e' il caldo. ci sono anche le alghe.

Redazione
Inviato: 22/7/2006 12:07  Aggiornato: 22/7/2006 12:07
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il circolo vizioso
Anch'io mi ritrovai, all'inizio del 2001, a mettere in dubbio la fondatezza dell'allarmismo crescente sul Global Warming.

Furono proprio i repubblicani, appena saliti al potere, a mettere in giro le prime voci che in effetti kyoto e tutta la campagna stampa che ci sta dietro fossero solo una puttanata colossale.

Mi ricredetti velocemente, però, quando sentii Bush dichiarare, qualche mese dopo, che "non è possibile imporre le necessarie leggi anti-inquinamento alle industrie americane: costerebbe semplicemente troppo implementarle". Lo disse con assoluta nonchalance, come se il criterio economico prevalesse su quello ecologico senza nemmeno discuterne.

Era chiaro quindi che le voci anti-warming fossero state messe in giro con uno scopo ben preciso.

Secondo me le cose stanno più o meno così. Da una parte c'è la coalizione dei petrolieri, che fa capo ai Bush, Cheney, ex-Enron, eccetera, e dall'altra c'è una coalizione economica altrettanto forte, che punta tutto sugli investimenti per la cosiddetta energia pulita, e che fa capo ad Al Gore. Non a caso - non so se gia lo sapete - Gore ha appena fatto un film, in cui illustra personalmentre i problemi del global warming.

E noi di mezzo, a sudare come capre in soffitta, e a non capirci un cacchio come al solito.

yarebon
Inviato: 22/7/2006 12:08  Aggiornato: 22/7/2006 12:08
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2366
 Re: Il circolo vizioso
le misurazioni della temperatura e di altri fenomeni climatici è cominciata dall'ottocento, quindi purtroppo bisogna fare riferimento solo ad una fascia ristretta di tempo che in tempi geologici non equivale nemmeno ad un battito di ciglia.
Questo non significa che tutto ciò che vediamo è nella norma. I cambiamenti sono evidenti a tutti noi basta vederli. L'unica cosa che non mi convince sono le cause e soprattutto il fatto che invece di un aumento di temperatura ci potrebbe essere al contrario un raffreddamento per via delle modificazioni che sta subendo la corrente del golfo.Il fatto è che l'attività umana ha raggiunto livelli tali da condizionare enormemente l'ecosistema come mai avvenuto in passato. L'uomo ha sempre tagliato alberi e in un certo qual senso modificato l'ecosistema, ma le modifiche del passato non sono equivalenti a quelle del presente oltre che per lo sviluppo tecnologico, anche per l'interconnessione che ha subito il mondo, che fa si che persino una catastrofe avvenuta dall'altra parte del mondo possa avere effetti economici e sociali anche dalle nostre latitudini. Misurazioni o meno, risulta chiaro che l'ondata di uragani nel golfo del messico (per fare un esempio tra i tanti) non è un fatto normale,così anche i 40 gradi a Londra, bisogna capire solo le cause che non sono sicuramente quelle che ci vengono propinate o almeno non solo quelle! Tenendo conto solamente di un periodo di poco più di 100 anni,notiamo che i record stanno acquistando maggior frequenza e non solo riguardo alle temperature, soprattutto dalla fine del XX secolo.L'aumento degli uragani penso è un fatto noto a tutti, oltre che sono stati visti anche in latitudini in cui non si sono mai avuti ed in questo caso non c'è bisogno di proiezioni risalenti anche a 2000 anni indietro. Il clima bene o male era lo stesso anche 2000 anni fa e nel medioevo vi è stato l'unico cambiamento di nota (almeno questo è quello che ci dice la scienza) secondo quella che viene definita "piccola era glaciale". In molti casi quindi cambia poco sapere le proiezioni di 2000 anni fa. Questo catastrofismo di molti media e in molti aspetti anche la censura è sicuramente dubbio. I media da una parte rassicurano e dall'altra fanno i catastrofisti.
Sicuramente il problema climatico è favorevole a certe elite che lo stanno usando per dei loro scopi sicuramente non nobili, il problema comunque rimane.

snapdozier
Inviato: 22/7/2006 12:08  Aggiornato: 22/7/2006 12:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/2/2006
Da: Vicenza
Inviati: 75
 Re: Il circolo vizioso
Però fa caldo.

Citazione:
quello che conosci non è ancora conoscenza
fiammifero
Inviato: 22/7/2006 12:14  Aggiornato: 22/7/2006 12:14
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/2/2005
Da: ROMA
Inviati: 5691
 Re: Il circolo vizioso
uuuummmmm,non è che siamo troppi su questo pianeta e questa non è una delle tante pre-tattiche per prepararci al peggio,tipo terremoti e maremoti indotti,alluvioni e dirottamenti meteoriti?

Citazione:
le cose di cui ci sentiamo assolutamente certi non sono mai vere (Oscar Wilde)
reaven
Inviato: 22/7/2006 12:14  Aggiornato: 22/7/2006 12:14
Mi sento vacillare
Iscritto: 8/11/2005
Da:
Inviati: 341
 Re: Il circolo vizioso
l estate del 2003 fu pazzesca, ricorderete il relativo blackout, questa estate mi sembra un po piu' fresca a confronto, sara' stato il lavoro delle scie? :P

frankad
Inviato: 22/7/2006 12:15  Aggiornato: 22/7/2006 12:20
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Cos'è questo?

Dov'è questo?

Perchè questo?





Pike (ciao in primis) & Linucs (ciao in secondis)

Mi sento smarrito quando devo fare una "classifica" tra cosa è più grave o cosa non lo è.

Ieri qui sono morti due anziani a causa del caldo, sento di parlare di temperature "pseudo normali" ed un irruento "giramento" proviene dalle parti basse, soprattutto dovuto alle fonti citate....amichevole giramento, sia chiaro.

Non guardo Tv, tranne qualche straniera, il televideo qualche volta. Solo a titolo di "aggiunta", stringa di ieri.



Ricordate l'estate del 2003? Bene che lo facciate.

frankad

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
Zret
Inviato: 22/7/2006 12:16  Aggiornato: 22/7/2006 12:16
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/11/2005
Da: Inferno
Inviati: 184
 Re: Il circolo vizioso
Le modificazioni climatiche sono dovute per lo più al cambiamento della risonanza Schumann, ad HAARP ed alle scie velenose (vulgo scie chimiche). L'effetto serra è per lo più un'invenzione dei soliti noti fatta propria anche dagli "ecologisti" in buona o cattiva fede. Sono effetti naturali ed artificiali, ma non è solo il riscaldamento che deve inquietare (vedi tardo Medioevo), ma l'avvelenamento dei biomi.

redoctober
Inviato: 22/7/2006 12:20  Aggiornato: 22/7/2006 12:20
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/2/2006
Da: Capitale
Inviati: 99
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
Secondo me le cose stanno più o meno così. Da una parte c'è la coalizione dei petrolieri, che fa capo ai Bush, Cheney, ex-Enron, eccetera, e dall'altra c'è una coalizione economica altrettanto forte, che punta tutto sugli investimenti per la cosiddetta energia pulita, e che fa capo ad Al Gore. Non a caso - non so se gia lo sapete - Gore ha appena fatto un film, in cui illustra personalmentre i problemi del global warming.

concordo in pieno e rimando almio post precedente dove ho linkato il sito ove avere info sul film, libro ecc... fatti da Al Gore, che puo aiutare a far capire qualcosa di piu ecmq anche se noi stiamo li a capirci un cacchio come al solito, quantomeno non dobbiamo sottovaluatare il pericolo.
cmq la scorsa estate l'ho trovata piu fresca di quest'anno

«Lo Stato è una istituzione necessaria e indispensabile. Lo Stato è il fondamento della società, della cooperazione e della civiltà umane. Esso è lo strumento più benefico e utile per promuovere la felicità e il benessere umani. <Ludwig von Mises>
yarebon
Inviato: 22/7/2006 12:25  Aggiornato: 22/7/2006 12:29
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2366
 Re: Il circolo vizioso
un altro appunto:
quoto di nuovo l'intervento di cct! I cambiamenti climatici li sto sperimentando anche sulla mia pelle ed in questo caso mi baso sull'esperienza personale più che sui media:
Anche dalle mie parti l'inverno nevicava sempre abbondantemente, adesso nevica al massimo per due giorni tutto l'inverno. L'unica nevicata eccezionale si è avuta lo scorso anno, dove ha nevicato per un mese ininterrotto da metà gennaio fino a febbraio (cosa avvenuta l'ultima volta ngli anni 50), tanto che la neve si è sciolta solo a marzo. Ma negli ultimi 10 anni per il resto dalle mie parti abbiamo avuto inverni caldi con temperature che superavano di diversi gradi la media. Dalle mie parti avevamo sempre neve abbondante e tranne nel 2005, negli ultimi 10 anni per il resto addio nevicate. Questo non vuol dire inverni più caldi, anzi spesso non nevicava perchè la temperatura si abbassava di molto sotto lo zero per poi risalire improvvisamente.
Altra cosa, gli sbalzi della temperatura: chiunque interrogo dalle mie parti, mi dice che questa situazione non si aveva nel passato. Dalle mie parti si è passato dai quasi 40 gradi di fine maggio (!!!!!) ai 5 gradi di inizio giugno (!!!!). Regolare tutto ciò? Questi sbalzi sono più o meno cominciati dall'inizio del millennio. Ora proiezioni di 2000 anni, di 10mila o altro, le quattro stagioni seguono un corso regolare e ciclico che fa si ch i cambi di temperatura siano graduali. Ciò non sta più avvenendo. E' normale tutto ciò?
Avete tutte le ragioni a contestare l'allarmismo ufficiale, ma negare i cambiamenti secondo me vuol dire negare la realtà. Altra cosa è dibatere su quali siano le vere cause e che in certi casi siano anche artificiali.
Altra cosa, al nord se non sbaglio da diversi anni l'inverno produce scarse o nulle precipitazioni. Con una siccità che dura anche diversi mesi! Almeno questo è quello che ho letto.Non riguarderà certo tutto il nord!

Ibarruri
Inviato: 22/7/2006 12:29  Aggiornato: 22/7/2006 12:29
Ho qualche dubbio
Iscritto: 19/6/2006
Da: Pianeta Terra (presumo)
Inviati: 61
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
Tenendo conto solamente di un periodo di poco più di 100 anni,notiamo che i record stanno acquistando maggior frequenza e non solo riguardo alle temperature, soprattutto dalla fine del XX secolo.L'aumento degli uragani penso è un fatto noto a tutti, oltre che sono stati visti anche in latitudini in cui non si sono mai avuti ed in questo caso non c'è bisogno di proiezioni risalenti anche a 2000 anni indietro.


Esatto, gli sballamenti climatici si vedono non solo dal caldo che è davvero in crescita (anche se per fortuna non abbiamo toccato i picchi dell'estate 2003), si vedono da questi anomali uragani, dall'andamento delle precipitazioni ormai poco frequenti e, quando capitano, sono di natura torrentizia (stile acquazzoni primaverili con raffiche di vento molto violente) improvvise e di breve durata (alle nostre latitudini dovrebbero essere di reglola semplici piogge e temporali moderati).
E ancora: gli inverni sono meno freddi!!!! Due anni fa mettevo due magliette, felpa e piumino; quest'inverno vestendomi così avevo caldo!

Citazione:
Il clima bene o male era lo stesso anche 2000 anni fa


Bhe direi di no, visto che è solo dalla rivoluzione industriale che la diossina ha cominciato a mangiucchiare il nostro ozono e a formare la famosa cappa che genera l'effeto serra...

Kyoto now! Sempre e comunque.

Io viaggio per il mondo. Un giorno, in un bar, un tale mi ha domandato: " Ma dove stai andando?" Ho sorriso e gli ho offerto da bere.
Dove sto andando? Magari lo sapessi!
frankad
Inviato: 22/7/2006 12:34  Aggiornato: 22/7/2006 12:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
quoto di nuovo l'intervento di cct! I cambiamenti climatici li sto sperimentando anche sulla mia pelle ed in questo caso mi baso sull'esperienza personale più che sui media


Riquoto entrambi, Yarebon e CCT.

Una cosa assurda è rappresentata dall'affanno nel aggrapparsi a dati di organismi più o meno "istituzionali" i quali da taluni, purtroppo da tanti che potrebbero comunicare onestamente, vengono presi per oro colato. Riferimenti & analogie a discussioni in corso sull'11 settembre? Ma quando mai..

I grossi istituti, parliamo di questo settore, sono tutti legati a quadrupla mandata con azioni e progetti di controllo climatico ed affini i quali, come di solito l'arroganza che li contraddistingue impone, sono reperibili e verificabili sul web.

Ma come sottolineano Yarebon ev CCT pare che pochi pensino con la propria testa e valutino i cambiamenti ai quali hanno assistito nella loro vita e sulla propria pelle. Con semplicità....

Tutto per difendere una posizione ed una poltrona o per classica sindrome di allineamento al sistema?

Sulla pelle di chi la pelle ce la rimette o rischia di rimettercela.

frankad

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
nartek
Inviato: 22/7/2006 12:35  Aggiornato: 22/7/2006 12:35
So tutto
Iscritto: 22/7/2006
Da:
Inviati: 9
 Re: Il circolo vizioso
ciao a tutti ,
il discorso è davvero interessante.
La citazione delle fonti spesso porta a diffidare o elogiare dipende sempre dai punti di vista.

Io cerco di guardare A...B...C...D....e anche il giardino di casa mia ..non si sà mai!!!

Certamente non siamo in grado personalmente di controllare tali fonti
( occorrerebbe fare ricerche sui finanziatori di tali istittui!!..ma anche dei vari movimenti eheheh ne scopriremmo delle belle) e inoltre occorrerebbe avere una conoscenza davvero specifica.
Ma noi comuni mortali (quali io mi ritengo) possiamo onestamente riportare una o l'altra fonte e anche "modestamente" prendere parte e aprire gli occhi per lo meno per non seguire quale gregge smarrito.

Inoltre è altresì vero che i principali istituri in questo campo sono occidentali!

Però qui si fa un discorso che occorre abbia principi ben saldi : o diciamo che disconosciamo tutto e diffidiamo di tutto ...e la cosa puo' esser fatta....oppure possiamo anche dire che aualche studio SERIO c'è in giro e possiamo citarlo senza dover incorrere in facili qualunquismi.

Possiamo citare , sempre con beneficio di inventario, ma comunque con animo sereno data la mole delle stesse:

il Goddard Institute for Space Studies della Columbia University
il Giss di New York
il Climate Research Unit
Norwich
Il Global Historical Climatology Network
National Climatic Data Center
Il Carbon Dioxide Information and Analysis Center
Il Compendium of Data on Global Change
http://cdiac.esd.ornl.gov
http://www.ncdc.noaa.gov/oa/climate/research/ushcn.htm
http://datasystem.earthkam.ucsd.edu
Scientific America, Advanced Technology to
Global Climate Stability,
Nature, Impact of el Nino,
Global Climate change Bullettin,
Il sito privato di Nature http://www.nature.com/nsu/031117/031117-8.htm
New eyes in the sky measure glaciers and ice,
Biodiversity
Glaciers mass balance the first 50years...
ect ect
ect.....

Ma se poi vogliamo dire che tali enti hanno i loro dichiarati e poco dichiarati scopi possiamo anche dirlo ....ma peccheremo in questo caso di presunzione.

Non mi perito di conoscere la verità assoluta e mi guardo da chi crede a tutto ....ma mi guardo altrettanto, se non in maniera peggiore, di chi vuole affermare che tutto è falsità.

Paxtibi
Inviato: 22/7/2006 12:43  Aggiornato: 22/7/2006 12:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Il circolo vizioso
Mah, a proposito di neve devo dire che qui ad Atene, negli ultimi anni, è diventata un'abitudine. E non semplici spolverate, ma vere e proprie nevicate "svizzere", anche di due o tre giorni, a grandi fiocchi e con la formazione di coltri persistenti.

Kyoto now!

Vallo a spiegare a indiani e cinesi...

rumenta
Inviato: 22/7/2006 12:44  Aggiornato: 22/7/2006 12:44
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2006
Da: Repubblica di Genova
Inviati: 801
 Re: Il circolo vizioso
Ibarruri:
Citazione:
Kyoto now! Sempre e comunque.

ma sempre e solo per gli occidentali cattivi



"La verità dev'essere brutale, violenta, armata ed arrabbiata. Altrimenti soccombe."
Ramingo
Inviato: 22/7/2006 12:47  Aggiornato: 22/7/2006 12:47
Mi sento vacillare
Iscritto: 13/10/2005
Da: Puglia
Inviati: 657
 Re: Il circolo vizioso
Sulla mia pelle:
Premessa il mio è una cittadina a 6 km dal mare,a circa 300 mt in collina,in Puglia.
Non nevica mai d'inverno,quelle rarissime volte che lo ha fatto,era marzo inoltrato.
Una volta,frequentavo le elementari,+ di 20 anni fà,abbondante.
Un'altra,frequentavo il liceo,+ di 10 anni fa,scarsa.
Un'altra 5 anni fa,scarsa.
Quest'anno,scarsa,quanto fastidiosa.
3 o 4 anni fa,d'estate entrare in acqua era come entrare in un brodo.Oggi,propio no.
Negli ultimi anni,estate piuttosto fresca di sera,comunque ventilata la mattina.
6 anni fa,la più piovosa in assoluto.
Concordo con l'altalena.
La percezione del caldo "boia",a parte pochi casi,credo derivi dal vivere in città:
Smog,traffico,mancanza di verde,asfalto,l'abitudine all'aria condizionata...
Lecce,ad esempio,essendo una "conca" d'asfalto(nonostante tutto il verde),molto a sud,è una città bollente d'estate.Ci ho vissuto...

La storia insegna che quando si diventa indifferenti e si perde la volontà di combattere, qualcuno che ha la volontà di combattere prenderà il sopravvento. Colonel Arthur "Bull" Simons
frankad
Inviato: 22/7/2006 12:48  Aggiornato: 22/7/2006 12:49
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Nartek,

con molti ci faccio il tiro al bersaglio, con altri non arrivo a tanto. Sai da dove si traggono le maggiori indicazioni nel senso "c'è qualcosa che non va"? Giusto dalle azioni dei più "grossi ed istituzionalizzati" che si dannano l'anima fino ad arrivare a sviluppare dei software per modificare immagini satellitari, per esempio. Lo sapevi?

Aggiungi questo: Union of Concerned Scientist

Ciao

frankad

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
PikeBishop
Inviato: 22/7/2006 12:58  Aggiornato: 22/7/2006 12:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Il circolo vizioso
Yarebon

Citazione:
Dalle mie parti si è passato dai quasi 40 gradi di fine maggio (!!!!!) ai 5 gradi di inizio giugno (!!!!). Regolare tutto ciò? Questi sbalzi sono più o meno cominciati dall'inizio del millennio. Ora proiezioni di 2000 anni, di 10mila o altro, le quattro stagioni seguono un corso regolare e ciclico che fa si ch i cambi di temperatura siano graduali. Ciò non sta più avvenendo. E' normale tutto ciò?


Nei cessi della mia scuola elementare c'era un graffito che come minimo risaliva agli anni '40 che recitava "il cinque maggio fiocco' una gappa". Niente di nuovo, quindi.
Che la neve manchi e che gli inverni siano secchi e' un fatto, ma che dipenda dalla recente attivita' umana non e' un fatto. Come ho gia' detto, una grande eruzione del tipo di quelle avvenute piu' volte nell'800 in Indocina puo' provocare molto piu' effetto serra delle emissioni di gas provocate dagli umani degli ultimi 100 anni (non cito le fonti, ma e' una opinione tanto comune da essere considerata banale dai vulcanologi). Il disboscamento credo che abbia influito molto di piu' in parecchi micro-climi Europei e spiega meglio la mancanza di neve (per inciso, qui da me sta succedendo l'opposto).

Che alcuni anziani siano morti mi dispiace, ma e' abbastanza nell'ordine naturale delle cose, anche se si puo' pensare che stiano avvelenando i nostri cieli. Ma questo e' un discorso collaterale al presente.

Ritengo molto piu' allarmante il rischio di una escalation della GUERRA PERENNE e dello scontro di civilta'(per inciso nessuna delle "due" e' tale), inclusi effetti sul clima. Questo, Frankad, il senso di quel che si e' detto a proposito del Libano. Chiaramente non si puo' dare priorita' alle disgrazie, senza riguardo al fatto che succeda a tre o a tre milioni di persone. Ma il mio livello di preoccupazione puo' variare.

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
nartek
Inviato: 22/7/2006 13:04  Aggiornato: 22/7/2006 13:04
So tutto
Iscritto: 22/7/2006
Da:
Inviati: 9
 Re: Il circolo vizioso
ehehehehe
x frankad

con molta simpatia-.----

credo di esser un mago del fotoritocco .... senza falsa modestia.
Amo la fotografia e uso tutto ciò che è a disposizione , ho varie macchine e telescopi nonchè vari PC e anche "server professionali",insomma la fotografia è un mio grande hobby.
Chiaramente tali software ...sono usati per scopi piu' o meno velati....
io nel mio piccolo riesco a combinare un bel po' ...posso immaginare con facilità enti ben potenti cosa possano fare.
come ad esempio la bella modella che ti ammicca dal cartellone e ti chiama a comprare la superlussuosaspintaultimomodello...!!! ( è solo un esempio!!!)
Ma questo discorso non c'entra niente.

Allora mettiamo tutto in discussione a cominciare dalla TreCani e finire a Wikipedia e perchè no...anche cio' che si scrive su questo sito....e su intera internet.
Dubito quindi esisto ... è una esagerazione.
Ma siamo sul discorso accennato in precedenza e che qui sintetizzo :

.......esiste di tutto a questo mondo ...maligni, malevoli e delinquenti, falsificatori, burattinai!!!!


Ma ...vorrei anche che qualcuno dicesse ...esistono i bravi, le persone oneste e i buoni, e soprattutto ......i dati di fatto!!!!

A presto amici ciaoooo!!!!!!

come qualcuno ha scritto ci sono problemi piu' impellenti e gravi molto vicino.

frankad
Inviato: 22/7/2006 13:10  Aggiornato: 22/7/2006 13:11
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Pike, finisci l'inchiostro così

Nei cessi della mia scuola elementare c'era un graffito che come minimo risaliva agli anni '40 che recitava "il cinque maggio fiocco' una gappa". Niente di nuovo, quindi.

non ti rispondo perchè ti voglio bene

Scherzi a parte, ho espresso la mia opinione in merito al fatto che siamo circondati da tragedie. In Libano non voglio neppure parlarne qui, la vivo a modo mio, che facciamo poi..aggiungiamo morti su morti..centianai in Cina per le alluvioni, 500000 sfollati, 600 (aumenta di ora in ora) i morti a causa dell'ultimo "tzumani"...Somalia..le truppe eritree sono entrate, decine di morti...il quotidiano morire, sotto l'indiferenza dei media che parlani di calciatori + culi e robe del genere, questo è ciò che intendevo dire, non i due anziani morti ad Oristano posto, peraltro, dove si toccno temperature all'ombra che superano di 4/6 gradi quelle indicate da tutti coloro i quali "presentano" il quadretto giornaliero delle temperature stesse.

Parte del quadro al quale mi riferivo quando ho scritto che non so più da quale parte girarmi e quali morti iniziare a piangere.

frankad

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
frankad
Inviato: 22/7/2006 13:15  Aggiornato: 22/7/2006 19:43
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Ma ...vorrei anche che qualcuno dicesse ...esistono i bravi, le persone oneste e i buoni, e soprattutto ......i dati di fatto!!!!

Azz...ed io che ti avevo annoverato tra questi...

I dati di fatto (i tuoi oppure i miei?) sono opinabili, può non essere opinabile che mi diano una coltellata, difficile farla passare per un tentativo di stringermi la mano, ma ciò che hai scritto non può essere assoluto soprattutto in una certa scala. Sta a noi, onestamente, cercare di cavarne piedi.

Ciao

frankad

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
Piero79
Inviato: 22/7/2006 13:16  Aggiornato: 22/7/2006 13:16
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/5/2006
Da:
Inviati: 781
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
Kyoto now!

Vallo a spiegare a indiani e cinesi...


certo

per Pike: ti basta etichettarmi "equo e solidale"? il problema della sostenibilità/inquinamento/risorse rimane. in special modo se coinvolge anche cinesi, indiani...

frankad
Inviato: 22/7/2006 13:25  Aggiornato: 22/7/2006 13:25
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Giusto per "corroborare" le informazioni su Kyoto.....ci credono da matti..

Lo rivela il quotidiano The Australian. Canberra conferma.

I 5 paesi firmatari producono il 40% delle emissioni del pianeta

Accordo segreto sui gas serra Usa, Australia e Cina boicottano Kyoto

All’intesa hanno aderito anche India e Corea del Sud. Protesta Greenpeace

La nave di Greenpeace Rainbow Warrior questa mattina nel porto di Newcastle, il più grande terminal carbonifero del mondo.

CANBERRA - Stati Uniti, Australia, Cina, India e Corea del Sud hanno siglato un accordo, alternativo al protocollo di Kyoto, per limitare le emissioni di gas serra attraverso lo sviluppo di tecnologie e sistemi energetici “puliti”. L’esistenza dell’accordo, rimasta fino ad oggi segreta, è stata rivelata dal quotidiano The Australian e confermata in giornata dal ministro dell’ambiente australiano Ian Campbell.

Secondo il giornale, che ha aperto l’edizione odierna con la notizia, i paesi firmatari emettono circa il 40% dei gas serra del mondo. Solo uno di essi, la Corea del Sud, aderisce al protocollo di Kyoto, che impone di ridurre le emissioni di gas serra entro il 2012. Al contrario della maggior parte dei paesi più industrializzati del pianeta, Stati Uniti ed Australia non hanno siglato Kyoto, ritenendolo ingiusto poiché esclude alcuni paesi in rapido sviluppo tra cui l’India e la Cina. L’accordo - spiega The Australian - è stato messo a punto sotto l’egida degli Stati Uniti ed ha una notevole valenza strategica per l’Australia, che esporta grandi quantità di gas e di carbone verso Cina e la Corea del Sud. Il governo australiano ha promesso ulteriori dettagli sul documento nei prossimi giorni.

La notizia è stata accolta negativamente dall’opposizione a Canberra, il cui leader Kim Beazley ha affermato che “l’Australia dovrebbe sottoscrivere immediatamente Kyoto piuttosto che un patto, con nazioni che ne sono rimaste fuori, che sembra solo una scusa per perdere altro tempo”.

Contro l’accordo anche l’organizzazione ambientalista Greenpeace, che ha bloccato per cinque ore con la sua nave Rainbow Warrior il più grande porto carbonifero del mondo, Newcastle, 150 chilometri a nord di Sidney.

Rajendra Pachauri, responsabile dell’organismo dell’Onu che vigila sui cambiamenti climatici ha invece accolto con favore l’accordo ritenendo che l’iniziativa non interferirà con il protocollo di Kyoto.

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
PikeBishop
Inviato: 22/7/2006 13:27  Aggiornato: 22/7/2006 13:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 1/11/2005
Da: Tavistock Square, Camden, London WC1H, UK
Inviati: 6263
 Re: Il circolo vizioso
Piero79

Citazione:
Pike: ti basta etichettarmi "equo e solidale"? il problema della sostenibilità/inquinamento/risorse rimane. in special modo se coinvolge anche cinesi, indiani...


Non etichetto mai nessuno, tanto meno te, e' la conseguenza del discorso ad essere etichettata.
Il problema della sostenibilita' del modello di sviluppo rimane, certo. Ma lo abbiamo scelto noi, il modello di sviluppo? Non e' ce l'abbiano imposto negli anni i compagni di merende degli stessi che propongono scenari catastrofici? Gli stessi monopolisti che dopo l'economia globale vogliono il governo globale?

A me pare di si.

E come al solito la stampa si presta al gioco problema, reazione, soluzione alla grande, passami un'altra velina del PENSIERO UNICO (UNICEF).

Il Portico Dipinto Network Nanopublishing
E' dall'uso (mancato) del Congiuntivo, che li riconoscerete.
Piero79
Inviato: 22/7/2006 13:40  Aggiornato: 22/7/2006 13:40
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/5/2006
Da:
Inviati: 781
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
Il problema della sostenibilita' del modello di sviluppo rimane, certo.

Citazione:
Gli stessi monopolisti che dopo l'economia globale vogliono il governo globale


perfetto. volevo solo capire questo. allora siamo d'accordo.

florizel
Inviato: 22/7/2006 13:58  Aggiornato: 22/7/2006 13:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: Il circolo vizioso
RedazzuccoCitazione:
Ma se l'uomo è riuscito a interrompere un "circolo vizioso" potente e millenario come quello della Corrente del Golfo, è mai possibile che non riesca a rompere quello di una schiavitù che lo sottomette al proprio simile per propria scelta e volontà?Continuare a farsi fregare all'infinito già non è un'impresa da poco, per l'essere umano, ma riuscire a farlo dando ogni volta tu la delega a chi poi regolarmente verrà a fregarti, è decisamente troppo.

massimo,non mi starai mica diventando un nichilista?

PikeCitazione:
questo discorso sulle emissioni sia una puttanata amministrataci ad arte per giustificare il famoso governo mondiale dei saggi (...) Ma l'estate io me la ricordo calda da quand'ero bambino nei primi anni sessanta ed i titoli sui giornali erano gia' gli stessi

In parte sono d'accordo sul fatto che certe dichiarazioni abbiano il solo scopo di di preparare il terreno a chi Citazione:
punti l'indice contro l'OCCIDENTALE CATTIVO ed il suo stile di vita iniquo, lui si che merita l'estinzione in favore di un mondo equo e solidale.

Però è anche vero che,come afferma Piero79,
Citazione:
il problema emissioni/inquinamento esiste.

Ci lasceremmo fottere come dei babbuini ritenendo "false" le ammissioni degli stessi responsabili dello scempio ambientale a cui assistiamo, ben sapendo che invece affermando una verità, per LORO è un modo di esorcizzarla ed affidarla alla "normalità".L'attento lettore sa anche questo.
Citazione:
Da una parte c'è la coalizione dei petrolieri, che fa capo ai Bush, Cheney, ex-Enron, eccetera, e dall'altra c'è una coalizione economica altrettanto forte, che punta tutto sugli investimenti per la cosiddetta energia pulita, e che fa capo ad Al Gore. Non a caso - non so se gia lo sapete - Gore ha appena fatto un film, in cui illustra personalmentre i problemi del global warming.


"E noi di mezzo, a sudare come capre in soffitta, e a non capirci un cacchio come al solito."

Straquoto,almeno stavolta.

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
Zret
Inviato: 22/7/2006 13:58  Aggiornato: 22/7/2006 13:58
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/11/2005
Da: Inferno
Inviati: 184
 Re: Il circolo vizioso
Risonanza Schumann!
Saluti.

Piero79
Inviato: 22/7/2006 13:58  Aggiornato: 22/7/2006 13:58
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/5/2006
Da:
Inviati: 781
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
Non e' ce l'abbiano imposto negli anni i compagni di merende degli stessi che propongono scenari catastrofici?


non l'hanno imposto e non lo impongono quelli che annualmente si incontrano al Bildeberg? rappresentanti dei governi, dei mainstream media, delle corporation...?

astro
Inviato: 22/7/2006 14:15  Aggiornato: 22/7/2006 14:15
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/6/2006
Da:
Inviati: 233
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
Il fatto dei 2 gradi di differenza e' ridicolo, se si sta parlando di equilibri non vuol dire che i valori debbano rimanere costanti.


2°C in più in mare è davvero una enormità.

Non a caso il mediterraneo sta cominciando ad ospitare specie tropicali

spettatore
Inviato: 22/7/2006 14:21  Aggiornato: 22/7/2006 14:21
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da:
Inviati: 883
 Re: Il circolo vizioso
In un flusso di eventi è impossibile stabilire e mantenere dei punti fermi e la metereologia non è da meno.
Qualche libro di Gregg Braden non farebbe male sotto l'ombrellone e le fresche frasche.


Lo spettatore

Citazione:
Non metterti a discutere con un idiota. La gente potrebbe non accorgersi della differenza.
AG
Inviato: 22/7/2006 14:25  Aggiornato: 22/7/2006 14:40
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/7/2005
Da: Torino
Inviati: 194
 Re: Il circolo vizioso
Vivo a Torino, e ieri avevamo 37°C. Per oggi danno previsioni anche peggiori, ed in effetti le pale del ventilatore che vorticano sul loro fulcro sono solamente un palliativo nemmeno troppo efficace.
Appoggio quindi in pieno le teorie catastrofiste ed auspico anche io il rispetto dei vari protocolli ecologisti.
Una riflessione però va fatta: è un problema che solo da relativamente pochi anni è venuto alla ribalta, il che significa che le generazioni precedenti semplicemente non volevano curarsene. Si ricercava il profitto, delle emissioni nessuno si curava.
Eppure le letterature ed i dati sul surriscaldamento progressivo certo non mancavano nemmeno allora.
Nutro quindi speranza, perchè significa che -se non altro- c'è un livello di attenzione che è aumentato anche nelle classi politiche.
Non concordo però con la teoria statunitense, secondo la quale è inutile curarsene oggi dal momento che saranno le innovazioni tecnologiche future ed il progresso scientifico a risolvere la questione: se non si effettuano studi mirati fin da ora non potrà mai esistere la "pistola ripara-ozono"...

yarebon
Inviato: 22/7/2006 14:29  Aggiornato: 22/7/2006 14:31
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2366
 Re: Il circolo vizioso
dai Pike Bishop hai capito bene cosa volevamo dire io, cct e frankad. Qui nessuno nega che come sostenuto dal poeta dei cessi abbia nevicato almeno una volta in maggio e che eventi eccezionali non ci siano stati nel passato, qui nessuno sta parlando di questo, anzi la corrente del golfo ha subito delle modifiche anche nel medioevo, portando alla cosiddetta "piccola era glaciale". Qui nessuno nega questo, qui si parla di cambiamenti e fenomeni frequenti, mensili, di cambiamenti non graduali come nel passato, ma improvvisi. Ora può anche darsi che questi cambiamenti facciano parte del ciclo geologico terrestre e che alla fine di un ciclo si facciano piùfrequenti, ma ci sono! A me da quando sono nato non è mai successo di assistere ad un inizio giugno con temperature invernali quando fino a pochi giorni prima sembrava di essere in pieno agosto. Non parlo di ciò che ci dicono i media, ma di esperienze che ognuno fa personalmente.
Secondo me non è giusto fare un paragone con il Libano e dire quella situazione è più grave! Noi viviamo nell'ecosistema terrestre, combattiamo guerre nell'ecosistema terrestre, respiriamo e diciamo cazzate nell'ecosistema terrestre, sembra magari qualcosa di più astratto e lontano di una guerra, ma le guerre si combattono nell'ecosistema terrestre e grazie all'ecosistema terrestre che possiamo vivere e respirare. Sono banalitàche ogni tanto vanno ricordate, ecco perchè la salvaguardia ambientale è un problema prioritario perchè riguarda la salute e la sopravvivenza di noi tutti.

oli33
Inviato: 22/7/2006 14:31  Aggiornato: 22/7/2006 14:31
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/5/2006
Da: La terra dei mandrogni
Inviati: 113
 Re: Il circolo vizioso
Io vivo nel pianurone piemontese e ricordo che fino a metà anni 80 tutti gli anni nevicava regolarmente tutti gli anni almeno 2 o 3 volte, la neve copriva i campi per andarsene solo a metà marzo.A novembre calava la nebbia col calar del sole per andarsene (non sempre) a mattina inoltrata. A quanto dicono i miei genitori ed altri più anziani era così da sempre, per lo meno fino a quando arrivano i loro ricordi. Ora non nevica più, quando nevica una volta e viene qualcosa più di una spolverata si parla di evento eccezionale e dopo qualche giorno si è già sciolto tutto. La nebbia è un evento raro. Ora mi potete dire tutto quello che volete, i dati scientifici che non ci sono, le prove che mancano, le statistiche .. ma questi sono fatti esattamente come il buco di 3 metri nel pentagono dove non può entrare un boeing. Tra 30 anni saremo in mezzo ai cammelli e tutti giù a dire che eventi eccezionali ci sono sempre stati etc etc ..
Il punto è: qual'è la causa? L'uomo e le sue attività inquinanti? Spero di no perchè in tal caso non abbiamo speranze. Il processo non è infatti reversibile. Il boicottaggio del protocollo di kyoto ne è una prova. Il modello non prevede infatti la marcia indietro se quest'ultima non conviene. Punto e basta. Ci distrarranno, ci faranno pensare ad altro, allo shopping, alla gnocca, al benessere.
Mi piace pensare che invece la causa sia una sorta di nemesi planetaria intrapresa da Madre Natura che si è finalmente decisa a curare seriamente la sua malattia, il suo cancro, l'uomo. Auspico una nevicata planetaria, 10 km di neve, che sommergano tutto e tutti e in un bagliore accecante rendano finalmente ogni cosa uguale ad ogni altra, limando e smussando ogni differenza. Da lassù, dalla crosta, non ci saranno più differenze tra bianchi e neri, ebrei e muslim, ricchi e poveri, bush e bin laden, un grattacielo ed una baracca.

".. e per tutti il dolore degli altri è dolore a metà "
dede00
Inviato: 22/7/2006 14:32  Aggiornato: 22/7/2006 14:34
So tutto
Iscritto: 5/5/2006
Da:
Inviati: 9
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:

Le modificazioni climatiche sono dovute per lo più al cambiamento della risonanza Schumann, ad HAARP ed alle scie velenose (vulgo scie chimiche). L'effetto serra è per lo più un'invenzione dei soliti noti fatta propria anche dagli "ecologisti" in buona o cattiva fede. Sono effetti naturali ed artificiali, ma non è solo il riscaldamento che deve inquietare (vedi tardo Medioevo), ma l'avvelenamento dei biomi.


Zret, Concordo in parte con quanto dici....
Infatti le modificazioni climatiche non sono un'esclusiva del nostro pianeta: su Giove, con somma sorpresa degli scienziati, si è formata una seconda macchia rossa (prontamente denominata "Red Spot Jr.").



Alcune teorie infatti sostengono che l'aumento della temperatura, e gli effetti che questa ha sul clima, non siano assolutamente causati dall'effetto serra provocato dalla CO2, bensi da una anomala attività solare.

A riprova di questo, è il fatto che tali effetti si riscontrano in tutti i pianeti del sistema solare!!

Le scie chimiche, HAARP ecc.. potrebbero essere solo dei metodi per cercare di ritardare il più possibile gli effetti dell'attività solare sulla terra...
Ultimamente di scie chimiche non ne vedo più in cielo... potrebbero aver sospeso l'attività proprio perchè ultimamente su internet si era parlato molto di questo fenomeno... e gli effetti si stanno vedendo... temperature medie alle stelle...

frankad
Inviato: 22/7/2006 14:34  Aggiornato: 22/7/2006 14:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Non a caso il mediterraneo sta cominciando ad ospitare specie tropicali

Da qualche anno è così, ottima osservazione Astro. Non mi era mai capitato di incrociare tanti barracuda A RIDOSSO DELLA COSTA, come a partire dal'anno scorso. Prima li vedevo solo in televisione, da Vespa.

Ciao

frankad

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
ombroso
Inviato: 22/7/2006 14:34  Aggiornato: 22/7/2006 14:34
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/6/2006
Da: Genova
Inviati: 45
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
Altra cosa, al nord se non sbaglio da diversi anni l'inverno produce scarse o nulle precipitazioni. Con una siccità che dura anche diversi mesi!
Decisamente sbaglli, nel nord-ovest quest'inverno è piovuto tantissimo, al punto che c'era chi diceva che quest'estate non avremmo avuto problemi di siccità (ed effettivamente, considerato che non piove seriamente da mesi, le cose vanno ancora bene qui in Liguria).
Negli ultimi tre inverni ci sono state a Genova due abbondanti nevicate come non accadeva da quando ero bambino.
Insomma, non so come ti sia fatto questa idea, ma con i "mi pare" e "ho sentito dire" non si va da nessuna parte.
Ciao.

Paxtibi
Inviato: 22/7/2006 14:36  Aggiornato: 22/7/2006 14:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Il circolo vizioso
se vi dicessero che fra una decina d'anni

Se ci saremo, tra una decina d'anni...

A me da quando sono nato non è mai successo di assistere ad un inizio giugno con temperature invernali quando fino a pochi giorni prima sembrava di essere in pieno agosto.

Anche a me da quando sono in Grecia era mai capitato di accendere il riscaldamento in aprile.
Ma non era neppure capitato di veder stendere quotidianamente da misteriosi aereoplani una coltre omogenea che scherma la luce solare...

yarebon
Inviato: 22/7/2006 14:45  Aggiornato: 22/7/2006 14:45
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2366
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
Anche a me da quando sono in Grecia era mai capitato di accendere il riscaldamento in aprile.Ma non era neppure capitato di veder stendere quotidianamente da misteriosi aereoplani una coltre omogenea che scherma la luce solare.


appunto Paxtibi proprio per questo bisogna interrogarsi sulle cause di questi cambiamenti, tra cui molte sono sicuramente artificiali ed in questo rientrano i vari progetti haarp ecc. ma i cambiamenti ci sono. Personalmente penso che molti sono riconducibili ad haarp ma non tutti...

yarebon
Inviato: 22/7/2006 14:50  Aggiornato: 22/7/2006 14:51
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/10/2005
Da:
Inviati: 2366
 Re: Il circolo vizioso
rispondo ad ombroso:
ben contento che dalle tue parti non ci sia siccità. Io ho lanciato la mia affermazione per avere anche riscontri da chi vive al nord,ma il fiume Po in secca non me lo sono sognato io. Poi non ho sentito dire, ma l'ho letto che è ben diverso. In questi casi è bello farsi smentire, almeno la siccità è una falsità, almeno dalle tue parti ma forse potrebbe interessarti questa notizia ombroso:

"Sembra un disco rotto eppure per il quarto anno consecutivo si torna a parlare di forte deficit idrico al nord che potrebbe sfociare a breve in un'altra fase siccitosa, anche più grave di quella patita durante la fatidica estate del 2003. L'allarme giunge da più parti e non servono dati scientifici per rendersi conto della gravità situazione, basta infatti osservare il letto dei principali fiumi dove sabbia e sassi rubano la scena all'acqua. Le cause di questa ennesima emergenza idrica vanno ricercate nell'ormai cronica scarsità di precipitazioni, sia solide che liquide, che da metà del 2002 grava sul settentrione, in special modo al nord ovest. A Genova Sestri tra il 25 Marzo e il 10 Giugno sono caduti poco più di 50mm complessivi e il deficit registrato negli ultimi 90 giorni è pari a 178mm; in altre località la situazione è ancora peggiore con stazioni pluviometriche che non registrano millimetri da due mesi. Un trend che si allarga a molte altre zone del nord ovest e che arriva a coinvolgere anche la Toscana settentrionale, a Pisa negli ultimi 3 mesi sono caduti 82.6mm contro i 206 attesi.
In provincia di Varese sono già al lavoro le autocisterne che riforniscono d'acqua ben sei centri: Azzate, Sumorago, Viggiù, Galliate Lombardo, Daverio e l'ospedale di Tradate. Nelle province di Varese, Como, Novara, Lecco e nel Ticinese in 90 giorni è caduta meno della metà della pioggia attesa e il deficit idrico annuale oscilla tra il 35 e il 40%. In Brianza Giungo è ancora al palo, mentre a Maggio la pioggia caduta ha oscillato tra i 35 e i 45mm contro una media pari a 120mm. Non va meglio nel nord della Toscana, oltre al Pisano vi sono molte altre zone in pesante deficit: in provincia di Firenze dall'inizio dell'anno è caduta meno del 60% della pioggia attesa, mentre ai piedi dell'Appennino tosco-romagnolo, in località Torri, negli ultimi 2 mesi e mezzo i millimetri rilevati sono stati 95 contro i 220 previsti. Situazione ancora più critica in Emilia Romagna, nel piacentino e nel parmense vi sono zone che a Maggio hanno raccolto meno 10mm i pioggia ed i consorzi di bonifica sono in fermento per arginare la crisi idrica legata alla drammatica magra del Po; ed è ancora il grande fiume la vittima predestinata di questa ennesima siccità. Ieri il principale fiume d'Italia ha fatto registrare un nuovo record idrometrico che ha battuto l'incredibile picco negativo registrato il 23 Luglio del 2003: l'acqua scorre sotto lo zero di ben 7.74m, mentre 3 anni fa si fermò a 7.72m. In un solo mese il livello del Po è sceso di ben 4 metri riducendo la sua portata sotto i 300 mc/sec, si stima che il calo giornaliero del livello dell'acqua sia pari a 10 centimetri. In simili condizioni la navigazione risulta già sospesa considerando anche che in alcuni punti il fiume è profondo appena 70cm; sei giorni fa, in località Borgoforte, l'idrometro ha rilevato un minimo di -3,25m, a soli 35cm dal record fatto registrare appena due anni fa. Se la situazione non cambierà a breve sarà necessario ricorrere nuovamente agli invasi strategici posti sulle Alpi. I dati riportati sono a dir poco allarmanti se pensiamo che il calendario segna appena il 16 Giugno e che dobbiamo affrontare altri 2 mesi abbondanti d'estate"

notizia del 16 giugno, comunque le tue zone non sono citate e su questo hai ragione ombroso.

ptimolla
Inviato: 22/7/2006 15:02  Aggiornato: 22/7/2006 15:02
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/7/2006
Da: Taranto
Inviati: 353
 Re: Il circolo vizioso
Cari ragazzi,

penso che il giorno in cui "madre terra" ci dira' che non siamo piu' i benvenuti su questo pianeta,si sia inesorabilmente avvicinando!

Il sistema climatico e' ormai fuori uso;l'atmosfera non riesce piu' a bilanciare gli effetti del surriscaldamento,e le estremizzazioni dei fenomeni ne sono la prova!

La terra ha una sostenibilita' di 11 miliardi di persone e oggi siamo gia' piu' di 6 miliardi.Si pensa che quella soglia di sostenibilita'(in termini di risorse)sara' raggiunta entro il 2080,ma questa previsione non tiene conto degli effetti dello stravolgimento climatico che noi umani stiamo apportando al pianeta!

Desertificazione,inquinamento e distruzione delle risorse ci porteranno,secondo me,molto prima al fatidico limite della sostenibilita'!

Questo e' il mio primo commento...
....visto il grado di pessimismo con cui l'ho infarcito,non mi invitiate subito a cambiare aria...

P.S.:in edicola potete trovare il DVD "quale verita' per piazza Alimonda",come inserto di " Liberazione" a soli 5.00 euro.Vi consiglio di andare a farci un salto per comprarlo,se volete capire che:
"la morte, in piazza Alimonda, era gia' stata decisa in anticipo"!

Legge di Murphy sulla ricerca
Una ricerca abbastanza lunga tendera' a confermare ogni teoria.


Legge di Maier
Se i dati non corrispondono alla teoria, vanno eliminati.
Reietto
Inviato: 22/7/2006 15:45  Aggiornato: 22/7/2006 15:45
So tutto
Iscritto: 21/4/2006
Da:
Inviati: 3
 Re: Il circolo vizioso
Per prima cosa vorrei far notare che non è solo il nostro pianeta che stà mutando ma l'intero sistema solare, ma questo nessuno ve lo viene a dire, infatti è molto più comodo salire sul treno della finta ecologia e prendere soldi publici per alimentare gli interessi personali di pochi!
In secondo luogo i giornalisti non sono scienziati ed ormai la professione di giornalista consiste, per la maggior parte di essi, nel raccogliere le notizie dalle agenzie di stampa e publicarle. Insomma sono colti dalla malattia del copia incolla "Winzoz insegna".
Direi che è innegabile che il nostro sistema di vita, basato sullo smodato consumo di risorse sia quanto meno scellerato, che la deforestazione dei polmoni verdi del pianeta sia pura follia, che il sistema economico che ci ritroviamo sia criminale e che la nostra classe politica occidentale sia ormai alla stregua del peggior mercenario guerrafondaio, cio non di meno siamo noi che dovremmo cambiare le cose se veramente avessimo la volontà collettiva di cambiarlo. Ma la comodità dell'aria condizionata, della macchina per fare 10 metri, della serata in discoteca, della spesa al super market non la vorremmo certo abbandonare a favore di una vita di sacrifici e stenti!
Tuttavia vorrei porvi una domanda, ma se tutta questa disponibilità di risorse stesse veramente finendo, se il petrolio fosse agli sgoccioli, cosa dite, un po di paura non vi viene? Quando la benzina costerà troppo per usare la macchina e il cibo non potrà piu essere portato dai paesi "granaio": da dove prenderemo il grano per il pane?
In più l'estremizzazione del clima porterà ad un ulteriore impoverimento delle risorse.
Diciamola la verità, siamo troppi e troppo voraci di risosrse. Noi occidentali siamo abituati a tutte le nostre comodità pagate da tutta quella parte del mondo che abbiamo tenuto in stato di miseria, ricordiamocelo quando andiamo a comprare il latte al market e nostro figlio fa i capricci per il cioccolato.
La eccezionalità dell'estate in corso non è tanto nelle temperature, che al contrario di quanto dicono i giornalisti ignoranti, sono di poco sopra le medie stagionali, ma nel fatto ad esempio in giugno abbiamo avuto la media più bassa e la media piu alta all'interno dello stesso mese, in pratica abbiamo avuto uno sfondamento dei tetti delle medie sia in eccesso che in difetto. Quindi sempbra che il trend climatico sia la estremizzazione del clima e non il riscaldamento e raffrddamento, in più va sottolineato che il nostro pianeta è come una molla che quando riceve i colpi assorbe quella energia ma poi la rilascia, non sappiamo se di colpo o gradualmente.

Comunque se è vero che non abbiamo dati diretti di lungo periodo sussistono altri modi per valutare indicativamente le temperature grazie allo studio per esempio di fossili, stratificazione geologica, ecc... Quindi una idea delle condizioni climatiche nelle ere passate la abbiamo.
Vero è che i moderni algoritmi matematici su cui si basa la metereologia non sono affidabili perche non abbiamo compreso ancora quali sono tutti i parametri che entrano in gioco in questa scienza. Ed è ancora più preoccupante che la attendibilità delle previsioni stia peggiornado col passare del tempo, questo indica che il clima stà cambiando veramente, visto che i modelli di previsione per la maggior parte di basano sulla registrazione di avvenimenti passati che utilizzano per la previsione comparando l'attuale situazione con eventi passati.
Ci sono anche degli avvenimenti politici che ci permettono di capire che la situazione non è rosea e qualcosa capiterà molto presto, ad esempio il fatto che l'opec ha dato il via allo sfruttamento del 100% dei pozzi ci dice che il petrolio stà finendo e che l'opec non ha più ragione di esistere. Che il continuo aumento del petrolio sia la conseguenza della fine dello stesso e non delle guerre che si susseguono in medio oriente. Ed anche il fatto che le riserve USA continuano a diminuire clamorosamente, cosa apparentemente illogica visto che il petrolio si commercia in dollari.
Il mutamento delle relazioni internazionali e la non rettifica di un protocollo per lo meno simbolico come quelo di kyoto ci potrebbe far supporre che ormai non c'è nulla da fare e che il punto di non ritorno è già stato superato, infatti gli USA si preparano al peggio costruendo ad esempio un muro alto 12 metri intorno ai loro confini, eliminado le leggi sulla libertà civile, costruendo prigioni enormi, ecc....

Insomma io non so cosa ci aspetta ma non mi pare nulla di buono per il futuro dei nostri figli!

frankad
Inviato: 22/7/2006 15:52  Aggiornato: 22/7/2006 15:52
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Benvenuto ptimolla.

Il seguimento costante di determinate situazioni, la valutazione obiettiva delle stesse e via così. devono portare ad analisi oneste, fuori dal mainstream.

Se i risultati delle stesse sono preoccupanti, non si tratta di pessimismo..ma di obiettività.

Zero cambiare aria, quindi

Ciao

frankad

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
frankad
Inviato: 22/7/2006 16:00  Aggiornato: 22/7/2006 16:02
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Ciao Reietto, benvenuto.

Complimenti per il tuo intervento. Evito di postare, a supporto di ciò che affermi su giugno, le foto dei miei termometri che immortalano ciò che dici, 21 gradi e 43 nel giro di circa 10 giorni, l'ho fatto su altri threads.

Ti suggerisco di valutare, appena riapriremo ila sezione scie chimiche, se esistono elementi che consideri validi e che attestano interventi dell'uomo non solamente dal punto di vista emissioni.

In merito alle tecnologie, ricorda che esistono, eccome, alternative rispettose dell'ambiente e della biosfera, alcune da tanto tempo. Parlo anche di situazioni "portanti" (biodiesel, auto alimentate con energia alternativa ai devivati del petrolio e non inquinante e tante altre).

Ma l'ingordigia dei "poteri forti" ha sempre bloccato tutto sul nascere.

Non solo in questo campo. In Russia fu scoperta e sintetizzata dagli scienziati una molecola estratta dal larice siberiano: il Taxifolin. Risultò essere micidiale come nessun'altra nella prevenzione e cura di una miriade di forme tumorali. Fu impedito il suo utilizzo, e tuttora lo rimane, in qualsiasi paese occidentale. Solo un esempio per chiarire.

La guerra dei neo-cons, con la strage dell'11 settembre in testa, aveva ed ha un'unico scopo: gli 80$ al barile per il petrolio. Della serie: incameriamo il più possibile, visto che la torta sta per finire.

Il dilemma riguarda le condizioni del pianeta nel momento in cui questo scempio si smorzerà.

ciao

frankad

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
Linucs
Inviato: 22/7/2006 16:04  Aggiornato: 22/7/2006 16:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: Il circolo vizioso
La guerra dei neo-cons, con la strage dell'11 settembre in testa, aveva ed ha un'unico scopo: gli 80$ al barile per il petrolio. Della serie: incameriamo il più possibile, visto che la torta sta per finire.

Ergo, se occorreva una guerra per far aumentare il prezzo del petrolio, segue che il cartello non è in grado di imporre autonomamente un prezzo di monopolio?


frankad
Inviato: 22/7/2006 16:11  Aggiornato: 22/7/2006 16:22
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Ergo, se occorreva una guerra per far aumentare il prezzo del petrolio, segue che il cartello non è in grado di imporre autonomamente un prezzo di monopolio?

Esatto, visto che i lupi che sbafano famelici si ringhiano a vicenda per la preda e sono accecati dalla furia, anche tra loro. Quindi gli impedimenti sono già due.

La speranza sta nel fatto che si sbranino tra loro, prima che sia troppo tardi. Siamo ridotti a questo...ma tanto fra 4 anni c'è un'altro mondiale....

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
Reietto
Inviato: 22/7/2006 16:23  Aggiornato: 22/7/2006 16:23
So tutto
Iscritto: 21/4/2006
Da:
Inviati: 3
 Re: Il circolo vizioso
grazie per il benvenuto frenkad,
per la questione delle scie chimiche devo essere sincero, non ho anocra una chiara posizione in proposito. Se da un lato è assai affascinante come argomento sarebbero tuttavia necessarie maggiori analisi in atmosfera per determinare se tali emissioni sono edulcorate con sostanze particolari. Certo devo ammettere che alcune foto non lasciano molto sapazio all'immaginazione! Cmq darò una attenta lettura e vedremo cosa salta fuori!

Per i carburanti alternativi certo esistono, se avessi la possibilità di usare un carburante alternativo che non inquina a parità di prezzo userei certo quello. Tuttavia sono assai pessimista, perchè comunque ci saranno piccoli gruppi che cercheranno di speculare anche su quelli e a pagare il prezzo piu caro saremo sempre noi, a parità di situazione sociale.

Come dici tu (Ma l'ingordigia dei "poteri forti" ha sempre bloccato tutto sul nascere.), e continuerà a farlo fino a che non gli verrà impedito!

Per il farmaco antitumorale russo non ne sapevo nulla, ma è un po come la somministrazione di vitamina D in casi di cancro, con regressione tel cancro a dir poco miracolose!

Per l'11 settembre la faccenda è molto più complessa del prezzo del petrolio a 80$ a barile, secondo me abbiamo capito solo una minima parte dei retroscena, purtoppo siamo solo all'inizio.

Zret
Inviato: 22/7/2006 16:51  Aggiornato: 22/7/2006 18:21
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/11/2005
Da: Inferno
Inviati: 184
 Re: Il circolo vizioso
Dice Dede00: Citazione:
"Le scie chimiche, HAARP ecc.. potrebbero essere solo dei metodi per cercare di ritardare il più possibile gli effetti dell'attività solare sulla terra...
Ultimamente di scie chimiche non ne vedo più in cielo... potrebbero aver sospeso l'attività proprio perchè ultimamente su internet si era parlato molto di questo fenomeno... e gli effetti si stanno vedendo... temperature medie alle stelle..."


Dede00, HAARP e scie chimiche servono ad aggravare il problema, non a contrastarlo! Considera l'alluminio. Le scie chimiche si vedono ancora: eccome. Esse creano quella patina che nasconde gli aerei che continuano a volare.

In seguito ad analisi chimiche, è stato possibile accertare la presenza anche dell’alluminio, tra i metalli diffusi nell’atmosfera con la perversa, infame operazione “scie chimiche”. L’alluminio è un metallo bianco argenteo, leggero, duttile e malleabile, eccellente conduttore termico ed elettrico. Ha una grande affinità per l’ossigeno e, se finemente polverizzato, brucia a contatto con l’aria. Questo metallo ha proprietà altamente elettropositive ed è perciò un energico riducente, ossia perde elettroni in caso di reazione con un’altra sostanza che, invece, li acquista ed è detta ossidante.

Credo che le conseguenze della dispersione di questo elemento ricavato dalla bauxite siano piuttosto semplici da comprendere anche sulla base di osservazioni empiriche: infatti chiunque può osservare che i fogli di alluminio, usati per avvolgere e conservare alcuni alimenti, riflettono la luce. Per mezzo della funesta attività legata alle scie velenose, si assiste ad una riduzione dell’irraggiamento solare: la luce irradiata dalla nostra stella è intercettata da una coltre biancastra densa ed assai estesa, mentre, contemporaneamente, l’energia termica che si sprigiona dalla Terra resta intrappolata nell’atmosfera, accentuando l’effetto serra. Come i vetri di una serra, alcuni componenti dell’atmosfera (vapore acqueo, polveri sottili, biossido dii carbonio, allume di alluminio…) assorbono e riverberano verso il basso le radiazioni infrarosse emesse dal suolo sotto forma di calore, ostacolando così la dispersione dell’energia dalla Terra verso lo spazio.

In questo modo si ottengono vari scopi: attenuando l’irraggiamento solare, si danneggia la fotosintesi clorofilliana, che è alla base della produzione di ossigeno e della trasformazione del carbonio inorganico, inservibile per gli organismi eterotrofi, in carbonio organico assimilabile; si aggrava l’effetto serra con l’estremizzazione dei fenomeni climatici (siccità, uragani…); si influisce sull’umore degli esseri viventi per i quali la luce è necessaria non solo sul piano biologico, ma anche sotto il profilo psicologico.

I fini ultimi degli aguzzini dell’umanità, con cui spesso collaborano “ambientalisti”, “economisti” ed “esperti” a vario titolo, sono i seguenti: causare danni irreversibili agli ecosistemi ed all’agricoltura che non si avvale di sementi geneticamente modificate; incidere pesantemente sul bilancio idrico (diminuzione delle precipitazioni); far aumentare i consumi di elettricità durante i lunghi periodi torridi, a causa dell’uso abnorme di ventilatori e di condizionatori d’aria; creare l’ambiente di coltura adatto alla proliferazione di funghi e di batteri; colpire le attività turistiche…

Non è da escludere che i prestigiatori presto trarranno dal cilindro la risoluzione per l’accresciuto fabbisogno energetico: il nucleare! Essi creano i problemi e, per fingere di risolverli, ne creano altri ancora più gravi.

Ciao

Civix
Inviato: 22/7/2006 17:13  Aggiornato: 22/7/2006 17:13
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/2/2006
Da:
Inviati: 77
 Andare al nocciolo della questione
Sui cambiamenti climatici se ne sentono di tutti i colori, ma qui mi pare non si sia ancora andati al sodo. Siamo tutti d'accordo che la temperatura si stia alzando, c'è chi dice che è colpa dell'uomo, c'è chi dice che non è la prima volta, però il problema c'è. E' un problema? Sì: è già successo nel passato, torneremo a coltivare gli ulivi in Gran Bretagna ma in Veneto, Sicilia, Marocco,rischiamo di non coltivare più nulla. Stime dicono che entro il 2100 le zone votate alla coltivazione del vino si ridurranno dell'80% (io sono astemio, ma se gli scenziati hanno ragione c'è da preoccuparsi). Se i livelli dell'acqua si alzeranno come previsto l'intera pianura padana verrebbe sommersa di nuovo, entro la fine del secolo: altro che Mose. Il livello delle nevi si alza di 300 metri ogni 1,5 gradi di innalzamento delle temperature: addio a diversi impianti sciistici, i problemi di approvvigioamento di acqua californiani, basati sui ghiacciai, si moltiplicheranno in giro per il mondo. Forse non in Europa, dove come qualcuno diceva, potrebbe tornare una piccola glaciazione. Allora coltiveremo ghiaccioli. Continuiamo? Il punto è che è vero che queste cose sono già successe nel passato, ma:
1) non c'era un sistema economico così ampio e radicato in ogni aspetto della vita;
2) si accettava il rischio e la morte come componenti imprescindibili della vita, si era un po' più cinici (e si viveva meno).
Forse per un po' i ricchi (esistono poveri anche tra gli occidentali) potranno vivere nell'illusione di alzare il condizionatore, o il riscaldamento, tanto i soldi ce li hanno. E i poveri del mondo, sia del sud che del nord, continueranno a soffrire e perire. Ma con una popolazione di 6 miliardi di individui, proiettata verso gli 8-9 entro qualche decennio, un mondo finito, in cui le risorse costano sempre di più, questa illusione non durerà a lungo. Le guerre per il controllo delle risorse diventerebbero sempre più costose e sanguinarie. L'aria sarà inquinata per tutti.
Kyoto fa schifo? Forse. E' poca cosa. Ci sono i soliti furbi. Ma da un messaggio preciso: è possibile costruire sistemi economici nei quali la salvaguardia ambientale fa rima con competitività, benessere, occupazione. Del resto il fatto che ogni anno l'industria petrolifera e del carbone riceve 30 miliardi di euro di sovvenzioni che andrebbero alle rinnovabili, è un costo che dovremmo sommare al prezzo di acquisto dell'energia, prima di dire che il solare (termico prima ancora del fotovoltaico) o le biomasse costano ancora troppo. Senza parlare di tutti i costi esterni generati, che comunque paghiamo in tasse, generando i primi costi sociali coperti dalle seconde (malattie, danni ambientali, ecc.).
Non saremo mai liberi se dovremo ricavare energia da pozzi concentrati geograficamente, a migliaia di chilometri di distanza in termini di trasporto e di saper quel che succede là, se ci consideriamo sempre e comunque consumatori passivi. Lo saremo quandro avremo una casa fatta con criterio, che risparmia energia anzichè sprecarla e ne produce in abbondanza, potendola rivendere alla rete, o un'auto che mi fa 50-100 chilometri con un litro, o che magari emette acqua. Una rete che sarà maggiormente distribuita e sicura, basata per la maggior parte su risorse locali e rinnovabili.
Quindi, anche se i cambiamenti climatici fossero colpa di un misteriosissimo fenomeno naturale, io da parte dell'umanità, cercherei di ridurre al minimo il mio contributo. Perchè forse se fossi in una barca che ha due buchi, di cui uno, il più piccolo l'ho fatto io, mi rifiuterei di scaricar fuori l'acqua che entra dall'altro buco? Stolto sarei.
Non siamo più quelli di 50-100 o 1000 anni fa. Abbiamo, per fortuna, una sensibilità maggiore e non siamo più indiferrenti a certi episodi. Forse verso la morte siamo anche ipersensibili, visto che tendiamo a negarla (e su questo la società occidentale vive). Anche questo fa parte dell'evoluzione. Se un tempo per sopravvivere si accettava di uccidere gli animali (portandone comunque gran rispetto) oggi sempre più persone cercano soluzioni alternative.
Se questo è vero, a maggior ragione verso i cambiamenti climatici, non siamo più disposti ad accettare quello che un tempo si accettava: carestie, cambiamenti repentini della situazione economica, minacce alla nostra sopravvivenza, esodi di massa, estinzioni di popolazioni e soggetti deboli. Ma se davvero vogliamo salvarci, e non scatenare una guerra continua per la sopravvivenza, come sta già avvenendo ora (quando lascio una luce accesa inutilmente ho messo un'altra cartuccia nel caricatore del soldato che spara a Baghdad), dobbiamo rimboccarci le maniche, calmare un bel po' il nostro egoismo ("questo è il mio stile di vita e nessuno lo tocchi") e riscoprire la solidarietà. Non voglio sostenere che dobbiamo tornare indietro nel tempo, la tecnologia ci permette di avere molto senza sottrarre niente agli altri. Ma per farlo dobbiamo guardare oltre il nostro orticello. C'è gente che già progetta un mondo simile: andatevi a guardare, per esempio, gli avvenieristici ma fattibili progetti del Rocky Mountain Institute, del Wolrd Watch Institute, o del Wuppertal Institute, se vogliamo restare in Europa.
Fate un'esperimento: alla sera, prima di coricarvi, chiudete gli occhi e cercate di guardarvi come se foste fuori del vostro corpo, fluttuanti nella stanza. Poi piano piano cercate di immaginare la vostra casa, il vostro paese, la vostra regione, la vostra nazione, il vostro continente, il vostro pianeta, il vostro sistema solare, la vostra galassia, il vostro universo, e poi oltre... tornate poi pian piano indietro. Quanto vale un litro di benzina rispetto alla luminosità di Sirio o allo spendore di Orione?
Non dite che non dipende da noi, per ogni dollaro di petrolio venduto c'è un dollaro di petrolio comprato. C'è tutto un mondo da costruire e inventare in maniera sostenibile. "... tu non girarci attorno, ma entra dentro il mondo, dai...."

snapdozier
Inviato: 22/7/2006 17:14  Aggiornato: 22/7/2006 17:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/2/2006
Da: Vicenza
Inviati: 75
 Re: Il circolo vizioso
A me sembra che il puntare su complotti sempre più complessi per spiegare tutto quello che non riusciamo a capire somigli molto al rifugiarsi nelle religioni per trovare una giustificazione a tutto. Il clima è oggetto di studio, ma la nostra capacità di comprendere sistemi complessi è ancora molto carente. Il fatto di limitare l'emissione di anidride carbonica è dettato da un principio di prudenza che va rispettato, ma non c'è ancora una spiegazione scientifica certa. Sappiamo che l'anidride carbonica produce effetto serra, ma non sappiamo qual è il rapporto CO2 riscaldamento e la grandezza dell'effetto rispetto alla causa. Il parlarne nella settimana più calda dell'anno fa l'effetto di una discussione da bar, alla prossima perturbazione tutti prevederanno un imminente glaciazione. La nostra percezione e troppo fallace e la nostra durata assolutamente insignificante per percepire i mutamenti climatici che normalmente si sviluppano in alcuni millenni.

Citazione:
quello che conosci non è ancora conoscenza
frankad
Inviato: 22/7/2006 17:17  Aggiornato: 22/7/2006 17:17
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
La nostra percezione e troppo fallace e la nostra durata assolutamente insignificante per percepire i mutamenti climatici che normalmente si sviluppano in alcuni millenni.

Ciao snapdozier.

forse la tua percezione, differente da quella di chi studia da tanti anni tanti fenomeni che non possono essere sottovalutati. A meno che non si conoscano.

Ho postato delle immagini sat, addietro. Con alcune domande alle quali nessuno ha risposto. Tu puoi rispondere?

frankad

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
frankad
Inviato: 22/7/2006 17:21  Aggiornato: 23/7/2006 0:06
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
Per l'11 settembre la faccenda è molto più complessa del prezzo del petrolio a 80$ a barile, secondo me abbiamo capito solo una minima parte dei retroscena, purtoppo siamo solo all'inizio.


Giusto, correggo. E' l'aspetto più importante, accompagnato dall'azione tendente ad impossessarsi dei giacimenti dell'Iraq e quella rivolta al controllo di territori nei quali veranno installati, o già lo sono, degli oleodotti. Poi, giustamente, ciò che si sà, NWO - neocons e bestie varie, ciò che si suppone e ciò che ci sfugge.

Complesso Reietto, noi siamo comuni mortali del resto. Ma è nostro dovere andare fino in fondo.

Ciao

frankad

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
illupodeicieli
Inviato: 22/7/2006 17:29  Aggiornato: 22/7/2006 17:29
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/1/2005
Da:
Inviati: 323
 Re: Il circolo vizioso
proprio su etleboro.blogspot.com è stato scritto,nelle passate settimane, che giorni prima che nella exYugoslavia si abbattesero pioggie torrenziali,che hanno interessato anche il centro europa, furono viste per giorni e giorni nel cielo scie chimiche.
immagino che il sistema,se così fosse,può funzionare sia per generare pioggia che siccità. tuttavia è impensabile,nel breve termine, convertire le abitazioni classiche in ecologiche.
dove vivo si sta pensando di invogliare i cittadini all'acquisto di pannelli solari e di sistemi fotovoltaici unifamiliari. forse col poco,ma fatto da un buon numero di individui, si potrà ottenere qualcosa di tangibile.
nei giorni scorsi dove vivo io,nel sud Sardegna, abbiamo avuto un grosso temporale con un nutrito numero di fulmini ben visibili e tanta acqua dal cielo:ebbene per circa una decina di giorni o anche di più nel pomeriggio era sempre un tuonare,ma pioggia niente. se si va indietro nel tempo questo tipo di perturbazioni è tipico del mese di agosto e non di luglio. poi di sicuro sarò smentito ma...

snapdozier
Inviato: 22/7/2006 17:30  Aggiornato: 22/7/2006 17:30
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/2/2006
Da: Vicenza
Inviati: 75
 Re: Il circolo vizioso
Non sono un metereologo, ma per ammissione stessa di chi studia la fisica dell'atmosfera, le conoscenze sono ancora molto elementari. Sulle scie chimiche non ho un'opinione perché gli elementi presentati sono molto lacunosi. Le immagini da satellite mostrano le scie, non dicono cosa sono. Il fatto che il peso dell'umanità sull'ecosistema possa a breve diventare insostenibile è una sensazione che si avverte. Il picco del petrolio e la mancanza di una programmazione per la sostituzione delle risorse energetiche configura scenari apocalittici. Del resto l'11 settembre può essere benissimo inquadrato all'interno della strategia americana per il controllo delle risorse energetiche. La ricerca di pretesti per attaccare l'Iran sta benissimo dentro questo scenario. Le scie chimiche non lo so. Non ho trovato spiegazioni convincenti sul loro scopo.

Citazione:
quello che conosci non è ancora conoscenza
Civix
Inviato: 22/7/2006 17:39  Aggiornato: 22/7/2006 17:40
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/2/2006
Da:
Inviati: 77
 Re: Il circolo vizioso
Aggiungo solo una metafora che Luca Mercalli usa per spiegare che sì, i fenomeni climatici sono fenomeni complessi (nel senso che si basano su sistemi complessi e non lineari) ma che proprio per questo la prudenza e precauzione è d'obbligo.

Noi siamo come un elefante su di una rete di sicurezza, che lo sospende sopra un precipizio. La rete è il sistema ecologico nel suo complesso, che è fatto da una serie di sottosistemi, i nodi. Nell'insieme essi sono un dispositivo di sircurezza, preservano e permettono la nostra vita su questo pianeta. I danni che noi facciamo agli ecosistemi possono essere rappresentati come il taglio progressivo delle maglie della rete. Se ne taglio una, il sistema si riassesta e continua a svolgere la sua funzione. Anche il secondo taglio non porterà grandi scombussolamenti. Ma man mano che continuo il riassestamento è sempre più difficile e complicato. Si arriva ad un punto (di non ritorno) oltre il quale il sistema non è più in grado di garantire la sua funzione, ed inizia un rapidissimo decadimento: avete capito benissimo cosa significa, in termini metaforici.

Non ho mai visto un elefante in grado di volare.

frankad
Inviato: 22/7/2006 17:51  Aggiornato: 22/7/2006 17:51
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Seguo il post di Zret e preciso che il fenomeno delle scie chimiche non può essere interpretato su scala locale. Va seguito su tutto il globo. E' un'argomento complesso, c'è chi dice che non è chiaro ma premette che non ne sa nulla, e via dicendo. ( ).

A parte questo, normale amministrazione che non prendiamo in considerazione, le azioni di aerosol non solo non si sono mai fermate ma hanno interessato "obiettivi" ben precisi e continuano tutti i giorni. Esempio:



Sempre a suporto di un'affermazione di zret, ricordo che l'avvistamento è reso difficile da una patina persistente, come questa:



Non è una regola fissa, ho foto scattate ieri di scie ed aerei, ma la situazione è quasi sempre così. Basta sapere qualcosina e sapere dove andare a guardare. Oltre ai necessari fondamentali....

frankad

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
Zret
Inviato: 22/7/2006 18:14  Aggiornato: 22/7/2006 18:31
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/11/2005
Da: Inferno
Inviati: 184
 Re: Il circolo vizioso
Giustamente Frankad, sottolinea gli aspetti anomali di questi fenomeni climatici. Non dimentichiamo che le onde elettromagnetiche di HAARP aumentano la temperatura: siamo come in un gigantesco forno a microonde. E' vero che il clima è un fenomeno complesso, ma questo non ci deve indurre a comportarci come Pirrone che andava a sbattere contro gli alberi. Prove? Le immagini mille volte inserite da Frankad non sono prove? Che cosa si aspetta per agire? Che al telegiornale la Bonamici ci dica:"Buonasera, il governo ha annunciato che vi sta cuocendo con HAARP e le scie chimiche"?

Bimbodeoro
Inviato: 22/7/2006 18:39  Aggiornato: 22/7/2006 18:39
Mi sento vacillare
Iscritto: 6/6/2006
Da: Amicoland
Inviati: 388
 Re: Il circolo vizioso

"Non è il popolo che deve aver paura del proprio governo, ma è il governo che deve avere paura del proprio POPOLO."

"Sotto questa maschera non c'è solo carne, sotto questa maschera c'è un idea e le idee sono a prova di proiettile."
witko
Inviato: 22/7/2006 18:45  Aggiornato: 22/7/2006 18:45
So tutto
Iscritto: 25/5/2006
Da: lierna
Inviati: 10
 Re: Il circolo vizioso
quando invecchi e osservi con attenzione le genti di questa terra,diventa chiaro che la virtu' dominante e' la stupidita'.Le masse sono sempre disposte a far si che qualcun altro si prenda la responsabilita'di preoccuparsi per loro. PAUL TWITCHELL

la mia nuova email è ugo.ongania@tele2.it
frankad
Inviato: 22/7/2006 18:47  Aggiornato: 22/7/2006 18:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Allo scopo di proporre un brevissimo riferimento, nesso H.A.A.R.P.- manipolazioni climatiche (ci vorrebbero giorni per esaminare tutto ciò che è reperibile su questo argomento), visto che qualche utente ha posto giuste domande ed osservazioni, riporto a continuazione:

[....] H.A.A.R.P.

L'emissioni dei sali di bario rientrano anche nel progetto H.A.A.R.P., che utilizza i concetti di radiazione di radiofrequenza di Nikola Tesla , e consiste nel proiettare delle onde nella ionosfera in modo da alterare la sua conformazione.

In tal modo si sfrutterà la ionosfera per poter creare un canale di trasmissione e di ricezione.
Per cui i sistemi di sopravvivenza, di per sé fragili nel nostro ambiente, sono stati manomessi e alterati non solo per avere un vantaggio militare e dunque la regia degli eventi geopolitici, ma anche per scopi ben più terribili.
Infatti la miscela dei sali del bario crea una certa elettrostaticità nell'atmosfera, che può essere modulata di intensità e di destinazione da un complesso elaboratore il quale, dunque, influenza gli agenti atmosferici. In via generale, il "controllo dell'aria" può essere diviso in due categorie importanti: soppressione ed intensificazione dei fenomeni atmosferici.
Nei casi estremi, potrebbe creare delle situazioni climatiche mai conosciute, attenuare o controllare delle tempeste violente, o persino alterare il clima globale su ampia scala con effetti anche duraturi. Può cancellare le precipitazioni, le nuvole, creare nebbie e sollevare venti e cambi repentini della temperatura.
Questa tecnologia del controllo del tempo permette oggi di gestire le piogge, provocare siccità e desertificazione così come inondazioni e uragani. Alterare nuvole.[....]

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
Midnight
Inviato: 22/7/2006 19:00  Aggiornato: 22/7/2006 19:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/12/2005
Da: The Dark Side Of The Moon
Inviati: 57
 Re: Il circolo vizioso
gli effetti che conducono a questo stravolgimento climatico sarebbero due.

Effetto serra (e questo è trito e ritrito) causato da emissioni diciamo "industriali" + Oscuramento globale (golobal dimming) causato, si legge, dalle polveri sottili. Io ci aggiungerei anche le chemtrails.

Quanto all'alluminio, il "domopack" è fatto di stagno, non di alluminio (a quanto ne so) ;)

Per il global dimming:

http://www.aspoitalia.net/documenti/bardi/oscuramentoglobale.html

http://en.wikipedia.org/wiki/Global_dimming

http://www.globalissues.org/EnvIssues/GlobalWarming/globaldimming.asp

http://www.realclimate.org/index.php?p=105

(se ne avete già parlato me ne scuso, non ho letto tutti i post -.-=)

True perfection has to be imperfect
-------------------------------------------------
*Poles Apart*
frankad
Inviato: 22/7/2006 19:04  Aggiornato: 22/7/2006 19:04
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
frankad
Inviato: 22/7/2006 19:21  Aggiornato: 22/7/2006 19:27
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Per tutti coloro che alzano gli occhi al cielo e dicono "oggi è una bella giornata", dimostrando, in Sardegna particolarmente, di aver dimenticato il vero colore del nostro cielo.

Questa è un'immagine di qualche ora fa.

Orario UTC.





Questa situazione perdura da mesi, ho GB di riprese sat per eventuali interessati.

frankad

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
ELFLACO
Inviato: 22/7/2006 19:23  Aggiornato: 22/7/2006 19:23
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: Il circolo vizioso
Hola ragas.

Da quel poco che ho capito i cambiamenti climatici ci sono sempre stati nella storia della Terra.Periodi in cui le temperature medie si alzavano e periodi in cui scendevano.
Ma questo come lo sappiamo?Principalmente ,credo ,dal analisi degli strati di ghiaccio del'Antartide si denota una certa"ciclicità" nei cambiamenti.
Certo il grafico di questi cambiamenti non è una sinusoide ,questo viene disturbato da qualche pico sia negativo che positivo.

Il problema(o l'incognita)è che adesso c'è una variante che prima non c'era:
Le attività industriali del'uomo,o per meglio dire dell'umanità.
Fino a qualche decina di anni fa,forse un paio di secoli,le attività del'umanità non avevano un potenzial impatto sul clima come potrebbero averle al giorno d'oggi.

Ora,tanto per venire subito al sodo,per esempio:

Quanta CO2 ha riversato nel ambiente,l'uomo ?

In che grado ,la natura,è capace di adattarsi ha questa quantità in più di CO2 senza provocare cambiamenti dannosi per l'uomo??

Oltre,certamente,a tutte le sostanze chimiche fabbricate dal uomo che in natura non dovrebbero esistere.

Adessso vado che mi stanno sgridando per andare a cena.

Nos vemos!

EL FLACO

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
frankad
Inviato: 22/7/2006 19:58  Aggiornato: 22/7/2006 19:58
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Tanto per CCT la grotta nel Supramonte è già pronta...

Ghiacciai svizzeri in ritirata

Continua il lento ritiro dei ghiacciai svizzeri: nel periodo di rilevamento 2004/2005 ben 84 dei 91 ghiacciai sotto osservazione si sono ridotti di dimensione, 7 sono rimasti stabili e nessuno ha guadagnato terreno. I dati confermano una tendenza riscontrata ormai da anni, indica oggi l'Accademia svizzera di scienze naturali (ASSN).

Il ritiro più impressionante è stato quello del Triftgletscher, situato all'estremo est del canton Berna, al confine con il canton Uri, che ha perso nello spazio di un anno 216 metri: in questo caso la riduzione è accelerata dal fatto che la lingua del ghiacciaio è circondata da un lago. In seconda posizione si trova il Grosser Aletschgletscher, in Vallese, ritiratosi di 66 metri.

Oltre a concentrarsi sulla lunghezza, i ricercatori si sono occupati anche dei volumi in tre siti - Basodino (TI), Gries (VS) e Silvretta (GR) - determinando la variazione fra l'apporto di nuova neve e la perdita di ghiaccio: un dato che secondo gli specialisti riflette meglio le condizioni climatiche dell'anno precedente.

È emerso che tutti e tre i ghiacciai esaminati hanno subito una perdita considerevole di massa, dovuta soprattutto alle deboli precipitazioni nevose dell'inverno. Il più colpito appare il Griesgletscher, nella regione della Novena, che ha perso in media 1,7 metri di spessore. Se l'è cavata relativamente meglio il Silvrettagletscher (-70 cm), nella Prättigau (Prettigovia), mentre il Basodino è a metà strada. La misurazione della massa è laboriosa e viene quindi effettuata in solo tre posti, ha indicato Andreas Bauder della commissione di glaciologia della ASSN. Complessivamente i ghiacciai svizzeri sono 1800: fra i 91 sotto osservazione figurano tutti quelli di grande dimensione e la gran parte di quelli medi.

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
frankad
Inviato: 22/7/2006 20:53  Aggiornato: 22/7/2006 20:53
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Methods of Artificial Weather Manipulation(AWM) help agriculture, devastate the enemy and control the world economy

Staff Reporter

Mar. 27, 2005

Scientists, Weather Engineers and Space Specialists are working towards something that can change human civilization forever! It is the methods of artificial weather modification.

The process when perfected, can help in agriculture, getting rid of droughts, floods and avoid cyclones and typhoons.

It is also the process by which the enemy can be devastated, artificial floods, cyclones and typhoons created.

It can allow controlling the world economy and agricultural commodity markets.

In ancient religions and legends, weather control, creation of cyclone, rain, flood, drought were nothing new. In the modern age the Scientists and technologists are busy perfecting the weather control sciences. It is shaping up as the most vibrant area of research and development.

Many countries are mastering the science of weather control. As a matter of fact many experts predict that a war game is being played by major powers in the world to demonstrate their capabilities of weather control. Most of these initiatives are classified and shoved off from the public. The only way one can track these initiatives is to look at countries taking actions to shield against weather control experiments.

Recently, scientists and engineers have started unveiling the actual methods of weather control. Some primitive methods like Cloud-top seeding can confuse you and point you to a wrong direction. Cloud-top seeding is usually performed between the temperatures of -5°C and -10°C. The greatest amount of super-cooled liquid water is usually found within this range. This corresponds to an altitude range of 15,000 to 22,000 ft depending upon location. Dropping or ejecting silver iodide flares into the growing cloud turrets dispenses seeding agent. The seeding agent is placed into the super-cooled clouds where nucleation is desired, so the updrafts in these cases are relied upon only to provide a continuing source of condensate. This delivery technique requires less anticipation on the part of those directing the seeding operations and may have a more immediate effect.

The more modern methods involve artificial ionization of earth’s atmosphere between 15,000 and 30,000 ft. and above. Manipulating the ionosphere and use of controlled solar-terrestrial interactions can create much larger effects. Scientists are realizing that the earth’s weather is controlled by Sun's natural Electromagnetic Radiation reaching the earth. The Sun’s Radiations and Ultraviolet Rays have to cross the ionosphere to reach the earth.

There are early indications that the solar radiations and flares are directly responsible for planetary weather changes. And Solar flares and levels of radiations are caused by bombardment of cosmic rays on the Sun from either a distant massive black hole or a star-cluster caused by the collapse of thousands and thousands of stars in a small space.

Computer models obviously focused on the ionosphere, which acts as a filter for the solar radiations to reach the earth. If one can manipulate and control the filter, it becomes a potential source of massive weather modification. That is what the computer simulation models found. Controlling the ionosphere potentially allows weather control. The algorithmic variation of ionosphere can create the magic in a massive scale.

There are many methods of controlling the ionosphere. It is the process of artificially manipulating ion density in the ionosphere. High power transmitter and antenna array operating in the HF(High Frequency) range is one of the methods. There are lots of literature on that in the Internet and declassified scientific research journals.

However, the recent trend is in using super conductors in space satellites to generate intense high intensity electromagnetic flux.

Copyright © 2003-2005, Indiadaily.com.

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
shevek
Inviato: 22/7/2006 21:22  Aggiornato: 22/7/2006 21:22
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/4/2005
Da: Napoli
Inviati: 1249
 Re: Il circolo vizioso
Salut y Libertad a todos...


Le opinioni degli scettici hanno un qualche fondamento: la metereologia e' una scienza con dei limiti epistemici molto precisi, i dati stessi sono molto limitati nel tempo e nello spazio, ecc. Ciononostante, queste obiezioni non significano molto di fronte alla semplice constatazione che, dalla Rivoluzione Industriale ad oggi, l'umanita' stia immettendo nella biosfera tanti di quei sottoprodotti nocivi da superare, sia quantitativamente sia qualitativamente, tutta la vita precedente.
Inoltre, un dato ce l'abbiamo: le eruzioni vulcaniche modificano il microclima locale - e noi siamo molto, ma molto peggio, di un'eruzione: forse ci siamo oramai avviati a competere con il meteorite che - pare - stermino' i dinosauri.
Insomma, forse la certezza assoluta non l'abbiamo, ma motivi di timore certamente si'. E, nel dubbio, io non rischierei.
Io. Tu. Noi. La questione chiave, pero', e' che siamo governati da un sistema politico/economico che si basa proprio su questi rischi... I neocons, p. e., preferiscono crogiolarsi nell'idea che, se la fine verra', sara' l'Apocalisse voluta dal Signore...

Shevek

"Il potere è l'immondizia nella storia degli umani" - F. Guccini
www.portadimassa.net - WEB-TV e non solo di Filosofia
ombroso
Inviato: 22/7/2006 21:34  Aggiornato: 22/7/2006 21:34
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/6/2006
Da: Genova
Inviati: 45
 Re: Il circolo vizioso
Yarebon, lungi da me sostenere che al nord non c'è siccità, anche se qui in Liguria le cose vanno meglio...li sento anche io i telegiornali, e il Po è in condizioni tragiche.
Volevo solo smentire l'affermazione secondo la quale quest'inverno non sarebbe piovuto, tutto qui.
Ciao

echoes
Inviato: 22/7/2006 21:38  Aggiornato: 22/7/2006 21:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/11/2005
Da: genova
Inviati: 127
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
Per i carburanti alternativi certo esistono, se avessi la possibilita' di usare un carburante alternativo che non inquina a parita' di prezzo userei certo quello. Tuttavia sono assai pessimista, perchè comunque ci saranno piccoli gruppi che cercheranno di speculare anche su quelli e a pagare il prezzo piu caro saremo sempre noi, a parita' di sit
uazione sociale.


saranno almeno trent'anni che esiste la possibilita' di alimentare le auto con il metano....molto economico, ma soprattutto ecologico....personalmente in vent'anni da automobilista ho convertito tutte le auto che ho posseduto a metano....perchè voi no?...il prezzo del metano salirebbe alle stelle certo!....ma l'utente rispettoso se ne fregherebbe, perchè almeno ora respirerebbe un'aria piu' salubre...
Ah gia!!!...anche le prestazioni non sarebbero piu' le stesse....si perdono un sacco di cavalli....e addio agli scatti brucianti....

....ehi man...slow down
slump
Inviato: 23/7/2006 0:41  Aggiornato: 23/7/2006 0:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/6/2006
Da:
Inviati: 199
 Re: Il circolo vizioso
Francamente spero che Mazzucco non dica sempre cose così approssimative come quelle che scrive qui sul clima!

Gli anni più caldi della storia dal 1990!? Ma quale storia? Quella che inizia con i termometri ed un'organizzazione abbastanza capillare ed organizzata di misurazioni? Cioè la storia dell'ultimo secolo? Riduciamo la storia agli ultimi 100 anni?
Caratterizzati tra l'altro da un'espansiane dei centri urbani grandi e piccoli che significa aumento di calore irraggiato anche nelle vicinanze e per il quale non c'è algoritmo statistico che lo tenga in debita considerazione per distinguerlo dall'effetto serra. E poi perché proprio dal 1990? Non c'era prima l'effetto serra? Oppure perché il 1990 viene dopo il 1989 e magari allora il caldo è colpa dei comunisti che non ci sono più?

Poi la faccenda del punto di non ritorno di concentrazione della CO2 è, scusatemi, una gran puttanata! La storia terrestre ha avuto praticamente sempre livelli di CO2 più elevati di adesso, anche 20 volte più elevati! E per gran dispitto dei "serristi" l'era glaciale del periodo "ordoviciano", con temperatura media simile a quella odierna, è avvenuta con CO2 di 10/12 volte più alta di oggi, cioè oltre 4000 ppm.(Dopo aver finito il petrolio terrestre dovremmo probabilmente esaurire anche quello di una terra grande quanto Giove per raggiungere quei valori!). Vedi: http://www.geocraft.com/WVFossils/Carboniferous_climate.html - da dove si vede anche che le temperature attuali sono ai livelli più bassi nella storia del nostro pianeta. Il che vuol dire che il sistema terrestre ha variato, e di molto rispetto ai valori attuali, sia la sua CO2 che la sua temperatura e questo senza una chiara correlazione di causa ed efetto tra l'una e l'altra:tutto questo, inoltre, SENZA l'umana combustione di petrolio e derivati.

Sappiamo inoltre che da alcune migliaia di anni stiamo uscendo da un'era glaciale e questo accade da ben prima che bruciassimo petrolio e derivati.

Non esiste poi un sistema che non sa equilibrarsi da solo: se così fosse sarebbe reale il moto perpetuo! Certo può accadere che l'equilibrio a cui il sistema tende non sia troppo favorevole all'animale uomo: questo comunque è allo stato di fatto imprevedibile da qualunque modello così come quella dell'effetto serra è solo una TEORIA (che, tralaltro, non riesce a spiegare molte cose: per esempio perché le temperature atmosferiche dell'emisfero Sud aumentino molto molto di meno rispetto al Nord: vedere i dati mensili in forma tabellare delle misure dei satelliti in bassa troposfera a questo indirizzo: http://vortex.nsstc.uah.edu/public/msu/t2lt/tltglhmam_5.2 ).

Tralascio poi di commentare la madornale sciocchezza sull'interruzione della corrente del Golfo che se ne sta beatamente continuando a girare!

Non sono neanche d'accordo sul fatto che l'uomo è causa di gran parte dei suoi mali: sto più con Leopardi che considerava la Natura come una matrigna non troppo benevola. Quelli che, come me e tanti altri, hanno avuto salva la vita a 10 anni perché esistevano gli antibiotici o perché non si sono assiderati grazie a stufe a cherosene o perché non sono morti di fame grazie ai fertilizzanti e roba simile, guardano a tutta la faccenda del cosiddetto "effetto serra" innanzitutto con estrema cautela e poi, nel caso in cui fosse reale, come ad una dimostrazione della "matrignità" poco benevola della natura stessa la quale non "accetta" che alcuni miliardi di uomini usino per i loro scopi i combustibile fossili. Mi viene anche poi da pensare che dentro a questa "natura" matrigna e maligna ci stanno anche gli uomini e che forse sono proprio alcuni di essi che NON vogliono permettere ad altri di fare ciò che essi hanno fatto e vorrebbero continuare a fare.

Quanto al protocollo di Kyoto chiedo se qualcuno ha mai calcolato di quanto verrebbe rallentato l'aumento della temperatura con la sua messa in pratica -- ammesso e non concesso che l'aumento di temperatura sia causato dall'effetto serra e che questo sia dovuto alla CO2.

Per finire una domanda. Guardate il grafico alla pagina principale del CRU (uno dei centri mondiali di climatologia più accreditati e perfettamente in linea con la teoria dell'effetto serra) con l'andamento delle temperature mondiali dal 1865: http://www.cru.uea.ac.uk/cru/ e poi rispondete a questo: a cosa attribuireste l'innalzamento delle temperature che si nota da ca. il 1910 a ca. il 1940 e la cui crescita è praticamente sovrapponibile come andamento a quella degli ultimi 30 anni? Pensate che la CO2 prima del 1910 fosse molto diversa da quella del 1890 o dal 1865 o dal 1700? Ah un'altra cosa: perché dal 1940 ca. al 1975 ca. le temperature non sono più aumentate ma anzi leggermente scese? Non c'era più CO2 dopo il 1940 che prima?

Ok, adesso è abbastanza fresco e posso andare a dormire...

"In powerful rain, they laid down their heads to die"
(My Dying Bride)
slump
Inviato: 23/7/2006 0:48  Aggiornato: 23/7/2006 0:48
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/6/2006
Da:
Inviati: 199
 Re: Il circolo vizioso
Guarda che il metano è sempre un idrocarburo e quanto ad emissioni di CO2 è in linea con gli altri carburanti: certo non ha altri tipi di emissioni (es. i fumi del gasolio) ma queste non sono implicate nell'effetto serra.

"In powerful rain, they laid down their heads to die"
(My Dying Bride)
slump
Inviato: 23/7/2006 1:11  Aggiornato: 23/7/2006 1:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/6/2006
Da:
Inviati: 199
 Re: Il circolo vizioso
@ ELFLACO

Stiamo facendo ragionamenti veramente da circolo vizioso!

Se un batterio immette metano nell'atmosfera come sottoprodotto del suo ciclo vitale allora è "naturale": se l'uomo immette solfiti o CO2 non lo è! Se un castoro fa una diga è naturale, se la fa l'uomo no! Ma non siamo anche noi "natura"?

Abbiamo innescato reazioni nucleari: lo fanno anche le stelle e continuamente, con produzioni continue di chissà quali prodotti -- ma quelli non sono nocivi sono "naturali"...

Credo che tutto il dibattito sulla ecologia sia viziato da errori di fondo come questi, che hanno una chiara origine filosofico/religioso impostata dal dualismo uomo/natura (come anima/corpo, mente/materia ecc.). Solo che adesso si è ribaltata la situazione: prima l'uomo era "signore" del creato, adesso è divenuto "inquinatore" del creato. Dio non è affatto morto è solo diventato un Diavolo, in primo luogo per se stesso...

Eppure senza combustibii fossili non ci sarebbero state le medicine, i feritlizzanti, mezzi di comunicazione, di trasporto ecc. ecc. Da un punto di vista generale qualcuno potrebbe preferirlo ma non perché così sarebbe più "naturale" bensì solo perché così piace a lui (magari veder morire bambini con la polmonite): il tutto naturalmente in attesa che il Sole si spenga e ponga fine "naturalmente" all'umanità... In onore al concetto che una Nova che inghiotte la Terra è "natura", il motore a scoppio o a reazione no.

"In powerful rain, they laid down their heads to die"
(My Dying Bride)
Redazione
Inviato: 23/7/2006 1:23  Aggiornato: 23/7/2006 1:36
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il circolo vizioso
SLUMP: Citazione:
Francamente spero che Mazzucco non dica sempre cose così approssimative come quelle che scrive qui sul clima!


Questa è una delle fonti da cui ho tratto le informazioni per l'articolo:

BBC

A metà pagina circa troverai un box con questa citazione: "The 10 warmest years have occurred since 1990, including each year since 1997 - Hadley Centre report"

E' evidente che la frase si riferisce al periodo in cui esistono rilevamenti attendibili. Inoltre, essendo l'articolo del 2004, e siccome negli ultimi due anni lo stesso record è stato di nuovo superato, io ho scritto "Per ben dodici volte, a partire dal 1990, in Europa è stato battuto il record dell'anno più caldo nella storia, e dal 1997 in poi questo è avvenuto regolarmente ogni singolo anno."

Non vedo quindi nessuna inesattezza, a meno naturalmente che tu voglia definire "approssimativo" anche il lavoro della BBC.

In ogni caso, anche se tu avessi avuto ragione, non vedo la necessità di usare un tono così marcatamente aggressivo, che alla fine rischia solo di isolarti in discussioni che diventeranno più che altro dei soliloqui.

Qui per dialogo costruttivo intendiamo qualcosa di leggermente diverso.

Grazie

Massimo Mazzucco

Linucs
Inviato: 23/7/2006 1:28  Aggiornato: 23/7/2006 1:28
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: Il circolo vizioso
Eppure senza combustibii fossili non ci sarebbero state le medicine, i feritlizzanti, mezzi di comunicazione, di trasporto ecc. ecc. Da un punto di vista generale qualcuno potrebbe preferirlo ma non perché così sarebbe più "naturale" bensì solo perché così piace a lui (magari veder morire bambini con la polmonite): il tutto naturalmente in attesa che il Sole si spenga e ponga fine "naturalmente" all'umanità... In onore al concetto che una Nova che inghiotte la Terra è "natura", il motore a scoppio o a reazione no.

Abile e arruolato.

(la folla in delirio)

Reietto
Inviato: 23/7/2006 1:29  Aggiornato: 23/7/2006 1:29
So tutto
Iscritto: 21/4/2006
Da:
Inviati: 3
 Re: Il circolo vizioso
Bene e dopo tutto questo dove vuoi arrivare? Insomma continuiamo a fare come le locuste o cerchiamo un modo di viviere più rispettoso dell'ambiente dove viviamo?
Il punto, secondo me, è che le macchine a benzina dovrebbero essere ritirate e sostituite da macchine a metano o meglio elettriche.
La conversione dovrebbe essere a carico dello stato, poichè è interesse della colletività preservare un'aria pulita. Come dovrebbero essere altrettanto prioritario preservate le foreste che ci danno cibo, ossigeno, diversità genetica, che sono meravigliose per ritrovare la nostra naturalita.
E i fiumi dovrebbero essere tutelati perchè è impagabile fare il bagno in un fiume in estate o perchè è meraviglioso il rumore dello scroscio dell'acqua.
NON DOVREMMO PENSARE CHE TUTTE QUESTE COSE SONO ECONOMICHE E CI SERVONO.
E non dovremmo neppure stare a discutere se è meglio preservare il fiume a scapito dell'economia. Il discorso diventa aberrante in partenza.
Il nostro comportamento di civiltà "avanzata", che si comporta come uno sciame di locuste, non ha nulla di avanzato o di civiltà. Possiamo stare fino alla vine dell'universo a dare numeri, statistiche, grafici, che staremmo sempre girando intorno al problema. Perchè il problema esiste e si chiama sostenibilità a lungo termine, perche siamo sempre di più in un pianeta che è diveuto improvvisamente troppo piccolo e povero di risorse. Ma la nostra società continua a vivere come se tutto questo non sia vincolante per la nostra vita. Con una economia drogata e una popolazione che non sembra rendersi conto che magari è il caso di farsi carico di queste cose senza fare come lo struzzo che mette la testa sotto la sabbia.
Senza considerare che forse dovremmo rivedere l'importanza che riveste l'economia nelle nostre vite. Anche se ormai è impossibile visto che non possiamo vivere senza il dio denaro, ormai siamo troppo avanzati per non voler rinchiudere le nostre vite in una fabbrica, in uno scantinato, e passare 20 ore della nostra vita davanti ad un monitor, illudendoci che la vita sia davanti ad un tubo catodico. Cosa è piu importante il tempo che fa fuori o il tempo che ci dice un calcolatore?
Cosa è più importante una scampagnata nel bosco o una partita ai videogames?
Per concludere, non credo che così tante persone nel mondo si siano date la pena di allarmare i loro simili solo per il gusto di farlo, visto che alcuni hanno anche perso il posto.

PS.
La corrente del golfo ha variato di molto la sua tipologia di percorso, infatti i ghiacci del polo sciogliendosi hanno midificato la salinità dell'oceano, risultato, la corrente scende molto più in profondita e risale molto in ritardo. La notizia è di questo inverno! Tanto che hanno trovato delle cozze dove non dovrebbero essere per via delle condizioni di temperatura dell'acqua!

PPS.
Se anche l'effetto serra fosse una bufala come la CO2 da noi emessa, ritengo che una riduzione delle sostanze inquinanti come polveri sottili, smog di varia natura, sarebbe per lo meno un segno evvidente di una "cività avanzata" come la nostra. Quindi magari non modificherebbe il clima ma ci permetterebbe di non girare per le città con le mascherine,riempiendoci i polmoni delle peggiori schifezze ammalandoci di cancro al polmone......ops, è vero, non è dimostrato che il cancro si causa dello smog.
Fortuna che abito in un paesino!

Max_Piano
Inviato: 23/7/2006 1:39  Aggiornato: 23/7/2006 1:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: Il circolo vizioso
Trovo ironico che non più di venti anni fa i veri cospirazionisti erano quei pochi scienziati che gufavano l'effetto serra come qualcosa di possibile: ora è esattamente l'opposto.

vincenzo
Inviato: 23/7/2006 2:44  Aggiornato: 23/7/2006 2:44
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/6/2004
Da: u-oy-topos middle Oceania
Inviati: 1304
 Re: Il circolo vizioso
se vi può interessare....

MeteoCord:

l'ultima nevicata (non fiochettate) registrata a Positano risale inveno 85/86, se non erro deve essere stato il 6 gennaio. Per due ore la neve si posò sulla spiaggia! Nevicò pure a Cagliari e nord africa. Dpallora non è più successo.

Nelgi ultimi anni un luglio-agosto con 40 giorni di pioggia, un altra estate 4 mesi senza pioggia e caldo costante, un'altra del tutto normalissima, questa in cosro nulla di rilevante....

1 - Non fanno caso, costoro, che quando in Internet compare qualcosa di veramente scottante, scompare nell’arco di pochi minuti? Se invece qualcosa ci rimane per sempre – e pure in bella vista - vuole dire che lì da nascondere c’è ben poco.
tccom
Inviato: 23/7/2006 3:05  Aggiornato: 23/7/2006 3:05
Mi sento vacillare
Iscritto: 3/11/2005
Da: civitavecchia
Inviati: 903
 Re: Il circolo vizioso
non c'è peggior ceco di chi non vuol vedere...moriremo tutti...

..
...
....
perdonate il catastrofismo...sarà l'ora!

...gli Stati Uniti non ci hanno guadagnato nulla dall'11 settembre (c'è bisogno di dirlo?)...[].... Ragioniamo: chi ci guadagna quando piove? i produttori di ombrelli. Da questo si deduce che i produttori di ombrelli controllano la pioggia.
absinth
Inviato: 23/7/2006 7:45  Aggiornato: 23/7/2006 7:45
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/12/2005
Da: FRIULI VENEZIA GIULIA
Inviati: 249
 Re: Il circolo vizioso
bisogna agire... poche parole e via. Ma la gente dice "che caldo!" Ma non si spiegabo i veri motivi..... Ogni giorno che passa vedo alcuni che vogliono capire mentre altri se ne fregano vivendo nel Matrix.... Il tempo è quello che è..... e non manca tanto.....

Polidoro
Inviato: 23/7/2006 9:25  Aggiornato: 23/7/2006 9:25
Mi sento vacillare
Iscritto: 9/4/2005
Da:
Inviati: 488
 Re: Il circolo vizioso
C'è anche questo: qui
Il 23 settembre 1969, la Cina fece esplodere una bomba termonucleare sotterranea in un poligono nella parte occidentale del Paese. Il 28 settembre, un terremoto colpì lo stato di Vittoria, nell'Australia sud-orientale. Le scosse furono accompagnate da una serie di boati e da apparizioni di luci verdi nel cielo. Il 28 e 30 maggio 1970 vi furono test nucleari, e il 31 maggio la città di Chimbote, in Perù, fu devastata da un terremoto che uccise 60.000 persone. Il 27 luglio 1976, gli Usa fecero esplodere una carica da 20-150 chilotoni nel sottosuolo del Nevada. Il giorno seguente, la città di Tang-shan (Cina) e 800.000 persone furono distrutte da un sisma che fu valutato di magnitudine 8,2 nella scala Richter.
Il 13 e 15 settembre avvennero test nucleari sotterranei, il 16 settembre un terremoto (7,7 Richter) rase al suolo la città iraniana di Tabas, con 25.000 morti. Il 5 novembre 1988 la Francia realizzò nelle acque dell'atollo di Mururoa un'esplosione nucleare di 50 chilotoni. Il giorno successivo, un violento terremoto (7,6 Richter) sconvolse la provincia cinese dello Yunnan, provocando circa 600 vittime. Il 24 novembre dello stesso anno, la Francia eseguì un'identica esplosione. Un terremoto (6 Richter) colpì il Canada e gli Stati Uniti del nord-est il giorno seguente; mentre il 26 novembre ancora una volta una provincia cinese, Qin-ghai, fu scossa da un sisma. E ancora: il 4 dicembre 1988, l'Urss fece detonare una boma nucleare di potenza stimata fra i 20 ed i 150 chilotoni in una base del circolo polare artico. Il 7 dicembre, l'Armenia fu squassata da un terremoto (6,9 Richter) che uccise 60.000 persone e lasciò mezzo milione di senzatetto. Il 22 gennaio 1989, un’esplosione sperimentale (20-150 chilotoni) fu effettuata nel Kazakistan nordorientale; il giorno successivo il terremoto nel Tagikistan sovietico fece più di 200 morti. Il 23 giugno 1992, gli americani fecero scoppiare l'ennesima bomba nucleare sotterranea; il 28 giugno, due terremoti di insolita violenza (7,4 e 6,5 Richter) colpirono il sud della California.

Curiose coincidenze?

Dati allarmanti provengono anche da uno studio di due scienziati giapponesi, Shigeyoshi Matsumae e Yoshio Kato, della Tokai University di Tokio: "Fenomeni anomali meteorologici, terremoti e la variazione dell'asse terrestre sono notevolmente correlati ai test atmosferici e sotterranei. Essi hanno causato un aumento della temperatura dell'esosfera terrestre da 100 a 150 gradi, che cresce in modo abnorme immediatamente dopo un test nucleare. Ad esempio, è stato scoperto che la temperatura assoluta salì da 70 ad 80 gradi dopo un test sovietico che fu rilevato dalla stazione d'osservazione da Uppsala, il 23 agosto 1975". Similmente, un continuo e drastico rialzo della temperatura fu osservato in occasione di una fitta serie di sei esplosioni sperimentali avvenute tra il 18 ed il 29 ottobre 1975".
E concludono: "La temperatura dell'atmosfera è cambiata dai test nucleari, un cambiamento che neppure il sole potrebbe produrre. Si può facilmente immaginare quali effetti abbia tutto ciò sulle condizioni meteorologiche della terra".



Non dimentichiamo che la fusione fredda esiste, è provata e che Eugene F. Mallowe è stato assassinato....e ..

"Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuovi orizzonti ma nell'avere nuovi occhi." Marcel Proust
frankad
Inviato: 23/7/2006 10:03  Aggiornato: 23/7/2006 10:05
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Senza commenti, d'accordo con la filosofia che tende a non voler infierire......nonostante tutto


La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
Max_Piano
Inviato: 23/7/2006 11:01  Aggiornato: 23/7/2006 11:01
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: Il circolo vizioso
Non dimentichiamo che se questi sono gli effetti di un paio miliardi di persone ma ora dobbiamo prendere in considerazione il contributo di paesi come Cina e India i quali si stanno motorizzando rapidamente.
Non è detto infatti che gli effetti visibili oggi non siano quelli mediati con le immissioni dei decenni passati (anzi è probabile); è quindi possibile che la situazione possa "scappare di mano nel giro" di pochi anni ritovandoci con un intensificarsi esponenziale dei fenomeni, eventualmente con reazioni a catena catastrofiche; per esempio la riduzione dei ghiacciai potrebbe portare alla riduzione delle precipitazioni in aree che prima erano fertili e trasformare la Pianura Padana in un piccolo deserto del Gobi (e con il Po in secca e le alpi tutt'attorno dove si prenderà l'acqua?)

Come riportava Frankad assistiamo di continuo a "nuovi record della pista" in fatto di temperature eppure ci dissero che gli anni '80 furono i più caldi della storia, ma personalmente non mi ricordo di temperature simili a quelle attuali!
Certo ci sono sempre degli alti e dei bassi : ma se fossimo proprio ora in un momento positivo, se il vero caldo dovesse ancora venire?

Lo scienziato inglese Lovelock, uno dei padri fondatori del modello "Gaia" della terra (una sorta di organismo capace di autoregolarsi), avrebbe abbandonato il tradizionale ottimismo affermandosi che con molta probabilità ora non c'è più nulla da fare.

clausneghe
Inviato: 23/7/2006 11:47  Aggiornato: 23/7/2006 11:47
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: Il circolo vizioso
Salve a tutti...Come disse Edgar Cayce,l'Uomo darà il via,il resto lo farà la Natura... Sì è vero che ci sono mutamenti Cosmici in corso sui quali (meno male!) non possiamo in alcun modo intervenire,ma è altrettanto vero che negli ultimi decenni,l'attività umana,o per meglio dire,di certi gruppi "umani"(solito apparato Ind.milit.ecc.) nociva agli equilibri del pianeta ,è aumentata in maniera spropositata e folle... Che dire dei 2040 test di esplosioni nucleari effetuati sia in cielo(una super bomba provata dai Russi nel 1956,provocò un disturbo elettromagnetico addirittura nella fascia di Van Allen)che sottoterra (un ordigno Francese testato a Monroa,provocò la fusione delle rocce profonde) e in mare (Bikini ,Usa).. se poi a questo aggiungiamo: HAARP,Scie chimiche,enormi quantità di schifezze tossiche rilasciate dai bombardamenti sui campi di battaglia in questi ultimi anni,più naturalmente, la grande massa di pulviscoli vaganti prodotti dalle "normali attività dell'uomo contemporaneo,ci rendiamo conto di come è aggredito l'unico Mondo su cui viviamo,che ritengo sia un Vivente anch'esso,e perciò soggetto alla morte,che potremmo provocare noi "Sapiens " divenuti ormai simili a cellule cancerogene in evoluzione Metastasica... Per chiudere,dico che sono convinto che le anomalie climatiche,derivano in gran parte dal comportamento collettivo (da pochi provocato,da tanti subìto) della Specie Umana ultima,che non si ricorda che "non si brucia la terra che si calpesta"...

slump
Inviato: 23/7/2006 12:45  Aggiornato: 23/7/2006 12:45
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/6/2006
Da:
Inviati: 199
 Re: Il circolo vizioso
IW [serra.txt] Row 24 Col 1 12:46 Ctrl-X H for help
@ REDAZIONE & FRANKAD & MAX_PIANO

Innanzitutto mi scuso con Mazzucco ed eventuali altri se ho dato
l'impressione di essere "aggressivo": evidentemente la "passione"
migioca brutti scherzi...

Torniamo all'argomento, che ritengo molto importante e torniamo ai
famosi 10 o 12 anni più caldi della "storia" (almeno da quando ci
sono le misurazioni -- come ammesso naturalmente da Mazzucco) e a
questi"record".

Che cosa significa? Come possiamo correlare questo dato con la teoria
dell'effetto serra? Voglio dire: dobbiamo appurare CHE COSA ha
prodotto quei dati e, prima di tutto, dobbiamo appurare che quei dati
siano coerenti. Non è la stessa cosa se scoprissimo che l'aumento
delle temperature rilevate è dovuto più all'aumento del calore
irraggiato nei pressi delle stazioni di rilevamento a causa
dell'espansione delle attività umane (città, industrie ecc.)
piuttosto che da un riscaldamento dell'atmosfera dovuto al presunto
effetto serra. Bisogna chiedersi in che modo e come vengono rilevate
quelle temperature, oggi e un secolo fa: se io avessi 100 anni e 80
anni fa avessi cominciato a rilevare la temperatura vicino a casa mia
in una campagna alla periferia della città ed oggi continuassi a
rilevare la temperatura nello stesso punto con la città che si è
ingrandita tanto che adesso dove c'era la campagna c'è una zona
industriale ed una residenziale, quanti record pensate che avrei
battuto negli ultimi 15/20 anni? Se nel frattempo avessi cambiato
punto di rilevamento allontanandomi dalla città allora avrei
inficiato la coerenza dei dati, i miei dati sarebbero inutili. Oppure
dovrei continuare la rilevazione dallo stesso punto ma apportando un
coefficiente di variazione al dato che tenga conto dell'effetto di
calore del centro urbano: ma quale coefficiente? Sarebba una
scelta mia, cioè umana, dell'operatore/scienziato, sempre discutibile
(ed infatti è continuamente discussa -- non sui media naturalmente).

Questo effetto, noto come "urban heat island" -- "isola di calore
urbana" (dove urbano s'intende anche quello di piccole cittadine), è
molto dibattutto ma senza che si riesca a trovare un sistema che ne
tenga conto in maniera adeguata per le rilevazioni.

Di quello che dice la BBC francamente me ne cale poco: come di quello
che potrebbe dire la CNN o la RAI. E' approssimativo proprio perché
una serie di dati non significano nulla in sé: se negli ultimi 15
anni avessi avuto 12 volte i ladri in casa cosa vorrebbe dire?
Scommettiamo che con poco sforzo si riesce a correlarlo alla teoria
dell'effetto serra?


E a proposito degli anni più caldi, qui mi riferisco anche alla
tabella che riporta FRANKAD, ebbene non c'è accordo su quale sia
stato l'anno più caldo nemmeno tra i centri di climatologia
considerati più importanti e serristi: il GISS (della NASA, diretto
da Hansen,il centro più serrista e "caldista" in assoluto) ed il CRU
inglese: per questi ultimi il più caldo rimane il 1998, per gli
americani il 2005 lo avrebbe superato. Dunque? Usano termometri
diversi? Zone diverse? Modelli diversi per elaborare i dati? (Vedi:
http://data.giss.nasa.gov/gistemp/2005/ da cui si vede anche che
l'anomalia calda riguarda in maniera particolare la zona polare
artica: perchè?)

Proprio in un sito come questo si dovrebbe avere il massimo dello
scetticismo su ciò che i media imbastiscono e non tanto perché siano
in malafede ma perché su argomenti come questi restano superficiali
(forse di necessità altrimenti quasi nessuno leggerebbe o
ascolterebbe i loro articoli e programmi perché dovrebbero fare
report scientifici).

Proprio in questo sito si è spesso ridicolizzato il parere di alcuni
"esperti" che confermavano i fatti dell'11 Settembre così come li
racconta la versione ufficiale: il 90 e passa per cento dei media non
li mette i discussione così come i politici, esperti, tecnici
eccetera. Credete che riguardo al riscaldamento globale le cose siano
molto diverse? Perché la verità mediatica dell'effetto serra dovrebbe
essere più vera di quella sul 911? Perché inventata da Jim Hansen
della NASA nel 1988? Perché confermata dal famoso studio di Mann e
altri del 1998 ("hockey stick") che si è poi rivelato essere frutto
di un errore di determinazione statistica (non si sa se casuale o
voluto)?

L'ironia che trova MAX_PIANO nel fatto che oggi "cospirazionisti"
sono quelli che osteggiano la teoria dell'effetto serra (15 anni fa
era il contrario) la condivido appieno: forse la condizione umana è
ironica di per sé...

Infine qui non si tratta tanto di mettere in discussione il fatto del
riscaldamento terrestre (i dati satellitari sulla bassa troposfera,
che abbiamo però dal 1979, mostrano un leggero trend all'incremento,
più ampio all'emisfero nord e quasi inesistente in quello sud -- il
che già non collima con la teoria dell'effetto serra) ma tutte le
conseguenze scientifiche, politiche ed economiche che se ne traggono
sulla base di una TEORIA che non è mai stata scientificamente
dimostrata ma che, nonostante questo, è riuscita ad influenzare il
mondo politico ed economico (forse quello era l'obiettivo) diventando
"verità" di massa riverberata dai media.

Se fossimo vissuti tra il 1910 e il 1940, in cui il trend d'incremento
della temperatura era sovrapponibile a quello di oggi a quale teoria
ci saremmo appoggiati stante che di CO2 umana nell'atmosfera ce n'era
pochina?

Un'ultima domanda: ma perché tra tutte le teorie possibili (cicli
naturali terestri, cicli solari, posizione del sistema solare, ecc.)
si è affermata una che come le altre non ha dimostrazioni ma che
implica direttamente prese di posizioni politico/economiche riguardo
alla spina dorsale della nostra civiltà, cioè le risorse energetiche,
idrocarburi in particolare?

"In powerful rain, they laid down their heads to die"
(My Dying Bride)
frankad
Inviato: 23/7/2006 13:01  Aggiornato: 23/7/2006 15:37
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Ciao slump.

Innanzitutto mi scuso con Mazzucco ed eventuali altri ed eventuali altri se ho dato
l'impressione di essere "aggressivo": evidentemente la "passione" migioca brutti scherzi...


Questà è una buona cosa, ti ringrazio personalmente.

Per adesso solo una mia constatazione: ciò che personalmente tengo più in considerazione, situazione molto poco diffusa, collegato anche a qualche tua affermazione, è la mia personale percezione e seguimento temporale degli eventi meteo. Quelli tangibili, chiaramente. Per gli altri seguo i miei metodi da solo oppure in equìpe. Poi confronto ciò che vedo, sento e provo con qualsiasi situazione tecnica, frullo tutto e traggo le mie conclusioni. Come già affermato trovo che le distorsioni di dati siano i fattori che mi forniscono più elementi al fine di identificare azioni che mi riservo di classificare. Se in una NOAA vedo cancellazioni, prendo atto, memorizzo, ci lavoro sopra, vado su altri 10 riferimenti e traggo le mie conclusioni, tanto per fare un esempio. Il tutto accompagnato dalla preparazione di base, documentazione e bagaglio di conoscenza (in senso ampio) che mi permettono di giudicare al meglio ed orientarmi in questo panorama.

Detto papale papale: io non ho bisogno che mi dicano che l'estate del 2005 è stata la più calda. Semplicemente l'ho vissuta sulla mia pelle.

Non ho bisogno che mi contraddicano sul fatto che esiste una patina, che non si riesce a cancellare se non maldestramente nelle riprese sat che avvolge buona parte del globo. So benissimo di che colore "era" il cielo e che nell'ultimo anno è cambiato. So benissimo cos'è un cielo stellato, che sia visto da casa mia o dall'Osservatorio di Lanusei, che frequento, non importa. Semplicemente, non si vedono più i cieli stellati tipici della Sardegna.

Parto da qui, poi percorro il resto. Il resto è un'autostrada piena zeppa di documentazione e studi.

frankad

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
oli33
Inviato: 23/7/2006 14:22  Aggiornato: 23/7/2006 14:22
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/5/2006
Da: La terra dei mandrogni
Inviati: 113
 Re: Il circolo vizioso
Per slump:
riporto ed integro parte di un mio post precedente.
Io vivo nel pianurone piemontese e ricordo che fino a metà anni 80 tutti gli anni nevicava regolarmente almeno 2 o 3 volte, la neve copriva i campi per andarsene solo a metà marzo.A novembre calava la nebbia col calar del sole per andarsene (non sempre) a mattina inoltrata. A quanto dicono i miei genitori ed altri più anziani era così da sempre, per lo meno fino a quando arrivano i loro ricordi. Ora non nevica più, quando nevica una volta e viene qualcosa più di una spolverata si parla di evento eccezionale e dopo qualche giorno si è già sciolto tutto. La nebbia è un evento raro. Per la nebbia il discorso è analogo. Vogliamo basarci sulle misurazioni? Benissimo, vatti a vedere i mm di pioggia caduti in Italia dal 90 ad oggi, sono in continuo calo. Questo non è opinabile. Mi potrai dire che un conto è l'italia un conto è il mondo intero, l'acqua che non cade da noi magari cade in Turchia etc etc. Va bene, ma restano le evidentissime modificazioni che ti ho citato e questo non si può confutare, non perchè io sono più furbo degli altri ma perchè 2+2 è sempre uguale a 4.
Ora mi potete dire tutto quello che volete, i dati scientifici che non ci sono, le prove che mancano, le statistiche .. ma questi sono FATTI esattamente come il buco di 3 metri nel pentagono dove non può entrare un boeing. Tra 30 anni saremo in mezzo ai cam
melli e tutti giù a dire che eventi eccezionali ci sono sempre stati etc etc ..
E' colpa dell'effetto serra? non lo so. Per quanto ne so io potrebbe essere dovuto al fatto che i termosifoni puntati tutto l'anno a 37 gradi erano 4 miliardi negli anni 80 ed adesso sono sei, come se non bastasse continuano ad aumentare enormemente.

Il fatto che la causa non sia dimostrata non libera l'umanità (o meglio una piccola parte di essa) dal dovere di invertire la tendenza in termini di inquinamento e consumo risorse. Si chiama principio di cautela. Non è dimostrato che se bevo 3 litri di coca cola mi debba per forza beccare l'ulcera o peggio, però ....

".. e per tutti il dolore degli altri è dolore a metà "
frankad
Inviato: 23/7/2006 15:16  Aggiornato: 23/7/2006 15:17
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Qualche dato rilevato "in versione familiare", tra i tanti, giusto per proporre alcuni parametri che posto senza commenti, per adesso.

Voglio proporre, prima dei dati, una fotografia. E' stata estrapolata da un noto portale Meteorologico, per l'esattezza dal forum dello stesso. Un utente estremamente allarmato ha postato questa ed altre fotografie. Il fatto è che questa, riporata qualcosa a noi molto noto, sfuggita all'utente del forum in oggetto il quale era terrorizzato dal fatto che in questo luogo vi fosse la neve.

Lascio indovinare......



Questa è la serie di rilevamenti. La data è riportata in ogni fotografia:

Inizio di giugno:



Qualche settimana dopo:



Ieri notte (notare la percentuale di umidità):



Qualche ore fa:



frankad

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
Max_Piano
Inviato: 23/7/2006 17:29  Aggiornato: 23/7/2006 17:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: Il circolo vizioso
@slump:

Sono sicuro che se ci impegnassimo troveremmo dei bei grafici che mostrerebbero come l'aumento medio - attenzione : medio - delle temperature sia correlato a quella dell'anidirde carbonica.

Visto che non si è assistito ad un aumento delle eruzioni vulcaniche possiamo tranquillamente dedurre che la causa sia l'uomo.

Citazione:
Se fossimo vissuti tra il 1910 e il 1940, in cui il trend d'incremento
della temperatura era sovrapponibile a quello di oggi a quale teoria
ci saremmo appoggiati stante che di CO2 umana nell'atmosfera ce n'era
pochina?


ma questo non significa che fosse paragonabile il valore assoluto della temperatura !

Se la temperatura massima aumentasse di un decimo grado ogni anno è certamente più preoccupante oggi che raggiungiamo già temperature sui 35-40° dove negli anni 80 ce n'erano solo una trentina!

Citazione:
Un'ultima domanda: ma perché tra tutte le teorie possibili (cicli
naturali terestri, cicli solari, posizione del sistema solare, ecc.)
si è affermata una che come le altre non ha dimostrazioni ma che
implica direttamente prese di posizioni politico/economiche riguardo
alla spina dorsale della nostra civiltà, cioè le risorse energetiche,
idrocarburi in particolare?


semplicemente perchè gli unici due fattori che hanno avuto lo stesso trend sono stati l'immissione di Co2 e la temperatura.
I cicli terrestri durano migliaia o decine di migliaia di anni, non pochi decenni!

Questo non significa che non vi siano altri fattori che possono modulare la temperatura...ma se ora ci trovassimo proprio in un momento di "fresco naturale"?

Naturalmente vi possono essere regioni che subiranno abbassamenti di temperatura ma questo è dovuto all'instabilità climatica che si è venuta a creare (maggiore umidità, cambio delle correnti, ecc...)

Ad ogni modo con il caldo anomalo (temperatura e umidità) a cui sto assistendo faccio molta meno fatica a credere alla maggior parte degli scienziati - a parte quelli pagati dalle lobby petrolifere - che non alle spiegazioni, certamente ottimiste, che mi proponi.
Insomma : fa caldo!

ombroso
Inviato: 23/7/2006 17:38  Aggiornato: 23/7/2006 17:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/6/2006
Da: Genova
Inviati: 45
 Re: Il circolo vizioso
Se si parla di fenomeni globali e storici, non si può guardare solo al proprio orticello. Certo, le osservazioni su quello che succede in pianura padana, o in Sardegna, sono interessanti, ma lo sono altrettanto quelle di Paxtibi che sostiene che in Grecia le ultime estati sono state particolarmente fresche.
Senza offesa, ma chi dice "me ne impippo dei dati statistici, io guardo quello che succede nel posto in cui vivo" dovrebbe affrontare una discussione al bar sotto casa, anzichè su un forum che parla di riscaldamento globale, corrente del golfo, effetto serra ecc...
E' come se dicessi che gli oceani sono inquinati perchè qui a Genova l'acqua del mare è verdognola e maleodorante.

Personalmente odio il petrolio, ma per via di quello che respiro tutti i giorni nella mia città e per le conseguenze geo-politiche della sua estrazione e distribuzione, piuttosto che per un supposto effetto atmosferico che mi ha sempre lasciato molto perplesso. Ho poi trovato molto interessanti le osservazioni di slump relative all'interpretazione dei dati e alla rilevazione in prossimità dei centri urbani, mega agglomerati di pietra, cemento e asfalto con rarissime macchie di verde.

frankad
Inviato: 23/7/2006 18:00  Aggiornato: 23/7/2006 18:00
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Esteri 23 lug 09:16

Cina: terremoto, almeno 22 morti

PECHINO (Cina) - Il terremoto che ieri ha colpito la regione di Yanjin, nel sud-ovest della Cina, ha causato la morte di almeno 22 persone. Il nuovo bilancio e' stato dato dall'agenzia Xinhua, che ha aggiunto che i feriti sarebbero 106. I soccorritori fanno pero' sapere che e' difficile censire il numero delle vittime, visto che si tratta di una zona montagnosa. (Agr)



Esteri 23 lug 11:44

Indonesia: nuova scossa di terremoto di 6,6 gradi Richter

GIACARTA (Indonesia) - Una scossa di terremoto di 6,6 gradi della scala Richter ha colpito oggi l'isola indonesiana di Sulawesi. Solo cinque giorni fa l'isola di Giava ha subito da un devastante tsunami che ha causato piu' di 600 morti. Lo ha detto un funzionario del governo. (Agr)

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
oli33
Inviato: 23/7/2006 18:06  Aggiornato: 23/7/2006 18:06
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/5/2006
Da: La terra dei mandrogni
Inviati: 113
 Re: Il circolo vizioso
Ciao Ombroso, forse scrivi così proprio perchè sei di Genova, città che conosco piuttosto bene (W Samp!). E a Genova:
- La neve è da sempre un evento eccezionale
- La nebbia non si è mai vista.
- La temperatura è mitigata nei suoi picchi sia positivi che negativi dal benefico influsso del mare.

Quindi non puoi (per tua fortuna) avere esperienza personale storica degli eventi atmosferici da me citati.

E' come se dicessi che non è dimostrato che l'acqua verdognola e maleodorante di Genova sia causata da attività del''uomo ma bensì da una misteriosa corrente o che so altro. Quella di slump sulle misurazioni è un opinione, non un fatto, vuoi forse dire che slump sa che gran parte delle misurazioni fino a 30 anni fa erano fatte all'ombra di querce secolari in riva a un ruscelletto mentre adesso proprio in quel punto ci passa una tangenziale? Ripeto, è un opinione, come la mia come la tua, non è un fatto. I mm di pioggia in continuo calo su quasi tutta l'italia (non solo nel mio orticello) sono un fatto. Se poi volete dire che proprio sopra al pluviometro hanno costruito un centro commerciale ....

Tanto è vero che non ho riportato come esempi dei cambiamenti climatici le estati troppo calde o troppo fresche (vero paxtibi?) proprio perchè non sono fatti ma percezioni personali.

Quanto al bar, beh , io fossi in te non lo disprezzerei tanto, al bar si diceva:
- Andreotti è un mafioso (minchia lo era veramente)
- La Juve ruba le partite
- Quella fa la valletta perchè l'ha data via
- Berlusconi si farà i c..i suoi e basta.
- Gli americani vanno in Iraq per il petrolio e non x le armi di distruzione
etc etc.

".. e per tutti il dolore degli altri è dolore a metà "
beanut
Inviato: 23/7/2006 18:14  Aggiornato: 23/7/2006 18:14
So tutto
Iscritto: 30/3/2006
Da: Bologna
Inviati: 22
 Re: Il circolo vizioso
Come possiamo verificare l'impatto dell'essere umano sull'ecosistema se non sappiamo con esattezza quali erano le temperature medie di oltre 250-300 anni fa? La Terra ha subìto nel corso dei suoi milioni di anni parecchi periodi di glaciazioni e riscaldamenti. Giusto. Sì.
Ho sempre maltollerato chi nega l'evidenza.
Mi piacerebbe essere in grado di produrre un grafico che metta in evidenza le emissioni di CO2 da parte dell'uomo negli ultimi 300 anni e la concentrazione della stessa nell'atmosfera. Verificare eventuali aumenti (o addirittura diminuzioni!) di temperatura durante lo stesso periodo. E poi fare un confronto dei due grafici. Non sono in grado, ma se qualcuno lo sa fare, lo prego di farlo.
Quanti miliardi di barili di petrolio consumiamo in un anno? Come si fa a dire che non ha rilevanza sull'ecosistema? Perchè la Terra è troppo più grande di noi? Ma per piacere...!
Persino Bush ha ammesso che l'uomo può avere qualche responsabilità riguardo al riscaldamento globale...

Max_Piano
Inviato: 23/7/2006 18:54  Aggiornato: 23/7/2006 18:54
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
Quanti miliardi di barili di petrolio consumiamo in un anno? Come si fa a dire che non ha rilevanza sull'ecosistema? Perchè la Terra è troppo più grande di noi? Ma per piacere...!




Vero : può aiutare a pensare questo

immaginate di dividere tutta la terra (oceani esclusi) in lotti quadrati di 150 metri di lato e mettere in ognuno di questi un abitante della terra. immaginate se ognuno di questi oltre a dover mangiare, bere, allevare bestiame, coltivare grano, ecc... si mette anche ad accendere stufette, tagliare alberi, bruciare erba, guidare una autovettura, produrre corrente elettrica, ecc...

Ma come si fa a dire che quel quadrato da 150 metri di lato non risente della presenza umana?

Redazione
Inviato: 23/7/2006 21:15  Aggiornato: 23/7/2006 21:17
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Il circolo vizioso
SLUMP: Scuse accettate, grazie. Mi ha incuriosito il fatto che ci sia stato, fra il 1910 e il 1940, un trend di aumento medio della temperatura pari a quello attuale (almeno così ho capito). Ti dispiacerebbe indicarmi qualche fonte di riferimento? (Non è una richiesta "polemica", sia chiaro, sono davvero curioso).

Max_Piano: interessante l'esempio dei 150 mq. Quello è il risultato di ca. 6 md di esseri umani diviso per la superficie terrestre abitabile, o soltanto "emersa"? (In altre parole, conta anche il metro quadrato sulla vetta dell'Himalaya?)

ombroso
Inviato: 23/7/2006 22:17  Aggiornato: 23/7/2006 22:22
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/6/2006
Da: Genova
Inviati: 45
 Re: Il circolo vizioso
La superficie terrestre (oceani compresi) è circa 510.101.000 km2. Considerato che la superficie emersa è circa 1/4 di quella non emersa, possiamo ipotizzare ammonti a 127.525.250 km2, equivalenti a 127.525.250.000.000 m2. Un quadrato di 150m di lato è eqivalente a 22.500m2 (attento Massimo, non sono i 150 m2 di un appartamento). Dividendo la superficie delle terre emersa per questa misura otteniamo circa 5,7 miliardi di abitanti, non molto lontano dalla realtà.

Si può quindi ipotizzare in via del tutto teorica che ogni essere umano abbia a disposizione circa 22.000 m2 di terreno.

Mmm, mica male, quasi quasi metto su una vigna...

vincenzo
Inviato: 23/7/2006 23:08  Aggiornato: 23/7/2006 23:30
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/6/2004
Da: u-oy-topos middle Oceania
Inviati: 1304
 Re: Il circolo vizioso
Finalmente lo stato fa qualcosa, e pure la tv pubblica, però!!!

http://www.culture.gov.uk/global/press_notices/archive_2006/dcms038_06.htm

Il natural history museum è molto interessato, sono stato all'esibizione....:

http://www.nhm.ac.uk/about-us/news/2006/mar/news_7895.html
http://www.nhm.ac.uk/visit-us/whats-on/temporary-exhibitions/the-ship/index.html
http://www.nhm.ac.uk/nature-online/environmental-change/

....pure la bbc:

http://www.bbc.co.uk/climate/

The Archbishop of Canterbury, Dr Rowan Williams; the government's chief scientist Sir David King, and former Royal Society president Sir Robert May have all expressed public concern on the issue.
This week, former US Vice President Al Gore has been at the Cannes Film Festival to promote a documentary on climate change.
Mr Gore told festival goers that the world was facing a "planetary emergency" due to global warming.


Volare meno ovviamente....

Not-so-frequent flyer - this is a tough pill to swallow, but flying costs the Earth in terms of carbon dioxide emissions - 2.6 tonnes per person for a return flight to LA for example. Swap Machu Picchu for the Lake District, or put a little back and buy a 'carbon offset' each time you fly


.... e non tirare lo sciaquone quando si va solo a fare pipì, il sindaco di Londra supera se stesso :"To Flush or Not to Flush?":

"If we continue to waste the amount of water that we do, London will run out of water," Livingstone, 61, told The Independent newspaper.

"A third of all the water you use you flush down the loo, and actually there is no earthly reason that you need to flush the loo if you have merely urinated. That's a huge saving of water.

"The experiment in my home, which is now into its second year, has been a success. We continues with it right through the summer and never once did a great bluebottle come into the bathroom.

"After all, why would a bluebottle with to slurp up a little bit of nitrogenous waste? It has no nutritional value at all. It's just that people have a perception that their urine is some sort of liquid form of their excreta.

"A lot of gardeners put their urine in a bucket and actually use it. Plant roots love it."


Trad.::
"Se continuiamo a sprecare acqua così come stiamo facendo, Londra sarà a corto d'acqua. Un terzo dell'acqua che si usa viene impiegato per tirare lo sciaquone, e non c'è nessuna valida ragione per tirarlo quando hai "meramente urinato". Questa è una grossa quantità d'acqua. L'esperimento a casa mia, che è adesso al secondo anno, è stato un successo. Continuiamo con l'esperimento durante l'estate e non una sola volta qualche insetto è volato in bagno. Dopo tutto, perchè un insetto dovrebbe bere nitrogeno? Non ha assolutamente nessun valore nutrizionale. E' solo che la gente percepisce l'urina come una sorta di liquido dalle sue escrementa. Molti coltivatori urinano in secchi e la usano. Le radici delle piante la amano."

So rimbecillito io, oppure l'urina non ha nessun valore nutrizionale però è ottima per le piante.....

----

Chi se l'era perso.

http://www.livescience.com/forcesofnature/060517_inside_earth.html

Grazie a Pax per la segnalazione del secondo link.

E qua.

1 - Non fanno caso, costoro, che quando in Internet compare qualcosa di veramente scottante, scompare nell’arco di pochi minuti? Se invece qualcosa ci rimane per sempre – e pure in bella vista - vuole dire che lì da nascondere c’è ben poco.
Max_Piano
Inviato: 23/7/2006 23:31  Aggiornato: 23/7/2006 23:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
Max_Piano: interessante l'esempio dei 150 mq. Quello è il risultato di ca. 6 md di esseri umani diviso per la superficie terrestre abitabile, o soltanto "emersa"? (In altre parole, conta anche il metro quadrato sulla vetta dell'Himalaya?)


Naturalmente! comunque non è 150 mq ma 150x150 mq circa

superficie terre emerse = 148.939.063 Kmq: incluso il cucuzzolo dell'himalaya, il deserto del sahara e l'antartide

148.939.063 / 6.000.000.000 = 0,024 Kmq a testa = 24800 mq = 157 x 157 mq

l'idea che in quei 150x150 metri ci stiano industrie, coltivazioni, allevamento, (tutte rigorosamente concentrate in aree coltivabili e fertili) ... mi pone il quesito di dove può ancora trovare spazio la natura.

Pandora
Inviato: 23/7/2006 23:36  Aggiornato: 23/7/2006 23:36
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/11/2005
Da: fra 45°15'N, 9°00'E e 45°10'N, 9°15'E
Inviati: 338
 Re: Il circolo vizioso
A questo punto viene da chiedersi come si possa esistere ancora?
Anche perchè nel nostro giardino di 150 x 150 metri dobbiamo farci entrare anche un pezzo di deserto, un pezzo di steppa, un pezzo di antartide ecc ecc, che poco contribuiscono alla "superficie sfruttabile" di terra...

La pura e semplice verita' è raramente pura e non è mai semplice.
slump
Inviato: 24/7/2006 0:34  Aggiornato: 24/7/2006 0:34
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/6/2006
Da:
Inviati: 199
 Re: Il circolo vizioso
@ WEBMASTER

Vedi il grafico sull'home page del CRU: http://www.cru.uea.ac.uk/cru/

e quello nella paginadel GISS sul 2005: http://data.giss.nasa.gov/gistemp/2005/

Quello del CRU, se ci clicchi sopra, è più chiaro e mostra più chiaramente il parallelo quasi esatto (diverso mi pare soloper 0.1 gradi) tra il 1910/1940 e gli ultimi decenni.

Il GISS è la patria del "serrismo": il suo direttore, Jim Hansen è praticamente l'inventore della teoria dell'effetto serra.

Anche il CRU è perfettamente allineato.

Nella pagina del GISS puoi vedere altri grafici, sul 2005 e sui 50 anni precedenti, grafici in cui si nota che il riscaldamento, alla faccia della sua globalità, è una faccenda in primis dell'emisfero Nord e soprattutto delle zone più vicine al Polo Nord.

"In powerful rain, they laid down their heads to die"
(My Dying Bride)
slump
Inviato: 24/7/2006 1:08  Aggiornato: 24/7/2006 1:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/6/2006
Da:
Inviati: 199
 Re: Il circolo vizioso
@ MAX_PIANO

Citazione:
Sono sicuro che se ci impegnassimo troveremmo dei bei grafici che mostrerebbero come l'aumento medio - attenzione : medio - delle temperature sia correlato a quella dell'anidirde carbonica.


Prova a correlare questo (livelli di emissoni di co2):



con questo (andamento delle temperature):



e spiega come il lieve incremento di co2 tra il 1900 e il 1940 ca. abbia prodotto il trend di crescita delle temperature simile a quello attuale e che va dal 1910 al 1940. Poi spiegacome il rapidissimo incremento delle emissioni dal 1945 al 1980 abbia prodotto una stasi o, meglio, una lieve regressione delle temperature nello stesso periodo e poi come un trend di incremento di co2 dello stesso valore abbia prodotto l'aumento delle temperature degli ultimi 25 anni ca, sovrapponibile quasi a quello tra il 1910 e il 1940.

"In powerful rain, they laid down their heads to die"
(My Dying Bride)
Linucs
Inviato: 24/7/2006 1:11  Aggiornato: 24/7/2006 1:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: Il circolo vizioso
e spiega come il lieve incremento di co2 tra il 1900 e il 1940 ca. abbia prodotto il trend di crescita delle temperature simile a quello attuale e che va dal 1910 al 1940.

Cattivissimo...


slump
Inviato: 24/7/2006 1:14  Aggiornato: 24/7/2006 1:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/6/2006
Da:
Inviati: 199
 Re: Il circolo vizioso
@Linucs

Citazione:
Oh raga pensate che c'è un posto chiamato Greenland che secondo gli scienziati tornerà ad essere tutto verde no ma veramente!


Non sarebbe una novità... I vichighi coltivavano la Groenlandia ca. mille anni fa, durante il cosiddetto "Medieval Warm Period", e sono loro che l'hanno battezzata "verde". Poi per loro sfortuna è diventata più fredda e inospitale...

"In powerful rain, they laid down their heads to die"
(My Dying Bride)
Ashoka
Inviato: 24/7/2006 1:19  Aggiornato: 24/7/2006 1:19
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: Il circolo vizioso
Se poi viene fuori che son correlate magari proviamo anche ad eseguire il test di Granger sulla causalità...

Se volete si può dimostrare, dati alla mano, statisticamente, che le emissioni di Co2 dipendono dalla temperatura media della Terra...

(ovviamente si commettono degli errori grossolani nel farlo in quanto la statistica non dimostra mai nulla...)

però può essere divertente...

... come in quel forum in cui si affermava che poiché 55 bambini (pace all'anima loro) erano stati picchiati a morte da genitori adottivi (non genetici quindi) allora era dimostrato che l'amore per i figli è in realtà un meccanismo per preservare il proprio dna.

La statistica non dimostra ma è di ausilio all'interpretazione dei dati.

By the way una regressione su dati di 25 anni non si può fare comunque... troppo pochi i dati.

Ashoka

P.S. e se mettessimo sotto accusa un altro gas serra non tassabile, come il vapor d'acqua?

Max_Piano
Inviato: 24/7/2006 1:23  Aggiornato: 24/7/2006 1:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: Il circolo vizioso
Slump:
Citazione:
Poi spiegacome il rapidissimo incremento delle emissioni dal 1945 al 1980 abbia prodotto una stasi o, meglio, una lieve regressione delle temperature nello stesso periodo e poi come un trend di incremento di co2 dello stesso valore abbia prodotto l'aumento delle temperature degli ultimi 25 anni ca, sovrapponibile quasi a quello tra il 1910 e il 1940.


Rischierei di apparire ancora più ignorante - di quanto già non sia in metereologia - se anche solo pensassi di trovare relazioni semplici o lineari tra i dati: questo mi porta a non stupirmi molto che la temperatura sia aumentata in modo non lineare rispetto alla quantità di CO2. Cosa di cui ci rallegriamo entrambi.
Ad ogni modo i punti di stallo potrebbero essere dovuti a cause naturali che modulano un fenomeno in se complessissimo (assorbimento CO2 da oceani, aumento copertura boschiva, modifica correnti, ecc...): quello che appare però ovvio è un aumento NON LINEARE ma a senso unico della temperatura (mezzo grado dal 1910 al 1980 e altro mezzo dal 1980 ad oggi). Anche questo fatto fa riflettere: non stiamo parlando di aumenti avvenuti in 1000 o 10000 anni ma in 20!

------------------------------------------------------------------

Ashoka
Citazione:
P.S. e se mettessimo sotto accusa un altro gas serra non tassabile, come il vapor d'acqua?


Ma il vapor d'acqua è gas serra : il dramma è che viene prodotto dalla stessa temperatura che fa aumentare.
Quando si dice "circolo vizioso"...

Ashoka
Inviato: 24/7/2006 1:33  Aggiornato: 24/7/2006 1:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
Ma il vapor d'acqua è gas serra : il dramma è che viene prodotto dalla stessa temperatura che fa aumentare.
Quando si dice "circolo vizioso"...


...e si condensa quando passano gli aerei...

Ashoka

Max_Piano
Inviato: 24/7/2006 1:41  Aggiornato: 24/7/2006 1:41
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
Non sarebbe una novità... I vichighi coltivavano la Groenlandia ca. mille anni fa, durante il cosiddetto "Medieval Warm Period", e sono loro che l'hanno battezzata "verde". Poi per loro sfortuna è diventata più fredda e inospitale...


bene! e quelli che stanno a sud allevano i cammelli !

vorrei che non ci si dimenticasse che ci sono 60-80 metri di acqua (metro +, metro -) pronti a sommergerci se si sciogliessero i poli.
In questa società dove anche una scoreggia scatena crisi economiche globali, chissà cosa scatenerebbe l'annullamento di un terzo delle megalopoli del pianeta...

Ad ogni modo : cercare di inquinare meno non farebbe certo male all'ambiente!

frankad
Inviato: 24/7/2006 10:10  Aggiornato: 24/7/2006 10:11
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Esteri 24 lug 05:18

Corea: migliaia perdono la casa per alluvioni

SEOUL - Sono sessantamila le persone rimaste senza casa nella Corea del Nord per le alluvioni degli ultimi giorni. Ci sono anche danni all'agricoltura nel Sud, con la perdita di cento mila tonnellate di alimenti. La stima e' contenuta in un rapporto del Programma Alimentare Mondiale dell'Onu. (Agr)

Esteri 24 lug 04:23

Usa: sette vittime per l'emergenza caldo

WASHINGTON - L'ondata di caldo che ha colpito gli Stati Uniti, ha portato alla morte di almeno quattro persone nel Missouri e di almeno tre in California. In diverse zone dell'America ci sono blackout dovuti all'eccessivo consumo di elettricita' per le alte temperature. A St. Louis mezzo milione di cittadini sono senza corrente elettrica da oltre cento ore, 200 mila abitanti di New York hanno lo stesso problema da una settimana. E stanno vivendo pesanti disagi per il caldo anche in Claifornia, a Los Angeles e a San Diego. (Agr)

Esteri 24 lug 01:26 Nuova Zelanda : sisma al largo di Tonga

WELLINGTON (Nuova Zelanda) - C'e' stato un terremoto di 5,8 gradi sulla scala Richeter vicino all'isola di Tonga, nel'oceano pacifio. L'epicentro e' stato a 520 chilometri a nord ovest della capitale. Non ci sono allarmi tsunami. (Agr)

Cronache 23 lug 22:03 Sestri Levante: morto escursionista 32enne

GENOVA - Potrebbe essere stato il caldo torrido a causare un malore al giovane escursionista genovese morto in serata lungo un sentiero tra Sestri Levante e Riva Trigoso. Secondo quanto raccontato dai compagni di escursione, l'uomo, 32 anni, si e' accasciato al suolo mentre camminava. Immediati i soccorsi ma il giovane e' morto durante il trasporto in ospedale a Genova. (Agr)

Esteri 23 lug 21:37 Stati Uniti: 4 morti a St Louis per il caldo

WASHINGTON - Il caldo torrido miete vittime negli Stati Uniti. A St Louis nel Missouri dove ormai da circa 3 giorni manca l'elettricita' sono morte 4 persone nelle ultime 24 ore. E non va meglio a New York: qui alcune zone della citta' sono al buio da una settimana. I black out sono provocati da alti consumi di energia legati all'uso eccessivo dei condizionatori per combattere proprio il caldo. Agr)

Cronache 23 lug 21:12 Verona: salvi i sei speleologi bloccati da piena fiume

ERBEZZO (Verona) - Sono tutti salvi i sei speleologi bloccati da una piena sotterranea nell'abisso dei Modi, a Erbezzo, in provincia di Verona. Lo ha reso noto l'ufficio stampa del Soccorso Alpino del Veneto. Gli speleologi erano stati sorpresi da un'autentica cascata d'acqua causata dai forti temporali. (Agr)

Cronache 23 lug 19:12 Caldo: un morto in Spagna

MADRID - Un morto per il caldo in Spagna. E' un muratore 54enne che ieri stava lavorando in un cantiere a Vege del Toro, nell'isola di Minorca. A causa dell'afa in Spagna finora sono morte sette persone. (Agr)

Cronache 23 lug 17:44 Brescia: donna uccisa da un fulmine

BRENO (Brescia) - Una donna e' morta dopo essere stata colpita da un fulmine oggi pomeriggio sul passo Crocedomini, a Breno, in Valcamonica. In una zona vicina, sempre nel bresciano, lo stesso temporale ha ferito quattro persone, ricoverate sotto choc. (Agr)

Esteri 23 lug 11:44 Indonesia: nuova scossa di terremoto di 6,6 gradi Richter

GIACARTA (Indonesia) - Una scossa di terremoto di 6,6 gradi della scala Richter ha colpito oggi l'isola indonesiana di Sulawesi. Solo cinque giorni fa l'isola di Giava ha subito da un devastante tsunami che ha causato piu' di 600 morti. Lo ha detto un funzionario del governo. (Agr)

Esteri 23 lug 09:16 Cina: terremoto, almeno 22 morti

PECHINO (Cina) - Il terremoto che ieri ha colpito la regione di Yanjin, nel sud-ovest della Cina, ha causato la morte di almeno 22 persone. Il nuovo bilancio e' stato dato dall'agenzia Xinhua, che ha aggiunto che i feriti sarebbero 106. I soccorritori fanno pero' sapere che e' difficile censire il numero delle vittime, visto che si tratta di una zona montagnosa. (Agr)

-------------------

Caldo, fiumi e laghi a secco: danni per 100 mln di euro

La Coldiretti lancia l'allarme: le coltivazioni sono compromesse e la situazione peggiorerà se nei prossimi 10-15 giorni non dovesse piovere

Roma, 23 lug. - (Adnkronos/Ign) - L'ultima ondata di caldo è tra le peggiori degli ultimi trent'anni ed ha già causato danni all'agricoltura per un valore di 100 milioni di euro. E' quanto emerge dall'ultimo monitoraggio di Coldiretti che lancia l'allarme soprattutto per le regioni del Nord Ovest e per il Friuli Venezia Giulia. In quest'area i principali laghi e i grandi fiumi, a partire dal Ticino e dal Po, hanno raggiunto livelli da minimo storico e nelle campagne si spera nella pioggia per assicurare acqua alle coltivazioni di granoturco, riso e soia colpite dalla siccita' e ai foraggi necessari per l'alimentazione del bestiame.

Se il Ticino a Pavia, all'altezza del Ponte Coperto, e' sceso a 4 metri e 71 centimetri sotto lo zero idrometrico e il Po ha registrato a Pontelagoscuro nel ferrarese, il suo minimo storico con un meno 7,29 metri, nelle campagne della pianura padana cresce l'attesa delle annunciate piogge che per essere efficaci e ristabilire le riserve idriche devono cadere, precisa la Coldiretti, in modo costante e durare nel tempo affinché l'acqua possa infiltrarsi nel terreni.

In Lombardia la situazione e' particolarmente critica nel milanese e nel lodigiano dove, con una diffusione a macchia di leopardo, si e' verificato un danno che, in media, raggiunge il 40 per cento della produzione lorda vendibile di cerali, riso e foraggi, per un valore di quasi 28 milioni di euro di colture. Situazione preoccupante anche in Emilia Romagna dove i danni hanno colpito con percentuali variabili dal 20 al 40 per cento le colture nei diversi territori e si segnalano forti aumenti nei costi del gasolio per attivare i sistemi di irrigazione.

Grave il bilancio nelle campagne friulane dove, sottolinea la Coldiretti, nelle aree non irrigate le coltivazioni sono compromesse quasi irreparabilmente e la situazione sembra destinata a peggiorare se nei prossimi 10-15 giorni non dovesse piovere. In Friuli non c'e' coltura che non sia colpita: il mais denuncia una perdita del 41 per cento, la soia del 26, i pascoli del 20, la patata del 34 e la vite del 12, secondo il monitoraggio effettuato dai tecnici della Coldiretti che hanno anche verificato, per l'eccessivo calore, stress degli animali negli allevamenti con una conseguente perdita di produzioni sia per il latte sia per le carni.

----------------------

Anche i fulmini oggi hanno ucciso: una donna è morta dopo essere stata colpita da un fulmine abbattutosi nel pomeriggio nella zona del passo Crocedomini, in territorio del comune di Breno, in Valcamonica. E in una zona vicina del bresciano, quella del Gaver, quattro persone hanno subito un forte choc e sono state soccorse dal 118 per un altro fulmine caduto poco lontano da loro. Un turista inglese, di 50 anni, poi, è stato ucciso da un fulmine che si è abbattuto sulla piscina di un agriturismo vicino Siena. Per l' uomo, morto all' istante, è stato fatale avere i piedi in acqua. Nella zona non stava piovendo e la pioggia non è caduta neppure dopo il fulmine. La scarica elettrica ha anche ferito un' amica quarantunenne della vittima, che si trovava a bordo piscina. La donna, che è stata trasportata con l' eliambulanza all' ospedale di Siena, è in prognosi riservata, ma non in pericolo di vita. Un'altra persona é morta colpita da un fulmine sul Monte Baldo, nel veronese, nel corso di un improvviso temporale. Ricoverata all'ospedale di Malcesine (Verona), la moglie, che non è in pericolo di vita.

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
frankad
Inviato: 24/7/2006 12:16  Aggiornato: 24/7/2006 12:16
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
19-07-06 16:13 .:. Sud Inghilterra, è il giorno di luglio più caldo del secolo

Topcliffe Raf 38.6 °C
Staverton 37.5 °C
Chenies 36.5 °C
Aberhosan 36.1 °C
Capel Dewi 36.1 °C
Coventry 35.9 °C
Bracknell 35.8 °C
Alconbury Raf 35.7 °C
Thorney Island 35.7 °C
Wyton Raf 35.7 °C
Honington 35.3 °C
High Wycombe 35.2 °C
Lakenheath Raf 35.2 °C
Mildenhall Raf 35.2 °C
Charing 35.1 °C
Jubilee Corner 35.1 °C
Cambridge 35 °C
Farnborough 35 °C
Farnborough 35 °C
London 35 °C
London City 35 °C
London Gatwick 35 °C
Northolt 35 °C
Northwood 35 °C
Church Lawford 34.9 °C
Cardington 34.7 °C
Odiham 34.7 °C
Crosby 34.6 °C
Newhaven 34.6 °C
Brede 34.5 °C
Bedford 34.4 °C
London Weather Center 34.4 °C
Hawarden 34.1 °C
Benson 34 °C
Boscombe Down 34 °C
Brize Norton 34 °C
Cranfield 34 °C
Fairford Raf 34 °C
Larkhill 34 °C
Little Rissington 34 °C
Middle Wallop 34 °C
Stansted 34 °C
Upper Heyford Raf 34 °C
Yeovilton 34 °C
Pershore 33.9 °C
Bristol 33.8 °C
Filton 33.8 °C
Aughton 33.6 °C
Kemble Raf 33.5 °C
Gravesend 33.1 °C
Aberdaron 33 °C
Barbourne 33.0 °C
Birmingham 33 °C
Coleshill 33 °C
Liverpool 33 °C
Luton 33 °C
Lyneham 33 °C
Mynydd Rhiw 33 °C
Shawbury 33 °C
Snowdon Summit 33 °C
Valley 33 °C
Walney Island 33.0 °C
Amlwch 32.7 °C
Capel Curig 32.7 °C
Cilfynydd 32.7 °C
Nantmor 32.7 °C
Rhyl 32.6 °C
Andrewsfield 32.5 °C
Dunkeswell 32.4 °C
Liscombe 32.2 °C
Aspatria 32.0 °C
Biggin Hill 32 °C
Blackpool 32 °C
Bournemouth 32 °C
Bristol Airport 32 °C
Cardiff 32.0 °C
Cottesmore 32 °C
East Midlands 32 °C

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
frankad
Inviato: 24/7/2006 12:20  Aggiornato: 24/7/2006 12:28
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
ARCHIVIO 2006

Alluvione in Venezuela, pioggia record a Caracas

Ha piovuto come mai in un singolo giorno, battuto il record del 1951. Strade allagate, frane e smottamenti fanno tre morti nella capitale. Chiuse scuole e aeroporto, evacuati in migliaia.

[....]Le precipitazioni hanno causato lo straripamento di fiumi, mentre frane e smottamenti nella capitale Caracas hanno fatto almeno 3 vittime tra la popolazione. Un'altra vittima nello stato di Aragua ha portato a 4 il totale. I senzatetto sono 500, e le autorità hanno evacuato più di 4 mila e trecento persone.[....]

[....]Le grandi piogge di ieri hanno causato così tanti danni perché hanno colto impreparata la popolazione; gennaio è in effetti considerato un mese relativamente secco. A Caracas in ventiquattro ore sono caduti 84 millimetri di pioggia, superando il precedente record di 73 millimetri in un singolo giorno, risalente al 1951. Per capire l'entità dell'evento, basti pensare che a gennaio la media è di 10 millimetri al mese. Nel 1999 pesanti precipitazioni avevano causato decine di migliaia di morti nella zona caraibica del Venezuela, uno dei peggiori disastri naturali del Sudamerica.[....]

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
frankad
Inviato: 24/7/2006 12:23  Aggiornato: 24/7/2006 12:27
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
L'Europa fiaccata dal grande caldo

Un fiorire di temperature elevate non solo nei paesi del sud del continente. Venerdì Berlino ha registrato 23,6°C di minima, ma considerata la quota è andata peggio sulla Foresta Nera: minima 19°C a Feldberg, 1500 metri. Ancora piogge intense in Giappone nei giorni scorsi. Una "tropical wave" ha portato piogge torrenziali nel sudest del Messico: a Veracruz, 305 mm in 72 ore.

[....]Giovedì 20 luglio, il "nocciolo" di una massa d'aria insolitamente calda si era stabilito tra il centro e il nord della Germania, portandovi temperature massime diffusamente intorno a 36°-37°C. Esemplificano al meglio la situazione abbastanza eccezionale della regione germanica le massime dell'area urbana di Berlino e del resto della Germania orientale: Tegel 35,9°C, Mitte 36,6°C, Alexanderplatz 36,8°C. Amburgo 36,9°C, Magdeburgo 37,3°C, Lipsia 36,8°C. Si tratta di valori tra 11° e 14°C superiori a quelli medi del periodo. Massime spesso vicine ai 35°C anche in Polonia occidentale e Repubblica Ceca: Praga 34,5°C, Wroclaw 34,9°C.

Caldo molto intenso in gran parte dell'Europa centrale e occidentale anche venerdì 21 luglio, con massime diffusamente superiori ai 31°C (ma spesso anche ai 34°-35°C) nell'Inghilterra sudorientale, in Francia, in Germania, in Polonia, nei paesi alpini, nella Mitteleuropa in genere, oltre che nelle nazioni affacciate sul Mediterraneo, Italia compresa. Bordeaux, nella Francia occidentale, ha raggiunto i 37,5°C, superando per il 9° giorno consecutivo i 32°C, mentre la media delle massime di luglio è sui 25°C. Altre massime in Francia venerdì: Tolosa 38,3°C, Mont-de-Marsan 37,2°C, Mulhouse 36,1°C, Parigi 35,7°C. In Germania, gli estremi termici di Berlin Mitte sono stati 23,4°/33,6°C venerdì (spicca soprattutto il valore minimo), da rimarcare nel paese le minime in montagna: 17,7°C a Grosser Arber (1446 m), 19,0°C a Feldberg/Schwarzwald (1493 m), 16,4°C a Wendelstein (1835 m). In Polonia, queste alcune massime di venerdì: Torun 35,0°C, Poznan 34,9°C, Katowice 34,3°C, Varsavia 33,9°C, Wroclaw 33,8°C. Gran caldo anche nelle Repubbliche Ceca e Slovacca: Ostrava 35,1°C, Praga 33,0°C, Bratislava 35,5°C.

Nella provincia malaysiana del Sabah, nel nord dell'isola del Borneo, temporali intensi hanno lasciato un totale di 251 mm in 60 ore, tra mercoledì mattina e venerdì sera, ora locale, a Sandankan.

Piogge torrenziali causate da una depressione e in particolare dal transito di un intenso fronte freddo hanno colpito Hachijojima, in Giappone, tra mercoledì e la prima metà di venerdì. In 42 ore, sono caduti 373 mm su quest'isola situata 180 miglia a sud di Tokyo, più del doppio della media mensile di luglio, che è di soli 183 mm. Fra giovedì e venerdì scorsi, sempre in Giappone, 152 mm in 24 ore a Myiazaki, 102 mm a Nagasaki.

I resti della "tropical storm" Beryl hanno investito le province marittime atlantiche canadesi tra venerdì e la notte su sabato. La tempesta si è spostata velocemente, per cui gli accumuli di pioggia non sono stati esagerati, ma compresi quasi ovunque tra 25 e 55 mm nel sud del New Brunswick, in Nuova Scozia e su Prince Edward Island. Notevole anche il vento che ha accompagnato il transito della tempesta, con raffiche fino a 35-40 miglia orarie sulle coste della Nuova Scozia.

Una "tropical wave" sul Golfo del Messico meridionale, ha prodotto intensi rovesci temporaleschi, con locali nubifragi, in parte del Messico sudorientale nella seconda metà della settimana. A Veracruz, per esempio, 229 mm sono caduti tra martedì sera e venerdì mattina, con un parziale di 170 mm in 24 ore, tra giovedì mattina e venerdì mattina. Ulteriori 76 mm sono caduti nelle successive dodici ore, tra venerdì mattina e venerdì sera, portando il totale a 305 mm in 72 ore [....]

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
fiammifero
Inviato: 24/7/2006 13:09  Aggiornato: 24/7/2006 13:09
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/2/2005
Da: ROMA
Inviati: 5691
 Re: Il circolo vizioso
Grazie Frankad per i dati riportati,che mi hanno portato ad alcune riflessioni.

1) alluvioni e disastri dovuti alla natura ci sono sempre stati nella storia dell'umanità,prima non si avevano le cognizioni e le esperienze e la tecnologia di cui disponiamo,quindi mi chiedo se queste morti siano coscientemente volute così come i danni.
2) facendo una mia piccola ricerca,ho notato che le distruzioni maggiori e le vittime più numerose si verificano in prossimità di fiumi,laghi,e coste dove maggiore è la concentrazione della popolazione e le cui abitazioni sono costruite a distanza ravvicinata,per non parlare di come sono costruite e con che materiali.
(bidonville,mattoni di argilla,capanne e casupole)
3) in periodi di siccità non vengono effettuate ripulitura di reti fognarie,tombini,manutenzione delle strade,pulitura dei fiumi e dei laghi,rimboschimento,alzamento di argini e tutte quelle opere necessarie per prevenire.
4) I satelli artificiali che monitorano il clima,a chi trasmettono i dati?
5) perchè alcune popolazioni vengono preavvertite ed altre no?
Il tutto a prescindere dal cambiamento climatico che esiste per le più svariate ragioni.

Citazione:
le cose di cui ci sentiamo assolutamente certi non sono mai vere (Oscar Wilde)
Polidoro
Inviato: 24/7/2006 15:08  Aggiornato: 24/7/2006 15:08
Mi sento vacillare
Iscritto: 9/4/2005
Da:
Inviati: 488
 Re: Il circolo vizioso
Ci siamo dimenticati dei fulmini, sia dell'anno passato che di quello in corso, in numero molto superiore alla norma.

vorrà dire qualcosa

forse la carica elettrica in aria è superiore alla media ?

che, sempre forse, è quello che si vuole ottenere disperdendo nell'atmosfera i materiali noti (e ignoti) ?

"Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuovi orizzonti ma nell'avere nuovi occhi." Marcel Proust
oli33
Inviato: 24/7/2006 15:12  Aggiornato: 24/7/2006 15:12
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/5/2006
Da: La terra dei mandrogni
Inviati: 113
 Re: Il circolo vizioso
Pensa che durante le nevicate di quest'inverno (io sto in Piemonte) lampava di brutto. Non so voi, io non ho mai visto i fulmini (corredati da relativi tuoni) durante una nevicata, ma probailmente nel cretacico era un evento comune per cui perchè preoccuparsi ?

".. e per tutti il dolore degli altri è dolore a metà "
frankad
Inviato: 24/7/2006 16:00  Aggiornato: 24/7/2006 16:00
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
I fenomeni atmosferici estremi sono in aumento e grandina più che in passato.

Da Meteo Giornale.it




La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
frankad
Inviato: 24/7/2006 18:56  Aggiornato: 24/7/2006 19:05
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Oggi, dalla finestra di casa mia.


La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
husky
Inviato: 24/7/2006 19:06  Aggiornato: 24/7/2006 19:06
So tutto
Iscritto: 2/6/2006
Da:
Inviati: 2
 Re: Il circolo vizioso
ciao a tutti...
ho una domanda e premetto che non sono riuscito a leggere tutto il thread e spero di non ripetere nessuno. Dunque quando ragiono sul global warming penso:
il sole invia una certa potenza e quando questa arriva all'atmosfera terrestre viene trattata secondo la sua frequenza...alcune componenti passano altre no a causa di diversi strati di gas che selezionano in frequenza appunto la potenza da lasciar passare(vedi ozono che riflette i raggi ultravioletti). Di fatto parte della potenza viene riflessa prima di entrare nella nostra atmosfera e parte viene riflessa dalla superfice terrestre e ritorna verso lo spazio. ora sappiamo che l'effetto serra è causato dall'ispessimento di alcuni strati di gas che lasciano passare la potenza entrante ma non la lasciano uscire riflettendola di nuovo verso la sup.terr.

la domanda è: ma se la potenza rimane intrappolata tra sup.terr. e gas serra che fine può fare se non quella di aumentare la temperatura globale?

Paxtibi
Inviato: 24/7/2006 19:44  Aggiornato: 24/7/2006 19:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Il circolo vizioso
spero di non ripetere nessuno

Più che altro sei rimasto un po' indietro... leggere tutto, su!



Aggiungo alcuni tasselli a proposito di riscaldamento degli oceani e di scioglimento dei ghiacci polari, si tratta di un fattore che non viene mai considerato:



Researchers Find Hydrothermal Vent Fields In Far North


"I've seen a lot of hydrothermal systems all over the world'soceans," said Adam Schultz, a geophysicist from OSU's College ofOceanic and Atmospheric Sciences, "and these Arctic fields arespectacular."
...

"We found two large high-temperature fields and as we explored them,we would come upon a large mound of chimneys with superheated waterjetting out of them," Schultz said. "Then in the distance, we'd seeanother mound and then beyond that, another one, and so on."
Temperatures in one field reached as high as 260 degrees C, and thescientists believe they may have approached 300 degrees C in the secondfield, although they were unable to measure them.

______________________



Scientists Discover Undersea Volcano Off Antarctica


Highly sensitive temperature probes moving continuously across the bottom of the volcano revealed signs of geothermal heating of seawater. The heating was noticed especially near the edges of the feature where the freshest rock was observed.
These observations, along with historical reports from mariners of discolored water in the vicinity of the submerged peak, indicate that the volcano has been active recently.

______________________


The Fiery Face of the Arctic Deep

Current theories of oceanic crustal production predict that volcanic activity deminishes as the spreading rate of the tectonic plates decreases and only little or no hydrothermal activity. Instead, the scientists found high levels of volcanic activity. "We expected the volcanic activity to gradually decrease from West to East as the magmatic systems shut down. Instead, approximately in the middle of the survey area, the magmatism shut down completely, then dramatically increased," says Dr. Jonathan Snow, the leader of the research group from the Max Planck Institute. This group was responsible for the petrological and geochemical investigations.

Hydrothermal hot springs on the seafloor were also far more abundant than predicted. "We expected this to be a hydrothermally dead ridge, and almost every time our water measurement instrument came up, they showed evidence of hydrothermal activity, and once we even 'saw' an active hot spring on the sea floor," noted Jonathan Snow. The biologists on the expedition theorize that Arctic hydrothermal vent communities have been cut off from the rest of the worlds oceans for long periods of time, and may have conserved archaic forms.

Blizzard
Inviato: 24/7/2006 19:49  Aggiornato: 24/7/2006 19:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/7/2006
Da:
Inviati: 106
 Re: Il circolo vizioso
@ FRANKAD:
Te l'avevo detto che le mammatus non sono poi così rare

@ HUSKY:
Ti sei risposto da solo: l'effetto serra è quello che hai descritto tu, infatti il problema non è l'effetto in serra in sè (che anzi è un bene), ma l'aumento della concentrazione di gas serra che "dovrebbe" portare a un aumento dell'effetto serra e quindi a un aumento della temperatura. Il condizionale, dal mio punto di vista, è d'obbligo.

frankad
Inviato: 24/7/2006 19:54  Aggiornato: 24/7/2006 19:55
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Te l'avevo detto che le mammatus non sono poi così rare

In qualche modo ne dovevi uscire, ehehehhe

bye

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
frankad
Inviato: 24/7/2006 20:39  Aggiornato: 24/7/2006 20:39
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Cronache 24 lug 17:19

Perugia: escursionista uccisa da fulmine sul monte Vettore

PERUGIA - Un fulmine ha ucciso una giovane che si trovava con altre due persone su un crinale del Monte Vettore, in provincia di Perugia. Nella zona era in corso un violento temporale. (Agr)

Esteri 24 lug 16:19

Cina: sale a 612 bilancio vittime tempesta Bilis

PECHINO (Cina) - Il bilancio delle vittime della tempesta tropicale Bilis, che ha colpito la Cina, e' salito a 612. Lo ha reso noto l'agenzia ufficiale Xinhua. Bilis ha investito la costa sud orientale della Cina il 14 luglio, causando inondazioni, frane e smottamenti. Gli sfollati sono almeno tre milioni. (Agr)

Cronache 24 lug 20:01

Incendi: 52 roghi oggi, Calabria la piu' colpita

ROMA - Cinquantadue incendi e 1.102 chiamate al numero antincendi. E' il bilancio di oggi del Corpo forestale sulla situazione degli incendi. E' sempre il sud il piu' colpito dai roghi: 19 sono divampati in Calabria, 8 in Basilicata, 6 in Abruzzo, 4 in Campania e Liguria. (Agr)

Cronache

24 lug 15:37

Caldo: nel week end oltre 1000 chiamate al numero "1500"

ROMA - Il numero verde "1500", istituito dal Ministero della Salute per fare fronte alle difficolta' causate dal gran caldo di questi giorni, ha fatto registrare un picco di chiamate rispetto ai giorni precedenti. Le temperature di sabato e domenica, molto vicine ai 40', hanno prodotto un incremento delle chiamate del 400%. Nel week end infatti sono state ricevute oltre 1000 chiamate. Le domande riguardavano sopratutto: consigli generali per affrontare il caldo 26,7; assistenza sociosanitaria sul territorio 13,4%; effetti del caldo sulla salute 12,2%; consigli per i viaggi 0,2%. (Agr)

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
elisav
Inviato: 24/7/2006 21:30  Aggiornato: 24/7/2006 21:30
So tutto
Iscritto: 28/6/2006
Da:
Inviati: 10
 Re: Il circolo vizioso
Super scommessa!
New Orleans è stato solo l'antipasto! Vedremmo "delle belle" quest'anno. Il fatto è che qualcuno lo sa già ( e lo so anch'io ... solo che io non ho soldi da investire ...)

elis

Paxtibi
Inviato: 25/7/2006 2:16  Aggiornato: 25/7/2006 2:21
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Il circolo vizioso
Polidoro ricordava i test atomici, altro fattore sempre assente nelle teorizzazioni dei sostenitori di Kyoto.
Non si diceva che il trend in aumento riguarda soprattutto l'emisfero nord?
Vi dice niente il nome Novaya Zemlya?



Novaya Zemlya - Northern Test Site

Novaya Zemlya was the site of extensive Soviet atmospheric and underground testing, including the largest thermonuclear device ever tested, a 58 megaton air-dropped bomb detonated October 23, 1961. Of the 42 underground explosions at Novaya Zemlya, 25 were accompanied by release of radioactive inert gases. There were three underwater explosions, each less than 20 kiloton, but most of the radionuclides remained in the water and sediments. A total of 17 reactors were dumped in the Barents Sea, to the west of Novaya Zemlya, including seven containing spent nuclear fuel.

Sub-critical hydrodynamic experiments with separate elements of nuclear ordnance are currently conducted at the Novaya Zemlya testing range. At least four or six such studies are conducted on Novaya Zemlya. These tests allow evaluation of criteria under which it is possible to store, transport and use nuclear ordnance safely.

______________________

Russian nuclear weapons and testing

The Soviet Union performed 715 nuclear weapons tests, 132 of which took place on the test ranges of Novaya Zemlya Island, 900 kilometres north-west of Norway’s Finnmark County and 280 kilometres east of the Russian mainland town of Amaderm. Testing on Novaya Zemlya ceased in 1990, but of the test performed there beginning in 1957, 86 were atmospheric, 43 were underground and three were underwater. Results from the fallout from the Novaya Zemlya tests remains an issue, especially in Finnmark. In 1990, prior to cessation of tests on Novaya Zemlya, Bellona activists traveled to surrounding waters to protest.
______________________


Quanti SUV ci vogliono, per uguagliare il calore di 58 megatoni?

Satirus
Inviato: 25/7/2006 18:58  Aggiornato: 25/7/2006 18:58
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/4/2006
Da: Luogocomune
Inviati: 511
 Re: Il circolo vizioso
AHI! AHI! FRANKAD ... TI STANNO CERCANDO


Da domenica questo è il sesto caso di morte per episodi del genere
Il ragazzo era sulla spiaggia dove, apparentemente, non c'erano nuvole
Fulmini-killer, ancora un morto
In una settimana 85mila scariche

<B>Fulmini-killer, ancora un morto<br>In una settimana 85mila scariche</B>
CAGLIARI - Sembra essere l'evento naturale che in questa estate miete più vittime: si tratta del fulmine, che anche oggi ha ucciso un giovane, Luca Marsala, sulla costa Sud-occidentale della Sardegna. Il ragazzo, di 25 anni, si trovava sulla spiaggia di Nora nel comune di Pula, quando poco dopo mezzogiorno, è stato colpito da una saetta a ciel sereno, rimanendo folgorato.

Dopo le quattro morti di domenica e quella di ieri, questo è il sesto caso in pochi giorni di fulminazione. Dal 17 al 24 si sono scaricati in tutto il territorio italiano 85.370 fulmini (Il dato è del Sirf, "Sistema italiano rilevamento fulmini"), con un picco nella giornata di ieri di 40.381 scariche.

Ma secondo gli esperti non esiste un "allarme fulmini" e il fenomeno trova una giustificazione scientifica. "In primo luogo - spiega Marina Bernardi, responsabile del Sirf - si deve capire che i casi di morte per fulminazione sono purtroppo frequenti: il fulmine è la seconda causa di decesso per avvenimenti naturali, dopo le alluvioni. Inoltre in estate le persone stanno all'aperto, soprattutto al mare ed in montagna, ossia i luoghi dove solitamente si scaricano le saette. E vista la situazione metereologica di quest'ultima settimana, caratterizzata da temporali localizzati, non c'è da stupirsi se si manifestano questi fenomeni".

Ma se l'eventuale caduta di un fulmine non deve destare stupore, quella di una scarica a ciel sereno è sicuramente più rara. "Infatti si deve compiere una distinzione - prosegue Marina Bernardi -. I fulmini a ciel sereno sono rarissimi e in Italia non sussistono le condizioni perché si verifichino. Possono però essere scambiati per i primi alcuni fenomeni provenienti da cumuli nuvolosi molto distanti dal luogo dove si scaricano". In pratica da una nuvola distante anche chilometri può partire un fulmine che procede in orizzontale fino alla terra, dove poi si scarica. E questo anche se in quel punto il cielo è sereno.

frankad
Inviato: 25/7/2006 19:28  Aggiornato: 25/7/2006 19:28
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Satirus....ti rispondo solo adesso..c'era una nube nera sopra la mia testa e sparava a destra ed a manca.

Ma la grotta resiste, quella dove ci siamo allenati trattenendo ospiti...

POco da scherzare, comunque. Alla faccia dei signori "tutto normale", i dati del paleocene dicono...le statistiche sono normali...

Non sanno guardare intorno a loro stessi.

frankad

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
clausneghe
Inviato: 25/7/2006 19:53  Aggiornato: 25/7/2006 19:53
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 17/4/2006
Da: nordcentro
Inviati: 1679
 Re: Il circolo vizioso
Frankad ciao,non è che hai indispettito Zeus per caso? Nelle ultime ore purtroppo 2 vittime dei fulmini in Sardegna....uno colto con i piedi a mollo,l'altro era in aperta campagna ...ma per i nostri esperti radiotelevisivi "impastoiati" è naturalmente tutto normale...dovuto al gran caldo dicono... per quanto riguarda i fulmini a ciel sereno,dicono di guardare meglio che di sicuro c'è qualche nuvoletta nera sospesa per aria,nei paraggi...

Blizzard
Inviato: 25/7/2006 22:48  Aggiornato: 25/7/2006 22:48
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/7/2006
Da:
Inviati: 106
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
Da domenica questo è il sesto caso di morte per episodi del genere
Il ragazzo era sulla spiaggia dove, apparentemente, non c'erano nuvole


E questo è l'ennesimo caso di sparata giornalistica.
Il ragazzo (cui la sorte ha giocato davvero un brutto scherzo) era sulla spiaggia, in una zona con un temporale in formazione; altro che "apparentemente" non c'erano nuvole.
Cosa vorrà dire "apparentemente", poi, lo sa solo il giornalista.

frankad
Inviato: 26/7/2006 0:39  Aggiornato: 26/7/2006 0:40
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
E questo è l'ennesimo caso di sparata giornalistica.


Forse, Blizzard, il problema non è precisamente questo, che riguarda il povero ragazzo, solo in questo thread sono riportati molti eventi, di svariata natura.

Che senso ha un'intervento per screditare un giornalista, in questo caso, ed ignorare una varietà di conseguenze di eventi meteorologici, solo una parte segnalata su questo thread, che hanno provocato centinaia di vittime nell'arco di brevissimo tempo?

frankad

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
slump
Inviato: 26/7/2006 1:28  Aggiornato: 26/7/2006 1:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/6/2006
Da:
Inviati: 199
 Re: Il circolo vizioso
@ Max_Piano & Ashoka

Come dice bene Ashoka una correlazione statististica NON si può fare, è per questo che l'effetto serra è solo una TEORIA. Riguardo all'aumento dell'ultimo secolo intanto va detto che mezzo grado va assegnato al periodo tra il 1910 ed il 1940 e un altro mezzo grado dal 1980 ad oggi: tra il '40 e l'80 vi una leggera diminuzione. Non è affatto lo stesso dire che vi è stato un aumento di mezzo grado al 1910 al 1980 poiché in questo modo si stravolge il trend temporale dell'incremento.

Leggo in molti messaggi che l'aumento di temperatura potrebbe essere addebitato ai test nucleari: questo non spiega gi aumenti prima del 1940, anzi vi sono serristi che sostengono che il non aumento tra il '40 e l'80 sia proprio dovuto ai test nucleari (assai fitti in quel periodo) che avrebbero scagliato polveri in atmosfera (tipo eruzioni insomma). D'alra parte ricorderete che durante la guerra fredda andava di moda la teoria dell'inverno nucleare eventualmente causato da scambi atomici tra le suppotenze (raffreddamento causato dall'opacità atmosferica dovuta a polveri insospensione).

Che poi le variazioni di temperature si siano verificate in 100 anni dipende in primis sicuramente da un fattore certo: dal fatto cioè che abbiamo le misurazioni (sulla loro effettiva attendibilità il dibattto è ben aperto...)! Di 1000 o 10000 anni fa abbiamo solo testimonianze, sia culturali umane che "naturali" come la crescita degli alberi, di certi coralli ecc. I cosiddetti "proxies". E l'interpretazione di queste "testimonianze", lungi dal trovare tutti d'accordo, non ha dato risultati coerenti. C'è comunque un certo accordo tra molti climatologi sul fatto che le temperature durante un paio di secoli a cavallo tra il primo ed il secondo millennio, quindi nel medioevo, fossero più elevate di adesso (almeno nell'emisfero nord): è quando i vichinghi colonizzarono la Groenlandia ("greenland", terra verde). Così come c'è un certo consenso sul fatto che tra il 1600 ed il 1850 ca. almeno in Europa sia accaduta una piccola era glaciale: secondo alcuni il riscaldamento seguente sarebbe un riequiibrio e la correlazione con l'avvento dei combustibili fossili solo una coincidenza.

Sul vapor d'acqua: è probabilmente il parametro che più turba i facitori di modelli climatici poichè un suo aumento da una parte farebbe aumentare l'effetto serra (e dunque si può parlare giustamente di circolo vizioso) ma dall'altra un aumento della nuvolosità diminuirebbe l'irraggiamento della superficie sino al punto di compensare l'aumento dell'effetto serra ed annullarlo. Dal punto di vista di chi progetta i modelli vuol dire che variazioni piccole e non calcolabili possono prtare a grosse differenze nei tempi studiati, cioè decine e decine d'anni.

"In powerful rain, they laid down their heads to die"
(My Dying Bride)
Paxtibi
Inviato: 26/7/2006 1:33  Aggiornato: 26/7/2006 1:33
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Il circolo vizioso
Leggo in molti messaggi che l'aumento di temperatura potrebbe essere addebitato ai test nucleari: questo non spiega gi aumenti prima del 1940, anzi vi sono serristi che sostengono che il non aumento tra il '40 e l'80 sia proprio dovuto ai test nucleari (assai fitti in quel periodo) che avrebbero scagliato polveri in atmosfera (tipo eruzioni insomma).

È vero, ho letto di questa teoria. Ma ho parlato di test nucleari soprattutto a proposito dello scioglimento dei ghiacci artici, visto che l'isola dei test sovietici si trova nel circolo polare.

Blizzard
Inviato: 26/7/2006 3:51  Aggiornato: 26/7/2006 3:51
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/7/2006
Da:
Inviati: 106
 Re: Il circolo vizioso
@ Frankad
Il senso ce l'ha eccome, visto che l'informazione non era corretta, e qualcuno era già pronto a costruirci sopra chissà quale teoria per un semplice e dannato fulmine; qualcuno come il giornalista stesso che si preocupa per un "allarme fulmini" e per i fantomatici fulmini a ciel sereno; salvo poi scoprire che c'è una spiegazione scientifica, ma guarda un pò che sorpresa...
Forse che prima i fulmini non uccidevano?
Per il resto non ignoro affatto; semplicemente non mi sorprendo, come alcuni qui, della violenza di certi fenomeni (come se fossero una novità assoluta) e delle conseguenze, spesso tragiche, che possono avere sulle popolazioni, in particolare quelle dei paesi più poveri o sovrapopolati o comunque meno pronti a difendersi.

@ Slump
Sono praticamente d'accordo con tutto quello che scrivi.
Solo sulla questione della correlazione tra CO2 e temperatura volevo dire due cose.
Dal confronto statistico tra l'andamento della concentrazione di CO2 in atmosfera e l'andamento della temperatura media globale nell'ultimo secolo, in realtà la correlazione esiste e pure molto alta. E le ricostruzioni di dati (fino a 600000 anni fa) ottenute dai carotaggi antartici hanno sostanzialmente confermato la correlazione tra andamento della T e della CO2.
Ora, la correlazione in sè non dimostra nulla, ma un coeff. di correlazione elevata (mi r iferisco qui ai dati dell'ultimo secolo) è comunque un indizio pesante su un possibile legame di causa e effetto. Resta naturalmente da dimostrare quale tra CO2 e T sia la causa e quale l'effetto.
E qui viene il bello.
Io, sul fatto che le emissioni antropiche di CO2 e altri gas serra non possano produrre effetti tangibili sulla temperatura globale, non ci metterei la mano sul fuoco.
Magari la fase di riscaldamento è naturale, e noi gli stiamo dando una spintarella.
Comunque come giustamente hai ricordato, quella serrista rimane una teoria; se valida, lo scopriremo, temo, solo a giochi ormai fatti.
Intanto ci "godiamo" il trend al riscaldamendo globale, sperando che la natura abbia un occhio di riguardo nei nostri confronti.

Blizzard
Inviato: 26/7/2006 4:02  Aggiornato: 26/7/2006 4:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/7/2006
Da:
Inviati: 106
 Re: Il circolo vizioso
Dimenticavo di dire che, sempre dalle stime dei carotaggi, l'attuale concentrazione di CO2 sarebbe la più alta da 600mila anni a questa parte.

Max_Piano
Inviato: 26/7/2006 9:29  Aggiornato: 26/7/2006 9:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: Il circolo vizioso
Cambiamenti di temperatura a senso unico e così veloci - stiamo parlando di decine di anni e non di decine di migliaia - non possono che essere dovuti a fenomeni "nuovi" rispetto a quanto è avvenuto prima.

Visto che la posta in gioco è piuttostro "alta" - possibile cancellazione di gran parte della popolazione terrestre nel giro di un secolo a causa di inondazioni, siccità, carestie, guerre per le risorse - sarebbe bene, almeno da un punto di vista etico, essere più prudenti prima di fare affermazioni del tipo: "è tutto naturale non c'è problema". Infatti se è vero che non c'è la certezza al 100% che la colpa sia dell'uomo, è anche vero che la certezza che il riscaldamento non abbia una origine antropica è molto meno della precedente.
La ragione è proprio data dal fatto che i cicli naturali non portano a variazioni così rapide; anche se fosse stato vero che "nel medioevo facesse più caldo di oggi e che i vichinghi coltivassero patate in groenlandia" - ampiamente da verificare - questo fatto non mi rassicura circa il futuro vista la fragilità del nostro sistema economico e di sussistenza.

Ricordiamoci anche che l'uomo può benissimo sopravvivere con temperature diverse - ma mezzo grado in più di "media" può siginificare anche 10 a livello locale: può siginificare la distruzione completa dell'agricoltura in aree geografiche che oggi sono adibite a sfamare centinaia di milioni di persone.

Non vedo neppure "moventi politici" dietro la presunta "cospirazione dell'effetto serra" visto che i governi di tutto il mondo stanno facendo di tutto per insabbiare quello che non è solo un problema ma molto probabilmente la fine stessa dell'umanità - almeno per come l'abbiamo conosciuta nell'ultimo secolo.

Non a caso l'amministrazione americana e ancora di più quella Bush - intimamente legata a lobby petrolifere - non ha fatto altro che depistare l'opinione pubblica commissionando o sponsorizzando alcuni ricercatori per cui l'effetto serra non avrebbe una causa antropica: lì sì che vedo "interessi"!

Viceversa non possiamo che concordare sul fatto che una riduzione delle emissioni di Co2 ridurrebbe l'effetto serra - oltre che migliorare l'aria che respiriamo - sia che la causa principale sia o meno antropica: naturalmente rimango tristemente convinto che nessun governo prenderà seriamente in considerazione misure di questo tipo (esempio: per come sono formulati e per quanto "blandi" siano, i protocolli di kyoto non possono essere rispettati dall'italia pena costi economici, produttivi e di competitività altissimi)

Paxtibi
Inviato: 26/7/2006 10:16  Aggiornato: 26/7/2006 10:17
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Il circolo vizioso
Non vedo neppure "moventi politici" dietro la presunta "cospirazione dell'effetto serra"

Mi pigli in giro? Mai sentito parlare di emissions trading e carbon tax?

International Emissions Trading (IET): The Kyoto Protocol establishes a mechanism whereby Annex I parties may trade their emission allowances (or "assigned amount units", AAUs) with other Annex I parties. The aim is to improve to overall flexibility and economic efficiency of making emissions cuts.
________________________

Carbon Tax Provides Fairest Incentive For Curbing Global Warming
William Schlesinger argues that without any national energy policy, the easist and most efficient way for the U.S. to address its role in global warming is a tax on carbon emissions
________________________


Moventi economici pesanti, ma anche politici, in quanto stabilire una tassa globale è il primo passo verso il governo mondiale.
Ma ovviamente, non essendo questi moventi legati agli interessi dei petrolieri capitalisti cattivi (ma ne siete sicuri? Sorprese in arrivo...) quanto a quelli degli stati buoni e compassionevoli il solito coro delle prefiche contro il mercato non si fa sentire, si sentono piuttosto gli alleluja per gli economisti alla Stiglitz e i sociologhi alla Rifkin.

frankad
Inviato: 26/7/2006 10:30  Aggiornato: 26/7/2006 10:40
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
Per il resto non ignoro affatto; semplicemente non mi sorprendo, come alcuni qui, della violenza di certi fenomeni (come se fossero una novità assoluta) e delle conseguenze, spesso tragiche, che possono avere sulle popolazioni, in particolare quelle dei paesi più poveri o sovrapopolati o comunque meno pronti a difendersi.


Blizzard:

circoscriviamo una situazione a noi prossima: trovami una situazione simile a questa, luoghi differenti e periodo di tempo compreso in meno di due settimane. Lascia stare il cielo terso e senza nuvole, iniziamo dalla casistica. Per darti una mano sottolineo che 6 sono morti in 4 giorni.
Senza fare il girotondo come sopra.


La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
franco8
Inviato: 26/7/2006 10:52  Aggiornato: 26/7/2006 10:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 6/12/2005
Da:
Inviati: 1561
 Re: Il circolo vizioso
Max_PianoCitazione:
Cambiamenti di temperatura a senso unico e così veloci - stiamo parlando di decine di anni e non di decine di migliaia - non possono che essere dovuti a fenomeni "nuovi" rispetto a quanto è avvenuto prima.
....
- sarebbe bene, almeno da un punto di vista etico, essere più prudenti prima di fare affermazioni del tipo: "è tutto naturale non c'è problema". Infatti se è vero che non c'è la certezza al 100% che la colpa sia dell'uomo, è anche vero che la certezza che il riscaldamento non abbia una origine antropica è molto meno della precedente...
....

Non solo... direi anche che è difficile sostenere che le attività umane (al livello attuale - che non ha precdenti nel passato) abbiano effetti trascurabili sul clima...
..E sono d'accordo sul resto...

Pax
Citazione:
stabilire una tassa globale è il primo passo verso il governo mondiale.

non entro nel merito, ma mi pare che detta così, mi pare un po' azzardata.
(comunqe sai come la penso a riguardo. Credo..)

...Riguardo all'effetto serra...
Posso essere d'accordo che l'effetto serra sia una "teoria" (inteso come spiegazione dell'aumento della temperatura terrestre ...
..quindi posso accettare le affermazioni di Ashoka riguardo alla "statistica che non dimostra"..)
Non vorrei, però che il "lettore disattento" (non certamente Ashoka e gli altri) dimenticasse che l'effetto serra, (inteso invece come fenomeno,) è più di un'ipotesi...
(...cioè se in un dato ambiente ho più gas Co2 o vapore acqueo, sappiamo bene cosa succede... non lo sappiamo solo "in teoria"....)

.... ....io non mi definisco affatto volentieri ateo, non più di quanto io sia a-MickeyMouse.
..
(detto, fatto)
Paxtibi
Inviato: 26/7/2006 11:11  Aggiornato: 26/7/2006 11:11
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Il circolo vizioso
stabilire una tassa globale è il primo passo verso il governo mondiale.

non entro nel merito, ma mi pare che detta così, mi pare un po' azzardata.


Ah sì? Allora dimmi un po': chi ha il potere di imporre tasse, se non un governo? Di conseguenza, chi ha il potere di imporre tasse globali, se non un governo globale?

comunqe sai come la penso a riguardo.

Vai, vai, metti la zampina nella tagliola...


frankad
Inviato: 26/7/2006 11:14  Aggiornato: 26/7/2006 11:16
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Situazioni estreme? Ma quando mai....facciamo che non mi discosto da casa mia:

Da meteogiornale.it

Giugno 2006, la sagra degli eccessi!

Mese estremo per la Sardegna, contraddistinto da episodi estremi e inusuali: si passa dalla neve eccezionale d'inizio mese sul Gennargentu al caldo record dell'ultima decade. Nel complesso le medie termiche mensili non si discostano granché dalla norma, ma tutto ciò all'insegna dell'estremizzazione climatica.



La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
Satirus
Inviato: 26/7/2006 11:26  Aggiornato: 26/7/2006 11:30
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/4/2006
Da: Luogocomune
Inviati: 511
 Re: Il circolo vizioso
Io ultimamente ho un pò di pudore nell'aprire nuovi thread, penso sarebbe utile, crearne uno apposito per raccogliere dati sulle fulminazioni.
In particolare bisognerebbe raccattare tutte le vecchie rilevazioni statistiche prima che vengano alterate per dimostrare la "non eclatante anormalità" della situazione attuale.

Purtroppo, sta storia dei fulmini mi impensieriva da tempo, pensare a questa "nuova" atmosfera piena di sostanze conducenti (o anche non, ma pur sempre più dell'azoto) e bombardata da onde.

I film dove si citano le armi elettromagnetiche ormai non si contano più, interessante una citazione in "Batman Begins" dove l'arma emettitrice di microonde ha svariati usi, tra cui: distruggere le riserve d'acqua del nemico ... e ... e ... spandere sostanze chimiche nell'atmosfera ... la prima sembra una czzt vista la richiesta di potenza che causerebbe ben altro che l'evaporazione delle riserve d'acqua ... ma la seconda

Blizzard
Inviato: 26/7/2006 14:26  Aggiornato: 26/7/2006 14:26
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/7/2006
Da:
Inviati: 106
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
Frankad:
circoscriviamo una situazione a noi prossima: trovami una situazione simile a questa, luoghi differenti e periodo di tempo compreso in meno di due settimane. Lascia stare il cielo terso e senza nuvole, iniziamo dalla casistica. Per darti una mano sottolineo che 6 sono morti in 4 giorni.


Io vorrei lasciar stare il cielo terso e senza nuvole, ma quando leggi, in prima pagina, su un quotidiano sardo: "Fulmine a ciel sereno.... .....non stava piovendo, il tempo era bello", un pò ci penso. E così pure sugli altri quotidiani. E vabbè...
Nella cronaca all'interno del giornale non c'è traccia, poi, della notizia relativa al caso di Villa San Pietro, così come non c'è traccia in rete.

Comunque, per tornare ai fulmini in generale, ci sono dei punti da chiarire.

1) Tutti questi temporali erano ampiamente previsti, con giorni di anticipo. Il caldo umido persistente è la linfa vitale dei temporali di calore; queste fasi temporalesche, data la situazione contingente, non sono anomale nè inaspettate.

2)E' chiaro che le morti per fulmini si concentrano nei giorni (pochi o relativamente pochi) in cui c'è intensa attività temporalesca; aggiungiamo che trovarsi in uno spazio aperto (mare o campagna o montagna) sotto un temporale è un bel fattore di rischio; aggiungiamo che le fasi temporalesche di questo luglio sono coincise logicamente con le tante presenze di bagnanti o escursionisti. Aggiungiamo una buona dose di mala sorte.

C'è bisogno forse di andare a spulciare le statistiche per spiegare queste morti?

Vi fareste una bella passeggiata sui monti all'aria aperta in queste condizioni?


Diciamo che un pò di prevenzione sui rischi da temporale, al posto dell'allarmismo, non sarebbe cosa malvagia...

frankad
Inviato: 26/7/2006 14:44  Aggiornato: 26/7/2006 14:56
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
Io vorrei lasciar stare il cielo terso e senza nuvole, ma quando leggi, in prima pagina, su un quotidiano sardo: "Fulmine a ciel sereno.... .....non stava piovendo, il tempo era bello", un pò ci penso. E così pure sugli altri quotidiani. E vabbè...


Perchè invece di giocare con la tua specialità preferita, il girotondo, non apporti fatti? Io non sto affermando si o no, sto osservando le tue affermazioni gratuite e senza supporto alcuno di dati.

Com'è che quando ti servono ti aggrappi ai dati e quando non ne cavi piedi i dati non servono?

Citazione:
Tutti questi temporali erano ampiamente previsti, con giorni di anticipo. Il caldo umido persistente è la linfa vitale dei temporali di calore; queste fasi temporalesche, data la situazione contingente, non sono anomale nè inaspettate.


Quindi sono normali le condizioni visto il periodo? Hai dati sugli ultimi 10 anni che dimostrino che in questo periodo le precipitazioni temporalesche di quella portata sono normali? Io si. Consiglio: includici la grandine in Sardegna, almeno nelle zone dove ha piovuto.

Attendo fiducioso, non senza esprimere la mia totale contrarietà al tuo conformismo.


Citazione:
E' chiaro che le morti per fulmini si concentrano nei giorni (pochi o relativamente pochi) in cui c'è intensa attività temporalesca; aggiungiamo che trovarsi in uno spazio aperto (mare o campagna o montagna) sotto un temporale è un bel fattore di rischio; aggiungiamo che le fasi temporalesche di questo luglio sono coincise logicamente con le tante presenze di bagnanti o escursionisti. Aggiungiamo una buona dose di mala sorte.


Ottimo metodo analitico e scientifico!! Tutti da Wanda Marchi!!!

Citazione:
C'è bisogno forse di andare a spulciare le statistiche per spiegare queste morti?


SI

Tu non sai o non vuoi proporre. Queste, per esempio, sono già qualcosa? Ma poi..leggi solo giornali sardi?

Quarantamila scariche solo nella giornata di lunedì e la sesta vittima in sette giorni: un ragazzo di 29 anni, Gianluca Masala, colpito da una saetta che ha squarciato il cielo azzurro mentre il giovane prendeva il sole sulla spiaggia di Nora nel cagliaritano. E' psicosi fulmini quest'estate in tutta Italia. Ogni anno circa 1 milione e 500 mila fulmini colpiscono il territorio italiano

ARICOLO

[....]Fortunatamente solo il 20-30 per cento delle persone colpite da un fulmine muoiono e le morti da fulminazione sono stimate in circa 1000 all’anno in tutto il mondo.[....]

ALTRO ARTICOLO

Hai la calcolatrice. Beh, lavora!!

Quando cominci con qualcosa di costruttivo su questo sito, che non sia postare tue opinioni personali tutte controcorrente, senza nulla che abbia lasciato un ben che minimo segno, se non il tuo remare contro nell'assurdo insistere sul "tutto va bene"o "tutto nella norma"?

frankad

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
Max_Piano
Inviato: 26/7/2006 15:04  Aggiornato: 26/7/2006 15:07
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: Il circolo vizioso
paxtibi
Citazione:
Moventi economici pesanti, ma anche politici, in quanto stabilire una tassa globale è il primo passo verso il governo mondiale.
Ma ovviamente, non essendo questi moventi legati agli interessi dei petrolieri capitalisti cattivi (ma ne siete sicuri? Sorprese in arrivo...) quanto a quelli degli stati buoni e compassionevoli il solito coro delle prefiche contro il mercato non si fa sentire, si sentono piuttosto gli alleluja per gli economisti alla Stiglitz e i sociologhi alla Rifkin.


La vedo esattamente al contrario di come la vedi te: per me queste tassazioni sono solo un modo per continuare a inquinare e "mettersi a posto la coscienza".
Invece di inquinare e fregarsene si paga una piccola multa - una inezia a confronto di quanto costerebbe ridurre davvero le emissioni : tanto più che questi soldi non vengono dati a "oscuri governi mondialisti" ma a paesi del terzo mondo di cui si acquistano le "unità di inquinamento".
Magari sono paesi che sono strangolati dal debito contratto con le stesse potenze inquinanti: così il diritto ad inquinare non solo di fatto non costa nulla ma ci si fa anche una bella figura (e visto che tali paesi rimangono arretrati non fanno neppure concorrenza alla produzione industriale).

Insomma: la tassazione sull'inquinamento non è l'embrione di un "governo mondiale" ma al contrario rappresenta l'arroganza dell'imperialismo nazionale.

Alla fine però:

Non credo che una tassa in più o in meno cambi la situazione attuale!

Paxtibi
Inviato: 26/7/2006 15:55  Aggiornato: 26/7/2006 15:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: Il circolo vizioso
Max Piano, hai confuso le due cose, l'emission trading con la carbon tax.

Per quanto riguarda la prima, che non è una tassa, non è affatto detto che chi ha da vendere quote di "ossigeno" siano solo paesi del terzo mondo, in ogni caso mi sembra evidente l'interesse già nel continuare a inquinare e "mettersi a posto la coscienza".
Che di per sé, dimostra l'ipocrisia e l'inutilità di Kyoto.

La seconda invece, essendo appunto una tassa pensata dagli stati, USA e GB in testa, colpisce direttamente le tasche dei contribuenti, e non ha quindi niente a che vedere con l'imperialismo nazionale, ma capisco che fa fico citarlo appena possibile.

Ha molto a che fare con il futuro governo mondiale, visto che i nostri amici di sempre si sono subito dichiarati molto interessati:

UN considering global carbon tax

The United Nations is studying proposals for global taxes as a means to generate sources of financing for development in poor countries. The proposals being considered include a carbon tax on fuel use, a tax on currency transactions (the Tobin tax), an arms sales tax, a global lottery, and a tax on international airline travel.
________________________


Non credo che una tassa in più o in meno cambi la situazione attuale!

Evidentemente la situazione attuale del tuo portafogli è più, diciamo, confortevole di quella del mio...

Max_Piano
Inviato: 26/7/2006 16:53  Aggiornato: 26/7/2006 16:53
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: Il circolo vizioso
Citazione:
La seconda invece, essendo appunto una tassa pensata dagli stati, USA e GB in testa, colpisce direttamente le tasche dei contribuenti, e non ha quindi niente a che vedere con l'imperialismo nazionale, ma capisco che fa fico citarlo appena possibile.


Mi sembra abbastanza ovvio che l'ONU valga come il due di picche: ha smesso pure di fungere da paraculo per giustificare le avventure all'estero delle potenze mondiali.
Anzi: ultimamente viene pure usato per il tiro al bersaglio (vedi notizie di questi giorni)
da cui deduco non si tratti di quell'organizzazione potente che vorrebbe lasciar intendere di essere.

Questo non vieta all'ONU che è comunque organizzazione "bisognosa" di soldi (nessuno paga le quote di iscrizione!), di inventarsi anche lei tasse e balzelli per far quadrare i bilanci: resta da capire se le nazioni abbiano voglia di "donare" all'ONU i denari provenienti dalle accise sulla benzina. Francamente credo proprio di no: ne diamo già abbastanza agli sceicchi sauditi (quelli sì sono i veri padroni del mondo - altro che bush, israele e ONU!)

Mi riferivo allora all'emission trading essendo di fatto l'unico pseudo-balzello tutt'ora in atto per contrastare - far finta di contrastare - l'inquinamento : che sia inutile quanto lo stesso protocollo di kyoto non vi è dubbio. Resta l'amara constatazione che neppure si riesce a far finta di fare qualcosa.

Citazione:
Evidentemente la situazione attuale del tuo portafogli è più, diciamo, confortevole di quella del mio...




E' ovvio che una tassa in meno fa bene al portafogli: ma che discorsi!

Mi stavo infatti riferendo, visto che questo era l'argomento, alla situazione ambientale! Non è che si può risarcire la natura con denaro!

PS: per imperialismo mi riferisco a quella sorta di "anarchia imperialista" che si vede ovunque: dal Libano all'Iraq, dalla Cecenia all'Afghanistan!
Ognuno per se e senza regole: anzi il primo che si mette in mezzo un missile su per il k**o!

Mayer
Inviato: 26/7/2006 22:23  Aggiornato: 26/7/2006 22:23
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/3/2006
Da:
Inviati: 202
 Re: Il circolo vizioso
La prima cosa e' rendersi conto del fatto che abbiamo inquinato la Natura oltre ogni limite.
La seconda cosa e' fermarsi.
La terza e' cercare una soluzione alternativa.

Qui ci stanno un po' di idee:
http://energierinnovabili.forumcommunity.net/

e comunque io sono sempre piu' propenso all'energia solare, non la sfruttiamo ancora abbastanza.
http://www.tecnocino.it/articolo/biggest-solar-plant/1379/

Blizzard
Inviato: 26/7/2006 23:33  Aggiornato: 26/7/2006 23:33
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/7/2006
Da:
Inviati: 106
 Re: Il circolo vizioso
Nonostante i tuoi toni, Frankad, cercherò di rispondere nella maniera più educata possibile.
Citazione:
Perchè invece di giocare con la tua specialità preferita, il girotondo, non apporti fatti? Io non sto affermando si o no, sto osservando le tue affermazioni gratuite e senza supporto alcuno di dati.


Aridaje con sto girotondo... e quanto astio...
Fammi capire, vuoi dati che dimostrino che quello di Nora non era un fulmine a ciel sereno?
Questa è l'immagine satellitare di ieri, grossomodo all'ora in cui il ragazzo è stato colpito:
[img=http://img125.imageshack.us/img125/364/i200607251100gr9.th.jpg]
Questo è un ingandimento:
[img=http://img373.imageshack.us/img373/9441/satjs2.th.jpg]

La nuvolosità che si vede sulla costa meridionale della Sardegna è il temporale che interessava la zona di Nora, un altro temporale, ben visibile dall'immagina, era presente sui monti dell'interno della Sardegna. Da notare anche come quel tratto di costa fosse l'unico in tutta la Sardegna ad essere interessato da temporali.
Penso non ci sia bisogno di aggiungere altro.

Citazione:
Com'è che quando ti servono ti aggrappi ai dati e quando non ne cavi piedi i dati non servono?

Questa non l'ho capita.

Citazione:
Quindi sono normali le condizioni visto il periodo? Hai dati sugli ultimi 10 anni che dimostrino che in questo periodo le precipitazioni temporalesche di quella portata sono normali? Io si. Consiglio: includici la grandine in Sardegna, almeno nelle zone dove ha piovuto.

Questa mi fa morire dal ridere.
Cosa si può dimostrare con dieci anni di dati sulle precipitazioni temporalesche estive, un giorno me lo spiegherai. Anzi, te lo anticipo: NULLA.
Cosa hai scoperto? Che questa estate è stata molto più temporalesca delle altre nove? Embè? Pensi forse che le stagioni si debbano ripetere l'una uguale all'altra? O sai per certo che è l'estate più temporalesca degli ultimi cento o mille anni?
Ti rendi conto che non puoi estrapolare alcuna tendenza, nè giungere ad alcuna conclusione sulla "anormalità" di un'estate temporalesca sulla base di dieci anni di dati?
Auguriamoci di sì

Citazione:
Attendo fiducioso, non senza esprimere la mia totale contrarietà al tuo conformismo.

Anche questa mi fà discretamente ridere, a cosa mi starei conformando, scusa? Riguardo l'attesa, la rigiro al mittente, e attendo fiducioso spiegazioni sulle tue mirabolanti analisi statistiche

Citazione:
Ottimo metodo analitico e scientifico!! Tutti da Wanda Marchi!!!

Dato che sei così "letterale" nelle interpretazioni, sostitusci "mala sorte" con "aleatorietà". Per il resto la tua risposta si commenta da sola. Devo dedurre allora che non consideri certi fattori di rischio e che anzi sproneresti amici e parenti alle escursioni sotto temporale, magari confortandoli con le mirabolanti analisi statistiche

Citazione:
Tu non sai o non vuoi proporre. Queste, per esempio, sono già qualcosa?


Ma mi prendi in giro? Gli articoli di TGcom "La saetta che ha squarciato il cielo azzurro"..."Fa particolare effetto sapere che i fulmini possono scatenarsi anche in giornate di cielo apparentemente sereno"..... Ma basta!
Qualcosa effettivamente sono... c'è bisogno che lo dica cosa sono?

Citazione:
[....]Fortunatamente solo il 20-30 per cento delle persone colpite da un fulmine muoiono e le morti da fulminazione sono stimate in circa 1000 all’anno in tutto il mondo.[....]

Citazione:
Hai la calcolatrice. Beh, lavora!!


Allora, calcolatrice alla mano... e approssimando un pò... 1000 morti per fulmini diviso 6 miliardi di abitanti = 1 morto per fulmini ogni 6 milioni di abitanti;
in Italia siamo circa 60 milioni, quando arriviamo a dieci casi siamo in perfetta media mondiale... non vuol dire niente dal punto di vista statistico, ma nominalmente siamo in media mondiale.

Citazione:
Quando cominci con qualcosa di costruttivo su questo sito, che non sia postare tue opinioni personali tutte controcorrente, senza nulla che abbia lasciato un ben che minimo segno, se non il tuo remare contro nell'assurdo insistere sul "tutto va bene"o "tutto nella norma"


Non mi sembra di avere letto altre lamentele, oltre la tua, sui miei pochi post.
Penso (e spero) di avere la libertà di postare senza preoccuparmi troppo del tuo giudizio. Non mi sembra neanche di essere andato controcorrente (quale corrente poi? La tua, forse). Se poi sarò poco costruttivo, pazienza. Se essere costruttivi significa elencare e accatastare tutta una serie di eventi atmosferici, geologici, catastrofici e non, farne un bel minestrone di cause e spiegazioni funzionale al sostegno di particolari teorie... beh allora preferisco non essere costruttivo.
E la chiudo qui, per sempre, e senza rispondere alle tue ultime due righe e mezzo, che è meglio
Ciao

Blizzard

frankad
Inviato: 27/7/2006 11:41  Aggiornato: 27/7/2006 11:52
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Ok Blizzard.....

Citazione:
Aridaje con sto girotondo... e quanto astio...


L’astio poco si addice a questa circostanza, a meno che non si consideri la globalità delle tue apparizioni da debunker prive di un solo post costruttivo. In questo caso confondi “l’astio” con le risponde con un determinato tono utilizzate, almeno a casa mia, quando si è praticamente sicuri del personaggio che si ha di fronte e delle sue reali intenzioni. Siamo allenati a quelli, virtualmente s’intende, come te. Qui abbiamo la consapevolezza di avere a che fare con un problema di dimensioni enormi e lavoriamo per circoscriverne gli aspetti. Ficcatelo nella testolina e non lagnarti.

Citazione:
Fammi capire, vuoi dati che dimostrino che quello di Nora non era un fulminea ciel sereno?
Questa è l'immagine satellitare di ieri, grossomodo all'ora in cui il ragazzo è stato colpito:
[img=http://img125.imageshack.us/img125/364/i200607251100gr9.th.jpg]
Questo è un ingandimento:
[img=http://img373.imageshack.us/img373/9441/satjs2.th.jpg]


Tutto qui? Questo è tutto ciò che riesci a produrre e lo spacci anche come “dati”? Poi il solito fiume di tue “parole” che cozzano regolarmente con la realtà? Per un attimo ho creduto di dovermi impegnare…

Belline le immaginette, non trovi di meglio? A dire il vero “l’immaginetta” visto che la seconda è un penoso ingrandimento di una zona della prima. Vabbè, vediamo subito.

Questi sarebbero i dati che dimostrano cosa? Fai finta di non capire? Primo: dove ho chiesto dati che dimostrino che la morte di quel ragazzo non è avvenuta a cielo sereno? Secondo: non è che stai continuando la tua specialità, il girotondo, visto che ho chiesto dati sulle fulminazioni? Continuando nel girotondo, forse la domanda era più tecnica e statistica, rapportata su scala nazionale/mondiale…sei passato liscio? Terzo: non sai dov’è Nora….e parli? Un conto è avere un temporale in testa, altro conto è avere un fronte temporalesco a qualche decina di chilometri spostato verso est. Ciò non escluide fulminazioni, chiaramente, ma per dovere di obiettività….forse i giornalisti, non è nulla che mi interessi minimamente, si riferivano al fatto che il cielo sopra le teste era libero….non ci sei arrivato?

Citazione:
La nuvolosità che si vede sulla costa meridionale della Sardegna è il temporale che interessava la zona di Nora


La zona di Nora, si…..da Cagliari a Sassari…..precisione svizzera, che poco si addice col tentativo di capire le circostanze dell’evento.
Sul quale ti stai concentrando tu, evitando di rispondere a ben altre domande, oltre a fossilizzarti sul singolo evento in se stesso ed addossare colpe ai giornalisti invece di ampliare "gli orizzonti" e valutare il fenomeno su larga scala.

-citazione-
Com'è che quando ti servono ti aggrappi ai dati e quando non ne cavi piedi i dati non servono?


Citazione:
Questa non l'ho capita.


Questo girotondo.. quanto tenti di sguazzarci. Questo post ne è solo l’ultima dimostrazione. Due immaginette (una..) postate ed il tuo fiume di parole che non serve a nulla. Tieniti per te le opinioni non supportate da fatti. Le tue parole intese come tue opinioni personali, in merito ad argomenti che necessitano di rilevamenti, di statistiche etc., non interessano.

-citazione-.
Quindi sono normali le condizioni visto il periodo? Hai dati sugli ultimi 10 anni che dimostrino che in questo periodo le precipitazioni temporalesche di quella portata sono normali? Io si. Consiglio: includici la grandine in Sardegna, almeno nelle zone dove ha piovuto.


Citazione:
Questa mi fa morire dal ridere.
Cosa si può dimostrare con dieci anni di dati sulle precipitazioni temporalesche estive, un giorno me lo spiegherai. Anzi, te lo anticipo: NULLA.
Cosa hai scoperto? Che questa estate è stata molto più temporalesca delle altre nove? Embè? Pensi forse che le stagioni si debbano ripetere l'una uguale all'altra? O sai per certo che è l'estate più temporalesca degli ultimi cento o mille anni?
Ti rendi conto che non puoi estrapolare alcuna tendenza, nè giungere ad alcuna conclusione sulla "anormalità" di un'estate temporalesca sulla base di dieci anni di dati?
Auguriamoci di sì


Abbiamo scoperto che le statistiche da dieci anni a questa parte, o da quando vuoi, non servono a nulla. Servono le tue parole? Ma da dove ne sei uscito? Quale sarebbe il sistema per rilevare cambiamenti climatici? Rispondere con domande su questi punti della questione è sinonimo di impreparazione, arroganza e manifesta retro intenzione. Oltre ad un’ottusità analitica che, nonostante già allenata ad una visione unilaterale della situazione, è priva totalmente di conoscenza di altri fenomeni naturali e non. Perché non apri un forum sul girotondo? Così ridiamo anche da queste parti.

-citazione-
Attendo fiducioso, non senza esprimere la mia totale contrarietà al tuo conformismo.


Citazione:
Anche questa mi fà discretamente ridere, a cosa mi starei conformando, scusa? Riguardo l'attesa, la rigiro al mittente, e attendo fiducioso spiegazioni sulle tue mirabolanti analisi statistiche


Analisi statistiche…..mirabolanti? Una dritta per una, remota, speranza di recupero. Tanto per fare un esempio, potresti rivolgerti al più grosso istituto europeo (cercatelo se non sai di cosa parliamo) e chiedere per esempio…..365 x 12 x 10 immagini relative alle fulminazioni degli ultimi 10 anni. Nel contempo chiedere le statistiche correlate e fare uso, cosa che pare a te sconosciuta, della fantomatica calcolatrice.
Prima di asserire l’anormalità della situazione io faccio così. Tu blateri ebasta.
Regalino/esempio, se non sai di cosa stiamo parlando, le analisi che non sai neppure dove andare a pigliare (figuriamoci l'interpretazione delle stesse) te le cerchi da solo.





Troppo difficile per te? Si devono analizzare migliaia di queste, e possederle, confrontare statistiche e dati e poi....... Di conseguenza verificare le anomalie. Meglio le tue parole...senza nulla di più?

-citazione-
Ottimo metodo analitico e scientifico!! Tutti da Wanda Marchi!!!


Citazione:
Dato che sei così "letterale" nelle interpretazioni, sostitusci "mala sorte" con "aleatorietà". Per il resto la tua risposta si commenta da sola. Devo dedurre allora che non consideri certi fattori di rischio e che anzi sproneresti amici e parenti alle escursioni sotto temporale, magari confortandoli con le mirabolanti analisi statistiche


La penosa risposta non apporta nulla di nuovo. Dal girotondo al gioco del “rigiro della frittata”? Ma non ero io che parlavo di situazione anomala? Che è a conoscenza di dati, tu non sai neppure di cosa parliamo.. lo capisco, che testimoniano situazione anomale? Adesso parli tu di fattori a rischio, ma scappi sulla normalità, poi marcia indietro e vai… sei diventato tifoso del “fattore a rischio in supporto di bufala”. Specialità chiamata anche arrampicata sugli specchi.

a-citazione-
Tu non sai o non vuoi proporre. Queste, per esempio, sono già qualcosa?


Citazione:
Ma mi prendi in giro? Gli articoli di TGcom "La saetta che ha squarciato il cielo azzurro"..."Fa particolare effetto sapere che i fulmini possono scatenarsi anche in giornate di cielo apparentemente sereno"..... Ma basta! Qualcosa effettivamente sono... c'è bisogno che lo dica cosa sono?


No non ti prendo in giro. Visto che sei un giocherellone, vari sport infantili e faccine sono l’unica cosa chiara che si evince da quanto scrivi, ho pensato di giocare anche io. Al gatto col topo. Tu sei bravissimo nel ruolo di topo. Non sono certo un tifoso dei giornalisti ma tu hai fatto tutto da solo. Hai tirato in ballo un giornale sardo, hai ignorato altre notizie stampa come l’estratto del televideo e…ci sei cascato con la notizia di cui sopra. Sei implacabile…placca questa:



Da domenica sei casi mortali per episodi del genere

Oggi un ragazzo è morto sulle coste della Sardegna

Fulmini-killer, un'altra vittima - In una settimana 85mila scariche

[….]Vani i primi soccorsi dei bagnanti. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione locale e i sanitari del 118 che non hanno potuto far altro che constatare il decesso del ragazzo. La fatalità che ha determinato la morte di Masala è ancora più drammatica poiché il cielo era completamente sereno e sgombro di nuvole.[….]

[….]spiega Marina Bernardi, responsabile del Sirf[….]

[….]Se l'eventuale caduta di un fulmine non deve destare stupore, quella di una scarica a ciel sereno è sicuramente più rara. "Va fatta una distinzione - prosegue Bernardi - i fulmini a ciel sereno sono rarissimi e in Italia non sussistono le condizioni perché si verifichino.[i][….]


[i]-citazione-
[....]Fortunatamente solo il 20-30 per cento delle persone colpite da un fulmine muoiono e le morti da fulminazione sono stimate in circa 1000 all’anno in tutto il mondo.[....]

-citazione-
Hai la calcolatrice. Beh, lavora!!


Citazione:
Allora, calcolatrice alla mano... e approssimando un pò... 1000 morti per fulmini diviso 6 miliardi di abitanti = 1 morto per fulmini ogni 6 milioni di abitanti;
in Italia siamo circa 60 milioni, quando arriviamo a dieci casi siamo in perfetta media mondiale... non vuol dire niente dal punto di vista statistico, ma nominalmente siamo in media mondiale.


E qui sprofondiamo nel ridicolo più totale e nella manifesta malafede. Non sai nulla neppure di matematica? Non sai usare la calcolatrice? E la connessione cervello – mano….in panne? Ma poi, credi che qui siamo una manica di deficienti?

Quando arriviamo a 7 casi in due settimane siamo nella media? Adesso si che “nominalmente siamo in media mondiale? Il parametro omesso in malafede...non dovrebbe essere rapportatoSU SCALA ANNUALE?

-citazione-
Quando cominci con qualcosa di costruttivo su questo sito, che non sia postare tue opinioni personali tutte controcorrente, senza nulla che abbia lasciato un ben che minimo segno, se non il tuo remare contro nell'assurdo insistere sul "tutto va bene"o "tutto nella norma"


Citazione:
Non mi sembra di avere letto altre lamentele, oltre la tua, sui miei pochi post.
Penso (e spero) di avere la libertà di postare senza preoccuparmi troppo del tuo giudizio. Non mi sembra neanche di essere andato controcorrente (quale corrente poi? La tua, forse). Se poi sarò poco costruttivo, pazienza. Se essere costruttivi significa elencare e accatastare tutta una serie di eventi atmosferici, geologici, catastrofici e non, farne un bel minestrone di cause e spiegazioni funzionale al sostegno di particolari teorie... beh allora preferisco non essere costruttivo.


Sveliamo gli altarini. Sin dalle tue prime apparizioni vi sono state..”reazioni”. Che ho contenuto io personalmente, attirandomi ire di chi ti voleva dare addosso sin dalle tue prime infelici, improduttive “uscite”.

Su Luogocomune vi sono una miriade di casi di utenti “controcorrente", dei quali si rispetta l’opinione sempre e quando si seguano regole che, del resto, siamo tenuti a seguire tutti.

Ma adesso, nulla più mi serve per definirti ciò che sei. Un TROLL.

Con ciò che ne consegue

frankad

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
cct
Inviato: 27/7/2006 15:55  Aggiornato: 27/7/2006 15:55
Mi sento vacillare
Iscritto: 1/2/2006
Da: Lago Maggiore near Swiss
Inviati: 480
 Re: Il circolo vizioso
Tabella fulminazioni in Austria


http://www.aldis.at/statistics/vergleich_e.php



E abbiamo ancora tre mesetti buoni di fulminazioni ......

Notare anche l'escalation annuale

"chentu concasa, dughentos corros"
Blizzard
Inviato: 27/7/2006 16:08  Aggiornato: 27/7/2006 16:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 6/7/2006
Da:
Inviati: 106
 Re: Il circolo vizioso
Premesso che:
io non avevo alcuna intenzione di fare polemiche personali, nè di debunkare un bel niente. Ho solo scritto che quella del fulmine a ciel sereno a Nora era una puttanata (perché è una puttanata). Ho letto la notizia e ho risposto di getto.
A quel punto sei tu che mi sei venuto a cercare, evidentemente prevenuto.

Nora so benissimo dov’è; il temporale (non c’era alcun fronte temporalesco, c’era un temporale) era a un passo, se non proprio sopra la testa (altro che decine di km). L’immagine satellitare, per quanto penosa, è più che sufficiente. Non è sufficiente per chi non vuole che lo sia.
Non so cosa intendessero i giornalisti, ma la notizia è fuorviante. Cielo sereno significa una cosa ben precisa. E anche fulmine a ciel sereno significa una cosa ben precisa. E questo è tutto ciò che volevo esprimere, sempre prima che tu mi venissi a cercare, evidentemente prevenuto.

Per il resto, quando porterai dei numeri che abbiano un oggettivo significato statistico, quando farai vedere concretamente i dati, quando spiegherai come tratti i dati, e quali calcoli fai su questi dati e quando dimostrerai di aver capito qualcosa delle dinamiche atmosferiche sia su piccola che grande scala, anziché fare lo sborone con sorprendente arroganza (io faccio questo, io faccio quest’altro, io ho i dati, io ho l’orizzonte ampio, io gioco al gatto col topo), quando riuscirai a non stravolgere il senso delle frasi altrui, a quel punto si potrà discutere delle cose di cui cerchi di discutere con me tra un tuo insulto e l’altro.
Fino ad allora, tutto questo tuo vantarti delle moli di dati accatastate e di questa visione ad ampio raggio che sei convinto di avere, per me sarà solo una montagna di chiacchiere.

Ah già… ma io sono un troll… anzi un topo debunker controcorrente conformista ignorante impreparato arrogante con manifeste retrointenzioni ottuso con gli orizzonti limitati allenato ad una visione unilaterale della situazione giocherellone infantile in malafede…. naturalmente amante del girotondo…


Citazione:
Su Luogocomune vi sono una miriade di casi di utenti “controcorrente", dei quali si rispetta l’opinione sempre e quando si seguano regole che, del resto, siamo tenuti a seguire tutti.

Mnz86
Inviato: 28/7/2006 10:29  Aggiornato: 28/7/2006 10:29
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/7/2005
Da: BS
Inviati: 246
 Re: Il circolo vizioso
Gruppi di potere USA promuovono lo scetticismo sul riscaldamento globale

NEW YORK, July 27 (Reuters) - A Colorado electricity cooperative is urging other power groups to support global warming skeptics and has donated $100,000 to a climatologist who has labeled some of his colleagues "alarmists."

The Intermountain Rural Electric Association's general manager wrote in a letter to other energy cooperatives that it also helped raise contributions from others for Dr. Patrick Michaels, a climatologist at the University of Virginia and a fellow at the CATO Institute in Washington D.C.

IREA General Manager Stanley Lewandowski, in a letter obtained by Reuters, wrote to electric groups through the United States trumpeting Michaels, author of the book "The Satanic Gases: Clearing the Air about Global Warming."

"Most of the electrical power furnished by rural electric cooperatives is produced by coal fired-power plants," Lewandowski wrote. "That will also be true for the foreseeable future. This then raises a concern about all of the publicity on global warming and costly measures being advocated to control CO2 emissions."

An environmentalist said it was surprising that an industry group with a stake in future global warming legislation would give money to a scientist.

"I would say it's smoking gun evidence that industry is trying to buy science to back its anti-environmental propaganda on global warming," said Frank O'Donnell, president of Washington D.C.-environmental group Clean Air Watch.

"Something coming from a Patrick Michaels should carry a warning label," he said. "'Caution: this commentary bought with industry money.'"

http://www.alertnet.org/thenews/newsdesk/N27433280.htm

frankad
Inviato: 30/7/2006 9:05  Aggiornato: 30/7/2006 9:24
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
200 muertos en Holanda por ola de calor que afecta a Europa

(200 morti in Olanda a causa dell'ondata di caldo che affligge L'Europa)

26/7/2006 10:24 AM - Internacional

Holanda, donde la situación se ha vuelto crítica, al punto que las autoridades calculan que sólo en la primera semana de julio habrían muerto 200 personas debido a las altas temperaturas, que han subido los termómetros hasta los 35 grados.

L'Olanda, dove la situazione è diventata critica, al punto che le autorità calcolano che solamente nella prima settimana di luglio sono orte 200 persone a causa delle alte temperature, che hanno fatto salire i termometri fino ai 35 gradi.

Holanda sufre el mes más caluroso en 300 años

(L'Olanda soffre il mese più caldo in 300 anni)

26/07/2006

[....]En Holanda, julio va camino de convertirse en el mes más caluroso en 300 años y de hecho se anuló una manifestación de cuatro días en la que tenían previsto participar 15.000 ciclistas.[....]

[....]In Olanda luglio si sta convertendo nel mese più caldo degli ultimi 300 anni e di fatto è stata annullata una manifestazione ciclistica di quattro giorni nella quale era prevista la partecipazione di 15.000 ciclisti[....]

Cronache

29 lug 22:22 Bergamo: escursionista muore folgorato da fulmine

GANDINO (Bergamo) - Alex Locatelli, escursionista bergamasco di 33 anni, e' morto questo pomeriggio sul Monte Farno, in Valle Seriana, dopo essere stato colpito da un fulmine. Intorno alle 16: l'uomo era in sella alla sua mountain bike e in compagnia di alcuni amici, aveva da poco lasciato un rifugio che, per ironia della sorte, si chiama "baita Parafulmine", per dirigersi verso Sovere, dove il gruppo aveva lasciato le auto. Improvvisamente si e' scatenato un temporale e la saetta si e' abbattuta sulla mountain bike di Locatelli, colpendola in pieno. Forse, ad attirarla, e' stato proprio il ferro della bici. (Agr)

Cronache

29 lug 20:04 Maltempo: blackout al centro nord, migliaia di fulmini sulle Marche

ANCONA - Oltre 12.000 fulmini hanno colpito in queste ore Marche, Umbria ed Emilia Romagna, e il maltempo ha colpito in particolare le Marche, provocando blackout a macchia di leopardo. 3.000 utenze di bassa tensione sono state disattivate a causa di rami e alberi che sono caduti sulle linee aeree. L'Enel ha mobilitato decine di tecnici e operai per ripristinare il servizio entro la serata. (Agr)

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
frankad
Inviato: 30/7/2006 9:53  Aggiornato: 30/7/2006 9:53
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Commissione Europea lancia campagna contro cambiamenti clima.

15 Luglio 2006 11:00

Il 5 Giugno, in occasione della giornata mondiale per l’ambiente, e’ stata lanciata a Roma la campagna, promossa dall'Unione Europea, di sensibilizzazione sui cambiamenti climatici. Questa data ha segnato l'avvio ufficiale congiunto della Campagna, nei venticinque Stati membri dell'Unione Europea, che si concludera' nel 2007.

Bruxelles invita tutti i cittadini europei a modificare, anche di poco, le proprie abitudini quotidiane per contribuire a ridurre le emissioni di gas a effetto serra. La campagna offre tutta una serie di consigli pratici e mira a rendere ogni cittadino pienamente consapevole delle proprie responsabilita' e possibilita' per lottare contro il cambiamento climatico. Le famiglie europee, ricorda la Commissione, sono all'origine di circa il 16 per cento delle emissioni totali di gas a effetto serra dell'Unione, la maggior parte delle quali proviene dalla produzione e dall'utilizzo di energia.

In particolare, la campagna fornira' ai cittadini informazioni sul cambiamento climatico e indichera' cio' che possono fare per combatterlo. Fra le iniziative piu' 'curiose', un manifesto gigante sul principale edificio della Commissione a Bruxelles, che rappresenta la terra con un termometro che misura l'aumento del temperatura e lo slogan ''Il cambiamento climatico: potete controllarlo. Risparmiate l'energia. Riciclate. Camminate.''

Non mancano messaggi pubblicitari televisivi e a mezzo stampa e l'utilizzo di una serie di strumenti di comunicazione informatica per attirare l'attenzione del pubblico. Informazioni complete figurano sul sito web della campagna che offre una panoramica completa del cambiamento climatico ed i suoi effetti e fornisce una cinquantina di consigli sul modo di ridurre le emissioni di gas: ad esempio, abbassare il riscaldamento di 1 grado centigrado (fino al 10 per cento di risparmio energetico), evitare di lasciare in modalita' ''stand-by'' televisori, impianti stereo e computer (risparmio energetico del 10 per cento) o anche stampare la carta recto-verso (fino al 50 per cento di risparmio).

Una ''calcolatrice del carbonio'' misura la quantita' di biossido di carbonio (CO2) risparmiata per ogni azione, e i visitatori possono anche scaricare un salva-schermo a risparmio energetico per il proprio computer.

La campagna si rivolge anche agli allievi delle scuole secondarie, che sono invitati a firmare una dichiarazione in cui si impegnano a ridurre le emissioni di CO2 ed a proseguire i loro sforzi.

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
frankad
Inviato: 2/8/2006 7:40  Aggiornato: 2/8/2006 7:40
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Cronache 01 ago 19:44

Lucca: fulmine distrugge finestra, feriti due bambini

BARGA (Lucca) - Ancora un fulmine ha causato due feriti in Italia. Questa volta l'episodio si e' verificato a Barga, in provincia di Lucca, La saetta ha colpito una bosco e, correndo attraverso i fili dell'alta tensione, si e' scaricata su una finestra mandandola in frantumi. Le schegge di vetro hanno ferito al volto due bambini di 2 e 5 anni. (Agr)

Cronache 01 ago 15:30

Brescia: fulmine su gru, illeso operaio

BRESCIA - Un fulmine si e' scaricato questa mattina su una gru in un cantiere edile di Villanuova sul Clisi, nel bresciano. Un operaio, che stava lavorando sotto la gru, e' rimasto illeso a parte un leggero stato di choc. (Agr)

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
frankad
Inviato: 2/8/2006 10:27  Aggiornato: 2/8/2006 10:27
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Da meteogiornale.it

Un altro luglio freddissimo al Polo Sud

di Stefano Di Battista

Confermata la tendenza degli ultimi anni: -5,1 °C rispetto alla normale.

Un mese di luglio, il quarto consecutivo, notevolmente sotto media al Polo Sud. Con -65,1 °C, il 2006 fa segnare -5,1 °C rispetto alla normale 1957-2005, piazzandosi al terzo posto da sempre nella graduatoria mensile e al quarto (a pari merito con l'agosto 1976) in quella che tiene conto di tutti i mesi invernali. Il periodo è stato contrassegnato da numerose e persistenti puntate sotto i -70 °C, con una temperatura minima di -77,7 °C registrata il 23 luglio. Il mese, che secondo l'archivio di Amundsen-Scott è il più freddo dell'anno (-60,0 °C la media), si sta caratterizzando nel senso di un irrigidimento che, come mostra il quadro, è iniziato tre anni fa:

2003 -64,1 °C
2004 -67,0 °C
2005 -63,1 °C
2006 -65,1 °C

Una tendenza che non trova riscontro nella base russa Vostok, dove luglio si è chiuso a -67,0 °C, in linea con la normale (-0,1 °C), e dove la temperatura minima ha toccato lo stesso valore del Polo Sud, ovvero -77,7 °C, registrati il 24 luglio.

Finora, l'inverno antartico ha avuto un solo sito in cui il termometro è sceso sotto i -80 °C, cioè Dome Fuji, la stazione automatica ubicata presso l'omonima base semi permanente giapponese, a 3.810 metri di quota. Tuttavia, è ancora presto per trarre conclusioni: la stagione in cui è possibile registrare temperature al di sotto di tale livello infatti, si protrae fino alla metà di settembre.

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
frankad
Inviato: 2/8/2006 10:33  Aggiornato: 2/8/2006 10:33
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Il circolo vizioso
Articolo integrale in inglese

Traduzione/riassunto:

Ferma oscillazione della Terra I

Che cosa questo preannuncia nessuno lo sa.

Cinque settimane dopo l'inizio della pausa (8 gennaio 2006), la Terra ancora non ha quasi nessun movimento di oscillazione della rete, a parte fremiti molto piccoli tipicamente causati da condizioni atmosferiche e dalle maree. Durante i giorni scorsi comunque, un leggero movimento “all'indietro” può essere osservato sulla traccia dell'oscillazione.

L'oscillazione di Chandler è virtualmente piatta ma gli ultimi grafici della IERS (Servizio Internazionale di Rotazione della Terra), che è la sola autorevole fonte di informazioni del movimento dei poli (e della crosta terrestre), mostra un piccolo rovesciamento della traccia. Oltre a questo rovesciamento, la traccia giornaliera della posizione degli Assi di rotazione, come visto attraverso grafici a spirale, come il software Traccia di Oscillazione, mostra solo piccolissime rotazioni di pochi giorni di durata, in quasi lo stesso posto. Qualcosa ha messo in pausa il normale moto spirale degli Assi di Rotazione.

Ovviamente possiamo dedurre che si sta sviluppando una grande anomalia nel moto a spirale degli Assi di Rotazione, incluso un immenso cambio di fase, un accorciamento della durata del normale ciclo dei 7 anni, lo stringersi del moto della spirale in una spirale eccezionalmente piccola e una maggiore accelerazione della spinta degli Assi di rotazione (spinta secolare dei poli o cosiddetto Vero errare polare). Questa anomalia è comportamento.

Esami di altri periodi anomali nell'oscillazione (1932-38 e 1958-1964) rivela chiaramente che questa anomalia, che batte i record, preannuncia maggiori cambiamenti nell'attività tettonica durante gli anni seguenti, compreso un drastico aumento del vulcanismo durante il 2006-2007, un continuo aumento negli effetti del riscaldamento globale con un drastico insorgere a cominciare dall'estate 2007 e che andrà avanti fino al 2008, così come molti periodi durante il 2006/2007 di sciami più grandi del normale di grandi terremoti nell'Arco Nordico dell'Arco di Fuoco Pacifico che si estende dall'america Centrale attraverso la California verso l'Alaska e giù fino al Giappone e le Filippine.

Nessuna di queste proiezioni è basata su arti intuitive; sono completamente basate paragonando profili storici come rilevato nell'edizione revisionata nel 2006 di “Le profezie” che è il terzo libro di “Il ritorno della Fenice”. Per almeno cinque settimane non c'è stato quasi nessun movimento degli Assi di Rotazione nella normale traccia a spirale dell'oscillazione di Chandler.

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA