Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


Iraq : A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Inviato da marcocedol il 6/6/2006 4:46:23 (7935 letture)

di Marco Cedolin

Mentre il neonato governo italiano capitanato da Romano Prodi stava concludendo il proprio conclave nella serenità dell’Umbria, alla ricerca dell’unità perduta, o se preferite mai trovata, in Iraq a un centinaio di chilometri da Nassirija il caporalmaggiore Alessandro Pibiri perdeva la vita nell’esplosione del mezzo blindato sul quale viaggiava insieme a quattro commilitoni che sono rimasti feriti nell’incidente.

I soldati italiani stavano scortando un convoglio logistico britannico quando un ordigno telecomandato ha fatto saltare in aria il loro automezzo. Salgono così a 38 i “caduti di guerra” vittime di una missione di pace che se fin dall’inizio ha avuto ben poche ragioni di esistere, oggi non ne possiede veramente più nessuna.

Ogni giorno che passa si palesa maggiormente l’assoluta mancanza di motivazioni che sostengano la necessità di mantenere in terra irachena un contingente militare ormai impaludato nelle sabbie mobili di un’occupazione armata priva di senso e di prospettive.

Romano Prodi, esempio inarrivabile di mediazione e diplomazia, sembra in verità l’unico italiano a non essersi ancora accorto ...

... (perfino Cossiga ne ha ormai preso coscienza) dell’assoluta necessità di ritirare immediatamente le truppe da un teatro di guerra nel quale si è intesa esportare la democrazia, creando invece i presupposti per una guerra civile senza quartiere alla quale fanno da corollario i massacri e le carneficine messe in atto con sottile sadismo dai soldati occupanti.

Quello iracheno è ormai un tunnel senza uscita, vera cartina di tornasole di una malaugurata operazione militare che sta trasmutando in un fallimento totale.

Il vero problema che il governo del professore si trova ad affrontare riguarda quei “tempi tecnici” che facevano bella mostra di sé all’interno del programma dell’Unione ed erano deputati a fare convergere tutte le diverse posizioni su un progetto di ritiro del contingente italiano differito nel tempo in maniera così elastica da non scontentare nessuno.

Gli elettori appartenenti alla sinistra più radicale potevano immaginare che i “tempi tecnici” fossero quei pochi giorni che erano stati necessari a Zapatero per richiamare i soldati in terra di Spagna. Gli elettori ulivisti immaginavano “tempi tecnici” un poco più allargati, magari di quei mesi necessari a concordare la cosa in funzione delle esigenze degli alleati inglesi e statunitensi. Gli elettori democristiani e neocon della Rosa nel pugno interpretavano i “tempi tecnici” come attesa del momento nel quale (forse fra un paio d’anni) tutte le truppe d’occupazione avrebbero abbandonato il suolo iracheno.

Ma adesso che i “tempi tecnici” tanto utili per raggranellare voti all’interno di un elettorato eterogeneo hanno mietuto la loro prima vittima, nella persona di Alessandro Pibiri, anche Romano Prodi si vedrà costretto ad uscire da quell’inanità che finora è sembrata essere l’unico elemento di condivisione all’interno di questo governo.

La speranza è che il professore fra le tante mediazioni scelga quella giusta, poiché la già ventilata ipotesi di un ritiro della missione Antica Babilonia con la prospettiva di sostituirla con una nuova missione “civile” supportata da 600 soldati in armi significherebbe solo sprofondare ancora un poco di più nelle sabbie mobili della “nuova babilonia” che abbiamo contribuito a creare in terra d’Iraq e questa volta senza lasciarci neppure una via d’uscita.

Marco Cedolin



La pubblicazione di questo articolo, in questo particolare momento, e proprio su questo tema, ha per me un significato molteplice. Marco Cedolin infatti è lo scrittore con cui ho condiviso, tre anni fa, la mia prima avventura in rete, pubblicando accanto a lui, su Comedonchisciotte, i miei primissimi articoli.

Erano anche i primi mesi della guerra d'Iraq, in cui l'operazione militare sembrava destinata ad essere poco più di una passeggiata nel deserto, e in quei giorni non avremmo mai creduto di ritrovarci a scrivere, tre anni dopo, sullo stesso argomento. Se non altro, a questo punto, consola il fatto di poter tornare a farlo insieme. Marco non è solo uno scrittore che rispetto profondamente, ma anche un grande amico che mi ha molto aiutato a capire come funzionino certe cose in Internet.

Massimo Mazzucco


VEDI ANCHE: "Il buio degli eroi", articolo scritto in occasione della prima strage di Nassirya.

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Merimange
Inviato: 6/6/2006 8:33  Aggiornato: 6/6/2006 8:33
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/6/2006
Da: Roma
Inviati: 117
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
E' chiaro che se realmente si volesse,i soldati si potrebbero far partire in pochi giorni(Zapatero docet),come del resto è chiaro che anche per quanto riguarda i tempi tecnici del ritiro Prodi è costretto a fare i salti mortali per rispettare gli equlibri estremamente sottili che esistono all'interno di una coalizione manifestamente troppo eterogenea.Penso che ormai tutti si possa convenire che a distanza di tre anni l'lraq è un paese fuori controllo,e quella che doveva essere una passeggiata per gli Americani in realtà gli è completamente sfuggita di mano.E' pacifico che gli attentati in sequenza contro il nostro contingente non sono altro che uno strumento di pressione per il nostro nuovo governo ad andarcene il prima possibile,e un chiaro messaggio che più a lungo rimarremo lì,più elevate sono le possibilità che questi attacchi in sequenza si ripetano.A questo punto credo che sia anche giusto che chi raccontando balle ha dato il via a questo casino(il caro vecchio Bushino,sempre lui!)adesso si preoccupi DA SOLO di provare a rimettere insieme i cocci,se ci riesce.
Quello che nessuno si è ancora premurato di spiegarci,almeno in via ufficiale,è la presenza di 30000(trentamila)fra personale civile,ingegneri,dipendenti di società di sicurezza e quantaltro delle più svariate nazioni,anche italiani,ma per lo più statunitensi,che bazzicano ogni giorno sul territorio iracheno a fare non si sa bene cosa(ricostruzione?pozzi petroliferi?prendono il sole?zappano la terra?).Credo che cercare di capire bene cosa REALMENTE succede in Iraq,al di là della cronaca da mattatoi dei telegiornali,sarebbe realmente interessante,anche per smascherare quello che è un altro gigantesco inganno dei nostri tempi,cioè la guerra ai dittatori e al terrorismo per il bene di tutti(?!)e per la difesa della libertà,come dice Bushino,e qualcun altro più vicino a noi che con della libertà ne vorrebbe fare addirittura un partito...

vulcan
Inviato: 6/6/2006 8:44  Aggiornato: 6/6/2006 8:44
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
Quello iracheno è ormai un tunnel senza uscita, vera cartina di tornasole di una malaugurata operazione militare che sta trasmutando in un fallimento totale.


Aldilà di ogni ragionevole dubbio e di posizione ideologica di parte, credo che ormai sia evidente anche ai sostenitori di questa iniziativa scellerata che la missione in Iraq abbia rivelato il suo vero volto.
Ogni bara Italiana che si aggiunge è semplicemente un promemoria in più in questa direzione.
Naturalmente anche di fronte a questa evidenza i più ostinati continuano a sostenere che tutto ciò va messo in conto e che un soldato in quanto tale può anche morire!

Normalmente questo però succede in guerra per l’appunto…!

Le scelte di politica internazionale di questi ultimi tre anni, hanno definitivamente fatto perdere a tutti gli Italiani indistintamente.. l’illusione di una Italia disincantata che porge la mano agli altri popoli…

…forse pura utopia la mia e quella di tanti altri …pura retorica e pura utopia anche di quella assemblea che in un periodo non lontano forgiò la nostra costituzione…

…e di cui qualcuno ha fatto molto presto a dimenticare.

E’ inevitabile, tutto questo porterà a una condizione traumatica e conflittuale la storia dell’Italia a venire!

Saluti Cedolin

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
andry
Inviato: 6/6/2006 8:55  Aggiornato: 6/6/2006 8:55
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: put de zana
Inviati: 438
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
finchè non ci tireremo fuori da questo schifo di guerra illegittima e continueremo a fare i lecchini dell'amministrazione bush questi saranno gli inevitabili risultati.. non stiamo a scandallizzarci,e un teatro di guerra e d anche inutile bollare le iniziative dei RESISTENTI con il solito bollo di TERRORISTI... non è cosi e lo sappiamo tutti... se il govero prodi fosse serio il giorno dopo l'insediamento avrebbe già ordinato il ritiro delle truppe... in iraq la sola presenza americana occidentale provoca disordine e anarchia..

il baglio

the shock must go on...
fiammifero
Inviato: 6/6/2006 9:04  Aggiornato: 6/6/2006 9:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/2/2005
Da: ROMA
Inviati: 5691
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Cosa significa tempi tecnici?
E' un'altro eufemismo per Il mercato nero dell’oro neroOSSIA TRAFFICO DI PETROLIO o per l'aggiudicazione di APPALTI ?

Citazione:
le cose di cui ci sentiamo assolutamente certi non sono mai vere (Oscar Wilde)
pseudoTale
Inviato: 6/6/2006 9:32  Aggiornato: 6/6/2006 9:32
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 451
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
i tempi politici italiani sono quelli che sono.
io ho sentito con queste mie orecchie che entro ottobre saremo fuori.
e l'ho sentito dire dal Presidente del Consiglio e dal Ministro degli Esteri.
ora, stiamogli pure addosso, che è sempre cosa buona e giusta.
ma, insomma, io non dimentico che fino a due mesi fa a Palazzo Chigi c'era l'amico di George, alla Farnesina l'ineffabile Fini e al governo una coalizione di volenterosi sudditi dell'Amministrazione Bush.
ora c'è gente che dice apertamente che la guerra è stato un tragico errore, che il contingente italiano non lo avrebbe mandato e che sta esaminando (seriamente?) questi benedetti tempi tecnici per il ritiro...
non ce n'è abbastanza per provare un minimo di sollievo?
non voglio fare la figura dell'ingenuo.
ma insomma.
ho BISOGNO di dare un po' di fiducia a questo Governo.
sennò mi vien da piangere.

felice
Inviato: 6/6/2006 9:34  Aggiornato: 6/6/2006 9:34
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/3/2006
Da: Parma
Inviati: 759
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
la fiducia é una cosa seria!!!

Ma Zapatero non ha mica fatto tanto il tecnico!

Solo col governo di sinistra possono passare SORDIDE e SILENTI le riforme di destra. Il SOLE é storto! Sento di navigare su una nave tarmata. Le tarme sono tante che la nave sulla quale viaggio é destinata a risolversi consumata nel fuoco delle GUERRE.
Satirus
Inviato: 6/6/2006 9:40  Aggiornato: 6/6/2006 9:46
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/4/2006
Da: Luogocomune
Inviati: 511
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Massimo, ma come non capisci!? I tempi tecnici sono quelli necessari a cucire tutti i tricolori.
E poi non siate impazienti mica si possono sovrapporre altri eventi ai mondiali di calcio.




N.B. Per i soliti sensibili, qui non si stanno prendendo in giro i soldati, tutto il contrario, io rimango convinto che il soldato, perfino un furfante matricolato, è sempre la prima vittima, anche quando riesce a non morire (temporaneamente).

Redazione
Inviato: 6/6/2006 9:43  Aggiornato: 6/6/2006 9:43
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
SATIRUS. D'accordo al mille per cento. Se proporio non hai niente di meglio da fare, leggi "Il buio degli eroi" (in coda all'articolo).

razor
Inviato: 6/6/2006 9:46  Aggiornato: 6/6/2006 9:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/7/2005
Da:
Inviati: 287
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Il ritiro dall'Iraq è stato uno dei punti di forza del programma dell'ulivo, vedremo.

Sono molto curioso di vedere come se la cavano con la TAV, non mi stupirei di vedere le stesse scene di qualche mese fa.

Max_Piano
Inviato: 6/6/2006 9:46  Aggiornato: 6/6/2006 9:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
io ho sentito con queste mie orecchie che entro ottobre saremo fuori e l'ho sentito dire dal Presidente del Consiglio e dal Ministro degli Esteri.


Vero : sia Berlusconi che Fini lo hanno detto più volte : entro l'anno via dall'Irak !



o ti riferisci a Prodi e Dalema ?

Citazione:
ma, insomma, io non dimentico che fino a due mesi fa a Palazzo Chigi c'era l'amico di George, alla Farnesina l'ineffabile Fini


Ora invece abbiamo Compagno Dalema : l'amico di Bill - the bill - Clinton : lo scaltro stratega dell'operazione Allegri Balcani !

Citazione:
ora c'è gente che dice apertamente che la guerra è stato un tragico errore


anche berlusconi lo disse ! ma fu il primo !

Citazione:
non ce n'è abbastanza per provare un minimo di sollievo?


direi di si ... basta non pensare al fatto che nella migliore delle ipotesi abbandoneremmo il paese alla guerra civile ed al traffico d'armi !

Citazione:
ma insomma.
ho BISOGNO di dare un po' di fiducia a questo Governo.


Hai ragione ! Dai ! Tutti insieme : "Viva il buon Governo di Centro-Sinistra !"


felice
Inviato: 6/6/2006 9:56  Aggiornato: 6/6/2006 9:56
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/3/2006
Da: Parma
Inviati: 759
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
a Bologna abbiamo un sindaco comiunista che ha sempre consumato la poltrona per la difesa degli operai e, non ha dato i soldi agli operai e combatte accanitamente la criminalità di chi occupa un appartaemto e non non si cura minimamente della rampante criminalità finanziaria.
Fe

Solo col governo di sinistra possono passare SORDIDE e SILENTI le riforme di destra. Il SOLE é storto! Sento di navigare su una nave tarmata. Le tarme sono tante che la nave sulla quale viaggio é destinata a risolversi consumata nel fuoco delle GUERRE.
pseudoTale
Inviato: 6/6/2006 10:10  Aggiornato: 6/6/2006 10:10
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 451
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
amico mio,

io ho vissuto in Italia negli ultimi 5 anni.
la "cricca" l'ho vista in azione.
il gioco che tanto sono tutti uguali non mi diverte più, la logica del tanto peggio tanto meglio non mi appassiona.
se sto rischiando di annegare, mi aggrappo a qualunque cosa trovo a portata di mano.
se l'unico appiglio è il governo di centro-sinistra, mi aggrappo a quello.
spiacente ma andare a fondo non è tra i miei hobby preferiti.
tu chiamalo, se vuoi, istinto di conservazione.

mancio
Inviato: 6/6/2006 10:17  Aggiornato: 6/6/2006 10:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 54
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
"Tempi tecnici" significa che potremmo andarcene quando andrà bene a ggiorge dabbliu b u s h, null'altro.

Purtroppo in una operazione militare mascherata da operazione di pace (come si fa a portare la pace con i carri armati ancora lo devo capire...) il costo in vite umane è da mettere in conto.


...il problema maggiore per il mondo è che le persone intelligenti sono piene di dubbi, mentre gli stupidi sono strasicuri di se.
felice
Inviato: 6/6/2006 10:23  Aggiornato: 6/6/2006 10:23
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/3/2006
Da: Parma
Inviati: 759
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
x pseudoTale

dico che il governo di centro sinistra é stato voluto dalla confindustria perché solo col centro sinistra passano le riforme contro gli operai che mai passerebbero con la destra.

Ti stai attaccando, sperando alla giusta sopravvivenza, a uno squalo traditore e affamato.
Fe

Solo col governo di sinistra possono passare SORDIDE e SILENTI le riforme di destra. Il SOLE é storto! Sento di navigare su una nave tarmata. Le tarme sono tante che la nave sulla quale viaggio é destinata a risolversi consumata nel fuoco delle GUERRE.
vernavideo
Inviato: 6/6/2006 10:23  Aggiornato: 6/6/2006 10:24
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/3/2006
Da: Lussemburgo
Inviati: 1200
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Non capisco l'ipocrisia di dalema e di tutto l'esecutivo quando affermano che sono morti in missione di pace. Io su tutti i giornali ho letto che il convoglio e' passato su un ordigno mentre stavano scortando un convoglio armato britannico, mica costruendo un ospedale...

Ciao,
Stefano

Ogni critica circostanziata e tecnicamente pertinente sarà utile a tutti per capire meglio i termini della questione
felice
Inviato: 6/6/2006 10:25  Aggiornato: 6/6/2006 10:25
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/3/2006
Da: Parma
Inviati: 759
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
x vernavideo

quello che non capisc io é come fai ancora a cercare di capire D'Alema!!!

Te lo dico: D'Alema si é travestito da comunista ma i comunisti non se ne sono mai accorti.
Fe

Solo col governo di sinistra possono passare SORDIDE e SILENTI le riforme di destra. Il SOLE é storto! Sento di navigare su una nave tarmata. Le tarme sono tante che la nave sulla quale viaggio é destinata a risolversi consumata nel fuoco delle GUERRE.
VERITASER
Inviato: 6/6/2006 10:26  Aggiornato: 6/6/2006 10:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/5/2006
Da: luogo sconosciuto
Inviati: 31
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
ci sara' un altro attentato simile in modo da far restare noi italiani li'..aspettiamo che il mondiale finisca poi nessuno si ricordera' del ritiro..lo vince la germania l'italia sara' fuori nemmeno tra le prime...e' gia tutto scritto noi siamo in matrix ma non lo sappiamo..asimov insegna..

sapete xche il cane e' il migliore amico di un uomo?noooo?perche non e' un uomo ciao a tutti
godog
Inviato: 6/6/2006 10:27  Aggiornato: 6/6/2006 10:27
So tutto
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 21
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Non vorrei fare la voce fuori dal coro, però... certo mi dispiace umanamente per la morte dei nostri soldati, (in fondo sono dei ragazzi...), ma a loro non l'ha imposto nessuno di andare in Iraq! Da quando il servizio militare non è più obbligatorio ( e comunque anche prima) in certi posti ci vai solo se sei volontario e per me essere volontario vuol semplicemente dire che sei consapevole anche dei rischi che vai a correre. E' fuori discussione che in Iraq, (come del resto in tutte le altre guerre dove ci siamo andati ad infilare) NON CI DOVEVAMO ASSOLUTAMENTE ANDARE! Ma visto che ci siamo andati per favore non mi fate piangere le nostre vittime dopo quello che succede in Iraq (vedi strage fatta dagli Americani tanto per citarne una), oppure crediamo ancora alla storiella Italiani brava gente? Il video della battaglia dei ponti di Nassirya non dice niente?.. A gli occhi degli Iracheni le nostre divise sono ne più nè meno divise occupanti tale e quali a quelle Americane quindi....
Comunque di una cosa sono sicuro.. non vorrei esseri lì, quando, con estrema probabilità verrà attaccato l'IRAN!
Meglio disoccupato che occupato a fare il soldato!

GODOG
vernavideo
Inviato: 6/6/2006 10:28  Aggiornato: 6/6/2006 10:29
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/3/2006
Da: Lussemburgo
Inviati: 1200
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
leggi "Il buio degli eroi" (in coda all'articolo).


Letto!

Miiii, in quell'a rticolo non c'e' neanche un commento, quelli si' che erano bei tempi!

Ciao,
Stefano

Ogni critica circostanziata e tecnicamente pertinente sarà utile a tutti per capire meglio i termini della questione
vernavideo
Inviato: 6/6/2006 10:31  Aggiornato: 6/6/2006 10:31
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/3/2006
Da: Lussemburgo
Inviati: 1200
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
quello che non capisc io é come fai ancora a cercare di capire D'Alema!!!


Felice, la mia era un uscita ironica. Dalema lo capisco bene, e' il popolo italiano che prooprio non capiscio..............

Ciao,
Stefano

Ogni critica circostanziata e tecnicamente pertinente sarà utile a tutti per capire meglio i termini della questione
VERITASER
Inviato: 6/6/2006 10:33  Aggiornato: 6/6/2006 10:33
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/5/2006
Da: luogo sconosciuto
Inviati: 31
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
godog molti ci vanno in gierra perche' li pagano di piu' sperano nopn gli succeda nulla stessa cosa in america vengono presi i ragazzi dei quartieri poveri dei sobborghi gli afroamericani gli aspanoamericani povera gente che vuole vivere e far vivere le proprie famiglie(mi rifresco agli americani).noi ci andiamo x soldi ne so qualcosa nella prima querra del golfo ero all'ospedale militare e i ragazzi che arrivavano da li' mi raccontavano dell'uranio impoverito dei soldi presi ecc.quindi sono d'accordo sono soldati e volontari...

sapete xche il cane e' il migliore amico di un uomo?noooo?perche non e' un uomo ciao a tutti
felice
Inviato: 6/6/2006 10:34  Aggiornato: 6/6/2006 10:34
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/3/2006
Da: Parma
Inviati: 759
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
x vernavideo

Grzie. Ero preoccupato!

Solo col governo di sinistra possono passare SORDIDE e SILENTI le riforme di destra. Il SOLE é storto! Sento di navigare su una nave tarmata. Le tarme sono tante che la nave sulla quale viaggio é destinata a risolversi consumata nel fuoco delle GUERRE.
vernavideo
Inviato: 6/6/2006 10:38  Aggiornato: 6/6/2006 10:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/3/2006
Da: Lussemburgo
Inviati: 1200
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
Grzie. Ero preoccupato!


LOL,
Stefano

Ogni critica circostanziata e tecnicamente pertinente sarà utile a tutti per capire meglio i termini della questione
godog
Inviato: 6/6/2006 10:46  Aggiornato: 6/6/2006 10:46
So tutto
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 21
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
... ai miei tempi... c'era la guerra in Libano, io ero militare (la naia era obbligatoria) e mi ricordo benissimo ancora quella notte in cui ci svegliarono tutti di corsa per partire per il Libano!. Gente che sveniva, alcuni ragazzi che si fecero male apposta per evitare la partenza, io che sinceramente e veramente mi stavo cacando addosso! Tutto questo durò qualche ora ( maledetti loro era solo un'esercitazione!) ma il ricordo è ancora ben stampato nella mia testa ( parlo di 23 anni fà!). Quello che voglio dire è che ora, prima di andare in IRAQ una persona deve VOLONTARIAMENTE andare a fare il soldato e quindi comunque accetta per principio le regole del gioco belle o brutte che siano. Ripeto mi dispiace, ma le lacrime mi vengono se vedo ciò che hanno fatto a Fallujia ad Abu Graib ai bambini Iracheni, alle donne Irachene agli uomini Iracheni, donne bambini e uomini colpevoli solo di vivere sul pozzo di petrolio...

GODOG
andry
Inviato: 6/6/2006 10:55  Aggiornato: 6/6/2006 10:55
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: put de zana
Inviati: 438
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
"Quello che voglio dire è che ora, prima di andare in IRAQ una persona deve VOLONTARIAMENTE andare a fare il soldato e quindi comunque accetta per principio le regole "

sottosrivo in pieno quello che dici.. può sembrare un pò cinico come discorso ma anche io le lacrime preferisco versarle per altri...

il baglio

the shock must go on...
Krya
Inviato: 6/6/2006 10:57  Aggiornato: 6/6/2006 10:57
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/8/2005
Da: Toscana
Inviati: 438
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Non innesco polemiche, lungi da me e sapete pure come la penso, qualche post l'ho pure scritto credo....
Ma forse vi sfugge un piccolo particolare, piccolo piccolo, non è stato ancora reso definitivo il risultato finale delle elezioni, sembra nulla, ma nulla non è.

Non è una diifesa di chi è ora alla mangiatoia, ho pure un'allergia al prodi, ma non è possibile solo e soltanto sparare a zero su tutto e su tutti, per quanto mi riguarda ho pure problemi personali con D'Alema pensa te, ma non dimentichiamoci che chi ha lasciato, non ha ancora lasciato le speranze, e stà artigliato ad amici e parenti come una zecca.

C'è solo la sentenza non definitiva della Cassazione.

Lo sò che siamo contro i partiti, il voto etc etc, ma poi con questi dobbiamo fare i conti per realizzare alcune cose o possiamo farne a meno?

Riccardo

Ci sono crimini peggiori del bruciare libri, uno di questi è non leggerli. (brodsky)
Redazione
Inviato: 6/6/2006 10:59  Aggiornato: 6/6/2006 11:01
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
GODOG: Verissimo quello che tu dici. "una persona deve volontariamente andare a fare il soldato", non ci piove. Pensa però a COME avviene quella scelta: quanta ignoranza c'è, da una parte, e quanta malafede c'è, dall'altra, per approfittarsene raccontandogli chissà cosa? Mica sono ragazzi "allenati" su luogocomune, quelli.

Qui in America orrmai stanno rastrellando le scuole superiori, per cercare qualche ragazzino da aggiungere a quei disgraziati giù in Iraq, che sono letteralmente stremati, e non sai che cosa gil raccontano, pur di convincerli... manco nei film senti quelle cose.

LaoTzu
Inviato: 6/6/2006 11:02  Aggiornato: 6/6/2006 11:09
Mi sento vacillare
Iscritto: 1/2/2006
Da: Prefettura di Ku stato di Chu provincia di Henan o forse Gouyang in Anhui o forse ...
Inviati: 672
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
X Massimo ... riletto ... l'avevo letto a suo tempo ed avevo quasi somatizzato quel che avevi scritto, credo di aver sentito esattamente quel che volevi trasmettere, un pezzo di poesia tragica ... non credo che riuscirai a tirare fuori qualcosa di Luogocomune che non abbia già letto Maxuccone!

Andry e Godog ... il problema è che anche i soldati volontari, sono vittime, molto più vittime di quelli che non ci vanno , avete mai sentito parlare di manipolazione mentale!? Avete sentito parlare che è particolarmente efficace sulle "menti fragili" sugli "ingenui" sui "semplici" e sulle "persone generose fino al sacrficio" pensate che queste siano menti libere capaci di libero arbitrio!?

'azz mi sono tradito

Sto quieto a non far nulla, arriva la primavera e l'erba cresce rigogliosa.
FOTO
andry
Inviato: 6/6/2006 11:02  Aggiornato: 6/6/2006 11:02
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: put de zana
Inviati: 438
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
il problema è proprio questo... ed agginge un ulteriore elemento infamante alla dinamica e alla meccanismo di guerra..

il baglio

the shock must go on...
Ultimo86
Inviato: 6/6/2006 11:04  Aggiornato: 6/6/2006 11:04
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/9/2005
Da: Campania
Inviati: 68
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Subito via dall'Iraq, teatro di guerra. Non di pace.

Il viaggio è finito.
E l'isola che non c'è
non c'era.

Peter Pan
Ultimo86
Inviato: 6/6/2006 11:09  Aggiornato: 6/6/2006 11:09
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/9/2005
Da: Campania
Inviati: 68
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Del resto continuo a non capire perchè gli iracheni dovrebbero vederci come salvatori e non come occupanti, dopo tutti i crimini di guerra che gli americani, ma non solo, hanno consumato nel loro paese. Seguendo la logica folle che considera un terrorista chiunque ostacoli le forze alleate stanziate in Iraq, dovremmo considerare forse terroristi anche i partigiani che lottavano contro l'occupazione tedesca?

P.S: È un accostamento volutamente paradossale.

Il viaggio è finito.
E l'isola che non c'è
non c'era.

Peter Pan
Nico
Inviato: 6/6/2006 11:10  Aggiornato: 6/6/2006 11:10
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/8/2005
Da: Biella
Inviati: 42
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Felice: Citazione:
dico che il governo di centro sinistra é stato voluto dalla confindustria perché solo col centro sinistra passano le riforme contro gli operai che mai passerebbero con la destra.


Quoto in pieno.

Per chi ha fiducia nel centro sinistra Articolo di Blondet

Saluti e libertà.
Nico

Citazione:
In tempi di menzogna universale, dire la verità diventa un atto rivoluzionario. (George Orwell)
Satirus
Inviato: 6/6/2006 11:21  Aggiornato: 6/6/2006 11:28
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/4/2006
Da: Luogocomune
Inviati: 511
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
E' anche vero che bisogna avere l'onestà intellettuale del fattore "Codice d'Onore", ossia il soldato che muore (in tutte le guerre), rambo, illuso, sadico, masochista, sviato, accidentale ... è quello che poi ci permette di tenere il "culo al caldo".
Prima di tutto chinarsi in senso di profondo rispetto, che se lui muore per una piccolissima parte è anche colpa nostra.

Immagini di guerra.








Scusatemi un attacco di vanità berlusconiensis

pseudoTale
Inviato: 6/6/2006 11:24  Aggiornato: 6/6/2006 11:24
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 451
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
x Fe

dico che il centro-sinistra potrebbe essere stato voluto persino da Belzebù in persona ma io continuo a preferirlo a un Berlusconi Bis o a un Berlusconi al Quirinale, a Marcello Pera, a Renato Schifani, a Claudio Scajola, a Sandro Bondi, a Ignazio La Russa, a Gianfranco Fini, a Roberto Castelli e compagnia cagando...

e poi, ragazzi, io sono un vecchio anarchico .
sto facendo una fatica della madonna a entrare in 'sta parte qua.
almeno non mi fate i predicozzi....
fino a che la Destra italiana (e quella americana) non sarà evoluta ad uno stadio umanamente accettabile, io continuerò a votare massicciamente, decisamente e testardamente CONTRO!
e voi, per favore, non fate le verginelle dure e pure.
che non ce lo possiamo permettere...

godog
Inviato: 6/6/2006 11:26  Aggiornato: 6/6/2006 11:26
So tutto
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 21
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
citaz. dovremmo considerare forse terroristi anche i partigiani che lottavano contro l'occupazione tedesca?


P.S: È un accostamento volutamente paradossale. (neanche tanto)

Quoto in pieno!...

Per Massimo, sono d'accordo con te sul fatto che tantissimi ragazzi scelgono il servizio militare per necessità e/o per ignoranza o perchè subdolamente incentivati a farlo.
Allora facciamo un discorso più generale, cos'è che spinge tanti ragazzi a scegliere il servizio militare, analizziamo perchè le donne si sentano in necessità di seguire l'uomo nella carriera militare, è solo bisogno di soldi? è ignoranza? o cosa.
Forse i soldati del Terzo Reich erano tutti fanatici ignoranti ? Oppure i fascisti, i ragazzi di Salò?.. ecc. ecc. (... forse non calza molto come paragone...?) Ma se ero a quei tempi vai sicuro che gli avrei sparato con estrema gioia!

Ho un figlio piccolo che, state sicuri, primo di mandarlo a fare il soldato (con la possibilità di uccidere o di farsi uccidere) gli insegno a rubare!!!


GODOG
Cassandra
Inviato: 6/6/2006 11:31  Aggiornato: 7/6/2006 8:40
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/5/2006
Da:
Inviati: 1551
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Il motivo per cui siamo a Nassrya si chiama "Basra Light".
I tempi tecnici sono quelli da concordare con l'ENI e con noialtri che vogliamo la benzina a meno di 1 euro e mezzo per andare al mare quest'estate.

Quanto agli USA, stanno mandando in guerra anche gli eschimesi: link
La guerra all'Iran sarà impossibile senza coscrizione obbligatoria.

(PseudoTale, mi ricordi tanto qualcuno... che comincia con "S")

"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)
Satirus
Inviato: 6/6/2006 11:31  Aggiornato: 6/6/2006 12:46
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/4/2006
Da: Luogocomune
Inviati: 511
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
Ma se ero a quei tempi vai sicuro che gli avrei sparato con estrema gioia!


Vedi ... ti sembrerà strano ... ma molti soldati sono come te ... datemi un nemico cattivo ...

Mio nonno è morto, convinto che gli austriaci non fossero come gli altri uomini, diceva che erano cattivi, che sparavano anche su quelli che raccoglievano i feriti, invece loro no.
Mio nonno era un ortolano, pacifico come Ghandi, non ha mai avuto un alterco con nessuno, ma in guerra è diventato sergente maggiore per atti di eroismo ... ... tra le altre cose non hai mai creduto all'uomo sulla luna

Non cercate il colpevole fra i soldati cercate fra i soldi!



godog
Inviato: 6/6/2006 11:38  Aggiornato: 6/6/2006 11:38
So tutto
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 21
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
Vedi ... ti sembrerà strano ... ma molti soldati sono come te ... datemi un nemico cattivo ...



satirus, scusami ma non ho capito che vuoi dire.

GODOG
cherubino
Inviato: 6/6/2006 11:41  Aggiornato: 6/6/2006 11:41
Mi sento vacillare
Iscritto: 1/6/2006
Da: Haute-Normandie
Inviati: 430
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Ma pensateci, che senso ha andare via dall'Iraq se fra qualche mese torneremo di nuovo da quelle parti?
E' meglio attendere per poi trasferirsi direttamente in IRAN !

rumenta
Inviato: 6/6/2006 11:43  Aggiornato: 6/6/2006 11:43
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2006
Da: Repubblica di Genova
Inviati: 801
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Ultimo86:
Citazione:
dovremmo considerare forse terroristi anche i partigiani che lottavano contro l'occupazione tedesca?


i tedeschi li consideravano tali.
la francia, ad esempio, firmò un armistizio, e le ostilità (tutte) avrebbero dovuto cessare.
in un caso come quello, se non sbaglio, pure le convenzioni internazionali ammettevano il diritto di rappresaglia.

il confine purtroppo è abbastanza labile, e dipende in gran parte dalla prospettiva di chi guarda.
prova a pensare se una parte di tedeschi, dopo la capitolazione del '45, avessero continuato a combattere una guerra partigiana non avendo riconosciuto la loro condizione di sconfitti.... proprio come in francia.
secondo te come li avremmo considerati??
terroristi o combattenti per la libertà del proprio paese??



"La verità dev'essere brutale, violenta, armata ed arrabbiata. Altrimenti soccombe."
Kolza
Inviato: 6/6/2006 11:43  Aggiornato: 6/6/2006 11:50
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/6/2004
Da: MMMMMMonza
Inviati: 916
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
X CASSANDRA
Che noi si sia in Iraq (a Nassyria) per tutelare l'ENI e i suoi contratti con Saddam (garantendone la continuità con l'attuale governo irakeno), questo è solare. Per la benzina a meno di 1,5 euro/litro non ci giurerei. L'ENI non è più quella di Enrico Mattei (morto nel lontano 1962): se le 7 Sorelle dicono il prezzo, il cane a 6 zampe si adegua. E noi ne patiamo le conseguenze.

X TUTTI
Solo pinocchi ben prezzolati (Magdi Allam in primis) possono dire che noi siamo là esclusivamente per la pace. Se qualcuno ribatte che ora l'Iraq è un paese libero, visto che c'è una risoluzione ONU, bisogna rispondergli che pure all'ONU per 20 e più anni Taiwan sedette al Consiglio di Sicurezza dell'ONU come rappresentante della Cina (con diritto di veto). Vi lascio immaginare la reazione di Pechino...
Questo per dire quanto USA e soci tengano in considerazione il diritto internazionale (da loro bellamente violato per anni e anni).

Saludos
Kolza

vernavideo
Inviato: 6/6/2006 11:54  Aggiornato: 6/6/2006 11:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/3/2006
Da: Lussemburgo
Inviati: 1200
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
E' anche vero che bisogna avere l'onestà intellettuale del fattore "Codice d'Onore", ossia il soldato che muore (in tutte le guerre), rambo, illuso, sadico, masochista, sviato, accidentale ... è quello che poi ci permette di tenere il "culo al caldo".


Satirus,
Credo che in questo caso il nostro culo sarebbe molto + al caldo senza i nostri militari laggiu', visto che la loro presenza aumenta in modo esponenziale il rischi di attentati in patria....

Ne approfitto anche per congratularmi per le tue eccellenti vignette.

Ciao,
Stefano

Ogni critica circostanziata e tecnicamente pertinente sarà utile a tutti per capire meglio i termini della questione
Satirus
Inviato: 6/6/2006 11:54  Aggiornato: 6/6/2006 11:56
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/4/2006
Da: Luogocomune
Inviati: 511
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Godog se non hai capito ... non posso essere più chiaro.

Comunque ragazzi mentre stavamo qui a ridere e scherzare cianciando di guerre morti e feriti .... si è consumato il taglio di Mara Venier dalla conduzione di Domenica In!

x Verna ... su questa guerra sono d'accordissimissimissimo con te, mi riferivo ai soldati di altre guerre e altri servizi.

godog
Inviato: 6/6/2006 11:57  Aggiornato: 6/6/2006 11:57
So tutto
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 21
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
il confine purtroppo è abbastanza labile, e dipende in gran parte dalla prospettiva di chi guarda.


rumenta ! ma di cosa stai parlando? la libertà del loro paese? ma la II° guerra mondiale l'hanno scatenata loro oppure ho letto dei libri di storia diversi dai tuoi? Cosa dovevano fare gli alleati mettersi ai confini della Germania e chiedere loro gentilmente di smettere? Qui davvero mi pare che il paragone sia veramente pisciato fuori dal vaso.. scusa eh!

GODOG
nettunio
Inviato: 6/6/2006 11:58  Aggiornato: 6/6/2006 11:58
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/5/2006
Da: dall'Isola nell'Isola
Inviati: 227
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Sentite condoglianze alla famiglia del caporalmaggiore Alessandro Pibiri.

Finzas a candu non biti su santu, non creiti a sa festa!!
Nico
Inviato: 6/6/2006 12:00  Aggiornato: 6/6/2006 12:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/8/2005
Da: Biella
Inviati: 42
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Pseudo Tale: Citazione:
fino a che la Destra italiana (e quella americana) non sarà evoluta ad uno stadio umanamente accettabile, io continuerò a votare massicciamente, decisamente e testardamente CONTRO!


Secondo me non è che il così detto centro sinistra sia umanamente più accettabile, è solo più subdolo nel nascondere il fatto che sia l' altra faccia della stessa medaglia. Di umano c'è ben poco.
Se sei convinto che votare CONTRO a qualcuno serva a QUALCOSA..... per carità, ma sarai obbligato a chiudere gli occhi più volte nell'arco della legislatura.

Saluti e libertà.
Nico

Citazione:
In tempi di menzogna universale, dire la verità diventa un atto rivoluzionario. (George Orwell)
Cinqui
Inviato: 6/6/2006 12:03  Aggiornato: 6/6/2006 12:04
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/3/2006
Da:
Inviati: 227
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
andiamo in iran???
con quali soldi?
e gli aericani ci vanno con quali uomini?faranno fare i pendolari ai soldati?hanno il teletrasporto?

una cosa, però, vorrei dire: non credo sia il caso di mettere a confronto la batt. degli n ponti, con una falluja (o come cavolo si scrive)...
perchè nel primo caso, è vero che pure i nostri han sparato contro civili, ma non credo che siano andati a cercarli con lanternino in giro per la città...
mentre nel secondo caso, c'era qualcun'altro che sull atesta dei civili,ha fatto piovere l'inferno, senza preoccuparsi più di tanto di chi stava sotto...

i nostri non credo si mettano a tirare con l'artiglieria in mezzo alla città....anche perchè non ci sono soldi per comprare i proiettili, quindi...

"Una bella donna non è colei di cui si lodano le gambe o le braccia, ma quella la cui bellezza complessiva è tale da togliere la possibilità di ammirare le singole parti..." - Seneca - .
andry
Inviato: 6/6/2006 12:23  Aggiornato: 6/6/2006 12:23
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: put de zana
Inviati: 438
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
"non credo sia il caso di mettere a confronto la batt. degli n ponti, con una falluja (o come cavolo si scrive)..."

ciao cinqui.. non mi trovo d'accordo con te.. anche nei video della battaglia dei ponti sono stati documentati crimini di guerra dei "nostri" soldati,perche di fatto fu cannoneggiata la città dove inevtitabilmente c'erano civili,e non furono prese solo postazioni militari.. quando nel video un soldati dice che "hanno scatenato l'inferno" cosa credi vorrebbe dire?..
sono d'accordo nel dire che falluja è di una garvità inaudita,ma tenderei a non escludre il confronto...

il baglio

the shock must go on...
godog
Inviato: 6/6/2006 12:26  Aggiornato: 6/6/2006 12:26
So tutto
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 21
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
... no i nostri soldati sono meglio degli altri, perchè noi il nemico (vedi civili inermi) non l'uccidiamo,....... " lo annichiliamo".
Siamo fantastici!

GODOG
PathFinder
Inviato: 6/6/2006 12:28  Aggiornato: 6/6/2006 12:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/2/2005
Da: Napoli
Inviati: 248
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Cinqui

ad essere lievemente pessimisti in iran ci andremo.
Basterà un bell'attentato tipo quello che i servizi israeliani dicono avverrà durante i mondiali.
Troveranno il solito passaporto questa volta iraniano e via con una bella coalizione ad far fuori il mussulmano cattivo.

Non è la via che è difficile, è il difficile che è la via.
rumenta
Inviato: 6/6/2006 12:29  Aggiornato: 6/6/2006 12:29
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2006
Da: Repubblica di Genova
Inviati: 801
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
tranquillo, la storia l'abbiamo letta sugli stessi libri.

Citazione:
Cosa dovevano fare gli alleati mettersi ai confini della Germania e chiedere loro gentilmente di smettere?


all'inizio hanno fatto proprio questo, passando sopra al riarmo tedesco, alla rimilitarizzazione del confine franco-tedesco, all'anschluss e poi consentendo lo smembramento della cecoslovacchia.
bastava fare la faccia dura subito e forse (ma solo forse) la guerra non sarebbe scoppiata.
c'è chi dice pure che DOVEVA scoppiare..... ma questo è un altro discorso....

Citazione:
ma la II° guerra mondiale l'hanno scatenata loro


anche se la guerra l'hanno scatenata loro e sono stati sconfitti, nulla avrebbe impedito alle frange estremiste di continuare a combattere una guerra partigiana.
dalla loro prospettiva sarebbe stato perfettamente legittimo, come lo è stato per i francesi.

considera cosa sta accadendo in iraq oggi.
per gli americani, che hanno vinto la guerra, è logico considerare gli iracheni terroristi.
se invece consideri gli americani come invasori allora è altrettanto logico considerarli partigiani.

il mio non è un giudizio di merito, non sto facendo questioni sulla legittimità delle azioni degli iracheni, quindi non credo di sbagliare quando affermo che è solo un problema di prospettiva....

che poi queste azioni "partigiane" siano funzionali alle ragioni di una sola delle parti è una cosa che dovrebbe far pensare, non credi??



"La verità dev'essere brutale, violenta, armata ed arrabbiata. Altrimenti soccombe."
Cinqui
Inviato: 6/6/2006 12:37  Aggiornato: 6/6/2006 12:37
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/3/2006
Da:
Inviati: 227
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
in che video canneggi...ops..cannoneggiano la città? perchè allora mi è sfuggito...
anzi, vi domando:
ho visto uno spezzone di un video, con riprese fate dall'interno di un VM...qualcuno lo ha mai visto per caso?

"Una bella donna non è colei di cui si lodano le gambe o le braccia, ma quella la cui bellezza complessiva è tale da togliere la possibilità di ammirare le singole parti..." - Seneca - .
Cinqui
Inviato: 6/6/2006 12:39  Aggiornato: 6/6/2006 12:39
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/3/2006
Da:
Inviati: 227
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
... no i nostri soldati sono meglio degli altri, perchè noi il nemico (vedi civili inermi) non l'uccidiamo,....... " lo annichiliamo".


ma che video avete visto voi?perchè sinceramente non si capiva nemmeno se fosse una persona quelo acui sparavano...anzi, sapendo che erano carrubi, poteva essere anche una capra...scherzo

"Una bella donna non è colei di cui si lodano le gambe o le braccia, ma quella la cui bellezza complessiva è tale da togliere la possibilità di ammirare le singole parti..." - Seneca - .
godog
Inviato: 6/6/2006 12:40  Aggiornato: 6/6/2006 12:40
So tutto
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 21
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
all'inizio hanno fatto proprio questo, passando sopra al riarmo tedesco, alla rimilitarizzazione del confine franco-tedesco, all'anschluss e poi consentendo lo smembramento della cecoslovacchia.


e su questo hai ragione.

Il problema fondamentale è ... CHE SIAMO INVASORI!.... se abbiamo vinto questa fantomatica guerra a SADDAM (non era quello l'obbiettivo?) ora cosa ci facciamo?

Non facciamo discorsi del tipo "però ora dobbiamo aiutarli a ricostruire" perchè non reggono (vedi Somalia che ce ne siamo andati senza neanche salutare).

Citazione:
che poi queste azioni "partigiane" siano funzionali alle ragioni di una sola delle parti è una cosa che dovrebbe far pensare, non credi??


e anche su questo concordo... (chissà chi li copre questi benedettissimi terroristi!)

GODOG
andry
Inviato: 6/6/2006 12:43  Aggiornato: 6/6/2006 12:43
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: put de zana
Inviati: 438
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
"ma che video avete visto voi?perchè sinceramente non si capiva nemmeno se fosse una persona quelo acui sparavano...anzi, sapendo che erano carrubi, poteva essere anche una capra...scherzo"

mi sembra che il viedo che ti ho citato prima sia quello famoso della "annichilation" faccia parte del video-inchiesta di rainews 24..

il baglio

the shock must go on...
pseudoTale
Inviato: 6/6/2006 12:45  Aggiornato: 6/6/2006 12:45
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 451
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
X Nico: toccherebbe mettersi d'accordo sul concetto di "umano" ma mi sa che sconfineremmo un po'.
mi limito a farti notare che solitamente su una parte della medaglia c'è testa (la possibilità) e nell'altra c'è croce (l'inesorabilità).
non dirmi che il centrosinistra è l'altro lato della medaglia (espressione oziosissima e tendenzialmente macchiettistica).
dimmi chi è croce e chi è testa, in quella fottuta medaglia.
e cosa preferisci che esca dopo averla fatta debitamente volteggiare nell'aere.
e non dirmi che tu con quella moneta non vuoi averci a che fare.
perché tanto ci hai a che fare lo stesso.

JiZmO
Inviato: 6/6/2006 12:56  Aggiornato: 6/6/2006 12:56
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/5/2006
Da: Turenum (BA)
Inviati: 72
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Ragazzi i militari saranno pure volontari e consapevoli dei rischi che corrono, ma non devono certo essere presi in giro dalle machiavelleità (neologismo ;)...) politiche! Se vanno in una zona di guerra devono essere messi in grado di difendersi con i migliori mezzi possibili e ricevere il miglior addestramento possibile, non essere mandati allo sbaraglio con qualche giorno di esercitazione (americani) o con mezzi tecnici inadeguati (italiani). He sì perchè nel caso non lo sappiate gli italiani hanno pagato molto le "regole d'ingaggio" scelte per far passare la missione in iraq come "missione di pace". E questo non è giusto per nessun militare che, a maggior ragione, ha scelto volontariamente quella vita, ma non viene messo in condizioni di svolgere i suoi compiti in sicurezza.

A volte e meglio stare zitti e dare l'impressione di essere stupidi, che parlare e togliere ogni dubbio
Cinqui
Inviato: 6/6/2006 13:11  Aggiornato: 6/6/2006 13:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/3/2006
Da:
Inviati: 227
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
ok, ora provo a cercare
cmq secondo me, quando ti trovi della gente che ti spara facendosi scudo dietro a dei civili...non so se vai li a chiedere se gentilmente può allontanarli, perchè devi sparargli..

il problema è quello che poi raccontano a noi che siamo qua...se avessero detto fin da subito: "signori, ci serve un liquido nero, che non è coca cola e nemmeno merlot, e siccome loro ne hanno in abbondanza, ora ce lo andiamo a prendere.."
non ci si potrebbe lamentare più di tanto sul cosa viene fatto la, ma più che altro sul fatto che è incostituzionale attaccare un altro paese...e allora FORSE, saremmo tornati a casa.
anzi, poi ci sarebbe da discutere sul perchè proprio il petrolio, ma cmq è un'altra storia.

sono con voi nel dire che è stata una cazzata andarci, anche perchè non abbiamo risolto granchè (magari l'ENI si, ma noi no), però mi fa pensare la gente che dice che non dovrebbero sparare ecc ecc...
Il fatto è che è proprio una cosa organizzata alla cazzo di cane, da uno che avrà fatto lo stesso discorso di un benito a caso, che se ne uscì con una frase del tipo "ci servono qualche migliaio di morti, per poter sedere al tavolo dei vincitori".
Quella volta siamo antrati palesemente in guerra con le braghe di tela, e stavolta invece ci sono i volontari che vanno per soldi (son daccordissimo con voi), ma che vengono mandati per fare un favore al cane con 6 gambe (o al cane con due piselli?bah???), e gli si dice, però, di non sparare, perchè sennò..chissà...poi...ma si...
il fatto è sempre quello: non ci si decide mai su cosa fare seriamente, perchè tanto basta andare ai mondiali e la maggiormparte della gente è contenta!

voglio dire che è tutto sbagliato, e stare a discutere su chi o cosa bisogna sparare, non risolve nulla.

"Una bella donna non è colei di cui si lodano le gambe o le braccia, ma quella la cui bellezza complessiva è tale da togliere la possibilità di ammirare le singole parti..." - Seneca - .
cnj
Inviato: 6/6/2006 13:11  Aggiornato: 6/6/2006 13:11
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da: Romagna
Inviati: 795
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Ho firmato l'appello per ritirare le truppe italiane dall'iraq. Non mi piace qualsiasi tipo di guerra e sono convinto che in Iraq non ci dovevano/amo andare. Ma a questo punto della vicenda, volgendo l'umile sguardo all'ONU, non so proprio quale sia una soluzione per risolvere i problemi di quello stato.... di quella nazione.... di quel luogo....

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. Nikola Tesla
Cassandra
Inviato: 6/6/2006 13:28  Aggiornato: 6/6/2006 13:30
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/5/2006
Da:
Inviati: 1551
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
kolza,
non credo che il petrolio di Nassirya OGGI ci costi 72 dollari al barile. Se ci ritiriamo, ci costerà invece sicuramente 72 dollari al barile. L'ENI se li sa fare i conti (visto che oltretutto i "costi accessori", ovvero i soldati che fanno la guardia, li paga lo Stato).

"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)
testudo69
Inviato: 6/6/2006 13:40  Aggiornato: 6/6/2006 13:40
So tutto
Iscritto: 26/5/2006
Da:
Inviati: 10
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Prima di buttarvi a capofitto in una critica aspra (è un eufemismo) sulla sitazione irachena attuale fatevi qualche domandina semplice semplice
L'irak prima dell'intervento americano era un paese in pace?
Era un paese democratico?
Era un paese nel quale i cittadini avevano garantiti i diritti civili che noi consideriamo elementari?
La violenza l'hanno portata gli americani o era preesistente?
Se le risposte a queste domande sono sempre si allora vi do ragione in tutto.
Ma da quello che so Saddam era un dittatore feroce(altro eufemismo).
Ha ucciso migliaia di civili ha imposto per decenni un razzismo su base confessionale (sunniti da una parte sciiti e curdi dall'altra) ha tolto di mezzo ogni opposizione.
Il ragionamento sarebbe lungo.
Non so quanti di voi ritengano la resitenza irachena partigiani e quanti terroristi.
Io mi limito a notare che i movimenti di resistenza (di qualunque colore) di solito hanno obiettivi militari e non civili.
Se poi questa viene considerata una discriminante di poco conto ne prendo atto.
Quanto ai soldati che partono per l'Iraq vengono dipinti, nei migliori di casi, come dei minus habens che non hanno capacità intellettive per discernere quello che è meglio per loro stessi e, nei peggiori, come degli avidi pronti a rischiare la vita pur di guadagnare qualche euro in piu'.
Li trovo ragionamenti di una superficialità e di una banalità senza fine.
Forse c'è dell'altro...
Vabè ci sentiamo.
Devo tornare a lavorare.
Bye Bye
Vittorio

Cinqui
Inviato: 6/6/2006 13:44  Aggiornato: 6/6/2006 13:44
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/3/2006
Da:
Inviati: 227
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
il video inizia con una specie di fotografia della città dall'alto?? perchè se è quello, allora l'ho visto si...

Citazione:
nel video un soldati dice che "hanno scatenato l'inferno" cosa credi vorrebbe dire?..


oddio...ho trovato la frase...quello parla di inferno dopo aver visto due scie che partono verso l'alto...non so se siano frasi da prendere in considerazione. Se uno ci pensa, quelli che han fatto le riprese, son ragazzi che stanno li dietro ad una mitragliatrice, ma a quasi un km da dove sparano, montati di testa già di loro, montati anche dall'adrenalina di sparare i loro primi colpi...
io non li cagherei proprio quando parlano...

"Una bella donna non è colei di cui si lodano le gambe o le braccia, ma quella la cui bellezza complessiva è tale da togliere la possibilità di ammirare le singole parti..." - Seneca - .
andry
Inviato: 6/6/2006 13:48  Aggiornato: 6/6/2006 13:48
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: put de zana
Inviati: 438
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
in ogni caso niente di quello che hai detto giustifica l'intervento militare di una supepotenza come quella americana in barba a tutti i principi di diritto internazionale,scavalcando le nu,intervento basato solo su menzogne.. prima le armi di distruzioni di massa(mai trovate),poi i legami tra saddam e al qaeda(mai dimostrati con prove),poi l'ultima carta giocata,cioè liberare il popolo iracheno dal regime di saddam... non metto in dubbio che saddam fosse un tiranno,ma se agli usa fosse dvvero interesato la sorte della popolazione avrebbe evitato di imporre per i vent'anni precedenti sanzioni durissime che hanno sterminato migliaia di persone,soprattutto bambini.. e quste non sono fantasie... e sinceramente non ved molta differenza tra l'iraq di adesso e quello di saddam... in più adesso c'è anche guerra civile religiosa... fai un pò te..

il baglio

the shock must go on...
Cinqui
Inviato: 6/6/2006 13:51  Aggiornato: 6/6/2006 13:53
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/3/2006
Da:
Inviati: 227
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
x testudo69
si, effettivamente quello che dici te, loro lo hanno usato come scusa...è li il problema...
non credo che agli americani gregasse il fatto dei civili sotto il regime...

"Una bella donna non è colei di cui si lodano le gambe o le braccia, ma quella la cui bellezza complessiva è tale da togliere la possibilità di ammirare le singole parti..." - Seneca - .
salistrari
Inviato: 6/6/2006 14:06  Aggiornato: 6/6/2006 14:06
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2006
Da: Cosenza (CALAFRICA)
Inviati: 528
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Per Testudo69,
ciao. Voglio solo ricordarti che PRIMA della guerra del '91 l'Iraq era sì retto da una feroce dittatura, che l'opposizione praticamente era soffocata nel sangue,ma almeno la popolazione non stava male, riusciva a vivere.L'iraq era il primo paese industrializzato del Medioriente. OGGI non raggiunge il Pil del 1950.

Poi un'altra considerazione. DOPO la prima guerra del '91, la popolazione si è cementata intorno alla dittatura di Saddam e molta parte dell'opposizione e dei partiti ostili al Baath non hanno fatto altro che garantire (sotto EMBARGO) l'appoggio di tutto il popolo irakeno (non curdo) a Saddam Hussein.

OGGI, in una situazione di disastro umanitario ed economico, i contrasti tra le varie confessioni ed etnie sta scoppiando nuovamente, ma è una questione di SOPRAVVIVENZA. Anche se vorrei che non sfuggisse a nessuno che le varie "anime" dell'Iraq di oggi sono tutte indistintamente CONTRO l'occupazione americana ed alleata. Tutti tranne gli ex politici esiliati rientrati sotto il mantello protettivo degli USA e dell'ONU e che sono seduti nei posti chiave del "governo eletto democraticamente".

Si è vero in Iraq non c'è mai stata una democrazia rappresentativa, non ci sono state mai le tutele di cui noi godiamo (fino a quando?), ma cambiare forma di governo con un guerra è qualcosa di MOLTO distante da ciò che si può definire DEMOCRAZIA. La fruizione REALE dei diritti democratici non può essere determinata da una guerra che distrugge tutto il tessuto connettivo NECESSARIO PROPRIO A QUESTA FRUIZIONE.
Non prendiamoci in giro, qui non si tratta di democrazia e di diritti, qui si tratta di INTERESSI ECONOMICI, POLITICI e STRATEGICI ben definiti.
Le belle parole della democrazia non HANNO NESSUN VALORE se accoppiate alla negazione stessa di democrazia: LA GUERRA.

Ciao.

pseudoTale
Inviato: 6/6/2006 14:18  Aggiornato: 6/6/2006 14:18
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 451
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
X Vittorio:

"L'irak prima dell'intervento americano era un paese in pace?"
no, ma era un paese che aveva una sovranità territoriale riconosciuta dal diritto internazionale.
temo che ci si debba fermare qua.

"Era un paese democratico?"
dai vittorio, la democrazia non si esporta così. è una contraddizione in termini.

"Era un paese nel quale i cittadini avevano garantiti i diritti civili che noi consideriamo elementari?"
per quanto mi riguarda neanche gli Stati Uniti sono un paese che riconosce i diritti civilli che io considero elementari: come quello all'assistenza sanitaria, per esempio.

"La violenza l'hanno portata gli americani o era preesistente?"
non è un problema di violenza ma semmai delle finalità per le quali tale violenza viene esercitata. e questo ci riporta alla risposta number 1.

risulta inoltre quasi ozioso ricordarti che di dittatori feroci e sanguinari direttamente o indirettamente sostenuti dalla CIA ve ne sono stati a mazzi.
non ultimo il buon Saddam, quando faceva comodo.

temo che dovresti sforzarti di considerare le cose da un punto di vista meno terra terra.
lo so che è faticoso.
ma tocca farlo.

soulsaver
Inviato: 6/6/2006 14:26  Aggiornato: 6/6/2006 14:26
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/11/2005
Da: Roma
Inviati: 613
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
redazione: Qui in America orrmai stanno rastrellando le scuole superiori, per cercare qualche ragazzino da aggiungere a quei disgraziati giù in Iraq, che sono letteralmente stremati, e non sai che cosa gil raccontano, pur di convincerli... manco nei film senti quelle cose.

Beh in realtà mi sembra che le cose siano ancora peggiori...
Non sono sicuro che ancora qualche disgraziato rastrellato nei parcheggi dei Mega-Mall nelle periferie d'america si faccia abbindolare da qualche venditore in divisa che gli assicurerà la possibilità di andare al college, facilitazioni ad avere prestiti dalle banche, una bella pulita ala fedina penale ed un futuro migliore per andare a fare il militare...
Adesso si sono inventati il Civilian Inmate Labour Camp, potete scaricare il documento pdf qui, in parole povere sono dei campi di lavoro costruiti all'interno delle aree militari, così da potere alleggerire i militari dalle fatiche del lavoro duro ed avere più carne da macello da mandare "abroad" per assassinare civili.
Insomma si parla di persone che magari hanno fatto una rissa, violato qualche tipo di reato e si ritrovano a pulire una latrina in una base americana, per permettere ai soldati di fare il lavoro per cui sono formati: uccidere.
nettunio: Sentite condoglianze alla famiglia del caporalmaggiore Alessandro Pibiri.
Davanti al cordoglio della classe politica a me viene da vomitare. Non una parola per la morte delle decine di migliaia di irakeni assassinati, questi sono "casualties", non hanno famiglie, non hanno parenti, figli, madri che le piangeranno... Le vittime delle guerre sono sempre i civili di cui la gran parte bambini.
Basta andiamo via di li subito.

Free from the need to be free "Mommy what's a Funkadelic, George Clinton 1970"
salistrari
Inviato: 6/6/2006 14:26  Aggiornato: 6/6/2006 14:26
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2006
Da: Cosenza (CALAFRICA)
Inviati: 528
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Ciao PseudoTale,
straquoto il tuo post.
Parlare di democrazia si, democrazia no nei termini dell'occidente e del modello occidentale da applicare e paragonare allo standard Mediorientale è solo un esercizio intellettualmente disonesto.
Il punto è che la concezione "democratica" dei paesi arabi è lontana anni luce dalla concezione occidentale e guarda caso l'Iraq, prima delle due guerre, partendo proprio dagli standard mediorientali era il PIU' LIBERO rispetto a tutti gli altri paesi arabi, compresi Arabia Saudita, Egitto ecc.

NB: Più libero non significa che non fosse una dittatura, ma solo che i cittadini irakeni avevano la possibilità (comprese le donne!!) di usufruire di una serie di diritti che negli altri paesi non vengono nemmeno presi in considerazione.

Ashoka
Inviato: 6/6/2006 14:47  Aggiornato: 6/6/2006 15:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
Prima di buttarvi a capofitto in una critica aspra (è un eufemismo) sulla sitazione irachena attuale fatevi qualche domandina semplice semplice


Citazione:

L'irak prima dell'intervento americano era un paese in pace?


Parlando di diritto internazionale sì, era in pace. Dopo l'occupazione del Kuwait ed il conflitto con la forza multinazionale guidata dagli USA nel '91 non mi risulta abbia combattuto altre guerre con altri paesi sovrani. A te si?

Citazione:
Era un paese democratico?


Se per quello non lo era nemmeno la piccola isola di Melo nel 417 a.c. Quando gli Ateniesi vi portarono la democrazia .. (Questi passarono per le armi tutti gli adulti caduti nelle loro mani e resero schiavi i fanciulli e le donne: quindi occuparono essi stessi l'isola e più tardi vi mandarono 500 coloni.)

Dal 1648 (trattato di Westfalia) in poi si è sviluppato il concetto di sovranità nazionale, per cui ciò che accade all'interno di uno Stato Sovrano non può essere oggetto di casus belli. Evidentemente questo è sfuggito a qualche miliardo di persone, tra cui d'Alema quando nel '99 inviò i nostri soldati festanti a portare la democrazia in Kosovo.

Citazione:
Era un paese nel quale i cittadini avevano garantiti i diritti civili che noi consideriamo elementari?


E se per questo manco ora... e ripeto non può essere casus belli. Altrimenti si potrebbe sindacare sui diritti civili dei Ceceni o dei Cinesi nei Laogai. Ma lì sfortunatamente non ci si interroga.. non si esporta la democrazia.

Ah poi ci sarebbe la situazione in Pales.. cough erhm (antisemita!). Niente, non c'e' niente. Va tutto bene.

Citazione:

La violenza l'hanno portata gli americani o era preesistente?


Hai ragione. E' tutta colpa di Caino....

Citazione:
Se le risposte a queste domande sono sempre si allora vi do ragione in tutto.


Citazione:
Ma da quello che so Saddam era un dittatore feroce(altro eufemismo).


E Putin era l'ex capo del KGB quindi..

Citazione:
Ha ucciso migliaia di civili ha imposto per decenni un razzismo su base confessionale (sunniti da una parte sciiti e curdi dall'altra) ha tolto di mezzo ogni opposizione.


Strano per il regime islamico più laico della storia...

Ma da quando imporre un razzismo su base confessionale merita l'attenzione dell'occidente? Mi pare ce ne siano altri di stati che impongono un "razzismo confessionale"...

Mmmm me ne verrebbe in mente uno..

(Antisemita!)

Ma no, volevo dire l'Iran!..

Citazione:
Il ragionamento sarebbe lungo.
Non so quanti di voi ritengano la resitenza irachena partigiani e quanti terroristi.
Io mi limito a notare che i movimenti di resistenza (di qualunque colore) di solito hanno obiettivi militari e non civili.


Lo sanno bene le vittime civili delle rappresaglie partigiane di fine aprile '45 e quelli che sono distrattamente caduti nelle foibe.

Ashoka

Nico
Inviato: 6/6/2006 14:55  Aggiornato: 6/6/2006 14:55
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/8/2005
Da: Biella
Inviati: 42
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
X pseudoTale: io quella "fottuta medaglia" la faccio appoggiare di taglio in modo da non scegliere nessuno dei suddetti, secondo me non c'è nessuna libertà nel dare la preferenza quando le scelte sono pilotate a due schieramenti non molto diversi fra loro. Quindi scelgo e scelgo nessuno dei due.... nessun imprenditore colluso con la mafia e nemmeno un dirigente di banca inviato al bildeberg e gia reo di aver svenduto l' Italia ai banchieri della city. Prima di firmare una delega in bianco voglio avere più garanzie che si persegua un interesse nazionale volto a migliorare la vita dei cittadini, non mi faccio comprare da quattro chicchere in campagna elettorale, dove si vende soltanto fumo, per poi ritattare tutto non appena eletti.
(Truppe in Iraq docet)

Prodi: Avevo detto bianco!!?? Ma no intendevo grigio....!
Capito cosa intendo? Poi ognuno è libero di fare la sua scelta.

Saluti e libertà.
Nico

Citazione:
In tempi di menzogna universale, dire la verità diventa un atto rivoluzionario. (George Orwell)
edantes
Inviato: 6/6/2006 14:58  Aggiornato: 6/6/2006 14:58
Ho qualche dubbio
Iscritto: 16/7/2005
Da: Sassari
Inviati: 87
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Viste le comparsate nebbiogene dei rappresentanti della maggioranza, non posso fare altro che prendere atto del solito e volgare atteggiamento tipico dell' ITALIANO di bassa statura morale e politica. Tanti giri di parole e untuosi messaggi di cordoglio alle famiglie dei caduti, ma senza il coraggio di prendere mai una posizione netta e di rifiuto totale ai dettami del padrone di una vita! Qui c'è un problema di predisposizione genetica al servire, indipendentemente da chi si trovi a farlo, destra o sinistra.

Marcello.

Al fianco degli Stati '' canaglia '' contro la vera CANAGLIA, ossia: il nuovo impero sionista americano, erede dei massacratori di Hiroshima e Nagasaki, di Dresda e di Sabra e Chatila.
Cinqui
Inviato: 6/6/2006 15:04  Aggiornato: 6/6/2006 15:08
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/3/2006
Da:
Inviati: 227
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
io quella "fottuta medaglia" la faccio appoggiare di taglio in modo da non scegliere nessuno dei suddetti, secondo me non c'è nessuna libertà nel dare la preferenza quando le scelte sono pilotate a due schieramenti non molto diversi fra loro. Quindi scelgo e scelgo nessuno dei due.... nessun imprenditore colluso con la mafia e nemmeno un dirigente di banca inviato al bildeberg e gia reo di aver svenduto l' Italia ai banchieri della city. Prima di firmare una delega in bianco voglio avere più garanzie che si persegua un interesse nazionale volto a migliorare la vita dei cittadini, non mi faccio comprare da quattro chicchere in campagna elettorale, dove si vende soltanto fumo, per poi ritattare tutto non appena eletti.


si, effettivamente quelli che, dopo avergli fatto un discorsetto sul perchè entrambi gli schieramenti facciano cagare, ti rispondono:"beh, allora non votare, ma poi non lamentarti..."ecco, quelli mi fanno incazzare proprio per il fatto che non capiscono che si tratta sempre di scegliere fra lo schifo ed il marcio...li prenderei a sberle!...ma poi lascio stare...ovviamente, anche perchè poi continuano con frasi del tipo:"e allora cosa vuoi farci?candidati te..." e li capisco molte cose...

"Una bella donna non è colei di cui si lodano le gambe o le braccia, ma quella la cui bellezza complessiva è tale da togliere la possibilità di ammirare le singole parti..." - Seneca - .
rumenta
Inviato: 6/6/2006 15:05  Aggiornato: 6/6/2006 15:05
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2006
Da: Repubblica di Genova
Inviati: 801
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
Il problema fondamentale è ... CHE SIAMO INVASORI!....


infatti io NON discutevo di questo, che è un dato di fatto.
magari tecnicamente non siamo invasori, visto che non abbiamo partecipato attivamente alle operazioni quando è scattata la 2a guerra del golfo, ma siamo pur sempre una forza di occupazione.

Citazione:
se abbiamo vinto questa fantomatica guerra a SADDAM (non era quello l'obbiettivo?) ora cosa ci facciamo?


quel che mi premeva dire è che si tratta SEMPRE di prospettiva, ed in base a questa si
può dire tutto ed il contrario di tutto.
bisogna quindi fare mooooolta attenzione con i termini, che a volte (e sottolineo A VOLTE) si rischia di legittimare quel che di legittimo non ha nulla.

Citazione:
(chissà chi li copre questi benedettissimi terroristi!)


fatti un'altra domanda e cioè: a chi giova (cui prodest) che i "terroristi" in iraq continuino a prosperare??
ti dò un aiutino.... non molto tempo fa la polizia irachena arrestò 4 inglesi vestiti da arabi su una macchina imbottita di esplosivo.
il carcere nel quale erano detenuti fu poi assalito il giorno dopo dalle forze speciali angli americane.......



"La verità dev'essere brutale, violenta, armata ed arrabbiata. Altrimenti soccombe."
soleluna
Inviato: 6/6/2006 15:14  Aggiornato: 6/6/2006 15:14
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/3/2005
Da: orbita di Anarres
Inviati: 1309
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Se riuscissimo a fermare il tempo delle nostre finite vite in quell'immobile istante che invece ci propinano gli eventi sarebbe meraviglioso (certo, a patto di poter scegliersi l'attimo del fermo immagine )

Se prendessimo un giornale di 5-10-15 anni fa, con piccole e accessorie modificazioni lessicali saremmo in grado di commentare qualunque nostra giornata, dalla politica alla situazione internazionale, il che sinceramente mi crea un leggero sgomento

"perche' ballate e vi fate l'acconciatura, visto che qua e' impossibile anche comprare da mangiare?"
"perche' magari oggi e' l'ultimo giorno che viviamo, e vogliamo amarlo quanto piu' possibile"
Grozny
Demon84
Inviato: 6/6/2006 15:14  Aggiornato: 6/6/2006 15:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 224
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Quanti OT eheh questo è un articolo che prende!

Mi limiterò a dire la mia guadagnandomi il premio non cagatour un'altra volta.

1- Non ha senso fare una missione di pace quando dietro ci sono interessi per il petrolio o quando i Marines sparano su chiunque si metta ad urlare in mezzo ad un mercato magari solo per lamentarsi che non trova verdura fresca che non sia ingrigita dall'uranio.
2- Metterebbero bombe persino sui convogli della Croce Rossa Internazionale non lo capite? Non vogliono nessuno li, basta sono stufi di prenderlo in quel posto dai cosidetti "salvatori". Purtroppo non avevano un esercito sufficientemente capace di difendere quella terra così ricca di petrolio perché nessuno ha mai voluto fornirgli gli armamenti necessari, e ci credo, se poi ti tocca andarti a prendere il petrolio da solo!!!!!!!!!

Questi "partigiani" non hanno mezzi e armamenti per constrastare gli armamenti Usa&Co.
Sembra che per ora si limitano a scannarsi tra di loro, spendendo i pochi armamenti che ricevuto, AK47/74 e RPG per incentivare le loro antiche guerre tra enclave invece di usarle per constrastare il nemico comune ed occupatore.
Per gli americani è facile il discorso avendo i famosi M109 Paladin appostati fuori dalle città.
Fare a pezzi un veicolo blindato è facile, bastano un paio di RPG nello scafo e di RPG sul mercato nero se ne trovano in abbondanza visto i saccheggi fatti in Russia dopo il crollo dell'economia laggiù. A loro non importa chi ci sia dentro, è un blindato e i blindati gli hanno solo gli invasori.
Io credo che nemmeno siano state bombe rudimentali rischi di non fare abbastanza danni e ripeto con un bel RPG-7 fai molta meno fatica basta che esci da un muretto e il gioco è fatto!

Citazione:
"Il mio viaggio di scoperte non è ancora finito, sebbene io ormai sia un uomo...più cose conosco meno cose capisco e meno cose capisco più mi sembra di tornare bambino" (Demon's summons 2006)
Polidoro
Inviato: 6/6/2006 15:16  Aggiornato: 6/6/2006 15:16
Mi sento vacillare
Iscritto: 9/4/2005
Da:
Inviati: 488
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Torno in Europa: oggi è il 6 Giugno 2006.

Il 10 Giugno iniziano i Mondiali di Calcio e:

Report: Israel warns of World Cup terror

Israel has warned European and American intelligence bodies of possible attempts by Hizbullah cells, led by Imad Mugniyah, to carry out terror attacks during the upcoming World Cup tournament in Germany, the Saudi Al-Watan newspaper reported on Friday.

Cioè:
Israele ha avvertito i corpi d’intelligence europea e statunitense di possibili tentativi da parte di cellule di Hizbollah, sotto la guida di Imad Mugniyah, di compiere attacchi terroristici alla prossima Coppa del Mondo in Germania, scriveva venerdì il giornale saudita Al-Watan.

Sono davvero bravi. Sanno tutto: Secondo il servizio, il complotto terroristico ha lo scopo di provare alla comunità internazionale che Teheran, se attaccata, è capace di ritorsioni


"Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuovi orizzonti ma nell'avere nuovi occhi." Marcel Proust
hi-speed
Inviato: 6/6/2006 15:21  Aggiornato: 6/6/2006 15:21
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/12/2004
Da: preda lunga
Inviati: 3211
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Ciao testudo69

Il ragionanamento, come dici tu, sarebbe molto lungo, ma tanto lungo che pure un vescovo (noto cospirazionista) si rende conto dei Pinocchi che ci sono in giro

qui

Hi-speed

Cosa Sta Succedendo? Madre, madre Ci sono troppi di voi che piangono Fratello, fratello, fratello Ci sono troppi di voi che stanno morendo Sai che dobbiamo trovare una maniera Per portare un pò di amore qui oggi
Tor
Inviato: 6/6/2006 15:29  Aggiornato: 6/6/2006 15:29
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/10/2005
Da: Gran burrone
Inviati: 129
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Per me una persona morta per mano di altre persone è sempre una PERSONA.

E' il principio di questa guerra che è assurdo!!!!!

godog, per me anche queste persone meritano di essere ricordate come vittime, perchè nella loro ingenuità credevano di fare un azione "preventiva" contro i cattivi di turno, invece si sono ritrovati ad invadere una nazione incasinata come l' Iraq solo per difendere il dio denaro....e i nostri politici???????
...zzzzz ....dormono alla grande!!!!
Come hai detto tu tante di queste persone si arruolano per soldi, ma non dovremmo colpevolizzarli per questa cosa, non penso che nell' esercito siano tutti dei "mercenari".
Prendi gli alpini per esempio..., non sono solo dei mercenari, nel nostro paese hanno aiutato sempre quando c' era da spalare del fango o da scansare macerie.
(questa è solo la mia opinione, con il resto sono d' accordo con te)

Quello che mi fà veramente incazzare , è che il governo neoeletto continua a parlare al futuro come se fosse ancora in campagna elettorale, forse qualcuno dovrebbe fergli presente che la campagna elettorale è finita, ed è ora che comincino a rimboccarsi le maniche!!!!!

VIA DALL' IRAQ E DALL AFGANISTAN SUBITO!!!!!!!!!!!!!!!!!!


"Non puoi chiuderti in una stanza buia e affermare che il sole non esiste solo perchè non vuoi aprire la porta e guardare fuori..."
salistrari
Inviato: 6/6/2006 15:45  Aggiornato: 6/6/2006 15:45
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2006
Da: Cosenza (CALAFRICA)
Inviati: 528
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
L'inquietudine non è solo per 5-10-15 anni fa!!

Avete mai provato a leggere le "notizie" che giungevano ai giornali all'epoca della guerra del Vietnam??
Cambiate nomi, luoghi e riferimenti e SONO IDENTICI a quelli che arrivano oggi dall'Iraq. A cominciare dalle FANDONIE sul "governo democraticamente eletto".

Frasi del tipo: "le prime libere elezioni della storia si sono svolte oggi nel Vietnam del Sud".
Non ne avete sentito già parlare??

Beattle
Inviato: 6/6/2006 15:51  Aggiornato: 6/6/2006 15:51
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/1/2006
Da: Milano
Inviati: 57
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Sono con Tor, una vita è sempre una vita.
Se poi la si spreca per qualcosa in cui gli altri non credono non significa che perda valore.

Vabbè se pensiamo che il neogoverno avesse risolto i problemi rapidamente come se avesse la bacchetta magica siamo illusi. Questo è uno degli esempi speriamo che negli altri campi siano più rapidi e incisivi.

Ritornando al caso Nassirya.. speriamo di riportare le nostre truppe il più presto possibile, fegandocene un pò degli 'alleati-padroni'...

rumenta
Inviato: 6/6/2006 15:59  Aggiornato: 6/6/2006 15:59
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2006
Da: Repubblica di Genova
Inviati: 801
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Demon84:
Citazione:
1- Non ha senso fare una missione di pace quando dietro ci sono interessi per il petrolio


dimmi come ti suona meglio:
a) siamo impegnati in una misisione che porterà stabilità, pace e prosperità al popolo iracheno già così provato dalla dittatura di saddam hussein
b) siamo impegnati in una missione che salvaguarda gli interessi dell'eni su un giacimento gigantesco, interessi che ovviamente NON porteranno prosperità agli italiani (in termini di riduzione del prezzo dei carburanti), ma solo ai soliti noti.

Citazione:
2- Metterebbero bombe persino sui convogli della Croce Rossa Internazionale non lo capite?


sì, devo dire che è abbastanza chiaro, ed avrebbero ragioni da vendere....
tutto sta ad identificare CHI ce le mette, le bombe.
anche a te dò un aiutino.... non molto tempo fa la polizia irachena arrestò 4 inglesi vestiti da arabi su una macchina imbottita di esplosivo.
il carcere nel quale erano detenuti fu poi assalito il giorno dopo dalle forze speciali angli americane.......

Citazione:
Purtroppo non avevano un esercito sufficientemente capace di difendere quella terra


mah, più che i mezzi non avevano l'addestramento, anche perchè un T80 è sempre un T80, e non ha molto da invidiare ad un M1A1, in uno scontro diretto.
sagoma bassa, ottima protezione attiva e passiva, cannone da 125mm con stabilizzatore, telemetro laser.....
http://fas.org/man/dod-101/sys/land/row/t80tank.htm
http://www.army-technology.com/projects/t80/
insomma avrebbero potuto fare qualcosa, invece che scena muta.....

Citazione:
Fare a pezzi un veicolo blindato è facile, bastano un paio di RPG nello scafo e di RPG sul mercato nero se ne trovano in abbondanza visto i saccheggi fatti in Russia


appunto, ma cosi ci si espone alla reazione degli altri veicoli del convoglio... molto meglio una bomba e via....

Citazione:
Questi "partigiani" non hanno mezzi e armamenti per constrastare gli armamenti Usa&Co.


occhio che dicevano questo anche dei vietcong



"La verità dev'essere brutale, violenta, armata ed arrabbiata. Altrimenti soccombe."
salistrari
Inviato: 6/6/2006 16:18  Aggiornato: 6/6/2006 16:18
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2006
Da: Cosenza (CALAFRICA)
Inviati: 528
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Non nascondiamoci dietro un dito, per favore!
Possiamo fare tutti i discorsi che vogliamo, ma il fatto resta.

La guerra in Iraq risponde a interessi strategici IRRINUNCIABILI da parte americana e occidentale.

Poi possiamo argomentare la questione in mille modi: intervento italiano, eni, resistenza, democrazia, dittatura, saddam e quanto di più avete da mettere nel carniere.
Ma se non partiamo da quel dato e non consideriamo le DUE guerre e l'EMBARGO successivo come UN UNICO PIANO D'AZIONE, è inutile discutere e farsi illusioni o semplicemente piangere i nostri morti laggiù (che riposino in pace!)

Il PEtrolio Irakeno è TROPPO IMPORTANTE per la stabilità economica degli USA e del mondo occidentale.
Senza il controllo diretto di questi giacimenti, il modello di sviluppo del capitalismo odierno (la c.d. Globalizzazione), non solo non potrebbe funzionare, ma andrebbe in collasso. Tipo la crisi del '29 per capirci (e forse peggio).
In questo quadro comprenderete anche la vicenda IRAN.

Ciao.

ivanvox
Inviato: 6/6/2006 16:58  Aggiornato: 6/6/2006 16:59
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/4/2006
Da:
Inviati: 269
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Salistrari: Citazione:
La guerra in Iraq risponde a interessi strategici IRRINUNCIABILI da parte americana e occidentale....ecc ecc...


salistrari hai centrato al 100%...

cherubino
Inviato: 6/6/2006 17:04  Aggiornato: 6/6/2006 17:04
Mi sento vacillare
Iscritto: 1/6/2006
Da: Haute-Normandie
Inviati: 430
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Tacito, Agricola XXX

"Quando ripenso alle cause della guerra e alla terribile situazione in cui versiamo, nutro la grande speranza che questo giorno, che vi vede concordi, segni per tutta la Britannia l'inizio della libertà. Sì, perché per voi tutti qui accorsi in massa, che non sapete cosa significhi servitù, non c'è altra terra oltre questa e neanche il mare è sicuro, da quando su di noi incombe la flotta romana. Perciò combattere con le armi in pugno, scelta gloriosa dei forti, è sicura difesa anche per i meno coraggiosi. I nostri compagni che si sono battuti prima d'ora con varia fortuna contro i Romani avevano nelle nostre braccia una speranza e un aiuto, perché noi, i più nobili di tutta la Britannia - perciò vi abitiamo proprio nel cuore, senza neanche vedere le coste dove risiede chi ha accettato la servitù - avevamo perfino gli occhi non contaminati dalla dominazione romana. Noi, al limite estremo del mondo e della libertà, siamo stati fino a oggi protetti dall'isolamento e dall'oscurità del nome. Ora si aprono i confini ultimi della Britannia e l'ignoto è un fascino: ma dopo di noi non ci sono più popoli, bensì solo scogli e onde e il flagello peggiore, i Romani, alla cui prepotenza non fanno difesa la sottomissione e l'umiltà. Predatori del mondo intero, adesso che mancano terre alla loro sete di totale devastazione, vanno a frugare anche il mare: avidi se il nemico è ricco, arroganti se povero, gente che né l'oriente né l'occidente possono saziare; loro soli bramano possedere con pari smania ricchezze e miseria. Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove hanno fatto il deserto, quello chiamano pace

Kolza
Inviato: 6/6/2006 17:09  Aggiornato: 6/6/2006 17:09
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/6/2004
Da: MMMMMMonza
Inviati: 916
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
X Cassandra
Niente da dire... lo Stato rientra del costo dei soldati mandati al macello (mi viene in mente la vicenda dell'uranio impoverito, per esempio) con le accise sulla benza. E noi popolo bue paghiamo...

X Tutti
Sorpresa! Chi è il colpevole di cotanto sfacelo contro le truppe italiane a Nassyria? Al Zarkawi... ma i giornalisti italioti leggono i giornali esteri? Lo sanno che persino il Washington Post ha definito il terrorista giordano un "bluff" creato (o comunque sfruttato) dai servizi segreti occidentali?

Saludos
Kolza

luke14477
Inviato: 6/6/2006 17:17  Aggiornato: 6/6/2006 17:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/3/2006
Da: Imola
Inviati: 120
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Caro Cedolin, quello che hai scritto è decisamente condivisibile, eticamente.
Vorrei portare all'attenzione solo alcune questioni:
1) in iraq non ci si doveva proprio andare, ma all'ENI avrebbero fatto un dispetto, con tutto quel petrolio da spartirsi (vedi attuale interrogazione parlamentare).
2) ormai che il danno è fatto, partire domani sbattendosene di tutto e di tutti peggiorerebbe la situazione, un lasso di tempo poco più lungo invece potrebbe, e ripeto potrebbe far si che chi soffre veramente, cioè il popolo iraqueno, abbia almeno di che sostentarsi, prima che passi tutto nelle mani della malavita, se non è già successo.
3) un soldato va in guerra conscio della possibilità di morire, soprattutto quando va volontario ed i motivi li sappiamo tutti ($), poi è chiaro che si spera sempre che a nessuno succeda nulla, ma non vedo il motivo di tanto stupore, perchè allora non stupirsi dei bambini iraqueni e di tutto il popolo a cui hanno inquinato vita natural durante il paese con uranio impoverito? A me fa molto meno pena un mio connazionale soldato volontario che viene ucciso che un bambino storpiato dagli effetti della radioattività.
Infine un governo insediato da 10 giorni secondo te ha il tempo di preparare un'azione così rapida, quando non sa neanche se le casse dello stato sono vuote o cosa, perchè invece non ci incazzammo 2 anni fa con l'ex ministro selva quando dichiarò sulle pagine del foglio che avevano parlato di missione di pace per avere il si dal colle? Dobbiamo sempre aspettare dei morti per parlare delle cose?
Ripeto, a livello etico il tuo articolo non fa una sbavatura.
Purtroppo la realtà è un'altra cosa.

...the matrix è già qui....
Cinqui
Inviato: 6/6/2006 17:57  Aggiornato: 6/6/2006 17:58
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/3/2006
Da:
Inviati: 227
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
Non nascondiamoci dietro un dito, per favore!.....


Brillantissimo!...qundo l'auto ci costerà troppo e ci mancheranno tante altre cose, saremo tutti un pò più incazzati...

quello che fa "ridere", è come ce la raccontano a casa...nei tiggì...

"Una bella donna non è colei di cui si lodano le gambe o le braccia, ma quella la cui bellezza complessiva è tale da togliere la possibilità di ammirare le singole parti..." - Seneca - .
andry
Inviato: 6/6/2006 18:16  Aggiornato: 6/6/2006 18:16
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: put de zana
Inviati: 438
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
"ormai che il danno è fatto, partire domani sbattendosene di tutto e di tutti peggiorerebbe la situazione, un lasso di tempo poco più lungo invece potrebbe, e ripeto potrebbe far si che chi soffre veramente, cioè il popolo iraqueno, abbia almeno di che sostentarsi, prima che passi tutto nelle mani della malavita, se non è già successo"

non sono molto d'accordo con te... in quasi 3 anni che c'è la guerra non mi sembra che la presenza militare occidentale abbia portato grando giovamenti alla popolazione.. sta ancora peggio di quello che stava prima.. non vedo come restare ancora qualche mese potrebbe modificare la situazione,visto che non si è fatto nulla fino ad adesso... quello che è sempre importato è stao proteggere i giacimenti petroliferi ed altri snodi di importanza economica fondamentale.. il che la dice lunga sugli obiettivi della spedizioni "iraqi freedom".. italiani compresi..

il baglio

the shock must go on...
pseudoTale
Inviato: 6/6/2006 18:20  Aggiornato: 6/6/2006 18:20
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 451
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
X Nico e Cinqui:

ragazzuoli, qua nessuno sta cercando di convincervi di un beneamato e sul fatto che ognuno alla fine faccia come crede non c'è mai piovuto.
ma il punto secondo me è importante e quindi ci ritorno.
io pure preferirei stare in disparte a scuotere il capo sconsolato con un beato sorrisino di superiorità morale stampato in viso.
temo che sia un lusso che non ci possiamo permettere.

mettiamola così:
io sono convinto che con i democratici al potere l'11 settembre e la dottrina della guerra preventiva non ci sarebbero state.
magari sbaglio.
magari no.
facciamo finta che non sbaglio.
voi che fate? non votate Al Gore, perché anche lui è un cattivone?

cazzarola.
sforziamoci di distinguere un minimo.
rifiutare la logica del male minore non fa che condurci dritto dritto tra le robuste braccia del male maggiore.
e tra male minore e male maggiore, a volte, ci stanno in mezzo centinaia di migliaia di morti.

sbaglio?

miah
Inviato: 6/6/2006 18:21  Aggiornato: 6/6/2006 21:32
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/5/2006
Da:
Inviati: 94
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
ciao a tutti, vi scrivo per la prima volta mi sono sempre limitata a leggere incantata i vostri commenti, sagaci, divertenti, intelligenti, inquisitori... ma oggi vorrei dire che non solo luke hai pienamente ragione, ma non dimentichiamo che noi oggi stiamo permettendo all'america di fare in iraq, iran e syria la stessa cosa che è stata fatta a noi, avranno una democrazia non voluta, con un capo di governo scelto..., con l'obbligo costante e continuo di dover rendere conto, stiamo collaborando alla loro sudditanza e a far si che l'impero americano aumenti di dimensione.
e' anche vero però che qualcosa sta succedendo, non ho ancora le idee chiare in merito, però: l' america ha paura e lo si capisce dalle parole della "condo", cina, india, giappone dismettono il dollaro a favore dell'euro, la norvegia ha deciso di negoziare il petrolio in euro, così come l'iran, almeno fino a prima della proposta americana, gran parte degli investitori istituzionali e delle grandi società di gestione favoriscono gli investimenti nell'area euro..... ora io mi chiedo perchè in europa non hanno le p...e per creare una forza di opposizione al dominio americano, con questi requisiti? saluti miah

luke14477
Inviato: 6/6/2006 18:28  Aggiornato: 6/6/2006 18:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/3/2006
Da: Imola
Inviati: 120
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Il fatto che tu non sia d'accordo con me, non cambia le cose.
Io stò parlando di presenza militare italiana, ho specificato che sono a protezione dei pozzi, ma è anche vero che traslocare in quattro e quattrotto peggiorerebbe la situazione. Se alla malavita l'esercito italiano non desse fastidio, che motivo avrebbero di attaccarlo?
La realtà è che anche la sola presenza comunque garantisce un minimo e ripeto un minimo di diritti agli indifesi, ma non voglio che interpreti questa frase come un "è giusto che siamo andati", dico solo che dal momento che siamo la, non lasciamo a loro stessi chi ha veramente bisogno, che è tutta un'altra cosa....purtroppo la realtà è che il disastro è fatto, lasciare il popolo iraqueno ora significa guerra civile con migliaia di morti innocenti, più di quelli che ci sono ora....insomma, tra due merde cerchiamo di pestare la più secca.
Spero di essermi spiegato. Purtroppo l'etica e la morale in queste cose non contano nulla ed il ritiro spagnolo, per le dimensioni della presenza di soldati rispetto al nostro, non è paragonabile.
ciao

...the matrix è già qui....
andry
Inviato: 6/6/2006 18:28  Aggiornato: 6/6/2006 18:28
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: put de zana
Inviati: 438
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
perchè è dai tempi del piano marshall che stiamo ancora scontanto il peso degli usa da noi... inoltre non credo che le attuali leadership politiche abbiano la volontà e il coraggio di opporsi in maniera diretta alle politiche usa.. è bastato vedere di cosa se ne siano fatti dell'opposizione di germania e francia all'intervento in iraq....

il baglio

the shock must go on...
Cinqui
Inviato: 6/6/2006 18:30  Aggiornato: 6/6/2006 18:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/3/2006
Da:
Inviati: 227
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
pseudo, scusa, ma non aggancio bene il concetto a cui vuoi arrivare...davvero...

se vuoi dire che negli usa, un altro governo avrebbe dato un indirizzo diverso alla baracca, può benissimo essere...concordo!

qua in italia invece, quando mi si chiede di decidere fra legalizzazione droghe, ICI, mignotte, calcio, tassa di successione, 0.000001% di tasse in meno...o in più, e contentini del genere, cosa devo differenziare fra le due cose? i lacci delle scarpe dei vari politici?non lo so...

"Una bella donna non è colei di cui si lodano le gambe o le braccia, ma quella la cui bellezza complessiva è tale da togliere la possibilità di ammirare le singole parti..." - Seneca - .
Sciamano77
Inviato: 6/6/2006 18:30  Aggiornato: 6/6/2006 18:35
Ho qualche dubbio
Iscritto: 30/9/2005
Da:
Inviati: 168
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
E' uno schifo...la politica estera dell' Ulivo è praticamente identica a quella del precedente governo....
svendono anche la nostra dignità pur di star dietro agli Usa.
Altro che missioni di pace, non hanno il coraggio di dire che gli Italiani sono in guerra per i pozzi petroliferi di Nassirya...
lo scopo principale, sono gli interessi economici...loro camuffano questa cosa dicendo che non vogliono lasciar soli gli Iracheni...invece ci sono gli interessi di una politica colonialista e sfruttatrice...
Il fatto che ora in Iraq c'è la "democrazia" non è sufficente...perchè, anche se paradossale, con Saddam almeno prima non mancava l'acqua e la luce a Baghdad...come invece spesso ora accade...il rischio di essere rapiti o crivellati di colpi, era molto inferiore
Saddam avrà commesso crimini,per carità,nessuno lo nega...
ma forse alcuni cominciano a dire...si stava meglio quando si stava peggio...
Non basta mettere una X su una scheda, per farci credere che là ora c'è lo sviluppo...la vera democrazia è quella diretta, quella dal basso, del popolo...
Sembra proprio che la volontà del popolo iraqeno sia in primo luogo che le truppe occupanti che in realtà sono li a scopo di dominazione e conquista (altro che aiuti) se ne vadano via subito.
Fanno gli stupiti quando uccidono un nostro soldato...ma ogni giorno muoiono decine di Iraqeni...quella per loro è normalità...una persona uccisa, che sia Italiana o Iraqena, dovrebbe destare lo stesso livello di indignazione...
In Italia, purtroppo, per colpa di una pessima informazione, vi è una tendenza di ipocrisia e servilismo inverosimile.

Un nuovo mondo è già qui, non potranno più far finta di non vedere...
andry
Inviato: 6/6/2006 18:31  Aggiornato: 6/6/2006 18:31
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: put de zana
Inviati: 438
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
ti sei spiegato bene.. credo solo che non si sia mai fatto nulla di reale per la popolazione.. tutto qua..

il baglio

the shock must go on...
luke14477
Inviato: 6/6/2006 18:46  Aggiornato: 6/6/2006 18:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/3/2006
Da: Imola
Inviati: 120
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Quoto, anche se il ritiro programmato mi permetterai di dire che è un discreto passo avanti rispetto al vecchio governo.
Poi quello che dici è giustissimo, fatto stà che oramai c'è una situazione tale, voluta e sappiamo tutti da chi, che non vi è sicurezza per nessuno...se questa è democrazia.
Il punto ragazzi che io vi contesto, è che risulta inutile guardare al passato, bisogna guardare al futuro....oramai la situazione è quella....e non si cambia in 2 giorni come non la cambia il ritorno domani dei soldati ITALIANI, al massimo la peggiora...ritiro si, con i tempi giusti.
Tutto qua.

...the matrix è già qui....
andry
Inviato: 6/6/2006 18:49  Aggiornato: 6/6/2006 18:49
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da: put de zana
Inviati: 438
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
non vedo in che modo la possa peggiorare..

il baglio

the shock must go on...
pseudoTale
Inviato: 6/6/2006 19:07  Aggiornato: 6/6/2006 19:07
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 451
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
dai mò, cinqui, che agganci perfettamente il concetto...
dico che anche quella "tra marcio e schifo" (uso le tue parole) è una differenza.
dico che tra Bertinotti e Pera ci sono delle differenze.
dico che tra Prodi e Berlusconi ci sono delle differenze.
dico che tra Moggi e Gazzoni Frascara (presidente del Bologna) ci sono delle differenze.
dico che persino tra Mastella e Castelli ci sono delle differenze.
se uno poi non le vuole vedere, liberissimo.

tra una mela marcia e una mela che fa schifo io, se ho davvero molta fame, non ho dubbi.
tu scegli di non mangiare.
evidentemente non hai molta fame.

illupodeicieli
Inviato: 6/6/2006 19:11  Aggiornato: 6/6/2006 19:11
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/1/2005
Da:
Inviati: 323
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
non era giusto andare in Iraq neanche durante la prima guerra del golfo. ma siccome ci sono interessi economici e politici, e ad alcuni del precedente governo e anche a quelli che ci sono ora,piace andare in giro per il mondo ai vari G7 G8 e G10, farsi vedere e ,poi, riferire durante le interviste che "contiamo qualcosa nel mondo" o, peggio, che "l'Italia farà la sua parte".
aspettare altri morti per andare via? ci vuole la logica e non l'emozione per decidere: non ho statistiche per sapere chi,magari pensando come comune cittadino di non avere voce in capitolo (come poi è in realtà accade) prima della strage di Nassirya, riteneva illogico che i nostri soldati fossero in missione laggiù. perchè sull'onda dell'emozione oggi , quasi tutti forse, siamo d'accordo. ma è così perchè sono morti dei nostri connazionali?

salistrari
Inviato: 6/6/2006 19:19  Aggiornato: 6/6/2006 19:19
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2006
Da: Cosenza (CALAFRICA)
Inviati: 528
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Il mio pensiero su queste ultime considerazioni è che sia che gli italiani si ritirino, sia che NON lo facciano, la situazione irakena non è destinata a migliorare.

Dopo due guerre devastanti e 10 anni di Embargo assassino, non c'è niente di migliorabile. La presenza di qualche migliaio di soldati occupanti in più o in meno non può modificare una situazione di catastrofe umanitaria di proporzioni che nemmeno immaginiamo.
Parlo di uranio, contaminazione, distruzione infrastrutturale, economica, civile, politica. Ormai la frittata è fatta.
La presenza italiana non muove di una virgola la condizione di sicurezza e non difende nessun diritto del popolo irakeno. Questo dovrebbe essere chiaro a tutti.
Da chi dovrebbero difendere i civili, i soldati italiani? Se le azioni di guerra e gli attentati sono quasi tutti assimiliabili a forme di resistenza all'occupazione, mi spiegate cosa significa che gli italiani sono in grado di proteggere un minimo di civili irakeni?
Mi sembra che ci stiamo perdendo di vista la cosa più banale di tutta la guerra:
se l'attacco alleato non fosse avvenuto, non ci sarebbe stata nessuna escrudescenza fondamentalista, nè nessun attacco kamikaze, nè stragi di civili, nè contaminazione dell'ambiente, nè scontri etnici e religiosi.
Ce ne rendiamo conto o no?

Cinqui
Inviato: 6/6/2006 19:19  Aggiornato: 6/6/2006 19:26
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/3/2006
Da:
Inviati: 227
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
se ho davvero molta fame, non ho dubbi.


e perchè hai fame?

forse perchè il cibo ce l'ha qualcun'altro, il quale per di più, alla faccia della tua persona e della tua intelligenza, ti passa solo il cibo avariato, facendotelo adorare come fosse la cosa più buona del mondo?

e perchè, invece di stare li ad aspettare che ti dia qualcosa, non gli salti addosso e te lo vai a prendere?
e te mi dirai:"perchè io domani mattina devo andare a lavorare per dare da mangiare a qualcuno!"..v abenissimo, ma vedi che c'è qualcosa che non va?
chiaramente non parlo di te, come singolo, ma di te, come popolo affamato.

"Una bella donna non è colei di cui si lodano le gambe o le braccia, ma quella la cui bellezza complessiva è tale da togliere la possibilità di ammirare le singole parti..." - Seneca - .
seguro
Inviato: 6/6/2006 19:41  Aggiornato: 6/6/2006 19:41
So tutto
Iscritto: 26/5/2006
Da: roma
Inviati: 30
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
E siccome ai nostri governanti non interessa assolutamente nulla di quanti ragazzi sono morti ed altri ancora dovranno morire,Propongo il giorno dei funerali del Caporalmaggiore Alessandro Pibiri,di accogliere i nostri politicanti,con le loro facce di circostanza,con uno slogan che racchiuda il concetto:Tirate fuori le palle e riportate immediatamente a casa i nostri soldati.....

Seguro
pseudoTale
Inviato: 6/6/2006 19:43  Aggiornato: 6/6/2006 19:43
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 451
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
cinqui, io posso saltare addosso a chiunque.
ma, anche in questo caso, preferisco decidere io con chi fare a botte.
perdonami la freddura da 4 soldi, ma se devi fare un incontro di Sumo preferisci farlo con Fassino o con Ferrara?

io nel giugno 2001 ero a Genova e ti assicuro che quelli, quando c'è da menar le mani, non si tirano certo indietro.
tu fai come vuoi.
io preferisco fare a botte col centro-sinistra.
garantito.

godog
Inviato: 6/6/2006 19:48  Aggiornato: 6/6/2006 19:48
So tutto
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 21
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
Il mio pensiero su queste ultime considerazioni è che sia che gli italiani si ritirino, sia che NON lo facciano, la situazione irakena non è destinata a migliorare.


salistrari ti quoto in pieno!

GODOG
Cinqui
Inviato: 6/6/2006 19:58  Aggiornato: 6/6/2006 19:58
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/3/2006
Da:
Inviati: 227
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
si ok, fai pure, d'accordo con te, visto che giustamente affronti l'ostacolo più piccolo, ma stai attento a non trovarti a decidere da chi farti fregare, invece di decidere di non farti fregare e basta...

"Una bella donna non è colei di cui si lodano le gambe o le braccia, ma quella la cui bellezza complessiva è tale da togliere la possibilità di ammirare le singole parti..." - Seneca - .
rumenta
Inviato: 6/6/2006 20:16  Aggiornato: 6/6/2006 20:16
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2006
Da: Repubblica di Genova
Inviati: 801
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
pseudoTale:
Citazione:
dico che tra Bertinotti e Pera ci sono delle differenze.


si, che almeno pera prima di fare politica ha pure insegnato.
quindi si può quasi dire che abbia lavorato.
bertinotti invece, a parte far politica, non ha mai fatto un ciufolo.....

Citazione:
dico che tra Prodi e Berlusconi ci sono delle differenze.


si, che prodi ha rubato un po meno.... però in quanto a danni per l'Italia non è secondo a nessuno

Citazione:
dico che tra Moggi e Gazzoni Frascara (presidente del Bologna) ci sono delle differenze.


su questo potrei anche essere d'accordo, non conoscendo il frascara e sapendo quel che si sa del moggi.

Citazione:
dico che persino tra Mastella e Castelli ci sono delle differenze.


hemmmm..... quali??
forse la militanza politica di lungo corso di mastella (ex DC), che lo accomuna con bertinotti in quanto a fancazzismo??
in fondo castelli, politicamente, è solo un parvenu

Citazione:
se uno poi non le vuole vedere, liberissimo.


uh..... non è che non voglio vederle, è che proprio non ci riesco.....

Citazione:
tu scegli di non mangiare.
evidentemente non hai molta fame.


è una scelta mia, quella di patire la fame, soprattutto sapendo che, mangiando, legittimo un sistema la cui massima espressione sono proprio le me.... hemmm.... menti che hai nominato.....



"La verità dev'essere brutale, violenta, armata ed arrabbiata. Altrimenti soccombe."
testudo69
Inviato: 6/6/2006 20:39  Aggiornato: 6/6/2006 20:39
So tutto
Iscritto: 26/5/2006
Da:
Inviati: 10
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
-citazione-[... Prima di buttarvi a capofitto in una critica aspra (è un eufemismo) sulla sitazione irachena attuale fatevi qualche domandina semplice semplice ...]

-citazione-[...
L'irak prima dell'intervento americano era un paese in pace? ...]

Parlando di diritto internazionale sì, era in pace. Dopo l'occupazione del Kuwait ed il conflitto con la forza multinazionale guidata dagli USA nel '91 non mi risulta abbia combattuto altre guerre con altri paesi sovrani. A te si?
Parlando di diritto internazionale anche la Cina è un paese in pace ma se smerci qualche gtrammo di droga ti fucilano ( e la pallottola te la paga la famiglia).
Siete così convinti che l'assenza di guerra significa pace?
Quello che voglio dire è che vivendo sotto una dittatura il popolo è in guerra contro il regime.
Icurdi gasati e gli sciiti uccisi in massa e scomparsi nel nulla li possiamo attribuire a Saddam o è un reato di lesa maestà?



-citazione-[... Era un paese democratico? ...]

Se per quello non lo era nemmeno la piccola isola di Melo nel 417 a.c. Quando gli Ateniesi vi portarono la democrazia .. (Questi passarono per le armi tutti gli adulti caduti nelle loro mani e resero schiavi i fanciulli e le donne: quindi occuparono essi stessi l'isola e più tardi vi mandarono 500 coloni.)
Immagino che questo esempio calzi a pennello con l'attuale situazione irachena..cmq non ho capito se L'iraq era o no un paese democratico.

Dal 1648 (trattato di Westfalia) in poi si è sviluppato il concetto di sovranità nazionale, per cui ciò che accade all'interno di uno Stato Sovrano non può essere oggetto di casus belli. Evidentemente questo è sfuggito a qualche miliardo di persone, tra cui d'Alema quando nel '99 inviò i nostri soldati festanti a portare la democrazia in Kosovo.
Alla faccia del progressismo.
Questo vuol dire che se in Svizzera il governo decidesse di massacrare tutti gli abitanti di lingua italiana la comunità internazionale non potrebbe fare nulla per intervenire (cazzi degli svizzeri).
mai sentito parlare di ingerenza umanitaria?
Se vogliamo restare fermi al 1648 possiamo farlo ma forse sarebbe il caso di riuscire ad aggiornare un po' il dirittto internazionale.
Con questa logica saremmo ancora alla legge del taglione!

-citazione-[... Era un paese nel quale i cittadini avevano garantiti i diritti civili che noi consideriamo elementari? ...]

E se per questo manco ora... e ripeto non può essere casus belli. Altrimenti si potrebbe sindacare sui diritti civili dei Ceceni o dei Cinesi nei Laogai. Ma lì sfortunatamente non ci si interroga.. non si esporta la democrazia.
E infatti interroghiamoci o lo possiamo fare solo quando ci sono di mezzo gli americani e abbiamo le immagini che ci fanno indignare?
Non è che se non vediamo i civili ceceni uccisi o torturati dai russi vuol dire he non succede!

Ah poi ci sarebbe la situazione in Pales.. cough erhm (antisemita!). Niente, non c'e' niente. Va tutto bene.
La palestina?
Hamas è nata per la corruzione di Arafat e del suo apparato.
Gli israeliani hanno le loro colpe ma la dirigenza palestinese non è immune da critiche (oddio saro' un sionista filoamericano che viene qui a stuzzicare?)

-citazione-[...
La violenza l'hanno portata gli americani o era preesistente? ...]

Hai ragione. E' tutta colpa di Caino....
Se ce la vogliamo cavare con le battute facciamolo ma forse non avete ben presente cosa fosse il regime di Saddam....

-citazione-[... Se le risposte a queste domande sono sempre si allora vi do ragione in tutto. ...]

-citazione-[... Ma da quello che so Saddam era un dittatore feroce(altro eufemismo). ...]

E Putin era l'ex capo del KGB quindi..
e infatti la russia non è un paese democratico. Spariscono giornalisti gli oppositori vengono mandati in carcere e l'esercito con il silenzio assordante dei grandi mezzi d'informazione (e anche dei piccoli) combatte una guerra imperialista ed egemonica(ah no tecnicamente non è una guerra la russia mica ha dichiarato guerra alla cecenia caspiterina)

-citazione-[... Ha ucciso migliaia di civili ha imposto per decenni un razzismo su base confessionale (sunniti da una parte sciiti e curdi dall'altra) ha tolto di mezzo ogni opposizione. ...]

Strano per il regime islamico più laico della storia...
Eh si molto laico il regime di Saddam.
Tra i piu' perseguitati c'erano proprio i comunisti che non m irisultano essere degli integralisti religiosis..

Ma da quando imporre un razzismo su base confessionale merita l'attenzione dell'occidente? Mi pare ce ne siano altri di stati che impongono un "razzismo confessionale"...

Mmmm me ne verrebbe in mente uno..

(Antisemita!)

Ma no, volevo dire l'Iran!..
Quello che mi ha sempre stupito è come delle persone che si ritengono progressiste laiche ed emancipate siano sempre disposte a difendere i regimi piu' dittatoriali integralisti e illiberali pur di andare contro l'imperialismo americano

-citazione-[... Il ragionamento sarebbe lungo.
Non so quanti di voi ritengano la resitenza irachena partigiani e quanti terroristi.
Io mi limito a notare che i movimenti di resistenza (di qualunque colore) di solito hanno obiettivi militari e non civili. ...]

Lo sanno bene le vittime civili delle rappresaglie partigiane di fine aprile '45 e quelli che sono distrattamente caduti nelle foibe.
gli "infiobatori erano partigiani o criminali di guerra??

Ashoka
VIttorio

pseudoTale
Inviato: 6/6/2006 21:05  Aggiornato: 6/6/2006 21:05
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 451
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
X Cinqui:
va bene, mi sembra che abbiamo trovato un decente punto di equilibrio.
grazie per lo scambio e ti prometto che cercherò di non farmi fregare.

X Rumenta:
mah, a parte che il Bertinotti era sindacalista...
e a parte che io non è che lo ami alla follia...
ma se davvero non vedi differenze tra lui e Pera, mi arrendo.
dico solo che non ti sei impegnato molto a cercarle.
la prossima volta prova ad aguzzare la vista.

Kolza
Inviato: 6/6/2006 21:08  Aggiornato: 6/6/2006 21:08
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/6/2004
Da: MMMMMMonza
Inviati: 916
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Caro Vittorio,
Gli Stati Uniti sono il Moloch contro cui si sono coalizzati tutti gli scontenti del pianeta Terra. A torto o a ragione. Non mi va di sindacare sulle motivazioni di chi ama o odia gli USA. Ciò che so è che questa amministrazione (Bush jr) da anni sta violando buona parte del diritto internazionale e del diritto interno (che tanto comunque ha contribuito alla cultura occidentale).
Non ti faccio tirate antiamaericane (non ne ho bisogno), se studi tutta la storia a stelle e strisce ti accorgerai di quanti "luoghi comuni" ci siano tra George Washington e George W. Bush. Il Libro Nero di Blum è un buon punto di partenza, ad esempio.
Detto ciò, condivido pienamente ciò che dici su Putin e le guerre dimenticate. Evidentemente dopo anni di finanziamenti a colpi di dollari, lo Zar si deve essere dimenticato dei simpatici sorrisi sfoderati a Pratica di Mare... e si è ricordato dei metodi imparati alla Lubjianka.
In fine, Ashoka, quando ha parlato del Trattato di Westfalia (1648, che pose fine alla Guerra dei Trent'anni), ha citato il punto zero del diritto internazionale. Quello che, pari pari, il signor Bush ha violato. Proprio come fece un austriaco apolide 70 anni fa... Anschluss docet!

Saludos
Kolza

Yossarian
Inviato: 6/6/2006 21:11  Aggiornato: 6/6/2006 21:11
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/12/2005
Da: La bocca del lupo
Inviati: 42
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Ahi.......
Sento odore di troll.............
sbaglio?

" Questa coda non è di questa mucca !"
- Il bisnonno; Complottista dei primi del 1800-
Cinqui
Inviato: 6/6/2006 21:17  Aggiornato: 6/6/2006 21:19
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/3/2006
Da:
Inviati: 227
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
va bene, mi sembra che abbiamo trovato un decente punto di equilibrio.


tra fassino e ferrara?????no...impossibile...una massa infinita, ed una infinitesima, come le metti in equilibrio??

ah, scusassiro l'ignoranza..ma sti troll, in definitiva, che sono?

"Una bella donna non è colei di cui si lodano le gambe o le braccia, ma quella la cui bellezza complessiva è tale da togliere la possibilità di ammirare le singole parti..." - Seneca - .
rumenta
Inviato: 6/6/2006 21:31  Aggiornato: 6/6/2006 21:31
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2006
Da: Repubblica di Genova
Inviati: 801
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
pseudoTale:
Citazione:
mah, a parte che il Bertinotti era sindacalista...


ah, già, sindacalista.... immagino....
se era come quelli che ho conosciuto (e doveva per forza esserlo vista la carriera che ha fatto) te lo raccomando proprio.....

Citazione:
la prossima volta prova ad aguzzare la vista.


boh, ti dirò, è dagli anni '70 che aguzzo la vista, e francamente ad ogni "legislatura" le differenze tra i due schieramenti sono andate scemando sempre più.
vedremo comunque a conti fatti (a fine legislatura) se effettivamente ci sono state differenze e, soprattutto, quanto avranno saputo risollevare le sorti del paese che gli avete affidato.



"La verità dev'essere brutale, violenta, armata ed arrabbiata. Altrimenti soccombe."
testudo69
Inviato: 6/6/2006 21:41  Aggiornato: 6/6/2006 21:41
So tutto
Iscritto: 26/5/2006
Da:
Inviati: 10
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Io saro' di parte ma non credo di essere l'unico in questo sito.

La domanda è... perchè l'opinione pubblica occidentale scende in piazza solo e soltanto contro l'imperialismo americano o israeliano e chiude gli occhi davanti a quello cinese, russo (ex sovietico) o serbo?

rumenta
Inviato: 6/6/2006 21:44  Aggiornato: 6/6/2006 21:44
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2006
Da: Repubblica di Genova
Inviati: 801
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
ah, scusassiro l'ignoranza..ma sti troll, in definitiva, che sono?


http://www.urban75.com/Mag/troll.html

buona lettura



"La verità dev'essere brutale, violenta, armata ed arrabbiata. Altrimenti soccombe."
Blisset
Inviato: 6/6/2006 21:48  Aggiornato: 6/6/2006 21:48
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/12/2005
Da:
Inviati: 104
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
i tempi politici italiani sono quelli che sono.

Già, soprattutto i tempi tecnici della sinistra che in 6 anni non ha saputo fare una riforma...

Citazione:
ora c'è gente che dice apertamente che la guerra è stato un tragico errore, che il contingente italiano non lo avrebbe mandato e che sta esaminando (seriamente?) questi benedetti tempi tecnici per il ritiro...


Sì, ma è gente che non ha mai saputo mantenere una singola promessa in vita sua. E poi a chi ti riferisci? A D'Alema che quando era premier ha fatto bombardare per 75 giorni Belgrado con l'aereonautica militare italiana, contro le disposizioni dell'ONU? O ai politici di Rinfondazione che tifano per i terroristi quando fanno scoppiare i carabinieri in Iraq, dicendolo persino alla Camera?

Citazione:
non ce n'è abbastanza per provare un minimo di sollievo?
ho BISOGNO di dare un po' di fiducia a questo Governo.
sennò mi vien da piangere.


Ehh, come no. Oggi sono arrivate in provincia 160.000 richieste di pagamenti di tasse di 14 anni fa! Se non si trovano le ricevute ognuno di noi deve RI-sborsare milioni e milioni + gli interessi e le more!
Ora che ci sono loro, provo un sollievo che mi verrebbe da sputare in faccia al nuovo ministro delle finanze. Come organizzazione sembra che abbiamo fatto un balzo indietro a 10 anni fa.
Guarda il mio sollievo è se queste assurdità di ri-pagare tasse di 14 anni fa capitassero solo a tutti gli idioti che hanno dato fiducia a questi incompetenti che stanno lì a guadagnare 50 milioni al mese (prima erano 5, ora sono 50 grazie a Prodi e D'Alema) per rovinare l'Italia.
Voglio vedere poi come ti verrebbe da piangere!

Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti.
Eraclito
Leggi non per contraddire e confutare, né per credere e dare per scontato, ma per soppesare e considerare.
Sir Francis Bacon
miah
Inviato: 6/6/2006 21:53  Aggiornato: 6/6/2006 21:53
Ho qualche dubbio
Iscritto: 23/5/2006
Da:
Inviati: 94
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
ciao testudo, tu hai ragione, ma mentre l'imperialismo cinese, russo, serbo i casini le fanno a casa loro e a pagare è il popolo di quello Stato ( non che sia giusto questo!) l'imperialismo americano e israelino ricadono su tutti i popoli, viste le loro manie di grandezza e soprattutto la loro insaziabile fame di potere.... in realtà in piazza bisognerebbe scendere un pò più spesso e soprattutto più concretamente!!!!

Ashoka
Inviato: 6/6/2006 22:00  Aggiornato: 6/6/2006 22:00
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:

Parlando di diritto internazionale anche la Cina è un paese in pace ma se smerci qualche gtrammo di droga ti fucilano ( e la pallottola te la paga la famiglia).


Perfetto. Regime dittatoriale interno. Quante dittature ci sono al mondo?

Citazione:
Siete così convinti che l'assenza di guerra significa pace?


Grazie del voi. Ma non credo che portare la guerra in un luogo ne sia una definizione più corretta...

Citazione:
Quello che voglio dire è che vivendo sotto una dittatura il popolo è in guerra contro il regime.
Icurdi gasati e gli sciiti uccisi in massa e scomparsi nel nulla li possiamo attribuire a Saddam o è un reato di lesa maestà?


Son tutti suoi i curdi, così come son tutti dell'esercito occupante i morti di Falluja.

Allo stesso modo son tutti di Bava Beccaris i morti dei tumulti di Milano, quando sparò sulla folla con i cannoni ed il Re Umberto I si Savoia lo decorò con la medaglia d'oro. Ma non mi pare che nessuno stato abbia sentito il bisogno di intervenire.. ci ha pensato Gaetano Bresci.


Citazione:
Alla faccia del progressismo.
Questo vuol dire che se in Svizzera il governo decidesse di massacrare tutti gli abitanti di lingua italiana la comunità internazionale non potrebbe fare nulla per intervenire (cazzi degli svizzeri).
mai sentito parlare di ingerenza umanitaria?
Se vogliamo restare fermi al 1648 possiamo farlo ma forse sarebbe il caso di riuscire ad aggiornare un po' il dirittto internazionale.


Non ti proccupare.. Kissinger e gli amici di sempre ci stanno pensando. Per trattare temi internazionali come le armi di distruzione di massa ed il terrorismo internazionale serve un organismo sovranazionale forte che intervenga e risolva la situazione

Citazione:
Con questa logica saremmo ancora alla legge del taglione!


Con la prossima vivremo in un perenne stato di polizia..

Citazione:
La palestina?
Hamas è nata per la corruzione di Arafat e del suo apparato.
Gli israeliani hanno le loro colpe ma la dirigenza palestinese non è immune da critiche (oddio saro' un sionista filoamericano che viene qui a stuzzicare?)


Questo cambia il fatto che i diritti civili dei palestinesi siano calpestati? Erhm no volevo dire tutelati.. tutelati. Non calpestati!

Citazione:
Se ce la vogliamo cavare con le battute facciamolo ma forse non avete ben presente cosa fosse il regime di Saddam....


Allora non vuoi capire. Non era Saddam cattivo e gli Americani buoni così come non è Saddam buono e gli Americani cattivi. Saddam era un dittatore, feroce, non rispettava i diritti umani, etc.

Cambia qualcosa? I morti ammazzati rimangono, gli stupri pure, gli eccidi anche. E' sempre una guerra di occupazione e non esistono al mondo governi buoni.

Citazione:
e infatti la russia non è un paese democratico. Spariscono giornalisti gli oppositori vengono mandati in carcere e l'esercito con il silenzio assordante dei grandi mezzi d'informazione (e anche dei piccoli) combatte una guerra imperialista ed egemonica(ah no tecnicamente non è una guerra la russia mica ha dichiarato guerra alla cecenia caspiterina)


Però non mi pare che la Russia sia oggetto di esportazione di democrazia da parte degli USA, perchè?

Citazione:

Quello che mi ha sempre stupito è come delle persone che si ritengono progressiste laiche ed emancipate siano sempre disposte a difendere i regimi piu' dittatoriali integralisti e illiberali pur di andare contro l'imperialismo americano


Di liberale negli USA, dopo il patriot act 1&2 è rimasto ben poco... e non mi pare di aver difeso alcun regime dittatoriale integralista (a parte forse Isr.. cough cough)

****

Citazione:
o saro' di parte ma non credo di essere l'unico in questo sito.


siamo tutti di parte.. la nostra

Citazione:
La domanda è... perchè l'opinione pubblica occidentale scende in piazza solo e soltanto contro l'imperialismo americano o israeliano e chiude gli occhi davanti a quello cinese, russo (ex sovietico) o serbo?


Veramente io ho visto tante belle sfilate per Israele (giustamente!!) e contro l'Iran.... e non mi pare si chiudano gli occhi davanti ad alcun "imperialismo"..


Ashoka

salistrari
Inviato: 6/6/2006 22:01  Aggiornato: 6/6/2006 22:04
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2006
Da: Cosenza (CALAFRICA)
Inviati: 528
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Testudo sono d'accordo con te.
Infatti, ho sempre condannato qualsiasi tipo di invasione, aggressione, oppressione che qualsiasi stato o singola organizzazione compie ai danni di un popolo svorano, di un'etnia o di una minoranza (qualunque essa sia).

Ogni schiaffo dato a un mio fratello è uno schiaffo dato a me.

Gesù.


edit2: ashoka quoto.

rumenta
Inviato: 6/6/2006 22:04  Aggiornato: 6/6/2006 22:04
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2006
Da: Repubblica di Genova
Inviati: 801
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Vittorio:
Citazione:
Quello che mi ha sempre stupito è come delle persone che si ritengono progressiste laiche ed emancipate siano sempre disposte a difendere i regimi piu' dittatoriali integralisti e illiberali pur di andare contro l'imperialismo americano


veramente Ashoka si riferiva ad israele, stato che impone il razzismo confessionale ma che, ovviamente, NON viene trattato alla stregua dell'iran.
e ora tacciami pure dei antisemitismo

Citazione:
gli "infiobatori erano partigiani o criminali di guerra??


che domande, erano partigiani, naturalmente..... se non lo fossero stati li avrebbero processati, come fecero a norimberga..... o no??
o forse, essendo dalla parte dei vincitori, furono dimenticati al pari degli aviatori che assassinarono centinaia di migliaia di civili ad amburgo o a brema..... ah, scusa, quelli erano solo tedeschi cattivi



"La verità dev'essere brutale, violenta, armata ed arrabbiata. Altrimenti soccombe."
Paxtibi
Inviato: 6/6/2006 22:05  Aggiornato: 6/6/2006 22:06
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Icurdi gasati e

I curdi li gasarono gli iraniani, quante volte bisognerà dirlo?

While the War College report acknowledges that Iraq used mustard gas during the Halabja hostilities, it notes that mustard gas is an incapacitating, rather than a killing agent, with a fatality rate of only 2%, so that it could not have killed the hundreds of known dead, much less the thousands of dead claimed by Human Rights Watch.

According to the War College reconstruction of events, Iran struck first taking control of the village. The Iraqis counter-attacked using mustard gas. The Iranians then attacked again, this time using a "blood agent" - cyanogens chloride or hydrogen cyanide - and re-took the town, which Iran then held for several months.
(What happened in Kurdish Halabja?)

pseudoTale
Inviato: 6/6/2006 22:19  Aggiornato: 6/6/2006 22:19
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 451
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
ohibò, il Blisset dice che "oggi sono arrivate in provincia 160.000 richieste di pagamenti di tasse di 14 anni fa! Se non si trovano le ricevute ognuno di noi deve RI-sborsare milioni e milioni + gli interessi e le more!"

ostia! allora è vero che vogliono darci dentro contro l'evasione fiscale...
era ora!

il Blisset poi nota che "come organizzazione sembra che abbiamo fatto un balzo indietro a 10 anni fa".

minchia! dopo neanche una settimana dal giuramento hanno già dato un'impronta così netta all'organizzazione dello Stato...
'anvedi che velocità!

dai Blisset, come direbbe Iva Zanicchi, "lasciamoli provare, se poi non van bene tra 5 anni li cambiamo".

testudo69
Inviato: 6/6/2006 22:26  Aggiornato: 6/6/2006 22:26
So tutto
Iscritto: 26/5/2006
Da:
Inviati: 10
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Io prima di scrivere i miei stupidi messaggi (OSHAKA mi dice che continuo a non capire) ne ho letti un bel po' sia su questo forum che su altri.
Sull'undici settembre sono stato pronto a rivedere le mie posizioni.
E questo credo che dimostri la mia capacità di distinguere
Ora posso anche passare per l'inetto che non capisce o il banalotto disinformato che non arriva a capire la Verità.
molti di voi vedono negli Stati Uniti o in Israele il cancro del mondo e sono molto contento per voi ma io continuo a pensare che la cosa sia un po' piu' complessa.
Non credo pero' CHE l'Imperialismo sia nato con la politica degli Stati Uniti.
Scommetto che ora ci sarà qualcuno che mi linkerà un sito dove potro' ricredermi anche su questo
Saluti e baci.
P.s.
Quantio alle manifestazioni pro Israele non le ho mai viste (e vivo a roma non a canicattì)

Paxtibi
Inviato: 6/6/2006 22:28  Aggiornato: 6/6/2006 22:32
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
"lasciamoli provare, se poi non van bene tra 5 anni li cambiamo".

Certo, e ci rimettiamo Berlusconi.

Ha' voglia te!


___________________________

OSHAKA mi dice che continuo a non capire

Infatti hai sbagliato pure il nick...



molti di voi vedono negli Stati Uniti o in Israele il cancro del mondo e sono molto contento per voi ma io continuo a pensare che la cosa sia un po' piu' complessa.

Anch'io!

Non credo pero' CHE l'Imperialismo sia nato con la politica degli Stati Uniti.

Ma non si può negare che l'attuale politica USA sia imperialista al massimo grado...

cnj
Inviato: 6/6/2006 22:34  Aggiornato: 6/6/2006 22:45
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da: Romagna
Inviati: 795
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
mah, a parte che il Bertinotti era sindacalista...
e a parte che io non è che lo ami alla follia...
ma se davvero non vedi differenze tra lui e Pera, mi arrendo.


la differenza c'è... è la poltrona che è la stessa... quelli quando si siedono su una di quelle belle poltrone imbottite cadono in un sonno catatonico primordiale clonandosi esattamente a quelli che li hanno preceduti...
oh, io ho questa sensazione, mi auguro di sbagliare...

La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. Nikola Tesla
Ashoka
Inviato: 6/6/2006 22:43  Aggiornato: 6/6/2006 22:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
o prima di scrivere i miei stupidi messaggi (OSHAKA mi dice che continuo a non capire) ne ho letti un bel po' sia su questo forum che su altri.


Bene, allora difficilmente, se hai letto i miei, potrai dire che “difendo” regimi vari ed eventuali..

Citazione:
Sull'undici settembre sono stato pronto a rivedere le mie posizioni.
E questo credo che dimostri la mia capacità di distinguere


onore a te

Citazione:
molti di voi vedono negli Stati Uniti o in Israele il cancro del mondo e sono molto contento per voi ma io continuo a pensare che la cosa sia un po' piu' complessa.


Tranquillo il cancro del mondo lo hanno già individuato: è l'uomo stesso.

Citazione:
Non credo pero' CHE l'Imperialismo sia nato con la politica degli Stati Uniti.


Direi che gli Stati Uniti hanno molto in comune con l'Atene post pace di Nicia.

Citazione:

Quantio alle manifestazioni pro Israele non le ho mai viste (e vivo a roma non a canicattì)


Quindi non hai partecipato alla famosa fiaccolata di qualche tempo fa quando il cattivo iraniano disse che voleva cancellare Israele dalle mappe.... Avresti dovuto .. eheh

Ashoka

salistrari
Inviato: 6/6/2006 22:55  Aggiornato: 6/6/2006 22:55
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2006
Da: Cosenza (CALAFRICA)
Inviati: 528
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Bisognerebbe sgomberare il campo da un sacco di fraintendimenti.

Israele=politica imperialista e di aggressione
Usa=politica imperialista e di aggressione
Russia=politica imperialista e di aggressione
...

potrei continuare (anche con esempi storici)...

Ma mi dite dove porta questa discussione?

E' innegabile che ci sono paesi che portano avanti delle politiche di imperialismo economico e militare. Sappiamo ormai da secoli di quali paesi stiamo parlando e che si sono passati lo scettro varie volte o sono nati come funghi (atomici) dove non esistevano (ogni riferimento ad Israele è puramente casuale!).

Il fatto è che OGGi, queste politiche e questi paesi si scontrano con una situazione in cui la GUERRA PER LE RISORSE ENERGETICHE è diventata irrinunciabile. Siamo ad una svolta epocale e l'11 settembre o si inquadra in questa svolta o non si comprende.
Vi ricordate a Matrix che qualcuno diceva ai "complottisti" che l'america per fare le guerre non aveva bisogno di giustificazioni?
Per fare delle leggi draconiane come i Patriot act e le leggi antiterrorismo però si.

E' l'urgente necessità di accaparrarsi il controllo del mercato mondiale di petrolio che spinge oggi questi paesi a fare determinate scelte di guerrra e di politica internazionale.

Il petrolio sta finendo, lo volete capire o no?

Poi facciamo e diciamo tutto quello che vogliamo. Ma la spirale di guerre e di violenze conseguente all'annullamento del diritto internazionale come base dei rapporti tra gli stati e della funzione regolatrice dell'ONU, conitnuerà fino a che non si saranno stabiliti netti confini di competenza e di appropriazione delle riserve strategiche mondiali del greggio.

Ciao a tutti.

rumenta
Inviato: 6/6/2006 22:57  Aggiornato: 6/6/2006 22:57
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2006
Da: Repubblica di Genova
Inviati: 801
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
in verità la cosa è un tantinino più complessa, e l'evasione c'entra poco o nulla.
come è già accaduto in passato, l'ottima organizzazione della burocrazia statale ha fatto casino, e stanno arrivando montagne di cartelle sbagliate.
ora, se non vado errato, l'obbligo di conservazione delle ricevute è di 5 anni, dopo te ne puoi liberare.
questi "signori" però, si sentono in diritto di andare a scavare fino a 14 anni fà.... e tu, furbacchione, ce le hai le ricevute di 14 anni fa vero??
sennò rientri di diritto nella categoria "evasori"
ora io, come molti, quei soldi, rivalutati degli interessi e comprensivi della mora, proprio non li ho, casomai arrivasse anche a me qualcosa del genere.
e non sono disposto a pagare ora per vedermi rimborsato tra dieci anni, sempre che riesca a far valere le mie ragioni e lo "stato" ammetta di aver sbagliato.
non sono neppure disposto ad indebitarmi per pagare qualcosa che, allo "stato", non è affatto dovuto.
semmai, se proprio devo indebitarmi, lo posso fare per acquistare un AK74, onde potermi difendere in modo acconcio (e possibilmente definitivo) da questi presunti "pubblici amministratori".....

Citazione:
"lasciamoli provare, se poi non van bene tra 5 anni li cambiamo"


potremmo non arrivarci a vedere la fine della legislatura, sai??

P.S. ma questi non erano gli stessi che avevate mandato a casa 5 anni fa??



"La verità dev'essere brutale, violenta, armata ed arrabbiata. Altrimenti soccombe."
Paxtibi
Inviato: 6/6/2006 23:12  Aggiornato: 6/6/2006 23:12
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Il petrolio sta finendo, lo volete capire o no?

No, scusa, questa storia deve finire prima o poi. Google ce l'hanno tutti, giusto?

"new oil discovery" su Google

Il picco del petrolio è un red herring.

rumenta
Inviato: 6/6/2006 23:15  Aggiornato: 6/6/2006 23:15
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2006
Da: Repubblica di Genova
Inviati: 801
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
salistrari:
Citazione:
Il petrolio sta finendo, lo volete capire o no?


ne sei davvero sicuro??

dal servizio su nassirija di Raisat (quello che finalmente ha accomunato il nostro intervento con la difesa dei pozzi dell'eni) mi pareva di aver capito che gli italiani erano seduti su un giacimento la cui ricchezza avrebbe portato l'eni a superare qualsiasi produttore al mondo.... ma forse mi sbaglio, la teoria del peak oil è corretta e la bolla immobiliare è una bufala.....



"La verità dev'essere brutale, violenta, armata ed arrabbiata. Altrimenti soccombe."
salistrari
Inviato: 6/6/2006 23:22  Aggiornato: 6/6/2006 23:22
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2006
Da: Cosenza (CALAFRICA)
Inviati: 528
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Se prendete l'attuale domanda e l'attuale produzione di petrolio, ne avremo ancora (sempre non scoprano nuovi giacimenti, improbabile!) per oltre 40 anni.

Però se considerate che la domanda di petrolio entro il 210 raddoppierà (India e Cina vi dicono niente?), non ne avremo che per 20 anni.

La guerra, la strategia globale statunitense e israeliana e la carovana occidentale che segue è giustificata solo da questa prospettiva.

Lo shock petrolifero è proprio dietro l'angolo e sarà determinato proprio dall'impossibilità dell'offerta di soddisfare la domanda globale di petrolio.
Ecco perchè chi CONTROLLERA' le riserve di petrolio si assicurerà per molto più tempo i ritmi di sviluppo e consumo attuali.

Ciao.

witko
Inviato: 6/6/2006 23:26  Aggiornato: 6/6/2006 23:26
So tutto
Iscritto: 25/5/2006
Da: lierna
Inviati: 10
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
non c'e' moralita' nella guerra.Nelle vostre guerre bastano pochi minuti per provocare la morte di migliaia di persone.Forse varrebbe la pena di suggerire ai capi delle nazioni in guerra un accordo che preveda 5 minuti di comattimento,e quindi una interruzione per permettere ai genitori di recarsi sul campo di battaglia a raccogliere cio' che resta dei loro figli per piangerli e seppellirli.Soltanto dopo potrebbero discutere l'opportunita' di impegnarsi in battaglia per altri 5 minuti.E' difficile cavare un senso da cio' che non e' affatto sensato. Tratto dal libro diM. Morgan:...e venne chiamata 2 cuori.

la mia nuova email è ugo.ongania@tele2.it
pseudoTale
Inviato: 6/6/2006 23:33  Aggiornato: 6/6/2006 23:33
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 451
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
salistrari, ma se il petrolio sta finendo perché tutto 'sto casino per metterci sopra le mani?

Paxtibi
Inviato: 6/6/2006 23:36  Aggiornato: 6/6/2006 23:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Se prendete l'attuale domanda e l'attuale produzione di petrolio, ne avremo ancora (sempre non scoprano nuovi giacimenti, improbabile!) per oltre 40 anni.

Ne deduco che non hai cliccato sul mio link.
Ecco alcuni dei risultati, a caso:

Statoil surprised by oil discovery

Huge new oil discovery in Brazil

Murphy Oil Announces New Oil Discovery In Deepwater Malaysia

CNOOC makes new oil discovery in China's Bohai Sea

Norwegian company announces new oil discovery in Yemen

Ce ne sarebbero altri 35.500.000 circa...

salistrari
Inviato: 6/6/2006 23:38  Aggiornato: 6/6/2006 23:38
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2006
Da: Cosenza (CALAFRICA)
Inviati: 528
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Ciao pseudotale.

Perchè è la base dell'economia.

Rinunciare al petrolio, oggi, significherebbe rinunciare a tutto.

Finchè non si saranno trovate fonti di energie DAVVERO alternative al petrolio, l'oro nero resterà appunto l'oro più prezioso della terra.

pseudoTale
Inviato: 6/6/2006 23:39  Aggiornato: 6/6/2006 23:39
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 451
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
X Salistrari
mi hai risposto sopra.
capisco quel che dici...
anche se mi sembra anti-economico.
cioè.
da buon bertoldo mi verrebbe da dire che sarebbe più sensato concentrarsi sulla ricerca di nuove risorse energetiche piuttosto che scannarsi per una risorsa che tra 20 anni non ci sarà più.
detto da uno che chiaramente non ci capisce un cazzo.

Paxtibi
Inviato: 6/6/2006 23:40  Aggiornato: 6/6/2006 23:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Dal primo dei link precedentemente postati:

Norwegian oil producer Statoil has made what appears to be the first major strike of oil in the North Sea in ten years. The news sent the Statoil shares soaring at the Oslo Stock Exchange.

According to Norwegian newspaper Aftenposten, geologists now hope that the discovery of oil in the Ellida field may lead to a new oil age for Norway.

salistrari
Inviato: 6/6/2006 23:42  Aggiornato: 6/6/2006 23:42
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2006
Da: Cosenza (CALAFRICA)
Inviati: 528
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Ciao Pax.

Ma la scoperta di nuovi giacimenti non è una cosa nuova. Il fatto è che il ritmo di crescita della domanda non può essere sostenuto con la scoperta di questi giacimenti che è inferiore a qualsiasi altro periodo storico precedente.

Paxtibi
Inviato: 6/6/2006 23:46  Aggiornato: 6/6/2006 23:47
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Il fatto è che il ritmo di crescita della domanda non può essere sostenuto con la scoperta di questi giacimenti che è inferiore a qualsiasi altro periodo storico precedente.

Questa è teoria. In pratica io vedo che si scoprono giacimenti dappertutto, senza contare quelli, enormi, che già sappiamo esserci ma non ancora sfruttati, come nelle Falkland.

Inoltre, nessuno si comporta come se il petrolio stesse finendo, ti rimando anche a questo forum dove se n'era già parlato:

Il Picco del Petrolio è una Truffa Globalista

rumenta
Inviato: 6/6/2006 23:49  Aggiornato: 6/6/2006 23:49
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2006
Da: Repubblica di Genova
Inviati: 801
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
salistrari:
Citazione:
(sempre non scoprano nuovi giacimenti, improbabile!)


dalla ricerca con Gooooogle proposta da Pax:

Citazione:
Brazil's state oil company, Petrobras, discovers a huge new oil field off the coast of Rio de Janeiro state.

ooopss.....
Citazione:
Murphy Oil Announces New Oil Discovery In Deepwater Malaysia

oooppsss.....
Citazione:
DNO scores new discovery in Yemen's Block 32

oooooppppsssss.....
Citazione:
New oil discovery offshore Equatorial Guinea

oooooppppppssssssss......
Citazione:
New oil discovery northeast of Norne

Citazione:
Shell makes new oil discovery in Bonga field

Citazione:
CNOOC makes new oil discovery in China's Bohai Sea

eccetera, eccetera, eccetera.......



"La verità dev'essere brutale, violenta, armata ed arrabbiata. Altrimenti soccombe."
salistrari
Inviato: 6/6/2006 23:50  Aggiornato: 6/6/2006 23:52
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2006
Da: Cosenza (CALAFRICA)
Inviati: 528
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
So di questa teoria perchè ne ho sentito parlare.

Ok, se siete tanto convinti di quello che dite, vedremo tra vent'anni chi aveva ragione.

Ciao, devo andare a dormire che domani lavoro...

Grazie a tutti come sempre della compagnia.

PS: Pax, avremo modo di riparlarne...

edit2 all'ultimo commento:

Se avessimo tutte le pagine per le scoperte di giacimenti di petrolio degli anni 50 e 60, non riusciremmo a contenerle in tutti i database del mondo.
Oggi la scoperta di nuovi giacimenti non è mai stata storicamente così bassa (in percentuale).

Comunque...un gionro vi dirò----->ve l'avevo detto!

Ciao, scherzo naturalmente

rumenta
Inviato: 6/6/2006 23:55  Aggiornato: 6/6/2006 23:55
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2006
Da: Repubblica di Genova
Inviati: 801
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
allora notte, e arrivederci tra 20 anni.... azz che sonno pesante che hai



"La verità dev'essere brutale, violenta, armata ed arrabbiata. Altrimenti soccombe."
Ashoka
Inviato: 6/6/2006 23:57  Aggiornato: 6/6/2006 23:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Il fatto è che, molto pù semplicemente, non abbiamo la più pallida idea di quando finità il petrolio. Si stanno basando su dei modelli per prevedere domanda ed offerta.... inseriscono dei parametri et voilà ecco una previsione...

Ma Salistrari lo sappiamo bene entrambi qual'è il teorema fondamentale dell'ingegneria (applicabile anche alla statistica)..

Per tre punti non allineati passa una retta purché sufficientemente spessa...

E quindi non sappiamo in che modo aumenterà la domanda di petrolio, né come si svilupperà l'offerta mondiale...

E' tanto facile sedersi ad un pc, costruire un modello di tredicimila variabili modellate con equazioni differenziali di ordine infinito e poi dire: ok troppo complicato utilizziamo una bella retta.....introducendo un fattore di errore K.

.... che poi è la stessa cosa che si fa in macroeconomia.....

E noi tutti a pendere dalle loro labbra....

Ashoka

Paxtibi
Inviato: 6/6/2006 23:57  Aggiornato: 6/6/2006 23:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Comunque...un gionro vi dirò----->ve l'avevo detto!

Vedremo, chi sarà a dirlo!

Vorrà dire che chi avrà sbagliato pagherà da bere.



(Sempre che non sia finita anche la birra, nel frattempo!)

Comunque, ecco la notizia del giorno:

CIA papers: U.S. failed to pursue Nazi


WASHINGTON (CNN) -- The United States was told the location and approximate alias of Nazi war criminal Adolf Eichmann more than two years before his capture but did nothing to pursue him, according to CIA documents released Tuesday.


rumenta
Inviato: 7/6/2006 0:06  Aggiornato: 7/6/2006 0:06
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2006
Da: Repubblica di Genova
Inviati: 801
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
come diceva della loggia, niente che esca da un archivio può svelare complotti di alcun genere, perchè i complotti NON esistono, come è ampiamente documentato anche qui:

http://xiaodongpeople.blogspot.com/2005/06/google-answers-conspiracy-theories.html



"La verità dev'essere brutale, violenta, armata ed arrabbiata. Altrimenti soccombe."
Max_Piano
Inviato: 7/6/2006 0:08  Aggiornato: 7/6/2006 0:08
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Per me avete ragione tutti :

ognuno può dire la sua tanto non lo vengono a dire a noi come stanno le cose

secondo me il trucco è :

dire che il petrolio sta finendo per tenere alti i prezzi : tanto per quanto costi le macchine vanno sempre a benzina.
allo stesso tempo evitare il panico dicendo che il petrolio sta esaurendosi

la certezza : il petrolio non è infinito

pare che scoperte di nuovi giacimenti siano sempre meno però anche qui bisogna dire le cose come stanno : ci sono giacimenti che non vengono sfruttati o non sono stati scoperti perchè sono scomodi ma un domani causa carenza potrebbero tornare utili.

altra certezza : prezzo petrolio in aumento

ufficialmente abbiamo usato il 50% del totale

soluzione : sfruttare le sabbie bituminose che nascondono enormi quantità di petrolio ma son costose da lavorare oppure usare il carbone praticamente inesauribile.

PS: tiro a indovinare : secondo me il peak l'abbiam passato

Cassandra
Inviato: 7/6/2006 0:15  Aggiornato: 7/6/2006 0:16
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/5/2006
Da:
Inviati: 1551
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Paxtibi,
spiacente di deluderti, ma ti assicuro che so di petrolio quanto Mazzucco di 11 settembre ( ).
Tutte quelle "grandi scoperte" di giacimenti sono bufale galattiche. Tra una "scoperta" e l'inizio dello sfruttamento della stessa passano almeno 15 anni (tempi tecnici). Moltissime di quelle "scoperte" si rivelano un decimo del previsto (caso eclatante: l'Afghanistan e il bacino del Caspio, ci hanno fatto anche una guerra per prendere sta sòla). Altrettante di quelle scoperte sono esagerazioni giornalistiche: considera che il mondo consuma UN MILIARDO DI BARILI OGNI 12 GIORNI (12 giorni!!!) quindi quando leggi "immenso giacimento, 100 milioni di barili" fai presto a fare il conto.
Ultima: un sacco di Paesi annunciano scoperte per motivi economici e geopolitici, quando invece sono pozzette da niente.

Se cerchi con Google "motore ad acqua" o "zero energy" trovi milioni di riferimenti. Questo non significa che esistano.
Il peak oil non è un complotto, purtroppo. Il complotto è nel fatto che ce lo tengano accuratamente nascosto.
Alcuni links:
http://www.aspoitalia.net
http://petrolio.blogosfere.it

"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)
mancio
Inviato: 7/6/2006 0:17  Aggiornato: 7/6/2006 0:17
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/5/2006
Da:
Inviati: 54
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Ho letto con molto interesse i commenti sulla quantità di petrolio disponibile.

Se di OIL ce n'è in abbondanza vorrei fare forse la domanda più stupida di tutte:
ma allora che c***o ci sono/siamo andati a fare in iraq?


...il problema maggiore per il mondo è che le persone intelligenti sono piene di dubbi, mentre gli stupidi sono strasicuri di se.
Max_Piano
Inviato: 7/6/2006 0:23  Aggiornato: 7/6/2006 0:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
ma allora che c***o ci sono/siamo andati a fare in iraq?


i soldati italiani non lo so ... quando torneranno magari ce lo diranno ...

gli americani è ovvio : per prendere anche l'Iran !

per la serie : "Quando il mondo non basta più !"

Paxtibi
Inviato: 7/6/2006 0:23  Aggiornato: 7/6/2006 0:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Tra una "scoperta" e l'inizio dello sfruttamento della stessa passano almeno 15 anni (tempi tecnici).

Non vedo cosa cambi.

Il peak oil non è un complotto, purtroppo. Il complotto è nel fatto che ce lo tengano accuratamente nascosto.

Nascosto? Ma se è su tutti i giornali! Ci hanno pure fatto un film a Hollywood, Syriana!


___________________________

E, per completezza d'informazione, bisognerebbe citare anche questo:

Abiogenic petroleum origin

Ashoka
Inviato: 7/6/2006 0:38  Aggiornato: 7/6/2006 0:57
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Simpatico dibattito in parlamento....
qui

By Antonio Martino

Faccio riferimento alla posizione espressa da persone ragionevoli ed autorevoli che hanno qualificato i nostri militari in Iraq quali truppe di occupazione. Questa è una tesi falsa e pericolosa.


Tesi falsa.. e pericolosa......
Ora evidentemente spiegherà il perché...

Infatti, basta leggere le prime tre righe della risoluzione n. 1546 dell'ONU, approvata all'unanimità dal Consiglio di sicurezza l'8 giugno 2004, per sapere che per la comunità internazionale l'Iraq non è più uno Stato occupato. Tale risoluzione legittima pienamente la forza multinazionale in Iraq, in quanto la sua presenza è richiesta dal Governo iracheno ed esorta i paesi membri dell'ONU a fornire il proprio contributo in virtù di questo mandato.


Quindi fino al 7 giugno lo era? Peccato che la missione “Antica Babilonia” sia iniziata nell'ottobre del 2003....


I nostri militari in Iraq sono lì per una missione decisa dal Governo italiano, approvata dal Parlamento italiano su mandato delle Nazioni Unite e su richiesta delle legittime autorità irachene, le prime democraticamente elette in base ad una Costituzione liberamente approvata dal consenso popolare.

Noi siamo andati lì perché il legittimo governo eletto l'anno dopo ci ha chiamati con mandato dell'ONU.


Dire il falso e ripeterlo con ossessiva insistenza non è soltanto disdicevole, ma è anche gravemente lesivo dell'onore dei nostri militari
Esponenti della sinistra hanno ricordato al paese che le Nazioni Unite sono l'unica fonte della legittimità internazionale. Dal momento che vi è un mandato delle Nazioni Unite, il termine «truppe di occupazione» non dovrebbe più essere usato.


Chiarissimo! Occupazione fino al 7 giugno 2004 e dopo la risoluzione dell'Onu truppe di pace.. Ok mi hai convinto!

Si tratta oltretutto di un'affermazione pericolosa, perché se si trattasse di truppe di occupazione, gli autori di questi attentati dovrebbero essere considerati eroi della resistenza contro l'occupante, invece di comuni terroristi.


L'attentato di Nassiryia, del 2003, quindi prima della famosa risoluzione dell'Onu, secondo Martino sarebbe stato compiuto da eroi della resistenza?

E' tutto molto logico!

Ashoka

Cassandra
Inviato: 7/6/2006 0:55  Aggiornato: 7/6/2006 0:55
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/5/2006
Da:
Inviati: 1551
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Paxtibi,
purtroppo cambia e di molto, se un giacimento entra in produzione tra 15 anni. Perché il quantitativo che serve *adesso* non può aspettare, e tra 15 anni la domanda sarà cresciuta esponenzialmente. Quindi un giacimento che oggi farebbe una qualche differenza tra 15 anni ne farà molta meno. 1 miliardo di barili ogni 12 giorni oggi, e magari 1 miliardo a settimana tra 5 anni.

Ti assicuro inoltre che il peakoil ce lo tengono MOLTO accuratamente nascosto. Hai notato come al TG ogni giorno inventino nuove motivazioni per l'aumento dei prezzi? Uragani, nevicate, ondate di caldo, guerra lì, tensioni là, raffinerie rotte, oleodotti che perdono... una bella serie di scuse che servono a coprire l'unico vero motivo. Perché *vogliono* coprirlo, paxtibi. Puoi immaginarti cosa comporterebbe sui mercati un annuncio ufficiale di raggiunto (o prossimo) peak? Significherebbe una solo messaggio: prezzo in crescita ad oltranza e per sempre. Pensi che possano permettere una cosa simile? Le banche? Gli "investitori"?
L'11 Settembre è legato al peak oil. Le leggi fasciste in USA sono preludio al peak oil. Le guerre di conquista e controllo servono per il peak oil. E la sospensione dell'M3 USA, che consente di stampare dollari carta straccia serve solo a pagare un petrolio in rialzo continuo senza rimetterci troppo.

Se di petrolio ce ne fosse a iosa la Russia non farebbe quello che sta facendo, conterebbe come il due di picche come nel '95. Ma è un discorso lunghissimo, leggiti i links, la presentazione di Aspoitalia. Tutto quello che succede al mondo in questo momento è solo la preparazione alla guerra per le risorse che ci aspetta tra non molto.

"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)
beat
Inviato: 7/6/2006 0:59  Aggiornato: 7/6/2006 0:59
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/2/2006
Da:
Inviati: 288
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
basta con la guerra....
non ci basta vedere le foto e i filmati su:
nati con malattie dovute all' uranio impoverito, figli sia del "nemico" che del soldato (eroe quando muore, semplice numero quando agisce);
morti con l'uso di armi chimiche (fosforo bianco);
morti con l'uso ( guarda caso sempre da parte dei BUONI ) di armi ad energia diretta;
morti a decine al giorno, per i bombardamenti e le auto-bomba, o attentati vari aumentati notevolmente da quando è iniziata l'esportazione di democrazia;
BASTA co stà carneficina...anche per i morti italiani, "EROI" de che ...cosa non capisco!
E' ora di finirla con questa ipocrisia!!!
TRUPPA che arricchisce la TRIPPA di chi ha TROPPO!!!
Malthus continua ad ispirare l'establishment....
pensate che il primo regalo al presidente Kirchner argentino, in visita alla casa bianca da G.W.Bush fu proprio il libro di Malthus : "saggio sul principio della popolazione" opera del 1798!!!
tanta salute (anche se il momento non è bello)

Demon84
Inviato: 7/6/2006 1:02  Aggiornato: 7/6/2006 1:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 224
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Rumenta Si il T80 è la risposta perfetta all'Abraham Americano, non per niente è Russo :D
Xò bisogna anche saperlo usare.
Bisogna vedere chi mette le bombe già ma a questo punto sarebbe più comodo fare un genocidio di massa e addio Iraq, forse lo faranno con l'Iran, visto i casini che stanno avendo ora, non credo che vorranno dover combattere ancora contro 1 altro popolo di ribelli!

Cmq mi suona molto meglio la seconda!

Citazione:
La guerra in Iraq risponde a interessi strategici IRRINUNCIABILI da parte americana e occidentale.

Quotato Salistrari!

Citazione:
"Il mio viaggio di scoperte non è ancora finito, sebbene io ormai sia un uomo...più cose conosco meno cose capisco e meno cose capisco più mi sembra di tornare bambino" (Demon's summons 2006)
Paxtibi
Inviato: 7/6/2006 1:19  Aggiornato: 7/6/2006 1:19
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Ti assicuro inoltre che il peakoil ce lo tengono MOLTO accuratamente nascosto.

Mah, io l'ho visto sul New York Times, sul Guardian, sull'Online Journal, sul Washington Post... le cose "nascoste" sono un po' più difficili da trovare, di solito.

Puoi immaginarti cosa comporterebbe sui mercati un annuncio ufficiale di raggiunto (o prossimo) peak? Significherebbe una solo messaggio: prezzo in crescita ad oltranza e per sempre.

Se non sono ufficiali le fonti di cui sopra... e infatti il prezzo cresce. Ma mi chiedo: se sta finendo, perché non ce lo fanno pagare dieci volte tanto? Un rigurgito di pietà da parte delle Sette Sorelle?

Max_Piano
Inviato: 7/6/2006 1:31  Aggiornato: 7/6/2006 1:31
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
Se non sono ufficiali le fonti di cui sopra... e infatti il prezzo cresce. Ma mi chiedo: se sta finendo, perché non ce lo fanno pagare dieci volte tanto? Un rigurgito di pietà da parte delle Sette Sorelle?


Non è che finisca di botta e poi nessuno vuole rompere il giocattolo con prezzi troppo esosi.

L'aumento del prezzo oltre che a speculazione è dovuto anche alla famosa tassa "Shangai" ( fa guadagnare soldi e frena i consumi Cinesi )

beat
Inviato: 7/6/2006 1:40  Aggiornato: 7/6/2006 1:40
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/2/2006
Da:
Inviati: 288
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
sul sito dell'International Energy Agency,
sono previste stime di riserve petrolifere ancora per 30 anni circa.
Più del 70% è concentrato nell'area del golfo persico.
Dunque gran parte delle riserve, considerando anche il 10% dei paesi aslamici ( Libia, Nigeria e Indonesia) è in mani musulmane!
Il tetto max di produzione, rappresenta la max quantità di petrolio che si riesce a produrre in 1 anno. Siamo ancora in una fase ascendente che però essendo stabilizzata, presto tenderà verso il basso. Per i pessimisti tale tetto sarà raggiunto a brevissimo termine ( si parla di 2010) e li saranno i veri danni...
L'oligopolio mondiale del consumo di petrolio ( in primis gli usa) non vuole lasciare la tecnologia dipendente dal petrolio, non vuole adottare sistemi tecnologici alternativi finchè non si raggiunge il tetto.
Controllare l'energia significa detenere il potere..le grandi corporation usa e inglesi controllano le fasi finali della produzione distribuzione e vendita...gestiscono il monopolio occulto.
standard oil insegna!!

vincenzo
Inviato: 7/6/2006 2:13  Aggiornato: 7/6/2006 2:30
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/6/2004
Da: u-oy-topos middle Oceania
Inviati: 1304
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici

1 - Non fanno caso, costoro, che quando in Internet compare qualcosa di veramente scottante, scompare nell’arco di pochi minuti? Se invece qualcosa ci rimane per sempre – e pure in bella vista - vuole dire che lì da nascondere c’è ben poco.
Merimange
Inviato: 7/6/2006 5:57  Aggiornato: 7/6/2006 5:57
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/6/2006
Da: Roma
Inviati: 117
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
beh,che dire ragazzi,lasciando da parte la geologia e la morfologia reale della nostra penisola,ecco una provocazione:
immaginate per un attimo che in sardegna si scoprissero una serie di ricchissimi giacimenti petroliferi,diventeremmo anche noi un pericolosissimo stato canaglia nel quale,a seguito di elezioni contestatissime,si è verificato l'avvento di un pericoloso regime comunista,"anticlericale e integralista filomusulmano",come direbbe Bushino in un messaggio alla nazione a reti unificate?
E' fantapolitica,ovvio,ma è difficile stupirsi oggi per quello che accade nel mondo,specialmente se inquadrato in una certa logica,,a maggior ragione se prendo in considerazione la lunga,disgustosa serie di balle mondiali che l'amministrazione americana ci sta propinando ormai da diversi anni,nell'indifferenza per lo più generale.Non mi viene da dire nemmeno che si tratta di insulti alla intelligenza di tutti,perchè sappiamo dell'enorme quantità di bipedi dagli encefalogrammi piatti che ci camminano a fianco ogni giorno,quanto piuttosto di vere e proprie facce da culo che ci pigliano in giro volutamente e trattano le masse,non a torto allora,come ragazzini cerebrolesi ai quali rifilare le storielle della buonanotte.
Come spiegare allora i megacomputer che costano quanto il pil di un piccolo paese,i gruppi dil lavoro di 400 persone,l'organizzazione perfetta dei settori spionistici statunitensi e del pentagono,
se poi ci devono rifilare cagate come quella sull'undici settembre,che fa acqua da tutte le parti,sull'attaco all'Iraq,con la balla delle armi di massa smascherata subito,sul rapporto sull'assassinio di calipari pieno di omissis non protetti che vengono decriptati dopo un'ora dalla pubblicazione da uno studente greco con un semplice copia-e-incolla.
E' questa la triste realtà,non si tratta di errori,sanno che anche una versione "ufficiale" curata con sufficienza può andar bene per la mega-mandria di pecoroni silenti che popola questo pianeta.
Non dovremo stupirci se ci racconteranno cazzate per una prossima,probabile guerra all'Iran o per quello che succederà negli anni a venire.
Potremo solo constatarlo con gli occhi e con la coscienza di chi sa veramente.
Notte a tutti amici.

Max_Piano
Inviato: 7/6/2006 8:55  Aggiornato: 7/6/2006 8:55
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
Ma siamo propri sicuri sicuri sicuri che il petrolio non è una fonte rinnovabile?!


direi di si !

Santaruina
Inviato: 7/6/2006 9:53  Aggiornato: 7/6/2006 9:54
Sono certo di non sapere
Iscritto: 13/10/2004
Da: Sud Europa
Inviati: 5123
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Leggendo un articolo di Aspoitalia ho notato che si prodigano molto per difendere le “previsioni” del Club di Roma.

Il Club di Roma?

"Cercando un nuovo nemico contro cui unirci, pensammo che l'inquinamento, la minaccia dell'effetto serra, della scarsità d'acqua, delle carestie potessero bastare... Ma nel definirli i nostri nemici cademmo nella trappola di scambiare i sintomi per il male. Sono tutti pericoli causati dall'intervento umano...
Il vero nemico, allora, è l'umanità stessa".

Club di Roma, The First Global Revolution, 1991

Il Club di Roma fu fondato nel 1968 dall'italiano e piemontese Aurelio Peccei,.

Aurelio Peccei?

"Gli uomini continuano a vivere sul pianeta come i vermi sulla carogna: divorandola. Sanno che alla fine moriranno, ma continuano a divorarla."
A. Peccei - Intervista - La Repubblica, 31 dicembre 1980

Pannella , mentre ci suggerisce di autoeliminarci fisicamente per aiutare il pianeta ci ricorda:

Dai tempi del Club di Roma, quando proponemmo Aurelio Peccei (e chi sarà mai?) a Presidente del Consiglio...

1+1+1+1 = ...

Sono sempre loro ... e noi siamo qui per stanarli.

Blessed be

-o- Ama e fa' ciò che vuoi -o-
Tor
Inviato: 7/6/2006 10:14  Aggiornato: 7/6/2006 10:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/10/2005
Da: Gran burrone
Inviati: 129
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Santa....

Anch'io avevo sentito dire che esisteva una cosa del genere, ma pensavo fosse una delle tante leggende metropolitane....

"Non puoi chiuderti in una stanza buia e affermare che il sole non esiste solo perchè non vuoi aprire la porta e guardare fuori..."
Cassandra
Inviato: 7/6/2006 10:23  Aggiornato: 7/6/2006 10:23
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/5/2006
Da:
Inviati: 1551
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
santa,
li conosco quelli dell'Aspoitalia, sono professori universitari disperati che cercano di far capire la situazione in cui versiamo e nessuno se li caga. Se sapessero che vengono spacciati per Illuminati o roba simile si rotolerebbero dalle risate... oppure forse direbbero:"Magari! Almeno qualcuno ci cagherebbe!".
Quanto al Club di Roma, non so quanto siano illuminati o meno, ma a conti fatti siamo sei miliardi di persone che consumano come venti miliardi e stiamo massacrando il pianeta. Poi, se per via dei massoni preferisci non credere che sia quasi finito il petrolio, andato a puttane il clima, rovinato l'ecosistema, distrutto l'ambiente, affamati i poveri, sfruttati gli africani, impoverite le risorse, desertificati i suoli, afissiati gli oceani e sciolti i ghiacci allora liberissimo di continuare a combattere contro i mulini a vento.

"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)
Max_Piano
Inviato: 7/6/2006 10:28  Aggiornato: 7/6/2006 10:28
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
che le risorse siano limitate mi pare ovvio : da lì ad eliminare qualcuno, beh ... non possiamo che essere sconcertati anche solo a pensare una cosa simile !

del resto il problema si risolve da solo : chi non ha risorse muore di fame. insieme ad altri milioni di persone ogni anno.

non ho dubbi che potrebbero esserci risorse per molte più persone ma per quante esattamente e a quale prezzo ambientale ?

risorse per quanti altri individui? 5 miliardi ? 10 ?

a tutto c'è un limite !

come al petrolio !

Santaruina
Inviato: 7/6/2006 10:29  Aggiornato: 7/6/2006 10:29
Sono certo di non sapere
Iscritto: 13/10/2004
Da: Sud Europa
Inviati: 5123
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
li conosco quelli dell'Aspoitalia, sono professori universitari disperati che cercano di far capire la situazione in cui versiamo e nessuno se li caga.

Esattamente come Peccei e soci.

Se quelli di Aspoitalia vogliono essere presi sul serio devono prendere le distanze dai criminali del Club di Roma.

O forse tu sei d'accordo con uno che ha individuato nell'umanità il cancro del mondo?

Sul petrolio personalmente ho letto tutto e il contrario di tutto, ma uno che mi difende il club di Roma o è un non-informato, e allora si informi, oppure è in mala fede.

Terzo caso non esiste.

Blessed be

-o- Ama e fa' ciò che vuoi -o-
Santaruina
Inviato: 7/6/2006 10:36  Aggiornato: 7/6/2006 10:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 13/10/2004
Da: Sud Europa
Inviati: 5123
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Dal forum sul volto oscuro delle nazioni unite:

---------------------------

Tra le più importanti ma meno note organizzazioni formatesi in questo periodo vi sono il Club di Roma (the Club of Rome ,COR — 1968) e la Commissione Trilaterale (Trilateral Commission ,TC — 1973).

Il Club di Roma è un piccolo club di industriali, educatori, economisti internazionali.
Tra di loro vi sono vari Rockefeller e approssimativamente 25 membri del CFR.

Maurice Strong fu uno dei membri internazionali.
Il loro primo libro, The Limits to Growth, pubblicato nel 1972, descrive il mondo come vorrebbero che fosse:

“Noi crediamo che presto diverrà evidente il bisogno per una innovazione sociale, per una radicale riforma delle istituzioni e del processo politico a tutti i livelli, incluso il massimo, quello di una politica mondiale.
E poiché l’illuminazione intellettuale è senza effetto se non è anche politica, il Club di Roma incoraggerà anche la creazione di un Forum Mondiale dove statisti, politici e scienziati possano discutere i pericoli e le speranze per il futuro sistema globale senza le costrizioni di negoziati intergovernativi formali.”


Questo “forum mondiale” fu autorizzato nel 1972 dalla risoluzione numero 2997 delle Nazioni Unite con il nome di “the UN Conference on the Human Environment”.
Maurice Strong fu designato Segretario Generale della conferenza.

Un’altra pubblicazione del Club di Roma, Mankind at the Turning Point, chiarisce ulteriormente il pensiero che anima il governo globale:

“La soluzione di queste crisi si può affrontare solo in un contesto globale con piena e chiara cognizione del sistema mondiale emergente e una prospettiva di lungo termine..
Questo necessiterà, tra gli altri cambiamenti, un nuovo ordine economico mondiale (new world economic order) e un sistema di distribuzione delle risorse globali. […]
Una “coscienza globale” dovrà essere sviluppata affinché ogni individuo realizzi il suo ruolo come membro della comunità globale. […]

Dovrà essere parte della coscienza di ogni individuo che il fondamento unitario della cooperazione umana e di conseguenza la sopravvivenza si sta muovendo dal livello nazionale a quello globale.” […]


________________

-o- Ama e fa' ciò che vuoi -o-
Santaruina
Inviato: 7/6/2006 10:40  Aggiornato: 7/6/2006 10:41
Sono certo di non sapere
Iscritto: 13/10/2004
Da: Sud Europa
Inviati: 5123
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Sono sempre i soliti mondialisti, di cui ormai siamo circondati, dai Rockefeller ai Pannella, pasando per la Bailey (poteva mancare?)

Blessed be

-o- Ama e fa' ciò che vuoi -o-
Cassandra
Inviato: 7/6/2006 10:54  Aggiornato: 7/6/2006 10:54
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/5/2006
Da:
Inviati: 1551
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Ti assicuro che in Aspoitalia c'è di tutto (anche perché si può iscrivere chiunque), dai sostenitori della depopolazione "soft" (rientrodolce ecc.) a quelli, e sono la stragrande maggioranza, che propugnano invece un'economia sostenibile.
Io appartengo alla seconda categoria, ovvero credo come ho detto prima che siamo sei miliardi e consumiamo come venti miliardi. Se consumassimo solo il necessario, il pianeta sarebbe più che sufficiente, per noi e per l'ambiente.
Il problema è un altro, e qui forse ci incontriamo: c'è stato qualcuno che DELIBERATAMENTE (forse perché aveva interessi nella Standard Oil? ) ha spinto, con ogni mezzo lecito e illecito, per creare un'economia mondiale basata sul petrolio. Le automobili sono state inventate APPOSTA per consumare petrolio, e assolutamente non il contrario! Ogni cosa che il mondo "tecnologico" consuma è basata sul petrolio: plastica, medicine, fertilizzanti, elettricità... tutto. Il cibo è prodotto col petrolio.
Io sono convinta che sia un sistema creato a tavolino, per arricchire solo chi controllava la risorsa e tenerci tutti, scusa il francesismo, per le palle.
Adesso arrivano i cinesi (che giustamente sono stufi di campare come nel medioevo) e il petrolio non basta più. Le compagnie petrolifere vengono cacciate a calci nel sedere dai Paesi di mezzo mondo (Ringraziamoli! Perché facendo il loro interesse fanno anche il nostro! Vedi Venezuela, Russia, Ecuador eccetera) e ricorrono all'occupazione militare dei Paesi dell'altro mezzo per tentare una mossa disperata.
Non si sa se il petrolio arriverà al picco domani o fra dieci anni. Si sa però per certo che non basta più per soddisfare la richiesta crescente. Trivellano gli oceani e i Poli e non trovano un cacchio di niente. ma non possono, assolutamente non possono, scoprire le carte. Trovi articoli sul Times e il Guardian, certo, ma i governi si comportano esattamente come se non ci fosse alcun problema.

Salvo invocare Kyoto e prendere provvedimenti "contro l'inquinamento"... i provvedimenti (sciocchi) non sono contro l'inquinamento: sono per risparmiare risorse. Ma non ce lo possono dire, e non servono a un bel niente.

"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)
rumenta
Inviato: 7/6/2006 11:04  Aggiornato: 7/6/2006 11:04
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2006
Da: Repubblica di Genova
Inviati: 801
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Demon84:
Citazione:
Xò bisogna anche saperlo usare.


uh.... mi sembrava di averlo detto, che la causa principale dell'assenza del T80 era proprio la mancanza di addestramento serio dei carristi e non solo, perchè come sicuramente saprai se soltanto loro sono addestrati non risolvono molto, ci vuole un esercito che sia tale di fatto, non solo di nome.....

Citazione:
sarebbe più comodo fare un genocidio di massa e addio Iraq, forse lo faranno con l'Iran


no, non servirebbe assolutamente a nulla.
per chi manovra le cose serve una situazione di tensione continua, per poter imporre sempre più leggi speciali altrimenti improponibili.
e poi meglio far sfogare il popolo bue contro un nemico esterno ben identificato, piuttosto che farsi prendere a calci nel culo, non trovi??



"La verità dev'essere brutale, violenta, armata ed arrabbiata. Altrimenti soccombe."
Max_Piano
Inviato: 7/6/2006 11:08  Aggiornato: 7/6/2006 11:08
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
non è che ogni volta si senta la parola globale bisogna spaventarsi ... globale è anche positivo : il movimento per la verità sul 911, volendo fare un esempio particolare, è una nuova coscienza globale ( allora siamo tutti massoni mondialisti ?)

cooperare a livello globale non significa globalizzare anche le culture o imbrigliare le persone in organismi transnazionali ( quelli sì che possono aprire la strada a governi mondialisti ) !

d'altro canto non è neppure pensabile che 10 miliardi di persone potranno un giorno vivere sulla terra ognuno coltivando il suo orticello e infischandosene degli altri, o no?

convivere significa darsi dei limiti : i primi a farlo dovremmo essere "noi occidentali" ( e gli americani ancora prima degli altri visto che consumano un quarto delle risorse del pianeta )

Santaruina
Inviato: 7/6/2006 11:19  Aggiornato: 7/6/2006 11:21
Sono certo di non sapere
Iscritto: 13/10/2004
Da: Sud Europa
Inviati: 5123
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
non è che ogni volta si senta la parola globale bisogna spaventarsi ...

ovviamente no Max, ma quando i "progetti globali" sono accompagnati da concetti quali "rientro dolce", sono finanziati da Rockefeller, sono cugini del CFR*, allora un po' bisogna preoccuparsi...

Ripeto, è la concausa di tutti questi elementi che ci mette all'erta, non uno di essi preso singolarmente.

Blessed be

*e magari si ispirano ad Alice Bailey

-o- Ama e fa' ciò che vuoi -o-
Max_Piano
Inviato: 7/6/2006 11:39  Aggiornato: 7/6/2006 11:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
*e magari si ispirano ad Alice Bailey


recita l'antico proverbio cinese :

se devi incolpare qualcuno incolpa la Bailey,
tu non sai perchè
ma lei sì !


Paxtibi
Inviato: 7/6/2006 11:56  Aggiornato: 7/6/2006 11:56
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
"Drink Bailey responsibly."


bunter24
Inviato: 7/6/2006 12:18  Aggiornato: 7/6/2006 12:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/9/2005
Da: Nebbiosa pianura padana
Inviati: 150
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Ho postato nel mio blog al riguardo.. ne estraggo una parte:
Citazione:
"Ovviamente, la gente non vuole la guerra. Perché mai un contadino pezzente dovrebbe rischiare la vita in guerra quando il massimo che ne può ottenere è tornare alla sua fattoria tutto intero. Naturalmente, la gente comune non vuole la guerra; né in Russia, né in Inghilterra, né America, e per quello neanche in Germania. Questo è ben chiaro. Ma, dopo tutto, sono i capi della nazione a determinarne la politica, ed è sempre piuttosto semplice trascinare la gente dove si vuole, sia all'interno di una democrazia, che in una dittatura fascista o in un parlamento o in una dittatura comunista. […] La gente può sempre essere condotta ad ubbidire ai capi. È facile. Si deve solo dirgli che sono attaccati e accusare i pacifisti di mancanza di patriottismo e di esporre il paese al pericolo. Funziona allo stesso modo in qualunque paese."


Parole di oltre 50 anni fa di un certo sig. Hermann Wilhelm Göring.



Aspettiamo ancora i tempi tecnici.. c'è tempo.. non fate in fretta mi raccomando.. smontare due tende e portar via tutto richiede almeno un annetto.. con calma...


"Prima o poi arriva l'ora in cui bisogna prendere una posizione che non è né sicura, né conveniente, né popolare: ma bisogna prenderla, perchè è giusta."
Martin Luther King
vincenzo
Inviato: 7/6/2006 12:34  Aggiornato: 7/6/2006 12:34
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/6/2004
Da: u-oy-topos middle Oceania
Inviati: 1304
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici

1 - Non fanno caso, costoro, che quando in Internet compare qualcosa di veramente scottante, scompare nell’arco di pochi minuti? Se invece qualcosa ci rimane per sempre – e pure in bella vista - vuole dire che lì da nascondere c’è ben poco.
salistrari
Inviato: 7/6/2006 13:00  Aggiornato: 7/6/2006 13:00
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2006
Da: Cosenza (CALAFRICA)
Inviati: 528
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Vedo che ho creato un bel casino ad inserire l'argomento (un pò OT) del petrolio.
Me ne scuso, anche se rappresenta un argomento scottante in cui si scontrano diverse opinioni.

La mia è chiara e l'ho esposta.
Il discorso però potrebbe andare avanti per anni.
Io di una cosa sono certo e concordo in tutto con gli interventi di CASSANDRA (brava guagliuna! come si dice dalle mie parti, cioè in Calafrica), il petrolio non è illimitato, il consumo delle risorse è destinato a crescere constantemente negli anni, le scoperte di nuovi giacimenti procede a ritmi superinferiori rispetto agli anni 80, le guerre che stiamo vivendo (anche commerciali) hanno tutte come base le risorse energetiche. E questo è quanto.
Poi ci possiamo inoltrare in tutti i conti e le speculazioni che vogliamo, additando qualsiasi tipo di fondazione sospetta e criticabile (vedi club di roma), ma il fatto resta e purtroppo dovremo scontrarci con la dura realtà da qui a qualche anno.
Gli shock petroliferi storicamente si attivano quando il prezzo del greggio supera la quota di 80-90 dollari al barile (mi pare che ci siamo molto vicini), tiratene le conseguenze.
Poi un'altra cosa, sapete cosa significherebbe sfruttare i giacimenti (immensi certamente) di "petrolio pesante"? che il prezzo di produzione salirebbe del 100% e più e di conseguenza anche il prezzo al consumo. Per economie deboli (dal punto di vista energetico e non) come la nostra sarebbero dolori forti.
Ma ripeto, il discorso è troppo complesso...

Ai posteri l'ardua sentenza.

Ciao a tutti e scusate se ho scatenato la tempesta.

vincenzo
Inviato: 7/6/2006 13:30  Aggiornato: 7/6/2006 13:31
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 9/6/2004
Da: u-oy-topos middle Oceania
Inviati: 1304
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
il petrolio non è illimitato, il consumo delle risorse è destinato a crescere constantemente negli anni, le scoperte di nuovi giacimenti procede a ritmi superinferiori rispetto agli anni 80, le guerre che stiamo vivendo (anche commerciali) hanno tutte come base le risorse energetiche..E questo è quanto


Uà, la deriva ambientale, nazicomunista. Ti sarai chiesto perché la "scoperta di nuovi giacimenti procede a ritmi superinferiori"?

E e questo e quanto inutile che ne continuiamo, questa è la verità...Userei dei toni meno presuntuosi. Questo è quanto è relativamente tendente allì'infinito. Poi puoi importi tutti i limiti che vuoi e chiudere gli occhi..

Citazione:
dovremo scontrarci con la dura realtà da qui a qualche anno.


Siiii, crisi economiche, disastri imminenti, fine del mondo varie e la scesa del signore sulla terra. Guarda più dura realtà di così, se decidono di tagliare fuori il petrolio dubito che sia pe la mancanza della risorsa, ma solo per vasellinarci


Possiamo continuare anche qui se qui è troppo OT

1 - Non fanno caso, costoro, che quando in Internet compare qualcosa di veramente scottante, scompare nell’arco di pochi minuti? Se invece qualcosa ci rimane per sempre – e pure in bella vista - vuole dire che lì da nascondere c’è ben poco.
Paxtibi
Inviato: 7/6/2006 13:42  Aggiornato: 7/6/2006 13:43
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Poi un'altra cosa, sapete cosa significherebbe sfruttare i giacimenti (immensi certamente) di "petrolio pesante"? che il prezzo di produzione salirebbe del 100% e più e di conseguenza anche il prezzo al consumo

Se così fosse, si passerebbe alle fonti alternative, che a quel punto sarebbero economicamente competitive.
Ergo: 'ndò stà il problema?

...


Ah già, bisogna giustificare la governance mondiale, dimenticavo...

bunter24
Inviato: 7/6/2006 13:48  Aggiornato: 7/6/2006 13:48
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/9/2005
Da: Nebbiosa pianura padana
Inviati: 150
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
Ah già, bisogna giustificare la governance mondiale, dimenticavo...


Chiamala dimenticanza de niente!!


"Prima o poi arriva l'ora in cui bisogna prendere una posizione che non è né sicura, né conveniente, né popolare: ma bisogna prenderla, perchè è giusta."
Martin Luther King
Cassandra
Inviato: 7/6/2006 14:00  Aggiornato: 7/6/2006 14:00
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/5/2006
Da:
Inviati: 1551
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:

Se così fosse, si passerebbe alle fonti alternative, che a quel punto sarebbero economicamente competitive.
Ergo: 'ndò stà il problema?


paxtibi,
il problema è che le fonti alternative si fanno col petrolio: pale eoliche, pannelli solari, centrali nucleari, quel che ti pare, tutto si produce, trasporta, commercializza col petrolio.
Le fonti alternative vanno fatte quando il petrolio costa poco e te lo tirano dietro. Quando sta a 80 dollari e la gente se lo litiga è troppo tardi.

"Il buon senso c'era; ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune" (Alessandro Manzoni)
salistrari
Inviato: 7/6/2006 14:44  Aggiornato: 7/6/2006 14:44
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2006
Da: Cosenza (CALAFRICA)
Inviati: 528
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Quoto Cassandra e aggiungo:

Le fonti alternative NON basterebbero a soddisfare il fabbisogno mondiale.
A meno di una rivoluzione tecnologica che mi auguro.

Poi vorrei rispondere a un post precedente:
Non è questione di fine del mondo, nè di catastrofismo da quattro soldi.
Se il prezzo del petrolio superasse i 100 dollari al barile, vedresti cosa significa crisi economica sulla tua pelle.

Negli anni '70, quando si registrarono i primi shock petroliferi, la disoccupazione dilagò ovunque nel mondo e si rischiò un collasso economico come quello del '29.
Inoltre ti ricordo che da quel momento in poi in economia (e nella vita REALE) non si parlò più di movimenti INFLATTIVI E DEFLATTVI dei prezzi, ma solo di INFLAZIONE. Da quel preciso momento in poi i prezzi hanno cominciato a salire e non sono mai più scesi. Oggi il termine deflazione non esiste più in economia, ed è stato sostituito dall'inflazione, dai suoi calcoli, dalle sue programmazioni, dagli adeguamenti salariali alle sue conseguenze. E tutto questo grazie al petrolio.

ciao.

Paxtibi
Inviato: 7/6/2006 14:49  Aggiornato: 7/6/2006 14:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
il problema è che le fonti alternative si fanno col petrolio

Mica tutte. Ma quelle che non si fanno col petrolio sì che sono nascoste. Anzi, si cerca proprio di eliminarle.
E queste notizie sono ancora più nascoste

Dal sito United Nuclear, Hydrogen Fuel Systems:

Instead of moving forward with our research, 100% of our time and money is now being spent on fighting a legal battle with the U.S. Government.
Some time ago, the CPSC (Consumer Product Safety Commission) recruited the SWAT team and other Government agencies to raid our facility confiscating all papers, plans and computers.
They are attempting to block all sales and use of the chemicals used in our Hydrogen storage system.
The materials in question are common Oxidizers and have never been illegal to own or purchase and are not even classified as hazardous materials.
They are also attempting to block all sales and ownership of oxidizer chemicals, and a wide variety of other substances that will actually make it illegal to own a chemistry set. Our scientific supply page has additional information on how the CPSC actions will relate to home experimenters & science hobbyists.

___________________________

Inoltre ti ricordo che da quel momento in poi in economia (e nella vita REALE) non si parlò più di movimenti INFLATTIVI E DEFLATTVI dei prezzi, ma solo di INFLAZIONE. Da quel preciso momento in poi i prezzi hanno cominciato a salire e non sono mai più scesi.

E che c'entra il petrolio con la macchinetta stampasoldi?


Ashoka
Inviato: 7/6/2006 14:51  Aggiornato: 7/6/2006 14:51
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
Negli anni '70, quando si registrarono i primi shock petroliferi, la disoccupazione dilagò ovunque nel mondo e si rischiò un collasso economico come quello del '29.
Inoltre ti ricordo che da quel momento in poi in economia (e nella vita REALE) non si parlò più di movimenti INFLATTIVI E DEFLATTVI dei prezzi, ma solo di INFLAZIONE. Da quel preciso momento in poi i prezzi hanno cominciato a salire e non sono mai più scesi. Oggi il termine deflazione non esiste più in economia, ed è stato sostituito dall'inflazione, dai suoi calcoli, dalle sue programmazioni, dagli adeguamenti salariali alle sue conseguenze. E tutto questo grazie al petrolio.


E la colpa è del petrolio vero?

Ashoka

salistrari
Inviato: 7/6/2006 14:55  Aggiornato: 7/6/2006 14:55
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2006
Da: Cosenza (CALAFRICA)
Inviati: 528
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
SOno stati gli shock petroliferi a determinare questo cambiamento strutturale in economia.

Una domanda per rendervi chiaro il concetto: Qual'è la prima tendenza che si registra ad un aumento consistente del prezzo del greggio?

Vi rispondo: aumento generalizzato dei prezzi.

Max_Piano
Inviato: 7/6/2006 15:13  Aggiornato: 7/6/2006 15:13
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Ma certamente il prezzo del petrolio influisce sui costi di produzione ma solo per produzioni a bassissimo valore aggiunto ... l'attuale prezzo del petrolio è stato ironicamente definito da qualcuno come "la tassa Shangai" ;-D

Fa un pò sorridere pensare che la Cina sarebbe stata disposta a pagare un barile anche 50$ ( ora siamo a 75 ) ma l'articolo, scritto due anni fa, è adattabile perfettamente anche alla situazione attuale.

Articolo di Federico Rampini

Demon84
Inviato: 7/6/2006 15:14  Aggiornato: 7/6/2006 15:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 224
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Il petrolio ha già raggiunto il limite di estrazione massimo ovvero il PICCO.
I pochi nuovi giacimenti scoperti in questi ultimi anni sono in zone sempre meno accessibili e per estrarlo bisogna trivellare sempre più in profondità.
Il prezzo della benzina e degli altri prodotti derivati dal petrolio crescerà sempre di più vista la maggiore difficoltà di estrazione ed i costi ad esso connessi.

Potremmo arrivare a pagare 15€ per una confezione di biscotti, gli stessi che compravamo a 2/3€. Oppure metterci a fargli in casa, comprando la materia prima, magari all'ingrosso (1 sacco di farina per condominio), e un libro di ricette di dolci a 5€ su qualche bancarella dell'usato.
Sempre che non moriamo prima per una guerra nucleare causata dal petrolio stesso, indetta dagli stessi stron...ehm multimiliardari che gestiscono le compagnie petrolifere per sfruttare fino all'ultimo barile di greggio.

È da più di 20 anni che esistono sistemi più economici (o almeno, lo sarebbero se si investissero più soldi per le ricerche) di produrre energia.
Pensiamo ai famosi Pannelli Solari, ai motori ad idrogeno e ad altri sistemi possibili.

Avevo letto un articolo tempo fa dove confrontava gli studi di alcuni analisti, secondo alcuni eravamo già fuori tempo massimo per cambiare direzione a livello di fonti di energia, secondo altri abbiamo ancora un quarto di secolo di tempo ovvero tanto dureranno ancora le riserve petrolifere del globo.

A chi vogliamo darla a bere? se ci fosse petrolio per altri 25 anni che motivo ci sarebbe della guerra in Iraq?
Il fatto è che ormai siamo a secco, nel vero senso del termine, e l'unico posto dove il petrolio è ancora di "facile" estrazione è nel deserto.
Ormai i motori a scoppio sono tecnologia superata da un bel pezzo e si sa che fermare lo sviluppo di una tecnologia, specialmente quella energetica che sta alla base di tutto, significa impedire lo sviluppo tecnologico di tutti gli altri settori.
Forse ora noi, fantascientifico un po', potrebbe girare su macchine volanti o antigravitazionali o almeno, SILENZIOSE.

Avete notato, penso, come alcune case come la BMW, l'AUDI e altre hanno iniziato a cambiare forma alle loro macchine? Modelli più aereodinamici, più comode, spaziose e con un aspetto un pochino più futuristico.
Ma che senso ha questo, se non si evolve anche l'interno, ovvero il motore, perde tutto il suo fascino, secondo me.

Scusate questo mio sfogo

Citazione:
"Il mio viaggio di scoperte non è ancora finito, sebbene io ormai sia un uomo...più cose conosco meno cose capisco e meno cose capisco più mi sembra di tornare bambino" (Demon's summons 2006)
Ashoka
Inviato: 7/6/2006 15:14  Aggiornato: 7/6/2006 15:14
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
SOno stati gli shock petroliferi a determinare questo cambiamento strutturale in economia.

Una domanda per rendervi chiaro il concetto: Qual'è la prima tendenza che si registra ad un aumento consistente del prezzo del greggio?

Vi rispondo: aumento generalizzato dei prezzi.


E io che credevo che fosse l'offerta di moneta a causare l'inflazione!
Io che pensavo che la dichiarazione di bancarotta.. erhm di inconvertibilità del dollaro in oro del '71 avesse avuto un ruolo in tutto ciò!
Che il processo inflazionistico strettamente fosse legato alla fiat money ed alla politica inflazionistica dei governi...

Quindi questi dati non hanno legami con l'inflazione.

Dal sito della Banca Centrale Europea

Aprile 2006
The annual rate of growth of M3 increased to 8.8% in April 2006, from 8.5% in March 2006.1 The threemonth average of the annual growth rates of M3 over the period February 2006 - April 2006 rose to 8.4%, from 8.1% in the period January 2006 - March 2006.

Questo + 8.8% annuale dell'M3 non ha nessun peso, vero?

Mises> The most important thing to remember is that inflation is not an act of God, that inflation is not a catastrophe of the elements or a disease that comes like the plague. Inflation is a policy.

Ashoka

Blisset
Inviato: 7/6/2006 15:19  Aggiornato: 7/6/2006 15:19
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/12/2005
Da:
Inviati: 104
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
PseudoTale: ohibò, il Blisset dice che "oggi sono arrivate in provincia 160.000 richieste di pagamenti di tasse di 14 anni fa! Se non si trovano le ricevute ognuno di noi deve RI-sborsare milioni e milioni + gli interessi e le more!"

ostia! allora è vero che vogliono darci dentro contro l'evasione fiscale...
era ora!


Ah, perchè secondo te combattere l'evasione fiscale significa far pagare DI NUOVO tasse GIA' pagate 14 anni fa, per giunta con interessi e more !?!? Se ti arrivassero 20 milioni da pagare che hai già pagato 20 anni fa faresti un applauso al nuovo ministro delle finanze??? O non hai capito niente o sei un masochista. O tutte e due le cose.

Citazione:
il Blisset poi nota che "come organizzazione sembra che abbiamo fatto un balzo indietro a 10 anni fa".


Infatti, bastava che al ministero facessero una controllata al computer per vedere che i pagamenti risultano già pagati. Se già stanno cominciando così a derubare la gente, altro che eurotassa. Siamo molto peggio che 10 anni fa.

Citazione:
minchia! dopo neanche una settimana dal giuramento hanno già dato un'impronta così netta all'organizzazione dello Stato...
'anvedi che velocità!


Velocità??? In pochi giorni si stanno arraffando già TUTTO! Con 24000 voti di maggioranza popolare che hanno si sono già presi TUTTO, tutte le cariche istituzionali, tutte le presidenze, un simile arraffamento di potere e poltrone non si era mai visto nella storia della Repubblica. Un vero schifo, non hanno il minimo rispetto per il 50% degli italiani che non rappresentano, ma non gliene frega niente di mandare tutto a puttane, a loro interessa solo arraffare soldi e potere come hanno sempre fatto.

Citazione:
lasciamoli provare, se poi non van bene tra 5 anni li cambiamo".


Già hanno provato per 5 anni e hanno fatto danni e debiti per 50.000 miliardi, imbrogliando i conti statali. Ora sono tornati ancora più invasati di prima, penso che gli basteranno 5 mesi per radere tutto al suolo.
Come dicevano quelle streghe delle Marchi (che sono delle novelline rispetto al nuovo esecutivo): -"Gli italiani ci godono da morire nell'essere presi per il cu*o, se invece non li prendi per il cu*o si incazzano".

Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti.
Eraclito
Leggi non per contraddire e confutare, né per credere e dare per scontato, ma per soppesare e considerare.
Sir Francis Bacon
Max_Piano
Inviato: 7/6/2006 15:27  Aggiornato: 7/6/2006 15:27
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Hai ragione Blisset e poi non dimentichiamolo :

"quelli là non sono d'accordo neppure sulla guerra in irak !"

forse l'unica cosa con cui sono d'accordo pure io !

salistrari
Inviato: 7/6/2006 15:33  Aggiornato: 7/6/2006 15:34
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2006
Da: Cosenza (CALAFRICA)
Inviati: 528
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Certo che hanno peso Ashoka, certo che lo hanno.
Ma non lo hanno nella stessa misura in cui lo avevano prima degli shock.
E infatti i movimenti inflazionistici e deflazionistici erano il prodotto diretto dell'azione di Banche Centrali e delle politiche economiche dei governi, emissione di moneta ecc, tassi d'interesse e via così.
Dopo gli shock, non è stato più solo così. Le politiche economiche hanno cercato da quel momento in poi di moderare, programmare e gestire l'inflazione. Ma il meccanismo inflazionistico non si può invertire e ciò non deriva come molti credono da una POLITICA, ma dal funzionamento stesso del sistema economico che è basato sul petrolio.
Il fatto che il prezzo di tutte le merci immesse nel mercato (mondiale, nazionale, locale ecc) ha direttamente e indirettamente a che fare con quello del petrolio, fa di quest'ultimo il vero catalizzatore del movimento dei prezzi a livello mondiale.
Le politiche economiche dei vari contesti non sono altro che sistemi di adeguamento ad un movimento inflattivo inarrestabile, generato dal progressivo aumento della forbice tra domanda e offerta di petrolio a livello globale.

Ashoka
Inviato: 7/6/2006 15:45  Aggiornato: 7/6/2006 15:45
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
Dopo gli shock, non è stato più solo così. Le politiche economiche hanno cercato da quel momento in poi di moderare, programmare e gestire l'inflazione. Ma il meccanismo inflazionistico non si può invertire e ciò non deriva come molti credono da una POLITICA, ma dal funzionamento stesso del sistema economico che è basato sul petrolio.


Questa me la conservo e me la stampo

Se guardi il doc che ti ho postato vedrai che gran parte della moneta extra “printed from thin air” è andata a finanziare prestiti (mutui) riservati al mercato degli immobili. Ed il mercato del petrolio non c'entra proprio nulla....

Giusto per rendere l'idea.

Con 35 dollari negli anni '60 potevi comprare un'oncia d'oro, ora ce ne vogliono 700 (anche se ora è un po' in ribasso visto che le BC stanno inondando d'oro il mercato) e con 3 dollari un barile di petrolio.

20 dollari di oggi valgono un dollaro di quegli anni... così per rendere l'idea.. farebbe 60 dollari al barile..

Ashoka

Linucs
Inviato: 7/6/2006 15:52  Aggiornato: 7/6/2006 15:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Dopo gli shock, non è stato più solo così. Le politiche economiche hanno cercato da quel momento in poi di moderare, programmare e gestire l'inflazione.

Tradotto: rubare.

Ma il meccanismo inflazionistico non si può invertire e ciò non deriva come molti credono da una POLITICA, ma dal funzionamento stesso del sistema economico che è basato sul petrolio.

Hadouken!

*poof*

mc
Inviato: 7/6/2006 16:04  Aggiornato: 7/6/2006 16:04
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
l problema è che le fonti alternative si fanno col petrolio: pale eoliche, pannelli solari, centrali nucleari, quel che ti pare, tutto si produce, trasporta, commercializza col petrolio.


... scusa ma non e' affatto vero.
Si "fanno col petrolio" perche' conviene a chi il petrolio lo estrae dai giacimenti, non perche' non si possa fare altrimenti.

Tutte le parti minerali, per ovvi motivi non derivano dal petrolio.
Tutte le parti plastiche possono essere di origine vegetale.
I trasporti possono essere "mossi" da biocarburante.
Energie solari ed eoliche non hanno alcun bisogno del petrolio.

L'idrogeno e' emblematico del fatto che l'uso del petrolio e', ESCLUSIVAMENTE, una scelta non una necessita'. Addirittura la produzione dell'elemento stesso integra nei suoi processi il petrolio. Ti sembra sensato che nonostante l'H2O sia l'elemento piu' reperibile del pianeta, non ci si sia affidati totalmente all'idrogeno, fin'ora?

Eppure esempi di efficienza e sicurezza ce ne sono gia' da anni...

Sono d'accordo con pax: "'ndo' sta il problema" a scegliere risorse alternative...?

mc

salistrari
Inviato: 7/6/2006 16:08  Aggiornato: 7/6/2006 16:14
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2006
Da: Cosenza (CALAFRICA)
Inviati: 528
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Ashoka, ti perdi il fatto che l'inflazione NON è determinata solo dall'emissone di moneta, ma anche dalla differenza tra tasso effettivo di disoccupazione e tasso naturale di disoccupazione. Quando il tasso effettivo di disoccupazione eccede quello naturale, l'inflazione diminuisce, al contrario aumenta.
Ora, la disoccupazione è legata a filo doppio ai PREZZI di Produzione.
Dal momento che, dati i salari, un aumento del prezzo di petrolio fa aumentare il costo di produzione non derivante da lavoro, questo induce le imprese ad aumentare i prezzi (e anche a lincenziare il più delle volte).
Questo aumento dei prezzi, aggiunto alle speculazioni, alle emissioni monetarie delle banche centrali, formano l'INFLAZIONE REALE.
Quella programmata, invece è quella ATTESA, IPOTIZZATA per la determinazione degli adeguamenti salariali (in base ai vari titpi di contratti esistenti).
Tutto questo insieme genera il movimento inflazionistico.



Ciao.

felice
Inviato: 7/6/2006 16:11  Aggiornato: 7/6/2006 16:12
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/3/2006
Da: Parma
Inviati: 759
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
x pseudoTale

Avrò anche letto male ma comunque ho capito che Pasolini vedeva lo stesso carico di colpa per ogni azione criminosa commessa dai potenti di turno e omessa o trascurata dall'opposizione.

Perché a Berlusconi preferisci questi? Perché quando dovevano interrogarli a quelli di dx, loro, l'opposizione, era forse impegnata a fare il mozzo?

Questi sono peggio ma é chiaro che quelli pure sono pari peggio e allora... Io mi do fuoco!
Fe

Solo col governo di sinistra possono passare SORDIDE e SILENTI le riforme di destra. Il SOLE é storto! Sento di navigare su una nave tarmata. Le tarme sono tante che la nave sulla quale viaggio é destinata a risolversi consumata nel fuoco delle GUERRE.
mc
Inviato: 7/6/2006 16:15  Aggiornato: 7/6/2006 16:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
Io mi do fuoco!


Bravo, con la crisi energetica che incalza... sprechi del petrolio cosi'?



mc

Ashoka
Inviato: 7/6/2006 16:36  Aggiornato: 7/6/2006 16:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
Questo aumento dei prezzi, aggiunto alle speculazioni, alle emissioni monetarie delle banche centrali, formano l'INFLAZIONE REALE.


Ovvero quanto rubano

Citazione:
Quella programmata, invece è quella ATTESA, IPOTIZZATA per la determinazione degli adeguamenti salariali (in base ai vari titpi di contratti esistenti).


Quanto ammettono di voler rubare

Citazione:
l'inflazione NON è determinata solo dall'emissone di moneta, ma anche dalla differenza tra tasso effettivo di disoccupazione e tasso naturale di disoccupazione. Quando il tasso effettivo di disoccupazione eccede quello naturale, l'inflazione diminuisce, al contrario aumenta.


Aridaje con Keynes e le sue truffe ai lavoratori

In 1936, in his General Theory of Employment, Interest and Money, Lord Keynes unfortunately elevated this method-the emergency measures of the period between 1929 and 1933-to a principle, to a fundamental system of policy. And he justified it by saying, in effect:

"Unemployment is bad. If you want unemployment to disappear you must inflate the currency."

He realized very well that wage rates can be too high for the market, that is, too high to make it profitable for an employer to increase his work force, thus too high from the point of view of the total working population, for with wage rates imposed by unions above the market only a part of those anxious to earn wages can obtain jobs.

And Keynes said, in effect: "Certainly mass unemployment prolonged year after year, is a very unsatisfactory condition." But instead of suggesting that wage rates could and should be adjusted to market conditions, he said, in effect: "If one devalues the currency and the workers are not clever enough to realize it, they will not offer resistance against a drop in real wage rates, as long as nominal wage rates remain the same." In other words, Lord Keynes was saying that if a man gets the same amount of sterling today as he got before the currency was devalued, he will not realize that he is, in fact, now getting less.

In old fashioned language, Keynes proposed cheating the workers. Instead of declaring openly that wage rates must be adjusted to the conditions of the market-because, if they are not, a part of the labor force will inevitably remain unemployed-he said, in effect: "Full employment can be reached only if you have inflation. Cheat the workers.


Ashoka

salistrari
Inviato: 7/6/2006 16:41  Aggiornato: 7/6/2006 16:42
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2006
Da: Cosenza (CALAFRICA)
Inviati: 528
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Ciao Ashoka,
guarda che il mio giudizio su questi movimenti truffaldini non sono certo buonisti!!

L'inflazione, la determinazione salariale, il fatto che hanno cancellato ovunque qualsiasi meccanismo di indicizzazione, sono tutte belle fregature a danno di chi lavora!
Certamente non appartengo ad una categoria di svantaggiati, ma non vengo da famiglia nobile, nè tantomeno ricca. Mio padre è vigile urbano, mia madre casalinga. Proprietà zero.

So cosa significa tutta questa "teoria" nella vita reale. E non l'apprezzo, nè tantomeno mi piace il funzionamento, nè giustifico la "pancia" di chi gioca con queste veriabili.
Anzi il mio disprezzo per tutto questo meccanismo va ben oltre la ragioevole contestazione. Se fosse per me manderei tutto all'aria.

Dopo questo sfogo, vorrei salutarvi, perchè a proposito di lavoro, devo andare.
Ciao a tutti.
Siete grandi.

Linucs
Inviato: 7/6/2006 16:44  Aggiornato: 7/6/2006 16:44
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Ashoka, ti perdi il fatto che l'inflazione NON è determinata solo dall'emissone di moneta, ma anche dalla differenza tra tasso effettivo di disoccupazione e tasso naturale di disoccupazione.

Eh?

Quando il tasso effettivo di disoccupazione eccede quello naturale, l'inflazione diminuisce, al contrario aumenta.

Cosa?

Ora, la disoccupazione è legata a filo doppio ai PREZZI di Produzione.

Dove?

Dal momento che, dati i salari, un aumento del prezzo di petrolio fa aumentare il costo di produzione non derivante da lavoro, questo induce le imprese ad aumentare i prezzi (e anche a lincenziare il più delle volte).

Quindi?

Questo aumento dei prezzi, aggiunto alle speculazioni, alle emissioni monetarie delle banche centrali, formano l'INFLAZIONE REALE.

Tradotto: l'inflazione è dovuta alla stampa di carta straccia, però il telegiornale dice che è colpa del petrolio e della Cina cattiva. Lo stesso vale per l'oro, immagino: tutti i cinesi in fila a comprare collanine.

Quella programmata, invece è quella ATTESA, IPOTIZZATA per la determinazione degli adeguamenti salariali (in base ai vari tipi di contratti esistenti).

Abbiamo ben visto le ipotesi della BCE su M3 e compagnia, puntualmente e casualmente disattese.

Tutto questo insieme genera il movimento inflazionistico.

In parole povere, qualcuno ruba e qualcun altro inventa scuse?

felice
Inviato: 7/6/2006 17:01  Aggiornato: 7/6/2006 17:01
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/3/2006
Da: Parma
Inviati: 759
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
x mc

Non é affato vero che c'é la crisi energetica. Le fonti alternative esistono, ma le nascondono.
Perché se siamo in crisi quando arriva la bolletta, l'Enel non sa più dove mettre i soldi? In buona sostanza, qua la crisi c'è sempre per i manovali perché vedi il governo in carica ci parla di crisi e loro hanno aumentato i ministri e vice del vice e del vice ancora!

Posso darmi fuoco e loro ci guadagnano ma a te diranno che ho attaccato lo stato perché in tempo di crisi facevo spreco di petrolio!
Cordialmente
Fe

Solo col governo di sinistra possono passare SORDIDE e SILENTI le riforme di destra. Il SOLE é storto! Sento di navigare su una nave tarmata. Le tarme sono tante che la nave sulla quale viaggio é destinata a risolversi consumata nel fuoco delle GUERRE.
felice
Inviato: 7/6/2006 17:12  Aggiornato: 7/6/2006 17:12
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/3/2006
Da: Parma
Inviati: 759
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Del restante gruppo di chi aumenta i prezzi, inquina le acque, attacca i sindacati, circuisce i dittatori, insomma dei truffatori, avvelenatori, ingannatori, e malfattori in genere, abbiamo stilato, in ordine alfabetico, il seguente elenco delle 10 peggiori società del 2004.
ABBOTT LABORATORIES: Abbott fa parte dell’elenco perché ha aumentato del 400 per cento il prezzo del Norvir, un importante farmaco anti Aids, sviluppato con un ingente aiuto governativo. L’aumento però non si applica se il farmaco viene acquistato con un altro prodotto Abbott, creando così concorrenza sleale nei confronti di altri produttori e inducendo il consumatore a scegliere i prodotti Abbott sulla base del prezzo.


AIG. La più grande società assicuratrice del mondo. American International Group Inc. è stata accusata di avere istigato la PNF Financial Services a compiere una transazione fraudolenta di circa 750 milioni di dollari, per escludere dai propri libri contabili una serie di prestiti e capitali a rischio delle proprie succursali. AIG ha accettato di pagare 126 milioni di dollari per far cadere le denunce, ma se l’è cavata a poco prezzo, avendo concluso un accordo per il “rinvio del processo”, con ciò si intende che le accuse cadranno entro 12 mesi se verranno rispettati i termini dell’accordo.


COCA-COLA. I lavoratori della Coca-Cola di una fabbrica in Colombia sono stati terrorizzati per anni dalle forze para-militari di destra. Una commissione inviata per indagare, con a capo un membro del Comune di New York, ha scoperto che, fra gli altri abusi, “ci sono state 179 violazioni gravi dei diritti umani contro i lavoratori della Coca-Cola, compresi nove omicidi. Alcuni famigliari di sindacalisti sono stati rapiti e torturati.” La Coca-Cola afferma di essere contraria alla violenza anti sindacale ma che, in ogni caso, essa non era responsabile della conduzione dell’impianto di imbottigliamento (anche se ora lo è, avendo acquistato la società colombiana che lo deteneva). Nel 2004 si sono dimessi, in parte perché non hanno appoggiato una inchiesta indipendente sulle accuse colombiane, sia l’ex consulente legale sia l’ex Procuratore Generale Deval Patrick.


DOW CHEMICAL. Il più grande produttore di plastica, la Dow ha acquistato la Union Carbide nel 1999. Nella mezzanotte del 2 dicembre 1984, 27 tonnellate di gas letale fuoriuscì da una fabbrica della U.C. a Bophal, in India, causando la morte immediata di 8.000 persone e l’avvelenamento di altre migliaia. Oggi a Bophal, almeno 150.000 persone, compresi bambini nati da parenti sopravvissuti al disastro, soffrono per gli effetti correlati all’incidente come cancro, danni neurologici disturbi mestruali e malattie mentali. Dow respinge ogni responsabilità. In una dichiarazione si afferma “Anche se Dow non è mai stata proprietaria della fabbrica, abbiamo tratto lezione, come il resto dell’industria, da questo tragico accaduto, e abbiamo cercato di fare del nostro meglio perché simili fatti non si ripetino più.”


GLAXOSMITHKLINE. A seguito di alcune rivelazioni e azioni intraprese in Gran Bretagna nel 2003 e 2004, si è finalmente appreso, anche negli USA, la storia dei gravi effetti collaterali derivanti dall’uso del Glaxo Paxil ( e altri farmaci della stessa famiglia) in particolare l’effetto dipendenza e l’aumento della tendenza al suicidio fra i giovani. A giugno il Procuratore Generale Eliot Spitzer ha presentato una denuncia contro la Glaxo, accusando il gigante farmaceutico di aver soppresso le prove della nocività del Paxil contro i giovani, e di aver indotto in errore i medici. Glaxo ha respinto le accuse, ma ha accettato una nuova linea di condotta, in base alla quale saranno resi pubblici tutti i risultati delle loro ricerche. A ottobre la U.S. Food and Drug Administration, ha ordinato alla Glaxo ed ai fabbricanti di farmaci rientranti nella classe Paxil di fornire i loro prodotti con una avvertenza di massima evidenza.


HARDEE’S: Il grande produttore di fast-food si sta vantando al massimo come sia poco salubre il suo ultimo prodotto, il Monster Thickburger. “Prima c’erano i burgers, poi vennero i Thick burgers,. Ora Hardee’s vi presente la madre di tutti i burgers—il Mostro Thickburger.. Con un peso di circa 3 etti questo 100 per cento manzo Angus è un monumento alla decadenza.” Il Mostro Thickburger è un sandwich di circa 1.420 calorie. Ingerire un Thickburger è come ingerire due Big Mac o cinque MacDonald’s. Aggiungete 600 calorie di patate e avrete più di 2.000 calorie, che per la maggior parte della gente dovrebbero bastare per un’intera giornata, come afferma Michael Jacobson del Centro per la scienza nell’interesse pubblico, il quale definisce il Thickburger “porno cibo.”


MERCK: Il dottor David Graham, dipendente della Food and Drug Administration, lo chiama “forse la più grave catastrofe per un solo prodotto farmaceutico di questo paese.” Testimoniando a novembre di fronte a una commissione del Senato il dottor Graham ha citato il numero di chi ha subito negli Stati Uniti attacchi cardiaci o infarti, a causa del farmaco Vioxx, nell’ordine di 88.000 e 139.000. Ha quindi affermato che circa il 40 per cento dei colpiti, e cioè da 35.000 a 55.000 persone, sono deceduti. Secondo una ricerca condotta dal periodico “Lancet” l’inaccettabile rischio cardiovascolare rappresentato dal Vioxx era evidente sin dall’anno 2.000, cioè ben quattro anni prima che il prodotto venisse ritirato dal mercato dal suo produttore la Merck. La ditta afferma di avere comunicato immediatamente tutto quanto scoperto sulla sicurezza del Vioxx non appena ne è venuta a conoscenza, e di aver ritirato il prodotto dalla vendita subito dopo avere avuto le prove conclusive della sua pericolosità.


MCWANE: McWane Inc. è una grande ditta privata, con sede in Alabama, che costruisce tubazioni idriche e fognarie. Il New York Times, con una serie di articoli devastanti, ha rivelato il dubbio grado di sicurezza sul lavoro della ditta, e il continuo fallimento delle organizzazioni preposte al controllo della pericolosità in cantiere. Nove dipendenti hanno perso la vita in incidenti avvenuti dal 1995, di cui tre dovuti alla deliberata volontà di non adeguarsi allo standard di sicurezza previsti. Fra i 5.000 dipendenti sono state riscontrati più di 4.600 infortuni. Secondo il Times la ditta ha ostacolato gli ispettori nel loro lavoro trattenendoli ai cancelli, mentre venivano nascoste le attrezzature fuori norma. In violazione delle leggi federali sono stati manomessi i luoghi degli incidenti, prima che gli ispettori potessero intervenire. Quando infine gli ispettori hanno potuto contestare delle gravi violazioni, secondo il Times: “la sanzione inflitta dalle autorità era così ridotta che la ditta ha potuto considerarla un semplice costo aziendale”.


RIGGS BANK: Secondo un clamoroso rapporto redatto da un sottocomitato del senato USA, apparso a luglio, è risultato che la Riggs Bank, con sede a Washington D.C., ha tenuto illegalmente conti bancari dell’ex dittatore cileno Augusto Pinochet, ignorando correntemente prove di corruzione su più di 60 conti del governo della Guinea equatoriale. Anche se queste e altre attività sembrano violazioni delle regole bancarie USA, l’ufficio competente (Comptroller of the currency) non ha intrapreso nessuna azione contro la banca pur essendo venuto a conoscenza già nel 2002 di quanto succedeva. Questo comportamento presumibilmente non è estraneo al fatto che l’ispettore dell’OCC sia passato successivamente a lavorare con la Riggs. Nel maggio 2004 la banca ha dovuto pagare 25 milioni di dollari come sanzione per pratiche di riciclaggio di denaro sporco relative alla Guinea e all’Arabia saudita. Attualmente è sotto inchiesta da parte degli organi federali.


WAL-MART: Anche se oggi la Wal-Mart si trova un po’ sulla difensiva dal lato delle pubbliche relazioni, la società rimane comunque un colosso americano della vendita al dettaglio, sia in America che, sempre più, nel mondo. Il ricavato delle vendite supera un quarto di trilioni di dollari. Le entrate rappresentano il 2% del PIL USA. Per due anni di seguito è stata considerata da “Fortune” la ditta più ammirata in America. Si può dire che oggi sia la ditta più rappresentativa del momento attuale. Un fattore chiave, probabilmente il principale, che distingue il suo modo di gestire gli affari è costituito dalla pratica di sottopagare i dipendenti e di passare ad altri i propri costi. Un rapporto del febbraio 2004, da parte del deputato democratico Gorge Miller, California, ha elencato alcuni di questi costi. Il rapporto ha calcolato che un punto vendita con 200 dipendenti può risultare in un costo per i contribuenti di 420.750 dollari all’anno, circa 2.103 dollari per dipendente. Questi costi, a carico della collettività, comprendono pasti gratis o a prezzo ridotto per 50 famiglie della Wal-Mart, assistenza per gli alloggi, crediti per tasse federali e deduzioni per famiglie a basso reddito, oltre ai contributi federali per l’assistenza sanitaria di bambini appartenenti a famiglie a basso reddito.

Solo col governo di sinistra possono passare SORDIDE e SILENTI le riforme di destra. Il SOLE é storto! Sento di navigare su una nave tarmata. Le tarme sono tante che la nave sulla quale viaggio é destinata a risolversi consumata nel fuoco delle GUERRE.
tccom
Inviato: 7/6/2006 17:20  Aggiornato: 7/6/2006 17:20
Mi sento vacillare
Iscritto: 3/11/2005
Da: civitavecchia
Inviati: 903
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
ehi!!!
chi si rivede!!!
l'amico Blisset, compagno...pardon, interlocutore in appassionate discussioni!!!

noto con piacere che il piglio è sempre lo stesso!

però anche qualche sparatella!eh eh
tipo questa
Citazione:
Velocità??? In pochi giorni si stanno arraffando già TUTTO! Con 24000 voti di maggioranza popolare che hanno si sono già presi TUTTO, tutte le cariche istituzionali, tutte le presidenze, un simile arraffamento di potere e poltrone non si era mai visto nella storia della Repubblica.

io non ci credo, che ancora mi sostieni una parte a scapito dell'altra!!!
e ancora con le stesse argomentazioni!
io ci provo!!
ma poi non ci riesco!
t'informo che la risicata maggioranza con cui ci si arraffa tutto, scaturisce da una legge elettorale AGGHIACCIANTE che ha voluto il tuo amico!
il quale, tuo amico, ad un giornalista che gli ha chiesto: "cavaliere, ma non pens che alla resa dei conti, questa legge elettorale da VOI VOLUTA si sisa rivelata un boomerang?"
cavaliere> CAMBIAMO DOMANDA

inoltre, non erano degli esponenti della passata maggioranza che sentenziarono, il giorno dopo le elezioni che:"non si faranno prigionieri"?

Citazione:
penso che gli basteranno 5 mesi per radere tutto al suolo.


ah ah ah!!!
e cosa vuoi radere al suolo???!!?!?
le conquiste sociali del governo berlusconi?!?!
ah aha hah ah a


hai una vanga che ti cresce, che comincio a scavare??!??!


grazie!!
che mondo sarebbe...

...gli Stati Uniti non ci hanno guadagnato nulla dall'11 settembre (c'è bisogno di dirlo?)...[].... Ragioniamo: chi ci guadagna quando piove? i produttori di ombrelli. Da questo si deduce che i produttori di ombrelli controllano la pioggia.
salistrari
Inviato: 7/6/2006 17:28  Aggiornato: 7/6/2006 17:28
Mi sento vacillare
Iscritto: 19/5/2006
Da: Cosenza (CALAFRICA)
Inviati: 528
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Linucs,
mi dispiace, ma io sto parlando di funzionamento del sistema economico. Non di giustificazione dello stesso, che è quello che fanno i telegiornali.

Giusto per precisazione.

mc
Inviato: 7/6/2006 17:38  Aggiornato: 7/6/2006 17:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 19/5/2004
Da:
Inviati: 7222
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
X Felice ...ma si, si... scusa, scherzavo...

Ce l'avevo (e mi ritrovo abbastanza d'accordo con vincenzo, strano... ehehe...) con chi sostiene che una crisi della estrazione del petrolio sia plausibile allo stato attuale delle cose, mentre sono dell'idea che quella delle riserve petrolifere esaurite e' una delle tante stronzate propinateci, a scopo propagandistico con finalita' strettamente economiche, da chi con quel petrolio ci compra gli STATI interi... o li distrugge a suo piacimento...

mc

Linucs
Inviato: 7/6/2006 17:52  Aggiornato: 7/6/2006 17:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
mi dispiace, ma io sto parlando di funzionamento del sistema economico. Non di giustificazione dello stesso, che è quello che fanno i telegiornali.

Oddio, quella roba lì era il sistema economico?

(ohibò!)


Anonimo
Inviato: 7/6/2006 18:56  Aggiornato: 7/6/2006 18:56
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
ok, sono d'accordo con tutti, ma..

pur dispiacendomi per lui, non posso fare a meno di pensare che :

era un militare e a me i militari non piacciono ne vivi ne morti
era volontario
tutti i giorni muoiono un sacco di stranieri (in genere...) a cui non interessa a nessuno. Quando leggerò su un giornale, in prima pagina, la cronaca della morte di qualcuno che fosse solo un "povero arabo" , così come ci narrano per filo e per segno la ultima giornata di un italiano morto........forse sarò meno cinico.

Paxtibi
Inviato: 7/6/2006 19:10  Aggiornato: 7/6/2006 19:10
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Sempre a proposito di energie alternative, e del perché non raggiungono il mercato:

Water Fuel Experimenter and Team Threatened

Ken Rasmussen's research team has been working on a process that turns out to have similarities to the super-efficient electrolysis process being developed by Professor Kanarev. Rasmussen's work ceased after a member of the team was threatened at gunpoint.

Rasmussen reported the incident for the first time publicly in his news today. He said, "As editor of this page, my life has now been threatened by 2 loaded guns pointed in the face of a good friend."

"Using information which could only have been obtained by monitoring digital cell phones and e-mail, the assailants portrayed to the victim that they had total control over his personal life, and was told to remain silent and to not talk to government authorities." He was told that if he did not comply, a family member would be killed. The assailants produced extensive details about this target family member. The threat also included himself, his family and all associates if he did not stop work on the process immediately. The threats made actually applied broadly to anyone working on overunity.

Blisset
Inviato: 7/6/2006 22:14  Aggiornato: 7/6/2006 22:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/12/2005
Da:
Inviati: 104
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Citazione:
ehi!!!
chi si rivede!!!
l'amico Blisset, compagno...pardon, interlocutore in appassionate discussioni!!!

noto con piacere che il piglio è sempre lo stesso!

Ehilà, sono ritornato. Non vedo l'ora di vedere il DVD in uscita, sono mesi che aspetto.

Citazione:
io non ci credo, che ancora mi sostieni una parte a scapito dell'altra!!!

Perchè tu ancora sostieni il prode? Dai, non ci credo.

Citazione:
t'informo che la risicata maggioranza con cui ci si arraffa tutto, scaturisce da una legge elettorale AGGHIACCIANTE che ha voluto il tuo amico!

Concordo sul fatto che la legge elettorale sia in gran parte agghiacciante, ma non sul fatto che l'ha disegnata al 100% Berlusconi, le parti peggiori mi sembra che vengano da AN e UDC. Pensa alla parte assurda del voto all'estero di Tremaglia con cui un 75% di voti a favore della destra si sono poi trasformati in 5-6 seggi a sinistra! La parte più agghiacciante delle elezioni comunque sia come con 24000 voti in più la sinistra si comporti come se fosse uscita con un 90% di consensi.

Citazione:
e cosa vuoi radere al suolo???!!?!?
le conquiste sociali del governo berlusconi?!?!


Con l'incompetenza che hanno, unita al fatto che i loro interessi sono solo personali, stanno "depennando" 5 anni di sforzi enormi. Basti pensare al ponte di Messina, che non verrebbe a costare nulla allo Stato costruirlo, ma che loro cancelleranno al prezzo di una penale di 6 miliardi di euro, pur di non lasciare nessun merito al Governo Berlusconi. Questa è una dimostrazione di volere il bene del paese (???) o di pensare solo esclusivamente al loro interesse? Vedi un pò tu.
Già poco fa c'era uno Pseudotale che era felice di ricevere una richiesta di tassa da 20 milioni di 14 anni fa che già aveva pagato PURCHE' questa richiesta venisse dal suo "prode" amore.
Masochismo incomprensibile.

Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti.
Eraclito
Leggi non per contraddire e confutare, né per credere e dare per scontato, ma per soppesare e considerare.
Sir Francis Bacon
Linucs
Inviato: 7/6/2006 22:58  Aggiornato: 7/6/2006 22:58
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Sempre a proposito di energie alternative, e del perché non raggiungono il mercato:

> Buongiorno, vorrei stipulare un'assicurazione sulla vita.

> Ecco il kit e il contratto da firmare. Nella scatola c'è la sua Smith & Wesson Model 500 con 10 scatole di proiettili. Si ricordi di portarla a far controllare ogni 6 mesi alla nostra agenzia più vicina.

> Molto gentili, grazie.

> Prego, arrivederci.

Merimange
Inviato: 8/6/2006 3:48  Aggiornato: 8/6/2006 3:48
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/6/2006
Da: Roma
Inviati: 117
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
CARO BLISSET,
speravo che almeno qui si riuscisse a non parlare di politica,poi scorrendo fra i commenti ne trovo qualcuno con una simpatica faccina di terminator vicino,e penso:ecco uno che vuole proprio menare le mani!
Cosa hai fatto,hai battuto la testa stamattina e sei confuso?
Ho dormi la notte ascoltando qualche hit con i migliori discorsi del Berlusca?
questo non è il forum di forza italia,se proprio non sai come fare puoi sempre cliccare aulla X in alto a destra e andare sul loro sito,li vedrai che troverai qualcuno che ti apprezza e ti comprende.

Ccon 24mila voti hanno arraffato tutto?

Forse sei nato nel 2002 e hai quattro anni,perchè nel 2001 la destra vinse le elezioni con MOLTO MENO del 50% dei voti(rifondazione e idv erano esterni al centrosinistra),e pur non rappresentando la maggioranza degli italiani NEANCHE LONTANAMENTE hanno fatto e disfatto per cinque anni quello che gli pareva,comprese le nomine di tre delle quattro cariche più alte(per fortuna già c'era Ciampi).

Il PONTE SULLO STRETTO:è interssante la tua teoria:non costa nulla allo Stato.Lo paga il tuo amico Silvio?Sai quanto costeranno i pedaggi?E del fatto che per andare da una parte all'altra della Sicilia in treno continueranno a volerci quattro ore che mi dici?
Ma no,hai ragione,il ponte prima di tutto e "per il bene del paese",come dici tu.

Già mi ti vedo ai comizi di silvio a sventolare la bandiera di forza italia come un ultras.Nel tempo libero potresti iniziare a preparare i tappeti rossi per quando Bushino tornera a Roma.
E' vero che il Berlusca ha già un esercito di leccapiedi,ma se continui a impegnarti così vedrai che un posticino salterà fuori anche per te.

Ultimo86
Inviato: 8/6/2006 4:23  Aggiornato: 8/6/2006 4:23
Ho qualche dubbio
Iscritto: 5/9/2005
Da: Campania
Inviati: 68
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Si però non parliamo di politica, vi prego...

Il viaggio è finito.
E l'isola che non c'è
non c'era.

Peter Pan
Merimange
Inviato: 8/6/2006 5:27  Aggiornato: 8/6/2006 5:27
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/6/2006
Da: Roma
Inviati: 117
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Hai ragione mi sono fatto prendere la mano,ma quando ce vo',ce vo'!

Tor
Inviato: 8/6/2006 8:38  Aggiornato: 8/6/2006 8:38
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/10/2005
Da: Gran burrone
Inviati: 129
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Scusate, ma non stiamo andando troppo OT??

"Non puoi chiuderti in una stanza buia e affermare che il sole non esiste solo perchè non vuoi aprire la porta e guardare fuori..."
Piero79
Inviato: 8/6/2006 9:38  Aggiornato: 8/6/2006 9:38
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/5/2006
Da:
Inviati: 781
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
breaking news: Al Zarkawi sarebbe stato stato ucciso nel corso di un raid aereo americano...

Satirus
Inviato: 13/6/2006 10:53  Aggiornato: 13/6/2006 10:53
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/4/2006
Da: Luogocomune
Inviati: 511
 Re: A Nassirija si continua a morire entro i tempi tecnici
Chiudiamo con un messaggio forte a tutti i soldati del mondo.

Una faccia della medaglia: (Chissà poi quanto spontaneo)



L'altra faccia (Non consigliato agli/alle impressionabili)


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA