Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


media : Grande Orecchio ci ascolta
Inviato da Redazione il 14/5/2006 23:40:52 (5979 letture)

"Just because you're paranoid, it does't mean they're not after you", dice una famosa battuta di non so più quale noto film americano. Solo perchè sei paranoico, non significa che non ti stiano alle calcagna.

E' ormai arrivata a livello popolare, anche in Italia, la notizia dell'autorizzazione illegittima che Bush ha dato alle agenzie di security americane di spiare telefonicamente chiunque, senza più la necessaria autorizzazione da parte del giudice.

E naturalmente questa notizia non poteva che andare ad alimentare il fiume già in piena di tutti coloro che si sentono …

… in qualche modo spiati, osservati o pedinati ogni volta che muovono un passo o aprono bocca. Anche fra gli informatici, che per definizione non fanno un metro di strada e parlano solo con la tastiera, si attende ormai l'arrivo della nuova tecnologia Palladium come la nuova peste bubbonica.

D'accordo, oggi la tecnologia può fare tutto quello che vuole, e probabilmente anche di più. Ma le risorse umane?

Chi ha voglia, sinceramente, di mettersi ad ascoltare tutto quello che dice l'intera umanità nell'arco di 24 ore, solo per ricominciare daccapo, il giorno dopo, ad ascoltare tutto quello che ha detto nelle 24 ore successive?

Proviamo ad immaginare gli uffici, ad esempio, di una qualunque agenzia di assicurazioni italiana. In un qualunque momento della giornata, lì dentro ci sono almeno venti impiegati che stanno parlando al telefono. Che parlino di questioni assicurative, oppure degli affari loro, non fa molta differenza, parlano e basta. Ora, quella agenzia di assicurazioni occupa solo uno dei dodici piani del palazzo in cui è collocata. Negli altri undici piani, tutti adibiti ad uso ufficio, succede la stessa identica cosa. Ditta di trasporti, studio notarile, compravendita terreni, tacchi dadi e datteri, c'è di tutto. E tutti, lì dentro, parlano al telefono in continuazione, e se non parlano, scrivono alla tastiera. Di palazzi così in quella città ce ne sono a migliaia, di città come quella nella nazione ce ne sono a centinaia, e di nazioni così, nel mondo, ce ne sono a loro volta almeno un centinaio. Tutti che parlano, sempre e costantemente, con tutti e di tutto.

Ormai nella nuova "era informatica" tutti gli individui, a meno che si trovino al gabinetto, oppure che stiano dormendo, parlano. Anzi, volendo ci sono pure quelli che parlano nel sonno, e quelli che al gabinetto canticchiano a voce alta, rendendo la decriptazione dei suoni particolarmente difficile da calibrare.

Ci vorrebbe quindi, in ogni caso, una seconda umanità interamente dedicata, giorno e notte, ad ascoltare tutto quello che dice la prima.

Ma naturalmente, come sappiamo, "loro" non sono così fessi, ed hanno inventato una macchina mostruosa - si dice - che macina tutto quello che viene detto e scritto ogni giorno dall'umanità, e che hanno chiamato, non a caso, "Carnivor". Questa macchina è astuta, e si concentra solo su certe parole chiave, escludendo così, già in partenza, il 999 per mille delle conversazioni inutili.

Benissimo, d'accordo. Diciamo pure che funzioni così. Ma dopo che hai escluso tutti, e che ti ritrovi solamente con quattodici milioni di telefonate giornaliere in cui è stata pronunciata la parola bin Laden, oppure la parola "terrorismo", cosa fai? Partono quattordici milioni di questurini, ognuno con un indirizzo preciso in mano, vanno bussano e chiedono: "scusi, perchè lei venerdì ha detto tre volte bin Laden durante una conversazione con sua cognata?"

- Perchè, non si può? - rispondi tu allibito.

- No, non si può. Fino a due volte passi, ma alla terza scatta "Carnivor", e io mi devo mettere a indagare.

- Ah, mi scusi, non lo sapevo. Ma… è proprio sicuro che io abbia detto bin Laden?

- Certo, guardi qui. Ore 14.02: bin Laden. Ore 14.07: bin Laden. E ore 14.08, ancora bin Laden. Sono soprattutto questi due, così vicini, che ci preoccupano…

- Boh, non so. Guardi, se devo essere sincero… io non mi ricordo nemmeno di cosa stavamo parlando. Con mia cognata, ha detto?

- Sissignore. Venerdì dalle quattordici alle quattordici e ventitrè.

- Ma scusi, se venerdì scorso mia cognata era in ospedale?

- Guardi, qui non c'è scritto dove stava, c'è solo scritto che ha parlato con lei. Se poi era in ospedale o meno, non cambia niente.

- Eh sì che cambia, mi scusi. Mia cognata l'hanno ricoverata con la mascella fratturata, come poteva parlare al telefono con me?

- Questo non lo so. Ma qui dice che lei si rivolgeva a una certa "Rina", e Rina ci risulta essere sua cognata. Lei conferma?

- Sì certo, è lei. Cesarina, e noi la chiamiamo Rina. Ma di quando sarebbe 'sta chiamata, mi scusi?

- E' del 28 di Maggio.

- Del 28? Ma se siamo al 17, mi scusi?

- Evidentemente è dell'anno scorso, no? Ecco… guardi qui, dunque… Maggio 17… sì, 2005. Inizio chiamata ore 14.00.

- Ah, dell'anno scorso! Ma scusi, come può pretendere che io mi ricordi…

- E lei come può pretendere che andiamo in giro aggiornati? Ma lo sa quanti siete almeno, che avete detto tre volte bin Laden nell'arco di mezz'ora? Io qui ne ho trecentocinquanta da visitare, per il solo mese di Maggio. Poi c'è il mio collega che ha tutti quelli che hanno detto "terrorismo" tre volte, e quelli sono almeno duemila tondi tondi… Qui è un inferno, caro mio, non si capisce più niente.

In sintesi: sarà anche possibile ascoltarci tutti, ma quanti di noi hanno davvero delle cose interessanti da dire? Interessanti per chi ci vorrebbe ascoltare a tutti i costi, intendo.

Diciamocelo chiaramente: "monitorare" un'intera umanità, nella speranza di acciuffare quello che vai cercando, sarebbe in realtà una follia assolutamente inutile e ridicola.

Ma a monte di tutto questo, c'è un fatto importantissimo che tutti noi dimentichiamo, condizionati probabilmente dalla stessa paranoia alimentata da questo genere di notizia: il "terrorismo", in realtà, non esiste, se non nei cassetti dei vari servizi segreti nel mondo, che se ne servono a proprio uso e consumo a seconda delle necessità.

Non esiste quindi nemmeno, a rigor di logica, tutta questa necessità di spiare chissà chi per prevenire chissà che cosa. Esiste invece, da che mondo è mondo, la necessità da parte di ogni governo - dal più apertamente autoritario al più fintamente democratico - di "tenere buoni " i propri cittadini in un modo o nell'altro.

Che sia panem et circenses, che sia una qualunque "religione di stato", o che sia la TV rimbecillente, tutto tette goal e formaggini, cambia poco.

E in questa ottica, cosa c'è di meglio della paura diffusa nella popolazione di essere spiati, seguiti, ascoltati, pedinati e controllati dappertutto, anche se non si ha assolutamente nulla da nascondere?

Massimo Mazzucco






















Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Zret
Inviato: 14/5/2006 23:49  Aggiornato: 14/5/2006 23:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/11/2005
Da: Inferno
Inviati: 184
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Orwell docet.

P.s. Per rispondere a Fiammifero: Perché il papa ed altri potenti non si occupano di 9 11, scie chimiche etc? Perché sono proprio loro che...

Beattle
Inviato: 14/5/2006 23:55  Aggiornato: 14/5/2006 23:55
Ho qualche dubbio
Iscritto: 15/1/2006
Da: Milano
Inviati: 57
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Diglielo a Moggi... vabbe scherzo...

Effettivamente mi è sempre parsa inutile, magari funziona e neanche lo sappiamo, ( forse i veri attentati li fermano), sinceramente il monitoraggio delle comunicazioni tramite cellulare è quasi inutile, come tutte le comunicazioni via messenger o rete.

Pensare a sistemi come Echelon ti viene un pò la paranoia, ma che ci possiamo fare, più che rendergli la vita difficile... Siamo un razza di idioti .

uniste
Inviato: 15/5/2006 0:10  Aggiornato: 15/5/2006 0:10
So tutto
Iscritto: 19/11/2005
Da:
Inviati: 4
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
e poi se uno parla di qualcosa di losco credo che difficilmente si esprima in "chiaro" se utilizza strumenti intercettabili quali telefono, mail etc.. ma userà un linguaggio in codice e quindi le tanto citate parole chiave che fanno scattare i controlli non le avremmo. La mia opinione (da informatico) è che allo stato attuale anche i software più sofisticati non sono in grado di riconoscere il tono ed il contenuto di una conversazione, elementi fondamentali per poterla analizzare e
tanto meno poi a prescindere di chi la conduce, solo un'intelligenza umana è in grado di discernere.
Temo, invece, che questo genere di operazioni che comunque non dubito vengano eseguite, siano piuttosto indirizzate verso obbiettivi precisi e magari non solo nell'ambito della sicurezza ma per un controllo sociale/politico e magari anche in campo industriale ed economico per operazioni di spionaggio.

cocis
Inviato: 15/5/2006 0:17  Aggiornato: 15/5/2006 0:18
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/1/2006
Da: V
Inviati: 1430
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
echelon viene in realtà utilizzato anche dalle imprese americane .. ( in particolare quelle vicine all'amministrazione bush ) per soffiare contratti miliardari alle imprese europere e altre...


intanto bush si sta contruendo una mega ambasciata...

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=2105

Max_Piano
Inviato: 15/5/2006 0:36  Aggiornato: 15/5/2006 0:36
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Il Mito : Echelon (il progetto spionistico anglo-americano-australiano-canadese ) è in grado di ascoltare fantastiliardi di chiacchiere ( incluse le email ) in modo da spiare e/o localizzare qualsiasi persona sulla faccia della terra ( a parte Bin Laden si intende ... )

La realtà : Echelon esiste ma forse centra poco con il controllo della libertà di espressione ... più probabile : si tratta di semplice e squallido spionaggio industriale camuffato da "lotta al terrorismo" ( del resto la commissione UE ha già da tempo sentenziato : criptate gente ... criptate ! ).
Rimango profondamente scettico sulle reali capacità del sistema a effettuare una analisi di tali proporzioni (senza contare le centinaia se non migliaia di idiomi, pronuncie , gerghi con cui tali chicacchiere sono fatte ).
Che avere dei dubbi sia lecito lo dimostra il fatto che Bin Laden, il cui studio dovrebbe essere in una caverna dell'Afghanistan è stato in grado di uploadare filmati e trailer a suo piacimento senza che nessuno lo prendesse ...

Se le trasmissioni, poi, sono criptate allora stiamo parlando solo di fantascienza non certo di realtà ... ed è ovvio che chi vuol fare unattentato non dirà mai apertamente al telefono :
Ciao Pino ! No, stasera non ci possiamo vedere ... devo andare a piazzare unabomba in metropolitana ... beh ... magari se me la sbrigo in fretta ci vediamo più tardi al bar con gli altri...

ma per favore !!!

( anche se la vicenda Moggi mi fa rifelttere sul fatto che potente può, a volte, far rima con deficiente ).

La scusa di Bush : "vogliamo sapere chi parla con al-queida" non sta nè in cielo nè in terra ... se sapessero davvero chi parla con chi perchè aspettare una telefonata ?

- Pronto : parlo con l'ufficio di Al-queida di Via Triade 111 ?
- Sì ! Mi dica ...
- Sono disoccupato e vorrei sapere se state assumendo personale
- Sì guardi ... s'è liberato un posto da dirottatore kamikaze ... però è un contratto a termine ...


Fai bene Massimo a prenderla sul ridere ... però ... gli americani arriveranno mai un giorno a capire che la guerra, lo spionaggio e il clima da "stato di polizia" sono state tutte messe in scena organizzate dai loro stessi leader ?
Ah! quanto son gonzi sti 'mericani !
Certo anche noi italiani che credevamo nella maglia e nel pallone tanto svegli non siamo ...
Non frega niente a nessuno di guerre, complotti, brogli, 9/11 ma porca-puttana non toccateci il calcio ... che tristezza ... e io che pensavo che a Berlusconi, Della Valle, Moggi,... piacesse il calcio perchè son gente sportiva !

partynight
Inviato: 15/5/2006 0:46  Aggiornato: 15/5/2006 0:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 27/11/2005
Da: NE
Inviati: 195
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
e' anche vero che ntanto il tutto viene archiviato ordinatamente per parecchi anni.. poi quando ve ne fosse bisogno potrebbe essere analizzaato con calma,

(...) ci sono infinite motivazioni che potrebbero portare una persona a non essere del tutto indifferente al fatto di essere spiata, tracciata, archiviata su un database.

L' ascolto di telefonate è solo uno dei mezzi a disposizione per indagare su di una persona: i nostri spostamenti possono venire monitorati coi segnali di un semplice cell, passaggi ai caselli autostradali, passaggi ai varchi elettronici. Il nostro comportamento può essere visionato dalle sempre più vigili telecamere delle vie cittadine. I nostri gusti, preferenze, idee possono essere controllate ad esempio dalle navigazioni web. Pure i movimenti finanziari sono visionabili. I nostri contatti possono essere ricostruiti dalle telefonate anche in senso geografico. Un sms sta in archivio per anni.

Ora, construiamo un bel sistema che inserisca gran parte di queste informazioni in un database. (lo spazio di memoria costa molto poco). Serve solo un complesso programma che incroci i vari dati e mandi questo segnale su schermo:

"Questa persona ad oggi sempra comportarsi in modo non-standard. Consigliato un controllo approfondito"

daste
Inviato: 15/5/2006 0:53  Aggiornato: 15/5/2006 0:53
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/4/2006
Da: Sessa Cilento (SA) / Torino / Helsinki
Inviati: 123
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Eh no signori, il problema è molto più grave!
Il problema non è controllarci tutti, ma controllare e tenere sotto minaccia costante gente particolare: politici (o politicanti), leader economici, banche (si anche loro stessi), dissidenti... se uno avesse il diritto di spiare tutti potrebbe anche "inventarsi" falsità su personaggi particolari, e sarebbe creduto da tutti in quanto "lui può ascoltare tutti". Il controllo dell'informazione totale equivale al controllo del pensiero totale! Già ne abbiamo una idea molto molto vaga con i mass-ricoglio-media di oggi, volete che la situazioni peggiori per almeno un fattore 1000?

Inoltre PALLADIUM/TC VA FERMATO anche perché probabilmente potrebbe bloccare una volta per tutte l'intero movimento open-source... date un'occhiata a www.no1984.org . Per i non addetti o per chi non utilizza sistemi/software free potrebbe non significare nulla a prima vista, ma chi invece conosce questa realtà sa che sarebbe la fine di un'epoca in cui il libero scambio di idee/informazioni è l'humus che fa crescere una vera coscienza globale (nel senso buono) e un'importante collaborazione reciproca.
Vi porto un esempio: ho iniziato a sviluppare un driver per la mia scheda audio USB (Line6 TonePort UX1) e dopo poco tempo un polacco che ha la stessa scheda e utilizza, come me, Linux si è unito al progetto e ora mi sta dando una mano.
Il software free se potrà avere la possibilità di continuare a crescere come sta facendo oggi potrebbe liberarci dalla schiavitù dei programmi bacati delle multinazionali una volta per sempre e sviluppare soluzioni nuove per tutti e praticamente a costo zero. Rendere la vita impossibile a questo movimento è come far chiudere la croce rossa perché gli ospedali e i becchini devono guadagnare di più!

Max_Piano
Inviato: 15/5/2006 1:07  Aggiornato: 15/5/2006 1:07
Sono certo di non sapere
Iscritto: 10/12/2005
Da:
Inviati: 3666
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Dici bene Daste : controllane uno per controllarne mille ... spionaggio localizzato, certo ...

Per quanto riguarda il TC ( trusted computing ) sarei invece molto meno pessimista : appare oramai ovvio che le aziende ( vedi la MS e i suoi prodotti sempre più scadenti ) non sono più in grado di gestire l'evoluzione informatica attuale.

hi-speed
Inviato: 15/5/2006 1:09  Aggiornato: 15/5/2006 1:15
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/12/2004
Da: preda lunga
Inviati: 3211
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Mi immagino gli impiegati che lavorano alla OSAMA!

Hi-speed
PS: penso che sia una ditta di prodotti elettronici e di scrittura
www.osama.com

Cosa Sta Succedendo? Madre, madre Ci sono troppi di voi che piangono Fratello, fratello, fratello Ci sono troppi di voi che stanno morendo Sai che dobbiamo trovare una maniera Per portare un pò di amore qui oggi
daste
Inviato: 15/5/2006 1:44  Aggiornato: 15/5/2006 1:44
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/4/2006
Da: Sessa Cilento (SA) / Torino / Helsinki
Inviati: 123
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Beh, a Microsoft hanno capito da tempo che non è la qualità, ma la quantità il punto centrale per imporre le proprie tecnologie e bloccare la concorrenza.
Io sono molto ottimista sulla comunità che già si è fatta sentire sui brevetti del software in all'unione europea e sull'introduzione dei codici identificativi all'interno del Pentium III, che costrinse l'Intel a ritirare il "processore OGM" dal mercato. Ma bisogna tenere gli occhi aperti...

daste
Inviato: 15/5/2006 2:01  Aggiornato: 15/5/2006 2:01
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/4/2006
Da: Sessa Cilento (SA) / Torino / Helsinki
Inviati: 123
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
E giusto per restare in argomento: http://www.indicius.it/massmedia/censura_italia.htm
Forse non sono molto chiaro: la situazione è già grave (come l'esistenza stessa di questo sito testimonia) ma può assumere toni veramente tragici in poco tempo! L'informazione deve essere libera e di tutti e la gente deve essere tranquilla e sicura della propria privacy, altrimenti si ritorna nella preistoria!
Capisco che Massimo sospetti una sorta di fudding sulla mancata privacy e libertà di informazione, ma la questione a mio avviso è estremamente importante lo stesso.

UncasO
Inviato: 15/5/2006 3:55  Aggiornato: 15/5/2006 3:55
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/7/2005
Da: ss11 "Rivoltana"
Inviati: 267
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Un mafioso inizia a far paura nel momento che si viene a conoscenza della sua attività, non è necessario che ci minacci direttamente.

Il monitoraggio delle comunicazioni così come la mostruosa diffusione della videosorveglianza urbana non sono che la parte più visibile del problema, secondo me sono le potenzialità date dalla conservazione di questi dati e dall'utilizzo che se ne può fare le cose di cui dovremmo avere paura.

Il potere spesso non necessita dell'azione diretta nel perseguire i suoi fini, avere a disposizione un database contenente un dossier fatto di cronologie, immagini, parole e scritti di un individuo lo rende automaticamente trasformabile in un bersaglio(target), se a premere il grilletto sarà chi ci vuol vendere qualcosa e sa già i nostri gusti per averli "comprati" dallla società che c'ha dato la carta di credito potremmo anche scrollare le spalle. Sulle paranoie degli agenti governativi possiamo anche ridere come faceva Moore con i vecchietti di Peace Fresno, ma proviamo a pensare ad una domanda tipica dello scettico riguardo all' 11/9, come si fa a organizzare un attentato così ottenendo il silenzio di migliaia di persone implicate o semplicemente testimoni?

Nessuno ha nulla da nascondere, non siamo mica terroristi noi, quelli probabilmente manco esistono senza i servizi segreti che li pilotano, dice giustamente mazzucco. Ma un bel giorno ci ritroviamo nostro malgrado testimoni di un fatto gravissimo, vediamo un sedicente "tecnico" che installa un misterioso aggeggio su una colonna portante del WTC, opure la nostra squadra di pompieri è la prima a giungere sul luogo di un attentato e ci trova materiali sospettosamente militari. Prima che abbiamo il tempo di pensare ad una reazione veniamo contattati dal un agente che ci fa ascoltare la telefonata fatta due anni prima con una ex, la testimonianza di un incontro clandestino o di un vizio segreto. Il normale cittadino non potrà mai più essere un problema, il giornalista curioso o l'attivista ficcanaso men che meno, quelli inattaccabili e veramente pericolosi perchè ben "inseriti" nel sistema li si continua a "impiccarsi" come si è sempre fatto.

Non vorrei mai morire per le mie idee, perchè potrebbero essere sbagliate.
Bertrand Russell
carlizzi
Inviato: 15/5/2006 7:12  Aggiornato: 15/5/2006 7:12
So tutto
Iscritto: 13/5/2006
Da:
Inviati: 6
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
GRANDE ORECCHIO CI ASCOLTA...
E penso, cari amici, che dovremmo approfittare di questa grande opportunità. affinchè il nostro messaggio critico, ma costruttivo e finalizzato a riequilibrare il mondo a partire dal rispetto reciproco tra esseri umani, approfittare che il grande orecchio ci ascolta ci dà la possibilità di convertire il grande orecchio e tentarlo a fare il Bene. E' sempre una grande opportunità sapere che stiamo parlando di giustizia, di pace, di verità anche a coloro che forse queste parole non le conoscono, o non sono state loro insegnate, perchè educati alla cultura dela guerra. E state pur certi, che il garnde orecchio, nel proprio intimo pensiero, rifletterà, e per questo sentiamoci più invogliati e impegnati a che il nostro giusto messaggio colpisca al cuore chi magari pensando di colpirci alle spalle, può sorprenderci, mostrndo il proprio volto e sentirsi dei nostri.
Dobbiamo, nella consapevolezza di essere in guerra, mostrare la soavità della pace, della forza che fa davvero l'unione tra popoli diversi ma posti sotto lo stesso cielo. Piuttosto, Grande Orecchio,controlla che non ti si scarichino le pile, magari proprio nel momento in cui diciamo ciò che più ti potrebbe interessare.
Buon giorno a Massimo e a tutti i mattinieri.
Gabriella Carlizzi
PS: Massimo per chi vuole contattarmi privatamente ti autorizzo a fornire i miei recapiti, che per motivi di etica, non intendo pubblicizzare qui. Ciao.

kex
Inviato: 15/5/2006 7:56  Aggiornato: 15/5/2006 7:56
Ho qualche dubbio
Iscritto: 19/7/2005
Da: calabria
Inviati: 180
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
il solo fatto di dichiarare di poterlo fare e definirlo oltretutto legale, puo' permettere controlli specifici e di parte.
E' vero se non hai niente da nascondere di cosa ti preoccupi??
Ma... poniamo il caso che diventi un politico/imprenditore/corridore/amante/poliziotto/ecc... scomodo o antipatico.
Posso essere monitorato e controllato 24/24 legalmente,posso essere frodato legalmente, posso essere incastrato legalmente.
Io credo che ci siamo gia', Orwell docet, ma almeno che tutto questo non sia avallato/nascosto dalla parola "legale".

Saluti a tutti
Kex

una goccia fara' traboccare il vaso

vorrei regalare ai miei figli un po' di consapevolezza in piu'
ivan
Inviato: 15/5/2006 8:59  Aggiornato: 15/5/2006 8:59
Sono certo di non sapere
Iscritto: 22/7/2004
Da: Bronx
Inviati: 11520
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Echelon, Carnivore, i servizi segreti, i satelliti spia capaci di leggere il giornale di un passante, gli insetti bionici, etc, etc, etc...

E nessuno che sappia dov' è Messina Denaro, quello che dovrebbe aver preso il posto di Provenzano.

Tutto questo manicomio ad alta tecnologia serve per spiare quelli che come il sottoscrito navigano in Internet leggendo e postando cazzate ...

Ma mi facessero il santo piacere ...

ilberneri
Inviato: 15/5/2006 9:45  Aggiornato: 15/5/2006 9:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 16/3/2006
Da: Coimbra
Inviati: 238
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
per completezza vi segnalo che il settimanale "diario" ha scritto del nuovo sistema denominato "Fritz" che verrà installato nei pc di nuova generazione che permetterà alle diverse compagnie di verificare e inibire l'utilizzo di software non a loro graditi sui pc di tutti noi.

"l'utopia esiste, è radicata nello spirito degli uomini.Credo che sempre di più il capitalismo le sue logiche appaiano inutili.Il mio cervello,il mio sapere,i miei desideri non hanno più bisogno di un padrone:io, individuo lavoro nella mia autonomia
Daemon
Inviato: 15/5/2006 10:13  Aggiornato: 15/5/2006 10:13
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/9/2005
Da:
Inviati: 255
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
da http://punto-informatico.it/p.asp?id=1484694&r=PI

Americani felici del governo spione

Le rivelazioni di un sondaggio del Washington Post: il 63% dei cittadini statunitensi applaude alle intercettazioni anti-terrorismo. Ma gli USA potrebbero accedere ai dati delle comunicazioni dei cittadini europei

Roma - La maggioranza dei cittadini statunitensi non ha problemi ad essere spiata dalla National Security Agency , l'organo del governo che svolge funzioni d'intelligence antiterrorismo. È quanto emerge da un sondaggio "a caldo" effettuato dal Washington Post e dall'emittente televisiva ABC, in seguito all' esplosione dello scandalo intercettazioni .

Secondo i risultati dello studio, il 63% degli intervistati si è detto favorevole alla strategia preventiva adottata dall'amministrazione Bush, che all'indomani dell'11 settembre 2001 avviò un programma segreto per tenere sotto controllo oltre 200 milioni di cittadini. Solo il 35% degli intervistati ha espresso indignazione per le intercettazioni condotte dalla NSA. Il 44% del campione rappresentativo selezionato dal Washington Post è addirittura "totalmente favorevole" e condivide le preoccupazioni del presidente Bush, convinto che si debba ledere la privacy degli americani per il bene della sicurezza nazionale.

Il 65% dei cittadini coinvolti dal sondaggio è certo che la riservatezza delle comunicazioni personali sia un diritto sacrificabile in nome della lotta senza campo al terrorismo. In definitiva, si legge in un comunicato pubblicato dall'autorevole quotidiano americano, il 51% degli americani sembra appoggiare completamente la posizione di Bush sull'argomento della privacy.

Nei giorni scorsi, a seguito di un' inchiesta del quotidiano USA Today, la stampa statunitense ha messo a nudo il coinvolgimento dei maggiori operatori telefonici nazionali nell'intercettazione di massa. Lo spionaggio americano in chiave antiterrorismo ha finora coinvolto un numero imprecisato di persone in tutto il mondo.

A tutto questo ora si aggiungono nuove preoccupazioni, questa volta da parte dei cittadini dell'Unione Europea : come evidenzia il quotidiano svedese Sydsvenskan , l'amministrazione USA si è già mossa per tempo per garantirsi la possibilità di accedere ai dati delle comunicazioni infra-UE . Questo si deve non solo ai rapporti tra i paesi europei e gli Stati Uniti ma anche, e soprattutto, al fatto che in Europa, come noto, è in vigore la Direttiva sulla data retention che prevede sistemi di archiviazione delle informazioni sulle comunicazioni del tutto simili a quelli adottati dall'intelligence statunitense.

Di interesse segnalare come, proprio in queste ore, i colossi delle TLC statunitensi tirati in ballo nello scandalo ostentino la propria estraneità a qualsiasi operazione illegale.

T.L.

(...se non è lavaggio del cervello questo..!!) sic..

tccom
Inviato: 15/5/2006 10:46  Aggiornato: 15/5/2006 10:46
Mi sento vacillare
Iscritto: 3/11/2005
Da: civitavecchia
Inviati: 903
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
come diceva un grande comico involontario del mondo del calcio, "sono pienamente d'accordo a metà con il mister"

secondo me le motivazioni dello spionaggio da parte dell'amministrazione americana, va vista sotto un'altra ottica:

è ovvio che le intercettazioni non servono a smascherare "apiranti terroristi"...a che pro quindi?

per vendere meglio!

forse dirò una minchiata, ma chi ha introdotto nel pianeta la logica del "nasci, compra, muori", ha bisogno di conoscere i propri polli meglio di quanto non li conosca oggi

...e a quanto pare i sondaggi non sono più molto affidabili...

Citazione:
Inoltre PALLADIUM/TC VA FERMATO anche perché probabilmente potrebbe bloccare una volta per tutte l'intero movimento open-source


daste, da quello che ho letto io, più che bloccare, limitare.
Se ho capito bene, inpalladium un utente può entrare o meno, purchè qualche produttore hw ne resti fuori...se no che ci metto nel mio case?

paradossalmente, palladium potrebbe portare all'auto esclusione di microzot dal merc...
va beh, basta con le speranze/minchiate

...gli Stati Uniti non ci hanno guadagnato nulla dall'11 settembre (c'è bisogno di dirlo?)...[].... Ragioniamo: chi ci guadagna quando piove? i produttori di ombrelli. Da questo si deduce che i produttori di ombrelli controllano la pioggia.
alcenero
Inviato: 15/5/2006 10:49  Aggiornato: 15/5/2006 10:49
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/12/2005
Da: Grassy Knoll
Inviati: 318
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Io ho un'idea che se si diffonde distruggerebbe carnivor.
Mettiamo tutti nella firma elettronica delle mail parole sospette tipo "esplosivo al plastico, semtek, metropolitana, jihad". Magari ruotando con altre parole settimanalmente.
E ogni volte che parliamo al telefono diciamo parole sospette. tipo

- Ciao gino, jihad-mohamed-taglierini-aeroporto
-che cazzo dici???
-no niente volevo dirti se stasera ci vediamo insieme la partita. C4-metropolitana di Los Angeles
-Va bene ma che c'entra Los Angeles?
-no nulla così, tanto per dire. Facciamo alle 20 e porto le birre? eh vecchio talebano?
- va bene va bene ma prima riposati che ti sento strano, a dopo
-a dopo, allah u-akbar

L'unico tiranno che accetto in questo mondo è la voce silenziosa dentro di me. M.K.Gandhi
Dr-Jackal
Inviato: 15/5/2006 11:05  Aggiornato: 15/5/2006 11:05
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2006
Da:
Inviati: 1028
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Io ho sempre saputo che col sistema Echelon intercettano email e telefonate da anni, ma il problema è che proprio per via dell'enorme mole di dati non possono utilizzare come si deve il sistema perchè in quella marea di informazioni non sanno come, cosa e dove cercare...

felice
Inviato: 15/5/2006 11:24  Aggiornato: 15/5/2006 11:24
Mi sento vacillare
Iscritto: 14/3/2006
Da: Parma
Inviati: 759
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Il fine non é come quando e dove cercare ma, incastrare e sanzionare al rovescio, chi si prodiga affinché il popolo dei miserabili - da sempre con la voce strozzata - abbia a farsi ascoltare.

Si immagazzinano intrcettazioni per usarle a cronometro contro chi tiene e/o aiuta a tenere la schiena dritta davanti ai dominati di turno.

Solo col governo di sinistra possono passare SORDIDE e SILENTI le riforme di destra. Il SOLE é storto! Sento di navigare su una nave tarmata. Le tarme sono tante che la nave sulla quale viaggio é destinata a risolversi consumata nel fuoco delle GUERRE.
goldstein
Inviato: 15/5/2006 12:11  Aggiornato: 15/5/2006 12:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 4/11/2004
Da:
Inviati: 2827
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Felice ha sintetizzato perfettamente il punto.
Facciamo un esempio: la AMDOCS è una Società Israeliana che ha in mano praticamente tutte le fatturazioni delle telefonate che si fanno in America: mica deve spulciarsi i miliardi di dati, il fatto che le abbia sotto controllo è già sufficiente per il solito "blackmail", il ricatto.
Difficilmente tirerà fuori le telefonate dalla Florida di Atta e compagnia, o di qualche banchiere: ma quelle di politici, giornalisti ed antisemiti sono certamente molto utili.
Non le dovrà (quasi) mai far fuoriuscire: basta possederle.
E' il controllo, il ricatto, il cuore del meccanismo.
Se ci aggiungete la possibilità che vengano emanate Leggi come il cosiddetto "anti conspiracy act" che si sta cercando di far passare in Giappone avrete la quadratura del cerchio: con questa legge è previsto il carcere per due o piu' persone colte a parlare di un crimine che valga ipoteticamente quattro o piu' anni di galera.
Esempio, due ragazzi che scherzano, che so, sul rigare la macchina ad un professore senza magari averne nè la volontà nè la capacità di farlo; per politici, persone che contano, dissidenti politici... non credo serva fare degli esempi sui possibili psicoreati.

F.Capretta
Inviato: 15/5/2006 12:20  Aggiornato: 15/5/2006 12:20
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/1/2005
Da: Le Felici Fattorie
Inviati: 855
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
concordo in pieno con felice.

inoltre i laboratori di tutto il mondo stanno facendo ingenti sforzi
per sviluppare software basati sulla semantica, ovvero in grado
di "capire" il testo che stanno leggendo.

personalmente ho visto all'opera un aggeggio tedesco che
svolge un lavoro discreto. riesce a raggruppare i concetti
per "isole semantiche". se questo è quanto abbiamo a
disposizione a pagamento noi, figuriamoci "loro".

un software così risolverebbe buona parte del problema delle intercettazioni.

sarà una mia fissazione, ma ho come l'impressione che alla NSA
hanno a disposizione tecnologia degna di star trek. Oggi.

saluti felici

Felice Capretta

Pausania
Inviato: 15/5/2006 12:37  Aggiornato: 15/5/2006 12:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Vorrei dire una cosa riguardo al non avere niente da temere dalle intercettazioni perché non si fa niente di male. Di solito "chi controlla" non ferma le minacce vere, perché sono funzionali alla sua necessità (vedi BR), ma chi, come sindacalisti, attivisti eccetera tenta di uscire dalla logica del potere.
In Italia la schedatura dei cittadini c'è stata (piano Solo) e sono quasi sicuro che ai tempi della leva obbligatoria ci fosse un monitoraggio almeno dei maschi. A mio padre l'avevano detto quand'era nell'esercito: sei considerato sovversivo di sinistra (e non lo era affatto, era solo uno che pensava con la sua testa e si è poi iscritto alla DC!): il fatto è che se poi qualcuno decideva di far mettere i militari al potere,che fine facevano quelli come lui, che non avevano niente da nascondere. Finivano in Sardegna?

daste
Inviato: 15/5/2006 12:49  Aggiornato: 15/5/2006 12:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/4/2006
Da: Sessa Cilento (SA) / Torino / Helsinki
Inviati: 123
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
tccom, dai un'occhiata a www.no1984.org
dubito che microsoft, o chissà quale sua authority satellite inventata per l'appunto, dia la certificazione di esecuzione ai prodotti open-source, prima di tutto perché bisognerebbe pagare (ma questo non è insormontabile), ma poi una persona non potrebbe più compilare nulla perché i vari programmi compilati non avrebbero l'autorizzazione tc. Questo vuol dire anche impedire che un programmatore per hobby come me non possa più dedicarsi a questa passione.
Se ci fossero solo Microsoft e Intel in mezzo sapremmo che quesa sarebbe stata la loro condanna a morte, ma invece vatti a vedere quante e quali aziende ci sono in mezzo: IBM, Nokia, AMD, Apple, ecc. SI STANNO METTENDO TUTTI DACCORDO!

UncasO
Inviato: 15/5/2006 13:18  Aggiornato: 15/5/2006 13:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/7/2005
Da: ss11 "Rivoltana"
Inviati: 267
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Cercare di incasinare i software di intercettazione era già considerata un opera di net art nel 2001, quando il governo svizzero approvò una legge per la conservazione delle e-mail un gruppo di studenti di informatica sviluppò il "Supervillainizer" che trovate qui, un programmino che genera e-mail "cospiratorie" in automatico, zeppe di parole chiave scelte per far scattare gli allarmi, in questo modo nelle intenzioni degli autori si dovrebbero saturare i dischi di memoria per lo stoccagggio. Ma come già detto si tratta solo di "net art", un settore dell'arte moderna che fin dalla sua nascita si occupa di queste tematiche. Altri esempi sono i "surveillance camera players" che adattano opere teatrali per essere rappresentate di fronte alle telecamere di sorveglianza, oppure gli 0100101110101101.org che anni fa lanciarono il progetto Vopos (la famigerata polizia della Stasi), gli autori giravano sempre con un cellulare che sul loro sito visualizzava su una cartina dove si trovavano e misero online tutto il contenuto del loro pc rendendolo liberamente consultabile da chiunque, email comprese, lo chiamarono "life sharing". L'ispirazione per queste "opere d'arte" multimediale venne da un episodio banale, entrando in amazon.com si resero conto che il sito utilizzava le informazioni sui libri acquistati con la carta di credito alla Feltrinelli per proporre acquisti di prodotti simili.

Non vorrei mai morire per le mie idee, perchè potrebbero essere sbagliate.
Bertrand Russell
daste
Inviato: 15/5/2006 13:29  Aggiornato: 15/5/2006 13:29
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/4/2006
Da: Sessa Cilento (SA) / Torino / Helsinki
Inviati: 123
 Re: Grande Orecchio ci ascolta

soulsaver
Inviato: 15/5/2006 13:51  Aggiornato: 15/5/2006 13:51
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/11/2005
Da: Roma
Inviati: 613
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Daste: ditemi che non è vero

C'è comunque una speranza, per quanto sofisticate le tecnologie di spionaggio, catalogazione altrettanto sono quelle di falsificazione e disturbo leggi qui:

http://www.wired.com/wired/archive/14.05/rfid.html

Alcenero: grazie mi ai regalato una bella risata a pranzo...

UnCaso: molto interessante, cercherò altre informazioni a riguardo questi gruppi, il supervillanizer è splendido, il nome poi il parto del migliore copyrighter che esista!

Free from the need to be free "Mommy what's a Funkadelic, George Clinton 1970"
illupodeicieli
Inviato: 15/5/2006 14:32  Aggiornato: 15/5/2006 14:32
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/1/2005
Da:
Inviati: 323
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
proprio ieri ho seguito una parte della trasmissione TG2 dossier che parlava di argomenti quali email , password, hacker : purtropop non hanno comunicato delle dritte per ovviare a questi incovenienti, cioè se qualcuno ha la tua password accede alla tua casella email , ti legge la posta e ,in casi più gravi prende i tuoi dati e li usa per fare ciò che preferisce, a cominciare dal c/c bancario.
riferiva anche la storia dei codici a barre e tutti i sistemi che,ufficialmente, servono alle aziende per ........servirci meglio, in realtà per sapere chi siamo e che cosa facciamo e le nostri abitudini (nessuna esclusa).
ora mi chiedo se ,come sembra,non siamo già stati spiati a sufficienza: sanno cosa compra e cosa leggo, i siti che visito, forse hanno letto anche la mia posta (forse ho anche prova di questo), non so cos'altro possano scoprire.
semmai credo che vogliano condizionare ancora di più usi e costumi, abitudini e imporre scelte : ecco cose del genere le trovo più vicine alla realtà di tutti i giorni.
non essendo sufficiente il martellamento che arriva dai media più usati, come tv e giornali, attraverso internet e i telefonini e il wifi possono spiare e fare il resto, cioè condizionarci ancora di più.

Ulisse86
Inviato: 15/5/2006 15:32  Aggiornato: 15/5/2006 18:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/1/2006
Da:
Inviati: 180
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Questo è il discorso che Donald M. Kerr pronunciava al Senato degli Stati Uniti i 6 settembre 2000:

"Buongiorno , Mr Chairman e membri del comitato. Vi sono grato per l'oppportunità di poter parlare di Carnivor - un sistema designato specificamente per forzare la privacy e allo stesso tempo rispettare la legge.
Carnivore è un sistema che contiamo possa venirci in aiuto nei casi critici di combattimento al terrorismo, allo spionaggio, alla guerra d'informazioni, all'hacking ed altri crimini violenti che usano Internet, per difendere la nostra Nazione e la nostra gente.
Nel mio discorso toccherò principalmente 5 punti:

1.- Perchè abbiamo bisogno di un sistema come Carnivore
2.- Perchè il publico deve essere a conoscenza del fatto che Carnivore esista
3.- Come lavora Carnivore
4.- Perchè gli ISP non devono avere timore dell'uso di Carnivore
5.- Perchè il pubblico deve essere fiducioso che l'uso di Carnivore non lederà la loro privacy"

Credo che abbiate capito che cosa sia a grandi linee Carnivore. Un programma che una volta installato dai provider su richiesta del FBI è in grado d'intercettare qualsiasi comunicazione.

In questi anni l'FBI è andata incontro a un largo numero di criminali che usavano Internet per comunicare tra di loro o per comunicare con le loro vittime.
Spesso però i provider di appartenenza di questi criminali non hanno gli strumenti necessari per intervenire salvaguardando la privacy degli altri utenti.
In parole povere possono controllare le e-mail, ma devono controllarle tutte, non hanno gli strumenti necessari per bloccare quelle che vengono da un determinato utente o da un determinato abbonamento.
Proprio per venire incontro a questi provider il laboratorio dell'FBI ha creato Carnivore.
Carnivore, ascoltando la definizione che ha l'FBI, ha una capacità "chirurgica" di intercettare e loggare particolari comunicazioni che infrangono la legge, lasciando stare le altre, evitando così intercettazioni non autorizzate.

Carnivore lavora come molti degli "sniffer" in circolazione e altri tool usati dagli ISP tutti giorni con la differenza però che ha la straordinaria capacità di distinguere tra comunicazioni che possono essere legalmente intercettate e quelle che non possono esserlo.
Ad esempio può (opportunamente configurato) intercettare solo un tipo di comunicazione (e-mail ad esempio) ed escludere le altre (es. shopping online) oppure può essere configurato per controllare solo le email che provengono o che vengono indirizzate a un particolare indirizzo.

"1.- Perchè l'FBI ha bisogno di Carnivore ?

E' cosa risaputo che terroristi, spie, hacker e altri pericolosi criminali usano sempre di più il computer e le reti, inclusa Internet, per portare a termine i loro piani criminali.
Carnivore è la nostra risposta , per salvaguardare la nostra Nazione, la popolazione americana, la sicurezza delle nostre comunicazioni e la sicurezza dei privati e per una Internet più sana e sicura.
Per questo l'FBI concentra le sue forze, compresa la ricerca tecnologica, per combattere questi cyber criminali"

Faccio notare tutti la continua presenza della parola criminali associata a Internet..

"2.- Perchè il publico deve essere a conoscenza del fatto che Carnivore esista"

Vi risparmio tutto il discorso, in quanto infarcito di riferimenti a leggi varie. Il discorso più che altro è legato al fatto che nonostante ci siano delle leggi in materia di Privacy anche in Internet, loro sono autorizzati a non rispettarle, se questo è utile alla protezione della sicurezza.
Il pubblico và informato del fatto che Carnivore esiste perchè così tutti sappiamo che possono farci il culo quando e come vogliono e che lo fanno in maniera completamente legale.. Bello, no ?

"3.- Come lavora Carnivore e perchè l'FBI crede che sia più attendibile, preciso e tecnologicamente superiore degli sniffer commerciali ?


Carnivore è veramente un tool studiato per le intercettazioni telematiche.
Il programma è un filtro che l'FBI ha sviluppato con cura, precisione e rispettando la legge.
In particolare, il programma permette all'FBI, con la compiacenza della costituzione federale, le intercettazione telematiche di tutte le comunicazioni permettendo agli investigatori di acquisire il maggior numero di informazioni possibili sul bersaglio.

Carnivore è superiore a qualsiasi "sniffer" esistente in commercio che gli ISP usano ogni giorno sul loro network.
La concezione di intercettazioni con gli altri sniffer è molto chiusa e con essi viene infranta ogni possibile legge sulla privacy.
Non sono stati creati per le intercettazioni.

E' importante descrivere quando e come Carnivore lavora. E' importante spiegare cosa il programma mostra e, più importante, cosa non mostra agli agenti dell'FBI che lo usano.

Prima di tutto, Carnivore verrà usato solo quando l'FBI avrà il permesso della corte (o quando la legge lo consente) ad intercettare o ad acquisire informazioni sul criminale, come ad esempio il suo indirizzo, il suo numero account ec..
Secondo, quando un ISP può collaborare completamente con la corte l'FBI non avrà la necessità di impiegare Carnivore.
Terzo, l'uso del programma può essere fatto solo con la collaborazione dei tecnici dell'ISP e l'FBI non può usarlo senza la loro cooperazione.
Quarto, una volta messo al lavoro Carnivore potrà analizzare solo il piccolo segmento di traffico del network che verrà usato dall'obbiettivo e dove le sue comunicazioni possono passare.
Il programma non può avere accesso di tipo "Grande Fratello", cioè non può controllare tutto il traffico dell'ISP.

Per illustrare le funzionalità di Carnivore è importante capire che Carnivore filtra solo le informazioni che gli servono.
La sua prima operazione è filtrare una porzione della traffico dell'ISP.
Lo filtra in codice binario, una serie di 0 e 1 che scorre attraverso la rete dell'ISP, per esempo, a 40 megabit al secondo, spesso a una velocità maggiore.
Carnivore lavora in tempo reale con queste velocità. Per visualizzare meglio il concetto, provate a pensare a un enorme schermo che contiene 40 milioni di 0 e 1 che appaiono sullo schermo per 1 secondo e 1 secondo solo.
La prima operazione di Carnivore sarà quella di identificare se e quali di quegli 0 e 1 appartengono al criminale e a quale tipo di comunicazione appartengono (infatti se hanno il permesso di intercettare solo le email, non possono intercettare l'FTP).

Se trovato, il paccheto che contiene le informazione del soggetto in questione viene ulteriormente filtrato.
E' importante comunque ricordare che quei 40 milioni di 0 e 1 che non centrano nulla on il criminale in questione non vengono in alcun modo salvati, essi si vaporizzano dopo 1 secondo.
Puff, spariti, vaporizzati, non vengono collezionati, salvati o venduti.
Il personale dell'FBI non vedrà mai nessuno di questi 40 milioni di 0 e 1.
Se non ci sono informazioni del soggetto in questione in questo schermo si passerà allo schermo successivo che sarà trattato sempre con lo stesss sistema.

A questo le informazioni del soggetto sotto controllo passeranno ad un altro filtro, che controllerà di che siano queste informazioni e solo se appartengono al tipo di comunicazione di cui si ha l'autorizzazione di intercettazione. Solo ora, dopo che è stato filtrato tutto, gli addetti dell'FBI vedranno il risultato.

4.- Perchè gli ISP non devono avere timore dell'uso di Carnivore

Carnivore lavora solo su una piccola parte del server, ovvero la parte dove è possibile che passino i dati che riguardano il soggetto sotto osservazione (come già detto prima).
Carnivore è collegato al server attraverso un ponte fisico che gli impedisce di trasmettere dati di qualsiasi tipo al resto del network, quindi non ha potere di trasmettere dati o qualsiasi altra cosa al netowrk.

Ma Carnivore non è mai stato installato e non sarà mai installato senza l'autorizzazione del personale del personale del provider.
Internet è una rete molto complicata e in continua evoluzione e le assicuro che senza le conoscenze tecniche del personale dell'ISP sarebbe molto difficile, e in alcuni casi davvero impossibile, controllare il soggetto.
In più l'FBI non potrebbe lavorare senza le informazioni che danno i tecnici riguardo all'architettura e ai protocolli del server.

Qualcuno ha mossa la critica che Carnivore aumenterebbe le possibilità di essere vittime di hacking. Ma sbagliano.
Con rispetto per l'hacking e considerando le tecniche hacking più usate, non ci sono significativi aumenti di insicurezza nell'usare Carnivore.
In più dato che Carnivore è uno strumento dell'FBI usarlo come punto di accesso per altri network sarebbe da pazzi per il rischio che si corre e in più come detto precedentemente Carnivore non ha accesso al resto del network

In ultima c'è la faccenda che secondo un particolare ISP l'uso di Carnivore ha causato il crash del suo sistema e altri problemi nel network.
Ma queste dichiarazioni sono sbagliate. Prima di tutto la causa dei problemi del network (non ci fu crash) era semplicemente di natura tecnica e quindi di esclusiva competenza dei tecnici del network.


5.- Perchè il pubblico deve essere fiducioso che l'uso di Carnivore non lederà la loro privacy

Crediamo che il popolo americano abbia fiducia nell'FBI per la sua condotta del controllo elettronico, principalmente perchè hanno capito che noi lavoriamo nel rispetto della legge, dopo che il congresso emanò la 40 anni fà la prima legge sulla sorveglianza elettronica nel 1968.
Molti dicono che i metodi dell'FBI sono illegali. E' sbagliato, non ci sono prove che lo dimostrino.
Ogni azione è autorizzata da un tribunale e l'FBI non ha mai abusato del suo potere.

Cominciamo col dire che tutte le investagazioni dell'FBI, ogni sorveglianza, ogni intercettazione, ogni perquisizione è autorizzata, monitorata e supervisionata per ogni passo dal locale studio legale e le corte legale o da un magistrato.

Ogni nostra azione è controllata e approvata da chi di competenza in quel campo e in quello stato.

Negli ultimi 30 anni le intercettazioni elettroniche dell'FBI sono state strettamente supervisionate dal dipartimento di giustizia e non ci sono mai stati absui. Anzi, il dipartimento di giustizia ha sempre indicato i nostri modelli come modelli di correttezza, cura e rispetto della legge nelle intercettazioni.

A questo punto può essere utile parlare del personale che utilizzerà Carnivore.

Cominciamo col dire che tutti gli impiegati dell'FBI sono persone che hanno dimostrato onestà, rispetto della legge, integrità personale.
Tutto questo può essere dimostrato con la loro condotta che ha portato all'attuale sicurezza nazionale e al livello investigativo.
Per essere sicuri la struttura dell'FBI fà crollare presto se gli agenti assunti si dimostrano non degni di fiducia o se non mantengono la riservatezza riguardo al loro impiego."


Certo, come no...

Bye

p.s: Fino a poco tempo fa su sito www.fbi.gov era possibile trovare molte informazioni a riguardo scrivendo la parola "Carnivore" nel motore interno.
Ora stranamente questa ricerca non porta più a nessun risultato.

JiZmO
Inviato: 15/5/2006 16:07  Aggiornato: 15/5/2006 16:07
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/5/2006
Da: Turenum (BA)
Inviati: 72
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Il sistema Carnivor è una delle cose più inutili esistenti poichè lavora a livello sintattico e non semantico! I suoi risultati comportano uno spreco di tempo e di soldi e generano ulteriore spreco di tempo e soldi qualora li si voglia verificare....cmq se ci si vuole difendere lo si può fare tranquillamente...
- per quanto riguarda la posta elettronica si possono usare Pgp (pretty good privacy) che fornisce un grado di riservatezza più che soddisfacente criptando i messaggi
- per quanto riguarda le comunicazioni vocali, aspettate ancora un pò che si imponga il voip e ne vedremo delle belle....perchè secondo voi c'è una tale avversità per questa tecnologia, interessi economici delle Telecom a parte?....perchè con comunicazioni di tipo voip e dati a pacchetto diverrebbe complicatissimo se non impossibile intercettare già comunicazioni non criptate in quanto non si conoscerebbe a priori il percorso "fisico" dei dati della comunicazione. Se poi ci si aggiunge qualche algoritmo di criptazione addio intercettazioni, il che sarebbe rassicurante dal punto di vista della privacy ma non possiamo non riconoscere che sarebbe un'arma a doppio taglio (non ci sarebbe lo scandalo juve ....)
...il metodo migliore, a quanto pare, rimane davvero quello dei "pizzini"

Per chi si preoccupa del Palladium e similari: se anche AMD e INTEL riuscissero a diffondere tali tecnologie e non si trovi un modo di aggirarla programmaticamente (il che è molto plausibile) ci si potrà sempre appoggiare ai fantomatici processori Dragon-V di fabbricazione cinese: tali processori sono assolutamente "palladium-free" e se si avvereranno gli scenari più pessimistici potrebbero avere una diffusione davvero inimmaginabile

A volte e meglio stare zitti e dare l'impressione di essere stupidi, che parlare e togliere ogni dubbio
cocis
Inviato: 15/5/2006 17:23  Aggiornato: 15/5/2006 17:23
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/1/2006
Da: V
Inviati: 1430
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Autore: daste Inviato: 15/5/2006 13:29:51

http://www.disinformazione.it/microchip_sui_neonati.htm


--------------------------------------------------

e questo allora ??

http://www.disinformazione.it/condutture_internet_a_pagamento.htm


ELFLACO
Inviato: 15/5/2006 19:01  Aggiornato: 15/5/2006 19:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 28/10/2005
Da:
Inviati: 1839
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Holas.
Secondo me è vero che si usano queste notizie per condizionare la gente,per "educarla" a stare tranquili.a produrre in loro la paura che qualcuno ascolta e ti controlla.
Ma è anche vero che se dicono di avere queste capacità potrebbe anche dire che le loro capacità sono ancora maggiori e pù soffisticate.
Una prova di questo potrebbe essere lo sviluppo della tecnologia usata per fare l'F117 Stealth,Un aereo che già agli inizi degli anni 80 faceva voli di prova sul'Europa.
Ora la tecnologia per avere la velocità di calcolo necesaria per controllare il volo di questa "lavatrice invisibile" era almeno 15 anni avanti di quello che gli informatici sognavano di poter avere.
Sono d'accordo con quelli di voi che pensano che non sia necessario ascoltare tutti perche non serve a niente,ma possono ascoltare chi vogliono ,quando vogliono e quanto vogliono.

E questo è abbastanza facile da immaginare.

EL FLACO

“Le persone non dovrebbero avere paura dei propri governi, sono i governi a dover aver paura delle persone.”
gato
Inviato: 15/5/2006 21:35  Aggiornato: 15/5/2006 21:35
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/1/2006
Da: camposanto + +
Inviati: 175
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Siccome sono nato e vissuto in una dittatura per piu' di vent'anni, non mi piace per niente se qualcuno mi ascolta le telefonate, e-mail, o qualsiasi altra cosa. Nel mio paese (come in tutte le dittature) c'era una grandissima paura della polizia. Sembrava quasi che ci fossero piu' agenti che abitanti. Chiaramente il numero degli agenti era molto inferiore rispetto a quello che la gente pensava, ma lo scopo era farti pensare che qualunque cosa tu dici, fai o pensi loro lo sanno. E questa cosa faceva molta paura, anche se non era vero. Immaginate pero se fosse vero....

Yossarian
Inviato: 15/5/2006 21:39  Aggiornato: 15/5/2006 21:40
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/12/2005
Da: La bocca del lupo
Inviati: 42
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Io credo che un sistema che abbia fiducia nelle proprie possibilta' non habbia bisogno di millantare creidti nei confronti dei suoi sottomessi, le minacce servono a controllare con i l sospetto e la paura, ma nascondono una sostanziale inadeguatezza nell'eseguire i propri progetti

" Questa coda non è di questa mucca !"
- Il bisnonno; Complottista dei primi del 1800-
Cinqui
Inviato: 15/5/2006 22:27  Aggiornato: 15/5/2006 22:28
Ho qualche dubbio
Iscritto: 24/3/2006
Da:
Inviati: 227
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
da Max_Piano
Citazione:
Certo anche noi italiani che credevamo nella maglia e nel pallone tanto svegli non siamo ...



bravo...semplicemente bravo!

P.S. ma perchè non mi tiene tutta la frase, ma solo la prima riga??? uff...

"Una bella donna non è colei di cui si lodano le gambe o le braccia, ma quella la cui bellezza complessiva è tale da togliere la possibilità di ammirare le singole parti..." - Seneca - .
lamefarmer
Inviato: 15/5/2006 23:16  Aggiornato: 15/5/2006 23:16
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/9/2005
Da: vacu°u(m)
Inviati: 334
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Aggiungo qualche dato "tecnico" per il blog
(sperando che per distrazione non abbia saltato proprio il post
che se ne occupava, qui siete tutti tremendamente "informati" ).

"Tecnicamente" l'apparente "sforzo" per individivuare una informazione
qualunque di dati ipermassivi, é un problema superato.
Se non ricordo male da ricerche militari Israeliane.

Per capire come funziona concettualmente, basta ricordare quel sito
(che Beppe Grillo menzionava nel suo spettacolo del 2006)
che permette di raggiungere chiunque nel mondo con AL MASSIMO
6 passaggi di persone che si conoscono tra loro.
La teoria matematica che sta sotto é denominata "teoria dei numeri",
e in specifico anche "teoria dei gruppi" intesi come classi astratte di valori
teorie che hanno permesso di risolvere in modo determinante
il famoso ultimo teorema di Fermat.

In sostanza le conoscenze per individuare una qualunque informazione
ci sono e sono abbastanza efficienti per tirare fuori in modo matematicamente
deterministico (non casuale, quindi non probabilistico) il classico ago nel pagliaio.

Resta da chiarire cosa si vuole cercare. Se si cerca la parola "Terrorismo"
ovviamente verranno fuori molti messaggi spazzatura, e poi non é nemmeno detto
sia un messaggio in chiaro. Basta sostiuire "Terrorismo" con "Frutta" (grossolano
ma efficace metodo di criptazione) e la fantastica macchina ipermoderna
se la possono mettere nel....
Più efficace invece é un uso sistemico di spionaggio industriale, dove alla base
c'é sicuramente:
a) una conoscenza esatta dell'oggetto (dato) che si vuole cercare (per esempio
i legami tra soggetti privati dei nuovi contratti di tutte le compagnie del GAS in tempo reale)
b) una applicabilità della decriptazione (paradossalmente, i metodi criptografici "più sicuri"
sono anche i più facili da individuare, ed é quindi anche facile "meccanizzare" il loro
processo di decriptazione una volta individuati)

Ovviamente se le compagnie del GAS Argentine o Venezuelane, usasessero piccioni
viaggiatori o segnali di fumo, probabilmente diverrebbero strategicamente inattacabili.

D'altrone sono in pochi a sapere che le simulazioni del primo grande attacco
di massa perpetrato ai danni delle regioni medio-orientali da parte degli U.S.A.
(conosciuta come "guerra del Golfo") sono state vinte dall'esercito
regolare solo perché hanno interrotto le esercitazioni, dopo che l'intera flotta
ipertecnologica con tanto di caccia e cannoni ipertecnologici, era stata affondata
da barchini guidati da soldati equipaggiati come terroristi (chissà se avevano anche
il turbante!!! )

Invece mi preoccupa di più la diffusione silente dei nuovi mezzi di coercizione
come le armi leggere esotiche, di cui sospetto sia stato fatto largo uso sperimantale
sia nella recente guerra irachena sia nei balcani.
Ce ne é per tutti i gusti: da armi al Plasma che provocano dolore abbastanza intenso
da uccidere (se necessario), forse usati come mezzi di tortura, ad armi che bruciano
dall'interno il corpo.
Sono leggere, potenti e poco costose. L'unico limite che le aveva per ora messe a margine
era la "portabilità" del generatore di energia,
fondamentale anche per regolare la potenza e la durata dell'arma.

Ho paura che sia stato superato di recente anche questo limite.
Se così fosse individuare queste armi non sarebbe compito semplice. Alcune non hanno
nemmeno bisogno di essere esposte "all'esterno".


Tra i mezzi di coercizione di massa studiati a tavolino, credo ci siano anche esperimenti
sull'inquinamento nanometrico.

Ognuno parla di se stesso, sempre e comunque
gurilla
Inviato: 15/5/2006 23:23  Aggiornato: 15/5/2006 23:23
Ho qualche dubbio
Iscritto: 29/12/2005
Da: milano
Inviati: 61
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
visto che alla fine si tratta di soldi e potere, certo il poter avere accesso ( e non controllare, ovviamente) alle comunicazioni globali ha un doppio significato politico (potere) ed economico (quando usato per fini specifici come lo spionaggio industriale, che esulano dal mandato di facciata).. mi sembra max che hai azzeccato
saludos

Bepi
Inviato: 16/5/2006 0:35  Aggiornato: 16/5/2006 0:35
So tutto
Iscritto: 10/11/2005
Da: Se Muyinga avesse lu meeer sarebb na piccola Beeer
Inviati: 30
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Scusate l'O.T., ma ho ascoltato una frase qualche minuto fa, circa il 'calciogate' che sta spopolando su tv e giornali, che mi ha lasciato perplesso: chi è "l'uomo nero" che "ha deciso di buttare la pasta"? Mah...

Se dici una bugia enorme e continui a ripeterla, prima o poi il popolo ci crederà (Goebbels)
kex
Inviato: 16/5/2006 6:34  Aggiornato: 16/5/2006 6:34
Ho qualche dubbio
Iscritto: 19/7/2005
Da: calabria
Inviati: 180
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
X Daste
se vuoi rabbrividire ancora un po'....guarda questo

http://mio.discoremoto.virgilio.it/kex/

l'ho ricevuto piu' di un anno fa'.

Saluti a tutti
kex

una goccia fara' traboccare il vaso

vorrei regalare ai miei figli un po' di consapevolezza in piu'
Dusty
Inviato: 16/5/2006 8:26  Aggiornato: 16/5/2006 8:26
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/10/2005
Da: Mondo
Inviati: 2248
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Chi pensa che una tale massa di dati non sia analizzabile pecca un poco di ingenuità ed evidentemente non è conoscenza delle possibilità che l'informatica ci mette a disposizione.

Come prima cosa c'è da dire che non è necessario individuare in tempo reale le persone, "predire" non è lo scopo principale di un tale sistema.
Poter invece poter agire a posteriori, per esempio per poter ricostruire la "vita" di una persona scomoda o che si vuole ricattare può essere molto utile.

Prendiamo ad esempio l'enorme numero di mail scambiate nel mondo. Ogni giorno sono un numero incredibile, ed analizzare/selezionare quelle che contengono alcune parole chiave (come suggerito nell'articolo) genererebbe una infinità di positivi, e quindi di dati poco utili.
Ma questo non è certo l'unico modo di analizzare una gran quantità di dati. In particolare per quanto riguarda le comunicazioni (telefono, mail, instant messaging, etc) oltre al contenuto della comunicazione è estremamente interessante mettere in relazione mittente e destinatario, e costruire la rete delle relazioni di una persona e di gruppi di persone.
Supponiamo che ad un certo punto Mazzucco (o chi per lui) diventi una persona "scomoda" per il sistema perchè catalizza troppa attenzione attorno ad un tema che da fastidio al regime di turno.
Usando una opportuna analisi dei dati precedentemente registrati diventa banale ricostruire la sua rete di conoscenze, i suoi collaboratori più stretti, e rispondere a domande del tipo "con quali persone Mazzucco ha parlato di terrorismo tra il 20 Gennaio ed il 30 Marzo?" oppure "quali di queste persone ha conoscenze informatiche?".

Prendiamo come altro esempio gli instant messaging, cioè le applicazioni di invio di messaggi immediato come MSN, ICQ, Skype, etc : questi sistemi funzionano attraverso un server centralizzato, e vuol dire che per ogni coppia di persone nel mondo che si scambia un messaggio, questo passa (in generale) da un server, e siccome lo spazio di memorizzazione ormai ha un costo ridicolo, così come ridicola è l'occupazione di spazio di un testo, non costa niente memorizzare l'intera storia delle comunicazioni tra tutte le persone che usano tali servizi.

Visto il tipo di uso che si fa in genere dei sistemi di IM (ad esempio parlare tra amici del più e del meno), diventa quindi semplice ricostruire la rete di amicizie, collaboratori di lavoro e conoscenze di una persona ed analizzando i testi delle comunicazioni dedurre:
- tipo di rapporto tra le varie persone (amico, collega di lavoro, amante...)
- ideologie politiche e/o religiose
- interessi principali
- preferenze sessuali
- etc etc

Tutto a portata di mano, tutto pronto per l'uso.
Se tale capacità di ricerca ed analisi non vi spaventa... beh, allora il paranoico sono sicuramente solo io

In tema segnalo anche l'articolo di oggi su Punto Informatico che parla del Trusted Computing e, sempre riguardo il TC, segnalo un bellissimo filmato che introduce l'argomento per chi ne sa poco.

Dusty.

"Tu non ruberai, se non avendo la maggioranza dei voti"
-- Dal Vangelo Secondo Keynes, Capitolo 1, verso 1.
Il portico dipinto
Trimegisto
Inviato: 16/5/2006 16:42  Aggiornato: 16/5/2006 16:42
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/11/2004
Da: San Francisco
Inviati: 119
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Concordo con dusty, il problema non e' la possibilita' di essere scambiati per terroristi o riconosciuti come criminali o potenzialmente tali; il problema e' l'archiviazione di dati (di qualsiasi natura), per quanto megalomane, pretenziosa o apparentemente ridicola la cosa possa apparire.
Da sempre, ogni forma di governo improntata alla dittatura ha cercato ogni possibile stratagemma per poter schedare il maggior numero di persone.
Con l'avvento dell'era informatica, se da un lato i dati si sono moltiplicati esponenzialmente, dall'altro e' diventato piu' facile catalogarli, schedarli ed archiviarli, arrivando a disporre di informazioni prima difficilmente raggiungibili: spese effettuate (come, dove e quando), situazione sanitaria, lavorativa, finanziaria e contributiva; spostamenti (gps e i sistemi di guida installati sulle auto che, di default, permettono la tracciabilita'... cosi' come i cellulari, anche se sono spenti), rintracciabilita' dell'attivita' su internet...
E' in caso di colpi di stato, piu' o meno velati, che tutte queste informazioni possono venire utili, a parte il gia' presente tornaconto in campo industriale.
Poi, possiamo sempre affermare che e' tutta un'esagerazione, una bufala, una paranoia complottista e via dicendo... ma non e' cio' che vorreste, se foste dalla parte degli ascoltatori-catalogatori?
In ballo c'e' il diritto all'autodeterminazione, alla liberta' di pensiero e coscienza, di opposizione e resistenza... il diritto, perche' no, a sbagliare, e magari a sbagliare di brutto.
E poi, dato che e' tutto un gioco, perche' non autorizzare l'impianto di microchip negli esseri umani? Magari a tutti, magari fin dalla nascita.
No, amici, non mi piace e dissento... fortemente dissento.

Peace & Love

"Everything has Beauty, but not everyone sees it."
Confucius
Trimegisto
Inviato: 16/5/2006 16:47  Aggiornato: 16/5/2006 16:47
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/11/2004
Da: San Francisco
Inviati: 119
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Ecco, vedete? Sento gia' il rumore dell'elicottero...

Passi sulle scale e sul retro....

Rumori convulsi, saranno una decina al massimo...

... non era quello il suono di un'arma caricata?

Ma no, non puo' esser
' mkgcv5
[n'op
p[n ,k]
jlo 8blv[p]kgtcp
mkix4nto igjc34itpjh'pv jkyp
o5hgkvo jk5';mkb
,CVX"
"vxmlbo
#<{"Y%Rolhb
']k42pm,bEFQ>:"?SVDouy5jnol
k53uy,bdvf./c xzZ>?

"Everything has Beauty, but not everyone sees it."
Confucius
Trimegisto
Inviato: 16/5/2006 17:00  Aggiornato: 16/5/2006 17:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/11/2004
Da: San Francisco
Inviati: 119
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
VA - TUTTO - BENE

NON - E' - SUCCESSO - NULLA

SONO - STATO - UNO - SCIOCCO - A - PENSARE - CHE - TALI - STUPIDAGGINI - FOSSERO - VERE

MI - PIACE - VIVERE - IN QUESTA - GRANDE - DEMOCRAZIA

CONCORDO - COL - MIO - PRESIDENTE

QUESTO - SITO - NON - E' - BELLO

SIETE - PERSONE - TRISTI

LA - VITA - E' - BELLA

IO - SONO - ESTREMAMENTE - FELICE

... - ...

MESSAGGIO - TERMINATO

PEACE - AND - LOVE

"Everything has Beauty, but not everyone sees it."
Confucius
beanut
Inviato: 16/5/2006 17:28  Aggiornato: 16/5/2006 17:29
So tutto
Iscritto: 30/3/2006
Da: Bologna
Inviati: 22
 Re: Grande Orecchio ci ascolta

nike
Inviato: 16/5/2006 17:58  Aggiornato: 16/5/2006 17:59
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/3/2006
Da:
Inviati: 845
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Citazione:
In tema segnalo anche l'articolo di oggi su Punto Informatico che parla del Trusted Computing e, sempre riguardo il TC, segnalo un bellissimo filmato che introduce l'argomento per chi ne sa poco.


Il filmato non si carica

Citazione:
se vuoi rabbrividire ancora un po'....guarda questo


Sono rabbrividita,grazie

Citazione:
In ballo c'e' il diritto all'autodeterminazione, alla liberta' di pensiero e coscienza, di opposizione e resistenza... il diritto, perche' no, a sbagliare, e magari a sbagliare di brutto.


Quoto.

Citazione:
Quelli che creano sono duri di cuore. Nietzsche, Friedrich. Così parlò Zarathustra: II, Dei compassionevoli
beanut
Inviato: 16/5/2006 18:17  Aggiornato: 16/5/2006 18:19
So tutto
Iscritto: 30/3/2006
Da: Bologna
Inviati: 22
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Il Dio tanto attesa sta finalmente per arrivare.
Per qualche migliaio di anni si è temuti un essere che controllasse ogni nostro gesto e pensiero. Ora c'è la possibilità.
Per quanto sembri improbabile che con la mole di dati che giornalmente una macchina come Carnivor possa estrapolare solo ciò che serve, si immagini comunque un motore di ricerca. Se digito una qualunque parola su Google (o Yahoo ecc.) ho comunque dei risultati filtrati per attinenza. Il discorso è sicuramente differente, ma se c'è una tecnologia per spulciare tra milioni di siti, ce n'è sicuramente una migliore per gli organismi della difesa.
Che funzioni è un altro discorso. Non sembra averlo fatto per gli attentati di Madrid o di Londra. Né per 9/11.
Il controllo servirà più che altro a spegnere il
dissenso, a far sentire i popoli sotto l'occhio mai chiuso di un dio onniscente, in cartelle di qualche Gb per memorizzare nostre azioni.

spettatore
Inviato: 16/5/2006 18:30  Aggiornato: 16/5/2006 18:30
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da:
Inviati: 883
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
@alcenero: un mio amico ed io lo facciamo sempre quando parliamo al telefono. Chissà cosa avranno registrato e pensato!!!!

Approfitto di questo sito monitorato per inviare un messaggio criptato agli amici di Echelon, Carnivore, SuperAmanda ( non è uno scherzo, si trova in Calabria ed è gestito da Telecom):

"ANDATE AFFANCULO !!!"


Lo spettatore

Citazione:
Non metterti a discutere con un idiota. La gente potrebbe non accorgersi della differenza.
JiZmO
Inviato: 16/5/2006 22:24  Aggiornato: 16/5/2006 22:24
Ho qualche dubbio
Iscritto: 12/5/2006
Da: Turenum (BA)
Inviati: 72
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Forse qualcuno sopravvaluta le possibilità dell'informatica, ma vi assicuro, da informatico, che spulciare in milioni di terabyte di dati senza sapere con esattezza cosa cercare, per quanto possano essere potenti i computer equivale ad una follia. La questione dei famosi "6 gradi di separazione" di cui parlava Grillo nel suo show si applica ad una rete di tipo "small world" e ciò può essere vero se prendiamo a modello una rete di rapporti interpersonali o una rete di calcolatori opportunamente strutturata, ma se vogliamo organizzare masse di dati qualsiasi secondo correlazioni logiche da scoprire "in itinere" in modo da poter formare una rete "piccolo mondo" la complessità computazionale per risolvere il problema lo rederebbe "praticamente" intrattabile per via dei tempi lunghissimi che non diminuirebbero neanche all'aumentare di qualsivoglia prestazioni.
Se non prendono di mira qualcuno in maniera precisa non possono cavare un ragno dal buco, per lo meno in maniera automatizzata, e comunque passerebbe così tanto tempo che dubito fortemente dell'utilità dell'eventuale scoperta. Se invece vogliono sapere tutto di "pinco pallino" allora lo sapranno, ma di certo non valeva la pena intercettare anche le scorregge dei maiali! Io, devo dire la verità, non ho paura, perchè so quanto inutile alla fine si rivelerà tutto ciò....pensate che se anche in questo momento scriva TERRORISMO 1000 volte e un qualche sistema lo intercetti, tale intercettazione si perderà nel mare delle altre
L'intelligence americana poi, si dimostra abbastanza ingenua, per usare un eufemismo...ammesso che loro abbiano tutti i dati di tutti gli americani per un anno, è una mole di informazioni pazzesca che occuperà svariati terabyte....poichè non dispongono di supporti magnetici infiniti per registrare nuove conversazioni saranno costretti o a cancellare le vecchie o a riversarle su supporti di altro tipo, cd, dat, nastri, frammentando "l'informazione globale" originale...ergo: TUTTO ASSOLUTAMENTE INUTILE
L'unico modo per intercettare "intelligentemente" sarebbe qullo di piazzare su OGNI pc, OGNI linea telefonica un "agente intelligente" che filtri e classifiche i dati che intercetta non in base alla semplice sintassi ma in base alla "semantica" degli stessi....
forse dietro il "palladium" si cela qualcosa del genere, ma in effetti per dirlo è un pò presto

A volte e meglio stare zitti e dare l'impressione di essere stupidi, che parlare e togliere ogni dubbio
Dusty
Inviato: 19/5/2006 9:36  Aggiornato: 19/5/2006 9:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/10/2005
Da: Mondo
Inviati: 2248
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Citazione:
Forse qualcuno sopravvaluta le possibilità dell'informatica

Citazione:
L'unico modo per intercettare "intelligentemente" sarebbe qullo di piazzare su OGNI pc, OGNI linea telefonica un "agente intelligente" che filtri e classifiche i dati che intercetta non in base alla semplice sintassi ma in base alla "semantica" degli stessi....


... oppure fare come ha fatto l'NSA

"Tu non ruberai, se non avendo la maggioranza dei voti"
-- Dal Vangelo Secondo Keynes, Capitolo 1, verso 1.
Il portico dipinto
Redazione
Inviato: 19/5/2006 11:58  Aggiornato: 19/5/2006 11:58
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Vorrei intervenire seriamente, ma ora non ce la faccio a leggere tutto con calma.

Noto solo con un sorriso che OVVIAMENTE la società che ha prodotto lo sniffer segnalato da Dusty non poteva che chiamarsi Narus! (Narice, in latino!)

Non è che ci pigliano allegramente per il culo, per caso?

Massimo

goldstein
Inviato: 31/1/2007 2:34  Aggiornato: 31/1/2007 2:46
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 4/11/2004
Da:
Inviati: 2827
 Re: Grande Orecchio ci ascolta
Due belle notizie...
La prima è dagli Stati Uniti. CNET NEws ha appreso che l'FBI starebbe utilizzando un nuovo metodo di intercettazioni, più intrusivo del "vecchio Carnivore", in seguito rinominato "DCS1000", un nome molto più adatto al brave new world del precedente, troppo schietto e minaccioso.
L'hanno ribattezzato "il metodo aspirapolvere": loro intercettano tutto di tutti, dalle email a cosa hai navigato sul web, poi alla bisogna con le usuali tecniche di "data mining", l'analisi dei dati e degli IP indagano sui poveracci di turno, preferibilmente di categorie non protette, islamici, milizie, e altri nemici combattenti.

La seconda viene... dalla Svezia. E cosa c'entrerà mai la Svezia con le intercettazionì dei cittadini giustificabili con le minaccie del terrorismo e della criminalità, anche visto che, se accettiamo la versione ufficiale della "guerra al terrore", Bin Laden aveva detto una volta rivolgendosi a Usa e UK: "se dite che vi attacchiamo per le vostre libertà, chiedetevi perchè non attacchiamo la Svezia?"
Per non parlare del tasso di criminalità, su cui ci ha scherzato su uno dei pochi film svedesi noti anche fuori i loro confini, "Kops", una commedia che narra di poliziotti che per passare il tempo e non perdere il lavoro, in assenza di reati li inventano loro stessi.
Fatto sta che il Governo Svedese ha richiesto un programma di intercettazioni che secondo alcuni esperti supererebbe quello pur noto e pesantissimo Statunitense.
Al momento, all'Agenzia deputata a questo tipo di operazioni, la National Defense Radio Establishment, è concesso intercettare le comunicazioni in caso di pericoli esterni di tipo militare. Il Ministro della Difesa Mikael Odenberg vorrebbe decurtare qualche parola e lasciare solo "pericoli esterni", in segno di, dice, "un mondo che è cambiato", e vorrebbe permettere le intercettazioni di ogni comunicazione che avvenga entro i confini del paese.
Il mirino si sposterebbe cosi, con la massima disinvoltura, da movimenti di truppe nemiche a... i propri cittadini.
Perchè milioni di persone debbano essere spiati come possibili sospetti, in un paese come la Svezia, rimane un mistero, tanto che l'equivalente Svedese dell'FBI si è dichiarata contraria a questa legge, definendola "estranea alla nostra forma di governo."
Chi l'ha proposta, però, è proprio il governo... a cui il terrore, per definizione, fa comodo per poter controllare i propri cittadini, che si tratti del governo Svedese, Statunitense o Cinese.


Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA