Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


news internazionali : Sapore di guerra freddda
Inviato da Redazione il 18/4/2006 8:59:09 (4146 letture)

Circa un anno fa, avevamo parlato di una "nuova guerra tiepida", nei rapporti fra Russia e America. Da oggi la cosa è ufficiale. Da Mosca arriva un sondaggio indipendente, condotto dal Centro Levada della capitale, secondo cui il 57% dei russi considera gli Stati Uniti "una minaccia alla sicurezza globale", mentre solo il 33% pensa che non lo sia.

Yevgeny Ivanov, il leader del più grande movimento politico giovanile russo, Nashi, ha detto che gli Stati Uniti stanno cercando di allargare il loro potere "comprandosi leader e organizzando colpi di stato".

Il riferimento alle recenti "rivoluzioni colorate", in Georgia e Ucraina, era trasparente. "Per loro globalizzazione - ha detto Ivanov - significa avere il diritto di decidere i destini del mondo".

Gli fa eco, dal fronte militare, il comandante in pensione Fyodor Suvorov. "Che cosa ci fanno - si domanda Suvorov - gli Stati Uniti nella ex federazione russa? Sarebbe come se noi andassimo a 'proteggere i nostri interessi' in Messico. E mentre noi gli concediamo di farlo, ...

... questi hanno spinto la NATO fino alle porte di casa nostra".

Mentre i russi accusano l'America di fare quello che è da tempo sotto gli occhi di tutti, è curioso leggere quello che invece l'America vorrebbe imputare a carico dell'impero sovietico: secondo un rapporto recente del Consiglio delle Relazioni Estere americano, pubblicato il mese scorso, Putin sta portando la Russia "nella direzione sbagliata ".

Lo si accusa di "eccesso di autoritarismo", di "ricatto energetico" verso la vicina Ucraina, e di "strategia antiamamericana" in zone come l'Iran e le repubbliche centro-asiatiche. A questo si aggiunge il rapporto di una commissione governativa per i rapporti umani, che accusa il Cremlino di ignorare il parlamento, di imbavagliare i media, di fare pressioni sul sistema giudiziario, e di perseguitare in ogni modo le organizzazioni non governative.

Curioso, come dicevamo, che queste accuse vengano da una nazione in cui il presidente ha appena firmato un ordine che autorizza le intercettazioni sui cittadini, evitando accuratamente di sottoporlo al parlamento, in cui tutte le televisioni ricevono ormai quotidianamente gli ordini di scuderia, in cui i processi - vedi caso Massaoui -sono chiaramente teleguidati a fini propagandistici, e dove le organizzazioni non governative riescono a malapena a sopravvivere alla luce del sole, grazie ad una Costituzione che non è ancora stata del tutto calpestata.

Naturalmente, la faccenda del trave e della pagliuzza non è nata ieri.

L'aria sta quindi cambiando. Sembra lontano anni luce l'atteggiamento morbido e amichevole di Putin nel concedere all'"amico George" di fare base in Turkmenistan ***, all'inizio dell'invasione dell'Afghanistan, per poter appoggiare materialmente l'Armata Nord, che si apprestava a marciare su Teheran.

Evidentemente, Putin non deve essere rimasto troppo soddisfatto da quello che ha avuto in cambio da Bush, visto che dopo quell'episodio il suo atteggiamento verso Washington ha cominciato a cambiare radicalmente. E se a questo punto gli americani, che stanno pubblicamente subendo la spinta di Tel Aviv, non hanno ancora attaccato l'Iran, è certamente dovuto al fatto che Mosca non vuole che ciò avvenga.

È come se avessero tirato una riga sul mappamondo, dicendo "da qui in poi non si tocca più nulla, è tutta roba nostra".

Gli americani hanno anche provato a suggerire di essere i più forti, tramite un articolo su un periodico d'affari esteri americano, che sosteneva che la Russia in questo momento sia vulnerabile ad un attacco atomico, a causa del decadimento degli armamenti più obsoleti, e grazie ai "grossi passi avanti nella tecnologia militare" fatti dagli Stati Uniti in questi ultlimi anni.

Ma la risposta, da parte della vicepresidente della Commissione Affari Esteri della Duma, Natalia Narochnitskaya, non è stata certo incoraggiante. "Questo genere di articoli - ha detto la Narochnitskaya - ci porta inevitabilmente a entrare nell' ottica di dover rispondere ad armi pari. E questa è una strada molto pericolosa da intraprendere".

La resa dei conti si avrà in tutta probabilità il prossimo luglio, con il fatidico incontro dei G-8 a casa di Putin, a Pietroburgo. La lunga rincorsa dei russi, durata 12 anni, per riuscire ad entrare a pieno titolo nell' organizzazione economica mondiale, ultimamente sta venendo rallentata e ostacolata proprio dagli americani. E a Washington ci sono già grossi personaggi, come il senatore John McCain (il rappresentante "centrista" dei repubblicani), che sostengono apertamente il boicottaggio americano ai "giochi di luglio" in casa del nemico.

Inutile dire che l'unica firma che manca, affinché la Russia sia integrata a livello paritario con le altre sette potenze del club, è proprio quella americana.

Come al solito l'Europa - divisa da battibecchi e da questioni interne di ogni tipo - sta alla finestra a guardare. Se anche fossimo davvero il "quarto blocco", dopo Cina, Russia e Stati Uniti, di certo seguiamo i primi tre a grande distanza.

Massimo Mazzucco


VEDI ANCHE: "Inizia la guerra tiepida?"

… pochi mesi dopo quell'incontro, gli Stati Uniti annunciarono l'uscita unilaterale dal trattato USA-URSS sui missili con testate multiple (ABM)…

… Putin ha inoltre aggiunto che molto probabilmente venderà all'Iran dei nuovi missili a tecnolgia avanzata, …

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
MarcoBZ
Inviato: 18/4/2006 10:06  Aggiornato: 18/4/2006 14:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 9/9/2005
Da: Bolzano - Alto Adige - Italy
Inviati: 192
 Re: Sapore di guerra freddda
Un ulteriore articolo su questo argomento a conferma delle argomentazioni della ns. Redazione...

Articolo della Stampa - "La nuova guerra fredda" - di Mikhail Gorbaciov

Boh speriamo che non ci saranno eccessivi problemi fra Italia (propagine americana) e Russia, dato che devo andare lì a trovare i miei suoceri a fine anno...

Gli eventi si stanno susseguendo così rapidamente che è quasi impossibile per noi compilare, assorbire, analizzare, e distillare la mole di informazioni. - Gerald Clemente
grazia
Inviato: 18/4/2006 13:36  Aggiornato: 18/4/2006 13:36
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/1/2005
Da:
Inviati: 337
 Re: Sapore di guerra freddda
L’incrinazione dei rapporti tra le due potenze era prevedibile se non scontato. Delle due l’una in particolar modo, quella americana per intenderci, ha giocato sporco fin dall’inizio tessendo ambigui rapporti strategici internazionali al fine di ammorbidirne la linea politica dell’altra per poter estendere il proprio impero in modo “indisturbato”. Purtroppo la conseguenza di questo tipo di rapporto sarò sicuramente di rigidità tra i due. L’incantesimo si sta ormai spezzando. Speriamo bene!

"Solo la verità può rendere liberi quanti oggi non vogliono essere servi..."

Paolo Sylos Labini
da "Intoccabili" di Lodato-Travaglio
grazia
Inviato: 18/4/2006 13:37  Aggiornato: 18/4/2006 13:37
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/1/2005
Da:
Inviati: 337
 Re: Sapore di guerra freddda
Massimo, articolo molto interessante!

grazia

"Solo la verità può rendere liberi quanti oggi non vogliono essere servi..."

Paolo Sylos Labini
da "Intoccabili" di Lodato-Travaglio
walhalla
Inviato: 18/4/2006 14:39  Aggiornato: 18/4/2006 14:39
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/11/2005
Da: aldilà
Inviati: 69
 Re: Sapore di guerra freddda
Citazione:
Purtroppo la conseguenza di questo tipo di rapporto sarò sicuramente di rigidità tra i due. L’incantesimo si sta ormai spezzando. Speriamo bene!


la russia è l'unico paese in grado di mettere i bastoni tra le ruote del carrozzone americano, io spero proprio che riesca ad arrestare l'avanzata neo-con(quistatrice) usa.

..in attesa del risveglio della coscienza europea.. di quest' europa soggiogata dai banchieri e dalla finanza mondiale, e che ha perso da tempo la sua credibilità in campo internazionale.

w

cocis
Inviato: 18/4/2006 15:39  Aggiornato: 18/4/2006 15:39
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/1/2006
Da: V
Inviati: 1430
 Re: Sapore di guerra freddda
be.. cina e india assieme possono fare molto peggio...

Citazione:
Autore: walhalla Inviato: 18/4/2006 14:39:07

-citazione-[... Purtroppo la conseguenza di questo tipo di rapporto sarò sicuramente di rigidità tra i due. L’incantesimo si sta ormai spezzando. Speriamo bene! ...]

la russia è l'unico paese in grado di mettere i bastoni tra le ruote del carrozzone americano, io spero proprio che riesca ad arrestare l'avanzata neo-con(quistatrice) usa.

..in attesa del risveglio della coscienza europea.. di quest' europa soggiogata dai banchieri e dalla finanza mondiale, e che ha perso da tempo la sua credibilità in campo internazionale.

w
d

alcenero
Inviato: 18/4/2006 15:47  Aggiornato: 18/4/2006 15:47
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/12/2005
Da: Grassy Knoll
Inviati: 318
 Re: Sapore di guerra freddda
Le ultime notizie mostrano davvero una seria contrapposizione tra russia/cina da una parte e USA(e i suoi schiavi inglesi) dall' altra per quel che riguarda il fronte caldo dell' Iran e del medioriente:
- la Cina ha stipulato un contratto pluridecennale con l'Iran per l'acquisto di gas
- le centrali iraniane di Natanz e Bushesr sono mandate avanti da migliaia di tecnici russi
- la Russia è l'unico paese ad aiutare Hamas. A parte l' Iran naturalmente.
- la Russia vende armi agli iraniani. Che tra parentesi stanno acquistando arsenali ad alta tecnologia anche da Ucraina e Corea del Nord (cioè sempre da Russia e Cina....)

Insomma la situazione non è serena. Se Russia e Cina ogni tanto all' ONU fanno la voce grossa sul nucleare iraniano fanno anche capire che di sanzioni non se ne parla e quando la Rice squittisce l' idea di attacco preventivo sobbalzano dalle sedie con gli occhi di fuori.

Hard times are coming

L'unico tiranno che accetto in questo mondo è la voce silenziosa dentro di me. M.K.Gandhi
grazia
Inviato: 18/4/2006 15:58  Aggiornato: 18/4/2006 15:58
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/1/2005
Da:
Inviati: 337
 Re: Sapore di guerra freddda
Alcenero:

Citazione:
Le ultime notizie mostrano davvero una seria contrapposizione tra russia/cina da una parte e USA(e i suoi schiavi inglesi) dall' altra per quel che riguarda il fronte caldo dell' Iran e del medioriente:


Probabilmente il potere americano teso al rinforzamento e consolidamento a tutti i costi ha una sola mira, quella di incrementare e soprattutto rafforzare il potere del dollaro a discapito di qualsiasi altra valuta.
La "guerra del petrolio", coperta da apparenti motivazioni estranee ad essa, rientra in questo gioco: la salvaguardia o meglio lil rafforzamento del valore del dollaro. Per il governo americano qualsiasi pregiudizievole decisione che possa favorire la vendita del petrolio in euro da parte dell’Opec, determinerebbe una rilevante crisi economica.
Ciò che non dovrebbe essere trascurato è il fatto che l’euro è proprio la valuta europea……e questo lascia intendere molte cose.

"Solo la verità può rendere liberi quanti oggi non vogliono essere servi..."

Paolo Sylos Labini
da "Intoccabili" di Lodato-Travaglio
walhalla
Inviato: 18/4/2006 16:12  Aggiornato: 18/4/2006 16:12
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/11/2005
Da: aldilà
Inviati: 69
 Re: Sapore di guerra freddda
è vero che l'asse è quello tra russia e cina, ma la cina mi pare più "debole" perchè economicamente, al contrario della russia, dipende troppo dagli stati uniti e dal sistema capitalistico mondiale, quindi in futuro più facilmente ricattabile.
chiaramente sono tutte ipotesi

w

Santaruina
Inviato: 18/4/2006 16:13  Aggiornato: 18/4/2006 16:13
Sono certo di non sapere
Iscritto: 13/10/2004
Da: Sud Europa
Inviati: 5123
 Re: Sapore di guerra freddda
Guerra Fredda è proprio il termine giusto, bisogna vedere fino a che punto le due “potenze” si guarderanno in cagnesco o passeranno oltre.

E’ da un po’ che questa storia va avanti, in attesa del terrore che verrà .

Blessed be

-o- Ama e fa' ciò che vuoi -o-
ivanvox
Inviato: 18/4/2006 16:42  Aggiornato: 18/4/2006 16:42
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/4/2006
Da:
Inviati: 269
 Re: Sapore di guerra fredda
Putin non nasconde più ormai quelle che sono aspirazioni di un ritorno ai fasti della grande USSR.La presenza nel territorio russo di immensi giacimenti di gas,vera e unica alternativa al sempre più costoso petrolio,fa sì che sia a favore della Russia tutto quello che di negativo succede agi americani nel petrolifero medioriente.
Aiutare l'Iran fa guadagnare gli azionisti della Gazprom..
Gli insegnamenti Usa degli ultimi 50 anni danno i primi risultati..
Se si pensa ai colossi economici cinesi ed indiani che certamente nasceranno nel prossimo futuro la lotta per il controllo di risorse energetiche promette di farsi "scoppiettante"
e parafrasando mazzuccoCitazione:
Come al solito l'Europa - divisa da battibecchi e da questioni interne di ogni tipo - sta alla finestra a guardare

FATA
Inviato: 18/4/2006 17:27  Aggiornato: 18/4/2006 17:27
So tutto
Iscritto: 9/4/2006
Da: MUGGIA
Inviati: 5
 Re: Sapore di guerra freddda
ECCO NUOVAMENTE All'ORIZZONTE 1 ALTRA MINACCIA ALLA NOSTRA FRAGILE ILLUSORIA TRANQUILLITA'

GLI AMERICANI SONO POTENTISSIMI
I RUSSI SONO DURI DA MORIRE
I CINESI NON LI FERMA NESSUNO

E NOI ITALIANI SIAMO IN MEZZO.......LA COSA MI FA TREMARE .....SUL SERIO

QUASI ....QUASI PER RINFRANCARMI VADO A SENTIRE LE ULTIME FOLLIE DEL MINISTRO CALDEROLI


VOGLIO 1 ISOLA DESERTA (sola con i miei bambini ed i miei mici!)
MA DOVE POSSO COMUNQUE LEGGERVI .....ALTRIMENTI STAREI MESSA PROPRIO MALE

CIAO A TUTTI
FATA

FATA HO BISOGNO DI GRIDARE PERCHE' STO MALE,HO BISOGNO DI GRIDARE PERCHE' VOGLIO PIANGERE ,HO BISOGNO DI VIVERE,PERCHE' NON VOGLIO MORIRE
winston
Inviato: 18/4/2006 17:29  Aggiornato: 18/4/2006 17:29
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/10/2005
Da: Eurasia
Inviati: 392
 Re: Sapore di guerra freddda
Ovvero:

<Citazione:
questi hanno spinto la NATO fino alle porte di casa nostra"



>Citazione:
Putin sta portando la Russia "nella direzione sbagliata
">


<Citazione:
Gli americani hanno anche provato a suggerire di essere i più forti,



...Però la partita potrebbe rivelarsi più d'astuzia che di forza brutta…


>i russi sono i migliori a scacchi e potrebbero riservare quache sorpresa>>




Quanto all’articolo delLa Stampa, non sembra una gran scoperta: forse stava meglio titolato “la vecchia acqua calda” e, senza scomodare cotanta firma, affidarne la redazione all'ultimo dei pennivendoli; se non disponibile un Michele Gorbaciuffo, magari ricorrendo ad un qualsiasi Andrej Kojmasky.

"Chi controlla il presente controlla il passato, chi controlla il passato controlla il futuro" Orwell, 1984
frankad
Inviato: 18/4/2006 17:54  Aggiornato: 18/4/2006 18:20
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Sapore di guerra freddda
Guerra Fredda è proprio il termine giusto, bisogna vedere fino a che punto le due “potenze” si guarderanno in cagnesco o passeranno oltre.

Ciao Santaruina.

Io userei certe distinzioni nel valutare questa "contrapposizione", col nome riciclato di "nuova guerra fredda".
In primis esistono governi stabili nel loro interno o, quantomeno, che non hanno indici puntati addosso nella stessa misura in cui Bush & gang possono.....vantare.

Il periodo storico di allora, soprattutto con lo smembramento successivo dell'ex U.R.S.S., è un fattore che impone una differente ed attenta valutazione dei parametri.

Parlare di Russia, Cina e, se vogliamo, India, al giorno d'oggi, cercando di misurare parametri nei confronti di un governo attuale neo-cons in USA che vede spuntare nemici come funghi (Chavez & amici sudamericani, per esempio), che buona parte del mondo OGGI sa essere composto da una masnada di delinquenti comuni senza credibilità, dove quest'ultima è frutto esclusivamente di accordi o giochi di potere tipici delle esigenze materiali del sistema globale, non è semplice ne può essere accomunato ai tempi della guerra fredda originale.
Lo scacchiere è diverso, i tempi sono diversi, gli attori sono differenti in maniera abissale, indi i parametri di giudizio devono necessariamente essere differenti.

La nostra filosofia di pensiero anche politico porta a delle considerazioni generali. Ma nello specifico, credo personalmente che sia ovvio che la peggior banda sia quella neo cons.

Se poi qualcuno crede che questi personaggi siano in grado davvero di intimorire il mondo intero, personaggi i quali le stanno ancora prendendo in Iraq e non certo da un esercito organizzato ma da civili che si ribellano all'azione delinquenziale USA, che siano in grado di contrastare Russia, Cina, India, Iran, Venezuela, Siria, Cuba, ai quali aggiungeremo a breve Argentina, Brasile (rilevamento del debito con l'F.M.I. da parte di Chavez), Bolivia e qualche altro, beh...allora io vedo una situazione non diversa, direi opposta.

Franco

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
Dr-Jackal
Inviato: 18/4/2006 17:59  Aggiornato: 18/4/2006 17:59
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2006
Da:
Inviati: 1028
 Re: Sapore di guerra freddda
I russi hanno ragionissima: gli Stati Uniti SONO una minaccia alla sicurezza globale.

Vinnie
Inviato: 18/4/2006 18:00  Aggiornato: 18/4/2006 18:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 17/3/2006
Da: Aberdeen - Scozia
Inviati: 71
 Re: Sapore di guerra freddda
Leggetevi anche questo articolo sulla borsa iraniana del greggio in Euro, viene quasi il dubbio che Ahmadinejad ce lo abbiano messo loro proprio per giustificare un intervento militare...

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=1790

alcenero
Inviato: 18/4/2006 18:25  Aggiornato: 18/4/2006 18:25
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/12/2005
Da: Grassy Knoll
Inviati: 318
 Re: Sapore di guerra freddda
Walhalla
non sono tanto sicuro che la cina sia così debole economicamente (ma forse lo è in risorse energetiche, non so): è vero che ora guadagna tanto dal commercio con gli stati occidentali ma considera che ha un mercato interno di 1 miliardo di persone (più il resto dell asia) e considera che ha un sacco di soldi in buoni del tesoro USA. Che sarebbe a dire: se quando la cina li restituisce (già piano piano succede) gli USA si sentono in obbligo di pagare allora la cina li sta tenendo per le palle. Se nel caso gli USA non pagano allora diciamo tutti una preghierina.

FATA:
Citazione:
VOGLIO 1 ISOLA DESERTA (sola con i miei bambini ed i miei mici!)

Cavolo, ieri stavo pensando la stessa identica cosa, meglio che mi sbrigo, potrebbe esserci una richiesta eccessiva di isole deserte in futuro!

L'unico tiranno che accetto in questo mondo è la voce silenziosa dentro di me. M.K.Gandhi
Santaruina
Inviato: 18/4/2006 18:25  Aggiornato: 18/4/2006 18:28
Sono certo di non sapere
Iscritto: 13/10/2004
Da: Sud Europa
Inviati: 5123
 Re: Sapore di guerra freddda
La nostra filosofia di pensiero anche politico porta a delle considerazioni generali. Ma nello specifico, credo personalmente che sia ovvio che la peggior banda sia quella neo cons.

Ciao Franco

per me invece peggio ancora* (ebbene sì, esiste di peggio...) è la cricca globalista che stanzia all'ONU, e i loro amici "poliziotti buoni", Chavez e simili, ma questo lo sai già...

Blessed be

*peggio perchè più subdoli

-o- Ama e fa' ciò che vuoi -o-
frankad
Inviato: 18/4/2006 18:36  Aggiornato: 18/4/2006 18:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Sapore di guerra freddda
Senza ombra di dubbio. Ma esistono una serie di situazioni che stanno esulando dalle grinfie del "palazzo malvagio". Una serie di fattori ambientali, di situazioni mutate, di tentativi come quelli indicati da Massimo nell'articolo (del resto miseramente falliti e smascherati), di nuova contrapposizione, stanno facendo si che vi sia una regia di un novero ristretto di nazioni potentissime sotto molti punti di vista. Il ritmo lo dettano loro.
Credo sia lampante che Chavez non abbaierebbe come abbaia, se non avesse qualcuno con le spalle molto larghe dietro di lui.

Ciao

Franco

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
Danjel
Inviato: 18/4/2006 19:23  Aggiornato: 19/4/2006 4:45
So tutto
Iscritto: 16/6/2005
Da: Extracomunitarilandia
Inviati: 9
 Re: Sapore di guerra freddda
Non sono convinto che il paragone con la situazione della guerra fredda abbia molto senso. È vero che le tensioni fra Russia e USA ci sono e sono palesi, ma questo non lo scopriamo oggi, ma con l'inizio appunto delle rivoluzioni colorate. Durante la guerra fredda erano due gli imperialismi a contrapporsi quello russo e quello americano; oggi dopo la fine dell'ordine mondiale stabilito a Yalta, la lotta fra imperialismi è diventata multipolare: almeno 5 sono le potenze a scontrarsi, gli USA, la Russia, la Cina, L'india, e L'Unione Europea.
Proprio lo sviluppo del capitalismo cinese ha modificato le coordinate della lotta per la spartizione del mondo che andava avanti da un secolo e mezzo marcato all'incirca gli stessi tratti fondamentali, e ha reso questa lotta una lotta fra potenze di stazza continentale, imponendo a tutte le altre di adeguarsi ai suoi ritmi per sperare di restare in competizione (vedi anche nascita dell'UE). Non può che essere così viste le cifre a cui si stanno avvicinando Cina e India alla fase più avanzata del capitalismo (in Cina si parla di uno spostamento verso le città urbanizzate di 10 MILIONI di contadini all'anno), e il bacino di forza lavoro alla quale possono attingere (2 miliardi di persone).

Mi trovo dunque in disaccordo con Santaruina che parla di nuova guerra fredda perchè vedo cambiato il contesto nel quale la lotta fra Russia e USA si inserisce. Mi trovo altresì d'accordo con lui quando parla di cambiamento epocale. Era dal 1500 che l'estremo oriente aveva perso terreno rispetto ai paesi occidentali. Ci son voluti 500 anni per colmare questo divario... non penseremo realmente che non succederà nulla?!

Grazie per l'attenzione

ivanvox
Inviato: 18/4/2006 20:00  Aggiornato: 18/4/2006 20:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/4/2006
Da:
Inviati: 269
 Re: Sapore di guerra freddda
sono d'accordo in toto con Danjel eccetto,purtroppo x noi,il suo inserire l'Unione Europea tra le potenze mondiali del futuro prox.
Purtroppo non possiamo considerare l'Unione Europea andata in scena in questi ultimi anni come un'entità capace di potersi ritagliare un posto tra i giganti "sinoamericorussiindiani";ci manca una lingua in comune,non abbiamo un'idea di quali sono i limiti di questa comunità..fino a dove dobbiamo allargarci? Turchia?
L'Inghilterra è con noi o con gli Usa?
Avremo la capacità di rinunciare agli egoismi nazionali?
riusciremo ad avere un seggio unico e un unica voce nel consiglio di sicurezza ONU? ecc ecc

ci aspetta un futuro in cui saremo solo un sito di vacanze?

tccom
Inviato: 18/4/2006 20:11  Aggiornato: 18/4/2006 20:11
Mi sento vacillare
Iscritto: 3/11/2005
Da: civitavecchia
Inviati: 903
 Re: Sapore di guerra freddda
Citazione:
ci aspetta un futuro in cui saremo solo un sito di vacanze?


...ehm...
perdonami ivanvox ma hai sbagliato vocabolo...forse intendevi dire "presente"

o davvero come nazione ci si illude di contare qualcosa?

mala tempora

ps: ovviamente su un'argomento come questo attendo il mega-post

...gli Stati Uniti non ci hanno guadagnato nulla dall'11 settembre (c'è bisogno di dirlo?)...[].... Ragioniamo: chi ci guadagna quando piove? i produttori di ombrelli. Da questo si deduce che i produttori di ombrelli controllano la pioggia.
Paulo
Inviato: 18/4/2006 20:28  Aggiornato: 18/4/2006 20:28
Mi sento vacillare
Iscritto: 24/12/2005
Da:
Inviati: 507
 Re: Sapore di guerra freddda
Molto bene l'articolo, ma di questo moscovita "Centro Levada" (indipendente?) mi piacerebbe saperne di più. Forse se ne è parlato in passato e mi è sfuggito. Qualcuno può darmi un aiuto?

Danjel
Inviato: 18/4/2006 20:59  Aggiornato: 18/4/2006 21:01
So tutto
Iscritto: 16/6/2005
Da: Extracomunitarilandia
Inviati: 9
 Re: Sapore di guerra freddda
Sicuramente ivanox hai ragione su una cosa, l'Unione Europea è in ritardo su molti aspetti riguardo alle altre potenze, lo stallo sulla Costituzione ne è un esempio, ma anche esempio ne è il nuovo interesse nazionale a proteggere i propri grandi gruppi dalle ingerenze di gruppi esteri (e pur sempre comunitari).
Come anche hai ragione nel sottolineare come essa sia attraversata da enormi conflitti fra varie correnti, su cui spiccano quella atlantista (che vede nell'alleanza con gli Stati Uniti l'unico modo per soppravvivere) e quella invece europeista integralista (che vede negli Stati Uniti una potenza in declino ormai quasi avanzato e la pericolosità di aggrapparsi a questo declino piuttosto che sganciarsene). Non è un caso se proprio queste due correnti sono anche quelle che si sono affrontate alle "nostre" elezioni di qualche giorno fa.

L'Unione Europea ha però ancora anche qualche vantaggio storico rispetto alle potenze asiatiche. Essa dispone già fin da ora di un mercato del lavoro di 240 milioni di salariati, a cui Cina e India se non sbaglio devono ancora arrivare. Essa dispone dei numerosii gruppi economici veri e propri colossi del mondo finanziario. E prorpio questi saranno quelli che si batteranno afinchè il capitale si possa concentrare a livello continentale anche in Europa, molto probabilmente le resistenze che abbiamo visto ultimamente in italia (opa ABNamro) e in francia (opa Enel) sono puramente velleitarie e cadranno in fretta. (tra parentesi: in un mondo dove è il capitale finanziario a dominare l'unica lingua che conta è l'inglese, questo lo sanno anche i cinesi e se ne sbattono delle loro divisioni linguistiche fra mandarino cantonese e i dialetti incomprensibili uno dall'altro, l'unità fra sfruttati e sfruttatori, il nazionalismo, si puo costruire anche senza unità linguistica, vedi la svizzera ).
Altro vantaggio non da poco dell'Unione Europea è il vuoto democratico di cui per adesso ancora gode.

Il più grande svantaggio dell'Unione Europea è sicuramente il costo del lavoro (altissimo rispetto a quello irrisorio dei suoi concorrenti) al quale deve sottostare a causa del wellfare dei suoi stati membri, questo però è un ostacolo che i grandi gruppi hanno dimostrato di saper superare in un battibaleno creando la concorrenza dei lavoratori dei nuovi paesi entrati. Una cosa è certa per il futuro, scordiamoci il welfare di cui abbiamo goduto finora, tempi bui ci aspettano...


(scusate, l'intervento è molto off topic, vogliate perdonarmi)
(una cosa che vorrei precisare è che non "tifo" Unione Europea, per me tra le potenze che si spartiscono il mondo una vale l'altra)

edo
Inviato: 18/4/2006 22:07  Aggiornato: 18/4/2006 22:07
Sono certo di non sapere
Iscritto: 9/2/2006
Da: casa
Inviati: 4529
 Re: Sapore di guerra freddda
nell'articolo è stato citato il turkmenistan, buffo paese questo, il padrone è una specie di saddam hussein, esiste solo lui e la sua famiglia. i giorni della settimana sono stati rinominati con quelli dei familiari del presidente, anche il pane si chiama come la sua mamma.
per i "giusti" americani e per l'onu, va tutto bene.
l'importante è: a chi vendi il petrolio ed in quale valuta.
il resto? cazzate!

MiliteMilo
Inviato: 18/4/2006 22:17  Aggiornato: 18/4/2006 22:17
So tutto
Iscritto: 6/4/2006
Da: Bologna
Inviati: 8
 Re: Sapore di guerra freddda
Riguardo alle 5 super potenze prima citate, io aggiungerei Israele e toglierei l'India, perché non credo che rientri nei paramentri di super potenza.

Io personalmente penso che si possa parlare, se non di una Seconda Guerra Fredda, di un inizio di guerra fredda, o di un contesto che con molta probabilità la potebbe fare maturare. Questo perché, grazie alla globalizzazione, i conflitti sono estesi a livello mondiale, ed è molto più facile che delle potenze che sono così distanti tra loro e che non avrebbero problemi se avessero dei mercati e delle economie autosufficienti si scontrino per ragioni geopolitiche. Non voglio fare il catastrofista, anche se da un po' di tempo a questa parte ho questa tendenza per prepararmi psicologicamente a tutto , però è la globalizzazione, che si traduce in possibilità di saccheggio liberista in ogni loco del mondo, che produce tutte queste tensioni.

Inoltre non credo che sia la Cina che tiene le palle degli USA in mano, come dice Alce Nero, ne l'inverso, ovvero che ci sia qualcuno che abbia un potere quasi indiscusso sull'altro: diciamo che se succede un patatrak se le strizzano a vicenda... daltronde, in un mercato, l'equilibrio c'è se chi fa la domanda e chi fa l'offerta sono d'accordo, se uno dei due non è d'accordo, o muoiono entrambi, o uno dei due dovrà morire sopraffatto dall'altro. Esistendo al giorno d'oggi la stramaledetta bomba atomica, sono propenso a credere che, in caso di culmine delle tensioni, accadrà il primo caso. E il patatrak sarà molto grosso, nel caso ci sarà, perché il nostro sistema è ormai così invischiato, viziato dai processi internazionali e dalle dipendenze estere, così gonfio di debito pubblico puramente virtuale nei confronti delle banche, che basterà che salti un solo bullone perché esploda tutta la baraccha. E' come i terremoti, pensateci un po'. Almeno secondo me. Tanto più costruisci ammassato, tanto più sarà pericoloso un crollo delle infrastrutture riguardo agli abitanti. Così è il meccanismo della globalizzazione: è troppo grande, così complesso e governabile solo da organi sovranazionali globali (e non dalle nazioni, per gioco di forza!), che vive da solo ma in maniera illogica e senza scopo, se non quello di trangugiare per vivere di interessi monetari virtuali... abbiamo creato un buco nero. La soluzione è la semplicità del mercato e l'autarchia totale, nei limiti delle proprie risorse ovviamente.

Scusate l'off topic, ma non riuscivo a fermarmi.

Il potere legittimo è sempre più in alto.

Milite Milo
spettatore
Inviato: 18/4/2006 22:37  Aggiornato: 18/4/2006 22:37
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da:
Inviati: 883
 Re: Sapore di guerra freddda
MATRIJOSKA RASSIJA !!!!!!!


Lo spettatore

Citazione:
Non metterti a discutere con un idiota. La gente potrebbe non accorgersi della differenza.
Linucs
Inviato: 18/4/2006 23:46  Aggiornato: 18/4/2006 23:46
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: Sapore di guerra freddda
Così è il meccanismo della globalizzazione: è troppo grande, così complesso e governabile solo da organi sovranazionali globali

"Topolin, Topolin, viva Topolin!"

gobbo
Inviato: 19/4/2006 0:02  Aggiornato: 19/4/2006 0:02
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 19/9/2005
Da: Neverland
Inviati: 1347
 Re: Sapore di guerra freddda
Linucs ha detto:
Citazione:
"Topolin, Topolin, viva Topolin!"


Ti riferivi a questi vero?



il gobbo

I LINK.VOGLIO VEDERE I LINK,PLEASE.
nike
Inviato: 19/4/2006 0:41  Aggiornato: 19/4/2006 0:41
Mi sento vacillare
Iscritto: 7/3/2006
Da:
Inviati: 845
 Re: Sapore di guerra freddda
Citazione:
Ti riferivi a questi vero?


Forse a S. Kubrick: " Full Metal Jacket"


Citazione:
Quelli che creano sono duri di cuore. Nietzsche, Friedrich. Così parlò Zarathustra: II, Dei compassionevoli
javaseth
Inviato: 19/4/2006 1:36  Aggiornato: 19/4/2006 1:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/3/2006
Da:
Inviati: 1182
 Re: Sapore di guerra freddda
È come se avessero tirato una riga sul mappamondo, dicendo "da qui in poi non si tocca più nulla, è tutta roba nostra".

Avevano già cominciato tempo fa, magari anche arrestando il 40enne magnate del gas Mikhail Khodorkovsky, padrone della Yukos, per "evasione fiscale".

Lui, una volta arrestato, ha passato la palla:

http://washingtontimes.com/world/20031102-111400-3720r.htm

Voting rights to the shares passed to Mr. Rothschild, 67, under a "previously unknown arrangement" designed to take effect in the event that Mr. Khodorkovsky could no longer "act as a beneficiary" of the shares, it said.

Quando si fanno arrabbiare certi signori.....

ciao
-javaseth

"..io vi mando come pecore in mezzo ai lupi; siate dunque prudenti come serpenti e semplici come colombe"
Demon84
Inviato: 19/4/2006 3:42  Aggiornato: 19/4/2006 3:42
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 224
 Re: Sapore di guerra freddda
Un bell'articolo bravo Massimo, mi stavo giusto chiedendo quando avreste smesso di parlare di politica italiana.
Cmq specificherei che più che le nazioni USA e URSS siano i presidenti ad odiarsi, infatti con Clinton le cose erano abb tranquille ma la famiglia Bush ancora non ha capito che bisogna accontentarsi di quello che si ha.

"L'uomo avido è destinato a non aver pace ne con se stesso ne intorno a se. La sua sete di conquista lo porterà alla morte, sarà egli stessa ad ucciderlo quando si accorgerà di non poter raggiungere il suo scopo finale, il potere assoluto, perché come tutti sappiamo la natura crea per ogni specie un antagonista e all'interno di ogni specie crea un più forte ed un più debole; il debole sarà schiacciato dal forte, ma il forte sarà schiacciato a sua volta da uno più forte proprio perché la natura non vuole assolutismi specialmente nella specie umana. Ed è per questo che il potere viene dato all'uomo per far si che egli lo perda, non perché egli lo sfrutti.
Nemmeno il più forte dei forti, Sansone visse in eterno, trovò qualcuno più forte di lui e morì pagando i suoi stessi errori. Non consideratevi potenti più degli altri, perché in quell'istante avrete segnato la vostra fine, non cercate il potere più di quello che avete, perché in quell'istante perdere quanto avete già ottenuto.
Ricordate che tutto quello che conquistate non vi seguirà oltre la vita ma passerà in altre mani, date ai meritevoli ciò che essi meritano così che il vostro potere sia in mani più sicure di quanto non lo siano le vostre."
(Demon's Summons)

(prima o poi mi deciderò a scrivere un libro? mah )

Prossimamente ne vedremo delle belle, gesù disse "Chi si ritiene giusto scagli la prima pietra". Se non lo hanno ancora fatto, io credo che un po' di senso di colpa ce l'hanno tutti i grandi di questo mondo!

Citazione:
"Il mio viaggio di scoperte non è ancora finito, sebbene io ormai sia un uomo...più cose conosco meno cose capisco e meno cose capisco più mi sembra di tornare bambino" (Demon's summons 2006)
frankad
Inviato: 19/4/2006 9:29  Aggiornato: 19/4/2006 9:29
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Sapore di guerra freddda
Ciao Demon84.

Cmq specificherei che più che le nazioni USA e URSS siano i presidenti ad odiarsi, infatti con Clinton le cose erano abb tranquille ma la famiglia Bush ancora non ha capito che bisogna accontentarsi di quello che si ha.

Se qualcuno ti dimostrasse che dopo il presidente Kennedy assassinato, nessuna elezione americana è mai sfuggita ad un "controllo" che ha sistematicamente indirizzato l'uomo da insediare in quella carica, Clinton compreso, manovrando le elezioni, cambierebbe la tua visione della situazione? Su Bush siamo talmente sicuri da poter disporre di testimonianze denuncianti i brogli di fronte a commissioni parlamentari, fino ad arrivare alla partecipazione dei due "finti" contendenti alla setta squallida segli Skull & Bones.

Al sig. Putin, non importa un fico secco dei presidenti fantocci americani. Putin ha seguito un percorso e riportato la Russia ad un livello che alcuni ipotizzavano, anni fa, essere una mera utopia, qualsiasi fosse il fantoccio USA di turno.

IL ballo inizia adesso, la sala è stata addobbata. Mentre altri credevano che da quelle parti non si sarebbe più ballato.

Franco

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
walhalla
Inviato: 19/4/2006 14:38  Aggiornato: 19/4/2006 14:39
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/11/2005
Da: aldilà
Inviati: 69
 Re: Sapore di guerra freddda
alcenero, certo stati uniti e cina sono ormai legati a doppio filo sul campo dell'economia (l'unico che conta ormai..) ed è per questo che in caso di conflitto fra i due blocchi si verrebbe a creare una situazione di stallo.

w

shevek
Inviato: 19/4/2006 23:01  Aggiornato: 19/4/2006 23:01
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 27/4/2005
Da: Napoli
Inviati: 1249
 Re: Sapore di guerra freddda
Salut y Libertad a todos...

Io non vedrei l'Unione Europea come un blocco compatto: al suo interno c'è un'area che fa capo a Francia, Belgio, Spagna e Germania (la si potrebbe definire Euroland) ed un'altra che fa capo alla Gran Bretagna e ad alcuni paesi di recente acquisizione (la si potrebbe definire il partito americano). La Russia, da quando la Banca Centrale Europea ha rilevato i debiti che aveva con il Fondo Monetario Internazionale, è legata a doppio filo ad Euroland e difficilmente fa qualcosa in piena autonomia.


Shevek

"Il potere è l'immondizia nella storia degli umani" - F. Guccini
www.portadimassa.net - WEB-TV e non solo di Filosofia
fiammifero
Inviato: 19/4/2006 23:07  Aggiornato: 19/4/2006 23:07
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/2/2005
Da: ROMA
Inviati: 5691
 Re: Sapore di guerra freddda
In effetti Shevek hai ragione,queste le ultime dalla Russia:

Russia - 2006-04-19 17:54:00
Usa-Iran, Mosca sarà neutrale in caso di conflitto armato

La Russia si manterrà neutrale se lo scontro in atto sul nucleare tra Usa e Iran dovesse degenerare in una guerra. Lo ha assicurato il capo di stato maggiore delle forze armate russe, il generale Yury Baluevsky. "La Russia non userà la sua forza militare né a favore di una parte né a favore dell'altra", ha affermato Baluesky.

Citazione:
le cose di cui ci sentiamo assolutamente certi non sono mai vere (Oscar Wilde)
frankad
Inviato: 20/4/2006 9:36  Aggiornato: 20/4/2006 9:36
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: Sapore di guerra freddda
La Russia si manterrà neutrale se lo scontro in atto sul nucleare tra Usa e Iran dovesse degenerare in una guerra.

Fiammifero...ahiò......

La Russia si manterrà neutrale solo perchè la Cina si opporrà...

Ciao Shevek, un abbraccio prima di tutto.

Mi riservo di farti sapere da che parte parte pende la bilancia, se da quella della Russia o della UE...

Ricordo solo l'ultima "piccola" facenda invernale dell'interruzione del gas..non mi sembra ci siano state molte remore quando hanno chiuso i rubinetti. E questo è solo un insignificante esempio.

Salùd y suerte

Franco

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA