Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


11 settembre : La sceneggiata infinita
Inviato da Redazione il 13/4/2006 7:26:33 (5099 letture)

Chi si chiedeva a cosa possa servire il processo a Zacharias Massaoui - oltre che a offrire al pubblico di bocca buona un generico capro espiatorio - ieri ha avuto la sua risposta.

Il processo serve a ricoprire la bugia originale con qualche strato suppletivo di "verità ufficiale". Un pò come dare una mano di flatting alla vernice originale, per rendere più difficile che venga scalfita da chi un giorno volesse intaccarla.

Se così qualcuno oserà dubitare che su UA93 ci sia stata davvero una colluttazione, da oggi il cretino di turno potrà dire "Lo ha persino confermato il processo!" La giuria infatti sta venendo sottoposta al più classico lavaggio del cervello, fatto di una commistione di prove costruite ad hoc e di ricatti morali vergognosi: da una parte saltano fuori miracolosamente delle fotografie dei rottami di UA93 che in 5 anni nessuno aveva mai visto, dall'altra vengono mostrate ai giurati …

… delle crude immagini di parti umane spappolate sul cemento di Manhattan, o di cadaveri carbonizzati dentro al Pentagono, mentre viene fatta ascoltare la registrazione degli ultimi minuti del volo caduto in Pennsylvania, in cui un terrorista dice all'altro qualcosa come "sono ferito", e l'altro risponde "finiamola così". Dopodichè, l'impatto col terreno.

Peccato che, come molti sanno, i rottami dell'aereo siano stati trovati fino a molte miglia di distanza, mentre nella famosa buca non c'era un solo pezzo che fosse riconducibile a un Boeing 757. (Soltanto per gente che non vuole vedere, come il simpatico Marco Bardazzi, "queste cose non provano nulla").

È chiaramente per rimediare a questo punto debole, che sono comparse al processo alcune foto come questa:

Che bello, proprio il colore della United! Ma allora non c'è dubbio, l'aereo è davvero caduto lì! E poi guardate, come sono piantati bene nel terreno quei pezzi di lamiera.

Ovvero, peggio la toppa del buso: chi li ha piantati, infatti, si deve essere completamente dimenticato che l'aereo era esploso in una palla di fuoco, mentre quelle lamiere non sembrano aver mai conosciuto nemmeno la fiamma di un accendino.

Ma questi sono dettagli che una giuria fatta di 12 "cittadini qualunque" non nota di sicuro, tanto si è fatta coinvolgere dalla tragica descrizione dei fatti che il procuratore, con una maestria degna di uno sceneggiatore di Hollywood, sta dipingendo ai loro occhi.

A questo processo-farsa va aggiunta l'uscita imminente del film "United 93", che cercherà in qualche modo di mettere il sigillo definitivo alla bugia raccontata dalla versione ufficiale sull'aereo caduto a Shanksville.

Noi, da parte nostra, non possiamo che continuare a ricordare le parole del sindaco della città, Ernie Stuhl, che fu fra i primi a giungere sul luogo: "… But there was no airplane". Ma non c'era nessun aereo.

Mentre per il Pentagono torniamo a domandarci perchè, invece di mostrarci le foto di qualche cadavere carbonizzato "dentro" l'edificio (qualcuno che lavorava lì, fra i morti, c'è stato di certo), non ci fanno vedere direttamente l'aereo che lo ha colpito, quando ancora stava fuori? Devono essere almeno una dozzina, a occhio e croce, le videocamere che inquadravano lo spazio antistante il Pentagono quel mattino, ma qualcuno preferisce veder crescere ogni giorno i sospetti, piuttosto che mettere fine una volta per tutte a questa penosa diatriba.

In realtà, sembra quasi che chi tira le fila di questa operazione di copertura stia sentendo il fiato sul collo del 9/11 Truth Movement, che cresce a vista d'occhio, e stia preparando il terreno per il famoso "polverone" pubblico di cui abbiamo già parlato in precedenza.

In altre parole, questo tipo di atteggiamento sembra indicare, da parte di chi difende la versione ufficiale, la convinzione che ormai lo scontro sul terreno aperto dei media mainstream sia inevitabile.

Citando il beneamato Cheney, quando paventava "futuri attentati" per tenere al guinzaglio la nazione, anche noi potremmo dire "it's not a matter of if, it's only a matter of when". Non è questione di se, è solo questione di quando.

Nei limiti delle nostre possibilità, noi ci faremo trovare pronti.

Massimo Mazzucco


VEDI ANCHE:

Colpo di scena al processo di Massaoui.

Tutto per una misera bugia.

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
Trimegisto
Inviato: 13/4/2006 9:02  Aggiornato: 13/4/2006 9:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/11/2004
Da: San Francisco
Inviati: 119
 Re: La sceneggiata infinita
Citazione:
noi ci faremo trovare pronti.


... e noi saremo li con te!

Hasta siempre, comandante.

P&L

"Everything has Beauty, but not everyone sees it."
Confucius
Trimegisto
Inviato: 13/4/2006 9:14  Aggiornato: 13/4/2006 9:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 8/11/2004
Da: San Francisco
Inviati: 119
 Re: La sceneggiata infinita
E' chiaramente una messa in scena per prepararsi allo scontro mediatico, hai ragione. L'impressione e' che comunque, lentamente, la voce vada diffondendosi e che la gente inizi a dubitare. Intanto, i links ai filmati sul 9/11 iniziano a girare sui computer e le reti di uffici governativi (hehehehehehe)... e il passaparola continua.

Purtroppo, dall'altra parte c'e' una potenza mediatica tale da far paura, e la gente continua a mutare l'atteggiamento a seconda di questa o quella notizia o film; speriamo che Stone riesca a fare un poco meglio.

P&L

"Everything has Beauty, but not everyone sees it."
Confucius
bebialcool
Inviato: 13/4/2006 9:36  Aggiornato: 13/4/2006 9:42
So tutto
Iscritto: 16/3/2006
Da:
Inviati: 16
 Re: La sceneggiata infinita
Intanto anche a Madrid Al-Quaeda non c'entrava niente. Letto sul cartaceo del Resto del Carlino dell' 11/4 (oh, a me stò giornale piace sempre di più); mi ha fatto impressione un passo che diceva pressappoco "dopo Londra Madrid: non è che stanno cambiando le priorità dell'agenda politica e militare mondiale?"

Comunque ho trovato questa fonte qui, è molto interessante anche leggere tutto l'articolo, non solo la parte relativa agli attentati di Atocha, e anche le note a piè di pagina. Ciao a tutti.

http://pressante.altervista.org/index.php?option=com_content&task=view&id=63&Itemid=31

EDIT: Che poi ho scoperto adesso il link è a sua volta un link da Blondet

Supernova
Inviato: 13/4/2006 9:40  Aggiornato: 13/4/2006 9:40
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/1/2006
Da:
Inviati: 156
 Re: La sceneggiata infinita
I debunkers saranno al colmo della gioia.

Da notare che come nel caso del pentagono ci mostrano pezzi di lamiera che dovrebbero distinguere l'aereo di quella o di quella'altra conpagnia ma non ci vengono mai mostrati motori, ali, pezzi grossi di fusoliera, insomma secondo loro quei pezzi di lamiera sono ciò che resiste meglio a un impatto in cui l'aereo addirittura si disintegra e vaporizza, si vede che ultimamente i motori li fanno con il burro di noccioline.

3 grattacieli che crollano(simmetricamente) per degli inciendi, aerei che si disintegrano nello schianto che però ci lasciano pezzi di lamiera e cadaveri per l'identificazione(e a volte testamenti), piloti incapaci che diventano all'improvviso assi, l'undici settembre è stata un giornata un po' strana.

Non vi è differenza fra illusione e realtà per chi la sta vivendo.
Tor
Inviato: 13/4/2006 10:43  Aggiornato: 13/4/2006 10:43
Ho qualche dubbio
Iscritto: 26/10/2005
Da: Gran burrone
Inviati: 129
 Re: La sceneggiata infinita
I pezzi dell' aereo Sembrano proprio piantati con cura...., come si fà per un aiuola.

Ma un altra domanda mi assale:
Come ha fatto l' attentatore a telefonare mentre i passeggeri dell aereo tentavano di linciarlo???

Mettiamo il caso che sia stato un esperto di arti marziali e sia riuscito con una mano sola a tenere a bada dei passeggeri incazzati e con l' altra a comporre il numero per chiamare......, tenendo conto della velocità dell' aereo e che la copertura delle reti telefoniche non è poi così omogenea..., come cavolo ha fatto a telefonare???????

Voglio sapere chi è il suo maestro di arti marziali....

"Non puoi chiuderti in una stanza buia e affermare che il sole non esiste solo perchè non vuoi aprire la porta e guardare fuori..."
Pausania
Inviato: 13/4/2006 10:59  Aggiornato: 13/4/2006 11:01
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: La sceneggiata infinita
Naturalmente concordo con Massimo in pieno.
Mi é venuta in mente questa riflessione, ma vorrei che chi ne sa piú di me mi correggesse se parlo a vanvera. Riguardo al processo:
Premessa 1: negli USA l'accusa é un avvocato di parte del governo, equparato all'avvocato difensore. Cioé non come in Italia un giudice terzo - in teoria - preposto ad accertare la veritá, ma un legale impiegato per portare avanti le tesi del governo (in questo caso sub specie della polizia).
Premessa 2: il sistema giudiziario americano si fonda sulla giuria popolare, la quale ha maggior valore delle leggi stesse, secondo il principio che il popolo prevale sul governo e che le leggi possono essere contestate dal popolo in sede di giudizio, prevalentemente appoggiandosi ai principi costituzionali.
Detto questo, il processo americano si svolge secondo un modello diverso da quello italiano: l'accusa e la difesa non devono provare niente, devono solo convincere una giuria di gente comune (peraltro scelta in precedenza da loro stessi), e non necessariamente seguire il codice penale (che tra l'altro credo non esista nemmeno come lo intendiamo noi).
Da questa impostazione naturalmente si originano esiti molto diversi. Clamoroso il caso O.J. Simpson: la giuria sapeva che era colpevole, ma poiché l'accusa aveva portato un testimone che aveva mentito riguardo a un fatterello secondario, ha deciso che a questo punto l'accusa era screditata in toto e Simpson é stato prosciolto.
Che giustizia sia questa non é mio compito dire, peró adesso mi ricollego al processo Moussaoui. In realtá un processo del genere é solo un'appendice della Commissione di Inchiesta, perché l'accusa é il governo stesso e si muove su sua indicazione. Quindi continuerá a fare quello che il governo comanda. Tra l'altro deve convicere non un giudice, che magari é coadiuvato da periti, tecnici, esperti, ma "tirare" dalla sua parte una decina di cittadini americani, che magari non hanno nemmeno mai letto un giornale dopo 13 settembre 2001. E naturalmente per convicerli non si metterá certo a filosofeggiare sulla temperatura di fusione dell'acciaio.
Insomma: niente di cui stupirsi. Non é un processo farsa: é il processo americano e cosí ce lo teniamo.

rumenta
Inviato: 13/4/2006 11:13  Aggiornato: 13/4/2006 11:13
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/1/2006
Da: Repubblica di Genova
Inviati: 801
 Re: La sceneggiata infinita
Tor:
Citazione:
tenendo conto della velocità dell' aereo e che la copertura delle reti telefoniche non è poi così omogenea..., come cavolo ha fatto a telefonare???????


leggi un pò qui (link compresi):

http://xiaodongpeople.blogspot.com/2004/08/911-cell-phone-calls-were-impossible.html

forse questi articoli possono rispondere alla tua domanda.



"La verità dev'essere brutale, violenta, armata ed arrabbiata. Altrimenti soccombe."
Dr-Jackal
Inviato: 13/4/2006 12:13  Aggiornato: 13/4/2006 12:13
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 25/3/2006
Da:
Inviati: 1028
 Re: La sceneggiata infinita
Che assurda buffonata... e il peggio è che, come sempre quando si tratta di notizie "ufficiali", ci cascheranno tutti quanti con tutte le scarpe!!!

Quanto ci vorrà perchè ogni aspirante debunker nelle discussioni mostri orgogliosamente queste NUOVISSIME foto dei rottami al Pentagono? E vagli a spiegare che non valgono, che sono finte. Auguri.

Se comunque si stanno preparando per uo scontro mediatico a viso aperto, è comunque troppo poco. I vari Griffin, Jones, ecc. che parlano di fatti scientifici non possono essere messi a tacere così.

Abbiate fede! Se si arriva allo scontro diretto, ce la faremo!

andrea748
Inviato: 13/4/2006 12:31  Aggiornato: 13/4/2006 12:31
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/5/2004
Da: Roma
Inviati: 265
 Re: La sceneggiata infinita
La situazione gli sta sfuggendo di mano.

Dopo Madrid, anche Londra.

Ora il problema è che secondo me, sposteranno l'attenzione sull'Iran per non parlare del fatto che il castello accusatorio sta venendo giù...

Possibile che il deus ex machina di tutta questa antomina neoconservatrice, sia stato cosi sciocco da non prevenire tutto?

Massimo, l'opinione pubblica in america cosa dice? cosa pensa?

Ora ci sono le lezioni politiche per il rinnovo delle camere, e se il vaccaro non avesse più la maggiornaza in parlamento?

"Se qualcuno parla come un idiota e si comporta come un idiota, non fatevi ingannare: è un idiota."

"Non condivido le cose che dici ma difenderò sino alla morte il tuo diritto di dirle"
alcenero
Inviato: 13/4/2006 12:32  Aggiornato: 13/4/2006 12:32
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/12/2005
Da: Grassy Knoll
Inviati: 318
 Re: La sceneggiata infinita
Ma i cadaveri carbonizzati nel pentagono da dove vengono? gente che lavorava lì o passeggeri dell' aereo? perchè in quest' ultimo caso la situazione diventa sempre più assurda: l'aereo si sarebbe vaporizzato nell' impatto ma i passeggeri no. Non solo, perchè a chi obiettava sull' identificazione dei cadaveri c'era chi diceva: per l'esame del DNA basta qualche resto non servono i corpi. Già ciò è inverosimile perchè sfido chiunque ad identificare, pure così, TUTTE le vittime che erano a bordo di un aereo che si è vaporizzato per il calore. Ma adesso spuntano fuori i corpi...

L'unico tiranno che accetto in questo mondo è la voce silenziosa dentro di me. M.K.Gandhi
shambala
Inviato: 13/4/2006 12:50  Aggiornato: 13/4/2006 12:50
So tutto
Iscritto: 21/1/2006
Da: Terni
Inviati: 10
 Re: La sceneggiata infinita
Ho fatto due precise domande, secche e dirette, ad alcuni amici piloti (compagnia di bandiera) e ad un amico generale dell’aviazione:
1) E’ davvero possibile che sul Pentagono si sia schiantato un volo passeggeri?
2) E’ possibile che da un aereo in volo (altitudine di crociera) siano partite chiamate da normali cellulari?

Le risposte, comuni a tutti, sono state queste:
1) Sul Pentagono hanno lanciato un missile o un caccia. Nessun aereo di quelle dimensioni può esser passato di là, né, tantomeno, nessun comandante può aver effettuato quella manovra con un aereomobile come quello…. Nemmeno se avesse avuto 50.000 ore di volo alle spalle.
2) A quell’altezza e, soprattutto, a quella velocità nessun cellulare può funzionare.

E’ sconcertante però il commento finale, comune a tutti: E’ meglio non pensarci…

Già, è meglio non pensarci. Dicono questi dei tecnici, che sanno PER CERTO che le cose devono essere andate diversamente. Come può allora l’uomo della strada non credere a quello che continuano a propinarci, foto e filmati taroccati compresi? In fondo il terrorismo, la guerra, i complotti sono come il cancro… si pensa sempre che tocchino agli altri.

La strada, secondo me, è una sola… ed è quella che ha intrapreso questo sito: divulgazione massiccia, seria e costante, ferma e tenace….

(per M. Mazzucco: lavoro con un noto produttore cinematografico… da tener presente in caso di idee/progetti/necessità … )

Pausania
Inviato: 13/4/2006 13:05  Aggiornato: 13/4/2006 13:05
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: La sceneggiata infinita
Shambala: Ho fatto due precise domande, secche e dirette, ad alcuni amici piloti (compagnia di bandiera) e ad un amico generale dell’aviazione:

Ottimo: secondo me é una giusta strada da percorrere. Sarebbe bello se potessi raccogliere le loro testimonianze tecniche, senza "costringerli" a prendere posizione a riguardo, ma solo spiegarci come é potuto tecicamente accadere, sempre che nel 21 secolo valgano le stesse leggi delle fisica del 20...
E poi metterle a disposizione di tutti su LC. Dal 11 settembre é sempre stato il mio sogno avere amici piloti. Sarebbe bello (ma assai piú difficile) anche avere a disposizione qualcuno che provi al simulatore (possibilmente non microsoft ) la manovra d'approccio, o magari mettere al simulatore un esperto pilota da diporto senza altra esperienza di volo che non un Cessna lungo 4 metri a volare da un aereoporto ad un altro e vedere cosa riesce a fare...
Ma questo mi rendo conto essere difficile e dispendioso, al limite dell'impossibile

AutminRic
Inviato: 13/4/2006 13:05  Aggiornato: 13/4/2006 13:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/11/2005
Da:
Inviati: 163
 Re: La sceneggiata infinita
Il direttore del Resto del Carlino dovrebbe essere tal Giancarlo Mazzuca.

E' un assiduo ospite della trasmissione radiofonica Zapping, avanposto dell'informazione alternativa.

Una sera, incautamente, intervistarono in diretta Gore Vidal.

Mazzucca non si lasciò sfuggire l'occasione e lo incalzò con questa domanda:

"Ha nostalgia di Ravello?"

Non credo che il Resto del Carlino aiuterà a far chiarezza sull'11 settembre.
(Non che mi aspetti niente di diverso da altri quotidiani italiani e non, comunque)

illupodeicieli
Inviato: 13/4/2006 13:21  Aggiornato: 13/4/2006 13:21
Mi sento vacillare
Iscritto: 2/1/2005
Da:
Inviati: 323
 Re: La sceneggiata infinita
niente di diverso di ciò che accade da noi in Italia.
si sanno le cose ma poi, o qualcuno sparisce dalla faccia della terra, oppure ,ed è una nostra specialità che ci consente la giurisprudenza, il processo si allunga a dismisura.
attenzione per pochi ma non per tutti.
molti di noi ,che sono convinti che le cose siano andate diversamente, avranno modo di verificare come fanno gli altri.
attenzione che anche dalle nostre parti si cerca "di importare modelli e stili di vita": di tutti i tipi. dal divieto del fumo ,fino ai comportamenti sessuali o agli orari di lavoro.
speriamo di non dover importare anche i modelli giudiziari.

shambala
Inviato: 13/4/2006 13:33  Aggiornato: 13/4/2006 13:33
So tutto
Iscritto: 21/1/2006
Da: Terni
Inviati: 10
 Re: La sceneggiata infinita
Per quanto riguarda le loro testimonianze tecniche, non avrei nessun problema a raccoglierle e, ovviamente, a pubblicarle (posto che mi si lasci il tempo di metter loro il sale sulla coda… non è facilissimo per me, dato il loro ed il mio lavoro, riuscire a vederli)
Va da sé che avrebbero pochissimo valore probatorio, perché dubito fortissimamente che vogliano veder pubblicato il loro nome!!!

Per quanto riguarda l’ipotesi di un pilota al simulatore… avrebbe un senso solo se fosse anche lontanamente credibile la panzana che ci raccontano, e cioè che i terroristi avrebbero imparato a pilotare un mastodonte del genere su un simulatore (aiutati magari dal “manuale per l’utente” J)
Vi dico questo:
Uno di questi amici, ex pilota militare (folgore), da molti anni pilotava un aereo passeggeri di un certo tipo. Di recente la compagnia ha cambiato modello. Quindi lui, per mesi, ha dovuto tornare a “scuola”. Teorica e pratica, su un simulatore… Ma non basta. Alla fine di questo ha dovuto rimettersi in pista con un istruttore esperto a fianco, per una quantina di tratte (non ore di volo… tratte!!!)
Questo che significa??? Che un pischello qualsiasi finge di volare - sul simulatore - su un Cessna per qualche mese e poi prende un boeing e gli fa fare manovre acrobatiche come un ragazzino sullo skateboard??? E’ semplicemente rididolo!!!
L’unica cosa che mi lascia perplessa, da sempre in verità è questa: il castello di fandonie sull’11 settembre sembra una sceneggiatura alla gianni e pinotto… come hanno potuto lasciare sul fuoco tante pentole senza nemmeno un coperchio???

bebialcool
Inviato: 13/4/2006 13:34  Aggiornato: 13/4/2006 13:40
So tutto
Iscritto: 16/3/2006
Da:
Inviati: 16
 Re: La sceneggiata infinita
Si, è proprio Giancarlo Mazzuca. Non dico che il Carlino sia una mosca bianca fra i giornali che abbiamo in Italia, però a volte si trovano notizie con almeno commenti "alternativi". Per es. quando tutti dicevano che nessun giornale aveva scritto che l'applauso ricevuto da Berlusconi al senato (o al parlamento) americano era "montato" da una mandria di stagisti, io lo avevo letto proprio lì, anche se è un giornale con orientamento destrorso. In + spesso ci si leggono commenti di Massimo Fini, e, altro esempio "democratico", in campagna elettorale c'erano vignette satiriche sia su prodi che su berlusconi. Ci si trova un pò di tutto, insomma, dall'intervista a De Gregori, a Vasco, isomma, l'unica che "eliminerei" è maria rita parsi.
Mi sembra molto pluralista, a differenza delle altre testate; poi certo sull' 11/9 non ha fatto nulla, come tutti gli altri, ma secondo me per il resto è migliore di tantissimi altri.

Dimenticavo: non ho capito l'aneddoto a Zapping vidal-mazzuca-ravello

Pausania
Inviato: 13/4/2006 13:48  Aggiornato: 13/4/2006 13:49
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: La sceneggiata infinita
posto che mi si lasci il tempo di metter loro il sale sulla coda… non è facilissimo per me, dato il loro ed il mio lavoro, riuscire a vederli
beh ci mancherebbe... era solo un'idea. anche un po' di e-mail vanno bene (tanto per dire che non é necessaria un'intervista filmata...)
Effettivamente l'anonimato non sarebbe a nostro favore, ma magari si puó risolvere in qualche modo, visto che questo non é un tribunale, ma "solo" un luogo di informazione e. Ma sono insesperto a riguardo.


Per quanto riguarda l’ipotesi di un pilota al simulatore… avrebbe un senso solo se fosse anche lontanamente credibile la panzana che ci raccontano, e cioè che i terroristi avrebbero imparato a pilotare un mastodonte del genere su un simulatore (aiutati magari dal “manuale per l’utente” J)
Questo é chiaro per chi giá non ci crede, ma per tutte quelle persone che non si pongono il dubbio sarebbe un tassello in piú per fare breccia nel muro di certezze. Comuque era solo un'idea teorica: ve lo immaginate Piero Angela che a Superquark invita un pilota e dimostra l'impossibilitá della manovra Ahahahah!!!!

Pausania
Inviato: 13/4/2006 15:16  Aggiornato: 13/4/2006 15:18
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: La sceneggiata infinita
Spero che in America facciano un processo anche per questo e questo

ATTENZIONE: IMMAGINI FORTI

andrea748
Inviato: 13/4/2006 15:29  Aggiornato: 13/4/2006 15:29
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/5/2004
Da: Roma
Inviati: 265
 Re: La sceneggiata infinita
Pausania, manca il link

"Se qualcuno parla come un idiota e si comporta come un idiota, non fatevi ingannare: è un idiota."

"Non condivido le cose che dici ma difenderò sino alla morte il tuo diritto di dirle"
Pausania
Inviato: 13/4/2006 15:38  Aggiornato: 13/4/2006 15:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: La sceneggiata infinita
mi pare di no...in realtá. a me funziona: clicca sulla parola questo

cocis
Inviato: 13/4/2006 15:39  Aggiornato: 13/4/2006 15:39
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 11/1/2006
Da: V
Inviati: 1430
 Re: La sceneggiata infinita
intanto oggi studio aperto in memoria dell' "ATTENTATO".. ha ripercorso le fasi + importanti ...

soleluna
Inviato: 13/4/2006 15:39  Aggiornato: 13/4/2006 15:39
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/3/2005
Da: orbita di Anarres
Inviati: 1309
 Re: La sceneggiata infinita
ma ci sono i link basta cliccare dove c'è scritto "questo"

"perche' ballate e vi fate l'acconciatura, visto che qua e' impossibile anche comprare da mangiare?"
"perche' magari oggi e' l'ultimo giorno che viviamo, e vogliamo amarlo quanto piu' possibile"
Grozny
andrea748
Inviato: 13/4/2006 16:00  Aggiornato: 13/4/2006 16:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/5/2004
Da: Roma
Inviati: 265
 Re: La sceneggiata infinita
scusate, scusate, non me ne ero accorto.

Volete fustigarmi?

"Se qualcuno parla come un idiota e si comporta come un idiota, non fatevi ingannare: è un idiota."

"Non condivido le cose che dici ma difenderò sino alla morte il tuo diritto di dirle"
andrea748
Inviato: 13/4/2006 16:05  Aggiornato: 13/4/2006 16:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/5/2004
Da: Roma
Inviati: 265
 Re: La sceneggiata infinita
Che schifo!!!!!!!!!!!!!!!!

In tutto questo, visto che le responsabilità vanno equamente distribuite, la chiesa dov'è?

"Se qualcuno parla come un idiota e si comporta come un idiota, non fatevi ingannare: è un idiota."

"Non condivido le cose che dici ma difenderò sino alla morte il tuo diritto di dirle"
AutminRic
Inviato: 13/4/2006 18:00  Aggiornato: 13/4/2006 18:00
Ho qualche dubbio
Iscritto: 3/11/2005
Da:
Inviati: 163
 Re: La sceneggiata infinita
L’aneddoto è questo.

Vidal è uno scrittore piuttosto scomodo, decisamente contrario a Bush e alla sua politica.

Forbice, sommo poeta a tempo perso, lo intervista in diretta pensando probabilmente di parlare di letteratura.

Vidal risponde con una serie di affermazioni piuttosto forti in particolare, se ben ricordo, al riguardo della legittimità delle vittorie elettorali di Bush.

A questo punto sono tutti imbarazzati, cercano di frenare lo scrittore, di cambiare discorso.

E’ il turno di Mazzuca di fare una domanda e siccome Vidal ha avuto casa per molti anni a Ravello presso Amalfi, gli chiede:

Ha nostalgia di Ravello?

Vidal neanche gli risponde.

Premio Pulitzer!

(Chiedo scusa se sono un po’ fuori tema)

Pausania
Inviato: 13/4/2006 18:19  Aggiornato: 13/4/2006 18:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: La sceneggiata infinita
la chiesa dov'è?

Sta pensando ossessivamente:
ai matrimoni tra gay
se n° 5 (cinque) cellule dotate di DNA hanno diritto di voto
se la pedofilia sia peccato maggiore o minore del sesso col preservativo

Pasquino
Inviato: 13/4/2006 18:40  Aggiornato: 13/4/2006 18:49
Ho qualche dubbio
Iscritto: 22/7/2005
Da:
Inviati: 234
 Re: La sceneggiata infinita
Citazione:
Spero che in America facciano un processo anche per questo e questo


Pausania viste le immagini effettivamente forti, posso dire di aver pietà per i bimbi ed adulti Iracheni vittime della mensogna e dell'ingordigia americana, mentre per la seconda ondata di foto non provo neanche la più minima pietà, non perchè non siano vittime anch'esse, ma a differenza del popolo iracheno, sono vittime della superficialità con la quale il popolo americano contribuisce a tutte le malefatte del loro governo di ora e di sempre. Il solo fatto che bevano ogni cosa senza adoperare ii ragionevole dubbio mi schifa, non oso pensare che possa esserci talmente tanta codiardia nelle loro misere menti, cosa stanno apettando il nuovo attentato attribuibile nuovamente a nuovi attentatori addestrati dalla CIA?

Penso tutto questo basandomi sul fatto che se solo mi amputassero un solo dito per una mia sbadataggine, avrei tanta di quella rabbia in corpo che spengerei solo uccidendomi, figurarsi persere una gamba o un braccio ed avere (come nelle foto) l'artefice della mia menomazione e sorridergli. Glielo pianterei nel collo l'uncino che sostituisce il mio arto amputato, altro che!!!

Per tutti voi che leggete chiedo umilmente scusa, ma le foto viste mi hanno destabilizzato la ragione, scriverlo mi ha aiutato a sfogare al 30% quel che provo, ed è solo tristezza...

Lo Stato al cittadino pignora, all'industriale elargisce, al banchiere regala.
Pausania
Inviato: 13/4/2006 19:24  Aggiornato: 13/4/2006 19:24
Sono certo di non sapere
Iscritto: 6/4/2006
Da:
Inviati: 3872
 Re: La sceneggiata infinita
Pasquino: per la seconda ondata di foto non provo neanche la più minima pietà, non perchè non siano vittime anch'esse, ma a differenza del popolo iracheno, sono vittime della superficialità con la quale il popolo americano contribuisce a tutte le malefatte del loro governo di ora e di sempre.

Ti capisco ma secondo me non è vero: prima che della guerra sono vittime del sistema anche i soldati. L'esercito americano è sostanzialmente un esercito proletario. Vengono arruolati gli emarginati sociali, chi con la promessa della cittadinanza (gli stranieri), chi con la promessa di studiare (i giovani delle classi sociali inferiori), chi con la promessa di un lavoro (i disoccupati) e via così. Sostanzialmente è il ricetto dei senzasperanza: con una mano reggono due metri di corda insaponata, con l'altra un fucile d'assalto. Secondo te cosa sceglieranno? E li mandano a morire senza problemi, perché tanto chi reclamerà i loro corpi? Capisci cosa intendo? Non c'è paragone tra le due vittime, ma non bisogna, secondo me, confondere le cose. Non lasciamoci influenzare dal fatto che abbiano la bandiera americana sul braccio. Le prime (in ordine cronologico) vittime del sistema americano sono gli americani stessi, o almeno i milioni di americani poveri e di immigrati che campano ai margini del gradne elitario banchetto dell'american dream

winston
Inviato: 13/4/2006 19:42  Aggiornato: 13/4/2006 20:35
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/10/2005
Da: Eurasia
Inviati: 392
 Re: La sceneggiata infinita
Citazione:
...come il simpatico Marco Bardazzi..

giacchè se ne parla… ecco il barbuto premiato...

... nientepopodimeno che dal Benemerito?!). ...PerAssociazione si arriva al messaggio di Giulietto Chiesa con alcuni elementi meritevoli di attenzione:

1) dice…<< (..) giornalisti del mainstream sanno solo quello che il mainstream - di cui sono parte integrante e che alimentano con il loro quotidiano lavoro>>

2) dice… <<I più svegli avevano capito che la storia poteva essere vera, ma che puzzava di bruciato ed era meglio starne alla larga.>>

3) Dice..<< Se si vuole fare opera di verità è da questo quadro che bisogna partire per costruire una strategia. Buon lavoro>>

Pane al pane.. questo sì che è parlar franco.
Ma, -Chiesa, chi è costui? Risponde Giulietto in persona ..:

Per 25 anni funzionario PC/Unità (corente cossuttiana = cupola ortodossa) Poi USA Wilson-C, Kennan-Inst, Rand-Corp, State-Dept, LaStampa, Manifesto, Avvenimenti, Tg 5, Tg 1 e Tg 3., BBC, Deutsche-Welle, Radio Svizzara, Radio Vaticana, rainews24, russi NTV & Kompania (˜GenteMoney?) &, fiore all'occhiello..: Radio Liberty, (i.e. CIA) .

Sorry, sembrerebbe l’ennesima ovvietà che sfugge solo perché manifesta (ancora Superman con le mutande sopra i pantaloni):

1) vedasi sopra: se non è mainstream.., allora è nomenklatura!

2) Che sia pure lodato per i tozzi di verità che lascia cadere dal tavolo, ma non sfugga che mai questi vanno a cadere oltre i paletti del classico luogocomunismo di cui è permeato il suo curriculum. La questione 11/9 è esemplare, infatti non si arrischia più di tanto : << Dunque si deve fare qualche ipotesi. Per carità, solo ipotesi. Noi non conosciamo la verità. Anzi sappiamo che non la conosceremo mai nel corso della nostra vita. Come scrisse Noam Chomsky dopo l'11 settembre, neanche quella verità la conosceremo nei prossimi cento anni.>> Naso fino! E sa tenersi controvento: "i più svegli stanno alla larga"

3) Della serie: atto primo “Chiagne e fotti”; secondo tempo “Adate avanti voi, che mi scappa da ridere".

Citazione:
sembra quasi che chi tira le fila di questa operazione di copertura stia sentendo il fiato sul collo del 9/11 Truth Movement, che cresce a vista d'occhio..

Mah, a sperarlo non costa niente….
Però…, i burattinai sono consumati navigatori del falso bipartitismo per non tenerne conto nella mappatura di questa vicenda: la crescita del movimento (quanta parte è manovrata?) potrebbe rivelarsi fuoco di paglia, (Sheen Docet).

Diffidare.. Diffidare...

"Chi controlla il presente controlla il passato, chi controlla il passato controlla il futuro" Orwell, 1984
miuro
Inviato: 13/4/2006 22:31  Aggiornato: 13/4/2006 22:31
Ho qualche dubbio
Iscritto: 11/2/2006
Da:
Inviati: 66
 Re: La sceneggiata infinita
domande sparse:

Massaoui avrebbe dovuto sedersi ai comandi dell' aereo "caduto" in Pennsylvania?

Massaoui arrestato, chi guidava quel volo?

I "terroristi" hanno dovuto "formare" un nuovo pilota dopo l'arresto di Massaoui?

Se sì, il nuovo pilota ha dovuto imparare tutto in un mese scarso?

beanut
Inviato: 14/4/2006 1:08  Aggiornato: 14/4/2006 1:08
So tutto
Iscritto: 30/3/2006
Da: Bologna
Inviati: 22
 Re: La sceneggiata infinita
So che non c'entra assolutamente niente, ma DIO! come odio i virus!
Fortuna che ho la chiavetta e posso mettere file come allegati sulla mail, ma che frusrtazione mostruosa sapere che dovro` ancora riformattre il pc, solo perche` in dall'ultima volta(la settimana scorsa!) non avevo ancora messo un antivirus e ora me ne ha trovati 39.

Bepi
Inviato: 14/4/2006 1:24  Aggiornato: 14/4/2006 1:24
So tutto
Iscritto: 10/11/2005
Da: Se Muyinga avesse lu meeer sarebb na piccola Beeer
Inviati: 30
 Re: La sceneggiata infinita
Pausania - Citazione:
Spero che in America facciano un processo anche per questo e questo


Non ho parole

Se dici una bugia enorme e continui a ripeterla, prima o poi il popolo ci crederà (Goebbels)
Demon84
Inviato: 14/4/2006 2:48  Aggiornato: 14/4/2006 2:48
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 224
 Re: La sceneggiata infinita
Fortuna che pausania ha messo l'avvertimento... accidentaccio..ho un nodo allo stomaco.
Io provo pietà per entrambi gli schieramenti: iraqueni e statunitensi. Sono entrambi vittime delle stesse falsita, probabilmente, l'11 settembre, quanti soldati si sono alzati e hanno detto "andiamo in Iraq e facciamoli il culo!!" ???? io direi tutti!!!!
Però è strano, alla fine sono sempre i soldati semplici a finirci in mezzo, mai che debbano amputare un generale è? No ma è vero, poverini, devono già subire il lavaggio del cervello se anche gli devono staccare un arto ahiloro.

Intanto quei poveri bambini in iraq non potranno piu giocare a calcio, fare il saltacavallina, e tanti altri bei giochi ed alcuni trovano ancora la gioia di sorridere.
Intanto Bush con quella sua bella faccia da culo che mostra in pubblico sicuramente non darà mai un soldo per pagare i danni che hanno provocato gli Americani, come non lo fecero in Vietnam, dove oltre a fare massacri con il fosforo, hanno pure distrutto ettari di jungla per cercare quattro miliziani con il capello ed armati di AK-47. Patetico, sempre più patetico. Si credono i liberatori dalle ingiustizie del mondo ma non si rendono conto che per liberare noi dal male finiscono per commettere mali ancora più grandi.

La cosa più comica è che gli americani si sforzano cosi tanto di creare bombe intelligenti, ma non riescono a rendere più intelligenti loro stessi.... strano vero?

Citazione:
"Il mio viaggio di scoperte non è ancora finito, sebbene io ormai sia un uomo...più cose conosco meno cose capisco e meno cose capisco più mi sembra di tornare bambino" (Demon's summons 2006)
Demon84
Inviato: 14/4/2006 2:52  Aggiornato: 14/4/2006 2:52
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 224
 Re: La sceneggiata infinita
Adesso i pezzi dell'aereo spuntano è???? se vi chiedete come mai la risposta è semplice: visto che l'aereo è caduto nella buca ed è finito sotterrato hanno voluto aspettare che le lapidi crescessero da sole con i nomi dei defunti, visto che ciò non è accaduto (e ci mancava solo quella come stranezza) hanno scavato e riportato alla luce i pezzi dell'aereo-talpa.

Oppure l'altra spiegazione è che, visto che l'aereo è stato abbattuto in volo i pezzi sono caduti soltanto pochi giorni fa!




p.s. ho creato 2 post...apposta, e perdonate il gioco di parole, ma direi che sarebbe stato "antirispettoso" mischiare pensieri miei e satira.

Citazione:
"Il mio viaggio di scoperte non è ancora finito, sebbene io ormai sia un uomo...più cose conosco meno cose capisco e meno cose capisco più mi sembra di tornare bambino" (Demon's summons 2006)
walhalla
Inviato: 14/4/2006 13:54  Aggiornato: 14/4/2006 13:54
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/11/2005
Da: aldilà
Inviati: 69
 Re: La sceneggiata infinita
per non essere parziali quacuno potrebbe pubblicare le immagini dei curdi gassati da saddam ad halabja? stessi morti stesso schifo.

w

walhalla
Inviato: 14/4/2006 14:14  Aggiornato: 14/4/2006 14:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/11/2005
Da: aldilà
Inviati: 69
 Re: La sceneggiata infinita
Citazione:
Patetico, sempre più patetico. Si credono i liberatori dalle ingiustizie del mondo ma non si rendono conto che per liberare noi dal male finiscono per commettere mali ancora più grandi.


sicuro che lo facciano davvero per noi..?

w

Paxtibi
Inviato: 14/4/2006 14:24  Aggiornato: 14/4/2006 14:25
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: La sceneggiata infinita
Secondo L'U.S. Army War College, non fu Saddam a compiere la strage di Halabja:

The best evidence to answer this is a 1990 report by the Strategic Studies Institute of the US Army War College. It concluded that Iran, not Iraq, was the culprit in Halabja. While the War College report acknowledges that Iraq used mustard gas during the Halabja hostilities, it notes that mustard gas is an incapacitating, rather than a killing agent, with a fatality rate of only 2%, so that it could not have killed the hundreds of known dead, much less the thousands of dead claimed by Human Rights Watch.

According to the War College reconstruction of events, Iran struck first taking control of the village. The Iraqis counter-attacked using mustard gas. The Iranians then attacked again, this time using a "blood agent" - cyanogens chloride or hydrogen cyanide - and re-took the town, which Iran then held for several months. Having control of the village and its grisly dead, Iran blamed the gas deaths on the Iraqis, and the allegations of Iraqi genocide took root via a credulous international press and, a little later, cynical promotion of the allegations for political purposes by the US state department and Senate.

Stephen Pelletiere, who was the CIA's senior political analyst on Iraq throughout the Iran-Iraq war, closely studied evidences of "genocide in Halabja" has described his group's findings: "The great majority of the victims seen by reporters and other observers who attended the scene were blue in their extremities. That means that they were killed by a blood agent, probably either cyanogens chloride or hydrogen cyanide. Iraq never used and lacked any capacity to produce these chemicals. But the Iranians did deploy them. Therefore the Iranians killed the Kurds."

(What Happened in Kurdish Halabja?)

walhalla
Inviato: 14/4/2006 15:06  Aggiornato: 14/4/2006 15:06
Ho qualche dubbio
Iscritto: 10/11/2005
Da: aldilà
Inviati: 69
 Re: La sceneggiata infinita
grazie pax, per l'articolo.

cos'è lo U.S. Army War College?

w

Demon84
Inviato: 15/4/2006 2:05  Aggiornato: 15/4/2006 2:05
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/2/2006
Da:
Inviati: 224
 Re: La sceneggiata infinita
sicuro che lo facciano davvero per noi..?


Ovviamente no, pensavo si potesse sottointendere questa aggiunta "(o almeno questo è quello che vogliono farci credere)". Oppure l'altra opzione che mi è venuta in mente ora è che sono talmente malati di mente che credono davvero di essere mandanti di Dio in persona, non mi stupirebbe la cosa!!!!

Citazione:
"Il mio viaggio di scoperte non è ancora finito, sebbene io ormai sia un uomo...più cose conosco meno cose capisco e meno cose capisco più mi sembra di tornare bambino" (Demon's summons 2006)

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA