Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


news internazionali : "L'egoismo energetico" è una via senza uscita
Inviato da Redazione il 13/3/2006 6:22:28 (3501 letture)

Il seguente articolo, di cui forniamo in traduzione la prima parte, è stato pubblicato dal giornale Izvestia (Mosca) lo scorso 1 marzo 2006. Vladimir Putin lo ha scritto come preludio alla prossima riunione del G8 che si terrà a breve a San Pietroburgo sotto la sua presidenza. Data la sua importanza storica, è stato ampiamente ripreso dai maggiori quotidiani europei... e in Italia, senza troppo seguito, dal Sole 24 Ore. Qui da noi va infatti di moda parlare di "ricatto del gas" dello "zar cattivo", e piuttosto che approfondire le cose serie, occuparsi di cronaca e Festival di Sanremo.

Stefano Serafini

"L'egoismo energetico" è una via senza uscita

di Vladimir Putin, Presidente della Federazione Russa

Abbiamo proposto ai nostri partner [della prossima riunione del G8 a San Pietroburgo N.d.T.] di concentrare la nostra attenzione su tre argomenti di acuta attualità: la sicurezza energetica globale, la lotta alle malattie infettive, e l'istruzione. Tale ordine di priorità è orientato al raggiungimento di un obiettivo comune: l'innalzamento della qualità e del livello di vita delle persone di questa e delle future generazioni.

Il sistema energetico globale di oggi è un'importantissima forza motrice ...

... del progresso sociale ed economico. Esso influenza direttamente il benessere di miliardi di abitanti del pianeta.

L'instabilità dei mercati degli idrocarburi minaccia concretamente la fornitura globale di energia. Uno degli aspetti di tale minaccia è rappresentato dalla crescita del divario tra domanda e offerta. La crescita del consumo delle risorse energetiche nei paesi asiatici è di per sé evidente.

E' necessario riconoscere il fatto che siccome il sistema energia è diventato globale, la sicurezza energetica non può non essere condivisa. Destino energetico comune significa responsabilità comune, comuni rischi, e comuni vantaggi.

E' particolarmente importante formulare una strategia per il raggiungimento della sicurezza energetica globale, basata sui principi delle forniture energetiche a lunga scadenza, sicura, ecologicamente sostenibile, a prezzi ragionevoli che siano accettabili tanto dai paesi esportatori quanto dai consumatori.

Noi ci sentiamo in dovere di lasciare ai nostri discendenti quella "architettura" del sistema energetico mondiale che possa tutelarli dai conflitti, dalle forme non costruttive della lotta per le forniture. A tale proposito la Russia si propone di unire più strettamente gli sforzi del G8 e di tutta la comunità internazionale verso la ricerca applicata nelle tecnologie innovative.

Passi importanti in questa direzione sono stati compiuti dal G8 l'anno scorso a GlennEagles. Si tratta innanzitutto dell'approvazione del Piano per l'incentivazione delle innovazioni nel settore del risparmio energetico e della tutela dell'ambiente. Noi riteniamo di importanza primaria agganciare alle iniziative del G8 i paesi che non ne fanno parte, soprattutto quelli in rapido sviluppo industriale.

Non dobbiamo dimenticare che oggi circa 2 miliardi di persone sul pianeta non hanno accesso ai moderni servizi energetici, e moltissimi non hanno neanche la possibilità di utilizzare l'energia elettrica. Di fatto, viene così precluso loro l'accesso a molti beni e conquiste della civiltà. La carenza di risorse energetiche in varie regioni frena significatamente la crescita economica, e l'uso irrazionale di esse può portare alla catastrofe ecologica globale.

Negli ultimi tempi gli esperti discutono in maniera molto attiva sulle prospettive dell'aumento del consumo energetico nei paesi in via di sviluppo, mediante un maggiore impiego di fonti non tradizionali. E qui l'aiuto del G8 assume un'importanza particolare, nel concepire e realizzare impianti energetici alternativi.

In generale bisogna comprendere e riconoscere in maniera congiunta che nel mondo contemporaneo, così interdipendente, "l'egoismo energetico" è una via senza uscita. E' nostra profonda convinzione che la redistribuzione dell'energia, muovendo solamente dalle priorità dal gruppo ristretto dei paesi più sviluppati, non corrisponda agli obiettivi e ai compiti dello sviluppo globale. Lavoreremo per poter formare tale sistema di sicurezza energetico che consideri gli interessi di tutta la comunità mondiale.

[Traduzione dal Russo di Maria Zolotkova e Stefano Serafini]

Il sito ufficiale russo del G8 (in inglese), che si terrà a Pietroburgo il prossimo Luglio.

Voto: 0.00 (0 voti) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
bunter24
Inviato: 13/3/2006 7:32  Aggiornato: 13/3/2006 7:32
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/9/2005
Da: Nebbiosa pianura padana
Inviati: 150
 Re: "L'egoismo energetico" è una via senza...
mmmhhhh sembra un ottimo discorso.. anche se Putin non mi convince del tutto.. sarò cinico... ma intravedo una lettura di questo tipo...
"..quei 2 miliardi di poveracci che non hanno energia a sufficienza .. se non gli diamo un contentino verranno a chiedere a noi ... quindi .. diamo loro l'energia di serie b - alternativa - e noi continuiamo a gestirci i nostri importantissimi idrocarburi.."

Sarà sicuramente dovuto al fatto che ho dormito poco e sono ancora confuso... ma sono l'unico a vedere del marcio in .. San Pietroburgo?

Di per se il discorso è un buon discorso... anche l'accenno all'ecologia, ma è credibile?
Un saluto a tutti.
Beppe


"Prima o poi arriva l'ora in cui bisogna prendere una posizione che non è né sicura, né conveniente, né popolare: ma bisogna prenderla, perchè è giusta."
Martin Luther King
Stefano
Inviato: 13/3/2006 8:32  Aggiornato: 13/3/2006 8:32
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/8/2004
Da:
Inviati: 344
 Re: "L'egoismo energetico" è una via senza...
Credo che il punto non sia la credibilità, ma la logica. Il sistema è allo sfascio. Di fronte a tale disastro, qualcuno dice: bombardiamo per garantirci le ultime risorse, non discutiamo il tenore di vita del nostro paese, non firmiamo neppure il protocollo di Kyoto. Dall'altra parte qualcuno fa un discorso diverso.

Saranno solo parole? Può darsi, senz'altro. Ma è già un inizio inaudito. E politicamente ha un significato enorme, che delinea non solo un profilo russo, ma anche venezuelano, e in prospettiva brasiliano, indiano, cinese e africano.

Ho deciso di curare questa traduzione sull'onda dell'incazzatura, dopo aver letto sulla Newsletter ufficiale del governo italiano (!) "Gov.it" l'editoriale di un oscuro direttore che dichiara: "lo zar Putin ricatta l'Europa" tagliando il gas "che dalla Siberia arriva nelle case europee". In pratica dai tempi della cortina di ferro non è cambiato niente e i russi (comunisti allora, sociali oggi) continuano a mangiare i bambini. L'Ucraina arancione e NATO può fotterci in piedi davanti a tutti, che la colpa sarà comunque di chi non la pensa come Bush.

Ciao,

Stefano

frankad
Inviato: 13/3/2006 8:57  Aggiornato: 13/3/2006 8:57
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: "L'egoismo energetico" è una via senza...
Saranno solo parole? Può darsi, senz'altro. Ma è già un inizio inaudito. E politicamente ha un significato enorme, che delinea non solo un profilo russo, ma anche venezuelano, e in prospettiva brasiliano, indiano, cinese e africano.

Ciao Stefano.
Ottima ed opportuna analisi, qualche nome in più in America del sud, già consolidato, qualcuno in arrivo, diversi nel Medio Oriente, non ultimo l'Iran.
Chissà perchè ho la convinzione che non siano affatto..parole al vento?

"..quei 2 miliardi di poveracci che non hanno energia a sufficienza .. se non gli diamo un contentino verranno a chiedere a noi ... quindi .. diamo loro l'energia di serie b - alternativa - e noi continuiamo a gestirci i nostri importantissimi idrocarburi.." Sarà sicuramente dovuto al fatto che ho dormito poco e sono ancora confuso... ma sono l'unico a vedere del marcio in .. San Pietroburgo?

Ciao Bunter24.

In movimenti "tellurici" di questa natura è azzardato cercare di ipotizzare in base a canoni consueti in questa nazione nella quale si parla di ben altro, nei mass media, che di cose serie. La tua ipotesi è fuori rotta, nel post di Stefano vi sono indicazioni che possono permettere di tracciare una prima linea. Ti consiglio attenzione nell'analisi, questi sono movimenti importanti.

Franco

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
bunter24
Inviato: 13/3/2006 10:59  Aggiornato: 13/3/2006 10:59
Ho qualche dubbio
Iscritto: 7/9/2005
Da: Nebbiosa pianura padana
Inviati: 150
 Re: "L'egoismo energetico" è una via senza...
Ciao a tutti,
Citazione:
La tua ipotesi è fuori rotta, nel post di Stefano vi sono indicazioni che possono permettere di tracciare una prima linea. Ti consiglio attenzione nell'analisi, questi sono movimenti importanti


Frankad... non hai idea di come sia contento per essere fuori rotta.
Grazie del consiglio.. rileggerò tutto con più calma.

Ste.. grazie del lavoro.



"Prima o poi arriva l'ora in cui bisogna prendere una posizione che non è né sicura, né conveniente, né popolare: ma bisogna prenderla, perchè è giusta."
Martin Luther King
XSD
Inviato: 13/3/2006 11:32  Aggiornato: 13/3/2006 11:32
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/2/2006
Da: Roma
Inviati: 279
 Re: "L'egoismo energetico" è una via senza...
Il discorso è buono. Putin non mi sta partricolarmente antipatico.

Ma come si è detto sopra, sono solo parole?

Ghilgamesh
Inviato: 13/3/2006 11:40  Aggiornato: 13/3/2006 11:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 27/10/2005
Da:
Inviati: 3001
 Re: "L'egoismo energetico" è una via senza...
Mmm...a me sembra il solito discorso in politichese.

Tante parole, nessuna proposta concreta.

Poi parlano di sistema di sicurezza energetico ...come se si riferissero solamente all'energia nucleare.

Crederò ad idee di cambiamento il giorno in cui mi scriveranno sui comunicati che vogliono puntare sul solare, sulle biomasse ...sistemi già noti ed efficenti.

Questa sembra una cosa stile trattato di kyoto (cioè inutile) fatta sotto regime.
(cioè, i paesi che vogliono l'energia, specie se nucleare...si devono adeguare ai parametri che stileremo io e i miei amici al prossimo g8)

Io che nun so nessuno conosco vagonate di energie alternative non inquinanti, loro che so a capo del mondo, ce stanno ancora a studià... che tristezza.

Parsifal
Inviato: 13/3/2006 11:54  Aggiornato: 13/3/2006 11:54
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/10/2005
Da: Monsalvat
Inviati: 359
 Re: "L'egoismo energetico" è una via senza...
Se ammettiamo che il pensiero di bunter sia condivisibile, ciò non toglie che il messaggio di putin sia arrivato a chiunque lo abbia ascoltato oppure letto.
Insomma, quello che dice il presidente russo corrisponde al vero, non importa allora a chi è destinato il messaggio, cosa essenziale è invece che chi ha le competenze necessarie per intervenire, è ora avvertito.


Nehmet hin meinen Leib,
nehmet hin mein Blut,
um unser Liebe willen!
Stefano
Inviato: 13/3/2006 11:59  Aggiornato: 13/3/2006 11:59
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/8/2004
Da:
Inviati: 344
 Re: "L'egoismo energetico" è una via senza...
Più che in rotta ci siamo rotti...

Il mio invito, a ogni modo, vuole essere: portiamo attenzione a quello che avviene in Russia, perché ha e avrà sempre più un ruolo enorme nel nostro prossimo futuro. Ma soprattutto: facciamolo, cercando le fonti russe, perché in Europa, e in Italia in particolare, vengono sistematicamente distorte e manomesse, e lo dico con cognizione di causa, visto che all'inizio, quando cominciai a interessarmene 8 anni fa, trasecolavo e non credevo alle mie orecchie pure io. Chi ha il satellite e capisce l'inglese può ad es. seguire i notiziari 24h di Russia Today. Non perché dicano la verità, ovviamente, ma perché rappresentano esattamente L'ALTRA CAMPANA che qui non si vuole fare ascoltare, e possono introdurre a una metà di Europa, a una metà della NOSTRA cultura che ci è stata negata per settant'anni.

E' interessante comunque che proprio dal paese ex sovietico, salassato in pochi anni da due svalutazioni stellari e da una privatizzazione che definire mostruosa è eufemistico, sorga una tendenza di moderazione dell'iperliberismo e di politiche sociali che in Europa ce le scordiamo.

Viene anche da osservare che senza i (molti) soldini del petrolio, e senza la tecnologia e la potenza militare, la classe politico-militare avrebbe potuto ben poco contro i rampanti poteri finanziari che avevano cominciato a rastrellare il ben di Dio materiale e geopolitico del paese-continente. E allora addio agli aumenti costanti degli stipendi e delle pensioni degli ultimi 8 anni, addio agli ospedali e alle scuole pubblici, e probabilmente finivano vendute in Israele o in USA pure le cupole del Cremlino. Un'Argentina al cubo.

Il punto è che lì, per la rabbia dei neocon, una scelta è stata fatta, e la fortuna è stata messa a frutto. Qui invece si è scelto di buttare tutto nel cesso. Così noi diventiamo sempre più America, i russi sempre più Europa.

Se non provvedono altrimenti lo sterminio nucleare, le rivoluzioni-a-colori, il terrorismo wahabita pagato da Londra, lo spionaggio con i sassi finti, l'accerchiamento NATO, le interruzioni dei gasdotti, la cacciata della flotta dal mar Nero, la pulizia etnica antirussa nei paesi ex fratelli, le balle dei media, ecc. ecc. - l'ultima speranza europea scrive insomma in cirillico.

Buone notizie: il governo di Mosca ha annunciato di aver tagliato importanti canali che portavano fondi dall'estero al terrorismo caucasico (ehm, ehm), proprio mentre Londra ammette di dover rivedere lo status di esiliato politico del miliardario Beresovskij, che si è fatto "sfuggire" di stare organizzando un colpo di stato in Russia... "per il bene della democrazia", naturalmente!

Ciao,

Stefano

fiammifero
Inviato: 13/3/2006 12:26  Aggiornato: 13/3/2006 12:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/2/2005
Da: ROMA
Inviati: 5691
 Re: "L'egoismo energetico" è una via senza...
Tempo fà avevo letto questo articolo di Giulietto Chiesa e collegando vari fatti che stanno succedendo in Russia tipo QUESTO o QUEST'ALTRO mi fanno fortemente dubitare della buona fede di Putin.

Citazione:
le cose di cui ci sentiamo assolutamente certi non sono mai vere (Oscar Wilde)
hombre
Inviato: 13/3/2006 12:58  Aggiornato: 13/3/2006 12:58
Ho qualche dubbio
Iscritto: 28/12/2005
Da: sud
Inviati: 100
 Re: "L'egoismo energetico" è una via senza...
Ho letto male o Putin da un lato vuole assicurare pari opportunità nell’accesso alle fonti energetiche e dall’altro strizza l’occhio alle fonti alternative?
Molti dubbi.

Perché augura l’utilizzo di fonti energetiche non tradizionali nei paesi in via di sviluppo, e non inizia invece da casa sua?
La Russia intende costruire circa 40 nuovi impianti nucleari per il 2030.
Usa e Russia, nel prossimo G8, discuteranno di una cooperazione tra le due potenze sul riprocessamento nucleare. Se va in porto, tale cooperazione opererà in regime di monopolio per quanto riguarda l’accesso al combustibile nucleare.
Saranno completamente eliminate Francia e Inghilterra (le uniche due nazioni europee che operano oggi sul riprocessamento).
http://www.bellona.no/en/energy/42156.html/

Infatti, se il nucleare aumenta, l’uranio finirà prima di 50 anni e il solo combustibile per far funzionare le centrali sarà quello riprocessato.
Una relazione del MIT 2003 (Università a favore del nucleare) dice che il riprocessamento è estremamente inquinante ed aumenta il costo dell’energia di 4 volte.
http://web.mit.edu/nuclearpower/

Alla faccia dell’egoismo e della tutela dell’ambiente.
Navi iper-militarizzate che porteranno in giro per il mondo uranio detenuto solo da due potenze, contaminando mari e terre.

Di buono c’è che torneranno di moda la pirateria e Sandokan, che mi stava simpatico.

fiammifero
Inviato: 13/3/2006 13:40  Aggiornato: 13/3/2006 13:40
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/2/2005
Da: ROMA
Inviati: 5691
 Re: "L'egoismo energetico" è una via senza...
Quando si dicono COINCIDENZE !

Citazione:
le cose di cui ci sentiamo assolutamente certi non sono mai vere (Oscar Wilde)
lamefarmer
Inviato: 13/3/2006 15:49  Aggiornato: 13/3/2006 15:49
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/9/2005
Da: vacu°u(m)
Inviati: 334
 Re: "L'egoismo energetico" è una via senza...
Oggi leggevo sul giornale degli scontri a Milano...

Mi hanno sorpreso, perché ero in centro e non mi sono
accorto praticamente di nulla...
Certo, gli scontri sono avvenuti lungo C.so Buenos Aires
tra Loreto e P.ta Venezia, non proprio "dietro"
P.zza Duomo; ma tanto é bastato perché una serie di altri "fatti"
"strani" abbiano poi finto per attirare la mia attenzione...

Tanto per cominciare, perché é stata autorizzata una manifestazione
di estrema destra?
Rircordavo qualcosa, tipo una certa illegalità di determinate manifestazioni,
non casuale, dato che questa repubblica nasce dalle ceneri di una dittatura.
Ma é probabile che il legislatore abbia di recente modificato tale
impostazione... Non sono un cittadino attento, quindi metto in conto
che la manifestazione fascista fosse tranquillamente autorizzabile
dall'amministrazione locale.

Allora mi chiedo, come mai non autorizzare i manifestanti della fazione opposta?

Ammetto che potevano esserci problemi di ordine pubblico,
ma a questo punto avrei formulato un divisorio temporale o spaziale,
tipo, oggi i fascisti domani i comunisti....

Osservando questo ed altri "piccoli" segnali,
ho come avuto l'impressione che gli scontri fossero "voluti", se non
proprio "costruiti" ad arte. Da una parte i manifestanti di destra, puliti
e compassati a cui viene chiesto cortesemente di abbassare almeno i vessilli
più "estremi" come certe bandiere a croce uncinata,
dall'alltra gli eterni "no global" (sempre più sinonimo di terroristi)
provenienti dai centri sociali (sempre più sinonimo di scuola per terroristi)
con bombe carta e caschi neri, a sfracellare le vetrine dei negozi dove
i "poveri bambini" del Mc Donald, scioccati e terrorizzati venivano intrappolati...

Ma chi mi dice che quei signori in caschi neri erano quelli che hanno arrestato?
Chi mi dice che erano dei "pazzi" di estrema sinistra?

Mi metto alla ricerca....
Tutti i link citati di indymedia dai vari notiziari,
dove la protesta armata dei
"brutti no global" sarebbe stata organizzata da mesi,
sono fisicamente introvabili (qualcuno qui riesce a recuperarli??)

Gli echi di una certa "Al Queda" mi rimbombano in testa... Un caso?!

Allora mi balena un nesso, una "fregatura globale"
che va sotto il nome più specifico di SICUREZZA.

Come per i partiti italiani (destra e sinistra) anche per i paesi,
Russia, Cina, e U.S.A si vede un filo conduttore comune che lega tutto assieme
e che sembra sempre in un modo e nell'altro l'Argomento con
la "A" maiuscola per i governanti... la SICUREZZA.

Sicurezza di che????
Sembra implicita la sicurezza del piccolo commerciante, che qui vediamo
stranamente legato allo stesso filo, allo stesso coerente e logico discorso...
Un bravo cittadino da difendere... DIFESA e SICUREZZA vanno di pari
passo, assieme alle sfilate dei POVERI POLIZZIOTTI...

Ok, non é bello per nessuno, nemmeno per un tuttore dell'ordine in
servizio, finire in ospedale... Ok, i "turbolenti" di estrema sinistra non sono
qui difesi per il comportamento tenuto... Ok, sono cosciente
che "certe cose non dovrebbero avvenire"....

Ma perché é così difficile porre attenzione al quadro generale??
Possibile che si perda di vista l'uso implicito dell'estremismo
tale per cui é possibile supporre un piano, o quantomeno uno sfruttamento
della situazione per ottenere altro?

Guardacaso da est a ovest, dagli USA alla vecchia europa,
ecco riaccendersi i focolai di rivolta locale, SEMPRE CON LE STESSE MODALITA':
- estremisti "esterni", terroristi e/o appartenenti a qualche etnia ribelle
- arrivano in posti tranquilli in occasione di determinate cadenze del calendario
- uccidono, devastano, saccheggiano senza ragione perché sono pazzi
- ciò che sappiamo di loro ci viene detto, ciò che vediamo ci viene fatto vedere
- qualunque cosa riguardi le loro azioni "scompare" magicamente dopo l'azione
- di loro rimangono solo le "dichiarazioni ufficiali"

Così un gruppo di sedicenti agitatori (qualche centinaio??) arriva a Milano,
e subito é accomunato ai "no-global", ai "centri sociali".... no-tav??
no-ponte sullo stretto?? no-iraq?? ....

Ognuno parla di se stesso, sempre e comunque
XSD
Inviato: 13/3/2006 16:37  Aggiornato: 13/3/2006 16:37
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/2/2006
Da: Roma
Inviati: 279
 Re: "L'egoismo energetico" è una via senza...
Citazione:
Tanto per cominciare, perché é stata autorizzata una manifestazione
di estrema destra?


Perchè non ce ne era motivo. Era stata già rimandata e il partito della Fiamma Tricolore ha accettato lo spostamento. Inoltre la manifestazione è di un partito riconosciuto e legale che non viola alcuna legge in quanto non ricostituisce in alcun modo il partito fascista (che è tutt'altra cosa rispetto ai vari Fiore, Tilgher, Mussolini etcetc.)

Citazione:
Allora mi chiedo, come mai non autorizzare i manifestanti della fazione opposta?


Per questione di ordine pubblico, come hai detto tu stesso. Inoltre nessun centro sociale ha fatto richiesta, che io sappia, per fare manifestazioni di alcun tipo. Secondo quanto ha testimoniato qualche ragazzo, si sono organizzati nei giorni precedenti anche tramite Internet

Citazione:
Osservando questo ed altri "piccoli" segnali,
ho come avuto l'impressione che gli scontri fossero "voluti", se non
proprio "costruiti" ad arte.


Beh da cosa lo deduci? Da quello che so non si sapeva nulla riguardo contromanifestazioni di tale portata.

Citazione:
Ma chi mi dice che quei signori in caschi neri erano quelli che hanno arrestato?
Chi mi dice che erano dei "pazzi" di estrema sinistra?


Le tesi riguardo una qualsiasi cospirazione di qualsiasi tipo sono sempre supportate da prove concrete o almeno vagamente dimostrabili tramite documenti, testimonianze, prove fisiche.

Questa tua deduzione è del tutto astratta e priva di fondamento.

E' come se dicessi che in realtà il gruppo di estrema destra che manifestava era composto da elementi di estrema sinistra che hanno organizzato apposta una manifestazione finta per poi trovare la scusa per distruggere tutto e creare caos...E' assurdo.

Citazione:
Così un gruppo di sedicenti agitatori (qualche centinaio??) arriva a Milano,
e subito é accomunato ai "no-global", ai "centri sociali".... no-tav??
no-ponte sullo stretto?? no-iraq?? ....


Sono daccordo con te che l'uso del termine No-global è diventato sinomiino di teppista fannullone.
Fatto sta che non giustifico in alcun modo le gesta "eroiche" dei "compagni" dei centri sociali che hanno dato fuoco ad autovetture e negozi.

Per favore cerchiamo di non sfociare nella paranoia.

Le tesi sulle cospirazioni ci stanno e sono supportate da prove. Non facciamoci prendere dalla foga del "aaah ecco lo sapevo che sono tutti contro di noi e che è tutto un magna magna" per trovare in ogni evento il frutto di macchinazioni massonico/dittatoriali/neoconservatrici.

Redazione
Inviato: 13/3/2006 19:03  Aggiornato: 13/3/2006 19:03
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: "L'egoismo energetico" è una via senza...
Non conosco i dettagli dei fatti di Milano, e quindi non sono in grado di prendere posizione. Mi sembra però che Lamefarmer faccia un discorso tutt'altro che vago, anche se è lui il primo ad ammettere di non avere prove, ma solo sospetti. Se è vero che non abbiamo prove, abbiamo sempre il nostro cervello a disposizione, e se uno più uno continua sempre a fare due …

Quello che Lamefarmer cerca, mi sembra, è una LOGICA all'interno dei fatti, e quando quella quadra, è molto più potente di mille prove concrete. Non ci porti in tribunale nessuno, d'accordo, ma almeno SAI con certezza. E già quello non è poco.

fiammifero
Inviato: 13/3/2006 19:08  Aggiornato: 13/3/2006 19:08
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/2/2005
Da: ROMA
Inviati: 5691
 Re: "L'egoismo energetico" è una via senza...
Massimo su questo Forum trovi notizie più precise.

Citazione:
le cose di cui ci sentiamo assolutamente certi non sono mai vere (Oscar Wilde)
Farvatus
Inviato: 13/3/2006 20:43  Aggiornato: 13/3/2006 20:43
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/4/2005
Da: Torino
Inviati: 220
 Re: "L'egoismo energetico" è una via senza...
Tutti bei concetti e parole a modo, peccato che basta guardare chi le ha scritte per disilludersi rapidamente. La Russia gioca ormai da tempo sul tavolo della politica internazionale e globale cercando di ricavarsi un ruolo che con la fine del patto di Varsavia ha perso: queste parole sono solo parte di una strategia ben precisa e che mostra come l'ingenuità della guerra fredda, si stia abilmente e gradatamente trasformando in astuta e necessaria furberia.
Putin è un uomo astuto, un moderno zar del nuovo corso storico della russia, che non avendo più l'incredibile potenziale militare del passato cerca di giocare a risiko con le carte che ha, cioè risorse energetiche, manovre politiche, alleanze e vendita di armi a paesi terzi in genere avversari del vecchio nemico americano.
Con un mondo che si sta di nuovo inesorabilemente dividendo in due tra occidente e oriente, la russia ha già fatto la sua scelta di campo, cioè l'unica che può fare. Io personalemtne la russia in europa proprio non ce la vedo, alleata degli americani meno ancora, restano di fatto solo india e in primis Cina.
Ricordo che la russia non possiede attualmente un sistema di prima allerta, nel caso di attacco nucleare strategico, per incredibile che sia i russi si affidano al Norad americano per l'Early Warning; una situazione del genere non può certo aggradare a Putin. Quindi malgrado la cina sia comunque un vicino scomodo, sicuramente è un partner più affidabile e meno pericoloso, di quello oltreoceano che potrabbe in qualsiasi momento mettere i propri missili in preriscaldamento e senza che nessuno se ne accorga incenerirti con tutto comodo e addio Rodina.
Uno che secondo me non ha mai creduto all'11 settembre è proprio Putin, soprattutto quando si è accorto che gli "yankee" hanno messo basi militari tutto attorno a lui. Non a caso cerca di salvare l'Iran dalle bombe americane anche se con poco successo, visto che l'iran non desidera affatto essere salvato.
Con l'Europa ormai moribonda e divisa sul nascere e con una Cina sempre più affamata di risorse e aggressiva, che ricordo ha appena annunciato che in un futuro prossimo formerà la propria rete internet alternativa sotto suo totale controllo, la deriva ad oriente si fa inevitabile.
Logico che Putin giochi su più tavoli, paventando come in quest'articolo un ruolo da politico "illuminato" esponendo posizioni demagogiche guarda caso contrarie a quelle americane, proponendo fonti energetiche alternative mentre dall'altra tagli le forniture di gas ai paesi europei per dirottarle verso oriente.
Scusate ma come può un Tiranno il cui potere si regge sulle fonti energetiche tradizionali venire a parlare di fonti alternative, di paesi poveri e via dicendo.
Ma signori ma non facciamo i bambini... Se pensate che uno come Putin vi salvi il culo dai casini che abbiamo, sparatevi in bocca, che fate prima.

"In un certo senso tutto il nostro universo è tempo, è irreversibilità. Però il tempo emerge da una realtà eterna che è il vuoto." Ilya Prigogine
XSD
Inviato: 13/3/2006 21:02  Aggiornato: 13/3/2006 21:02
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/2/2006
Da: Roma
Inviati: 279
 Re: "L'egoismo energetico" è una via senza...
Citazione:
Non conosco i dettagli dei fatti di Milano, e quindi non sono in grado di prendere posizione. Mi sembra però che Lamefarmer faccia un discorso tutt'altro che vago, anche se è lui il primo ad ammettere di non avere prove, ma solo sospetti. Se è vero che non abbiamo prove, abbiamo sempre il nostro cervello a disposizione, e se uno più uno continua sempre a fare due …

Quello che Lamefarmer cerca, mi sembra, è una LOGICA all'interno dei fatti, e quando quella quadra, è molto più potente di mille prove concrete. Non ci porti in tribunale nessuno, d'accordo, ma almeno SAI con certezza. E già quello non è poco.


Guarda la logica a mio parere si basa su fatti. Io faccio 1 + 1 = 2 perchè ho un 1 ed un 1. Se no vado a sommare il niente.

Ora le supposizioni che ha fatto lui, sono e rimangono supposizioni frutto della sua fantasia...Non ha dedotto nulla. Ha supposto in base a niente.

Ti ripeto, rileggi bene ciò che ha scritto: anche io posso supporre che la manifestazione di destra era un pretesto organizzato dai centri sociali per creare disordine, ma mi baso sulla mia fantasia. Faccio supposizioni che nascono così dal nulla.


Attenzione perchè così si cade nella paranoia e si perde anche di credibilità....

Santaruina
Inviato: 13/3/2006 21:23  Aggiornato: 13/3/2006 21:23
Sono certo di non sapere
Iscritto: 13/10/2004
Da: Sud Europa
Inviati: 5123
 Re: "L'egoismo energetico" è una via senza...
Le tesi riguardo una qualsiasi cospirazione di qualsiasi tipo sono sempre supportate da prove concrete o almeno vagamente dimostrabili tramite documenti, testimonianze, prove fisiche.

Non so se vale come “prova”, ma fa riflettere...
Dall’archivio:

“...molte associazione che lottano contro la globalizzazione come Attac (no global francesi) o la Confédération paysanne di José Bovè vedono al loro interno molti nostri fratelli[...]
Bernard Cassen (fondatore e leader di Attac) è regolarmente invitato dalle loggie del Grande Oriente, da noi è sempre il benvenuto.
Molti nostri fratelli stanno con José Bové: certamente non per smontare i Mc Donald’s!”.


Alain Bauer, Gran Maestro del Grande Oriente di Francia (GODF), intervista pubblicata sul numero del 12 dicembre del 2003 della rivista “Le Nouvel Observateur”.
_________


Massoneria in “ottimi rapporti” con i leader dei no global.

Qualcosa non quadra.

Comunque, non bisogna essere eccessivamente “complottisti” per capire che per screditare un movimento potenzialmente pericoloso per le elites il metodo migliore è infiltrarlo dall’interno per farlo degenerare.

In seguito il cittadino “spaventato” vedrà in modo più positivo quel potere a cui gli “esagitati” dicono di opporsi.
Così si spiegano i vari Bovè, Casarini, Caruso e Agnoletto.
Loro compito è far pensare al “cittadino” comune: “Piuttosto che loro meglio la polizia che ci protegge”.

E direi che ci riescono bene.

Blessed be

-o- Ama e fa' ciò che vuoi -o-
BRASA
Inviato: 13/3/2006 21:38  Aggiornato: 13/3/2006 21:38
Mi sento vacillare
Iscritto: 28/8/2005
Da: 1600 Pennsylvania Avenue NW Washington, DC 20500
Inviati: 442
 Re: "L'egoismo energetico" è una via senza...
farvatus said:
Citazione:
Uno che secondo me non ha mai creduto all'11 settembre è proprio Putin

gli 'altri' si??

Citazione:
Scusate ma come può un Tiranno


quelli che Qui vengono descritti come Tiranni sono di solito manna dal cielo per le loro genti, mentre quelli che vengono descritti come Liberatori sono quelli che fregano alla grande a casa loro! che ha fatto putin di così male che gli altri politici non han fatto? cerca di rimettere in sesto la russia ai danni delle corp. occidentali che pensavano che il territorio russo fosse un discount?


gilgamesh said:
Citazione:
Mmm...a me sembra il solito discorso in politichese.

parsifal said:
Citazione:
Insomma, quello che dice il presidente russo corrisponde al vero


vero. tutto quello che dicono i politici corrisponde al vero.
anche condy rice ieri (o l'altroieri?) ha detto: l'iran oggi come oggi è il più grande pericolo per gli stati uniti d'america. qualcuno può dimostrare che abbia detto il falso??


per qnt riguarda il tema principale dell'articolo, se si volesse parlare veramente di energia perchè non citare questa?



xds said:
Citazione:
Guarda la logica a mio parere si basa su fatti. Io faccio 1 + 1 = 2 perchè ho un 1 ed un 1. Se no vado a sommare il niente.


è fuori topic e perciò non mi dilungo ma facciamo presente che la logica a volte segue altre 'prove'!
ad esempio i risvolti portati da determinati avvenimenti. per farla breve: inj tribunale il principale sospettato è colui che trae beneficio da un fatto.
ora, dire che la sinistra abbia tratto beneficio da questo fatto..

ispirazione e visione sono in se stesse il fine ed il risultato
XSD
Inviato: 13/3/2006 22:18  Aggiornato: 13/3/2006 22:18
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/2/2006
Da: Roma
Inviati: 279
 Re: "L'egoismo energetico" è una via senza...
Citazione:
“...molte associazione che lottano contro la globalizzazione come Attac (no global francesi) o la Confédération paysanne di José Bovè vedono al loro interno molti nostri fratelli[...]


Questo è un fatto.
Su un fatto posso ragionare e tramite logica arrivare a delle conclusioni.

Citazione:
ad esempio i risvolti portati da determinati avvenimenti.


I risultati portati da determinati avvenimenti sono fatti che non possono determinare niente che sia accaduto prima degli avvenimenti stessi.

Se dico "il mattone arrivatomi sul piede mi ha fatto un male cane" tu non puoi dedurre nè che il mattone me l'abbiano tirato sul piede nè che ci sia caduto per caso.

Questo tipo di deduzioni si fanno partendo da fatti precedenti all'avvenimento in questione.

Dato che è una discussione OT nel caso c'è l'e-mail o il mio blog così non continuiamo discorsi che non riguardano il topic.

Liocorno
Inviato: 14/3/2006 2:20  Aggiornato: 14/3/2006 2:20
Ho qualche dubbio
Iscritto: 2/1/2006
Da: Puglia
Inviati: 49
 Re: "L'egoismo energetico" è una via senza...
Debbo dire che a me Putin sta passabilmente simpatico: sarà per la sua aria dimessa da ex burocrate del KGB, sarà per i lineamenti slavi, sarà perché ha impedito che lo stato russo fosse venduto a pezzi del tutto.
Non credo sia un angelo (è pur sempre uomo di nomenklatura) ma mi piace, ha quel certo jenesaisquoi che attrae, anche se dimesso.
A me perlomeno.
Che kioto non sia servita che a poco (qualcuno dice a niente) mi sembra una grande verità.

Ma è un segnale.

Un segnale che in qualche modo "la grande abbuffata" è finita, che i grandi mutamenti climatici sono arrivati nella stanza dei bottoni, dove è proibito vedere se non con le lenti pittate di rosa...

Adesso arriva il grillo parlante e dice cose sensate, cose che non s'inventano.

Una ventina di anni fa mi colpì il fatto che un sacerdote rispettabilissimo mi dicesse:
"Guardati dagli americani, non hanno storia. i russi, almeno, sono in piedi dal 900 d.c"
Hanno un vissuto, non debbono inventarsi un passato: sono Europei.

E, aggiungo io, sanno cosa significhi avere un Impero...
Tanto vero che lo hanno conservato dopo una bufera di proporzioni catastrofiche.
(con questo non voglio dire che siano tutti angeli...).

http://liocorno.googlepages.com

<<Una persona stupida e’ una persona che causa un danno ad un'altra persona o ad un gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per se’ od addirittura subendo una perdita.>>
<<Partire verso una m...
Stefano
Inviato: 14/3/2006 11:16  Aggiornato: 14/3/2006 11:16
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/8/2004
Da:
Inviati: 344
 Re: "L'egoismo energetico" è una via senza...
Caro Farvatus,

tu scrivi: "Ricordo che la russia non possiede attualmente un sistema di prima allerta, nel caso di attacco nucleare strategico, per incredibile che sia i russi si affidano al Norad americano per l'Early Warning".

Puoi fornire le fonti di questa notizia, che mi risulta del tutto priva di fondamento? Parte della prima allerta antimissilistica è stanziata in Ucraina. La NATO vuole farla togliere, e questo può diventare un casus belli. Ma dire che la prima allerta russa si basi sul Norad mi pare fantascientifico.

Che le posizioni esposte da Putin siano contrarie a quelle americane non è un caso. E' un "caso", piuttosto, che non le abbiano i nostri governanti, simili posizioni.

E' per questo "caso" che molti non si rendono conto di quanto sia europea la cultura e la vocazione russa; sempre per questo "caso" ci si dimentica che mentre gli americani "liberatori" perdettero 300.000 uomini per "liberarci", fu la Russia, con i suoi 20 milioni di vittime, a pagare il prezzo più caro e ad arrestare realmente il Reich. Ma basterebbe leggere un po' di letteratura, da Dostoevskij alla Achmatova per capire quanto sia vicino a noi un popolo martoriato che ha pagato per tutti.

Quanto al Tiranno: confrontando come sono stati eletti Bush e Putin (modalità e voti), gli effetti delle due elezioni sulle condizioni dei rispettivi paesi, le opinioni dei due popoli... credo che ricadiamo ancora nella fantascienza (o meglio negli effetti di intossicazione da massmedia)!

Ciao,

Stefano

winston
Inviato: 14/3/2006 19:56  Aggiornato: 14/3/2006 20:24
Mi sento vacillare
Iscritto: 30/10/2005
Da: Eurasia
Inviati: 392
 Re: Vladimiro
Aneddotica:
VLADIMIRO E' la forma slava dell'antico nome tedesco Waldomar e significa "celebre re". E' usata anche la forma Valdemaro. L'onomastico è tradizionalmente festeggiato il 15 luglio in ricordo di San Vladimiro, detto "Isapostolo" principe russo di Kiev, evangelizzatore della Russia e patrono della stessa.
Omonimi nostrani: il migliore, tristo, &, energeticamente Picciafuochi, attore.


Una figura enigmatica... Che però parla in modo sensato...

"Chi controlla il presente controlla il passato, chi controlla il passato controlla il futuro" Orwell, 1984
lamefarmer
Inviato: 15/3/2006 0:11  Aggiornato: 15/3/2006 0:11
Mi sento vacillare
Iscritto: 23/9/2005
Da: vacu°u(m)
Inviati: 334
 Re: "L'egoismo energetico" è una via senza...
Grazie Fiammifero,
il link mi ha dato i riferimenti che mi mancavano...

Ad ogni modo, mi sembra che XSD abbia mancato
il senso del mio POST.

In verità non volevo scendere nel dettaglio dei fatti di Milano,
non era quello lo scopo, erano solo un punti di partenza,
uno spunto preso dalla "prima impressione" che i fatti mi avevano
dato, in un quadro più complesso che non solo "i fatti di Milano".

Semplicemente questa mattina ho aperto il giornale (Il Giorno)
e dopo aver letto l'articolo, sono andato sul sito del Corriere
(un altro QN) a vedere cosa scriveva il Corriere di questi fatti.
Poi ho letto altri articoli, come sempre avidi di dettagli...

Quando ho letto il POST di MM, ho fatto lavorare la logica
in un contesto che non era "i fatti di Milano" ma che vedevo parte
di un insieme, di una politica, di una strategia coerente e globale.

Se infatti possiamo fare i pignoli su ogni singolo fatto (tenendo conto
che le fonti sono in maggior parte filtrate e quelle che rimangono non
sono certo il massimo) sul quadro di insieme non c'é IL NIENTE
come dici tu. Se vedi IL NIENTE, mettiti un paio di occhiali spessi,
perché si tratta di un NIENTE piuttosto vistoso.

Facciamo i conti. La giunta di Milano é di destra e vicina a quelle forze
(economiche) che da sempre militano a destra. Si vede bene
da cosa viene finanziato e come (un esempio: "la scala").
Da sempre Albertini é contro tutto ciò che "odora" anche solo da lontano
di "sociale", almeno che non sia "ricco" (molto ricco).
Una mostra improvvisata, di qualche fotografo, a Palazzo Reale,
può costare tranquillamente 8 € (un furto).

Quindi niente di soprendente se:
a. viene acconsentita e vista e bene una manifestazione di dichiarati (e orgogliosi)
"razzisti". Niente di male, tutti hanno il diritto di manifestare le proprie idee,
ma é il modo in cui sono presentati da media a "stonare", anche quelli che
si sono appena schierati pubblicamente a sinistra....
b. apparentemente (ma tu lo confermi) l'amministrazione non ha tenuto conto delle potenziali
reazioni sociali che questa manifestazione (ovviamente) era destinata a scatenare...

Tu vedi SUPPOSIZIONI, io ho parlato di SICUREZZA.
E non mi sembra che tu abbia citato proprio QUESTO argomento,
che é secondo me la chiave interpretativa, per legare un contesto locale
come quello di Milano, a un contesto più generale, come i recenti fatti
in Francia, l'11 settembre, i fatti in Russia...

In tutti questi episodi la reazione politica é sempre volta a "rincorrere" una
situazione di "sicurezza violata", dove la "sicurezza" in realtà finisce sempre per
indicare responsabilità dal sapore "artefatto".
E' come se O PER SFRUTTARE CONDIZIONI CONTINGENTI o proprio costruendo
a tavolino quelle condizioni, si finisca per creare una condizione di INSICUREZZA
che poi deve per forza essere risolta con soluzioni pronte ed efficaci....

Non scordiamo che Putin é un ex agente KGB, che c'é una sospetta forte collusione
delle destre italiane con i poteri forti della mafia siciliana (provenzano),
che i Bush sono anche una famiglia economicamente legata ai Laden e al petrolio,
che Scirac (spero si scriva così) é pesantemente sospettato di corruzione
di suoi stessi connazionali, e si potrebbe andare avanti così, in un quadro
internazionale che non é affatto confortante per un tema come LA SICUREZZA,
eppure sono proprio quelli che più sono "collusi" con i poteri oscuri,
a parlarne....

Ovviamente é sospettabile che non sia un "singificato" equivalente a
quello che la gente comune darebbe....

Io temo proprio questo XSD, quelle soluzioni "rapide", che dicono "li c'é il brutto cattivo,
lapidiamolo!!".

Ma non sono SUPPOSIZIONI, sono ciò che vedo: la strada che
sembrerebbe sia stata imboccata da questa epoca storica....

Ognuno parla di se stesso, sempre e comunque

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA