Informazioni sul sito
Se vuoi aiutare LUOGOCOMUNE

HOMEPAGE
INFORMAZIONI
SUL SITO
MAPPA DEL SITO

SITE INFO

SEZIONE
11 Settembre
Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego.
 American Moon

Il nuovo documentario
di Massimo Mazzucco
 Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
 Menu principale
 Cerca nel sito

Ricerca avanzata

TUTTI I DVD DI LUOGOCOMUNE IN OFFERTA SPECIALE


politica italiana : La straordinaria evoluzione della democrazia
Inviato da Linucs il 13/2/2006 8:10:00 (4348 letture)

di Linucs

Prima si votavano semplicemente i cosiddetti rappresentanti, in base alle proposte del programma.

Ora invece siamo arrivati alla rappresentanza fisica: le quote rosa, in modo che le donne possano rappresentare le donne (la quota garantisce che raccolgano voti, perché non possiamo fidarci del fatto che ogni donna voti la candidata corrispondente), il transessuale per difendere i diritti dei transessuali, l'immigrato per difendere i diritti degli immigrati, la lesbica per difendere i diritti delle lesbiche, l'omosessuale a tutela dei diritti degli omosessuali: ognuno difende un diritto diverso, e non più di uno altrimenti ci sarebbe una pericolosa invasione di campo. L'arabo difenderà i diritti degli arabi, il cinese ...

... rappresenterà i cinesi, e così via: questo, normalmente, si chiama razzismo e discriminazione, in quanto si concede per scontato che l'arabo non difenderà i diritti del cinese, e il cinese non difenderà quelli del transessuale, e il transessuale se ne sbatterà dei diritti dei padri divorziati e ridotti alla bancarotta. Poco importa che questa gente abbia la minima idea di come governare: l'importante è che ci sia rappresentanza, variopinta e colorata. E più sarà variopinta e colorata, maggiore sarà la garanzia di essere governati in modo equo e solidale. Bene o male non importa, l'importante è riconoscersi nel grande specchio del Parlamento. L'immigrato nigeriano con passaporto israeliano, omosessuale, figlio di padre cinese e madre uruguaiana, probabilmente si troverà in difficoltà durante il voto, ma tant'è: sarà uno dei pochi che voterà in base al programma, e sia lodato per questo.

Ecco allora le quote rosa al 50%. Poi però ci vorrà la quota per i transessuali (percentuale da quantificare), quella per gli omosessuali, quella per gli immigrati (ciascuna variante con la sua piccola quota), eccetera. Magari potremmo calcolare le quote in base alle percentuali rispetto alla popolazione! Ma questo non sarà ancora sufficiente a garantire un'equa rappresentanza a ciascuno. Suggerisco allora di distribuire alla cittadinanza delle schede prestampate in base alle quote stabilite da una commissione, presidiata da una ONG: in questo modo ciascuno sarà certo di votare in modo equo e corretto, senza alcuna discriminazione.

Ovviamente questa linea di ragionamento ci suggerisce che ciascun gruppo, sottogruppo o special interest operi unicamente nel proprio ristretto interesse, legittimando quindi per via istituzionale il più becero egoismo di clan, la discriminazione assortita e la percezione del "diverso" come mondo a parte, avverso e nemico.

Ci sarebbe poi un particolare gruppo per il quale non si dovrebbe applicare alcuna quota, nella speranza che scompaia spontaneamente nel nulla: all'attento lettore l'arduo compito di trovarlo.

Linucs


Voto: 10.00 (1 voto) - Vota questa news - OK Notizie


Altre news
28/11/2015 10:00:00 - Il nuovo sito è pronto
26/11/2015 19:40:00 - Fulvio Grimaldi a Matrix
24/11/2015 11:00:00 - Caccia russo abbattuto dai turchi
22/11/2015 20:20:00 - Ken O'Keefe: "ISIS = Israeli Secret Intelligence Service"
21/11/2015 21:00:00 - L'uomo che uccise Kennedy
19/11/2015 19:00:00 - La solitudine
18/11/2015 21:21:31 - Vladimir Putin - conferenza stampa al summit del G20
17/11/2015 13:50:00 - Dopo Parigi
15/11/2015 22:30:00 - Commenti liberi
14/11/2015 9:40:00 - À la guerre comme à la guerre
13/11/2015 23:00:00 - Nuovi attentati a Parigi
11/11/2015 19:50:00 - Atleti russi dopati, brutti e cattivi
10/11/2015 19:30:00 - Fini, Grillo, Travaglio - e il giornalismo che non fa i conti con sé stesso
9/11/2015 18:30:00 - "Bag it!" Documentario (Ita)
8/11/2015 9:09:03 - Commenti liberi

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.
Autore Albero
frankad
Inviato: 13/2/2006 8:56  Aggiornato: 13/2/2006 11:40
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 10/10/2005
Da: ICHNOS
Inviati: 1921
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
Grande Linucs, complimenti

Giacchè il razzismo e ben altro esistono eccome, almeno mi si riaccenderebbero le speranze di poter partecipare ad una vita politica attiva, ho sembre pensato che i colori del carnevale ben si addicano alle tetre strutture lignee del parlamento, occupate dai TETRI parlamentari. Il carnevale è ciò che per primo mi viene in mente quando sento o vedo azioni dei nostri pagliacci, del resto. E vai, tutto torna.

Ci sarebbe poi un particolare gruppo per il quale non si dovrebbe applicare alcuna quota, nella speranza che scompaia spontaneamente nel nulla: all'attento lettore l'arduo compito di trovarlo

Non ce l'avrai con i nostri beneamati "rappresentanti" e/o politici, vero?

F.

La democrazia è il sistema perfetto per tenere mansueti e silenziosi i cittadini, facendo loro credere di possedere un potere di scelta che in realtà non hanno e non hanno mai avuto.
Supernova
Inviato: 13/2/2006 9:06  Aggiornato: 13/2/2006 14:14
Ho qualche dubbio
Iscritto: 1/1/2006
Da:
Inviati: 156
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
Spero che si riferisca alla quota dei pregiudicati

Non vi è differenza fra illusione e realtà per chi la sta vivendo.
Ivy
Inviato: 13/2/2006 9:39  Aggiornato: 13/2/2006 9:39
Mi sento vacillare
Iscritto: 25/7/2005
Da: Cantù [VAAAAAAAAAAAAAAA BENE!]
Inviati: 335
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
Io da donna sono assolutamente contraria alle quote rosa...
Questo concetto, espresso benissimo nell'articolo, dimostra secondo me che ci si considera proprio idioti in Italia...
Io non voto una donna in quanto donna, ma la voto se mi dimostra di avere un programma, delle idee, etc, e lo stesso vale per altri tipi di discriminazioni, quali quella razziale o sessuale.

We live in the age of the overworked, and the under-educated; the age in which people are so industrious that they become absolutely stupid. Oscar Wilde
hi-speed
Inviato: 13/2/2006 10:28  Aggiornato: 13/2/2006 10:28
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/12/2004
Da: preda lunga
Inviati: 3211
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
Io candiderei una rappresentanza in parlamento, con quota minima al 60%, di incazzati antimassoni per rappresentare le vere menti illuminate, cioè le persone oneste ed i loro diritti.
hi-speed

Cosa Sta Succedendo? Madre, madre Ci sono troppi di voi che piangono Fratello, fratello, fratello Ci sono troppi di voi che stanno morendo Sai che dobbiamo trovare una maniera Per portare un pò di amore qui oggi
Krya
Inviato: 13/2/2006 10:34  Aggiornato: 13/2/2006 10:34
Mi sento vacillare
Iscritto: 22/8/2005
Da: Toscana
Inviati: 438
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
Io rappresento e difendo qualcosa, stessa cosa la fai tu, la facciamo noi , la fanno gli altri.
Io sono, di principio, contro ogni difesa non intelligente, ma basata solo sulla similitudine, sulla geometria spicciola, ma prendo sempre più atto che il solo è proprio 1 come possibilità e come tutela, quindi non condivido, ma non mi meraviglia affatto la mentalità delle quote, è solo una risposta impura alla necessità di appartenenza, fortissima oggi in una società spaccata e violata neli suoi valori etici più alti.
Razza-popolo-nazione-circolo-forumisti-velisti-scalatori che altro sono se non una risposta, una ricerca di comunione di qualcosa comune in cui nascondersi, del resto non viviamo nell'era dell'oro, dove il lupo non mangia l'agnello.

Il problema non sono le quote, ma.... "scoprire sotto ogni virtù il vizio che la origina, la paura inconfessata che la genera e la debolezza che si vuole nascondere" Nietzsche.

Riccardo

Ci sono crimini peggiori del bruciare libri, uno di questi è non leggerli. (brodsky)
tccom
Inviato: 13/2/2006 11:00  Aggiornato: 13/2/2006 11:00
Mi sento vacillare
Iscritto: 3/11/2005
Da: civitavecchia
Inviati: 903
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
e grande Linucs!!!
che invece di pontificare in maniera criptica e scostante, tira fuori un gran bell'articolo!!!
Ovviamente mi trovo d'accordo su tutta la linea e azzardo la soluzione dell'indovinello:
non saranno mica i politici...rappresentanti di qualsiasi razzismo ovviamente!

...gli Stati Uniti non ci hanno guadagnato nulla dall'11 settembre (c'è bisogno di dirlo?)...[].... Ragioniamo: chi ci guadagna quando piove? i produttori di ombrelli. Da questo si deduce che i produttori di ombrelli controllano la pioggia.
Santaruina
Inviato: 13/2/2006 11:26  Aggiornato: 13/2/2006 11:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 13/10/2004
Da: Sud Europa
Inviati: 5123
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
Linucs svela senza pudori i “segreti” del sistema “democratico”…

Personalmente credo che dal momento che i vari programmi dei vari schieramenti “si somigliano molto”, o meglio “evitano di toccare” le questioni veramente importanti, tanto vale che chi è deciso ad esprimere la sua preferenza democratica dia il suo voto al rappresentante che più gli sta simpatico, o che appartiene al suo “gruppo umano”.

A me la questione delle “quote” pare una semplificazione a favore dell’elettore.

Se è vero infatti che chi vota senza consultare i programmi è un “qualunquista”, chi prima di votare i programmi se li legge attentamente non verrà mai risarcito del tempo che in questa assurda attività ha perduto.

Se dovessero mettere anche la quota dei “metallari”, con rappresentanti che si impegnano ad aumentare la quantità di concerti metal in ogni città, forse è la volta buona che torno anche io a votare.

Blessed be

-o- Ama e fa' ciò che vuoi -o-
Ashoka
Inviato: 13/2/2006 11:37  Aggiornato: 13/2/2006 11:38
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
Citazione:
Se è vero infatti che chi vota senza consultare i programmi è un “qualunquista”, chi prima di votare i programmi se li legge attentamente non verrà mai risarcito del tempo che in questa assurda attività ha perduto.


Mah a sentir qualcuno chi consulta i programmi, li legge attentamente e guarda oltre le righe di politichese.. e decide di non votare... è un nichilista :)

e allora W il ritiro immediato delle truppe dall'Iraq .... quando l'Inter vincerà lo scudetto

e il fondo garantito dallo Stato (alias le nostre tasse) per le coppie che vogliono comprare casa ma sarà a tasso fisso o un bel tasso variabile così il mutuo ventennale si trasformerà in un bel prestito "garantito dal proprio corpo" in pieno stile Atene presoloniana?

tanto x dirne due...

Ashoka

P.S. Se vogliamo le quote che rappresentino il paese perché non una bella mega estrazione in stile Atene periclea (arconti e magistrati all'epoca (ma non gli strateghi), parlamentari oggi..) ci penserà la statistica a fare il resto..

pierone
Inviato: 13/2/2006 12:51  Aggiornato: 13/2/2006 12:51
Ho qualche dubbio
Iscritto: 14/10/2005
Da:
Inviati: 299
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
Condivido la sostanza dell'articolo.
E' un problema che per ora non si pone, in quanto non si è fatto in tempo a far approvare le "quote rosa" da entrambi i rami del parlamento.
Anche se l'idea fosse diventata legge, non avremmo avuto effetti pratici:
- si tratterebbe di imporre ai partiti di inserire nelle liste dei candidati il 50% di donne;
- queste potrebbero non essere elette;
- con la nuova legge elettorale proporzionale (gli elettori non votano i candidati ma solo i partiti, gli eletti sono individuati dall'ordine in cui i partiti hanno inserito i candidati nelle liste), un partito che intendesse non far eleggere alcuna donna potrebbe tranquillamente inserite il 50% di candidati uomini ai primi posti e le donne in coda;

Penso che sarà possibile eleggere più donne solo se queste riusciranno ad imporre il loro peso politico (sono oltre la metà degli elettori).
Uguale discorso deve valere per tutte le minoranze, fermo restando che un parlamentare una volta eletto non deve perseguire esclusivamente gli interessi del gruppo sociale al quale appartiene.
Tutto il resto è inutile e penosa propaganda

spettatore
Inviato: 13/2/2006 12:51  Aggiornato: 13/2/2006 12:51
Mi sento vacillare
Iscritto: 15/11/2004
Da:
Inviati: 883
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
Ottimo articolo linucs! Condivido pienamente. Se qualcuno, dopo averlo letto, non provasse un leggero senso di nausea per la cabina elettorale...allora vuol dire che ha lo stomaco forte per affrontare il governo che verrà !! (Da dieci anni il mio non regge più alle elezioni....burp....avete visto? Solo a nominarle......)


Lo spettatore

Citazione:
Non metterti a discutere con un idiota. La gente potrebbe non accorgersi della differenza.
Zenzero
Inviato: 13/2/2006 14:35  Aggiornato: 13/2/2006 14:35
So tutto
Iscritto: 18/1/2006
Da:
Inviati: 1
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
Il bel Paese è sempre stato diviso e corporativista, non comprendo la sorpresa di avere "rappresentanti" di ogni corporazione. L'unica corporazione che pare latitare o mancare quasi completamente è quelle delle persone oneste e per bene, che al mattino si alzano presto e vanno a lavorare per un migliaio di euro al mese quando va bene. La democrazia è in qualche modo la rappresentazione di un modo di vivere di un paese e dei suoi cittadini. Ci vien chiesto di "scegliere" i nostri rappresentanti al Parlamento tra coloro che sono gia stati "scelti" da altri per noi, ed il tutto diventa d'incanto, solo una gara a chi raccoglie maggior consenso, senza preoccuparsi del benessere di tutti. E quando arriva la sera "finale" qualcuno di noi si sentirà sollevato dal fatto che i propri rappresentanti (ma di che poi...) hanno "vinto" ed altri saranno rammaricati per la "sconfitta". Ma questa è una partita in cui in realtà i vincitori sono già scritti e la maggioranza è solo sconfitta. La vera vittoria la otterremo solo quando il benessere e la tecnologia sarà qualcosa di raggiungibile per tutti e non per pochi "eletti", la otterremo solo quando potremo davvero dire la nostra su tutto e quando coloro che abbiamo "eletto" si sentiranno meno "eletti" e più cittadini.
Saluti.

Paxtibi
Inviato: 13/2/2006 14:51  Aggiornato: 13/2/2006 14:52
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
L'unica corporazione che pare latitare o mancare quasi completamente è quelle delle persone oneste e per bene, che al mattino si alzano presto e vanno a lavorare per un migliaio di euro al mese quando va bene.

I maschi bianchi occidentali eterosessuali, in special modo i padri di famiglia.
Ovviamente, sulle loro spalle ricadono colpe come il colonialismo, l'inquisizione, lo sterminio dei nativi americani, lo schiavismo, lo sciovinismo ma soprattutto sono i responsabili principali di un sistema fondato sull'istinto aggressivo e guerresco del maschio, che ci sta portando alla rovina. Ah, dimenticavo: guidano i SUV. Non c'è da stupirsi se non sono rappresentati, io mi aspetto piuttosto di veder nascere qualche Centro di Permanenza Permanente per purificare finalmente la società da questo cancro malefico.


Silver
Inviato: 13/2/2006 15:11  Aggiornato: 13/2/2006 15:34
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/9/2005
Da: Torino
Inviati: 615
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
Ovviamente non è un caso che prima di entrare su LC leggevo questo sito. Credo che con l'aiuto di LC e di altri siti, ci sarà la possibilità di dare un buon segnale.

Visto che io non voterò nessuno dei pariti. Voterò per loro.


Spero leggiate il sito e mi diciate la vostra!

Ciao

Silver

Ashoka
Inviato: 13/2/2006 15:14  Aggiornato: 13/2/2006 15:14
Sono certo di non sapere
Iscritto: 11/7/2005
Da:
Inviati: 3660
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
Citazione:
Ovviamente non è un caso che prima di entrare su LC leggevo questo sito.


ALERT ALERT! ACTHUNG! LINUCS INCOMING ACTHUNG!

Ashoka

florizel
Inviato: 13/2/2006 15:39  Aggiornato: 13/2/2006 15:39
Sono certo di non sapere
Iscritto: 7/7/2005
Da: dove potrei stare meglio.
Inviati: 8195
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
Citazione:
si concede per scontato che l'arabo non difenderà i diritti del cinese, e il cinese non difenderà quelli del transessuale, e il transessuale se ne sbatterà dei diritti dei padri divorziati e ridotti alla bancarotta.


DIVIDE ET IMPERA?

Citazione:
Poco importa che questa gente abbia la minima idea di come governare: l'importante è che ci sia rappresentanza, variopinta e colorata.

Stando a queste ultime tendenze politiche, la rappresentanza verrebbe promossa a garanzia della difesa delle "categorie",inducendo a credere che esse siano in questo modo maggiormente e più specificamente tutelate.

In realtà,ciò che ne fa le spese è la possibilità di riconoscersi in un'unica parte di società civile alle prese con lo stesso amico di sempre.

Se da una parte,infatti,il riconoscimento delle "diversità" imporrebbe una politica flessibile e circostanziata,al contrario la rappresentanza in quanto "categorie" le coinvolge per assunto ed in maniera subdola nella solita minestra del "buon governo",sopperendo alle lacune tipiche dell'omologazione con una improbabile quanto strumentale apertura ai soggetti meno tutelati.

Citazione:
Ci sarebbe poi un particolare gruppo per il quale non si dovrebbe applicare alcuna quota, nella speranza che scompaia spontaneamente nel nulla: all'attento lettore l'arduo compito di trovarlo.

Badombe:

"Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando Libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi". Vittorio Arrigoni
Dusty
Inviato: 13/2/2006 15:40  Aggiornato: 13/2/2006 15:40
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 3/10/2005
Da: Mondo
Inviati: 2248
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
[quote[Spero leggiate il sito e mi diciate la vostra!


Omamma, di nuovo con sta stupidaggine del "reddito di cittadinanza", comincio a capire l'accanimento di linucs nei loro confronti... Ma quindi ci sono veramente delle persone che credono ancora a babbo natale ed alla befana?

Caro Silver, da uno che si chiama così sinceramente mi aspettavo ben altra forma di moneta

Dusty
"Tu non ruberai, se non avendo la maggioranza dei voti"
-- Dal Vangelo Secondo Keynes, Capitolo 1, verso 1.
Il portico dipinto
vulcan
Inviato: 13/2/2006 15:48  Aggiornato: 13/2/2006 15:48
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
Come dire..

che ognuno si tiri l'acqua al proprio mulino .. se può.

Ottimo l'articolo di linux .. per i conteuti ed anche per le sapienti dosi di Satira!

ha praticamente dettto tutto...

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
Mnz86
Inviato: 13/2/2006 18:45  Aggiornato: 13/2/2006 18:46
Ho qualche dubbio
Iscritto: 4/7/2005
Da: BS
Inviati: 246
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
solo un omosessuale può conoscere i problemi che vivono quotidianamente gli omosessuali, e credo che un immigrato conosca meglio di Pisanu la situazione che vivono gli immigrati, o no?
I "tuttologi" sono il vero danno, perchè credono di avere una ricetta unica e non si rendono conto che la realtà è molto più composita di ogni sistema/dogma politico teorizzato. i movimenti vanno ascoltati, perchè solo coloro che provano una determinata situazione la possono comprendere a fondo e solo loro sono in grado di analizzarla meglio di chiunque altro. Perciò ben venga il corporativismo, a patto che questi movimenti riconoscano i (tanti) punti di intersezione e cooperino appoggiandosi l'un l'altro. Non si tratta di dividi et impera, quanto di riuscire a tirare fuori il meglio da ogni persona mettendo a frutto le sue competenze e la sua esperienza. Se la politica fosse in grado di operare questa sintesi non avremmo tutti i problemi che abbiamo, e la polarizzazione dei movimenti, che possono dare l'impressione di occuparsi solo di loro stessi, è la conseguenza di questa frustrazione

spinox
Inviato: 13/2/2006 19:16  Aggiornato: 9/4/2006 7:40
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/1/2006
Da:
Inviati: 262
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
*

Redazione
Inviato: 13/2/2006 19:51  Aggiornato: 13/2/2006 19:51
Webmaster
Iscritto: 8/3/2004
Da:
Inviati: 19594
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
SPINOX: E tu riposta qui le tue sagaci risposte! Un articolo viene messo in homepage proprio quando può servire da punto di partenza per una discussione nei commenti.

spinox
Inviato: 13/2/2006 20:13  Aggiornato: 9/4/2006 7:41
Ho qualche dubbio
Iscritto: 13/1/2006
Da:
Inviati: 262
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
*

Silver
Inviato: 13/2/2006 22:50  Aggiornato: 13/2/2006 22:53
Mi sento vacillare
Iscritto: 20/9/2005
Da: Torino
Inviati: 615
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
continuo le mie domande su MP...

grazia
Inviato: 13/2/2006 22:59  Aggiornato: 13/2/2006 22:59
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/1/2005
Da:
Inviati: 337
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
Condivido perfettamente l'articolo. Ricordo qualche anno fa il partito dei consumatori............ a fronte di che cosa, degli esercenti??? degli artigiani??? la tutela dei corporativismi mi sembra veramente un'assurdità. Tutto poi sta nell'uso che s'intende fare dei termini certo.
Perchè nn creare a questo punto dunque, il partito degli onesti, quello dei furbi, quello degli imprenditori, quello......... quello degli imbecilli..........

"Solo la verità può rendere liberi quanti oggi non vogliono essere servi..."

Paolo Sylos Labini
da "Intoccabili" di Lodato-Travaglio
FraDiavolo
Inviato: 13/2/2006 23:06  Aggiornato: 13/2/2006 23:06
Ho qualche dubbio
Iscritto: 25/9/2005
Da: Principato Citeriore
Inviati: 32
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
Grazia... a leggerne i manifesti, sembrerebbe ke il partito degli onesti sia quello di di pietro (oh che caro !!!), poi c'è stato il partito dell'AMORE (cicciolina-moana),
il PARTITO degli IMBECILLI c'è già,

S I A M O
T U T T I
N O I !!!

"Non vi lasceranno nemmeno gli occhi per piangere!"
Francesco di Borbone
fiammifero
Inviato: 13/2/2006 23:20  Aggiornato: 13/2/2006 23:20
Sono certo di non sapere
Iscritto: 28/2/2005
Da: ROMA
Inviati: 5691
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
Grazia,a Roma si chiamano il partito della pagnotta

Citazione:
le cose di cui ci sentiamo assolutamente certi non sono mai vere (Oscar Wilde)
Linucs
Inviato: 14/2/2006 1:37  Aggiornato: 14/2/2006 1:37
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
Spero leggiate il sito e mi diciate la vostra!

Condivido pienamente il loro programma: non solo l'acuta analisi sul piano economico ma anche le profonde considerazioni sul sociale espresse con dialettica particolarmente efficace nel manifesto del programma, ooops volevo dire Movimento. E' pur vero che il mio voto si vede conteso tra AltraMoneta, NoEuro e futuro PRIMIT, quindi non posso ancora affermare con certezza di aver consolidato una scelta consapevole e responsabile nell'interesse della collettività intera. Di fronte a giganti come De Simone, Auriti o Bellia la mente umana difficilmente può formulare un giudizio, immaginare un paragone e pertanto operare una scelta consapevole, oserei dire mazziniana. Si tratta comunque di umili allievi di ben altri maestri, come Keynes, Gesell, Steiner, giganti del progresso dell'umanità.

Ciò premesso, bisognerà pur ammettere che questa storia del signoraggio e della sovranità monetaria si sta trasformando in un cane idrofobo pronto ad azzannare innocenti: sarà pertanto mia premura illuminare lorsignori sui pregi del trovarsi dalla parte sbagliata del mega-post. Ci siamo divertiti, adesso cominciamo a fare pulizia.

===

solo un omosessuale può conoscere i problemi che vivono quotidianamente gli omosessuali, e credo che un immigrato conosca meglio di Pisanu la situazione che vivono gli immigrati, o no?

E solo un imbecille può conoscere i problemi che vivono quotidianamente gli imbecilli, il che democraticamente spiega le facce che mi tocca vedere da Vespa o Mentana. Non c'è comunque alcuna ragione per inventare quote fantasiose di qualsiasi natura, se non la quota dalla quale paracadutare Pisanu in Siria.

Se nessuno vota il candidato di minoranza, poverello, si vede che il suo programma non interessa a nessuno: non si può predicare la favola della maggioranza democratica ed infilare al tempo stesso quote per mandare avanti con una pedata nel culo candidati che altrimenti non avrebbero raccolto mezzo voto.

===

I maschi bianchi occidentali eterosessuali, in special modo i padri di famiglia.

Bel tentativo, magari un po' stereotipato, ma ti attendono ben altre sorprese nelle prossime allegre puntate...

A sproposito: fate un favore a voi stessi e guardate i divertenti video su www.famigliaspera.it. Quando il vecchio ha baciato il quadro (di chi?) mi sono piegato dalle risate. Che spasso...

Parsifal
Inviato: 14/2/2006 9:17  Aggiornato: 14/2/2006 9:17
Mi sento vacillare
Iscritto: 12/10/2005
Da: Monsalvat
Inviati: 359
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
www.famigliaspera.it.Errore: la risorsa a cui si è tentato di accedere non esiste.

mmhhh...


Nehmet hin meinen Leib,
nehmet hin mein Blut,
um unser Liebe willen!
Paxtibi
Inviato: 14/2/2006 10:02  Aggiornato: 14/2/2006 10:02
Sono certo di non sapere
Iscritto: 3/4/2005
Da: Atene
Inviati: 8134
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia

miradio
Inviato: 14/2/2006 11:37  Aggiornato: 14/2/2006 11:37
Mi sento vacillare
Iscritto: 27/8/2004
Da:
Inviati: 513
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
Notevole questa fase divulgativa ed "in chiaro" del Linucs...
Analisi lucida e tristemente realistica dello smarrimento generale, ma ingenuamente dico: se la polis è fatta di persone in carne ed ossa, e la politica fa gli interessi delle persone, come fai a non scivolare nella rappresentatività delle quote relative alle categorie cui queste persone si riferiscono? Quanto la politica può permettersi di astrarre dalla condizione oggettiva dei propri cittadini? Esistono dei valori universali che appartengono a tutti gli uomini? Bastano questi per escogitare un programma di governo?
Detto questo le quote rosa sembrano tanto un fittizio contentino per la categoria "rosa" che una seria conquista sociale.
Ciao

"...che il gregge si trasformi in branco... È questo l’incubo dei potenti"
(Ernst Junger)
Linucs
Inviato: 14/2/2006 14:26  Aggiornato: 14/2/2006 14:26
Sono certo di non sapere
Iscritto: 25/6/2004
Da:
Inviati: 3996
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
continuo le mie domande su MP...

Badombe> MP?

grazia
Inviato: 14/2/2006 18:30  Aggiornato: 14/2/2006 18:30
Mi sento vacillare
Iscritto: 5/1/2005
Da:
Inviati: 337
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
Miradio
Detto questo le quote rosa sembrano tanto un fittizio contentino per la categoria "rosa" che una seria conquista sociale.


Concordo con questa considerazione.

Quote rosa………. Legge sulle pari opportunità……

La lista si allunga a quanto pare. Come donna mi sento indignata sia per l’uno che per l’altro strumento. Atto a che? A far si che comunque sia presente una percentuale di donne magari impreparate, incapaci, acculturate? 0 vuole essere questo un gesto cavalleresco da parte dei signori uomini? Non siamo ridicoli. Se così non fosse le donne non avrebbero bisogno di ricorrere ad uno strumento che le tuteli.

Ahimè, ho l’impressione invece che ci si trovi davanti alla classica invenzione politica di chi cavalca la tigre della discriminazione tra sessi per accaparrarsi un posto al sole….. penso per questo alla Ministro delle pari opportunità Santanchè, che mi deve spiegare cosa cavolo rappresenti e a cosa sia servito il suo ministero….. e intanto.....io pago.

"Solo la verità può rendere liberi quanti oggi non vogliono essere servi..."

Paolo Sylos Labini
da "Intoccabili" di Lodato-Travaglio
Refrattario
Inviato: 14/2/2006 19:59  Aggiornato: 14/2/2006 19:59
Ho qualche dubbio
Iscritto: 20/7/2004
Da: Limbo
Inviati: 115
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
Citazione:
Ci sarebbe poi un particolare gruppo per il quale non si dovrebbe applicare alcuna quota, nella speranza che scompaia spontaneamente nel nulla: all'attento lettore l'arduo compito di trovarlo.


Spero che sia propio l'attento lettore (e di conseguenza attento elettore) destinato a scomparire, non vedo "attenti" candidati o "attenti" movimenti politici, e poi non gli ne frega a nessuno dell'homo attentus, troppo rompiscatole, troppe spiegazioni da dargli.



vulcan
Inviato: 15/2/2006 9:38  Aggiornato: 15/2/2006 9:38
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 29/1/2005
Da: Sardigna
Inviati: 2092
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
A quando la quota rappresentativa di L.C.?

"Indaga le parole a partire dalle cose e non le cose a partire dalle parole." Misone
Infettato
Inviato: 5/4/2007 9:24  Aggiornato: 5/4/2007 9:24
Dubito ormai di tutto
Iscritto: 23/11/2006
Da: Roma
Inviati: 1499
 Re: La straordinaria evoluzione della democrazia
Ottimo articolo grazie anche a chi lo ha indicato.

Ci sarebbe poi un particolare gruppo per il quale non si dovrebbe applicare alcuna quota, nella speranza che scompaia spontaneamente nel nulla: all'attento lettore l'arduo compito di trovarlo.

Per caso è un gruppo pensante?

E' un gruppo che la democrazia rappresentativa non piace?

Infettato dal morbo di Ashcroft
---------------------------------------------
Quando ci immergiamo totalmente negli affari quotidiani, noi smettiamo di fare distinzioni fondamentali, o di porci le domande veramente basilari. Rothbard

Powered by XOOPS 2.0 © 2001-2003 The XOOPS Project
Sponsor: Vorresti creare un sito web? Prova adesso con EditArea.   In cooperazione con Amazon.it   theme design: PHP-PROXIMA